Tiles September 2014

Page 1

SPONSORED BY:

7,000 copies worldwide

TILES

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L

SECTION

TILES

Special issue Tecnargilla 2014 - Indian Ceramics 2015 Cevisama 2015 - Revestir 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE


www.mediapartner.it

RUBBER COMPOUNDS FOR HIGH QUALITY CERAMIC TILE PUNCHES


AVA IL A B L E O N:

sponsored by:

co-sponsored by:

FREE DOWNLOAD Questa rivista, oltre che in formato cartaceo, è anche online su ISSUU, un sevizio web per la visualizzazione dei media caricati. Il servizio di ISSUU è comparabile a YOU TUBE per i video. Almeno 10.000 visite in più, in tutto il mondo, della rivista. La rivista è postata su ISSUU senza fare pagare abbonamenti ai lettori. AVAILABLE ON: issuu.com/innovacer/docs/innovacer-tiles This magazine, further on papery size, is also online on ISSUU that is a web service for the view of media loaded. The ISSUU service is comparable to YOU TUBE for video. At least 10,000 more visits, all over the world, of the magazine. The magazine is located on ISSUU and is for free for all the readers. AVAILABLE ON: issuu.com/innovacer/docs/innovacer-tiles

SPONSORED BY:

7,000 copies worldwide

7,000 copies worldwide

SECTION

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L

BRICKS

TILES

in collaboration and with the endorsement of

TILES

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L

SECTION

Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014 Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

Special issue Tecnargilla 2014 - Indian Ceramics 2015 Cevisama 2015 - Revestir 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE

TILES

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE

OFFICIAL WEBSITE

OFFICIAL WEBSITE

SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC POSTAL INFORMATION:

SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC POSTAL INFORMATION:

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015 Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014

2/2014/ september SELIT

SELIT

2/2014/ september

Cevisama 2015 - Revestir 2015 Special issue Tecnargilla 2014 - Indian Ceramics 2015


STILE, PRECISIONE E AFFIDABILITÀ NEL RIFLESSO DELLE TUE CREAZIONI. Style, precision and reliability in the reflection of your creations.

Tecnologie industriali BMR per levigare, squadrare e lucidare superfici in ceramica. BMR industrial technologies for polishing, squaring and shining any ceramic’s surfaces.

IDEAS TECHNOLOGY RESOURCES HISTORY THE ESSENCE OF LEADERSHIP

www.bmr.it


Visit Us at Tecnargilla Rimini 2014 22-26 Sept, pav A3


COSTSAVING -30% fuel consumption +25 productivity 9 months for your return of investment We increase your profit, reducing maintenance costs, so you can concentrate to do the best product.


ALWAYSCLOSER Fixed maintenance costs Tailored interventions to upgrade your technologies Worldwide presence with a customer service 24/24h, 7/7day We guarantee a worldwide growing network of experts and technicians, which are at your disposal to save you time and resources.


New: La serie Gamma XD Nuova generazione di stampanti ceramiche digitali Durst Innovativo concetto modulare con funzione di Auto-manutenzione per produzioni non stop 24/7

La serie Gamma XD rappresenta la nuova generazione di stampanti ceramiche digitali a 8 barre colori Durst sviluppate appositamente per offrire: • massima affidabilità, • stampe prive di banding, • utilizzo semplice ed intuitivo, • ridotti costi di assistenza, • sostituzione delle teste di stampa senza l‘ausilio di tecnici esterni. La serie XD unisce i vantaggi della qualità senza precedenti alla massima flessibilità produttiva e ridotti costi di gestione.

Ti aspettiamo a Tecnargilla Pad. D1, stand 155

Durst Phototechnik S.p.A. Divisione Ceramica Via Julius Durst 4 39042 Bressanone (BZ) Telefono 0472 810121 Telefax 0472 810189 www.durst.it dvi@durst.it











Why is it number

one?

... because it prints at 400 dpi ... because it reaches 60 m/min ... because it uses 8 color bars ... because it works in 4 shades of grey

modular configuration of hw and sw parameters

production start-up team

specialized technical dept.

dedicated software

service team for color profiling chemical lab

RIP internally developed 24 H assistance in more than 20 countries

2014 HALL A1 C:97 M:82 Y:12 K:3

C:50 M:39 Y:36 K:2

TEST THE BEST systemceramics.com



TCK s.r.l. Via Lorenzo Bandini, 25 41053 Maranello (Mo) - Italy Phone +39 0536 944105 Fax +39 0536 944108 www.tck.it - info@tck.it

FAST DRYER

forni • essiccatoi • risparmi energetici

SPECIFICATIONS: • conveyor in rollers or mesh according to the production format for drying; • fan with an inverter to optimize the setting required; • Through a specific device in glazing line, it is possible to set desired temperature of the material without touching the dryer FEATURES THAT MAKE IT A HIGH PERFORMANCE • The residual moisture that is contained between zero MACHINE ARE: and 0.2% is uniform over the entire section of the dryer, • drying cycle reduced to 45 seconds per millimeter of whatever the production status (full, half full, change thickness of the tile; cycle arrest dryer ...) • uniformity of the temperature of the dried product with maximum variations of 5° C; CYCLE OF FAST DRYING • automatic adjustment of the drying curve, without the The innovative technological concept allows to Fast Dryer for aid of the operator; drying the production with rapid cycles , the period of measu• extremely small size, lower by about 50% compared to rement of drying is 45" for each millimeter of thickness of the drying with the same productive characteristics ; product to be dried , for example a tile thickness of 8 mm will • low power consumption, 90 kcal/kg ; have a cycle drying for 6 minutes. • Automatic format change; • achievement of the set point in 15 minutes. REDUCED OPERATING COSTS Fast Dryer fully controls the flow of air injected and the efFast Dryer is a dryer with leading-edge performance and fects that such flows have directly on the production , through cost, which optimize time and resources and allows abso- the use of a modern equipment that allows him to check the lute control of every stage through: temperature of the surface of every single tile , at all stages • production of graphics, which show the cost of each lot; of treatment and in all conditions (stand by, in the presence of • graphs of non-production (empty) Full cost management; empty , half and full cycle changes ...), this allows it to dry the • control charts of the moisture content of the material at material with a consumption of 90 kcal / kg which is at least the dryer entrance 20% lower than the consumption of dryers on the market. horizontal dryer, high-performance desiccants that allow it to be extremely compact size, low power consumption (90/ 100 kcal) and a high production capacity. It can be built either in its single-layer and multi-channel roller transport , suitable for drying the green support, soluble salts and extruded products.

1

E S E S E

S


TCK garantisce contrattualmente la riduzione dei consumi di combustibile e delle emissioni di CO2 di almeno il 10%

10

ENERGY SAVING % ENERGY SAVING ENERGY hall b3 - stand 112

SAVING TCK contractually guarantees the reduction of fuel consumption and CO2 emissions of 10% at least


See you at Tecnargilla 2014 Stand n°200 hall C1

USA A PIENO LA TECNOLOGIA VERDE EXPLOIT THE POWER OF GREEN TECHNOLOGY

Riciclaggio acque, il futuro del recupero! Water purification, the future of water saving!

Aumenta le tue performance con i sistemi CAMI! Increase your performance with our Energy Saving systems! Il team CAMI unisce competenza ed esperienza per una maggior performance nella tecnologia GREEN. CAMI team combines competence and great experience to reach the best results in GREEN technology. Migliora l’affidabilità e la qualità della tua digitale con i nostro ‘’Inkjet Defender’’. Improves the reliability,quality and stability of the inkjet technology with our ‘’inkjet Defender’’. WASTE WATER TREATMENT PLANTS SHOT BLASTING AND PAINTING PLANT FUMES DEPURATION PLANTS DUST ASPIRATING PLANTS ENERGY RECOVERY PLANTS PNEUMATIC TRANSPORTATION SYSTEMS SOUNDPROOFING CENTRAL CLEANING VACUUM SYSTEMS SILENCERS

PAINTING AND WORKING CABINS ACCESSORIES FOR ASPIRATING PLANTS ASPIRATING BENCHES DEODORIZATION PLANTS VENTURI-SCRUBBER SYSTEM AND WASHING TOWER INVERSE OSMOSIS PLANT SOFTENERS ELECTROSTATIC FILTERS SAND FILTER WITH CLEANING AUTOMATIC SYSTEM

Via XX Settembre n° 18 - 41042 Fiorano Modenese (MO) - Italy Phone +39 0536 843861 - Fax +39 0536 845670 - info@camidepurazioni.it - www.camidepurazioni.it





Connecting Global Competence

The perfect recipe for success. ceramitec 2015 is the surefire way to give your business the competitive edge. Exhibit at this leading international exhibition and enjoy the benefits of a truly professional forum:

∙ ∙ ∙

Full coverage of the ceramics sector. High-caliber trade audience from around the world. Professional services for exhibitors.

Don’t delay. Sign up today!

To register: www.ceramitec.de/application

Contact: Monacofiere Srl TeL. +39 02 4070 8301 info@monacofiere.com



Digital Submicronic Pigments




THERE’S NO MISTERY... WE

LABELLING MACHINES

HIGH RESOLUTION INKJET PRINTERS

DID IT

LARGE CHARACTER INKJET PRINTERS

Via Enrico Mattei, 2 - 41042 Fiorano Modenese (MO) - Italy Tel. +39 0536 815932 - Fax +39 0536 815936 www.topjet.it - info@topjet.it



CILINDRI SILICONICI Per la stampa ceramica

L’

EVOLUZIONE N E L L A

S T A M P A

R O T A T I V A

piastrrella. piast Astra Print, all’avanguardia fra le nuove tecnologie per il settore ceramico, packaging e tessile. - Sincronismo a più colori - Ampia gamma di risoluzione d’incisioni - Nuova tecnica per lo sviluppo dei prodotti

struttura interna rigida, sono fabbricati con nuove miscele siliconiche, in diverse consistenze, per stampare su supporti Essendo disponibili in diversi modelli e dimensioni, si


SILICONE ROLLERS For ceramic printing

R O T A R Y

P R I N T I N G

EVOLUTION

Possibility to print on structured surfaces, listels and to apply the design up to the edge of the tile. Among rotary serigraphic technologies, the latest “Astra Print� Represent the evolution of the constant research accomplished for the ceramic, packaging and textile sectors. The silicone cylinders offer: - Synchronism of several colours - Graphic engraving resolutions - High reproduction of original graphics - New techniques for product development - Mask engravings with new different depths and dimensions - Printing on film, plexiglass, glass and paper. The serigraphic cylinders are made with new silicone mixtures, of several consistencies, which allow to apply the pastes on different surfaces. Astra Print cylinder in characterized by a rigid internal frame; it is suitable for all kinds of serigraphic machines which mount rotary screens, and is available in different models and dimensions.


Silicone Rollers

ROTARY PRINTING EVOLUTION NUOVA ASTRA S.r.l.

Via Via Radici Radici in in Piano, Piano, 312 312 Int Int 6/7 6/7 • • 41041 41041 Formigine Formigine (MO) (MO) Fr.ne Fr.ne Casinalbo Casinalbo -- Italy Italy • • Tel: Tel: +39 +39 059 059 551912 551912 • • Fax: Fax: +39 +39 059 059 5160139 5160139

www.astraprint.it www.astraprint.it • • info@astraprint.it info@astraprint.it




ARGILLE • CAOLINI • FELDSPATI • PEGMATITI • SABBIE • MATERIALI SPECIALI • GRES DE THIVIERS • CIOTTOLI E BIGLIE PER MACINAZIONE • TITANIO • ZIRCONIO • ALLUMINA Via Maestri del Lavoro, 10 - 41043 Colombaro di Formigine - (MO) - Italy Mobile: +39 335 7740438 - Tel./Fax.:+39 059 553 283 - info@baanmaterials.com - www.baanmaterials.com


TILES SECTION Dossier Emerging markets Mercati emergenti

39

Interview Emerging people Innovatori da sempre

69

Technical Notes E. Parsini Calcined Alumina Sc 13 Allumina Calcinata Sc 13

83

M. Dall’Aglio Data collection system “BluData” Sistema di raccolta dati “BluData”

85

News From industry and research

95

Report

107

Incoming Congress, meetings, exhibitions

113

Trends Production, statistics, business, markets

121

Innovacer activities

132

TILES & BRICKS INTERNATIONAL C+CA is published every six months by INNOVACER Sas. Editorial offices: Innovacer Sas, Palazzo dei Servizi, via Laghi 87, I-48018 Faenza (Ra), Telephone: +39 0546.20145, Fax:+39 0546.680751, e-Mail: innovacer2@gmail.com. Editor: Innovacer Sas. Director: G. A. Bertoni. Advertising Manager: S. Santandrea. Editorial Director: G. Bassanetti. Bank account: Banca Popolare di Ravenna SpA, Filiale di Faenza “B”, Faenza, Italy, SWIFT: BPMOIT22XXX, IBAN: IT90Z0564023724000000154415. Art Direction: cambiamenti.net Printer: Grafiche Baroncini. Subscriptions: two issues for volume, one volume per year. Subscription cost for one year: 120.00 EUR. Price includes postage and packing. TILES & BRICKS INTERNATIONAL C+CA copyright 2012 by Innovacer Sas, Italy. All reprinting and translating rights reserved. No part of this journal may be reproduced or stored in any form and by any means without prior written consent. Sole responsibility for the content of the signed articles is always to be borne by the Authors. The journal cannot assume responsibility for the validity of claims made for the products described. (Postal Information: “Autorizzazione del Tribunale di Ravenna n° 1382 Registro Stampa del 07/02/2012”)

CONTENTS



Brazil and Russia are to be considered markets and producers already accomplished, it is difficult to speak about them as emergent countries. For the most of Far East, China in the lead, we can say the same, with the further disadvantage of distance and concurrence, almost incontrovertible, of the Chinese giant and other already affirmed countries, such as Thailandia, India, Indonesia. The new frontier, instead, now confirmed by both numerical data and impressions of whom goes abroad working in ceramics (sellers of tiles and plants, specialists helping local producers) is that of Middle East and North Africa: countries which have already overcome ancient backwardness and administrative instabilities and have move onto a development road, enabled by huge economic resources, unthinkable even for Europe or the United States. Moreover, a study from Gea observatory, based on Istat data, pictures the markets which are structurally growing and expanding in relation with Italy (not only concerning the ceramics, which is moreover a secondary product if compared to other industries for some of those giants): after Turkey and Russia, at the first places in the rank of growth we find a good part of Middle East’s countries (Emirates, Saudi Arabia, but also Algeria, Tunisia, Egypt, Libya); Brazil but also other countries from Southern and Central America, such as Mexico and Venezuela; Asia, though present, is not found at the first places if not with Hong Kong, while other countries in the ranking are South Corea, Singapore, Thailandia, Indonesia, Malaysia; finally we have to register the growing presence of properly African countries as Nigeria and South Africa. It is anyway fundamental the presence in big global colossus: in the so called BRICs (Brazil, Russia, India, China) is actually focused a quarter of world’s market in buildings’ investments: in the 2000 it was 10%.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

CERAMIC INVADES THE WORLD. HERE THE EMERGING AND INTERESTING COUNTRIES FOR ITALIAN EXPORT AND CERAMIC ECONOMY

DOSSIER 39


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

40

But everyoneIN is persuaded that the future, not only of the SMALTI DIGITALE, ceramics a good part of Western economical ORMAIbutÈalsoILof MOdevelopment, passes through here. If in ceramic’s machiMENTO nery export Europe (both the Union and Eastern Europe) still the 26% Tuttirepresent pronti per la of overall sales volume, China and the rest ofrivoluzioAsia, which in the Nineties did reach the 50% seconda of for Italian plant sellers, today are almost ne?the La market possibilità the 23%, while di applicare conMiddle East and Africa together are a 31%, significant tecnologiaspecially di- in relation to the growth of the dark continent. It is still constant and important, both for plants gitale gli smaland ceramic (produced and imported) the particiti, for le the grandi pation of South quantità per America, while the one of the US is decreasing. The more prodotti più consistent variations between 2012 and 2013 in exported plants award also today China (51,6%) “strutturati” and Central-Southern America (22,1%). If we speak o the “materici”, about quantities, è ormai data though, the positive variation of the rest of (4%) and of perAsiaacquisita, è Middle East (3,2%) are to be considered important, while is amazing yet again Africa (17,5 per cent). quasi scontato Ifche we speak produced tiles instead of plants, we now sarà ofquesto know that world’s bigger producers are China (more that il nuovo orizzonte 5della billion meters) and Brazil (900 million) and that is imdecorazione digipossibile imaging to sell big quantities in those countries, tale, verso una completa while there is adella space, experts riconversione linea di say, “for quality products and for those realizations decorazione all’interno where degli is expressively requested the Italian Style”. But in Asia we can stabilimenti ceramici. Stando a find other countries more emergent, producers dinow affirmed with large buonathan parte dei protagonisti quequantities and ila prossimo still strong need of Italian sta inchiesta, Tecnargilla 2014 ceramic for technologies: million meters), Thailandia rappresenteràIndonesia un vero e(313 proprio spartiacque fra (147), Malaysia (90), are interesting for technology proun prima e un dopo, come lo fu l’edizione in cui comducers, thinking about the exportper theglipresence of parverowhile le prime decoratrici digitali inchiostri. China India themveramente little disputable Le vociand fuori dalmakes coro sono poche,(Confinduma fanno stria Ceramica’s data confirm low levels of export). A fast notare che ancora per almeno tre anni, c’è spazio per overview shows therefore a wider and wider world for the crescere e per fare ancora buone cose anche restando ceramics, where Italian producers, both concepita of plants and of nella decorazione digitale come viene attualmaterials, go and for newper opportunities. A world mente: c’ècan spazio perlook esempio, ricavare colori più which is still divided in four big blocks, besides the EU’s intensi e un rosso e un giallo vivaci (che ancora con le market, whichattuali maintains fundamental weightc’è forspazio Italy: sospensioni sonoitsdifficili da ottenere); Far Brazil with Southaand Central America, Russia and perEast, concepire inchiostri base d’acqua, che rappresensome emergent Eastern countries, Middle East and Africa. terebbero una soluzione ancora più conveniente e pun-

DOSSIER


MERCATI EMERGENTI countries, different markets which ask for the knowledge of different needs, tastes and situations. Speaking of the whole world, it is really difficult to find common features or codified differences in comparison to Italian ceramic world. A fact which seems to be confirmed: the “district organization” is typical of Italy and Spain, but not of other countries. There are industrial districts in Asian countries, but we are not speaking of little or middle activities, but instead of groups of mega-companies which make leading Italian ceramics seem small in comparison. For all those countries, in fact, we actually speak of factories which are cities, with unthinkable dimensions and production levels. For example, in Russia’s case, it is frequent to find this case of factories situated alone in territories far than industrialized. In a portrait like that, getting wider and wider, rich of opportunities as well as concurrent, recurs as essential and confirms its importance the role of the “sales man”, of the agent willing to travel (now also in a more comfortable way), who knows languages, able to live with different worlds and to become part of these. Willing to spend at the other side of the world several weeks per year, several days per month. Among those ambassadors of Italian ceramic and technologies abroad, we have tried to speak to some of them, to ask them to tell us about the realities they are facing and their impressions, about the most promising areas and the difficulties they are facing. We have received a portrait ever more interesting than te one conveyed by numbers, charts and balance sheets.

Brasile e Russia vanno considerati mercati e paesi produttori già affermati, difficile parlarne ancora come mercati emergenti. Per buona parte dell’estremo Oriente, Cina in testa ovviamente, vale lo stesso discorso, con lo svantaggio ulteriore della distanza e della concorrenza quasi incontrastabile del gigante cinese e degli altri paesi ormai affermati, quali Thailandia, India, Indonesia. La nuova frontiera invece, ormai accertata sia dai dati numerici che dalle impressioni di chi all’estero ci va per lavoro legato alla ceramica (venditori di piastrelle e impianti, tecnici in appoggio ai produttori locali) è quella del Medio Oriente e del Nord Africa: paesi che in molti casi hanno ormai superato arretratezze antiche e instabilità amministrative e si sono avviati su una strada di sviluppo facilitata da risorse economiche enormi, inimmaginabili anche per l’Europa o per gli Stati Uniti. Uno studio dell’Osservatorio Gea basato su dati Istat del resto, fotografa i mercati strutturalmente in crescita e in espansione congiunturale nel rapporto con l’Italia (non solo per quanto riguarda la ceramica, che fra l’altro per molti di questi giganteschi paesi rappresenta un prodotto di importanza secondaria rispetto ad altre grandi industrie): dopo Turchia e Russia, ai primi posti nella classifica della crescita congiunturale troviamo buona parte dei paesi mediorientali (Emirati, Arabia Saudita, ma anche Algeria, Tunisia, Egitto, Libia); il Brasile ma anche altri paesi del sud e centro America nella sua scia, come Messico e Venezuela; l’Asia, pur presente, non figura ai primissimi posti se non grazie a Hong Kong, mentre altri paesi in classifica sono Corea del Sud, Singapore, Thailandia, Indonesia, Malaysia; e infine va registrata la presenza in crescita di paesi propriamente africani come Nigeria e Sud Africa. Resta comunque fondamentale la presenza presso i grandi colossi mondiali: nei cosiddetti BRICS (Brasile, Russia, India, Cina), si concentra attualmente 1/4 del mercato globale degli investimenti in costruzioni: nel 2000 era il 10%.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Different

LA CERAMICA CHE INVADE IL MONDO, ECCO I PAESI, EMERGENTI O INTERESSANTI PER L’EXPORT E L’ECONOMIA CERAMICA ITALIANA

41


TILES PRODUCTION AND ITALIAN EXPORT BY COUNTRY

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Ma che il futuro, non solo della ceramica ma di buona parte dello sviluppo economico anche occidentale, passi ormai da qui, sono convinti tutti. Se nell’export di macchine per ceramica l’Europa rappresenta ancora (fra Unione e est europeo) il 26 per cento del fatturato complessivo, Cina e resto dell’Asia che erano arrivate a rappresentare negli anni Novanta il 50 per cento del mercato per gli impiantisti italiani, oggi sommano circa il 23 per cento, mentre Medio Oriente e Africa insieme sommano un 31 per cento reso significativo soprattutto dalla crescita dei paesi del continente nero. Resta costante e importante, sia per gli impianti che per la ceramica (prodotta e importata) l’apporto del Sud America, mentre cala quello degli Stati Uniti. Le variazioni più consistenti fra il 2012 e il 2013 nelle quote di impianti esportati, premiano con una variazione elevatissima, ancora la Cina (51,6 per cento) e il centro-Sud America (22,1 per cento). Se parliamo di quantità invece le variazioni in positivo del resto dell’Asia, (4 per cento) e del Medio Oriente (3,2) vanno considerate importanti mentre a stupire in positivo è ancora una volta l’ Africa (17,5 per cento). Se invece di impianti ceramici parliamo di piastrelle prodotte, sappiamo ormai che i più grandi produttori al mondo sono Cina (oltre 5 miliardi di metri) e Brasile (900 milioni) e che in questi paesi pensare di vendere grandi quantità è impossibile, mentre uno spazio c’è, dicono gli esperti, “per i prodotti di pregio e per quelle realizzazioni in cui viene espressamente richiesto lo stile italiano”. Ma in Asia possiamo individuare altri paesi più che emergenti, produttori ormai affermati con quantità importanti e un 42

bisogno ancora forte di tecnologia ceramica italiana: Indonesia (313 milioni di metri), Thailandia (147), Malaysia (90), sono interessanti per i produttori di tecnologia, mentre dal punto di vista dell’export la presenza della Cina e dell’India li rende poco contendibili (i dati di Confindustria Ceramica confermano un export a livelli piuttosto bassi). Una rapida carrellata quindi mostra un mondo sempre più ampio per la ceramica, nel quale i produttori italiani sia di impianti che di materiali possono andare a cercare nuove opportunità. Un mondo che resta diviso in quattro grandi blocchi, oltre al mercato UE, che conserva il suo peso fondamentale per l’Italia: Estremo Oriente, Brasile con sud e centro America, Russia e alcuni paesi emergenti anche all’est; Medio Oriente e Africa. Paesi diversi, mercati diversi che richiedono conoscenza di esigenze, gusti e situazioni differenti. Parlando del mondo intero è veramente difficile trovare tratti comuni o differenze codificate rispetto al mondo della ceramica italiana. Una che sembra confermarsi: l’organizzazione in distretto produttivo è propria dell’Italia e della Spagna ma non di molti altri paesi. Esistono distretti industriali nei paesi dell’Asia, ma non parliamo certo di piccole e medie imprese, quanto piuttosto di agglomerati di mega-aziende al cui confronto le ceramiche leader italiane appaiono molto piccole. Prevalentemente infatti, per tutti questi paesi, parliamo spesso di autentiche fabbriche-città, le cui dimensioni e livelli produttivi sono inimmaginabili. Nel caso per esempio della Russia, non è infrequente trovare aziende di questo tipo dislocate sole in territori tutt’altro che industrializzati.


EMERGING MARKETS (TREC, NEXT-11, FUTURE 22) TO WICH ITALIAN MANIFACTURING EXPORTS IS STRUCTURALLY AND CYCLICALLY GROWING (in millions of Euro)

In

un quadro del genere, sempre più ampio, ricco di opportunità ma anche di concorrenti, torna di attualità e si conferma indispensabile la figura del “commerciale”, dell’agente disposto a viaggiare (ora anche in modo più comodo rispetto a qualche decina di anni fa), conoscitore delle lingue, capace di rapportarsi con mondi molto differenti e di entrare a farne parte. Disposto però a passare dall’altra parte del mondo diverse settimane all’anno, molti giorni ogni mese. Di questi ambasciatori della ceramica e tecnologia italiana all’estero, abbiamo provato a sentirne alcuni, a farci raccontare in diretta le realtà che affrontano, le impressioni, le aree più promettenti e le difficoltà che incontrano. Ne è uscito un quadro ancora più interessante rispetto a quanto possano dire i numeri, le tabelle e i bilanci.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

CERAMIC PLANTS: COMPOSITION OF FOREIGN SALES BY GEOGRAPHICAL AREA COMPARISON 2012 & 2013 (in millions of Euro)

43


BRAZILIAN PRIDE AND A RIPE INDUSTRY

“But there is still the importance of the Italian stile as a reference point”

L’ORGOGLIO BRASILIANO E UN’INDUSTRIA MATURA

“Ma resta l’importanza dello stile italiano come riferimento”

With

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

a surface of 8.514.215,3 Squared Kilometers and a population of 191.156.457 people, Brazil is another giant, which has surfaced from the category of emergent countries, to enter, de jure, in the list of world’s more active and influent producers. With 4,1 Square Meter of tile’s use per individual, Brazil is today also one of world’s bigger tiles consumers, the fourth to be precise (with a growth of 8,2 per cent in the last seven years). All in all, Italian’s ceramic is interested in this potential market. There has been a growth of sells in Brazil between 2006 and 2012 and today Italian’s quote on the effective import of ceramic in Brazil touches the 2 per cent. Better under a technological point of view: South America (where Brazil takes the lion’s share in terms of ceramic production) with 150 millions euros, does represent a essential part of sells, considering specially the positive variation of a 22 per cent more than 2014. Claudio Casolari, from Metco, knows Brazil as a second home. “Brazil’s regions inhabited by ceramic factories are Santa Caterina (Criciuma), Minas Gerais (Belo Orizonte), Sao Paolo (Santa Gertrudes e Campinas), then Pernambuco and Salvador Bahia in the North-East. We are referring to an economy which is certainly ripe and that in the last 10 years has consolidated its exchange bases with both Euro and US Dollar, stabilizing the exports and settling in a reasonable way the import. Brazilian’s ceramic sector finds place at the third place in the manufacturing economies and at the first in the economies of consumption and use per individual of the ceramic product: it is difficult to quantify the turnover which is really generated, it is certain that the turnover is profitable both for those who produce and those who sell”. Also under a quality point of view, we can consider the gap as filled: “Now on the world’s trade it is really difficult

44

Con una superficie di 8.514.215,3 Km2 e una popolazione di 191.156.457, il Brasile è un altro gigante, che ormai è uscito dalla categoria degli emergenti, per entrare di diritto nell’elenco dei produttori più attivi e influenti del mondo. Con 4,1 mq di consumo di piastrelle pro-capite, il Brasile è anche uno dei maggiori consumatori di ceramica del mondo, il quarto per l’esattezza (con una crescita dell’8,2 per cento negli ultimi sette anni). Tutto sommato l’interesse della ceramica italiana per questo potenziale mercato c’è. La crescita delle vendite in Brasile fra il 2006 e il 2012 c’è stata e attualmente la quota italiana sull’import totale di ceramica in Brasile sfiora il 2 per cento. Molto meglio a livello di tecnologia: il Sud America (in cui il Brasile fa la parte del leone per produzione ceramica) con 150 milioni di euro, rappresenta una fetta importante delle vendite, considerando anche e soprattutto una variazione positiva del 22 per cento rispetto al 2012. Claudio Casolari di Metco il Brasile lo conosce come una seconda casa. “Le zone del Brasile popolate dalle aziende ceramiche sono Santa Caterina (Criciuma), Minas Gerais (Belo Orizonte), Sao Paolo (Santa Gertrudes e Campinas), poi il Pernambuco e Salvador Bahia per il nord est. Parliamo di un’economia sicuramente matura che ha negli ultimi 10 anni via via consolidato le proprie basi di cambio nei confronti di euro e dollaro, stabilizzando l’export e ragionevolmente regolando l’import. Il settore ceramico brasiliano si colloca al terzo posto delle economie industriali produttive ed al primo per quelle di consumo ed uso procapite del manufatto ceramico: è difficile quantificare economicamente il giro d’affari realmente generato, certo è che rimane altamente remunerativo sia per chi produce che per chi rivende”. Anche a livello qualitativo, il gap può considerarsi colmato: “Oramai è davvero difficile distinguere un manufatto ceramico per la sua provenienza geografica


to distinguish a ceramic product for its geographic or cultural source: after the birth of digital decoration we have had a considerable leveling, aesthetic and technological, the customer has needs more and more wise and under this point of view the help from Italian factories, both in technologies and design and color, are essential not only for the Brazilian, but for all the world’s players; all the trends and many of the services which make them approachable for everyone, in fact, take their origin in Italy”.

o culturale sul mercato internazionale: dopo l’avvento della decorazione digitale si è avuto un notevole livellamento (estetico) ed anche tecnologico, il cliente ha esigenze sempre più mature e da questo punto di vista l’aiuto delle aziende italiane, tanto sotto il profilo tecnologico che del design e colore sono fondamentali non solo per il brasiliano ma per tutti i players mondiali; dall’Italia infatti partono tutte le mode e molti dei servizi che poi le rendono accessibili a tutti”.

Lef Ceramics, Sao Paulo (3 millions square metres production by month) Soddisfatta la grande richiesta interna, i 900 milioni di metri quadrati prodotti annualmente possono diventare anche elemento di concorrenza per l’Italia? “Il brasiliano per sua natura è concorrente di se stesso, nel senso che si lascia spesso influenzare da fattori economici, prima attrattivi poi magari penalizzanti sotto il profilo qualitativo: mi riferisco per esempio ai 100 milioni di mq che continuano ad importare da paesi come la Cina per il semplice motivo del prezzo inferiore. Ma per chi? A molti ho rivolto questa domanda e nessuno è riuscito a fornirmi una risposta plausibile. Il vero concorrente sul mercato brasiliano è lo speculatore edilizio che sta piano piano saturando il mercato dell’immobile, fino

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

After having satisfied the big inner request, the 900 millions of square meter that they produce every year can become also a concurrence for Italy? “The Brazilian is, for its own nature, concurrent for himself, meaning that it is often influenced by economical factors, at first attractive, but then disadvantaging in quality: I am referring, for example, at the 100 millions of square meters that they keep on importing from countries such as China only because of their lower price. But for whom? I have asked this question to a lot of people and nobody managed to give me a likely answer. The real concurrent on Brazilian market is the building

45


profiteer which is slowly filling the property market, going to the progressive paralysis of the inner sector of building materials and therefore also of tiles. Those are largely used by Brazilian average builder, who often covers its product with ceramic “tablets” 5x5 cm or with big porcelain sheets, in order to make it more attractive”. Considering technologies and working conditions in Brazilian plants, the situations vary, also considering the size of the country and the different

a portare alla progressiva paralisi del settore di consumo interno di materiali da costruzione e di conseguenza anche delle piastrelle, usate in larga scala dal costruttore brasiliano medio, che per rendere più attrattivo il proprio prodotto spesso lo riveste per la sua intera superficie di “pastiglie” ceramiche in 5x5 cm o in grandi lastre porcellanate levigate”. A livello di tecnologia e condizioni di lavoro negli stabilimenti brasiliani, le situazioni variano molto, vista

Delta Ceramics, Sao Paulo

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

weather conditions and population typologies: “Working conditions – Casolari explains – are almost standardized in all Brazil (I have visited almost the whole country); what changes depending on the region where you are are, clearly, thee skills. The hot and sweltering climate does sometimes compel people to leave their work and go back to the nature, where they have been born and have grown up; it is not easy to keep into a “galpaoun”, an industrial hangar, a population which has been born to take care of agriculture and sea activities. This, concerning competence, brings about big differences, also in terms of pro individual performances, which are really important. Maybe this is one 46

anche l’estensione del paese con diversissime condizioni climatiche e tipologie di popolazione: “Le condizioni di lavoro – spiega Casolari - sono abbastanza standardizzate in tutto il Brasile (l’ho visitato proprio tutto); cambiano evidentemente gli skills a seconda della regione dove ci si trova. Il clima caldo e torrido a volte obbliga persone a lasciare il lavoro per tornare alla natura dove sono nate e cresciute; non è facile trattenere dentro un “galpaoun”, capannone industriale, una popolazione nata per occuparsi di agricoltura e attività marittime. Questo dal punto di vista professionale fa registrare differenze, anche in termini di resa pro capite, importanti. Forse questo è uno dei motivi per cui buona parte del


of the reasons why a big part of the salary consists of a variable linked to the personal productivity, in the sector and in the factory, and this touches across all the operative levels. The Brazilian has, among all its lacks (and maybe the most important), that of wishing the sharing of each choice, even minimal ones, in the organization of the work and this has as a consequence the fact that many, too much hours are invested in meetings which sometimes last several days”.

salario si compone di una variabile legata alla produttività personale, settoriale ed aziendale, e questo interessa trasversalmente tutti i livelli operativi. Il brasiliano ha tra i suoi grandissimi difetti (forse il più importante) il fatto di desiderare la condivisione assoluta di tutte le scelte, anche minime, dal punto di vista della organizzazione del lavoro e questo fa sì che molte, troppe ore siano investite in riunioni che a volte si protraggono per interi giorni”.

Aspacer (Paulista association ceramic and coating) Per quanto riguarda specificamente la tecnologia ceramica, il punto di riferimento è ancora l’Italia? “Il brasiliano ha normalmente radici profondissime e fortissime per la propria cultura e le proprie usanze, questo interessa anche molti settori del manifatturiero che prevalentemente si avvalgono della matura tecnologia locale, la ceramica però fa un po’ eccezione e pur avendo una discreta offerta locale (imprese Italo-brasliane), tende ad avvalersi di tecnologia straniera, in primis italiana e da alcuni anni anche cinese. La Cina (pur se gravata da maggiori tasse) ha aperto un piccola breccia sopratutto in progetti molto grandi e magari low budget”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

As far as ceramic technology itself is concerned, the referring point is still in Italy? The Brazilian usually has deep and strong roots for its culture and its habits, and this involves also many manufactures which do mainly use local technologies, the ceramic, anyway, is a little exception and, even if there is quite a local offer (Italian-Brazilian companies), is uses foreign technology, first of all Italian and since a few years also Chinese. China (even if weighted with more duties) opened a little breach specially in big projects, maybe with low budgets”.

47


THE OTHER EMERGENT COUNTRIES GLI ALTRI EMERGENTI SUDAMERICANI

Other

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

possible South American or Central American countries to consider Emergent: “Hard question, but I try to reply with a reasoning. There are countries neighboring with Brazil such as Chile, Uruguay and Argentina which have not yet managed the whole housing development: I am referring to the fact that a lot of inhabitants, in big metropolis, does not have a fully furnished house, or completed with all the accessories which we usually think are vital for our way to live the house. Referring to this, I believe that beside ceramic, element of a huge relevance, there is a wide space of growth also for wall paints, decorative shingle and, why not, for home and bathroom furniture. Here again Italian style could find a relevant junction both exporting its own products and sharing its knowledge with local partners, setting in situ their qualified productions, certainly rich in that Italian Style that everyone in the world envy us”. Economically speaking, that means referring not only to the ceramic industry but also to a big expansion and a constant growth of the connection with Italian manufacture sector (specially buildings) the only countries which are seen as countries of a particular interest in their report with Italy are Mexico (classified between the Next 11, the next countries to be considered emerging) and Venezuela, which lays among the Future 22 (but results little competitive for our industry, due to its inner protectionism and to an industry mainly looking at the oil and petrochemical sectors).

48

Altri possibili paesi sudamericani o centro americani da considerare emergenti: “Domanda molto difficile ma alla quale provo a rispondere con un piccolo ragionamento, vi sono paesi confinanti con il Brasile come il Cile, l’Uruguay, la stessa Argentina che non hanno di fatto ancora compiuto il completo sviluppo abitativo: mi riferisco al fatto che molti residenti di grandi metropoli di fatto non hanno una casa completamente arredata o rifinita con tutti gli accessori che noi abitualmente riteniamo indispensabili per il nostro modo di vivere la casa. Credo a questo proposito che vi sia a lato della ceramica, elemento importantissimo, un ampio spazio di crescita anche per le vernici murali o piuttosto per le tegole decorative e perchè no, per il mobile per casa e bagno, dove ancora una volta lo stile italiano potrebbe trovare un importante sbocco sia con esportazioni di prodotto finito che condividendo le sorti con partner locali, insediando in situ le loro produzioni qualificate e sicuramente ricche di quel Italian Style che tutti nel mondo ci invidiano”. A livello economico generale, non riferendosi quindi solo all’industria ceramica ma a un’espansione congiunturale e a una crescita costante di rapporto con il manifatturiero italiano (edilizia in particolare) gli unici paesi che figurano fra quelli di grande interesse nel rapporto con l’Italia sono il Messico (classificato fra i Next 11, i prossimi paesi da considerare emergenti) e il Venezuela che sta nei Future 22 (ma risulta poco competitivo per la nostra industria a causa delle misure protezionistiche interne e di un’industria orientata principalmente sul settore petrolifero e petrolchimico).


MEXICO, INTERESTING GOAL FOR PLANTS MESSICO, META INTERESSANTE PER GLI IMPIANTI

In

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

In Mexico the building sector, which has always been one of the most important ones for Mexican economy, with its 112 millions of inhabitants, has increased of the 4,9% in the period September 2011/September 2012. On the other side, even if it is now highly developed in industries and manufactures (almost each world’s multinational corporation has more than one seat in its regions), it is not in the building sector that Mexican industry does excel, but in the automotive, metallurgic, alimentary, chemical ones. It is strong the concurrence of Chinese products in the inner market, while it is to be highlighted that the buying of machinery are referring mainly to Europe, despite the neighboring influence of the US.

Messico il settore delle costruzioni, da sempre uno dei più importanti per l’andamento dell’economia messicana, con i suoi 112 milioni di abitanti, è aumentato del 4.9% nel periodo settembre 2011/settembre 2012. D’altra parte, pur essendo ormai molto sviluppato dal punto di vista industriale e manifatturiero (quasi tutte le multinazionali mondiali hanno più sedi nelle regioni), non è nell’edilizia che l’industria messicana eccelle, quanto invece in quella automobilistica, metallurgica, alimentare, chimica. È forte la concorrenza dei prodotti cinesi sul mercato interno, mentre va evidenziato che gli acquisti di macchinari fanno riferimento in buona parte all’Europa, nonostante la vicina influenza degli Stati Uniti.

49


RUSSIA, A GIANT ALSO IN THE CERAMICS Big plants, big surfaces, big quantities

RUSSIA, UN GIGANTE ANCHE PER LA CERAMICA Grandi stabilimenti, grandi superfici, grandi quantità

A

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

boundless country, which in 2013 did built or completed 912 thousands houses, for a total housing surface of 69,4 square meter millions. Russia is a potentially infinite market, as confirmed by its assiduous frequenters, also because the economical ups and down which followed the big political changes of the Nineties did left place to a practically constant growth and to a medium-high class of expanding people. With good possibilities of purchase and investments. Even if Russian building industry had closed the 2013 with its first negative sign (- 1,5 % in real terms, according to data from Rosstat, State agency for statistics), determined principally by a decrease in the infrastructures and civil engineering sectors, the housing sector did maintained the positive trend. Sectors where we have registered the best performances are the ones of school building, with 317 new projects began in the first three quarters 2013 (+21,5 % respect 2012), of administration buildings, with 669 new projects (+19%) and of commercial building (+18%). The good trend of housing and not-housing building did enable Russian tiles’ industry and market to maintain, also in 2013, in positive, even though with no more double figures increase. The national consumption of tiles has reached the historical record of 231 million square meters, touching a +5,7% on the 218,8 millions of 2012 (the growth in that year was of 15,7%). Local producers did prevalently take advantages of bigger request: they have seen their sells in the inner market increasing of the 7,8%, until 158,1 million square meters. Less dynamic the import, esteemed around the 73 million square meters (+1,5% on 2012). Russian production of tiles kept on increasing in 2013, passing from 156 to 166,6 millions square meters (+6,8%, against the +15% del 2012).

50

Un paese sconfinato, che nel 2013 ha costruito o completato 912mila abitazioni per una superficie abitativa totale di 69,4 milioni di metri quadrati. La Russia è un mercato potenzialmente infinito, come confermano i suoi assidui frequentatori, anche perché gli alti e bassi economici seguiti al grande cambiamento politico degli anni Novanta, hanno lasciato il posto a una crescita praticamente costante e a una classe medio-alta di popolazione in espansione, con buone possibilità di acquisto e investimento. Anche se l’industria russa delle costruzioni ha chiuso il 2013 con il primo segno negativo (-1,5% in termini reali secondo i dati dell’agenzia di Stato per le rilevazioni statistiche Rosstat), determinato principalmente dal calo del settore delle infrastrutture e dell’ingegneria civile, il settore non residenziale ha invece mantenuto il trend positivo. I settori dove si sono registrate le migliori performances sono quelli dell’edilizia scolastica, con 317 nuovi progetti iniziati nei primi tre trimestri 2013 (+21,5% rispetto al 2012), degli edifici amministrativi, con 669 nuovi progetti (+19%) e dell’edilizia commerciale (+18%). Il buon andamento dell’edilizia residenziale e non residenziale ha consentito all’industria e al mercato delle piastrelle ceramiche russi di mantenersi, anche nel 2013, in terreno positivo, sebbene con incrementi non più a doppia cifra. Il consumo nazionale di piastrelle ha raggiunto il record storico di 231 milioni mq, segnando un +5,7% sui 218,8 milioni del 2012 (la crescita quell’anno era stata del 15,7%). Della maggiore domanda hanno beneficiato prevalentemente i produttori locali che hanno visto aumentare le proprie vendite sul mercato interno del 7,8% a 158,1 milioni mq. Molto meno dinamiche le importazioni, stimate intorno ai 73 milioni mq (+1,5% sul 2012). La produzione russa di piastrelle ha continuato a crescere nel 2013 passando da 156 a 166,6 milioni mq (+6,8%, contro il +15% del 2012). Tra i maggiori paesi


Among the bigger exporting countries to Russia, the first esteems indicate a new moving back for Bielorussia (-8.3%) and the first drop in importations from Ukraine (-7,9%), which still is the main supplier from abroad onto local market. In growth the importations from China and Spain, both around the 14 million square meters exported in Russia. At the end of 2013 the import absorbed the 31,6% of national consumes in tiles, dropping if compared to the 33% of 2012.

esportatori verso la Russia, le prime stime indicano un nuovo arretramento della Bielorussia (-8,3%) e il primo calo delle importazioni dall’Ucraina (-7,9%), che pur si mantiene il principale fornitore estero di piastrelle sul mercato locale. In crescita le importazioni da Cina e Spagna, entrambi intorno ai 14 milioni mq esportati in Russia. A fine 2013 l’import assorbiva il 31,6% del consumo nazionale di piastrelle, in calo rispetto al 33% del 2012. “Un mercato interessantissimo e in espansione – spiega

Atlas Concorde factory in Stupino Enzo Panebianco, Coloritalia, esperto del settore russo ed est europeo – nel quale al momento fanno fortuna le imprese italiane che hanno realizzato qui i loro stabilimenti e anche chi vuole vendere ceramica. Vendere impianti ai produttori locali invece comporta problemi legati al cambio poco vantaggioso con l’euro. Si preferiscono scambi con la Cina o altri paesi. Inoltre c’è un problema di costi legati ai dazi doganali. Invece per chi vende ceramica c’è il vantaggio di una fascia di clienti che richiedono espressamente il prodotto italiano. C’è margine per competere, per quanto la concorrenza sia ampia e difficile da affrontare. Le stesse Cina e India per la Russia sono considerate più vicine.una

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

“A really interesting and expanding market – explains Enzo Panebianco, Coloritalia, expert for Russian and Eastern European sectors – where at the moment Italian companies, which have built here their plants, and who wants to sell ceramics, are making fortune. Selling plants to local producers brings about problems linked to the little advantaging exchange with euro. They prefer exchanges with China or other countries. Moreover, there is a problem of costs linked to the customs. For whoever sells ceramics, though, there is the advantage of a customer range who expressively ask Italian products. There is margin to compete, even if concurrence is wide and difficult to face. China and India themselves are considered closer for Russia.

51


Russia also has a wide inner ceramic production, where also different Italian companies take a part (Marazzi the pioneer which opened the first plant in this land). The majority of the Business develops in Moscow area, there starts the distribution in the remainder area. Other importan purchase areas are St. Petersburg and Volgograd”. “It does not exist – goes on Panebianco – a “industrial district culture”. They exploit the wide resources of the country there where they are, therefore

La Russia ha anche vasta produzione ceramica interna, nella quale hanno parte anche diverse aziende italiane (Marazzi la pioniera che aprì il primo stabilimento in queste terre). La maggior parte del business si sviluppa nell’area di Mosca, da lì parte la distribuzione nel resto del paese. Altri importanti centri di acquisto sono San Pietroburgo e Volgograd”. “Non esiste – spiega ancora Panebianco – la cultura del distretto industriale. Sfruttano le immense risorse del paese lì dove sono, perciò esistono grandissimi

Mosbuild Moscow 2014

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

we can find big ceramic plants placed far from each other, rarely there are more than two close”. Concerning the distribution, the selling circuit is principally made of distributors which buy stock materials and then sell them through their showrooms or customers who buy from them. Rare, but present, owners of a unique showroom, traditional dealers as we know them in Italy. “Showrooms are really big, only a few people use classic marketing methods, such as advertisements on magazines etc etc. Marazzi Russia adopts principally methods of this nature, for the rest we can speak about a sort of big distribution. We are still speaking about high volumes, for a 52

stabilimenti ceramici dislocati molto lontani fra loro, raramente ce ne sono più di due ravvicinati”. Per quanto riguarda la distribuzione, il circuito di vendita è fatto principalmente di distributori che acquistano materiali in stock per poi venderli attraverso sale mostra di loro proprietà o attraverso “sottoclienti” che acquistano da loro. Più rare, ma comunque presenti, realtà proprietarie di un unica show-room, i rivenditori tradizionali come li conosciamo in Italia. “Le sale mostra sono molto grandi, sono pochi a sfruttare i canali classici del marketing, le pubblicità su riviste ecc. Principalmente la Marazzi Russia adotta suoi canali di questa natura, per il resto possiamo parlare di una sorta di grande distribuzione.


gigantic country, where moreover the ceramic industry is really to be considered a marginal element if compared to other industrial sectors infinitely bigger”. Ceramic is yet a recurring and known element. So also the eventual technological delays have been filled: “The level of technical knowledge is growing and the spread is filling. A lot is owed to digital technologies, which level almost everything. A gap is still there, local production is mainly oriented to a medium

Stiamo sempre parlando di volumi elevatissimi, per un paese gigantesco, nel quale fra l’altro l’industria ceramica va considerata davvero elemento marginale rispetto ad altri settori industriali infinitamente più grandi”. La ceramica però è ormai un elemento ricorrente e conosciuto. Quindi anche gli eventuali ritardi tecnologici si sono ormai colmati: “Il livello di conoscenza tecnico è in crescita e il divario si sta colmando. Molto si deve alle tecnologie digitali, che livellano un po’ tutto. Un divario

Mosbuild Moscow 2014 c’è ancora, la produzione locale è orientata soprattutto su un livello di prodotto medio e l’industria italiana che produce in loco si adegua: produzione secondo le richieste locali ma con tecnologia italiana a fare la differenza per chi acquista. Poi ovviamente c’è la fascia alta che richiede prodotto italiano a prescindere. Su questa fascia deve puntare l’export italiano, mentre il livello di prezzi più appetibile è comunque preda di Spagna, Polonia, Cina, Turchia e delle stesse imprese russe. Del resto la ceramica viene acquistata spesso da una fascia di popolazione di livello economico medio-basso, per cui il prezzo conta. In questo ambito possono giocare la loro parte appunto, le aziende italiane che hanno una produzione in Russia”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

product and Italian industry on the field just adjusts: production according to the local request but with the Italian technology, which makes the difference for whoever purchases. Then obviously there is a high level, which preferably requests Italian product. Italian export has to work for it, while the most desirable price level is anyway loot for Spain, Poland, China, Turkey and Russian companies themselves. For the rest ceramic is often purchased from a population with a medium-low economical level, therefore the price counts. In this field, as said before, Italian companies wich have a production in Russia, can play a role”.

53


POLAND, THE OTHER EMERGING POLONIA, L’ALTRA EMERGENTE

Altri

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Other Eastern countries to be considered as emerging. “Poland has got a nice ceramic district and for the Centre of Europe is a leading country. Its position is helpful, due to the proximity to Russia itself, to Ukraine and other Eastern Countries”. About Poland exist Ice data referred to the 2010: with a GDP’s growth of 3,8% in that year, it has reached the fourth place in the EU, preceded only by Sweden, Slovakia and Germany. The main growth factor of Polish economy was the inner request (+3,9%), dragged by the reconstruction of supplies (6,7%) and, even if of minor importance, by private usage (+3,2 %). From the side of the offer, the sector of Polish economy which has grown more in 2010 was the industrial one: in 2010 it registered an increase of 9,7%. The building sector has grown of the 3%, but in 2009 it had grown of 5,1%, highlighting therefore a positive trend. The 21,6% of 2010’s GDP is given by industry, followed by trade and restorations (16,6% of GDP) and building (6,3% of GDP). At the moment, we do not think there are other countries to be considered as emerging. “Many are facing a difficulty moment – Panebianco explains – as Romania and Bulgaria, as well as Slovakia, which was growing until a few years ago. They have been affected by the crisis (only Poland could react well, even before Italy). The ceramic product in those country exists, but it is of a so low range both in prices and qualities that it results practically inaccessible to Italian sells”. 54

paesi dell’Est da considerare emergenti, al momento pochi. “La Polonia ha un bel comprensorio ceramico e per il centro Europa è questi un paese leader. La posizione aiuta molto per la vicinanza alla stessa Russia, all’Ucraina e ad altri paesi dell’est”. Della Polonia esistono dati Ice riferiti al 2010: con una crescita del PIL pari al 3,8% in quell’anno si è collocata al quarto posto nell’UE, preceduta solo da Svezia, Slovacchia e Germania. Il principale fattore di crescita dell’economia polacca è stata la domanda interna (+3,9%), trainata dalla ricostituzione delle scorte (+6,7%) e, seppure in misura minore, dai consumi privati (+3,2%). Dal lato dell’offerta, il settore dell’economia polacca che nel 2010 è cresciuto più velocemente è stato quello industriale: nel 2010 ha registrato un incremento del 9,7%. Il settore edile è cresciuto invece del 3%, ma nel 2009 era cresciuto del 5,1%, evidenziando quindi un trend sempre positivo. Il 21,6% del PIL 2010 è fornito dall’industria, seguita dal commercio e dalle riparazioni (il 16,6% del PIL) e dall’edilizia (il 6,3% del PIL). Altri paesi dell’est da segnalare come emergenti, al momento non ci sono. “Molti stanno scontando un momento di difficoltà – spiega Panebianco – vale sia per la Romania e la Bulgaria che per la Slovacchia, qualche anno fa in crescita. Hanno risentito della crisi, (solo la Polonia ha saputo ripartire molto bene, anche prima dell’Italia). Il prodotto ceramico in questi paesi esiste, ma è di fascia così bassa per qualità e prezzo che risulta praticamente inaccessibile alle vendite italiane”.


The

door on the future is evidently the one of Middle East. A reality made of several countries which we can really define emergent, in every economical field, ceramic too. A reality of producers (Saudi Arabia 72 millions meters, Emirates 92 millions, Egypt 170 millions, Morocco 72 millions); of purchases of plants, technologies, Italian know how (between Middle East, 16 per cent, and Africa, 15 per cent, is already the higher quote of Italian export) and mainly of big projects for the future, which will open Mediterranean doors to inner Africa’s countries, without limits and with a lot of development perspectives.

La porta sul futuro è evidentemente quella del Medio Oriente. Una realtà fatti di tanti paesi che possiamo davvero definire emergenti, in ogni campo economico ceramica compresa. Una realtà di produttori (Arabia Saudita 72 milioni di metri, Emirati 92 milioni, Egitto 170 milioni, Marocco 72 milioni); di acquirenti di impianti, tecnologia, know how italiano (fra Medio Oriente, 16 per cento, e Africa, 15 per cento, è già la quota più alta dell’export italiano) e soprattutto di grandi progetti per il futuro, che apriranno le porte dal Mediterraneo ai paesi interni dell’Africa, senza più limiti e con tante prospettive di sviluppo.

MIDDLE EAST/GCC

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Floor and wall tiles in Kuwait “Everything starts – “Tutto parte – spiegaexplain Gregorio Scheno Gregorio Schenetti netti, sales manager responsabile commerGamma Due, and Mauro ciale Gamma Due e Salami, expert for trades Mauro Salami, esperto in the Middle East – from dei mercati medioriensix Gulf countries which tali – da sei paesi del have already established Golfo che hanno ormai the opening toward sancito l’apertura verso West and economical l’occidente e lo svilupdevelopment. Saudi po economico. Arabia Arabia, Kuwait, Arabian Saudita, Kuwait, Emirati Emirates, Oman, Qatar and Bahrain have already formed Arabi, Oman, Qatar e Bahrein si sono già consorziati nel a consortium called Gulf Country Council (GCC), which is a cosiddetto Gulf country council (GCC) che è una sorta di sort of union where exist free trade exchanges and they are unione nella quale esistono liberi scambi commerciali e si still thinking to a unique coin. The door through the majopensa addirittura a una moneta unica. La porta attraverso rity of affairs and Western export pass are the Emirates. cui la maggior parte degli affari e dell’export occidentale From here we go in the whole Gulf, but moreover in all the passa è quella degli Emirati. Da qui si va in tutto il golfo countries of the so called Mena (Middle East, North Africa) ma più in generale in tutti i paesi del cosiddetto Mena which include other economies that we can consider emer(Medio Oriente, Nord Africa) che comprendono tante altre ging: first of all Morocco, the most opened, Egypt, despite its economie che possiamo considerare emergenti: Marocco govern problems, Libya, Tunisia and Algeria. They all are liprima di tutto, il più aperto, poi anche Egitto nonostante ving a evolution both social economical and in production. i problemi di governo, Libia, Tunisia, Algeria. 55


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Saudi Arabia showroom There are already big Sono tutti in evoluzioindustrial presences, ne sia socio-economica for example the Egypche produttiva. Ci sono tian Rak”. già forti presenze inThese are lands of dustriali, basti pensare wide economical reall’importanza dell’egisources and big inziana Rak”. Sono terre vestments: “Enormous di immense risorse ecoinfrastructures will be nomiche e grandi inveborn, there is a precistimenti: “Nasceranno se and well planned enormi infrastrutture, program to become c’è una programmazioa referring point in ne molto attenta e ben world’s economy. Part pianificata per diventare of them are also the un punto di riferimento 2020 Expo already dell’economia mondiale. fixed in Dubai, which Ne fanno parte anche will be a fundamental l’Expo 2020 già fissaspringboard, a occata a Dubai, che sarà un sion which also Italy trampolino di lancio needs to exploit sinfondamentale, un’occace today; and Qatar’s sione che anche l’Italia 2022 world football cup that have the same aim. As deve saper sfruttare fin da ora; ma gli stessi mondiali di district we have to be really careful to these devecalcio in Qatar nel 2022 hanno lo stesso obiettivo. Come lopments. Our know how, design, products and techdistretto dobbiamo essere attentissimi a questi sviluppi. Il nologies we bring are still researched. The biggest nostro know how, il design, il prodotto e la tecnologia che Arabian flight company has created hubs in Milan, portiamo sono e restano ricercati. La più grande compagnia Rome, Venice, to enable the arrival of products and Itaaerea araba ha creato hub a Milano, Roma, Venezia, per falian ideas in those countries. That has a signification”. cilitare l’arrivo dei prodotti e delle idee italiane in questi There still is the problem of political instability: “In the paesi. Ha un significato”. il problema dell’instabilità politigulf area we are decisively going to a overcoming of ca: “Nell’area del golfo si va decisamente verso un superathese problems. The instability is present in some aremento di questi problemi. L’instabilità invece è presente in as of Mediterranean Africa. At the moment in Egypt and alcune aree dell’Africa mediterranea. Al momento in Egitto Libya, while Tunisia is assessing. On the other side, Moe Libia mentre la Tunisia è in assestamento. D’altro canto rocco’s king made big openings which did immediately il re del Marocco ha fatto importanti aperture che hanno improved the country’s relevance in world’s economy, immediatamente fatto avanzare il paese nell’importanza making it at the moment the real engine of this area. In economica mondiale, facendone al momento il vero motoquantities produced we distinguish Egypt, Algeria and re di quest’area. Per quantità prodotte invece si distnguono in the future we have to bet also on Libya, when the Egitto, Algeria e in futuro c’è da puntare sulla Libia quando situation will be established. Also Tunisia, even if it is la situazione sarà tranquillizzata. Anche la Tunisia, pur essmaller, is living a big improvement. But we can also go sendo più piccola, vive un grande sviluppo. Ma possiamo beyond: Lebanon, Syria, despite actual problems, Jorspingerci anche oltre: Libano, Siria, nonostante i problemi dan...they are all good consumers and purchaser, also attuali, Giordania sono buoni consumatori e acquirenti, anof ceramics. And we can imagine more...” che di ceramica. E poi si può immaginare anche altro…”. 56


TOWARD AFRICA VERSO L’AFRICA

Saudi Arabia showroom

L’Africa sub-sahariana? “Esatto. Soprattutto attraverso il Maghreb, si stanno stringendo accordi commerciali importanti con paesi dell’interno, che sono alla ricerca di materiali e prodotti di qualità. Tramite questa “porta” sul Mediterraneo siamo già in grado di arrivare, e siamo arrivati, in Senegal, Mauritania, Nigeria, Sudan (dove la Rak ha già un mega-stabilimento), Gabon, Angola. Le potenzialità sono infinite”. Quale il livello di conoscenza tecnica e competenza ceramica con cui ci si confronta? “Sono paesi che vengono da una cultura della ceramica a pasta rossa, ma ormai anche nelle loro produzioni locali ha fatto ingresso l’impasto bianco e il gres porcellanato, che serve soprattutto per i grandi progetti, che sono il loro motore. Ci sono grandi disponibilità economiche e quindi si cerca la miglior tecnologia disponibile. Stanno affinando aspetti tecnici e commerciali, cercano spesso l’affiancamento con personale europeo. Come Italia non siamo in anticipo: i cinesi per molto tempo hanno avuto un netto predominio, gli spagnoli sono arrivati prima, ma tutti hanno lavorato soprattutto sulla competitività in termini di prezzo, mentre ora che si parla di evoluzione in senso qualitativo, l’Italia può provare a rientrare. Anche perché le presenze italiane in loco al momento non sono solo accettate, ma ricercate. C’è la massima disponibilità e accoglienza, un’occasione da cogliere”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Sub-Saharan

Africa? “ E xac tly. Specially through Maghreb, we are making important trade agreements with inner countries, which are looking for materials and quality products. Through this “door” on the Mediterranean we are already able to get, and we did it, to Senegal, Mauritania, Nigeria, Sudan (where Rak has already got a huge plant), Gabon, Angola. Wherewithal are unlimited”. What is the level of technical knowledge and ceramic competence we are facing? “They are countries which come from a culture of ceramic with red paste, but today also in their local productions has entered the white paste and porcelain stoneware, which are needed mainly for big projects, which are their engine. There are big economical resources and therefore they are looking for the best technology available. They are improving technical and commercial aspects, trying often the cooperation with European personnel. As Italy, we are not in advance: Chinese did have a clear predominance for a long period, Spanish did come first, but they have all worked on a competitive in term of prices. Now we are speaking of a evolution in sense of quality, and Italy can try to get into it. Also because Italian presences on the field are not only accepted, but researched. There is the maximum availability and welcome, a moment to grasp”.

57


BIG PROJECTS GRANDI PROGETTI Ceramic’s systems and sell conduits: “The system is based on big contracts, public projects for hotels, airports, universities, even entire cities which are created almost from the nothing. We start from these mega-projects which request big resources and a lot of product. Then it exists a distribution net which is widespread and also prepared, in which we sell in our traditional way, otherwise we have sellers linked to several projects. We need to consider the authentic boom which this Gulf’s area is living. They prepare projects with a planning for 30-40 years. And we have to forget the sheik with a case full of money. We are speaking of generations which have studied abroad, which feel that they could do the difference in the world”. Finally, the ceramic taste, which is surely different from our: “Wherever we go to sell or produce, it is logic to respect the local culture and to sense their flavor. They have a really ancient culture. Before discovering the ceramic they used a lot of marble, making the fortune of Italian caves. Also now, they prefer this kind of effects, hot colors, which recall the desert, products that they can enrich with friezes and sequins. To our eye it could seem garish, even if cultures globalization has reached our countries and many ideas and projects are evidently contaminated with an European touch, seen as really sophisticated. Is is predominant, and defended, Arabian culture, today revisited in a way that I consider really elegant”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Luanda_Angola

58

Dakar_Senegal I sistemi e i canali di vendita della ceramica: “Il sistema è basato su grandi contract, progetti pubblici per hotel, aeroporti, università, addirittura città intere che nascono quasi dal nulla. Si parte da questi mega-progetti che richiedono grandi risorse e tanto prodotto. Poi esiste una rete distributiva diffusa e anche preparata, nella quale si vende nel nostro modo tradizionale, oppure ci sono rivenditori legati ai vari progetti. Bisogna considerare l’autentico boom che sta vivendo quest’area del Golfo. Preparano progetti con pianificazione 30-40ennale. E dimentichiamoci lo sceicco con la valigia piena di soldi. Parliamo di generazioni che hanno studiato all’estero, che sentono di poter fare la differenza nel mondo”. Per finire, il gusto ceramico, sicuramente diverso dal nostro: “Dovunque si vada a vendere o produrre, è logico rispettare la cultura locale e percepirne il sapore. Loro ne hanno una molto antica. Prima di scoprire la ceramica utilizzavano tantissimo marmo, facendo la fortuna delle cave italiane. Anche adesso prediligono questo tipo di effetti, colori caldi, che riportano al deserto, prodotti che poi arricchiscono molto di fregi, lustrini. Al nostro occhio a volte può sembrare pacchiano, anche se ormai la globalizzazione delle culture è arrivata anche qui e tante idee e progetti risultano evidentemente contaminati da un tocco europeo, che viene visto come sofisticato. Resta prevalente, e giustamente difesa, la cultura araba, ma ormai rivista in modo che ritengo elegante”.


QUALCHE NUMERO IN PIÜ’

Emirati Arabi Uniti, grandi commesse

SOME MORE NUMBER

United Arab Emirates, big orders

state is deeply involved in the realization of infrastructures in the Country; even if some year ago they have lived quite a drastic reshaping of projects due to the inferior financial capacities, consequence of the world’s financial crisis of 2008’s second semester, which has hit also Emirates. In the hotel and residential field, after having assisted in the last years to a strong acceleration of public appropriations and private ones, which brought to the construction ex-novo of entire areas (Palm Jumeirah, Dubai Marina, Emirates Hills ecc.), today we see that the sector has had a big reduction of activities in the building field, consequence of the credit freeze. Harbor’s infrastructures are numerous: Dubai, Sharjah, Fujeirah, Ras Al Khaimah, Abu Dhabi; among those, Dubai’s ones (Jebel Ali and Port Rashid) are world’s fifteenth harbor in terms of traffic. On the first september 2012 in Abu Dhabi has been inaugurated the new Port Khalifa, neighboring the namesake industrial sector, for a cost of 7,1 billion dollars, on the artificial island of Taweelah. Port Khalifa has an year capacity of 2,5 millions of TEU, which could increase to 5 millions in 2030. The most important international airports are the ones of Abu Dhabi, Dubai and Sharjah: the last two have built in their interior free zones which offer interesting possibilities also for the moving of wares, The road and motorway network is of high level, even if limited to the principal directions; there are not railway, but a joint venture Italy-Emirates has obtained a contract for 3.3 billion DHS (900 millions USD) for the construction of the first phase of Gulf’s railway network.

Lo Stato è fortemente impegnato nella realizzazione di infrastrutture nel Paese; anche se qualche anno fa si è vissuto un ridimensionamento piuttosto drastico dei progetti a causa delle inferiori capacità finanziarie, conseguenza della crisi finanziaria globale del secondo semestre del 2008, che ha colpito anche gli Emirati. Nel campo alberghiero e residenziale, dopo aver assistito negli scorsi anni ad una forte accelerazione degli stanziamenti pubblici e privati, che hanno portato la costruzione ex-novo di intere aree (Palm Jumeirah, Dubai Marina, Emirates Hills ecc.), oggi vediamo che il settore ha avuto una forte riduzione delle attività in campo immobiliare, conseguenza della stretta creditizia. Le infrastrutture portuali sono numerose: Dubai, Sharjah, Fujeirah, Ras Al Khaimah, Abu Dhabi; tra queste quelle di Dubai (Jebel Ali e Port Rashid) costituiscono il quindicesimo porto mondiale in termini di traffico. Il primo settembre 2012 è stato inaugurato ad Abu Dhabi il nuovo Porto Khalifa, adiacente alla zona industriale omonima, per il costo di 7,1 miliardi di dollari, sull’isola artificiale di Taweelah. Il Porto Khalifa ha una capacità annuale di 2,5 milioni di TEU, che potrebbe aumentare a 5 milioni nel 2030. Gli aeroporti internazionali più importanti sono quelli di Abu Dhabi, Dubai e Sharjah: gli ultimi due hanno costituito al loro interno delle zone franche che offrono interessanti possibilità per la movimentazione delle merci. La rete stradale ed autostradale è di ottimo livello, anche se limitata alle direttrici principali; non esistono ferrovie ma una joint venture italo-emiratina si è aggiudicata un contratto da 3.3 miliardi dhs (900 milioni USD) per la costruzione della prima fase della rete ferroviaria del Golfo.

New Hotel construction in Jedda

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The

59


MOROCCO, LIBERALIZATION MAROCCO, LIBERALIZZAZIONE Morocco’s government has reduced its own presence in the economy in the last decade, launching a series of economical reforms after the adhesion to the program of structural arrangement sustained by the IMF. This did fostered the adoption of new tendencies in economical politics. Between those, the introduction of monetary and fiscal policies more restrictive and the effort for the containing of GDP’s deficit. At the same time it has been taken the road of liberalizing the trade with foreign countries and of privatizing State’s activities, road, this one, that has been traveled with a determination which overcomes the expectations. Morocco’s government is encouraging more and more the private participation in sectors of communications and transports, furnishing a series of instruments to attract private capitals. The transports absorb the 95% of passengers traffic and the 80% of wares traffic. From here, the importance given to the development of the network varies. The length of this network is of 60.000 km, the 60% of that, paved.

Il Governo del Marocco ha ridotto la propria presenza nell’economia nell’arco dell’ultimo decennio, varando tutta una serie di riforme economiche in seguito all’adesione al programma di aggiustamento strutturale sostenuto dal Fondo Monetario. Questo ha favorito l’adozione di nuovi orientamenti di politica economica. Fra questi, l’introduzione di politiche monetarie e fiscali più restrittive e lo sforzo per il contenimento del deficit su PIL. Allo stesso tempo è stata imboccata la via della liberalizzazione del commercio con l’estero e della privatizzazione delle imprese di Stato, strada, quest’ultima che è stata percorsa con una determinazione superiore alle aspettative. Il Governo marocchino sta sempre più incoraggiando la partecipazione privata nei settori delle comunicazioni e dei trasporti, fornendo una serie di strumenti per attrarre capitali privati. Il trasporto stradale assorbe il 95% del traffico passeggeri e l’80% del traffico merci. Da qui, l’importanza accordata allo sviluppo della rete viaria. La lunghezza di questa rete è di 60.000 Km di cui il 60% asfaltati.

ALGERIA, OVERWHELMING GROWTH ALGERIA, CRESCITA TRAVOLGENTE

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Despite world’s economical crisis, Algeria macroeconomics’ portrait seems solid and keeps on being characterized, specially in financial terms, by positive indicators, as testified by the launch of a majestic five-years program 2010 – 2014 of public investments, to a overall amount of 286 million dollars (130 of them for the filling of launched and not ultimated projects of the precedent plan), aiming, mainly, at the development of the infrastructures (highways, lodgings, railways). The building and public works sectors represents, with almost the 10%, the growth engine of Algeria’s GDP in the last years. 60

Nonostante la crisi economica globale, il quadro macroeconomico dell’Algeria appare solido e continua ad essere caratterizzato, soprattutto in termini finanziari, da indicatori positivi, come testimonia il lancio di un imponente programma quinquennale 2010-2014 di investimenti pubblici, per un ammontare complessivo di 286 miliardi di dollari (di cui circa 130 per il completamento dei progetti lanciati e non ultimati nel precedente piano quinquennale), centrato, soprattutto, sullo sviluppo delle infrastrutture (autostrade, alloggi, ferrovie). Il settore dell’edilizia e lavori pubblici rappresenta con circa il 10% il motore della crescita del PIL algerino negli ultimi anni. I piani quinquennali di sviluppo delle infrastrutture in Algeria


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

hanno reso possibile il buon andamento del settore che negli ultimi 5 anni ha registrato la creazione di 3500 nuove società e 350 studi di ingegneria. Malgrado una produzione locale di materiali da costruzione in crescita, l’Algeria continua ad importare acciaio, cemento e prodotti vari. Il settore edile è composto da imprese che producono laterizi (mattoni), piastrelle e pavimentazioni in ceramica, prodotti in ceramica, calce, gesso, tubi e raccordi in calcestruzzo, tavelloni, blocchi di calcestruzzo, raccordi in amianto. Per quanto riguarda in particolare le piastrelle, la quantità venduta è stimata a 100 milioni di mq, di cui il 97,5% da parte del settore privato. Il prodotto più commercializzato è la piastrella per pavimentazione con il 50% delle vendite. Il fatturato del settore è stimato a più di 120 miliardi di DA (1,3 miliardi di Euro) di cui 63% rappresentato dal settore privato; la produzione grezza supera i 107 miliardi di DA (circa 1,1 miliardi di Euro) di cui il 63% rappresentato dal settore privato; il consumo per la produzione sfiora i 50 miliardi di DA (circa 500 milioni di Euro). Nel settore dell’edilizia abitativa, saranno confermati gli sforzi per aumentare la costruzione di alloggi e avviare nuovi programmi di alloggi pubblici per l’affitto, vista la persistente pressione della domanda di alloggi sociali. In questo contesto, il governo ha dato priorità ad adempiere l’impegno di consegnare 1,2 milioni di unità nel corso del periodo 2010-2014, in quanto nel programma lanciato per la realizzazione di 1.281.000 unità abitative, 491 mila unità sono state completate e 790.000 sono in corso di completamento.

The five-years development plans of Algerian infrastructures made possible the good gait of the sector, which in the last 5 years did registered the creation of 3500 new societies, and of 350 engineering studios. Despite a growing local production of building materials, Algeria keeps importing steel, cement and various products. The building sector is composed by the factories which produce bricks, tiles and ceramic floors, ceramic products, lime, check, pipes and joints in concrete, blocks in concrete, joints in asbestos. Regarding in particular tiles, the sold quantity is esteemed at 100 millions square meters, the 97,5% from private sector. The most commercialized product is the tile for paving, with the 50% of sales. The sales volume is esteemed at more than 120 billions of DA (1,3 billion Euros), 63% of them represented by private sector, the consume for the production touches 50 billion DA (almost 500 million Euros). In the sector of housing constructive history, the efforts to increase the construction of lodging will be confirmed, as well as those to begin programs of public lodging for the rental, seen as the permanent pressure of request of social lodgings. In this context, the government has given the priority to fulfill the commitment to give 1,2 million of units during the period 2012 – 2014, inasmuch in the program launched for the realization of 1.281.000 housing units, 491 thousands units have been completed and 790.000 are being completed.

Algeri 61


THE EAST, A GIANT WITH A THOUSAND FACES Big quantities produced, markets and plants immense, what can Italy do...

ORIENTE, UN GIGANTE DALLE MILLE FACCE

Grandi quantità prodotte, mercati e stabilimenti immensi, cosa può fare l’Italia…

On

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

the East, a territory so much big and populated that it is impossible to reduce it in categories, is produced evidently far more than half the world’s tiles production. Which go from 5 billion and a half square meters estimated in China to the more than 600 millions, growing, of India, 313 Indonesian, 147 of Thailand. We surely cannot speak about territories to conquer for the ceramic, but they are periodically and in turn very interesting markets for ceramic technology (in 2013, as an example, China pointed an increase in the purchase of plants of more than 50%). For a good part of themselves, big productions regard the inner market, they do not bring a evident concurrency toward Italian production, which is to be considered really in niche areas, in a huge market such as the Asiatic one. The opinions about Orient that we have collected are a high number, trying to paint a portrait of a continent where we can really find any kind of production, need and organization. The distinctive feature, if we want to find one, is the order of magnitude of every aspect, which is unthinkable for a Occidental, and Italian in particular. Many of ours bigger plants would only be a minimal part of sweeping Chinese and Indonesian factories, even if a higher dimension does not always mean a higher competitiveness. The organization “in district” itself, which exist in several areas, has nothing to share with our little and medium manufactures organization. Here, we speak about industries which are cities, which hire millions of peoples. And even when the district does not exist, but we are dealing with lone factories lost in the middle of nothing in a wide territory, their dimensions are enough, they can be a “district” themselves. Which can still be defined “emerging economies”, at least under the production and the buying of ceramic and ceramic’s technology point of view? Which have to be considered with attention for the future?

62

A Oriente, un territorio talmente grande e popolato che è impossibile ridurlo a categoria, si produce molto evidentemente molto più della metà della produzione mondiale di piastrelle. Andiamo da 5 miliardi e mezzo di metri stimati della Cina agli oltre 600 milioni, in crescita, dell’India, 313 dell’Indonesia, 147 della Thailandia. Non possiamo certo parlare di territori da conquistare per la ceramica, mentre sono periodicamente e a turno mercati molto interessanti per la tecnologia ceramica (nel 2013 per esempio la Cina ha segnato un incremento negli acquisti di impianti oltre il 50 per cento). Per buona parte le grandi produzioni riguardano il mercato interno, non comportano ancora una concorrenza evidente nei confronti della produzione italiana, che a questo punto va considerata realmente di nicchia in un mercato gigantesco come quello asiatico. Numerosi i pareri che abbiamo raccolto a proposito dell’Oriente, per provare a tracciare un quadro di un continente dove c’è davvero ogni tipo di produzione, esigenza e organizzazione. Il tratto distintivo, se vogliamo coglierne uno, è l’ordine di grandezza di ogni aspetto, che è impensabile per un occidentale e un italiano in particolare. Molti dei nostri più grandi stabilimenti sarebbero solo una piccola filiale delle estesissime fabbriche cinesi o indonesiane, sebbene alla grandezza dimensionale non necessariamente corrisponda maggiore competitività. La stessa organizzazione “per distretti” pur esistente in diverse aree, non ha niente a che vedere con il nostro sistema di piccole e medie imprese. Qui parliamo di città-industrie, che danno lavoro a milioni di persone. E anche quando il distretto non c’è, ma si tratta di singole aziende perse nel nulla di un territorio molto vasto, sono dimensioni tali da fare spesso “distretto” da sole. Quali possono essere definite ancora, “economie emergenti”, almeno per quanto riguarda la produzione e acquisto di ceramica e tecnologia per ceramica? Quali vanno considerati con attenzione per il futuro?


THE EMERGING GLI EMERGENTI

can consider still emerging – is explained by the Wanxing Export Department (Taiwan’s multinational corporation with seats in China, Indonesia, Vietnam and Europe) – Vietnam (where we can find world’s 8th use pro individual of tiles, with a growth of 10 per cent every year, as is happening also in Malaysia), Indonesia and Bangladesh, India, though they are generally accomplished, speaking in production terms”. Which are the technological and knowledge of ceramic product in Asian countries? “They are countries so extended that, as in every other field, also in the ceramic production there are big contradictions. In China you can find the ultramodern plant near to the extremely decaying one, but is certain that it is today the first world for digital machines purchased and that also India is a important reality under this point of view. This will obviously contribute to an improvement in the aesthetic level, making the realization easier”. “The level of knowledge – explains Nicola Debbia, Unicom Staker’s sales manager – varies deeply from country to country, but generally speaking I find it high in the Far East, as in Australia. I find an informed and prepared personnel As a paradox, I find inadequate the knowledge in ceramic in some European areas, such as England”. Which are the predominant conduits to sell the ceramic product? “Local product is more linked to construction yards and big local distributions. Then, we have big customers with showrooms and widespread distribution, or customers who work only with architect, in specific projects”. Which are the emerging problems in Asian production (pollution containment, labor unions, working conditions, concurrence...)? “It is certain that working conditions are really hard and that the unionization is beginning to set up today in China.

“Possono essere considerati ancora emergenti – spiegano dal Wanxing export department (multinazionale Taieanese con sede anche in Cina, Indonesia, Vietnam e Europa - Vietnam (dove c’è l’ottavo consumo pro-capite di piastrelle al mondo, con una crescita del 10 per cento all’anno, come accade anche in Malaysia), Indonesia e Bangladesh, India, anche se in generale sono già realtà affermate produttivamente parlando”. Qual è il livello tecnologico e di conoscenza del prodotto ceramico nei paesi asiatici? “Sono paesi talmente estesi che come in tutti gli altri campi anche nella produzione ceramica vivono anche grandi contraddizioni. In Cina puoi trovare lo stabilimento supermoderno così come quello estremamente fatiscente, ma è indubbio che sia ormai il primo mercato per macchine digitali acquistate e che anche l’India sia una realtà importante sotto questo punto di vista. Questo ovviamente contribuirà ad elevare il livello estetico del prodotto facilitandone la realizzazione”. “Il livello di conoscenza – spiega Nicola Debbia, sales manager per Unicom Starker – varia molto da paese a paese, ma in generale nell’estremo oriente lo trovo alto, come anche in Australia. Trovo personale informato e preparato. Paradossalmente è in alcune zone d’Europa che trovo scarsa conoscenza in materia ceramica, specialmente in Inghilterra”. Quali sono i canali di vendita del prodotto ceramico prevalenti? “Il prodotto locale è più legato ai cantieri e a grandi distribuzioni locali. Poi ci sono grandi clienti con tante sale mostra e distribuzione capillare, oppure clienti che lavorano solamente con architetti per progetti specifici”. Quali sono le problematiche emergenti nella produzione asiatica (contenimento degli inquinanti, sindacalizzazione, condizioni di lavoro, concorrenza...)? “Certamente le condizioni di lavoro sono molto dure e la sindacalizzazione inizia ad attestarsi adesso in Cina.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

“We

63


The same can be said for the pollution: in China there are certified companies as well as companies really retarded under the environmental point of view, and we do not know about the other Asian realities. Which are the reports with European and Italian ceramic? Concurrence, comparisons, technological exchange... “Specially in the Chinese case, we have a big concurrence, as we know well, also because it is better and better served regarding plants and design, therefore the

Lo stesso vale per l’inquinamento: in Cina ci sono aziende certificate così come aziende molto arretrate dal punto di vista ambientale, non sappiamo per le altre realtà asiatiche. Quali sono i rapporti con la ceramica europea e italiana? Concorrenza, confronto, scambio tecnologico... “Soprattutto nel caso della Cina grande concorrenza, come sappiamo bene anche perchè è servita sempre meglio per quel che riguarda impianti, grafiche e quindi

Show room Singapore

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

distance between our and their products is getting thinner, all the more since we have digital machines. China has already began to contend markets with European producers, Italy too. In the case of other countries we can consider emergent, they are still linked to the inner request, but it would be better not let them find ourselves too much disorganized”. “On figures – Nicola Debbia explains – the Europe, with Germany and France in the lead, is still at the first place, referring to the number of square meters purchased. The difference is that the amount moved from Asia seem more sizable due to the shipment via container, but the volume that France and Germany move day by day, also 64

la distanza tra i nostri e i loro prodotti si assottiglia sempre più, tanto più da quando ci sono le macchine digitali. La Cina ha già cominciato a contendere mercati ai produttori europei, Italia compresa. Nel caso di altri paesi che possiamo considerare emergenti sono ancora legati alla richiesta interna, ma sarebbe meglio non farsi trovare troppo impreparati”. “Numeri alla mano – spiega Nicola Debbia - l’Europa con in testa Francia e Germania rimane di gran lunga la numero uno in materia di mq acquistati. La differenza è che i volumi spostati dall’Asia sembrano molto più concistenti per via di spedizione via containers, ma il volume che Francia e Germania muovono giorno per giorno


and mainly with small quantities, is almost four or five times bigger. Lately, also thanks to the Anti Dumping European measures, Chinese concurrence has considerably declined, it is still there, but less annoying. If confronted with a few years ago, as ceramic producers, in the Far East and Australia, Chinese material has became the main protagonist, only crumbs are left for us. As far as residences are concerned, today almost everything is in China’s hands, apart from houses or villas of rich people which ask specifically the maid in Italy. What saves us are big projects (Malls, airports, skyscrapers of a certain relevance): here many times architects underline the fact that they want Italian materials, and only that”. Under the aesthetic point of view, which are the differences and how much can we consider them limits in the confrontation between too much different cultures? “I think that cultural differences have a little incidence. The requested product, in the Far East as much as in Russia, is richer than ours, colored, shiny. The presence of gold in the design, as an example, is always widely accepted”.

anche e soprattutto con piccole quantità è circa quattro, cinque volte maggiore. Ultimamente, grazie anche alle misure Anti Dumping in Europa la concorrenza Cinese è calata molto, c’è ancora ma dà meno fastidio. Rispetto a qualche anno fa, come produttori di ceramica, in estremo oriente ed Australia il materiale cinese la fa da padrona, a noi europei sono rimaste le briciole. Per quanto riguarda il residenziale ormai è quasi tutto in mano alla Cina, a parte case o ville di ricchi che vogliono specificamente il made in Italy. Quello che ci salva sono i grandi progetti (centri commerciali, aeroporti, grattacieli di un certo spessore): qui molte volte gli architetti specificano materiale Italiano e vogliono solo ed esclusivamente quello”. Dal punto di vista estetico infine, quali differenze e quanto sono da considerare limiti di confronto fra culture troppo differenti? “A mio avviso le differenze culturali incidono poco. Il prodotto richiesto, in estremo oriente come succede anche un po’ in Russia, è più ricco del nostro, colorato, luccicante. La presenza di oro nei decori per esempio è sempre molto ben accetta”.

Digital technology exhibition, Asia 65


SOME MORE NUMBER Vietnam, the novelty

QUALCHE NUMERO IN PIU’ Vietnam, la novità

Vietnam,

with its 90 millions inhabitants, is considered an emerging country: the big dinamism of its economy, together with a young working force, relatively well educated and cheap, make Vietnam an investment destination particularly interesting. Other important attractions are represented by the fiscal facilitations conceded to companies, by the durable political and social stability and by the significant dimensions of the inner market. Under other points of view, Vietnam is still an environment where it is not easy to insert for the investors, who are still obliged to manoeuvre between complex and opaque administration procedures. The violations of intellectual ownership – explains the Institute for foreign trade – are frequent and the execution of judiciary sentences in that field, theoretically possible, is still problematic. Finally, the infrastructures system, which is still little developed in comparison to the region’s main countries, the difficulties in accessing to the ground and the high costs of shipments and telecommunications (the latter, anyway, are rising fast and are smaller than in other countries of the area), contribute in a further reduction of Vietnam potentialities as investment goal.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Hanoi_Vietnam

66

Wanxing factory, Foshan, China

Il Vietnam, con i suoi 90 milioni di abitanti, è fra i paesi considerati emergenti: la grande dinamicità dell’economia, assieme ad una forza lavoro giovane, relativamente bene istruita e a buon mercato fanno del Vietnam una destinazione di investimento particolarmente interessante. Altri importanti elementi di attrattiva sono rappresentati dalle agevolazioni fiscali concesse alle imprese, dalla duratura stabilità politica e sociale e dalle significative dimensioni del mercato interno. Per altri versi il Vietnam rimane un ambiente di non facile inserimento per gli investitori, tuttora costretti a destreggiarsi tra procedure amministrative complesse ed opache. Le violazioni della proprietà intellettuale – spiega l’Istituto per il commercio estero - sono frequenti e l’esecuzione di sentenze giudiziarie in materia, possibile in linea teorica, rimane problematica. Infine, il sistema di infrastrutture ancora poco sviluppato rispetto ai principali paesi della regione, le difficoltà di accesso alla terra e gli alti costi delle spedizioni e delle telecomunicazioni (i secondi però in via di rapida discesa e minori che in altri paesi dell’area) contribuiscono a diminuire ulteriormente le potenzialità del Vietnam quale meta di investimento.


INDONESIA, ANOTHER COLOSSUS INDONESIA, UN ALTRO COLOSSO

5 millions square kilometers of surface and 235 millions inhabitants, is now far more that emergent. The Country has tried, during the last year, to be less and less subject to the agriculture and mineral sectors, preferring the manufactures’ sector. In 2008 the manufacture sector has represented the 27,9% of the GDP. The manufactures industry imports the highest part of the machinery necessary to the production and Italy happens to be one go the bigger supplier. Indonesian manufactures industry is investing in new technologies, aiming at improving the quality of their production chains. The projects of investments in infrastructures are concentrated in Giava, Sumatra and Bali, areas with the higher population density. The real estate sector is constantly growing, but it has gone through the big 1997 crisis, when it suffered a contraction of the 36,4%, which has still got a big weight. The collapse of good’s request has deeply penalized both producers of goods which could substitute import and exporters. The sector did progressively reprise, with an annual growth of 7,7% during the last five years.

L’Indonesia, 5 milioni di kmq di superficie e 235 milioni di abitanti, è ormai ben più che emergente. Il Paese ha cercato nel corso degli ultimi anni di dipendere sempre meno dal settore agricolo e minerario privilegiando lo sviluppo del settore manifatturiero. Nel 2008 il settore manifatturiero ha rappresentato il 27,9% del PIL. L’industria manifatturiera importa la maggior parte dei macchinari necessari alla produzione, L’Italia risulta essere uno dei maggiori fornitori. L’Industria manifatturiera indonesiana investe in nuove tecnologie al fine di migliorare il livello qualitativo delle proprie filiere produttive. I progetti di investimento infrastrutturale si concentrano nella maggior parte dei casi a Giava, Sumatra e Bali, zone di maggiore densità di popolazione. Il settore immobiliare è in costante crescita ma viene dalla grande crisi del 1997, quando subì una contrazione del 36,4% che pesa tutt’oggi. Il collasso della domanda di beni ha pesantemente penalizzato sia i produttori di beni sostitutivi dell’import sia gli esportatori. Il settore si è ripreso successivamente, facendo registrare una crescita media annua del 7,7% durante gli ultimi cinque anni.

Show Room Wanxing, Thailand

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Indonesia,

67


INDIA, WORLD’S REFERRING POINT INDIA, PUNTO DI RIFERIMENTO MONDIALE

India,

finally, is today a world’s referring point: 3.287 millions square kilometers, more than a billion inhabitants. Even though the main economy source is still the agriculture, the industrial production index has has a progressively increasing starting from the 2002/2003, with annual increases which have overtaken the 11 per cent. The manufactures sector has registered a high growth, despite the shortages in the Countries’ infrastructures, in particular in the sector of street transports, harbors, electrical energy which are considered the main dark horse and challenge for the maintenance of actual industrial growth rhythms. Under a governance point of view, the eleventh development plan, concluded in 2012, did promote investments for 300 billion euros in the infrastructures sector (also by means of the Public-Private Partnerships formula). The branch of machinery takes place in those where has been longer evidently India’s dependence from abroad, with trade gaps which have reached in the 2000s a overall value of 10 per cent. Between the concurrent, the principal which have been indicated by a Ice studio are Japan and Germany.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Industrial Area, Foshan, China

68

Show Room Singapore

L’India infine, ormai un punto di riferimento mondiale: 3 milioni e 287 mila kmq, oltre un miliardo di abitanti. Anche se la fonte principale dell’economia resta l’agricoltura, l’indice di produzione industriale ha avuto un andamento progressivamente crescente a partire dal 2002/2003, con incrementi annui che hanno superato anche l’11 per cento. Il settore manifatturiero ha registrato una robusta crescita, nonostante le notevoli deficienze infrastrutturali del Paese, in particolare nel settore dei trasporti stradali, dei porti, dell’energia elettrica, che vengono considerati la principale incognita e sfida per il mantenimento degli attuali ritmi di crescita industriale. A livello governativo, l’undicesimo piano di sviluppo concluso nel 2012 ha promosso investimenti per oltre 300 miliardi di euro nel settore infrastrutturale (anche attraverso la formula delle Public–Private Partnerships). Il comparto dei macchinari si pone tra quelli dove più è stata a lungo evidente la dipendenza dall’estero dell’India, con disavanzi commerciali consistenti che hanno raggiunto negli anni duemila un valore complessivo di quasi 2 miliardi di dollari. Le importazioni dall’Italia si attestano in questo ambito sopra il 10 per cento. Fra i concorrenti, i principali indicati da uno studio dell’Ice, sono Giappone e Germania.


EMERGING PEOPLE

INNOVATORI DA SEMPRE

YOU CAN’T NOTICE EXCELLENCIES, BUT THEY HAVE A HUGE WEIGHT

LE ECCELLENZE CHE NON SI NOTANO MA PESANO

Three different excellencies in sectors linked to the ceramics and, by evidence, fundamental. The world of tiles does neither consist only of big plant-producers nor only of the big producers of the world’s most known ceramic. There are a lot of phases in the chain, a lot of lairs in which excelling means bring advantages to everyone, the customer, the work, the economy of the whole sector. That’s the case of the three factories here analyzed and interviewed. All stories of little or medium initiatives, all from Sassuolo’s ceramic district. Moulds, cutting, afterpress movement. Who can deal, even today with brand new digital technologies, with a launched automation, without these services? Almost nobody. And it is also in these fields that we can notice the excellence. Because also these products have and have had their gold and their black periods, booms and crisis, also here we have felt the economical crisis. But researching, projecting, innovating, those have remained the key words which enabled these producers to raise again. Moulds have always been there and Gape Due produces them since they were daily bread for ceramics. Today they have become small computer which keep a unvarying pressure even on sheets of a square meter, production has expanded, then it reduced itself, then it started back again, but still today there is the needing of Gape Due’s moulds. The cutting by Bmr is the evolution of those techniques’ boom, which did produced an income of little workshops, then sacrificed onto crisis’ altar.

Tre diverse eccellenze di settori legati alla ceramica e, con evidenza, irrinunciabili. Il mondo della piastrella non è fatto solo di grandi impiantisti né soltanto di grandi produttori della ceramica più rinomata del mondo. Ci sono tante fasi nella filiera, tante nicchie in cui eccellere significa procurare vantaggi a tutti, al cliente, al lavoro, all’economia dell’intero settore. È il caso delle tre aziende qui analizzate e intervistate. Tutte storie di piccola e media intraprendenza, tutte del comprensorio ceramico sassolese. Stampi, taglio, movimentazioni post-pressa. Chi può fare a meno, anche oggi con le nuovissime tecnologie digitali, con l’automazione spinta, di questi servizi? Quasi nessuno. Ed è anche in questi ambiti che si vede l’eccellenza. Perché anche questi prodotti hanno e hanno avuto i loro alti e bassi, i momenti di boom e quelli di crisi, anche qui si è sentita la crisi economica. Ma ricercare, progettare, innovare, sono rimaste le parole d’ordine che hanno permesso a questi produttori di rilanciare ancora. Gli stampi ci sono sempre stati e Gape Due li produce da quando erano pane quotidiano delle ceramiche. Oggi sono diventati piccoli computer che mantengono la pressione uniforme anche su lastre di un metro, la produzione si è espansa, poi si è ridotta ed è ripartita, ma degli stampi Gape Due c’è bisogno anche oggi. Il taglio a cura di Bmr è l’evoluzione del boom di queste tecniche, che aveva prodotto un indotto di piccolissimi laboratori, poi sacrificati sull’altare della crisi.

Tre aziende che fanno la differenza nei rispettivi settori a favore di tutta l’industria ceramica

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Three companies which make the difference in their own sectors, for the benefit of the whole ceramic industry.

69


EMERGING PEOPLE

But there is still the needing of the cutting. And there is also the necessity of who produces today machines to be installed into manufactures, for this and other making (from squaring to lapping), necessity which is testified by Bmr’s exceptional results, both under an expansion of the production point of view and in terms of plants. Tecnomec Borghi is even more peculiar, for he did basically create its craft, intervening in the delicate moving of tiles after the pressing. Raw product, which risks wreckage and which needs, according to the situations, different contribution for drying it, moving it, turning it, brushing it. You can do this with complex movements and plants or with systems which simplify, speed and optimize the process. In this field works Tecnomec Borghi, showing how much can be saved and earned from a few and crucial actions on a few meters of a production line which is hundreds long. Who knows how many other factories like these exist, excelling in their specific craft and sector, which does the good for a whole industry. The aim is to find, interview and present them also in the future.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Ma del taglio c’è ancora bisogno e di chi oggi produce macchine da installare nelle aziende produttrici, per questa e altre lavorazioni (dalla squadratura alla lappatura) c’è necessità, testimoniata dagli eccezionali risultati di BMR, in espansione non solo produttiva ma anche in termini di stabilimenti. Tecnomec Borghi è ancora più particolare perché il mestiere in pratica se l’è inventato, andando a intervenire nella delicata movimentazione delle piastrelle dopo la pressatura. Prodotto crudo, a rischio rottura, che necessita, secondo i casi, di diversi apporti per asciugarlo, spostarlo, girarlo, spazzolarlo. Lo si può fare con movimenti e impianti complessi o sistemi che semplificano, velocizzano, ottimizzano il processo. In questo interviene Tecnomec Borghi, a mostrare quanto si può risparmiare e ricavare da pochi determinanti interventi su pochi metri di una linea di produzione che ne misura centinaia. Come queste chissà quante altre aziende esistono, eccellenti nel loro specifico lavoro e settore, che fa bene a un’industria intera. L’intento è quello di scovarle, intervistarle, presentarle anche in futuro. 70

INTERVIEW >>>


BMR, AVANT-GARDE CUTTING SYSTEMS End-of-line systems exported worldwide

BMR, L’AVANGUARDIA NEL TAGLIO Impianti per il fine linea esportati in tutto il mondo

Paolo Sassi, Chairman of BMR Abbiamo chiesto a Paolo Sassi, Presidente dell’azienda, se c’è stato un momento in cui il taglio e le lavorazioni di fine linea, dopo un autentico boom, sembrassero scomparse. “Inizialmente questo tipo di lavorazione era svolto all’esterno, portando conseguentemente alla nascita di tante piccole e piccolissime imprese di taglio che lavoravano conto terzi. Poi le aziende ceramiche hanno cominciato a introdurre queste tecnologie all’interno dei propri stabilimenti, mettendo in difficoltà i piccoli terzisti ma contribuendo decisamente allo sviluppo dell’impiantistica. Oggi sono tante le lastre prodotte in grande formato e tagliate successivamente, basti pensare ai listelli finto legno. Inoltre, le grandi lastre richiedono diverse lavorazioni: possono essere lappate, tagliate, rettificate, tutte operazioni

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

We asked Paolo Sassi, Chairman of the company, if there was ever a moment, after the boom, when cutting and end-of-line processing showed signs of disappearing. “Initially this type of processing was outsourced, which resulted in the establishment of many small and very small cutting companies that worked as contractors. Then the ceramic tile companies started to introduce these technologies in their factories, causing problems to small contractors, but at the same time contributing significantly to the development of the systems. Today many slabs are produced in large formats and then cut at a second stage, for example fake wood listels. In addition large slabs require different types of processing: they can be lapped, cut and rectified, all operations that

71


INTERVIEW TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

72

can be carried out with systems manufactured by BMR” Is there competition in this field? How do you tackle it? “Competition is mainly based in the Far East due to the Chinese industry and their low costs. Otherwise we have a very broad and satisfying market. Many of our processes are carried out in-house, such as assembly and testing; we also have a large number of serious and competent suppliers. What are the most required technologies? Do you have any new products underway? “It is a good moment for lapping, but above all for cutting and squaring technologies, for which there is a great demand. Cutting has never disappeared, in fact, today it is also a practical way of producing decorative items and this requires high level technology. BMR is also greatly committed to the production of a green oriented system: we have produced dry technology squaring lines for double fired and white body porous single fired products and in general for less hard materials. This is an innovative processing technique that is very important in environmental terms as it reduces water consumption and offers great benefits also for the companies: it not only eliminates the water absorption problem in the case of porous material, but also eliminates the need for driers after processing; this system also extends the lifetime of the machine, making it more reliable and reducing the management costs. This type of technology can be applied to the cutting and squaring processes. Water is still necessary for the lapping process, but the result is in any case significant. The squaring line is also being used for new and interesting tests on porcelain stoneware: we plan to present the prototypes at Tecnargilla. At Tecnargilla we also hope to bring the results of our first tests on the treatment of tiles after lapping: this is a field related to the end-of-line sector which we are looking into with great interest”.

che si eseguono con gli impianti realizzati da BMR”. C’è concorrenza in questo settore? E come la affrontate? “La concorrenza è presente soprattutto in Estremo Oriente a causa dell’industria cinese e dei loro bassi costi. Per il resto abbiamo un mercato molto ampio e soddisfacente. Molte delle nostre lavorazioni vengono effettuate all’interno dell’azienda, come il montaggio e il collaudo; inoltre abbiamo un indotto importante di fornitori seri e competenti. Quali sono le tecnologie più richieste e le possibili novità? “Lappatura, ma soprattutto taglio e squadratura, stanno vivendo una stagione molto felice con tanta richiesta. Il taglio non è mai scomparso, anzi, ad oggi è anche un modo pratico per realizzare gli elementi decorativi e questo richiede una tecnologia di alto livello. BMR è inoltre impegnata anche nella produzione di un’impiantistica green oriented: abbiamo realizzato linee di squadratura per monoporosa, bicottura e, in generale, per i materiali meno duri con tecnologia a secco. Si tratta di una lavorazione innovativa molto importante per il rispetto dell’ambiente, poiché riduce il consumo idrico, e comporta notevoli vantaggi anche per le imprese: oltre ad eliminare il problema dell’assorbimento dell’acqua per i materiali porosi, rimuove la necessità degli essiccatoi successivi alla lavorazione e rende la macchina stessa molto più duratura e affidabile, riducendo notevolmente i costi di gestione. Questo tipo di tecnologia è applicabile ai processi di taglio e squadratura. Per la lappatura l’acqua resta necessaria, ma il risultato è comunque notevole. La linea di squadratura è anche oggetto di nuove ed interessanti prove che riguardano la lavorazione del gres porcellanato: dovremmo presentare i prototipi al Tecnargilla. Inoltre, sempre a Tecnargilla pensiamo di riuscire a portare i risultati delle nostre prime prove su trattamenti delle piastrelle post-lappatura: un ambito


sempre inerente il settore del fine linea che stiamo approfondendo con molto interesse”. Come vivete il Tecnargilla, quanto è importante per voi? “Il Tecnargilla è senza alcun dubbio la fiera di riferimento per il nostro settore a livello internazionale. La partecipazione è per noi di primaria importanza non tanto per le vendite che possono avvenire sul posto, ma soprattutto per la visibilità e il confronto che genera. È l’occasione per avere una visione d’insieme sulle novità e sui prodotti, per parlare con i clienti così come con i colleghi, generando stimoli sempre nuovi e necessari al settore. La kermesse di Rimini è riuscita a restare un punto solido di riferimento per l’impiantistica ceramica di tutto il mondo. A mio parere, credo che nel giro di pochi anni rimarrà una delle poche fiere in grado di rappresentare l’avanguardia tecnologica mondiale della ceramica, insieme all’appuntamento di Canton, in Cina”. Come ha affrontato la crisi BMR? “Abbiamo subito un calo di fatturato importante nel 2008 che abbiamo cercato di affrontare con consapevolezza e siamo riusciti ad evitare riduzioni di orari, licenziamenti o cassa integrazione. Le conseguenze delle perdite si sono fatte sentire per un po’ di tempo, ma negli ultimi due anni posso dire che siamo tornati alla normalità. Speriamo che si mantenga questo trend, ma dobbiamo renderci conto che ormai i mutamenti sono molto rapidi e i mercati sempre più altalenanti”. Quali sono i Paesi di riferimento per la vostra attività? “Lavoriamo molto con l’Italia, che assorbe il 45 % della nostra produzione. Il resto va principalmente in Europa, ma siamo molto presenti in Sud America, Nord Africa e Medio Oriente, mentre l’Estremo Oriente resta il più difficile a causa della concorrenza cinese. Fra i mercati emergenti, almeno per noi, indico il Brasile, che non è una novità, e l’Iran, un Paese dalle elevate potenzialità anche se ora è limitato dall’embargo”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

What do you think about Tecnargilla? How important is it for you? “Tecnargilla is without a doubt the leading trade fair for our industry at international level. It is of primary importance for us to take part, not so much for the sales that we might make, but above all for the visibility it offers and the opportunity to exchange ideas. This is an occasion to get an overview of the new products, to talk with customers and colleagues, generating new stimuli which are necessary in this sector. The event in Rimini is a solid point of reference at international level for ceramic tile systems. I believe that in a few years this will be one of the few trade fairs that will showcase international cutting edge technology for the ceramic tile sector, together with the fair in Canton, China”. How has BMR tackled the crisis? “We suffered a major drop in sales in 2008, which we tried to tackle conscientiously and we managed to avoid reductions in hours, dismissals or layoffs. We felt the consequences of the losses for a while, but in the last two years I can say that we are back to normal. We hope that this trend will continue, but we must also realise that nowadays things change very quickly and the markets are increasingly characterised by ups and downs. Which are the countries with which you mainly do business? “We work a lot in Italy, which takes up 45% of our production. The rest is mainly sold in Europe, but we are also very present in South America, North Africa and Middle East; the situation is more difficult in the Far East due to the Chinese competitors. Among the emerging market, as far as we are concerned Brazil is interesting, which isn’t something new, and also Iran, a country with great potential even though at the moment it is restricted by the embargo”.

73


BEYOND RECESSION WITH GAPE DUE MOULDS Continuous research and development toward big formats

OLTRE LA CRISI CON GLI STAMPI GAPE DUE

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

INTERVIEW

Ricerca e sviluppo continui in direzione dei grandi formati

74

Gape Due is approaching its fiftieth anniversary: it began its activity in the ceramic district 47 years ago and the adventure is anything but over. Its presence at the 2014 Tecnargilla testifies this: innovation in still coming through here, one of the companies which made the hystory of ceramic, providing a precious contribute to the realization of tiles, staying abreast with the innovations of the sector. “We started – remembers Michele Gatti, the owner – when we were very young, as happened for many people in that period when building a company was easier on one hand and more adventurous on the other. I began from a professional school, then I worked for five years in a Marazzi workshop, where they realized the moulds. At the age of 22, with a colleague, I have decided to start our own business. It was 1966. We have left a safe place and started again from my house’s garage. At first, we have been helped by a big local laboratory which commissioned us the work, but at that period there was a lot of it, the activity developed fast. We have worked for third parties for mechanic’s workshops, then at a certain point we moved to direct contacts with ceramics companies. Then, the company began to grow, our first depot was 250 meters. We intercepted the period of maximum expansion of this industry, almost every month a new ceramic was founded, and it needed stamps, there was the necessity of producing and with very high edges. So, since the beginning we got a lot of work, well payed. We did progressively increase: 500 meters, then a thousand. In 1980 we have built the actual seat in Via Regina Pacis, launched in 1981. We have also opened another one in Formigine, which become victim of the crisis, we have closed it in 2009 moving everything in Sassuolo, without leaving any people at home.

Gape Due si avvicina al suo cinquantesimo anniversario: ha cominciato la sua attività nel comprensorio ceramico 47 anni fa e l’avventura è tutt’altro che finita. La presenza al Tecnargilla 2014 lo testimonia, l’innovazione passa ancora da qui, da una delle aziende che hanno fatto la storia della ceramica, fornendo un contributo prezioso alla realizzazione delle piastrelle, restando al passo con le innovazioni del settore. “Siamo partiti – ricorda Michele Gatti, il titolare – da giovanissimi, come accadeva per tanti in quel periodo in cui mettere in piedi un’impresa era per certi versi più facile e per altri più avventuroso. Ho cominciato da una scuola professionale, poi ho lavorato per cinque anni in un’officina Marazzi dove si realizzavano gli stampi. A 22 anni insieme a un collega abbiamo deciso di metterci in proprio, era il 1966. Abbiamo lasciato il posto sicuro per ripartire dal garage di casa mia. Siamo stati aiutati inizialmente da una grossa officina locale che ci ha commissionato il lavoro, ma a quel tempo ce n’era tanto, l’attività si è sviluppata in fretta. Abbiamo lavorato in conto terzi per le officine meccaniche, poi a un certo punto ci siamo messi in contatto diretto con le aziende ceramiche. Da lì l’azienda ha cominciato a crescere, il primo capannone era di 250 metri. Abbiamo intercettato il periodo di massima espansione di questa industria, praticamente ogni mese nasceva una ceramica nuova che aveva bisogno di stampi, c’era necessità di produrre e i margini erano elevati. Quindi fin dalla partenza ci siamo trovati con tantissimo lavoro ben remunerato. Ci siamo progressivamente ingranditi: 500 metri, poi mille. Nel 1980 abbiamo costruitola sede attuale in via Regina Pacis, inaugurata nel 1981. Ne abbiamo anche aperta un’altra a Formigine, che è rimasta vittima della crisi, l’abbiamo chiusa nel 2009 trasferendo tutto a Sassuolo, senza lasciare a casa neanche una persona.


Michele Gatti, Gape Due Chairman Stiamo un po’ più stretti ma aspettiamo la ripresa e continuiamo a lavorare”. Oggi Gape Due impiega circa 70 persone e realizza fino a 15mila pezzi l’anno. L’inizio è di quelli classici e travolgenti del nostro comprensorio. Ma oggi? “Di stampi l’industria ceramica ha sempre bisogno, lavoriamo in un settore che pur avendo conosciuto la crisi ha mantenuto una vasta clientela. È vero però che innovazioni tecnologiche quali Lamina della System o Continua della Sacmi, permettono di eliminare anche la necessità degli stampi. E altri sviluppi che potrebbero metterci in difficoltà sono all’orizzonte. La decorazione digitale per esempio, non ci ha ancora toccato, ma le nuove macchine che sembrano in grado di applicare smalti e creare

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

We are more in a little space, but we wait for the upswing and we keep on working”. Today Gape Due employes almost 70 people and realized up to 15 thousands of peaces per year. The beginning is one of the classic and overwhelming ones of our district. But today? “The ceramic industry is always needing moulds, we are working in a sector which, even if it has gone into crisis, has kept a wide clientele. It is true, however, that technological innovations such as Lamina of System or Sacmi’s Continua, allow to avoid also the necessity of moulds. And other developments which could cause difficulties to us are on the horizon. Digital decoration, as an example, has not yet touched us, but the new machines, which seem

75


INTERVIEW TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

76

able to apply glazes and create structures, can make moulds less necessary. We start from gypsum structures realized from ateliers, designer, artists. The digitalization of structures could bring away work from us, but above all from our satellite activities, which consists of creatives. We don’t know if these technologies will become established and how much, but we are always at the avant-garde, we did not ever neglect technological improvement and we have anyway a worldwide market, therefore I believe that all around the world there will be the needing of molds for a long period again”. Moulds which are no longer the ones of years ago, you needed to study a lot: “Of course they developed, above all due to the passage to big formats. Years ago there were little sizes, moulds were rather standardize, they were moved by hand. Today we realize moulds with a size of 2,5 meters and multi-output. The research and development are decisive: the moulds is no more mechanic, by now, it is a sophisticated machine which has to guarantee the uniformity in pressing to products with a big surface”. From here on, how will develop the technology for enamels, in your opinion? “The Big format will remain the priority and the tendency also for tomorrow. I remember when it seemed crazy to think about 60x60 tiles, now they are practically the standard measure and we reach also a meter per side. I believe that everyone is going in this direction and only the companies which invested in technologies and innovation will be able to answer to the needs of markets, the others will fight only for the prices. The crisis, moreover, did emphasize this tendency”. The crisis, indeed. Do you see it still going on, overtaken or in reversion? “Today we see positive signals, we went through three really difficult years from 2009 to 2012. In 2009 everything did stop, there were no more requests nor work.

strutture potrebbero ancora una volta rendere meno necessari gli stampi. Noi partiamo da gessi realizzati da studi, designer, artisti, la digitalizzazione delle strutture potrebbe portare via lavoro a noi ma soprattutto al nostro indotto fatto appunto di creativi. Non sappiamo se queste tecnologie prenderanno piede e quanto, ma noi siamo sempre all’avanguardia, non abbiamo mai trascurato il progresso tecnologico e abbiamo comunque un mercato mondiale, perciò credo che ancora per molto tempo in giro per il mondo ci sarà bisogno di stampi”. Stampi che non sono più quelli di una volta, avete dovuto studiare parecchio: “Certamente si sono evoluti, soprattutto a causa del passaggio a grandi formati. Una volta c’erano misure piccole, gli stampi erano abbastanza standardizzati, si muovevano a mano. Oggi si arriva a realizzare stampi multi uscita da 2,5 metri. La ricerca e lo sviluppo sono determinanti: lo stampo non è più meccanico, ormai, è una macchina sofisticata che deve garantire uniformità di pressatura a prodotti di grande superficie”. Da qui in avanti come si svilupperà la tecnologia per gli stampi secondo voi? “Il formato grande resta la priorità e la tendenza anche di domani. Ricordo quando sembrava assurdo pensare a piastrelle 60x60, adesso sono praticamente la misura standard e si arriva anche a un metro di lato. Credo che tutti vadano in questa direzione e solamente le aziende che hanno investito in tecnologie e innovazione sapranno rispondere alle esigenze del mercato, le altre combatteranno solo sul prezzo. La crisi fra l’altro ha accentuato questa tendenza”. La crisi, appunto. La vedete in corso, superata, in regressione? “Oggi vediamo segnali positivi, abbiamo attraversato un triennio veramente difficile dal 2009 al 2012. Nel 2009 addirittura si è bloccato tutto, non c’era più


Transferring mould

richiesta né lavoro. Nel 2013 le cose sono cambiate e si è vista una tendenza positiva, che sembra continuare nel 2014”. Cosa portate a questo Tecnargilla e come vivete la fiera di Rimini? “Le novità che porteremo in fiera restano segrete fino all’apertura, anche perché fino all’ultimo si studia, si prova e magari c’è la possibilità di portare ulteriori innovazioni. Per quanto riguarda Tecnargilla, non è il salone che ti fa vendere grandi quantità sul posto ovviamente, ma resta una delle vetrine mondiali più importanti per la tecnologia ceramica, è uno dei luoghi e delle occasioni in cui vengono a visitarti la maggior parte dei tuoi clienti e questo ci risparmia in effetti la necessità di andare a trovarli uno per uno in giro per il mondo. è ancora insostituibile e partecipiamo sempre con entusiasmo.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

In 2013 things changed and we have seen a positive tendency, which seems to continue in 2014”. What are you bringing to this Tecnargilla and how are you living Rimini’s event? “The innovations that we will bring to the exposition will remain secret until the opening, also because until the last moment we are studying, making tests and then there could also be the possibility to bring more innovations. As far as Tecnargilla is concerned, it is not the exposition which will make us sell huge quantities at the very moment, obviously, but it remains one of the more important worldwide windows for ceramic technologies, it is one of the places and the occasions where the biggest part of your clients comes to visit you and this spares us from the necessity of going and visiting them one by one all around the world. It is still irreplaceable and we are participating with enthusiasm”.

Isostatic punch 77


TECNOMEC BORGHI, LITTLE BIG IDEAS Handling and control systems that improve production efficiency and savings

TECNOMEC BORGHI, PICCOLE GRANDI IDEE

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

INTERVIEW

Sistemi di movimentazione e controllo che migliorano efficienza e risparmio nella produzione

78

Tecnomec Borghi was set up in 1976, began to be known in 1981 and since then has been creating, inventing, developing systems that optimise definite stages of ceramics production, with apparently small devices leading to very significant savings, efficiency and environmental sustainability. Gianfranco Borghi’s company specialises in tile handling on press output, in kiln and dryer loading and any type of handling and transport. “We set up to provide a service to out customers – Borghi explains – and little by little we became aware of the mistakes and dysfunctions in the plants on which we were working. Then we got the urge to construct and patent our own and that’s what we did, perfecting systems that require analysis and precision”. As a matter of fact we are dealing with still unfired tiles, that require in a certain sense delicate, and certainly exactly developed treatments. “The objective is not to produce primary machines such as Presses and kilns, but rather to provide the framework of the main plants, those intermediate stages where there can actually be great savings. Handling, in these specific phases, addresses this need and we are happy to be in a position to say that in many cases we have radically changed the way of doing certain things and conceiving certain types of movement on the line”. A few examples: intelligent systems that Uniform, Turn Over, Move, Level, Centre the pressed material in order to prevent Stoppages or Ruptures; brushes and blades that clean surfaces and remove the “burrs” left after the press; systems that Clean and dry the material within one metre. “We invent apparently small things, which we patent and then sell worldwide. The objective is always Product Improvement and Productivity Increase, cutting down scraps and related costs and energy consumption.

Tecnomec Borghi nasce nel 1976, comincia a farsi conoscere dal 1981 e da allora crea, inventa, elabora, sistemi che ottimizzano precise fasi della produzione ceramica, consentendo con accorgimenti apparentemente piccoli, risparmi molto consistenti, efficienza, rispetto ambientale. L’azienda di Gianfranco Borghi si è specializzata nella movimentazione delle piastrelle all’uscita della pressa, nel caricamento ai forni e agli essiccatoi e qualsiasi tipo di movimentazione e trasporto. “Siamo partiti per fornire un servizio ai clienti – spiega Borghi – e un po’ alla volta ci siamo resi conto degli errori e delle disfunzioni che presentavano gli impianti su cui lavoravamo. Allora ci è venuta la voglia di costruire e brevettare i nostri e così abbiamo fatto, perfezionando sistemi che richiedono studio e precisione”. Parliamo infatti della movimentazione di piastrelle ancora crude, che hanno bisogno di trattamenti in un certo senso delicati, certamente elaborati con esattezza. “L’obiettivo non è di realizzare macchine primarie Come Presse e Forni , ma di costituire il contorno agli impianti principali, quelle fasi intermedie in cui in realtà può esserci grande risparmio. Le movimentazioni, nelle specifiche fasi indicate, rispondono a questa esigenza e siamo contenti di poter dire che in molti casi abbiamo cambiato radicalmente il modo di fare certe cose e concepire certi tipi di movimento sulla linea”. Qualche esempio: sistemi intelligenti che Uniformano, Girano, Spostano, Pareggiano , Centrano, il materiale pressato in modo da evitare Fermate o rotture; spazzole e lame che puliscono le superfici e tolgono le “bave” rimaste dopo la pressa; sistemi che Puliscono e asciugano il materiale nello spazio di un metro. “Inventiamo cose apparentemente piccole, che brevettiamo e che poi vendiamo in tutto il mondo.


Gianfranco Borghi, Tecnomec Borghi’s Chairman L’obiettivo è sempre Il Miglioramento del Prodotto, e L’aumento della Produttività, l’abbattimento degli scarti e dei relativi costi e consumi energetici. Oltre ai sistemi di movimentazione elaboriamo anche molti elementi di controllo: degli spigoli, delle temperature, dell’integrità della piastrella, Misurazione, e prelievo staffette, tutti esami da fare prima della cottura, evitando di mandare nel forno pezzi mal riusciti da buttare. Forse è difficile immaginare quanto si risparmia evitando di sfornare pezzi difettosi, ma parliamo di cifre considerevoli”. In questo tipo di sistemi lo studio e la ricerca ovviamente non finiscono mai: “Una linea di produzione ceramica è lunga centinaia di metri, ci sono molti passaggi in cui uno studio accurato può produrre risparmi ed efficienza.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

In addition to handling systems, we also develop a number of control systems: of edges, temperature, tile integrity, Measurement, bracket pick-up: all checks to be performed before firing, thus avoiding to convey badly made pieces to the kiln that require scrapping. It is perhaps difficult to picture how much can be saved by avoiding to turn out faulty pieces, we are talking about significant figures here”. In this type of systems, research and development obviously never end: “A ceramics production line is hundreds of metres long, there are a great many steps where an accurate analysis can yield savings and efficiency. There can be a wide range of evolutions, such as tangential brushes that clean the tile taking little space

79


INTERVIEW TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

80

Fig. 1

Fig. 2

and requiring low maintenance; or automation such as the “Centra” motorised Guides and the “GCL” electronic jig that reduce line stoppages and the need for human intervention in moving materials. In many cases they are simple systems, which in my opinion are more difficult to be developed compared to complicated ones”. What are the novelties you are planning to show at Tecnargilla? “Two projects are devoted to line streamlining. One seeks to simplify the way tiles are guided, making any format change quicker, automatising a good portion of the process; the other is a new cleaning system with automatic adjustment. The third is instead a more complex IT project, but which in our opinion is very important: it is called ‘Drive your factory’, and controls the product from the initial moment until it is placed in the box, supporting continuous piece traceability. We are not talking about the usual checks made by all systems, but a program that assesses speed, stoppage times, number of pieces, in general measuring the efficiency of the production line at any time, allowing you to understand where the inefficiencies are and to take prompt action. I think this concept will be hard to promote to begin with on apparently already tightly controlled plants, but the system we have already fitted in a foreign factory tells us there is indeed plenty of scope for improvement in many points of the line”. What are your target markets and who are your competitors? “We sell a lot in Italy although our systems reach facilities worldwide through the large plant producers that we make them for, but we also directly sell a large share of our production. With regards to the competition, it exists in any sector, including ours, and it is strong as well, but most of our products are original and covered by patents, therefore

Le evoluzioni possono essere molteplici, per esempio, spazzole tangenziali che puliscono la piastrella impiegando poco spazio e richiedendo bassa manutenzione; oppure automazioni come le Guide motorizzate “Centra’’ e il Girello elettronico “CL’’ che riducano le fermate della linea e l’esigenza dell’intervento umano nello spostamento dei materiali. In molti casi si tratta di impianti semplici, che a mio parere sono più difficili da concepire rispetto a quelli complicati”. Quali sono le novità che prevedete di mettere in mostra a Tecnargilla? Due progetti sono dedicati a ottimizzazioni sulla linea. Uno vuole semplificare il modo di guidare le piastrelle, rendere più rapido qualunque cambio formato, automatizzando buona parte del processo; l’altro è un nuovo sistema di pulizia con regolazione automatica. Il terzo invece è un progetto informatico, più complesso, ma che giudichiamo molto importante: si chiama Drive your factory, guida la tua fabbrica, e controlla il prodotto dal momento iniziale fino alla messa in scatola, consentendo la tracciabilità continua del pezzo. Non parliamo dei soliti controlli effettuati da tutti i sistemi, ma di un programma che valuta velocità, tempi di fermata, numero di pezzi, in generale misura l’efficienza della linea produttiva in ogni momento, consente di capire dove ci sono inefficienze e di intervenire puntualmente. Credo che sia un concetto inizialmente difficile da promuovere su impianti apparentemente già molto controllati, ma l’impianto che abbiamo già montato in una fabbrica estera ci dice che esistono davvero molti margini di miglioramento in molti punti della linea”. Quali sono i vostri mercati di riferimento e quali i vostri concorrenti? “Vendiamo molto in Italia ma i nostri sistemi arrivano in realtà in tutto il mondo tramite i grandi produttori di impianti per cui li realizziamo, ma per una buona quota realizziamo e vendiamo anche direttamente.


Fig. 3

Fig. 1_ Roller for dishes kiln Fig. 2_ Dryer loader 5 floors Fig. 3_ Turbine “air blade”

Per quanto riguarda la concorrenza, c’è in ogni settore e quindi anche nel nostro , anche forte , ma per la maggior parte facciamo prodotti originali e anche coperti da brevetto, perciò c’è più margine di manovra e meno possibilità di imitazione”e puntiamo molto sul servizio. Ultima domanda: l’ambiente è spesso citato nelle vostre promozioni e pubblicità. Sembra di poter dire che ci tenete: “Questi sistemi vengono elaborati tenendo come criterio principale il risparmio economico ma anche quello dell’efficienza energetica, che ha come obiettivo non solo il contenimento dei costi ma anche, e per noi soprattutto, la sostenibilità ambientale determinata da una produzione che brucia meno energia. Ci crediamo davvero e lo teniamo sempre presente quando studiamo sistemi e miglioramenti”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

there is more leeway and less chance of imitation, plus we place a great emphasis on service”. Last question: the environment is often mentioned in your promotions and advertisements. It seems one can say that you care about it: “These systems are developed taking into account cost savings as well as energy efficiency as the main criteria, whose objective is not only containing costs but also, and especially for us, environmental sustainability brought about by a production that burns less energy. We strongly believe in it and we always bear it in mind when developing systems and improvements”.

Collector for large sizes Isostatic punchafter press 81



TECHNICAL NOTES Elisabetta Parsini MINER AL SRL – FORMIGINE (MO)

CALCINED ALUMINA SC 13

ALLUMINA CALCINATA SC 13

INTRODUCTION

INTRODUZIONE

SC 13 is a high quality alumina produced by ALCOA. Alumina is the result of hydrate alumina’s calcination between 1000 °C e 1300 °C. Depending to calcination’s grade, aluminas have different specific surface area (B.E.T.), sizes and primary crystal’s shape (this last one is also affected by the presence of oxides). High mechanical resistance, abrasion strength and whitening power allow many applications of these aluminas. Whitening power is very important in ceramic bodies, especially in porcelain gres body, to obtain the so-called “super white”. To obtain these effects could be also used other whitening additives, as micronized zirconium silicate, that are introduced in bodies in a percentage varying from 4% to 8%, depending of the color of the basic body. Generally, the introduction in a body of the same quantity of alumina as zirconium silicate doesn’t give the same whitening, but improves mechanical resistance and abrasion strength, and reduce the yellow tone. At the moment zirconium silicate has also the drawback of an high price.

SC 13 è un’allumina di alta qualità prodotta da Alcoa. L’allumina viene prodotta per calcinazione di allumina idrata ad una temperatura compresa tra i 1000 °C e i 1300 °C. A seconda del grado di calcinazione esistono diversi tipi di allumina che si differenziano per il valore della superficie specifica (B.E.T) e per dimensioni e forma del cristallo primario. La forma del cristallo primario è inoltre notevolmente influenzata dalla presenza di altri ossidi. L’allumina ha diverse applicazioni a causa delle sue caratteristiche di alta resistenza meccanica, elevata resistenza all’abrasione e azione sbiancante. Questa ultima proprietà viene utilizzata attualmente per addittivare gli impasti ceramici in particolare per gres porcellanato, per ottenere i cosiddetti “superbianchi”.

This alumina has a high content of Al2O3 99,3% and a very low percentage Fe2O3 and TiO2.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

TECHNICAL SPECIFICATION OF ALUMINA SC 13

A questo scopo possono essere utilizzati oltre all’allumina vari composti sbiancanti come ad esempio lo zirconio silicato micronizzato. Tali additivi sbiancanti vengono introdotti in percentuali variabili dal 4 al 8 % in base al colore dell’impasto base. In generale, l’allumina a parità di quantità aggiunta, non arriva ad eguagliare la bianchezza che si può ottenere con il silicato di zirconio ma occorre tener conto del fatto che la sua introduzione in un impasto migliora la resistenza meccanica e la resistenza all’abrasione e inoltre riduce il tono di giallo. Attualmente il silicato di zirconio presenta inoltre un notevole svantaggio dal punto di vista economico. 83


CARATTERIZZAZIONE DELL’ ALLUMINA SC 13

Typical chemical analysis Analisi chimica tipica

TECHNICAL NOTES

Al2O3 Na2O SiO2 Fe2O3 CaO

99.30 % 0.36 % 0.01 % 0.02 % 0.01 % Physical properties Proprietà fisiche BET (superficie specifica) 12.5 m2/g

Nella tabella 1 è riportata l’analisi chimica tipica di questa allumina completa del valore della superficie specifica (BET). Questa allumina presenta un contenuto di Al2O3 del 99,3% mentre la % degli ossidi cromofori è molto bassa ( Fe2O3 0,02% e TiO2 0,35%).

Tab 1: Typical Chemical Analysisand Physical Properties of Alumina SC 13 Tab 1: Analisi chimica tipica e proprietà fisiche dell’allumina SC 13

D25

D50

D75

65 µm

85 µm

110 µm

Tab 2: Particle size distribution of alumina SC 13 Tab 2: Granulometria dell’allumina SC 13

APPLICATIONS

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The low content of chromophore oxides, the constancy of properties and the B.E.T. of 13 m2/g, make alumina SC 13 right to be used as whitener in ceramic bodies and as additive in ceramic glazes. In ceramic bodies alumina SC 13 can be used in low quantities so the fusibility of the final product doesn’t change. SC 13 gives ceramic glazes high mechanical resistance, high viscosity and change optical properties: the B.E.T. gives matt effects.

Fig. 1: Allumina SC 13

84

Fig. 1: Allumina SC 13

In tabella 2 è indicata l’analisi granulometrica dell’allumina.

APPLICAZIONI Il basso contenuto di ossidi cromofori, unito ad una grande costanza delle proprietà e ad un B.E.T intorno a 13 m2/g, rendono l’allumina SC 13 particolarmente adatta all’uso come sbiancante in impasti e come additivo in smalti ceramici. L’elevata capacità sbiancante di questo tipo di allumina, già a percentuali molto basse è un dato importante perché permette di impiegarne la quantità minima nell’impasto e quindi di non avere variazioni nella fusibilità del prodotto finale. SC 13 può anche essere introdotta nella formulazione degli smalti non solo per renderli più viscosi o per conferire una maggiore resistenza meccanica, ma anche per modificarne le proprietà ottiche, in particolare il B.E.T di questa allumina consente di ottenere opacizzazioni e mattizzazioni.


Marco Dall’Aglio

DATA COLLECTION SYSTEM “BLUDATA”

SISTEMA DI RACCOLTA DATI “BLUDATA”

BluData is the dynamic and innovative data collection system born from many years of experience of Bluengineering about the supervision and control of ceramic processes, , in close collaboration with Serenissima Cir group. The idea of ​​adapting to an industrial production process a concept defined as “real-time monitoring of the production flow” already present for some years in the field of sports cars especially in terms of telemetry & auto-assistant, was born during the general restructuring plan of Rubiera production facility which took place mostly during the past 2013.

BluData è il sistema di raccolta dati innovativo e dinamico nato dall’esperienza pluriennale di Bluengineering nell’ambito della supervisione e del controllo dei processi ceramici, in stretta collaborazione con il gruppo Serenissima CIR. Durante il piano generale di ristrutturazione della sede produttiva di Rubiera, svoltasi in massima parte durante lo scorso 2013, nacque l’idea di adattare quanto già presente da qualche anno nel settore sportivo automobilistico, soprattutto in termini di telemetria & auto-assistant, ad un flusso produttivo industriale, inteso come “monitoraggio in tempo reale del flusso di produzione.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

BLUENGINEERING SRL – RUBIERA (RE)

85


TECHNICAL NOTES

Engineer Alessandro Berselli, technical director of the ceramic group Serenissma CIR and well acquainted with the advanced technologies used nowadays in the world of racing to control and support the cars as an avid and experienced sports car driver, launched the challenge to Bluengineering:

L’Ing. Alessandro Berselli direttore tecnico del gruppo ceramico Serenissma CIR che, in veste di appassionato ed esperto pilota di automobile sportive, ben conosce le avanzate tecnologie di supporto e monitoraggio utilizzate oggigiorno nel “racing”, ha lanciato la sfida a Bluengineering:

“We also must have a control of this kind, able to show in real time and in an immediately understandable way the status of production lines and the course of the different lots along their production paths, measuring also related energy consumption in order to get to the immediate knowledge of production costs split by items”. In other words a system that allows to have, as the Italians say, “the factory in the pocket.”

“dobbiamo avere anche noi un prodotto di questo tipo, capace di mostrare in tempo reale ed in modo immediatamente comprensibile lo stato delle linee produttive e l’andamento dei diversi lotti durante la produzione, conteggiando anche i consumi energetici al fine di arrivare alla conoscenza immediata dei costi produttivi suddivisi per articolo”. In altre parole serve uno sistema che permetta di avere “la fabbrica in tasca”.

A data collection system is a detailed and complex product which involves devices and resources from different levels of abstraction, and it’s designed to provide real-time and statistical monitoring of the production process. By interfacing with the sensors and devices on the field, and by processing information through sophisticated analysis algorithms, a data collection system is able to provide a view of the production reality monitored both istantaneous and wide radius. BluData develops and enhances this concept by providing a range of cutting-edge tools for the collection, analysis and presentation of data production, designed on purpose for the ceramic process. BluData is a customizable and extensible product, designed to fully adapt to end-user needs.

Bluengineering ha raccolto la sfida ed un team di ingegneri informatici ed elettronici, coadiuvati dai tecnici del CED – ICT aziendale, guidati dal dott. Giuseppe Iotti, ha iniziato a progettar e sviluppare questo innovativo progetto che oggi, a distanza di un anno, inizia a dare i suoi frutti. Così è nato il sistema di raccolta dati BluData, un prodotto software articolato e complesso che coinvolge dispositivi e risorse a diversi livelli di astrazione, finalizzato al monitoraggio statistico e in tempo reale del processo produttivo. Interfacciandosi con i diversi sistemi di automazione e controllo che compongono la linea di produzione ed elaborando le informazioni attraverso sofisticati algoritmi di analisi, questo sistema di raccolta dati è in grado di fornire un quadro sia istantaneo che ad ampio raggio della realtà produttiva monitorata. BluData sviluppa e arricchisce questo concetto fornendo una serie di strumenti all’avanguardia per la raccolta, l’analisi e la presentazione dei dati di produzione, studiati appositamente per il processo ceramico. Il prodotto è aperto alla personalizzabile ed estendibile ed è progettato per adattarsi completamente alle esigenze di chi lo usa.

BluData is divided into three different levels of processing Level 0: reading and saving production data Level 1: automatic processing of the collected data Level 2: presentation of data

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The lower level includes the routines and services which interface themselves with the hardware devices on the field; Data are collected in a fully automatic way directly from the production lines. BluData supports multiple simultaneous connections with many types of machinery, through the most popular communication protocols. Information is saved continuously, through the frequent sampling of the read data on the plant. 86

BluData si articola in tre diversi livelli di elaborazione Livello 0: lettura e salvataggio dei dati di produzione Livello 1: elaborazione automatica dei dati raccolti Livello 2: presentazione dei dati


The highest level is dedicated to the video presentation of the data collected, through a modern and extremely user-friendly interface. The presentation of data is achieved by the use of Web technology, in order to improve the user experience and make the product immediately accessible from any device connected to the network, without the need to install any additional software.

Il livello più basso comprende le routine e i servizi che si interfacciano con i dispositivi hardware presenti sul campo; i dati vengono raccolti in modo del tutto automatico direttamente dalle linee di produzione. BluData supporta connessioni multiple simultanee con numerosi tipi di macchinari, attraverso i più diffusi protocolli di comunicazione. Il salvataggio delle informazioni avviene di continuo, attraverso il campionamento frequente dei dati letti sull’impianto. Il livello intermedio consiste nell’insieme dei task e delle procedure automatiche che elaborano costantemente i dati raccolti, mettendoli in relazione con le informazioni di carattere gestionale fornite dal sistema informativo aziendale. Ad esempio un dato di produzione semplice letto sul campo (la PRESSA 1 ha battuto 100 volte nell’ultima ora), viene collegato con i dati relativi alla programmazione della produzione (nell’ultima ora è stato prodotto il lotto LOTTO_1 dell’articolo ABCDE) e con le informazioni fornite dalle anagrafiche aziendali (l’articolo ABCDE ha descrizione “LIGHT MARFIL” e formato 60X60) per ottenere un dato complesso che sia utile ai fini del monitoraggio della produzione (nell’ultima ora sulla linea servita dalla PRESSA 1 sono stati prodotti 36 mq dell’articolo ABCDE – LIGHT MARFIL, appartenenti al lotto di produzione LOTTO_1).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The intermediate level is the set of tasks and automatic procedures which process the data collected continuously, relating them with the information provided by the management system of the company. For example, a simple production data read from the field (the PRESS 1 beat 100 times in the last hour), is connected with the data from the production plan (the batch produced on line 1 is BATCH_1 for article ABCDE) and with the information provided by the business registries (the article ABCDE has description “LIGHT MARFIL” and size 60X60) in order to obtain a complex information which is useful for monitoring the current production (in the last hour on the line served by PRESS 1, 36sqm of article ABCDE - LIGHT MARFIL were produced, belonging to the production batch BATCH_1). The middle layer is therefore responsible to transform the “raw” data read from physical devices and machinery into high-level information, that is meaningful for statistical and real-time production analysis.

87


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

TECHNICAL NOTES

Through the online publishing of the system, BluData can become accessible anytime from anywhere in the world. The tools provided by the data collection system BluData are varied and designed to enable the analysis and monitoring of the entire ceramic tile production process, from the beginning to the end. The functionalities are organized into four sections, easily navigable and accessible from the main menu of the application.

88

THE SECTIONS INCLUDE: Productivity control of active and historical batches The data collection core is the statistical and real time monitoring of the produced batches. From the homonymous section you can view the list of batches currently in production on the machines, the list of scheduled batches and the historical archive of batches already stored in the warehouse. Data organization provides the user with the glance on the production process in real time. The tools for searching and sorting records provide the ability to quickly locate the information requested. For each batch you can see the detail of the related production information, organized according to the

Lo strato intermedio si occupa quindi di trasformare i dati “grezzi” letti dai dispositivi fisici e dai macchinari in un’informazione di più alto livello che sia consultabile e significativa per l’analisi statistica e in tempo reale del processo produttivo. Il livello più alto si occupa invece della presentazione a video dei dati raccolti ed elaborati, attraverso un’interfaccia moderna ed estremamente user-friendly. La presentazione dei dati è realizzata mediante l’uso della tecnologia Web, allo scopo di favorire la user experience e rendere il prodotto immediatamente fruibile da qualsiasi dispositivo connesso alla rete, senza bisogno di installare nessun software aggiuntivo. Pubblicando online il sistema, BluData può inoltre diventare accessibile in qualunque momento da ogni parte del mondo. Gli strumenti forniti dal sistema di raccolta dati BluData sono molteplici e studiati per permettere l’analisi e il monitoraggio dell’intero processo produttivo ceramico, dall’atomizzato alla piastrella scelta e immagazzinata. Le funzioni sono organizzate in quattro sezioni, facilmente navigabili dal menu principale dell’applicazione. LE SEZIONI COMPRENDONO: Controllo della produttività dei lotti attivi e storici Cuore della raccolta dati è il monitoraggio statistico e


Analysis and monitoring of plant consumptions In addition to the analysis of productivity, BluData provides the possibility to keep under control the power consumptions of the equipments. For each ward you can calculate the specific consumptions of each production line, filtering data according to the machinery, type of consumption and time interval. You can select multiple lines simultaneously to obtain a comparison between the machines of each ward, as well as display the total consumptions for comparisons between different production areas.

in tempo reale dei lotti prodotti sull’impianto. Dall’omonima sezione è possibile visualizzare l’elenco dei lotti attualmente in produzione sulle macchine, la lista dei lotti pianificati e l’archivio dei lotti storici già stoccati in magazzino. L’organizzazione dei dati fornisce all’utente il colpo d’occhio sull’avanzamento in tempo reale del processo produttivo. Gli strumenti di ricerca e ordinamento dei record garantiscono la capacità di individuare rapidamente le informazioni richieste. Per ognuno dei lotti viene mostrato il dettaglio delle informazioni produttive ad esso collegate, suddivise per reparto. Per ogni fase del processo produttivo vengono riportati i dati riguardanti le linee coinvolte, i metri quadri prodotti, la percentuale di scarto, l’efficienza dei macchinari e i consumi realizzati. Sui lotti già terminati è possibile anche eseguire lo zoom sul dettaglio delle classificazioni eseguite dal processo di scelta, sia in termini di qualità globale delle piastrelle (percentuale di 1°, 2° e 3° scelta) sia di qualità puntuale (combinazioni di scelta, qualità, tono e calibro).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

ward. For each phase of the production process the form shows data about the lines involved, the square meters produced, the percentage of waste, the efficiency of machinery and the total amount of power consumptions. For already ended batches you can zoom into the classification made by the process of choice, both in terms of overall tile quality (percentage of 1st, 2nd and 3rd choice) and precise tile quality (combination of choice, quality , tone and caliber). For “child” batches which comes out from the squaring lines you can view this information both individually and as part of the whole batch family.

Per i lotti rettificati è possibile visualizzare queste informazioni sia singolarmente, sia contestualizzandole nell’ambito dell’insieme lotto padre - lotti derivati. 89


90

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

TECHNICAL NOTES


Tools for the statistical analysis of production lines

Analisi e monitoraggio dei consumi dell’impianto

The advanced statistical tools allow you to monitor in detail the activities of the different production lines. With a few clicks you are able to display on a single screen the information related to the efficiency, productivity and consumption of a single line, or to compare the activity of several lines along the production chain, by selecting the desired time interval with accuracy to the minute. The data extracted this way are extremely useful to quickly check the daily work or to develop long-range statistics comparing the productivity of the different work shifts or highlighting the productivity or the efficiency of a line or a specific machinery. (ActivityChart.png) (EquipmentChart.png) The data are presented in a graphical way in order to ensure maximum readability. The activity graphs show a representation of the operational status of each machine along the time axis. With these tools you can have a glance on the actual efficiency of each production line. The chart specific for each line allows you, in the selected time interval, to make a comparison between the activity of the line and the corresponding productivity, measured as variation of the square meters and of the corresponding waste, produced during the course of time. In the same graph you can also display the corresponding consumptions.

BluData offre, oltre all’analisi della produttività, anche la possibilità di tenere sotto controllo i consumi dell’impianto. Per ogni reparto è possibile visualizzare i consumi specifici di ogni linea di produzione, filtrando per macchina, tipo di consumo e intervallo di tempo interessato. È possibile selezionare più linee contemporaneamente per ottenere un confronto fra le macchine di ogni singolo reparto, oltre che visualizzare i consumi totali per confronti fra differenti aree produttive. Strumenti di analisi statistica sulle linee di produzione Gli strumenti di statistica avanzata messi a disposizione da BluData consentono di monitorare nel dettaglio l’attività delle varie linee di produzione. Con pochi click l’utente è in grado di visualizzare in una sola schermata le informazioni relative all’efficienza, alla produttività e ai consumi di una singola linea, o di confrontare l’attività di più linee lungo la catena di produzione, selezionando l’intervallo di tempo desiderato con precisione al minuto. I dati così estratti sono di estrema utilità per controllare rapidamente l’attività lavorativa della giornata o per sviluppare statistiche a lungo raggio che mettano a confronto la produttività dei vari turni di lavoro o che evidenzino la capacità produttiva o l’efficienza di una linea o di uno specifico macchinario.

Reports about the moved quantities of atomized

As additional functionality BluData finally provides a Real-Time Monitor (RealTimeMonitor.png), which is a plan view of the plant with the status of the monitored machines updated in real-time and displayed through appropriate color codes. The Real-Time Monitor allows you to quickly have a complete and immediate view of the current activities on the plant.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

BluData provides detailed reporting on the atomized handled daily in the plant, listing the quantity of material moved from every possible source of storing and organizing data according to day, source and destination of the transfer. The information, filtered by line and date of operation, can be exported to PDF or Microsoft Excel for offline consulting.

I dati sono esposti in formato grafico per garantirne la massima leggibilità. I grafici di attività mostrano una rappresentazione lungo l’asse temporale degli stati di funzionamento dei singoli macchinari. Grazie a questi strumenti l’utente può avere il colpo d’occhio sulla reale efficienza di ogni linea di produzione, oltre che avere la possibilità di un immediato confronto fra le capacità produttive delle diverse linee. Il grafico specifico di ogni linea permette di eseguire un raffronto, nell’intervallo di tempo selezionato, fra l’attività della linea e la corrispondente produttività, calcolata come variazione dei metri quadri prodotti e del relativo scarto al trascorrere del tempo. Nello stesso grafico è possibile visualizzare anche i corrispondenti consumi. 91


92

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

TECHNICAL NOTES


Reportistica sulle quantità movimentate di atomizzati BluData fornisce anche una reportistica dettagliata sugli atomizzati movimentati giornalmente nell’impianto ceramico, presentando le quantità travasate da ogni possibile sorgente di stoccaggio e organizzando i dati per giorno, sorgente e destinazione del travaso. I dati, filtrati per impianto e data dell’operazione, possono essere esportati nei formati PDF e Microsoft Excel per la consultazione offline. Come funzionalità di controllo aggiuntiva BluData fornisce infine un Real-Time monitor (RealTimeMonitor.png), cioè una rappresentazione in pianta dello stabilimento monitorato con lo stato dei macchinari aggiornato in tempo reale visualizzato attraverso opportuni codici colore. Il Real-Time monitor consente di avere con estrema rapidità una visione completa e immediata dell’attività in corso nello stabilimento. Poiché la bontà delle informazioni elaborate e visualizzate dipende necessariamente dalla qualità dei dati raccolti, BluData implementa anche un sistema di diagnostica avanzata per avvisare gli utenti in caso di malfunzionamenti o lettura di dati non corretti, e supportarli nel processo di correzione. Per salvaguardare la riservatezza delle informazioni, BluData consente di limitare la fruizione dei contenuti al solo personale autorizzato. L’uso del prodotto è regolato da un sistema di accesso multi utente con credenziali personali. È possibile, a discrezione del cliente, personalizzare più livelli di utenza in modo da ottenere il massimo della flessibilità nella gestione dei privilegi di accesso alle singole funzioni. Ogni utilizzatore può selezionare la lingua preferita per l’interfaccia. BluData viene fornito di base bilingue, Italiano e Inglese, ma è possibile aggiungere a richiesta qualsiasi ulteriore localizzazione.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Since the goodness of the processed and displayed information necessarily depends on the quality of data collected, BluData also implements a system of advanced diagnostics in order to alert users in case of malfunction or incorrect data detection, and in order to support them in the operations of data correction. To safeguard the confidentiality of information, BluData allows you to restrict the use of contents to authorized personnel only. Use of this product is regulated by a multi-user access system with personal credentials. You can set multiple user levels in order to obtain maximum flexibility in managing the access privileges to the different functions. Each user can select the preferred language for the interface. BluData comes bilingual, Italian and English, but the system is ready to add any additional localization. BluData is also a multi-platform product: the use of Web technology opens up endless possibilities for BluData. By publishing your system online, you will be able to access the application from anywhere in the world, at any time and from any device, fixed or mobile, Windows, Android or Mac.

BluData è, infine, un prodotto multi-piattaforma: l’impiego della tecnologia Web apre infatti infinite possibilità. Pubblicando il sistema online sarà possibile accedere all’applicativo da ogni parte del mondo, in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo, fisso o mobile, Windows, Android o Mac. 93


THE WAY OF COLORING

www.coloritalia.it

www.bonet-group.com

COLORITALIA BONET S.r.l. - Via Monte Bianco n. 81 - I - 41042 Fiorano Modenese (MO) - Italy - Tel: +39 0536.845220 - Fax: +39 0536.845412


FROM INDUSTRY AND RESEARCH

CAMI SAVING ENERGY SYSTEMS The nature of ceramic manufacturing is based on the continual consumption of Natural Gas, GPL and other types of fuel in order to produce heat sources. The costs of all these resources is rocketing. For this reason CAMI has developed new energy recovery systems which allow cost reduction in the average energy consumption in the factory. The other advantages are: • Reduction of the manufacturing costs • Energy saving within the industrial process • The cutting down of emission of carbonic anhydride(CO2) The production cycles in many industrial sectors require a huge quantity of heat thermal energy , from which we obtain excess of waste energy. CAMI has been working in the thermal energy systems dedicated to the reuse of energy recovery. The Self consuming energy deriving from the excess of thermal energy during the production cycle could be re-used in the process and as a heating system , focusing on cutting down the fuel energy costs , reducing the CO2 green house gas. Complying with this virtuous energy cycle the productive factory could also obtain recognition at government level by opening a program of incentives.

SISTEMI DI GUADAGNO ENERGETICO CAMI

La produzione di ceramica e affini è basata sul continuo consumo di combustibile come gas naturale, GPL o altri tipi di combustibili fossili, al fine di alimentare costantemente le macchine di processo. Il costo di questi combustibili è costantemente in forte incremento da più di un decennio. CAMI ha sviluppato quindi nuovi sistemi di recupero calore che permettano di ridurre i costi medi di produzione, legati al consumo del combustibile. Altri vantaggi derivanti dai sistemi CAMI sono: • Riduzione dei costi operativi • Sistemi di recupero all’interno del processo produttivo con ottenimento di certificazioni ambientali e incentivi statali • Riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) I cicli produttivi di molti settori energivori sono caratterizzati da notevoli quantità di energia termica di scarto contenuta nei fumi di processo. La ditta Cami Depurazioni da oltre 40 anni è impegnata per il riutilizzo di questi cascami termici.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

95


Case Study

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Here below we have reported a calculation of savings obtainable in a system realized in the ceramic tile factory. The ceramic productive process is characterised by a huge available excess of unused heat energy, which is medium and high temperature, this heat energy can be used, contributing in a relevant manner to the reduction of the fuel consumption and increasing the heat performance of the productive process. The available heat Energy sources are: • Fume emission from the kiln with temperature around 250 °C • Cooling air flow from the kilns ,indirect 200-230 °C • Cooling air flow from the kilns, direct around 60-90 °C • Hot flow rate from the exit of the spary drier 120 °C 96

Energia auto-consumabile nel processo produttivo e nel riscaldamento ambientale, con l’obiettivo di un notevole risparmio economico per i beneficiari degli interventi e una considerevole riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera.

Caso tecnico studiato Qui sotto abbiamo riportato un calcolo applicato ad uno degli impianti CAMI, installato e operativo presso un cliente. Il processo produttivo ceramico è caratterizzato da una notevole disponibilità di calore di scarto a alta/medio temperatura, che può essere impiegato contribuendo in modo significativo alla riduzione dei consumi ed all’aumento di efficienza dell’intero processo produttivo.


F RO M I N D U ST RY A N D RES E A RC H

The technical problems are linked to the pollution presence in the discharged gasses, which has been resolved by the use of heat exchanger with a crossed flows, the smoke releases the thermal energy by a clean air flow. The resulting heated air flow is used to in the following utilities: • Heating system to prevent the moisture in the silos cone • Heating system for the sorting and grazing department • Energy recovery system suitable for vertical/horizontal drier • Heat Energy to be re-used in the spray dryer burner • Energy recovery system suitable for vertical roller mill and pendular Example of Energy recovery system from spray dryer model ATM 140, using the only cooling systems by two single roller kinls: available total flow rate from kilns indirect/direct cooling systems, n°2 kilns: QTOT = 81.000 Nm3 /h taking in consideration the distance between the source and the utilities and considering a accurate thermal isolation with a double layers of rock wool, so the measured temperature in the utility is di T = ~95÷100 °C. We have had an potential available thermal of at least: Potency Thermal available WT = 81.000 x 0,31 x (95 – 20) = 1.883.250 Kcal/h We consider the methane calorie power=8250 Kcal/Nm3 (1) We obtained an Energy saving equal to= 228 Nm3 /h CH4 Current Methane price at euro zone (2): 0.27 €/Nm3 Considering 300 working days and 24 hour continuously Equivalent Cost of methane for year: 228 x 7200 x 0.27 = 443.232,00 €/year saving energy benefit hourly = 81 €/h Electro fan power installed 30,0 KW KW Average cost including the tax (approximately) 0,12€/KW Quantity corresponds to electrical hour consumption 3,60€/h Net saving per hour 57.96 €/h Reduction of greenhouse gas (CO2) per hour to the same production output: 433 kg/hour

Le fonti di calore disponibile in produzione possono derivare da: • Fumi di combustione del forno con temperature nell’ordine dei 250 °C • Aria di raffreddamento dei forni, indiretta 200-230 °C • Aria di raffreddamento dei forni, diretta, a temperature di 60-90 °C • Volumi caldi in uscita dall’ATM 120 °C Le potenziali difficoltà tecniche legate alla presenza di inquinanti nei gas sono state risolte con l’impiego di scambiatori di calore a flussi incrociati, i fumi cedono calore al flusso d’aria pulita incrociato. Flusso d’aria calda pulita che viene impiegato: • Riscaldamento anticondensa sili di stoccaggio • Riscaldamento ambientale zona scelta e smalterie • Recupero calore a essiccatoi orizzontali e verticali • Recupero calore a bruciatori ATM • Recupero calore a mulino verticale a rulli e/o pendolare Esempio di recupero energetico ad atomizzatore atm 140, utilizzando le sole arie di raffreddamento: portata totale di arie di raffreddamento disponibili da n° 2 forni : QTOT = 81.000 Nm3 /h Tenendo conto dei percorsi delle rispettive canalizzazioni, considerando di coibentare i condotti con idoneo materassino termoisolante, CAMI ha constatato una temperatura all’utilizzo di T = ~95÷100 °C. Si è avuto pertanto a disposizione un potenziale termico almeno di: Potenziale termico disponibile WT = 81.000 x 0,31 x (95 – 20) = 1.883.250 Kcal/h Dove considerando il potere calorifico del metano p.c.i. = 8250 Kcal/Nm3 (1) Si è ottenuto un risparmio energetico = 228 Nm3 /h CH4 Prezzo corrente del metano(2) pari a 0.27 €/Nm3 300 giorni di lavoro annuali 24 su 24 Costo equivalente di metano per anno: 228 x 7200 x 0.27 = 443.232,00 €/anno risparmio energetico orario = 81 €/h

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

97


Potenza installata del ventilatore 30,0 Kw Considerando un prezzo medio dell’energia per utenze industriali pari a 0.12 €/kw Consumo di energia elettrica all’ora del ventilatore è 3.60 €/hour Quindi il risparmio economico annuale per i beneficiari dell’intervento al netto dei costi energetici per il funzionamento del ventilatore ammonta a 57.96 €/hour con una importante riduzione della CO2 emessa, mantenendo inalterata la produzione, pari a 433 kg/hour.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

A dimensioning and a estimated costs/benefit regarding our energy recovery system requires flow rate data and temperature of the thermal sources, considering the variations which can occur during the production process. The chemical composition of the gas effluent is also important, the eventual pollution content (dust and aggressive chemical components) and the need to maintain such gas in determined intervals of temperatures (for example filtering system or prevention of manifestation of corrosive and incrustation phenomena). On the basis on these characteristics it is possible to project the best customized solution and the relative ratio costs and benefits, useful for understanding the pay back terms of the whole investment of the system. As shown in the Energy recovery system in the industrial sector, it will prove which opportunities are still not exploited nowadays, therefore the investors should not only perform in the production process, but also in the improvement of the energy efficiency of the same processes.

98

Un dimensionamento ed una stima di costo/beneficio riguardanti il recuperatore energetico richiede dati di portata e temperatura, ivi incluse le variazioni che possano subire in funzione dell’assetto produttivo. Importante è anche la composizione chimica dell’effluente gassoso con l’eventuale contenuto di inquinanti (polveri e composti chimici aggressivi) e la necessità di mantenere tale gas in determinati intervalli di temperature (ad es: per la filtrazione o per evitare il manifestarsi di fenomeni incrostanti / corrosivi). In funzione di queste caratteristiche è possibile stabilire la miglior soluzione e il relativo rapporto benefici/costi di investimento per il recupero termico. Quanto illustrato per i recuperi termici in ambito industriale vuole dimostrare quali opportunità rimangano ad oggi non esplorate: gli investimenti dei soggetti industriali non dovrebbero pertanto mirare al solo sviluppo dei processi produttivi, ma anche al miglioramento dell’efficienza energetica dei processi stessi.

(1) inferior power of 1 cubic meter of methane

(1) potere calorifico inferiore

(2) average of price for 1 cubic meter of methane in euro zone, to use

(2) prezzo medio per 1 Mc di metano nella euro zona per uso indu-

in the industrial supply during the night and day (price changeable)

striale durante notte e giorno (prezzo variabile)


F RO M I N D U ST RY A N D RES E A RC H

DURST TO PRESENT THE NEW GAMMA XD SERIES AT THE TECNARGILLA 2014

DURST SCEGLIE TECNARGILLA 2014 PER PRESENTARE IN ANTEPRIMA ASSOLUTA LA NUOVA SERIE GAMMA XD

A new generation of ceramic inkjet printers with a modular concept and an integrated auto-maintenance function for 24/7 production

La nuova generazione di stampanti inkjet per l’industria ceramica di concezione modulare con funzione di auto-manutenzione integrata per una produttività garantita 24/7

Durst, the specialist for industrial inkjet applications will present the new Gamma XD Series at the Tecnargilla 2014. The Gamma 98 XD and the Gamma 148 XD represent Durst’s new generation of 8-color ceramic inkjet printers. In addition to various technological innovations, the impressive new features are the machines’ modularity capabilities and the integrated auto-maintenance function. Both printer systems offer a modular design with the possibility to be configured from 3 to 8 printing bars and print widths between 319 mm to 956 mm for the Gamma 98 XD and 319 to 1403 mm for the Gamma 148 XD. The new XD Series is equipped with Durst’s latest High Definition Printhead Technology with dual ink circulation. The new “Adaptive Dot Placement Technology” guarantees banding-free printing for high image quality and color homogeneity across the entire printing width.

Durst, specialista nelle applicazioni inkjet industriali, presenta in anteprima assoluta a Tecnargilla 2014 la Serie Gamma XD, una nuova generazione di stampanti ceramiche inkjet a 8 colori. Disponibili nei modelli Gamma 98 XD e Gamma 148 XD, queste macchine sono caratterizzate dalle capacità modulari e dall’innovativo sistema di auto-manutenzione integrato. Entrambi i modelli sono concepiti per un numero variabile di barre colore (da 3 a 8) e una luce di stampa compresa tra 319 mm e 956 mm per il sistema Gamma 98 XD e tra 319 mm e 1403 mm per il 148 XD.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

La nuova Serie XD è equipaggiata con teste di stampa dotate della più recente High Definition Printhead Technology di Durst con doppio ricircolo dell’inchiostro. 99


New Gamma XD Series

The new printhead design feature an innovative fast and easy replacement and alignment system. The new print heads are also designed in such a way that they can easily be replaced and re-adjusted by the operator within a very short time to minimize downtime.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

A new printhead cleaning system with literally almost no loss of ink guarantees consistent print results and a long life cycle for the printheads with long maintenance intervals and avoids purging the ink on the transport belt. The new printer design of the new XD Series incorporates the optimization of the machine’s ergonomics to further improve the work process. “We are very excited to present the new, innovative XD Series at the Tecnargilla 2014”, says Norbert von Aufschnaiter, Segment Manager Ceramics Printing, Durst Phototechnik AG. “Our main focus during the development were the machines’ high reliability, printing without banding, easy and quick operation, as well as the possibility for the customer to carry out all regular maintenance and service 100

La nuova tecnologia Adaptive Dot Placement, inoltre, garantisce affidabilità, alta qualità dell’immagine prive di banding e omogeneità del colore lungo tutta la larghezza di stampa. In caso di necessità, le nuove teste auto-calibranti possono essere facilmente sostituite direttamente dall’operatore, minimizzando così i tempi di fermo macchina ed ottimizzando l’efficienza produttiva. Il nuovo sistema di pulizia delle testine, che non prevede alcun rilascio dell’inchiostro direttamente sul tappeto di trasporto, garantisce inoltre risultati ottimali e cicli di vita prolungati per i moduli di stampa senza sprechi. Il design di queste nuove stampanti prevede un miglioramento ergonomico della struttura con lo scopo di ottimizzare ulteriormente il processo produttivo. “Siamo orgogliosi di presentare in anteprima la nuova e innovativa serie XD a Tecnargilla 2014” – commenta Norbert von Aufschnaiter, Segment Manager Ceramics


NEWS

F RO M I N D U ST RY A N D RES E A RC H

works, including the exchange of the printheads, without the need of Durst assistance. The XD Series defines a new generation of ceramic inkjet printers to offer unrivaled print quality, as well as total production flexibility, maintainability, high reliability and transparency of costs”. The new XD Series decorate tiles with a native resolution of 300 dpi combined with the innovative “Adaptive Dot Placement Technology”. It prints with 4 levels of grayscale and drop sizes up to 90 pl. The new ink filter system guarantees high reliability and long maintenance intervals. In addition to the Gamma 98XD and the Gamma 148 XD, Durst will present further innovations for creative tile design and production at the Tecnargilla, Hall D1, Stand 155.

Printing, Durst Phototechnik AG, - “Il nostro principale obiettivo durante la progettazione di questi sistemi era quello di offrire un’alta affidabilità del processo di stampa, garantendo ai clienti la possibilità di gestire direttamente la manutenzione ordinaria e il cambio delle teste senza assistenza. La nuova serie XD rappresenta una nuova generazione di stampanti inkjet per ceramica che offre qualità di stampa senza rivali, garantendo nel contempo massima flessibilità, affidabilità, facilità di manutenzione e riduzione dei costi di processo”. La nuova serie XD decora le piastrelle con una risoluzione di stampa fino a 300 x 1000 dpi. Entrambi i sistemi sono dotati di 4 livelli greyscales e sono in grado di modulare la goccia fino a 90 pl. Il nuovo sistema di filtraggio dell’inchiostro garantisce infine estrema affidabilità, riducendo la frequenza di manutenzione.

About Durst Phototechnik AG in the ceramics market

Durst è considerata all’avanguardia nel campo della tecnica fo-

Since the entry in the ceramics sector in 2005, Durst has played a

tografica e in ottant’anni di storia ha introdotto sul mercato nu-

fundamental role in the digitalization of print processes.

merose innovazioni. Negli ultimi dieci anni l’azienda ha contri-

Durst can look back on more than 80 years of experience and

buito in modo determinante all’adattamento delle tecnologie

know-how in the reproduction of images and in graphic print

digitali alle specifiche della stampa su legno, vetro, ceramica,

processes. Durst adapted the existing digital print technology

tessuto e LFP. L’altissima qualità dell’immagine insieme al reale

especially for ceramics producers to complement traditional pro-

valore aggiunto offerto sono caratteristiche prioritarie per i

duction lines with inkjet printer systems. Durst’s research and de-

clienti Durst. Per continuare a soddisfare le sempre crescenti

velopment department is currently working on new technologies

esigenze di qualità dei suoi clienti, Durst sviluppa per proprio

for the ceramics industry.

conto i componenti fondamentali dei suoi sistemi, quali le te-

The new patented systems and components will enable “Synchro-

stine di stampa e gli inchiostri. Durst offre una tecnologia di

nized Digital Glazing” and will effectively change the production of

fascia alta completa e senza compromessi che risulta vincente

ceramics. A preview is available on the following link:

grazie a un rapporto qualità/prezzo senza eguali. Per ulteriori

www.youtube.com/watch?v=fCot8DP2auE.

informazioni su Durst Phototechnik visitare il sito www.durst.it.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Oltre ai sistemi Gamma 98 XD e Gamma 148 XD, Durst presenterà a Tecnargilla altre interessanti novità per la produzione e il design delle piastrelle con la tecnologia per la gestione sincronizzata dello smalto digitale www.youtube.com/watch?v=fCot8DP2auE.

101


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

CBC GROUP EMBRACES THE NEW IL GRUPPO CBC ACCOGLIE DIGITAL CHALLENGE FOR THE LA SFIDA DEL DIGITALE APPLICATION OF SUBSTANCE NELL’APPLICAZIONE DI MATERIA

102

The technology for digital decoration could be considered ready for a real and complete revolution in the ceramic sector. Graphic capabilities and realization possibilities, no longer inconceivable compared to few years ago, nowadays represent an integral part of the production process. Today, it is essential to be prepared for the application of substance, thickness and glaze.

La tecnologia della decorazione digitale ormai può essere considerata pronta per la completa rivoluzione nel settore ceramico. Capacità grafiche e realizzative impensabili fino a pochi anni fa sono ormai parte integrante dei processi produttivi: oggi è ormai indispensabile essere pronti per applicare materia, spessore e smalto.


F RO M I N D U ST RY A N D RES E A RC H

For this reason, CBC Group embraced this challenge and decided to invest know-how and technical expertise for the development of a new “digital substance” that ReMix, one of the Group’s companies, born in 2010 and leader in the market of whiteners and glazes, will present during the next Tecnargilla (hall D5, stand 113) in Rimini. The research has been addressed to the development of materials that can ease glazing lines and get greater graphic and aesthetic effects compared to the simple photocopy allowing companies to emerge on a quality level. At the same time, the Group evaluated various plants to plan materials suitable for production processes and consequentially able to suit the digital lines. All this, has been possible thanks to a team of technician from the Group research laboratory and plant engineers that unified their technical experience and knowledge to develop and test the products in view of production cost containment. ReMix acts in the plants property of CBC Group that represents one of the most interesting reality in the market. Thanks to professionalism and synergies among the companies part of it, is able to supply finished and semi-finished products and to guarantee a personalized service to national and international clients answering to their specific needs. The Group has four production plants distributed in the ceramic district of Modena, with plants for milling and mixing, able to prepare and supply the product in liquid or spray form based on the requests and with very short delivery time.

Per questo il Gruppo CBC ha accolto questa sfida e ha deciso di investire risorse, know-how ed esperienza tecnica per lo sviluppo di una nuova gamma di “materia digitale” che sarà presentata in anteprima al prossimo Tecnargilla di Rimini (padiglione D5, stand 113) a marchio ReMix, azienda nata nel 2010 e oggi leader nel settore degli sbiancanti e composti da smalto. La ricerca è stata rivolta a sviluppare materiali in grado di semplificare la linea di smaltatura per ottenere così effetti grafici ed estetici ben superiori alla semplice “fotocopia” e permettendo alle aziende ceramiche di emergere qualitativamente. Allo stesso tempo, il Gruppo ha valutato diverse possibilità impiantistiche per progettare materiali adatti ai processi produttivi attuali e di conseguenza capaci di integrarsi alle linee digitali. Ciò è stato possibile grazie a una squadra di tecnici del laboratorio di gruppo ed esperti impiantisti che ha unito conoscenza ed esperienza tecnica per progettare e sperimentare in un’ottica di contenimento dei costi di produzione. L’attività dell’azienda ReMix si svolge negli stabilimenti di proprietà del Gruppo CBC che rappresenta una delle realtà più interessanti sul mercato. Grazie all’alta professionalità e alle sinergie tra le diverse società che lo compongono il Gruppo è in grado di fornire prodotti selezionati, finiti o semilavorati, e garantire un servizio personalizzato alla clientela italiana ed estera. Gli stabilimenti del gruppo dislocati nel distretto ceramico modenese sono quattro: al loro interno, impianti per la macinazione e il compostaggio sono in grado di preparare e fornire il prodotto richiesto in forma liquida o atomizzata, in base alle richieste specifiche del cliente e con tempi di consegna sempre più rapidi.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

103


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

BAAN - CERAMIC MINERALS

MINERALI BAAN

BAAN is a private italian firm which operates in the field of minerals for the ceramic industrial sector. It is dedicated to provide his customers with the global raw material solutions for ceramic bodies, glazes and engobes. BAAN has been established in 2009 and he is growing up quickly thanks to the high quality of its products and thanks to the accuracy, trust and reliability of his salesmans and operators who are supported by an experience of more then 20 years in ceramic sector. Offices are placed inside Sassuolo ceramic production plants cluster and 2 warehouses have been set up in Sassuolo district and in Ravenna port area.

BAAN è un’azienda privata italiana che opera nel campo dei minerali per il campo industriale ceramico. Fornisce ai suoi clienti una soluzione globale inerente ai minerali più adatti per gli impasti , gli smalti e gli engobbi ceramici. Fondata nel 2009, BAAN è cresciuta velocemente grazie all’alta qualità dei suoi prodotti e grazie alla serietà, alla affidabilità e credibilità dei suoi commerciali e dei suoi operatori, supportati da più di 20 anni di esperienza nel settore ceramico.

With regards to logistics, BAAN is able to supply and deliver its products through a controlled logistic network including road, rail and sea. 104

BAAN ha ubicato i propri uffici all’interno dell’area produttiva di Sassuolo e due magazzini, uno al porto di Ravenna e l’altro in Sassuolo. La rete di logistica è ben sviluppata e permette di trasportare e consegnare via gomma, via ferrovia e via nave.


F RO M I N D U ST RY A N D RES E A RC H

BAAN has developped business relationships with important and affirmed firms in different foreign countries as Ucraina, China, Egypt, India, France, Germany and England. This allow BAAN to import and export raw materials from new mineral producers all around the world evaluating, under a geological point of view, new deposits and mines and looking for the best ones all over the world, studying the best logistical ways in order to offer its customers the best raw materials solution. The policy is to agree upon contracts with owners of the best mineral deposits in the worlds, to give then the possibility to recommend new product solutions for the italian tile body formulations. Second very important policy step is to work together with customers in order to create a reliable relationship, which helps us both understand what raw materials are best suited for the tile body formulations. Together with BAAN, the globalization becomes an opportunity for the ceramic tile producer, because he can have the availabilty of the best minerals actually extracted in the world quarries, already geologically selected , technically checked and supplied directly to his plant warehouse at the lowest market price.

Solide e strategiche relazioni commerciali sono state sviluppate con importanti aziende estere con sede in Ucraina, in Cina, in Egitto, in India, in Francia, in Germania ed in Inghilterra. Ciò permette a BAAN, dopo una specifica valutazione geologica ed una attenta valutazione logistica, di importare ed esportare materie prime da giacimenti minerari ubicati in tutto il mondo. La politica di BAAN è sia quella di stipulare contratti con i proprietari dei giacimenti qualitativamente idonei in modo da fornire il miglior prodotto ai produttori ceramici, sia quella di lavorare insieme ai clienti per poter quindi fornire le soluzioni più adatte alle loro esigenze. Lavorando insieme a BAAN la globalizzazione diventa una grande opportunità perchè permette al produttore ceramico di avvalersi di minerali selezionati, controllati e forniti al prezzo più competitivo e sostenibile sul mercato.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

www.baanmaterials.com

105


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

106

SERTILE: SEVERAL INNOVATIONS

DIVERSE LE NOVITÁ DI SERTILE

Several are the innovations Sertile will present at the fair, even doubling the commercial action exhibiting at Cersaie and Tecnargilla both. At Cersaie in Bologna, OVO ITALY will debut, brand owned by Sertile that will introduce into the market a dedicated collection of wall and floor tiles, produced with unfired decoration at 1440dpi resolution, as well as glass mosaics always decorated with the same technology. At Tecnargilla Sertile will launch 4 new products: - D-VERSA Multipass Inkjet Printer that, thanks to its versatility, can use various brands of heads and ceramic inks; for glass, UV and water. 1 meter width printing area for an infinite length, able to lodge up to 8 colors printing at a resolution of 1440dpi - EDGE Single Pass Inkjet Printer for unfired decoration of skirting and trims: provided with 8 heads with pre and post treating application, directly through printing heads. - JOY DOUBLE Flatbed Inkjet Printer for glass and ceramic, equipped with an innovative recirculation system and a dual head, it can produce up to 30m2/h at 2880dpi. - ICE3 Industrial Cooling System conceived to bring down tiles temperature before entering the digital machine: thanks to a patented recirculation, it shoots air down to -5 °C onto the tile, with temperature reductions up to 15 °C.

Diverse le novità che Sertile presenterà in fiera addirittura raddoppiando l’azione commerciale ed essendo presente come espositore al Cersaie ed al Tecnargilla. Al Cersaie a Bologna debutterà OVO ITALIA, il marchio di proprietà Sertile che introdurrà sul mercato una collezione dedicata di rivestimenti e pavimenti decorati a freddo a 1440dpi di risoluzione, nonchè mosaico di vetro sempre decorato con la medesima tecnologia. Al Tecnargilla Sertile presenterà 4 nuovi prodotti: - D-VERSA stampante inkjet multipass che grazie alla sua versatilità può utilizzare teste di diversi brand ed inchiostri ceramici, per vetro, UV e ad acqua. Ha una luce di 1 metro per una lunghezza infinita e può alloggiare fino a 8 colori, stampando ad una risoluzione di 1440dpi - EDGE stampante inkjet single pass per decorare a freddo battiscopa e pezzi speciali: è dotata di 8 teste con applicazione di pre e post trattamento direttamente attraverso le teste di stampa. - JOY DOUBLE stampante inkjet flatbed per vetro e ceramica, dotata di un innovativo sistema di ricircolo e di una doppia testa può arrivare a produrre fino a 30m2/h a 2880dpi - ICE3 sistema di raffreddamento industriale per abbattere la temperatura delle piastrelle prima dell’ingresso sotto la macchina digitale: grazie ad un brevettato ricircolo, spara sulla piastrella aria fino a -5°C con riduzioni di temperatura fino a 15°C.


REPORT ESMALGLASS PRESENTS DPMS, A NEW JUMP FOR THE CERAMIC WE FULFILL THE PROCESS OF INTEGRAL DIGITIZING FOR GLAZING LINES

ESMALGLASS PRESENTA I DPM, UN NUOVO SALTO PER LA CERAMICA SI COMPIE IL PROCESSO DI DIGITALIZZAZIONE INTEGRALE DELLA LINEA DI SMALTATURA

“We are ready for the complete digitizing of glazing lines”. Armando Meletti, general manager of Esmalglass Itaca Italia, announces in this way the novelties, studied in the last four years and now established, that will be launched at the Tecnargilla which is going to begin and that are likely to change completely the line of ceramic decoration. We are in fact speaking of the new step in digital revolution: from the ink-jet which apply color, to digital glazing machines. The advantage, even before aesthetic, will be practical.

Armando Meletti, General manager Esmalglass Itaca Italy

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

“Siamo pronti alla digitalizzazione completa della linea di smaltatura”. Armando Meletti, direttore generale di Esmalglass Itaca Italia, annuncia così le novità, studiate negli ultimi quattro anni e ormai consolidate, che verranno presentate al Tecnargilla che va a cominciare e che cambieranno probabilmente per sempre la linea di decorazione ceramica.

107


“At the moment, the glazing process – Meletti explains – occurs in a completely analogical way, with the personnel controlling every machine, directly onto lines. There is no exactitude, no reproducibility, no precision, but we rely on experience. Digitizing will find a solution for everything, reaching also for glazes the results already reached for inks and modifying the decoration process forever”. Behind this authentic revolution, Esmalglass puts its new line, called Digital printing materials, “we think that defining them glazes is reductive – goes on Meletti – because they are new products, studied in order to change this phase of ceramic production”. The problems which have followed the research of this technology seem therefore definitely solved: “The glaze for the application by a digital machine – explains

Parliamo infatti del nuovo step della rivoluzione digitale: dalle inkjet per l’applicazione del colore, alle smaltatrici digitali”. Il vantaggio, prima ancora che estetico, sarà pratico. “Al momento il processo di smaltatura – spiega Meletti – avviene in modo del tutto analogico, con controlli macchina per macchina, direttamente sulle linee, ad opera del personale. Non c’è esattezza, riproducibilità, precisione ma ci si affida all’esperienza. La digitalizzazione porrà rimedio a tutto questo, raggiungendo anche per gli smalti i risultati già acquisiti per gli inchiostri e modificando per sempre il processo decorativo”. Alla base di questa autentica rivoluzione Esmalglass pone la sua nuova linea denominata Digital printing materials, “che riteniamo riduttivo definire smalti – spiega ancora Meletti – perchè sono in realtà prodotti nuovi, studiati per cambiare questa fase della produzione ceramica”. I problemi che hanno accompagnato la ricerca di questa tecnologia sembrano quindi definitivamente risolti: “Lo smalto per l’applicazione con macchina digitale – spiega Alessandro Ferrari, responsabile tecnico – impone l’utilizzo di una base acquosa, non più di solventi o olii. In passato questo aspetto, che differenzia lo smalto dall’inchiostro, rappresentava lo scoglio da superare, perchè con le testine di stampa tradizionali non era possibile usare un elemento base conduttivo, che andava in conflitto con l’elemento piezo-elettrico della testina.

Esmalglass Itaca Italy headquarter

108

Gli elementi di nuova generazione sono isolati e consentono di usare materiali a base acquosa, che sono stati modificati con la ricerca Esmalglass per densità e viscosità, rendendoli per caratteristiche, simili agli inchiostri delle stampanti digitali; con la differenza di granulometria della sospensione, che nel caso degli smalti è molto superiore. Il risultato finale però è lo stesso ottenuto con gli inchiostri: produzione stabile, materiali facili da stoccare, tutte le variabili sotto controllo automatico e digitale”.


REPO RT

Esmalglass has intensely work for four years in order to perfect its DPM line and make it operative, cooperating with all the main producers of machines for the digital decoration, which are ready to this new big step. “Tecnargilla 2014 will be remembered for this innovation and Esmalglass will be present with its products on the main part of all the plants which will be presented – explains Meletti. It is the result of a long research work and of a continuous and fruitful relationship with technologies producers, which appraise one time more the advantage of operating in a industrial district such as Sassuolo. Also this time Italy goes to the avant-garde in technological innovation and, as members of a group with Spanish origins, the achievement recognized at the research we have made here in Italy is a double pleasure to us”, Meletti explains. From now on, so, we have to get used to a decoration process which is changing and changing. The project of the tile or sheet will come as a picture and will be decomposed in the color part and the materials part.

Alessandro Ferrari, technical manager Esmalglass Itaca Italy

Esmalglass ha lavorato intensamente per quattro anni per perfezionare la sua linea DPM e renderla operativa, collaborando con tutti i principali produttori di macchine per decorazione digitale, che sono ormai tutti pronti a questo nuovo grande passo. “Il Tecnargilla 2014 verrà ricordato per questa innovazione ed Esmalglass sarà presente con i suoi prodotti sulla maggior parte delle macchine che verranno presentate – spiega Meletti. È il risultato di un lungo lavoro di ricerca e di un rapporto continuo e proficuo con i produttori di tecnologia, che valorizza ancora una volta il vantaggio di operare in un distretto industriale come quello di Sassuolo. Anche stavolta l’Italia si pone all’avanguardia nell’innovazione tecnologica e come appartenenti a un gruppo di origine spagnola, il primato riconosciuto per la ricerca che abbiamo effettuato qui in Italia ci fa doppiamente piacere”, spiega Meletti.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Alessandro Ferrari, technical responsible – asks for the use of a aqueous base, no more of solvent or oils. In the past this aspect, which distinguishes glazes from inks, did represent the hurdle to overcome, because with traditional print-heads it was not possible using a conductive base element, which struggled with the piezoelectric element of the print-head. The elements of new generations are isolated and enable to use materials with aqueous base, which have been modified by Esmalglass research in their density and viscosity, making them similar to the inks of digital printingmachines; with a difference in the grain size of the suspension, which is higher in the case of glazes. The final results is anyway like the ones obtained with inks: a stable production, materials which are easy to store and every variable under a automatic and digital control”.

D’ora in poi quindi abituiamoci a un processo decorativo che cambia ancora. Il progetto della piastrella o lastra che arriva in forma di disegno, verrà scomposto nella parte colore e nella parte materia. 109


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The planning and realization of the first will be committed to ink-jets, the second to the new machines, similar to digital decoration machines in several aspects, “with the difference – explains Ferrari – that while the print-head for inks applies from 7 to 45 grams of product per square meter, the machine for digital glazing applies from 50 grams to 1 kilogram. We have seen the technical advantages, and the aesthetic ones are as much evident: now it is possible to create structures and their decoration in only one process, digitized and sequenced, easy to be rapidly modified with a computer. But, above all, we reach that application without contact which has been impossible until today and which enables braver and braver projects. “There are no more limits imposed by rolls or silk-screen printing – Ferrari explains – it is possible to make up any kind of relief and decoration, with infinite combinations, applying glaze and then color, crossing types of decoration and materials. The imitations of marbles, of 110

L’impostazione e realizzazione della prima verrà affidata alle ink-jet ormai note, la seconda alle nuove macchine, per molti aspetti simili alle decoratrici digitali, “con la differenza – spiega Ferrari – che mentre la testina per inchiostri applica da 7 a 45 grammi di prodotto al metro quadrato, la macchina per la smaltatura digitale ne applica da 50 a 1 chilo. I vantaggi tecnici li abbiamo visti, quelli estetici appaiono altrettanto evidenti: ora è possibile creare le strutture e la loro decorazione in un unico processo, digitalizzato e collegato in sequenza, modificabile rapidamente a computer e in modo flessibile. Ma soprattutto, arriviamo a quella applicazione senza contatto che fino ad oggi era impossibile e che ora consente progetti sempre più coraggiosi. “Non ci sono più i limiti imposti dai rulli o dalla serigrafia – spiega Ferrari – ma è possibile inventarsi qualunque tipo di rilievo e sua decorazione, con combinazioni infinite, applicando smalto e poi colore, incrociando tipi di


REPO RT

The aim which several producers have been tying to reach for many years, has become reality for Esmalgalss: “Soon – Meletti clarifies – we will have the first machines assembled directly in the factory, going from the experimentation phase to the production one, which will give another acceleration to the growth of this technology. We have opened a research and development department in Italy and Spain to carry on in the study of these products, which we furnish in a watery base but if asked also in a oily base for those who use today’s technologies. We are proud of copious patents on those materials (which gave us the Alfa de oro prize in 2011) and we are able right now to realize high quantities of product, meeting any request of the producers”.

decorazione e materiali. Le imitazioni dei marmi, della pietra, dei legni, diventeranno ancora più verosimili grazie a un processo che consente infinite variazioni sulla stessa linea e che armonizza struttura e sua decorazione. Ma anche per i progetti di creatività ceramica vera e propria, non imitativa, sono possibili risultati mai raggiunti prima”. “È come un pennello in mano a un creativo, che può applicare il colore in modo lineare o con diverse quantità, lavorarlo con spatole o altre tecniche , creando sempre qualcosa di unico”, spiega Meletti. L’obiettivo che numerosi produttori stanno cercando di raggiungere da diversi anni, per Esmalglass adesso è realtà: “A breve – spiega Meletti – avremo le prime macchine montate direttamente in azienda, passando dalla fase di sperimentazione a quella produttiva, che darà ulteriore accelerazione alla crescita di questa tecnologia. Abbiamo aperto un dipartimento di ricerca e sviluppo in Italia e Spagna per proseguire nello studio di questi prodotti, che forniamo a base acquosa ma a richiesta anche a base oleosa per chi usa le tecnologie attuali. Vantiamo già numerosi brevetti su questi materiali (che ci hanno fruttato il premio Alfa de oro nel 2011) e siamo in grado da subito di realizzare grandissime quantità di prodotto, venendo incontro a qualunque esigenza dei produttori”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

stone, of woods, will become more plausible thanks to a process which allows infinite variations on the same line and which balances the structure and its decoration. But also for the projects of real and proper ceramic creativity, and not imitations, are possible results never reached before”. “It is like a brush in the hand of a creative, who can apply color in a linear way or with different quantities, working with spatulas or other techniques, creating in every moment something unique”, explains Meletti.

111



INCOMING

,

,

CONGRESS MEETINGS EXHIBITIONS

MOSBUILD 2014 Sono state 40 le aziende ed i marchi della ceramica italiana che - nella sezione Cersanex dedicata a ceramica, pietra naturale ed artificiale, arredo bagno ed accessori, piscine e saune - hanno partecipato a Mosbuild 2014, la principale manifestazione fieristica russa per i materiali per edilizia che si è svolta dal 15 al 18 aprile scorsi presso l’Expocenter di Mosca. Un mercato, quello russo, che da sempre ben recepisce un prodotto di gamma alta, brandizzato e fortemente decorativo tanto da caratterizzare

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

l’habitat di lusso con stile deciso.

113


oltre 2.300 espositori e circa 175.000 visitatori. Le aziende ed i marchi italiani partecipanti sono stati: Abita, ABK, Alfalux, Ariana, Atlas Concorde, Brennero, Casalgrande-Padana, CCV Castelvetro, Caesar, Capri, Cerasarda, Cercom, Cerdisa, Cir, Cisa, Coem, Del Conca, Edilcuoghi, Edilgres, Faetano, Fap, Flaviker, Gardenia Orchidea, Globo, Kale Italia, Keope, Lord, Mirage, Novabell, Olympia, Pastorelli, Progress Profiles, Ricchetti, Roberto Cavalli Home Luxury Tiles, Saime San Prospero, Sant’Agostino, Serenissima, Settecento, Tagina, Vallelunga. Nel 2014 Ceramics of Italy si è presentato a Mosca con un vestito nuovo, smart e tecnologico. Nel padiglione 2.1. al #C315, lo stand istituzionale ha funto da collettore per tutte le aziende italiane presenti in fiera. Li è stato presente un punto di assistenza per espositori italiani e visitatori ed un’area informativa multimediale per la navigazione tramite iPad. Gli elenchi delle aziende italiane, il loro posizionamento in fiera, una scheda descrittiva con riferimenti, descrizioni e nuovi prodotti, sono tate le informazioni principali che hanno costituito i contenuti di questa app e che hanno aiutato il visitatore ad orientarsi nel mondo della piastrella Made in Italy. L’attività di networking di Confindustria Ceramica ha continuato anche quest’anno con il progetto Cersaie Business, ovvero delegazioni di progettisti delle costruzioni e dell’interior design che per due giorni sono stati invitati in fiera da Julinda Llanaj, corrispondente dalla Russia per INNOVACER

Ceramics of Italy per visitare le aziende italiane per essere

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

informati sulle ultime novità di prodotto.

114

Il consumo di piastrelle di ceramica in Russia è in aumento

Un aggiornamento che è stato illustrato, presentato e di-

dal 2010 e nel 2013 è stato pari a 191,7 milioni di metri qua-

scusso anche in occasione del seminario “The ceramic tile

dri, attesi in ulteriore crescita nel prossimo biennio: il 70% è

market: new technologies as a factor of growth” che si

appannaggio dei produttori locali e le esportazioni italiane

è svolto in fiera il 15 aprile scorso. Nella serata dello stesso

sono pari a 5,4 milioni di metri quadrati con un prezzo medio

giorno, in occasione dell’evento celebrativo dei 20 anni di

di 26,8 euro al mq.

Mosbuild/Cersanex presso l’Hotel Ritz di Mosca, Confindu-

L’appuntamento annuale di Mosbuild si è sviluppato su di

stria Ceramica ha assegnato il Russian Distributor Award a

un’area complessiva di 150.000 mq ed ha attirato in totale

Gruppo Skvirel di Minsk.


,

,

M EE T I N G S E X H I BI T IO N S

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

IN CO M IN G CO N G RES S

115


116

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014


IN CO M IN G CO N G RES S

,

,

M EE T I N G S E X H I BI T IO N S

COVERINGS 2014 A celebrazione delle sue “nozze d’argento”, Coverings — la più grande esposizione internazionale dell’industria ceramica del Nord America — ha guardato alla capitale mondiale dell’intrattenimento per quattro giornate di piastrelle, pietre e luci scintillanti. Dal 29 aprile al 2 maggio 2014, il Las Vegas Convention Center è stato il massimo terreno d’incontro per professionisti del settore, architetti e designer, e Ceramics of Italy è stata lieta di essere ancora una volta il punto di riferimento per l’ispirazione di design e l’ospitalità della fiera. Ubicata nel cuore del padiglione italiano, Piazza Ceramica di Ceramics of Italy (piano terra, stand L9057) — progettata da e+i studio ed organizzata da Confindustria Ceramica, l’associazione italiana delle aziende produttrici di piastrelle in ceramica, con il sostengo dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane — ha

liano contemporaneo, contaminato dallo stile della Sin City.

presentato un ampio spazio d’incontro, una scalinata tipo

Trasformando i suoi 280 metri quadrati in una piazza colorata,

piazza e un team culinario italiano specializzato al famoso

invitante e dinamica, lo spazio espositivo ha messo in mostra

caffè e al bar. Ha incluso anche un banco per le informazioni

un’ampia varietà di prodotti dei principali produttori italiani,

in cui i rappresentanti di Ceramics of Italy hanno distribuito

tra cui: Atlas Concorde, Ceramiche Caesar, Emilceramica, Floor

informazioni sull’industria ceramica italiana, che ha funto da

Gres, Lea Ceramiche e Marazzi. TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

punto focale per i 100 marchi italiani in esposizione. Le piastrelle, posate su un sistema di pavimentazione sopraePIA ZZ A CER AMIC A E IL PADIGLIONE ITALIANO

levata, sono state tagliate a idrogetto da Stratos per creare un design dal profilo topografico arcuato. Naturalmente l’instal-

Progettato da e+i studio, innovativo studio di architettura e

lazione e la manutenzione dello spazio erano possibili grazie

design con sede a New York, il vincitore del premio Piazza

alla malta per fughe, all’angolare e ai prodotti per la pulizia

Ceramica è tornato a Coverings con un esempio di design ita-

offerti da Mapei, Profilpas e Fila Chemicals.

117


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Samantha Perrone, corrispondente dagli U.S.A. per INNOVACER

118

La piazza è stata un luogo ideale per prendersi una pausa dai

A chi era in cerca di materiali da costruzione innovativi,

frenetici corridoi della fiera. I due lati dello spazio espositi-

eco-consapevoli e d’avanguardia, gli oltre 100 spazi espositivi

vo hanno inalzato essenzialmente gli angoli per creare delle

dei membri di Ceramics of Italy hanno messo in mostra al pa-

sponde a sbalzo rivestite in piastrelle che hanno posto in ri-

diglione italiano gli ultimi concetti di design e le innovazioni

salto il caffè più famoso, il bar e il desk informazioni; le sedute

tecnologiche di piastrelle e adesivi. In termini di tendenze

a gradini soprastanti hanno offerto un luogo in cui gustarsi

decorative, sono state la grafica audace, i modelli patchwork,

caffè e pasticcini a colazione, cucina italiana autentica a pran-

le superfici tridimensionali e le piastrelle ispirate a pietre an-

zo e un aperitivo nel pomeriggio, il tutto preparato dal collau-

tiche, legno rustico e materiali industriali a prevalere in tutto

dato team culinario italiano del padiglione: Carlo Donadoni

il padiglione. Oltre ai pavimenti in ceramica per interni, hanno

e Graziano Sbroggio di Spuntino Catering di Miami. Inoltre

riscosso grande successo anche le piastrelle progettate per ri-

le due colonne che fiancheggiavano la piazza presentavano

vestimenti esterni e i sistemi di facile posa per ristrutturazioni

una magnifica fotografia dei progetti vincitori del Ceramics

e architettura del paesaggio.

of Italy Tile Competition 2014, nelle categorie commerciale/

I visitatori che hanno esplorato i corridoi del padiglione

ospitalità, istituzionale e residenziale — una dose d’ispirazio-

italiano si sono imbattuti anche nella prima manifestazione

ne di design disponibile ad ogni ora del giorno.

della nuova iniziativa “We Care” di Ceramics of Italy, che ha


,

,

M EE T I N G S E X H I BI T IO N S

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

IN CO M IN G CO N G RES S

119


cominciato con una parete geometrica d’avanguardia che ha

un team di contractor a cinque stelle di Artcraft Granite,

presentato la dichiarazione d’intenti dell’industria ceramica

Marble, and Tile ha costruito da zero un bagno sostenibile

italiana. La parete manifesto interattivo ha presentato

e accessibile allo stand 16097B. Progettata da Daniel Huard

una stupenda composizione tipografica della mission di

dell’US Green Building Council Nevada Chapter, la vignetta

Ceramics of Italy, progettata dallo studio di progettazione

ha mostrato numerose piastrelle italiane di aziende come

grafica con sede a Brooklyn, Maiarelli Studio, da un lato e,

Ceramiche Caesar, Fioranese, Imola Ceramica, Lea Ceramiche

dall’altro, Ceramics of Italy ha invitato i partecipanti a dire al

e Sicis che non solo sono sostenibili, ma sono anche adatte a

mondo ciò che per loro è importante, scrivendo sulla parete

uno spazio progettato universalmente e conforme alle norme

e condividendo le loro parole sui social media, taggando

ADA. Alcune delle innovazioni che i visitatori hanno potuto

@CeramicsOfItaly, #WeCare and #Coverings2014.

vedere hanno incluso: l’installazione di piastrelle di porcellana in formato grande (3m x 1m) e sottile (3,5mm), che sono state

ANNUNCI E PREMI

tagliate anche per rivestire un lavabo realizzato su misura; il taglio delle piastrelle per realizzare una serie di “onde” in un

Per la 25a edizione di Coverings, Ceramics of Italy ha tenuto

modello gradiente sul pavimento; e l’installazione di mosaici

due conferenze stampa nella Sala S224. Martedì 29 aprile,

su una superficie ricurva.

Ceramics of Italy ha tenuto una conferenza stampa congiunta con CTDA per annunciare il nuovo programma innovativo denominato Good Phytosanitary Practices. Il giorno successivo, mercoledì 30 aprile, Ceramics of Italy ha tenuto la sua Conferenza Stampa Internazionale annuale, in cui i rappresentanti dell’associazione hanno discusso dello stato del settore ed hanno esposto le ultime tendenze per le piastrelle in ceramica sul mercato nord americano. Hanno annunciato anche i vincitori della Ceramics of Italy Tile Competition 2014, ove i vincitori, architetti e designer, di ciascuna categoria hanno presentato i loro progetti e sono stati inoltre riconosciuti i principali contractor e distributori di piastrelle. Successivamente Ceramics of Italy ha offerto il suo Aperitivo Italiano annuale a The Bank Nightclub al Bellagio Hotel e ha rivelato il vincitore dell’ambìto Confindustria Ceramica North American Distributor Award 2014, per celebrare lo stretto legame tra i produttori italiani di piastrelle e i loro stimati partner nord TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

americani. INSTALL ATION DESIGN SHOWC A SE A dimostrazione del rapporto simbiotico tra bei prodotti, design fantasioso e installazione professionale, Ceramics of Italy ha partecipato all’attrazione live annuale della fiera: la Installation Design Showcase. Nel corso delle quattro giornate,

120


TRENDS PRODUCTION | STATISTICS | BUSINESS | MARKETS

Il comparto delle piastrelle di ceramica prodotte in Italia raggiunge i 4,73 miliardi di euro (+3,16%), grazie ad un export di 3,87 miliardi (+5,66%) ed al perdurare delle difficoltà del mercato interno (-6,84%). Oltre 740 milioni di euro il fatturato di ceramica sanitaria, materiali refrattari e stoviglie, che occupano 6.500 addetti. In occasione dell’Assemblea 2014 di Confindustria Ceramica sono state presentate le indagini statistiche relative ai diversi comparti che compongono l’industria ceramica italiana. Sono 236 le industrie italiane di pia-

strelle di ceramica, ceramica sanitaria, stoviglie e materiali refrattari attive nel 2013, che occupano 27.060 addetti e che hanno fatturato 5,5 miliardi di euro complessivi, grazie a vendite oltre confine per il 75%. LE PIA STRELLE DI CER AMIC A PRODOT TE IN ITALIA Sono 156 le aziende (-3 rispetto al 2012) presenti sul suolo italiano, dove sono occupati 20.537 addetti (-3,83%), che nel corso del 2013 hanno prodotto 363,4 milioni di metri quadrati (-1,05%) tali da consentire vendite per 389,3 milioni di metri quadrati (1,85%). Opposta la dinamica dei mercati di destinazione, che registra in Italia una ulteriore flessione del -7,18% (86,5 milioni di metri quadrati nel 2013) ed un significativo incremento del 4,76% nelle esportazioni, ora pari a 302,7 milioni di metri quadrati.

Il fatturato totale, 4,73 miliardi di euro (3,16%) derivano per 3,87 miliardi dalle esportazioni (5,66%) e da 856 milioni di euro da vendite sul territorio nazionale (-6,84%). Significativi sono gli investimenti realizzati per quasi 225 milioni di euro, valore prossimo al 5% del fatturato annuale. Per l’anno in corso gli investimenti previsti sono pari a oltre 248 milioni di € (+10% rispetto al 2013). L A CER AMIC A SANITARIA Sono 36 le aziende industriali produttrici di ceramica sanitaria, 32 delle quali localizzate nel distretto di Civita Castellana (Viterbo), che occupano complessivamente 3.723 dipendenti, che hanno prodotto 3,8 milioni di pezzi (-6,77%) e venduto 3,6 milioni di pezzi (-6,07%), usciti dalle fabbriche italiane.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Industria ceramica italiana: 236 aziende con 27.000 addetti nel 2013, ha fatturato 5,5 miliardi di euro con un export del 75%

121


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Il fatturato è di 308,4 milioni di euro (-8,68%), derivanti per 204 milioni di € da vendite sul mercato nazionale e da 104,2 milioni di € dalle esportazioni. In flessione, secondo le rilevazioni Eurostat, le importazioni di sanitari dall’estero in tonnellate: -17,94%). L’INDUS TRIA DEI M ATERIA LI REFR AT TA RI

122

Le 35 aziende attive nella produzione di materiali refrattari

presenti sul territorio nazionale occupano 2.125 addetti (+6 rispetto al 2012) per una produzione pari a 421.172 tonnellate (-10,07%) e vendite a 442.694 (-9,17%). Le vendite in Italia sono scese nel 2013 a 279.680 tonnellate (-12,67%), che ora sono pari al 63,2% dei volumi complessivi venduti. Il fatturato totale, ora pari a 392,8 milioni di euro, deriva da vendite sul territorio nazionale per 238,3 milioni di

euro (-11,17%), da 91,7 milioni di esportazioni comunitarie (-4,25%) e da 62,8 milioni di euro da esportazioni extracomunitarie (+0,33%). LE S TOVIG LIE IN CER A MIC A Le 9 aziende industriali italiane occupano 675 dipendenti per una produzione (e vendita) di 13.000 tonnellate di prodotto finito. Le vendite sul mercato domestico rappresentano circa l’80% delle ven-


TRENDS PRODUCTION | STATISTICS | BUSINESS | MARKETS IL PRIMO TRIMES TRE 2014 DELLE PIA S TRELLE DI CER A MIC A La ripresa dei consumi dell’Unione Europea, che nel caso delle esportazioni di piastrelle di ceramica dall’Italia ritorna a doppia cifra dopo diversi semestri, viene trainata dalla Germania (+16,46% in fatturato), dalla Francia (+10,18%) e dalla Gran Bretagna (+29,20%). Molto positivi anche i risultati di diversi paesi della Mitteleuropa (Ungheria, +42,71%; Repubblica Ceca +15,03%) e dell’area baltica (+43,11%).

Situazione di stasi invece nei paesi extra europei, che dopo la forte crescita realizzata nel corso del 2013, consolida il fatturato del primo trimestre (+2,38%). In calo la Russia (-16,05%) che risente sia della svalutazione del rublo, della situazione di conflitto nell’area caucasica e di un rallentamento nella congiuntura interna, una flessione nell’area del Golfo – pausa di riflessione dopo le forti crescite negli anni scorsi – mentre le esportazioni in Africa (+12,08%) ed Australia / Oceania (28,57%).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

dite totali.Il fatturato 2013 è pari a 40 milioni di euro, di cui circa il 70% realizzato in Italia. Di particolare rilievo è l’adozione, da maggio 2013, di misure antidumping sulle importazioni di stoviglie cinesi in Europa, con valori di dazi per i prossimi 5 anni compresi tra il 13,1% ed il 36,1% a seconda dei diversi esportatori cinesi: tale misura ha determinato un calo superiore al 40% dell’import, pari a circa 200.000 tonnellate annue.

123


Tecnologia ceramica italiana: fatturato 2013 a 1.710 milioni di euro

Crescono Asia, Medio Oriente, Africa e Sud America. Rallenta l’Unione Europea. Il fatturato generato dalle vendite in Italia in leggera flessione rispetto all’anno precedente.

fatti, il fatturato di settore si è attestato su 1.710 milioni di euro con una crescita del 2,2% sull’anno precedente.

La 22° Indagine Statistica Nazionale realizzata da ACIMAC registra un incremento del fatturato complessivo del 2,2% sul 2012. L’export sale dell’5,8% e rappresenta il 79,9% del fatturato totale del settore.

Il settore dei costruttori italiani di macchine per ceramica conferma ancora una volta la propria leadership mondiale con risultati in crescita rispetto all’anno precedente. Nei dodici mesi del 2013, in-

A trainare le vendite, sono state le esportazioni, che generano l’80% del giro d’affari di settore, e hanno registrato un incremento del 5,8%, portando a 1.366,4 milioni di euro il fatturato realizzato fuori dall’Italia.

E XPORT A +5,8%

Quadro generale del settore macchine per ceramica

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Anno 2013

Anno 2012

Variazione 2013/2012

Totale aziende

144

151

-7 unità

Fatturato Totale (milioni €)

1.710

1.673

+2,2%

- Fatturato Italia (milioni €)

343,8

381,4

% sul fatturato totale

20,1%

22,8%

- Fatturato estero (milioni €)

1.366,4

1.291,3

% sul fatturato totale

79,9%

77,2%

-9,9%

+5,8%

Elaborazione Centro Studi ACIMAC

124


TRENDS PRODUCTION | STATISTICS | BUSINESS | MARKETS

Ottima la performance dell’Africa che risulta in crescita del 17,5% e, con 200 milioni di euro, assorbe il 14,6% dell’export totale. La maggior parte dei macchinari venduti nel continente africano restano però destinati ai paesi del Nord Africa. Seguono in classifica Sud America, Est Europa, Est Asiatico e Oceania. Da segnalare le ottime performance registrate sul mercato cinese che fa fatto segnare un incremento del 51,6% sul 2012 totalizzando un fatturato di oltre 100 milioni di euro.

ITA LIA FERM A A L PA LO

PRE VISIONI 2014

Opposto l’andamento del fatturato domestico. Le vendite in Italia sono calate nel 2013 del 9,9% assestandosi su 343,8 milioni di euro. Il calo in Italia è comune ai principali settori di sbocco delle tecnologie per ceramica: produttori di piastrelle, sanitari, stoviglieria e laterizi.

“I primi mesi del 2014 sono stati moderatamente positivi - dichiara il Presidente di Acimac, Fabio Tarozzi - e ci portano a stimare una chiusura d’anno in lieve crescita”. “Lo svolgimento della nostra fiera di riferimento, Tecnargilla, in programma dal 22 al 26 settembre, infonde ulteriore ottimismo” - continua Tarozzi. “Tecnargilla sarà infatti ancora una volta la maggiore fiera al mondo del nostro settore conclude Tarozzi. “Confermerà agli operatori del settore la leadership tecnologica delle nostre aziende, che si stanno per questo preparando per presentare in anteprima a Rimini innovazioni di processo e di prodotto”.

IL SE T TORE La struttura del settore è rimasta per lo più invariata. Alla fine dello scorso anno erano 144 le aziende costruttrici di macchine e attrezzatura per ceramica (7 unità in meno rispetto al 2012). Tengono invece gli occupati che si attestano su 6.049 unità (+1,3% sul 2012). Resta analoga anche la suddivisione delle aziende per classi dimensionali. Il 54,9% del totale ha un fatturato inferiore ai 2,5 milioni di euro, mentre all’opposto solo l’11,9% ha un giro d’affari che supera i 10 milioni di euro. Quest’ultima classe è quella con la maggior propensione esportativa riflettendo la tendenza inversamente proporzionale di incidenza sul fatturato di settore rispetto alla penetrazione sui mercati esteri.

INCREMENTO DEL FAT TUR ATO G R A ZIE A NCHE A LLE ESPORTA ZIONI. Dopo la flessione registrata nel 2012 il fatturato complessivo realizzato dai costruttori di macchine e attrezzature per ceramica e laterizio ha registrato nel corso del 2013 un positivo incremento del 2,2% che ha riportato il giro d’affari ai livelli del 2011, grazie anche all’aumento delle esportazioni.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

La suddivisione delle vendite per area geografica mostra anche nel 2013 una ripartizione pressoché omogenea. Scala la classifica l’Asia (esclusa la Cina) che si posiziona al primo posto tra i mercati di export con un fatturato pari a 221,1 milioni di euro, frutto di una crescita del 4% sul 2012 e una quota del 16,2% sull’export totale. A seguire i Paesi del Medio Oriente con 213,7 milioni Euro (+3,2%) pari al 15,6% del totale. Scende al terzo posto l’Unione Europea con un fatturato di 201,2 milioni di euro, in flessione dell’8,9%.

125


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

126

Si attesta sui 1.710 milioni di euro il fatturato 2013 generato dalle vendite di tecnologie per ceramica nei cinque continenti. A trainare le vendite sono state le esportazioni che hanno registrato un aumento del 5,8%, portando a 1.366,4 milioni di euro il fatturato realizzato fuori dall’Italia.

2013 con un volume di affari pari a 1.366,4 milioni di euro rappresentando il 79,9% del fatturato totale. Il primo posto tra le destinazioni di export è occupato dall’Asia (esclusa la Cina) frutto di una crescita del 4% sul 2012 con una quota del 16,2% del totale delle esportazioni pari a 221,3 milioni di euro.

Scende al terzo posto l’Unione Europea con una flessione dell’8,9%.

I MERC ATI E XPORT

La seconda area di maggiore export è rappresentata dai Paesi del Medio Oriente (+3,2%) con 213,7 milioni euro pari al 15,6% del totale.

Ottimi risultati del mercato cinese che ha fatto segnare un incremento del 51,6% totalizzando un fatturato di oltre 100 milioni di euro.

L’export, già punto di forza del settore, aumenta del 5,8% rispetto al 2012 e si afferma nel

Ottima la performance dell’Africa (in crescita del 17,5% pari a 200,1 milioni di Euro), seguita da Sud America (182,2 milioni), Est Europa (156,3 milioni), Nord America (90,4 milioni) e infine Oceania (0,5 milioni).


TRENDS PRODUCTION | STATISTICS | BUSINESS | MARKETS IL MERC ATO ITA LIA NO

A ZIENDE E OCCUPATI

Opposto l’andamento del mercato domestico le cui vendite hanno registrato nel 2013 un calo del 9,9%, assestandosi a 343,8 milioni di Euro, pari al 20,1% del fatturato totale.

Nel 2013 il numero delle imprese costruttrici di macchine e attrezzature per ceramica attive in Italia scende a 144 (7 unità in meno rispetto al 2012). Seppure si sia assistito ad un ridimensionamento complessivo, la situazione interna del settore mostra un netto miglioramento in termini di andamento delle imprese.

Il calo in Italia è comune a tutti i principali settori di sbocco delle tecnologie ceramiche: produttori di piastrelle, sanitari, stoviglieria e laterizi.

La percentuale di imprese in crescita sale infatti al 31% con un incremento del 10% rispetto all’anno precedente. Diminuisce invece il numero di aziende con fatturato in diminuzione o stabile. Segnali positivi arrivano dal fronte occupazionale, dove assistiamo ad una crescita pari all’1,3% per un totale di 6049 unità (+76 unità sul 2012).

Composizione del fatturato per “Tipologie di Macchine” – Confronto 2013 e 2012 - (Valori in milioni di euro)

Preparazione terre (valore %)

Formatura (valore %)

Stampi

(valore %)

Essiccazione (valore %)

Smaltatura e decorazione (valore %)

Decorazione digitale (valore %)

Stoccaggio e movimentazione (valore %)

Cottura

(valore %)

Finitura

(valore %)

Scelta, confezionamento, pallettizzazione Sistemi di depurazione (valore %)

Controllo di qualità e processo (valore %)

Engineering (valore %)

Strumenti di laboratorio (valore %)

Totale

Anno 2012 29,0 (7,6) 26,3 (6,9) 43,7 (11,5) 10,5 (2,8) 57,1 (15,0) 54,8 (14,4) 58,1 (15,2) 15,9 (4,2) 55,6 (14,6) 18,1 (4,8) 6,2 (1,6) 1,7 (0,4) 1,9 (0,5) 2,4 (0,6) 381,4 (100)

Fatturato ESTERO

Var. % -16,6 +96,1 -2,1 -12,5 -41,3 -37,6 -46,1 +16,5 +3,7 +37,3 +19,7 +56,0 +11,1 +59,6 -9,9

Anno 2013 222,2 (16,3) 379,0 (27,7) 52,7 (3,9) 58,5 (4,3) 85,9 (6,3) 111,7 (8,2) 126,7 (9,3) 160,8 (11,8) 67,2 (4,9) 77,0 (5,6) 11,5 (0,8) 1,3 (0,1) 7,0 (0,5) 4,8 (0,4) 1.366,4 (100)

Anno 2012 163,1 (12,6) 304,2 (23,6) 49,7 (3,9) 83,0 (6,4) 124,3 (9,6) 77,9 (6,0) 128,5 (10,0) 184,6 (14,3) 56,7 (4,4) 68,5 (5,3) 11,1 (0,9) 21,0 (1,6) 15,1 (1,2) 3,4 (0,3) 1.291,3 (100)

Fatturato TOTALE

Var. % +36,2 +24,6 +5,9 -29,5 -30,9 +43,4 -1,4 -12,9 +18,6 +12,4 +4,1 -94,1 -53,9 +39,8 -7,4

Anno 2013 246,3 (14,4) 430,6 (25,2) 95,4 (5,6) 67,7 (4,0) 119,4 (7,0) 145,8 (8,5) 158,1 (9,2) 179,4 (10,5) 124,9 (7,3) 101,9 (6,0) 19,0 (1,1) 3,9 (0,2) 9,1 (0,5) 8,7 (0,5) 1.710,2 (100)

Anno 2012 192,1 (11,5) 330,5 (19,8) 93,5 (5,6) 93,5 (5,6) 181,4 (10,8) 132,7 (7,9) 186,6 (11,2) 200,6 (12,0) 112,3 (6,7) 86,6 (5,2) 17,3 (1,0) 22,7 (1,4) 17,0 (1,0) 5,9 (0,4) 1.672,7 (100)

Var. % +28,2 +30,3 -6,9 -27,6 -34,2 +9,9 -15,3 -10,6 +11,2

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Fatturato ITALIA

Anno 2013 24,1 (7,0) 51,5 (15,0) 42,8 (12,4) 9,2 (2,7) 33,5 (9,8) 34,2 (9,9) 31,3 (9,1) 18,6 (5,4) 57,6 (16,8) 24,9 (7,2) 7,5 (2,2) 2,6 (0,8) 2,1 (0,6) 3,9 (1,1) 343,8 (100)

+17,6 +9,7 -82,9 -46,7 +47,9 +2,2

Elaborazione Centro Studi ACIMAC

127


S TRUT TUR A DELLE IMPRESE Resta analoga agli anni precedenti la suddivisione delle aziende per classi di fatturato. La prima classe con fatturati fino a 2,5 milioni di euro rimane stabile e si conferma quella numericamente più rilevante (55% del totale). Conferma i valori dell’anno precedente anche la classe con aziende che fatturano fino a 10 milioni di euro mentre chi maggiormente ha risentito di un calo è la classe di aziende con fatturati fino a 5 milioni che perde 5 unità passando da 33 a 28 aziende In lieve calo anche la classe dimensionale di fatturato oltre i 10 milioni di euro. SE T TORI CLIENTI

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

La ripartizione del giro d’affari per settori clienti si mantiene pressoché analoga a quella degli anni passati, seppur si verifichino significativi cambiamenti nel giro d’affari di alcuni settori. Al primo posto si trovano ancora una volta i produttori di macchine per piastrelle, che contribuiscono per l’82% al fatturato totale (era il 78% nel 2012), registrando un aumen128

to del 5,8% e totalizzando un giro d’affari di 1.409 milioni di euro. Come nell’anno precedente mantiene un peso determinante l’export, che aumenta dell’11%, rappresentando il 77,9% del totale del comparto, per un totale di 1.097,5 milioni di euro. Il mercato italiano, invece, passa ad un volume di fatturato di 311,9 milioni di euro con una riduzione del 9,5%. Il secondo settore cliente più importante, quello dei produttori di macchine per laterizi, registra una nuova battuta d’arresto (-8,6%). Nel 2013 il giro d’affari generato in questo comparto è stato di 133 milioni di euro, il 7,8% del fatturato totale, ed è stato realizzato in gran parte all’estero (90,7%) dove, però, continua il trend negativo (-5,3%), seppur con cali più contenuti rispetto a quelli registrati sul mercato interno (-32%). Segue il mercato delle macchine per sanitari che, con 104,2 milioni di euro di fatturato (rispetto ai 71,6 del 2012), registra una performance superiore ai valori pre-crisi. Anche qui, come per le vendite di macchine per piastrelle è l’export a

trainare il comparto. Seppur in calo (-13,8%), sale di una posizione il mercato delle macchine per refrattari, con un fatturato di 37,4 milioni di euro. Le macchine per ceramica tecnica subiscono un brusco crollo del volume di fatturato che scende a 19,5 milioni di euro (rispetto ai 52,2 dell’anno precedente). Questa caduta è determinata dal forte calo delle esportazioni (-67,3%) mentre i volumi di fatturato realizzati in Italia aumentano lievemente. Infine troviamo le macchine per stoviglieria, in fortissima contrazione. Se negli ultimi due anni ci si era riallineati ai valori pre-crisi, il volume di fatturato nel 2013 collassa a 6,5 milioni di euro (-76,7% rispetto al 2012). Anche in questo caso sono le esportazioni a soffrire maggiormente. TIPOLOGIE DI M ACCHINE, INCIDEN Z A SUL FAT TUR ATO Le quote di fatturato realizzate dalla vendita delle varie tipologie di macchine non ha


TRENDS PRODUCTION | STATISTICS | BUSINESS | MARKETS

Le macchine per la formatura dei materiali ceramici si confermano la tipologia più venduta con una quota sul fatturato totale in crescita del 30,3%, rappresentando il 25,2% del giro d’affari. Seguono le macchine per la preparazione delle terre (14,4% del totale), macchine di cot-

tura (10,5%) e macchine per stoccaggio e movimentazione (9,2%). Al quinto posto, per la prima volta scorporate dalle altre tecnologie di decorazione, troviamo le macchine per la decorazione digitale in crescita del 10% sul 2012 che rappresentano l’8,5% del totale, seguite dalle tecnologie di finitura (7,3%), smaltatura e decorazione tradizionale (7%).

Nei dodici mesi del 2013 i migliori risultati sono stati conseguiti, oltre alle macchine per formatura, dalle macchine per la preparazione delle terre (+28,2%), per la scelta, il confezionamento e la pallettizzazione (+17,6%). Incrementi importanti anche per gli strumenti di laboratorio (+47,9%), il cui peso è però relativo rispetto al fatturato totale.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

subito sostanziali modifiche rispetto al passato.

129


Più moderate le variazioni registrate dalle altre tipologie di macchine: +2,1% gli stampi, +9,7% la depurazione, +9,9% la decorazione digitale.

nologie per la formatura, finitura e stampi. Si tratta cioè delle tecnologie più direttamente collegate con l’estetica e il valore aggiunto del prodotto. All’estero invece le tecnologie più vendute sono quelle di formatura, preparazione terre e cottura, cuore del processo produttivo.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Sono invece in calo la smaltatura e decorazione tradizionale (-34,2%). In contrazione anche le vendite di sistemi di controllo di qualità e pro-

cesso (-82,9%), engineering (-46,7%), impianti di essiccazione (-27,6%) e di stoccaggio e movimentazione (-15,3%). Uno spunto interessante proviene dalla variazione tra Italia ed estero delle tipologie di macchine più vendute. Sul mercato domestico, infatti, la quota maggiore di fatturato è generata dalle vendite di tec-

130

Da sinistra: Paolo Gambuli - Direttore generale ACIMAC, Fabio Tarozzi - Presidente ACIMAC, Gian Paolo Crasta - Capo ufficio stampa ACIMAC


Insulating Our World

Save energy AES Competition 128Kg/m3

Cerablanket 128Kg/m3

Superwool Plus 96Kg/m3 Plus

Superwool Plus 128Kg/m3 Plus

Drop a density for the same result Thinner lining for the same result

AES Competition 128Kg/m3

Cerablanket 128Kg/m3

Superwool Plus 96Kg/m3 Plus

Superwool Plus 128Kg/m3 Plus

Kiln Test 1

Kiln Test 1

Kiln test conducted using fibre blanket: Superwool Plus 38mm

Superwool Plus 50mm

Kiln Test 1 • Competitor 128Kg/m3 • Superwool Plus 96Kg/m3

• Cerablanket 128Kg/m3 • Superwool Plus 128Kg/m3

Drop a density: 96Kg/m3 Superwool Plus can replace any other 128Kg/m3 fibre blanket for the same result

Material weight saving up to 25% Kiln Test 2 • Superwool Plus 38mm • Competitor 50mm AES Competition 50mm

Cerablanket 50mm

Kiln Test 2

• Superwool Plus 50mm • Cerablanket 50mm

Thinner lining: 38mm Superwool Plus performs better than any other blanket at 50mm thickness

Create more work space within the unit

• Lower Thermal Conductivity: improved insulation by 20% • Less shot: cleaner workspace, less skin irritation • Strong with good handleability: ease of installation saving time & waste • Improved handling: operator satisfaction

Save ENERGY Save SPACE

Superwool Plus ®

www.morganthermalceramics.com


A

SELECTION

OF

ENDORSING

AND

COOPERATING

BODIES

OF

INNOVACER

CONFERENCES

Commission of the European Communities • Royal Institute of British Architects • The American Institute of Architects • National Research Council, Italy • Italian National Agency for New Technology, Energy and the Environment • International Union of Architects • AIA The American Institute of Architects • Archi – Europe European Architect Network • A.I.M.C. International • U.A.R. Russia • A.P.I.D. • ANDIL • Brick Institute of America • Italian Ministry of Economic Development • Italian Ministry of Productive Activities • Academy of Sciences of Romania • Academy of Sciences of Russia • Academy of Sciences of Ukraine • International Union of Materials Research Societies • International Ceramic Federation • International Institute of Welding • ASM International • International Union of Pure and Applied Chemistry • International Union of Pure and Applied Physics • International Standards Organization • International Thermoelectric Society • The International Society for Optical Engineering • International Association for Structural Control and Monitoring • Versailles Project for Advanced Materials and Standards • European Association of Composite Materials • European Committee for Standardization • European Optical Society • European Society for Biomaterials • European Thermoelectric Society • EURO-CVD • Federation of European Materials Societies • American Carbon Society • American Powder Metallurgy Institute • American Society for Composites • Institute of Electric and Electronic Engineers • Italian Center for Composites • Italian Institute for the Physics of Materials • Italian Physical Society • Italian Society for Optics and Photonics • Japanese Orthopaedic Ceramic Implant Society • Optical Society of America • Society for Biomaterials, USA • The Electrochemical Society, USA • The Japan Society for Applied Physics • The Japan Society for Biomaterials • The Japan Society of Mechanical Engineers • The Japan Society for Composite Materials • The Society for Fiber Science and Technology of Japan


Magazines

OUROBOROS HOME INTERIORS LUXURY CONTRACT

must07 copertina ok 6-09-2007 9:56 Page 2 Y

CM

MY

CY CMY

K

Techna Group_ Corso Mazzini, 52_ 48018 Faenza

AL INTERNATIONAL ARCHITECTURAL, DESIGN AND FURNISHING REVIEW

M

settembre 2007_monografia annuale_ v 20,00

C

anche in edicola

Composite

I MUST ARCHITECTURAL DIGEST


Publishing specialized

NOW AVAILABLE ONLINE ON

SECTION SECTION

NOW AVAILABLE ONLINE ON

SECTION SECTION

BRICKS BRICKS

P L AT I N U M S P O N S O R : OFFICIAL SPONSORS:

LE ADER ON THE PRODUC TION O F CO M P L E T E P L A N T S FO R C L AY B R I C K

OFFICIAL SPONSORS: P L AT I N U M S P O N S O R :

TTIILLEESS

BBRRI ICCKKSS IINNTTEERRNNAATTIIO ONNAALL TTI ILLEESS

DIGITAL DECORATION

TILES

7,000 copies worldwide

B BR I C K S I N T E R N A T I O N A L

iinn cc oo ll ll aa bb oo rr a t i o n a n d w i t h t h e e n d o r ss ee m m ee nn tt ooff

7,000 copies worldwide

PRODUCTION OF RUbbER COMPOUNDS FOR PRESSING CERAMIC TILE PUNCHES

Special Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014 issue MosBuild - Batimatec Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015

2 / 2 0 1 41//s2e0p1t3e/m be ap r irl INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

GOLDEN SPONSOR: OFFICIAL WEBSITE

RAw MATERIALS FOR CERAMIC INDUSTRY, SOLID AND LIqUID bIOFUELS

POSTAL INFORMATION: POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC

copertina BRIKS/tiles SETT_2014.indd 1 copertina BRIKS APRILE.indd 1

31/07/14 17:16 27/03/13 17.17

C+Ca INTERNATIONAL SECTION BRICKS Endorsed by ANDIL

Special issue MosBuild - Coverings Special issue Tecnargilla Ceramics 2014 - Indian Ceramics 2015 China Cevisama 2015 - Revestir 2015

P eRrI L 2 / 2 0 1 41//s2e0p1t3e/A mb INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

INNOVACER PALAZZO SERVIZI VIA - LAGHI, 87 -DEI 48018 FAENZA (RA) ITALY VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY POSTAL INFORMATION:

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE

copertina tiles APRILE.indd 1 copertina BRIKS/tiles SETT_2014.indd 2

27/03/13 18.02 31/07/14 17:16

C+Ca INTERNATIONAL SECTION TILES


INTERNALIZATION PROCESSES

Conferences & Exhibitions 路 Strategic & Directional Marketing

Brazil

RUSSIA


INTERNALIZATION PROCESSES

Conferences & Exhibitions 路 Strategic & Directional Marketing

CHINA


DUBAI

FRANCE


INTERNALIZATION PROCESSES

Conferences & Exhibitions 路 Strategic & Directional Marketing

U.S.A.

SPAIN


INDIA

ALGERIA


INTERNALIZATION PROCESSES

Conferences & Exhibitions 路 Strategic & Directional Marketing

ASIA


IRAN


INTERNALIZATION PROCESSES

Conferences & Exhibitions 路 Strategic & Directional Marketing

AFRICA


ACTIVITIES

• Innovation and internalization fund raising • Internalization processes • Licensing strategy • Strategic and directional marketing • Commercial and industrial penetration on B.R.I.C.S.T., U.A.E. and Balkans • Integrated business communication and corporate image • Publishing specialized • Meetings: Innovation Days

Ceramic technology meeting

Ceramic Design Forum

Ceramic design meeting

• Itinerant fair projects on primary architectures & buildings, furnishings, tiles & bricks fairs

INNOVACER Headquarters Palazzo dei Servizi - Viale A. Laghi, 87 - 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546 20145 - Fax +39 0546 680751 innovacer2@gmail.com www.innovacer.com