{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade.

Page 1

1


2


W

hen he spotted someone coming, he hid behind a little church and decided to approach the man from there, so that he wouldn’t scare him: “Hello! - he said - I am a good dragon, please don’t be afraid! Everyone is scared of my fire!”

F

ire? - replied the man, pointing to a big kiln where he used to cook bricks. This is a furnace, it works with fire! You could be so useful, who knows how many bricks we’d be able to make with your help!”

H

earing these words, the dragon spat fire in the furnace at once, immediately cooking all the bricks. “Wow, such flames! - the man shouted - Why don’t you show me how far they can get?”

T

he dragon then, happy he could be helpful and anxious to show his worth, blew a huge burst of flames, burning all the weeds in a nearby field. The man, very impressed, went to check the result and, shocked, discovered that the field, once fruitless, turned into a rich land thanks to the dragon cleansing.

T

hereafter on that field, the man planted many grapevines, that gave wonderful bunches for an extraordinary wine! Man and dragon, happy for their lucky encountering, drank to the result, becoming an inseparable team.

3


4


T

he farm “Il Drago e la Fornace” is in the heart of Siena’s countryside, just off the Francigena Way. It’s a multifaceted reality, where passion and love for Design and Architecture are matched with a great selection of wines, making for an original and unique mix. In this small village, La Fornace, enriched by the company’s history, you can find a nice accomodation, plan events and receptions, host activities connected to good food, all the while breathing the atmosphere of design that permeates all the facilities. Heirs to a long wine tradition, we make our wines from the old vineyards on the hills of Chianti Senese, in Colle di Val d’Elsa.

5


Wine Index

Toscani

65

• Bianco Ottico Bianco d’Italia

29

• Bruno Brunello di Montalcino DOCG

37

• Floris IGT Toscana Rosato

46

• Giallo Paglia IGT Toscana Vermentino

33

• Giosuè Bolgheri Rosso DOC

32

• Giovanni Morellino di Scansano DOCG

64

• L’Incanto Rosso d’Italia

24

• Merlò IGT Toscana

30

• Nobile di Montepulciano DOCG

35

• Pavo IGT Toscana

26

• Ribollito IGT Toscana - Governo all’Uso Toscano

34

• Rosso Bono IGT Toscana

28

• Rosso di Montalcino DOC

31

• Rosso di Montepulciano DOC

48-49

• Verde Oro Rosso-Bianco d’italia

Chianti

50

• Vernaccia di San Gimignano DOCG

51

• San Giorgio e il Drago IGT Toscana Chardonnay

40-41

6

• Chianti DOCG

42

• Chianti Classico DOCG

42

• Chianti Classico Riserva DOCG

43

• Chianti com’era DOCG


• Carbonaie IGT Toscana

14

• Carboncino IGT Toscana

15

• Concalma IGT Toscana

25

• Dragon in Siena IGT Toscana

23

• Oro IGT Toscana

21

• Rosso Foco Etna DOC Nerello Mascalese

36

• Friulano DOC Collio

60

• Malvasia DOC Collio

59

• Pinot Grigio DOC Friuli

56

• Ribolla Gialla IGT delle Venezie

58

• Sauvignon DOC Collio

61

• Traminer Aromatico IGT delle Venezie

54

• Coda di Volpe Sannio Taburno DOC

70

• Falanghina Sannio Taburno DOC

71

• Falanghina IGP Campania

75

• Fiano IGP Campania

73

• Greco IGP Campania

74

• Refolo Taburno Aglianico DOCG

72

• Ancestrale Vino Frizzante Sur Lie

19

• Cuvée Brut

82

• Prosecco DOC Treviso

84

• Ribolla Gialla Brut

83

• Valdobbiadene Superiore DOCG

85

• Amaro del Drago Toscana

87

• Grappa di Ribollito Bianca e Riserva

27

• Limoncello da limoni italiani

86

Super Tuscan

Sicilia Le Vigne del Doge

Masseria del Sole Bollicine

Distillati 7


1

S

ince the XI century, in the north western side of Chianti, there has been a large production of bricks and roof tiles, and therefore you can find the structures for their production: the kilns. In fact, our proximity to the Francigena Way appointed our village to the production of bricks, used for this important passage.

A 2

top the hills to the west of the estate, two old furnaces, also known as “carbonaie” were found; they are situated in the woods at both sides of the Vigna del Noce (“chestnut vineyard”). These are the two jewels that our flagship wines are named after, Carbonaie and Carboncino.

Merlo' MERLOT in purezza

2

1

8


lotto L.PPM01/2017

san giorgio & il drago chardonnay

product of italy IMBOTTIGLIATO DA SI-8610-IT per AZ. AGR. POCCI PIETRO MATTIA-colle di val d’elsa (si)

14

9


Così creiamo la vostra etichetta ideale V alore aggiunto della nostra cantina è l’assidua e costante collaborazione con lo studio di grafica Valentina Cresti e Associati, con il quale sviluppiamo non solo progetti personali ma anche etichette cucite su misura per i nostri clienti.

Come i nostri clienti sanno, le nostre bottiglie si fanno notare, si distinguono dalla massa, creando un legame visivo che dura nel tempo con l’osservatore. Il Drago e la Fornace mette oggi a disposizione dei suoi clienti il know-how maturato in questi anni, dando la possibilità ad ogni attività di caratterizzare le proprie etichette al fine di renderle uniche e personalizzate. La stessa opportunità viene offerta anche con la realizzazione grafica dei Menù e delle Carte Vini su misura per ogni locale, per perfezionare l’offerta che ogni Cliente del Drago merita.

10


Here’s how we design the perfect label for you T he added value to our winery is the constant collaboration with the graphic studio Valentina Cresti & Associati, with whom we develop not only personal projects but also tailor-made labels for our customers. As our customers know, our bottles stand out creating a visual bond that lasts over time with whoever sees them. Il Drago e la Fornace now puts the know-how gained over the years at its customers’ disposal, giving our partners the possibility to personalize their labels in order to make them unique. The same opportunity is also offered with the graphic creation of menus and wine lists tailored to each restaurant, to perfect the offer that each Drago’s customer deserves.

11


Le nostre scatole in legno... 12


.. Qualcosa sul packaging L O e nostre scatole in legno sono state create per offrire un packaging speciale per i nostri vini. L’essenza che le caratterizza è l’abete, il coperchio è scorrevole, sono infatti realizzate con la tradizionale tecnica dell’incastro a pettine. Le nostre scatole riportano sul coperchio il timbro raffigurante il logo dell’azienda. Trattandosi di cassette in legno, è importante evidenziarne l’ecosostenibilità, che è e sarà sempre un punto fondamentale quando si parla packaging dei prodotti.

ur wooden boxes have been created to offer special packaging for our wines. Their essence is the fir, they have a sliding lid and are in fact made with the traditional comb joint technique. Our boxes are all decorated with a stamp, depicting our company logo. Since these are wooden crates, it is important to highlight their sustainability, which is and will always be a keypoint when it comes to product packaging design.

Scatola da 6

Scatola 1,5 L

Scatola da 2

Scatola da 3

Scatola da 1 13


Le etichette sono un progetto di Valentina Cresti & Associati The wine labels are a project by Valentina Cresti & Associati

www.valentinacrestieassociati.com

14


15


IGT Toscana

16


FIRENZE PISA

COLLE DI VAL D’ELSA

SIENA

IGT Toscana

17


18


19


Il Metodo Ancestrale L T a parola Ancestrale, che deriva dal latino “antecessor”, significa letteralmente: appartenente agli antenati. Il metodo Ancestrale, nella produzione del vino, si può definire il padre fondatore delle bollicine; tale processo, risalente all’antichità, mantiene la naturalezza ormai andata perduta con i mezzi ad oggi disponibili, in precedenza era infatti l’unico modo per ottenere vini frizzanti. Il procedimento consiste principalmente nell’utilizzare gli zuccheri ancora presenti nel vino dopo una prima fermentazione nel seguente modo: il mosto viene imbottigliato a fermentazione ancora incompleta, questo dunque, contiene ancora una percentuale di zuccheri. La seconda fermentazione, avviene in bottiglia, con gli zuccheri e i lieviti (sur lie significa infatti “sui propri lieviti”) residui, è proprio questo passaggio che porterà alla produzione del tipico perlage di questo vino, leggero e brioso, dovuto alla formazione di anidride carbonica, che sigillata in bottiglia, non ha la possibilità di disperdersi nell’ambiente. Le temperature piu alte favoriscono infatti il risveglio dei lieviti del vino che trasformano in alcol i residui zuccherini producendo anidride carbonica. Proprio in questa fase si fomano le bollicine, che si sprigioneranno una volta stappata la bottiglia.

20

he word Ancestral, which derives from the Latin term “antecessor”, literally means: belonging to the ancestors. The Ancestral method, in the production of wine, can be defined as the founding father of sparkling wine; this process used to be the only method of making sparkling wines, and is used today to commemorate the all natural scents and flavours of ancient times. The procedure mainly consists in using the sugars still present in the wine after a first fermentation; this way the must is bottled when the fermentation is still incomplete and therefore still contains a percentage of sugars. The second fermentation then takes place inside the bottle, with residues of sugars and yeasts (sur lie means “on its own yeasts”). In fact, the higher temperatures favor the awakening of wine yeasts that turn sugar residues into alcohol, producing carbon dioxide. This step will lead to the production of the light and lively perlage of this wine; as the bottle is sealed the carbon dioxide produced won’t be able to be dispersed in the environment until the bottle is opened.


Ancestrale

Vino Frizzante Metodo Sur Lie IGT

B

C

Uve:

Grapes:

Abbinamenti: Sublime

Pairings: Sublime with cereal-based dishes such as rice and spelled, a good match with fish and particularly fatty dishes softened by the sapidity of the wine.

ouquet caratterizzato da note di pesca bianca, albicocca, susina, uva pizzutello, agrumi bergamotto, erbe aromatiche, leggero bosso e una punta di mandorla. Al palato la carbonica e una buona base acida danno slancio al sorso fruttato, molto piacevole, la sensazione fresca accompagna una materia gustosa, ricca di sapore, sapida. Verdicchio, Verdacchio

con portate a base di cereali come riso e farro, buon abbinamento con pesci e portate particolarmente grasse smorzate dalla sapiditĂ del vino.

omplex bouquet characterized by notes of white peach, apricot, plum, pizzutello grapes, bergamot citrus fruits, aromatic herbs, light boxwood and a hint of almond. On the palate the carbonic and a good acid base give impetus to the fruity, very pleasant sip, the fresh sensation accompanies a tasty, flavorful, sapid material.

Verdacchio

Verdicchio,

21


Coming soon...

il nuovo Cabernet Franc in purezza

Cabernet Franc

I

l Cabernet Franc è un vitigno che viene spesso impiegato in miscele grazie alla sua spiccata caratteristica di donare equilibrio e armonia; è rinomato il suo utilizzo nei vini a taglio bordolese, cioè assemblato a Cabernet Sauvignon e Merlot.

Rispetto al Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc germoglia e matura sensibilmente prima, anche due settimane; ha meno tannini, in generale meno polifenoli ed è anche leggermente più chiaro. Il vino ricavato da questa vite ha un colore rubino scuro, che con gli anni tende al granato. I profumi e sapori del Cabernet Franc possiamo riassumerli così: peperone, pepe, tracce fumé e che si mescolano ad un frutto scuro dove troviamo mirtilli, ribes, lamponi e fragole; anche liquirizia e alloro, sempre accompagnati da lievi tracce erbacee. Menta, cioccolato e violette procedono di pari passo. La sua carica balsamica è piuttosto marcata, è rotondo, caldo, ampio, di medio corpo, ma dotato di una freschezza vivace e soprattutto mai troppo pesante.

22

C

abernet Franc is a grape often used in blends, as it produces a wine that always gives balance and harmony; it’s a famous addition to Bordeaux blends, premium expressions of Cabernet Sauvignon and Merlot. Cabernet Franc ripens up to two weeks earlier than Cabernet Sauvignon does, it has less tannins, generally less polyphenols and is also a touch lighter in colour. The wine made off this vine shows a deep ruby red, that gains tawny features with aging. In the nose and palate we will find the following notes: bell peppers, black and red pepper, fumè traces that mix to red and dark fruits such as blueberry, red currant, raspberry and strawberry; we can also feel liquorice and laurel often accompanied by herbaceus traces. Sometimes scents can develop into mint, dark chocolate and violets. It has a definite balsamic feature making it a round wine, warm with a medium body, but fresh and lively enough never resulting too heavy.


Oro

IGT Toscana

R

ealizzato con un blend di Sangiovese e Cabernet Franc, è l’espressione della vendemmia toscana. piacevole e di buona struttura, è un vino che unisce la tradizione del Sangiovese con tutta la sua freschezza e la complessità del Cabernet Franc.

Uve: Cabernet Franc 65%, Sangiovese 35%

M

ade from a blend of Sangiovese and Cabernet Franc, this wine is an expression of the myriad possibilities of a Tuscan harvest. Pleasant with good structure it combines the tradition of Sangiovese with all its freshness, with the complexity of Cabernet Franc.

Grapes: Cabernet Franc 65%, Sangiovese 35%

Invecchiamento: minimo 20 mesi in tonneau da 3,5hL per il Cabernet Franc, botti da 20hL per il Sangiovese. Affinamento in bottiglia minimo 6 mesi.

Aging:

Abbinamenti: da abbinare a

Pairings: to pair with red meats, grilled meats or roasts, also recommended with aged hard cheeses.

carni rosse, carni alla griglia o agli arrosti, indicato anche con formaggi invecchiati a pasta dura.

20 months minimum in tonneau (3.5hL) for Cabernet Franc, large oak (20hL) for Sangiovese. Bottle aging minimum 6 months.

23


Le Etichette da Collezione P

24

Dragon in Siena

Dragon in Florence

iccole opere d’arte su bottiglia, così sono state pensate le bottiglie da collezione de il Drago e la Fornace: in un connubio perfetto l’arte enologica e l’estetica si fondono dando vita al Dragon of Florence, prima bottiglia della serie, e oggi al Dragon in Siena, che attraverso occhi dorati emerge tra i petali scarlatti. La produzione è limitata, solo le migliori annate di questi Super Tuscan vengono dedicate al progetto. Incorniciate da dettagli di lusso, queste etichette sono piccoli gioielli da custodire gelosamente nel tempo.

S

mall works of art, that’s how the collectible edition bottles of il Drago e la Fornace were meant to be: the enologic art and the esthetics match perfectly creating the Dragon in Florence, first bottle of the series, and today the Dragon in Siena, emerging through golden eyes between the scarlet petals. The production is limited as just the best vintages of this SuperTuscans are selected for this project. Featured of luxurious details, these labels are small gems to be jealously guarded.

?


Dragon in Siena

IGT Toscana

R

ealizzato con un blend di Sangiovese e Cabernet Franc, è l’espressione della vendemmia toscana. piacevole e di buona struttura, è un vino che unisce la tradizione del Sangiovese con tutta la sua freschezza e la complessità del Cabernet Franc.

Uve: Cabernet Franc 65%, Sangiovese 35%

M

ade from a blend of Sangiovese and Cabernet Franc, this wine is an expression of the myriad possibilities of a Tuscan harvest. Pleasant with good structure it combines the tradition of Sangiovese with all its freshness, with the complexity of Cabernet Franc.

Grapes: Cabernet Franc 65%, Sangiovese 35%

Invecchiamento: minimo 20 mesi in tonneau da 3,5hL per il Cabernet Franc, botti da 20hL per il Sangiovese. Affinamento in bottiglia minimo 6 mesi.

Aging:

Abbinamenti: da abbinare a

Pairings: to pair with red meats, grilled meats or roasts, also recommended with aged hard cheeses.

carni rosse, carni alla griglia o agli arrosti, indicato anche con formaggi invecchiati a pasta dura.

20 months minimum in tonneau (3.5hL) for Cabernet Franc, large oak (20hL) for Sangiovese. Bottle aging minimum 6 months.

25


IGT Toscana

26


Concalma

IGT Toscana

V

ino equilibrato, di corpo medio e finale rotondo. Molto piacevole con le sue note di frutti rossi maturi, presenta una leggera aciditĂ che pulisce la bocca. Una personalitĂ  decisa e morbida, da assaporarsi... con calma.

Uve: Sangiovese, Cabernet

B

alanced wine with a medium body and a round finish. Very pleasant with its notes of ripe red fruits, it has a light acidity that cleans the mouth. A decisive and soft personality, to be savored... calmly.

Grapes: Sangiovese, Cabernet

Franc

Franc

Invecchiamento: 10 mesi in

Aging: 10 months in oak bar-

botti di rovere di secondo passaggio. Affinamento in bottiglia minimo 6 mesi.

Abbinamenti:

si accompagna bene ai piatti di carne, ai primi piatti ricchi, ma è anche un ottimo compagno per verdure e zuppe.

rels, in second passage. Aging in bottle for at least 6 months.

Pairing:

It goes well with meat dishes, with rich first courses, but it is also an excellent companion for vegetables and soups.

27


IGT Toscana

28


29

superalcolici


30


Brunello di Montalcino - DOCG 2014 Limited edition (numbered series)

31


32


33


34


35


IGT Toscana

36


IGT Toscana

37


ETNA

38


rosati FIRENZE PISA

COLLE DI VAL D’ELSA

SIENA

Floris

IGT Toscana Rosato

C

P

Uve: Sangiovese, Merlot

Grapes: Sangiovese, Merlot

Abbinamenti:

Pairing:

olore rosa tenue, con profumi floreali e fruttati, gusto morbido e persistente tendente al tannico. Vinificazione in bianco di uve rosse, lenta fermentazione con temperature ccontrollate.

adatto come aperitivo; ideale con piatti a base di pesce in bianco e salsato, crostacei alla griglia e carni bianche.

ale pink color, with floral and fruity aromas, soft and persistent taste tending to tannic. White vinification of red grapes, slow fermentation with controlled temperatures.

suitable as an aperitif; ideal with dishes based on fish in white and sauce, grilled crustaceans and white meats.

39


40


All’antico Vinaio

41


1000 ml 42


375 ml

750 ml

1500 ml 43


44


FIRENZE PISA

COLLE DI VAL D’ELSA

SIENA

Chianti com’era

45


46


47


IGT Toscana Vermentino

48


49


Vino Rosso d’Italia

U

n vino caldo, di grande struttura e complesso, che in bocca si presenta armonico e morbido. Si percepisce uno stile moderno, con forti sentori di ciliegia, fichi, caffè e legno. Generoso al palato, regala intense note fruttate. Finale lungo e denso.

Uve: Primitivo, Montepulciano, Nero d’Avola, Merlot del Veneto Abbinamenti:

è un vino perfetto per accompagnare carni rosse e selvaggina.

50

A

warm wine, with a great structure and complex, which is harmonious and soft in the mouth. A modern style is perceived, with strong hints of cherry, fig, coffee and wood. Generous on the palate, it gives intense fruity notes. Final long and thick.

Grapes: Primitivo, Montepulciano, Nero d’Avola, Merlot del Veneto Pairing:

It is a perfect wine to accompany red meat and game.


51


52


IGT Toscana Chardonnay

53


L

e vigne del Doge, un’area unica, situata tra le Prealpi Giulie e mitigata dal mare Adriatico, dove la passione e la cura nel selezionare le viti ha portato alla produzione di vini che racchiudono in sÊ tutta la ricchezza e gli inconfondibili aromi tipici di questa meravigliosa terra.

54

L

e vigne del Doge, a unique area situated in between the Prealpi Giulie and mitigated by the Adriatic Sea, where passion and care in selecting grapes led to the production of wines that represent all the richness and unmistakable aromas tipical of this wonderful land.


55


le Vigne del Doge

Traminer Aromatico Indicazione Geografica Tipica delle Venezie

C

olore giallo paglierino scarico, al palato regala un gusto secco, aromatico e persistente. Al naso, le tipiche note di frutta tropicale vengono accompagnate da un profumo intenso e molto aromatico.

Uve: Traminer Abbinamenti:

ottimo in abbinamento a stuzzichini di pesce crudo o aromatizzato, formaggi saporiti, salumi speziati o come aperitivo.

56

P

ale straw-yellow color, on the palate it gives a dry, aromatic and persistent taste. On the nose, the typical notes of tropical fruits are accompanied by an intense and very aromatic scent.

Grapes: Traminer Pairing:

excellent with appetizers of raw or aromatic fish, tasty cheeses, spicy salami or as an aperitif.


Trevenezie IGT Traminer Aromatico Etichetta di Bronzo - Categoria 1 Design: Valentina Cresti e Associati 57


Vignedel delDoge Doge leleVigne

Pinot Grigio

Friuli Denominazione di Origine Controllata

C

S

Uve: Pinot Grigio

Grapes: Pinot Grigio

Abbinamenti:

Pairing:

olore giallo paglierino con leggere sfumature cinerine. Il profumo è intenso, piacevole e particolare. Al palato si presenta di buona struttura e di buona persistenza.

si accompagna bene con ricche zuppe, piatti a base di riso e carne bianca, vitello, tacchino o pollo.

58

traw-yellow color with light cinerine nuances. The aroma is intense, pleasant and particular. On the palate it has a good structure and good persistence.

it goes well with rich soups, rice and white meat dishes, veal, turkey or chicken.


59


le Vigne del Doge

Ribolla Gialla Indicazione Geografica Tipica delle Venezie

C

S

Uve: Ribolla Gialla

Grapes: Ribolla Gialla

Abbinamenti:

Pairing:

olore giallo paglierino con riflessi verdognoli, al naso sprigiona un profumo di fiori di castagno. Sapore di agrumi con retrogusto aromatico, rimane comunque asciutto in bocca e fresco.

perfetto come aperitivo, si sposa bene con piatti leggeri, carni bianche e sushi.

60

traw-yellow color with greenish reflections, the nose gives off a scent of chestnut flowers. Flavor of citrus with an aromatic aftertaste, it remains dry in the mouth and fresh.

perfect as an aperitif, it goes well with light dishes, white meats and sushi.


DOC Collio

V

G

Uve: doppio capovolto (cappuccina) e guyot

Grapes: Cappuccina amd guyot

Abbinamenti:

Pairing:

itigno originario dalla Grecia, presente in Istria già dal 1300. Dal colore paglierinolucente, emana un profumo caratteristico: fruttato, con note quasi mature, ampio e delicatamente aromatico. Il gusto è morbido e signorile, di sapidità e freschezza intrigante.

da sposare con i piatti di more o verdure sostanziosi, pesce o carne bianco al forno

le Vigne del Doge

Malvasia

rape originating from Greece, already present in Istria since 1300. With a straw-yellow color, it gives off a characteristic aroma: fruity, with almost ripe notes, broad and delicately aromatic. The taste is soft and elegant, with intriguing sapidity and freshness.

to be combined with dishes of blackberries or hearty vegetables, fish or white meat in the oven.

61


le Vigne del Doge

Friulano

DOC Collio

S

I

Uve: doppio capovolto (cappuccina) e guyot

Grapes: cappuccina and guyot

i tratta del più tradizionale dei vitigni friulani risalente all’antichità. Documenti della Contea di Gorizia citano il vino tocai friulano già nel 1300. Ha un colore giallo paglierino lucente con riflessi verdognoli. Il suo profumo evidenzia sentori di pera e mela, erbe essiccate con un tipico finale di mandorla. Al gusto ha buona morbidezza, ben equilibrato e dalla vivace freschezza, leggermente amarognolo. È Il vino friulano per eccellenza.

Abbinamenti:

branzino e ombrina alla griglia, prosciutto crudo e salame.

62

t is the most traditional of the Friulian vines dating back to antiquity. Documents from the County of Gorizia mention the Friulian tocai wine as early as the 1300s. It has a bright straw yellow color with greenish reflections. Its scent highlights hints of pear and apple, dried herbs with a typical almond finish. The taste has good softness, well balanced and lively freshness, slightly bitter. It is the Friulian wine par excellence.

Pairing:

grilled sea bass and croaker, raw ham and salami.


DOC Collio

O

O

Uve: doppio capovolto (cappuccina) e guyot

Grapes: cappuccina and guyot

Abbinamenti:

Pairing:

ttenuto dalla vinificazione in purezza dell’uva Sauvignon R3, clone tipicamente friulano. Colore giallo paglierino con riflessi tendenti al verdognolo. Il profumo è quasi selvatico, con sensazioni di peperone giallo, salvia, pesca e una nota di foglia di pomodoro. Nerbo morbido ed elegante, con lunga persistenza aromatica.

risotto ai funghi, carpaccio di tonno, spaghetti alla scogliera, pesce alla griglia

le Vigne del Doge

Sauvignon

btained from the pure vinification of the Sauvignon R3 grape, typically Friulian clone. Straw yellow color with greenish reflections. The scent is almost wild, with sensations of yellow pepper, sage, peach and a note of tomato leaf. Soft and elegant black with long aromatic persistence.

mushroom risotto, tuna carpaccio, spaghetti with fish, grilled fish

63


64


65


L ’Incanto Vino Rosso d’Italia

66


Vino Bianco d’Italia

67


FESTA DELLA VIGNA NOVA

68


69


M

asseria del Sole offre il meglio dell’espressione enologica del Sannio: Falanghina, Falanghina DOC, Coda di Volpe, Fiano e Greco. Tutto grazie alla passione per le uve di qualità, alla modernità che abbraccia la storia, per dar vita ad un connubio perfetto fatto di dedizione e cura dei dettagli.

70

M

asseria del sole offers the best when dealing with Sannio’s wine expression: Falanghina, Falanghina DOC, Coda di Volpe, Fiano and Greco. This is possible thanks to the passion for high quality grapes, modernity that blends with history to create a perfect combination of devotion and attention to detail.


71


Masseria del Sole

Sannio Taburno DOC

72


Masseria del Sole Sannio Taburno DOC

73


Masseria del Sole 74

Refolo

Taburno Aglianico DOCG


Masseria del Sole

IGP Campania

75


76

Masseria del Sole IGP Campania


Masseria del Sole

IGP Campania

77


I Gadget del Drago

Per accompagnarvi in ogni occasione

L

a serie di Gadget brandizzati Il Drago e la fornace è composta da un insieme di sei articol: la Ice Bag in plasstica trasparente (PVC), è flessibile e portatile grazie alle due maniglie che permettono di trasportare la bottiglia ovunque si voglia mantenendola fresca, il logo dell’azienda è riportato in nero sul fronte dell’oggetto; la Glacette in plastica è di colore bianco e riporta sulla sua superfice la favola del drago e la fornace accompagnata dalle illustrazioni di Valentina Cresti; sul Calice in vetro è riportato il logo dell’azienda in colore bianco; il Cavatappi è nero e sulla sua superficie è riportata in bianco la scritta “Il Drago e la Fornace” accompagnata dal logo; il Grembiule è nero con il logo dell’azienda in bianco, possiede una tasca e si lega in vita tramite due lacci; le Infradito brandizzate sono state realizzate in due varianti, fondo nero e scritte gialle oppure fondo bianco e scritte azzurre.

INFRADITO

ICE BAG

T

he branded series of Gadgets Il Drago e la Fornace is composed of a set of six items: the Ice Bag made of transparent plastic (PVC), is flexible and portable thanks to the two handles that allow you to carry the bottle wherever you want while keeping it fresh, the company logo is shown in black on the front face of the object; the plastic Glacette is white and bears the Dragon tale on its surface accompanied by illustrations designed by Valentina Cresti; on the Glass is shown the company logo in white color; the Corkscrew is black and on its surface is written in white color “Il Drago e la Fornace” accompanied by the logo; the Apron is black with the company logo in white, it has a pocket and ties at the waist thanks to two laces; the branded Flip flops were made in two variants, black background and yellow lettering or white background and blue lettering.

GLACETTE

CALICE

78

GREMBIULE

CAVATAPPI


1

Il Drago in the world Here’s a few of our international efforts: Chianti based swedish recipes (4); our team with Denise Liu from Peacock Restaurant, Shangai (3); “through the drinking glass” at Gallo Nero in Hellrod, Denmark (3).

Y

NORWA

DA

CANA

SW

EDE

DENMARK

AND

IREL

N

RUSSIA

TAIWA

2 N

MAL

TA

SW

ITZ

3

ER

LA

ND

IA ROMAN CZECH REPUBL IC

CHINA LIA AUSTRA

79

4


80


COLLE DI VAL D’ELSA / Pian dell’Olmino

Ma “Traversa

m re m

an

a”

ad rad St

le 541 rovincia Strada P

aB e ll l ufa

Ristorante LA SPERANZA Colle di Val d’Elsa Siena

aia

Strada Provi ncia le 5

41

“Tr

ave r

sa M

aremm ana”

Collalto

Casole

Ristorante la Speranza Siena / Follonica

Castello di Casole

Molino d’Elsa

81


B

olllicine, che passione! Perfette per festeggiare, dolci compagne dei momenti più leggeri, impareggiabili nell’aperitivo: chi non ama la fresca sensazione che ti solletica il palato regalata dalle bollicine? È da questa nostra passione che nascono i nostri investimenti in terra Veneta, patria del prosecco, dalla quale origina UN1CO, la gamma di bollicine a marchio il Drago e la Fornace. Una Cuée profumata, un Prosecco DOC, il mitico Valdobbiadene Superiore DOCG, un Brut di ribolla gialla e un Franciacorta Brut Millesimato. Cin-cin!

82

B

ubbles, what a passion! Perfect to celebrate, sweet companions of the lighter moments, incomparable in the aperitif: who doesn’t love a fresh tingle on the palate? It’s from this personal passion that our investments started in the Veneto region, home of Prosecco, where UN1CO, the “il Drago e la Fornace” range of sparklings, originates. A fragrant Cuvée, a Prosecco DOC, the legendary Valdobbiadene Superiore DOCG, a Brut of Ribolla Gialla. Cheers!


83


CuvĂŠe Brut

84


Spumante Brut Ribolla Gialla

olore giallo paglierino, regala un piacevole ed elegante profumo floreale e di crosta di pane

C

S

Uve: Ribolla Gialla

Grapes: Ribolla Gialla

Abbinamenti:

Pairing:

Gradevolissimo come aperitivo, è ottimo anche a tutto pasto con piatti a base di pesce, minestre e preparazioni con verdure.

crust

traw yellow color, gives a pleasant and elegant floral scent and bread

Very pleasant as an aperitif, it is excellent also for the whole meal with dishes based on fish, soups and vegetables.

85


Prosecco Millesimato

86


Valdobbiadene Prosecco Superiore

87


superalcolici

Limoncello Da limoni italiani

D

al colore naturale giallo intenso, è caratterizzato da un profumo agrumato ed un sapore tipico ed inconfondibile della scorza di limone. Il contenuto alcolico è ben bilanciato dal retrogusto dolce tipico di questo liquore, il quale dona al prodotto equilibrio rendendolo in bocca gradevole e morbido.

S

howing an intense yellow natural color, it is characterized by a citrus scent and an unmistakable taste of lemon peel. The alcohol content is well balanced by the sweet aftertaste typical of this liqueur, which gives the product its harmony and making it pleasant and soft in the mouth.

88


superalcolici

Amaro del Drago Affinato in botte

S

i presenta alla vista di colore bruno intenso e concentrato, liquore affinato in botte dal sapore vellutato e fresco allo stesso tempo, caratterizzato da un inconfondibile sentore erbaceo e aromatico.

Erbe: Arancia amara, radice di liquirizia, genziana, bacche di ginepro.

I

t shows an intense and thick brown color, a barrel-aged liqueur with a velvety and fresh taste, characterized by an unmistakable herbaceous and aromatic scent.

Herbs: bitter orange, licorice root, gentian, juniper berries

89


90


il Parco della Montagnola Senese I

l nostro territorio, la nostra storia, ma anche un fiore all’occhiello a livello nazionale: il Parco della Montagnola Senese, un’area protetta di una bellezza verace e schietta che si estende tra i comuni di Casole d’Elsa, Monteriggioni, Siena e Sovicille. Il suo sottosuolo è ricco di un marmo giallo che nel medioevo fu usato per decorare alcuni monumenti come il Duomo di Firenze e quello di Orvieto e di grotte formatesi grazie al fenomeno del carsismo. La superficie è caratterizzata da boschi di lecci, aceri e a quote più alte castagni. Le tracce del passato testimoniano la grande frequentazione dell’area fin dall’antichità, che oggi rivive una nuova giovinezza, essendo diventata una delle mete più cool di appassionati di escursionismo e non solo.

O

ur territory, our history, but also a flagship nationwide: the Parco della Montagnola Senese, a protected area of true and genuine beauty that extends between the towns of Casole d’Elsa, Monteriggioni, Siena and Sovicille. Its subsoil is rich in yellow marble that in the Middle Ages was used to decorate some monuments such as the Cathedral of Florence and that of Orvieto and caves formed thanks to the phenomenon of karst. The surface is characterized by forests of holm oaks, maples and at higher altitudes chestnut trees. The traces of the past testify to the great attendance of the area since ancient times, which today relives a new youth, having become one of the coolest destinations for hiking enthusiasts and more.

91


Intervista a Valentina Cresti V

Fondatrice dello studio di label design Valentina Cresti e Associati

alentina, quali sono le caratteristiche per un’etichetta che si differenzi sullo scaffale?

Nella moltitudine di aziende che competono tra loro con prodotti che per la maggior parte dei compratori sono “simili”, avere un look che catturi l’attenzione, che colpisca e incuriosisca l’avventore è senza dubbio fondamentale. Quando qualcuno, curiosando tra gli scaffali di un’enoteca senza un’idea precisa, si ferma davanti a una bottiglia a leggerne l’etichetta, ad osservarla meglio per capire cos’è, che c’è dentro... state pur sicuri che il motivo è la sua etichetta. Questo, sulla vendita finale, influisce eccome! Nel momento in cui una bottiglia viene presa in mano al posto di un’altra grazie alla sua immagine, il produttore ha investito bene i suoi soldi nel lavoro di un professionista che ne ha curato la grafica.

C

ome sono cambiate le tendenze grafiche negli ultimi anni?

Personalmente mi sono affacciata al mondo del wine label, seppur con prepotenza, solo da pochi anni. Quello che ho riscontrato, anche in occasione delle vincite all’International Packaging Competition di Vinitaly, è che il mercato premia la freschezza del design, l’innovazione contestualizzata al prodotto. La bottiglia con il blasone o lo stemma di famiglia con l’affresco della tenuta o i classicismi tipici di quella corrente hanno fatto la loro storia.

Q

uanto l’etichetta deve saper parlare del prodotto?

Nel creare un’etichetta c’è sempre da tenere presente un mix di elementi per far sì che il design risulti vincente: innanzitutto, bisogna tener conto dei desideri del produttore; in secondo luogo è utile sapere la storia del prodotto, le sue radici, le sue peculiarità per poter creare un legame con il territorio e l’azienda, ma anche conoscerne le sue note degustative.

92


“La degustazione può essere ridotta in colori, forme ed immagini, anche se si hanno pochi centimetri di carta”

E

tichette sempre diverse o mantenimento della stessa libitum per favorire il riconoscimento del prodotto? Sono entrambe due strade percorribili, seppur in modi diversi. L’adattamento della stessa etichetta per vini diversi può essere una strategia per il riconoscimento dell’azienda, ma si mette in primo piano il produttore a scapito del prodotto, che viene in qualche modo reso “anonimo”. Per come la vedo io, l’etichetta è il vestito del prodotto: ci si può attenere ad uno stile condiviso, ma il prodotto deve rivestire il ruolo del protagonista.

G

li errori che più spesso vengono commessi?

Un errore che molti fanno è quello di pensare che l’immagine non sia fondamentale ai fini della vendita, che si traduce con il mancato investimento nel packaging del prodotto. Il vino migliore del mondo senza il giusto oufit è un prodotto sprecato. L’altro errore è quello di rimanere ancorati al passato. La tradizione è un valore importante, se non fondamentale, ma spesso alcune cantine rimangono come intrappolate in un immaginario antico, senza osare qualcosa di innovativo, di non convenzionale.

Segni Particolari Classe 1986, un diploma all’Istituto d’Arte e una Laurea in Industrial Design alla Facoltà di Architettura di Firenze conseguita con il massimo dei voti. Dopo una collaborazione pluriennale con lo studio Archirivolto Design, anni in cui ha spaziato dal design del prodotto all’interior, alla progettazione architettonica, con il tempo si è ritagliata un’area personale di lavoro sul graphic design, esperienza che nel 2016 l’ha portata alla fondazione dello studio Valentina Cresti e Associati, specializzato sul label design. V&A affronta ogni lavoro come una nuova sfida, ricercando e analizzando le soluzioni creative e strategiche più efficaci, sia durante la fase di progettazione e di analisi che in fase di realizzazione, avvalendosi durante questo percorso di un ventaglio di collaboratori selezionati per affidabilità e competenze.

C

osa deve trasmettere l’etichetta, cosa deve racchiudere quel pezzo di carta? Quando disegno cerco sempre un legame con qualcosa che può riportare al territorio, all’azienda o al prodotto stesso: l’etichetta deve aprire gli occhi, deve essere riconoscibile tra mille e , non per ultimo, deve essere un invito all’assaggio. Deve racchiudere una storia sul luogo d’origine o sull’azienda, un viaggio sensoriale.

Valentina Cresti in compagnia del sindaco di Colle di Val d’Elsa dopo aver ritirato il famoso premio “Innovazione in Cantina” con l’etichetta del vino Dragon in Florence, nella sede del Museo dell’etichetta Cupramontana.

93


2

Il nostro L territorio tra storia, cultura e magia 4

a provincia di Siena, un territorio denso di tradizione di una bellezza autentica e mutevole, che racchiude nelle proprie radici il significato di un’intera civiltà. Percorrendo infatti le dolci colline da nord a sud con un mezzo o a piedi lungo la celeberrima Via Francigena (3) ci accorgiamo di quanto la natura stessa cambi forma km dopo km, dalle curve sinuose del Chianti alle argentee ferite delle Crete Senesi, fino ad arrivare alla dolce e languida Val d’Orcia, con le sue vallate ed i suoi cipressi (2). Piccole perle architettoniche costellano questa porzione di Toscana, dal Castello di Monteriggioni (4), fondato nel secondo decennio del Duecento dalla Repubblica di Siena con il principale scopo di creare un avamposto difensivo contro la rivale Firenze; alle famose torri di San Gimignano (5), simbolo di potere economico delle famiglie benestanti dell’epoca; alla “piazza d’acqua” di Bagno Vignoni (1), piccolo straordinario borgo nel cuore della Val d’Orcia: l’acqua della sorgente sotterranea, fissa a 52° gradi, risale in superficie e viene raccolta nella piazza del paese, creando straordinari effetti scenografici quando entra in contatto con l’aria fredda; all’Abbazia di San Galgano (8), ovvero quello che resta del monastero cistercense dedicato a San Galgano, di cui rimangono in piedi le pareti e poche volte in un complesso di rovine a cielo aperto di grande suggestione; alla famosa “spada nella roccia” (9), oggetto di miti e leggende, preziosamente custodita nella Cappella di Montesiepi; fino ad arrivare a Siena, alla Piazza del Campo (7) e al cuore dei senesi: il Palio! Minimo comune denominatore di questo territorio così pregno di storia? Il vino ovviamente!

3

94

1


5 7

6

T

he province of Siena, a territory full of tradition of an authentic and changeable beauty, which contains in its roots the meaning of an entire civilization. Traveling in fact the gentle hills from north to south, whether you do it by foot or on the famous Via Francigena (3), we realize how much nature itself changes form kilometer after kilometer, from the sinuous curves of Chianti to the silvery wounds of the Crete Senesi, until you reach the sweet and languid Val d’Orcia, with its valleys and its cypress trees (2). Small architectural pearls dot this portion of Tuscany, from the Castle of Monteriggioni (4), founded in the second decade of the thirteenth century by the Republic of Siena with the main purpose of creating a defensive outpost against the rival Florence, and occupying the summit of a gentle hill from the slopes cultivated with vineyards and olive trees; the famous towers of San Gimignano (5), symbol of economic power of wealthy families of the time; to the “water square” of Bagno Vignoni (1), a small extraordinary village in the heart of the Val d’Orcia: the water of the underground spring, fixed at 52 °, rises on the surface and is collected in the town square, creating extraordinary scenographic effects especially in winter, when it comes into contact with cold air; to the Abbey of San Galgano (8), that is, what remains of the Cistercian monastery dedicated to San Galgano, whose walls are still standing and a few times in a complex of open-air ruins of great beauty, home to theatrical performances in the evenings summer; to the famous “sword in the rock” (9), object of myths and legends, preciously kept in the Chapel of Montesiepi; until you get to Siena, Piazza del Campo (7) and the heart of Siena: the Palio! Minimum common denominator of this territory so full of history? The wine of course!

8

9

95


Una location unica e suggestiva A unique and suggestive location

96


97


98


I nostri premi 91 punti

89 punti

Ribollito

88 punti

Carbonaie

IGT Toscana Sangiovese, Cabernet, Merlot, Colorino

Carboncino

IGT Toscana Sangiovese

89 punti

IGT Toscana Sangiovese

90 punti

Chianti DOCG

88 punti

Concalma

Sangiovese, Ciliegiolo

Verde Oro

IGT Toscana Sangiovese

Vino Bianco d’Italia Chardonnay, Viognier, Vermentino, Pecorino

89 punti

San Giorgio e il Drago IGT Toscana Chardonnay

90 punti

Giallo Paglia IGT Toscana Vermentino

99


100


101


102


103


104

Profile for ildragoelafornace

CATALOGO JAN2020  

Il Drago e la Fornace - Catalogo 2020

CATALOGO JAN2020  

Il Drago e la Fornace - Catalogo 2020

Advertisement