Page 1

Pizzeria

TotÓ Un programma condotto da Massimo Taggiasco e Paolo Baratto Lunedì e giovedì alle ore 14,30 solo su Alex fm 89.9 Una produzione

tel. 331 3106433 spalto borgoglio,102 alessandria chiuso il mercoledì

QUINDICINALE DI CALCIO... E NON SOLO – Direttore Massimo Taggiasco

Anno X n. 2•2 feb. 2018

L’Orso fa di nuovo paura! MASSIMO TAGGIASCO

Q

uesta è l’Alessandria che vogliamo! La vittoria di Livorno certifica la “resurrezione” di un gruppo che ha ritrovato gioco, motivazioni e carattere. Il merito di questa svolta in positivo è sicuramente di Mister Marcolini che, con il suo arrivo, ha ridato tranquillità e consapevolezza ad un gruppo che sembrava non avere più voglia di lottare. Abbiamo anche ritrovato quel Gonzalez in grado di fare la differenza sempre e ovunque, ma tutti gli uomini in maglia grigia sembrano essersi liberati da una zavorra che ne condizionava negativamente le prestazioni. Resta il profondo rammarico per tutti i mesi che sono stati persi in avvio di stagione: la coppia Stellini-Sensibile doveva essere allon-

www.hurragrigi.it

Hurrà Grigi

Hurra Grigi

tanata molto tempo prima! Anche la campagna acquisti estiva si è rivelata quasi completamente fallimentare: spendere meno, ma spendere meglio sembra essere il nuovo, ottimo metodo. Ormai è inutile fare recriminazioni, ma il livello di questo girone ci pare molto inferiore a quello dell’anno scorso: avremmo potuto tranquillamente giocarci la promozione diretta in B con una guida tecnica più esperta e capace. La Robur Siena, che oggi arriva al Moccagatta, occupa attualmente la seconda posizione in classifica, ma domenica scorsa ha faticato per pareggiare in casa con il fanalino di coda Gavorrano. Ormai, nessuna formazione può farci paura ed è chiaro che questa Alessandria può tranquillamente puntare alle prime posizioni di

hurragrigi

classifica: battendo i toscani, anche la seconda piazza potrebbe non essere più un miraggio. E non dimentichiamo la Coppa Italia: dopo la trasferta di Arezzo, ci aspetta un San Valentino al Moccagatta per la sfida con il Renate: in palio c’è la semifinale! Bisogna consolidare questo grande momento! Anche i tifosi hanno risposto alla grande al cospetto di una Alessandria che ha ritrovato l’orgoglio della propria maglia. A Livorno il nostro tifo è stato incessante, caldo e, quasi, commovente: finalmente tanto amore è stato ripagato in maniera degna. Dopo tante delusioni e amarezze, è tornata la speranza. Dimostriamo, come sempre, di essere un grande pubblico: tutti al Moccagatta, perché noi non molliamo mai! Hurrà Grigi!

GianmariaZanier Videointerviste

subaru.it

€ 19.990* RISTORANTE PIZZERIA Goditi il piacere di stare al volante in tutta tranquillità, e libera le emozioni

A partire da

IL MULINO

della strada, grazie alle migliori dotazioni Subaru, ovviamente di serie: • sistema di assistenza alla guida EyeSight*1 • trazione integrale permanente Symmetrical AWD • cambio automatico Lineartronic • 5 anni di garanzia SUBARUSAFE5 a chilometraggio illimitato*2. VIA PLANA, 41 ALESSANDRIA Vieni in showroom dal 21/10/2017 e prova il piacere di guida.

0131 252 737

*Prezzo riferito a IMPREZA 1.6i PURE. *1EyeSight è un sistema di supporto alla guida che può non avere un funzionamento ottimale in tutte le condizioni di guida. Il guidatore è sempre responsabile di una guida sicura e del rispetto del Codice della Strada. L’efficacia del sistema dipende da molti fattori quali la manutenzione del veicolo, le condizioni atmosferiche e stradali. Consultare il Manuale dell’utente per i dettagli completi sul funzionamento e limitazioni del sistema EyeSight. *2I primi tre anni o 100.000 km sono coperti dalla garanzia di fabbrica, nel rispetto delle condizioni previste nel libretto di garanzia. I successivi due anni, a partire dal giorno successivo la scadenza della garanzia di fabbrica di tre anni o 100.000 km (quale dei due eventi si verifichi prima), sono coperti dalla garanzia SUBARUSAFE5, nel rispetto delle condizioni riportate nell’accordo di garanzia Car Garantie. IMPREZA ciclo combinato: consumi da 6,2 a 6,4 (l/100km); emissioni CO2 da 140 a 145 (g/km).

WWW. PIZZERIAILMULINOALESSANDRIA.IT CHIUSO IL GIOVEDI'

SUBARU CONSIGLIA

GRUPPO

alessandria

SHOWROOM • ALESSANDRIA • VIA MARENGO 155 • TEL. 0131 231250

SEGUI SUBARU ITALIA


LA FESTA DI DON BOSCO Nel corso dell’evento, la consegna di centocinquanta attestati M

omento importante quello di sabato mattina, 27 gennaio, presso il Centro di Formazione Professionale Cnos-Fap di corso Acqui 398 ad Alessandria. 150 giovani ed adulti hanno ricevuto l’attestato finale a conclusione di un percorso formativo di tre anni di formazione professionale o di un percorso di riqualificazione professionale di durata annuale. Erano presenti all’evento, oltre alle famiglie, le autorità locali, aziende sede degli stage formativi e un gruppo di allievi che frequenta attualmente i corsi del centro di formazione e di orientamento Don Bosco. La cerimonia è stata introdotta dal Direttore della Comunità salesiana - don Gianfranco Avallone - che ha rivolto un saluto riconoscente a tutti i presenti e ha sottolineato il senso della presenza salesiana in Alessandria. L’evento è stato l’occasione per presentare le innovazioni introdotte nel corrente anno formativo con particolare riferimento al Sistema Duale e ai Servizi al lavoro. Il Direttore del CFP, Mauro Teruggi, ha sviluppato il tema dell’evoluzione del rapporto tra scuola-famiglia-azienda per cogliere le nuove sfide educative. Al Direttore Generale di Cnos-Fap, Lucio Reghellin, il compito di chiarire i punti di forza del Sistema Duale e le ricadute occupazionali che esso esprime. Sono ben otto i contratti di apprendistato attivati agli studenti dei corsi di formazione professionale in soli quattro mesi di attività. Martina De Mori e Lodovico Como hanno

presentato il corso per il Diploma professionale di tecnico e la collaborazione che si è instaurata tra il CFP e le imprese partner del percorso formativo che supera ed innova il concetto di “Alternanza Scuola-Lavoro”. Un particolare ringraziamento alle aziende benefattrici: • MICHELIN ITALIANA S.P.A. (ALFIO REBUFFO e MAURO NORESE ) • ABAZIA S.P.A. (BOTTAZZI) • TE.M.A (GIUSEPPE BOCCALERO) • PAGLIERI S.P.A. (Ing. MARIO MORASCHI) • F.LLI BIGARAN (MARIO BIGARAN) • IDA S.R.L. (MARCO GEMMA) • PANELLI S.R.L. (FABRIZIO CASIN)

Molto gradito l’intervento di Romano Anfossi, titolare di alcuni tra i più conosciuti ed apprezzati negozi cittadini, che ha sollecitato tutta la platea al recupero dei “valori” come elemento cardine sui quali fondare la professionalità e la cre• DEMICHELI OFF. MECC. (MARIO DEMICHELI) • GIUSEPPE TESTORE & C. (GIUSEPPE TESTORE) • MG AUTOMAZIONE (GIOVANNI MUTO) • LP ELETTRONICS S.R.L. (MANUEL PELLICCIA) • PG SISTEMI DI COMUNICAZIONE (GIUSEPPE PAOLUCCI) • SCM (ANGELO MASOERO)

scita umana delle persone. Si è trattato anche il tema dell’accompagnamento al lavoro grazie all’intervento di Cristiana Gambera che, nel presentare lo Sportello dei Servizi al Lavoro, ha illustrato le opportunità a disposizione delle Imprese e delle persone. Gianmarco Torrente, in rappresentanza degli Ex allievi ha presentato la ricerca “Analisi del sistema IeFP in Piemonte” dalla quale emerge che l’azione della formazione professionale espande in modo significativo le opportunità di lavoro dei giovani e degli adulti. La conclusione dei lavori è stata affidata al sindaco di Alessandria, Prof. Gianfranco Cuttica di Revigliasco, che ha rivolto un pressante invito alla formazione, alle imprese e alle famiglie affinché si faccia un lavoro di rete. In appendice si è inaugurato il nuovo laboratorio di saldatura dotato di nuovi macchinari e di un impianto di aspirazione e trattamento fumi allo stato dell’arte. Nel contempo gli ex allievi hanno incontrato i giovani qualificati per presentare la locale associazione. Al termine della manifestazione, in un clima di allegria che da sempre è la caratteristica degli eventi organizzati nel mondo salesiano, è stato allestito un buffet a beneficio di tutti gli intervenuti. Presso il Centro sono aperte le iscrizioni per i giovani frequentanti la scuola secondaria di primo grado per “Operatore meccanico” e “Operatore ai servizi di vendita”. Per informazioni telefonare al numero 0131 341364 o consultare il sito alessandria.cnosfap.net


2 feb. 2018

3

HURRÀ GRIGI

L’INTERVISTA a Silvio Bolloli

“Qualche dubbio sul mercato, non sui risultati (con sorpresa finale)”

S

ilvio parliamo prima del mercato o dei risultati? Visto che voglio finire in bellezza preferisco iniziare a parlare del mercato. Il che mi fa pensare che tu non ne sia cosi entusiasta. Diciamo che lo ritengo sicuramente un buon mercato, specie dopo gli ultimi colpi ma ho qualche perplessità. Perché? Cominciamo dagli ingaggi: sicuramente è stato importante il ritorno di Barlocco, più che altro perché l’Alessandria soffriva la mancanza di un terzino sinistri di ruolo (anche se devo ammettere che Fissore sta facendo molto bene) poi considero certamente importante l’innesto di Matteo Chinellato ma, per il resto, ho un po’ di perplessità sulle scelte che sono state effettuate. Ti spieghi meglio. Sinceramente come portiere di riserva poteva andare bene Michael Agazzi e l’utilità di Bellazzini deve ancora essere dimostrata ma ho qualche perplessità perfino sull’affare Gatto. Ma di Gatto parlano tutti molto bene. Non sto dicendo che Gatto non sia un buon giocatore ma sto dicendo che Gatto è andato ad affollare l’unico reparto della rosa in cui c’era veramente abbondanza di uomini e che, in casi del genere, un acquisto è giustificabile solo laddove di un elemento di assoluta eccellenza. Gatto questo deve ancora dimostrarlo cosi come bisognerà verificare gli equilibri che si creeranno in quella zona del campo tra lui e Cazzola e se il ruolo di terzo centrocampista, a quel punto, verrà affidato a Gazzi o a Nicco. E per quanto invece concerne le partenze?

Anche su questo avrei qualcosa da dire, poiché se Gozzi, a mio avviso, poteva fare tranquillamente le valigie, avrei aspettato un po’ a far partire un giocatore come Casasola, che poteva essere utile sia come alternativa a Celjak sulla destar che come difensore centrale che lo stesso (talora tanto deprecato) Branca che, nelle ultime partite, si era mostrato in buona forma e che era in grado di ricoprire un ruolo di raccordo tra centrocampo e attacco che, in questo momento, nessuno sa svolgere (fermo restando il giudizio in sospeso su Bellazzini). Mi sembri un pò severo. Diciamo che mi baso su quelle che sono le mie opinioni relativamente alla rosa con cui l’Alessandria ha iniziato il campionato e alle scelte che sono state effettuate in sede di riparazione invernale, ma vorrei ribadire che ho volutamente spaccato il capello in quattro perché il mercato, nel suo complesso mi è parso più che sufficiente. Hai detto che vuoi concludere in bellezza, quindi parliamo un po’ dei risultati. Se ho ancora qualche dubbio sul mercato e sul modo di giocare dell’Alessandria devo dire che i risultati non possono che suscitare, a me come a tutti gli altri, solamente entusiasmo: da quando Michele Marcolini siede sulla panchina dei grigi, l’Alessandria è un’altra squadra che potenzialmente non ha alcun limite. Addirittura? Mi sono divertito, dopo la trasferta vittoriosa di Livorno, a giocare un po’ con la matematica e posso dirti quello che è emerso: escludendo la Coppa Italia, riguardando solo il campionato, da quando è iniziata l’avventura di Marcolini

DA SPACCIO DEGLI OCCHIALI LA PROMOZIONE CONTINUA

l’Alessandria ha collezionato 18 punti in sette partite, frutto di una sconfitta e di sei vittorie consecutive (le ultime) segnando qualche come diciassette reti e subendone sette. Le medie? Le medie dicono che l’Alessandria segna mediamente oltre due reti e mezzo a partita, ne subisce appena una e a una media di circa due punti e mezzo a partita: meglio del travolgente girone di andata dello scorso anno. Viene da pensare che se avessimo cominciato cosi adesso saremmo forse in testa. Togli pure il forse: se l’Alessandria avesse mantenuto questo “passo” fin dall’inizio del campionato adesso sarebbe in testa con sei punti di vantaggio con il Livorno, avrebbe il miglior attacco (con sette reti all’attivo in più rispetto al Livorno) e la terza miglior difesa, dopo quelle di Livorno e Robur Siena. In altre parole, l’Alessandria nel corso delle ultime sette partite, è stato la miglior squadra del campionato. Questi numeri mettono i brividi e fanno pensare veramente a come potrebbe essere raddrizzata una stagione che, a un certo punto, era apparsa incredibilmente storta. La storia dell’Alessandria è una storia di poche gioie e tanti dolori, dal punto di vista sportivo, ma è anche una storia incredibilmente avventurosa: negli ultimi otto anni, la Serie B ci è sfuggita tre volte ai playoff e restare anche a lungo in testa al campionato di Serie C non è servito a nulla: quest’anno siamo partiti con un ritmo quasi da retrocessione e adesso stiamo risorgendo. Nulla è impossibile all’Alessandria, in negativo ma anche in

positivo. Dobbiamo però tenere i piedi per terra Assolutamente si: non tutto è oro quel che luccica, basti dire che a Livorno abbiamo giocato quasi tutta la partita in difesa (anche se l’abbiamo vinta e, a un certo punto, potevamo addirittura andare sul due a zero) ma ritengo che le cose siano ancora migliorabili, sia sotto della qualità degli uomini in campo che dal punto di vista del gioco quindi sarebbe quanto mai inopportuno montarsi la testa adesso ma occorre tenerla bassa e pedalare. Ma, a intervista già terminata, ecco arrivare le ultime notizie bomba del mercato: l'Alessandria ha infatti comunicato l'ingaggio, fino al termine della stagione, di Leonardo Blanchard, Dragan Lovric e Matteo Chinellato per cui richiamiamo Silvio e gli chiediamo un “supplemento di intervista” Silvio, hai ancora qualche dubbio di mercato dopo le ultime notizie? Devo dire che l'Alessandria questa volta ha davvero fatto le cose per bene. Ah si? Gli ultimi innesti sono stati particolarmente intelligenti, sia dal punto di vista tattico che in termini di contrattualizzazione.

Nuovo HURRÀ GRIGI Organo dell’Associazione Culturale Orso Grigio Corso Roma 85 - 15121 Alessandria - Tel./Fax 0131 510490 Registrazione al Tribunale di Alessandria n. 627 del 28/09/2009 redazione@nuovohurragrigi.com - info@nuovohurragrigi.com Stampa: CSQ Centro Stampa Quotidiani Via dell’Industria, 52 - 25030 Erbusco (BS) - Tel. 030 7725511

ANTIRIFLESSO BIANCHE

89,00

da

euro

49,00

da

euro

c Spac io de gli

Occhiali

Perchè? I due difensori centrali erano esattamente quello che ci volevano per dare solidità al pacchetto arretrato e, tra i due, Blanchard può, all'occorrenza, anche essere adattato al ruolo di terzino sinistro per cui l'Alessandria sembra avere colmato ogni lacuna indietro. Inoltre l'arrivo di Chinellato dà all'attacco quel rincalzo che, suo malgrado, Bunino non ha saputo essere. Hai altro da aggiungere? Chinellato e Lovric sono poco più che ventenni mentre Blanchard è un trentenne, finalmente nel mercato di riparazione non arrivano vecchietti ma giovani di belle speranze o al più, giocatori maturi. Quanto alle contrattualizzazioni? A quanto ho potuto apprendere, tutti i nuovi innesti sono vincolati all'Alessandria fino al 30 giugno: saluto con favore il fatto che i grigi questa volta non si siano impegnati con ardue contrattualizzazioni pluriennali che possono creare problemi qualora gli acquisti non si rivelino all'altezza delle aspettative. Allora possiamo dire che questa volta la rosa è a posto? A giudicare dai nomi e dalle caratteristiche tecniche degli acquisti, mi pare proprio di si.

ALESSANDRIA • CORSO ACQUI 173 • TEL. 0131 240228

LI VOGLIO ANCHE IO!!!

MULTIFOCALI

149,00

da

OCCHIALI COMPLETI MONTATURA PIÙ LENTI

euro


4

anno X n. 2

HURRÀ GRIGI

I GRIGI SIAMO NOI di Sergio Ivaldi

Grigi da urlo, Livorno schiantato

U

na Alessandria da urlo sbanca Livorno nella partita, senza ombra di dubbio, più bella ed intensa del loro intero campionato. Un gol lampo di Gonzalez, dopo 9 secondi ha permesso ai grigi di portarsi a casa tre punti, strappandoli alla imbattuta (fino ad oggi) capolista del girone A, il Livorno appunto. Una gara giocata, soprattutto con il cuore, quel grande cuore che soltanto la maglia grigia ti sa far battere. Una gioia enorme, immensa, se non fosse perchè è venuta forse nell'anno più tribolato e scarognato che a memoria d'uomo io ricordi. Ma da qui, caro Presidente, si dovrà ripartire, da questa stupenda ed inaspettata vittoria. Dal suo artefice principale, quel Marcolini, arrivato quasi in punti di piedi e capace in due mesi di ribaltare totalmente una situazione di classifica che dire deficitaria è un eufemismo. Onore quindi al mister, che andrà confermato a tutti costi se si vorrà veramente puntare alla B. Questo giovane ma già esperto allenatore ha saputo toccare le corde giuste ai suoi giocatori, anche a quelli

più anziani e scafati, e questi lo seguono come un mantra. Giocatori che prima erano abulici e apatici ora lottano, sgomitano, gettano il cuore oltre l'ostacolo, sudano per questa maglia, pur di portare a casa la vittoria. Non finirò mai di ringraziare questo mister, a prescindere da come si evolverà questo campionato. Per me lui ha già vinto. Oggi è una giornata di festa per questi colori, 91 anni che non si vinceva in casa dei labronici e l'abbiamo fatto nell'anno più sfigato della storia grigia, giusto così, altrimenti non saremmo i “grigi”, a noi le cose semplici e banali non piacciono. La tifoseria, finalmente sta tornando a sorridere e

a seguire la squadra in trasferta (oggi erano più di 200 i tifosi grigi al seguito). Ora vediamo di ritornare a riempire il Moccagatta, vediamo di ricompattarci con questa squadra, vediamo di spingere alla vittoria i nostri ragazzi come nessuno o quasi sa fare, almeno in serie C. Vediamo di ritornare il 12esimo uomo in campo, questi ragazzi ma soprattutto questo allenatore se lo meritano. Domenica ci aspetta un altro duro match contro la seconda della classe, il Siena, servirà un'altra prova maiuscola, ma sono certo che Marcolini non mi deluderà. Tutti al Mocca, allora, perchè con il cuore, nulla è impossibile.

THORmento grigio di Thor

Bene, ma aspettiamo conferme dal campo! C

ertamente Chinellato non è il SUPERBOMBER che auspicavamo... Però mi sono documentato un minimo, intanto mi pare, a prima vista, che abbia una varietà e completezza di soluzioni offensive nettamente superiore a Marconi e Bocalon... Fisicamente "c'è tutto", segna di testa, destro e sinistro, in area di rigore e partendo da fuori, mi sembra "cattivo agonisticamente" e sufficientemente rapido considerando l'altezza. Poi è uno "che corre sotto la Curva"!!! Il fatto che fino a un paio di anni fa abbia segnato poco non mi spaventa, ripeto sempre che le punte vanno aspettate almeno fino a 24/25 anni (Bunino...), nelle ultime due stagioni è andato in doppia cifra in una "squadraccia" come il Cuneo e in un Como sull'orlo del fallimento!!! Io penso che se avesse avuto vicino il Gonzalez dell'anno scorso ne avrebbe fatti almeno 15... il Novarese sembra in crescita di condizione e convinzione... quindi non ci resta che attendere con moderato ottimismo... Mi sembra un giocatore che ad Alessandria potrebbe trovare

la definitiva "consacrazione" con proiezione in categoria superiore!!! Valutando,poi, anche solo molto superficialmente gli "esiti" della campagna acquisti appena terminata, la riflessione che mi THORmenta è la seguente; qui i casi mi paiono essere solamente due, o non ci abbiamo mai capito nulla (eventualità probabilissima) e il "Q...", la Fortuna è veramente l'80% di certe scelte importanti... dal momento che avevamo in Società a fare da "valletto" il nuovo "Italo Allodi" (e nessuno se n'era mai accorto durante una "dignitosa" carriera), ha piazzato più "indesiderati" lui in un mese che Menegatti, Magalini e Sensibile in 5 anni... oppure qualcuno sta "muovendo le fila" dietro le quinte!!! Comunque, senza esaltarsi per qualche "Nome" che dovrà dimostrare sul campo condizione fisica e motivazioni sufficienti per confermare le aspettative, pare una campagna di "riparazione" condotta finalmente con logica, buonsenso e in relazione alle esigenze tattico/caratteriali ispirate dall' allenatore... Un modo di operare che merita di trovare riscontro SUL CAMPO...


2 feb. 2018

5

HURRÀ GRIGI

Un’Alessandria a cinque stelle... La sesta, però, brilla più di tutte!

A

soli otto secondi dal calcio d’inizio, un tiro al volo di Gonzalez ha gelato il Picchi di Livorno e fatto esplodere di gioia tutto il popolo alessandrino. Dopo novantun anni ed incalcolabili amarezze ecco l’uomo dei sogni, con la maglia numero diciotto, venuto da terre lontane, riscattare in volata l’orgoglio di una città e di una tifoseria. Una svista arbitrale gli ha negato la gioia personale di una doppietta a casa della capolista, a coronamento di una prestazione superlativa, e ci ha, per contro, portato in dote tanti, forse troppi, minuti al cardiopalma durante una sfida disputata da veri orsi. Nessun timore al cospetto della prima della classe, perché questa squadra, ormai è chiaro, non ha paura di niente e di nessuno. Elogiare la sana umiltà del lavoro prodigioso che Michele Marcolini sta svolgendo, con caparbia serietà ed impeccabile stile, appare fin troppo scontato e non rende giustizia ai sentimenti più autentici che questa genuina e nostrana rinascita porta con sé. L’eccellenza merita le cinque stelle, soprattutto quando è conquistata con sacrifici grandi e viene perseguita e difesa ad oltranza in un ambiente stanco e demotivato, attraverso un’opera silenziosa ma efficace. Suonare la carica nel momento più nero e chiamare ad adunanza plenaria un intero ambiente, dai senatori sino ai soldati semplici ed al popolo , in nome della causa Grigia, è stato un compito carico di responsabilità che, tuttavia, il Mister ha saputo assumere con la giusta dose di freschezza, facendo apparire leggero anche un fardello che pareva insostenibile. Sotto i colpi del suo gagliardo ed incontenibile arrembaggio sono cadute, una dopo l’al-

IL BASTIAN CONTRARIO di Mao

Restano i tanti “perché ?”

tra: il Gavorrano, la Pistoiese, il Cuneo, il Pontedera, il Pro Piacenza. Sono cadute Piacenza ed Albino Leffe in Coppa Italia ed infine è caduto il Livorno. La gara era delicatissima non solo per l’elevato tasso tecnico degli avversari e la diversa posizione in classifica ma anche per il peso, storico ed umano, che la accompagnava. Dal 1927 non riuscivamo a fare bottino al Picchi, fortino ancora inespugnato nel corso della presente stagione, e ci portavamo dentro ricordi troppo sgradevoli: dall’abbandono di Spinelli a quei tre a zero, nella stagione 2000/01 e nella gara d’andata quest’anno, dalla prima sconfitta della passata stagione che ha segnato l’inizio della nostra caduta a quella sorta di sfottò di cattivo gusto perpetrato dai giornalisti tirrenici. Pablo da Tandil ha saputo accendere

quell’attesissima, sesta stella che oggi brilla come non mai. L’entusiasmo incontenibile di queste ore serva a preparare la prossima, difficile, gara con il Siena con la consapevolezza che ce la possiamo fare e che anche una stagione iniziata male può regalarci grandi emozioni ed immense soddisfazioni. Il bello del calcio, in fondo, è il fatto che tutto in un minuto possa cambiare ed il Cartero, addirittura, ci ha messo meno di dieci secondi. Ragazzi, svestitevi del tutto di ogni paura ed onorate la maglia grigia come, da qualche tempo, state facendo: non c’è risultato più immenso di questo. Se riuscite, però, vi chiedo un piccolo favore: accanto alla sesta stella, domenica, accendetene un’altra. Non immaginate quanto sia bello guardarle. [Riccardo Masiero]

Grande prova di carattere... a Livorno, dopo molto tempo, finalmente una partita vissuta con il batticuore anche sugli spalti o in televisione. Segnare dopo pochi secondi e riuscire a portare a casa una vittoria importantissima sia per la classifica che per il morale non era cosa facile. Anche perché veniva dopo una striscia di 5 vittorie più due di coppa e su un campo imbattuto come quello della capolista. Ma eravamo in molti ad immaginarlo e probabilmente a sperarlo. Non era una uno scontro al vertice purtroppo per noi... e forse per questo lo abbiamo affrontato senza il timore di dovere vincere per forza, e per noi che non riusciamo MAI negli scontri diretti ad essere vincenti può essere stato… come cabala a nostro favore. Ma purtroppo dopo la breve celebrazione di avere espugnato per la prima volta il campo del Livorno e la felicità dei tre punti che ci fanno entrare più largamente nella zona play off... ritornano le domande: Perché ? Perché scegliere un allenatore al debutto sulla panchina di una prima squadra? Perché fare una scommessa di una importanza basilare per il campionato, subito dopo il tracollo dello scorso anno? Perché aspettare così tanto per un esonero che poteva essere fatto 2 mesi prima? Chi ha proposto i nomi di Sensibile e Stellini al Presidente ? Chi è in grado di potere indirizzare i suoi comportamenti, mentre il pub-

blico i giornali e ancor più i risultati sono completamente opposti alle aspettative? Riuscire a perdere tre volte in un anno il campionato non è umano. Le scuse e le giustificazioni stanno scemando… non sono più errori dovuti alla buona fede o alla sfortuna... Si può cominciare ad avere dei dubbi sulla onestà di pensiero, la giustificazione dell'essere colui che paga è una giustificazione che sta perdendo valore. Il mio scritto spero venga letto dopo che la società abbia fatto un acquisto che da ANNI gli chiedono... i tifosi i giornalisti i risultati UNA PUNTA!!! Con l'acquisto di una punta si potrebbe veramente dire qualcosa di importante in ambito play off. Ultim'ora: la società ha dato un segnale. Il colpo dell'ultima ora o dell'ultimo giorno è arrivato: si tratta di Matteo Chinellato. Ha 26 anni: un’età che dovrebbe segnare una svolta nella carriera di un giocatore. E chissà mai che non sia la volta che troviamo un ragazzo assetato di diventare una bandiera... di trovare una squadra che possa farlo diventare un vero giocatore e sopratutto di categoria superiore. Il fisico e la carriera fanno ben sperare… Che sia la volta buona che una scelta ricada su un giocatore che possa regalare qualcosa alla storia ? Speriamo: il campo sarà il nostro giudice. Forza grigi!

NOVITgnÀe

zo con conse Aperti a pran posto di lavoro! sul a domicilio e presto altre grandi E molto sorprese!!!


6

anno X n. 2

HURRÀ GRIGI

Questa settimana la redazione di Hurrà Grigi ha intervistato Fabio Gallo, attuale allenatore dello Spezia ed ex centrocampista dell'Alessandria nella seconda parte della stagione 1992/93

Gallo: “Ad Alessandria una stagione davvero molto produttiva”

2

3 gennaio 1993 Pro Sesto-Alessandria: questa è la gara in cui ha debuttato in maglia grigia, se la ricorda? Si certo, me la ricordo. Mi sono mangiato un gol dal limite dell'area, ho effettuato un tiro che è uscito di pochissimo. L'allenatore di quella stagione era Ferruccio Mazzola. Come sono stati i sei mesi vissuti ad Alessandria? Sono stato molto bene, la squadra in classifica era messa male, ma riuscimmo a salvarci con un paio di giornate di anticipo. Fu una seconda parte di stagione molto produttiva. Poi tornai a Brescia e cominciai a giocare titolare in Serie B, quindi una parte di stagione importante. Nella sua lunga carriera, anche in squadre importanti, a quale piazza, tra quelle in cui ha giocato, è rimasto maggiormente legato? Sicuramente Bergamo, ci sono stato per tanto tempo e ora vivo ancora a Bergamo. Ho allenato le giovanili, iniziando la mia carriera da allenatore proprio all'Atalanta. Sicuramente è una città a cui sono molto legato. Le neo promosse dalla Serie C fanno ottimi campionati in Serie B, addirittura Spal e Benevento hanno effettuato il doppio salto, approdando alla Serie A: questo dimostra la competitività della Terza Serie? Sicuramente Benevento, Parma e Spal avevano fatto un mercato importante in Lega Pro e quello è

un aspetto che aiuta parecchio. Il mantenere il gruppo aiuta… e tanto: questo capita anche per le squadre neopromosse dalla Serie D che approdano in Lega Pro. Penso che ci debba essere un mercato all'altezza

della situazione in ogni categoria. Da allenatore, da lontano, che idea si è fatto del crollo avuto dall'Alessandria nel girone di ritorno del campionato dello scorso anno?

In foto: Fabio Gallo (fonte: Sassuolocalcionews)

Ho affrontato l'Alessandria da allenatore del Como, nel girone di ritorno ed è stato l'inizio della crisi dell'Alessandria che perse per 2-1, il Como terminò la gara in dieci uomini, il 12 febbraio ‘17: in quella partita il risultato fu poco rotondo rispetto alle occasioni avute dal Como. In quel momento avevo visto una squadra stanca e con poche idee, poi dopo l'Alessandria non riuscì più a riprendersi anche per via di una Cremonese che continuò a spingere in maniera incredibile rimontando punti su punti e difatti a Cremona l'Alessandria perse nuovamente. Secondo me, in quelle due trasferte, Como e Cremona, ci fu una crisi, principalmente mentale e di paura a seguito della quale l'Alessandria non riuscì più a recuperare. Come sta andando la sua esperienza da allenatore sulla panchina dello Spezia? Sta andando bene. Siamo partiti per mantenere la categoria: la società mi ha chiesto questo in estate. Siamo abbastanza in linea con i programmi e in questa sessione di mercato ci siamo rinforzati. Come prima esperienza in Serie B, personalmente, ritengo che, sino ad ora, sia positiva. Si tratta di una piazza molto esigente, passionale, che prepara l'allenatore a reggere a forti pressioni. Cosa si auspica che cambi per il calcio italiano dopo la mancata elezione del Presidente della FIGC?

In foto: Fabio Gallo, centrocampista nella formazione grigia nella seconda parte della stagione 1992/93 (fonte museogrigio.it) Nel calcio italiano abbiamo parecchi talenti. Purtroppo c'è poca cultura nel valorizzarli, il che non significa solo farli giocare, vuol dire farli crescere nel modo giusto. Per fornire loro la necessaria esperienza giusta è indispensabile l'inserimento nei tornei di serie C delle seconde squadre. I giovani di talento perdono troppo tempo, anni, nel trovare e nell'abituarsi a quelli che sono i tornei di Serie A e B. Ogni giocatore ha una crescita particolare, non si è sempre pronti subito. Bisogna dare la possibilità di crescere e di maturare perché di talenti giovani e bravi ce ne sono sicuremente tanti. [Paolo Baratto]

NUOVO HURRÀ GRIGI CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER I MESSAGGI POLITICI ELETTORALI

PROGRAMMA CONDOTTO DA

SIMONETTA GORSEGNO

Secondo quanto disposto dalla Legge 22 febbraio 2000 n. 28, come modificato dalla legge 6 novembre 2003 n. 213, e in ottemperanza al Provvedimento dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni l’Associazione Culturale Orso Grigio, nell’ambito della propria autonomia per la diffusione dei messaggi politici elettorali in occasione delle elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica fissate per il 4 marzo 2018, porta a conoscenza degli interessati il seguente REGOLAMENTO: 1 - Nel periodo stabilito dal Provvedimento su indicato e quindi da venerdì 2 marzo 2018 compreso, l’Associazione Culturale Orso Grigio accetterà messaggi politici elettorali a pagamento da pubblicare su “Nuovo Hurrà Grigi”. 2 - I messaggi politici elettorali saranno accettati solo nelle seguenti forme consentite dall’art. 7 della legge 28/2000: - annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi; - pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati;w - pubblicazioni di confronto tra più candidati. Tutte le inserzioni dovranno recare la dicitura “MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE” e l’indicazione del “COMMITTENTE”. Non saranno accettate inserzioni di propaganda elettorale pure e semplici e cioè le pubblicazioni esclusivamente di slogan positivi o negativi, di foto o disegni di inviti al voto non accompagnati da adeguata, ancorché succinta, presentazione politica dei candidati e/o programmi e/o di linee, ovvero non accompagnati da una critica normativa nei confronti dei competitori. Per tali inserzioni vi è un espresso divieto legislativo. L’Associazione Culturale Orso Grigio si riserva a suo insindacabile giudizio di valutare il contenuto del messaggio, accertando la conformità alla legge e al Provvedimento dell’Autorità per le garanzie e, conseguentemente, di procedere o meno alla sua pubblicazione. 3 - La richiesta di pubblicazione dei messaggi elettorali dovrà essere rivolta alla sede dell’Associazione Culturale Orso Grigio sita in Alessandria, corso Roma n.85, tel. 0131/260053, e-mail: pubblicità@hurragrigi.it. 4 - Le richieste di pubblicazioni dei messaggi elettorali, con gli specifici dettagli relativi alla data di pubblicazione, dovranno pervenire agli uffici di cui al punto 3 almeno quattro giorni prima della data richiesta per la pubblicazione. 5 - Le tariffe sono le seguenti: Costi per ogni singola uscita edizione cartacea “Nuovo Hurra Grigi": Spazio: 1/4 pagina interna composto come da Vs disposizioni: Euro 75,00 - Spazio ½ pagina interna: Euro 150,00 - Spazio 1 pagina intera: Euro 300,00. Costi sito internet “www. hurragrigi.it: Banner a rotazione: ogni 10 giorni 100,00 Euro- Banner fisso: ogni 10 giorni 100,00 Euro. Più Iva 4%. Non saranno in alcun modo riconosciuti sconti d’agenzia. IL PAGAMENTO dovrà essere effettuato contestualmente all’accettazione dell’ordine di pubblicazione:- in contanti o con assegno circolare intestato a: Associazione Culturale Orso Grigio. Il mancato adempimento comporterà automaticamente la mancata accettazione di pubblicazione. 6 - L’Associazione Culturale Orso Grigio desidera assicurare l’accesso agli spazi dei messaggi politici elettorali in condizioni di parità. In caso di richieste concorrenti relative alla pubblicazione nella stessa data e nella stessa collocazione, l’assegnazione sarà fatta secondo l’ordine cronologico di presentazione della richiesta. 7 - La vendita sarà effettuata presso gli uffici dell’Associazione Culturale Orso Grigio. La persona (“committente responsabile”) che richiede l’inserzione all’ufficio o allo sportello dovrà essere identificata con annotazione del documento d’identità (carta d’identità o altro documento con fotografia emesso dall’Amministrazione dello Stato). Gli ordini dovranno essere effettuati (e quindi firmati) da: a) i candidati o loro mandatari; b) i segretari amministrativi o delegati responsabili della propaganda, previa loro identificazione e attestazione della qualifica; c) qualora il committente della propaganda elettorale a favore di uno o più candidati sia un sindacato, un’organizzazione di categoria o un’associazione, occorre l’autorizzazione scritta del candidato o del suo mandatario. L’editore dovrà rifiutare richieste di messaggi politici elettorali da parte di enti della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. La fattura andrà emessa, in base alla richiesta del Committente, a: - candidati o loro mandatari; - segretari amministrativi o delegati responsabili della propaganda; - organizzazioni/associazioni di categoria ecc., previa autorizzazione come sopra indicato. Questo codice di autoregolamentazione resta depositato e a disposizione di chiunque presso l’Associazione Culturale Orso Grigio con sede in Alessandria, Corso Roma n. 85 – tel. 0131.260053 Alessandria, 31 gennaio 2018. Associazione Culturale Orso Grigio


2 feb. 2018

7

HURRÀ GRIGI

Consueto incontro con Carlo Sacco, figlio del Presidentissimo Remo, ultimo protagonista di una promozione dell’Orso Grigio in serie B

Sacco: Marcolini, l’uomo della svolta

C

arlo, ti aspettavi questa storica vittoria di Livorno? Sullo scorso numero di Hurrà Grigi, avevamo detto che sarebbe stato opportuno attendere la partita con l’Arezzo, prima di giudicare fin dove possa arrivare questa Alessandria. Anzi, è opportuno aspettare fino alla sfida di Coppa Italia del 14 febbraio contro il Renate. Per ora, però, da allora abbiamo fatto due vittorie, tra cui quella importantissima sul campo della capolista Livorno. A proposito, a Livorno abbiamo segnato dopo 8 secondi. Questo gol rapidissimo ha condizionato sicuramente la gara… Abbiamo dimostrato, dopo aver segnato dopo neanche un minuto di gioco, che abbiamo saputo contenere gli attacchi della capolista Livorno e sia il centrocampo che la difesa si sono comportati molto bene. Ottimo Vannucchi e non dimentichiamo che in diverse occasioni abbiamo

sfiorato il raddoppio. É stata veramente un’ottima prestazione. La campagna acquisti dei grigi ha fatto il botto! É arrivato Chinellato! Con Chinellato penso sia lecito sognare. E’ un giocatore rapidissimo, tecnicamente valido, non vecchio perché ha solamente 26 anni. Con lui mi permetto di dire che sia lecito sognare i traguardi che stiamo esigendo. Come ti spieghi questa improvvisa rinascita dell’Alessandria? Abbiamo sempre sostenuto che bisognava ripartire dall’intelaiatura della passata stagione per tornare ad avere una squadra vincente. E pensare che a Livorno mancava Cazzola… Quindi la campagna acquisti della scorsa estate si è rivelata veramente inadeguata.. É vero. Anche il cambio di allenatore è stato fondamentale. Abbiamo sostenuto Marcolini fin dal primo momento. É bravo e preparato ed è un ottimo co-

OGGI AL MOCCA di Paolo Baratto

Robur Siena: obiettivo playoff

noscitore del calcio di serie C. É stato anche bravo a ridare le giuste motivazioni ai giocatori reduci dalla passata stagione e quindi ancora condizionati da quella sfortunata avventura. Qual è il valore di questa sfida col Siena? Peccato che la partita contro il Siena non sia anticipo o posticipo perché sarebbe stato bello far vedere come gioca oggi l’Alessandria che affronta la seconda in classifica. Se otterremo i tre punti, chissà dove potremo arrivare la in cima… Teniamo presente che, con il nuovo regolamento dei play-off, è meglio arrivare secondi in classifica che vincere la Coppa Italia. Infatti il vincitore di Coppa entra automaticamente nei sedicesimi, le tre seconde negli ottavi e con il vantaggio della gara di ritorno in casa (ragazzi, comunque non disdegniamo la vittoria della Coppa, unita magari al secondo posto). Concludo con un grande ringraziamento a Luca di Masi per gli sforzi fatti in questa finestra di mercato.

I

l prossimo avversario dell'Orso Grigio è il Robur Siena, la gara è valevole per la quarta giornata del girone di ritorno del campionato di Serie C. La formazione toscana disputa il campionato di Serie C dalla stagione 2015/16 dopo aver ottenuto, nella stagione precedente, la vittoria nel girone E di Serie D. Dal 1 giugno 2017 il mister è Michele Mignani. Proprio a Siena, nell'estate del 2009, l'allenatore ha mosso i primi passi in panchina allenando gli allievi nazionali del Siena e successivamente la formazione primavera. A gennaio 2016 approdò in Sardegna per allenare l'Olbia fino al 5 marzo 2017 quando fu esonerato. In porta Pane è stato preso dall'Akragas dove ha giocato 34 gare. Per lui una lunga carriera in Serie C: Mantova, Benevento, Aprilia, Ischia, Barletta e Cavese. Crisanto è in prestito dalla Roma. In difesa Sbraga è stato tesserato dal Padova dove ha giocato gli ultimi due campionati con 32 presenze e 1 gol. Giampà è in prestito, annuale, dall'Empoli, nella passata stagione faceva parte della squadra primavera ed ha giocato 15 partite. Mahrous è in prestito, annuale, dal Genoa: ha giocato le ultime tre stagioni con la formazione primavera. Brumat è stato preso dall'Empoli: nella passata stagione 29 presenze nel Siracusa. Cleur è in prestito, annuale, dalla Virtus Entella. A centrocampo Cristiani è stato tesserato dal Como dove ha disputato gli ultimi quattro anni con 87 partite e 14 gol. Damian è in prestito, annuale, dal Chievo: nella passata stagione 23 partite

e 2 gol nel Como. Bulevardi è stato preso dal Pescara: lo scorso torneo ha giocato nella prima parte nel Teramo con 19 partite e 4 gol, nella seconda parte al Pordenone con 10 presenze e 1 gol. Gerli è in prestito, annuale, dall'Entella dove ha giocato la prima parte dello scorso campionato con 5 presenze mentre la seconda parte è stata al Bassano con 13 partite. Cruciani è stato preso dalla Viterbese dove è sceso in campo 23 volte, segnando 2 gol, nella scorsa stagione. Per lui 4 presenze nella Serie A bulgara nel Psfc Chernomorets Burgas nella seconda parte della stagione 2010/2011. Neglia è stato acquistato dalla Viterbese dove ha giocato una stagione collezionando 37 presenze e 13 gol. Guberti è stato preso dal Perugia. per lui una lunga carriera tra A e B: nella massima serie 2 stagioni a Sampdoria con 52 presenze e 6 gol, 6 presenze nella Roma, 22 presenze e 1 gol nell'Ascoli. In Serie B: due stagioni a Perugia con 46 presenze e 5 gol, 8 presenze nel Torino, 18 presenze e 9 gol nel Bari, due stagioni nell'Ascoli con 50 presenze e 8 gol. Emmausso è in prestito, annuale, dal Genoa: nella passata stagione la seconda parte era a Taranto con 11 partite e 2 gol. In attacco Santini è in prestito dall'Ascoli dove, nella prima parte di questa stagione, ha giocato 11 gare segnando 1 gol. Il modulo utilizzato dall'allenatore è il 4-3-1-2: in porta Pane, difesa Rondanini, Sbraga, Panariello e Mahrous. A centrocampo Cristiani, Gerli e Damian. Guberti a ridosso di Santini e Marotta.

Sabato 3 febbraio

o i a r b b e f 0 1 o t Saba o i a r b b e f 3 o t a b Sa uzzi

di n a c S o r e g g u R Sala Liscio

i r e t n a L a n n a i Mar Sala Liscio

SALA LATINO DJ Joe Taurino Show degli allievi della scuola D&VDimenction Latina e stage in pre serata di Bachata Sensual SALA REVIVAL DJ Max Biglieri

Sabato 10 febbraio Per informazioni e prenotazioni: Enrico 339 3616536

Uomini o 10 eur

Donne

SALA LATINO DJ Gianni Sensitiva Animazione Staff Palladium Latino Kelly • Antonella • Nunzio SALA REVIVAL

Non Plus Ultra

8 euro

azione Consum aroba d e guar presi com

Acqui Terme (AL) • S.S. per Alessandria, 105


8

anno X n. 2

HURRÀ GRIGI

Orso: vincere aiuta a vincere

I

n una piazza come Alessandria è difficile essere equilibrati, ci si esalta facilmente e ci si deprime altrettanto facilmente. Ma noi, per un dovere deontologico, abbiamo l’obbligo di essere prima di tutto giornalisti ed essere, in maniera obiettiva, il più possibile imparziali. In una stagione in cui si è arrivati a toccare quasi il fondo, il punto più basso, lo dice la logica, vuole dire essere ultimi in classifica, l’Alessandria ha deciso, per l’ennesima volta, soltanto Luca D’Angelo ha portato a termine la stagione intera, di cambiare la conduzione della guida tecnica, esonerando Christian Stellini. Alzi la mano chi era entusiasta alla notizia dell’ingaggio di Michele Marcolini come nuovo allenatore. La risposta è, ovviamente, nessuno. Dopo aver incassato alcuni da no da diversi allenatori contattati, la scelta è caduta su Michele Marcolini. Il tecnico ha avuto il privilegio di ricompattare un’ambiente che era demoralizzato e demotivato, di ricucire il legame tra tecnico e giocatore, di collocare ogni interprete nella propria posizione più congeniale, eccezion fatta per Fissore che è stato dirottato sul binario difensivo di sinistra con esiti più che positivi. Semplicità, lavoro, grinta e tanta corsa: questo è il mantra del mister che ha inanellato una striscia di risultati positivi, partita con la sciagurata sconfitta in quel di Piacenza, oltre al raggiungimento dei quarti di finale di Coppa Italia di Serie C. Sono, ad ora, sei le vittorie consecutive della squadra grigia che, da quando è cambiato l’allenatore, ha decisamente cambiato marcia. 17 gol fatti, 7 gol subiti. Nelle ultime quattro partite 1 solo gol subito. La forza di una squadra si vede principalmente dalla solidità difensiva.

Gli interpreti della retroguardia grigio nera sono saliti di condizione atletica e, principalmente mentale, dimostrando di non essere “bolliti” come venivano etichettati nei mesi scorsi. Mister Marcolini ha impostato la squadra con il 4-3-3 accantonando, è stato utilizzato poco, il 3-5-2 a dimostrazione di come ogni giocatore va schierato in campo secondo le sue caratteristiche. Con Marconi punta centrale, Gonzalez e Sestu a cui spesso viene invertita la posizione, il centrocampo e il reparto di attacco ne hanno sicuramente giovato. Nicco, mezzala, dai tempi in cui era a Perugia, si trova meglio con questo sistema di gioco.

Gazzi è notevolmente salito di condizione, tornando ai livelli in cui era impiegato nelle categorie superiori. Il vero acquisto, del mese di marzo, sarà capitan Cazzola che sta pian piano recuperando dall’infortunio. E’ chiaro e va detto: c’è ancora tanto da lavorare e da fare. Non si è ancora fatto nulla ma la strada intrapresa è quella giusta. Si deve ragionare gara, dopo gara, punto dopo punto, con la consapevolezza di cercare di arrivare al 6 maggio il più in alto possibile in classifica, magari con la Coppa Italia di Serie C in bacheca, perché vincere aiuta a vincere. [Paolo Baratto]

Mercato invernale 2018: tutte le trattative Girone A 3 1 gennaio 2018, ore 23.00: il calcio mercato invernale è finito. La redazione di Hurrà Grigi ha fatto un riepilogo delle trattative effettuate dalle squadre del girone A, di serie C, negli ultimi due giorni. Il Livorno ha acquistato, a titolo definitivo, Perico, difensore, classe 1984, dalla Salernitana. La Lucchese ha ufficializzato Sean Parker, classe 97, in prestito dal Bari. Dal Varese, serie D, girone A, arriva, in rossonero, il centrocampista Palazzolo e il centrocampista Matteo Buratto, classe ’94, dal Pordenone: contratto fino al 30 giugno 2018. Il Santarcangelo ha dato alla Lucchese, a titolo definitivo, il difensore Maini, sino a giugno 2019. La Carrarese ha prelevato, a titolo temporaneo, l'esterno, di proprietà dell’Entella, Baraye. Ha acquisito, a titolo temporaneo, dal Venezia il classe '88 Tortori. La Triestina ha acquistato, a titolo definitivo, dal Gavorrano il centrocampista Finazzi. Percorso inverso per il difensore Mori che si trasferisce in Toscana, a titolo temporaneo, fino al termine della stagione. Solini, difensore classe '93, è passato in prestito dal Chievo al Siena fino al 30 giugno 2019. Il difensore Dossena, classe 1998, è un nuovo calciatore del Siena, arriva, in prestito fino al 30 giugno 2018, dall’Atalanta. La Juve Stabia ha ceduto al Pisa Lisi, classe ’89. Il Pisa ha preso il terzino Setola, in prestito dal Palermo; con la Roma, ha definito, a titolo definitivo, il centrocampista Petruccelli, classe 1999.

Ristorante

Fedelissimi ai Grigi e... alla buona tavola ALESSANDRIA - Via Milano 35 - Tel. 0131 260043

Corso Crimea 67 ALESSANDRIA Tel. 0131 445005

La Paganese Calcio ha preso, a titolo temporaneo, dal Pisa fino al 30 Giugno 2018, l’attaccante Cernigoi e il centrocampista Nacci. Un'altra operazione tra Paganese e Pisa: gli azzurrostellati hanno ingaggiato in prestito fino a fine stagione l'attaccante Cuppone. Il Pisa ha definito, con il Brescia, a titolo temporaneo, l'attaccante Ferrante, classe 1995. Zappella, difensore classe '98, passa in prestito dall'Empoli al Cuneo. Schiavi è un nuovo giocatore del Cuneo. Attaccante classe '95, arriva dal Novara con la formula del prestito. Il Cuneo ha ingaggiato dell'attaccante Testa (classe 1998). Il Prato ha preso Casale, difensore classe '98, di proprietà del Verona: prestito fino a giugno. Il Prato ha chiuso il prestito dell'attaccante Carletti, classe ´96 di proprietà del Carpi, oltre al prestito del difensore Zucchetti, classe 1998, di proprietà della Virtus Entella. Ha tesserato, in prestito, il difensore Cistana (classe 1997). Il Monza ha ufficializzato di aver preso, in prestito, dal Pescara l'attaccante Forte, classe 1994. Quattro operazioni di mercato in uno per la Pro Piacenza che ha reso noto il tesseramento in prestito, con diritto di opzione dal Milan, del classe 2000 Mattia Cornaggia e, a titolo definitivo dal Sassuolo, il classe '99 Domenico Murro. Due le uscite: in prestito, con diritto di opzione Vittorio Mehmetaj al Sassuolo e, infine, Mattia Dametti alla Vigor Carpaneto. Doppio movimento in uscita per l'Arezzo che ha ceduto, a titolo definitivo, l'attaccante Eugenio D’Ursi al Bisceglie. [Paolo Baratto]

Pizzeria


2 feb. 2018

9

HURRÀ GRIGI

A TUTTO CAMPO di Gianmaria Zanier

Adesso, si fa sul serio Un programma condotto da Massimo Taggiasco e Paolo Baratto

P

hanno ripetutamente sfiorato il radtaggio inizale. In particolare, da seer uscire da Livorno con i 3 Lunedì e giovedì ore 14,30 doppio. Prima Bunino, entrato nel gnalare almeno la bella parata di Vanpunti, i Grigialle avrebbero dovusolo su Alex fm 89.9 frattempo al posto di Marconi (per lui nucchi con la mano di richiamo al 16' to ripartire esattamente dalla Una produzione problemi al ginocchio sinistro, per un su conclusione dell'esterno livornese cattiveria agonistica esibita nell'ultibrutto contrasto subìto alla fine del Franco e un tentativo dell'attaccante ma gara casalinga contro il Pro Piaprimo tempo) e poi Fisshnaller (suVantaggiato, con Fissore in chiusura cenza. Contro la squadra emiliana, bentrato al posto di Gonzalez) non sulla diagonale in corner. La squadra infatti, se non ci fosse stata la zampata hanno infatti saputo capitalizzare al grigia, però, ha saputo resistere agli di Manuel Fischnaller al 78' (subenmeglio gli spazi lasciati liberi dalla reassalti avversari senza mai andare in trato nella ripresa ad uno spento Setroguardia facendo sì che affanno oltre il lecito: prova ne sono stu), probabilmente la gara si sarebbe QUINDICINALE DI CALCIO... E NON SOLO – Direttore Massimo Taggiasco Anno X n.amaranto, 2•2 feb. 2018 la vittoria, soffertissima ma stramesia il tacco di Marconi su cross di Setrascinata fino al 90' sui binari di un ritata, fosse sancita soltanto alla fine stu (sarebbe stato un altro gol davvero inutile pareggio. Per fortuna dei grigi, dei 6 (!) minuti di ricupero decretati da urlo), sia il raddoppio annullato a però, a difendere la porta avversaria dall'arbitro Valiente di Salerno. Sesta Gonzalez (ancora lui) per un fuorigioogni domenica non ci sarà sempre un vittoria consecutiva, in attesa della co non particolarmente evidente. Nel portiere del calibro di Stefano Gori: Super-sfida di domenica al Moccasecondo tempo, il Livorno ha inevitaClasse '96, un "numero 1" già pronto gatta contro il Robur Siena, secondo bilmente abbassato i ritmi vorticosi per il grande salto, come testimoniain classifica con 44 punti. Adesso, si fa della prima frazione, lasciando spesso no almeno due "miracoli" su Gonzasul serio. campo alle ripartenze dei Grigi, che les e un paio di uscite in ottimo stile su cross dalle fasce laterali. E' pur MASSIMO TAGGIASCO classifica: battendo i toscani, antanata molto tempo prima! vero che, contro il Pro Piacenza, anche la seconda piazza potrebbe Anche la campagna acquisti che l'ottimo Vannucchi ha contribuito uesta è l’Alessandria che estiva si è rivelata quasi complenon essere più un miraggio. in maniera determinante alla vittoria: vogliamo! La vittoria di Li- tamente fallimentare: spendere E non dimentichiamo la Coppa non solo allo scadere del primo temvorno certifica la “resurre- meno, ma spendere meglio semItalia: dopo la trasferta di Arezzo, po (ottimo senso della posizione nel zione” di un gruppo che ha ritro- bra essere il nuovo, ottimo metoci aspetta un San Valentino al momento in cui una deviazione di con vato Mister Marcolini che lo ha allefinita sul palo), ma soprattutto all'iniMoccagatta per la sfida con il Redo. gioco, motivazioni e caratteGiosa, su conclusione di Bazzoffia, era natore. due anni fa a Pavia, contribuirà a zio della ripresa (quando l'estremo dinate: in palio c’è la semifinale! Ormai è inutile fare recriminarinforzare un reparto di per se', in però, fensore grigio ha chiuso nuovamente Bisogna consolidare questo Il merito di questa svolta posi- zioni, ma il livello di questo girogrande momento! tivo è sicuramente di Mister Mar- ne ci pare molto inferiore a quello già sufficientemente coperto, nonola strada allo scatenato Bazzoffia). Da Anche i tifosi hanno risposto alla colini che, condiilSimone suo arrivo, ha ri- dell’anno scorso: avremmo potustante la partenza Branca. segnalare, nell'ultima partita casalingrande al cospetto di una Alesto tranquillamente giocarci la dato tranquillità consapevolezA Livorno, però, non c'èestato l'esordio ga, anche l'esordio in maglia grigia di za ad un gruppo sembrava promozione diretta in B con una sandria che ha ritrovato l’orgoglio immediato, come invece che era accaduto Gatto: descritto dai più come il classidella propria maglia. guida tecnica più esperta e capanon avere più voglia di lottare. la settimana precedente a Gatto conco mediano di rottura, ha dimostrato A Livorno il nostro tifo è stato inAbbiamo anche ritrovato quel ce. tro il Piacenza. Come abbiamo potuto invece già una buona condizione e La Robur Siena, che oggi arriva cessante, caldo e, quasi, commoGonzalez in grado di fare la diffeammirare, all'Ardenza c'è stata una capacità di inserimento negli spazi, renza sempre e ovunque, ma tutti al Moccagatta, occupa attualvente: finalmente tanto amore è veragli e propria congrigia il botto: in particolare con Gonzales, nel mouominipartenza in maglia sem- mente la seconda posizione in stato ripagato in maniera degna. sonobrano bastatiessersi infattiliberati solo 10da secondi mento in cui, di fatto, "El Cartero" si una za- classifica, ma domenica scorsa ha Dopo tante delusioni e amarezal "Cartero" Gonzalez per segnare un è trasferito stabilmente sulla fascia ze, è tornata la speranza. faticato per pareggiare in casa con vorra che ne condizionava negatigol alvamente volo che,leaiprestazioni. tifosi grigi con qualdestra, lasciando l'altra zona di comDimostriamo, come sempre, di il fanalino di coda Gavorrano. essere un grande pubblico: tutti al Ormai, nessuna formazione può Resta ilbrizzolato, profondo rammarico che capello ha ricordatoper petenza al sempre vivace Fischnaller. Moccagatta, perché noi non molfarci paura ed è chiaro che questa mesiprodezze che sonoregalate stati persi non tutti pocoicerte alla in Nel frattempo, partito Bellomo, deliamo mai! avvio di stagione: la coppia neStelli- Alessandria può tranquillamente platea da Ciccio "Gol" Marescalco stinazione San Benedetto del TronHurrà Grigi! ni-Sensibile essere allon- puntare alle prime posizioni di gli anni '80. Garadoveva con ritmi davvero to, è arrivato (tra gli altri) Tommaso frenetici, soprattutto nel primo temBellazzini: 30 anni, molta esperienza po, con la squadra amaranto che ha nella serie cadetta e - cosa non trascuGianmariaZanier Videointerviste Hurra Grigi Grigi hurragrigi www.hurragrigi.it cercato subito di ricuperare lo svanrabile - Hurrà un rapporto già consolidato

L’Orso fa di nuovo paura! Q

subaru.it

A partire da

€ 19.990*

Goditi il piacere di stare al volante in tutta tranquillità, e libera le emozioni della strada, grazie alle migliori dotazioni Subaru, ovviamente di serie: • sistema di assistenza alla guida EyeSight*1 • trazione integrale permanente Symmetrical AWD • cambio automatico Lineartronic • 5 anni di garanzia SUBARUSAFE5 a chilometraggio illimitato*2. Vieni in showroom dal 21/10/2017 e prova il piacere di guida. *Prezzo riferito a IMPREZA 1.6i PURE. *1EyeSight è un sistema di supporto alla guida che può non avere un funzionamento ottimale in tutte le condizioni di guida. Il guidatore è sempre responsabile di una guida sicura e del rispetto del Codice della Strada. L’efficacia del sistema dipende da molti fattori quali la manutenzione del veicolo, le condizioni atmosferiche e stradali. Consultare il Manuale dell’utente per i dettagli completi sul funzionamento e limitazioni del sistema EyeSight. *2I primi tre anni o 100.000 km sono coperti dalla garanzia di fabbrica, nel rispetto delle condizioni previste nel libretto di garanzia. I successivi due anni, a partire dal giorno successivo la scadenza della garanzia di fabbrica di tre anni o 100.000 km (quale dei due eventi si verifichi prima), sono coperti dalla garanzia SUBARUSAFE5, nel rispetto delle condizioni riportate nell’accordo di garanzia Car Garantie. IMPREZA ciclo combinato: consumi da 6,2 a 6,4 (l/100km); emissioni CO2 da 140 a 145 (g/km). SUBARU CONSIGLIA

GRUPPO

alessandria

SHOWROOM • ALESSANDRIA • VIA MARENGO 155 • TEL. 0131 231250

SEGUI SUBARU ITALIA


Programma condotto da Massimo Taggiasco e Paolo Baratto

lunedĂŹ e giovedĂŹ alle 14.30 Solo su Alex fm 89.9

Adesso parli tu!

Una produzione


2 feb. 2018

11

HURRÀ GRIGI

Un ricordo di Alessandria-Siena del 10.11.1996 (0-0 davanti a oltre 7.000 spettatori) di Riccardo Masiero (foto di Fotostudio Zanini)

Nato sotto il segno dell'orso S

ono nato a poche centinaia di metri dallo Stadio Moccagatta, inevitabilmente sotto il segno dell’Orso. La mia storia somiglia a quella della maggior parte di noi, tifosi dei Grigi, abituati a pensare in grigio e, purtroppo, complice la malasorte, a vedere tutto grigio. Eppure, tra i ricordi più indelebili che rievoco ripercorrendo le tappe di questo grande e sofferto amore, ce n’è uno dai colori accesi, quasi surreali. E’ riaffiorato quasi per caso, parlando con il nostro direttore Massimo Taggiasco, ed a tratti mi ha commosso profondamente. Era la decima giornata del girone di andata della stagione calcistica 1996/97, campionato di serie C1 e l’Alessandria di Ferrari e del suo vice Colombo ospitava il Siena di Orrico. La C1, a quei tempi, era un campionato durissi-

mo e combattuto ed il tifo, sugli spalti, generalmente molto caldo ed intenso. Quella sfida, però, non era una delle tante, bellissime, di quegli anni ma era particolare perché rappresentava il match clou della giornata, la classica di cartello, il confronto tra le due compagini che, nella prima parte del campionato, sembravano destinate a contendersi il primato. Per noi tifosi più giovani, fin dai primi anni poco abituati a veleggiare nelle parti alte della classifica, l’attesa di quella partita dava una piacevole sensazione di vertigine, capace di spazzare via la diffidenza che ci contraddistingue da sempre, e foriera di pensieri positivi ed inatteso slancio. Se ne parlava tanto a Valenza, tra i banchi della scuola che frequentavo, ed insieme ai miei compagni, specialmente durante l’ora di matematica, fantasticavamo su quanto sa-

Si ringrazia Fotostudio Zanini per le fotografie

rebbe stato bello vedere l’estremo difensore del Siena trafitto da una magia a girare di Notaristefano su calcio piazzato, o beffato da un inserimento in area di Califano. Parlavamo della B, sognavamo la B. A distanza di oltre vent’anni nulla è cambiato. Mi domando, allora, se non ho proprio imparato niente o, semplicemente, ho imparato da amarla. Ciò premesso, Alessandria-Siena non me la sarei persa per nulla al mondo. Il primo problema, di ordine pratico, era quello di procurarsi il biglietto e raggiungere lo stadio. A quei tempi non avevo ancora la patente, abitavo in collina e faceva troppo freddo per raggiungerlo in motorino. Per questo, ho deciso di iniziare sin dal lunedì una paziente opera di convincimento con mio padre. Appena accennato il mio desiderio, papà ha detto sì. In cuor suo, attendeva

quella gara più di ogni altra cosa. I biglietti per la Gradinata Nord erano introvabili ma siamo riusciti a recuperarne due per il rettilineo. Ricordo di aver mangiato qualcosa in fretta e furia, ansioso di arrivare il prima possibile, pronto con la sciarpa fin dalle prime ore del mattino. Avevo già diciassette anni ma ero emozionato come un bambino prima della recita. All’ingresso del rettilineo ho avuto una delle più belle sensazioni che ricordi: il Moccagatta era gremito in ogni ordine di posto e la Nord era colorata ed accesa come fosse vestita a festa. Alessandria si era stretta con amore intorno alla sua squadra e l’atmosfera da grande evento sembrava suggerire che tutto sarebbe stato possibile. Ricordo di essere stato quasi un quarto d’ora appoggiato alla rete metallica che separava il rettilineo dal terreno di gioco

ad ammirare quello stadio. Nonostante fossi tifoso da sempre, quel giorno lo sono diventato ancora di più. Quella gara, finita a reti inviolate, ha sancito l’inizio di un periodo molto buio della nostra storia. Presto, il calore di quel giorno si è dissolto fino a diventare un lontano ricordo. Eppure, non so cosa darei per rivivere quell’emozione ed oggi, alla vigilia di un’altra Alessandria-Siena, con i toscani secondi in classifica e noi in ripresa dopo un avvio di campionato disastroso, mi accorgo che ne ho l’occasione. Il cuore batterà forte ed il sogno di un’impresa quasi impossibile degli uomini di Marcolini si farà spazio prepotentemente. Intanto ci sarà ancora quella sfida, carica di fascino e di attesa e guardando, come allora, il terreno di gioco, penserò: “Son talmente deficiente, che non so stare senza te!”.


12

anno X n. 2

HURRÀ GRIGI

Abbiamo raggiunto telefonicamente Alberto Merlo, allenatore del Castellazzo, in lotta per la permanenza in serie D

“ Fiero di allenare il Castellazzo”

C

ome mai ha deciso di intraprendere la carriera da allenatore? E da dove ha iniziato? L’ho fatto perché sono sempre stato nel calcio. La mia carriera di calciatore non è giunta a livello professionistico, al massimo ho giocato Promozione o Prima Categoria. Ho iniziato ad allenare ad Acqui, quando avevo 29 anni, l’anno dopo sono passato ad allenare in Terza Categoria, l’anno dopo ancora in Prima categoria a Masio, dove abbiamo ottenuto il record di punti, poi ad Acqui in Eccellenza. Cosa prova ogni volta che si siede in panchina? Un brivido, il giorno in cui non proverò più nessuna emozione, mi dedicherò alla famiglia. Cosa vuole dire per lei allenare? Trasmettere tutto quello in cui credo, inculcare i mei valori ai giovani. Sono stato un giocatore modesto ed essere arrivato a conseguire il patentino, per me, è stato un onore. Se non sbaglio è il secondo anno che siede sulla panchina del Castellazzo: quale difficoltà ha trovato rispetto alla passata stagione? Lo scorso campionato è stato diverso, siamo rimasti imbattuti, abbiamo chiuso il campionato al primo posto cosa che al a Castellazzo non era mai successa. La stagione attuale è molto più impegnativa, stiamo cercando di entrare nei play-out e per ottenere questo risultato cercheremo di stare uniti e di dare il massimo. Si aspettava che la squadra avesse

tante difficoltà in questa prima parte di stagione? Magari speravo di avere qualche difficolta in meno, però sapevamo che l’impatto con la serie D sarebbe stato duro. Come considera il vostro girone? É uno dei gironi più difficili, ci sono delle corazzate, come Como, Pro Sesto, Gozzano, Caronnese, squadre che investono tanti soldi. E’ un campionato in cui ci sono formazioni che non centrano nulla con questa categoria, e che presto torneranno tra i professionisti. É difficile allenare a Castellazzo? No, perché ho trovato una società che mi è venuta incontro. L’ anno scorso è stata una festa , c’è ancora un buonissimo rapporto con tutto

l’ambiente, sono contento, e sono fiero di essere l’allenatore che da più tempo siede su questa panchina (oltre due anni e mezzo). Qual è l’obiettivo che volete raggiungere? Come ho ribadito, è quello, di raggiugere in play-out e, se dovesse arrivare la salvezza, per noi sarebbe come vincere il campionato. Come è il suo rapporto con il presidente Curino? Il mio rapporto con il presidente è buono, è una persona schietta, ci diciamo con franchezza cosa pensiamo l’uno dell’ altro. Spero, al termine della stagione, di dargli una gioia. Sono contento di lavorare con lui. [Federica Ghisolfi]

Divertirsi senza stress

L

o Sport, soprattutto per i più piccoli, dovrebbe essere un’occasione di svago per socializzare, senza l’assillo del risultato a tutti i costi. Fedele a questi principi, il Sig. Nello Peluso, parrucchiere per professione, allenatore e dirigente arbitro di calcio per passione, forte della sua pluridecennale esperienza sulle panchine di calcio sia maschile che femminile, ha fatto partire, in collaborazione con la U.I.S.P., il progetto “DIVERTIRSI SENZA STRESS”. Grazie alla pronta disponibilità di Don Gianfranco Avallone che ha gentilmente messo a disposizione la palestra dell’oratorio “Don Bosco”, Parrocchia San Giuseppe Artigiano di Alessandria, il mister “Nello” ha messo in piedi una squadra di calcetto a 5 dove i bimbi, ogni lunedì, si ritrovano e possono giocare ed allenarsi in un ambiente sereno e cordiale. Lì imparano “i principi fondamentali” del calcio e contemporaneamente fanno propri i valori fondamentali della vita quali la correttezza ed il rispetto verso gli altri. I bimbi dall’età di 6 anni in su della squadra di Mister Nello porteranno

questo bagaglio di valori nella loro crescita , nel loro diventare adulti in un futuro neanche troppo distante. La regola che accompagna e contraddistingue questo progetto di crescita è che tutto venga fatto con tranquillità, senza fretta e senza stress alcuno. Ogni lunedì, dalle ore 17 alle ore 18, dopo la scuola ed i compiti, così Matteo, Davide, Matteo G., Alessandro, Luca, Angelica, Edoardo, Nadia e Federico corrono felici sul campo di gioco della palestra Don Bosco ed alla sera tornano a casa stanchi ma felici di aver condiviso un’ora serena insieme agli amici, contando le ore che li separano dal prossimo allenamento. Ogni lunedì è occasione di riportare in campo i valori imparati, frutto e finalità di questo bellissimo progetto in cui amicizia, rispetto verso gli altri, divertimento, relax rappresenteranno la vittoria più bella e la soddisfazione/ orgoglio di mamma e papà. La squadra e la dirigenza sono felici di accogliere nuovi bimbi e di condividere insieme la bellissima esperienza. Per ogni informazione occorre contattare il Mister Nello al n. 347/3084939.

NOVITENDESNC di Militello Carlo NOVI LIGURE Via Toscanini, 5 Tel. / Fax 0143.71434

INSTALLAZIONE ED ASSISTENZA

ALESSANDRIA Corso Monferrato, 53 Tel. / Fax 0131.41694

ASCENSORI

info@novitende.it

MONTACARICHI ELEVATORI PER DISABILI

Cell: 338 26 35 026 Tel/Fax: 0131 61 08 75 e-mail: bmc.ascensori@virgilio.it Via Levata, 50 - 15122 Spinetta M.go (AL)

Grandi coperture Tende da sole Tende d’arredamento Zanzariere Avvolgibili

! ! ! o z z e r p o t s iu g l a La qualità...


2 feb. 2018

ASD Lisòndria, il cuore non basta

U

nder 17 Top five Vs Lisòndria 9 : 0 Continua la crescita dei ragazzi di mister Buratto che in solo 6 uomini giocano 60 minuti ad alto ritmo davanti ad un Top Five al completo. Arriva purtroppo un altra sconfitta ma la qualità di gioco espressa e la minor differenza reti rispetto l'andata rendono il risultato meno pesante.

13

HURRÀ GRIGI

C2 Bardonecchia Vs Lisòndria I secondi della classe ospiti di un Lisòndria che vuole riscattare la brutta sconfitta di Bra. Ospiti in vantaggio dopo pochi secondi e subito raddoppiano dopo pochi minuti. Lisòndria non ci sta e su una punizione è Gligora a segnare la prima rete. Poi Genuardo Cavalla e Chakour completano la rimonta. Ma è nei minuti finali che il Bardonecchia trova due gol che chiu-

dono la partita sul 5 a 4. Fucsia Nizza vs Lisòndria Femminile Quasti la stessa la sorte per la squadra femminile che in prima con Cutrone e con una bellissima azione personale di Falzone vengono per due volte recuperate dalle Fucsia. Sfuma così la vittoria per le ragazze ti mister Fracasso che settimana dopo settimana continuano il loro percorso di crescita.

SOTTORETE di Sara Pilotti

Pozzolese Volley: “Lions” fino alla fine M an mano che passano le settimane, ci si addentra in quel dolce periodo in cui le temperature diventano più calde e abbandonano via via il freddo inverno per dar spazio a quel mitigato periodo che è la primavera. Questo è quello che succede ogni anno e che ciclicamente si ripete fino all’ infinito. Piacevole periodo anche per lo sport, non soltanto perché febbraio è un mese di passaggio tra il letargo di gennaio e la vivacità che porta con sé marzo ma anche perché questo è il periodo in cui i campionati giovanili iniziano a tirare le somme. Le classifiche si stringono, le distanze si accorciano, soprattutto per quelle squadre che lottano per la conquista dei play off. Sono un paio di settimane che dedico spazio sulla mia Rubrica a “omaggiare” quelle squadre che più si stanno distinguendo sul nostro territorio, quelle squadre che si pensa siano più vicine alla conquista del campionato, come le leonesse della Lions Pozzolese Volley. Il girone A del campionato di Prima Divisione Femminile, racchiude tutte le squadre della categoria della nostra provincia: Pozzolo, Acqui Terme, Sale, Alessandria, Novi Ligure, Ovada, Arquata e

Tortona. Da sottolineare vi è sicuramente l’ entrata in scena del Pozzolo Volley: dopo qualche anno di innocente silenzio, risorge come un’araba fenice dalle sue ceneri. Le leonesse si piazzano al secondo posto a 29 punti (pari punti con la prima in classifica, il Vercelli S2M, primo solo per differenza set) e sembra assolutamente che non abbiano intenzione di mollarlo, anzi, intensamente intenzionate a perseguire l’ obiettivo ultimo: primo posto e promozione diretta! Il terzo posto è conquistato dalla Pallavolo Acqui Terme con 28 punti e al quarto stacca il Sale a 21. Ebbene sì, per i primi classificati di ogni girone (quest’ anno si ha un totale di 3) la promozione in serie D è diretta mentre le seconde e terze classificate si scontreranno con le seconde e le terze degli altri due gironi, per un unico girone “all’ italiana”, ovvero chi vince prosegue. Sarebbe veramente una grandissima conquista quella delle leonesse pozzolesi anche perché sono passati anni prima che il Pozzolo potesse rivedere una pallavolo di categoria… Forse questo è l’ anno buono, forse questo potrebbe essere l’ anno della svolta, l’ anno in cui gli sforzi degli ultimi anni possono essere finalmente ripagati.


14

anno X n. 2

HURRÀ GRIGI

Grigi, ora ottavi in classifica Classifica GIRONE A Campionato di Lega Pro 2017 / 2018

Classifica Marcatori

TURNO PRECEDENTE

#

Giocatore

Squadra

Gol

1

Ragatsu

Olbia

13

Vantaggiato

Livorno

13

3

Tavano

Carrarese

12

4

Bruno

Giana Erminio

11

Moscardelli

Arezzo

11

6

Perna

Giana Erminio

10

7

Curcio

Arzachena

9

González

Alessandria

9

Olbia - Carrarese 1 : 1

Alessandro

Pro Piacenza

8

Pontedera - Arzachena 0 : 2

SQUADRA

P.ti

G

V

N

P

+

-

1

Livorno

50

22

15

5

6

46

19

1

Robur Siena

44

22

13

5

4

30

20

3

Viterbese

41

22

12

5

5

35

23

4

Pisa

40

22

10

10

2

25

12

5

Giana Erminio

33

22

9

6

7

40

33

6

Monza

33

22

9

6

7

25

20

7

Olbia

31

22

9

4

9

27

29

8

Alessandria

30

21

8

6

7

30

25

9

Carrarese

29

22

8

5

9

36

35

Dell'Agnello

Cuneo

8

10

Piacenza

29

22

8

5

9

28

28

Marconi

Alessandria

8

Pro Piacenza - Pistoiese 1 : 0

11

Pistoiese

29

21

7

8

6

26

29

Marotta

Robur Siena

8

12

Arezzo

28

22

8

5

9

29

26

Ogunseye

Olbia

8

Siena - Gavorrano 1 : 1

13

Arzachena

27

22

8

3

11

31

30

Pesenti

Piacenza/Pontedera

8

Chiarello

Giana Erminio

7

14

Lucchese

25

22

6

7

9

23

30

15

Pro Piacenza

24

22

6

6

10

16

24

16

Pontedera

24

22

6

6

10

26

38

17

Cuneo

21

22

5

6

11

15

30

18

Gavorrano

14

21

3

5

13

22

38

19

Prato

14

21

3

5

13

16

37

9

Arezzo - Piacenza 1 : 2 Cuneo - Giana Erminio 1 : 1 Livorno - Alessandria 0 : 1 Monza - Lucchese 1 : 0

Viterbese - Pisa 0 : 0

Statistiche ALESSANDRIA PARTITE FUORI CASA : 18

PARTITE VINTE : 8

PUNTI FUORI CASA : 12

PARTITE NULLE : 6

RETI FATTE : 30

PARTITE PERSE : 7

RETI SUBITE: 25

DIFFERENZA RETI : 5

ristorante - pizzeria - Prova il nostro GiroPizza - Scopri i piatti partenopei, come la pizza fritta o i paccheri - Deliziati coi dolci preparati artigianalmente - Assapora la pizza Tramonti, con impasto ad alta lievitazione e stesura speciale Tel: 0131 25 37 36 Piazzetta Bini 9 – 15121 Alessandria

Bar dello Stadio

pio del calcio m te l e n è ff a c a La tua paus

Aperto tutti i giorni dalle 7,30 alle 20

Via Vincenzo Bellini - ALESSANDRIA

sotto la tribuna centrale del Moccagatta

abbigliamento bambini e ragazzi da 0 a 16 anni via San Lorenzo 52 ALESSANDRIA tel. 0131 252383

FOTODIGIT@L Via Dossena, 18 Alessandria www.fotodigital-shop.it 0131 265126 fotodigital.balestri@gmail.com

di Ponzano A. e C. SISTEMI COMPUTERIZZATI PER RISTORANTI•BILANCE REGISTRATORI DI CASSA•ACCESSORI PER L’UFFICIO Via Trotti, 102 - Alessandria Tel. 0131 262614 • Fax 0131 326732 ponzano@unodinoicom.it sc.ponzano@gmail.com


2 feb. 2018 La formazione ospite: ROBUR SIENA AND

C

1:0

+

0:0 3:2

+ + =

2:1 0:0

+ =

2:1 1:0

RIT

Lucchese

4:1

Pisa

0:0

Arzachena

2:1

Gavorrano

1:1

Alessandria

-

Carrarese

-

Giana Erminio

-

Olbia

-

Pro Piacenza

-

Viterbese

-

+ +

3:1

+

ALESSANDRIA CALCIO

IL CAMMINO

=

2:0 0:0

F

15

HURRÀ GRIGI

C

F

AND

+ = + =

F

IL CAMMINO

RIT

C

1:1

=

Pontedera

5:1

+

Rin.

.

RIPOSA

Rin.

1:1

=

Pro Piacenza

1:0

Livorno

1:0

Robur Siena

-

Arezzo

-

Monza

-

Prato

-

Arzachena

-

Pisa

-

0:3 0:1

.

= -

1:1

. .

-

0:0

.

.

C

Statistiche

1:0

= +

0:0 0:2

.

Statistiche

= -

+ + . . . .

-

.

In Casa

2:2

=

Giana Erminio

-

.

1:2

-

Livorno

-

.

Ultima Vittoria : 17/12/17

1:2

-

Carrarese

-

.

Pistoiese

-

Ultimo Pareggio : 28/01/18

4:0

Olbia

-

Pontedera

-

.

Ultima Sconfitta : 12/11/17

1:2

Lucchese

-

RIPOSA

-

.

1:3

Viterbese

-

.

Fuori Casa

2:3

Piacenza

-

2:3

-

Rin. 1:0

. +

Arezzo

-

+ -

Ultima Sconfitta : 19/11/17

Fuori Casa Ultima Vittoria : 28/01/18 Ultimo Pareggio : 29/10/17 Ultima Sconfitta : 26/11/17

.

Monza

.

Ultimo Pareggio : 09/04/17

.

+

In Casa Ultima Vittoria : 21/01/18

.

0:3 2:1

F

I precedenti Campionato 2017/18

.

Siena - Alessandria : 0 – 0

. .

Campionato 2016-17

.

0:2

-

Cuneo

-

.

Ultima Vittoria : 24/01/18

3:2

+

Gavorrano

-

.

Alessandria – Siena: 5-2

2:1

+

Piacenza

-

.

Ultimo Pareggio : 03/09/17

3:1

+

Pistoiese

-

.

Siena – Alessandria: 2-0

Prato

-

Cuneo

-

1:0

+

.

Ultima Sconfitta : 20/12/17

2:0

+

.

La formazione secondo Hurrà Grigi

LE GARE DI OGGI

PROSSIMO TURNO

ALESSANDRIA - SIENA

AREZZO - ALESSANDRIA

Arzachena - Piacenza

Cuneo - Pistoiese

Carrarese - Monza

Livorno - Pontedera

Gavorrano - Prato

Monza - Arzachena

Giana Erminio - Viterbese

Olbia - Pro Piacenza

Lucchese - Arezzo

Piacenza - Lucchese

Pisa - Cuneo

Prato - Pisa

Pistoiese - Livorno

Siena - Carrarese

Pontedera - Olbia

Viterbese - Gavorrano

(5ª GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO)

(6ª GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO)

T-Roc, il nuovo crossover Volkswagen presentato nei giorni scorsi da Bimauto

1 - VANNUCCHI

14 - GIOSA

13 - PICCOLO

2 - CELJAK

16 - FISSORE 26 - GATTO

8 - NICCO

7 - SESTU

BELLANZINI 18 - GONZALEZ

30 - CHINELLATO

IRIS VISUAL

DESIGN

LAB

di Serena Russello

GRAFICA E PUBBLICITÀ LOGO E IMMAGINE COORDINATA INFOGRAFICA E PRODOTTI EDITORIALI FOTOGRAFIA E POSTPRODUZIONE SOCIAL MEDIA MANAGEMENT CONSULENZA Una festa memorabile ha fatto da cornice nei giorni scorsi alla presentazione di T-Roc, il nuovo crossover di casa Volkswagen. Teatro dell’evento Bimauto, la concessionaria della casa tedesca per Alessandria e Asti e le relative province. Nello showroom di San Michele, gremito di persone come non mai e impreziosito da un ricco buffet, si sono alternati sul palco la cantante Elisabetta Gagliardi, il noto dj Stefano Pain e il chi-

tarrista della band di Vasco Rossi, Andrea Braido con il suo gruppo, che ha chiuso la serata esibendosi in una performance live davvero notevole. Un plauso alla perfetta organizzazione di un evento che lascerà il segno. Troverete T-Roc in tutti i suoi allestimenti, oltre a tutti gli altri modelli Volkswagen, da Bimauto in via Roberto di Ferro a San Michele (Alessandria), ma anche nelle sedi di Asti e Casale Monferrato.

RICHIEDI IL TUO PREVENTIVO GRATUITO 339 59 78 436 irisvisualdesignlab@gmail.com


NUOVA NISSAN MICRA

HI-TECH CITY CAR

TUA A

€ 9.950

*

CON CLIMA, RADIO E FRENATA D’EMERGENZA DI SERIE con EcoBonus Nissan in caso di permuta o rottamazione

SISTEMA DI FRENATA D’EMERGENZA INTELLIGENTE

SISTEMA DI PREVENZIONE CAMBIO DI CORSIA INVOLONTARIO INTELLIGENTE

INTELLIGENT AROUND VIEW MONITOR

PROVALA ANCHE SABATO VALORI MASSIMI CICLO COMBINATO: CONSUMI 5,1 l/100 km; EMISSIONI CO2 115 g/km. *NUOVA MICRA VISIA+ 1.0L A € 9.950, PREZZO CHIAVI IN MANO (IPT E CONTRIBUTO PNEUMATICI FUORI USO ESCLUSI). È INCLUSA UNA RIDUZIONE DEL PREZZO DI LISTINO PARI A € 3.850 IN COLLABORAZIONE CON LE CONCESSIONARIE CHE ADERISCONO ALL'INIZIATIVA, VALIDO SOLO IN CASO DEL RITIRO IN PERMUTA O ROTTAMAZIONE DI UN VEICOLO USATO CON IMMATRICOLAZIONE ANTECEDENTE AL 01/03/2008 E DI PROPRIETÀ DA ALMENO 6 MESI ALLA DATA DEL CONTRATTO DEL VEICOLO NUOVO. L’OFFERTA È VALIDA, SALVO ESAURIMENTO DELLO STOCK, FINO AL 28/02/2018 PRESSO LE CONCESSIONARIE CHE ADERISCONO ALL’INIZIATIVA. MESSAGGIO PUBBLICITARIO CON FINALITÀ PROMOZIONALE. LE IMMAGINI INSERITE SONO A SCOPO ILLUSTRATIVO. CARATTERISTICHE E COLORI POSSONO DIFFERIRE DA QUANTO RAPPRESENTATO.

NISSAN RESICAR

S.S.10 Spinetta Marengo -AL- Tel. 0131.610182

resicar.nissan.it

Alessandria-Robur Siena  
Alessandria-Robur Siena  
Advertisement