__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


NEXT.CO/UK DEBENHAMS.COM


“Per coloro che non si muovono, il mondo è un posto immaginario. Ma per i promotori, i produttori, il mondo è tutto intorno a loro, un invito infinito.”

Borse da viaggio in pelle, fatte a mano a Bali Lusso etico per scuotere il mondo in modo gentile kmanaconcept.com @kmana_travelbags


BETTYBARCLAY.COM


CONTENUTI 56

Lettera dell’Editor 8 PreFall 2019 articolo 12 Ruches Taste editoriale 18 La tua casa sostenibile articolo 26 Vertigo editoriale 30 From Norway, with love Cover story/intervista 38 I Top matrimoni ‘18 articolo 52 My Future Star editoriale 56 Black Velvet Circus brand intervista 68 Out of Office editoriale 70 Latest Accessori articolo 86 Evergreen editoriale 88 Latest Beauty articolo 102 Pastell Funk editoriale 104 Heat editoriale 114 I Bloggers abbracciano la sostenibilità articolo 124 Rebel Rebel editoriale 128 I Must Have Resort ‘19 articolo 136 Provocateur editoriale 142 La grande causa di 4Ocean articolo 154 Fall Blues editoriale 156 Latest Paradise: Tulum articolo 164

COVER STORY Fotografia Kate Moore c/o Alyssa Pizer Management Art Direction, Stylist Emilie Maslow c/o Art Department Modelli Silja Danielson & Phil Torres of WME Hair style, Makeup Heidi Nymark c/o Art Department


LETTERA DELL’EDITOR

P

arola d’ordine: paradiso. Ognuno di noi ha una particolare visione di esso, per me è quel luogo dove senti che potresti trovare la pace, dove senti una totale comunione con la natura. Questo 2018 è stato un anno di grandi cambiamenti, non solo perchè mi sono sposata (e a proposito di matrimoni vi invito ad andare a pagina 38 per leggere la nostra intervista a una coppia speciale, una modella norvegese e un biologo americano. Vi parleranno del loro matrimonio sostenibile e della loro visione di paradiso), ma anche perchè ho fatto un viaggio importante in Messico tra il Quintana Roo, Campeche e Yucatan dove ho riscoperto la bellezza del mondo, antico e moderno (scopri di più a pagina 164). ​ Editor-in-chief Facebook: @marta.forgione

Marta Forgione


BETTYBARCLAY.COM


Editor’s letter DIRETTORE, EDITOR-IN-CHIEF Marta Forgione martaforgioneph@gmail.com via Raimondo Scintu, 78 - 00173 Rome Italy CONTRIBUTORS DI QUESTO NUMERO: LAYOUT Giuseppe Sindoni Laura Bobak WRITERS Gaétane Auffret Laura Zanovello Nina Hanz Giampiero Amodeo Jordan Ellen Wood Djordje Veljkovic FOTOGRAFI Patrick Schwalb, Loreen Hinz, Kate Moore, Genevieve Charbonneau, Peoneemoull Pech, Marina Schneider-Moog, Les Mijotés, Christina Hasenauer, Drew Shearwood ​ AGENZIE Next Model Management, Nina Klein, Liganord, Fuze Reps, East west models, The Syndical Scoop, Muse models, Stockholmsgruppen, Dominique Models Agency, Modellink, Muse NYC, Alyssa Pizer Management, Art Department, TFM Berlin, Basics Berlin, Iconic Management

PUBBLICITA’ hello.latestmagazine@gmail.com Roma, Italia 2019 | p.iva 12434651001 | Pubblicazione bimestrale a febbraio, aprile, giugno, agosto, ottobre, il 1 ° del mese. Stampato da Facciotti s.n.c - Vicolo Pian Due Torri 74, 00146 Roma (Italia) Disponibile in versione digitale e stampata su latestmagazine.net (miglior prezzo) e issuu.com | Distribuito via PackLink PRO


NEWLOOK.COM


Editor’s letter

L’anno passato è stato imprevedibile e incredibilmente turbolento, e il pre-fall come ultima stagione del calendario annuale della moda non è stato diverso. Molte collezioni meravigliose sono state presentate in tutto il mondo, ma sono stati i drammi dietro le quinte a tenere i veri appassionati di moda al limite del proprio posto. Dopo quasi due anni, il mandato di Raf Simons come direttore creativo di Calvin Klein è giunto al termine, con grande disappunto dei suoi fan appassionati. Tuttavia la notizia non è stata un vero shock, dal momento che erano emerse segnalazioni che i dirigenti di PVH corp. (La società madre di Calvin Klein) stavano mettendo in dubbio il fascino dell’offerta del marchio. Sulla carta l’accoppiata poteva sembrare ideale dato che Raf è considerato un minimalista di fondo, ma il suo approccio al design e al marketing potrebbe essere stato un disallineamento con il pubblico del marchio che semplicemente non era pronto per essere avvicinato in quel modo. L’offerta finale del designer per il marchio è stata sensibilmente dominante come concept, e lo sforzo consapevole di semplificare può essere sentito, soprattutto se paragonato ad alcuni dei look del suo lavoro precedente. Gli obiettivi principali della collezione sono stati i classici della moda americana reinventati e modernizzati per la nuova era, cosa che abbiamo imparato ad aspettarci dal marchio nel corso degli anni.

PRE-FALL2019

TENDENZE by Djordje Veljkovic - continua fino a pag. 16 Qui: by Filippo Fior | Gorunway.com modella Kaia Gerber Pagina opposta: Sopra: courtesy of Calvin Klein for Vogue.com Sotto: courtesy of Christian Dior for Vogue.com

Pierpaolo Piccioli, reduce dal suo premio Designer of the Year ai Fashion Awards di Londra, ha messo in scena un vero spettacolo a Tokyo per Valentino, mostrando come e perché ha guadagnato la vittoria. Le due influenze principali della collezione erano i concetti estetici giapponesi di Ma e Wabi-Sabi, trovando la bellezza nelle imperfezioni. Guardando i vestiti scendere in passerella sembrava di veder arrivare un guardaroba completamente realizzato di una donna Valentino prendere vita. L’equilibrio tra couture e casual, struttura e fluidità, sobrietà e volume è stato raggiunto con una sfumatura così incredibile che i look più stravaganti non erano fuori posto accanto ai coordinati denim, che a loro volta non sono stati messi in ombra. Ad ogni singolo pezzo è stato dato abbastanza spazio per brillare, tutto era in perfetta armonia ed equilibrio, il che rende il modo di Pierpaolo di interpretare i suoi riferimenti particolarmente rinfrescante, andando oltre la superficie e dritto al nucleo, rendendo omaggio alla cultura da cui il concetto ha avuto origine. ​


Ciò che si può imparare, osservando queste due situazioni molto diverse, è che quando si tratta di collaborazione tra designer e brand business la vestibilità è la cosa più importante. I progettisti devono essere collocati in strutture aziendali che consentano loro di mostrare i loro talenti e sostenerne la crescita attraverso la loro carriera e che, in qualche modo, possa anche riguardare la loro estetica personale. La qualità che rende gli abiti disegnati da Raf Simons così speciali non può essere compresa dalle grandi masse, non importa quante Kardashian assoldi. Personalmente speriamo che Raf si impegnerà di più per la sua linea principale, lancerà persino il suo abbigliamento femminile, e costruirà un’eredità ancora più grande di sua spontanea volontà. È stato, è e sarà un pioniere e un cult preferito e dovrebbe essere celebrato per questo. Pierpaolo, invece, è andato sempre più forte da quando la sua co-stilista Maria Grazia Chiuri è partita per Dior, presentando il suo esclusivo marchio di eleganza, sia romantico che moderno, mentre rende omaggio ai valori fondamentali di Valentino. La sua capacità di trasferire i codici della casa nel futuro mentre utilizza l’ispirazione in modo così tonificante dimostra perché è il vero successore dell’impero.

Guardando indietro al 2018 e agli eventi che stiamo lasciando alle spalle, l’industria della moda ha avuto un anno piuttosto tumultuoso, caratterizzato da nuovi appuntamenti, annunci blu e da denunce su vasta scala, quest’ultimo è un problema che crediamo continuerà a dominare i titoli in abbondanza nel prossimo anno. Dobbiamo essere ben consapevoli del fatto che la moda, in quanto industria, impiega principalmente donne e minori e che dobbiamo lottare per la loro protezione legale, contro gli abusi sessuali e qualsiasi tipo di comportamento socialmente ingiusto potrebbero dover affrontare. Dato che sempre più persone sono ritenute responsabili delle azioni, tenute sotto il tappeto per troppo tempo, un’altra speranza è che continueremo a demistificare ed esporre chi sono questi perpetratori e che saremo pronti per tutto ciò che è stato nascosto. Una previsione che è quasi sicura al 100% è che il 2019 non scenderà calmo e pacifico.


Editor’s letter

GENTILDONNA

C’è stato un cenno evidente verso la sartoria più squadrata e maschile in questa stagione, con tagli, tessuti e forme tradizionalmente utilizzati nel design maschile che dominavano le presentazioni pre-autunno del 2019. Anche se questo concetto non è affatto nuovo, il sostegno diffuso che la tendenza ha ottenuto è stato di livello mondiale. ​

Erdem (su) Fendi (giù)

DA PORTARE CORTA Non si dovrebbe mai dubitare della capacità dell’industria della moda di sorprendere e di affermare le nuove tendenze. Minigonne per pre-autunno, se qualcuno ci avesse chiesto della possibilità che questo trend estivo facesse la sua comparsa avremmo detto che erano piuttosto ridotte, ma la mini ha sicuramente trovato il modo di brillare in molte situazioni. ​ ​

Gucci (sinistra) Emilio Pucci (destra)


FOLK MAGIC Il sottofondo folk nel design è finalmente riemerso, con molti esperti che prevedono un futuro brillante per la tendenza, e siamo d’accordo con loro con tutto il cuore. Il ritorno a un approccio più artigianale al design, alla fabbricazione e al ricamo rivedrà il ruolo del mestiere nella moda e servirà da unificatore attraverso l’impiego di vari motivi folcloristici. ​

Chloe (sinistra) Ulla Johnson (destra)

L’EFFETTO O’KEEFE La musa del giorno del Pre-autunno è nientemeno che Georgia o’Keefe, il cui modo di vestirsi organico, terroso e austero continua a ispirare nel 2019. L’artista, il cui stile idiosincratico era oggetto di numerose mostre in passato, ha rinvigorito la stratosfera della moda dimostrando che nulla può battere l’individualità e un approccio onesto ad essa. ​ ​

Claudia Li (destra) Jil Sander (sinistra)


Editor’s letter

NUOVA FRONTIERA ​ La reinterpretazione e la reimmaginazione degli stili del passato è una pratica comune nell’industria della moda e con le immagini wild western che dominano la cultura pop degli ultimi anni, non sorprende vedere la rinascita di questa tendenza americana tipicamente quintessenziale anche nel fashion, e che rinascita è stata. ​

​ Roberto Cavalli (sinistra) Philip Lim (destra)

LAYERING 2.0 Questa tendenza ingiustamente denigrata ha avuto un brutto colpo nel corso degli anni, ma i look in vetrina possono garantire la sorprendente versatilità di questa combo 2 per 1. L’audacia intrinseca di questo accorgimento può essere sorprendentemente applicata e adattata a molteplici esigenze, dall’abbigliamento da lavoro a persino la cravatta nera da sera. ​

Missoni (sinistra) MM6 Maison Margiela (destra)


DOROTHYPERKINS.COM


Fotografia Paulina Wesołowska & Łukasz Żyłka Style Ewa Michali | Modella Paulina Lachnik c/o Model Plus Makeup, Hair style Patryk Nadolny


Apertura: Camicetta Cyvonyuk Cappotto Nissa Cappello HatHat Orecchini Mokave Qui: Camicetta 1683 atelier Abito Adrian Krupa Gonna Michał Szulc Veste Adrian Krupa


Abito JAP Giacca Patrycja Pagas Berretto Sterkowski Scarpe DeeZee Orecchini Klara Kostrzewska Di Fronte: Camicetta Hubert Kołodziejski Abito Twentyonefingers Harness Ila Mak Collana La Tienne Orecchini Hubert Kołodziejski


Abito Kalina Kocemba Orecchini Mokave Di fronte: Abito Patrycja Pagas Orecchini Klara Kostrzewska Guanto Magdalena Wilk-Dryło Scarpe DeeZee Borsa Liu Jo


Abito Kalina Kocemba Camicetta Adrian Krupa Orecchini Mokav


DEBENHAMS.COM


I migliori articoli sostenibili per la casa che dovresti avere

Urban Collective | Cuscino in lana riciclata, £43.99

“Piccoli cambiamenti possono avere un grande impatto.” C’è stato un tempo in cui non avremmo mai pensato di non bere da cannucce di plastica o usare liberamente sacchetti di plastica. Erano prodotti che davamo per scontati senza renderci conto dell’impatto che hanno sull’ambiente, perché non è qualcosa che possiamo fisicamente vedere. Negli ultimi anni, per fortuna, il cambiamento di come vediamo il nostro pianeta è migliorato, dato che sempre più aziende riconoscono come i loro prodotti possono danneggiare l’ambiente circostante. È facile andare al tuo negozio preferito di High Street e acquistare qualcosa senza pensare, in quanto è semplice e veloce. Tuttavia, dopo le ultime segnalazioni, c’è stato

un afflusso di informazioni dettagliate su come i materiali quotidiani che incontriamo stanno danneggiando la terra. Ci sono alcune semplici modifiche che puoi apportare da casa tua, che non sembrano grandi cose, ma possono a lungo andare essere a vantaggio del pianeta. Dove vivi è il modo migliore per iniziare, poiché è dove ti senti più a tuo agio. Quindi, per iniziare ad allontanarti dalla plastica e da altri materiali dannosi, ci sono alcuni pezzi chiave che dovresti acquistare per decorare senza danneggiare la terra. ​


ELMLEY | Paralume in rattan curvo, £ 72 MAiK | Set di 2 canovacci, £ 20 AERENDE | Brocca di ceramica, £ 25 | Ciotola in legno di frassino fatta a mano. £ 33


NATURAL COLLECTION | Tappeto intrecciato multicolore, £ 34,95 HOUSE OF KIND | Fioriera in porcellana, £ 25 | SmartCup riutilizzabile, £ 20 NATURAL COLLECTION | Carillon riciclato fatto a mano, £ 9,95


DEBENHAMS.COM


VER TI GO Fotografia Peoneemoull Pech Style Gloria Johnson Modella Carolina Mejias c/o Muse NYC Makeup Michelle Clark Hair Style Seiji Uehara Manicure Etsuko Shimatani Assistente Style Christopher Sanderson Assistente Makeup Kaela Keegan


Body Michelle Nicole Abito Carlos Bacchi Cintura Katie Lares Berretto Vintage Dior Scarpe Alexander Wang Orecchini Zales Orecchini borchiati Dogeared Jewelry


Body Michelle Nicole Corsetto Dress Cheng-Huai Chuang Gonna Liana Camba by FDL Orecchini Vanile On The Rock Anelli BaubleBar Scarpe Christian Louboutin Di Fronte: Body Cheng-Huai Chuang Orecchini Solomeina Anello Joseph Bergsoe Tacchi Tiannia Barnes


Abito Jacqueline Then Collant ASOS Scarpe Balenciaga Bracciale Sterling King Orecchini Sterling King Orecchini Zales Di Fronte: Giacca Chae New York Reggiseno Top vintage Shorts Cheng-Huai Chuang Orecchini Solomeina Orecchini Zales Scarpe Balenciaga


Abito in tulle stylist design Scarpe Christian Louboutin Orecchini Anne Sisteron Bracciale YSL Collarino Vanessa Mooney Di Fronte: Abito DI GAO Scarpe Vintage Orecchini Jude Benhalim Collana Monica Varela


Due mondi in apparenza molto distanti si scontrarono quando Silja Danielsen, modella norvegese, e Phil Torres, un biologo americano, si sono incontrati. Sembra quasi l’inizio di una romanticissima favola ma è, invece, realtà. Questa bellissima coppia la cui casa è a New York, condivide diversi interessi e passioni fra cui i viaggi e la sostenibilità, tanto che hanno deciso di sposarsi lo scorso settembre a Seattle con cerimonia e ricevimento conscious. Abbiamo avuto il piacere di intervistarli e di scoprire più dettagli sulla loro affascinante love story e sul loro stile di vita sostenibile. ​ scritto da Laura Zanovello - fino a pag. 51


From Norway

with Love

COVER STORY Fotografia Kate Moore c/o Alyssa Pizer Management Direzione Artistica, Stylist Emilie Maslow c/o Art Department Modelli Silja Danielson & Phil Torres of WME Hair style, Makeup Heidi Nymark c/o Art Department


Apertura: Abito in pizzo Reformation | Scarpe The Hobes |Qui: Maglia Naadam Di Fronte: Maglione Ulla Johnson, La Ree Boutique | Abito Luly Yang


Velo Luly Yang | Top & Other Stories | Pantaloni Nilli Lotan, La Ree Boutique | Scarpe The Hobes


Venite da due due poli apparentemente opposti, scienza e moda, come vi siete conosciuti e quando avete capito di essere fatti per stare insieme? Entrambe le nostre carriere ci hanno portato in luoghi lontani di tutto il mondo dove eravamo soli a sperimentare nuove culture e Paesi. Abbiamo rapidamente legato con le nostre storie di viaggi e il desiderio di conoscere il mondo e siamo diventati davvero buoni amici - e più tempo abbiamo trascorso insieme più ci siamo resi conto di avere qualcosa di speciale!

poi abbiamo piantato nel cortile di mia madre. Abbiamo visto così tante belle piante andare direttamente nella spazzatura dopo un evento che volevamo assicurarci che le nostre vivessero. Oltre a ciò, abbiamo usato Trail’s End Bourbon per i nostri cocktail che donano i proventi per il ripristino delle foreste, distribuito a tutti gli ospiti semi di milkweed da piantare nei loro giardini, per far sì che, in primavera, le farfalle monarca, oggi in via di estinzione, possano deporvi le uova, e persino trasformato le decorazioni con le pere dei tavoli in marmellata!

Avete deciso di celebrare il vostro matrimonio in modo sostenibile, potete raccontarci di quel giorno e in che aspetti è stato sostenibile? Phil lavora per la conservazione e mi ha insegnato sempre più su quanto siano importanti le nostre decisioni quotidiane per il futuro del mondo in cui vivranno i nostri futuri bambini. L’anello di fidanzamento che mi ha preso da Brilliant Earth è stato sostenibile, dal diamante all’oro; da quando Phil lavora in Amazzonia la loro più grande minaccia è l’estrazione dell’oro illegale. Volevamo che il nostro matrimonio riflettesse il modo in cui viviamo e allo stesso tempo insegnassimo alle persone dei trucchi per la sostenibilità. Abbiamo comprato i nostri fiori dal mercato locale, dai contadini o li abbiamo raccolti e li abbiamo fatti seccare noi stessi (che abbiamo riutilizzato nell’arredamento della casa!), o altre piante vive che

Oltre alla cerimonia, introducete questi aspetti di rispetto per l’ambiente anche nella vita di tutti i giorni? Potete darci qualche consiglio? Iniziamo con il nostro cibo, mangiando meno carne e trovando alternative salutari e gustose come Beyond Meat; e quando mangiamo carne ci assicuriamo che provenga localmente senza che siano stati usati antibiotici o ormoni. Abbiamo abbandonato gli involucri di plastica per la ceratura riutilizzabile delle api (come Bee’s Wrap) e ci concentriamo davvero sull’eliminazione della plastica monouso dal nostro quotidiano, dalle cannucce alle tazze agli utensili. Anche la ricerca di prodotti sostenibili certificati è importante, e cerchiamo sempre la certificazione Rainforest Alliance nel nostro caffè, cioccolato, olio di palma o i mobili certificati FSC, come il nostro recente acquisto di divano Gus.


Pagina precedente: Cappotto Giada Forte, La Ree Boutique | Abito Carol Hannah, Lovely Bride | Scarpe The Hobes Qui e di fronte: Maglione Kasha, La Ree Boutique  | Abito Luly Yang 


Qui: Giubbotto GLab La Ree Boutique | Abito Luly Yang | Scarpe The Hobes Di Fronte: Maglione Isabel Marant, La Ree Boutique | Abito Marchesa, Lovely Bride Boutique


Silja, la moda è conosciuta per essere, per lo più, come un’industria molto inquinante, come riesci a trovare un equilibro tra la tua carriera e i tuoi valori verso il pianeta? Ci sono così tanti marchi incredibili che stanno cambiando i giochi e si assicurano che i loro vestiti non facciano male all’ambiente e alle persone che li indossano. Naadam è un marchio con cui ho amato collaborare per l’incredibile lavoro che svolgono in Mongolia, e Phil è stato attratto da Everlane per la sua sostenibilità e trasparenza. Scegliamo anche di acquistare capi di alta qualità e senza tempo, perché una delle altre sfide che affronta il mio settore è la moda veloce in cui l’abbigliamento viene indossato solo per un mese e poi gettato nella spazzatura per la prossima tendenza, lo spreco di abbigliamento è un enorme problema e dobbiamo lavorare per evitarlo! Phil, sei un biologo e un appassionato esploratore di alcuni degli angoli più selvaggi del pianeta. Le tue missioni sono ben documentate sia attraverso le tue foto che in diversi documentari, che messaggio speri di far arrivare al pubblico con il tuo lavoro? Voglio che la gente sappia quanto sia incredibile questo mondo e quanto ancora dobbiamo scoprire il momento in cui smettiamo di provare meraviglia e fascino per il mondo naturale che ci circonda è il momento in cui decidiamo che il suo valore intrinseco non vale i cambiamenti che necessita per salvarlo. So anche che molti hanno paura dei tipi di animali con cui lavoro, dai ragni ai serpenti agli insetti. Adoro assolutamente trasformare quella paura in curiosità, in fascino e apprezzamento di ciò che puoi trovare dalla foresta pluviale amazzonica alla destra del tuo cortile. ​ Potete parlarci degli outfit­nuziali e in particolare della storia dietro il tuo bellissimo abito da sposa? Come qualcuno che ha lavorato per dozzine e dozzine di abiti da sposa, i miei standard erano piuttosto alti! Volevo il couture ma ho anche capito che non deve essere costoso per essere speciale e di alta qualità. Dopo aver fatto shopping sia a Seattle che a New York ho trovato un negozio chiamato The Bridal

Garden a New York che riceve abiti di alta gamma donati loro dai designer e il loro ricavato va agli sforzi di educazione locale. Le persone che ci lavoravano erano così gentili e disponibili e quando ho notato un vestito con delle farfalle (che Phil ama!) sapevo che era quello giusto. È un abito couture di Monique Lhuillier in crepe di seta, destrutturato e drappeggiato. Mi sono sentita un’eterea regina vichinga tutta la notte. Phil voleva sentirsi al meglio in assoluto e sapeva che uno smoking di alta qualità era qualcosa che avrebbe posseduto per tutta la vita e usato molto, così è andato da Tom Ford e io gli ho preso le scarpe Gucci con l’ape come regalo di nozze. Il suo tocco in più di cui era così orgoglioso era la boutonnière: al posto dei fiori. Ha realizzato questi perni con delle vere farfalle per lui e per i testimoni ed erano il mio colore giallo preferito. Queste farfalle sono allevate in modo sostenibile in America Latina, dove lavora e sostiene un’industria locale che mantiene fortemente la foresta pluviale. Entrambi condividete la passione per i viaggi e i vostri lavori spesso vi portano a spostarvi attorno al mondo, riuscite a combinare le due cose e a viaggiare insieme spesso? Qual è il posto più bello che avete visitato fin’ora? Siamo così fortunati a poter lavorare insieme qualche volta o di unirci in un servizio fotografico in qualche parte esotica. I nostri viaggi preferiti furono la Sicilia, l’Italia per la nostra luna di miele e Città del Messico per il cibo, la cultura e la foresta delle farfalle monarca. Che progetti avete per il futuro? Tanti! Abbiamo scelto le parole per andare oltre il 2019, io ho scelto Creare e Phil ha scelto Dirigere. Quindi da questo stiamo cercando di creare più posti di lavoro insieme e lavorare sulla produzione e direzione creativa per i marchi e i clienti in cui crediamo veramente. I nostri obiettivi a 5 anni includono lavorare insieme di più sulle macchina fotografiche, aprire un caffè norvegese e aprire un ecolodge nella foresta pluviale; ora che siamo sposati siamo entusiasti di fare più grandi sogni insieme. ​


Editor’s letter

Il 2018 è stato un grande anno per gli amanti del matrimonio. Con una cascata di supermodelle, cantanti e attori che si sono sposati (in aggiunta ai due matrimoni reali più importanti!), l’industria del wedding ha ottenuto il suo trono di diritto al fianco del mondo della haute couture. Abbiamo raccolto alcuni tra i più eleganti e sfacciati matrimoni dell’anno che ci fanno sperare in altri “lo voglio” nel 2019. Chi sarà il prossimo a camminare lungo la navata?

‘18 - I SUPER MATRIMONI by Nina Hanz

Karlie Kloss & Joshua Kushner Dopo sei anni insieme, Karlie e Joshua si sono finalmente uniti in ottobre. E’ stato un piccolo matrimonio a sorpresa nella parte settentrionale dello stato di New York, dove la modella diventata codificatore di computer ha sposato il suo compagno. Molto entusiasta dell’intera vicenda è stata Ivanka Trump, la sua nuova cognata. La coppia, però, deve ancora rispondere delle sue “simpatie” in quanto le opinioni politiche opposte sembrano poter allontanare le due nuove “sorelle”. (Sopra, Courtesy of Karlie Kloss) Caitlin Mociun & Tammer Hijazi Mentre molte delle spose nel 2018 hanno optato per i tradizionali abiti bianchi, la designer di gioielli Caitlin Mociun ha fatto colpo col suo matrimonio estivo italiano indossando strisce audaci. In contrasto con il vestito verde del designer di mobili Tammer Hijazi, questo matrimonio va dritto al top dei nostri best dressed. ​ Miley Cyrus & Liam Hemsworth Ci hanno lasciati titubanti per qualche giorno, ma alla fine gli sposini Miley e Liam hanno ufficializzato dopo essersi incontrati dieci anni fa sul set di The Last Song. A partire dall’immagine di Instagram è chiaro vedere che questa splendida coppia finalmente è felice per sempre. ​


Gwyneth Paltrow & Brad Falchuk Gwyneth Paltrow, il guru della bellezza preferito di Hollywood, ha sposato il produttore televisivo Brad Falchuk in tardo Settembre per concludere l’estate perfetta negli Hamptons. L’ex attrice era una sposa arrossita, in abito di pizzo con corpetto di Valentino e velo lungo da cattedrale. ​(Sinistra, photo by John Dolan) Emily Ratajkowski & Sebastian Bear-McClard Un’altra sposa che ama il colore, Emily Ratajkowski ha portato il suo compagno Sebastian Bear-McClard a New York City Hall per rendere legale la loro unione in un abito di Zara color mostarda. Easy e conveniente, il modello perfetto per la sindrome anti-bridezilla. Chryseis Tan & Faliq Nasimuddin A novembre, Chryseis Tan ha fermato il tempo con il suo abito da sposa Oscar de la Renta, di ispirazione autunnale. A Kyoto, la miliardaria malese ereditiera ha sposato il suo fidanzato Faliq Nasimuddin in una perfetta foto di nozze.

Kit Harrington & Rose Leslie Gli attori di Game of Thrones Kit Harrington e Rose Leslie non sono stati timidi nell’invitare il cast nel loro giorno speciale. Tra gli ospiti c’erano Sophie Turner, Maisie Williams, Emilia Clarke e Peter Dinklage. Si sono riuniti ad Aberdeen, in Scozia, dove le viste panoramiche erano perfettamente abbinate al vestito a maniche lunghe in pizzo di Rose, con dettagli ispirati alla natura. (Destra, courtesy of Splash News) 2 Chainz & Kesha Ward Tauheed Epps (meglio conosciuto con il suo nome d’arte 2 Chainz) e Kesha Ward hanno preso il sopravvento su Versace Mansion per il loro matrimonio stravagante. Chi si sarebbe aspettato di meno dopo il loro impegno con il MET Gala?


Editor’s letter

Meghan Markle & Prince Harry Giù le mani, questo è stato il matrimonio dell’anno. Sposandosi a Windsor Castle, l’attrice americana e il principe britannico sono diventati duca e duchessa del Sussex a maggio. Il tanto atteso abito da cerimonia di Givenchy di Meghan e il suo abito da ricevimento di Stella McCartney influenzeranno sicuramente le tendenze dei matrimoni per gli anni a venire. (Destra, foto by Steve Parson) Aidy Bryant & Conner O’Malley In compagnia di molti dei suoi coprotagonisti della SNL, la comica Aidy Bryant ha sposato lo scrittore Conner O’Malley in un bellissimo matrimonio della lunghezza di un tè. Anche sulla lista degli ospiti: tacchi viola con zeppa.

Morgan Curtis & Thomas Mahl Morgan, lo stilista dietro ai pigiami e alla linea di biancheria intima Morgan Lane, ha sposato il broker di real-estate Thomas Mahl in uno dei matrimoni più incantevoli del 2018. Ciò che ci ha veramente rubato i cuori di questa cerimonia spagnola è stato l’abito ispirato alla lingerie di Alexander McQueen di Curtis. (Sinistra, foto by Sergio Sandona) Hugh Grant & Anna Eberstein Come potremmo non menzionarlo? Il rubacuori e attore britannico Hugh Grant ha sposato la madre dei suoi tre figli Anna Eberstein. I due sono riusciti a mantenere la loro cerimonia tranquilla e disinvolta al Chelsea Register Office a Londra. Chi dice che il tuo matrimonio richiede un abito?


Lord Ivar Mountbatten & James Coyle Arrivano gli sposi! E con loro: il primo matrimonio reale gay. Il terzo cugino della regina Elisabetta II, una volta rimosso, ha sposato il suo compagno James Coyle a settembre. Nonostante la piccola cerimonia, questo è stato un grande momento nella storia britannica. ​(Sopra, courtesy of Lord Ivar) La principessa Eugenia & Jack Brooksbank Nel secondo importante matrimonio reale dell’anno, la principessa Eugenia di York ha sposato Jack Brooksbank in abito Peter Pilotto. L’abito mostrava la cicatrice sulla schiena per la chirurgia della scoliosi ed è diventato rapidamente un simbolo di forza. E ‘stata davvero una dichiarazione di moda che valeva la pena celebrare. (Sinistra, foto by Toby Melville)​ Justine Bieber & Hailey Baldwin Menzione d’onore va a Justine Bieber e Hailey Baldwin, nonostante le foto non siano uscite dal loro matrimonio di novembre. Ciò che è emerso, tuttavia, sono le immagini ineludibili del loro PDA e innumerevoli post di messaggi d’amore su Instagram. Congratulazioni alla coppia felice! Kaley Cuoco & Karl Cook La star di Big Bang Theory Kaley Cuoco ha fatto una grande impressione al suo matrimonio con l’equestre Karl Cook. Con i pony in miniatura nella loro tenuta di San Diego, Kaley ha rubato lo show con la sua tuta di pizzo e un vertiginoso V-next top. Questo è un matrimonio da favola se mai ne abbiamo visto uno!


Fotografia Patrick Schwalb Produzione Pro One Productions Style Shirin Abbas c/o Liganord Modella Anastasia Grik c/o Next Model Management Hair Style, Makeup Shirin KĂźrschner c/o Nina Klein Assistente Digitale Maik Denecke


Di Fronte: Camicia Off White | Pantaloni Lapis | Scarpe Acapulco

Qui: Cappello Isabel Marant | Dolcevita Jardines des Orangers | Abito Massimo Dutti | Cintura Below the T | Scarpe Chloe

Apertura: Giacca Ralph Lauren | Camicia Anine Bing | Shorts Burberry | Scarpe Iro | Cappello Vintage


Di Fronte: Abito & Cardigan Iris von Arnim | Scarpe Isabel Marant | Intimo Love Stories

Pantaloni Isabel Marant | Camicetta Nili Lotan | Occhiali Victoria Beckham | Scarpe Celine


Di Fronte: Giacca Smythe |Costume da bagno H&M | Pantaloni Nili Lotan

Pantaloni Nili Lotan | Camicetta Wrangler | Bandana Die Trying | Scarpe Zara


Di Fronte: Shirt Iro | Shorts Frame | Cintura Vintage

Giacca Iro| Shorts Pierre Balmain | Collana Vintage


Di Fronte: Pantaloni Iris von Arnim | Top Alexander Wang | Camicia di flanella Anine Bing | Cappello Stampd | Scarpe Celine

Giacca Ralph Lauren | Maglia Anine Bing | Shorts aderenti Burberry | Scarpe Iro | Cappello Vintage


Intervista Esclusiva con

by Nina Hanz

BLACK VELVET CIRCUS

B

lack Velvet Circus è misterioso, anticonformista e osa trovare nuovi percorsi…


N el 2009, la designer di Amburgo Tanja Glissman ha fondato Black Velvet Circus. Come suggerisce il nome, il negozio online e l’etichetta sono diventati mistici ed elettrizzanti, ma allo stesso tempo cool e disinvolti, per niente lontani da quello che ci si aspetterebbe che una trapezista fuori servizio possa indossare in un viaggio spontaneo sul mercato. Attraverso l’amore per l’abbigliamento vintage e una chiara affinità per il denim, Tanja Glissman ha creato un’etichetta dedicata alla sostenibilità, all’empowerment femminile, alla correttezza, all’artigianalità e alla riflessione. I singoli disegni sono semplici e aggraziati, ma insieme le collezioni funzionano come un caleidoscopio grafico di ricami e lino. Latest Magazine ha parlato con la designer originale e non convenzionale per imparare come ha creato le sue regole e seguito la sua intuizione. Puoi dirci qualcosa sulla filosofia di Black Velvet Circus e su come è tradotta nei tuoi abiti? Voglio mostrare con l’etichetta che moda, lavoro e consumo possono presentarsi in modi diversi. Negli ultimi cinque anni, ho cercato di disimparare molto di ciò che la scuola di moda e il mondo del lavoro mi hanno insegnato. Non lavoro più sotto la pressione del tempo, non nelle stagioni, non realizzo più collezioni complete, ma invece le selezioni esistenti si completano a vicenda in ogni stagione. In breve, sto diventando più lenta. Al Black Velvet Circus lavoro al mio ritmo e al livello degli occhi dei miei produttori, fornitori e clienti. Lo chiamo: “Meno azione - azione più ispirata”. Produco e disegno solo ciò di cui mi sento sicuro al 100% per poter utilizzare le nostre risorse responsabilmente ed evitare la sovrapproduzione. La mia intenzione non è quella di crescere ad ogni costo, ma di creare un marchio che abbia il mio benessere personale e il benessere degli altri al suo interno. Perché l’abbigliamento vintage è importante per l’etica del tuo marchio? ​ Ho amato la moda vintage dai tempi di Londra. È un modo meraviglioso di vestirsi in modo economico, non consuma più risorse ed è un apprezzamento per il capo e il lavoro che vi è stato dedicato. Che consigli hai per i consumatori consapevoli? ​

Sii in contatto con te stesso. Chiediti perché stai acquistando questo capo d’abbigliamento. Il mio impulso è basato sull’amore o sulla paura? I buoni esempi sono quelle tendenze in cui compri qualcosa perché hai paura di non essere all’avanguardia della moda. Acquista qualità rispetto alla quantità! Anche venire a patti e giocare con la tua unicità, avere il coraggio di mostrare chi sei. Noi donne non abbiamo più bisogno di nasconderci tra la folla. Più sai chi sei, meno cambi avrai nel tuo guardaroba. Oh, e naturalmente compra vintage! Che ruolo gioca l’empowerment femminile nel marchio? Può ricordarci chi siamo realmente; chi eravamo prima che il patriarcato ci rendesse piccole. Lo facciamo essendo consapevoli dei nostri sentimenti e della nostra intuizione. Per esempio, ho notato che compro molto meno quando guardo da vicino il mio comportamento. Non copro più i miei sentimenti consumando vestiti, cibo o alcol. Ora so quando consumo qualcosa per mio gusto o se lo faccio perché sono solo arrabbiata per qualcosa, mi sento senza valore o sono spaventata. Voglio che i miei vestiti incoraggino le donne a mettersi in contatto con se stesse, a sentirsi, ad amare se stesse e ad esporre i propri lati oscuri, a ottenere il proprio potere in modo da poter cambiare il mondo in modo sostenibile. In che modo la tua formazione sul design ti ha influenzato esattamente? Come ho già detto, mi sono disabituata da molti dei condizionamenti che la cultura e la formazione dell’industria della moda ci hanno insegnato, ma allo stesso tempo vedo il mio periodo a Londra al London College of Fashion come uno dei miei ricordi più belli. Eravamo una classe così grande, ci sostenevano a vicenda e avevano mega risorse come musei, conferenze, studi, scambi con designer famosi, ecc., Proprio di fronte alla nostra porta! Il flusso della creatività è stato magico! Da dove viene il nome Black Velvet Circus? Black Velvet Circus è misterioso, anticonformista e osa trovare nuovi percorsi ... ​


out of Fotografia Drew Shearwood Style Harriet May Modella Anna Frisk c/o Stockholmsgruppen Models Makeup, hair style Rachel Freeman ha usato Anastasia Beauty Hills and T3 Haircare Location Swedish Countryside Near Gothenberg

Tunica EAST Pantaloni Vintage Scarpe Gucci


Di Fronte: Maglione Acne Studios


Completo Vintage St. Michael Dolcevita Zara Orecchini Mango Di Fronte: Giacca Tom Ford Pantaloni Vintage Abito Vintage Stivali Zara


Di Fronte: Tunica EAST Pantaloni Vintage Scarpe Gucci


Giacca Dkny Pantaloni Vintage Di Fronte: Giacca Vintage Karl Lagerfeld


Giacca Tom Ford Pantaloni Vintage Abito Vintage Stivali Zara


Di Fronte: Top Eddy Anemian Pantaloni Vintage


Qui e di fronte: Completo Gieves and Hawkes Camicia Saint Laurent Cravatta Hugo Boss Stivali Steve Madden


Editor’s letter

LATEST ACCESSORI by Gaetane Auffret

Classe Minimal Per quanto riguarda le borse, continueranno a seguire le stesse linee guida del 2018: piccole, strutturate e minimali. Lo stretto rapporto tra design e moda passerà attraverso una collaborazione tra l’etichetta tedesca della borsa Tsatsas e l’architetto diventato designer Dieter Rams. Questa borsa nera è stata progettata nei primi anni ‘60 come regalo a sorpresa per sua moglie da Rams, ma non è mai stata distribuita. La «0931» è l’equilibrio ideale tra classico e progressista, moderno e vintage, tutto ciò di cui avremo bisogno per il 2019. ​

Sneakers Mania Non sorprende che il 2019 sarà un altro buon anno per le sneakers, gli stili principali che restano grossi e ispirati al vintage. Già da qualche stagione, la sneaker di tendenza è diventata il nuovo stilleto. Officine Creative ha aggiunto una bella svolta a questo mega-trend con una grossa scarpa color block nera e bianca. Questo paio ti farà dominare il look casual alla moda e bilanciare perfettamente tutti i tuoi abiti colorati. ​ ​


Affermazione degli Orecchini Non pensare per un secondo che gli orecchini appariscenti andranno da nessuna parte, il 2019 sarà un altro anno in cui le tue orecchie risplenderanno. Il nostro suggerimento è questo paio trasparente verde brillante di Chen2g che farà sicuramente girare gli sguardi su di te. Sia che tu voglia abbinarlo con un semplice vestito nero o creare abbinamenti di vestiti al neon, questo paio di orecchini sarà un gamechanger nelle tue scelte di outfit.

Elegantemente sostenibile Se il 2019 non è l’anno delle decisioni eco-responsabili, non sappiamo quale anno lo sarà. E la buona notizia è che la moda sta lentamente arrivandoci. Quest’anno, Vivienne Westwood ha collaborato con 24 bottles per progettare un’elegante bottiglia d’acqua riutilizzabile da portare con voi ovunque. Più che un semplice atto sostenibile, questa bottiglia è una dichiarazione politica con un design che rappresenta la proiezione della NASA degli effetti di un aumento di temperature globali di 5 ° C. Abbiamo trovato il modo perfetto per alleare la moda e l’ecoconsapevolezza. ​ ​

Vista futuristica ​ Per il prossimo anno, la tendenza al neon si è estesa agli occhiali da sole e non, rendendoli futuristici. Spektre ci offre un’ottima alternativa ai nostri noiosi occhiali da sole neri con pezzi straordinari fatti per essere visti in tutte le foto di street style della settimana della moda. Il giallo neon di questo paio renderà pop i tuoi abiti semplici e ti faranno apparire come se fossi venuto direttamente dal 2039. ​


EVERGREEN

Direzione creativa, produzione, style Tanya Prall Fotografia Loreen Hinz Modella Diana c/o Iconic Management Makeup, hair style Maik Meinhardt Assistente di Produzione Alex Hoffmann, Toni Mayden


Opening: Sweater MM6 Maison Margiela Pants Max Mara Sunglasses Christian Roth Jewelry Arme De L’Amour Here:

Apertura: Stivali Christian Louboutin Qui: Abito Dries Van Noten


Borsa Kenzo Di Fronte: Dolcevita Wolford Reggiseno, gonna, cappotto, stivali tutto Kenzo


Di Fronte: Dolcevita Mykke Hofmann Abito, stivali Talbot Runhof


Di Fronte: Abito Alexandre Vauthier


Felpa , pantaloni tuttoDior Stivali Christian Louboutin Di Fronte: Dolcevita Wolford


Dress Abito Lana Mueller Cappotto Coat Mulberry Stivali alOverknees ginocchio Talbot Runhof


Abito, camicetta tutto Talbot Runhof


LATEST BEAUTY by Gaetane Auffret

Mediterranéenne Vai disinvolta al livello successivo con questo trucco ispirato alle ragazze francesi. Ideale per la primavera in arrivo, questo look ti farà venire voglia di goderti un bel bicchiere di Porto vista mare. Abbastanza naturale per gli occhi, l’attenzione è sulle guance e sulle labbra rossicce che ci ricordano le calde notti estive e le troppe danze. Questa tendenza è ispirata alle passerelle come Jacquemus o Hellessy per la primavera 2019. Il nostro consiglio? Cambia il colore rosa del phard per uno più arancione/rosso e assicurati che il rossetto sia di un rosso caldo. La nostra scelta di prodotto: Ainsel, Stiletto rossetto, 26€.

Hellessy Primavera 2019 | Foto courtesy of harpersbazaar.com

Baby bangs

Alcune di voi potrebbero essere il tipo «nuovo anno, nuovo taglio di capelli», se questo è il tuo caso, abbiamo quello che stai cercando. Il 2019 sarà l’anno della baby bang, vista sulle passerelle di Prada e MiuMiu su modelle come Kaia Gerber. Questa tendenza ha anche fatto la sua comparsa sui red carpet, su vip famosi come Emma Watson e Emma Roberts. La chiave per inchiodare questo look è lo spray texturing, per assicurarti che la tua frangia non poggi sulla fronte. La nostra scelta di prodotto: Ouai, Spray per capelli volumizzante, 28€.

Prada Primavera 2019 | Foto courtesy of vogue.co.uk


Twinkle Twinkle

Quest’anno la ragazza da show che è in te avrà il suo momento. La tua Beyoncé interiore è finalmente invitata a uscire con questa brillante tendenza di bellezza. Olografici, colori pastello in illuminanti o ombretti ti faranno brillare sotto le luci colorate della pista da ballo. Rendi le tue notti un po’ più speciali con un look di beauty ispirato a quelli visti in Adeam per la collezione Primavera 2019. La nostra scelta di prodotto: Fenty Beauty by Rihanna, Match Stix Illuminante Skinstick, Unicorn, 24€.

Area Primavera 2019 | Foto courtesy of harpersbazaar.com

Unghie non troppo sottili È ora di togliersi le unghie nude classiche, perché il 2019 richiede mani ostinate. Strass, disegni di cartoni animati o solo una combinazione di colori vivaci, le unghie hanno avuto la loro giusta dose di attenzione nelle ultime sfilate di moda. In effetti, per la primavera del 2019, le modelle sulle passerelle di Jeremy Scott, Adeam e The Blonds avevano una straordinaria manicure per completare i loro look di beauty. Usa quei look come ispirazione e sii più spericolata nelle tue scelte di unghie ora. La nostra scelta di prodotto: Formula X, Les Xplosives, Demolition, 1€.

Adeam Primavera 2019 | Foto courtesy of harpersbazaar.com


PASTELL funk

Fotografia Marina Schneider-Moog Modella Lisa-marie c/o East west models Makeup Karolina Venditti ha usato Elisabeth Arden, Yves Saint Laurent , ZOEVA , Dior , INGLOT, Redken, Osis+ Retouch Gracevik Retouch


JOHNLEWIS.COM


HEAT Fotografia e style Genevieve Charbonneau c/o Fuze Reps Modella Jules Caesar c/o Scoop, Muse Models, Dominique Models Agency, Modellink Makeup, Hair style Genevieve Hardy ha usato NARS and R+Co Retouch Nathalie Chapdelaine (Retouche Clandestine)

Camicetta Jacques Molko Vintage | Pantaloni Adidas


Bralette La perla | Pantaloni Zara | Sandali Prada Quarter Strap


Felpa Adidas | Intimo Calvin Klein | Scarpe Yosule Di Fronte: Giacca a vento North Face| Costume Mara Hoffman


Cappotto Balenciaga | Pagina precedente: Giacca Gisele Lerch Vintage | Intimo Aubade


Editor’s letter

“Fai delle scelte etiche in ciò che compri, fai e guardi. In una società guidata dal consumatore le nostre scelte individuali, utilizzate collettivamente per il bene degli animali e della natura, possono cambiare il mondo più velocemente delle leggi.” -- Marc Bekoff

I BLOGGERS abbracciano la sostenibilità ​

by Jordan Ellen Wood

All’interno del mondo della moda di oggi è abbastanza difficile avere un impatto in un campo creativo popolare come quello dei fashion bloggers, per non parlare di uno guidato dalla sostenibilità. Il modo in cui vediamo la moda veloce, e come sta cambiando il mondo giorno dopo giorno, sta migliorando i nostri pensieri su ciò che tanti nostri beni di lusso stanno facendo al nostro pianeta. Sembra che iniziamo ad aprire gli occhi al pensiero della sostenibilità; il riconoscimento del problema sta gradualmente aumentando e così sono comparse donne attiviste nella causa contro il fast fashion di

massa, cercando di orientare i nostri pensieri verso il motivo per cui dovremmo abbracciare la sostenibilità nella nostra routine quotidiana. È facile sfogliare una pagina su una rivista con il titolo che recita “PERCHÉ DEVI ACQUISTARE ECO-FRIENDLY”, così come le piattaforme di blogging sono esplose verso quello che le persone vogliono o il loro lavoro dei sogni, quale modo migliore per esprimere la causa in un modo che verrà di sicuro notato e riconosciuto. Guardando attraverso alcuni dei migliori blogger sostenibili che supportano nel cambiare l’ambiente, è ciò che bisogna guardare nel futuro della moda.


Bead & Reel Una comunità di moda che mette la parola mente in mente; Bead & Reel è un blog sostenibile creato dalla bella ed etica Sica Schmitz. Un approccio diverso al solito blog di tutti i giorni, questo riguarda il connubio tra aziende e acquirenti, nel quale portare i sostenitori di un pianeta eco-friendly più avanzato. Schmitz ha fondato Bead & Reel attraverso una ricerca sulla moda etica e sul mercato in cui si trova. Non si trattava di spingere la parola sostenibile sugli altri, ma di dare un significato diverso alla parola. Non lasciare che essere sostenibile sia solo un guardare e usare una parola che tutti possono amare. Abbiamo notato tanta passione e duro lavoro che è stato inserito nel contenuto di Bead & Reel. Assicurandosi che tutti gli articoli fossero basati sulla positività e dando una buona impressione per rendere le persone più eco-compatibili, così i suoi valori vegani e umanitari sono arrivati. Acquista mentre leggi! Cosa si può chiedere di più? ​ Sinistra: beadandreel.com homepage Destra: Sica Schmitz of Bead and Reel Foto Julie Lawrence Sotto: Ethical Elephant coupon Prossima pagina: Natalie from Sustainably Chic (sopra) e sustainably-chic.com homepage (sotto)


Editor’s letter

Ethical Elephant Vicki Ly è la bella vegana dietro il blog Ethical Elephant, in cui ritrae la migliore guida cruelty free e vegan. Ciò che ha attirato la nostra attenzione sul blog di Vicki è stata una domanda a cui ha risposto apertamente sulla sua pagina About: “Come facciamo a far sì che le persone si preoccupino degli animali abbastanza da cambiare le loro abitudini di consumo?”. Ed è una domanda con molte risposte. Dalle recensioni alle guide, ha messo insieme le cose di cui approfittiamo nella vita di tutti i giorni, che potremmo sviluppare aiutando a migliorare l’ambiente. Da questo ai migliori smalti vegani, ai migliori regali per lui. Il layout del sito web è molto pulito e intuitivo, con un tocco femminile. ​ Sustainably Chic Il nome è nel titolo del blog; Chic sostenibile. Va detto, è il blog eco-friendly più chic del mondo. Sustainably Chic porta un’elegante visione di tutto ciò che è sostenibile. È la destinazione per le persone che aspirano a quell’amore di sostenere il miglioramento del nostro ambiente e portarlo nelle nostre abitudini quotidiane. Il fascino dietro al blog è come la fondatrice Natalie ha iniziato con una mentalità stile moda veloce, fino a realizzare l’impatto negativo che ha creato dietro ciò che stiamo mettendo nel mondo. Il blog crea diversi argomenti per consentire all’utente di accedere al sito in modo semplice, e far conoscere quali sono i marchi che sostengono le stesse convinzioni del mondo ecologico di Natalie.


Fotografia Jakub Szymański | Style Ewa Michalik Modella Hania c/o Gagamodels | Makeup Joanna Wojnilko


Apertura: Body Perilla | Cappotto Bartmanska | Scarpe DeeZee Qui: Abito Nudyess | Orecchini Miaa


Reggiseno Room 669 | Giacca Aksamitovska | Pantaloni Hubert Kluge | Scarpe Kazaar | Cappellino Sterkowski | Orecchini Hubert Kołodziejski | Anello Miaa Di Fronte: Reggiseno Perilla | Corsetto Aksamitovska | Gonna Hubert Kołodziejski


Abito Reserved | Anelli Hubert Kołodziejski | Anello Miaa Di Fronte: Abito Hubert Kołodziejski |Cintura Aksamitovska | Gioielli Miaa


Giacca Adrian Krupa | Lingerie Perilla | Stivali DeeZee | Anello Hubert Kołodziejski Di Fronte: Giacca Reserved | Orecchini Miaa | Cintura Twentyonefingers


must have by Laura Zanovello

Giornate più lunghe, clima più caldo, l’inverno giunge al termine e lascia spazio alla primavera. E’ tempo di rinfrescare il guardaroba con colori e tessuti diversi e prepararsi ad accogliere la bella stagione nel miglior modo possibile. Le collezioni Resort 2019 ci danno un’idea di cosa aspettarci in termini di trend per la Primavera/Estate imminente. Oltre alle stampe floreali (“avanguardia pura”) e i colori pastello, troviamo un bel mix di textures e materiali che variano dal satin al pizzo, e di colori e pattern come il bianco ottico e le stampe di paesaggi. Il vero protagonista però rimane il layering, un tema particolarmente versatile ed interessante che permette di giocare con ogni pezzo nel nostro armadio e, perché no, di riutilizzare vecchi vestiti che non sapevamo più di avere. Resort 2019


BIANCO OPTICAL

1.

Uno dei trend più diffusi per la Primavera/Estate 2019 che ha già mostrato la sua presenza nelle collezioni Resort. Parliamo dell’optical white! Questo tema è particolarmente versatile e divertente perché, come una tela bianca, permette di sbizzarrirsi

2.

con colori sgargianti per quando riguarda trucco e accessori, in modo da creare un outfit fresco e perfetto per la primavera!

3.

Adeam Cardigan

Baccarat x Marie-Hélène De Taillac orecchini 1.Hermes | Foto: Yannis Vlamos / Indigital.tv 2.NYX, Slip Tease Full Color Olio per labbra in color Breezy 3.Stella McCartney shorts


LUMINOSITA’

1.

I lustrini e paillettes invernali si stanno evolvendo per il bel tempo in arrivo, in un’alternativa più sottile. I glitter si sono trasformati in una luce più morbida conferita dall’uso di tessuti sati-

2.

nati e iridescenti e le nuance metalliche sono state sostituite da colori pastello più estivi.

3.

Vince abito / mytheresa.com

OPI smalto in color Closer than you might Belèm / opi.com 1.Christian Siriano. Foto: Shane LaVancher / courtesy of vogue.com 2.Maison Michel Lolita bandana / maisonmichel.com 3.Burberry sneakers / mytheresa.com


STRATI

1.

La prima regola per non avere mai troppo caldo o troppo freddo durante le mezze stagioni è stata tradotta in un nuovo trend estremamente interessante per la prossima stagione: stratificare!

2.

Diversi materiali, lunghezze e patterns possono essere combinati insieme in modi sempre inaspettati e intriganti. Data la ricchezza di questi outfit il tutto può essere reso meno impegnativo con un make up essenziale.

3. Ganni camicia / mytheresa.com

Benefit, Brow Zings Hero kit per sopracciglia / benefitcosmetics.com 1.ODEEH at Der Berliner Salon 2. Saint Laurent abito / mytheresa.com 3. Joseph leggings in pelle / mytheresa.com


PAESAGGIO

1.

Primavera ed estate portano giornate più lunghe e il bisogno di viaggiare verso magnifiche destinazioni. Questo trend tradurrà i sogni in immagini da indossare! Bellissimi paesaggi

2.

sono stampati infatti su abiti e top per portare un tocco di paradiso mentre si è in città, oppure per

immedesimarsi

perfetta-

mente nello spirito vacanziero. Borse, trucchi e materiali dai colori vivaci sono gli ingredienti essenziali per questo look.

3. Balmain t-shirt / balmain.com

Lil Milan, Glow Anello / lilmilan.com 1.Monse. Foto: Courtesy of Monse / vogue.com 2.Marni, Pannier borsa / marni.com 3.Urban Decay, Born To Run tavolozza ombretti / sephora.it


PIZZO

1.

La sera, un look più sofisticato ma sensuale può essere ottenuto tramite tessuti velati e pizzi che hanno visto un grande ritorno nelle collezioni resort di questo anno. Le trasparenze rendono al

2.

meglio sia se combinate fra di loro che usate in contrasto con tessuti più pesanti come la pelle.

3.

Gucci giacca / farfetch.com

Mara is Mara orecchini con perle del commercio equo e solidale maraismara.com 1.Alexander McQueen. Courtesy of Alexander McQueen / vogue.com 2.Louis Vuitton minigonna in pelle / louisvuitton.com 3.Huda Beauty, Contour & Strobe set in color Bombshell and Ritzy / shophudabeauty.com


Provocateur Direttore Creativo Dominic Packulat | Fotografia Christina Hasenauer | Style Manuel Miltner Modella Violet c/o TFM | Makeup, Hair style Ana Buvinic c/o Basics Berlin | Location Provocateur


Apertura: Abito Danny Reinke Stivali Balenciaga Borsa Chanel Qui: Abito Danny Reinke Cintura MiuMiu Orecchini SIBYLAI


Camicetta Manuel Miltner Gonna a pieghe MAX & Co Gonna con aperture ACBY Cintura MiuMiu Pumps MSGM Borsa Chanel


Qui: Abito Raquel Balencia Orecchini SIBYLAI Di Fronte: Abito LUXXUS Berlin Orecchini SIBYLAI


Qui: Cappotto Danny Reinke Corpetto Tom Ford Pantaloni DAY Birger et Mikkelsen Collarino Chanel Di Fronte: Collare ACBY


Qui e di fronte: Camicetta DAY Birger et Mikkelsen Pumps MiuMiu Anelli i+i jewellery


Abito & Cappotto Raquel Balencia


LATEST art by Masha Mitrofanova 1. MILAN | Margherita Sarfatti Margherita Sarfatti was an influential writer, journalist and most importantly an art critic. Cleverly put together by curators like Anna Maria Montaldo and Danka Giacon with the collaboration of Antonello Negri, the exhibition brilliantly portrays the pivotal role of Sarfatti in 20th century modern art through the works of 40 artists : Umberto Boccioni, Pompeo Borr and Giorgio de Chirico just to mention a few. Not only her contribution shaped the prominence of many artists, Sarfatti’s championing women in the creation of magazine La Difesa delle Lavoratrici made her one of the spearheads in women’s rights movement in Italy. Museo Del Novecento 21.09.2018 - 24.02.2019 2. PARIS | Black models: from Géricault to Matisse What a better way to learn and educate oneself on racial, political and social issues if not through history of art. This exhibition aims to provide a long-term perspective in the representation of African American figures in visual chronicle from the abolition of slavery in France (1794) to the modern day. The dialogue between the artist and the model present is still at the core of representation showed. Unfortunately, dominantly male artists are a part of the display including Théodore Géricault, Charles Cordier, Jean-Baptiste Carpeaux, Edouard Manet, Paul Cézanne and Henri Matisse. Musée d’Orsay 26.03 - 21.06.2019 3. LONDON | Night and Day: 1930s Fashion and Photographs Following the accomplished exhibition about the 1920’s decade and Jazz Age at the Fashion and Textile Museum, the exploration of the 1930’s era only seemed well reasoned. Immerse in chic styles and photographs of Art Deco, surrealism and Old Hollywood starlets with the backdrop of social change during this show. Fashion and Textile Museum 12.10.2018 - 20.01.2019 4. AMSTERDAM | Made In Italy Although past fashion week in Milan it was clear that the designers are struggling to grasp the by gone flair of Italian style, ‘Made In Italy’ is still a label many deem worth. Glimpse Italian glamour through accessories created by prominent fashion houses like Prada, Gucci and Dolce & Gabbana. Some items on display were worn by such celebrities as Sophia Loren, Barbra Streisand and Lady Gaga. Tassenmuseum Hendrikje 20.05.2018 - 17.02.2019

Gian Emilio Malerba, ‘L’attesa’ 1916© Courtesy Matteo Mapelli

Édouard Manet, ‘La Negresse’ Pinacoteca Agnelli

Genevieve Phillips, Courtesy Old Visuals Everett Collection Mary Evans

Pyramid Frame handbag and Flame stilettos from Prada


by Giampiero Amodeo

E’ cominciato tutto con una pessima vacanza. Andrew Cooper e Alex Schulze volevano solo celebrare la fine del college con un viaggio a Bali nel 2015, a caccia delle migliori onde del mondo. Ma ciò che trovarono li condusse molto più lontano delle loro aspettative. Vediamo ogni giorno immagini di spiagge devastate da rifiuti di plastica, foto che mostrano dove va a finire la nostra spazzatura dopo che abbiamo vuotato il bidone. Andrew e Alex lo hanno sentito sotto ai loro piedi nudi, passeggiando per la discarica, guardando pescatori indonesiani in lotta con le loro barche

incastrate nella plastica, tirandosi dietro le loro reti vuote. Tutti quei rifiuti minacciavano la vita sia dentro che fuori dal mare. Ogni anno l’Indonesia produce 3,2 tonnellate di plastica, riversandone in mare 1,2. Lo scorso novembre una balena è stata ritrovata morta sulla spiaggia, avvelenata da 6kg di spazzatura dentro al suo corpo. L’idea di Cooper e Schulze, fondatori dell’associazione 4Ocean, è molto semplice: se i pescatori non riescono a prendere pesce, magari possono provare con la plastica. Nel giro di pochi anni i due surfisti hanno messo in piedi una piccola flotta, coinvolgendo 150


LATEST CONSCIOUS dipendenti da tutto il mondo e trasformando la lotta all’inquinamento in un vero e proprio business. Mentre ripuliscono il mare una libbra alla volta, i lavoratori di 4Ocean utilizzano la plastica catturata nelle loro reti per creare la loro linea di esclusivi braccialetti, comprese delle edizioni limitate, disponibili nei loro shop online. “Un braccialetto, una libbra” è il loro motto. Un contatore sul sito di 4Ocean viene costantemente aggiornato per illustrare l’ammontare in libbre del loro lavoro. “Ci è venuta l’idea a Bali – spiega Schulze in una recente intervista – siamo tornati in Florida e abbiamo realizzato un modello d’affari su cui io e Andrew avremmo potuto lavorare e collaudare. Abbiamo cominciato ripulendo le spiagge in Florida da soli, e una volta che sono girati gli affari, abbiamo assunto il nostro primo capitano. Dopo ne abbiamo assunto un secondo, poi un terzo, e abbiamo costruito il nostro team. Siamo tornati a Bali, abbiamo avviato la nostra intera operazione e da poco abbiamo aperto una sede ad Haiti”. Inoltre, per Andrew Cooper “viviamo in un mondo di consumismo, ogni acquisto che facciamo è come un voto, e sono i grandi brand a contare nei ballottaggi. Se riuscissimo a insegnare alla gente a usare i loro soldi per votare per delle compagnie che fanno del bene, le grandi aziende staranno a sentire, e useranno la plastica degli oceani nei loro prodotti”. Prendere qualcosa di valore e trasformarlo in qualcosa di inestimabile. Come un articolo di gioielleria, o come l’idea di salvare il nostro mondo. foto courtesy of 4Ocean website: 4ocean.com IG: @4ocean


Fall Blues

Fotografia, Produzione, Direzione Artistica: Les MijotĂŠs Style Francesca Lopresti Modella Greta Jimenez c/o The Syndical Makeup Madeline Rouge Hair style Autumn Suna Retouch Sebastian Bar


Apertura: Maglione MM6 Maison Margiela Pantaloni Max Mara Occhiali Christian Roth Gioielli Arme De L’Amour Qui: Camicia Frame Pantaloni Jill Sander Gioielli Arme De L’Amour


Giubbotto Style Mafia Cintura Balenciaga Collant Hue Calzini Wolford Stivali Florentini & Baker Gioielli Arme De L’Amour Di Fronte: Polo Lacoste Gonna Helmut Lang Collant Hue Calzini Wolford Sneakers Converse All Star Limited Edition


Top Max Mara Gioielli Arme De L’Amour Di Fronte: Dolcevita Choe Pantaloni Style Mafia Sneakers Reebok Gioielli Arme De L’Amour Calzini Wolford


Giacca Off White Pantaloni Iro Gioielli Arme De L’Amour Di Fronte: Giacca Style Mafia Jeans Current Elliott Gioielli Arme De L’Amour


CENTRAL PARK luxury residential & spa - Tulum

La riviera Maya è già di per sè un paradiso in terra, un luogo dove sembra impossibile sentirsi infelici. Spiagge, barriera corallina, giungla, animali di ogni genere e i caratteristici cenotes renderanno il vostro soggiorno qualcosa di indimenticabile. ​ By Marta Forgione ​


LATEST PARADISE La spiaggia di Tulum, in particolare, è considerata una delle 10 più belle del mondo. Arrivando alle rovine a guardando giù dalla scogliera è facile capire il perchè. In questa piccola cittadina, cresciuta vicino alle rispettive rovine, abbiamo trovato un altro vero paradiso del gruppo Los Amigos. Costruito dall’uomo ma in vera comunione con la natura, il Central Park di Tulum è stato senz’altro una fantastica scoperta ecologica. 10000 m2 di lusso e completo relax creato con nuove tecnologie rinnovabili come Smartflower®, un impianto solare intelligente e avanzato circondato dalla più grande area con piscina della città, impianto biologico per il trattamento delle acque, integrazione solare trasparente, stazioni di ricarica Tesla e zero emissioni. E’ stato progettato per essere il primo grande sviluppo nell’area che dà un impatto minimo sull’ambiente. Spa, palestra, ristorante di cibo sano con opzioni vegane e senza glutine disponibili, parete di free climbing, varie piscine private annesse agli appartamenti, tra cui alcune trasparenti sospese all’esterno della struttura. Inutile dire che siamo stati trattati coi guanti, il personale è davvero gentile, professionale e disponibile ad aiutare per qualsiasi problema possa presentarsi. Gli appartamenti sono perfetti sotto ogni punto di vista, dalla comodità al gusto estetico con cui sono stati arredati. Nei dintorni di Tulum è possibile raggiungere luoghi magici in poco tempo, è una posizione perfetta per un viaggio che non potrà mai essere noioso. Si possono visitare spiagge da sogno come Akumal, dove è possibile nuotare insieme a razze e tartarughe giganti; rovine delle città Maya come Cobà o, in un paio d’ore di auto la grande Chichén Itzà; vari Cenote incredibili come il classico Great Cenote o le grotte di Sac Actun (da visitarne il più possibile, ognuno ha una sua particolarità che non scorderete mai più); città in stile coloniale come Valladolid o Playa del Carmen per chi ama divertirsi; escursioni nella giungla e riserve naturali per immergervi completamente nella natura e, se siete fortunati come lo siamo stati noi, vedere perfino un giaguaro attraversarvi la strada. ​


JOHNLEWIS.COM


latestmagazine.net @latestmagazine

@thelatestmagazine

thelatestmagazine

Profile for Latest Magazine

Febbraio 2019 numero #10 - ITALIANO  

P Parola d’ordine: paradiso. Ognuno di noi ha una particolare visione di esso, per me è quel luogo dove senti che potresti trovare la pace,...

Febbraio 2019 numero #10 - ITALIANO  

P Parola d’ordine: paradiso. Ognuno di noi ha una particolare visione di esso, per me è quel luogo dove senti che potresti trovare la pace,...

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded