Page 1

Anno II - N.4 - Luglio 2013 - Diffusione gratuita.

Periodico del

Gruppo bancario Iccrea

N.4

La pianificazione congiunta


Periodico del

Gruppo bancario Iccrea

N. 4 - Luglio 2013 Trimestrale

Direttore Responsabile:

Giulio Magagni Direttore Editoriale:

Cristiana Trizzino Comitato di Direzione:

Roberto Mazzotti, Carlo Napoleoni, Enrico Duranti, Leonardo Rubattu Capo Redattore:

Lara Schaffler lschaffler@iccreah.bcc.it

Una composizione di valore ll Gruppo bancario Iccrea è costituito da un insieme di Società che, in una logica di partnership, forniscono alle circa 400 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali non solo prodotti e servizi, ma anche consulenza e supporto attivo per la copertura del territorio di competenza. Le Società del Gruppo bancario Iccrea mettono a disposizione strumenti finanziari evoluti, prodotti per la gestione del risparmio e della previdenza, assicurazioni, soluzioni per il credito alle piccole e medie imprese, finanza straordinaria e, nel comparto estero, attività di sostegno all’import / export e all’internazionalizzazione. Le aziende del Gruppo bancario Iccrea sono controllate da Iccrea Holding, il cui capitale è a sua volta detenuto dalle BCC. Con la loro attività le Società del Gruppo sono vicine alle esigenze delle BCC che sono fortemente radicate nel territorio e per questo di reale supporto a coloro che lì vivono e lavorano. La missione di queste Società è di supportare a tutto campo le Banche di Credito Cooperativo, aiutandole in modo sostenibile e responsabile a potenziare il loro posizionamento sul mercato locale, ad essere efficienti e competitive, a massimizzare il valore aggiunto di Banca al servizio dello sviluppo economico locale.

Comitato di Redazione:

Lucia Bartolini, Marco Barzaghi, Marco Bellabarba, Sebastiano Buzzatti, Michele Castrucci, Giovanna D’Alesio, Luca Grando, Maria Grazia Izzo, Giorgio Nadelle, Filippo Piperno, Laura Roselli, Tiziana Trottolini Grafica e impaginazione:

Kaleidon A questo numero hanno collaborato:

Sandro Barigelli, Giovanni Boccuzzi, Gina Castiglia, Fabio D’Orefice, Valerio Farnelli, Roberta Felici, Nicola Forria, Dario Galluzzi, Alberto Manganelli, Federico Marafini, Mario Martini, Paolo Massarutto, Letizia Matarrese, Chiara Paciucci, Andrea Perugi, Alessandro Rongo, Eleonora Sacchi, Annamaria Saponara, Rossana Scarci, Fabio Vasini editore:

Iccrea Holding stampatore:

Ciscra Segreteria di Redazione:

Lara Schaffler redazione:

Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma - tel. 06.72072076 Pubblicazione trimestrale registrata al tribunale di Roma con il n. 197 del 21/06/2012. I testi pubblicati sulla rivista possono essere utilizzati previa autorizzazione della direzione. Per le fotografie di cui, nonostante le ricerche eseguite, non è stato possibile rintracciare gli aventi diritto, l’editore si dichiara pienamente disponibile ad adempiere i propri doveri. Diffusione gratuita. Tiratura 10.000 copie - Luglio 2013

Associato a USPI Associazione Italiana Editori


Sommario Editoriale

Gestire il presente con lo sguardo al futuro

I sette pezzi

5

L’integrazione di filiera

6

La pianificazione congiunta del Gruppo bancario Iccrea

8

Dall’accordo commerciale alla pianificazione condivisa

9

La crisi e le banche: un’opportunità per rinnovare il modo di fare banca ed essere ancora più prossimi ai propri clienti Confronto tra Giovanni Boccuzzi, Vice Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa e Federico Marafini dirigente responsabile del Coordinamento Progetti e Partnership di Iccrea Holding

Il 2013 assicurato Dietro le quinte

Conflitti di interesse e nuova disciplina soggetti collegati

BCC Solutions

ha aderito al progetto Il Bollino Blu di IFMA Italia

Carte di pagamento: cosa c’è dietro il boom Un approccio innovativo insieme alle BCC, per lo sviluppo di quote di mercato Da un modello di servizio ad un modello di relazione

Pianificazione congiunta commerciale di BCC CreditoConsumo con le BCC

Il Procedimento Monitorio

L’esperienza di BCC Gestione Crediti a disposizione delle Banche

Si approda al Vinitaly Domande frequenti a... Banca Sviluppo

Le nuove cariche delle Società del Gruppo (2013-2015) I portici

Eventi e appuntamenti

Focus

I risultati del 2012

Succede all’estero Il Progetto Russia

10 13 14

21 22 24 26 28 29 30 31 32 34 35


Fino al 15/09/2013 MasterCard® ti regala un buono sconto da 5€ per i tuoi acquisti su Amazon.it da spendere su un’ampia gamma di prodotti: libri - esclusi gli e-book, CD, DVD, scarpe, borse, orologi, articoli sportivi e per il tempo libero.

VAI SU MASTERCARD.IT

Scarica il buono sconto del valore di 5€ da spendere fra tanti articoli a scelta su Amazon.it* *Vai su MasterCard.it, registrati alla newsletter entro il 15/09/2013 e scarica un buono sconto da 5 € utilizzabile solo nelle categorie: libri (escluso e-books), CD, DVD, scarpe, borse, orologi, sport e tempo libero. 80.000 buoni sconto disponibili. Verifica la disponibilità di buoni sconto su www.promozionemastercard.com/newsletter. È un’iniziativa di MasterCard. Amazon, Amazon.it e il logo Amazon.it sono marchi di Amazon.com, Inc. e delle sue affiliate.

Migliaia di libri di ogni genere.

Una vasta gamma di film e musica.

Tante idee per lo sport e il tempo libero.

Borse e scarpe delle migliori marche.

Molto altro ancora ti aspetta su Amazon.it! Per il web c’e’ MasterCard®. Pochi click e la sicurezza di sempre.

4

Tangram - n.4 - luglio 2013


Editoriale Gestire il presente con lo sguardo al futuro Non serve gettare lo sguardo troppo indietro nel tempo per capire che termini come spread, deficit, stagnazione sono ora prepotentemente entrati nel linguaggio comune. Non che questo significhi che tutti siano diventati esperti di finanza, ma tutto ciò è la conseguenza del protrarsi di una crisi che oramai da diversi anni ha impattato a livello mondiale sul quotidiano, con pesanti ripercussioni negative anche sull’economia reale. Gli effetti della crisi non hanno risparmiato il Sistema del Credito Cooperativo profondamente radicato nel territorio e motore di sviluppo dell’economia che lo caratterizza. Per far fronte a queste difficoltà il Gruppo bancario Iccrea ha scelto di percorrere la strada insieme alle BCC, promuovendo un progetto comune con lo scopo di sostenere l’economia locale e concorrere allo sviluppo dei territori su cui insiste. In questa direzione si inquadrano iniziative intraprese dal Gruppo rivolte al consolidamento della partnership con le BCC. Mi riferisco in particolare al nuovo modello di servizio di Iccrea Banca e alla rivisitazione di quello di Iccrea BancaImpresa che, in un’ottica di flessibilità, ci hanno permesso di essere in grado di affrontare le complessità emergenti, avviando nel contempo nuovi processi di pianificazione congiunta con alcune BCC. Con la stessa finalità abbiamo lanciato di recente un’operazione di aumento di capitale sociale di Iccrea Holding dedicato alle BCC azioniste che intendano intensificare la reciproca relazione, dando corpo e concretezza all’obiettivo di una forte partnership nello sviluppo delle attività. Ma vorrei porre l’attenzione anche al tema dell’informatica, legato al progetto di integrazione della filiera ICT di Sistema ed al progetto di razionalizzazione organizzativa ed applicativa dei sistemi di sintesi e di supporto del GBI, nel presupposto di garantire a livello di Gruppo una visione comune ed un linguaggio univoco e condiviso. Dopo le difficoltà che le Banche hanno incontrato sul versante della raccolta, ora vivono una sensibile contrazione della richiesta di finanziamento da parte della clientela. Tutto ciò reso ancor più grave da un progressivo peggioramento della qualità del credito. Parallelamente alle operazioni di pooling collateral, promosse da Iccrea Banca in BCE, che hanno consentito di dare liquidità al Sistema delle BCC, stiamo studiando una gestione industriale dei crediti non performing. Ciò al fine di liberare risorse che le BCC potrebbero dedicare allo sviluppo. Riteniamo che questo sia una esempio forte e concreto di intendere la partnership. Sta crescendo il numero di BCC che hanno saputo cogliere questi segnali nel senso in cui noi lo intendiamo ed hanno iniziato a collaborare attivamente. D’altro canto, siamo convinti che più diventa stretta la nostra relazione sinergica, più siamo in grado di proteggere e difendere il Sistema da attacchi esterni, facendo leva sui nostri punti di forza quali l’essere radicati ai territori di competenza. In questo modo il Gruppo bancario Iccrea intende lavorare oggi, assieme alle BCC, con uno sguardo rivolto alle incognite di domani. In questo numero di Tangram dedichiamo alcuni approfondimenti sulle iniziative progettuali che vogliamo portare avanti con queste logiche di partnership in un cammino oramai sempre più condiviso con le nostre Banche sul territorio.

Giulio Magagni Presidente Iccrea Holding

Tangram - n.4 - luglio 2013

5


L’integrazione di filiera

I sette pezzi

2005-2008 Crediper inaugura la logica di branding e il prodotto chiavi in mano

2005

2011

Con la campagna CrediperADESSO del 2008 l’intera rete delle BCC ha potuto beneficiare gratuitamente di una promozione stampa supportata dalla messa a disposizione di materiali di marketing utili all’allestimento della filiale e di una linea di banner di vari formati per il web. L’intero costo è stato a carico del GBI.

2008

Fornire un prodotto chiavi in mano alle BCC significava progettare e sviluppare un prodotto industriale aderente al mercato e alle esigenze delle Banche e dei clienti corredato da un insieme di servizi complementari, ideati, finanziati e sviluppati dal Gruppo bancario ad hoc per le BCC.

“posso avere un prestito ancora più flessibile?”

“Posso avere subito un prestito personale su misura?”

Adesso Crediper Flessibile

Il Prestito Personale che si adatta sempre alle tue esigenze e ti offre la massima flessibilità nella gestione del tuo piano di rimborso! Credito Trasparente

Messaggio pubblicitario con finalità promozionali che presenta il Crediper Flessibile. Per conoscerlo meglio, basta recarsi presso gli sportelli della Banca di Credito Cooperativo dove sono disponibili tra le altre cose: - il modulo "Informazioni europee di base sul credito ai consumatori" (SECCI); - la copia del testo contrattuale; - le condizioni delle polizze assicurative facoltative; - la Guida concernente l'accesso all'Arbitro Bancario Finanziario. Crediper è un marchio di BCC CreditoConsumo S.p.A.

www.crediper.it

Il prestito facile e leggero che inizi a pagare dopo l’estate. con CrediperAdesso ottieni rapidamente un finanziamento fino a 50.000 euro che puoi rimborsare anche in 10 anni e inizi a pagare dopo 3 mesi. “Posso avere subito un prestito personale su misura?” Chiedi alla tua BCC o vai al sito www.crediper.it

Il credito per te “Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Taeg massimo applicabile 13,37%. Per tutte le condizioni contrattuali ed economiche, si rinvia ai “Fogli Informativi” a disposizione della clientela in tutte le nostre filiali. Salvo approvazione dell’Ente erogante”.

Adesso

Il prestito facile

“Posso avere subitoeun prestitoche personale leggero inizi su misura?”

Adesso

a pagare dopo l’estate.

con CrediperAdesso ottieni rapidamente un finanziamento fino a 50.000 euro

puoi rimborsare anche in 10 anni Il prestito facile che e inizi a pagare dopo 3 mesi. e leggero che inizi Chiedi alla tua BCC o vai al sito www.crediper.it a pagare dopo l’estate. Il credito per te con CrediperAdesso ottieni rapidamente

þer

La particella ‘PER’

La preposizione ‘per’ esprime il significato di moltiplicatore di risorse ed anche ‘a favore di’. Il ‘Per’ rappresenta il simbolo dell’integrazione di filiera, significa che il prodotto sviluppato dal Gruppo è per te, che il Gruppo si apre al dialogo con il cliente, ed esprime in tre semplici lettere tutta la logica di servizio del Gruppo e la prossimità al cliente, caratteristica del Credito Cooperativo.

Pertemðo 6

Tangram - n.4 - luglio 2013

“Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Taeg massimo applicabile 13,37%. Per tutte le condizioni contrattuali ed economiche, un finanziamento fino a 50.000 euro si rinvia ai “Fogli Informativi” a disposizione della clientela in tutte le nostre filiali. Salvo approvazione dell’Ente erogante”. che puoi rimborsare anche in 10 anni e inizi a pagare dopo 3 mesi.

Chiedi alla tua BCC o vai al sito www.crediper.it

avere Il“Posso credito persubito te un prestito personale su misura?”

Adesso

“Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Taeg massimo applicabile 13,37%. Per tutte le condizioni contrattuali ed economiche, si rinvia ai “Fogli Informativi” a disposizione della clientela in tutte le nostre filiali. Salvo approvazione dell’Ente erogante”.

Il credito per te

Il prestito facile e leggero che inizi a pagare dopo l’estate.

pubblicitariopersonale con finalità promozionale.su Taeg massimo applicabile 13,37%. Per tutte le condizioni contrattuali ed economiche, “Posso avere subito un“Messaggio prestito misura?” si rinvia ai “Fogli Informativi” a disposizione della clientela in tutte le nostre filiali. Salvo approvazione dell’Ente erogante”.

Adesso

Il credito per te

Il prestito facile e leggero che inizi a pagare dopo l’estate.

“Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Taeg massimo applicabile 13,37%. Per tutte le condizioni contrattuali ed economiche, si rinvia ai “Fogli Informativi” a disposizione della clientela in tutte le nostre filiali. Salvo approvazione dell’Ente erogante”.

2011 Le campagne web Alla fine del 2011 con BCC CreditoConsumo si compie un importante passo in avanti nell’integrazione di filiera che raggiunge così un nuovo livello di profondità: la Società lancia la prima campagna web di prodotto del GBI, dedicata a Crediper Prestito Flessibile. Non solo sviluppo e strategia industriale, non solo materiali e campagne push come tutta la comunicazione nel punto vendita ma anche campagne web, con banner, landing page, link sponsorizzati etc che presuppongono un’interazione con l’utente, una navigazione fatta di scelte e di ‘click’ orientata e costruita per aumentare il ‘traffico’ nella filiale BCC. Nello specifico, gli strumenti scelti per la campagna di web advertising di Crediper Prestito Flessibile sono stati: • Banner di diversi formati su home page ed alcune sezioni interne dei principali siti e portali di informazione a livello locale e nazionale; • Campagna pay per click attraverso lo strumento Google Adwords.


Novembre 2011 Nasce il sito identitario Il sito identitario rappresenta per antonomasia l’integrazione di filiera nel web. Attraverso questo strumento le BCC ricevono non solo un sito web a costo zero, cioè una struttura pensata e progettata per le esigenze della Banca, ma anche un insieme di contenuti specifici come i banner di prodotto del Gruppo, la galleria immagini, e contenuti testuali predefiniti e costantemente aggiornati come i contenuti istituzionali del Gruppo bancario e del Sistema. Il sito identitario è una piattaforma che integra un prodotto (il sito web a costo zero), un servizio (la manutenzione del sito) e contenuti multimediali sempre disponibili (banner, immagini e testi già pronti).

2012

Nel 2012 segue la campagna sul Crediper Prestito Auto che in due settimane ottiene oltre 70 mila visite alla pagina di destinazione e oltre 50 mila visitatori unici. Non solo, la versione Mobile raggiunge il 16% delle visite totali.

2011-2012 Il sito web dei brand ombrello Il Gruppo mette on line i siti web di 4 importanti brand. Con i siti di prodotto il Gruppo bancario Iccrea va oltre una presenza istituzionale nel web ed esprime il ruolo di partner attivo delle banche, affiancando le BCC nella copertura dell’ultimo miglio.

Sito CartaBCC

www.cartabcc.it dialoga direttamente con il cliente finale al punto da diventare community.

Sito Crediper

Il sito Crediper vive un profondo restyling e stravolge le proprie funzionalità ed i propri obiettivi: da sito informativo diventa sito di prodotto, con la presenza in home page del simulatore di prestiti ma soprattutto dello store locator, lo strumento con il qual l’utente finale può trovare la BCC più vicina a sé. www.crediper.it

Sito Pertempo

Pertempo è il nuovo brand del Gruppo bancario Iccrea per la previdenza complementare. La strategia di integrazione di filiera con la BCC ha trovato forma attraverso un sito di prodotto per il cliente finale, un sito dedicato alla Banche, un kit commerciale pensato per la banca ma orientato al cliente, ma anche attraverso un’applicazione per iPhone e iPad e un video di circa 2 minuti in cui l’avatar entra nel dettaglio dell’offerta. www.pertempo.it

Sito Forestero

Dopo pochi mesi è on line anche il sito di Forestero, l’unico brand corporate del Gruppo pensato e sviluppato per offrire alle Banche un elemento di supporto alla loro offerta sull’estero. www.forestero.it

Cristiana Trizzino Responsabile Comunicazione d’Impresa Iccrea Holding

Tangram - n.4 - luglio 2013

7


La pianificazione congiunta del Gruppo bancario Iccrea

Q

uando si parla di pianificazione congiunta generalmente ci si riferisce ad un piano condiviso tra le Società e le BCC per sviluppare, sia prodotti che servizi e per migliorare il coinvolgimento e la penetrazione sul cliente. Non si tratta di un semplice rapporto di convenzione, ma di un vero e proprio piano commerciale ed operativo che nasce da uno studio condiviso tra le Società del Gruppo e le Banche per programmare uno sviluppo attraverso accordi condivisi ed un piano sinergico delle attività. Le Società maggiormente coinvolte, allo stato attuale, sono BCC Risparmio&Previdenza, BCC Vita e BCC Assicurazioni, BCC CreditoConsumo, Iccrea BancaImpresa con le sue controllate BCC Lease e Factoring. Attualmente non si fa ancora una pianificazione che unisca più Società nei confronti della BCC, ma il Gruppo bancario si sta muovendo esattamente in questa direzione, almeno nei settori considerati più cruciali. È stato infatti avviato il percorso che in un prossimo futuro porterà le diverse Società

8

Tangram - n.4 - luglio 2013

ad interloquire sempre più congiuntamente con le BCC.

L’approccio è sicuramente strategico prima ancora che commerciale e tende a sviluppare tutte le sinergie possibili tra il Gruppo e le Banche di Credito Cooperativo. L’obiettivo è cambiato, non si punta ad ampliare i volumi commerciali in maniera asettica, ma si vuole concretizzare il ruolo di partnership e corresponsabilità del Gruppo bancario verso la BCC per il suo successo ed il suo sviluppo nei territori su cui insiste. Nel settore retail sono già attivi dei piani operativi commerciali con diverse BCC, mentre nel comparto corporate è stata introdotta la pianificazione di sviluppo settoriale e di nuova clientela potenziale sul territorio di competenza della singola BCC. Nel caso di Iccrea Banca il progetto è ancora in fase embrionale ed in fase di test a seguito dell’attivazione del nuovo modello di servizio. Questa fase iniziale riguarda una promozione integrata tra prodotti istituzionali, come la fatturazione elettronica e l’AssetLiability Management (ALM), ed il Retail con le carte ed i POS.


Caterina Fattori

Dall’accordo commerciale alla pianificazione condivisa

O

rientare le strategie del Credito Cooperativo e contribuire allo sviluppo territoriale attraverso un nuovo metodo ed un nuovo approccio culturale per selezionare i microsettori e le aziende di standing elevato. Ma soprattutto conciliare i piani BCC e gli obiettivi di sviluppo di IBI. Questa la filosofia che ha fatto evolvere il tradizionale accordo commerciale di IBI, già in essere con 357 BCC, in puntuali piani di sviluppo realizzati con 34 BCC. L’analisi settoriale/territoriale è la metodologia con la quale IBI vuole indirizzare, insieme alle BCC, l’attività di selezione della nuova produzione e l’allocazione dei rischi settoriali del portafoglio. Lo strumento denominato ‘Sestante’ ha analizzato oltre 900 mila società di capitali e selezionato, sulla base di stringenti indici di bilancio, oltre 40 mila imprese top con le quali sarebbe vantaggioso avviare un rapporto. Obiettivo principale la riqualificazione dei portafogli delle BCC e di IBI. Alla base del piano congiunto oltre a volumi di impiego, forme tecniche, microsettori a maggiore

potenziale, qualità della controparte, è fondamentale l’avvio di iniziative di sviluppo sulla clientela top presente sul territorio individuata da Sestante.

Il piano è un impegno sia per IBI sia per la BCC ed un’opportunità unica di servire le aziende più performanti, con particolare attenzione anche alle imprese esportatrici, attraverso un approccio flessibile e adattabile alle peculiarità di ogni singola BCC. Sono diverse le modalità di avvio operativo del piano una volta individuato il target di interesse per il 2013. Tali modalità vanno dalla suddivisione dei prospect sulle filiali, allo sviluppo congiunto con IBI per clienti di riferimento e sviluppo in house BCC sulla clientela restante. Il progetto, avendo una valenza strategica, non si esaurisce nel 2013 ma sarà mantenuto ed implementato anche con l’aggiornamento di Sestante con gli indici di bilancio 2012. Verrà inoltre ampliato ad un numero maggiore di BCC che potranno anche utilizzarlo per il risk management, l’asset allocation, ed anche la politica di apertura degli sportelli o di distribuzione delle risorse.

Tangram - n.4 - luglio 2013

9


Giovanni Boccuzzi Nasce nel 1964 ed inizia la sua esperienza nel Credito Cooperativo nel 1987. Dal 2006 è Vice Direttore Generale e Direttore Operativo dell’allora Banca Agrileasing, oggi Iccrea BancaImpresa. Dal 2009 riveste il ruolo di Vice Direttore Generale Vicario.

La crisi e le banche:

un’opportunità per rinnovare il modo di fare banca ed essere ancora più prossimi ai propri clienti

Confronto tra Giovanni Boccuzzi, Vice Direttore Generale di Iccrea BancaImpresa e Federico Marafini dirigente responsabile del Coordinamento Progetti e Partnership di Iccrea Holding. La crisi economica oggi: un fenomeno epocale che impone alle banche una discontinuità nel modo di fare banca. Marafini Fasi, anche prolungate, di difficoltà economica si sono presentate, con ciclica puntualità, più volte nel corso dell’ultimo secolo ed il sistema bancario italiano ha dato sempre prova di saper affrontare e trovare le più opportune soluzioni per gestire le specifiche criticità. Questa volta la sfida appare però più complessa e fra gli addetti ai lavori ci si sta un poco tutti convincendo che per superare realmente la crisi sarà necessario intervenire con alcuni cambiamenti strutturali e strategici nel modo di fare banca. Mi riferisco in particolare al modo in cui le banche devono gestire l’attività più loro tipica, ossia quella di erogazione del credito, ed in particolare alle piccole e medie imprese che sono il core business delle nostre Banche di Credito Cooperativo: infatti, in un contesto di crisi così generalizzato e pervasivo sull’intero tessuto socio economico del paese, è necessario che la banca si riorganizzi non più solo per concedere, nel miglior modo possibile, il credito, ma per seguire il credito, in tutto il corso della sua vita. E questo perché la banca deve essere capace 10

Tangram - n.4 - luglio 2013

di intervenire prima che il credito si deteriori e, quando purtroppo la difficoltà dell’impresa dovesse manifestarsi, essere in grado di comprendere, con la massima tempestività, quali sono le azioni più opportune da esperire: è necessario che la banca conosca il business del cliente e possa subito valutare le migliori soluzioni atte a tutelare il proprio credito.

Quali sono in particolare i cambiamenti avvenuti che impongono alle banche di rinnovarsi? Boccuzzi La crisi è pesante. Non sono stati colpiti solo specifici settori e taluni ambiti territoriali o tipologia di attività: il processo di deterioramento in atto del sistema produttivo, è stato molto rapido e non si intravedono segnali di ripresa. Le procedure concorsuali sono significativamente aumentate e il trend non accenna a diminuire. Nel 2012 sono state 34 le imprese che ogni giorno (considerando anche le domeniche e i giorni festivi) sono state costrette a portare i libri in Tribunale, oltre 1.000 al mese, per


un totale di 12.463 fallimenti da gennaio a fine dicembre. È il dato in assoluto più alto a partire dal 2009, ovvero da quando la crisi economicofinanziaria ha iniziato a far sentire i suoi drammatici effetti. Più in generale, in questi ultimi quattro difficili anni sono state 45.301 le imprese italiane ad aver dichiarato fallimento, con un trend di aumento costante che ha visto il numero dei casi nella penisola crescere di un terzo dall’inizio della crisi economica ad oggi. Ancora una volta l’edilizia è il settore ad aver evidenziato le maggiori criticità sul fronte dei fallimenti: con oltre 2.600 imprese fallite nel corso del 2012, infatti, quasi un caso su cinque ha interessato questo comparto negli ultimi 12 mesi. Ciò nonostante, si registra la presenza sul mercato di tantissime imprese che, nonostante le difficoltà congiunturali e strutturali, continuano a presentare discreti risultati in termini di fatturato e di risultati operativi. Sono soprattutto quelle aziende che hanno saputo precedentemente innovarsi, realizzando rapidi processi di riorganizzazione e aprendosi ai mercati internazionali. Si tratta di aziende presenti nei territori delle BCC, assistite in misura marginale dal Credito Cooperativo e con le quali bisogna intensificare la capacità di servizio. Le analisi condotte confermano la ridotta propensione al credito delle BCC nel settore manifatturiero a favore, invece, della maggiore concentrazione nei settori immobiliari e dell’edilizia in generale.

Quali impatti si sono registrati in Iccrea BancaImpresa? Su quali aree siete già intervenuti e dove pensate sia ancora necessario agire? Boccuzzi La situazione ha imposto la revisione dei processi e l’utilizzo di nuovi strumenti e metodologie per presidiare con un diverso approccio le fasi di assunzione e gestione del credito. Nella fase di assunzione, considerato che il processo di rivisitazione delle policy era stato avviato dal 2009, si è lavorato per dotare la Banca di strumenti atti a guidare

efficacemente il processo di allocazione del credito, incentrati sull’analisi settoriale e territoriale delle imprese presenti nei comuni presidiati dalle BCC. Le imprese selezionate nei settori più performanti, vengono sottoposte alla valutazione del sistema di rating di IBI e scremate ulteriormente per giungere a dei cluster mirati sui quali le BCC potranno intraprendere azioni di sviluppo. Il sistema di rating andamentale, inoltre, ci dà la possibilità di selezionare le aziende in portafoglio che presentano rating elevati (già clienti delle BCC) e con le quali mantenere la relazione. Già da quest’anno abbiamo condiviso con 34 BCC la necessità di sviluppare una pianificazione congiunta, proprio per cogliere le opportunità di realizzare sinergie nell’attività di sviluppo sulle imprese più performanti. È un approccio le cui prime evidenze dimostrano che c’è un substrato di aziende interessanti e che quindi sono necessari interventi organizzativi e di processo a più ampio respiro. Nella fase di gestione la numerosità delle controparti in difficoltà ci ha indotto a rivedere criticamente l’intero processo di monitoraggio e recupero del credito. Oltre ad aver affinato il sistema di rating andamentale ed averlo integrato con il sistema di gestione del credito (Mo.cre), dotando quindi gli operatori di informazioni aggiornate sull’andamento del rapporto e sullo stato di salute dell’azienda, si è adottato un modello organizzativo a matrice, responsabilizzando le aree d’affari sin dalle prime fasi di anomalia dei rapporti creditizi. Consapevoli della necessità di cogliere con più immediatezza le difficoltà delle imprese clienti, i gestori non performing hanno il compito di visitare le aziende e individuare con gli imprenditori le migliori soluzioni atte a risolvere le difficoltà finanziarie momentanee. Di converso, questa azione, nei casi di

Fabio Marafini Responsabile Coordinamento Progetti e Partnership di Iccrea Holding.

Tangram - n.4 - luglio 2013

11


aziende in acclarato stato di insolvenza ci permette di accelerare il processo di realizzo. Si è intensificata l’attività della struttura deputata alle ristrutturazioni aziendali, anche a causa della numerosità dei concordati preventivi, degli accordi di ristrutturazione ex art. 182 bis e di piani di risanamento ex art. 67 L.F.. Potremmo dire che per noi l’attività di recupero del credito è divenuta attività di recupero dell’impresa. In un contesto generalizzato di scarsa liquidità, occuparsi del recupero vuol dire occuparsi delle prospettive dell’impresa e valutare il suo business. Le soluzioni alla crisi di impresa devono essere orientate alla reale situazione nella quale le stesse versano. Confermo che anche per IBI il settore dell’edilizia e l’immobiliare concesso in leasing rappresentano un particolare punto di attenzione. Una soluzione efficace è stata quella di affidare a operatori qualificati la gestione degli asset immobiliari rivenienti da contratti immobiliari risolti (fondo immobiliare chiuso), nell’ottica di ottimizzare la gestione e la dismissione.

e i benefici di una gestione accentrata sotto il profilo quantomeno informativo, per prepararsi anche a soluzioni straordinarie per eventualmente accelerare in maniera massiva il recupero. Nell’ambito del pre-contenzioso, sono evidenti le economie di scala realizzabili attraverso l’intervento di una struttura dedicata soprattutto nella gestione di recupero degli insoluti di taglio contenuto, considerata la necessità che la banca si concentri sulle operazioni a più alto impatto economico e con maggiori complessità sotto il profilo del mantenimento della relazione. In sintonia con quanto sopra descritto, anche le altre Società del Gruppo, ciascuna secondo le proprie specificità, operano in sinergia con BCC Gestione Crediti: Iccrea Banca e Banca Sviluppo per la gestione di posizioni ad incaglio e sofferenza, BCC Factoring per la verifica e riscossione dei crediti da debitori ceduti, sia privati che pubbliche amministrazioni, nonché per la gestione a rientro di cedenti classificate ad incaglio.

Quali benefici possono attendersi le BCC da questi interventi? Nel Piano di Gruppo tra le principali linee di azione si parla di razionalizzazione della gestione dei Non Performing Loans: come si declina nel dettaglio e quali benefici si prospettano per le BCC da questi interventi? Marafini La razionalizzazione della gestione dei crediti è un argomento da tempo chiaro nel GBI e ne è dimostrazione la costituzione di BCC Gestione Crediti, un’apposita struttura messa a disposizione dell’intero Sistema del Credito Cooperativo. La necessità di avere un centro specializzato nella gestione dei crediti deteriorati è oggi un argomento attuale e in chiave prospettica assolutamente strategico. Si è accelerata l’attività di razionalizzazione nell’ambito del contenzioso a livello di Gruppo, che ha visto da parte di IBI concentrare su BCC Gestione Crediti gran parte delle posizioni affidate ai legali per il recupero coattivo, quale premessa per adottare un modello di funzionamento scalabile su base sistemica. Notevoli appaiono le economie realizzabili 12

Tangram - n.4 - luglio 2013

Marafini Vi è consapevolezza da parte della Capogruppo Iccrea Holding che il tema dei NPL non possa essere circoscritto all’ambito del Gruppo bancario, ma che occorre impegnarsi per individuare soluzioni e strumenti per assicurare la gestione efficace di attivi creditizi in stato di degrado e che stanno assumendo dimensioni particolarmente significativi a livello sistemico. Sono allo studio soluzioni, che facendo leva sulle specializzazioni e competenze create all’interno del Gruppo, possano consentire di arrivare ad una gestione unitaria dei crediti deteriorati: occorre limitare la proliferazione di strutture e investimenti in ogni Banca di Credito Cooperativo. Il Gruppo bancario ha ben presente che è necessario insistere in tale ambito, considerata la crescita dimensionale del fenomeno e i conseguenti impatti su alcune realtà del Sistema.


IL 2013 ASSICURATO Volume del mercato vita in Italia a marzo 2013:

18 miliardi di euro +31% di crescita rispetto a marzo 2012 Nuova produzione nel mercato vita in Italia a marzo 2013:

P

13 miliardi di euro +38% di crescita rispetto a marzo 2012

er quanto riguarda il settore i colleghi delle BCC offrendo strumenti di bancassicurativo vita, la rac- promozione che sfruttino le leve di markecolta ha fatto registrare nel ting e promuovano una formazione interna mese di gennaio 2013 una cre- continua. scita del 45,8% rispetto allo Per quanto concerne la Campagna Comstesso periodo dell’anno precedente, conso- merciale 2013, BCC Vita e BCC Assicuraziolidando questo risultato nei mesi successivi. ni sono andate oltre il classico concetto di La fiducia da parte del risparmiatore, che si campagna, affiancandosi per tutto l’anno dimostra interessato alla ricerca di sicurez- alle Banche. za nell’investimento, è la riprova di quanto A sostegno di una strategia che prevede una diventi fondamentale porre più attenzione conoscenza complessiva di quelli che sono ad una corretta pianificazione commerciale. i prodotti e le opportunità correlate ad essi, Nei numeri precedenti di Tangram abbiamo le campagne commerciali a cadenza trimeevidenziato il bouquet di prodotti assicurati- strale pianificate nel 2013 sono articolate vi ed abbiamo parlato di nuove leve in grado con piani incentivanti con riconoscimento di innescare un di overcommission al raggiunvolano di vir- Gli incentivi del 2013: gimento dei risultati fissati tuosismi basaper ogni singola campagna. A to sul connubio • campagne commerciali conferma dell’attenzione alla a cadenza trimestrale Banca-Compacrescita professionale degli opegnia sfruttan- • riconoscimento di overcommission ratori, hanno anche offerto loro do strumenti incontri di approfondimento e a raggiungimento risultato comunicativi formazione per incrementare • incontri di approfondimento condivisi. Comle competenze specialistiche. pletiamo ora la • momenti di formazione Questo è un ulteriore esempio panoramica della grande attenzione rivolta parlando di campagne commerciali. alle BCC ed alle loro reti. Le Compagnie, infatti, hanno deciso di rita- L’obiettivo, dunque, è di creare per tutto il gliarsi il ruolo di soggetto attivo nel favorire 2013 iniziative a favore delle Banche, che, questo clima di collaborazione durante il grazie ad una pianificazione precisa e pun2013. Grazie ad un programma di pianifica- tuale permetteranno di massimizzare i risulzione supportano le Banche proponendo pro- tati compiuti con la sicurezza di una partdotti assicurativi che rispondano fattivamen- nership commerciale che fonda le proprie te all’esigenza di sicurezza nell’investimento basi sull’esperienza, sull’affidabilità e sulla e di protezione della clientela ed affiancano preparazione. Tangram - n.4 - luglio 2013

13


Dietro le quinte

Conflitti di interesse e nuova disciplina soggetti collegati

I

1. Regio decreto-legge 12 marzo 1936, n. 375 (modificato ed integrato dal regio decreto-legge 17 luglio 1937, n. 1400 ) artt. 38 e 65. Le prescrizioni di questi ultimi articoli sono anche richiamate nel Regio decreto-legge 26 agosto 1937, n. 1706 (Testo unico delle leggi sulle Casse rurali ed artigiane) per direttori, sindaci e amministratori delle Casse rurali e artigiane.

14

Tangram - n.4 - luglio 2013

l successo di chi scrive sul conflitto di interessi (il conflitto) è alquanto incerto. Si corrono seri rischi di apparire noiosi e burocratici ai lettori occasionali e di raccogliere critiche fra gli addetti ai lavori per omissioni e imprecisioni. Ciò che è probabile, quando ci si rivolge ad un lettore non specialista, è che siano molti coloro che si aspettano una sorta di cronaca giudiziaria che racconta come il tale o il tal altro abbia abusato della sua posizione per anteporre personali interessi a quelli legittimi di chi lo ha incaricato. Alla diffusione di questa percezione, è facile constatarlo, hanno dato nel tempo il loro non disinteressato contributo molti personaggi, spesso titolari di cariche pubbliche, che hanno approfittato di impianti organizzativi inefficienti e di carenze nei controlli interni, per risolvere a loro favore la condizione di conflitto di interessi derivante dall’incarico ricevuto. Non si può generalizzare perché si tratta di casi molto eterogenei, da valutare singolarmente, caratterizzati da profili di responsabilità ed impatti molto diversificati, ma quasi tutti in diverso modo, hanno contribuito ad asseverare come assunto generalizzato l’equazione conflitto di interessi = illecito. E’ sufficiente invece riflettere sulla semplice nozione di conflitto per comprendere come esso non rappresenti di per sé un’attestazione di condotta impropria né possa essere la prova di scorrettezze o di violazione delle norme. Parliamo piuttosto di una condizione che si manifesta quando un soggetto che ricopre compiti di responsabilità decisionale ha anche altri interessi, personali o professionali, che possono influenzare le sue scelte e alterare l’imparzialità che la sua posizione

richiede. In ogni caso l’essere in conflitto di interessi e l’abusare effettivamente della propria posizione restano due aspetti distinti. Quest’ultimo comportamento deve essere prevenuto, individuato e perseguito attraverso opportuni modelli che garantiscano ex-ante la separatezza organizzativa delle responsabilità e anche ex-post, l’efficacia dei controlli. Il conflitto di interessi è applicabile ad una molteplicità di contesti sia per la tipologia di interessi in contrapposizione sia per i diversi portatori degli stessi. L’industria bancaria è fra i settori più esposti al conflitto, tuttavia, soprattutto in tempi recenti, le banche sono anche fra i soggetti che pongono maggiore attenzione e sensibilità a questa condizione. Il conflitto di interessi e le sue manifestazioni in banca sono fattori ben conosciuti, tanto che se ne trovano facilmente tracce normative anche datate. Senza spingersi troppo a ritroso basta rifarsi alla legge bancaria del 1936≥ per percepire quanta attenzione il legislatore abbia posto alle obbligazioni assunte dal personale rilevante nei confronti della propria banca. In quel testo ci si orientava a presidiare il rischio di decisioni improprie ricorrendo alla pubblicità e alla trasparenza degli atti, prevedendo già allora l’obbligo per il Consiglio di Amministrazione di approvare all’unanimità l’operazione che interessava i soggetti della banca con responsabilità di amministrazione, direzione e controllo. Nonostante le variazioni che la legge ha subito nel tempo e la possibilità intervenuta per il CdA di delegare i poteri di approvazio-


ne, tale obbligo si ritrova sostanzialmente cifiche procedure autorizzative, nelle quali invariato anche nell’attuale Testo Unico l’obbligo di astensione per l’interessato viene Bancarioµ . Ancora una volta il conflitto sostituito da quello di disclosure. Di rilievo non è illegale, ma può portare all’illegalità sono le modifiche del 2005 all’art. 2390 CC in assenza di principi condivisi, di proce- che non consentono più agli amministradure e responsabilità chiare e di controlli tori di una società di assumere la qualità nel continuo. Sin dalla sua stesura originale di soci illimitatamente responsabili in sodel 1936 il Testo Unico Bancario specificava cietà concorrenti né di esercitare un’attività che il divieto per gli esponenti di assumere concorrente per conto proprio o di terzi né obbligazioni con l’azienda di appartenenza essere amministratori o direttori generali in si configurava direttamente e indirettamente. società concorrenti. A metà fra promozione Il riferimento era chiaramente rivolto ai della concorrenza e strumento di prevenziocasi di interposizione sia fittizia sia reale ne ex-ante dei conflitti di interesse, verrà andi persone e, quindi, finalizzato a prevenire che, nel 2011, l’art. 36 del cosiddetto decreto l’inefficacia della norma nei casi in cui una “Salva Italia”Ω che regola specificatamente persona (fisica o giuridica) fosse chiamata ad l’incompatibilità delle cariche assunte in operare per conto dell’esponente. Argomen- società del settore creditizio, finanziario ed to particolarmente sentito questo, se è vero assicurativo (c.d. interlocking). che si è arrivati fino al 2005∂ con modifiche volte a ricomprendere nel divieto sia il caso È in questo quadro generale che il nostro di operazione immediatamente riconduci- Paese entra nella crisi finanziaria e poi ebile alla sfera giuridica del contraente dissi- conomica internazionale iniziata nel 2007. mulato sia il caso di atto stipulato per conto L’espansione dell’attività finanziaria e spealtrui i cui effetti dovevano essere successi- culativa a spese dell’economia reale, resa vamente trasferiti all’esponente. Traspare evidente dai mutui subprime determina, fra qui la difficoltà del legislatore a determinare l’altro, un fenomeno recessivo ed un clima un criterio semplice di identificazione del di sfiducia reciproca fra tutti gli operatoperimetro di applicabilità della norma e que- ri finanziari mondiali. Vengono messe in sto porterà, come vedremo, ad una crescita crisi perfino le economie di singoli stati, della sua complessità. All’articolo 136 TUB, accelerando, fra l’altro, l’aumento della digià maggiormente orientato ai processi suguaglianza dei redditi e della ricchezza. rispetto alle previsioni di eguale sostanza La stretta creditizia che ne segue mette in dell’articolo 2391 del Codice Civile⁴, sarà difficoltà gli intermediari maggiormente infatti affiancata la disciplina sui soggetti esposti i quali, in un mercato sempre più globalizzato, diventano a loro volta fattori collegati che ne definirà analiticamente e in via complementare i casi di applicabilità. di instabilità economica. La crisi esalta le Nel periodo 2003-2006 si attuano aggior- difficoltà economiche di alcuni intermediari namenti principalmente imperniati sulla e mette in luce, in alcuni casi, prassi gestiotrasparenza, pubblicità del rapporto e spe- nali e comportamenti individuali di dubbia

2. D. lgs 385/93 (Testo Unico Bancario) art. 136 - Obbligazioni degli esponenti bancari, ulteriormente modificato dall’art. 24 ter della Legge 221/2012. 3. Legge 28 dicembre 2005, n. 262 4. Dopo l’emanazione del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 e dei successivi D. Lgs. 06 febbraio 04, n. 37; D. Lgs 28 dicembre 2004, n. 310 e Legge 28 dicembre 2005, n. 262, che hanno riscritto il Capo V del titolo V del libro V del Codice Civile 5. Art. 36 del d.l. 6 dicembre 2011, n. 201 (c.d. manovra “Salva Italia”)

Tangram - n.4 - luglio 2013

15


etica, spesso attuate a fronte di carenze dei sistemi di controllo interno. Il conflitto di interessi torna ad essere un fattore chiave nella gestione dei rischi.

6. Banca d’Italia - Circolare 263 Titolo V, Capitolo 5 7. Delibera del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (CICR) n. 277 del 29 luglio 2008 8. Si definisce l’insieme dei soggetti collegati come una parte correlata (un esponente aziendale, un partecipante al capitale della banca, un soggetto in grado di nominare uno o più componenti del CdA ovvero una società su cui la banca esercita controllo o influenza notevole) e tutti i soggetti ad essa connessi (società che controllano o sono controllate da una parte correlata e gli stretti familiari di una parte correlata e le società controllate da questi ultimi). 9. Ma con limiti diversificati, secondo quanto sancito in Banca d’Italia, circ. 263, Tit. V cap 5 sez.II par 4.

16

Tangram - n.4 - luglio 2013

Il contrasto al conflitto di interesse diviene quindi un fattore prioritario per la stabilità dell’industria bancaria e la Banca d’Italia nel dicembre 2011 emana un aggiornamento della Circolare 263 che contiene, fra l’altro, l’introduzione del nuovo capitolo¬ relativo alle attività di rischio e ai conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati. Il processo di emanazione è lungo, anche a causa della complessità della materia e dei significativi impatti sull’operatività delle banche e viene preceduto da ben tre cicli di consultazione degli stakeholders. La disciplina vuole rispondere all’obiettivo primario di soddisfare, tramite disposizioni attuative emanate da Banca d’Italia, tutti i requisiti posti dalla delibera del CICR≈ n. 277 per la gestione di operazioni fra banche (o anche società di un gruppo bancario) e soggetti ad esse collegati. Ulteriore obiettivo è quello di salvaguardare e armonizzare diverse fonti normative preesistenti quali: • l’art. 53 del TUB che regola le esposizioni creditizie verso controparti in grado di condizionare i processi decisionali della banca; • i principi contabili internazionali IAS 24 e IAS 28 riguardanti “Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate”; • il regolamento CONSOB adottato con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate e destinato alle società quotate; • il citato art. 136 del D.Lgs. 385/1993 (Testo Unico Bancario – “TUB”), che disciplina le obbligazioni degli esponenti nei confronti della propria banca. Ne deriva una disciplina di taglio molto tecnico, che considera i soggetti collegati∆ come l’insieme di persone fisiche o giuridiche che sono portatori di interessi potenzialmente conflittuali con quelli della banca. La disciplina mira quindi a preservare l’oggettività, l’imparzialità delle decisioni nelle operazioni che hanno come controparte un soggetto collegato (esempio tipico è la concessione

di un finanziamento) per evitare possibili distorsioni nel processo di allocazione delle risorse e l’esposizione della banca a rischi non adeguatamente presidiati. L’attuazione delle disposizioni avviene seguendo tre distinte linee di adempimento: 1. limiti prudenziali per le attività di rischio proporzionali alle capacità patrimoniali della banca o del Gruppo cui essa appartiene; 2. procedure deliberative specifiche che mirano a fornire al deliberante completa consapevolezza di tutte le controparti coinvolte e di tutti gli aspetti dell’operazione; 3. assetti organizzativi e procedure di controllo disegnati per facilitare il monitoraggio delle operazioni e individuare univocamente le responsabilità di organi e funzioni aziendali nella corretta gestione delle condizioni di conflitto di interesse. Da una recente verifica è emerso che tutte le Società del nostro Gruppo hanno predisposto opportuni presidi per la corretta gestione delle operazioni le quali, pur avendo una ricorrenza annua decisamente esigua, possono contare su molteplici punti di trattamento e di controllo di primo livello.

Questo è il risultato dell’impegno congiunto di molte funzioni omologhe del Gruppo quali Amministrazione, Compliance, Legale, Risk Management, Segnalazioni, Societario e Organizzazione, tutte supportate dalla funzione IT di Iccrea Banca. Osservando, ora e solo ora, a conclusione del progetto, le differenze fra complessità dei presidi e numero degli eventi gestiti, resta il dubbio circa il livello di proporzionalità della norma che accomuna sotto i medesimi adempimenti¤ grandi banche a respiro internazionale e realtà a valenza locale come le BCC. Differenti? Sì, ma per forza.

Sandro Barigelli Responsabile Organizzazione Iccrea Holding sbarigelli@iccreah.bcc.it


Iccrea Holding

L’Aumento di capitale dedicato

Scheda da staccare e conservare

L’Assemblea Straordinaria di Iccrea Holding svoltasi a Roma il 23 novembre 2012 ha approvato la proposta di aumento di capitale dedicato ed ha dato mandato al Consiglio di Amministrazione di Iccrea Holding di richiamare i 100 milioni deliberati anche in differenti tranche. Con delibera del gennaio 2013 il CdA ha determinato di dare seguito alle operazioni di aumento del proprio capitale per un valore di € 50 milioni a favore delle BCC che intendono raggiungere il 6% nel rapporto fra patrimonio di vigilanza e capitale sottoscritto nel Gruppo bancario Iccrea.

Oggi il Capitale Sociale sottoscritto è pari ad €. 1.046.718.188,55

Un salto di qualità.

www.gruppobancarioiccrea.it


In che cosa consiste: L’aumento di capitale di Iccrea Holding, al momento in fase di perfezionamento, è del valore di circa 100 milioni di euro. L’operazione è dedicata a quelle BCC che vogliono cogliere l’opportunità di intensificare la propria relazione con il Gruppo bancario Iccrea e che, inoltre, al 31 dicembre 2012 avevano un rapporto tra il proprio patrimonio di vigilanza e la partecipazione nel capitale di Iccrea Holding inferiore al 6%.

Un salto di qualità.

Quando: Le BCC che rientrano in questi parametri possono partecipare alla prima fase di aumento di capitale che si è aperta il 23 maggio e che terminerà in agosto.

In particolare le BCC Partner, oltre ad avere a disposizione tutti i prodotti, servizi e supporti operativi garantiti per tutte le BCC, possono accedere a tutta una serie di attività ed azioni ad alto valore aggiunto per esse pensate e dedicate. Tra le opportunità individuate vi sono:

• • • • • •

gli stage formativi dedicati a figure junior e senior; la partecipazione a momenti di confronto e strategie quali il Manager Banking Meeting; i servizi che consentono di dare una valorizzazione economica alla partnership; le azioni di marketing dedicate; l’utilizzo di spazi nelle diverse sedi di prossimità dove poter svolgere incontri di affari; le giornate di consulenza gratuite da parte delle diverse Società del Gruppo Iccrea, oltre a quanto previsto dai modelli contrattuali.

www.gruppobancarioiccrea.it

Il Patto fra il Gruppo bancario Iccrea e le BCC

Scheda da staccare e conservare

Quali benefici: Le Banche di Credito Cooperativo che partecipano all’aumento di capitale di Iccrea Holding hanno l’opportunità di divenire banche Partner, e di entrare così a far parte del Patto fra il Gruppo Iccrea e le BCC. Con l’ingresso nel Patto, le BCC intensificano il rapporto di Partnership con il Gruppo e si affiancano a quelle che già rientravano nei criteri di Partnership.


Il tuo conto sempre in Tasca

CartaBCC Tasca Conto

Scheda da staccare e conservare

FAMIGLIA DI PRODOTTO: Prodotto monetica, carta prepagata. CHE COS’È: CartaBCC TascaConto è l’innovativa carta prepagata su circuito MasterCard dotata di codice Iban, che permette di pagare, prelevare contante, effettuare/ricevere bonifici e domiciliare bollette, stipendio e altre utenze. La carta è dotata dell’innovativa tecnologia contactless che consente di effettuare pagamenti sotto i 25 € semplicemente avvicinando la carta ai POS abilitati – senza digitare il PIN! Con la copertura assicurativa Acquisto Facile è possibile richiedere il rimborso per gli acquisti effettuati con la carta, sino a 5000 €, qualunque sia il motivo. Inoltre il titolare gode di un’estensione da due a tre anni della garanzia legale sui beni acquistati con TascaConto. CartaBCC TascaConto è l’unica carta prepagata che offre l’esclusivo Sistema Tascainpiù che permette di collegare un numero illimitato di carte aggiuntive Tascainpiù per condividere la disponibilità della carta principale. Tascainpiù permette di pagare e prelevare contanti, mentre le funzioni di ricarica sono disposte esclusivamente dalla TascaConto. Chi lo fa: CartaBCC, il marchio che riunisce l’offerta di carte di credito, debito e prepagate dedicate a famiglie, privati, giovani, grandi e piccole aziende.

Tasca Conto

Banca di Credito Cooperativo

0000 LA CARTA È UTILIZZABILE ANCHE ALL’ESTERO SECONDO LE VIGENTI NORME VALUTARIE

VALID THRU

00 /00

AUTHORIZED SIGNATURE - NOT VALID UNLESS SIGNED FIRMA AUTORIZZATA - NON VALIDA SENZA FIRMA

IT 75 Q 05164 82880 000000103761 IT75Q0516482880000000103761 www.cartabcc.it - phone: 800.99.13.41 Misuse is a criminal offence. This card is issued by Iccrea Banca S.p.A. pursuant to license by MasterCard International. If found please return to Iccrea Banca S.p.A. Via Lucrezia Romana 41/47, 00178 Roma-Italia.

www.cartabcc.it

Tangram - n.3 - aprile 2013

19


Puoi collegare alla tua TascaConto tutte le carte aggiuntive Tascainpiù che desideri. Puoi così condividere la disponibilità della tua TascaConto, assegnando ad ogni carta aggiuntiva un chi è destinato: Che esigenze risolve: tettoAmassimo di utilizzo, in modo da tenere tutte le spese È un prodotto trasversale destinato perlopiù ad un target gioÈ un utile strumento di pagamento, anche per l’utilizzo all’esotto controllo. Con Tascainpiù puoi pagare e prelevare vane dai ai 30 anni. stero, che consente di domiciliare utenze e Rid, effettuare contanti. Le 18 funzioni di ricarica sono disposte esclusivamente e ricevere bonifici senza sostenere le spese di apertura e dalla TascaConto. gestione di un conto corrente.

CartaBcc

La mia Carta è differen

Tasca

Codice IBAN

Conto

anca di Credito Cooperativo

SERVIZIO CLIENTI

Alla tua carta è associato un codice IBAN 24 ore su 24 attivo che ti permette di: dall’Italia: 800 99 13 41 • Effettuare bonifici • Accreditare lo stipendio dall’estero: +39 06 87 41 9 • Domiciliare le bollette e le utenze • Ricevere bonifici per ricaricare la tua carta

Sistema Tascainpiù

Massima protezione

ClubCart

Ricaricabile Scopri Ricaricabile in tanti modi in tanti modi

Codice VALID IBAN Codice IBAN THRU TascaConto / Tascainpiù Alla tua carta è associato un codice IBAN

ti permette di: IBAN carta èche associato un codice DOVEAlla SI tua PUÒ PAGARE E PRELEVARE • di: Effettuare bonifici che ti permette • Si può usare con sicurezza, per qualunque acquisto, in oltre 30 milioni di punti • Accreditare lo stipendio • Effettuare bonifici vendita che espongono il marchio MasterCard in Italia e nel mondo. Si può Domiciliare le bollette e leH3G, utenze • Accreditare stipendio ricaricare il telefono• lo cellulare TIM, Vodafone, Wind, Postemobile tramite il • le Ricevere per ricaricare la tua carta sito •del Domiciliare gestore telefonico. bollette ebonifici le utenze

Acquisti sicuri su internet

• Si possono effettuare prelievi di contante da carta più di un milione di sportelli • Ricevere bonifici per ricaricare la tua automatici che espongono il marchio Mastercard, sia in Italia che in ogni parte del mondo. Generalmente è possibile scegliere la lingua usata per le istruzioni sullo schermo.

MASSI MA CUREZZA M A S S I SMI A S I C U RClubCartaBCC EZZA

Massima I titolari di CartaBcc possono usufruire di sconti e vantaggi dedicati. Massima protezione Visita il sito www.cartabcc.it. protezione CartaBcc garantisce un elevato livello di

Banca di Credito Cooperativo

Tasca

Tecnologia Contactless

Banca di Credito Cooperativo

sicurezza grazie alla tecnologia CHIP. Ad CartaBcc garantisce un elevato livello di ulteriore garanzia, per tutti i pagamenti sicurezza grazie alla tecnologia CHIP. Ad superiori aiwww.cartabcc.it 25 € è richiesta la digitazione del Per approfondimenti ulteriore garanzia, per tutti i pagamenti codice P.I.N. (Personal Per maggiori contattare il del proprio Number). superiori ai 25 €informazioni è richiesta digitazione M A laSCHIP&PIN S I MIdentification Oconsente La tecnologia di pagare codice P.I.N. (Personal Identification Number). Gri di riferimento. CON R Oe dinel L pagare Lmondo O in completa prelevare in T Italia La tecnologiaeCHIP&PIN consente Per ulteriori informazioni: e insvilprod@iccrea.bcc.it massima sicurezza. e prelevare in tranquillità Italia e nel mondo in completa

Scheda da staccare e conservare

www.cartabcc.it

Puoi collegare alla tua TascaConto tante carte agMTascainpiù A S S I Mquante A ne desideri. Puoi così giuntive S I C U R E Z Z A della tua TascaConto, condividere la disponibilità assegnando ad ogni carta aggiuntiva un tetto massimodi utilizzo, in modo da tenere tutte le spese sotto controllo. Con Tascainpiù puoi pagare e prelevare contanti. Le funzioni di ricarica sono disposte esclusivamente dalla TascaConto. CartaBcc garantisce un elevato livello di sicurezza grazie alla tecnologia CHIP. Ad ulteriore garanzia, per tutti i pagamenti superiori ai 25 € è richiesta la digitazione del il circuito dei vantaggi e degli scont codice P.I.N. (Personal Identification Number). La tecnologia CHIP&PIN consente di pagare Puoi ricaricare la tua carta: e prelevare in Italia e nel mondo in completa •la Con bonifico bancario attraverso il codice IBAN Puoi ricaricare tua carta: tranquillità e in massima sicurezza. • bancario Presso laattraverso tua Bancaildi Credito Cooperativo • Con bonifico codice IBAN • Banca Con qualsiasi Bancomat • Presso la tua di Credito Cooperativo da sportello automatico abilitato • Con qualsiasi Bancomat Da Home Banking da sportello• automatico abilitato per i clienti abilitati • Dal portale www.cartabcc.it • Da Home Banking per i clienti abilitati con CartaBCC • Dal portale www.cartabcc.it di credito Grazie al servizio SecureCode di MasterCard con CartaBCC di credito puoi acquistare in tutta sicurezza anche on line. Registrati al servizio sul sito www.cartabcc.it.

0000

Tasca Conto

Conto

La carta 0000 è dotata dell’innovativa tecnologia VALID di effettuare pagamenti contactless che ti consente THRU 00 /00 sotto i 25 € semplicemente avvicinando la carta VALID 00 /00 THRU ai POS abilitati – senza digitare il PIN! Per importi superiori funziona come una normale carta di pagamento (digitando il PIN). LA CARTA è È UTILIZZABILE ANCHE ALL’ESTERO SECONDO LE VIGENTI NORME VALUTARIE

LA CARTA è È UTILIZZABILE ANCHE ALL’ESTERO SECONDO LE VIGENTI NORME VALUTARIE

tranquillità e in massima sicurezza.

Movimenti in Acquisti sicuri reale sicuri 20Acquisti Tangram - n.3 -tempo aprile 2013 su internet www.cartabcc.it Accedendo al sito www.cartabcc.it su internet Grazie al servizio SecureCode di MasterCard

AUTHORIZED SIGNATURE - NOT VALID UNLESS SIGNED fIRmA AUTORIZZATA - NON VALIDA SENZA fIRmA

Iccrea Banca S.p.A. - Sede legale ad amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 - 00178 Roma - P. Iva, Codice Fiscale AUTHORIZED SIGNATURE - NOT VALID UNLESS SIGNED fIRmA AUTORIZZATA - NON VALIDA SENZA fIRmA Int. Vers.- Soggetto al Controllo e Coordinamento di Iccrea Holding Spa Gruppo Bancario Iccrea Iscritto all’albo dei Gru IT 75 Q 05164 000000103761 Protezioni assicurative, gratuite per i titolari, IT75Q0516482880000000103761 offerte dalle polizze82880 assicurative contratte da Iccrea Banca S.p.a. con BCC Assicurative CarteBcc”.

IT 75 Q 05164 82880 IT75Q0516482880000000103761 000000103761 www.cartabcc.it - phone: 800.99.13.41 Misuse is a criminal offence.

potrai monitorare in tempo reale i movimenti puoi acquistare in sicurezza anche on line. Grazie al servizio SecureCode di tutta MasterCard della tua CartaBcc TascaConto Registrati al servizio sul sito www.cartabcc.it.

This card is issued by Iccrea Banca S.p.A. pursuant to license by MasterCard International.

please return toMisuse Iccrea Banca S.p.A. Viaoffence. Lucrezia Romana 41/47, 00178 Roma-Italia. www.cartabcc.it - phone:If found 800.99.13.41 is a criminal This card is issued by Iccrea Banca S.p.A. pursuant to license by MasterCard International. If found please return to Iccrea Banca S.p.A. Via Lucrezia Romana 41/47, 00178 Roma-Italia.


Caterina Fattori

Il progetto Bollino Blu di IFMA Italia

B

CC Solutions aderisce all’As- genze di un corretto rapporto contrattuale IFMA: International Facility sociazione IFMA Italia che sia da parte dell’azienda appaltatrice, che Management Association. rappresenta il capitolo ita- del fornitore di servizi. liano dell’International Fa- Il risultato finale è il frutto di uno sforzo concility Management Associa- diviso tra IFMA Italia e i migliori rappresention, Associazione no-profit fondata nel 1980 tanti di domanda e offerta attivi sul mercato negli Stati Uniti allo scopo di promuovere del facility management italiano. Il contratto e sviluppare il facility management, disci- di facility di IFMA Italia è uno strumento plina definita come la strategia di gestione studiato per fornire alle aziende clienti/asdegli immobili strumentali dell’azienda e dei sociate e ai fornitori di servizi un punto di servizi alla base del business classificati in: riferimento e di verifica sull’impostazione servizi all’edificio, servizi allo spazio e servizi dell’accordo contrattuale. alle persone. BCC Solutions ha conseguito nel 2010 la certificazione ISO Nell’ambito delle sue 9001–2008 relativa attività IFMA ha svi- Facility management: alla Qualità e nel luppato nel 2012 il tutto ciò che riguarda le strategie di 2012, la certificaProgetto Bollino Blu. gestione degli immobili strumentali di zione del Sistema Obiettivo primario un’azienda e dei servizi di base distinti di Gestione sulla di questo progetto è in servizi all’edificio, servizi allo spazio e Salute e Sicurezza quello di poter contare servizi alle persone. sul Lavoro. Queste su riferimenti chiari e certificazioni richiedono un’attenta verifiprecisi, che regolino gli aspetti contrattuali del rapporto tra utente e fornitore in un ca dei processi di approvvigionamento sia sul fronte della qualifica dei fornitori che su contesto di facility management. In sintesi il modello di base indica la struttu- quello delle strutture contrattuali. ra, le linee guida, le caratteristiche e le voci L’adesione al progetto Bollino Blu potrà gaessenziali che un contratto di facility ma- rantire una verifica dei contratti rispetto alnagement deve necessariamente possedere. le best practice relative ai contratti di facility L’analisi dei singoli modelli è frutto di uno management individuando nel contempo studio approfondito, di ogni aspetto del eventuali aree di miglioramento e controllo rapporto tra utente e fornitore di servizi di del servizio erogato. facility, in grado di soddisfare tutte le esiTangram - n.4 - luglio 2013 21


Carte di pagamento: cosa c’è dietro il boom Analisi degli strumenti di pagamento alternativi al contante: il mercato Italia ed Europa a confronto. Nell’attuale momento di crisi economica nel nostro Paese si riscontra un calo generale delle carte di credito in contrapposizione ad un incremento delle carte di debito e prepagate Trend di crescita delle carte nel quinquennio 2008-2013 50

41

37,5

milioni

34

milioni 25

16,3

12,5

10,6

milioni

16

milioni

2009 2012

14

milioni

milioni 0

carte di debito

venerdì 31 maggio 13

22

Tangram - n.4 - luglio 2013

S

prepagate

2008 2013

carte di credito

empre più tecnologici, ma prudenti. È ambivalente il rapporto degli italiani con gli strumenti di pagamento alternativi al contante: carte di credito, di debito e prepagate. Quelli che le utilizzano sono sempre di più, nonostante il ricorso alle carte risulti ancora contenuto nel confronto internazionale. Ma il controllo delle spese e il pericolo frodi rimangono ancora le principali preoccupazioni che frenano un ulteriore sviluppo di questi strumenti. Gli studi di settore evidenziano come la percezione dell’utilità delle carte sia andata migliorando negli ultimi anni: i dati dell’Osservatorio ASSOFIN – CRIF – GFK Eurisko, per esempio, registrano nel corso del 2011 una crescita del 4% delle operazioni e dei volumi complessivamente transati con carte di pagamento, mentre secondo Banca d’Italia aumenta il numero delle carte circolanti: al 31 dicembre 2012 erano 71 milioni rispetto a 67 milioni dell’anno precedente; cinque anni prima se ne contavano 10 milioni in meno. Se allarghiamo però lo spettro all’Europa,

dove si contano oltre 700 milioni di carte, il nostro Paese resta ancora nelle ultime posizioni del settore: il rapporto tra numero di abitanti e carte in circolazione in Italia è 1,2, la media nella UE è 1,5, in Germania 1,6 e 1,8 nel Nord Europa, con picchi nel Regno Unito e Svezia rispettivamente con 2,4 e 2,2, mentre in Francia il rapporto è 1,3 e nell’Est Europa 0,9. La differenza si spiega, soprattutto, con l’ancora bassa diffusione delle carte di credito nel nostro Paese, dovuta ad un’abitudine ancora radicata che le fa percepire come strumenti da utilizzare prevalentemente all’estero o in casi straordinari. Non solo. A detta degli esperti dell’ABI, un ultimo fattore di resistenza è determinato anche dalla sensazione di perdere il controllo delle spese. Che gli italiani siano un popolo di formiche, lo dimostrano anche i dati di CPP Italia, filiale della multinazionale inglese specializzata nei servizi di protezione delle carte di pagamento, secondo cui nel nostro Paese circolano addirittura il 50% delle carte prepagate di tutta la UE, un’ulteriore dimostrazione di co-


Caterina Fattori

me i nostri connazionali siano tutt’altro che allergici all’alternativa al contante. Alla base di questo boom, c’è non solo la diffidenza culturale verso le carte di credito tradizionali e gli acquisti online, ma anche la volontà di non legarsi a una banca e controllare le spese. Una maggiore propensione alla prudenza e al risparmio nel nostro Paese, è emersa anche nella maggior parte degli studi delle associazioni e dei principali operatori di settore, non ultima una recente ricerca di Visa, secondo la quale a spingere gli italiani a utilizzare le carte prepagate, principalmente per lo shopping online, è soprattutto la percezione del rischio frode da parte dell’utente, limitata alla sola somma caricata. Del resto anche i dati confermano questi trend: nell’ultimo quinquennio si segnala il boom delle carte di debito, passate da 34 milioni a 41 milioni e delle prepagate da 10,6 milioni a 16,3 milioni, a fronte di un calo delle carte di credito, passate da 16 milioni nel 2009 a poco meno di 14 milioni nel 2012. La forte contrazione del numero di carte di credito in circolazione, secondo l’Osservatorio

CRIF, si spiegherebbe in parte anche con le politiche di emissione più mirate da parte delle banche e con i processi di razionalizzazione e semplificazione dei portafogli: predominano, insomma, i mono-titolari. La

centratura è sulle carte base e anche la quota di pluri-possessori oramai è composta da detentori 1,2 di due sole carte. L’ulteriore diffusione della carta di debito, d’altra parte, ha visto l’ingresso di una quota di titolari esclusivi di questi strumenti, un dato che riporta l’attenzione sul tema del posizionamento differenziale dei diversi strumenti di pagamento.

Rapporto tra numero di abitanti e carte in circolazione 3 2,25

1,6

2,4

2,2

1,5 0,75 0

1,3

1,2

Italia

1,5

1,8 0,9

Germania

Regno Unito

Svezia

Francia

Unione Europea Nord Europa

Est Europa

Tangram - n.4 - luglio 2013

23


Un approccio innovativo, insieme alle BCC, per lo sviluppo di quote di mercato 2 “Posso davvero investire con il supporto della mia BCC?”

“La soluzione costruita su di te”

SCELTA

La Banca, affiancata e supportata dal proprio riferimento della struttura commerciale di BCC Risparmio&Previdenza, individua i segmenti di sviluppo, i target di clientela potenziale, le azioni più corrette, per offrire una consulenza mirata al soddisfacimento dei bisogni di pianificazione finanziaria dei risparmi delle famiglie.

iper identifica l’offerta integrata di prodotti di investimento del Credito Cooperativo sta dalle BCC e Casse Rurali.

perscelta.indd 1

Foto: Caterina Fattori Grafica della comunicazione:

mosso dalle BCC e Casse Rurali.

Grafica della comunicazione:

vestiðerSCELTA è il servizio di consulenza esperta

foto: Caterina Fattori

“Meno male che ci ho pensato per tempo!”

BCC ti aiuterà a cogliere le migliori possibilità di investimento ase alle tue esigenze e alla tua propensione al rischio.

23/01/13 13:54

BCC Risparmio&Previdenza, recependo i feedback dalle BCC, sta lavorando per individuare le iniziative più efficaci e di reciproco vantaggio sui territori, con l’obiettivo di trovare la formula e le soluzioni di investimento più performanti per soci, clienti, banca ed Sgr.

“Pertempo è la soluzione del Credito Cooperativo per le tue esigenze di previdenza integrativa e di protezione. Scopri la tua soluzione previdenziale personalizzata in funzione delle tue esigenze, della tua situazione famigliare e della tua disponibilità economica.” Serena, guida PertemPo

1

Fondo Pensione Aureo Un investimento su misura semplice e flessibile.

Messaggio promozionale riguardante le forme pensionistiche complementari. Prima dell’adesione leggere la Nota Informativa e il Regolamento consultabili sul sito internet www.bccrisparmioeprevidenza.it. Messaggio pubblicitario. Prima della sottoscrizione leggere il Fascicolo Informativo disponibile su www.bccassicurazioni.com e presso le Banche di Credito Cooperativo. Messaggio pubblicitario. Prima della sottoscrizione leggere il Fascicolo Informativo disponibile su www.bccvita.it e presso le Banche di Credito Cooperativo.

locandina-2012.indd 1

06/12/12 17:13

Con il Fondo Pensione Aureo non esistono soluzioni pre-definite: insieme al tuo consulente BCC che ti affiancherà per tutto il percorso, potrai individuare il piano su misura per te selezionando uno o più comparti.

Parallelamente al restyling della gamma prodotti resa semplice e funzionale alle esigenze della clientela retail, BCC Risparmio&Previdenza ha aggiornato il modello di approccio commerciale. Messaggio promozionale riguardante forme pensionistiche complementari. Il Fondo Pensione Aureo è un prodotto istituito da BCC Risparmio&Previdenza SGR.p.A. Prima dell’adesione leggere la Nota Informativa ed il Regolamento disponibili presso le sedi delle BCC collocatrici e sul sito internet www.bccrisparmioeprevidenza.it. Pertempo identifica l’offerta integrata di prodotti di previdenza complementare ed assicurativi del Credito Cooperativo proposta dalle BCC e Casse Rurali.

brochure-OK.indd 1

manifesto_FP_Uomo2012.indd 1

21/11/12 11:53

28/11/12 15:15

Crescita Fondi a Cedola (3 emissioni doppie nel corso del 2013)

Il cuore del nuovo modello sta nell’attività di pianificazione commerciale congiunta, nel coprire l’ultimo miglio verso il cliente finale in affiancamento alle BCC, traduzione operativa del concetto di partnership. L’obiettivo è supportare le Banche nel recupero delle quote di mercato, in un segmento, quello della raccolta indiretta, dove storicamente le BCC hanno mostrato un minor livello di presidio.

InvestiperScelta: incremento del collocamento dei Prodotti di Terzi (Sicav)

Gli ambiti di sviluppo


Operativamente l’attività parte dall’analisi delle principali esigenze/opportunità della BCC nell’ambito della sviluppo del segmento della raccolta indiretta. La sintesi delle principali evidenze viene incrociata con le informazioni sulla clientela in possesso della BCC (ad es. raccolte con i questionari Mifid che adottano la logica multivariata presente su ciascuna banca per determinare conoscenza finanziaria e propensione al rischio dei clienti); viene così costruita una matrice di soluzioni di investimento adattabile ai diversi cluster di clientela individuati con la banca. Contestualmente vengono individuati i mezzi ed i modi in cui gli obiettivi così condivisi possono essere raggiunti, tra cui: formazione delle reti, calendarizzazione in momenti temporali di campagne di comunicazione mirate, (anche su territori nazionali specifici), organizzazione eventi con le controparti terze, attività di supporto al marketing della BCC.

InvestiperFondi: sviluppo raccolta Pic e Pac

Pertempo: incremento delle quote di mercato sulla previdenza complementare

Caterina Fattori

3

Un esempio concreto.

BANCA D’ALBA

Con la BCC è stato avviato un piano per il rilancio e l’incremento della raccolta gestita, privilegiando l’offerta InvestiperScelta. A supporto della Banca sono stati pianificati 5 incontri destinati ai referenti di filale della BCC. Il primo di essi si è tenuto a marzo. Obiettivo degli incontri, della durata di due giorni, è rafforzare la conoscenza dei prodotti offerti da BCC Risparmio&Previdenza, fornendo ai colleghi commerciali della BCC dei validi strumenti di supporto alla loro attività giornaliera con i clienti. L’incontro svoltosi nello scorso Marzo è stato caratterizzato da una prima giornata in BCC Risparmio&Previdenza destinata ad un approfondimento sulla piattaforma di offerta InvestiperScelta e sui prodotti a Cedola BCC RP; la seconda giornata è stata invece trascorsa negli uffici di Schroder (Sicav collocabile tramite InvestiperScelta) affrontando il tema della finanza comportamentale e approfondendo i prodotti offerti da questa prestigiosa casa. I brillanti risultati ottenuti dalla Banca, anche al di fuori del perimetro inizialmente definito, sono l’evidenza empirica della bontà di questo approccio.

Interesse per partenza progetto Consulenza Avanzata

a disposizione delle BCC Tangram - n.4 - luglio 2013

25


Da un modello di servizio ad un modello di relazione Pianificazione commerciale congiunta di BCC CreditoConsumo con le BCC

I

l modello di servizio che BCC CreditoConsumo mette in campo al fianco delle BCC Partner si sviluppa in una logica di relazione e partnership in cui l’adesione ad una visione strategica comune trova la sua espressione operativa nella definizione, condivisione ed implementazione di obiettivi annuali e di specifiche azioni commerciali sul territorio. Il punto di partenza di questo processo è la definizione di un piano di lavoro annuale, sviluppato sulla base delle esigenze specifiche delle singole Banche Partner, il cui obiettivo è l’individuazione di strategie comuni atte alla creazione di valore e vantaggi competitivi nel mercato di riferimento.

26

Tangram - n.4 - luglio 2013

Inoltre, l’esternalizzazione del credito al consumo produce valore per le Banche di Credito Cooperativo derivante dalle provvigioni e senza impatti sul patrimonio, avvalendosi di un partner specializzato in grado di garantire un’offerta di prodotto costantemente aggiornata, il puntuale presidio della rischiosità e la corretta gestione della normativa di riferimento. Tale processo non può prescindere da una fase di attenta analisi sia dei fattori esterni, quali il contesto congiunturale in relazione alla rischiosità e lo scenario competitivo nel mercato e nel segmento di riferimento, e sia dei fattori interni, come la valutazione delle potenzialità della Banca. La definizione di una pianificazione com-


Caterina Fattori

merciale congiunta e la partecipazione ad obiettivi di sviluppo comuni, rappresentano l’inizio di una serie di attività sinergiche sviluppate per produrre i risultati pianificati ed attesi. Questo approccio esprime la sua completa realizzazione in un modello di relazione con la singola Banca partner fondato sulla condivisione di un percorso di sviluppo che tenga conto della priorità rappresentata dal raggiungimento di obiettivi commerciali ed economici di breve periodo ma che presupponga, al tempo stesso, una visione strategica condivisa di lungo periodo.

oltre 330 Banche Partner sul territorio nazionale mediante formazione specifica sulle procedure operative, sui prodotti offerti e sulla normativa di riferimento ed attraverso la definizione e l’attuazione di iniziative di animazione commerciale condivise. Queste ultime possono assumere carattere locale, grazie ad azioni specifiche realizzate in sinergia con le singole Banche Partner, oppure operare su scala nazionale, anche attraverso importanti investimenti in comunicazione effettuati dalla Società, atti a generare traffico e richieste spontanee da parte della clientela presso le filiali.

In questo senso la pianificazione commerciale congiunta rappresenta la sintesi della partnership tra BCC CreditoConsumo e le Banche di Credito Cooperativo in grado di assicurare il presidio del mercato e la soddisfazione delle esigenze della clientela.

Il mettere a fattor comune le eccellenze reciproche, avvalendosi della specializzazione dei processi e dei prodotti garantita da BCC CreditoConsumo e valorizzando la vicinanza al territorio e la relazione esclusiva e radicata delle Banche di Credito Cooperativo con la propria clientela, consente a questo modello di relazione di garantire la tutela del nostro patrimonio più importante: i soci ed i clienti del Sistema.

La sinergia con le BCC partner viene supportata da BCC CreditoConsumo attraverso una rete commerciale capillare, in grado di fornire una consulenza costante e qualificata alle

Tangram - n.4 - luglio 2013

27


Il Procedimento Monitorio L’esperienza di BCC Gestione Crediti a disposizione delle Banche Nell’ultimo decennio c’è stato un forte proliferare delle normative in tema di anatocismo, contrattualistica, tutela dei consumatori e molte hanno interessato gli istituti di credito. Tali riforme normative, unite a campagne massmediatiche atte ad esaltare in chiave negativa e spesso in modo non aderente alla realtà i comportamenti di alcune banche, hanno aumentato il contenzioso in ambito creditizio. Si sono verificati casi in cui le controparti debitrici hanno utilizzato a fini meramente dilatori gli strumenti concessi dalla legge in particolare i giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo e precetto.

Caterina Fattori

A tal proposito BCC Gestione Crediti ha avviato uno studio specifico riguardante tutte le posizioni con opposizioni pendenti tra quelle attualmente in gestione sull’intero territorio nazionale. La verifica puntuale delle motivazioni addotte dai legali dei clienti – debitori e le relative sentenze di merito emesse in primo grado, sia a livello di singola BCC che di singolo legale fiduciario, ha permesso una segmentazione delle eccezioni opposte.

28

Tangram - n.4 - luglio 2013

Le risultanze di tali analisi, costituiscono un dato statistico utile per indirizzare al meglio alcune attività proprie della Banca, con l’obiettivo di ridurre gli appigli per eventuali opposizioni e nello specifico:

Per le posizioni già revocate, siano esse incaglio o sofferenza, considerare lo studio di settore quale ulteriore elemento per le rettifiche sui crediti e relativi accantonamenti prudenziali;

Individuare una strategia di definizione quanto più finalizzata anche ad una riduzione del danno non solo in termini di eventuali rimborsi alla controparte (stralcio in dare);

Nella fase di aggiornamento/rinnovo delle pratiche di fido, porre attenzione alle carenze nella regolarità formale dei contratti oltre che individuare ex ante eventuali rischi operativi;

Facilitare l’accordo stragiudiziale onde evitare pronunce sfavorevoli che soprattutto presso i tribunali di medie e piccole dimensioni dove operano le BCC, rappre sentano IL precedente per mezzo del quale la leva giudiziale è stata utilizzata dalle controparti, spesso con la consapevolezza di ottenere solo un effetto dilatorio nell’adempimento della obbligazione ma che ha in ogni caso ha fatto aumentare il contenzioso con i relativi costi in termini di spese legali e risorse dedicate a carico delle BCC.


Si approda al Vinitaly

I

ccrea BancaImpresa ha scelto il Vinitaly come occasione d’incontro con le imprese operanti nel mondo agricolo e orientate a possibilità di crescita in Italia ma anche all’estero. Vinitaly 2013, con 148.000 presenze delle quali 53.000 estere, rafforza la sua posizione di leader internazionale tra le fiere del vino dedicate al business. Di qualità gli operatori che, nella quattro-giorni veronese, hanno avuto contatti con oltre 4.200 aziende espositrici da più di 20 Paesi. Il dato in crescita del 10% sugli esteri rispetto al 2012 è accompagnato dalla grande qualità dei visitatori. Si tratta sempre più di operatori specializzati, di buyer esteri provenienti dai mercati tradizionali, ma anche dai Paesi emergenti, sempre più interessati al vino italiano quali Cina e Russia. Iccrea BancaImpresa in partnership con BIT ha presentato la gamma di prodotti finanziari offerti alle aziende di settore e dedicati allo sviluppo delle loro attività. Nel 2012 la Banca corporate del Credito Cooperativo ha concesso finanziamenti ad aziende con importante standing produttivo e profilo internazionale come la Batasiolo SpA, il Gruppo Italiano Vini SpA e le Cantine Zaccagnini situate in regioni ad elevata vocazione vitivinicola (rispettivamente Piemonte, Veneto, Abruzzo). La filiera viti-vinicola è al primo posto nella bilancia agro-alimentare italiana in termi-

ni di saldo attivo con un dato di fatturato, sull’export che, nel 2012 ha chiuso con oltre 4,7 mld€ . (ca 39 mln ettolitri -8% sul 2011 con 4,3 mld€). La quota di mercato BCC nel settore primario più in generale è circa al 18,3%, la più alta tra tutti i settori dell’economia. L’ 8,9% di tutti i finanziamenti concessi al Sistema Produttivo da parte delle BCC (91,4 mld) è destinato alle imprese del settore agricolo: un peso pari al doppio di quello dell’intero sistema creditizio (4,6% ca). Nel corso della manifestazione fieristica IBI ha partecipato a due workshop: uno organizzato da Fedagri/Confcooperative e dedicato al settore agro-alimentare ed al problema dei dazi doganali, l’altro coordinato con BIT dal titolo “Credito Cooperativo di-vino: servizi e strumenti finanziari del Gruppo bancario Iccrea” presso la sala Respighi della Fiera di Verona. Il settore viti-vinicolo rappresenta dunque per Iccrea BancaImpresa uno dei settori di maggior interesse insieme a quello dell’ortofrutta con cui condivide la forte propensione ad esportare.

Vinitaly 2013 148.000 presenze totali – 53.000 estere – oltre 4.200 aziende espositrici – 20 Paesi rappresentati Il fatturato sull’export vitivinicolo italiano: 4,3 mld di euro nel 2011 – oltre 4,7 mld di euro nel 2012

Tangram - n.4 - luglio 2013

29


Domande frequenti a... Un’opportunità per il Credito Cooperativo Il ruolo di Banca Sviluppo all’interno del Sistema del Credito Cooperativo ed in relazione alle Società del Gruppo

6 Regioni

3

sportelli di tesoreria

Sede

32 filiali

Lazio

Calabria

Emilia Romagna

Campania

sede, 1 filiale

2 filiali

Sicilia

10 filiali, 1 sportello di tesoreria

11 filiali, 1 sportello di tesoreria

6 filiali

Basilicata

2 filiali, 1 sportello di tesoreria

Come si pone Banca Sviluppo nei confronti delle altre Società del Gruppo? La nostra Banca nell’ambito della sua missione strategica, che si realizza negli interventi a soccorso di BCC in difficoltà, ha il compito prioritario di riportare le strutture patrimoniali, organizzative e commerciali in condizioni economiche positive. Uno degli strumenti è quello di attivare la vendita di prodotti e servizi in modo efficiente e uniforme in tutti i territori di inserimento, creando una medesima cultura del servizio alla clientela. Banca Sviluppo è un’opportunità per il Credito Cooperativo, consentendo al GBI di fare esperienza diretta delle problematiche di mercato.

Quali sono le iniziative concrete con cui si fa promotrice dei servizi/prodotti del Gruppo? Adesso che Banca Sviluppo ha raggiunto livelli dimensionali adeguati - con una distribuzione territoriale che vede 32 filiali distribuite su 6 Regioni - si possono sperimentare iniziative di marketing operativo atte a raggiungere dei segmenti di clientela in modo pianificato e in base a specifiche estrazioni, utilizzando sia la nostra base dati che quella delle altre Società del Gruppo bancario.

Qual è il ruolo che la Capogruppo richiede a Banca Sviluppo? Proprio quello di porsi come elemento di traino nella proposta di prodotti e servizi alla clientela delle BCC locali che trovano difficoltà, sia motivazionali che strategico-strutturali, nel condividere i macroobiettivi pensati a livello di Capogruppo. L’obiettivo è quello di mettere in luce come un corretto approccio commerciale, supportato dalle competenze e dalla forza del GBI, sia l’arma vincente per il raggiungimento degli obiettivi di ogni singola Banca. AGIRE UNITI, appunto non è solo un claim.

Quale tipo di collaborazione è auspicabile nei confronti delle altre BCC? Abbiamo recentemente iniziato in Calabria una collaborazione, con il supporto della Capogruppo, con la Federazione locale su come si stanno superando le difficoltà che si incontrano nel collocamento dei mutui on line; questo tipo di iniziative replicato per tutti i settori di intervento delle Società prodotto permette di raggiungere, attraverso le strutture federative, anche le BCC meno strutturate ed offrire servizi di consulenza gratuita nell’interesse della specifica Banca e indirettamente anche del Gruppo bancario.

30

Tangram - n.4 - luglio 2013


Le nuove cariche delle Società del Gruppo (2013-2015)

Presidente vicario Vice Presidente te en id Vice Pres

iovanni Pontiggia G o ol Pa Raffini o bi Pula Fa e Coccia Natal derico Fe ni afi ar M berto Mazzotti Ro ro et Roman Pi ola Valentini Nic izio tr Pa zi Vincen rnando Fe ti ba ar Sb ro Camelia Mau a Maria nn A Fellegara i ig Lu Gaspari usto Bagnoli Aug co ri En ti an Dur vanni io G zi uz cc Bo

Donetto Antonio Baraghini Valter Boccuzzi Giovanni Mangoni Carlo Mistretta Francesco Sbarbati Fernando Bagnoli Augusto Fellegara Anna Maria Andriolo Riccardo Gaspari Luigi

Sind. Presidente Coll. Sindaco eff. “ Sindaco suppl.

Presidente Vice Pres. vi cario Vice Presiden te

Presidente C oll. Sind. Sindaco eff. “ Sindaco supp l. “ Direttore Gen erale Vice D.G. vi cario Direttore Cen trale Direttore Cen trale

“ rale Direttore Gene io ar vic G. D. Vice De Rosi Antoni o Palli Vincenzo Rubattu Leonar do Senesi Luigi Sterzi Alessand ro Bonafè Andrea Sbarbati Fernan do Gaspari Luigi * Iozzia Davide Massarutto Pa olo

Presidente

Biagi Piero

Napoleoni Carlo Chemello Nerino Barbera Carlo Bazzoni Raffaele Mazzale Davide Tomasini Giacomo Palli Vincenzo Spairani Roberto

Carri France sco Colombo Annibale Fiorelli B runo Bonacina Gianfranco Buda Pie rino Capogross i Maurizi o Mazzotti Roberto Michielin Gianpiero Paldino N icola Ravaglioli Domenic o Saporito Salvatore Gaspari L uigi Catarozzo Camillo Nappini E ros Giudici M assimo Mascarell o Santiag o Rubattu L eonardo Gelsomin o Giovan ni Celli Mari o Torri And rea

Torri Andrea Buscaglia Alberto Noris Enrico Scappini Francesco Gaggia Luigi Sirch Lorenzo

Presidente Coll. Sind. Sindaco eff. “ Sindaco suppl. “ Direttore Generale

Presidente Vice Presidente Amm. Delegato

Presidente Coll. Sind. Sindaco eff. " Sindaco suppl. "

Napoleoni Carlo Barbera Carlo Dal Seno Fabi o Fini Enzo Sauro Enrico Seccamani Piet ro Palli Vincenzo Spairani Robe rto Vasini Fabio Buscaglia Albe rto Bruni Conter Gi ambattista Torsi Fernanda Romito Stefan o Sirch Lorenzo

Presidente

Presidente Coll. Sin d. Sindaco eff. “ Sindaco suppl. “ Direttore General e

Presidente Amm. Delegato

Presidente Coll. Sin d. Sindaco eff. " Sindaco suppl. "

Dati aggiornati al 12 giugno 2013

Tangram - n.4 - luglio 2013

31


I portici

Eventi e appuntamenti Il Gruppo bancario Iccrea, con l’obiettivo di favorire l’accesso per le BCC Partner verso momenti di alto valore, lo scorso 4 e 5 aprile ha organizzato il Manager Banking Meeting (MBM), evento di due giornate di approfondimento, confronto e strategie. L’MBM, tenutosi a Caron (VE) nella esclusiva location di Villa Quaranta Park Hotel, ha visto la partecipazione di 45 BCC che sono state coinvolte in un intenso dibattito su tematiche di visione strategica con i vertici delle principali Società del Gruppo, il contributo del prof. Adalberto Alberici, ordinario di Economia degli intermediari finanziari Università degli Studi di Milano e SDA-Bocconi e l’intensa testimonianza dell’ing. Pietro Cassani, Direttore Generale Gruppo SACMI e SACMI Imola. Il Manager Banking Meeting è l’evoluzione in chiave di Gruppo del Corporate Banking Meeting promosso precedentemente da Iccrea BancaImpresa; previsto due volte l’anno, primavera ed autunno, suddividendo la partecipazione delle BCC Partner nei due periodi individuati. Si è trattato di un’occasione importante, caratterizzata da un intenso e approfondito scambio di idee e progettualità, che ha creato condivisione e visione comune fra BCC e GBI.

32

Tangram - n.4 - luglio 2013


RetailLab

Percorso di sviluppo per il responsabile Retail nelle BCC COSA Il Gruppo bancario Iccrea, nell’ambito del più ampio progetto di sviluppo del Retail nelle BCC, ha progettato un percorso formativo volto alla valorizzazione e allo sviluppo di una figura di riferimento in area Retail.

QUANDO La prima edizione del RetailLab partirà in autunno 2013, durerà 12 mesi, con un impegno per ciascun partecipante di 45 gg.

QUALI BCC Il RetailLab si rivolge a tutte le BCC che vogliano condividere l’obiettivo di sviluppo e crescita dell’area Retail. Il numero dei partecipanti per ciascuna edizione è fissato in massimo 30, uno per BCC, saranno previste più edizioni per soddisfare il più ampio numero di iscritti.

COME Iccrea Holding sarà sponsor e responsabile della fase realizzativa, insieme alle Società del segmento. BCC Accademia fornirà supporto organizzativo e logistico. TrainerMKT sarà il partner per l’erogazione del percorso. Nel mese di luglio verranno inviate ai Direttori Generali delle BCC le note e gli elementi per l’iscrizione.

PERCHé • Per crescere insieme nell’area Retail. • Perché il taglio del Lab è fatto di contenuti e di progetti applicati. • Per far crescere nella banca un referente che gestisce e sviluppa i prodotti assicurativi e di risparmio. • Per creare una figura che anima le reti di sportello, propone, alimenta e gestisce le campagne di vendita, aiutando a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Tangram - n.4 - luglio 2013

33


Focus

I risultati del 2012 Raccolta

Impieghi

2012 2011 Patrimonio netto

2012

1.448

2011

1.284

2010

974

2010

€ min Margine di interesse Margine de servizi

29.040 21.733 14.759

2012

32.404

2011

19.593

2010

11.385

31/12/12

31/12/11

31/12/10

332

248

266

155

151

138

- 142

-

73

- 126

Costi operativi netti

- 260

- 269

- 240

51,0%

65,6%

65,6%

89

110

45

101

56

31/12/12

31/12/11

31/12/10

Utile Lordo Utile Lordo (netto Fair Value)

€ min

29.040

21.733

14.759

Impieghi a clientela

11.020

10.748

10.086

Impieghi a banche

18.020

10.985

4.673

32.404

19.593

11.385

11.135

3.409

3.667

Raccolta da banche

21.269

16.184

7.718

Patrimonio netto

1.448

1.284

974

Impieghi

Raccolta Raccolta da clientela

Patrimonio di vigilanza

1.448

1.453

Tier 1 Capital Ratio

9,27%

8,56%

Total Capital Ratio

10,5%

9,8%

34

Tangram - n.4 - luglio 2013

Il Gruppo bancario Iccrea è riuscito in ogni caso a coniugare il raggiungimento di risultati economici importanti (utile netto pari a 43 milioni rispetto 58 milioni del 2011), con il mantenimento di un forte supporto al mercato di riferimento ed in particolare alle BCC. Le iniziative intraprese in termini di gestione del portafoglio titoli hanno inoltre consentito di assicurare il riconoscimento alle BCC di condizioni di mercato competitive e di fronteggiare maggiori svalutazioni del portafoglio crediti (141 milioni vs 69 milioni del 2011). Sono inoltre proseguite le azioni per il

Rettifiche/Riprese di valore

Costi/income

I

l 2012 è stato indubbiamente un anno ricco di sfide e di complessità da dover gestire, complice anche il contesto macroeconomico ancora fortemente sotto pressione.

presidio dei rischi ed il rafforzamento della dotazione patrimoniale. Il 2012 ha infatti visto il perfezionamento di un aumento di capitale dedicato per 34 milioni, consentendo al Gruppo di assicurare un Tier 1 Ratio del 9,3% ed un Total Capital Ratio del 10,5%. Sono infine proseguite le azioni di contenimento dei costi operativi, pari a circa 287 milioni nel 2012, sostanzialmente in linea con il dato 2011 pur a fronte di variazioni di perimetro legate in particolare alle acquisizioni operate da Banca Sviluppo ed alla maggiore operatività di BCC CreditoConsumo. Quale risultante delle dinamiche sopra descritte, il cost income del Gruppo è pari a 57,7 %, in miglioramento rispetto il dato 2011 (pari a 61,9 %).


Succede all’estero

Il Progetto Russia ibi e le zone economiche speciali

Le prospettive di crescita del PIL della Russia: +3,5% (2013); + 4% (2014). Interscambio commerciale Russia–Mondo: oltre 800 miliardi di dollari (2012) Interscambio Italia-Russia – Record: 28,3 miliardi €; decennio 2003/12 +135% Dai dati FMI-DOTS nel periodo gennaiosettembre 2012, l’Italia ha occupato la 5° posizione sia come Paese Fornitore della Russia (con una quota di mercato del 3,7%) sia come Paese Cliente (con una quota di mercato del 4,2%)

Le attività estero del Gruppo bancario guardano con attenzione alle nuove economie emergenti dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, e Sudafrica). Un’analisi delle potenzialità del territorio russo, rafforzata dai risultati incoraggianti della partecipazione alla XXI edizione della Task Force Italo Russa a S.Benedetto del Tronto nell’ottobre scorso, hanno portato alla convinzione di avviare un progetto integrato di sviluppo. Sotto l’egida della Holding, Iccrea Banca si è attivata con gli istituti finanziari locali nel quadro delle attività di Correspondent Banking grazie anche alla collaborazione con la rete della controllata russa del gruppo austriaco Raiffeisenbank International.

Confermata la partecipazione attiva di IBI alla XXII Task Force ItaloRussa a Niznhy Novgorod (27-30 maggio 2013), accompagnando 15 PMI clienti di BCC e operanti nei settori dell’edilizia, dell’arredamento, del florovivaismo e del turismo. Avviati in questi ultimi mesi alcuni seminari/convegni sul territorio come Vinitaly e il Salone Internazionale del Mobile. I prossimi passi saranno quelli di organizzare incontri b2b mirati alla generazione del trade direttamente sul territorio della Federazione.

Sotto il versante corporate, Iccrea BancaImpresa ha iniziato a raccogliere ed analizzare le esigenze delle BCC e delle PMI loro clienti verso la Russia, partendo dall’economia reale e dalle esperienze dei distretti industriali italiani.

Tangram - n.4 - luglio 2013

35


CartaBcc e Fondazione ISAL sono partner nella lotta al dolore cronico con diverse iniziative come il Call Center dedicato ai titolari di CartaBcc, eventi, incontri tematici e seminari.

Tangram4  

la rivista del Gruppo bancario Iccrea

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you