Quando la natura si scatena... di Francesco Laurenzi

Page 1



Senza titolo-1.indd 1

31/07/18 08:58


Senza titolo-1.indd 2

31/07/18 08:58


Senza titolo-1.indd 3

31/07/18 08:58


Senza titolo-1.indd 4

31/07/18 08:58


“Saggi illustrati” QUANDO LA

natura

si scatena...

Senza titolo-1.indd 5

31/07/18 08:58


Senza titolo-1.indd 6

31/07/18 08:58


Francesco Laurenzi Laura Patrioli

QUANDO LA

natura

si scatena... I piĂš grandi disastri e fenomeni naturali

Senza titolo-1.indd 7

31/07/18 08:58


Copertina e impaginazione: Francesco Partesano Disegni: I disegni delle pagine 13, 40, 41, 42, 43, 50, 55, 56, 57, 64, 65, 71, 79, 84, 85, 88, 90, 94, 95, 102, 110, 111, 136, 138 sono di Roberta Procacci

in questo volume destinato alla scuola primaria e secondaria di primo grado fosse tutelata da copyright, l’Editore chiede scusa per non averne data la doverosa segnalazione, dichiarandosi sin d’ora disposto a revisioni in sede di eventuali ristampe e al riconoscimento dei relativi diritti ai sensi dell’art. 70 della legge Stampa:

Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere registrata,

ISBN 978-88-6692-037-3

Senza titolo-1.indd 8

31/07/18 08:58


Indice INTRODUZIONE............................................................................................................ 7 IL DILUVIO UNIVERSALE .............................................................................................. 8 TERREMOTI E TSUNAMI ............................................................................................. 14 TORNADO E CICLONI .................................................................................................. 28 : Un tornado in bottiglia ................................................................ 42

SOLE E CALDO .......................................................................................................... 44 : Un termometro fai da te ............................................................... 56

INCENDI ................................................................................................................... 58 ....................................................... 64

PIOGGIA E GRANDINE ................................................................................................ 66 ....................................................... 84

FULMINI .................................................................................................................. 86 .......................................................... 94

FREDDO, ANZI GELO .................................................................................................. 96 ................................................................. 110

VULCANI ................................................................................................................ 112 METEORITI ............................................................................................................. 124

Senza titolo-1.indd 9

31/07/18 08:58


Senza titolo-1.indd 10

31/07/18 08:58


Introduzione Avete mai pensato a quanto sia straordinariamente vario il nostro mondo? Ci sono luoghi dove splende sempre il sole e luoghi in cui piove 365 giorni all’anno. Per non parlare dei posti in cui la terra trema o viene ricoperta dalla lava dei vulcani, o ancora è spazzata dalla furia dei tornado e delle tempeste di neve. Ebbene, in questo volume rivolgeremo lo sguardo proprio ai grandi eventi naturali, un bel po’ spaventosi! Sarà l’occasione non solo per cercare di capire le loro cause tutti: la celebre eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei ed laboratorio casalingo. Insomma, un libro pensato per ragazzi curiosi che sanno meravigliarsi di quello che li circonda. Un libro da leggere e condividere insieme ai genitori e ai nonni, che magari ricorderanno con un po’ di emozione qualcuno dei fatti raccontati, come la celebre alluvione di Firenze del 1966 e gli straordinari “angeli del fango” che accorsero da tutto il mondo a prestare il loro aiuto! La Natura è geniale e sorprendente, e va presa per il verso giusto anche nelle sue manifestazioni estreme. Conoscendola meglio, impareremo forse ad avere più rispetto per il pianeta in cui viviamo, la nostra straordinaria casa comune. Buona lettura!

e

7 Senza titolo-1.indd 11

31/07/18 08:58


Il Diluvio Universale

12 Senza titolo-1.indd 12

31/07/18 08:59


13 Senza titolo-1.indd 13

31/07/18 08:59


Il Diluvio Universale Quando si parla di furia della natura, non possiamo non parlare del primo terribile disastro che avvenne nella notte dei tempi, ossia del diluvio che sommerse e sconvolse tutto il mondo allora conosciuto. Non è solo un racconto biblico o una leggenda nota in molte culture: con tutta probabilità, il Diluvio Universale è un evento realmente accaduto. La tesi che più affascina e trova maggiore consenso tra gli

fu investita per un lunghissimo periodo da piogge torrenziali e alluvioni capaci di cancellare interi villaggi e città. Allora la popolazione dell’intero pianeta era di appena insediamenti umani più numerosi. Che cosa può avere scatenato la spaventosa inondazione? Non si sa nulla di certo sulle cause, ma tante sono le ipotesi. Una delle più interessanti è che tutto

Ecco dove si trovava l’Antica Mesopotamia.

10 Senza titolo-1.indd 14

31/07/18 08:59


Il Diluvio Universale Innanzitutto, cos’è una glaciazione? Con questo termine intendiamo un lungo periodo della storia terrestre caratterizzato da temperature estremamente fredde e dalla progressiva circa 10-12.000 anni fa, si concluse l’ultima glaciazione, detta segnava la linea di massima estensione dei ghiacciai. Le enormi masse di ghiaccio che ricoprivano buona parte dell’Emisfero nord iniziarono a sciogliersi e il livello di mari e oceani salì

dei ghiacci, causò una netta estremizzazione degli altri fenomeni atmosferici: arrivarono piogge torrenziali e alluvioni come non se ne erano mai viste prima.

ALLA RICERCA DELLE PROVE aveva trovato le prove del Diluvio Universale. A 12 metri di profondità, infatti, si era imbattuto in uno strato di argilla alto 2 metri e mezzo e risalente a 3000 anni prima, che testimoniava una spaventosa alluvione. Al di sotto di questo strato, aveva rinvenuto anche le tracce di una civiltà bruscamente interrottasi, con oggetti di uso comune, tombe e altri monumenti. I resti dell’antica città di Ur dei Caldei, dunque, sembravano confermare almeno in parte il Diluvio Universale. Del resto, sono numerosi i racconti e le leggende di molte altre civiltà in cui si racconta di spaventosi diluvi mandati dagli dèi per punire gli uomini cattivi: esistono miti degli antichi Scandinavi, così come tradizioni degli indiani d’America, che

11 Senza titolo-1.indd 15

31/07/18 08:59


Il Diluvio Universale ci parlano della collera divina nei confronti della razza umana, giudicata debole e indegna: insomma, bisognava annientarla e crearne una migliore…

L’ARCA DI NOÈ

Secondo il racconto biblico, l’arca era lunga circa 140 metri, larga 20 metri e alta 15. Era molto più grande di qualsiasi altra nave in legno che fosse mai stata costruita prima, e il primato è imbarcazioni di dimensioni simili o maggiori. Le tre caravelle di Colombo, ad esempio, erano lunghe appena 30 metri! Gli archeologi non si sono limitati a cercare le prove del Diluvio Universale, ma hanno disperatamente tentato di ritrovare i resti della famosa Arca. Secondo alcuni studiosi, era “atterrata” cessato e le acque si erano ritirate. James Bryce, esploratore di

L’Ararat è il più alto monte della Turchia: 5137 metri sul livello del mare.

12 Senza titolo-1.indd 16

31/07/18 08:59


Il Diluvio Universale

legno intarsiata. Pensò che fosse un pezzo dell’Arca di Noè, ma le prove lo smentirono. Più recentemente, anche un ex astronauta, dell’Arca.

al periodo del Diluvio Universale. È un frammento della grande averne la sicurezza. Una cosa è certa: tra mito popolare, racconto biblico e realtà storica, il Diluvio Universale continua a fare presa sulla nostra immaginazione. Simboleggia la forza annientatrice della Natura, ma anche la rinascita dopo la distruzione. In fondo, se la colomba è il simbolo della pace, è in ricordo di quella che tornò da Noè con un ramoscello d’olivo nel becco ad annunciare l’approssimarsi della terraferma.

13 Senza titolo-1.indd 17

31/07/18 08:59