Issuu on Google+

ANNO IV - N° 123 - DOMENICA 29 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO A PASQUALE ORIENTE

Campobasso in Fiera continua a riscuotere successo. La manifestazione organizzata da Confesercenti, infatti, attira in città numerose presenze. In vendita abbigliamento, artigianato e prodotti tipici locali a prezzi convenienti. Una iniziativa per smuovere l’economia e che, il prossimo 19 giugno, da Selvapiana, si sposterà in centro, intorno al vecchio Romagnoli. Questo per rivitalizzare il capoluogo molisano di domenica e fornire un servizio utile a tutti i visitatori, in particolare le famiglie. E’ per tutto questo che oggi il nostro oscar va al presidente della Confesercenti provinciale di Campobasso Pasquale Oriente

IL TAPIRO DEL GIORNO AL MINISTRO STEFANIA PRESTIGIACOMO

Il ministro dell’Ambiente e della Tutela (è una denominazione ancora opportuna?) del Territorio e del Mare, Stefania Prestigiacomo, continua a concedere il via libera al sacco del mare Adriatico. In particolare, tra Abruzzo, Molise e Puglia. Una nuova autorizzazione è stata concessa alla Petroceltic per le indagini sismiche da compiere in un’area di oltre 327 chilometri quadrati a 26 chilometri dalle Tremiti e a 40 da Punta Penna (Vasto). Non solo. La Regione Molise e l’Abruzzo non avrebbero espresso il loro parere e la Puglia non sarebbe stata nemmeno consultata. E l’incubo trivellazioni per i cittadini della costa torna a materializzarsi, così come il nostro tapiro al ministro Prestigiacomo.

GAMBATESA

CAMPOBASSO

Agricoltore Manutenzione 63enne schiacciato stradale, dal trattore dopo l’annuncio e ritrovato nessun intervento dopo ore Solo un spot nei campi elettorale? A PAG. 9

GUGLIONESI

Si fingono acquirenti e portano via merce da una gioielleria per 20mila euro

A PAG. 7

A PAG. 17

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Petrolio in mare, nuovo sì del ministero alla Petroceltic La multinazionale irlandese potrà svolgere indagini sismiche su un’area di oltre 300 chilometri. Nessun parere da Abruzzo e Molise Altre centinaia di chilometri quadrati di mare tra Abruzzo e Molise concessi alla Petroceltic. Mercoledì scorso, la società multinazionale irlandese ha ottenuto dal ministero per l’Ambiente il via libera per le indagini sismiche da compiere in un’area di oltre 327 chilometri quadrati a 26 chilometri dalle Tremiti e a 40 da Punta Penna (Vasto). La concessione d493 servirà per avviare gli studi geologici delle linee sismiche, ma non è detto che la stessa Petroceltic non chieda l’installazione di un pozzo di petrolio. Ma ciò che più inquieta è che, ancora una volta, né la Regione Molise, né l’Abruzzo avrebbero espresso il loro parere, mentre la Puglia non è stata affatto interpellata. E i cittadini, con la stagione turistica alle porte, non possono certo dormire sui classici sette

cuscini. Anzi, oltre al danno, la beffa: basti pensare che solo lunedì scorso, lo stesso ministero si era opposto all’installazione di un pozzo petrolifero a soli sette chilometri dal litorale vastese. A nulla sembra servita la grande manifestazione di protesta dello scorso 7 maggio che ha visto unite Abruzzo, Molise e Puglia, cui hanno dato man forte diversi artisti (Lucio Dalla, possessore di una casa alle isole Tremiti in primis) e numerose associazioni. E adesso, la ricerca di petrolio in Adriatico assume sempre più le sembianze di un incubo per gli abitanti delle coste e, di conseguenza, per il turismo. Con tanti saluti alla ripresa dell’economia abruzzese e molisana, ma non certo a quello della multinazionale: il sacco del mare è compiuto. Adimo

Un momento della manifestazione del 7 maggio a Termoli

EOLICO SELVAGGIO Dopo il dossier scientifico del Wwf dello scorso marzo, arrivano i riscontri dall’Ue: si rischiano procedura d’infrazione e sanzioni

2 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

La Rete chiama, l’Europa risponde CAMPOBASSO – La Rete delle 136 associazioni contro l’eolico selvaggio in Molise chiama, l’Ue risponde. La Commissione europea, il Parlamento di Strasburgo e la Direzione generale Ambiente di Bruxelles hanno esaminato con cura il dossier scientifico sulle devastazioni delle pale, inviato il 28 marzo scorso dal Wwf Molise e curato anche dall’Ana (Associazione nazionale archeologi) e da un gruppo di

laureati in Scienze ambientali. La relazione è stata presa in esame anche dal presidente della Camera, Gianfranco Fini. In considerazione di ciò, ci sarebbero tutte le condizioni affinché si avvii la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia e, di conseguenza, le sanzioni nei confronti della Regione Molise. Ma qui c’è ancora da attendere. “Nella regione – si legge nella missiva – sono stati censiti 85 Siti di importanza comunitaria (Sic) per una copertura di quasi 98 ettari, corrispondenti al 22% della regione) e 12 Zps (Zone di protezione speciale) che coprono il 14,9% del territorio”. La massiccia mobilitazione popolare e delle associazioni dello scorso 14 dicembre ha spinto il Consiglio regionale ad “approvare all’unanimità una proposta di legge che, almeno in piccola parte, contribuisce a tutelare le aree archeologiche, culturali e paesaggistiche del Molise integrando la legge numero 22 del 7 agosto 2009. Tuttavia, il Consiglio dei ministri, nella seduta del 23 febbraio scorso, ha deciso di proporre l’impugnativa di

questa legge dinanzi alla Corte Costituzionale”. Ed è da qui che nascono le ulteriori preoccupazioni per la tutela storica, ambientale e culturale del territorio molisano. Ma il principio di fondo è un altro. “Ma è mai possibile – chiede il Wwf nell’esposto – che sull’altare del profitto sia necessario sacrificare anche la storia di un popolo, la sua identità culturale, il valore naturalistico dei luoghi che esso abita, pregiudicandone il futuro?”. Ma il Molise, attraverso l’associazionismo – sostiene il consigliere regionale, Michele Petraroia – mostra un volto bello, pulito e dinamico con un cuore grande che contraddice tutti gli stereotipi sui molisani campanilisti, chiusi e indifferenti. Se la politica è debole, si interroghi sui propri limiti e prenda esempio da chi sa interpretare meglio i sentimenti dei cittadini. E mai come ora ce n’è davvero bisogno. Adimo

Ballottaggi, 7 milioni i cittadini al voto

L’Anm: danno al Paese le aggressioni del premier

ROMA – L’insediamento dei circa 7 mila seggi elettorali è stato l’ultimo tassello del complesso puzzle organizzativo che chiuderà, con i ballottaggi di oggi e lunedì, questa tornata amministrativa iniziata al primo turno il 15 e 16 maggio scorsi. In ballo c’è la guida di 6 Province e 88 comuni di cui 13 capoluoghi di provincia. Cruciale è l’appuntamento a Milano e Napoli

ROMA – Le “continue aggressioni” da parte del premier alla magistratura producono anche un “danno all’immagine del nostro Paese”. Così l’Anm replica alle dichiarazioni di Berlusconi. “Siamo molto preoccupati – dice il segretario dell’Anm, Giuseppe Cascini per le continue aggressioni alla magistratura”.


PRIMO PIANO

La nuova Alternativ@? La fuga in avanti dell’ex presidente della Provincia che in vista delle consultazioni di novembre ci riprova con lo Studio di programmazione politico-istituzionale per cambiare il Molise CAMPOBASSO – Non è nuovo Nicola D’Ascanio a fughe in avanti dai discutibili risultati. Lui che anticipando il dibattito interno alle segreterie dei partiti del centrosinistra si autocandidò per un secondo mandato alla Provincia di Campobasso (non trovando, come è noto, né sponsor e nemmeno qualcuno pronto a coinvolgerlo nelle decisioni), oggi ci riprova. E lo fa ‘inventandosi’ responsabile dello Studio di programmazione politico-istituzionale per cambiare il Molise che ha appena aperto i battenti a via Mazzini. “Lo scorso giovedì pomeriggio – scrive D’Ascanio - si è già svolta una prima partecipata ed interessante seduta di analisi politica che ha toccato le questioni connesse sia alla ultima sconfitta elettorale sia Nicola D’Ascanio

Via Mazzini al bisogno impellente di reinterpretare una nuova politica di cambiamento per il futuro a partire dalla prossima scadenza autunnale”. E tra due giovedì si bissa con un’altra iniziativa di sostegno alla

difesa dell’acqua pubblica, contro il nucleare ed il legittimo impedimento, oggetto del referendum del 12 e 13 giugno “per il quale si esorta ad una grande partecipazione”. Ma di cosa si tratta esattamente? D’Ascanio scrive che lo

Studio “è un luogo di incontro e di confronto dei cittadini del centrosinistra che avvertono un bisogno non più delegabile per tornare ad essere protagonisti veri della politica e di una proposta di governo aperto e democratico che affronti i problemi della gente e che sia ‘credibile, affidabile, praticabile ossia capace di togliersi di dosso il sospetto di volersi insediare al potere come alternativa senza alternativa’ come ha detto anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano”. Qualcosa insomma che somiglia vagamente all’Alternativ@ della prima ora. Quella che il fondatore Roberto Ruta avrebbe voluto fosse il suo progetto e che sappiamo tutti come è andata a finire. Meno al centro e un po’ più a sinistra però, quella dell’ex numero uno di via Roma. Che intanto spariglia le carte! redpol

La coda velenosa del dopo elezioni provinciali nella tormentata area di sinistra

D’Ascanio si annuncia alle regionali con i panni e la strategia di De Magistris Chi lo aveva dato o pensa di poterlo dare “out” dalla politica attiva è destinato a ricredersi, e a disporsi a fare ancora i conti (elettorali) con Nicola D’Ascanio, il presidente dell’amministrazione provinciale di Campobasso 2006-2001, detronizzato dalla sinistra cui, peraltro, ha confermato di essere e sentirsi figlio di primo letto e poco affine ai parvenu delle ultime generazioni. Una sinistra che della ortodossia ideologica vuole tenere in vita i cardini che la rendono una forza di costante rinnovamento sociale, capace di interpretare il cambiamento e di assecondare, nella giustizia e nella libertà, il progresso civile, economico e culturale della collettività. Messo fuori dai giochi elettorali del 15 e 16 maggio, la cui analisi del voto gli ha consentito di sbeffeggiare gli ipocriti e gli infingardi, di deridere e compatire gli inetti, è rientrato nel circolo mediatico annunciando che sarà presente alla competizione per il rinnovo del consiglio regionale a capo di una compagine di uomini che, come lui, intendono battersi e competere per mettere alle corde il centrodestra. Anzi, s’è detto sicuro di vincere. Nel commentare il risultato delle elezioni pro-

vinciali ha fatto uso, largo e impietoso, del bastone (col quale ha colpito sostanzialmente l’establishment che detiene le redini del Pd e consente ingressi e fughe in avanti a gente senza pedigree, e potentati ad uso personale), ma anche della carota (nuovo appello all’unità, a ritrovare una piattaforma comune su cui agire e interagire alla ricerca dei punti di contatto tra le varie anime della sinistra sfibrate dalla fin qui inutile speranza di abbattere, sparpagliati, il moloch Michele Iorio). Vorrà provarci lui a fare da collante, per nulla intimorito dalla sequenza delle sconfitte rimediate dal centrosinistra nell’ultimo decennio. Gli danno speranza le chiazze elettorali di Montenero di Bisaccia, Termoli, Agnone e Campobasso da lui viste e interpretate come segnale di un cedimento del blocco elettorale del centrodestra. Ha rivendicato a sé il merito di avere amministrato nel solco della legalità, del rispetto delle regole, e di averlo fatto fino all’ultimo giorno utile (ha chiuso con la stabilizzazione di 20 lavoratori socialmente utili all’Ufficio del lavoro e una nuova opposizione al progetto di trivellazione del fondo marino di fronte a Termoli). Nono-

stante abbia alluso pesantemente al deperimento elettorale dell’Italia dei Valori, ha lasciato intendere che solo la candidatura di Di Pietro in funzione anti-Iorio giustificherebbe la rinuncia alle primarie e un a suo passo indietro. Ai più, dalle parole di D’Ascanio è parsa trasparire una sottesa ammirazione per De Magistris di cui, presumibilmente, vuole cogliere la strategia politica e adattare a sé la forza di una proposizione politica liberata dai lacci delle convenienze personali, dei trucchi e degli accordi dei tavoli istituzionali. Tutto il discorso è sembrato improntato infatti a sparigliare le carte e a denunciare il respiro corto di chi le sta distribuendo. Un D’Ascanio per taluni aspetti inedito, mai visto prima, e mai percepito in chiave leaderistica al punto di proporsi unico vulnus possibile del fronte del centrodestra in difficoltà. Sarà. Ma l’unica cosa di cui può dirsi certo è la volontà di non mancare all’appuntamento elettorale di novembre. Come e con chi, si vedrà. A.Cu.

Luigi De Magistris


REGIONE Sì su acqua e nucleare, nì sul legittimo impedimento Le indicazioni dei Popolari liberali sui referendum del 12 e 13 giugno Di Giandomenico: invito i nostri iscritti a recarsi alle urne per esercitare un diritto fondamentale TERMOLI – Anche i Popolari liberali prendono posizione sui referendum del 12 e 13 giugno. Due sì (acqua e nucleare) e un ‘fate come vi pare’ sull’abolizione del legittimo impedimento, sono le indicazioni emerse dall’ultima assemblea in cui è stato deliberato quanto segue: “L’art. 48 della Costituzione considera il voto non solo come un dovere civico, ma soprattutto come un diritto. Il referendum abrogativo è un importante strumento di democrazia diretta, attraverso il quale i cittadini possono far conoscere a chi li rappresenta la propria opinione in merito a leggi esistenti. Indipendentemente dal contenuto dei referendum, la prima indicazione emersa è pertanto quella di esercitare il diritto di voto recandosi alle urne. Considerando poi che i quesiti oggetto del referendum sono molto sensibili, vicini a tutti noi e possono condizionare il futuro dei nostri figli e delle prossime generazioni, questa consultazione assume un'importanza ancora maggiore”. L’assemblea è poi entrata nel merito dei contenuti dei quesiti referendari: in merito a quello

sulla privatizzazione dell’acqua l’assemblea ha evidenziato che in Italia la distribuzione delle risorse idriche agevola alcune regioni a discapito di altre. Un esempio è il Molise dove vi è un’altissima percentuale di dispersione e dove frequentemente si registrano emergenze, soprattutto nella Provincia di Campobasso o la vicina Puglia

dove i costi di gestione per il reperimento di risorse idriche da altri territori sono molto alti. Pur comprendendo che lo Stato non dispone delle risorse necessarie per ammodernare la rete e preferisce lasciare questo onere ai privati, si fa notare che vi è un fondato rischio che chi detiene la gestione della rete di distribuzione (tubature e trasporto) di

fatto ne deterrà anche la proprietà applicando le tariffe che riterrà opportune a discapito dei cittadini soprattutto delle regioni più sfortunate come la no-

stra. I Popolari liberali pertanto decidono di dare indicazioni per il Sì. In merito al referendum sul nucleare pur considerando la presenza di centrali nelle nazioni vicine all'Italia, pur considerando la dipendenza del nostro paese dall'approvvigionamento di fonti energetiche dall'estero ed il conseguente maggior costo in bolletta per cittadini ed imprese, pur considerando la maggior sicurezza delle centrali nucleari di nuova generazione, ritiene che proprio il tema della sicurezza, come dimostra il recente esempio del Giappone, sia ancora irrisolto e che la certezza assoluta che le centrali nucleari siano sicure, anche dall'eventualità di agenti esterni (terremoti, maremoti, alluvioni ecc), non è ancora possibile darla. E' per questo motivo che l'assemblea ha deciso di dare indicazioni per il Sì. In merito al referendum sul legittimo impedimento i Popolari liberali decidono di lasciare libertà di voto.

Atomo in Molise? Di Giuseppe: fatevi sentire al referendum

Anita Di Giuseeppe

4 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

CAMPOBASSO - “I cittadini italiani sono contrari al nucleare in Italia e alla costruzione di nuove centrali. La catastrofe di Fukushima ha mostrato con brutale chiarezza che il nucleare porta con sé rischi altissimi.” E’ quanto dichiarato dalla parlamentare molisana dell’Idv Anita Di Giuseppe a margine della discussione sull’inserimento della deroga al nucleare all’interno del decreto Sviluppo. “Il nucleare non è mai davvero sicuro, né per l’ambiente, a causa dello smaltimento delle scorie e della radioattività delle componenti, né tantomeno per la salute dei cittadini. Dire sì alla costruzione di nuove centrali vuol dire mettere in pericolo le generazioni future, condannandole alla dipendenza dall’atomo. Dal governo, c’è chi obietta che se una centrale tedesca o francese dovesse subire dei danni o esplodere, le conseguenze si ripercuoterebbero in Italia con effetti analoghi. A queste dichiara-

zioni così banali e qualunquiste, basta rispondere con l’evidenza e la tragicità degli eventi scatenati dal disastro giapponese. La Germania infatti, come ha dichiarato la cancelliera Merkel, provvederà a smantellare le centrali presenti sul territorio, con inevitabili costi di abbattimento e di stoccaggio dei materiali nocivi e con gravi ripercussioni sugli approvvigionamenti energetici. Consegnare all’atomo il destino del nostro settore energetico non è una scelta saggia. Inoltre la produzione di energia elettrica da fonte nucleare inciderebbe soltanto per un’infima percentuale sul fabbisogno totale del Paese, quindi è chiaro e manifesto come il gioco non valga la candela, sotto ogni punto di vista. La nostra Regione era stata individuata come possibile sito per una centrale. Vista la chiarezza con cui i cittadini sardi si sono espressi riguardo al nucleare, non possiamo che confidare nel raggiungimento del quorum nei referendum del 12 e 13 giugno

prossimi, con i quali finalmente ogni cittadino avrà facoltà di esprimere il proprio no all’atomo in Italia. L’impegno dell’Italia dei valori nella raccolta delle firme in ogni regione, provincia e finanche piccolo comune montano, ha dato i suoi frutti. Il disonorevole dietrofront del Governo, mascherato nel decreto Sviluppo, non sortirà effetti, così come non ne produrrà il dispiegamento delle elezioni nei mesi di maggio e giugno. I cittadini andranno a votare ogni volta che sarà necessario, per dire sì all’abrogazione delle norme sulla privatizzazione e tassazione dell’acqua, per impedire la costruzione di centrali nucleari e per gridare a gran voce che sì, la legge deve essere sempre uguale per tutti. Il momento referendario ha un’importanza storica, è un istituto di democrazia diretta con un grande impatto, ed è l’occasione che non dobbiamo mancare per mettere un freno alle scelleratezze operate da questa maggioranza”.

Libano, la Russa: “Subito in 600 a casa”

Governo, il sottosegretario Melchiorre si dimette

ROMA – Nessuna intenzione “di abbandonare unilateralmente il Libano, ma 1.780 soldati impegnati nella missione sono troppi”. Dopo l’attentato che ha ferito sei caschi blu italiani a sud di Beirut, il ministro della Difesa, La Russa, spiega in un’intervista a Repubblica che “non avendo più il comando della missione” occorre “scendere a 1.100 uomini al più presto”.

ROMA – Con una lettera a Silvio Berlusconi, il sottosegretario allo Sviluppo economico, Daniela Melchiorre, presidente dei Liberaldemocratici, ha rassegnato le proprie dimissioni. La deputata ricorda di non aver ancora preso “effettivo possesso” dell’incarico, e che non intende più farlo “dopo le incredibili esternazioni del premier contro i magistrati all’incredulo Obama”.


REGIONE Le norme per l'esercizio del turismo rurale in discussione al Consiglio regionale

Prima occasione per De Matteis che mette a frutto passato e presente Firmatario, con i colleghi consiglieri regionali Di Pasquale, De Camillis, Muccilli e Gentile della proposta di legge numero 69 concernente “"Norme per l'esercizio del turismo rurale in Molise", iscritta al primo punto dell’ordine del giorno del consiglio regionale del 24 maggio, Rosario De Matteis, neoeletto presidente dell’amministrazione provinciale, si può giustamente fregiare della circostanza di essere e sentirsi doppiamente soddisfatto dell’iniziativa. Quale consigliere regionale, per aver affrontato e proposto sul piano legislativo un argomento che sul territorio molisano sviluppa situazioni e condizioni di grande interesse (il turismo rurale è una voce importante nell’agenda amministrativa del Molise); quale presidente della Provincia per poterne mettere a frutto i contenuti. Una felice combinazione che apre con ottimi auspici il suo nuovo impegno amministrativo, dandogli la possibilità di integrare con immediatezza la sensibilità di legislatore con l’altrettanta provata abilità di amministratore locale. Non va dimenticato, infatti, che De Matteis è stato sindaco di San Giuliano del Sannio e amministratore della Comunità montana di Boiano. Del territorio di cui ha preso le redini, confortato dal largo successo riportato alle urne il 15 e 16 maggio con la casacca politica del Polo delle Libertà, conosce a menadito pregi e difetti, valori e disvalori, vantaggi e svantaggi. Ciò gli consente di muoversi con cognizione di causa e, quindi, di assumere decisioni sistematicamente corrispondenti alle necessità del caso. Per ciò che concerne lo sviluppo del turismo integrato gli viene offerta l’occasione di partire celermente e su un terreno in cui la Provincia detiene gli strumenti statutari e istituzionali per muoversi, quantunque finora non sia stato sfruttato per quanto offre e per quanto può. Il Molise agricolo e quello cosiddetto turistico, intendendo per tale il sistema tradizionale dell’accoglienza che fa perno sulla ricettività alberghiera e sui pacchetti turistici ad essa collegata (turismo balneare, turismo sociale, turismo scolastico, turismo culturale eccetera), devono incrociarsi, trovare il modo intelligente per tirare fuori il meglio delle rispettive qualità che sono notevoli, precipue, spesso

La combinazione temporale sembra fatta apposta per consentirgli di iniziare il mandato con un colpo a sorpresa singolari. Il mondo rurale molisano ha tutto (ambiente, strutture aziendali, cultura dell’accoglienza) per essere vissuto ed apprezzato dal turista che si muove per conoscere nuove realtà e trovare nuovi stimoli da aggiungere a quelli che solitamente vive. La campagna è anche altro, ovvero paesaggio, salubrità ambientale, e spesso anche luogo di interesse storico-artistico. Unitamente all’offerta di ospitalità nei locali aziendali e/o in spazi aperti, il turismo rurale si lascia preferire per la possibilità di una ristorazione che fa capo unicamente ai prodotti e alla tipicità dei piatti regionali. Inoltre, sono partico-

larmente gradite ed apprezzate le attività ricreative, l’uso del tempo libero collegati al contesto ambientale e paesaggistico in cui si trova l’azienda rurale. Tutto ciò dà un sostanziale contributo all’economia familiare dell’operatore agricolo e una ulteriore spinta al movimento turistico in entrata. Siamo di fronte ad un’alternativa che ha solo bisogno di essere sostenuta (e la proposta di legge va in quella direzione), pubblicizzata e organizzata. In questi spazi operativi la Provincia ha tutto (esperienza, professionalità, struttura tecnica e amministrativa) per pilotare interventi, progetti e iniziative spe-

cifiche. E un presidente particolarmente attrezzato per essere stato assessore regionale del comprato, nonché un asserito conoscitore delle questioni della ruralità. La combinazione temporale (proposta di legge ed elezione presidenziale che lo vedono protagonista) sembra

fatta apposta per con sentirgli di iniziare il mandato con un colpo a sorpresa, vale adire diversamente dal prendere in esame un tratto di strada provinciale, la messa in sicurezza di un istituto superiore scolastico, un’ordinanza di tutela ambientale. Dardo

La rilevazione di Datagiovani comprende la fascia di età dai 15 ai 24 anni

Contribuenti 2009, in Molise è giovane solo lo 0,4% CAMPOBASSO – Il giovani contribuenti molisani (15-24 anni) sono solo lo 0,4% del totale generale (7.369) in riferimento all’anno 2009. La diminuzione è stata, invece, del 12,8% dal 2008 al 2009 rispetto al -1,1% del totale. La rilevazione è di Datagiovani che radiografa le dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche dai 15 ai 24 anni per gli anni di imposta 2008 e 2009. A livello nazionale, i giovani contribuenti sono diminuiti del 10% dal 2008 al 2009, pari a circa 209 mila unità, contro appena il -0,7% delle dichiarazioni totali. Nel 2009 i contribuenti dai 15 ai 24 anni sono stati circa un milione e 784, pari al 4,3% dei contribuenti italiani totali, concentrati soprattutto nel Sud e nelle Isole (32%), ed in particolare in Campania (7,7%), Puglia (7,5%) e Sicilia (7,4%). La regione in cui in assoluto si contano più giovani contribuenti è pero la Lombardia (16,8% dei giovani totali, oltre 300 mila) seguita a distanza da Veneto (9,7%) e Lazio (8%). La regione in cui i contribuenti giovani incidono di più rispetto al totale dei contribuenti è il Trentino Alto Adige (7,8%). In tutte le regioni italiane la dinamica dei contribuenti giovani è stata di flessione più marcata rispetto ai contribuenti nel complesso, soprattutto nel Nord Italia. Solo Valle d’Aosta, Liguria e Trentino Alto Adige, infatti, hanno registrato diminuzioni inferiori alla media. Il dato più negativo è

quello del Friuli Venezia Giulia (-13,1%). Ma esaminando le classi di reddito dei giovani nel 2009, si nota come essi siano estremamente concentrati nelle fasce di importi più esigui: ben il 70% dei giovani ha dichiarato un reddito inferiore ai 10 mila euro (l’80% nel caso dei giovani del sud), e solo nel nord Italia si conta una proporzione consistente di ragazzi che può vantare un reddito tra i 15 ed i 26 mila euro: sono infatti quasi il 20% del totale. L’84,5% dei redditi dichiarati dai giovani sono da lavoro dipendente o assimilato, ragion per cui la media reddituale di 7.273 euro si avvicina molto a quella complessiva. Nel Nordest si conta una percentuale di lavoratori dipendenti più elevata delle altre ripartizioni (quasi il 90%). L’altra tipologia di reddito più frequente nelle dichiarazioni dei redditi dei giovani è quella da fabbricati (4,4%), che però registra dei valori medi decisamente più esigui (1.932 euro, ma si può arrivare anche quasi a 2.500 euro nel Centro Italia, dove rappresentano il 5,2% delle tipologie reddituali). I redditi da partecipazione in società ed imprese familiari o coniugali rappresentano il 2,5% dei dichiaranti, così come quelli derivanti da pensioni di reversibilità, sebbene gli importi medi siano decisamente differenti: 10.235 euro per i primi, 4.199 per i secondi.


CAMPOBASSO Dissesto stradale: priorità assoluta Reperiti i fondi per la messa in sicurezza, è necessario intervenire con tempestività Nelle scorse settimane era giunta una notizia preziosa per gli automobilisti del capoluogo. Dai corridoi di palazzo San Giorgio si era infatti annunciato in pompa magna l’arrivo dei fondi necessari agli interventi di messa in sicurezza delle maggiori arterie cittadine: una novità salutata con soddisfazione, e con un grosso sospiro di sollievo, da parte della comunità. Quasi come una sorta di ricorrenza dal sapore biblico. E di vera e propria ricorrenza, in effetti, si tratterebbe. Perché l’attuazione di un piano interventuale che ripristini condizioni di percorrenza quantomeno accettabili rappresenterebbe davvero qualcosa di eccezionale, viste le precarie condizioni del manto stradale e l’estenuante attesa di lavori di ‘bonifica’. Buche, avvallamenti, fossi e tombini sollevati sembrano purtroppo esser

diventati un’infelice costante con cui i cittadini hanno, loro malgrado, imparato a convivere. Nei percorsi urbani, quanto lungo quelli periferici, il dissesto rappresenta un potenziale pericolo non solo per vetture e sospensioni, ma soprattutto per i conducenti. E se a ciò si aggiunge l’eccessiva altezza di molti dossi artificiali, anche in concomitanza con attraversamenti pedonali, se ne ricava un quadro generale abbastanza allarmante, in cui in serio rischio non ci sono soltanto le vetture, ma anche e soprattutto l’incolumità di chi le guida. Ecco perché, in quest’ottica, sarebbe opportuno che ai lavori in questione venisse assegnata una certa priorità. Una missione non certo semplice, per tempi e operazioni, ma che l’amministrazione comunale è chiamata a compiere in tempi brevi.

Da ‘rivedere’, poi, anche lo stato in cui versano alcuni marciapiedi del capoluogo, la cui percorribilità è fortemente limitata da mattonelle saltate, crepe e banchine franate che spesso costringono gli utenti a camminare addirittura ai margini della strada. La situazione, dunque, non è certo

esaltante ed è chiaro che i lavori di manutenzione sono ormai divenuti un’esigenza non più trascurabile.

Campobasso in fiera si sposta in centro Ancora un successo per Campobasso in Fiera. Ieri, la manifestazione organizzata da Confesercenti intorno il nuovo stadio Romagnoli del capoluogo, ha catalizzato il grande interesse di visitatori ed operatori. Questi ultimi hanno offerto al pubblico la migliore selezione nell’abbigliamento, nell’agroalimentare tipico, attrezzature per l’agricoltura, casalinghi e tessuti, artigianato e arredo. “In questi due anni ci siamo impegnati con grande costanza e determinazione, anche quando le condizioni atmosferiche non hanno agevolato il nostro lavoro - dichiara il presidente della Confesercenti

provinciale Pasquale Oriente – ma tanto impegno è stato premiato dai visitatori che ogni volta raggiungono la fiera dalla città e da molti paesi limitrofi. Quello che stiamo constatando è che Campobasso in Fiera è molto gradita dalle famiglie e di questo siamo lieti perché il nostro intento è sempre stato quello di fornire un servizio utile a tutti e di creare nuova linfa per la città”. Campobasso in fiera è pronta per una ulteriore evoluzione e da giugno si sposta nel centro della città. Il prossimo appuntamento è infatti per domenica 19 nell’area del vecchio Stadio Romagnoli.

Bojano, reperti storici imbrattati dai vandali Ancora un altro episodio di degrado ed incuria sul territorio locale. A far notizia, stavolta, è il piccolo comune di Bojano, dove una parte importante dei reperti storici che avrebbero dovuto esser raccolti in un apposito centro culturale è ormai diventata preda dei vandali. Bassorilievi, capitelli e altri preziosi ritrovamenti sono stati infatti imbrattati con scritte e graffiti: un destino certamente ignobile per reperti di simile valore storico.

7 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011


CAMPOBASSO Tragico incidente sul lavoro, ieri pomeriggio, in agro di Riccia Una giornata di lavoro nei campi, come tante altre. Poi un imprevisto e, in un attimo, la routine diventa tragedia. Ieri pomeriggio, attorno alle 17, un 63enne è rimasto schiacciato dal proprio trattore mentre era affaccendato nell’appezzamento di terreno che era solito coltivare, nei pressi di contrada Valle finocchio, nel riccese. Franco Di Maria ha perso il controllo del veicolo agricolo, che si è successivamente ribaltato senza lasciargli scampo: con ogni probabilità, l’uomo è morto sul colpo subito dopo l’impatto con il mezzo.

Si ribalta con il trattore, 63enne muore nei campi Ancora in via d’accertamento le cause dell’incidente, costato la vita all’agricoltore, anche se non si esclude che a facilitare il sinistro possa essere stato il terreno impervio e scosceso. E’stato il figlio della vittima ad allertare i soccorsi

dopo aver ritrovato il corpo del padre nei campi, ma l’intervento dei sanitari ha potuto constatare solamente l’avvenuto decesso del malcapitato. Sul luogo dell’incidente anche i carabinieri della stazione di Riccia.

Giornata del sollievo, visite gratuite alla Cattolica Chiedi, conosci, curati, combatti il dolore “inutile”’: è questo lo slogan della “Decima Giornata Nazionale del Sollievo” che si svolgerà oggi e a cui partecipano anche gli ospedali italiani “a misura di donna”, premiati con i “Bollini Rosa” dell’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (On.Da). Il centro di Ricerche e Formazione ad alta tecnologia nelle scienze biomediche “Giovanni Paolo II” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Campobasso, diretto dal professor Savino Cannone, è stato riconosciuto dall’osservatorio Onda “Ospedale a misura di donna”, con il massimo punteggio 3 bollini rosa. La Giornata del Sollievo ha l’obiettivo di sensibilizzare la comunità all’umanizzazione della sofferenza, perché il fratello sofferente non sia lasciato solo, ma ci sia sempre qualcuno disponibile “ad asciugare le sue lacrime”. L’università Cattolica di Campobasso propone diverse iniziative, coordinate dal Dirigente

A Ti racconto un libro ospite Campanella con ‘Il mio Liszt” E’ Michele Campanella il prossimo ospite di “Ti racconto un libro”. Nella sala Alphaville, in via Muricchio a Campobasso, a partire dalle 18e30, il pianista offrirà la sua interpretazione di Franz Liszt, musicista dall’indiscussa fame con talento compositivo fuori dal comune. Nel libro ‘Il mio Liszt. Considerazioni di un interprete’, edito da Bompiani, l’autore offre una nuova immagine del pianista ungherese, attraverso un discorso metodologico sugli aspetti tecnici necessari a un’adeguata interpretazione dei testi, sviluppando un percorso musicale che è anche un racconto biografico. Campanella inizia il suo studio ponendosi alcune domande che sembrano tutte animate da un forte desiderio di restituire al

compositore un posto nella storia degno della sua importanza, nel tentativo, pienamente riuscito, di rendere giustizia ad una figura controversa del panorama musicale internazionale. Trionfante virtuoso e frequentatore dell’alta società, Liszt termina i suoi anni chiuso nella riservatezza dell’asceta e nella sperimentazione di nuovi linguaggi musicali. Al pubblico di Ti racconto un libro, nell’ambito del ciclo ‘Libri pensanti approfondimenti su letteratura, musica filosofia e scienza’, Campanella racconterà una storia tutta da riscoprire attraverso pagine che suonano come un omaggio incondizionato al compositore da lui amato e studiato tutta una vita.

amministrativo, Antonio d’Aimmo: dalle 9 alle 12e30, questa mattina, ambulatorio aperto di medicina del dolore. Gli specialisti del Dipartimento di anestesia terapia intensiva e medicina del dolore, diretto dal professor Marco Rossi, visiteranno gratuitamente, senza necessità di prenotazione, tutte le persone che richiederanno un consulto di tipo algologico per situazioni sia di dolore di recente insorgenza che di tipo cronico. Inoltre, ambulatorio aperto di chirurgia oncologica: sempre dalle 9 alle 12e30 gli specialisti dell’Unità operativa di chirurgia oncologica offriranno un consulto gratuito a chiunque ne faccia richiesta. In questo caso è necessario prenotarsi al numero: 0874.312.485/486. I consulti medici e le visite verranno effettuati al poliambulatorio (primo piano).

Cuccioli cercano casa

Sei meravigliosi cuccioli cercano casa. Hanno due mesi di vita e sono nati dall’amore tra un pastore tedesco, Edda, e un pitbull, Zeus. Docili e giocherelloni, cercano padroni in grado di ricambiare tutto l’amore di cui sono capaci. Per coloro che fossero interessati all’adozione, è possibile contattare il numero 329/6890505.

9 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

La Ricetta Agnello al cartoccio 1 kg di cosciotto di agnello una cipolla 2 carote 3 pomodori maturi 400 g di patate 100 g di piselli sgusciati

un ciuffo di prezzemolo ½ dl di olio extravergine di oliva grani di pepe bianco, a piacere q. b. di sale

Scaldate l’olio in una larga casseruola e fatevi rosolare i pezzi di carne tagliati a pezzi piccoli e regolari, aggiungete il sale necessario e una spolverata di pepe. Mescolate la carne, toglietela dal condimento e tenetela in caldo. Affettate la cipolla a rondelle sottili e fatela rosolare nell’olio della carne; aggiungete le carote tagliate a fette e i pomodori pelati e sfilettati. Insaporite di sale e di pepe, fate cuocere per una decina di minuti, quindi mettete nuovamente la carne nella casseruola e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti, aggiungendo un po’ di acqua se è necessario. Intanto, pelate lavate e affettate le patate a rondelle dello spessore di mezzo centimetro, mettetele in una ciotola insieme ai piselli e condite con un filo di olio, un pizzico di sale e una spolverata di pepe. Tagliate la carta forno in quattro rettangoli piuttosto grossi: su ognuno disponete uno strato di patate e piselli e alcuni pezzi di carne con un po’ di sughetto e un trito finissimo di prezzemolo. Chiudete molto bene i cartocci, metteteli in una teglia con un po’ d’acqua e fate cuocere in forno preriscaldato per circa 40 minuti, a 200°. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno MANZONI Via Manzoni Alessandro, 89 Tel. 0874.97070 GRIMALDI (di appoggio) Via Marconi Guglielmo, 3/5 Tel. 0874.311259

Farmacia di turno

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno TRABOCCHI - Via Tevere, 17 - Tel. 0875.705030 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

10 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:04 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:13 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:11 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35 - 6,15 (festivo) - 6,30 - 7,00 - 7,45 8,05 (anche festivo) - 11,00 (anche festivo) - 12,35 (anche festivo) - 13,45 - 14,10 (anche festivo) - 14,15 - 16,10 - 17,10 (festivo) 17,20 - 18,05 - 19,55 - 20,35 (anche festivo) TERMOLI-CAMPOBASSO 6,10 (anche festivo) - 6,40 - 6,50 - 7,45 8,15 - 8,30 (festivo) - 10,00 - 12,40 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) - 14,10 - 16,05 (anche festivo) - 16,20 - 17,10 - 18,40 (anche festivo) - 19,25 - 20,00 - 21,35 (festivo) 22,10 (anche festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 6.30 7.40 9.10 8.05 (anche festivo) 9.15 10.45 14.15 15.25 16.55 17.10 (festivo) 18.20 19.50 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 11.10 12.40 13.50 14.35 (anche festivo) 16.05 17.15 18.30 20.00 21.10 20.05 (festivo) 21.35 22.45 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

A D N E G A

20 feb - 20 mar

Ariete - Non ci sono motivazioni valide in questa giornata per evitare delle discussioni con i vostri genitori o con il partner, in quanto se una cosa va risolta al più presto è bene che si inizi in qualche modo da subito. Avete già riscontrato più di un problema e non si capisce perché vogliate allungare l’inevitabile se non per paura! Toro - Il vostro carattere vi porta ogni tanto a riflessioni troppo serie e cupe su situazioni che sono perfettamente normali e che gli altri si lascerebbero semplicemente scivolare addosso. Ma voi non ne lasciate cadere una, quindi in questa giornata vi toccherà sviscerare a fondo molti discorsi se vorrete venire a galla dell’enigma! Gemelli - Avete ancora qualche sassolino nella scarpa da togliere con i vostri colleghi, quindi non ci sarà nulla di male in questa giornata prendere la palla al balzo e rivalervi su di loro con la vostra scaltrezza. Se vi hanno offeso o ferito non dovrete fare altrettanto, ma usando la vostra dialettica riuscirete a colpire a fondo e far comprendere l’errore! Cancro - La vostra sensibilità a volte non vi permette di esprimervi nel modo in cui vorreste, ma altre volte vi dimostrate proprio svogliati e prendete a giustificazione questa vostra timidezza d’animo. Non oggi! Oggi non potete esimervi dal manifestare ad una persona il vostro amore, il vostro risentimento o qualsiasi altra sensazione proviate nel cuore! Leone - In questa giornata tutto ciò che vi circonda potrebbe essere utile per avere degli spunti per nuove idee, sia per la vostra vita privata che professionale, dalle cose più semplici come cambiare una tenda a questioni più importanti come iniziare un nuovo progetto o decidere di coinvolgere il partner nei propri sentimenti. Tutte queste opzioni sono degne di attenzione!

Vergine - La giornata di oggi vi sarà utile per risalire la china e per trovare una nuova armonia con le persone che vi circondano e che ultimamente vi hanno creato dei piccoli problemi. Ne avete risentito anche troppo internamente ed il vostro affetto si è fatto freddo, ma ora siete di nuovo aperti ad amare ed essere amati! Bilancia - Se non avete niente di meglio da fare in questa giornata, potreste dedicarvi a progetti di vita futuri che vi siete sempre riproposti di organizzare, ma ai quali non avete mai degnato un pensiero serio. Oggi dovrete farlo, anche perché qualcuno vi spingerà verso questa direzione e voi ne resterete talmente colpiti che ubbidirete a testa bassa! Scorpione - Se non avete trovato ancora la vostra anima gemella, perché credete di trovarla proprio oggi? Nonostante tutto sia possibile nella vita, non dovete contare troppo su uno sguardo o su una sensazione, poiché le persone bisogna conoscerle a fondo prima di poterle apprezzare. Forse se siete single è perché puntate tutto e subito senza riflettere abbastanza!

Sagittario - Non avendo troppe pretese si vive benissimo ed è quello che dovreste fare quest’oggi quando e se vi accorgerete che non è proprio aria per realizzare i vostri progetti, nonostante siate già a buon punto. Capitano ogni tanto questi intoppi, ma restare fermi per un attimo non vi farà male anzi, vi aiuterà a pensare ancora meglio. Capricorno - Vi siete ripresi da una scottatura sul lavoro o in ambito privato, comunque quest’oggi per voi sarà solare e splendente anche se dovesse piovere. Avrete quindi la magra consolazione del vostro sorriso lucente, che per chi vi sta accanto sarà più di una giornata d’estate! Insomma, avete in questo momento la possibilità di essere in pace!

Acquario - Se vi state agitando per un evento che dovrà accadere nei prossimi giorni, forse è meglio fare il punto della situazione piuttosto che non sapere dove sbattere la testa soltanto perché il vostro cuore non riesce a rallentare. Un lungo respiro avrà degli effetti benefici, mentre il nervosismo non vi sarà affatto utile! Pesci - Se avete in programma una scampagnata, vi accorgerete ben presto di quanto questa sia fuori luogo in questa giornata. E’ vero che lo svago è importante ma quando poi vi prendete troppe pause, anche da voi stessi, correte il rischio di non ritrovarvi facilmente! Questo giro di parole per dirvi che dovreste impegnarvi di più!


ANNO IV - N° 123 - DOMENICA 29 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO AFELICEANTONIODISCHIAVI

Anche lui, insieme al prefetto facente funzioni Caterina Valente, al senatore Ulisse Di Giacomo e al consigliere comunale e presidente del comitato, Enzo Pontarelli, ha contribuito a suon di comunicati stampa alla rimozione dell’autovelox sulla Statale 17, nei pressi del bivio di Cantalupo. Ed oggi il tenente in pensione dei Vigili Urbani isernini, nonché segretario regionale del sindacato Fiadel-Csa, può esultare. Ma Di Schiavi ormai lo conosciamo bene, non si ferma mai. Lui guarda sempre avanti. Per questo motivo sta già pensando al possibile ricorso che il Comune ha annunciato di presentare davanti ai giudici del Tar Molise. Per il sindacalista una scelta sbagliata quella dei vertici del Municipio, in quanto l’autovelox sul quel tratto di strada è completamente inutile.

IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHEOLOGICI

Non ha usato mezzi termini Emilio Izzo per descrivere quello che sta accadendo al Paleolitico di Isernia. Secondo il segretario della Uil Bac Molise la Soprintendenza ai Beni Archeologici starebbe di nuovo tentando di far lievitare i costi di ultimazione dell’opera. Per Izzo, infatti, la Soprintendenza, di concerto con l’Università di Ferrara avrebbe preventivato un costo di circa 100mila euro per installare il palesuolo. Tanti, anzi troppi, secondo Izzo, secondo il quale l’impresa che attualmente sta realizzando i lavori avrebbe dato la disponibilità a realizzare il paleosuolo ad un prezzo che si aggira attorno ai 30mila euro. Una differenza di settantamila euro rispetto alla cifra preventivata dalla Soprintendenza.

OSPEDALE, LA REGIONE C’E’ IL CITTADINO NO ISERNIA

ATTUALITÀ

L’APPUNTAMENTO

Paleolitico, Quasi ultimati i lavori ai primi due lotti

Call center I dipendenti esclusi sono sul piede di guerra

L’azienda San Nazzaro partecipa alla manifestazione Cantine aperte

A PAG. 14

A PAG. 16

A PAG. 15

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Paleolitico, Izzo mette in guardia “Vogliono far lievitare i costi” Il segretario UilBac fa il punto della situazione sui lavori al sito archeologico

ISERNIA – In dirittura d’arrivo i lavori del primo e del secondo lotto del sito archeologico la Pineta. E finalmente dopo trent’anni di attesa e oltre trenta miliardi delle vecchie lire spesi inutilmente (o quasi) a breve ci sarà una parziale apertura del Paleolitico, al momento fruibile anche se si tratta sempre di un cantiere aperto. Merito soprattutto di Emilio Izzo, segretario regionale della Uilbac Molise e del Rotary

Club, il primo in qualità di supervisore ha seguito costantemente i lavori d’ultimazione, la sezione isernina dell’associazione, insieme all’Ineer Wheel, invece, per essersi battuta affinché la Regione stanziasse al Comune un finanziamento di 100mila euro per completare almeno i lavori più urgenti. Ed in poco più di due mesi ecco il miracolo: gran parte di quello che non era stato fatto in trent’anni è stato realizzato in

tempi record. La zona dove dovrà essere installato il paleosuolo e l’area dello scavo sono stati interessati da diversi interventi. Praticamente ultimata anche la pavimentazione. Non appena verrà ricostruito il paleo suolo, parte della struttura potrà essere fruibile. Il tutto, dunque, dovrebbe essere completato entro il 30 giugno. Anche se Emilio Izzo è tornato a parlare dell’ormai solita lievitazione dei costi, di certo non una novità quando ci si trova dinanzi ad opere pubbliche. Secondo il segretario della Uilbac, infatti, l’Università di Ferrara, di concordo con la Soprintendenza ai beni archeologici, avrebbero stimato il costo del lavoro attorno ai 100mila euro. Troppi per Emilio Izzo. Anche perché l’impresa che attualmente sta realizzando i lavori ha già annunciato di poter installare anche il paleosuolo per una cifra che si aggira intorno ai 30mila euro. Settantamila in meno. In fase di stallo, invece, i lavori al terzo lotto, ovvero nella

Autovelox di Cantalupo Per Di Schiavi il Comune non deve fare ricorso al Tribunale Amministrativo

14 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

struttura dove dovrebbe sorgere il museo vero e proprio con tanto di ricostruzioni in scala reale di ambienti e di animali preistorici. Struttura per la quale la Regione ha già stanziato 500mila euro. Ma i tempi burocratici sembrano ancora lunghi. A tal proposito Enzo Di Luozzo, presidente

“ISERNIA - “Si apprende dalla stampa che il Comune di Cantalupo nel Sannio vuole fare ricorso al Tar avverso la decisione del Prefetto di Isernia Dott.ssa Caterina Valente di rimuovere l’autovelox. E’ davvero singolare che un Comune, voglia con la forza tenere installato l’autovelox su una strada di cui non ne è nemmeno proprietario, contro le decisioni di un Prefetto che è l’organo competente sul Codice della Strada, contro la volontà dei cittadini senza tenere conto che l’art. 11 comma 3° del Codice della Strada afferma testualmente “Ai servizi di polizia stradale provvede il Ministero dell’Interno, salve le attribuzioni dei comuni per quanto concerne i centri abitati”. Appare che quel Comune voglia continuare ad amministrare con i soldi dei malcapitati che per aver superato con auto di grossa cilindrata il bassissimo limite di 70 Km/h, hanno dovuto corrispondere fino ad oggi a quel comune grosse

provinciale del Rotary ha annunciato di volersi impegnare in prima persona, insieme a tutta l’associazione, nel continuare a sensibilizzare le istituzioni affinché il sito venga ultimato definitivamente. “E’ una risorsa indispensabile per lo sviluppo turistico del nostro territorio”, ha spiegato.

somme di denaro e con perdite di punti sulla patente. Ebbene, questo sindacato Fiadel/Csa ribadisce il suo no a quell’autovelox, esprime un plauso agli altri movimenti che pure sono scesi in campo e che giustamente si sono scagliati contro il Comune di Cantalupo nel Sannio per fargli smantellare quella “trappola”, ma non basta, perché ora dobbiamo pensare anche alla coraggiosa Dott.ssa Caterina Valente che si è preso le sue responsabilità per aver assunto la giustissima decisione. Dobbiamo sostenerla anche con manifestazioni di piazza se necessario e soprattutto dobbiamo chiedere al Ministero dell’Interno che la stessa possa rimanere al vertice della Prefettura pentra, perché siamo certi che continuerà a stare al fianco di tutti i cittadini e non solo di taluni”. Il Coordinatore Provinciale e Regionale CSA/FIADEL Feliciantonio Di Schiavi

Tuffi e scalate sulle Mainarde

Delegazione francese visita il Pnalm

L’Associazione “Campo Base Onlus” di Isernia, affiliata all’ Associazione Italiana Canyoning, nell’ambito del Raduno Equestre “Sante Scarselli e Nicola Pacitti della bellissima Forra di San Michele nell’agro di Castel San Vincenzo, organizza discese con corde, tuffi e salti nel fantastico scenario della fessura carsica delle Mainarde.

In questi giorni è in visita al Parco una Delegazione francese guidata dal Presidente della Federazione dei parchi e delle riserve naturali francesi e Vicepresidente della Regione PACA Jean Louis Joseph, molto interessata alle problematiche di amministrazione e gestione del Parco e in particolare a quelle relative alla presenza dei grandi carnivori.


ISERNIA L’azienda San Nazzaro apre le porte agli amanti del vino In scena oggi a Monteroduni la manifestazione“Cantine Aperte” MONTERODUNI - Una giornata da non perdere per i tantissimi amanti ed appassionati del buon vino. In scena oggi in tutta Italia la manifestazione Cantine Aperte 2011, organizzata dal Movimento Turismo Vino. I più rinomati produttori di vini apriranno le porte delle loro cantine, non solo per far conoscere le peculiarità delle loro aziende, ma anche per trascorrere una giornata all’insegna del divertimento, del buon cibo e ovviamente dell’ottimo vino. In provincia di Isernia l’unica ad aver preso parte alla manifestazione è l’azienda agricola San Nazzaro, ormai famosa in tutta il mondo per la bontà dei suoi prodotti. A testimonianza di ciò i tanti attestati e premi che sta ricevendo, l’ultimo ottenuto a Napoli proprio questa settimana. E oggi l’azienda di Monteroduni vuole festeggiare questi riconoscimenti con tutti coloro che faranno visita alle cantine. Sarà un’occasione unica per scoprire la bontà delle varie etichette. Il Sannazzaro, il Pentro, il Fannia, il Calidio ed ovviamente la Falanghina, tutti vini che è possibile trovare sulle tavole dei più importanti ristoranti europei. Una manifestazione aperta a tutti, dai giovani alle famiglie, nessuno escluso. La degustazione organizzata prevede tre tipi di menu differenti e a scelta dei partecipanti. Nel “Menu del Vignaiolo” si potrà assaporare la zuppa di farro all'olio extravergine di oliva, verdure in pinzimonio di olio extravergine di oliva, cristalli di sale e granuli di pepe, pecorino stagionato ( 8/10 mesi) con miele e marmellate, biscotti al vino. Il secondo menu prevede invece lessata di fagioli all'olio extravergine di oliva, ripassata di patate ai profumi dell'orto, pecorino stagionato (4/6 mesi) e fave, tarallo all'olio. Nel terzo sarà possibile degustare focaccia, soppressata, composta di verdure, olio extravergine d'oliva e un velo di caciocavallo. Naturalmente il tutto sarà accompagnato dai grandi vini della cantina San Nazzaro. Attenzioni puntate sul Pentro Doc che viene prodotto solo in 10 mila bottiglie e che ha riscosso al suo debutto sul mercato l’attenzione delle principali guide enologiche mondiali. L’ingresso senza degustazione è di 3 euro, mentre quello con degustazione è di 6 euro. In caso di pioggia la manifestazione si svolgerà regolarmente all’interno della cantina. La manifestazione, inoltre, prevede uno spettacolo di musica dal vivo con il gruppo “Kind Folk” (con contrabbasso, violino e voce), ed un’area completamente dedicata ai bambini, con giochi ed animatori. Gli adulti, invece, oltre alla degustazione potranno visitare le cantine, alla scoperta dei segreti di lavorazione di questi pregiati vini.

Roccaravindola, nasce un centro per i giovani

Restyling per le strade di Colli a Volturno

ROCCARAVINDOLA – Grazie a un’idea del capogruppo degli alpini del posto Fiorentino Castaldi e al contributo del consigliere provinciale Antonio Tedeschi, sta nascendo un centro di aggregazione sociale e di incontro, dove i giovani avranno modo di confrontarsi e di trascorrere ore in piacevole compagnia.

COLLI A VOLTURNO - Una delle ultime iniziative del sindaco uscente Arcaro e dell’amministrazione comunale di Colli è stata quella di provvedere al potenziamento della rete di illuminazione pubblica del paese. L’interevento principale, è stato attuato, lungo via IV Novembre dove da tempo i residenti chiedevano una illuminazione adeguata.

15 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011


ISERNIA Si è impegnata a “rivisitare” il piano e l’ospedale. Il comitato delle parole ancora fermo al palo

Agnone, il comitato dei fatti mette in riga la Mastrobuono

AGNONE. Niente pause. Il comitato dei fatti – l’alter ego di quello delle parole - continua a lavorare senza sosta per dare un futuro all’ospedale di Agnone. L’altra mattina i rappresentanti del Comitato Articolo 32 della cittadina altomolisana, Franco Di Nucci e Armando Sammartino, accompagnati da Franco Cianci e Simone Dal Pozzo – i due avvocati che hanno curato la stesura del ricorso al Tar Molise ottenendo, lo scorso 11 maggio, l’or-

dinanza di sospensione degli atti relativi al ridimensionamento delle attività dell’Ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone - sono stati convocati presso l’Assessorato regionale alla Salute dove hanno incontrato Isabella Mastrobuono, subcommissario alla Sanità della Regione Molise. “Nel corso dell’incontro – hanno fratto sapere Di Nucci e Sammartino - la Mastrobuono ha spiegato i criteri che hanno ispirato la riorganizzazione della Sanità

molisana che hanno riguardato anche l’ospedale San Francesco Caracciolo. I rappresentanti del Comitato e gli Avvocati, nel ribadire le ragioni che hanno portato quasi mille cittadini a sottoscrivere il ricorso al Tar, ragioni che hanno trovato ampio accoglimento da parte dei giudici, hanno altresì rappresentato le difficoltà in cui versa quotidianamente l’ospedale San Francesco Caracciolo per la carenza di personale medico, nonché hanno raccomandato alla struttura regionale di volere rispettare il dispositivo dell’ordinanza del tribunale amministrativo”. Dopo aver recepito le problematiche esposte dal comitato agnonese, il sub commissario Mastrobuono si è impegnato a visitare a breve Agnone “e il territorio montuoso circostante come suggeritole dai rappresentanti del Comitato Articolo 32 e ad incontrare il personale tutto dell’ospedale San Francesco Caracciolo per affrontare le

problematiche nell’ottica di continuare a fornire prestazioni sanitarie di qualità nel nostro territorio”, si legge ancora nella nota diramato dal comitato dei fatti. Un comitato che ha dimostrato di badare solo al sodo. Un comitato che ha capito che le chiacchiere se le porta il vento. Certo, le chiacchiere magari possono dare una bella spinta in campagna elettorale. Ma per il San Francesco Caracciolo occorre ben altro. I fatti, per l’appunto. E bisogna anche fare in fretta. In effetti Di Nucci e Sammartino in poco tempo hanno

Dipendenti call center senza stipendio parlano di oscure manovre societarie ISERNIA. Il cambio dell’assetto societario di un call center e gli stipendi non pagati al centro di una querelle che vede contrapposti i vertici aziendali del servizio e i dipendenti. In seguito alla cessione di un ramo d’azienda – dicono i lavoratori – sono rimasti per mesi senza stipendio. E oggi nulla sarebbe cambiato. “I dipendenti con contratto a tempo indeterminato vantano ancora un credito nei confronti della “vecchia” azienda per i mesi di gennaio e febbraio 2011, e nei confronti della “nuova” per il mese di aprile. Siamo alle solite, i ritardi di pagamento abbondano, le scuse anche e dopo tante e supplichevoli richieste dei dipendenti, il mese scorso quanto meno è stato liquidato con un assegno post-datato”. Ma ci sarebbe dell’altro: “La piattaforma iser-

16 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

nina – dicono ancora i dipendenti - è stata completamente abbandonata a se stessa in quanto sia l’amministratore che i vertici aziendali si sono nascosti dietro le spalle del responsabile della piattaforma che, non sapendo fronteggiare la situazione, si è dichiarato semplice dipendente alla mercè dell’azienda”. Grazie all’interessamento della Cisl e a tre giorni di

stato d’agitazione (con blocco dell’attività produttiva) i lavoratori sono riusciti a parlare con un responsabile. Sorpresa: si tratterebbe di una persona che avrebbe avuto a che fare anche con la vecchia società. E “non è – si legge ancora in una nota a firma dei lavoratori - l’unico volto riemerso dalla vecchia società, responsabili di piattaforma, formatrici manager e chi

più ne ha più ne metta, uno alla volta sono tornati alla ribalta palesando la solita scatola cinese che il più delle volte si nasconde dietro i call center. La domanda che sorge spontanea ai poveri lavoratori è che fine abbiano fatto tutti quei politici che tanto si sono “prodigati” per l’apertura di questo sito? Abbandonati totalmente a loro stessi, i dipendenti sperano non solo di poter riavere le loro spettanze come è giusto che sia, ma soprattutto di salvaguardare un posto di lavoro in un momento molto particolare per l’economia nazionale, nonché regionale, nonostante le aspettative siano alquanto negative”. La resa dei conti è per martedì prossimo, data fissata per una riunione, durante la quale, assicurano i dipendenti, “la verità verrà a galla”.

dato l’input al ricorso che ha riacceso le speranze. Subito dopo, senza farsi distrarre dai comizi, hanno fatto e modo in maniera di incontrare i vertici della sanità regionale per cercare di ridisegnare l’assetto del Caracciolo. Un assetto meno penalizzante di quello che si sta delineando negli ultimi mesi. Già. Il comitato è consapevole che non si potrà avere tutto. Ma è anche convinto che alla fine la spunterà, dando al Caracciolo l’essenziale per restare quello è stato fino a oggi: la bombola d’ossigeno che tiene in vita tutto l’Alto Molise.

A Capracotta un corso di fotografia CAPRACOTTA. L’Università del Molise, che cura il Giardino di Flora Appenninica attraverso la direzione di Giovanni Pelino, il 2 giugno darà il via alla IV edizione del Corso di Fotografia Naturalistica, affidato ai maestri Luca Del Monaco e Fabio Smarrelli. Al corso sono ammessi massimo 20 partecipanti. La quota di 130 euro dà diritto a un trattamento di “bed & breakfast” , ad un corso di base e ad un corso avanzato di fotografia per 12 ore di lezioni frontali e 10 ore di lezioni pratiche. Per informazioni: www.giardinocapracotta.unimol.it, oppure a Francesco Iannotta tel. 329-4269884 mentre le prenotazioni, che scadono martedì 31 maggio, vanno rivolte a Giovanni Pelino telefonicamente al n. 339-6947019 ma anche via mail giovannipelino @yahoo.it.

Isernia, Claudio Fava presenta il suo libro

Venafro, oggi festa Madonna delle Rose

ISERNIA. L'associazione politico-culturale “La Provincia dei Cittadini” ha organizzato per domani alle ore 17,30 presso la Sala Gialla della Provincia di Isernia, la presentazione del libro “Teresa”, ultimo romanzo di Claudio Fava pubblicato da Feltrinelli. Interventi: Walter Dell'Omo, Paola Pediconi, Claudio Fava. Conclusioni: Antonio Sorbo.

VENAFRO. Oggi, nei pressi della chiesa di S. Luigi Orione in via Pedemontana, si terranno i festeggiamenti in onore della Madonna delle Rose. Il ricco programma prevede in mattinata il giro della banda per le vie della Parrocchia di San Giovanni in Platea. Alle 19:00 si svolgerà la processione. Alle 21:30 l’esibizione de I Neri per Caso.


TERMOLI Una coppia è riuscita a portare via monili per circa 20mila euro

Furto con destrezza in una gioielleria di Guglionesi GUGLIONESI – Ammonterebbe a circa 20mila euro un furto con destrezza messo a segno da due persone in una gioielleria di Guglionesi. Tutto è accaduto in pochi minuti e alla presenza del solo titolare della gioielleria. Una coppia distinta e ben vestita ha chiesto alla titolare di poter vedere alcuni oggetti e orologi. La

Al momento del colpo nel locale era presente solo la titolare. Ancora senza esito le indagini dei carabinieri donna si è subito messa a disposizione mostrando loro anelli e bracciali. La coppia si è dimostrata interessata agli oggetti e poi, uno di loro, ha chiesto di visionare alcuni orologi

da polso. Anche in questo caso sono stati accontentati. Alla fine, però, non hanno acquistato nulla e ringraziando con fare gentile sono usciti dal locale. Solo a quel punto la tito-

Allevatori, il ministero rassicura Flai, Uila e Confederdia sui finanziamenti ROMA - Si è tenuto a Roma l'incontro sul sistema allevatoriale a cui hanno partecipato il dottor D. Di Carlo, capo della Segreteria del Ministro, ed il dottor G. Randazzo, capo della Segreteria Tecnica in rappresentanza del MIPAAF e i rappresentanti di Fai, Flai, Uila e Confederdia. Nel corso della riunione è stata confermata la disponibilità di oltre 25 milioni di euro quale parte di cofinanziamento da parte del Ministero per le attività delle Associazioni Allevatori. Il ministero stesso ha dato conferma del buon

esito dell’incontro tenuto il 25 maggio scorso con gli Assessori regionali all’agricoltura. Il decreto relativo al finanziamento è in via di trasmissione per la ratifica alla conferenza delle regioni. Si è inoltre insediato il tavolo tecnico e si è convenuto di calendarizzare una serie di incontri per valutare le prospettive del sistema allevatori. Le organizzazioni sindacali esprimono apprezzamento per l’incontro e per l’attenzione del Ministro Romano verso questo importante settore economico.

Campogiovani 2011, sei giorni al fianco dei Vigili del Fuoco Una vacanza diversa per apprendere nozioni antincendio e di sicurezza nei luoghi di lavoro. L'iniziativa, per ragazzi dai 15 ai 22 anni, è promossa dal ministro della Gioventù. Domande di partecipazione entro il 30 Maggio. Sono 522 i posti a disposizione in tutta Italia nei campi estivi di 'Campogiovani 2011', il progetto promosso dal ministro della Gioventù rivolto a ragazzi dai 14 ai 22 anni residenti in Italia,

studenti alle scuole superiori o matricole all'Università. I campi, della durata di 6 giorni l'uno, da Giugno a Settembre, sono organizzati in collaborazione con il dipartimento dei Vigili del Fuoco - Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco del ministero dell'Interno, e con la Marina Militare, le Capitanerie di Porto e la Croce Rossa Italiana. Nei campi i ragazzi potranno imparare a prevenire gli incendi, apprendere nozioni di primo soccorso e ricevere un addestramento base per la gestione delle emergenze in materia di sicurezza sul lavoro. Le attività comprenderanno formazione teorica alternata alla pratica, come esercitazioni e manovre, conoscenza delle attrezzature in dotazione ai Vigili del Fuoco, elementi di cartografia e orientamento, escursionismo per imparare a conoscere l'ambiente e il territorio. Il termine per presentare le domande di partecipazione scade domani 30 Maggio. Tutte le ulteriori informazioni si trovano consultando www.campogiovani.it, oppure alla sezione dedicata all’interno del sito del ministero dell’Interno.

Tutto pronto per la Pedalata Avisina

lare, nel rimettere a posto gli astucci, si è accorta che n mancava uno che conteneva vari preziosi per il valore di 20mila euro. Immediatamente son stati avvisati i carabinieri i quali

hanno avviato le indagini che, al momento, non hanno dato risultati. La coppia di ladri, che sicuramente non è della zona, è riuscita ad allontanarsi senza lasciare tracce.

Lezioni in mare, a scuola di ricerche e avventure

TERMOLI - Sono 5 le classi di alunni che, insieme agli insegnanti e ai subacquei del Nucleo dei Carabinieri di Bari, salperanno domani e martedì dal porto di Termoli per vivere una singolare esperienza a chiusura di un progetto didattico che porta un nome evocativo, quello del continente scomparso Atlantide. Le lezioni in mare si terranno in due giorni e domani si andrà alla ricerca della mitica Buca tra Termoli e Petacciato. Il programma prevede la partenza alle 9 dal Circolo Nautico di Termoli - Molo Sud; i partecipanti si imbarcano sulle sei unità messe a disposizione dal Giuseppe Montesanto, presidente dell’Assonautica di Campobasso. Si navigherà lungo il tratto di mare tra Termoli e Petacciato, al seguito dei Subacquei del Nucleo dei Carabinieri della Puglia alla ricerca di testimonianze sot-

TERMOLI – Il prossimo 2 Giugno, organizzata dalla locale sezione Avis, si terrà la 25esima “Pedalata Avisina” dedicata alla memoria del Cavalier Vittorio Del Giudice. Il raduno è fissato in Piazza Donatori di Sangue (vicino il vecchio ospedale San Timoteo) con partenza alle 9,30. Un momento di aggregazione per piccoli, giovani ed adulti che sfilerà in bicicletta per le vie cittadine e della periferia. A tutti i partecipanti sarà donata una maglietta cap-

tomarine dell’antico porto frentano di Buca. Tale lezione di archeologia subacquea e di ricerca di Beni Culturali sul fondo del mare è stata preceduta da una ricognizione per mare per decidere i punti di immersione con la barca “Mister G”, alla quale hanno partecipato i subacquei dei Carabinieri e alcuni subacquei dell’associazione “Insieme nel blu” di Pescara”. Al rientro, previsto per le 17, nella sala dl Circolo Nautico si terrà una conferenza stampa. Martedì alle 8,15 si salpa con il Tremiti Jet alla volta delle Isole Tremiti dove da bordo, e su schermo gigante, si seguiranno in diretta le immersioni dei subacquei. Il rientro a Termoli è previsto per le 17. La spedizione è stata sponsorizzata dall’Acqua Sepinia, che ha anche sostenuto tutto il progetto educativo “Atlantide, Salus in aquis”.

pellino. All'arrivo fissato nel Parco comunale, ci si potrà dissetare con le bevande offerte dal Conad City Scutti gustare i prodotti caseari della ditta Del Giudice. Al termine del ristoro ci saranno: tiro alla fune, corsa con i sacchi, la rottura della pignata ed altri giochi ai quali potranno partecipare anche i genitori: occasione propizia per per giocare con i propri figli e sensibilizzarli allo spirito altruistico dell'Avis.


TERMOLI Il primo incontro si è tenuto ieri a Montenero di Bisaccia

Referendum, Idv, Sel e Pd iniziano la mobilitazione “Questa unione politica e territoriale ci viene chiesta dall’elettore del centro sinistra” MONTENERO DI BISACCIA – Ha preso il via la serie di incontri organizzati da IdV, SEL e PD in vista del voto del 12 e 13 Giugno sui quesiti referendari. Il primo incontro si è tenuto a Montenero di Bisaccia e a fare gli onori di casa Simona Contucci dell'Italia di Valori, e come ospiti Marcello Di Stefano del SEL, Margherita Rosati e Giuliana Ferrara in rappresentanza del PD di Montenero di Bisaccia, Petacciato, Mafalda, Palata,

Montefalcone del Sannio e Tavenna. “Questa unione politica e territoriale - é stato detto durante l'incontro -, ci viene chiesta dall’elettore del centro sinistra, deluso e disorientato dalle continue divisioni interne, che hanno portato a ripetute sconfitte elettorali. Con questa iniziativa, i nostri partiti intendono mostrare una maggiore attenzione al territorio, andando nelle piazze, a contatto con i cittadini per di-

Il presidente De Matteis in visita istituzionale a Montemitro

BASSO MLISE - Il neo presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, ha partecipato al Consiglio comunale straordinario di Montemitro convocato dal sindaco facente funzioni. In occasione della festa patronale di Santa Lucia, si è ritenuto opportuno convocare il presidente perché la massima assise civica ha fatto voti alla Provincia per chiedere la provincializzazione della strada che collega Montemitro alla fondo valle del Trigno e per chiedere la prosecuzione del progetto stradale Castellelce. Il presidente De Matteis ha confermato il proprio impegno per entrambe le richieste. Nell'occasione al fine di rinsaldare i rapporti tra le comunità croate locali e d'oltremare, ospite d'onore è stata il console generale dell'ambasciata croata a Roma Iva Pevik.

scutere di temi, idee e valori. Ci auguriamo che questa sia la prima occasione e, il primo di tanti passi da compiere insieme!”. E infatti i prossimi incontri si terranno proprio nelle

piazze. Dopo quello di ieri pomeriggio in Piazza della Libertà, oggi alle 10 si replica a Montenero di Bisaccia ma in Piazza San Paolo; giovedì alle 17,30 in Via Pietravalle a Petac-

ciato; sabato alle 11 a Montefalcone nel Sannio e alle 17,30 a Palata; domenica 5 giugno alle 11 a Mafalda e alle 17,30 in Piazza della Libertà a Montenero di Bisaccia.

X giornata del Sollievo, incontro nella sede del Melograno LARINO - In occasione della X Giornata del Sollievo, l’equipe dell’Hospice di Larino ha organizzato un incontro che si terrà oggi nella Sala conferenze de “Il Melograno”. Parteciperà Mario Melazzini, presidente nazionale dell'AISLA, medico, oncologo, anch'egli malato di SLA, che testimonierà sul diritto alla vita e alle cure di chi non può guarire, e che nonostante tutto riesce a fare della propria condizione un'occasione di forza e di crescita profonda dell'Essere. Nel corso dell’incontro, verrà presentato il cortometraggio “Io ci sono”, frutto di un progetto di comunicazione che l’equipe dell’Hospice ha realizzato e ha presentato al Concorso nazionale indetto dal Ministero della Salute e dalla Fondazione Ghirotti, vincendo il Premio Gerbera d’Oro 2011. E’la rappresentazione simbolica della volontà e dell'impegno degli operatori ad essere presente e al fianco delle persone e delle loro famiglie, che vivono condizioni di estrema sofferenza. A conclusione, verrà celebrata la Santa Messa dal Vescovo della Diocesi di Termoli Larino Monsignor Gianfranco De Luca.

Oggi si chiude il biennio di formazione per i laici GUGLIONESI – Domani alle 18,30, monsignor Gianfranco De Luca celebrerà la S. Messa presso la parrocchia di Guglionesi a conclusione del Biennio di formazione per operatori pastorali della Diocesi. L’Ufficio per la Formazione dei laici, diretto da don Giuseppe de Virgilio, ha portato a compimento un nuovo biennio di formazione che ha visto la partecipazione di circa ottanta laici distribuiti nei centri di Termoli (Parrocchia: Madonna del Carmelo) e Guglionesi. A seguire il corso anche alcune religiose. Il momento di formazione, iniziato nell’ottobre del 2009, è consistito nella proposta di un itinerario culturale e formativo offerto da diversi docenti della nostra Diocesi sulle seguenti materie: Introduzione alla Bibbia e Teologia Biblica dell’Antico e del Nuovo Testamento; Teologia Fondamentale; Teologia Dogmatica (Trinità, Cristologia, Ecclesiologia; Antropologia); Teologia Liturgica; Teologia Morale (Morale fondamentale; Morale della vita fisica; Morale sociale); Teologia Pastorale. L’itinerario di formazione per operatori pastorali è una valida proposta rivolta a quei laici che nelle parrocchie, nelle associazioni e nelle altre realtà ecclesiali, condividono con i presbiteri responsabilità pastorali in ordine all'edificazione della comunità cristiana, per maturare "una fede adulta, pensata, capace di tenere insieme i vari aspetti della vita facendo unità di tutto in Cristo". L’esperienza risponde alla urgente necessità di formazione dei laici, particolarmente avvertita in questo periodo. Alla luce delle indicazioni sinodali e del progetto pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, la formazione degli operatori pastorali rappresenta un momento qualificante del cammino ecclesiale e ministeriale all’interno delle nostre comunità.

Solo Cristo è “La via, la verità e la vita” Il Signore Gesù morendo sulla croce ha aperto al peccatore la strada verso la gioia eterna nelle dimore celesti, dove un giorno saremo con lui per l’eternità. Egli diventa così lo scopo della nostra vita. Infatti, soltanto quando vediamo il Signore Gesù come lo scopo della nostra vita possiamo dire di aver raggiunto il punto di partenza di quella vita cristiana che Dio vuole donarci. Questa si concretizza proprio seguendo il suo insegnamento che non vuole essere soltanto un risveglio, una potenza, una benedizione, quanto la via indicata per ristabilire quel rapporto d’amore con il Padre celeste interrotto dal peccato. Infatti, Gesù nel Vangelo di Giovanni dice ai suoi discepoli: “Io sono la vita e del luogo dove vado, conoscete anche la via”. La richiesta dei suoi discepoli non si fa attendere e per bocca di Tommaso gli rispondono: “E’ proprio quello che non sappiamo: non conosciamo la via”. Ma il Signore Gesù risponde:”Oh, sì voi la conoscete bene!”. In realtà fa intendere che lui è la via, conoscendolo

essi conoscono la via che conduce a Dio, tanto che gli domandano anche dove conduce questa via e il Signore risponde: “Al Padre, naturalmente”. Così i discepoli scoprono nel Signore Gesù Cristo sia la via sia la destinazione, dal momento che egli è sia l’una che l’altra. Quella via e quella destinazione sono tuttora valide per l’uomo che vuole riconciliarsi con il Padre Celeste. Cristo, infatti, costituisce il fine in riferimento sia ai bisogni spirituali sia a quelli materiali; è la strada piana, facilmente accessibile. E’ lo scopo oltre che il mezzo. Un’efficace illustrazione di ciò è rappresentata dalla storia dei dieci lebbrosi guariti dal Signore Gesù; dei dieci uno solo ritornò da lui per ringraziarlo e glorificare Dio, quando scoprì di essere stato guarito. Gli altri nove continuarono per la loro strada, felici di una prospettiva di vita non più turbata e gravata dalla malattia. Per questi nove il Signore Gesù era stato soltanto il mezzo per raggiungere il fine di una vita sociale integra; per l’altro, invece, co-

noscere Cristo significava non solo il mezzo ma anche il fine. Così avverrà per l’uomo quando smetterà di scegliere dei traguardi che soddisfano il suo egoismo e seguirà il traguardo per eccellenza: Cristo Gesù. Insieme a Gesù, Dio gli darà ogni bene secondo la sua volontà. Dio desidera davvero dargli il meglio, ma soltanto nel momento in cui l’uomo vede Cristo come il traguardo e come la via. Il Signore Gesù ha detto che andando a lui gli uomini hanno trovato non soltanto la via verso il Padre,ma il Padre stesso. Egli non è soltanto la via alla potenza ma è la potenza stessa dell’uomo; non solo la via alla vittoria, ma la vittoria stessa dell’uomo. Gesù in persona diventa ciò di cui l’uomo ha bisogno. Via e traguardo sono quell’unica Persona scoperta nell’attimo stesso del peccato;è il punto di partenza di quella vita cristiana che Dio vuole dare. E’la Verità perché ha portato testimonianza di Dio in questo mondo per mezzo della sua vita terrena e lo ha fatto conoscere agli uomini, pro-

clamandone la divina volontà. Non ha annunciato la verità di Dio soltanto con le parole, ma con la sua intera vita. Ha annunciato con l’atroce morte sulla croce la Verità, che dichiara l’eterna perdizione dell’uomo e la grazia straordinaria di Dio. Con questo Sacrificio cruento, ha stabilito il nostro principio quale uomini salvati, ottenendo così la giustizia che ha annullato il nostro peccato. E’ la Vita perché con la sua resurrezione ci ha spalancato le porte del cielo permettendoci di vivere eternamente alla presenza del buon Padre celeste. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA (COLLE MACCHIUZZO) VIA DELLE ORCHIDEE, TERMOLI VIA Dei Grecis ISERNIA www.evangelicatermoli.org. info@evangelicatermoli.org.


ANNO IV - N° 123 - DOMENICA 29 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it LEGA PRO, PROSSIMA SETTIMANA IMPORTANTE PER IL CAMPOBASSO Quella che si aprirà lunedì sarà la prima settimana importante della nuova stagione del Campobasso. Principalmente sotto due punti di vista: da un lato l’attenzione sarà rivolta sulla questione stadio, dall’altro sulla riorganizzazione societaria. L’amministrazione comunale del capoluogo di regione dovrà rendere pubbliche le proprie intenzioni sui lavori che dovranno riguardare l’impianto di Selva Piana. Lo stadio dovrà essere messo a norma per consentire alla società di Capone di poter effettuare l’iscrizione, entro il 30 giugno, al prossimo campionato di seconda divisione. Come noto la Lega Pro ha stabilito di non concedere deroghe il prossimo anno per quel che concerne l’impiantistica sportiva e pertanto se gli stadi non saranno a norma le società interessate non potranno iscriversi al torneo. A PAG. 20

SERIE D. VENAFRO, PATRICIELLO: “SONO PRONTO AL CONFRONTO” “Sono pronto al confronto e non ho nulla da nascondere. Le mie intenzioni le ho già comunicate all’Amministrazione comunale, informando l’assessore allo sport Benedetto Iannacone.” Inizia così il presidente del Venafro Nicandro Patriciello che ha voluto rispondere al “comunicato-appello” di un gruppo di tifosi. “ Invito il sindaco di Venafro Nicandro Cotugno a fissare la data dell’incontro per un confronto tra me, la società, l’amministrazione comunale e i tifosi. Chi vuole veramente fare il bene del calcio a Venafro, con i fatti e non con i proclami, troverà da questa parte le porte spalancate. E per favorire un clima disteso, fruttuoso per una soluzione condivisa da tutti, non rispondo alle provocazioni e alle insinuazioni per rispetto di quei tifosi che hanno sempre seguito le sorti della prima squadra, manifestandomi in ogni occasione vicinanza e rispetto. A PAG. 21

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Dalla questione stadio all’ufficializzazione del nuovo assetto dirigenziale

Lupi, primi giorni di fuoco La prossima settimana sarà importante per il Campobasso sotto molteplici aspetti Quella che si aprirà lunedì sarà la prima settimana importante della nuova stagione del Campobasso. Principalmente sotto due punti di vista: da un lato l’attenzione sarà rivolta sulla questione stadio, dall’altro sulla riorganizzazione societaria. L’amministrazione comunale del capoluogo di regione dovrà rendere pubbliche le proprie intenzioni sui lavori che dovranno riguardare l’impianto di Selva Piana. Lo stadio dovrà essere messo a norma per consentire alla società di Capone di poter effettuare l’iscrizione, entro il 30 giugno, al prossimo campionato di seconda divisione. Come noto la Lega Pro ha stabilito di non concedere deroghe il prossimo anno per quel che concerne l’impiantistica sportiva e pertanto se gli stadi non saranno a norma le società interessate non potranno iscriversi al torneo. Il comune capoluogo ha fornito la propria disponibilità, dopo aver preso visione delle prescrizioni imposte. Servirà comunque una cooperazione tra l’amministrazione comunale, provinciale e regionale perché è impensabile che un’ingente spesa debba

L’amministrazione comunale renderà note le proprie intenzioni in merito ai lavori da svolgere al Selva Piana La società annuncerà i quadri direttivi e poi si tufferà sul mercato gravare sulle spalle di un solo ente. Ad ogni modo durante la prossima settimana il sindaco Di Bartolomeo e l’assessore allo sport Colarusso dovrebbero rendere note le proprie intenzioni a riguardo. Sarà, poi, una settimana importante anche per quel che concerne la compagine societaria. Come riferito anche ieri la composizione di una nuova struttura dirigenziale è in dirittura d’arrivo e pertanto nei

prossimi giorni ci sarà una conferenza stampa nella quale sarà presentato ufficialmente il tecnico Nicola Provenza e saranno annunciati i nuovi quadri dirigenziali. Messi a posto i tasselli riguardanti allenatore e società, il passo successivo concernerà il mercato. Il ds Enrico Coscia ha dichiarato di voler procedere con cautela e serenità per cercare di sbagliare il meno possibile. Innanzitutto si ten-

terà di assicurarsi le prestazioni di giovani importanti. Che sono già stati individuati, ma con i quali bisogna giungere ad un accordo. Si tratta di elementi che, seppur giovani, dovranno rappresentare un punto fermo, soprattutto per il futuro. Molti giovani provengono da settori giovanili importanti, anche di squadre blasonate. In seguito alla scelte degli under si valuteranno le caselle

rimaste vuote e che bisognerà riempiere con giocatori d’esperienza. Anche in questo, però, bisogna fare un distinguo. D’esperienza non vuol dire a fine carriera. Comunque l’età massima non dovrebbe superare i 28 anni, in modo tale da garantire una certa continuità. Perché sia Coscia, sia Provenza, vogliono mettere le basi per un discorso proiettato nel lungo periodo. RS

L’APPUNTAMENTO

Domani l’incontro con Andrea Zorzi presso l’istituto tecnico industriale

Andrea Zorzi

20 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011

Lo sport vissuto sia da uno sportivo che da una ricercatrice. Queste due peculiarità identificano il plurimedagliato Andrea Zorzi e la dott.ssa Donaggio Elena, ideatori di Tracce di sport, un’attività di ricerca e comunicazione, promossa in collaborazione sia con I.c.s. (acronimo di Istituto per il credito sportivo), che con I.r.s. (sigla inerente l’Istituto per la ricerca sociale). Il progetto, ha avuto inizio nell’anno 2010, con il suo primo viaggio nella nostra Penisola. L’edizione 2011, vede la squadra di Tracce di sport di nuovo in viaggio per rileggere la storia del nostro Paese, attraverso i luoghi dello sport più significativi. Il C.s.i. Centro sportivo italiano, è partner organizzativo di questa edizione. Attività la quale ha come finalità quella di instaurare un dialogo con le Istituzioni, la scuola, gli Enti pubblici

e il mondo dello sport in generale, in modo da sperimentare nuovi linguaggi e nuove modalità di comunicazione. Fondamentale importanza rivestono gli incontri con le istituzioni scolastiche e formative. Proprio per il capitale interesse verso le scuole e quindi la cultura, la squadra di Tracce di sport, farà tappa nella città di CAMPOBASSO, LUNEDI’ 30 MAGGIO alle ore 09:30, presso l’ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE statale, scuola di istruzione secondaria, ubicata in piazza San Francesco, nel Capoluogo di Regione. Nell’occasione, Andrea Zorzi, incontrerà i ragazzi dell’Istituto tecnico Industriale per raccontare loro, la sua esperienza sportiva e professionale. Altresì, il campione pallavolista, nel suo incontro, metterà in luce i valori formativi ed educativi dello sport. Infine, “Zorro” sottolineerà, nel suo in-

tervento, come l’attività sportiva, può, a certe condizioni, rappresentare un’opportunità unica per: • Conoscere il proprio corpo e la propria fisicità; • Sperimentare una dimensione positiva del concetto di competizione; • Imparare a confrontarsi con gli altri e con i propri limiti: Al termine dell’incontro con la popolazione studentesca, l’attuale commentatore televisivo, incontrerà le autorità politiche, sportive e civili, presso la SALA CONI di CAMPOBASSO, ubicata in via CARDUCCI n. 04. Il progetto ha ottenuto il patrocinio del C.O.N.I. Comitato Olimpico Nazionale Italiano, del C.I.P. Comitato Italiano Paralimpico e di Esperienza Italia 150°. Sponsor principale è Energy Resources e i media partners sono Rainews, Radio 24 e la Gazzetta dello Sport.

Stampa russa, Ancelotti per Spalletti

Tronchetti Provera: Sanchez ha un buon ‘grip’

Luciano Spalletti potrebbe essere sostituito da Carlo Ancelotti alla guida dello Zenit di San Pietroburgo, che lo scorso anno ha vinto campionato e Coppa di Russia. Lo riferisce il tabloid russo Tvoi Dien. Lo Zenit sarebbe infatti insoddisfatto per il deludente avvio di stagione della squadra allenata dall'ex tecnico della Roma, con un gioco poco brillante e un preoccupante settimo posto in classifica. E quindi si starebbe pensando ad Ancelotti, esonerato dal Chelsea.

''Sanchez? Ha un buon 'grip', poi si vedra'''. Il presidente della Pirelli Marco Tronchetti Provera, a Montecarlo per il Gp di Formula 1, non si sbilancia sul mercato della sua Inter, ma usa per l'attaccante cileno dell'Udinese un termine che indica la tenuta, l'aderenza delle gomme all'asfalto. ''Ogni annuncio, in questo periodo, corrisponde a un aumento di prezzo, per cui bisogna essere cauti'', afferma il manager, che e' anche componente del Consiglio d'amministrazione dell'Inter.


S P O RT CALCIO SERIE D

Patriciello: sono pronto al confronto

“Sono pronto al confronto e non ho nulla da nascondere. Le mie intenzioni le ho già comunicate all’Amministrazione comunale, informando l’assessore allo sport Benedetto Iannacone.” Inizia così il presidente del Venafro Nicandro Patriciello che ha voluto rispondere al “comunicato-appello” di un gruppo di tifosi. “ Invito il sindaco di Venafro Nicandro Cotugno a fissare la data dell’incontro per un confronto tra me, la società, l’amministrazione comunale e i tifosi. Chi vuole veramente fare il bene del calcio a Venafro, con i fatti e non con i proclami, tro-

verà da questa parte le porte spalancate. E per favorire un clima disteso, fruttuoso per una soluzione condivisa da tutti, non rispondo alle provocazioni e alle insinuazioni per rispetto di quei tifosi che hanno sempre seguito le sorti della prima squadra, manifestandomi in ogni occasione vicinanza e rispetto. Per me parla la storia, parlano i risultati conseguiti sul campo, parlano gli investimenti fatti non solo per portare il Venafro in quarta serie, ma anche per il settore giovanile, da sempre il valore aggiunto della società. Non temo, francamente, confronti su questo piano e lo dico senza polemica”. E’ opportuno ricordare che sotto la gestione del presidente Nicandro Patriciello, l’Us Venafro ha raggiunto risultati straordinari, per molti versi storici, vincendo tra l’altro due volte il campionato di Eccellenza e approdando in serie D, raggiungendo quest’anno la salvezza diretta in uno dei gironi più forti della quarta serie. Le squadre giovanili hanno raggiunto i massimi traguardi a livello regionale. Oggi i giovanissimi affrontano le fasi nazionali a dimostrazione di

CALCIO ECCELLENZA

Il Petacciato riceve l’Internapoli Gialloneri senza bomber Esposito

Una formazione del Petacciato

quanto sostenuto sopra dal presidente Patriciello. La società US Venafro dunque resta in attesa di comunicazioni da parte del sindaco di Venafro Nicandro Cotugno. Per affrontare, intorno a un tavolo, tutte le problematiche connesse al titolo sportivo, con serietà e rispetto reciproco.

Il presidente del Venafro ha già informato l’assessore allo sport Iannacone Il numero uno bianconero vuole incontrare il sindaco ed i tifosi per un faccia a faccia

Teramo, il diesse Obbedio verso l’addio La notizia è cominciata a circolare da qualche ora negli ambienti teramani ma ovviamente manca ancora del crisma dell’ufficialità. Il direttore sportivo Antonio Obbedio potrebbe aver concluso, dopo una sola stagione, il suo rapporto con il Teramo e pare sia già con le valigie in mano. Inizialmente si era parlato dell’Ancona poiché il neo allenatore dei marchigiani, l’ex Trivento Massimiliano Favo, al momento sta lavorando per la costruzione della squadra pratica-

Dopo aver eliminato, nei play off regionali, le due “big” Turris e Montenero, questo pomeriggio per il Petacciato comincia l’avventura negli spareggi dei play off nazionali. La squadra di mister Di Bernardo ospita al “Marchesi Battiloro” i campani dell’Internapoli che hanno vinto la fase regionale dopo aver superato Libertas Stabia e Virtus Volla. I partenopei, guidati dal giovane ed emergente tecnico Sorrentino, sono intenzionati a ritornare nel calcio “che conta” dopo anni di purgatorio nell’Ecccellenza campana ma dovranno fare i conti con un Petacciato che, seppure in emergenza con un organico ridotto ai minimi termini e con grossi problemi societari alle spalle, ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per

mente da solo ma la società di patron Marinelli pare abbia dato piena fiducia al tecnico campano per condurre le trattative di mercato per cui è da escludersi, almeno per ora, un avvicinamento di Obbedio all’Ancona. AP

ben figurare anche nelle fasi nazionali. Per la gara di oggi però il tecnico dei gialloneri dovrà rinunciare a De Curtis e soprattutto ad Esposito, anima della squadra, trascinatore e uomo partita, entrambi i calciatori sono infatti stati squalificati per una giornata. Gli adriatici quindi dovranno cercare di non soccombere questo pomeriggio per poi giocarsi il tutto per tutto nel return match in programma in terra campana, al Kennedy di Napoli, domenica prossima. La squadra vincente troverà in finale la vincente dell´altra semifinale tra Bisceglie e Due Torri. A dirigere il confronto, con fischio d’inizio fissato alle ore 16.00, sarà Daniele Viotti della sezione di Tivoli. ANPA

CALCIO

Al via il 15 giugno il secondo memorial Raffaele Sola Per volontà della famiglia Sola e dell'Associazione di Quartiere Cb Nord quest'anno viene riproposto, presso il Campo L. Sturzo (in sintetico) di Campo-

basso,dal 14 giugno al 15 luglio, il 2° Memorial "Raffaele Sola", dove semplici appassionati ma anche calciatori impegnati nei vari campionati regionali si

cimenteranno dinanzi ad un folto pubblico composto anche da addetti ai lavori. L'organizzazione tecnica e le comunicazioni con gli organi d’informazione sono state affidate ad Alberto Aufiero. Per informazioni e/o iscrizioni rivolgersi alla Ditta Fuorigioco - Abbigliamento Sportivo - Piazza Cuoco a Campobasso, oppure all'Associazione Cb Nord - Largo Gramsci - Campobasso (tel 0874 65057).La direzione gare è gestita autonomamente da terne arbitrali del Gruppo Libertas di Campobasso.

Legale di Maradona: “ Grondona vada in galera”

Fifa,Warner:“E’ in arrivo uno tsunami”

Ultime notizie da Buenos Aires sull'ormai infinita lite tra Diego Armando Maradona e il presidente della federcalcio (Afa), Julio Grondona: il legale del 'pibe' ha assicurato che intende portare Grondona ai tribunali e ''in galera, per porre fine alla sua dittatura'' nel calcio argentino e internazionale. ''Faremo azioni legali per finire con la dittatura di questo signore e farlo uscire dalla Afa e dalla Fifa. L'idea e' che vada in prigione'', ha detto a l'avvocato Kalbermatten.

Un vero e proprio 'tsunami' si sta per abbattere sulla Fifa: ne e' certo Jack Warner, vicepresidente della confederazione e uno dei quattro alti dirigenti sotto accusa per 'sospetti di corruzione' nella corsa alla presidenza. Warner, ribadendo che ''non c'e' un solo granello di sabbia contro di me'' nel fascicolo aperto dal comitato eticoa, ha aggiunto in vista della sua audizione: ''Nei prossimi due giorni assisterete ad uno tsunami che atterrera' la Fifa e sara' uno choc per tutti''

21 ANNO IV - N° 123 DOMENICA 29 MAGGIO 2011


S P O RT BASKET FEMMINILE-SERIE B D’ECCELLENZA

Women’s, il sogno finisce... in casa Al Palavazzieri le ragazze di Ladomorzi cedono per soli 4 punti al Castellammare CAMPOBASSO - La Women’s Campobasso si ferma a quattro punti dagli spareggi nazionali per l’accesso in serie A2. Le ragazze di Ladomorzi cedono tra le

mura amiche di un gremito Palavazzieri (anche dalla presenza dei tifosi campani) ad un coriaceo Castellammare. Il match, sempre sul filo dell’equilibrio, è stato ca-

ratterizzato dalla buona prestazione delle difese, condita da un pizzico di nervosismo come dimostra il basso score finale. Flavia Castorani

FISE MOLISE

L’INIZIATIVA

Campioni si diventa, ultimo appuntamento a Termoli

Domani la presentazione dei campionati regionali di salto ad ostacoli Domani pomeriggio, alle ore 16.00, presso il centro “Ippoform Campobasso Equitazione”, c.da Coste di Oratino si svolgerà la conferenza stampa di presentazione dei campionati e trofei regionali di salto ad ostacoli che si terranno dal 3 al 5 giugno presso la sede del circolo campobassano. Quello che si andrà a presentare nell’incontro con i giornalisti sarà un evento storico per il comitato regionale della Fise Molise, in quanto per la prima volta i campionati regionali saranno organizzati sul suolo molisano. L’ennesimo traguardo di prestigio tagliato dal direttivo gui-

Michele Ruscitto dato dal presidente Daniele Gagliardi che insieme ai suoi collaboratori più stretti si sta prodigando affinché l’intero

comparto equestre locale possa sempre più svilupparsi e accrescere il proprio rggio di azione su tutto il territorio regionale.

Nel week end a Termoli, si conclude la seconda edizione della straordinaria manifestazione dedicata alle associazioni sportive che operano sul territorio - l’evento registra una partecipazione da record con oltre 400 atleti e 30.00 visitatori. Oggi verranno assegnate le targhe di partecipazione alle associazioni e alle palestre aderenti. Al progetto hanno aderito tutte le associazioni e le palestre contattate. Sul palco di “Campioni si diventa” - allestito al Centro Commerciale Sannicola di Termoli – si è potuto assistere a tutte le discipline sportive: spinning, ginnastica ritmica, walking, break dance, balli latino americani, balli di coppia, tennis tavolo, calcio, karate, judo, atletica, danze standard, kung fu etc. Anche per quest’ultimo appuntamento “Campioni si

Diventa” ospita una delle tappe del progetto nazionale di solidarietà MOVE FOR DREAM – Uniti per un sogno- la lunga cordata di solidarietà a favore della ricerca scientifica e della prevenzione realizzata con la collaborazione del Moige – Movimento Genitori. Un ultimo appuntamento all’insegna delle sport che si concluderà in serata alle ore 19.00 - al Centro Commerciale Sannicola - con la PREMIAZIONE delle Associazioni del territorio che hanno dato un fondamentale contributo alla riuscita di questo straordinario evento e che si sono distinte per l’impegno profuso sul fronte di una cultura che mette al centro lo stare insieme, la salute, lo sport, la sana competizione, il rispetto delle regole e una vita vissuta all’insegna del benessere psico-fisico.

FRECCETTE

Il 18 e 19 giugno le finali provinciali E’ giunto al termineil 1°campionato provinciale ufficiale fidart(freccette) la FIDART CAMPOBASSO comunica che

nei giorni 18 e 19 giugno prossimi si terranno presso l'ex mercato comunale di via Calabria in Campobasso,le finali

provinciali a squadre e singoli.gli atleti ammessi alle finali sono circa 150,e si affrnteranno tra loro a suon di freccette. è possibile prendere visione del programma delle finali su www.fidart.it cliccando sulla provincia interessata. l'associazione ritiene che l'eventosia di forte partecipazione ed impatto sociale,infatti si prevede una grande affluenza di sostenitori e curiosi.

ACSI MOLISE

Trofeo dei Sanniti a Capracotta: termina oggi la tre giorni

Sono centinaia gli atleti che da venerdì fino a oggi hanno preso parte, nello splendido Palazzetto dello Sport di Capracotta, all’11° Trofeo ACSI dei Sanniti, manifestazione di rilevante interesse agonistico e promozionale che conclude il prime semestre del’attività ACSI nel

Molise. L’idea è quella di promuovere una serie di manifestazioni sportive nello splendido scenario di Capracotta, ha detto il presidente provinciale ACSI di Isernia Peppe Di Lemme organizzatore dell’evento, vuole rappresentare la costante presenza dell’ACSI in un’area

tra le più belle ed incontaminate del Molise e, se i nostri progetti sono realizzabili e possibili, lo si deve anche all’operatore turistico Fernando Carlucci e al sindaco Antonio Monaco sensibilissimi alle tematiche dello sport e dello sviluppo turistico che trascinano gli eventi sportivi. Questa grande manifestazione sportiva patrocinata dalla Regione Molise assessorato allo Sport - ha concluso Di Lemme, - rientra nella “tre giorni a Capracotta” che, è bene ricordarlo, prevede una gara di karate, una gara di ballo ed un quadrangolare di basket con società

provenienti da Peschici, Vieste, Termoli e Venafro oltre allo stage tecnico per diverse discipline. Interessanti anche i docenti tecnici che saranno presenti agli stage: Verderame, Caroprese, De Gennaro, Del Viscio, Trezza M., Mozzillo, Pezzella, Lamargese, Conforti, D’Angona, Ottati, Muraro, D’Agostino e De Gregorio. Voglio anche ringraziare – ha concluso Di Lemme – l’eccellente lavoro svolto dal Consorzio Turistico Molise Promozione che è riuscito a far alloggiare in paese, ben oltre 150 persone. Un vero miracolo.



lagazzettadelmolise290511a