Page 1

STANOTTE ENTRA IN VIGORE L’ORA LEGALE, RICORDA DI SPOSTARE LE LANCETTE

ANNO IV - N° 70 - SABATO 26 MARZO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO DI PIETRO

Non le manda certo a dire il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro, che ha ‘sbugiardato’ la candidata alla Provincia di Campobasso, Micaela Fanelli, in una lunga intervista rilasciata al settimanale ‘gli Altri’. Il presidente del partito racconta di quando il sindaco di Riccia, sponsorizzata da Pd, Sel e Psi, è andata a trovarlo a casa sua per chiedergli di voltare le spalle agli alleati e accordarsi con il terzo polo. Di Pietro, coerentemente e correttamente, ha detto no. E lei è andata a ‘piangere’ dai democrats. Che l’hanno accolta a braccia aperte. Gli stessi che ora vorrebbero l’unità della coalizione, senza però fare un opportuno passo indietro.

IL TAPIRO DEL GIORNO AD ANTONELLO CAPORALE

I suoi pezzi sono sempre pungenti e frutto di un lavoro preciso e meticoloso. Ma stavolta, il giornalista di Repubblica, Antonello Caporale, è scivolato sulla classica buccia di banana. I toni usati nel suo articolo pubblicato sull’edizione di ieri del settimanale “Venerdì” sul “business” del terremoto del 2002, vanno oltre il diritto di critica. Etichettare un intero popolo (quindi generalizzazione affrettata, un errore di ragionamento) come “mollisani, autoritratto collettivo volto ad indicare un popolo parecchio lento e parecchio accomodante” sfocia palesemente nell’offesa personale. Per cui (anche) il pur bravo Caporale si merita il nostro tapiro.

REGIONE

CAMPOBASSO

CAMPOBASSO

Verso le elezioni: oggi l’onorevole Pizza (Dc) a Campobasso e lunedì arriva Bocchino (Fli)

Ronde notturne di cittadini sventano l’ennesimo furto a Colle d’Anchise

Operazione Shanti: dopo nove mesi in cella Lopez torna in libertà Ieri l’abbreviato

A PAG. 2

A PAG. 7

A PAG. 9

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO CAMPOBASSO – Autonomi, non separati. Il concetto di federalismo che il governatore Iorio ha inteso affermare nella conferenza delle Regioni, mette al centro del processo decisionale gli organi istituzionali molisani, senza tuttavia abbandonarli sul piano economico. Se infatti “il federalismo fiscale può rappresentare una possibilità di superamento della storica divisione tra nord e sud – spiega il presidente – per il Mezzogiorno è fondamentale l’attuazione di una riforma vera e solidale”, onde evitare “il riaffermarsi, in futuro, delle logiche centralistiche che non sono riuscite fin qui ad eliminare le differenze con il settentrione”. Laddove ha fallito il palazzo, potrebbe invece riuscire un accordo tra i palazzi, sulla scorta delle reali esigenze delle varie regioni. “Il Molise – continua Iorio – per le sue peculiarità territoriali e demografiche, non è oggi in grado di attivare economie di scala”. Di competere cioè, con regioni come la Lombardia, da sempre capaci di produrre un

Federati, non divisi Intervenendo ad un convegno promosso dallo Iacp, Michele Iorio elogia il federalismo solidale e il ‘suo’ meccanismo perequativo equilibrio economico soddisfacente tra entrate e uscite. Il governo centrale perciò, ha inteso accettare la proposta del governatore, attribuendoci maggiori fondi per la gestione dei servizi essenziali. “Nella legge 42 – puntualizza il presidente – siamo riusciti ad inserire una norma che prevede un meccanismo perequativo per le piccole regioni. Un meccanismo che abbiamo visto con soddisfazione recepito dall’esecutivo nazionale, in sede di stesura del decreto sul federalismo fiscale, e inserito nel testo licenziato ieri dalla Commissione bicamerale”. La linea Iorio trova immediata conferma nel convegno

di ieri, “Federalismo fiscale – Risorse e modelli per il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica” promosso dallo Iacp e da Federcasa. A conclusione dei lavori il governatore ha ribadito come “la prova della problematicità creata alla nostra regione dai provvedimenti nazionali (uguali per tutti), può essere ravvisata nella gestione delle politiche abitative”. In centri urbani di grandi dimensioni infatti, è impossibile ipotizzare “iniziative di recupero degli immobili siti nei centri abitati, e principalmente in quelli storici”. Eventualità che è la regola nel Molise delle cittadine e dei paesi, nonostante “difficoltà appli-

Pale eoliche, vade retro

cative nei finanziamenti nazionali che tendono a favorire misure più economiche, come la costruzione di edifici ex novo”. Ecco perché il federalismo flessibile può essere l’applicazione concreta della legge

Bassanini; quello che mancava ad un’Italia continuamente ingessata in una sterile retorica unitaria o nella contrapposizione regionalistica. Sempre e comunque ferma, però. afv

APPUNTAMENTI Oggi gli onorevoli Pizza e Scotti (Dc), lunedì Bocchino (Fli)

Petraroia chiede alla Regione di restituire i terreni ai proprietari CAMPOBASSO – Sull’eolico soffia il vento della protesta. Al moltiplicarsi dei carteggi tra i vari enti coinvolti nella querelle sui pali e all’annuncio del presidio ad oltranza dei comitati di protesta, si aggiunge la richiesta del consigliere Michele Petraroia. In riferimento alla costruzione dell’impianto di San Giuliano di Puglia, l’esponente del Pd chiede di “revocare gli avvisi di esproprio per pub-

blica utilità, inoltrati ai proprietari dei fondi agricoli interessati alla costruzione degli aerogeneratori”. Si tratterebbe di una retromarcia sulle energie rinnovabili che il consigliere auspica in virtù “dei danni arrecati ai proprietari dei fondi agricoli per vizi procedurali connessi al rilascio delle autorizzazioni”. Redpol2

CAMPOBASSO – E’ previsto per oggi pomeriggio alle 17 e 15 all’hotel S. Giorgio di Campobasso, l’arrivo degli onorevoli Giuseppe Pizza (sottosegretario di Stato alla Pubblica istruzione, all’Università e alla Ricerca) ed Enzo Scotti (sottosegretario agli Interni) in occasione della manifestazione della Democrazia cristiana per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Lunedì invece alle 19 sarà inaugurata la sede regionale di Futuro e Libertà su corso Vittorio Emanuele alla presenza del vicepresidente di Fli Italo Bocchino.


PRIMO PIANO Pd-Idv, prima si odiano poi si amano CAMPOBASSO – Se ne dicono di tutti i colori, ma è evidente che la voglia di ricucire nei burrascosi rapporti tra il Pd e l’Idv c’è ancora. Il botta e risposta tra i due principali partiti di opposizione continua anche dopo l’appello della senatrice Anna Finocchiaro, che giovedì sera ha tenuto a battesimo la candidata per la Provincia di Campobasso, Micaela Fanelli. I toni sono accesi, ma anche la speranza di rimettere insieme queste due anime del centrosinistra per mandara a casa l’attuale governo regionale. La Finocchiaro ha lanciato un messaggio chiaro ai dipietristi quando ha detto che “senza il Pd Berlusconi non si batte”. E un messaggio ancora più chiaro nella sua bocciatura della scellerata ipotesi di andare divisi alle provinciali di metà maggio. Insomma, con i dovuti distinguo, sembra ancora che tutti abbiano voglia di unità. Lo pensa, evidentemente, anche il consigliere provinciale Cristiano Di Pietro che alla luce di queste dichiarazioni ha detto: “Sono pienamente d’accordo con la senatrice Finocchiaro. Normalmente le cose funzionano così. Non è possibile immaginare che una coalizione che voglia vincere non tenga nella giusta considerazione il suo

C’è ancora voglia di unità. Lo conferma l’appello della senatrice Finocchiaro e il ‘clan’ Di Pietro (padre e figlio), ma qualcuno deve fare un passo indietro partito più forte. Questa regola però dovrebbe essere valida per tutte le occasioni. Ecco perché mi chiedo di cosa abbia parlato la senatrice Pd con i suoi compagni del Molise dove l’Italia dei Valori è il primo partito di opposizione senza il quale non si riuscirà a battere Iorio e De Matteis”.

Insomma, governatore e candidato saranno pure dei ‘minori’, ma se la coalizione vorrà sconfiggerli – praticamente è questo che dice Di Pietro jr – ha bisogno dell’Idv tanto almeno quanto loro hanno bisogno del Pd a livello nazionale per battere il premier Berlusconi. Ecco perché il figlio dell’ex pm va

giù duro col Pd “ormai in corto circuito” e con il suo segretario Danilo Leva che “seppur confuso, deve decidere, a questo punto, cosa vuole fare. Se vuole stare con l’Idv, sceglie il candidato Nagni e dice addio alla Fanelli. Caso contrario, il discorso della senatrice Pd, non regge e perde di senso”. E non è

E’ ufficiale, gli autoconvocati candidato Astore Il senatore appoggiato da 5 liste. Niente primarie e spuntano pure Romano e D’Ascanio CAMPOBASSO – Caduta nel vuoto la richiesta di azzeramento delle decisioni assunte dai partiti del centrosinistra, e dopo la mancata sfiducia al segretario regionale del Pd, Danilo Leva, anche gli autoconvocati sono ufficialmente in campagna elettorale. Il candidato di chi per settimane si è battuto – purtroppo senza esito – per le primarie, è il senatore Giuseppe Astore. Il nome dell’ex dipietrista circola da settimane, ma solo dopo che il tavolo dei segretari (Pd, Sel e Psi) ha ratificato il nome di Micaela Fanelli, e l’Idv ha rispedito al mittente ogni ipotesi che non contemplasse la corsa

verso palazzo Magno di Pierpaolo Nagni, le minoranze dei partiti del centrosinistra sono uscite allo scoperto. Ad appoggiare l’ex assessore alla Sanità ci sarebbero già 5 liste. Scontata quella del suo movimento, Partecipazione democratica e un paio del coordinamento della sinistra (Sel, Rifondazione e Comunisti italiani). La vera sorpresa (ma sono indiscrezioni) è il sostegno che potrebbe arrivare da Massimo Romano. L’ex ragazzo prodigio dell’Idv, che dopo una difficile convivenza nel partito di Antonio Di Pietro ha fondato un suo movimento (Costruire democrazia, con Ermi-

nia Gatti oggi all’Api e lo stesso Astore), sembrerebbe piuttosto interessato a spendersi per questo progetto. Si sta parlando dello stesso Romano che si è visto soffiare da sotto il naso la candidata Fanelli, dopo che lui per primo l’aveva lanciata. L’altra sorpresa, anche se meno imprevedibile, arriverebbe dalla lista del presidente uscente Nicola D’Ascanio. Il capo dell’esecutivo di via Roma avrebbe anche lui sposato la causa degli autoconvocati. Che stia già pensando di richiedere il ‘favore’ per le regionali di novembre? redpol

stato tenero neanche Antonio Di Pietro nella sua intervista al settimanale di Piero Sansonetti ‘gli Altri’ dove ha dichiarato “quello che è successo lì (riferendosi alla trattativa per le provinciali, ndr) è paradossale, perché l’Idv Molise ha il doppio dei voti del Pd. Abbiamo proposto la candidatura del massimo responsabile del partito (il segretario regionale Nagni, ndr) mentre i democratici si sono appellati a una consulente del governatore Iorio, di centrodestra. Questa signora è venuta a casa mia a Montenero di Bisaccia a propormi riservatamente di rompere la coalizione, di appoggiare lei in contrasto col Pd e in accordo con il terzo polo. Io non ho tradito i miei impegni con il Pd, e lei per tutta risposta è andata dai dirigenti democratici che pur di farmi un dispetto sono caduti nella trappola”. Nonostante queste pesanti accuse, la porta resta aperta. Di Pietro infatti aggiunge pure che al di là del “comportamento deplorevole, mi auguro che questa posizione rientri”. E non è il solo. Ma chi, dei due partiti, avrà il coraggio di ‘scaricare’ il suo pupillo a campagna elettorale già iniziata? AD


REGIONE Romano a Cavaliere: dimettiti Roma impugna la finanziaria regionale e il consigliere tuona: “L’assessore lasci e si scusi per una tassa assurda e sbagliata” CAMPOBASSO – Devi dimetterti. Dopo la bocciatura del governo nazionale che ha impugnato la legge finanziaria regionale, Massimo Romano tuona sull’assessore all’agricoltura, chiedendone le immediate dimissioni. Nicola Cavaliere aveva chiesto ed ottenuto l’introduzione di una tassa sui tartufai non molisani, coloro i quali insomma, vengono in Molise a raccogliere i pregiati tuberi salvo poi rivenderli come prodotti di altre realtà. Tremila euro per dissuadere i cavatori delle aree limitrofe a continuare un vero e pro-

prio saccheggio a danno dei molisani. Il provvedimento era stato accolto con soddisfazione da più, ma evidentemente non è piaciuto a Roma; sarà ora la Corte costituzionale a decidere sulla questione, valutando la legittimità di tale imposta. Nell’attesa però, Massimo Romano chiede “le scuse di Cavaliere ai centinaia di cavatori e commercianti di tartufo che, inspiegabilmente e ingiustamente, sono stati pregiudicati da una fantasia legislativa dell’assessore all’agricoltura che, come era evidente anche ad un bambino, si sarebbe rivelata probabilmente incostituzionale oltre che assurda e sbagliata”. Il consigliere di Costruire democrazia rimprovera al membro della giunta di aver corso troppo con la fantasia, ar-

chitettando una gabella che difende i molisani istituendo un trattamento iniquo. Introducendo cioè un doppio regime e agevolando qualcuno, a scapito di altri. “Dopo l’assemblea con centinaia di cavatori – spiega Romano – ho presentato la legge di modifica e ne ho chiesto la procedura d’urgenza proprio al fine di cancellare quella tassa ignobile”. Invece nulla, al punto che (dopo lo Statuto), il consigliere parla “dell’ennesima sonora bocciatura da parte del governo che smentisce categoricamente le approssimative rassicurazioni di Cavaliere il quale, evidentemente, ha davvero preso

un abbaglio”. Sarebbe ora il caso, taglia corto Romano, che “l’assessore rassegni le sue dimissioni e lo stesso Iorio, in caso di omissione, dovrebbe trarre le dovute conclusioni prima che qualcuno faccia ulteriori danni”. Redpol2

Ieri a Campobasso conferenza stampa per il riconoscimento della ‘doc Tintilia del Molise’

L’orgoglio molisano in un bicchiere Un brindisi con la protagonista, la Tintilia Doc. Così si è aperta ieri mattina nell’assessorato all’Agricoltura la conferenza stampa per annunciare l’assegnazione del prestigioso riconoscimento al vitigno autoctono molisano. Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Cavaliere e dal presidente della Coldiretti, Amodio De Angelis. “La Tintilia – ha spiegato Cavaliere - deve essere riconosciuta come marchio molisano perché in questo modo diamo continuità agli sforzi profusi in questi anni per identificare i prodotti tipici con il nostro territorio. Ecco perché la Tintilia pone le basi per

4 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011

un trionfo più ampio, su tutta la vitivinicoltura regionale e non solo”. Rivolgendosi poi alle aziende vitivinicole, l’assessore ha aggiunto: “Sono a vostra disposizione e del consorzio per la valorizzazione, per la commercializzazione e per la promozione del vino verso i mercati nazionali ed internazionali. Io mi impegnerò, ma anche da parte vostra occorre uno sforzo per superare tutti insieme la difficile congiuntura economica”. A breve verrà riproposta l’iniziativa Cantine aperte per festeggiare insieme ai cittadini l’orgoglio molisano in bottiglia. RN

Libia, Frattini:“Guida alla Nato entro lunedì”

Libia, Sarkozy insiste sulla guida politica

Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, conferma da Tunisi che «la Nato sarà operativa tra domenica e lunedì», ha spiegato in una conferenza stampa, «è quello che volevamo fin dal primo momento e per cui ci siamo battuti». La questione del coordinamento politico chiesto dai francesi è affidata a sottili distinguo, con la ricerca di termini adatti per accontentare tutti.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy nel vertice Ue ha insistito sul fatto che l'aspetto fondamentale della missione è quello di avere una «guida politica», perché «non sono le forze della Nato che vanno a proteggere la popolazione libica, ma le forze di una coalizione di undici Paesi, tra cui due Paesi arabi». Per Sarkozy, dunque, «le decisioni sono prese dal coordinamento politico.


REGIONE Per le elezioni di maggio il terzo polo guarda alla maggioranza “ma ogni giorno accadono fatti che ci allontanano dal Pdl”

Il futurista svela la proposta del governatore di affidargli la Provincia

Pallante avverte Iorio CAMPOBASSO – Terzo, eppure indomito. La coalizione in cui si ritrovano Futuro e libertà, Alleanza per l’Italia, socialisti e (forse) Udc, rappresenta una indiscutibile novità del panorama politico nazionale e nostrano. Le elezioni provinciali di Campobasso, oltre ad essere un test fondamentale per la n e o n a t a compagine in ottica regionali, saranno l’occasione per ‘pesare’ il terzo polo e per capire con chi si apparenterà. In molti hanno

L’assessorato al Lavoro informa

sottolineato la natura conflittuale dello schieramento, essendo rappresentate al suo interno tradizioni politiche antitetiche: ai cattolici che guardano a sinistra si affiancano infatti i socialisti di Campopiano (Nuovo Psi) e gli ex An della destra dura e pura, che hanno inteso seguire Gianfranco Fini nell’esodo dal Pdl. In ogni caso le coalizioni si costruiscono per affinità culturale, identitaria o programmatica, e quindi è lecito domandarsi cosa unisca i partiti del terzo polo. Quintino Pallante però blocca la domanda sul nascere: “Questa chiave di lettura è troppo semplice. Per noi sta partendo una fase di verifica politica importante, ed ora vogliamo crescere per camminare sulle nostre gambe”. Faccio notare al coordinatore molisano di Fli che il

terzo polo sconta ancora l’indecisione dell’Udc. “Noi siamo intermedi rispetto a Iorio e al centrosinistra – replica. A Roma l’Udc sta con il terzo polo e spero che anche in Molise si mostri coerente e sulla nostra stessa lunghezza d’onda. Comunque c’è ancora da metter a posto qualcosa”, ammette infine. Resta il fatto che i futuristi continuano a guardare con interesse al governo Iorio, pur non rinunciando a porre “una serie di problemi legati a fatti quotidiani – attacca il consigliere – che ci allontanano dal Pdl in Molise e a Roma. Le ombre su alcune selezioni del personale, la recente proposta di legge sui cavatori di tartufo che è inutile, dannosa e anticostituzionale”. Il futurista si intestardisce, “così ogni giorno si aggiunge uno strato che ci allontana sul piano reale dal-

Ammortizzatori sociali, ecco cosa fare

Microcredito, collaborazione tra Finmolise e Camera di Commercio

CAMPOBASSO – L’assessorato regionale al Lavoro ha comunicato che a seguito della stipula della convenzione tra Regione Molise e Unicredit, i lavoratori interessati possono richiedere l’anticipazione delle indennità di Cigs, Cig in deroga e mobilità, anche in deroga. Dovranno recarsi allo sportello appositamente attivato presso l’assessorato regionale al Lavoro, in via Toscana, 51 a Campobasso, muniti di una nota attestante la richiesta, da parte dell’azienda, degli ammortizzatori sociali sopra citati e l’impossibilità della stessa ad anticipare il trattamento di integrazione salariale, unitamente al proprio cedolino paga. Lo sportello regionale procederà alla verifica delle condizioni di ammissibilità a tali benefici e a rilasciare l’apposita certificazione al lavoratore, necessaria ai fini dell’apertura di credito in conto corrente presso l’istituto bancario Unicredit. Gli ulteriori adempimenti dovranno essere concordati con gli sportelli Unicredit presenti sul territorio regionale. Per ulteriori informazioni si invita a contattare il numero 0874/424367.

CAMPOBASSO – La Finmolise sceglie la Casa delle Imprese (con sede nella Camera di Commercio di Campobasso) per dare trasparenza a tutti i servizi finanziari che l’ente offre al mondo imprenditoriale molisano. Va in questa direzione l’incontro che si è svolto tra il presidente della Finmolise, Teresio Di Pietro ed il presidente dell’ente camerale, Paolo di Laura Frattura, per consolidare la collaborazione tra le due strutture enti e definire tutte le modalità utili a supportare le aziende nell’attuale momento di crisi. La Camera di Commercio, quale primo interlocutore delle imprese, farà da ponte a tutte le informazioni che la Finmolise vuole far giungere alle aziende, realizzando un modello di informazione partecipata. “Il microcredito, in primo piano, è uno dei settori a cui dare ampia risonanza e trasparenza”, ha annunciato Di Pietro. Gli fa eco Di Laura Frattura: “Sono certo che da questa collaborazione tutto il tessuto imprenditoriale provinciale ne trarrà beneficio. Un’informazione diffusa e coordinata sono alla base dell’operazione di trasparenza che in questa era sta coinvolgendo il settore pubblico. Ed è il primo e più importante passaggio verso un esteso sviluppo dell’economia”.

l’esecutivo Iorio, non su quello ideologico”. Nulla di insormontabile ma urge un confronto tra partiti e coalizioni, perché gli equilibri istituzionali passano attraverso convergenze ormai impossibili in Consiglio. Ecco perché le elezioni provinciali arrivano al momento opportuno, se non fosse che il terzo polo punta sul ‘rosso’ Campopiano. Pallante sorride, confessando di non aver mai immaginato di sostenere un socialista, pur rivangando “parentele con esperienze nel Psi. A dire il vero comunque, stiamo ancora lavorando e prima delle candidature ricerchiamo la compatibilità programmatica”. Solo un nome lo si può escludere a priori, il suo. “Io leader? No, me lo avevano già proposto in agosto e non era il terzo polo”. afv

La Cattolica: da noi 4mila pazienti da fuori nel 2010 Il centro dell’Università Cattolica di Campobasso, in riferimento all’articolo sulla mobilità sanitaria attiva del Molise pubblicato giovedì scorso dal Sole 24 Ore (e da noi ripreso e citato come fonte), “ritiene utile segnalare che anch’esso contribuisce notevolmente” ad incrementare questo fattore. Nel titolo del pezzo si fa esplicito riferimento ai numeri complessivi (“In un anno 836mila viaggi della speranza”) e al dato molisano dei pazienti in arrivo “grazie a un solo Istituto, il Neuromed che attrae circa il 50% di essi”. Non c’è dubbio che anche la Cattolica contribuisca in larga parte alla mobilità in entrata, ma nell’articolo del quotidiano economico non ci sono tracce di questi dati (forse non comunicati alla testata od omessi dalla stessa e quindi da noi). Dati che il centro quantifica ora in “circa 4mila i pazienti non molisani curati in questa struttura (circa il 40% del totale). Le prestazioni sanitarie erogate sono tutte dell’ambito oncologico e cardiovascolare”. Inoltre, in occasione del Dies Academicus del 19 marzo scorso, il rettore Ornaghi ha ricordato che “si deve da tutti riconoscere che il centro è veramente un polo d’eccellenza a livello nazionale e internazionale. Per quanto riguarda l’ambito oncologico, l’unità di Radioterapia è tra le prime in Europa ad aver sperimentato la tecnica Vmat in diverse situazioni cliniche e anche nella radiochirurgia”.


CAMPOBASSO Un’altra notte da incubo. Il territorio provinciale è stato ancora una volta preso di mira da ladri d’appartamento, che nella notte tra giovedì e venerdì sono tornati a far capolino nell’hinterland campobassano. Stavolta i malfattori hanno fatto breccia nel bar del “Motel Roberto”, a Castropignano, rubando danaro contante e diverse confezioni di sigarette, per un bottino di circa mille euro. Ma le scorribande dei criminali non si sono fermate lì: non contenti, infatti, hanno tentato altri colpi in alcune villette di Colle D’Anchise. Una decisione che, ad ogni modo, non ha pagato. Ad aspettare i malviventi c’era infatti tutta la comunità locale, che dopo le rapine subite nelle scorse settimane ha organizzato delle vere e proprie ronde notturne per contrastare l’attività degli scassinatori: un’attività condotta con il supporto del parroco del paese, che avvisato sull’accaduto ha fatto suonare immediatamente le campane della Chiesa in segno di allerta. E il servizio di ‘pattugliamento civile’ si è rivelato quanto mai provvidenziale. Sarebbe stata proprio l’auto sentinella di un re-

Colle D’Anchise, cittadini in ronda sventano rapina Ladri messi in fuga, l’altra notte, prima dell’arrivo delle forze dell’ordine sidente del posto, infatti, a notare la presenza dei soggetti sospetti, che in effetti in quel momento erano in procinto di intrufolarsi in un’abitazione per l’ennesima incursione. Notando la presenza dell’uomo, i ladri hanno deciso di darsi alla fuga, ma nella concitazione del momento hanno effettuato una manovra improbabile, andando a speronare l’auto che li ‘sorvegliava’: una collisione che ha praticamente reso inservibile la loro vettura, una Bmw rubata lo scorso febbraio. Con i carabinieri – allertati im-

Guida mezzo sequestrato: denunciato

albanese

mediatamente dai cittadini del piccolo centro matesino - alle costole, la banda ha proseguito a piedi la ritirata, fuggendo nelle campagne poste alla periferia del paese. All’interno della vettura, i militari della stazione locale – intervenuti insieme ai colleghi di Sepino, Trivento e al nucleo operativo e radiomobile di Bojano – hanno rinvenuto tutta la refurtiva che i saccheggiatori avevano ‘collezionato’ nel corso del blitz, restituendola successivamente ai legittimi proprietari. RedKro

Si era messo tranquillamente in sella ad un ciclomotore posto sotto fermo amministrativo, nonostante non avesse conseguito il relativo certificato d’idoneità: una leggerezza che è costata

all’albanese 19enne M.R. la denuncia, in seguito al controllo effettuato dai carabinieri. A Sant’Elia a Pianisi, invece, è finito nei guai un 23enne di Gambatesa, sor-

preso dai carabinieri della stazione locale mentre guidava l’auto del padre in stato d’ebbrezza alcolica e addirittura senza aver mai conseguito la patente: anche per lui è scatta la denuncia

Sicurezza pubblica: riunito il Comitato provinciale

Il servizio è gratuito

Si è tenuta ieri la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocata dal prefetto di Campobasso, Stefano Trotta. Al vertice, indetto soprattutto per pianificare i servizi relativi alla stagione estiva dell’anno in corso, hanno partecipato il presidente della Provincia D’Ascanio, i rappresentanti dei Comuni di Campobasso, Termoli e Campomarino e delle altre località interessate da un consistente aumento di turisti nel periodo in questione. L’incontro, presenziato anche dagli esponenti delle forze

di polizia che presidiano il territorio, ha mostrato la valenza dei dispositivi già adottati, in modo particolare per quanto riguarda la zona costiera. I servizi di controllo verranno implementati ulteriormente, in modo da assicurare la massima prevenzione dall’attività di eventuali criminali e salvaguardare così l’incolumità dei cittadini. A questo scopo, il prefetto ha anche suggerito ai sindaci di predisporre un accurato piano di verifiche amministrative da attuare su locali ed esercizi pubblici.

Riparazione alla rete idrica: lunedì erogazione sospesa Il Comune di Campobasso ha reso noto che lunedì 28 marzo prossimo, per consentire un intervento di riparazione sulla condotta idrica lungo via Campania, a partire dalle 9 dello stesso giorno il servizio di erogazione dell’acqua verrà temporaneamente sospeso per le utenze di via Puglia, via Sicilia, piazza Molise, delle contrade San Giovanni dei Gelsi e Colle dell’Orso oltre che, ovviamente, per quella di via Campania. Il flusso idrico, ad ogni modo, verrà ripristinato presumibilmente entro lunedì stesso.

7 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011


CAMPOBASSO Guido Campopiano “esponente della politica degli ideali e dei valori” Un ricordo commosso quello rivolto ieri, nel tribunale di Campobasso, all’avvocato, nonché senatore della Repubblica Guido Campopiano, recentemente scomparso. Al palazzo di giustizia, una cerimonia commemorativa. A prendere per primo la parola, il presidente del tribunale Vincenzo Di Giacomo: “Resta il ricordo di uno tra gli ultimi esponenti di quella che taluni chiamano la vecchia politica, ma che altri tra cui anch’io definisco la politica alta e nobile dei padri della nostra Repubblica e della nostra democrazia, nate dopo la fine del nazifascismo”.

Processo Di Paolo, si torna in aula ad aprile Si è avvalsa della facoltà di non rispondere la moglie di Domenico Ciarlitto, ieri chiamata in aula in qualità di teste dell’accusa nel processo per la scomparsa di Nicola Di Paolo. Nel tribunale di Campobasso ascoltati alcuni testi della difesa che hanno raccontato di aver sentito dire in giro che nei giorni seguenti a quel 20 luglio del 2007, Di Paolo era stato visto in giro, in particolare era stato notato mentre saliva in un’auto con altre persone. Quel giorno d’estate infatti è l’ultimo in cui si hanno notizie dell’operaio di Larino. Nel mirino della procura Anna Vincelli e Domenico Ciarlitto, la prima moglie di Di Paolo, il secondo amante di lei, entrambi imputati per l’omicidio del muratore e l’occultamento del suo cadavere. Ieri erano presenti in aula, così come i parenti dell’operaio che si sono costituiti parte civile. Prossima udienza fissata l’otto aprile quando verranno ascoltati due testi del pm e 4 della difesa.

“Il senatore Campopiano – ha sottolineato Di Giacomo – è stato un autorevole esponente di uno dei grandi filoni politico-culturali della storia moderna, quello del socialismo riformista, che si è posto, unitamente al filone liberale ed a quello cattolico (ma anche a quello del socialismo massimalista), a fondamento della nostra stessa Carta Costituzionale. La nostra Costituzione e tutti i principi e le norme in essa contenuti – ha aggiunto – è nata proprio del confronto e dal compromesso tra questi tre grandi filoni di pensiero e movimenti politici, operanti già durante la

Resistenza. E proprio questa è stata la politica alta e nobile di cui parlavo all’inizio, questa è stata la politica degli ideali e dei valori, propria degli statisti che hanno ricostruito l’Italia nel periodo post bellico e poi ancora oltre. Il senatore Campopiano è stato tra costoro. Anche per questo piangiamo la sua scomparsa. Di ombre non ne ha avute, perché ha sempre saputo egregiamente e coraggiosamente associare al suo credo politico alte doti di umanità, il senso dell’amicizia, lo spirito della comprensione”. Sono poi intervenuti i presidenti degli ordini distret-

Operazione Shanti, Lopez esce dal carcere Dopo nove mesi di reclusione, Antonio Lopez esce dal carcere. Dovrà lavorare per un anno in una colonia agricola. A deciderlo il giudice per l’udienza preliminare Luigi Greco che ieri ha condannato l’uomo, coinvolto nell’operazione Shanti, a due anni e 4 mesi di reclusione, l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici ed al pagamento delle spese processuali. Nel tribunale di Campobasso il rito abbreviato in cui il pubblico ministero Fabio Papa aveva chiesto una condanna a tre anni e sei mesi di reclusione. Grande soddisfazione è stata manifestata per l’esito della sentenza dall’avvocato difensore Ennio Cerio che ha ribadito che il suo assistito è stato assolto da alcuni reati tra cui l’associazione a delinquere finalizzata alla tratta e riduzione in schiavitù. Riconosciuta invece una responsabilità in concorso nel reato di sfruttamento della prostituzione. Intanto, ieri, ammessa nuovamente la costituzione di parte civile della consigliera regionale di parità Giuditta Lembo, rappresentata dall’avvocato Gianfederico Cecanese. “ La parte civile – ha commentato il legale – è stata legittimata a chiedere un risarcimento che verrà stabilito in altra sede. Questo è un segnale soprattutto per i soggetti deboli che subiscono discriminazioni ed i cui interessi e diritti possono essere tutelati dall’ufficio regionale di parità”. Lopez finì in carcere lo scorso giugno. Diciassette, in tutto, le persone italiane e straniere colpite da ordinanze di custodia cautelare per associazione a delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, alla riduzione in schiavitù, al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione. L’inchiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Campobasso partì dalla morte di una prostituta avvenuta il 9 maggio del 2005, a Petrella Tifernina. Chiusi due night, La Nuit, lungo la Valle del Biferno, e l’Edonè, all’altezza del bivio per Fossalto. Giovani romene e polacche, per gli inquirenti, venivano costrette a prostituirsi dai titolari dei due night dopo essere state reclutate da connazionali nei Paesi di origine con la promessa di un’assunzione come hostess o cameriera. Le spese del viaggio in Italia venivano anticipate dal sodalizio che, in virtù del debito contratto, costringeva poi le donne a prostituirsi alloggiandole in condizioni di segregazione. (ms)

tuali degli avvocati del Molise, gli avv. Rivellino e D’Errico. “Come disse il giudice Falcone ‘gli uomini passano ma gli ideali restano camminando sulle gambe di altri uomini’ e questo pensiero può essere esteso anche al sen. Guido Campopiano” – ha rimarcato l’avv. Rivellino. “Campopiano – ha aggiunto D’Errico – apparteneva a quella

schiera di avvocati che privilegiavano l’accordo alla lite. Amava la professione esponente ed era espressione di alti valori morali e culturali”. Infine il ringraziamento del figlio del senatore, l’avvocato Oreste Campopiano che ha manifestato grande commozione per il ricordo del padre da parte dei presenti.


SPETTACOLI Ha inventato Les Folies de Pigalle a Reggio Emilia e ne cura la direzione artistica

Il fascino del djing in consolle Giusy Consoli ospite questa sera alla discoteca Alexander CAMPOBASSO - Il suo vero nome è Giuseppe Consoli (Catania, 1967) ed è considerata ‘uno dei travestiti più attivi nella nightlife italiana’, soprattutto tra Riccione, Bologna, Reggio Emilia. Sarà lei a salire in consolle questa sera alla discoteca Alexander, club che si conferma sempre più, il prescelto dal popolo della notte, di che decide e sceglie di ballare. E’ lei l’deatrice della serata “Les folies de Pigalle”, evento itinerante che ha esportato in tutta italia da Reggio Emilia. Da ormai nove anni è anche produttrice, infatti lavora e produce per la Sound division, completando così la sua figura artistica. L’offerta dell’Alexander si realizza con Angelo Frezza, Pippo Venditti, Raf, Valentino, Gianni De Vivo, Lucky Ortoni, Gianmarco Pascale, Andrea Armagno, Vito Lolaico, Jansò. Ingresso euro 10,00. Prenotazioni e informazioni 337667648.

Concerto

“Il catalogo, Aide Memoire” CAMPOBASSO - La Fondazione teatro Savoia presenta il 29 e 30 marzo “Il catalogo, Aide Memoire” con Isabella Ferrari ed Ennio Fantastichini. La regia è di Valerio Binasco ed è tratto dal libro di Jean Claude Carrière.

“Nessuno mi può giudicare” CAMPOBASSO - Questa sera alle 20.30 al multisala Maestoso, Massimiliano Bruno, regista di “Nessuno mi può giudicare” con Paola Cortellesi e Raoul Bova, sarà in sala per incontrare stampa e spettatori. Il Maestoso si ripropone così, dopo Michele Placido, come luogo deputato al cinema, non solo per la visione, ma per lo scambio di idee con i protagonisti.

“Ladri di cadaveri” CAMPOBASSO - La programmazione alla sala Alphaville prevede, da oggi e sino a lunedì “Ladri di cadaveri”, il nuovo di John Landis (quello di “The Blues brothers”). Spettacoli ore 17.30, 19.30, 21.30. Ingresso euro 4,50. L’Alphaville è in via Muricchio, 1 presso l’ex Onmi. Info 087490613. La prossima settimana sarà proiettato il nuovo di Marco Bellocchio “Sorelle mai”.

10 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011

CAMPOBASSO - Oggi al teatro Savoia concerto per l’Unità d’Italia con l’orchestra di sassofoni del conservatorio Perosi di Campobasso, con le percussioni di Antonio Conte e diretta dal maestro Franz Albanese. L’evento si aprirà con la lettura di un testo di Paolo Matrella a cura dell’attore Lino D’Ambrosio. Info 08746891.

Appuntamenti FLASH

CAMPOBASSO - Termina oggi il Corso di vocalità applicata al repertorio per direttori di coro e coristi. Il maestro Fabrizio Barchi terrà due lezioni: alle 15.00 vocalità per cori di voci bianche, alle 16.30 vocalità per direttori e coristi. Le lezioni is terranno presso la sala conferenze della biblioteca Albino, in via Garibaldi a Campobasso.

CAMPOBASSO - Stasera al Move club di via Garibaldi, live di Euphonica dopo la cena. CAMPOBASSO - Oggi al Ragnarok in via del Castello, concerto di Jelly roll band. CAMPOBASSO - Ha inaugurato ieri presso Momà arredi in via Tiberio, la mostra di Rosario Laterza. Sarà visibile sino al 9 aprile. BOJANO - Ultimo spettacolo in cartellone allo stabile di Bojano, il 16 aprile: “Buongiorno contessa”. CAMPOBASSO - Questa sera alla discoteca Red Passion, serata burlesque con Victoria Clicquot e Le Pinche. JELSI - Sasera discodance in piazza, set di Charles Papa.

TEATRO ISERNIA - Questa sera alle 21.00 presso la sala teatro della Provincia di Isernia, la compagnia teatrale Maschere nude presenta “Così si ride a Napoli”, spettacolo teatral-musicale diretto dal regista isernino Mario Farina.

The Strokes di nuovo in sala d’incisione

Dopo tre anni torna il grande Blasco

Da un eccesso all'altro: dopo aver fatto passare cinque anni tra "First impressions of Earth" e "Angles", gli Strokes pare siano determinati a dare un seguito alla propria ultima fatica in studio a tempo di record. La band capitanata da Julian Casablancas ha infatti dichiarato di voler entrare in studio già tra poche settimane.

A tre anni dalla pubblicazione de "Il mondo che vorrei" (per oltre un anno e mezzo in classifica), Vasco Rossi pubblica il 29 marzo "Vivere o Niente" con 12 pezzi inediti nati tra Bologna e Los Angeles. C'è il rock, il pop, il blues e le sonorità anni 80. Il tutto incorniciato dal Vasco Pensiero: “La vita è dura ma io sono ancora più duro!".


ANNO I1 - N° 70 - SABATO 26 MARZO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO ALLA SQUADRA MOBILE

È grazie al loro fiuto investigativo che è stata scoperta la situazione di degrado familiare in cui erano costretti a vivere i tre bambini, due dei quali vittime di abusi sessuali (secondo il Tribunale di Isernia). Sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Isernia, infatti, circa tre anni fa, ad arrestare i due pastori di Belmonte. Uno di questi condannato l’altro giorno in primo grado a venti anni di carcere. Pena severa anche per la madre dei tre piccoli, che dovrà scontare 14 anni. E se oggi i bambini potranno costruirsi un futuro nuovo e soprattutto migliore, è soprattutto grazie ai poliziotti della Squadra Mobile che hanno portato a termine un’operazione lunga e difficile. Ma che ha portato ai risultati sperati.

IL TAPIRO DEL GIORNO AI POLITICI LOCALI

Certo non sarà Berlusconi, ma come accadde con Fini, anche con il sottosegretario alle Politiche della Famiglia, Carlo Giovanardi, i politici e gli amministratori locali hanno deciso di non presentarsi. E così l’esponente del governo centrale, arrivato ad Isernia per prendere parte ad un convegno organizzato dalla Provincia sulle dipendente, è stato affiancato solo dall’assessore provinciale Mimmo Izzi e dal vicesindaco di Isernia, Celestino Voria. Il resto, invece, non si è presentato. Alcuni di loro avevano impegni istituzionali, mentre altri hanno preferito digerire comodamente a casa.

MELOGLI SI AGGRAPPA AL LISTINO MORTE PALLADINO

ROCCASECCA

VENAFRO

Giallo di Carpinone Versioni contrastanti tra padre e figlio

Disastro ferroviario Per il macchinista i semafori erano guasti

Il consigliere Scarabeo: Un encomio all’agente che ha sventato la rapina

A PAG. 15

A PAG. 15

A PAG. 16

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Il gruppo sarà formato dai più importanti amministratori della provincia

Regionali, Melogli vuole il listino Il primo cittadino: “Pronto a candidarmi per il maggioritario”. Ma intanto ha già formato la lista dei sindaci: ecco tutti i nomi Gelsomino De Vita

Gabriele Melogli

Franco Rossi

Nicandro Cotugno

Vincenzo Iannarelli

Custode Russo ISERNIA – Abito elegante, cravatta e trench color sabbia. Stile impeccabile come sempre. Lo abbiamo incontrato fuori dal Tribunale, mentre faceva ritorno al suo studio legale. Forse complice anche il primo caldo di primavera il sindaco Melogli aveva voglia di parlare. In questi mesi se ne sono dette tante sul suo conto e soprattutto sul suo futuro politico. Regionali sì, regionali no. Questo il dilemma di politici, cittadini e giornalisti. E per chi non l’avesse ancora capito il sindaco di Isernia ha confermato che lui alle elezioni di novembre ci sarà eccome. Ora,

14 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011

però, bisognerà capire in che modo. Ma innanzitutto ha voluto chiarire i motivi per cui è pronto a candidarsi: “Voglio fare un dispetto a quei vecchi parrucconi, che se non fossero entrati in politica avrebbero avuto difficoltà ad arrivare a fine mese”. Melogli, insomma, continua a portare avanti il suo credo politico che parte da un principio di fondo: distinguere in modo netto la figura del politico (colui che parla) da quella dell’amministratore (colui che fa). E poi subito dopo queste dichiarazioni, la frase che non ti aspetti in una calda

Orazio Ciummo mattinata primaverile: “Il listino? Lo pretendo”. Altro che tirarsi indietro, il primo cittadino spera eccome che la scelta del presidente Iorio ricada proprio su di lui. Melogli non ha le idee chiare solo sul maggioritario, ma anche sul proporzionale dove è pronto a sbaragliare gli avversari con l’ormai famosa lista dei sindaci. Sarà lui, ovviamente il capogruppo in provincia di Isernia, ma ci sono già stati contatti con altri amministratori, per lo più della Valle del Volturno. Ed ecco allora, tutti i nomi che formeranno il movimento guidato dal primo cittadino di

Angelo Campanelli Isernia. Di sicuro ci sarà il sindaco di Venafro, Nicandro Cotugno e l’ex primo cittadino di Agnone, Gelsomino De Vita. Pronti a dire la loro anche Vincenzo Iannarelli (Cerro al Volturno) e Franco Rossi (Montaquila). Per quanto riguarda gli ultimi due candidati è lotta a tre tra l’ex sindaco di Roccasicura, Angelo Campanelli, Orazio Ciummo di Rionero e Custode Russo di Monteroduni. Sono questi, dunque, i nomi su cui punterà Melogli per la lista che appoggerà il presidente uscente Michele Iorio. Una squadrone che darà del filo da torcere a tutti.

Venafro, convegno degli scout

Bonus d’imposta Scadenza dei termini

VENAFRO - Si terrà questo pomeriggio, a partire dalle ore 15:30, presso la sala conferenze della parrocchia Don Luigi Orione il convegno organizzato dal locale gruppo scuot Agesci in collaborazione con il Consultorio diocesano. “L’avventura educativa nella preadolescenza e adolescenza”, questo il titolo dell’incontro.

Si avvicina anche quest’anno la scadenza per presentare le comunicazioni per i lavori che danno diritto alla detrazione d’imposta del 55 per cento, il cosiddetto bonus energia, avviati negli ultimi due anni e non ultimati entro il 31 dicembre 2010. ll termine ultimo per presentare le domande di rimborso è stato fissato al 31 marzo.


ISERNIA Morte Iolanda Palladino: il marito dell’indagata ridimensiona le accuse del genitore

Giallo di Carpinone, versioni contrastanti tra padre e figlio CARPINONE - Si tinge sempre più di giallo la morte di Iolanda Palladino, la donna di 82 anni trovata senza vita il 17 marzo scorso nella sua abitazione di Carpinone. La versione dei fatti rilasciata dal figlio della vittima agli inquirenti sarebbe infatti in contrasto con quella del padre. Che giovedì scorso si rivolse ai carabinieri accusando la nuora di omicidio. Queste due ricostruzioni contrastanti complicano le cose. Chi dei due dice il vero? In quella casa, si ricorderà, al momento della tragedia c’erano la vittima, la nuora Brunella Notargiacomo, il marito di quest’ultima (figlio della Palladino) e il suocero dell’indagata. Ebbene: il racconto del dirigente del tribunale isernino sembra in qualche modo confermare la tesi della moglie. Quale? Dalla Procura pentra nulla trapela. Le domande dei giornalisti sbattono contro un muro di gomma. Né parla Oreste Scurti, l’avvocato che difende la donna indagata per omicidio pre-

terintenzionale. Tuttavia da indiscrezioni raccolte in ambienti giudiziari si parla di versioni praticamente opposte. Anche se davanti al gip –in sede di convalida del fermo - l’indagata si sarebbe avvalsa della facoltà di non ri-

Disastro di Roccasecca

Il macchinista: i semafori erano guasti CASSINO – Potrebbe alleggerirsi la posizione dei due macchinisti indagati per il disastro ferroviario di Roccasecca. Uno dei testimoni ascoltati nell’ultima udienza di giovedì ha in sostanza detto quello che la difesa sostiene da sempre: l’incidente sarebbe stato provocato da un guasto meccanico. Lo ha detto il macchinista del treno – fermo in stazione – tamponato dal Roma-Campobasso. Ai giudici che lo hanno interrogato l’uomo ha detto che

spondere, la donna avrebbe comunque detto, informalmente, di essere stata vittima di un’aggressione, perlomeno verbale. E ciò – almeno in parte - lo avrebbe confermato anche il marito. Che a sua volta avrebbe di fatto scon-

fessato il padre. Ma queste – è bene ricordare – sono solo indiscrezioni. Se ne potrebbe tuttavia sapere di più tra qualche giorno. Cioè dopo l’incidente probatorio. Il gip Cuomo si appresta a fissare la data. Con l’incidente probatorio la procura di Isernia intende “cristallizzare” la versione del marito della vittima. Evidentemente si teme che – essendo questa una tragedia maturata in ambito familiare – si arrivi a processo con un’altra versione dei fatti, cioè condizionata proprio dagli affetti familiari. In pratica si vuole evitare che si ripeta quanto accaduto ad Avetrana con il caso di Sarah Scazzi. Se il suocero dell’indagata dovesse confermare la sua tesi anche durante l’incidente probatorio, questa diventerebbe prova processuale a tutti gli effetti. Certo è che chi si trova in una situazione davvero delicata è il dirigente del tribunale di Isernia. È il figlio della vittima. Ma è anche il marito dell’indagata. Non solo. Su questa storia indagano per-

sone con le quali lavora a stretto contatto. Una situazione non facile, la sua. Testimonianze a parte, la svolta nelle indagini potrebbe scaturire dai risultati dell’autopsia. Se questa dovesse escludere la morte violenta e avvalorare la tesi del malore, le cose cambierebbero. E di molto. Se invece l’esito dovesse confermare la tesi dell’accusa, per la Notargiacomo le cose si complicherebbero. Nel frattempo si aspetta anche l’esito della analisi del Ris sulla spranga di ferro sequestrata nell’abitazione. Certo è che l’avvocato dell’indagata appare fiducioso. Conta di dimostrare l’innocenza della sua assistita. Evidentemente in mano ha una carta che intende scoprire nel momento che lui riterrà più opportuno. D’altro canto anche la Procura è convinta di essere sulla strada che porta alla verità. Ma più passano i giorni, più i dubbi si moltiplicano. E sarà sempre più difficile capire cosa sia realmente successo in quella casa sequestrata dai carabinieri.

pochi giorni dopo la tragedia, più o meno nella stessa zona, ha riscontrato anomalie negli impianti che segnalano la presenza di treni. In pratica sul quadro comandi del convoglio compariva il rosso, mentre il segnale a terra indicava via libera. Se questa tesi dovesse prevalere, si alleggerirebbe notevolmente la posizione dei due macchinisti imputati: Gabriele Venditti, di Isernia, e Mario Mangano, di Benevento. L’accusa, tuttavia, continua a sostenere l’ipotesi dell’errore umano. Nell’incidente – avvenuto nel dicembre del 2005 – persero la vita lo studente isernino Francesco Martinoe l’emigrante di Ferrazzano Antonio Vallillo. Decine di persone rimasero ferite. La maggior parte di loro sono state risarcite, mentre in sei si sono costituite come parte civile in questo processo. La prossima udienza è stata fissata per il 14 aprile. Durante l’udienza di giovedì è stato ascoltato anche un agente della Polfer. Ma la sua testimonianza non sembra essere così determinate, come invece potrebbe risultare quella del macchinista del treno tamponato. L’agente di polizia ha parlato di quanto accaduto subito dopo l’incidente. In mezzo a quel caos mettersi a pensare al guasto meccanico o all’errore umano era praticamente impossibile. C’era gente da soccorrere. Di altro spessore la testimonianza del macchinista ascoltato giovedì. Aveva già segnalato quell’incongruenza tra gli strumenti di bordo e quelli esterni

La vera storia di Federico II di Svevia

Lavoro, Inail in campo contro lo stress

ISERNIA - Il 2 aprile prossimo, alle 11:30, gli studenti delle le classi seconde e terze del liceo scientifico Majorana parteciperanno all'incontro con l'autrice Ornella Mariani per la presentazione del libro "Federico II di Svevia - la storia negata". L'incontro si terrà nei locali dell'Officina della Cultura, in via Pio La Torre a Isernia.

ISERNIA – L’Inail, d’intesa con l’Ordine dei medici, organizza il convegno dal titolo: “Stress, lavoro e salute”. L’appuntamento è per oggi, a partire dalle 8:30, presso all’Itis Mattei di Isernia. Il convegno intende dare un contributo tecnico-scientifico in merito alla problematica dei rischi psico-sociali occupazionali.

15 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011


ISERNIA Pedofilia, Pasquale Lombardi contro Nunzia Lattanzio Il vicepresidente dell’ordine: “Bisogna fare di più per difendere i minori” ISERNIA – Pedofilia a Belmonte del Sannio: l’Ordine dei giornalisti punta l’indice contro il tutore dei minori Nunzia Lattanzio. Lo fa per mezzo del vice presidente, Pasquale Lombardi. Che, in buona sostanza, l’accusa di aver fatto una “sviolinata” alla stampa quando proprio non la meritava. Perché sul caso di Belmonte, dice Lombardi, i giornalisti hanno calpestato la carta di Treviso. E con lei la privacy dei minorenni. Di fatto sarebbero riconoscibili. Perché – si sa – Belmonte è un paesino. E individuare le vittime degli abusi non è poi così difficile. “Gentile dottoressa – afferma in una nota Pasquale Lombardi scrivo nella veste di vice presidente dell'Ordine Regionale dei Giornalisti per manifestare stupore e rammarico per quanto ho appena letto nel suo comunicato relativo alla sentenza emessa dal Tribunale di Isernia a carico del pedofilo. Spiego le ragioni. Il nostro Direttivo è impegnato, purtroppo con scarso risultato, a far capire ai colleghi che la deontologia e il rispetto delle regole sono i pilastri su cui si regge l'Ordine professionale. Tra le norme deontologiche del nostro mestiere figura anche la Carta di Treviso, varata il 10 ottobre 1990. La Carta afferma principi a tutela del diritto alla riservatezza e alla protezione dei

dati personali relativi ai minori, anche in attuazione delle garanzie previste nei loro confronti dagli articoli 2 e 31 della Costituzione nonchè della Convenzione sui diritti del fanciullo di New York del 20 novembre 1989. Ordine dei Giornalisti e Federazione della Stampa raccomandano da anni ai direttori e a tutti i redattori di evitare tassativamente la pubblicazione e la divulgazione con qualsiasi mezzo di notizie o immagini idonee a consentire l'identificazione di un minore coinvolto in vicende di questo genere. Bene, su quasi tutti i giornali locali e nei notiziari delle tv, anche oggi (ieri, ndr) si è letto e parlato dell'anziano zio di Belmonte. Le chiedo, in un paese di poche anime come Belmonte è proprio difficile arrivare alla identificazione della bambina violentata? Quali conseguenze avranno le notizie apparse sui giornali e nelle televisioni sulla psiche di quella povera ragazza? Dunque, cara dottoressa, come tutore dei minori da Lei mi sarei aspettato una strigliata o una tirata d'orecchi per i miei colleghi. Leggo, invece, che rivolge un rinnovato e particolare ringraziamento ai direttori delle testate giornalistiche per il lavoro svolto! Non me ne abbia”.

Pnalm, lezioni Scarabeo: un encomio di educazione ambientale per l’agente eroe

Venafro città di "frontiera" in tutti i sensi, il transito di veicoli e quindi di persone, la rende sempre più vulnerabile alle "attenzioni" delittuose di chi pensa che la legalità sia semplicemente un optional. Così, come sempre più spesso accade, salgono agli onori della cronaca i furti le rapine i borseggi a rappresentare i reati più odiosi che proprio non riusciamo a giustificare. A volte gli autori la fanno franca, spesso, come è accaduto recentemente in città, vengono assicurati alla giustizia grazie all'intervento di un Assistente capo della polizia di Stato, in forza alla Questura di Isernia. Il suo nome è Nicandro Matteo, che libero dal proprio servizio, è riuscito a fermare gli autori di una rapina ai danni di un esercizio commerciale proprio di Venafro. L'episodio ha catalizzato attorno al poliziotto, numerosi attestati di stima da parte di molti cittadini, per il coraggio dimostrato in questa circostanza. Tra gli apprezzamenti, si registrano anche quelli del Consigliere Regionale Massimiliano Scarabeo che ha inteso chiedere al Dott. Salvatore Torre, Questore

16 ANNO IV - N° 70 SABATO 26 MARZO 2011

della Provincia di Isernia, di conferire all'Assistente Capo Nicandro Matteo, un encomio per l'azione che ha compiuto. "So bene" dice Scarabeo "che un tutore dell'ordine è sempre in servizio, ma ciò che il Sig. Matteo ha fatto, merita di essere ricordato come esempio di forte spirito di azione sociale e civile nella difesa dei diritti fondamentali della persona. Come cittadino e come rappresentante della Comunità venafrana, in seno al Consiglio regionale del Molise, voglio ringraziarlo pubblicamente, per questo ho sentito il dovere richiedere al Questore di Isernia di conferire all'Assistente Capo Nicandro Matteo un encomio per ciò che ha fatto. Un ringraziamento che naturalmente intendo estendere anche a tutti coloro che quotidianamente e con abnegazione, ci garantiscono di vivere in sicurezza: il loro impegno ci conforta e ci rassicura".

Si è tenuta giovedì presso il Centro Operativo del Parco di Villetta Barrea, una prima riunione plenaria degli operatori che collaborano con l'Ente nelle attività di educazione ambientale, di interpretazione della natura e di accompagnamento in visite organizzate. Nell'ambito delle direttive programmatiche, di coinvolgimento del territorio e di progettazione partecipata, il Parco sta coinvolgendo gli operatori in modo più attivo attraverso la creazione di Gruppi di lavoro.Dopo il saluto del Direttore Dario Febbo, che ha presenziato all'apertura, si è sviluppata una intensa e proficua discussione sulle iniziative da mettere in campo nei prossimi mesi. Gli operatori si stanno intanto organizzando in “Gruppi di lavoro” specifici che riguardano vari ambiti di intervento, tra cui la programmazione di attività di educazione ambientale, la cura e il monitoraggio della rete sentieristica, l'assistenza a gruppi stranieri e il potenziamento del volontariato nel Parco.Quanto è stato tracciato in questo primo incontro rappresenta un punto di partenza di un percorso condiviso che, attraverso una sempre più proficua collaborazione istituzionale e operativa, costituisce un importante spunto aggregante e un invito a “fare sistema”, con l'intento di ampliare l'offerta culturale-turistica e puntare su servizi di qualità.Le tematiche oggetto del lavoro dei Gruppi riguardano la ricerca di fondi, i rapporti con l’estero, la sentieristica, il volontariato classico.

Colli, inaugurate due nuove strutture

Isernia, a teatro con Pirandello

COLLI A VOLTURNO - Nei giorni scorsi sono state inaugurate due nuove strutture. La prima riguarda il mondo sportivo, infatti, è stato allestito un campetto per varie attività. La seconda investe il campo della cultura. Il sindaco Arcaro e il consigliere comunale Ranieri hanno offerto agli abitanti e ai giovani una bella prova di sensibilità sociale.

ISERNIA - Mercoledì 30 marzo alle ore 21, presso la Sala Convegni della Provincia di Isernia, La compagnia Stabile del Molise presenta lo spettacolo dal titolo “ Pirandello, personaggio e scrittore”. Tra gli attori: Lino D’Ambrosio, Paola Cerimele, Raffaello Lombardi, Valeria D’Avorgna e l’agnonese Paola Cerimele.


TERMOLI Il vice presidente della Regione in visita negli ospedali di Larino e Termoli

Continua il viaggio di Pietracupa nella sanità molisana “Quello di oggi, è stato un primo confronto sulla strada di una nuova strategia comune, fondata sul dialogo pacato e civile”

BASSO MOLISE - Ha toccato i presidi ospedalieri di Larino e Termoli il percorso istituzionale del vice presidente della Regione Mario Pietracupa. L’assessore ha incontrato i dirigenti della struttura ospedaliera di Larino e gli operatori del nosocomio. Ospitato dal Direttore sanitario del presidio larinese Nicola Di Lena e accompagnato dal Direttore sanitario e dal Direttore amministrativo dell’Arsiam, rispettivamente Giancarlo Paglione e Gianfranca Testa, il vice presidente ha ascoltato l’intervento della dottoressa Testa, che ha tracciato il quadro della situazione con riferimento al ‘Vietri’, e si è confrontato con i responsabili presenti. Dopo di che è intervenuto: “Bisogna rendersi conto dell’emergenza economica che ci coinvolge. E’ interesse di tutti consolidare la situazione di oggi, ma occorre anche spingersi oltre con un discorso comune. Occorre rispettare i parametri economici cui dobbiamo obbligatoriamente attenerci. Sono convinto che facendo gioco di squadra e guardando oltre le singole situazioni – ha concluso - si possono trovare idee e contributi utili ad affrontare la nuova fase in cui stiamo per entrare”. In precedenza Pietracupa

Nucleare, Cristiano Di Pietro: “Diciamo sì al referendum” MONTENERO DI BISACCIA - Chissà come mai, all’improvviso, tutti si scoprono contrari al nucleare. Fin qui tutto bene ma c’è una cosa che ci lascia perplessi ed è l’affannarsi di tanti a dimostrare di voler fare qualcosa per scongiurare il pericolo. Fa specie che si tratti degli stessi personaggi che ci hanno denigrato e snobbato quando, con i gazebo dell’Italia dei Valori, siamo scesi in piazza ad informare i cittadini e a raccogliere le firme necessarie a promuovere i referendum non solo sull’ energia, ma anche sull’acqua e sul legittimo impedimento. Chi ora cavalca l’onda dell’emotività, dopo la tragedia del Giappone, appartiene a quella stessa parte politica che vorrebbe imporci le centrali nucleari, la privatizzazione dell’acqua e le leggi salva casta. Ricordiamo a tutti che ai referendum del 12 giugno per dire NO al governo Berlusconi e al governo Iorio è necessario segnare SI a tutti i quesiti. Vuoi eliminare il ricorso all'energia nucleare? Si. Vuoi cancellare la privatizzazione dell'acqua? Si. Vuoi sbarazzarti del legittimo impedimento? Si. L’importanza della nostra iniziativa referendaria è indiscutibile. Il referendum è l’unico modo, per i cittadini molisani e per tutti gli italiani, di poter democraticamente esprimere la propria volontà e per dire basta ad un governo regionale che nicchia e che non si oppone alle scelte che limitano i diritti fondamentali e ledono i cittadini. Cristiano Di Pietro Consigliere IdV alla Provincia di Campobasso

Oggi e domani la giornata del Fondo ambiente italiano

aveva incontrato in Municipio una rappresentanza dell’amministrazione comunale. A Palazzo Ducale, l’assessore alle Riforme istituzionali e alla Programmazione e Marketing territoriale è stato accolto dal sindaco Guglielmo Giardino, dal vice sindaco Giovanni Quici e da un gruppo di consiglieri e assessori. Dopo aver salutato i dipendenti comunali, Pietracupa si è intrattenuto con gli amministratori: “Ringrazio tutti per la calda accoglienza – ha detto – Sono contento di incontrare tanti consiglieri e assessori soprattutto perché sono qui in veste istituzionale, desideroso di divulgare un messaggio che ritengo importante, un appello al buonsenso che continuerò a diffondere in giro per la regione al fine di favorire il dialogo. Nel rispetto dei cittadini – ha proseguito – noi amministratori abbiamo il dovere di ragionare in termini di integrazione. Il Molise è piccolo ed è una realtà particolare in cui tutto è inevitabilmente collegato. Chi pensa di danneggiare un’area per favorire una realtà territoriale differente non fa altro che suicidarsi. Ragionare in maniera complessiva è fondamentale per dare un futuro sostenibile alla nostra regione, fermo restando il diritto ad autodeterminarsi senza condizionamenti e nel rispetto di ruoli e competenze”. La giornata istituzionale di Pietracupa ha proseguito il suo itinerario facendo tappa a Termoli. Nella sala riunioni dell’ospedale San Timoteo ha incontrato i responsabili delle unità ope-

rative e i loro dirigenti. Ad accoglierlo il Direttore sanitario del presidio ospedaliero bassomolisano, Filippo Vitale. “Vi ringrazio per aver raccolto il mio invito e mi scuso con voi, come ho già fatto con i vostri colleghi di Campobasso e Larino, per i disagi che avete dovuto patire negli ultimi tempi. Sapete – ha continuato – che siamo in una fase di emergenza che speriamo sia giunta all’epilogo”. Dopo aver ascoltato gli interventi dei presenti e la relazione della dottoressaTesta, Pietracupa ha aggiunto: “I problemi ci sono, inutile nasconderlo, ma io sono ottimista e anche convinto che il nostro rapporto di collaborazione deve essere perfezionato. Quello di oggi, è stato solo un primo confronto sulla strada di una nuova strategia comune fondata sul dialogo pacato e civile, proprio come è accaduto con voi e anche negli incontri con i vostri colleghi di Campobasso e Larino. Sappiate, e questo vale per tutti – ha concluso – che potremo subire anche degli interventi tecnici ed economici, ma nessuno potrà mai mettere in discussione le professionalità che caratterizzano la sanità molisana a tutti i livelli”.

Agricoltura e ambiente, una sola priorità L’agricoltura è da tempo che invoca i cambiamenti e la verità è che ha perso favolose opportunità per la logica dell’assistenzialismo, lenta naturale premessa dell’abbandono. Bisogna fare uscire il mondo contadino da questa logica che impera imperterrita, ancora oggi, e che è servita a bloccare le straordinarie potenzialità di questo mondo soprattutto per ciò che riguarda i suoi valori, quelli che il consumismo ha ridotto a poca cosa con la crescita dell’urbanizzazione. Bisogna riportare l’agricoltura al suo ruolo naturale che la pone, oggi più che mai, al centro dell’economia come perno intorno al quale far ruotare tutte le novità che aspettano di essere attivate e ciò, soprattutto per far capire a chi parla di crescita che essa è possibile solo se viene affermata questa centralità. Una centralità che, da una parte spiega la modernità di questo settore economico di fronte ai bisogni veri, primo fra tutto il cibo, la sua disponibilità; dall’altra fa capire che bisogna ripartire da ciò che abbiamo, sapendo che solo quello che abbiamo ha il senso di base, cioè piattaforma sulla quale è possibile programmare e progettare il futuro. C’è bisogno di cogliere tutte le opportunità e di trasformare i risultati in puntuali risposte da dare al mercato, al consumatore, alla società. Sta qui la cura e l’amore per la ruralità; la necessità e l’urgenza di dar vita a un forte associazionismo, libero, non controllato dall’alto, ma nelle sole mani dei produttori; lo sviluppo della multifunzionalità e l’utilizzo delle occasioni che essa mette a disposizione; l’impegno a produrre qualità e tipicità per rendere i prodotti testimoni sempre più credibili di questo o quel territorio; la determinazione che serve per difendere, tutelare e promuovere il territorio, ponendo, oggi più di ieri, l’attenzione che meritano sia l’ambiente che il paesaggio. In questo modo la centralità dell’agricoltura acquista maggior si-

La 19^ Giornata FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera, sostenuta anche quest’anno da Wind, si svolge oggi e domani in 260 località in tutte le Regioni, con l’apertura di 660 beni. E’ l’Italia intera che si mette in mostra, in luoghi meravigliosi e inconsueti, pronta ad accogliere centinaia di migliaia di persone. E in questa giornata speciale il FAI non solo apre l’Italia più segreta, ma vuole avvicinare e coinvolgere il maggior numero possibile di cittadini, affinché partecipino in prima persona alla difesa e alla condivisione delle nostre ricchezze, sempre più minacciate dalla crisi economica e dall’indifferenza.Tutte le visite sono a contributo libero e sarà possibile iscriversi al FAI in ciascun bene aperto: sostenere il FAI è infatti un gesto decisivo, il modo più diretto ed efficace per schierarsi in difesa del nostro patrimonio artistico e paesaggistico,

gnificato e più forza facendo propria l’altra centralità, di più recente acquisizione, che è la questione ecologica, l’ambiente. Si vanno a moltiplicare le energie e, insieme, le ragioni per imporre la discontinuità e l’inizio di un nuovo percorso, o, se volete, di un nuovo Rinascimento nel Molise e in Italia. Sta in questa nuova centralità, agricoltura-ambiente, sicuramente più complessa ma anche più efficace, l’attualità delle due questioni, la loro modernità, la loro capacità di entrare prontamente nei processi promossi dall’era della conoscenza, che hanno forte bisogno di progettualità e di partecipazione, di tempo e di spazio, di regole rispettose della natura e non distruttive come le attuali, capaci di arricchire il pianeta e non di impoverirlo, com’è successo in questo lungo periodo che ha portato al consumismo ed allo spreco. Pasquale Di Lena

per manifestare il nostro orgoglio nazionale, per diventare “azionisti della nostra cultura”. Ed ecco il programma degli appuntamenti che si terranno in alcune localita del basso Molise. Casacalenda: Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Maggiore, Teatro Comunale, Convento di Sant'Onofrio. Castelmauro: Osservatorio Astronomico “Giovanni Boccardi”, Palazzo Ducale, Chiesa di San Leonardo. Civitacampomarano: Un viaggio tra arte, architettura e scienza. Al Castello Angioino. Itinerario fattibile solo su prenotazione all'Ufficio Comunale tel. 0874 744106. Larino: Centro Storico. Petrella Tifernina: Atmosfere medievali impresse nella pietra Chiesa di San Giorgio Martire e Cripta, Centro Storico. Roccavivara: Santa Maria del Canneto. Tutte le visite guidate si terranno sabato dalle 10 alle 13 e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.


TERMOLI Sollecitato dalla Provincia, il Tar Molise annulla l’elezione del numero uno del Cosib

D’Ascanio affonda: “Tresche e dittatorelli” Luigi Mascio ricorrerà al Consiglio di stato contro la sospensiva della sua nomina TERMOLI - “Abbiamo avuto ragione su tutto. Ora però la Regione deve intervenire perché questo ente non ha più amministrazione. Diffideremo di nuovo Iorio a sciogliere gli organi del Cosib, nominare un commissario per breve scadenza. Quindi deve presentare una riforma dei consorzi per programmare la cre-

scita di questo territorio. Spero che almeno ora che l’ente è immobilizzato qualcosa si muova in Regione”. Questo in sintesi il contenuto della conferenza stampa che ha tenuto ieri mattina nelloa sede del Cosib il presidente della provincia di Campobasso Nicola D'Ascanio. Incontro che lui stesso ha indetto

all'indomani della sospensiva del TAR Molise che ha bloccato l'elezione di Luigi Mascio alla presidenza dell’Ente Consortile. E D'Ascanio è andato giù pesante quando ha dichiarato che: “Nel consiglio generale del Cosib sedevano dittatorelli di paese e giocatori di tressette. Personaggi che frequentano le tresche politiche

Otto ore di sciopero alla Fiat Powertrain

TERMOLI – Otto ore di sciopero sono state proclamate per oggi dal sindacato Cobas nello stabilimento Fiat Powetrain. L'astensione dal lavoro si terrà nei primi due turni ed è stato proclamato dopo che la direzione aziendale ha convocato la Rsu e comunicato la richiesta di uno straordinario obbligatorio nel primo turno lavorativo nel reparto 8V motori e in seconda battuta e l’obbligo di lavorare anche sul riposo di sabato, nel secondo turno. Il rappresentante dei Cobas, Andrea Di Paolo, non ha firmato l'accordo ed ha rilasciato una dichiarazione che riportiamo. “E’ inaccettabile gestire le vite dei lavoratori a uso e consumo dei padroni, ancor di più in questo caso dove

solo due o tre giorni prima si decide di annullare il riposo settimanale psicofisico e naturale per una vivibilità nella gestione del proprio tempo libero che la maggiorparte dei lavoratori hanno già programmato con le loro famiglie, persino per la Rsu della Fiom che fino a ieri recitava la parte della rinascita della lotta sindacale ha riscoperto come preferisce assecondare altre esigenze meno che quelle dei lavoratori, insieme ai collaudati amici di passeggio Fim Uilm - Fismic - Ugl. Nella discussione della riunione del 23 Marzo la nostra Rsu ha evidenziato inoltre come la direzione Fpt di Termoli abbia dimostrato poca sensibilità e autoritarismo nel non rispettare in prima istanza l’accordo con la Provincia di Campobasso per l’assunzione di giovani diversamente abili ricordando che solo il Tar, il Tribunale amministrativo dopo la denuncia della Provincia ha ristabilito le cose. Questo non ha fatto piacere al capo del personale che preferiva evidentemente sentire quello che più gli aggradava dato che ha interrotto bruscamente Di Paolo durante il suo intervento, formato regime? Il metodo Marchionne ancor prima con l’imposizione della flessibilità partita a Termoli già dall’accordo del ’94 insieme ai sindacati confederali e ai vari governi pro-capitalismo continua a far diventare i lavoratori sempre più precari e a corto di diritti la stessa strada che ha spianato gli accordi di Pomigliano e Torino”.

organizzate anche a beneficio della sinistra”. Poi ha chiarito che il suo ricorso al Tar, come qualcuno ha sostenuto, non è stato dettato da motivi elettorali: “Io non mi candido perché non voglio partecipare alla vergogna che sta coinvolgendo alcune segreterie di partito del centrosinistra”. Infine l'invito al Presidente

della Regione affinché intervenga “perché questo ente non ha più amministrazione. Diffideremo di nuovo Iorio a sciogliere gli organi del Cosib”. In attesa della udienza di merito, che si terrà il 3 Novembre, Il presidente del Cosib Luigi Mascio, ha deciso di presentare ricorso al Consiglio di Stato.

Rilancio della pesca: le associazioni auspicano un incontro con il ministro LITORALE - “Il cambio della guardia alla guida del Mipaaf, oltre agli auguri di rito di un proficuo lavoro, ci impone una riflessione sulle linee programmatiche che vorrà adottare il neoministro. Il nostro auspicio è di poter incontrare quanto prima Romano per avviare un confronto e un percorso di rilancio della pesca italiana, teso a dare al settore nuova linfa vitale anche in virtù degli importanti dossier ancora aperti in ambito comunitario, come l’imminente trattativa sulla riforma della Politica Comune della Pesca”. Questa la dichiarazione in una nota congiunta di Agci - Agrital, Federcoopesca-Confcooperative, Lega Pesca, all’indomani della nomina di Francesco Saverio Romano come ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali.“La pesca italiana – sottolineano le associazioni - può e deve contare di più nella filiera agroalimentare nazionale e nelle politiche di indirizzo della Comunità europea, ma occorre una strategia a breve e lungo termine, per uscire dalla marginalità e pensare a politiche di sviluppo”. Per i rappresentanti della cooperazione il quadro è particolarmente critico: “Il settore sta, infatti, vivendo un momento molto delicato stretto come è tra i continui aumenti del costo del carburante, le ripercussioni legate a quanto prescritto in alcuni regolamenti comunitari, come il regolamento per il Mediterraneo o quello sui controlli, e le difficoltà endemiche della filiera ittica, legate, tra l’altro, ad una eccessiva frammentazione dell’offerta e alla perdita di competitività delle produzioni nazionali”. Occorre altresì, secondo Agci

– Agrital, Federcoopesca-Confcooperative e Lega Pesca, rilanciare una politica di sviluppo che freni l'emorragia continua di lavoratori ed imprese e che sappia attrarre di nuovo i giovani. “Per far questo - prosegue la nota-occorre immaginare anche un nuovo sistema di welfare che elimini le disparità in atto fra coloro che praticano lo stesso mestiere del pescatore; serve un sistema strutturale di ammortizzatori sociali come da anni già esiste in agricoltura che ci permetta di affrontare in modo meno impreparato le difficili fasi come quella che stiamo vivendo in questo periodo. Ma, soprattutto, occorre tornare a parlare di pesca non per le infrazioni che si commettono ma per la funzione di presidio di tradizioni e culture che da sempre contribuiscono all'inimitabile patrimonio agroalimentare italiano”.

La municipale Registro Tumori rinviene sei Di Brino chiede un progetto concreto cuccioli abbandonati Conoscere Termoli, il progetto su Italia oggi TERMOLI - A seguito dei numerosi contatti intercorsi tra l’amministrazione comunale e il dottor Giovanni Fabrizio, esperto di patologie tumorali, e il Direttore Generale della Asrem, dottor Angelo Percopo, il sindaco Basso Antonio Di Brino ha inviato una comunicazione al dottor Fabrizio, con la quale lo invita a presentare all’Ente la proposta di Progetto per il Registro dei Tumori, in modo da consentirne l’approvazione da parte della Giunta Comunale, previo accordo con la Direzione Generale Asrem.

TERMOLI - A seguito di una segnalazione pervenuta al Comando della Polizia Municipale, gli agenti trovato nei pressi del Lungomare Nord, sei cuccioli di cane di razza meticcia, abbandonati in una busta di plastica nera, sul ciglio della strada. La Polizia Municipale ha subito allertato il servizio veterinario e dai primi accertamenti è emerso che i cagnolini hanno meno di 10 giorni di vita; attualmente si trovano nella caserma del Comando dei Vigili.

TERMOLI - Verrà pubblicato nei prossimi giorni, nell'inserto settimanale “Azienda Scuola” della testata nazionale “Italia Oggi”, un articolo sul progetto scolastico “Conoscere Termoli”, curato dall’assessorato alla Cultura e Istruzione del Comune. Grande soddisfazione è stata espressa dall’assessore al ramo Michele Cocomazzi, il quale, durante la recente riunione di verifica con i dirigenti scolastici e i docenti interes-

sati al progetto, ha riscontrato un andamento assolutamente positivo del corso, condiviso anche dalle famiglie degli alunni; inoltre, l’interessamento a livello nazionale da parte di una testata economica di tutto rilievo, quale “Italia Oggi”, che ha inteso, attraverso un intervista allo stesso assessore, fornire ai suoi lettori un approfondimento sul tema, dimostra le prerogative vincenti del progetto.


ANNO IV - N° 70 - SABATO 26 MARZO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IZZO GRIDA ALLO SCANDALO PER I FATTI DI MONTENERO-ISERNIA Dispiace doversi occupare di sport, di calcio nello specifico. Dispiace se l’argomento da trattare non attiene alla disciplina in quanto tale ed a tutte le sue benefiche, salutari e formative correlazioni. Dispiace perché, non sempre, di questo meraviglioso mondo dello sport possiamo scrivere pagine di emozioni, di imprese, di esempi da imitare. Dispiace anche perché, a seguito di episodi vergognosi, non sempre la giustizia, sportiva e ordinaria, riesce a fare il loro corso lineare, rispettoso dei fatti e delle aspettative. Quanto accaduto lo scorso 27 febbraio sul campo della squadra del Montenero di Bisaccia, durante e, in modo particolare, dopo l’incontro di calcio che la squadra locale disputava tra le “mura molto amiche” (!), contro la compagine isernina del Real Isernia, ha lasciato sensazioni di terrore prima e di amaro e mancanza di giustizia dopo. A PAG. 21

SLALOM, EMANUELE AL VIA DEL CAMPIONATO ITALIANO Fabio Emanuele sarà al via del campionato italiano slalom 2011. Il pilota della Campobasso Corse comincerà la scalata al tricolore domani da Massa Lubrense (Penisola Sorrentina) dove il "nostro" troverà tutti i migliori piloti della specialità che proveranno a dargli battaglia. Dal canto suo, però, il driver della nostra regione, venderà cara la pelle per cominciare nel migliore dei modi la nuova stagione. Nel corso di questi mesi che hanno preceduto lo start del tricolore 2011, Emanuele ha lavorato molto sulla vettura rendendola più performante e competitiva rispetto al recente passato. L'Osella Pa 9 "nuova versione" sarà sicuramente una vettura da tenere d'occhio nella lunga corsa alla prima piazza. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Gaudiano Capone: ‘Sono interessati e vorrebbero affiancarci a stagione in corso’

Lupi, spunta una nuova cordata Si tratta di un gruppo di imprenditori campani servatezza per iniziare la trattativa. ‘Ci sono degli imprenditori campani – ha affermato Gaudiano Capone – che hanno manifestato un’intenzione concreta.’ Per acquisire l’intero pacchetto o per subentrare? ‘Al momento per un affiancamento – ha continuato Capone jr – e gli sviluppi potrebbero esserci a breve visto che c’è l’eventualità di un loro ingresso a stagione in corso. Proprio giovedì pomeriggio

Giorni intensi per il futuro del calcio nel capoluogo di regione. Dopo la rottura definitiva, almeno apparente, tra il gruppo che farebbe capo a Marco Pulitano e le successive polemiche che ne sono susseguite, è venuta fuori una nuova eventualità. Ci sarebbe, infatti, una cordata di imprenditori campani che ha manifestato il proprio interessamento al Campobasso. E avrebbe già depositato una lettera di ri-

ci hanno dato conferma del loro interessamento.’ Si tratta, ovviamente, di un’ipotesi da verificare nel concreto. Soprattutto per quanto riguarda le potenzialità e le reali intenzioni del gruppo interessato al Campobasso. Per il momento ci limitiamo a divulgare l’informazione, sicuramente reale visto che abbiamo interpellato direttamente la proprietà, in attesa di ulteriori sviluppi in merito. mdi

Gaudiano Capone

LA SQUADRA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Di Fiordo è recuperabile Minadeo in forte dubbio

La Curva alza la voce: domenica 3 aprile manifestazione pubblica

Ultimo allenamento nella giornata di ieri per il Campobasso che ha concluso la preparazione per la gara di Matera. Questa mattina i rossoblù effettueranno la consueta seduta di scouting, per studiare le caratteristiche dei prossimi avversari, e poi partiranno alla volta della Lucania. Alla seduta di ieri non hanno preso parte Minadeo e Di Fiordo. Il capitano è alle prese con una distorsione alla caviglia e, anche se nella giornata di ieri la situazione sembra essere migliorata, non dovrebbe farcela per il match di domani. Di Fiordo ha effettuato l’ecografia che ha evidenziato una leggerissima contrattura. Questa mattina il centrale effettuerà un provino per verificare le sue condizioni. Ad ogni modo si deciderà in giornata per entrambi se convocarli o meno per la trasferta di Matera. Se nessuno dei due dovesse farcela, mister Cosco sarà costretto a rivoluzionare il suo schieramento. Ad affiancare Maglione al centro della difesa potrebbe essere uno tra Scudieri e Posillipo. Tutto, però, dipenderà dalla situazione degli

infortuni e pertanto i dubbi di formazione saranno sciolti solo alla vigilia del match. Per domani saranno assenti anche De Falco e Sebartoli, entrambi alle prese con problemi di natura muscolare. Ad arbitrare la gara tra Matera e Campobasso sarà il Sig. Giorgetti di Cesena, coadiuvato da Mertino e e Ascione, entrambi della sezione di Torre Annunziata. dim

BERRETTI

CLASSIFICA Benevento Andria bat Lanciano Pescara Aversa N. Brindisi Napoli Matera Neapolis M. Chieti Taranto Barletta Foggia Campobasso Melfi

Pt 56 48 46 39 39 39 37 34 33 30 27 27 16 13 10

avventurieri troveranno lo stesso ambiente ostile che, da oggi in poi, accompagnerà questa società. Confidiamo nell’onestà di intenti espressa dalle forze economiche locali che hanno manifestato un interesse negli ultimi giorni e pretendiamo da queste che l’impegno appena dimostrato non si vanifichi alla prima difficoltà. Per questo i rappresentanti della cosiddetta "cordata" sono caldamente invitati domenica 3 aprile in Piazza Municipio. Tutto ciò, ovviamente, non intaccherà in nessun modo l’attaccamento che la CURVA nutre ed ha sempre nutrito nei confronti di questa squadra e del mister Vincenzo Cosco. PER CAMPOBASSO E PER IL CAMPOBASSO NOI CI SAREMO SEMPRE! CURVA NORD MICHELE SCORRANO

Il settore giovanile si riorganizza: lunedì un raduno

Lupetti, evitare ulteriori figuracce Per l’11^ giornata di ritorno del campionato Nazionale ‘Dante Berretti’ i lupetti saranno impegnati sul rettangolo da gioco del Chieti. Alla squadra di Alfieri ormai non resta che salvare la faccia e cercare di evitare ulteriore figuracce, anche se l’impresa appare ardua. I rossoblù sono reduci da ben 8 sconfitte consecutive, l’ultima delle quali patita in casa sette giorni fa contro il Lanciano. L’obiettivo al momento è quello di evitare l’ultima posizione in classifica, visto che il Melfi è dietro i molisani di sole tre lunghezze. RS

La Curva Nord "Michele Scorrano" di Campobasso, stanca e preoccupata della opaca gestione societaria della famiglia Capone, invita tutti i veri appassionati, unici depositari della proprietà del Lupo, a partecipare in massa alla trasferta di Matera come primo passo di una presa di coscienza collettiva che porterà domenica 3 aprile all’organizzazione di una manifestazione pubblica in Piazza Municipio a partire dalle ore 10.30. La manifestazione ha lo scopo di sollecitare I’attuale proprietà ad intavolare una trattativa finalmente trasparente e seria che ponga la parola fine alla sua esperienza a Campobasso. Allo stesso tempo sia chiaro a tutti che, dopo aver sposato da tempo il motto "MAI PIU’ FALLIMENTI", eventuali

G 23 23 24 23 24 23 21 22 23 24 21 23 23 24 23

La società Nuovo Campobasso comunica che, nella giornata di lunedì 11 aprile 2011 alle ore 14.30 presso lo stadio Nuovo Romagnoli in contrada Selvapiana si terrà un raduno riservato ai ragazzi nati nel ’93-‘94’95. Si ricorda a tutti i responsabili dei settori giovanili, che nella prossima stagione calcistica, il Nuovo Campobasso Calcio ha la possibilità di partecipare a tre campionati nazionali: Giovanissimi Nazionali, Allievi Nazionali e Berretti Nazionale. Nella programmazione futura della società Nuovo Campobasso c’è un progetto di fondamentale importanza, che è quello della rivalutazione degli atleti molisani, pertanto la società si auspica che in molti sentiranno il richiamo della maglia rossoblù (unica realtà, ad oggi, tra i professionisti). Il futuro per ogni società sportiva che si rispetti è quello

di puntare su giovani talentuosi che abbiano la possibilità di esprimersi sul proprio territorio, senza essere sradicati dagli affetti, dalla propria scuola e dai propri amici in un’età in cui si ha ancora bisogno di guide importanti. I dirigenti della società Nuovo Campobasso sono certi che tutti coloro che credono nello sport e nei valori più importanti abbiano questa stessa mentalità per il bene prima dei ragazzi e poi dello sport

molisano. Per partecipare al raduno si deve far pervenire presso la sede del Nuovo Campobasso Calcio in via contrada Selvapiana al fax. N. 0874/317792 entro il giorno 08/04/2011 tutta la documentazione necessaria: nulla osta della società di appartenenza e certificato di idoneità sportiva, caratteristiche fisiche e tecniche dell’atleta. Per informazioni: 0874/438712 dalle ore 10 alle ore 13 e dalle 15.30 alle ore 18.30.

PROGRAMMA GARE E ARBITRI 24^ GIORNATA Catanzaro - Avellino Trapani - Brindisi Matera - Campobasso Isola Liri - Latina Vibonese - Milazzo Fondi - Neapolis M. Melfi - Aversa Normanna Pomezia - Vigor Lamezia

Fogliano di Perugia Bellutti di Trento Giorgetti di Cesena Penno di Nichelino Brasi di Seregno Fabbri di Ravenna Valente di Roma1 Losito di Pesaro


S P O RT CALCIO SERIE D

Recanatese-Olympia Agnonese si giocherà La decisione è stata presa ieri dalla Corte di Giustizia Federale che ha respinto il ricorso presentato dal club leopardiano Recanatese-Olympia Agnonese si giocherà. Questo ha deciso ieri sera la Corte di Giustizia Federale che si è pronunciata in merito al ricorso presentato dalla Recanatese contro la decisione presa in primo grado dal giudice sportivo che ha respinto il reclamo presentato dal club leopardiano di ottenere la vittoria a tavolino della partita del 23 gennaio che non si giocò poiché gli altomolisani, a causa delle forti nevicate e del ghiaccio presente sulla strada,furono impossibilitati a raggiungere Recanati. La società presieduta da Carmine Masciotra, per preservare l’incolumità dei calciatori, decise di non partire alla volta delle Marche ed al contempo inviò in Lega e alla società leopardiana tutta la documentazione necessaria a chiedere il rinvio della partita con tanto di foto, documenti e dichiarazioni di pubblici ufficiali molisani che attestavano l’impercorribilità delle strade ed i vari tentativi compiuti dal pullman dei molisani che non è riuscito ad uscire fuori dall’altomolise. Nonostante ciò la domenica la Recanatese si è presentata regolarmente in campo: la gara però non è mai iniziata perchè la formazione molisana non si è presentata. Dopo aver atteso un tempo come da regolamento, l’arbitro Giuseppe Opromolla di Sa-

lerno ha preso atto del mancato arrivo della formazione ospite e riempito il referto di gara, prima di ripartire per la Campania. Successivamente la Recanatese ha presentato reclamo per chiedere la vittoria a tavolino ma il giudice sportivo, in primo grado, ha rigettato la richiesta stabilendo che la partita dovesse essere giocata. In secondo grado la Corte di Giustizia Federale ha confermato tale decisione ma il “caso” sembra essere destinato a non finire qui poiché la Recanatese ricorrerà all’Alta Corte di Giustizia del Coni, terzo ed ultimo grado di giudizio. ANPA

De Pasquale di Marsala

Luco Canistro–Bojano

Mandina di Palermo

Sambenedettese–O. Agnonese

Patrignani di Roma 1

Forlì–Renato Curi Angolana

Guccini di Albano Laziale

Cesenatico–Jesina

Xausa di Portogruaro

Teramo–Rimini

Ghersini di Genova

Atessa Val di Sangro–Recanatese

Panarese di Lecce

Real Rimini-Santarcangelo

Magnani di Frosinone

B.Fossombrone–Santegidiese

Zinzi di Catanzaro

Civitanovese–MIglianico

Pirone di Ercolano

In riferimento alle notizie apparse sulla stampa locale nei giorni scorsi, in merito a presunti contatti e addirittura accordi per la stagione 2011/12 con l’allenatore ex Teramo Rinaldo Cifaldi e il direttore sportivo Filippo

Superclasse Cup, la fase d’istituto volge al termine Le scuole che partecipano al progetto formativo Liceo Artistico (Termoli) Istituto Tecnico Agrario (Larino) Liceo delle Scienze Umane (Bojano) Liceo Scientifico (Bojano) Istituto Tecnico Commerciale (Bojano) Istituto Tecnico Commerciale (Casacalenda) Ist. Prof. Industria e Artigianato (Casacalenda) Istituto Magistrale (Casacalenda) Ist. Prof. Alberghiero (Vinchiaturo) Liceo Classico Perrotta (Termoli) Liceo Scientifico Capriglione (S.Croce di Magliano) Liceo Scientifico D’ovidio (Larino)

Con la fase d’istituto è entrata ormai nel vivo l’edizione 2011 del “SUPERCLASSE CUP”,il torneo formativo nato da un’idea della Federazione Italiana Giuoco Calcio- Settore Giovanile e Scolastico, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e che si pone l’obiettivo di sensibilizzare studenti, insegnanti e genitori ad assumere sempre più comportamenti responsabili. L’edizione 2011 di “SuperClasse Cup” è riservata alle classi del 2°, 3° e 4° anno delle scuole secondarie di secondo grado, pubbliche e private, delle 28 province coinvolte. Il progetto sarà sviluppato secondo la formula ormai consolidata, che attribuisce,

Venafro–Atletico Trivento

La Samb smentisce l’accordo con Cifaldi

FIGC-SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

Un momento della passata edizione

ARBITRI 33^GIORNATA – GIRONE F

ai fini del conseguimento della vittoria, il 50% del punteggio alla produzione didattica e il rimanente 50% al risultato sportivo. Ogni classe iscritta dovrà cimentarsi nel LAVORO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE di classe, al fine di realizzare percorsi didattici, che costruiscano e sviluppino comportamenti responsabili nei giovani, e nel TORNEO SCOLASTICO DI CALCIO A 5, all’insegna dei seguenti valori: lealtà, amicizia, solidarietà, integrazione, rispetto, divertimento, fantasia. Il progetto ha preso il via lo scorso 15 febbraio con la fase d’istituto e proseguirà ad aprile con quella provinciale per poi concludersi il 28 maggio con la fase nazionale. In Molise si è registrata una cospicua adesione al progetto,ben dodici le scuole partecipanti.

Montori, il Presidente Sergio Spina ribadisce che tali notizie sono assolutamente fantasiose e prive di fondamento. Il Presidente del club marchigiano in una nota stampa ribadisce che non ha mai avuto alcun tipo di contatto con il tecnico ed il diesse, né ha incaricato altre persone ad averli. “Tutto ciò fatta salva la professionalità e le qualità delle figure tecniche del Sig.Cifaldi e del Sig. Montori. Al tempo stesso non è stato proposto al Sig. Giulio Spadoni di variare il proprio ruolo per il futuro rimanendo titolare degli incarichi a lui attualmente assegnati”. AP

CALCIO ECCELLENZA

Questione Real Isernia, domani una conferenza stampa RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:Dispiace doversi occupare di sport, di calcio nello specifico. Dispiace se l’argomento da trattare non attiene alla disciplina in quanto tale ed a tutte le sue benefiche, salutari e formative correlazioni. Dispiace perché, non sempre, di questo meraviglioso mondo dello sport possiamo scrivere pagine di emozioni, di imprese, di esempi da imitare. Dispiace anche perché, a seguito di episodi vergognosi, non sempre la giustizia, sportiva e ordinaria, riesce a fare il loro corso lineare, rispettoso dei fatti e delle aspettative. Quanto accaduto lo scorso 27 febbraio sul campo della squadra del Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso, durante e, in modo particolare, dopo l’incontro di calcio che la squadra locale disputava tra le “mura molto amiche” (!), contro la compagine isernina del Real Isernia, nell’ambito del Campionato Regionale di Eccellenza, ha lasciato sensazioni di terrore prima e di amaro e mancanza di giustizia dopo. Ma ciò che fa gridare allo scandalo è stato l’atteggiamento di tutti gli addetti ai lavori rispetto alla scarsa attenzione, presa di distanze e denuncia sociale e pubblica nei confronti di un violento sparatore! E, non lasciano molte interpretazioni, purtroppo, nemmeno le decisioni prese subito dopo dai giudici sportivi e in particolare dal DASPO, ovvero dal Divieto di Accedere alle

manifestazioni Sportive, introdotto dopo l’emanazione della legge del 13 dicembre 1989 al fine di arginare il fenomeno delle violenze negli stadi. Decisioni, dicevamo, senza interpretazioni, piovute dall’alto come non mai e, addirittura, contro calciatori che fanno del calcio una ragione di vita e un, almeno nei campionati minori, barlume di sostentamento. Entrare nel merito di ciò che è accaduto a Montenero non sta a noi, ma certamente a noi compete guardare, capire e reagire con denunce pubbliche se quello che accade ai più appare come una palese ingiustizia o quantomeno una disparità di giudizio. Già tutto questo inquieta ma sarebbe ancora poco se non fosse entrato nel merito delle disposizioni da adottare anche S.E. il prefetto di Campobasso il quale, con un provvedimento (così come riportato dai media) parificava i violenti agli onesti cittadini, vietando loro di fatto di assistere all’incontro successivo che la squadra del Real Isernia doveva disputare ad Ururi e quindi fuori casa. Oltre al danno, la beffa! Questi ed altri motivi saranno illustrati alla stampa domani alle ore 14.15 dallo spazio antistante lo stadio “le Piane-Mario Lancellotta” di Isernia. Le autorità che, ad ogni titolo, ritengono di poter apportare un contributo utile a chiarire ed a riportare serenità nell’ambiente sportivo e sociale sono invitate ad intervenire.


S P O RT AUTOMOBILISMO

Emanuele ai nastri di partenza del campionato italiano slalom Fabio Emanuele sarà al via del campionato italiano slalom 2011. Il pilota della Campobasso Corse comincerà la scalata al tricolore domani da Massa Lubrense (Penisola Sorrentina) dove il "nostro" troverà tutti i migliori piloti della specialità che proveranno a dargli battaglia. Dal canto suo, però, il driver della nostra regione, venderà cara la pelle per cominciare nel migliore dei modi la nuova stagione. Nel corso di questi mesi che hanno preceduto

lo start del tricolore 2011, Emanuele ha lavorato molto sulla vettura rendendola più performante e competitiva rispetto al recente passato. L'Osella Pa 9 "nuova versione" sarà sicuramente una vettura da tenere d'occhio nella lunga corsa alla prima piazza. Difficile fare pronostici, anche se il pilota del capoluogo di regione, non ha perso lo smalto dei tempi migliori, quello che gli ha consentito di portare a casa due titoli italiani nel 2006 e nel 2007. Le

condizioni per riuscire nella grande impresa e regalare alla nostra regione un'altra grande soddisfazione. "Sono contento di essere al via del campionatospiega il due volte campione italiano della specialità – era giunto il momento di ripartire. Mi auguro di cominciare nel migliore dei modi, pur sapendo che ogni gara sarà una battaglia e che ci saranno tanti avversari validi al via". La corsa alla successione di Polini è appena cominciata.

BASKET FEMMINILE-SERIE B D’ECCELLENZA

VOLLEY FEMMINILE SERIE B2

Women’s a Perugia in cerca di continuità

L’Effe Sport riceve oggi la capolista

Fabio Ladomorzi

Si tratterà dell’ultima trasferta prima del turno dei play off quella che questa sera – palla a due alle ore 18:00 – vedrà impegnate le ragazze della SDG Progetti sul parquet umbro della CAR.IND. Perugia. Ma nonostante la posizione in classifica dell’avversaria dell’undicesima giornata, non si tratterà di un incontro da considerare meno impegnativo, bensì al contrario proprio in vista del clima play off. Ed è per questo che gli allenamenti messi in pratica durante la settimana sono, come sempre, stati intensi e condotti egregiamente. Il Perugia, infatti, chiude la classifica del girone C1 con soli due punti conquistati durante il match contro il Pescara. La SDG Progetti è, invece, ben salda al suo secondo posto. Una situazione che, considerato il grande match dell’undicesima giornata tra il Brindisi ed il Gualdo Tadino, potrebbe variare. La prima in classifica è ancorata alla sua posizione con 32 punti (due soli in più rispetto alla campobassana) mentre la Futura Basket Brindisi segue la SDG Progetti con 26 punti. A dicembre, in occasione della partita di andata contro il Perugia al PalaVazzieri si assistette ad un

grande incontro al termine del quale ben tre delle campobassane finirono e referto in doppia cifra. Assenti durante il match pre natalizio furono invece Torre e Castorani, elementi che, al contrario, saranno in campo domani sera e accanto ai quali si affiancherà anche la nuova Ferrazza, ex capitana della scorsa stagione sportiva. E’, tuttavia, ancora incerta la formazione a disposizione di coach Ladomorzi, considerato qualche impegno in infermeria da parte di alcuni elementi del roster durante gli ultimi giorni. Ma nonostante le possibili assenze la squadra intera, ed in primis la società, è conscia dell’ulteriore impegno di questa giornata, pur essendo già proiettata ai play off e, dunque, in attesa di conoscere le prossime avversarie. Con il termine del turno di ritorno iniziano, con soddisfazione, anche i primi bilanci. E le somme che si tirano in casa SDG Progetti sono più che soddisfacenti e brillanti considerando una scia di successi che nella seconda parte del campionato ha visto il solo passo falso contro il Pesaro. L’auspicio della SDG Progetti Women’s Basket Campobasso è, quindi, quello di non interromperlo durante la trasferta umbra che sarà affidata ai signori Conti di Livorno e Machetti di Gaiole in Chianti (SI).

Partita tutta da “gustare” quella di questa sera al PalaFraraccio di Isernia. Per la ventunesima giornata, la ottava del girone di ritorno, la Fonte del Benessere riceve (con fischio d’inizio fissato per le ore 18.30) la Rocco Torre San Patrizio, leader incontrastata del girone G. La squadra marchigiana, infatti, guida la classifica con ben 53 punti conquistati finora sui cinquantasette disponibili. Una vera e propria “schiacciasassi” che, con tredici punti in più rispetto al Molfetta, è praticamente già promossa in serie B/1, anche se dovrà attendere ancora qualche giornata per veder sancito matematicamente il successo. Un impegno più che arduo, quindi, per la formazione isernina affidata a Nello Caliendo, che sabato scorso, pur non giocando per il turno di riposo, ha potuto “approfittare” dei risultati provenienti dagli altri campi per veder immutato il suo vantaggio dal terz’ultimo posto in classifica, quello che alla fine decreta la retrocessione. In ogni caso, all’interno del club pentro non c’è alcuna intenzione di darla già vinta alle più titolate avversarie, perchè, come afferma il presidente del

club Mauro De Toma, “noi proveremo a giocarcela fino alla fine, lottando palla su palla, con la tranquillità derivante dalla consapevolezza di non aver nulla da perdere contro questo squadrone costruito proprio per ottenere il passaggio diretto nella serie superiore. L’importante sarà uscire dal campo sapendo di aver dato tutto e senza nessun rammarico: dopodiché qualunque risultato dovesse arrivare, sarà accettato nel modo migliore”. In cuor loro, comunque, sia la società che la squadra hanno più di qualche speranza di far punti contro la capolista. Prima di tutto perché la Fonte del Benessere ha dimostrato nel recente passato (come due settimane fa nella gara vinta con la Dannunziana Pescara) che, quando è al completo, è in grado di mettere in difficoltà chiunque, a cominciare dallo stesso Torre San Patrizio come visto nella gara di andata. A tal proposito, peraltro, la sosta è arrivata al momento giusto per permettere a coach Nello Caliendo di recuperare qualche atleta più acciaccata. E qualche “punta di ottimismo” arriva anche dai recenti risultati della capolista che

nelle ultime due giornate, ha dato qualche segnale di cedimento, probabilmente dovuto ad un normale rilassamento visto il netto vantaggio sulle dirette concorrenti per la promozione. Infatti, due settimana fa, la squadra marchigiana ha conosciuto la prima sconfitta che ha “macchiato” quella che è stata una vera e propria marcia trionfale, perdendo 3-0 con l’Onsen Pagliare, mentre anche sabato scorso ha palesato qualche difficoltà cedendo un set in casa al Manoppello, ma vincendo comunque l’incontro.

Coach Nello Caliendo

TENNIS-SERIE C REGIONALE

Al via domani la prima giornata Al via questa mattina la prima giornata del campionato di serie C regionale. La formazione dell’Associazione Tennis Trend Campobasso sarà impegnata tra le mura amiche contro il Roseto. In campo il maestro Perrella, Lorenzo De Rosa, Nando

De Martinis, Pierluigi Lagioia e il neoacquisto brasiliano Bortolon.La formazione rossoblù è a caccia del primato nel girone dove sono in gara anche Castel Di Sangro, Teramo, Giulianova e Villaraspa Per gli atleti del Presidente Addona l’obiettivo è

replicare le belle prestazioni della passata stagione nella speranza che superata la fase eliminatoria gli uomini di Villa De Capoa possano provare ad accaparrarsi, per la prima volta nella storia, l’accesso alla serie B nazionale. Il programma prevede tre incontri: alle ore 10.00 AT CAMPOBASSO -TC ROSETO, alle ore 9.00 CT CASTEL DI SANGRO - CT GIULIANOVA e alle ore 10.00 CT TERAMO -MATCH POINT 2000.


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Sagne a pezze al ragù di copertella 400 g di semola grano duro 800 g di copertella di vitello 2 uova sode 2 fette di lardo di prosciutto un cacchio di salsiccia grani di pepe nero, a piacere un ciuffo di prezzemolo 2 spicchi di aglio

una cipolla alcune foglioline di basilico un dl di olio extravergine di oliva un dl vino rosso un l di passata di pomodori q. b. di sale formaggio pecorino grattugiato, a piacere

Allargate la carne sul tavolo da lavoro, copritela con una fetta di lardo e spolverizzatela con un trito di aglio e di prezzemolo, un pizzico di sale, una spolverata di pepe ed una manciata di formaggio. Disponete al centro della carne le uova sode sgusciate e qualche fetta di salsiccia, quindi avvolgetela su se stessa, legatela ben stretta con dello spago da cucina e tenetela da parte. Addacciate una fetta di lardo con la cipolla, l'aglio ed il prezzemolo, mettete il battuto nella tiella di terracotta insieme all'olio e fatelo appassire dolcemente a fuoco moderato. Aggiungete la Braciola e lasciatela rosolare a fuoco vivace con til battuto, quindi bagnatela con il vino e, appena sarà evaporato, unite la salsa e qualche fogliolina di vasenecola. Salate e fate bollire il ragù per circa 2 ore, fino a quando la braciola sarà ben cotta e la salsa sarà diventata vellutata e scura. Mentre il Ragù cuoce, impastate la farina con un pizzico di sale, un cucchiaio di olio e quel tanto di acqua fredda sufficiente ad ottenere un impasto liscio, consistente ed omogeneo. Lasciate riposare la panetta avvolta con un canovaccio, quindi stendetela in una sfoglia sottile, infarinatela e tagliatela a rombi piuttosto grandi. Lessate le Sagne a pezze in abbondante acqua bollente salata, scolatele al dente e conditele con abbondante ragù e formaggio, facendo la pannata. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

CIPOLLA Piazza Cesare Battisti, 11 Tel. 0874.65391

SAN LAZZARO Via Tedeschi G., 39 Tel. 0865.299310

PAOLO (di appoggio) Via Monforte, 63 Tel. 0874.416327

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CAPPELLA - Via Maratona, 1 - Tel. 0875.703233

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:13 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,4013,30-13,45 -14,00 (anche festivo)-14,1015,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

20 feb - 20 mar

Ariete - Se la giornata di oggi inizierà con le giuste premesse, allora anche la serata non potrà che essere altrettanto. Le questioni lavorative dovrebbero piano piano appianarsi e presentare qualche buona prospettiva che in passato non avete considerato per mancanza di fantasia. Vedrete che poi un’idea tira l’altra! Toro - I vostri obiettivi dovrebbero cambiare leggermente in questa giornata soprattutto considerando che avete avuto molto tempo per riflettere e che a questo punto non potete fare altro. Le questioni sentimentali le dovrete accantonare se volete risolvere almeno una parte di esse e poi riprenderle solo quando sarete certi di essere più sereni! Gemelli - La giornata odierna non presenterà particolari ostacoli soprattutto perché nei giorni passati vi siete occupati di tutto quello che poteva nuocervi. Se però avete trascurato la famiglia o il partner, questo sarebbe il momento giusto per recuperare anche questi rapporti, per non avere lacune nella vostra vita affettiva! Cancro - Oggi niente fiacca, rimboccati le maniche e al lavoro, non dimenticare che ci sono tanti colleghi pronti a soffiarti l'incarico, veloci i riconoscimenti del tuo capo. Puoi realizzare anche un progetto importante a cui tieni molto. Il partner si mostra sempre più affascinante e propositivo. Leone - Forse in questa giornata potrete aspettarvi qualcosa di davvero splendido, che vi facia un po' dimenticare le disavventure avute in passato. Tutti hanno dei momenti del genere, l'importante sarà riprendersi in tempo e perfettamente per tornare alla ribalta! Vergine - In questa giornata il vostro approccio potrebbe essere molto diverso da persona a persona e questo in quanto avete imparato che così bisogna fare per non perdersi in qualcosa di poco importante come una discussione per non darla vinta a chi potrebbe non capire molto! Bilancia - Sarà molto semplice per voi in questa giornata approcciarvi con le persone e prevalere su di esse con le vostre idee che sicuramente sono molto più accurate, pensate e dettagliate di quelle di chi vi sta vicino. Non lasciate quindi che vi soverchino con il potere! Scorpione - E' giunto il tempo di preparare una piccola sorpresa alle persone che vi sono vicino e che vi hanno sempre sostenuto nonostante non fossero troppo convinti delle vostre azioni. Spesso infatti avete dei colpi di testa ma chi vi ama sopporta e per questo dovrete ricompensarle a dovere! Sagittario - Dovrete pensare ad un nuovo inizio in quanto soltanto questo potrebbe smuovervi dalla convinzione di aver toppato. Anche se un progetto è andato male questo non vuol dire che vi siete preclusi la possibilità di ottenere qualcosa di importante nella vostra vita anzi, dovreste andare avanti proprio per riscattarvi! Capricorno - In questa giornata qualcosa dal passato tornerà a bussare alla vostra porta ma questa volta non porterà niente di brutto anzi, vi farà tornare alla mente delle vecchie idee che non sapete neppure perché le abbiate accantonate e questo vi porterà a nutrire nuove speranze ed ambizioni! Acquario - Potreste sfoggiare una buona dose di autocontrollo che vi servirà per fare bella mostra di voi di fronte al capo o a qualche collega antagonista che al contrario si sarebbe aspettato uno sfodero di epiteti. Ebbene trarrete molto vantaggio da questo atteggiamento e vi servirà molto in futuro! Pesci - In questa giornata potreste essere gravati da molti lavori che non avevate messo in conto e questo potrebbe rallentare anche il progredire di alcune relazioni. Una parte di voi ne sarà dispiaciuto ma l'altra parte trarrà un sospiro di sollievo in quanto non eravate ancora pronti!


lagazzettadelmolise260311a  

CAMPOBASSO CAMPOBASSO REGIONE L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO DI PIETRO ANNO IV - N° 70 - SABATO 26 MARZO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA STANOT...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you