Issuu on Google+

ANNO VIII - N° 222 - VENERDÌ 05 OTTOBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso atto n. 05 del 05/03/2005 - Direttore Responsabile: Franco Boccia - Direttore Editoriale: Diana Esposito Blob di A. Piccirillo sede legale: via Veneto, 113 - 80054 Gragnano (NA) Tel. 0874.438918 - Fax 0874.318087 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it Stampa: Centro Offset Meridionale srl Caserta Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita

GIORNALE SATIRICO

30.000 copie in omaggio

www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it

L’Oscar del giorno a Mario Pietracupa

L'Oscar del giorno lo assegniamo al presidente del Consiglio regionale, Mario Pietracupa. Dopo avere portato a chiusura la proposta di legge relativa al taglio del numero dei consiglieri da 30 a 20, ora rilancia sulla necessità di modifica dello Statuto per giungere a dare unitarietà al nuovo sistema che si avrà dalla prossima legislatura. Un Consiglio che potrebbe aversi ad oltranza in attesa della decisione del Consiglio di Stato. Del resto, qualora i giudici amministrativi dovessero confermare la sentenza di scioglimento, non ci sarebbe più il tempo per approvare lo Statuto.

Il Tapiro del giorno a Pietro Iocca

PROGRAMMAZIONE Il Tapiro del giorno lo diamo al segretario regionale della Cisl, Pietro Iocca. Da tempo se ne erano perse le tracce sindacali mancando, la sua organizzazione, di una proposta progettuale per questo nostro Molise. Purtroppo la Cisl sembra essere diventata solo un'organizzazione dedicata ai pensionati. Ora si è rivisto in occasione della trattativa Solagrital dimenticando, però, che nessuno sforzo concettuale è stato fatto in questi mesi. Molto grave per una sigla sindacale che va per la maggiore, un peccato per le prospettive del mondo del lavoro.

Troppo bassa la spesa dei fondi Fse e Fesr Il richiamo di Barca A PAG. 7

REGIONE

In Consiglio approda l’assestamento di bilancio in attesa dello Statuto A PAG. 2

REGIONE

Prevenzione del rischio sismico, al Molise il governo assegna 7 milioni A PAG. 4


TAaglio lto

2 05 ottobre 2012

Il Consiglio alle prese con il Bilancio Oggi la conferenza dei capigruppo. La prossima settimana in Aula l’assestamento e il rendiconto finanziario CAMPOBASSO. Si riunirà questa mattina la Conferenza dei capigruppo per decidere l’ordine del giorno del Consiglio regionale della prossima settimana. Un ordine del giorno stabilito, visto che l’Aula dovrà procedere quanto prima all’approvazione dell’assestamento di Bilancio e del rendiconto finanziario per l’anno 2011. I due documenti sono già stati licenziati dalla Prima Commissione e presto approderanno in Consiglio per il via libera definitivo. Il presidente Pietracupa ha assicurato che tutti i consiglieri riceveranno l’intera documentazione in tempo utile in modo da poterne prendere visione. “Dobbiamo comunque procedere in maniera celere – ha dichiarato – i tempi sono congrui per dare la possibilità a tutti di esaminare gli atti. E

Intanto Pietracupa annuncia: presto partiremo con la riforma dello statuto

comunque dobbiamo approvare i due documenti prima del 16 ottobre”. Già, il 16 ottobre. La data dalla quale dipenderanno le sorti della decima legislatura. Il Consiglio di Stato deciderà se le elezioni regionali vanno annullate, come ha già sentenziato il Tar o, se invece, sono regolari, lasciando in carica l’attuale Consiglio regionale. Ad ogni modo, comunque vadano le cose, i consiglieri regionali sembrano essere fer-

L’intervento. di Pierpaolo Nagni* E' di ieri la notizia della proposta, inoltrata dal Cal, conferenza regionale delle autonomie locali, di confermare le due Province di Campobasso e Isernia, in deroga ai parametri previsti dalla legge sulla Spending Review. È come dire che, invece di rispettare le regole si tenta di ignorarle e aggirarle. La confusione regna sovrana e la semplicissima ipotesi di cancellazione delle Province, che avrebbe risolto con molta più facilità il quadro successivo nell’ambito di una nuova architettura istituzionale, potenziando, come previsto dalla legge, le unioni dei comuni, è stata trasfor-

mamente intenzionati a portare a termine la riforma dello Statuto. La Prima Commissione consiliare ha già fissato due sedute per affrontare la delicata materia. “Non appena ci sarà il via libera – ha annunciato Pietracupa – convocherò il Consiglio ad oltranza, cioè fino a quando non sarà approvato il nuovo statuto”. Modifiche importanti, quelle che attendono l’Aula di palazzo Moffa che nel corso dell’ultima seduta ha già provveduto ad approvare la propo-

sta di legge che riduce il numero dei consiglieri regionali che da trenta passano a venti, oltre al presidente della Regione. Una modifica che è strettamente collegata alla necessità di rivedere lo Statuto, la Carta della Regione Molise. Il presidente della Prima Commissione, Vincenzo Niro, si è detto pronto ad andare avanti contingentando i tempi, al fine di portare a termine il lavoro il prima possibile. Poi sarà la volta della riforma della legge elettorale. Ed è su quel terreno che si prevedono le maggiori diffi-

È possibile pensare di salvare la Provincia di Isernia? mata in un enorme pastrocchio. Il governo centrale, non abbastanza coraggioso ha, infatti, avviato un quadro di riduzione degli enti determinando, di fatto, una vera e propria rivolta territoriale. Da una parte, ci sono tutte quelle aree convinte di potenziare il loro ruolo allargando i confini e immaginando di diventare quasi concorrenti delle stesse regioni; dall’altra, ci sono le vittime sacrificali della situazione, completamente cancellate e che si ribellano contro l’ingiustizia. Tanti, infatti, sono i soggetti che si muovono in questa dire-

zione lavorando, di fatto, ognuno alla difesa del proprio orticello. A questa confusione va ad aggiungersi, ora, anche il CAL, da poco insediato, che, in barba alle indicazioni di governo, propone terze soluzioni che, secondo noi, creano ulteriore scompiglio. La politica già fortemente compromessa agli occhi dell’immaginario collettivo, nel tentativo di auto conservarsi rischia così di peggiorare ulteriormente le cose. È questo il tipico esempio di cattiva politica. Noi crediamo fortemente nel ruolo della politica buona e

coltà e dunque lo scontro politico. Uno scontro politico che dovrà essere in qualche modo superato affinché la riforma della legge elettorale sia una riforma condivisa da tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale. Le riforme istituzionali devono appartenere a tutti: maggioranza ed opposizione. ma.sol.

sana, che deve svolgersi, però, in un contesto normale. L’architettura istituzionale del nostro paese sta implodendo nei rivoli dei tanti enti e delle tante agenzie territoriali che sono indubbiamente da ridimensionare. Tali realtà hanno creato una classe di lavoratori dipendenti dalla politica che è anche una forte fonte di spesa ed è in tutto questo bailamme che l’Italia dei Valori continua ad essere coraggiosamente convinta della necessità di applicare subito un nuovo assetto che sia meno ingombrante, meno costoso, più snello e, certamente, più funzionale. * Segretario regionale Idv


TAaglio lto

3 05 ottobre 2012

Vitagliano pensa a Montezemolo ma anche al partito di Fini CAMPOBASSO. Gli sguardi della politica sono tutti protesi al prossimo 16 ottobre quando il Consiglio di stato sarà chiamato ad esprimersi sul ricorso avverso la sentenza del Tar Molise che ha annullato le operazioni di voto per le Regionali del 2011. Una data fatidica per le forze politiche perchè, proprio a seguito di quanto decideranno i giudici di palazzo Spada, dovranno muoversi per stabilire come orientarsi a secondo delle decisioni assunte. Per la verità rotture in seno ai partiti sono state già registrate. Nel centrosinistra si profilerebbero tre leadership: quella di Paolo Frattura, l'altra di Massimo Romano attraverso Nicola Magrone e l'ultima, in ordine di apparizione, quella di Domenico Di Lisa. Nel centrodestra, invece, spaccatura tra il presidente Michele Iorio e quella parte del Pdl che fa capo al senatore Ulisse Di Giacomo. Senza trascurare, però, la contrapposizione interna alla Giunta con l'assessore alla Programmazione, Gianfranco Vitagliano dopo le esternazioni di quest'ultimo sulla

In attesa del verdetto del Consiglio di stato sulle Regionali, l’assessore starebbe meditando sul dopo

A Castelpetroso per delineare un percorso per un nuovo sviluppo CAMPOBASSO. Sul tema dello sviluppo molisano, si terrà oggi alle ore 18,30, presso il Salone delle feste di Castelpetroso, il convegno promosso dall’Associazione socio-culturale ‘Molise in Movimento’ dal titolo ‘Prospettive delle Comunità Locali' e vuole essere un momento un discussione e confronto sulle reali prospettive di sviluppo del territorio molisano. “Un’iniziativa lodevole – afferma il presidente Pietracupa – che non si limita alla formale discussione accademica di un problema che interessa la nostra Regione da tempo, ma che ha l’ardire e la concretezza di ricercare e porre le basi per procedure e progetti di sviluppo e valorizzazione del territorio nell’ottica di una generale crescita economica. Sono convinto che il Molise può dare tanto ai propri cittadini sia in termini di sviluppo turistico, evidenziando quello religioso di cui Castelpetroso risulta essere un esempio virtuoso con migliaia di presenze l’anno, e sia in termini di valorizzazione all’esterno delle peculiarità locali. La nostra terra la cui attrattività è risaputa può rappresentare la chiave di volta dell’economia regionale. Non dimentichiamo, inoltre, che il Molise ha un valore aggiunto rappresentato da noi stessi, dalla ‘gente’, con una innata vocazione all’ospitalità. Investiamo quindi sul e nel nostro territorio così come hanno fatto altre Regioni italiane nei confronti delle quali il Molise non è sicuramente da meno. Ho sempre sostenuto con fermezza, e non mi stancherò mai di affermarlo, che noi abbiamo tutto: storia, cultura, mare, montagna, religione e ospitalità; su questo dobbiamo puntare se vogliano dare, realmente e concretamente, un futuro sereno e un Molise ‘da vivere’ alle nuove generazioni”.

fine dello iorismo. La rottura potrebbe essere sancita in maniera definitiva proprio dopo la sentenza con la sua uscita dalla Giunta. Un defenestramento possibile che starebbe portando l'assessore termolese a meditare circa un eventuale passaggio a Italia futura di Montezemolo o di Futuro e libertà dove ha già militato il suo braccio destro, Nicola Cesare. L'eventuale suo ingresso nel partito di Fini, però, non sarebbe gradito a nessuno dell'attuale dirigenza regionale e provinciale che sta portando avanti una politica di rinnovamento e di ringiovanimento che striderebbe con l'ingresso di Vitagliano. Quest'ultimo, però, proverebbe a seguire un'altra strada perchè, nel caso del suo defenestramento sarebbe pronto ad un'opposizione ferrea proprio al presidente Iorio. Come dire, "se non ti butta giù il Consiglio di stato, ci penso io". Da qui l'importanza della sentenza dei giudici di palazzo Spada che, in ogni caso, determinerà mutazioni interne agli schieramenti sia se si dovesse tornare al voto, sia se, invece, resterà tutto tale e quale.

Il fatto. Interrogazione del consigliere Filippo Monaco

“Buoni pasto alla Regione, perché ancora sospesi?” CAMPOBASSO. "Non sembra di facile soluzione la vicenda che ha portato al blocco del servizio mensa sostitutivo per i dipendenti della Regione Molise". Lo sostiene il consigliere regionale, Filippo Monaco. "Le difficoltà sembravano essere state superate allorquando (era il 20 settembre) la Direzione regionale informava i lavoratori che, a partire dal 26 settembre, avrebbero potuto beneficiare nuovamente dei buoni pasto. Sembrava, quindi, essere andata a buon fine la riunione con la società QUIGROUP a seguito della quale la regione si impegnava a versare il 70% del dovuto in cambio della ripresa del servizio. Ma ecco di nuovo problemi con i buoni pasto; da ieri il servizio è di nuovo sospeso. Chi ha determi-

nato questa situazione? Chi non ha tenuto fede agli impegni presi?" La problematica era stata più volte sollevata anche dal rappresentante Rsu Cisl, Andrea Montella. Ora è il consigliere Monaco a chiedere al Presidente della Giunta, in una interrogazione urgente, di chi è la colpa del rimpallo di responsabilità fra Quigroup e Regione, perchè a rimetterci sono i dipendenti, gli unici che sicuramente non hanno colpe. "Se la società non ha fatto quanto stabilito è opportuno intraprendere ogni qualsiasi iniziativa utile a far rispettare il contratto. Se la Regione è ancora indietro con i pagamenti o se ci sono altri tipi di inadempienze - chiude Monaco - è doveroso correre ai ripari perché i dipendenti non aspettino ancora un giorno di più".


TAaglio lto

4 05 ottobre 2012

Il fatto

Scuola, la Cgil indice lo sciopero per il 12 ottobre

CAMPOBASSO. È stato firmato mercoledì il decreto per l’erogazione di 139,3 milioni di euro, sulla base di quanto stabilito dal Capo del Dipartimento del 19 marzo 2012, in attuazione a quanto previsto dal Piano nazionale per la prevenzione del rischio sismico (art. 11 della legge 77 del 2009), con il quale il Governo aveva ripartito i contributi per gli interventi di prevenzione del rischio sismico relativi all’anno 2011 tra 17 regioni italiane sulla base dell’indice medio di rischio sismico. Per il Molise in arrivo circa sette milioni sui 139,3 milioni disponibili per l’anno 2011; il decreto ne assegna complessivamente 129,3 per interventi di rafforzamento locale o miglioramento sismico (o, eventualmente, demolizione e ricostruzione) su edifici ed opere pubbliche d’interesse strategico per finalità di protezione civile, nonché su edifici privati; 10 milioni sono invece destinati a finanziare studi di microzonazione sismica utili a una migliore conoscenza del territorio. Calabria, Sicilia e Campania (cui sono stati destinati rispettivamente 19,9, 19,5 e 19,3 milioni) hanno ricevuto i contributi più cospicui, calcolati sulla base del-

Firmato il decreto di finanziamento alle Regioni dal Dipartimento della Protezione Civile l'indice di rischio, che tiene conto della pericolosità del territorio e della vulnerabilità degli edifici e delle infrastrutture, con l’obiettivo prioritario della riduzione della perdita di vite umane; il decreto assegna poi 10 milioni all’Abruzzo (9,3 milioni per il miglioramento o rafforzamento sismico, 700mila euro per le attività di microzonazione) e 8,6 milioni a Emilia-Romagna e Lazio (8 milioni per interventi strutturali e 600mila euro per la microzonazione in ciascuna regione). Molise, Umbria, Marche, Basilicata, Puglia, Toscana, Veneto e Friuli-Venezia Giulia hanno ricevuto finanziamenti dai 7 ai 5 milioni, mentre Lombardia, Liguria e Piemonte hanno ricevuto risorse inferiori, intorno al milione di euro.

redazione@lagazzettadelmolise.it

Fisioterapisti, un concorso che andrebbe rifatto partecipanti. I primi arrivati infatti avevano crediti prossimi allo 0 ma ricevettero punteggi altissimi ai colloqui che durarono pochi minuti. Il 28 Agosto quando si è tenuta la prova scritta della riedizione del concorso i partecipanti hanno avuto l’amara sorpresa di scoprire che la prova scritta non prevedeva un quiz a risposta multipla, come succede ormai in tutti i concorsi in Italia, ma una prova a risposta aperta. La differenza tra le prove sta nel fatto

che mentre nel primo caso il criterio di valutazione è oggettivo, cioè si sommano le risposte esatte, nel secondo caso sta alla commissione attribuire un punteggio da 0 a 3 alle risposte. Va da se che il voto è a libera interpretazione della commissione. Se si unisce questo al fatto che per due anni la graduatoria non è mai andata avanti e che quindi hanno lavorato sempre le stesse persone, e che allo scadere del contratto nel mese di Luglio la ASREM si è rivolta ad una agenzia inte-

rinale per assumere dei fisioterapisti e neanche a farlo a posta l’agenzia ha proposto proprio gli stessi lavoratori che lavoravano in ASREM e miracolosamente si sono iscritti all’agenzia di Termoli, qualcosa di poco chiaro sembra esserci. Ma perché in questa regione non è possibile che le cose si facciano in piena trasparenza senza dover lasciare strascichi di polemiche!!!! Tra le altre cose come si giustificano le nuove assunzioni o collaborazioni visto che la spending review non permette maggiori esborsi finanziari? Lettera firmata

@

Non è bastata la valanga di insinuazioni che hanno preceduto e seguito il concorso per la realizzazione di una graduatoria di fisioterapisti che la ASREM avrebbe chiamato per sostituzioni; non sono bastati i ricorsi fatti dai partecipanti che ritenevano vi fossero state modalità di valutazione alquanto dubbie; non è bastata la sentenza di annullamento del concorso da parte del TAR MOLISE. L’ annullamento aveva reso giustizia ad un vero e proprio scandalo: si pensi che due anni fa la prova unica venne svolta a porte chiuse e che 85 punti su 100 venivano assegnati con il colloquio non dando il giusto peso ai crediti dei

Rischio sismico: in arrivo 7 milioni

L E T T E R E

@

L E T T E R E

CAMPOBASSO. Da ieri e fino al 10 ottobre assemblee territoriali nella scuola, organizzate dalla Cgil, per illustrare le ragioni dello sciopero che si avrà il prossimo 12 ottobre. "I docenti, il personale ATA, i dirigenti sono tutti chiamati ad astenersi dal lavoro per una giornata. Perché? Sono tante le cose che non vanno. Cose vecchie ormai incancrenite e cose nuove che peggiorano una situazione già precaria e difficile". E' questo l'interrogativo posto dalla Flc Cgil. "I tagli ai finanziamenti. Pensavamo di avere già dato, ma con la spending review vanno via altri 200 milioni di euro. Le politiche del lavoro e del personale. Con il passaggio ai ruoli ATA dei docenti inidonei per motivi di salute si producono quattro danni: agli stessi docenti messi a fare un lavoro che non conoscono, alle segreterie che si ritrovano private di personale competente, ai precari ATA che non avranno rinnovato il contratto per la riduzione di ulteriori 3.900 posti, alla scuola che sarà peggio organizzata. Le retribuzioni. Il contratto è bloccato, gli scatti di anzianità sono bloccati, le retribuzioni sono tra le più basse d'Europa. In più si chiede ai docenti di lavorare più ore senza compenso. E si scarica sul Fondo di istituto il pagamento di ore eccedenti e sostituzioni di dirigenti scolastici e DSGA che invece dovrebbero essere a carico del MIUR. Per non parlare dell'edilizia scolastica, dell'assenza di investimenti per le nuove tecnologie e per i laboratori, pure necessari e urgenti per mettere la didattica e il lavoro nelle scuole al passo coi tempi. E il concorso? In questo momento è inutile e costoso. La nuova legge sulle pensioni va cambiata perché blocca il rinnovamento di personale nella scuola e non tiene conto delle sue specificità. Le immissioni in ruolo non coprono tutti i posti vacanti, quindi il precariato non diminuisce. I problemi sono tanti e sempre di più. Eppure per cominciare basterebbero poche cose, alcune a costo zero. La Flc Cgil le ha proposte da tempo. Servirebbero per migliorare e rendere più efficienti le scuole e sbloccare le immissioni in ruolo di docenti e ATA e cancellare il precariato. Per cominciare basterebbe un po' di volontà politica e un briciolo di buon senso. Con questo sciopero vogliamo scuotere la sensibilità dell'opinione pubblica e del governo. E ci auguriamo che ascoltino le nostre proposte".


TAaglio lto

5 05 ottobre 2012

Verrebbero vanificati tutti gli sforzi e le battaglie di politici e cittadini

Molise a rischio, Romagnuolo: nessuna annessione all’Abruzzo. Un’ipotesi il Senato delle Regioni CAMPOBASSO. Come era prevedibile, la posizione assunta dal consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia, sul tema legato all’autonomia del Molise, ha scatenato accese polemiche, soprattutto dal centrodestra che contesta le dichiarazioni dell’esponente di centrosinistra. Nico Romagnuolo è tra quelli che sono intenzionati a difendere strenuamente l’autonomia del Molise. Consigliere, cosa pensa dell’idea di Petraroia , secondo il quale puntare all’autonomia è stato un grosso errore e che ora, vista la situazione, sarebbe meglio puntare alla riunificazione con l’Abruzzo. “Sono nettamente contrario. Gli sforzi dei veri politici, quelli di una volta che hanno voluto con forza l’autonomia regionale verrebbero cancellati. Una battaglia portata avanti da quanti credevano in quel progetto che ha dato i suoi frutti. Il Molise nel quale oggi noi viviamo non è chiaramente quello di trent’anni fa. L’ultimo sforzo che ci riguarda è quello legato alla realizzazione dell’autostrada. Se non avessimo avuto l’autonomia, sono convinto che non avremmo mai potuto nemmeno sperare nella sua realizzazione”. Sappiamo però che, mai come in questo periodo, l’autonomia delle piccole regioni è in discussione, se non a rischio. “Certo, è evidente. Ci sono problemi economici ma chi pagherà le conseguenze di queste decisioni saranno i cittadini. Quando ci servirà qualcosa, dovremo andare a L’Aquila, che diventerà capoluogo. Quando ci renderemo conto della situazione sarà troppo

Il consigliere regionale di Progetto Molise non condivide la posizione espressa dall’esponente del Pd Petraroia tardi”. Petraroia invece dice: torniamo con l’Abruzzo, magari avremo più voce in capitolo. “Ma assolutamente no. Io una mia idea, una mia proposta ce l’ho: eliminiamo le Regioni, facciamo il Senato delle Regioni e a quel punto ricreiamo il centralismo statale con dei rappresentanti regionali. Una sorta di Parlamento delle Regioni. Ma mai aggregarsi ad altre realtà perché una soluzione simile non porterà alcun vantaggio. I problemi che ha il Molise li ha anche l’Abruzzo che ha già chiuso gli ospedali. Ha problemi nel settore dell’agricoltura… Questo per dire che con la riunificazione delle due Regioni le singole situazioni andrebbero ad aggravarsi ulteriormente”. Come si spiega le richieste di annessione al Molise di realtà della provincia di Benevento o di Foggia? “Vorrà pur dire qualcosa. Se non avessero problemi di certo non chiederebbero di unirsi a noi. E proprio in questi giorni si è costituito un comitato a livello amministrativo presso la Provincia di Benevento, a cui molti Comuni hanno chiesto di poter far parte del nostro territorio. In questo caso ci converrebbe. Ma ripeto: o così ma mai annettersi ad altre Regioni, non ne trarremmo alcun beneficio, anzi. Noi rimarremmo sempre secondi”. E allora, per difendere la propria

autonomia, come dovrebbe muoversi la Regione? “E’ chiaro che esiste un disegno ben preciso per farci sparire. I segnali ci sono tutti. Al momento, per dare un primo passo, per rispondere all’attacco, si può dare una riposta concreta ai comitati delle province limitrofe che chiedono l’annessione al Molise. Si tratta di un processo lungo ma comunque favorevole al Molise. Altrimenti passare ad una proposta completamente diversa che potrebbe essere quella del Senato delle Regioni, ma guai pensare di poter aggregarci ad altre realtà”. Consigliere però va anche detto che ormai l’architettura dell’intero Paese sembra essere destinata a cambiare, in alcuni casi anche radicalmente e dunque non possiamo pen-

Aggregandoci ad altre realtà non risolveremo i nostri problemi, la situazione peggiorerà Prenderei in considerazione le richieste di alcuni comuni che vogliono unirsi a noi

sare di rimanere qui, come se nulla fosse, a pensare al nostro orticello. “Ma lei pensa che se andiamo con l’Abruzzo la Regione Molise migliorerà la propria situazione? Oppure che i conti torneranno in ordine? Andremo a dare una mano all’altra Regione, certo le nostre condizioni non miglioreranno. E’ un’illusione pensare che risolveremo i nostri problemi. Io penso che addirittura li accentueremo ulteriormente”. A questo punto appare evidente come, secondo lei, sia assolutamente indispensabile sostenere l’idea, l’iniziativa promossa dal presidente Iorio. “Sono fermamente convinto che al momento sia l’unica strada percorribile. Dobbiamo far fronte comune per opporci a questo disegno che punta a far sparire la nostra regione. Non possiamo consentirlo. Dopo tante battaglie e dopo tanti risultati positivi ottenuti con grande sacrificio non possiamo permettere che tutto questo ci venga strappato. Dobbiamo lottare tutti per il bene della nostra regione”.


TAaglio lto

7 05 ottobre 2012

Spesa al 30 giugno 2012

La questione. Nonostante la mega struttura dell’assessorato alla Programmazione si corre il rischio di non raggiungere per tempo gli obiettivi fissati dal Ministero

di Giuseppe Di Iorio CAMPOBASSO. Su queste colonne abbiamo pubblicato, per due volte, i dati della Ragioneria dello Stato in merito alla capacità di impegno e di spesa dei fondi europei Fse e Fesr della Regione Molise. I primi, riferiti alla spesa al 31 dicembre 2011 e i secondi, al 29 febbraio 2012. Oggi, procediamo con la terza parte riferita al mese di giugno 2012. Questo, mentre arriva la bacchettata del ministro Fabrizio Barca che ha richiamato le Regioni 'lumaca' nella spesa a muoversi entro questo mese per evitare che si imballi la macchina. La Regione, in parole povere, fino ad oggi è riuscita a spendere poco di un quarto delle risorse a disposizione. Lo abbiamo scritto allora e lo ribadiamo oggi che siamo in presenza di dati sicuramente non esaltanti ma che testimoniano una farraginosità nell'azione di spendita dovuta all'altrettanto lentezza dell'assessorato alla Programmazione e Bilancio. L'assessore Gianfranco Vitagliano, che ormai è alla guida di questo importante tassello della struttura regionale da ben otto anni, non ha fornito quella capacità progettuale e programmatica che, pure, aveva cercato di darsi. E non è pensabile accampare scuse di sorta quando la capacità di spesa è bassa, così come non è pensabile vedere negli orti altrui quando e come è stato speso. Ogni Regione dovrebbe lavorare per il bene dei propri cittadini al di là di quanto accade altrove. L'assessore Vitagliano, questo, dovrebbe saperlo perchè, per l'appunto, alla guida di un assessorato tanto importante. La

FSE Contributo

€ 102.897.150 Impegni

49,58% Pagamenti

33,22%

Fondi Fesr e Fse, i pagamenti restano al palo verità è che il Molise per i Fesr è quello che in termini di pagamenti ha erogato di meno in senso assoluto, appena il 27,03% e poco importa sapere se il Lazio è a qualche dato percentuale più sopra così come l'Umbria. E che bassa è la spesa per il Fse, il 33,22%, anche se al 27% troviamo il Lazio. Si tratta, pur sempre, di regioni che hanno praticamente tutto e non devono ancora rincorrere per avere infrastrutture, servizi e quant'altro. Ma, poi, degli altri a noi importa ben poco. Dall'assessore Vitagliano, sul piano politico, attenderemo una risposta esauriente e non dovere raccogliere la strenua difesa di quanto fatto avendo dinanzi risultati tanto miseri nonostante la strabordevole struttura che ha allestito. I risultati che la struttura regionale alla Programmazione ha totalizzato, impietosamente colti dai dati della Ragioneria dello Stato e sottolineati dall'intervento del ministro Fabrizio Barca, non fa il bene nemmeno del presidente della Giunta che, pure, si sta battendo per un Molise autonomo e capace di guardare ancora al domani. La regione ha necessità di altre idee di sviluppo e di capacità di spesa per non morire. L'autoreferenzialità non ha più diritto di essere.

FESR Contributo

€ 192.518.742 Impegni

45,81% Pagamenti

27,03%

L’invito. La pressione è indirizzata a tutte le Regioni

Il ministro Barca: “La spesa va velocizzata prima di fine mese” CAMPOBASSO. Salgono appena più di un punto rispetto all'ultima rilevazione del 31 maggio i dati in percentuale che misurano lo stato di attuazione della politica di coesione per il complesso delle Regioni italiane. Se nel precedente trimestre le certificazioni di spesa presentate a Bruxelles raggiungevano per l'intera Italia il 25,1%, oggi, in base ai nuovi dati elaborati dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica e aggiornati al 30 settembre, si fermano al 26,3% del totale dei fondi europei (54,3 miliardi di euro al netto degli importi devoluti al Piano di Azione Coesione) da utilizzare nel corso dell'attuale programmazione 2007-2013. “I nuovi dati confermano - sottolinea il Dipartimento l'andamento accettabile delle Regioni più sviluppate con il 35,5% di spesa e con una pur lieve riduzione della stagionalità delle certificazioni, solita-

mente concentrate nei mesi terminali dell'anno. Decisamente insoddisfacenti, invece, restano in generale i risultati dei Programmi nazionali e regionali relativi alle Regioni meno sviluppate, complessivamente fermi al 22,6%, nonostante la riduzione del co-finanziamento nazionale operata attraverso il Piano di Azione Coesione. Ancora 1,6 punti sotto il target nazionale di fine ottobre (6,4 punti sotto il target di fine dicembre). Tra i programmi operativi nazionali confermano una buona posizione quelli per l'Istruzione (45,5%) e la Ricerca (36,2%). Assai problematico, invece, l'andamento del programma Trasporti (Reti e Mobilita') pericolosamente stabile al 12,4%. Complessivamente, del totale di 52 Programmi dell'intera Italia (FESR e FSE) solo 17 hanno gia' raggiunto il target di ottobre. Non soddisfatto il Ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca: ''Dai dati - ha affermato il Ministro - non emerge ancora il balzo che aspettiamo. In 27 giorni 35 Amministrazioni pubbliche regionali e nazionali devono compiere uno sforzo notevole. Rammento a tutti, amministratori e cittadini, che se il target di ottobre non sarà centrato il Programma subirà un definanziamento automatico a favore di altri interventi”.


8

Regione

05 ottobre 2012

Sovraffollamento carceri Bregantini: pene alternative per i detenuti Il vescovo si schiera in favore dell’amnistia e dell’indulto per risolvere il problema CAMPOBASSO. All’indomani della festa della polizia penitenziaria e dell’ingresso del nuovo cappellano, don Giuseppe Romano, nella casa circondariale di Campobasso, pubblichiamo l’appello del vescovo Bregantini in favore dell’amnistia e dell’indulto. “Il problema del sovraffollamento delle carceri del nostro paese – dichiara Bregantini – non ci lasci indifferenti o legati ancora a forme di burocrazia lenta e disumana, in particolare per quanto riguarda i processi. Condivido pienamente quanto ha espresso ultimamente il presidente della repubblica,

Giorgio Napolitano, riguardo all’allarme per le carceri affollate e per le condizioni di grande disagio e degrado al loro interno, specie al sud. Occorrono misure alternative alle pene detentive, progetti di accompagnamento nella rieducazione dei fratelli detenuti, forme di recupero non solo psicologico e umano, ma anche sociale per aiutarli a reintegrarsi positivamente nelle comunità”. Il problema carceri in Italia è ancora irrisolto e le cifre del sovraffollamento rasentano il collasso. Bregantini sollecita a “schierarsi come

Gesù con chi è ferito, affrettando le pratiche dell’approvazione della proposta di legge per questa fase neces-

saria di clemenza e di riforma del sistema carcerario e dell’ordinamento penitenziario, rafforzando i fondi fi-

nanziari per le cooperative sociali, per l’avvio dei percorsi socio-assistenziali ed educativi atti a garantire la tutela dei diritti della persona ex detenuta, in quanto chi investe per il lavoro in carcere e opera per la rieducazione dei carcerati compie l’investimento migliore per sanare la società dal suo fondo”.

Crisi economica, tutti convocati in prefettura Programmati incontri monotematici in seno alla conferenza regionale permanente per affrontare i disagi Il perdurante periodo di crisi economica che ha investito il nostro paese continua a produrre negativi effetti che condizionano pesantemente la vita delle persone e delle famiglie, anche di questa provincia, creando urgenze alle quali le istituzioni sono chiamate a dare risposte concrete. La prefettura di Campobasso ha, a tale riguardo, programmato una serie di incontri, in seno alla conferenza regionale permanente, che sarà convocata per sezioni specifiche. Alle riunioni saranno chiamati a partecipare amministratori degli enti locali, direttori degli uffici statali, rappresentanti del mondo del lavoro, esponenti delle associazioni di volontariato e del sistema creditizio. Scopo dei tavoli è quello di approfondire le situazioni di maggiore disagio sociale attraverso un ampio e costruttivo confronto al fine di poter individuare, in un sinergico impegno, soluzioni condivise e coordinate tese ad alleviare le attuali sfavorevoli condizioni congiunturali.

L’ufficio marketing de seleziona agenti pubblicitari, con età massima di 38 anni, per le zone di Campobasso, Isernia e Termoli in possesso di partita IVA e auto muniti. La raccolta pubblicitaria è per carta stampata e Quick Reporter, le news in diretta su IPHONE e IPAD. Info: 0874 438918 - fax 0874 318087 E-mail: commerciale@lagazzettadelmolise.it


9

Regione

05 ottobre 2012

Dopo l’sms di Colagiovanni alla maggioranza.

La coscienza critica e sprovveduta di Assunta Domeneghetti CAMPOBASSO. Il peccato originale di Maria Michela Niro e Marialaura Cancellario è quello di aver creduto nel favoloso programma elettorale del centrodestra e nelle qualità del sindaco Di Bartolomeo, che per arrivare a palazzo San Giorgio ha parlato di “città giardino” e “case popolari” di opportunità per i giovani “che non fossero solo le birre al centro storico”, di “raccolta differenziata e politiche sociali”. Oggi che persino queste due sprovvedute, e non ce ne vogliano se le chiamiamo così, si sono accorte che niente di tutto questo in tre anni è stato fatto, noi pensiamo che vadano capite più che criticate. Niro e Cancellario, che dalla battaglia contro la vendita delle farmacie comunali sono state marchiate come dissidenti dai maschietti del centrodestra, e soprattutto dai fedelissimi del primo cittadino, oggi vivono orgogliosamente in un limbo. Per scelta loro e per rispetto verso chi, a queste due

I consiglieri comunali Niro, Cancellario e Fratipietro partecipano alla conferenza stampa del centrosinistra: nessun passaggio, è il metodo che contestiamo donne, ha dato il suo voto. Le consigliere non ci stanno a passare per quelle “che ora se la fanno col centrosinistra”. Vogliono restare in maggioranza ed esserne “la coscienza critica”. Sebbene la

foto di ieri mattina possa dire tutto il contrario. Vederle sedute allo stesso tavolo dei consiglieri di centrosinistra, potrebbe indurre a pensieri maliziosi o “ideologici” come li ha definiti l’ex sindaco del

Pd, Massa. Ma qui le ideologie c’entrano molto poco. E vediamo perché: due giorni fa il consigliere Colagiovanni ha spedito un sms-invito alla sua coalizione chiedendo a tutti di non presentarsi in

aula per boicottare la minoranza. Chi non si è allineato alla “strategia politica” (così c’era scritto sul messaggio) ha permesso di non far cadere il numero legale e far passare un ordine del giorno che impegna l’amministrazione a rimuovere l’amianto dai tetti della città. Per quale assurda ragione si dovrebbe dare colore politico ad una battaglia di civiltà e alla salute dei cittadini? Niro e Cancellario, oltre al consigliere Fratipietro, che pure da tempo ha preso le distanze dal centrodestra (“non sono dissidente io, sono loro dissidenti dalla città”), hanno detto no apertamente. E forse, per questo, andrebbero premiati. Il sindaco non sospetta, o finge di non vedere, che i detrattori più astuti ce li ha tutti intorno. Lui però, che è uomo di esperienza, dovrebbe anche sapere che dal nemico che ti critica apertamente puoi difenderti. O almeno sapere che non sarà lui a darti il colpo mortale. Può dire lo stesso di chi ancora lo adula?

Tagli ai costi della politica ieri all’esame del Cdm.

Brutte notizie per i sindaci spendaccioni. La mannaia del governo si abbatterà anche su di loro. Ieri all’esame del consiglio dei ministri c’era la bozza – di dieci articoli – in cui si dice che gli amministratori “che la Corte dei conti ha riconosciuto, anche in primo grado, responsabili di aver contribuito con condotte, dolose o gravemente colpose, sia omissive che commissive, al verificarsi del dissesto finanziario, non possono ricoprire, per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali e di rappresentante di enti locali presso altri enti, istituzioni ed organismi pubblici e privati”. I sindaci e i presidenti di Provincia “ritenuti responsabili ai sensi del periodo precedente, inoltre, non sono candidabili, per un periodo di dieci anni, alle cariche di sindaco, di presidente di provincia, di presidente di giunta

Ineleggibili i sindaci responsabili del dissesto regionale, nonché di membro dei consigli comunali, dei consigli provinciali, delle assemblee e dei consigli regionali, del parlamento e del parlamento europeo. Non possono altresì ricoprire per un periodo di tempo di dieci anni la carica di assessore comunale, provinciale o regionale né alcuna carica in enti vigilati o partecipati da enti pubblici. Ai medesimi soggetti, ove riconosciuti responsabili, le sezioni giurisdizionali regionali della corte dei conti irrogano una sanzione pecuniaria pari ad un minimo di cinque e fino ad un massimo di venti volte la retribuzione dovuta al momento di commissione della violazione”.


10 05 ottobre 2012

Campobasso

Testi scolastici, librerie sfornite solo a Campobasso? CAMPOBASSO. Nonostante il ritardo con cui è partito l’anno scolastico a Campobasso, di testi nelle librerie della città, non se ne trovano già più. Il problema, sollevato ieri da

una nostra lettrice, costringe molti genitori ad andare continuamente nelle cartolibrerie per chiedere informazioni, oppure, addirittura, a rivolgersi nelle attività isernine dove, pare, ci sono ancora volumi disponibili. “Ogni anno lo stesso problema – ha scritto la signora Assunta – ed è davvero strano che non si trovino i testi per le scuole elementari. Le commesse ci ripetono che ci avviseranno con un sms non appena il libro sarà sul bancone del negozio, ma intanto non si capisce da chi o da che cosa dipende questa situazione che causa ritardi nell’attività didattica dei ragazzi di Campobasso e perdita di pazienza nei loro genitori.

Rsu Poste, elezioni a novembre D’Alessandro: i lavoratori avranno la possibilità di scegliere da chi farsi rappresentare CAMPOBASSO. La Cisl Poste unitariamente alla Slc-Cgil e al Failp-Confsal, dopo la dura battaglia portata avanti con l’azienda, indicono le elezioni per il rinnovo della Rsu nell’unità produttiva sia di Campobasso sia di quella di Isernia, che si svolgerà alla metà del mese di novembre. Ai lavoratori – dichiara il segretario della Cisl Poste, Antonio D’Alessandro – avranno la possibilità di decidere da chi effettivamente farsi rappresentare, iscritti e non a un sindacato, potranno dare il loro li-

bero voto diretto e democratico, indicazioni per scegliere i propri rappresentanti all’interno della propria unità produttiva d’appartenenza. Questa è l’occasione – continua Antonio D’Alessandro per confermare l’esperienza sindacale e per offrire un contributo alla crescita della giustizia sociale e della democrazia nei luoghi di lavoro. La Cisl Poste si auspica la partecipazione convinta di tutti i lavoratori e le lavoratrici a quest’importante momento democratico.

Per la pubblicità su questo giornale e su Quick Reporter la news in diretta Telefonare allo 0874 438918 E-mail: commerciale@lagazzettadelmolise.it

Riceviamo e pubblichiamo.

A Campobasso strade colabrodo

di Antonio D’Uva Chi scrive fa uso dello scooter per i suoi spostamenti nella città di Campobasso ed è costretto quotidianamente a fare i conti con i pericoli che si annidano nelle buche che presenta l’asfalto in diverse zone della città, dove solo una guida attenta ed avveduta può evitare che venga messa a repentaglio l’incolumità di quanti si servono di un mezzo a due ruote. Qualche giorno fa, in Via Principe di Piemonte, appena fuori dell’abitato, nel tratto prospiciente un antenna di telefonia, tratto di pertinenza del Comune di Campobasso, operai non meglio identificati hanno proceduto a fare uno scavo nell’asfalto senza preoccuparsi di ripristinare lo status ante e lasciando una voragine con pezzi dello stesso asfalto, come documentato dalle foto allegate scattate il giorno 4 ottobre 2012 alle ore 12.35. Non c’è segnale alcuno che evidenzi il pericolo e, soprattutto, con l’oscurità esiste la reale possibilità che qualcuno ci finisca dentro con tutte le conseguenze del caso. Il fatto non è episodico, in quanto altre volte, sempre sulla stessa strada - dove peraltro ci sono diversi tombini non livellati con il manto stradale - ho segnalato casi del genere al Comune di Campobasso. E’ mai possibile che imprese private possano effettuare questo tipo di lavori senza che nessuno controlli che poi vengano ristabilite le condizioni di sicurezza? Occorre aspettare che ci scappi il morto per intervenire?


11

Campobasso

05 ottobre 2012

L’iniziativa della Lilt e dell’ordine degli psicologi

Corso di formazione contro il tabagismo CAMPOBASSO. L’ordine degli psicologi del Molise e la sezione provinciale Lilt di Isernia organizzano il corso di formazione per conduttori di Gdf che si svolgerà a Campobasso da oggi e fino a domenica nella sala riunioni della parrocchia di San Giovanni. La prevenzione e la terapia del tabagismo hanno l’obiet-

tivo di diminuire il rischio di malattie correlate al fumo sia nell'ambiente familiare, che nei luoghi di lavoro. L'esposizione al fumo, sia attivo che passivo, associata all'esposizione a polveri e sostanze chimiche in contesti professionali, può produrre effetti combinati di tipo additivo o moltiplicativo. Obiettivo generale del corso è di dimi-

nuire il numero dei fumatori e ridurre l'incidenza delle malattie correlate al tabagismo come quelle cardiovascolari, respiratorie ed oncologiche. Obiettivo didattico-formativo è l’acquisizione delle conoscenze e competenze necessarie per la conduzione e gestione di gruppi per la disassuefazione dal fumo; l’ela-

borazione e l’archiviazione dei dati dei partecipanti ai percorsi di disassuefazione che consentirà di inserire il

modello di intervento in un contesto nazionale ed internazionale di ricerca e di formazione.

Dopo la mostra-simposio.

Ripalimosani, lì dove tutto nasce

Mamma ho fretta mi dai la paghetta?

RIPALIMOSANI. Si è appena conclusa nello splendido scenario del palazzo marchesale di Ripalimosani, la mostra-simposio. Artisti, intellettuali, esperti di enogastronomia, amministratori, storici dell’arte, archeologi, antropologi hanno fatto scoprire e ri-scoprire le bellezze paesaggistiche, architettoniche ed etnoantropologiche di una terra ricca di saperi: il Molise. Uno degli obiettivi era proprio quello di creare una collaborazione con altri comuni ed associazioni culturali attive sul territorio molisano proprio per fare di questa terra un luogo non solo da abitare ma da vivere. “Il prossimo simposio – raccontano gli organizzatori dell’evento, Manusacchio, Mitri e Scafa - ci auguriamo di realizzarlo tra un anno nella speranza che possa diventare un appuntamento fisso legato alla cultura, all’arte ed all’enogastronomia made in Molise. Il successo ottenuto è stato merito anche della sensibilità della stampa molisana che ha dato grande rilievo all’evento con articoli e servizi televisivi Un ringraziamento particolare va ancora una volta a tutti gli artisti che si sono esibiti durante i simposi nonché ai partner privati ed istituzionali che hanno fortemente creduto in questo progetto”.

di Camillo Viti In pieno clima di recessione, nel quale la pressione fiscale è salita alle stelle, si continua a parlare di paghetta. L’addizionale comunale, quella regionale e l’aumento delle bollette di luce, telefono e gas mette in serie difficoltà le famiglie italiane, costrette a fare i salti molti per giungere alla fine del mese. Siamo in un autentico tunnel. Uscirne fuori diventa a dir poco problematico. In questa delicata situazione i genitori sono autotassati alfine di non interrompere l’erogazione della «paghetta», che i figli più giovani considerano un diritto acquisito. L’ipotetico sindacato l’A.S.U. P. ( il cui acronimo risponde alle seguenti parole: Associazione Sindacale Utenti Paghetta) accampa il proprio diritto della riscossione dell’importo stabilito. I beneficiari continuano a percepire, regolarmente la somma dovuta che consente loro di vivere senza problemi. Pub, discoteca e bar polarizzano l’at-

tenzione dei giovani pronti a far fuori il salario settimanale che consente loro di avvicinarsi a qualche bionda «spumosa», consumata fuori dal locale, lasciando la bottiglia vuota in qualche cantuccio d’una strada un po’ buia. Questi giovani che fanno le prime esperienze con l’alcool non hanno alcun rispetto dell’ambiente in cui vivono. Non costerebbe nulla prendere la bottiglia (priva dell’anima ovvero della birra) e buttarla negli appositi contenitori del vetro. Niente solo qualche passo in più. Molto dipende dal rispetto per se stessi e per gli altri. Non ci vuole molto perché la città possa continuare ad essere rispettata da tutti. Basta solo un po’ di buona volontà e un piccolo sforzo per preservare l’ambiente in cui viviamo. Rivolgiamo un appello ai genitori di seguire i figli e di stare loro vicini, pronti a dare un mano in caso i bisogno. Ragazzi state lontani dalla spumosa bionda che a volte può giocarvi un brutto scherzo.


Il ristorante-pizzeria più esclusivo nel salotto buono della Campobasso murattiana. Ecco il miglior modo per valorizzare la più prestigiosa piazza cittadina, crocevia di interessi, storia e vita: un gioiello incastonato all'interno del teatro Savoia. Il ristorante Savoia riesce a coniugare perfettamente una raffinatezza e una cucina dallo stile sopraffino a prezzi decisamente normali e alla portata di tutti. Aperto a pranzo e cena dà la possibilità a chiunque di gustare prodotti di prima qualità legati alla stagione anche solo per un pasto veloce con menù fisso personalizzabile. Al suo interno, poi, le ambientazioni stagionali delle sale donano al ristorante Savoia un'atmosfera indimenticabile


ANNO VIII - N° 222 - VENERDÌ 05 OTTOBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

ISERNIA

30.000 copie in omaggio www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it

Ospedale di Agnone, la politica non tradisca Presentazione sala della costituzione campobasso La prima organica ricostruzione della storia della nostra regione durante il periodo fascista 336 pagine € 19,90

Per informazioni e prenotazioni tel. 0874.438918 ‐ commerciale@lagazzettadelmolise.it


15

Isernia

05 ottobre 2012

Lo Iacp rende disponibili sei alloggi Erp

ISERNIA. Disponibili per essere assegnati dal Comune sei alloggi Erp (Edilizia residenziale pubblica) nel quartiere San Lazzaro. A darne comunicazione al commissario Vardè il Commissario straordinario dello Iacp Gianni Fantozzi. “Nonostante la progressiva diminuzione delle risorse destinate alle Regioni per l’edilizia residenziale pubblica che – ha dichiarato Fantozzi – limita la possibilità di realizzare nuove costruzioni, l’Istituto autonomo case Popolari di Isernia, attraverso l’impegno del presidente della Giunta regionale Michele Iorio e dell’assessore regionale alla Casa Luigi Velardi, ha ugualmente portato avanti una lunga attività operativa. Nella città capoluogo tale attività si è concretizzata con il completamento dei lavori che hanno interessato la realizzazione di due edifici rispettivamente di 10 e 11 alloggi.

Le abitazioni presenti all’interno del primo edificio – ha spiegato il Commissario – sono state assegnate alle 10 famiglie utilmente collocate in graduatoria in seguito all’indizione di un apposito bando. E, a breve, gli alloggi saranno consegnati agli aventi diritto. Per ciò che concerne, invece, il secondo fabbricato, cinque degli 11 alloggi di cui è composto sono stati destinati alla mobilità, ossia agli assegnatari dei fabbricati che saranno demoliti nella zona di San Leucio. Gli altri sei alloggi sono stati messi a disposizione del Comune di Isernia per l’assegnazione ad altrettante famiglie utilmente collocate nella graduatoria formulata dalla Commissione Assegnazione Alloggi. Nel quartiere San Leucio sono, inoltre, già iniziati i lavori per la costruzione di ulteriori 24 alloggi Erp per un importo di circa 2 milioni di euro. Abitazioni, quest’ultime, che saranno assegnate mediante un ulteriore nuovo bando che sarà predisposto dal Comune di Isernia. E’ questo un ulteriore passo per dare risposte alle numerose famiglie che non riescono ad accedere all’affitto di una casa sul libero mercato. Colgo l’occasione – ha concluso Fantozzi - per ringraziare tutti i dipendenti dell’ente con a capo l’architetto Franco Valente, andato recentemente in pensione dopo 35 anni di attività. E’ stato proprio grazie al loro costante impegno che lo Iacp di Isernia ha potuto portare a termine questi progetti in favore della comunità”.

“Ospedale di Agnone, faccia la politica” Abbiamo sempre tenuto alta l'attenzione per capire ogni piccolo movimento; dalle delibere del Consiglio Regionale ai Decreti Commissariali, dai decreti dell'Asrem agli articoli di giornale. Anche i risultati ottenuti sembrano aver dato speranza e futuro all’ospedale San Francesco Caracciolo, e con lui all'intera comunità.In particolare il decreto commissariale 84/2011 (firmato dal Commissario e dal Presidente della Giunta Regionale) va nella direzione giusta così come gli impegni e gli sforzi dell'Assessore Di Sandro. Un piccolo ospedale di montagna come dettagliatamente previsto nella bozza preparata dall'infaticabile Don Francesco Martino.Un piccolo ospedale di montagna che assicuri a chi vive il territorio il diritto alla tutela della salute. Nulla di più.Ci auguriamo di cuore che tutto quanto rimanga così.Il consiglio regionale si batta perchè le decisioni siano prese a livello locale anche alla luce dell'ottimo lavoro fatto dalla quarta commissione.

E soprattutto ci auguriamo che nessuno, neanche i tecnici romani, in nome del risparmio, si arroghi il diritto di decretare la morte di un intero territorio.Gli sprechi, e lo stiamo vedendo con molta chiarezza a ogni scandalo, a ogni telegiornale, ogni giorno, sono altrove.Da parte nostra assicuriamo il massimo impegno e collaborazione per ottenere risultati positivi.Fino a questo momento nessuna decisione definitiva è stata presa e l’ospedale continua, anche grazie all’impegno del personale che vi opera, che non ci stancheremo mai di ringraziare per il suo alto senso del dovere e dell’attaccamento alla propria gente, a svolgere il suo ruolo di presidio per tutta l’area interna abbruzzese e molisana. Siamo sicuri che gli sforzi di tutti quelli che sono a vario titolo impegnati nella difesa della Sanità nel nostro territorio saranno premiati e verrà riconosciuto il loro alto valore civico. Per il Comitato Art. 32Armando SammartinoFranco Di Nucci

L’incontro. Il sindaco di Firenze domenica a Isernia

Cacciavillani per Renzi “Cambiamo modo di fare politica” “La nostra motivazione, la nostra spinta è pensare che giovani amministratori possano prendere in mano la situazione, visto lo scenario della politica nazionale e regionale che è ai minimi termini, per disegnare un futuro finalmente diverso”. Così l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Agnone, Maurizio Cacciavillani a sostegno di Matteo Renzi che sarà domenica sera a Isernia alle ore 21 presso l’hotel La Tequila. “Sulla provincia di Isernia – ha sottolineato Cacciavillani – stiamo cercando di allargare il comitato ad altri amministratori. Renzi è giovane, è un amministratore concreto e guarda al futuro. Abbiamo urgente bisogno di persone giovani e capaci di interpretare percorsi più adatti a questo nuovo assetto sociale che si sta aprendo”. Per quanto riguarda lo scenario attuale e regionale Cacciavillani cancella ogni dubbio: “Lanciamo un messaggio positivo al Pd e nel Pd. Altro che rottura. Noi vogliamo programmare e incidere in maniera positiva. Il nostro obiettivo – ha spiegato – è offrire un nuovo impulso e soprattutto attivarci per un ricambio generazionale. In politica non si può stare una vita e governare per decenni, perché così facendo l’idea di amministrare si trasforma in gestione del potere. Renzi lancia un messaggio di progetto innovativo rispetto alla realtà attuale. Dunque finalmente spazio ai giovani, alle nuove energie, alle idee, al rinnovamento. Il Pd ne ha bisogno”.

L’iniziativa.

Piano città,Vardè presenta 3 progetti Il Commissario Straordinario del Comune di Isernia, dott. Annunziato Vardè, con atti nn. 49, 50 e 51 del 2 ottobre, ha deliberato di presentare alla Cabina di regia per l’attuazione del Piano Nazionale per le Città, istituita presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, altrettante proposte di inserimento, nel Piano stesso, di tre progetti di riqualificazione, rispettivamente del Centro Storico, del quartiere San Leucio e dell’area di Corso Garibaldi. L’iniziativa è finalizzata a ricercare gli strumenti finanziari necessari per la realizzazione degli interventi previsti dai suddetti piani di riqualificazione, tra i quali quello del quartiere San Leucio, redatto negli anni scorsi (con relativa liquidazione delle parcelle e suo tempo disposta) ed approvato dal Commissario proprio per poter presentare le proposte in questione.


16

Termoli

05 ottobre 2012

Velardi: “Trivellazioni, ora tocca al governo fare chiarezza”

TERMOLI. Il pronunciamento del Tar del Lazio è una grande vittoria contro il pericolo delle trivellazioni in Adriatico – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente, Luigi Velardi, in merito alla sentenza del Tar del Lazio che boccia i progetti di ricerca di petrolio della Petroceltic al largo delle Isole Tremiti . “Siamo davvero soddisfatti, prosegue Velardi, anche se ciò non basta a evitare il rischio di piattaforme petrolifere nei mari italiani. Attendiamo adesso che il Governo riveda i parametri del Decreto Sviluppo, attraverso il quale si sono rese nuovamente possibili le trivellazioni nel-

l’Adriatico. Non può, all’indomani di questa importante sentenza, scendere l’attenzione e la nostra vigilanza su questo argomento, così importante per il nostro Molise. Anzi, dobbiamo rafforzare questo risultato giuridico con una grande mobilitazione umana. Bisogna costruire una vera e propria diga con la manifestazione di Manfredonia del prossimo 06 ottobre. È necessario individuare gli strumenti di persuasione politica più forti, affinché ci sia spontaneamente ed esaustivamente un passo indietro del Governo, rispetto ad un proposito, davvero devastante per tutta la costa e soprattutto per quella molisana che rimane la più richiesta per l’imbarco alle Tremiti, attraverso il Porto di Termoli. L’Assessorato all’Ambiente, ha messo a disposizione del Comune di Termoli due pullman per raggiungere Manfredonia, ai quali certamente si aggregheranno altri mezzi organizzati. Sono certo che sabato, insieme a me, ci sarà una folta rappresentanza istituzionale, oltre che di cittadinanza. Accolgo con estremo piacere, inoltre, conclude Velardi, l’approvazione in Terza Commissione della proposta di legge contro le trivellazioni in Adriatico, segno che la Regione, dopo l’unanimità di intenti mostrata in Consiglio Regionale sul tema, farà tutto quanto a propria disposizione per evitare che tali attività di ricerca saranno attuate”.

La manifestazione.

La prevenzione dell’obesità passa per il movimento PETACCIATO. A Petacciato la manifestazione "Ben essere ..... in movimento", che si terrà domani e domenica. La manifestazione è inserita in un programma di eventi che vedrà il mese di ottobre protagonista della prevenzione della Obesità. Promossa dal Lions Club di Larino e Moliseinsieme trattasi di una buona occasione per pensare alla propria "salute" in compagnia dei bastoncini del Nordik Walking, ed alla riscoperta del borgo antico di Petacciato. Un ulteriore momento in più per consolidare l'interesse verso una comunicazione relazionale particolare ( socializzazione ) per custodire l'amore verso gli altri, verso l'ambiente, verso la cultura, verso un nuovo modo di essere che si nutre della modifica degli stili di vita per prevenire e curare le malattie del benessere.

Post sisma, i sindaci a confronto a Colletorto COLLETORTO. Questa sera alle ore 18.30, presso la sala consiliare del Comune di Colletorto, si svolgerà un incontro tra i quattordici Sindaci dei Comuni del cratere. Al centro della riunione ci saranno le comunicazioni del sindaco di Colletorto, Fausto Tosto inerenti la convocazione avuta dal Prefetto di Campobasso, Stefano Trotta, il giorno 3 ottobre e che riguarda il protocollo d'intesa sottoscritto dal Prefetto di Campobasso, dall'Anci Molise e dagli ordini professionali relativo a importanti novità per il personale degli uffici sisma. Tutti i contenuti dell'accordo verranno illustrati nel corso della riunione, in attesa dell'incontro che la prossima settimana è previsto in Prefettura.

I Verdi in campo contro la Petroceltic “Non si distruggano le nostre coste” FOGGIA - Il Gargano rischia un vero e proprio deturpamento dinnanzi al quale i Verdi non possono restare inermi, anzi, il loro intervento intende essere forte ed incisivo. Tale sostegno giunge in perfetta concomitanza con la riorganizzazione del direttivo che inaugura la nuova stagione della Federazione Provinciale dei Verdi capeggiati dal segretario Cesare Gaudiano. La grande manifestazione, organizzata dalla Rete di Associazioni “NO TRIV”, si terrà a Manfredonia sabato a partire dalle 15,30 per dire NO alle indagini per la ricerca di idrocarburi nel Mare Adriatico ed, in particolare, nelle acque che bagnano le Isole Tremiti e la Federazione Provinciale dei Verdi di Capitanata vi prenderà parte in prima linea. Si protesta pacificamente contro quell’autorizzazione rilasciata alla multinazionale irlandese Petroceltic Elsa, che si traduce in termini di azioni di ricerca con le quali si mortificherebbe un territorio ed un’intera popolazione che ha creduto e, crede tutt’ora, che un modello di sviluppo alternativo sia ancora possibile. “Un modello che vede nel turismo e nell’utilizzo ecosostenibile delle risorse naturali - afferma Cesare Gaudiano - le principali fonti di reddito da cui ripartire per rilanciare l’economia. L’appuntamento diventa

una delle fondamentali vie per manifestare in modo civile contro la violazione della libertà, di intraprendere un percorso di sviluppo economico alternativo alla mercificazione del nostro territorio”. La perfetta continuità di azione tra l’attuale Ministro dell’Ambiente Clini ed il suo predecessore, Prestigiacomo, ha indotto ad una totale prevaricazione di tutti i pareri negativi degli enti locali rispetto alle prospettive di vedere il nostro mare distrutto in nome del petrolio e, come aggiunge Gaudiano, “ha tirato un colpo letale alla nostra economia che da tempo ha investito risorse umane ed economiche a favore di uno sviluppo che contempli la sostenibilità ambientale e la tutela della salute dei cittadini. Dobbiamo quindi utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione -continua il segretario provinciale dei Verdi - non solo le vie giudiziarie, per fermare questo scempio. La manifestazione di Manfredonia ha il merito di aver creato un percorso di unità e condivisione di tutte le parti politiche, del mondo dell’associazionismo e della società civile. Quella che ci aspetta è una battaglia lunga e difficile, ma ce la possiamo fare se non perdiamo la nostra compattezza nel rispetto delle prerogative e dei diritti di tutti i soggetti coinvolti. Dalla manifestazione del 6

ottobre siamo sicuri che partirà da Manfredonia un accorato appello, sostenuto dalla più ampia partecipazione possibile dei cittadini, delle istituzioni e delle forze politiche, a rispettare la volontà delle popolazioni, che non sono disposte a svendere il proprio mare; l’auspicio è che tale appello trovi buon senso e accoglienza presso il Governo nazionale". Oggi, più che mai, le popolazioni rivendicano il diritto sancito dalla Costituzione di decidere sul futuro del proprio territorio e nessun Ministro (Prestigiacomo prima e Clini poi) o nessuna legittimità procedurale può sostituirsi a questa sacrosanta prerogativa.


17

Termoli

05 ottobre 2012

Piscina, gara aggiudicata Ora si pensa agli istruttori TERMOLI. Il dirigente Carmela Cravero ha sottoscritto l'atto con cui viene aggiudicata provvisoriamente la gestione decennale della piscina all'Ati vincitrice della gara d'appalto Hydro Sport H20. Dopo questo primo passaggio formale toccherà ai privati entro trenta giorni depositare tutta la documentazione necessaria per formalizzare l'iter amministrativo ed avviare i tempi per la stipula del contratto e della relativa convenzione, atti che dovrebbero essere perfezionati a metà autunno, così da far cominciare subito i lavori per lo smantellamento della copertura in eternit e dare la prospettiva di una riapertura dell'impianto per i primi mesi del 2013.

Ma come dicevamo c'è in ballo il destino di tecnici, istruttori e altro personale, che l'amministrazione vuole mantenere in carico, per non creare un problema di disagio sociale e anche gestire in continuità il rapporto con l'utenza termolese e bassomolisana. In riunione permanente con gli stessi istruttori, come ha detto lo stesso Di Brino nella conferenza stampa della scorsa settimana, si è deciso di convocare i vertici delle società aggiudicatarie in forma associata della gestione per favorire un incontro proprio tra Hydro Sport H20 e gli istruttori, in modo da stemperare qualche tensione e avviare un dialogo che approdi a una fattiva collaborazione.

Pesca illegale, sequestrata la rete

TERMOLI. Con il Decreto del 28 luglio scorso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha definito, per l’anno 2012, i periodi di arresto temporaneo obbligatorio per le unità autorizzate all’esercizio della pesca con il sistema a strascico e/o a volante. Il Decreto in questione ha anche stabilito che sino al 31 ottobre è vietato nelle acque dei compartimenti marittimi del medio-basso adriatico la pesca a strascico e/o volante entro una distanza dalla costa inferiore alle 6 miglia ovvero con una profondità d’acqua inferiore a 60 metri, divieto questo non valido solo per le piccole unità da pesca. La Capitaneria di Porto di Termoli sta quindi intensificando, con la ripresa dell’attività di pesca avvenuta il 18 settembre scorso a seguito del fermo, l’attività di vigilanza in mare al fine di verificare il rispetto di tale di-

sposizione di legge. Diverse segnalazioni in merito ad avvistamenti di unità in attività di pesca sottocosta sono state indirizzate negli ultimi giorni al centralino della Sala Operativa della Guardia Costiera. E' stato l’intervento della motovedetta CP2115 che ha sorpreso un peschereccio intento a pescare su fondali non consentiti a circa 4 miglia e mezzo dalla costa; Il peschereccio è stato fatto rientrare in porto, quindi al Comandante è stato elevato il previsto verbale di 4.000 euro, oltre al sequestro sia della rete da pesca che del prodotto ittico illecitamente pescato, che è stato devoluto in beneficienza. Tale attività di controllo, rivolta sia alla tutela della pesca che dell’ambiente marino vicino la costa, proseguirà con continuità anche nei prossimi giorni.

Montenero di Bisaccia.

Stalking sulla ex moglie, i carabinieri arrestano un 41enne MONTENERO DI BISACCIA. Ha ripetutamente minacciato e perseguitato la sua ex moglie, presentandosi a casa e sul posto di lavoro, con lo scopo di convincerla a tornare con lui. Per questo D.G.R., 45enne operaio di Montenero di Bisaccia, è stato arrestato dai carabinieri del posto che hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Larino. L'uomo dovrà ora rispondere dei reati di atti persecutori, violenza privata e violazione di domicilio. La vittima dello stalking, una donna di 41 anni, aveva denunciato quanto stava subendo nei mesi di marzo e aprile scorsi.

I dati del progetto Educanziano MONTENERO DI BISACCIA. Il Comune di Montenero di Bisaccia e l’Associazione Abc Psy – Impresa sociale presenteranno Domenica 07 Ottobre 2012 a partire dalle ore 17,30 presso la Sala Consiliare in Piazza della Libertà, i risultati del progetto Educanziano. All’evento conclusivo dell’esperienza dedicata agli anziani di Montenero prenderanno parte il Sindaco Nicola Travaglini, l’assessore comunale alle Politiche Sociali Gianfranca Marchesani, il Responsabile del progetto, dott. Francesco Basilico ed il Tecnico della riabilitazione psichiatrica, dott.ssa Anna Dudiez.


18 05 ottobre 2012

La programmazione al piccolo Proscenio La compagnia CAST domani al via con la nuova proposta teatrale e le prime repliche

di Charles N. Papa ISERNIA - In attesa della programmazione invernale del teatro Savoia e del teatro del Loto, ad Isernia riprende l’attività della compagnia CAST, diretta da Salvatore Mincione Guarino. Nata nel 2001, la CAST nel 2010 trova spazio al Proscenio, una piccola sala (meno di 100 posti) dove realizza la stagione teatrale invernale e dove si organizzano corsi di teatro. Ma anche altre attività come progetti teatrali nelle scuole di ogni ordine e grado della regione Molise, laboratori nelle case circondariali di Isernia

e Santa Maria Capua Vetere, ed inoltre da quest'anno, è stato aperto un laboratorio di dizione ed educazione della voce. Una bella realtà isernina che prosegue ormai da qualche anno e con successo. Il primo spettacolo in programma è “A mio figlio piace il finocchio”, in scena per tre weekend di ottobre, il 6,7,13,14,20 e 21. In programma altri due testi di Guarino “Il pomo d’oro” e “Al massimo...Troisi”. Gli multimi tre weekend di dicembre in scena un testo di Edaurdo Scarpetta “O’ miedeco d’e pazze”. Altre info 3392694897.

Cartellone 2012/13

Club. Serata aperitivo

La Prokofiev Orchestra per Amici della musica

Cocktail, musica e venerdì caraibico

CAMPOBASSO - Lunedì parte la campagna abbonamenti per la stagione concertistica dell’associazione “Amici della musica”. La prima esibizione si terrà lunedì 13 ottobre alle 21.00 al teatro Savoia, sul palco la Prokofiev Academy Symphony Orchestra, diretta da Alexandr Dolinsky. La direzione artistica è di Piero Niro, informazioni 0874416374.

CAMPOBASSO - Oggi alla birreria Pulp la musica di Invernomuto. CAMPOBASSO - Questa sera al Cafè Prestige aperitivo in musica dalle 20.00. Set di Andrea Rizzi. RIPALIMOSANI - Stasera inaugura la serata caraibica al Blue Note con dj Caliente e animazione a tema. L’ingresso del venerdì caraibico, vale come ingresso omaggio al sabato dance della discoteca Alexander.

Spettacolo Concerto coro Hassler

La rassegna internazionale prosegue oggi e domani CAMPOBASSO - Domani secondo appuntamento per la 21ma “Rassegna polifonica internazionale”. Nella cripta di S.Antonio di Padova, si terrà il concerto del coro ungherese Hassler (foto), diretto dal maestro Sandor Zoltan di Miskolc. Si chiude domenica 7 ottobre nell’aula magna del convitto Mario Pagano.

La street art nel capoluogo.

“Draw the line”, parlano gli organizzatori al termine dell’evento CAMPOBASSO - Al termine delle seconda edizione di Draw the line, si prova a tirare le somme, si tenta di far arrivare un concetto che gli organizzatori dell’associaiozne Malatesta, lanciano, il messaggio è chiaro: “La stanchezza enorme accumulata per la realizzazione della prima edizione – affermano dall’Associazione Malatesta - ci aveva sfiancato almeno quanto la burocrazia che ci ha perseguitato per mesi dopo la chiusura del festival. Tuttavia le email di molti degli artisti invitati l'anno scorso ci hanno fatto riflettere sul fatto che forse era giusto dare un seguito a ciò che avevamo fatto per provare a renderlo un appuntamento annuale fisso per noi e per la città. E' bastata una riunione per fare il punto della situazione e convincerci di due cose: la prima e che non avevamo alcuna voglia di questuare in giro finanziamenti pubblici e sponsor, la seconda è che non avevamo budget. Una volta appurata la situazione disperata sono bastate poche email per ricevere una enorme iniezione di fiducia: molti invitati volevano non solo tornare ma farlo a spese proprie. Dunque eccoci di nuovo qua! Abbiamo raschiato il fondo del barile del tesoretto associativo, abbiamo convinto (non si sa come) proprietari di stabili in disuso a darci le autorizzazioni e siamo ripartiti: senza vincoli burocratici e come al solito senza sapere dove saremmo andati a finire.”


ANNO VIII - N° 222 - VENERDÌ 05 OTTOBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

30.000 copie in omaggio www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it

Serie D, il portiere Leonardi è intenzionato a rilanciare la sua carriera con l’Agnone

Calcio giovanile, il molisano De Curtis ingaggiato dal Lanciano

Il test amichevole di metà settimana contro il Vastogirardi è servito al tecnico dell’Olympia Agnonese Corrado Urbano per tastare il polso alla sua squadra e per studiare l’undici migliore da schierare contro la matricola Fidene, prossima avversaria in campionato. Contro i laziali scalpita per ottenere la maglia numero uno Valentino Leonardi che domenica scorsa, contro la Sambenedettese, ha debuttato tra i pali. L’ultimo arrivato in casa granata ha un entusiasmo contagioso e una voglia di rimettersi in gioco dopo la brutta esperienza vissuta nella passata stagione. Cresciuto nelle giovanili del Parma, Leonardi lo scorso anno era stato ingaggiato dal Ravenna in Prima Divisione ma il calcio scommesse ha travolto il club professionistico condannandolo in estate alla retrocessione in serie D e ad un campionato fatto di grandi difficoltà economiche che hanno portato il portiere lombardo ad abbandonare il club a gennaio. A PAG. 21

Un sogno che si avvera. Il giovane calciatore molisano Silvio De Curtis approda alla Virtus Lanciano, compagine che partecipa al campionato di serie B. Nato a Termoli il 26 luglio1999, residente a Guglionesi , fratello di Pierfrancesco De Curtis terzino destro in forza al Termoli calcio, ha iniziato a frequentare la scuola calcio S.C. Guglionesi di Saccomandi Vincenzo all' età di 6 anni nel ruolo di esterno di centrocampo con lo stesso trainer bassomolisano. Nell anno 2011 ha giocato sia con gli esordienti ( categoria di appartenenza) che con giovanissimi di mister Cardamone Salvatore disputando la finale per accedere ai giovanissimi regionali. A luglio il mister ha deciso di mandare alcuni ragazzi a fare il provino alla Virtus Lanciano tra cui anche Silvio e ad agosto é arrivata la notizia che il sodalizio abruzzese ha mostrato interesse per il ragazzo. Da alcuni giorni é tesserato con la Virtus Lanciano e attualmente fa parte dei giovanissimi nazionali. A PAG. 22


20

Sport

05 ottobre 2012

Lega Pro - seconda divisione

Un lupo in difficoltà si prepara alla capolista Giornata di riposo quella di ieri in casa Campobasso. Lo staff tecnico ha concesso ventiquattro ore di pausa dopo le fatiche di coppa. Si sono allenati solo quegli elementi non convocati per la gara infrasettimanale con il Sorrento. Un match che ha confermato quanto era evidente da tempo e ciò che andiamo ripetendo dall’inizio del ritiro. L’organico rossoblù è povero di under all’altezza della situazione e manca di ricambi validi. I giocatori sempre utilizzati stanno già risentendo della stanchezza ed alcuni sono apparsi, nella

Colantoni in azione

In breve.

Abete: la riforma dei tornei entro il 30 novembre

Questa mattina riprenderanno gli allenamenti dopo la gara di coppa e in vista del match con l’Aprilia: per domenica organico al completo gara di coppa, appannati: Rais e Morante ad esempio stanno evidenziando i primi segni di cedimento. Quello che è balzato immediatamente agli occhi nel match di mercoledì è stata la pochezza di alcuni elementi in età di Lega. Ciò giustifica le difficoltà con le quali è chiamato a fare i conti mister Imbimbo nello stilare una formazione adeguata. I molisani stanno attraversando il primo momento delicato della stagione e domenica sono chiamati ad invertire la rotta. Anche se sarà oltremodo complicato, i rossoblù vogliono provare a sovvertire un pronostico che li vede sfavoriti nel match con la capolista Aprilia. Un ostacolo arduo da superare, ma che potrebbe fornire delle motivazioni

Il presidente Abete

importanti ad un gruppo con il morale a terra. Per la gara di domenica torneranno a disposizione Di Libero e Colantoni e il tecnico potrà contare sull’intera rosa a sua disposizione, ad eccezione dei lungodegenti Marino e Bussi. Il difensore centrale potrebbe essere un acquisto importante per il Campobasso, viste le difficoltà registrate nel pacchetto arretrato, dove nemmeno Candrina sembra fornire quelle garanzie sperate. Altro rientro importante è quello del portiere Rino Iuliano. L’estremo difensore, grazie ad esperienza e carattere, è in grado di offrire una maggiore sicurezza a tutta la difesa: quasi sicuramente si prenderà la maglia da titolare già a partire dalla delicata trasferta abruzzese. Questa mattina riprenderanno gli allenamenti presso l’antistadio Acli e l’attenzione sarà immediatamente rivolta alla gara con l’Aprilia. Domani mattina ci sarà la consueta rifinitura, mentre nel pomeriggio la partenza per il centro laziale. rs

Si è tenuto presso la sede della Lega Pro, ieri mattina, l'incontro tra il presidente federale, Giancarlo Abete e le componenti della B, Lega Pro, Aic, Aiac e Covisoc. La riunione era stata programmata nel corso dell’ultimo consiglio federale del 28 settembre scorso. Giancarlo Abete, presidente FIGC, ha dichiarato: “E’ stato un incontro positivo e con le varie componenti c’è la volontà di una definizione della riforma dei campionati di Lega Pro entro il 30 novembre 2012. Abbiamo centrato, in particolare, l’ attenzione su due aree. In riferimento alla prima, e sulla base dell’impostazione che ha illustrato il presidente Macalli, siamo per una programmazione pluriennale (almeno triennale) dei club di Lega Pro per avere maggiori garanzie anche a tutela dei tesserati ed evitare situazioni traumatiche nel corso della stagione agonistica. Intendiamo piani strategici con regole, che consentono una programmazione e garanzie crescenti. Il secondo punto e' quello di evitare che ci sia, nella fase di passaggio in Lega Pro dalle due categorie a quella unica, la "mancanza" di competitività. Lavoriamo affinché il format preveda sempre lo stesso “appeal” e mantenga promozioni e retrocessioni”.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE SUL SETTORE GIOVANILE DEL CAMPOBASSO CON RISULTATI, CLASSIFICHE E PROSSIMI TURNI DI BERRETTI, ALLIEVI E GIOVANISSIMI BERRETTI

ALLIEVI

2^ GIORNATA

GIOVANISSIMI

3^ GIORNATA

ASCOLI-PERUGIA BENEVENTO-FROSINONE CAMPOBASSO-TERAMO CHIETI-FOLIGNO FONDI-ARZANESE L’AQUILA-AVERSA NORMANNA LATINA-AVELLINO Riposa: APRILIA

1-7 1-2 1-2 0-2 3-1 0-0 0-0

3^ GIORNATA

APRILIA-FROSINONE PESCARA-FONDI MELFI-L’AQUILA CAMPOBASSO-CHIETI TERAMO-AVERSA NORMANNA VIRTUS LANCIANO-BENEVENTO LATINA-LECCE

2-2 2-0 4-4 1-4 2-0 0-6 4-3

ANDRIA-ARZANESE AVELLINO-AVERSA NORMANNA BARLETTA-MELFI BENEVENTO-BARI JUVE STABIA-CHIETI V. LANCIANO-CAMPOBASSO SORRENTO-LECCE

PROSSIMO TURNO (06.10.2012)

PROSSIMO TURNO (07.10.2012)

PROSSIMO TURNO (07.10.2012)

ARZANESE-APRILIA AVELLINO-CHIETI FOLIGNO-FROSINONE FONDI-CAMPOBASSO LATINA-ASCOLI PERUGIA-BENEVENTO TERAMO-L'AQUILA Riposa: AVERSA NORMANNA

AVERSA NORMANNA-LATINA BENEVENTO-TERAMO CHIETI-APRILIA FONDI-MELFI FROSINONE-PESCARA L’AQUILA-VIRTUS LANCIANO LECCE-CAMPOBASSO

ARZANESE-BARLETTA AVERSA N.-V. LANCIANO BARI-ANDRIA CHIETI-SORRENTO MELFI-AVELLINO CAMPOBASSO-JUVE STABIA LECCE-BENEVENTO

CLASSIFICA PERUGIA TERAMO FROSINONE AVELLINO FOLIGNO BENEVENTO FONDI ARZANESE

CLASSIFICA 6 6 6 4 4 3 3 3

APRILIA LATINA AVERSA N. L’AQUILA CAMPOBASSO CHIETI ASCOLI

1 1 1 1 0 0 0

PESCARA FROSINONE APRILIA BENEVENTO AVERSA N. LECCE LATINA

1-0 3-1 1-2 1-0 5-0 2-2 3-3

CLASSIFICA 9 7 7 6 6 6 6

TERAMO CHIETI CAMPOBASSO L’AQUILA MELFI FONDI V.LANCIANO

6 3 3 1 1 0 0

JUVE STABIA ANDRIA V.LANCIANO AVELLINO BENEVENTO BARI ARZANESE

9 9 7 7 6 4 3

BARLETTA MELFI AVERSA N. LECCE CAMPOBASSO SORRENTO CHIETI

3 3 3 2 2 1 0


21

Sport

05 ottobre 2012

Calcio serie D

Leonardi cerca il riscatto con Olympia Agnonese Il giovane portiere, ultimo arrivo in casa granata, dopo l’infelice esperienza di Ravenna vuole ritornare presto nei professionisti

Con il preparatore Di Pasquo ho un rapporto eccezionale, è una persona disponibile, sempre pronta al confronto

Il test amichevole di metà settimana contro il Vastogirardi è servito al tecnico dell’Olympia Agnonese Corrado Urbano per tastare il polso alla sua squadra e per studiare l’undici migliore da schierare contro la matricola Fidene, prossima avversaria in campionato. Contro i laziali scalpita per ottenere la maglia numero uno Valentino Leonardi che domenica scorsa, contro la Sambenedettese, ha debuttato tra i pali. L’ultimo arrivato in casa granata ha un entusiasmo contagioso e una voglia di rimettersi in gioco

Leonardi con il preparatore Di Pasquo (foto altomolise.net)

dopo la brutta esperienza vissuta nella passata stagione. Cresciuto nelle giovanili del Parma, Leonardi lo scorso anno era stato ingaggiato dal Ravenna in Prima Divisione ma il calcio scommesse ha travolto il club professionistico condannandolo in estate alla retrocessione in serie D e ad un campionato fatto di grandi difficoltà economiche che hanno portato il portiere lombardo ad abbandonare il club a gennaio. “Sono stato praticamente fermo fino a giugno e questo mi ha creato enormi problemi per trovare una squadra. Agnone per me rappresenta l’occasione per rilanciarmi, non mi interessava la piazza, la categoria, mi interessava tornare a giocare e quando mi è stata prospettata questa possibilità in Molise l’ho colta al volo. Ho trovato un ambiente molto familiare, una società seria. Sentirsi come in una famiglia è importante, qui non ci sono particolari pressioni e questo ti consente di lavorare bene, con tranquillità”. Il portiere classe 1992 ha sin da subito dato una buona impressione. Seppur molto giovane sembra avere le idee piuttosto chiare, anche sul suo ruolo e sulle sue caratteristi-

che: “La qualità tecnica migliore che possiedo credo sia il dominio dell’area, caratterialmente sono un portiere che accantona subito l’errore commesso in partita e non si lascia condizionare. Il difetto più evidente è invece sulle palle basse, ravvicinate, ne soffrono quasi tutti i portieri alti. Su questo sto lavorando molto insieme al preparatore Di Pasquo”. E proprio con il preparatore dei portieri alto molisano sembra essersi instaurato un rapporto speciale, nonostante le poche settimane di lavoro trascorse insieme: “Con Antonio Di Pasquo ho un rapporto eccezionale. E’una persona disponibile, sempre pronta ad ascoltare. Come è giusto che sia è un allenatore che ha le sue idee, i suoi metodi di lavoro ma è sempre aperto al confronto. Ci miglioriamo a vicenda proprio perché parliamo tanto. Per un portiere è importantissimo l’aspetto mentale e trovare un preparatore che condivida con te le proprie sensazioni e che ti dia fiducia e trasmettendoti tranquillità è importantissimo. Ho conosciuto tanti preparatori in questi anni, a Parma Fulgoni (che ha svezzato tra i tanti portieri anche Buffon) è uno di quelli che mi ha dato tanto e Di Pasquo sicuramente è, insieme a lui, la persona più importante che ho conosciuto e che ricorderò sempre anche in futuro”. Leonardi, come detto, è l’ultimo arrivato in casa Olympia Agnonese ma la squadra lo ha fatto sentire parte inte-

grante del gruppo sin dal primo giorno: “Non è stato difficile inserirmi nel gruppo. Sono stato accolto a braccia aperte da tutti. A differenza del nord qui ho trovato la totale assenza di diffidenza, non ero abituato a questa condizione di familiarità ed è davvero una bella sensazione. Tutti mi stanno dando grande fiducia ed ora sta a me ricambiare e soprattutto fare in modo di meritarmela ancora”. Il portiere dell’Agnonese sembra essersi già calato perfettamente nella mentalità granata. Con la squadra di Urbano è pronto a fare grandi cose: “Mi è sembrato di capire che ci troviamo in un girone molto equilibrato e qualitativamente molto valido. Il nostro obiettivo è e sarà quello della salvezza ma guardando la squadra giocare secondo me possiamo anche ambire a qualche posizione più alta in classifica. Stiamo vivendo un momento positivo abbiamo la mentalità giusta ma, come ci ripete ogni giorno il nostro allenatore, non dobbiamo lasciarci andare, dobbiamo sempre stare sul pezzo. In questo campionato non è difficile giocare bene quanto piuttosto avere continuità nei risultati e mi auguro che l’Agnonese possa proseguire questo cammino positivo. Personalmente invece spero che questo sia il “mio anno”, devo cercare di rientrare nel circuito dei professionisti e quindi voglio giocare le mie carte e dare il massimo per questa squadra”. ANPA

Stiamo vivendo un momento positivo, abbiamo la mentalità giusta ma, come ci ripete ogni giorno il nostro allenatore, dobbiamo sempre stare sul pezzo


22

Sport

05 ottobre 2012

Calcio giovanile

Il giovane Silvio De Curtis approda al Lanciano Il centrocampista classe ‘99 di Guglionesi è stato prelevato dal club abruzzese che milita nel campionato di serie B Un sogno che si avvera. Il giovane calciatore molisano Silvio De Curtis approda alla Virtus Lanciano, compagine che partecipa al campionato di serie B. Nato a Termoli il 26 luglio1999, residente a Guglionesi , fratello di Pierfrancesco De Curtis terzino destro in forza al Termoli calcio, ha iniziato a frequentare la scuola calcio S.C. Guglionesi di Saccomandi Vincenzo all' età di 6 anni nel ruolo di esterno di centrocampo con lo stesso trainer bassomolisano. Nell anno 2011 ha giocato sia con gli

esordienti ( categoria di appartenenza) che con giovanissimi di mister Cardamone Salvatore disputando la finale per accedere ai giovanissimi regionali. A luglio il mister ha deciso di mandare alcuni ragazzi a fare il provino alla Virtus Lanciano tra cui anche Silvio e ad agosto é arrivata la notizia che il sodalizio abruzzese ha mostrato interesse per il ragazzo. Da alcuni giorni é tesserato con la Virtus Lanciano e attualmente fa parte dei giovanissimi nazionali ( con lui ci sono tra l’al-

tro due ragazzi di Termoli che provengono dalla scula calcio di San Pietro e Paolo Perrotta Gianmarco centrocampista e Fabrizio Lorenzo portiere entrambi 1998). De Curtis è l’ unico classe 1999 in un girone di ferro che comprende fra le tante squadre le blasonate Bari ,Juve Stabia, Sorrento, Benevento , Chieti. Un molisano che si affaccia con entusiasmo in una platea nazionale per mostrare le proprie qualità e dando risalto al lavoro che si svolge in Molise sui giovani del posto.

Atletica.

Csi Molise.

Anche la rappresntativa del Molise al “Criterium Cadetti 2012” di Jesolo

A Campobasso un seminario per dirigenti di comitato

E' partita ieri la rappresentativa regionale molisana per il Criterium 2012. A Jesolo, da oggi e fino a domenica, i cadetti e le cadette della regione gareggeranno nello Stadio Comunale 'A. Picchi' per i colori del Molise nel Campionato italiano di categoria, individuale e per regioni. In passato, la manifestazione ha dato buone soddisfazioni ai nostri atleti; per quest'anno, chiaramente di transizione, lo scopo è quello di evitare la coda del gruppo. Tra i convocati dal Fiduciario Tecnico regionale, Daniela Sellito, rappresentate un po' tutte le società che si dedicano alle categorie promozionali. La Virtus Campobasso annovera nella rappresentativa Marco Merlo (80 m), Cecilia Passarella (1000 m), Lorenzo Santoro (2000 m), Bruno Dalla Torre (300 hs), Matteo De Francesco (marcia) e Claudia Nuozzi (pentathlon). Sei anche gli atleti della Polisportiva Molise: Marco Abiuso (1000 m), Saverio Reale (100 hs), Francesca Tullo (2000 m), Mario Silvaroli (salto in alto), Ulderico D'Anolfo (salto in lungo), Roberto Fazioli (getto del peso). Nutritissima la comitiva per la l'Atletica Isernia

con Francesca Melaragno (80 m), Lorenza Panzera (300 hs), Ilaria Petrangelo (lungo), Luca Gentile e Petra Petrarca (salto triplo), Estevan Di Lauro (lancio del giavellotto) e Matteo Fionda (pentathlon). Anche i Runners di Termoli e l'Atletica Larino hanno le loro presenze: dei primi sono Francesco Chimienti e Simona Cantore (300 m), Simona Pia D'Amore (giavellotto) e Marilisa Conte (peso); dalla seconda società provengono Pasquale Cesaride e Maria Minotti (lancio del disco). Gli atleti sono seguiti dai tecnici Filippo Cantore, Angela Costantiello, Antonio Izzi, Dino Mucci e Nella Paola Spina (foto di repertorio).

Nel suggestivo chiostro del convento di S. Giovanni a Campobasso si è svolto il seminario per dirigenti di Comitato del CSI della regione Molise: il modulo formativo è nato dall’esigenza di incontrarsi, all’inizio dell’anno, per fare il tagliando alla nostra identità associativa e della macchina organizzativa anche in vista della prossima Convention di presentazione della programmazione dei Comitati da tenere nel mese di ottobre. Dopo le suggestioni del consulente regionale Don Nicola Maio sullo slogan dell’anno “Giocare per credere” in rapporto all’anno della fede è seguito l’intervento del Presidente Regionale Palumbo che ha presentato la cornice nazionale specificando alcune peculiarità come il lavorare per obiettivi, le alleanza da perseguire, la cura per la proposta sportiva nelle parrocchie e nelle scuole. E’ toccato ai Presidenti territoriali Tomasso e Iannetta delineare le linee di programmazione CSI per il 2012/2013, rispettivamente per i Comitati di Campobasso e di Isernia, una programmazione attenta ai bisogni del territorio e aperta al contributo di tutti.


Oroscopo Ariete 21 mar - 20 apr

Toro 21 apr - 20 mag

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

Vergine 24 ago - 22 set

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Che giornata fortunata! Le stelle vi illuminano di luci scintillanti e l'amore trionfa. Vi dimostrate particolarmente intraprendenti nella vita sociale e riuscite ad ampliare la cerchia delle vostre amicizie e a consolidare quelle già esistenti. Ma non solo la sfera privata emana favori, la vita professionale, infatti, ha tutte le carte in regola per essere coronata da successi. Toro - Non lasciate al caso la soluzione di un problema di lavoro, ma impegnatevi a fondo dopo aver deciso cosa fare e in quale direzione agire. In amore, filate con le vele al vento: sono i rapporti, e anche le affettuose amicizie, a ricevere gli aspetti migliori. Date spazio all'amicizia, in particolare se all'orizzonte c'è qualcuno che ha riempito i vostri pensieri più segreti. Gemelli - Vi dimostrate particolarmente intraprendenti nella vita sociale, riuscite ad ampliare la cerchia delle vostre amicizie e a consolidare quelle esistenti. Ma non solo la sfera privata emana favori, anche la sfera professionale ha tutte le carte in regola per essere coronata da successi. Sarebbe il caso di dedicare un po' più di tempo al riposo e ai piccoli piaceri quotidiani. Cancro - Prestate attenzione al denaro e alle trattative d'affari. Non aspettatevi entrate più consistenti, e non correte inutili rischi per ottenerle, soprattutto se siete in affari con altri. Gli astri non sono generosi con voi e i tempi non sono ancora maturi per prendere delle iniziative, per fare degli investimenti! Attenti a non trascurare troppo il partner, potreste incrinare il rapporto. Leone - Luci e ombre in questo giorno saranno la rappresentazione di un venerdì a tratti esaltante ma talvolta anche impegnativo. Con Saturno nel quarto campo, vi sarà richiesto di far fronte a tutte le vostre responsabilità, di esaudire ogni richiesta del partner e dei vostri familiari, di essere presenti nelle situazioni più faticose anche quando vorreste invece defilarvi, essere lontani.

AGENDA

Scorpione - Saturno, nel corso della serata, sbarca nel vostro segno. Da oggi si cambia registro in campo professionale e sentimentale: i vostri progetti diventeranno finalmente realtà. In particolare se siete nati nel mese di ottobre! E per quanto riguarda la giornata? Nuove amicizie, nuovi incontri, nuove occasioni di lavoro movimenteranno la vostra vita. Ottime intuizioni. Sagittario - Vi farete prendere dall'ansia, avrete la sensazione di non riuscire ad arrivare a tutto e nell'agire potreste dimenticare qualche particolare importante. Cercate di pianificare i vostri compiti e di tenere sotto controllo il nervosismo di questi ultimi giorni, amplificato da fastidiose dissonanze planetarie. L'atmosfera cambierà in serata, grazie al passaggio della Luna in Vergine. Capricorno - Ottimo giorno per iscrivervi ad un corso di lingue o ad una palestra, per rivedere un piano di studi o decidere un aggiornamento professionale, per varare nuove idee o progetti di viaggio. In ambito privato, affiorerà la vostra vena romantica, rendendovi molto gradevoli e attraenti agli occhi di chi vorreste conquistare. Sarete anche più disponibili e comprensivi verso gli altri. Acquario - Sfruttate questo giorno felice, perchè le stelle sono un tripudio di favori in tutti i settori. Passando dalle parole dolci e affettuose ai giochi d'amore piu' stuzzicanti, riuscirete a condurre il vostro menage amoroso nel migliore dei modi. I single, invece, potranno consolidare un amore nato di recente. Nella professione raccoglierete i frutti della vostra semina. Pesci - La Luna contrasta il segno e i motivi di riflessione non mancano. Dal punto di vista professionale mostrate tolleranza e lasciate che ogni cosa segua il suo corso, in particolare se lavorate in squadra con altri o avete un'attività a conduzione familiare. Con la persona amata si annuncia una serata intensa e piacevole, se abbandonerete la vostra disposizione d'animo negativa.

AUTOBUS

Numeri utili CAMPOBASSO Farmacia di turno COMUNALE 1 Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

ISERNIA Farmacia di turno

AZIENDA TRASPORTI MOLISANA spa

DI TOMMASO C.so G. Garibaldi, 48 Tel. 0865.50891

Tel. 0874.64744 - 0874.65050 - Fax 0874.629847 Per maggiori informazioni consultare il sito:www.atm-molise.it

COMUNALE 2 (di appoggio) Ospedale Veneziale Via XXIV Maggio, 180 centralino 0865.4421 Tel. 0874.66811 Municipio Ospedale Cardarelli Tel. 0865.50601 centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno MARINO - C.so Nazionale, 42/44 - Tel. 0875.706234 PARAFARMACIA DI LENA - Tel. 0875.707976 c/c La Fontana (sempre aperta, anche sabato e domenica, orario continuato)

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Vergine - La Luna vi rema contro. Scontrosi e di poche parole, preferirete agire seguendo l'istinto senza dare troppe spiegazioni a chi non comprende le vostre scelte. Tensioni in amore, soprattutto a causa della vostra scarsa disponibilità al dialogo e al confronto. Se soffrite di disturbi dei quali non conoscete l'origine, provate a sottoporvi ad un test per accertare possibili intolleranze. Bilancia - Gli astri vi promettono che questo venerdì non sarà affatto negativo. La Luna accrescerà, se mai è possibile, la simpatia che sapete suscitare nel prossimo. Per chi esercita una libera professione la creatività prepotente sarà la molla che spingerà a ottenere risultati sempre più prestigiosi. L'amore sarà un'emozione da vivere pienamente, senza fare inopportune confidenze.

ORARI

Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

TERMOLI-CAMPOBASSO-FIRENZE Il prolungamento per PERUGIA, SIENA e FIRENZE si effettua solo il LUNEDÌ, MERCOLEDÌ E VENERDÌ ESCLUSO FESTIVI 5,10 6,10 6,35 7,05 7,30 8,00 11,30 12,55 14,00

TERMOLI: (Terminal) CAMPOBASSO: (Terminal) BOJANO: (P.zza Roma) ISERNIA: (P.zza Repubbl.) VENAFRO: (S.S. 85) CASSINO: (P.zza Garibaldi) PERUGIA: (Staz. Fontivegge) SIENA: (P.zza Rosselli) FIRENZE: (P.zza Adua)

23,00 22,00 21,35 21,05 20,40 20,10 16,40 15,15 14,10

VENAFRO-ISERNIA-BOIANO-CAMPOBASSO TERMOLI-RIMINI-FORLI’-IMOLA-BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ 5,30 5,55 6,25 6,50 7,50 12,10 13,00 13,45 14,30

VENAFRO ISERNIA BOJANO CAMPOBASSO TERMOLI RIMINI FORLI’ IMOLA BOLOGNA

00,20 23,55 23,25 23,00 22,00 17,40 16,50 16,05 15,20

CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA

TRENI CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza Arrivo 06:00 07:42 06:48 08:34 09:40 11:15 12:20 14:11 14:15 15:50 17:18 19:08 17:40 19:30 18:30 20:12 21:00 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:49 07:38 06:49 08:24 12:17 13:58 13:17 15:00 15:00 16:39 16:17 17:53 17:30 19:21 18:40 20:30 20:48 22:38

CAMPOBASSO-ISERNIANAPOLI Partenza IS Arrivo 05:17 06:07 07:53 06:28 07:33 09:22 13:16 14:13 16:13 14:15 17:25 18:00 19:04 21:00

NAPOLI-ISERNIACAMPOBASSO Partenza IS Arrivo 04:56 07:35 08:35 05:20 07:55 08:35 12:11 14:09 15:20 12:43 16:01 14:10 15:57 16:58 14:29 17:30 17:11 19:02 20:00 19:30 21:28 22:25

CAMPOBASSO-ISERNIAROMA TERMINI Partenza IS Arrivo 05:52 06:47 08:53 07:15 08:19 10:14 08:33 09:35 11:40 14:20 15:15 17:19 17:01 17:55 19:54 19:30 20:39 22:54

ROMA TERMINI-ISERNIACAMPOBASSO Partenza IS Arrivo 06:15 08:17 09:15 09:15 11:16 12:13 14:08 16:21 17:26 14:40 17:52 19:00 17:08 19:43 20:44 19:02 21:09 22:00 20:08 22:03 22:55

6.30 8.05 (anche festivo) 14.15 17.10 (festivo)

7.40 9.15 15.25 18.20

9.10 10.45 16.55 19.50

PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 11.10 14.35 (anche festivo) 18.30 20.35 (festivo)

12.40 16.05 20.00 22.05

13.50 17.15 21.10 23.15

CAMPOBASSO-TERMOLI 4,35 - 6,15 (festivo) - 6,30 - 7,00 - 7,45 - 8,05 (anche festivo) - 11,00 (anche festivo) - 12,35 (anche festivo) - 13,45 - 14,10 (anche festivo) 14,15 - 16,00 - 17,10 (festivo) - 17,20 - 18,05 - 19,55 - 20,35 (anche festivo)- 21,45 (anche festivo)

TERMOLI-CAMPOBASSO 5,10 (anche festivo) - 6,05 (anche festivo) - 6,30 - 6,50 - 7,45 - 8,15 8,30 (festivo) - 10,00 -12,30 - 12,40 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) 14,10 - 16,05 (anche festivo) - 16,20 - 17,10 - 18,40 (anche festivo) 19,40 - 20,00 - 22,05 (festivo) - 22,10 (anche festivo)

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE


& Blob edizioni presentano

IL MOLISE NEL VENTENNIO FASCISTA di Giuseppe Saluppo

sala della costituzione campobasso la prima organica ricostruzione della storia della nostra regione durante il periodo fascista

“Una ricostruzione piana, organica, completa, ricca di notizie inedite che ci consentono di entrare nel vivo di storiche decisioni politiche che hanno avuto effetti diretti non solo sul destino della nostra gente ma anche dell’Italia intera”. Dalla prefazione di mons. Gabriele Teti

336 pagine € 19,90

Per informazioni e prenotazioni tel. 0874.438918 ‐ commerciale@lagazzettadelmolise.it


Quotidiano - 5 Ottobre 2012