Issuu on Google+

Sostegno ai più deboli Firmato il Patto

La Laterlite chiude In 19 senza lavoro

CAMPOBASSO – Firmato ieri il “Patto per l’inclusione sociale”. Un’intesa siglata tra la Regione ed il Comune del capoluogo per sostenere le fasce della popolazione più deboli. Un primo passo per realizzare una rete di collaborazione tra istituzioni ed associazioni. A pag.9

BOJANO – Dopo anni di attività la Laterlite ha deciso di chiudere lo stabilimento matesino, incurante delle conseguenze che ne deriveranno ai dipendenti ed alla già povera economia della zona. Le motivazioni ufficiali sembrano essere di carattere produttivo e di riassetto aziendale. A pag.11

ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Meno soldi alla Neuromed www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A MOLISE ACQUE I 78 litri di acqua persi ogni cento erogati ripropongono il problema della rete idrica “colabrodo” del Molise (che fa peggio solo di Sardegna e Puglia). Un serio campanello d’allarme per Molise Acque, l’azienda regionale che gestisce il servizio, la quale dovrà correre al più presto ai ripari. È ipotizzabile che, all’origine dei preoccupanti dati della Confartigianato, ci siano investimenti carenti e una gestione spesso sconsiderata, con riflessi pesanti anche sul bilancio regionale e, quindi, sui cittadini. Per cui, in attesa degli interventi del caso, Molise Acque può aggiungere il nostro tapiro al computo delle sue perdite.

L’OSCAR DEL GIORNO A VINCENZO NIRO In vista della liberalizzazione delle concessioni agli stabilimenti balneari, i Popolari per il Sud hanno proposto la costituzione di una commissione consultiva a costo zero che consentirà agli imprenditori di adeguarsi ai requisiti richiesti. In questo modo, gli operatori potranno rispondere ai bandi e competere anche sul piano internazionale. Il coordinatore regionale del partito, Vincenzo Niro, ha ribadito che non c’è tempo da perdere, in modo da “arrivare preparati all’appuntamento del 2015”. Per questo, ha invitato i capigruppo di maggioranza e opposizione a presentare un ordine del giorno che impegni la giunta a lavorare in questa direzione. Meritandosi l’oscar del giorno.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Lettera aperta di donne affette da tumore contro i tagli indiscriminati nella sanità

Non tagliateci la dignità e la speranza Siamo persone che già da tempo lottano contro un male difficile. Un male che cambia il modo di vivere, le certezze di ognuno, i rapporti con gli altri e con la stessa nostra vita. Molte di noi si chiedono se riusciranno a superare questo ostacolo. Le più forti o forse le meno gravi penano a quando e a come la loro vita tornerà alla normalità o quantomeno ad una pseudo normalità. Le altre sperano di poter avere ancora avanti un po’ di tempo … Quanto cose vorrebbero ancora poter vedere … Una sola cosa, un solo sentimento ci accomuna tutte. Il vivere un’esperienza traumatica che lascia tutte noi sole con le nostre paure, grandi o piccole che siano. Superata la prima fase, definiamola chirurgica, vissuta sì nella paura ma con ancora la forza e la voglia di farcela, siamo passate ad una

lunga terapia … Solo allora cominciamo a sentirci veramente malate … Arrivano allora i primi segni di una debilitazione che dice a tutti che siamo malate … E che non abbiamo l’influenza …!

Le terapie, le analisi,, poi di nuovo le terapie e di nuovo le analisi … Le nostre giornate, i nostri mesi sono scanditi da cicli e protocolli che piano piana ci debilitano non solo nel fisico ma soprattutto nello spirito. Arriva

per tutte un punto in cui la cura sembra non finire mai. Sembra che ci spenga mano a mano non solo la forza, ma la stessa voglia di andare avanti. Quel reparto, quella stanza, quelle compagne di sventura diventano la nostra normalità, le nostre abitudini. L’intimità e la privacy che quel luogo può darci a volte è il sollievo al dover fare l’ennesimo ricovero! Finora siamo state tutte ricoverate periodicamente nell’Unità Operativa di ginecologia oncologica medica (alla Cattolica di Campobasso ndr). In quel reparto, nel quale tutte noi eravamo più o meno per lo stesso trattamento, si era creato un clima di serenità che dava a tutte noi se non altro la dignità di continuare a lottare. Oggi siamo state dirottate nel reparto Operativo di oncoematologia. Condividiamo le nostre terapie con pazienti con terapie diverse, che portano tutte noi di nuovo nell’angoscia di vi-

vere una brutta esperienza e in un modo molto meno sereno. Siamo consapevoli che la situazione economica generale non è delle migliori ma chiediamo a gran voce a chi ha deciso la chiusura del reparto di Ginecologia oncologica di tornare sui suoi passi. Pensiamo infatti che la ristrutturazione, la razionalizzazione, il ridimensionamento o come meglio possa essere chiamato questo procedere, non debba colpire la dignità, a riservatezza e la sofferenza di chi come noi affronta un male così duro. Pensiamo ancora, senza nessuna polemica, che ci sono tante e tante cose da poter tagliare e che in una società che piace a tutti definire la culla della civiltà, la dignità di chi soffre sia l’ultima a dover sacrificare. Un appello quindi a riaprire il reparto di Ginecologia oncologica. Lettera firmata da 21 pazienti

La Cgil: il territorio e i distretti siano al centro delle politiche sanitarie Il sindacato ha approvato, lo scorso 30 luglio, il documento sulla piattaforma del settore che attacca “l’attuale sistema fallimentare” Mignelli

CAMPOBASSO – Per la Cgil, “la sanità molisana è allo sbando”. Il sindacato, nel documento sulla Piattaforma sanitaria approvato lo scorso 30 luglio, attacca duramente “l’attuale sistema fallimentare della sanità” e “respinge con forza ogni tentativo della giunta regionale di far pagare ai cittadini i costi di tale politica fallimentare con un aumento della tassazione fiscale dei ticket sulle presta-

2 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010

zioni e sui medicinali”. Non si escludono, inoltre, nelle prossime settimane, iniziative di formazione e mobilitazione sul territorio. In particolare, il sindacato punta il dito contro “il processo di riorganizzazione del Sistema Sanitario Regionale, previsto dal Piano di Rientro 2007/2009, non ha interrotto il meccanismo che genera solo deficit; tale fallimento è oggi ulteriormente gravato dai tagli alla Sanità, Regioni e Comuni imposti dal governo nazionale”. A questo si aggiunge “un rap-

porto poco trasparente per le scelte che hanno riguardato, ormai da quasi cinque anni, l’istituzione della Facoltà di Medicina e Chirurgia, con un impegno di spesa allora di 14 milioni di euro”, con il risultato che “tre Università drenano le risorse della nostra sanità pubblica”, ha aggiunto il segretario regionale della Flc-Cgil, Sergio Sorella. Ne consegue che “la valutazione della performance del sistema sanitario molisano è a dir poco preoccupante poiché, la maggioranza dei servizi

e delle prestazioni esaminata, hanno ottenuto una scarsa, se non addirittura pessima, valutazione dei risultati raggiunti (come riportato nel verbale della riunione del Tavolo tecnico presso la presidenza del Consiglio dei ministri dell’8 luglio scorso)” con un disavanzo “nella gestione 2009 – comprensivo dei rischi – di 54,81 milioni di euro”. L’organizzazione sindacale rivendica, con forza, “la necessità di porre il territorio e i distretti al centro delle politiche sanitarie attraverso: il riordino della rete ospedaliera e la riqualificazione del sistema che preveda l’eliminazione dei doppioni di primariato e la diffusione dei servizi di medicina sul territorio; la creazione di un sistema integrato di servizi socio-sanitari; un nuovo ruolo delle Università e dei Centri di Ricerca concepiti come centri integrativi di alta specializzazione rispetto alla sanità pubblica e non con funzioni riconducibili a specialità già esistenti che producono solo competizione al ribasso ed aumento dei costi. In questa regione, invece – incalza il sindacato – si assiste al perpetuarsi di un sistema che considera la Sanità un centro di potere politico ed economico”. Ed è un lusso che, sulla pelle dei cittadini, non ci si può affatto permettere. Adimo

Caliendo, domani si vota la sfiducia

Auto, il mercato crolla a luglio: -26%

MILANO - La conferenza dei capigruppo alla Camera ha deciso: domani a Montecitorio approda in Aula la mozione presentata dall'opposizione sulla sfiducia a Giacomo Caliendo, il sottosegretario alla Giustizia, indagato nell'inchiesta sulla cosiddetta P3. Intanti oggi pomeriggio il gruppo dei finiani alla Camera incontrerà l'Udc per verificare la possibilità di convergenze in vista del voto sulla mozione di sfiducia al sottosegretario.

MILANO - Il mercato dell'auto in Italia continua a perdere quota e segna a luglio un tonfo del 25,97%, a 152.752 unità. Si tratta del maggior calo da gennaio 2009, quando il settore viveva l'apice della crisi. Sui sette mesi le immatricolazioni segnano una variazione di -1,48%%, a 1.317.260 unità. A giugno le immatricolazioni avevano registrato una flessione del 19,12%. Male anche l'usato.


PRIMO PIANO Domani l’incontro decisivo con Tremonti per la definizione del piano di rientro

Sanità, meno soldi ai privati Patriciello si mobilita CAMPOBASSO – Scatta l’ora X per la sanità molisana. Domani il presidente della Regione incontrerà il ministro Tremonti. L’ultimo faccia a faccia per definire il piano di rientro che eviterà la rimozione del governatore da commissario ad acta. Sul tavolo gli ulteriori sacrifici che il Governo centrale ha chiesto a quello molisano per far quadrare i conti passati e futuri. La giunta regionale dovrà quindi decidere dove tagliare. Ancora. Da Roma si aspettano decisioni forti e determinate: la chiusura di una struttura (più o meno l’equivalente della somma da risparmiare per risanare il debito). Iorio però vuole mantener fede agli impegni presi con i molisani salvaguardando gli ospedali pubblici. Ecco perché da fonti istituzionali molto vicine a lui arriva la notizia che i tagli riguarderanno i privati. Che tradotto in parole molto più semplici significherà ridurre il budget a Cattolica

La Cattolica o Neuromed. Il centro di ricerca di Campobasso però ha un punto di forza:: la capacità di attrarre pazienti da fuori regione. Oggi il direttore Cannone, numeri alla mano, illustrerà lo stato dell’arte della struttura di contrada Tappino.. Più

Il Neuromed

in bilico invece è la posizione della Neuromed di Pozzilli che fa capo alla famiglia Patriciello. E’ proprio l’eurodeputato del Pdl in queste ore pare si stia dando parecchio da fare con i colonnelli del partito per evitare che la scura della Regione

si abbatta sul suo centro. Che pesa sul bilancio pubblico di noi molisani parecchie decine di milioni di euro l’anno. Il tempo a disposizione della politica è davvero poco. I tempi supplementari sono già scaduti. L’intervento di Berlusconi ha

riaperto la partita e salvato in zona Cesarini il governtaore Iorio, che pure ha minacciato di dare le dimisisoni da tutti gli incarichi di fronte ad una rimozione forzata da commissario della sanità. Perciò adesso siamo ai calci di rigore.

Manovra, giovedì la parola al Consiglio Lavori ad oltranza fino all’approvazione del documento economico che oggi va in prima commissione

CAMPOBASSO – La manovra correttiva da 27 milioni di euro varata dall’esecutivo arriverà in Consiglio regionale per l’approvazione finale giovedì pomeriggio. Lo ha deciso ieri mattina la conferenza dei capigruppo che si è data tre giorni di tempo per studiare il documento economico prevedendo anche la prosecuzione dei lavori venerdì e, se non bastasse, sabato o addirittura lunedì. Intanto oggi la parola passa alla prima commissione presieduta da Antonino Molinaro che dovrà licenziare la manovra. Commissione in cui operano anche i due esponenti dell’Adc (Gennaro Chierchia e Mario Pietracupa) assenti alla riunione di maggioranza di venerdì pomeriggio in cui sono state gettate le basi per capire come risparmiare sulla spesa pubblica. Ma nella prima commissione ci sono anche Massimo Romano e il segretario regionale del Pd Danilo Leva che ha già bollato come “timida” questa manovra. Il proponimento dei democratici è quello di abbozzare una contromanovra (magari da portare in aula con un ordine del giorno o qualche emendamento) per

tagliare ulteriormente i costi della politica. Via gli assessori esterni e i cosiddetti enti inutili (Iacp, Arsiam, la fondazione Molise Cultura eccetera) e chiaramente aumento del servizio pubblico di trasporto che esce letteralmente con le ossa rotte dal provvedimento della giunta. Non bastavano infatti i 16 milioni di euro che già la manovra nazionale ha tagliato. Oltre a quelli, Iorio e i suoi assessori hanno messo in ballo altri 10 milioni in meno per un settore già in grande difficoltà. E sarebbe invece solo “fumo negli occhi” quel 10% in meno sulle indennità dei consiglieri imposto dal ministro Tremonti. Certo, è chiaro a tutti che ridurre di qualche centinaio di euro la busta paga dei politici non risolverà i problemi. Ma quello, insieme ad altre misure che il Consiglio potrebbe approvare (dal 1° gennaio ad esempio Iorio vorrebbe dare il 15% di risorse in meno all’aula di palazzo Moffa che si tradurrebbe con un risparmio di 750mila euro) di sicuro non peggiorerà la situazione. Potrebbero avere vita breve anche le commissioni speciali. Per ora soltanto 3 su 8 sono

state cancellate (dissesto idrogeologico, affari comunitari e cooperazione interregionale nell’area adriatica), ma alla scadenza dell’incarico per i presidenti (tra ottobre e novembre) si sa già che non arriveranno proroghe. Un taglio del 10% sulla spesa corrente è stato deciso anche per società partecipate e gli enti sub regionali dove gli amministratori dovranno contribuire anch’essi a risanare i conti pubblici con un taglio del 10% sui compensi. Cancellate quasi del tutto le consulenze che saranno ridotte dell’80% rispetto a quelle del 2009, mentre un taglio del 50% sarà apportato ai co.co.co. Anche i direttori d’area (che affiancheranno manager unico) calano da otto a sei. Non c’è stato modo invece di innalzare a 65 anni (oggi il tetto è fissato a 60) l’età minima per incassare il vitalizio. Un privilegio non certo di poco conto visto che i consiglieri regionali lo maturano con appena trenta mesi di mandato più un giorno di lavoro e che, in caso di morte, possono ‘passare’ al coniuge. redazionepolitica


REGIONE I dati dell’ufficio studi della Confartigianato ha calcolato la dispersione nelle condotte: nel Mezzogiornoi risultati peggiori

La rete idrica fa… acqua Molise terzo per le perdite Campanello d’allarme per Molise Acque: con 78 litri in più ogni cento erogati, l’acquedotto molisano è dietro solo a quello sardo (85) e pugliese (87)

CAMPOBASSO – Il Molise conquista il (poco onorevole) gradino più basso del podio per la quantità di acqua dispersa attraverso la rete idrica. Con 78 litri di acqua immessa in più ogni cento erogati, l’acquedotto molisano “perde” meno solo di quelli sardi (85 litri) e pugliesi (87). Un dato che dovrebbe far saltare dalla sedia (e, magari, intervenire) i vertici dell’azienda regionale Molise Acque che gestisce, appunto, il servizio. I dati sono dell’ufficio studi della Confartigianato che ha calcolato in 2.610 milioni di metri cubi la differenza tra acqua immessa nelle reti di distribuzione e l’acqua effettivamente erogata alle famiglie (paragonabile alla portata di un grande fiume come il Brenta). In generale, la dispersione maggiore si registra proprio

al sud, dove la perdita media è di 70 litri. Va un po’ meglio a Campobasso città, in cui la dispersione raggiunge il 60% tra i metri cubi fatturati da Molise Acque e quelli che arrivano nelle case. Il resto si perde lungo la condotta, a causa di perduranti cedimenti sulla rete o allacci abusivi che, sempre dai riscontri effettuati, sono particolarmente frequenti in periferia. Il malcostume si traduce spesso in grosse quantità di acqua utilizzate per innaffiare i campi e non pagate. Su ortaggi e frutteti, addirittura, finirebbe acqua oligominerale. Segno evidente che i controlli sono, a loro volta, carenti. Chi è responsabile? Reti colabrodo, investimenti carenti, una gestione spesso sconsiderata. I colpevoli sono diversi, e tutti in qualche modo imparentati con l’azionista pubblico. Problemi così grandi che la buona volontà, senza i soldi, serve a poco. Tutto questo cozza con la convinzione di molti che, il recente decreto sulla privatizzazione della distribuzione dell’acqua, possa portare dei benefici in termini di in-

vestimenti e interventi infrastrutturali. La cattiva gestione e le perdite d’acqua fanno sì che gli importi delle tariffe siano molto variegati in Italia. La Confartigianato ha anche posto in relazione gli acquedotti italiani con quelli di altri paesi europei. Il confronto è risultato imbarazzante: la Germania, ad esempio, ha perdite d’acqua solo del 7%. E il costo per l’Italia di questo spreco è una cifra altissima: è come se buttassimo dalla finestra 2 miliardi e 464 milioni, somma che basterebbe a compensare l’abolizione dell’Ici per la prima casa. Nelle realtà dove già è arrivata la privatizzazione la situazione è migliore? Emblematico il caso di Latina, dove Acqualatina (con capitali francesi) ha avuto un deficit di 4,4 milioni e, in contemporanea, ha le tariffe tra le più alte d’Italia. È la dimostrazione che, nemmeno i privati, in un sistema come il nostro, hanno la bacchetta magica. D’altronde, niente accomuna oggi trasversalmente la sinistra e la destra come l’acqua. Se il “religiosissimo” (come si definisce lui stesso) governatore della Puglia, Nichi Vendola, azzarda un paragone blasfemo, dicendo che “privatizzare l’acqua è una bestemmia in chiesa”, una liberista come Emma Bonino non esita a liquidare così la faccenda: “Mancano le condizioni”.

Mentre la Lega che, per lealtà, ha dovuto ingoiare il boccone amaro votando la legge, comincia ad intuire quanto rischia di rivelarsi indigesto. E anche molti amministratori locali del Pdl storcono il naso. Tutto questo rende difficilmente comprensibile, al di là delle pur rispettabili opinioni ideologiche, la sollevazione bipartisan contro la privatizzazione del servizio, con la motivazione che ciò esproprierebbe i cittadini di un bene pubblico vitale a vantaggio di imprese che hanno il solo obiettivo del profitto. È il caso, quindi, di scomodare il famoso paradosso dell’acqua e del diamante, elaborato dall’economista scozzese, Adam Smith, che è il cuore della scienza economica. L’acqua ha un grande valore d’uso, ma un basso valore di scambio (prezzo); al contrario i diamanti hanno un bassissimo valore d’uso, ma un valore di scambio molto alto. Perfetto il concetto, regge la sua ipotesi e credibilità di fatto nell’ambito delle scienze di pensiero di mercato ed economia. Ma qui, bisogna tenere a mente un solo dato certo: il bene più prezioso in futuro sarà proprio l’acqua che tende sempre più a scarseggiare. E metterla sul mercato non può che essere la più grande delle ingiustizie. Adimo

Tagli ai trasporti, previsto un risparmio di 15 milioni di euro CAMPOBASSO - Rivedere i trasporti molisani, così come imposto dalla manovra finanziaria del governo nazionale, e razionalizzare la spesa. E’ quanto ha fatto la terza Commissione consiliare elaborando una proposta licenziata lo scorso 30 luglio ed illustrata ieri mattina in Consiglio regionale. Stilato dunque un Piano dei servizi minimi del trasporto pubblico locale. Come spiegato dal presidente della terza Commissione, Adelmo Berardo, “dopo aver ampliamente analizzato la proposta della Giunta regionale, sono stati ascoltati in pubblica audizione i sindaci molisani che hanno potuto rappresentare le esigenze

del proprio territorio”. Percorso necessario per giungere ad un documento che attualmente prevede un risparmio di 15 milioni di euro e che inevitabilmente vedrà dei tagli al personale. Condizione che comporterà malcontento. Ma altra soluzione non pare ci sia. Intanto, il Piano fornisce risposte riducendo ulteriormente il totale della percorrenza annua. Innanzitutto verrà adottato un rimborso chilometrico uniforme valido per tutta la regione. Analogo discorso per il trasporto pubblico cittadino dove la proposta, a fonte di un taglio minimo della percorrenza, pre-

vede una uniformazione dei costi chilometrici. Nello specifico, a Campobasso, Isernia e Termoli il costo per chilometro è fissato in 2 euro. La percorrenza del capoluogo dovrà inoltre comprendere, sempre a livello urbano, le tratte di Ripalimosani e Ferrazzano. Un aumento, da 1,44 euro ad 1,70 euro è previsto solo a Larino. Stessa somma anche Cerro a Volturno e Vastogirardi. Circa il trasporto extraurbano, calmierati i prezzi, previsto un corrispettivo di euro 1,40. Maggiore attenzione sarà posta poi alle

tessere di libera circolazione ed in particolare nei confronti dell'utenza disabile che potrà ottenere adeguati benefici a fronte delle verifiche dei controlli previsti dalle leggi in materia. "Riteniamo di aver fatto un buon lavoro - ha affermato il presidente Berardo - ed in spirito di collaborazione con la Giunta speriamo di raggiungere l'intesa nell'interesse dei cittadini molisani e nel contenimento della spesa pubblica".


REGIONE Fli, Notartomaso esce allo scoperto Il consigliere provinciale di An annuncia l’apertura di un circolo territoriale a Campobasso dopo la costituzione del gruppo autonomo Futuro e libertà per l’Italia voluto da Fini CAMPOBASSO – Dopo lo strappo dei finiani e la nascita dei gruppi parlamentari di Futuro e Libertà per l’Italia, anche in Molise ci si comincia ad autorganizzare. Il primo ad uscire ufficialmente allo scoperto è il consigliere provinciale Giuseppe Notartomaso che nell’annunciare la nascita a Campobasso del primo circolo territoriale intitolato a ‘Pinuccio Tatarella’ lancia il suo appello a quanti, “e sono sicuramente in tanti, uomini e donne, amministratori e liberi cittadini, desiderano aderire alla linea politica di Gianfranco Fini ma non osano per i più svariati motivi tutti giustificabili”. Già venerdì scorso però, un gruppo Fli targato Molise era stato preannunciato dal consigliere regionale Enrico Gentile che assieme al collega Raffaele Mauro dovrebbero diventarne i referenti per Campobasso e Isernia. L’ipotesi più probabile dunque

“è che – come ha spiegato Notartomaso – queste siano iniziative spontanee e del tutto provvisorie. Ma da qui a qualche settimana potrebbe anche esserci un coordinamento”. Tanto per cominciare ieri, anche al Senato, il presidente della Camera ha trovato i numeri per la costituzione di un gruppo autonomo. Dieci le adesioni a Palazzo Madama, resta invece alta l’attenzione nell’opposizione e chiaramente sugli scenari futuri che potrebbero delinearsi con lo spettro delle elezioni anticipate non ancora del tutto escluso. Chi ne fa una questione di coerenza invece è l’inquilini di palazzo Magno, Notartomaso, che nella sua nota di annuncio del circolo finiano scrive: “Nella vita, se si crede in qualcosa, bisogna osare al di là dei conti ragionieristici se conviene oppure no, in questo momento, dal punto di vista personale aspettando, magari, che il quadro politico sia più

chiaro e quindi scegliere senza grossi rischi. Importante è, invece, far crescere quell’idea, quel movimento, quel leader in cui si crede, affinché possa dare un contributo a migliorare le condizioni dei molti e non dei pochi. Quindi bisogna prendere coraggio e far giungere, palesemente e non in forma anonima quasi a vergognarsi, a Gianfranco Fini che sul territorio siamo in tanti e non quattro gatti. Possiamo partecipare a migliorare il PdL e il centrodestra riportandolo alla dimensione naturale che non è quella che impone la Lega ma quella che impone il buonsenso, affrontando la crisi economica con approccio diverso cercando di traghettare dall’altra parte tutta quella gente che non ha un lavoro, rinviando di quanto basta le grandi opere ed il federalismo, concentrandosi sul welfare. Riscoprire l’amor di Patria partendo dall’imprescindibile questione dell’Unità d’Italia e via via tutte le altre questioni non ultima quella del Meridione, da sempre trattato da irresponsabile, spendaccione e considerato una zavorra anziché una risorsa. Affrontare la questione della legge elettorale, vera porcata per una nazione che si professa democratica, reintroducendo la preferenza e altro ancora. Oggi serve questo, uno scatto d’orgoglio e una dimostrazione di coraggio e responsabilità. Quindi bando alle timide apparizioni sulla stampa di intenzioni fatte passare per intuizioni di articolisti amici. Si passi alle dichiarazioni personali vere e proprie”. redazionepolitica

Liberalizzazioni delle concessioni agli stabilimenti balneari Niro propone una commissione consultiva ‘a costo zero’ CAMPOBASSO - In vista della liberalizzazione delle concessioni agli stabilimenti balneari i Popolari per il Sud propongono una commissione consultiva a ‘costo zero’ che fissi criteri di salvaguardia e dia tempo agli imprenditori molisani di adeguarsi ai requisiti richiesti nei bandi e di competere sul piano internazionale. Sostenitore dell’iniziativa è il capogruppo alla Regione Vincenzo Niro nonché presidente della IV Commissione permanente a Palazzo Moffa che, oltre ad annunciare un ordine del giorno, spiega: “E’ estremamente importante intervenire per tempo per poter predisporre dei bandi che, pur nel rispetto delle regole della concorrenza, tengano presenti le esigenze degli operatori balneari della nostra regione. Molti di loro, infatti, hanno avviato

importanti investimenti che potranno essere ammortizzati solo nel lungo periodo”. Secondo Niro non c’è tempo da perde, occorre muoversi già da settembre “per arrivare preparati all’appuntamento del 2015, per dare modo alle nostre imprese balneari di attrezzarsi e di diventare competitive. Proporrò a tutti i presidenti dei Gruppi, di maggioranza e di opposizione, la sottoscrizione di un ordine del giorno per impegnare il governo regionale a lavorare in questa direzione. Crediamo sia opportuno istituire immediatamente una Commissione consultiva (a costo zero), composta dai rappresentati degli operatori balneari e dei consumatori. Tale Commissione potrà validamente supportare il lavoro dell’Assessore e della Commissione consiliare competente’’.

Riformisti, massimalisti crisi della sinistra Riceviamo e pubblichiamo. Ho letto, domenica, una riflessione del segretario del PSI Molisano Giuseppe Scarano sulla crisi della sinistra. Siccome su questo tema si sono scritti milioni di volumi, mi sono apprestato a leggere con curiosità e determinazione, sperando di ricavarne comportamenti utili ai fini di una più completa comprensione di un fenomeno sociale che, lo dichiaro apertamente, mi lascia insonne. Oltretutto, in un contesto sociale in cui sembra che tutto quello che esisteva debba essere abbattuto, mi immaginavo l’estensore, sotto un ombrellone e bibita accanto, intento a delineare una possibile uscita dallo stallo in cui il centro sinistra sembra precipitato. L’ oggetto è un poco fuori contesto, ma se è stato pensato e scritto con questa calugine, vale la pena dialogare. Il notista è convinto che i massimalisti (cioè i comunisti, movimentisti, giustizialisti, militanti di aree sociali indefinite) ancora prevalgono sui riformisti e che “l’atavico scontro” impedisce alla sinistra di andare al governo, pertanto, finché questo rapporto non si inverte sarà difficile ritornare al governo nazionale e regionale. Forse in questi anni, il nostro, non si è accorto che l’idea di riformismo ha dominato lo scenario politico nazionale, tanto che, nonostante tutti ne parlino (persino Berlusconi), ancora non si riesce a comprenderne se ne esiste uno o ne esistono decine di copie conformi. I massimalisti, ahimè bisogna notare, sono pochi, divisi e fuori dal Parlamento. Gli altri, i riformisti, sono tantissimi in Parlamento e al governo (quest’ultimo ne è pieno e di peso in termini di potere), tanto che, come sottolinea Scarano, hanno vinto nella società con il confronto democratico e portato progresso e benessere alle popolazioni, mentre, al contrario, i massimalisti, nelle moderne democrazie, sono stati sconfitti ovunque. E allora? Dove risiede il problema? Se il riformismo ha vinto continui a cercare “la strada giusta”. Di cosa sono colpevoli i massimalisti? di esistere ancora e di non sparire? O forse arrecano fastidio all’udito perché ancora difendono la Costituzione, il lavoro stabile e precario, il Sud contro il Nord, la legalità contro il malaffare, la laicità dello Stato contro l’invadenza dell’integralismo cattolico, la scuola pubblica contro quella privata e confessionale, la pace contro la guerra, l’acqua pubblica come bene comune. E si potrebbe continuare a iosa l’elenco. Tutti temi, quelli elencati, che sono comuni anche ai tanti riformismi che conosciamo e che, dagli uni e dagli altri, vengono affrontati e declinati in modi diversi. E’, appunto, una diversa questione di metodo e di forma della lotta politica. Gridare, denunciare, manifestare una non condivisione, partecipare oltre il momento elettorale perché si è cittadini e non pubblico spettatore, o essere silenziosi, passivi, afoni in funzione del principio di omogeneità al pensiero unico, sono due modi, opposti, di esercitare l’impegno politico. Si sceglie l’uno o l’altro in funzione di convinzioni sedimentate, dalla convinzione di difendere lo Stato Repubblicano , delle tradizioni storiche, dalle culture politiche a cui si appartiene, dalla difesa della storia politica nazionale e per tante altre motivazioni. Non sempre queste motivazioni possono essere moneta di scambio sull’altare della “governabilità” a “prescindere” da quello che si vuole realizzare e per chi. Se operiamo una sorta di scambio al ribasso delle nostre convinzioni ci indirizziamo in una “coalizione dei volenterosi” che porta alla impercettibilità del riformismo del centro sinistra. Cosa che ha capito benissimo la destra, per cui oggi, il senso comune del cittadino elettore, attribuisce ad essa la volontà di cambiare e al centro sinistra la mancanza di un progetto riformatore. Quanto al “per”, ovvero la costruzione di una alternativa politica e programmatica credibile, ci faccia sapere il segretario del PSI Molise, si tolga gli occhiali da sole e guardi la realtà in chiaro. Scruti nuovi orizzonti e avvisi il centro sinistra. E avvisi anche gli alleati alla Provincia di Campobasso che sono e si ritengono a pieno titolo componenti di quella tradizione che egli chiama “massimalista” se pur,come in questo caso, si ritengono accettabili poiché integrati e non apocalittici. Rino Ziccardi Sinistra Ecologia Libertà

Terremoto, tangenti: 4 arresti in Abruzzo

Csm, Vietti è il nuovo vicepresidente

L'AQUILA - Quattro persone, politici e imprenditori, sono state arrestate per presunte tangenti nella ricostruzione postterremoto in Abruzzo. In manette sono finiti Ezio Stati, per anni tesoriere della Dc abruzzese, arrestato anche negli anni Novanta; indagata ma non arrestata sua figlia Daniela, assessore della Regione Abruzzo, che ha rimesso le deleghe su protezione civile, ambiente e rifiuti. Arrestati anche Vincenzo Angeloni, ex deputato azzurro, Marco Buzzelli (compagno di Daniela Stati) e Sabatino Stornelli, ex direttore di Telespazio.

ROMA - Michele Vietti è il nuovo vicepresidente del Csm. L'ex presidente vicario dell'Udc alla Camera è stato eletto a Palazzo dei Marescialli. Presente il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che ha presieduto la seduta ma che, come di consueto, non ha votato. Vietti ha ricevuto 24 voti su 26 votanti. Due le schede bianche.Vietti, eletto fra i componenti laici del Csm scelti dal Parlamento, succede così a Nicola Mancino.

7 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010


CAMPOBASSO Dopo le ripetute sollecitazioni, i solai della casa pericolante di via Pennino hanno ceduto

Cronaca di un crollo annunciato L’edificio in questione era stato ispezionato ma nessuno ha poi mosso un dito Cronaca di una morte annunciata. O meglio cronaca di un crollo (più) che annunciato. Sembra veramente troppo ‘scomodare’ il titolo di uno dei più famosi romanzi di Gabriel García Márquez, per raccontare quello che è accaduto sabato a Campobasso, per la precisione in via Pennino. Eppure qualcosa di quel titolo c’è. Nel pomeriggio, hanno ceduto i solai di una di quelle vecchissime case, da anni disabitate, sulla quale si leggevano chiaramente i segni di instabilità. Ma nonostante i ripetuti appelli, le richieste di intervento e di tutela, il prevedibile si è puntualmente verificato. Fortunatamente non ci sono state grosse conseguenze ma i danni in quella particolare zona del centro storico sarebbero evitati usando un po’ più di accortezza e controllo. Ed e proprio di controllo e di accortezza che il centro storico ha più bisogno. Di chi è

la colpa? Di certo non può essere attribuita solo a questa amministrazione che nel bene o nel male si è insediata da poco più di un anno e senza bacchetta magica nessuno può risolvere problemi quasi atavici. Ma è altrettanto certo che il governo Di Bartolomeo una parte di colpa ce l’ha. E lui che oggi guida il comune ed è lui (si è tenuto pure la delega al centro storico) con il suo esecutivo che dovrebbe preoccuparsi di un’area che potrebbe diventare il fiore all’occhiello di tutta la città. E invece il borgo vecchio è sempre più degradato e abbandonato a se stesso. Oltre al fatto che soprattutto gli angoli che non sono raggiungibili con le auto sfuggono anche ai controlli delle forze dell’ordine. Ma è la voglia di voltar pagina che cambia altrimenti un segnale, questa amministrazione, avrebbe potuto pur darlo. Anche perché bastava dare

ascolto alle richieste dei cittadini. Se andiamo a ritroso nel tempo, non più di sette mesi fa, i residenti di via Pennino scrissero una lettera e la indirizzarono al primo cittadino, al Prefetto, agli assessori comunali preposti, al consigliere delegato alle politiche sociali, ai dirigenti e anche al direttore Generale dell’Asrem nonché al Comandante della Polizia Mu-

nicipale di Campobasso e al vertice della Sea. Insomma un indirizzario niente male per sollecitare un intervento urgente (proprio in quella strada dove si è registrato il crollo). In altre parole chiedevano nello specifico di mettere in sicurezza il fabbricato fatiscente che (già riversava in condizioni di precario equilibrio statico). Manco a dirlo! Qualche mese

dopo l’edificio è puntualmente crollato mettendo a repentaglio la salute dei vicini e dei visitatori che magari si trovavano a fare una passeggiata per quella stradina vicina alle chiese più belle della città. Parole profetiche quelle dei residenti che sortirono (a quanto pare) solo un sopralluogo che, qualora sia stato realmente effettuato, peggiora ancor di più il quadro generale perché, se dopo il controllo tecnico-istituzionale la casa è crollata, cosa sarebbe successo senza il preventivo controllo? Chi abita da quelle parti potrà dire “io l’avevo detto” e magari consolarsi che con i fondi destinati al centro storico : 200mila euro di fondi Pisu da cantierare l’anno prossimo! Un contentino? Peggio, visto che la stessa amministrazione utilizzerà 600mila euro per realizzare alcune rotonde in periferia. Forse bisognerebbe trasferirsi tutti lì.

Firmato ieri, nella sede di via Genova, un documento tra Regione e Comune di Campobasso

Inclusione sociale, siglato un Patto per i più deboli Sostenere la popolazione, ed in particolare le fasce più deboli e a rischio, realizzando una rete di collaborazione tra Istituzioni e mondo dell’associazionismo privato. Questa è l’essenza dell’intesa firmata ieri tra Regione, con il Presidente Michele Iorio, ed Comune di Campobasso, rappresentato dal vice sindaco Giuseppe Cimino. “Il documento, che poi sarà esteso a tutto il territorio regionale e alle altre Istituzioni che vi operano a vario livello –ha detto il Presidente Iorio - è la sintesi dei suggerimenti, delle idee e delle progettualità arrivate alla struttura regionale dai diversi soggetti pubblici e privati che riunimmo qualche mese fa per fronteggiare insieme il problema della droga e dell’inclu-

sione sociale in genere. In questi mesi abbiamo raccolto direttamente da tali soggetti iniziative, buone pratiche e proposte che abbiamo messo in questo documento cercando di renderle immediatamente operative con l’impegno di risorse provenienti dei singoli bilanci e dalla programmazione strutturale. In questo modo abbiamo dato anche una risposta concreta all’invito rivoltoci in questo senso da Monsignor Bregantini”. Presenti all’incontro oltre all’Assessore Regionale alle Politiche Sociali, Angela Fusco Perrella (che ha seguito direttamente per conto del Presidente Iorio, tutte le fasi della messa a punto e della stipula del Patto), il Presidente del Consiglio Re-

gionale, Michele Picciano, l’Arcivescovo di Campobasso, Mons Giancarlo Bregantini, il Presidente della Provincia di Campobasso, Nicola D’Ascanio e i massimi rappresentanti delle Questure, delle Prefetture e dell’Ufficio Scolastico Regionale. In sostanza, obiettivo del Patto per l’inclusione è il recupero della coesione sociale attraverso la realizzazione di azioni complesse, volte a rimuovere i vincoli dell’esclusione e a promuovere l’integrazione sociale e lavorativa delle fasce di popolazione a maggiore rischio attraverso una serie di azioni: rimuovere la partecip a z i o n e all'occupazione,

favorire percorsi guidati per le persone appartenenti alle fasce di popolazione più vulnerabili e politiche di conciliazione della vita professionale e della vita familiare; sostenere le opportunità di inserimento e di occupazione dell'economia sociale ed il reinserimento lavorativo attraverso la realizzazione di azioni finalizzate al reimpiego e all’incremento dell’occupabilità. Il Patto, inoltre, promuovere l'accesso di tutti alle risorse, ai diritti, ai beni e ai s e r v i z i . Guarda poi anche all'integrazione sociale delle donne e degli uomini, segnatamente a causa del loro handicap o della loro appartenenza a un

gruppo sociale con particolari difficoltà; elimina situazioni di esclusione sociale che colpiscono i minori. Nel breve/medio periodo il Patto punta a raggiungere diversi traguardi tra cui il potenziamento delle strutture di accoglienza diurna per le persone in situazione di diversa abilità; attivare un centro di prima accoglienza (centro crisi) rivolta ai giovani tossicodipendenti e realizzare una rete di sostegno domiciliare specialistico in favore delle famiglie interessate; realizzare un centro di mediazione penale minorile; promuovere iniziative per assicurare la piena integrazione dei giovani nel contesto locale, anche con il potenziamento dei centri giovanili già presenti all’interno delle associazioni di quartiere; incentivare l’autoimprenditorialità con sistemi di intervento in grado di compensare una crescente precarietà lavorativa dei giovani.


CAMPOBASSO Laterlite chiude lo stabilimento In 19 rimangono senza lavoro Silenzio assoluto delle Istituzioni su una delle pagine più inquietanti della storia di Bojano: la Laterlite SpA ha deciso di chiudere lo stabilimento locale, senza preoccuparsi troppo (per non dire per niente) delle conse-

guenze che dovranno sopportare i dipendenti e che si ripercuoteranno sulla già critica situazione economica. Le motivazioni ufficiali parlano di problemi legati al settore produttivo e al riassetto aziendale, anche se la vicenda ha origini ben più lontane che affondano le radici in quel rapporto area matesina-Laterlite che va avanti da circa un ventennio. La discussa attività svolta dalla società nello stabilimento di Bojano ha già avuto infatti una valutazione negativa in primo

grado da parte dell’autorità giudiziaria. La sentenza n. 373/07 del Tribunale Ordinario di Campobasso, in cui si condanna la Laterlite per l’emissione di agenti inquinanti. Tale sentenza è stata ora appellata, ma se risulteranno vere le gravi circostanze emerse nel corso del giudizio, ogni risposta delle Istituzioni alle preoccupazioni dei cittadini sarà inevitabilmente tardiva. Già infatti il semplice dubbio in merito alla legittimità delle emissioni derivanti dallo stabilimento boja-

nese avrebbe dovuto indurre le competenti Autorità a decidere un protocollo di interventi idoneo ad evitare alla collettività anche il semplice rischio sanitario. Dopo la sentenza n. 373/07 sarebbe stato opportuno un intervento delle istituzioni anche solo per dimostrare ai cittadini la presenza e la sensibilità dello Stato e delle amministrazioni territoriali. A fronte di queste serie di problematiche, e con la complicità del silenzio istituzionale, la Laterlite SpA invece di stempe-

rare le tensioni ha deciso di cessare l’attività a Bojano, compromettendo il futuro di 19 dipendenti, mettendo in seria crisi altrettante famiglie. Nessuno dei rappresentanti istituzionali, fra i quali figurano anche due assessori regionali della zona, ha sentito la necessità di tentare una soluzione meno drammatica. Questa inerzia, alla fine, la stanno pagando i dipendenti, lasciati sempre alla deriva come componente più debole e indifesa.

Dal 4 al 13 agosto a Campolieto tornano la buona musica e il bel canto

Note d’estate, non tutto fila liscio Note musicali e voci di pregio dal 4 al 13 agosto a Campolieto in coincidenza del Festival del canto lirico organizzato e finanziato dall’amministrazione comunale. Iniziativa indubbiamente di spessore artistico, capace di muovere l’interesse dei melomani e, cosa da non sottovalutare, dei turisti che amano associare la conoscenza di luoghi ameni a manifestazioni di qualità. Questo connubio da anni è garanzia di successo ma da anni è anche motivo di aperto contrasto politico e sociale nel piccolo centro molisano, al punto d’aver fatto sfiorare una crisi comunale (minacciata e poi frettolosamente e inopinatamente rientrata) e l’uscita dalla giunta di due assessori che, probabil-

mente, tra le altre cose, mal digerivano il modo contraddittorio di amministrare del sindaco (volgarmente tradotto in “predicar bene e razzolare male”) e la pervicace determinazione con cui difende la manifestazione che sul piano organizzativo e gestionale vede la partecipazione diretta della figlia e del genero. Gli assessori, come la parte della popolazione che condivide le loro perplessità, non contestano il livello artistico della manifestazione lirica, del quale, anzi, portano vanto in un panorama estivo in cui impazzano sagre enograstromiche e concertini, bensì l’intreccio “pubblico-privato” da anni ormai consolidatosi tra il primo cittadino e coloro che la manifestazione musicale la

portano avanti. Una situazione classificabile “paradossale”, in quanto non capita quasi mai assistere al caso di un’amministrazione locale, il cui titolo distintivo è “trasparenza e linearità”, che affidi proposte e allestimenti spettacolari a propri sodali con formule amministrative discutibili e (difatti) discusse. E a dire che al sindaco di Campolieto le critiche procurano reazioni a pelle, tanto gli sono concettualmente e sostanzialmente estranee ritenendo di essere un rigido cultore della sana e corretta amministrazione delle risorse pubbliche e pertanto esente dal benché minimo sospetto. Non a caso dicevamo della crisi minacciata e poi rientrata, dovuta appunto al primo

accenno della contestazione che però sta montando, soprattutto ora che in consiglio comunale c’è una opposizione vigile e combattiva, capace di analizzare, commentare e denunciare il modo e il metodo per cui, in particolare, la manifestazione musicale di agosto continua ad essere motivo del contendere e causa di una progressiva lacerazione all’interno della collettività. Il paese non vuole perdere la manifestazione che lo segnala tra gli ap-

Lavori sulla Sp 51, Di Narzo: Il “festival del teatro popolare” stasera al parco di S. Giovanni “Ultimarli in tempi utili” Ricomposizione della sede stradale e ristrutturazione della segnaletica orizzontale e verticale: questo l’obiettivo dei lavori cominciati sulla statale Sp 51, nel tratto che va dalla rotonda in località contrada Sinarca a salire verso Petacciato. Grande soddisfazione nelle parole del presidente della commissione lavori pubblici della Provincia di Campobasso, Vincenzo Di Narzo: “Mi ritengo compiaciuto per la messa in sicurezza della Sp 51 e mi auguro che i lavori siano realizzati in tempi utili, in modo da non causare maggiori disagi a coloro che utilizzano il tratto viario per recarsi nei centri di San Giacomo degli Schiavoni, Petacciato, Termoli e Guglionesi”.

Tornerà questa sera, alle ore 21, l’appuntamento con il festival del teatro popolare al parco S. Giovanni di Campobasso: saranno “Nandino gioioso” e “U’ Natale de mammuccia” le rappresentazioni insegnate dal gruppo filodrammatico “Olga Farina”.Il primo spettacolo è incentrato

puntamenti estivi di qualità, ma non vuole nemmeno che essa possa essere fonte di una contrapposizione in cui interagiscono motivi politici e perplessità amministrative, le cui conseguenze sono già oggi pesantemente avvertite, nonché oggetto di episodi di cronaca all’esame degli inquirenti. Il passo dalla buona musica alla cattiva convivenza è tremendamente breve. Dardo

Benvenuta Giorgia

sulla storia di un muratore che decide di cambiar mestiere, andando incontro, così, ad una serie di vicissitudini, mentre nel secondo ad essere protagonista sarà una vecchietta, emblema degli eventi e delle tradizioni della vita contadina di un tempo. Lu.a.

Sulle tracce di Annibale: apre la mostra del Museo Sannitico Gli scavi archeologici di Gerione saranno al centro della mostra “Sulle tracce di Annibale”, che si terrà al museo sannitico di Campobasso il prossimo 4 agosto alle 18. La rilevanza dell’area in questione, situata nei dintorni di Casacalenda, deriva dalla somiglianza toponomastica con “Gereonium”, abitato frentano che Po-

libio e Tito Livio indicano come punto di stazionamento dell’esercito annibaliano nel periodo compreso tra l’autunno del 217 e la primavera del 216 a. C. Grande rilevanza assume, nell’ottica di un’eventuale conferma dell’identificazione delle due località , il frammento di stele punica rinvenuto nel corso degli scavi, raffigurante il cre-

scente lunare e il cerchio solare, simbolo della dea protettrice di Cartagine, Tanit. La mostra, organizzata dalla soprintendenza per i beni archeologici e culturali del Molise in collaborazione con l’Università di Bologna, sintetizzerà – oltre alla documentazione delle fasi longobarda, normanna, sveva e angioina – le vicende

cronologiche dell’insediamento fino agli inizi del XV secolo d. C., ricostruendone la quotidianità e gli eventi drammatici che ne segnarono la fine, come il terremoto del 1349 e la peste nera dell’anno seguente, fino all’incendio devastante, riconoscibile negli esiti archeologici, che distrusse la piccola comunità. Lu.a.

Questa splendida bambina è venuta alla luce ieri al Cardarelli di Campobasso. Alle famiglie Palladino e Venditti i più sinceri auguri dalla redazione della Gazzetta del Molise.


Chiesetta di S. Spirito Ci pensano i cittadini

Venafro, cresce l’allarme furti

ISERNIA - In attesa di novità dal punto di vista giudiziario, il sito archeologico della chiesetta di Santo Spirito torna di nuovo alla ribalta. Questa volta per un’iniziativa messa in campo dal segretario regionale Uilbac, Emilio Izzo. Ques’ultimo ha invitato tutti i cittadini a collaborare per ripulire l’area.

VENAFRO - È di nuovo allarme furti in città. Dopo i blitz a Ceppagna ora i malviventi sembrano aver preso di mira gli esercizi commerciali. Nell’ambito di alcuni controlli i carabinieri hanno fermato due napoletani, già conosciuti dalle forze dell’ordine, mentre si aggiravano nei pressi di alcuni negozi.

ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Si aprono le danze www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALLE BANCHE LOCALI Dopo la delusione arriva la beffa. Le filiali bancarie della provincia dopo aver subito furti e rapine devono fare i conti anche con le organizzazioni sindacali che chiedono a gran voce maggiori strumenti di controllo e di sicurezza. “Le banche ne hanno la possibilità ed allora agiscano nel più breve tempo possibile”, queste le dichiarazioni di alcuni sindacati. Purtroppo il fenomeno dei furti e delle rapine in provincia è tornato prepotentemente alla ribalta. Dopo un periodo di tregua apparente è torntato l’incubo per le filiali. Una situazione in cui occorre necessariamente fare qualcosa. Cominciando, così come invocato dai sindacati, proprio dalle misure di sicurezza.

L’OSCAR DEL GIORNO A PIANETA TERRA ONLUS Grazie allo sforzo dell’associazione “Pianeta Terra Onlus” e di altre figure come Emilio Pesino, presidente dell’ente Parco degli Ulivi, nell’oasi naturale “Le Mortine” in questi ultimi mesi è stato registrato il boom di presenze. Un traguardo raggiunto anche per il nuovissimo campo scout realizzato nel parco. E ora i giovani “lupetti” provengono da tutte le regioni d’Italia. All’associazione e, in generale, all’intera organizzazione dell’oasi, va il nostro oscar perché hanno capito come fare turismo sfruttando le bellezze del territorio.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Ora le proposte saranno analizzate dai tre commissari che decideranno sui nuovi proprietari

Ittierre e Ferrè, aperte le buste Contesi da quattro società Due offerte per il ramo d’azienda ed altre due per il prestigioso marchio PettoraOre decisive per la vendita di Ittierre e del marchio Ferré. Alle quattro a Milano, presso il notaio, Marchetti, si è dato il via all’apertura delle buste. Sarebbero quattro i gruppi imprenditoriali interessati ai due rami di azienda del gruppo It Holding. Rispettivamente due per Ittierre ed altri due per Ferrè. Come nel caso di Malo, però, bisognerà attendere diversi mesi, prima di scoprire chi sarà il nuovo padrone di Ittierre e di Ferré. Intanto trapelano indiscrezioni sui primi gruppi che hanno avanzato l’offerta. Ma nelle prossime ore si avrà un quadro di più completo. Non sono escluse novità eclatanti. Una volta aperte tutte le buste, le varie proposte saranno esaminate dai tre commissari straordinari. Non per forza chi avrà fatto l’offerta più alta riuscirà a spuntarla. I commissari dell’azienda tessile, infatti, dovranno valutare diversi parametri, tra cui il piano

occupazione e la volontà di far rimanere lo stabilimento in Molise. In tal senso Chimenti, Ciccoli e Spada hanno sempre espresso la volontà di fare di Pettoranello il cuore pulsante dell’azienda tessile. Dopo le decisioni dei tre commissari l’ultima parola spetterà al Ministero per lo Sviluppo Economico. Sarà il dicastero, infatti, a decidere chi saranno i nuovi proprietari dei due rami d’azienda. “I tre commissari delle aziende del gruppo It Holding - si legge in tutte le più importanti agenzie di stampa nazionale - in ammnistrazione straordinaria - Stanislao Chimenti, Andrea Ciccoli e Roperto Spada - rendono noto che, oggi (ieri, ndr), entro il termine stabilito, sono state aperte le buste con le offerte vincolanti per Ittierre, la società di licenze di It Holding, la maison Gianfranco Ferrè e l'immobile di Porto Cervo. “Ogni determinazione in ordine all'evoluzione e

Nuovo sito internet per la Elcom Spa E’ online il nuovo sito www.elcomspa.eu, rinnovato completamente nella veste grafica, ma anche nella modalità di navigazione. Il sito costituisce una vetrina ideale della Elcom Elettrocommerciale S.p.A., che si presenta come una realtà affidabile, competente e moderna, in grado di proporre soluzioni e capace di interpretare i bisogni del proprio target di riferimento: dagli installatori ai rivenditori, dai quadristi ai progettisti, dall’industriale al domestico. Un ricco compendio di informazioni strutturate in maniera coordinata con l’immagine aziendale per consentire una consultazione intuitiva, facile ed agevole. Il sito razionalizza e semplifica l’organizzazione dei contenuti arricchendone l’offerta. Il nuovo sito si avvale delle più moderne ed accreditate tecnologie del web che garantiscono un aggiornamento costante e semplice dei contenuti strutturando una comunicazione “dinamica”, personalizzabile e orientata alla soddisfazione del cliente. Perfezionato e velocizzato il catalogo B2B (business to business) dedicato alla clientela dell'azienda molisana, che può accedere ad un'area riservata in cui poter visualizzare tutti i prodotti della migliori marche del mercato internazionale. Per ogni articolo è disponibile il prezzo aggiornato, e, inoltre, il cliente ha la possibilità di compilare l'ordine on-line, che in maniera automatica viene indirizzato al magazzino, il quale, in tempi brevi, provvede alla spedizione della merce scelta. A portata di pochi semplici click, comodamente dal proprio posto di lavoro, il cliente Elcom può gestire ed aggiornare il proprio magazzino in maniera semplice e tempestiva.

14 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010

all'esito delle procedure di cessione verrà sottoposta al ministero dello Sviluppo Economico e al comitato di sorveglianza per le relative autorizzazioni. Dei risultati delle selezioni saranno date comunicazioni al mercato", si legge nella nota.Ore di attesa anche per i fasonisti molisani della Ittierre che hanno avuto un incontro con l’assessore alle Attività Produttive Gianfranco Vitagliano. I fornitori dell’azienda tessile hanno chiesto di modificare la delibera di giunta relativa agli aiuti che la stessa Regione ha stanziato per i fasonisti molisani. Delibera al centro delle polemi-

che in quanto non tutti avrebbero potuto accedere ai finanziamenti. Ci sono ancora due milioni di

euro a disposizioneti ed i fasonisti chiedono a Vitagliano di sbloccarli al più presto.

Chiesetta di Santo Spirito I cittadini la ripuliranno “ISERNIA - Chiesetta di Santo Spirito nel degrado? A pulirla ci penseranno i cittadini. Questa la nuova iniziativa di Emilio Izzo, segretario regionale della Uilbac che ha fissato l’appuntamento per venerdì prossimo. ”In attesa di conoscere gli sviluppi dell’attività giudiziaria si legge nella nota a firma di Izzo -, in attesa di conoscere chi ha permesso lo scempio del convento celestiniano, in attesa di sapere perché non sono stati mai apposti i vincoli necessari, in attesa di sapere perché il comune non si è mai opposto a tale scempio, in attesa del provvedimento che intimi l’abbattimento del vergognoso muro piastrellato simil bagno costruito in difformità, in attesa di queste e tante altre cose, i lavoratori della Uilbac (quelli della protesta di San Vincenzo al Volturno) e alcuni cittadini sensibili, gli stessi che in queste ore mi stanno contattando, venerdì 6 agosto c.a. e si sottolinea agosto, dalle ore 9 e per l’intera giornata, armati di guanti, falci, rastrelli, cesoie, dece-

spugliatori, buste e altro, saranno presenti sul sito della chiesetta della Sanità o Santo Spirito per ripulire (e non sarà semplice) quel luogo dimenticato da Dio e dagli uomini. Felice di comunicare, che, in attesa di conoscere altre eventuali adesioni, le persone di seguito riportate hanno assicurato la loro fattiva presenza: Clelia e Enzo Di Luozzo, Emilio Izzo, Simone Izzo, Pierluigi Fortini, Fiorentino Colantuono, Giuseppe Di Carlo, Federico Ferritto, Emidio Tagliente, Bruno Paglione, Romano De Luca, Federica Fasano, Luca Inno, Lucia Dell’Osso, Achille Viespoli, Giovanni Viespoli e l’associazione Tikané Assiem, Roberto Giardiello, Celestino Mangione, Giuseppe Fortini. Aspettiamo tutti per una battaglia di civiltà. Per le adesioni contattare Emilio Izzo (fax: 0865 415 179, cell. 347 64 02 951, email: emilcult@ libero.it, indirizzo: Complesso Monumentale di Santa Maria delle Monache, corso Marcelli, 86170 Isernia ).”

In edicola il libro di Rino Capone

Gara di solidarietà per“Cuore Collese”

E’ arrivata in libreria l’ultima opera di Rino Capone, per molti molisani la più attesa fra le sue pubblicazioni: Isernia. Parole e figure del passato (Cosmo Iannone Editore).Attraverso l’esame analitico delle espressioni dialettali più divertenti e significative l'Autore illustra il modo di pensare e di vivere del popolo nei lontani tempi passati.

COLLI A VOLTURNO. Si è svolta sabato 31 luglio al quarta edizione della manifestazione benefica denominata il “Cuore Collese”, organizzata dall’associazione socio-culturale “www.colliavolturno.com onlus” in collaborazione con l’associazione benefica “La Squadra del Cuore “di Cerro al Volturno e il comune di Colli a Volturno


ISERNIA Intanto i militari hanno arrestato una giovane isernina scappata dai domiciliari

Venafro, torna l’incubo furti I carabinieri hanno bloccato alcuni malviventi pronti ad effettuare l’ennesimo colpo VENAFRO - Pressing nel controllo del territorio da parte della Stazione e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Venafro che nelle ultime 24 ore hanno allontanato dall’area venafrana due pregiudicati della provincia di Napoli. Si tratta di un 50enne ed un 42enne che sono stati notati aggirarsi nell’abitato di Pozzilli e Venafro, presso obiettivi sensibili commerciali, senza validi concreti motivi della loro presenza del territorio. E’scattato nei loro confronti la proposta di rimpatrio per i comuni di origine con divieto di fare ritorno in quest’ultimi due centri molisani. Per quanto riguarda i controlli sulle principali arterie stradali, un 32enne controllato nel corso della notte alla guida della propria autovettura, all’esame con etilometro è risultato in stato di

Oasi Le Mortine, presenze record questa estate VENAFRO - L’associazione Pianeta Terra Onlus , è lieta di esprimere gratitudine a quanti in questi mesi hanno collaborato alla realizzazione di un area adibita ad ospitare campi scout , in modo particolare gli amici del gruppo scout di Venafro . “Sono ormai 4 settimane - si legge nel comunicato stampa - che ci pregiamo di ospitare gruppi scout provenienti dal Lazio e dalle Marche, abbiamo ospitato il gruppo di Fregene per 7 giorni , successivamente il gruppo di Albano Laziale , a seguire il gruppo di Ladispoli e Macerata . Per il mese di Agosto abbiamo prenotazioni fino al 8 per poi proseguire le attività dal 16 Agosto fino al 23 agosto da parte del gruppo scout di Frosolone , ed a seguire fino al 31 Agosto il gruppo di Grosseto . La nostra soddisfazione principale scaturisce dai complimenti che riceviamo da quanti hanno soggiornato o solo visitato l’Oasi , peraltro persone che per il loro impegno in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio naturalistico sono rimasti entusiasmati dalle straordinarie bellezze che quel lembo ti territorio riesce ad esprimere in ogni stagione. Per noi dell’associazione

Pianeta Terra Onlus è un ulteriore obbiettivo raggiunto , poiché l’oasi “ Le Mortine “ ad oggi è in grado di soddisfare ogni richiesta attinente l’ecoturismo, tutto ciò grazie all’intervento di riqualificazione del centro accoglienza e della foresteria , con il contributo del comune di Capriati al Volturno , il comune di Venafro e l’Enel spa . I nostri impegni nel realizzare ulteriori attrattive è elevato, sarà realizzata in autunno una grande area pic-nic in un area adiacente il centro visita oltre ad un pro-

getto in elaborazione da parte del Comune di Venafro il quale prevede diversi lavori di riqualificazione e arredo dell’oasi oltre al collegamento con una sentieristica attrezzata con la vicina “ Sala Panel “ . Un ringraziamento particolare è indirizzato all’ente Parco Regionale dell’ulivo di Venafro nella persona del presidente Emilio Pesino , per aver istituito l’Oasi Le Mortine e caparbiamente continuato la sua opera nella tutela valorizzazione e promozione della stessa” .

ebbrezza con valori molto superiori alla soglia prevista dalla norma del codice della strada. Di conseguenza è scattato il ritiro della patente di guida e l’affidamento dell’autovettura a terzi congiunti. Denunciato anche un 56enne che, a conclusione indagini attivate su segnalazione-denuncia del proprio datore di lavoro, ora dovrà rispondere del reato di furto aggravato e continuato di carburante. Ad Isernia, i militari della locale Stazione collaborati

dal Nucleo Radiomobile hanno tratto in arresto stamane, una 29enne per “evasione dagli arresti domiciliari”. La donna è stata bloccata in pieno centro, mentre doveva rimanere nella propria abitazione del capoluogo in ottemperanza a sentenza della A.G. che disponeva la detenzione domiciliare per espiazione pena per altri reati. L’arrestata è stata associata alla casa circondariale femminile di Chieti a disposizione dell’A.G. Pentra subito informata.

“Rafforzate le misure di sicurezza”

Rapina a Pozzilli Preoccupazione dei sindacati

POZZILLI - I sindacati esprimono preoccupazione per l’ennesima rapina avvenuta in provincia di Isernia. “Ancora una rapina, questa volta a danno della Banca Popolare di Puglia e Basilicata ubicata in Piazza Aldo Moro ,13 a Pozzilli in provincia di Isernia avvenuta il 30 luglio alle 13,15 circa - si legge nella nota -. Le preoccupazioni, espresse in circostanze simili dalla Cgil Molise e dalla Fisac si traducono in realtà. Ecco perché l'organizzazione sindacale continua a sostenere che va rivista tutta la strategia che le Banche hanno adottato in questi ultimi anni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Le stesse autorità preposte all'ordine pubblico non possono far finta che non sia successo nulla. La Fisac e la Cgil richiedono il massimo impegno perché si rafforzi la sicurezza fisica e psichica di tutti gli addetti del settore. Non facciamo passare altro tempo prima che si riconsideri la intera tematica. Le Banche hanno risorse sufficienti per affrontare organicamente l'intera questione. Le forze dell'ordine, con Questura e Prefettura, devono fare ogni sforzo per scongiurare altri eventi criminosi. Evitiamo che eventi traumatici estremi inducano successivamente ad occuparci della questione in termini drammatici. I segnali registrati sono di estrema gravità". Per la Fisac e per la Cgil è arrivato il momento di agire. Intanto ancora non sono stati individuati i due rapinatori. I carabinieri stanno intensificando le ricerche anche nelle regioni limitrofe.

Grande successo per la Pezzata

Pnalm, approvato il nuovo bilancio

CAPRACOTTA - Grande successo nella giornata di domenica per la tradizione “Pezzata” che si è svolta a Prato Gentile. In migliaia sono giunti sulla cima della montagna altomolisana per assaporare il piatto tipico. Soddisfatti della riuscita dell’evento anche il sindaco Antonio Monaco e Annamaria Labate, presidente della Pro loco.

Nell’ultimo Consiglio del Onalm si è provveduto all’approvazione del verbale della seduta precedente ed è stato acquisito il parere sul bilancio consuntivo 2010 da parte dell’assise. Subito dopo gli amministratori riuniti hanno provveduto ad approvare le variazioni al bilancio di previsione 2010 e alla discussione del nuovo piano del Pnalm.

15 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010


TERMOLI Il comitato spontaneo “Uniti per non morire” rinnova l’appello alle istituzioni

Crisi dell’agricoltura, chiesto l’intervento di Iorio “Noi andremo avanti comunque, affinché gli altri riflettano mettendosi una mano sulla coscienza per quanto finora hanno fatto” GUGLIONESI – L'agricoltura sta attraversando un periodo di crisi e il Comitato spontaneo "Uniti per non morire" chiede aiuto al presidente della Regione Michele Iorio. “Sono trascorsi ben otto mesi dal nostro primo appello inviato a tutte le Istituzioni regionali, Lei compreso, riferito alla grave crisi che attanaglia l’agricoltura regionale. Bisogna puntualizzare che l’interessamento prestato all’inizio per la "questione agricola" definita allarmante e grave da tutti i componenti del Consiglio regionale, di maggioranza e di minoranza, mozione votata alla unanimità, avallata dalla sua stessa Giunta, è stato sicuramente positivo e di questo ne siamo grati a tutti Però – continua il Comitato - il dopo, nel concreto, al di là dei buoni propositi non ha prodotto i risultati sperati; quelli idonei a cercare di tamponare, almeno

parzialmente, "il problema". Non chiediamo che la vertenza agricola possa essere risolta in loco ma almeno alleviarla, questo si. Le aziende agricole falliscono giorno dopo giorno, stanno chiudendo i battenti, aspettando che chi opera ai "piani alti" regionali si prodighi a fare almeno qualcosa nell’immediato. Per caso l’agricoltura, quella vera, che da sempre è stata la struttura portante della nostra regione è andata, grazie a tanti, nel dimenticatoio? O, forse, l’attenzione si è concentrata su altri settori produttivi (?) e l’agricoltura è rimasta "la cenerentola" anche perchè i "cafoni", da sempre, abituati a sopportare tutto con cristiana rassegnazione non lamentandosi mai e quindi, capaci di resistere a tante vessazioni economiche, sono capaci di resistere anche a questa crisi?”. Poi i componenti il Comitato portano al-

cuni esempi d'intervento positivo. “Per tutti, ultimi i fasionisti dell’Ittierre, molisani e non, ed i forestali regionali, gli appelli rivolti a lei non sono rimasti inascoltati, e di questo ne siamo grati, mentre per noi contadini, che richiamiamo attenzione da tempo non ci sono risposte; siamo letteralmente ignorati. L’unica cosa che rimane da pensare ad oggi è che, visti i risultati, siamo stati lasciati soli (..anche dalla Chiesa regionale?) nonostante i tanti accorati appelli lanciati da tutto il comparto agricolo regionale? Presidente, esprimere vicinanza istituzionale, interessamento, solidarietà, significa questo;...cioè nulla? Quali sono le misure emergenziali di sostegno al comparto? Quali iniziative concrete sono state prese a tal proposito? Sono urgenze improcastinabili! Di sacrifici già ne facciamo tanti, non

I ragazzi del Melograno ospiti Lavori sulla Sp 51 del circolo della vela di Termoli Soddisfatto Di Narzo PETACCIATO - Il presidente della Commissione Lavori Pubblici della Provincia di Campobasso, Vincenzo Di Narzo, esprime grande soddisfazione per l’inizio dei lavori che interesseranno la SP 51 nel tratto che va dalla rotonda in località contrada Sinarca a salire verso Petacciato. I lavori, nello specifico, riguarderanno la ricomposizione della sede stradale, il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale, così come concordato con l’impresa che sta seguendo le attività per mettere in sicurezza il tratto viario che collega Petacciato con Termoli. “Mi ritengo compiaciuto per il rifacimento e la messa in sicurezza della SP 51 – ha commentato Di Narzo -. Mi auguro che i lavori siano realizzati in tempi utili in modo da non causare maggiori disagi per l’utenza che utilizza il tratto viario per recarsi nei centri di San Giacomo degli Schiavoni, Petacciato, Termoli e Guglionesi”.

16 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010

LARINO. Un’altra giornata all’insegna dell’amicizia e della solidarietà, è stata quella trascorsa sulla spiaggia di Termoli dai ragazzi del Centro Sociale “il Melograno”. I componenti del Centro socio-educativo per disabili e minori di Larino, infatti, sono stati nuovamente ospiti del Circolo della Vela di Termoli, dove già tre anni fa, nell’ambito del progetto “Sulla cresta dell’onda”, avevano potuto cimentarsi nelle tante attività proposte dal Circolo termolese. Peccato per il vento e per le condizioni del mare, che non hanno permesso di mettere in mare l’Insuperabile, il natante classe Martin 16 del Comitato Paralimpico Italiano del Molise, esclusivamente progettato per essere pilotato da persone

con disabilità anche gravi, da poco rientrato da Livorno dove, condotto da due ragazzi paraplegici di Termoli e Palermo, ha conquistato il terzo posto assoluto nella prestigiosa gara del “Trofeo Accademia Navale”. Ad ogni modo, la giornata dei ragazzi disabili e dei bambini (italiani e stranieri) è trascorsa splendidamente, in compagnia degli operatori de “il Melograno” e dell’istruttore del Circolo della Vela e del CIP Gianni Pacucci, tra bagni in mare, tornei di calcetto e di pallavolo, qualche sostanzioso spuntino sotto gli ombrelloni e tanta allegria, che ha contagiato anche gli altri ospiti e soci del Circolo, piacevolmente meravigliati dall’entusiasmo dei ragazzi di Larino. “Il Circolo della Vela di Termoli” è sempre felice di ospitare i giovani de il Melograno e tutte le persone con disabilità – ha affermato Gianni Pacucci – mettendo loro a disposizione la struttura, le attrezzature ed il nostro personale per coinvolgerli nelle tante attività offerte, tutte a misura di disabile. In special modo, molti sono i ragazzi diversamente abili che sempre più si avvicinano al mondo della vela e del mare, grazie alle caratteristiche dell’Insuperabile che, in compagnia degli istruttori del Circolo, permettono loro di avvicinarsi alla disciplina sportiva della vela e di vivere splendidi momenti all’insegna della migliore cultura sportiva non agonistica”.

ne possiamo fare di più; la vita in campagna si fa sempre più dura! Siamo sotto assedio da parte dell’Equitalia, siamo a rischio usura, non potete ignorarci! Il mondo agricolo regionale, quello vero e "dei monoreddito", andrà, comunque ancora avanti, combatterà per questa battaglia giusta e democratica affinchè "gli altri" si guardino allo specchio e riflettano, mettendosi una mano sulla coscienza, per quanto finora hanno fatto”.

Successo per la II tappa di “Passeggiando sotto le stelle” GUGLIONESI – E' stato un successo la seconda tappa di "Passeggiando sotto le stelle" organizzata dall'Associazione di Promozione Sociale Anteas "per Guglionesi" e curata anche quest'anno da Nicolino del Torto, un viaggio nella storia dell'arte guglionesana attraverso le Chiese a rilevanza Nazionale. Il tour è iniziato alle 21 con la dottoressa Maria Radatti che ha accompagnato i visitatori all'interno della Chiesa di San Nicola di Bari per poi proseguire verso la Chiesa di Santa Maria Maggiore e la sua Cripta di Sant'Adamo Abate insieme alla dottoressa Antonella Sorella ed il professor Gabriele Palma per poi concludere il percorso nella Chiesa di Sant'Antonio di Padova con il dottor Carlo di Falco. Nel frattempo si stanno ultimando i preparativi per domani, giornata di punta dell'iniziativa "Passeggiando sotto le stelle" dove alle ore 18,30 al teatro comunale si terrà la conferenza "Un pittore venuto dal mare: Michele Greco da Valona" con la Soprintendenza dei beni culturali del Molise. Alle 20,30 presso la Villa Comunale si potrà degustare un piatto tipico guglionesano con la sagra della lasagna in brodo ed alle 22,30 inizierà l'ultima tappa delle visite guidate.

Al via la ventesima edizione di “Kalenarte” CASACALENDA – E' stata presentata ufficialmente l'edizione di Kalenarte, manifestazione che il presidente dell'assoziazione presieduta dall’architetto Massimo Palumbo intende fare un momento per riflettere sul significato di fare cultura oggi, aprirsi sempre più al territorio, alla scuola e al sociale. L’arte, in poche parole, come veicolo di conoscenze e, perché no, di utopie. Alle manifestazioni inserite nel programma estivo di Kalenarte, che va da oggi all’11 agosto - contaminandosi con altri importanti eventi concomitanti, quali MoliseCinema e Cammina, Molise! – si aggiunge l’omaggio che l’amministrazione comunale guidata da Marco Gagliardi ha voluto rendere alla kermesse. Si tratta di un concorso di pittura urbana destinato agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado del paese. Ogni ragazzo avrà a disposizione 110 metri del muro di cinta che dà il benvenuto a chi arriva a Casacalenda da Larino, lungo la vecchia Statale 87. Il tema prescelto dall’assessorato alla Cultura affidato a Marco Masciantonio è “Un muro di storia – Kalenarte 1990-2010”.

Di seguito gli appuntamenti. Oggi alle 12, presso la Galleria civica d’Arte Contemporanea Franco Libertucci aperitivo in Galleria, presentazione di ArteContempoRane 2009, documentario di Danrec che ripercorre il lavoro degli artisti presenti nel progetto; Domani alle 10 al Parco Masciotta: Kalenarte che splendida scoperta! A Cura de “gli amici di Kalenarte”, Facebook, a seguire Scopri Kalenarte: osservare passeggiando; Giovedì alle 17 lungo Corso Roma arrivo della carovana di Cammina, Molise!; Venerdì alle 18, nel Parco Lascito Caradonio Di Blasio, Per Kalenarte… omaggio al femminile : “… Sulle orme del poeta” – Installazioni di Erica Calardo, Cristiana Califano, Mariagrazia Colasanto, Barbara Esposito, Concetta Gioia. A cura di Silvia Valente; Mercoledì 11 Agosto alle 19 nel Palazzo Comunale, Galleria civica d’Arte Contemporanea Franco Libertucci: Un filo lungo vent’anni – Le opere del Museo, le collezioni in Galleria – A cura di Massimo Palumbo, alle 21 Torre dell’Orologio: Il Museo sospeso - L’arresto/ L’eccitante, 2010 di Paolo Borrelli.

Tanti auguri a Giuseppina Mareglia per il compleanno

Rievocazione storica dell’assalto al borgo antico

La tua energia e la tua voglia di vivere illuminano quotidianamente tutti noi. Per questo e per tanti altri motivi, Giuseppina, tuo marito Beniamino e i tuoi figli Marco, Cristian e Beatrice ti augurano il più affettuoso buon compleanno. Tanti cari auguri anche da Paola, Elisabetta, Enza e da parte di tutti i dipendenti del laboratorio di camiceria di Tavenna".

TERMOLI - Venerdì alle 10, presso la sala consiliare del Municipio ci sarà la conferenza stampa di presentazione del nuovo progetto per la “Rievocazione Storica dell’assalto e dell’occupazione del Borgo Antico, da parte di Pialì Pasha“. L’evento verrà proposto Domenica 8 Agosto alle 22 e dislocato tra Corso Nazionale, Via Roma e Borgo Antico.


TERMOLI In mattinata la flottiglia dei pescherecci sarà impegnata nella processione in mare

Marineria in festa per San Basso La caratteristica tradizione termolese rinnova il legame tra i pescatori e il loro santo protettore TERMOLI – Il giorno atteso per un anno è giunto. Questa mattina, dopo la Santa Messa in Cattedrale officiata dal Vescovo della diocesi, Monsignor Gianfranco De Luca, ci sarà la processione a mare della statua del patrono San Basso. Quest'anno ad avere l'onore di trasportare il Santo il peschereccio Nuovo Trenta Carrini, che avrà ai fianchi gli altri due pescherecci estratti il San Pio e il Luigi Padre: uno trasporterà le autorità l'altro la banda. La flotta dei pescherecci seguirà in corteo a velocità e distanze dettate dalla Capitaneria di porto e le imbarcazioni si dirigeranno verso Nord fino a quasi il confine con Petacciato dove verrà gettata in mare una corona d'al-

loro in memoria dei caduti in mare in tempo di guerra e di pace. Intorno alle 12 le imbarcazioni rientreranno in porto ma la statua resterà a bordo fino a sera quando a spalla sarà portata nell'atrio del Mercato Ittico per la veglia notturna. Per gli appuntamenti ricreativi alle 21 in Piazza Duomo concerto della “Banda città di Ailano”, sempre alla stessa ora ma in Piazza Vittorio Veneto concerto dei Nevada. Domani mattina alle 6, nel piazzale del porto la Santa Messa officiata dal vescovo e poi la statua del Santo sarà trasportata a spalle nella Cattedrale. Resterà esposta per tutta la giornata alla devozione dei fedeli fino al tardo pomeriggio quando la Sata Messa

Tremiti, oggi l’inaugurazione della sede della Guardia costiera

ISOLE TREMITI . Questa mattina alle 11, sull'Isola di San Domino, verrà inaugurata la nuova sede della Delegazione di spiaggia della Guardia Costiera. Alla cerimonia è annunciata la presenza del Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto, ammiraglio Ferdinando Lolli, e alla presenza del sindaco delle Tremiti, Giuseppe Calabrese, il direttore marittimo di Abruzzo e Molise, Pietro Verna, il comandante della capitaneria di porto di Termoli, Raffaele Esposito, il parroco delle isole, don Nicola Cardillo. La nuova struttura - si legge in un comunicato della Capitaneria di porto di Termoli - "offrirà un importante contributo nell'adeguare le esigenze operative del Corpo a quella che è la realtà locale caratterizzata dal notevole afflusso di turisti nel periodo estivo, a tutela sia della sicurezza della vita

umana in mare che della tutela dell'ambiente, nel contesto della Riserva Marina istituita negli specchi acquei prospicienti le coste tremitesi".

precederà la processione per le principali vie del centro città. Alle 21 in Piazza Vittorio Veneto “Isabel canta Pausini” e alla mezzanotte i fuochi pirotecnici a mare chiudono i festeggiamenti. Da sottolineare che sempre domani mattina si svolgerà la seconda regata storica di San Basso che vedrà sfidarsi sette equipaggi su altrettante imbarcazioni in rappresentanza delle parrocchie termolesi. Dopo aver preso parte alla messa del mattino, gli equipaggi si sfideranno nello specchio d'acqua che va dal Lido Anna al Garim. Per queste festività è presente in città una delegazione di Chorzow, cittadina polacca gemellata con Termoli.

Lavori alla rotonda del vecchio ospedale L’opposizione presenta un’interrogazione TERMOLI – Continuano i lavori per completare la rotonda del vecchio ospedale dove al posto dei cactus si stà realizzando una “rosa dei venti”. I Consiglieri di opposizione in merito all'approvazione diella delibera di giunta su “il progetto di manutenzione della rotatoria denominata Ospedale Vecchio presentato dalla D.R.Multiservice srl” e che “il costo dell’intervento di manutenzione, stimato in euro 7.000,00 + IVA è ricompreso nell’importo stanziato nell’apposito capitolo di bilancio 2010 senza ulteriore aggravio della spesa annuale preventivato” e che l’intervento sulla rotatoria in oggetto, lasciando inalterati i profili stradali, si configura come modifica sostanziale dell’arredo interno che, aldilà della discutibile scelta tecnico-architettonico, può contrastare con le norme del Codice della Strada, Per questi motivi ghanno presentato una interrogazione con la quale chiedono al Sindaco e all'Assessore ai Lavori Pubblici se: il progetto di sistemazione è stato redatto da tecnico in possesso dei requisiti di legge e se ha ottenuto il parere istruttorio di approvazione anche in relazione al rispetto delle

norme del CdS; l’importo stimato di euro 7.000,00 + IVA è quello specifico del computo metrico di progetto ed è comprensivo di tutte le lavorazioni eseguite; aver dirottato parte delle risorse su lavori edili comporterà riduzioni delle operazioni di sfalcio sulle aree verdi.

Lions, consegna del “martelletto” per il cambio al vertice

TERMOLI - Il Lions Club Termoli Host ha proceduto, con il nuovo presidente per l’anno sociale 20102011, Pardo Desiderio, ad effettuare la cerimonia della “Consegna del martelletto” al Past President Piergior-

gio Brini, ringraziandolo per i traguardi raggiunti durante il proprio, appena trascorso, anno di presidenza. Alla cerimonia hanno anche presenziato il sindaco, Basso Antonio Di Brino, ed il Consigliere Regionale Francesco Di Falco. Il “martelletto”, usato per segnare l’inizio e la fine delle cerimonie dei Lions, è il simbolo della riconoscenza lionistica nei confronti del Presidente uscente, e la cerimonia della sua consegna - che si ripete ogni anno - segna l’avvio ufficiale del nuovo anno di presidenza. Il Presidente Pardo Desiderio, salutati e ringraziati gli ospiti intervenuti nonché tutti i soci e consorti presenti al consueto appuntamento di inizio stagione, ha poi brevemente indicato le linee guida del proprio mandato, rimandando di seguito il Lions Club Termoli Host agli appuntamenti che sin

Auguri a Raffaele che ha compiuto gli anni

Viabilità, fermate trasferite dal Terminal a piazza del Papa

TERMOLI – Raffaele ha compiuto gli “anta”. Un traguardo importante per una persona importante che tra i tanti pregi annovera l'umiltà, serietà ed onestà. In un giorno così importante a lui giungano tantissimi auguri da tutte le persone che gli vogliono un infinito bene. Ovviamente tanti auguri anche da parte della redazione de “La Gazzetta del Molise”.

TERMOLI – Da oggi all’ 8 agosto si terrà il “Convegno Nazionale della Gioventù Francescana’ con la presenza di circa un migliaio di giovani. Gran parte delle attività si svolgeranno presso l’attuale area Terminal Autobus. Per tale motivo, l’arrivo e le partenze da tale area verranno dislocate in Piazza del Papa, lato PalAirino, dal mattino del 4 Agosto alla sera dell‘8 Agosto.

da settembre terranno impegnati i suoi oltre 50 soci, sempre nell’ottica della solidarietà e dello spirito di servizio dei Lions in favore della comunità. Unitamente all’insediamento del nuovo Presidente del Club, in occasione della conviviale si è anche proceduto a formalizzare l’insediamento del direttivo del Lions Club Host di Termoli per l'anno sociale 2010/2011, che si compone, oltre all’Ing. Piergiorgio Brini quale Past President, nelle persone di: Nicola Pace, primo vice Presidente , Giovanni Lombardi, secondo vice Presidente, Alessandro Buccino, segretario ed Officer yelematico, Fiore Aufiero, yesoriere, Gianbattista Amoruso, cerimoniere, Roberto Crema, censore, Michele Smargiassi, addetto stampa, Elda Della Fazia, Presidente Comitato Soci.

17 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010


Il Bojano si è affidato all’avvocato Chiacchio

Slalom, Emanuele conquista ‘Santopadre’

Dopo aver incassato l’esclusione dalla serie D decisa dal Consiglio Direttivo del Comitato Interregionale il Bojano ha intenzione di giocarsi l’ultima carta ricorrendo all’Alta Corte del Coni. Per questo la società matesina ha ingaggiato uno dei legali più apprezzati nell’ambiente Edoardo Chiacchio. A PAG. 21

Vittoria schiacciante di Fabio Emanuele nel settimo slalom Città di Santopadre, gara valida come prova del campionato italiano slalom (55 i partenti). Il driver molisano ha letteralmente dominato la gara in terra laziale portando a casa il successo, sfuggito solo per una partenza anticipata, la scorsa settimana nella gara di Ausonia. A PAG. 22

ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IL NUOVO BASKET CAMPOBASSO HA INGAGGIATO IL PIVOT DE FALCO Il Nuovo Basket Campobasso comunica di aver acquistato il centro Domenico De Falco, classe 1983, che si andrà ad affiancare al riconfermato Biagio Sergio. Il pivot inizia a muovere i suoi primi passi a Siena dove nel 2000-2001 colleziona una presenza nella massima serie. L’anno successivo arriva l’esperienza a Monteriggioni in C1. Nel 2002-2003 il giocatore campano firma per le Forze Armate, squadra di B2. Il bilancio è buono con 27 partite all’attivo e 9.0 punti di media. Nel 2003-2004 c’è l’approdo alla Sutor Montegranaro di serie B1. L’annata successiva è contraddistinta dalla militanza in due formazioni di serie B2, ovvero il Maddaloni e la Calze Pompea Atri. Nella stagione 2005-2006 il centro salernitano viaggia verso la volta di Ostuni. A PAG. 21

LA MENS SANA CAMPOBASSO HA PRESO IL PLAYMAKER LABELLA l mercato della serie B dil. è ormai entrato nel vivo e la Mens Sana Campobasso, dopo averne oculatamente osservato l’andamento ha piazzato una stoccata destinata a rimanere negli annali del basket della città e della regione: il D.G. Umberto Anzini ha concluso nei giorni l’accordo che porterà in bianco verde nella prossima stagione niente meno che Fernando Labella. Nato a Buenos Aires (Arg) il 17 agosto 1971, 185 cm. per 85 Kg di peso forma, Labella è un playmaker che vanta una lunghissima carriera suddivisa fra A1 e A2 per quasi un ventennio. Cresciuto cestisticamente nella “Ferro Carril Oeste” di Baires, sbarca a Pesaro ancora giovanissimo dando inizio ad una brillante carriera che lo porterà a Venezia. A PAG. 21

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

Il numero uno della Figc non si è espresso rimandando tutto all’ufficialità del consiglio

Giocata ieri l’ultima carta Domani il giorno della verità Il presidente Capone e il sindaco Di Bartolomeo sono stati ricevuti da Giancarlo Abete Nella mattinata di ieri il presidente Ferruccio Capone e il sindaco di Campobasso Luigi Di Bartolomeo si sono recati a Roma, presso la Federcalcio, e sono stati ricevuti dal presidente della Figc Giancarlo Abete. La ‘gita’ romana è stata l’ultima carta giocata per non lasciare nulla di intentato. Le strade che potrebbero portare alla II divisione sono state percorse tutte. Al numero del calcio italiano Capone e Di Bartolomeo hanno esposte le motivazioni per le quali sarebbe giusto portare il capoluogo molisano nel professionismo. Innanzitutto è stato ricordato il blasone calcistico della città, i suoi trascorsi e i suoi successi. E’ stato ribadito che Campobasso rappresenta un capoluogo di regione ed ha un importante bacino d’utenza. Alla fine, ma non da ultimo, è stata esposta la regolarità dello stato economico finanziario: la Covisoc ha espresso parere positivo riguardo la posizione della società di Capone per quel

che concerne le fidejussioni e gli assegni. Pertanto si è cercato in qualche modo di rafforzare la posizione della società. Come facilmente intuibile il presidente Abete non ha potuto fornire alcuna indicazione. Ha preso atto di quanto esposto, rimandando l’ufficialità della decisione alla giornata di domani. Il capo della Figc ha affermato di non poter esprimersi sia per questioni di correttezza, sia perché un’eventuale fuga di notizia sarebbe negativa per tutte le altre società interessate. Diciamo che l’incontro è stato interlocutorio, ma non è servito a sciogliere la matassa. Come ormai ripetiamo da giorni bisognerà attendere necessariamente la giornata di mercoledì 4 agosto per l’ufficialità dei ripescaggi. Proprio per tale ragione, nessuno in queste ore ha voglia di sbilanciarsi. “Abbiamo fatto una camminata nella Capitale – ha affermato il sindaco Di Bartolomeo – e ci siamo giocati quest’ultima carta. Ovviamente

Di Bartolomeo: ‘Ci siamo giocati quest’ultima possibilità Sono moderatamente ottimista’

20 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010

abbiamo fatto il possibile per esercitare le dovute pressioni, ma per il momento non c’è dato sapere nulla.” Qual è il suo pronostico? “Sono moderatamente ottimista.” Sulla stessa lunghezza d’onda l’avvocato Franco Mancini, il quale è stato al lavoro, capitanando un pool di avvocati, per allegare alla richiesta di ripescaggio una nota in cui si è evi-

denziato come la questione del presunto illecito, non possa influire in alcun modo con l’esito finale della questione. “Sinceramente in questo dato momento – ha affermato l’avvocato Mancini – non saprei proprio cosa pensare. L’unica certezza è che abbiamo fatto il possibile e ce l’abbiamo messa tutta. Tant’è che la Covisod si è espressa positivamente su l’incartamento dai noi

L’ufficio legale della Figc ha esaminato nella serata di ieri la posizione del Campobasso Mercoledì, oltre ai ripescaggi, saranno ratificati anche i gironi di I e II divisione

Non si è voluto esprimere il presidente Capone che ha rimandato ogni commento

Mancini: ‘In questo momento non saprei cosa dire, il dato certo è che abbiamo fatto di tutto’

presentato per la domanda di ripescaggio. La visita del presidente e del sindaco a Roma è stata importante, ma notizie ufficiali non ce ne sono. Abete si è posto come un interlocutore che ha preso atto della situazione, senza sbilanciarsi. Dobbiamo necessariamente attendere l’ufficialità.” Allo studio del pool di avvocati anche la possibilità di eventuali ricorsi in caso le cose non dovessero andare per il verso giusto. Ma sembrerebbe che a cose fatte, tutto sarebbe inutile. Il presidente Abete, dunque, non ha potuto far nulla per il Campobasso, in quanto tutto dipenderà dall’ufficio legale che ha esaminato la pratica della società di Capone proprio nel pomeriggio di ieri. Il patron rossoblù non si è voluto esprimere, rimandando ogni commento a cose fatte. Infine aggiungiamo che dalla riunione del consiglio federale di domani scaturiranno anche i gironi di I e II divisione. IR

Il presidente Abete non si è sbilanciato scaricando ogni responsabilità sull’ufficio legale

Anderson estratto vivo dall’ auto

Lotito:“Ledesma non è sul mercato”

Il centrocampista brasiliano del Manchester United Anderson è sopravvissuto a un pauroso incidente d'auto avvenuto a Braga(nord del Portogallo).Il giocatore, scrive il Daily Telegraph, è stato estratto vivo dalla sua auto in fiamme e ora è ricoverato in ospedale. L'incidente è avvenuto nella notte tra sabato e domenica; l'auto di Anderson è esplosa dopo essere uscita di strada, essersi schiantata contro un muro ed esser finita in un prato. A bordo dell'auto un altro uomo e una donna.

'Ledesma non è sul mercato': lo ha ribadito il presidente della Lazio, Claudio Lotito, intervenendo in diretta telefonica a Sky.'Contiamo che voglia rinnovare il contratto come hanno fatto gli altri, e' rimasto solo lui -ha spiegato il patron-. Non mi risulta che voglia andar via, ma se così fosse ci informerà e valuteremo'. Quanto a Hernanes, nessuna ufficialità: 'Quando ci sarà, faremo sapere'. Il patron ha poi detto che alla Lazio mancano ancora altri 'due o tre innesti'.


S P O RT CALCIO SERIE D

Ultima chance per il Bojano La società matesina si è affidata all’avvocato Chiacchio per ricorrere all’Alta Corte del Coni Dopo aver incassato l’esclusione dalla serie D decisa dal Consiglio Direttivo del Comitato Interregionale il Bojano ha intenzione di giocarsi l’ultima carta ricorrendo all’Alta Corte del Coni. Per questo la società matesina ha ingaggiato uno dei legali più apprezzati nell’ambiente Edoardo Chiacchio che insieme al collega isernino Michele Cozzone avrà il compito di dimostrare che il club biancorosso ha tutte le carte in regola per essere riammesso in serie D e che il bonifico sostitutivo della fideiussione è stato presentato con qualche giorno di ritardo rispetto al previsto. Si farà leva soprattutto su un precedente risalente alla scorsa stagione e che ha riguardato il Grottaglie, inizialmente escluso dall’Interre-

gionale perché la società pugliese aveva presentato con ritardo la documentazione relativa all’iscrizione al campionato ma poi, dopo il ricorso all’Alta Corte, riammesso con ritardo e inserita come diciannovesima squadra nel girone H della serie D. Ad alimentare la tesi difensiva i quarantotto anni di storia calcistica dell’US Bojano nei quali figurano sette campionati disputati in serie D, con una finale play off storica persa contro la Pro Vasto, e tre campionati di Eccellenza vinti. Insomma si proverà il tutto per tutto per non cancellare quasi un cinquantennio di storia che rappresenterebbe una sconfitta non solo per la città di Bojano ma per l’intero calcio molisano che così perde-

rebbe una delle squadre che in questi anni ha rappresentato il Molise al di fuori dei confini regionali. Intanto, in attesa di nuovi e si spera confortanti sviluppi, la squadra agli ordini del tecnico Luciano D’Agostino ha ripreso ieri la preparazione con l’inizio ufficiale del ritiro che terminerà il prossimo 14 agosto; gli allenamenti si svolgeranno tra San Giuliano del Sannio e Bojano mentre la squadra alloggerà nel centro sportivo di Vinchiaturo. Ai piedi del Matese insomma si respira un clima di cauto ottimismo ma è chiaro che non bisognerà dare nulla per scontato fino a quando la giustizia sportiva non si pronuncerà definitivamente sul destino del club biancorosso. JM

Mister D'Agostino continua a lavorare con il gruppo

BASKET SERIE B DILETTANTI

Ancora un colpo di mercato Mens Sana: Fernando Labella è il playmaker dei biancoverdi per il Nuovo Basket Ingaggiato il pivot De Falco

Il Nuovo Basket Campobasso comunica di aver acquistato il centro Domenico De Falco, classe 1983, che si andrà ad affiancare al riconfermato Biagio Sergio. Il pivot inizia a muovere i suoi primi passi a Siena dove nel 2000-2001 colleziona una presenza nella massima serie. L’anno successivo arriva l’esperienza a Monteriggioni in C1. Nel 2002-2003 il giocatore campano firma per le Forze Armate,

squadra di B2. Il bilancio è buono con 27 partite all’attivo e 9.0 punti di media. Nel 20032004 c’è l’approdo alla Sutor Montegranaro di serie B1. L’annata successiva è contraddistinta dalla militanza in due formazioni di serie B2, ovvero il Maddaloni e la Calze Pompea Atri. Nella stagione 2005-2006 il centro salernitano viaggia verso la volta di Ostuni, sempre in B2, dove parte regolarmente nello starting five della squadra pugliese. Successivamente è il turno del Naturino Civitanova Marche, compagine di pari categoria. Anche qui la sua presenza in quintetto è costante con una media di 8.6 punti. Le percentuali sono alte da due (53.4%), così come dalla linea dei tre punti (32.9%). Nell’anno 20072008, De Falco rimane nella Marche, andando a giocare ad Ancona, sempre in B Dilettanti. L’ultimo campionato lo vede protagonista a Ruvo di Puglia (A dilettanti). Il nuovo acquisto campobassano raggiunge i playoff con i pugliesi, mettendo insieme 24 presenze e partendo sempre nel quintetto base. Alla fine della stagione De Falco, ottavo nella particolare classifica degli assist (2.75), colleziona 5.2 punti di media a partita, con una percentuale al tiro da due del 46.0%.

Il mercato della serie B dil. è ormai entrato nel vivo e la Mens Sana Campobasso, dopo averne oculatamente osservato l’andamento ha piazzato una stoccata destinata a rimanere negli annali del basket della città e della regione: il D.G. Umberto Anzini ha concluso nei giorni l’accordo che porterà in bianco verde nella prossima stagione niente meno che Fernando Labella. Nato a Buenos Aires (Arg) il 17 agosto 1971, 185 cm. per 85 Kg di peso forma, Labella è un playmaker che vanta una lunghissima carriera suddivisa fra A1 e A2 per quasi un ventennio. Cresciuto cestisticamente nella “Ferro Carril Oeste” di Baires, sbarca a Pesaro ancora giovanissimo dando inizio ad una brillante carriera che lo porterà a Venezia, Montecatini (vincendo il campionato di A2), Imola, Teramo (conquistando anche in Abruzzo la massima serie) Rimini, Caserta e negli ultimi due anni in seria A dil. prima ad Ostuni e poi Potenza. Labella ha la fortuna di incrociare la generazione gloriosa di giocatori che hanno lasciato tracce indelebili nel panorama cestistico nazionale negli anni ‘90 (ha condiviso lo spogliatoio con Antonello Riva, Walter Magnifico, Ario Costa, Sandro Dell’Agnello a Pesaro sotto la guida di Valerio Bianchini) che ha lasciato il testimone a giocatori del calibro di Flavio Ca-

rera, Roberto Chiacig, Ken Barlow e German Scarone. Con quest’ultimo, argentino come lui, ha condiviso la cabina di regia prima a Montecatini e poi a Rimini, mandando letteralmente in visibilio schiere di buongustai dell’assist. Di lui parlano oltre i numeri, la capacità di leggere le difese avversarie, la pulizia e la fluidità del gesto tecnico e la inesauribile esperienza che ne fanno un giocatore molto preciso dalla media distanza ma, soprattutto, un grande maestro di assistenza. Con lui in campo le squadre beneficiano in termini di prolificità sia per i lunghi che per le guardie che si esaltano sfruttando l’oculatissima visione di gioco di cui è dotato. Atleticamente molto valido, , tanto da avere corso per quasi 35’ filati di media nelle ultime due stagioni in serie A dil. sarà nei prossimi giorni a Campobasso per l’avvio ufficiale della stagione 2010-2011 previsto per il prossimo 16 di agosto con il ritrovo collegiale. “E’ di sicuro l’arrivo più importante mai registrato in Regione in ambito cestistico” queste le dichiarazioni di Umberto Anzini che ha diretto le operazioni per l’arrivo nel capoluogo dell’asso italoargentino “Labella sarà il capitano della Mens Sana e oltre a prendere per mano la squadra per mantenere la prestigiosa categoria contribuendo con la sua esperienza

Messi:“Ho sofferto per il Mondiale”

Prandelli:“Si a Balotelli e Antonio Cassano”

'Ho sofferto molto per come è andato il Mondiale, visto che mi aspettavo di più. Ora però mi sono ripreso e penso solo al Barcellona'.Lo ha detto Leo Messi appena sbarcato in Corea del Sud. 'Vincere tutto non sarà facile, ma abbiamo un'ottima rosa e questo gruppo non vede l'ora di ricominciare. I nostri compagni campioni del mondo arrivano con il morale a mille', aggiunge la 'Pulce'. Poi un accenno a Mourinho alla guida del Real: 'Non rappresenta una motivazione extra. Già le abbiamo'.

Cesare Prandelli pensa ad Amauri come primo oriundo della sua nazionale, e quanto a Balotelli e Cassano il tandem si può fare. Il 10 agosto a Londra la nuova Italia scende in campo nell'amichevole con la Costa d'Avorio e il neo ct azzurro ha le idee chiare. 'Dobbiamo riscoprire l'entusiasmo - dice Prandelli - a me non interessa cercare un leader'. Buffon sarà il nuovo capitano e vista la sua assenza nel primo test la fascia andrà a Pirlo ('se ci sarà') o a De Rossi.

alla valorizzazione ed al miglioramento dei giovani farà stropicciare gli occhi agli amanti del basket giocato ad alti livelli. Fernando non ha esitato un attimo alla nostra proposta accettando con grande entusiasmo, viste anche le referenze acquisite nell’ambiente che fanno ormai della nostra società, un ambiente ricercato e , senza falsa modestia, ambito per gli stimoli e la serenità che gli atleti ritrovano qui a Campobasso. Labella inizierà un nuovo corso della sua carriera mettendo la sua esperienza e la sua voglia di giocare e di divertirsi. “. Grande soddisfazione ovviamente anche per coach Giacomo Leonetti che ha occupato la prima casella della Mens Sana di quest’anno con un nome prestigiosissimo che gli darà sufficienti garanzie e stimoli per una stagione memorabile.

21 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010


S P O RT AUTOMOBILISMO

Emanuele conquista Santopadre Vittoria schiacciante del pilota molisano nello slalom che si è disputato in terra laziale Vittoria schiacciante di Fabio Emanuele nel settimo slalom Città di Santopadre, gara valida come prova del campionato italiano slalom (55 i partenti). Il driver molisano ha letteralmente dominato la gara in terra laziale portando a casa il successo, sfuggito solo per una partenza anticipata, la scorsa settimana nella gara di Ausonia. Al volante della sua Osella Pa 9 Emanuele ha confermato il suo grande valore e lasciato poco o nulla agli avversari. E così, Frioni (vincitore la scorsa settimana) e Castellano si sono dovuti accontentare della seconda e della terza posizione. Nelle quattro salite di

gara Emanuele ha sempre avuto il comando delle operazioni facendo registrare il miglior tempo assoluto. <Nelle ultime due gare i miglioramenti sono stati notevoli ed evidenti grazie al lavoro svolto per trovare il giusto bilanciamento della vettura – dichiara soddisfatto – è arrivata la vittoria e sono contento di questo ma adesso bisogna guardare avanti e cercare di migliorare ulteriormente l’auto nei prossimi appuntamenti. Il primo gradino del podio non deve essere un punto di arrivo ma di partenza>. La prossima gara in programma sarà in Piemonte il 29

agosto nello slalom Città di Oulisauzed’Oulx in provincia di Torino. Gli altri molisani in gara – E’ stata una domenica felice per la giovane e promettente figlia d’arte Martina Iacampo che a bordo della sua Peugeot 106 ha conquistato la vittoria di gruppo Vsoa che le ha consentito di balzare al comando della classifica assoluta nel tricolore femminile e nell’under 23. L’augurio è che la giovane campobassana possa portare l’alloro in Molise. Bene si sono comportati anche Daniel Di Biase e Gianluca Evangelista che, su A112, hanno conquistato rispettivamente il primo e secondo posto in classe S2.

CALCIO A 5

Cavalcante: ‘Ho scelto Venafro perché la società è ambiziosa’

Cleiton Alex Cavalcante In trattativa con diversi giocatori di alto livello tecnico, la Scarabeo Calcio a 5 Venafro ha finalmente scelto lo straniero che vestirà la maglia bianconera nelle prossime stagioni, mettendo a segno un gran colpo di mercato: il brasiliano Cleiton Alex Cavalcante sposa in pieno il progetto della società venafrana, e arriverà in Italia il 12 agosto prossimo, dove una delegazione societaria l'accompagnerà a Venafro, per poter, nei giorni seguenti, sottoporsi alle rituali visite mediche. Cavalcante è un universale puro, che coniuga il rigore e la sapienza tattica

22 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010

con buoni dosi difensive, e possiede, nel contempo, una estrema e straordinaria facilità nella fase realizzativa, sia in fase di regìa che in quella della finalizzazione dell'azione offensiva. E' arrivato in Italia nel 2004 e ha giocato le sei stagioni passate metà nel Modugno Calcio a 5, e metà a Matera, nel Matera calcio a 5. Col Modugno ha vinto il campionato di Serie B e, nello stesso anno, è arrivato in finale di Coppa Italia, segnando in 28 partite ben 47 reti. Anche se il suo valore e il contributo alla squadra non si limitano esclusivamente al reparto offensivo, i numeri la dicono tutta sul suo valore di bomber: in 6 sei stagioni ha giocato 138 partite in Serie B, fra campionato e Coppa Italia, collezionando 225 goal! Nel pieno della maturità calcistica, per le caratteristiche tecniche e tattiche che possiede e per la facilità con cui conclude a rete, nella scorsa stagione (31 reti su 20 partite), è stato considerato dagli addetti ai lavori uno dei migliori giocatori dell'intera Serie B. Corteggiato da tempo dalla società molisana, che, insieme ad altre, avrebbe voluto acquisirlo nel proprio organico, il brasiliano ha deciso nei giorni scorsi di unirsi al gruppo gui-

Cavalcante in azione dato da Mister Cipro, forse proprio perché ha constatato che i proclami di crescita e di ambiziosi progetti che venivano comunicati sui diversi organi di stampa già da tempo, hanno cominciato a prendere corpo e sostanza con il paziente lavoro che tutti i membri dello staff dirigenziale stanno portando avanti. Contattato via mail dall'ufficio comunicazione della sua

nuova società sportiva, l'asso brasiliano così ha commentato questa sua decisione: “Ho scelto di giocare nella Scarabeo Calcio a 5 Venafro perché è una società con dei progetti ambiziosi, che ha voglia di crescere e di fare bene nel calcio a cinque, esattamente come me. Sono contento di fare parte di questo grande gruppo, di questa grande società di questo importante progetto!”.

Moratti:“Per Benitez una buona partenza”

Niente Nazionale per Ribery e Benzema

La vittoria dell'Inter sul Manchester City dell'ex Roberto Mancini è stata per Massimo Moratti 'una buona partenza per Benitez'. La squadra 'mi ha fatto un'impressione subito molto buona per il gioco molto veloce ha detto il numero uno nerazzurro - e mi ha colpito il fatto che sia già ben amalgamata'. Il presidente nerazzurro si è poi complimentato 'per i giovani, come Coutinho, che hanno fatto molto bene' e ha letto il match giocato negli Usa come un segnale 'di buone speranze'.

Nonostante il 'nulla osta' del ct della Francia, Laurent Blanc, il governo di Parigi continua a dire 'no' alle convocazioni di Ribery e Benzema. Il ministro dello Sport, Roselyne Bachelot, afferma: 'Sono sicuramente innocenti, ma allo stato attuale mette in grande difficoltà l'ipotesi che persone sotto inchiesta vengano convocate nella Francia'. Ribery e Benzema sono accusati di avere avuto rapporti sessuali con la escort Zahia D., all'epoca dei fatti minorenne.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

ORARI

Oroscopo

TRENI CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza 06:02 06:49 09:30 12:20 14:12 17:13 17:40 20:55

Arrivo 07:40 08:35 11:07 14:11 15:56 19:02 19:30 22:45

Ariete 21 mar - 20 apr

TERMOLI-CAMPOBASSO

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta “Screppelle rechiene” (Ricetta dell’800) 6 uova 300 gr di farina mezzo litro di latte 200 gr di carne tritata 150 gr di caciocavallo stagionato o mozzarella 150 gr di spinaci lessati

una piccola cipolla una costa di sedano una carota q. b. di sale un peperoncino q. b. di olio d’oliva extravergine

(DIRETTI)

Partenza 05:46 06:44 12:13 13:22 14:40 16:13 17:14 18:40 20:48

Arrivo 07:39 08:23 13:56 15:00 16:25 17:59 18:55 20:30 22:38

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:50 08:53 08:28 11:40 12:19 16:25 14:15 17:16 16:30 19:25 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 06:15 09:15 11:15 14:15 14:47 16:45 17:15 19:40

Arrivo 09:18 12:15 15:22 17:30 19:25 20:15 20:46 22:40

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS Fate la pastella con uova, farina, latte e sale e versatela a cucchiai in una padella della giusta misura, inclinando per tirare fine le crespelle e rigirando quando si arricciano ai bordi. Riempitele, poi, con la carne indorata nel battuto e gli odoretti, con gli spinaci lessati e passati in padella con l’olio e mezzo peperoncino, con caciocavallo o mozzarella a pezzetti. Arrotolare e sistemare in un tegame da forno cospargendo con latte, uova, caciocavallo grattugiato sbattuti. Cuocere a suo tempo. Le stesse crespelle, disposte a strati, alternando polpettine e fegatelli saltati in padella, carciofi trifolati, spinaci insaporiti e formaggio, si trasformano nel timballo rituale. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

DI TORO P.zza Gabriele, 32 Tel. 0874.311018

SAN LAZZARO Via Tedeschi G., 39 Tel. 0865.299310

COMUNALE 3 (di appoggio) Ospedale Veneziale Via Toscana, 24 centralino 0865.4421 Tel. 0874.65873 Ospedale Cardarelli Municipio centralino 0874.4091 Tel. 0865.50601 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921 Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno SPAGNOLETTI - Via Molise, 78 - Tel. 0875.703846 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591

MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45

Municipio 0875.7121

NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia

Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432

ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

A D N E G A

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata sarete un pochino più lenti del solito, ma questo non vi impedirà di portare avanti tutti i vostri impegni, anche con grande serietà. Infatti, soltanto i più attenti si accorgeranno del vostro non essere nel pieno delle forze, mentre gli altri non ne saranno minimamente toccati, quindi non ci sarà bisogno di scusarsi! Toro - Avete espresso spesso le vostre perplessità ultimamente, ma non siete stati chiari proprio con tutti anzi, forse con l'unica persona con la quale dovevate esserlo, non avete neppure parlato. E' troppo semplice a volte parlare con chi non ha cognizione di causa, poiché non può controbattere, ma è sbagliato non farlo riferendosi direttamente all'interessato! Gemelli - In questa giornata sarete a disposizione delle persone che amate fisicamente, ma un po' meno mentalmente, forse perché siete stufi di prendervi cura sempre e solo degli altri e pensare poco a voi stessi. Vorreste che qualcuno, altrettanto altruista, vi dimostrasse un po' di impegno in più in campo affettivo! Cancro - In questa giornata sarete particolarmente attivi dal punto di vista mentale e questo vi aprirà l'ennesima porta per dimostrare a chi di dovere, che hanno fatto bene a fidarsi di voi e che faranno bene anche in futuro. Il vostro entusiasmo non è paragonabile con quello dei vostri colleghi ed è questo che convince più di ogni altra cosa! Leone - In questa giornata sarete particolarmente interessati ad alcune questioni gestionali, che potrebbero portarvi a considerare l'opportunità di mettervi in società con qualcuno o di partecipare comunque ad un progetto che ritenete valido. Non c'è niente di male nel mostrare un po' di entusiasmo, per cui non costringetevi a tacere! Vergine - In questa giornata preparatevi ad avvertire una sensazione di sollievo, in quanto riuscirete a togliervi un peso che da tempo vi opprime e non vi lascia liberi di agire su più fronti. Forse un progetto si sta sbloccando e forse è giunto il momento per voi di ingranare la marcia che avevate paura di ingranare tempo fa. Bilancia - Sarete molto concentrati sul posto di lavoro e questo vi permetterà di distrarvi se a casa o nelle questioni sentimentali c'è un po' di confusione. Per certe cose bisogna avere pazienza, ed è proprio quella che vi porterà a dedicarvi ad altro, anima e corpo, senza alzare mai la testa. A fine giornata almeno vi sentirete utili per qualcuno! Scorpione - In questa giornata avete l'occasione per prendere di petto una questione che riguarda la vostra famiglia e che per mancanza di tempo non avete potuto risolvere prima. Non abbiate timori strani, in quanto se non ci riuscite voi a definire il tutto, difficilmente ci riuscirà qualcun altro! Prendetevi dunque questa responsabilità! Sagittario - Potete sicuramente prendere maggiore coscienza di alcune situazioni che accadono intorno a voi e che non avete avuto modo di considerare più seriamente in passato. Vi accorgerete ad esempio, di quanto gli altri conoscano di voi e di quanto invece voi non conosciate degli altri. Questo vi servirà per essere più attenti e concentrati sempre! Capricorno - Nella giornata odierna potete sicuramente trovare un motivo in più per essere sereni: le persone che vi sono vicino vi stimoleranno in questo senso. Siete fortunati ad avere accanto persone che sono in grado di condizionarvi fino a questo punto e che non si lamentano per la vostra scarsa partecipazione, ma che hanno una buona parola per voi Acquario - In questa giornata dovreste cercare di prendere del tempo prima di esprimere la vostra opinione, non tanto perché sia sbagliata, ma semplicemente perché avete qualche problemino nell'apprendere in modo veloce oggi e quindi potreste fraintendere le parole di qualcun altro ed instaurare una discussione senza motivo di essere! Pesci - In questa giornata fareste bene a dare delle opportunità migliori alle persone che vi sono vicino, in quanto essi le meritano e non meritano invece un trattamento superficiale come quello che vorreste riservare loro, per fargliela pagare di qualcosa di cui non sapete bene neppure la motivazione. Agite troppo per partito preso!

23 ANNO III - N° 177 MARTEDÌ 3 AGOSTO 2010



gazzetta1