Issuu on Google+

SPORT

Per la pubblicità

l'informazione sportiva della tua città

Calabriacity

Tel. 0961.996802

il Corriere dei due mari Servizi a cura di Carlo Talarico per il Corriere dei due mari SPORT

Febbraio 2009

Il "secondo" derby con la Vibonese senza vincitori Le squadre si sono affrontate a distanza di una settimana dal rinvio per impraticabilità del terreno di gioco In questo numero

Calcio

Tutte le volte in cui nebbia e pioggia hanno impedito alle aquile di giocare

Vigor Lamezia

La formazione di mister Ammirata rimedia una brutta sconfitta ad Atessa con la Val di Sangro. Ora bisogna ripartire

di Carlo Talarico La lunga storia del calcio a Catanzaro contiene una microstoria altrettanto lunga di gare sospese per via di condizioni impossibili e perciò inconciliabili con lo sport giocato. Tanto a Catanzaro che in trasferta, i giallorossi si sono fermati diverse volte. Questi "avvenimenti", dunque, iniziano nel 1949, allorquando il 19 giugno ci si reca a Brindisi per il recupero di una gara in precedenza sospesa per la impraticabilità del terreno di gioco pugliese. La partita termina con la sconfitta della squadra giallorossa (2-1) che in quella stagione si piazza al quindicesimo posto del girone D di serie C, conquistando ad ogni modo la salvezza. Il 20 dicembre del 1953, nella nuova serie C a girone unico, il Catanzaro affronta una delle trasferte più lunghe, Venezia, malauguratamente però, la partita viene sospesa. Nel recupero del 24 gennaio 1954, termina 1-1 coi giallorossi allenati da Orlando Tognotti in vantaggio con Scroccaro, poi raggiunti da Corti. Nella stagione seguente il calendario riserva alle aquile del presidente Aldo Ferrara, un’altra gara nel periodo natalizio nel profondo nord, stavolta si va a Piacenza. Si gioca fino al 68’ quando la nebbia avvince tutto e tutti e, sul risultato di partenza, costringe le squadre alla ripetizione della gara il 16 gennaio 1955, allorquando i giallorossi vengono sconfitti dai biancorossi che vanno a segno con Carminati. In quella stessa stagione, poi, un’altra gara viene sospesa per nebbia, il 28 marzo 1954, infatti, Catanzaro e Sambenedettese devono fermarsi sul risultato favorevole agli adriatici (1-0 con rete di Traini II). Nel recupero disputato il successivo 11 aprile termina senza vincitori e senza reti. Stranissima e comunque triste, invece, la storia di una gara maledetta, Pavia-Catanzaro della stagione 1956/’57. Si gioca il 28 ottobre. I giallorossi stanno per espugnare il terreno di gioco dei lombardi grazie ad una rete di Stefano Raise quando, corre il minuto numero 82, il mediano Pietro

a pagina 28

Basket Nuovo Basket Soverato

Gara rinviata a data da destinarsi: il Cus Cosenza causa maltempo non riesce ad arrivare in tempo utile al Palasport di Sant’Andrea sullo Jonio a pagina 33

Rugby Dioscuri Lamezia

Ben 16 ore di viaggio fino a Brindisi ma poi il team non può scendere in campo perché lo stesso risulta impraticabile a pagina 31

Torrini per contendere di testa la palla ad un avversario nel ricadere si accascia. E’ inutile il prodigarsi dei soccorritori e la corsa in ospedale, dove il forte calciatore giunge cadavere. Gara da ripetere. Si rigioca il 19 dicembre (una data che per il Catanzaro come già visto significa rinvio) ma il match, causa nebbia, viene interrotto al 58’. Finalmente, poi, al terzo tentativo il 6 febbraio 1957 Pavia-Catanzaro finisce con la vittoria calabrese, grazie alla rete di Giancarlo Fabrello. Tre trasferte a Pavia, un calciatore morto e due punti in classifica in una stagione avara per la formazione calabrese che riuscirà, comunque, a conquistare la salvezza. Sempre nel 1957, per l’esattezza il 29 dicembre (ancora in serie C), tocca ai giallorossi guidati da Piero Pasinati e alla Biellese fermarsi dopo nove minuti di gioco per via della nebbia. Le contendenti si ripresentano al Militare il 19

febbraio 1958 e le aquile liquidano i piemontesi con un poker firmato da Luciano Scroccaro, Stefano Raise (autore di una doppietta) e Antonio Lionetti. Passano gli anni, anzi i decenni e si giunge al 7 marzo del 2004, campionato di serie C1, il lanciatissimo Catanzaro guidato da Piero Braglia si trova davanti il Paternò e una nebbia tipicamente milanese che impedisce l’inizio dell’incontro. Non si gioca e ci si ripresenta sul rettangolo di gioco il 31 marzo. Antonio Morello e Giorgio Corona piegano le resistenze dei siciliani allenati dall’ex catanzarese Maurizio Pellegrino. A seguire non si gioca al Ceravolo, ancora una volta a causa della nebbia anche se il terreno di gioco risulta alquanto imbibito da abbondanti precipitazioni, il 28 gennaio 2006. Teatro della gara è l’ultima serie B disputata dalla gloriosa Unione Sportiva.

www.quinotizie.info

Il Catanzaro e il Verona riescono a stare in campo solo 4 minuti, avvolte come sono dalla nebbia che in quei pochi secondi genera anche un parapiglia tra calciatori delle opposte fazioni. Il pubblico non se ne accorge e fischia perché il corrispettivo del costo del biglietto si chiama nebbia. Giunge, fortunatamente, il triplice fischio finale e, per la prima volta in Italia, la gara riprende dal minuto in cui si è verificata l’interruzione. Il successivo 18 febbraio si disputano i rimanenti 86 minuti di gioco, ma tanto i giallorossi allenati da Bruno Giordano che i gialloblu di Massimo Ficcadenti non riescono a superarsi. Ora è stata la volta di Catanzaro e Vibonese fermate dall’acqua caduta copiosamente. Tirando le somme siamo già a quota tre gare rinviate al Ceravolo nel giro di cinque anni. Si avvicinerà mica un’altra era delle glaciazioni?


24

Sport Catanzaro

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Sport Catanzaro

Provenza se la prende col terreno di gioco

Entrare al Ceravolo è ormai diventata un’ardua impresa

fare un ragionamento di questo tipo, perché se voi mi dite cosa poteva fare il Catanzaro di più sono pronto ad accettare anche le critiche". Ad ogni modo delle differenze tra primo e secondo tempo si sono viste nella formazione di casa: "Ci sono state nel modificare un po’ l’assetto e cercare di non giocare in zone del campo dove non si riusciva nemmeno a camminare. Ci sono state azioni in cui, a sinistra, Armenise aveva difficoltà anche a trascinare la palla in avanti". Di pareggio casalingo in pareggio casalingo il Cosenza vola a +8, ecco il Provenza-pensiero, anche su questo punto orientato sempre sulla stessa lunghezza d’onda di cui sopra: "Se avessimo giocato su un terreno di gioco normale anche con Gela e Noicattaro, lasciando loro dei punti, non so come starebbero oggi le cose, poi il calcio è strano e puoi anche perdere, però una squadra che fa ventuno risultati utili consecutivi, che ha un valore e un’identità, se la gioca molto meglio se le condizioni sono, non dico ottimali, ma sufficienti". Non resta allora che sperare che Giove pluvio abbandoni Catanzaro al più presto.

Il pubblico. Croce e delizia di tutte le società di calcio. Quando le cose vanno bene gli stadi tendono a riempirsi, nei periodi di magra, viceversa, platee vuote e solitudine. Poi c’è il caso del Catanzaro, ovvero di una squadra amatissima dai propri tifosi, in questa stagione con buone possibilità di promozione in prima divisione, che non riesce ad attirare spettatori allo stadio. Il Nicola Ceravolo, spesso desolatamente vuoto, non attira più? No, non è così. E’ che la farraginosità per venire in possesso di un biglietto nominativo, in uno con la scarsa organizzazione della società nell’approntare i mezzi (leggi avere più computer e stampanti per l’emissione dei biglietti nominativi) necessari ad eliminare le estenuanti file per arrivare all’agognato tagliando di ingresso, scoraggiano gli spettatori già incappati in precedenza in queste fatiche di Sisifo. E cosa dire dei tanti tifosi residenti in provincia che arrivano alla biglietteria, fanno la fila e poi entrano allo stadio con la partita iniziata da mezzora? Encomiabili sicuramente, ma la volta successiva non prenderanno più la via di Catanzaro direzione stadio.

di Carlo Talarico

"Noi facciamo calcio e il calcio si gioca su un terreno di gioco idoneo, questo non è idoneo, c’è poco da fare", è alquanto infastidito mister Provenza al termine di Catanzaro-Vibonese terminata senza reti e condizionata da una serie di fattori (terreno, pioggia violenta a tratti e vento gelido). Il tecnico va giù duro su questo fronte: "Questo non è un terreno pesante, questo è un terreno dove non è possibile giocare a calcio. E’ bene che lo si dica una volta per tutte che se il Catanzaro vuole costruire un futuro - afferma Provenza -, deve partire dalle strutture. Io sono una persona che cerca con calma e ponderazione di dire le cose, però ci sono dei limiti a tutto ciò, e penso che in questo momento la condizione del terreno di gioco renda impossibile qualsiasi tipo di situazione. Ho parlato anche con Pino Crapella (responsabile dei manti erbosi calcistici di mezza Calabria, Catanzaro compreso ndr) che sta facendo i salti mortali per tenere questo terreno, ma il problema non è l’erba, il problema è il drenaggio saltato da anni. Se si vuole programmare

qualcosa di importante e si gioca a calcio, per giocare a calcio c’è bisogno di un terreno, se voi pensate che questa è stata una partita di calcio allora abbiamo visuali diverse". Provenza appare restio a parlare dell’incontro, però qualcosa ha espresso il derby con la Vibonese: "L’aspetto calcistico e i punti ci lasciano delusi. Ma di aspetto calcistico non ne ho visto perché questa, come ho detto, non è una partita di calcio. Sotto l’aspetto dei punti quello conquistato ci sta stretto, perché il Catanzaro ha profuso tutte le energie che aveva a disposizione riguardo al contesto della gara, poi è chiaro che la Vibonese ha fatto la sua partita, come è giusto che fosse, ed è stata agevolata moltissimo da un alleato che era stato già alleato di altre squadre al Ceravolo, cioè Noicattaro e Gela, per cui è più facile prendere dei punti qui". Se si cerca di saperne di più Provenza si acciglia: "Io non ho visto calcio qui, se mi dite che la Vibonese ha bloccato la mia squadra quando il Catanzaro ha creato non so quante palle gol, allora parliamo di un’altra partita e va bene lo stesso, però mi rifiuto di

www.quinotizie.info


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Sport Catanzaro Approvata la variante tecnica da parte della commissione lavori pubblici del Comune per lo stadio Nicola Ceravolo La Commissione lavori pubblici del Comune di Catanzaro, presieduta dal consigliere Antonio Gigliotti, ha espresso parere favorevole alla variante tecnica dei lavori di adeguamento normativo dello stadio "Nicola Ceravolo". Il progetto redatto dai tecnici comunali, Franco Procopio e Giovanni Mancuso, e che avrà come direttore dei lavori Luigi Franco, del settore gestione del territorio, è stato attentamente vagliato dai componenti la commisione presenti alla seduta: Eugenio Riccio, Sergio Costanzo, Benedetto Cassala, Amedea

Rizzuto e Carlo Nisticò. Tutti si sono detti soddisfatti delle proposte tecniche apportate che rispondono alle normative vigenti e vanno in direzione di una migliore fruizione dell’impianto. La commissione ha

poi auspicato che lo sforzo finanziario che l’ente sta sostenendo possa essere di grande supporto alla formazione giallorossa delle "Aquile" per spiccare il volo verso la prima divisione. "Il comune, la società e la squadra - ha sottolineato Riccio - stanno facendo, ognuno per le rispettive competenze, in pieno la loro parte. Ci auguriamo che questa sinergia d’intenti possa riportare il vessillo giallorosso ai fasti degli anni gloriosi della serie "A". Volesse il Cielo che bastasse la sola sinergia d’intenti per conquistare il massimo campionato di calcio...

Volley. Niente da fare per la Stella Azzurra sul parquet della forte Nissan Castrovillari

Il campo della Nissan Pignataro Castrovillari rappresenta uno dei più ostici dell’intero girone di Serie C, ed è stato così anche per la Stella Azzurra Catanzaro. La gara inizia con i due sestetti che si affrontano a viso aperto fino al 12-11 in favore delle padrone di casa, a questo punto si registra il crollo sulle battute di Pugliese e Forte che spengono ogni velleità delle catanzaresi, il primo set si chiude 25-13. Secondo set da dimenticare per la Stella azzurra che non dimostra alcuna reazione e così il set termina 25-14. La ricezione è ancora protagonista negativa della serata delle catanzaresi. Nel terzo set, Fiorini rivoluziona an-

cora la formazione alla ricerca di equilibri che sembrano assolutamente smarriti per strada. Di nuovo in campo Ceniti in palleggio, la Lodari e confermata la giovane Fiorini. Il nuovo assetto sembra dare i suoi frutti. Il Castrovillari, entrato in campo deconcentrato, subisce il colpo e le catanzaresi riescono ad aggiudicarsi il set per 25-20 riaprendo in tal modo la partita. Quarto set ancora equilibrato nella parte iniziale fino al 4-4. A questo punto si erge protagonista l’arbitro che con 4 chiamate consecutive dubbie, con lo stesso pubblico di casa sorpreso, crea il break che innervosisce Lodari e compagne spezzando og-

ni velleità di recupero. Le atlete di Alberto Graziano ritrovano concentrazione e gioco e chiudono set e partita sul 25-15 confermandosi una formazione dura da superare non solo sul parquet amico. Per la Stella Azzurra Catanzaro, coach Fiornini al termine della gara ha dichiarato: "Si è trattato di una gara dai due volti. Mezzora di assenza delle mie atlete hanno consentito a Castrovillari di vincere facile. Devo però dare atto alle mie atlete di avere trovato la forza di reagire e conquistare un importantissimo set contro una formazione in un ottimo stato di forma, con alcune individualità di grosse pospettive"

corriereduemari@mediawe.net Faxweb: 0961.693111

Sport Catanzaro

25

Basket. La Nautica Alcaro sconfitta a Corato sprofonda sempre più in classifica Domenica con Pozzuoli una sfida importante Una settimana difficile per la massima espressione cestitica calabrese. Partiamo dal comunicato diramato dall’ufficio stampa della Nautica Alcaro retto dall’infaticabile Mimmo Barbaro. "La Società Pallacanestro Catanzaro ed il suo Comitato Direttivo ritiene di aver operato, in questi mesi, nei confronti dei suoi atleti e dello Staff Tecnico fornendo tutto il supporto possibile e tutelando molte volte, nei momenti negativi dal punto di vista dei risultati e del gioco espresso, la squadra. L’ennesima prova offerta nella gara casalinga con il Catania è ritenuta dalla Società, al di là della evanescente prestazione sportiva, offensiva dei colori sociali e dimostra scarso attaccamento, da parte degli atleti, ai valori della Pallacanestro Catanzaro, che milita ormai da molti anni nella storia cestistica della città ed attualmente rappresenta la massima espressione del basket in Calabria. La Società conscia dell’impegno sportivo di portabandiera della regione e nella città, intende onorare la sua immagine sul campo e valorizzare quella del Main Sponsor, nonché garantire i tifosi che affollano il PalaPulerà negli incontri casalinghi, per cui adotterà tutti i provvedimenti opportuni per restituire al suo pubblico una squadra che possa essere definita tale e possa orgogliosamente rappresentare la Pallacanestro Catanzaro". Fin qui il comunicato, poi si gioca e si va a Corato dove giunge un’altra sconfitta con la classifica che si fa sempre più difficile, infatti i giallorossi condividono l’ultimo posto in graduatoria con Bari che è riuscito a sconfiggere dopo un tempo supplementare Agrigento. Partenza decisamente inguardabile da parte dei giallorossi sul parquet di Corato, infatti faticano a trovare il canestro nei primi dieci minuti, tanto che saranno appena 7 i punti messi a segno da parte di Ogliaro e compagni, mentre Corato trova facili soluzioni e chiude il primo quarto avanti 18-7. Il secondo periodo segue la falsariga del primo solo Savazzi cerca di opporsi agli avversari, e all’intervallo lungo le lunghezze di ritardo sono 16. Al rientro dagli spogliatoi la storia della partita sembra non cambiare, Corato mantiene sempre un buon margine di vantaggio, ma quattro tiri liberi di Fiasco sul finire di periodo mandano le squadre all’ultimo intervallo sul 60-49. Nell’ultimo periodo si assiste ad una reazione da parte di Catanzaro che, grazie ai canestri del solito Savazzi si riporta sul 70-64 quando ci sono ancora 5 minuti da giocare. La partita sembra riaperta, ma Corato confeziona un parziale di 15-2 che taglia le gambe ai giallorossi. Si chiude sull’85-71. Al PalaPulerà domenica arriva il Pozzuoli, appena staccatosi dalle ultime due posizioni.


I LMENS I LECHE TITROVACAS A ABBONATIAD ASTEI NFOAPPAL TI ,NON PERDERE L ’ OCCASI ONE

CARTACEO 11NUMERI€29, 00 OPPUREABBONATIGRATUI TAMENTEONLI NE

UN PROGETTO EDI TORI ALE,NUOVO EDIFACI LELETTURA,CHEHARAGGI UNTO I N POCO TEMPO LALEADERSHI PNELSETTOREDEIMEDI ASPECI ALI ZZATI .CON UNADI STRI BUZI ONECAPI LLARE I N TUTTO I LTERRI TORI O NAZI ONALEECON OL TRE350. 000COPI EDI FFUSEASTEI NFOAPPAL TI HAAVUTO LAQUALI TÀDIFARSIAPPREZZAREPERLABONTÀDEICONTENUTIREDAZI ONALI , PERLAFACI LI TÀDICONSUL TAZI ONE,PERLACERTEZZANELLADI FFUSI ONE.UN MEZZO DI COMUNI CAZI ONECHEÈDI VENTATO UNAVERAGUI DAPERGLIOPERATORIDELSETTOREEPER TUTTICOLORO CHEI NTENDONO PARTECI PAREAUN’ ASTAI MMOBI LI ARE.

WWW. ASTEI NFOAPPAL TI . I T


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Sport Catanzaro Antonio Cosentino rieletto a larghissima maggioranza presidente del Comitato regionale della Federcalcio 324 votanti su 466 aventi diritto suddivisi in 257 società di calcio a undici, 54 di calcio a cinque e 3 di calcio femminile. Sono questi i numeri che hanno portato Saverio Mirarchi alla guida del Comitato regionale Calabria della Lega Nazionale Dilettanti della Figc. L’assemblea ordinaria elettiva era stata convocata alle 15 di venerdì 6 febbraio nella sala congressi del Comitato regionale. All’ordine del giorno, oltre alla nomina del nuovo Presidente del Comitato regionale, anche il rinnovo di alcune cariche come quelle dei componenti del Consiglio direttivo del Comitato, dei componenti effettivi e supplenti del collegio dei Revisori dei conti, dei delegati effettivi e supplenti Assembleari del Comitato regionale, del responsabile regionale del Calcio femminile, del calcio a cinque, del candidato alla presidenza della Lega nazionale dilettanti, del vice presidente viario, del candidato alla carica di Consigliere federale e dei candidati alla carica di componenti il collegio dei Revisori dei conti della Lega Nazionale dilettanti. Con il Presidente uscente del Comitato regionale, Nino Cosentino, anche il Presidente nazionale della Lnd, Carlo Tavecchio, il presidente regionale del Coni Mimmo Praticò, l’avvocato Enzo Ioppoli, il consigliere federale Alberto Mambelli ed il coordinatore regionale del settore giovanile e scolastico della Figc, Piero Loguzzo. Prima della votazione finale, in molti hanno voluto celebrare i due protagonisti della serata: Nino Cosentino che lascia la poltrona di Presidente del Comitato regionale Calabria dopo venti anni di presidenza e Saverio Mirarchi che rappresenta la prosecuzione di quello che è stato il lavoro sin qui svolto da Cosentino.

La sede F.I.G.C - Comitato regionale Calabria

Nella foto: Saverio Mirarchi

«Venti anni in cui abbiamo vissuto un sogno - ha detto Mimmo Praticò -. A Cosentino dobbiamo dire grazie per quello che è riuscito a fare e per come è riuscito a mantenere unito il calcio in una regione come la Calabria. Tavecchio ce lo ha rubato, ma siamo felici perché gli consegniamo una spalla importante e valida come è Nino Cosentino». A seguire i contributi del presidente provinciale del Coni di Catanzaro, Tony Sgromo, del presidente della Vibonese calcio Santo Gurzillo, del presidente del Comitato regionale dell’Associazione italiana arbitri, Francesco Falvo, il presidente dell’Associazione allenatori della Calabria, Michele Firmo e dell’Associazione calciatori, Mimmo Cavallo. «Oggi è un giorno di festa e non di malinconia - ha detto Enzo Ioppoli -. Cosentino non lascia, anzi raddoppia, va ad occupare uno scranno più importante. Assistiamo ad un passaggio ideale della fiaccola tra Nino e Saverio cresciuto e forgiato all’ombra del presidente». L’ultima parola è toccata a Cosentino «Credo sia il giusto riconoscimento dopo venti anni alla guida del Comitato regionale - ha detto con un pizzico di emozione -. Carlo Tavecchio mi ha voluto al suo fianco e credo che non potevo non sfruttare questa possibilità che mi è stata offerta. Un obiettivo raggiunto grazie anche al contributo di tutti i presidenti delle società dell’area sud. Un obiettivo che, sono sicuro, migliora la Calabria dal punto di vista sportivo e di immagine. Mi auguro di essere attivo e valido per la nostra regione e per tutto il meridione d’Italia. Mi sostituirà un giovane del ’70. Mi auguro che possa fare quanto ed anche di più di quanto ho fatto io. Avrà sicuramente stimoli diversi, stimoli che porteranno il Comitato ed il nuovo presidente a raggiungere nuovi obiettivi.

corriereduemari@mediawe.net Faxweb: 0961.693111

Sport Catanzaro

27

Un week end pieno di soddisfazioni per le formazioni della Volley Stirparo di Catanzaro: tre vittorie su tre Un altro bel week-end per la massima espressione del volley catanzarese. La Stirparo Volley, infatti, ha vinto in tutti i campionati in cui la compagine giallorossa è impegnata. Dalla B2 maschile, alla D femminile, passando per la serie D maschile, la formazione catanzarese ha ottenuto successi da tre punti. La prima squadra ha vinto in trasferta espugnando il parquet della Kerakoll Acireale. Romanò e compagni hanno violato Acireale, al termine di quattro set, tre dei quali giocati sul filo di lana. Si è trattato di un match davvero impegnativo per la Stirparo, al cospetto di un sestetto tenace e mai domo, ben disposto in campo e motivato dall’obiettivo di sfruttare il turno casalingo della prima giornata di ritorno per conquistare tre punti pesantissimi in chiave salvezza. Ma le motivazioni non sono mancate neanche alla Stirparo, desiderosa di non uscire dalla scia delle battistrada, andate tutte a punti nella quattordicesima giornata di campionato. Perdere anche solo un punto avrebbe significato concedere troppo terreno alle prime della classe, in un momento in cui la Stirparo Catanzaro sembra tenacemente attaccata ai primi posti della classifica. Chi non perde neanche un colpo, invece, è la formazione femminile della Stirparo Volley. In serie D Belcamino e compagne mietono un’altra vittima, imponendosi, ancora una volta per tre a zero, su un Corigliano meno competitivo rispetto alle ragazze catanzaresi. La leadership del girone non sembra in discussione, anche se le inseguitrici non demordono per ottenere il miglior piazzamento possibile in vista dei combattuti play off. Gli Under 20 della formazione maschile di serie D, sono invece reduci dal successo pieno ai danni dei pari età della Callipo Sport di Vibo. Trascinati dall’unico fuori quota del sestetto, l’opposto Ilario Dellatorre, Aleni e compagni hanno mostrato tre set di pallavolo di buon livello: ricezione, contrattacco e muro difesa hanno funzionato tutte, con qualche sbavatura di poco conto nel secondo parziale. Ora non resta che continuare a confermarsi negli ottimi risultati fin qui conseguiti per dare ulteriori soddisfazioni al patròn della società Elio Stirparo.


28

Sport Lamezia

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Sport Lamezia

Vigor, ecco il primo scontro decisivo Al D’Ippolito arriva un Melfi lanciatissimo

Riconfermato Miceli alla guida del Juventus Club Doc

al termine di questa settimana. Per il difensore argentino saranno giorni importanti nei quali si vaglierà il fastidio alla coscia destra. Tuttavia, sempre rimanendo nel campo delle ipotesi, il centrocampo potrebbe essere disegnato con Ciotti a destra e Riccobono a sinistra. Coppia centrale, in assenza di Cacciaglia, formata da Lopetrone e Carraro. Anche in avanti, Ammirata dovrà ponderare bene le sue scelte dalle quali, in senso più generale, dipenderà il suo futuro. Le due punte, se Ammirata opterà per il 4-4-2, dovrebbero essere Sergi e Falco. Non è escluso, che la Vigor possa giocare a trazione anteriore con un tridente che implichi anche l’utilizzo di Ragatzu. E’ chiaro che, a quel punto, Ammirata dovrà giocare con tre centrocampisti. Si tratta, ovviamente, di ipotesi che dovranno essere suffragate o meno dal lavoro di questa settimana. Sarà, appunto, una settimana di grande attesa che porterà, domenica, a un match che per i biancoverdi rappresenterà forse l’ultima occasione per rimettersi in careggiata e salvare una stagione iniziata male ma che ha avuto un momento in cui parevano essersi dissolti i problemi grazie alle due vittorie conseguite ad inizio 2009.

La passione per i colori bianconeri juventini è ben presente anche a Lamezia Terme, dove esiste da anni un club molto attivo che segue con trepidazione le sorti del club torinese. Parliamo del Juventus Club Doc, al cui vertice è stato riconfermato Domenico Miceli, all’unanimità. L’incarico è stato attribuito nell’ultima e partecipata assemblea dei soci, convocata per il rinnovo delle cariche e per un’analisi sull’attività tenuta nell’anno sociale 2008. «Ringrazio tutti i tesserati - ha avuto modo di dichiarare Domenico Miceli - per la fiducia che hanno voluto riporre nel mio operato, determinato nell’espansione dei sani principi sportivi». L’assemblea ha poi provveduto ad assegnare i ruoli previsti dall’organigramma: Pino Vescio è stato nominato vice presidente, Pino Dattilo segretario, Antonio Ventura addetto ai rapporti con la Juventus, Michele Sergi responsabile rapporti esterni, Ferruccio Ranieri responsabile sezione Satriano, Marco Notarianni responsabile sito internet, Maurizio Viola dirigente gestione sede e Bruno Caserta responsabile marketing. A loro si aggiungono, in veste di consiglieri, Raffaele Cortese, Gianluca Vescio, Giuseppe Miscimarra, Michele Talarico ed Alessandro De Sensi. Durante i lavori sono state illustrate anche le attività sviluppate nel 2008.

La sconfitta di Atessa (2-0 in favore della Val di Sangro) ha regalato alla Vigor Lamezia due settimane tese (vista anche la sosta del campionato). Dal faccia a faccia alla ripresa degli allenamenti, con tanto di contestazione ai giocatori al Carlei, alla rinnovata volontà della dirigenza di via Marconi di voler fare di tutto per salvare la squadra dalla retrocessione. C’è tuttavia la consapevolezza di preparare al meglio e con la massima concentrazione la sfida di domenica contro il Melfi. Si tratta di uno spareggio dal quale dipenderanno le sorti del tecnico Ammirata e il cammino di una squadra che, se dovesse fallire l’appuntamento con la conquista dei tre punti, rischierebbe di sprofondare. Il tutto anche in considerazione del successivo match del 22 febbraio in casa del Catanzaro. Oltre al tecnico, un lavoro importante dovrà svolgerlo il direttore generale, Carmine Donnarumma chiamato a tessere le fila e a fare da collante tra le esigenze della società e il settore tecnico. La Vigor che lavora in vista della gara contro i lucani, potrà contare su tutti gli effettivi tranne Cacciaglia squalificato per un turno dal giudice sportivo. Insomma, una squadra al completo che probabilmente sarà in parte ridisegnata so-

prattutto nel reparto difensivo dove è presumibile che Ammirata chiamerà in causa l’ultimo acquisto in ordine di tempo, il difensore centrale Cascone che prenderà il posto di Filippi. Mister Ammirata dovrà, dunque, tener conto anche della contestazione di subìta dalla sqauadra e della "pressione" della "piazza", con un gruppo di tifosi che, in sostanza, hanno chiesto "la testa" del difensore centrale Filippi. Insomma, Ammirata dovrà " rivedere " il suo schieramento, soprattutto in difesa dove, con l’arrivo di Cascone, può operare soluzioni diverse. La prima riguarda proprio l’inserimento dell’ex teramano al posto di Filippi. L’auspicio della tifoseria è comunque quello di poter vedere contro il Melfi la coppia centrale della linea arretrata biancoverde formata da Ciminari e Cascone. Dovendo immaginare uno schieramento da opporre domenica prossima alla compagine gialloverde, l’undici dovrebbe essere il seguente: Panìco tra i pali. Linea difensiva da destra a sinistra formata da Di Donato, Ciminari, Cascone e Marinelli. Prefigurando ciò, il tecnico lametino avrà poi l’imbarazzo della scelta sia a centrocampo sia in attacco. Certo, occorrerà comunque vagliare le condizioni soprattutto di Ciminari

www.quinotizie.info


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Sport Lamezia

29

Con una rete per tempo il Sambiase supera l’Amantea I giallorossi di mister Aita sono sempre primi in classifica

A Lorica sulla pista di sci della Valle dell’Inferno è in programma una due giorni di gare di alto valore tecnico

vantaggio del Sambiase. Piove fitto sul D’Ippolito in avvio di ripresa. Dopo 6’ giunge il raddoppio della capolista. Una punizione apparentemente innocua di Orlando radente viene fatta filtrare dagli avanti lametini ed il centravanti marocchino sfiora di tacco di quel tanto che consente che la palla finisca alle spalle del portiere. Un gol su cui le responsabilità della difesa nepetina sono palesi. Da qui in poi il Sambiase gestisce senza affanni il match senza penare più di tanto. Tamburro (24’) indirizzava il primo tiro nello specchio della porta sambiasina, ma era Piazza a fare buona guardia. Sul capovolgimento di fronte, Parrotta si esaltava respingendo in tuffo su Orlando. Lo stesso estremo amanteano evitava ancora la terza capitolazione su Burgo (32’). La capolista conferma la sua duplice veste: terrificante, per le avversarie, in casa dove fa man bassa di punti; addomesticabile in trasferta dove, però, sinora, agli appuntamenti importanti, non ha mai fallito.

Sono in programma per mercoledì 11 e giovedì 12 febbraio, con l’organizzazione dello Sci Club "Amici della Montagna" di Lamezia Terme e Racisi di Catanzaro, sulla pista Valle dell’Inferno a Lorica, due gare internazionali di slalom speciale facenti parte del circuito di Coppa Italia di Sci Alpino. Alle gare partecipano oltre ad alcune squadre straniere, gli atleti della nazionale italiana non impegnati ai Campionati del Mondo che si stanno svolgendo in Val d’Isere e i migliori atleti dei comitati regionali Fisi (il vincitore del circuito infatti entra di diritto a far parte della squadra nazionale italiana). Sono pervenute una cinquantina di iscrizioni e sono giunte richieste di informazioni anche da federazioni straniere (Giappone, Svizzera ed Olanda). Probabile che alla fine scenderanno in pista un centinaio di atleti. La pista della Valle dell’Inferno che si presenta, attualmente, abbondantemente innevata è molto selettiva e su questi pendii hanno vinto sempre atleti di elevato valore tecnico. La battitura del manto nevoso sarà come sempre magistralmente curata dal personale tecnico della società degli impianti di risalita ed il servizio sulle piste sarà assicurato dai maestri della Scuola di Sci di Lorica. Si tradda dunque di un appuntamento di grande importanza che sicuramente rappresenta il fiore all’occhiello per lo Sci Club "Amici della Montagna" di Lamezia Terme.

Sport Lamezia

Evidentemente il numero sei porta bene al Sambiase, che ai danni dell’Amantea conquista la nona vittoria su dieci gare davanti al pubblico amico. Sei le giornate di ritorno col primato conservato; sei i gol di El Aoudi; sei il minuto del primo e del secondo tempo in cui i giallorossi hanno trafitto l’Amantea. La capolista sbloccava il match dopo sei minuti. Una deviazione di Mercurio su punizione dal limite di Curcio inganna Parrotta che vede il pallone impennarsi repentinamente ed insaccarsi a palombella. La reazione dei cosentini sta tutta in un tiro da fuori area di "Micio" Miceli che Piazza intercetta a terra. Subito dopo El Aoudi spreca il raddoppio a tu per tu con Parrotta il quale viene graziato dallo stesso marocchino pochi secondi dopo. Fra le ripartenze del Sambiase e qualche intervento falloso di troppo agevolato dal terreno viscido dei difensori amenteani, i giallorossi costruiscono le basi per gestire il vantaggio. La squadra di Aita, non si

mette mai nelle condizioni di correre pericoli e riesce a tenere sempre a debita distanza dall’area di rigore l’undici di Amantea.L’atteggiamento tutt’altro che ostruzionistico degli ospiti poco propensi a chiudersi ma invece a far gioco, consente al Sambiase di disporre di qualche spazio nel riproporsi e non poche sono state le volte che uno fra Burgo, El-Aoudi ed Orlando si è trovato in area, palla al piede. La gara col trascorrere dei minuti però si incattivisce per qualche intervento scoordinato di troppo. Comunque si va negli spogliatoi a fine primo tempo col

Al via il concorso interregionale di danza sportiva "Città di Lamezia Terme" Tutto pronto per accogliere centinaia di atleti provenienti da tutto il Meridione Tutto pronto, o quasi, per il Concorso interregionale di danza sportiva a Lamezia Terme, manifestazione a carattere interregionale di danza sportiva organizzata dalla palestra Fisiodinamic in collaborazione diretta con l’assessorato allo Sport di Lamezia Terme nella persona dell’Assessore Francesco Carnovale e del Comitato Provinciale Csen di Catanzaro nella persona del dott. Francesco De Nardo. Si inizia domenica 15 febbraio alle ore 9 presso il palazzetto dello sport di Lamezia Terme con la partecipazione di 800 atleti e con la massiccia presenza di tanti ragazzi e bambini oltre alla partecipazione di un buon numero di spettatori certamente. La manifestazione richiamerà, poi, l’attenzione degli addetti ai lavori, nonché di tutti gli sportivi appassionati dello sport in questione.

Prevalente sarà certamente il numero di atleti provenienti da Catanzaro, Lamezia Terme, Vibo Valentia e Reggio Calabria, Crotone nonché da tutta la Calabria, si aspettano atleti anche da altre Regioni come Basilicata, Puglia e Sicilia. Nelle scorse edizioni il successo è stato strepitoso, con una notevole affluenza di atleti di notevole spessore che hanno regalato belle pagine di aggregazione sportiva. Questa manifestazione rappresenta un messaggio su quanto sia importante praticare una regolare attività fisica, perché i ritmi odierni costringono sempre più ad una esistenza sedentaria e tutto ciò non può che influire negativamente sulla nostra salute. Se a tutto ciò aggiungiamo anche il lato divertente che una manifestazione agonistica può offrire, il successo è garantito. Siamo all’inizio di una serie di

manifestazioni sportive che si organizzeranno nella città della piana nell’anno 2009 e che vedrà tra le più importanti i due campionati italiani Città di Lamezia Terme oltre alla manifestazione in questione. Nelle precedenti manifestazioni ci sono stati come ospiti d’eccezione il coreografo di Canale 5 Steve La Chance e ballerini come Sara Pamploni, Danilo Musci, Valentina Chisci e Sebastiano Formica e tanti campioni. Notevole è stato il lavoro e gli sforzi organizzativi ed economici, si possono già preventivamente ringraziare tutte le istituzioni, le associazioni sportive, le squadre, gli atleti, i tecnici, giornali, televisioni, sponsor, genitori e tutte quelle persone che hanno reso possibile l’organizzazione di un evento di questo genere. Oltre al lato sociale e aggregativo, ludico e sportivo non va sottovalu-

corriereduemari@mediawe.net Faxweb: 0961.693111

tato il fatto che tanti giovani di diverse città del Paese possono conoscersi e confrontarsi a Lamezia Terme ammirandone anche le sue bellezze. Alla manifestazione è attesa anche la presenza, tra l’altro dell’Assessore allo Sport Francesco Carnovale e del Sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza. Quest’anno oltre alle premiazioni con medaglie e coppe per tutti i partecipanti, più premi, si avrà la presenza di due ospiti d’eccezione Valentina Chisci e Roberta Zegretti direttamente dalla fortunata trasmissione di Canale 5 "Amici" per la gioia di tutti i bambini, ragazzi e partecipanti, inoltre tramite gli insegnanti di questi ballerini tutti avranno l’occasione di apprendere tanto dallo stage che terranno per avvicinare sempre più gente ad una disciplina formativa ed educativa come poche altre.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Sport Lamezia Tiriolo con una gara da recuperare sul terreno di Sersale Dopo il pareggio interno col Fuscaldo si riparte dal Torretta Dopo la sconfitta interna con la Luzzese di due settimane fa, il Tiriolo Martelletto sarebbe dovuto scendere in campo in quel di Sersale contro la squadra locale (A.S. Sersale) allenata da mister Rosati. La gara, a causa dell’impraticabilità del campo, non si è però potuta disputare. In quell’occasione, infatti, il direttore di gara designato per questa gara era il signor Maiolo della sezione di Locri che, dopo una serie di sopralluoghi effettuati con i capitani delle due squadre, ha deciso di non far cominciare la gara. Quest’ultima si presentava come uno scontro diretto in zona play off e la Lega ha deciso che la partita verrà recuperata il prossimo giovedì 5 marzo alle ore 15,00. Nell’ultimo turno, invece, il Tiriolo Martelletto ha ospitato il Fuscaldo, squadra in netta ripresa nell’ultimo scorcio di campionato e con ventinove punti in classifica. L’allenatore dei catanza-

resi Marotta ha optato per un 4-3-1-2 con Mirabelli tra i pali, Colosimo, Canino A., Romagnuolo D. e Canino F. sulla linea difensiva, Gregorace, Romagnuolo P. e Fazio sulla mediana con Soluri a supporto delle due punte Fabiano e Talarico. Nel primo tempo è il Tiriolo a fare la gara con delle buone trame di gioco. Soluri ci prova più volte dalla distanza ma senza fortuna. Poi due buone occasioni per Fabiano. La più ghiotta è un colpo di testa su cross di Talarico al 37’ che finisce di

poco a lato. L’unica occasione degna di nota per il Fuscaldo capita sui piedi di Foggetti che sfrutta al meglio una disattenzione difensiva ma il suo tiro finisce di pochissimo a lato. Nella ripresa il Tiriolo trova il goal del vantaggio al 10’ con Talarico che sfrutta al meglio un pallone servito da Romagnuolo P.. Al 92’ doccia fredda per il Tiriolo Martelletto quando Scalzo segna a tu per tu con Mirabelli ingannato dalla palla deviata da un difensore del Tiriolo. Nel prossimo turno il Tiriolo farà visita al Torretta, squadra in ascesa nelle ultime settimane che ora si trova proprio alle spalle del Tiriolo in classifica. Per quanto riguarda, infine, l’Under 18 allenata da mister Renda è reduce da una prova sfortunata a Borgia con goal della bandiera siglato dal giovane promettente Lorenzo Fazio che fa la spola tra prima squadra e Under.

Rugby. Trasferta tanto lunga quanto inutile in quel di Brindisi Ripresi gli allenamenti in vista della gara di domenica a Bari Verrebbe da dire che al peggio non c’è mai fine, certo per i Dioscuri, formazione di rugby lametina in questo periodo ne stanno capitando di tutti i colori, Dopo le disavventure dovute all’assenza di campo, i Dioscuri, in considerazione della chiusura dell’autostrada fra Falerna e Cosenza, delle notizie riportate da tutti gli organi di stampa nazionale, avevano richiesto se c’erano le condizioni per rimandare la partita prevista a Brindisi, riprogrammandola. Di fronte al no federale, la squadra è regolarmente partita all’alba di domenica 1 febbraio. Ha avuto modo a Brindisi di assistere ai minuti finali di una gara under19, che ha finito per peggiorare ulteriormente le condizioni del terreno. Al momento del sopralluogo dei due capitani con l’arbitro, l’ufficiale di gara ha rilevato che a suo avviso non vi erano le condizioni per poter giocare! Ben 16 ore complessive di viaggio e relativi costi di trasferta, per poter solo effettuare il "riconoscimento" a Brindisi. Peggio non si poteva. Tra tante note negative però almeno ve ne sono alcune liete. La squadra neroverde che si sta allenando in vista della prossima trasferta di cam-

pionato prevista per il 15 febbraio allo "Stadio della Vittoria" di Bari ha visto riprendere gli allenamenti, sia pure in forma differenziata, per tre degli infortunati di lungo corso. Sono infatti tornati a lavorare sul campo, dopo i rispettivi interventi al ginocchio, il trequarti Gianmario Foti , infortunatosi nella prima partita di campionato, e Alessandro Brunetti assente da un paio di mesi. Ha ripreso anche il centro Marco Butera

, reduce da un fastidioso e complicato stiramento al bicipite femorale. Butera potrebbe essere il primo a rientrare, forse già dalla prossima partita di Bari, mentre Brunetti e Foti necessiteranno di qualche settimana ulteriore per ritornare abili all’impiego. In vista della prossima partita tornerà disponibile anche il flanker Messina , assente a Brindisi per influenza. E’ tornato disponibile anche il trequarti centro Arcieri .

corriereduemari@mediawe.net Faxweb: 0961.693111

Sport Lamezia

31

Gli arbitri di calcio lametini organizzano un corso della durata di un mese per reclutare e addestrare le nuove leve che scenderanno in campo

La sezione arbitri di calcio di Lamezia Terme organizza un corso al quale possono partecipare i ragazzi e le ragazze di età compresa tra i 15 e i 23 anni. Il corso si terrà presso i locali siti in via Po 18 a Lamezia. La durata del corso sarà di circa un mese, con due lezioni settimanali. Gli unici requisiti richiesti sono: l’età e una buona predisposizione verso la giustizia sportiva per il giuoco del calcio. Per il presidente della sezione, Domenico Olivadoti «chi prenderà parte a questo corso si troverà come in una grande famiglia, nella quale sarà facile interagirsi. I giovani che decidono di coltivare questo hobby con serenità e dedizione, sicuramente otterranno molte soddisfazioni. A fine corso sarà data una tessera che ti permetterà d’entrare gratuitamente negli stadi del territorio nazionale con accesso alla tribuna coperta». Per qualsiasi informazione è possibile chiedere lumi telefonando al numero 0968/29388


32

Sport Soverato

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

Sport Soverato

Isca sullo Jonio capitale del Taekwondo

Equitazione. L’amazzone Maria Rosaria Capogreco Nel centro sportivo Athlon si è svolto il corso per ufficiali di gara trionfa ad Ostia Antica L’inizio del 2009 ha fatto si che il movimento sportivo vicino alla disciplina sportiva del Taekwondo porti ad accendere i riflettori sulla Calabria e sul Soveratese in particolare, comprensorio nel quale questa disciplina vanta diversi appassionati di tutte le età. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolto presso il Centro sportivo "Athlon Città del Nuoto" ad Isca sullo Jonio, il corso per Ufficiali di gara di Taekwondo, interessante e ben riuscita iniziativa voluta dal consigliere nazionale, Damiano Lagani e dal presidente del Comitato regionale Mirko Faga. Ancora una volta Isca sullo Jonio è diventata sede di un avvenimento nazionale che ha fatto conoscere questo centro a tantissime persone che sono arrivate con l’occasione dell’evento sportivo. Al corso per Ufficiali di gara di Taekwondo hanno partecipato 19 candidati provenienti da diversi paesi calabresi. Tra questi Crucoli di Torretta, Siderno, Cariati, Cerva, Sersale, Zagarise, Soverato che hanno così rappresentato un po’ tutta la regione. Il corso è stato tenuto dal maestro Stefano Cornacchia, arbitro Internazionale 5° Dan e responsabile

nazionale ufficiali di gara della Federazione. Il corso, è iniziato con l’accredito ed il ritiro del materiale didattico con maglietta ufficiale sponsorizzata dell’Athlon, nell’occasione padrone di casa. Nella prima lezione, ai partecipanti sono stati impartiti utili indicazioni per l’applicazione del regolamento di gara: Area di Combattimento - Atleti Categorie di peso - Durata della Incontri - Controllo del Peso - Procedura di Gara -Tecniche consentite e Zone del corpo valide - Punti validi - Assegnazione e Pubblicazione dei punti. Nella seconda lezione, sono state affrontate: Azioni Vietate e Penalità "Sudden Death" e Superiorità - Verdetti e Knock Down - Procedura in caso di Knock Down - Parametri valutativi di un Taegeuk / Poomse - Gestualità, queste le nozioni fornite per mettere nelle condizioni tutti di poter essere all’altezza degli incontri che si va ad arbitrare. Il corso si è infine concluso con una prova scritta finale e la validazione delle competenze acquisite. Il saluto della città di Isca sullo Jonio, è stato portato dal sindaco Pierfrancesco Mirarchi. Per l’amministrazione provin-

ciale era presente l’Assessore Giacomo Matacera, che ha portato il saluto del presidente dell’ente intermedio,Wanda Ferro. I due esponenti politici hanno posto l’accento sul forte impegno portato avanti dai dirigenti della piscina "Athlon Città del Nuoto", che stanno cercando di valorizzare con iniziative di questo genere e manifestazioni a livello non solo regionale ma anche nazionale, la piscina di Isca. «Questo è il primo obiettivo che l’Athlon come da programmazione sta portando avanti. Infatti - ha affermato Damiano Lagani - il corso regionale, aveva l’obiettivo di dare la possibilità ai giovani calabresi di partecipare al corso nella propria regione, evitando gli spostamenti nelle sedi del centro Italia e del nord, con un notevole risparmio economico e di tempo. Inoltre, questo corso è servito anche a far conoscere la Calabria in campo nazionale». Numerosi sono stati gli apprezzamenti giunti per l’organizzazione e per la struttura sportiva di alto livello, quelli più graditi sono arrivati dal dirigente nazionale, e arbitro internazionale Stefano Cornacchia, che ha riconosciuto anche l’ottima preparazione dei partecipanti al corso.

www.quinotizie.info

Grande soddisfazione agonistica per la giovane amazzone calabrese Maria Rosaria Capogreco. Reduce dallo stage con il campione azzurro Juan Carlos Garcia che non ha lesinato consigli, la sedicenne originaria di Catanzaro ma tesserata per il Circolo Ippico Fenusa di Davoli Marina, ha ottenuto un brillante primo posto al Concorso di Salto ad Ostacoli Ostia Antica.La gara, inserita nel calendario Fise della Categoria C125, si è tenuta presso il Circolo Ippico Back&Jack della cittadina sul litorale romano ed ha messo in competizione quindici cavalieri ed amazzoni provenienti da tutta Italia. Maria Rosaria Capogreco, in sella a Let to be del Baroncio, ha coperto il percorso in 66 secondi e 68 centesimi senza alcuna penalità, unico netto e miglior tempo della batteria. Il giorno prima la giovane promessa dell’equitazione calabrese aveva preso parte alla categoria superiore ottenendo un dignitoso piazzamento. Non resta che augurare alla giovanissima amazzone di continuare sulla strada già intrapresa che sta regalando a lei e al circolo fenusa di Davoli Marina enormi soddisfazioni in uno sport che affascina sempre gli spettatori.


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Sport Soverato Nel girone B della Promozione il Soverato di mister Galati si sbarazza del Brancaleone grazie ad una rete siglata nel primo tempo da Arena Davanti al proprio amico, accorso in non più di cento unità per via di una fastidiosa pioggia che si alternata a violente raffiche di vento, il Soverato ha disputato una prova gagliarda nei confronti di un Brancaleone, guadagnando, alla fine, una vittoria meritata oltre che per il risultato finale anche per le diverse occasioni avute ma non capitalizzate. In avvio di gara era il Brancaleone a cercare di portare pericoli in area soveratese, cercando di mettere in mezzo palloni invitanti per i propri attaccanti. Al 9’ minuto del primo tempo, però, una grandissima opportunità, conquistata ma non finalizzata da Gullà, dimostra subito che il Soverato ha le idee chiare su come finirà il match. Infatti, nonostante il possesso palla e la manovra offensiva sembrano premiare la formazione reggina è solo e soltanto la formazione allenata da mister Galati a sfiorare ripetutamente il vantaggio prima della mezzora. Vantaggio che non tarda ad arrivare e si concretizza grazie ad un ti-

ro potente e preciso, scasgliato di destro da Arena, che, calciando da oltre venti metri, sorprende l’estremo difensore Cogliandro e regala davvero un gran gol all’entusiasmo degli spettatori del Baldassarre Sinopoli. La rete di vantaggio fa prendere ulteriore coraggio al Soverato, che chiude la prima frazione di gioco crescendo con un assedio continuo ai danni della porta difesa dal Brancaleone. Nella seconda frazione di gioco sono sempre i padroni di casa a condurre il pallino del gioco cercando la rete del raddoppio grazie ai continui affondi sulla fascia destra di Gullà e ai lanci effettuati da quest’ultimo per servire nel centro dell’area di rigore ospite il compagno Paparo. Sono tantissime le palle gol abilmente costruite e maldestramente fallite dai soveratesi, i quali, non riuscendo ad incrementare il punteggio, alla fine sono andati un po’ in affanno per via del prevedibile pressing degli ospiti, per nulla contenti di soccombere per

via di una sconfitta decisa già nel primo tempo. Anche se l’unico sussulto ospite si registra al 39’ con una punizione dai 28 metri calciata centralmente da Galletta che il portiere Viscomi blocca agevolmente. L’ultima emozione la regala ancora il Soverato sempre con l’onnipresenteu Gullà il quale, appena entrato in area dalla catena di sinistra, prova un rasoterra incrociato che si spegne a lato di qualche metro. Il triplice fischio finale del signor Agosto di Paola fa tirare un sospiro di sollievo ai biancorossi soveratesi che conquistano, così, la loro terza vittoria interna stagionale senza grossi affanni ma col solo rammarico di non aver chiuso prima una gara che hanno costantemente dominato. Ora il Soverato di mister Galati si trova in quinta posizione anche se è staccato dalle prime della classe (Nuova Gioiese ed Isola Capo Rizzuto). Sabato Soverato impegnato in trasferta sul terreno di gioco del Locri quart’ultimo in graduatoria.

Salta la gara della Ranieri Guardavalle ancora vittorioso In un drammatico scontro salvezza Cus Cosenza bloccato sull’A3 Due le reti ai danni del Locri il Badolato espugna Serra San Bruno Il maltempo è arbitro di tantissimi impegni agonistici nelle ultime giornate. Soprattutto negli sport praticati all’aria aperta si registrano tantissime gare da recuperare. Che la stessa situazione possa essere vissuta, però, anche in sport disputati al chiuso non è situazione prevedibile. Anche se nella Calabria disastrata dalle frane in autostrada cha costano vittime, tutto può accadere. Così succede che nel campionato regionale di basket (serie C2) la neve abbia congelato (scusate la battuta) la vetta della classifica. Infatti, non è stato possibile disputare il match, previsto per la terza giornata di ritorno del campionato di basket targato C2, tra la Ranieri International Soverato, prima in classifica, ed il Cus Cosenza, attardato in graduatoria. La due squadre hanno dovuto rinviare il loro incontro per l’impossibilità del team cosentini, bloccatio dall’Anas a causa dell’obbligo di avere le catene a bordo, di raggiungere il Palazzetto di Sant’Andrea sullo Jonio, "casa" del match. Per le condizioni avverse del maltempo è stato, inoltre, rinviato anche il match in programma a Castrovillari, tra i padroni di casa ed il Cap di Reggio Calabria. Ora tocca alla Lega stabilire la data dei due recuperi, importanti per i diversi obiettivi perseguiti dalle quattro squadre.

La partita del Guardavalle contro il Locri racchiudeva tantissimi significati per i locali che si sono manifestati sul finire della gara quando il giovane attaccante Marziano ha realizzato la seconda rete e, con lo sguardo rivolto al cielo, ha dedicato la rete all’amico ed ex compagno di squadra delle giovanili del Don Bosco, Nick Pelle, deceduto quattrogiorni prima, a soli venti anni, per un’emorragia cerebrale. L’applauso di tutto lo stadio ha premiato questo gesto. Per il resto l’incontro col Locri ha riservato ben poche emozioni. La prima conclusione nello specchio della porta giunge al 15’ con Marziano. La risposta ospite al 36’, con Mammoliti dal limite e Levato che para. Nella ripresa il Locri pare più combattivo ma sono è il Guardavalle che va vicino al gol, prima con Fiorenza su calcio di punizione dal limite, e poi con Surace, che segna ma in posizione di fuorigioco. La pressione dei locali si rende concreta al 31’ con Surace bravo ad anticipare il difensore e ad insaccare. Al 47’, poi, Marziano chiude l’incontro sul 2-0 e regala tre punti che assestano il Guardavalle sempre più in un tranquillo centro classifica. Sabato in casa del Bocale la formazione di mister Riitano cercherà l’aggancio ai reggini che li precedono di tre punti in graduatoria.

Termina con una rocambolesca vittoria del Badolato la gara di Serra San Bruno. La Serrese, irriconoscibile, ora vede lo spettro della retrocessione diretta. Il Badolato per niente trascendentale, dopo nove gare, ritrova la vittoria portando a casa tre punti preziosi. Partono bene i ragazzi di Sinopoli che al 13’ trovano il vantaggio con Castanò. Da sinistra parte uno spiovente, il numero nove giallorosso, svetta e di testa, beffa l’intera retroguardia serrese. I padroni di casa si affidano alle solite invenzioni di Galeano, unico faro di una squadra impalpabile. Poco prima della mezz’ora Galeano dalla distanza prova la conclusione, la palla s’infrange sul braccio di Pilato ed il direttore di gara decreta il penalty. Dal dischetto Galeano, sempre lui, riporta in parità la gara. Nella ripresa le due formazioni più che giocare provano a lanciare la palla in avanti dimostrando di non avere le idee chiare. Al 67’ Tassone ci prova dal limite ma la sfera lambisce la base del palo e termina sul fondo. Due minuti dopo gli ospiti sciupano la palla del vantaggio con Papaleo che conclude altissimo. Poi, mentre la gara si trascina stancamente, ad un minuto dal termine, Fraietta capitalizza a dovere un contropiede ed affonda una Serrese sulla cui testa si addensano ora le cupi nubi della retrocessione diretta e che precede di due punti, al penultimo posto proprio il Badolato di mister Sinopoli.

corriereduemari@mediawe.net Faxweb: 0961.693111

Sport Soverato

33

A Badolato è polemica tra la Meta 2 Pallamano e l’amministrazione comunale per la gestione dell’impianto sportivo concesso alla società

Badolato è in fermento. La polemica, nata da una lettera della Meta 2 di Pallamano femminile che partecipa al campionato nazionale di A2, nei confronti dell’amministrazione comunale "La Vela", accusata di non aver consegnato gli impianti sportivi sotto ferrovia, che erano stati concessi dal commissario prefettizio Sebastiano Cento, ha provocato la risposta da parte del sindaco Nicola Parretta, che in una conferenza stampa ha puntualizzato la posizione dell’amministrazione comunale, respingendo le accuse dalla società Meta 2. «Nel maggio 2008 - ha detto il primo cittadino di Badolato -, con verbale a firma del tecnico comunale geometra Pasquale Larocca, gli impianti venivano consegnati alla Meta 2, che poteva utilizzarli per la manutenzione. Il contenzioso riguardava alcune strutture al servizio degli impianti, che nella convenzione erano stati assegnati alla Meta 2, non tenendo conto che dal 2002, gli stessi sono in possesso della "Cooperativa Poldo", che continua a gestirli. Per cui ritengo dice Parretta- che ci sia un vizio a monte, infatti quando è stato stipulato il contratto tra il comune di Badolato, e la società di pallamano, non si è tenuto conto che i locali erano già stati assegnati alla Poldo, e quindi non potevano essere concessi alla Meta 2, per cui Poldo ne rivendica la titolarità». «Abbiamo fatto un sopralluogo - ha ancora precisato il sindaco di Badolato - altri sono stati fatti dal vice sindaco Vincenzo Piperissa, puntualizzando che l’amministrazione era disponibile a costruire nuovi spogliatoi e bagni per la Meta 2, lasciando i locali esistenti alla Cooperativa Poldo. Ma i dirigenti della Meta 2 si sono intestarditi, chiedendo ad ogni costo l’utilizzo dei locali già esistenti, nel rispetto della convenzione stipulata con il commissario. Con questo mio intervento, ritengo di aver chiarito la posizione dell’amministrazione comunale. Nei prossimi giorni verificheremo tutta la documentazione e prenderemo la decisione che possa soddisfare sia la Cooperativa Poldo che la Meta2. E’ mia intenzione convocare un incontro tra le due parti, per ribadire che questa amministrazione è vicina alle problematiche sportive». Ora non resta che far seguire alle parole i fatti.


34

Campioni

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Campioni FotoNotizia FotoNotizia FotoNotizia FotoNotizia FotoNotizia FotoNotizia FotoNotizia FotoNot

Ibra show "Inter Chievo" Amauri "Juventus Torino"

Zlatan Ibrahimovic’

Amauri Carvalho de Oliveira

Da giovanissimo entra a far parte della squadra del FBK Balkan, aggregato alla formazione dei ragazzi di due anni più grandi di lui.Tra le sue prestazioni da bambino spicca quella nella partita contro il Vellinge, testimoniata da un video trasmesso da Studio Sport. Entrato nella ripresa sul risultato di 4-0 per la squadra avversaria, Ibrahimovic’ capovolge le sorti del match realizzando otto gol e fissando il risultato finale di 8-5 per la sua squadra.

Gli inizi col Bellinzona . Nel 2000 partecipa al torneo di Viareggio con la sua squadra brasiliana, il Santa Catarina Clube, e subito impressiona segnando una doppietta all’Empoli. Nel marzo dello stesso anno viene mandato in Svizzera al Bellinzona dove, anche a causa di un infortunio al ginocchio, gioca 5 partite segnando un solo gol e la sua proprietà non viene riscattata.

www.quinotizie.info


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

Qui Aste

35

Qui Aste In collaborazione con AsteInfoappalti

BACHECA DEGLI ANNUNCI D'ASTA IMMOBILIARE Tribunale di Catanzaro TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Cancelleria esecuzioni immobiliari Il Giudice dell’esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.143/90 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Fabbricato in Sellia M.na, Via Case Sparse (F.9, P.lla l7) Euro 48.010,22 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 25 marzo 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestata a "Tribunale di Catanzaro proc. n..........." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per Ia presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it ; - II Domani Catanzaro, 14 gennaio 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Cava nella procedura esecutiva n. 108/89 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa di mq. 290. Riportato in catasto al foglio 8, p.lla 69, sub. 1 Prezzo base d’asta euro 16.207,00 LOTTO 2) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa mq. 144 in catasto foglio 8, p.lla 69, sub. 5. Prezzo base d’asta euro 4.305,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8 aprile 2009, ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente

dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno poste a carico dell’ aggiudicatario. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto mediante le seguenti inserzioni: quotidiano "Il Domani" , rivista mensile Aste e sito www.aste.eugenius.it TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice Istruttore, dott. Giuseppe Cava, nella causa di divisione n. 1142/2008; a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 20 novembre 2008; rilevato che dalla ctu in atti emerge la non comoda divisibilità in quote uguali del compendio, trattandosi di appartamento e locale sottotetto; ritenuto, pertanto, di procedere a vendita, senza incanto dell’intero; Dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: lotto 1 "appartamento ubicato in Tiriolo identificato in catasto al fg. 13, part.959 sub. 2" al prezzo base di € 96.135,00; lotto 2 locale sottotetto ubicato in Tiriolo identificato in catasto al fg. 13, part.959 sub. 3" al prezzo base di € 23.417.00; fìssa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 7-04-2009 ore 12,00; fìssa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza dell’8.04.2009 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa presso la cancelleria esecuzioni immobiliari unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 1142/08" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario; Dispone che l’attore - creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza, ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano ’"II Domani". Dispone, altresì, che la presente ordinanza sia notificata a cura dell’attore - creditore procedente ai comproprietari; Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale ido-

neo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura, Si comunichi, Catanzaro 20/11/2008 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava Depositata in Cancelleria 20/11/2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice, a scioglimento della riserva che precede, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nelle procedure esecutive riunite n. 140/05 e 107/07 R.G.E., pendenti tra BNL e ( omissis) Visti gli atti; DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1 : piena proprietà di appartamento e deposito commerciale in Sellia Marina, loc. La Petrizia, sup. mq. 152 l’appartamento e mq 51 il deposito commerciale, in catasto al foglio 8, p.lla 444 sub.10 e sub. 5 Prezzo € 130.129,69 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. n.140/05 R.G.E. di importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 14.04.09. restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 15.04.09. Aumento minimo in casa di gara € 1000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di Competenza. Catanzaro, 3.12.2008 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 115/06 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Unità abitativa e annessi magazzini sita nel comune di Cropani, Via Grimaldi. PREZZO BASE: € 30.600,00 - Lotto 2: Quota ideale di ½ della proprietà di locale sito in Cropani. PREZZO BASE: E 7.841,25 L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.250,00 è fissata in data 08/04/09.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedimento n. 1472/07 Udienza del 15.01.2009 Il Giudice Istruttore, dott. Giuseppe Cava, rilevata la non comoda divisibilità del compendio da dividere; Dispone la vendita senza incanto dei beni di seguito descritti: lotto 1 "unità abitativa in Catanzaro via S. Nicola Gagliano in catasto al fg. 24 part.701 sub. 6" al prezzo base di € 95.100,00; lotto 2 "terreno in Catanzaro via S. Nicola Gagliano in catasto al fg. 24 part. 1102, 1103 al prezzo base di € 111.000,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza del 25.03.09 ore 9,30; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedimento n. 1472/07" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dell’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dell’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario; Dispone che il creditore precedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Il canc. Il Giudice TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nella procedura esecutiva n° 60/06 R.G.E. pendete tra Società Italia Turismo S.p.a. e omissis..Visti gli atti; DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: fabbricato con terreno adiacente nel Comune di Simeri Crichi, loc. Chiusa, sup. mq 915, oltre mq 4.895 di terreno in catasto al foglio 27; p.lla 654; sub 1; p.lla 1683 il terreno. Prezzo E 499.921,88. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza per la delibazione sulle offerte è fissata in data 01.04.2009.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


36

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

QuiAste

QuiAste TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice delle Esecuzioni dott.ssa Maria Carmela Andricciola ha pronunciato la seguente ordinanza nel procedimento n. 38/05 R.G.E. pendente tra omissis E Omissis Visti gli atti DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti Lotto 1 . Fabbricato in Gimigliano loc. Buda, n. 71 posto su tre livelli di cui un seminterrato adibito a garage- cantina e due piani fuori terra, in catasto al foglio 55 p.lla 292 prezzo euro 186.200,00 lotto 2 Fabbricato in Gimigliano loc. Buda, n. 78 posto su tre livelli di cui un seminterrato adibito a garage- cantina e due piani fuori terra, in catasto al foglio 56 p.lla 269 prezzo euro 208.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. N. 38/2005 un importo pari al 10 % del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del 17 marzo 2009, restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 372 c.pc. e per l’ eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.pc. è fissata in data 18.3. 2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00. L’ aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione , entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", la rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 4 novembre 2008. Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott . Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 275/93 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) Appartamento in fabbricato sito in S. Caterina dello Ionio, via Perdicari di mq. 125 identificato in catasto al foglio 31 p.lla 101 sub.9 Prezzo base d’asta euro 16.545,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 8 aprile 2009, ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara € 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario.

La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, la prima domenica del mese antecedente la vendita mediante le seguenti inserzioni: Quotidiano "Il Domani"; www.aste.eugenius.it. e rivista mensile Aste. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura fallimentare N.04/07 Il Giudice, vista la richiesta del curatore in data 06 novembre 2008; Dispone la vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Unità immobiliare su due piani, con area di pertinenza siti nel comune di Sellia Marina (CZ), Contrada Cipollina, al catasto N.C.E.U., F. 19, partic. 461, subalterni 9 e 30, cons. 4 vani, Rendita euro 194,19. al prezzo di € 40.326,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 l’udienza del 15.04.2009; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura fall. N.4/07" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione entro le ore 12.00 del giorno 14.04.2009 ; L’ immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura; Dispone che il curatore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.com" e diffusione sul quotidiano "il Domani". Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro 9 dicembre 2008 Il Giudice

Tribunale di Lamezia Terme TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - CPC NELLAPROCEDURAESECUTIVAIMMOBILIARE N. 56/92 RE si rende noto che il giudice dell’esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.56/92 RGE, promossa da Banca MPS SpA ha disposto la vendita all’incanto in più lotti dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: QUARTO LOTTO:porzione del fabbricato sito in San Mango D’Aquino, costituita dall’unita immobiliare alpiano terra composta da un locale adibito ad esercizio commerciale per una superficie complessiva di mq. 27,00; riportato al NCEU del predetto comune censuario al foglio di mappa 7, particella 100, subalterno 1; Prezzo base € .4.015,96 OTTAVO LOTTO: appezzamento di terreno in San Mango D’Aquino, esteso are 62.50 e coltivato a querceto riportato in NCT del predetto comune censuario alla partita 1383 foglio di mappa 6, particelle 11 ( di are 27.20) e 70 ( di are 35.30); Prezzo base € .2.324,05 FISSA

QuiNotizie - il Corriere dei due mari

In collaborazione con AsteInfoappalti

la vendita con l’incanto per il 08.04.2009 ore 9.30 e seg. gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione. Chiunque, tranne il debitore, intenderà partecipare alla vendita, dovrà presentare entro quattro giorni prima della data fissata per l’incanto nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari istanza di partecipazione in bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale) in caso di partecipazione di più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, dovranno essere depositati distinti assegni circolari, intestati a "Poste Italiane s.p.a.", cui versare a titolo di cauzione, il 10% del prezzo base d’asta, e a titolo di spesa il 20% del prezzo base d’asta. La misura minima dell’aumento da apportare all’offerta a pena di inammissibilità, è pari ad euro è 516,00 per il quarto lotto e ad € . 413,17 per l’ottavo lotto. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella CancelleriadelleEsecuzioniImmobiliarientro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediate assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." Soltanto all’esito dell’adempimento precedente, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Ulteriori informazioni potranno essere richieste in cancelleria Lamezia Terme lì Il Cancelliere (C/1) F.to Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI procedura esecutiva n°.40/1999 R.G.E. richiesta da MPS SpA si rende noto che il giorno 08.04.2009 ore 12.00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita senza incanto dei beni immobili elencati in calce alle seguenti condizioni: prezzo base (determinato ex art. 568 cpc): € .40.753,45 per il lotto n°.1 (beni A+B) € .2.520,00 per il lotto n°.2 (bene C) € .5.642,35 per il lotto n°.3 (bene D) Lotto n° 1: Bene A e B: appartamento sito al piano terra rialzato, distinto con l’int. n° 2 scala E, foglio di mappa 23, particella 289, sub. 4, Zona Cens. 1, Categoria in corso di costruzione, composto da due vani ed accessori, confinante con l’int. 1, interno 3, scala E,

restante proprietà, giusta denunzia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 24.03.93 prot. 2023 e appartamento sito al piano terra rialzato, distinto con l’int. n° 3 scala E, foglio di mappa 23, particella 289, sub. 6, Zona Cens. 1, Categoria in corso di costruzione, composto da due vani ed accessori, confinante con scala condominiale E, giusta denunzia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 24.3.93 prot. 2023; Lotto n° 2: Bene C: posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile foglio di mappa 23, particella 289, sub 282, Zona Cens. 1, Categoria C/6, Classe 1, Consistenza 16 mq, Rendita € 17.35, giusta denuncia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 11.10.94 prot. 6668; Lotto n° 3: Bene D: posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile foglio di mappa 23, particella 289, sub 285, Zona Cens. 1, Categoria C/6, Classe 1, Consistenza 28 mq, Rendita € 30.37, giusta denuncia di nuova costruzione presentata all’UTE di Catanzaro in data 11.10.94 prot. 6668. Lamezia Terme lì Il Cancelliere (C/1) Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.48/2003 RE, con ordinanza del 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in tre lotti dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano Lotto Uno: "Piena proprietà di un appartamento destinato a civile abitazione al piano secondo di un fabbricato residenziale, con diritto di accesso alla corte comune. L’immobile, avente una superficie lorda di mq. 57,81, è sito in Nocera Terinese Marina, alla via Cavour, n. 40, ed è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 45, p.lla 329 sub 14, cat. A/3, vani 3,5, classe 1" Valore € .28.125,00 Lotto Tre: "Piena proprietà di un appartamento destinato a civile abitazione al piano secondo di un fabbricato residenziale, con diritto di accesso alla corte comune. L’immobile, avente una superficie lorda di mq. 57,81, è sito in Nocera Terinese Marina, alla via Cavour, n. 40, ed è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 45, p.lla 329 sub 16, cat. A/3, vani 3,5, classe 1" Valore € .29.531,25 Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 08.04.2009 all’esito della vendita senza incanto.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


QuiNotizie - il Corriere dei due mari

QuiAste TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.80/1995 RE, con ordinanza emessa il 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in più lotti, nonché e nel caso in cui la stessa non abbia luogo, ha disposto la vendita con incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano lotto uno: "piccolo agrumeto sito in agro di Acconia di Curinga, pianeggiante, esteso per 2000 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 8, p.lla 77" Valore € .5.062,50; lotto due: "piccolo appezzamento di terreno sito in agro di Acconia di Curinga, esteso per 290 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 38, p.lla 81" Valore € .351,84; lotto tre: "piccolo appezzamento di terreno sito in agro di Acconia di Curinga, esteso per 780 mq., riportato nel relativo catasto terreni al foglio 38, p.lla 200" Valore € .987,18; Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 08.04.2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.25/2003 RE, con ordinanza emessa il 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto, nonché e nel caso in cui la stessa non abbia luogo, ha disposto la vendita con incanto del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano lotto unico - "magazzino ubicato nel comune di Cicala, via Nazionale, n. 22, posto al piano terra di una casa in linea, con superficie commerciale di circa 73 mq., riportato nel NCEU di detto comune al folgio 4, p.lla 254, sub 9, e annessa corte di pertinenza" Valore € .21.543,75; Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 08.04.2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.10/2002 RE, con ordinanza emessa il 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in due lotti, nonché e nel caso in cui la stessa non abbia luogo, ha disposto la vendita con incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano

QuiAste

corriereduemari@mediawe.net Febbraio 2009

lotto A - "appezzamento di terreno sito in Lamezia Terme, localita’ Maruca, esteso per mq. 425, su cui insiste un manufatto adibito a deposito di mq. 89,56 circa, riportato nel NCT di Lamezia Terme al foglio 4, p.lle 250 e 247" Valore € .2.844,47; lotto C - "appezzamento di terreno sito in Lamezia Terme, localita’ Maruca, esteso per mq. 2872, su cui insistono piccoli corpi di fabbrica, riportato nel NCT di Lamezia Terme al foglio 4, p.lle 296, 205 e 83 e nel NCT di Lamezia Terme al foglio 4, p.lla 82 sub 1101" Valore € .5.489,37 Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.66/2005 RE, con ordinanza emessa all’udienza del 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova Lotto Unico: "magazzino di complessivi mq. 95 sito in Lamezia Terme, alla via Sottotenente Notaro, n. 12, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 21, p.lla 152, sub 2, cat. C/2, classe 3" Valore € .82.462,50 Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 08.04.2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.25/1992 R.G.E., richiesta da ISTITUO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO S.P.A. SI RENDE NOTO

In collaborazione con AsteInfoappalti

che il giorno 01.04.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto n.1: € 21.904,00 Elenco beni immobili lotto unico: immobile adibito a civile abitazione sito in Lamezia Terme, loc. Ginepri residence Lamezia Golfo, riportato al NCEU al foglio 23, part.lla 184, sub 26 cat. A/3 classe 4, vani 2,5. L’appartamento si estende per una superficie di circa 53,10 mq, inclusi 21,60 mq di terrazza. Ciascun offerente, per partecipare alla vendita, dovrà depositare presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le ore 13:00 del giorno 31.03.2009 dichiarazione in regola con il bollo contenente l’indicazione del numero di rge della procedura, l’indicazione del prezzo offerto, del bene (lotto) cui si riferisce e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta, nonché ancora generalità dell’offerente incluso codice fiscale e copia di documento di identità dell’offerente o valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); all’offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere allegato l’assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta è irrevocabile salvo che a) il Giudice ordini l’incanto, b) siano decorsi 120 gg. dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine indicato, 2) se è inferiore al prezzo base, 3) se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario come pure le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo viene fissata la data del 15.04.2009 ore 9:30 e segg. per la vendita ai pubblici incanti dei beni su descritti al prezzo base di € 21.904,00 per il lotto unico. Le offerte di acquisto devono essere presentate presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari entro le ore 13:00 del giorno 14.04.2009, con le modalità ed il prezzo base di cui sopra. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.23/2003 RE, con ordinanza emessa il 26.11.2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto, nonché e nel caso in cui la stessa non abbia luogo, ha disposto la vendita con incanto del seguente bene immobile, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano lotto unico - "fabbricato sito nel comune di Nocera Terinese, non ancora accatastato, giacente su due terreni contigui censiti nel NCT alla partita 2863, foglio 121, are 4,00, e partita 3048, foglio 33, p.lla 306 di are 6,00"

PER LA PUBBLICITA' SU

"il Corriere dei due mari" il giornale della grande area metropolitana MEDIATAG SPA Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 info@mediatag.it - www.mediatag.it

37

Valore € .170.954,34; Gli interessati a presentare offerte di acquisto possono esaminare il bene in vendita, chiedendo di accedere al bene immobile, previa comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 c.p.c.; FISSA La vendita senza incanto per il 08.04.2009 ore 9:30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso in cui la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 22.04.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 93/2005 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 93/2005 R.E., promossa da: con ordinanza del 10/10/2007 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui di trova: LOTTO UNO - "Unità immobiliare sita in Nocera Torinese, località Marina De Luca, composta da un piano terra e un primo piano, con superficie complessiva di mq. 96, oltre 24 mq. di balcone e 88 mq. di giardino, riportata nel NCEU di detto comune al foglio 32, p.lla 304 sub. 3, cat. A/3, vani 4,5 e p.lla 304 sub 7, cat. A/3, vani 4"; prezzo base d’asta € 114.576,00 LOTTO DUE - "Appartamento sito in Nocera Torinese, località Marina De Luca, esteso mq. 45, oltre 24 mq. di balcone e 44 mq. di terrazzo soprastante, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 32, p.lla 304 sub. 11, cat. A/3, vani 4"; prezzo base d’asta € 67.146,00 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare i beni in vendita chiedendo di accedere agli immobili, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati nel combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. Gli immobili sopra indicati e meglio descritti nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espressa riferimento FISSA La vendita senza incanto per il 01/04/2009 ore 9,30 presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 15/04/2009 ore 9:30 al prezzo base d’asta così come determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 01/04/2009 all’esito della vendita senza incanto. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.86/91 R.G.E., richiesta da CASSA RURALE E ARTIGIANA CURINGA SI RENDE NOTO che il giorno 01.04.2009 alle ore 9:30 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: prezzo base: € 41.733,85 per il lotto n.1 prezzo base: € 7.065,13 per il lotto n.2 lotto n.1:Appartamento per civile abitazione al primo piano del fabbricato di due piani fuori terra sito nel Comune di Lamezia Terme loc. "Papazzo" ora via G. Murat. Lotto n.2: locale al piano terra riportato al NCEU alla partita facente parte del medesimo fabbricato indicato con il lotto n.1 con utonomo accesso dall’esterno e collegato mediante scala interna all’appartamento descritto al lotto n.1 avente una superficie lorda di mq 34,20 condonato come magazzino ad uso attività artigianale oggi destinato a cucina rustica.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it



il Corriere dei due mari