Issuu on Google+

C A S E

ILLE

N

E L

V E

R D

E

IARDI

=

~


Ogn

antico casale ha la sua storia

da

raccontare,

questa

cambiato idea. Scoprendo le belle cornici sorto la falda del tetto, gli eleganti ma rcapiano real izzati con u n semplice gioco di mattoni e alcuni particolari che na rra no momenti im portanti di vita contadina. Come i fori nel pavimento delle camere da letto: servivano q ua ndo le mucche dovevano partorire, per contro lla re la stalla, seguire il travaglio e intervenire". Ogni casa ha una storia da raccontare, e q uesta inizia nel 1899, come è scritto sulla matton ella mura ta in facciata e lÏ rimasta. La stru ttura è quella tipica delle case rurali del Piceno: due pia ni, stalle e magazzin i a livello della corte e, sopra, la zona dove si viveva, a cui si accede con u na scala esterna o inte rna al centro dell'edificio. "Al primo piano c'era la sta nza del focolare, intorno al q uale si riuniva tu tta la famiglia. L'ho lasciato lÏ, creando un locale accogliente. Anche all'esterno ho voluto mante ne re le apertu re esistenti, in alcuni casi am-

ili

I ~i

68


i

Nella pagina a fianco, la

soggiorno. In questa

piscina: I muretti che

pagina, le travi di castagno

delimitano i terrazzamenti,

del soffitto e le pianelle di

come tutta la

cotto che qui chiamano

pavimentazione esterna,

pianchette. A destra, la

sono realizzati con mattoni

scala che porta al piano

di recupero. Sotto, un

superiore con la ringhiera in

particolare della cucina,

ferro battuto, realizzata

ricavata In un volume

su misura da un artigiano

esterno piĂš basso, e del

della zona. In basso, il

passaggio creato nel muro

soggiorno a plano terra

perimetrale per collegarla al

ricavato nella ex stalla.

i zia

ne I

lontano 1899

pliandole . La grande finestra ad arco sul fronte, attuale accesso al soggio rno, era l'ing resso della stalla, mentre la cucina l'ho ricavata nel corpo basso che una volta ospitava le stalle tte per i maiali. Il lavoro d i recupero è diventato un vero e proprio hobby cui ho dedicato tutto il tempo libero, un'avventu ra affascinante''. CosÏ, invece d i affidarsi a un'impresa che in meno d i un anno gli avrebbe consegnato la casa completamente ristrutturata, ha deciso di fa re i lavori in economia. "Che no n vuole assolutamente dire al risparmio. Anzi". Precisa. Rivolgendosi a esperti artigiani locali, andando alla ricerca d i mattoni , pietre, coppi e pianelle di recupero, del fabbro che ancor oggi forgia il ferro con il fuoco. E per sostituire pezzi speciali, come cornicioni o altri manufatti d 'argilla, ha trovato una fornace in grado di realizzarli a mano come una volta. In una terra dove queste tradizioni sopravvivono ancora.



Ville giardini piovicini pedro