Page 1

Redazione: Via Don Milani 1 - 20833 Giussano (MB) - Tel: 0362/332160 - 0362/282532 - redazione@intimoretail.it - www. intimoretail.it - Stampa: Ingraph - Seregno (MB) - Registrazione al Tribunale di Milano n. 237 dell© 11 luglio 2013. Poste Italiane SpA - Spedizione in abbonamento postale - 70% - LO/MI. In caso di mancato recapito inviare allí ufficio postale di Roserio per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la tariffa. Contiene I.P.

NUMERO 2 - ANNO 4 - FEBBRAIO 2016

IN

REPORTAGE DAL SALON INTERNATIONAL DE LA LINGERIE REGGISENI SPORTIVI: UNA NIcchIA sU cUI INvEsTIRE LE cOLLEZIONI DI COLLANT A/I 2016-17


omerocollant.com - tel. 0376.780181


AUTUMN WINTER 2016-17


serie Ophelia Coppe B – G, www.RosaFaia.com ANITA Italia S.R.L., via Enrico Fermi, 93, 22030 Orsenigo (Como), E-Mail anita.it@anita.net


SOMMARIO

NUMERO 2 - ANNO 4 - FEBBRAIO 2016

INTIMORETAIL

E ITORIALE

A IEN E

5

36 RED SOX APPEAL VERSO IL CANALE DELL'INTIMO

L'ITALIA CHE PIACE

Per alcuni player del settore, il mercato interno continua a essere quello più importante. A essere apprezzato è soprattutto il sistema distributivo.

NE 6

S

ATTUALITÀ E MERCATO

PORTFOLIO

Aziende, prodotti, persone, iniziative: un mese di notizie in pillole.

38 PIGIAMERIA, VOGLIA DI CORAL

ETRINA NO IT 10 Le nuove collezioni

per i prossimi mesi

È il prodotto la chiave di volta

Il binomio comfort-seduzione è al centro della proposta fi rmata Simone Pérè le. In Italia il marchio ha chiuso il 2015 in crescita, grazie all© incremento dei volumi sviluppati dai partner storici che nel brand francese hanno trovato gli elementi per migliorare il sell out. Angelo Postiglione, direttore generale della fi liale italiana, illustra i motivi di questo successo.

A PAGINA 14

REPORTAGE 18 PARIGI: IL SALONE HA ANCORA APPEAL

PIGIAMERIA, VOGLIA DI CORAL

38

Il nuovo materiale è uno dei più utilizzati dai brand per le collezioni donna FW 2016-17. Il mood al centro di molte proposte è sbarazzino e divertente. Per tagli e rifi niture i capi possono essere suggeriti anche come abbigliamento homewear.

O ER STOR 14 È IL PRODOTTO LA CHIAVE DI VOLTA

Intervista ad Angelo Postiglione, direttore generale di Simone Pérèle Italia

COLLANT: RITORNO AI FASTI DEL PASSATO

A cinque anni dall© ingresso sul mercato, il brand fashion del Calzifi cio di Parabiago punta a crescere nelle boutique di intimo, mare e calzetteria.

41

Sul Salone Internazionale della Lingerie, in scena dal 23 al 25 gennaio, hanno pesato le paure nate in seguito ai tragici fatti dello scorso novembre. Il numero dei visitatori si è mantenuto stabile grazie alla presenza degli europei. Assenti Asia, America e Belgio. Poche reali novità di prodotto. Ma intenso il dialogo tra gli operatori sull© utilità e la nuova mission delle manifestazioni fi eristiche.

TREN

NO IT

41 COLLANT: RITORNO AI FASTI DEL PASSATO

Il fi l rouge che lega le collezioni FW 2016-17 è la tendenza a proporre in un© ottica moderna temi e lavorazioni degli scorsi decenni.

A IEN E 46 ANNO NUOVO, SHOP IN SHOP RINNOVATO

Flessibilità e modernizzazione sono le parole chiave alla base del restyling dei moduli espositori fi rmati Anita. Il progetto consente di realizzare corner espositivi o veri e propri ministore all© interno del punto vendita.

OPPORTUNIT 48 REGGISENI SPORTIVI: LA PARTITA È APERTA

È una nicchia di mercato, ma il numero di potenziali acquirenti è in crescita costante. Rispetto al passato, inoltre, anche l© offerta è maggiore. Ma per sostenere il sell out di questi articoli è necessario esporli nel punto vendita o in vetrina, avviare collaborazioni con palestre e centri fi tness e sensibilizzare la clientela fi nale.


odotto e di t i

ito da

.p. . Ital

el. 3 05 2 24 11 in o

intimamoda.it

.intimamoda.it www.verdissima.it


E ITORIALE

LItalia

e ia e

Per alcuni player del settore, il mercato interno continua a essere quello più importante. A essere apprezzato è soprattutto il sistema distributivo. di

avide Bartesag i

È stata una sorpresa (piacevole) constatare che, per un numero importante di produttori italiani, il mercato interno resta quello principale. Nonostante la corsa verso i paesi esteri che ha contraddistinto gli ultimi anni, l© Italia continua ad avere un appeal sia sui marchi di casa nostra sia su quelli stranieri. Nel corso del 2015, anno caratterizzato dal crollo del mercato russo e dall© instabilità politica di tante altre importanti piazze estere, i produttori italiani hanno constatato che il mercato interno ha mantenuto risultati positivi. E in alcuni casi, proprio i volumi sviluppati nel nostro Paese hanno permesso di chiudere l© anno con performance migliori rispetto a quanto si era prospettato considerando il quadro politico internazionale. Le aziende estere, invece, francesi e spagnole innanzitutto, hanno identifi cato nell© Italia un target importante per ritagliarsi uno spazio che permette loro di crescere. Ma che cosa piace del nostro mercato? Il panorama distributivo da un lato, contraddistinto da tanti piccoli punti vendita e boutique indipendenti; la clientela fi nale dall© altro. A differenza delle altre consumatrici europee, quelle italiane (over 40) quando fanno shopping vogliono essere consigliate, guidate nell© acquisto e, perché no, anche valorizzate e coccolate. Esperienza che in alcuni punti vendita del nostro settore è ancora possibile vivere. Infatti, la diffusione sul territorio nazionale di queste boutique non sarebbe sufficiente se

Direttore Responsabile: Davide Bartesaghi bartesaghi@intimoretail.it Responsabile commerciale: Marco Arosio arosio@intimoretail.it In redazione: Nunzia Capriglione redazione@intimoretail.it Hanno collaborato: Evelina Cattaneo, Cesare Gaminella, Marta Maggioni, Michele Lopriore Impaginazione: Ivan Iannacci

Editore: Farlastrada Stampa: Ingraph - Seregno (MB) Redazione: Via Don Milani 1 20833 Giussano (MB) Tel: 0362/332160 - 0362/1790716 www.intimoretail.it - @intimoretail.it Progetto grafi co: Accent on design Intimo Retail: periodico mensile Anno 4 - n. 2 – febbraio 2016 Registrazione al Tribunale di Milano n. 237 dell© 11 luglio 2013 Una copia 1,00 euro. Poste Italiane SpA - Spediz. in Abb. Postale D.L. 353/2003 (Conv. in Legge 27/02/2004 n° 46) Art.1 Comma 1 D.C.B.

al loro interno non vi fossero imprenditori in grado di offrire un servizio, capaci di affrontare le sfi de del fare impresa, pronti a cogliere le opportunità offerte dal mercato. Forse oggi queste qualità non sono comuni a tutti gli operatori del dettaglio italiano. C© è però un elemento che accomuna questi imprenditori: la capacità di offrire una vendita assistita, in un© unica parola il servizio garantito alla clientela. Ed è questo il fattore su cui bisogna lavorare. Servizio infatti signifi ca anche capacità di proporre articoli differenti da quelli offerti dai competitor più aggressivi. Con la propria negoziante, la consumatrice instaura un rapporto particolare, di fi ducia. E per questo è disposta ad accogliere gli eventuali input all© acquisto che arrivano dalla dettagliante. Ad esempio, in questo numero è stato dedicato un focus ai reggiseni sportivi: una nicchia di mercato che vanta potenzialità notevoli che ancora non sono sfruttate appieno. Molti retailer, infatti, continuano a vendere questo articolo soprattutto alle consumatrici che hanno subito un© operazione al seno, andando così a restringere le occasioni di vendita. Le italiane che praticano sport sono numerose, ma spesso per l© acquisto di un reggiseno sportivo si rivolgono ai grandi magazzini perché nel loro negozio di fi ducia non l© hanno mai visto esposto. Servizio è anche questo: offrire delle alternative. Essere cordiali non è più sufficiente. Occorre essere aperti e scommettere sull© innovazione. Barbara

Milano - L’ editore garantisce la massima riservatezza dei dati personali in suo possesso. Tali dati saranno utilizzati per la gestione degli abbonamenti e per l’ invio di informazioni commerciali. In base all’ Art. 13 della Legge numero 196/2003, i dati potranno essere rettifi cati o cancellati in qualsiasi momento scrivendo a: Editoriale Farlastrada srl. Responsabile dati: Marco Arosio Via Don Milani, 1 – 20833 Giussano (MB) Questo numero è stato chiuso in redazione il 29 gennaio 2016

Ogni mese s lla t a s rivania

Ogni settimana s lt o


NE

S

A PITTI UOMO 89 OLTRE 25MILA BUYER (+4%)

ATTUALIT E MER ATO REINER PICHLER È IL NUOVO CEO DI CALIDA Cambio ai vertici di Calida. Reiner Pichler è il nuovo Ceo della società svizzera che detiene anche la quota di maggioranza del marchio Lafuma. Pichler sarà operativo dal mese di aprile e subentra a Felix Sulzberger che continuerà a svolgere le sue mansioni di Ceo fi no all© approvazione del bilancio relativo all© esercizio 2015. Prima di assumere il nuovo incarico in Calida, Reiner Pichler ha lavorato per il gruppo tedesco S© Oliver e precedentemente per quello svizzero Holy Fashion a cui fanno capo brand come Tommy Hilfi ger, Tailord, Strellson e Joop.

Risultati da record a Pitti Uomo 89: i dati relativi all© affluenza di buyer e visitatori alla manifestazione in scena a Firenze dal 12 al 15 gennaio,

EUROJERSEY: MATTEO CECCHI NOMINATO DIRETTORE COMMERCIALE

mostrano sul fronte dei buyer 25mila presenze (+4%), circa

È Matteo Cecchi il nuovo direttore commerciale di

mille in più rispetto allo scorso

Eurojersey. Nell© ambito dell© incarico assunto da gennaio,

anno. In questo risultato, sono

Cecchi è responsabile dello sviluppo di nuove strategie di

8.850 i compratori esteri (+2,5%)

vendita e dell© implementazione delle attività commerciali

e più di 16mila (+5%) quelli

a livello globale. In Eurojersey da cinque anni, il nuovo

italiani. Complessivamente,

direttore commerciale in precedenza ha ricoperto il ruolo

oltre 36mila operatori hanno

di manager nel settore abbigliamento.

partecipato alla kermesse. Il successo in termini di presenze di questa edizione è stato trainato dalla crescita a doppia cifra di quasi tutti i mercati europei: Germania (+14%), Spagna (+20%), Olanda (+14%), Gran Bretagna (+9%), Svizzera (+12%), Belgio (+16%). La Francia, nonostante un piccolo calo nelle presenze, aumenta nel numero dei negozi a +4%. In crescita importante anche gli Stati Uniti (+5%). Il Giappone conferma i suoi numeri, e sempre nell’ area Far East si segnalano le buone performance di Corea e Taiwanì . Chiusura all’ insegna della crescita anche per Emirati Arabi, Australia, Messico.

6 FEBBRAIO 2016 6 NO EMBRE 201

ENJOY VMA LA CAPSULE DI GIOIELLI FIRMATA VERDISSIMA In casa Verdissima, l© inverno 2016 nasce sotto il segno dei preziosi. Per la stagione FW 2016-17, infatti, il brand arricchisce la sua proposta con la capsule collection di gioielli easy chic Enjoy VMA. La collezione si inserisce nel percorso di sperimentazione avviato dalla maison che punta a creare un vero e proprio lifestyle targato Verdissima. Collane, soutoir, bracciali, anelli e orecchini Enjoy VMA propongono simboli icona come cuori chiave, barche, nuvole e sono realizzati a mano con materiali preziosi e antichi, tra cui spicca l’ ottone bagnato in oro giallo e bianco. Disegnate direttamente sul metallo, le creazioni vengono poi tagliate e lavorate secondo le tradizionali tecniche dell’ antica arte orafa, in cui, a una fase di microfusione con cera, segue un accurato processo di fi nitura fi nale.


IN PETRA TASSADDIKARI GUIDA LA DIREZIONE PRODUCT MANAGEMENT E DESIGN DI HANRO

IESTA NE S

CON L'A/I 2016-17, IL MARCHIO F**K È ANCHE LINGERIE Il marchio beachwear F**K, prodotto e distribuito dalla

Novità in casa

società pugliese Giorgio,

Hanro: a gennaio,

ha scelto Pitti Uomo 89 per

Petra Tassaddikari

presentare alcune importanti

ha assunto l© incarico

novità . Innanzitutto la nuova

di Head of product

linea di lingerie: con l© A/I 2016-

management &

17, infatti, il brand arricchisce la

design. La manager

sua proposta con una collezione

subentra a Heike

di intimo, pensata per le donne

Dü ckers, che ha

che cercano il comfort ma non

seguito lo sviluppo

vogliono rinunciare allo stile

e il design delle

contemporaneo che da sempre

collezioni del brand

contraddistingue il brand.

dal 2008 al 2015. Petra Tassaddikari vanta un know how notevole

Un© altra novità è la collezione Tempo libero. Realizzata in

nel mondo della lingerie e dell© underwear: prima

collaborazione con Dream

di assumere l© incarico in Hanro, infatti, per 15 anni

Project, offre capi homewear e easy to wear sia per l’ uomo che per la donna.

ha lavorato in Wolford in qualità di senior product

Infi ne, a partire dalla prossima stagione invernale, gli articoli del progetto Capi

manager per le linee bodywear/ready to wear e

Spalla saranno realizzati e prodotti in collaborazione con Max Moda. Partnership

accessori. Precedentemente, inoltre, ha ricoperto il

che ha permesso di portare alla creazione di piumini uomo e donna con tessuti

ruolo di product manager in Falke e in Aigner.

innovativi e l© inconfondibile stile F**K.

FEBBRAIO 2016 NO EMBRE 201


NE

S

MADE IN ITALY: COSTITUITO IL COMITATO DELLA MODA E DELL'ACCESSORIO

DENIM MAISON È LA NUOVA LINEA PER INTIMO E MARE FIRMATA TESSITURA TAIANA

Si chiama Denim Maison la nuova Si è costituito lo scorso

collezione di tessuti denim realizzati

dicembre il Comitato della

da Tessitura Taiana per i capi di intimo

moda e dell© accessorio

e mare. La linea vanta proposte sia

italiano che defi nirà le

in tinta unita sia con con stampe Ink

linee guida per lo sviluppo

Jet oppure con effetti vintage. Nella

del comparto; concorderà

collezione Maison ampio spazio è

insieme al Governo il

dedicato alle versioni superstrech ideali

sostegno istituzionale

per i leggings e per l’ abbigliamento

necessario a portare avanti le

active e yogawear. Con questa

diverse iniziative e garantirà

nuova proposta, l© azienda lombarda

l’ implementazione dei

arricchisce l© offerta relativa al denim

progetti chiave fondamentali

che, da diversi anni, rappresenta un

per riaffermare la leadership

fi ore all© occhiello della sua produzione

del sistema della moda.

grazie soprattutto alle sue qualità

Un risultato che dovrebbe

intrinseche: si tratta infatti di tessuti

essere raggiunto attraverso

urban chic che non si limitano alla

il coordinamento e

jeanseria tout court.

potenziamento degli eventi, il rafforzamento del sistema fi eristico, la formazione, la sostenibilità e il supporto alla crescita dei marchi e delle

MAGLIFICIO RIPA PRESENTA I TESSUTI DEEP NATI DALLA PARTNERSHIP CON ROICA ED ERCA

aziende della fi liera. Carlo Calenda, vice ministro dello

Deep by Ripa è la nuova linea di tessuti nata dalla collaborazione tra Maglifi cio Ripa,

Sviluppo economico, è stato

Roica by Asahi Kasei ed Erca. I plus dei nuovi tessuti sono da ricercarsi nella qualità dei

nominato presidente del

colori, vivaci ma non lucidi e, soprattutto, senza le sfumature bianco/grigiastre causate

Comitato di cui fanno parte i

dall’ elastomero che non si colora. Uno svantaggio che spesso si presenta nelle miste con

protagonisti dell’ ecosistema

poliammidi, viscose, cotoni,

della moda: Altagamma,

lane e sete. Per la linea Deep

Altaroma, Centro di Firenze

il Maglifi cio Ripa ha scelto i

per la Moda Italiana, Camera

fi liati Roica Colour Perfect che

Nazionale della Moda

vantano un© elevata capacità

Italiana, Federazione Italiana

elastica e possono essere tinti

Accessorio Moda e Persona

anche in combinazione con

(Fiamp), Milano Unica,

altre fi bre come viscosa, cotone,

TheMicam, Mido, Mifur,

lana e seta. Per la tintura e il

Mipel, Origin, Pitti, Vicenza

fi nissaggio è stata utilizzata la

Oro/Oro Arezzo e Sistema

tecnologia OneTone di Erca

Moda Italia. Tra i progetti in

che offre una resa elevata e

programma vi è la volontà

una notevole solidità del colore

di portare la fi liera della

che si presenta tono su tono.

moda a Rho-Pero in una sola

Al Salon International de la

fi era che dovrebbe svolgersi

Lingerie il brand Huit del gruppo

già a settembre 2016 in

Wacoal ha presentato alcuni

contemporanea alla fashion

capi underwear realizzati con

week di Milano.

questi tessuti.

FEBBRAIO 2016 NO EMBRE 201


IN

IESTA NE S

FEBBRAIO 2016 NO EMBRE 201

www.passionata.it


ETRINA NO IT SCUBA E UNCINETTO NEL BIKINI CROCHET DI OMERO

CON CHANTELLE L'INVERNO È SENSUALE

EMMEBIVI PUNTA SU BODY E SOTTOGIACCA

Comfort, leggerezza e appeal sono le parole chiave della collezione Chantelle FW 2016-17 che si sviluppa in quattro linee: Parisian, Festivité, Velvet e Presage. Parisian è il tema della modernità e della leggerezza. Nella linea si distingue il reggiseno quattro parti con scollatura profonda che mette in risalto il decollété offrendo un ottimo sostegno. Il tema Festivité propone, invece, una rivisitazione moderna dell© iconica linea Féte di Chantelle. In questa serie tessuti femminili, morbidi e piatti danno vita a capi dallo stile moderno e contemporaneo con il contrasto tra i pizzi e il tulle. Prodotti semplici e invisibili, dallo stile innovativo ottenuto grazie a una maglia forata con fantasia flor eale sono al centro della linea Velvet. Infi ne Presage è la linea emblema della seduzione. Pizzo Leavers raffinato con una fantasia fl oreale ultraleggera, materiali e fi niture preziose danno vita a modelli iconici, con tagli e costruzioni raffinati. Nella linea risulta particolarmente sofi sticata l© offerta di lingerie che include combinette e stringi vita.

Nella collezione Emmebivi FW 2016-17, Love e Prima Classe si confermano le linee di prodotto portanti del progetto “Your Fashion Partner", che vanta una proposta strutturata e coordinata, sviluppata secondo i trend stile e colore della stagione. La collezione FW 2016-17 vanta due articoli core: il sottogiacca e il body. Il primo, fi ore Cresce l© offerta beachwear di Omero.

all’ occhiello dell’ azienda, viene proposto

Per la stagione P/E 2016, infatti, il

in varie declinazioni che consentono di

brand ha arricchito la sua collezione

indossare questo capo con diversi tipi di

con la linea Bikini crochet: capi in

outfi t: dal più elegante a quello sportivo. Il

tessuto scuba con lavorazioni ad

body, capo iconico degli anni 80 che i trend

uncinetto realizzate a mano. Il nuovo

fashion della prossima stagione invernale

prodotto, disponibile da marzo 2016,

propongono in chiave moderna, nella

è proposto in quattro varianti colore:

collezione Emmebivi è suggerito in versione

bianco, blu elettrico, nero e nero/oro.

sensuale ed elegante, grazie al gioco di

Le taglie invece sono tre: S, M ed L.

trasparenze e all© uso dei pizzi.

10 FEBBRAIO 2016 10 NO EMBRE 201


barbara.fr/azalee

IN NOIESTA ETRINA IT

FEBBRAIO 2016 NO EMBRE 201

11 11


ETRINA NO IT AVA, IL BODY SECONDO CHRISTIES

TOTAL LOOK DI OROBLÙ PROPONE 56 OUFTIT E TRE LINEE PER L'A/I 2016-17

NEL GIARDINO DI BARBARA FIORISCONO LE AZALÉE

Rivolta a una donna cosmopolita, dalle molteplici esigenze, la collezione Oroblù Total Look FW 2016-17 si compone di tre temi che, attraverso capi intercambiabili, studiati per essere mixati e creare look personalizzati, danno vita a 56 outfi t. Nel tema Black & White, il bianco e il nero sono i protagonisti sui tessuti di ispirazione maschile che diventano femminili grazie a tagli e dettagli. Nello stesso tema romantiche stampe monocolore, con motivi di rose effetto punto croce, o raffinati tartan stampati su voile arricchiscono i capi. New Romantic è invece la linea in cui spiccano le lavorazioni elaborate: bordi in pizzo, ricami su tulle, applicazioni di lucenti paillettes e inserti in tulle su jersey per seducenti effetti see-through. Quindi il tema Dandy in cui dominano le ciniglie morbide e cascanti, proposte in unito o con fantasie Liberty, per capi profi lati in pizzo o illuminati da interventi in lurex.

Nella collezione Barbara FW 2016-17, i capi della linea Azalé e propongono il fi ore simbolo di amore e di felicità , con un ricamo stilizzato che dona alla serie un mood art deco. Il ricamo, in blu indaco su base nera, oppure in grigio chiaro su antracite, risulta particolarmente luminoso grazie al gioco dei contrasti. Questa decorazione è presente sia sulle coppe sia sulle spalline dei reggiseni che, in questa serie, sono disponibili nelle versioni

Il nome già rivela l© identità sensuale del

triangolo, balconcino e push-up, dalla

prodotto: Ava è il body realizzato da

coppa A alla D.

Christies per l© autunno-inverno 2016-17.

Per realizzare parure sensuali ed eleganti

Il capo è in pizzo Chantilly e presenta

è possibile abbinare al reggiseno gli slip

giochi di trasparenze che ne accentuano

con taglio vivo in morbida microfi bra

l© identità intrigante. Un altro capo distintivo

che sono invisibili anche sotto gli abiti

della collezione messa a punto dal brand

più aderenti. Con questa linea, Barbara

per la prossima stagione invernale è la

propone quindi articoli sviluppati

parure Greta realizzata in seta e pizzo

nel segno della vestibilità senza però

Leavers in contrasto colore.

rinunciare alla seduzione.

12 FEBBRAIO 2016 12 NO EMBRE 201


IN NOIESTA ETRINA IT

H

O

S

I

E

R

Y

FEBBRAIO 2016 NO EMBRE 201

1 1


O ER STOR

il rodotto la iave di volta Il binomio comfort-seduzione è al centro della proposta fi rmata Simone Pérè le. In Italia il marchio ha chiuso il 2015 in crescita, grazie all© incremento dei volumi sviluppati dai partner storici che nel brand francese hanno trovato gli elementi per migliorare il sell out. Angelo Postiglione, direttore generale della fi liale italiana, illustra i motivi di questo successo.

A

di Nunzia Capriglione ngelo Postiglione, direttore generale di Simone Pérè le Italia non nasconde la soddisfazione per i risultati registrati nel 2015. Lo incontriamo al Salon International de la Lingerie, allo stand del marchio dove nei giorni della manifestazione si sono avvicendati anche alcuni retailer italiani, decisi a continuare a lavorare con il brand francese che ha nella corsetteria con coppe differenziate il suo core business. « Lo scorso anno siamo cresciuti insieme al dettaglio tradizionale» , afferma deciso. « È interessante notare che la crescita non è stata determinata solo dall© aumento del panel clienti, ma soprattutto dall© incremento dei volumi sviluppato nel corso dell© anno dai partner storici» . Attualmente, in Italia i marchi che fanno capo al Gruppo francese, Simone Pérè le e Implicite, sono presenti in 500 punti vendita. « Implicite vanta una proposta diversa, più marcatamente sensuale, sia nelle linee continuative sia in quelle moda. Questo ci consente di ampliare la distribuzione: là dove un marchio non ha la possibilità di performare in modo adeguato, abbiamo l© opportunità di proporre un© alternativa altrettanto valida» . Come spiega l© aumento delle vendite registrato nel 2015? « Il retail ha trovato nei prodotti Simone Pérè le alcune caratteristiche che gli hanno consentito di vendere meglio in termini sia qualitativi che quantitativi. Nella strategia della nostra azienda, il prodotto resta assolutamente centrale. Per Simone Pérè le quando si parla di prodotto è inevitabile il riferimento al binomio comfort e seduzione: offrire un capo di corsetteria signifi ca garantire alla consumatrice la possibilità di

14 FEBBRAIO 2016

La serie Jaipur, dove il ricamo sembra disegnato a mano, è una delle linee fashion principali della collezione FW 2016

regalarsi la seduzione senza rinunciare al comfort» . In questo binomio qual Ë il ruolo dell© elemento fashion? « Moda signifi ca colori, giochi di trasparenze,

materiali innovativi. Nelle nostre collezioni alla moda spetta sempre un ruolo fondamentale che ha una doppia valenza. Da un lato questo fattore trova la sua massima espressione nelle linee fashion, dall© altro però interviene anche


Focus sulle novità FW 2016

Angelo Postiglione, direttore generale di Simone Pé rè le Italia

« Vogliamo incontrare dettaglianti disposti a condividere con noi un percorso che ha come obiettivo un incremento molto signifi cativo del sell out» . per completare le serie continuative che, ogni stagione, sono proposte nei colori di tendenza» . Quante linee moda avete in ogni collezione? « Solitamente in ogni collezione proponiamo tre serie fashion che si differenziano per colori e materiali. In questo modo le linee moda convivono nella stessa collezione senza cannibalizzarsi tra loro. Come accennavo, inoltre, in ogni stagione i modelli continuativi sono proposti anche nei colori di tendenza. In questo modo, le consumatrici hanno la possibilità di optare per la seduzione anche quando acquistano gli articoli per un uso più quotidiano. Anche nelle linee continuative è possibile offrire la seduzione. Un esempio? La versione gioiello, con schiena ricamata, che abbiamo realizzato per il decimo anniversario del reggiseno Andora, il nostro best seller» . Alcuni dettaglianti, perÚ , sono restii a introdurre le linee moda perchÈ registrano rotazioni pi˘ basse. « La preoccupazione dei dettaglianti è corretta, perché è correlata al rischio che esiste nella moda che, in quanto tale, è destinata a durare una stagione e difficilmente può essere riproposta. Contemporaneamente, però , i retailer si rendono conto che per completare una

collezione non si può prescindere da linee fashion e sensuali. Certo tutto deve essere declinato in funzione di alcune specifi che esigenze: ad esempio per Simone Pérè le è fondamentale che lo stile e il gusto siano proponibili nei diversi paesi del mondo il cui è brand è presente» . Che cosa offre di diverso Simone PÈrË le ai partner del retail? « Prima di tutto il prodotto: una proposta commerciale interessante, ma priva della qualità del prodotto, risulta insoddisfacente» . Continuiamo a parlare di prodotto. Quali sono le innovazioni pi˘ recenti che avete introdotto? « Abbiamo sviluppato ulteriormente la gamma dei lisci e dei reggiseni imbottiti, i cosiddetti modelli coque, che ora sono disponibili anche in coppa G. Inoltre, abbiamo declinato in più linee la versione 3D del reggiseno Andora e continuiamo a presidiare il comparto dei modelli con ferretto e a balconcino, sviluppando un range di coppe in grado di soddisfare anche le consumatrici con seni più generosi» . A una dettagliante che volesse inserire Simone PÈrË le per la prima volta nel suo punto venditaÖ « Innanzitutto farei i complimenti per l© ottima scelta» . E poi perÚ cosa potrebbe offrire? « Partiamo da questa considerazione: Simone Pérè le vanta un© offerta molto profonda. Contemporaneamente, in ogni punto vendita l© assortimento deve essere realizzato in virtù dei gusti e delle esigenze di vestibilità della clientela. In una fase iniziale, la nostra azienda è disposta a costruire insieme ai nuovi clienti un© offerta ad hoc che per un certo tempo viene costantemente monitorata e modifi cata là dove è necessario. In questo periodo, cioè , se ci sono articoli e modelli con rotazioni poco soddisfacenti vengono sostituiti da quelli più performanti. L© esperienza ha dimostrato che in circa sei mesi si arriva a calibrare l© offerta prodotto più adeguata alle esigenze del punto vendita. Il che signifi ca avere in assortimento articoli con rotazioni corrette perché soddisfanno le richieste della clientela fi nale» . » il vostro modo di realizzare la partnership con la clientela? « Oggi ancora più che in passato le imprese manifatturiere e i player della distribuzione devono camminare insieme.

Serie Muse. È la nuova linea liscia che nei colori basici sarà proposta come serie continuativa. Nei capi il disegno del pizzo dona l’ illusione ottica di un tessuto, mentre rimane perfettamente piatto sulla pelle. Le spalline vantano un motivo in guipure che regala un ulteriore tocco di eleganza a questa linea raffinata.

Serie Andora. In occasione del decimo anniversario, il best seller di Simone Pérè le è proposto anche in una versione gioiello con una schiena da indossare a vista.

FEBBRAIO 2016

1


Focus sulle novità FW 2016 Serie Ceylan. È un© esplosione fl oreale grazie a una rosa posta al centro di una grafi ca maglina a rete.

Serie Byzance. Colori speziati svelano lo stile vellutato e bizantino del ricamo. Il disegno “a giorno” e il colore oro rosa dei bijoux creano uno stile molto contemporaneo.

16 FEBBRAIO 2016

Ma in collaborazioni di questo tipo il ritorno di investimento deve esserci per entrambi: il rischio di impresa deve prenderlo sia il fornitore sia il dettagliante. In una fase iniziale della relazione di business c© è tutto lo spazio per un© azione come quella illustrata. Come fornitore nuovo non conosciamo la clientela del punto vendita, mentre il dettagliante non conosce ancora il marchio, il prodotto e le sue peculiarità . A fronte di questa situazione ci si prende un periodo di tempo per calibrare l© offerta» . In questa collaborazione sono previsti anche eventi, iniziative a sostegno del sell out? « Certo. Nel tempo, man mano che la collaborazione cresce e si sviluppa si possono organizzare eventi, creare forme di partnership più stringenti come può essere il programma di shop in shop che abbiamo sviluppato sia in Italia sia all© estero. Tutto dipende dalla volontà e dalla disponibilità del dettagliante di lavorare in modo differente con la nostra offerta: Simone Pérè le vanta una linea prodotto che consente di spaziare a 360 gradi. Lo shop in shop è uno strumento di partnership che consente al retailer di offrire alla clientela fi nale una proposta più completa» . Quali caratteristiche deve avere un dettagliante per avviare queste operazioni? « Innanzitutto devono essere degli imprenditori, questo è il primo requisito. Un imprenditore che ha voglia di affrontare il mercato in modo differente. Poi ci devono essere delle condizioni logistiche. Ma il primo passo è la disponibilità ad affrontare il business in una collaborazione più stretta con il fornitore. Condizione che garantisce dei vantaggi, ma prevede anche degli impegni da rispettare» . Nella gestione dello shop in shop Ë previsto l© utilizzo di un sistema informatico per la gestione del magazzino? « Indubbiamente: un sistema informatico permette al punto vendita di defi nire quello che è il suo stock ottimale. Oggi troppi retailer non sanno quante volte ruota il loro magazzino, eppure si tratta di un fattore fondamentale perché nel mondo della corsetteria tecnica l© offerta è davvero notevole. Ad esempio, introdurre in assortimento un reggiseno Simone Pérè le nelle coppe dalla B alla G signifi ca avere in magazzino sei varianti dello stesso modello. Se si includono le cinque taglie, il numero sale a 30 e la cifra raddoppia se lo stesso articolo è disponibile in due colori. Tuttavia, se un dettagliante si specializza deve

avere un© offerta di questo tipo: un negozio è performante se è in grado di garantire un assortimento molto profondo» Ci sono anche dettaglianti che si considerano specializzati ma hanno due articoli in coppa DÖ « Quella della specializzazione non è una strada semplice. Però sono sempre più numerosi i retailer che hanno deciso di intraprenderla e hanno scelto i brand giusti per dare al business questa direzione. Nel corso del 2015, ho incontrato molti operatori del dettaglio che vogliono specializzarsi e chiedono un supporto per conoscere meglio il marchio e il prodotto. Chi si specializza deve anche saper raccontare il prodotto, perché la consumatrice è esigente. Ma anche durante la fase di vendita occorre valorizzare al meglio il fattore seduzione» . A proposito, cosa offrite sul fronte della formazione? « Se il dettagliante ha la necessità di approfondire le sue conoscenze e le sue competenze in merito ai plus delle nostre collezioni, siamo pronti a intervenire con corsi ad hoc, focalizzati su aspetti ed elementi specifi ci, come possono essere gli accorgimenti seguiti nella costruzione di alcuni articoli, oppure i materiali utilizzati. Per la nostra azienda resta ancora oggi fondamentale ciò che diceva madame Simone Pérè le: un buon reggiseno è quello che indossiamo e ci dimentichiamo di avere addosso» . Il vostro Gruppo ha uno store on line? « Partiamo da un dato di fatto: l© e-commerce è un canale di vendita e, in quanto tale, va presidiato. Inoltre è un comparto in crescita. È però importante aggiungere che per Simone Perele il sito di vendita on-line non è un’ iniziativa fi ne a sé stessa. È in fase di studio infatti una strategia digitale globale di cui l’ e-commerce è certamente un aspetto importante. Questo rientra in una piattaforma B2B che coinvolgerà i nostri distributori storici» . Quali sono i vostri obiettivi di fatturato per il 2016? « Ci siamo posti degli obiettivi di crescita anche ambiziosi soprattutto per quel che riguarda il dettaglio tradizionale dove siamo interessati a incontrare partner che siano disposti a condividere con noi un percorso che ha come obiettivo un incremento molto signifi cativo del sell out. L© altro obiettivo che abbiamo è sviluppare ulteriormente la nostra presenza in quei punti vendita che già lavorano con noi» .


www.calida.com

IMMAGINE ITALIA, FIRENZE 6.– 8. 2. 2016 Padiglione Spadolini Via Borgogna Stand 9

FEBBRAIO 2016

1


I

In scena dal 23 al 25 gennaio, l© edizione 2016 del Salon International de la Lingerie (Sil) si è svolta in una Parigi meno affollata del solito. Sulla capitale francese aleggia ancora, comprensibilmente, il clima di paura provocato dai fatti drammatici dello scorso novembre. Questi avvenimenti hanno avuto delle ripercussioni anche sulla manifestazione dedicata alle collezioni di intimo e lingerie per l© A/I 2016-17. I dati diffusi da Eurovet mostrano un numero di visitatori analogo a quello dell© edizione 2015. Tuttavia, rispetto agli anni scorsi, al Salon International de la Lingerie hanno partecipato meno operatori provenienti dall© Asia: la Cina e il Giappone sono stati i grandi assenti e in diversi casi gli operatori di questi paesi hanno precedentemente motivato la loro assenza con il timore che nella capitale francese potessero accadere fatti analoghi a quelli dello scorso novembre. Poco numerosi anche i belgi, gli americani e i russi. Sembra sia stata migliore, invece, l© affluenza di buyer e dettaglianti provenienti dai paesi arabi. Per quel che riguarda l© Europa, l© edizione del Sil che si è appena conclusa ha visto una buona presenza di operatori dai paesi scandinavi, in particolare Svezia e Norvegia. Inoltre, per la prima volta anche l© Austria entra nella top

1

FEBBRAIO 2016

PARIGI IL SALONE A AN ORA APPEAL Sul Salone Internazionale della Lingerie, in scena dal 23 al 25 gennaio, hanno pesato le paure nate in seguito ai tragici fatti dello scorso novembre. Il numero dei visitatori si è mantenuto stabile grazie alla presenza degli europei. Assenti Asia, America e Belgio. Poche reali novità di prodotto. Ma intenso il dialogo tra gli operatori sull© utilità e la nuova mission delle manifestazioni fi eristiche. ten dei paesi più presenti. Sul fronte dell© Italia, è stata rilevata una presenza più consistente dei dettaglianti. Un segnale importante sia per la fi era sia per il mercato di casa nostra nel suo complesso. Nonostante le defezioni, legate a fattori non dipendenti dagli organizzatori della manifestazione, il Sil si conferma

l© evento internazionale di riferimento per gli operatori del mercato dell© intimo, della lingerie e della calzetteria. Sebbene nei diversi mercati europei siano sempre più numerosi gli eventi locali, il Salone parigino continua a essere il palcoscenico privilegiato dall© industria del settore per incontrare i buyer internazionali.


FIERA, TI VEDO COSÌ LISE CHARMEL FESTEGGIA I SUOI PRIMI 40 ANNI

s a io interattivo

Nel 2016, Lise Charmel celebra il suo 40° compleanno. Per festeggiare questo importante anniversario, in occasione del Salon International de la Lingerie l© azienda ha organizzato una sfi lata a cui ha invitato i partner commerciali dei diversi paesi in cui è presente. Sulla passerella hanno sfi lato i capi della collezione FW 2016 che hanno messo in luce il savoir faire della maison francese che, proprio lo scorso dicembre, ha inaugurato a Parigi una boutique monomarca. « Lo store monomarca è concepito come uno spazio in cui i nostri partner del retail hanno la possibilità di vedere in un unico ambiente la fi losofi a del Gruppo» , spiega Silver Converso, Silver Converso, responsabile responsabile della fi liale italiana. « In commerciale di Lise Charmel Italia queste boutique, cioè , proponiamo e suggeriamo un modo di offrire e vendere i nostri prodotti che esprima al meglio l© identità del gruppo» .

PARAH: "LA COLLEZIONE A/I 2016 RIVOLUZIONA LA LINGERIE" Andrea Rienzo, della divisione commerciale di Parah, è soddisfatto dei feedback che la collezione autunno/ inverno 2016 ha ottenuto al Salon International de la Lingerie. « Con questa collezione Parah rivoluziona il mondo della lingerie poiché reggiseni, top e sottovesti possono essere indossati anche come capi esternabili, ready-towear, molto chic» . L© anima sensuale della collezione si esprime nei modelli realizzati con tessuti raffinati, arricchiti da applicazioni artigianali in pizzo e accostamenti plissé. « C© è anche una linea più wild e sexy con inserti in ecopelle, dettagli effetto pitone, profi li in lurex e sensuali giochi di trasparenze» , precisa Rienzo.

In materia di prodotto, però , secondo alcuni operatori in questa edizione sono mancate novità e innovazioni degne di nota. Tra gli esponenti del retail serpeggia la percezione che si stia andando verso una specie di omologazione dei vari brand. Per

Ecco come alcuni operatori della produzione giudicano il panorama fi eristico attuale Kirsi Nousiainen, Omero « Oggi ogni paese ha la sua fi era di riferimento: la Germania ha i suoi eventi, così come gli Stati Uniti e la Russia. Non esiste un unico punto di incontro. A questo bisogna aggiungere che, rispetto al passato, le informazioni vengono veicolate in tempi rapidi, anche al di fuori di queste manifestazioni. Tuttavia le fi ere continuano a essere un© occasione importante perché permettono di dialogare anche con clienti che provengono da nazioni lontane, difficilmente raggiungibili» .

Andrea Rienzo, Parah « Per i dettaglianti la fi era è un© occasione unica. Durante queste manifestazioni hanno l© opportunità di conoscere meglio la collezione e di confrontarsi direttamente con i fornitori. Attualmente però sono ancora pochi i retailer che sfruttano al meglio questa opportunità » ·

Silver Converso, Lise Charmel Italia

Andrea Rienzo, della direzione commerciale di Parah, posa accanto a una modella. Alcuni pezzi di lingerie della collezione FW 2016 possono essere indossati anche come capi esternabili

questo alcuni chiedono sia all’ industria della produzione sia agli organizzatori dell’ evento di investire di più in ricerca. In questo senso, la fi era potrebbe dedicare uno spazio maggiore ai designer emergenti, agevolandone la partecipazione con proposte

« La fi era è uno strumento ancora valido, anche se è diverso rispetto a 20 anni fa quando si passava il tempo a scrivere ordini. Oggi è soprattutto un momento di incontri, di contatto, di scambi di informazioni. È una vera e propria vetrina per i brand che vi partecipano. Inoltre, è una delle rare occasioni in cui il cliente può visionare la collezione fuori dal punto vendita, con calma e attenzione dialogando con il fornitore, pensando anche a nuove formule di partnership» .

Angelo Postiglione, Simone Pé rè le Italia « Oggi è cambiato il modo di lavorare: già da diversi anni i dettaglianti vengono in fi era per avere un© idea delle tendenze, dello stile. La fi era è un© occasione per avere un quadro completo, una over view generale prima di procedere con gli acquisti che vengono effettuati in un secondo tempo. Inoltre, sono un© opportunità per sviluppare e pensare a nuove forme di collaborazione con i propri partner» .

FEBBRAIO 2016

1


FIERA, TI VEDO COSÌ Fabio Ponzano, Chantelle Italia « Le fi ere sono utili soprattutto per i dettaglianti perché rappresentano un© occasione per uscire dal loro punto vendita ed entrare in contatto con altri operatori e altre visioni del business. Il momento della fi era, quindi, è utile per queste ragioni: è un© occasione di incontro, di scambio di idee. Gli ordini, invece, sono anni che non si concludono in questi frangenti» .

Bruno De Beaudean, Wolf Lingerie « Queste manifestazioni sono un modo per incontrare gli operatori della fi liera: dettaglio, grandi magazzini, distributori. Contemporaneamente sono un© opportunità per avere il polso del mercato, per cogliere il sentiment che circola tra i player. Infi ne, in fi era la collezione viene mostrata in un modo qualitativamente migliore rispetto a quando è portata nel punto vendita dall© agente di zona» .

Rinaldo Stefanutto, Maglifi cio Emmebivi « Le fi ere sono un momento importante a cui non si può rinunciare. Certo sarebbe utile pensare a delle soluzioni per rinnovare le formule di questi eventi. Tuttavia, anche nella situazione attuale il dettaglio tradizionale può trovare in queste manifestazioni spunti e suggerimenti interessanti. Tra i produttori, invece, noto che alcune aziende partecipano alle fi ere con aspettative analoghe a quelle di 20 anni fa, quando si facevano gli ordini. Oggi, invece, è soprattutto un momento per incontrare nuove idee» .

Paolo Presciuttini, Anemone Lingerie « La fi era è una vetrina dove occorre essere presenti. Però bisogna partecipare a questi eventi in modo adeguato, arrivandoci preparati attraverso anche un percorso di studio e di ricerca adeguato alle caratteristiche del paese in cui si svolge la manifestazione. A breve, ad esempio, parteciperemo a una fi era in Germania. Nei mesi scorsi ho iniziato a lavorare per far conoscere il nostro brand in questo mercato. Altrimenti il rischio è quello di arrivare in fi era e di essere un perfetto sconosciuto per gli operatori che vi partecipano» .

20 FEBBRAIO 2016

IBICI: FOCUS SUI MODELLI FUNZIONALI Allo stand del Calzifi cio Plus, a cui fanno capo i brand Omero e Ibici, il focus è sulle novità e le innovazioni presentate negli ultimi mesi proprio da quest© ultimo brand. « Abbiamo deciso di partecipare al Salone proprio per presentare le novità Ibici» . Spiega Kirsi Nousiainen, responsabile Kirsi Nousiainen, responsabile marketing del marketing dell© azienda. « Il Calzifi cio Plus che produce le collezioni a marchio marchio negli ultimi due Ibici e Omero. Il primo offre articoli funzionali. Per il anni è stato oggetto di un programma di rinnovamento marchio Omero, invece, il focus è sui prodotti moda e oggi offre articoli funzionali che, grazie ai fi lati innovativi con cui sono realizzati, come il Meryl Hydrogen o Meryl Derm, abbinanano benessere e bellezza. Infatti quando presentiamo questi articoli parliamo di Cosmetotessile» . Per quel che riguarda la collezione Omero, invece, il focus è sulla moda. « Stiamo ricevendo riscontri molto positivi anche per la linea di abbigliamento che, nel tempo, diventa sempre più completa» .

IL NUOVO CORSO DI BARBARA Il Salon International de la Lingerie rappresenta un momento strategico per il brand francese Barbara. Spiega Christelle Malot, direttore comunicazione della società : « Il nuovo direttore Olivier de Croizant, in azienda da due anni, ha dato un nuovo slancio al nostro marchio. La fi era è quindi un© occasione per mostrare ai dettaglianti e ai nostri partner chi è Barbara oggi, poiché ci sono state delle evoluzioni di stile e di contenuto» . Nell© ambito Christelle Malot, direttore della comunicazione di della collezione FW 2016, uno dei Barbara. « La fi era è un© occasione per mostrare ai prodotti di punta è il reggiseno nostri partner le evoluzioni di stile e di contenuto Tre in uno, senza ferretto, dei nostri prodotti» disponibile fi no alla coppa D con una costruzione che garantisce un sostegno elevato. « Dedichiamo un© attenzione particolare anche alle linee di slip, tutte con taglio vivo e lavori sensuali. La nostra mission è unire comfort e stile» ·

commerciali più economiche. Un evento come il Sil è considerato un appuntamento importante per conoscere i trend e, soprattutto, per trovare anche nuove proposte. Se questo aspetto viene meno, il Salone

rischia di perdere quell’ appeal di cui ancora gode tra gli operatori del settore. Questo non è un aspetto da sottovalutare perché oggi, rispetto al passato, per gli attori della fi liera è molto più semplice stabilire un contatto, anche


FEBBRAIO 2016

21


LA PAROLA AL TRADE Abbiamo chiesto ad alcune dettaglianti italiane che hanno partecipato al Salon International de la Lingerie cosa hanno apprezzato dell’ evento. E cosa, invece, andrebbe migliorato "Evento positivo. Si trovano le novità " Carla Ponti, Gaya Boutique Milano « Il Salone internazionale della lingerie è una fi era ben organizzata. Offre sempre la possibilità di trovare qualche articolo nuovo e marchi innovativi. Purtroppo, però , ho notato l© assenza di alcuni nostri fornitori italiani. Eppure la fi era è un momento stimolante, a cui non si dovrebbe rinunciare» .

"Serve più ricerca e innovazione" Giusy Sabato, Gimò - Torino « Se dovessi defi nire questa edizione del Sil utilizzerei il termine sotto tono. La mia socia ed io siamo andate a Parigi con l© obiettivo di identifi care nuovi brand da inserire in assortimento. Ma le proposte che abbiamo trovato non erano particolarmente interessanti. A questa stregua, meglio continuare a lavorare, in modo più importante, con i nostri fornitori. Eppure le fi ere servono per stimolare i dettaglianti che, a loro volta, stimolano gli acquisti del consumatore fi nale attraverso la proposta di nuovi prodotti e brand. Serve più ricerca e innovazione, anche da parte dei produttori. Detto questo, l© attenzione che ci viene riservata dallo staff che organizza il Salone è ineccepibile» .

"Prima volta al Salon, esperienza positiva" Sara Bonandi, Emamema Brescia « Era la prima volta che partecipavo al Salone Internazionale della Lingerie. È stata un© esperienza molto positiva. Ho notato che i brand presenti a questa manifestazione si collocano in una fascia di mercato analoga a quella dell’ offerta disponibile nel mio punto vendita. Ho avuto anche la possibilità di partecipare alla sfi lata di Lise Charmel che ho molto apprezzato» .

22 FEBBRAIO 2016

SIMONE P…R» LE: “QUOTE DI MERCATO IN CRESCITA GRAZIE ALLA QUALITÀ DEL PRODOTTO" Il 2015 è stato un anno positivo per Simone Pérè le. Lo sottolinea Angelo Postiglione, direttore generale della fi liale italiana: « Lo scorso anno ha confermato la nostra capacità di guadagnare quote di mercato grazie alla qualità del prodotto» . Per il prossimo inverno, il brand ha ampliato la sua linea continuativa arricchendo la proposta Da sinistra: Alessandra Schiavon e Angelo Postiglione anche con articoli moda. di Simone Pé rè le Italia insieme a Inè s Regnault de « Oggi la consumatrice che Montgon, direttore immagine e comunicazione di acquista un capo intimo vuole Simone Pé rè le un articolo che la stimoli e la emozioni, anche se sceglie un prodotto basic» · Nel corso del 2015, inoltre, il brand, che sviluppa l© 85% del suo fatturato fuori dalla Francia, ha inaugurato una fi liale in Canada.

"CHANTELLE È UNO STILE DI VESTIRE LE DONNE" « Nel mercato dell© intimo per ottenere dei risultati occorre insistere, proporre una qualità costante nel tempo» , esordisce così Fabio Ponzano, direttore generale di Chantelle Italia. « La costanza e la continuità premiano. E queste qualità ci hanno permesso di raggiungere risultati soddisfacenti» . Per la prossima stagione Fabio Ponzano, direttore generale di Chantelle invernale, nella collezione Italia. « Costanza e continuità nella qualità della Chantelle uno spazio proposta ci hanno permesso di raggiungere risultati importante spetta soddisfacenti» all© innovazione di prodotto. « Anche la nuova immagine pubblicitaria punta sull© innovazione: abbiamo scelto di non inserire il prodotto per ribadire che Chantelle non è solo un marchio ma è uno stile, una modalità tecnica e stilistica di vestire e scolpire la silhouette femminile» .

indipendentemente dalla partecipazione a un evento fi eristico: è sufficiente utilizzare il web per conoscere i prodotti realizzati da un© azienda, i plus che li contraddistinguono, il suo livello di notorietà e di apprezzamento tra i consumatori. Il sito internet di

un’ azienda, ma forse in modo ancora più impattante i social network sono degli strumenti che possono offrire queste informazioni in tempi rapidi. LE OPPORTUNIT¿ PER IL RETAIL Tuttavia, in un mercato come quello


MAGLIEFICIO EMMEBIVI SRL Via Livorno, 44 路 20831 Seregno (MB) 路 Italy 路 Tel. +39 0362.23331 路 Fax +39 0362.233390

B O D Y STORY FW16/17 EMMEB IVI.COM

FEBBRAIO 2016

2


LA PAROLA AL TRADE ROSY: "ACCOMPAGNAMO IL RETAIL NELLA VENDITA" "Le mie aspettative sono state deluse" Fleana Zigiotti, Mirage - Vago di Lavagna (Vr) « Sono partita dall© Italia con delle aspettative altissime: pensavo di poter trovare qualche articolo innovativo. Invece ho constatato che l© offerta degli espositori non proponeva molto di più da quanto ho già nei miei punti vendita. La sfi lata di Lise Charmel è stato un evento molto bello e interessante anche perché è stata l© occasione per ammirare la collezione completa, non tutti i capi saranno infatti disponibili anche sul mercato italiano» .

"Evento ben organizzato. Poche le novità " Lidia Cometti, Intimamente - Desenzano (Bs) « L© evento è ben strutturato, gli organizzatori ci fanno sentire a casa, perché sono sempre a nostra disposizione. Quest© anno, però , non ho trovato da parte dei fornitori articoli e proposte particolarmente innovative, né marchi distintivi che hanno sollecitato la nostra curiosità » . della moda in generale e della lingerie nel caso specifi co è ancora importante, se non addirittura indispensabile, poter toccare con mano il prodotto, capire le qualità del materiale con cui è realizzato, verifi carne la vestibilità . Se si considerano queste necessità , la fi era risulta un momento privilegiato. Al Salon International de la Lingerie, come in ogni manifestazione fi eristica importante, gli operatori della produzione mettono a disposizione dei partner del retail le loro collezioni. Inoltre, per i buyer dei department store e del dettaglio tradizionale l© evento fi eristico in quanto tale rappresenta l© occasione pressoché eccezionale di poter visionare i capi indossati da modelle, verifi cando in questo modo l’ eventuale presenza di difetti e imperfezioni sul fronte della vestibilità . Vi è poi un’ altra considerazione che dovrebbe spingere i dettaglianti a partecipare alle fi ere. In questi

24 FEBBRAIO 2016

Per il marchio Rosy l© inverno 2016 si prospetta ricco di novità , come spiega Bruno De Beaudean, selective distribution director di Wolf Lingerie a cui fa capo il brand. « Abbiamo avviato una collaborazione con il marchio Vannina Vesperini. Da questa partnership sono nate due linee interessanti. Il nostro obiettivo è accompagnare i retailer nella loro attività di vendita: questa collaborazione è una soluzione per vivacizzare il sell out» . In Italia il brand comincia a muovere i suoi primi passi, con risultati soddisfacenti. « Abbiamo costituito la rete vendita e sono stati conclusi accordi con alcune importanti insegne distributive. Ora puntiamo a incrementare il parco clienti nel dettaglio tradizionale» .

Bruno De Beaudean, selective distribution director di Wolf Lingerie a cui fa capo il marchio Rosy. In Italia il brand punta a incrementare la sua presenza nel dettaglio tradizionale

SISTEMA TESSILE RAFFORZA LA LINGERIE A MARCHIO FRALY Andrea Riva, socio titolare di Sistema Tessile, non ha dubbi rispetto alla bontà della manifestazione: « Il Salon International de la Lingerie ha agevolato il nostro sviluppo sul mercato francese, dove oggi abbiamo più di 200 clienti. In generale le fi ere sono una vetrina per mostrare novità , sono dei punti di riferimento importanti» . Per l© inverno 2016, l© azienda lombarda ha messo a punto una collezione Andrea Riva, socio titolare di Sistema Tessile. Nella collezione FW 2016 si distingue il set di lingerie in dove grande importanza è lana Merino a marchio Fraly stata attribuita alla lingerie, realizzata anche in lana Merino. « Con questo materiale proponiamo un set a marchio Fraly composto da chimono, chemise e vestaglia» .

occasioni, infatti, viene offerta loro la possibilità di vedere la collezione in un momento di relativa calma, in una situazione ben differente da quella che si verifi ca quando la scelta dei capi da acquistare avviene all© interno del punto vendita, magari durante l© orario di apertura al pubblico. Infi ne, un evento

internazionale, è una fi nestra aperta sul mercato: accanto ai grandi marchi, ai produttori più noti, vi sono anche alcuni brand specializzati nella produzione di articoli nicchia, oppure marchi meno conosciuti che hanno nella qualità il loro CONTINUA A PAGINA 29...


FEBBRAIO 2016

2


26 FEBBRAIO 2016


FEBBRAIO 2016

2


2

FEBBRAIO 2016


REPORTAGE

...SEGUE DA PAGINA 24

ANEMONE LINGERIE PRESENTA IL SUO NUOVO LATO YOUNG

MAX MARA

La collezione FW 201617 Anemone Lingerie si contraddistingue dalle precedenti per lo stile più brioso. « Abbiamo voluto rinnovare la nostra proposta dandole un taglio più fresco per raggiungere anche il target giovanile» , spiega Paolo Presciuttini. Nei capi, la qualità dei fi lati e delle lavorazioni resta La collezione A/I 2016 di Anemone Lingerie vanta inalterata, è soprattutto anche alcune tute in cachemire la palette colori ad essere stata modifi cata con l’ introduzione di nuove cromie. Alcuni modelli, inoltre, presentano tagli moderni e rifi niture più sportive grazie ai quali gli articoli possono essere utilizzati anche come capi esternabili. La collezione, inoltre, include anche tute in cachemire.

RED SOX: OBIETTIVO RAGGIUNTO

Giovanni Marazzini, sales manager di Red Sox. Per il brand del Calzifi cio di Parabiago quella del 2016 è la prima edizione del Salon International de la Lingerie

tratto distintivo. È dunque un© occasione importante per raccogliere spunti, idee, suggerimenti utili per una migliore gestione del proprio business. LA FIERA E I CONTRATTI Per alcune aziende della produzione, il quadro sino a ora delineato sarebbe perfetto se il tutto venisse concluso da un contratto d© ordine siglato in

« È la prima volta che partecipiamo al Salon International de la Lingerie con il marchio Red Sox Appeal» , afferma Giovanni Marazzini, sales manager del Calzifi cio di Parabiago che, in passato, ha portato al Salone altre sue collezioni. Il sentiment è positivo. « Il nostro obiettivo era entrare in contatto con le boutique estere. E questo risultato è stato raggiunto» .

fi era. Ma ormai gli anni in cui durante la fi era gli espositori spendevano gran parte del tempo a compilare e fi rmare i moduli di ordine sono un ricordo lontano. Eppure, ci sono ancora alcuni produttori che giudicano una fi era utile e soddisfacente in base al valore delle vendite che si sono sviluppate nei giorni della kermesse. Sebbene questo atteggiamento sia

Al Salon International de la Lingerie Max Mara ha catalizzato l© attenzione degli operatori sul nuovo progetto Leisure. Dal mese di febbraio, le collezioni Max Mara Leisure e Max Mara Hosiery saranno presenti a Copenhagen nel department store Illum con un corner all© interno dell© area dedicata alla lingerie. Nel corso dello stesso mese, inoltre, Max Mara Leisure sarà presente alla Rinascente di Milano con un pop-up

RITRATTI MILANO

Fabio Micheli, titolare di Ritratti Milano. « Nella collezione per l© inverno 2016 abbiamo mantenuto i nostri standard di alta gamma: non possiamo arretrare sulla qualità dei nostri articoli. Continuiamo a investire in innovazione per offrire nuovi argomenti di vendita»

FEBBRAIO 2016

2


REPORTAGE AMBRA

Claudio Toppino, socio titolare di Ambra Corsetteria. « Nel 2015 abbiamo registrato una discreta tenuta in Europa e in Italia abbiamo rilevato un piccolo segno di ripresa. Oggil, il 65% del nostro fatturato è sviluppato dall© export. Fuori dal nostro Paese il prodotto Made in Italy è molto più apprezzato»

RAGNO: RIFLETTORI PUNTATI SUL PROGETTO WONDERWOOL « Dopo dieci anni, siamo tornati al Salon International de la Lingerie per presentare al mercato il nostro nuovo progetto Wonderwool» . A parlare è Matteo Restelli, direttore commerciale di Ragno. « Nel mercato sta crescendo a ritmi sostenuti l© interesse e l© attenzione verso Matteo Restelli, direttore commerciale di Ragno. Al Salone i prodotti in lana: a della lingerie, il brand ha presentato una linea di maglieria Parigi presentiamo intima in 100% lana Merino di ultima generazione una collezione di maglieria intima in lana Merino 100% extra fi ne, lavabile in lavatrice, risultato di un complesso e nuovissimo processo produttivo che unisce i vantaggi di una moderna microfi bra al benessere della lana» .

PEPITA PRONTA A NUOVI SHOP IN SHOP

RCRESCENTINI PRIVATE COLLECTION BY COTTON CLUB

La collezione 2016-17, di RCrescentini si ispira allo stile gotico. Le linee rifl ettono il gusto e lo stile del brand. Un materiale che contraddistingue la collezione è il raso stretch in sostituzione dell© elastico tradizionale: scelta che conferisce ai singoli pezzi uno stile ancora più elegante e sensuale

0 FEBBRAIO 2016

Si respira entusiasmo allo stand di Pepita, il brand principale di Gruppo Intimo Italiano che nei punti vendita italiani ed esteri è presente anche con il marchio Tatà . « In Italia lavoriamo con oltre 600 negozi» , spiega Sabrina Tonti, titolare della società . « Quello interno resta il mercato principale che nel 2015 ci ha regalato anche qualche soddisfazione» . Il brand è presente in Europa, ma anche in Canada e in Cina, dove vanta anche dieci shop in Sabrina Tonti, ideatrice del marchio Pepita. Nel shop all© interno di importanti 2016 l’ azienda intende sviluppare anche in Italia un department store. « Nel 2016 progetto di shop in shop puntiamo a sviluppare queste formule di partnership anche in Italia, soprattutto in Veneto e in Sicilia dove ci sono operatori del dettaglio aperti a questa nuova modalità di business» .

comprensibile per i costi che occorre sostenere per partecipare a una fi era, oggi un approccio di questo tipo rischia di essere anacronistico. È necessario iniziare a concepire la fi era come un momento del business e non come il business in quanto tale. L© evento quindi,

deve essere considerato e valutato per come oggi si presenta a fronte delle evoluzioni del mercato: un© occasione di confronto, di incontro, di dialogo con altri operatori e con gli esponenti del mondo distributivo, clienti e non. In quest© ottica la fi era è una vetrina a cui


BON JOUR ET BONNE NUIT

Cristina Novati, proprietaria del marchio Bon Jour et Bonne Nuit. Il brand offre una linea completa di sleepwear uomo, donna e bambino che reinterpreta in chiave moderna i modelli più iconici della pigiameria. Gli articoli sono in tessuto popeline 100% cotone tinto fi lo e sono disponibili in molteplici varianti colore

PIERRE MANTOUX: "SIAMO UN GIOIELLO DA SCOPRIRE" « Per Pierre Mantoux il mercato italiano è ancora una piazza importante» , esordisce così Patrizia Giangrossi titolare della maison di hosiery. « L© Italia è un paese dove il concetto del cocconing è ancora molto sentito: la clientela vuole sentirsi bella, coccolata e amata. Per questo nel nostro Paese il servizio offerto dalle boutique tradizionali è ancora importante e rappresenta Patrizia Giangrossi titolare di Pierre Mantoux. un elemento fondamentale Al Salon International de la Lingerie il brand ha per continuare a presidiare il presentato la linea luxury Socks Collection mercato» . Nello stand della maison grande enfasi è dedicata al progetto Socks Collection, una collezione di calzini che per materiali, lavorazioni e applicazioni gioiello può considerarsi una linea di haute couture. « Pierre Mantoux è un gioiello da scoprire: il nostro prodotto parla dell© amore, della passione e della tradizione che da 85 anni contraddistinguono la nostra attività » .

L© INTIMO DIESEL TORNA ALLA RIBALTA

EMMESSE GROUP

Al Salon International de la Lingerie erano presenti anche i marchi Nazareno Gabrieli underwear e Design by Marta Marzotto. « Design by Marta Marzotto si colloca nella fascia media del mercato con un prodotto classico per un target di clientela femminile con un’ età superiore ai 40 anni» . Spiega Silvia Barlocco, commercial manager di Emmesse Group, società licenziataria di Design by Marta Marzotto. « Nazareno Gabrielli punta, invece, a un target giovane e sportivo»

2 FEBBRAIO 2016

Enrica Marcuzzo, responsabile del marchio Diesel e Nicoletta Strada, responsabile canale wholesale mostrano alcuni capi della collezione underwear del brand

non si può rinunciare per le opportunità che offre in termini di contatti, conoscenze, spunti e suggerimenti che in un momento successivo alla manifestazione possono concretizzarsi in ordini. Il ritorno economico non

Nell© ambito della proposta a marchio Diesel, per le linee underwear quello attuale è un momento importante. Il brand infatti ha deciso di sostenere investimenti importanti per aumentare la brand awareness. « Dopo dieci anni di presenza sul mercato, il rilancio coinvolge un numero selezionato di paesi, tra i quali c© è anche l© italia» , spiega Nicoletta Strada, responsabile wholesale del brand. « Anche per sottolineare l© importanza dell© underwear per il marchio Diesel, nella campagna pubblicitaria per la P/E 2016 sono stati inseriti anche degli scatti dedicati a questa linea.

può essere misurato durante la manifestazione. La monetizzazione avviene in un secondo tempo. Già entrare in contatto con nuovi potenziali clienti, nazionali o esteri, signifi ca incrementare la notorietà del brand e


PER INFORMAZIONI DIREZIONE@MAREDAMARE.EU BUYER@MAREDAMARE.EU

FEBBRAIO 2016


EMILIO CAVALLINI

Bianca Cavallini posa davanti ad alcuni modelli della collezione Emilio Cavallini FW 2016-17. Il brand toscano sviluppa il 90% del suo fatturato all© estero dove lavora con i principali department store

L© INTIMO CRESCE IN CASA TRUCCO TESSILE L© Italia resta il mercato principale di Trucco Tessile, lo confermano anche i risultati registrati dal gruppo piemontese nel 2015, come spiega Agostino Trucco, direttore marketing: « Lo scorso anno in Italia abbiamo registrato trend positivi con tutte le linee di intimo continuativo dei marchi che fanno capo alla nostra azienda: Alpina, Ghiro e Boglietti» .

Agostino Trucco, direttore marketing di Trucco Tessile. Nel 2015 l© azienda ha registrato trend positivi con le linee di intimo a marchio Alpina, Boglietti e Ghiro

GIRARDI CALZE HAPPY PEOPLE: "NON SIAMO SOLO UN BRAND"

C© è soddisfazione allo stand di Girardi Calze per i risultati registrati durante la manifestazione. La collezione FW 201617 è stata apprezzata dai buyer nazionali ed esteri

delle sue produzioni. Certo in questo contesto, anche agli enti organizzatori, sia del Sil sia delle manifestazioni fi eristiche, è chiesto un passo in direzione dell© innovazione e del cambiamento. È difficile indicare quali potrebbero essere le soluzioni. Un buon punto di partenza potrebbe essere rappresentato

4 FEBBRAIO 2016

Manuela Mascarello, export manager di Happy People. In fi era la collezione del brand è stata particolarmente apprezzata

dalla creazione di un tavolo di lavoro con gli operatori del settore, una sorta di Comitato organizzativo, per cogliere le esigenze principali dei player del mercato, sorte anche in virtù del nuovo contesto economico e sociale in cui si trovano ad operare. Forse, oltre alle sfi late, ai seminari dedicati ai fashion trend, potrebbe essere utile portare sul

Manuela Mascarello, export manager di Happy People è soddisfatta dei feedback ricevuti in fi era: « Happy People non è solo un marchio o un prodotto di pigiameria, ma un vero e proprio progetto. Per questo c© è un interesse crescente per le nostre collezioni che sono presenti nelle boutique di fascia medioalta, dove il nostro posizionamento di prezzo risulta accattivante»

pal-co anche alcuni protagonisti del mercato: i casi di successo esistono sia tra i rappresentanti della produzione sia tra quelli della distribuzione locale e internazionale. Se la fi era è un momento di confronto e di dialogo, la case history è un© occasione per presentare formule di business vincenti.


dentro il mer ato, on il mer ato INTIMORETAIL IT INTIMORETAIL IT

INTIMO RETAIL

FEBBRAIO 2016

EDITORIALE FARLASTRADA - VIA DON MILANI, 1 - 20833 GIUSSANO (MB) - ITALY REDAZIONE@INTIMORETAIL.IT


A IEN E

Red So A eal verso il anale dellintimo A cinque anni dall© ingresso sul mercato, il brand fashion del Calzifi cio di Parabiago punta a crescere nelle boutique di intimo, mare e calzetteria.

N

el 2011 il Calzifi cio di Parabiago si preparava ad affrontare una nuova sfi da, con il lancio sul mercato del marchio Red Sox Appeal che si differenzia dalle altre proposte dell© azienda lombarda per il suo carattere marcatamente fashion. Giovanni Marazzini, sales manager della società lombarda è soddisfatto dei risultati raggiunti dal brand in questi cinque anni: « Abbiamo registrato delle performance superiori alle aspettative» , afferma. Il livello di notorietà del marchio è stato sostenuto anche dagli investimenti in comunicazione con la presenza del brand sui principali periodici di moda, la partecipazione a fi ere e, soprattutto, lo sviluppo di un intenso lavoro sui social network. Qual Ë il target principale di Red? « Per le linee uomo il target di riferimento è il gentleman moderno: una persona attenta alla moda, ma non in modo esasperato. È un consumatore che ama dare un tocco di originalità all© outfi t classico indossando una calza Red che vanta una sua identità precisa grazie al colore e alle fantasie. Inoltre, il nostro cliente fi nale di riferimento è attento alla qualità dei capi che acquista e, soprattutto, è fedele e affezionato alla marca. Da qui la defi nizione di gentleman. Penso che la campagna realizzata in occasione di Pitti Uomo (vedi foto nelle pagine successive) offra un© idea più precisa di quello che per noi è il gentleman moderno» .

6 FEBBRAIO 2016

Con la campagna pubblicitaria realizzata in occasione di Pitti Uomo, Red Sox Appeal ha voluto dare un volto al gentleman moderno che è il target di riferimento del brand

Carta d© identità Nome: Red Sox Appeal Anno di nascita: 2011 Segni particolari: carattere marcatamente fashion. Realizzato in Italia. Filiera 100% controllata. Sito web: www.red-soxappeal. com Pagina Facebook: https://www. facebook.com/RedSoxAppeal/ Sede aziende: Via S. Maria, 60. Parabiago (MI)

A quali canali di vendita affidate il sell out delle collezioni Red Sox Appeal? « Attualmente, le vendite sono in maggior parte sviluppate dai negozi di abbigliamento. Tuttavia siamo in crescita anche nel canale dell© intimo: da sempre questi punti vendita hanno in assortimento le calze da uomo e oggi guardano con maggiore interesse a quegli articoli che hanno un contenuto moda più spiccato. È anche a fronte di questo interesse che vogliamo presidiare in modo più organico questo canale, dove siamo presenti già da diversi anni con il brand Rede 1938» . Quali sono le caratteristiche principali di un prodotto Red? « Red Sox Appeal è un prodotto fashion, con uno stile distintivo che è il frutto di anni di esperienza. L© azienda inoltre garantisce un elevato contenuto


A IEN E

Giovanni Marazzini, sales manager del Calzificio di Parabiago qualitativo. Le collezioni sono Made in Italy, in quanto vengono realizzate nel nostro stabilimento produttivo, con una fi liera controllata al 100%: dal fi lato, alla produzione, fi no alla distribuzione. Si tratta di plus importanti che un dettagliante dovrebbe considerare nel momento in cui seleziona un nuovo fornitore, soprattutto nel mondo della calzetteria» . In che senso? « Penso che oggi sia fondamentale verifi care e valutare la storicità dell© azienda che sta dietro un marchio. È importante che il dettagliante capisca, cioè , se si tratta di una società che produce le calze che vende oppure se semplicemente le commercializza. E in questo caso è rilevante sapere dove vengono realizzate le collezioni. Oggi per molti marchi commercializzati è difficile tracciare la fi liera e capire se sono realmente prodotti di qualità . Questo rischia di intaccare anche il rapporto di fi ducia che negli anni il dettagliante ha sviluppato con la sua clientela fi nale» . Quanto Ë importante l© innovazione per la vostra azienda? « Negli ultimi anni, per migliorare la qualità del prodotto abbiamo investito molto anche in innovazione tecnologica. Ora è possibile realizzare disegni molto più complessi rispetto al passato. Inoltre, ci avvaliamo di macchinari speciali che, ad esempio, consentono di cucire la punta della calza in modo molto fi ne, come succede con le tecniche più tradizionali. Anche i sistemi di fi nissaggio permettono di rifi nire la calza in modo ottimale. Sono tutti accorgimenti da cui non si può prescindere perché il cliente fi nale è molto

attento: se spende una cifra importante Rede 1938, non c© Ë il rischio di un pretende che il prodotto abbia anche un sovrapposizionamento? contenuto qualitativo. E l© azienda deve « Rede 1938 ha uno stile molto più classico, garantirlo: non basta che il prodotto sia un target price differente e vanta una bello» . clientela molto fi delizzata. È un prodotto Parliamo delle attivit‡ di comunicazione di prima scelta, di grande qualità . Anche a sostegno del sell out. la collezione Rede 1938 vanta una linea « Insieme al prodotto solitamente forniamo con fantasie, ma si tratta di disegni più anche un pacchetto di materiali p.o.p: tradizionali rispetto a quelle presenti nella cartelli vetrina, shopper, immagini del collezione Red. L© impegno a sostegno marchio e anche buste e pack che il di Rede 1938 è altrettanto intenso: ad negoziante può utilizzare nel caso in cui esempio anche per Rede 1938 abbiamo la calza venga acquistata per un regalo. messo a punto le gift box cui accennavo in Per soddisfare al meglio proprio questo precedenza» . tipo di richieste abbiamo realizzato La vostra offerta Ë completata dalla anche le gift-box: in questo caso la calza collezione Calvin Klein. è consegnata all© interno di confezioni « Con questo marchio, tre anni fa abbiamo regalo di alta qualità , in linea con il mood stipulato un accordo di produzione e di del marchio. Per questi articoli, inoltre, distribuzione per il territorio italiano. In offriamo condizioni commerciali molto questo caso, il canale di riferimento è interessanti. La richiesta delle gift-box è in quello degli intimisti. E non c© è nessuna crescita costante. Infatti, per la collezione sovrapposizione con Rede in quanto la autunno-inverno 2016 abbiamo realizzato collezione calze Calvin Klein riprende nuovi inserimenti, con box studiate ad hoc lo stile del brand, destinato a un target per alcuni articoli» . giovanile» . Quali caratteristiche deve avere un punto Qual Ë il feedback? di vendita di intimo interessato a Red? « Da quando abbiamo iniziato questa « La collezione è destinata a boutique di partnership la crescita è costante: il livello medio-alto, con un assortimento marchio è conosciuto, sta investendo che si colloca in una fascia di mercato molto in comunicazione soprattutto in premium, analoga a quella delle linee Europa. Basti pensare come testimonial Red» . optano per famose pop star. L© insieme di Quali sono le condizioni commerciali questi fattori indubbiamente facilita il sell che offrite ai retailer che decidono di out del prodotto» . lavorare con il vostro marchio? « Puntiamo a una distribuzione del prodotto molto mirata: nel momento in cui entriamo in contatto con un nuovo potenziale cliente verifi chiamo se nella piazza in cui opera ci siano già altri operator dello stesso canale che propongono il brand Red Sox Appeal. È una prassi che tutela i nostri clienti. Di conseguenza, non accettiamo tutti gli ordini: è necessario che queste condizioni siano rispettate» . La vostra azienda « Negli ultimi anni abbiamo investito molto anche in innovazione tecnologica. presidia il canale degli Ora è possibile realizzare disegni molto più complessi rispetto al passato» . intimisti con il marchio

FEBBRAIO 2016


1

2

I

PORTFOLIO

Pigiameria, voglia di oral Il nuovo materiale è uno dei piÚ utilizzati dai brand per le collezioni donna FW 2016-17. Il mood al centro di molte proposte è sbarazzino e divertente. Per tagli e rifi niture i capi possono essere suggeriti anche come abbigliamento homewear. FEBBRAIO 2016 Foto: Verdissima


3

3. I COLORI DELLA NORVEGIA SONO AL CENTRO DELLA COLLEZIONE HAPPY PEOPLE. LA PALETTE COLORI PREVEDE LE INFINITE SFUMATURE DELLA NATURA. LA COLLEZIONE INCLUDE ANCHE CAPI RICAMATI, SERIE IN PUNTO MILANO, CORAL FLEECE E PLAID. 5. IL MARCHIO BON JOUR ET BONNE NUIT REINTERPRETA IN CHIAVE MODERNA I CAPI DI PIGIAMERIA PIÙ CLASSICI E TRADIZIONALI. TUTTI I MODELLI SONO IN POPELINE 100% COTONE TINTO FILO E SONO DISPONIBILI IN MOLTEPLICI COLORI. 5

1. (PAGINA A SINISTRA) NELLA COLLEZIONE DI PIGIAMERIA VERDISSIMA A/I 2016 SI DISTINGUE LA SERIE IN JERSEY DI VISCOSA STRETCH CON STAMPA A ROSE IN STILE PROVENZALE SU FONDO MELANGE. LA SERIE INCLUDE ANCHE UNA MAGLIA DI PIGIAMA CON SERIGRAFIA "SWEET DREAM". 2. NELLA LINEA NIGHTWEAR PER L© A/I 2016-17, COTONELLA SVILUPPA TEMI E FANTASIE DIVERSI. I MATERIALI SPAZIANO DAL CLASSICO INTERLOCK DI 100% COTONE, ALLA MORBIDA VISCOSA DALLA MANO SERICA.

6. LA COLLEZIONE PEPITA FW 201617 È UN VIAGGIO ATTRAVERSO I PERSONAGGI DI FAVOLE E CARTOON. PROTAGONISTA DELLA SERIE BAMBI È UN PARTICOLARE TIPO DI ECOPELLICCIA DALL’ EFFETTO “NUVOLA”, CALDO E AVVOLGENTE.

4

7. IL MUM SET DI ANITA È IN COTONE E, GRAZIE ALL© ARRICCIATURA FRONTALE, PUÒ ESSERE INDOSSATO SIA DURANTE LA GRAVIDANZA SIA NEL PERIODO DELL© ALLATTAMENTO. È DISPONIBILE ANCHE CON CAMICIA DA NOTTE, VESTAGLIA E PANTOFOLE.

7

4. LA LINEA TENDANCE RÉ SILLE DI ANTIGEL È IN TESSUTO 100% COTONE, FLUIDO E LEGGERO. LA STAMPA, REALIZZATA CON TECNICA INKJET, È COORDINATA A QUELLA DELLA CORSETTERIA. I CAPI, DISPONIBILI DALLA 1° ALLA 5°, SONO PROPOSTI IN ROSA E IN BLU MARINE.

FEBBRAIO 2016


8

8. LA LINEA TENDER HEARTS DI CALIDA È IN MORBIDO INTERLOCK MEDIUM. LA SERIE È DISPONIBILE IN DARK DENIM TINTA UNITA OPPURE CON STAMPA CUORICINI DISEGNATI A MANO IN COLOR PRUGNA.

14 10

10. PER LA COLLEZIONE A/I 2016-17 GIADA HA UTILIZZATO NUOVI MATERIALI E NUOVE NUANCE DI COLORE. PIGIAMI E CAMICIE DA NOTTE IN MICROMODAL SONO ABBINATE A CALDE VESTAGLIE IN PILE E A MANTELLE IN MOHAIR.

11

9

9. NELLA COLLEZIONE IMEC SI DISTINGUE IL MODELLO IN MICROMODAL NEI TONI PASTELLO DELLA LINGERIE MIXATI TRA LORO E IMPREZIOSITI DA UN LEGGERO DETTAGLIO IN MACRAMÈ. GRAZIE AL TAGLIO MORBIDO E MODERNO È ADATTO AD OGNI TIPO DI SILHOUETTE.

12

11. LIABELLISSIMA È LA NUOVA COLLEZIONE FIRMATA LIABEL CON PIGIAMI E CAMICIE DA NOTTE REALIZZATI IN DIVERSI TESSUTI. SI SPAZIA DAL NATURALE COTONE FELPATO AL MORBIDISSIMO CORAL E AL PUNTO MILANO. 13. LA SERIE YOGA COUTURE DI RAGNO È ISPIRATA ALLA PALESTRA E AGLI SPORT DOLCI. LA LINEA PROPONE VISCOSE ELASTICIZZATE PER VESTIBILITÀ MORBIDE, LINEE SVASATE E SCIVOLATE ISPIRATE ALL’ ABBIGLIAMENTO ESTERNO. 13

12. NELLA COLLEZIONE MAX MARA LEISURE A/I 2016 IL RASO STRETCH E IL CREPE DE CHINE STAMPATO SI ABBINANO AI PIZZI. IL BLU, IL CAMMELLO, IL GRIGIO IN TUTTE LE SUE SFUMATURE INSIEME AL NERO E AL CUOIO SONO LE CROMIE PRINCIPALI, VIVACIZZATE DA ACCENTI DI ROSSO, SENAPE, AZZURRO E CIPRIA.

40 FEBBRAIO 2016


TREN

NO IT

OLLANT RITORNO AI FASTI EL PASSATO Il fi l rouge che lega le collezioni FW 2016-17 è la tendenza a proporre in un© ottica moderna temi e lavorazioni degli scorsi decenni. a qualche stagione, i collant non sono più considerati dalla clientela fi nale un articolo banale, un capo nella cui scelta ci si può affidare alla casualità . Dopo un periodo in cui è stato snobbato o poco apprezzato, fi nalmente questo prodotto torna a catalizzare l© attenzione dei consumatori fi nali. A fronte di questo rinnovato interesse l© impegno delle aziende della produzione a realizzare articoli con un© identità precisa, soprattutto dal punto di vista estetico, è diventato ancora più importante come emerge dalle collezioni per l© A/I 2016-17. In queste linee, i collant sono considerati veri e propri articoli di abbigliamento. In alcune collezioni, inoltre, per fantasie e materiali utilizzati, il collant ha tutti i plus per elevarsi a capo principale dell© outfi t a cui tutti gli altri articoli devono adeguarsi. Dal punto di vista stilistico, il fi l rouge che lega le collezioni FW 2016-17 è la tendenza a proporre temi e lavorazioni del passato, riproponendoli in un© ottica e contemporanea. Un esempio in questo senso è rappresentato dal ritorno della rete che, nelle collezioni per il prossimo inverno, sono proposte da alcuni brand in versioni macro. Le fantasie segnano un ritorno dei pois, delle geometrie e dei motivi optical. Non mancano poi lavorazioni più tecniche come i tromp d© oeil. Sul fronte dei materiali, la scelta delle fi bre naturali di anno in anno diventa una costante: lana, cachemire, angora sono alcune dei materiali utilizzati.

Omero fi rma un inverno alternativo Nella collezione per la prossima stagione invernale, Omero accosta il passato e il futuro, mescolando materiali grezzi con tecniche nuove. L’ eleganza si unisce all’ artigianalità , ad effetti fl oreali sfocati e a macro quadri, talvolta irregolari, e a fi lati stampati. Alcuni articoli propongono effetti corrosi, marmorizzati e sfumati. I decori e le stampe sono impreziositi da lurex, strass e borchie. Sul fronte dei materiali, Omero ha optato per fi lati naturali e fi bre artifi ciali con aspetto naturale che al tatto risultano morbide: lane mischiate alla viscosa e microfi bre melangé. Inoltre, i fi lati metallici impreziosiscono i nylon e accentuano lo stile decorativo. La palette colori si sviluppa con tonalità scure ed intense: nero, blu notte e grigi melange si affiancano alle sfumature dei verdi e dei rossi invernali. Non mancano tocchi colore come il senape e il blu klein.

FEBBRAIO 2016

41


TREN

NO IT

Franzoni presenta il suo lato grunge La collezione Franzoni FW 2016-17 si sviluppa in quattro linee, ognuna delle quali soddisfa esigenze di stile e di vestibilità . Al centro della serie che si ispira agli anni 70 ci sono fantasie geometriche ed optical. In questa linea, i pattern grafi ci si sposano con la tecnica double face che da diversi anni rappresenta la punta di diamante del brand. Gli articoli sono reversibili: da un lato il disegno risulta molto grafi co e defi nito, dall’ altro sobrio, leggermente melangiato ed elegante. Grunge è invece la linea pensata per la generazione teen: parigine e fi nte parigine, collant velati, strappati, fantasie che si ispirano al mondo manga sono i protagonisti di questa serie. Nella collezione Franzoni, infi ne, il mood più classico è rappresentato dalle linee con lurex e dai capi realizzati con materiali caldi.

Falke è Sensual(e) Con la linea Sensual, Falke ha realizzato una gamma di prodotti che combinano i plus della calzetteria con quelli della migliore hosiery. Per questa collezione il marchio tedesco ha scelto materiali di alta qualità come il cashmere, la seta e il cotone. Nella serie cotone/cashmere la mischia delle due fi bre rappresenta la base per i collant 80 denari che aderiscono alla gamba come una seconda pelle. Oltre alla serie Sensual seta, che include soprattutto calzini, la collezione propone anche la linea Sensual cotone con collant in 30 e 80 denari, da indossare con outfi t eleganti.

42 FEBBRAIO 2016

Storia e futuro convivono nella collezione Oroblù Artisanal, Elegant, Eclectic Energy e New Tradition sono i quattro temi che contraddistinguono la collezione legwear a marchio Oroblù . La serie Artisanal combina il gusto senza tempo del fatto a mano con lo spirito creativo che permette di rinnovare i materiali e le texture della tradizione secondo uno stile contemporaneo: microfi bre e micromodal si sposano con lana e viscosa per capi lavorati ad effetto tricot proposti in tinte mélange, che ne esaltano la trama e le fantasie. Elegant è il tema della ricercatezza e dell© eleganza che si concretizza nella scelta di materiali leggeri come le viscose di aspetto serico e le morbide mischie con cachemire, esaltate da motivi preziosi come il pizzo del collant Rosemary, oppure i micro disegni dei collant Tracy. Il colore e il disegno sono le note di punta nel tema Eclectic Energy che dà brio a ogni look: collant e leggings diventano protagonisti dell© outfi t grazie alle stampe flo reali, alla fantasia animalier e al motivo maculato. Infi ne, il tema New Tradition guarda al passato con un occhio al futuro: dal Barocco prende i pattern effetto tessuto che sono però stampati in nuovi materiali lucidi, mentre i fi ori sono proposti in versione light, per un nuovo bon ton. Le classiche righe si rinnovano e diventano curve e irregolari come onde nei collant Joanna e Pauline; mentre i motivi delle cravatte interpretano uno stile spiccatamente maschile nel collant Rhianna.


TREN Zohara: l© arte sulle gambe

Unire l© arte e la moda: con questo obiettivo nel 2010 è nato il marchio Zohara-Tights. Mantenendo fede alla sua mission, ogni anno il brand seleziona alcuni artisti di tutto il mondo, per dare una connotazione artistica e contemporanea alla collezione che propone così collant e leggings con disegni che danno un tocco distintivo e originale a ogni outfi t.

NO IT

Tre anime nella collezione Max Mara Hosiery Total Black, Geometrico e Tempo Libero sono questi i tre temi della collezione Max Mara Hosiery per l© A/I 2016-17. Il primo trend è proposto in una serie di calze velate, particolarmente raffinate, caratterizzate anche da rombi, gessati e righe orizzontali. Il pizzo è mixato a grandi pois ed è abbinato ad uno stivale trompe-l’ oeil disegnato con veri lacci in raso sottile. Nel tema Geometrico, invece, si distinguono il principe di Galles, lo chevron, il maculato e varie texture che si abbinano ai capi d© abbigliamento Max Mara. I colori sono sfumati: grigio, marrone, cammello, ruggine e verde. I collant in angora, in cotton cachemire e in modal, così come la rete in lana, sono i modelli più innovativi di questo trend. Infi ne il tema Tempo Libero dove calzini e calzettoni riprendono gli stessi colori dei capi della collezione Max Mara Leisure, per una donna che ricerca l’ eleganza anche nei momenti dedicati al relax.

Emilio Cavallini osa con le macro reti L© inverno 2016-17 di Emilio Cavallini si prospetta vivace e colorato: la palette, infatti, include tonalità intense come il blu brillante e il rosso acceso. Le fantasie invece si concentrano sui temi geometrici con effetti tridimensionali. Pizzi e giochi di trasparenze caratterizzano le linee di collant più romantiche e sensuali. Inoltre, con i tre collant a rete grande, il brand ha voluto fare un omaggio a una sua collezione invernale del 1976 dove erano presenti articoli simili, ora proposti in chiave moderna. Infi ne, anche per l© A/I 2016-17, il brand ha scelto microfi bre e fi bre naturali come la lana merino, la viscosa ed il cashmere.

FEBBRAIO 2016

4


TREN

NO IT Innovazione, la versione di Wolford Nella collezione Wolford l© innovazione è rappresentata dai collant Comfort Cut 40 Tights, il cui plus principale è rappresentato dal cinturino lavorato doppio adattabile individualmente e personalmente alla silhouette. Motivi classici, materiali di qualità dalla mano morbida e lavorazioni accurate rendono i capi della serie Essentials ideali da indossare tutti i giorni: l© offerta spazia dalle calze classiche alle varianti a rete fi no alle autoreggenti, alle calze al ginocchio e ai calzettini. Per una sensazione di gradevole tepore anche quando le temperature si fanno più rigide, Wolford offre modelli semitrasparenti, coprenti e in fi bra naturale come seta, lana merino e cotone.

Ibici punta sui fi lati Meryl Hydrogen

Strass e lurex nella collezione Paris Hilton Un mood holliwodiano caratterizza la collezione Paris Hilton, il brand prodotto da Calzitaly, in seguito all© accordo di licenza che ha stipulato con la nota star americana. Da questa collaborazione è nata una linea fashion ed elegante che include collant, calze e leggings per donna e bambina. La collezione rispetta in pieno lo stile di Paris Hilton: grande enfasi è stata quindi dedicata a strass, pailette e lurex. L’ offerta per la donna spazia dai collant velati a quelli 40 e 180 denari, resi particolarmente sensuali da piccoli dettagli come strass e applicazioni. Per chi vuole un look sofi sticato e seducente, il brand propone il collant 20 denari con riga; oppure le autoreggenti. L© anima glamour della collezione si esprime al meglio nei collant con strass allover, nel modello lurex 60 den, disponibile sia in oro che argento, e nel modello con fantasia fl oreale, arricchito da strass.

44 FEBBRAIO 2016

I collant Ibici Casual 40 Hydro e Casual 60 Hydro sono realizzati con il fi lato Meryl Hydrogen che oltre a idratare la pelle ha una mano molto vellutata, per le qualità del processo produttivo con cui è realizzato. Inoltre il tessuto vanta un effetto traspirante e, grazie alla sua naturale idratazione, blocca la formazione della elettricità statica. I collant Casual 40 Hydro e Casual 60 Hydro saranno disponibili in quattro taglie e altrettanti colori classici e in sei tonalità moda.


TREN

NO IT

Pierre Mantoux: rifl ettori su eleganza e creatività

La collezione hosiery Pierre Mantoux per la prossima stagione A/I 201617 reinterpreta in chiave contemporanea i classici della calzetteria per creare uno stile in cui si fondono eleganza, carattere e creatività . Il focus è sulle fi bre: il brand ha optato per fi lati naturali come lana, cotone, viscosa, angora e mohair, uniti alla fi bra Lycra. Nella linea dalle denarature più alte, la palette colore è eterea: grande spazio a bianco, avorio, cioccolato chinè e ai bordeaux intensi. Per quel che riguarda le fantasie, prevalgono le geometrie optical con motivi grafi ci, come i cerchi concentrici dei pizzi, gli chevron velati, i disegni diamante e i pois punta di spillo di colore. Pizzi e reti esaltano la femminilità grazie anche a lavorazioni innovative, come i disegni di velluto ramage su collant velati e i mix&match di fantasie che si fondono insieme.

La femminilità protagonista della linea Ori Femminilità ed eleganza sono due delle parole chiave della collezione Ori FW 2016-17. Per il prossimo inverno, il brand ha realizzato una collezione che si contraddistingue per la fusione di motivi tradizionali, con temi e tecniche innovativi. Le fantasie sono studiate per esaltare la femminilità e la silhouette, mentre le lavorazioni hanno portato alla creazione di articoli che non passano inosservati.

Item m6: il benessere incontra lo stile I collant Item m6 sono sviluppati nei laboratori hi-tech di Medi group, azienda tedesca che da oltre 60 anni lavora nel mondo della compressione medicale. Il nome del brand ne rivela i legami con la medicina cinese e l© ago puntura poiché m6 si riferisce al sesto meridiano che regola l’ energia che flu isce nel corpo ed è collocato due dita sopra la caviglia. Tutto parte dalla caviglia e, grazie ad una pressione confortevole, favorisce la circolazione e aumenta l’ apporto di ossigeno nel sangue. La compressione ben defi nita dei collant Item m6 rende le gambe snelle e leggere e dona anche un senso di benessere. Il segreto del brand tedesco è il sistema di compressione High-Tech Thread che è nato nei laboratori Medi per migliorare le performance dei capi tecnico-sportivi e che l’ azienda tedesca successivamente ha applicato al brand di calzetteria per dar vita a una linea di leg and shapewear.

FEBBRAIO 2016

4


A IEN E

Anno n ovo, s o in s o rinnovato

I Basic o Light? Il progetto shop in shop di Anita prevede due tipi di set ognuno dei quali vanta moduli versatili che possono essere utilizzati singolarmente o abbinati tra loro. Set Basic. Questa soluzione include una parete espositiva, alta due metri e larga tre, corredata anche di una cassettiera con cassetti in plexiglass; un display centrale (145x85 cm) per l© esposizione dei capi e un bancone, utilizzabile anche come punto cassa. I tre moduli del set possono essere utilizzati insieme, per dar vita a un vero e proprio shop in shop brandizzato Anita, oppure singolarmente, in base alle necessità del dettagliante e alla superfi cie espositiva del punto vendita.

46 FEBBRAIO 2016

Flessibilità e modernizzazione sono le parole chiave alla base del restyling dei moduli espositori fi rmati Anita. Il progetto consente di realizzare corner espositivi o veri e propri mini-store all© interno del punto vendita. n casa Anita, il 2016 inizia nel segno del restyling. Con il nuovo anno, infatti, l© azienda tedesca a cui fanno capo i brand Rosa Faia e Anita nelle declinazioni Comfort, Active, Maternity e Care, ha deciso di rinnovare gli arredi del progetto shop in shop, dedicato ai suoi migliori partner del


A IEN E retail. In Italia il programma è stato avviato nel 2013. « Il progetto shop in shop è particolarmente importante sia per la casa madre sia per la fi liale italiana» , spiega Cristina Amann, direttore di Anita Italia. « Puntiamo a coinvolgere soprattutto quegli operatori del retail disposti a implicarsi seriamente in questo programma: siamo pronti a studiare accordi ad hoc con ogni cliente, in base alle sue necessità e allo spazio a disposizione. L© importante per l© azienda è lavorare con imprenditori che sono propensi investire in questo progetto, cioè a utilizzare queste strutture per l© esposizione dei nostri brand e, di conseguenza, a dare spazio alle nostre collezioni nel loro assortimento. Ad oggi, l© esperienza sviluppata con alcuni partner dimostra che dove sono stati inseriti questi moduli le rotazioni dei nostri prodotti sono migliorate notevolmente» . I nuovi allestimenti sono disponibili in due versioni: una denominata Basic, pensata per l© esposizione delle collezioni Rosa Faia, Anita Comfort e ad Anita Care; la seconda, chiamata Light, è invece dedicata alla linea sportiva Anita Active e Anita Maternity. Il set Basic comprende una parete espositiva, alta due metri e larga tre, corredata anche di una cassettiera;

Set Light. È un espositore (145x85 cm) dedicato alla linea di reggiseni sportivi Anita Active e Anita Maternity. Può essere utilizzato singolarmente oppure insieme a tutti gli altri elementi del set Basic o con alcuni di essi.

Cristina Amann, direttore di Anita Italia

« Proponiamo il progetto shop in shop a quegli imprenditori disposti ad investire in questo programma, dando spazio alle nostre collezioni nel loro assortimento. L© esperienza sviluppata con alcuni partner dimostra che dove sono stati inseriti questi moduli le rotazioni dei nostri prodotti sono migliorate notevolmente» un display centrale (145x85 cm) e un bancone. In base alle dimensioni del punto vendita e alle necessità del dettagliante, è possibile optare per

un singolo modulo oppure per i tre pezzi insieme. La versione Light, vale a dire l© espositore dedicato alle linee Anita Active e Maternity, prevede un modulo con dimensioni analoghe a quelle del display centrale incluso nel set Basic. Questo espositore può essere abbinato anche agli altri in modo da valorizzare tutte le collezioni che fanno capo all© azienda tedesca. « Si tratta di moduli molto versatili che insieme danno vita a un vero e proprio shop in shop a marchio Anita. Singolarmente invece consentono di creare dei corner espositivi mono brand moderni ed eleganti. In entrambi i casi permettono di focalizzare l© attenzione sul marchio anche in ambienti di piccole dimensioni» . Il rinnovamento degli arredi è avvenuto nel segno della modernizzazione. Innanzitutto è stato cambiato lo stile e il colore dei moduli: l© azienda ha infatti optato per cromie più neutre per far sì che gli arredi brandizzati Anita possano integrarsi in modo armonico con il mobilio già esistente nei punti vendita in cui vengono inseriti. Un altro cambiamento riguarda le appendiere della parete espositiva e dei due espositori: nella nuova versione sono posizionate verticalmente, per rendere più fl essibile la gestione dello spazio ed esporre un numero maggiore di pezzi. Modernizzazione e fl essibilità sono i principi che hanno guidato anche il rinnovamento della cassettiera che ora è corredata di cassetti in plexiglass. « Si tratta di un progetto che ha una valore intrinseco importante, perché tutti questi arredi sono realizzati con materiali di altissima qualità (cioè il legno di abete). Una scelta che rifl ette e rispetta la strategia commerciale e la fi losofi a di Anita che, da sempre, ha proprio nella qualità , nell© attenzione al particolare, i suoi elementi distintivi. Per questo anche nella scelta dei partner con cui iniziare questo progetto siamo molto selettivi» .

FEBBRAIO 2016

4


OPPORTUNIT

Reggiseni s ortivi la artita è a erta

N N

é una nicchia di mercato, ma il numero di potenziali acquirenti • in crescita costante. Rispetto al passato, inoltre, anche l'offerta • maggiore. Ma per sostenere il sell out di questi articoli • necessario esporli nel punto vendita o in vetrina, avviare collaborazioni con palestre e centri Þtness e sensibilizzare la clientela Þnale. el mondo della corsetteria, il segmento dei reggiseni sportivi comincia ad attirare l'attenzione degli operatori dell'industria e della distribuzione. All'origine di questo interesse un ruolo di primo piano spetta ai nuovi stili di vita dove l'attenzione al benessere Þsico spinge alla pratica di attivitˆ sportive non agonistiche come il jogging o i corsi di Þtness. Contemporaneamente, soprattutto in alcune aree del nostro Paese, il consumatore • pi• attento e selettivo nella scelta dei capi activewear. Se solo Þno a qualche anno fa per la palestra e il jogging si accontentava di indossare semplici leggings e t-shirt in cotone, oggi cerca capi tecnici, realizzati con materiali traspiranti e costruiti in modo tale da agevolare il movimento e migliorare le performance sportive. In questo contesto, al reggiseno sportivo spetta ancora un ruolo da serie B, perchŽ • il prodotto a cui il pubblico femminile rinuncia pi• facilmente, in quanto • ancora poco consapevole e informato circa i vantaggi garantiti dall'indossare uno sport bras. Tuttavia, ci sono alcuni segnali che fanno pensare e sperare a una crescita del sell out di questi articoli. Vale la pena sottolineare che si tratta di un comparto da non sottovalutare: in Italia il numero di persone che praticano sport, dal jogging al corso in palestra, cresce di anno in anno. Se nel 1997 il 26,8% degli

4

FEBBRAIO 2016 Foto: Anita Active


VETRINA PRODOTTI Gli italiani e lo sport Un© indagine condotta nel 2014 dall© Istat mostra che anche nel nostro Paese è in crescita il numero di persone che nel tempo libero praticano un© attività fi sica 31,6%: quota di italiani con un© età superiore ai 3 anni che pratica uno o più sport durante il tempo libero. Nell© ambito di questo risultato, il 23% si dedica allo sport in modo continuativo e l© 8,6% saltuariamente. 28,2%: quota di italiani con un© età superiore ai 3 anni che svolge un© attività fi sica ma non pratica sport. 39,9%: quota di italiani con un© età superiore ai 3 anni che non svolge attività sportiva o fi sica.

Anita Descrizione Il reggiseno sportivo Momentum di Anita assicura sostegno e vestibilità anche nelle discipline sportive ad elevata intensità di movimento e nelle taglie più abbondanti. È realizzato con materiali high-tech traspiranti che assicurano un equilibrio igrotermico, a vantaggio delle prestazioni sportive. Nelle coppe sono abbinati due materiali particolarmente funzionali: il frotté sulla pelle assorbe il sudore e lo convoglia all© esterno, mentre il tessuto lucido Eyelet posto all© esterno assorbe il calore. Le coppe sono prive di cuciture e riducono il movimento oscillatorio del seno. Il sostegno è ulteriormente assicurato dalla fascia sottoseno e dai profi li con taglio alto al décolleté e nella parte ascellare. Le spalline, imbottite, sono regolabili e, all© aumentare della taglia, diventano progressivamente più larghe. Materiali Interno: frotté di microfi bra idrofi la. Esterno: tessuto Eyelet lucido. Taglie/coppe Dalla 2° all© 8° . Dalla A alla H. Palette colori Da giugno 2016 in verde acqua. Da agosto 2016 anche in rosso.

Passato e presente a confronto

Intimidea Descrizione Il reggiseno Intimidea della linea Active-Fit si distingue per la costruzione ergonomica: vanta infatti lo scollo basso, il taglio all© americana e lo spallino largo che si conforma senza regolatori alle diverse altezze del corpo e lascia massima libertà alle spalle. È realizzato in tessuto tecnico che favorisce la traspirazione e mantiene la pelle fresca e asciutta. Gli inserti anatomici, invece, aumentano il sostegno del seno e migliorano il drenaggio del sudore. Materiali Tessuto tecnico traspirante. Palette colori Dal 2016 la palette colori classica nero, fucsia e grigio melange si arricchisce di tonalità mélange a tre colori: verde-blu e azzurrofucsia.

26,8%: quota di italiani con un©e tà superiore ai 3 anni che nel 1997 dichiarava di praticare uno o più sport durante il tempo libero. 21,5%: quota di italiani con un©e tà superiore ai 3 anni che nel 1997 dichiarava di praticare sport in modo continuativo. Fonte: Istat italiani dichiarava di praticare almeno uno sport nel tempo libero, nel 2014 questa quota è p assata al 31,6%. Inoltre, il sell out di questi articoli è cost ante nel corso dell© anno, con qualche picco poco prima della stagione estiva e dopo le festività natalizie. Il campo d© azione è v asto. È solo necessario essere disponibili a mettersi in gioco. L© OFFERTA DELLE AZIENDE Innanzitutto, rispetto al passato anche l© offerta di reggiseni sportivi inizia a essere più a mpia e profonda. Ci sono infatti alcuni brand, come ad esempio

Anita e Triumph che vantano questi articoli nel loro assortimento sin dagli anni anni in cui nessun altro produttore realizzava articoli di questo tipo. Altri ancora, come Chantelle, solo recentemente hanno arricchito la loro proposta con i reggiseni sportivi per presentarsi sia ai partner del retail

sia alla clientela fi nale con un© offerta in grado di soddisfare anche il nuovo target sportivo. I brand citati hanno nella corsetteria tecnica con coppe differenziate il loro core business e anche per i modelli sportivi propongono un range taglia/coppa particolarmente profondo: in alcuni casi le collezioni

FEBBRAIO 2016

4


VETRINA PRODOTTI A sostegno del sell out

Chantelle Descrizione Il reggiseno sportivo di Chantelle garantisce una copertura avvolgente del seno per ridurne il movimento durante lo sforzo fi sico. Le bande elastiche sotto il seno, i ferretti di sostegno con copertura morbida e il dorsale alto assicurano il sostegno. Le spalline larghe, imbottite, aumentano il comfort all©i ndosso. Materiali Maglia in microfi bra leggera e traspirante. Taglie/coppe Dalla coppa C alla H, fi no alla 7° H. Palette colori Disponibile in colore nero e grigio.

Piccoli suggerimenti per facilitare la 1. Esporre il prodotto all© interno del punto vendita, anche con corner specifi ci. 2. Dedicare periodicamente a questi articoli uno spazio in vetrina. 3. Avere in assortimento sia i modelli basic sia quelli con coppe differenziate più tecnici.

Calida Descrizione Nella collezione Daily Function di Calida, la linea Vitality propone anche un bustier, sagomato sulla parte anteriore, e con una lavorazione a due strati per garantire vestibilità e sostegno ottimali. Come altri capi della linea Vitality anche il bustier è realizzato con un materiale che svolge un’ azione termoregolatrice e mantiene la pelle asciutta, pur lasciando la stessa sensazione del cotone. Grazie agli ioni d’ argento e all’ azione batteriostatica, inoltre, assicura un effetto freshness, lasciando una piacevole sensazione di freschezza anche in situazioni di stress. Materiali 89% poliammide, 14% Lycra elastan. Palette colori Nero e bianco. Taglie/coppe Da XS (36/38) a L (48/50).

includono articoli con coppa H o I per taglie come la settima. A questi plus, si affiancano le qualità tipiche dei reggiseni sportivi: la coppa è cost ruita in modo da ridurre al massimo le oscillazioni del seno mentre si pratica l© attività fi sica; le spalline sono imbottite e regolabili; il comfort è m igliorato anche da alcuni accessori. Altri brand, invece, per raggiungere il target di clientela più sportivo puntano su un© altra tipologia di reggiseno,

0 FEBBRAIO 2016

la brassiè re. Un articolo con una costruzione differente rispetto ai modelli con coppe differenziate, ma che registra buoni consensi tra dettaglianti e consumatrici fi nali soprattutto grazie al posizionamento di prezzo che difficilmente supera i 30 euro al pubblico. Rientrano in questa categoria di prodotto gli articoli a marchio Fila, alcuni modelli di Lovable, la proposta di Calida, di Intimidea e Controlbody, per citare solo alcuni

brand. Per le loro peculiarità questi articoli sono acquistati soprattutto dalle consumatrici il cui seno non necessita di un sostegno particolare. Infatti, sono molto apprezzati soprattutto dalle teen ager e dalle donne con una conformazione fi sica minuta e un seno non particolarmente abbondante. Vi è però un elemento che accomuna i modelli tecnici con coppe differenziate e le brassiè re ed è il materiale con cui sono realizzati. Gran parte dei produttori predilige tessuti traspiranti che assorbono il sudore così da mantenere la pelle asciutta anche durante lo sforzo fi sico. E proprio i materiali con cui sono realizzati i prodotti è uno degli elementi da valorizzare durante la fase di vendita. Anche per questi articoli infatti, la concorrenza di altri canali, come ad esempio i megastore di articoli sportivi, è particolarmente forte e rappresenta un freno allo sviluppo delle vendite nel canale specializzato. In alcune insegne di abbigliamento sportivo, infatti, il reggiseno spesso è offerto a prezzi realmente bassi, perché si tratta di articoli che si collocano nella fascia entry level del mercato. Inoltre, da questi operatori della distribuzione il reggiseno sportivo è considerato un articolo a corredo e complemento dell© offerta, a differenza di quello che potrebbe essere per i dettaglianti di intimo, molti dei quali non sono nuovi a questo prodotto. LE SCELTE DEL TRADE Nel mondo della distribuzione


VETRINA PRODOTTI vendita dei reggiseni sportivi 4. Valorizzare i plus dei materiali con cui sono realizzati gli articoli. 5. Allestire piccoli spazi espositivi in palestre o centri sportivi situati in un© area vicina al punto vendita. 6. Organizzare eventi in collaborazione con palestre e centri sportivi per sensibilizzare la clientela fi nale, coinvolgendo le aziende fornitrici. specializzata, infatti, vi sono alcuni operatori che nel loro assortimento hanno i reggiseni sportivi già da diversi decenni. Anche tra i retailer alcuni hanno optato per i modelli più tecnici, altri invece puntano sui modelli più basici. Una considerazione è d © obbligo: attualmente sembra che siano proprio questi ultimi a essere più diffusi nel cosiddetto canale degli intimisti. Un fenomeno che si spiega anche con un© altra funzione d© uso che viene attribuita ai reggiseni sportivi: i modelli con apertura frontale, infatti, vengono acquistati soprattutto dalle consumatrici che hanno subito un© operazione al seno e che, su indicazione esplicita dei medici che le hanno seguite durante la malattia, in fase di convalescenza devono indossare un capo con allacciatura anteriore. E sembra che sia proprio questa seconda possibilità di utilizzo a convincere molti retailer a introdurre o a mantenere i reggiseni sportivi nel loro assortimento: per l© acquisto di un capo da indossare dopo l© operazione, infatti, le consumatrici preferiscono rivolgersi a un punto vendita specializzato se non al proprio negozio di fi ducia. SUGGERIMENTI A SOSTEGNO DEL SELL OUT Vendere un reggiseno sportivo al suo reale target di riferimento, quindi, è un© attività tutt© altro che semplice e richiede un adeguato investimento di tempo ed energia. Occorre partire da un presupposto importante: i

Triumph Descrizione La serie Extreme è dedicata a una donna dinamica, alla ricerca di vestibilità comprovata, modellazione, sostegno e comfort durante le attività preferite. Il reggiseno è progettato per assicurare supporto e comfort grazie ai tessuti innovativi in Lycra che mantengono la pelle fresca. Taglie/coppe Il modello è disponibile nelle taglie dalla 1° alla 5° , nelle coppe dalla B alla F.

reggiseni sportivi rappresentano un© opportunità per dare al proprio punto vendita un© immagine di specialista dell© intimo a 360 gradi. Con questi articoli, il negozio si presenta alla propria clientela come il punto di riferimento per tutto ciò che riguarda l© underwear, anche quello sportivo. Avere in assortimento le brassiè re non signifi ca rinunciare ai capi tecnici e viceversa. Al contrario, vendere gli uni e gli altri signifi ca avere la possibilità di soddisfare un target di clientela trasversale che spazia dalla teen ager, che non ha particolari esigenze in termini di sostegno, alla donna over 40 che vanta una capacità di spesa maggiore e che ha esigenze di vestibilità specifi che. Attualmente, però , sembra che siano ancora pochi

i dettaglianti disposti a investire per spingere il sell out di questi articoli. E il riferimento è a iniziative basilari come può essere l© esposizione del reggiseno sportivo in vetrina o all© interno del punto vendita. Infatti, soprattutto chi ha in assortimento solo gli articoli basici preferisce non esporre questi capi perché hanno un prezzo più basso rispetto agli altri capi in vendita e perché solitamente vengono richiesti esplicitamente dalla clientela, specie nel caso in cui siano acquistati dalle consumatrici che hanno subito un© operazione al seno. Questa scelta però rischia di limitare le potenzialità di crescita del prodotto, soprattutto in relazione alla funzione principale per cui è stato realizzato: essere il reggiseno da

Le regioni con maggiori potenzialità Ripartizione per aree di mercato della quota di persone con un© età superiore ai tre anni che praticano sport durante il tempo libero

23,3%

37%

34,3% 36,3%

Ripartizione per aree di mercato della quota di persone con un© età superiore ai tre anni che svolgono un© attività fi sica

Nord Est Nord Ovest Centro Sud

22,1%

34,4%

26,6% 32,5% Fonte: Istat 2014

FEBBRAIO 2016

1


VETRINA PRODOTTI Lovable

La situazione attuale ELEMENTI POSITIVI • Il numero di donne che praticano attività sportiva è in crescita costante. • Cresce l©o fferta da parte dei produttori: accanto ai modelli con coppe differenziate vi sono anche i più semplici modelli brassiere. • I reggiseni sportivi consentono di raggiungere un target di clientela trasversale: dalla teen ager alla donna adulta, over 40.

Descrizione Con la P/E 2016, l© offerta di Lovable si arricchisce di una linea di reggiseni sportivi che offre due articoli: un modello Brassiè re e uno con allacciatura frontale. La Brassiè re preformata è in microfi bra leggera, vanta spalline imbottite, regolabili e incrociabili e la parte a contatto con la pelle è in cotone. Questi plus contraddistinguono anche il modello con allacciatura frontale, che è stato progettato per offrire un sostegno maggiore. Materiali L© esterno è in microfi bra leggera. La parte a contatto sulla pelle, invece, è in cotone. Taglie/coppe Il modello con allacciatura frontale è disponibile fi no alla coppa E.

• Molti dettaglianti di intimo, mare e calzetteria hanno in assortimento i reggiseni sportivi anche da diversi decenni.

Freya Descrizione Il nuovo reggiseno Freya Active può essere indossato anche in momenti differenti da quelli duranti i quali si pratica un© attività sportiva. Avvolge il seno, senza comprimerlo. Il sostegno è rafforzato da una fascia e dalla possibilità di allacciare le spalline a vogatore. Materiali L© interno del reggiseno è in tessuto Coolmax e microfi bra che assorbe l© umidità . Taglia/coppa Dalla 32 alla 40, dalla C alla H.

• Introducendo questi articoli nel proprio assortimento ci si può presentare alla clientela fi nale come il punto di riferimento di ciò che riguarda l© underwear a 360 gradi. ELEMENTI CRITICI • Tra le consumatrici vi è ancora poca consapevolezza dei vantaggi garantiti dai reggiseni sportivi in termini di comfort e performance. • Non esporre questi articoli, come avviene in molti punti vendita, ne rallenta il sell out. • Il prezzo al pubblico, soprattutto dei modelli più tecnici, è considerato troppo alto da alcune consumatrici. • La concorrenza delle catene specializzate in articoli sportivi è forte: in questi store i reggi-seni sportivi sono venduti a prezzi molto bassi.

2 FEBBRAIO 2016

indossare mentre si pratica un© attività sportiva. Altrettanto strategica è l© avvio di partnership e collaborazioni con palestre e circoli sportivi del circondario. In diversi casi, accordi di questo tipo hanno permesso al dettagliante di allestire all© interno di questi ambienti, spazi espositivi dedicati alle linee sportive presenti nel proprio negozio. Nell© ambito di queste collaborazioni, poi, si possono realizzare veri e propri eventi volti a

sensibilizzare la clientela fi nale perché diventi consapevole che indossando il reggiseno corretto non solo aumenta il comfort, ma migliorano anche le performance sportive, proprio come succede con una t-shirt tecnica o con le scarpe da running. In questo tipo di attività è altrettanto importante la collaborazione con i fornitori che potrebbero portare in palestra o nel punto vendita esperti e dati a conferma di quanto ribadito dal dettagliante.


FEBBRAIO 2016


PARISSIMO ITALIA srl

4 FEBBRAIO 2016

www.lisecharmel.com

Coppe A-B-C-D-E-F-G

Tel. 0173-281337

parissimo.it@lisecharmel.fr

Intimo Retail - Febbraio 2016  

La rivista business to business per gli operatori del mercato dell'intimo, della calzetteria e del beachwear. By Editoriale Farlastrada

Intimo Retail - Febbraio 2016  

La rivista business to business per gli operatori del mercato dell'intimo, della calzetteria e del beachwear. By Editoriale Farlastrada