Page 1

LIBERO

IL CAVALLO Speciale FieraCavalli Verona 2017

La NUOVA E.N.G.E.A.

• I nostri Dipartimenti

• I nuovi Settori E.R.D. e T.E.E.

• La nostra Formazione certificata

Il Mercato delle Tessere

VOLONTARIATO

• ENGEA Garibaldini Volontari

a Cavallo

Vent’ANNI di SUCCESSI E.N.G.E.A. ® d ls

sr

SPECIALE

Fieracavalli Verona • 26 - 29 Ottobre 2017 Foto in copertina di ADELIA GANDINI con VALERIA VALDATA, vincitrice del CONTEST FOTOGRAFICO “Il Cavallo ed il suo Mondo”

polisportive giovanili salesiane

Polisportive Giovanili Salesiane

ITALIA

Organizzazione Italiana Professionisti Educazione e Sport

Organizzazione Italiana Professionisti Educazione e Sport


®

REDAZIONALE

l sd sr

2

Prefazione

Con grande

orgoglio quest’anno stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione di idee e di contenuti, che il nostro Ente cavalca con passione, dedizione e grande professionalità, è la rivoluzione dei numeri e dei risultati, che giorno dopo giorno, si annoverano tra tanti successi ottenuti durante quest’anno. • Primo successo tra tutti è stato il conseguimento tramite specialisti del settore di ottenere le migliori coperture assicurative sul panorama nazionale per tutte le attività, che coinvolgono la nostra professione, nuove e vantaggiose coperture infortuni ed RCT non solo con l’affiliazione, il tesseramento ed il rinnovo del brevetto, bensì anche complementari e personali acquistabili in convenzione, con prezzi e premi veramente associazionistici. • Secondo grande passo in avanti che sarà avviato entro i primi giorni di Gennaio 2018, sarà il nuovo sistema di gestionale on-line, che consentirà con pochi click di rinnovare la propria tessera ed effettuare il versamento con qualsiasi carta prepagata o carta di credito, in modo da poter velocizzare al massimo i tempi di rilascio delle abilitazioni a montare; molti hanno già questo sistema informatico, ma quello studiato dalla nostra equipe di tecnici avrà ben più vantaggi e comodità rappresentando il più innovativo sistema di gestionale per Enti come il nostro. • Terzo successo ottenuto è lo sdoganamento del nostro sistema certificato in altri paesi quali la Croazia, la Slovenia e la Repubblica di Malta che quest’anno sono entrate a pieno titolo tra le ramificazioni all’estero del nostro Ente, sempre più Paesi ci richiedono un nostro presidio nel proprio stato, per formare e sviluppare il turismo equestre internazione e sempre più strutturata è la nostra presenza tra i tour operator all’estero. Grandi novità attendono le oltre 880 strutture a noi affiliate e gli oltre 35.000 tesserati, con i 2.500 istruttori, che ogni giorno da 20 anni portano avanti una filosofia di equitazione, basata sulla sicurezza ed il rispetto del cavallo, sviluppando così l’equitazione e non una mera commercializzazione del cavallo e dei sui proventi. Dati statistici confrontati negli anni danno ragione al nostro “modus operandi” fatto da tre servizi basilari, che portano l’Associazione, l’Az. Agricola o le Fattorie Didattiche e Sociali ad implementare il proprio lavoro oltre al 30% nei primi mesi di apertura. Soddisfiamo tre esigenze così di seguito elencate: I Servizi: coperture assicurative valide, pubblicità specialistica su 6 canali diversi, servizio di grafica, gestioni informatiche veloci, spedizioni rapide, e tantissimo altro, che un nostro centro ben conosce; L’Assistenza: reperibilità telefonica dei dirigenti in tutta Italia continua ed un telefono emergency, risoluzione di problemi efficace, efficiente e celere, intervento rapido su problematiche fiscali, amministrative e burocratiche, rappresentanti in carne e ossa su tutti i territori, che intervengono e sono presenti agli eventi e tanto altro, che un nostro istruttore ben conosce; I Benefit (35 benefit) a cui un nostro Centro accede con una semplice affiliazione il tutto coordinata da una segreteria generale, che non chiude praticamente mai, perché il nostro lavoro viene svolto, soprattutto quando i vostri utenti e tesserati sono in ferie ed è in quei giorni, che una segreteria deve essere presente. Oltre a questo siamo gli unici con pluri certificazioni in ISO 9001 VISION 2008 ed Iso-encertification, con altrettanti riconoscimenti ministeriali ai quali quest’anno si aggiunge l’iscrizione di O.I.P.E.S. al MIUR, Ministero dell’Istruzione nell’anagrafe nazionale delle ricerche Art. 64, comma1 DPR 11luglio 1980 n. 382, cod. 62154OMH e l’iscrizione di E.N.G.E.A. ed O.I.P.E.S. nel registro delle discipline bionaturali della regione Lombardia, legge regionale 1 Febbraio 2005 n 2. Nei prossimi mesi saremo i protagonisti di una storica crescita nazionale ed internazionale, fatta di vittorie e di risultati portati a casa con sacrificio e dedizione, celebrando così la nascita di un futuro costruito, non più attorno ad Enti, che utilizzano le associazioni come bancomat, bensì un futuro costruito intorno ai circoli ippici ed alle loro reali esigenze: quelle di affrontare i problemi e risolverli nel minor tempo possibile e di sviluppare l’equitazione a 360 gradi. Insieme per vivere il successo! Buon lavoro a tutti!

Il Presidente Nazionale Mauro Testarella

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

®

INDICE

3

l sd sr

glossario

    rivista                                   

LIBERO

IL CAVALLO

EDITORE ENGEA Equitazione Segr. Gen.: Via Umberto I, 37 27050 Silvano Pietra (PV) Tel. 0383.378944 - Fax 0383.378947 e-mail: segreteria@sitogea.net www.cavalloecavalli.it Direzione, Pubblicità e Distribuzione Via Umberto I, 37 - 27050 Silvano Pietra (PV) Tel. 0383.378944 - Fax 0383.378947 e-mail: redazione@sitogea.net www.cavalloecavalli.it Direttore Responsabile: Carlo Marone Capo Redattore: Mauro Testarella In Redazione: Renzo Tomi, Tino Nicolosi, Romina Girotto, Claudia Ferro. Progetto Grafico e Design Originale: Mauro Testarella e Claudia Ferro Grafica e Impaginazione: Claudia Ferro E’ vietata la riproduzione totale e/o parziale di testi, immagini e loghi presenti su A 360°, e suoi allegati, senza l’autorizzazione scritta dell’editore. L’allegato è autonomo nei suoi concetti e contenuti a livello redazionale e pubblicitario, di conseguenza le scelte sono dettate dal marketing redazionale. La responsabilità delle opinioni contenute negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori. Rev. 09 del 10/2017

4 chi siamo L’ENGEA, un’organizzazione Associazionistica, che professionalità certificata a 360 gradi nel mondo equestre

garantisce

6 organigramma ENGEA La struttura organizzativa del nostro ENTE

10 IUSTO e gli interventi assistiti con gli animali O.I.P.E.S. ed E.N.G.E.A. entrano nel mondo Universitario!

12 settore E.r.d. e T.e.E. Soddisfazioni, cambiamenti, novità e tanto divertimento... PIANETA BIMBI

18 il mondo sommerso delle assicurazioni E’ mai possibile che con una semplice tesserina da pochi euro, possiamo stare tranquilli con i nostri figli, che praticano equitazione?

27 il mercato delle tessere Anche il mondo dell’equitazione è stato ed è tuttora “Terra di conquista” per Federazioni, Enti ed Associazioni parallele

28 la nostra formazione certificata I molteplici percorsi a disposizione dei tesserati, sono mirati a formare delle figure di base aggiornate sui principi fondamentali dell’equitazione, ovvero il lavoro in sicurezza ed alla conoscenza di tutte le normative che regolano il mondo equestre

32 i dipartimenti ENGEA I nostri settori secondo i quali l’ENGEA è suddivisa, per venire incontro a tutte le vostre esigenze ed aiutarvi in una ricerca di un futuro lavoro

48 odv - garibaldini volontari a cavallo Al Vostro servizio, per la tutela del territorio e dell’ambiente

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

ENGEA

l sd sr

4

® l sd sr

E. N .G. E . A .

Il marchio VINCENTE    chi siamo                                      LE 1 febbraio 2005, N. 2.

IQNet and its partner CISQ/RINA hereby certify that the organisation

ENTE NAZIONALE GUIDE EQUESTRI AMBIENTALI VIA UMBERTO I, 37 27050 SILVANO PIETRA (PV) ITALIA in the following operative units

VIA UMBERTO I, 37 27050 SILVANO PIETRA (PV) ITALIA

for the following field of activities DESIGN AND PROVISION OF INSTITUTIONAL AND ASSOCIATIVE COURSES FOR ADMINISTRATIVE AND TECHNICAL TRAINING RELATED TO HIGHER LEVEL PROFESSIONAL QUALIFICATION IN ANCIENT ARTS AND CRAFTS IN THE EQUESTRIAN AND NATURE-ENVIRONMENTAL SECTORS. ORIENTATION AND COUNSELLING, ORGANIZATION AND DEVELOPMENT OF HUMAN RESOURCES IN THE ABOVE SECTORS; DESIGN AND CHECKING OF HORSE PATHS.

has implemented and maintains a

Quality Management System

ENGEA International per lo sviluppo del settore del turismo equestre mondiale, è riconosciuta e certificata da: ISO 9001:2008, OHSAS, ISOENCERTIFICATION ed Ecoencertification. Nel luglio 2013 si trasforma in s.r.l., mantenendo inalterate le sue caratteristiche e tutte le attività ad esso connesse: quali la formazione, la didattica, gli eventi e la promozione sul territorio.

which fulfills the requirements of the following standard

ISO 9001:2008 Registration Number:

L’ORGANIZZAZIONE: E.N.G.E.A. nella sua forma associazionistica opera nel mondo sportivo, sociale ed ambientale promuovendo lo sport equestre ludico amatoriale a categorie meno abbienti con lo slogan “Uno sport di tutti e per tutti”. Da oltre vent’anni promuove e divulga la pratica sportiva equestre, ludica ricreativa pre agonistica, finalizzata anche per il lavoro a cavallo, per le antiche arti e mestieri e per il turismo equestre ambientale. La segreteria nazionale O.I.P.E.S. ed E.N.G.E.A. è supportata sul territorio da: 18 Segreterie Regionali, 87 Responsabili

IT-63481

I Vantaggi O.I.P.E.S./E.N.G.E.A.: • Adesione a contratti assicurativi specifici per l’equestre, attività ludico-motorie sportive e sociali: polizza infortuni per tesserati, polizza RC capofamiglia, polizza Provinciali, 2.500 Quadri Tecnici, 32 Re- per maniscalchi, polizze riservate ai consponsabili di settore, 800 tra Centri, Cir- duttori di carrozze, istruttori di equitacoli Associati, Aziende Agricole ed Agritu- zione; rismi, Fattorie Didattiche, Organizzazioni • Iscrizione gratuita per le A.S.D., con il di Volontariato con oltre 30.000 tesserati. Settore Equestre dell’Ente di promozione Sportiva PGS al Registro Nazionale ENGEA è riconosciuta ed iscritta: del C.O.N.I., che attribuisce i vantaggi • dal Ministero della Salute in ECM. fiscali; • dal Ministero dell’Istruzione • Titoli riconosciuti dal C.O.N.I. con la dell’Università e della Ricerca. formazione dell’Ente di Promozione • dal Ministero dell’Ambiente. Sportiva PGS Settore Equestre; • dalla Presidenza del Consiglio dei • Iscrizione all’Albo degli Operatori/TecMinistri per il Dipartimento Nazionale nici PGS; Protezione Civile. • Coperture giornaliere per lezioni di • nel registro delle discipline Bionaturali prova, passeggiate o promozioni sportive regione Lombardia LEGGE REGIONAsociali in genere; First Issue :

2008-07-30

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

Current Issue : 2010-08-04

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

ENGEA

Per saperne di più: www.cavalloecavalli.it www.oipes.org

5

Un’organizzazione Associazionistica, che garantisce professionalità certificata a 360 gradi nel mondo equestre, tutelando, attraverso Società aggregate, tutte le consulenze amministrative, legali, fiscali e tributarie, con attività corsuali di BLS/BLSD e valutazioni in loco per la sicurezza e la messa a norma delle strutture, con rilascio di certificazioni Iso per la qualità, Ohsas per la sicurezza e isoencertification per la qualificazione delle strutture e dei percorsi.

• Tessere GOLD, SILVER e BRONZE (dif- e predisposizione documenti a costi age- gratuito; • Accedere ai Trofei Nazionali nelle varie ferenti quanto a Coperture assicurative), volati; con possibilità di scelta tra il tessera- • Corsi amministrativi per il no profit Di- discipline sportive, attraverso calendari predisposti e approvati da P.G.S. Settore mento anno solare (01-01/31-12) e anno rigenti Sportivi norme C.O.N.I.; • Assistenza ad organizzare convegni ed Equestre; sportivo (01-09/31-08); • Promuovere eventi sociali e sportivi eventi nel settore; • Presenza su portali equestri nazionali; • Iscrizione Gratuita a “Bookinghorse. • Accedere al Credito Sportivo, per le quali il N.H.B, HORSE RAID, BIMBI E CAmanutenzioni degli impianti sportivi, l’ac- VALLI, OLTRE L’OSTACOLO, GIOVANI com”; • Iscrizione Gratuita al “Mercatinodelca- quisto di attrezzature sportive; E PONY; • Accedere alle molteplici attività di • Assistenza nella fase di Start-up e svilupvallo.it”; • Assistenza Gratuita da “Qualità Asso- O.I.P.E.S., quali i “GRANDI EVENTI” ed i po delle Organizzazioni con la possibilità ciativa” il portale nazionale in materia viaggi a cavallo organizzati per un turismo di pubblicare contenuti su pagine ed acfiscale, amministrativa, legale, tributaria e sportivo sociale ed ambientale; count dei Social Media. • Accedere alle GIORNATE SOCIALI giuslavoristica; • Formazione sportiva e professionale usufruendo di materiale promozionale certificata; Affiliati Subito! • Riconoscimenti e Patrocini; Quota associativa O.I.P.E.S./ENGEA /P.G.S. • Tesseramento on-line; Costi AffiliazionE: • Tutte le convenzioni per i tesserati Affiliazione Bronze € 63.00 - Tessera Annuale € 5.00 visitabili sul portale www.oipes.org e Affiliazione silver € 150.00 - Tessera Annuale € 15.00 www.cavalloecavalli.it; Affiliazione gold € 250.00 - Tessera Annuale € 25.00 • Abbonamento GRATUITO sia a “Ca* Per le Aziende Agr. / Società Commerciali, le quote si intendono IVA esclusa. vallo Magazine” sia al giornale on-line Rinnovo Titolo Istruttore/Quadro Tecnico € 70.00 “ENGEA A 360°” per i più efficienti e ed ogni qualifica supplementare € 20.00. funzionali; Il pacchetto da 10 tessere prepagate ha un costo di € 30.00 per la gionaliera • Assistenza agli affiliati/tesserati di cone di € 45.00 per la settimanale. sulenza fiscale, tributaria e legale, di Coperture Facoltative Personali Infortuni progettazione tecnica, ingegneristica e Opzione 1: € 20.00 Opzione 2: € 30.00 architettonica per costruzione ristruttuOpzione 3: € 40.00 razione impianti sportivi; Responsabilità Civile del Centro Ippico personale premio annuale € 160.00. • Possibilità di beneficiare dell’Ufficio Progetti per la stesura, presentazione e Banca Popolare di Milano - Ag.222 Casei Gerola IBAN BANCARIO: INTESTATO A O.I.P.E.S. rendicontazione di progetti sociali e forIT 11 F 05584 55700 000000003801 mativi; Conto Corrente Postale n° 1023712993 • Possibilità di accedere a programmi di contabilità; • Consulenza a costi agevolati con i nostri RICONOSCIUTI professionisti nei vari settori; e CERTIFICATI DA: • Assistenza a costi agevolati per progetti formativi; • Invio circolari e newsletter periodiche, ISO per rimanere sempre informati sulle noPROGETTO ITALIA EN CE vità del mondo equestre; • Accesso ai Corsi in materia di sicurezza sul Lavoro Legge 81/2008, BLS/BLSD Ente Operante

Federazione Italiana per l’Educazione, le Attività sociali e la Formazione nello Sport

ISOEN Certifications srl

per Quadri Tecnici

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

Iscritto al n. 196 del Registro degli Enti svolgenti attività di lotta alle discriminazioni Dipartimento per le Pari opportunità - D.Lgs. 215/2003, Art. 6

con Sistema Qualità

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

STRUTTURA

l sd sr

6

struttura organi nazionale di ENG    fatti e non parole!              

                  

Mauro Testarella Presidente Nazionale OIPES Amministratore unico ENGEA Responsabile Internazionale del Sistema “Ippovie Italiane Certificate®”

renzo tomi Vice Presidente OIPES Responsabile Toscana Formatore Guide e Accompagnatori Equituristici Coordinatore Nazionale

tino nicolosi Segretario Nazionale OIPES Consulente, Formatore in “No Profit”, Segretario Nazionale Garibaldini Volontari a Cavallo

adina Pinzi Responsabile Nazionale della Formazione, Responsabile PGS Settore Equestre, Responsabile Lombardia, Formatore in “No Profit”

Valentina Pagella Dirigente Sportivo, Responsabile Segreteria Generale - Area Tesseramento

ilaria sanna Dirigente Sportivo, Responsabile Segreteria Generale - Area Affiliazioni e Brevetti

Romina Girotto Dirigente Sportivo, Segreteria di Presidenza, Ufficio Sinistri

Letizia Colbertaldo Dirigente Sportivo, Ufficio Progetti e Sviluppo

Claudia Ferro Grafica Pubblicitaria

luciano Allegro Responsabile Triveneto, Formatore ERD, Formatore Tecnico Età Evolutiva, Presidente Comitato Scientifico OIPES, Vice Coordinatore Nazionale

Antonino Zuccarello Responsabile Sicilia, Formatore Guide ed Accompagnatori Equituristici

michele pisanu Responsabile Sardegna, Formatore ERD e Tecnico Età Evolutiva

Luca Vignozzi Responsabile Basilicata

luciano lupo Responsabile Puglia

giuseppe tirolese Responsabile Molise

giuseppe di eugenio Responsabile Abruzzo

giovanni vuolo Responsabile Campania

giuseppe sensi Responsabile Lazio, Formatore Guide ed Accompagnatori

Franco Moscatelli Responsabile Umbria

Tomas Giaccaglia Responsabile Marche

Marcello bellini Responsabile Emilia Romagna

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

gani zzativa EA

STRUTTURA

® l sd sr

                  

  

fabrizia Grillo Responsabile Interregionale, Formatore ERD e Tecnico Età Evolutiva

DON AUGUSTO PICCOLI Capo Cappellano Nazionale ENGEA e Garibaldini Volontari a Cavallo

Marco Niccolini Responsabile Nazionale BOOTCAMP

Avv. Luca Mondino Membro Collegio dei Probiviri

Marco cavallo Responsabile Nazionale PNL, Horse Coach

Eric Berlanda Horsemanship

bruno Ferraris Formatore Guide Equestri Ambientali e Accompagnatori

Maurizio Azzola Responsabile Nazionale Cartografia ed Orientamento

orlando fioretto Formatore Nazionale Guide Equestri Ambientali ed Accompagnatori, Istruttori Sportivi e di Base

clotilde trinchero I.A.A. Interventi Assistiti con gli Animali, Pet Therapy

fabrizio bianchelli Formatore Nazionale Responsabile Attacchi

Piermario giongo Responsabile Nazionale Mascalcia e Tecnico di Scuderia

augusto del vecchio Responsabile Nazionale e Tecnico di Selleria

massimo giovinetti Responsabile Nazionale Monta Western

franco fiorillo Ispettore Nazionale Garibaldini Volontari a Cavallo

® l sd sr

CARLO MARONE Presidente Nazionale Progetto Italia - Referente Nazionale Formazione Universitaria

7

E.N.G.E.A. - Equitazione S.r.l. Sportiva Dilettantistica Via Umberto I, 37 - 27050 Silvano Pietra (PV) Telefoni 0383 378944 | 348 3109883 - Fax 0383 378947 E-mail segreteria@sitogea.net

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

   


®

SECTION NAME

l sd sr

8

®

l sd sr

seguici su www.cavalloecavalli.it www.oipesitalia.org www.pgsitalia.org

Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali

1997 - 2017

Vent’anni di Successi ENGEA sempre al tuo fianco! 25 Novembre Grande FESTA una giornata SPECIALE all’Hotel Sanmarco**** Parma Ovest I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


SECTION NAME

9

Per uno sport ludico ricreativo preagonistico

WWW.PGSITALIA.ORG

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

IPUASRTT- T NO E Re I . A . A .

l sd sr

10

O.I.P.E.S./E.N.G.E.A. ENTRANO NEL MONDO UNIVERSITARIO! O.I.P.E.S. entra nel Mondo Universitario! Coerente con il percorso, che ha portato la nostra Associazione ad offrire formazione associativa di altissima qualità, l’Organizzazione Italiana Professionisti Educazione e Sport ha sottoscritto un’importantissima convenzione con l’Istituto Universitario Salesiano di Torino (IUS-TO Rebaudengo). Il Presidente dell’O.I.P.E.S. Mauro Testarella e per IUSTO, il Direttore Generale Dott. Alessio Rocchi hanno espresso grandissima soddisfazione per la realizzazione di questo nuovo sodalizio, che porterà le due realtà, eccellenze nei rispettivi settori, a creare percorsi formativi professionali in Riabilitazione equestre, Interventi Assistiti con gli Animali (IAA), nonché riqualificare professionalmente i Quadri Tecnici E.N.G.E.A./ O.I.P.E.S/P.G.S. Settore equestre. L’inestimabile valore della formazione così prestata, sarà attestato dal rilascio di Diplomi Universitari di perfezionamento, spendibili in master o corsi universitari, con finalità didattiche simili. Al fine di assicurare lo sfruttamento pieno delle po-

SI È CONCLUSA LA PRIMA EDIZIONE DEL CORSO PROPEDEUTICO PER TUTTE LE FIGURE DEGLI I.A.A. PRESSO IUSTO «Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo aggregato alla Facoltà di Scienze dell’Educazione Università Pontificia Salesiana». Tre giorni di nozioni importantissime per essere traghettati nel mondo degli animali cane, gatto, coniglio, cavallo ed asino e

tenzialità di un accordo, che potrebbe segnare un’assoluta innovazione per il Terzo settore, con particolare riferimento all’ambito equestre e a quello degli I.A.A., le contraenti hanno deciso di nominare, quali Responsabili per i rapporti, la Dott.ssa Trinchero Clotilde ed il Dirigente O.I.P.E.S. Luciano Allegro. L’importante convenzione conclusa, assieme agli investimenti compiuti nell’ICT e nell’assicurazione di qualità, completano il “dipinto” di un’Associazione nazionale di promozione sociale che agisce nel presente, proiettandosi già nel futuro, per fornire costantemente servizi migliori per i propri soci e affiliate, così creando quelle buone prassi necessarie per avviare un circolo virtuoso di rapporti tra le entità attualmente esistenti in quello che potremmo definire “il nuovo settore dell’associazionismo 2.0...” Quanto detto testimonia come l’Organizzazione, portando avanti il proprio motto FATTI e NON PAROLE, sia alla costante ricerca di innovazioni e servizi a favore dei propri associati, riuscendo ad affermare giorno dopo giorno la propria leadership nel settore formativo equestre. A breve la pubblicazioni di una nota esplicativa sui nuovi servizi e opportunità messi a disposizione da O.I.P.E.S.

nelle dinamiche degli Interventi Assistiti con gli Animali (I.A.A.). Il corso è stato condotto dalla Dr.ssa Trinchero Clotilde, dalla Dr.ssa Rita Deplano e dal Dirigente O.I.P.E.S. Signor Michele Pisanu sotto la supervisione del Direttore della Formazione il Professor Andrea Pintonello. Gli allievi hanno seguito con molto interesse gli interventi dei Docenti e durante l’ultimo giorno sono stati affiancati dal cane Takoda e di proprietà della Dr.ssa Trinchero. Prossimo appuntamento IUSTO O.I.P.E.S./ I.A.A. è previsto a fine Ottobre, con l’avvio del Corso Base Cani e a seguire il Corso Base Equidi. Ci potrete seguire sul sito IUSTO e sul sito O.I.P.E.S. Per poter accedere al Corso Base Cani è necessario avere frequentato il Corso Propedeutico I.A.A. o esibire documentazione idonea sostitutiva al Corso Propedeutico. Il materiale dovrà essere inviato al Comitato Scientifico O.I.P.E.S. per la giusta valutazione. Non mancate, cogliete questa opportunità!

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

PROGETTI

11

PROGETTO “Insieme si può”    area progetti - di alessandro d’aprile                                    “Progetto cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino” ITALIA

Associazione Sportiva Dilettantistica e di Promozione Sociale

ASOLA

A

CAVALLO

TURISPORT EUROPE

sinergie per il sociale

Organizzazione Italiana Professionisti Educazione e Sport

pRogetto

“InsIeme sI può” Bellissima iniziativa promossa da O.I.P.E.S. e cofinanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, InSIEmE SI Può dà la possibilità ai bambini disabili di avvicinarsi al mondo equestre, grazie all’Equitazione Ricreativa Disabili (ERD) e ad un percorso ludico-ricreativo di ventidue fantastici incontri gratuiti, con Operatori e Tecnici specializzati, che si terranno presso i maneggi affiliati delle province di Torino e Cuneo. Vi invitiamo a partecipare e donare per sostenere questo progetto, che ci auguriamo possa essere replicato nei prossimi anni a vantaggio di un numero crescente di utenti.

prova l’equitazione Ricreativa per dIsabIlI VIenI a tRoVaRcI!!!

“Insieme si può”, un piccolo progetto per un grande miglioramento nella qualità di vita delle persone disabili. Si chiude dopo poco più di sei mesi il progetto “Insieme si può”. L’iniziativa cofinanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, di cui O.I.P.E.S. si è fatta promotrice, assieme all’APS SD Asola a Cavallo e alla Turisport Europe, ha coinvolto nel corso delle sue due fasi oltre 100 utenti, di cui 24 soggetti a disabilità psichiche e motorie. La proposta progettuale che da subito ha raccolto il sostegno di tutta l’Organizzazione, ha visto quali protagonisti i Centri Ippici siti nelle province di Torino e Cuneo ed in particolare La Piana dei Gi-Giò di Chieri (TO), il maneggio La Posta di Fossano (CN) e La Canunia di Lurisia Terme (CN). Grazie alla collaborazione di operatori, tecnici e volontari, O.I.P.E.S. ha potuto mettere a disposizione G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

dei partecipanti un servizio di qualità eccelsa, che ha raccolto approvazione e plauso da parte delle comunità locali. Insieme si può non mira semplicemente a creare nuovi spazi aggregativi e di inclusione per i giovani disabili piemontesi, ma altresì vuole migliorarne la qualità della vita, grazie ad un approccio, che mediante il gioco sia in grado di incidere positivamente sullo status psicofisico dei partecipanti, anche aiutandoli a implementare o sviluppare le capacità comunicative e quelle innate. Tutto ciò, perfettamente in linea con la nostra mission, è avvenuto attraverso la promozione di occasioni di avvicinamento al cavallo (ivi compreso il lavoro di scuderia) e momenti di integrazione e inclusione rappresentati dai Centri Ricreativi Sociali. Ci giova ricordare che questi ultimi, oltre ad aver proseguito l’attività equestre, hanno realizzato dei veri e propri laboratori di danzability, cucina e arteterapia. Quello che si è voluto fare, è stato in primis, esportare modelli e approcci operativi, che il nostro Ente ha sviluppato in vent’anni di esperienza a stretto contatto con ogni forma di disabilità. In tal senso grande merito va riconosciuto a quanti, in questo lasso di tempo, si sono applicati per sviluppare e sostenere

il Dipartimento E.R.D. (Equitazione Ricreativa per Disabili), vera e propria fucina di esperti in grado di operare con i soggetti più fragili. Infatti, Insieme si può non vuole semplicemente realizzare un apporto di servizio, ma vuole incidere in modo evidente anche sulla disoccupazione. Sotto questo profilo, segnaliamo che tutti coloro che hanno partecipato in qualità di volontari, hanno potuto beneficiare di un periodo di vero e proprio training on the job in affiancamento ad esperti nell’ambito della disabilità, con il rilascio, al termine del percorso, di un attestato valido per la prosecuzione del percorso formativo e di specializzazione presso le nostre strutture formative. La soddisfazione riscontrata nell’utenza, nonché ovviamente l’ambizione di poter aiutare quante più persone possibili ci spinge ad aumentare il nostro impegno per riproporre il nostro progetto estendendone l’applicazione anche nel resto d’Italia. In tal senso, si segnala che sono in partenza le nuove classi di formazione per Operatori e Tecnici E.R.D. e che è in atto una raccolta fondi per permettere di mantenere operative le attività sinora avviate.

“Progetto cofinanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino” Associazione Sportiva Dilettantistica e di Promozione Sociale

ASOLA

A

CAVALLO

TURISPORT EUROPE

sinergie per il sociale

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


® l sd sr

SETTORE ERD

12

settore e.r.d. Vent’anni sono passati come un soffio di vento... Settore in crescita!

cre

( E .R. D.) ili

E q uitazione

ERD

Ri

GEA

ab

EN

i ativ a p er D

s

e q uita z ione r i c r eativa pe r d isa b i l i

un anno di traguardi    e.r.d. sport                                    Vent’anni… sono passati come un soffio di vento… Questo settore di E.N.G.E.A è sempre stato un fiore all’occhiello! Seguito e promosso con le giuste attenzioni e sensibilità per il delicato compito dei Tecnici equestri verso utenti disabili. Un’attività che richiede tanta dedizione, attenzione e osservazione, ma soprattutto dei grandi collaboratori… I nostri tanto amati cavalli. Un’occhio di riguardo a loro, preziosi compagni di lavoro!

Quest’anno sportivo sociale ci ha visto protagonisti e coinvolti in diversi progetti aventi come tema la disabilità. Il progetto “Insieme si può” ha coinvolto Tecnici E.R.D. E.N.G.E.A.

l’inserimento di soggetti svantaggiati nel mondo equestre. Presso la struttura operativa di E.N.G.E.A. nella quale vengono erogate le attività sportive equestri sono stati realizzati inserimenti di persone disabili adulte.

all’opera in diverse sedi Cuneesi a prestare la loro professionalità a favore e per i disabili che hanno partecipato, con i cavalli, a queste giornate e poi ancora l’appuntamento ad aprile IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE SULL’AUTISMO con il progetto Tunisino “Blue Connection”, promossa e voluta dal Centro Hippique Mahdia di Gabriella Incisa di Camerana, carissima amica nonché carismatica donna di cavalli, che sta dedicando ai bambini autistici meravigliose attività con i pony di Mogod, pony bellissimi e tra l’altro in via di estinzione. In Lombardia il progetto “Sfida” avviato nel 2016, in collaborazione con l’APS SD ASOLA a CAVALLO, ci ha portato ad interagire con la Cooperativa Sociale Agorà per

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

La cosa più eclatante è osservare come questo grande animale riesca a farsi amare da chiunque e come riesca ad interagire con tutta la sua sensibilità nel mondo E.R.D. Grande successo come tutti gli anni sono state le giornate sociali “Oltre l’ostacolo” svoltesi sul territorio nazionale, a cura delle varie associazioni. La risposta dei bambini, delle famiglie e soprattutto dei nostri atleti è stata formidabile e meravigliosa, d’altronde le giornate “Oltre l’ostacolo” sono uno strumento attraverso il quale far conoscere il mondo del

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

SETTORE ERD

13

E.N.G.E.A. promuove attività asinine con percorsi specialistici per la formazione di Operatori e Tecnici di conduzione asinina. Un grande appuntamento ci aspetta a breve, la 119a edizione di Fiera Cavalli Verona dal 26 al 29 di Ottobre 2017. Vi aspettiamo al nostro stand per presentarvi tutte le novità del settore. A presto Adina Pinzi.

cavallo e del pony per sostenere il benessere psico-fisico della persona disabile volto all’integrazione e alla socialità attraverso attività sportive e le attività assistite con gli animali (I.A.A.). A tal proposito E.N.G.E.A. con P.G.S. SETTORE EQUESTRE sostengono la parte sportiva di E.R.D. promuovendo ed organizzando la prima edizione del trofeo nazionale E.R.D. - SPORT One Day Horse Play Ability.

da atleti disabili e atleti normodotati. Sarà una kermesse con un torneo a carattere regionale dove le squadre/ASD che si qualificheranno nei primi due posti parteciperanno alle finali nazionali. Le discipline del trofeo saranno: Dressage, Volteggio, Gimkane,... Ci sarà poi un ambito espressamente ludico denominato “Cavallo senza frontiere”, dove al posto delle classiche discipline equestri ci saranno attività ludico - motorie a presentazione delle varie abilità acquisite dai

partecipanti. Inoltre per chi ama la velocità e gli attachi sono in programmazione delle manifestazioni con i pony e il calesse; ci saranno delle grandi sorprese e divertimento per i partecipanti. Tante attività a disposizione dei Tecnici, che dovranno sempre più possedere conoscenze ed abilità da offrire a questo Settore, che noi pensiamo sia un’importante opportunità sociale e lavorativa. La formazione è in continuo aggiornamento ed è attenta alle esigenze di questo variegato e complesso mondo. Partendo da queste considerazioni il corpo docente e i dirigenti E.N.G.E.A. in quest’ultimo anno, hanno revisionato così come impone la ISO 9001, a cui l’ENGEA fa riferimento l’iter formativo del settore E.R.D. - SPORT, ampliando le ore di lezione nei corsi, le materie teoriche e le sperimentazioni con la pratica, come visibile dallo schema allegato. Abbiamo predisposto questo nuovo organigramma didattico per dare supporto ai Tecnici ed Operatori nelle attività con gli utenti.

HORSE PLAY ABILITY Sarà una manifestazione integrata, quindi equipe/squadre appartenenti alle varie ASD composte

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SETTORE ERD

l sd sr

14

Nuova Formazione E.R.D. Operatore Qualificato ERD

Tecnico 1° Livello ERD

Tecnico 2° Livello ERD

Tecnico 3° Livello ERD

aggiornamenti biennali obbligatori

Tutti i nuovi regolamenti saranno come sempre disponibili sul nostro sito:

www.cavalloecavalli.it Oltre alla formazione sportiva E.R.D., E.N.G.E.A. in collaborazione con O.I.P.E.S. ed il suo Comitato Scientifico, propone i corsi in I.A.A. (Interventi Assistiti con Animali) in linea con il Ministero della Salute attraverso Le Linee Guida Nazionali emanate di recente e recepite da ogni singola regione. I nostri corsi I.A.A. nello specifico sono in partenza ed in programmazione in tante regioni, tra le quali:Veneto, Piemonte, Lombardia, Sardegna, Sicilia. Le nostre peculiarità sono gli equidi (cavalli ed asini) i cani con A.S.SE.A. Onlus, i gatti con ARGO Onlus.

I corsi e i percorsi sono disponibili sul sito: www.oipes.org

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

SETTORE TEE

15

settore T.E.E. Tecnico per Età Evolutiva E.N.G.E.A./P.G.S. Settore Equestre

Tecnico età evolutiva un anno di soddisfazioni Se tt

or

va

ENGEA

e E t E v olu à

ti

   pianeta bimbi                                   

Soddisfazioni, cambiamenti, novità e tanto, tanto divertimento...

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l T ecnico pe r E t à panorama equestre italiano, con Evolutiva E.N.G.E.A./P.G.S. delle peculiarità e tematiche innoSETTORE EQUESTRE. vative sui giusti approcci per l’età evolutiva. UN ANNO DI SODDISFAZIONI, CAMBIAMENTI, NOVITà E Il nuovo iter formativo del TANTO DIVERTIMENTO. settore è stato predisposto in quest’ultimo anno, dopo le esperienze corsuali, le sperimentazioni Sul pianeta... equitazione e in vari ambiti, le richieste e le esibimbi di E.N.G.E.A. P.G.S. SETTORE genze dei corsisti, le riflessioni tra EQUESTRE è stato un anno effer- docenti in quel di Asola a Cavallo... vescente e ricco di grandi opporL’esigenza di dare un supporto tunità ed iniziative. Le giornate formativo di altissima qualità che sociali ONE DAY e i campio- spazia da materie prettamente nati Triveneto, Lombardia, Emilia equestri alle materie educative e Sicilia hanno portato successi ed e umanistiche, alla scienza del emozioni ai partecipanti, alle fami- movimento alle posture della glie, alle nostre ASD e ai nostri salute e tanto altro per Tecnici e pony. Un anno di grandi successi associazioni che intendono operare quindi.., ma anche di grandi pro- in questo importante e fantastico grammazioni e di cambiamenti ambito. nella formazione del settore T.E.E., Tali conclusioni hanno dato vita, già di per sé una figura unica nel

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SETTORE TEE

l sd sr

16

insieme a nuovi docenti specializ- che l’avvento di queste aree spe- italiano. Porterà giuste prassi e zati, a nuovi settori; il volteggio cialistiche, sia una vera grande modalità per i bimbi di oggi che e la monta western. Pensiamo novità nel panorama equestre saranno i cavalieri di domani.

Nuova Formazione Età evolutiva O.D.B.

TECNICO T.E.E. 1° Livello

TECNICO T.E.E. 2° Livello

AREA TECNICA SPECIALISTICA

Discipline Western

Discipline Olimpiche

Volteggio

Orienteering Horse Raid

Attacchi Pony

Argomenti trattati: Tecniche di insegnamento, cenni di psicologia, psicomotricità e pedagogia, sicurezza nei centri ippici, tecniche di gioco, i caroselli, le gimkane baby, i finimenti, le andature, il regolamento di disciplina “ONE DAY PONY”, normative veterinarie e sanitarie, l’addestramento del pony. LA SPIEGAZIONE DELL’ITER FORMATIVO DEL SETTORE: I N U OV I D I PA RT I M E N T I WESTERN E VOLTEGGIO

Come avrete constatato gli argomenti e le nozioni spaziano dalla sociologia all’educazione, dalle tecniche equestri alla psicomotricità, alla pedagogia, ma sopratutto sottolinea con attenzione e rigore didattico gli aspetti della crescita del bambino fino al compiersi dell’età adolescenziale. I tanti incontri e le conversazioni tra i dirigenti nazionali ENGEA, i docenti del settore e non ultimo il comitato scientifico OIPES

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

per le I.A.A. hanno inoltre creato la volontà da parte di ENGEA, OIPES E P.G.S. SETTORE EQUESTRE; di far nascere il primo Trofeo nazionale integrato ONE DAY HORSE PLAY ABILITY con le categorie anche per i minori.

HORSE PLAY ABILITY

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

È appurato ormai da tempo, come la vita sociale dei bambini di oggi in tante situazioni sia sedentaria, escludente, portatrice di abitudini alimentari sociali ed educative a dir poco malsane. La figura del Tecnico E.E. stimola, supporta ed aiuta nell’insegnamento di giusti stili di vita, di giuste prassi educative, nella scoperta del mondo del cavallo e del pony, nel rispetto delle fasi evolutive della persona in modo da offrire grande funzionalità efficacia e professionalità all’intervento proposto. Tutto questo capirete bene, potrà essere il volano per creare all’interno delle Associazioni, grandi momenti di attività, i giusti introiti e le soddisfazioni, il gioco e il movimento per bimbi ed adulti.

Il giovane uomo di oggi cosa sa del cavallo? Come lo conosce, cosa evoca la parola cavallo e che sogni o desideri suscita l’idea di conoscerlo? Quali emozioni provoca l’incontro tra il ragazzo ed il cavallo? Dove e come avviene questo incontro e quale adulto mediatore assiste all’incontro tra il giovane uomo e l’antico animale? Del cavallo hanno scritto studiosi letterati e poeti, artisti ne hanno dipinto o scolpito l’immagine, etologi ne stanno esplorando i comportamenti e la personalità istintiva, la storia e le culture di paesi lontani, ci portano storie e miti dove il cavallo incarna se stesso nella millenaria vicenda di convivenza, esso infatti è parte della

SETTORE TEE

17

natura, ma ha una storia di rapporto con l’uomo antica di 6.000 anni. Le nostre iniziative intendono favorire tramite percorsi educativi che coinvolgono tutte le aree della persona, da quella morfologico-funzionale a quella cognitiva, a quella affettiva e sociale, la nascita di un nuovo rapporto tra il ragazzo e la natura vivente fatta di cultura, rispetto e amore. Tale iniziativa vuole, facendo particolare attenzione e partendo dal bambino, la sua cultura, i suoi linguaggi e i suoi bisogni di crescita, avvicinare lo stesso al mondo del cavallo in tutte le sue possibilità educative quale alta espressione della cultura ambientale.

Discipline bio naturali Altro importantissimo obiettivo raggiunto nell’anno 2017: E.N.G.E.A. è iscritta nel registro delle Discipline Bionaturali della Regione Lombardia sempre in linea sul tema qualità della vita sia per umani che per animali. Al registro saranno iscritti i nostri Tecnici Operatori e sarà possibile, a breve, accedere ai corsi di Operatore/Istruttore di Equitazione etico bionaturale. Profilo della Disciplina: l’equitazione intesa come rapporto Uomo Cavallo, facendo propri tutti i prinicipi delle Discipline Bio Naturali quali l’energia, la vitalità e l’equilibrio escludendo in modo specifico tutte le attività agonistiche.

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

ARTICOLI

l sd sr

18

il mondo sommerso delle assicurazioni sportive    di tino nicolosi                                    È una valida assicurazione? E’ mai possibile che con una tesserina di pochi euro, possiamo stare tranquilli con i nostri figli, che praticano equitazione? Dopo il “mercato delle tessere” ecco il “Mondo sommerso delle Assicurazioni”. Prendiamo insieme muta e bombole ed immergiamoci a 30 metri nel mare Artico, ovviamente, chi ha problemi di cuore o respiratori, non può partecipare all’immersione.

L’ assicurazione compresa nella tessera sportiva è una tra le più efficaci tecniche di vendita, per giustificare un’affiliazione ed il costo della tessera al proprio Ente! Ma in fondo... L’assicurazione a cui tanto teniamo e pretendiamo quando andiamo a fare sport, come funziona?

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

Nel decreto 3 Novembre 2010 lo stato emana il decreto legge per l’assicurazione obbligatoria degli sportivi dilettanti, pubblicato nella gazzetta ufficiale il 20 Dicembre 2010 n° 296 inerente l’obbligo delle coperture infortuni per tutti i tesserati a FSN, DSA, EPS, consiglio vivamente di controllare tra le coperture assicurative del proprio ente, che sia citato questo decreto, poiché regola ed obbliga insindacabilmente l’obbligatorietà da parte dell’ente, di stipulare assicurazioni sportive a vantaggio dei propri tesserati, che tutelino lo sportivo per gli infortuni con 80.000 euro in caso di morte e 80.000 per invalidità permanente, con 10% di franchigia. Ovviamente la legge suggerisce che vi è la libertà di migliorare le coperture, non solo con più opzioni bensì aggiungendo anche l’RCT, la responsabilità civile verso terzi, ad oggi non obbligatoria. Entriamo nel merito. Chi pratica equitazione è soggetto a due fondamentali rischi: - farsi male svolgendo qualsiasi attività sia di preparazione, che di allenamento - oppure arrecare danno con il proprio cavallo. Questi due rischi ad oggi sono tutelati da due coperture assicurative distinte e separate: la polizza Infortuni e la polizza di Responsabilità Civile.

ARTICOLI

19

compagnie assicurative, che ben si guardano dall’assicurare l’equitazione, proprio perché un sinistro per caduta da cavallo non è un sinistro da chi pratica pallavolo o basket o calcio. Ma come intervengono gli enti? Ovviamente sono obbligati a dare la copertura di legge decreto 296 e sono le federazioni, le discipline associate, gli enti di promozione sportiva e per caduta le Associazioni sportive dilettantistiche, ma se consideriamo che la perdita di un occhio è valutata 11% di invalidità nella tabella Inail per gli infortuni, comprendiamo che questa copertura di legge non basta, quindi grazie a questo si apre “Il Mondo sommerso delle Assicurazioni” il mercato degli assicuratori che non sono altro che dirigenti sportivi, che vendono le proprie tessere spiegando che hanno una fantastica copertura assicurativa senza dare realmente la giusta comunicazione e la giusta interpretazione. Vi sono enti che in maniera superficiale si deresponsabilizzano anche in caso di morte, al fine di non aprire un sinistro, che alzerà sicuramente il costo dell’assicurazione l’anno successivo e la domanda è perché? Su questo punto direi di aprire la botola di questo mercantile a 30 metri sott’acqua.

Tino Nicolosi Dirigente Sportivo queste semplici regole possiamo capire, come mai una tessera viene data a 0,30 centesimi o 1 euro o per numeri non trasparenti o per polizze poco prestanti. Ricordiamo che il vero problema sta nel sottomettersi a dei regolamenti nazionali sportivi che se non correttamente perseguiti fanno decadere pure il beneficio delle polizze sportive, come i casi in cui le polizze non intervengono per le attività fuori dai circoli ippici.

Esistono enti che al fine di avere preventivi vantaggiosi, stipulano polizze da contratto per le attività di Pony e poi Oggi uno dei servizi fondamentali vendendole per attività con i cavalli per gli enti è la copertura assicura- oppure dichiarando un numero intiva e ovviamente questi enti devono feriore di tesserati per avere premi stipularne una per i propri tessera- assicurativi da pagare di meno ed ti con tantissime tipologie di sport, enti, che da polizza hanno franchigie Per coloro, che hanno la- quindi chiamano diverse compagnie talmente alte, che fanno decadere il vorato o lavorano nel e chiedono preventivo. La compagnia motivo principale di averle. Questo mondo assicurativo conosco- per l’enormità dei numeri (quelli di- comportamento poco deontologino benissimo il costo di queste due chiarati e richiesti dall’ente) tira l’of- co va a ledere per ricaduta il moncoperture e soprattutto quando fan- ferta. Ovvio pensare che se un ente do dello sport fatto di associazioni, no compilare il modulo del cliente, paga 500.000 euro di premio annuo dirigenti e atleti, che danno il cuore dove viene chiesto dei suoi Hobby, e durante l’anno la compagnia ha li- per raggiungere giorno dopo giortrovarsi barrato tra gli sport “equi- quidato 600.000 di indennizzi, vuol no obbiettivi e promuove sempre di tazione” significa pagare un premio dire che l’ente dovrà pagare un pre- più la cultura dell’equitazione. Sotto più alto, poiché l’equitazione è tra mio più alto l’anno successivo o che quest’aspetto vige molta confusiogli sport con più rischi. Oggi vi sono la compagnia disdica la polizza. Per ne e disinformazione ecco perché

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

ARTICOLI

dall’altra parte ci sono enti che lavorano sulla sicurezza dell’equitazione, sulla cultura dei dispositivi di sicurezza, sulla formazione degli istruttori e dei propri dirigenti al fine di abbassare sempre di più il verificarsi dell’infortunio o del danno stesso. La vera soluzione non va trovata sulla buona copertura (a priori vi sono enti che offrono convenzioni nazionali agevolatissime) la soluzione va trovata nella cultura della sicurezza e della professionalità degli operatori del settore equestre, che hanno il dovere di far svolgere al meglio ed in totale sicurezza l’equitazione, abbinando cavalli idonei alla preparazione degli allievi, pubblicizzando la politica della qualità e della serietà poiché il cavallo rende questo lavoro non solo rischioso ma imprevedibile. Il dovere degli enti che si mettono al primo posto per promuovere l’equitazione, è quello di pubblicizzare

l sd sr

20

e promuovere l’equitazione sicura con coperture assicurative valide e non vendere con disinvoltura tessere sportive comprendenti le coperture assicurative totalmente non idonee al settore. Le assicurazioni si stanno sensibilizzando su questo tema e alcune offrono coperture complementari a basso costo questo grazie al lavoro di enti che lavorando in certificazione RINA (ente di certificazione mondiale) riescono a garantire la serietà dell’attività e la messa in sicurezza del circolo ippico. Saliamo su in superficie e togliendo il boccaglio respiriamo l’aria fredda dell’Artico coscienti di una grande scoperta e cioè che dietro la famosa frase del dirigente “tranquillo c’è l’assicurazione” vi cela un mondo sommerso che ogni giorno coinvolge

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

istruttori, associazioni e atleti tra avvocati, perizie e giudici senza essere coscienti che molte cose si potevano evitare semplicemente con una semplice domanda posta al proprio ente di riferimento che con esperti del settore deve rispondere concretamente alle esigenze del proprio atleta o centro affiliato trovando soluzioni che lo tutelano al massimo e per ogni evenienza. Abbiamo aperto solo una botola oggi ma il mercantile è grande e l’ambito assicurativo è talmente vasto e degno di approfondimento che vale la pena un approfondimento con il proprio ente di riferimento.

a

zz e r u ic S la a lc a v a C

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

Arieccoci...

I N T E R V I S TA

21

ritornano a suonare trombe, tromboni e trombette sul Turismo Equestre

Vi proponiamo una doppia intervista uscita sulla rivista CAVALLO MAGAZINE, dove, cari Lettori si possono trarre le conclusioni su chi lavora seriamente a vantaggio del turismo equestre

    Fitetrec-ante ed engea a confronto                                    Parla Alessandro Silvestri, presidente Fitetrec-Ante «No a interventi spot Serve un’unica regia» Ippovie: quali le regioni virtuose? «Negli ultimi anni abbiamo assistito a un proliferare di iniziative: alcune di successo, altre fallite. Le regioni che hanno dimostrato maggior sensibilità sono Trentino Alto Adige, Basilicata e Piemonte». Quali quelle meno servite dalle strade dei cavalli? «Tante non mettono a sistema le potenzialità che offre il territorio. Manca una cabina di regia a livello nazionale: ho provato più volte a sensibilizzare i ministeri del Turismo e dell’Ambiente, ma senza risultato». Quanti chilometri ippotransitabili abbiamo nella Penisola? «Non si può dire con esattezza: tante non sono segnate. Dove ci sono cavalli ci sono percorsi praticabili: l’Italia è una grande ippovia». Quanti sono gli ippoturisti in Italia? «I dati non sono attendibili perché legati ai tesseramenti, ci sono molti praticanti “apolidi”. Direi che in Italia il comparto muova almeno un milione di persone». Esiste un censimento dell’utilizzo di queste ippovie? «Manca un coordinamento centrale, quindi i dati non sono reali. Ma oggi il Turismo Equestre è soprattutto appannaggio di cavalieri dai quarant’anni in su, i giovani vengono attratti maggiormente dalle discipline agonistiche». Quando un’ippovia può dichiararsi davvero tale? «Per essere certificata dalla Fitetrec Ante un’ippovia deve avere: • Lunghezza minima di 25 Km; oltre, ogni tratta deve essere max 35/40 Km; • Larghezza minima del sentiero mt. 0.70 (per tratte interessate da Turismo Equestre Attacchi di mt. 2,50 ) con pendenza non superiore al 50%; • Il fondo dell’intera ippovia non può prevedere più del 5% di asfalto, più del 10% di sentiero con sassi e/o rocce, più del 15%di acciottolato di fiume e più del 20%di acciottolato d’erba; • Garantire punti di accesso ai soccorsi motorizzati, almeno l ogni 10 km: • In ogni tratta almeno l punto di abbeveraggio perenne per i cavalli, oltre quello presente all’inizio e alla fine della stessa; • In ogni tratta almeno l punto sosta ogni 20 km. oltre quelli di partenza e arrivo; • Prevedere spazi per legare i cavalli sul percorso, possibilmente ombreggiati; • Guadi: l’altezza dell’acqua non può mai superare l mt.». I fondi europei... perché vengono regolarmente sotto-impiegati? «Questo è un male tutto italiano. Anche noi come Federazione abbiamo usufruito poco dei fondi europei e a tal proposito abbiamo costituito un Centro Studi che monitori proprio le possibilità offerte dall’Europa». Quali sono i problemi delle nostre ippovie? «Bisogna fare sistema tra istituzioni ed enti e far sì che le ippovie siano realmente fruibili tutto l’anno, basta con interventi spot che servono solo gli interessi di pochi». Come si fa per migliorare? «Bisogna affidarsi a professionisti. Il mio rammarico in questi 5 anni di presidenza è che nuove discipline agonistiche assegnateci dal Coni hanno tolto risorse al Turismo Equestre, il nostro core business. Per questo stiamo sviluppando una serie di progetti per il rilancio del comparto». E nel resto d’Europa come va? Sono molto invidioso di quello che avviene all’estero: loro sono riusciti a fare sistema e offrono dei prodotti qualitativi di cui proprio noi italiani siamo i maggiori fruitori. Per questo come federazione vogliamo far capire quando è bella l’Italia a cavallo.

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

Parla Mauro Testarella Presidente di ENGEA Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali Arieccoci... ritornano a suonare trombe, tromboni e trombette sul turismo equestre! Ippovie: Quali le Regioni virtuose? Le regioni della bella Italia sono tutte Virtuose ogni regione con le sue peculiarità ed ogni regione con percorsi certificati da Noi in qualità di ente certificatore e annualmente percorse da trekkers da tutto il mondo. Quali quelle meno servite dalle strade dei cavalli? Nessuna. In qualsiasi territorio ed in qualsiasi area geografica della nazione vi è una nostra ippovia certificata ISO9001Vision2008 percorribile. Non servono fondi da chiedere a nessun ente governativo e non! Sono stati centinaia i finanziamenti nazionali, regionali e provinciali che si mettevano in cantiere per sviluppare il turismo equestre! Risultato: soldi buttati in tabellazioni, depliant e cartine che non servono a niente, la Guida Equestre Ambientale è il tutore ed il manutentore del percorso, Lui conosce i sentieri che con piede fermo accompagna col suo cavallo i turisti. I percorsi ci sono e annualmente ne vengono tracciati di nuovi. Quanti chilometri ippotransitabili abbiamo nella penisola? Solo in Sardegna ne abbiamo certificato 1540 Km! Ed in Toscana 2400 Km! Insomma in tutta la Penisola oltre 18.000 km di percorsi a cavallo certificati e percorribili, con un patrimonio equino di 11.700 capi. Quanti sono gli ippoturisti in italia? Nel 2012 sono stati censiti in occasione di fiera CavalliVerona 400 mila trekkers e appassionati, oggi sono aumentati nel 2016 superano i 500.000. Pensate che sta crescendo il numero di trekkers che stanchi del mal lavoro degli enti e la tanta disinformazione li conduce a non tesserarsi più con nessun ente e si possono prevedere circa 200.000 unità. Esiste un censimento dell’utilizzo di queste Ippovie? Rimango raggelato dalle esternazioni del presidente Silvestri! Tutte le fasce di età praticano turismo equestre e di tutte le estrazioni sociali. Per nulla vero che il turismo equestre non attragga i giovani! In seno al nostro ente la fascia di età va dai 16 ai 24 per percorsi di uno o due giorni, dai 24 agli 80 per percorsi di piu giorni. Non serve una regia centrale o coordinamento! Basta dare tutti gli strumenti e la formazione necessaria ai propri circoli ippici, perché sono loro che lavorano con gli utenti e cavalieri. Quando un’ippovia può dichiararsi davvero tale? Andate a leggere e vedere il manuale delle “Ippovie Italiane Certificate” che ha insegnato all’italia e a tutti gli altri enti come si deve fare un’ippovia. I fondi Europei perché vengono regolarmente sotto impiegati? Per fortuna che non accediamo anche a quei fondi! per due motivi: Il primo perché farebbero la stessa fine che altri hanno già fatto e cioè in Cartelloni e depliant ed in tasca agli amici di merenda; La seconda è che noi siamo gli unici autofinanziati con traccie, collaudate e certificate senza soldi pubblici con un sistema monitorato e certificato. Quali sono i problemi delle nostre Ippovie? Ci vuole più educazione e rispetto per la natura. Come si fa per migliorare? Innanzitutto consiglio ad Alessandro Silvestri presidente della disciplina Associata Fitretec di destinare i soldi del Coni al turismo equestre come giusto che sia e poi giocare con i Cowboy, che forse sarebbero più di competenza della federazione! Per rispornderVi... eliminerei tutti i raduni e assemblamenti equestri che servono solo a bere, mangiare, inquinare la natura e devastare aree verdi che vanno solo ammirate; in più senza introiti economici. E nel resto d’Europa come va? Siamo onorati di comunicarvi che solo quest’anno abbiamo aperto Engea Croazia, Engea Slovenia, Engea Malta e certificato il Cammino di Santiamo de Compostela tra Francia e Spagna! Che dire Siamo già presenti in oltre 14 Paesi esteri. Dateci una leva e solleveremo il mondo! Come disse Archimede! I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


22

SECTION NAME

ÂŽ l sd sr

Sultaanvoallo ilC

Dai Pirenei al mare... lungo il sentiero dei Pellegrini Basilica Cattedrale metropolitana di S. Giacomo di Compostela I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

Guida Equestre Ambientale Andrea Peddis - Sardegna IMPRESA del 2016: in SOLITARIA da Saint Jean Pied De Port a Santiago de Compostela


® l sd sr

SANTIAGO

23

Vi proponiamo una tra le più emozionanti i p p o v i e t r a c c i at e t r a f r a n c i a e s p a g n a

“Verso santiago de composte la”    di tino nicolosi    La partenza è stata all’alba di Venerdì 3 Giugno 2016, dalla Sede Nazionale ENGEA di Silvano Pietra (PV), davanti alla Chiesa romanica di S. Maria e S. Pietro, i quali speriamo abbiano strizzato l’occhio ad Andrea e a Sultano, augurandogli un buon viaggio. Con una scorta di Garibaldini volontari a cavallo e i mezzi di servizio, i nostri amici sono stati scortati ed accompagnati sino ai piedi dei Pirenei francesi, più precisamente a Saint Jean Pied De Port e da qui, è cominciato il solitario viaggio del nostro avventuroso amico e del suo fido cavallo. L’appuntamento era per il 30 Giugno 2016 a Santiago de Compostela, dove Andrea e Sultano hanno trovato ad accoglierli “in pompa magna” il mezzo operativo ENGEA per il giusto ritorno a Silvano Pietra e riprendere poi il viaggio per la loro amata Sardegna. Dopo questa esperienza affronteranno la vita con uno spirito diverso e più gioioso.

Il Cammino di Santiago de Compostela rappresenta nel panorama mondiale, uno tra i percorsi religiosi di più alta rilevanza ed importanza e la perspicacia di un cavaliere, messo di fronte alle sue paure e fragilità e la lungimiranza di un presidente, hanno costruito le basi solide, affinché questo mistico percorso venga affrontato a cavallo con l’umiltà, la forza e la misericordia che muove ogni UOMO.

Siamo a settembre del 2015, quando una chiamata piacevole viene ricevuta dal Presidente ENGEA Mauro Testarella, è Andrea Peddis, Guida Equestre Ambientale, distintasi durante il suo corso, per il conseguimento del titolo, nel 2011, presso la A.S.D. Canunia (Cuneo), tenuto dal Dirigente Gaetano Festini. Andrea riferisce la volontà di percorrere il “Cammino di Santiago” e di collaudare il percorso; la decisione dell’Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali, in seno al Presidente Nazionale, arriva dopo una riunione unanime e condivisa da tutti...

“SI PARTE PER IL COLLAUDO”. Vi è stata una preparazione di oltre 8 mesi per realizzare il collaudo per merito del cavallo “Sultano” Anglo-arabo-sardo. Il Cammino di Santiago viene ogni anno percorso da migliaia di pellegrini sin dal medioevo attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al Santuario

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SECTION NAME

l sd sr

24

Partenza da Silvano Pietra (PV)

Incomincia il CAMMINO I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

di Santiago de Compostela, presso cui ci sarebbe la tomba dell’apostolo Giacomo il maggiore. Si narra che dopo la morte dell’apostolo, avvenuta in Palestina, un angelo nell’813 indicò all’eremita Pelagio, tramite delle luci simili a stelle sul monte Liberon, la tomba di Giacomo con la scritta “Qui giace Jacobus, figlio di Zebedeo e Salomé”. Da lì in poi è divenuta la meta religiosa per milioni di pellegrini pro-

venienti da tutto il mondo, il percorso più finanziato dall’unione europea e patrimonio dell’unesco; simbolo centenario del cammino è la conchiglia, che anticamente veniva utilizzata dai pellegrini per raccogliere l’acqua dai ruscelli e dissetarsi, conchiglia che ne traccia e segnala il cammino per tutto il percorso. Ma come affrontare un percorso di oltre 8oo km. a cavallo? A prescindere un’adeguata preparazione e conoscenza del cavallo con i suoi limiti ma non solo, una conoscenza personale ed introspettiva di sé stessi. In questi tragitti si ha la responsabilità di sé stessi, ma sopratutto del cavallo, il che ogni minima superficialità presa, può provocare l’interruzione del percorso. Ad oggi questo tragitto viene

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

SANTIAGO

25

l’alimentazione di Sultano procacciata durante il percorso da aziende locali e purtroppo non condita da fieno il quale non è sempre disponibile. Ogni tappa giornaliera viene percorsa tra i 20 e i 50 km. dipendentemente dalle difficoltà incontrate, una tra le tante, i punti di sosta La partenza viene fissata per il sono usufruibili solo per i viandanti 3 Giugno 2016, dove un’unità e non per un binomio uomo-cavallo, dell’E.N.G.E.A. parte alle ore 5.00 del questo ha alzato e determinato la difficoltà del viaggio, poiché un cavaliere ogni giorno ha sempre dei chilometri in più da percorrere, dai 3 ai 5 km. per raggiungere il cavallo stazionato la sera prima, sellarlo e partire. Vi è solo un’associazione locale che aiuta e promuove il cammino con punti sosta per il cavallo e si trova nella Regione Castiglia a Leon, il resto del cammino ha stazionamenti distanti dagli alloggi per i pellegrini, dove possono trovare una branda per dormire ed un lauto pasto per rifocillarsi. Sultano grazie alla preparazione, riesce con tranquillità a sostenere ogni tappa del cammino ed Andrea a continuare il viaggio oltre ogni improbabile difficoltà incontrata. La maggior parte del percorso viene effettuata in Spagna e la particolarità mattino da Silvano Pietra (PV) con del territorio si presta ad interminabili il Coordinatore Nazionale Renzo colline verdeggianti ed infinite strade, Tomi, Tino Nicolosi, Andrea Peddis e che tracciano la via ai pellegrini sotto il Sultano diretti al punto di partenza sole cocente, i quali durante il tragitto del Cammino a Saint Jean Pied De si animano di altruismo e compassione Port - Francia. Arrivati, Sultano riceve per le difficoltà dei suoi simili; nasce un piccolo premio iniziale da Mesier cosi un’unione e senso di apparteDominic, che gli riserva un’immenso nenza insindacabile, di aiuto reciproco pascolo verde costeggiante un ruscello. e di sostegno.Tra alture e piccoli tratti Il 4 Giugno con l’apprensione in salita i pellegrini sostano su chiosdel viaggio ed un insieme di chi che offrono mele, acqua e frutta emozioni, Sultano ed Andrea, sui a costi altissimi e fuori mercato, ma Pirenei Francesi, iniziano la sfida che nonostante ciò i pellegrini congli cambierà la vita per sempre. Da tinuano il cammino in una terra dai subito la preparazione del binomio colori e suggestioni uniche al mondo. uomo-cavallo viene messa alla prova, i Pirenei vengono affrontati con uomo Giorno 28 Giugno, dopo 25 giorni a terra e salite impegnative, ma appena di cammino tra Francia e Spagnia superati dolci colline ed interminabili ecco l’entrata di Andrea Peddis alle distese di campi lasciano il passo ore 07.00 del mattino al Santuario ad un tragitto difficile, ma praticabile. di Santiago de Compostela, scorAndrea ha dovuto ridimensionare tato dall’unità di soccorso E.N.G.E.A. percorso per la ricerca di sé stessi, per la fede o misticamente per ritrovare l’umanità del proprio essere e, percorso con il proprio amico cavallo, mette in secondo piano questa necessità bensì, rappresenta una prova decisiva per il binomio uomo-cavallo.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SANTIAGO

l sd sr

26

L’arrivo a Silvano Pietra avviene alle ore 20.10 del 30 Giugno con il Presidente Mauro Testarella e gli sponsor che hanno permesso questo collaudo tra cui Antonio Tognetti, Fabio Benvenuti, Elisa Agrusa,Valeria Casadei di Ferlandia e non ultima L’E.N.G.E.A. tutta, che ha realizzato con uomini come Andrea Peddis il primo passo per la certificazione dell’IPPOVIA DI SANTIAGO DI COMPOSTELA e renderla fruibile non solo ai pellegrini, ma anche ai trekkers di tutto il mondo.

partita, il 26 giugno per il recupero, da Asola. L’imponente Cattedrale si erge tra i fedeli e le vie limitrofe, gremite di pellegrini e rappresenta i raggiungimento e la fine di questo lungo tragitto concluso tra gioie e dolori, ma sicuramente con un bagaglio di emozioni da custodire gelosamente nella propria vita. Tra i pellegrini un rammarico, leggermente accennato dalla fatica, per la commercializzazione della fede e la poca intimità che la città dà, simile ad altri santuari di non secondaria importanza, che sgonfiano le aspettative religiose e danno spazio ad un vero e proprio business improntato sulla fede. In fondo, questo Cammino osannato da scrittori e riecheggiante tra le vie che lo comprendono, rappresenta la via di fuga da una civilizzazione estremizzata e poco umana e riesce a dare con i suoi sentieri il giusto metro per vivere la propria quotidianità. Andrea dissella Sultano nella piazza di fronte alla Cattedrale, liberandolo da ogni peso, da ogni fatica,

che ha superato giorno dopo giorno in questo cammino e con la poca carne tra le ossa rimasta si concede tra le lacrime di un’emozione. Nella relazione di Andrea Peddis si evince che solo pochi tratti di cammino permettono il giusto passo per il binomio uomo-cavallo e che possa essere questo collaudo lo spunto da valutare e perseguire al fine di rendere fruibile ai trekkers di tutto il mondo il cammino di Santiago, che ha cambiato e cambierà la vita a tutti coloro che ricercano se stessi in questi sentieri.

Non ha importanza di che colore tu abbia la pelle, a che religione appartieni e di che nazionalità sei, questo lungo Cammino ti porterà verso la conoscenza di te stesso, delle tue paure e dei tuoi limiti. L’augurio che possiamo auspicare è quello di farlo vivere serenamente anche al nostro amico cavallo, collaudando per lui ed il suo cavaliere il cammino che ti mette alla prova.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

Questa bellissima avventura non sarebbe mai stata possibile senza il supporto tecnico e logistico dell’ENGEA, che ringrazio di cuore per essere riuscita a trasformare il mio sogno in realtà.

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

ARTICOLI

27

il mercato delle tessere e delle ASD    di tino nicolosi                                      fattori che potranno determinare, concretamente, l’andamento della propria associazione. Prendiamone in esempio alcuni. Prima di tutto, valutiamo se i requisiti per affiliarsi alla federazione, alla disciplina associata o all’ente di promozione sportiva sono rigidi o flessibili, in considerazione delle nostre esigenze. Altro fattore Anche il mondo dell’equitazione è determinante sono poi i costi da sosstato ed è tuttora terra di conquista tenere. E proprio in questo ambito per federazioni, enti, associazioni paral- nasce la grande linea di intersezione lele. E alla fine, chi deve decidere quale che da oltre 15 anni demarca il grande tesseramento scegliere si trova perso divario tra Federazioni ed Enti di proin una selva di sigle. mozione sportiva. La federazione di Quarantacinque Federazioni Sportive riferimento (per l’equitazione la Fise), Nazionali, diciannove Discipline al di là delle problematiche finanSportive Associate, quindici Enti ziarie, ha dei costi di settore ben di Promozione Sportiva, dician- più alti se confrontati con i costi di nove Associazioni Benemerite. Ecco affiliazione degli enti di promozione l’apparato nazionale dello sport sportiva che al loro interno hanno gestito e condotto diligentemente dal un settore equestre. La differenza Comitato Olimpico Nazionale Italiano. sostanziale risiede nei costi di tesMa cos’è il mercato delle tessere? seramento e di affiliazione tra le due Soprattutto, come si è evoluto? entità: ambedue danno la possibilità di Quando un’associazione sportiva dilet- lavorare in regime agevolato e soprattantistica si affaccia al mondo sportivo tutto all’interno del Coni, la prima ha di fronte l’imbarazzo della scelta in con costi “agonistici”, la seconda con termini di affiliazione e tesseramento, costi da “dilettanti”. Cosa comporta condizione “sine qua non” per otte- questa situazione? Semplice! Le federnere e accedere a diverse agevolazioni azioni demarcano e coordinano uno fiscali e servizi. La scelta di una A.S.D. sport con dei costi condivisi mentre (in acronimo Associazione sportiva il restante mondo della promozione dilettantistica) si basa su molteplici sportiva dilettantistica opera con

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

costi che variano e in regime di completa concorrenza. Ecco come nasce il mercato delle tessere e delle affiliazioni! Dove al mattino “la signora ASD” passa tra le bancarelle dello sport. Le prime bancarelle sono quelle che vendono prodotti italiani e di marca (le federazioni), le seconde (gli enti dipromozione) sono le bancarelle dei restanti enti che vendono lo stesso prodotto, a costi diversi. L’aggressività del mercato,

si sa, è da ambulanti di strada dove ognuno urla “la mia tessera è la migliore ha una copertura assicurativa vantaggiosa e costa 30 centesimi”. Questo mercato ha inizio in tempi non sospetti e soprattutto in sport di massa quali il calcio, pallavolo, pallacanestro, ciclismo, insomma in sport nazionali, ma da tempo ha raggiunto anche gli sport di nicchia tra cui l’equitazione.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

LA FORMAZIONE

l sd sr

28

formazione na zionale 2017    formazione engea/P.G.S. Settore equestre                                      CATALOGO CORSI:

• • • • •

I molteplici percorsi a disposizione dei tesserati, sono mirati a formare delle figure di base aggiornate sui principi fondamentali dell’equitazione, ovvero il lavoro in sicurezza ed alla conoscenza di tutte le normative che regolano il mondo equestre. Ente Operante

• • • • • • • •

con Sistema Qualità

L’equitazione di tutti e per tutti deve essere intesa come una seria scelta di responsabilità da parte di tutti gli operatori e di conseguenza i corsi di formazione che ENGEA propone conseguono questi obiettivi.

• • • • • • •

Guide Equestri Ambientali Accompagnatori Equituristici Cartografia e Orientamento Istruttori/Tecnici (1.2.3 liv) Monta Caprilliana, Monta Americana e Monta Classica Operatori di Base (Monta Caprilliana, Monta Americana e Monta Classica, E.R.D. , Età Evolutiva) Tecnici E.R.D. Tecnici Età Evolutiva Operatori/Tecnici D.O. Corso Giudici (Dressage, S.O., Performance,…) Corso Costruttori di Percorso S.O. Attacchi da lavoro per Operatori e Tecnici Seminari (Lavoro alla corda, Riscaldamento da terra del cavallo,...) Giornate Formative Area ERD E.E. Aggiornamenti Biennali Q.T. Operatori/Tecnici Asinini Tecnico di Mascalcia Tecnico di Scuderia Horse Life Coach Cultura e Tradizioni Equestri Horsemanship

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

A

Dopo vent’anni di innovazioni, ricerche e sviluppo di figure professionali l’ENGEA FORMAZIONE ha messo a punto un sistema doppiamente certificato di didattiche e metodologie uniche nel mondo dell’equestre e delle antiche arti e mestieri, a questa collegate.

B

Oggi gli allievi, attraverso i corsi e i professionisti, attraverso master ed aggiornamenti, riescono ad elevare di grande percentuale la loro formazione e le metodologie nell’applicarle.

C

Oggi un Quadro Tecnico dell’E.N.G.E.A., è un professionista certificato nella qualità dal primo Ente Nazionale, che ormai da oltre 10 anni lavora nel sistema qualità iso 9001 vision 2008.

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

GLI SPORT

29

i nostri sport     Gli sport di engea                                      La pratica dell’attività sportiva dilettantistica e ricreativa con particolare riguardo al settore dell’equitazione e della cinofilia, la promozione e organizzazione dello sport, sia a livello agonistico, che a livello formativo ed amatoriale, per sviluppare il senso morale ed il valore umano della pratica formativa e sportiva, lo svolgimento di attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento ed il perfezionamento nello svolgimento della pratica dello sport equestre e degli sport cinofili, la realizzazione di corsi interni di formazione

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

e di addestramento. Sotto l’egida dell’ente di promozione Sportiva P.G.S. ha organizzato ed organizza campionati, gare quali: • One day Ostacoli • One day Pony • One day dressage • One day Gimkane

Promuove eventi sportivi e sociali quali le giornate sociali Bimbi & cavalli, Oltre l’ostacolo, evento riservato ai diversamente abili, Giovani & pony, Il Nordic Horse Bike ®, l’Horse Raid ®, gare di Orienteering e Orientabimbi © il tutto per avvicinare al mondo dell’equitazione la popolazione in quanto questo sport deve essere uno sport di tutti e per tutti.

• Trekking • Turismo equestre

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


® l sd sr

30

SGLI E AMICI C T I DI O E.N.G.E.A. N NAME

a e g

n E i d i ic

m a i Gl

Albergo Residenziale

Menhirs Associazione Sportiva Dilettantistica Capo Mannu

Surf da Onda Albergo Residenziale Menhirs: Diving, surf, escursioni, maneggio, trekking a cavallo, a piedi o in mountain bike e fuoristrada. Provincia di Oristano, Penisola del Sinis tra Capo Mannu e l’Oasi di Sale Porcus, sulle spiagge di Putzu Idu e Sa Rena Scoada... Vi aspettiamo!

OFFERTA VANTAGGIOSISSIMA PER TUTTI I TESSERATI PGS - OIPES - ENGEA:

Sardegna

Provincia di Oristano, Penisola del Sinis tra Capo Mannu e l’Oasi di Sale Porcus, sulle spiagge di Putzu Idu e Sa Rena Scoada... Vi aspettiamo! Consigliato da:

per periodi Dal 01 giugno al 30 luglio e dal 26 agosto al 30 ottobre:

©Turismo Rurale Menhirs Località Orte e Corru, Putzu Idu 09070 San Vero Milis (OR) Tel. 0783 020445

www.albergomenhirs.it I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

CORSI

31

se il sapere fosse... equivalente al trasmettere, ogni buon cavaliere sarebbe un capacissimo insegnante

corso istruttori     Centro ippico “il Paradiso”                                    passati dall’istruttore sportivo Matteo Busi, ma hanno vissuto un’esperienza di formazione diversa da ogni altra. Dalle origini del rapporto tra uomo e cavallo agli attuali metodi di allenamento, dall’anatomia all’etologia degli equini, le future istruttrici si sono immerse totalmente nel mondo dell’equitazione sia da un punto di vista fisico che psicologico. “L’insegnamento sta lasciando una traccia di stessi nello sviluppo di un altro. E sicuramente lo studente è una banca dove è possibile depositare i propri tesori più preziosi.” (Eugene P. Bertin) Non solo a causa della falsità di quest’ipotesi dal 18 al 26 Agosto si è svolto presso il Circolo Ippico “Il Paradiso” a Medesano un corso mirato alla formazione di futuri istruttori di base, capaci quindi di portare gli allievi dalle fondamenta del cavalcare all’avvicinamento al salto ostacoli.

Le lezioni pratiche infatti erano sempre accompagnate da profonde spiegazioni sulla motivazione dietro determinati esercizi, le cause dei più svariati atteggiamenti assunti dal cavallo e l’enfasi da parte di Fioretto sul rispetto assoluto verso l’animale e l’allievo. La reciproca comprensione tra studente e istruttore è infatti un elemento fondamentale non solo nel mondo dell’equitazione ma in qualsiasi attività sportiva, ed essa non è certo mancata

nel corso degli insegnamenti di questo fine Agosto. Il corso di quest’anno si è concluso con un concorso sociale di salto ostacoli al circolo de “Il Paradiso” in cui le novelle istruttrici oltre a partecipare nelle categorie media e alta hanno fatto pratica di ciò che avevano appresso, assistendo i cavalieri più giovani e inesperti nel vestire il cavallo, prepararsi al percorso e, ovviamente, a mantenere uno stato di calma e tranquillità, spesso e comprensibilmente difficile da trovare il giorno di un concorso seppur nella sua minutezza. Dopo gioie e fatiche, il 26 Agosto sono state ufficializzate otto nuove istruttrici nell’albo, e in un futuro magari non troppo lontano si spera che queste possano trasmettere altrettante conoscenze ed emozioni di quante ne siano state date a loro.

La serie di lezioni è stata diretta dall’istruttore e dirigente sportivo Orlando Fioretto, che da anni vive il mondo dei cavalli e ne respira l’aria come se fosse ossigeno. In un’alternanza di lezioni pratiche e teoriche, le otto allieve di Fioretto non solo hanno approfondito le loro conoscenze sull’equitazione fornitegli negli anni

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

D I PA R T I M E N T I

l sd sr

32

i dipartimenti di engea     Ente nazionale guide equestri ambientali                                      Come scegliere allora “da chi andare”? Bella domanda! Io posso darvi dei consigli: 1) Valutate quali sono i vostri obiettivi: vi interessa l’agonismo oppure vi interessa l’equitazione di campagna?

GUIDE EQUESTRI AMBIENTALI

materia di sicurezza Dlgs 81/2008; detto questo, quasi per contraddizione, in caso di incidente (caduta da Perché scegliere il percorso cavallo) il magistrato preposto veriformativo E.N.G.E.A. o meglio, fica le competenze del Responsabile perché diventare Guida Tecnico e, conseguentemente, il posEquestre Ambientale? sesso di un Brevetto/Abilitazione ad insegnare/accompagnare, quindi «Una scelta,una professione» in buona sostanza non è obbligatorio, ma lo è! Il panorama equestre Per rispondere a questo quesito italiano è una sorta di grande calderitengo opportuno fare una doverosa rone all’interno del quale vi sono un premessa: per aprire un Centro Ippico sacco di Entità, che si sono preposte la legge non richiede che il titolare sia di rilasciare Brevetti Equestri abiliin possesso di un Brevetto di Quadro tanti all’insegnamento dell’equitazione Tecnico, ma richiede l’idoneità sani- e all’accompagnamento di gruppi a taria dei luoghi adibiti a tale attività cavallo riconosciuti dal C.O.N.I. e/o (ASL di competenza); l’idoneità in dai Ministeri, Regioni e Province.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

2) Valutate quali sono le finalità dell’Ente/Associazione/ Federazione erogatore: si occupa di agonismo “classico”, di agonismo “in monte da lavoro”, di equitazione di campagna, ambiente, natura, o altro? 3) Valutate i riconoscimenti dell’Erogatore: C.O.N.I., Ministeri, Certificazioni, altro.. 4) Valutate quali sono i vantaggi: costi, visibilità Effettuate queste valutazioni (già ne avrete abbastanza) sicuramente avrete già fatto un filtro, ora dovrete scegliere, a parità di obiettivi - finalità riconoscimenti - costi, il percorso formativo: qui le cose si fanno veramente differenti! A parità di Brevetto gli uni erogano una formazione di uno/due fine

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

settimana, altri (E.N.G.E.A.) un percorso di centinaia di ore che sviluppa tra corsi, master e crediti formativi con specializzazioni. A voi la scelta: a) Brevetto facile, che mi costa poco denaro e mi occupa poco tempo. b) Un brevetto difficile da raggiungere, che mi costa denaro, tanto tempo e tanta fatica. A voi scegliere se investire su voi stessi, sulla professionalità, sull’esperienza, sulla conoscenza, sull’immagine, che vorrete darvi: per voi e per i vostri futuri associati, tesserati, utenti!, utenti magari stranieri, che sanno ben valutare il marchio ISO 9001 Vision 2008 del settore Guide E.N.G.E.A. Questa è la differenza che E.N.G.E.A. propone attraverso le sue 800 ore di percorso formativo che passano dalla prova di ammissione al Corso G.E.A. 1° livello, ai Crediti Didattici ed Escursionistici per finire con l’acquisizione della qualifica: G.E.A. Certificata, un’iter che può durare da un minimo di due, ma che in media si conclude in tre anni, non male vero?

Campagna, è un Istruttore che “inizia” all’equitazione gli allievi e li accompagna nella loro formazione, con obiettivi escursionistici, assistendoli in percorsi attraverso parchi, aree protette ed ippovie. Questa figura ha seguito un iter formativo altamente qualitativo. Profondo conoscitore del cavallo, sa operare in sicurezza per se e soprattutto per gli altri. Ha la corretta preparazione per favorire la conoscenza della natura e dei problemi di tutela ambientale, occupandosi dunque di educazione, di prevenzione ed di informazione. I suoi compiti prevedono anche la progettazione di itinerari, l’accompagnamento di scolaresche, con un ruolo didattico, il lavoro nelle scuole a fianco degli insegnanti per la realizzazione di programmi di educazione ambientale. E’ fondamentale un’ottima conoscenza e preparazione per operare mettendo in atto tutte le norme di sicurezza ed è necessaria una buona predisposizione ai rapporti sociali.

D I PA R T I M E N T I

33

per una guida che non si limita ad accompagnare, ma diventa promotore del territorio, sapendone valorizzare le caratteristiche. SBOCCHI PROFESSIONALI L’enorme richiesta nazionale ed internazionale di turismo alternativo, tra cui il turismo equestre e l’equitazione da campagna, mette la figura della guida equestre ambientale in pole-position nell’immediata entrata della vita lavorativa di settore dopo la qualifica. Il lavoro è adatto sia a uomini che donne, nella stessa misura in quanto polivalente.

ARTI e MESTIERI

Significa aumentare le proprie conoscenze, poter forse essere in grado un giorno di “vendere emozioni!!!

CONTESTO LAVORATIVO Di importante rilievo lavorativo, necessaria per lo sviluppo del turismo equestre e dell’equitazione da campagna venutasi a sviluppare nell’ultimo decennio, sullo slancio di una continua ricerca di naturalità e di vita all’aperto, la Guida Equestre Ambientale non è proiettata lavorativamente, esclusivamente al turismo equestre e di campagna (villaggi, agriturismi, campeggi ecc...), ma proprio per la professionalità acquisita nel campo della salvaguardia ambientale, trova il giusto collocamento in parchi, aree protette e riserve, garantendo in esse la giusta fruibilità dell’equilibrio ecologico ed ambientale, oltre ad essere una figura sportiva in ambito C.O.N.I.

La Guida Equestre Ambientale La Guida Equestre Ambientale gestisce un Centro di Equitazione di

La conoscenza della flora e della fauna, La selleria e le bardature, dei matedelle peculiarità del territorio e della riali utilizzati e le tecniche di manutensua storia sono elementi indispensabili zione e di riparazione, utilizzando

Scegliere E.N.G.E.A. significa la consapevolezza di entrare volontariamente a far parte di un’entità riconosciuta, seria, con docenti preparati che ti prepara per un futuro da vero professionista. Significa sapere che attraverso la preparazione personale “possiamo dare di più” alla nostra utenza.

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

Il “Manutentore” o Tecnico di Selleria è un buon conoscitore del cavallo e delle arti equestri. Questo corso propedeutico intende trasmettere una formazione, fornita su basi moderne e tecnologiche, degli elementi basilari di conoscenza e valutazione delle attrezzature tecniche inerenti.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

D I PA R T I M E N T I

diverse modalità di taglio, incollaggio e cucitura. Figura utilissima all’interno di scuderie, per le manutenzioni ordinarie di tutte le bardature con materiali in cuoio. GLI OBIETTIVI Obiettivo dei nostri corsi è il recupero del sapere tradizionale che, mediato da un approccio scientifico, porta a scoprire e godere della vera natura del cavallo e del rapporto stretto che con lui si può instaurare. La divulgazione della cultura delle tecniche e dei materiali, negli scorsi decenni, si è così deteriorata da determinare la scomparsa o il degrado professionale di molte figure del mondo equestre, è il percorso scelto per centrare l’obiettivo.

l sd sr

34

dell’arte, grazie alla predisposizione di didattiche efficaci e alla corretta applicazione del metodo “imparar facendo”. I CONTENUTI L’approccio scientifico al sapere tradizionale prevede un continuo confronto e una forte interazione con i partecipanti in forza di una metodica formativa non basata solo sul “cosa e come”, ma anche sui “perché”. Il corso è strutturato in 3 livelli, per 50 ore in aula e in laboratorio erogate in tre sedute da due giorni, tipicamente nei week-end.

ed approfondito in un’ottica “da lavoro”, per garantire la necessaria professionalità ed il massimo della sicurezza nel trasporto delle persone in carrozza.

-1° livello: riparazioni, tecnica di taglio e cuciture. -2° livello: costruzione di una testiera. -3° livello: smontaggio e riparazione di una sella. La sella e la schiena del cavallo. Le imbottiture dei cuscini.

Il Settore Attacchi si articola su 4 brevetti rilasciati e certificati nella formazione, i quali contraddistinguono altrettante figure professionali con delle precise abilitazioni associazionistiche: dal semplice appassionato diportista, a chi vuole svolgere ed essere seguito nell’attività sportiva-dilettantistica sfruttando le potenzialità offerte dalla Se la cultura del cavallo cresce, cresce legge 398/91 per concludere con chi anche il suo benessere e questo è il vuole svolgere un’attività commerciale secondo obiettivo dei corsi. ATTACCHI DA professionale di “noleggio con conducente” e “servizio di piazza”. ll corso è aperto e consigliato a chi- LAVORO E.N.G.E.A. vuole andare incontro unque, professionista, cavaliere o semplice appassionato del cavallo, che La Scuola Attacchi da a tutti gli appassionati del Cavallo, voglia approfondire un’arte basilare, Lavoro Engea (S.A.D.L.E.), si Carrozziere, attraverso la S.A.D.L.E., ma troppo spesso sottovalutata nella occupa della formazione dei Quadri che si occupa della formazione dei Tecnici del Settore Attacchi, veri e Quadri Tecnici del Settore Attacchi, comune routine di scuderia. propri operatori del Turismo Equestre veri e propri operatori qualificati del in carrozza. Turismo Equestre in carrozza e non Modellazione, taglio, cucitura e imbotA ATTAC L a S . A . D. L . E . solo. titure, sono le materie che, integrate OL CH U C insegna il tiro da approfondimenti sui materiali e sportivo leggero L’Ente sta dedicando molte energie sull’anatomia funzionale del cavallo t r a m a n d a t o allo sviluppo del Turismo Equestre ed unite ad un’importante compodalla Tradizione in Carrozza attraverso molte inizianente pratica, forniranno ai parted e l l e R e d i n i tive. Per citarne alcune già operative cipanti, solide basi per la comprenLunghe, rivisto o in fase di lancio: un protocollo e la sione dei principi e delle tecniche Alla fine di ogni modulo verrà rilasciato il relativo attestato di frequenza; concluso il corso verrà effettuato un esame e rilasciato il diploma di merito.I corsi sono tenuti secondo le direttive e sottoposti alla normativa ISO 9000 : 2008.

AVORO AL ID

E.N.G.E.A .S

La cura dei cuoi, la valutazione del loro stato di usura, la tenuta delle cuciture e la corretta regolazione della briglieria, le rotture, gli interventi di emergenza e le piccole riparazioni sono solo le prime nozioni che si apprendono “facendo”.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

D I PA R T I M E N T I

relativa assistenza per rilascio delle targhe dei veicoli a trazione animale (carrozze, carri e slitte); una “polizza assicurativa personalizzata” per il conducente dei veicoli a trazione animale, che tuteli veramente la figura del conducente e delle persone, che trasporta in carrozza, su strada pubblica o in campagna; varie ippovie sul territorio nazionale, dove verranno inseriti dei percorsi in carrozza, che daranno la possibilità di lavorare ai Quadri Tecnici Attacchi ENGEA. Qual è la differenza tra i corsi attacchi istituzionali ENGEA e le Giornate a Redini Lunghe? E’ semplice!

con docenti preparati e polizze assicurative dedicate, che ti aiuta e prepara ad un futuro da vero professionista.

CORSI DI FORMAZIONE PER LA QUALIFICA DI:

EQUITAZIONE WESTERN

Istruttore 1° Grado IWB

Istruttore 2° Grado IWS

Istruttore 3° Grado IWP

• ISTRUTTORE DI 1 GRADO IWB Significa sapere, che attraverso la preparazione personale “possiamo • ISTRUTTORE DI 2 GRADO IWS dare di più” alla nostra utenza e significa aumentare le proprie cono- CLINIC CON TRAINER NAZIONALI scenze; poter forse essere in grado, ED INTERNAZIONALI un giorno, di vendere emozioni! LE FIGURE TECNICHE DEL DIPARTIMENTO:

I corsi attacchi prevedono un percorso formativo regolamentato con degli esami per il rilascio del relativo brevetto. Le Giornate a Redini Lunghe sono aperte a tutti, possono essere organizzate presso qualsiasi associazione sportiva dilettantistica affiliata a qualsiasi Ente di Promozione Sportivo riconosciuto dal CONI e non prevedono il rilascio di alcun brevetto. Uscendo dagli schemi fissi e dai tempi serrati di un corso, costituiscono una sorta di formazione pura! Quindi molta più tecnica e pratica e un po’ meno teoria e normative. Per imparare, migliorare, approfondire le proprie conoscenze del cavallo e delle tecniche di guida su strada, in campagna, collina e montagna. I risultati formativi nello scorso anno sono stati eccellenti. Il mondo associazionistico E.N.G.E.A. vuole promuovere questa importante formazione per il Turismo Equestre, non solo in sella, ma anche in carrozza. Scegliere E.N.G.E.A. significa la consapevolezza di entrare volontariamente a far parte di un’entità riconosciuta, un ente di formazione ed un’associazione equestre seria, specializzata in equitazione ed attacchi,

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

35

SCUOLA DI MASCALCIA

Dipartimento ben organizzato ed al passo con i tempi, è nato per soddisfare le esigenze sia dei semplici appassionati, che dei veterani del settore. I NOSTRI CORSI: La scuola è supportata dai nostri Istruttori, che si distinguono tra loro per il diverso grado di preparazione. IL PROGRAMMA DI PREPARAZIONE È SUDDIVISO IN: •

Abilitazioni a montare di I-II-III

Abilitazioni Cavaliere di I-II-III-IV livello

CONTESTO LAVORATIVO La figura di Tecnico di Mascalcia: è un ottimo conoscitore dell’anatomia del cavallo e degli arti in particolare e possiede una buona conoscenza in materia di ferrature a caldo e a freddo. E’ una figura sempre meno presente e meno professionalizzata nell’attuale mondo del lavoro, per la mancanza di ricambio generazionale, dove incompetenza ed arrangio regnano sovrani. La formazione, fornita su basi moderne e tecnologiche, insegna le giuste ferrature, a caldo e a freddo, correttive

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

e terapeutiche, delineando professionisti subito ricercati, che si inseriscono nel mondo del lavoro, sia autonomamente, che in qualità di utilissimi collaboratori di strutture ippiche e di allevamento, garantendo qualità e professionalità al territorio ed ai settori necessitanti.Valido supporto in escursioni equestri di più giorni.

SETTORE E.R.D. EQUITAZIONE RICREATIVA PER DIVERSAMENTE ABILI E.N.G.E.A.

)

GEA

ne

bili

ERD

Ri

Attività Equestri Ludico Sportive nel sociale.

is a

E q uitazio

( E.R.D.

EN

cre ativ a p er

D

Attività per il miglioramento dei servizi alla persona diversamente abile. Il Settore Equitazione Ludico Educativa Ricreativa pe r D ive r samente A bili (E.R.D.) E.N.G.E.A., nasce dalla

l sd sr

D I PA R T I M E N T I

36

necessità di conciliare l’inserimento nella società della persona disabile o a rischio di emarginazione sociale, attraverso opportune metodologie pedagogico - educative in ambito equestre; è uno strumento attraverso il quale è possibile realizzare un servizio a sostegno del benessere psico-fisico della persona; volto all’integrazione e alla socializzazione.

“L’uomo è pienamente tale solo quando gioca”.

Nello specifico incentra le sue attività nell’area ludico-motoriasportiva, dando così grande importanza all’aspetto inclusivo (Attività Assistite dagli Animali ed Educazione Assistita dagli Animali, A.A.A./E.A.A.); secondo le linee guida dell’OMS e del Ministero della salute, che ne fanno un’attività dall’alto valore sociale.

Una proposta formativa unica nel suo genere, ma che richiede un impegno tra addetti e istituzioni affinché questo patrimonio di esperienza e di sperimentazione trovi strumenti (anche e soprattutto giuridici e tecnici) adeguati a valorizzarne il forte impeto innovativo.

Il gioco, unisce le persone fra loro, favorisce lo sviluppo sociale, affettivo, cognitivo. Le attività ludiche equestri a cui i diveramente sabili si dedicano si modificano via via, di pari passo con il loro grado di abilità e di sviluppo intellettivo, ma rimangono un aspetto fondamentale della vita di ogni individuo, in tutte le fasce di età.

Inoltre E.R.D. ENGEA si propone E’ ormai noto quanto il contatto con per: gli animali ed il cavallo in particolare, tramite la pratica equestre, aiutino • La sensibilizzazione relativa al diritto dei disabili di essere soggetti disabili o con disagio sociale tutelati dalle diverse forme di disad acquisire quelle autonomie di base, criminazione e di godere di pieni che amplificano e rafforzano sentie pari diritti; menti di autostima, consapevolezza emozionale, sicurezza e maturazione affettiva, inoltre attraverso il gioco, • L’ i n c o r a g g i a m e n t o d e l l a riflessione e la discussione sulle attività insita nell’uomo dalla nascita, misure necessarie per proè possibile imparare un nuovo codice muovere pari opportunità per i comunicativo e acquisire nuovi comdisabili in Europa; portamenti in relazione alle Regole, che il cavallo impone. • Il miglioramento della comunicazione concernente l’handicap Tutto ciò si colloca perfettamente in e la promozione di una rapprequesta nuova mentalità, assolvendo sentazione positiva dei disabili; e amplificando i principi fondamentali della pratica motoria; più di ogni sensibilizzazione altro metodo può essere considerato • L a all’eterogeneità delle diverse attivo, perché proprio grazie alla particolarità del suo mezzo di “locomozione” (il forme di disabilità; cavallo) pretende e riesce ad ottenere la partecipazione del disabile. • Una particolare attenzione alla sensibilizzazione al diritto Il gioco è un segno di sanità mentale dei bambini e dei giovani e contribuisce ad essa. disabili ad un pari trattamento

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

nell’insegnamento scolastico, ma anche e soprattutto sportivo.

Think Horse Project SCIENZA e COACHING nel lavoro da terra con il cavallo. Un percorso di studio per una nuova figura nel panorama equestre. Horse Coach, un valido supporto per istruttori, trainer, veterinari e allevatori. 1° livello: Pratictioner RAPPORT in WORK BIOMECCANICAMENTE L1KEAN HORSE G.W. la ginnastica del cambiamento ESAME Horse Coach Practitioner può collaborare con istruttori e trainer agevolandone il lavoro con i cavalli da scuola o in addestramento.

D I PA R T I M E N T I

37

equestre di qualità certificata, nel percorso, nella sicurezza, nell’ospitalità, FINALMENTE UNA BUONA nell’enogastronomia e, soprattutto, nella cultura, dove storia, tradizioni NOTIZIA e sistemi ambientali di un territorio Un programma di formazione per debbono essere le basi concrete e diventare una figura indispensabile, in necessarie per le Guide Equestri, grado di facilitare il lavoro di trainer, figure formate atte a promuovere la istruttori di equitazione, allevatori. corretta fruizione e salvaguardia del Un esperto che aiuterà a migliorare territorio in ottemperanza agli stanil rapporto tra “proprietari” e cavalli dard di qualità e sicurezza del trekcontribuendo ad una loro felice king a cavallo, che faranno, di quei siti, il proprio posto di lavoro, chiaramente convivenza. dopo una vera ed attenta formazione Una serie di corsi, alla scoperta dei professionale. Caratteristiche il nostro meccanismi di pensiero del cavallo. Un sistema Ippovie Italiane Certificate® percorso di studi che ti consentirà in possiede queste peculiarità: seguito, di migliorare le prestazioni sportive e il benessere psicofisico di qualsiasi cavallo seguendo un proto> BASSO I M PATT O collo chiaro e preciso. AMBIENTALE: l’unica traccia che Qualsiasi sia la tua esperienza, una verrà lasciata sarà il passaggio delle volta assimilati i concetti e la filoso- impronte dei cavalli. fia think horse sarai in grado di contribuire a creare un mondo migliore per i nostri amici > SOSTEGNO ALL’ECONOMIA cavalli. LOCALE: si dovrà prevedere che il foraggio per i cavalli venga acquistato da contadini e montanari del posto, solamente le strutture ricettive più vicine allo spirito eco-turistico (agriIPPOVIE ITALIANE turismi, rifugi, ostelli) verranno colloCERTIFICATE cate negli itinerari “certificati”. Presentazione:

2° livello: Master FONDAMENTI di Horse Coaching “II Filetto” la CHIAVE SUPREMA PROBLEM SOLVING… creare soluzioni. ESAME

IL SISTEMA Master Horse Coach può collaborare con veterinari, allevatori, o proprietari, Il nuovo sistema delle Ippovie aiutandoli nella gestione dei cavalli o Italiano Certificato®, è nato per dare il giusto regime economico al dei puledri. territorio, attraverso un turismo

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

> PROTEZIONE DELL’AMBIENTE: verranno promossi e sviluppati corsi di educazione ambientale in collaborazione con gli Enti preposti (Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, Università per le facoltà interessate), il progetto dovrebbe prevedere escursioni mirate atte a stimolare la sensibilità nei confronti degli ambienti naturali e loro conservazione (nel caso di Ippovie in Zone protette sarà presente un’Esperto Ambientale).

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

D I PA R T I M E N T I

> QUALITÀ E SICUREZZA: le ippovie certificate garantiscono assistenza logistica costante, Guide con una solida esperienza ed in possesso di Brevetti riconosciuti. Ippovie Italiane Certificate® rappresenta un marchio di qualità nel panorama della realizzazione, veicolazione e gestione della Rete Viaria Equestre Nazionale ed Internazionale con certificazione di qualità ISO9001:2008. Per IPPOVIA ITALIANA CERTIFICATA intendiamo un percorso da compiersi a cavallo in più giorni (minimo tre) con punti di sosta e ristoro per cavalli e cavalieri. L’attenzione e l’operato riposto sulla progettazione, lo studio e lo sviluppo delle Ippovie rappresentano per l’Ente la base di lavoro dei nostri Quadri Tecnici che operano sul territorio. Il turismo equestre non è uno sport ma una professione!

Engea Wild Team LA FILOSOFIA DEL DIPARTIMENTO E.W.T. Imparare a muoversi con il proprio

l sd sr

38

di ogni ordine e grado, è rivolta altresì AI SINGOLI TESSERATI/ ASSOCIATI PGS, AVENTI COME REQUISITO MINIMO IL 3 LIV. o interi Dipartimenti, Delegazioni Regionali/ Un ritorno al passato, un’attività antica Territoriali, Associazioni asd, nonché quanto l’uomo, che non può essere aziende ed organizzazioni anche appresa solo sui libri di testo, ma si esterne ad Engea operanti nel settore impara con la pratica in ambiente equestre, che vogliano sperimentare ostile riuscendo comunque a vivere una formazione innovativa, altamente con minori esigenze, utilizzando come coinvolgente e realmente efficace per prima risorsa la propria volontà e lo sviluppo dello spirito associazioniscapacità di adattamento, apprendendo, tico e/o aziendale e delle competenze che non è sfidando la natura che si professionali, oltre la tecnica equestre, sopravvive, ma solo conoscendola a richieste ai vari dirigenti/quadri tecnici. fondo e diventando parte di essa. Un lavoro di squadra, partendo dalla E.W.T. ti consentirà di tornare indietro base nell’equitazione “il binomio”, nel tempo e di trascorrere momenti fa raggiungere prima il traguardo. all’insegna dell’avventura allo stato Collaborare nelle difficoltà sono attività che suscitano ai partecipanti puro! una forte carica adrenalinica e molto ENGEA WILD motivanti, un primo passo per unire un gruppo, perché è la stessa difficoltà TRAINING: che coinvolge e stimola l’aggregazione. Nasce per progettare e realiz- E se la squadra Engea zare interventi di è ben accordata il sucformazione com- cesso è sicuro! plementare per i binomi ENGEA La Formazione basati sull’esperienza outdoor; particolarmente indicata per tutti coloro Nella nostra prima e, ad oggi, unica che ricoprono incarichi associazionis- Area Geografica di Addestramento tici, a qualsiasi livello e Quadri Tecnici (AGA), il Parco Equituristico Majella e Morrone, situato in uno splendido scenario montano, abbiamo naturalmente a disposizione molti degli aspetti e delle realtà riscontrabili in una reale situazione di sopravvivenza in ambiente non antropizzato. L’utilizzo del survival come strumento formativo è basato su attività di simulazione non a rischio per i binomi, finalizzate alla sperimentazione ed osservazione delle dinamiche comportamentali, delle tattiche e strategie di risoluzione che innescano le difficoltà; le condizioni maggiormente ostili per il nostro cavallo, asino o mulo, saranno affrontate con dotazioni ed alimentazione, che in ogni situazione di impiego cavallo, asino o mulo a stretto contatto con la natura selvaggia, utilizzando solo ciò che essa mette a disposizione.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

e condizione meteo garantirà tutela e benessere ai nostri animali. La metodologia Engea Wild Training è basata sulle seguenti componenti: piccoli gruppi di binomi per garantire una buona assimilazione delle tecniche dell’apprendere per esperienza, per evitare confusione e per avere degli standard di sicurezza ottimali; inoltre il numero ridotto dei binomi garantisce un basso impatto ambientale.

di lui, abbandonandolo sotto il sole, la pioggia e neve in un paddock sovraffollato, senza averlo sverminato e vaccinato regolarmente o senza avergli pareggiato gli zoccoli!!!

– Esperienza all’aperto: l’attenzione è centrata sul “qui ed ora” collegando il processo di apprendimento a situazioni concrete. Le attività proposte attraverso il wild training sono reali e le conseguenze dei propri comportamenti immediate. Le attività outdoor sono integrate da altri stru– Umiltà e grande spirito di adatta- menti e docenti della formazione tramento sono qualità proprie di chi dizionale Engea (sessioni pratiche o decide di mettersi alla prova con teoriche all’aperto intorno al focol’E.W.T.; si percorrono lunghi tratti lare) al fine di sistematizzare e rafo intere giornate a piedi con vento, forzare l’apprendimento facilitando pioggia, neve, scarsa visibilità; ogni la trasferibilità dei comportamenti e energia è profusa per il benessere nozioni appresi, nella propria realtà del binomio e l’integrità del gruppo; il associazionistica. proprio sapere, la propria esperienza pregressa, al servizio della squadra – Creatività: il binomio, nel corso di e tutte le attenzioni rivolte sempre un modulo E.W.T., si confronta con un all’anello più debole perché la diffi- terreno sconosciuto ed è costretto ad coltà di uno si riverserà inevitabil- adattarsi, correre dei rischi, operare anche senza conoscere tutte le rismente sul gruppo. poste, gestire situazioni di ambiguità, – Il cavallo, mulo o asino: l’ambiente oppure si trova a svolgere attività di in cui l’equide è stato allevato, il suo teamworking e leadership, gestenallenamento, la sua esperienza ed dole ed elaborandole però da difaddestramento ad avere piede sicuro, ferenti punti di vista. avranno un impatto fondamentale sulle sue prestazioni in condizioni – Coinvolgimento: il binomio apprende ostili. Un equide che affronta i moduli attraverso l’allenamento, la prova, la E.W.T., deve essere stato allevato sperimentazione dei propri comporin una situazione, che gli abbia per- tamenti. Nessuno fornisce dall’esterno messo di esprimere la sua natura modelli e tecniche preconfezionate equina. In altre parole, la cosa migliore valide per tutti ma viene facilitata è che il cavallo, mulo o asino sia stato l’attivazione delle proprie risorse. cresciuto in abbondante spazio per giocare con altri suoi simili. Deve aver – Responsabilità: preservare e gestire i avuto un’alimentazione adeguata per materiali ed i vettovagliamenti in prel’accrescimento, ma non deve essere senza di condizioni ostili è di primaria stato sovralimentato o sottoali- importanza; l’essere custodi della mentato. Gli deve essere stato per- someggiatura al seguito, con le sue messo di difendersi contro qualsi- riserve e quindi essere custodi della asi condizione meteorologica e aver possibilità di sopravvivere e raggiunaltresì sviluppato un metodo di con- gere gli obiettivi, è altamente responvivenza con le condizioni estreme. sabilizzante e sintomo di estrema Ciò non significa essersi dimenticati fiducia conquistata all’interno del

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

D I PA R T I M E N T I

39

gruppo. – Importanza dell’osservazione: il binomio si osserva mentre agisce (auto-osservazione) ed osserva il comportamento degli altri (etero-osservazione). Attraverso il wild training viene stimolato un processo di apprendimento non tanto “per prove ed errori”, ma strutturando momenti in cui “ci si ferma e si riflette su”. Questo porta a scoprire le conseguenze negative di alcuni nostri comportamenti ma anche a valorizzare e sistematizzare le strategie costruttive inconsapevoli. – Divertimento: il momento didattico/ formativo del wild training è associato anche al gioco, dimostrando che si può imparare e crescere anche divertendosi. Viene così recuperata la dimensione ludica dell’apprendimento tipica degli adolescenti che, proprio perché utilizzano il gioco e l’emotività, riescono ad apprendere molte cose e molto velocemente rispetto agli adulti. I Moduli Formativi di Engea Wild Training Il programma dei moduli formativi E.W.T. è caratterizzato dalla diversa stagionalità dell’esperienza outdoor; è di tipo professionale con spazi di formazione, di approfondimento e pratica impegnativa; Engea Wild Training sarà tonificante per lo spirito e per il corpo oltre che un momento di speciale aggregazione fra tutti i binomi, all’insegna dell’avventura e del divertimento. Engea Wild Training è indicato per uomini e donne. Modulo EWT “Lupo” I moduli invernali si svolgeranno nei mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio ed avranno durata di 3 giorni (2 notti) Modulo EWT “Orso”

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

D I PA R T I M E N T I

l sd sr

40

I moduli primaverili si svolgeranno nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio ed avranno durata di 4 giorni (3 notti)

professionalità nello svolgimento degli incarichi associazionistici, a qualunque livello, in seno ad Engea.

Modulo EWT “Aquila”

Il Wild Team risponde direttamente al Dipartimento E.W.T. ed ha una propria Segreteria Nazionale indipendente, che riassume in se, scopi ed obiettivi di praticità, efficienza e competenza; si occupa del rinnovo annuale per i propri appartenenti, della gestione e smistamento della corrispondenza e della comunicazione relativa ad informazioni generali e specifiche del Dipartimento stesso. Le iniziative, collaborazioni ed attività di qualunque genere in nome e per conto del Dipartimento, devono essere preventivamente presentate e vagliate dal Coordinamento Nazionale E.W.T., che le autorizza con apposita comunicazione.

I moduli estivi si svolgeranno nei mesi di Giugno, Luglio Agosto ed avranno durata di 5 giorni (4 notti) Modulo EWT “Cervo” I moduli autunnali si svolgeranno nei mesi di Settembre, Ottobre e Novembre ed avranno durata 5 giorni (4 notti) ENGEA WILD TEAM I Quadri Tecnici TESSERATI/ ASSOCIATI PGS AVENTI COME REQUISITO MINIMO IL 3 LIV. a montare, che avranno frequentato i 4 moduli stagionali previsti entreranno a far parte dell’Engea Wild Team.

Nelle fila del Wild Team vengono individuati, su disponibilità personale e richiesta al Coordinamento Nazionale Il Team ha lo scopo di mettere in E.W.T. che valuterà la comprovanza luce ed in contatto fra loro, binomi dell’iter formativo e esaminerà la altamente qualificati nei trekking, candidatura, i Tutor E.W.T., che verviaggi, raid ed avventure anche in ranno assegnati ai vari moduli espeambienti e condizioni ostili, al fine rienziali su programmazione annuale, di proporre al “mercato” dei viaggi a in qualità di osservatori con obiettivi cavallo di ENGEA e dei Tour Operator, di controllo e garanti dell’attivazione una risorsa preparata e competente. Il delle dinamiche dell’apprendere per Wild Team è a disposizione e collab- esperienza. ora, su richiesta, con il Dipartimento Ippovie Italiane Certificate di Engea; effettua ricognizioni o raid di individuazione e verifica di vecchi e ORIENTEERING nuovi itinerari fornendo dettagliate E’ l’insieme delle tecniche che perrelazioni tecniche. mettono di riconoscere, attraverso l’uso di una cartina, la propria posizione Il Wild Team è composto da persone all’interno di un affidabili, che hanno superato prove e t e r r e n o situazioni molto complesse e quindi non noto. dotate di buon senso e di sani princon cipi, amici e cavalieri di cui ci si può M u o v e r s i fidare; il Wild Team crede nella forza sicurezza su di un terreno del “branco” e fa suo, il prin- poco noto o del tutto nuovo. cipio cardine dell’amicizia e della

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

Conoscere in ogni istante la propria posizione. Essere in grado di individuare il percorso migliore per raggiungere una meta prestabilita. Vivere e andare nel territorio con l’uso di una cartina. Per sapere in ogni istante dove ci si trova, sapendo scegliere il percorso migliore, attraversarlo con sicurezza ORIENTABIMBI I n s e g n a re l a c a r t o g r a f i a e l’orientamento ai bambini/ragazzi partendo dal gioco e arrivando ad una vera e propria prova sul territorio affiancati dal nostro piccolo cavallo, il tutto in modo naturale e all’insegna dell’avventura, divertendosi immersi nell’ambiente. P E R CH E ’ UN CORSO DI C A R TO G R A F I A E ORIENTAMENTO? Ci aiuta ad inoltrarsi nel territorio se non lo si conosce, a l l ’ i n s e g n a

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

dell’avventura con la conoscenza della: cartografia- topografia-mappe e orientamento Ci da la possibilità attraverso la lettura di una carta topografica o mappa di trovare una via o sentiero alternativo una sorgente d’acqua o un punto di sosta Ci aiuta a trovare e creare un percorso in un territorio che non si conosce Quindi diciamo che la posizione di un oggetto nello spazio è sempre relativa ad un punto di riferimento. Impariamo quindi: a conoscere e saper comunicare.

DISCIPLINE OLIMPICHE Percorso riservato alle attività sportive propedeutiche non agonistiche delle Discipline Olimpiche quali l’avvicinamento al salto agli ostacoli, il Dressage, il completo ed anche la Monta Classica e Caprilliana, Il tutto verrà affrontato con tecniche di lavoro in progressione attraverso percorsi programmati ed approfondimenti di tecnica equestre con istruttori qualificati. Le figure principali dei dipartimenti sono: •

Tecnico di Base

Tecnico di 1 Livello • Tecnico di 2 Livello (specialità)

Tecnico di 3 Livello

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

D I PA R T I M E N T I

41

Età Evolutiva ENGEA Dipartimento Età evolutiva vuole essere un’autentica accademia, che ha l’obiettivo di Formare una figura attenta e preparata per l’accoglienza dei minori nella struttura sportiva impartendo nozioni in merito allo sviluppo motorio e alle varie fasi dell’età evolutiva dei minori. Avvicinare i ragazzi allo sport equestre attraverso l’utilizzo dei pony, la specie più adatta poiché a misura di bambino, attraverso il gioco e attività propedeutiche alle varie specialità sportive. Il Tecnico dovrà essere in grado di stabilire gli obiettivi delle singole lezioni e obiettivi a lungo termine; dovrà avere conoscenze in merito all’addestramento dei pony, gestire le attività di gruppo ed organizzare i giochi e le giornate One Day Pony, circuiti competitivi (trofei nazionali, gare, eventi) sportivo dilettantistici per pony, riservati alle specialità di Gimkane e giochi, salto ostacoli, dressage, lavoro in piano, carosello con musica, endurance, pony spec.trotto, horseball,volteggio… Sarà data importanza alla gestione degli spazi dedicati ai bambini soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Il tutto verrà affrontato in maniera propedeutica affinché amore e rispetto per il pony si fondano in un unico binomio. Un valore aggiunto per presentarsi con seri progetti alle direzioni scolastiche oppure “gestire le attività estive con campi estivi e settimane verdi e poi essere tappa dei campionati regionali One Day Pony, creati per aggregare e far divertire le famiglie.

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SECTION NAME

l sd sr

42

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


®

Contest Fotografico l sd sr

CONTEST

43

IL CAVALLO ed il suo MONDO 3°

10°

2° 7°

1

Bellissimo progetto promosso e sostenuto da ENGEA e OIPES e tutti gli sponsor che hanno creduto a questa iniziativa. Quest’anno si è concluso il Contest Fotografico dal tema “Il Cavallo ed il suo Mondo”, scopo del progetto è stato quello di promuovere la cultura del cavallo e avvicinare le persone all’associazionismo sportivo e al mondo dell’equitazione. Partito a Luglio e conclusosi ad Agosto, ha raccolto consensi da parte di tutti gli appassionati di fotografia e ha visto 10 vincitori, che come in tutte le competizioni, riceveranno in occasione di fiera cavalli Verona 2017 i premi messi in palio dagli sponsor ufficiali che ringraziamo vivamente per il sostegno. Si ringrazia: Horse Country Resort che ha messo in palio Un Vaucher per 4 persone Fiera Verona Cavalli: che ha messo in palio i biglietti omaggio Ferlandia: che ha messo in palio una divisa di equitazione Cavallo Magazine che ha messo in palio gli abbonamenti gratuiti Engea che ha messo in palio un corso gratuito di formazione e i tesseramenti annuali Ecco a Voi i primi dieci finalisti e vincitori in ordine:

ADELIA GANDINI con VALERIA VALDATA, ROMILDA MARTIGNONI, ROBERTA CARNEVALETTI, LUCA DELLA MORETTA, ELIANA VARONE, FABIANA MONTI, FRAU ALBA, VALERIA MARIANI, MAURIZIO AZZOLA e infine GEMMA MORANDI. Arrivederci alla prossima entusiasmante edizione, che vedrà la luce a Marzo 2018 con tantissime novità e tantissimi premi! - Tino Nicolosi

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

& se or

Polo Club P UN T

A

ALA

I

l sd sr

iglia s n o c e t n e l Presid

® ASD H

TREKKING

l sd sr

44

Punta ala 2017 a cavallo lungo le passeggiate di italo balbo

   trekking                                    In uno scenario naturale fatto di scogliere, macchia mediterranea e pinete, sono state edificate residenze di lusso e un porto turistico di alto livello. Ogni anno è meta di vip e personaggi noti. E’ stata base di Luna Rossa per le partecipazioni all’America’s Cup 2000 e 2003. Fino dagli anni Sessanta questo promontorio è e rimarrà uno dei paradisi naturali di tutta la nostra meravigliosa Penisola. Lunghezza: 50 km. Difficoltà: Media Dislivello: da 0 a 170 m s.l.m. Punti Sosta: ASD Horse & Polo Club Punta Ala Ristorante “LA BUSSOLA” Caratteristiche del percorso: Costiero in macchia mediterranea con pineta Durata: Dal Venerdì al pranzo della Domenica (3 giorni) Periodi migliori: Da Giugno a Settembre Attrezzature particolari: Tenuta da equitazione Country Costi (Sconto 20% Soci ENGEA): € 450,00 con cavallo in fida € 350,00 con cavallo proprio

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

TREKKING

45

Programma trekking Giorno 8 Settembre, si sono svolti gli esami per il conseguimento dei brevetti di Accompagnatore Equituristico, Guide Equestri Ambientali e Istruttori. Dopo quattro mesi di formazione pratica ed intensiva hanno superato gli esami Yuri Terribile, Simone Carleo, Zoia Shusharicheva e Irina Zorina, ai quali vanno i nostri migliori auguri. Renzo Tomi

A Punta Ala con i seguenti programmi: Per la stagione 2017 si propongono trekking a piedi, in bicicletta e a cavallo (a sella e/o someggiato) di durata variabile da ½ giornata, una giornata, un week-end o più giorni.

• •

giornata, di difficoltà facile Anello Punta Ala - Cala Violina, una giornata, di difficolta media Trekking sulle colline, che sovrastano Punta Ala, una giornata, di difficoltà medio-alta Week-end tra mare e collina: - giorno 1 trekking sulle colline di Punta Ala; giorno 2 anello Punta Ala - Cala Violina; difficoltà medio-alta

Nella formula del trekking di 1/2 giornata o la giornata intera, si prevede la partenza al mattino con eventuale pranzo al sacco o al ristorante/agriturismo, mentre per più di una giornata sarà compreso nel pacchetto il pernottamento in una struttura recettiva della zona, nella formula di mezza pensione o pensione completa.

Sono inoltre previsti trekking della durata di più giorni, con possibilità di pernottare in strutture convenzionate, che ne autorizzino la permanenza (agriturismi, abitazioni private etc...).

I trekking a piedi proposti per Punta Ala sono i seguenti: • Visita a Punta Ala, durata ½ giornata , grado di difficoltà facile • Trekking del Forte delle Rocchette, 1/2

Si offrono inoltre escursioni sull’Isola d’Elba della durata di uno o più giorni, con trasporto privato da Punta Ala, Piombino e per l’Elba, con la compagnia di navigazione: toremar (0565 914000).

Per info Segreteria Nazionale ENGEA 348.3109883 Mauro Testarella 348.8606305 - Marco Semprini 327.5455997

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SECTION NAME

l sd sr

46

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

www.guidolinhorses.com

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

I TROFEI

47

terza e ultima tappa del Campionato Regionale P.G.S. di Gimkana Tecnica

terza tappa gimkana     3 settembre 2017 - maneggio “Il Quadrifoglio”                                    Si è svolta Domenica 03 settembre 2017 sul campo gara del maneggio “il Quadrifoglio” di S. Lorenzo Nuovo (VT) la 3° e ultima tappa del campionato regionale PGS di Gimkana Tecnica. La bellissima giornata di gara consolida le aspettative dello staff del Comitato Regionale Lazio PGS. Già nelle prime due tappe presso i Circoli S. Filippo di Acquapendente (VT) e l’Ardiglione di Rocca Sinibalda (RI), avevamo avuto l’occasione di ammirare giovani amazzoni e cavalieri, che si sono distinti per la loro preparazione ed educazione sportiva,anche di dar vita ad una giornata all’insegna del divertimento, del rispetto e dell’amore verso i propri cavalli, protagonisti indiscussi della manifestazione.

Regionali PGS 2017 di Gimkana Tecnica: • Categoria BI 1° Class: Cristian Andreucci (CI. Il Quadrifoglio - 163 punti) e Giulia Rollo (C.I. L’Ardiglione - 163 punti) a seguire: Samantha Laterza (C.I. S. Filippo - 146 punti) • Categoria B2 1° Class: Eleonora Poponi (CI. Il Quadrifoglio) - 192 punti) 2° Class: Siria Sebastiani (C.I. S. Filippo - 185 punti) 3° Class: Arianna Carnassale (C.I. l’Ardiglione - 183 punti) • Categoria C1 1° Class: Elisa Paci (CI. Il Quadrifoglio) - 168 punti) 2° Class: Ambra Chiovelli (C.I. S. Filippo - 167 punti) 3° Class:Valentina Martucci (C.I. l’Ar-

diglione - 166 punti) • Categoria C2 1° Class: Federica Pelliccia (CI. Il Quadrifoglio - 195 punti) e Sara Pierelli (C.I. S. Filippo - 195 punti) a seguire: Ester Zoncheddu (C.I. S. Filippo - 193 punti) • Categoria D 1° Class:Valentina Artemi (CI. Il Quadrifoglio - 190 punti) a seguire con lo stesso punteggio Massimiliano Mascoli ed Emanuela Rollo (C.I. L’Ardiglione - 179 punti). Giudice della finale Generale: Giorgio Dinoguida, coadiuvato dall’Istruttore Giuseppe Sensi, al computer G.E.A.: Daniele Antonelli e infine cronometrista G.E.A.: Nadia Vitanza.

La categoria A Ludica ha visto protagonisti tantissimi piccoli cavalieri dai 3 ai 6 anni, che al loro esordio nel mondo dell’equitazione, hanno potuto provare per la prima volta l’emozione della gara. La classifica finale del Campionato incorona i Campioni

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


ÂŽ l sd sr

48

Engea Garibaldini Volontari a Cavallo l’organizzazione nazionale per la salvaguardia ambientale e la protezione civile che da oltre 12 anni lavora in modo assiduo, professionale ed incessante al servizio del proprio territorio. Il 2017 è stato un anno pieno di operazioni di salvaguardia e di interventi che hanno collaudato e messo alla prova tantissimi volontari impegnati in operazioni di soccorso e di assistenza. ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

VO L O N TA R I ATO

49

i nostri garibaldini volontari a cavallo    tino nicolosi    A Gennaio gli eventi sismici, che hanno coinvolto le regioni centrali della Penisola, attivano la macchina operativa garibaldina, che ha visto volontari distribuire mangime ai centri ippici con gravi problematiche

strutturali, tra cui il circolo ippico Bonnyman. Dopo i numerosi incendi in tante regioni italiane i volontari della Campania capitanati da Salvatore De Chiara si adoperano ed intervengono a sostegno delle autorità locali per la gestione delle fiamme, salvando oltre 50 cani durante le operazioni. In Sicilia il Raggruppamento di Piazza Armerina capitanato da Michelangelo Cali ed il presidente Maria Naso intervengono nell’area devastata dalle fiamme a supporto delle autorità locali oltre alle tantissime attività di equitazione ricreativa per disabili

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

e giornate sociali come i battesimi della sella per i più piccoli. Nascono quest’anno quattro grandi nuovi raggruppamenti che si inseriscono velocemente nell’organico applicando già da subito lo spirito Garibaldino, che contraddistingue questa grande famiglia da oltre 12 anni, il raggruppamento di Pantelleria, capitanato da Palermo Giuseppe, in Sicilia, il raggruppamento a Montegrotto Terme capitanato da Stefano Zocca e sostenuto da Paolo Carniello in Veneto, Il Raggruppamento di Oria, capitanato da Nisi Francesco in Puglia, Il raggruppamento di Grosseto capitanato e sostenuto da Daniela Vignali in Toscana. Una Crescita esponenziale che va a rafforzare la presenza nazio-

nale del volontariato a cavallo garibaldino che porterà nei prossimi anni un reale e concreto aiuto al territorio e sopratutto al suo monitoraggio e prevenzione. Il volontariato a cavallo e soprattutto

Il Cavallo Libero | Novembre 2017


®

VO L O N TA R I ATO

la protezione civile a cavallo, necessita non solo di formazione bensì di preparazione ed esercizio, proprio per non cadere nell’errore di tante altre associazioni che la utilizzano particolarmente come uno strumento per riempire le proprie giornate pensionistiche. Bisogna promuovere il vero volontariato, offrendo il proprio tempo gratuitamente e senza fini di lucro, senza scambiare questo strumento sociale per introitare economie poco giustificabili.

l sd sr

50

riusciti sin dal 2015 ad abbassare e rendere più accessibile il volontariato a cavallo a tutti coloro, che vogliono cimentarsi in questa esperienza con costi decisamente alla portata di tutti, basti pensare al tesseramento annuale, con copertura assicurativa in RCT ed Infortuni a norma di legge comprendenti gli interventi per eventi catastrofali a 30,00 a volontario ed una divisa comprata integralmente al costo di

150,00. Non Resta che invitarVi a visitare il nostro sito internet: www.garibaldinivolontariacavallo.org e chi sa..., magari un giorno faremo volontariato insieme, monitorando il territorio, intervenendo in caso di soccorso o promuovendo l’equitazione con i più piccoli, i veri detentori di questo incessante ed emozionante lavoro: “Il Volontariato”.

Proprio per l’importanza del volontariato il vero obbiettivo delle associazioni è quello di rendere più accessibile agli aspiranti volontari l’inserimento nella propria associazione, con costi di tesseramento adeguati, costi della divisa a portata di tutti e coperture assicurative a norma di legge e tutelanti per il volontario stesso. Dopo anni di esperienza nel settore e sponsor, che credono nel lavoro giornaliero che facciamo, siamo

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

Ingrosso, importazione ed esportazione articoli di selleria. Produzione diretta di sottosella e calzature in pelle per l’equitazione.

SECTION NAME

51

www.umbriaequitazione.com Umbria Equitazione è un‘azienda giovane e dinamica, che in pochi anni si è imposta nel settore grazie alla professionalità del suo STAFF e all‘esperienza dei suoi fondatori. La continua ricerca e l‘attento studio dei materiali le consentono oggi di importare i prodotti più all‘avanguardia e innovativi nel mercato internazionale. Contemporaneamente i laboratori affiliati producono artigianalmente in Italia i prodotti della tradizione equestre. La vasta scelta di articoli sempre disponibili consente di effettuare consegne entro le 24 o 48 ore in tutta Italia ed Europa. Visita il portale online e scopri il catalogo prodotti.

Umbria Equitazione s.r.l. Via Citernese 112 06016 San Giustino (PG) Tel. 075/8560191 - Fax. 075/8560650 info@umbriaequitazione.com ordini@umbriaequitazione.com amministrazione@umbriaequitazione.com

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


®

SICUREZZA

l sd sr

52

Vademecum sicurezza sul lavoro nelle ASD, associazioni ricreative, di promozione Sociale e culturali.

Essere preparati a prestare soccorso immediatamente significa, il più delle volte, salvare una vita.

E.N.G.E.A grazie alla sua certificazione Ohsas 18001 ha preparato dei disciplinari in merito alla sicurezza nei centri ippici e ha stipulato convenzioni, con importanti partner in materia di corsi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, Fornitori Ufficiali D.A.E., Fornitori dei D.P.I. richiesti per la pratica equestre.

E’ di tutta evidenza che coloro che svolgono attività lavorative nel ramo delle emergenze per esempio Corpi di Polizia e Protezione Civile o in luoghi molto affollati, ad esempio scuole, uffici pubblici, musei, centri turistici, alberghi, agriturismi, centri sportivi etc. sono i naturali destinatari della formazione laica del Primo Soccorso.

L’Associazione Onlus Lucania Cuore Centro di Formazione riconosciuto da IRC COMUNITA’. Referente per la Basilicata e Campania di F.E.S.T. ITALIA, propone una formazione di n. 5 ore, così come previsto dai protocolli internazionali, per l’acquisizione delle tecniche di rianimazione cardio polmonare con l’utilizzo del DAE (Defibrillatore Semiautomatico) destinato alle Scuole, Forze di Polizia, agli Enti Pubblici, alle Aziende, alle Associazioni di Protezione Civile, Associazioni di Categoria, Operatori Turistici e alle società sportive, agonistiche e non, allo scopo di formare operatori, associati, dirigenti, tecnici e atleti etc... DESTINATARI Destinatari di detta formazione sono tutti coloro i quali sono consapevoli che un attacco cardiaco improvviso può capitare in seno alla famiglia, in ufficio, praticando sport, in vacanza e così via.

IL CORSO ABILITATIVO ALL’USO DEL DAE

CERTIFICAZIONI: al termine delle singole fasi, prima enucleate nella descrizione del corso, si procederà a valutazione degli apprendimenti teorici e pratici, facendo uso di colloqui e skill test. Le certificazioni sono rilasciate da IRC Comunità (Ente riconosciuto a livello internazionale per la formazione RCP) con validità BIENNALE con riconoscimento CURRICULARE da parte di tutti gli Enti statali e riconosciute ai fini concorsuali. Nota: Il personale medico e paramedico è formato dall’IRC, mentre il personale laico è formato da IRC-COMUNITA’.

RIFERIMENTI lucaniacuore@libero.it Responsabili Lucania Cuore Onlus Giuseppe Morgia

Il corso è articolato su due interventi: anatomia e fisiologia dell’apparato cardio-circolatorio

cell. 333.2183092

a. presentazione di dispense e slides di bls e bls-d

cell. 342.8836278

Alberto Morgia

b. disostruzione delle prime vie aeree

Per i Corsi di:

c. manovra di Heimlich

• R.S.P.P.

d. posizione laterale di sicurezza

• Addetti A.I.

esercitazioni su manichino con uso del DAE a. BLS b. BLS-D c. PLS

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

• Addetto Antiincendio, (rischio Basso-medio-alto) Studio Ardizzone Tel. 035.201354

m.ardizzone@infosicurezzalavoro.it www.infosicurezzalavoro.it

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

D O P P I A I N T E R V I S TA

53

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


® l sd sr

54

La Federazione Italiana per l’Educazione, le Attività Sociali e la Formazione nello Sport ha quali finalità istitutive lo svolgimento di attività di promozione, propaganda ed affermazione dei valori etici e morali della solidarietà nello sport nel suo complesso. Principi che si intendono raggiungere mediante attività di ordine culturale, di natura scientifica e tecnica. La Federazione quindi, promuove e sviluppa nell’ambito della società civile la “cultura dell’educazione, del rispetto, della consapevolezza e delle responsabilità” quale momento cardine nel processo di costruzione della persona. Pertanto la Federazione mediante le seguenti azioni promuove: • la conoscenza della pratica sportiva in tutte le sue specificità di settore • progetti di assistenza e prevenzione contro il disagio giovanile e le tossicodipendenze • iniziative dirette verso gli anziani e portatori di handicap fisici e mentali; • attività didattiche di formazione professionale con finalità formative nel campo della dimensione sportiva, educativa, olistica; • la formazione di idonee figure professionali specializzate in ambito psico-educativo, socio-assistenziale e sportivo che svolgano un ruolo di mediazione tra gli enti associativi, la famiglia e tutte le realtà istituzionali; • attività di promozione culturale, informazioni e orientamento al lavoro attraverso idonei percorsi formativi e didattici che intendano orientare al mondo del lavoro come fondamentale esperienza individuale e collettiva; • iniziative ricreative e dopolavoristiche di turismo sociale e di tutela dell’ambiente e del paesaggio; • lo sviluppo delle attività di promozione sociale, culturale e di formazione extrascolastica in genere; • la dimensione educativa all’interno della dimensione sportiva; • la diffusione del settore del “benessere” attraverso lo studio e la conoscenza della medicina naturale a concezione olistica e le

arti sanitarie non mediche in collaborazione e nel rispetto della medicina tradizionale, diffondendo lo studio e la conoscenza inerente allo sviluppo armonico dell’uomo, in una concezione olistica che studia l’unita’ tra l’uomo, natura e cosmo in ogni forma attuabile nel rispetto delle leggi dello Stato; il tutto orientato verso lo sviluppo dell’equilibrio fisico emozionale psicologico ed energetico degli individui al fine di favorire da protagonisti il miglioramento delle condizioni di vita dell’essere umano e della sua maturazione interiore; • un allargamento degli orizzonti didattici di educatori ed operatori sociali e culturali affinché sappiano trasmettere l’amore per l’ambiente, la cultura e per lo sport come un bene per la persona ed un valore sociale sostenendo altresì attività di ricerca, formazione ed educazione nel rispetto delle tradizioni, delle diversità etniche e dell’ambiente circostante cercando di promuovere la promozione delle culture etniche e nazionali degli emigrati e degli emigranti; • la difesa e la conservazione del territorio mediante attività educativa volta alla tutela del patrimonio ambientale e culturale circostante con particolar riferimento alla promozione del turismo locale e sociale.

Tali azioni, raccordate con altre istituzioni, si realizzeranno mediante iniziative che avranno luogo su tutto il territorio nazionale e mireranno a interagire con analoghe attività sviluppate nell’Unione Europea.

www.progettoitaliaformazione.it I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7

ENGEA - ENTE NAZIONALE


® l sd sr

G U I D E E Q U E S T R I A M B I E N TA L I

SECTION NAME

55

I l C a v a l l o L i b e r o | S p e c i a l e F i e r a C a v a l l i Ve r o n a 2 0 1 7


Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali ® l sd sr Per informazioni: Via Umberto I, n°37 27050 Silvano Pietra (PV) Tel: 0383-378944 - Fax: 0383 - 378947 e-mail: segreteria@sitogea.net

www.cavalloecavalli.it

La forza dei FATTI a Europea Tur

®

is m

Ente Operante

u est re

Confe

ne

Eq

der

az

io

o

ITALIA

Organizzazione Italiana Professionisti Educazione e Sport

C. E . T . E.

con Sistema Qualità

Rivista speciale fiera 2017