BRESCIAUP | SETTEMBRE 2018

Page 1

127

€ 3,00

BRESCIAUP SETTEMBRE DUEMILADICIOTTO

SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N°46) ART. 1 COMMA 1. DCB BRESCIA - LE COPIE DISTRIBUITE PRESSO I LOCALI PUBBLICI E AGLI SPONSOR SONO COPIE OMAGGIO.

SETTEMBRE 2018

e en r I agliàa Cav

by

re a s e C Ph lazzo Pa

www.bresciaup.it



SVEGLIATI OGNI MATTINA CON IL

PENSIERO CHE QUALCOSA DI STA PER ACCADERE.

MERAVIGLIOSO

27 06 2007 www.bresciaup.it 1 BRESCIAUP


CORRESPONDENT Manuela Prestini

Scuola, ma quanto mi costi? Sono passati ormai 37 anni dall’ultima campanella che annunciava l’inizio dell’anno scolastico il primo giorno di Ottobre.

I

bambini di prima elementare venivano chiamati “remigini” in quanto il primo ottobre veniva celebrato San Remigio. L’ultima campanella che annunciava l’inizio dell’anno scolastico al primo di ottobre è stato nel 1976, dove con l’abolizione degli esami di riparazione si modificarono delle norme dell’ordinamento scolastico stabilendo il suono della campanella che annunciava l’inizio dell’anno scolastico tra il 10 e il 20 settembre e che la fine fosse tra il 10 e il 30 giugno. Negli anni vi è stato qualche tentativo per riportare l’inizio dell’anno scolastico al primo ottobre ma, come possiamo vedere, con scarso successo. Tra i ricordi più semplici c’è quello di tutti i bambini che indossavano i grembiulini e il colletto con un bellissimo fiocco, così vestiti non vi era nessuna differenza di ceto sociale. Avevano la cartella con due quaderni, uno a righe e uno a quadretti, il porta penne con dentro una matita, una gomma ed

un temperamatite, gli zainetti pesanti sono arrivati dopo diventando con il tempo un vero allarme per la troppa pesantezza, un problema che viene affrontato puntualmente ogni anno, ma che torna nel dimenticatoio nel giro di pochi giorni, come se bastasse il rituale servizio al Tg per estirpare il male alla radice ed alleviare il fardello che i bambini sono costretti a caricarsi sulle spalle, senza trascurare i danni che questo provoca alla loro struttura corporea e muscolare, spesso, ancora in via di sviluppo. Da allora tante cose sono cambiate, con il passare degli anni nel caso della scuola, è proprio il caso di dire “anno nuovo, spese nuove” qualunque sia l’anno scolastico da affrontare e la classe da iniziare, per le famiglie, giusto per ricominciare dopo le vacanze, queste spese che si devono affrontare a seconda del numero di figli che si ha, sono aumentate divenendo salate incominciando dallo zaino e dal contenuto che lo rende così pesante. Parlando delle scuole dell’obbligo, alle elementari i libri di testo sono ancora

2

BRESCIAUP

tutti gratuiti, dunque le spese da affrontare sono concentrate sul diario scolastico, quaderni, penne, matite, colori e altri accessori. Cambiano leggermente le spese se parliamo di scuole medie. arrivati a questo livello scolastico, infatti, oltre tutto il necessario descritto prima, se ne aggiunge altro per altre materie che si affronteranno e l’acquisto dei libri di testo, non tutti sono validi per il triennio, è tutto a proprio carico. In quanto a costi da affrontare batte tutte le precedenti. la cosiddetta “scuola dei grandi”, la scuola superiore, si parte con i libri di testo, numerosi e costosi, per proseguire con i dizionari che, soprattutto per chi fa il liceo classico o linguistico sono la spesa più ingente oltre a tutto il materiale didattico a seconda della scuola che si frequenta. Il tutto ha una nota in più dolente, anche se il 19% delle spese per la scuola dei figli, si può detrarre non sono mai detraibili le spese relative all’acquisto di libri e al materiale di cartoleria. Per chi ne ha ricordi, non resta che il rimpianto dei tempi dei remigini dove bastava un libro e poche cose e soprattutto la scuola e tutto quello che gira intorno ad essa, era diversa e non solo per i costi…ma questa è un’altra storia… Buona scuola a tutti! Manuela.



CORRESPONDENT Emanuele Zarcone

Motivazione e collaborazione

S

trategie per stimolare la collaborazione e aumentare la motivazione delle risorse, nello scenario del lavoro di gruppo.

dei successi. Il team funziona quando obiettivi e metodi sono chiari e condivisi e quando tutto il gruppo sa gestire il tempo, definire e rispettare ruoli, procedure e regole.

Team leadership

La modalità attualmente più diffusa per l’attuazione di un progetto è il lavoro di squadra: il team work. Il gruppo condivide uno scopo, ha un obiettivo in comune, lavora in stretta collaborazione e condivide i vantaggi

Il merito di una gestione efficace però dipende sia dalla capacità del project manager di avere una leadership efficace, sia dalla capacità di ampliare e rendere più flessibile il proprio stile di gestione del personale.

Oppure come «il processo volto ad influenzare le attività di un individuo o di un gruppo che si impegna per il conseguimento di obiettivi in una determinata situazione». Buon lavoro! E.Z.

4

BRESCIAUP

La leadership può essere definita come l’insieme delle competenze che garantiscono l’efficacia dell’interazione col gruppo di lavoro.


Area Meeting Agrobresciano Arena

Piazza Vittoria

info e programma su www.comune.brescia.it facebook.com/librixia twitter.com/librixia

ingresso gratuito

29/09 > 7/10 2018


ACQUISTO VENDITA PERMUTA OROLOGI MODERNI E DA COLLEZIONE RIPARAZIONE E LUCIDATURA

6

BRESCIAUP


LA CARICATURA DEL MESE Alessandro Arrighini

MAGAZINE EDITORE DUESSE ADV Manuela Prestini | info@duesseadv.it DIRETTORE RESPONSABILE Renata Sortino | info@bresciaup.it DIRETTORE EDITORIALE Emanuele Zarcone | info@bresciaup.it MARKETING SPECIALIST Mauro Bonometti | info@bresciaup.it GRAPHIC DESIGN & ILLUSTRATION Anita Veres | ufficiografico@bresciaup.it Giulia Masserdotti | ufficiografico@bresciaup.it WEB & SOCIAL Sidoine Assignon | bresciaupvideos@gmail.com REDAZIONE E UFFICIO STAMPA Antonio Russo | info@bresciaup.it EVENTS ART & CREATIVE DIRECTOR Federica Cocco | info@bresciaup.it

STAMPA Staged SRL PHOTOGRAPHERS Selene Zarcone | Sidass | Attilio Feder Riccardo Guerini | StudioUp | Patrick Merighi Filippo Venezia | Federica Scaroni. COLLABORATORI Chicca Baroni | Maria Verderio | Edward Battisti Rossano Caffi Roberto Cappiello | Emanuele Lumini Simone Mor | Attilio Tantini| Gloria Del Vecchio Laura Gorini Caterina Musciarelli | Roberto Zarrillo Lorenzo Tiezzi | Alessandro Arrighini | Domenico Ferrari. REDAZIONE Via Parma, 10 - Brescia Cel. 339 683 6770 | Tel. 030 337 7880 ABBONAMENTI www.bresciaup.it | info@bresciaup.it

*BRESCIAUP, periodico mensile di informazione locale iscrizione presso il tribunale di Brescia nยบ37/2007 del 08/09/2007.


SOM MA RI 72 O 62

REDAZIONALI CHE ESTATE SAREBBE SENZA UNA MIA CANZONE? Jerry Calà

20

IMMAGINE CAPELLI Mara Traversi

56

ATLANTIDE PALLAVOLO BRESCIA

62

BASKET Trofeo Ferrari

70

LA NUOVA SUZUKI JIMNY 2018

72

I PERFORMANCE CLUB

76

VILLA FENAROLI Remember Vintage

83

COVER STORY IRENE CAVAGLIA Credits photo: Cesare Palazzo

16

44

EVENTI 44

LUXURY CONCEPT 2018 By Veronica Equipe

48

2° OPEN GOLF CDO Un torneo di golf per il sociale

50

UN’ALTRA ESTATE CHE VA Jerry nazionale con il suo nuovo disco

54

TESTIMONIAL for EGOSHOP 1° tappa

16

48 50

8

BRESCIAUP


RUBRICHE 07

LA CARICATURA DEL MESE di Alessandro Arrighini

10

NEWS UP di Antonio Russo

14

IL CANTO DELLE SIRENE di Tuly Sigalini

18

CONFARTIGIANATO di Eugenio Massetti

22

L’ANTICO EGITTO Edward Battisti

24

EVENTO di Laura Gorini

26

ARTE UP di Pietro Bazzoli

28

NATURAL MEDICINE di Chiara Armanti

30

MOTO AVVENTURE di Simone Mor

32

LA PAGINA DEL GOSSIP di Maria Verderio

38

STUDIO CAPPIELLO di Roberto Cappiello

61

STRATEGY UP di Sidoine Assignon

61

LA VIGNETTA DEL MESE di Riky Modena

64

CONSIGLIA DA MATRIMONIO di Chicca Baroni

68

MOTORI UP di Attilio Tantini

74

ECONOMY UP di Stefano Bertazzoni

80

MISS DEL MESE Anna Favagrossa

84

DUE CHIACCHIERE CON... di Maria Verderio

90

STUDIO LUMINI di Emanuele Lumini

92

IL TOUR DEL GUSTO di Brescia Up


NEWS UP Antonio Russo antoniorusso.brescia@gmail.com

?

MA DOVE

andremo a finire

L

a gara elettorale al rialzo tra Lega e 5Stelle continua sulla pelle degli italiani. Il governo Conte cerca alleati nel gruppo di Visegrad cioè tra chi non ha mosso un dito per risolvere il caso Diciotti? Di Maio per non sfigurare si fa intervistare dal Fatto Quotidiano e dice che Roma non rispetterà i vincoli europei sforando il tetto del tre per cento per dare a tutti il reddito di cittadinanza cioè lo stipendio a chi non lavora. Invece di spiegarci dove sono le coperture per i 23 miliardi che servono per evitare l’aumento dell’Iva, finanziare le missioni all’estero, pagare la spesa per interessi causata dall’aumento dello spread e gli effetti della bassa crescita, Di Maio continua con la sua campagna elettorale permanente. Il ministro non parla delle sanzioni che pagheremo sforando il tetto del deficit. Di Maio non dice che proprio grazie ai vincoli europei il nostro

Paese in Europa e a livello internazionale non è considerato uno stato fallito considerato il nostro enorme debito pubblico. Che cosa importa a Di Maio se i creditori che detengono il 40 per cento del debito italiano dovessero salutarci facendo schizzare chissà dove la spesa per interessi e lo spread? Tanto più che tra qualche mese finirà anche l’ombrello garantito dalla BCE di Draghi. A Di Maio non interessa nulla di tutto questo. L’unica cosa che gli interessa è non perdere voti sfigurando davanti a Salvini e Orban. L’Italia affonda ma i nostri statisti pensano solo alle elezioni che si avvicinano e a come mantenere intatte poltrone e potere. Dobbiamo essere pronti. Dobbiamo salvare il Paese dagli incompetenti e dare all’Italia un governo responsabile, capace di rispettare i patti europei e di creare vera crescita, occupazione e sviluppo. Ma le agenzie di rating non erano il braccio armato del grande com-

plotto internazionale contro l’Italia? Già perché Fitch mostra cautela pur esprimendo forte preoccupazione per la stabilità politica ed economica del nostro Paese. Nonostante le promesse da miliardi di euro del governo a cinque stelle, slogan che se attuati farebbe esplodere il nostro debito e manderebbero a gambe all’aria l’Italia, l’agenzia non abbassa il rating dell’Italia. Sono ben note a tutti le conseguenze del resto. Gli investitori hanno già iniziato a fuggire dal nostro Paese mentre i rendimenti sui titoli italiani si alzano insieme allo spread. Così chi ha costruito la sua fortuna politica identificando le agenzie di rating come il nemico pubblico numero ora non ha più neppure l’alibi del complotto. Ma il governo resta compatto: non rispetteremo i vincoli europei. Buon Venezuela a tutti…

VIETATO LAMENTARSI “LA VITA BISOGNA METTERLA IN GIOCO PER I GRANDI IDEALI” - Papa Francesco

10

BRESCIAUP


LA FRASE DEL MEC Attilio Lamonti

Inutili dirvi la verita’, tanto non crederesteLV IAG N alle mie bugie ... E T T A

DEL MESE di Riky Modena

V I G N E T T A del

M E S E

PULIZIE INDUSTRIALI PULIZIE CIVILI LOGISTICA

PULIZIE INDUSTRIALI PULIZIE CIVILI LOGISTICA

GRANDI

IMPRESE

PULIZIE INDUSTRIALI PULIZIE CIVILI LOGISTICA PULIZIE INDUSTRIALI PULIZIE CIVILI LOGISTICA

GRANDI SOLUZIONI

GRANDI

IMPRESE GRANDI GRANDI SOLUZIONI GRANDI IMPRESE IMPRESE

GRANDI SOLUZIONI GRANDI SOLUZIONI


REBALANCE CORTECCIA DI SALICE, ROSMARINO, LEGNO DI CEDRO, MENTA PIPERITA, FINOCCHINO, CITRONELLA. Adatto a tutti i tipi di cuoio capelluto. Stimola la microcircolazione Esfolia la cute con desquamazione Riequilibra la corretta idratazione Ritarda la ricomparsa della forfora

Per un cuoio capelluto purificato e capelli morbidi e setosi

Fino al 99% di ingredienti di origine naturale

formulazione vegana: senza ingredienti né derivati di origine animale

Testato clinicamente e sotto controllo dermatologico

Senza solfati, siliconi, parabeni, coloranti e fragranze artificiali*

*verificare le informazioni riportate su ciascun flacone

PRIMA DI OGNI TRATTAMENTO ANTICADUTA, PREPARA IL CUOIO CAPELLUTO CON UN TRATTAMENTO DETOX CON RAW REBALANCE ST

EP

1

ST

EP

1

TRATTAMENTO ANTICADUTA CON AMINEXIL Per stimolare TRATTAMENTO la microcircolazione ANTICADUTA e riequilibrare il corretto CON AMINEXIL livello di idratazione

Per stimolare la microcircolazione e riequilibrare il corretto livello di idratazione

ST

ST

EP

EP

2

2

ST

EP

ST

TRATTAMENTO DETERGENTE E CONDIZIONANTE CON SHAMPOO E CONDITIONER REBALANCE

TRATTAMENTO DETERGENTE E Per esfoliare e riequilibrare CONDIZIONANTE CON il corretto livello SHAMPOO diE idratazione CONDITIONER REBALANCE

3

EP

3

TRATTAMENTO ANTICADUTA CON AMINEXIL Per rinforzare TRATTAMENTO la fibra capillare ANTICADUTA e contrastare CON AMINEXIL la caduta dei capelli

Per rinforzare la fibra capillare e contrastare la caduta dei capelli

SOLO DAL TUO PARRUCCHIERE PROFESSIONALE MATRIX Per esfoliare e riequilibrare il corretto livello di idratazione

Via della Musia, 50/52/54 - 25135 - S. Eufemia (BS) E-mail: info@biokalecosmesi.it | www.biokalecosmesi.it

Biokale Cosmesi


MESE DELLA PREVENZIONE

« I CAPELLI SONO L’ ORNAMENTO PIÙ RICCO DELLE DONNE» M A R T I N LU T E R O

PRODOTTI PROFESSIONALI ALL’ AMINEXIL E STEMOXIDINA CHIEDI AL TUO PARRUCCHIERE PROFESSIONALE MATRIX.

SOLO DAL TUO PARRUCCHIERE PROFESSIONALE MATRIX Via della Musia, 50/52/54 - 25135 - S. Eufemia (BS) E-mail: info@biokalecosmesi.it | www.biokalecosmesi.it

Biokale Cosmesi


IL CANTO DELLE SIRENE Tuly Sigalini

E STAT E

BLUES Onde, continuo a rivederle quelle onde e quel sole che tramonta, odo quel pianto di gabbiani, che come me non amano la notte. Navigando dentro me mi sono spogliata il cuore: dentro le sue poche stanze, pensate per un solo ospite, palpitava come fosse stanco ed io mi chiedevo il perchè, indovinandone giá la risposta. Vedo quello scoglio sull’acqua, quei colori che mi rimandava, quei pensieri saturi di assenze, anche se eri lì a tocco di dita. ...e mi capita di sentire freddo in questi ultimi giorni d’estate, mi torna sulla pelle quel vento, quello che increspava l’acqua e mi riporta la tua voce di allora ed io mi inginocchio a lei, innanzi a me la bellezza dei tuoi occhi. ...e ricordo il tuo sguardo, dolcetriste, tu già sapevi che la felicità è solo questione di attimi e che l’unico modo per non soffrire è dimenticare insieme...

Piazza Matteotti 21, 25015 Desenzano del Garda (BS) Tel. 392 061 9854

Tuly Sigalini

14

BRESCIAUP

14

BRESCIAUP



COVER STORY In copertina Irene Cavaglià fotografata da

Cesare Palazzo.

alazzo

are P PHER: Ces A R G O T O PH e Cavaglià en Ir : L E D O M shop DRESS: Ego ilioli : Giulia Z P U E K erde A M aleri Ondav G o gi er S : E L oria HAIR STY : Hotel Vitt N IO T A C O L

16 16

BRESCIAUP


COVER STORY

In copertina... Questo mese la nostra copertina è una collaborazione bresciano - torinese, grazie al fotografo Cesare Palazzo, vincitore di numerosi premi e alla modella Irene Cavaglià.

CHI È LA MODELLA TORINESE?

Sono stata accolta da Cesare e Federica alla stazione, due persone squisite. Ho attraversato con loro il centro storico, a traffico limitato, il che rende la città di Brescia molto piacevole da visitare. Brescia é moderna e all’avanguardia, ricca di monumenti, negozi e fiori coloratissimi, passeggiando tra bancarelle multietniche e uccellini cinguettanti, siamo giunti in una delle piazze principali per mangiare un boccone. Personale cordiale, alla mano e cibo ottimo.

Ciao Brescia, sono Irene, ho 25 anni e provengo da una famiglia per la quale nutro particolare devozione. Mi piace definirmi cittadina del mondo, non amo la vita sedentaria, viaggio spesso per lavoro e per svago e mi emoziono facilmente, sorprendendomi per piccoli atti quotidiani di umanità e amore.

COME TI DESCRIVERESTI?

Mi reputo una donna riservata, emotiva e sensibile, caratteristiche che hanno colorato il mio percorso di vita, sviluppando così il forte sentimento di voler studiare per avere una formazione futura in ambito educativo.

Successivamente abbiamo reperito gli ultimi abiti per lo shooting, trucco e parrucco e via a scattare nella terrazza dell’albergo più rinomato a Brescia, il Vittoria. Non so ancora quale sarà il prodotto finito, mi auguro però, che la giornata sia stata altrettanto gradevole anche per loro. Son rientrata in patria Sabauda sorridente e gratificata per la giornata lavorativa, spero di ripetere presto qualche scatto insieme.

Oggi, intreccio la mia vita tra studi e moda: la prima è sempre stata una priorità, la seconda mi ha permesso di essere indipendente, senza mai confondere la mia identità. Scattare mi diverte, mi permette di interpretare, cambiare mood, personalità, per il tempo necessario del lavoro, le cose importanti però sono altre, a tal proposito non ho mai perso la bussola educativa che incornicia la mia etica. Mi piace sentirmi libera, so di poter scegliere, chiunque nel suo piccolo può farlo, puoi alzarti il mattino e scegliere di vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, viaggiando ho imparato a non dare nulla per scontato, é un errore che porta all’infelicità.

IL TUO SOGNO DA REALIZZARE?

Sono sempre stata una persona determinata, ma allo stesso tempo sognante. Ho avuto la vocazione, fin da piccina di voler aiutare il prossimo, di lavorare nel sociale... ho sempre seguito questo desiderio, ad oggi son prossima alla laurea in scienze dell’educazione per continuare la mia strada nel volontariato, attività che svolgo già da anni con grande passione.

L' ESPERIENZA DA MODELLA CHE TI HA DATO PIÙ SODDISFAZIONE?

COME È STATA LA TUA ESPERIENZA DA MODELLA NELLA NOSTRA CITTÀ?

Una delle esperienze che mi ha dato più soddisfazione è inerente all’ultima fashioweek, quando ho sfilato sulla passerella accompagnata da alcuni bambini che han subito operazioni incisive o con malattie terminali. É stata un emozione unica, speciale.

L’esperienza a Brescia é stata concisa e colorata, ecco, la definirei così in due parole. Un turbine di emozioni, profumi e generosità spassionata. Mi sono sentita a casa, in una piccola grande città, non caotica come Milano ma altrettanto attiva.

17

BRESCIAUP


Tornano i menù di

CIBO DI MEZZO Speciale Menù d'Autunno

Da lunedì 15 ottobre, nei 12 ristoranti associati, partirà il menù d’autunno, dedicato a prodotti e produttori della provincia bresciana. Il progetto Cibo di Mezzo nasce nel settembre 2017dal desiderio di un gruppo di 10 ristoratori bresciani, appartenenti alla fascia alta del settore, di far conoscere, comunicare, quanto di valido e unico esista nella nostra provincia in campo enogastronomico ed agroalimentare che vede protagoniste materie prime esclusive del Lago di Garda e Lago d’Iseo talvolta sconosciute ma che rendono prezioso il nostro territorio. Il coordinamento progettuale è affidato a Paolo Maioli, esperto di Digital Marketing, ideatore e co-fondatore del progetto, con l’aiuto di Carlos Mac Adden, giornalista enogastronomico. Indispensabile in quest’impresa la presenza e la collaborazione di una serie di produttori selezionati ,scelti in base al valore delle caratteristiche come tipicità, unicità, sostenibilità e condivisione dei valori fondanti di Cibo di Mezzo: al centro del progetto si riporta il cibo perché mezzo tra i suoi significati ha anche quello di parte o punto centrale. Questo evento è divenuto riferi-

18

BRESCIAUP

mento anche per eventi sul territorio, e diventa attrazione per un turismo nazionale ed internazionale la valorizzazione e la comunicazione di un patrimonio unico in tema di ristorazione e produzione agroalimentare. Due nuovi ristoranti, Dina, dello chef Alberto Gipponi, a Gussago e Dispensa pani e vini, chef Marco Acquarol si uniscono al nucleo fondatore costituito dai ristoranti Aquariva, a Padenghe del Garda; Casa Leali, a Puegnago del Garda; Castello Malvezzi, a Brescia; Due colombe al borgo antico, a Borgonato Franciacorta; Esplanade, a Desenzano; Gaudio, a Barabariga; La lepre, a Desenzano; La rucola 2.0, a Sirmione; La Speranzina, a Sirmione; L’Osteria h2o, a Moniga. Il 12 ottobre si terrà presso dispensa pani e vini di Adro, in Franciacorta, la 4 mani con gli chef Stefano Cerveni e Marco Acquaroli , che aprirà il periodo di menù con un’anteprima dedicata alla stampa e ad addetti del settore. Si propone un menu dedicato, a prezzo fisso, offerto in tutti I 15 ristoranti aderenti. E consultabile e prenotabile solo online tramite il sito web www.cibodimezzo.it.


THE FOOD EXPERIENCE AND TECHNOLOGY

DA SABATO 10 A MARTEDì 13 NOVEMBRE 2018 Fiera di cremona

WWW.ILBONTA.IT


Che estate sarebbe

SENZA UNA MIA CANZONE? Prodotto dalla The Best Organization srl, il videoclip della canzone è diretto dallo stesso Jerry Calà ed è stato rilasciato l’11 luglio 2018 su YouTube, venendo pubblicato due giorni dopo anche su Facebook attraverso la sua pagina ufficiale: ambientato al Bagno Roma di Forte dei Marmi, vede come protagonista l’attore nei panni di un cineasta che deve dirigere un corpo di ballo distratto da cellulari e videogiochi, tecnologie al centro delle varie gag. Nel video sono coprotagonisti gli youtuber Jacopo Malnati e Daniel Marangiolo, conosciuti come iPantellas. Sui vari social networks il videoclip ha registrato1 milione di visualizzazioni.

«Un’altra estate che va» è il nuovo singolo dell’attore distribuito in digitale da Artist First e prodotto da The Best Organization Srl. Il brano firmato da Daniele Lazzarin (Danti), Riccardo Garifo (Roofio) e lo stesso Jerry, arriva dopo il grande successo di «Ocio» (ben oltre 4 milioni di views in una settimana) scritto da Two Fingerz insieme a J-Ax. Un’altra estate che va, porta immediatamente in una delle più belle spiagge della Versilia e allo storico locale La Capannina di Forte dei Marmi, mettendo a confronto due diverse generazioni. «Questa canzone è incredibile, la vorrai sentire ogni giorno e non riuscirai a farla uscire dalla tua testa.

È una canzone ironica che gioca sulla differenza generazionale. Quante volte avete sentito dire da una persona più grande l’esclamazione “ai miei tempi”…» spiega lo zio Jerry, come lo amano chiamare i suoi fan. A quasi 70 anni l’inossidabile Jerry Calà continua imperterrito a portare avanti i suoi ideali: divertimento, donne ed estate. Il sole, il mare e le vacanze per il comico catanese cresciuto a Verona sono un vero e proprio leitmotiv che trascende il concetto di stagione per trasformarsi in un vero e proprio stile di vita. Gloriosi i tempi dei Gatti di Vicolo Miracoli, grandissimi i successi cinematografici e televisivi, libidinoso

20

BRESCIAUP

il passato, ma anche il presente dello showman. Oggi Jerry Calà rimane l’icona della comicità italiana e continua allegramente a fare scorribande in lungo e in largo nella penisola (isole comprese) con i suoi spettacoli autocelebrativi tra musica e cabaret: la sua comicità rumorosa e genuina non chiede il permesso, ha nulla da dimostrare a nessuno e il pubblico continua a seguirlo! Amico da sempre di Puccio Gallo e suo socio con Yudi Bueno nella gestione del Sestino Beach, ha presentato proprio nel suo salotto il suo ultimo capolavoro. D’altra parte: «Che estate sarebbe senza una mia canzone?» sottolinea Jerry. Non sarebbe estate...


GUARDA IL VIDEO!

“UN’ALTRA ESTATE CHE VA” MOTORE AZIONE CIAK / ESTATE DUE DICIOTTO / MI È ARRIVATA IN UN BOTT. LE TIPE CHE SI FAN LE STORIES SUGLI YACHT / IN QUALCHE POLLO E FAN BORDELLO. VOI VOLETE I CINQUE STELLE A NOI BASTAVA ANCHE UN OSTELLO / TOGLI IL FILTRO DI INSTAGRAM IL MONDO NON È COSÌ BELLO / MA UN PÒ PIÙ VERO / PRIMA C’ERA PIÙ CONTATTO MENO CHATTO / L’ESTATE È UN FILM CHE HO GIÀ VISTO / E OGNI ANNO RIPARTE. MOTORE AZIONE CIAK / SE GUARDO TUTTO QUELLO CHE È SUCCESSO / FORSE LO CAPISCO SOLO ADESSO / È COME IN QUELLA CANZONE / NA NA NA / MA È SOLO UN’ALTRA ILLUSIONE. È UNA LIBIDINE / UN’ABITUDINE / L’ODORE DEL MARE SAPORE DI SALE. LA SOLITUDINE / È SOLO UN’ALTRA ESTATE CHE VA... PROFUMO DI VACANZE E DI CREME SOLARI / SIAMO FATTI DI MILIARDI DI CELLULE E MILIONI DI CELLULARI / CHE STRANA LA VITA / PER NAVIGARE A NOI BASTAVA IL MARE A VOI SERVONO I GIGA / GIOCAVAMO CON IL PALLONE / INVECE VOI GIOCATE CON FIFA. È SOLO UN’ALTRA ESTATE CHE VA / SIETE DEI GABBIANI AZZURRI INTRAPPOLATI SU WHATSAPP / SE GUARDO TUTTO QUELLO CHE È SUCCESSO / FORSE LO CAPISCO SOLO ADESSO. È UNA LIBIDINE / UN’ABITUDINE / L’ODORE DEL MARE SAPORE DI SALE / LA SOLITUDINE / È SOLO UN’ALTRA ESTATE CHE VA. SECONDO TE QUELLI COME ME / GIOCANO ALLE BOCCE / IO INVECE RIMANGO IN GIRO TUTTA LA NOCHE / E MI SENTO ANCORA UN LEONE / QUANDO STO CON TE / MA È SOLO UN’ALTRA ILLUSIONE. È UNA LIBIDINE / UN’ABITUDINE / L’ODORE DEL MARE SAPORE DI SALE / LA SOLITUDINE È SOLO UN’ALTRA ESTATE CHE VA (X4)/ SIETE DEI GABBIANI AZZURRI INTRAPPOLATI SU WHATSAPP.

21

BRESCIAUP


L'ANTICO EGITTO Edward Battisti

DIO

Horus

Figlio di Iside e Osiride, simboleggia l'energia medianica. E' il signore della profezia, della musica, dell'arte e della bellezza.

U

frequenti. Horus, traslitterato nell'egizio hr.w (colui che è in alto), probabilmente si pronunciava haru o horu, da cui derivò horos in greco antico. È in ogni caso una divinità complessa, ed i miti che la riguardano, si sono mescolati e diffusi nel corso dei millenni.

na divinità molto antica, risalente già al periodo protodinastico, arrivando fino a quello tolemaico, in sostanza abbracciante tutta la millenaria storia egizia. Era generalmente rappresentato come un falco, probabilmente il pellegrino e, come figura antropomorfa, con un uomo con la testa di falco (a partire dalla IIII Dinastia), con la doppia corona dell'Alto e Basso Egitto.

Nella religione stellare o planetaria, ogni astro era associato a Horus come il falco che vola nel cielo. Horus l'antico, in sincretismo con Hathor madre degli astri del sistema solare, Hor-akthy/ Ra/Sole maschile, padre degli astri del sistema solare, Horus giovane, associato a Mercurio, Horus rosso, associato a Marte, Horus toro, associato a Saturno e Horus conoscitore del Mistero, associato a Giove.

In alcuni casi è raffigurato mentre è allattato da Iside, con una iconografia ripresa più tardivamente dalla religione cristiana. Venerato inizialmente nella città di Nekhen, chiamata dai greci Hyeraclopolis (città del falco), sede di alcune Dinastie (IX-X), è qui che il faraone comincia ad essere considerato la manifestazione vivente di Horus in vita e di Osiride dopo la morte.

Col passare del tempo, la vecchia religione stellare scomparve, per lasciare posto alla credenza di Horus solamente figlio di Iside e Osiride.

Nella sua forma classica, è considerato figlio di Iside, ed Osiride e rivale del fratello Seth che uccise il padre Osiride. Durante la lotta per vendicare Osiride, Horus perde l'occhio sinistro (che rappresenta la Luna) che viene poi ricostituito da Thot la Sapienza.

Horus a differenza di Seth, dio del Caos, incarna l'ordine, ed è garante dell'armonia universale insieme alla dea della giustizia Maat. Ecco perchè il faraone veniva considerato figlio di Horus e tale titolo veniva inserito nel protocollo reale.

Gli amuleti rappresentanti l'occhio sinistro di Horus, utchat, rappresentano la protezione, ma anche la forza e la perfezione, ed erano pertanto molto

Adorato in molteplici distretti o nomi, il centro principale di culto fu ad Edfu.

22

BRESCIAUP


ilBraciere

23

BRESCIAUP


Laura Gorini

"

IL RITORNO al Teatro Arciliuto di Roma

U

n grandissimo successo ed il sold out per la prima, de “Il Ritorno” al Teatro Arciliuto di Roma davanti ad una platea strapiena al debutto dello spettacolo scritto e diretto dal registra Felice Maria Corticchia, che ha portato in scena dopo circa vent’anni dalla loro scomparsa, virtualmente, i due grandissimi comici siciliani Franco Franchi e Ciccio Ingrassia che, tornati sulla terra, hanno dovuto confrontarsi con questa attuale realtà Italiana decisamente diversa dalla loro epoca.

ma Monica Carpanese protagonista femminile, il tutto accompagnato dalle musiche di Germano Taddia che ha allietato gli ospiti con alcuni suoi bellissimi brani.

Tantissimi i consensi riscossi dalla gremita platea ed applausi a più riprese e a scena aperte per Corticchia ed il suo pregevole cast ovvero i sosia ufficiali di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia gli attori Tony Biffi e Marco Flammini e la bravissi-

Ad applaudire in prima fila tra gli ospiti d’onore la grande attrice Gabriella Giorgelli che con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia ha girato ben tre film come attrice protagonista, al suo fianco l’attore Mario Donatone, accompagnato dalla

Tante le gags che, con un ritmo incalzante, si sono susseguite nelle differenti situazioni sceneggiate da Corticchia, come l’impatto con la burocrazia e la pubblica amministrazione, la sanità, il mondo digitale, la politica ed anche le scene di vita privata anch’essa cambiata in virtù dei tempi moderni e sue “distrazioni” ed evoluzioni.

24

BRESCIAUP

moglie, che rappresenta un pezzo di storia del cinema italiano. Moltissimi i volti noti della movida romana che hanno voluto essere presenti alla prima e manifestare così apprezzamento verso il regista Felice Maria Corticchia ed il suo cast che ha così ben saputo rappresentare il suo spettacolo teatrale, apprezzatissimo dal pubblico. Ad applaudire tra gli ospiti in prima


fila anche l’attrice Luciana Frazzetto con il marito il regista Massimo Milazzo,l’attore e regista Lino Bon noto a i più come l’ex uomo nero della RAI, la nota gallerista romana Sabina Tamara Fattibene, Riccardo Bramante, la contessa Rosalba Monti Pacelli nipote di S.S. Papa Pio XII e Ambasciatrice di Pace. la pittrice Ester Campese e tantissimi altri ospiti presenti noti e non.

Corticchia emozionato e soddisfatto al termine dello spettacolo ha voluto ringraziare oltre ai suoi artisti anche molti dei presenti e tutti coloro che hanno collaborato al progetto.

Molte anche le personalità appartenenti agli organi di stampa anch’essi intervenuti allo spettacolo che è scorso piacevolmente, tra loro la mitica giornalista Paola Zanoni.

Rammentiamo che questo straordinario regista Palermitano, versatile artista, si è formato presso la Scuola europea di cinema e, successivamente, al laboratorio di teatro comico di Milano/Navigli, spaziando con ampia disinvoltura tra il comico ed il drammatico testimoniato anche da questo spettacolo “Il Ritorno” da lui scritto e diretto.

Due ore di spettacolo volate, tra risate e divertenti gags che hanno fatto respirare nuovamente lo spirito leggero dell’originale spettacolo comico dei grandi Franco e Ciccio.

Garantisce lo stesso registra Felice Maria Corticchia, che il suo “Il Ritorno” è uno spettacolo divertente, per tutte le generazioni dai bimbi ai nostri amati nonni.

Ph. Leonardo Parisi

25

BRESCIAUP


ARTE UP Pietro Bazzoli

Giada Salvi

POESIA E REALTÀ Diana Pavel presenta

“La banalità del quotidiano”

V

uoto nell’anima e possibilità di respiro. Sembrano essere queste le fondamenta che stanno alla base della poesia di Diana Pavel. La giovane scrittrice romena, bresciana d’adozione, classe 1996, è edita dalla perugina Midgard Editrice con “La banalità del quotidiano” (2018), una raccolta che vuole essere narrazione di ciò che l’intimità significhi, scardinando la gabbia dorata di una società che esige senza dare nulla in cambio. Al senso di assenza esistenziale che ogni essere umano prova, Diana Pavel risponde con versi crudi, veri, reali che hanno il potere di condensare in immagini una giovinezza dolorosa. Com’è nata la tua opera? Ogni singola parola rappresenta una parte del mio essere e della personalità sensibile che accompagna in ogni esperienza. Ho iniziato a scrivere “La Banalità del quotidiano” l’estate del 2017: sentivo il bisogno di mettere nero su bianco i flussi di coscienza che mi appartenevano. È sempre stato un momento di sfogo, scrivere è dove mi rifugiavo per cercare una tranquillità emotiva. La voglia di farmi capire - ed essere capita - mi ha spinta a desiderare che altre persone leggano le mie parole per trarne beneficio. Cos’è per te la “banalità del quotidiano”?“La banalità del quotidiano” è un

necessità di mostrare i miei stati d’animo senza censure, in piena sincerità. Una vita senza scrittura non avrebbe alcun senso perché, fino ad ora, è l’unico mezzo che conosco per esprimermi. A parer mio, parte tutto dal cuore. Fare poesia vuol dire non avere vergogna di mettersi a nudo davanti agli altri e, soprattutto, a se stessi. È uno stile di vita intimo che può essere coraggiosamente condiviso.

titolo che sento mio. Un pensiero fisso che mi ha tormentato a lungo, seguito da molte domande. È una lotta continua verso il raggiungimento di una perfezione che sfocia nella banalità assoluta. Mi ha sempre spaventato l’idea di ricominciare da capo, di lasciarmi alle spalle ricordi passati e dirigermi verso orizzonti sconosciuti. Nella raccolta parlo di apatia come una paralisi mentale: è una perdita di coinvolgimento, seguita da abbandono e accettazione di ciò che si ha, pensando di meritare di peggio. Qual è il rapporto tra la scrittura e il resto della tua vita? La scrittura è parte della mia vita, una conseguenza del mio vivere: non riesco a nascondermi quando scrivo. Sento la

26

BRESCIAUP

Progetti futuri? A ottobre sarò a “Umbria Libri” a Perugia, allo stand di Midgard Editrice. Poi sto lavorando a una nuova raccolta di poesie, oserei dire un sequel de “La banalità del quotidiano”, e sto finendo un romanzo iniziato due anni fa e poi abbandonato.


27

BRESCIAUP


NATURAL MEDICINE Dott.ssa Chiara Armanti

DEPURARSI S

e rientrare in carreggiata dopo l’estate si può! A Settembre avviene il passaggio di stagione, è il mese in cui la maggior parte degli italiani riprendono a lavorare dopo le vacanze estive.

D

urante l’estate ognuno di noi, complice l’effetto del caldo, è portato a lasciarsi andare e a rallentare le proprie abitudini di vita, ci si concede un “meritato riposo”, il quale implica un cambiamento e un rilassamento generale nel proprio stile di vita. Si tende, infatti, a mettere in stand by l’attività fisica e la dieta (intesa come le abitudini alimentari di ognuno di noi). È per questa ragione che Settembre rappresenta un periodo di nuovo inizio dove si sente la necessità di seguire un percorso “detox”, per depurare il fegato e liberarci da tutti i fastidi accumulati durante l’estate. Dovete sapere che è il fegato è l’organo deputato al metabolismo di alimenti, farmaci, tossine (che introduciamo e che il nostro stesso corpo produce come scarto delle diverse reazioni biochimiche) e qualunque cosa mangiamo, oltre a svolgere diverse funzioni fondamentali per il nostro organismo.

Proprio per questa sua importanza bisogna mantenerlo sano, funzionale ed efficiente.

un percorso detox volto a ristabilire le proprie condizioni ottimali.

PER FARE CIÒ BISOGNEREBBE:

Ci sono diversi modi per ristabilire la salute di questo importantissimo organo. - Bere molta acqua: l’acqua aiuta a diluire ed eliminare le tossine dal nostro organismo

- evitare abuso di farmaci o integratori fai da te - evitare cibi fritti e ricchi di grassi come i latticini - evitare cibi affumicati o grigliati - moderare il consumo di alcool - assumere la corretta quantità di vitamine e sali minerali (attraverso l’alimentazione) - prestare attenzione all’inalazione di insetticidi La maggior parte di questi consigli d’estate vengono meno, causando un’intossicazione del fegato (non riesce a metabolizzare tutte le tossine introdotte che rimangono in circolo), che si ripercuote poi su tutto il corpo. Un corpo intossicato è un corpo stanco, fragile, con difficolta digestive, cefalee, con sensibilità cutanee e fragilità di unghie e capelli. È per questo che in questo periodo si consiglia di intraprendere

28

BRESCIAUP

COME FARE?

- Evitare cibi dolci e fritti -Assumere almeno 5 porzioni tra frutta e verdura al giorno (ricca di principi attivi che sostengono i processi di detossificazione) - Prediligere cibi ricchi di antiossidanti ed omega 3 - Introdurre alimenti prebiotici e probiotici che aiutano a ristabilire il corretto equilibrio intestinale (l’intestino è considerato il nostro secondo cervello) Bisognerebbe scegliere alimenti con funzione epatoprotettiva, che favoriscono il benessere e riducono il possibile accumulo di tossine. Carciofo: grazie alla sua sostanza


NATURAL MEDICINE Dott.ssa Chiara Armanti

Tra gli alimenti da preferire ci sono: amara, la cinarina, stimola la sintesi e la secrezione di bile (azione coleretica) che favorisce lo sviluppo del tessuto epatico.

Alghe: l’algina, polisaccaride presente nelle alghe brune, riduce l’assorbimento di grasso in pazienti con steatosi epatica non alcolica.

Cardo Mariano: ha un’azione molto simile a quella del carciofo, si ritiene inoltre che svolga un ruolo protettivo nei confronti dei danni derivati da alcol e da alcuni farmaci.

Pesce: ottima fonte di Omega 3 (soprattutto pesce azzurro e salmone), utili per il controllo della produzione di trigliceridi

Cavolo: cibo particolarmente ricco di vitamine K, C ed A, riconosciuto anche per la sua attività benefica per l’apparato digerente, le ossa e il cuore. Peperoncino: secondo diversi studi la capsaicina (la sostanza piccante del peperoncino), favorisce una risposta epatica nei confronti delle lesioni, riducendo la formazione di fibrosi. Limone: gli antocianosidi contenuti nel suo succo stimolano la rigenerazione delle cellule epatiche. Bere acqua e limone favorisce l’eliminazione delle tossine (bisogna prestare attenzione alla sua acidità).

Frutta secca: anch’essa ricca di omega 3, vitamine e sali minerali. Mela: ricca di piruvato e triterpenoidi utili per la prevenzione di tumori epatici, per la depurazione del fegato e per ridurre i grassi in eccesso. È consigliato il consumo del frutto con la buccia (meglio se biologica, in quanto non contaminata da tossine derivate da pesticidi). Tè Pu-Erh, tè poco conosciuto, che aiuta non solo il metabolismo del fegato, ma riduce i livelli di colesterolo, brucia i grassi e supporta il sistema immunitario.

29

BRESCIAUP

A rendere gli alimenti funzionali, non è solo la presenza del principio attivo, ma la sua concentrazione, che spesso non è sufficiente per dare l’effetto desiderato. Talvolta infatti, si preferisce ricorrere all’ausilio di integratori naturali, concentrati del principio attivo. Tra gli integratori cosiddetti detox si annoverano il Cardo mariano, il Carciofo, Il Romice crespo e il Licopodio. Seguendo questi piccoli accorgimenti nell’arco di una settimana si sentono già i primi effetti, ci si sente più sgonfi, più vitali ed attivi, ci si sente rinati. Tutti questi accorgimenti alimentari devono ovviamente essere accompagnati da uno stile di vita attivo, che non vuol dire per forza dover iscriversi in palestra, basta prestare attenzione ad alcuni accorgimenti quali preferire le scale al posto dell’ascensore e fare camminare per almeno mezz’ora/ un’ora al giorno. Con tutti questi accorgimenti ci si rimette in carreggiata e si è pronti a ripartire per affrontare un nuovo anno in salute e benessere psico-fisico.


MOTO AVVENTURE Simone Mor

MUSLONE Gita fuori porta Nella foto il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti

Q

uando non si ha tantissimo tempo, oppure non siamo riusciti ad organizzarci con altri motociclisti, ma la voglia di uscire in moto pulsa inesorabilmente e non ci fa stare fermi, potrebbe essere un’ottima occasione per andare a riscoprire posti interessanti non molto lontani (almeno per chi abita a Brescia) e con paesaggi unici.

“Così è se vi pare” (Pirandello), che su indicazioni dell’amico biker Adam, una Domenica pomeriggio, in compagnia di amici, decidiamo di raggiungere la località di Muslone, una piccola frazione di Gargnano sul lago di Garda. Si parte quindi dopo pranzo e in meno di un’ora siamo già in quella perla di Salò. L’arrivo dalla statale 45bis, dopo l’uscita dall’ultima galleria, almeno a me, crea sempre un meraviglioso effetto. Mi ritrovo là in cima con sotto la veduta di Salò e lo splendore dei riflessi del lago che ti danno il benvenuto, uno scorcio di paesaggio che tanti ci invidiano. Proseguiamo quindi per la gardesana passando per Gardone Riviera, località che Gabriele D’annunzio scelse come sua dimora (ci sarà un motivo) e poi costeggiando Toscolano Maderno con il suo caratteristico lungolago

bordo strada dove fanno bella mostra numerosi natanti. Giunti a Gargnano, prestiamo attenzione al bivio da scegliere, ci sarò passato mille volte, ma credetemi, quello svincolo non l’ho mai notato, o comunque mai considerato. La deviazione per Muslone si trova sempre a sinistra dopo l’indicazione per il lago Valvestino, è sufficiente proseguire altri 500 metri e troverete l’indicazione per il paese.

30

BRESCIAUP

Giriamo, e si comincia a salire. Bello anzi di più. La strada è un susseguirsi di curve dolci e tornanti facili che invogliano a piegare dolcemente la moto anche perché oramai le gomme sono belle calde. Saliamo ancora con una bella pendenza che in meno di 4 km permette di raggiungere l’abitato di Muslone posto circa a 500 mt sul livello del mare. ECCOLE! Appena entrati nel borgo scorgiamo le famose panchine indicate sempre da Adam, e


MOTO AVVENTURE Simone Mor

da cui si può ammirare uno dei più bei panorami del Lago di Garda. La giornata è un po’ afosa e quindi la poca nitidezza non ci permette di apprezzare a pieno la visuale che si scorge da lassù. Lo spettacolo è comunque mozzafiato. Da questo balcone naturale si può vedere quasi l’intero lago su tutta la sua lunghezza, e si apprezzano magnificamente le cime del Monte Baldo di fronte a noi. Ma è arrivato anche il momento di allietare un altro senso che spesso è sacrificato da frastuoni e rumori. Ci sediamo sulle panchine e non facciamo nulla, anzi no facciamo tutto: ascoltiamo la quiete che si prova in quel posto. Non siamo più abituati a tale sensazione e dopo solo tre minuti uno del gruppo interrompe la pace proponendo due passi a piedi. Sono infatti segnalati alcuni sentieri da percorrere ma avendo poco tempo scegliamo uno con tragitto di 45 minuti che ci porterà all’abitato di Piovere. Il sentiero non è impegnativo e si co-

steggiano tratti in cui si aprono finestre colme di cielo e di lago che alleggeriscono il percorso. Arrivati a Piovere apprezziamo il piccolo borgo ben tenuto e indicato a chi vuole passare momenti di tranquillità e godersi queste zone di montagna. Il tempo sta cambiando velocemente e volendo evitare la pioggia sul sentiero del ritorno, ci fermiamo solo per una bevuta veloce al bar e poi rientriamo. Sembra che il cielo sia clemente, ma per non osare troppo, rientrati a Muslone risaliamo subito in moto e riscendiamo per rimetterci sulla via del ritorno. Sono già le 18 e quindi ci aspetta l’esodo del rientro dal lago con le caratteristiche code di auto che percorrono la statale. Il traffico è intenso, come tutte le Domeniche in particolar modo d’Estate, ma con le moto, dove possibile, riusciamo a passare in mezzo alle file di auto per abbreviare il tempo in colonna. Capisco che qualche automobilista

31

BRESCIAUP

non possa apprezzare questo stile di guida dei motociclisti, ma provate a considerare che in auto si ha la possibilità di usare il climatizzatore, mentre chi sta in moto deve sorbirsi il caldo atmosferico più il calore del motore del proprio mezzo. Ecco perché quando ci sono code, dove possibile chi usa una due ruote cerca di velocizzare la sua andatura per uscire da un “simil-girone” infernale Dantesco. Lungi da me sollevare polemiche, ma personalmente quando uso la mia quattroruote e mi trovo in colonna cerco sempre di lasciare un po’ di spazio per agevolare chi vuol passare con le due ruote, tanto non mi costa nulla. Sarò di parte lo ammetto ma come dicevano i latini: ” vivi e lascia vivere”. Grazie Ciao. Lamps a tutti. Alla prossima.


LA PAGINA DEL GOSSIP Maria Verderio

L’ABITO DEI SENTIMENTI

Color cipria, ricamato e personalizzato. È particolare e indimenticabile l’abito che Chiara ha scelto per la cena. Sempre Dior, ben riconoscibile l’occhio ricamato, simbolo della Chiara Ferragni Collection, il Duomo di Milano, città del loro amore, e un leoncino che rappresenta il piccolo Leone. Ph. fonte Instagram e Facebook

Un matrimonio da

FAVOLA MODERNA 32

BRESCIAUP


LA PAGINA DEL GOSSIP Maria Verderio

Chiara Ferragni e Fedez C’è chi li ama. C’è chi li odia. Di certo sanno far parlare di loro e di tutto ciò che gira attorno alla loro dorata quotidianità.

I

l primo settembre 2018 Chiara Ferragni, 31 anni, e Fedez, 28 anni, hanno pronunciato il loro «sì» a Noto, splendida cittadina barocca della Sicilia. Il tutto davanti a moltissimi amici, parenti e vip internazionali. Chiara e Fedez hanno dato vita alla famiglia Ferragnez (#TheFerragnez è uno degli hashtag più seguiti su Instagram) come amano chiamarsi sui Social, attraverso

un rito civile. I due sposi hanno cambiato le regole del mondo dell’editoria e della televisione. A nessuno, infatti, è stato vietato di riprendere o fotografare il matrmonio dell’anno, e a ognuno è stata data la totale libertà di pubblicare foto, attimi e pensieri attorno al loro giorno più commuovente e intenso. Nessuna esclusiva a nessuna testata. Chiara ha affermato che, essendo nati

e cresciuti sui Social, le sembrava corretto comportarsi così. E a noi sembra un gesto molto carino nei confronti dei suoi 14 milioni di follower su Instagram e degli oltre 6 di Fedez. E, tanto per non farci mancare nemmeno un secondo di un matrimonio da favola, Chiara e Fedez hanno iniziato a girare una sorta di documentario su tutti i particolari della preparazione, dai gadget, agli invitati, agli sponsor.

YES I DO, FOREVER

L'ABITO PRE-WEDDING

LE DAMIGELLE

Chiara e Fedez non si sono detti Sì, si sono detti Yes I do, forever, e qualcuno ha polemizzaato... "Almeno al matrimonio... avrebbero potuto parlare in italiano!"

Chiara ha scelto Prada per il pre -wedding, un abito elegantissimo e prezioso, con inserti color oro e in grado di far risaltare la bellezza della sposa.

Cinque le damigelle di Chiara, avvolte in un abito plissettato color rosa confetto, realizzato dalla stilista Alberta Ferretti. Tra esse c’erano Francesca e Valentina, le sorelle.

PALAZZO NICOLACI

DISCORSO DEI GENITORI

RITRATTO DI FAMIGLIA

Un gioiello nei gioielli, Palazzo Nicolaci è stato da poco restaurato e riaperto al pubblico. Il Palazzo è uno dei monumenti più caratteristici dell’arte barocca siciliana.

Alle parole che la mamma di Chiara, Marina Di Guardo, ha dedicato ai neo sposi, nessuno ha saputo trattenere le lacrime. Dopo essersi presi per mano, si sono lasciati andare alle emozioni.

Chiara nel principesco abito Dior di Maria Grazia Chiuri. Un corpetto di pizzo ricamato e una gonna ampia di tulle con strascico. Fedez, invece, era vestito da Donatella Versace.

33

BRESCIAUP


I nostri clienti sono sempre protagonisti indiscussi, noi ci impegnamo a farvi divertire, sognare e sopratutto emozionare.

LUCI SCENOGRAFICHE

AUDIO, CONSOLLE & DJ

ALLESTIMENTI EVENTI

BAR CATERING

VIDEO LED WALL

EVENTI AZIENDALI

Via Torino, 8 - 25125 Brescia, Tel: 030.349119 / 333.8406100 - www.deejaychoice.it - info@deejaychoice.it Seguici on line:

deejaychoice eventi


M’HORÒ SUITE Roberto Messina

M’HORÒ Suite A Cremona Musica, l’artista dall’identità nascosta, che non smette di stupire e affascinare, con l’originalissima e suggestiva collezione di sculture… per orchestra. .

Ad appena due anni di distanza dalla sua entrata in scena, M’horò (la cui identità rimane ancora misteriosa, non avendo l’artista voluto appunto rivelarla e scegliendo un volontario anonimato) la cui opera è rappresentata e curata dalla Minotauro Fine Art Gallery di Palazzolo sull’Oglio (www.galleriaminotauro.com), può essere considerato l’enfant prodige del panorama artistico italiano contemporaneo, con la sua lezione di creatività assoluta e di inediti scenari estetici e poetici calati in una sorta modernità senza tempo, che trasporta negli anfratti di un singolare processo produttivo che trasforma oggetti inerti in essenza. La persona di M’horò coincide dunque con la sua opera: un tutt’uno con la sua fattualità, con la “semplicità” dei suoi lavori plastici solo apparentemente lineari, ma in verità rinvianti ad un intero universo di senso, simboli e metafore. Ad una cosmogonia. Ad una “sinfonia dal nuovo mondo”, per stare a Dvorak, e che, siamo tutti d’accordo, è ciò che deve connaturare la grande arte contemporanea: che risulta nient’affatto incomprensibile, oltre che spettacolare, quando non è volutamente e vuotamente astrusa. “Nelle sue creazioni - spiega Salvatore Falbo - M’horò allarga il sipario con soluzioni progettuali percepite e mutanti, come le recenti sculture ispirate da strumenti musicali classici: violini, viole, violoncelli e pianoforti, che rubano la scena a sculture di un unico linguaggio di genere. Realtà percepite e replicanti, con straordinarie suggestioni spaziali e mentali”. Riportando il discorso sul piano creativo, M’horó in una sorta di mitologia del contemporaneo, fa conquistare nuova vita ai materiali impiegati, che

35

BRESCIAUP

...


divengono per sinestesia, bizzarre casse armoniche dalle quali sembrano emergere affinate sinfonie d’altri tempi, capaci di superare persino l’ascetico e provocatorio John Cage (si pensi alla performance “4’33”). “Nelle inserzioni diacroniche di frammenti tratti dall’universo industriale - è sempre Falbo - egli riesce a valorizzare ancora di più il divenire plastico e gestuale: radiatori di auto e camion che si trasformano in beccheggianti contrabbassi; componenti radianti concavi e convessi che si estroflettono in casse armoniche come raffinate creazioni di celebri liutai, da impiegare in esclusivi concerti cameristici o sinfonici”.

MT14281

MT18181

Critica specializzata, gallerie, istituzioni, mercato, stanno riservando grande attenzione a M’horò, artista davvero singolare, originalissimo, inimitabile ideatore di nuove forme su una nuova sua materia-tipo (scarti industriali di alluminio, soprattutto serpentine radianti e radiatori). In piena crescita, la sua agenda di eventi, mostre, partecipazioni, inviti, recensioni, pubblicazioni, è in arrestabile ed entusiasmante tourbillon.

MT13881

MT14781

MT10181

MT10181

Oltre le tappe nazionali ed internazionali, a cominciare da quella di Milano del 18 ottobre p.v. nella Galleria “Ars Antiqua Modern and Contemporary”, con la doppia personale “Untitled” assieme a Ludmilla Radchenko, ecco Firenze, Napoli, Istanbul, Ginevra, Oporto, Toronto, New York, Parigi, e l’assai prestigiosa, presenza alla Fiera Cremona Musica, il più grande evento mondiale dedicato alla musica e agli strumenti musicali, dove, dal 28 al 30 settembre, si potrà ammirare la sua nuova e davvero spettacolare collezione di opere titolata “M’horò Suite. Sculture… per orchestra” dedicata agli strumenti musicali, con una superba installazione che sarà posta all’ingresso della fiera e l’apposito stand. MT10281

MT10281

MS21271

MT09781

Queste sue nuove creazioni sono state tanto apprezzate che è stato deciso che, da quest’anno, i “Cremona Musica Awards”, i prestigiosissimi riconoscimenti che l’organizzazione assegna a grandi nomi internazionali della musica, saranno appunto i “Gioielli\Premio” di M’horò: superbi, luminosi, sfavillanti e lievissimi violini in alluminio e rame, ricavati da materiali di scarto industriale magnificamente scolpiti da M’horò che li ha modellati con altrettanta maestria liutaria, come fini e leggerissime cesellature pensate a contrappeso modernissimo con quanto ci sarà intorno a Cremona: e cioè, i leggendari Stradivari, Guarneri, Guadagnini, Amati. Anziché la capacità di lavorare e assemblare il legno, ecco la sua stupefacente abilità di costruire una “filigrana di metalli” col genio scultoreo associato all’eleganza formale degli archi.

MT15481

MT09081

MT14881

MT15381

MT15381

36

BRESCIAUP MT18081

MT18281

MT18081


M’hor ó Ludm illa Radch enko 18.10

- 03.1

#Un

MT14781

MS21271

1.201

title

8

d#

ARS

MOD

ERN

www .arsa

ANT

AND

CON

ntiqu

Via Pisacane 55, 20129 - Milano - (MI) Italy MT18281

IQUA

TEMP

ORAR Y

asrl.c

om


STUDIO CAPPIELLO Roberto Cappiello

BANCA

POPOLARE DI BARI Azioni a 2,38 e anche i bond subordinati tracollano

P

iano piano emerge l’amara verità che azionisti e obbligazionisti della banca speravano non si verificasse mai. I nuovi parametri di negoziazione per le azioni Banca Popolare di Bari mettono in evidenza la reale situazione economica e patrimoniale dell’istituto. È terminato a fine giugno il primo anno di negoziazioni, periodo in cui il regolamento del circuito ha consentito di rallentare il crack delle quotazioni. Le attuali regole sono meno stringenti. Già due mesi fa era stato possibile far passare il prezzo minimo di inserimento delle proposte da 5,40 a 3,89 euro, ed in occasione dell’odierna revisione delle bande di oscillazione emerge un

minimo a 2,38 euro. Il dramma è che nemmeno a questi prezzi ci saranno compratori per i tanti milioni di pezzi che gli azionisti vorrebbero vendere, è inutile farsi illusioni purtroppo. Dalla fine di giugno sono scambiate all’Hi-Mtf anche le obbligazioni subordinate 6,5% scadenza 30/12/2021, codice IT0005067019. Anche per questi era stato fissato un prezzo di partenza molto elevato pari a 96,49 a cui molti clienti hanno inserito le proposte di vendita pensando di poterle liquidare. I pochi obbligazionisti realmente informati hanno invece potuto vendere nel corso delle prime settimane di scambi a 82 a 85 ed anche a 87. Le

38

BRESCIAUP

quotazioni attuali si aggirano intorno a 70 dopo essersi avvicinate moltissimo, a metà agosto, a quota 60. Ai primi del mese, la Popolare di Bari ha pubblicato la Relazione Semestrale che evidenzia una perdita di 100,9 milioni di euro dovuta all’azzeramento degli avviamenti per 75,2 milioni di euro e a rettifiche su crediti per 64,9 milioni di euro. Nel frattempo, la trasformazione in Società per Azioni, annunciata per settembre, è stata rinviata a dicembre. Purtroppo un altro caso emblematico che va ad allungare la lista dei troppi istituti bancari che negli ultimi anni sono stati la causa di ingenti perdite di risparmio a danno dei piccoli risparmiatori.


MUSEO MILLE MIGLIA Museo Visitate il Museo Mille Miglia e farete un “viaggio nel tempo” alla scoperta della “corsa più bella del mondo”, attraverso l’esposizione di auto da collezione, oggetti, abbigliamento e filmati dell’epoca.

Ristorante & Bar Nella Taverna Mille Miglia potrete assaporare i gusti ed i sapori classici della buona cucina, in un’atmosfera tranquilla e familiare. L’ambiente riservato ed accogliente della Taverna Mille Miglia è ideale per pranzi e cene private o aziendali.

Sale Meeting Il Museo offre inoltre sale per meeting per CDA, incontri direzionali, convention, eventi e business room. Nella stupenda cornice di un monastero del 1.008.

MUSEO

TAVERNA

Tel. 030 3365631

Tel. 030 3365680

Viale della Bornata, 123 - S.Eufemia - Brescia 39 - www.museomillemiglia.it segreteria@museomillemiglia.it BRESCIAUP


www.studiopiu.net

I deejay piĂš seguiti, la folle animazione dei nostri vocalist, la tua festa firmata

Ogni giorno in diretta trasmettiamo energia e divertimento! Ogni notte siamo connessi con i locali di tutto il mondo

Tel. 030 9991000


STRATEGY UP Sidoine Assignon

Scopri in questo 3° step...

COMPRENDERE

l’etica del Design Convincente

N

el numero 124 di Brescia Up (giugno 2018, pagina 45), abbiamo visto che potremo, ricorrendo all’emotività, far compiere delle azioni alla gente, delle cose che non avrebbero necessariamente fatto se avessero preso una decisione logica. Quindi c’è una domanda che ci possiamo porre chiaramente sull’etica: quanto lontano andremo a persuadere, quali sono le tecniche che sono legittime e quali sono quelle critiche, se non dannose o dettate da cattiveria. Ci poniamo tutti una serie di domande. È una bella cosa, il fatto di essere in grado di cambiare la mentalità di un nostro cliente o utente? Va bene, in ogni momento, ingannare un cliente o un utente? Fondamentalmente, la domanda è: chi trarrà beneficio dalla tecnica che useremo? C’è un continuum di pratica persuasiva, e non è necessariamente la tecnica in sé che è male, ma è l’obiettivo che assegniamo a questa tecnica che può, a un certo punto, porre molti problemi. Tutto dipenderà da chi trarrà beneficio dal design persuasivo, sapendo che gli utenti o clienti non leggono ciò che firmano e accettano prima di un acquisto o un’offerta di marketing. Come me, hai sicuramente accettato molti termini e condizioni d’uso senza averli letti. Quindi dobbiamo porci una domanda molto chiara, dove metteremo una linea tra ciò che sarà una buona tecnica di persuasione, ciò che sarà una cattiva tecnica di persuasione e ciò che sarà una tecnica di persuasione dannosa.

Chi trarrà beneficio dalla persuasione? Fondamentalmente, ci sono tre blocchi. C’è il blocco del designer persuasivo insieme al commerciante che imposteranno le tecniche. Poi c’è l’utente, che sarà sottoposto a queste tecniche e che quindi si impegnerà in azioni che potrebbe non aver intrapreso logicamente. E, in generale, c’è la società. Tutto dipenderà da chi trarrà vantaggio dalle persuasive tecniche di progettazione che implementeremo. Se le tecniche che adottiamo avvantaggiano sostanzialmente, i progettisti, i commercianti e poco il cliente o l’utente, stiamo usando delle tecniche di persuasione che sono considerate dannose e nocive. Questa è una progettazione che sarà maliziosa, perché renderà gli utenti emotivamente coinvolti, facendo qualcosa che sarà solo a nostro vantaggio. Possiamo quindi implementare un sistema di progettazione commerciale che, allo stesso modo, renderà gli utenti coinvolti emotivamente nello svolgimento delle azioni, ma che offrirà un vantaggio che sarà equamente condiviso tra il progettista, il commerciante e dall’altra parte, gli utenti o i clienti. Se implementiamo una tecnica che avvantaggia essenzialmente l’utente, stiamo parlando di design motivazionale. Questo tipo di design sarà creato con un’interfaccia che consentirà agli utenti o clienti di fare qualcosa che sarà vantaggioso per loro, anche se non lo avrebbero fatto in modo logico. Ma qui il beneficiario è l’utente. E infine, c’è un tipo di progettazione

41

BRESCIAUP

assolutamente altruista, che è caritatevole, che incoraggerà gli utenti a fare qualcosa che possa giovarli un po’, ma che in sostanza avvantaggerà la società. Quindi non possiamo decretare che tale tecnica, o un’altra, sia buona o cattiva. Ogni tecnica verrà utilizzata per convincere le persone, per ragioni buone o cattive. Ci sono anche una serie di criteri da prendere in considerazione: quale sarà il livello di accettazione del cliente in relazione alle tecniche che useremo? Ci sono tolleranze che possono variare a seconda del pubblico, ciò che conta è il livello di tolleranza del tuo cliente, quindi devi sapere se il cliente ritornerà. Puoi incoraggiare un cliente a consumare un prodotto, ma la domanda fondamentalmente è: quale sarà la sua sensazione dopo l’impegno che hai concepito? Quindi dovremo essenzialmente trovare un punto di equilibrio. Se raggiungiamo un equilibrio accettabile in cui lo spazio di progettazione in cui abbiamo lavorato e implementato tecniche di persuasione che hanno funzionato bene, il cliente avrà ricevuto benefici in cambio, avremo creato un valore. Quindi spetta a te determinare se le tecniche che verranno assegnate andranno utilizzate per buone ragioni e lo farai secondo le circostanze specifiche in cui opererai. Essenzialmente, secondo l’obiettivo delle persone che saranno prese di mira dalla tua persuasione.

SIDASSCOMPAN Y.C O M


42

BRESCIAUP


W #F OL LO

EVENTI 44

LUXURY CONCEPT 2018 By Veronica Equipe

48

2° OPEN GOLF CDO Un torneo di golf per il sociale

50

UN’ALTRA ESTATE CHE VA Jerry nazionale con il suo nuovo disco

54

TESTIMONIAL for EGOSHOP 1° tappa


LO OL #F W

LUXURY CONCEPT

2018

Anche quest’anno grande successo per l’evento LUXURY CONCEPT di cui organizzatrice è Veronica Stampa titolare del Veronica Equipe a Montichiari da ben 6 anni. Per salutare l’estate con clienti e amici attraverso musica spettacolo e ottimo vino in una splendida location che è il CocoBeach.

Veronica Equipe Via Brescia 94 - Montichiari 030 996 2258 Veronica Equipe beauty veronica_equipe info@veronicaequipe.it www.veronicaequipe.it

WHO WHERE TEL. FB. IG. MAIL WEB

44

BRESCIAUP


45

BRESCIAUP


LO OL #F W

THANKS TO


47

BRESCIAUP


LO OL #F W Cdo Lombardia Sud Est Via Cassala, 66/A Brescia 030 336 6919 Cdo Lombardia Sud Est info@brescia.cdo.org www.cdo.org - lse.cdo.org

WHO WHERE TEL. FB. MAIL WEB

2°OPEN GOLF CDO

Un torneo di golf per il sociale Ad Arzaga l’iniziativa benefica della CdO S’è svolta all’Arzaga Golf Club di Calvagese della Riviera, in Provincia di Brescia, la seconda edizione del Trofeo Open Golf organizzato dalla Compagnia delle Opere. Un torneo che ha visto più di 120 giocatori partecipanti , con la formula della Louisiana a 4 e giunti da tutto il nord Italia per un momento di condivisione comune all’insegna dello sport, ma soprattutto per ricordare Daniele Farina, un giovane figlio di un imprenditore associato, prematuramente scomparso in un tragico incidente stradale sulle strade bresciane nell’estate del 2017. Un’importante iniziativa resa possibile anche dal sostegno di una ventina di aziende bresciane, ognuna delle quali ha dato il proprio nome a una buca del percorso. Tra le realtà presenti c’era anche la Dynamo Camp, un’organizzazione che si occupa di aiutare i ragazzi disabili affinché possano avere le stesse opportunità di svago e divertimento dei ragazzi normodotati.

«La manifestazione è andata molto bene e siamo davvero contenti – commenta il Direttore della Compagnia delle Opere Lombardia Sud Est, Livio Gallina –. Per noi è molto importante fare iniziative che ci consentono di mettere al centro la persona dell’imprenditore sia quando lavora sia quando mette in luce le proprie passioni. Il nostro scopo è riuscire a valorizzare la parte vera delle persone e sostenere chi ha bisogno ed è per questo che abbiamo da sempre un’attenzione particolare al mondo del sociale. Il prossimo impegno sarà la consueta assemblea annuale dei soci che si svolgerà il 22 novembre presso Villa Fenaroli, appuntamento quest’anno molto importante in quanto ricorrono i trenta anni dalla fondazione della nostra associazione, anche se con la testa siamo già proiettati agli eventi del 2019, fra i quali segnaliamo un’importante evento charity che si svolgerà la prossima primavera. Sarà un momento importante – conclude il Direttore Gallina – perché in quell’occasione faremo del nostro meglio per aiutare diverse realtà sociali del territorio».

48

BRESCIAUP



LO OL #F W Sestino Beach Via Agello, 41/a Desenzano del Garda 329 247 2452 Sestino Beach sestinobeachclub www.sestinobeach.it

WHO WHERE TEL. FB IG WEB

Jerry nazionale con il suo nuovo disco

UN’ALTRA ESTATE CHE VA ...e tante emozioni che restano, più forti che mai. Tutto esaurito per applaudire Jerry e la sua ultima canzone. Il 14 settembre al Sestino beach, locale dove è socio con Yudi Bueno e Puccio Gallo, suo amico da sempre, Jerry si è esibito alla grandissima.

parole, che sono anche la sua bandiera! Con una parata delle canzoni riempipista degli anni Settanta e Ottanta, interpretate tra una gag e l’altra. Jerry sarà accompagnato sul palco dalla sua band e attraverso brani e colonne sonore ripercorrerà i momenti salienti della sua inossidabile carriera. Gloriosi i tempi dei Gatti di Vicolo Miracoli, grandissimi i successi cinematografici e televisivi, libidinoso il passato, ma anche il presente dello showman.

Una scorribanda di successi, come solo lui sa fare… E questa volta con quel qualcosa in più: abbiamo ascoltato un Jerry Cala particolarmente coinvolgente. Nessuno gli scollava gli occhi di dosso. Tutte le gag riuscitissime e gli interventi con il figlio Johnny alla chitarra, molto ma molto emozionanti. Ci ha fatto sorridere e sognare.

Oggi Jerry Calà si conferma l’icona della comicità italiana e continua allegramente a fare scorribande in lungo e in largo nella penisola (isole comprese) con i suoi spettacoli autocelebrativi tra musica e cabaret: la sua comicità rumorosa e genuina non chiedo il permesso, ha nulla da dimostrare a nessuno e il pubblico continua a seguirlo, il che non è poco!

A quasi 70 anni l’inossidabile Jerry Calà continua imperterrito a portare avanti i suoi ideali: divertimento, belle donne ed estate. Il sole, il mare e le vacanze per il comico catanese cresciuto a Verona sono un vero e proprio leitmotiv che trascende il concetto di stagione per trasformarsi in un vero e proprio stile di vita. ‘L’estate non è una stagione.... ma uno stato d’animo...’, queste le sue

“A noi per navigare bastava il mare, a voi servono i Giga” parola di Jerry Calà, che si definisce un uomo molto sociale e ‘social’ quanto basta. I concerti di Jerry Calà sono prodotti dalla The Best Organization.

50

BRESCIAUP


51

BRESCIAUP


UNEXPECTED DESIGN

52

BRESCIAUP


LA FIERA DEDICATA A

ARREDI, COMPLEMENTI E PRODOTTI PER LA CASA E L’OUTDOOR

53

BRESCIAUP


LO OL #F W Ego Shop Via IV Novembre Brescia (Piazza Vittoria) 338 563 4991 Ego Shop egoshopbs graziapedrotti@hotmail.it www.egoshop-online.com

WHO WHERE TEL. FB. IG. MAIL SITE

Prima tappa

TESTIMONIAL forEGOSHOP duemiladiciotto

Nella meravigliosa cornice di piazza vittoria al Republic Luxury Lounge si è svolta la prima tappa della nuova edizione del nostro concorso, Testimonialforegoshop! Durante la serata hanno sfilato trenta bellissime ragazze provenienti da tutta la Lombardia per aggiudicarsi i 10 posti per la finalaissima di Dicembre.

Valenti, Alice Zanaglio. Il tutto presentato dalla nostra ex testimonial nell’anno 2016, Giulia Gatta non che Miss Lombardia 2017 by Miss Italia, ospite anche la bellissima Alessia Gozio anche lei ex vincitrice del nostro concorso e prefinalista di Miss Italia per la regione Lombardia con il titolo di Miss Eleganza!

La prima tappa è stata vinta da Denise Cinquini nella categoria maggiorenni e Martina Stumbo per le under 18.

Durante la serata hanno sfilato gli abiti della nostra collezione Ego Shop (www.egoshop-online.com) con le meravigliose acconciature by Onda Verde (www.allungamentocapelli.it).

Insieme a loro hanno staccato il “lascia passare” per la fase successiva le bellissime: Susan Van Newport, Alessia Basilico, Manuela Dotta, Anita Avesani, Georgiana Ene, Anna Favagrossa, Elena falsetti, Francesca

Ospite in giuria anche Romana Crainic docente di fama internazionale di Yoga, Pilates e molto altro ancora, che potrete scoprire nel suo centro Pranajiva (www.pranajiva.com)

PH. Carlo Sandrini



Mara Traversi

IMMAGINE CAPELLI

Competenza e Professionalità fanno la differenza Il settore della bellezza riserva un posto sempre più importante a elementi in grado di fare la differenza come la competenza e la professionalità. Proprio partendo da questo doppio punto di riferimento ha iniziato la sua attività Mara Traversi, imprenditrice bresciana che oggi, dopo ventun anni di intensa attività, gestisce ben quattro saloni, tutti uniti sotto la firma conosciuta ed apprezzata di Immagine Capelli.

comprendere quanto sia importante capire ed affiancare ogni singolo cliente nel cammino verso la bellezza e la soddisfazione personale. È stato questo l’inizio di un percorso che la Traversi ed il suo staff hanno reso sempre più importante, affiancando a doti fondamentali come professionalità, competenza e cortesia l’utilizzo costante di materiale di prima qualità (compresa la proposta di prodotti vegani, di prodotti senza ammoniaca, colori in olio, enne naturali, trattamenti alla keratina, ricostruzione joico, hair therapi con miscele di erbe di Aldo Coppola), proprio nella consapevolezza che è attraverso la strada della qualità, intesa a trecentosessanta gradi, che si può giungere al desiderato traguardo della bellezza.

Nel corso degli anni, visto il successo che accompagnava le diverse iniziative, la Traversi ha deciso di ampliare il suo raggio d’azione ed oggi, grazie anche ad uno staff altamente qualificato, è presente con il suo marchio a Ghedi, Poncarale, Leno e Montichiari, dove operano i suoi locali che, come lei stessa ama spesso ripetere, rappresentano un vero e proprio “luogo di incontro con la bellezza”. Questo, del resto, è lo spirito che anima il rapporto, ormai di fiducia, con tutta la clientela. Quando una persona decide di entrare da Immagine Capelli non va da un “semplice” parrucchiere, ma si affida a quello che potremmo definire un centro specializzato che ha come grande obiettivo quello di agevolare non solo l’incontro con la bellezza del cliente, ma anche che quest’ultimo possa sentirsi bene e possa vedere ascoltate e realizzate tutte le sue esigenze. Un’attenzione alla quale

Mara Traversi si è ispirata sin dagli albori della sua carriera, quando ha deciso di apprendere i segreti di questa attività frequentando l’Accademia di Aldo Coppola, una vera e propria Università della bellezza, che ha trasmesso all’imprenditrice bresciana non solo informazioni e conoscenze professionali, ma l’ha anche aiutata a

56

BRESCIAUP

Se a tutto questo aggiungiamo l’atmosfera calda ed accogliente dei saloni di Ghedi, Poncarale, Leno e Montichiari, dove i clienti si trasformano come per incanto in cari amici, è veramente facile capire il successo di Immagine Capelli e comprendere pure che una visita in uno dei saloni di Mara Traversi può spalancare le porte ad un nuovo modo di vivere e di preparare la bellezza. Un’esperienza assolutamente da provare di persona. G h e d i Via X Giornate, 26 P o n c a r a l e Via Fiume, 18 L e n o Via Ermengarda, 90 M o n t i c h i a r i Via S. Pietro, 60


SOCCORSO STRADALE

CARROZZERIA

SRL

CONVENZIONI CON:

AUTO SOSTITUTIVA Via Triumplina, 72 • Brescia Tel. 030.397220 • Fax 030.3399276

www.rinnovacarrozzeria.com car.rinnova@tiscali.it


TALENT UP

Michela Noli sfila sul Red Carpet NOME: Michela Noli ETÀ: 17 anni ALTEZZA: 170 cm PARLACI DI TE... Ciao a tutti mi chiamo Michela Noli, sono nata il 28 Settembre del 2001 e abito a Castrezzato (BS). Fin da piccolissima ho amato il mondo della moda, alla quale alternavo l’altra mia grandissima passione: la ginnastica artistica. Tuttavia crescendo ho dovuto fare una scelta e ho preferito continuare con la ginnastica,uno sport che mi ha formata a livello fisico e caratteriale e che oramai pratico da dieci anni. Nell’ultimo anno, però, ho deciso di provare a ritornare nel mondo della moda così ho iniziato a fare concorsi, dopodiché sfilate e shotting. Il 2 Settembre 2018, grazie ad “Areastile Agency”, ho avuto la possibilità di realizzare uno dei miei più grandi sogni: Il Red carpet. Alla 75esima edizione del festival del cinema di Venezia ho partecipato con il titolo di “model” al Red carpet del film “The sisters brothers”, eseguendolo con un bellissimo abito realizzato dalla stilista Luisa Scivales.

UNA FRASE CHE TI RISPECCHIA? La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo!

Le emozioni provate sono indescrivibili, oramai ipnotizzata dai flash, non ho potuto far altro che essere me stessa e godermi quella magnica esperienza! Ma se sono arrivata fino a qui devo ringraziare tutte quelle persone che hanno sempre creduto in me senza mai dubitare. Nonostante mi piaccia tantissimo è impegnativo unire la moda, un liceo scientifico e uno sport agonistico,però sono una ragazza che ama le sfide, mettersi in gioco e lottare,dunque tutto ciò è solo pane per i miei denti! La Vita è una sfida continua, ma sa essere anche meravigliosa... amo vivere!

58

BRESCIAUP



L’ ESPERIENZA AL TUO SERVIZIO!

CENTRO DENTALE DR. AMEDEO ZIRILLI Via Garibaldi, 50 - 25086 Rezzato (BS) Tel. 030 2792590

60

BRESCIAUP


LA VIGNETTA DEL MESE Riky Modena


PALLAVOLO BRESCIA

ATLANTIDE PALLAVOLO B r e s c i a

Inizia il 14 ottobre la quinta stagione in serie A2 per la Centrale del Latte Sferc McDonald’s, prima squadra maschile della città e della provincia che ha chiuso la scorsa Regular Season nel gruppo di testa del girone, ottenendo prima l’accesso alla Pool Promozione e poi quello ai Play Off. Se la stagione passata è stata certamente da incorniciare, quella che parte non ha ambizioni minori: tante le novità in maglia biancoblu con ritorni eccellenti (Bisi, Crosatti, Rodella e Signorelli) e arrivi di qualità (Candeli, Milan, Scanferla e Valsecchi) che ruotano attorno ai pilastri granitici Tiberti e Cisolla. Alla guida tecnica di Roberto Zambonardi si affianca da quest’anno Paolo Jervolino, volto noto del volley nazionale che curerà anche il settore giovanile maschile. Il campionato inizia dopo i Mondiali di settembre che si stanno giocando in Italia e Bulgaria. La serie A2 è divisa in due gironi e la Centrale Sferc McDonald’s è inserita in quello bianco a 13 squadre: l’esordio casalingo è previsto il 21 ottobre contro Lagonegro. Nei test amichevoli sinora disputati con squadre di Superlega, subito in evidenza Sebastiano

Milan, oro con la Nazionale minore ai Giochi del Mediterraneo dello scorso luglio. Per coach Zambonardi “Sarà una stagione avvincente, siamo pronti a lottare per il nostro obiettivo: essere tra le prime quattro del girone bianco.”

La società ha appena lanciato la campagna abbonamenti “Bresciani, su le mani!” Al Centro sportivo San Filippo ci saranno tre categorie di posti: il biglietto per la gradinata al costo di 6 euro, la nuova tribuna Atlantide al costo di 8 euro e il Bordocampo Vip, riservato solo a 30 tifosi, che avrà un

62

BRESCIAUP

costo di 15 euro e darà la possibilità di seguire la partita sul campo e di accedere all’Area Hospitality riservata agli sponsor e ai dirigenti. Sono previste riduzioni per gli under 16 e gli over 65, mentre per gli under 12 l’ingresso in gradinata è gratuito. Confermata la possibilità di acquistare i tagliandi on line sulla piattaforma Vivaticket.it. Atlantide ha voluto creare un’offerta irrinunciabile per i tifosi dei Tucani, attraverso un abbonamento che ha un costo di 50 euro (ridotto a 35 euro), ma è unico e consente agli abbonati di accedere liberamente sia alla gradinata, sia alla Tribuna Atlantide al costo di poco più di 6 match, godendone almeno 13. Sarà possibile abbonarsi anche al Bordocampo Vip e anche in questo caso il costo di 90 euro equivale a 6 partite. Gli abbonamenti si possono sottoscrivere ogni giorno presso la sede di Caionvico nella Palestra P. Molinari in via Carlo Goldoni, 9 dal lunedì al venerdì dalle 16 - 19 e nelle prime tre partite in casa. Informazioni via mail a segreteria@ atlantidepallavolobrescia.it oppure direttamente sui social della società, Facebook, Instagram e Twitter.


63

BRESCIAUP


CONSIGLI DA MATRIMONIO Chicca Baroni

PHOTOBOOK da matrimonio

S

apevate che oltre al tradizionale album fotografico esiste un’alternativa altrettanto valida per conservare gli attimi più significativi e intensi del giorno più importante di tutti? Dal momento in cui varcherete la soglia della chiesa con l’abito da sposa che avete sempre segnato fino alla fine del ricevimento, quando lancerete il vostro bouquet sposa, potete custodire in maniera originale ogni attimo del vostro grande giorno, stiamo parlando del photobook di matrimonio, una tipologia di album già di grande moda da parecchi anni, che si diffonde sempre di più tra le scelte fotografiche degli sposi. Vediamo di cosa si tratta e perché sceglierlo.

rispetto a quella di un foto-libro o che duri di più nel tempo. Altre volte invece lo si sceglie semplicemente per gusto personale, che va aldilà delle mode del momento. Se però avete voglia di qualcosa di diverso, il photobook di matrimonio, vi darà lo stesso risultato ma in maniera più innovativa. Le foto scelte verrano incorporate direttamente sul libro mediante un tipo di montaggio diverso; ma attenzione alla qualità del cartoncino utilizzata, è quella che determinerà la riuscita finale del libro. Una volta rilegato, sarà davvero un piacere sfogliarlo! Dire poi quali sono le foto più adatte a un photobook di matrimonio piuttosto che a un album di nozze è molto relativo, dipende molto dal vostro gusto personale.

L’album di nozze classico è la scelta per gli sposi amanti della tradizione, infatti nonostante l’evolversi dei tempi e dell’avvento del digitale nel campo fotografico, la richiesta di album classici, è sempre molto forte. I motivi possono essere diversi, molto spesso si pensa che la qualità dell’immagine e del prodotto finito sia molto più alta

Probabilmente quando si pensa all’album tradizionale è facile immaginare fotografie molto statiche e in posa mentre, al contrario, con il fotolibro si è più tendenti a pensare a reportage di nozze, quindi fotografie spontanee e naturali, ma questa non è assolutamente una regola. Si può giocare con tutti gli stili fotografici per entrambe

le tipologie di album e variare quanto più possibile. Un nostro consiglio è di rivolgervi ai fotografi professionisti che avete scelto per le nozze e mettervi nelle loro mani, di sicuro sapranno consigliarvi la scelta più adeguata alle vostre esigenze, ma sappiate che entrambe le possibilità sono molto valide. Inoltre, molti sposi che optano per l’album classico, decidono di far realizzare dei mini photobook di matrimonio da regalare alle rispettive famiglie, in modo che anche loro possano avere un ricordo indelebile di quel magnifico giorno, tanto importante non solo per gli sposi. Sarà davvero emozionante sfogliare le pagine del photobook del giorno più importante della vostra vita, ricordare i momenti in cui eravate a casa con i preparativi del make up e dell’acconciatura sposa, l’attimo in cui avete indossato l’abito per raggiungere finalmente il vostro amato che vi attendeva all’altare e i momenti più significativi della cerimonia. Ogni volta che lo sfoglierete sarà come rivivere la trepidazione di quei dolci momenti. Per info e commenti: via Trieste, 17k Brescia info@eventique.com

64

BRESCIAUP


Epilazione Laser | Dimagrimento | Cellulite Anti-Age Viso Corpo | Benessere Corpo.

VIA DANTE, 4 - BRESCIA (ZONA PIAZZA VITTORIA) • 030 289 7339


STEFANO PAIN una vita a tutta house

66

BRESCIAUP


Abbiamo incontrato Stefano Pain, uno dei più stimati dj producer italiani. A Brescia e dintorni è spesso in console al Circus, in città, e al Sesto Senso di Lonato, ma spesso fa ballare pure altri locali, pure in Franciacorta. Nel weekend gira tutta l’Italia, mentre ogni martedì notte da anni è in console al Fidelio, storico party che porta a Milano nottambuli (e perditempo) da mezza Italia. “Sono di Alessandria, sono nato nel 1975”, racconta. “Mixo da sempre house e progressive house. I colleghi mi definiscono un dj ‘energico’, uno che sa dare energia il dancefloor. Amo lo sport, soprattutto il calcio e il tempo libero lo passo con la mia famiglia”. Che sta succedendo nel tuo mondo musicale in questo periodo? Si sono rallentati i ritmi. Si torna a sonorità piu morbide alle melodie e ad un Groove più house, cosa che non mi dispiace. Ultimamente il

sound forse era esasperato, troppo nervoso. Che musica è piaciuta nell’estate 2018 e che musica balleremo nei prossimi mesi? La maggior parte del pubblico ha preferito la musica pop e hip hop, quel sound che chiamiamo urban. Restano comunque tanti gli appassionati di techno, house, EDM, etc. Insomma, è bello che in questo periodo sia noi dj sia chi balla abbia tanta scelta. C’è tanta bella musica, e, va detto, tante diverse fette di mercato. Come hai iniziato a fare il dj? Ho iniziato a 14 anni in un piccolo club della mia provincia, Alessandria. In realtà facevo il tecnico luci. Poi, pian piano, mi sono inserito nel mondo dei club. La passione era tanta e pian piano è diventata uno stile di vita... Non so a che punto sono della mia carriera. Ho fatto molte cose interessanti, produzioni discografiche conosciute in tutto il mondo, ho collaborato con dj di fama internazionale, ho suonato a Miami, a

67

BRESCIAUP

Ibiza, in Russia, a Mykonos, in Siberia, in Giappone, in mezza Europa... ma ci sono un sacco di cambiamenti, penso che il grafico della mia carriera possa ancora avere ancora tanto da dire! Che belle novità hai visto nel clubbing e nell’entertainment in questo periodo? E cosa invece vorresti cambiare? Non ho visto, purtroppo, grandi novità negli ultimi anni, nei club. Anche per questo il pubblico si è avvicinato molto al mondo dei Festival e delle piazze. La musica in discoteca è purtroppo molto “standard” e i format proposti nei club sono quasi tutti simili. Ma non sono pessimista. Il cambiamento arriverà, credo soprattutto dai club e dalle location Underground. Che musica ascolti nel tuo tempo libero? Mi piace molto la musica italiana, adoro gli anni ’80 e pure la musica house Old School. di Lorenzo Tiezzi


MOTORI UP Attilio Tantini

SICUREZZA STRADALE

comportamenti non idonei

I

l tema della sicurezza stradale ed in particolare quello dei comportamenti non idonei che ognuno di noi adotta in qualità di utente della strada devono chiamare in causa, oltre al contesto normativo, quello culturale e valoriale. Ogni giorno siamo infatti spettatori e/o protagonisti di gesti e azioni frutto di disattenzioni e non curanze talmente inspiegabili che non rimane che fare appello alla responsabilità e al buon senso dei singoli.

Nel rispetto del dolore delle tante persone che hanno perso un proprio caro in queste circostanze o che hanno involontariamente causato a qualcuno la morte o un’invalidità grave, non serve approfondire la specificità dei singoli casi, quanto da tutti trarre la forza per concorrere ad individuare delle strategie e dei percorsi tesi a promuovere tra la gente, di ogni età, una maggiore cura nelle azioni quotidiane, ripetitive, e per far sì, che anche la più piccola imprudenza non aiuti la fatalità. A questo fine, prima ancora di illustrare agli utenti della strada tecniche

68

BRESCIAUP

di guida o far loro approfondire norme e divieti, chi è impegnato in azioni di promozione della sicurezza stradale, forse è necessario che faccia il più possibile riflettere le persone su concetti quasi scontati che costituiscono le basi della sicurezza stradale e della convivenza civile. La non curanza rispetto ai gesti che compiamo di consueto, la distrazione, l’egocentrismo di cui ormai quasi tutti sembriamo soffrire, sono fonte di rischio quanto l’eccesso di velocità, l’alcol, ed altri fattori.


MOTORI UP Attilio Tantini

Chi va in strada deve essere invitato alla prudenza non solo in caso di condizioni atmosferiche non idonee, o se ha bevuto, o se ha sonno, o se deve percorrere una via notoriamente pericolosa: la prudenza deve essere sempre una compagna di viaggio. È lei che fa ricordare che, anche se ho un diritto è bene che mi accerti che chi me lo deve concedere me l’abbia concesso, o che mi fa discernere sull’opportunità o meno di adottare un’azione, o ancora, che mi fa cercare di prevedere possibili rischi tipici per le zone che percorro. Aveva ragione il filosofo Ludwig Wittegenstein nel sostenere che “gli aspetti per noi più importanti delle cose sono nascosti dalla loro semplicità e quotidianità”.

dallo sportello sbagliato di un auto per trovarsi in mezzo alla strada e rischiare di essere investiti, basta attraversare improvvisamente la carreggiata o farlo in un punto di poca visibilità per chi la percorre (magari in curva) per metterci e mettere in pericolo le persone. E ancora, basta distrarsi un secondo, quando si è alla guida, per cercare qualcosa o parlare con chi magari è seduto a fianco o dietro, per non accorgersi di un improvviso ostacolo che può presentarsi di fronte a noi. Tanti altri possono essere gli esempi, un casco correttamente allacciato ma troppo grande per chi lo indossa, macchine in doppia fila di genitori che

accompagnano i propri figli a scuola, ma anche la possibilità concessa di precedenza agli utenti di piste ciclabili in prossimità di intersezioni, quando si sa che, purtroppo, il ciclista non sempre pone la dovuta attenzione alle intersezioni ed anzi, spesso sfreccia a una velocità tale che anche il più ligio automobilista può non accorgersi del suo arrivo… È necessario fare simili e semplici esempi, illustrarli, ripeterli all’infinito: anche questo è un modo per promuovere la “Cultura della Sicurezza Stradale. Possono sembrare consigli logici, banali, ma se seguiti possono salvarci la nostra vita senza creare dolori per i nostri cari e se vogliamo essere cinici e pragmatici senza costi sociali. Avete mai pensato quanto costa alla collettività fra spese mediche, operazioni e terapie per recuperare solo una parte di mobilità del corpo offeso dopo un incidente? Provate a pensarci, e come dice il motto della Fondazione Motori a 360°... un secondo in più vi allunga la vita!

Questo vale, genericamente, sia per i gesti che intraprendiamo, che per i pericoli più frequenti nei quali inconsapevolmente incorriamo anche quando siamo in strada. I rischi quotidiani sono molto semplici, ma vanno tenuti in alta considerazione. Basta uscire

69

BRESCIAUP


GERMANI BASKET BRESCIA Il Ferrari è tuo! Un guizzo di Hamilton regala la vittoria

L

La Germani Basket Brescia si aggiudica la terza edizione del Trofeo Roberto Ferrari, battendo al fotofinish l’Openjobmetis Varese (70-68).

duale rimonta, raggiungendo nel finale di quarto il primo vantaggio con un canestro di Abass (44-43) e chiudendo avanti la terza frazione per 51-49.

Decisivo ai fini della vittoria finale un canestro in penetrazione di Jordan Hamilton, che batte in palleggio la difesa avversaria e, sul suono della sirena, infila il canestro che chiude un finale di partita incandescente, meritandosi con una prestazione maiuscola (15 punti, 7/9 da due e 6 rimbalzi) anche la palma di MVP della manifestazione.

L’ultimo quarto è emozionante, con entrambe le squadre che non riescono a trovare il break decisivo per prendere il timone della gara. Alla tripla di Abass a 13”″ dalla sirena risponde Tambone, centrando nuovamente la parità con poco più di 3” alla fine del match. Tanto basta ad Hamilton per penetrare, appoggiare al ferro e consegnare il Trofeo Roberto Ferrari alla Germani.

La Leonessa ha un avvio di gara complesso, trovandosi da subito faccia a faccia con una Openjobmetis Varese apparsa in grande spolvero, capace di chiudere i primi due quarti avanti 26-31. Toccato il massimo svantaggio (28-38) all’inizio del terzo periodo, la Germani ingrana la marcia giusta e inizia la gra-

ANDREA DIANA - “Abbiamo giocato una partita dai due volti: nei primi due quarti abbiamo giocato una pallacanestro a basso ritmo, che a noi non è congeniale, e abbiamo trovato delle difficoltà contro una squadra organizzata come Varese. Abbiamo cambiato l’approccio nel secondo tempo, giocando una pallacane-

70

BRESCIAUP

stro più aggressiva. Ancora una volta, mi è piaciuta la voglia dei miei giocatori di passarsi la palla e alla fine abbiamo vinto una partita punto a punto, una cosa che ci darà fiducia anche per il futuro. Ora finisce la preseason, per noi sarà necessario fare un salto in avanti e preparare al meglio la partita di sabato prossimo contro Milano, una delle migliori squadre a livello europeo. Il contributo della panchina? È stato decisivo e lo sarà per tutta la stagione. Abbiamo bisogno di giocatori che escano dalla panchina in modo aggressivo e deciso. Abbiamo 12 giocatori veri, in noi deve crescere la consapevolezza che bisogna lottare per guadagnarsi minuti e giocare i minuti decisivi della partita”. Nella finale per il terzo e quarto posto, lo Stelmet Enea Zielona Gora ha battuto la Victoria Libertas Pesaro con il punteggio di 87-85, conquistando così il gradino più basso del podio.


71

BRESCIAUP


LA NUOVA

Suzuki Jimny 2018

Suzuki mantiene la promessa e il 5 luglio diffonde le prime informazioni ufficiali circa nuova Suzuki Jimny 2018, l’iconico fuoristrada della Casa di Hamamatsu. Con le immagini ufficiali diramate già le scorse settimane, a corollario di una serie di rumors che ormai da mesi circolavano sul piccolo samurai,

ecco che ora apprendiamo le caratteristiche del nuovo motore. SOTTO IL COFANO In pensione il vecchio 1.3, spazio a un nuovo 4 cilindri benzina da 1,5 litri, 100 cv tondi tondi a 6.000 giri/ minuto e 130 Nm a 4.000 giri/min. Proprio la coppia, elevata ed omoge-

nea lungo l’intero arco di rotazione o quasi, sarebbe il punto forte del propulsore che abiterà il cofano di nuova Jimny. Nonostante l’incremento di cilindrata, il 1.5 sarà inoltre più leggero della precedente unità del 15%. Come previsto, invece, nessuna Suzuki Jimny diesel.

Via Cassala, 98 - Brescia 030 3770414 Via Crosette, 1 - Concesio 030 2751570


COM’È FUORI Noto da tempo è il suo rinnovato stile, che nelle geometrie ricorda molto la Mercedes Classe G – seppure in formato mignon. Con una novità, però; le ultime foto rivelano due possibili allestimenti della nuova Jimny: uno più cittadino, con i parafanghi verniciati e in tinta con il resto della carrozzeria, e un altro più offroad, con parafanghi più sporgenti e coprenti stavolta in plastica nuda. Peccato per le ruoteun po’ piccole e strette, misura 15’’ o 16’’. COM’E’ DENTRO Gli interni della Jimny riservano molte meno sorprese. Rimane l’impronta rusticana di sempre, ma il design è più moderno, la pulsantiera semplificata, volante multifunzione e la plancia non si fa mancare il classico schermo dell’infotainment di Suzuki che raggruppa i comandi in quattro quadranti. La leva del cambio manuale a 5 marce (in alternativa c’è un automatico a 4 rapporti) rimane bislunga, ma non più a grissino come sulla vecchia Jimny. FEDELE ALL’ORIGINALE Nel passaggio dalla vecchia alla nuova rimane infine intatto lo spirito fuoristradistico: telaio a traverse e longheroni, sospensioni con ponte rigido e la trazione integrale Allgrip Pro con tanto di traction control e marce ridotte. Anche le misure caratteristiche sono sagomate per un utilizzo off-road impegnativo: angolo di attacco di 37°, angolo di dosso di 28°, angolo di uscita di 49°. Appuntamento a Parigi 2018.

Seguici sui social e su suzuki.it


ECONOMY UP Stefano Bertazzoni

Benessere? Ripartiamo dall’alimentazione. “Verso il benessere. Quando la salute parte dalla tavola”.

La dott.ssa Raineri spiega le regole delle tre C, durante la serata di lunedì 17 Settembre.

Q

uesto il titolo della breve apparsa sul giornale della domenica che ha catturato la mia curiosità. Si tratta di una rassegna, tenuta dalla Biologa Nutrizionista dott.ssa Tatiana Raineri (www.nutrizionistaraineri.com), che tratta l’influenza dell’alimentazione sul nostro stato di salute. Un argomento caro ai giorni nostri che merita l’adeguato approfondimento, date le troppe fake news alimentari sorte negli ultimi anni che, purtroppo, influenzano le nostre scelte. Motivo per il quale ho deciso di partecipare al primo incontro, patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Borgosatollo, tenutosi lunedì 17 settembre nella sala civica del comune. Molte le persone presenti all’incontro, entusiaste, che hanno interagito durante la serata con domande di approfondimento, soprattutto incuriosite dal nuovo metodo della dottoressa. Un approccio che ha acceso anche in me la stessa curiosità che ha mosso i tanti ospiti a porre domande. Così, dopo la serata, le ho chiesto un appuntamento in centro…non romantico. Seduti ai tavolini di Piazza Duomo, l’indomani, le chiesi subito spiegazioni sul metodo da lei utilizzato «Sicuramente è innovativo – spiega la dottoressa – in quanto molti studiano le malattie, ma pochi la salute. Io, con il Neurologo dr. Dallocchio Carlo, abbiamo deciso di studiarle entrambe, attraverso il metodo delle tre C».

In cosa consiste? «Calma, Costanza, Coerenza. In questo modo puntiamo a porre il paziente davanti alla consapevolezza di dover correggere il proprio stile di vita, ove si riscontri la necessità, per migliorare lo stile e la qualità della vita, nonché la sua aspettativa». Non è semplice comunicare al paziente che deve cambiare le proprie abitudini per tornare ad avere uno stile di vita sano. Quale tipo di approccio utilizzate? «In prima battuta teniamo in considerazione il paziente, il suo mondo interno, dunque il suo stato d’animo, le ansie e i traumi. In sostanza la sua storia personale, che inevitabilmente condiziona il rapporto con il cibo che, se scorretto, causa un’infiammazione fisiologica corporea». Quindi mi sta dicendo che se sono triste mangio male, aumentando il rischio di malattie? «Scientificamente parlando, possiamo sicuramente affermare che uno stato d’animo fragile, turbato, stressato, porta ad un’alterazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, che induce a mangiare in modo scorretto. L’alterazione di questi segnali metabolici, quindi, se trascurata può portare a differenti patologie quali malattie cardiovascolari, neurodegenerative, malattie metaboliche, come ad esempio il diabete, l’obesità, et al. Ribadisco che la cattiva alimentazione è direttamente proporzionale all’infiammazione corporea».

74

BRESCIAUP

E per dirla volgarmente parlando? «[ride] Immaginiamo di essere una pentola a pressione, prima o poi la pressione del nostro corpo deve essere abbassata sfiatando la valvola; se abbassiamo la fiamma non facciamo altro che temporeggiare l’insorgere dell’infiammazione, che alla fine inevitabilmente sfocerà in una malattia. Quindi la presa di consapevolezza da parte del paziente è molto importante, in quanto gli permetterà di aprire quella metaforica valvola». Un’ultima domanda prima di salutarla; Cosa ci consiglia per scongiurare i pericoli della rivoluzione metabolica? «Non si può dare una risposta univoca e valevole per tutti. Deve essere effettuato per ogni paziente un percorso individuale. Sicuramente se dovessimo avvertire il sentore di tenere abitudini errate, sarebbe opportuno correggerle, previa adeguata informazione». Grazie per le preziose informazioni che ci ha fornito. Ora sono sempre più curioso di sapere se il mio stile di vita possa definirsi sano. Come vede la mia linea è quasi inesistente, se fosse un problema metabolico potrebbe fornirmi un programma alimentare adatto? «[ride] Non si butti giù, sono sicura che troveremo il programma adeguato per lei. In ogni caso sarei felice di rivederla anche ai prossimi incontri. Grazie a lei per il tempo dedicatomi, e si ricordi di mantenere corrette abitudini alimentari».


Il SUV compatto come lo volevi. Nuova Hyundai Kona

B Y

H Y U N D A I

Nuova Kona Diesel con motori Euro 6.2 di nuova generazione. Scopri la nuova Kona Diesel. Un motore di nuova tecnologia che riduce i consumi, gli inquinanti e aumenta l’efficienza. In più, grazie a Hyundai i-Plus GOLD, hai la certezza del Valore Futuro Garantito. Solo ad agosto tua da 16.250 euro anziché 17.500 euro solo con permuta o rottamazione e finanziamento Hyundai i-Plus GOLD (TAN 5,99% - TAEG 7,74%).

Scopri tutte le novità di Kona su hyundai.it SALVO CONDIZIONI E LIMITAZIONI INDICATE DA CONTRATTO. Gamma nuova Kona: consumi l/100km (ciclo medio combinato) da 4,9 a 8,5. Emissioni CO2 g/km da 129 a 194. Prezzo listino €20.500 e prezzo promo €17.500 riferito a nuova Kona 1.6 CRDi 115 CV Classic, IPT e PFU esclusi. Offerta valida fino al 31/08/2018, con il contributo delle concessionarie aderenti. Offerta valida in caso di permuta o rottamazione di veicolo usato. Annuncio pubblicitario con finalità promozionale. Esempio rappresentativo di finanziamento con la formula “Hyundai i-Plus Gold”: prezzo di listino €20.500, prezzo promo con finanziamento Gold €16.250, anticipo €3.970; importo totale del credito €14.079,49, da restituire in 35 rate mensili ognuna di €199,00 ed una rata finale di €9.635, importo totale dovuto dal consumatore €16.747,97. TAN 5,99% (tasso fisso) - TAEG 7,74% (tasso fisso). Spese comprese nel costo totale del credito: interessi €2.170,40, istruttoria €350,00, incasso rata €3,00 cad. a mezzo SDD, produzione e invio lettera conferma contratto €1,00; comunicazione periodica annuale €1,00 cad.; imposta sostitutiva: €36,07. Offerta valida dal 01/08/2018 al 31/08/2018. Condizioni contrattuali ed economiche nelle “Informazioni europee di base sul credito ai consumatori” presso i concessionari e sul sito www.santanderconsumer.it. Salvo approvazione di Santander Consumer Bank. Creditor Protection Insurance (Polizza Credit Life per dipendenti del settore privato - contratto di assicurazione vita inabilità totale permanente, perdita d’impiego; in alternativa, Polizza Credit Life per qualsiasi tipologia di lavoratore - contratto di assicurazione vita, inabilità totale temporanea e permanente) - durata della copertura pari a quella del finanziamento, premio €621,37 compagnie assicurative: Cnp Santander Insurance Life Dac e Cnp Santander Insurance Europe Dac (facoltativa e perciò non inclusa nel TAEG). Prima della sottoscrizione leggere il fascicolo informativo, disponibile sul sito internet www.santanderconsumer.it e consultabile presso le filiali Santander Consumer Bank e i concessionari. Assicurazione facoltativa (pertanto non inclusa nel TAEG) Zurich Insurance Company Ltd Incendio, Furto e garanzie Cristalli, Atti vandalici, Eventi naturali, Assistenza Furto e 24 mesi di Valore a Nuovo; durata 36 mesi; esempio €1.178,13 su prov. FI comprese imposte. Prima della sottoscrizione della suddetta copertura assicurativa leggere i fascicoli informativi consultabili presso le filiali Santander Consumer Bank e i concessionari e disponibili sul sito internet www.santanderconsumer.it. Messaggio finalizzato al collocamento di polizze auto. *Condizioni e limiti della garanzia Hyundai su www.hyundai.it/servizipostvendita/5anni.aspx. Tale Garanzia proposta non si estende a tutte le componenti delle autovetture. La Garanzia Hyundai di 5 Anni a Chilometri Illimitati si applica esclusivamente ai veicoli Hyundai venduti al cliente finale da un Rivenditore Autorizzato Hyundai, come specificato dalle condizioni contrattuali contenute nel libretto di garanzia.


I

PERFORMANCE CLUB

Il palazzo rurale I performance Club Nata già da oltre due anni, I PERFORMANCE CLUB, è un’associazione di riferimento per imprenditori e professionisti. In questo tempo IPC non si è fermata solo allo spirito aggregativo “ludico e conviviale”, ma ha dato vita a vere e proprie opportunità per i soci. Tra i vari contenuti evidenziamo THE MIRROR e MANGIAPAROLE, due attività aggregative che nello stesso tempo aiutano concretamente l’imprenditore ed il professionista a conoscersi meglio ed a confrontarsi senza barriere. Il nostro motto: INSIEME SIAMO PIÙ FORTI MANGIAPAROLE: Ogni mese il club organizza un pranzo a tema con un numero prestabilito di soci, non solo per degustare cibo di eccellenze italiane, ma anche per riscoprire i valori e le

76

BRESCIAUP


LO OL #F W

Primo incontro al rientro dalle vacanze Settembre 2018

sensazioni di una vera famiglia all’italiana, un pranzo dove professionisti ed imprenditori possono sedere allo stesso tavolo e condividere pensieri riflessioni con semplicità. THE MIRROR: i soci professionisti scendono in campo e si mettono a disposizione per offrire pura consulenza in svariati ambiti. Questo Format consente di confrontare le proprie strategie in essere per valorizzarle o correggerle. The mirror consente di accelerare il confronto tra i soci. In quest’ultimo anno, dopo una riunione del direttivo del club, abbiamo dato vita ad una nuova realtà denominata FLEXIX, con l’obbiettivo di dare servizi integrati alle imprese. Ovvero: In quest’ultimo decennio, difficile e critico, c’è sempre più esigenza da parte di imprenditori di ricevere consulenza integrata e specifica su più aree, proprio per trovare i giusti percorsi per superare o risolvere difficoltà. Non è facile far sedere attorno ad un unico tavolo più tecnici e consulenti che parlino la stessa lingua per risolvere o trovare delle soluzioni alle domande che l’imprenditore pone per arrivare ai propri obiettivi . La flexis ha questo plus.

I Performance Club Via Parma 10 - Brescia I Performance Club info@iperformanceclub.it www.iperformanceclub.it

77

BRESCIAUP

WHO WHERE FB. MAIL WEB


MOTORI UP Attilio Tantini

Il Gran Premio

NUVOLARI

78

BRESCIAUP


MOTORI UP Attilio Tantini

“Abbiamo coronato un sogno...”

P

er metà siculo, per metà bresciano. È l’equipaggio a «sangue misto» formato dal palermitano Giovanni Moceri e dal desenzanese Daniele Bonetti ad aver vinto il Gran Premio Nuvolari, la manifestazione più importante al mondo dopo la Mille Miglia nell’ambito delle auto storiche.

fa Romeo 6C 1750. Terzo gradino del podio per i siciliani Francesco e Giuseppe Di Pietra a completare un podio per metà formato da regolaristi bresciani. «E’ stata una bellissima soddisfazione perchè ci te-

La coppia della Loro Piana Classic, già seconda all’ultima 1000 Miglia, ha preceduto a bordo di una Fiat 508C il duo valtriumplino formato da Andrea Vesco e Andrea Guerini, presentatisi al volante di un’Al-

nevamo davvero tantissimo - assicura Giovanni Moceri, nella vita di tutti i giorni pediatra - : dopo avergli visto vincere sette Nuvolari consecutivi pensavamo che gli Andrea non fossero umani. Per fortuna hanno dimostrato di esserlo anche loro». Decisamente soddisfatto anche Daniele Bonetti, da quasi dieci anni a fianco dell’amicio siciliano. «Abbiamo inseguito per anni questo successo e ne siamo felicissimi - ricorda - : è stata una gara durissima che non ammetteva distrazioni, abbiamo coronato un sogno».

Via san zeno, 76 Brescia Tel. 030 419 6421 Siamo aperti tutti i giorni h 12.00 - 15.00 h 18.00 - 00.00 La Terrazza ristorante - pizzeria


MISS DEL MESE

Anna Favagrossa

ETÀ: 18 anni

PARLACI DI TE... Ciao a tutti, sono Anna e vengo da Bovezzo. Quest’anno intraprendo gli studi di scienze della formazione primaria presso l’Università cattolica del sacro cuore di Brescia. Prima di avere la passione per la moda ero una ballerina di danza classica a livello agonistico ma all’età di 16 anni ho dovuto smettere. In futuro mi piacerebbe seguire qualche corso di formazione alla scala per poi poter essere abilitata all’insegnamento. La passione per le sfilate è nata come un gioco e ora amo sfilare, fare foto e oltre a voler diventare insegnante di danza mi piacerebbe farmi conoscere su qualche passerella abbastanza importante... Caratterialmente sono una ragazza buona, ma essendo uno scorpione se mi arrabbio so essere anche molto cattiva!

Miss

VUOI ESSERE TU LA PROSSIMA DEL MESE? Invia 6 fotografie e i tuoi dati con una breve presentazione a ufficiografico@bresciaup.it


Professionisti del Relax

81

BRESCIAUP


Remember Vintage

VILLA FENAROLI La nuova edizione della mostra mercato torna il 10 -11 Novembre 2018 nelle gallerie e nelle splendide sale della prestigiosa Villa Fenaroli di Rezzato (Bs) proponendo come sempre il meglio di accessori e abbigliamento vintage, workshop, dèfilee’ di moda, hair styling, spettacoli musicali, importanti realtà collaterali e interventi in stile con un nuovo programma eventi per un altro tuffo nel passato di alta qualità. Splendida Villa del ‘700 immersa in un meraviglioso parco alle porte di Brescia. In passato dimora

delle nobili famiglie bresciane Avogadro e Fenaroli, un elegante hotel e centro congressi che ha mantenuto intatta l’antica e maestosa atmosfera. Villa Fenaroli Palace Hotel apre di nuovo le sue stanze a questo evento vintage di alto profilo. Torna con la XIV edizione autunno REMEMBER VINTAGE, la mostra mercato dedicata al Vintage, modernariato, design, handmade, remake, autoproduzioni e collezionismo d’epoca.

Una Mostra mercato nelle sale di questa prestigiosa dimora del ‘700 con il meglio di abbigliamento e accessori vintage, modernariato, oggettistica, arredamento d’epoca, autoproduzioni e remake con più di settanta espositori provenienti da tutto il territorio Nazionale.

Un evento che anche nella scorsa edizione ha rispettato il solito grande interesse da parte del popolo del vintage e non solo ed ha permesso di fare un tuffo nel passato a migliaia di visitatori.

Tanti nuovi spettacoli proposti in questa edizione autunnale, sabato una nuova importante sfilata e defilee di moda della stilista Patrizia Concari con la passerella e un omaggio a tutte le Testimonial di Remember Vintage, il Fun Party con Happy hour e apericena con il Dj set revival by Antico Domingo e Dj Frank e spettacoli dal vivo con interventi di musica classica e moderna offerti dalla violinista ucraina Julia Joy.

Un successso,che ancora una volta dimostra quel legame inscindibile con il passato che arriva intatto ai giorni nostri e che permette a chi non li ha vissuti di assaporare le atmosfere di quegli anni indimenticabili.

Domenica mattina dalle ore 10.00 Il Fotoclub Valtenesi proietterà una rassegna di audiovisivi dal titolo “CondiVISIONE” – nella Sala Teatro Scalabrini e nel pomeriggio in teatro vi sarà lo spettacolo “Essere Protagonisti del primo 900” una ripresa fotografica in forma gratuita a tutti coloro che si presentano sul set.

La manifestazione si svolgerà Sabato 10 Novembre in orario continuato dalle 11.00 alle 23.00 e Domenica, 11 Novembre in orario continuato dalle 10.00 alle 20.00 e sarà arricchita con nuove e importanti realtà ed eventi collaterali in tema.

Uno staff di fotografi del Gruppo Fotofrafia Arte Contemnporanea,coordinati da Luigi Mazzoleni e Andrea Damiani eseguirà degli scartti rispettando lo stile artistico dell’epoca corrispondente all’abbigliamento indossato. Le acconciature e il make up sono a cura dello staff Hair Vintage

82

BRESCIAUP


VILLA

Fenaroli

10-11 NOVEMBRE 2018

Team, diretto dall’Hairstylist Mara Battistella per Cut&Color. Come sempre nelle due giornate di manifestazione vi sarà una mostra di auto e di moto d’epoca nel piazzale della Villa offerto da 39 Vantini Old Style di Brescia e da privati collezionisti di motori vintage.

REMEMBER VINTAGE Villa Fenaroli 10-11 Novembre 2018

A Villa Fenaroli il tempo si cristallizza ai mitici anni 50 60 70 sabato 10 e domenica 11 novembre si respirerà ancora aria di altri tempi nei saloni e nelle gallerie di Villa Fenaroli a Rezzato (Bs) con la quattordicesima edizione di REMEMBER VINTAGE, la mostra mercato dedicata al Vintage,modernariato design, handmade e collezionismo d’epoca che permetterà di fare un tuffo nel passato a migliaia di bresciani. Un evento che nelle scorse edizioni ha rispettato il solito grande interesse da parte del popolo del vintage e non solo, con un’affluenza che supera abbondantemente le 3000 presenze in due giorni di manifestazione. Del resto come non ammirare gli abiti dei pi grandi stilisti che ancora oggi ispirano lo stile e il modo di

vestirsi,perche’ i corsi e ricorsi della moda sono come le onde del mare,tornano sempre. Sottogonne di tulle, pieghe morbide di gonne a ruota, o i micro golf “bon ton” da portare sopra le spalle nude e coprire le scollature vertiginose di abiti fascianti le micro borse con i manici oppure i guanti lunghi che ispirano sensualità. Il Party di Remember Vintage,con Dj set revival e interventi di musica classica e moderna. Una manifestazione di successo,che ancora una volta dimostra quel legame inscindibile con il passato che arriva intatto ai giorni nostri e che permette a chi non li ha vissuti di assaporare le atmosfere di quegli anni indimenticabili.

PROGETTO E ORGANIZZAZIONE Associazione Vinile Vintage Brescia www.eventivintage.it Alberto Carretta pickup@pickuprecords.com Fax: 03046441 - Tel: 338 2001012 Franco Calzoni president.congressi@gmail.com Tel: 320 6705291

83

BRESCIAUP


DUE CHIACCHIERE CON... Maria Verderio

INTERVISTA a Francesca Barra

Nei sogni di tutte le bambine, le principesse hanno splendidi e lunghi capelli biondi, occhi chiari ed espressivi e labbra carnose pronte a ricevere il bacio del principe azzurro. Nei sogni delle donne, forse, le principesse rivestono il ruolo di professioniste affermate e sicure di sÊ, ma sempre con un principe azzurro al fianco. Pensando a una principessa dei tempi moderni, non si può che pensare a lei: Francesca Barra. Ph. fonte Instagram

84

BRESCIAUP


DUE CHIACCHIERE CON... Maria Verderio

B

ella, realizzata professionalmente, amata dal pubblico e con una favola tutta ancora da vivere. Laureata in Scienze della Comunicazione, è diventata presto un volto noto della Tv. Ha lavorato come giornalista, ha scritto più di un libro ed è impegnata in politica, sempre a difesa delle donne.

Volto della TV, conduttrice radiofonica, giornalista e scrittrice: professionalmente qual è il ruolo che ti realizza maggiormente e perché?

Penso che siano tutte declinazioni di una stessa natura. Io racconto storie. Qualsiasi ruolo che non snaturi questa mia inclinazione mi appartiene come un figlio: nessun preferito.

Gestire una famiglia con tre bambini è molto impegnativo e forse lo è ancor di più per una donna che deve continuare a dare il meglio di sé al lavoro. Il mondo dello spettacolo è spietato. Come riesci a conciliare tutto?

Una mamma è una giocatrice di Tetris: incastra. E poi i figli fanno emergere forza ed energia. Aggiungono, non tolgono nulla.. Credo però che il mondo del lavoro sia faticoso e spietato per qualsiasi libera professionista e mamma. Non solo nel mondo dello spettacolo. Anzi. Tuttavia non hai permessi ferie e malattia, il lavoro non puoi programmarlo ed è imprevedibile. In questo consiste l’abilità di una mamma lavoratrice. Non trascurare nulla.

Hai tentato anche la strada della politica. Perché hai sentito questa necessità?

Per amore della mia regione. Perché pensavo di essere la persona giusta. Ma non mi hanno perdonato la scelta di un partito che nella nostra regione aveva deluso molto. Non lo rifarei. Perché ho perso molto e ho ricevuto attacchi vili. Questa non è politica. Non è lottare per il bene comune, non è avere avversari e non nemici. È proprio uno stillicidio.

Cosa ti senti di consigliare a una donna, magari bella, che decide di intraprendere la tua stessa carriera?

Sono tempi diversi. Oggi i social decidono le tue sorti più della verità. Valgono i followers più delle esperienze nel cv.

Le tue pagine Social sono sature di like e di commenti da parte dei tuoi sostenitori che, a volte, ti criticano pesantemente. Ci sono stati episodiviolenti nei tuoi confronti? Criticano pesantemente su tutto, con chiunque: malati, bambini, perfino morti. Figuriamoci con una donna che parla di politica, calcio e che ama riamata. L’importante è che non tocchino i miei figli come hanno fatto. Su questo non perdono, denuncio e lotto.

85

BRESCIAUP

In una intervista di qualche tempo fa, la Barra aveva dichiarato di essere invidiata perché dava l’immagine di una donna felice. E come darle torto: è bella, è realizzata, è nota. Ora si è pure sposata con Claudio Santamaria! Cosa chiedere di più alla vita? Aveva ragione William Shakespeare quando diceva che: “La gelosia è un mostro dagli occhi verdi che dileggia la carne di cui si nutre”.


L’importanza

N

del Gadget

on è troppo presto per pensare al Natale: quest’anno fidelizza con un Gadget.

Al rientro dalle vacanze estive si apre il quadrimestre più impegnativo dell’anno, fatto di scadenze, bilanci, previsioni e delle immancabili consegne di Natale. Un periodo che in qualche modo sembra passare più velocemente del solito e ci fa ritrovare a ridosso delle festività quasi senza accorgercene. Per evitare le situazioni di emergenza che probabilmente ben conoscete, meglio quindi partire organizzati, in particolare pianificando gli invii augurali e promozionali con largo anticipo. Gadgetmania batte la crisi: il sito iperspecialistico dedicato ai migliori gadget segnala dati ottimistici: + 6%

la spesa procapite in articoli da regalo, di cui la metà aziendali. La crisi ha fatto calare le spese per i consumi, ma gli italiani non vogliono rinunciare ai regali... Lascia il segno, regala qualcosa di speciale! Fiere, promozioni, lancio prodotto, merchandising, regali di rappresentanza: molteplici le occasioni per decidere che è “meglio dirlo con un regalo”. Qualcosa di unico, curioso, attinente per farsi ricordare, per coinvolgere e stupire. Selezionate i regali più adatti ai vostri clienti ora. Da parte nostra ricevere la migliore assistenza e preventivi senza impegno. Specialmente un bel Gadget.

GADGETMANIA.IT è a Desenzano del Garda • 030 910 8957 86

BRESCIAUP


87

BRESCIAUP


Anteprima

“TRE BICCHIERI 2018” Lombardia Gambero Rosso

L’anticipazione dei premiati dalla nuova guida “Vini d’Italia 2018” ci porta a scoprire le migliori etichette della nazione. Tra i premiati da “Gambero Rosso” con i “Tre Bicchieri 2018” spicca Franciacorta. Eccellenza italiana sempre in crescita, Franciacorta deve il suo successo alla passione, l’entusiasmo e l’abilità dei produttori che lavorano attivamente per ottenere un vino in grado di esprimere l’anima del territorio. Con 23 vini premiati all’interno della guida, cifra record per il secondo anno consecutivo, Franciacorta si conferma la Denominazione più rappresentativa della regione Lombardia. Franciacorta e Oltrepò Pavese spopolano ma non mancano i rossi di Valtellina e i bianchi Lugana a voi la lista.

Il Consorzio Franciacorta è l’organismo che garantisce e controlla il rispetto della disciplina di produzione del Franciacorta, primo vino italiano prodotto esclusivamente con il metodo della rifermentazione in bottiglia ad avere ottenuto nel 1995 la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Il lavoro del Consorzio si articola in diverse attività: dalla tutela del marchio e del territorio, alla valorizzazione del prodotto attraverso un continuo lavoro sul disciplinare e sul regolamento di produzione; dall’informazione al consumatore fino alla promozione del Franciacorta quale espressione di un territorio, di un vino e di un metodo di produzione. Fondato il 5 marzo del 1990 ha sede a Erbusco, nel cuore della Franciacorta. Il Consorzio è presieduto da Vittorio Moretti e conta 115 cantine.

Gambero Rosso è l’azienda leader del settore enogastronomico in Italia ed uno dei riferimenti per gli appassionati di tutto

il mondo. Fondata nel 1986 è ritenuta l’azienda più autorevole nel giudizio di qualità, tanto che i simboli dell’eccellenza del Gambero - i Tre Bicchieri per il vino, le Tre Forchette per i ristoranti, i Tre Chicchi e le Tre Tazzine per i bar e le Tre Foglie per i migliori produttori di olio extravergine sono diventati un traguardo ambitissimo e un punto di riferimento imprescindibile. In poche parole un marchio di garanzia.

I VINI DELLA LOMBARDIA PREMIATI CON TRE BICCHIERI:

Brut Rosé - Monsupello Extra Brut Farfalla - Ballabio Franciacorta Nature ‘61’10 - Guido Berlucchi & C. Franciacorta Brut ’12 - Lo Sparviere Franciacorta Brut Arcadia ’13 - Lantieri de Paratico Franciacorta Brut Museum Release ’07 - Ricci Curbastro Franciacorta Brut Naturae ’13 - Barone Pizzini Franciacorta Brut Satèn Soul ’11 - Contadi Castaldi Franciacorta Dosage Zéro Vintage Collection ’12 - Ca’ del Bosco Franciacorta Pas Dosé 33 Ris. ’10 - Ferghettina Franciacorta Pas Operé ’10 - Bellavista Lugana Molin’16 - Cà Maiol OP Brut Pinot Nero ‘More ’13 - Castello di Cigognola OP Brut Top Zero - F.lli Giorgi OP Dosage Zero Vergomberra ’12 - Bruno Verdi OP Pinot Nero Brut M. Cl. Cuvée della Casa - Francesco Montagna - Bertè & Cordini OP Pinot Nero Rosé M. Cl. NorEma ’13 - Calatroni Pinot Nero Arfena’15 - Andrea Picchioni Valtellina Sforzato Albareda’15 - Mamete Prevostini Valtellina Sfursat Carlo Negri’15 - Nino Negri Valtellina Sup. Dirupi Ris.’14 - Dirupi Valtellina Sup. Sassella Ris.’13 - Aldo Rainoldi Valtellina Sup. Sassella Rocce Rosse Ris. ’07 - Ar.Pe.Pe.

88

BRESCIAUP


89

BRESCIAUP

Via Spalto San Marco 22, Brescia Tel 0303752955 - Cell 3383775100


STUDIO LUMINI Emanuele Lumini

FISCO

Quando scatta il penale!

M

olti contribuenti ignorano il fatto che l’errata o l’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, al superamento di determinate soglie di imposta evasa possa portare a sanzioni penali. Fondamentalmente le fattispecie illecite contemplate dalla normativa si differenziano a seconda degli illeciti commessi ed hanno diverse soglie di punibilità che è molto importante conoscere. Dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture o altro documento per operazioni inesistenti: si realizza quando vengono indicati elementi passivi fittizi [costi] e non prevede alcuna soglia di punibilità. Tale condotta prevede la reclusione da 18 mesi a 6 anni. Dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di artifizi in contabilità: si commette, al fine di evadere le imposte sui redditi o sull’Iva, alterando le scritture contabili obbligatorie. Il reato viene punito con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Per l’applicazione del reato c’è bisogno del superamento congiunto di 2 soglie di punibilità: 1.Evasione d’imposta di € 30.000,00; 2.Elementi attivi non dichiarati superiori al 5% di quelli dichiarati o, comunque ad € 1,5 milioni. Dichiarazione infedele: trattasi di una fattispecie la cui struttura coincide

sostanzialmente con l’illecito della dichiarazione fraudolenta ma si differenza da essa per l’assenza d’impiego di mezzi fraudolenti. La sanzione penale da 1 a 3 anni scatta al superamento congiunto delle seguenti due soglie: 1.Evasione d’imposta di €. 150.000,00; 2.Elementi attivi non dichiarati superiori al 10% di quelli dichiarati o, comunque, ad €. 3 milioni. Omessa dichiarazione: la fattispecie di reato si commette quando la società o il contribuente persona fisica, al fine di evadere le imposte sui redditi o l’Iva, non presenta, essendovi obbligato, una delle dichiarazioni annuali. Non si considera omessa la dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine o non sottoscritta o non redatta su uno stampato conforme al modello prescritto (dichiarazione tardiva). Il reato viene punito con la reclusione da 1 a 3 anni quando l’imposta evasa supera i € 50.000,00 per ogni singola dichiarazione omessa. La pena è aumentata (da 18 mesi a 4 anni) se la dichiarazione è omessa dal sostituto d’imposta. Emissione di fatture di vendita false: la fattispecie di reato si commette, quando al fine di evadere le imposte sui redditi o sull’Iva, si emettono o rilasciano a terzi fatture di vendita o altri documenti falsi. Il reato viene punito con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Non ci sono soglie

90

BRESCIAUP

minime di punibilità. Occultamento o distruzione di documenti contabili: la fattispecie di reato si commette occultando o distruggendo in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti contabili. Il reato viene punito con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. Non ci sono soglie minime di punibilità. Omesso versamento di ritenute certificate o Iva: La soglia per l’omesso versamento di ritenute è di € 150.000,00 mentre per l’omesso versamento Iva è di € 250.000,00. Il reato viene punito con la reclusione da 6 mesi a 2 anni. Compensazioni indebite: per i crediti non spettanti, la pena è la reclusione da 6 mesi a 2 anni mentre per i crediti inesistenti la pena è la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. L’inesistenza presuppone che il soggetto abbia agito con un intento fraudolento sicuramente maggiore, creando artificiosamente e ad hoc crediti mai esistiti al solo fine di non versare le imposte dovute. Per entrambe le fattispecie di reato tributario, la soglia penalmente rilevante è di € 50.000,00.

Studio Lumini

CONSULENZA SOCIETARIA, TRIBUTARIA ED AZIENDALE

Milano

Viale Premuda, 21 - 20129 Milano

Brescia

Via Aldo Moro, 13 - 25124 Brescia Tel. 030 2428356 - Fax 030 2428679


WWW.OMARFORLINI.COM

VIALE SANT’EUFEMIA, 186/C - BRESCIA - ITALIA 91

BRESCIAUP


IL TOUR DEL GUSTO Durante le vacanze estive si sa, si pranza e si cena preferibilmente fuori; quale novità IN REDAZIONE NON HA fatto svanire in ricordi i profumi, le atmosfere e i sapori da sogno? La nuova rubrica IL TOUR DEL GUSTO che da settembre vi porterà alla scoperta di fantastici piatti preparati dai nostri chef e giudicati da noi. Quale piatto alla fine del tour avrà i voti piu alti?

TOUR

del

La nostra quotidianità è scandita e collegata da diverse tipologie di pasto, quello veloce della mattina durante la settimana lavorativa, quello sensoriale e rigenerante del pranzo al ristorante, quello intimo di casa nostra la sera, ma, qualunque esso sia, vogliamo sempre essere felici e regalarci momenti di piacere.

ATTESA: 7 LIVELLO COTTURA: 9 QUALITÀ: 9 PRESENTAZIONE: 8 CORDIALITÀ: 9

Piatti tipici Bresciani, novità, classici rivisitati, piatti dello chef, verranno a rotazione ogni mese messi sotto giudizio da noi, per assicurarvi che QUANDO SI MANGIA NON SI SCHERZA.

ACCOGLIENZA: 8 IL VOTO DEL NOSTRO LETTORE:

Primi piatti, dolce, salato, contorni, pizze non importa a che categoria appartenga il piatto noi siamo pronti a gustare le mille varianti che ci proporranno i nostri chef. Vi apriamo le porte dei ristoranti della provincia attraverso soste senza preavviso. Ci soddisferanno o rimarremo delusi? Il meccanismo della rubrica “il tour del gusto” ha lo scopo di stabilire chi tra i ristoranti della provincia in cui mangeremo sarà il migliore. Nel corso della nostra visita daremo dei voti. I criteri valutati sono: - Attesa - Livello di cottura - Qualità - Presentazione - Cordialità - Accoglienza

8

Risotto alla Pescatora Il profumo dei molluschi, la consistenza del risotto, un buon bicchiere di vino bianco servito alla giusta temperatura e il gioco è fatto: non siete in vacanza, ma al Ristorante Il Braciere, in via Prospero Rizzini, 38 a Cazzago San Martino (BS). Il risotto alla pescatora con i suoi aromi vi farà sognare di essere già davanti al mare...

SE HAI PRESO NOTA DEI NOSTRI VOTI O TI È VENUTA FAME PUOI CONSIDERARTI GIÀ PARTE DI QUESTE VISITE A SORPRESA! QUALE SARÀ IL PROSSIMO PIATTO VITTIMA DEL NOSTRO TOUR? SEGUICI SUL PROFILO INSTAGRAM @BRESCIAUP, TIENI CONTROLLATE LE NOSTRE STORIES, SE SAREMO IN UN RISTORANTE CHE GIÀ CONOSCI AVRAI LA POSSIBILITÀ DI DARE IL TUO GIUDIZIO, VOTANDO! A PRESTO!

92

BRESCIAUP


93

BRESCIAUP


ORA DELL’APERITIVO Ci troviamo al Caffè Impero, un bar in Piazza Vittoria a Brescia. Il locale è di gusto e molto accogliente, lo staff è cordiale e simpatico. Si parla molto dei cocktail creativi che Caffè Impero prepara. Curiosi, siamo venuti a provarlo in prima persona! Questo è il nostro giudizio. E il vostro qual’è?

ORAdell’APERITIVO ATTESA: 8 QUALITÀ: 8 PRESENTAZIONE: 8 CORDIALITÀ: 9 ACCOGLIENZA: 9 IL VOTO DEL NOSTRO LETTORE:

9

“Lo Specialino” “Quando entrare in un bar e chiedere un pirlo o uno spritz era un’offesa per il barista..” INGREDIENTI VINO BIANCO CAMPARI O APEROL UN MIX DI AMARICANTI (RICETTA SEGRETA) BITTER TWIST D’ARANCIA

SE HAI PRESO NOTA DEI NOSTRI VOTI PUOI CONSIDERARTI GIÀ PARTE DI QUESTE VISITE A SORPRESA! QUALE SARÀ IL PROSSIMO COCKTAIL VITTIMA DEL NOSTRO TOUR? SEGUICI SUL PROFILO INSTAGRAM @BRESCIAUP, TIENI CONTROLLATE LE NOSTRE STORIES, SE SAREMO IN UN RISTORANTE CHE GIÀ CONOSCI AVRAI LA POSSIBILITÀ DI DARE IL TUO GIUDIZIO, VOTANDO! A PRESTO!

94

BRESCIAUP


Mille 49 Miglia 49 Miglia Mille


Non limitarti a sognare che tutto possa cambiare ARIETE

BILANCIA

Obbiettivo per ottobre: ricerca della pace. Ma se settembre è stato faticoso, non aspettatevi un ottobre leggerissimo, avete ancora progetti e questioni da portare a termine.Vita semplice per chi invece è in fase di una nuova occupazione! In amore è un momento di reciproche incomprensioni, ma non ne volete sapere di agire con ragionevolezza e calma. Tempo al tempo!

In questo mese in cui la parola d’ordine è rinnovarsi. Dovresti pensare a prenderti cura di te, del resto è proprio la parte che è in continuo rinnovamento ogni giorno. Cambiare pelle e lasciare il vecchio è proprio il punto centrale di questo periodo. Il rinnovamento richiede un ciclo di detossificazione magari con un fluido a base di aloe!

SCORPIONE

TORO Per voi Ottobre inizia con il vento in poppa! Non date troppo peso alle piccole circostanze che sembrano volervi quasi caricare eccessivamente di responsabilità: vivete alla giornata senza esagerare con i propositi, fate le vostre cose con calma e prendetevi il giusto tempo.

La presenza di Giove nel vostro segno, fino a novembre, vi regalerà belle energie, ottimismo, ambizione e determinazione: il mix giusto per raggiungere nuovi obbiettivi e lanciarvi in qualche sfida. E, inoltre, avete il sostegno di Saturno, Plutone e Nettuno che vi consente libertà di pensiero, tranquillità interiore e di proiettarvi al futuro.

GEMELLI

SAGITTARIO

Cari amici gemelli, nell’ultimo periodo vi è capitata qualunque cosa: imprevisti, grattacapi, falsi allarmi. Ma adesso che siete sulla cima dell’Everest fermatevi e guardate, ce l’avete fatta e siete più forti di prima! Riprendete in mano tutto ciò che avete lasciato indietro. La tempesta è alle spalle!

Ottobre è un mese da prendere con le pinze. Il contrasto dei pianeti nel segno della Vergine parla di un periodo un po’ stressante. Il lavoro e la vostra immagine professionale saranno sicuramente in primo piano. In amore e in famiglia sarà meglio evitare un atteggiamento ipercritico, potrebbe risultare stancante. Nonostante la vostra buona costituzione non siete invincibili, anche se spesso credete di esserlo!

CANCRO

CAPRICORNO

Questo, per i nati sotto il segno del cancro, è un momento di riflessione. Chi vi conosce sa quanto siano importanti per voi la famiglia e gli affetti cari ma ora sarete in grado di fermarvi e riflettere, chiedervi se siete felici e se la strada che avete intrapreso è quella che vi rende felice. BUONA FORTUNA!

Ancora in forma smagliante! Questa è una fase ottima, avete trovato un buon equilibrio tra interiorità e narcisismo. Riuscite a coniugare i due elementi, vivete di passioni, sia amore che lavorative. Ogni piccola vittoria è frutto del vostro impegno!

LEONE

ACQUARIO

Finalmente avete trovato la fiamma che alimenta la vostra euforia! Un leone vuole vivere sempre al massimo, essere apprezzato e talvolta essere visto come anticonformista. Qualche imprevisto ha rallentato il vostro cammino però abbandonate le domande e i tormenti e concentratevi sulle emozioni, con leggerezza.

Marte forma un quadrato con voi nella parte iniziale del mese di ottobre, esponendovi ad eventi imprevisti e una sorta di conflitti e di contraddizioni. Mantenete un atteggiamento prudente, al fine di non correre inutili rischi che potrebbero mettere in gioco il vostro futuro. Siete creativi e originali, non insistete nel dire che avete sempre ragione!

VERGINE

PESCI

Strategici, il carisma al top, con la forte volontà di cambiare ciò che dovete. Trasformare il lavoro e, ciliegina sulla torta, le finanze saranno più che favorite! Eccovi dunque, forti, coraggiosi, tenaci, razionali, un po’ manipolativi, con un atteggiamento che conquista c h i u n q u e!

Potreste essere tentati da un tirocinio di sviluppo personale. Potreste essere più che mai portati da un desiderio d’apertura, di superamento dei vostri soliti orizzonti, d’allargamento delle vostre conoscenze.Potreste anche fare l’incontro di una persona saggia e proverete interesse per campi un po’ misteriosi. Tutto ciò potrebbe essere positivo per la vostra evoluzione!

96 96

BBRREESSCCI IAAUUPP



RANGE ROVER EVOQUE

PRONTA A DARTI TUTTO, CHIEDENDOTI SOLO LA METÀ.

RANGE ROVER EVOQUE CON CAMBIO AUTOMATICO INCLUSO È TUA CON € 19.515* GRAZIE A EASY LAND ROVER. E DOPO DUE ANNI DECIDI SE TENERLA, CAMBIARLA O RESTITUIRLA. È sempre il momento giusto per scegliere Range Rover Evoque, ma oggi lo è ancora di più perché il cambio automatico è incluso. Non perdere l’occasione di guidare quest’auto straordinaria che racchiude l’essenza di Range Rover in una forma compatta, in cui ogni millimetro è funzionale ed elegante, perfetta per vivere la città anche grazie alle innovative tecnologie di informazione, intrattenimento e assistenza alla guida. Subito tua grazie a Easy Land Rover.

RANGE ROVER EVOQUE CON CAMBIO AUTOMATICO ED EASY LAND ROVER ANTICIPO € 19.515 NESSUNA RATA PER 24 MESI TAN FISSO 0% TAEG 0,95% VALORE GARANTITO FUTURO PARI A € 19.515

BRESCIA MOTORI

Via Padana Superiore 34, Castegnato - 030 3229881 concierge.bresciamotori@landroverdealers.it bresciamotori.landrover.it Valori riferiti a Range Rover Evoque 2.0 TD4 150CV AWD Diesel con Cambio Automatico Pure 19MY. Consumi Ciclo Combinato 6,4 l/100 km. Emissioni CO2 166 g/km. Scopri le soluzioni d’acquisto personalizzate di LAND ROVER FINANCIAL SERVICES. Land Rover consiglia Castrol Edge Professional. * Prezzo di vendita promozionale riferito a Range Rover Evoque 2.0 TD4 150CV AWD Diesel con Cambio Automatico Pure 19MY pari a € 39.030 (IVA inclusa, esclusa IPT). Anticipo: € 19.515,00, 25 mesi, nessuna rata mensile; rata finale residua dopo 24 mesi con limite di 50.000 Km pari al Valore Garantito Futuro € 19.515,00 (da pagare solo se il cliente tiene la vettura). Importo totale del Credito: € 19.515,00. Spese apertura pratica € 350 e bolli € 16 da pagare in contanti; spese invio estratto conto € 3,00 per anno. Importo totale dovuto: € 19.890,00. Tan fisso 0%, TAEG 0,95%. Salvo approvazione della Banca. Iniziativa valida fino al 31/10/2018. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Fogli informativi presso le Concessionarie Land Rover aderenti all’iniziativa. Fino ad esaurimento scorte. La vettura raffigurata non corrisponde alla versione Range Rover Evoque 2.0 TD4 150CV AWD Diesel con Cambio Automatico Pure 19MY.


Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.