Page 1

Ardone | Panico | Pirozzi

Italiano dell’Esame di Stato Una guida ragionata alla nuova prova scritta di Italiano dell’Esame di Stato: • tipologia A: analisi e interpretazione di un testo letterario; • tipologia B: analisi e produzione di un testo argomentativo; • tipologia C: riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. Per ciascuna tipologia vengono proposte: • tracce guidate, che conducono lo studente alla comprensione e analisi del testo presentato e alla produzione autonoma e critica di un proprio elaborato; • tracce non guidate, che, concepite in conformità con le più recenti indicazioni ministeriali, possono essere utilizzate per le esercitazioni in classe o a casa; • tracce svolte, che fungono da modello per la composizione di un testo coerente, coeso e argomentato. Un’ampia e articolata sezione è dedicata in particolare all’argomentazione, vera novità dell’Esame di Stato, e alle sue tecniche, illustrate attraverso numerosi esempi e puntuali esercizi. Completano il volume: • le griglie per la valutazione che, strutturate in base agli indicatori forniti dal Miur, consentono di calcolare in maniera semplice e precisa il punteggio da attribuire a ogni elaborato in relazione alla sua correttezza grammaticale, sintattica e contenutistica; • la normativa di riferimento concernente la nuova prova scritta di Italiano.

edizioni

ibiscus

La

si ar er e. id nt ns ige co a v da tiv è a o rm nc no fia a a d o me cin co i on , all io on l t erc de m izi ni o m ist co Ed izio 0-3 ano vv ri ga d 95 li ro uo sp f pi s E -3 i Ita to e ito S u 68 d ta m tu lu ra La bisc 8-4 ova di S vo g r e I 8 o ne st io 8- a p m ue p 97 ov Esa Q cam u l’

n l

de

SS2036 copertina.indd 1

La nuova prova di Italiano dell’Esame di Stato

La nuova prova di

ibiscus edizioni

Euro 8,90

Ardone | Panico | Pirozzi

La nuova prova di

Italiano dell’Esame di Stato Analizzare Argomentare Esporre

ibiscus edizioni

14/01/19 15:13


Indice Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 L’argomentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 1. Che cos’è l’argomentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 2. Argomentazioni, premesse e conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 3. Struttura del testo argomentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 4. Caratteristiche del testo argomentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 5. Strategie argomentative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 6. Formulazione della tesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 7. L’organizzazione delle argomentazioni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 8. Le tecniche argomentative .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 9. Le fallacie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

Tipologia A – Analisi del testo letterario .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Traccia guidata 1 - Luigi Pirandello, Una crisi d’identità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Traccia guidata 2 - Pietro Jahier, Ballata dell’uomo più libero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 Traccia non guidata 3 - Gabriele D’Annunzio, Il vento scrive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Traccia non guidata 4 - Giuseppe Ungaretti, Girovago . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Traccia non guidata 5 - Eugenio Montale, Il canneto rispunta i suoi cimelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 Traccia non guidata 6 - Umberto Saba, Quel che resta da fare ai poeti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Traccia non guidata 7 - Cesare Pavese, La scoperta della letteratura americana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 Traccia non guidata 8 - Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 Traccia non guidata 9 - Vittorio Sereni, Quei bambini che giocano .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Traccia non guidata 10 - Italo Calvino, Coscienza .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 Traccia non guidata 11 - Carlo Emilio Gadda, Il linguaggio in un testo radiofonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59 Traccia non guidata 12 - Valerio Magrelli, Senza accorgermene ho compiuto .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 Traccia svolta 13 - Giovanni Verga, I Malavoglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63 Traccia svolta 14 - Cesare Pavese, Verrà la morte e avrà i tuoi occhi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

Tipologia B – Testo argomentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Traccia guidata 1 – Ambito artistico • Lorenzo Misuraca, Street art come trompe l’oeil dello stato sociale .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Traccia guidata 2 – Ambito letterario • Italo Calvino, Calvino commenta Montale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 Traccia guidata 3 – Ambito storico • Antonio Prete, Il Sessantotto. La fascinazione dell’inizio .. . . . . 87 Traccia guidata 4 – Ambito filosofico • Gianni Vattimo, Nichilismo e postmoderno in filosofia . . . 95 Traccia guidata 5 – Ambito scientifico • Giulio Meneghello, L’eolico ad alta quota fa male al clima? . 102 Traccia guidata 6 – Ambito tecnologico • Alessia Varalda, Il lato oscuro della domotica . . . . . . . . . . . . . . . 108 Traccia guidata 7 – Ambito economico • Stefano Amadeo, Brexit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114

2

quaderno studente.indb 2

14/01/19 15:22


Traccia guidata 8 – Ambito sociale • Vincenzo Franceschi, Ludopatia: una malattia della società liquida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 Traccia non guidata 9 – Ambito artistico • Mario De Micheli, La negazione dadaista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129 Traccia non guidata 10 – Ambito letterario • Umberto Eco, Una problematica mal posta . . . . . . . . . . . . . . 131 Traccia non guidata 11 – Ambito storico • Luigi Ferrajoli, Popolo costituente e migrante . . . . . . . . . . . . . . . . 133 Traccia non guidata 12 - Ambito filosofico • Massimo Recalcati, Il padre primigenio del totalitarismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135 Traccia non guidata 13 – Ambito scientifico • Stephen Buranyi, Usciamo dalla plastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137 Traccia non guidata 14 – Ambito tecnologico • Ercole Dalmanzio, L’obsolescenza programmata: un fenomeno “antico” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139 Traccia non guidata 15 – Ambito economico • Luca De Biase, Il lavoro del futuro .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142 Traccia non guidata 16 – Ambito sociale • Francesco Costa, E poi comprammo una mazza per difenderci dagli spray .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144 Traccia svolta 17 – Ambito letterario • Stéphanie Lanfranchi, Leopardi ottimista, un mito del Novecento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146 Traccia svolta 18 – Ambito storico • Enrico Manera, Memoria dalla Grande guerra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Traccia svolta 19 – Ambito scientifico • Maurizio Sentieri, Lune artificiali e gli insegnamenti della notte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154

Tipologia C – Testo espositivo-argomentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 Traccia guidata 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 Traccia non guidata 2 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162 Traccia non guidata 3 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162 Traccia non guidata 4 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163 Traccia non guidata 5 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164 Traccia non guidata 6 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164 Traccia non guidata 7 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 Traccia non guidata 8 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 Traccia non guidata 9 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166 Traccia svolta 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167

La valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169 Griglia di valutazione per l’elaborato di Italiano - Tipologia A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170 Griglia di valutazione per l’elaborato di Italiano - Tipologia B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171 Griglia di valutazione per l’elaborato di Italiano - Tipologia C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172

La normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173 Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173 Circolare prot. n. 3050 del 4 ottobre 2018 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175 Nota 19890 del 26 novembre 2018 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184 Decreto Miur 26.11.2018, n. 769 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185 Esempi di tracce per la prima prova forniti dal Miur .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188

3

quaderno studente.indb 3

14/01/19 15:22


Introduzione L’intento del volume è quello di proporre una prima risposta alle nuove tipologie previste per la prova scritta di italiano nell’Esame di Stato di giugno 2019. Le novità, prospettate nel Decreto legislativo n. 62 del 2017, sono state maggiormente precisate e rese note nel mese di ottobre 2018 con la Circolare n. 3050. Si tratta essenzialmente di indicazioni relative alla formulazione delle tracce, alla loro tipologia e ai criteri di valutazione, indicazioni riprese poi dal Quadro di riferimento per la redazione e lo svolgimento della prima prova dell’Esame di Stato, pubblicato il 26 novembre 2018. A partire da queste informazioni è stato elaborato un piano di lavoro metodologico che potesse essere di guida per la preparazione alla prima prova di italiano. La prova scritta di italiano, in base all’articolo 17 del Decreto legislativo n. 62, deve accertare la padronanza della lingua italiana e le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato. Essa prevede diversi ambiti: • ambito artistico • ambito letterario • ambito storico • ambito filosofico • ambito scientifico • ambito tecnologico • ambito economico • ambito sociale. Dal Documento di lavoro, redatto dal gruppo coordinato da Luca Serianni, e dal Quadro di riferimento per la prima prova allegato al DM del 26 novembre, si ricavano poi le indicazioni sulle tre tipologie con cui il candidato può misurarsi: • Tipologia A. Analisi e interpretazione di un testo letterario italiano; • Tipologia B. Analisi e produzione di un testo argomentativo; • Tipologia C. Riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. Viene fissato anche il numero complessivo di prove; al candidato saranno fornite sette tracce: due per la tipologia A, tre per la tipologia B e due per la C. Il volume è dunque finalizzato a promuovere la consapevolezza espressiva e argomentativa richiesta dalla prima prova. In particolare si prefigge i seguenti obiettivi didattici: • fornire chiare e precise nozioni relative all’argomentazione e alle caratteristiche del testo argomentativo; • illustrare in maniera semplice e comprensibile la metodologia di analisi di testi letterari italiani in prosa e in poesia e di testi argomentativi; • proporre un metodo di lavoro, con l’ausilio di esemplificazioni commentate ed esercitazioni pratiche anche guidate; • esporre i procedimenti operativi per la produzione di testi coerenti con le tre tipologie testuali previste dal nuovo Esame di Stato.

4

quaderno studente.indb 4

14/01/19 15:22


Introduzione Il volume è strutturato in tre parti: • la prima è incentrata sull’argomentazione e sul testo argomentativo; per ogni aspetto dell’argomentazione viene fornita una breve spiegazione teorica seguita da esercizi di comprensione; • la seconda riguarda le tre tipologie del nuovo Esame di Stato; per ciascuna di esse vengono presentate tracce guidate, tracce non guidate da svolgere come esercitazione e tracce svolte a titolo di esempio; • la terza parte è dedicata alla valutazione. Completa il volume una raccolta normativa che comprende indicazioni e note emanate dal Miur relativamente alle novità inerenti alla prima prova scritta dell’Esame di Stato. Vengono inoltre presentate anche le prove esemplificative diffuse dal Ministero per indirizzare gli studenti dell’ultimo anno. Nella sezione teorica, le informazioni sul testo argomentativo sono corredate da numerosi esempi e da una articolata batteria di esercizi. Nella parte dedicata alle tre tipologie testuali, il volume diventa un quaderno di lavoro: sulla pagina lo studente dovrà elaborare un testo rispondendo a precise consegne. L’ultima sezione, che si incentra sui criteri di valutazione, propone delle griglie, differenziate per tipologia testuale, elaborate a partire dalle indicazioni ministeriali.

5

quaderno studente.indb 5

14/01/19 15:22


L’argomentazione 1. Che cos’è l’argomentazione Tramite il testo argomentativo chi parla o scrive esprime la propria opinione su di un tema e presenta delle argomentazioni, cioè un insieme di ragionamenti opportunamente collegati fra loro con lo scopo di convincere il lettore della validità delle sue affermazioni. Una argomentazione è, dunque, un insieme di enunciati dichiarativi che ha l’intento di rendere un’affermazione più credibile. Suo scopo è quello di provocare o accrescere l’adesione alle tesi che vengono presentate in modo da determinare presso gli ascoltatori l’azione voluta o da indurli a credere a qualcosa. Nella discussione argomentativa non è sufficiente asserire che una certa proposizione P è vera o falsa, ma bisogna fornire ragioni sufficienti per giustificare almeno parzialmente i motivi per cui una persona dovrebbe credere alla verità o alla falsità di P. Naturalmente ci sono altri modi per persuadere le persone a fare determinate scelte o a compiere determinate azioni. Anche la pubblicità e la propaganda, ad esempio, possono essere utilizzate per convincere le persone della verità o della falsità di certe asserzioni, in modo da orientare le loro scelte e azioni. Queste tecniche, però, si servono di immagini o di frasi ad effetto (slogan) che fanno leva soprattutto sulla sfera emotiva. L’argomentazione, invece, fa appello esclusivamente alla sfera razionale ed è espressa attraverso affermazioni che possono essere vere o false. Ad esempio, lo slogan usato dal Presidente americano Donald Trump nel corso della campagna elettorale, America first (“Prima l’America”), non è il frutto di una argomentazione razionale. Esso invece fa leva sull’emotività degli elettori e si appella alle loro paure irrazionali e al loro desiderio di sicurezza e stabilità.

ESERCIZI 1. Quale delle seguenti affermazioni è una argomentazione? Motiva la tua risposta. Deve essere più ricco di quel che dice: dice di vivere solo del suo stipendio da operaio, ma ha appena comprato una casa in centro. C’era una forte nebbia. C’era una forte nebbia: non si vedeva a un metro di distanza. Non devi credergli: racconta spesso bugie.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� 2. Quale delle seguenti frasi è una argomentazione e quale uno slogan pubblicitario? Motiva la tua risposta.

Vinci solo se giochi.

2 è minore di 5, dunque, 5 è maggiore di 2. �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������������������������������������

6

quaderno studente.indb 6

14/01/19 15:22


L’argomentazione 2. Argomentazioni, premesse e conclusioni Un’argomentazione è una successione di proposizioni organizzate in modo tale che ciascuna di esse o viene assunta come vera senza ulteriori giustificazioni, oppure è inferita, ovvero dedotta, da proposizioni che la precedono, nel senso che la sua verità può essere giustificata da quella delle affermazioni precedenti. La più antica e semplice forma di argomentazione logica è il sillogismo, definito da Aristotele come un ragionamento deduttivo costituito da tre proposizioni collegate fra loro in modo tale che, poste due di esse come premesse, ne segua necessariamente una terza come conclusione: • la premessa maggiore collega un termine detto estremo maggiore a un altro detto medio; • la premessa minore collega un termine detto estremo minore al medio; • la conclusione unisce i due estremi, nell’ordine il minore e il maggiore. Definendo con M il termine medio, con P l’estremo maggiore e con S l’estremo minore, possiamo considerare il seguente un esempio di sillogismo: premessa maggiore (MP) Tutti i gatti [M] sono felini [P] Tutti i persiani [S] sono gatti [M] premessa minore (SM) _______________________________________________________________________ conclusione (SP) Quindi tutti i persiani [S] sono felini [P] Il termine medio non compare nella conclusione, ma consente di collegare la premessa maggiore alla premessa minore al fine di ottenere la conclusione. A seconda della posizione del termine medio nelle due premesse, abbiamo diverse figure (schèmata) di sillogismi. Se le premesse sono vere e il ragionamento rispetta le regole del sillogismo, la conclusione è vera. Ogni animale è mortale Ogni uomo è un animale Ogni uomo è mortale L’accettazione della conclusione finale dell’argomentazione dipende dall’accettazione delle premesse iniziali, cioè delle proposizioni la cui verità viene assunta senza altra giustificazione. Se accettiamo le premesse iniziali, dobbiamo necessariamente accettare anche la conclusione, ma se non le accettiamo l’argomentazione è inefficace, non costituisce un “buon” argomento per accettare la verità della conclusione. Tutti i pesci nuotano La sogliola è un pesce La sogliola nuota Il sillogismo, dunque, è una macchina deduttiva che si rivela efficace se e solo se applicata in modo corretto. Le argomentazioni deduttive, d’altro canto, possono essere utilizzate anche in modo opposto: se la conclusione è una proposizione palesemente inaccettabile (evidentemente falsa o contraddittoria), l’argomentazione mostra che almeno una delle premesse iniziali deve essere respinta.

7

quaderno studente.indb 7

14/01/19 15:22


L’argomentazione Tutti gli uccelli volano Il pinguino è un uccello Il pinguino vola In questo caso, il fatto che il pinguino risaputamente non voli mette in evidenza la falsità della premessa: non è vero che tutti gli uccelli volano. Si deve ad Aristotele, inoltre, la definizione di tre principi che sono alla base del nostro ragionare: il principio di identità, che afferma che, dato A, A è A e rappresenta la versione logica •  del fatto che, nel ragionare corretto, il significato dei termini deve mantenersi costante; il principio di non-contraddizione, che sostiene che in un enunciato non si può affermare •  e negare contemporaneamente un predicato del soggetto. Non possiamo dire che Dante è più grande di Adele e, contemporaneamente, dire che non lo è. Dice Aristotele infatti che «È impossibile che il medesimo attributo, nel medesimo tempo, appartenga e non appartenga al medesimo oggetto e nella medesima relazione» (Metafisica IV, 1005b, 19-20); il principio del terzo escluso, che afferma che un enunciato è vero o è falso: una terza •  possibilità è esclusa. Questo principio è utile per dedurre una conclusione: diciamo A, dimostrando che il suo opposto (non-A) è contraddittorio. Sono di questo tipo tutte le dimostrazioni per assurdo, come vedremo più avanti. Criticare un’argomentazione significa attaccare le sue premesse iniziali o le inferenze che conducono alla conclusione. La critica deve essere a sua volta condotta per mezzo di argomentazioni, come in una partita in cui i giocatori sostengono tesi contrapposte e producono argomentazioni a loro difesa. Se tutte le premesse di un’inferenza sono vere, allora è vera anche la sua conclusione. Viceversa, se una o tutte le premesse sono false o non sono sempre vere, allora anche la conclusione è falsa. ESERCIZIO

Quale delle seguenti argomentazioni può essere criticata e per quale motivo? Tutti i calciatori sono musicisti. Bruno Vespa è un calciatore. Dunque: Bruno Vespa è un musicista. La Francia confina con l’Austria. Dunque: l’Austria confina con la Francia. Tutti gli uomini sono mortali. Salvatore è un uomo. Dunque: Salvatore è mortale. Tutti gli animali che vivono in mare sono pesci. La balena vive in mare. Dunque: la balena è un pesce.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� Le proposizioni la cui verità viene assunta senza ulteriori giustificazioni si dicono premesse dell’argomentazione, mentre l’ultima proposizione della successione viene detta conclusione. In base alla bontà delle premesse possiamo dire che: • un argomento è valido se e solo se è impossibile che le premesse siano vere e la conclusione sia falsa; • un argomento è forte se e solo se è improbabile che le premesse siano vere e la conclusione sia falsa.

8

quaderno studente.indb 8

14/01/19 15:22


L’argomentazione Si può definire deduttivo un argomento presentato come valido, induttivo un argomento presentato come forte. Generalmente le premesse si trovano all’inizio e la conclusione alla fine di una argomentazione, anche se non sempre questo ordine è rispettato. Nell’analizzare un testo argomentativo è fondamentale imparare a riconoscere le premesse e le conclusioni. ESERCIZIO

Identifica nei seguenti esempi le premesse e le conclusioni e poi spiega il motivo della tua risposta. Milù è un cane. Tutti i cani abbaiano. Dunque, Milù abbaia. Tutti gli studenti iscritti al corso di Medicina per l’anno 2018-2019 hanno meno di 25 anni. Camilla è iscritta al corso di Medicina per l’anno 2018-2019. Dunque Camilla ha meno di 25 anni.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� Alcune argomentazioni sono composte solo di una premessa e di una conclusione: si tratta di argomentazioni semplici. Se tra le premesse e la conclusione compaiono altri elementi, parliamo di argomentazioni complesse. ESERCIZIO

Distingui tra argomentazioni semplici e complesse. Motiva la tua risposta. È un’ora che aspetto alla fermata dell’autobus. L’autobus è in ritardo. È un’ora che aspetto alla fermata dell’autobus. Oggi c’è molto traffico oppure l’autobus si è rotto. L’autobus è in ritardo.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������������������������������������

3. Struttura del testo argomentativo Per articolare in modo coerente e funzionale un testo argomentativo è necessario mettere in campo molte operazioni cognitive e strategie comunicative: • individuare e produrre ragioni, prove, contro-argomenti e repliche attraverso l’esplorazione della questione dibattuta e la documentazione ad essa relativa; • selezionare elementi argomentativi secondo i criteri di importanza, appropriatezza e utilità rispetto all’obiettivo e al destinatario; • organizzare gli elementi argomentativi in una struttura gerarchica basata su relazioni logiche; • utilizzare indicatori linguistici per guidare il destinatario nella comprensione del testo o del discorso. 9

quaderno studente.indb 9

14/01/19 15:22


L’argomentazione Il testo argomentativo è generalmente così strutturato: •  problema: è l’argomento che si vuole affrontare o risolvere (es.: portare l’intervallo scolastico da dieci a venti minuti); questa parte del testo ha carattere informativo e costituisce una premessa all’argomentazione vera e propria; tesi: è ciò che si vuole dimostrare (es.: portare l’intervallo scolastico da dieci a venti •  minuti è positivo per gli studenti e per i professori). La tesi va formulata con chiarezza: tanto più chiaramente si formula la tesi, tanto migliori sono le possibilità di convincere l’ascoltatore della sua verità; antitesi: è l’opinione da confutare (es.: un intervallo scolastico di venti minuti rende gli •  alunni più distratti e più difficile il ritorno allo studio); argomentazioni a favore della tesi: una serie di affermazioni a sostegno di quanto si •  vuole dimostrare (es.: gli alunni hanno bisogno di più tempo per potersi riposare, mangiare la merenda, andare al bagno; la mente umana riesce ad apprendere più facilmente quando è riposata; il livello di attenzione scende con il passare delle ore ecc.); argomentazioni a favore della antitesi: le possibili obiezioni che potrebbero essere •  sollevate contro la tesi che si vuole dimostrare (es.: una pausa più lunga porta via tempo alle lezioni e fa perdere concentrazione); confutazione dell’antitesi: si dimostra che le obiezioni alla propria tesi possono essere •  facilmente contrastate (es.: dopo una pausa più lunga gli studenti tornano con maggiore attenzione allo studio e in tal modo si recupera del tempo prezioso); conclusione: sulla base delle argomentazioni portate, si dimostra la validità della tesi. • 

ESERCIZI 1. Leggi con attenzione il seguente brano e poi riassumilo brevemente. Cari colleghi, noi siamo qui, insegnanti di tutti gli ordini di scuole, dalle elementari alle università. Siamo qui riuniti in questo convegno che si intitola alla Difesa della scuola. Perché difendiamo la scuola? [...] Difendiamo la scuola democratica: la scuola che corrisponde a quella Costituzione democratica che ci siamo voluti dare; la scuola che è in funzione di questa Costituzione, che può essere strumento, perché questa Costituzione scritta sui fogli diventi realtà [...]. La scuola, come la vedo io, è un organo “costituzionale”. Ha la sua posizione, la sua importanza al centro di quel complesso di organi che formano la Costituzione. Come voi sapete (tutti voi avrete letto la nostra Costituzione), nella seconda parte della Costituzione, quella che si intitola “l’ordinamento dello Stato”, sono descritti quegli organi attraverso i quali si esprime la volontà del popolo. Quegli organi attraverso i quali la politica si trasforma in diritto, le vitali e sane lotte della politica si trasformano in leggi. Ora, quando vi viene in mente di domandarvi quali sono gli organi costituzionali, a tutti voi verrà naturale la risposta: sono le Camere, la Camera dei deputati, il Senato, il Presidente della Repubblica, la Magistratura: ma non vi verrà in mente di considerare fra questi organi anche la scuola, la quale invece è un organo vitale della democrazia come noi la concepiamo. Se si dovesse fare un paragone tra l’organismo costituzionale e l’organismo umano, si dovrebbe dire che la scuola corrisponde a quegli organi che nell’organismo umano hanno la funzione di creare il sangue. [...] A questo deve servire la democrazia, permettere ad ogni uomo degno di avere la sua parte di sole e di dignità. Ma questo può farlo soltanto la scuola, la quale è il complemento necessario

10

quaderno studente.indb 10

14/01/19 15:22


L’argomentazione del suffragio universale. La scuola, che ha proprio questo carattere in alto senso politico, perché solo essa può aiutare a scegliere, essa sola può aiutare a creare le persone degne di essere scelte, che affiorino da tutti i ceti sociali. [...] La scuola di Stato, la scuola democratica, è una scuola che ha un carattere unitario, è la scuola di tutti, crea cittadini, non crea né cattolici, né protestanti, né marxisti. La scuola è l’espressione di un altro articolo della Costituzione: dell’art. 3: “Tutti i cittadini hanno parità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinione politica, di condizioni personali e sociali”. E l’art. 151: “Tutti i cittadini possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge”. Di questi due articoli deve essere strumento la scuola di Stato, strumento di questa eguaglianza civica, di questo rispetto per le libertà di tutte le fedi e di tutte le opinioni. Pietro Calamandrei, discorso pronunciato al III Congresso dell’Associazione a difesa della scuola nazionale, a Roma l’11 febbraio 1950

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������������������������������������

Ora rispondi alle domande. Qual è la tesi dell’autore del discorso?

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� Individua la struttura del testo argomentativo distinguendo: introduzione, presentazione del problema, presentazione della tesi, presentazione degli argomenti per sostenere la propria opinione, conclusione.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� Quali argomentazioni vengono portate a sostengo della tesi? Che genere di argomentazioni sono?

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� Concordi con la tesi esposta o pensi che l’istruzione non debba essere un impegno prioritario per uno Stato democratico? Motiva la tua risposta con un breve testo argomentativo.

�������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������������������������������������� ��������������������������������������������������������������������������������������������

11

quaderno studente.indb 11

14/01/19 15:22


L’argomentazione 2. Seguendo lo schema proposto, prova ad argomentare la seguente tesi: “È necessario fornire la scuola di un distributore di acqua e merendine”. tesi: ������������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ antitesi: �������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������ argomentazioni a favore: ��������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������ argomentazioni contrarie: ��������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������ confutazione delle argomentazioni contrarie: �������������������������������� ������������������������������������������������������������������ conclusione: ���������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������

La struttura classica del testo argomentativo può, però, subire delle variazioni allo scopo di produrre un maggiore effetto persuasivo nel lettore: spostamento della tesi alla fine del testo: talvolta l’autore non enuncia all’inizio le •  sue opinioni e si limita a registrarle alla fine, dopo aver addotto le prove a esse relative e aver confutato le eventuali obiezioni; omissione della tesi: in alcuni casi la tesi può essere sottintesa poiché l’autore vuole •  che sia il destinatario a intuirla o perché ritiene che sia evidente; omissione degli argomenti a favore della tesi: l’autore può decidere di non esporre gli •  argomenti a favore della tesi e limitarsi a confutare le obiezioni a essa, cioè l’antitesi e gli argomenti che la sostengono. Questa tecnica si chiama argomentazione confutativa; omissione dell’antitesi: l’autore può limitarsi a esporre e a dimostrare la validità della •  sua tesi, senza neppure prendere in considerazione l’antitesi, cioè le obiezioni degli avversari. Questa tecnica si chiama argomentazione affermativa.

ESERCIZIO

Argomenta la tesi dell’esercizio precedente seguendo le strategie appena descritte. Spostamento della tesi alla fine del testo. ������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������������

12

quaderno studente.indb 12

14/01/19 15:22


L’argomentazione Omissione della tesi. ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Omissione degli argomenti a favore della tesi. ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Omissione dell’antitesi. ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

4. Caratteristiche del testo argomentativo Il testo argomentativo presenta caratteristiche particolari anche dal punto di vista linguistico. Infatti, per poter convincere il lettore della validità delle opinioni espresse, è necessario utilizzare alcuni accorgimenti: • adottare un lessico e uno stile che tengano conto delle caratteristiche del destinatario (età, carattere, cultura, interessi ecc.); • evitare espressioni del tipo: “a mio parere”, “secondo me”, “io direi che” ecc., che rendono troppo soggettiva e poco scientifica l’esposizione; • usare il presente come tempo verbale dominante, per rendere le proprie affermazioni più universalmente valide; • utilizzare i connettivi che identificano le varie parti in cui si articola l’argomentazione. Argomentazioni

Connettivi

Conseguenza

perciò, per cui, per questo, dunque, quindi, pertanto

Eccezione

a meno che, purché

Contraddizione

però, ma, d’atra parte, tuttavia, peraltro

Concessione

nonostante, sebbene, benché, anche se

Rinforzo

anzi

ESERCIZIO

Nel breve testo che segue sono stati eliminati i connettivi. Prova a reinserirli al posto giusto.

E vediamo per questa altra via di capire per quale motivo c’è da sperare che la morte sia un bene. Morire è una di queste due cose: o è come non esser nulla, e il morto non ha più nessun sentimento di alcuna cosa; o, dicono altri, è una sorta di passaggio e trasferimento dell’anima

13

quaderno studente.indb 13

14/01/19 15:22


L’argomentazione da questo luogo a un altro. Se non c’è nessun sentimento, ed è come un sonno in cui non ci sono sogni, la morte sarebbe un guadagno meraviglioso. ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

Si osservi inoltre che la congiunzione disgiuntiva o può avere nella nostra lingua due significati diversi, provenienti dal latino: •  esclusivo: la scelta di un elemento esclude l’altro (dall’aut latino); Stasera o esci o resti a casa •  inclusivo: la scelta di un elemento non esclude l’altro (dal vel latino). Stasera il nostro chef può prepararle della pasta con i frutti di mare o una frittura mista o delle verdure in agrodolce.

ESERCIZIO

Scrivi due proposizioni in cui la congiunzione disgiuntiva abbia una volta valore esclusivo e un’altra inclusivo. 1. ��������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������ 2. ��������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������������������

Nella composizione di un testo argomentativo, per riuscire a interessare e coinvolgere il lettore, è utile, inoltre: • attirare la sua attenzione con un inizio accattivante (captatio benevolentiae); • guadagnarsi la sua simpatia con esempi piacevoli; • fare riferimenti diretti agli interlocutori attraverso deittici personali come pronomi e possessivi, oppure domande (reali o retoriche), appelli, imperativi. Ne è un esempio formidabile il discorso che Steve Jobs, fondatore della Apple e della Pixar, tenne agli studenti dell’Università di Stanford nel 2005: Sono onorato di essere qui con voi oggi alle vostre lauree in una delle migliori università del mondo. Io non mi sono mai laureato. Anzi, per dire la verità, questa è la cosa più vicina a una laurea che mi sia mai capitata. Oggi voglio raccontarvi tre storie della mia vita. Tutto qui, niente di eccezionale: solo tre storie. La prima storia è sull’unire i puntini.

Prima di iniziare la sua argomentazione, Jobs usa la captatio benevolentiae nei confronti degli studenti e del rettore della Stanford, che definisce “una delle migliori università del mondo”. Subito dopo cerca di accattivarsi la simpatia degli ascoltatori con una confessione personale che mostra anche la propria modestia: “non mi sono mai laureato”. Infine sostiene che racconterà tre storie tratte dalla propria vita, allo scopo di creare una parte-

14

quaderno studente.indb 14

14/01/19 15:22


L’argomentazione cipazione emotiva con i laureandi. A questo punto inizia il suo discorso e dichiara che la prima storia è: “sull’unire i puntini”. Dopo aver pronunciato questa frase sarà difficile per lui non ottenere l’attenzione del pubblico (quali puntini? cosa c’entrano i puntini? dove vorrà andare a parare con questa storia? ecc.). ESERCIZIO

Scrivi un breve testo indirizzato ai tuoi genitori in cui sostieni l’opportunità di aumentare la tua paga settimanale: nel redigerlo, usa degli argomenti che ritieni possano far presa sui destinatari. ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

Dal punto di vista grafico, la struttura del testo argomentativo è segnalata attraverso: • l’uso del capoverso, che identifica le parti in cui il testo è articolato: introduzione, paragrafi, conclusione; • il ricorso a titoli, sottotitoli, frasi tematiche e tematizzatori che indicano in modo esplicito la tematica affrontata (ad esempio: per quanto riguarda…, relativamente a…, in merito a…). Per quanto attiene alla sintassi, inoltre, il testo argomentativo si articola meglio facendo ricorso a: •  marcatori testuali che guidano il lettore attraverso l’argomentazione (es.: sosterrò che…, si potrebbe obiettare…, qualcuno potrebbe opporre che…, d’altra parte appare chiaro che…); •  ordinatori che facilitano l’individuazione della sequenza testuale e segnalano la pianificazione interna al testo (es.: in primo luogo…, secondariamente…, infine…); •  marcatori lessicali di posizione e di atteggiamento, caratterizzati da diversi gradi di certezza e di necessità: enfatici (di sicuro, certamente, ovviamente); di cautela (quasi, forse, tipo); amplificatori (assolutamente, totalmente, molto); attenuatori (leggermente, a malapena, circa, credo, so, penso, sento, sono d’accordo, suggerisco, sembra, pare); modali (può, dovrebbe, sarà).

5. Strategie argomentative Un’argomentazione risulta tanto più efficace quanto più sono forti e convincenti gli argomenti utilizzati per dimostrare la validità della tesi. Le argomentazioni possono essere: • scientifiche; • non scientifiche. 15

quaderno studente.indb 15

14/01/19 15:22


L’argomentazione Le argomentazioni scientifiche (o dimostrazioni) sono fondate su dati di fatto e pertanto implicano delle conclusioni oggettive, come nelle dimostrazioni dei teoremi matematici (es.: se A > B e B > C, allora ne consegue che A > C). Le argomentazioni scientifiche implicano, una volta condotte in maniera rigorosa, delle conclusioni necessarie, da cui, cioè, non si può dissentire; proprio come avviene per un teorema di geometria, dove le conseguenze sono necessariamente derivate dalle premesse poste: che per due punti passi una sola retta è una verità oggettiva. ESERCIZIO

Leggi il testo, si tratta del cosiddetto «teorema di Pitagora», che costituisce la proposizione 47 del primo libro degli Elementi di Euclide. Sottolinea in rosso la tesi, in blu le argomentazioni scientifiche, in nero la conclusione e cerchia i connettivi.

«PROPOSIZIONE 47. Nei triangoli rettangoli il quadrato dell’angolo opposto all’angolo retto è uguale alla somma dei quadrati dei lati che comprendono l’angolo retto. Sia ABC un triangolo rettangolo avente l’angolo BAC retto; dico che il quadrato di BC è uguale alla somma dei quadrati di BA, AC. Infatti, si descrivano il quadrato BDEC su BC, e su BA, AC i quadrati GB, HC, per A si conduca AL parallela all’una o all’altra indifferentemente delle rette BD, CE, e si traccino le congiungenti AD, FC. Ora, poiché ciascuno dei due angoli BAC, BAG è retto, le due rette AC, AG, che giacciono da parti opposte rispetto alla retta BA, formano con essa, e coi vertici nel punto A, angoli adiacenti la cui somma è uguale a due retti; quindi CA è in linea retta con AG. Per la stessa ragione, pure BA è in linea retta con AH. E poiché l’angolo DBC è uguale all’angolo FBA – difatti ciascuno dei due è retto –, si aggiunga in comune ad essi l’angolo ABC; tutto quanto l’angolo DBA è quindi uguale a tutto quanto l’angolo FBC. Ora, poiché DB è uguale a BC e FB a BA, i due lati DB, BA sono uguali rispettivamente ai due lati FB, BC; e l’angolo DBA è uguale all’angolo FBC, per cui la base AD è uguale alla base FC, ed il triangolo ABD è uguale al triangolo FBC. Ma il parallelogrammo BL è il doppio del triangolo ABD – essi hanno infatti la stessa base BD e sono compresi fra le stesse parallele BD, AF –, mentre il quadrato GB è il doppio del triangolo FBC: difatti essi hanno, di nuovo, la stessa base FB e sono compresi fra le stesse rette parallele FB, GC. Ma poiché doppi di cose uguali sono uguali fra loro, è quindi uguale anche il parallelogrammo BF al quadrato GB. Similmente, tracciate le congiungenti AE, BK si potrà dimostrare che pure il parallelogrammo CF è uguale al quadrato HC; tutto quanto il quadrato BDEC è perciò uguale alla somma dei due quadrati GB, HC. Ed il quadrato BDEC è descritto su BC, mentre i quadrati GB, HC sono descritti su BA, AC. Quindi il quadrato del lato BC è uguale alla somma dei quadrati dei lati BA, AC. Dunque, nei triangoli rettangoli il quadrato dell’angolo opposto all’angolo retto è uguale alla somma dei quadrati dei lati che comprendono l’angolo retto». Euclide, Gli Elementi, Utet, Torino 1970

Le argomentazioni non scientifiche sono basate su opinioni e interpretazioni soggettive e, quindi, non conducono alla dimostrazione di una verità scientifica, ma tentano di convincere il destinatario portando esempi, pareri autorevoli ecc. Le argomentazioni non scientifiche possono basare la loro forza di convinzione su: argomenti che riportano fatti concreti: ad esempio, “il distributore di merendine è •  utile perché permette di tamponare emergenze e cali di zuccheri”;

16

quaderno studente.indb 16

14/01/19 15:22


L’argomentazione •  argomenti di autorità: sono quelli che utilizzano opinioni autorevoli per sostenere la propria tesi. Ad esempio: “secondo il pedagogista Tal dei Tali, per apprendere meglio è necessario nutrirsi in modo appropriato”; •  argomenti logici: sono quelli che si servono di ragionamenti. Ad esempio: “dal momento che non tutti gli studenti ricordano di portare la merenda da casa, è necessario installare dei distributori automatici nella scuola”; •  argomenti pratici: consistono nel sottolineare i risultati positivi concreti che potrebbero derivare dall’accettazione della tesi. Ad esempio: “se venissero installati distributori automatici, gli alunni avrebbero maggiori energie per affrontare le ore di scuola”.

ESERCIZIO

Leggi questo brano tratto dal romanzo Alice nel paese delle meraviglie e sottolinea in rosso le argomentazioni.

Alla vista di Alice il Gatto fece il suo sorriso. Aveva un’aria affabile, pensò lei: tuttavia aveva anche artigli molto lunghi e una gran quantità di denti, ragion per cui Alice pensò che era il caso di trattarlo con rispetto. […] Alice gli domandò: «Che tipo di gente abita da queste parti?» «In quella direzione», disse il Gatto agitando la zampa destra, «abita un Cappellaio; e in quella», agitando l’altra zampa, «abita una Lepre Marzolina. Puoi andare a trovare l’uno o l’altra, tanto sono matti tutti e due». «Ma io non voglio andare fra i matti», osservò Alice. «Be’, non hai altra scelta», disse il Gatto. «Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta». «Come lo sai che sono matta?» disse Alice. «Per forza», disse il Gatto, «altrimenti non saresti venuta qui». Ad Alice questa non parve una ragione sufficiente: tuttavia continuò: «E tu come fai a sapere che sei matto?» «Tanto per cominciare», disse il Gatto, «i cani non sono matti. Fin qui sei d’accordo?» «Credo di sì», disse Alice. «Dunque», proseguì il Gatto, «tu sai che i cani quando sono arrabbiati ringhiano, e quando sono contenti agitano la coda. Invece io ringhio quando sono contento, e agito la coda quando sono arrabbiato. Perciò sono matto». L. Carrol, Alice nel paese delle meraviglie, BUR 2015

Le argomentazioni non scientifiche sono costruite sulla base, oltre che di dati di fatto, di opinioni e interpretazioni che riguardano la visione soggettiva delle cose e del mondo di chi scrive. In questo caso, ci si muove nel campo del probabile o possibile, dove un ragionamento ben condotto può portare a conseguenze ragionevoli, a differenza di quanto accade nelle dimostrazioni scientifiche, in cui da una verità certa e inconfutabile discendono conseguenze necessarie. Questo non significa, però, che le argomentazioni non scientifiche siano da considerare “inferiori” a queste ultime, ma solo più adatte a un altro tipo di problemi. Ciò che le rende differenti da quelle scientifiche è appunto lo scopo, ovvero il persuadere, il convincere.

17

quaderno studente.indb 17

14/01/19 15:22


L’argomentazione ESERCIZIO

Leggi questo breve brano tratto dal Doctor Faustus di Thomas Mann e poi rispondi alle domande.

Il conferenziere parlava di cose, di fatti e di situazioni artistiche non ancora entrate nel nostro orizzonte [...]. Mi si crederà se dico che questo è il modo di imparare più intenso e orgoglioso e forse anche il più propizio: il modo d’apprendere anticipando, d’imparare scavalcando lunghi tratti di ignoranza? Come pedagogo non dovrei forse raccomandarlo, ma che giova? Io so che i giovani lo preferiscono e credo che col tempo lo spazio saltato si colma da sé. T. Mann, Doctor Faustus, Mondadori, 2005

Qual è la questione su cui Thomas Mann intende argomentare? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Qual è la sua tesi? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Quale la conclusione? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ L’autore usa argomentazioni scientifiche o non scientifiche? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

Una variante molto frequente dello schema può essere rappresentata dalla presenza della cosiddetta confutazione, che consiste nell’esporre dapprima punti di vista differenti da quello di chi scrive sullo stesso argomento, per poi criticarli dimostrandone l’infondatezza, raggiungendo così anche l’obiettivo di prevenire possibili obiezioni rispetto alla credibilità della propria opinione.

ESERCIZIO

Leggi questo brano tratto da Il Principe di Niccolò Machiavelli, fanne un riassunto orale e poi rispondi alle domande.

E non mi è incognito come molti hanno avuto e hanno opinione che le cose del mondo sieno in modo governate dalla fortuna e da Dio, che gli uomini con la prudenzia loro non possino correggerle, anzi non vi abbino remedio alcuno; e per questo potrebbono iudicare che non fussi da insudare molto nelle cose ma lasciarsi governare alla sorte. Questa opinione è suta più creduta ne’ nostri tempi, per la variazione grande delle cose che si sono viste e veggonsi ogni dì, fuora di ogni umana coniettura. A che pensando io, qualche volta, mi sono in qualche parte inclinato nella opinione loro. Nondimanco, perché il nostro libero arbitrio non sia spento, iudico potere essere vero che la fortuna sia arbitra della metà delle azioni nostre, ma che etiam lei ne lasci governare l’altra metà, o presso, a noi. E assomiglio quella a uno di questi fiumi rovinosi, che,

18

quaderno studente.indb 18

14/01/19 15:22


L’argomentazione quando s’adirano, allagano e’ piani, ruinano gli alberi e gli edifizii, lievono da questa parte terreno, pongono da quell’altra; ciascuno fugge loro dinanzi, ognuno cede all’impeto loro, sanza potervi in alcuna parte obstare. E benché sieno così fatti, non resta però che gli uomini, quando sono tempi quieti, non vi potessino fare provvedimenti, e con ripari e argini, in modo che, crescendo poi, o egli andrebbono per uno canale, o l’impeto loro non sarebbe né sì licenzioso né sì dannoso. Similmente interviene della fortuna; la quale dimostra la sua potenzia dove non è ordinata virtù a resisterle; e quivi volta li sua impeti dove la sa che non sono fatti gli argini e li ripari a tenerla. N. Machiavelli, Il Principe, Mondadori, 1997

Il brano si apre con l’esposizione della tesi che Machiavelli vuole confutare. Qual è? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Qual è invece la tesi dell’autore? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Sottolinea i connettivi nel testo. L’utilizzo della prima persona e l’uso del presente contribuiscono a persuadere il lettore? Per quale motivo? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������ Spiega la lunga similitudine che occupa la seconda parte del brano: a che cosa viene paragonato il cieco operare della fortuna? ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

6. Formulazione della tesi La tesi è un enunciato in cui, oltre a definire le finalità del documento, si esprime un’opinione precisa su un tema specifico. Mentre in un testo informativo (articolo di cronaca, relazione ecc.) la tesi è oggetto di una trattazione documentaria, in un testo di intento persuasivo o argomentativo, la tesi si configura come una frase o una serie di frasi in cui si enuncia un’opinione di cui si precisa di voler dimostrare la verità o la falsità. Pertanto, nei testi argomentativi e persuasivi, non si deve mai omettere il riferimento al proprio pensiero, all’idea che si sostiene e che si vuole supportare. Senza un’opinione da convalidare, non esiste il testo argomentativo; è dunque importantissimo che essa venga evidenziata senza ambiguità. Quando si immagina che la tesi che si vuole dimostrare sia poco condivisa o poco accettata, può essere più efficace una presentazione “indiretta” (bottom-up): prima si presentano il materiale documentario, gli argomenti e le considerazioni a supporto della tesi e poi si enuncia la tesi stessa. Anche in questi casi, però, una precisa formalizzazione dell’assunto, per quanto posposta, non può mancare.

19

quaderno studente.indb 19

14/01/19 15:22


L’argomentazione ESERCIZI 1. Quale delle seguenti tesi si addice a un testo informativo e quale a un testo argomentativo? Motiva la tua risposta. In questo mio saggio parlerò della comunicazione nell’era digitale La comunicazione nell’era digitale è più veloce di quella dell’età preinformatica ������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������

2. Con la sua Lettera ai giudici Don Milani, maestro e sacerdote toscano, rispondeva alle accuse rivoltegli dopo che aveva difeso pubblicamente dei giovani obiettori di coscienza, arrestati per aver rifiutato di imbracciare le armi. Era il 1965 e l’obiezione di coscienza, oggi considerata un diritto, era un reato contro la nazione. Prova ad analizzare, in questo brano, il ragionamento con cui Don Milani sostiene il diritto di un maestro a criticare le leggi.

Leggi il testo e poi svolgi le attività.

A questo punto mi occorre spiegare il problema di fondo di ogni scuola. E siamo giunti, io penso, alla chiave di questo processo perché io maestro sono accusato di apologia di reato cioè di scuola cattiva. Bisognerà dunque accordarci su ciò che è scuola buona. La scuola è diversa dall’aula del tribunale. Per voi magistrati vale solo ciò che è legge stabilita. La scuola invece siede fra il passato e il futuro e deve averli presenti entrambi. È l’arte delicata di condurre i ragazzi su un filo di rasoio: da un lato formare in loro il senso della legalità (e in questo somiglia alla vostra funzione), dall’altro la volontà di leggi migliori cioè di senso politico (e in questo si differenzia dalla vostra funzione). La tragedia del vostro mestiere di giudici è che sapete di dover giudicare con leggi che ancora non son tutte giuste. Son vivi in Italia dei magistrati che in passato han dovuto perfino sentenziare condanne a morte. Se tutti oggi inorridiamo a questo pensiero dobbiamo ringraziare quei maestri che ci aiutarono a progredire, insegnandoci a criticare la legge che allora vigeva. Ecco perché, in un certo senso, la scuola è fuori dal vostro ordinamento giuridico. Il ragazzo non è ancora penalmente imputabile e non esercita ancora diritti sovrani, deve solo prepararsi a esercitarli domani ed è perciò da un lato nostro inferiore perché deve obbedirci e noi rispondiamo di lui, dall’altro nostro superiore perché decreterà domani leggi migliori delle nostre. E allora il maestro deve essere per quanto può profeta, scrutare i «segni dei tempi», indovinare negli occhi dei ragazzi le cose belle che essi vedranno chiare domani e che noi vediamo solo in confuso. Anche il maestro è dunque in qualche modo fuori del vostro ordinamento e pure al suo servizio. Se lo condannate attenterete al processo legislativo. Giuliana Martirani, La danza della pace, Edizioni Paoline, Milano, 2004

Credi che in questo testo si sviluppi un’argomentazione: scientifica non scientifica

20

quaderno studente.indb 20

14/01/19 15:22

Profile for ELI Publishing

La nuova prova d'italiano dell'esame di Stato  

La nuova prova d'italiano dell'esame di Stato