Issuu on Google+

a Pavesi · Loredana Florio s i u L z· i n a aP b l sa o R

volu

3

il FILO delle IDEE

il FILO delle IDEE

me

3

A C I T T GUIDA DIDA Educazione espressiva

Colore Segno Attività espressive

Educazione espressiva con AUDIO CD Guida operativa a fascicoli, ognuno dei quali rappresenta un percorso progettuale ricco di proposte per attività di sezione e laboratoriali. Ogni percorso è inoltre arricchito da canzoni inedite. Componente allegato al Filo delle idee non vendibile separatamente


7-04-2010

14:54

Pagina 1

esi · Loredana Florio v a P a s i u L · z i n Pa a b l a s Ro

volu

03 Colori.qxp:guida idea 1

il FILO delle IDEE

me

3

A C I T T A GUIDA DID Progetto grafico: Alessia Zucchi Impaginazione: Quadrikromia Illustrazioni: Alessia Zucchi, Quadrikromia Coordinamento redazionale: Maria Letizia Maggini Coordinamento grafico: Letizia Pigini Responsabile di produzione: Francesco Capitano Si ringraziano i bambini e le insegnanti della Scuola dell’Infanzia Paritaria Enfants Paradise di Torino. Si ringraziano i bambini e l’insegnante Giovanna Ortolani per le attività laboratoriali.

Educazione espressiva


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:54

Pagina 2

Educazione espressiva

Introduzione Con questo progetto intendiamo accostare i bambini all’affascinante mondo dei colori attraverso un iter procedurale graduato, che sia anche costante scoperta e sperimentazione. All’elemento fantastico si intrecciano cenni storici, piccole curiosità, proposte di attività, esperimenti stimolanti, giochi e indovinelli. Vengono proposte attività espressive da svolgere con materiali e strumenti tradizionali come pennarelli, pastelli, tempere, colori a dita, gessetti, carta e cartoncini e materiali di riciclo, in modo da stimolare il concetto di riuso degli oggetti. Si presentano inoltre diverse esperienze collettive che portano alla conoscenza del mondo e della realtà attraverso semplici esperimenti ed attività didattiche mirate all’approfondimento delle conoscenze riguardo il colore.

L’insieme di queste attività ed esperienze porta il bambino a: Sviluppare la propria espressione creativa Esprimere se stesso e la propria creatività Sperimentare percorsi d’apprendimento relativi al colore

Le attività proposte in questo progetto sono: Attività espressive con tecniche diverse Giochi a piccoli e grandi gruppi Esplorazione del colore nella realtà e negli ambienti naturali Attività eseguite singolarmente e in gruppo con tecniche pittoriche diverse Ripetizione di canzoni e filastrocche mimate Storie di presentazione e consolidamento della conoscenza dei colori derivati e complementari Elaborazione grafica individuale e di gruppo di racconti per immagini Utilizzo di linguaggi non verbali Attività motorie date dal riconoscimento del colore e dall’abbinamento di azioni da svolgere Esperienza di teatro e drammatizzazione

2


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 3

Educazione espressiva

Indice I colori primari ............................................................ pag 13 I colori composti ........................................................ pag 26 I chiaroscuri ................................................................ pag 43 Tecniche espressive .................................................... pag 47 I colori complementari .............................................. pag 54 Sperimentazioni.......................................................... pag 58 Giochi motori .............................................................. pag 74

Canzoni e filastrocche I colori ........................................................................ pag 38 La canzone dei colori caldi (Traccia 6) ...................... pag 72 La canzone dei colori freddi (Traccia 7) .................... pag 72 Filastrocca di tanti colori ............................................pag 73

Le storie a colori Il secchiello rosso........................................................ pag 13 Gelindo, l’orsetto che amava le genzianelle ............ pag 27 L’aquilone senza colore .............................................. pag 69

3


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 4

Educazione espressiva

Obiettivi Sviluppare la creatività e l’immaginazione Stimolare la partecipazione attiva collettiva e la rappresentazione mentale Scoprire e utilizzare i tre colori primari Sperimentare percorsi d’apprendimento relativi al colore Sviluppare la capacità di espressione grafica-pittorica- plastica Stimolare l’espressione creativa attraverso i colori Sperimentare percorsi di apprendimento relativi al colore usando tecniche diverse Scoprire i colori derivati nella realtà circostante e nella natura Ascoltare e comprendere brevi racconti e filastrocche Utilizzare linguaggi non verbali per esprimersi graficamente

Campi di esperienza coinvolti Linguaggi, creatività, espressione La conoscenza del mondo I discorsi e le parole

4


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 5

Educazione espressiva

Il Laboratorio di educazione espressiva Il laboratorio di educazione espressiva rappresenta uno strumento di fondamentale importanza nella Scuola dell’Infanzia ed ha lo scopo di offrire ai bambini e alle bambine i supporti scientifici e le nozioni tecniche adeguate per portarli ad esprimersi liberamente nel linguaggio graficopittorico e manipolativo. È uno spazio sociale, aperto e creativo che si forma e cresce nella scuola con insegnanti e bambini, venendo incontro alle esigenze e alle aspettative sia individuali che di gruppo. Le attività didattiche e i giochi che vengono proposti nel laboratorio hanno come obiettivo quello di fornire ai bambini, oltre alle informazioni relative al colore ad al suo utilizzo, anche la capacità di organizzarle a livello percettivo: un tessuto di conoscenze ricco e stimolante che costituisce la base del loro sapere. Avviare i bambini al riconoscimento dei colori, da quelli primari ai derivati, e poi, mano a mano tutti gli altri, non è cosa difficile. La cosa importante è però portarli a percepire il colore come componente degli oggetti diversa e variabile rispetto alla forma, per poi attribuire ad ogni colore la denominazione esatta. La capacità di distinguere e associare colori diversi in modo armonico, implica un buon sviluppo sensoriale che migliora e si affina attraverso l’osservazione, il confronto, l’esperienza.

Approfondimento Le attività svolte all’interno del labo ratorio potrebbero momento in cui si riv essere il elano alcune imperf ez io ni a livello visivo qu daltonismo o l’astig ali il matismo o problem i di ti po psicologico che si manifestano con rif iuto, indecisione e pa ur a verso ogni form espressione grafica. a di Sarebbe opportuno da pa rt e degli insegnanti in questi casi, interpel lare le famiglie dei ba m bi ni per trovare insiem soluzioni e strategie e compensative, adat te a ris ol ve re i singoli problemi che si possono presen tare al fine di contrib ui re al lo sviluppo del beness psicologico dei bambi ere ni insieme alle famiglie .

5


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 6

Educazione espressiva

Organizzazione del laboratorio Particolare attenzione deve essere anche riservata all’organizzazione dello spazio e alla sua strutturazione per stimolare il fare creativo, la sensibilità al colore e l’instaurarsi di relazioni interpersonali sia tra bambini e bambini e che tra adulti e bambini. Il laboratorio di attività espressive diventa così luogo di condivisione di strumenti, materiali, esperienze. Lo spazio dovrebbe offrire ampia libertà di movimento e di azione. La luce dovrebbe essere naturale e non creare ombre sulla superficie della zona destinata alla pittura. I pannelli su cui i bambini avranno modo di dipingere possono essere fissati alle pareti o mobili, collocati su supporti di varie forme ad altezza adatta ai diversi bambini (cavalletti da pittura). I colori e i materiali devono essere sempre accessibili, a disposizione dei bambini che abbiano il desiderio di utilizzarli. Possono essere collocati in scatole contrassegnate da etichette esplicative del loro contenuto, in modo che i bambini possano trovare agevolmente gli strumenti necessari per poi riporli. Alcune regole-guida sull’uso degli strumenti e dei materiali di laboratorio, possono essere rappresentate su cartelloni mediante grafica simbolica in modo che i bambini abbiano l’opportunità di leggere e fare proprie le buone regole da seguire nel laboratorio.

Chiusura dei barattoli dei colori dopo l’uso Pulizia dei pennelli e delle superfici pittoriche Riordino dei pennarelli e di tutti gli strumenti utilizzati nei contenitori appositi

6


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 7

Educazione espressiva

Materiali e strumenti Per svolgere in modo significativo le attività espressive del laboratorio, proponiamo un insieme di strumenti e materiali che possono essere molto utili per favorire la libera espressione della creatività dei bambini, l’osservazione e la conoscenza del mondo del colore.

Strumenti di uso comune Matite e pastelli colorati Pennarelli a punta grossa e fine

Pastelli a cera

Pitture digitali

Tempere in polvere

Acquerelli

Gessetti colorati

Strumenti per attivitĂ  cretive Forbici a punta arrotondata e forbici per adulti Bacinelle e piccoli contenitori in plastica Ruota dei colori (ombrello arcobaleno) Nastro adesivo colorato e trasparente Vassoi di polistirolo e cartone Cerchi di plastica colorata Tovagliette plastificate Cucchiai e forchettine Colla vinilica e in stick Cavalletti da pittura Tavolozze in legno Spugnette Mattarello Spatole Timbri

7


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 8

Educazione espressiva

Materiali di uso comune Vernice trasparente da decoupage o lacca fissativa Fogli bianchi di vario formato e spessore Corde, nastri e gomitoli di lana colorata Carte da pacchi, da parati e di giornale Plastica da imballaggio a bollicine Giornali e depliants pubblicitari Cartoncini colorati e ondulati Coriandoli e piume colorate Carta crespa di vario colore Riviste e vecchi calendari Carta assorbente bianca Fogli di acetato colorati Etichette autoadesive Schiuma da barba Pasta alimentare Sapone liquido Carta stagnola Stoffe colorate Pasta all’amido Pasta di sale Sale fino

8


03 Colori.qxp:guida idea 1

8-04-2010

13:06

Pagina 9

Educazione espressiva

Gli strumenti del segno Attraverso l’esperienza dei segni i bambini incontrano e utilizzano una svariata gamma di strumenti che devono essere sempre a disposizione. Fogli di carta sono proposti in formati e forme inconsueti: rotondi, ad ellisse, triangolari, di forme geometriche irregolari, per permettere ai bambini ampia possibilità di espressione attraverso l’uso dei vari strumenti.

Matite e pastelli colorati Sono gli strumenti più idonei al tracciato, alla linea chiusa, alla realizzazione immediata di forme definite e delimitate.

Pennarelli Sono gli strumenti preferiti dai bambini per il loro tratto immediato e brillante. Si prestano alla campitura di grandi superfici o a quella di figure attraverso tecniche pittoriche quali cerchiolini o puntinismo.

Pastelli a cera e gessetti colorati Sono strumenti fragili e friabili. Si usano prevalentemente in situazioni di sperimentazione del colore. Si prestano infatti ad essere sovrapposti per formare griglie colorate da incidere successivamente con attrezzi svariati, per il frottage e per la campitura di superfici prevalentemente ruvide o in leggero rilievo (carte da parati, juta).

Tempere Offrono al bambino tante opportunità di sperimentare ed esprimersi attraverso i colori. Duttili e coprenti, vengono impiegate prevalentemente per dipingere o riempire ampie superfici.

Colori a dita Sono strumenti espressivi validissimi, soprattutto per le ampie possibilità che offrono a livello di manipolazione e mesolanza dei colori. Sono molto graditi ai bambini per il segno immediato e in rilievo che lasciano sul foglio.

9


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 10

Educazione espressiva

Approfondimento

e i bambini possono ch ta di a re lo co di torio un tipo Realizziamo in labora ricetta: anche assaggiare. izzare per noi questa al re di na ci cu lla de e Chiediamo al personal e d’acqua fredda. zz ta e du n co te en pi un reci . Mettetere sul fuoco e cucchiai di zucchero tr e o an gr di o id am di tazza di legno, Aggiungere un quarto o con un cucchiaio di nd la co es m o, st po m o il co Cuocere a fuoco lent crema omogenea. fino ad ottenere una polvere per alimenti. in ri lo co i re ge un gi Ag

Carboncino Il cilindretto di carboncino è ottenuto dalla combustione forzata, in posizione verticale, di listarelle di legno di nocciolo, di salice o di tiglio. Per la sua scorrevolezza si presta a ricoprire rapidamente ampie superfici. Il risultato è una massa scura che può essere alleggerita creando giochi di ombre e sfumature con feltrino di cotone arrotolato o carta assorbente. Il prodotto finale deve essere fissato con apposita lacca per poter essere conservato intatto nel tempo.

Materiali di recupero Nel laboratorio devono essere presenti svariati tipi di carta: carta da pacco, carta da parati, cartone, carta ondulata, velina, vellutina, stagnola, carta di giornale e di riviste, carta crespa di diverso colore. Ridotta a pezzetti di varia forma mediante ritaglio o strappo, la carta può essere usata per attività di collage, placage, frottage, assemblaggio. È un materiale estremamente versatile, in continuo divenire.

La ruota dei colori

10

La ruota dei colori è uno strumento molto utile nel laboratorio espressivo dove non dovrebbe mai mancare, per dar modo ai bambini di farvi spesso riferimento. La possiamo realizzare mediante un cartellone murale suddiviso in settori colorati, o ricorrere semplicemente all’acquisto di un ombrello arcobaleno, reperibile in qualsiasi negozio di scarpe e borse, o nei supermercati.


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:55

Pagina 11

Educazione espressiva

Attività di laboratorio Dopo aver rifornito il laboratorio dei materiali elencati, l’insegnante propone attività diverse ai bambini.

Di tutti i colori Iniziamo le attività presentando la ruota dei colori ai bambini e spiegando che i colori più importanti sono tre: il rosso, il giallo e il blu e che per questo motivo si chiamano colori primari. Proseguiamo col dire che mescolando alcuni di questi colori fra loro se ne ottengono altri, detti secondari o derivati come il verde, l’arancione, il violetto. Anche i colori hanno, come noi, amici speciali: sono colori che stanno bene insieme e che aiutano i nostri occhi a rilassarsi. Facciamo notare ai bambini che questi colori amici, sulla ruota dei colori, si trovano opposti l’uno all’altro: il rosso e il verde, il giallo e il violetto, l’arancione ed il blu.

Approfondimento Evitiamo di usare termini tecnici incomprensibili come colori complementari, poco vicini al modo di esprimersi dei bambini. Suggeriamo invece di usare il termine colori amici, a simboleggiare l’armonia presente fra determinati colori.

Spieghiamo inoltre ai bambini che anche i pittori o le persone che si occupano di cartellonistica o di pubblicità fanno riferimento costante alla ruota dei colori. A questo proposito avviando una ricerca, possiamo far notare come l’abbinamento dei colori sia rispettato in alcuni manifesti pubblicitari (che avremo in precedenza fotografato) o anche negli stessi giornalini a fumetti a loro tanto graditi. Infine precisiamo che sin dai tempi più antichi i pittori sono soliti distinguere i colori in due categorie: i colori caldi e i colori freddi. Il rosso, il giallo e l’arancione sono colori caldi e si usano per esprimere gioia ed entusiasmo, mentre si definiscono freddi i colori verde, violetto e azzurro e si associano a sentimenti di tristezza ed insicurezza.

11


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 12

Educazione espressiva

Un po’ di storia: polvere di colore Ma come sono nati i colori? Tanti, tanti anni fa gli uomini che abitavano nelle caverne sentirono il bisogno di dipingere per comunicare, lasciare una testimonianza, una traccia della propria esistenza. I colori però non erano ancora stati inventati e chi voleva dipingere doveva fabbricarli. Si iniziò col triturare rocce colorate, e col macinare piante particolari sino a formare polveri molto fini. Le polveri ottenute vennero successivamente mescolate con olio per renderle omogenee e lucide e per facilitare l’adesione del colore alle superfici da dipingere. I colori non erano certamente brillanti come quelli che usiamo noi, ma erano abbastanza resistenti al passare del tempo. Non esisteva neppure la carta. Così i primi uomini erano costretti a pitturare sulle pareti delle loro abitazioni (rocce). In seguito impararono a fabbricare anche la carta servendosi di piante speciali e strumenti per la pittura servendosi di materiali naturali. I pennelli non si compravano nei negozi ma si fabbricavano usando setole di maiale, peli di tasso o crine di cavallo, disposti in mazzetti di diverso spessore e dimensione. I falegnami preparavano con pezzi di legno di varie lunghezze ed altri materiali le cornici che dovevano contenere i dipinti dei pittori.

Conversazione

12

Si invitano i bambini ad esprimere considerazioni personali riguardo l’argomento colore. Che cos’è il colore? Proviamo ad immaginare un mondo senza colori... Se tutto intorno a noi fosse solo bianco o solo nero, la vita ci apparirebbe brutta ed insignificante. Il colore è luce. Nella luce bianca che proviene dal sole, sono contenute tutte le luci colorate che formano l’arcobaleno. Possiamo dire perciò che il colore è importante quanto la vita. Da esso dipende infatti l’esistenza di molti animali e piante. Gli insetti come api e farfalle, sono attratti dal colore dei fiori, entrano nella loro corolla e li impollinano. In questo modo, nella stagione calda, nascono nuove piante, nuovi fiori e frutti.


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 13

Educazione espressiva

Colori primari L’insegnante invita i bambini a sedersi in cerchio intorno a lei, e racconta la storia del Secchiello Rosso: Un Secchiello Rosso si trovava a testa in giù, immerso nella sabbiera di un grande parco cittadino. Era stato abbandonato lì, tempo prima da qualche bambino un po’ distratto, assieme ad una pallina gialla ed ad uno stampino blu a forma di cavalluccio marino. Nonostante fosse nuovo e molto bello, il Secchiello Rosso era sempre tristissimo. Sognava il mare e le spiagge assolate, con tante conchiglie. Così un giorno, non potendone più, decise di rivolgersi agli amici Pallina e Stampino per cercare di abbandonare insieme il parco e andare verso il mare. La Pallina Gialla ascoltata la proposta disse: “Verrei volentieri con te, ma non conosco la strada. Mi perderei! Chiediamo aiuto a Cavalluccio Marino, lui sa dov’è il mare.” In un battibaleno i tre amici erano pronti per partire e, con grande fatica, rotolando e saltando, arrivarono sulla spiaggia. Ma come avrebbero fatto ad affrontare le onde del mare? A questo punto la storia si interrompe per lasciare spazio all’elemento fantastico inventato dai bambini. Si ascoltano così le loro proposte:

al Bisogna che chiedano con la mago del mare che a sua bacchetta magic faccia una nave Mattia

Devono chiamar e i pesci che così li aiutano... Rebecca

No, ci vogliono tre barchette. Una per Secchiello, una per Pallina e una per Cavalluccio Ilaria

L’idea di Ilaria è stata accettata all’unanimità dal gruppo classe. L’insegnante propone ai bimbi di cercare tanti oggetti e materiali rossi, gialli e blu per costruire le tre barchette. Così i tre amici possono andare nel mare ed essere di nuovo contenti, conclude Matteo.

13


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 14

Educazione espressiva

Attività individuale: progettiamo le barchette Materiale occorrente Grandi fogli di carta Matite colorate gialle, rosse, blu Pastelli a cera gialli, rossi, blu Proponiamo ai bambini divisi in piccoli gruppi di due o tre di elaborare un progetto per realizzare le tre barchette mediante disegno, utilizzando tecniche pittoriche a piacere. Incentiviamo la reciproca collaborazione nel gruppo e la libera espressione di tutti i componenti.

Attività di gruppo: realizziamo le barchette In base ai progetti elaborati dai bambini, predisponiamo i materiali necessari alla loro realizzazione e costruiamo insieme a loro le tre barchette. L’insegnante indirizzerà la classe verso l’utilizzo di materiali di riciclo per la realizzazione delle barchette, come vaschette di polistirolo del gelato o contenitori in plastica di frutta e verdura. Per la decorazione delle barche si può utilizzare carta da regalo che facilmente può essere piegata per ricoprire lo scafo, oppure pezzi di stoffa per la realizzazione della vela.

14


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 15

Educazione espressiva

Coloriamo con i simboli Materiale occorrente Fogli di carta bianca Bollini di cartoncino colorato Pennarelli giallo, rosso e blu Assegniamo agli alunni dei bollini di carta colorata. Ogni bambino realizzerà un disegno con particolari nitidi e ben definiti, senza colorarlo. Poi lo passerà ad un compagno, dopo aver applicato, nelle zone da colorare, un bollino di un certo colore. L’amico dovrà colorare il disegno con i pennarelli decodificando le indicazioni che gli sono state fornite, quasi a costituire una mappa colorata. Al termine dell’attività i bimbi avranno modo di confrontarsi e dialogare fra loro, formulando domande del tipo: Di che colore hai fatto il sole? Perché hai fatto la casa blu?

Scopriamo i colori Materiale occorrente Tre fogli di acetato trasparente: blu, giallo e rosso Forbici L’insegnante spiega ai bambini che le illustrazioni che si trovano nei libri, pur essendo tutte coloratissime, sono composte solo da tre colori! Per verificarlo si prendono tre fogli di acetato trasparente: blu, giallo e rosso. Si tagliano delle strisce nei fogli di circa cinque centimetri ciascuna, e si inizia col sovrapporre una striscia gialla e una blu. Vedremo apparire il verde nel punto in cui le due strisce combaciano. I bambini osservano attraverso le strisce di acetato trasparente, e vedranno tutti gli oggetti dietro i fogli in tonalità verde. Se si mette una striscia rossa sopra a quella gialla, si scoprirà l’arancione. Mentre il blu e il rosso intrecciandosi, formano il viola. Svolgendo questa attività l’insegnante avrà modo di stimolare la partecipazione collettiva e avvicinare i bambini alla scoperta dei colori derivati.

15


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 16

Educazione espressiva

Un girotondo di mille colori A volte i colori ci fanno degli scherzetti: danno l’impressione ai nostri occhi di vedere molti colori diversi, mentre invece si tratta solo di tre toni di luce: il rosso, il blu e il giallo, che li colpiscono.

Materiale occorrente Un cartoncino bianco spesso Matita Pennarelli rossi, blu, gialli a punta grande L’insegnante disegna un cerchio di circa quindici centimetri di diametro sul cartoncino e poi lo ritaglia segnando e forando con la matita il centro. Per vedere esattamente dov’è il centro, bisogna piegare leggermente il cartoncino a metà e poi in quarti, e segnare il centro con un punto. L’insegnate invita poi i bambini a usare i pennarelli per disegnare su tutta la superficie del cerchio dei puntini rossi, blu e gialli. Infine insersce la matita nel foro centrale e, facendo finta di avere tra le mani una trottola, la fa girare... quasi per magia appariranno anelli di vari colori!

16


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 17

Educazione espressiva

Oggi disegno giallo limone Materiale occorrente Pennelli Spremiagrumi Piccoli contenitori con succo ottenuto da alcuni limone (uno ogni due bambini) Fogli di carta bianca e ruvida Candela e accendino L’insegnante mette nei contenitori del succo di limone e li dispone sui tavoli in modo che siano accessibili a tutti i bambini. Consegna a ciascun bambino un pennello e un foglio di carta bianca e ruvida e li invita a dipingere semplici segni intingendo il pennello nel succo di limone. Dopo aver lasciato asciugare un pochino chiama i bambini intorno ad un tavolo dove avrà acceso una candela. Con la fiamma della candela posta sotto il foglio, l’insegnante scalderà ciascun disegno che apparirà in tutta la sua bellezza! In questo modo i bambini possono porre la loro attenzione al segno lasciato dal pennello che in un primo momento non era visibile e notare che il colore del segno sul foglio risulta più scuro rispetto al giallo limone accesso della buccia esterna del frutto.

17


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 18

Educazione espressiva

Mille bolle di colore blu Materiale occorrente Bacinelle di plastica riempite d’acqua

Cannucce grandi

Grembiuli da pittura

Sapone liquido

Bottiglie di plastica

Tempera blu

L’insegnante invita i bambini a indossare il grembiule da pittura e a riempire d’acqua le bacinelle di plastica predisposte per l’attività. Versa poi nei recipienti un po’ di tempera blu a cui aggiungerà del sapone liquido e fa mescolare ai bambini il composto con le mani. Dispone poi i bambini a piccoli gruppi attorno a ciascun contenitore e consegna una cannuccia ognuno. Infine invita i bambini a soffiare sull’acqua con le cannucce producendo una miriade di grosse bolle di sapone blu.

Approfondimento sono che le bolle ottenute Spieghiamo ai bambini ra esenza della tempe pr la r pe u bl di te colora ne di aggiunta alla soluzio dello stesso colore acqua e sapone.

18


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 19

Educazione espressiva

Una collana tutta rossa Materiale occorrente Nastrino o cordino rosso

Pennelli grandi

Pasta alimentare formato ditalini

Vassoietti in polistirolo o cartone

Vecchi giornali

Forbici

Tempera rossa

Grembiuli da pittura

Dopo aver fatto indossare ai bambini i grembiuli da pittura, l’insegnante dispone sul tavolo alcuni contenitori in cui verserà della tempera rossa. Consegnerà poi ai bambini le tempere, e una certa quantità di pasta alimentare nel formato ditalini da colorare utilizzando grandi pennelli per evitare di dover dipingere uno ad uno i ditalini. Si propone l’utilizzo solo del colore rosso in modo che questa attività concluda la presentazione dei colori fondamentali, e quindi aiuti i bambini alla discriminazione visiva e tattile del colore. La pasta colorata verrà disposta ad asciugare sui vassoi di polistirolo o cartone. In seguito i bambini infileranno i ditalini con il cordino rosso fino a formare una collana che chiuderanno con l’aiuto dell’insegnante. Ogni bambino deciderà a chi regalare il suo prodotto.

Approfondimento imari, tato i colori pr en es pr er av po Do da rative ed espressive co de à vit ti at o m ia propon modo sso, il giallo e il blu, in fare utilizzando il ro oscerli e manipolarli, nb co o an ss po ni bi m che i ba colori fase di scoperta dei prima di passare alla composti.

19


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 20

Educazione espressiva

Stampiamo a bollicine Materiale occorrente Fogli di plastica da imballaggio a bollicine Fogli da disegno Tempere nei colori giallo, rosso e blu Colla vinilica Contenitori dove miscelare le tempere con la colla Forbici Pennelli Grembiulini da pittura Dopo aver predisposto sul tavolo di lavoro tutti gli strumenti necessari, i fogli e tanti piccoli contenitori dove miscelare tempere di diverso colore con colla vinilica, l’insegnante consegna ad ogni bambino un grembiulino da pittura in modo che possa svolgere l’attività senza temere di sporcarsi. I bambini, con i pennelli a disposizione, stenderanno i vari colori a tempera mescolati con la colla, sui fogli di plastica da imballaggio che l’insegnante consegnerà loro. Appoggiano poi questi ultimi su fogli di carta da disegno, esercitando una leggera pressione con le mani. Lasciano asciugare per alcuni minuti e poi sollevano i fogli di plastica. Avranno così ottenuto dei fogli stampati con tante bollicine colorate. L’insegnante suggerisce agli alunni di ritagliare questi cartoncini e di rielaborarli inventando, con le sagome ottenute, coloratissime e svariate composizioni. Potranno servire a realizzare biglietti augurali, maschere, manifesti e striscioni decorativi.

20


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 21

Educazione espressiva

Sculture aeree colorate Materiale occorrente Immagini colorate con rosso, giallo, blu Colla vinilica Fogli di carta bianca o colorata resistente Perforatrice Fili di lana o nettapipe Filo di nylon e forbici per l’insegnante

L’insegnante consegna ai bambini alcune strisce rettangolari di carta bianca o colorata resistente, lunghe circa quaranta centimetri, e li invita ad incollarvi le figure suddivise per colore, una sotto l’altra, a formare una catena. Dopo aver praticato un foro con la perforatrice sulla sommità di ogni striscia ed aver passato un filo di lana, invita i bambini a ritagliarle in forme casuali allungate, seguendo un andamento ondulato e serpeggiante. Si potranno appendere i prodotti al soffitto della sezione o del laboratorio espressivo, cerando delle sculture aeree policromatiche. I bambini si divertiranno nell’alternare i colori secondo il proprio gusto estetico, sperimentando nuove idee ed abbinamenti. Si può proporre ai bambini di cinque anni di realizzare le stesse sculture aeree riproducendo il ritmo di tre colori, in modo che esprimano e consolidino così la capacità ad operare attraverso algoritmi terziari.

21


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:56

Pagina 22

Educazione espressiva

Pitture astratte con la schiuma da barba Materiale occorrente Tre grandi bacinelle Grandi fogli di carta da pacco bianca Tempera gialla, rossa e blu Schiuma da barba in bombolette Grembiulini da pittura Dopo aver invitato i bambini a indossare i grambiulini, chiediamo loro di mescolare, nelle bacinelle che avremo predisposto su di un tavolo, schiuma da barba e tempere di vario colore (una per ogni bacinella). Lasciamo che i bambini immergano liberamente le mani nel composto, esplorando colori e sensazioni, e invitiamoli a dipingere in gruppo con le mani su grandi fogli di carta da pacco bianca per creare delle bellissime pitture astratte.

Una casetta per ogni colore Materiale occorrente Scatola di cartone colorato aperta Riviste o vecchi calendari Immagini ritagliate nei colori: rosso, giallo, blu,verde Cerchi di plastica o di corda dei colori delle immagini

22

Invitiamo i bambini di tre e quattro anni a svolgere questa attivitĂ  per rafforzare la loro conoscenza sui colori primari e del colore derivato verde. Disponiamo sul pavimento della sezione cerchi di plastica o di corda dei colori rosso, giallo, blu, verde. Chiediamo ai bambini di sedersi in cerchio e facciamo passare di mano in mano una scatola contenente diverse immagini ritagliate negli stessi colori dei cerchi. Un bambino alla volta, estrae una figura, ne enuncia il colore e la va a collocare nel cerchio del colore corrispondente (casetta). Il giro prosegue fino ad esaurimento delle immagini.


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:57

Pagina 23

Educazione espressiva

I colori nei sacchetti Materiale occorrente Oggetti della sezione di uso comune di colore giallo, rosso, blu Sacchetti di carta (uno per bambino) Campanello per l’insegnante

Si nascondono alcuni oggetti gialli, rossi e blu in vari punti della sezione. Per non creare eccessiva confusione, si possono dividere i bambini in tre gruppi. Ogni gruppo dovrà cercare oggetti di un solo colore, che verrà enunciato dall’insegnante. Il primo gruppo inizia la ricerca. Ogni bambino ha in mano un sacchettino che gli servirà da contenitore per gli oggetti raccolti. I bambini del primo gruppo cercheranno, ad esempio, solo oggetti di colore rosso e li inseriranno nei loro sacchetti. La ricerca si interromperà dopo breve tempo ad un segno dell’insegnante che suonerà il campanello. Sarà allora il turno del secondo gruppo che dovrà cercare oggetti di colore giallo e così via. Al termine dell’attività i bambini di ciascun gruppo a turno, svuoteranno i loro sacchetti su di un tavolo. I compagni degli altri due gruppi verificheranno che gli oggetti siano effettivamente del colore richiesto. Ogni bambino conterà quanti oggetti ha trovato il proprio gruppo. Il gruppo che ne avrà recuperati il maggior numero senza fare errori, riceverà un applauso da parte dei compagni di gioco.

23


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:57

Pagina 24

Educazione espressiva

Impronte digitali animate Materiale occorrente Spugnette Tempere colorate dei colori primari Pennarelli a punta sottile Stracci inumiditi Rotolo di carta da cucina Cartoncini bianchi o colorati ritagliati in forma geometrica (ovale, rettangolare, triangolare, rotonda) L’insegnante predispone sul tavolo del laboratorio di attività espressive alcuni tamponi in spugna intrisi di tempere di vario colore. Fa piegare i cartoncini a metà, invita poi i bambini a premere con un dito dapprima sul tampone e poi sulle strisce di cartoncini bianchi o colorati di varie forme e grandezze, in modo da lasciare la traccia della propria impronta digitale.

24


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:57

Pagina 25

Educazione espressiva Quando la tempera si sarĂ  asciugata, i bambini dovranno completare le proprie produzioni disegnando, con i pennarelli a punta sottile, piccoli particolari sopra o sotto le figure in modo da trasformare le impronte in pupazzetti: uccellini, topolini, pesci, farfalle.

Con questa tecnica si possono realizzare originali biglietti d’auguri, segnaposto, libri di animazione.

Approfondimento Ăˆ importante pulire le dita dei bambini dopo che questi hanno usato ogni colore, e prima che cambino colore per la realizzazione di un'altra impronta, in modo da non mescolare i colori primari utilizzati.

25


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 26

Educazione espressiva

I colori composti Per iniziare il percorso sui colori complementari l’insegnante racconta una storia mostrandone le immagini a colori presentate nelle pagine seguenti, con lo scopo di rafforzare la conoscenza dei bambini sui colori complementari, o colori amici. Si inizia col presentare i protagonisti: la famiglia dell’Orsetto Gelindo colorata di arancione, e poco per volta si presentano le immagini che rappresentano le successive fasi del racconto introducendo gli altri abbinamenti di colore.

Obiettivi formativi Favorire la percezione delle fasi del racconto con un inizio ed un finale Scoprire che i disegni aiutano a comprendere il contenuto dei racconti Stimolare i bimbi nell’anticipazione di un finale, verificando se ciò che è avvenuto coincide con ciò che essi hanno immaginato

26


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 27

Educazione espressiva

Gelindo, l’Orsetto che amava le Genzianelle C’era una volta in un grande bosco sul monte, un orsetto arancione di nome Gelindo. Egli aveva una bella famiglia: una Mamma Orso dolcissima, un Papà Orso coraggioso che gli voleva molto bene e due fratellini orsacchiotti un po’ monelli. Suo padre voleva fare di lui un grande cacciatore, ma Gelindo non amava cacciare, voleva diventare un bravo giardiniere per coltivare le Genzianelle Blu. Le aveva viste lungo i sentieri in alta montagna, e se ne era innamorato. Tutte le notti Gelindo sognava giardini incantati, colmi di fiori dalla forma di campanella blu. Nel sogno i fiori lo aspettavano e gli cantavano bellissime canzoni e ninne nanne. Il papà talvolta lo costringeva a seguirlo nelle sue battute di caccia, ma Gelindo era sempre più scontento e decise di andare dal Vecchio Orso del Monte per chiedergli un consiglio. Il vecchio e saggio orso, dopo averlo ascoltato, gli regalò una scatola contenente piccoli semi gialli e un rastrello di legno rosso, dicendogli che quei materiali erano la chiave per fare la scelta giusta. Gelindo tornò nella sua tana con i suoi preziosi oggetti, e mentre li osservava, sentì un fruscio... Erano il papà e la mamma! I genitori gli sorrisero e lo abbracciarono teneramente. Gelindo mostrò loro i semini e il bel rastrello nuovo avuto in dono dal Vecchio Orso. Papà Orso allora lo invitò a seguirlo lungo un sentiero che portava ad un grande prato. Era proprio il posto giusto per realizzare il giardino delle Genzianelle Blu, tanto sognato!

27


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 28

Educazione espressiva

28


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 29

Educazione espressiva

29


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 30

Educazione espressiva

30


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 31

Educazione espressiva

Rappresentazione grafica del racconto Materiale occorrente Fotocopie delle schede alle pagine 32-37 Tempere arancione, blu, verde, rosso, giallo, viola L’insegnante invita i bambini a sedersi intorno ai tavoli in piccoli gruppi e presenta a ciascun gruppo l’insieme delle sei schede del racconto da colorare (pagina 32-37). Invita poi i bambini a scegliere l’immagine del racconto che preferiscono e a colorarla nelle varie parti, con le tempere del giusto colore. Le immagini così ottenute potranno essere utilizzate, disposte in ordine sequenziale, per rappresentare le varie fasi di cui si compone la storia in un momento di verbalizzazione collettiva. Tali sequenze, disposte sulle pareti del laboratorio espressivo potranno diventare l’inizio per lo sviluppo della drammatizzazione teatrale sul tema del colore (vedi drammatizzazione a pagina 83).

31


03 Colori.qxp:guida idea 1

7-04-2010

14:58

Pagina 32

Educazione espressiva

32

Nome Cognome Data

Š ELI


ilfilodelleideeColore