Issuu on Google+


MAYA BLAKE

Alle condizioni del milionario


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: The Price of Success Harlequin Mills & Boon Modern Romance © 2012 Maya Blake Traduzione di Silvia Paola Bazoli Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Books S.A. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. Harmony è un marchio registrato di proprietà Harlequin Mondadori S.p.A. All Rights Reserved. © 2014 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione Collezione Harmony marzo 2014 Questo volume è stato stampato nel febbraio 2014 presso la Rotolito Lombarda - Milano COLLEZIONE HARMONY ISSN 1122 - 5450 Periodico bisettimanale n. 2877 del 28/03/2014 Direttore responsabile: Stefano Blaco Registrazione Tribunale di Milano n. 22 del 24/01/1981 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - Via Trentacoste, 7 - 20134 Milano Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1 Gli attimi prima dell'impatto sembravano girati al rallentatore. Il tempo si fermò, poi si dilatò sotto il sole di quella domenica. Le auto stavano correndo a più di duecentoventi chilometri l'ora, eppure sembrava che eseguissero una danza ipnotica. Sasha Fleming fissò raggelata la fiancata di Rafael mentre toccava lo pneumatico posteriore dell'altra auto. Centinai di chili di fibra di carbonio si ripiegarono e si contorsero, il metallo tagliò lo pneumatico sinistro, facendo roteare l'auto di novanta gradi. L'auto da corsa appena presentata volò in aria, per diversi secondi assomigliò a un velivolo futuristico e non a un bolide concepito per correre sull'asfalto. La gravità ebbe inevitabilmente la meglio e l'esplosione fu devastante. Il metallo contorto fece un rumore sinistro che risuonò nelle sue orecchie amplificato dagli altoparlanti intorno a lei. «Si è schiantato! Incredibile! L'attuale campione del mondo Rafael de Cervantes è uscito dalla pista con la sua Espiritu DSII. Solo questa mattina sui giornali era apparsa la notizia che l'auto era indistruttibile. Com'è possibile?» Sasha si strappò dalle orecchie le cuffie, lo stomaco chiuso in una morsa, mentre intorno a lei rombava il frastuono del circuito Hungaroring. Il cuore le batteva all'impazzata, tanto da darle l'im5


pressione che stesse per balzarle fuori dal petto. Lei aveva gli occhi incollati sulle barriere dove era andata a finire la Espiritu e al suo fianco si radunarono una ventina di membri della squadra che fissavano sgomenti la scena. «Alzate il volume» urlò qualcuno. Tenendo a bada il bisogno di obiettare a quel comando, lei strinse le braccia al petto e si lasciò andare ai ricordi di un altro incidente che aveva cambiato la sua vita per sempre. A volte l'unico modo di superare il dolore è affrontarlo e abbandonarsi a lui. Lascia che ti divori e poi ne uscirai. Quante volte le aveva ripetuto quelle parole suo padre? Quando si era rotta la caviglia mentre imparava ad andare in bicicletta. Quando si era rotta un braccio arrampicandosi su un albero. Quando aveva perso sua madre a dieci anni. Quando aveva sofferto perché aveva scelto l'uomo sbagliato. Aveva superato tutti quei momenti. Be'... quasi tutti. La perdita che aveva subito era sepolta nella profondità del suo cuore e l'avrebbe seguita ovunque, così come la perdita del padre. La voce del commentatore la distolse da quei pensieri. «Non si vedono movimenti dentro l'auto. La gara è stata sospesa ed è scesa in pista la safety car, insieme all'ambulanza. Non vediamo Rafael, non ci sono movimenti. Sicuramente il suo team sta cercando di parlare con lui. Devo dire che la situazione non sembra buona...» Sasha inspirò a fatica e con le dita si liberò dal velcro che chiudeva la sua tuta da gara. Era scossa dai brividi e le sembrava di non riuscire a deglutire, ripensando all'ultima conversazione che aveva avuto con Rafael. Lui le si era rivolto pieno di rabbia. 6


L'aveva accusata, quando in realtà lei aveva solo cercato di essere d'aiuto... Era colpa sua? Possibile che lei fosse in parte responsabile di quell'incidente? «È arrivata l'ambulanza. C'è anche Marco, il fratello di Rafael e capo del Team Espiritu.» Marco. Sasha pensò di essere sul punto di svenire. Non si era neanche resa conto che lui era arrivato in Ungheria. Nei due anni in cui lei era stata pilota di riserva del Team Espiritu, Marco de Cervantes non aveva mai perso una gara... fino a quel fine settimana. Tutti avevano notato la sua assenza, le celebrità e i reali che erano arrivati da ogni parte del mondo per vedere da vicino lo stile di vita dei de Cervantes, erano chiaramente delusi. A giudicare dalle risposte tese di Rafael alle domande su suo fratello, Sasha aveva dedotto che i due avessero litigato. Si sentì stringere il petto in una morsa al pensiero che Marco fosse arrivato giusto in tempo per assistere all'incidente del fratello. Un cameraman temerario si fece largo fra le guardie del corpo e raggiunse Marco. L'espressione tesa, pallido nonostante la carnagione olivastra, lui aveva mantenuto lo sguardo fisso davanti a sé, senza rivelare la benché minima emozione, mentre si dirigeva verso l'auto di cortesia a pochi metri da lui. Un attimo prima di salire si girò e con i suoi occhi nocciola fissò la telecamera. Sasha rimase immobile. Si sentì gelare quando riconobbe la furia che covava sotto quello sguardo freddo. Non dipendeva dalla situazione che doveva affrontare, Sasha sapeva che c'era di più. Rabbrividì di nuovo violentemente, poi si girò in cerca di una via di fuga. Il retro del garage dove c'erano gli pneumatici di 7


scorta sarebbe stato un buon rifugio. Aveva fatto un solo passo in direzione dell'uscita, quando Tom Brooks, il suo addetto stampa ufficiale, la raggiunse. «Dobbiamo prepararci per un'intervista» disse lui facendo scorrere le dita sull'iPad. Sasha avvertì una violenta ondata di nausea. «Di già? Non sappiamo come sta Rafael?» O se era ancora vivo. «Esattamente. Tutti gli occhi saranno puntati sulla sua squadra. Non è il caso di alimentare altri scandali» obiettò lui con freddezza. Sasha si morse il labbro. Solo una settimana prima lei aveva negato con forza di avere una relazione con Rafael e aveva così attirato l'attenzione della stampa sulla squadra. «Non è meglio essere informati prima dell'intervista?» Lui si rabbuiò. «Vuoi fare il pilota di riserva a vita?» «No, certo che no...» «Bene, perché io non voglio fare l'addetto stampa di una riserva per il resto della mia carriera. Vuoi essere la numero uno? Ecco l'occasione per provarlo.» Lei sentì montare la rabbia. «Non sappiamo ancora quali siano le condizioni di Rafael!» «Puoi stare qui con le mani in mano e farti soffiare l'opportunità sotto gli occhi. Sono poche le donne che sono diventate piloti di Formula Uno, tu puoi scegliere di restare nell'anonimato o metterti alla guida - letteralmente - e mettere a tacere le chiacchiere.» Non aveva bisogno di chiedergli che cosa intendesse dire. «Non m'importa dei pettegolezzi. Io sono brava» ribatté raddrizzando le spalle. «Sei anche la figlia di Jack Fleming e la ex di Derek Mahoney. Se vuoi che ti prendano seriamente, devi 8


farti avanti. Fai l'intervista, fatti conoscere.» Sasha si sentiva a disagio. Per quanto le risultassero sgraditi i modi di Tom, sapeva che in parte aveva ragione. «C'è un giornalista che è pronto a incontrarti.» «No» ribatté lei guardando lo schermo. «Non concederò interviste finché non saprò come sta Rafael.» Due ambulanze e tre mezzi dei pompieri avevano circondato l'auto. Sasha provò una stretta al cuore. Rafael, per favore non morire. Non morire... Tom si addolcì un poco notando lo sguardo di lei. «Preparerò qualcosa nell'attesa. Trovati un posto tranquillo e cerca di riprendere il controllo.» Si guardò intorno per accertarsi che nessuno lo sentisse. «Questa è l'occasione che aspettavi. Non la rovinare, Sasha.» Marco de Cervantes entrò nella camera privata dell'ospedale di Budapest in preda al panico. Teneva le mani strette a pugno per fermare il tremito e fece uno sforzo enorme per avvicinarsi al letto dove giaceva suo fratello. Aveva negli occhi ogni singola immagine di quell'incubo e rivedeva il sangue... tutto quel sangue... Il lenzuolo bianco steso sopra il petto di Rafael lo fece trasalire. Doveva chiedere agli infermieri di cambiarlo con uno verde, il colore preferito di suo fratello. Rafael non era morto e Marco avrebbe fatto quanto in suo potere perché fosse l'ultima volta che la morte li sfiorava così da vicino. Si abbassò e fissò il volto pallido del fratello, il tubo inserito in gola che gli permetteva di respirare. Era troppo. Aveva scelto di lasciare a Rafael il tempo per ragionare, anziché costringerlo lui. Facendo così gli aveva permesso di mettersi al volante dell'auto più potente al mondo mentre stava ancora soffrendo per un rifiuto. 9


Rafael era molto diverso da lui, non sapeva vivere a compartimenti, soffocare le emozioni che lo turbavano. La sua felicità, la sua tristezza, i trionfi e le sconfitte erano sempre devastanti e totali. Aggiungere a tutto questo un'auto che correva a più di duecentoventi chilometri all'ora con la potenza di settecentocinquanta cavalli lo aveva portato in quella stanza d'ospedale. Prese la mano immobile di Rafael e si chinò con le labbra vicino all'orecchio del fratello. «Sei vivo, hai capito? Ti giuro su quello che ho di più sacro che se muori, ti seguo fino all'inferno e ti prendo a calci nel sedere» mormorò con voce incerta. «E so che sarai all'inferno, perché uno come te non può finire in paradiso.» Non riuscì a proseguire perché gli veniva da piangere. La mano di Rafael non si era mossa ed era tiepida. Marco la strinse ancora di più, deciso a infondere la vita al fratello, a rifiutare quello che gli avevano detto i dottori. Un ematoma cerebrale... Un'emorragia interna... non c'è altro da fare che attendere... Con la coda dell'occhio vide che il televisore a schermo piatto a parete era acceso e stava riproponendo le scene dell'incidente di Rafael. Qualcosa lo colpì e con la rabbia che gli montava dentro afferrò il telecomando e lo spense. Gli ci vollero cinque minuti per ritrovare la calma e il controllo, poi si avvicinò al fratello e si sedette accanto a lui. «So che non saresti d'accordo con me, ma te la sei cavata bene e non mi riferisco solo all'incidente.» Mentalmente ringraziò il Signore che il fratello non avesse potuto ascoltare l'intervista che avevano appena trasmesso. Marco sapeva bene che molte persone erano pronte 10


a sacrificare tutto pur di raggiungere la fama e il potere. E l'ambizione sfrenata che aveva visto nello sguardo di Sasha Fleming gli aveva fatto ribollire il sangue. Se voleva la guerra l'avrebbe avuta. Avrebbe fatto esattamente quello che lei aveva fatto a suo fratello e poi avrebbe goduto nel distruggere i suoi sogni. «Mi scusi, potrebbe indicarmi la stanza di Rafael de Cervantes?» chiese Sasha, cercando di assumere un tono autoritario, anche se sapeva che quello non era il suo posto. L'infermiera con l'uniforme immacolata la squadrò. «È una parente?» «No, ma volevo sapere come sta. Lui era... è nella mia squadra.» L'infermiera cambiò immediatamente espressione e la riconobbe. «Lei è Sasha Fleming!» Sasha sfoggiò il suo sorriso da obiettivo, quello che rivolgeva generalmente ai giornalisti. «Sì» mormorò, sollevando gli occhiali dalle grandi lenti. «Mio nipote l'adora!» esclamò la donna. «Ogni volta che la vede durante le prove del venerdì, gli si illumina lo sguardo. Non starà nella pelle quando gli dirò che l'ho incontrata.» Sasha cominciava a sentirsi meno tesa. «Grazie. Allora posso vedere Rafael?» chiese nuovamente. Poi si affrettò ad aggiungere: «Mi tratterrò solo un attimo». «Mi dispiace, signorina Fleming, non è nella lista dei visitatori ammessi.» Sasha si schiarì la voce. «Marco de Cervantes è qui? Magari potrei chiedere a lui?» Cercò di non pensare allo sguardo duro e freddo di lui. Lei era lì per Rafael. 11


Marco non sarebbe arrivato a proibirle di vederlo, no? «No, se n'è andato mezz'ora fa.» «Se n'è andato?» ripeté lei incredula. L'infermiera annuì. «Be', date le circostanze.» Per un attimo Sasha si chiese se non fosse il caso di insistere con la donna perché facesse un'eccezione, perché infrangesse le regole per lei, poi ci rinunciò. Lei aveva infranto le proprie regole con Rafael, facendo amicizia con lui e probabilmente era per quel motivo che ora lui si trovava in quel letto d'ospedale. Si sistemò nuovamente gli occhiali e si diresse verso l'ascensore. Con i jeans, la maglietta di cotone e una borsa di cuoio, assomigliava a una delle tante turiste che affollavano la città. Era riuscita a non farsi notare dai paparazzi e sperava di passare inosservata anche all'uscita. «Aspetti» la fermò l'infermiera. «Magari posso fare un'eccezione per lei per pochi minuti» le sussurrò. Sasha si sentì invadere dal sollievo. «Grazie!» «Me lo farebbe un autografo per mio nipote?» Sasha si sentì in colpa, ma il bisogno di vedere Rafael era più forte, così prese la penna che la donna le stava porgendo. «Cosa diavolo ci fa qui?» Sasha si girò di scatto e trasalì vedendo la sagoma scura che riempiva il riquadro della porta. L'infermiera le aveva concesso solo pochi minuti, ma dando uno sguardo all'orologio si rese conto che era rimasta più di un'ora! «Le ho fatto una domanda.» «Sono venuta a trovare Rafael. Non c'era nessuno.» «E così ha pensato di sgattaiolare dentro?» «Aspetti, l'infermiera...» 12


Marco era davanti a lei, forte e possente come sempre, l'espressione glaciale. Lei scosse la testa. «Volevo vedere come stava» mormorò. «Da quanto è qui?» Lei azzardò un altro sguardo all'orologio e si sentì gelare. Doveva dirgli la verità? «Ha importanza?» ribatté. «Pensa che possa fargli del male?» Quegli occhi color nocciola sembravano volerla trapassare. «Non lo penso. Io so che ha già fatto del male a Rafael.» «Le ha raccontato della nostra discussione?» «Sì. Immagino che la sua presenza qui sia un'altra trovata per i giornali.» «Certo che no!» «Allora come mai nell'ultima ora la presenza dei giornalisti fuori dai cancelli è raddoppiata?» Lei si girò verso la finestra, ma non fece in tempo a raggiungerla, perché una presa d'acciaio la fermò. «Se pensa che le lasci usare mio fratello per perseguire i suoi scopi, si sbaglia di grosso.» Sasha lo guardò allarmata. «Perché pensa una cosa simile?» Un sorriso crudele si dipinse sul volto di lui. «Vogliamo parlare dell'intervista che ha appena concesso? Della sua preoccupazione per lui e per la sua famiglia? Del fatto che è pronta a prendere il suo posto appena possibile per non lasciare nei guai la squadra? Erano queste le sue parole esatte? "Mi sono guadagnata un posto da primo pilota. Ho dimostrato di esserne all'altezza". Ha detto così o sbaglio?» Sasha deglutì a fatica, incapace di distogliere lo sguardo da quello ipnotico di lui. «Io non avrei dovuto» mormorò e la sensazione di 13


disagio che aveva provato durante l'intervista ritornò. «Io non intendevo...» «E cosa intendeva? Come ha fatto a guadagnarsi un posto nella squadra? Come mai, proprio lei dovrebbe sostituire mio fratello?» «Perché me lo merito!» ribatté provando a liberare il braccio, ma senza riuscirci. Lui la inchiodò con lo sguardo. Nonostante fosse furibondo, Marco emanava comunque un sex appeal travolgente e lei comprese come mai le sue guardie del corpo passassero metà del loro tempo ad allontanare le fan che si piazzavano di fronte alla tribuna esclusiva che lui occupava nei circuiti. Correva voce che una volta una ragazza si fosse arrampicata dal balcone e fosse entrata nella sua camera da letto in hotel. «Se lo merita? Perché?» la sfidò di nuovo lui, avvicinandosi e rendendole difficile respirare. «Niente da dire?» la incalzò. Lei riuscì finalmente a liberare il polso dalla presa e fece un passo indietro. «Signor de Cervantes, questo non è né il momento né il luogo per discuterne.» Il suo sguardo andò a Rafael, collegato alle macchine che lo tenevano in vita. Marco seguì lo sguardo e rabbrividì, quasi si rendesse conto solo in quel momento del luogo in cui si trovava. Quando Sasha lo guardò nuovamente, colse nei suoi occhi una pena profonda e comprese che nonostante la durezza e le parole di fuoco, Marco de Cervantes stava soffrendo terribilmente. L'angoscia di non sapere se una persona cara sarebbe sopravvissuta, le era familiare. Si scordò del lavoro, della discussione e il bisogno di confortare un altro essere umano prevalse sull'istinto di conservazione. 14


«Rafael è forte. Ce la farà» mormorò. Lui inspirò lentamente e la sofferenza svanì dal suo sguardo, mentre assumeva un'espressione di scherno. «La sua partecipazione è commovente, signorina Fleming. Ma può fare a meno di recitare. Non ci sono telecamere qui e nessun microfono. A meno che non ne abbia lei uno addosso. In questo caso domani potrò vedere su Internet le immagini di mio fratello che lotta fra la vita e la morte?» «Come può dire una cosa simile!» esclamò e corse a prendere la sua borsa. Era ora che se ne andasse. «Sempre meglio che vederla sgomitare per ottenere il suo posto prima di sapere se è vivo o morto» commentò lui. Sasha chinò la testa. «Ha ragione. Era il momento sbagliato per rilasciare quell'intervista.» Lui sembrò sorpreso da quella risposta, ma mantenne comunque un'espressione risoluta. «Però non si è rifiutata.» Sarebbe stato facile incolpare Tom e sarebbe stato anche da vigliacchi. La verità era che lei voleva prendere il posto di primo pilota. «Ho ritenuto di agire nell'interesse della squadra e mi sono fatta avanti. Ma il momento era sbagliato e di questo mi scuso.» Lui sorrise con aria cattiva e Sasha rabbrividì allarmata. Ebbe la premonizione che stesse per dire qualcosa che non le sarebbe piaciuto. «Avrebbe dovuto riflettere, signorina Fleming. Sono io a decidere quello che è nel miglior interesse del Team Espiritu. Non lei.» Si avvicinò al letto del fratello e lo guardò. Sasha rimase immobile. La somiglianza fra i due era incredibile, eppure erano due uomini diversi. Rafael era esuberante e allegro, mentre suo fratello 15


era cupo e minaccioso come un vulcano che poteva eruttare da un momento all'altro. Alla fine lui sollevò lo sguardo. «Contano solo le mie decisioni. Lei ha sbagliato momento ed è imperdonabile» dichiarò con voce gelida. «Questo rende la mia decisione incredibilmente semplice.» «A cosa si riferisce?» «Al fatto che lei non fa più parte della squadra» disse e le sorrise amabilmente. «Congratulazioni. È stata appena licenziata.»

16


2870 - Rivincita di una notte di C. Williams Tra tutti gli uomini del mondo, perché doveva essere proprio Gabriel l'unico in grado di aiutare Lucy? Preparati a una nuova SUBLIME VENDETTA.

2871 - Fuga greca di E. Power Piantata in asso dal fidanzato, Kayla si rifugia su un'isola greca, e l'ultima cosa che vuole è dividere quel piccolo paradiso. Torna FUOCO GRECO.

2872 - Una perfetta soluzione di K. Lawrence Zoe sa di non essere tagliata per fare la governante, ma ha bisogno di quel lavoro a casa di Isandro... Vorresti essere FATTA PER L UI?

2873 - Segreti di famiglia di C. Marinelli L'ultima crisi di Santo, il suo complicato datore di lavoro, è troppo anche per l'efficiente Ella... Prima puntata de LA DINASTIA DEI C ORRETTI.

2874 - Un inaspettato ritorno

di L. Raye Harris Caroline nasconde un segreto, e il ritorno di Roman rischia di portare il caos all'interno della sua vita. Sta per arrivare UN N UOVO INIZIO.

2875 - L'ultima scommessa dello sceicco

di T. Morey Quando Bahir è costretto a proteggere Marina, la sua ex amante, sembra che la fortuna l'abbia abbandonato. Termina I FRATELLI DEL DESERTO.

2876 - Prigioniera del conte di S. Craven Cresciuta in un sonnecchioso paesino inglese, Maddie non si sarebbe mai aspettata che un viaggio di lavoro in Italia potesse finire così...

2877 - Alle condizioni del milionario di M. Blake Sasha non ha calcolato che rispettare le regole che Marco le ha imposto non sarà così facile... Ecco a voi un nuovo INTERNATIONAL TYCOON.


Dall'8 aprile

2878 - Un matrimonio inatteso di J. Baird Beth vorrebbe gettarsi il passato alle spalle. Quando si ritrova di fronte a Stefano, però... Metti la firma sul tuo nuovo C ONTRATTO D'A MORE.

2879 - La perla di Jazaar di S. Carr Zoe è sempre stata considerata poco più che una schiava dalla sua tribù, e ora il suo destino prevede... Tornano I PRINCIPI DEL DESERTO.

2880 - Un uomo da domare di S. Stephens Romy è abituata a rimanere dietro le quinte, e le è sempre andata bene così. Con Kruz, però... Vuoi sapere se sei FATTA PER L UI?

2881 - Il richiamo del peccato di S. Morgan Luca ha cose ben più importanti a cui pensare di qualche foto rubata da un paparazzo... Seconda puntata de LA DINASTIA DEI C ORRETTI.

2882 - Scintilla sul red carpet

di S. Kendrick Jennifer si è ritrovata come per incanto protagonista di un sogno, ma la magia adesso sembra finita... Regalati UN NUOVO INIZIO.

2883 - L'isola dei segreti

di R. Donald L'unica possibilità che Luc ha per entrare in possesso di quanto gli spetta è trascorrere sei mesi su un'isola del Pacifico accanto a Joanna...

2884 - La sorpresa del milionario di C. Williams La vita da playboy di Gabriel è finita da un pezzo. Adesso guida l'impero di famiglia... Scopri l'INTERNATIONAL TYCOON di questo mese.

2885 - La sposa del greco di M. Yates Il progetto di Ajax Kouros non prevedeva certo di essere lasciato all'altare davanti a tutti gli invitati... Lasciati scaldare dal F UOCO GRECO.


ANTOLOGIE da 3 ROMANZI firmate dalle autrici delle serie più amate. Il MEGLIO, selezionato per te. Maureen Child ,tra le più prolifiche autrici del romance femminile, ha il raro dono di saper mettere sempre d’accordo pubblico e critica. Firma un’antologia dove gli opposti si attraggono e la passione può scoppiare anche nel modo più inaspettato.

Sogni che si avverano, favola e un pizzico di romanticismo sono gli ingredienti di quest’antologia firmata Susan Meier, dove la realtà di tutti i giorni si tinge di tutte le brillanti tonalità di un amore sbocciato all’improvviso. Dal 29 marzo in edicola e nei migliori supermercati Scoprili su www.eHarmony.it - Seguici su


Ogni sfumatura del desiderio. Scozia, 1715. Una donna in cerca d’amore, un maestro delle arti antiche, una magica attrazione. Ma sarà l’amore, più potente di qualsiasi sortilegio, a cambiare il loro destino. Dopo il successo di Sortilegio d’estate e Desiderio e vendetta, l’atteso ritorno di Saskia Walker, con un romanzo storico sensuale e dall’atmosfera carica di magia.

IL BURLESQUE È LA MIA VITA…

Dietro il sipario del burlesque di New York ragazze sexy, piume, corsetti e paillettes. Che lo spettacolo abbia inizio! Un nuovo romanzo sexy che svela un sacco di dettagli sul dietro le quinte degli spettacoli del burlesque newyorkese, notte New York si dove la notte si anima di perversioni, intrighi, ricatti e vizi segreti. E tutto può succedere... Scopri anche PIUME BLU, il primo romanzo della trilogia, su www.eHarmony.it

In vendita dal 27 marzo

Scoprili su www.eHarmony.it - Seguici su


ABBONATI! PER TE UNA SORPRESA MISTERIOSA!

Sì!

Spedisci questa pagina a: SERVIZIO LETTRICI HARMONY C/O Brescia CMP - 25126 Brescia

Sì Voglio abbonarmi ad Harmony Collezione. Speditemi mensilmente 6 inediti romanzi e la sorpresa misteriosa che resterà comunque mia al prezzo scontato del 15%: € 16.30 più € 1.80 per contributo spese di spedizione. Potrò sospendere in ogni momento le successive spedizioni a pagamento mediante comunicazione scritta, come pure restituirvi i romanzi ricevuti a pagamento per posta entro 10 gg. (Diritto di recesso Art. 64 Dlg. 206/2005).

4B0106 Cognome.............................................................Nome.................................................................. Via.....................................................................................................................N°........................ Località.............................................................................Prov...................CAP............................... Prefisso....................Telefono....................................e-mail............................................................ Firma............................................................................................Data.......................................... Offerta limitata a un solo componente per ciascun nucleo familiare non minorenne e non valida per coloro che già ricevono per corrispondenza i romanzi Harmony Collezione. Offerta valida solo in Italia fino al 31.12.2014. Tutte le richieste sono soggette ad approvazione della Casa. I Suoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Harlequin Mondadori S.p.A. - Via Marco d’Aviano, 2 – 20131 MILANO - e dalle società con essa in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. - titolari del trattamento - per evadere la Sua richiesta di ricevere per posta cartacea informazioni commerciali e campioni di prodotto, nonché la Sua eventuale richiesta di acquisto di nostri prodotti editoriali, secondo l’offerta riportata sul presente coupon, e le attività a ciò strumentali, ivi comprese le operazioni di pagamento e quelle connesse con adempimenti amministrativi e fiscali, nonché le attività di customer care. Nome, cognome e indirizzo sono indispensabili per i suddetti fini. Il mancato conferimento dei restanti dati non pregiudica il Suo diritto ad ottenere quanto richiesto. Previo Suo consenso, i Suoi dati potranno essere trattati dalle titolari per finalità di marketing, attività promozionali, offerte commerciali, indagini di mercato - anche tramite email e telefono, qualora forniti I Suoi dati potranno, altresì, essere comunicati a soggetti operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, per propri utilizzi aventi le suddette medesime fi nalità. L’elenco completo ed aggiornato delle società in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. con Harlequin Mondadori S.p.A., dei soggetti terzi cui i dati possono essere comunicati e dei responsabili è disponibile a richiesta all’indirizzo sopra indicato. I Suoi dati potranno essere trattati dagli incaricati preposti alle seguenti operazioni di trattamento: elaborazione dati e sistemi informativi, amministrazione, servizio clienti, gestione abbonamenti, confezionamento e spedizione riviste, confezionamento mailing, invio newsletter Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003, potrà esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modifi care e cancellare i Suoi dati od opporsi al loro trattamento per fini di invio di materiale pubblicitario o per comunicazioni commerciali o sondaggi di opinione, rivolgendosi al Responsabile Dati presso Harlequin Mondadori S.p.A. all’indirizzo indicato. Acconsente che le titolari utilizzino i Suoi dati per le proprie fi nalità di marketing, anche via e-mail e telefono, come illustrato nell’informativa? SI NO Acconsente che i Suoi dati siano comunicati ai suddetti soggetti terzi e da questi utilizzati per le finalità e secondo le modalità illustrate nell’informativa? SI NO

Regalo non condizionato all’acquisto ed esente dalla disciplina delle operazioni a premio


H2877 alle condizioni del milionario