Page 1


TRISH MOREY

L'ultima scommessa dello sceicco


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: The Sheikh's Last Gamble Harlequin Mills & Boon Modern Romance © 2012 Trish Morey Traduzione di Anna Vassalli Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Books S.A. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. Harmony è un marchio registrato di proprietà Harlequin Mondadori S.p.A. All Rights Reserved. © 2014 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione Collezione Harmony marzo 2014 Questo volume è stato stampato nel febbraio 2014 presso la Rotolito Lombarda - Milano COLLEZIONE HARMONY ISSN 1122 - 5450 Periodico bisettimanale n. 2875 del 21/03/2014 Direttore responsabile: Stefano Blaco Registrazione Tribunale di Milano n. 22 del 24/01/1981 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - Via Trentacoste, 7 - 20134 Milano Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1 Bahir Al-Qadir odiava perdere. Per chi era considerato ospite sgradito in più della metà dei casinò del mondo per aver sistematicamente sbancato il banco, perdere era qualcosa di insolito. In quel momento, mentre un'altra pila di fiches era spazzata via dal tavolo della roulette, sentì in bocca il gusto amaro della bile, e una cupa nube di disperazione gli gravò sul capo. Da tre notti era perseguitato dalla sfortuna, e pareva che non fosse ancora finita. Non gli era di consolazione neppure la consapevolezza che la roulette fosse un gioco destinato a dare al casinò grandi profitti. Non quando era abituato a vincere. Che ironia che la Dea Bendata l'avesse abbandonato in quel momento, proprio quando aveva contato su una serata per sollevarsi il morale. Avrebbe riso per la presa in giro della sorte, ma non era nello spirito di ridere. Eppure riesumò un sorriso mentre sistemava l'ultima pila di fiches su un numero nero, osservando l'atteggiamento del croupier che gli faceva intendere di essere pronto. Che cosa importava se aveva già lasciato sul tavolo della roulette l'equivalente del prodotto nazionale di un piccolo Stato? Era un giocatore incallito. La nuca poteva anche essere bagnata di sudore e lo stomaco contratto, ma che fosse dannato se qualcuno dei gioca5


tori intorno al tavolo, che lo osservavano con curiosità, avrebbe letto in lui la tensione. Il croupier attese altre giocate, pur sapendo che non ce ne sarebbero state. Tutti gli altri si erano astenuti, accontentandosi di vedere l'impensabile, di vedere Bahir, il famoso Sceicco della Roulette, perdere; così rimase solo lui contro il banco. Il croupier fece girare la pallina. Sicuramente questa volta... Sicuramente... Mentre la pallina girava, lo stomaco di Bahir si contrasse ancora di più. Un rivolo di sudore gli scese sulla schiena. Ma, a dispetto di questo, esibì un sorriso indifferente, il corpo studiatamente rilassato. «Rien ne va plus!» annunciò il croupier inutilmente, perché nessuno era stato disposto a puntare. Tutti osservavano la pallina girare e rimbalzare nelle varie caselle mentre la velocità diminuiva. Alla fine, la pallina entrò in una casella, per poi rimbalzare e schizzare nell'altra direzione. Sapeva benissimo cosa si provava in quel momento: la speranza era svanita nello stesso modo per tre sere consecutive. Ma, sicuramente, questa sera, nell'ultima puntata della notte, la fortuna sarebbe cambiata, no? Poi la pallina rallentò, si fermò e, con una nauseante consapevolezza, lui vide: rosso, il colore che rendeva il numero irrilevante. Aveva perso. Di nuovo. Ringraziò il croupier, come se avesse perso non più dell'equivalente del costo di una tazza di caffè, ignorando i mormorii scioccati degli astanti, deciso a uscire a testa alta, anche se se la sarebbe presa tra le mani. Cosa diavolo gli stava succedendo? Bahir non perdeva. Non in questo modo. 6


L'ultima volta che gli era capitato un periodo sfortunato del genere... Bloccò il corso dei pensieri. Non avrebbe indugiato in quella direzione. L'ultima cosa di cui aveva bisogno era pensare in una serata del genere a lei. Lei, che era la dannatissima ragione per cui era lì, dopotutto. «Monsieur, s'il vous plait» mormorò una voce suadente accanto a lui, e si voltò per vedere la faccia da squalo di Marcel, l'impiegato all'ufficio fidi che il casinò gli aveva assegnato quella sera. Una figura perfetta, fino a quel momento, che aveva mantenuto le dovute distanze, e l'espressione priva di quel compiacimento che indubbiamente provava, Marcel aveva fatto in modo che non gli mancasse niente durante le puntate al tavolo da gioco. «Sceicco Al-Qadir, la serata non deve concludersi qui. Se lo desidera, il casinò sarà più che felice di accordarle un prestito affinché possa continuare a giocare.» Bahir lesse il suo viso. L'espressione blanda dell'uomo poteva anche non esprimere nulla, ma fu l'impazienza negli occhi grigi che gli fece accapponare la pelle. Quindi, ritenevano che non avesse perso a sufficienza per quella sera? Un'istintiva sfida gli fece bollire il sangue, finché non ebbe la meglio la consapevolezza che da tre giorni non aveva fatto altro che perdere. E questo era un buon motivo per andarsene. Inoltre, non aveva bisogno del loro denaro. Aveva vinto parecchio nel corso degli anni per non doversi preoccupare di perdere uno stupido milione, o anche dieci, se per questo. Non era il denaro che gli interessava. Non sopportava perdere. Sorrise nonostante il pulsare alle tempie. «Grazie, no.» Marcel insistette. «Ma la notte è ancora giovane.» 7


Bahir si guardò intorno. In quel luogo, una persona poteva anche convincersene. Sotto gli immensi lampadari di cristallo, circondato da un arredamento lussuoso e da donne splendide, e senza una finestra che lasciasse intuire l'ora, era possibile perdere la cognizione del tempo. Controllò l'orologio da polso. Era quasi l'alba. «Per qualcuno, forse.» Tuttavia Marcel insistette. Indubbiamente avrebbe avuto una gratifica se non si fosse lasciato sfuggire un cliente del genere. «Allora, la rivedremo questa sera, vero, sceicco Al-Qadir?» «Forse.» E forse no. «Verrà una limousine a prenderla, diciamo alle otto questa sera?» A questo punto Bahir si fermò, tormentato dal pulsare alle tempie. Non era la prima volta che ringraziava il cielo di non aver accettato la cosiddetta, generosa offerta del casinò di una sistemazione interna. C'erano dei vantaggi nell'aver declinato un'offerta del genere, come poter andare nelle sale da gioco a piacimento, e solo quando ne aveva voglia, tanto per citarne una. Stava per dire a Marcel dove avrebbe potuto infilarsi la sua limousine, quando la vide... una fiammata di colore dall'altro lato del salone, drappeggiata intorno a un corpo dalla pelle color miele, e capelli color ebano raccolti da un fermaglio di diamanti... e per un attimo ricordò un altro tempo, un altro casinò. E, dannazione, un'altra donna. Ed era venuto qui con il proposito di dimenticarla. Scosse il capo, sperando di liberarsi dai ricordi, percependo il vuoto in sé espandersi fino al punto di rottura, percependo un'ondata di calore che sgorgava dal cuore impazzito. «Sceicco Al-Qadir?» «Vai via, Marcel» ringhiò, e questa volta lo squalo 8


senza pinne afferrò la situazione e si eclissò velocemente. Non era lei, si rese conto a una seconda occhiata, non le somigliava neppure. Il viso di quella donna era tutto mascelle e folte sopracciglia, le labbra due righe rosse, la pelle color miele somigliava a plastica. E come sarebbe potuta essere lei? L'aveva lasciata con sua sorella ad Al-Jirad. Sicuramente, neppure una persona irresponsabile come lei avrebbe abbandonato la propria famiglia subito dopo i problemi che avevano avuto per liberarla da Mustafa. Tuttavia, conoscendo Marina... Imprecò tra sé mentre si avviava all'uscita. Cosa diavolo non andava in lui quella notte? L'ultima cosa di cui aveva bisogno era pensare a lei. No, non era esatto. L'ultima cosa di cui aveva bisogno era di pensare alla sua pelle color miele, a come l'attraeva ancora come un magnete, nonostante il tempo passato e l'abisso di odio che si era creato tra loro. Quanto tempo era trascorso? Tre anni? Di più? Eppure lei riusciva ancora a eccitarlo con quegli occhi da sirena, uno sguardo che si era fatto di ghiaccio nell'istante in cui si era resa conto chi era uno dei suoi salvatori. Si muoveva ancora come seta liquida, montando a cavallo senza sella, le gambe lunghe, il corpo sottile nonostante il tempo e i due bambini che aveva messo al mondo. Avrebbe giurato che la sua pelle fosse ancora morbida come un tempo, sia sotto le sue mani sia all'interno delle gambe avvinghiate al suo corpo. Accidenti a lei! Non avrebbe più pensato a lei e alla sua pelle di seta! Non c'era motivo. Era una fonte di guai, passati e pre9


senti. Era la peggiore scommessa, la posta persa ancora prima che la roulette cominciasse a girare. Mentre passava, un portiere gli augurò la buona sera anche se il cielo notturno si stava stemperando nel grigio. Si augurò che l'aria fresca del mattino fosse un balsamo per la pelle accaldata e i nervi scossi, offrendo la promessa di un altro giorno. Invece provò solo frustrazione. Cercò di allentare le spalle rigide per la tensione. Quando mai aveva avuto i muscoli tanto contratti? Quando mai aveva avuto il morale così a terra? Ma conosceva già la risposta, e abbandonò il corso di quei pensieri. Si raggomitolò in una limousine che aspettava e allentò la cravatta mentre si appoggiava allo schienale, all'improvviso stanco del mondo, della propria vita inquieta. Aveva creduto che il casinò gli avrebbe sollevato il morale, invece la fortuna lo aveva abbandonato e affossato ancora di più nell'avvilimento. Lasciò scorrere lo sguardo dal finestrino, sul viale fiancheggiato da palme, sul mare azzurro. Montecarlo era bellissima, non c'era dubbio, un magnete per i ricchi e i famosi e per coloro che aspiravano a esserlo: ma in quel momento Montecarlo e l'intero sud della Francia gli pareva superato e senza scopo. No, non c'era niente per lui in quel luogo. Doveva andarsene, ma dove? A Las Vegas? No, non avrebbe avuto senso. I casinò degli Stati Uniti offrivano delle chance ancora migliori per la casa da gioco. Ed era ospite ancora sgradito a Macao, dopo l'ultima vincita astronomica. Un'immagine proibita prese forma nella mente, una memoria recente di dune e sole dorato, caldo, e incasto10


nato tra palme mentre scendeva inesorabilmente all'orizzonte. Il deserto? Si raddrizzò sul sedile, l'interesse risvegliato, anche se continuava a chiedersi se non fosse una pazzia. La sua recente visita ad Al-Jirad era stata l'occasione per riunirsi con i tre vecchi amici, Zoltan, Kadar e Rashid. Aveva anche comportato due scorribande nel deserto. Ma nessuno di loro aveva avuto piÚ di un assaggio del deserto, impegnati com'erano, prima a salvare la principessa Aisha e poi sua sorella, Marina, dalle grinfie di Mustafa. Aveva trovato esaltante la prima incursione, impegnato con i tre amici in una corsa contro il tempo attraverso le dune. La seconda un po' meno, anche se i cavalli erano altrettanto vigorosi, la compagnia sicura e il tramonto e l'alba altrettanto stupendi. Era stato rivedere Marina dopo tutti quegli anni a rovinare l'impresa. Con tutte le donne che ci sono al mondo, era stata proprio una sfortuna che Zoltan avesse sposato sua sorella, la sorella della donna che aveva giurato di non vedere mai piÚ. E una sfortuna ben peggiore, che lei riuscisse ancora a eccitarlo con una sola occhiata. Forse un'altra visita al deserto l'avrebbe rimesso in sesto. Forse l'aria ardente del giorno avrebbe spazzato via l'immagine di lei dalla mente. E l'aria fresca della notte gli avrebbe chiarito le idee sul suo conto, una volta per tutte. E, forse, non aveva neppure bisogno del deserto. Forse era semplicemente ora di tornare a casa. A casa. Da quando pensava al deserto come a casa propria? Ma perchÊ non sarebbe dovuto tornare? Non c'era al11


cun posto che richiedeva la sua presenza. Non doveva compiacere nessuno, se non se stesso. E questa volta si sarebbe preso il proprio tempo, abbeverandosi ai colori e all'essenza del deserto, avrebbe indugiato a osservare e ad assorbire il suo potere aspro, a respirare l'aria intatta sotto il sole cocente. Ma, soprattutto, non ci sarebbero stati abbagli di colore in una sala affollata, nessuno scorcio di pelle per ricordargli un altro tempo e un'altra donna che voleva dimenticare. Trasse un profondo respiro, sereno per la prima volta da giorni, facendosi un appunto mentale di controllare i voli. Era felice di essersi buttato quell'infausta notte alle spalle. Ora, sicuramente, quel periodo di sfortuna nera doveva essere passato, no? Il cellulare vibrò nella tasca. Lo estrasse, incuriosito per chi potesse chiamarlo a quell'ora antelucana, meno sorpreso quando vide il nome sul display. Portò il cellulare all'orecchio. Cosa posso fare per te, Zoltan? Rimase in ascolto, mentre il grigio dell'alba si faceva rosato, e il suo periodo di sfortuna prendeva una svolta ancora peggiore.

12


2870 - Rivincita di una notte di C. Williams Tra tutti gli uomini del mondo, perché doveva essere proprio Gabriel l'unico in grado di aiutare Lucy? Preparati a una nuova SUBLIME VENDETTA.

2871 - Fuga greca di E. Power Piantata in asso dal fidanzato, Kayla si rifugia su un'isola greca, e l'ultima cosa che vuole è dividere quel piccolo paradiso. Torna FUOCO GRECO.

2872 - Una perfetta soluzione di K. Lawrence Zoe sa di non essere tagliata per fare la governante, ma ha bisogno di quel lavoro a casa di Isandro... Vorresti essere FATTA PER L UI?

2873 - Segreti di famiglia di C. Marinelli L'ultima crisi di Santo, il suo complicato datore di lavoro, è troppo anche per l'efficiente Ella... Prima puntata de LA DINASTIA DEI C ORRETTI.

2874 - Un inaspettato ritorno

di L. Raye Harris Caroline nasconde un segreto, e il ritorno di Roman rischia di portare il caos all'interno della sua vita. Sta per arrivare UN N UOVO INIZIO.

2875 - L'ultima scommessa dello sceicco

di T. Morey Quando Bahir è costretto a proteggere Marina, la sua ex amante, sembra che la fortuna l'abbia abbandonato. Termina I FRATELLI DEL DESERTO.

2876 - Prigioniera del conte di S. Craven Cresciuta in un sonnecchioso paesino inglese, Maddie non si sarebbe mai aspettata che un viaggio di lavoro in Italia potesse finire così...

2877 - Alle condizioni del milionario di M. Blake Sasha non ha calcolato che rispettare le regole che Marco le ha imposto non sarà così facile... Ecco a voi un nuovo INTERNATIONAL TYCOON.


Dall'8 aprile

2878 - Un matrimonio inatteso di J. Baird Beth vorrebbe gettarsi il passato alle spalle. Quando si ritrova di fronte a Stefano, però... Metti la firma sul tuo nuovo C ONTRATTO D'A MORE.

2879 - La perla di Jazaar di S. Carr Zoe è sempre stata considerata poco più che una schiava dalla sua tribù, e ora il suo destino prevede... Tornano I PRINCIPI DEL DESERTO.

2880 - Un uomo da domare di S. Stephens Romy è abituata a rimanere dietro le quinte, e le è sempre andata bene così. Con Kruz, però... Vuoi sapere se sei FATTA PER L UI?

2881 - Il richiamo del peccato di S. Morgan Luca ha cose ben più importanti a cui pensare di qualche foto rubata da un paparazzo... Seconda puntata de LA DINASTIA DEI C ORRETTI.

2882 - Scintilla sul red carpet

di S. Kendrick Jennifer si è ritrovata come per incanto protagonista di un sogno, ma la magia adesso sembra finita... Regalati UN NUOVO INIZIO.

2883 - L'isola dei segreti

di R. Donald L'unica possibilità che Luc ha per entrare in possesso di quanto gli spetta è trascorrere sei mesi su un'isola del Pacifico accanto a Joanna...

2884 - La sorpresa del milionario di C. Williams La vita da playboy di Gabriel è finita da un pezzo. Adesso guida l'impero di famiglia... Scopri l'INTERNATIONAL TYCOON di questo mese.

2885 - La sposa del greco di M. Yates Il progetto di Ajax Kouros non prevedeva certo di essere lasciato all'altare davanti a tutti gli invitati... Lasciati scaldare dal F UOCO GRECO.


Aria di primavera: sbocciano le

OFFERTE Harmony 2 Amori da Favola a solo 4,50 €

DALL’8 MARZO

Antologie 3 in 1 delle serie più amate ,

35% di risparmio: 1 STORIA È GRATIS!

DAL 21 MARZO www.eHarmony.it – Seguici su


Ogni sfumatura del desiderio. Scozia, 1715. Una donna in cerca d’amore, un maestro delle arti antiche, una magica attrazione. Ma sarà l’amore, più potente di qualsiasi sortilegio, a cambiare il loro destino. Dopo il successo di Sortilegio d’estate e Desiderio e vendetta, l’atteso ritorno di Saskia Walker, con un romanzo storico sensuale e dall’atmosfera carica di magia.

IL BURLESQUE È LA MIA VITA…

Dietro il sipario del burlesque di New York ragazze sexy, piume, corsetti e paillettes. Che lo spettacolo abbia inizio! Un nuovo romanzo sexy che svela un sacco di dettagli sul dietro le quinte degli spettacoli del burlesque newyorkese, notte New York si dove la notte si anima di perversioni, intrighi, ricatti e vizi segreti. E tutto può succedere... Scopri anche PIUME BLU, il primo romanzo della trilogia, su www.eHarmony.it

In vendita dal 27 marzo

Scoprili su www.eHarmony.it - Seguici su


ABBONATI! PER TE UNA SORPRESA MISTERIOSA!

Sì!

Spedisci questa pagina a: SERVIZIO LETTRICI HARMONY C/O Brescia CMP - 25126 Brescia

Sì Voglio abbonarmi ad Harmony Collezione. Speditemi mensilmente 6 inediti romanzi e la sorpresa misteriosa che resterà comunque mia al prezzo scontato del 15%: € 16.30 più € 1.80 per contributo spese di spedizione. Potrò sospendere in ogni momento le successive spedizioni a pagamento mediante comunicazione scritta, come pure restituirvi i romanzi ricevuti a pagamento per posta entro 10 gg. (Diritto di recesso Art. 64 Dlg. 206/2005).

4B0106 Cognome.............................................................Nome.................................................................. Via.....................................................................................................................N°........................ Località.............................................................................Prov...................CAP............................... Prefisso....................Telefono....................................e-mail............................................................ Firma............................................................................................Data.......................................... Offerta limitata a un solo componente per ciascun nucleo familiare non minorenne e non valida per coloro che già ricevono per corrispondenza i romanzi Harmony Collezione. Offerta valida solo in Italia fino al 31.12.2014. Tutte le richieste sono soggette ad approvazione della Casa. I Suoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Harlequin Mondadori S.p.A. - Via Marco d’Aviano, 2 – 20131 MILANO - e dalle società con essa in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. - titolari del trattamento - per evadere la Sua richiesta di ricevere per posta cartacea informazioni commerciali e campioni di prodotto, nonché la Sua eventuale richiesta di acquisto di nostri prodotti editoriali, secondo l’offerta riportata sul presente coupon, e le attività a ciò strumentali, ivi comprese le operazioni di pagamento e quelle connesse con adempimenti amministrativi e fiscali, nonché le attività di customer care. Nome, cognome e indirizzo sono indispensabili per i suddetti fini. Il mancato conferimento dei restanti dati non pregiudica il Suo diritto ad ottenere quanto richiesto. Previo Suo consenso, i Suoi dati potranno essere trattati dalle titolari per finalità di marketing, attività promozionali, offerte commerciali, indagini di mercato - anche tramite email e telefono, qualora forniti I Suoi dati potranno, altresì, essere comunicati a soggetti operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, per propri utilizzi aventi le suddette medesime fi nalità. L’elenco completo ed aggiornato delle società in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. con Harlequin Mondadori S.p.A., dei soggetti terzi cui i dati possono essere comunicati e dei responsabili è disponibile a richiesta all’indirizzo sopra indicato. I Suoi dati potranno essere trattati dagli incaricati preposti alle seguenti operazioni di trattamento: elaborazione dati e sistemi informativi, amministrazione, servizio clienti, gestione abbonamenti, confezionamento e spedizione riviste, confezionamento mailing, invio newsletter Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003, potrà esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modifi care e cancellare i Suoi dati od opporsi al loro trattamento per fini di invio di materiale pubblicitario o per comunicazioni commerciali o sondaggi di opinione, rivolgendosi al Responsabile Dati presso Harlequin Mondadori S.p.A. all’indirizzo indicato. Acconsente che le titolari utilizzino i Suoi dati per le proprie fi nalità di marketing, anche via e-mail e telefono, come illustrato nell’informativa? SI NO Acconsente che i Suoi dati siano comunicati ai suddetti soggetti terzi e da questi utilizzati per le finalità e secondo le modalità illustrate nell’informativa? SI NO

Regalo non condizionato all’acquisto ed esente dalla disciplina delle operazioni a premio


H2875 l'ultima scommessa dello sceicco  
Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you