Page 1


Annie West

NELLA TENDA DELLO SCEICCO


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: Girl in the Bedouin Tent Harlequin Mills & Boon Modern Romance © 2011 Annie West Traduzione di Carla Maria De Bello Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Enterprises II B.V. / S.à.r.l Luxembourg. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. Harmony è un marchio registrato di proprietà Harlequin Mondadori S.p.A. All Rights Reserved. © 2012 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione Collezione Harmony ottobre 2012 Questo volume è stato stampato nel settembre 2012 presso la Rotolito Lombarda - Milano COLLEZIONE HARMONY ISSN 1122 - 5450 Periodico bisettimanale n. 2736 dello 09/10/2012 Direttore responsabile: Alessandra Bazardi Registrazione Tribunale di Milano n. 22 del 24/01/1981 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1

Amir si diresse verso la tenda allestita appositamente per lui. Era stata una serata noiosa, la compagnia pessima. Giocare a fare l'ospite con il leader tribale di uno stato confinante non era certo il suo passatempo preferito. Specialmente quando aveva affari ben più importanti da concludere non appena tornato a casa. «Altezza...» Faruq gli si affrettò incontro. «Dobbiamo consultarci prima che inizino le negoziazioni.» «Non ora.» Amir scosse il capo. «Vai a riposare. Domani sarà una lunga giornata.» Specialmente per Faruq. L'assistente di Amir era un uomo di città, affatto abituato a quella selvaggia regione dalla diplomazia a dir poco improvvisata. «Ma Altezza...» La protesta scemò, mentre Amir faceva un gesto in direzione delle guardie di Mustafa che accerchiavano la tenda. Apparentemente a protezione degli ospiti, ma in realtà per spiare il più possibile. «C'è anche la ragazza» azzardò Faruq abbassando la testa. Già, la ragazza. Amir rallentò il passo mentre ricordava la donna che quella sera Mustafa gli aveva offerto con tanta ostentazione. Capelli biondi che scintillavano nella luce delle lampade come seta liquida. Luminosi occhi violetti che 5


ricambiavano il suo sguardo con un'audacia che pochi avrebbero azzardato. Quella combinazione di bellezza e provocazione per un attimo gli aveva strappato il respiro. Qualcosa in quella ragazza aveva solleticato il suo interesse. Forse il modo in cui sollevava le sottili sopracciglia bionde in un'espressione che avrebbe reso orgogliosa un'imperatrice. «Dubiti della mia capacità di gestirla?» «Certo che no, Altezza. Ma c'è qualcosa... di strano.» Strano era la parola giusta. A Montecarlo, Mosca o Stoccolma i suoi colori non avrebbero suscitato un secondo sguardo. E nemmeno gli occhi, dato che quel viola indicava certamente l'uso di lenti a contatto colorate. Ma non lì, non in un selvaggio paese di frontiera abitato da nomadi e briganti. «Non preoccuparti, Faruq. Sono certo che troveremo una qualche... sistemazione.» Con un gesto di congedo Amir entrò nella tenda. Chissà se era a letto ad aspettarlo? Forse sarebbe già stata nuda. Gli si sarebbe offerta con la delicatezza di una professionista. Nonostante il disgusto, il cuore accelerò il battito al ricordo di una bocca in conflitto con il fuoco degli occhi, una bocca che prometteva un piacere che avrebbe provocato qualsiasi uomo. Si tolse gli stivali poi scostò il drappo che bloccava l'entrata. Un passo avanti e registrò la luce soffusa della lampada sul lato opposto della tenda. Nessun segno della ragazza. Controllò, i sensi improvvisamente in allerta. Un istante più tardi sollevò un braccio a bloccare qualcuno che lo assaliva nell'ombra. Qualcosa di pesante lo colpì e lui si voltò, afferrando il proprio aggressore. 6


Un voluminoso mantello cadde sul pavimento mentre un tintinnio di monete lo ammoniva sull'identità dell'assalitore giusto in tempo. Si ritrasse di scatto per evitare di atterrarla con un singolo colpo. Le afferrò un braccio e glielo torse dietro la schiena. I movimenti erano controllati, rapidi, precisi. Aveva imparato a combattere con alcuni pesi massimi, ma non poteva usare simili tattiche su una donna, neanche su una che gli aveva teso un agguato nella sua stessa camera. Fece per afferrarle l'altro braccio, ma prima di riuscirci lei si divincolò con un disperato movimento. L'istinto lo salvò. Un istinto affinato da anni di perfezionamento come guerriero e altri modi ben meno onorevoli di sopravvivere. Ruotò su se stesso e le cinse la vita con un braccio, proprio mentre una lama lo sfiorava alla base del collo. «Dannazione!» La strinse con forza e il coltello cadde per terra. Senza rimorso agganciò un piede intorno alle gambe di lei facendola collassare per terra, quindi le si avventò addosso inchiodando i suoi polsi al tappeto proprio sopra la testa. La vide immobile e per un attimo si domandò addirittura se respirasse, poi sentì il lieve movimento dei seni sotto di sé e un affannoso respiro tremante. Lentamente si portò una mano alla gola. Un rivolo di sangue gli scendeva lungo la clavicola. Lo aveva pugnalato! Con la mascella serrata afferrò il coltello sul pavimento. Piccolo, affilato, splendido. Perfetto per sbucciare la frutta o infliggere serie ferite agli sprovveduti. Imprecando lo lanciò dall'altra parte della stanza. «Chi ti ha mandata? Mustafa?» Non aveva alcun senso. Non c'era motivo per cui il suo ospite potesse volerlo morto, eppure il sangue sulla pelle era reale. 7


Quello era davvero un pessimo modo di ravvivare una spiacevole visita di dovere! Un misto di ira e curiosità lo sorprese mentre osservava quelle labbra scarlatte ora dischiuse per respirare. Quegli occhi incredibilmente violetti, enormi sotto le palpebre porpora. «Chi sei?» Le si avvicinò ancora, il viso a pochi centimetri da quello di lei, ma l'espressione della ragazza era vuota, come addestrata a celare qualunque paura. Imprecando a denti stretti si sollevò su un braccio schiacciando però il proprio inguine contro il corpo di lei. E la mente non poté non registrarne la soddisfacente morbidezza, un innato invito che neppure la rabbia avrebbe potuto costringerlo a ignorare. Si sforzò di rimanere lucido. Non era il momento di lasciarsi distrarre. Se aveva avuto un coltello avrebbero potuto essercene altri. Rotolò su un lato mentre osservava il suo corpo seminudo. Non ci sarebbe stato posto per celare un'arma mortale, sotto quell'abito da danzatrice del ventre. Poi lo sguardo scivolò più in basso, oltre la vita sottile e fino alla cintura sui fianchi. Sarebbe stata abbastanza ampia da nascondere qualcosa. Esitò. In tanti anni non aveva mai toccato una donna che non lo desiderasse. La bocca si incurvò in una smorfia di disgusto. Abilmente fece scivolare una mano sotto la cintura e lei eruppe in un convulso movimento. I fianchi si incurvarono mente le gambe lottavano invano per liberarsi. «Ti prego, no!» Le parole risuonarono roche, non nel dialetto del luogo ma in una lingua che raramente lui aveva sentito lì. «Sei inglese?» Cercò il suo viso e l'espressione che le scorse negli occhi lo raggelò. Puro terrore. 8


Fu quell'immobilità che alla fine squarciò il panico di Cassie. Quello, e il fatto che lui avesse fatto scivolare la sua mano sui vestiti e girato il palmo in alto come per placarla. «Sei inglese?» tornò a chiederle, e le folte sopracciglia scure si aggrottarono in un cipiglio che accentuava i lineamenti del viso. Appariva fiero e mascolino. Cosa importava che fosse inglese? Possibile che una nazionalità fosse più sicura di un'altra in un Paese dove i viaggiatori venivano rapiti e imprigionati? Ormai non sembrava più arrabbiato, ma il peso del suo corpo e la presa sui polsi rammentavano chiaramente come fosse ancora alla sua mercé. Aveva pensato di salvarsi con un attacco preventivo, ma lui si era rivelato troppo veloce. Troppo forte. Troppo pericoloso. «Per favore...» Fu un roco sussurro da una gola stretta di paura. «Non lo fare. Non violentarmi.» Immediatamente lui si ritrasse, gli occhi spalancati e fissi su di lei. «Credi davvero...?» Il gusto metallico del terrore tornò a riempirle la bocca mentre ricordava come fosse stata inchiodata alla porta da un uomo che era il doppio di lei e con il triplo dei suoi anni. Aveva avuto soltanto sedici anni, ma riusciva ancora a rammentare perfettamente la sua mano grassa sotto la camicetta e l'altra sulla coscia, il suo peso a soffocarla mentre tentava di... «Non farei mai una cosa del genere, non importa quale sia la provocazione.» La voce dell'uomo risuonò carica di oltraggio, frantumando il passato. Sembrava lo avesse offeso nel peggior modo possibile. «Preferisco che le mie donne siano consenzienti.» «Allora lasciami andare.» Per quanto sembrasse indignato non poteva fidarsi solo della sua parola, non quan9


do giaceva mezza nuda sotto di lui. Era troppo conscia del suo corpo possente che la imprigionava. Del profumo intrinsecamente virile della sua pelle nelle narici. «Solo quando sarò sicuro che tu non nascondi un'altra arma.» La ragazza spalancò gli occhi. Era questo che stava facendo? Cercando un'arma nascosta? Quando aveva sentito la sua mano sotto la cintura era convinta che... La vista si offuscò mentre cercava di respirare oltre la nauseante risata che non riuscì a soffocare. «Smettila! Adesso!» L'afferrò per le spalle e iniziò a scuoterla, e la risata morì bruscamente così com'era nata. Poi la lasciò andare. Non riusciva a credere che lo avesse fatto. «Grazie.» Scivolò su un lato per rialzarsi in piedi ma la voce dell'uomo la trattenne all'istante. «E quei segni sulla schiena? Cosa sono?» Per fortuna non la toccò. «Graffi, suppongo. Le guardie amano esercitare la loro autorità.» Ricordò il sadico scintillio negli occhi dell'uomo che le era saltato addosso. Aveva commesso l'errore di sfidarlo. Lo sentì imprecare ancora. Le ci volle un attimo per realizzare come lo sguardo di lui fosse scivolato dalla catena intorno alla vita a quella più lunga e pesante unita a essa. Quella che la legava al letto sull'altro lato della stanza. Aveva passato ore nel disperato tentativo di liberarsi, ma non vi era riuscita neppure col coltello. Dita e unghie apparivano torturate dai tentativi. Il rossore le imporporò le guance. Il simbolismo di quella catena, che la assicurava come una schiava al letto, era troppo evidente per non essere notato. In silenzio lui afferrò il mantello dal pavimento e glielo porse. «Tieni. Copriti.» L'ordine fu brusco, come se la vista 10


di lei lo offendesse. Come se non fosse interessato a... «Grazie.» Lo osservò accendere un'altra lampada e il braciere. Il caldo crepitio del fuoco la raggiunse, ma lei non riuscì comunque a smettere di tremare. «Vieni. C'è del cibo. Ti sentirai meglio dopo che avrai mangiato qualcosa.» «Non mi sentirò meglio finché non sarò fuori di qui!» Sollevò lo sguardo, tutto il risentimento focalizzato sull'uomo che aveva di fronte: alto, scuro, molto più irresistibile di quanto il semplice fascino potesse mai essere. Lui le allungò una mano, e il solo pensiero di toccarlo di nuovo scatenò in lei un tremore lungo tutta la schiena. L'istinto infatti le suggeriva che toccarlo fosse troppo pericoloso. Finse di non notare quel gesto e si alzò in piedi da sola. Adesso la sua espressione era addirittura più severa. «Chi sei?» Sentì la propria voce emergere stridente e provocatoria. «Mi chiamo Amir ibn Masud al Jaber.» Inclinò la testa in un educato gesto di presentazione. Cassie tentò di ricordare dove avesse sentito quel nome. Sapeva di non averlo mai incontrato prima. Una simile presenza sarebbe stata indimenticabile. «Sono lo Sceicco del Tarakhar.» Non c'era da stupirsi che conoscesse quel nome! Lo Sceicco del Tarakhar era noto per le sue favolose ricchezze e per l'autorità che esercitava sul suo regno. Ma perché era lì? Possibile che fosse alleato con gli uomini che le avevano fatto tutto ciò? La paura tornò a impossessarsi di lei. «E tu sei...?» Non si mosse, ma la sua profonda voce la paralizzò. «Il mio nome è Cassandra Denison. Cassie.» «Cassandra.» Quelle sillabe tanto familiari acquisirono un suono esotico. Disse a se stessa che era l'accento 11


straniero a rendere il proprio nome così seducente. «Vieni. Hai bisogno di mangiare.» Non schioccò propriamente le dita, ma il suo gesto brusco la fece automaticamente avvicinare al tavolino. La propria immediata risposta la infuriò, ma aveva cose ben più importanti a cui pensare. Si guardò intorno. Il coltello era di nuovo dove lo aveva trovato, accanto a un piatto di frutta e mandorle. Poi fissò l'entrata della tenda e la pesante stoffa che bloccava l'aria fredda della notte. Una mano la afferrò per il gomito, facendola sussultare. «Non puoi scappare.» Negli occhi c'era qualcosa di molto simile alla compassione. «Le guardie di Mustafa ti prenderebbero subito. E comunque non avresti alcuna possibilità di rimanere da sola sulle montagne, specialmente di notte.» Cassie emise un sospiro disperato. Possibile che i propri pensieri fossero così evidenti? Sollevò il mento. «Mustafa?» «Il nostro ospite. L'uomo che ti ha presentata a me.» Sostenendola per il braccio l'aiutò a sedersi su una pila di cuscini. Un attimo dopo, con una grazia che catturò lo sguardo riluttante di lei, si sistemò dall'altra parte del tavolino. Persino da seduto appariva troppo possente per non metterla a disagio. Gremiva lo spazio, dominava i sensi. Cassie registrò il suo profumo: legno di sandalo e pura mascolinità. Le narici si dilatarono, i nervi in allarme. Raddrizzò le spalle e sostenne il suo sguardo. La tremolante luce del braciere accentuava i lineamenti severi del suo viso. Un viso che di certo apparteneva a un racconto di notti arabe e principi audaci. La sua profonda voce la riportò alla realtà. «E adesso, Cassandra Denison, puoi raccontarmi che cosa sta succedendo.» 12


2734 - Stretta fra le tue braccia

di L. Graham Il sogno di Tally e Sander non poteva durare in eterno, ma proprio quando pensano che... Seconda parte de LA PROMESSA DEI VOLAKIS.

2735 - La donna di ghiaccio

di J. Lucas Riservata, elegante, ferita. Questa è Annabelle Wolfe, la Regina di Ghiaccio. Settima puntata de I FAMIGERATI WOLFE.

2736 - Nella tenda dello sceicco

di A. West Lo sceicco Amir ha giurato di redimere il nome della propria famiglia, così l'ultima cosa di cui ha bisogno... Tornano I PRINCIPI DEL DESERTO.

2737 - Caldo sguardo greco

di S. James Sono passati diversi anni da quando Oscar Theotokis è uscito dalla vita di Helena... Non perdere il FUOCO GRECO di questo mese.

2738 - I desideri del principe

di P. Jordan Chi è davvero Lily: una cinica fotografa di moda o un'appassionata studiosa di storia dell'arte? Preparati al nuovo FATTA PER LUI.

2739 - Notti reali

di R. Donald Passioni, segreti, doveri e sogni dei giovani rampolli di una casata reale. Con la storia di Kelt e Hannah comincia SANGUE BLU.

2740 - Piacevole vendetta

di J. James Angelos sa benissimo che Thea non è l'elegante supermodella che vuole far credere di essere. Ecco a voi UN NUOVO INIZIO.

2741 - Matrimonio per due

di M. Yates Vanessa, nobile ereditiera, è la chiave per aprire l'unica porta rimasta chiusa davanti a Santiago... Metti la firma sul tuo CONTRATTO D'AMORE.


2742 - Desiderio proibito

di I. Grey Non perdere la storia d'amore fra Kit e Sophie. I FITZROY, un'indimenticabile storia in due parti della pluripremiata India Grey.

2743 - Ritorno a Wolfe Manor

di K. Hewitt Dopo anni di abbandono, il ritorno a casa di Jacob scuote Wolfe Manor dalle fondamenta. Ultimo episodio de I FAMIGERATI WOLFE.

2744 - Ai Caraibi con il capo

di C. Williams C'è solo una donna al mondo in grado di resistere al fascino di Ryan: la sua segretaria Jamie. Ritorna A LETTO COL CAPO.

2745 - Fra le braccia dello sceicco

di L. Graham Il principe e sceicco Raja al-Somari sa che i suoi desideri vengono dopo il bene del suo popolo... Lasciati rapire da I PRINCIPI DEL DESERTO.

2746 - Ammaliante sconosciuta

di T. Morey Il preciso e luccicante mondo che Dominic ha impiegato una vita a costruire crolla all'improvviso quando... Ecco a voi un SELF-MADE MAN.

2747 - Regale vendetta

di R. Donald Il principe Gerd ha da sempre un debole per la bella Rosie. Un giorno, però... Seconda puntata di SANGUE BLU.

2748 - Seduzione sulla neve

di H. Brooks Rachel è abituata a essere invisibile agli occhi degli uomini, e la cosa le va benissimo. Zac, però... Scopri se sei FATTA PER LUI.

2749 - I peccati del passato

di E. Power Sono passati cinque anni da quando Riva ha concesso il proprio cuore a Damiano... Anche questo mese c'è UN NUOVO INIZIO.

DAL 6 NOVEMBRE


LE GRANDI OFFERTE D’AUTUNNO… PIÙ LEGGI, PIÙ RISPARMI! Le collane più sexy, in formato 3 in 1 1 è GRATIS

DAL

18 OTTOBRE Antologie di 4 romanzi, per una MAXI convenienza.

DAL

27 OTTOBRE

www.eHarmony.it – Seguici su


Intenso, romantico, indimenticabile. È il ROSA di Romance, l’emozione che cerchi. Rifugiarsi a Virgin River, per stare un po’ da sola e dimenticare tutto. Un piano perfetto, ma destinato a non funzionare.

ROBYN CARR ci conduce nuovamente nella cittadina in cui tutto può accadere e dove si finisce sempre, inevitabilmente, per trovare l’amore. Ha una vita assolutamente perfetta, che non cambierebbe di una virgola. E invece lui sta tornando, per rivoluzionare tutto… in meglio.

SUSAN WIGGS firma un viaggio nei più reconditi recessi del cuore, tra legami di famiglia e ricompense d’amore, per ritrovarsi finalmente e casa.

Dal 5 ottobre

Scoprili su www.eHarmony.it - Seguici su


NOVITÀ

2012:

Nascono gli ABBONAMENTI SEMESTRALI SUPERSCONTATI del 30%!

Come puoi abbonarti? Vai sul nostro sito

www.eHarmony.it clicca sulla sezione ABBONAMENTI e scopri tutti i vantaggi della nuova offerta.

Uno dei vantaggi è che puoi pagare direttamente con Carta di Credito.

Cosa aspetti?

Approfittane subito! Per ulteriori informazioni contatta il SERVIZIO LETTRICI HARMONY al numero 199 501 502

Dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00 Il sabato (non festivo) dalle 10.00 alle 14.00

H2736_NELLA TENDA DELLO SCEICCO