Page 1


Editoriale Novembre - Dicembre 2011 Anno 01 Numero 0 Novembre - Dicembre 2011 Direttore Responsabile Patrizia Cascino pat.hitball@gmail.com Hanno collaborato a questo numero: Enzo Antimi Giacomo Catellani Giovanni De Nichilo Enrico Rolando Gianluca Zanetti Reg. Tribunale di Torino n° 72 del 02/12/2011 Periodicità Bimestrale Grafica e Impaginazione Serena Romio nena.hitball@gmail.com Contributo fotografico Manuela Agnello Dario Dusio Valentina Delvecchio Enrico Rolando Federico Solinas Gianluca Zanetti Stampa Byblos s.r.l.

Copyright ©, tutti i diritti riservati. E’ vietata la riproduzione totale o parziale di testi, foto, disegni pubblicati su Do Hit, con qualsiasi mezzo, salvo espressa autorizzazione dell’ Editore. L’editore non risponde dell’opinione espressa dagli autori.

Per collaborare con noi scrivi a: redazione.dohit@gmail.com

Questo editoriale era stato pensato diversamente, ma dopo che il campione dei Red Devils, Marco Dolfin, l’11 ottobre scorso, ha avuto un brutto incidente in moto e ha fatto stare col fiato sospeso per qualche giorno tutta la nostra grande famiglia che è la Federazione Italiana Hit Ball, non si può non dedicare un immenso “IN BOCCA AL LUPO” per la lunga riabilitazione che dovrà sopportare per poi tornare ancor più agguerrito di prima sui campi per divertirsi e far divertire il pubblico. Forza Marco, noi tutti siamo con te e a chi si può dedicare se non proprio a te questo numero zero della nuova avventura? La mia idea nasce un mattino che sembra come tutti gli altri. Ti alzi, vai al lavoro e, incrociando sulla scrivania di un tuo collega una rivista di sport, vieni folgorata da un’intuizione: e se creassi una rivista cartacea dedicata all’Hit Ball? Già, ma da dove iniziare? Cinque anni di giornalismo in redazioni e uffici stampa qualcosa avranno pur insegnato e poi che bello sarebbe! Inizia così un progetto editoriale che tratta del nostro sport e che, almeno nelle mie intenzioni, va a colmare un vuoto che io sentivo di uno strumento cartaceo che potesse diffondere la nostra passione anche al di fuori del

Palahit e dei suoi tesserati. Voglio ringraziare Enrico Rolando che ha appoggiato emotivamente e professionalmente da subito quest’idea e Serena Romio che si è lasciata contagiare dal nostro entusiasmo e che ha deciso di buttarsi a capo fitto in questo progetto dedicandosi all’impaginazione grafica. Chiedo a tutti quelli che vorranno collaborare con noi mandandoci materiale fotografico sia storico sia nuovo, in alta risoluzione, di contattarmi all’indirizzo e- mail pat.hitball@gmailcom Buona lettura a tutti!!

Patrizia Cascino

pag. 5 pag. 7 pag. 12

pag. 13 pag. 16 pag. 18

Lettera del Presidente Mirko Violetto: la nuova sfida Un nuovo gruppo di lavoro: nasce la Commissione Comunicazione e Marketing Hitball e controllo dell’aggressività: uno sport vincente 2° Torneo Centro-Sud Accordo FIHB - Generali: finalmente realtà

pag. 19 pag. 21 pag. 22 pag. 23 pag. 25 pag. 26 pag. 27 pag. 29 pag. 30 pag. 31

In riva al lago: un weekend a Lecco Coppa Hitalia 2011 Serie A1 Serie A2 Serie B1 Serie B2 Serie C Tutte le Associazioni affiliate FIHB Fantahitball: edizione 2012 Un mondo di corsi

3


Un ventennale ricco di appuntamenti Saluto con grande favore l’iniziativa dei giocatori tesserati Patrizia Cascino e Enrico Rolando (Hit Dogs) attraverso la quale si intende realizzare la rivista ufficiale della Federazione Italiana Hit Ball. Sono certo che sapranno informare con professionalità e competenza e a loro va la mia personale fiducia e stima. La rivista ufficiale FIHB sarà uno strumento utilissimo capace di alimentare e sostenere la diffusione in atto del nostro sport e nel contempo contribuirà a qualificare ulteriormente l’immagine della nostra disciplina. Anche grazie a questo progetto la Ventesima edizione del campionato di hit ball che sta per cominciare non sarà sicuramente ricordata come un’edizione come tutte le altre. Le numerose iniziative in corso per celebrare il ventennale della FIHB e i progetti che sono in corso di elaborazione per arricchire ulteriormente il programma accompagneranno infatti le 600 partite ufficiali del “Campionato del Ventennale”. Tra le iniziative già realizzate (o già programmate) segnalo il torneo interregionale (con la partecipazione della rappresentativa di Arzano Napoli) a Collevecchio (Rieti) nel maggio scorso, il seminario di studi a Milano del 15 giugno, la manifestazione sportiva con il gonfiabile a Lecco (26 giugno) e quelle più recenti a SAN CARLO Canavese (To) e a Chieri (To). La prossima manifestazione con il gonfiabile sarà ad ASTI (dove ad ottobre è previsto un corso di aggiornamento) e infine la presentazione dell’hit ball di ieri presso il Provveditorato agli Studi di Vercelli. Sempre ad ottobre ci sarà la presentazione del nostro sport a PERUGIA da parte del Prof. Enzo Antimi presso il locale IUSM per far conoscere agli studenti (e futuri professori di Scienze Motorie) dell’Umbria la nostra disciplina sportiva.

FIHB, la realizzazione di un video spot pubblicitario, un convegno a Torino nel mese di marzo 2012 e la partecipazione al Wellness festival di Rimini nel mese di maggio. Sono solamente alcune delle cose che si potrebbero e si vorrebbero fare. Non so quante tra queste potranno effettivamente essere realizzate nel corso dell’anno che terminerà il 26 marzo 2012. Confido nel sostegno di ognuno per realizzarle tutte e al meglio. Di certo ci daremo da fare come sempre e ci batteremo tutti insieme (vedi petizione per il secondo Palahit) per affermare il pieno diritto della nostra attività sportiva ad essere equiparata a pieno titolo alle altre discipline sportive a loro volta degne di stima, rispetto e considerazione istituzionale anche se nate altrove e solo successivamente importate nel nostro Paese a differenza della nostra. Buon divertimento e cordiali sportivissimi saluti.

Luigi Gigante

Tra i progetti per il futuro segnalo il secondo Palahit a Torino, l’avvio della categoria C2, il primo impianto outdoor, una web tv presso il primo o il secondo Palahit, una pubblicazione didattica, la rivista ufficiale

5


la nuova sfida!

A

detta di molti è stato ed è tutt’ora uno dei migliori giocatori di Hit Ball. Con i suoi 9700 hit in carriera, 6 scudetti, innumerevoli premi personali tra cui 16 volte miglior giocatore di A1, è sicuramente il miglior hitter di tutti i tempi e nell’ultimo campionato ha tenuto una media di quasi 31 hit a partita. Abbiamo incontrato Mirko Violetto che ha voluto condividere con noi la sua storia e la sua carriera, che poi ripercorrono anche la storia di tutto il nostro sport, ma anche le cause e le aspettative della scelta chiamata Sinombre.

6


Intervista - Come ha inizio l’avventura di Mirko Violetto nell’Hit Ball? Raffaele Francone e Lele Enria erano miei compagni alle superiori e, avendo loro fatto le medie alla Nigra con Luigi Gigante, giocavano a questo sport. Quando mancava qualcuno mi chiamavano per giocare con loro ed essendo tutti noi abbastanza atletici, Gigi ci “usava” per fare esperimenti di gioco e dimostrazioni. Io praticavo allora lo squash a livello nazionale, ma ero stufo perché mi richiedevano 6 allenamenti a settimana e quindi conoscere un nuovo sport che mi piaceva, da fare con i miei amici e con un bellissimo gruppo che andava formandosi, in un momento in cui cercavo alternative allo squash, è stato molto probabilmente determinante. All’inizio andavo con dritto e rovescio, poi, poco alla volta, ho dovuto rinunciare al rovescio per iniziare ad usare il braccio sinistro. Avevo un ottimo rovescio!

- La prima squadra e il primo campionato, quando e con chi? La prima squadra era praticamente una squadra della scuola e nonostante vincessimo ogni tipo di campionato non siamo mai riusciti a vincere gli studenteschi perché arrivavano sempre le altre scuole con squadre di pallavolisti che immancabilmente ci distruggevano. Io, Raffaele, Lele, un nostro compagno di classe e altri amici abbiamo partecipato al primissimo campionato che credo non fosse neanche ancora ufficiale. Se non ricordo male era il 1991/1992 e le squadre erano proprio poche: c’erano Piccolo Club, Somellier, la nostra, una squadra di Tony Giordano e una di Gigi.

- Quindi il Piccolo Club esiste fin dall’inizio? Il Piccolo Club c’era già perché era un club di tennis di Pino Torinese di cui il papà di Gigi era socio e quindi era stato proprio là che, in un campo molto grezzo, i soci del club avevano iniziato a giocare tra loro formando una squadra.

7


- Torniamo a te, il secondo anno, che poi sarà il primo ufficiale, hai continuato con i tuoi compagni o hai preso altre strade? L’anno successivo sono entrato nell’HB Time e sono rimasto lì anche nella stagione 1993/1994. Poi mi hanno chiesto di andare nella squadra che stavano formando Mario Marino e Sonia Bertin, i nuovi Sunandmoon. Era un tentativo di scalzare il Piccolo Club che aveva già vinto i primi due campionati. Il primo anno abbiamo giocato la bella, ma non ci siamo riusciti. Solo nel 1995/96 abbiamo interrotto la leadership di Pino. Ho fatto poi ancora un anno nel Sunandmoon senza Mario e Sonia che avevano voluto prendersi un anno di pausa lasciando la squadra a me. Nella stagione successiva Mario e Sonia sono rientrati e io mi sono spostato, con quasi tutti i miei compagni, nel Piccolo Club, formando, insieme ad Alessandro Vendrame, l’unico rimasto del gruppo di tennisti, una squadra che giocava propriamente ad Hit Ball e non più a tennis o a pallavolo. La formazione di allora era composta, oltre che da noi due, da Daniele Brognara, Francesca Parigi, Stefania Cauda e altri giocatori che poi hanno smesso. Ma son stati moltissimi i giocatori e amici che sono entrati e usciti dalla squadra. Solo per citare coloro che sono stati con noi per un po’ di anni: Assad Naber, Sabrina Fissore, Simone Guiducci, Roberto Villa, Luca Minetola.

- Ha inizio così il felice e duraturo connubio Piccolo Club – Mirko Violetto. Quali soddisfazioni e quante emozioni in quattordici anni di maglia numero 8? Dopo due anni senza sconfitte nei Sunandmoon, il primo anno del “nuovo” Piccolo Club poteva contare su quella che credo fosse una squadra inarrivabile composta, a parte me, dai migliori giocatori dell’epoca: Tony, Raffaele, Simone e Mario. Io poi quell’anno mi sono dovuto operare al ginocchio e quindi ero un po’ a mezzo servizio e non siamo riusciti a vincere. Negli anni successivi, però, con qualche cambio di formazione – sono entrati Assad e Simone – siamo riusciti a toglierci grandi soddisfazioni conquistando il campionato un anno sì ed uno no per tre anni. Era una squadra completa sotto ogni aspetto: avevamo un ottimo apparato difensivo con Assad (miglior defender incontrastato per anni n.d.r.) e in attacco sapevamo dire la nostra. Poi, pian piano, io soprattutto, ho dovuto confrontarmi con dei ragazzi più

8


giovani e, se prima riuscivo a fare in campo più o meno ciò che volevo, ora faccio sicuramente molta più fatica.

- Avere il peso di tutto o quasi l’attacco della propria squadra sulle spalle credo sia un onore non indifferente. Com’è sentirsi l’àncora a cui i tuoi compagni si aggrappano nei momenti di difficoltà contando sul fatto che sicuramente tu risolleverai la situazione? Diciamo che nel cambiamento di adesso c’è in realtà un voler capire, anche per me, tutta una serie di cose, a partire dal tipo di allenamento e dalla mia idea di Hit Ball, che i risultati degli ultimi anni dicono non essere poi così giusta. Anche se abbiamo raggiunto la finale rimane il fatto di non averla vinta. Inoltre c’è il discorso che tutti o quasi sono dell’avviso che il Piccolo era il Piccolo perché c’era Mirko, non è neanche detto che Mirko fosse Mirko perché c’era il Piccolo, nel senso che gente come Roberto, Luca, Daniele, ti fanno giocare bene. Magari mettono in risalto, per loro caratteristiche e per la loro disponibilità, più gli altri che loro stessi, e ti permettono di fare certi risultati. Quindi il discorso è che non per forza il peso era tutto sulle mie spalle. Lo era quello offensivo, ma quello difensivo non lo è mai stato, diciamo che ognuno aveva il suo compito.

- Avrà quindi inizio per te quest’anno una nuova avventura nei Sinombre. Cosa ti aspetti? Beh, quest’anno sarà sicuramente una scoperta per tutti. Per me sarà interessante scoprire se, cambiando il modo di giocare e i compagni continuo ad essere ancora uno bravo a giocare oppure sono calato. In realtà il cambiamento è dovuto anche al fatto che credo che ogni cosa abbia un suo percorso. Io personalmente negli ultimi anni ho pensato che ogni anno potesse essere l’anno della svolta per molti miei compagni, per la squadra e per me, e invece ogni anno alla fine mancava sempre qualcosa. Forse era il nostro modo di giocare o forse altro. Io come allenatore penso di aver fatto tutto ciò che potevo, oltre poteva esserci solo o cambiare tutto dalle fondamenta, cambiare compagni per cambiare degli equilibri ormai consolidati da dieci anni di gioco insieme o cambiare io squadra. Come dissi l’anno scorso ai miei compagni, bisognava mettere un punto per capire anche noi cosa non andava più. Ormai iniziava ad esserci anche parecchia differenza nelle singole disponibilità per sonali con cambi di lavoro e di orari.

9


E quindi si prova una cosa nuova, provo a fare il semplice giocatore senza più la gestione della squadra in testa, anche perché, soprattutto l’ultimo anno in otto, era diventato un incubo. Finivo per rinunciare a certe parti di giocatore per capire chi e quando cambiare e non avevo neanche più la visione chiara di quando uscire io e quando no, perché la squadra era impostata in un certo modo e se fossi uscito io gli equilibri potevano spezzarsi. Sarà probabilmente per me difficile subire gli ordini di altri perché per mio carattere sono sempre stato il leader delle mie squadre, per quanto ogni anno rimettevo in discussione questo ruolo, ma voglio proprio provare a fare ciò che mi dicono e basta, senza più dover pensare ad altro che non sia giocare.

e creando liti in casa, ho ridotto di molto l’esposizione.

- Per tanti anni hai fatto anche l’allenatore. Quanto differisce la visione del giocatore da quella dell’allenatore? In realtà ho quasi sempre solo allenato il Piccolo. Ho avuto solo un’esperienza in una scuola di Pino con dei ragazzi bravissimi che ai tempi se l’erano giocata alla pari con i coetanei Sotomayor che poi sappiamo chi sono diventati. In ogni caso io non sono bravo ad insegnare a chi non è portato. Ci sono allenatori che riescono a far migliorare ragazzi anche che non sono portati, io no, devo avere la pietra già mezza formata. Poi credo d’esser bravo a levigarla bene, ma se non ha già una forma di suo non riesco a farla migliorare. Penso che questo possa essere dovuto al fatto che io sono arrivato nell’Hit Ball all’inizio, forse addirittura qualche colpo potrebbe essersi formato proprio su di me, e di conseguenza ci sono dei colpi che non so spiegare. Non ho subito una didattica e quindi

“Sarà probabilmente per me difficile subire gli ordini di altri, ma voglio provare a fare ciò che mi dicono e basta, senza più dover pensare ad altro che non sia giocare!”

- 6 scudetti, innumerevoli premi di squadra e premi personali, ma dove li fai stare tutti? Hai adibito una vetrinetta o addirittura una stanza per contenerli tutti? Una volta mi sarebbe piaciuto, adesso un po’ per la quantità, un po’ perché occuperebbero troppo posto ricoprendosi solo di polvere

10


non saprei quali sono le difficoltà dell’esecuzione dei colpi. Un anno ho allenato i New Little, la seconda squadra del Piccolo, portandoli in finale ai danni proprio del Piccolo dimostrando in quel caso di essere più bravo come allenatore che come giocatore. Ma rimane comunque il ruolo che prediligo meno, non sono sicuramente un allenatore puro. Forse il mio ruolo migliore sarebbe il capitano anche se non l’ho mai fatto proprio per il discorso che avevamo prima della leadership.

vinto qualcosa, perde un po’ di valore. Inoltre ti accorgi che in fondo ha ragione sempre e solo chi vince perché nell’Hit Ball non ho mai visto vincere ingiustamente. Chi vince ha sempre un motivo valido per portarsi a casa quel premio e questa è la cosa più importante.

- Secondo te chi potrebbe essere un tuo ipotetico erede nel raggiungimento e magari nel superamento di tutti i traguardi che hai raggiunto tu, compresi record di hit in carriera e premi personali?

Mi piacerebbe tanto vedere dei ragazzini che sacrificano due o tre anni per fare l’ottavo in A1 invece che giocare con i loro amichetti in B2 e rimanere fino a venticinque anni dei giocatori di B2. Secondo me il più grosso limite che ha l’Hit Ball in questo momento è che non c’è una mentalità di sacrificio. Ora il concetto è che l’importante sia giocare almeno due tempi e piuttosto di giocare due tempi, anche chi può crescere, sta dietro e si limita. Questo è il motivo per cui siamo sempre gli stessi a giocare l’All Star Game di A1 e per cui non c’è rinnovo nella massima serie. Se si tratta di prendere un giocatore piuttosto di un altro perché si adatta meglio allo spirito di squadra va benissimo, ma non crescere per paura di stare fuori dal campo troppo tempo non è giusto e non fa bene, né allo sport né alla persona.

Sono già almeno cinque anni che dico che Daniel Guzzafame è il miglior giocatore sulla piazza. E’ un giocatore parecchio più completo di me e sa far giocare bene i suoi compagni. Dentro di me sono convinto, per come stavo giocando, che se la mia schiena non si fosse messa a far male in finale, quest’anno sarei riuscito a tenergli testa, ma così non è stato e onore ai vincitori. Il premio come miglior giocatore, secondo me, sarebbe dovuto spettare sempre a lui negli ultimi cinque anni. Ho imparato però una cosa: fino ai venticinque/trent’anni il premio è importantissimo, poi, probabilmente perché da un lato uno diventa più maturo, dall’altro comunque ha già

- Per concludere cosa vorresti dire alle nuove leve di ragazzini che si stanno man mano avvicinando al nostro sport e che vorrebbero crescere in esso?

11


NEW ENTRY Nasce la Commissione Comunicazione e Marketing Durante il Consiglio Federale del 24 settembre, tra gli altri argomenti trattati, sono stati presentati due progetti: uno è quello di questa rivista che vuole far conoscere a più persone possibili il nostro sport, l’altro, presentato da Giovanni De Nichilo, era di un possibile marketing riguardo il marchio Hit Ball e la ricerca di eventuali sponsor che ci aiutino a costruire il secondo impianto e a migliorare quello già esistente. Nel mese di ottobre si è dunque deciso di accorpare la comunicazione – costituita dall’ufficio stampa diretto da Michele Segreto e la rivista diretta da Patrizia Cascino e Enrico Rolando – e il settore

marketing, gestito da Giovanni De Nichilo, in un’unica commissione federale con l’intento di promuovere a 360° l’immagine della FIHB. E’ nata così la Commissione Comunicazione e Marketing che si incarica, attraverso un’opera congiunta con il Presidente Luigi Gigante, di ricercare fondi da sponsor privati e di far crescere a livello di visibilità uno sport che dopo vent’anni merita il giusto interesse. Nel prossimo numero verrà pubblicato l’organigramma completo e aggiornato di tutte le commissioni che attualmente compongono la Federazione Italiana Hit Ball.

Abbiate cura dei mezzi e i fini si realizzeranno da soli. (Gandhi)

E’ il partner che fa per te

Per la tua pubblicità rivolgiti a Do Hit. Diamo visibilità alla tua attività

12


Psicologia HITBALL E CONTROLLO DELL’AGGRESSIVITA’: UNO SPORT VINCENTE A cura della dott.ssa Paola Sacchettino

“Se un uomo non tiene il passo con i compagni, forse questo accade perché ode un diverso tamburo. Lasciatelo camminare secondo la musica che sente, quale che sia il suo ritmo o per quanto sia lontana” Henry David Thoreau, Walden generale, ma soprattutto per coloro uando si parla di ragazzi che e oggi in maniera non più così inche operano prepotenze, cercando commettono reati o tras- frequente, nel suicidio (Bara, 2006; di raggiungere e mantenere uno stagrediscono le regole sociali, Bonino, 2005). tus di superiorità nel gruppo, medisi usano i termini “devianza” L’aggressività: presupposti del ante tali comportamenti (Menesini, e “delinquenza”. La nozione di “decomportamento prepotente 1999). Un importante contributo vianza”, introdotta negli Stati Uniti all’indagine sugli aspetti del fenomall’inizio degli anni ‘30, indica quelle Gli studi che si sono occupati dei eno dell’aggressività, in un’ottica condotte che violano norme sociali fattori socio-cognitivi correlati con il comportamento aggressocio-cognitiva e morale integrata, o che negano valori riconosciuti potrebbe essere costituvalidi e fondanti in un dato ito dalla teoria del pensimomento storico ed in un ero e dell’azione morale di dato contesto sociale. Il Bandura ed in particolare termine “delinquenza” “La ragione diventa tanto dal costrutto del disimindica, invece, le infrazioni pegno morale. Secondo al codice penale. Così, più forte quanto si è in grado Bandura, il rapporto tra come la devianza presupprincipi morali interiorizpone l’esistenza di un di coinvolgerla attivamente zati e condotta è mediato consenso su un sistema di nel mondo delle passioni, dei da un sistema di meccanvalori e di regole, allo ismi di autoregolazione, stesso modo la delinvalori, dei sentimenti e dei da sanzioni interne (quali quenza presuppone desideri, inquadrando la sua il senso di colpa, il biasimo l’esistenza di norme codifie l’autoriprovazione), che cate le quali definiscano logica in un ordine superiore.” anticipano e prevengono un comportamento come il comportamento immoreato e vi ricolleghino una rale. Sono questi meccanpena (Di Nuovo, 2008; ismi interni a mantenere in sintonia Speltini, 2005). Desta preoccupazi- sivo, hanno formulato l’ipotesi la condotta e le norme morali inteone il fatto che un sempre maggior che i bambini, nell’osservare e nel porre in atto comportamenti preriorizzate. L’acquisizione ed il posnumero di adolescenti, anche sesso di un sistema di autoregolaziquando non arriva ad avere con- varicanti, acquisiscano progressione interno non ne garantiscono un dotte criminali o ad essere protago- vamente un insieme di credenze funzionamento efficace e continuo nista di episodi di delinquenza, mani- e attese, le quali promuovono e (Bandura, 1990) . E’ noto che i comfesti un disagio importante, che può legittimano tali comportamenti portamenti violenti siano più largaessere rilevato in comportamenti nel tempo (Costa, 2008). Boldizar, mente più frequenti nei maschi che quali l’aggressività, il bullismo, il Perry e Perry hanno riscontrato nei bambini aggressivi aspettative nelle femmine. Si può ipotizzare che nichilismo, che in altri casi sfocia nei lo sviluppo delle competenze comudisturbi dell’apprendimento ed ali- elevate di benefici psicologici connicative e del livello di empatia tipico mentari, nei conflitti all’interno del seguenti al controllo ed alla dominanza dei pari: obiettivi rilevanti delle femmine è un fattore protetgruppo dei pari e nella società, tivo rispetto all’impulsività violenta. nell’abuso di sostanze, nell’alcolismo non solo per i ragazzi aggressivi in

13


Al contrario i maschi mostrano più facilmente carenza di empatia e conseguente capacità di immedesimarsi nella sofferenza provata dai propri simili; ciò favorisce lo sviluppo di comportamenti aggressivi (Muratori, 2005). Due tipologie di aggressività Nel comportamento animale sono state individuate due tipologie diverse di aggressività: una di tipo predatorio, nella quale l’animale è silenzioso ed ha pieno controllo dei suoi movimenti ed un’altra affettiva, nella quale l’animale evidenzia un alto grado di eccitazione, con erezione pilifera ed emissioni sonore. La prima è un’aggressività offensiva con l’obiettivo di ottenere un risultato positivo da parte dell’animale; la seconda è di tipo reattivo/difensivo per paura di giungere ad un risultato negativo. Gli studi etologici danno indicazioni utili all’interpretazione del comportamento umano nel quale si possono differenziare due tipi di aggressività: una impulsiva, associata ad instabilità

affettiva di tipo esplosivo, non controllata ed alcune volte rivolta verso se stessi, accompagnata da rabbia e paura; l’altra

14

programmata, agita con coscienza e lucidità, di tipo proattivo e strumentale (Muratori, 2005; Halfon, 2002; Bonino e Saglione, 1978).

L’ambiente scolastico e sportivo

sono considerati i terreni ideali per la prevenzione: gli interventi sono effettuati in un ambiente strutturato ed organizzato, sotto la guida di professionisti preparati e sensibili ai La prevenzione sociale problemi educativi. In tale contesto, Prevenire significa anticipare, pre- il sostegno sociale può essere garancedere, arrivare prima; quindi la pre- tito dalla presenza di adeguate ed venzione consiste in ogni azione di efficienti reti sociali (Fuligni e Romiun singolo o di un gruppo (privato to, 2002). Esistono diverse tipologie o pubblico), che abbia l’intento di di reti sociali che possono offrire un impedire il supporto o verificarsi costituire od il difun ostacolo “Nasce l’idea che il gioco fondersi per lo svidi eventi dell’Hitball possa essere un ot- luppo di un consideraadolescenti dannosi timo strumento di prevenzione te. Gli effeto non dedel disagio adolescenziale e ti migliori siderati. sono ottedella gestione dei conflitti” nuti dalle Un miglioramento reti che delle conconsideradizioni no insieme i sociali di una comunità, una zona genitori e i figli, tenendo conto del abitativa, un ambiente scolastico o fatto che questi sono inseriti in una lavorativo può dunque agire come serie complessa di rapporti più ampi. fattore di prevenzione sociale, ren- E’ fondamentale avere presente dendo meno probabile che le per- che: -reti sociali stabili e aperte, carsone commettano reati o tengano atterizzate da relazioni durature e comportamenti antisociali, attenu- contraddistinte da un forte sostegando od annullando l’influenza no emotivo, fa reti di sostegno; dei fattori di rischio. -reti sociali stabili e chiuse, contradLa prevenzione sociale distinte dalla volontà degli adulti di ha come obiettivo di avere rari contatti con amici e da migliorare la socializ- relazioni sommarie e poco gratifizazione e l’integrazione canti, si correlano con uno stile reladi soggetti marginali, tivamente negligente delle famiglie contrastando con i com- nel prendersi cura dei propri figli; portamenti devianti ed -reti sociali aperte ma instabili, fatte asociali (Barbagalli e Gatti di amicizie fuggevoli e di contatti 2005). E’ stato dimostra- frequenti con amici o parenti che to dagli studi condotti su alternano momenti di aiuto molto adolescenti che vivono in intrusivo ad altri di natura molto condizioni di rischio partico- superficiale, si correlano frequentelarmente grave, che un ad- mente ad episodi di maltrattamento eguato sostegno sociale può dei più giovani. In questo intreccio, permettere loro di divenire il contributo che può essere dato, adulti responsabili e capaci al di là di quello della famiglia, da di un inserimento produttivo altri adulti (insegnanti, educatori e nella società (Bonino, 2005). psicologi in genere) e dai coetanei La nozione di senso comune, (amici e gruppo dei pari) è, nella è stata sostituita da quella di situazione culturale in cui viviamo, sostegno sociale, che è diventata particolarmente rilevante (Palmooggi un riferimento chiave dei pro- nari, 2001). grammi di intervento di politica so- “Se cercheremo di aumentare ciale. l’autoconsapevolezza, di control-


lare più efficacemente i nostri sentimenti negativi, di conservare il nostro ottimismo, di essere perseveranti nonostante le frustrazioni, di aumentare la nostra capacità di essere empatici e di curarci degli altri, di cooperare e di stabilire legami sociali — in altre parole, se presteremo attenzione in modo più sistematico all’intelligenza emotiva — potremo sperare in un futuro più sereno”. (Goleman, 1996)

gioco stesso, riuscendo a contestualizzarla e gestirla durante la partita (ed in un momento precedente nel corso degli allenamenti), evitando di portarla al di fuori e sfogarla su se stessi o sulle persone con le quali hanno giocato (compagni di squadra

Le abilità emozionali c o m p r e n d o n o l’autoconsapevolezza, identificare, esprimere e controllare i sentimenti, frenare gli impulsi e rimandare la gratificazione, controllare la tensione e l’ansia. Un’abilita fondamentale nel trattenere gli impulsi, sta nel conoscere la differenza tra sentimenti ed azioni e nell’apprendere a migliorare le proprie decisioni emozionali. Ciò è possibile, frenando prima l’impulso ad agire e poi identificando le azioni alternative e le relative conseguenze. Molte competenze sono interpersonali: decifrare i segnali sociali ed emozionali, ascoltare, essere in grado di resistere alle influenze negative, mettersi dal punto di vista dell’altro e capire quale comportamento sia accettabile in ogni determinata situazione. (Goleman, 1996).

ed avversari). In un secondo tempo, l’acquisizione di tale maturità emotiva sarà esportabile nei diversi ambiti della vita personale e scolastica/professionale, con risvolti positivi per quanto riguarda il sopracitato intervento di prevenzione e trattamento dell’aggressività stessa e, più in generale, del disagio e dei comportamenti antisociali.

La ragione e le emozioni non devono essere viste come estranee e nemiche, anzi: la ragione diventa tanto più forte quanto si è in grado di coinvolgerla attivamente nel mondo delle passioni, dei valori, dei sentimenti e dei desideri, inquadrando la sua logica in un ordine superiore. Su questi presupposti nasce l’idea che il gioco dell’Hitball possa essere un ottimo strumento di prevenzione del disagio adolescenziale e della gestione dei conflitti, nel momento in cui i ragazzi imparano a sfogare la propria aggressività all’interno del

15


Dopo il saluto del Sindaco di Collevecchio a tutti gli Atleti e la lettura del messaggio del Coordinatore di Educazione Fisica della provincia di Rieti impossibilitato ad intervenire per un impegno urgente dell’ultimo momento inerente alla propria funzione, è iniziata alle ore 10.30 la fase agonistica della manifestazione con la prima semifinale in cui le due squadre campane hanno dato vita ad un incontro combattutissimo, risolto, solo dopo l’extra time, a favore dei COBRAS sui TIGERS. La seconda semifinale ha visto i ROSSI SABINI prevalere sui BLU HIT per 18 a 12. Successivamente si è svolta la finalina per il terzo posto, e i TIGERS hanno avuto facilmente ragione dei BLU HIT aggiudicandosi l’incontro per 19 a 8. La finale per il primo posto è stata di nuovo combattuta e, dopo un dominio dei campani per i primi due tempi, nella terza fase di gioco, grazie ad una rimonta travolgente, i SABINI hanno scavalcato gli avversari e vinto l’incontro per 19 a 16. Tutti i ragazzi hanno dato prova di lealtà e sportività, interpretando correttamente il senso della manifestazione e più in generale riconoscendosi nello spirito dell’hitball. Entusiastici i commenti sullo sport emergente da parte del pubblico che si è avvicendato in palestra, giunto anche solo casualmente, nel corso della manifestazione.

16


Un ringraziamento e un affettuoso saluto agli amici di Arzano che hanno affrontato la lunga trasferta per incontrare i sabini nello spirito sportivo ...... quello vero.

I risultati finali

1. ROSSI SABINI Collevecchio (Ri) 2. COBRAS Arzano (Na) 3. TIGERS Arzano (Na) 4. BLU HIT Magliano Sabina (Ri)

17


Partnership Finalmente realta’ A marzo, su interessamento di Mario Chalp, capitano della squadra Sunandmoon di A2, è stato possibile concretizzare un’idea che già da tempo si discuteva: la necessità di avere una Società Assicurativa che offrisse condizioni vantaggiose ad iscritti e associazioni affiliate. Il nostro movimento, sempre più numeroso, inizia ad essere allettante anche per grandi Aziende che vogliono aumentare il loro bacino d’utenza sul territorio piemontese. La Società Generali ha inviato una proposta molto interessante nella quale offre servizi e agevolazioni per tutti i tesserati FIHB e i loro familiari, che si concretizzano in sconti vantaggiosi su varie tipologie di polizze assicurative. Si tratta di un’iniziativa promossa dall’Agenzia di Lungo Po Armando Diaz, nella quale lavora Mario, che si è esposto in prima persona credendo fermamente in questo accordo. Entrando nello specifico l’offerta prevede sia consulenze gratuite relativamente alla situazione previdenziale – argomento in questo periodo molto attuale e importante – sia l’applicazione di condizioni particolari per la stipula di contratti assicurativi. Per maggiore chiarezza parliamo di: • rami Incendio, Furto, Responsabilità Civile, Tutela Legale: sconto 20% • Polizze Multirischio (es. Valore

18

• • • •

Agricoltura, Valore Ufficio, Valore Commercio, Genera Impresa, Globale Fabbricati, etc..): sconto 20% ramo Infortuni: sconto 15% ramo Malattie: sconto 5% abbuono totale dei diritti di emissione sulle Polizze Vita. Polizze Auto: possibilità di agevolazioni in funzione della classe di merito.

Un’ottima proposta con motivazioni legate soprattutto alla passione per l’Hit Ball. “Vorrei offrire – commenta Chalp – un servizio a chi pratica uno sport che sento mio sia per le emozioni che mi trasmette, sia per gli ideali di sportività che lo contraddistinguono”. Ora che la nostra realtà va ingrandendosi e sono ormai molte le associazioni sportive affiliate con istruttori e organico magari da assicurare, perché non chiedere a Mario, in base alle proprie necessità, anche private, la soluzione migliore? Validi sconti e un nome che è sinonimo di garanzia come il Gruppo Generali, è un’alternativa che varrebbe la pena tener presente. Le consulenze (assolutamente esenti da vincoli) possono essere concordate presso la propria abitazione/ufficio o presso il PalaHit durante gli orari di apertura pomeridiani contattando Mario Chalp al n. 333.239.77.23 o all’indirizzo di posta elettronica: chalp.gener@gmail.com .


Manifestazioni

S

i è tenuta domenica 26 giugno una manifestazione promozionale di Hit Ball a Lecco in piazza Garibaldi, organizzata dall’Associazione Sportiva Aurora San Francesco con la preziosa collaborazione degli istruttori federali Gianluca Zanetti, Sonia Bertin e Mario Marino, questi ultimi a capo dell’Associazione affiliata FIHB Sunandmoon Biella). Con l’aiuto anche di Manuel Arnaudo e Mauro Pompili moltissimi sportivi di ogni età hanno potuto provare a giocare nell’impianto a struttura gonfiabile. Da segnalare importanti e significative presenze di insegnati che, ormai da molto tempo, tengono corsi di Hit Ball in alcune scuole della provincia. Un  ringraziamento particolare  va indubbiamente alla Prof.ssa Silvia Cirillo, ma anche al Presidente dell’associazione Aurora Fabrizio Arrigoni, al Comune di Lecco, alla Provincia di Lecco e alla Confcommercio di Lecco che hanno patrocinato l’iniziativa.

19


20


S

i è conclusa il 30 settembre la Coppa Hitalia edizione 2011 con una vittoria strappata all’ultimo secondo dai Sine Nomine a discapito degli altrettanto agguerritissimi HdS. Il risultato finale di 46 a 45 la dice lunga sull’andamento di questa finale: giocata punto a punto per tutti i quarantacinque minuti ha regalato emozioni fortissime al notevole pubblico assiepato intorno alle pareti in plexiglass. Le squadre, già in forma campionato, hanno proposto il meglio di sé e Mirko Violetto ancora una volta decisivo con i suoi 28 punti a referto è stato ben coadiuvato dai nuovi compagni: Arnaudo 6 – che si aggiudica il premio come miglior marcatore di Coppa –, Rattalino 4, Saragnese 3, Cuffaro 2, Piscopiello 2, Boretto e Rabufo 0. Per gli HdS, invece, 16 punti di Garino, 8 di Potenza, 6 per Balbi e Beccaris, Sbrolli 5, Accornero e Bonaudi 2, Maia 0. Ma questa partita è stata solo la punta di un iceberg lungo tre mesi (giugno, luglio e settembre), composto da 29 squadre, 221 giocatori e 80 partite disputate. Un torneo estivo che ormai è diventato consuetudine per un gran numero di giocatori già iscritti alla regular season, ma anche un modo per provare nuove squadre o per formarne ad hoc con gruppi di neofiti che vogliono provare l’emozione della partita. La formula è sempre la stessa e consente ad ogni squadra, forte o meno che sia, di disputare almeno quattro o cinque partite. Quest’anno, ad esempio, sono stati istituiti sei gironi (cinque da cinque squadre e uno da quattro) ciascuno con partite di sola andata. Si sono qualificate automaticamente alla fase successiva solo le prime due per ogni girone e le quattro migliori terze andando a formare un tabellone a sedici squadre con eliminazione diretta. Da qui si sale man mano verso la finale che, come già detto, ha dato sfoggio di grande preparazione e grinta agonistica. Si chiude quindi un’edizione entusiasmante che sottolinea come l’interesse, nonostante il periodo torrido in cui si gioca, sia forte anche al di fuori della regular season, sia per il pubblico sia per il numero di giocatori partecipanti.

21


A1

RIVOLUZIONI SOMME Nessuna certezza

Regular Season

E’

22

giunto ormai alla sesta giornata il Campionato Nazionale FIHB 2011-2012. E c’è già una buona notizia: la serie A1 è più giovane. Grazie all’arrivo dei LabToHit (classe 88-89) e agli innesti di Simini, Zuniga e Belcastro (tutti sotto i 25 anni), il massimo campionato cambia volto. E poco importa se i primi dieci in classifica marcatori sono sempre gli stessi. Le novità quest’anno non mancano. Si era capito fin della prime notizie a giugno: “Guzzafame abbandona, Violetto cambia casa”. Due dei più devastanti giocatori di sempre si spostano. E quando il sole cambia orbita, i pianeti orbitanti non possono che fare altrettanto. Ecco allora i Sunknights recuperare Villa e sottrarre Torelli alle Iene, i Sinombre rifarsi l’abbronzatura con la consapevolezza di essersi accaparrati il miglior hitter di sempre, il Piccolo collassare su se stesso, divorare tre quarti dei Sunbeam, aggiungendo Gentile e Fontana; i Revelation aggiudicarsi Sbrolli; i Red Devils accogliere Minetola e Santarsia profughi dal Piccolo e i Sunbeam trasformarsi da gigante gassoso in asteroide in cerca di una identità. Era difficile fare pronostici, ma la curiosità suscitata era enorme. Ora, a distanza di sei giornate, sono divenuti chiari alcuni punti: il “nuovo” Piccolo Club sembra inarrestabile, unica squadra ancora a pieni punti. Dietro cercano di tenergli testa Sotomayor, Sunknights e Sunbeam. Questi ultimi, ripartiti dai fratelli Spagnolini, dopo essersi giocati la finale lo scorso anno, sembravano destinati a giocarsi la salvezza ed invece hanno stupito inanellando tre vittorie e portandosi ad una tranquilla metà classifica. I Sinombre, pur con

il colpo di mercato, sono a 6 punti e non riescono ad ingranare. Partiti bene vincendo contro i Red Devils, si sono dovuti subito risvegliare dal sogno perdendo la seconda giornata contro i Sunbeam e ora mantengono una quinta posizione già molto distante dal primo posto. Li accompagnano a pari punti i Red Devils, che, orfani del capitano Dolfin – cui rinnoviamo gli auguri di una pronta guarigione – sembrano non trovare la concentrazione giusta per porsi al livello degli scorsi anni. I Revelation, dopo aver vinto contro Iene e LabToHit, arrancano a 4 punti ad un passo dai Sunnenbun ancora a quota 2 punti. I Lab To Hit, new entry, si sono difesi portando a casa i primi punti contro Le Iene e dimostrando che, anche se sono i più giovani, possono competere benissimo con gli altri. Chiudono la classifica le Iene che, nonostante gli hits di Zuniga, rimangono ancora a secco e alla caccia dei primi due punti. Una novità di quest’anno è vedere Violetto, nella sua nuova maglia, faticare per stare in cima alla classifica marcatori anche perché non mancano avversari agguerriti e decisi a contendergli il primato.


A2

PREVISIONI E SORPRESE

N

ei mesi estivi dell’A2 è successo un po’ di tutto. Smashers Venaria, Hammers e Akuna Matata hanno monopolizzato il mercato mentre il Pinerolo HBC ufficializzava il suo scioglimento: capitan Ponte appende i bracciali al muro prima del tempo, Picotto passa agli Hammers, Morgera alle Iene, Morano alla squadra di Asti in B1. A causa proprio di questo buco lasciato dal Pinerolo vengono ripescati i Sunandmoon, secondi in B1 lo scorso anno e sconfitti agli spareggi dai Lighting Bugs, che hanno cercato e trovato forze fresche per rinnovare la squadra. Chalp e compagni, dopo aver tesserato Luca Ricciardi, ex Slimers, Elisa Bagatti,

al rientro dalla maternità, e tre neofiti, cercano ora di raggiungere la salvezza con tre quarti di squadra completamente nuovi. Salvezza che si stanno giocando con i Lighting Bugs, ancora a zero punti. Infatti la squadra dell’Arcadia perde Zuniga, passato alle Iene, e  Marino che approda agli Hammers. Per quanto riguarda il Cielo Grande affrontano questo campionato in sei contati riconfermando sostanzialmente la rosa dello scorso anno. Dopo sei giornate sono I Gadan a guidare la classifica. Ormai considerati da tutti i favoriti per la vittoria finale stanno dimostrando di avere un attacco solido e una difesa efficace. Trascinati da Maggia e Carrer, hanno già vinto alcuni scontri diretti contro Smasher Venaria e Akuna Matata. Ma entrambe queste squadre incalzano da vicino: Smasher secondi a due punti seguiti da un terzetto pericolosissimo composto da Akuna Matata, Blue Red e Torino Warriors. Queste ultime due nonostante siano formazioni giovani sembrano tenere stabilmente la parte alta della classifica. I Blue Red, neo promossi in A2, stanno dimostrando quanto il bene detto su di loro sia vero: due partite perse di poco contro Smasher e Akuna e vittoria contro i Torino Warriors. Deludenti, invece, gli Hammers, con soli 4 punti, che fin’ora non hanno trovato la quadra con i nuovi inserimenti ed hanno perso tutti gli scontri diretti. A pari punti c’è il Cielo Grande che, come negli ultimi anni, è in lotta per la salvezza, ma sta comunque portando a casa punti utili. A quota 4 troviamo i Baraonda, privi di Garrone, che lottano con le unghie e con i denti creando il solito gioco imprevedibile e piacevole.

Regular Season

Nessuno e’ al sicuro

23


I nostri articoli Bracciali Palloni Traverse omologate Kit scuola Video didattici La nostra ditta e' titolare dei diritti in esclusiva relativi alla produzione e vendita degli articoli da hitball

Hit Ball Promotion sas

Tutto l’hit ball in esclusiva dal 1991 Fornitore ufficiale e Sponsor dal 1992

di Nesti Vanna - Via Piedicavallo 37 - 10145 TORINO - CELL 3406418033 TEL 011/7712323 - Fax 011/7712912


B1 DIECI SQUADRE, TRE POSTI

L

a stagione 2011/2012 vede una serie B1 agguerritissima perché il livello espresso dalle dieci squadre iscritte è in molti casi equivalente. Molti sono stati i cambiamenti: gli RDJ hanno fatto il loro ingresso scendendo dalla A2, i Sunandmoon, secondi lo scorso anno, sono riusciti invece a raggiungere i Blue Red, già promossi al termine della regular season, grazie allo scioglimento del Pinerolo HBC, e per lo stesso motivo i Rolling Balls – quarti di B2 lo scorso anno – sono approdati in B1; le tre squadre

foto by Dario Dusio

retrocesse (Umpa Lumpa, Neon e Slimers) hanno lasciato il posto ad altrettante squadre giovani e giovanissime (Vikings, Sonics e Blue Snakes) che hanno già espresso nelle prime partite una notevole grinta agonistica ed un’ottima forma fisica. Non solo, dopo sei giornate, i neo promossi Sonics comandano la classifica insieme agli Evolution. Gli Hit Dogs, dopo aver perso contro Rolling Balls e Vikings, occupano la terza posizione accompagnati a pari merito proprio dagli stessi Vikings, che si conquistano sul campo il podio virtuale. I Blue Snakes a 6 punti, come gli ex compagni di B2, stanno dimostrando di avere i numeri sufficienti per creare scompiglio e mettere paura anche alle capoliste. Con Pazzeschi e RDJ formano un terzetto pronto ad azzannare i primi quattro posti raggiungibilissimi al primo passo falso. I Rolling Balls, a 4 punti, occupano la terzultima posizione, ma va detto che, oltre alla vittoria stra-meritata contro gli Hit Dogs hanno perso per un solo punto la partita contro gli Evolution. Chiudono Baraonda Rockets a 2 punti e Asti ancora a zero. Fin dalla primissima giornata si era già intuito come certezze quest’anno non ce ne fossero per nessuno. Ogni scontro è apertissimo a qualunque risultato e, come prevedibile, ci sono sette squadre in 4 punti a contendersi il podio finale e la possibilità della promozione: ogni passo falso è difficilmente recuperabile.

Regular Season

Equilibrio instabile

25


B2 Scontro fra generazioni

Regular Season

A

26

lla conclusione della scorsa stagione gli spostamenti nella B2 erano stati sostanzialmente in cima alla classifica perché le prime tre squadre, Vikings, Sonics e Blue Snakes avevano ottenuto la promozione lasciando il posto a Slimers, Umpa Lumpa e Neon. In basso, retrocedendo i Bombears, poi sciolti, erano approdati gli Skit (lo scorso anno noti come S-Hit), mentre gli scontri promozione non avevano mutato le posizioni perché Triggers e Citmabun non erano riusciti a vincere gli spareggi. Poi al rientro dalle vacanze, con gli scioglimenti di Pinerolo HBC, Bombears e Die Hard, Triggers e Citmabun si scoprono a giocare un po’ più su della serie C in cui pensavano di trovarsi. Ecco allora che ci si trova di fronte a squadre come Sporting Team, Decepticon, Gunners e Gears, veterani della serie, e neoacquisti come quelli già citati. Il dato che però salta agli occhi guardando i giocatori iscritti è che tra Gunners – Citmabun e soprattutto Neon – Umpa Lumpa – Slimers passano circa venticinque anni anagrafici. Infatti le prime due squadre sono classe 1996/’97, mentre le altre girano attorno agli anni 1977/’78. Ora la domanda, come sempre in queste situazioni, è: vincerà la gioventù e la maggior freschezza dei riflessi, o l’esperienza e la mira curata in lunghi anni di gioco? Giunti ora alla quinta giornata emergono già alcuni dati e sono quasi tutti in favore dei giovani: i tre retrocessi occupano le ultime tre posizioni della classifica, mentre i tre neo promossi si sono attestati ad una altezza medio alta. Comandano, per il momento incontrastati, gli Sporting Team

che hanno rinforzato la squadra con l’acquisto di Garrone proprio in funzione della promozione diretta. Seguono a distanza ravvicinata i Gears, quest’anno finalmente pronti per giocarsi la promozione. Triggers, Gunners e Decepticon compongono un bel terzetto agguerritissimo che rimane sornione a giocarsi il gradino più basso del podio in attesa magari di un passo falso delle prime due. Citmabun e Skit, a 4 punti, incamerano vittorie fondamentali per non rimanere invischiati nelle sabbie mobili da cui Umpa Lumpa, Neon e Slimers non sembrano riuscire a divincolarsi.


C finalmente serie c

D

a quest’anno si affianca alle quattro serie già consolidate la categoria C che fino allo scorso anno aveva la formula del torneo, ben diversa da un campionato con andata e ritorno. Sono nove le squadre iscritte a causa di un paio di defezioni dell’ultimo momento, ma in ogni caso ogni formazione gioca sedici partite (otto andata e otto ritorno), invece delle undici solo andata dello scorso anno e, essendo in numero dispari, per ogni turno riposa una squadra. Delle dodici squadre iscritte lo scorso anno sono sopravvissute, mantenendo lo stesso nome, solamente quattro: Buccaneers,

Surgelati, Invictus e Crysis. Skit (ex S-Hit), Triggers e Citmabun hanno ottenuto la promozione, i primi già al termine della scorsa stagione, gli altri quest’anno in seguito a vari scioglimenti di formazioni. Le squadre della Polisportiva Venaria hanno mutato entrambe il nome in Frhitti e Panati Venaria e Skål Venaria, emulati dai Bunmacit che ora si chiamano Black Mamba. I due nuovi acquisti, però, sono delle vere perle. La squadra delle Giovani Marmotte è composta in buona parte da genitori di giocatori che a forza di vedere le partite da dietro la rete sgolandosi per incitare i figli, hanno deciso di mettersi in gioco e vedere se è poi così facile come sembra colpire la palla. Coadiuvati da giocatori esperti e neofiti cercheranno di far tacere i figli con i quali è già ovviamente partita la sfida a distanza. L’altra new entry sono le Tantoxgiocà, una squadra totalmente al femminile che, come dice il nome stesso, partono soprattutto per divertirsi, ma l’affiatamento e, per alcune, l’esperienza di gioco, potrebbe regalarle anche delle belle soddisfazioni. In qualunque caso vinceranno sicuramente la loro partita morale, dimostrando che con un po’ di coraggio ed un pizzico di follia si possono fare belle cose. Nelle prime partite si è già potuto apprezzare un buon gioco da parte di alcune squadre come i Black Mamba, che comandano la classifica ancora a pieni punti, tallonati da Frhitti e Panati Venaria, a 8 punti, e Invictus a 6. Giovani Marmotte, Crysis, Buccaneers e Skål, a 4 punti, compongono un quartetto pronto a combinare qualche scherzo ai primi tre; chiudono Surgelati e Tantoxgiocà, ancora a secco. Si prospettano ancora belle sfide fra giovanissimi e meno giovani che però, forse, sono ancor più motivati a far bene.

Regular Season

Arrivata l’equiparazione

27


Associazioni ARCADIA

HIT DOGS

SUNBEAM

dado.senatore@gmail.com Revelation (A1) Lighting Bugs (A2) Hammers (A2) Sonics (B1) Slimers (B2)

hitdogs@gmail.com Hit Dogs (B1) Blue Snakes (B1) Crysis (C1) Giovani Marmotte (C1) Buccaneers (C1)

info@sunbeamteam.it

ARTEMIDE

POLISPORTIVA VENARIA

TOGHETHER SPORT

lorenzofalco@fastwebnet.it

AST’HIT BARAONDA Baraonda (A2) Baraonda Rockets (B1)

sabrinaztt@gmail.com

Smashers Venaria (A2) Triggers Venaria (B2) Skal Venaria (C1) Frhitti e panati (C1) Dinners Team (Femm.)

Sunbeam (A1) Vikings (B1) Le Incredibili (Femm.)

zanettigianluca@yahoo.it LabToHit (A1) Blue Red (A2) Rolling Balls (B1) Invictus (C1) Surgelati (C1) Le Surgelate (Femm.)

ALTRE SQUADRE: Piccolo Club (A1)

gdenichilo@email.it

FANTASTICLUB ASTI

SINOMBRE

Sunknights (A1)

FOREVER HIT

Sinombre (A1) Gears (B2) Skit (B2)

Le Iene (A1)

hit-ball@fantasticlub.org Asti (B1)

sinombre.hitball@gmail.com

hermes.delgrosso@gmail.com gianpaolo.mazzoni@email.it

Akuna Matata (A2)

FREE TIME

gpgarnero@teletu.it

I Gadan (A2)

SPORTING TEAM HIT BALL TORINO dadehit@alice.it

Red Devils (A1) Sotomayor (A1) Sunnenbun (A1) Torino Warriors (A2) Evolution (B1) Pazzeschi (B1) Decepticon (B2) Gunners (B2) Citmabun (B2) Black Mamba (C1) Six Hit (Femm.)

gprefetto@spazio88.com

sportingteam@hotmail.it

Cielo Grande (A2)

Sporting Team (B2) Umpa Lumpa (B2)

RDJ (B1)

Grande Benni57@virgilio.it enri.brunello@fastwebnet.it

Neon (B2)

cuttyandy@libero.it

Tantoxgiocà (C1)

SUNANDMOON BIELLA

ventodilulu@virgilio.it

sunandmoon@libero.it

Sunandmoon (A2)

29


FANTA HIT BALL 2012 Dopo il primo anno di sperimentazione, anche nel 2012 ci sarà il Fanta-Hitball. Visto il buon successo della passata stagione, il team di sviluppo del gioco ha continuato a lavorare. E il risultato è il FANTAHIT 2, un sistema di gioco nuovo e molto più dinamico. Nonostante un impianto di gioco volutamente rimasto lo stesso (si tratta pur sempre di comprare e schierare fanta-giocatori), numerose sono le novità: il regolamento è più snello e meglio studiato, prevede due ruoli nuovi (il bomber e il regista) e un limite alle cessioni. Ma gli sforzi degli sviluppatori si sono concentrati soprattutto sul rendere il più possibile interattivo e piacevole il gioco. Quest’anno i giocatori potranno avere accesso diretto a tutte le statistiche del Fanta-Hitball, potranno organizzare e ordinare i dati importanti, vedere giornata per giornata il rendimento dei propri giocatori e i prezzi in continuo aggiornamento. E saranno aiutati e assistiti, per tutto il tempo, da un nuovo personaggio apparso nel gioco: la segretaria Assunta Puntigliosa, che diligentemente guiderà gli utenti all’interno dei meccanismi del gioco, ricordando loro le scadenze e aiutandoli a gestire la loro società. Se il FANTAHIT 1 poteva meritare un 6, la nuova versione guadagna senza dubbio un bel 7, e consentirà a tutti gli amanti dell’hit ball ore e ore di gioco e divertimento. Seguite allora tutti gli aggiornamenti direttamente su: http://www.facebook.com/FANTAHIT

30


Corsi FIHB Di seguito vengono descritti tutti i corsi tenuti attualmente dalle varie Associazioni affiliate con le rispettive sedi ed orari. HITBALL TORINO Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Cauda Stefania tel. 333.9857264 oppure via e-mail dadehit@alice.it Mercoledì ore 18.00-19.30 (under 14) Scuola elementare Gobetti via Romita 19 (via Guido Reni) Martedì ore 18.30-20.00 (under 18) S.M.S. Palazzeschi via Lancia 140 A.S.D. SINOMBRE Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Catellani Giacomo tel. 349.6696358 oppure via e-mail sinombre.hitball@gmail.com A Torino: Lunedì ore 20.00-22.00 Istituto Avogadro c.so San Maurizio 8 Lunedì ore 20.00-22.00 S.M.S. Alberti via Tolmino 40 Mercoledì ore 20.00-22.00 S.M.S. Palazzeschi via Lancia 140b In Provincia: Sabato ore 15.00-17.00 XX settembre, Rondissone

via

FANTASTICLUB ASTI Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Pellitteri Francesco tel. 338.3736759 oppure via e-mail infoinfo@fantasticlub.org Lunedì ore 21.30-23.00 Via de Amicis 10 – Asti (all’interno del parcheggio di Via Natta) A.S.D. HIT DOGS Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Rolando Enrico tel. 339.2431430 oppure via e-mail hitdogs@gmail.com

Lunedì ore 17.30-19.30 S.M.S. Maritano Via Marsigli 25 Martedì ore 20.00-22.00 S.M.S. Ada Negri Via Ada Negri 23 Martedì ore 22.00-24.00 Palahit Via Sansovino 130/b Giovedì ore 17.30-19.30 Palahit Via Sansovino 130/b Venerdì ore 18.30-20.30 S.M.S. Casalegno Via Acciarini 20 TOGETHER SPORT Per qualsiasi informazione rivolgersi a: Zanetti Gianluca tel. 339.4510123 oppure via e-mail zanettigianluca@yahoo.it Martedì ore 17.30-19.00 Palahit Via Sansovino 130/b Mercoledì ore 17.30-19.00 Palahit Via Sansovino 130/b

31


Do Hit numero 0  

La rivista ufficiale della Federazione Italiana Hit Ball. In questo numero l'intervista al più grande hitter di sempre, Mirko Violetto, e l'...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you