Page 271

Il progetto del cibo nella Provincia di Pisa

251

i produttori e accessibilità al consumo per ceti di consumatori progressivamente impoveriti. Questi movimenti hanno contribuito ad accrescere la capacità di concepire nuovi stili di condotta (nella produzione trasformazione, trasporto, consumo) come acquirenti o come produttori, fino a favorire l’adozione di comportamenti nuovi come consumatori o co-produttori. Questi comportamenti e scelte sono a diverso titolo e con diverso impatto in grado di mettere in discussione alcune delle pratiche convenzionali, a favore di processi di innovazione nelle attitudini come nelle azioni quotidiane di molti. 3. Le nuove politiche alimentari urbane

Proprio in considerazione di questi aspetti, il cibo è diventato centrale nell’attenzione di chi si occupa di pianificazione urbana. Nonostante infatti che la produzione del cibo avvenga, prevalentemente, in campagna, è in città che il tema si carica di significati vecchi e nuovi, genera contraddizioni e processi di innovazione, anche radicali. Si moltiplicano le iniziative di città che si dotano di politiche organiche rispetto al cibo, cimentandosi in processi di complessa e nuova pianificazione delle scelte che a questo argomento, direttamente o indirettamente, si legano. Per affrontare in modo più razionale il tema del cibo, in diversi paesi stanno prendendo avvio azioni di ripensamento e organizzazione di politiche del cibo nei multiformi aspetti (American Planning Association 2007; Pothukuchi, Kaufman 1999). In questa prospettiva, le amministrazioni locali individuano strategie urbane per il cibo organizzate secondo principi generali capaci di ispirare politiche alimentari innovative, promuovendo studi capaci di identificare i problemi legati alla corretta gestione del cibo e definendo piani di azione coerenti in ambito urbano. Le strategie urbane contribuiscono a definire nuovi sentieri di lavoro, azioni, e a stimolare relazioni e comportamenti improntati verso un maggiore equilibrio nella gestione del cibo, con l’intento di fronteggiare alcune delle criticità individuate. Una strategia per il cibo genera elementi utili di innovazione quando si mostra in grado di operare su tre livelli: • ridefinendo nuova conoscenza: rispetto ai temi legati al cibo, ai nodi e alle problematiche emergenti, al modo con cui consumatori, cittadini, amministratori, percepiscono e concepiscono l’ambiente in cui operano e giustificano i propri comportamenti;

Le regole e il progetto  

Territori - 21 -