Page 1

R a s s e g n aS t a mp a


Rassegna Stampa a cura di

Via del Commercio, 3 - 60031 Castelplanio (AN) - Tel. 0731 814079 - info@creative-project.it www.creative-project.it


Sponsor

Agriturismo GOCCE DI CAMARZANO Frazione Moscano, 70 - 60044 Fabriano (AN) Tel. 0732628172 - 336649028 www.goccedicamarzano.it


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


La processione di Carletto - equilibriarte.net

01/08/13 14.05

cerca ISCRIZIONE nome utente

ARTICOLI password

entra

EVENTI

BLOG

FORUM

UTENTI

GALLERIE

NEWSLETTER

memorizza || password dimenticata

articoli: La processione di Carletto Due artisti, due asine ed un cane a piedi dal Molise al Friuli, attraversando vecchi sentieri legati alle transumanze, radure, fiumi e montagne, con l'obiettivo di decretare l'inizio del cambiamento Lorenzo Paci segui questo articolo Consiglia

Consiglia questo elemento prima di tutti i tuoi amici.

Tutto inizierà prestissimo e durerà quasi due mesi, dal 15 luglio al 13 settembre i protagonisti di questa avventura percorreranno un itinerario di 60 tappe che li porterà dalla grande camminata appenninica fino alla pianura, un po’ "Armata Brancaleone", un po’ "Don Chisciotte", un po’ "Spedizione dei Mille" e un po' "Marcia su Fiume", la Processione di Carletto risalirà la penisola per denotare l’”infimo inizio”.

“L’infimo è l’impercettibile inizio del movimento, il primo segno visibile di ciò che è fausto. L’uomo di valore non appena vede l’infimo passa all’azione, senza attendere la fine della giornata” (Confucio, Classico dei Mutamenti) A che punto è la storia e qual è la nostra posizione in essa? Un ciclo si sta chiudendo e non solo nell'arte contemporanea. Kant nel "La fine di tutte le cose" dice “Infine deve pur cadere il sipario. Perché alla lunga diverrebbe una farsa; e se gli attori non se ne stancano perché sono pazzi, se ne stanca lo spettatore, che a un atto o all’altro finisce per averne abbastanza se ha ragione di presumere che l’opera, non giungendo mai alla fine, sia eternamente la stessa”. La sacralità della Processione Di Carletto sta nel giungere all'ultima "stazione" con la consapevolezza di essere l'inizio del cambiamento. Coscienti di vivere la condizione di "Amletizzazione dell'eroe", cioè quella condizione per la quale la "tragedia" non dipende da un'azione compiuta ma da un'azione da compiere, la Processione sarà l'ultima/prima grande spedizione che risalirà l'Italia. I protagonisti di questa iniziativa oltre alle due asine ed il cane, saranno l'artista Simona Bramati ed il Post-Artista e Curatore della realtà Michele Mariano. Il percorso si arricchirà però poi di numerosi altri contributi che ne alimenteranno la storia e la testimonianza. L’itinerario è segnato da tappe "stazioni" nelle quali si organizzeranno momenti di dibattito e di riflessione, ma anche di festa, con artisti, poeti, musicisti, psicoatleti, contadini, cittadini e in genere con chiunque ha deciso di non aspettare "la fine della giornata". Durante il viaggio saranno effettuate riprese e foto che confluiranno in un film documentario, un racconto per immagini dell'impresa e dal 15 luglio tutti i giorni un'ora di diretta dal cuore della Processione da seguire sul sito http://laprocessionedicarletto.blogspot.it/ P.S. (che sta per "Piccolo Spot di sensibilizzazione") Sul sito sarà possibile anche sponsorizzare, adottare e condividere parte di questa avventura, attraverso l'acquisto di magliette ed altro materiale promozionale :)

http://www.equilibriarte.net/articles/2266/La-processione-di-Carletto

Pagina 1 di 3


La processione di Carletto - equilibriarte.net

01/08/13 14.05

Oddblip - 12 luglio 2013

commenti Francesca Ruggiero 12 luglio 2013 09:58 iniziativa coraggiosa e originale. buon lavoro. All'Orizzonte Prendo Figura 12 luglio 2013 10:22 Piacerebbe sapere dove transiterete, in Veneto. Fiorenzo Isaia 12 luglio 2013 14:12 Con almeno 5 aa. in meno mi aggregherei. Bravi!. Angelo Cosentino 12 luglio 2013 15:00 e sicuramente un viaggio bellissimo e lo condivido pienamente.oltre a cio se ce gente che parla di canbiamenti.cio significa che per fortuna ce ancora gente inteligente che percepisce che viviamo in una italia che e malata dalla testa ai piedi. uso questi termini per non dire che litalia fa solo schifo.sotto ogni punto di vista. ce solo la sanita che poco poco funziona. ora io voglio dire. che sicuramente e un bel gesto significativo. atraversare con un asino tutta litalia. ma per curare il nostro paese ci vogliono seri provvedimenti sicuramente non quelli di certi avidi corrotti e sciacalli politici.certi esenpi sono belli come questo progetto del asino ma credo che e un gesto troppo debole per poter canbiare qualcosa. e un po come curare un malato di cancro con laspirina penso che difficilmente puo guarire.oltre a cio devo dire che la stragrande maggioranza della popolazzione crede fermamente ai mass media crede a tutte le stronzate dette al tg.io penzo che in italia non ce nessuna crisi. vedi irlanda del nord volevano convincerli che cera la crisi chissa perche quando il popolo si e incazzato la crisi e finita.chissa perche di questo la televisione non ne parla.oltre a cio devo anche dire che litalia dal punto di vista militare e la settima potenza mondiale e per mantenere questi armamenti ce una sola possibbilita. lo stato italiano non e uno stato povero.la crisi ce solo per il popolo conclusione finale questa si chiama dittatura bianca una sorta di finta liberta. poi ce da aggiungere che purtroppo ce un popolo bigotto non dico tutti perche sarei offensivo ma la stragrande maggioranza un pololo disunito ognuno penza ai c.........................zzi suoi un popolo leccaculo di certi politicanti scusate se uso termini quasi volgari uso questi termini non perche mi piace dire certe cose ma e lunico modo di rendere lidea di cio che voglio dire. in conclusione dal mio punto di vista per canbiare qualcosa la prima cosa ci vuole qualcuno che istruica il pololo a capire che ci stanno prendendo per il c................!!!!!!!!!!!si perche ai nostri cari politici a loro fa comodo lignoranza che ce in italia. quando porlo di ignoranza non mi riferisco necessariamente ad un concetto scolastico universitario perche posso dire che i primi c......................glioni sono loro la gente laureata non tutti ovviamente quando parlo di istruire il popolo significa non inparare la divina commedia o come si fa una radice quadrata il popolo deve inparare o capire come stanno realmente le cose e canbiare mentalita e di conseguenza atteggiamento. dopo di che ci vogliono esenpi di vita per scuotere le menti dopo di che il pololo stesso puo prendere seri provvedimenti non parlo di rivoluzzione perche in queste cose

http://www.equilibriarte.net/articles/2266/La-processione-di-Carletto

Pagina 2 di 3


La processione di Carletto - equilibriarte.net

01/08/13 14.05

di solito ce violenza e la violenza porta ad altra violenza basterebbero scioperi continuativi ed ininterrotti in base alle necessita io o espresso il mio parere Salem Hassan 12 luglio 2013 23:48 !"#$ %&#'() *)+&,- ./012#() 345()- 6781() 9, 6:&;() *&<8() .( =>?/- @$!/&, 9A .,&$ B(CA DE !!! *07() D(&"/F) G&HI() .I7J/ KL() M&7N() OP-- Q!A 67#R() DE *S: M&J1'#() .2()- TTTTTTM&'UF) V8R8, 0W D(&;() VX)0(&E V"Y8$ F Z)!75()- [H8$ Q\F)Oddblip 13 luglio 2013 09:49 un modo per ricominciare, e sicuramente per riallineare il proprio modo di sentire il mondo, in bocca al lupo! :) Lorenzo Paci 13 luglio 2013 09:52 ...vi seguirò in streaming ;) e quando passate per qua, magari Simo fatti sentire! Per ora buon viaggio e che possiate sconfiggere piÚ mulini a vento possibili! Germana Ponti 13 luglio 2013 23:05 Grandi. Letizia Donna 15 luglio 2013 13:26 bravi......grande idea.....buon viaggio Rosa Vicino 15 luglio 2013 20:34 Buon viaggio ! Elsa Zantomio 20 luglio 2013 02:41 bello bello !!!!

Segnala contenuti illeciti | Note legali | Politica editoriale | Domande frequenti | Assistenza | Staff Copyright on artworks exhibited on this site is held by their authors.

http://www.equilibriarte.net/articles/2266/La-processione-di-Carletto

Pagina 3 di 3


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


6

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Gio 1 luglio 20 13 Giovvedì 1 11 201

La Pr ocessione di Carle tt o. Michele Mariano e Simona Bramanti partiranno lunedì mattina da Montagano Processione Carlett tto.

Due artisti, due asini... e un cane

A piedi fino al Friuli, la prima tappa è strutturata attorno alla figura di Celestino V Mic hele Michele Mariano

Si contano i giorni, o meglio le ore per l’inizio della Processione di Carletto che partirà da Montagano alle 8 del mattino di lunedì 15

luglio per giungere, il 15 settembre a Polcenigo, in Friuli. Due artisti, due asini e un cane s’incamminano a piedi per antichi sentieri incontrando genti e luoghi, portando la voce dell’arte come momento di crescita, di uscita, per liberare le idee, i sogni e le speranze. Come in ogni processione che si rispetti si usano mezzi sem-

plici, essenziali, senza artifici: il camminare a piedi con l’aiuto di due asini simbolo di sacrificio e impegno, un cane simbolo di fedeltà e vicinanza, e due artisti simbolo di idee e di futuro. “Siamo pienamente consapevoli che un ciclo epocale si sia esaurito, sia giunto alla fine” affermano gli artisti Michele Mariano e Simona Bramati “e quando la fine è sopraggiunta allora si può dare un nuovo inizio. Nell’opera di Kant La fine di tutte le cose vi è l’idea che non si possa cogliere il senso di checches-

Il tesoro delle contrade apre l’estate ripese Aspettando il Palio delle Quercigliole

I par parttecipanti es tazione manifes estazione alla manif ‘Il TTesor esor o esoro delle Contrade’

Con la caccia al tesoro dedicata ai più piccoli hanno preso il via le manifestazioni estive a Ripalimosani. “Il tesoro delle contrade”, questo il titolo dei giochi proposti a bambini e ragazzi dai 6 ai 15 anni sabato pomeriggio, ha dato il via alla sfida tra le contrade del paese, una competizione che anima la popolazione e che avrà il suo culmine il 12 agosto nel tradizionale Palio delle Quercigliole. Orga-

nizzata da un gruppo di fantasiosi giovani del paese, la manifestazione si inserisce in “Contrade senza frontiere”, un più ampio filone ricreativo previsto nel cartellone di RipaEstate. I piccoli partecipanti hanno indossato le magliette di Piazza, Castello, Santa Lucia, San Rocco, Morgione e Villaggi; al termine del pomeriggio di gioco hanno mangiato e bevuto insieme insieme nel teatro comunale all’aperto.

sia se non pensando alla sua fine”. La processione di Carletto non poteva che iniziare da un luogo che ne incarna lo spirito. Tutta la prima tappa è strutturata attorno la figura di Celestino V, il Simona Bramanti

Papa del gran rifiuto. La partenza è da Faifoli (Fagifulaee) antica abbazia nei pressi di Montagano nella quale studiò e prese i voti Papa Celestino V. Il sindaco Enrico Galuppo consegnerà alla carovana il vessillo della processione, ideato dall’artista e regista teatrale Nicola Macolino. Ci saranno televisioni e giornalisti della carta stampata. Alle 8 del mattino la carovana, formata da molte decine di persone che ac-

compagnano per la prima tappa, si metterà in movimento e percorrerà il sentiero Celestiniano, uno dei tanti percorsi cari al Santo camminatore. Attraversato Limosano si giungerà a Sant’Angelo Limosano, il paese natale di Celestino V. Ad attendere la processione in cima alle rampe il sindaco Luigi Sansone che farà gli onori di casa. La processione raccoglierà le prime testimonianze dei cittadini. Il Movimento Turismo Vino Molise in collaborazione con B&B PerBacco allieteranno i processanti con una degustazione dei migliori vini prodotti dalle cantine molisane.

Piazza P epe ospita domani Pepe il “Soul Beat FFestiv estiv al” estival” Il Comune di Campobas- corso di una conferenza cafè Lupacchioli che accoso e l’associazione cultura- stampa. La serata inizierà glierà gli ospiti con l’aperile Via Nova portano in piaz- alle 18,30 con il dj set che tivo e il ristorante Savoia za Pepe Soul Beat Festival. vedrà alternarsi in consol- che servirà la cena accomL’appuntamento è per do- le Andrea Rizzi, Andrea Pa- pagnata dai vini bianchi mani nella centralissima lazzo, Mario Tallari, Flavio rossi e rosè. Sia l’aperitivo piazza che è di nuovo isola Liguori, Francesco Di Mar- che la cena saranno servipedonale ed è pronta a ri- zo, Luca Basilico, Edoardo ti ai tavoli che circonderanprendere vita anche grazie Furno e Massimo Petrarca. no il palco. Alle 22, invece, all’intesa tra l’amministra- Il palco sarà posizionato tra si esibiranno Smoove & zione e l’associazione Via i due locali, al centro tra Turrell. Nova e alla preziosa o della conf erenza in Comune momento conferenza collaborazione del Un moment Gran Cafè Lupacchioli e del ristorante Savoia. Si inizia alla grande con il soundsystem di Smoove & Turrell, una coppia che si sta facendo largo a forza di pezzi che lasciano il segno nella scena Nu Soul e Funk contemporanea. Ieri in Comune è stato presentato l’evento nel


6

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Gio 13 Giovvedì 4 luglio 20 201

Prima tappa Sant’Angelo Limosano, q ui i due ar tisti saranno accolti dal sindaco qui artisti

La Processione di Carletto, ci siamo Michele Mariano e Simona Bramanti partiranno da Montagano il 15 luglio Ultimi preparativi per “La Processione di Carletto”, l’evento dell’estate 2013 che vede due artisti, due asine e un cane percorrere a piedi l’Italia dal Molise al Friuli, sta conquistando l’interesse della stampa e degli operatori artistici nazionali. La partenza è prevista per il prossimo 15 luglio da Montagano e giorno dopo giorno cresce sempre di più il numero dei sostenitori di questa moderna “Armata Brancaleone” che partecipano sia con piccole donazioni sia con l’ac-

quisto della t-shirt ufficiale attraverso il sito ufficia-

le. Michele Mariano e Simona Bramati, gli artisti che si metteranno in cammino, hanno presentato in anteprima La Processione di Carletto in diretta su Rai Radio 2 durante la trasmissione “Caterpillar” che trasmetteva dal teatro La Fenice di Senigallia. In Molise per la prima tappa a Sant’Angelo Limosano. Il movimento Turi-

smo Del Vino Molise, sostenitore dell’evento, insieme con il sindaco e il bed & breakfast Per Bacco si stanno attivando per l’arrivo della processione, prevista per le 19 del 15: accoglienza in piazza del primo cittadino Luigi Sansone con la fascia tricolore e un fornito banco degustazioni a base di vini e prodotti tipici locali. Altra importante novità è la partecipazione della Processione di Carletto a Montelago Celtic Night, il più grande festival di musica celtica del centro Ita-

lia, dove i nostri eroi arriveranno venerdì 2 agosto alle 18, sull’altopiano di Colfiorito per raccontare la loro esperienza a giornalisti, televisioni e alle 50mila persone presenti. Sempre nelle Marche la galleria d’arte contemporanea “Casa Sponge”, partner dell’iniziativa, organizzerà una tappa a Pianello di Cagli (PU) dove si terrà il rituale della vestizione di Carletto: una perfomance artistica che svelerà l’abito per l’asina più famosa d’Italia realizzato dall’artista Giovanni Gaggia.

In Emilia Romagna quando la Processione arriverà il 28 agosto a Bologna e attraverserà piazza Maggiore, la galleria d’arte Campogrande organizzerà “L’incoronazione di Carletto” ma i particolari dell’evento sono ancora top secret. Lo studio 99 Milion Colors produrrà inoltre il filmdocumentario che verrà presentato nei maggiori festival cinematografici Italiani. Al motto “mutare se stessi anziché mutare il paesaggio” La Processione s’avanza!

La manifestazione da anni anima le bollenti estati romane. Ugo Di Tullio (Film Commission) illustra il ricco programma e promette: presenteremo la regione sotto il profilo artistico, culturale ed enograstronomico

Il Molise protagonista dell’Isola del cinema Il Molise protagonista de ‘L’isola del cinema’, la grande manifestazione dell’estate romana che prevede una serie di incontri per parlare di Cinema con la C maiuscola e non solo. Anche di turismo, enogastronomia, cultura e che la passata edizione ha registrato

Ugo di Tillio della Molise Film Commission

ben 300mila visitatori. “Un evento che da 19 anni trasforma l’isola Tiberina in isola del cinema”, ha spiegato Ugo Di Tullio direttore di Molise Film Commission partner ufficiale della manifestazione e presente con un denso programma di eventi. “Vogliamo far capire che il Molise è terra di cinema. Lo stiamo dimostrando con la presenza di Valeria Golino, Sergio Castellitto, Checco Zalone. In programma, a breve, anche una produzione internazionale che ha deciso di girare in Molise”, ha detto Di Tullio sottolineando la volontà di Molise Film Commission di presentare la regione sotto il profilo artistico, culturale e eno-

gastronomico. “E’ il trinomio su cui vogliamo puntare. L’isola del cinema è perfetta perché è una vetrina a 360 gradi”. Tre le date riservate alle iniziative culturali del Molise: l’11 luglio, il 2 ed il 23 agosto. Sarà proiettato il cortometraggio ‘Il viaggio’ prodotto da Incas con Maurizio Santilli e Marco Caldoro che “sarà trasformato in un lungometraggio sulla scia di ‘Basilicata cost to cost’ di Papaleo. Il Molise non è fuori dalla geografia culturale italiana”, ha continuato Di Tullio annunciando l’incontro con Margaret Mazzantini e Sergio Castellitto che in Molise ha girato alcune scene di ‘Non ti muovere’. “Con loro faremo una riflessione sulla crisi di identità del cinema italiano e sul

problema dei finanziamenti. Non ultima la questione del libero scambio tra Stati Uniti e Unione Europea e l’eccezione culturale; non vogliamo essere colonizzati sotto il piano culturale. Una cosa è scambiare liberamente l’acqua o i prodotti alimentari e una cosa è la cultura”. Nei tre giorni romani saranno presentati il libro dello scrittore molisano Andrea Cacciavillani ‘Sogni a bassa risoluzione’, già sviluppato in scenografia per la realizzazione di un lungometraggio e il laboratorio di comicità teatrale

La conf erenza sstam tam pa di presentazione conferenza tampa degli e he il Molise por evventi cche portterà all’Isola del Cinema

‘Favelas’ nato da un progetto del molisano Angelo Pisani comico del duo Pali e Dispari di Zelig e sarà proiettato il film ‘Miele’ di Valeria Golino. Di Tullio ha infine annunciato una chicca dell’ultima ora. “Molise Film Commission è stata invitata dall’Istituto per il Commercio Estero di Madrid ad una convention di

film commission e industrie e tecniche italiane sul cinema organizzata insieme all’Ambasciata e all’Istituto Italiano di Cultura con l’obiettivo di far conoscere il cinema italiano e la location italiana. E’ il segno tangibile dei risultati ottenuti a distanza di un anno dalla nostra costituzione”. ddg


creative project c o m u n i c a z i o n e


13 luglio 2013 delle ore 07:05

Un'epoca da lasciare andare, con una processione di due mesi e mille chilometri. Tre domande a Simona Bramati e Michele Mariano

"La Processione di Carletto”, ovvero due artisti, due asine e un cane. E comincia un " viaggio”, che porta dal Sud verso il Nord della penisola, dal Molise al Friuli, in un "infimo inizio”. Un'impresa di "Disertori in avanti", per raccontare un ciclo dell'arte contemporanea che si è chiuso. E per spiegare che è di nuovo ora di mettersi in movimento. Sono Michele Mariano e Simona Bramati i due "temerari” che percorreranno mille chilometri, da Montagano, in provincia di Campobasso, sede della Koma Gallery, con l'arrivo dopo due mesi a Polcenigo, in provincia di Pordenone. Ci raccontano di questa avventura "d'altri tempi, di tutti i tempi” proprio i due artisti. La processione di Carletto". Sembra un progetto d'altri tempi, un film quasi pasoliniano, una scrittura da "Uccellacci e Uccellini". Com'è nato, e perché, il progetto di questo "pellegrinaggio-processione"? «Si in effetti molte cose accomunano la nostra processione a Uccellacci Uccellini, in questo risulta un progetto d‘altri tempi e aggiungiamo di tutti i tempi! Il corvo che viene zittito alla fine del film, nella nostra processione invece viene zittito all’inizio: non si può dare il via ad un qualcosa se prima non si è conclusa la precedente tappa. L’idea è stata suggerita direttamente da Carletto, l’asina mamma che è la protagonista della scultura postuma di Michele www.trigger.es. Insieme con Simona si è iniziato a lavorare sulla reale fattibilità dell’impresa. La motivazione: viviamo in un periodo storico di mutamento; siamo nell’ "infimo inizio", non si può stare alla finestra a guardare, bisogna mettersi in movimento e a chi se non agli artisti spetta il compito di fare il primo passo? Mettersi in movimento non significa spostarsi da un luogo ad un altro, mettersi in movimento significa rivedere totalmente se stessi, ripensarsi, e senza legami col passato predisporsi al futuro senza timori. Ecco perché si chiama processione e non

viaggio, nella processione la meta è il viaggio stesso». C'è qualcosa che volete "dimostrare" con questo "Infimo Inizio"? Un ritorno e una ripartenza che interrompa il "normale" svolgimento velocizzato delle azioni contemporanee, anche dell'arte? «Stiamo vivendo uno dei periodi più belli e interessanti, quello del cambiamento, siamo nell’infimo inizio. L’infimo è l’impercettibile inizio del movimento del principio opposto e contrario all’egemonia che ha raggiunto la sua massima espansione. Pochi vedono questo impercettibile movimento, questo segno visibile di ciò che è fausto. Meno che meno lo vede l’ArtWorld, troppo impegnato a trovare l’ultimo affare prima dell’ora di chiusura. Invece l’Uomo di valore non appena vede l’infimo passa all’azione, senza attendere la fine della giornata. L’artista è quell’uomo di valore? Noi pensiamo di sì, a patto che riprenda quel cammino dove l’arte è pensata come percorso evolutivo del pensiero umano e il cui obiettivo sia quello di aprire un nuovo livello superiore, cominciando dalla ridefinizione della parola artista e del suo ruolo. In realtà l’artworld non è veloce, ma completamente fermo, da più di 20 anni, e anche qui si continua a pronunciare la parola crisi invece di salutare un fallimento e una fine. Per noi non si tratta quindi di crisi ma di "fine naturale”, che va salutata con un Finalmente!! Mettersi in movimento quindi non per interrompere, ma per sancire la fine di una cosa che come dice Kant ne "La fine di tutte le cose" «infine deve pur cadere il sipario. Perché alla lunga diverrebbe una farsa; e se gli attori non se ne stancano perché sono pazzi, se ne stanca lo spettatore, che a un atto o all’altro finisce per averne abbastanza se ha ragione di presumere che l’opera, non giungendo mai alla fine, sia eternamente la stessa». La fine dunque costituisce la premessa indispensabile dell’inizio di qualcosa di differente. Cosa avviene se non si ha il coraggio di porre fine ad un’esperienza, ad una fase della vita privata o collettiva, ad una istituzione che non ha più ragione di esistere? È probabile che essa ad un certo punto da un giorno all’altro collassi. Ciò che caratterizza l’esperienza estetica è dunque il compimento: l’azione diviene "bella” nella misura in cui io mi impegno in essa, mi dedico ad essa, combatto per la sua piena estrinsecazione. Il contrario di un’esistenza estetica è una vita che va alla deriva, che non ha né capo né coda, né inizio né termine; oppure è un’esperienza che ha un

cominciamento, ma che viene abbandonata per ignavia, viltà, inclinazione al compromesso, desiderio di "quieto vivere”, ossequio alle convenzioni» Come sarà organizzato il viaggio? Vi saranno tappe simboliche e soste programmate? Che spazio sarà dato al caso? « La Processione è organizzata per l’incontro di genti e luoghi, portando la voce dell'arte come momento di crescita, per liberare le idee, i sogni e le speranze. Come in ogni processione che si rispetti si usano mezzi semplici, essenziali, senza artifici: il camminare a piedi con l'aiuto di due asini, simbolo di sacrificio ed impegno, un cane simbolo di fedeltà e vicinanza e due artisti, simbolo di idee e di futuro. La processione è strutturata in "stazioni” così come nella Via Crucis, le tappe assumono valore per il fatto di viverle, quindi saranno tutte simboliche. Per ora possiamo segnalare la prima stazione ovvero la partenza, quella del 15 luglio, come dicevamo prima, non si può dare inizio a un qualcosa se prima non si è conclusa quella precedente. Partiremo da Faifoli, un’abazzia nei pressi di Montagano in Molise, dove studiò e prese i voti Papa Celestino V, il Papa del Gran rifiuto, uno di quelli che ha saputo mettere finire ad una cosa. Per noi quel luogo è un luogo del no, da cui tutto può nascere. Lungo il tragitto abbiamo stabilito degli incontri, ma il resto sarà dettato dal caso, che non è mai un caso essendo noi convinti di vivere la condizione di Amletizzazione dell’eroe, cioè quella condizione per cui la tragedia non dipende da un’azione compiuta ma da un’azione da compiere». www.laprocessionedicarletto.eu .

pagina 1


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


PREVISIONI METEO DI DOMANI

LE TEMPERATURE MIN. 16° - MAX. 26°

SABA UGLIO 20 13 - ANNO XVI - N. 1 98 SABATTO 20 LLUGLIO 201 198

LA FARMACIA DI TURNO

Campobasso

CASTIGLIONE

via XXIV maggio, 14 Tel. 0874.65105

VIA S. GIO VANNI IN GOLF O - 86 100 CAMPOBASSO - TEL. 08 74.48 4623 GIOV GOLFO 861 087 4.484623

Sono i georgiani i maestri di questa tecnica. Si spostano in tutt’Italia e agiscono in bande organizzate

Il key bumping, la bacchetta magica del ladro provetto

Arc hivio Archivio

Un ‘brevetto’ criminale che supera (quasi) ogni tipo di porta

La recente operazione anticrimine dei carabinieri di Roma che ha permesso l’arresto di una quarantina di professionisti del furto ha ottenuto due effetti: uno è rassicurante, perchè sapere che un così gran numero di furfanti ora è in galera tranquillizza l’opinione pubblica; il secondo è inversamente proporzionale poiché è stato portato alla luce un metodo (da taluni definito infallibile) che permette ai ladri di aprire qualsiasi porta di abitazione, fra l’altro senza lasciare segni di effrazione. La banda di georgiani che agiva in capitale, ma con diramazioni in tutt’Italia e quindi anche in Molise, pare si fosse specializzata nell’ap-

plicare il cosiddetto metodo key bumping, un complesso sistema di chiavi appositamente limate da inserire nella serratura e da utilizzare come tensore. O anche attraverso chiavi a bussola per aggangiare ed estrarre il cilindro della serratura. E il fatto che i tentacoli georgiani arrivano fino in Molise è testimoniato dal fermo che un poliziotto della Squadra Mobile di Campobasso ha operato alcuni giorni fa a carico proprio di un 24enne georgiano che faceva sparire merce dagli espositori di un noto negozio di prodotti di elettronica che si trova in un centro commerciale del capoluogo. La città è ben sorvegliata grazie all’azio-

ne di prevenzione delle forze dell’ordine, ma è praticamente impossibile tamponare l’emergenza furti nella sua totalità. I cittadini sono dunque avvisati e ora anche allarmati avendo appreso che persino le

porte blindate possono essere violate con il metodo del key bumping. Anche se le case produttrici sono corse ai ripari mettendo a punto dei cilindri di tipo antibumping, dotati di speciali molle interne e particolari

costruttivi con caratteristiche che garantiscono l’immunità a questo tipo di attacco; questi cilindri, solitamente blindati, sono pro-

gettati in modo molto differente dai loro predecessori ed anche il costo lievita notevolmente. red.cr o. red.cro.

In servizio solo venti, mentre ne occorrerebbero almeno 10 in più

Autisti ambulanze, organico carent e carente

La carenza di personale è una criticità che si fa più acuta d’estate quando scatta il periodo delle ferie e c’è la necessità di rendere l’impegno di lavoro sempre puntuale ed efficiente. Secondo il segretario regionale della FIALS, Carmine Vasile, al “Cardarelli”

non solo si registra carenza del personale sanitario, deficit al quale si è cercato di sopperire con l’assunzione a tempo determinato di medici ed infermieri, ma quel che è più grave mancano autisti per le autoambulanze. Attualmente prestano servizio solo 20 auti-

sti mentre ne occorrerebbero 30. Il sindacato ha sollecitato la dirigenza Asrem ottenendo assicurazione di assunzioni imminenti appena ottenuta una determina da parte della Presidenza della Regione Molise. Determina che a tutt’oggi non è ancora pervenuta

nonostante le rassicurazioni espresse dallo stesso presidente Paolo Di Laura Frattura. Intanto l’estate è nel pieno svolgimento ed avere la certezza che ci siano autisti a sufficienza per svolgere il lavoro tranquillizza tutti.

In marcia da sei giorni per raggiungere il Friuli e far conoscere “la visione creativa dell’essere”

La Processione di Carletto è inarrestabile

La Processione di Carletto si avvia verso il confine del Molise con l’Abruzzo, destinazione San Pietro Avellana. Dopo la partenza da Faifoli dal 15 Luglio in presenza del sindaco, dei supporter e delle televisioni, la Processione di Carletto segna un primo traguardo in un percorso che si

concluderà il 13 settembre in Friuli, precisamente a Polcenigo, con il fondamentale aiuto di Celant.tel Srl, Petrolgas e Istituo Marchigiano Tutela Vini. Le due asine, Carletto e sua figlia Agalma (simbolo di lavoro e dedizione), il cane Giulio (fedeltà incondizionata), i due artisti Si-

mona Bramati e Michele Mariano (visione creativa dell’essere) vogliono trovare, lungo gli antichi sentieri delle transumanze, motivazioni e ispirazioni per avviare il cambiamento dell’arte in un presente che si sconvolge per evolversi velocemente. Tutto cambia, anche l’arte deve cambiare. E siccome l’evoluzione, come dicono i saggi, non è altro che la rivisitazione della tradizione, la Processione di Carletto ripercorre oltre mille chilometri, dal Molise al Friuli, in totale simbiosi con territori e persone fuori dagli schemi, dagli interessi e dai riflettori, per approdare poi alla Biennale di Venezia e quin-

di superarla concettualmente e fisicamente. “Già in questi primi cento chilometri abbiamo avuto esperienze e sensazioni prima sconosciute” affermano Bramati e Mariano “e ieri sera, nel primo giorno di riposo, ci siamo confrontati con la gente di qui che ci ha aiutato a vedere e capire”. Ottime le riprese e gli scatti realizzate da 99MilionColors che confluiranno nel film documentario e nel catalogo foto-

grafico. Carletto e Agalma stanno benissimo, completamente a loro agio su stradine e sentieri montani. Giulio, invece, ogni tanto dev’essere aiutato, preso in braccio o in groppa a Carletto. I due artisti stringono i denti e vanno avanti, “af-

fascinati e inquietati da chi e da ciò che incontriamo. Non smetteremo mai di ringraziare enti e aziende che ci aiutano in questa impresa che consideriamo concettualmente rivoluzionaria”.

FONDATO NEL 1998 DIRETTORE RESPONSABILE: GIULIO ROCCO EDITORE: ITALMEDIA s.r.l. SEDE LEGALE: VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 86100 CAMPOBASSO SEDE OPERATIVA

VIA S.GIOVANNI IN GOLFO, 205 86100 CAMPOBASSO SITO INTERNET: www.quotidianomolise.it EMAIL:redazionecb@quotidianomolise.it

Pubblicità ITALMEDIA s.r.l. Tel. 0874.484623 Via S.Giovanni in Golfo Campobasso EMAIL: commerciale@quotidianomolise.it

CENTRO STAMPA ROTOSTAMPA - LIONI (AVELLINO) Registrazione Tribunale di Campobasso N. 157/87

6


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Mar 6 luglio 20 13 Marttedì 1 16 201

CAMPOBASSO

5

Da un’idea di Michele Mariano e Simona Bramati un pellegrinaggio in compagnia di due asini e un cane

I viandanti del nuovo Millennio Destinazione Friuli partendo da Montagano

Simona Bramati con il cane Giulio

Questione Scuole Sicure Coralbo tuona: “T ant e par ole “Tant ante parole atti” pochi ffatti” Il consigliere comunale di Costruire Democrazia Michele Coralbo, dopo aver appreso che il presidente del Consiglio regionale Vincenzo Niro e l’assessore Pierpaolo Nagni sono alle prese con un

Carletto e la sua squadra sono ufficialmente partiti. La spedizione meglio conosciuta come ‘Processione’ ha preso il via ieri di buon mattino a Montagano, paese di nascita di uno dei protagonisti del viaggio, l’artista Michele Mariano. I due asini, la mamma Carletto – da cui l’evento

prende il nome – la giovane figlia Agalma ed il cane Giulio le star indiscusse della mattinata che hanno catturato l’attenzione di fotocamere e telecamere. Dopo la consegna del vessillo ad hoc per la processione da parte del sindaco di Montagano, i viaggiatori seguiti da alcuni amici e curiosi si sono incamminati verso la prima tappa della lunga marcia, ovvero Sant’Angelo Limosano, dove saranno accolti dal ristorante Perbacco. “Una prima giornata soft – spiega Mi-

chele Mariano. Si tratta di un percorso di appena 15/ 16 chilometri e ci darà la possibilità di prendercela comoda e di fare una sorta di rodaggio”. Percorso sì breve ma non privo di fascino. Primo ostacolo per il gruppo sarà infatti l’attraversamento del fiume Biferno. Il Quotidiano del Molise seguirà in esclusiva l’evento. In edicola sarà infatti possibile leggere tutti gli approfondimenti sull’insolita spedizione. Sul nostro portale, invece, sarà possibile guardare le dirette video della processione.

tavolo tecnico che valuti la messa in sicurezza delle scuole, fa il punto della situazione visto che a Campobasso, di concreto, non si è fatto ancora niente. “Il rammarico – commenta Coralbo - è che tale discussione sia tutta incentrata su certificati antincendio, uscite di emergenza, ovvero su tutto quello che riguarda il dlgs n.81 ex L626 mentre si trascura clamorosamente ciò che rappresenta il vero problema della sicu-

rezza scolastica ossia la vulnerabilità sismica degli edifici. Anche sul territorio comunale, tra promesse di finanziamento regionale e appostamenti post sisma 2002, è partita una ricognizione degli edifici scolastici che sembra non aver mai fine; ad oggi, infatti, nulla è stato fatto di concreto per la vulnerabilità sismica. Inoltre i piccoli interventi messi in campo hanno soltanto mitigato le criticità molto gravi; intanto il sindaco

Gino Di Bartolomeo continua a smentire se stesso, la casa dello studente del quartiere Cep rimane un sogno irraggiungibile, gli alunni del circolo scolastico del Cep nord continueranno a frequentare quegli stabili che lo stesso sindaco ha definito poco sicuri, gli interventi messi in campo sono insufficienti e inadeguati, il Piano di riordino scolastico non decolla ma soprattutto – si chiede Coralbo – com’è finita la “saga” del liceo Scientifi-

L’appuntamento fisso è per le 18:00 di ogni giorno, in cui si assisterà al resoconto della giornata e si potrà guardare da vicino l’orga-

nizzazione del campo. La diretta si basa su tecnologie 3g (ovvero connessione internet mobile) e dunque in luoghi incontaminati e lontani dai centri urbani potrebbe risentire di da alcuni inconvenienti tecnici. Qualora ci fossero problemi di connessione le immagini arriveranno in differita e saranno consultabili in qualsiasi momento.

co Romita in via Facchinetti? L’agibilità a tempo determinato rilasciata dal sindaco è scaduta, l’impresa che ha venduto, o meglio, cerca di vendere a carissimo prezzo l’opera non mette in ordine i documenti, Regione e Provincia tengono bloccati i fondi per l’acquisto dello stabile e i contribuenti molisani sborsano centinaia di migliaia di euro di fitto per una finta scuola che, di fatto, è ancora un caseificio.

Credo che la Regione debba convocare un tavolo tecnico coinvolgendo il Comune di Campobasso per stabile priorità, interventi da eseguire e appostamenti contabili. Ovviamente - conclude sarcasticamente Coralbo – cittadini, famiglie e studenti non hanno fretta e aspettano pazientemente che la Regione assegni deleghe e responsabilità. Del resto che fretta c’è, sono trascorsi appena 120 giorni dall’insediamento del Governo”.

Mic hele Mariano Michele e “Carle tt o” “Carlett tto”


8

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano coledì 2 4 luglio 20 13 Mercoledì 24 201 Mer

La Processione di Carletto varca i confini regionali e s’imbatte nelle contraddizioni del territorio

Tratturi molisani, patrimonio maltrattato

Eppure l’Unesco li vuole far diventare tesori dell’umanità SULMONA – “I Tratturi molisani, candidati a diventare patrimonio dell’umanità con l’Unesco, in realtà sono impraticabili tra roghi, sterpaglie, ortica alta due metri, recinzioni di privati che sbarrano il cammino e l’assoluta assenza di cartellonistica. Alla faccia della mappa ufficiale della Provincia di Isernia, i resti di vecchi cartelli segnaletici e di un rifugio del Cai completamente sommerso dalla vegetazione. Abbiamo tentato di forzarli quei sentieri, ferendoci noi e gli animali, ma siamo stati costretti a percorsi alternativi e il nostro

cane Giulio ha dovuto abbandonare il viaggio per il troppo affaticamento. Un vero inferno. Molto meglio nella parte abruzzese del Tratturo Regio e lo splendo-

Il ‘f atidico Sì’ ‘fatidico di Marilina e Alessandr o Alessandro

“Felicitazioni alla coppia di novelli sposi Alessandro Pasquale e Marilina Rocco che il 21 luglio hanno coronato il loro sogno d’amore, unendosi in matrimonio presso la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Campobasso. Nel corso della cerimonia hanno ricevuto gli onori da parte di una rappresentanza militare, in grande uniforme speciale, composta da appartenenti all’Arma dei Carabinieri tra le cui fila lo sposo presta servizio.”

re della Napoleonica”. A denunciare la situazione sono gli artisti Michele Mariano e Simona Bramati impegnati con “La Processione di Carletto”, performance artistica che vuole decretare “l’infimo inizio

del cambiamento” attraversando a piedi la penisola dal Molise al Friuli con due asine e un cane, percorrendo sentieri storici come appunto i tratturi, per interagire con territorio e persone ricavandone motivazioni e ispirazioni per il cambiamento dell’arte. Un evento seguito ormai da mezza Italia a reso possibile grazie al sostegno di Celant.Tel srl, PetrolGas Srl e l’Istituto Marchigiano Tutela Vini Marchigiani e Movimento Turismo del Vino Molise. “Dopo San Pietro Avellana la situazione dei Tratturi è decisamente migliorata e speriamo in Abruzzo continui in

meglio” afferma Simona Bramati “perchè questi percorsi rappresentano una aspetto importante del nostro progetto. Comunque il nostro entusiasmo è corroborato dall’accoglienza e la generosità delle persone che incontriamo sul nostro cammino e sono sicura che sia nel film documentario che stiamo girando che nel catalogo fotografico sarà percepibile”. La Processione marcia secondo l’itinerario prestabilito (gli artisti ci hanno raccontato di essersi adattati anche a dormire nei pressi di un vec-

chio cimitero) e sono migliaia le persone che da tutta Italia seguono l’evento dal web, da Facebook, dalle tv e dai giornali. Tanto che in nostri “disertori in avanti” vengono riconosciuti immediatamente e molto spesso trovano compagni di viaggio lungo qualche tappa e ricevono aiuti spontanei per le loro esigenze. La prossima meta importante è prevista alle Grotte di Stiffe (AQ) e alla città dell’Aquila e sarà interessante registrare le interazioni con la gente del posto.

Alla Biblioteca Albino i bambini si lasciano... raccontare

Le Piccole Le tture di una grande estat e Letture estate Nei pomeriggi di questo luglio sempre in bilico tra sole e pioggia, gli appuntamenti di lettura settimanali di Piccole Letture, che ogni giovedì pomeriggio stanno raccogliendo sempre più i favori di genitori e bimbi presso la Biblioteca provinciale di Campobasso, sono diventati, in breve tempo, un vero e proprio punto fermo dell’estate cittadina. La partecipazione crescente e l’entusiasmo dei più piccoli, unite alla passione genuina dei lettori volontari così come alla competenza dell’Associazione Culturale Pediatri della Sezione Molise che insieme alla Biblioteca “P. Albino” propongono questo ciclo di letture per bambini accompagnati dagli adulti, ha trovato

il giusto ambiente nel quale propagarsi senza limiti. Infatti, dopo i primi incontri segnati dal maltempo, finalmente il sole ha fatto da sfondo al bellissimo pomeriggio passato giovedì scorso nel giardino della Biblioteca da quasi trenta bambini con i loro genitori. Il prossimo appuntamento di Piccole Letture, come sempre, è per domani alle ore 17.00 in Biblioteca “P. Albino”. Per l’occasione, volendo soddisfare non solo le curiosità dei genitori ma anche quelle dei bambini, dopo l’ora di lettura, chi vorrà potrà fare una singolare visita guidata nei diversi ambienti della biblioteca, potendo anche vedere qualche documento davvero unico e raro.


Foligno

Eventi - Foligno, mercoledì 3 luglio 2013 ore 14:30

A Colfiorito di Foligno torna la festa celtica più originale d'Europa Attese migliaia di presenze Prime anticipazioni sull'edizione 2013 del 'Montelago Celtic Festival' l'appuntamento druidico dell'estate umbro marchigiana in programma il 2 e 3 agosto Un viaggio, nel tempo e nello spazio, attraverso le coordinate di una ricerca fatta di studio e interpretazione, sperimentalismo e innovazione, che conduce fino all’Est Europa. Muove alla scoperta della diffusione e della reinterpretazione della cultura e della musica celtica nel mondo l’XI edizione del Montelago Celtic Festival, in programma sabato 2 e domenica 3 agosto sull’altopiano di Colfiorito a Foligno. Previste 20mila presenze - Non più archetipo di un gruppo ristretto di Nazioni, ma riferimento di diverse etnie che, attraverso valori comuni, hanno riscoperto le proprie tradizioni folcloristiche e culturali. Nato come "Celtic Night" una lunga notte, dal tramonto all’alba, dedicata al misterioso popolo dei Celti, con il tempo l’evento, organizzato da Arte Nomade - in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Macerata, Comuni di Serravalle di Chienti (Mc) e Foligno (Pg) - e con il patrocino di Ambasciata d’Irlanda in Italia, federazione italiana rugby e Legambiente, è diventato un vero e proprio Festival, retaggio degli anni ’60 e ’70, capace di valorizzare il territorio in chiave internazionale, calamitando ogni anno, nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano, almeno 20 mila partecipanti da tutta Europa. Dieci anni di successi - Un popolo unito da un forte senso di appartenenza, che supera i confini geografici, un fenomeno sociale a tutti gli effetti, degno di uno studio all’Università Soas di Londra. In dieci anni, sul palco di Montelago si sono succedute le migliori band di musica celtica - Hevia, Kila, Berrogüetto - e nomi di altrettanto richiamo attendono l’edizione 2013, con ben 17 concerti distribuiti fra palco centrale e Mortimer Pub: Auļi (Lettonia); Stramash (Scozia); Beltaine (Polonia); Bags of Rock (Scozia); Power Pipes (Austria); The Jar (Marche); Diabula Rasa (E. Romagna); Red Pack (Lazio); Electric Mompracem (Marche); Folkomondo (E. Romagna); Taberna Vinaria (Toscana); Massimo Giuntini Band (Toscana). Novità: i matrimoni celtici - Non mancano poi le novità, a cominciare dai matrimoni celtici, celebrati da una coppia di sacerdotesse, per continuare con l’area divinazioni per conoscere il futuro. E ancora: family camping, visite guidate alla scoperta delle bellezze del territorio, lanci col parapendio dal Monte Pennino al festival, carpooling per trovare compagni © TUTTOGGI.INFO – Edizioni SYN-MEDIA Srl (P.I. 02965540541) Iscrizione al Registro per la Pubblicazione di Giornali e Periodici del Tribunale di Spoleto n. 05/2007 del 18/09/2007 Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n. 22904 Pag. 1/2

▶ http://tuttoggi.info/articolo/56240/

Riproduzione riservata


di viaggio fino a Montelago, area wi-fi gratis 24 ore su 24, funny photos a tema celtico, celtic donkeys. Ampio spazio, come sempre, alla rievocazione celtica con l’accampamento storico, la battaglia degli eserciti, i fuochi sacri, gli stage musicali e uno speciale mercatino d’artigianato con standisti selezionati tra i migliori d’Europa, senza dimenticare gli approfondimenti culturali, con seminari di letteratura fantasy e la premiazione del concorso fotografico "Scatti Celtici", e lo sport, con il III torneo di rugby a 7 "Flowers of Montelago" e i tradizionali giochi celtici per testare fino in fondo la propria anima druidica. Accoglienza a quattro stelle - Infine venerdì 2 agosto, alle 18, si farà notare “La Processione di Carletto dal Molise verso il Friuli”, alias Simona Bramati e Michele Mariano in viaggio creativo-spirituale in groppa a due asine e in compagnia di un cane, che racconteranno la loro incredibile avventura. A disposizione degli ospiti numerosi servizi, migliorati e potenziati: area camping, parcheggi, stand di gastronomia e birra, eco-gestione con raccolta differenziata d’intesa con Cosmari e Legambiente, eco shop, pronto soccorso, etilometro "stammibene", bagni chimici, baby park, info point, refreshing point, bus-navetta dalla stazione di Foligno. Per saperne di più: www.montelagocelticfestival.it

© TUTTOGGI.INFO – Edizioni SYN-MEDIA Srl (P.I. 02965540541) Iscrizione al Registro per la Pubblicazione di Giornali e Periodici del Tribunale di Spoleto n. 05/2007 del 18/09/2007 Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n. 22904 Pag. 2/2

▶ http://tuttoggi.info/articolo/56240/

Riproduzione riservata


Torna l'XI edizione di Montelago Celtic Festival

30/07/13 13.56

Torna l'XI edizione di Montelago Celtic Festival Martedì, 23 Luglio 2013 15:59 Visite: 1017 La Redazione

SERRAVALLE DEL CHIENTI - Un viaggio, nel tempo e nello spazio , attraverso le coordinate di una ricerca fatta di studio e interpretazione, sperimentalismo e innovazione, che conduce fino all’Est Europa. Muove alla scoperta della diffusione e della reinterpretazione della cultura e della musica celtica nel mondo l’XI edizione del Montelago Celtic Festival, in programma venerdì 2 e sabato 3 agosto sull’altopiano di Colfiorito, a Taverne di Serravalle di Chienti (Mc). Oggi ad Ancona, nella sede della Regione, la presentazione ufficiale dell'evento che Pietro Marcolini, assessore ai Beni e alle Attività culturali, ha definito "occasione di incontro tra musica, tradizioni e paesaggio, capace di coniugare cultura e promozione del territorio”. Nato come Celtic Night, una lunga notte, dal tramonto all’alba, dedicata al misterioso popolo dei Celti, con il tempo l’evento, organizzato da Arte Nomade in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Macerata, Comuni di Serravalle di Chienti (Mc) e Foligno (Pg), e con il patrocino di Ambasciata d’Irlanda in Italia, Federazione Italiana Rugby e Legambiente, è diventato un vero e proprio Festival, retaggio degli anni ’60 e ’70, capace di valorizzare il territorio in chiave internazionale, calamitando ogni anno, nel cuore dell’Appennino umbro-marchigiano, almeno 20 mila partecipanti da tutta Europa. Un Popolo unito da un forte senso di appartenenza, che supera i confini geografici, un fenomeno sociale a tutti gli effetti, degno di uno studio condotto all’Università di Londra. In dieci anni, sul palco di Montelago si sono succedute le migliori band di musica celtica - Hevia, Kila, Berrogüetto - e nomi di altrettanto richiamo attendono l’edizione 2013, con ben 17 concerti distribuiti fra palco centrale e Mortimer Pub: Au!i (Lettonia), Stramash (Scozia), Beltaine (Polonia), Bags of Rock (Scozia), Power Pipes (Austria), The Jar (Marche), Diabula Rasa (E. Romagna), Red Pack (Lazio), Electric Mompracem (Marche), Folkomondo (E. Romagna), Taberna Vinaria (Toscana), Massimo Giuntini Band (Toscana). Non mancano poi le novità, a cominciare dai matrimoni celtici, celebrati da una coppia di sacerdotesse, per continuare con l’area divinazioni e i segreti sussurrati dalle rune. E ancora: family camping, visite guidate alla scoperta delle bellezze del territorio, lanci col parapendio dal Monte Pennino al Festival, carpooling per trovare compagni di viaggio fino a Montelago, area wi-fi gratis 24 ore su 24, funny photos a tema celtico, celtic donkeys. Ampio spazio, come sempre, alla rievocazione celtica con l’accampamento storico, la battaglia degli eserciti, i fuochi sacri, gli stage musicali e uno speciale mercatino d’artigianato con standisti selezionati tra i migliori d’Europa, senza dimenticare gli approfondimenti culturali, con seminari di letteratura fantasy e la premiazione del concorso fotografico Scatti Celtici, e lo sport, esaltato dal III Torneo di rugby a 7 Flowers of Montelago e dai tradizionali giochi celtici, per testare la propria anima druidica. Infine venerdì 2 agosto, alle 18, si farà notare “La Processione di Carletto dal Molise verso il Friuli”, alias Simona Bramati e Michele Mariano in viaggio creativo-spirituale in groppa a due asine e in compagnia di un cane, che racconteranno la loro incredibile avventura. A disposizione degli ospiti numerosi servizi, migliorati e potenziati: area camping, parcheggi, stand di gastronomia e birra, eco-gestione con raccolta differenziata d’intesa con Cosmari e Legambiente, eco shop, pronto soccorso, etilometro Stammibene, bagni chimici, baby park, info point, refreshing point, bus-navetta dalla stazione di Foligno. Ingresso 20 euro. Per saperne di più: www.montelagocelticfestival.it http://www.lindiscreto.it/ancona/203-macerata/cronaca/21497-torna-l-xi-edizione-di-montelago-celtic-festival?tmpl=component&print=1&page=

Pagina 1 di 2


creative project c o m u n i c a z i o n e


8

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano coledì 2 4 luglio 20 13 Mercoledì 24 201 Mer

La Processione di Carletto varca i confini regionali e s’imbatte nelle contraddizioni del territorio

Tratturi molisani, patrimonio maltrattato

Eppure l’Unesco li vuole far diventare tesori dell’umanità SULMONA – “I Tratturi molisani, candidati a diventare patrimonio dell’umanità con l’Unesco, in realtà sono impraticabili tra roghi, sterpaglie, ortica alta due metri, recinzioni di privati che sbarrano il cammino e l’assoluta assenza di cartellonistica. Alla faccia della mappa ufficiale della Provincia di Isernia, i resti di vecchi cartelli segnaletici e di un rifugio del Cai completamente sommerso dalla vegetazione. Abbiamo tentato di forzarli quei sentieri, ferendoci noi e gli animali, ma siamo stati costretti a percorsi alternativi e il nostro

cane Giulio ha dovuto abbandonare il viaggio per il troppo affaticamento. Un vero inferno. Molto meglio nella parte abruzzese del Tratturo Regio e lo splendo-

Il ‘f atidico Sì’ ‘fatidico di Marilina e Alessandr o Alessandro

“Felicitazioni alla coppia di novelli sposi Alessandro Pasquale e Marilina Rocco che il 21 luglio hanno coronato il loro sogno d’amore, unendosi in matrimonio presso la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Campobasso. Nel corso della cerimonia hanno ricevuto gli onori da parte di una rappresentanza militare, in grande uniforme speciale, composta da appartenenti all’Arma dei Carabinieri tra le cui fila lo sposo presta servizio.”

re della Napoleonica”. A denunciare la situazione sono gli artisti Michele Mariano e Simona Bramati impegnati con “La Processione di Carletto”, performance artistica che vuole decretare “l’infimo inizio

del cambiamento” attraversando a piedi la penisola dal Molise al Friuli con due asine e un cane, percorrendo sentieri storici come appunto i tratturi, per interagire con territorio e persone ricavandone motivazioni e ispirazioni per il cambiamento dell’arte. Un evento seguito ormai da mezza Italia a reso possibile grazie al sostegno di Celant.Tel srl, PetrolGas Srl e l’Istituto Marchigiano Tutela Vini Marchigiani e Movimento Turismo del Vino Molise. “Dopo San Pietro Avellana la situazione dei Tratturi è decisamente migliorata e speriamo in Abruzzo continui in

meglio” afferma Simona Bramati “perchè questi percorsi rappresentano una aspetto importante del nostro progetto. Comunque il nostro entusiasmo è corroborato dall’accoglienza e la generosità delle persone che incontriamo sul nostro cammino e sono sicura che sia nel film documentario che stiamo girando che nel catalogo fotografico sarà percepibile”. La Processione marcia secondo l’itinerario prestabilito (gli artisti ci hanno raccontato di essersi adattati anche a dormire nei pressi di un vec-

chio cimitero) e sono migliaia le persone che da tutta Italia seguono l’evento dal web, da Facebook, dalle tv e dai giornali. Tanto che in nostri “disertori in avanti” vengono riconosciuti immediatamente e molto spesso trovano compagni di viaggio lungo qualche tappa e ricevono aiuti spontanei per le loro esigenze. La prossima meta importante è prevista alle Grotte di Stiffe (AQ) e alla città dell’Aquila e sarà interessante registrare le interazioni con la gente del posto.

Alla Biblioteca Albino i bambini si lasciano... raccontare

Le Piccole Le tture di una grande estat e Letture estate Nei pomeriggi di questo luglio sempre in bilico tra sole e pioggia, gli appuntamenti di lettura settimanali di Piccole Letture, che ogni giovedì pomeriggio stanno raccogliendo sempre più i favori di genitori e bimbi presso la Biblioteca provinciale di Campobasso, sono diventati, in breve tempo, un vero e proprio punto fermo dell’estate cittadina. La partecipazione crescente e l’entusiasmo dei più piccoli, unite alla passione genuina dei lettori volontari così come alla competenza dell’Associazione Culturale Pediatri della Sezione Molise che insieme alla Biblioteca “P. Albino” propongono questo ciclo di letture per bambini accompagnati dagli adulti, ha trovato

il giusto ambiente nel quale propagarsi senza limiti. Infatti, dopo i primi incontri segnati dal maltempo, finalmente il sole ha fatto da sfondo al bellissimo pomeriggio passato giovedì scorso nel giardino della Biblioteca da quasi trenta bambini con i loro genitori. Il prossimo appuntamento di Piccole Letture, come sempre, è per domani alle ore 17.00 in Biblioteca “P. Albino”. Per l’occasione, volendo soddisfare non solo le curiosità dei genitori ma anche quelle dei bambini, dopo l’ora di lettura, chi vorrà potrà fare una singolare visita guidata nei diversi ambienti della biblioteca, potendo anche vedere qualche documento davvero unico e raro.


Montelago Celtic Festival scatta l'XI edizione - il Resto del Carlino - Macerata

Il Resto del Carlino

30/07/13 13.57

MACERATA

Montelago Celtic Festival scatta l'XI edizione Durante la kermesse, che ogni anno richiama migliaia di persone, saliranno sul palco le migliori band di musica celtica. L'appuntamento è per venerdì 2 e sabato 3 agosto

Macerata, 5 agosto 2012 - Un viaggio, nel tempo e nello spazio, attraverso le coordinate di una ricerca fatta di studio e interpretazione, sperimentalismo e innovazione, che conduce fino all’Est Europa. Muove alla scoperta della diffusione e della reinterpretazione della cultura e della musica celtica nel mondo l’XI edizione del Montelago Celtic Festival, in programma venerdì 2 e sabato 3 agosto sull’altopiano di Colfiorito, a Taverne di Serravalle di Chienti (Mc). Oggi ad Ancona, nella sede della Regione, la presentazione ufficiale dell'evento che Pietro Marcolini, assessore ai Beni e alle Attività culturali, ha definito "occasione di incontro tra musica, tradizioni e paesaggio, capace di coniugare cultura e promozione del territorio”. Nato come Celtic Night, una lunga notte, dal tramonto all’alba, dedicata al misterioso popolo dei Celti, con il tempo l’evento, organizzato da Arte Nomade in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Macerata, Comuni di Serravalle di Chienti (Mc) e Foligno (Pg), e con il patrocino di Ambasciata d’Irlanda in Italia, Federazione Italiana Rugby e Legambiente, è diventato un vero e proprio Festival, retaggio degli anni ’60 e ’70, capace di valorizzare il territorio in chiave internazionale, calamitando ogni anno, nel cuore dell’Appennino umbromarchigiano, almeno 20 mila partecipanti da tutta Europa. Un popolo unito da un forte senso di appartenenza, che supera i confini geografici, un fenomeno sociale a tutti gli effetti, degno di uno studio condotto all’Università di Londra. In dieci anni, sul palco di Montelago si sono succedute le migliori band di musica celtica - Hevia, Kila, Berrogüetto - e nomi di altrettanto richiamo attendono l’edizione 2013, con ben 17 concerti distribuiti fra palco centrale e Mortimer Pub: Au!i (Lettonia), Stramash (Scozia), Beltaine (Polonia), Bags of Rock (Scozia), Power Pipes (Austria), The Jar (Marche), Diabula Rasa (E. Romagna), Red Pack (Lazio), Electric Mompracem (Marche), Folkomondo (E. Romagna), Taberna Vinaria (Toscana), Massimo Giuntini Band (Toscana). Non mancano poi le novità, a cominciare dai matrimoni celtici, celebrati da una coppia di sacerdotesse, per continuare con l’area divinazioni e i segreti sussurrati dalle rune. E ancora: family camping, visite guidate alla scoperta delle bellezze del territorio, lanci col parapendio dal Monte Pennino al Festival, carpooling per trovare compagni di viaggio fino a Montelago, area wi-fi gratis 24 ore su 24, funny photos a tema celtico, celtic donkeys. Ampio spazio, come sempre, alla rievocazione celtica con l’accampamento storico, la battaglia degli eserciti, i fuochi sacri, gli stage musicali e uno speciale mercatino d’artigianato con standisti selezionati tra i migliori d’Europa, senza dimenticare gli approfondimenti culturali, con seminari di letteratura fantasy e la premiazione del concorso fotografico "Scatti Celtici", e lo sport, esaltato dal III Torneo di rugby a 7 Flowers of Montelago e dai tradizionali giochi celtici, per testare la propria anima druidica. Infine venerdì 2 agosto, alle 18, si farà notare “La Processione di Carletto dal Molise verso il Friuli”, alias Simona Bramati e Michele Mariano in viaggio http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/2013/07/23/924114-montelago-celtic-2013.shtml

Pagina 1 di 2


Montelago Celtic Festival scatta l'XI edizione - il Resto del Carlino - Macerata

30/07/13 13.57

creativo-spirituale in groppa a due asine e in compagnia di un cane, che racconteranno la loro incredibile avventura. A disposizione degli ospiti numerosi servizi, migliorati e potenziati: area camping, parcheggi, stand di gastronomia e birra, eco-gestione con raccolta differenziata dâ&#x20AC;&#x2122;intesa con Cosmari e Legambiente, eco shop, pronto soccorso, etilometro Stammibene, bagni chimici, baby park, info point, refreshing point, bus-navetta dalla stazione di Foligno. Ingresso 20 euro. Per saperne di piĂš: www.montelagocelticfestival.it

http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/2013/07/23/924114-montelago-celtic-2013.shtml

Pagina 2 di 2


8

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Mar 13 Marttedì 30 luglio 20 201

Testimonianze dalla città che ha vissuto l’incubo del terremoto e la distruzione del patrimonio artistico

Carletto sulle orme di Celestino V Con l’arrivo a L’Aquila la prima parte della ‘Processione’ è giunta a destinazione

“Abbiamo concluso la prima parte della Processione di Carletto sulle tracce del Grande Camminatore Celestino V° e dalla Basilica diCollemaggio per noi inizia l’infimo cambiamento”. Due affermati artisti, Michele Mariano e Simona Bramati, assieme agli asini Carletto e Agalma, stanno camminando dal 15 luglio per attraversare l’Italia e giungere, il 15 settembre, in Friuli, superando la Biennale di Venezia. Una performance artistica resa possibile dalla collaborazione di CelantTel.Srl, PetrolGas, Istituto Marchigiano Tutela Vini e Movimento Turismo Vini del Molise. “La Processione è per noi un

percorso di purificazione culturale e artistico” spiegano Michele e Simona “siamo convinti che nell’era del cambiamento globale anche l’arte debba cambiare, e dalle persone e territori che incontriamo in questo particolarissimo percorso, troveremo stimoli

e indicazione per nuove forme d’espressione artistica”. Anche a L’Aquila artisti e asine sono stati accolti in piazza dalla curiosità della gente che voleva capire, ma “si percepiva nell’aria il dolore e il tormento di questa città e di chi la abita dopo il feroce terremoto del 2009” commentano i nostri. “Siamo certi che gli abruzzesi potranno e sapranno ricostruire l’Aquila più bella e accogliente di prima”. Lasciato il capoluogo abruzzese con il magone in gola, la Processione ha proseguito per Pizzoli e Marana, per poi percorrere storici sentieri collinari e montani che portavano nel rietino, in Lazio, a Cittare-

ale e Trimezzo nello specifico. “Anche qui emozioni ed esperienze impor tanti, par ticolari” sostengono Michele e Simona “che rimarranno impresse nel nostro vissuto personale e artistico”. Quella laziale sarà soltanto una parentesi perché la Processione punterà verso Norcia, in Umbria, sempre camminando a piedi su sentieri antichi e spesso dimenticati, ma ricchi di storia e schietta autenticità, di rapporto con gente che ti guarda dritta negli occhi e ti chiede chi sei, cosa fai, che vuoi. “In questo senso la Processione è un percorso di purificazione dalle

scorie e dalle maschere che il vivere comune impone”. La Processione ha perso Giulio, il vecchio cane di Simona, tornato a casa perché troppo affaticamento.

Lungo il percorso vengono effettuate riprese video e servizi fotografici che confluiranno in un film documentario e in un catalogo fotografico.

Simona Bramati, Mic hele Mariano Michele e i due ffedeli edeli com pagni di viaggio: compagni Carle tt oeA galma Carlett tto Agalma


creative project c o m u n i c a z i o n e


Da Montelago Celtic Festival a Genga -

http://www.equipeco.it/da-montelago-celtic-festival-a-genga/

Official site

Da Montelago Celtic Festival a Genga 1 agosto 2013

EQUIPèCO

La Processione di Carletto arriva nelle Marche Ad oggi, siamo ad un terzo dall’arrivo, 350 km già percorsi. Oggi ho parlato con Simona e mi ha detto che l’Italia è meravigliosa viaggiando a piedi: paesaggi stupendi, luoghi impossibili da raggiungere in altro modo. La stanchezza è relativa perché è bilanciata con il sentimento di libertà che ci ha mossi in questa azione. Credo che ancora non si rendano conto di quello che riceveranno da quest’avventura; Certamente sarà un qualcosa che resterà indelebile e porterà ulteriori certezze al loro modo di essere.

Grande attesa per l’arrivo nelle Marche, precisamente domani 1 agosto a Colfiorito (Mc), della Processione di Carletto: la performance artistica che intende decretare l’inizio del cambiamento nell’arte attraversando l’Italia a

1 di 2

02/08/13 18.25


Da Montelago Celtic Festival a Genga -

http://www.equipeco.it/da-montelago-celtic-festival-a-genga/

piedi dal Molise al Friuli. Michele Mariano, artista molisano e curatore della realtà, e la marchigiana Simona Bramati, giovane protagonista della pittura italiana, in viaggio creativo-spirituale con Carletto e Agalma, le asine madre e figlia, e Giulio, principe della razza canina, hanno già percorso più di 400 chilometri – sono partiti il 15 luglio da Montagano (CB) – attraverso i tratturi molisani e abruzzesi, passando per l’Aquila terremotata e per la basilica di Collemaggio cara a Papa Celestino V. L’impresa è supportata da Celant.Tel Srl, PetrolGas e l’Istituto Marchigiano Tutela Vini. Subito dopo Colfiorito La Processione di Carletto sarà ospite al Montelago Celtic Festival a Serravalle del Chienti (Mc) per raccontare alle migliaia di partecipanti la loro incredibile avventura e far riposare le asine nell’area dedicata ai Celtic Donkeys. Il 7 Agosto è previsto l’arrivo a San Vittore di Genga dove La Processione si concederà una pausa per incontrare amici, giornalisti, sostenitori e curiosi e assistere alla “Vestizione di Carletto”: momento artistico ideato da Giovanni Gaggia, partner del progetto con la Sponge Gallery, in cui sarà rivelerà l’opera d’arte, preparata in questi mesi, che vestirà l’asina più famosa d’Italia. «La Processione è organizzata per l’incontro di genti e luoghi, portando la voce dell’arte come momento di crescita – afferma Michele Mariano – per liberare le idee, i sogni e le speranze. Come in ogni processione che si rispetti si usano mezzi semplici, essenziali, senza artifici: il camminare a piedi con l’aiuto di due asini, simbolo d’impegno e sacrificio, un cane simbolo di fedeltà e vicinanza, e due artisti simbolo d’utopia e di futuro. Stiamo vivendo uno dei periodi più belli e interessanti, quello del cambiamento: l’infimo inizio».

Info: www.laprocessionedicarletto.eu Ufficio Stampa & Pubbliche Relazioni Mauro Luminari, 0731.814079 STORIA EQUIPèCO

2 di 2

permalink [http://www.equipeco.it/da-montelago-celtic-festival-a-genga/]

02/08/13 18.25


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Gio o 20 13 Giovvedì 1 agost agosto 201

Movida, l’ordinanza antirumore dal punto di vista del Comune! La consigliera Marilina Niro bacchetta il presidente dell’Apem Paolo Santangelo e apre le danze. “L’associazione dei pubblici esercizi del Molise ha depositato il ricorso al Tar contro l’ordinanza del sindaco di Campobasso e del comandante della Polizia Municipale con la quale è stato imposto di interrompere le emissioni sonore dopo la mezzanotte. Santangelo sostiene: “Per colpa di qualcuno ora pagano tutti”. Sbagliato! Perché l’ordinanza in questione è stata emessa dopo un esposto al Prefetto di Campobasso dei residenti del centro storico del capoluogo, che non sono qualcuno, ma sono cittadini che pagano le tasse e che hanno il diritto di vivere nella normalità, non sotto assedio. Sbagliato perché l’ordinanza in questione è stata emessa dopo un Consiglio comunale monotematico

CAMPOBASSO

La consigliera comunale illustra le motivazioni e bacchetta Santangelo

Ordinanza anti-rumore La Niro difende la scelta

avente ad oggetto “La trattazione delle problematiche afferenti al borgo antico – centro storico” del 7 giugno. In quel Consiglio Comunale l’ordine del giorno, presentato dalle consigliere del Coordinamento Civico “L’Ascolto”, Adriana Izzi, Maria Michela Niro e Marialaura Cancellario, è stato approvato all’unanimità, dai consiglieri di maggioranza e di minoranza. Santangelo sostiene: “Resta il problema dei frequenti disordini in via Ferrari e dintorni”. Sbagliato! Dimentica che l’ordine del giorno approvato il 7 giugno impegna il sindaco e la sua Giunta a bloccare immediatamente ulteriori aperture di

locali pubblici, oltre che a verificare e rivisitare standard e requisiti di legalità, in quell’area diventata, in questi ultimi due anni, molto calda, ed uso un eufemismo. Santangelo sostiene: “Il Comune voleva imporci l’obbligo della sicurezza nei locali”. Sbagliato! Dimostra di non sapere che i Gestori dei Locali Pubblici sono responsabili dei comportamenti dei propri avventori non perché lo dica il Consiglio Comunale di Campobasso, ma perchè lo dice la Legge! Suggerisco di leggere gli articoli 3 e 6 della Legge n. 689/81. L’ordine del giorno di Izzi, Niro & Co, richiama “alle responsabilità dei gestori dei

locali relativamente al rispetto della quiete pubblica e all’agibilità/pulizia delle aree viciniori” facendo riferimento alle Sentenze Cass. Penale, Sez. I, n. 16686 del 28 marzo 2003 e altre. Santangelo sostiene: “Per soddisfare gli interessi dei residenti (poche decine) si va a discapito di un comparto economico (centinaia di persone e lavoratori coinvolti)”. Sbagliato! I residenti che hanno firmato l’esposto al Prefetto di Campobasso in cui si lamenta il mancato rispetto, da parte di esercenti attività di pub, bar e ristorazione, della normativa in tema di emissioni sonore nonché di quella relativa

alla occupazione di suolo pubblico, sono 500. Santangelo sostiene: “L’ordinanza del Sindaco Di Bartolomeo, a parer nostro, è fuori luogo e anticostituzionale”. Sbagliato! L’esigenza di tutelare il benessere pubblico dallo stress acustico urbano è garantita da una legge dello Stato (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 1991). E soprattutto Santangelo sottovaluta le potenzialità di un buon locale se pensa che l’ordinanza possa far perdere i clienti. La capacità attrattiva del locali pubblici del centro non può essere tutta legata alla produzione di rumore estre-

7

mo. Sono convinta che Campobasso non sia una città che possa chiudere alle 00.00, nè che possa essere militarizzata, ma che anzi debba poter avere una vita vivace, anche notturna. Vivace per l’allegria, la musica in ambienti insonorizzati, la cultura, la socialità, che non sia fatta solo di ubriachezza e schiamazzi. La movida non può essere solo urla, bottiglie di vetro che rotolano, risse, cori farneticanti, motorini che di notte sfrecciano in tutte le direzioni. Se i protagonisti della movida pensano che il vuoto diurno si possa colmare con la sfida del rumore notturno in cui vince chi emette più decibel, il problema è più complesso. Penso, in qualità di amministratrice comunale e di cittadina residente del Centro Storico, che un paese civile debba combattere e pretendere il benessere pubblico. “Il resto è silenzio (Shakespeare, Amleto)”.

Decise anche le aliquote. Toma: “Abbiamo contenuto gli aumenti nell’ordine del 50%”

Tares, bollette in arrivo... tutti pronti Già scaduto il termine per la prima rata, ma l’assessore tranquillizza: c’è tempo per pagare

Donat o TToma oma Donato

La scadenza della prima rata Tares è oggi ed il Comune sta ancora inviando le bollette. L’assessore al Patrimonio di Palazzo San Giorgio tranquilizza i contribuenti. “Se i bollettini dovessero arrivare dopo il 31 luglio o comunque a ridosso di tale data non è previ-

sta sanzione. Almeno che il contribuente, una volta pervenuto il bollettino, aspetti più di una quindicina di giorni per effettuare il pagamento”. Il consiglio resta, quindi, quello di provvedere al più presto al versamento non appena esserne entrati a conoscenza. Per quanto riguarda le aliquote della famosa Tares, le valutazioni intraprese per definire la maggiorazione sono terminate. Stamattina verranno proto-

collati tutti gli indirizzi politici ai responsabili del servizio Tributi. “Abbiamo contenuto gli aumenti nell’ordine di un 50% – informa Donato Toma – Abbiamo mitigato il carico sulle famiglie più numerose e mantenuto i risparmi per quelle mononucleo. Per le attività produttive gli aumenti – rimarca – sono davvero contenuti”. Il ‘tecnico’ dell’esecutivo Di Bartolomeo racchiude il concetto in uno slogan: “Meno risparmi per chi ri-

sparmiava e meno agravvi per chi veniva aggravvato. E’ così – dice – che ho addolcito il carico”. Le rate Tares per il capoluogo restano quattro come approvato dal Consiglio comunale. “Il suggerimento che possiamo dare ai cittadini – incalza Toma – è di rivedere i conti appena escono le tariffe sulla terza rata perché qualcuno – annuncia – potrebbe addirittura avere un rimborso”. “Lo sforzo dell’ammini-

Carletto conquista le Marche L’Arte non si può fermare Previsto per oggi l’arrivo sull’altopiano di Colfiorito, Macerata

Grande attesa per l’arrivo nelle Marche, precisamente domani oggi a Colfiorito (Macerata), della Processione di Carletto: la performance artistica che intende decretare l’inizio del cambiamento nell’arte attraversando l’Italia a piedi dal Molise al Friuli. Michele Mariano, artista molisano e curatore della realtà, e la marchigiana Simo-

na Bramati, giovane protagonista della pittura italiana, in viaggio creativo-spirituale con Carletto e Agalma, le asine madre e figlia, e Giulio, principe della razza canina, hanno già percorso più di 400 chilometri - sono partiti il 15 luglio da Montagano - attraverso i tratturi molisani e abruzzesi, passando per l’Aquila terremo-

tata e per la basilica di Collemaggio cara a Papa Celestino V. L’impresa è supportata da Celant.Tel Srl, PetrolGas e l’Istituto Marchigiano Tutela Vini. Subito dopo Colfiorito La Processione di Carletto sarà ospite al Montelago Celtic Festival a Serravalle del Chienti (Mc) per raccontare alle migliaia di partecipanti la loro incredibile avventura e far riposare le asine nell’area dedicata ai Celtic Donkeys. Il 7 Agosto è previsto l’arrivo a San Vittore di Genga dove La Processione si concederà una pausa per incontrare amici, giornalisti, sostenitori e curiosi e assistere alla “Vestizione di Carletto”: momento artistico ideato da Giovanni Gaggia, partner del progetto con la Sponge Gallery, in

cui sarà rivelerà l’opera d’arte, preparata in questi mesi, che vestirà l’asina più famosa d’Italia. “La Processione è organizzata per l’incontro di genti e luoghi, portando la voce dell’arte come momento di crescita – afferma Michele Mariano - per liberare le idee, i

Mariano

strazione – precisa l’assessore – è quello di gravare il meno possibile sui cittadini campobassani e penso che ci siamo riusciti. Abbiamo fatto uno studio puntuale sui costi di gestione dei rifiuti e dei servizi indi-

visibili per cui siamo riusciti a ridurre il costo inizialmente previsto da spalmare sui contribuenti, ovvero 7 milioni e 400mila euro, a 7 milioni di euro. Non saremo sicuramente tra le citNG tà più care d’Italia”.

Il Comune pubblica bando per i locali ‘Centr oduzione culturale ‘Centroo di pr produzione permanent e’ alla Ex Omni permanente’ Il Comune punta alla realizzazione di un ‘centro di produzione culturale permanente” che tenga conto delle nuove tecnologie informatiche e telematiche ed operi come una sorta di laboratorio multidisciplinare al fine di consentire il confronto tra esperienze culturali ed artistiche diverse. E’ a tal fine che l’amministrazione di Palazzo San Giorgio ha indetto la procedura di evidenza pubblica per la realizzazione di attività e servizi culturali presso il palazzo ex Omni di via Muricchio, per un periodo di nove anni. La data di scadenza per partecipare alla gara è fissata al 13 settembre. Le finalità delle attività da svolgere all’interno della Ex Omni sono state indicate minuziosamente dal Comune: scuola di musica, arti visive, studio di registrazione, sala prove, spazio espositivo permanente, sala polivalente, centro di documentazione musicale e sala di ascolto. sogni e le speranze. Come in ogni processione che si rispetti si usano mezzi semplici, essenziali, senza artifici: il camminare a piedi con l’aiuto di due asini, simbolo d’impegno e sacrificio, un

cane simbolo di fedeltà e vicinanza, e due artisti simbolo d’utopia e di futuro. Stiamo vivendo uno dei periodi più belli e interessanti, quello del cambiamento: l’infimo inizio”.

Bramati


8

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano coledì 7 agost o 20 13 Mercoledì agosto 201 Mer

Michele Mariano e Simona Bramati hanno già percorso 400 chilometri. Ma la meta è ancora lontana

Processione di Carletto, direzione Genga Domani pomeriggio è pre vis o in paese per la prima vvera era sos ta previs vistto l’arriv l’arrivo sosta Hanno percorso oltre 400 chilometri, a piedi, per dare inizio all’infimo cambiamento dell’arte. E giovedì 8 agosto arriveranno a San Vittore di Genga per la sosta-riposo fatta di tante iniziative, dalla “Vestizione di Carletto” a cura dell’artista Giovanni Gaggia davan-

Auguri Massimo!

ti al tempio romano, alla cena-incontro con amici, stampa e sostenitori all’hotel Le Terme San Vittore dove saranno ospitati. Poi, venerdì mattina, poco dopo l’alba, la partenza verso Scheggia (Pg). Simona Bramati e Michele Mariano, lei nota pittrice marchigiana,

Mic hele Mariano e Simona Bramati Michele in cammino per raggiungere la me ta in FFriuli riuli meta

ri, persone e i territori dimenticati dall’immaginario collettivo e dai media: storia e tradizione nelle quali si immerge la Processione di Carletto. La compagnia delle asine e del cane non sono una stramberia come potrebbe ritenersi: Carletto (nome maschile per un’asina) e Agalma sono atavici

compagni di viaggio e lavoro dell’uomo, Giulio è il simbolo della fedeltà. Gli artisti coltivano soggettive utopie e visioni dell’essere, ma proprio il duro cammino assieme alle asine e al cane diventa terapia culturale e artistica. La solitudine di molti e difficili tratti, l’inaspettato seguito di tu-

risti e curiosi in altri sentaieri, l’accoglienza delle autorità comunali e talvolta della banda musicale, l’interesse vero della gente dove il turismo è inesistente o rarissimo, paesaggi d’incredibile suggestione. Tutto questo rende unica La Processione di Carletto www.laprocessionedicarletto.eu.

Alex Ancolitano bissa con Satoshi Tomiie Serata super a Pescara. Mr Pako referente per il Molise Il re della notte della costa adriatica Abruzzese Alex Anconitano presenta il

La locandina dell’e o dell’evvent ento

I miei migliori auguri per il tuo 34esimo compleanno! Vivi al meglio ogni giorno della tua vita! Con immenso amore la tua Samantha. Congratulazioni anche dal Quotidiano del Molise!

lui “curatore della realtà” molisano, Carletto e Agalma, due asine madre e figlia, e Giulio, il cane di Simona. Sono loro i protagonisti di “La Processione di Carletto” che è partita da Montagano il 15 Luglio e si concluderà il 13 settembre a Polgenico, provincia di Udine. “Siamo stanchi, ma felici perché stiamo ottenendo quanto speravamo” dicono Michele e Simona “e cioè vivere esperienze con persone e territori che ci stanno togliendo le scorie intellettuali, culturali e artistiche del vissuto, una sorta di faticosa purificazione che ci darà stimoli ed emozioni per concepire la nuova arte, quella del cambiamento globale in atto”. Gli antichi sentieri montani delle transumanze, i trattu-

9 agosto il secondo super evento della stagione Summer 2013 al BUDDAH

BLANCO VIALE della Riviera pescarese. Tutti pronti perché in consolle è pronto a prendere posizione una special guest davvero incredibile: parliamo del conclamato nonché super acclamato dj Satoshi Tomiie. Dal Molise Mr Pako, stretto collaboratore di Alex a cui è unito da un amicizia decennale vi può aiutare per tutte le info su liste e prenota-

Pak o&Ale ako&Ale o&Alexx

zioni privee. Basta contattarlo al seguente numero 340.4037509. Ingresso

con obbligo di consumazione. E’ ovvio che è vietato mancare.


8

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano coledì 7 agost o 20 13 Mercoledì agosto 201 Mer

Michele Mariano e Simona Bramati hanno già percorso 400 chilometri. Ma la meta è ancora lontana

Processione di Carletto, direzione Genga Domani pomeriggio è pre vis o in paese per la prima vvera era sos ta previs vistto l’arriv l’arrivo sosta Hanno percorso oltre 400 chilometri, a piedi, per dare inizio all’infimo cambiamento dell’arte. E giovedì 8 agosto arriveranno a San Vittore di Genga per la sosta-riposo fatta di tante iniziative, dalla “Vestizione di Carletto” a cura dell’artista Giovanni Gaggia davan-

Auguri Massimo!

ti al tempio romano, alla cena-incontro con amici, stampa e sostenitori all’hotel Le Terme San Vittore dove saranno ospitati. Poi, venerdì mattina, poco dopo l’alba, la partenza verso Scheggia (Pg). Simona Bramati e Michele Mariano, lei nota pittrice marchigiana,

Mic hele Mariano e Simona Bramati Michele in cammino per raggiungere la me ta in FFriuli riuli meta

ri, persone e i territori dimenticati dall’immaginario collettivo e dai media: storia e tradizione nelle quali si immerge la Processione di Carletto. La compagnia delle asine e del cane non sono una stramberia come potrebbe ritenersi: Carletto (nome maschile per un’asina) e Agalma sono atavici

compagni di viaggio e lavoro dell’uomo, Giulio è il simbolo della fedeltà. Gli artisti coltivano soggettive utopie e visioni dell’essere, ma proprio il duro cammino assieme alle asine e al cane diventa terapia culturale e artistica. La solitudine di molti e difficili tratti, l’inaspettato seguito di tu-

risti e curiosi in altri sentaieri, l’accoglienza delle autorità comunali e talvolta della banda musicale, l’interesse vero della gente dove il turismo è inesistente o rarissimo, paesaggi d’incredibile suggestione. Tutto questo rende unica La Processione di Carletto www.laprocessionedicarletto.eu.

Alex Ancolitano bissa con Satoshi Tomiie Serata super a Pescara. Mr Pako referente per il Molise Il re della notte della costa adriatica Abruzzese Alex Anconitano presenta il

La locandina dell’e o dell’evvent ento

I miei migliori auguri per il tuo 34esimo compleanno! Vivi al meglio ogni giorno della tua vita! Con immenso amore la tua Samantha. Congratulazioni anche dal Quotidiano del Molise!

lui “curatore della realtà” molisano, Carletto e Agalma, due asine madre e figlia, e Giulio, il cane di Simona. Sono loro i protagonisti di “La Processione di Carletto” che è partita da Montagano il 15 Luglio e si concluderà il 13 settembre a Polgenico, provincia di Udine. “Siamo stanchi, ma felici perché stiamo ottenendo quanto speravamo” dicono Michele e Simona “e cioè vivere esperienze con persone e territori che ci stanno togliendo le scorie intellettuali, culturali e artistiche del vissuto, una sorta di faticosa purificazione che ci darà stimoli ed emozioni per concepire la nuova arte, quella del cambiamento globale in atto”. Gli antichi sentieri montani delle transumanze, i trattu-

9 agosto il secondo super evento della stagione Summer 2013 al BUDDAH

BLANCO VIALE della Riviera pescarese. Tutti pronti perché in consolle è pronto a prendere posizione una special guest davvero incredibile: parliamo del conclamato nonché super acclamato dj Satoshi Tomiie. Dal Molise Mr Pako, stretto collaboratore di Alex a cui è unito da un amicizia decennale vi può aiutare per tutte le info su liste e prenota-

Pak o&Ale ako&Ale o&Alexx

zioni privee. Basta contattarlo al seguente numero 340.4037509. Ingresso

con obbligo di consumazione. E’ ovvio che è vietato mancare.


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


8

Attualità

CAMPOBASSO

Caro Direttore, il linguaggio vaporoso e siliconato del professor Adolfo Colagiovanni rubava la nostra attenzione, sotto i lecci frondosi del corso che ancora non venivano attaccati dalle malattie fungine. Vestito nel bell’abito leggero, rigorosamente gessato, il professore aveva alcuni accessori che hanno firmato un’epoca: le scarpe bicolori, il bocchino d’osso, entro il quale teneva perennemente infilata una sigaretta accesa, la cravatta sgargiante e un gigantesco fazzoletto di seta che usciva dal taschino come una schiuma. In questo scritto voglio ridare gambe e fiato a un’epoca che non c’è più, a una Campobasso colpita e affondata. Mi piace ricordare quei giorni lontani che il tempo, con galanteria, mi induce a riportare alla mente, con una vena di malinconia. Creare un movimento per cambiare l’arte, il pensiero, le persone. Per superare l’immobilismo che segna questi anni di grande crisi globale. Due artisti si mettono in movimento con due asini e un cane, percorrendo oltre 1000 chilometri a piedi in due mesi, dal Molise al Friuli. Questo hanno spiegato Michele Mariano e Simona Bramati, lui curatore della realtà e lei nota pittrice marchigiana, alla folla che li ha accolti giovedì a San Vittore di Genga. Un incontro di oltre due ore, sulla terrazza dell’Hotel Le Terme,

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano o1 0 agost o 20 13 Sabato 10 agosto 201 Sabat

La le tt era lett ttera di Gennar oV entresca Gennaro Ventresca

Ricordando i complessini di piazza Eravamo felici noi giovani campobassani, forse perché avevamo capito che il futuro ci avrebbe riservato brillanti carriere o, nella peggiore delle ipotesi, una scrivania con telefono, macchina da scrivere e un decoroso stipendio, da ritirare il 27. La paga, con pignolesca puntualità, veniva elargita nel giorno di “sanpaganino”, senza badare alla privacy ci si metteva in fila e si contavano i soldi appena incassati davanti a tutti. Pochi avevano l’accredito dello stipendio in banca, i

soldi si riponevano nel cassetto, le nonne invece sapevano come custodirlo sotto il materasso. Non c’erano ancora le sagre, negli anni Sessanta. Ma in compenso regnava l’allegria. Davanti al Bar Centrale, nelle serate più calde, suonava un’orchestrina che intercettava molti passeggiatori della sera. In quegli anni c’era un signor musicista che Campobasso, non so bene il perché, ha dimenticato. Pippo Izzo si è guadagnato da vivere lavorando alla regione, senza sfruttare appieno il

suo dono artistico. Suonava la tromba, Pippo. E la suonava come nessun altro. E’ stato il nostro Nini Rosso. Come il più famoso musicista dai capelli a spazzola, quando faceva gli “a solo” produceva una forte emozione tra il pubblico. “Il silenzio” e “Ballata di una tromba” sono stati i pezzi più riusciti. La dinastia musicale degli Izzo è stata fertile, in famiglia tutti ancora oggi hanno a che fare con i solfeggi e suonano almeno uno strumento. La famiglia Izzo fece società con un’altra celebre

dinastia, quella dei Pesce. Così nacque l’unico negozio specializzato in strumenti musicali della città. Sulla scia di questa grande famiglia fiorirono a Campobasso diversi complessini. Ora i gruppi equipollenti li chiamano band, allora ci bastava appellarli complessini, se erano formati da giovani, e complessi, se gli orchestrali erano persone già fatte. La musica era tutta dal vivo. Per quella registrata c’erano i dischi di vinile. Le basi e il play back non erano stati neppure pensati. Angelino

u’ re si scoprì cantante, pur non avendo una voce che facesse impazzire; era molto più convincente quella di Aldo Gioia che avrebbe poi lasciato il pentagramma per la brillante carriera di attore. Aldo mise su un complessino, “Aldo e gli angeli”. Il più famoso fu quello dei “Devils” che si spinse sino a incidere un disco, “Riflessa”, che i nostalgici ancora ascoltano in segreto, in omaggio a quei giorni. La qualità della registrazione non è delle migliori, ma quel brano aveva tutte le qualità per poter superare tranquillamente i confini regionali, per sancire il successo pieno dei componenti del gruppo, tra i quali spicca il nome di Gigi Pesce. Che ancora oggi, nel suo ufficio di impiegato comunale, ricorda, con dovizia di particolari, come si stava meglio quando si stava peggio.

Una folla in festa ha accolto la processione arrivata a San Vittore di Genga Ieri mattina Michele Mariano e Simona Bramati si sono rimessi in marcia

Carletto riceve l’investitura con gente comune, turisti, artisti, che ha portato alla comprensione e alla condivisione degli obiettivi della Processione di Carletto. Lui, l’asino protagonista simbolo del lavoro, in realtà è un’asina di Mariano che non ha voluto cambiarle il nome avendo chiesto un maschio.

Alcuni momenti della vves es tizione estizione di Carle tt o e dell’incontr o con il pubblico Carlett tto dell’incontro

Agalma, l’altra asinella, è figlia di Carletto. Giulio, “principe della razza canina” come lo definisce Simona, è il simbolo della fedeltà senza se e senza ma, assoluta e perenne. Loro, gli artisti, impersonificano l’utopia, la visione di ciò che gli altri non vedono. Davanti il tempio romano di San Vittore, Carletto ha ricevuto l’ufficiale investitura come protagonista del movimento. L’artista Giovanni Gaggia, della Sponge Gallery di Pergola, ha posto sulla groppa di Carletto il drappo nero, di seta, con un cuore pulsante cucito in filo d’oro, che rappresenta appunto il pulsare del movimento di rinnovamento. La gente ha compreso. E ha applaudito a lungo. Anche durante la cena insieme a

tanti amici, conoscenti e turisti, sulla terrazza dell’hotel delle Terme, è stata un proseguo dell’incontro-confronto, con aneddoti curiosi e anche commoventi, come la dedica di una grande quercia, nella prima tappa molisana, al sindaco di Castelplanio (dove risiede la Bramati) deceduto a 60 anni, docente d’arte e amico-sostenitore della giovane pittrice. Tra gli ospiti c’era anche Patrizia Balducci, titolare dell’agriturismo d’arte “Le Gocce di Camarzano” che il giorno prima aveva incontrato e ospitato Asini, cane e artisti. Ieri mattina, poco dopo l’alba, Simona, Michele, Carletto, Agalma e Giulio hanno ripreso il loro cammino verso Scheggia. Rigorosamente a piedi, senza mai

salire sulle asine, lungo antichi sentieri e stradine di montagna, seguiti a volte da persone che camminano con loro, oppure nella solitudine di paesaggi suggestivi e dimenticati. Con Carletto e la sua Processione sta crescendo il movimento di rinnovamento dell’arte, del

pensiero e del fare. E questa che vuol essere un connubio tra Armata Brancaleone, Don Chisciotte, la spedizione dei Mille e la “Marcia su Fiume” del D’Annunzio, prosegue il suo difficile cammino iniziato il 15 luglio in Molise per raggiungere il Friuli il 13 settembre.


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Mer coledì 1 4 agost o 20 13 Mercoledì 14 agosto 201

CAMPOBASSO

7

Case di Riposo sotto la lente Sequestrati 30 chili di carne Perché erano in cattivo stato di conservazione. Blitz del Nas

Proseguono a ritmo serrato i controlli dei Carabinieri del Nas (Nucleo Antisofisticazione e Sanità) che hanno acceso i riflettori sullo stato delle Case di Riposo di mezza Italia. Una serie di verifiche istituite dal ministro per la Salute,

Vetrice Lorenzin, per tenere sempre sotto stretta osservazione la quotidianità di strutture che ospitano migliaia di anziani. Nella prima fase degli accertamenti, come spiegò anche il comandante del Nas Forciniti, è venuto fuo-

ri che le Case di Riposo della regione godono di ottima salute. Nelle scorse ore, però, le ispezioni sono andate avanti e sotto la lente è finito un centro dell’area frentana. Qui i militari hanno effettuato una serie di

controlli, mirati soprattutto al settore alimentare: proprio nel corso del blitz i militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanità hanno ritrovato una scorta di carne in cattivo stato di conservazione. A quanto pare si tratte-

rebbe di una trentina di chilogrammi, che i carabinieri hanno opportunamente proceduto a porre sotto sequestro. Il valore

I Carabinieri del N as Nas hivio) d’archivio) (immagine d’arc

della merce si aggira sui cinquecento euro.

Intanto raccolta firme per chiedere il ritiro dell’ordinanza anti-rumore

Chiusura piazza Pepe Presentato il ricorso

I commercianti contro il Comune si rivolgono al Tar La ‘serrata’ dei commercianti del 30 giugno

Lo avevano annunciato e ripetuto più volte. I proprietari delle attività diurne di piazza Gabriele Pepe hanno presentato, ieri, il ricorso al Tar contro l’ordinanza di chiusura al traffico di piazza Prefettura entrata in vigore il 2 maggio 2013 a seguito della pubblicazione da parte del Comune di Campobasso. Sulla base del “60% in meno di incassi giornalieri per via del provvedimento

amministrativo”, i commercianti avevano ‘minacciato’ l’amministrazione comunale di appellarsi al Tar per chiedere la sospensione dell’ordinanza. L’‘avvertimento’ plateale era arrivato lo scorso 13 giugno, il giorno della serrata delle attività per protesta nei confronti dell’esecutivo Di Bartolomeo. Ma prima di questo un estenuante tira e molla aveva caratterizzato le giornate di

primavera, quando, ripetutamente, gli esercenti facevano visita al primo cittadino e al suo esecutivo per chiedere tutt’altro. Non solo l’apertura definitiva al traffico di piazza Pepe, ma anche il maggior controllo da parte dei vigili urbani e la pulizia della zona, ‘degradata dalla sporcizia della movida’. Dopo numerosi nulla di fatto gli esercenti hanno deciso di redimere la faccenda per vie legali. Il centro storico nel giro di poche settimane è diventato il luogo della contesa, o meglio della batta-

glia simbolica tra una parte della cittadinanza e l’amministrazione pubblica. Due i ricorsi presentati. Oltre a quello dei commercianti diurni, vi è quello promosso dall’Apem contro l’ordinanza antirumore che pone dei paletti alla movida campobassana. Il presidente dell’associazione dei pubblici esercizi ha annunciato la raccolta firme all’interno dei pub come iniziativa a

supporto della richiesta di sospensione del provvedimento amministrativo. Piazza Pepe: i centotrenta metri della discordia...

Intanto sono diversi i Comuni che seguono l’esempio della squadra Di Bartolomeo per disciplinare i propri centri storici.

Piazza Pepe dopo l’or dinanza cont es tata l’ordinanza contes estata

Violenti temporali e percorsi tortuosi non hanno fermato Michele Mariano e Simona Bramati

La Processione di Carletto arriva in Toscana Sulle orme del cambiamento globale per rispondere all’immobilismo causato dalla crisi Entra in Toscana “La Processione di Carletto”, iniziata il 15 luglio scorso in Molise e che si concluderà il 13 settembre in Friuli. Due artisti, due asini e un cane stanno percorrendo oltre 1000 chilometri, rigorosamente a piedi, per decretare l’infimo inizio del cambiamento artistico attraverso il movimento (www.laprocessionedicarletto.eu). Michele Mariano, molisano “cultore della realtà”; Simona Bramati, giovane promessa dell’arte italiana, Carletto asina molisana anche se il nome è maschile, Agàlma figlia di Carletto, Giulio “principe della razza canina” amico di Simona. Un po’ Armata Brancaleone e un po’ Don Chisciotte, ma anche Marcia su Fiume di D’Annunzio e Spedizione dei Mille. Una performance spirituale e artistica, e una provoca-

zione “per mettere in movino Tutela Vini e Movimento mento coscienze e persone Turismo Vini del Molise renverso il cambiamento globadono possibile la performanle come risposta all’immobice. Violenti temporali e perlismo causato dalla grande corsi assai difficili non hancrisi” motivano i due artisti. no fermato la Processione Riviste specializzate, quotiche spesso è ospitata in cadiani, Rai ed emittenti privascine o agriturismi da persote, il popolo dei social ne generose, ma che altretnetwork seguono la Procestanto spesso è attrezzata sione di Carletto. Che riceper dormire e sostare alve consensi e sostegni da Pr osegue a ritmo spedit o la pr ocessione di Carle tt o l’aperto. Prosegue spedito processione Carlett tto gente comune ma anche da Durante La Processione autorità locali. Nei giorni di sosta, poi, quando asini e verranno effettuate riprese video e foto che confluiranartisti si mettono a disposizione della gente e dei media, no in un film-documentario e in un catalogo fotografico. è un bagno di folla. Il 15 prossimo, giorno di Ferragosto, da Bocca Trabaria La gente prima appaga la curiosità, poi con i loro mille (Pg) la Processione arriverà a Passo di via Maggio, co“perché?” comprendono e approvano obiettivi e motiva- mune di Badia Tebalda in provincia di Arezzo. Il 16 arrizioni. Gli asini simbolo di lavoro e fiducia, il cane come verà a Caprese Michelangelo dove asini e artisti riposefedeltà assoluta, gli artisti sono coloro che vedono oltre ranno il 17. il visibile. Il mattino seguente, poco dopo l’alba, la ProIl 18 agosto saranno a Chiusi dell’Averna e proseguicessione riparte verso panorami suggestivi - talvolta ro- ranno verso Badia Prataglia il 19 e poi il 20 a Castagno vinati dai rifiuti e dalla stoltezza di chi dovrebbe proteg- D’Andrea in provincia di Firenze. Il 21sarà la volta di Pasgerli - spesso seguita da improvvisati quanto entusiasti so del Muraglione (FI), il 22 attraverseranno Passo della compagni di cammino, sempre accolta con grandi gene- colla di Casaglia (FI) dove riposeranno anche il 23 e il 24 rosità e simpatia. Il patrocinio di Regioni e Comuni e il agosto lasceranno la Toscana da Monte Faggiola (Firensostegno di CelantTel.Srl, PetrolGas, Istituto Marchigia- zuola FI) per poi entrare in Emilia Romagna.


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Gio o 20 13 Giovvedì 29 agost agosto 201

CAMPOBASSO

7

Con www.tuttotrasportimolise.it anche in brochure l’utenza viene aiutata a districarsi nell’uso dei mezzi di trasporto pubblico

Creato un sito per evitare di perdere treno e pazienza I carabinieri del N as Nas

Alimenti scaduti Il Nas visita un ristorante

Disservizi e difficoltà ad usare i mezzi pubblici sono diventati una consuetudine. Le ragioni del cattivo funzionamento del trasporto pubblico le conosciamo tutti, compresa la crisi economica che ha decurtato, e di

Denunciato un 64enne

A Campobasso i militari del Nas, nel corso di un’ispezione eseguita presso un supermercato hanno proceduto al sequestro amministrativo di 55 confezioni di articoli elettronici poiché mancanti delle prescritte indicazioni minime in lingua italiana, previste dal codice al consumo, per un valore di tremila euro. Sempre i carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità del capoluogo hanno effettuato una ispezione igienico-sanitaria presso un ristorante in un comune dell’hinterland campobassano, procedendo al sequestro di 30 chilogrammi di prodotti di origine vegetale ed animale tenuti in cattivo stato di conservazione, deferendo il titolare, un 64enne, alla Procura della Repubblica di Campobasso.

Arc hivio Archivio

molto, l’erogazione di risorse economiche pubbliche dimezzando servizi e personale. Treni che non arrivano con puntualità, altri che o si fermano a metà strada oppure vengono soppressi rendono il cittadino perplesso e disperato giacchè il treno non si prende solo per andare in vacanza anche e soprattutto per lavoro. Abbiamo puntualmente riferito l’allucinante viaggio che è toccato ad un gruppo di molisani in partenza dalla stazione centrale di Napoli verso il Molise. Risono trovati in stazione alle ore 12 sono partiti alle 14 per giungere nel capoluogo dopo un’estenuante viaggio alle 20 e quattro minuti. In tale panorama l’iniziativa dei fratelli Franco e Ferdinando Manna di Bojano ci pare un faro nella nebbia. Intanto hanno creato un sito in-

Piccole le tture, cala il sipario letture, sull’iniziativ a della ‘Albino’ sull’iniziativa Si conclude, dopo due mesi di appuntamenti settimanali fissi, contrassegnati dal favore e dalla partecipazione concreta di bambini e genitori, il ciclo di letture estive per i più piccoli ideato dalla biblioteca provinciale di Campobasso “P. Albino” insieme all’associazione culturale Pediatri sezione Molise e alla Provincia e denominato “Piccole Letture”. L’ultimo appuntamento di Piccole Letture, previsto per oggi alle 17 sempre pres-

so il giardino della biblioteca di via D’Amato, sarà il momento per festeggiare insieme bibliotecari, bambini, lettori volontari, genitori e pediatri e anche per ringraziare tutti della splendida esperienza vissuta in questi due mesi. Per qualsiasi altro tipo di informazione in proposito, ci si può rivolgere al desk della Albino durante i consueti orari di apertura quotidiana, oppure telefonare al numero 0874/69354 o inviare una mail.

La biblio bibliotteca Albino

Questo pomeriggio in piazza Maggiore ci sarà l’Incoronazione Presente anche l’assessore alla Mobilità del comune emiliano

Carle tt oeA galma Carlett tto Agalma

t e r n e t : www.tuttotrasportimolise.it al quale è possibile collegarsi per avere tutte le informazioni sulle partenze e gli arrivi da e per il Molise che in una successiva edizione si dedica ai collegamenti treno- autobus Molise – Nord – Sud sull’Adriatico. Un sito di facile consultazione e i quattro prospetti riepilogativi danno un quadro completo dei collegamenti da e verso Roma e Napoli. In più è stata data alle stampe una brochure distribuita gratuitamente in oltre mille copie facile da portarsi dietro che consente al cittadino utente di cercare coincidenze e collegamenti autobus da e verso il Molise. “Quest’ultimo aspetto – sottolineano gli autori – non pretende di risolvere radicalmente il problema, ma certamente aiuta i cittadini a non perdere oltre al mezzo anche la pazien-

za e ciò che più conta la fiducia nei mezzi pubblici .

Dicio tt o Diciott tto candeline per Michele Massarella

Auguri per il diciottesimo compleanno a Michele Massarella da parte di mamma Angela, papà Giovanni, dal fratello Marco, da parenti e amici tutti.

Un moment o della Pr ocessone con Mic hele e Simona momento Processone Michele

La “Processione di Carletto” arriva a Bologna Grande attesa in piazza Maggiore quando, oggi pomeriggio arriverà la Processione di Carletto, performance artistica che intende decretare l’inizio del cambiamento dell’arte attraversando l’Italia a piedi dal Molise al Friuli con due asine e un cane. Partita il 15 luglio dal Molise con l’obiettivo di giungere in Friuli il 13 settembre, Michele Mariano curatore della realtà e la giovane promessa dell’arte italiana Simona Brama-

ti, gli asini Carletto e la figlia Agalma e il cane Giulio stanno percorrendo mille chilometri - rigorosamente a piedi - lungo antichi tratturi, sentieri montani e ora attraverso la pianura padana. Ma Carletto è di più, è il re del movimento culturale e artistico che è nato con la Processione “per superare fisicamente e concettualmente la Biennale di Venezia e tutto l’immobilismo che rappresenta”.

Questo ruolo regale verrà riconosciuto a Carletto con “L’Incoronazione” di oggi a Bologna dove sarà presente l’assessore alla mobilità Andrea Colombo e l’associazione Bologna Pedonale. La corona è stata progettata e realizzata dall’artista bolognese Giulia Mattioli mentre il momento simbolico dell’incontro con la città felsinea avverrà negli spazio di Campogrande Concept, nel Palazzo Pepoli Campogrande,

tra le più insigni dimore senatorie, a due passi dalle torri. La videomaker Federica Biondi proseguirà nell’appuntamento bolognese le riprese del film documentario prodotto dall’agenzia di comunicazione 99 Million Colors di Jesi e da Vittoria Pesante di Bologna. Una provocazione artistica “per rimettere in movimento corpi, coscienze e arte immobilizzati dalla crisi globale” sostenuta concretamente da Celant-Tel

srl, PetrolGas, Istituto Marchigiano Tutela Vini Doc e Movimento Turismo Vini Molise. Un po’ Armata Brancaleone e un po’ Don Chisciotte, ma anche con venature di Spedizione dei Mille e Marcia su Fiume di D’Annunzio, la Processione di Carletto conquista simpatie e consensi, oltre all’interesse delle riviste d’arte nazionali e dei media, raccontando gli incontri con persone e luoghi dimenticati ma ricchi di vero vis-

suto “perché innovazione è rivisitazione ed evoluzione della tradizione” sostengono gli artisti. Carletto - che in realtà è un’asina, madre di Agalma, a cui è rimasto il nome maschile perché Mariano attendeva un maschio - è il cuore pulsante dell’iniziativa, ruolo datogli con la solenne investitura dell’8 agosto a San Vittore di Genga (Ancona) e con specifico mantello realizzato dall’artista Giovanni Gaggia di Pergola.


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Mar tt embre 20 13 Marttedì 3 se sett ttembre 201

CAMPOBASSO

7

Trattore travolge un’auto Ma è solo una simulazione Volontari della Croce Rossa e Vigili del fuoco al lavoro

Le immagini della simulazione dell’incident e dell’incidente

Un incidente stradale, lo schianto tra un’automobile e un trattore, due persone gravemente ferite. Una scena veritiera in un contesto simulato per far conoscere alla popolazione il lavoro che quotidianamente svolgono le squadre di soccorso, ma anche per far capire come comportarsi qualora ci si trovi dinanzi a scene simili. Con questo obiettivo i volontari del Comitato provinciale della Croce Rossa di Campobasso, del gruppo di Mirabello Sannitico, grazie al contributo del Comitato Festa Ferrazzano–Mirabello e a una squaPiazza Maggiore era gremita quando la Processione di Carletto ha fatto il suo ingresso tra applausi e saluti. Performance provocatoria degli artsti Simona Bramati e Michele Mariano che stanno attraversando l’Italia a piedi in compagnia di due asine, Carletto e Agàlma, e del cane Giulio, per decretare l’inizio del cambiamento dell’arte immobilizzata dalla crisi. Sono partiti il 15 luglio dal

dra dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale del capoluogo hanno dato vita a una simulazione presso località Ponte Rotto,a Ferrazzano. Così, nel piazzale antistante la Chiesa della Madonna di Loreto, la scena dell’incidente è stata sapientemente ricostruita. Due i simulatori della Croce Rossa che, grazie al lavoro dei truccatori della medesima Associazione, hanno interpretato padre e figlia rimasti incastrati tra le lamiere di un’autovettura. Quando la simulazione ha preso il via un altro Operatore Cri ha interpretato

un passante che ha chiamato i soccorsi. In quel momento è stato spiegato alle numerose persone presenti come gestire la chiamata al 118 e tutte le informazioni utili da dare alla centrale per facilitare gli aiuti. Sul posto, a sirene spiegate, sono intervenuti

in un primo momento gli uomini del corpo dei vigili del fuoco che hanno operato per la messa in sicurezza dei veicoli, per evitare la fuoriuscita di benzina dai mezzi impattati. Poi è stata la volta delle sirene dell’ambulanza da dove sono scesi tre volontari che

hanno prestato i primi soccorsi. Insieme ai pompieri hanno cercato, nel minor tempo possibile, il modo migliore per tirar fuori dalla vettura i feriti. Uno di loro ha placato l’ansia e la preoccupazione di chi interpretava l’autista del trattore, mentre gli altri si accertavano delle condizioni di salute dei delle persone coinvolte nel sinistro. Quando i vigili del fuoco, con l’aiuto di attrezzature speciali, hanno rimosso la parte superiore dell’automobile, sui corpi dei feriti è stato applicato un telo, affinché le schegge di vetro non li ferissero ulteriormente, poi, una volta trasportati in ambulanza, con ausili sani-

tari adatti a persone traumatizzate e le precauzioni necessarie in questi casi, le sirene hanno ripreso a suonare e, a gran velocità, l’ambulanza ha preso la direzione dell’ospedale. Solo per finta, però, perché dopo poco gli Operatori Cri hanno fatto ritorno nel piazzale dove sono stati accolti da un caloroso applauso dei presenti. “Sono davvero soddisfatto del lavoro quotidiano dei volontari e della riuscita dell’evento”, ha sostenuto il presidente Giuseppe Alabastro, che ha anche anticipato una serie di appuntamenti in programma, primo tra tutti l’Open Day del 29 settembre.

Re Carletto conquista Bologna La processione accolta in una piazza Maggiore gremita di autorità curiosi e fan del cambiamento partito dal piccolo Molise Molise e, rigorosamente a piedi, giovedì scorso sono giunti a piazza Maggiore, accolti dal vice sindaco Silvia Giannini, dall’assessore alla mobilità Andrea Colombo, dai soci delle asso-

Ben o Andrea! Benvvenut enuto Il terzo moschettiere di casa Giordano ha fatto capolino. Ieri mattina, alle 12 e 45 il piccolo è venuto al mondo: un batuffolo di quasi tre chili per la gioia di mamma Sabrina papà Paolo, che ora avrà un bel po’ da fare (non che prima stesse con le mani in mano), e i fratelli Orlando e Nicola. Al collega Paolo Giordano e a sua moglie Sabrina va un mega augurio da parte della redazione del Quotidiano del Molise, che augura alla new entry Andrea un futuro splendido.

ciazioni Bologna Pedonale e La Fattoria Urbana, dai fotografi e giornalisti, da tanti amici e sostenitori della Processione e, perché no, da tanti curiosi. Momento solenne, poi, per l’incoronazione di Carletto quale simbolo assoluto del movimento, che ricevuto la corona realizzata dall’artista Giulia Mattioli da Stefano Campogrande, titolare degli spazi espositivi Campogrande Concept dove la festa è continuata con vini e spumanti marchigiani e con l’ascolto dell’Inno di Carletto “al mio amico asino” composto ed eseguito dal maestro Cristian

Silvia Giannini e Andre Colombo con Carle tt o Carlett tto

Rainer. Molto interessante l’estratto già montato del film-documentario sulla Processione realizzato dallo studio 99milioncolors dalla regista Federica Biondi e prodotto dalla bolognese Vittoria Pesante. Il bicchiere della staffa è stato gustato ammirando alcune opere di Simona Bramati presenti in galleria.

E ripartiranno, artisti e asine, verso Venezia con la

missione di superare fisicamente e concettualmente al Biennale dell’Arte e poi il Friuli – tappa finale – attesi il 13 settembre. Per rimettersi in movimento dopo anni di blocco dell’arte e dei cervelli, hanno motivato Michele e Simona, per superare le barriere poste alle libere coscienze e aspirazioni. Una provocazione, insomma, che sta ottenendo consensi insperati.

L’incor onazione in piazza Maggiore a Bologna ’incoronazione


creative project c o m u n i c a z i o n e


creative project c o m u n i c a z i o n e


6

CAMPOBASSO

Attualità

Chi intende partecipare al riparto può farlo entro il 30 settembre

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Vener dì 1 3 se tt embre 20 13 enerdì 13 sett ttembre 201

Dal 18 all’ex Gil

per leggere’ Redditi e beneficio 5 per mille ‘Nati L’appuntamento Regolarizzarsi a fine mese del mercoledì Scade il prossimo 30 settembre il termine per sanare eventuali irregolarità da parte degli enti che intendono partecipare al riparto del contributo del 5 per mille per l’anno finanziario 2013. Coloro che non hanno assolto in tutto o in parte, entro i termini di scadenza, agli adempimenti previsti per l’ammissione al contributo, infatti, possono partecipare al riparto del cinque per mille purché provvedano a presentare la domanda di iscrizione e/o a effettuare le successive integrazioni documentali entro il prossimo 30 settembre, versando contestualmente l’importo di 258 euro, con codice tributo 8115, a titolo di sanzione amministrativa. Per beneficiare della regolarizzazione, i requisiti sostanziali per l’ammissione al riparto del cinque per mille devono essere posseduti alla data di originaria scadenza per l’iscrizione telematica negli

elenchi dei beneficiari, vale a dire il 7 maggio 2013. Possono regolarizzare la propria posizione coloro che: non hanno presentato la domanda di iscrizione entro il 7 maggio 2013; hanno omesso di presentare la dichiarazione sostitutiva entro il 1 luglio 2013; hanno presentato la dichiarazione sostitutiva nei termini, ma hanno omesso di allegare la copia del documento di identità La regolarizzazione della domanda di iscrizione o della dichiarazione sostitutiva deve essere effettuata con le medesime modalità previste per l’invio originario. L’oggetto della regolarizzazione, le modalità e i termini per gli adempimenti con riferimento all’esercizio finanziario 2013 sono descritti nella circolare n. 6/ E del 21 marzo 2013 e nella risoluzione n. 46/E dell’11 maggio 2012 dell’Agenzia delle Entrate.

L’A.C.P. (Associazione Culturale Pediatri), l’A.I.B. (Associazione Italiana Biblioteche) e la Fondazione Molise Cultura promuovono anche in Molise il progetto Nati per Leggere. Dal 18 settembre appuntamenti settimanali presso la Fondazione in via Milano a Campobasso; dalle 16.30 alle 18 di ogni mercoledì i lettori volontari del progetto accoglieranno genitori e bambini con tanti libri e tante storie da raccontare. Il progetto Nati per Leggere, giunto in Italia alla fine degli anni ’90, riguarda la lettura ad alta voce ai bambini in età precocissima da parte dei genitori e degli altri adulti; ricerche scientifiche hanno dimostrato come leggere ad alta voce e con continuità ai bambini in età prescolare abbia un’influenza positiva sia dal punto di vista relazionale che cognitivo. L’attività del lettore volontario si affianca a quella svolta da genitori, bibliotecari, insegnanti, pediatri e offre, ai bambini, una opportunità di lettura in più. L’incontro di lunedì 16 settembre si propone di comunicare a tutte le famiglie lo scopo dell’iniziativa e le sue modalità di svolgimento.

Tutto pronto a Polcenigo, che accoglierà la Processione. Domani sarà la volta dei festeggiamenti

Oggi Carletto arriva a destinazione

Dopo mille chilometri e due mesi di cammino Michele Mariano e Simona Bramati vedono la meta

Al ‘Monforte’ la VII esposizione nazionale canina Domenica dalle 10

Si svolgerà domenica, dalle 10, presso i locali del Centro Commerciale Monforte la VIII Esposizione Nazionale Canina organizzata dal “Gruppo Cinofilo Pentro”.. Tale manifestazione – fa sapere il presidente Michele Gioia - si è potuta organizzare grazie alla volontà di cinofili regionali nonché alle sponsorizzazioni di amici. Grande occasione per i cinofili regionali di confrontarsi con altri di fuori regione per poter stabilire le doti e le qualità dei soggetti di proprietà. Confronto questo necessario per stabilire non soltanto le qualità del soggetto, ma anche l’onestà dell’allevatore. I cani sono tutti belli per i proprietari, ma un giudizio morfologico e zootecnico diventa necessario per eventuali accoppiamenti nel futuro. Proprio queste manifestazioni a carattere zootecnico diventano patrimonio di ricchezza per la nostra regione, perché oltre ad incrementare il turismo, sono da filtro per la conoscenza del cane di razza pura. Ciò premesso, questo comunicato stampa deve servire a far conoscere che tipo di attività svolgono i gruppi cinofili nella nostra regione. Possedere un cane è una ricchezza, se poi esso è di qualità gratifica anche l’animo del proprietario”. L’appuntamento è quindi al Centro Commerciale Monforte per trascorrere una giornata tra amici cinofili.

Dopo due mesi e 1000 chilometri percorsi a piedi oggi alle ore 18 arriverà a Polcenigo “La Processione di Carletto”, la performance artistica del curatore della realtà molisano Michele Mariano e della pittrice marchigiana Simona Bramati accompagnati da Carletto, l’asina madre, e la figlia Agalma, che vuole decretare l’inizio del cambiamento dell’arte attraversando a piedi mezza Italia, dopo aver superato fisicamente e concettualmente la Biennale di Venezia e il suo immobilismo causato dalla grande crisi, movimentando coscienze e persone verso il cambiamento globale e verso la riscoperta del territorio, del-

l’umanità e delle sue tradizioni attraverso il duro cammino che diventa terapia spirituale e artistica. A Polcenigo venerdì saranno accolti dal sindaco Mario della Toffola e dal presidente della Pro Loco Barbara Quaia che insieme a un corteo di cittadini accompagneranno la Processione fino in paese. Sabato sarà la giornata dei festeggiamenti con la conferenza stampa nel teatro comunale alle ore 18:00 per ascoltare le loro testimonianze e l’esibizione del cantautore Christian Rainer che ha composto l’inno della processione dal titolo “Al mio caro amico asino” e dove verrà proiettato un estratto del film do-

La Pr ocessione di Carle tt o Processione Carlett tto con Mic hele Mariano e Simona Bramati Michele

cumentario che sta girando Federica Biondi dello studio 99milioncolors e prodotto da Vittoria Pesante di Bologna. La processione di Carletto è resa possibile dalla collaborazione di CelantTel.Srl, PetrolGas, Istituto Marchigiano TuMariano e Bramati tela Vini e Movimento Turismo Vini del Molise, un viaggio ria. La solitudine di molti e dove gli asini sono il sim- difficili tratti, dai tratturi bolo del lavoro, il cane del- molisani alla camminata la fedeltà e gli artisti lo appenninica, l’inaspettato sguardo critico sulla socie- seguito di turisti e curiosi in altri sentieri, l’accoglientà contemporanea. La Processione di Carlet- za delle autorità comunato è partita il 15 Luglio da li, l’interesse dei media naMontagano in Molise attra- zionali e quello più vero versando i tratturi molisa- della gente in luoghi dove ni, L’Aquila terremotata, la il turismo è inesistente o Napoleonica, il Montelago rarissimo, hanno reso uniCeltic Festival, le Grotte di ca la Processione di CarletFrasassi, i pericolosi vali- to. La riscoperta del terrichi toscani, il centro di Bo- torio per generare innovalogna, Venezia fino a Pol- zione, le storie dei persocenigo con le sue sorgen- naggi incontrati, le tradizioti, i boschi del Cansiglio, il ni, i pericoli saranno gli insito archeologico di Palù e gredienti di questo week il museo dell’arte culina- end a Polcenigo.


creative project c o m u n i c a z i o n e


Attualità

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Gio o 20 13 Giovvedì 29 agost agosto 201

CAMPOBASSO

7

Con www.tuttotrasportimolise.it anche in brochure l’utenza viene aiutata a districarsi nell’uso dei mezzi di trasporto pubblico

Creato un sito per evitare di perdere treno e pazienza I carabinieri del N as Nas

Alimenti scaduti Il Nas visita un ristorante

Disservizi e difficoltà ad usare i mezzi pubblici sono diventati una consuetudine. Le ragioni del cattivo funzionamento del trasporto pubblico le conosciamo tutti, compresa la crisi economica che ha decurtato, e di

Denunciato un 64enne

A Campobasso i militari del Nas, nel corso di un’ispezione eseguita presso un supermercato hanno proceduto al sequestro amministrativo di 55 confezioni di articoli elettronici poiché mancanti delle prescritte indicazioni minime in lingua italiana, previste dal codice al consumo, per un valore di tremila euro. Sempre i carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità del capoluogo hanno effettuato una ispezione igienico-sanitaria presso un ristorante in un comune dell’hinterland campobassano, procedendo al sequestro di 30 chilogrammi di prodotti di origine vegetale ed animale tenuti in cattivo stato di conservazione, deferendo il titolare, un 64enne, alla Procura della Repubblica di Campobasso.

Arc hivio Archivio

molto, l’erogazione di risorse economiche pubbliche dimezzando servizi e personale. Treni che non arrivano con puntualità, altri che o si fermano a metà strada oppure vengono soppressi rendono il cittadino perplesso e disperato giacchè il treno non si prende solo per andare in vacanza anche e soprattutto per lavoro. Abbiamo puntualmente riferito l’allucinante viaggio che è toccato ad un gruppo di molisani in partenza dalla stazione centrale di Napoli verso il Molise. Risono trovati in stazione alle ore 12 sono partiti alle 14 per giungere nel capoluogo dopo un’estenuante viaggio alle 20 e quattro minuti. In tale panorama l’iniziativa dei fratelli Franco e Ferdinando Manna di Bojano ci pare un faro nella nebbia. Intanto hanno creato un sito in-

Piccole le tture, cala il sipario letture, sull’iniziativ a della ‘Albino’ sull’iniziativa Si conclude, dopo due mesi di appuntamenti settimanali fissi, contrassegnati dal favore e dalla partecipazione concreta di bambini e genitori, il ciclo di letture estive per i più piccoli ideato dalla biblioteca provinciale di Campobasso “P. Albino” insieme all’associazione culturale Pediatri sezione Molise e alla Provincia e denominato “Piccole Letture”. L’ultimo appuntamento di Piccole Letture, previsto per oggi alle 17 sempre pres-

so il giardino della biblioteca di via D’Amato, sarà il momento per festeggiare insieme bibliotecari, bambini, lettori volontari, genitori e pediatri e anche per ringraziare tutti della splendida esperienza vissuta in questi due mesi. Per qualsiasi altro tipo di informazione in proposito, ci si può rivolgere al desk della Albino durante i consueti orari di apertura quotidiana, oppure telefonare al numero 0874/69354 o inviare una mail.

La biblio bibliotteca Albino

Questo pomeriggio in piazza Maggiore ci sarà l’Incoronazione Presente anche l’assessore alla Mobilità del comune emiliano

Carle tt oeA galma Carlett tto Agalma

t e r n e t : www.tuttotrasportimolise.it al quale è possibile collegarsi per avere tutte le informazioni sulle partenze e gli arrivi da e per il Molise che in una successiva edizione si dedica ai collegamenti treno- autobus Molise – Nord – Sud sull’Adriatico. Un sito di facile consultazione e i quattro prospetti riepilogativi danno un quadro completo dei collegamenti da e verso Roma e Napoli. In più è stata data alle stampe una brochure distribuita gratuitamente in oltre mille copie facile da portarsi dietro che consente al cittadino utente di cercare coincidenze e collegamenti autobus da e verso il Molise. “Quest’ultimo aspetto – sottolineano gli autori – non pretende di risolvere radicalmente il problema, ma certamente aiuta i cittadini a non perdere oltre al mezzo anche la pazien-

za e ciò che più conta la fiducia nei mezzi pubblici .

Dicio tt o Diciott tto candeline per Michele Massarella

Auguri per il diciottesimo compleanno a Michele Massarella da parte di mamma Angela, papà Giovanni, dal fratello Marco, da parenti e amici tutti.

Un moment o della Pr ocessone con Mic hele e Simona momento Processone Michele

La “Processione di Carletto” arriva a Bologna Grande attesa in piazza Maggiore quando, oggi pomeriggio arriverà la Processione di Carletto, performance artistica che intende decretare l’inizio del cambiamento dell’arte attraversando l’Italia a piedi dal Molise al Friuli con due asine e un cane. Partita il 15 luglio dal Molise con l’obiettivo di giungere in Friuli il 13 settembre, Michele Mariano curatore della realtà e la giovane promessa dell’arte italiana Simona Brama-

ti, gli asini Carletto e la figlia Agalma e il cane Giulio stanno percorrendo mille chilometri - rigorosamente a piedi - lungo antichi tratturi, sentieri montani e ora attraverso la pianura padana. Ma Carletto è di più, è il re del movimento culturale e artistico che è nato con la Processione “per superare fisicamente e concettualmente la Biennale di Venezia e tutto l’immobilismo che rappresenta”.

Questo ruolo regale verrà riconosciuto a Carletto con “L’Incoronazione” di oggi a Bologna dove sarà presente l’assessore alla mobilità Andrea Colombo e l’associazione Bologna Pedonale. La corona è stata progettata e realizzata dall’artista bolognese Giulia Mattioli mentre il momento simbolico dell’incontro con la città felsinea avverrà negli spazio di Campogrande Concept, nel Palazzo Pepoli Campogrande,

tra le più insigni dimore senatorie, a due passi dalle torri. La videomaker Federica Biondi proseguirà nell’appuntamento bolognese le riprese del film documentario prodotto dall’agenzia di comunicazione 99 Million Colors di Jesi e da Vittoria Pesante di Bologna. Una provocazione artistica “per rimettere in movimento corpi, coscienze e arte immobilizzati dalla crisi globale” sostenuta concretamente da Celant-Tel

srl, PetrolGas, Istituto Marchigiano Tutela Vini Doc e Movimento Turismo Vini Molise. Un po’ Armata Brancaleone e un po’ Don Chisciotte, ma anche con venature di Spedizione dei Mille e Marcia su Fiume di D’Annunzio, la Processione di Carletto conquista simpatie e consensi, oltre all’interesse delle riviste d’arte nazionali e dei media, raccontando gli incontri con persone e luoghi dimenticati ma ricchi di vero vis-

suto “perché innovazione è rivisitazione ed evoluzione della tradizione” sostengono gli artisti. Carletto - che in realtà è un’asina, madre di Agalma, a cui è rimasto il nome maschile perché Mariano attendeva un maschio - è il cuore pulsante dell’iniziativa, ruolo datogli con la solenne investitura dell’8 agosto a San Vittore di Genga (Ancona) e con specifico mantello realizzato dall’artista Giovanni Gaggia di Pergola.


6

Attualità

CAMPOBASSO

Il Quo tidiano del Molise Quotidiano Mer coledì 1 8 se tt embre 20 13 Mercoledì 18 sett ttembre 201

A dirlo i consiglieri di Costruire Democrazia che denunciano: nel piano triennale delle assunzioni niente farmacisti

Farmacie comunali a rischio vendita Si vocifera la dismissione di più strutture, non più solo quella di via Calabria

Mic hele Coralbo e Mic hele Durant e Michele Michele Durante

“Si vocifera la dismissione di più farmacie comunali”. Sarebbe questo il ‘sospetto’ che aleggia nell’aria riportato dal gruppo di Costruire Democrazia a Palazzo San Giorgio. Dopo la nota super-partes con la quale la Fp Cgil si è inserita nel dibattito sulle farmacie comunali denunciando la situazione di colasso del sistema e la necessità di una terapia d’urgenza, gli

esponenti di Cd tornano sulla problematica contro la “leggerezza e il disinteresse che caratterizzano la gestione dell’amministrazione locale”. “E’ vero - spiega il capogruppo Michele Durante che i ricavi complessivi delle tre farmacie comunali nel 2009 erano di 4 milioni di euro e che nel 2013 sono scesi a 2 milioni 882mila euro. Ma non è

certo questo a poter essere usato come movente per la dismissione delle attività di un settore che vale come tutti gli altri in termini di produttività. La perdita di 1 milione 118mila euro in quattro anni è il frutto di una cattiva gestione”. Ad essere contestata in assoluto è la programmazione della squadra Di Bartolomeo. “Nel piano triennale delle assunzioni il Comune non ha inserito le farmacie. In questi anni di legislatura è stata data la priorità all’assunzione di dirigenti. Ben tre sono stati nominati a tempo indeterminato assorbendo buona parte delle risorse disponibili, vale a dire circa 360mila euro l’anno per cinque anni”. Un’annotazione critica che si lega ad un altro dato fornito dai

consiglieri comunali di Costruire Democrazia: “Attualmente su tre farmacie ci sono solo cinque farmacisti a tempo indeterminato che scenderanno presto a quattro”. Dopo una richiesta agli atti di Palazzo San Giorgio il capogruppo di Costruire Democrazia denuncia anche la presenza di nove note a partire da marzo 2013 che riguardano assunzioni a tempo determinato generate per tamponare situazioni di emergenze, come quella del turno notturno. “Al di là della perdita secca - aggiunge l’amministratore non vi è risposta ai farmacisti sulla sicurezza nonostante i due furti a danno della struttura di via Calabria subiti nel 2012/ 2013”. “Presenteremo - annuncia - una denuncia agli

Farmacia comunale di via Calabria

organi di controllo e alla Prefettura se non verrà dato seguito alla nostra recente richiesta di rafforzamento di unità di servizio in vista dell’orario notturno”. “La Giunta Di Bartolomeo non ha il diritto di fare più una programmazione a sei mesi dalle elezioni amministrative - chiude Durante passando la palla a Coralbo che commenta: “E’ inverosimile che proprio le far-

Calorosa accoglienza a Polcenigo per Michele Mariano e Simona Bramati

Per Carletto una processione di fans Dal Molise al Friuli un viaggio interiore per lanciare messaggi d’Arte

POLCENIGO. E’ stata una vera e propria processione quella che nel tardo pomeriggio di venerdì scorso è giunta nella piazza di Polcenigo. Oltre all’atteso quartetto composto dagli artisti

Tanti auguri Paolo!

A Paolo Di Corpo che oggi compie sette anni gli auguri più speciali ed affettuosi da mamma Floriana, papà Michele e dalla piccola peste Mattia. Felicitazioni dal Quotidiano del Molise.

Simona Bramati e Michele Mariano, alle asinelle Carletto e Agalma e al cane Giulio, molte decine di persone hanno accompagnato gli attesi ospiti in piazza. E lì, ad accogliere La processione di Carletto c’erano il sindaco Mario della Toffola e la presidente della Pro Loco Barbara Quaia assieme a tanti cittadini. Dopo due mesi di duro cammino e oltre 1000 chilometri dal Molise al Friuli, la processione si è conclusa nel piccolo e suggestivo paese in provincia di Pordenone caratterizzato da dove storia, arte, risorgive. Venerdì sera la festa, il giorno dopo tutti al Teatro comunale per chiedere, comprendere, vedere in anteprima spezzoni di quello che sarà il film documentario della Processione di Carletto. Tante le domande del pubblico, esaurienti le risposte della pittrice marchigiana e del “curatore della realtà molisano”. Che hanno attraversato mezza Italia, a piedi insie-

me ad asine a cane con una eccezionale performance “per decretare l’inizio del cambiamento dell’arte mettendosi per mettere in movimento persone e coscienze verso il cambiamento globale, riscoprendo territori dimenticati, persone e tradizioni. Il movimento come terapia spirituale, filosofica e artistica”. La Processione ha voluto “superare fisicamente e concettualmente” la Biennale di Vene-

zia e il suo immobilismo causato dalla grande crisi economica, e ora Carletto diventa logo emblematico del nuovo inizio, del nuovo movimento che ha anche il suo inno “Al mio caro amico asino”, composto dal cantautore bolognese Christian Rainer. Sulla performance artistica è in fase di ultimazione il film documentario prodotto da Vittoria Pesante di Bologna, realizzato e diretto da Federi-

Rudy si è per so perso

Padroncina disperata per la scomparsa di Rudy, gatto persiano rossiccio, da venerdì 13. Chiunque avesse notizie può contattare i seguenti n° 3487651372 o 347 6462933. Grazie, Carmela e Pino.

ca Biondi dello studio 99milioncolors. “Non ci aspettavamo così tanto seguito e successo” commentano Bramati e Mariano “la processione era una nostra esigenza artistica, ma sia-

macie comunali, localizzate nei quartieri più popolosi di Campobasso e senza alcuna concorrenza in quei siti, abbiano registrato delle perdite. Questo è un vero fallimento. L’amministrazione non è stata neanche in grado di dismettere la farmacia di via Calabria per la quale ovviamente le entrate ipotetiche sono inferiori in quanto un’attività in debito viene deprezzata”.

mo felici che così tante persone di cinque regioni abbiano voluto coinvolgersi, così come l’attenzione della stampa e della televisione. Una grazie a quanti ci hanno compreso e alle aziende Celant.Tel Srl, PetrolGas, Istituto Marchigiano Tutela Vini, Movimento Turismo Vini Molise e L’Agriturismo Gocce di Camarzano che ci hanno aiutato a rendere unica la Processione di Carletto”.

Buon com pleanno compleanno bellissima Ne Nevvelyn! Auguroni Nevelyn, non perdere mai la speranza nell’inseguire i tuoi sogni perché c’è un’unica creatura che può fermarti e quella sei tu. Non smettere mai di credere in te stessa e nei tuoi sogni, non smettere mai di cercare. Tu realizzerai sempre ogni cosa ti metterai in testa. La vita è un’enorme tela! Rovescia su di essa tutti i colori che puoi. Buon compleanno, ti auguriamo il meglio che la vita possa offrirti. Con affetto Manuel, Mamma e Maurilio.


Contatti Ufficio stampa & pubbliche relazioni Mauro Luminari Tel. 0731 814079 - 338.6002190 www.creative-project.it mauroluminari@creative-project.it

La processione di carletto

www.laprocessionedicarletto.eu

Profile for Mauro Luminari

La Processione di Carletto - rassegna stampa  

www.laprocessionedicarletto.eu

La Processione di Carletto - rassegna stampa  

www.laprocessionedicarletto.eu

Advertisement