Page 1

Periodico di comunicazione aziendale

42

Spedizione in abbonamento postale 70% Regime Libero - Direzione Commerciale Business - Modena

n.

anno XI - n.3 settembre 2013

ENERGIA VERDE DAL LEGNO

CPL presenta Synfon, un impianto di pirogasificazione ad alta efficienza che utilizza cippato di legna secca. Innovativa la “containerizzazione” dell’impianto che rende il nuovo sistema un prodotto “plug and play” unico sul mercato

L’ASSEMBLEA DEI SOCI CHE PARLA LE LINGUE DEL MONDO Numerose delegazioni estere, dagli USA alla Polonia, fra i 1000 ospiti dell’Assemblea annuale di Bilancio

MUSICA PER RINASCERE Riccardo Muti abbraccia l’Emilia terremotata a Mirandola (MO) nel Concerto dell’Amicizia con il sostegno di CPL CONCORDIA


L’ANSA di New York racconta l’esordio di CPL in USA

Nell’intervista di Fabio Russomando a Dario Gristina, amministratore delegato di CPL CONCORDIA USA, si illustra l’acquisizione dell’Empire State Building e le prospettive di sviluppo negli Stati Uniti Ad aprile 2013 il Gruppo CPL CONCOR-

addetti e detiene già contratti di gestione

servite da CPL CONCORDIA USA c’è anche

DIA è entrato nel mercato USA con alcune

in 40 “buildings” di grandi dimensioni per

l’Empire State Building, il celebre grattacie-

importanti acquisizioni confluite nella so-

le attività di impiantistica e manutenzio-

lo di New York. Di questo si è interessata

cietà controllata CPL CONCORDIA USA. La

ne, “metering” (misurazione), ingegneria e

l’ANSA di New York che ha intervistato

nuova società, partecipata al 50% da un

servizi tecnici, monitoraggio e fatturazione

Dario Gristina, amministratore delegato di

socio statunitense, impiega attualmente 21

consumi. Fra le strutture più importanti

CPL CONCORDIA USA. Per il Gruppo CPL le previsioni nel mercato USA puntano a un fatturato di oltre 50 milioni di dollari nei prossimi cinque anni.

Guarda l’intervista al CEO di CPL CONCORDIA USA Dario Gristina

CPL CONCORDIA è associata a

Direttore Responsabile FRANCESCO MANICARDI

Periodico trimestrale di Comunicazione Aziendale di CPL CONCORDIA Group Anno XI - n. 3 Settembre 2013 Registrato al Tribunale di Modena il 26/05/2003 con il n° 1673 La tiratura di questo numero è stata di 5800 copie Chiuso in Redazione il 13 Settembre 2013

Redazione GABRIELE BATTISTI SAURO CORSI MARCO DAL DOSSO MARIO GUARNIERI EMANUELE MALAVASI E-mail: redazione@cpl.it Grafica e impaginazione Gabriele Greco - Ufficio Comunicazione CPL CONCORDIA Marco Maini - KINA SNC Stampa TIPOLITO SALVIOLI - salvioli.it

CNews online - www.cpl.it/cnews

Attiva il lettore QRCode sul tuo smartphone e accedi alla pagina dedicata di CNews sul sito di CPL CONCORDIA.

Partner

Hanno collaborato a questo numero: ANDREA AMBROGI PIERLUIGI CAPELLI MARCO CARAVELLA SARA CAVAZZA ROBERTO CIARROCCHI MARCO DAL DOSSO VINCENZO D’ALò RENZO GOVONI MASSIMO GRASSILLI GABRIELE GRECO LUIGI LATERZA ALFREDO LUPI VITO MORAMARCO VITTORIO NERI GIOVANNI PEPE MARCO PULEGA FABIO SERENI GIOACCHINO SISTI ANDREA TASSONI

ALESSIO VACCARI In copertina Il pirogasificatore per la produzione di energia da cippato di legna vergine realizzato presso la sede CPL di Sant’Omero (TE) Le foto del Concerto dell’Amicizia sono di Maurizio Montanari (per gentile concessione) Editore CPL CONCORDIA Soc. Coop. Via A. Grandi, 39 41033 Concordia s/Secchia (MO) Tel. 0535.616.111 Fax 0535.616.300 Indirizzo internet: www.cpl.it Mail: info@cpl.it


EDITORIALE

Se nella crescita diversifichiamo possiamo vincere Lo sviluppo aziendale aumenta le sfide nelle gare d’appalto, con un occhio sempre più attento all’efficientamento energetico e alla gestione delle risorse idriche

Andrea Ambrogi -

mente queste tre caratteristiche, che ritengo debbano fare parte del DNA di chi fa impresa. Un gruppo di persone competenti è in grado di pensare e progettare un lavoro; è la capacità che permette allo stesso gruppo di realizzare quanto si è progettato e, da ultimo, è l’affidabilità che consente a qualsivoglia servizio, prodotto, lavoro di poter essere replicato con successo. Non penso di esagerare affermando che questo mix di qualità è stato ed è il motore della nostra cooperativa, senza trascurare il tris che sovente il nostro Presidente Roberto Casari ci ricorda: innovazione, dimensione e internazionalizzazione. Non si poteva non partire da qui per fare alcune considerazioni sulle dinamiche socio-economiche di questi ultimi tre anni, cercando di razionalizzare, ad esempio, la forte contrazione di marginalità che i lavori di costruzione o quelli di gestione e manutenzione hanno dovuto subire. Solo declinando al meglio queste sei parole potremo continuare a essere orgogliosi dei nostri bilanci. Le politiche del Governo Monti di riduzione e stabilizzazione del debito pubblico hanno innescato un effetto virtuoso per ciò che attiene l’avanzo primario, ma nel contempo hanno provocato (speriamo solo nel breve periodo) un rallentamento della nostra economia dovuto al calo della domanda. Come “sistema Paese” abbiamo ricevuto diversi riconoscimenti dalle Istituzioni Europee e internazionali, ma abbiamo pagato il costo di un’eccessivamente marcata impossibilità o incapacità di crescita della nostra economia che rischia di diventare strutturale. Per quanto ci riguarda il percorso di internazionalizzazione di CPL è ormai stato metabolizzato e avviato da tempo: la nostra

aambrogi@cpl.it

Direttore Commerciale Italia di CPL CONCORDIA

Le domande che mi sento rivolgere più di frequente - dato il mio ruolo di Direttore Commerciale Italia, opportunità importante per la quale ringrazio la Direzione e la cooperativa - sono rivolte all’andamento del mercato, al rapporto con la concorrenza e con i Consorzi, allo stato dei pagamenti. Spesso e volentieri, nel rispondere, cerco di partire da concetti generali e, a tal proposito, di recente mi è capitato più volte di prendere spunto da un articolo di giornale che parlava di competenza, capacità e affidabilità. Non credo sia di poco conto ricordare queste tre parole associandole all’impresa cooperativa di cui facciamo parte. In questi ultimi mesi ho citato ripetuta-

3


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

dimensione comincia a essere adeguata e, non ultimo, stiamo spingendo molto l’innovazione e la ricerca anche attraverso l’acquisizione di brevetti: oggi il mercato premia queste caratteristiche e soprattutto la capacità di diversificare. Trovo soddisfazione nell’affermare questa diversità: a volte, infatti, è difficile anche per noi - che la conosciamo bene - raccontare CPL in poche parole, ma le molteplici aree di business che siamo riusciti a presidiare e a far coesistere ci consentono oggi di interpretare al meglio il momento storico che stiamo vivendo. Anche per questo (ma non solo) abbiamo intrapreso di recente un percorso autonomo nei confronti del più grande ente appaltante d’Europa, il Consip, la società del Ministero dell’Economia e delle Finanze che svolge attività di consulenza, assistenza e supporto in favore delle amministrazioni pubbliche nell’ambito degli acquisti di beni e servizi. Il percorso ha già portato, seppur parzialmente, un primo risultato positivo: CPL CONCORDIA, in Raggruppamento Temporaneo d’Impresa con il Consorzio Cooperative Costruzioni (CCC), è risultata prima in classifica nel lotto Campania del procedimento

denominato SIE 3 (Servizio Integrato Energia). Si tratta di una gara che metteva in competizione la bellezza di 70 offerte con la possibilità di successo per solo 12 di queste. Nel contempo, sempre su Consip, stiamo partecipando alla gara per la gestione della Pubblica Illuminazione (Servizio Luce) e, anche in questo caso, il livello competitivo è altissimo ma confidiamo di essere all’altezza delle sfide che questo ente ci pone di fronte. Nel prossimo futuro dovremo porre sempre di più il focus sull’efficientamento e sul risparmio delle energie, nonché sull’ottimizzazione della gestione delle risorse idriche. Su questi temi dovremo misurarci, sviluppando e migliorando le nostre capacità di competere grazie alla serietà e alle competenze che ci caratterizzano. Confidiamo che il mercato riconosca il nostro impegno e, se saremo in grado di fare sempre meglio, molto probabilmente saluteremo con un sorriso beffardo questa maledetta crisi.


CNews n. 42 Settembre duemilatredici

In questo numero

AREA BUSINESS

SPAZIO MARKETING

06

SYNGAS: nuova energia dalle biomasse del legno

30

Digestione in crescita

09

Energia dal cippato di legna vergine

10

Aggiornamenti da Wrocław

12

CPL conferisce qualità al gas degli stoccaggi Edison

32

Un’assemblea di bilancio che parla le lingue del mondo

14

A Mattinata si dà il “buongiorno energetico”

35

Tante nazioni, un unico progetto di internazionalizzazione

17

Meno di due ore tra fermo impianto e riattivazione

36

Per il Gruppo CPL obiettivo 635 milioni di Euro nel 2015

18

In Germania nasce Gas Energy Solutions

20

Ogni quarto d’ora COOP CARTAI scopre quanta energia consuma

22

I prodotti Aipower per il mercato Oil & Gas algerino

38

La sostenibilità, motore per creare valore condiviso

24

Una nuova supervisione per la depurazione di Alto Vicentino Servizi

41

CPL ottiene il rating di legalità

26

Calore ed energia pulita grazie al Servizio Energia Plus

42

Il Maestro Riccardo Muti abbraccia l’Emilia terremotata

28

La manutenzione fa brillare di più i pannelli

SUCCEDE IN AZIENDA

RSI

5


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

SYNFON: nuova energia dalle biomasse del legno

Studiato e assemblato da CPL un impianto di pirogasificazione da 45 kW elettrici, mediante gasificazione di cippato di legna secca. Una fonte sicura e costante di energia elettrica e calore per la selvicoltura, le segherie, gli allevamenti, le aziende agricole, le serre, gli agriturismi e il teleriscaldamento

Alfredo Lupi -

alupi@cpl.it

Responsabile Area Sant’Omero Adriatica

I

l SYNFON è un sistema integrato ad alta efficienza, studiato ed assemblato da CPL CONCORDIA, in grado di produrre (in un processo continuo) gas di sintesi dalla pirolisi di biomasse legnose, alimentando con lo stesso gas un cogeneratore per la produzione di energia elettrica e termica. Il sistema di CPL è stato ottimizzato e collaudato per ottenere i massimi livelli di efficienza energetica, grazie anche ad una sofisticata taratura e ad una specifica gestione computerizzata di tutto il processo. Il punto di forza di questo prodotto è senz’altro la ”containerizzazione” dell’impianto (cogeneratore-gasificatore-essiccatore) che rende SYNFON un prodotto plug and play unico sul mercato. Synfon risponde a diverse necessità di produzione energetica, fornendo dal cippato di legno una fonte sicura e costante di energia elettrica e calore per la selvicoltura, le segherie, gli allevamenti, le aziende agricole, le serre, gli agriturismi e il teleriscaldamento. SYNFON è un prodotto nuovo nel suo genere e si prepara ad affrontare il mercato italiano e internazionale. Il debutto sul mercato è previsto per il prossimo 6 novembre in Cile presso la fiera Expocorma di Santiago.

D

a diversi anni CPL CONCORDIA è impegnata nella produzione elettrica da fonti rinnovabili: sole, biogas e geotermia. Ora è venuto il momento della gasificazione da legna, poiché la legna non è altro che la forma naturale di accumulo di energia solare tramite fotosintesi clorofilliana. Il processo di

gasificazione fu originariamente sviluppato nell’Ottocento per produrre gas di città per l’illuminazione pubblica e per cucinare. Il gas naturale e l’elettricità rimpiazzarono successivamente il gas di città in queste applicazioni ma il processo di gasificazione fu utilizzato per la produzione di prodotti chimici sintetici e di combustibili fin dal 1920. I generatori a gas di legna - detti gassogeni - furono utilizzati per fornire energia ai veicoli a motore in Europa durante la penuria di combustibili nel periodo della Seconda guerra mondiale. L’impianto di pirogasificazione viene utilizzato per la produzione di gas attraverso il processo di pirolisi (il surriscaldamento del cippato) e, nel contempo, tale gas serve ad alimentare un cogeneratore con motore a combustione per la produzione combinata di energia elettrica (da riversare in rete) e acqua calda (da utilizzare per il ciclo produttivo). La gasificazione è un processo che permette di convertire materiale ricco di carbonio, come le biomasse, in monossido di carbonio, idrogeno e altri composti gassosi. Questo processo avviene a temperature superiori ai 700°C, in presenza di una percentuale controllata di agente ossidante, di solito aria o vapore. La miscela gassosa risultante viene definita Syngas (gas di sintesi) e rappresenta essa stessa un combustibile. Il processo di gasificazione presenta alcuni vantaggi rispetto alla combustione diretta, il più importante dei quali è la possibilità di bruciare il Syngas direttamente in motori a combustione interna. Il reattore è il cuore dell’impianto: qui il legno viene trasformato tramite un processo termochimico in Syngas. A circa 200°C inizia la zona di pirolisi nella quale il legno si disgrega e si trasforma in


COSĂŹ NASCE IL SYNGAS

Fase preliminare: il cippato Fase 1: stoccaggio/essicazione Fase 2: carico Fase 3: processo di pirolisi Fase 4: raffreddamento e filtrazione del gas Fase 5: generatore (alimentazione motore, generazione energia elettrica)

7


ESSICAZIONE

La gasificazione consente di ottenere un gas molto pulito; infatti, attraverso la produzione delle ceneri, il gas viene privato degli elementi problematici per la fase di combustione, quali ad esempio cloro e potassio. Il motore è coassiale ad un generatore elettrico, converte l’energia meccanica in corrente elettrica poi immessa in rete. L’energia termica proveniente dall’impianto di raffreddamento viene utilizzata per essiccare il cippato e può essere impiegata per molteplici altri scopi: riscaldamento dell’acqua calda sanitaria, teleriscaldamento e altro ancora.

GASIFICAZIONE

FILTRAZIONE

Ceneri

ENERGIA ELETTRICA

SYNGAS

FILTRO

CIPPATO

REATTORE

Aria

COGENERAZIONE

SYNGAS

MOTORE

gas; successivamente il gas, insieme alla carbonella, transita attraverso la zona di ossidazione nella quale, tramite alcuni ugelli, il sistema inietta aria in quantità controllata per bruciare una buona parte della carbonella a 1200° C. Nella combustione la carbonella si trasforma in anidride carbonica che si unisce con il vapore acqueo proveniente dall’umidità del legno. Da questa unione si formano monossido di carbonio e idrogeno. Il Syngas, la cenere e la carbonella escono dal reattore a 800°C dalla parete bassa e passano insieme in uno scambiatore nel quale il gas viene raffreddato a circa 130°C.

ENERGIA TERMICA


FOCUS ON

Energia dal cippato di legna vergine L’impianto è omologato per l’utilizzo di cippato di legna vergine con caratteristiche dimensionali G30-G50, con un’umidità massima del 15% e una componente massima di particelle fini del 30%. Il cippato viene trasportato dagli essiccatoi al caricatore attraverso un sistema di coclee, l’intero processo è controllato da valvole elettriche che ne garantiscono la tenuta stagna. Queste valvole a loro volta sono controllare da un PLC e vengono automaticamente chiuse in caso di mancanza di corrente elettrica. Da qualche mese CPL CONCORDIA ha attivato un impianto di pirogasificazione da 45 kW elettrici, da gasificazione di cippato di legna secca. Tutte le apparecchiature si trovano all’interno di appositi box prefabbricati con strutture in acciaio e chiusure con pannelli sandwich, mentre il cippato è stoccato entro appositi contenitori con sistema di essiccatura ad aria calda. L’impianto di cogenerazione viene alimentato dalla combustione di 45 kg/ora di cippato secco con umidità inferiore al 10%. Caratteristica importante dell’impianto realizzato è la capacità di funzionamento in contemporanea di più tecnologie, le quali sono come strumenti musicali: la musica si sente solo se l’orchestra funziona.

L’impianto di pirogasificazione sperimentato e omologato presso la sede CPL CONCORDIA di Sant’Omero (Teramo)

Guarda il video case history del pirogasificatore


Aggiornamenti da Wroclaw

Da ottobre la cogenerazione a metano di JokaCPL servirà l’energia al quartiere della città industriale della Polonia: progettazione ed esecuzione in perfetto mix fra competenze italiane e polacche


L’impianto di cogenerazione (in primo piano) a servizio della centrale termica di EDF da 18 MW (edificio in mattoni) Il cuore dell’impianto costituito da un motore GE Jenbacher

Renzo Govoni -

rgovoni@cpl.it

Responsabile di commessa

C

orreva il dicembre 2012 quando, nel numero 39 di questo periodico, davamo le prime notizie dell’avventura di CPL CONCORDIA in terra polacca. Da allora, quando la nostra sede era appena stata implementata e stavamo approcciando la progettazione di un impianto di cogenerazione commissionatoci dalla multinazionale francese EDF, di strada ne è stata fatta. I lavori sono iniziati a gennaio 2013, mentre il termine per la costruzione dell’impianto era atteso per fine agosto, in modo da rendere possibili le operazioni di messa in servizio a settembre e consentire all’impianto di essere a regime in ottobre. L’impianto è basato su un motore primo alimentato a gas metano di marca GE Jenbacher, in grado di produrre 2677 kW elettrici (ceduti quasi per intero alla rete pubblica polacca) e quasi 2600 kW termici, completamente assorbiti per tutti i giorni dell’anno dalla rete di teleriscaldamento del quartiere Psie Pole della città di Wroclaw (Breslavia), uno tra i centri industriali e del terziario più attivi di tutta la nazione. L’impianto interagisce con una centrale termica di circa 18 MW di potenza termica ed è in grado di sostituirsi completamente ad essa nei periodi estivi e di parzializzarne la potenza per gran parte del rimanente periodo dell’anno, con notevoli benefici in termini di consumo di energia primaria totale e di emissioni di sostanze inquinanti in atmosfera. Nonostante il non facile impatto con una realtà molto diversa rispetto a quella in cui eravamo abituati ad operare, ad oggi la costruzione dell’impianto, secondo i termini stabiliti da contratto, è pressoché terminata e tutte le verifiche propedeutiche all’accensione sono state fatte. L’intera progettazione è stata curata dalla nostra azienda, nelle persone dei colleghi Lorenzo Bigliardi (per la parte di layoutistica e di modellazione al cad 3d), Mauro Pascutti (elettromeccanica) e dal nostro nuovo collega di CPL Polska Kamil Lizoń, il cui apporto

è stato fondamentale non solo nella parte di ingegneria elettrica e di automazione, ma anche nelle delicate fasi di colloquio e mediazione con gli enti locali e con i nostri subappaltatori. Altrettanto importanti sono stati il contributo della specializzazione cogenerazione a gas metano e la revisione effettuata da parte di AM Trading, società di ingegneria polacca a cui ci siamo affidati per la validazione del nostro progetto, che è stato adattato, ove necessario, ai punti in cui la normativa locale si discosta da quella europea. Tutta la progettazione civile e le relative opere sono state seguite direttamente da Joka Group Sp.oo.o, nostro partner in questa iniziativa e nostro socio all’interno della neonata JokaCPL Polska. Per le opere di impiantistica meccanica, elettrica e per tutta la parte di controllo abbiamo scelto di affidarci ad imprese locali, cercando di fidelizzarle e di crearci una rete di fornitori affidabili per il prosieguo della nostra attività in Polonia. Siamo ora giunti alle delicate fasi di avviamento e di redazione della documentazione post-esecutiva e, nel frattempo, per l’accensione dell’impianto, stiamo attendendo che il locale ente di distribuzione dell’energia elettrica adegui la sua cabina primaria per poter ricevere, contabilizzare e immettere nella rete nazionale polacca l’energia elettrica da noi prodotta. La messa a regime definitiva è prevista per ottobre 2013, di modo che, per il prossimo inverno, il contributo del nostro impianto al riscaldamento del quartiere sarà già attivo.

11


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

CPL conferisce qualità al gas degli stoccaggi Edison Attivati tre impianti di iniezione glicole per il gas proveniente dai giacimenti di San Potito e Cotignola a Ravenna. L’esperienza nel settore odorizzanti gas ha consentito lo sviluppo di un sistema che rispetta i criteri di sicurezza e affidabilità

Marco Caravella -

mcaravella@cpl.it

Progettista Settore Natural Gas Vittorio Neri -

vneri@cpl.it

Capo Commessa Settore Natural Gas

L

o stoccaggio del gas è un processo che consente di iniettare il metano nella roccia porosa di un giacimento esaurito e depositare in strutture del sottosuolo il gas naturale prelevato dalla rete di trasporto che successivamente verrà reimmesso nella rete nazionale in funzione delle richieste del mercato. Mentre l’approvvigionamento di gas ha un andamento pressoché costante durante tutto l’anno, la domanda è caratterizzata da una variabilità stagionale, in gran parte legata alla componente del riscaldamento per il mercato residenziale. Si ricorre quindi al sistema di stoccaggio del gas naturale al fine di conciliare il funzionamento a portata costante con la necessità di modulazione della domanda. Il sistema di stoccaggio consente, inoltre, di garantire la fornitura del gas anche in caso di guasti o di possibili interruzioni nel sistema di importazione del combustibile dall’Estero. Nel 1984 Edison dà il via alle attività di stoccaggio nella sua prima concessione situata in Abruzzo alla quale, circa dieci anni più tardi, si aggiunge una seconda in Veneto. Edison Stoccaggio S.p.A., costituita nel 2004, è la società del gruppo Edison dedicata alle attività di stoccaggio e trasporto di gas naturale. A giugno 2010 Edison Stoccaggio S.p.A ha iniziato i lavori per lo sviluppo della concessione e di San Potito e Cotignola in provincia di Ravenna.

In una centrale di stoccaggio sono installate tutte le macchine e gli impianti necessari ad effettuare le operazioni di processo e controllo dell’iniezione del gas naturale proveniente dal sistema di trasporto verso i giacimenti sotterranei e per l’erogazione dei volumi di gas dal giacimento alla rete di trasporto. Un processo principale al quale è sottoposto il gas nelle centrali di stoccaggio è costituito dall’eliminazione dell’acqua proveniente dalla formazione geologica, un processo che serve a conferire al gas le specifiche di qualità prima di essere immesso in un metanodotto. L’assorbimento dell’acqua associata al gas viene realizzato mediante il semplice contatto fisico tra il gas umido e il glicole, un composto organico molto diffuso per il raffreddamento dei radiatori delle nostre autovetture. CPL CONCORDIA ha progettato, realizzato, installato e attivato tre impianti di iniezione glicole nei siti di San Potito e Cotignola, ubicati nei tre clusters (raggruppamento di pozzi) che coprono l’intera area del giacimento Edison. L’esperienza pluriennale di CPL - maturata nell’iniezione dell’odorizzante nelle reti di distribuzione - ha consentito lo sviluppo di un sistema idoneo ad assolvere la funzione di immissione controllata di glicole nei depositi di stoccaggio, rispettando i criteri di sicurezza e affidabilità imposti dalle normative vigenti e dal cliente stesso. è obiettivo del settore Natural Gas differenziare la domanda dei prodotti di trattamento del gas, allargando la propria offerta a diverse sostanze e realizzando impianti di iniezione specifici di sostanze chimiche differenziate.


IL PRIMO STOCCAGGIO

ll primo stoccaggio di gas fu realizzato negli Stati Uniti nel 1915. In Italia il primo impianto arrivò nel 1964 a Cortemaggiore, in Emilia Romagna, e fu tra i primissimi in Europa. Nel nostro Paese esistono 10 campi di stoccaggio di gas naturale con le relative infrastrutture di superficie, localizzati in Abruzzo, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto.

13


A Mattinata si dà il “buongiorno energetico” 68% di risparmio grazie alla nuova illuminazione pubblica a Led nel Comune foggiano. Da sempre centro di interesse turistico, ora più attrattivo per decoro monumentale e connettività senza fili tramite WI-FI ad accesso libero

I VANTAGGI DEL LED Grande risparmio sui consumi energetici Diminuzione dei costi di manutenzione Ridotto contenuto di sostanze tossiche o nocive Ridotta emissione di raggi UV ed IR Lunga durata della vita media


La spiaggia di Mattinata (Foggia), polo turistico di grande interesse.

Vito Moramarco -

170.980W - si presenta con un elevato grado di deterioramento in alcuni tratti, con la presenza di materiale non più conforme alle normative di sicurezza. L’adeguamento normativo comporterà l’ottenimento di livelli di illuminamento adeguati alla classe del sistema viario, la conformità alle norme UNI di riferimento e il rispetto delle prescrizioni volte al contenimento dell’inquinamento luminoso, oltre ad una più omogenea illuminazione delle strade, piazze e aree pubbliche. Per ottenere un livello di sicurezza adeguato si interverrà sui quadri di comando e protezione, sulle linee di alimentazione e di derivazione, sui componenti di impianto che possono rappresentare un pericolo per l’incolumità dei cittadini e sull’impianto di terra. Il numero dei corpi illuminanti, a lavori ultimati, sarà di 1.380 punti luce per una potenza nominale di 53.249W con un risparmio energetico del 68,76% rispetto allo stato ante opere. La scelta progettuale è quella di sostituire tutti i centri luminosi con sistema a LED ad alto rendimento la cui tecnologia, prodotta negli stabilimenti AEC e direttamente verificata dal nostro responsabile del Settore Pubblica Illuminazione Diacci, rappresenta sicuramente il futuro dell’illuminazione. Le caratteristiche dei vari corpi illuminanti, la potenza e la resa della lampada scelta soddisfano le condizioni minime (luminanza, uniformità del flusso luminoso, limitazione dell’abbagliamento) previste dalle norme UNI 11248 - in relazione alla classe e categoria illuminotecnica di appartenenza delle strade in esame - e sono conformi a quanto previsto a livello legislativo regionale.

vmoramarco@cpl.it

Responsabile di Commessa Andrea Tassoni -

atassoni@cpl.it

Tecnico di Commessa

A

lcuni mesi fa la nostra azienda ha terminato i lavori di sostituzione integrale dei corpi illuminanti con lampade a tecnologia led nel comune di Lesina (FG), diventata la prima led-city di Puglia. Sempre nel foggiano sono in corso le attività di riqualificazione e gestione ventennale degli impianti di pubblica illuminazione di Chieuti, piccolo centro agricolo del subappennino dauno. A questi si è aggiunto ora il comune di Mattinata, ricco di bellezze naturali costiere e méta turistica di rilievo, che ha affidato a CPL il servizio di gestione degli impianti di pubblica illuminazione e la realizzazione degli interventi di efficienza energetica e di adeguamento sugli impianti. Per ottenere una maggiore efficienza energetica e luminosa saranno realizzati: • interventi di parziale o integrale rifacimento di parte della rete di illuminazione pubblica e sostituzione di tutti i corpi illuminanti con sistema a LED conformi alle norme regionali che assicurano diversi vantaggi: grande risparmio sui consumi energetici, diminuzione dei costi di manutenzione, ridotto contenuto di sostanze tossiche o nocive, ridotta emissione di raggi UV e IR, lunga durata della vita media; • interventi di ristrutturazione e ammodernamento delle linee e dei quadri elettrici; • interventi di adeguamento normativo e messa in sicurezza, eseguiti mediante ispezioni alla base dei pali in ferro e verifica dello stato di stabilità, con eventuale sostituzione dei pali stessi e dei bracci in metallo che presentino un avanzato stato di corrosione. Il tutto nel rispetto delle condizioni di stabilità meccanica e quindi di sicurezza; • un sistema WI-FI costituito da 4 punti Hot Spot nella zona centrale di Mattinata; • un sistema di illuminazione d’accento per il Palazzo Municipale e la Biblioteca. Allo stato attuale l’impianto di pubblica illuminazione - composto complessivamente da 1560 punti luce per una potenza totale di

A séguito degli interventi si registreranno consumi energetici di gran lunga inferiori: dai calcoli effettuati si avrà una riduzione annua del 68,76% dei TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio), pari a

15


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

92,3 tonnellate risparmiate. Il progetto prevede inoltre l’installazione nel centro abitato di Mattinata di un sistema WI-FI, ovvero ”connettività senza fili”, costituito da 4 punti Hot Spot, che fornirà ai cittadini la possibilità di connettersi alla comunità globale (accesso in banda larga) ed essere coinvolti nella vita democratica della città ed nelle politiche di comunità. Gli hot-spot, installati punti strategici per la più ampia copertura, saranno posti nei pressi della Sede del Comune e lungo Corso Matino, la via principale che attraversa tutto il centro abitato. La nuova rete wireless consentirà di connettersi ad internet senza fili, via radio, grazie alla tecnologia Wi-Fi, utilizzando Notebook o telefoni smartphone compatibili senza alcun problema di interferenza fra gli utenti. Uno degli obiettivi principali che ci si pone con questo progetto, nel segno della continuità con le azioni di riqualificazione urbana fin qui intraprese dall’Amministrazione, è quello di dare al paese un ”appeal” ancora maggiore, una forza di attrazione per i cittadini e i turisti. Per questo scopo sono stati installati sistemi di illuminazione d’accento sui prospetti e balconi del Palazzo Municipale e della Biblioteca, per dare maggiore risalto alla caratteristica costruttiva e al rilievo storico degli edifici.

Il particolare sistema di illuminazione d’accento per il Palazzo Municipale, la Biblioteca e il corso principale di Mattinata


Meno di due ore tra fermo impianto e riattivazione Il Service Manutenzione ha drasticamente ridotto il tempo medio di riattivazione dei cogeneratori grazie ai sistemi di telecontrollo e ad una piattaforma web costumizzata Alessio Vaccari -

ha consentito di elaborare tale mole di dati e di controllare il cogeneratore e i propri ausiliari. La continua ricerca del miglioramento delle performance ha inoltre portato a sviluppare logiche sempre più evolute per il controllo del cogeneratore e dei propri ausiliari. Una di queste riguarda la gestione dei ventilatori dei dissipatori: abbassando gli autoconsumi dell’impianto, passati dal 4% al 2% attuale, è stata aumentata l’efficienza energetica del cogeneratore. Inoltre, tutti i dati ricevuti e inviati al campo vengono trasmessi via ADSL a un server interno di CPL CONCORDIA, all’interno del quale vengono elaborati e storicizzati su database SQL Server. Queste informazioni permetteranno di avere una panoramica dei rendimenti di tutti i cogeneratori installati, di ricevere notizie in tempo reale sui fermi e sulle loro cause. Infine, la registrazione dei dati è di fondamentale rilevanza per il servizio pratiche, rendendo la fatturazione più efficiente e la gestione dei clienti molto più accurata. Per il nostro staff e per il settore Manutenzione Biogas & Post Vendita Cogenerazione si tratta di un risultato rilevante, frutto di grande impegno e di una sempre maggiore attenzione alla parte elettrica rispetto ad un passato nel quale la meccanica, con ottimi risultati, aveva più rilevanza. Quest’applicazione è diventata fondamentale per il Service CPL, al punto che dal momento del fermo impianto alla sua riattivazione trascorrono in media meno di 2 ore. Infine, è in funzione una piattaforma web accessibile da ogni dispositivo mobile e non, aperto ai clienti, sulla quale si può vedere in tempo reale lo stato dei propri impianti, confrontare i dati, stamparli e esportarli nei formati più utilizzati. Questa piattaforma è diventata parte integrante del service di Manutenzione per il miglioramento delle performance.

avaccari@cpl.it

Responsabile software engeenering/telecontrollo Settore Manutenzione Biogas & Post Vendita Cogenerazione

I

l settore Manutenzione Biogas & Post Vendita Cogenerazione di CPL dedica grande importanza all’attività di telecontrollo e tele-gestione degli impianti, con l’obiettivo di soddisfare le richieste del mercato del biogas e fronteggiare la sempre maggiore competitività nel settore. A tale scopo ha progettato e sviluppato un’applicazione software e hardware che si interfaccia con la totalità dei cogeneratori oggi sul mercato, consentendo di incrementare la disponibilità di funzionamento al 98,7% con la riduzione dei tempi di fermo, delle ricerche guasto, accrescendo le energie in gioco e soprattutto il livello di soddisfazione dei clienti. L’applicazione deriva dalla customizzazione delle soluzioni software basate sulle richieste di ogni singolo cliente e sfrutta i moderni mezzi dei sistemi SCADA per la visualizzazione, il controllo e la registrazione dei dati integrandoli agli affidabili e potenti sistemi di controllo della periferica dei PLC. Su ogni impianto avviato nell’anno 2012 è stato installato un quadro di telecontrollo. Esso è composto da unità PLC per il controllo della periferia e da un touchscreen da 15’’ windows based con installata la supervisione progettata da CPL. La scelta di Movicon per lo SCADA e Siemens per la parte PLC deriva da un’attenta e approfondita ricerca di mercato effettuata nei primi anni di esperienza lavorativa in CPL del sottoscritto. Le attività svolte negli anni precedenti sugli impianti a fianco dei manutentori ha permesso di realizzare un sistema in grado di ricevere i dati dal campo, ad esempio le grandezze analogiche; ha reso possibile l’interfacciarsi via bus di comunicazione (modbus, profibus, profinet, ecc.) con i costruttori di digestori, i costruttori di motori e con apparecchiature elettriche (contatori energia elettrica, contatori di energia termica, ecc);

17


In Germania nasce Gas Energy Solutions La nuova societĂ commercializza componenti, impianti e servizi per il gas naturale a livello mondiale: svolto in Italia il primo workshop per agenti GES su contatori domestici G4 e altri prodotti


La visita agli impianti produttivi della Cooperativa Bilanciai di Campogalliano (Modena) Il workshop prevedeva momenti di confronto e di formazione sui prodotti commercializzati da GES

Sara Cavazza -

scavazza@cpl.it

Assistente alla Direzione Vendite Impianti, Servizi e Soluzioni Informatiche

C

PL CONCORDIA continua a guardare con interesse verso nuovi orizzonti esteri. Rientra nell’ambito della progressiva internazionalizzazione dell’azienda la costituzione della società GES (Gas Energy Solutions) GmbH, con sede in Germania, che nasce sulla scia della creazione del ramo CPL INDUSTRIAL dedicato all’industrializzazione dei prodotti a marchio CPL. GES, società di diritto tedesco, le cui quote sono detenute da CPL CONCORDIA e da due importanti aziende del settore, opererà nel mercato mondiale commercializzando i prodotti del raggruppamento di settori Industrial principalmente in Europa, nel Medio Oriente e nei Paesi dell’Est. Forte dell’esperienza trentennale dei suoi manager, GES si propone come punto di riferimento dei trasportatori e i distributori di gas naturale per la fornitura di componenti, impianti e servizi per l’utilizzazione del gas naturale. Nei giorni 11 e 12 giugno scorsi, su iniziativa del Direttore Vendite Natural Gas di CPL Tiziano Zocchi, si è svolto il primo workshop della neo-società con l’intento di offrire ai futuri agenti GES un’introduzione teorica e tecnica alla varietà di attività e prodotti di cui CPL e partner si occupano. L’organizzazione ha previsto due location differenti per dare la possibilità di visitare la catena di montaggio dei contatori Smart presso l’azienda Coop. Bilanciai di Campogalliano (MO). Il workshop è iniziato martedì 11 presso la sede CPL di Concordia sulla Secchia (MO) appositamente allestita con i principali prodotti oggetto della formazione. Nel corso di questa giornata si sono susseguiti gli interventi di CPL, Polargas e di altri partner industriali che hanno introdotto le rispettive attività di competenza. Successivamente è stata organizzata una cena formale con la partecipazione di tutti gli invitati stranieri e del personale interno per un totale di 35 persone, che si è rivelata un piacevole momento di aggregazione e un buon esempio di integrazione multiculturale. Merco-

ledì 12 giugno il workshop si è spostato presso la Coop Bilanciai di Campogalliano. La giornata è stata dedicata principalmente all’argomento della misura ed è iniziata con la visita alla catena di montaggio dei contatori domestici G4. Successivamente i relatori di CPL hanno presentato contatori e software per la distribuzione del gas, concludendo con una breve introduzione sulla cogenerazione e trigenerazione. A conclusione del workshop è stato sottoposto ai partecipanti un questionario di valutazione dei vari aspetti logistici, organizzativi e tematici dell’evento. Il risultato finale ha evidenziato un ottimo gradimento dell’accoglienza, dell’organizzazione generale e del soggiorno presso le strutture selezionate, e un complessivo apprezzamento dei temi trattati. In vista del secondo workshop che si terrà nel 2014 uno degli obiettivi sarà certamente quello di entrare maggiormente nel dettaglio dell’attività commerciale e promozionale tuttora in via di definizione. Non poteva infine mancare un apprezzamento generale per il cibo italiano che ha, naturalmente, conquistato gli ospiti stranieri. L’evento, seguito con grande interesse dai vertici aziendali e interamente organizzato con personale interno, è stato un’ulteriore occasione di veder collaborare efficacemente e in sintonia colleghi solitamente distaccati per ruolo e mansioni. Un esempio di cooperazione - portata avanti con impegno, convinzione ed entusiasmo - a ricordare che anche di questa forza è fatta la nostra cooperativa.

19


Ogni quarto d’ora COOP CARTAI scopre quanta energia consuma Il telecontrollo dei consumi elettrici, attraverso gli analizzatori di rete del sistema EFOR2 Illumination, offre una reportistica costante per monitorare i picchi e le caratteristiche della rete elettrica


La sede di Coop Cartai a Modena

Marco Pulega -

mpulega@cpl.it

Responsabile sottosettore Telecontrolli e apparecchiature ICT

L

a Cooperativa Cartai Modenese (C.C.M.) è una delle realtà più significative a livello nazionale per il confezionamento alimentare, la pulizia, l’igiene e l’imballaggio, con una gamma di oltre 5000 prodotti. Per migliorare l’efficienza aziendale è stato installato un sistema di monitoraggio remoto dei consumi elettrici. Il sistema, denominato EFOR2 ILLUMINATION, permette di monitorare i consumi e partizionarli seguendo le diramazioni dell’impianto elettrico, così da suddividerli e poterli valutare singolarmente. Il sistema è composto da una centralina elettronica dotata di modem GPRS e da analizzatori di rete periferici che sono stati installati presso i contatori principali e i punti desiderati. Tali analizzatori permettono di monitorare anche le caratteristiche della rete elettrica: tensioni, correnti e sfasamenti, sia monofase che trifase. Tutti gli analizzatori sono collegati a una singola centralina di supervisione tramite collegamento seriale. Viste le lunghe distanze all’interno dell’impianto si sono utilizzati dei convertitori ethernet per sfruttare la rete già esistente ed evitare il tiraggio di nuovi cavi. La centralina è alimentata a 230Vac e dispone di batteria ricaricabile per garantire la segnalazione di allarme anche in caso di brevi assenze della rete di alimentazione. Il modem GSM/GPRS integrato invia quotidianamente i dati al centro di controllo CPL per la successiva pubblicazione su WEB, oltre che spedire un report giornaliero dei consumi tramite e-mail. I consumi vengono inoltre contabilizzati per fascia tariffaria, agevolando la verifica con la fattura mensile. Considerata la presenza di carichi non interrompibili si è scelto di utilizzare trasformatori amperometrici apribili, così da permettere l’installazione del sistema senza nessun fermo della produzione. Molti analizzatori sono stati inseriti in quadri elettrici già

esistenti, riducendo al minimo l’ingombro del sistema di telecontrollo. La visualizzazione dei dati è possibile mediante l’accesso ad un’area protetta del portale di CPL CONCORDIA. In tal modo il cliente ha la possibilità di visualizzare e gestire i dati storici relativi ai propri consumi, elaborando e organizzando in opportune pagine i dati provenienti dalle periferiche installate. Il portale permette di visualizzare i consumi e le caratteristiche della rete elettrica di ciascun analizzatore (ovvero di ciascun punto monitorato) mediante una pagina dedicata, con campionamenti ogni quarto d’ora. Il sistema visualizza inoltre il picco massimo e minimo di ciascuna grandezza per una migliore analisi. Sono inoltre visualizzabili i consumi giornalieri, divisi per fase, con l’indicazione dei picchi massimi e minimi, ovvero i giorni in cui il consumo energetico è stato più elevato o più ridotto. Per facilitare l’analisi dei dati, e quindi il processo di ottimizzazione della produzione, è possibile utilizzare le funzioni di graficazione integrate nel portale web, tramite cui visualizzare graficamente gli andamenti dei valori come potenze ed energie nel tempo. Il server è interamente gestito dalla infrastruttura di CPL CONCORDIA, permettendo alla proprietà di Coop Cartai di essere sgravata dalla gestione del centro di controllo e dal relativo aggiornamento hardware e software, dalla formazione del personale e dalla gestione del sistema di acquisizione dati.

21


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

3 MILIONI DI EURO DI LAVORI DA SONELGAZ

I contratti sono stati sottoscritti con SONELGAZ/CAMEG (tre contratti per circa 800 odorizzatori complessivi e uno per circa 400 filtri) e con SONELGAZ/GRTG (un contratto per riscaldatori), per un valore totale di circa 3 milioni di euro.


I prodotti Aipower per il mercato OIL&GAS algerino La società del Gruppo CPL, dopo il primo anno di attività dell’officina di costruzione meccanica in Algeria, espande le proprie capacità produttive ampliando gli spazi e integrando nuove apparecchiature

Gioacchino Sisti -

tutti i colleghi in Italia e in Algeria è stato possibile dimostrare le capacità manageriali, le competenze tecniche e la flessibilità gestionale di AIPOWER, fondamentali in un mercato sempre più difficile in termini di concorrenza straniera e locale e con clienti pubblici con i quali la negoziazione il più delle volte è ”a senso unico”. Da qui la scelta di questo ulteriore investimento, che ha consentito ad AIPOWER di dotarsi di un’officina di circa 1500 mq coperti, altrettanti scoperti e attrezzata per la produzione in serie di filtri e odorizzatori con le seguenti dotazioni: sega automatizzata, trapano automatizzato, saldatrici di vario tipo, muletti, posizionatori, argano elettrico, aria compressa, gruppo elettrogeno d’emergenza, magazzino e area uffici. Sono da citare anche le squadre locali di tubisti, saldatori, meccanici, elettricisti che, coordinati dal responsabile costruzione AIPOWER e supportati dai tecnici CPL, hanno consentito di terminare il 50% dei filtri e 3 prototipi degli odorizzatori, pronti a procedere alla costruzione in serie dopo l’approvazione del cliente. L’ampliamento della capacità produttività dell’officina ha permesso di partecipare anche ad altre gare pubbliche per la fornitura di skid gas per alte portate. Nonostante i competitors locali, AIPOWER ha acquisito una parte dei lotti a disposizione per circa 2,5 milioni di euro. Inoltre, a dimostrazione che non tutti i competitors locali sono ancora pronti in termini di competenze e struttura, il nostro cliente ci ha chiesto di accettare (al nostro prezzo) anche il contratto a suo tempo assegnato ad un competitor ritenuto poco affidabile in termini d’offerta e di struttura organizzativa. Questo ha permesso di portare il valore del contratto a circa 4 milioni di euro, dandoci conferma della capacità del Gruppo CPL di ”fare impresa” anche nel continente africano.

gsisti@cpl.it

Presidente Direttore Generale di Aipower

A

IPOWER, la società del Gruppo CPL CONCORDIA operante nel Maghreb, a seguito degli ottimi risultati ottenuti in termini tecnico/contrattuali con la consegna, all’inizio del 2013, dei primi due importanti contratti SONELGAZ di costruzione locale di skid gas (30 unità da 2500 NMC – 70/4h bar e 215 unità di bassa portata/pressione), continua il processo di localizzazione: l’acquisizione di nuovi contratti per la costruzione di prodotti per il trattamento del gas metano (filtri, odorizzatori, riscaldatori) sta dando un’ulteriore contributo all’internazionalizzazione della cooperativa. I contratti sono stati sottoscritti con SONELGAZ/CAMEG (tre contratti per circa 800 odorizzatori complessivi e uno per circa 400 filtri) e con SONELGAZ/GRTG (un contratto per riscaldatori), per un valore totale di circa 3 milioni di euro. L’approvvigionamento di questi prodotti da parte del cliente fino ad oggi avveniva tramite importazione, non essendoci localmente fornitori con le capacità di progettazione e costruzione adeguate. Dopo l’aggiudicazione delle gare siamo stati più volte oggetto di visite ispettive di qualifica (noi e i nostri concorrenti locali) sia in termini di organizzazione aziendale (gestione commessa, ingegneria, costruzione, etc.) sia di capacità produttiva in termini di spazi e mezzi. Ovviamente, essendo le prime gare di questo tipo, abbiamo dovuto adeguare in poco tempo le strutture operativo-produttive in funzione dei contratti acquisiti, gestendo la tempistica anche in relazione all’incertezza che intercorre dalla vittoria della gara alla notifica del contratto. Non è stato facile organizzarsi in così poco tempo e farsi qualificare: grazie all’impegno, competenza e spirito di squadra di

23


Una nuova supervisione per la depurazione di Alto Vicentino Servizi Gli impianti di Isola Vicentina e Schio dotati di software con pagine grafiche dedicate alla gestione degli allarmi e degli interventi preventivi


L’impianto di depurazione di Alto Vicentino Servizi a Schio (Vicenza) Attraverso il nuovo software di supervisione è possibile controllare da remoto tutti i paramentri di funzionamento

Marco Pulega -

polare il codice dai PLC, capirne il funzionamento e modificare le parti relative alla comunicazione con lo SCADA per permetterne il corretto dialogo. L’architettura era abbastanza complessa in quanto composta da PLC ”master” interconnessi a dispositivi (pompe, attuatori, ecc.) e PLC ”slave” a loro volta collegati ad altri dispositivi, tutti tramite rete profibus e modbus. Lo SCADA fornito si connette ai vari PLC tramite connessione Ethernet e dispone di un’interfaccia web per essere accessibile da qualunque postazione connessa alla rete Internet, permettendo

mpulega@cpl.it

Responsabile sottosettore Telecontrolli e apparecchiature ICT Massimo Grassilli -

mgrassilli@cpl.it

Commerciale CPL Industrial

A

lto Vicentino Servizi è un’azienda multiservizi che gestisce acquedotti, depurazione e fognature per tutto l’Alto Vicentino. Nell’anno 2012 ha indetto una gara per la sostituzione del loro SCADA (software di supervisione) per i due impianti di Isola Vicentina e Schio, in quanto ormai obsoleto e non liberamente modificabile. Il nuovo SCADA doveva ovviamente interfacciarsi con le periferiche e i PLC già presenti in campo, oltre che replicare tutte le funzionalità del precedente garantendone il corretto funzionamento. Il settore ICT di CPL CONCORDIA, vincendo la gara, si è incaricato di effettuare questa sostituzione, analizzando il sistema precedente - per comprendere il processo e le criticità che un impianto di depurazione può avere - e garantendo la manutenzione del sistema per 10 anni. Dopo aver studiato ogni singola videata dello SCADA preesistente si è proceduto alla realizzazione di pagine analoghe sul nuovo sistema, prestando particolare attenzione alla rappresentazione dei dati e alla gestione degli allarmi. Le pagine di presentazione dei dati, in forma tabellare e grafica, sono state concepite per garantire la massima immediatezza d’uso. La corretta gestione degli allarmi (intesa come ricezione, segnalazione, tracciabilità e invio ai reperibili) è fondamentale per intercettare eventuali blocchi e malfunzionamenti dell’impianto, permettendo di intervenire in via preventiva o correttiva per ridurre al minimo il tempo di fermo impianto. Un’ulteriore difficoltà consisteva nell’interfacciamento coi PLC Siemens già presenti in campo, dei quali non si conosceva l’esatto funzionamento e non si possedeva il ”codice sorgente” di programmazione: per eseguire il lavoro, e soprattutto garantire al cliente un funzionamento esemplare, è stato necessario estra-

la visualizzazione dei dati ma anche la configurazione dei parametri di funzionamento da remoto. L’esperienza acquisita sul funzionamento dei controllori della Siemens - sempre più utilizzati in ambito italiano e internazionale - e del depuratore ci consentirà di gestire nuovi lavori in questo ambito senza grosse difficoltà. L’unione di questi sistemi di automazione con quelli, già realizzati, di metering dei consumi acqua, di monitoraggio dei livelli di falda e della pressione, e di alert nel caso di anomalie, permettono a CPL di offrire un servizio completo per la gestione del servizio idrico integrato.

25


Calore ed energia pulita grazie al Servizio Energia Plus Per i prossimi 20 anni il Comune di Sava (TA) sceglie l’approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili e centrali termiche efficienti per le sue strutture scolastiche e aggregative grazie alla ESCo CPL

Obiettivi

1. Accordo virtuoso fra CPL CONCORDIA e il Comune 2. Risparmio energetico: minor consumo = minor costo. 3. Finanziamento dei costi correlati al nuovo impianto grazie al risparmio. 4. Sostituzione di impianti vetusti dal consumo elevato. 5. Esposizione finanziaria dilazionata nel tempo. 6. Contenimento dell’inquinamento.


Veduta di alcuni immobili comunali di Sava sui quali sono stati realizzati impianti fotovoltaici a tetto

Luigi Laterza -

sui parametri di funzionamento, sia di intervenire rapidamente prima che avvenga un reale e percepito disservizio da parte del cliente. Per soddisfare gli obiettivi della stazione appaltante, CPL ha messo a disposizione tutto il know-how acquisto nei settori della gestione calore, global service e gestione impianti fotovoltaici, sin dalle fasi di progettazione preliminare di gara. Ha quindi proposto il rifacimento di tutte le centrali termiche con caldaie a condensazione e la relativa trasformazione da gasolio a metano, un passaggio che, oltre a migliorare rendimento e risparmio economico, prevede una notevole riduzione delle emissioni nocive in atmosfera. Sempre nella stessa logica economico-ambientale sono stati realizzati sulle coperture degli edifici (compreso il Centro polivalente per Anziani) impianti fotovoltaici da 11,52 a 51,70 kW, per un totale di 231 kW di potenza. Sia gli impianti termici che fotovoltaici sono dotati di un sistema di telecontrollo per il monitoraggio dei consumi/produzione oltre alle funzioni di controllo da remoto, per tutte le verifiche della funzionalità ed efficienza degli stessi impianti. Ulteriori controlli e azioni correttive inoltre vengono generate anche mediante l’acquisizione di dati e notizie dei servizi offerti (plessi scolastici, edifici polifunzionali, ecc.) presso gli utenti, per valutare il grado di assolvimento e la soddisfazione del cliente. CPL inoltre fornirà al Comune la consulenza tecnico-amministrativa per garantire che la documentazione allegata a ogni componente/impianto risulti conforme al regime normativo-legale.

llaterza@cpl.it

Tecnico di Commessa Vincenzo D’Alò -

vdalo@cpl.it

Tecnico di Commessa

I

l Comune tarantino di Sava ha affidato a CPL CONCORDIA la gestione del ”Servizio Energia Plus” comprendente la fornitura dell’energia termica ed elettrica, l’esercizio, la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti termici ed elettrici, con prevista riqualificazione tecnologica. Il Servizio, che avrà durata ventennale, riguarda 8 edifici fra i quali le strutture scolastiche (dall’Asilo nido alle scuole Medie) e il Palazzo Comunale, per un totale di quasi 70.000 metri cubi gestiti. L’obiettivo principale dell’Amministrazione Comunale è il risparmio in termini economici, visto anche il periodo delicato che attraversa tutta la Pubblica Amministrazione; nondimeno vi sono anche gli obiettivi di natura tecnico-organizzativa: 1) maggiore economia di scala, affidando ad un unico soggetto capace di organizzare e gestire tutte le attività energetiche, e un miglioramento della soddisfazione dell’utente finale; 2) il risparmio energetico mediante interventi sul processo di trasformazione e di utilizzo dell’energia, prevedendo anche il ricorso a fonti energetiche rinnovabili; 3) la progettazione, la fornitura e l’esecuzione dei lavori di adeguamento e riqualificazione degli impianti finalizzati a generare risparmi di natura energetica e gestionale, che saranno effettuate con finanziamento tramite terzi. La nostra azienda, in qualità di E.S.Co. (Energy Service Company) avrà interesse a fare una qualificata gestione e manutenzione degli impianti per ottenere la massima efficienza, producendo pertanto energia termica al minor costo possibile. Il Comune di Sava e i singoli utenti avranno interesse ad usare l’energia in modo razionale e consapevole attraverso la termoregolazione e la contabilizzazione individuale del calore. Tutto ciò viene integrato da un servizio di reperibilità continua anche grazie alla supervisione ed all’ausilio del sistema di telecontrollo e telegestione. Questo sistema consente sia di effettuare manutenzioni preventive sulla scorta di eventuali scostamenti

Il Servizio Energia Plus

Il Servizio Energia Plus è un contratto per la gestione dell’impianto termico che viene stipulato dal proprietario dell’impianto di riscaldamento con una società qualificata come E.S.Co. (Energy Service Company).
Il contratto prevede che la E.S.Co. si faccia carico del finanziamento e dell’esecuzione di tutti gli interventi tesi a ridurre i consumi energetici, quali ad esempio la sostituzione della caldaia, la termoregolazione autonoma, la contabilizzazione del calore, l’isolamento termico e che il cliente paghi alla società, per gli anni previsti dal contratto, i necessari investimenti e il calore consumato.

27


La manutenzione fa brillare di piÚ i pannelli La gestione full-service degli impianti fotovoltaici è decisiva per le performance di rendimento: l’esperienza di CPL su 20 campi solari nel Centro Sud Italia


Le fasi di manutenzione del verde e di pulitura dei campi fotovoltaici

Giovanni Pepe -

• manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di antintrusione e videosorveglianza; • gestione dei contratti di vigilanza; • gestione dei contratti di connettività Wi-Fi; • redazione del report prestazionale degli impianti; • taratura dei contatori secondo le scadenza prestabilite. Tutti gli impianti sono dotati di un sistema di monitoraggio della produzione che, in caso di guasto e/o anomalia, invia un segnale direttamente al manutentore reperibile tramite sms/mail. Effettuato il pronto intervento e valutata la necessità di eseguire la sostituzione di apparecchi guasti, si pianifica l’intervento prelevando il materiale necessario dal magazzino scorte della sede di

gpepe@cpl.it

Tecnico di Commessa sede di Bari Roberto Ciarrocchi -

rciarrocchi@cpl.it

Tecnico di Commessa sede di Sant’Omero

D

opo aver progettato e realizzato 20 campi fotovoltaici da 1 MW cadauno nel territorio compreso tra la Puglia e l’Abruzzo, CPL CONCORDIA sta svolgendo la manutenzione full-service degli stessi per conto delle società di produzione. Sedici campi sono distribuiti nella provincia di Bari, esattamente nei territori comunali di Turi, Noci, Binetto Altamura e Triggiano, mentre i restanti quattro si trovano nella provincia di Teramo nei comuni di Sant’Omero e Torano. I contratti di gestione e manutenzione full-service comprendono tutte le attività atte a garantire una performance ottimale e ad assicurare ai clienti/ proprietari la massima soddisfazione in termini di risultato gestionale-economico in linea con le previsioni. Tali attività si possono dividere in 2 macro voci, una di carattere gestionale/documentale e l’altra di tipo operativo in sito. Quelle di carattere gestionale/documentale comprendono tutte quelle attività di gestione, redazione e aggiornamento della documentazione, raccolta e trasmissione dati ai fini degli obblighi contrattuali con gli enti gestori quali GSE, Enel, Agenzia delle Dogane, ecc. Nel dettaglio sono compresi l’inserimento dati di produzione sul portale GSE, la predisposizione diritto annuale di licenza e vidimazione registri all’Agenzia delle Dogane, la compilazione della dichiarazione annuale dei consumi e relativa trasmissione all’Agenzia delle Dogane e la dichiarazione Fuel Mix al GSE. Le attività di tipo diretto/ operativo in sito riguardano tutte le fasi lavorative alla perfetta funzionalità e produttività del campo stesso, mediante le operazioni di: • pulizia e sfalcio delle aree interne ed esterne; • manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti elettrici;

riferimento, limitando al minimo le perdite di produzione. Le attività sono eseguite dal personale CPL delle sedi di Bari e Sant’Omero coadiuvato e supportato dai colleghi del settore ”Specializzazione Fotovoltaico ed Energie rinnovabili” di Concordia sulla Secchia, che ha recentemente organizzato un corso di aggiornamento sulle procedure e sulle tecniche di manutenzione degli impianti fotovoltaici.

29


Produzione Biogas agro-zootecnico in Italia

994 impianti biogas operativi

374 impianti biogas operativi solamente in Lombardia

Andamento della potenza elettrica installata in Italia da Biogas agro-zootecnico 756 MW

2012

388 MW

2011

176 MW

2010 2009 2008

98 MW 60 MW

Biometano in Europa Veicoli a CH4 in Europa

1.200.000

Rapporto veicoli a metano e stazioni di rifornimento

85.000/860

500/33

700.000/830 Fonte: CRPA LAB


Digestione in crescita

A Piacenza il workshop di Biogas Innovation presso l’Università Cattolica ha posto al centro del dibattito la crescita della produzione energetica e la difformità di diffusione degli impianti nelle varie regioni Gabriele Greco -

ggreco@cpl.it

Responsabile Ufficio Comunicazione CPL CONCORDIA

La produzione di biogas e l’utilizzo dello stesso per produrre energia sono temi in rapida evoluzione, il ”vento” normativo e l’applicazione delle nuove tecnologie portano verso nuove rotte. La crescita di questo mercato necessita di un corretto approccio culturale, di conoscenze approfondite e di comunicazione chiara ed esaustiva per coloro che intendono investire in questo settore. Giunto alla quinta edizione, ”BIOGAS INNOVATION” è un evento promosso e organizzato da CPL CONCORDIA con lo scopo di promuovere le proprie soluzioni ma anche l’innovazione, le tecnologie, le esperienze di un settore produttivo che vede l’Italia come terzo produttore di biogas. L’edizione 2013 di Piacenza, svoltasi il 13 Giugno scorso presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha visto tra i relatori Francesco Masoero, (direttore dell’Istituto di Scienze degli Alimenti e della Nutrizione Professore Ordinario di Agraria), Lorella Rossi (membro del Centro Ricerche Produzioni Animali di R.Emilia), Flavio Cammi (responsabile Rinnovabili presso l’Azienda Sperimentale Tadini) e Luigi Buondonno, responsabile di ECONOCOM. Per il Gruppo CPL CONCORDIA hanno dato un prezioso contributo Nicola Morgese (Responsabile Fonti Rinnovabili) e Cesare Cremonesi (Presidente di Biogengas, nuova società del gruppo CPL).

Il Biogas da allevamento

Scarica gli atti su www.biogasinnovation.com

Dal seminario sono emersi dati molto interessanti per una fotografia della produzione di energia da biogas nel nostro Paese. Nel solo ambito agro-zootecnico, con 994 impianti installati e oltre 750 MWe, l’Italia è il terzo paese in Europa dopo Germania e Inghilterra nella produzione di biogas. Negli ultimi 5 anni lo sviluppo è stato esponenziale, solamente

un anno fa la potenza elettrica prodotta era la metà. Considerevole è anche la difformità della diffusione di impianti per la produzione di biogas (agro-zootecnico): basti pensare che la Lombardia ne conta 374 e la Sicilia nessuno. Nel convegno sono emerse in modo molto chiaro le criticità normative, gli aspetti tecnici e i vincoli burocratici nella realizzazione di un impianto a digestione anaerobica legati alla ”natura formale” che differisce in prodotto, sottoprodotto e scarto. Un breve accenno anche alle potenzialità della produzione di biometano che, dati il numero di autovetture a metano sul territorio Italiano e la costante domanda di risparmio, potrebbe rappresentare un altro tassello importante nella crescita di questa filiera. Oltre agli aspetti tecnici e formali, il convegno è stato un modo concreto per esporre alcune esperienze di sviluppo e ricerca nell’ottimizzazione dei processi e nella cura scientifica di ogni parte del processo a partire dalla chimica. Le testimonianze dell’Azienda Sperimentale Tadini, quelle di Biogengas dei fratelli Cremonesi e di CPL hanno stimolato la platea e animato la conversazione.

Parlano i fatti

Guarda il video dei casi di successo a Reggio Emilia e Cremona

Grazie anche al prezioso contributo dell’Informatore Agrario (media partner del convegno), CPL CONCORDIA conferma il proprio impegno in questo tipo di iniziative che sono in primis una piazza di incontri, un momento reale per far incontrare problemi reali con soluzioni collaudate. Ciò che oggi distingue maggiormente CPL CONCORDIA dalla concorrenza è l’affidabilità, la qualità del servizio offerto, la capacità di soddisfare le esigenze e gli obiettivi di allevatori e agricoltori.


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

Un’assemblea di bilancio che parla le lingue del mondo

All’annuale incontro dei Soci CPL per l’approvazione del bilancio 2012 presenti oltre 1000 ospiti e delegazioni estere. Il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando: ”Voi siete l’esempio di una crescita che guarda alla sostenibilità ambientale e punta ad uno sviluppo duraturo”

Francesco Manicardi -

fmanicardi@cpl.it

Responsabile Ufficio Stampa

L

a mattina del 22 giugno la grande tenda del circo installata fra i container ha radunato sotto le sue falde oltre 1000 ospiti, provenienti da tutte le parti d’Italia e dall’estero. Si è svolta infatti l’assemblea dei Soci di CPL CONCORDIA per l’approvazione del Bilancio 2012 nella consueta cornice aziendale di Concordia sulla Secchia, dopo un anno di trasferta forzata al Forum Monzani di Modena. Questo ritorno è stato fortemente voluto dai vertici della cooperativa per significare a tutti, soci e ospiti, la volontà di continuare ad essere “sul territorio” anche dopo le distruzioni e i disagi del terremoto. Fra le personalità di rilievo di quest’anno erano presenti Giuliano Poletti, presidente dell’Alleanza Cooperativa Italiana, l’eurodeputato Salvatore Caronna, il Presidente del Consiglio regionale dell’Emilia Romagna Palma Costi e l’Assessore regionale Giancarlo Muzzarelli, il Presidente di Legacoop Modena Lauro Lugli, oltre a

sindaci, rappresentanti delle istituzioni e delle banche. Dopo il saluto del Vicepresidente CPL Mario Guarnieri e la presentazione essenziale dei dati di bilancio con un video, è stata la volta della relazione sulla gestione del Presidente del CdA Roberto Casari: “Il terremoto non ci ha cambiato la vita, anzi ha confermato la forza della nostra impresa e, anche grazie al fondamentale contributo delle dieci sedi di CPL dislocate in tutta Italia, ci ha consentito di non interrompere mai le attività”. Casari ha evidenziato settore per settore la consistenza della cooperativa nei diversi ambiti energetici sottolineando che molte attività sono nuove rispetto al quinquennio passato: “Stiamo investendo nella ricerca e sviluppo di nuove tecnologie per il risparmio e l’efficienza energetica, e accresceremo la nostra presenza all’estero”. Pur nel corso di un anno difficile come il 2012, è emerso che il Gruppo CPL ha confermato la sua capacità di produrre utili in proporzione al fatturato: il valore della produzione si è attestato a 411,4 milioni di euro, in aumento del 6% ri-

spetto ai 388,2 milioni del 2011. Di questi, il 64% deriva dal settore energia e fonti rinnovabili, l’11% dalle costruzioni e manutenzione reti, il 13% dalla distribuzione e vendita gas. I ricavi conseguiti all’estero sono stati pari a 23 milioni di euro. Sono poi iniziati gli interventi degli ospiti. L’eurodeputato Salvatore Caronna ha sottolineato come CPL e le imprese del territorio abbiano affrontato la doppia sfida del terremoto e della crisi economica, la più grave del dopoguerra. “Parliamo di 40 milioni di persone in Europa sotto la soglia di sussistenza, una crisi sociale senza precedenti”. In questi frangenti è parso evidente il valore economico-sociale delle aziende: “Credo sia motivo di orgoglio il fatto che questa idea, che è possibile fare profitti e occupazione insieme, sia una delle caratteristiche più importanti che questa terra abbia saputo produrre”. Palma Costi, Presidente dell’Assemblea regionale emiliana, ha ricordato i primi incontri tenutisi sotto le tende in CPL nel giugno 2012 “a discutere del futuro”, lavorando sempre senza fermarsi, né da


SCRIVE IL Presidente Napolitano

”...Desidero far pervenire il mio vivo apprezzamento per la forza di volontà e Ia capacità di reagire alle avversità dimostrate dalle genti emiliane, nella consapevolezza che è soprattutto dalla sua fitta rete di imprese che derivano le fondate speranze di una ripartenza.”

Sfoglia il Bilancio d’esercizio e Consolidato 2012 di CPL CONCORDIA

33


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

parte delle imprese né da parte delle istituzioni: “I valori fondanti del lavoro e dell’impresa ci hanno guidato anche in quei momenti”. Costi ha auspicato che a livello nazionale si investa in Emilia senza pensare che si tratti di assistenzialismo ma di sostegno ad uno dei motori produttivi più importanti dell’Italia. L’Assessore Muzzarelli ha ribadito la necessità di stabilire una legge complessiva sulle calamità naturali, in modo da poter agire rapidamente e con equità in ogni luogo: l’esperienza emiliana sul terremoto può fungere da apripista. Giuliano Poletti, presidente dell’Alleanza Cooperativa Italiana, ha sottolineato come nella crisi il mondo cooperativo sia stato quello che ha retto meglio: “Negli ultimi 4 anni l’occupazione italiana è calata del 2%, quella delle cooperative italiane è cresciuta dell’8%”. Poletti ha ricordato i 13 milioni di cooperatori delle 3 grandi centrali cooperative che ora, con un impegno notevole, hanno deciso di allearsi per produrre un pensiero nuovo di fronte ad una crisi provocata da ingiustizia e non corretta distribuzione della ricchezza:

“L’Alleanza delle cooperative italiane è lo strumento per promuovere in questo Paese una nuova cultura, che vuol dire una società più giusta, un mercato e un’economia sociale e solidale, la partecipazione responsabile dei cittadini.” Dopo gli interventi degli ospiti internazionali (a cui è dedicato il focus nella pagina seguente) sono state avviate le operazioni di voto per il rinnovo parziale dei rappresentanti del CdA. L’Assemblea infine ha approvato all’unanimità il bilancio 2012, che vede Il patrimonio netto del gruppo salire a 137,2 milioni di euro, contro i 129 milioni del 2011, in crescita del 6,2%. Segnali positivi sono venuti anche dal fronte dell’occupazione - a fine del 2012 la cooperativa impiegava 1.278 lavoratori, mentre nei primi 5 mesi del 2013 sono

stati 40 gli assunti - e dalla crescita dei soci che hanno superato le 800 unità. Nel pomeriggio si è svolta la visita del Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando: “CPL è l’esempio di uno sviluppo che guarda alla sostenibilità ambientale dei progetti prima della loro realizzazione e quindi punta ad uno sviluppo duraturo e non di breve respiro”. Il Ministro Orlando ha terminato il suo intervento lodando la forma cooperativa autentica come quella di CPL per “due caratteristiche essenziali all’economia attuale: la condivisione della risorsa del lavoro e l’obbligo, divenuto vantaggio competitivo, di reinvestire gli utili nell’azienda e nella capitalizzazione. Questa eredità del passato rappresenta una risorsa importante per il presente dell’impresa cooperativa”.

L’intervento del Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando nella Sala Bighi di CPL a Concordia (MO) (Pagina seguente) Oscar Ernesto Solis, viceministro dell’agricoltura dell’Argentina, saluta l’Assemblea

La lettera del Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato ai cooperatori di CPL “Sono spiacente di non poter essere oggi con voi, a causa di sopravvenuti impegni istituzionali, per assistere alla vostra Assemblea di Bilancio. La vostra cooperativa ha attraversato ormai 115 anni di storia italiana, tenendo sempre alta I’attenzione verso i valori del lavoro, della sussidiarietà, del rispetto ambientale e della crescita sostenibile. Tutto questo vale ancora di più alla luce della difficile crisi economica e finanziaria che stiamo

attraversando, una crisi che possiamo e dobbiamo superare remando tutti nella stessa direzione, quella dello sviluppo, e facendo leva su realtà produttive forti e qualificate come la vostra. Vedo con particolare interesse il fatto che la vostra società, oltre a mantenere un adeguato radicamento sui territori, sta acquisendo nuove e significative quote di mercato anche su mercati esteri come I’Est Europa, I’Africa del Nord, l’ln-

dia o gli Stati Uniti. È questo il segnale più concreto di una giusta strategia di internazionalizzazione che, partendo dall’ltalia, porta all’estero know-how, tecnologie e competenze. Come Governo, siamo intenzionati a fare tutto quanto è in nostro potere per rilanciare gli investimenti e generare nuova crescita e occupazione. [...] Vi auguro dunque Buona Assemblea e buon lavoro. Andate avanti così.”


FOCUS ON

Tante nazioni, un unico progetto di internazionalizzazione Oltre 30 ospiti - dalla Polonia agli USA, dall’Argentina al Messico impreziosiscono l’Assemblea di Bilancio 2013 di CPL CONCORDIA dandole un respiro mondiale

A

introdurre i partner e le delegazioni provenienti dall’estero è stato il direttore commerciale CPL Industrial Michele Crivellari: 30 ospiti in rappresentanza di diverse nazioni che sono sulla road map di CPL nei progetti di internazionalizzazione, che riguardano prodotti e servizi per il gas naturale, gli equipment sullo shale gas, il GNL, le smart cities, il facility management e le energie rinnovabili.

Dall’Argentina Oscar Ernesto Solis, viceministro dell’agricoltura, e Javier De Urquiza, responsabile delle energie rinnovabili del Ministero delle infrastrutture, hanno affermato: “L’Argentina ha dei legami storici con l’Italia che, attraverso gli emigranti, ha portato la competenza, il lavoro e gli sforzi per far crescere la nazione. Le capacità manageriali e le attività che state sviluppando verranno accolte con favore e noi

35

speriamo di essere al centro della vostra road map”. Il messicano Costantino Ortiz, amministratore delegato di Corsital, accompagnato dai rappresentanti del Parlamento di Città del Messico Salvador Ortiz e Ivàn Domìnguez, ha spiegato: “Stiamo creando una joint venture con CPL per sviluppare tecnologie energetiche: il Messico offre potenzialità di investimenti privati e pubblici interessanti dato che il Presidente Messicano si è dato l’obiettivo del 35% di energie rinnovabili entro l’anno 2025”. Dalla Polonia Andrej Drodz, presidente di Joka, a nome della delegazione ha menzionato le acquisizioni di 13 MW di cogenerazione che “hanno fatto riconoscere al mercato la forza della nostra joint venture italo-polacca”. Dario Gristina, amministratore delegato di CPL CONCORDIA USA, ha confermato le parole del presidente Casari che aveva parlato di CPL come azienda definita “sexy”, cioè attraente per il mercato statunitense. “Un mercato dell’energia in evoluzione grazie anche alla scoperta di riserve di gas naturale da scisti, che apre opportunità alle competenze di CPL. Solo a Manhattan vi sono opportunità riguardanti installazioni di cogenerazione per 800 Megawatt”.


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

Per il Gruppo CPL obiettivo 635 milioni di Euro nel 2015 Nel prossimo triennio previsti investimenti per circa 125 milioni di euro, in particolare nell’attività di Energy Service Company (ESCo)

Pierluigi Capelli -

pcapelli@cpl.it

Direttore Finanziario CPL CONCORDIA

L

o scorso 25 febbraio il CdA di CPL CONCORDIA ha approvato il piano industriale del Gruppo relativo al triennio 2013-2015. Nel periodo ci si propone di raggiungere un significativo incremento del valore della produzione. Il dato dovrebbe attestarsi, a fine 2015, sul valore di circa 635 milioni di euro (+224 milioni di euro rispetto ai 411 consuntivati a fine 2012). CPL ritiene che questo risultato possa essere conseguito solo tramite un importante sviluppo sui mercati esteri: infatti l’incremento della produzione che la cooperativa stima di poter raggiungere sul mercato domestico non dovrebbe superare il 7% rispetto ai dati del 2012. I principali mercati esteri di riferimento per lo sviluppo del core business del Gruppo - oltre ai Paesi “tradizionali” quali Romania, Algeria e Argentina saranno la Polonia, la Francia, la Germania e gli USA. Sono inoltre in corso contatti, che in alcuni casi sono sfociati in trattative al momento non ancora

concluse, con controparti residenti a Cuba, negli Emirati Arabi e in Ucraina. Nel prossimo triennio CPL CONCORDIA effettuerà investimenti per circa 125 milioni di euro, la maggior parte dei quali deriveranno dall’attività di ESCo (Energy Service Company): saranno pertanto classificabili contabilmente come “opere su beni di terzi” e ammortizzati durante la durata dei contratti a cui fanno riferimento. L’importante obiettivo di sviluppo dell’attività caratteristica che CPL si è dato non dovrà, tuttavia, alterare gli equilibri attualmente esistenti tra gli indicatori economici e quelli patrimoniali espressi dagli ultimi bilanci approvati. Il piano industriale esprime un fabbisogno finanziario di Gruppo di poco superiore ai 200 milioni di euro. Tale somma servirà per fornire adeguate fonti all’incremento del circolante indotto dallo sviluppo del fatturato, oltre che alla parziale copertura finanziaria degli investimenti (per la parte, cioè, non coperta dai cash flows) e per il rifinanziamento di mutui esistenti, attualmente in ammortamento. Tra questi vanno segnalate le due linee ricevute da CPL CONCORDIA

e Coopgas per più di 40 milioni di euro, utilizzate per il versamento delle imposte e la liquidazione di IVA e contributi relativi al periodo maggio 2012-2013. Queste linee sono state erogate da due banche utilizzando provvista fornita da Cassa Depositi e Prestiti. Pur in presenza di un credit crunch ormai pluriennale e di un altalenante andamento dello spread, considerando il proprio buon rating attuale e l’obiettivo di mantenimento il Gruppo sta lavorando per ottenere dal sistema finanziario le importanti fonti necessarie al suo sviluppo. Il 18 luglio scorso CPL ha conferito a “Mazars S.p.A.” un incarico per la ricerca delle fonti finanziarie a supporto del proprio piano industriale. Il lavoro di Mazars sarà finalizzato a fornire al Gruppo CPL affidamenti nelle seguenti forme tecniche: Linee di factoring pro-soluto per la cessione di crediti e di reverse factoring per la gestione del passivo; nuove linee pluriennali e/o rinegoziazione di alcune linee attualmente esistenti; emissione di bonds o private placement;


Realizzazione di gasdotti nel Centro Sud Italia Il nuovo sito di Coopgas, società di vendita del Gruppo CPL CONCORDIA

leasing finanziario immobiliare. Nel periodo compreso tra gennaio e luglio 2013 la cooperativa ha già sottoscritto alcuni importanti contratti di finanziamento aventi durata pluriennale: 5 mln di Euro concessi da Intesa Sanpaolo S.p.A.; 2 mln di Euro concessi da Deutsche Bank S.p.A.; 10 mln di Euro concessi da BNL S.p.A., che ha utilizzato provvista fornita da BEI e ha coinvolto nell’operazione SACE S.p.A., la quale ha assicurato una parziale copertura del credito vantato verso CPL CONCORDIA. Infine sono 15 i milioni di Euro concessi da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.: CPL potrà utilizzare questa linea per ottenere la parziale copertura finanziaria di investimenti relativi a contratti aventi come controparte la Pubblica Amministrazione ed oggetto, prevalentemente, interventi di efficientamento e/o riqualificazione energetica. Inoltre Veneto Banca S.c.p.a. ha deliberato la concessione di nuovi affidamenti al Gruppo per complessivi 5 milioni di Euro, tra i quali va segnalata una linea di 1,5 milioni. Unipol Banca S.p.A. ha invece deliberato a favore della collegata “Fontenergia S.p.A.” una linea di 1 mln di Euro. Entro il corrente esercizio si dovrebbe inoltre perfezionare la cessione del 49% della costituenda “European Gas Network S.r.l.” (su-holding nella quale saranno conferite le partecipazioni detenute dalla cooperativa in controllate che svolgono attività di distribuzione gas) a due fondi di private equity. Questa operazione, prettamente finanziaria,

apporterà nelle casse del Gruppo circa 20 milioni di euro. Il Gruppo ha inoltre previsto la dismissione di alcune partecipazioni di minoranza dalle quali dovrebbe incassare somme prossime ai 30 milioni di euro. Grazie alle operazioni citate il corrente esercizio 2013 inizia ad essere in linea con gli obiettivi del budget finanziario. Entro fine anno serviranno certamente altre operazioni ma le principali, almeno sul versante della ricerca del debito,

37

sono state definite. L’ipotesi di ricorrere anche a fonti diverse da quelle del tradizionale debito bancario trova origine nello sforzo di evitare che un eventuale inasprimento del credit crunch possa pregiudicare il conseguimento delle linee strategiche del piano industriale. Le dimensioni raggiunte dal Gruppo giustificano tuttavia la diversificazione delle fonti finanziarie e il parziale ricorso anche a fonti differenti rispetto a quelle del sistema bancario.


La sostenibilità, motore per creare valore condiviso Nell’edizione 2012 del Bilancio di Sostenibilità approfondito il canale d’ascolto con gli stakeholder bancari. In evidenza i 900mila Euro investiti in formazione e le 105mila tonnellate di CO2 evitate. Nel 2013 si punta alla certificazione da parte di un ente terzo


Marco Dal Dosso -

mdaldosso@cpl.it

Responsabile RSI

D

edicato alla nostra cooperativa di soci e lavoratori e alle loro famiglie che nel 2012 a causa del terremoto del 20 e 29 maggio hanno sofferto e sostenuto grandi difficoltà; perchè il futuro di questa comunità sia rigoglioso di soddisfazioni e pieno di serenità: queste le ultime righe del bilancio di sostenibilità edizione 2012. Basta leggerle per sentire il forte sentimento in esse compreso. Il Bilancio economico, da sempre, rendiconta le attività che permettono alla nostra cooperativa di essere un’impresa, ormai ultracentenaria. Il Bilancio di sostenibilità mostra invece come le stesse attività generino sia un impatto positivo sulla dimensione “sociale” - rappresentata dai portatori di interesse che costituiscono, appunto, il tessuto sociale in cui opera CPL - sia una “impronta” sull’ambiente. Sin dalla prima edizione del 2001, quando si chiamava ancora “Bilancio sociale”, i colleghi di lavoro hanno contribuito alla realizzazione del documento, mettendo a disposizione il loro tempo e la loro volontà. Negli anni il bilancio si è evoluto, richiedendo maggiori sforzi alla Cooperativa che ha sempre creduto in questo tipo di rendicontazione. L’edizione del 2012 è stata realizzata grazie alla collaborazione di 28 soci e dipendenti. La struttura del Bilancio di Sostenibilità 2012 riprende e conferma la scorsa edi-

zione, apportando una serie di innovazioni e miglioramenti. La prima novità è rappresentata dall’aggiornamento dello standard applicato, passando dalla versione GRI 3.0 (2006) alla GRI 3.1 (2011). Le linee guida «GRI» (Global Reporting Iniziative) offrono una panoramica di dettaglio sulla responsabilità sociale delle imprese a tutti gli stakeholder e richiedono di aderire ai più elevati criteri di trasparenza e completezza dell’informazione. La struttura dei contenuti del bilancio è stata organizzata nelle seguenti quattro macro-sezioni: Identità aziendale: in cui viene delineata l’identità dell’impresa in termini di governance, attività, servizi offerti e modus operandi, sia dal punto di vista organizzativo che valoriale. Performance economica: in cui i dati economico-finanziari del bilancio d’esercizio vengono rielaborati in funzione di una maggiore fruibilità da parte del lettore e in rapporto al valore socio-economico creato dalla società. Questo è reso possibile grazie alla determinazione della ricchezza prodotta da CPL attraverso lo svolgimento delle proprie attività (Valore Aggiunto Globale Lordo) e successivamente distribuita alle diverse categorie di stakeholder con cui si rapporta in modo costante. Performance sociale e ambientale: mediante l’utilizzo di una serie di indicatori ed informazioni, essa illustra l’impatto di CPL sui propri stakeholder e i rapporti con questi avviati e implemen-

39

tati durante l’anno di rendicontazione. Le informazioni presentate sotto il profilo quali-quantitativo vengono esposte indicando un trend di più anni e sono suddivise in relazione ai principali stakeholder della Cooperativa: lavoratori, soci, clienti, fornitori, collettività, ambiente. Inoltre si riporta uno spaccato specifico sull’attività di comunicazione interna ed esterna della Cooperativa. Obiettivi di miglioramento: a conclusione del Bilancio, sulla base delle attività sviluppate nel corso degli anni e dei risultati emersi, vengono presentati gli obiettivi che la Cooperativa ha definito per progettare il proprio miglioramento in relazione agli stakeholder. Per ogni obiettivo vengono indicati il percorso già compiuto e quello da percorrere. In secondo luogo, all’interno delle macro-sezioni descritte sopra, sono state apportate alcune variazioni rispetto all’anno precedente, finalizzate a rendere più agevole la lettura del rapporto e l’individuazione delle informazioni da parte degli stakeholder. Sono stati posti maggiormente in risalto, mediante opportune azioni grafiche, alcuni dei principali indicatori (Key Performance Indicator) che rendicontano le performance sociali e ambientali della Cooperativa. È stata creata, in apertura del documento, anche una sezione dedicata agli highlights, per evidenziare i principali numeri e risultati raggiunti da CPL nel 2012. Allo scopo di integrare al meglio le diverse tipologie di informazione presenti non solo nel Bilancio di Sostenibilità,


CNews n. 42 - settembre duemilatredici

ma anche, ad esempio, all’interno del portale web di CPL CONCORDIA, sono stati realizzati, all’interno delle pagine, una serie di collegamenti ipertestuali e link ad alcuni contenuti online e rimandi a documenti istituzionali della Cooperativa, tra cui il Codice Etico, lo Statuto sociale e la politica per la Sicurezza. Nell’edizione 2012 del bilancio, inoltre, è stato approfondito il canale di ascolto con l’interlocutore “banca” attraverso la compilazione di un questionario volto a individuare gli ambiti di miglioramento sull’operatività con gli Istituti di credito.

In un’ottica di miglioramento continuo del processo di rendicontazione, l’adesione alla versione 3.1 del modello GRI (2011) ha comportato l’inserimento di una serie di nuovi e più specifici indicatori relativi alle tematiche riferite alla governance e alle performance sociali e ambientali di CPL. Nella rendicontazione dei contenuti del Bilancio si è cercato di fornire un’immagine imparziale delle performance di CPL, indicando sia gli aspetti positivi che quelli negativi. L’approvazione del bilancio da parte del CdA di CPL CONCORDIA nella se-

duta del 2 settembre conferma quanto la governance della cooperativa creda anche nella rendicontazione delle sue performance non finanziarie. Il livello di conformità nell’applicazione del modello GRI (2011) nella versione 3.1 del Bilancio di Sostenibilità è B (su una scala che va da C ad A). Un obiettivo importante per il prossimo anno è quello di ottenere, come per il bilancio civilistico, una assurance esterna, ovvero una certificazione fatta da un ente terzo esterno alla Cooperativa.

Sfoglia il Bilancio di Sostenibilità 2012 di CPL CONCORDIA

138 milioni di kWh Produzione energia da Biogas

Aree Territoriali Italia

59 milioni di kWh Produzione energia da Fotovoltaico

Paesi in cui è presente a livello mondiale il Gruppo CPL

40%

Società controllate e collegate

18.266 Ore di formazione totali

Energia elettrica utilizzata proveniente da fonti rinnovabili

14,4

Ore di formazione pro-capite

906.653 Investimento in formazione totale


CPL ottiene il rating di legalità è la prima azienda modenese ad ottenere dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato il rating di legalità con il punteggio di due stelle e un + Fabio Sereni -

fsereni@cpl.it

Responsabile Servizio Gare

I

l rating di legalità è una sorta di elenco di merito che ha lo scopo di porre in evidenza le imprese “virtuose” che operano nel rispetto della legge e dei principi etici. Le imprese in possesso del rating di legalità potranno avere un accesso facilitato al credito e di concorrere con maggiore successo all’assegnazione dei finanziamenti da parte delle Pubbliche Amministrazioni, secondo quanto evidenziato dalla Legge n. 62/2012. L’ottenimento del Rating di legalità non è stato difficoltoso in quanto CPL ormai da parecchi anni opera nel rispetto dei principi di correttezza, trasparenza, onestà e integrità (ne è prova concreta la certificazione SA8000 sulla Responsabilità Sociale

e il Bilancio di Sostenibilità); quindi la maggior parte dei requisiti richiesti per l’attribuzione del rating sono già insiti nelle nostre procedure aziendali. Con la dimostrazione dei requisiti prescritti dal Regolamento di attuazione l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) assegna alle imprese un punteggio: si va da un minimo di una stella a un massimo di tre stelle. Per l’ottenimento del punteggio minimo si è verificato che al nostro interno tutti i membri del Consiglio di amministrazione, il Direttore Generale e i Direttori non abbiano ricevuto sentenze di condanna per reati tributari e reati contro la Pubblica Amministrazione; per i reati di mafia, oltre a non aver subito condanne, non devono essere in corso procedimenti penali. Si è verificata poi l’assenza di condanne per illeciti antitrust gravi, per mancato rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, per violazioni degli obblighi retributivi, contributivi, assicurativi e fiscali nei confronti dei propri dipendenti e collaboratori e l’assenza di accertamenti di un maggior reddito imponibile rispetto a quello dichiarato divenuti inoppugnabili e di provvedimenti di revoca di finanziamenti pubblici. Ultimo requisito per ottenere il punteggio

41

minimo è dimostrare di aver effettuato pagamenti e transazioni finanziarie di ammontare superiore alla soglia di euro 1.000 tramite strumenti di pagamento tracciabili (es. bonifici, carte di debito/ credito). Il punteggio può essere incrementato se si è in possesso dei seguenti requisiti: adesione al Protocollo di legalità sottoscritto dal Ministero dell’Interno e da Confindustria; sistemi di tracciabilità dei pagamenti anche per somme inferiori rispetto a quelli fissati dalla legge; adozione del Modello Organizzativo ai sensi del Decreto 231/2001; adozione di processi volti a garantire forme di Corporate Social Responsibility; iscrizione alla “White List”; adesione ai codice etici adottati dalle associazioni di categoria. Per ogni requisito premiante viene attribuito un segno +. Il possesso di tre segni + dà diritto all’attribuzione di un’ulteriore stella di merito. Visto che CPL è in possesso di ben 4 requisiti premianti ha ottenuto una valutazione finale di due stelle e un +. L’ottenimento del Rating di legalità è significativo perché dimostra l’affidabilità della nostra azienda dal punto di vista della legalità e dell’etica: si tratta di un ottimo biglietto da visita nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni e degli Stakeholders italiani ed esteri e, in particolare, in grado di facilitare i rapporti con le banche per l’accesso al credito.


Il Maestro Riccardo Muti abbraccia l’Emilia terremotata Il Concerto dell’Amicizia di Ravenna Festival ha proposto una serata di musica e solidarietà nella piazza di Mirandola, uno dei comuni più danneggiati dal terremoto del 2012


Francesco Manicardi -

fmanicardi@cpl.it

Responsabile Ufficio Stampa

L

a nostra presenza qui stasera vuol essere un simbolico abbraccio a tutte le città colpite dal terremoto. Sono rimasto veramente molto colpito da quello che ho visto qui ma soprattutto dalla forza, dalla generosità e dal coraggio della gente: con queste parole il Maestro Riccardo Muti ha introdotto il Concerto dell’Amicizia di Ravenna Festival che quest’anno è stato dedicato alle popolazioni colpite dai terremoti del 2012 in Emilia. Non casuale anche la scelta del luogo - la piazza principale di Mirandola, il comune della Bassa Modenese fra i maggiormente colpiti dal sisma - e dello sfondo: il Municipio della città dei Pico, che simboleggia nei ponteggi e nelle centinature di sicurezza la fragile condizione di tutto il patrimonio storico-architettonico cittadino. Nella serata del 4 luglio, in piazza della Costituente, il Maestro Muti ha dedicato

DA SARAJEVO A MIRANDOLA Tutto è iniziato con l’abbraccio alla città di Sarajevo, nel 1997. Con quel primo “ponte” inizia il lungo percorso sulle

a tutte le popolazioni vittime del sisma un programma interamente verdiano: arie, cori e sinfonie tratti da capolavori come La forza del destino, Il Trovatore, Un ballo in maschera, La Traviata, Macbeth e Nabucco. E, nello spirito con il quale sono sempre stati realizzati i concerti delle “Vie dell’Amicizia”, giovani strumentisti e coristi emiliani si sono uniti ai musicisti dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e dell’Orchestra Giovanile Italiana. Sul palcoscenico sono saliti in 375 e, fra questi, gli allievi degli istituti musicali di Modena, Carpi, Mirandola, Sassuolo e numerosi componenti delle corali locali. “è stato un abbraccio necessario per la nostra dignità e per la nostra rinascita”, ha commentato il Sindaco di Mirandola Maino Benatti. Perché, come gli emiliani hanno scritto in quei giorni fra maggio e giugno di un anno fa, “Puoi spezzare la nostra terra, ma non il nostro coraggio”. Fra le numerose personalità presenti anche il Presidente del Senato Pietro

Grasso, il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani e i sindaci dei comuni terremotati. La Rai, che ha trasmesso la diretta radiofonica su Radio 3, ha riproposto il concerto su RAI 1 il 25 luglio. L’evento si è avvalso del patrocinio dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord ai cui cittadini sono stati riservati i posti del parterre numerato. Grazie ai maxi schermi appositamente allestiti la piazza di Mirandola ha potuto ospitare oltre 5000 spettatori. L’allestimento tecnico è stato reso possibile grazie ai contributi di vari sponsor, fra i quali CPL CONCORDIA, colpita essa stessa dal terremoto nelle sedi di Concordia sulla Secchia e Mirandola ma pronta a ricostruire un futuro per i cittadini della Bassa Modenese.

“Vie dell’amicizia”, in angoli del mondo diversissimi fra loro, rispondendo a “chiamate” di metropoli o realtà segnate dalla sofferenza, da guerre o da antiche incomprensioni. Ravenna Festival ha sempre risposto con gesti di fratellanza e riunendo sotto la bandiera della cultura e della musica voci di popoli diversi:

dal Libano a Gerusalemme, da Ground Zero alle sponde del Mediterraneo segnate dal dramma delle migrazioni, fino agli slum della lontanissima Nairobi. Nel 2013, infine, l’Emilia devastata dal terremoto che, a un anno di distanza, sta tremando ancora ma ha una forte volontà di ripresa.

43


Hai mai pensato di produrre energia dal tuo allevamento? Affidati all’esperienza di Biogengas.

Parlano i fatti. Guarda questo breve video della Società Agricola Pedrotti di Reggio Emilia e della Azienda Agricola Locatelli di Cremona.

www.biogengas.it

Biogengas, nata dall’incontro di CPL CONCORDIA e Brevetti Francesco Cremonesi, si avvale di un’esperienza ventennale nella gestione dei reflui zootecnici e utilizza i migliori sistemi di cogenerazione disponibili sul mercato.

Biogengas Srl - Albignano d’Adda (MI) - Via Trecella, 1 - Tel. +39 02.95309488 Fax +39 02.95838280 - info@biogengas.it www.biogengas.it

Cnews 42 CPL CONCORDIA  
Cnews 42 CPL CONCORDIA