Page 1

Una perla d’Arte & di Storia… …incastonata tra laghi & montagne CARTELLA STAMPA 2018 www.chambery-tourisme.com


Chambéry « una nuova definizione » RISCOPRIRE Chambéry è l’obiettivo di questa cartella stampa, che valorizza la sua offerta turistica in due nuove dimensioni : • Una dimensione « lifestyle » : l’obiettivo è mettere in evidenza i nuovi punti di forza di Chambéry, destinazione ideale per un City break con le sue gallerie d’arte, le boutique dei giovani creativi, i concept store, lo slow shopping e la nuova ospitalità all’insegna dello stile... Un’offerta poco nota che rende la città una destinazione di tendenza per soggiorni immersivi e lontani dal turismo di massa. • Una dimensione laghi e montagne : dopo la riorganizzazione dell’offerta turistica di Grand Chambéry, oggi il territorio comprende tutti i tipi di soggiorno di lunga durata: una città d’arte e di storia incastonata tra laghi e montagne. Ciò che contraddistingue questa destinazione è la sua capacità di conferire una dimensione narrativa ai suoi punti di forza per renderli ancora più ludici e attraenti, sia mediante le innovative applicazioni digitali (EsKapade) sia attraverso gli eventi anticonformisti come Vélo Dingo, un delizioso mix di generi (escursione in bici nei vigneti costellata di spettacoli)...

SOMMARIO 10 ottimi motivi per un soggiorno a Chambéry pagina 2

Notizie pagina 6 >  Grand Chambéry, Bike Friendly >> Maglia Gialla ! Chambéry, al 2° posto delle città ciclabili >> NOVITÀ - Vélo Dingo - 2 & 3 giugno 2018 >> N  OVITÀ - La Véloroute63 trascina Grand Chambéry nel cicloturismo ! >> L’agenda BICI >  Eskapades – La stessa applicazione per qualsiasi attività escursionistica >  Chambéry, la nuova ospitalità all’insegna dello stile

Una storia da vivere pagina 16 Città d’arte pagina 22 Dolce vita & Slow shopping pagina 28 Nel cuore dei vini della Savoia pagina 30 Terra di delizie pagina 32 Benessere e salute : Challes-les-Eaux, la Regina dello Zolfo pagina 40 Tra laghi & montagne pagina 42 Eventi chiave pagina 46 Turismo d’affari pagina 50 Alcuni dati pagina 52


BENVENUTI A CHAMBÉRY ! C

hambéry... I suoi traboule e i sorprendenti trompe-l’œil... I colori caldi del centro storico... Questa Città d’arte e di storia cela un profumo misterioso che è piacevole scoprire !

Vi piaceranno le sue stradine pedonali costellate di posti ideali per soddisfare i piaceri del palato, le sue boutique insolite, dinamiche e variegate, i suoi dettagli ricchi di sculture e di altri oggetti in ferro battuto e, naturalmente, il suo castello medievale (che appartenne ai duchi di Savoia). Un invito ad andare a zonzo godendovi ogni istante… La storia di questa città è intimamente legata a quella della sua vicina italiana: per ben sei secoli, Chambéry e la Savoia, Torino e il Piemonte sono stati riuniti sotto l’egida della Casa Savoia. Qui soffia una leggera brezza italiana, un’aria di dolce vita che sorprende e seduce al primo sguardo. Incastonata tra laghi e montagne... Chambéry si trova in un ambiente naturale unico nel suo genere. Le cime dei massicci delle Bauges e della Chartreuse vegliano sulla città... Guadagnando quota o dopo un’escursione in bici di circa quindici chilometri da una parte all’altra della città, è possibile contemplare vigneti e laghi... Il lago del Bourget (il più grande lago naturale di Francia), il lago Saint-André e il lago di Aiguebelette... Sia in estate che in inverno, gli amanti della natura resteranno incantati dalla ricchezza di questo toccante spettacolo. I più sportivi e gli amanti delle emozioni forti saranno conquistati dalla gamma di attività “acqua, terra, aria” della destinazione. Altri preferiranno la serenità di Challes-les-Eaux, la stazione termale dalle acque più sulfuree d’Europa! L’eccellenza dell’ospitalità conferisce a Chambéry una nota poetica, un tocco dolce, incantevole e confortevole in grado di perfezionare il soggiorno. Anche grazie a questa eccellenza, Chambéry si afferma come destinazione turistica. Urbana, sportiva, contemplativa, culturale o romantica... Tanti modi per scoprire e amare la città! Chambéry, una perla d’Arte & di Storia incastonata tra laghi & montagne...

1


10 OTTIMI MOTIVI PER UN SOGGIORNO A CHAMBÉRY

Una posizione geografica strategica, una città dal rilevante passato storico, un patrimonio culturale, naturale ed edilizio riconoscibile, un’attività economica allettante, un variegato programma di eventi, montagne, laghi, molteplici panorami, una terra di cultura, un campo da gioco illimitato per l’outdoor... Chambéry: una destinazione da sogno protetta dal turismo di massa !

2

1/ Al crocevia A meno di tre ore da Parigi, un’ora da Lione, Ginevra e l’Italia. Facilmente raggiungibile con il TGV, le autostrade e tre aeroporti (Chambéry, Lione e Ginevra). Chambéry gode di una posizione ideale per un city break o per un’esplorazione più dettagliata della regione.


2/ Città d’arte e di storia, una passeggiata urbana attraverso 1000 anni di storia Chambéry offre ai visitatori un percorso storico molto ricco. Il centro pedonale è caratterizzato da molti vicoli che consentono di scoprire un luogo ricco di storia. Oltre mille anni di storia uniscono Chambéry e la Savoia, Torino e il Piemonte sotto l’egida della Casa Savoia. Chambéry è diventata francese nel 1860. La Savoia è uno degli ultimi dipartimenti annessi alla Francia come la conosciamo oggi. La città ospita numerosi tesori, monumenti imperdibili come il Castello dei duchi di Savoia e la Cattedrale Saint-François-deSales, meraviglie poco note e da scoprire, dai vicoli alle piazzette, dagli edifici religiosi ai palazzi privati...

3/ La Dolce Vita “ Se al mondo esiste una cittadina in cui è possibile assaporare la dolce vita vivendo rapporti piacevoli e sicuri, è proprio Chambéry. ” - Jean-Jacques Rousseau. Con viali colorati e pittoreschi e facciate in trompe-l’œil, i suoi gioielli di ispirazione italiana sono un inno ai piaceri della vita. Dietro le facciate tradizionali e variopinte nel cuore della città, si nasconde una rete di traboule in cui addentrarsi! Un elemento originale che invita ad andare a zonzo! I traboule sono come dei corridoi che consentono di circolare tra ampi edifici. E sono l’anima di Chambéry. Avrete il piacere di scoprirli... Magari vi divertirete anche a elaborare itinerari segreti... Attraverserete piazzette, cortili interni... Vedrete molte boutique di creativi del posto, librerie e altri negozi indipendenti... E tantissime terrazze! Tante occasioni per passeggiare, godere l’esperienza e assaporare la dolce vita!

3


4/ Circondata da laghi e montagne Una Città d’arte e di storia incastonata tra laghi e montagne... Chambéry è sublimata dalla vicinanza alla natura! Le montagne la vegliano e la coccolano... I laghi circostanti riflettono il suo fascino. Chi ama le attività outdoor o semplicemente i magnifici paesaggi ha a disposizione una scelta illimitata per trascorrere un soggiorno in uno splendido scenario.

Inoltre il Phare, ampia sala polifunzionale da 4500 posti, ospita concerti, spettacoli e altre manifestazioni economiche e sportive (come le partite di pallamano della squadra locale Chambéry Savoie Mont-Blanc Handball). Anche l’offerta culturale è molto allettante! Chambéry ospita L’Espace Malraux - Scène Nationale, il Museo delle Belle Arti e numerose gallerie d’arte. Inoltre il Musée Savoisien, in corso di ristrutturazione da dicembre 2014, riaprirà i battenti nel 2019 e promette un ricco percorso di scoperte. Chi ama i festival scoprirà a Chambéry una serie di talenti. Infatti ogni anno Chambéry ospita: il festival del fumetto, il festival internazionale delle culture del mondo, il festival del primo romanzo e il festival internazionale dei mestieri di montagna.

6/ Chambéry, la nuova ospitalità all’insegna dello stilee

5/ Chambéry, tra feste e piaceri per il palato Il centro storico pedonale è perfetto per indugiare nei piaceri del palato e per bere un bicchiere in terrazza. Molte strutture ospitano concerti e serate a tema.

4

L’ospitalità di Chambéry rispecchia il centro storico della città: un delizioso mix di tonalità intime e raffinate che contribuiscono all’atmosfera tranquilla e privilegiata del posto. Gli hotel di Chambéry consentono alla clientela di vivere esperienze uniche all’insegna del fascino e dell’autenticità. L’ospitalità della città soddisfa ogni esigenza, rispetta qualsiasi budget e conferisce una nota poetica e confortevole al soggiorno !


7/ Chambéry, bike friendly  !

10 / Nel cuore dei vini di Savoia

Chambéry è stata riconosciuta come 2a città di medie dimensioni bike friendly - Palmares 2018 delle città attrezzate per i cicloturisti, Fédération des Usagers de la Bicyclette (FUB). Infatti ci sono tantissimi itinerari e infinite possibilità di gite in bici con partenza da Chambéry! Contemplerete paesaggi autentici e variegati che custodirete come uno dei ricordi più belli del vostro soggiorno in Savoia! È possibile imboccare uno dei due lati della V63: uno in direzione delle rive del lago del Bourget e l’altro verso il Mont Granier, la catena alpina di Belledonne e i vigneti nei pressi del lago Saint-André. Vi immergerete in un labirinto di stradine, una più affascinante dell’altra. Il dislivello è lieve, ideale per una gita in famiglia !

Nel 2012 la destinazione “ Coeur de Savoie ” che si estende fra Chambéry e Albertville è stata inserita tra i 19 territori francesi “ Vignobles et Découvertes ”. Il marchio contraddistingue le destinazioni a vocazione turistica e viticola che offrono molteplici prodotti turistici complementari (alloggi, ristorazione, visita di cantine e degustazione, musei, eventi). I vigneti AOC dai vitigni unici, Mondeuse, Jacquère, Altesse, costellano i pendii dei massicci delle Bauges e della Chartreuse e offrono paesaggi verdeggianti ai visitatori. La destinazione “ Coeur de Savoie ” è caratterizzata da ricchezze naturali e patrimoniali e riunisce una serie di attività e siti turistici che valorizzano la produzione del vino: 22 cantine, 15 ristoranti, 25 strutture ricettive e 4 siti del patrimonio. Grazie a sei operatori e quattro strutture di informazione turistica, è possibile organizzare un soggiorno semplicemente unico !

8/ Le acque più sulfuree d’Europa alle Terme di Challes-les-Eaux Challes-les-Eaux è un comune vicino a Chambéry. Nel 1841, il Dottor Domenget scopre la fonte termale, mettendone in luce le proprietà terapeutiche. La captazione delle acque di Challes-les-Eaux si effettua a oltre 100 m di profondità. Si tratta delle acque con il più alto tasso di zolfo d’Europa. Il tasso di zolfo conferisce loro proprietà antibatteriche, decongestionanti, cicatrizzanti e antidolorifiche. Oltre all’attività termale, a Challes-les-Eaux ci sono circa cinquanta strutture sanitarie. La città è diventata una meta rinomata nell’ambito della salute e del benessere.

9/ Destinazione slow shopping Se amate associare un souvenir a una città visitata... Grazie alle sue boutique indipendenti, Chambéry soddisferà la vostra ricerca di autenticità e originalità! Proprio come la città, il centro storico è ricco di gallerie d’arte e boutique di creativi in grado di soddisfare ogni desiderio.


NOTIZIE

CHAMBÉRY,

BIKE FRIENDLY

Maglia Gialla! Chambéry, al 2° posto delle città ciclabili Grand Chambéry si è aggiudicata il secondo posto tra le città da 50.000 a 100.000 abitanti ! Nel 2017 la FUB e i suoi partner hanno lanciato il primo Barome6

tro delle città ciclabili: “ Parlons Vélo ”. L’obiettivo del questionario è raccogliere le impressioni degli utenti sulle condizioni di utilizzo della bicicletta nella loro città rispondendo a circa quaranta domande. Con oltre 113000 risposte a livello nazionale, il Barometro delle città ciclabili è la più ampia indagine effettuata in Francia, nonché la seconda in Europa, che ha coinvolto i soggetti che utilizzano la bici. Grazie alle risposte ottenute, è stato possibile redigere la classifica delle città più attrezzate per i cicloturisti. Nella categoria delle città da 50000 a 100000 abitanti, Chambéry si è classificata seconda dopo La Rochelle e prima di Versailles.


NOVITÀ Vélo Dingo (bici folli) Sabato 2 e domenica 3 giugno 2018

Ogni percorso presenta la variante “ Relax ” e quella “ Sportiva ”. I percorsi Relax possono essere effettuati dalla famiglia trasportando i bambini, mentre altri sono accessibili anche ai bambini di almeno 8 anni che sanno pedalare bene. Per i più piccoli su due ruote, c’è un circuito di 17 km apposito: La P’tite Dingo !

Avete detto folli ? Vélo Dingo è un’escursione in bici che si fa al proprio ritmo e con un travestimento, associata a un percorso di spettacoli artistici nel cuore della natura! L’occasione di scoprire un territorio eccezionale tra laghi e montagne alle porte della città di Chambéry! Con gli amici o la famiglia, pedalate con stile fino al prossimo spettacolo del vostro percorso ammirando la ricchezza del paesaggio. Bisogno di una pausa ? Gustate all’aria aperta le specialità di una regione ricca di sapori. L’occasione perfetta per prendere tutto il tempo necessario, assaporare, contemplare il paesaggio... Ciascuno al proprio ritmo, a ognuno il suo week-end : Vélo Dingo è per tutti, per tutte le età e le sensibilità...

I percorsi Percorsi tra laghi, montagne e vigneti costellati da spettacoli di qualità assoluta, per sgranchirsi le gambe e rilassare i neuroni. Pedalare su percorsi pittoreschi immersi nella natura. Le formule proposte per le escursioni in bici sono molto flessibili. Percorsi diversi, livelli diversi, spettacoli diversi per un fine settimana che soddisfi le preferenze di ognuno. Partendo da Chambéry fino al lago del Bourget e a sud fino al lago di Saint-André, nonché attraversando paesaggi stupendi, è possibile scegliere tra cinque percorsi da 15 a 60 km: mezza giornata, un giorno o due giorni.

Gli spettacoli - Espace Malraux - Scène Nationale Un percorso artistico esplosivo con otto spettacoli da 30 minuti a 1 ora e 20 che uniscono poesia, burlesque, clown, bici acrobatica, funambolismo, musica, circo... Tutto ciò nel cuore della natura e in siti straordinari !

La natura Non c’è niente di più incantevole che celebrare la natura lasciando correre l’immaginazione e partecipando a un corteo gioioso che attraversa stradine e piste ciclabili nei pressi di Chambéry: non perdete la gioia di pedalare insieme a un’allegra brigata, ravvivare il percorso con idee fantastiche e diffondere gioia e buonumore sul vostro cammino! I migliori travestimenti saranno premiati: disinvolti, autentici, sportivi o folli... A prescindere dallo stile, occorre considerare e avere cura sia del mezzo che della propria immagine ! E chi non è ispirato, può visitare il sito velodingo.fr

Prodotti locali Bisogno di una pausa ? Specialità del territorio ricco di sapori da gustare all’aria aperta... Luoghi perfetti per un picnic o uno spuntino invitano a scoprire le delizie dei piccoli produttori locali che lavorano rispettando e amando il loro territorio. Informazioni e iscrizioni : www.velodingo.fr


7


NOVITÀ La Véloroute 63 trascina Grand Chambéry nel cicloturismo ! Cicloturismo : Grand Chambéry collegata a un circuito di oltre 500 km La Véloroute 63 (Chanaz - Valence), nuovo itinerario cicloturistico, è ormai completa al 100%. È una delle 6 ciclovie verdi dell’Alvernia-Rodano-Alpi inclusa anche nello Schema nazionale delle ciclovie e vie verdi. Il circuito che forma insieme alla Via Rhôna (collegamenti a Chanaz e Valence) è lungo 510 km.

In famiglia o con gli amici, condividete le esperienze sportive, naturali e gustative tra i laghi e le montagne delle Prealpi Lasciando la Via Rhôna a Chanaz, imbarcatevi per una crociera su un battello della Compagnie des bateaux du lac (prenotazione obbligatoria) godendovi la traversata illustrata di 1 ora e mezza sul più grande lago naturale di Francia! Lasciatevi stupire dalla bellezza del lago naturale e scoprite il suo lato selvaggio passando davanti all’Abbazia di Hautecombe, edificio cistercense del XII secolo che domina il lago. Alla fine della crociera, riprendete la bici e costeggiate le rive del lago del Bourget pedalando sul sentiero lacustre per poi fare una pausa e ammirare i paesaggi sublimi davanti a voi. Non dimenticate di fare il bagno prima di tornare a Chambéry ! Poi l’itinerario invita a scoprire l’intima atmosfera di Chambéry, dove è bello passeggiare nel cuore della città vecchia all’ombra del castello dei duchi di Savoia percorrendo le vie pedonali. I negozi, gli incantevoli giardini e i servizi provvisti del marchio “ Accueil Vélo ” soddisfano le esigenze specifiche dei viaggiatori su due ruote. L’Inukshuk è un bar-ristorante tematico e un campo base per gli appassionati di bici, viaggi, natura e outdoor. Prima di proseguire fino a Grenoble e Valence per tornare sulla Via Rhôna, attraversate i Vigneti di Coeur de Savoie e scoprite il lago Saint-André nel cuore dei pendii della Savoia. Per concludere, uno sguardo inatteso al Monte Bianco prima di lasciare la Savoia. Senza dislivello né difficoltà, questa nuova esperienza in bici per tutti, incluse le famiglie, unisce attività sportiva, contemplazione della natura e scoperte gastronomiche. L’itinerario consente di scoprire il patrimonio naturale

8


e culturale nel cuore di splendidi paesaggi dove si alternano chiuse e valli, vigneti e frutteti, città e paesini, nei pressi dell’acqua e senza mai perdere di vista le montagne ! Un circuito turistico da vivere in famiglia (prolungamento del circuito del lago Saint André) e uno sportivo (attraverso il col du Granier) sono collegati all’asse principale della V63.

Periodo di pratica Tutto l’anno : segnalazione apposita e itinerario aperto tutti i giorni.

Durata del percorso (tratto Chanaz - Lago Saint André) Tempo di percorso medio stimato : • Chambéry / Aix-les-Bains = 1 ora e 30 • Chambéry / Lac Saint André = 1 ora Per quanto riguarda il percorso savoiardo della V63, occorre calcolare 1 ora e mezza della crociera da Chanaz a Aix Les Bains e 1 ora e mezza in bici da Aix-Les-Bains a Chambéry.

Un’altra ora è necessaria per raggiungere il Lago Saint André da Chambéry, a una velocità media di 14 km/h. Il 7% dell’itinerario è effettuato sulle piste ciclabili, mentre il 25% avviene su alcune vie poco trafficate.

Come arrivare Da Chanaz attraverso la Via Rhôna In treno: Dalle stazioni di Culoz, Aix les Bains e Chambéry.

Buono a sapersi Il tratto settentrionale fra Chanaz e Aix-les-Bains può essere effettuato avvalendosi del trasporto pubblico, in treno da Culoz oppure in barca dal porto di Chanaz. Prenotate la crociera con bicicletta presso la Compagnie des bateaux du lac: tel. 04 79 63 45 00 / bateauxdulacdubourget. fr Scaricate il percorso sull’applicazione Eskapades (disponibile su App Store e Google Play) e fatevi guidare dal GPS.

9


« Quando partivamo sui sentieri... in bicicletta »

Gli appassionati di MTB troveranno un terreno congeniale grazie ai 12 itinerari per MTB sull’altopiano di Savoie Grand Revard. Infatti in estate i 150 km di piste di sci nordico si trasformano in un formidabile campo da gioco accessibile dai 3 paesini della stazione (La Féclaz, Le Revard, Saint-François-de-Sales). Le piste si snodano per la maggior parte all’interno della foresta, per garantire un ambiente sempre fresco durante tutto il percorso. Piste in discesa, enduro e MTB elettriche sono accessibili anche ad Aillons-Margériaz 1000. Più vicine a Chambéry, le Cime del Peney e il sentiero delle Vigne che parte da Saint-Alban-Leysse, o il Tour di Puygros, Thoiry e SaintJean-d’Arvey, offrono panorami mozzafiato.

La Vélostation Da oltre 20 anni, la rete di piste ciclabili si è ampliata e intensificata, per arrivare oggi a oltre 80 km, interconnessi e in collegamento con 2 viali verdi, che permettono di raggiungere la città di Aix-les-Bains e il lago del Bourget a nord e la Combe de Savoie a sud. Sono stati realizzati alcuni adeguamenti come altipiani pedonali, piste ciclabili a doppio senso di marcia, zone 30 e 20 centralissime... Il Tour del Parco naturale regionale del Massiccio delle Bauges, ossia 160 km, può essere effettuato in tre o quattro tappe. Un anello di 99 km e 1000 metri di dislivello tra le vigne, i laghi e le montagne consente di attraversare le Bauges.Un circuito di 74 km conduce inoltre al Pont de l’Abîme passando dal col de Plainpalais. Il Tour di Colombier d’Aillon-le-Jeune è più difficile, con una salita piuttosto ripida del col des Prés. Una magnifica passeggiata attende gli escursionisti nel cuore del Geoparco delle Bauges.

620 bici blu da città e 30 bici elettriche disponibili a noleggio, nonché 550 posti di deposito dislocati su tutta l’agglomerazione urbana, rendono questa stazione per bici il ritrovo imprescindibile per gli spostamenti su due ruote a Chambéry. Da agosto 2016, la Vélostation sviluppa il progetto Vélobulle, servizio di trasporto persone a bordo di un triciclo elettrico, per rafforzare la mobilità nel centro di Chambéry, in particolare per le persone che hanno più difficoltà di movimento. www.velostation-chambery.fr

Il marchio Accueil Vélo Ideato da France Vélo Tourisme, questo marchio nazionale destinato a fornitori di servizi turistici (uffici turistici, alloggi, ristoratori, noleggiatori e riparatori di biciclette) garantisce ospitalità e servizi di qualità ai ciclisti lungo gli itinerari ciclabili. Con il sostegno di Grand Chambéry Alpes Tourisme, questa procedura segue la politica pionieristica e proattiva del dipartimento della Savoia per le attrezzature e la strutturazione della propria offerta ciclistica (realizzazione di ciclovie, passaggi di confine e salite, segnalazione di cicloitinerari...). A Chambéry, l’ufficio del turismo e altre strutture sono provviste del marchio Accueil vélo (PetitHôtelConfidentiel, Actuel Chambéry Centre gare, Inukshuk Café, campeggio le Savoy, Gîte le Farou, Gîte le Moulin). www.francevelotourisme.com o www.savoie-mont-blanc.com

La Ruche Uno spazio dedicato allo sport nella natura La Ruche è un concetto innovativo ideale per gli scambi e la scoperta, una vera e propria vetrina a Chambéry delle attività “ outdoor ”. Comprende diversi servizi, alcuni dei quali sono appositamente dedicati al cicloturismo. INUKSHUK, BAR, BICI E OUTDOOR

Un bar-ristorante tematico e un campo base per gli appassionati di viaggi, natura e outdoor. Un’atmosfera accogliente, prodotti bio o locali, serate a tema, uno spazio per la riparazione delle biciclette... +33 (0)4 58 14 07 59 www.inukshuk-cafe.fr 10


CYCLABLE CHAMBÉRY

Un negozio con tutto quello che serve per attrezzare e accompagnare il ciclista urbano e viaggiatore: esempi di bici, accessori intelligenti, consigli esperti, servizi di riparazione e noleggio. L’UFFICIO DEL TURISMO « SAPORI E NATURA »

A La Ruche, Grand Chambéry Alpes Tourisme riserva ai propri ospiti un’accoglienza particolare per valorizzare la destinazione naturale delle Alpi nel cuore dei grandi parchi naturali e del più grande lago naturale di Francia. Inoltre vengono proposti itinerari ciclistici. 256, rue de la république 73000 Chambéry +33 (0)4 79 85 71 13 www.chambery-tourisme.com

LO SAPEVATE ? I campionati del mondo di ciclismo che si sono svolti a Chambéry nel 1989 hanno permesso l’exploit delle due ruote in città. A Chambéry ci sono due strutture che contano nel mondo del ciclismo a livello nazionale e internazionale : • Chambéry Cyclisme Organisation, che organizza numerose competizioni www.chamberycyclismeformation.com

• Chambéry Cyclisme Formation, centro di formazione dell’equipe AG2R La Mondiale. Ogni stagione, il centro di formazione ospita quindici giovani corridori che ambiscono a una pratica sportiva di alto livello. Vengono inoltre proposti stage per ciclisti nel cuore delle Alpi. www.chamberycyclismeformation.com

L’agenda Bici Tour de Savoie Mont-Blanc 20a edizione 20 /24 giugno 2018 Chambéry ospiterà il Tour de Savoie Mont-Blanc sabato 23 giugno ! Uno scenario eccezionale accoglierà questo Tour, un vero e proprio esame di passaggio per i giovani corridori prima del Tour de France! Se l’edizione 2017 resterà negli annali per la rivelazione di una promessa del ciclismo, il colombiano Egan BERNAL, oggi membro del Team Sky, il 2018 si annuncia altrettanto grande. Per la prima volta, cinque squadre continental professioniste saranno alla partenza. • FORTUNEO-SAMSIC, vincitrice di una tappa delle ultime due edizioni, partecipa all’evento per la quarta volta. •  DIRECT ENERGIE , che ha partecipato due anni fa, tornerà quest’anno. • E sarà la prima volta per VITAL CONCEPT, la formazione lanciata in inverno. • La squadra italiana ANDRONI GIOCATTOLI-SIDERMEC , brillante lo scorso anno grazie a Egan BERNAL, torna sulle strade impervie del TSMB. • Gli “ scarabei rosa ” colombiani di MANZANA-POSTOBON , impegnati nel Tour d’Espagne 2017, troveranno un terreno di gioco di loro gradimento. Gli altri quindici team vorranno dare filo da torcere a queste cinque formazioni della seconda divisione mondiale. Tra i nuovi arrivati, tre continental: BIKE AID, DIMENSION DATA FOR QHUBEKA e il TEAM WIGGINS. Questi team hanno giovani talenti, proprio come i Savoiardi di chambéry CYCLISME FORMATION e i Belgi della LOTTO-SOUDAL U23. 11

In programma: Bonneval-sur-Arc, Modane, Bonneville, Cluses, les Belleville, Orelle, Saint-Michel-deMaurienne, Valloire e ovviamente Chambéry! www.toursavoiemontblanc.com

La Chambérienne cycletyres 3a edizion 28 et 29 luglio 2018 Questa ciclosportiva integra la Sfida Cyclo’Tour Rotor come 6a e penultima prova. www.challengecyclotour.com

Nel corso di un fine settimana, l’organizzatore dell’evento, Cyclisme Organisation, ha un obiettivo: riunire gli appassionati di bicicletta, i ciclisti della domenica o gli avvezzi alle gare per una grande festa su due ruote. Tutti i fine settimana è possibile gustare i prodotti della regione nel Villaggio animato degli espositori. www.lachamberiennecycletyres.com LA CHAMBÉRIENNE CHARTREUSE

Sabato 28 luglio 2018 130 km e 6 colli 100 km e 4 colli

LA CHAMBÉRIENNE BAUGES

Domenica 29 luglio 2018 125 km e 2 645 m di dislivello passando per i colli dei Près, di Leschaux e della Clusaz. 85 km e 1980 m di dislivello con la salita dei colli dei Prés e di Plainpalais. https://lachamberiennecyclo.com

La passeggiata per tutti 9 settembre 2018 Rando Savoie Santé nell’area gioco di Barberaz, nell’agglomerazione di Chambéry. Evento familiare che propone tre percorsi: MTB/bici/rollerblade da 8, 16 e 30 km e due percorsi di trekking con guida. www.labaladepourtous.fr


Cyclo-Cross di Cognin Domenica 4 novembre 2018 46 a edizione organizzata da Chambéry Cyclisme Organisation e il comitato delle Feste di Cognin. Il circuito è tracciato nel Parco del Forezan. Grazie alle difficoltà (salita ripida, scale, tavole) offre un bello spettacolo per la vittoria finale.

Il Ciclocross ha sponsorizzato due campionati regionali Rodano-Alpi, in particolare nel 2015. La mattina sarà dedicata alle scuole di ciclismo, dai Prélicenciés ai Minimes, mentre il pomeriggio la prima gara riunirà Cadets e Féminines, poi la seconda schiererà Juniors ed Elites. Vorreste fare una passeggiata in MTB ? Che ne direste di un’escursione nel sotto-

bosco? O di una gita culturale in città ? La nuova applicazione mobile Eskapades consente di vivere splendide esperienze nel cuore della natura di Grand Chambéry.

NOVITÀ

L’APP ESKAPADES

CHAMBÉRY, IL DIGITALE AL SERVIZIO DEGLI ITINERARI Eskapades propone una grande varietà di percorsi a piedi, in bici, in trail, per qualsiasi livello e per tutte le età. Offre la possibilità di essere guidati fino al punto di partenza dell’attività (e lungo tutto l’itinerario) grazie al monitoraggio geolocalizzato in tempo reale. La navigazione con GPS è affidabile sui sentieri anche senza campo, in quanto i circuiti possono essere installati. I contenuti interattivi si attivano nei pressi di siti straordinari: quiz interattivi, tavole di orientamento digitali, video. Inoltre sono disponibili ulteriori servizi utili: noleggio, ristoranti, uffici del turismo, servizi provvisti del marchio Accueil Vélo...

I contenuti sono tradotti in inglese e in italiano. È possibile scaricare gratuitamente Eskapades su Google Play e App Store. 12


LA NUOVA OSPITALITÀ ALL’INSEGNA DELLO STILE L’ospitalità di Chambéry rispecchia il centro storico della città: un delizioso mix di tonalità intime e raffinate che contribuiscono all’atmosfera tranquilla e privilegiata del posto. Il “ nuovo stile ” di Chambéry è caratterizzato da questa ospitalità intima, nonché dalle boutique dei creativi, da concept store, coffee shop, terrazze, ristoranti artistici che troverete nelle strade della capitale dei Duchi di Savoia. Questa nuova identità “ lifestyle ” attrae numerosi visitatori : in coppia, in famiglia o con gli amici si offrono una passeggiata bohémien e culturale nel corso del fine settimana. La città ha conosciuto un notevole sviluppo turistico grazie all’armonia tra il centro storico e questi luoghi di tendenza.

“PetitHotelConfidentiel” classificato miglior hôtel

***** da Francia

Per il secondo anno consecutivo, PetitHôtelConfidentiel si è classificato miglior hotel 5* di Francia su Trivago. “Ottenere questo riconoscimento ancora una volta è un grande onore per noi e per la nostra equipe. La nostra passione e im13

pegno instancabile vengono premiati. Otto anni fa abbiamo ideato un albergo inusuale, intimo, espressione di un savoir-faire e di una diversa concezione del lusso. Un lusso non appariscente, ma che si rivela nei dettagli, nell’attenzione e nella gentilezza. Otto anni dopo, siamo felici di scrivere una storia che assomiglia a noi, ricca di sincerità e indipendenza. La storia del PetitHôtelConfidentiel prosegue


con l’inaugurazione nel 2017 di sette nuove camere e suite decorate in modo unico e progettate intorno al giardino e al camino esterno. Un gioiello eccezionale situato all’ultimo piano dell’hotel : la Suite terrazza Jacuzzi è la cornice perfetta per vivere momenti stupendi! Grazie alla sua posizione unica e alla vista sui più bei panorami del centro storico, lo studio Fitness, le sue eleganti attrezzature sportive e la sauna nordica vi accolgono per poi prolungare la parentesi relax nella nostra [Spa Suite] firmata Exertier, cosmetici che attingono la loro forza dalla natura alpina. Con diciotto camere e suite, PetitHôtelConfidentiel continua a sviluppare altri progetti : un giardino d’inverno, una cornice verde nel cuore della città, per accogliere i clienti per la colazione, un tè all’inglese o un momento gourmand... & altri progetti ancora confidenziali ”. CHARLOTTE ET JÉRÔME REYES PETITHOTELCONFIDENTIEL

Un’« ospitalità che sublima il fascino della destinazione » Prendendo le distanze dalle camere standard e dal lusso ostentato, gli hotel di Chambéry offrono alla clientela la possibilità di vivere esperienze uniche all’insegna del fascino e dell’autenticità : > Rilassarsi in una spa situata sulla terrazza del tetto del PetitHotelConfidentiel***** ammirando una vista mozzafiato sul patrimonio storico di Chambéry. > Cenare sulla terrazza del Domaine des Saints-Pères con vista poetica sul lago del Bourget. 
 > Al Château des Comtes de Challes***, passeggiare nel castello del XII secolo e scoprire la storia dei vini di Savoia e di altre regioni al fianco di un Maître Sommelier - 500 referenze, oltre 20000 bottiglie esposte.

I requisiti di attribuzione del comparatore di hotel sono basati essenzialmente sulle opinioni dei clienti sui siti di prenotazione (Hotels.com, Splendia.com, Expedia, Customer Alliance, Holidaycheck...). L’accoglienza indimenticabile, la colazione deliziosa, i servizi principeschi hanno colpito la clientela di questo hotel cinque stelle di Chambéry che conquista il primo posto con un voto pari a 9,4/10, piazzandosi prima dei palazzi parigini e delle strutture delle stazioni sciistiche e della Costa Azzurra.

14

> Nel cuore di un magnifico parco di 6 ettari dagli alberi secolari e dalle essenze rare, il Château de Candie**** è immerso in uno scenario da fiaba, con le montagne sullo sfondo. Piscina, ristorante gastronomico. Un’esperienza incantevole a pochi minuti dal centro. 
 > Tuffarsi nell’unica piscina del centro storico di Chambéry e custodire il ricordo del tagliere di affettati savoiardi gustato al bar dell’hotel Le Cinq****. > Concedersi una pausa relax alla SPA dell’Hotel des Princes ***, vivere il piacere dei trattamenti per il modellamento del corpo e raggiungere la camera “ Chalet ”; l’evocazione delle montagne circostanti in un’atmosfera dal gusto moderno. > Approfittare delle 149 camere dell’hotel Kyriad Chambéry Centre *** che nel 2017 ha vinto il grand prix per la gestione dei “ Migliori franchisee e partner di Francia ”.


Un’« ospitalità che si adatta ai nuovi usi » Con un impulso collettivo, la nuova ospitalità di Chambéry è riuscita in tempi record a rinnovare e ammodernare l’offerta adattandola ai nuovi usi e alle nuove modalità di viaggio; oggi le “ Framilies ” (Amici & Famiglie) e le imprese cercano per i loro seminari luoghi dalla spiccata identità, servizi à la carte e al contempo personalizzati, modalità di ristorazione alternativi, connessione nel luogo del soggiorno. In tale prospettiva, l’ospitalità del centro ha investito su tre azioni prioritarie : 


Conferire stile e identità alle strutture mediante interventi di rinnovo

> L’hotel le Cinq**** ha investito 2,5 milioni di euro per perfezionare l’offerta benessere e costruire una splendida piscina (nel cuore del centro storico !)
 > L’hotel Kyriad *** e il Theatre Hotel ** hanno investito molto nel rinnovamento delle rispettive strutture ottenendo ottimi voti da parte dei clienti : “ Buono ” e “ Molto Buono ” su Trivago. Pertanto gli hotel due e tre stelle del centro eccellono nella loro categoria.

Sublimare l’accoglienza dei viaggiatori: offerte di servizi personalizzati, servizi digitali...

> L’hotel des Princes *** ha visto aumentare la sua clientela (+35 punti in media nel fine settimana) investendo un milione di euro negli ultimi quattro anni per migliorare la sua offerta benessere, i servizi in camera (petali di rose, scatola di cioccolatini...) e con la creazione di package di servizi. 


Valorizzare i soggiorni esperienziali: gli hotel uniscono alle offerte di soggiorno le attività di svago culturale e sportivo per proporre un’esplorazione completa della destinazione Il Château des Comtes de Challes **** invita a prenotare una notte insieme al volo in aliante o a una crociera sul lago. In ogni categoria di alloggio, le strutture di Chambéry ottengono ottimi voti da parte della clientela come “ Buono ”, “ Molto Buono ” ed “ Eccellente ” sui siti di prenotazione online. 


PETITHOTELCONFIDENTIEL 

www.petithotelconfidentiel.com +33 (0)4 79 26 24 17
 HÔTEL DES PRINCES 

www.hoteldesprinces.com +33 (0)4 79 33 45 36
 HÔTEL LE CINQ 

hotel-chambery.com +33 (0)4 79 33 51 18 KYRIAD CHAMBÉRY CENTRE 

www.kyriad-chambery-centre-curial.fr +33 (0)4 79 36 13 64 THÉÂTRE HÔTEL

theatrehotelchambery.com +33 (0)4 79 85 76 79 CHÂTEAU DE CANDIE 

www.chateaudecandie.com +33 (0)4 79 96 63 00
 CHÂTEAU DES COMTES DE CHALLES 

www.chateaudescomtesdechalles.com +33 (0)4 79 72 72 72 DOMAINE DES SAINTS-PÈRES 

www.domainedessaintsperes.com +33 (0)4 79 62 63 93


UNA STORIA DA VIVERE

Chambéry è molto legata all’Italia. Per più di otto secoli, Chambéry e la Savoia, Torino e il Piemonte sono stati riuniti sotto l’egida della Casa Savoia. Come in una vera e propria immersione nel cuore della storia, il passato prestigioso di Chambéry si rivela nelle piazzette e nei traboule del centro storico. La città è insignita del marchio Ville d’art et d’histoire dal 1985. Passeggiando nei vialetti variopinti e pittoreschi della prima capitale della Casa Savoia, è possibile percepire questa atmosfera particolare...

QUALCHE CENNO STORICO EPOCA GALLO-ROMANA

Insediamento dei primi abitanti sulla collina di Lémenc

XI SECOLO

Costruzione del Castello di Chambéry

1232

Acquisizione della città di Chambéry da parte di Tommaso I, Conte di Savoia

1295

Acquisizione e trasformazione del Castello di Chambéry da parte del Conte Amedeo V Chambéry diventa la capitale della Contea di Savoia

1416

La Contea di Savoia diventa Ducato

1563

Perdita dello status di capitale del Ducato di Savoia, appannaggio di Torino

INIZIO XIX SECOLO

Dopo la parentesi francese della Rivoluzione e dell’Impero, Chambéry torna nel regno di Piemonte-Sardegna

1815

La città viene abbellita dal generale Conte di Boigne

1860

La Savoia diventa francese !

16


COLPO DI FULMINE GARANTITO ! Grazie alle numerose vestigia del passato, si scrive la storia e la magia vi avvolge...

LA CASA SAVOIA La Casa Savoia è una delle più antiche e lunghe dinastie d’Europa. Ha generato diciannove conti, quindici duchi, otto re di Sardegna e quattro re d’Italia! Dall’anno mille al XX secolo, la dinastia dei Savoia ha conosciuto un crescente successo grazie ad alleanze molto oculate. Nel corso dei secoli, ha ampliato i territori iniziali di Maurienne e Chambéry estendendosi fino alle porte di Lione e Neuchâtel (Svizzera), includendo il Piemonte, la Contea di Nizza, il feudo di Cuneo, la Sicilia e la Sardegna, fino a partecipare all’Unità d’Italia nel 1861 e regnandovi fino al 1946. Chambéry è stata la capitale della Casa Savoia fino al 1563. Poi i duchi di Savoia preferirono stabilirsi definitivamente a Torino. Tuttavia, Chambéry conserva le tracce di due istituzioni statali rilevanti: il Senato di Savoia (dove oggi sorge il Palais de Justice) e la Camera dei Conti (che può essere visitata nel Castello dei duchi di Savoia).

Il castello dei duchi di Savoia Si ammira dalla strada, si scopre durante le visite guidate con le guide turistiche. Fortezza, palazzo dei principi e simbolo del potere dei Conti e dei Duchi di Savoia, fu la loro residenza principale nel periodo in cui Chambéry era la capitale della Casa Savoia. Il castello dei duchi di Savoia comprende una serie di edifici straordinari costruiti dal XIII secolo ai giorni nostri. Dal 1860, anno della riannessione della Savoia alla Francia, la Prefettura e il Consiglio dipartimentale di Savoia perpetuano questa funzione amministrativa. Nell’ala medievale, le sale dell’antica Camera dei conti illustrano la storia del castello (questa parte può essere visitata anche al di fuori delle visite guidate).

Dal cortile interno fanno capolino la Sainte-Chapelle e la torre della Tesoreria. La Sainte-Chapelle ospitò la Sacra Sindone tra il 1502 e il 1578. Così Chambéry divenne un’importante meta di pellegrinaggio europeo. Dopo il trasferimento della capitale a Torino, gli abitanti di Chambéry dovettero acconsentire anche al trasferimento della Sacra Sindone nella nuova capitale. Oggi Chambéry ne conserva due riproduzioni: una nella Sainte-Chapelle e l’altra nella cattedrale...

Inoltre nella Sainte-Chapelle è possibile ammirare le straordinarie opere del XVI secolo e i trompe l’oeil semplicemente ammalianti. Nella Torre Yolande del castello c’è il Grand Carillon, uno dei più grandi esistenti al mondo, con 70 campane (concerti il primo e terzo sabato del mese alle 17:30 e concerti durante l’estate). Place du Château des Ducs de Savoie, 73000 Chambéry

Le arcate della rue de Boigne Il XIX secolo è caratterizzato da una serie di trasformazioni urbanistiche che hanno riguardato soprattutto la rue de Boigne. Gli abitanti di Chambéry la chiamano I Portici. Infatti, con i suoi portici o arcate ricorda Torino. Questa arteria commerciale collega la Fontana degli Elefanti al Castello dei duchi di Savoia.

17


Quando fu costruita, divenne subito il centro mondano della città animato dalle famiglie di notabili, dalle attività commerciali di lusso, i saloni da tè... Nel 1837 Stendhal scrisse nelle Memorie di un turista : “...Un luogo così comodo diventa presto il rendez-vous di tutta la gente che si annoia e vuole svagarsi in un giorno di pioggia; vi si insediano caffè, botteghe di lusso, società letterarie, in cui si va a passare un’ora o due quando tira la tramontana scura e ci si annoia a casa... Oggi pioveva. Ho passato tutta la giornata sotto i portici della bella via di Chambéry. Pensavo alla dolce Italia... ”. Chambéry deve questa via alla generosità del Generale Conte di Boigne (1751-1830) che, dopo aver acquisito gloria e fortuna nelle Indie, divenne il grande benefattore di Chambéry, la sua città natale.

La fontana degli Elefanti Fu costruita in ricordo del Generale Conte di Boigne. Soprannominata “ les 4 sans culs ” (“ i 4 senza culo ”) rievoca le campagne militari indiane del Generale la cui statua in bronzo troneggia sul monumento.

Quest’opera è una curiosa sovrapposizione di tre monumenti in uno: una fontana, una colonna e una statua. Ed è uno dei monumenti più fotografati di Chambéry. Rue de Boigne, 73000 Chambéry

La cattedrale Saint-Françoisde-Sales Fu a lungo una chiesa francescana, come dimostra la sua modesta architettura. La presenza francescana in Savoia è attestata dall’inizio del XIII secolo. La chiesa di Chambéry viene citata come una delle prime oltre l’Italia. Divenne cattedrale alla fine del XVIII secolo. L’eleganza degli interni è data dai dipinti trompel’oeil realizzati dagli artisti piemontesi nel XIX secolo. Sono tra i più grandi d’Europa e ricoprono quasi tutte le pareti (oltre 6.000 m²). Il tesoro comprende diversi oggetti liturgici del periodo compreso tra il XII e il XIX secolo. In particolare, un dittico in avorio del XII secolo di origine bizantina. Realizzato in epoca romantica da Augustin Zeiger (1847), l’organo è stato nominato «Monumento storico» nel 1988 e restaurato nel 2001. Questo è il monumento più visitato di Chambéry; è possibile visitarlo da soli o con una guida turistica (aperto da lunedì a sabato dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17 (fino alle 18 da giugno a novembre), la domenica dalle 15 alle 19. Il Tesoro è aperto il sabato dalle 15 alle 17 dal 15 maggio al 30 settembre. Concerti d’organo da domenica 1° luglio a domenica 26 agosto 2018 incluso, alle 17:30, preceduti da una visita guidata della cattedrale alle ore 17:00 (gratuiti). Place de la Métropole, 73000 Chambéry

18


Chollet du Bourget nella rue Métropole, de Roche nella rue de Roche, de Montfalcon a place du Château). L’Hôtel Castagnery de Châteauneuf (rue Croix d’Or) è caratterizzato da splendidi cancelli che separano il cortile dal Convento dei Francescani (passaggio dietro l’attuale cattedrale) ed esaltano la ricchezza della famiglia Castagnery de Châteauneuf, proprietaria di importanti miniere di ferro nella Savoia.

Il Palais de Justice

I palazzi privati all’italiana

Il Senato della Savoia ha amministrato la giustizia per circa tre secoli nell’antico convento dei domenicani demolito nel XIX secolo. Nel 1848 il Senato venne convertito nella Corte d’Appello Reale, così si decise di costruire un nuovo edificio nei pressi del giardino del Verney. Costruito tra il 1850 e il 1860, è uno degli ultimi edifici dell’architettura italiana. Il progetto è dell’architetto Pierre-Louis Besson e dell’ingegnere Pierre Spurgazzi. La facciata presenta un’entrata con sette campate sostenute da colonne ioniche. Il cortile interno, contornato da portici, è influenzato particolarmente dallo stile di Antonio da Sangallo e Palladio. Nel 1860 il Palais de Justice fu la cornice della proclamazione ufficiale dei risultati del plebiscito sulla riannessione della Savoia alla Francia.

La nobiltà di sangue e quella militare dovevano vivere in palazzi privati degni del loro rango, nei pressi delle grandi istituzioni ducali, amministrative e giudiziarie. A partire dal XV secolo vennero edificati palazzi privati all’italiana con pianta a quadrilatero intorno al cortile interno con la torre provvista di scalinata. Nel Rinascimento le gallerie o logge vennero costruite per agevolare la distribuzione degli appartamenti nelle diverse parti dell’edificio (hôtel Chabod de Saint-Maurice nella rue Juiverie, Dieulefis a place Saint-Léger, La Pérouse nella rue Croix d’Or...). Con l’avvento del Barocco (XVII secolo) queste strutture private chiamate “hôtel” divennero dei veri e propri palazzi. Il riferimento a Torino, la nuova capitale dello Stato di Savoia, è evidente. La porta monumentale si apre in un passaggio che conduce a un cortile interno (hôtel Costa de Beauregard, Castagnery de Châteauneuf nella rue Croix d’Or). Nel XVIII secolo le decorazioni si intensificarono sulle facciate o nelle scale, prediligendo gli elementi di stile francese come i cancelli Luigi XV o le ghirlande e le venature Luigi XVI associati all’architettura tipicamente piemontese (hôtel 19

L’Hôtel des Marches de Bellegarde (proprio di fronte) è diventato celebre grazie a Hérault de Séchelles durante la Rivoluzione. Inoltre ospitò Papa Pio VII e Napoleone I. Soltanto un palazzo privato alla francese (lato cortile e lato giardino) fu costruito a Chambéry alla fine del XVIII secolo : l’hôtel de Clermont-Mont Saint-Jean (place du Palais de Justice, accanto all’Ufficio del Turismo). Dopo la Rivoluzione gli edifici di questo tipo sono molto rari. Possiamo citare il palazzo della famiglia de Boigne, costruito intorno al 1830 in stile piemontese, all’angolo della place Saint-Léger e della rue de Boigne. Lungo le vie del centro storico, oggi pedonali, questi palazzi privati si alternano alle dimore più modeste dalle facciate variopinte di ispirazione sarda, dove vivono commercianti, artigiani e abitanti meno abbienti. Un numero impressionante di hotel e ostelli si trovava nelle tre periferie che collegavano la città verso la Francia, l’Italia e la Svizzera. Tali strutture ricordano il ruolo di crocevia di Chambéry nei percorsi internazionali rilevanti. Durante la passeggiata in città, è possibile ammirare l’architettura italiana molto peculiare a Chambéry.


L’hôtel de Cordon Centro di Interpretazione dell’Architettura e del Patrimonio - CIAP Questo palazzo privato del XVI secolo, ristrutturato nel XVIII secolo, è un ottimo esempio della dimora tipica della nobiltà di Chambéry. Qui vissero diverse famiglie nobili. Si racconta che Enrico IV dette un ballo durante l’occupazione della Savoia da parte della Francia nel 1600. Oggi l’Hôtel de Cordon ospita il Centro di Interpretazione

L’Abbazia di Hautecombe

20

dell’Architettura e del Patrimonio (CIAP). Il marchio “ Ville d’art et d’histoire ” ottenuto dal Comune di Chambéry ha agevolato la creazione di questo centro nel 2010. Gli obiettivi: suscitare il desiderio di visitare e scoprire la città, fornire chiavi di lettura per capire l’ambiente architettonico e paesaggistico, conoscere l’evoluzione della città a partire dalle fondamenta per comprendere meglio il recente sviluppo. Al primo piano, il visitatore scopre un antico appartamento che conserva le tracce di varie opere di costruzione dal XVI secolo. La carta


da parati panoramica, che risale alla metà del XIX secolo ed è incentrata su Amore e Psiche, adorna le pareti dell’antica sala da pranzo. Un cabinet de curiosité e un immenso modello in legno esaltano le attrattive della città. Le mostre temporanee sono dedicate a diversi soggetti: valorizzazione di progetti architettonici, presentazione di lavori di restauro, informazioni pratiche sulla gestione del comparto tutelato... Accesso libero. Le visite guidate partono dal Service Ville d’Art & d’Histoire. 71 rue Saint-Réal, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 70 15 94

L’Abbazia di Hautecombe Misteriosa e solitaria, l’Abbazia di Hautecombe situata in riva al lago del Bourget, il più grande lago naturale di Francia, accoglie le spoglie dei Conti e dei Principi della Casa Savoia e dell’ultima coppia reale d’Italia, la Regina Maria José e il Re Umberto II. 73310 Saint-Pierre-de-Curtille

LO SAPEVATE ? Una città costruita sull’acqua

Se la facciata della cattedrale SaintFrançois-de-Sales rivela un aspetto po’ ostentato, la debolezza dell’elevazione è dovuta alla natura delle fondamenta. Infatti Chambéry è attraversata da 3 fiumi ed edificata su una zona paludosa. Nel terreno sono state piantate diverse migliaia di palafitte di larice e altre conifere (circa 30.000 soltanto per la cattedrale!). Il centro storico si erge sulle palafitte, ecco perché spesso le abitazioni sono attaccate le une alle altre... Del resto, pare che secoli fa ci fossero diversi gamberi d’acqua dolce. Una delle probabili origini del nome “ Chambéry ” sarebbe “ Camberium ”, ossia “ gambero ” in latino !

LO SAPEVATE ? Il sipario del Théâtre Charles Dullin, unico in Francia, è diverso dagli altri! In realtà, si tratta di un vero e proprio quadro di oltre 84 m² che rappresenta la discesa di Orfeo agli Inferi. Questo tendaggio è classificato come patrimonio mobiliare francese. Dipinto dall’italiano Luigi Vacca, fu offerto al re Carlo Felice di Savoia in occasione dell’inaugurazione del teatro nel 1824. E fu salvato in extremis dall’incendio del 1864.

21

OTTIMA IDEA

LASCIATEVI GUIDARE DAGLI ELEFANTI ! In omaggio alla Fontana degli Elefanti molto cara agli abitanti di Chambéry, alcuni piccoli elefanti costellano il selciato del centro storico e fungono da guida per scoprire le ricchezze del patrimonio. Attraversano i tesori di Chambéry. Una mappa dettagliata, “ En suivant les éléphants ” (Il percorso degli elefanti) è disponibile presso i punti di informazione dell’Ufficio del turismo. La visita è anche disponibile sull’applicazione Guidigo.


CHAMBÉRY, CITTÀ D’ARTE

Riconosciuta come “Ville d’art et d’histoire”, Chambéry non custodisce soltanto antichi tesori architettonici. Infatti unisce armoniosamente eredità storica e sviluppo contemporaneo, modernità e autenticità.

IL MUSEO DELE BELLE-ARTI L’edificio che ospita il museo era un granaio (chiamato “ grenette ”) durante il Medioevo, poi divenne un museo-biblioteca nel XIX secolo. È stato interamente rinnovato per circa tre anni e riaperto 22

nel 2011. Il museo ospita una collezione prestigiosa di dipinti italiani dal XIV al XVIII secolo - la prima collezione di Francia dopo il Louvre, diciamo - e dipinti delle Scuole Francesi, del Nord e di Chambéry del XIX e dell’inizio del XX secolo. La donazione più importante è quella del barone Hector Garriod: la sua collezione di dipinti italiani donati al museo comprende centoquaranta opere.


Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia, ha dato un importante contributo all’arricchimento del Museo. Le opere manieriste, caravaggesche e barocche tipiche delle gallerie delle grandi famiglie italiane costituiscono l’essenza delle collezioni del museo di Chambéry. Numerosi ritratti tracciano l’evoluzione di questo genere nel corso dei secoli, tra cui il celebre ritratto di giovane uomo attribuito a Domenico Veneziano.

Mostre temporanee, spesso di arte contemporanea, animano il museo Nel 2018

> Omaggio a Romain Bernini (dal 19 maggio al 3 novembre). L’arte di Romain Bernini (nato nel 1979) offre l’occasione di vivere l’esperienza di una pittura profonda e affascinante. Attraverso circa venti opere, disegni e dipinti di grande formato, il percorso della mostra svela un universo ricco di luoghi di transizione. Con i suoi personaggi contemporanei che indossano una maschera provenienti da terre lontane e i paesaggi distrutti, rianima i riti ancestrali e il confronto inquietante dei mondi. Unendo l’obiettività realistica con l’indefinito, Romain Bernini abbandona le gerarchie accademiche per dedicarsi al totemismo: la trance indotta dal gesto artistico costringe a vedere una realtà che soltanto la pittura è in grado di riflettere con un’apparizione o un sussulto. > Dessiner la guerre (dal 3 novembre 2018 al 25 febbraio 2019). Disegni e illustrazioni della Prima Guerra Mondiale, in collaborazione con il museo di Albstadt, città tedesca gemellata con Chambéry. Le date della mostra possono subire variazioni. Il Museo delle Belle Arti è provvisto di un’artoteca. Gli abitanti di Chambéry possono nole-

ggiare per qualche mese le opere d’arte contemporanea per decorare i loro interni. TARIFFE

Ingresso gratuito la prima domenica del mese. Al di fuori della mostra temporanea: € 3, tariffa ridotta € 1,50. Durante la mostra temporanea: € 5,50, tariffa ridotta € 2,50. Apertura: tutti i giorni eccetto lunedì e giorni festivi, dalle 10 alle 18. Notturno il 1° giovedì del mese, fino alle ore 20. Il piano terra del museo ospita il caffè-biblioteca: « Quai des Arts ». Il luogo ideale per vivere l’atmosfera del museo durante la pausa pranzo, il brunch o il tè... Place du Palais de Justice +33 (0)4 79 33 75 03 www.musees.chambery.fr

23


L’ ARCHITETTURA CONTEMPORANEA AMMALIANTE Espace Malraux

Ecco un altro mondo tutto da scoprire in una via pedonale. Il centro storico medievale cede il posto al quartiere Curial, un’antica caserma del periodo napoleonico che negli ultimi decenni è stata modificata all’insegna di un’architettura contemporanea e audace, che sorprende per la sua modernità e i contrasti. Chambéry unisce l’architettura audace e contemporanea a oltre 1.000 anni di architettura urbana nel cuore della città vecchia: il castello, i palazzi privati, il labirinto di vicoli e vialetti segreti... Di recente sono state progettate diverse opere da architetti contemporanei rinomati in tutto il mondo.

Tra questi : > Mario Botta che ha firmato i progetti dell’Espace Malraux Scène Nationale nel 1987 www.espacemalraux-chambery.fr

> Aurelio Galfetti pper la creazione della mediateca JeanJacques Rousseau e della galleria Eurêka (in occasione dei Giochi Olimpici di Albertville nel 1992). > Yann Keromnés, l’ultimo dei tre architetti della Scuola Ticinese ad aver lavorato a Chambéry, in particolare alla costruzione della Città delle Arti e della Musica nel 2002 insieme ad Aurélio Galfetti. > Jean-Jacques Morisseau, architetto francese, ha realizzato il Centro dei Congressi Le Manège, riconoscibile per la sua vetrata e le sue palme, nel 1992.

Città delle Arti e della Musica

chambery-tourisme.com

Mediateca Jean-Jacques Rousseau

24


Galleria l’Antichambre

GALLERIE D’ARTE ALL’AVANGUARDIA Forse sono proprio questi importanti nomi dell’architettura contemporanea ad aver ispirato i galleristi a stabilirsi a Chambéry. Infatti in città ci sono dodici gallerie soprattutto di arte contemporanea, luoghi magnifici ed enigmatici.

L’Espace Larith ospita soprattutto le opere dei giovani artisti locali, mentre le gallerie di Lans, l’Antichambre e le gallerie Mottet e Ruffieux-Bril ospitano i lavori di artisti rinomati a livello nazionale e internazionale. La Galleria Artishock è specializzata nella valorizzazione degli artisti asiatici !

Link ai siti internet delle gallerie menzionate : Espace Larith

www.larith.org +33 (0)4 79 70 42 67

Galleria de Lans

www.galerie-de-lans.com +33 (0)4 79 85 68 43

Galleria l’Antichambre

www.galerie-antichambre.com +33 (0)4 79 75 39 27

Galleria Mottet

www.galeriemottet.fr +33 (0)7 89 82 47 29

Galleria Ruffieux-Bril

www.galerieruffieuxbril.com +33 (0)4 79 44 11 70

Galleria l’Artishock

Galleria Ruffieux-Bril

www.artishok.fr +33 (0)6 11 40 51 35 25


DOLCE VITA & SLOW SHOPPING « Se al mondo esiste una cittadina in cui è possibile assaporare la dolce vita vivendo rapporti piacevoli e sicuri, è proprio Chambéry. » Jean-Jacques ROUSSEAU Fu proprio per questa dolce vita che decise di vivere sulle cime di Chambéry con Madame de Warens e che descrive nei libri V e VI delle Confessioni e negli ultimi righi delle Fantasticherie del passeggiatore solitario. Ancora oggi Chambéry è un’autentica oasi di pace protetta dal turismo di massa e caratterizzata da un centro storico autentico, le cui facciate dai colori scintillanti, gli stretti vicoli lastricati, le piazzette intime e riservate e le terrazze dei caffè lo rendono il luogo ideale per una bella passeggiata.

I TRABOULE, OSSIA L’ANIMA DI CHAMBÉRY Dietro le facciate tradizionali e variopinte nel cuore della città, si nasconde una rete di traboule in cui addentrarsi ! Sono molto curiosi ! I traboule sono come dei corridoi che consentono di circolare tra ampi 26

edifici. Gli edifici del centro storico hanno la particolarità di essere profondi e avere facciate strette, un retaggio del “ diritto di tesa ” (in francese, toisé), una tassa del XIV secolo che veniva calcolata in proporzione alla lar-


ghezza delle facciate. Più erano strette, più la tassa era ridotta... Questo spiega l’attuale struttura del centro storico di Chambéry. Questi traboule sono l’anima di Chambéry. Avrete il piacere di scoprirli... E magari vi divertirete a elaborare itinerari segreti... Il secolo scorso si diceva che consentivano di attraversare la città senza bagnarsi quando pioveva! Attraverserete le piazzette, i cortili interni... E vedrete le boutique dei creativi del posto, librerie e altre boutique indipendenti... Inoltre tantissime terrazze invitano a contemplare il panorama davanti a voi! Tante occasioni per passeggiare, godere l’esperienza e assaporare la dolce vita !

IL TROMPE-L’ŒIL Mentre andate a zonzo per la città, non dimenticate di alzare gli occhi ogni tanto! All’angolo di un traboule, nel centro di una piazza, gli elementi decorativi prendono forma: apparecchiature murarie, cornici per finestre, pietre angolari... Venuto dall’Italia, il trompe-l’œil si è sviluppato nel XIX secolo e continua a perpetuarsi nel tempo. Alcuni sono particolarmente notevoli: la facciata della Maison des Associations, un muro laterale del Teatro Charles Dullin, il cortile dell’Îlot de l’Horloge, le facciate della Maison Dénarié, il soffitto della Sainte-Chapelle e naturalmente la volta della cattedrale Saint-François-de-Sales. Pare che il suo trompe-l’œil sia il più grande d’Europa in un edificio religioso (6.000 m²). Più discrete, alcune finte finestre si nascondono tra quelle vere persino nelle piazze più frequentate. Troverete quella della place Métropole ?


L’Armoire à Glace

PERCORSO DELLE BOUTIQUE DEI CREATIVI Scoprite le boutique dei creativi, i concept store, i coffee shop, le terrazze e i ristoranti artistici! Concedetevi una parentesi onirica in un sito storico rinnovato in modo stupendo e ricco di colori all’insegna del “ nuovo stile ” di Chambéry . Alcune boutique di creativi si sono riunite e hanno creato un percorso. Queste boutique propongono creazioni uniche, tutte rigorosamente locali: decorazione, arti plastiche, quadri, acquerelli, mobili di mercatino e mobilio rivisitato, piante rovesciate, creazioni in tessuto e uncinetto, acchiappasogni, apparecchiature luminose, concept store sul tema del riciclaggio e del riuso, abbigliamento, accessori di creativi e artigianato etnico, calzature, cartoleria, biancheria per la casa, ceramica, vinili e gioielli.

28

Per chi cerca qualcosa di unico, la perla rara... La creatività... L’artigianato... Il made in France... Questa boutique discreta e molto intima vi conquisterà. Da giugno 2015, “ L’Armoire à Glace ” presenta una selezione di abbigliamento, accessori, decorazione e gioielli... Una boutique di creativi... Un Concept Store. Conoscerete Chloé e scoprirete la sua particolare disinvoltura nella lavorazione del cuoio e del tessuto! E poi altri creativi: Haute Comme 3 Pommes (ghirlande & mobili di carta), Bijoux39 (gioielli in cuoio), Brasyou (artigianato brasiliano), Tea Heritage, le ceramiche di Hélène e tanti altri... 26, place Monge, 73000 Chambéry +33 (0)6 78 48 58 22 www.larmoireaglace.com

La Forge des Halles Qui Jean Carron realizzava strumenti di pesatura... Bilance... Invece oggi questo spazio ospita i creativi dediti all’arte del riciclo... Una caffetteria e un salone da tè responsabili animano questo posto. Nel 2018 La Forge des Halles è tutto questo : > Una boutique: quindici creativi... Gli oggetti hanno una seconda vita, talvolta la loro funzione iniziale viene stravolta. Apparecchiature luminose, gioielli, abbigliamento per bambini, ceste, mobili, decorazione... Elementi originali che danno un tocco particolare agli interni... > Una caffetteria - Salone da tè responsabili : avete un certo languorino ? Murielle garantisce il servizio per tutto il giorno. Il filo conduttore del riciclo riguarda le verdure... Sapete, quelle non molto belle...


Métropole B

Che non trovano posto nei grandi magazzini...? Fou De Saisons le recupera, le adora e le prepara con cura! Una vera delizia! Piatti da gustare nella boutique stessa... Sembra di essere a Berlino... Una cornice > I laboratori: per chi vorrebbe dedicarsi all’arte dello scambio, della trasformazione e della creazione... La Forge des Halles ha affidato il suo laboratorio all’associazione Chez Mum. Grandi e piccini impareranno a realizzare i detersivi, salvare i gioielli, riciclare i tessuti... Il programma è online : www.laforgedeshalles.com/atelier 19, rue Bonivard, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 68 48 38 www.laforgedeshalles.com

La Galerie du Grillon Qui sono esposte mille meraviglie... Infatti sette piccoli grilli, sette creativi savoiardi si sono associati per esporre le loro opere. Oggetti decorativi in fil di ferro o in cuoio... apparecchiature luminose, fotofori, gioielli in legno, stoviglie, vasi, mobili, tele, incisioni, acchiappasogni... Un’atmosfera molto delicata probabilmente ideata e immaginata da una fata molto premurosa...! Questo posto attirerà il vostro sguardo e susciterà molti desideri. 10, rue Denfert Rochereau, 73000 Chambéry +33 (0)6 85 83 29 41 www.galeriedugrillon.com

La Petite Boutique Si chiama La Petite Boutique... “ Petite ” per le sue dimensioni, forse, oppure come diminutivo per sottolineare un legame, un’emozione... Scoprirete il savoir-faire delle creative Sathinée, Hysteriko, il su misura, la ricerca dei materiali... Vi piace un modello ? Lo confezioneranno in base alla vostra taglia e alle vostre misure utilizzando il tessuto che avete scelto. Colori, simboli e qualità per un look perfetto ! A La Petite Boutique potete prendervi tutto il tempo che volete, sognare, immaginare... E viaggiare verso l’Indonesia e il sontuoso Batik. Gonne, abiti, camicette... E siccome tutto ha un senso, gli scampoli di tessuto diventano gioielli, pochette o un joli coeur. 103, rue Juiverie, 73000 Chambéry +33 (0)6 43 07 87 05 www.sathinee.com

Una boutique, ma anche un ufficio di progettazione incentrato sulla decorazione d’interni, la Creatività e le Arti Plastiche. Pezzi unici realizzati da creativi savoiardi : quadri, acquerelli, mobili di mercatino e mobilio rivisitato, piante rovesciate, creazioni in tessuto e uncinetto, acchiappasogni, apparecchiature luminose, ecc. Una bella energia, un invito a seguire l’immaginazione in uno scenario sontuoso... 89, place Métropole, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 60 73 92 metropoleb.com

Boutique Ety Una boutique con 1.001 idee regalo... Cappelli estivi o da pioggia (autentici panama)... Gioielli... Capi prêt-à-porter... Borse, graziose pochette, portagioie da viaggio e altri monili... Nonché ombrelli... Cosa accomuna tutte queste meraviglie ? La qualità del materiale, l’origine (molti Made in France / Italy) e, in alcuni casi, i modelli realizzati dai creativi della regione e fatti a mano. Ogni referenza ha la sua piccola storia e quella unicità che apporta una dimensione così particolare all’oggetto selezionato ! 27, rue Macornet, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 33 53 07 www.boutiqueety.free.fr

LO SAPEVATE ? Un pomeriggio con le amiche, un compleanno, un addio al nubilato o altre occasioni... L’associazione Chez Mum organizza laboratori à la carte a La Forge des Halles, animati da artisti, esperti in bricolage, accaniti, personalità “ Archimede Pitagorico ”... In programma: creazione di gioielli, sartoria, riparazioni, oli essenziali, creazione di uccellini, acchiappasogni...


LA VIGNA VICINO ALLA CITTÀ LA SAVOIA, TERRA DI VIGNETI Da 2.000 anni, la Savoia è terra di vigneti. I vigneti della Savoia sono caratterizzati da microclimi, terreni influenzati dalla formazione delle Alpi e pendii scoscesi propizi allo sviluppo della vigna. La diversità dei vitigni unita al savoir-faire dei viticoltori offrono sia all’appassionato sia all’esteta una scelta di vini unica e molto esclusiva.

Seconda attività agricola dopo la produzione di formaggio, la produzione dei vini di Savoia si contraddistingue per la qualità pregiata riconosciuta da tre denominazioni AOC: • Savoie (+ 17 denominazioni) • Roussette de Savoie (+ 4 denominazioni) • Seyssel (+ 2 denominazioni). I vignaioli savoiardi privilegiano la qualità e producono vini da vitigni come Altesse, Roussette, Aligoté, Chasselas, Jacquère, Chardonnay, Molette e Gringet per i vini bianchi; Mondeuse, Gamay, Persan e Pinot per i vini rossi.

30


Marchio Vigneti e Scoperte Quattrocento produttori e due cantine cooperative (Cruet e Chautagne) costellano il territorio per farvi scoprire il carattere e la singolarità dei Vini di Savoia. Venduti nel mondo intero, da Parigi a New York e da Tokyo a Rio,questi nettari troneggiano sulle tavole dei più celebri chef stellati. Il territorio “ Cœur de Savoie ”, che si estende su una trentina di chilometri tra Chambéry e Albertville, è provvisto del marchio “ Vignobles et Découvertes ” (Vigneti e Scoperte). Viene attribuito da Atout France a una destinazione con vocazione turistica e viticola in grado di proporre un’offerta di prodotti turistici variegati e complementari (alloggio, ristorazione, visita di cantine e degustazione, museo, eventi...) che permettono al cliente di organizzare facilmente il suo soggiorno indirizzandolo verso prestazioni qualificate. “ Cœur de Savoie ” comprende un centinaio di fornitori (cantine, ristoranti, hotel, bed and breakfast, fornitori di attività di svago...). Riunisce i vigneti AOC con vitigni

I GRANDI APPUNTAMENTI DEL VINO • La Biennale des vins de montagne et de forte pente & Chambéry by Wine (aprile 2018) Questo mercato dei vini di montagna e dei ripidi pendii è organizzato gli anni pari e propone l’incontro con oltre 60 vignaioli di tutte le regioni “ in pendenza ” della Francia, convegni e un mercato dei vini con degustazioni / vendita di vini di montagna, referenze francesi ed estere, originali e di carattere. Nel 2018, per la prima volta, gli organizzatori hanno proposto degustazioni gratuite di vini, una volta alla settimana nei mesi precedenti alla Biennale in diversi luoghi nel cuore della città. Questo appuntamento dedicato all’enoturismo e agli epicurei è l’occasione di un fine settimana di scoperta dei vigneti della zona. https://fr-fr.facebook.com/biennaledesvinsdemontagne/

• La Balade gourmande (luglio 2018).

unici di Mondeuse, Jacquère e Altesse, piantati sui pendii soleggiati dei massicci delle Bauges e della Chartreuse.

Diciotto fornitori di servizi Vignobles et Découvertes vi faranno scoprire i vini di Savoia nell’agglomerazione di Chambéry :

> Hotel : Best Western Alexander Park, Mercure, Château des Comtes de Challes, Hôtel des Princes, Ibis Styles, Ô Pervenches. > Ristoranti : L’Atelier, Le Café Chabert, Evencio, Le Savoyard, Le Sporting, Ô Pervenches. > Cantine / viticoltori : Plaisirs du vin, Domaine Richel Saint-Baldoph. > Partner turistici : 1786 tour opérateur, Savoie Montgolfière, Service Ville d’art et d’histoire de Chambéry, Grand Chambéry Alpes Tourisme. Sito internet e mappa bilingue “ Cœur de Savoie ” con tutti i partner dell’iniziativa : www.coeurdesavoie.fr

Curiosità ! Alpes Flaveurs

Alpes Flaveurs propone prestazioni di enoturismo private in diversi formati. L’obiettivo : associare la scoperta della regione a quella del vino. > ESCURSIONI E DEGUSTAZIONE NEI VIGNETI : dalla montagna alla cantina del vignaiolo. > MEZZI DI TRASPORTO NUMEROSI : Segway, Citroën 2 CV, biciclette elettriche, veicoli tradizionali, limousine, ecc. > DEGUSTAZIONE IN CIMA AGLI ALBERI : alloggiati in confortevoli capanne, i prodotti arrivano in cestini o si degustano una volta scesi dall’albero. > VISITA DEL CASTELLO DI MIOLANS E DEGUSTAZIONE.

• L’incantevole fine settimana « Vignobles & Découvertes » (3° fine settimana di ottobre). www.vignobles.coeurdesavoie.fr 31

67, voie des Abymes, 73800 Les Marches +33 (0)6 72 72 98 42 www.alpes-flaveurs.com


TERRA DI DELIZIE

La Savoia è da diversi secoli una regione in cui si vive bene... e si mangia bene. Grazie alla sua posizione geografica, Chambéry ha beneficiato dell’influenza della Francia, della Svizzera e dell’Italia soprattutto a livello gastronomico. Anche il clima di montagna ha influito molto con ricette ricche ed elaborate. Nel corso del tempo si è affermata una gastronomia ricca e delicata, solida e gustosa. I prodotti provenienti da laghi, montagne, pendii soleggiati e fertili pianure hanno arricchito un’arte rinomata del patrimonio savoiardo.

32


UN PIZZICO DI STORIA I Principi di Savoia, soprannominati “ I guardiani delle Alpi ”, scoprirono alcuni piatti e alimenti molto prima della corte di Francia: il sorbetto grazie a Maria de’ Medici nel XVII secolo, il cioccolato grazie agli spagnoli durante la loro occupazione (1742-1749), le spezie, le patate, ecc. Gli storici che hanno ricostruito la storia della gastronomia savoiarda distinguono tre grandi periodi in cui vennero introdotti le ricette e il savoir-faire che caratterizzano anche i giorni nostri. • Alla fine del Medioevo le ricette a base di patate o polenta di influenza

“ italiana ”, accompagnate da carni salate, divennero molto popolari. Durante le feste c’erano dessert come riso al latte, rissoles (sfogliatine ripiene di composta), bignè e dolci savoiardi. • Nel corso del tempo e fino alla fine del XIX secolo, le ricette divennero sempre più ricche ed elaborate. Le cuoche si ingegnavano a elaborare piatti a base di verdure, gnocchi, soufflé, portate di carne e selvaggina, come i celebri fricandò e civet. Senza dimenticare i dessert e gli entremets come creme, sformati e zabaione.

• Con lo sviluppo del turismo negli Anni ‘50, diverse generazioni di cuochi raffinati che lavoravano nei più grandi alberghi e ristoranti della Savoia hanno cominciato a valorizzare i prodotti del territorio con ricette dolci e salate, dal pane allo zafferano, dai salumi all’anice. Il latte degli alpeggi, i pesci di lago, la selvaggina di montagna vengono declinati in vari modi per soddisfare tutti i palati e consolidare il prestigio della gastronomia savoiarda.

I formaggi I generosi alpeggi della Savoia garantiscono la produzione di formaggi rinomati anche oltre i confini della regione : Beaufort, Bleu de Termignon, Reblochon, Tome des Bauges, Tomme de Savoie, Abondance, Tamié... formaggi dalla qualità riconosciuta grazie all’Appellation d’Origine Protégée (AOP) e all’Identification Pérenne Généralisée (IGP).

UNA DELIZIA PER IL PALATO Grazie ai suoi prodotti locali di qualità, la Savoia è riuscita a preservare il savoir-faire della tradizione valorizzato dal settore agroalimentare savoiardo. Oltre alle aziende rinomate nella preparazione delle specialità locali, Chambéry offre tantissimi prodotti all’insegna della qualità. Analizziamo insieme le delizie per il palato.

Gli affettati e i salumi Artigianali o industriali, gli affettati savoiardi sono rinomati per la loro qualità. Le specialità locali, i diots,

ossia piccole salsicce di maiale, si cucinano su sarmenti di vite e possono essere preparati col vino rosso o bianco di Savoia, accompagnati da crozet (pasta tipica della Savoia), polenta o involtini.

33


bere qualcosa, pranzare, fare uno spuntino... in una sala decorata all’insegna del recupero oppure sulla terrazza tranquilla e soleggiata. 95, rue de Bolliet, 73230 Saint-Alban-Leysse +33 (0)4 79 65 91 90 www.archimalt.fr

BAS (Brasserie Artisanale de Savoie)

Pesce d’acqua dolce e crostacei Grazie al lago del Bourget, è possibile guarnire i nostri piatti con trota (alla valdostana, alla contadina, al Vermut...), lavarello (noto come fera in altri laghi), salmerino alpino... I gamberi (che avrebbero dato il nome alla città di Chambéry) costituiscono un piatto d’eccezione perché ormai rari.

I funghi I funghi porcini, i gallinacci e le spugnole sono presenti in molte ricette locali, come la succulenta croûte aux morilles.

Le birre Sapete che Chambéry e l’agglomerazione urbana comprendono sei birrifici, ossia lo stesso numero che c’era nel Ducato di Savoia nel XIX secolo ?

Archi Malt Questo microbirrificio produce birre artigianali, originali e di qualità. Archi Malt propone una gamma di sei birre permanenti e Brassin temporanei. Sul posto, birreria e piccola ristorazione casereccia, l’ideale per 34

Creato nel 2005, questo birrificio artigianale rinnova la tradizione savoiarda di produzione della birra. M. de Oliveira, l’appassionato birraio, produce la sua birra all’insegna della creatività e del rispetto dei metodi tradizionali. La B.A.S. produce cinque birre : Bionda, Ambrata, Bianca, Scura e la Brassin alle spezie per Natale. 171, chemin de la Liu (Entrepôt) 73000 Sonnaz +33 (0)9 73 64 53 34 http://b-a-s.fr/

Brasserie du Montblanc Birrificio, birreria, ristorante. Numerosi premi internazionali : nel 2013 e nel 2015, la Blanche du Mont-Blanc ha vinto due medaglie d’oro ed è stata eletta come migliore birra bianca del mondo. Nel 2011, 2014 e 2017, la birra rossa del Mont-Blanc è stata eletta come migliore birra ambrata del mondo. Cinque volte campione del mondo ! Grazie a questi riconoscimenti, la Brasserie du Mont-Blanc ha acquisito notorietà anche oltre i confini. 128, avenue René Cassin, 73290 La Motte-Servolex +33 (0)4 79 62 23 99 www.brasserie-montblanc.com

La Montagnarde Il più recente! Questo microbirrificio che si trova sulle cime di Chambéry, più precisamente sui contrafforti del Massiccio delle Bauges, adora giocare con gli ingredienti per elaborare prodotti rari e di qualità. La Montagnarde propone regolarmente Brassin temporanei in base all’ispirazione del momento e produzioni più perma-


nenti come la Nîveôle (bianca), la Dîvîne (bionda), la Brett Framboise (fragole del giardino!) e l’Indigene (malto di Ardèche, il resto è locale).

nenti : l’Apicole (al miele), la Roots (scura), la Tropicale (bionda), la Déversante (rossa), la Grelotte (bianca) e la Godille (bionda).

9, route du Four, 73230 Saint-Jean-d’Arvey fr-fr.facebook.com/lamontagnarde73/

896, rue des Belledonnes, 73490 La Ravoire brasserie-verticale.beer

Vertic’ale Questo birrificio ecosostenibile (es. imballaggi a rendere) è stato creato circa un anno fa. Birre in serie limitate. Questo microbirrificio si trova tra il Granier e il Nivolet e le sue ale savoiarde sono lontane dagli standard della grande distribuzione. Le ale sono tra i principali tipi di birra (insieme alle birre d’abbazia e a quelle bianche). La Brasserie Vertic’Ale, con il suo approccio ecosostenibile, privilegia il canale breve a favore dei negozi in prossimità. Materie prime, acqua, bottiglie, etichette e imballaggi... tutti gli elementi necessari alla produzione sono locali oppure vengono dall’Alvernia-Rodano-Alpi. Fanno eccezione i luppoli, in quanto non ci sono produttori nella regione. Il birrificio propone birre “ temporanee ” in base ai prodotti disponibili e all’umore del momento, nonché sei birre perma-

Brasserie La Baujue Questo microbirrificio locale e indipendente invita a gustare le sue creazioni originali a due passi da Les Aillons, a Lescheraines. La Baujue seleziona ingredienti provenienti dall’agricoltura biologica e locale. La Baujue in cifre : quattro tipi di birre (una bianca, due bionde, una Brassin del momento), 41 punti vendita soprattutto nel Massiccio delle Bauges, 550 litri alla settimana ! ZA La Madeleine, 73340 Lescheraines +33 (0)6 52 18 75 73 www.biere-labaujue.com

35


FOCUS SU TRE SPECIALITÀ TIPICHE DI CHAMBÉRY Il tartufo al cioccolato Festeggia 123 anni ! Il tartufo al cioccolato è nato a... Chambéry dalle mani esperte di Louis Dufour, pasticciere-cioccolataio e prozio di Maurice Opinel, erede dei celebri coltelli. La vigilia di Natale del 1895, l’esaurimento delle scorte di cioccolato fu all’origine di questa creazione, oggi celebre in tutto il mondo. Con gli ingredienti che aveva a disposizione, Louis Dufour realizzò questo dolcetto che chiamò tartufo.

Il gâteau de Savoie Inventato a Chambéry nel 1358, il gateau de Savoie è il dolce delle feste per eccellenza. A quanto pare, fu creato da Pierre de Yenne su richiesta del Conte di Savoia Amedeo VI che riceveva il sovrano Carlo IV del Lussemburgo. Il gateau è composto da tuorli d’uova, zucchero, farina e albumi montati 36

a neve. Nel corso degli anni, la ricetta è stata perfezionata grazie a Massialot nel XVII secolo (incaricato del servizio alla tavola del re e chef per diverse corti) e Menon nel XVIII secolo (scrittore culinario francese ed esperto di gastronomia), acquisendo nuovi aromi (limone, cannella, fiori d’arancio...) e zucchero a velo. Rimane tutt’oggi una golosità ideale per accompagnare il tè.

Il Vermouth di Chambéry Secondo la tradizione, il vermut si diffuse sui due versanti delle Alpi ai tempi del Regno di Piemonte e di Sardegna. Nel 1821 l’azienda DOLIN dichiarò di essere il legittimo inventore del Vermut di Chambéry a base di vini bianchi, piante e spezie, di cui soltanto Joseph Chavasse e pochi dipendenti custodivano il segreto: la storia del Vermut di Chambéry ha inizio. La svolta decisiva per l’impresa : la medaglia d’oro ottenuta dal Vermut-Dolin durante l’esposizione universale di Philadelphia nel 1876 con cui si aprirono le porte del “ nuovo mondo ” offrendo nuovi sbocchi commerciali alla Maison Dolin. All’inizio del secolo scorso, c’era una trentina di produttori di Vermut. Oggi soltanto Dolin e Routin producono il Vermut di Chambéry.


LES TABLES DE L’ALPE UN CLUB DI RISTORATORI CHE VALORIZZA LA GASTRONOMIA ALPINA Il club “ Les Tables de l’Alpe ” nasce nel 2008 riunendo gli chef di Chambéry legati ai valori, alle pratiche, ai prodotti locali e a un savoir-faire antico. L’obiettivo de “ Les Tables de l’Alpe ” è l’associazione della qualità dei prodotti alpini al savoir-faire dei ristoratori di Chambéry.

Oggi riunisce dieci ristoratori rinomati: > L’Atelier Gilles Hérard 59, rue de la République, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 70 62 39

> Le Château des Comtes de Challes Pascal Colliat 73190 Challes-les-Eaux +33 (0)4 79 72 72 72

> Le Bistrot Carla et Sylvain Bailly 6, rue du Théâtre, 73000 Chambéry +33 (0)9 82 32 10 78

> Les Gourmands Disent Antoine Bajard et Stéphane Daval 43, rue de la République, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 33 57 05

> La Brasserie Les Barjots Christian Poulet 688, avenue des Follaz, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 75 27 99 > La Brasserie du Théâtre Thierry Renaudin 14, rue Denfert Rochereau, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 25 56 10 > Le Carré des Sens JB Verjus 32, place Monge, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 65 98 07

> Le Saint André Jérôme Couvert Lac de Saint-André 73800 Les Marches +33 (0)4 79 28 11 71 > Le Savoyard Christophe Flicker 35, place Monge, 73000 Chambéry 04 79 33 36 55 > Maxime Seyes Traiteur +33 (0)6 24 30 56 73

37

Salone Saveurs & Terroirs

Creato nel 1999, in pochi anni è diventato il più grande salone gourmet delle Alpi. Si svolge ogni anno l’ultimo fine settimana di novembre e riunisce produttori, artigiani e viticoltori. Grandi chef stellati della Savoia danno lezioni di cucina, mentre i laboratori culinari sono animati da artigiani e ristoratori. Un appuntamento imperdibile per i gastronomi all’insegna della scoperta di sapori e del savoir-faire. www.saveursetterroirs.com

Ronde Gourmande Ogni anno, nel fine settimana che precede le feste natalizie, i Parchi naturali regionali del Massiccio delle Bauges e della Chartreuse, nonché la Chambre d’Agriculture Savoie Mont Blanc, riuniscono produttori, allevatori e artigiani delle terre della Savoia per una Ronde gourmande al centro dei congressi Le Manège.


LE IMPRESE LOCALI A Chambéry, tradizione e innovazione, artigianato e produzione industriale convivono armoniosamente da tempo e hanno consentito lo sviluppo dell’attività economica e la creazione di posti di lavoro nel territorio.

Alpina Savoie Fondata nel 1844 da Antoine Chiron, l’azienda dedita alla produzione di pasta di semola più antica di Francia è oggi la numero 1 del grano duro biologico, nonché il secondo produttore francese dei mercati della pasta e del couscous. Ogni anno vengono commercializzate 43.000 tonnellate di prodotti e vengono prodotte 15.000 tonnellate della celebre pasta crozet (dal patois “ croé ” che significa “ piccolo ”). Alpina Savoie è uno dei rari produttori di pasta dotato del proprio mulino di grano duro attivo 24 ore su 24, che produce 250 tonnellate di grano duro al giorno. I trentasei tipi di pasta, la semola, il cous-cous e le specialità savoiarde sono commercializzati anche all’estero. www.alpina-savoie.com

Brasserie du Mont-Blanc Nel XIX secolo la Brasserie du Mont-Blanc era uno dei sei birrifici esistenti nel Ducato di Savoia. Con oltre 180 anni di storia e tradizione, il marchio fu acquisito da Sylvain Chiron, figlio dei fondatori di Alpina Savoie, nel 1999 a Chambéry. Il nuovo proprietario ha dato nuovo impulso alla tradizione alpina della birra: produzione tradizionale con l’acqua dei ghiacciai del Monte Bianco, selezione rigorosa di malto speciale,

luppolo fine e savoir-faire acquisito con l’aiuto di monaci belgi produttori di birra. Nel 2013 e nel 2015, la birra bianca del Mont-Blanc ha vinto due medaglie d’oro ed è stata eletta come migliore birra bianca del mondo. Nel 2011, 2014 e 2017, la birra rossa del MontBlanc è stata eletta come migliore birra ambrata del mondo. Cinque volte campione del mondo ! Grazie a questi riconoscimenti, la Brasserie du Mont-Blanc ha acquisito notorietà anche oltre i confini. Presente in oltre venti Paesi, la Brasserie du Mont-Blanc è intenta a sviluppare nuovi prodotti, come la birra “ Bleue ” al mirtillo che è possibile gustare (sempre con moderazione !) nello stesso birrificio e distilleria al numero 128 di avenue René Cassin a La Motte Servolex, accompagnata da un ottimo piatto e dall’atmosfera conviviale ! www.brasserie-montblanc.com/ Ricordiamo che ci sono altri quattro birrifici (artigianali) sul territorio di Grand Chambéry!

Cafés Folliet Maître torréfacteur dal 1880, l’azienda familiare savoiarda è diventata uno dei protagonisti del mercato della ristorazione OOH in Francia. Con diciotto agenzie commerciali su tutto il territorio francese, Cafés Folliet prosegue nella creazione di tesori ingegnosi fornendo servizi e innovazione ai 21.000 professionisti della ristorazione e dell’ospitalità che rifornisce ogni giorno. Nel corso del suo sviluppo, Cafés Folliet ha acquisito oltre venti società tra cui Choky-Tropico nel 2005. Così oggi offre ai professionisti dell’ospitalità e della ris38

torazione una gamma completa di prodotti in aggiunta al caffè. La torrefazione del caffè avviene nel sito della Cassine: l’aroma tostato, molto noto agli abitanti di Chambéry, giunge fino alle profondità del Tunnel des Monts. Da gustare nell’omonimo birrificio, in un antico negozio di gastronomia creato nel 1880 da Claude e Philomène Folliet al numero 6 di place de Genève a Chambéry, oppure potete acquistarlo nel negozio vicino al numero 2 della rue de Maistre ! www.cafes-folliet.com

Cémoi - Coppelia I cioccolatini Coppelia, ideati nel 1919, fanno parte del patrimonio della Savoia. Di proprietà del gruppo industriale CEMOI dal 1987, la storica cioccolateria di Chambéry, al primo posto della fabbricazione di cioccolatini al liquore, è riuscita a sviluppare altri prodotti dolciari e occupa un posto centrale nel sistema della produzione. L’azienda non è un marchio: sviluppa e realizza prodotti per la grande distribuzione e i marchi di distribuzione. Ogni anno produce 7.000 tonnellate di prodotti, tra cui i celebri “ chardons ” (300 tonnellate). www.cemoi.fr

Maison Dolin Joseph Chavasse fondò una liquoristeria-distilleria nel 1815. Sei anni dopo, nel 1821, inventò una nuova ricetta di Vermut a base di vini bianchi, piante e spezie. Le altre specialità della Maison Dolin sono la Chambéryzette, aperitivo a base di Vermut e liquore alla fragola creato nel 1902, nonché il genepì divenuto emblematico


nei massicci alpini con il successo degli sport invernali. Proprio come il suo fondatore, la Maison Dolin è molto creativa e inventa sempre nuove ricette. www.dolin.fr

Opinel Anche il celebre coltello Opinel, ideato nel 1890, rientra nell’ambito culinario. Opinel è uno dei principali marchi della Savoia, una ditta leggendaria di Chambéry che realizzò uno strumento tramandato da una generazione all’altra e da una tasca all’altra: il famoso coltello chiudibile col manico in legno. Un oggetto senza tempo divenuto un nome comune nel dizionario nel 1989, nonché un’icona per i designer, classificato tra i cento oggetti mitici del mondo e incluso nelle collezioni del Museum of Modern Art di New York e del Victoria & Albert Museum di Londra. L’Opinel è cambiato nel corso del tempo, declinato in una gamma moderna e variopinta. Dal 1890 sono stati venduti 300 milioni di coltelli in oltre 70 Paesi. La Piste verte è LA boutique ufficiale Opinel a Chambéry : 172, rue Croix d’Or, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 33 57 31 www.opinel.com

Routin Nel 1883 Philibert Routin fondò la Maison Routin a Chambéry, nel cuore delle Alpi francesi. L’azienda produce e commercializza sciroppi con oltre 300 ricette, dalle più classiche a quelle più originali, nonché alcolici a base di piante delle montagne circostanti, come il celebre Vermut di Chambéry. Routin è il secondo produttore francese di sciroppi e il primo esportatore francese. Questi prodotti sono distribuiti in oltre 80 Paesi in tutto il mondo, sia ai privati che ai professionisti.

Botti Fruits

Catherine Botti, Meilleur Ouvrier de France Primeur (Migliore venditore di primizie di Francia) nel febbraio 2015. Durante la passeggiata al mercato coperto Les Halles, scoprite la bancarella « Botti Fruits ». Catherine Botti è stata insignita del titolo di Meilleur ouvrier de France Primeur nel febbraio del 2015. La sua bancarella è un arcobaleno di colori e sapori. In programma : consigli gastronomici e idee di ricette !

www.routin.com

+33 (0)6 21 82 98 00 catherine.botti@laposte.net

LES HALLES DI CHAMBÉRY

In un’epoca in cui il mercato coperto del centro scompare a vantaggio dei centri commerciali situati in periferia, Les Halles di Chambéry, interamente rinnovate nel 2011, sono il vero e proprio “grembo” della città. I prodotti freschi e di stagione provenienti dalle zone periferiche, dai massicci circostanti come le Bauges e la Chartreuse, nonché dal lago del Bourget, apportano freschezza, colori e sapori sulle bancarelle. Les Halles sono aperte cinque giorni alla settimana. Grazie alla presenza di un mercato in ogni quartiere, tra cui un mercato bio (place du Palais de Justice, il giovedì pomeriggio), è possibile fare la spesa al mercato sei giorni su sette! www.chambery.fr/57-foires-braderies-marches.htm

39


SALUTE E BENESSERE CHALLES-LES-EAUX/ LA REGINA DELLO ZOLFO

LE CURE TERMALI DI CHALLES

La stazione ferroviaria SNCF annuncia per un buon motivo... « Siete arrivati a Chambéry-Challes-les-Eaux ». Infatti le due città sono indissociabili ! Accanto a Chambéry, alle porte dei Parchi naturali regionali del Massiccio delle Bauges e della Chartreuse, a due passi dai vigneti della Combe de Savoie, Challes-les-Eaux accoglie il visitatore nel suo ambiente naturale che invita al benessere.

40

La scoperta della fonte dalle acque più sulfuree d’Europa ha conferito il nome di “Regina dello Zolfo” alla città termale nel XIX secolo, cambiando il destino di questo piccolo comune rurale. Le acque termali di Challes-lesEaux sono uniche e presentano mille virtù e proprietà scientificamente dimostrate e ampiamente riconosciute per le affezioni delle vie respiratorie e i disturbi ginecologici. All’inizio del XX secolo e nell’epoca d’oro del termalismo, la clientela di lusso si recava qui per le cure termali e per svago. Tra questi, celebri artisti e scrittori come Michèle Morgan, Louis Jouvet e André Gide...


Storia delle Terme di Challes Nel 1841, il Dottor Domenget scopre la fonte termale, mettendone in luce le proprietà terapeutiche. Medico militare della famiglia reale di Savoia, Domenget sarà per anni il difensore entusiasta dell’acqua di Challesles-Eaux che verrà soprannominata “Regina dello zolfo”, per via dell’elevato tasso di zolfo presente nella sua composizione, uno dei più forti che si conoscano. Nel 1874 viene costruito un autentico stabilimento termale che sarà successivamente ingrandito nel 1927 e 1939 e che è stato ristrutturato dal suo attuale gestore, la Chaîne Thermale du Soleil.

Un’oasi di salute e benessere

Presso le Terme di Challes, le future mamme, le neomamme e gli sportivi troveranno trattamenti su misura : • « Coccole e relax con il vostro bebè »

Usufruite di trattamenti specifici insieme al vostro bambino in totale complicità, grazie a diversi laboratori che coinvolgono anche i papà: massaggi per neonati, bagno con le bolle per genitori e neonati, seduta di sofrologia per genitori e neonati. Per le mamme: sedute o mini cure “futura mamma” o“neomamma.

• Sempre più energia dopo lo sport !

La captazione delle acque più sulfuree d’Europa si effettua a oltre 100 m di profondità. Il tasso di zolfo conferisce loro proprietà antibatteriche, decongestionanti, cicatrizzanti e antidolorifiche.

Trattamenti completi “Récupération Sportive” (Recupero dopo lo sport) per una sensazione di benessere dopo uno sforzo sportivo intenso o inusuale o una “Mini cure Forme et Rando” (Mini cura forma fisica e trekking) per gli amanti della natura.

Vengono proposte cure termali convenzionate per il trattamento delle affezioni delle vie respiratorie (per grandi e piccini) e dei disturbi ginecologici. Le terme ? Si tratta anche di uno spazio di 150 m² dedicato al benessere, immersi in un ambiente naturale eccezionale dove la natura prende il sopravvento, abbandonandosi alle cure sapienti di un’equipe premurosa di professionisti esperti. Trattamenti per il modellamento del corpo, massaggi rilassanti, trattamenti per il viso e il corpo, impacchi aromatici, mini cura dimagrante, letto idromassaggio multisensoriale, pressoterapia, bagno turco, spazio relax, sala fitness... un programma per prendersi cura di sé senza moderazione!

Thermes de Challes-les-Eaux Avenue des Thermes, 73190 Challes-les-Eaux +33 (0)4 79 71 06 20 www.chainethermale.fr/ challes-les-eaux.html

Per i curiosi

C’era una volta Challes-lesEaux, città termale

Una guida turistica della Fondation Facim vi farà rivivere l’epoca in cui i bagnanti venivano a seguire le cure termali, a divertirsi al casinò e a passeggiare nel parco. Una pausa rigenerante al Château des Comtes de Challes per concludere la visita in bellezza. visite guidate : i martedi 03 /07, 17/07, 31/07, 28/08. per ulteriori informazioni : +33 (0)4 79 60 59 00 41

DAL CALDO AL FREDO LA CRIOTERAPIA Che ne direste di una sessione di 2-3 minuti in una cabina di crioterapia a -110° C ? Da qualche anno la crioterapia, trattamento mediante il freddo, viene impiegata per i suoi effetti analgesici e antinfiammatori su tutto il corpo. Gli sportivi l’hanno sperimentata per primi per la preparazione fisica e per recuperare meglio dopo lo sport.

Consigliata per :

> Le cure (dolori, reumatologia, traumatologia, neurologia, dermatologia...) > Il benessere e l’estetica (stanchezza, ansia, stress, sonno, jet lag...) > Le prestazioni sportive (preparazione fisica, recupero) Il centro di crioterapia di Challesles-Eaux propone la Cryothérapie Corps Entier (total body) per trattamenti antidolorifici, il benessere e l’estetica e, naturalmente, per le esigenze degli sportivi ! 351, avenue des Massettes, 73190 Challes-les-Eaux +33 (0)4 79 36 83 06 www.cryopole.com


TRA LAGHI & MONTAGNE

Chambéry è circondata da laghi e montagne, un luogo ricreativo inesauribile e un’autentica risorsa sia in estate che in inverno ! Un po’ di adrenalina e imprevedibilità per ravvivare il soggiorno, mentre gli amanti della natura possono contemplare i magnifici paesaggi... Vela, canottaggio, canoa-kayak, rafting, pesca, immersioni, sci nautico, wakeboard, stand up paddle, tree climbing, volo con emozioni forti, slitte trainate dai cani, speleologia, trekking, torrentismo, via ferrata, MTB, visita di fattorie, sci... La cosa più difficile ? Scegliere !

I LAGHI I laghi si svelano ai visitatori a soli 10 minuti di auto... Inoltre gli amanti delle due ruote possono raggiungerli dalle vie verdi.

Il lago del Bourget È il lago naturale più grande di Francia, uno spazio naturale unico caratterizzato dalle montagne a

42


picco nelle acque turchesi. Vasto terreno di gioco nautico, il lago propone un gran numero di attività, dalle più rilassanti alle più sportive, per godervi i piaceri dell’acqua ed evadere dalla routine: una cena-crociera romantica lungo le rive selvagge, sensazioni indimenticabili a bordo di un veliero, la visita all’Abbazia di Hautecombe, il piacere di un bagno nell’acqua dalla temperatura di 26°C o la scoperta di Chanaz, soprannominata “La Venezia delle Alpi”.

I PARCHI NATURALI REGIONALI Quando immaginiamo la Savoia, pensiamo innanzitutto alla montagna. Chambéry, situata nella valle, è circondata dalle montagne e si trova ai piedi di due massicci : il Massiccio delle Bauges e il Massiccio della Chartreuse.

Il lago Saint-André Questo lago si trova ai piedi del Mont Granier (una delle falesie più alte della Francia con i suoi 900 m), nel cuore della più ampia zona viticola della Savoia. Un paradiso per la flora e la fauna che conquisterà gli amanti della pesca e offrirà agli escursionisti un luogo tranquillo dove rilassarsi.

Il lago di Aiguebelette La “perla di smeraldo incastonata in una cornice verde”... Nel cuore della zona pedemontana savoiarda, questo lago è caratterizzato da un ecosistema e aree naturali classificate e protette (i motoscafi sono vietati). In estate la temperatura dell’acqua può raggiungere i 28°C... Immergersi nelle acque del lago è davvero piacevole !

Il parco naturale regionale del Massiccio delle Bauges Un’oasi di media montagna nel cuore del Pays de Savoie classificata Geoparco mondiale dell’UNESCO con 54 geositi riconosciuti. Il parco vanta una flora e una fauna notevoli e si distingue per il suo eccezionale patrimonio sotterraneo e acquatico. Tra le sue più grandi ricchezze ci sono: la grotta di Prérouge − porta d’accesso alla rete speleologica più profonda della Savoia e le Gole del Ponte del Diavolo − uno dei luoghi im-

43

prescindibili del torrentismo nella regione Rodano-Alpi. Con il panorama del Monte Revard da un lato e la cascata del Pissieu dall’altro, i paesaggi ammalianti vi conquisteranno. Alcuni siti sono facilmente accessibili, altri necessitano invece di un accompagnamento qualificato o di competenze tecniche particolari.

In estate : lil Parco naturale regionale del Massiccio delle Bauges è il paradiso delle escursioni di trekking, a cavallo o in MTB. Arrampicata, torrentismo, via ferrata, percorso avventura nei boschi, parapendio, tiro con l’arco, slittino e tubing, astronomia e fat bike animeranno il vostro soggiorno!


In inverno : vestito del suo bianco mantello, il Massiccio delle Bauges sarà il teatro delle vostre vacanze. Les Aillons-Margériaz e Savoie Grand Revard sono due stazioni familiari ideali per scoprire gli sport invernali e praticare lo sci nordico e alpino. Le attività proposte sono numerose, per offrirvi un’ampia gamma di sensazioni: racchette da neve (ciaspole), cani da slitta, skijöring, passeggiata a cavallo in autentiche slitte russe o polacche, slittino... www.lesbauges.com La cartella stampa sul Massiccio delle Bauges è disponibile su richiesta !

Il parco naturale regionale della Chartreuse Culla dell’Ordine dei padri certosini (1084), questo parco si estende su 76.700 ettari e 60 comuni di Savoia e Isère. Ospita dei paesini autentici nel cuore di una natura rigogliosa e accessibile a tutti, tutto l’anno. È il massiccio ideale per praticare sport di ogni genere: dal trekking al volo libero

fino ai piaceri della neve. Non solo terra di tradizioni e di esperienza ma anche di prodotti regionali tutti da scoprire, passando di laboratorio in laboratorio, dalle esposizioni ai musei.

Ricordate : il Circo di SaintMême con le sue cascate (piccolo paradiso della Chartreuse), la via sarda, la strada dei savoir-faire e dei siti culturali. Non distante da Chambéry, le valli della Maurienne e della Tarentaise... Il Parco Nazionale della Vanoise per chi ama la natura... Le grandi stazioni sciistiche delle Alpi per chi desidera praticare gli sport da scivolamento ! Tantissimi itinerari per le escursioni! Dai contrafforti delle Bauges a quelli della Chartreuse e dell’Epine, si articolano diversi percorsi che offrono una grande varietà di prospettive! L’escursione più nota è indubbiamente la GR 96 che attraversa le Prealpi del Nord. Gli escursionisti più esperti che decideranno di avventurarvisi potranno persino raggiungere il centro di Chambéry, visto che l’itinerario passa davanti alla stazione ferroviaria !


UNA TRADIZIONE DI SPORT AEREI ! Una cornice da sogno per una sensazione di libertà infinita in volo. Eretta nel 1913, la postazione di atterraggio militare è diventata, nel tempo, l’aerodromo savoiardo più prestigioso e più antico. Questo aerodromo è una delle principali piste di volo a vela in Francia! Attira numerosi piloti stranieri e ospita diverse strutture per la pratica degli sport aerei. Oggi l’aerodromo accoglie diverse strutture che propongono la pratica degli sport aerei : Avenue de Chambéry, 73190 Challes-les-Eaux

CSVVA Les planeurs de Challes Scoprire il piacere di volare! Sorvolando Challes-les-Eaux e il bacino di Chambéry durante il vostro battesimo di volo, incontrerete molte specie di animali (aquile, avvoltoi) e resterete a bocca aperta davanti ai panorami alpini. Battesimi di 30 min o 1 ora (prezzo da € 110 a € 180). È possibile effettuare un Baptême Voltige (Battesimo acrobatico), 15 min, € 180. +33 (0)4 79 72 97 19 www.planeurs-challes.fr

Aéroclub Les amis du CLAP73 La scuola di pilotaggio di Challesles-Eaux. Battesimi dell’aria (€ 100 per 25 min) e voli turistici a richiesta. +33 (0)4 79 72 79 64 http://aeroclub-clap73.org

Aviation RG ULM

La mongolfiera

Scoprirete come effettuare una checklist, controllare un aereo a terra e soprattutto la gioia di tenere la barra di comando di un aereo in volo! Questo volo comprende: una riunione informativa di 30 min. per assimilare le nozioni di aerodinamica, una presentazione dei comandi di volo e dei comandi correlati, le tecniche elementari di pilotaggio, la visita prevolo, un volo a doppi comandi con un istruttore per 30 min. Tariffa: € 150.

Spiccate il volo per ammirare le Alpi all’alba mentre la natura si risveglia. Durata del volo : 1 ora. All’atterraggio, festeggerete il battesimo dell’aeronauta in stile campestre con la consegna di un certificato di volo: il tutto innaffiato da champagne e succo di frutta. Tariffa: € 250 / pers

+33 (0)6 11 01 88 85 www.gooble-air.com

Volo a vela sul Monte Bianco e le Alpi Salirete a motore verso la destinazione di vostra scelta : il Monte Bianco o i due laghi (Bourget e Annecy). A partire da 3.800 m, utilizzerete l’ossigeno. Poi a 5.000 m, arresto del motore... Planerete in silenzio sul magnifico paesaggio: cime innevate, ghiacciai e laghi dai mille colori... Il surf comincia adesso ! +33 (0)6 80 33 66 98 www.airmonie.com

45

500, chemin de Ramée 73190 Saint-Jeoire-Prieuré +33 (0)6 10 26 65 76 www.savoiemontgolfiere.com


EVENTI CHIAVE

CHAMBÉRY, UNA PASSIONE UNICA PER I FESTEGGIAMENTI ! La vita culturale eclettica e intensa di Chambéry è all’insegna della creatività e delle nuove tendenze. La città è molto attiva e la sua programmazione culturale comprende numerosi festival, fiere, saloni, mostre, spettacoli, concerti... per soddisfare i gusti di tutti. Grandi eventi per prolungare il soggiorno e conferire alla città una dimensione accogliente e dinamica. Ecco alcuni eventi imperdibili >>>>

46


Odyssea

la lettura e la letteratura.

Sabato 26 maggio 2018 Ogni anno a maggio

www.festivalpremierroman.com

Vélo Dingo (bici folli) 2 & 3 giugno 2018 Un’ondata rosa investe la città ! In un’atmosfera accogliente e festiva, uomini, donne e bambini indossano la celebre T-shirt rosa per una corsa o una camminata sostenendo il programma di assistenza ai malati e la ricerca sul cancro. Dal 2007, anno della sua creazione, Odyssea Chambéry è la più grande manifestazione sportiva e benefica della Savoia. Grazie all’attività di 250 volontari, riunisce oltre 60.000 persone per una corsa o una camminata, consentendo di raccogliere più di € 500.000 che vengono interamente devoluti alle associazioni oncologiche del posto. www.odyssea.info

Festival del primo romanzo Dal 24 al 27 maggio 2018 Ogni anno a maggio Il Festival del primo romanzo di Chambéry è una manifestazione letteraria organizzata dall’Association Lectures Plurielles. Questo evento unico in Francia consente di scoprire e promuovere i primi romanzi francofoni ed europei coinvolgendo una rete di lettori (più di 3200!). Sono proprio loro a scegliere gli scrittori ospiti del festival. Ventidue scrittori francofoni e stranieri (italiani, tedeschi, spagnoli, inglesi, rumeni e portoghesi) sono invitati per una quattro giorni di scambio con il pubblico durante appuntamenti eterogenei: incontri, dibattiti, laboratori, letture, spettacoli, mostre... Un modo per scoprire nuovi autori e celebrare

Per ulteriori informazioni, consultare la pagina 7

La Festa degli Elefanti Venerdì 6 luglio 2018 Ogni anno a luglio La Festa degli Elefanti è stata ideata nel 2015 in occasione del ritorno dei celebri semi-pachidermi emblematici di Chambéry a seguito del restauro. Oggi è uno dei principali appuntamenti estivi. Animazione per tutto il giorno, parata in serata e video mapping in 3D sulla Fontana degli elefanti per la felicità di grandi e piccini! Un’occasione per ammirare i “4 sans culs” come non li avete mai visti.

Festival delle Culture del Mondo Dal 7 al 14 luglio 2018 Ogni anno a luglio Dal 1966 il Groupe d’Arts & Traditions Populaires La Savoie organizza e promuove il Festival delle

47


Culture del Mondo di Chambéry, che oggi è uno dei grandi festival del sud-est della Francia. Ogni anno è dedicato a un numero che va da sei a otto nazionalità per 8 giorni di spettacoli gratuiti in tutta la città. L’occasione di scoprire le culture del mondo all’insegna di uno spirito d’avventura e di scambio. www.festivalchambery.com

Les « Estivales en Savoie » Dal 4 al 24 luglio 2018 Ogni anno a luglio Da 14 anni, le Estivales celebrano le arti sceniche nel cuore del Castello dei duchi di Savoia, mostrando al pubblico l’anima dei siti più belli della Savoia. Il festival si svolge nella straordinaria cornice della corte d’onore con dieci concerti gratuiti. Nel 2017 il festival ha attirato oltre 21.000 spettatori. In occasione dell’inaugurazione della 15a edizione delle Estivales Vitaa farà soffiare un vento di freschezza nella corte del Castello con il pop urbano e attuale. Sul palco ci sarà J4M con il suo 5° album uscito nel 2017 in cui collabora con Stromae, Jul e Claudio Capéo. www.estivalesensavoie.fr

Le Bel-Air Claviers Festival Dal 12 al 16 settembre 2018 Ogni anno a settembre Un appuntamento imperdibile con i giovani talenti e i grandi solisti internazionali: concerti, masterclass... Due novità per la 7a edizione : > il nuovo direttore artistico, Jean Rondeau, > il Musée des Beaux Arts et Bel Air per l’unione fra museo e musica www.rencontresbelair.com

Festival international de la bande dessinée (fumetti) La 42a edizione del Festival di Chambéry si terrà il 5, 6 e 7 ottobre 2018 Ogni anno a ottobre Il Festival international de la bande dessinée di Chambéry fu ideato nel 1975 su iniziativa di Robert Savoy che all’epoca lavorava in uno studio di disegno. Il festival si svolge a ottobre. È il secondo festival del fumetto più antico di Francia dopo quello di Angoulême. Oggi il festival del fumetto di Chambéry si è affermato in ambito artistico. Infatti gli artisti vi si recano volentieri per la sua atmosfera autentica e conviviale. www.chamberybd.fr

Salone Saveurs & Terroirs Dal 23 al 25 novembre 2018 Ogni anno a novembre Scoprite i prodotti di vari territori della Francia e di altre regioni... e non perdete le animazioni proposte: lezioni di cucina con la partecipazione di grandi chef stellati e Mercotte: la mini fattoria con polli, maiali, capre, pecore... www.saveursetterroirs.com

Festival Internazionale dei Mestieri di Montagna 22-25 novembre 2018 Un appuntamento montano assolutamente imperdibile a Chambéry ! Gli obiettivi: la valorizzazione e la promozione del lavoro in zone di montagna. Questo festival offre 48

la possibilità a chi è interessato ai mestieri di montagna, soprattutto ai giovani, di incontrare i professionisti per vivere momenti di scambio, riflessione e trasferimento di esperienze. Il festival è anche una piattaforma di scambio e risorse per gli stessi professionisti. Convegni, dibattiti e conferenze vengono organizzati in tre villaggi: il villaggio della formazione, il villaggio del lavoro e il villaggio dei professionisti. Inoltre il festival dedica uno “spazio di montagna” agli artigiani e al loro savoir-faire, proponendo tante animazioni per tutta la famiglia. Il festival si svolge ogni due anni a Chambéry (anni pari) e si alterna a una città straniera di montagna. www.metiersmontagne.org

Mercatini di Natale Da fine novembre al 24 dicembre 2018 Il periodo dell’Avvento è un momento magico a Chambéry. Il centro storico pedonale diventa un paesino di chalet tipici della Savoia con una serie di manifestazioni e animazioni per grandi e piccini. Spettacoli, luci scintillanti, concerti del Grand Carillon e la presenza di Babbo Natale vi faranno vivere momenti dolci ed emozionanti che i bambini ricorderanno per tutta la vita...


Les Nuits de la Roulotte Un festival all’aperto nel cuore di Chambéry e in pieno inverno. Il tema centrale dell’evento è la cultura nomade. Un evento dalle mille sfaccettature, dove la musica è l’ingrediente principale.

I PRINCIPALI LUOGHI DI SPETTACOLO Parco eventi le Phare Stagione del Chambéry Savoie Mont Blanc Handball - numerosi spettacoli.

www.lesnuitsdelaroulotte.com

Les Grandes Braderies (la grande svendita)

Programmazione : www.le-phare-chambery-metropole.fr

Espace Malraux Scène Nationale Programmazione : www.espacemalraux-chambery.fr

Espace Jean Blanc Programmazione : www.laravoire.fr

Si svolge due volte l’anno : l’ultimo fine settimana di aprile e di settembre. Uno dei mercati delle pulci più spettacolari e più importanti della regione.

Mercato di antichità Mercato di professionisti, ogni secondo sabato del mese sulla place Saint-Léger, zona pedonale del centro storico.

Pharaonic 16 mars 2019 Pharaonic è il più importante festival di musica elettronica nel cuore delle Alpi! Ogni anno, a marzo, Le Phare (il faro) si trasforma nel tempio della padroni di casa per una sera e ac-

cendono il festival. Pharaonic ha ospitato artisti come Don Diablo, Bob Sinclar, Feder, Martin Solveig,Showtek... www.pharaonic.fr

49


UN NUOVO IMPULSO AL TURISMO D’AFFARI

IL PHARE E IL PARC DES EXPOSITIONS Le Phare e il Parc des Expositions, che ospitano saloni professionali e per tutti, congressi, spettacoli, incontri sportivi e numerose manifestazioni di ampio respiro, sono gestiti da un unico delegato.

50

Circa 13 milioni di euro verranno investiti per ammodernare e ampliare il Parc des Expositions, nonché apportare ulteriori modifiche al Phare. Con l’intero rifacimento delle hall, la creazione di una nuova hall di 1.500 m² provvista di una tribuna retrattile di 600 posti, l’installazione di numerosi schermi


giganti, la rete in fibra ottica per una copertura wifi a banda larga performante e il rinverdimento degli spazi esterni, Chambéry possiede un parco eventi 3.0. La condivisione di due impianti offre una superficie coperta totale di 16.000 m² e una superficie esterna di 20.000 m², numerosi spazi ricettivi e la possibilità di accogliere fino a 3500 persone in seduta plenaria.

Obiettivi : Più spettacoli, più incontri sportivi e appuntamenti economici. Potenziare l’attrattiva degli eventi di questo sito e conquistare i grandi congressi nazionali e internazionali.

UN’OFFERTA COMPLEMENTARE E VARIEGATA PER SODDISFARE QUALSIASI ESIGENZA Il centro dei congressi Le Manège è situato in centro, in un vecchio maneggio del 1845, e offre una cornice funzionale e accogliente nonché la possibilità di ospitare tutti i partecipanti a pochi minuti a piedi. L’anfiteatro di 400 posti con sedili in legno e velluto e la grande sala di ristorazione con parquet e travi a vista sono molto apprezzati dai partecipanti. Per organizzare un seminario, una convention o una cena di gala in una cornice prestigiosa, a Chambéry troverete anche quattro castelli e dimore eleganti nel cuore di magnifici parchi: il Château de Candie, il Domaine des Saints Pères, il Château des Comtes de

Challes e il Château de Servolex. Infine, se cercate una cornice più contemporanea, ci sono diversi alberghi provvisti di sale dall’atmosfera variegata e accogliente, proprio come il Grenier inaugurato di recente alla Maison Rouge.

Contatti

Polo commerciale Gruppi e turismo d’affari Florence Fournier

800, avenue du Grand Arietaz, 73000 Chambéry +33 (0)4 79 79 09 17 - +33 (0)6 30 32 58 37 / f.fournier@grandchamberyalpes-tourisme.com 51


ALCUNI DATI L’Ufficio del Turismo di Chambéry, uno dei più antichi di Francia (1896), ha cambiato dimensioni. Dal 1° maggio 2017, in virtù della legge NOTRe relativa alla nuova organizzazione territoriale della Repubblica, è diventato Grand Chambéry Alpes Tourisme. Oltre alle ricchezze della Città d’arte e di storia, l’Ufficio del Turismo ha inglobato un’incantevole località termale, Challesles-Eaux, e un sublime Parco naturale regionale con il Massiccio delle Bauges. Un territorio che unisce città e montagna e che propone scoperte culturali, conoscenza del savoir-faire locale, attività nella natura e benessere !

Grand Chambéry in cifre

Il turismo in cifre

- 38 comuni, 136.805 abitanti

Accoglienza e informazione, promozione, comunicazione, commercializzazione... L’Ufficio del Turismo dispone di un’equipe dinamica composta da 23 dipendenti assunti a tempo indeterminato e si impegna molto, in collaborazione con diversi partner, per ottimizzare l’affluenza in questa magnifica destinazione.

- 1 città d’arte e di storia, Chambéry, 60.000 abitanti - 1 stazione termale e benessere, Challes-les-Eaux - 1 Parco naturale regionale: il Massiccio delle Bauges - 1 sito insignito del titolo “Geoparco” mondiale dell’UNESCO - 2 stazioni di sport invernali : Les AillonsMargériaz, Savoie Grand Revard - 4 comuni ai piedi della Chartreuse - Altitudine: da 241 metri a 2.217 metri (l’Arcalod)

5 punti di informazione turistica • 2 a Chambéry « Cultura e Patrimonio » e « Sapori e Natura », • 1 a Challes-les-Eaux, • 1 a Aillon-le-Jeune • 1 a Châtelard

Visite guidate nell’ambito del marchio “ art et histoire ” • 4 guide turistiche abilitate • 524 visite per i privati/anno per un totale di 8.681 visitatori accolti • 251 visite per i gruppi/anno per un totale di 7.814 visitatori accolti • 25.000 posti letto turistici (di cui circa 9.000 negli esercizi ricettivi) • 1,3 milioni di pernottamenti turistici stimati • 83 milioni di euro di consumi turistici stimati

Fonte : indagine sulle tendenze del turismo locale, CRT Auvergne Rhône Alpes, Savoie Mont-Blanc Tourisme

52


Una posizione geografica ideale Prossimità - 2 ore e 50 da Parigi (TGV) - 1 ora da Lione, da Ginevra e dalla frontiera italiana

- 2 ore e 20 da Torino, 3 ore e 30 da Milano

Montagne - A due passi dalle più importanti stazioni sciistiche delle Alpi francesi - Porta del Parco Nazionale della Vanoise, collegato con il Gran Paradiso - Porta dei Parchi naturali regionali del Massiccio delle Bauges e della Chartreuse

Laghi - A 10 minuti dal lago del Bourget, il più grande lago naturale di Francia - A 15 minuti dal lago di Aiguebelette, con una natura perfettamente conservata - Tutti i piaceri acquatici grazie a una temperatura che può raggiungere i 28°C

Come arrivare In auto A Chambéry si arriva mediante le autostrade seguenti : A43 Lyon, A6 Paris, A41 Nord Genève, A7 Marseille.

Distanza dalle città principali Parigi Lione Grenoble Chamonix Marsiglia Torino Gineva

567 km [5 ore e 10] 109 km [1 ora] 57 km [35 minuti] 140 km [1 ora e 40] 331 km [3 ore e 45] 220 km [2 ore e 20] 85 km [1 ora]

In treno TGV / Collegamenti quotidiani con Parigi (2 ore e 50; 7 viaggi diretti all’andata - 6 viaggi diretti al ritorno/giorno), Torino e Milano (3 andata/ritorno) TER / Numerosi collegamenti www.sncf.com www.ter-sncf.com/rhone_alpes

In autobus Numerosi collegamenti in Francia e all’estero. Stazione degli autobus Square Paul Vidal Parc du Verney +33 (0)4 79 69 11 88

In aereo Aeroporto Chambéry Savoie Mont-Blanc (8 km) 73420 Le Viviers du Lac +33 (0)4 79 54 49 54 www.chambery-airport.com

Aeroporto Lyon-St Exupéry (75 km) 0 826 800 826 (chiamata a tariffa maggiorata) www.lyon.aeroport.fr

Aeroporto di Ginevra (85 km) +41 22 717 71 05 www.gva.ch / Accueil France +41 22 717 82 77 53

Grand Chambéry Alpes Tourisme, 5 bis, place du Palais de Justice, 73000 Chambéry, Francia / Maggio 2018 Direzione della pubblicazione : Xavier Dullin Crediti fotografici : ©ART PRISM, ©Challenge Cyclo’Tour Rotor, ©C. Baudet, ©C. Haas, ©Chambéry - Didier Gourbin, ©Chambéry - E. Tamborra, ©Chambéry - G. Garofolin, ©Chambéry - Laurent Madelon, ©Chambéry Milla, Photographie, ©Chambéry - Nicolas Favrichon, ©Chambéry - Pierre Huchette, ©Chambéry - Pierre Morel, ©Chambéry - Romain Fontaine, ©Corentin Mossieux Chaîne Thermale du Soleil, ©David Jarriand, ©Espace 3D, ©G. Cottet, ©Grand Chambéry Alpes Tourisme, ©Jean-Pierre Teste Photographe, ©Julie Chavaribeyre, ©Les Aillons Margeriaz - Peignée Verticale T. Nalet, ©Madame Vacances - Château de Candie - ART PRISM, ©Massif des Bauges, ©Massif des Bauges - C. Haas, ©minicel73, ©Office de tourisme de Challes-les-Eaux, ©OT Pays du Lac d’Aiguebelette Henri De Caevel, ©OT Pays du Lac d’Aiguebelette - Pascal Lebeau, ©OT Pays du Lac d’Aiguebelette - Vertes Sensations, ©P. Lebeau, ©Pascal Gaudin, ©PNRMB. Cornillon, ©Restaurant - La Maniguette, ©Saint-Pierre de Curtille - G. Lansard, ©Savoie Grand Revard - Peignée Verticale T. Nalet, ©Savoie Loisirs - D. Planche, ©Tomfry, ©Uolir, ©vouvraysan, ©Guillaume Rouault/Chambéry Métropole, ©Domaine des Saints-Pères, ©Chambéry Savoie Mont-Blanc Handball, ©Grand Chambéry. I testi della cartella stampa 2018 sono stati redatti da Grand Chambéry Alpes Tourisme.


CONTACTS PRESSE GRAND CHAMBÉRY ALPES TOURISME Gérard CHARPIN Responsabile Stampa - +33 (0)6 19 22 08 34 g.charpin@grandchamberyalpes-tourisme.com Virginie DUPÉ Vicedirettrice - +33 (0)6 13 30 79 39 v.dupe@grandchamberyalpes-tourisme.com

Profile for Grand Chambéry Alpes Tourisme

Cartella stampa Grande Chambery 2018  

Ecco la cartella stampa di Grand Chambéry Alpes Tourisme che presenta la destinazione Chambéry, Challes les Eaux e dintorni.

Cartella stampa Grande Chambery 2018  

Ecco la cartella stampa di Grand Chambéry Alpes Tourisme che presenta la destinazione Chambéry, Challes les Eaux e dintorni.

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded