Page 1

PIZZINATO E VENEZIA


PIZZINATO E VENEZIA a cura di CA SIMIRO DI CRESCENZO

Bugno Art Gallery S. Marco 1996/D 30124 Venezia tel. 041 5231305 fax 041 5230360 info@bugnoartgallery.it www.bugnoartgallery.it

Fotografie Matteo De Fina Progetto grafico Marco Vidali

Bugno Art Gallery


Autoritratto, 1938 olio su compensato, cm. 33,8 x 29

Il Ghetto, 1932 matita su carta, cm. 14 x 18,3

PIZZINATO E VENEZIA

Venezia è anche Campo Manin dove Pizzinato, in Liberazione di Venezia, 1952 ambienta la celebrazione della vittoria della Resistenza sul Fascismo,

Pizzinato ricorda che vide per la prima volta Vene-

implicitamente legando questo periodo storico con

zia da bambino quando suo padre lo portò con sé

i moti risorgimentali, indagati, due anni dopo, in un

durante un viaggio per affari. Meraviglioso fu per lui

altro quadro, La difesa di Venezia. Sempre Venezia è

scoprire il mare, il Canal Grande e questa città gli

presente ed è racchiusa nella magia dei dipinti poe-

apparve fantastica in confronto alla piccola Maniago

ticamente intitolati “Dal Giardino di Zaira” in ricordo

in Friuli, dove era nato il 7 ottobre 1910. La storia

della moglie scomparsa, poiché questo luogo priva-

che lega Armando Pizzinato a Venezia è lunga e in-

to e nascosto, quintessenza della natura più intima

tensa, intessuta di relazioni, avvenimenti, incontri,

di Venezia, ne ripropone la fluida energia e atmosfe-

fatti e momenti che progressivamente saldano la

ra. Non a caso, la stessa alchimia dei blu e dei verdi

vita dell’artista con la città che lo accolse nel 1930,

esplode con le vedute dedicate alla città degli anni

giovane studente dell’Accademia di Belle Arti. Vene-

settanta, dove gli edifici semplificati e ridotti a forme

zia è un aspetto importante dell’opera di Armando:

geometriche vibrano nella sintesi operata dall’artista

la si ritrova, pervasa di malinconia, nelle vedute di

e nelle linee di forza che sottolineano la composi-

gusto espressionista precedenti la seconda guer-

zione e ne aumentano l’energia. Lo stesso tema del

ra mondiale; nelle composizioni del Fronte Nuovo,

volo dei Gabbiani che, secondo l’artista, trova la sua

invece, è rappresentata dinamica ed industriale e

origine nel 1967 nel porto di Odessa, con le sue infi-

un linguaggio audace celebra una diversa, moder-

nite variazioni, salda in una sola immagine, come un

na visione della realtà. I suoi quadri illustrano nuovi

battito d’ali, l’anima libera dell’artista e l’atmosfera

angoli della città e, rivestiti di colori scintillanti, si ri-

fuggevole della città. Ed è questa simbiosi catartica

conoscono lo squero di San Trovaso, i cantieri della

che aumenta il fascino delle sue ultime composizio-

Giudecca, i moli e le industrie di Porto Marghera.

ni, il preludio del quarto tempo, annunciatore di una

Anche nel periodo della sua adesione al realismo,

rinnovata ricerca dove mondo interiore e realtà este-

Pizzinato reinterpreta il concetto di paesaggio e Ve-

riore convivono e si compenetrano creando nuove

nezia compare come solenne sfondo al duro lavoro

sinfonie di luce e di colore.

dei pescatori o degli scaricatori di carbone e sale.






Pizzinato e Zaira sul ponte dell’Accademia, 1948 Pizzinato nel suo studio con Zaira e Patrizia, sullo sfondo Bracciante ucciso, 1949

Il Ghetto, piccolo disegno a matita del 1932, ci ripor-

l’altro fratello, vuole un posto sicuro, magari statale,

L’arrivo a Venezia a vent’anni rappresentò quindi il

alla fabbrica di Ceramiche Galvani come disegnato-

ta all’inizio di questo viaggio e all’incontro con Giulio

che garantisca uno stipendio fisso. Pizzinato, inve-

coronamento di un sogno a lungo accarezzato e

re progettista, esperienza che, però, si conclude in

Turcato, il primo studente e artista con cui strinse

ce, decide di entrare nella bottega d’arte di Tibur-

ostinatamente coltivato. Ha la fortuna di avere come

fretta, in sei mesi, non trovando nei suoi superiori

amicizia all’Accademia. Avevano le stesse idee po-

zio Donadon, un pittore-decoratore di successo,

maestro Virgilio Guidi, insegnante e artista da lui

quel clima di collaborazione che si attendeva. Que-

litiche e gli stessi interessi nella pittura, discutevano

dove, rapidamente notato per la sua abilità tra gli

apprezzato e ammirato, e al quale serberà ricono-

sto è un momento difficile per Pizzinato, un periodo

appassionatamente di arte e di poesia, di Picasso,

altri garzoni, iniziò a lavorare nello studio personale

scenza e affetto per tutta la vita. La passione rive-

di sbandamento, ma che riesce a superare vincendo

Matisse e Mallarmé. Rifiutavano la tradizione difesa

del maestro, apprendendo le prime regole del me-

lata dalle conversazioni con Turcato è alimentata

nel 1936 la borsa di studio Marangoni che gli per-

dai pittori lagunari; desideravano, invece, raffigurare

stiere. Purtroppo, il lavoro d’apprendista non era re-

dall’entusiasmo di poter finalmente essere artista.

mette di vivere per tre anni a Roma. Nella capitale

non la Venezia turistica, ma quella delle persone nor-

tribuito e dopo otto mesi di duro lavoro, Donadon

Pizzinato approfitta di tutte le possibilità che Venezia

conosce Mafai, Guttuso, Cagli e Modotto, si interes-

mali che vi abitano e vi lavorano. Queste lunghe, ani-

lo ricompensò con due lire arrecando una profonda

gli offre. Visita la Biennale nell’estate del 1930 rima-

sa all’opera di Scipione ed è influenzato dall’espres-

mate discussioni avevano fatto loro scoprire angoli

umiliazione ad Armando che, cedendo alle insistenti

nendo profondamente colpito dalla retrospettiva su

sionismo della scuola romana. Soprattutto si lega

di Castello, Cannaregio, della Giudecca e arrivare

pressioni della madre, fu costretto ad abbandonare

Modigliani. Si impegna con passione nella pittura,

con una forte amicizia a Guttuso che lo ospita per gli

fino al campo del Ghetto dove Pizzinato dipinse una

la bottega e a entrare in una banca, prima come fat-

sebbene di questo periodo, conservi un solo qua-

ultimi due anni nel suo studio di Piazza Melozzo da

tela, di cui si sono perse le tracce. Questo disegno

torino e poi come impiegato, lavoro che conserverà

dro, Modella, del 1932. Inizia a esporre alle collettive

Forlì. La frequentazione degli ambienti antifascisti

ed un altro sono gli unici ricordi di questo momento.

per quattro anni. È in questo ambiente di lavoro che

della Bevilacqua La Masa. Passa molto tempo alla

radicalizza la sua posizione politica e l’avversione al

Le conversazioni sull’arte con Turcato evidenziano

incontra due amici che gli fanno conoscere le idee

Biblioteca Querini Stampalia e all’Archivio storico

Fascismo si fa sempre più netta e decisa. Lo scop-

la passione per il dipingere che lo aveva animato da

socialiste, il poeta Romano Pascutto e Francesco

della Biennale, all’epoca ospitato in Palazzo Ducale,

pio della seconda guerra mondiale, lo costringe ad

sempre. Fin da piccolo aveva sentito con forza il de-

Maddalena. Così Pizzinato, con l’ingenuità e l’ardo-

a leggere e studiare le riviste d’arte straniere e italiani.

abbandonare Roma. Deve ritornare a Pordenone e

siderio di essere pittore e creò i primi disegni all’età

re dell’adolescenza, inizia a formarsi una coscienza

Altri incontri avvengono e nuove amicizie si creano:

lasciare l’insegnamento di Ornato e Pittura, ottenuto

di dieci anni. L’attività del padre Giovanni Battista,

politica, ma la passione per l’arte rimane viva. Co-

Viani, Afro, e poi i suoi fratelli Mirko e Dino. Gli anni

con l’aiuto di Argan, presso la Scuola d’Arte di Mari-

proprietario di un noto caffè nel centro di Maniago,

mincia a interessarsi alla storia dell’arte antica e mo-

dell’Accademia passano in fretta, anche se vissuti

no Laziale, cittadina vicino a Roma.

aveva protetto l’infanzia di Pizzinato, anche durante

derna. In questo periodo inizia a collezionare i fasci-

da “studente povero” come si è spesso definito e nel

la prima guerra mondiale, sebbene la famiglia fosse

coli a uscita settimanale delle Vite di Vasari, volumi

1934 deve ritornare a Pordenone dove si ripropone,

Il 1940 è il ritorno a Venezia, un ritorno definitivo in

stata obbligata a sfollare a Firenze quando, dopo

che conserverà per tutta la vita. Compra anche una

di nuovo, l’identica situazione familiare di tensione

quanto non abbandonerà più la città. Il suo primo

Caporetto, le truppe austriache avevano occupato

cassetta di colori e inizia a dipingere paesaggi dal

e di conflitto. Pizzinato è in bilico tra i suoi desideri

indirizzo è Calle di Mezzo 4969, vicino al Ponte dei

la città. Anche se bambino, Pizzinato aveva avver-

vero nella campagna intorno a Pordenone. Il diret-

di realizzazione artistica e le pressioni della madre

Bareteri, dove affitta una stanza presso la famiglia

tito le tensioni sociali del dopoguerra e le violenze

tore della banca, scoperta questa sua passione, lo

che cerca per lui un impiego fisso, sicuro. Pensa di

Satin. L’insegnamento di Mosaico e Interpretazione

legate all’avvento del Fascismo, ma il grande trauma

incoraggia e gli fa dare lezioni di disegno dal pittore

aver risolto il problema, riuscendo ad avere un posto

presso l’Accademia delle Belle Arti gli permette di

fu il suicidio del padre, che a causa di un dissesto

Pio Rossi, il primo artista che ha creduto nelle capa-

finanziario si tolse la vita, a 46 anni, il 1 ottobre del

cità di Pizzinato. Nel 1930, migliorate le condizioni

1922, gettandosi in acqua alla Dogana, il porto flu-

economiche della famiglia, Pizzinato decide di ab-

viale di Pordenone. Il trauma per tutta la famiglia fu

bandonare il lavoro in banca e s’iscrive all’Accade-

enorme, lasciava una giovane moglie con due figli

mia di Belle Arti di Venezia.

ancora in tenera età, ma lo shock fu ancora più forte per Armando che pochi giorni dopo, il 7 ottobre avrebbe compiuto 12 anni. Un capitolo della sua vita si chiudeva improvvisamente e con violenza; un anno dopo la famiglia lascia Maniago e si installa a Pordenone in una grande casa dove sua madre, Andremonda, affitta qualche stanza e si improvvisa cuoca per riuscire a mantenere la famiglia. Terminati gli studi regolari a quattordici anni, Andremonda impone a Pizzinato di trovare un lavoro. Lui vorrebbe seguire la sua vocazione d’artista. Sua madre vuole che come primogenito Armando sia di esempio per






Nello studio di Pizzinato a Venezia. Tra gli altri Vedova, Massimo Rendina, Santomaso ed Emanuelli, 1947

Pizzinato nel suo studio di Venezia, 1947

avere un stipendio regolare, di tranquillizzare sua

scritta da Virgilio Guidi e nel dicembre dello stesso

smo di stati d’animo” e per questo rapidamente ri-

lotta partigiana, abbandona i pennelli e smette di di-

madre e di pianificare la sua carriera. Infatti, a Vene-

anno ha una personale a Venezia alla Galleria del

pudiato - che insiste sulla deformazione delle linee,

pingere. Iscrittosi al Partito Comunista clandestino,

zia, al contrario di altre città italiane, la vita artistica

Cavallino di Carlo Cardazzo. Sempre a Venezia, in-

l’accentuazione del ritmo e la liberazione del colore

col nome di battaglia Stefano fa parte della Brigata

continua malgrado la guerra; per esempio l’ultima

contra nel 1941 Zaira Candiani di cui si innamorerà

dall’influenza dell’oggetto. In Lo Squero, un disegno

Biancotto. Diventa il responsabile della stampa e

Biennale prima della sospensione è del 1942 e le

ben presto e dalla quale avrà una figlia, Patrizia, nel-

a carboncino, il tratto libero e veloce accentua la di-

propaganda della provincia di Venezia; in un primo

collettive della Bevilacqua La Masa si svolsero rego-

l’agosto del 1943. Trova uno studio nelle adiacenze

namicità della composizione, mentre nella tempe-

tempo mette a disposizione il suo studio di pittore,

larmente fino al 1944. Essere protetta dalle distru-

di Campo Sant’Agnese e il nuovo indirizzo di casa,

ra I Gondolieri sono i colori che creano la fastosità

poi per ragioni di maggior sicurezza, allestisce una

zioni causate dal conflitto, garantiva un’effervescen-

poco distante, è un appartamento al terzo piano in

della composizione e il bianco esalta lo scintillio dei

stamperia clandestina, il Buco Stampa, all’ultimo

za culturale che solo l’approssimarsi della fine della

Calle dei Frati, 942. Dall’altana si vede la chiesa dei

ferri delle gondole. In Barche alle Zattere, invece, il

piano del palazzo in cui abita in una soffitta cieca e

guerra con le inevitabili restrizioni riuscirono ad arre-

Gesuati e lo squero di San Trovaso, soggetto che

limpido disegno ad inchiostro con pochi, essenziali

ben nascosta sotto l’altana. È arrestato dai fascisti

stare. Nel 1940, Pizzinato è premiato a Roma alla IX

subito dipinge e che lo ispirerà più volte negli anni

tratti ricrea la scena osservata dall’artista dalla fon-

della Brigata Nera di Mestre il 2 gennaio del 1945;

Mostra del Sindacato Interprovinciale Fascista Belle

a seguire.

damenta delle Zattere, un luogo questo che ritrove-

la sua casa è perquisita, ma la stamperia, fortunata-

remo spesso nella sua opera felicemente declinato

mente, non è scoperta. Trascorre in prigionia gli ulti-

in sempre nuove variazioni.

mi mesi di guerra, in attesa di processo, e il 25 aprile

Arti del Lazio, mentre nello stesso anno il dipinto Composizione di figure riceve un premio acquisto

A Venezia, si muove a suo agio nell’ambiente arti-

d’incoraggiamento del Ministero dell’Educazione

stico. Ha ritrovato il suo maestro Virgilio Guidi, è in

Nazionale al II Premio Bergamo ed entra così a far

contatto con Cesetti e riallacciato i rapporti con la

I tragici fatti legati all’otto settembre 1943 irrompono

degli interrogatori. Complice il caos generale, riesce

parte della collezione della Galleria d’Arte Moderna

giovane avanguardia: i fratelli Basaldella, Viani, De

nella quotidianità della vita di Pizzinato, interrom-

a uscire indisturbato e a riguadagnare la libertà.

di Roma. Nel 1941, l’artista organizza la sua prima

Luigi, Santomaso e Vedova. La sua pittura, che a

pendo i suoi progetti. La mostra al Milione di Milano

mostra personale alle Botteghe d’Arte in Piazza San

Roma era influenzata da una ricerca tonale, risente

prima e quella al Cavallino di Venezia poi lo avevano

Inizia così un periodo per Pizzinato segnato da gran-

Marco a Venezia; i venti dipinti esposti riscuotono un

ora dell’influsso della tradizione europea, soprattut-

imposto all’attenzione generale; era stato invitato

di speranze e forti ardori, un momento magico, pie-

grande successo di pubblico, di critica e di vendita.

to francese. Guarda alla scuola post-impressionista,

a partecipare alla Biennale del 1944, edizione che,

no di entusiasmi. Riprende a dipingere con slancio

Nel 1942 partecipa al IV Premio Bergamo, nel 1943

s’ispira alla lezione di Picasso e studia la ricerca sul

però, fu annullata. Tutto fa pensare che ben presto

e nasce una grande intesa con Emilio Vedova, arti-

espone alla Galleria del Milione di Milano insieme a

colore di Matisse. Nel 1943, si rafforza l’interesse

il suo valore artistico sarebbe stato riconosciuto a

sta e partigiano di nove anni più giovane, col qua-

Luciano Gaspari con una presentazione in catalogo

per l’espressionismo - da lui definito “impressioni-

livello nazionale. Tuttavia, nell’autunno del 1943, col

le sperimenta nuove soluzioni e cerca nuovi motivi

formarsi di gruppi uniti nella Resistenza, Pizzinato

d’ispirazione nelle fabbriche di Marghera, nei can-

sente che deve lottare in prima persona contro il Fa-

tieri della Giudecca, tra le case di Burano. Entrambi

scismo; non è un sentimento motivato dall’odio, è

sono alla ricerca di un nuovo linguaggio capace di

vissuto come una cosa giusta da farsi, e in questo

rendere la nuova realtà che si sta costruendo. Pizzi-

aveva il sostegno della moglie Zaira. Nella disciplina

nato è convinto che con la caduta del fascismo, con

e nella responsabilità della vita clandestina si rico-

le distruzioni causate dal conflitto, la vecchia società

nosce come uomo e inevitabilmente, aderendo alla

borghese sia destinata a scomparire. La lotta intra-



lo sorprende in Questura dove era stato portato per




Squero, 1943 carboncino su carta. cm. 21,2 x 26,5

Gondolieri, 1943 tempera su carta, cm. 20,6 x 29,5 Barche alle Zattere, 1943 inchiostro su carta, cm. 19,4 x 24,6

presa dalla Resistenza antifascista deve continuare

protagonista alla vita culturale della città. Frequenta

nell’impegno civile per una società più giusta, libe-

attivamente la sezione in Campo San Barnaba, di-

ra e democratica. Nel 1946 nella Galleria de l’Arco

segna vignette politiche per il quotidiano “La Voce

alle Prigioni - un’associazione culturale di giovani

del Popolo” e manifesti di propaganda elettorale.

di sinistra interessati al teatro, poesia, musica, arti

Ricopre incarichi delicati come la presidenza della

figurative - Pizzinato e Vedova inaugurano, con un

Commissione di epurazione per le Accademie e gli

enorme successo, la loro mostra in comune sulla

istituti d’Arte. Il Comune di Venezia lo nomina suo

Resistenza, costituita da pannelli che con grandi

rappresentante nella Commissione per l’assegna-

tempere ne illustrano la storia. Sempre in quest’an-

zione delle Mostre personali e collettive dell’Opera

no prende in affitto la casa alla Salute, in Calle dello

Bevilacqua La Masa. Costituisce a Venezia un’As-

Squero, 33, che diventerà la sua abitazione definiti-

sociazione autonoma sindacale degli artisti, pittori

va. In uno slancio, utopistico ma comprensibile se si

e scultori. Si batte per la presenza di rappresentanti

pensa all’entusiasmo scatenato da quella stagione

degli artisti nelle maggiori Istituzioni quali la Biennale

politica irripetibile, segnata dal referendum Repub-

di Venezia, la Triveneta di Padova, la Triennale di Mi-

blica e Monarchia del 2 giugno e dalle prime elezio-

lano e la Quadriennale di Roma.

ni democratiche, Pizzinato ha scelto di stare dalla parte dei lavoratori e del partito che li rappresenta.

Contemporaneamente, cerca in pittura un linguag-

La sua è una forte militanza politica che lo porta a

gio capace di rappresentare la nuova realtà che si

ricoprire anche incarichi ufficiali e a partecipare da

sta formando, un linguaggio che possa dare forma

10

11


Squero di San Trovaso, 1947 olio su tela, cm. 45 x 55,5

e vita ai nuovi contenuti. La sua adesione al Fronte

La partecipazione alla Biennale del 1948 segna il

Nuovo delle Arti, movimento che ebbe inizio nel-

momento più alto della vicenda in comune del Fron-

l’ottobre del 1946, trovò il suo culmine alla Bienna-

te, considerato la grande novità del panorama ita-

le del 1948 per concludersi il 3 marzo del 1950, si

liano. Alla soddisfazione generale per l’ottenuto ri-

basava su una comunanza etica e morale, più che

conoscimento, anche in campo internazionale, per

su un’estetica, da tutti condivisa. Si deve all’abile

Pizzinato si aggiunse una gratificazione personale

mediazione di Marchiori, critico del gruppo, la ca-

rappresentata dall’acquisto della tela Primo maggio

pacità di riunire personalità artistiche così diverse

da parte della collezionista americana Peggy Gug-

che, comunque, avevano in comune la posizione

genheim, la cui collezione esposta nel Padiglione

antifascista e l’orientamento politico. La posizione

greco fu l’altra grande attrattiva di quell’edizione.

ufficiale del Fronte non era per un’arte astratta o

Tuttavia, un dubbio rimane in Pizzinato: Peggy Gug-

anti-astratta, ma impegnava gli artisti a unire le pro-

genheim ha comprato il quadro perché le piace, lo

prie ricerche per un’arte nuova, per un nuovo modo

trova originale e interessante nelle forme, ma sem-

di vedere la realtà. Il manifesto del gruppo termina

bra del tutto indifferente ai suoi contenuti politici e

con queste parole: “Pittura e scultura, divenute così

sociali. Primo maggio è idealmente dedicato alle lot-

strumento di dichiarazione e di libera esplorazione

te dell’uomo per la sua emancipazione e per il suo

nel mondo, aumenteranno sempre più la frequenza

avvenire. Ma se il contenuto fosse stato più eviden-

con la realtà. L’arte non è il volto convenzionale della

te, più esplicito, come si sarebbe comportata? La ri-

storia, ma la storia stessa, che degli uomini non può

sposta la ebbe due anni dopo, sempre alla Biennale,

fare a meno”. Gli artisti del Fronte, superati i vecchi

quando osservando Un fantasma percorre l’Europa

formalismi, rivendicavano la libertà di espressione

Peggy Guggenheim gli disse con garbo che faceva

e la necessità di un’arte ispirata ai temi della vita,

troppe figure. Un modo educato per dirgli che non

alla realtà dell’uomo moderno. Per Pizzinato, e per

era interessata al suo lavoro realista. Per Pizzinato,

molti artisti del Fronte, il primo passo da compiere

invece, l’arte non deve rivolgersi a un’élite raffinata,

era ripartire da zero, fare tabula rasa del passato

a un pubblico di privilegiati, ma indirizzarsi a tutti gli

per costruire un’arte nuova per una nuova società.

uomini e servire a creare una società di uomini liberi.

Pizzinato ritiene di aver già studiato la lezione dei

Già nel suo testo Gli artisti chiedono pareti da di-

movimenti europei. Impressionismo, espressioni-

pingere pubblicato in “L’Unità” afferma che la nuova

smo, cubismo sono stati utili per denunciare la crisi

realtà storica in corso vede l’avanzata delle classi

dell’uomo moderno, ma sono strumenti di indagine

lavoratrici. Come i Papa e i Re hanno saputo inco-

inadatti per raffigurare la dinamicità di una società in

raggiare e promuovere artisti che hanno interpretato

piena evoluzione. Per questi motivi Pizzinato è parti-

la loro storia, nello stesso modo il Partito Comunista

colarmente affascinato dalla lezione dei costruttivisti

deve creare occasioni di lavoro per gli artisti, dan-

russi, e si sente più vicino alla poesia di Majakowsky

do loro muri da dipingere e statue da scolpire per

che non al futurismo di Boccioni. Per esempio, i suoi

raccontare la nuova storia che vede protagonista

dipinti esposti alla Biennale del 1948, I difensori del-

la classe dei lavoratori. Alla luce di quanto detto,

le fabbriche, Cantieri, Canale della Giudecca, Primo

la posizione artistica di Pizzinato appare più chiara

maggio, partono sempre dalla realtà, riproponendo-

quando nell’autunno di quell’anno un breve articolo

ne una sintesi dinamico-costruttivista. La forma non

di commento alla mostra d’arte organizzata a Bolo-

cede il passo ad una gestualità istintiva, ma è elabo-

gna dall’Alleanza della Cultura apparso anonimo su

rata con rigore, strutturalmente meditata e l’uso del

“Rinascita” provocò la feroce polemica tra Astrat-

colore ne accentua la carica espressiva, assumen-

tisti e Realisti. Una polemica molto violenta anche

do un forte valore simbolico.

perché Togliatti, fu considerato l’autore di questo testo che conteneva in nome del “buon senso comune” una pesante quanto rozza e semplicistica

12

13


Barche [1952] matita su carta, cm. 12,6 x 15,3

critica all’arte non figurativa. Sull’onda delle discus-

nella società civile a difesa della nuova realtà sociale

pa, connota in sé l’idea della lotta che ogni uomo è

a presentarne solo cinque, tre dipinti sono dedicati

sioni sulla posizione da tenere in vista della ormai

rappresentata dal proletariato, operai e contadini.

disposto a combattere per affermare i propri diritti.

al tema del lavoro. In Falciatori affronta un tema che

prossima partecipazione alla Biennale del 1950, lo

Con orgoglio, espone queste idee alla Biennale del

L’artista per aumentare la dinamicità della scena, ri-

sente difficile per lui e del quale trova pochi modelli

scontro divampò anche tra gli artisti componen-

1950 con Un Fantasma percorre l’Europa, quadro

duce volutamente l’inquadratura ad un primo piano;

in pittura, mentre abbondano immagini nelle riviste

ti il Fronte Nuovo. Due punti di vista, radicalmente

che celebra i cento anni del Manifesto di Marx. Il

infatti, taglia una ruota del carro e il piccone in mano

sovietiche inneggianti ai successi dell’economia so-

opposti, si fronteggiavano: uno più politico vedeva

fantasma vola alto nel cielo salutato da contadini e

al secondo uomo sullo sfondo, mentre, a destra la

cialista e nei libri di fotografia. In Guardafili si ritrova

uniti Guttuso e Pizzinato nell’adesione al Realismo

operai in festa e, portatore di un simbolico di vitto-

presenza di un terzo protagonista è semplicemente

in chiave realista l’immagine dei due operai al lavo-

per affermare i contenuti della nuova realtà sociale

ria, la sua immagine riprende, ma rovesciata, quel-

suggerita dallo strumento di lavoro sospeso in aria.

ro arrampicati sul palo già elaborata in precedenza,

e uno di difesa delle esperienze astratte invocato da

la del contadino che giace per terra nel Bracciante

In questo modo, Pizzinato coinvolge lo spettatore

mentre con Scaricatori di sale cerca di introdurre

tutti gli altri componenti. Santomaso non accettava

ucciso del 1949. Ai due lati del Fantasma, come un

affidandogli il compito di completare mentalmente la

una nuova visione del paesaggio, scaturita da una

la messa al bando da parte del Partito dei movimen-

trittico inneggiante ai lavoratori, erano esposte due

scena da lui immaginata, riunendone tutti i dettagli e

personale ricerca fotografica. Questa è una Venezia

ti europei, riconoscendone, al contrario, gli apporti

tele: Terra, non guerra, a favore delle lotte agrarie

sviluppandone il racconto.

affrontata per la prima volta; gli operai, che lavorano

positivi nella formulazione di un nuovo linguaggio.

dei braccianti contro lo sfruttamento dei latifondisti

Pizzinato ama fotografare strade e case di Venezia

su una barca in riva alle Zattere, sono i personaggi

La posizione di Vedova, più libertaria, rifiutava l’idea

e I difensori delle fabbriche, rappresentazione del

e fissare negli scatti scene di vita quotidiana; la fo-

principali e naturalmente sono ritratti in primo piano;

stessa che il Partito indicasse agli artisti la via da se-

mondo industriale, il cui titolo rimanda alle lotte degli

tografia diventa in questo modo un suo personalis-

tuttavia, sullo sfondo, in maniera inedita e sorpren-

guire. L’inconciliabilità tra le due fazioni, determinò la

operai che salvarono le fabbriche di Marghera dalla

simo strumento di indagine. Spesso i protagonisti

dente, la città lagunare si trasforma in un magnifico

scissione, provocando il definitivo scioglimento del

distruzione tedesca.

sono gli operai al lavoro nei cantieri stradali, scal-

fondale con l’ampio arco del Bacino, l’isola di San

pellini muratori, o scaricatori di carbone e di sale al

Giorgio e la Giudecca.

L’estetica realista di Pizzinato segue un indirizzo pre-

lavoro sulle barche accostate alla riva. La dura fati-

Le altre due tele affrontano, invece, temi storici; uno,

ciso e rigoroso. Pizzinato, lontano da un pensiero

ca dell’operaio è riproposta anche in veloci schizzi

di stretta attualità, denuncia la fucilazione di Belo-

Come abbiamo visto, l’interesse di Pizzinato è sem-

idealista, cerca l’ispirazione nella realtà concreta e si

dove studia le diverse posizioni o immagina le com-

yannis, l’eroe comunista greco, e pone l’attenzione

pre stato rivolto alla realtà; all’indomani della Libera-

rivolge ad un pubblico che rappresenta una precisa

posizioni migliori per sviluppare un racconto credi-

sulla minaccia sempre attuale del pericolo fascista.

zione, intesa come vitalistico slancio di riappropria-

realtà sociale, i lavoratori. Quindi, il suo linguaggio

bile, ricco di contenuti. Nella Biennale del 1952, cui

Pizzinato tratta questo tema in modo nuovo; volendo

zione della propria libertà e, in questo senso, l’ade-

artistico deve essere comprensibile a questo nuovo

era stato invitato con nove opere, ma dove riuscirà

rappresentare quello che Beloyannis vide per l’ulti-

sione al Fronte nuovo rappresentava il superamento

pubblico, e saperne interpretare gli ideali e i valori.

di una esperienza individuale; ora invece, la fede

Progressivamente, la pittura di Pizzinato si spoglia

politica spinge Pizzinato a spogliarsi delle contrad-

di ogni connotazione astratta e alla ricerca di una

dizioni di una educazione borghese per diventare

obiettività rigorosa, si libera di contenuti poetici,

“un’intellettuale organico” nell’accezione formulata

facilmente trasformabili nell’espressione di un indi-

da Gramsci. L’adesione al Realismo italiano, quindi,

vidualismo decadente. Il cinema neorealista e la fo-

è vissuta da Pizzinato come la conclusione logica di

tografia danno un aiuto nella formulazione di questa

un cammino coerente verso un umanesimo sociali-

via originale al Realismo socialista. Ispirato dall’effi-

sta. Questo percorso trova ampia corrispondenza

cacia rappresentativa di un’inquadratura ben scelta,

nella linea ideologica del Partito che, nel periodo

dall’importanza del singolo fotogramma magnificato

della guerra fredda, si impone come dominante. Si

dalle scelte operate in fase di montaggio, Pizzinato

assiste quindi ad una progressiva svalutazione e al

costruisce con sapienza le proprie composizioni,

rifiuto delle conquiste dell’arte europea, per esaltare

spesso i protagonisti sembrano immobili, come se

al contrario “un’arte nazional-popolare”, presto iden-

la scena fosse stata colta in un istante. Spesse linee

tificata nella “tradizione italiana”, che quindi è indica-

contornano le figure per bloccarne la posizione ed

ta con sempre maggiore insistenza come la sola via

aumentare la solennità della rappresentazione. In

per il realismo socialista. L’Umanesimo marxista affi-

Terra, non guerra, l’artista ha scelto di rappresenta-

da all’intellettuale il compito di “andare verso il popo-

re al centro della tela il lavoratore nell’atto di picco-

lo”. La sua azione culturale, di impegno politico e di

nare la terra; gesto che esprime il desiderio di ogni

lotta ideale, è la continuazione della battaglia iniziata

uomo di poter vivere in pace col frutto del proprio

con la Resistenza che prosegue ora con l’impegno

lavoro; ma il piccone, più di una vanga o una zap-

Fronte sancito in una riunione al ristorante all’Angelo il 3 marzo 1950.

14

15


Treno sul Ponte della Ferrovia, 1953 olio su tela, cm. 27 x 46 Ponte della ferrovia, Venezia

ma volta, mette lo spettatore al suo posto. In una

un gusto personale e originale. Tuttavia quello che

notte buia, un ufficiale comanda il plotone di esecu-

la fotografia ha catturato di questo fabbricato indu-

zione, formato da quattro soldati coi Thompson mi-

striale a fianco del ponte è trasformato dall’artista in

nacciosamente puntati in avanti, in un cortile di una

un prezioso gioco cromatico, intriso di luce, di linee

caserma, alla luce dei fari degli automezzi. In alto si

orizzontali, che rafforzano la massa nera del treno

intravede il Partenone, L’altro dipinto rappresenta la

contrapposta al bianco avorio dell’edificio.

Liberazione di Venezia, ed esalta il mito della Resistenza su cui si fonda la Costituzione della Repub-

Dopo il 1954 e fino al 1966 Pizzinato non è più invi-

blica italiana. Il 25 aprile 1945 fu per Pizzinato anche

tato alla Biennale. I primi due anni lo vedono impe-

il giorno della ritrovata libertà, dopo quattro mesi di

gnato nella realizzazione degli affreschi per la Sala

carcere fascista. La scena di questo quadro ha di

Consiliare del Palazzo della Provincia di Parma, la

nuovo il sapore di un fotogramma bloccato. Men-

committenza più importante ricevuta in questo pe-

tre i partigiani avanzano vittoriosi, i tedeschi sconfitti

riodo e sicuramente l’esito più alto della sua adesio-

alzano le mani in segno di resa, le armi gettate a

ne al Realismo. Purtroppo, nell’anno in cui si celebrò

terra. Sul ponte nello sfondo altri uomini sventolano

il compimento del suo lavoro e fu inaugurata con

un tricolore e una bandiera rossa. Non a caso, Pizzi-

grande successo la sala, la Commissione culturale

nato sceglie di ambientare questa scena nel campo

del Partito Comunista decretò la fine del movimento

intitolato a Daniele Manin, eroico difensore dell’indi-

realista, decidendo di considerare conclusa questa

pendenza di Venezia, con l’evidente scopo di unire

esperienza e di lasciare a ciascun artista la libertà

i nuovi valori resistenziali con quelli sempre attuali

di esprimersi seguendo la propria ricerca. Per Piz-

espressi dai moti risorgimentali per l’Unità italiana.

zinato, che aveva sempre creduto nel Partito, fu un

Gli stessi temi sono espressi anche nella parteci-

duro colpo che però non lo spezzò. Preferì isolarsi e

pazione alla Biennale del 1954: l’eroico sacrificio

lavorare in solitudine, continuando con ostinazione

degli uomini rappresentato in Difesa di Venezia, di-

ad essere fedele a se stesso e ai suoi principi, come

pinto che ricorda il feroce assedio degli austriaci del

si può vedere, per esempio, in Pescatori, quadro di-

1848, rivive nei volti dei protagonisti di Fucilazione

pinto nel 1959, dove con il lavoro in laguna, motivo

di patrioti, italiani di ogni condizione e classe - si ri-

questo legato a Venezia, si esalta un mestiere il cui

conosce il contadino, l’operaio in tuta, l’intellettuale

risultato è data da uno sforzo corale. L’importante

in camicia e l’anziana donna, laica mater dolorosa

retrospettiva organizzata alla Bevilacqua La Masa

- tutte vittime innocenti della ferocia fascista. Gli

nel 1962 è il giusto riconoscimento che la città di Ve-

altri dipinti ripropongono motivi di una Venezia mi-

nezia dedica a un artista ormai pienamente inserito

nore come Ponte della Ferrovia o scene reali tratte

nella vita culturale della città. Nella nota pubblicata

dall’osservazione diretta come Ragazzo in barca o

in catalogo Pizzinato cerca con molta onestà critica

Operaio sull’impalcatura. Come si può osservare nel

di fare il punto della sua vicenda artistica, spiegan-

cartone preparatorio di quest’ultimo dipinto, la posa

do il suo percorso dagli anni giovanili al periodo del

del protagonista ricalca quella dell’operaio fotogra-

Fronte fino al momento attuale del Realismo. La sua

fato a Venezia da Pizzinato, ma l’artista ha voluto

ricerca, spiega, si è sempre rivolta alla realtà ma con

aggiungere alla composizione questa visione dall’al-

un linguaggio che fosse chiaramente comprensibile

to di un’isola lagunare, forse Murano, che se da una

a tutti. Pur ammettendo iniziali errori da parte dei

parte risulta convincente nella resa realistica delle

realisti, pur constatando che la confusione è grande

case, così sospese tra il mare e il cielo, dall’altra

e che molte sono le strade per arrivare a una soluzio-

idealizza efficacemente il lavoro dell’operaio. Anche

ne, resta ancora convinto che il movimento realista

per il dipinto Treno sul Ponte della Ferrovia si ha la

fosse il giusto cammino da percorrere. Purtroppo,

prova di una documentazione fotografica da parte

durò troppo poco, solo cinque anni, per permette-

dell’artista che ricerca a Venezia nuovi spunti con

re ai suoi componenti di correggere le impostazioni

16

17


Operaio al lavoro, Venezia

Operaio sull’impalcatura, 1954 olio su cartoncino incollato su compensato, cm. 98,5 x 69

sbagliate e di superare gli errori. Dal canto suo non

Clari nella vita di Pizzinato segna un cambiamento

vuole seguire le mode e conclude il suo scritto con

in positivo di grande importanza; Pizzinato si sente

la speranza di avere la forza di continuare a percor-

trascinato dalla vitalità e dalla prorompente perso-

rerla. Frase questa, simile a una preghiera, che fa

nalità di Clari e nel suo testo per la mostra al Correr

comprendere quanti dubbi abbiano agitato l’animo

non esita a renderle omaggio definendo il periodo

dell’artista. Tuttavia fu un evento imprevisto, più che

che stanno vivendo insieme tra i più fortunati e feli-

le riflessioni sul suo lavoro esposto in mostra, a co-

ci. Pizzinato divide con Clari l’emozione del grande

stringerlo a riconsiderare radicalmente il suo modo

riconoscimento internazionale delle mostre a Mosca

di dipingere. Nel dicembre di quell’anno, l’improvvi-

e a San Pietroburgo (all’epoca Leningrado) nel 1967

sa morte di Zaira lo getta in una profonda dispera-

e a Berlino e a Dresda nel 1968. Clari diventa la sua

zione che gli impedisce di dipingere. È un momento

musa ispiratrice ritratta numerose volte in dipinti e

di grande crisi. Abbattuto da un dolore immenso,

disegni fino alle grandi composizioni con figure del

aggrappato a una concezione troppo radicale della

1972 e 1974 che rendono omaggio a Matisse. Assie-

realtà, è incapace di toccare i pennelli, di raccontare

me a lei ha scoperto nel viaggio in Russia i fortunati

sulla tela la scomparsa di Zaira. Provvidenziale fu

motivi dei gabbiani e delle betulle, declinati in sem-

l’intervento di Mazzariol, critico d’arte e suo grande

pre nuove e differenti variazioni. Tra le serie più felici

amico, che recatosi nella sua abitazione per invitarlo

sono i quadri dedicati a Venezia, in genere vedute di

a partecipare alla Mostra di Pittura di La Spezia, di

angoli minori della città, sovente legate ai suoi per-

fronte alla paralisi creativa di Pizzinato, gli suggerì

corsi quotidiani. Una Venezia personale, elaborata

di iniziare dipingere gli alberi del giardino di casa,

razionalmente, e alla quale è sempre più intimamen-

un piccolo spazio dove, all’ombra di una enorme

te legato. Pizzinato la ricerca sia con sue fotografie,

magnolia, si era formata una vegetazione del tut-

sia anche collezionando cartoline turistiche. Definita

to spontanea e casuale, con un fico e delle palme,

la scena, le architetture sono sintetizzate in forme

circondata da un glicine color lilla e bianco. Fu un consiglio prezioso dal quale nacque la bellissima serie, profondamente ispirata, “Dal giardino di Zaira” che fu accolta con favore a La Spezia, esposta alla personale della Galleria Gianferrari, alla Fondazione Querini nel 1964 e, con una sala personale presentata da Mazzariol, alla XXXIII Biennale nel 1966. Con queste opere, Pizzinato non abbandona la realtà, ma ne amplifica gli orizzonti, con una lettura più libera e lirica del paesaggio. Il Giardino di Zaira diventa un luogo magico, espressione anche della città che lo circonda e che lo inonda della sua luce e ne amplifica le ombre. Pizzinato ritrova la felicità del dipingere e questa forma di neo-naturalismo gli fa riscoprire la bellezza di un soggetto in continua trasformazione, sottoposto come è al cambio delle stagioni, alle mutevoli condizioni climatiche, al trascorrere delle ore.

A questa nuova serenità spirituale contribuisce anche la presenza di Clari, che, conosciuta nel febbraio del 1966 diventerà la sua seconda moglie. L’arrivo di

18

19


Pescatori, 1961 olio su compensato, cm. 132 x 90

Pescatori [1956-57] matita su carta, cm. 15,7 x 9,7 Pescatore [1956-57] matita su carta, cm. 13,1 x 20,9

solide geometriche, le linee di forza ne colgono la di-

mente con la sua storia vissuta. Né poteva esser al-

namicità e ne sottolineano lo spazio con vibranti ed

trimenti quando a introduzione del catalogo e della

energici segni. Sebbene le struttura architettoniche

mostra Pizzinato pone una poesia di Zanzotto che

siano sempre articolate in maniera precisa, il colore

ama molto, La contrada, poema che lo ispira fino a

riesce a riproporne la sottile atmosfera della città e

diventare una sorta di manifesto personale. Pizzina-

la sua caratteristica luminosità. Tra i suoi soggetti

to ha sempre cercato di comprendere e di difende-

preferiti si riconosce la riva delle Zattere con i suoi

re la “Zauberkraft “ raccontata da Zanzotto, questa

pontili e barconi ormeggiati. Spesso sullo sfondo

“forza magica” di un luogo che ne racchiude la verità

si staglia il Redentore, immagine questa riproposta

e la bellezza. E il seme racchiuso in questa poesia,

numerose volte fino ad arrivare progressivamente al

lentamente, nel corso degli anni cresce e si sviluppa

limite dell’astrazione, diventando la composizione

nella mente dell’artista, diventando nel 1992 il libro

un pretesto per uno studio sulla luce e sul colore.

Poffabro luogo magico, bellissima testimonianza au-

Si ritrovano anche il campo di San Vio che si af-

tobiografica di amore verso la propria terra natale,

faccia sul Canal Grande vicino al Cantinone Storico,

finalmente considerata a pieno titolo la terra-madre.

locale a cui era affezionato fin dai tempi della guer-

Riconoscendo la forza magica di un luogo nel quale

ra; lo squero e la Chiesa di San Trovaso, immagine

si è cresciuti, si ammette l’importanza delle radici

questa tra le più amate; il ponte dopo la Toletta; il

che hanno plasmato la nostra storia e nutrito il no-

Campo San Barnaba e la riva su cui si affacciava la

stro carattere. La forza magica è soprattutto amore

sua sezione di partito; il mercato di Rialto, la Scuola

verso la nostra terra, che, quindi, non può essere

Grande di San Marco con il rio della Misericordia e

altro che amore verso la propria vita. Già nel 1981

molti altri ancora .

la Zauberkraft evocata da Zanzotto spinge Pizzinato a scrivere un testo sul Gazzettino, una pressante

20

La mostra al Correr del 1981, a 71 anni, segna il

richiesta di aiuto diretta alla Soprintendenza in dife-

definitivo successo di Pizzinato, e finalmente

sa del chiostro adiacente alla chiesa della Madon-

Pizzinato rivendica la conquista di quella sere-

na dell’Orto e a protezione del campo del Ghetto,

nità d’animo a lungo cercata e si riconcilia piena-

due luoghi di Venezia da lui molto amati, ma il primo

21


Marzo, 1965 olio su tela, cm. 68 x 49

22

Piante, 1963 matita e pastello su carta, cm. 35 x 25

23


Pizzinato e Clari al Lido di Venezia, 1966

Clari, 1970 olio su tela, cm. 38,5 x 26,5

minacciato da un vergognoso degrado provocato

purissimo equilibrio di luce e colori. La pennellata si

dall’incuria dell’uomo, il secondo invece indifeso da

fa più rada, il colore tesse gli accordi, anima i con-

restauri irrispettosi del luogo. L’artista chiede che

trasti, fa vibrare le forme e la tecnica delle velatura

venga rispettato il senso e il significato di questo

costruisce lo spazio. Sono composizioni astratte di

luogo, che ha accolto per secoli gli Ebrei e ne ha

assoluta libertà, dove la realtà esteriore convive con

visto le sofferenze, senza che restauri improvvisa-

il suo mondo interiore.

ti ne tradiscano o peggio distruggano l’intima sua

volta il suo messaggio d’artista a difesa dell’uomo,

natura. Non a caso, il campo del Ghetto, come un

della sua dignità e della sua libertà.

per affermare ancora una

cerchio che si conclude, ci riporta all’inizio di questo testo, al disegno del 1932 e alle passeggiate e

Casimiro Di Crescenzo

alle conversazioni di Pizzinato con Turcato. L’ultimo periodo di Pizzinato si conclude sotto il segno della Zauberkraft. Riconciliato al suo Friuli, al suo paese natale, Pizzinato riconosce anche la forza magica di Venezia e il nutrimento spirituale ricevuto. Pizzinato affronta con energia il suo ultimo ciclo di pitture, definito da Mazzariol, “Preludio per un quarto tempo”. Elabora grandi geometrie che rispondono a un rigoroso ordine interno dove ogni elemento riposa su un

24

25


Gabbiani [s.d.] olio su tela, cm. 100 x 70

26

Venezia, 1970 olio su tela, cm. 41 x 51

27


Canale della Giudecca, 1980 gessetti su carta grigia, cm. 24 x 29,6 Volo di gabbiani, 1980 matita su carta, cm. 48,3 x 34,3

28

Venezia (Punta della Dogana e Salute) [c. 1971] olio su tela, cm. 80 x 140 Punta della dogana, Venezia

29


Studio per Due ponti, 1972 matita su carta, cm. 23,3 x 34,6

San Barnaba, s.d. [anni 70] olio su tela, cm. 50 x 70

Rio della Toletta, Venezia

30

31


Senza titolo, [s.d.] tecnica mista su carta, cm. 42 x 52

Venezia, [s.d.] olio su tela, cm. 50 x 70

Barconi alle Zattere, sullo sfondo la Chiesa del Redentore, Venezia

32

33


Studi, 1970 penna e inchiostro su carta, cm. 28,1 x 24,1

Venezia, [s.d.] olio su tela, cm. 50 x 70

Gabbiani, s.d. pennarelli su carta, cm. 32,2 x 23,9

34

35


Rio e squero di San Trovaso, Venezia

36

Ponte a San Trovaso, s.d. olio su tela, cm. 40,5 x 70

37


Canale veneziano, [1972 ca.] olio su tela, cm. 52 x 62

38

Venezia (Paesaggio lagunare), s.d. olio su tela, cm. 43 x 56,3

39


Campo San Trovaso, Venezia

40

Ponte a San Trovaso, s.d. olio su tela, cm. 30 x 40

41


[Composizione], s.d. [1980 ca.] olio su tela, cm 70 x 50

42

Forma spaziale, 1983 tempera su carta intelata, cm. 58 x 43,5

43


Gabbiani, 1971 olio su tela, cm. 80 x 60

44

45


Pizzinato alla Fondazione Levi in occasione del suo novantesimo compleanno, 2000 foto Elio Montanari

CENNI BIOGRAFICI

ta la Borsa Marangoni a Udine, è a Roma dove fre-

nel febbraio del 1966 con Clari, che diventerà la sua

quenta il gruppo della Cometa: Mafai, Cagli, Mirko,

seconda moglie, nuova modella per una ricca serie

Capogrossi e poi Guttuso. Lo scoppio del conflitto

di ritratti e figure, e feconda musa ispiratrice di for-

Armando Pizzinato nasce il 7 ottobre 2010 a Mania-

bellico lo riporta nel 1940 a Venezia che è diventata

tunati motivi, tra i quali la serie di dipinti “I Gabbiani”,

go (PN) dove suo padre, Giovanni Battista, che ave-

la sua città di adozione. Qui, per molti anni, è do-

“Le Betulle”, “Le Venezia”. Oltre alla partecipazio-

va sposato il 12 gennaio di quell’anno Andremonda

cente all’Accademia di Belle Arti e al Liceo Artistico

ne alle edizioni della Biennale di Venezia del 1948,

Astolfo, è proprietario del noto Caffè dell’Unità Ita-

di Venezia. Nel 1941 incontra Zaira Candiani che più

1950, 1952, 1954 e 1966, ricordiamo, tra la mostre

liana, posto all’angolo di Piazza Maggiore, attuale

tardi diventerà sua moglie e dalla quale, nell’agosto

più significative, quella alla Bevilacqua La Masa del

Piazza Italia. Fin da bambino sviluppa una passione

del 1943, avrà un’unica figlia, Patrizia. Nell’autunno

1962, le grandi mostre a Mosca e a Leningrado nel

per il disegno. Una dolorosa sciagura lo sorprende,

del 1943 fino al 1945 interrompe l’attività di pittore

1967 e a Berlino e Dresda nel 1968, la retrospetti-

quando il 1 ottobre 1922, suo padre si suicida per

e partecipa attivamente alla Resistenza; arrestato

va a Pordenone del 1970, e quella al Museo Cor-

dissesti finanziari, gettandosi in acqua alla Dogana,

dai fascisti il 2 gennaio 1945, è imprigionato a Santa

rer del 1981 che rappresentò la sua consacrazione

il porto fluviale di Pordenone.

Maria Maggiore fino al 25 aprile, giorno della Libera-

definitiva. Pizzinato non si ferma qui, ma la ricerca

Nell’ottobre del 1923 con la famiglia si trasferisce a

zione. Riprende a dipingere e nel 1946 è fra i promo-

di nuovi orizzonti, il raggiungimento di una piena li-

Pordenone. Dopo saltuari lavori, migliorate le condi-

tori del Fronte Nuovo delle Arti, il primo movimento

bertà interiore, lo spingono verso traguardi maggio-

zioni di vita, può iscriversi nel 1930 all’Accademia di

artistico italiano dopo la caduta del Fascismo, uffi-

ri. Inizia così quello che sarà l’ultimo ciclo della sua

Venezia, sotto l’insegnamento di Virgilio Guidi. Prime

cialmente riconosciuto nella Biennale del 1948. La

pittura, con critica intelligenza definito da Mazzariol

amicizie artistiche con Turcato e Afro. Nel 1936, vin-

polemica tra astrattisti e realisti segna la fine del

il “Preludio per un quarto tempo”. Grandi dipinti por-

Fronte nel marzo del 1950; Pizzinato aderisce, in-

tatori di una nuova astrazione costruita su rigorose

sieme a Guttuso, al movimento del Realismo italiano

geometrie. Pubblica il libro Poffabro luogo magico,

nelle cui sale esporrà alla XXV Biennale dello stes-

dedicato alla sua terra natale, dove mescola ricor-

so anno. Nel 1953 si aggiudica il concorso, bandi-

di autobiografici alla denuncia costruttiva contro la

to dall’Amministrazione Provinciale di Parma, per la

speculazione edilizia, la distruzione del paesaggio

decorazione della Sala Consigliare. Questo ciclo di

e restauri architettonici dissennati. Un alto monito

affreschi, che lo impegna fino al 1956, è l’esperienza

a difesa del rispetto dei luoghi e della loro memo-

fondamentale di questi anni. Su invito di Pizzinato,

ria. Ormai anziano, ha il tempo di occuparsi della

Carlo Scarpa si occupa dell’arredamento e della si-

grande retrospettiva che si tiene alla Villa Manin di

stemazione delle pareti. Fedele alla rappresentazio-

Passariano nel 1996. Per lui, l’ultima occasione di

ne della nuova realtà sociale, proletaria e contadina,

vedere riuniti insieme i suoi dipinti sparsi in Italia e

rappresentata politicamente dal Partito Comunista,

nel mondo in importanti istituzioni pubbliche e nu-

rimane legato al movimento realista fino al 1962,

merose collezioni private. L’artista muore all’età di 93

molti anni dopo la brutale sconfessione operata dal-

anni il 17 aprile del 2004. Le sue ceneri riposano nel

la Commissione culturale del Partito nel 1956; da

Cimitero di San Michele a Venezia.

questa data Pizzinato visse in una forzata solitudine accettata con rassegnato stoicismo. Fu l’improvvisa morte della moglie Zaira nel dicembre del 1962 a provocare una profonda crisi artistica e l’esaurirsi dell’esperienza realistica. Il fecondo dialogo con Mazzariol lo porta già nel marzo del 1963 al periodo neonaturalistico, iniziato dalla felice serie “dal giardino di Zaira”, e con la quale giunge ad una piena libertà espressiva utilizzando forme sia dinamiche, sia astratte o figurative ma sempre fedele ad una visione costruttiva della realtà. A questa rinnovata felicità nell’arte non è estranea, nella vita, l’incontro

46

47


Armando Pizzinato - Pizzinato e Venezia  

PIZZINATO E VENEZIA Bugno Art Gallery Bugno Art Gallery S. Marco 1996/D 30124 Venezia tel. 041 5231305 fax 041 5230360 info@bugnoartgallery....

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you