Page 1

€ 3,00SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N°46) ART. 1 COMMA 1. DCB BRESCIA LE COPIE DISTRIBUITE PRESSO I LOCALI PUBBLICI E AGLI SPONSOR SONO COPIE OMaGGIO

gennaio DUEMILAsedici


Finanziamenti personalizzati, sale corsi per aggiornamento continuo dei medici e del personale, protocolli d’igiene e sterilizzazione molto rigidi, garanzie su impianti, manufatti protesici ed otturazioni.

• Implantologia tradizionale, computer-assistita e a carico immediato (quando possibile) • Chirurgia orale (compresi ottavi inclusi e chirurgia preimplantare) • Chirurgia parodontale • Protesi fissa e mobile, conservativa • Endodonzia • Gnatologia • Posturologia • Ortodonzia fissa, mobile ed invisibile • Odontoiatria infantile • Igiene e prevenzione • Sbiancamenti professionali con lampada • Laserterapia • Trattamento estetico tessuti peri-orali • Sedazione cosciente • Laboratorio interno per le riparazioni

STUDIO DENTISTICO DR. AMEDEO ZIRILLI Via Garibaldi, 50 - 25086 Rezzato (BS) Tel. 030.2792590


Chiudi alcune porte. non per orgoglio, ma perchĂŠ non sono piĂš adatte alla tua vita. - Paulo Coelho -


MANUELA PRESTINI: Correspon lances premonitore di sventure?

A

bbiamo appena dato il benvenuto al 2016, ma non tutti sono a conoscenza che l’anno appena iniziato è bisestile. Cosa vuol dire? Quali sono le credenze popolari ad esso legate, è vero che porta male come qualcuno sostiene? Andiamo a curiosare un po’ sul passato dell’anno bisestile che secondo il detto sarebbe “anno bisesto, anno funesto”. L’anno bisestile non è altro che un anno solare nel quale avviene un’intercalazione periodica di un giorno aggiuntivo. Questo accorgimento è stato introdotto sia nel calendario Giuliano che Gregoriano, per evitare che le stagioni slittino. Infatti, ogni quadriennio si andrebbe ad accumulare un giorno di ritardo in più. Per correggere questo slittamento, si hanno gli anni bisestili di 366 giorni ogni 4 anni. Il giorno aggiuntivo viene inserito all’interno del mese di febbraio che anziché essere di 28 giorni, diventa di 29 giorni. Per capire ogni quanto cade l’anno bisestile, basta prendere in considerazione le ultime due cifre e controllare se esse sono divisibili per quattro, quindi, prendendo in considerazione l’anno 2016, il numero 4 è contenuto quattro volte nel 16. In merito agli anni secolari, ad esempio il 2000, per scoprire se essi sono bisestili, bisogna vedere se sono divisibili per 400. Ci sono credenze e origini dell’anno bisestile e del perche’ dell’infausta nomea del 29 febbraio. La credenza popolare vuole che l’anno bisestile sia sfortunato. In realtà la mala fama è esclusiva della cultura latina e risale all’epoca degli antichi romani. Febbraio era un mese poco allegro, il “mensis feralis” ossia il mese dedicato ai riti dei defunti. Una delle celebrazioni del periodo era la “feralia”, una cerimonia solenne in onore delle persone trapassate. Decisamente più tardi, per l’esattezza nel XV secolo, un medico, tale Michele Savonarola, affermò che i bisesti portavano epidemie per bestiame e coltivazioni, nonché funestanti alluvioni. Altri invece sostenevano che in occasione degli anni con un giorno in più ci fossero eventi sismici e forti terremoti. In realtà, così come accadeva per altre “cose” anomale come eclissi, passaggio di comete, persone albine e pecore nere, l’anno bisestile veniva considerato di cattivo auspicio. Di contro, ci sono popolazioni, come quelle anglosassone, le quali pensano che in realtà sia un anno fortunato e propizio. Se teniamo conto di tutte queste “catastrofi”elencate prima,nei tempi che viviamo ora ne abbiamo avute tante da farci preoccupare seriamente,e purtroppo non perche’ associate ad anni bisestili. Ad ogni modo, indipendentemente dalle varie credenze, noi siamo artefici del nostro presente che ci porta a vivere proiettati giorno per giorno verso il futuro, che sia fortunato o meno dipende anche da come ci poniamo verso le problematiche che possono insorgere nel nostro cammino,e nonostante tutto,nel bene o nel male, sempre noi solo dobbiamo trovare il modo per andare avanti che sia febbraio di un anno bisestile o no.....

Un abbraccio

Manuela


㌀㈀㜀 㜀㠀㐀㜀㈀㄀㤀        ㌀㌀㠀 㐀㄀㈀㌀㈀㔀㌀ 眀 眀 眀 ⸀ 愀 爀 攀 愀 ㈀   ⴀ 瀀 椀 氀 愀 琀 攀 猀 ⸀ 椀 琀 3


Istintivamente tendiamo a fidarci delle persone che si dimostrano coerenti, coloro che agiscono così come ci dicono di agire, spesso semplicemente che agiscono così come hanno sempre fatto. Essere coerenti quindi vuol dire agire come abbiamo agito in passato? Oppure agire in accordo alle cose che diciamo di voler fare? Se agiamo come abbiamo sempre agito, per rimanere fedeli a quel che abbiamo sempre fatto, cadremo nella trappola della “sciocca coerenza”, che Emerson definiva spauracchio delle piccole menti. Cosa significa coerenza allora? Innanzi tutto significa continuità, similitudine. Sono coerente quando mantengo una linea costante nel tempo. Il problema è che confondiamo l’essere coerenti con i comportamenti esteriori, utilizzando spesso l’accusa di incoerenza per indurre gli altri ad agire come noi vogliamo o ci aspettiamo. La vera coerenza è però l’accordo tra quello che io credo e quello che io faccio. Ogni azione e comportamento derivano dalle cose che credo vere, da ciò che reputo fondamentale, dai principi che scelgo di seguire. Per quanto possiamo avere più livelli di coerenza, essere coerenti è sostanzialmente vivere i principi che diciamo di seguire. Sono coerente se disprezzo la menzogna e non mento alle persone, nemmeno per convenienza. Sono coerente se credo nell’onestà e non imbroglio neppure se mi conviene. Sono coerente se dico di rispettare gli altri e

non offendo mai nessuno, non aggredisco o umilio, per nessun motivo. La convenienza, di solito, è il grande nemico della coerenza, perché spesso veniamo meno ai nostri ideali per comodità, per fiacchezza, per pigrizia. La domanda è quindi se sia importante essere realmente coerenti, o se un occhio, ogni tanto, lo si possa chiudere senza problemi. Io dico che essere coerenti è di vitale importanza. Noi siamo quello che crediamo di essere, e viviamo la nostra vita in base a ciò che crediamo davvero importante. Se non siamo coerenti il problema non è nel giudizio degli altri, che non conta nulla, ma nella dimostrazione che non crediamo davvero alle cose che pensiamo siano importanti. Se dico di credere nell’amore, ma poi non amo realmente, il problema è che, in realtà, non credo realmente nell’amore. Ogni azione di incoerenza con i nostri principi, con le priorità che teoricamente abbiamo nella nostra vita, ci segnala che mentiamo a noi stessi, prima che agli altri, ci avvisa che, in realtà, sono altre le cose che davvero ci interessano. Essere incoerenti diventa il segnale che qualcosa non va: siamo ogni giorno ad un bivio e per quanto diciamo di andare a destra, se poi imbocchiamo la via di sinistra questo è ciò che conta. Ma ad ogni nuovo bivio siamo sempre liberi di scegliere che direzione prendere. Osserva la tua incoerenza e usala come alleata per chiederti: “L’amore è il principio che vivo davvero e non solo a parole?”. Se in questo sei incoerente non sarai mai felice, perché non esiste felicità che escluda la nostra scelta di amare. Se credi davvero nell’amore allora devi vivere in coerenza con questa tua convinzione. Ecco cosa significa coerenza: essere ciò che scegliamo autenticamente di essere.

M. P

4


5


antonio russo: Correspon lances

S

iamo tutti con il fiato sospeso ad assistere impotenti e spaventati all’ escalation di tensione tra l’Iran e l’Arabia Saudita, Riad manda al patibolo un Iman Sciita e altre quarantasei persone, accusandole di terrorismo. La guida suprema di Teheran l’Ayatollah annuncia che “la vendetta di Dio, non tarderà”.

Questa volta, la situazione è esplosa per il controllo dell’area e delle sue ricchezze del sottosuolo.

Un passo indietro di mille e cinquecento anni, ma noi quanto sappiamo dell’islam? Da oltre un anno, assistiamo allo scontro di Siria e Iraq , abbiamo mussulmani che uccidono e scannano altri mussulmani. Ma si conoscono veramente le ragioni di questo scontro, o ci basiamo solo di varie interpretazioni. Chi sono gli Sciiti, chi sono i Sunniti, perché si odiano e si fanno la guerra da sempre… Il profeta nasce alla Mecca intorno al 570 D.C. alla sua morte si pone il problema della successione. Per tutti i mussulmani, Sciiti e Sunniti, Maometto è il fondatore dell’Islam , il suo messaggero. Gli Sciiti però credono che la linea di successione profetica, sia di diretta discendenza della famiglia di Alì, che aveva sposato la figlia del profeta Fatima e veniva designato per linea dinastica, il successore naturale del Profeta. Sciita infatti significa la fazione di Alì. Secondo i Sunniti invece, la linea di successione profetica, doveva essere legata al consenso dei compagni e seguaci più vicini al profeta. La parola Sunnita, significa tradizione, consuetudine. Quindi, “Il popolo dei successori, deve scegliere il successore di Maometto. Le due maniere di interpretare il corano, si sono divise anche nella liturgia e nella dottrina, per i Sunniti è la Umma che è l’insieme dei fedeli. Per questo nella comunità Sunnita, non c’è un clero, un sistema piramidale sacerdotale. Gli Sciiti, dopo la morte del dodicesimo discendente di Alì, diedero vita ad un vero e proprio clero. L’Iran è un paese sciita con gli Hajatolla . I Sauditi, che sono Sunniti, considerano gli Sciiti degli eretici. Questa frattura non si è mai sanata.

Ma il punto su cui riflettere, secondo me, è un altro. A 16 anni dal terzo millennio, davanti alla necessità di trovare sostenibilità adeguata allo sviluppo, dell’economia, dell’ ambiente, messi davanti al problema mondiale, di dare un futuro adeguato a tutto il genere umano, noi ci troviamo, ancora oggi, allo scontro di due paesi, che si odiano ed uccidono, per l’interpretazione diversa del Corano, ad una guerra di religione. Ai testi sacri, pensati e scritti per le esigenze di mille e cinquecento anni fa.

Non è semplice spiegare questo dissidio, ho cercato di essere quanto più possibile chiaro, che invece è molto complesso.

Un miliardo e mezzo di mussulmani nel mondo, di cui il novanta per cento Sunniti, fanno riferimento a quei testi sacri, come se fossero dettati costituzionali, diritto pubblico e che in nome di Dio, sgozzano, decapitano, fucilano. Forse, più che cercare di capire le differenze dottrinali tra Sciiti e Sunniti e questo ci angoscia notevolmente, facciamo fatica a capirlo, perché abbiamo la fortuna immensa di non vivere in teocrazia, ma in un sistema democratico, in cui, viene dato a Dio quello che è di Dio, e a Cesare, quello che è di Cesare. Viviamo in un paese dove la chiesa è separata dalla gestione pubblica. Un paese che è la culla della democrazia ed è fieramente laico, difende la fede, ma anche la libertà di espressione e di parola di chi non crede. Questa è la pratica della democrazia, quella alla quale facciamo riferimento tutti, diversa da chi, al posto della costituzione,ancora a oggi fa riferimento a testi sacri.

Antonio Russo 6


Renault KADJAR Stop watching, start living.

CONCESSIONARIA RENAULT AUTOSPAZIO VIA ARMANDO DIAZ, 12 - S. ZENO N. (BS) - TEL 030 3539320 W W W.AUTOSPAZIO.IT


Per San Valentino,

scoprite il piacere di farvi coccolare!


pag.21

REMEMBER VINTAGE

pag.30

pag.25

I MAX PARRUCcHIERI

pag.42

ASSOCIAZIONE CERCHIO degli uomini oro e argento viaggi

pag.42

inaugurazione ORO E ARGENTO viaggi

pag.52

biblò, happy birthday gloria!

pag.44

INAUGURAZIONE PAPILLA

pag.54

natale nella bassa

pag.46

maison cò inaugurazione a ponte di legno

pag.56

LE-COMeTE’ by EXPLOIT BIJOUX new collection

pag.48

pag.50

i templari, cena brescia up events e altaluna eventi

pag.58

befed, cena brescia up events e altaluna eventi

botticino music festival

pag.62

capodanno da “fresco”


pag.32

studio lumini la tutela del socio di minoranza

pag.34

edward richard battisti l’antico egitto

pag.36

studio cappiello tutela del risparmiatori

pag.38

ATTILIO tantini aci 40 ANNI DI RALLY

pag.60

ATTILIO tantini PREMIAZIONE ACI

pag.66

pag.78

lorenzo tiezzi SPECIAL MUSIC

rugby calvisano try vol.1 pag.80

nina

pag.82

nessun colore è proibito

IL SENSO DI COLPA

fabrice pascal quagliotti pag.84

smart diamond il cappello

pag.88

melly fashion voyager ecopelliccie

pag.90

modella del mese

pag.92

consigli da matrimonio

pag.92

a proposito di celiachia

asia longhi

Musica per le nozze

il chili

10


Brescia corso Zanardelli 15/a tel. +3903041139

shoponline: www.pasinigioielli.com 11


in copertina

in un futuro sempre piu' di rete di social ma...

DIRETTORE RESPONSABILE Renata Sortino (Info@bresciaup.it)

CAPOREDATTORE Manuela Prestini (info@duesseadv.it)

REDAZIONE E UFFICIO STAMPA Antonio Russo (Info@bresciaup.it)

CREATIVE / ART DIRECTOR Federica Cocco

DIRETTORE EDITORIALE Emanuele Zarcone

GRAPHIC DESIGNERS Ada Bisziok Mukanoheri Carla Cò (ufficiografico@bresciaup.it)

MARKETING Emanuele zarcone (info@bresciaup.it)

STAMPA Staged Srl

PHOTOGRAPHERS Selene Z. Studio Up Sidass Patrick Merighi Franco Lucini Filippo Venezia

COLLABORATORI Andy Ak, Chicca Baroni Edward Battisti, Alberto Bonera, Mauro Bonometti, Roberto Cappiello, Rossano Caffi, Giulia Covelli, Alice Falappi, Anthony Le, Emanuele Lumini, Elisa Lubrani Simone Mor, Giuseppe Patrocelli, “Melly” Attilio Tantini, Marco X, Emanuele Zarcone

Anche noi di BresciaUp siamo sempre più consapevoli, ora nel presente, come ancor più nel futuro, dell'evoluzione continua dei social dei video e della pubblicità visuale, dove saranno sempre più protagonisti gli utenti, Applicazioni,come facebook messenger whatsApp come messaggistica mobile sono in crescente consumo,con un aumento di utilizzo complici le partnership, per consentire ai clienti le più disparate possibilità di prenotare qualsivoglia cosa, anche ad esempio l'auto, attraverso l'applicazione mobile. Le aziende si sono spostate nel digitale e oggi interagiscono con i propri clienti tramite pagine web siti e social, cercando cosi' di acquisire potenziali acquirenti,stando al passo con i tempi, dove per guadagnare l'attenzione del pubblico, serve anche l'effetto visivo aggiunto alla spiegazione, creando messaggi con grafica. Infatti statistiche alla mano,affermano che i messaggi dove hanno l'aggiunta di immagini generano piu' attenzione del solo messaggio di testo. A seconda dell'azienda, non basta,solo parlare, ma si deve coinvolgere il proprio pubblico con contenuti visivi,infatti tutto diventa piu' piacevole e di effetto. Il video, dopo le foto sarà dominante tante' che che la condivisione di video già nel 2015 e' stata una delle tendenze più importanti, con una previsione che per quest'anno crescerà in una continua evoluzione,creando una spinta al marketing proprio grazie alla combinazione di realtà virtuale con quella dei social media. Dominanti saranno le applicazioni che consentiranno di pubblicare in tempo reale. Ce ne sono cose da dire sull'era digitale, passata, presente, ma sopratutto futura alla quale la nostra redazione si è preparata e prepara, stando al passo con i tempi cosi veloci, con pagine web social, radio e video, ma permetteteci di avere un nostro sogno che teniamo reale portando avanti la nostra volontà della carta stampata,dove il piacere è nello sfogliare, senza accedere ad un server da un pc o smartphone,con quel profumo di carta stampata misto al profumo del caffè seduti ad un bar togliendoci di dosso per un attimo la tecnologia ma tornando alla manualità,appunto nello sfogliare ammirare, toccare.

REDAZIONE Tel. 339.6836770

ABBONAMENTI E-mail: info@bresciaup.it www.bresciaup.it

* BresciaUp è un periodico di informazione locale. iscrizione presso il tribunale di brescia n°37/2007 dell’8 settembre 2007

Ecco questo è per noi BresciaUp sensazioni visive,olfattive e tattili, in quel “tempo reale” in cui ci si trova nel prenderlo tra le mani, nello sfogliarlo, leggerlo ed ammirarlo, e perchè no, ritrovarsi in qualche scatto fotografico, immortalando quell'attimo di realtà appena passata che non scomparirà tra i mille link in una pagina cercata in un sito, da un tecnologico aggeggio elettronico,ma resterà per sempre impressa su di un semplice foglio...... Un Abbraccio Manuela


ilBraciere

ristorante pizzeria

SpecialitĂ Mediterranee Pesce di mare e Carne alla griglia Cucina Vegana e Senza Glutine

Via Rizzini 38, Cazzago S. M. (BS)

...a 1km dal casello autostradale di Rovato

Tel. 030 7254778 - 030 7751447

www.ristoranteilbraciere.net Chiuso di giovedĂŹ

Seguici su:


alberto bonera

Hai bisogno di energia? parti con

Argivit

Lo Smog è nell’ aria intorno a noi , ma ha preso stanza anche dentro di noi : una caligine spessa e limacciosa , che appesta il nostro giardino interiore ,impedendoci di distinguere i confini dei pensieri , le vie da intraprendere, i sentiei da esplorare, le scale da ascendere, le celle rifugio , in cui ritirarsi in attesa che l’ aura si faccia più trasparente. Insomma si naviga a vista cercando di evitare gli spigoli aguzzi e taglienti, i massi rocciosi opprimenti e le botole d’ abisso nascoste tra i cespi spinosi e i sassi lubrichi di umido muschio e ponti pericolanti appena abbozzati su orridi botri dalle inquiete ombre nere tra cui serpeggian qua e là anse argentee di gelide acque schiumose di rapidi vortici tra lame di pietra e fosche spelonche... Come precarie creature del sottosuolo procediamo al lume incerto di una lanterna da minatore sondando il ventre della balena, come Giona, che conobbe il soggiorno negli inferi per tre dì e tre notti, prima di esser vomitato alla luce e alla vita . Così Ninive si salvò dalla rovina imminente per avere ascoltato il profeta !!! Torna , o luce dorata della sapienza, a disperder la tenebra del nostro scontento e Brescia amata da sempre tornerà salva ascoltando il verbo dei tanti Giona che ne invocano il riscatto!

Start!

ADV.

Alberto Bonera

Argivit!

Integratore alimentare ad azione proenergetica a base di L-Arginina

14


APERTO ANCHE A PRANZO

15

VIA CODIGNOLE 40 - TEL. 030347318 WWW.BAMBAMRISTOSAURO.IT


EMANUELE ZARCONE: Correspon lances mania

Milano Fashion Week, Settembre 2015 DOLCE E GABBANA, il selfie approda anche in passerella.

Il selfie ha ormai contagiato tutti, c’è chi definisce il “selfite” non solo una mania ma in alcuni una “malattia”. Esagerazioni a parte, gli studiosi ora si chiedono se si tratta della moda del momento, e quindi passeggera, o se nasconda qualche bisogno psicologico. La scienza è all’opera per dare risposte. Ci sta provando anche una ricerca ad hoc dell’Università Cattolica a Milano, condotta dal team del professor Giuseppe Riva, docente di Psicologia e nuove tecnologie della comunicazione. E lui è netto: “Un selfie è da considerarsi differente da un semplice autoscatto, il quale non prevede la componente social della condivisione, e anche da un self-shot, termine che nel contesto dei nuovi media è arrivato a identificare le fotografie di sé stessi a tema erotico. La ricerca, tuttora in corso, ha tre obiettivi principali: in primo luogo, ovviamente, quello di comprendere per quale motivo le persone scattino così tanti selfie; ma anche capire se ci siano differenze tra uomini e donne in questa pratica, e infine analizzare le possibili caratteristiche psicologiche, dal punto di vista della personalità, delle persone che hanno l’abitudine di puntare verso sé stessi la fotocamera del proprio smartphone. I risultati preliminari emersi finora hanno mostrato qualcosa di interessante: 150 partecipanti (35% maschi, 65% femmine), con età media di 32 anni, hanno completato un questionario sui dati anagrafici; uno sul loro utilizzo di social media, sull’attività del selfie e sulle

motivazioni associate; il questionario Big Five Inventory per la misurazione dei tratti di personalità. Perché “ti selfi”? Gli scopi riconosciuti all’attività del selfie sono soprattutto “far ridere e divertire gli altri” (39%), “vanità” (30%) e “raccontare un momento della propria vita” (21%). Emerge che i selfie si fanno non tanto per esprimere come sono o come si sentono (identità, aspetti interiori) bensì per raccontare agli altri con chi sono, dove sono e cosa stanno facendo (aspetti esteriori). Le donne sono più selfie-dipendenti Non può certo essere considerata una sorpresa il fatto che le donne amino farsi i selfie più degli uomini: le donne ne scattano infatti molti di più e risultano più interessate alle motivazioni interiori. Inoltre, altro aspetto piuttosto prevedibile, affermano di sperare maggiormente di ricevere commenti positivi dagli amici sui social network e temono più dei maschietti di ricevere commenti negativi. Che ti passa nella testa? Per quanto riguarda l’ultima domanda di ricerca, le persone che si fanno selfie, rispetto a coloro che non se li fanno, appaiono significativamente più estroverse (ovvero più socievoli ed entusiaste, caratterizzate da elevate capacità sociali) e più coscienziose (ovvero più caute e capaci di controllarsi, con la tendenza a pianificare le proprie azioni piuttosto che ad agire di impulso).

Emanuele

16


®

7€


CERCHIO DEGLI UOMINI Un cerchio per uscire dalla violenza e un lavoro capillare sul territorio

Un gruppo di uomini tre anni fa si è messo insieme e hanno lavorato per un obiettivo molto ambizioso,  quello di prevenire la violenza di genere attraverso un metodo specifico di apertura e di ascolto verso quegli uomini che in vari modi manifestano disagi nei confronti dell'altro genere, certi del fatto che la violenza sulle donne è principalmente agita da compagni, da ex mariti, da fidanzati , da figli e quindi da loro bisogna partire, da loro bisogna iniziare a fare prevenzione ,dalla causa di un cosi grave disagio attraverso un progetto mirato. Per questi motivi è nato il Cerchio degli uomini a Brescia, sulle orme dei primi fondatori che nel lontano 1989 costituirono a Torino il primo gruppo di maschi che avrebbero successivamente lavorato per " Un maschile consapevole" . Aldo Braga psicoterapeuta è il presidente del Cerchio di Brescia, con Claudio vicepresidente e  Gabriele sono in prima linea per ascoltare gli uomini che chiedono loro aiuto per uscire dal tunnel della violenza......agita. Con loro  anche Agostino e Stefano tra i soci fondatori. Nel 99% dei casi sono le donne a subire violenza per mano del proprio uomo, marito, fratello, convivente. Da qui la necessità di aver uno sportello di ascolto per uomini con disagi.  In tre anni sono già numerosi gli uomini di diverse età che hanno telefonato, che hanno richiesto l'intervento del Cerchio degli uomini. Pur considerando che il grande lavoro avviene nello spazio messo a disposizione dal Comune di Brescia a Cascina Botà ,in locali riservatissimi ovviamente , i ragazzi del Cerchio escono sul territorio della provincia di Brescia e non solo. Nel 2015 hanno continuato la loro azione formativa sia su se stessi sia verso l’esterno. Numerosi sono gli Istituti superiori visitati con la collaborazione della Consigliera di parità Anna Maria Gandolfi e con l’intervento di Nice Bonomi, si è composta così una equipe che dialoga con i ragazzi e le ragazze di 3-4 e 5 superiore e con i docenti. Gli Istituti coinvolti nel 2015 sono stati il Lunardi, il CFP Mantegna, il Tartaglia, il Bonsignori di Remedello, il Liceo “Gigli “ , il Bagatta di Desenzano , il Marzoli di Palazzolo S/O e altri , per un totale di circa 1800 alunni. Si proietta il documentario di Elisabetta Francia Parla con lui, dalle riflessioni sul documentario dove i protagonisti sono gli uomini con disagi , si dialoga con i ragazzi e le ragazze sino al punto di far emergere eventuali problematiche di relazione. L’obiettivo è quello di rendere consapevoli gli studenti di taluni comportamenti che potrebbero poi sfociare in 18


atti violenti e quello di aiutare le ragazze ad individuare quei segnali che non si possono sottovalutare perché se trascurati potrebbero portare a conseguenze più drammatiche. “Sono molti i momenti emozionanti dentro i quali tutti noi siamo coinvolti ” afferma il presidente Dr.Braga “ ed è una soddisfazione vedere ragazzi e ragazze cosi attenti al tema con il desiderio di conoscere di più e….di essere ascoltati” Il Cerchio degli uomini è una realtà della Provincia di Brescia , che utilizza il metodo del “Cerchio” di ascolto ma si muove anche su altre province. Nel 2015 il Cerchio è stato invitato dal Comitato Pari opportunità del Comune di Mantova e da Giovanni Pugliese Consigliere di parità provinciale . Il Cerchio degli uomini ha continuato nel 2015 il suo lavoro di rete sul territorio bresciano perchè inserito nella Rete antiviolenza il cui capofila è il Comune di Brescia e alla quale aderiscono numerose realtà del nostro territorio. Prevenzione alla violenza è la parola d'ordine!!

Cascina Botà via S.Zeno 174, 25123 _ Brescia cerchiouominibrescia@virgilio.it

Chiama: 348/46.44.766 Sportello telefonico per l'ascolto del disagio maschile

19


20

20


IL VINTAGE A VILLA FENAROLI

La nuova edizione della mostra mercato torna a grande richiesta il 12 -13 Marzo 2016 nelle gallerie e nelle splendide sale della prestigiosa Villa Fenaroli di Rezzato (Bs) proponendo come sempre il meglio di accessori e abbigliamento vintage, sfilate di moda, spettacoli musicali, importanti realtà collaterali e interventi innovativi con un nuovo ed interessante programma eventi per un altro tuffo nel passato di alta qualità. Villa Fenaroli Palace Hotel apre di nuovo le sue stanze a questo evento vintage di alto profilo. Dopo il successo dello scorso Novembre nelle sale di questa prestigiosa location Remember Vintage ritorna con la nona edizione, all’insegna dello stile e della creatività, organizzata come sempre dall’Associazione VinileVintage in collaborazione con Pick Up Records, RadioVera Radio Bruno e Brescia Up Events. L’appuntamento tanto atteso per tutti gli appassionati di moda e accessori d’epoca, design, modernariato, collezionismo, remake, handmade e auto produzioni si terrà questa volta nei giorni di Sabato 12 e Domenica 13 Marzo 2016 sempre presso le eleganti sale di Villa Fenaroli Palace Hotel a Rezzato (Brescia) in Via Giuseppe Mazzini 14. L'evento questa edizione si svolgerà Sabato in orario continuato dalle 13.00 alle 23.00 e Domenica, in orario continuato dalle 10.00 alle 20.00, avrà come oggetto il Vintage, il Modernariato, il Design , l’Hand-made e Il Collezionismo in generale e sarà arricchito con nuove e importanti realtà ed eventi collaterali in tema soprattutto il Sabato sera . Nella serata di Sabato dalle 19.00 alle 22.00 nella Sala Garibaldi vi sarà un Happy hour Vintage , Apericena a buffet libero e Cocktail bar al prezzo di € 10.00 con free Make Up & Styling Corner by Maison Cò, musica swing, spettacoli di danza orientale e charleston by Agorà, esibizioni di tango , e Dj set revival a cura di DJ Frank. IL PARTY DI REMEMBER VINTAGE A VILLA FENAROLI . Vi saranno tante novità, spettacoli musicali, sfilate di moda con la partecipazione degli stessi espositori nel Teatro Scalabrini che faranno sfilare dei loro capi e accessori selezionati, esibizioni di Tango, Dj set revival, spettacoli di Magia e sfilata Pin Up, in galleria per le signore un angolo Styling & Make Up in stile anni ‘60 ’70 e ’80 curato dalle total lookmaker di Maison Cò di Brescia e per i signori amanti dello stile vintage The Original Barber Shop di Verona, interventi di danza aerea con teli, classica e moderna della Compagnia Agorà, una mostra di auto e moto d’epoca nel piazzale della Villa e una mostra di games del coloratissimo mondo degli anni ’60 fino agli ’80 . 21


Oltre naturalmente alla Mostra mercato nelle sale di questa prestigiosa dimora del ‘700 per esporre, vendere accessori e capi di abbigliamento vintage, pezzi di antiquariato, modernariato, brocantage, vinili, giradischi, libri, stampe, gioielli, orologi, borse, quadri, mobili , lampade e oggetti curiosi dagli anni ’30 e ‘40 fino agli anni ‘80 L’evento che la scorsa edizione ha registrato una sempre piu’ massiccia affluenza di pubblico avrà anche questa volta una grande risonanza non solo in tutta Brescia ma anche in tutto il nord italia con la presenza di articoli su giornali e comunicati su radio e televisioni locali e nazionali, blog e riviste del settore .

• LA MOSTRA MERCATO VINTAGE: Sabato 13.00 -22.00 Domenica 10.00 - 20.00 Sabato h.13.00 Apertura mostra mercato all'interno della Villa, il meglio di abbigliamento e accessori vintage, modernariato, oggettistica, arredamento d’epoca, autoproduzioni e remake con più di sessanta espositori provenienti da tutto il territorio Nazionale. • MOSTRA VESPE, LAMBRETTE e AUTO D’EPOCA Esposizione di Auto d’epoca a cura di Delpani Motori e di Vespe e lambrette a cura di Classic Motor di Bedizzole • MAGIC OLD GAMES in entrambe le giornate una mostra a tema curata da NOVECENTO di Luciano Delpani sul coloratissimo e fantastico mondo dagli anni ‘60 agli anni ’80 dai Flipper ai Juke Box, dal Calciobalilla alle Slot Machine, tutti pezzi restaurati, garantiti e perfettamente funzionanti. • MOSTRA FOTOGRAFICA a cura di Fotoclub Valtenesi Scatti inediti e creativi tra moda, arte e design, tra passato e presente delle edizioni di Remember Vintage. • MAKE UP & STYLING CORNER by Maison Co’ Sabato dalle ore 14.00 e domenica dalle h.10.00 "Acconciature e trucco gratuito anni ’50 ’60 ’70 in galleria a cura delle total look maker di Maria e Marta Cò professioniste del mondo dell’Hair styling e benessere . • LA DOLCE VITA a cura di Miro’ Vintage sabato dalle h. 17.00 nel Teatro Scalabrini “La Dolce Vita “Sfilata di abiti da matrimonio e di capi e accessori degli espositori di Remember Vintage a cura di Mirò Vintage. Un viaggio attraverso i Film celebri che hanno segnato il tempo • EMPATìA TANGO Sabato pomeriggio il maestro GIANFRANCO PADERNO con i suoi allievi in una esibizione in Sala Scalabrini

HAPPY HOUR FUN PARTY IN VILLA FENAROLI Sabato h. 19.00 - 22.00 HAPPY HOUR presso la Sala Garibaldi Apericena a buffet libero e Cocktail bar al prezzo di € 10.00 con Free Make Up & Styling Corner by Maison Cò, musica swing, spettacoli di danza orientale e charleston by Agorà, esibizioni di tango e Dj set revival a cura di DJ Frank. Il party di Remember Vintage a Villa Fenaroli ! • MISS & MISTER REMEMBER VINTAGE Sabato dalle h. 21.00 fino alle 23.00 presso il Teatro Scalabrini Tappa del Concorso di bellezza nazionale “Miss e Mister Model” Italia con sfilata Vintage e premiazione dei primi classificati che andranno direttamente alla Finale Nazionale sulla nave crociera. • TEMPORARY BARBER SHOP Per i signori amanti dello stile vintage per tutta la giornata di Domenica sarà allestito e funzionante un originale Barber Shop grazie ai maestri di THE ORIGINAL BARBER SHOP di Verona, dalla rasatura della barba ai tagli di capelli in stile retrò. 22


• DANZA AEREA CON TELI Esibizione di danza aerea con teli davanti alla facciata della Villa Fenaroli ! Sabato e Domenica pomeriggio, a cura della compagnia AGORà , dalle h.16.00 inizia lo spettacolo! • SFILATA PIN UP Domenica dalle h.16.30 nel Teatro Scalabrini seduzione e fascino in scena con le Pin Up di Betzie Love. Una vera e propria passerella in stile anni ’50 con lo scopo di coinvolgere il pubblico e far assaporare le atmosfere di quegli anni indimenticabili. • MAGIC VINTAGE SHOW Domenica dalle h. 18.00 - nel Teatro Scalabrini Mistero, Fascino, Incanto, Magia . Spettacolo di prestigiazione e divertimento con la partecipazione di Alex Rusconi.

Remember Vintage è una mostra mercato organizzata da Vinile Vintage ,ma creata e curata da Alberto Carretta, titolare di Pick Up Records, storico punto vendita cittadino di collezionismo musicale e diventato ormai organizzatore di eventi relativi al Vintage e all’Handmade oltre che al Disco da collezione e al Fumetto. Remember Vintage racconta ,anche in questa edizione, il periodo che va dagli anni ’40 agli anni ’80, con la moda, il modernariato, articoli da collezionismo, profumi, capi sartoriali dell’epoca, pezzi di design ,gli oggetti d'uso in quei decenni e il modo in cui sono stati abbandonati, riutilizzati, custoditi, rivenduti, con un occhio di riguardo al mercato che si è creato intorno ad essi e al mondo del collezionismo. A Villa Fenaroli si troverà praticamente tutto, dall'abbigliamento all'arredamento d’epoca, dalla magia alla musica revival, dal cinema all'arte, dallo spettacolo alle auto e moto, dall'oggettistica al piccolo collezionismo, strumenti musicali, vecchi libri, riviste d’epoca, vinili. Vintage normalmente è ritenuto tutto ciò che abbia superato i 20 anni, ma è sopratutto l'arco temporale che va dagli anni '50 agli anni '70 il periodo che più affascina e entusiasma gli amanti del settore e il pubblico che partecipa a questi eventi. Forse perché in quegli anni la vita ha avuto un'escalation molto repentina, non si finiva di vivere pienamente un'era che già ne sorgeva un'altra, ugualmente intensa e affascinante, anche se profondamente diversa. Ci saranno anche in questa edizione dei veri professionisti del vintage, ma ci sarà anche chi si dedica al collezionismo, al remake e all’artigianato  artistico  per hobby. Tanti gli espositori da tutte le parti d’Italia, con tante curiosita’ e oggettistica a prezzi veramente appetibili. Remember Vintage è quindi l'evento ideale per tutti coloro che sono in cerca di complementi d’arredo o accessori inusuali, o più semplicemente per chiunque voglia fare un tuffo nel passato! Un magico week-end sul sottile filo della nostalgia e passare delle  giornate diverse e piacevoli in questo meraviglioso contesto vintage!  L’ingresso al pubblico è di 6 euro con biglietto valido per una singola giornata e possibilità di reingresso all’evento nella stessa giornata . L’ingresso è gratis per i bambini sotto i 12 anni

Progetto e organizzazione Associazione Vinile Vintage Brescia HYPERLINK "http://www.eventivintage.it" www.eventivintage.it Info Alberto Carretta HYPERLINK "mailto:pickup@pickuprecords.com" pickup@pickuprecords.com

23


24

24


I MAX PARRUCCHIERI, un team formato da persone preparate e sempre in ricerca per soddisfare in modo oggettivo e al meglio le persone che si affidano a loro. Da quanto tempo fate i parrucchieri? Come è nata la passione per il lavoro? L’esperienza varia a seconda della persona, parte da Max che fa il parrucchiere e il truccatore da 30 anni fino ad arrivare a Monica che è con noi da 1 anno. Come si è evoluta la professione nel corso degli anni? Nel tempo il parrucchiere ha dovuto adeguarsi e crescere, iniziando con corsi di psicologia per il rapporto con la cliente, corsi di architettura per imparare stili e progettazione dei lavori, corsi di formazione per l’utilizzo dei prodotti al 100% (non ci si può più permettere di dare la colpa al colore se è sbagliato). Il CONSULENTE D’IMMAGNE deve essere preparato in tutto, dalla punta dei capelli alla punta dei piedi, una consulenza a tutto tondo è un plus non indifferente da offrire ai propri clienti.

VIA BECCARIA,21 (EX PIAZZA DUOMO) BRESCIA Tel. 03044246 mail: brescia@imaxparrucchieri.it PIAZZALE V.VENETO,15 BUSSOLENGO (VR) Tel. 0456701077 mail:info@imaxparrucchieri.it www.imaxparrucchieri.it

25


Un grande salone con un grande team! Ce lo raccontate? E’ da sempre la nostra filosofia, il singolo può arrivare ad un buon livello ma il gruppo arriverà a vette impensabili, ovviamente ogni persona deve essere libera di esprimersi, lavorare eticamente e seguire un unico obbiettivo. Oltre ad un team professionale ed affiatato ci avvaliamo di prodotti di qualità, che vengono sempre provati da tutti noi per garantire ai clienti ottime prestazioni sia per i trattamenti in salone che il mantenimento e la cura a casa e soprattutto non smettiamo mai di ampliare la nostra conoscenza con costanti corsi di aggiornamento e ricerca.

26


Come realizzate le vostre collezioni moda? La fortuna è quella di poter avere i mood della moda con grande anticipo a quel punto ci mettiamo tutti seduti attorno ad un tavolo, ognuno esprime sensazioni ed idee che vengono poi messe in un unico calderone dal quale si estrapolano i punti in comune, successivamente si inizia a progettare e costruire la nuova linea tagli colori sfumature… per finire con la scelta delle testimonial per gli scatti. Quali sono le vostre fonti di ispirazione? La moda, l’arte, la musica, l’arredamento, l’architettura…e le persone che non lo sanno ma sono precursori di un nuovo stile... Ci siamo allenati nel tempo a cogliere ispirazione in tutto! Progetti per il futuro? Il futuro prevede una rete di saloni in cui trasmettere la nostra filosofia, con un personale affiatato che il sabato sera chiama e chiede: ceniamo assieme?

INCONFONDIBILE

27


Brescia &Franciacorta di notte si balla Il 2016 è iniziato molto bene per i nottambuli bresciani e per coloro che fanno mattina in Franciacorta. I locali aperti da tempo, dopo i party di Capodanno, stanno continuando a spingere forte sull’acceleratore del ritmo… e non mancano le novità come la nuova casa di Clique, tempio della techno che ha preso finalmente il posto del defunto Crystall. Ai piedi Crystal Palace, finalmente, si balla di nuovo, con sonorità tra l’altro elettroniche, così chi balla può scegliere. Sempre in città prosegue senza intoppi, anzi in crescita costante, l’ennesima stagione del Circus beatclub, la disco più storica della città. La Circus family coordinata da Antonio Gregori è ormai una realtà consolidata. Dopo la chiusura del Dietro le Quinte, la bella Brescia che balla a ritmi fashion ha a disposizione un venerdì ed un sabato sera scatenati, col sound pettinato (ma pure da salto) di Dr.Space, Marco Bodini, Luca Bri e le voci di professionisti come Brio e Toma. In realtà la squadra del Circus ogni weekend si arricchisce della presenza di professionisti del mixer come Anfisa Letyago (bionda e siberiana), Luca Guerrieri (toscano e bravissimo a colpire a ritmo di house), Marco Santoro (uno dei dj del Samsara di Gallipoli), Eleonora Rossi (una delle vocalist più brave d’Italia… e pure una delle più belle). Come sempre al Circus, performer e mozzafiato non mancano mai, ma c’è una novità importante, ovvero luci e videowall sono di forte impatto. Si conferma anche il successo del giovedì Best Rehab Hip Hop in Town. Anzi, il successo di questa serata è decisamente crescente.

28


Fino a qualche tempo fa era una delle poche serate dedicate alla black music d’Italia, oggi questo genere musicale, anche grazie all’ascesa del reggaetton, continua ad affermarsi sempre di più… ma quasi solo al Circus arrivano con costanza protagonisti internazionali della scena della musica nera. In Franciacorta vanno avanti a gonfie vele le stagioni di Qi Clubbing e quella del vicino Number One. A livello geografico, i due locali sono molto vicini, ma a livello musicale e di atmosfera non potrebbero essere più diversi. Al mitico Number il sound è sempre potente e scatenato. Arrivano ogni weekend o quasi dj internazionali, mentre belle (e bravissime) dj girl come le Sub Sistah, che saranno in console qui di nuovo il 16 aprile prossimo. “Okinawa”, ultimo singolo di Jay C, una delle due Sub Sistah, è di una potenza sonora notevole, la traccia perfetta per far saltare tutto quanto il Number. Al Qi invece il sound è più sofisticato… e tra le protagoniste c’è Marica Rotondo, che ha appena interpretato con Alberto Salaorni & Al-B.Band una ballata malinconica davvero intensa come “Insieme Stanotte”… quando però prende il microfono in mano fa impazzire la folla, perché canta benissimo e perché il suo sex appeal non passa certo inosservato. In zona l’alternativa easy, perfetta anche come pre - disco è senz’altro l’Hotel Costez di Cazzago, che da questa stagione è un elegante New York Bar… ovvero un luogo perfetto per vivere serate bevendo qualcosa con gli amici, chiacchierando ascoltando musica easy e gustandosi qualche snack. Quando non si ha voglia di ballare forte, ogni venerdì e sabato, in Franciacorta è semplicemente il luogo perfetto. Dal dopocena alla notte, dj set, cocktail, bollicine, drink premium & finger food. E' un mix tutto da godere che ognuno può selezionare a modo suo. Al Nikita di Telgate, invece i party ogni weekend sono quelli targati #Costez, il lato più scatenato dei party organizzati da Paolo & Francesco Battaglia. Il venerdì i party sono spesso I am a Rich Bitch o Vida Loca, ovvero eventi dal sound easy e pieni di performer scatenate. Il sabato invece si alternano top dj come la bellissima (e bravissima) Ema Stokholma, Mauro Ferrucci e Tommy Vee. Il locale è stato rinnovato ed oggi è un immenso parallelepipedo total black pieno zeppo di tecnologia.

Lorenzo Tiezzi

29


museo della mille miglia - città di brescia nel monastero di sant'eufemia della fonte, fondato dai monaci benedettini nell'anno 1008

le macchine "riciclate" di Leonardo da Vinci Mostra dei modelli realizzati da Sebastiano Bulla Museo delle Mille Miglia Viale della Bornata, 123 Brescia “Circa 10 anni fa leggendo dei libri riguardanti la vita e le opere di Leonardo Da Vinci fui "colpito" da un'illuminazione forse anche un po’ per scherzo pensai: quasi quasi potrei provare anch'io a ricostruire e a far rivivere quelle bellissime macchine che quel genio di Leonardo inventò.” ” Con questo pensiero Sebastiano Bulla ha iniziato la sua avventura. La scienza e la tecnologia, la teoria e la sperimentazione, la fisica e la chimica insieme secondo il genio di Leonardo da Vinci, racchiuse in vari modelli di macchine in scala o al naturale. Meccanismi riprodotti fedelmente - osservando i disegni di Leonardo nei Codici Hammer, Atlantico e di Madrid - da Sebastiano Bulla, rilegatore di mestiere e artigiano per passione. Artigiano nel senso pieno della parola, di chi crea con le proprie mani e abilità. Nel caso di Bulla con una particolarità in più: usando unicamente materiale d i riciclo. “Man mano che pensavo, entrai nell'ottica di questo progetto che diventò quasi una sfida con me stesso. Innanzitutto trovare il materiale da usare; andare a comprarlo in qualche negozio di modellistica sembrava troppo facile e scontato. Fu così che facendo lavorare la fantasia e pensando a tutto ciò che di inutile, e quindi riciclabile, ci fosse in casa, trovai quello che cercavo, da utilizzare per le cose che avevo in mente di fare". A distanza di 10 anni Sebastiano Bulla ha praticamente ricostruito, quasi perfettamente, gran parte di queste invenzioni, rigorosamente funzionanti e composte almeno per il 95% di materiale riciclato, trovato qua e là, e per il 5% da colla. Questa mostra si può quindi definire istruttiva in due sensi: culturale ed ecologico, aspetto quest’ultimo attuale mai come in questi anni. L’esposizione sarà visitabile al Museo Mille Miglia dal 30 Gennaio 2016 al 30 Aprile 2016 tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 18:00.

Segreteria Museo Mille Miglia Viale della Bornata 123 25135 Brescia E-mail: segreteria@museomillemiglia.it Tel. 030/3365631

30


31


LA TUTELA DEL SOCIO DI MINORANZA Le azioni per evitare che gli interessi della maggioranza possano prevalere sugli altri soci . La società a responsabilità limitata è certamente la forma prescelta nella maggior parte dei casi da chi vuole costituire una società di capitali. Spesso però i rapporti tra i quotisti, ovvero tra coloro che hanno sottoscritto le quote sociali o le hanno acquistate dai soci originari, con il passar del tempo possono deteriorarsi e può sorgere la necessità per coloro che non amministrano la società di effettuare controlli sulla gestione. L'art. 2476, comma 2, c.c. ha ampliato il diritto di controllo nella s.r.l., consentendo a ciascun socio che non partecipa all'amministrazione della società sia di avere notizie dall'organo amministrativo in merito allo svolgimento degli affari sociali, sia di consultare, anche con l'ausilio di professionisti di fiducia, la documentazione della società. Contemporaneamente è stato attribuito a ciascun socio l’esercizio dell’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori. (art. 2476, comma 3). Il diritto di avere notizie sullo svolgimento degli affari rientra più propriamente nel diritto di informazione spettante a ciascun socio, la cui funzione preminente, unitamente al diritto d'ispezione, è quella di consentire al socio un determinato controllo sull'amministrazione della società e di permettergli l'esercizio consapevole e corretto del diritto di voto. In relazione ai documenti consultabili, è necessario precisare che, a differenza di quanto previsto dall'art. 2489 c.c. prev., il diritto in esame non è limitato soltanto ai libri sociali previsti dall'art. 2478 c.c. e, ma è esteso anche agli altri documenti concernenti

32

l'amministrazione della società (documenti contabili, fiscali, relativi al personale etc). In merito, poi, alle modalità di esercizio del diritto di consultazione, l'art. 2476, comma 2, c.c. precisa che nell'esame dell'anzidetta documentazione il singolo socio può farsi assistere, o delegare, da un professionista di fiducia. Il diritto d'ispezione, pertanto, può essere esercitato direttamente dal socio o indirettamente, attraverso un professionista di fiducia. Anche tale diritto, al pari di quello d'informazione, può essere esercitato in qualsiasi momento (quindi anche con cadenza infrannuale), nei giorni ed orari lavorativi, con modalità tuttavia non vessatorie per la società. In ogni caso, l'esigenza di ciascun socio che non svolga attività di gestione a consultare e, quindi, ad ottenere copie della documentazione inerente all'amministrazione sociale, va contemperata con l'esigenza della società alla riservatezza. Ciò sta a significare, a parere di chi scrive, che il diritto individuale del socio ad ottenere copia della documentazione non può essere esercitato indiscriminatamente, ma sempre nel rispetto dei principi di correttezza (art. 1176 c.c.) e di buona fede (art. 1375 c.c.), al fine di non pregiudicare il diritto alla riservatezza della società. Sotto il profilo sanzionatorio, infine, la violazione degli anzidetti diritti può dare origine, da un punto di vista civilistico, all'esercizio dell'azione di responsabilità ex art. 2476, comma 3, c.c. e, qualora si possano ravvisare gli estremi di grave irregolarità, alla revoca cautelare degli amministratori; da un punto di vista penale, al reato di impedito controllo previsto dall'art. 2625 c.c.


33

33 33


LUXOR TEBE Una città con più toponimi. Luxor deriva dall’arabo El-Uqsur, che significa palazzo, con evidente riferimento ai templi qui presenti. Tebe deriva invece dal greco Thebai, che a sua volta deriva dall’egizio Tapet, prefisso femminile dell’egizio Apet con cui si identificava il complesso monumentale di Karnak. L’antico nome egizio della città, era a sua volta Wast, insomma un bel rompicapo, anche se per comodità la città, ed anche i suoi dintorni, vengono ormai tutti chiamati Luxor. L’85% dei reperti archeologici dell’antico Egitto si trova qui, questo rende obbligatoria una sua visita. Benchè modernizzatasi nel corso degli anni, Luxor mantiene ancora l’impronta caratteristica delle città arabe, con un animato bazar, le strade polverose, i clacson assordanti, i calessi trainati da cavalli, con i conducenti sempre pronti a ritrattare il compenso pattuito e le belle feluche, filanti barche monovela, a solcare tranquille il Nilo. Città molto antica, già ben sviluppata nella IV Dinastia, assunse grande importanza durante il Medio Regno, anche se le necropoli reali e la capitale politica furono poste più a Nord, presso l’Oasi del Fayum. Durante il Secondo Periodo Intermedio, i sovrani tebani mantennero una certa autonomia nonostante la dominazione Hyksos che fondò la sua capitale ad Avaris localizzata nel Delta, e, anche se non si può parlare di vere e proprie alleanze, le reciproce sovranità furono tollerate, ed in qualche modo riconosciute. Con la cacciata degli Hyksos e l’inizio della XVIII Dinastia, Tebe diventa capitale ufficiale, anche se già durante il Regno di Tutankamon, la capitale politica viene spostata a Menfi, nel Basso Egitto, per avere un maggior controllo su possibili invasioni. Assurbanipal la distrusse completamente nel 663 a.c. e, dopo una debola ripresa, fu poi depredata dalle successive conquiste, specie quella romana, che la privò di obelischi e numerosi reperti. Era dedita inizialmente al culto di un antico dio guerriero, Montu, dalla testa di falco, che, venne, a seguito di varie dispute teologiche, soppiantato da Amon, il dio nascosto rappresentato da un ariete, assurto così a dio principale 34

della città, quando questa divenne capitale nel Medio Regno, con il culto che si propagò poi rapidamente in tutto il Pese. E’ proprio ad Amon, che sono dedicati tutti i principali templi. Luxor è oggi proclamata Patrimonio dell’Umanità, possiede un bel museo, non grande, ma molto ben fornito, considerato il più importante dell’Egitto dopo quello del Cairo e le immediate vicinanze sono circondate da fulgidi esempi di tutta l’archeologia egizia, a partire dall’imponente tempio di Karnak con la sua famosa sala ipostila con 32 colonne che originariamente presentavano una copertura, il mausoleo di Hatshepsut, il “djeser djeseru” ovvero il sublime tra i sublimi, progettato dall’architetto e probabilmente suo amante Senemut, i Colossi di Memnone che rappresentano il faraone Amenhotep III, il Ramesseum, il Tempio di Seti I e naturalmente la valle dei Re e delle Regine. Un obelisco è ancora in piedi, a Karnak, in granito rosa proveniente da Assuan e fu eretto da Tutmosi I, padre di Hatshepsut, la regina faraone. E’ alto 21.3 metri con un peso stimato in circa 143 tonnellate. Gli obelischi venivano spesso collocati all’entrata dei templi, ed erano generalmente in coppia. Considerati monumenti solari, dedicati alla divinità Amon Ra, ancora affascinano per la loro eleganza. La collocazione, dopo i notevoli sforzi per estrarli e portarli in sede, non fu mai facile e non erano rari i casi in cui questi monumenti si spezzassero durante il posizionamento, che prevedeva l’uso di tiranti trazionati all’unisono, la rimozione progressiva della sabbia del terrapieno su cui erano adagiati, e l’inserimento della base nella fossa che veniva poi ricoperta di terra. I principali monumenti di Luxor, sono localizzati sulla riva occidentale del fiume e sulle riva occidentale ci sono tutte le tombe, a significare il simbolismo del sole al tramonto. Non più piramidi, ritenute costose, ed insicure, ma tombe scavate nel tufo e finemente decorate. L’ultima ad essere portata alla luce, è stata la KV (Kings Valley) 62, appartenuta ad un oscuro faraone della XVIII Dinastia, morto in giovane età e di cui non si sa molto a parte lo straordinario corredo funebre rinvenuto nella sua tomba: Tutankamon.


ristorante valle bresciana

Via Valle Bresciana 11- Bs tel. 030 317666 - 329 8257255 35 info@officinadellavalle.it - officinadellavalle.it

35


Tutela del risparmiatore. Le lobby bancarie riprovano a schiacciare i consulenti finanziari indipendenti

Nel silenzio di quasi tutti i media, nel clamore dei tragici fatti che stanno scuotendo l’opinione pubblica internazionale, le lobby bancarie sono riuscite ad assestare un colpo decisivo a quei “quattro gatti” dei consulenti finanziari indipendenti che, sebbene siano quattro gatti, evidentemente già davano sufficientemente noia e ancora di più potevano darla prospetticamente. Naturalmente, la “porcata” è resa possibile solo grazie al fatto che pochissimi, praticamente nessuno, sono informati della cosa, altrimenti difficilmente i politici avrebbero il coraggio di mettere la faccia su un’assurdità simile. Vediamo di cosa si tratta ripercorrendo un minimo di storia. La precedente direttiva europea sui servizi d’investimento aveva introdotto la consulenza finanziaria fra i servizi d’investimento per i quali è prevista una autorizzazione, ed aveva previsto che possono svolgerla, come unico servizio d’investimento, anche dalle piccole società e/o persone fisiche come liberi professionisti. Nel recepire in Italia tale direttiva, qualche manina in Parlamento tentò di eliminare la possibilità che le persone fisiche e le piccole società potessero svolgere questa attività. Una serie di iniziative politiche volte a far capire ai parlamentari che stavano violando la direttiva comunitaria, riuscirono ad evitare questa scempio e passò la norma che prevedeva l’istituzione di un albo dei consulenti finanziari persone fisiche. I requisiti stabiliti dal decreto ministeriale prevedevano (e prevedono), fra l’altro, indipendenza oggettiva dei consulenti rispetto agli intermediari finanziari (cioè non devono esserci collegamenti professionali e neppure parentali con banche, società d’intermediazione mobiliare e simili). L’albo non è mai partito perché in questi quasi 10 anni sono sempre state opposte questioni di mancanza di fondi. E questo, di fatto, ha impedito lo sviluppo di una professione che avrebbe potuto dare un contributo determinante alla tutela degli investitori. Perché i pochissimi che già facevano la professione potevano continuare in regime di proroga in attesa dell’albo, ma tutti gli altri che volevano iniziare -di fatto- non potevano farlo. Veniamo all’oggi. Viene presentato un disegno di legge in Parlamento che prevede l’istituzione di un unico albo che dovrà racchiudere i

Promotori Finanziari, i Consulenti Finanziari Indipendenti e le Società di Consulenza Finanziaria Indipendente. Questo disegno passa al Senato e se fosse approvato così com’è diventerebbe legge. Lo stesso disegno di legge prevede di chiamare i Promotori Finanziari, che secondo la normativa europea sono chiamati “agenti collegati”, come “Consulenti Finanziari” ed continua a chiamare i “Consulenti Finanziari Indipendenti” come tali, mantenendo l’aggettivo “indipendente”. Il relatore in commissione finanza, che ci risulta avere interessi nel settore, presenta un emendamento, promosso dall’associazione di categoria dei Promotori Finanziari, mirato ad eliminare la parola “indipendente” dal testo. Si svolge una riunione fra alcuni membri della commissione ed alcuni rappresentanti del Ministero e della Consob (che ha interesse in questa stessa legge perché vuole che ci sia il suo organismo di conciliazione e desidera cambiare alcune cose, quindi vuole che il testo sia modificato) e si fa una mediazione: si toglie la parola indipendente ma si deve mettere qualcosa ed allora si sceglie di mettere l’espressione “in regime di esenzione”. Abbiamo quindi i Promotori Finanziari, che si dovrebbero chiamare secondo la normativa europea “agenti collegati”, perché sono degli agenti di commercio, non dei consulenti, che vogliono appropriarsi del nome “consulenti finanziari” e non sopportano l’idea che esistano dei professionisti che si chiamano Consulenti Finanziari Indipendenti, e così fanno una vera e propria azione di lobbing (fatta in modo professionale, con tutto quello che ciò implica) per fare il colpo gobbo: non solo passare da Promotori Finanziari a “Consulenti Finanziari” (mentre dovrebbero chiamarsi “agenti collegati”) ma eliminare anche l’aggettivo indipendente dal nome dei  veri  consulenti finanziari. La politica, poi, per sovrapprezzo, è riuscita a fare anche l’angheria di aggiungere una locuzione scoraggiante “in regime di esenzione” che è ovviamente incomprensibile. Il colpo gobbo è passato in commissione finanze. Adesso la parola passa alla Camera in seduta plenaria. Vediamo se ripareranno a questa “porcata”, o se riusciranno nel colpo gobbo.

Via Fratelli Lechi 13, 25121 Brescia Tel/Fax 030 5030934 - www.studiocappiello.it il dott. Cappiello è delegato Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Cosumatori) per Brescia 36


ORDINA I COFANETTI LA VIE EN BLÙ DIRETTAMENTE DA CASA TUA.

Cofanetto

Quattro Cofanetti, tutti i sapori di Ostriche, Terra, Mare e Formaggi. Per ciascun Cofanetto, tante tipologie di prodotto sempre fresche tra cui scegliere e comporre la tua selezione.

Cofanetto

Selezione Ostriche

Selezione Terra

Cofanetto

Cofanetto

Selezione Mare

Selezione Formaggi

Tutti i cofanetti La Vie en Blù sono frutto di accurata ricerca, per proporti sempre qualità del prodotto e piacere esclusivo. IL SERVIZIO A DOMICILIO È DISPONIBILE TUTTI I GIORNI ESCLUSO DOMENICA A PRANZO E LUNEDÌ A CENA.

La Vie en Blù Via Castellini 14, Brescia www.lavieenblu.it

T 030 3752271


Quarant’anni e non li dimostra, non stiamo parlando di una bella donna, ma dell’Aci di Brescia, direttore Angelo Centola, che in questi giorni ha presentato il calendario delle gare sportivo del 2016. Quest’anno l’ACI festeggia anche il quarantesimo di successi del Rally 1000 Miglia che si corre nelle giornate 13 e 14 maggio e sarà valido per il Campionato Italiano wrc. E proprio sul rally di casa nostra il direttore Centola, coadiuvato nell’occasione dal vice presidente del sodalizio bresciano, Bobo Onofri, si è soffermato: “ Si tratta di un appuntamento molto importante per noi, la gara compie 40 anni, un traguardo che tutti gli organizzatori ci invidiano, che verrà celebrato con la presentazione di un libro ricco di immagini, fotografie e correlato da articoli che racconteranno tutta la storia di questo rally”. Ma la stagione agonistica inizierà il 13 febbraio con l’8 edizione del Rally della Franciacorta, che quest’anno per la prima volta sarà intitolato alla memoria di Daniel Bonara, presente il papà Ettore Bonara che è ritornato in cabina di regia dell’impianto franciacortino. L’ultima edizione fu vinta dal friulano Rossetti, ex campione italiano e europeo. Nel 2016 ci sarà un ritorno della cronoscalata dopo cinque anni, il 9 e 10 luglio, della “ Marone-Zone” che farà da overture della “ Malegno-OssimoBorno” che anche quest’anno avrà ancora come patner tecnico la “ Squadra Corse Angelo Caffi”. Fiore alla occhiello della stagione 2016 rimane sempre la Mille Miglia storica(14 e 19 maggio) e come ha detto Giuseppe Cherubini, presidente del Comitato Organizzatore, “ Tra le principali novità ci saranno nuovi passaggi nelle quattro tappe, nella prima giornata il passaggio al Parco Sicurtà, nella seconda nella città storica di Fermo, nella terza si ritorna a Firenze, per poi scatenare i cavalli all’Autodromo di Monza e l’arrivo a Brescia dopo quasi 100 prove cronometrate”. Ma nella stagione 2016 oltre ai rally e alle gare di regolarità, cronoscalate, si correrà anche nella Formula Challenge, nei Kart e la novità della stagione è la specialità del Drifting in due date il 24 aprile e l’11 di settembre. Quindi un anno sportivo a 360 gradi.

Attilio Tantini

38


r e g r u b o t s i R

ak

i os i l n o v a c a i f r I e m a a t n a i u n q r n i a c C i Anni le miglior o d e n o m dal

te S & r ge

bur

it . r e g r u b o t s i r . ww

stea k

w

burger o t r e ap he anc nzo a r p a

hou

se gourm et

50’S RISTOBURGER Rezzato (BS) - Via Giuseppe Mazzini 59 -Tel. 030.2592190 39


mangano.com

MANGANO MILANO / FIRENZE / DESENZANO / FORTE DEI MARMI / MILANO MARITTIMA / MANGANO.COM

40

40


pag.42 ... ORO E ARGENTO viaggi, inaugurazione pag.44 ... PAPILLA INAUGURAZIONE pag.46 ... maison cò a ponte di legno pag.48 ... i templari, CENA BRESCIAUP events & ALTALUNA eventi pag.50 ... bmf! X° edizione pag.52 ... biblò, happy birthday gloria pag.54 ... natale nella bassa pag.56 ... LE-COMeTE’ by EXPLOIT BIJOUX new collection pag.58 ... befed, cena brescia up events & altaluna eventi pag 62 ... “fresco”, capodanno

41

41 41


Inaugurazione Oro & Argento ORO&ARGENTO VIAGGI nasce nel 1997 dalla passione per i viaggi e dall’esperienza delle due fondatrici, Simona e Katia. Il 19 dicembre 2015, dopo quasi vent’anni di attività, si sono inaugurati i nuovi locali e la nuova immagine: un cambiamento che testimonia la crescita, lo sviluppo e la volontà di essere all’avanguardia di questa già consolidata realtà. Cortesia, professionalità, conoscenza delle mete proposte, fanno sì che sempre più clienti si affidino a ORO&ARGENTO per l’organizzazione dei loro viaggi. La cura del dettaglio, unita ad un’assidua assistenza anche durante il viaggio, completano un servizio in cui nulla è lasciato al caso , in cui ogni esperienza trasforma il sogno in realtà. Benvenuti nel mondo di ORO&ARGENTO VIAGGI, al servizio di chi sceglie di conoscere, incontrare, ammirare il mondo e la sua gente.

Oro & Argento Viaggi via Europa, 34 Bagnolo Mella (Brescia)

42

PH: MUKANOHERI CARLA Cò


43


Inaugurazione Papilla Da Sabato 19 Dicembre, Brescia si arricchisce con una nuova realtà nel mondo della celiachia con un nuovo locale professionale, Papilla buono sano senza grano, dove la garanzia di serità nella ricerca e selezione di tutte le farine e gli ingredienti impiegati, annullano il rischio di contaminazione. Oltre al bar nel quale si possono gustare le prelibatezze si può fare comodamente la spesa con il proprio codiceceliachia perché Papilla é anche shop ”convenzionato asl” con prodotti confezionati e surgelati GLUTENFREE delle migliori marche sul mercato. Ringraziamo tutti di esser interventui all’inaugurazione condividendo con noi l’inizio di questa nostra nuova avventura. Vi aspettiamo da PAPILLA.

Papilla buono sano senza grano Via Duca d’Aosta 28 (Palazzo Fuksas) 25121, Brescia

www.papillasenzaglutine.it

44

PH: studioup


45


Inaugurazione Maison Cò a Ponte di Legno

Il 6 dicembre 2015 è stato inaugurato il nuovo salone di Ponte di Legno di “ Maison Co’ “ di Marta e Maria . L idea di aprire nella splendida località camuna è stata di Nicola Amato Co’ (figlio di Maria ) il ventottenne laureato in economia ha individuato la splendida località turistica dell’alta vallecamonica ,in poco più di un mese e’ stato ristrutturato l ‘immobile che già’ ospitava una parrucchiera ed è partita la sfida La nuova Maison si avvale di due parrucchieri esperti e di una ragazza del paese .

Maison Cò, Hair & Beauty - via Monticelli Ponte di Legno (Bs)

46


47


I Templari, cena BresciaUp events e Altaluna eventi Domenica 20 dicembre si e’ tenuta per il secondo anno consecutivo la Cena di Natale organizzata da Altaluna eventi e Brescia Up events! Nella bella location del RistorArte i Templari di corso Matteotti, i circa 150 partecipanti hanno potuto gustare le prelibatezze dello chef Alessandro!! Il tutto condito dalle note musicali di Giuly e Ugo e dalla degustazione gratuita di distillati Evo e di sigari offerti da Regy e Alex tabaccheria di Fornaci! Uno speciale ringraziamento anche agli sponsor Effetto Donna di Flero e Parfumerie Gazzoli di C.tto S Agata per gli omaggi messi in palio!!!!! Arrivederci a Natale 2016. Ristorante i Templari, Corso G.Matteotti 19 - 25128 (Brescia) PH: Studio UP

48


49


BMF! X° Edizione, un successo di Musica e Solidarietà Sabato 12 dicembre 2015, presso il Teatro Centro Lucia di Botticino (esaurito in ogni ordine di posto), è andata in scena la decima edizione del Botticino Music Festival, un traguardo importante per il contest bresciano ideato da Tony Biemmi e Ruggero Tavelli, divenuto ormai tra i più prestigiosi e apprezzati d’Italia. I 10 concorrenti finalisti si sono contesi il Premio BMF di fronte ad una giuria specializzata, presieduta dal cantautore, musicista e roker, Omar Pedrini. Oltre ai concorrenti in gara, durante la serata si sono esibiti, la giovanissima Alessandra Regosini, vincitrice dell’edizione 2014, il presidente di giuria Omar Pedrini, e l’ospite Ufficiale del Festival Gaetano Curreri (leader degli Stadio) accompagnato del chitarrista Andrea Fornili e dalla super band del BMF (composta da alcuni tra i migliori session man d’Italia). Tra i brani proposti da Curreri oltre a “Un senso”, da lui scritta e portata al successo da Vasco Rossi, alcuni dei brani più famosi degli Stadio, come: “Un disperato bisogno d’amore”, “Bella più che mai”, “Sorprendimi” e “Chiedi chi erano i Beatles”. Sul palco del BMF sono saliti anche il Prof. Giorgio Maghella, Assessore alla Cultura del Comune di Botticino, il Dott. Antonio Belpietro e la Dott.ssa

Federica Silistrini, rappresentanti dei Lions Club (partner dell’evento), ed il Dott. Giuseppe Navoni, presidente di AIL (Associazione Italiana lotta alle Leucemie, Linfoma e Mieloma) sezione di Brescia, a cui è stato devoluto l’intero incasso. In chiusura della serata i tanto attesi verdetti: Premio miglior Testo al casertano Andrea De Balsi, terzo posto per il giovanissimo veronese Orlando Capasso (a cui è stato assegnato anche lo speciale Premio Cambio Musica), seconda classificata la band bresciana Deva; vincitore assoluto il giovane cantautore bresciano Andrea Butturini, a cui sarà data la possibilità di registrare in singolo trionfatore presso i Macwave Studios, con la successiva pubblicazione e promozione a livello nazionale di Davvero Comunicazione.

50


51


Biblò, Happy Birthday Gloria! Lunedì 21 dicembre 2015, alla discoteca Biblò di Lonato del Garda, ha avuto luogo il compleanno della show girl Gloria Del Vecchio, ballerina nota nel mondo della Night life lombardo-veneta, la quale da due anni organizza party ed eventi per l’agenzia Glamour Chic; un team di esperti nel planning, ideata e creata dal giovanissimo e carismatico Andrea Zambonin, in arte Andrew Wee. Proprio in occasione del suo ventisettesimo compleanno, Gloria ha voluto organizzare tutto nei minimi dettagli, insieme a Santo Grano, il remember Bìblo. Un grande tributo con i suoni dei dj, vocalist e tutto lo staff del movimento che ha scritto pagine di storia sul lago di Garda il lunedì notte: il primo Biblò Club. Presenti anche i regular guests Benny dj e Francesco Sarzi dalla discoteca Fellini di Pogliano Milanese e l’energia dei resident voices Andrew Wee e Lorenzo Casalino, nonché anche bravissimo editor del nuovo Biblò. Gloria è una ragazza dalle mille risorse, infatti non solo fa l’animatrice e l’organizzatrice, ma ha anche attitudini televisive. La sua spigliatezza, simpatia e solarità l’ha portata a fiancheggiare

come valletta Valerio Merola nella trasmissione “Bravissima”; il primo talent della televisione italiana nel 1991, ora di nuovo sulle nostre reti, quelle di RTB Network. Per questo ha voluto fortemente la presenza di Valerio, il quale ha presentato la sfilata dell’esplosivo Hair Stylist Claudio Diffusion, un grande defilè di acconciature e look all’ultima moda. Serata perfettamente riuscita, quindi brava Gloria, che vi aspetta insieme a tutta la “FAMILY” del Biblò tutti i lunedì... Perché come dicono loro #lofacciamosolodilunedi Biblò: Via Monico, 3/a Lonato del Garda

52

Photo: studio up


I nostri clienti sono sempre protagonisti indiscussi, noi ci impegnamo a farvi divertire, sognare e sopratutto emozionare.

LUCI SCENOGRAFICHE

AUDIO, CONSOLLE & DJ

ALLESTIMENTI EVENTI

BAR CATERING

VIDEO LED WALL

EVENTI AZIENDALI

Via Torino, 8 - 25125 Brescia, Tel: 030.349119 / 333.8406100 - www.deejaychoice.it - info@deejaychoice.it Seguici on line:

deejaychoice eventi


Natale nella bassa Anche quest’anno si è svolta la pluriennale iniziativa“ NATALE NELLA BASSA”, organizzata dal Dott. Comm. Dario Perotti, che riunisce con l’occasione degli auguri natalizi una vasta rete di 400 persone tra imprenditori e professionisti della Bassa Bresciana. Con la splendida cornice del palazzo Cigola Martinoni, si è svolto questo magnifico evento ricco non solo di momenti di matching, ma anche di eccellenze, a partire dal cibo e dall’ottimo vino proposto, fino ad arrivare al momento di gioia tra magia e cartomanzia. Il ricavato della cena è stato destinato ad un’iniziativa meritoria del territorio. Si tratta del progetto della Cooperativa La Nuvola di Orzinuovi che nasce, come definisce la stessa presidentessa Rosangela Donzelli, con l’intento di offrire un’alternativa al reparto ospedaliero di neuro-psichiatria per i bambini affetti da autismo. La struttura risponde ad un duplice bisogno; quello abilitativo-riabilitativo per bambini dai 3 ai 18 anni e quello di creare uno spazio

riabilitativo di cura, per un periodo di tempo limitato che va dai sei ai nove mesi, per soggetti adolescenti che non possono restare in famiglia. Anche quest’anno, quindi, l’iniziativa “ NATALE NELLA BASSA” ha scelto di contribuire ad un progetto di grande impatto sociale, dimostrando cosi, una particolare sensibilità ai problemi concreti della comunità.

54


55


Lancio della nuova linea di gioielli "Le-Comete" by Exploit Bijoux Si è tenuta il 13 dicembre la V edizione di EXPLOIT FOR CHRISTMAS, appuntamento imperdibile, quest’anno ospitato dallo storico Tempini 1921 presso lo showroom di Borgo Wuhrer. Exploit Bijoux, noto marchio di alta bigiotteria nato a Brescia dalla creatività di Giulia Covelli, ha lanciato la nuova collezione Le-Comtè disegnata in omaggio alla Contessa di Cagliostro, medium e sensitiva bresciana. La collezione, ispirata agli Arcani dei tarocchi è realizzata in ottone bagnato in oro24 ed è una novità di gusto e raffinatezza, che non ha precedenti nel settore della bigiotteria. All’evento erano esposte anche le collezione Zodiac bagnata in ro rosa 24k e impreziosita da perle barocche e la collezione Play your role dedicata al mondo circense e acrobatico, anch’essa un’indiscutibile novità per la scelta del tema che rende unica la collezione. Se lo

scorso anno Exploit ha creato un evento in omaggio all’acrobatica circense, quest’anno il tema scelto era la magia. Le Interferenze magiche di Slick Steve hanno infatti intrattenuto i presenti in un affascinante gioco illusionistico che ha accompagnato drink e buffet. A rendere ancora più accattivante la serata i premi dei partners che hanno contribuito attivamente alla realizzazione dell’evento: Ego Shop, Le Boudoir de Christine, d’Este, Namastè, Onda Verde, Ottica ai miracoli, Golf Club la Colombera, Bevan, Le torte di Giada, Zona Alpi, Luxia, Prinidea, BresciaUp. Per info su eventi e collezioni: www.exploitbijoux.it facebook : Exploit Bijoux

56


57


Befed, cena BresciaUp events & Altaluna eventi Giovedi 7 gennaio al BEFED di via Solferino grande serata targata Altaluna eventi e Bresciaup events che ancora una volta hanno voluto festeggiare dal re del polletto in compagnia dei loro “seguaciâ€? piĂš fedeli che come sempre sono stati fantastici nel farsi coinvolgere in prima serata dal live del grande Barry e a seguire dalla musica del grande dj Riky Yuma e dalla simpatia del vocalist Max Bertanza, una coppia ormai ben consolidata che riesce ad appassionare perfino i reduci delle feste natalizie! Ringraziamento speciale allo staff del Befed sempre simpatico, veloce e bravo. Befed, via Solferino - Brescia

58


59


Un 2015 carico di successi e di soddisfazioni sportive per i 36 protagonisti premiati dall’ACI di Brescia, direttore Angelo Centola, che ha voluto festeggiare chi si è distinto fra piloti, navigatori e team nella gare locali, nazionali e internazionali. Tutto il panorama motoristico dai rally, alla pista, alle auto storiche ai kart ha avuto il riconoscimento da parte dell’ACI. Nel Campionato italiano Gran Turismo Gt3 premiato Stefano Gattuso, Manuel Fenoli per il ruolo navigatore. Nel Campionato italiano produzione, Nicola Novaglio per il Gruppo Racing, Massimo Pedretti, alias ”Pedro” e Nicholas Montini nei rally storici, Cristian Grimaldi nel Trofeo Naz. Under 23 Formula Challenge. Per la regolarità Franco Spagnolo e Giuseppe Parisi, per il rally su terra Gigi Ricci, mentre nei kart Marco Ardigò, riconoscimento sempre nei kart per Andrea Tonolini. Per la pista targa ricordo a Eric Scalvini e Alex De Giacomi. Sempre nei rally,ma Trofei Monomarca, premiati Gianluca Saresera e Ettore Cattina, per la velocità in salita Paride Macario e Francesco Laffranchi. Nelle storiche premiata la scuderia “ Franciacorta Motori” per l’ennesimo titolo nel Campionato italiano regolarità. Sempre nei campionati con vetture storiche premio al dottore “ Volante “ Giorgio Taglietti e Daniele Salodini. Premio particolare per Giovanni Lumini che ha festeggiato le nozze d’oro con l’ACI di Brescia e alla carriera premio a Luciano Dal Ben. Riconoscimenti anche per le future speranze come Luca Bottarelli, Jacopo Trevisani per aver partecipato ad alcune gare del CIR e al giovanissimo Leonardo Lorandi per essere entrato al super corso federale Velocità ACI Sport.

Attilio Tantini

60


www.motori360gradi.tv


Capodanno da "Fresco" Fresco sceglie per il suo capodanno oltre un ottimo menù due nomi storici della movida bresciana il grande Chiarlie Cinelli e il mitico DJ Frankie che hanno divertito ed entusiasmato tutti i clienti. C è poco da dire è stato un grande capodanno all insegna dell’ottimo cibo e dell’ottima musica con uno staff che si dimostra ancora una volta simpatico e professionale e si unisce al titolare Diego Baiano nel ringraziare tutti i clienti . BUON ANNO DA FRESCO ! Via Malta, 16/A - Brescia2 Zona Cavalcavia Kennedy

62


Fresco Locanda Pesce & Pizza

Via Malta 16/A Brescia 2 - Zona Cavalcavia Kennedy Tel. 030.6363837 63


Non insegno mai nulla ai miei allievi cerco solo di metterli in condizione di poter imparare Albert Einstein

64


UBA è la piÚ ampia fonte d'ispirazione e ricerca nel campo della bellezza. Anticipa costantemente i cambiamenti della moda, del costume, della tecnica e dello stile, al fine di consentire agli operatori professionali di soddisfare le piÚ raffinate e qualificate esigenze di bellezza e benessere.

030 7833015 info@universalbeautyacademy.com universalbeautyacademy.com

65


il migliore top club d’italia. qi clubbing è tendenza La struttura del Club Qi è un enorme cilindro in cui sono collegate una prestigiosa area ristorante e un privè che dà spazio ad uno show parallelo. Trasversale, innovativo ed elegante Quando si sente parlare Qi Clubbing è d’obbligo pensare ad un modo unico ed inimitabile nel suo genere di vivere il divertimento nel territorio bresciano. Il club Qi, a differenza dei suoi concorrenti, come le varie discoteche del bresciano, sa offrire al proprio cliente, uno speciale trattamento che va a studiare le preferenze del suo cliente, fino a creare all’interno dell’area tavoli, anche un miniprivè dedicato per rendere ancora più intimo e suggestivo ogni singolo momento del festeggiamento durante lo Show. Vasta è anche la proposta dei contenuti di somministrazione culinaria, accompagnato dal listino delle migliori bottiglie di vino sul mercato. Ogni week-end, il club Qi, offre tematiche di spettacoli che sono di forte caratura storica e attuale; questo permette a tutte le compagnie di potersi ritrovare a vivere serate emozionanti e cariche di adrenalina.

66


ll programma musicale presenta un richiamo storico delle canzoni più ascoltate e remixate dai migliori deejay dagli anni ’80, offre la possibilità di poter festeggiare e passare una piacevole serata con l’atmosfera magica dei migliori ricordi. NON SOLO DISCO... L’aperitivo è senza dubbio uno degli eventi più richiesti e storici del club Qi. L’aperitivo è arricchito da specialità culinarie formulate per le occasioni di ogni settimana, con ogni tipo di pasta, carne, sushi per soddisfare i gusti più raffinati ed esigenti.

Uno dei tanti fantastici spettacoli notturni alla discoteca QiClubbing di Brescia.

Qi Clubbing Via Dell’industria 79, Erbusco - Uscita Autostrada Casello Rovato

67


CORSI EXTENSION CIGLIA Tecnica one to one PROGRAMMA: Durata corso: 1gg full immersion Mattino: teoria, anatomia delle ciglia, sicurezza, materiale e kit Pomeriggio: pratica su modella Attestato di frequenza a fine corso

CORSI MAKE UP BASE Correttivo + Spose PROGRAMMA: Durata corso: 1gg full immersion Mattino: teoria, anatomia del viso e occhi, materiale e pennelli Pomeriggio: pratica su modella Attestato di frequenza a fine corso

CORSI MASSAGGIO SVEDESE (BASE) PROGRAMMA: Nella tecnica svedese vengono insegnate tutte le manovre che saranno poi alla base di tutti i tipi di massaggio 2 giornate full immersion dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle 18 (1h pausa pranzo). Ore obbligatorie 16 + 10 ore tirocinio facoltative La parte teorica di ogni corso è stata sviluppata e verrà esposta dai Fisioterapisti Lumat srl. La Parte Pratica spetta a Lanzani Andrea, Massoterapia, da 18 anni nel settore, massaggiatore di numerosi Vip e professionisti in ambito sportivo, titolare Lumat srl

Attestato di frequenza a fine corso

www.bvmitalia.it

68

9€ 9 2 Tel. 366.6602951


MAKE UP CON AEROGRAFO PROGRAMMA: Durata corso: 1gg full immersion Mattino: teoria, anatomia del viso e occhi, materiale e strumento Pomeriggio: pratica su modella Attestato di frequenza a fine corso

MASCARA SEMIPERMANENTE PROGRAMMA: Durata corso: mezza giornata full immersion Teoria, sicurezza, materiale, kit e pratica su modella Attestato di frequenza a fine corso

EXTENSION CIGLIA METODO 3D PROGRAMMA: Durata corso: 1gg full immersion Mattino: teoria, sicurezza, materiale e kit Pomeriggio: pratica su modella Attestato di frequenza a fine corso

CORSI MARKETING Per promuovere la tua attività su internet e facebook. 1gg full immersion - i vantaggi di internet - motori di ricerca - news letters - campagne mirate - facebook business

PER INFO&PRENOTAZIONI 366.6602951 Open Space CoWorking - Via Orzinuovi 10 - Brescia

CORSI TUTTO L’ANNO 69


al contrario, comodo e avvolgente, a rappresentare un gusto più fashion. Il viaggiatore della nuova stagione e’ un uomo che non fa caso all’età perche’ la travel jacket, realizzata in tessuto anti-goccia, antipiega e antimacchia, arricchita all’interno da pratiche tasche portadocumenti e portaoggetti, va bene per giovanotti rampanti e per uomini maturi. Un capo che si presenta anche ripiegabile in una pratica bustina tanto da occupare uno spazio ridotto in valigia come insegna Paoloni. Mentre Angelo Nardelli 1951 ha trasformato la sua iconica Connemara Jacket in un giaccone impermeabile, antistropiccio e antimacchia. Non mancano i piumini e i giacconi a cui Herno ad esempio, con la nuova capsule firmata da Pierre Louis Mascia, aggiunge un uso spregiudicato del colore. Invece, in quanto a protezione dal freddo, Moorer ha pensato al progetto Engineering, con un tessuto della fodera ad alto potere coibentante, che a contatto con il corpo amplifica

E’ un guardaroba maschile che contempla proposte per tutti i gusti, stili e latitudini, dedicato ad un uomo cosmopolita, cittadino del mondo, che sa essere sportivo, elegante e ricercato, secondo le situazioni e le temperature, quello proposto dalle oltre 1200 aziende che hanno partecipato a Pitti Uomo 89, che termina oggi passando il testimone alla settimana di moda maschile a Milano. Questa edizione è nata e si è svolta, all’insegna dell’abbattimento dei generi, anche sessuali o etnici, come si è visto ieri sulla passerella di Generation Africa, dove i quattro brand emergenti made in Africa hanno proposto uno stile cosmopolita nel rispetto del più classico tailoring, con riferimenti espliciti alle radici della tradizione sartoriale locale. Quello tracciato dal salone fiorentino è un gentleman che ama viaggiare, facendosi scaldare dalla field jacket di Roy Roger’s verde militare con interno in pelliccia di canguro, oppure dall’ Husky (marchio di matrice inglese rilevato da Saverio Moschillo, molto amato dai Windsor) doppiato in cachemire leggerissimo di ultima generazione. Il nuovo globetrotter ama il comfort tecnologico di capi funzionali, realizzati con tessuti sempre più leggeri e innovativi, dalle performance sempre più alte rispetto alle variazioni di clima. Ma nel suo nuovo guardaroba non può mancare il cappotto, che torna ad essere piccolo, asciutto, in tweed (Paltò) o in cachemire sfoderato (Cucinelli), talvolta imbottito, oppure,

70

il calore di almeno 5 gradi all’interno di parka, cappotti tecnici e field jackets. Focus sui tessuti caldi dell’abito tinto in capo da L.B.M. 1911 che punta su fustagno, flanella, cachemire, baby alpaca e cammello e su disegnature tratte dal British style, dal check al Principe di Galles. Nel segno della miscellanea dei generi celebrato da Pitti Generation(s) in un mix and match di colori e di fantasie. ecco la collezione di Massimo Rebecchi che punta sul jersey lavorato nel nuovo punto Roma, a cui alterna lane anglosassoni fuse con materiali tecnici, per uno sportswear glamour con tagli dinamici. Rebecchi punta sul gessato o sul jaquard per le giacche, sfoderando i motivi della sartoria inglese o eccentrici pois ed effetti ‘bottonati’. I pantaloni hanno tagli slim. Tanta la maglieria e promosso di nuovo il gilet.


35

71


®

alpe del garda Caseificio - spaccio prodotti tipici - agriturismo Dairy - shop local products - agritourism Käserei - Verkauf von typischen Produkten Agrotourismus mit Restaurant SPACCIO APERTO DA PASQUA A METÀ OTTOBRE - TUTTI I GIORNI DALLE 9.00 ALLE 19.00 SHOP OPEN FROM EASTER TO THE MID-OCTOBER - EVERY DAY FROM 9.00 TO 19.00 DAS GESCHÄFT IST GEÖFFNET AB OSTERN BIS MITTE OKTOBER - VON 9.00 BIS 19.00 UHR

Via Provinciale 1 25010 Tremosine sul Garda (Brescia) Tel. 0365 953050 info@alpedelgarda.it

www.alpedelgarda.it


La cantina di stagionatura di ALTOGARDA

V E G E TA R I A N O

E’ nato ALTOGARDA VEGETARIANO il nuovo formaggio di Tremosine ottenuto utilizzando caglio di origine vegetale. Infatti, a differenza di tutti i formaggi a pasta dura, come ad esempio Grana Padano, Bagoss o Parmigiano Reggiano che usano il caglio di origine animale, ricavato cioè dallo stomaco del vitello, in questo caso si è scelto il caglio vegetale, ottenuto da erbe di montagna come il cardo. In questo modo si ottiene un prodotto con un sapore molto interessante e che, eticamente, può venire consumato anche da vegetariani. Un’altra caratteristica di ALTOGARDA VEGETARIANO è di contenere lo zafferano, in modo tale da conferirgli una sapidità particolmente gradevole e una leggera colorazione gialla. Il latte utilizzato è di sola razza bruna allevata ai 1000 s.l.m. di Tremosine e viene lavorato da ALPE DEL GARDA di Tremosine. Molta cura viene affidata anche alla stagionatura e, dopo aver ricoperto ALTOGARDA VEGETARIANO con olio di lino raffinato, viene fatto stagionare in cantina per 20 mesi.

Valter Filenghi di Alpe del Garda.

La lavorazione presso Tremosine.

Gianbattista Lanzani e Andrea Borgia del Lanzani Winebar di Brescia.

Lo Chef Leonardo Lazzaroni ha ideato i casoncelli con ALTOGARDA e pere.

Assessore Regionale Gianni Fava in visita nella cantina di stagionatura di ALTOGARDA.

Marco e Valentina della Bottega di Valentina a Montichiari.

Mara e Alberto Gigola della gastronomia di Mara in Via Ducco a Brescia. 73

Lo Chef Ezio Colombo del prestigioso Ristorante La Sosta di Brescia.


Essi propongono soluzioni per occupare con la cultura e con la musica gli spazi lasciati liberi dopo l’EXPO.

Con la chiusura di EXPO 2015 si è concluso con successo anche il variegato programma di eventi artistici culturali e celebrativi dell’arte dei Beatles e del 50° anniversario dei loro memorabili concerti italiani del 1965, che da Brescia, Beatlesiani d’Italia Associati aveva proposto ad EXPO 2015   fin dal 13 aprile 2008   il giorno in cui Milano fu designata per essere sede dell’esposizione universale del 2015. Tali eventi erano stati approvati con entusiasmo dal Comune di Milano ed inseriti nel prestigioso palinsesto di EXPO in Città e si sono svolti puntualmente con successo. Ne diamo una breve sintesi per ribadire l’impegno dei Beatlesiani nella promozione e diffusione dell’interesse per la cultura musicale e non solo quella dei Beatles, soprattutto fra le giovani generazioni e dopo aver ipotizzato con chi adesso si sta occupando del “dopo Expo”, un ruolo attivo dell’associazione che, già nel 2001, aprì a Brescia il Beatles Museum, ora ospitato presso il Museo della Miglia, nella ricerca di uno spazio all’interno all’enorme area “ex Expo” in cui poter realizzare una futura, reale Città Italiana della Musica Universale, secondo un progetto sostenibile dei beatlesiani e condivisibile con altre realtà artistiche. I variegati eventi organizzati dai beatlesiani per Expo o ad esso collaterali, sono stati patrocinati anche da vari comuni Italiani, in particolare da quello di Brescia, per quanto concerne il 26° Beatles Day al Teatro Sant’Afra preceduto dal concerto al San Barnaba dell’Orchestra Giovanile Isidoro Capitanio e dal Comune di Milano, che

74

ha approvato per EXPO in Città le celebrazioni dei Beatles iniziate il 24 giugno con l’attesissimo appuntamento al Velodromo Vigorelli, ripreso anche dalla RAI, per ricordare I Beatles che vi suonarono 50 anni fa, grazie a Leo Wachter. Si è poi tenuto poi con successo un concerto di ottime Beatles band Eataly Smeraldo, il Regno dello “slow food” che all’ EXPO ha avuto un ruolo importante anche nella nutrizione del Pianeta. Erano presenti tante ottime beatle band e c’erano pure i New Dada, e Guidone che suonarono in apertura dello storico concerto dei Beatles. E’ stata allestita una mostra fotografica di Guido Viglieno un associato che immortalò i Beatles nel 1965. Le foto sono state inserite da Rolando Giambelli in un poster EXPRESSIONS. Gli eventi organizzati dai Beatlesiani per EXPO in Città si sono tenuti anche in locations prestigiose come il Piccolo Teatro di Milano, all’Expo fra “Decumano e Cardo”, presso il Padiglione Lombardia; poi al 38° piano del Palazzo di Regione Lombardia ripresi da Brixia Channel TV ed infine alla Palazzina Liberty. La diretta, su Rai 3, del 25 giugno, “Vedi chi erano i Beatles”, ideata dal nostro Mario Pezzolla e condotta da Fabrizio Frizzi è stata ampiamente promossa sul sito dei Beatlesiani presenti in grande numero anche a Roma negli studi Rai della Dear. A Sanremo, al Teatro Ariston il 24 luglio i beatlesiani hanno organizzato il primo Sanremo Beatles Summer Festival; a


Genova a maggio, alla Fiera Internazionale della Musica, hanno organizzato il Beatles Day e a ottobre il Concert for John Lennon con il Comune e la Biblioteca Universitaria di Genova, e tanto, tanto ancora… che la mancanza di spazio ci impedisce di raccontare, ma ora i Beatlesiani vogliono far sentire ancor di più la loro voce per dare una continuità al grande progetto iniziato da Expo di nutrire il Pianeta… integrandolo su quella stessa area, anche con la cultura dell’Arte della Musica, di tutto il Mondo…

Rolando Giambelli

Ristorante Pizzeria

dal martedì al venerdì una piacevole

PAUSA PRANZO Via Lunga, 24 Brescia Tel 030 310815 Pizzeria “La Pastorella”

adv pastorella tisanoreica

NON SONO A DIETA SONO IN TISANOREICA! PRIMO NEGOZIO A BRESCIA VIA LAMARMORA 122

Via Lamarmora, 122 BS - Tel. 030 5310562 Cell. 392 5642973 intisanoreica.brescia@virgilio.it - Tisanoreica Brescia

75


di Luciano Dal Ben

Decidemmo di partire da Varsavia. In ogni caso, e comunque fosse finita, la nostra partecipazione al Rallye di Montecarlo, avrebbe rappresentato un’altra grande esperienza sportiva ed umana. E così, una gelida sera di Gennaio, in uno scenario di luci e folla indescrivibile, lentamente, uscendo dallo stadio di Varsavia entravamo nel vivo del rallye più famoso: ci attendevano dieci giorni in macchina e settemila Km di gara. E, mentre, tempo e chilometri scorrevano veloci su strade sconosciute ed infide nella tersa notte polacca, Felice ed io, ci scambiavamo idee e pensieri sulla gara e su quanto ci attendeva. Controllo orario...tappa... rifornimento ... notte che scolora nell’aurora ... uno sguardo agli strumenti della 124 Abarth... tutto a posto...chilometri a forte andatura, ora seguendo qualcuno del gruppo, ora isolati... Bialistok, Danzica, Stettino, Wroclaw, Zakopane... Kosice, un pisolino in macchina (con il cuscino a fiorellini portato da casa) mentre guida Felice...tempo bello, nebbia, neve, pioggia... sempre molta folla entusiasta ai controlli... notte e giorno... cambi di guida... Budapest. .. Zeltweg... e via sempre veloci... altra frontiera e Cortina ci accoglie con folla, freddo e strade ghiacciate, poi, via di gran passo. A Brescia ci attende uno spettacolo incredibile di folla, Viale Mille Miglia è illuminato a giorno, la voce di Bini suona familiare, salutiamo amici, abbraccio mia moglie... Ma il tempo stringe, timbriamo al controllo, un ciao e arrivederci... e ora verso il Piemonte e la Francia. Si fa il punto della situazione: macchina a posto, fisicamente stiamo molto bene... il poco dormire e il nutrirci parcamente non ci ha minimamente provati. Partiti da Varsavia in diciotto equipaggi, noi unici italiani, più di una volta ci siamo sentiti nel lungo viaggiare attraverso l’Est Europeo, orgogliosi di esserlo. I controlli in Italia passano veloci e i nostri compagni di gara ci seguono per strade a noi note. Dopo Pinerolo, gran balzo attraverso le Alpi innevate, dove, nel blu intenso della notte le stelle paiono gocce d’oro appese al cielo... e poi, giù, la Francia, verso Gap, punto di contatto con i piloti partiti da altre località. Dopo poche ore di riposo... a vettura ferma ... si comincia a fare sul serio. Tempo di prove speciali, nevica, il freddo è

76

pungente. Mentre attendiamo il nostro via sentiamo nella vallata l’urlo lacerante della Stratos di Munari... poi via via gli altri... ora tocca a noi... cinture allacciate ... massima concentrazione... fari accesi... una mano al volante, l’altra sul cambio... uno sguardo d’ intesa... pochi attimi ancora ... il motore sale di giri... il contagiri impazzisce... Via!... Mentre la neve continua a fioccare, la macchina procede veloce ma non sta diritta un metro... all’interfono arrivano secche le note 100 diritto in tornante destro... attenzione dosso in sinistra veloce... cambi rapidi di marcia... i fari sciabolano nel buio... manovre sicure e precise, ombre arcane ai lati della strada fuggono veloci... la tensione è alta... controllare la macchina su neve fresca con alcuni tratti ghiacciati è molto impegnativo e l’errore è sempre in agguato... finisce la prova... un’altra e poi un’altra ancora, separate da piccoli trasferimenti, in questa notte che ci porterà a Montecarlo, dove la posizione raggiunta in classifica ci permetterà, dopo poche ore di letto (finalmente!) di ripartire per il durissimo Percorso Comune. Partiamo, dopo un cambio di gomme e un controllo generale, dalla Piazza del Casinò. Felice ed io ci sorridiamo... poi il via tra un’ala di folla festante. Un percorso durissimo di 1600 chilometri dei quali 600 di prove di velocita ci porterà in una realtà di gara molto bella ma anche estremamente pesante... controlli orari... Saint Auban... altri concorrenti... prove speciali senza soste... Castellane... cambi di guida frenetici... assistenze sempre pronte ... rifornimenti rapidi... strade ora asciutte, ora con ghiaccio e neve... ma il tempo diventa sempre più tiranno: bisogna andare ancora più veloci. I paesini del massiccio centrale scorrono via anonimi... si arriva ai controllli orari con pochi minuti di anticipo giusto il tempo per un sorso d’acqua e un biscotto. La stanchezza, di notte si comincia a sentire... gli occhi arrossati ... l’assillo della classifica e le prove speciali con neve e ghiaccio giocano il loro ruolo... ma passiamo


senza problemi il terribile Burzet 50 chilometri totalmente innevati... e, a notte fonda riprendiamo il ritorno verso Montecarlo... sempre molto veloci... inseguendo l’illusione dell’ultima tappa. E l’illusione dell’ultima tappa... quella del Turini... diventa realtà. Infatti la classifica finale del Percorso Comune ci premia: siamo al 32° posto assoluto. Di diritto partono per il Percorso Finale i primi 50 classificati. Il nostro morale è alle stelle, mai avremmo immaginato di essere finiti cosi in alto nella classifica. Ma la felicità lascia immediatamenìe spazio ai problemi da risolvere e alla organizzazione di quest’ultima tappa. La vettura va ancora molto bene, fortunatamente, prima di entrare in parco chiuso a Montecarlo avevamo fatto una verifica globale. Sistemiamo la parte cartacea dell’ultima tappa e, soddisfatti, ci concediamo un po’ di riposo. Tra poche ore ci attendono 800 Km, di notte, quasi tutti di velocità pura... non avremo soste con controlli tiratissimi. Alla partenza sguardi di compiacimento e curiosità vanno alla nostra 124 Abarth n. 84, non è certo una Stratos, una Porsche... eppure è li... tra una gran folla di appassionati. Ma il tempo ci dice che sta per iniziare per noi una corsa piena di incognite e grossi rischi in una notte dove uomini e macchine non si risparmieranno. La piazza del Casinò ci riveste al via, senza tregua... sempre concentrati... La Turbie... il motore sibila... le ruote chiodate mordono ora il ghiaccio ora l’asfalto... Sospel... Il caso vuole che l’equipaggio polacco ufficiale Polski Fiat si prenda cura di noi, a Peille si ritirano e la loro assistenza ci da benzina che noi non avevamo e mai avremmo trovato. Poi speciali, controlli, paure, e intraversate si susseguono freneticamente ... poi... il «Turini»... il passaggio sul colle più assediato e famoso del Rallye ci dà una forte emozione… al nostro transito, tra centinaia di flash che quasi accecano... vediamo sventolare un tricolore, poi un altro e un altro ancora, è un tripudio... mentre la macchina procede in sbandata tra due pareti di neve, quasi fosse una pista di bob la strada scende verso valle. Le prove di velocità purtroppo esigono il loro tributo, ora un testa coda, ora un urto... ora una strisciata... ma bisogna essere sempre più rapidi. La notte sembra non finire mai, ai controlli ci dicono che le vetture in gara sono diminuite, molte le vediamo disseminate lungo le strade; alcune mal ridotte... è una corsa massacrante, ad eliminazione, contro il tempo, le condizioni delle strade e anche contro di noi. Passano le ore... Colde Braus, Chateauneuf de Contes… Montecarlo si avvicina e solo la classifica dirà la sua verità. Quando la terribile notte se ne va con il suo fardello di amarezze, gioie, rischi, paure e delusioni ci sentiamo ormai vicino al limite, anche della vettura. Terminata l’ultima prova speciale a denti stretti e con la volontà e determinazione di aver dato fondo a tutto... pensiamo solo a finire. E, dopo essere usciti indenni dalle insidie della notte del Turini, arriviamo a Montecarlo… increduli, ecco il traguardo. é davvero finita, il lungomare ci attende da superstiti con pochi altri equipaggi, siamo contenti, emozionati… gli occhi lucidi, non solo di fatica... ci abbracciamo Felice ed io. Dieci giorni in macchina, attraverso l’Europa, insieme quante ansie, gioie, rischi, timori ed ora tutto finito, come un sogno, si…ma vero...Lasciamo la nostra Abarth n. 84 in parco chiuso; mi volto un mare cobalto fa da sfondo ai colori delle macchine allineate al sole appena sorto. Ci incamminiamo verso la direzione gara, c’è molta gente, reporter, fotografi; tra la folla mi viene incontro Maddalena, mia moglie, mi sorride, ci abbracciamo: è il più bel premio. La classifica finale recita: primo assoluto Munari-Mannucci su Lancia Stratos...28° assoluti Dal Ben Besenzoni su Fiat Abarth 124... ed ecco che una sottile e strana sensazione mi prende… e se fosse già la nostalgia di un qualcosa di straordinario e forse di irripetibile??? Partenza: Atene Luciano Dal Ben e Eugenio Milesi

Partenza: Roma Luciano Dal Ben e Felice Besenzoni

Partenza: Roma Luciano Dal Ben e Felice Besenzoni

77


Rugby Calvisano Try Vol.1, selected and mixed by Paola Peroni Rugby Calvisano Try Vol. 1, selected and mixed by Paola Peroni è la compilation che unisce sport, musica e volontariato. Il progetto dà risalto a una disciplina come il rugby ed al Rugby Calvisano, il team giallonero che lo scorso 30 maggio è riuscito a portare a casa il suo quinto scudetto consecutivo. Deus ex machina del progetto è la dj producer Paola Peroni (Intercool Edizioni Musicali Srl) che ha prodotto la raccolta e ha mixato le tracce. Con lei anche il supervisore Marco Gavazzi (Rugby Calvisano) e Mauro Farina, produttore esecutivo di The Saifam Group ed i giocatori del Rugby Calvisano, che hanno selezionato in prima persona alcune delle canzoni incluse nella raccolta.

Special Music

Parte del ricavato del progetto andrà in beneficenza, ad un ente che sarà comunicato in occasione dell’evento di presentazione della compilation (la data della presentazione verrà comunicata a breve). Il cd sarà in vendita presso il negozio di merchandising presente all’interno del Peroni Stadium di Calvisano (Bs) ed in molti negozi che hanno già aderito all’iniziativa, oltre che, in una speciale versione, in numerosi store digitali. Chi volesse ordinare il cd fisico online può invece scrivere a info@intercool.it. In Rugby Calvisano Try Vol. 1, selected and mixed by Paola Peroni spiccano grandi successi di superstar come Martin Garrix, Cristian Marchi, Pitbull, Lost Frequencies, Dj Antoine ed AronChupa. Tra una hit dance e l’altra, si fanno spazio anche le voci dei tifosi del Terzo Tempo Rugby Calvisano, registrate “live” al Peroni Stadium, “We can Fly” di Paola Peroni, ideatrice del progetto. E non manca neppure We Love Rugby – Try, una canzone speciale dedicata a chi ama questo fantastico sport di squadra. C’è infine una sorpresa: alcuni giocatori (tra cui Michele Andreotti, Luca Beccaris, Rudy Biancotti, Giacomo De Santis, Luhandrè Luus, Maxime Mbandà, Jimmy Tuivaiti, Riccardo Raffaele e Alessio Zdrilich) hanno voluto partecipare con la loro voce ad un messaggio universale che si ascolta all’interno della selezione musicale. Sponsor: Vaia Car Srl, EPM Meccanica Design Srl, Intercool Digital Supporter: Essere o Diventare DJ, Confartigianato Imprese Unione Brescia, Planet Vigasio, Brescia Up Lorenzo Tie zzi

www.intercool.it www.facebook.com/paolaperoniofficialfan www.rugbycalvisano.it www.thesaifamgroup.it

78


AGENZIA DI MODELLE A BRESCIA per posizioni come modella, fotomodella, hostess, ragazza immagine

Anthony Le manager director

Borana Vane make-up artist

Dariem Bec photographer

Via Orzinuovi n.10, 25125 Brescia www.anthonylemodels.com info@anthonylemodels.com

79


IL SENSO DI COLPA PUO’ NASCONDERSI IN NOI… COME LIBERARSENE PER VIVERE AL MEGLIO LA NOSTRA VITA… La prima impressione? E' il corpo che parla …..in sette secondi Non vi è mai capitato di dover subire atteggiamenti o situazioni per voi ingiusti e sbottare, rispondere in malo modo a vostra madre, ai vostri familiari, sul lavoro, oppure agli amici, e dopo un poco avvertire un senso di malessere per averlo fatto?. Non è un semplice pentimento quello che state avvertendo, ma un malessere che vi porta a Mi sono spesso che domandata: “Quantocomportamento serve 1. SGUARDO E SORRISO: struggervi dicendo a voi stessi il vostro per giudicare gli altri? E, quanto conta, la tanto Tenete uno sguardo attento verso il vostro chiamata in causa ,“prima impressione”? interlocutore. da Sorridete in modo amichevole e reazione erano si provocati ma comunque immeritati Gli studi dimostrano che sono sufficienti sette e solare, evitate fronti corrucciate o labbra secondiamici per capire una persona ci piace serrate. vostra madre, dai vostri o secolleghi. o no. Praticamente in un solo battito di ciglia 2. ASPETTO FISICO: Qui Non vi è mai capitato di fronte a qualche , esprimiamo un giudizio che , anchesofferenza se non entra indei gioco la bellezza secondo i superficiale , rimane impresso nella nostra comuni canoni estetici, quanto la cura della vostri figli, magari dovuta esserepersonale ,sia per uomini mente. anche solamente al loro persona;l'igiene Ma come è possibile che in arco di tempo che per donne, ha un influenza decisamente adolescenti, di sentirvi inadeguati perché pensate così piccolo possiamo esprimere un parere posiva. di non altri? 3. POSTURA: Mantenete essere all’altezza e disugli non aver loro insegnato abbastanza Entra qui in causa la cosidetta comunicazione una posizione eretta con la testa alta. Evitate non verbale cioè il linguaggio del corpo. braccia e gambe incociate ,evidente segno per preservarli dalla sofferenza stessa?. Nina Attraverso il linguaggio del corpo possiamo di chiusura verso il vostro interlocutore. www.beingmeonly.wordpress.com movimenti, espressioni di mimica 4. STRETTA DI MANO: Non vi è mai capitatointerpretare di voler tenere il più possibile sotto Nina che accompagnano la comunicazione Assolutamente no il”tritaossa” e il “pesce nina beingmeonly www.beingmeonly.wordpress.com verbale , permettendoci così di formarci morto”. La stretta di mano deve essere come il e-mail: elisamariblogger@gmail.com controllo la vita di chiun'impressione amate per un desiderio forte che per su una persona. sorriso ,aperta ,amicale ma decisa. Facebook: nina beingmeonly linguaggio verbaleun , emerge normalmente 5. DIMOSTRA INTERESSE: loro tutto vada bene,Nel seguendo modello di perfezione Mail: elisamariblogger@gmail.com piuttosto che accettare la realtà. la parte più razionale di noi : la comunicazione Gli studi dimostrano che le persone sono è solitamente contenuta entro certi maggiormente attratte Dobbiamo da chi ha le pupille che ognuno di noi haverbale dentro di se? E se invece qualcosa invece pensare che nella vita ci sono giorni limiti imposti dalla nostra cultura, educazione dilatate, un segnale universale che indica ,esperienze di vita...In realtà nella vita interesse ed attenzione verso l'altra persona. non va bene preferite pensare che siadi tutticolpa vostra sereni e giorni di pioggia, avvenimenti negativi e positivi i giorni , continuiamo a reprimre le emozioni 6. NON ESSERE INVADENTE: più profonde che proviamo :quell'energia non mancanze, Questo significa rispettare spazioalternanza vitale del e rimediare alle vostre seppur inesistenti inloun’ di gioia e sofferenza. può scomparire del tutto , ed è per questo che vostro interlocutore: mai troppo vicino, mai piuttosto che semplicemente accettarne la duratroppo realtà ed Per attenuare oppure addirittura allontanare da noi l'inconscio, esprimendosi in modo involontario distante. e incontrollabile agisce attraverso il linguaggio 7. LA REGOLA DELLO agire lucidamente di del conseguenza?. qualsiasi senso di colpa dobbiamo accettare di essere corpo. SPECCHIO:Osservate chi avete davanti L'importanza della prima impressione cercando di rispecchaire il maggior numero Ecco tutto questo parte in unmodo dentro fatti emozioni sia negative che positive che ci piacciono è evidente: colloquio recondito di lavoro, un da di contatti visivi, il volume e ladivelocità del appuntamento galante, la richiesta di un discorso. di noi; facendoci tenere quindi, appunto per il senso e che non ci piacciono, di bene e di male, di amore e odio, prestito in banca, la conclusione di una 8. vendita... Un ultimo consiglio: la prima impressione può di colpa, un comportamento a due facce; quando ci di attaccamento e aggressività. Questo non perché siamo Cosa fare allora? Come possiamo “pilotare”la essere assai incompleta o talvolta ingannevole. nostra comunicazione non verbale facendo Perciò, non trasformate quell'intuizione in un sentiamo in colpa verso qualcuno o per qualcosa che cattivi, ma perché sono forze che comunque esistono, una prima impressione positiva? giudizio definitivo che diventerà inevitabilmente Ecco sette consigli per inostri sette secondi: pregiuzio che d'ora in avanti vi impedirà di abbiamo fatto, siamo portati a riparare ed a un diventare come quelle della natura. Più noi accettiamo anche le vedere o acquisire altri elementi di conoscenza. un po' di buon senso. più accondiscendenti, più compiacenti e ci fa Usate rinunciare nostre sensazioni negative non cercando, tramite il Vi ricordiamo che sonosenso aperte le iscrizioni ai a qualcosa di noi pur di far stare meglio l’altro. E’ un di colpa,di metterci a rimediare per risolverle, più corsi di Pnl e linguaggio del corpo. Per informazioni e contatti : elisamariblogger@ modo di amare ed accondiscendere dannosissimo, nel miglioreremo il nostro modo di vedere e valutare tutto gmail.com quale cerchiamo di cancellare tutte le emozioni negative. quanto ci sta intorno, seppur non ci piaccia. Più ci liberiamo Dall’altro inseguiamo un modello di vita perfetto che ci fa della scusa del senso di colpa per porre rimedio, più desiderare che tutto vada bene e se invece c’è qualcosa oggettivamente accetteremo quanto ci succede intorno e che non va, preferiamo pensare che sia colpa nostra più aiuteremo anche chi ci sta a cuore, a fare altrettanto.

Nina

80


Palazzo Gambara

MATRIMONI - EVENTI MEETING -BUSINESS

Service Audio Video Luci:

Catering by:

Informazioni : Aldo Mazzolari Tel. 335.209008 - lasosta@tin.it - PALAZZO GAMBARA - San Vito di Bedizzole (Bs) 81


nessun colore è proibito di Federica Cocco

Fabrice Pascal Quagliotti Grazie ai suoi genitori Robert & Christiane, nella loro casa Parigina è stato " cullato" fin da bambino con la musica scoprendo così i grandi autori come Bach, Albinoni, Shadow ecc… A 13 anni anni riceve il primo organo basic e inizia a frequentare il conservatorio che ha dovuto abbandonare perché come dice lui stesso fu “ molto indisciplinato” ! fortunatamente continua le sue lezioni di pianoforte privatamente con un maestro russo, Juri. A 16 anni Fabrice fa parte della prima band-I Sexagoneche proponeva progressive music. A 17 anni è la volta dei Xerus con il suo inseparabile amico Rosaire Riccobono, tuttora bassista nei Rockets. A 19 anni, per puro caso e grazie ad un'annuncio messo su Pigalle viene contattato da Christian le Bartz per "une audission" con i Rockets. Da quel momento inizia la vera carriera artistica con gli “argentati” esperienza davvero unica che prosegue tutt'ora con un look e un sound diverso ma sempre rivolto all'immagine dei Rockets.

mio studio e immergermi nei suoni. Amo lo sport, ho praticato per anni arti marziali e vado sempre in palestra per mantermi in forma. Come hobby direi anche che j’adore il buon cibo e bere bene specialmente Francese! Fabrice progetti futuri? Certo,un po’ più di un’anno fa ho cominciato a lavorare ad un nuovo progetto Dance ( FABRICE PASCAL & AXEL COOPER) con un giovanissimo DeeJay che oggi ha soltanto 17 anni Axel Cooper; cercavo un deejay molto giovane, per impregnarmi della sua energia, cultura musicale e modo di vedere le cose,in tanti mi hanno dettoche avrei potuto collaborare con dj famosi ,ma io voglio far diventare Famoso Axel ! Fabrice Pascal & Axel Cooper è il nome che abbiamo scelto per questa collaborazione. Da pochissimo è già uscito il nostro singolo, New Generation, fatto in ben tre versioni diverse scaricabarili su iTunes, Amazon, Spotify, ecc… In New Generation c’è del Rockets in quanto abbiamo utilizzato il “AU” di Galactica nonché la voce del cantante John Biancale. Stiamo creando un Deejay Set diverso nel quale oltre che “suonare” i dischi, suonerò con i synth in live un bel Challenge. Altro progetto futuro è il nuovo album dei Rockets grazie all’amico giornalista Riccardo credo di avere trovato finalmente il produttore giusto per noi, l’album dovrebbe essere una fusione di Space/ Rock & Dance…….. staremo a vedere, un saluto a tutti i vostri lettori e grazie.

Fabrice benvenuto su Bresciaup cos'hai fatto questi ultimi anni? Grazie Federica , con i Rockets a fine 2014 è nato un bellissimo album -KAOS, che contiene 12 brani, tutti arrangiati in modo e stili differenti che spaziano dal Rock, all’Elettro e dalle Ballate ai Strumentali,un album come si faceva negli anni 70/80’ ricercando il più piccolo dettaglio nei suoni., circa 10 anni sono serviti per arrivare alla nascità di KAOS un lavoro molto impegnativo per cui ringrazio i mie preziosi compagni di viaggio: John Biancale (voice), Rosaire (bass), Eugenio Mori ( drums) e GianLUca Martino ( guitars), tutti grandi professionisti ed amici. I Rockets sono quindi in attività? Certo, quest’estate abbiamo fatto un tour con varie showcase e concerti. Spesso andiamo in Russia, poi stiamo lavorando sul prossimo lp,comunque potete seguirci sul ns sito: www.rocketsland.net e facebook Rockets. Fabrice, quale sono i tuoi hobby? Hobby? Mi piace suonare il mio bel pianoforte, salire nel

82


RISTORAZIONE - EVENTI - MATRIMONI - HOTELLERIE

San Valentino 2016

Cena 35 € a persona Per info: 030 7709761

Cena 35 € a persona Per info: 030 9828348

Cena 35 € a persona Per info: 030 7040956

Intrattenimento con musica

Cena 40 € a persona Cena e pernottamento 150€ a coppia. Per info: 030 2793223

Tutta l’esperienza e la passione del nostro gruppo sono a vostra disposizione. 83

Seguiteci su Follow us on


Gabriele Giuzzi Fashion & Lifestyle, blogger www.smartdiamondstyle.com info@smartdiamondstyle.com

Cari amici, volete rendere il vostro look ancora più deciso e ricco di personalità? Il cappello è sicuramente l’accessorio che fa al caso vostro e non può assolutamente mancare nel vostro guardaroba. Ma mi raccomando, fate attenzione al modello di cappello che scegliete e ricordate che deve adattarsi al vostro viso e al vostro stile. Vediamo alcuni tra i modelli di cappelli più famosi…

CAPPELLO A FALDA LARGA Si tratta sicuramente del modello più in voga al momento, un vero must-have di stagione. Il cappello a falda larga possiede quel gusto un po’ rétro inoltre, se lo si cala sugli occhi è perfetto per ripararsi dal sole e permette di assumere anche quell’aria un po’ misteriosa, che dona sicuramente un tocco in più all’outfit. La versione invernale è in feltro mentre una volta arrivata l’estate si può scegliere un modello in tessuto leggero. Insomma, un cappello alla moda che arricchisce i nostri outfit per 12 mesi!

dolce&gabbana

Asos

LA COPPOLA Questo modello di cappello è adattissimo per chi ama avere un aria più ironia, giocando con un look casual ma sempre con quel tocco di eleganza e ricercatezza. La coppola rimanda subito agli anni ’20 ed è stato a lungo anche “il simbolo” di una cultura sarda e siciliana. Ma state tranquilli, oramai è stato sdoganato ed è un modello scelto da sempre più uomini che vogliono indossare un cappello semplice e leggero. Anche in questo caso a seconda del materiale, la coppola vi può accompagnare durante tutto l’anno.

FRANCESCOBALLESTRAZZI

LA BOMBETTA E IL CILINDRO Questi sono due modelli di cappelli molto particolati, che non sono sicuramente adatti a tutte le occasioni e a tutti i look, ma restano di fatto due modelli classici intramontabili. Sia la bombetta che il cilindro appartengono ad una “moda passata”, più classica e come ho già detto, li si sfoggia in occasioni molto formali o comunque con un look veramente estroso e ricercato. Se volete scegliere uno di questi due modelli mi raccomando di pensarci bene prima di acquistarlo, l’idea di indossarlo può anche incuriosirvi ma sappiate che questi modelli devono essere indossati anche con una certa sicurezza e disinvoltura.

DUPER

SUPER

WOODEN

Sono sicuro che sarete in grado di scegliere il cappello che fa più al caso vostro e ricordatevi di giocare e di divertirvi sempre con il vostro look! 84


AREACOM. bs

Brescia via S. Martino della Battaglia, 5C tel. 030 45125 路 030 47000 www.compelbrescia.it

85


IL 12° CONCERTO PER CELEBRARE GEORGE HARRISON Per ricordare George Harrison il mitico chitarrista solista di Liverpool che fece parte dei Beatles, Beatlesiani d’Italia Associati con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Brescia, propone la 12a edizione del "Concert for George Harrison-All things must pass"  un incontro culturale musicale molto variegato con la partecipazione di musicisti, artisti e ospiti importanti, dopo la partecipazione dell'associazione al memorabile "Concert for George" alla Royal Albert Hall di Londra nel 2002. Sono attesi numerosi musicisti, gruppi e tanti graditi ospiti e Special Guest a sorpresa.  La kermesse si terrà presso la Cascina Parco Gallo a Brescia in Via Corfù 100, (lo stesso luogo dove si è svolto il John Lennon Day)  Domenica 28 febbraio dalle 17.00 circa, e si potrà protrarre fino alle 24.00. Nel corso dello spettacolo saranno proiettati, alcuni estratti di loro video e filmati interamente restaurati e inseriti nel nuovissimo video THE BEATLES 1

Un’altra fantastica carellata filmografica Harrisoniana sarà a cura di Riccardo Russino! "I WANT TO TELL YOU “ - Riccardo Russino (giornalista) e Davide Verazzani (autore teatrale) racconteranno alcune fra le più belle canzoni di George Harrison. La loro storia, come sono state scritte, e come sono state accolte dal pubblico. Di ogni canzone verrà proiettato il video." L’evento servirà, come è tradizione da molti anni della nostra associazione, oltre che per ricordare l'indimenticabile Beatle scomparso nel 2001, e che avrebbe compiuto 73 anni il 25 febbraio, anche per promuovere le iniziative umanitarie dell’UNICEF. Al Beatles Museum presso il Museo della Mille Miglia in un settore dedicato a George Harrison sarà visibile anche il poster autografato e donato dalla moglie Olivia Harrison al Museo fino a domenica 30 marzo.

INGRESSO LIBERO CON OFFERTA Una parte degli utili della serata sarà devoluta a UNICEF Direzione artistica: Rolando Giambelli Per ulteriori informazioni: www.beatlesiani.com - www.thebeatles.it beatlesiani@beatlesiani.com  FACEBOOK: Evento per George Harrison 2016 86

Rolando Giambelli


87


Trend Autunno- Inverno 2015 / 2016... Ecopellicce

Proseguiamo il nostro viaggio nel mondo Fashion verso le tendenze moda autunno inverno 2015/2016, parlando questo mese delle “Ecopellicce” . Questo capo di abbigliamento nella stagione fredda da alcuni anni sta avendo sempre più richiesta e sempre più attenzioni da parte di tutti i Brand del settore abbigliamento Donna. Le Ecopellicce le possiamo trovare nelle due varianti di base quali: Gillet, dove vanno per la maggiore come linee e rapporto qualità prezzo i brand quali Gallery, Zara, Berskha, Gio Cellini, Stradivarius, Anna Sui e i Giacconi dove i brand scelti da proporvi, sempre considerando il rapporto qualità prezzo, sono Asos, Denny Rose, Faux London, Gaudi, Patrizia Pepe e Pepe Jeans. Vi consiglio per quanto riguarda i Gillet; Zara, Berskha, Gallery e Anna Sui, mentre per i giacconi mi sento di proporvi Denny Rose, Gaudi e Faux London….

Grazie Elisa Melly Founder e Blogger www.mellyfashionvoyagerblogspot.it di Elisa Lubrani Vi invito a seguirmi sul blog www.mellyfashionvoyager.blogspot.i Elisa Melissa FashionVoyager

88

88 Per restare sempre aggiornati sui miei articoli e sulle novità e tendenze del momento


BIE Brescia Industrial Exhibition

risorsa per il territorio e per l’internazionalizzazione La Camera di Commercio Italo-Germanica e DEinternational Offical Sponsor della manifestazione Montichiari 18 Gennaio 2016 – Gruppo Italtelo lancia la seconda edizione di BIE – Brescia Industrial Exhibition, Fiera delle lavorazioni e delle tecnologie dei metalli, che si terrà dal 19 al 21 Maggio 2016 al Centro Fiera Montichiari, all’insegna dell’internazionalizzazione, grazie all’attivazione di iniziative per il coinvolgimento di buyer esteri e consulenze specializzate a disposizione di espositori e visitatori nei giorni della fiera. Fondamentale l’accordo con AHK Camera di Commercio Italo-Germanica e DEinternational, facenti parte di una rete internazionale formata da 130 camere di commercio, delegazioni e rappresentanze dell’economia tedesca, che saranno presenti in fiera con il coinvolgimento di operatori selezionati provenienti da Germania, Austria e Svizzera in incontri B2B con le aziende espositrici finalizzati all’acquisto e a partnership commerciali. L’Official Sponsor della manifestazione sarà inoltre gratuitamente a disposizione degli espositori e visitatori interessati a espandere e rafforzare il proprio business sul mercato tedesco. A livello europeo l’Italia si posiziona al secondo posto, preceduta soltanto dalla Germania, per quanto riguarda la forza del mercato dell’industria meccanica. Quest’ultima costituisce uno dei comparti trainanti per l’economia italiana e si caratterizza per un forte interscambio con il mercato tedesco sia a livello commerciale sia a livello di know-how. Va sottolineato a tal proposito che l’Italia continua a configurarsi come uno dei maggiori bacini a cui la Germania attinge alla ricerca di fornitori nel campo delle lavorazioni metalliche e della produzione di componenti in metallo. Non poteva dunque mancare all’interno di BIE un canale diretto con questo paese. Un’iniziativa che rispecchia anche le strategie di sviluppo dei prossimi anni dell’Associazione Industriale Bresciana, patrocinatore di BIE e supporter del Progetto Incoming, che identifica nella manifestazione un’importante risorsa per il territorio: “Nel 2015 AIB è stata vicina alla prima edizione di BIE ed i risultati sono stati sicuramente incoraggianti – ha dichiarato in occasione del Focus Group sulla Meccanica Angelo Baronchelli, Presidente del Settore Meccanica di AIB – Crediamo che questo sia strumento importante per valorizzare un territorio che non sempre ha le capacità da solo di potersi proporre nel contesto internazionale”. L’attività ben si inserisce inoltre all’interno della filosofia della manifestazione, che non vuole essere una fiera di prodotto tradizionale, bensì momento di relazione tra operatori specializzati del settore per favorire gli incontri B2B e la nascita di scambi commerciali. A tale scopo verrà inoltre riproposta all’interno dello spazio espositivo l’area Business Lounge, hospitality raffinata ed esclusiva a disposizione degli espositori e dei loro ospiti per il marketing relazionale.

Masquerade Grand Ball Sabato 6 Febbraio 2016 Villa Fenaroli 89


ASIA LONGHI Ciao a tutti! Mi chiamo Asia, ho 17 anni e frequento la quarta superiore. Nel tempo libero, oltre a praticare danza classica,mi piace fare sfilate e concorsi di moda. Fin da piccola mi ha sempre affascinato il mondo della moda perchè lo definisco dinamico e stravagante, due caratteristiche che mi rappresentano molto. Sfilare mi ha permesso di scoprire più a fondo il mio carattere; in ogni passerella cerco di esprimere al meglio la passione che ho con l’obiettivo di migliorare e puntare sempre più in alto. Sono tre anni che faccio parte di questo mondo e per questo devo ringraziare una carissima amica e una fantastica donna, Federica Cocco, che mi sta permettendo inoltre di svolgere un’esperienza per me totalmente nuova nel mondo della televisione come valletta del programma “Uno guarda e pensa” condotto da Enrico Beruschi su Rtb. So bene che potrebbe essere scontato che una ragazza si lasci affascinare da questo mondo, ma desidero comunque seguire le mie passioni perchè credo che il futuro appartenga a chi crede nella bellezza dei propri sogni. Un caro saluto a tutti i lettori Asia.

90


Una nuova gestione moderna e dinamica per rilanciare uno dei ristoranti storici di Brescia. R I STO R ANTE

nazionale con prodotti di pesce e carne di alta qualitĂ . A pranzo tutti i giorni dalle 12.00 alle 14.30 A Cena da MercoledĂŹ a Domenica dalle 19.00 alle 22.00

R I STO R ANTE

Via Puccini, 10 (statale Brescia- Cremona) 25010 S.Zeno Naviglio (BS) Tel. 030 2667363 - Cel. 335 6065011 info@ilforchettone.it - www.ilforchettone.it

91


Consigli da matrimonio

La musica per il ricevimento  rappresenta un momento fondamentale del vostro giorno più bello. Sì, perché potete avere organizzato le vostre nozze con la massima attenzione ad ogni piccolo dettaglio, ma se sbagliate la scelta della musica o effettuate una scelta causale rischiate di rovinare tutto. Perché? Perché  i vostri ospiti non si divertiranno, non si sentiranno coinvolti e non contribuiranno a creare il giusto clima di festa o quello che voi desiderate portare nei vostri ricordi.  Come scegliere la musica giusta per il vostro matrimonio allora? Certamente la musica vi deve rappresentare, deve “raccontare” qualcosa di voi, qualche vostro momento, deve rispecchiare il vostro modo di essere. La musica dovrà saper creare la giusta atmosfera a seconda dei vari momenti del ricevimento, non dovrà mai essere eccessiva, non dovrà essere la protagonista: i protagonisti siete voi! Il piano bar rappresenta pertanto la scelta più “sensata”, perché chi effettua serate di  piano bar  ed ha una certa esperienza, saprà sicuramente “leggere” i vari momenti della serata, saprà accogliervi al vostro arrivo, saprà capire che tipo di musica eseguire per il taglio della torta, per il vostro primo ballo, per quello coi vostri genitori o per far ballare tutti gli invitati. Ha maggior autonomia gestionale essendo solo. Al contrario del dj (che ha una sua scaletta e un suo genere musicale) o del gruppo che suona dal vivo (che anche in questo caso ha il proprio genere), lo scopo di chi effettua una serata di piano bar è quello di creare l’atmosfera voluta, in base agli ospiti presenti e in base alle vostre indicazioni. Chi effettua serate di questo tipo capisce se i presenti in sala hanno voglia di parlare tra loro, di ascoltare della buona musica o scatenarsi in furiosi balli.  Il  piano bar  è pertanto la scelta migliore quando gli invitati  presenti sono di età diverse e di gusti differenti (ciò che praticamente accade ad ogni matrimonio). Con molti di coloro che effettuano serate di piano bar avete tra l’altro la possibilità di interagire per dare un tocco personalizzato alla serata e magari per poter anche effettuare delle scelte musicali.  Importante  non “affidarsi al caso”.  La scelta deve essere fatta possibilmente ascoltando in anticipo qualcosa del professionista che si intende contrattare: via web, su youtube, info@eventique.co www.eventique.co

dal vivo. E’ importante verificare che il professionista di piano bar abbia un vasto repertorio e non esclusivamente un genere preciso, in modo da poter incontrare più facilmente i vostri gusti e quelli dei vostri ospiti. La possibilità di suonare brani non previsti a richiesta è qualità gradita e aggiuntiva. Se non conoscete nessuno, spesso i locali stessi hanno delle persone da consigliarvi, molte volte all’altezza del loro compito, altre no, quindi resta valido il consiglio di verificarne l’esperienza. Se chi si occuperà di musicare la vostra festa di nozze ha poi la capacità di  “animare”  la stessa, allora il risultato è garantito. Coinvolgendo gli ospiti, parlando con loro, rendendo tutti partecipi, condividendo musica ed allegria, tutti si divertiranno e porteranno con loro un meraviglioso ricordo della vostra festa. Spesso inoltre la scelta del pianobar è motivata da ragioni economiche: un solo musicista, nonostante la qualità musicale sia garantita, costa meno di un gruppo costituito da più membri. Occupa meno spazio, tarda meno in montare la sua strumentazione ed ha meno esigenze tecniche. Alla fine comunque qualsiasi sia la scelta che effettuerete la musica rimane un elemento fondamentale del vostro ricevimento e dell'allegria di quel memorabile giorno.  L’apertura del ballo è uno degli elementi centrali della serata del matrimonio. La  tradizione  vuole che sia la sposa ad aprire le danze insieme al proprio padre, mentre lo sposo ballerà insieme alla propria madre.  È l’ultimo momento in cui  padre e figlia sono insieme prima che questi la affidi simbolicamente al marito. In seguito, saranno i due sposi a danzare insieme per il loro primo ballo. Un momento decisamente magico e indimenticabile! Oggi, invece, non è raro che siano gli sposi ad aprire le danze insieme, per poi invitare tutti a raggiungerli sulla pista da ballo. L’apertura delle danze, lo sappiamo bene, è un momento veramente molto importante, anche perché  tutto è permesso! Vale dunque la pena di fare il possibile affinché sia un vero successo. Ecco per voi alcuni consigli pratici. Se avete scelto di aprire le danze in maniera classica con un valzer, scegliete un valzer francese (il passo base è più semplice rispetto al valzer viennese). Optate per un brano che non sia troppo veloce e allenatevi. Sarete fantastici! Se scegliete un’apertura originale,  con un mix di diversi brani musicali, fate in modo che i passaggi da un brano all’altro siano fatti a regola d’arte. Chiedete aiuto al vostro dj, ma soprattutto, e ancora una volta, allenatevi! Se ballare non è il vostro forte, iscrivetevi a un corso di ballo. Altrimenti, optate per un lento. Ricordate che è meglio scegliere un ballo semplice con il quale vi sentirete a vostro agio piuttosto che una coreografia complicata che rivelerà qualsiasi vostra esitazione. E, soprattutto, non perdete di vista l’essenziale: l’apertura del ballo  deve comunque rimanere un momento di piacere e di complicità fra gli sposi. Non scegliete un brano d’apertura troppo lungo:  3 o 4 minuti sono perfetti. Tempi più lunghi rischiano invece di essere eccessivi per gli ospiti, che attendono di poter ballare. Alla fine dell’apertura del ballo, fate suonare una musica dal ritmo sostenuto e invitate tutti gli ospiti in pista. L’atmosfera sarà fantastica! Se pensate di ballare con i tacchi, sappiate che è un’ottima scelta! Nel caso sia invece un’opzione troppo impegnativa, prevedete delle scarpe più basse e rialzate leggermente il vostro abito in modo che non tocchi il pavimento. Le spille da balia in questo caso si riveleranno estremamente utili! Avete ora a disposizione tutti gli strumenti aprire le danze in maniera indimenticabile. Non vi resta che scegliere il brano su cui muovere i primi passi!

Chicca Baroni 92


www.lucaroda.it 93


la ricetta consigliata " IL CHILI " A CURA DI MARIAPIA GANDOSSI

Un piatto gustoso e ricco, il chili con carne è uno dei piatti di origine messicana molto apprezzato e diffuso. In famiglia viene molto apprezzato ma anche nelle serate con gli amici perché è molto versatile: può essere accompagnato da pane, piadina oppure la classica tortillas. 

INGREDIENTI 500 g di macinato misto ( manzo e maiale) 250 g di pancetta affumicata -> non rientra nella ricetta originale ma dà quel sapore in più 2 cipolle bianche 1 peperone rosso 1 peperone giallo 1 costa di sedano 1 carota 200 g di salsa di pomodoro Olio Brodo di carne Sale

Pepe Per le spezie io ho la fortuna di avere un essiccatore  quindi mi preparo il mio mix di spezie così composto:  - vari peperoncini - aglio essiccato - cumino - coriandolo poi con il classico mortaio macino tutto finemente in modo da avere una polvere omogenea.  Il procedimento è un pochino lungo ma ne vale la pena.

PROCEDIMENTO 1. Ungere un tegame senza coperchio con un filo di olio e porlo sul fuoco 2. Tagliare le cipolle e farle imbiondire nel tegame a fuoco vivo 3. Unire la costa di sedano, la carota i peperoni. 4. In una padella a parte versare un filo d'olio e far soffriggere la pancetta 5. Aggiungere la carne fino ad avere una cottura media 6. A questo punto unire la carne al tegame con le verdure, aggiungere il pomodoro, poco brodo di carne e lasciare sobbollire 7. Unire sale, pepe, le spezie e far cuocere per almeno 2 ore Ed ecco il risultato finale!

94


95


Oroscopo2016 I CONSIGLI DELLE STELLE

Ariete A febbraio il sesto senso vi aiuta a dirigervi scegliendo tra amici e nemici, e, visto che la professione va a gonfie vele, potete contare sui guadagni programmandovi in ogni particolare.

toro A febbraio vi siete fissati con il pareggio di bilancio, per cui sarete sobri e moltiplicherete i progetti futuri per valorizzare l’immagine e sottrarvi alla tirannia di un capo che vi contrasta.

Gemelli A febbraio finalmente si concretizza qualcosa sul piano finanziario. Anche se costa sacrificio progredirete con un piano preciso. Il partner dovrà tacere più di una volta, gli amici no: saranno ascoltati

CAnCro A febbraio si passa dalla teoria alla pratica sostenuti dall’amore. Il partner farà molto per voi, un contatto profondo quotidiano che vi sostiene, e accetterete qualsiasi altra cosa in futuro.

leone A febbraio non c’è tempo da perdere, occorre chiarire. Presenze scomode non le potete tollerare: tagliate i rami secchi, anche le collaborazioni hanno un costo e devono rendere. Il partner deve tacere.

VerGine A febbraio inizierete dal partner che dovrà tacere e accogliere i vostri consigli, ringraziandovi per di più. Chi collabora con voi si preoccupa: non ci farete caso.

BilAnCiA A febbraio il tempo dell’attesa è finito. Vi darete da fare per la sicurezza economica, volete migliorare non solo il vostro ambiente ma il rapporto con gli altri, che dovranno fidarsi di voi.

SCorpione A febbraio grande volontà, leadership assoluta, potere di convinzione. Tutti si domanderanno che cosa avete in testa: non c’è una risposta precisa perché cambierete ogni giorno per assestare il tiro.

SAGittArio A febbraio un’attività incredibile sul piano materiale. I soldi servono e subito tamponerete con un prestito, ma dopo provvederete. Gli amici per una volta verranno ignorati.

CApriCorno A febbraio chi ha tradito non può essere tollerato e nemmeno dimenticato. Purtroppo siete fatti così e questo vi aiuta a concludere positivamente, con responsabilità, ogni cosa.

ACquArio A febbraio vi sentite stanchi di combattere con chi è cieco, sordo, muto, e dovrebbe darvi degli ordini, così i guadagni non giungono e dovete impostare una critica non troppo demotivante. Meglio un approccio soft.

peSCi A gennaio come sempre incerti. Sembra che niente vada bene ma non è così. Avete più di una certezza, il partner ve lo farà notare rassicurandovi, ed è quello che ci vuole per infondervi coraggio e procedere all’attacco. A febbraio costruire un castello in aria che funzioni è un bell’ideale, con l’aiuto di un esperto si può fare. Seguite alla lettera le sue istruzioni, mi raccomando


UN UNICO REFERENTE

N DUSTR

LIZIE C IV IL

G I ST I C A

I

I

I

PU

IE I IZ

PU

LO

La nostra ventennale esperienza nel settore fonderia, lavorazione alluminio e produzione di stampi, ci permette di affrontare qualsiasi tipo di intervento di pulizia, anche lavorando unitamente alle aziende che forniscono le manutenzioni industriali. Nitor, il partner ideale per gestire pacchetti di servizi integrati.

AL

L

PER QUALITĂ€ E SICUREZZA.

ADERENTE A


Profile for BresciaUp Magazine

Gennaio 2016  

Gennaio 2016  

Advertisement