Issuu on Google+

t i g u f s u p m te


skull and crossbones dai pirati al pericolo


indice 01. le origini 02. i colori 03. le tipologie 04. simbolismo funebre 05. pericolo di morte 06. i pirati della guerra 07. i pirati e lo sport 08. i pirati del metal

tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


Pirati diretto da Roman Polanski 1986

1 tempus fugit

design workshop

2 politecnico di torino, 2012


le origini inglesi secondo una prima teoria il termine Jolly Roger deriva dal nome inglese Roger, che significa vagabondo o ancora, potrebbe trattarsi del temuto old roger, termine con cui veniva indicato il diavolo

tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


1

Piracy in Somalia tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


le origini francesi una seconda teoria vuole che derivi dall’espressione francese jolie rouge, letteralmente bel rosso, espressione utilizzata dai filibustieri per indicare le prime bloody flags intorno al 1600 il termine venne successivamente usato per la bandiera nera con teschio e ossa che appare attorno al 1700

1. pirati nordafricani XIX secolo 2. pirati nordafricani 1780 3. corsaro algerino fine XVIII - inizio XIX secolo

1 tempus fugit

design workshop

2

3 politecnico di torino, 2012


i colori il colore nero è da sempre associato alla morte: la bandiera nera era la prima ad essere issata, una sorta di dichiarazione di guerra nei confronti della nave nemica in caso di resistenza veniva sostituita da quella rossa, ben più temibile la bandiera rossa, da sempre associata al colore del sangue, veniva issata con il significato di ‘non dare quartiere’ : nessuna vita sarebbe stata risparmiata nell’abbordaggio

tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


Henry Avery flag XVIII secolo tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


Jack Rackham flag 1682 - 1720 tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


le tipologie esistevano molte varianti e simboli addizionali sulle bandiere usate dai pirati spade, tibie, clessidre e scheletri sono solo alcuni di quelli utilizzati, ogni capitano ne sceglieva una per farsi identificare e accrescere la propria fama

La tavola di Lubbock 1928 tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


testa di morto e ossa incrociate è la combinazione che identifica la pirate flag quella comunemente piÚ conosciuta e con cui viene identificata la pirateria; il punto di partenza per tutti i successivi remixaggi

1. Edward England flag 1717 2. Richard Worley flag XVIII secolo

1 tempus fugit

design workshop

2 politecnico di torino, 2012


testa di morto e scheletro la personificazione della morte si aggiunge al cranio, riproponendo il tema della danza macabra per i pirati aveva due risvolti: la poca importanza data al proprio destino l’invito a godere dei piaceri terreni per la brevità della vita

1. Captain Dulaien flag XVIII secolo 2. Bartholomw Roberts flag XVIII secolo

1 tempus fugit

design workshop

2 politecnico di torino, 2012


testa di morto e clessidra nel piĂš antico Jolly Roger della storia, il teschio e tibie incrociate compare insieme a una clessidra, altro monito dello scorrere del tempo e della morte

1. Emmanuel Wynne 1700, è considerata la prima jolly roger pirata 2. Stede Bonnet lag XVIII secolo

1 tempus fugit

design workshop

2 politecnico di torino, 2012


braccio con spada cultlace/cutlash/cuttlass è il termine che indica l’arma da taglio, il “coltellaccio” che compare spesso sulle bandiere, impugnato da un braccio che lo brandisce, proprio come negli arrembaggi

1. Thomas Tew flag XVIII secolo 2. Cristopher Moody XVIII secolo

1 tempus fugit

design workshop

2 politecnico di torino, 2012


1. Pirati dei Caraibi 3 Ai confini del mondo diretto da Gore Verbinski 2007 tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


simbolismo funebre stendardi e gonfaloni molto simili ai Jolly Roger furono usati in Europa ben prima del XVIII secolo nei funerali, dove intervenivano le confraternite della morte e nelle rappresentazioni dei trionfi della morte

La Canzona dei Morti inizio XVI secolo tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


Lapidi tombali del XVIII secolo 1. teschio con clessidra alata 2. teschio e corona vegetale 3. teschio, clessidra e ossa incrociate 4. ossa e cuore trafitto disegni di William Thomas Vincent 1896 tempus fugit

design workshop

1

2

3

4 politecnico di torino, 2012


pericolo di morte il significato di minaccia che porta con sè il Jolly Roger, nel corso degli anni prenderà il sopravvento al punto che il teschio con ossa incrociate finirà per identificare il pericolo di morte sui flaconi chimici o sui cavi dell’alta tensione

tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


i pirati della guerra il Totenkopf, dal tedesco testa di morto, fu l’emblema simbolo degli ussari della morte dell’esercito Prussiano prima, e delle SS poi era formato da un teschio posto su due ossa incrociate il significato è duplice: avvisare il nemico che non si teme morte e preannunciargli la sorte che lo attende

3rd SS division Totenkopf Germania 1939-1945 tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


dalla guardia svedese alle Brigate Nere passando per l’aviazione britannica e lo squadrone russo Kornilov. l’iconografia militare è trasuda teschi tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


i pirati e lo sport il Jolly Roger fa invasione di campo entrando anche nell’immaginario sportivo: le squadre che hanno adottato l’iconografia piratesca sono numerose, un tentativo per spaventare gli avversari? sicuramente sì per gli ultras, dove il teschio e tibie ripropone sempre l’antico significato belligerante

tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


Tampa Bay Buccaneers, gli ultras del St.Pauli Fc e i baseball Pirates sono solo alcuni degli esempi. e non dimentichiamoci del campione di WWE Paul Burchill, che sostiene di essere un vero pirata! tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


1

St. Pauli FC ultras tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


i pirati del metal lo spirito piratesco contamina anche la musica diventando un vero e proprio genere: il pirate metal, in cui primeggiano i tedeschi Running Wild, veri bucanieri dalla testa ai piedi oltre al genere però si può dire che il tema del teschio con tibie incrociate contraddistingue il metal nel profondo, essendo stato adottato da quasi tutti i gruppi

Metallica Fred Woodwrad 1992 tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012


c’è chi lo mixa con una visione militaresca come i Laibach o chi ne fa il proprio stile come i Running Wild. in ogni caso sembra proprio che il metal non riesca a star lontano dal Jolly Roger tempus fugit

design workshop

politecnico di torino, 2012



skull and crossbones dai pirati al pericolo