__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

STRUTTURALEGNO ISSN 2283-8651

! ! ! ! ! !

Il legno “ricresce” a Rovereto da 5000 m3 d’abete abbattuto da “Vaia” Il SAIE 2020: una fiera “reale” e vitale per il mondo delle costruzioni TotalTool: l’architettura dell’etica di Giulio Ceppi è anche maieutica Marco Cerra e Tania Lamanna: gli esperti di colle e di vernici per legno proHolz Student Trophy 2020: il grande potenziale dei sopralzi a Vienna Lo smoker realizzato al corso di carpenteria presso la Fattoria del legno

031 dicembre 2020 english text www.webandmagazine.media www.webandmagazine.com

Poste Italiane spa - Sped. Abb. Post. - D.L. 353/2003 (Convertito in legge 27/02/2004 n. 46), art. 1, comma 1 - LO/MI/ - euro 10,00 - In caso di mancato recapito rinviare all’ufficio CMP Roserio (Mi) per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa - Editrice webandmagazine s.r.l. - Via Valla, 16 - I-20141 Milano - www.webandmagazine.media

Sul prossimo numero Leitz è il prestigioso partner di un progetto "XL"


IDEARE PROGETTARE DIMENSIONARE REALIZZARE

Voi avete l’idea, noi lo strumento per realizzarla.

Gli elementi combinati di Dietrich’s semplificano enormemente la progettazione. Cosa lo rende possibile? Impostando il proprio sistema di regole come routine di input predefinite, l’utente può accedere alle nuove funzioni in qualsiasi momento attraverso una finestra editabile. In modo semplice e intuitivo. Una possibilità che vi consente di creare funzioni personalizzate, adattando le tecnologie di Dietrich’s esattamente alle vostre metodiche di lavoro e costruzione. Ed è proprio questo il grande vantaggio: Dietrich’s vi aiuta a realizzare le vostre idee!

Dietrich's Italia Ovest

Dietrich's Italia Est e Sud

Roland Troger T +39 348 269 07 84 troger@dietrichs.com

Hans Peter Prantner T +39 348 553 75 60 prantner@dietrichs.com

dietrichs.com

Edilizia in legno. Tutto un programma. Curiosi? Venite a trovarci su dietrichs.com o scriveteci a: experten@dietrichs.com


WOOD ADHESIVES D1, D2 • Homopolymer Vinavil KA/R Vinavil CA/R • Modified homopolymer Ravemul M18 Ravemul M11 • High setting time modified homopolymer Vinavil 2550 M Vinavil 2560 M

WOOD ADHESIVES D3 • Traditional D3 (pH 3, NMA) Vinavil 2252 M • High solids content traditional D3 Vinavil 2257 M • New D3 (formaldehyde free, pH 5) Vinavil 2259 L

WOOD ADHESIVES 2K D4 D2 (Vinavil 2258 M)

Traditional D3 (Vinavil 2252 M) New D3 (Vinavil 2259 L) Pot life: 2 days

+

+

isocyanate

Pot life: 20 days

inorganic salts (AICI3/AI(NO3)3

D4 Vinavil 2256 L Vinavil 2261 L odorless and freeze-thaw stable

1K D4

Vinavil s.p.a.

Via Valtellina, 63 20159 Milano Italia vinavil@vinavil.it www.vinavil.it


 ISSN 2283-8651

COLOPHON

! ! ! ! ! !

STRUTTURALEGNO 31 DICEMBRE 2020

EDITRICE WEBANDMAGAZINE s.r.l.

VIA VALLA, 16 - 20141 MILANO ITALIA TELEFONO +39/02 84173130 TELEFONO +39/02 84173121 (MARKETING) FAX +39/02 66661204 amministrazione@webandmagazine.com www.webandmagazine.media/legno-edilizia/ www.webandmagazine.media www.webandmagazine.com DIRETTORE RESPONSABILE EDITOR IN CHIEF SONIA MARITAN SONIAMARITAN@GMAIL.COM REDAZIONE@WEBANDMAGAZINE.COM COMITATO SCIENTIFICO SCIENTIFIC COMMITEE GIORGIO BIGNOTTI, PIETRO FERRARI, DAVIDE MARIA GIACHINO, DANILO PIERUCCI, FRANCO PIVA, FELICE RAGAZZO UFFICIO LOGISTICA LOGISTIC OFFICE LOGISTICA@WEBANDMAGAZINE.COM UFFICIO GRAFICO GRAPHIC LAYOUT UFFICIOGRAFICO@WEBANDMAGAZINE.COM IMPAGINAZIONE LAYOUT GIADA BORDONI REDAZIONE@WEBANDMAGAZINE.COM AMMINISTRAZIONE ADMINISTRATION LAURA GREGORUTTI AMMINISTRAZIONE@WEBANDMAGAZINE.COM WEB AND MEDIA ADVERTISING BEATRICE GUIDI DIREZIONE MARKETING BEATRICEGUIDI_MKT@WEBANDMAGAZINE.MEDIA ADVERTISING@WEBANDMAGAZINE.COM MKT@WEBANDMAGAZINE.MEDIA WEB AND SOCIAL MEDIA EDITOR MONICA ZANI MKT@WEBANDMAGAZINE.MEDIA STAMPA TIBER S.P.A. VIA DELLA VOLTA, 179 25124 BRESCIA ITALY

  



Poste Italiane spa - Sped. Abb. Post. - D.L. 353/2003 (Convertito in legge 27/02/2004 n. 46), art. 1, comma 1 - LO/MI/ - euro 10,00 - In caso di mancato recapito rinviare all’ufficio CMP Roserio (Mi) per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa - Editrice webandmagazine s.r.l. - Via Valla, 16 - I-20141 Milano - www.webandmagazine.media

RIVISTA DELL’ARCHITETTURA IN LEGNO

      

COVER

LEITZ ITALIA s.r.l. Corso Brianza, 26 22066 Mariano Comense Como Italy telefono +39/031 745217 fax +39/031 744970 www.leitz.org

TRIMESTRALE: POSTE ITALIANE SPA SPED. ABB. POST.D.L. 353/2003 (CONVERTITO IN LEGGE 27/02/2004 N.46), ART. 1, COMMA 1 - LO/MI REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE - ROC 23567 REGISTRO MONDIALE DELLE PUBBLICAZIONI ISSN 2283-8651 RIVISTA TRIMESTRALE QUARTERLY MAGAZINE UNA COPIA ONE COPY EURO 10,00 ABBONAMENTO ANNUO ITALIA EURO 30,00 A YEAR’S SUBSCRIPTION ABROAD EURO 60,00

MODALITÀ DI PAGAMENTO ABBONAMENTO TRAMITE BONIFICO BANCARIO CON TUTTI I VOSTRI DATI E CAUSALE UTILIZZANDO IL SEGUENTE IBAN: CREDITO VALTELLINESE: IT24T0521601633000000005133 - BIC/SWIFT BPCVIT2S I NOMI, LE DITTE E I PRODOTTI CITATI REDAZIONALMENTE SONO PUBBLICATI SENZA RESPONSABILITÀ DELL’EDITORE; TESTI E FOTOGRAFIE, ANCHE SE NON PUBBLICATI, NON VENGONO RESTITUITI NAMES, FIRMS AND PRODUCTS WICH ARE QUOTED EDITORIALLY ARE PUBLISHED WITHOUT PUBLISHER’S RESPONSABILITY; TEXTS AND PHOTOS, ALTOUGH UNPUBLISHED, ARE NOT RETURNED INFORMATIVA EX D. LGS.196/03 – WEBANDMAGAZINE S.R.L., TITOLARE DEL TRATTAMENTO TRATTA I DATI PERSONALI LIBERAMENTE CONFERITI PER FORNIRE I SERVIZI INDICATI. PER I DIRITTI DI CUI ALL'ART. 7 DEL D. LGS N. 196/03 E PER L'ELENCO DI TUTTI I RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO RIVOLGERSI AL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO, INFO@WEBANDMAGAZINE.COM. I DATI POTRANNO ESSERE TRATTATI DA INCARICATI PREPOSTI AGLI ABBONAMENTI, AL MARKETING, ALL'AMMINISTRAZIONE E POTRANNO ESSERE COMUNICATI A SOCIETÀ ESTERNE PER LA SPEDIZIONE DEL PERIODICO E PER L'INVIO DI MATERIALE PROMOZIONALE. IL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DEI DATI RACCOLTI IN BANCHE DATI A USO REDAZIONALE È IL DIRETTORE RESPONSABILE A CUI CI SI PUÒ RIVOLGERE, PER I DIRITTI PREVISTI DAL D. LGS. 196/03, PRESSO: EDITRICE WEBANDMAGAZINE S.R.L., VIA VALLA, 16 - MILANO.


hsbdesign, i suoi punti di forza ▶ Piattaforma BIM su standard Autodesk® e piena interoperabilità da e verso altre piattaforme con standard IFC ▶ basato sulla tecnologia di Autocad Architecture® ed ora anche Revit® ▶ soluzione totalmente 3D, universale ed intelligente ▶ creazione intuitiva che genera risultati affidabili ▶ controllo degli errori grazie al comportamento dinamico degli elementi costruttivi ▶ aumento della produttività grazie alla parametrizzazione e gestione totale della progettazione

2(!2

/-.&0/"1

&"#!$'%$#(")* ('+$+'$#(",$-)-$+'.))

&#.22-"4

-$+'.) )))-"4$--"#$

%$%%.)*)2.-"(.

3D CAD

!"#$%$

Computer Aided Design

2.-13(.'() !$#2.'"-(33"%$

CAM

Computer Aided Manufacturing

hsbCAM

hsbmake

Authorised Developer

hsbITALIA | Via San Giovanni Nepomuceno 5

&$'&$0SHUOHFRVWUX]LRQLLQOHJQR

I-38121 Trento | +39 0461 983044 info@hsbcad.it | www.hsbcad.it


SOMMARIO

NUMERO 31 DICEMBRE 2020

008

IN NUCE

nota di Felice Ragazzo

UN NUOVO BREVETTO PER IL LEGNO

009

EDITORIALE di Sonia Maritan

PENSIERO RIGENERATIVO

010

DE VISU

TOTALTOOL: GIULIO CEPPI di Sonia Maritan

TOTALTOOL: L’ARCHITETTURA DELL’ETICA

017

QUADRATUM

HOMAG - SYSTEM TM di Pietro Ferrari

CONSTRUCTION ELEMENTS SOLUTIONS

020

PERITIA

terzo capitolo

di Franco Piva

MANUALE DELLE COSTRUZIONI DI LEGNO

023

OTIA ET NEGOTIA di Andrea Zenari

UNO SMOKER DA BOSCO

026

LIGNUM SERVARE

seconda parte

di Gianfranco Magri

MANUALI DI CONSERVAZIONE PREVENTIVA

031 032

FOCUS

COLLE, VERNICI E FINITURE PER LE COSTRUZIONI IN LEGNO

INTRODUCTIO

SHERWIN WILLIAMS di Marco Nascetti

VERNICIATURA DI TETTI E STRUTTURE ESTERNE IN LEGNO

035

COLLOQUIUM VINAVIL

di Sonia Maritan

I POLIMERI “SOSTENIBILI” PER L’INDUSTRIA

039

COLLOQUIUM SOLAS

di Sonia Maritan

UN PROCESSO PRODUTTIVO A COLORI

043

TECHNICA KLH

di Sonia Maritan

IL NUOVO TRAGUARDO: 250 MILA MC DI CLT


046

PROIECTUM HOLZIUS

di Roberta Bocca

IL TREND DELLA PREFABBRICAZIONE

052

PROIECTUM

PEFC - RI-LEGNO - ROCKWOOL di Sonia Maritan

IL LEGNO “RICRESCE” A ROVERETO

058

CHRONICHAE SAIE 2020 INTRODUCTIO di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

UN ASSAGGIO DI RIPRESA

060

COLLOQUIUM

063

COLLOQUIUM

068

URBS

CONCRETE NON SOLO LEGNO SOLTECH OLTRE LO STANDARD

PROHOLZ AUSTRIA di Lorena De Agostini

PROHOLZ STUDENT TROPHY 2020

ON LINE

076

EXCOGITARE INDIRIZZI UTILI

RINGRAZIAMO PER LA COLLABORAZIONE A QUESTO NUMERO:

Stefano Allevi, Albino Angeli, Renata Bernardini, Emilio Bianchi, Gianni Bizzotto, Roberta Bocca, Ciro Bonagura, Giada Bordoni, Federica Brancaccio, Gabriele Buia, Franco Bulian, Matteo Buresta, Marco Caffi, Giampiero Calzolari, Giulio Ceppi, Marco Cerra, Roberto Coizet, Massimiliano Coni, Alessia Dalla Massara, Lorena De Agostini, Maurizio De Caro, Mikaela Decio, Veronica Dei Rossi, Paola De Micheli, Dino De Paolis, Barbara D'Incecco, Bernhard Egert, Alfonso Femia, Federica Gallina, Carlo Gambadori, Emanuele Gatti, Roberto Giordano, Karin Giselbrecht, Roberto Grattagliano, Gerald Göres, Viktoria Harzl, Marco Huter, Monika Kalinowska, Denys Karandiuk, Hermann Kaufmann, Sofia Kholodkova, Maren Kohaus, Katharina Kögl, Tania Lamanna, Marco Pio Lauriola, Fabian Lazarus, Tim Wakonig-Lücking, Maximilian Rudolf Luger, Filippo Macigni, Gianfranco Magri, Dorte Mandrup, Valentina Manzoni, Marco Mari, Andreas Meinhold, Michael Merk, Virginio Merola, Fabio Micali, Galo Moncayo, Valentina Monfardini Rossella Monterisi, Weronika Moscicka, Ivo Nardella, Matteo Nardi, Marco Nascetti, Markus WallnerNovak, Manuela Ojan, Pekka Paasivaara, Alfonso Pecora, Silvio Pellerani, Franco Piva, Sylvia Polleres, Margherita Pongiglione, Marco Poretti, Benedetta Quaglio, Felice Ragazzo, Nazareno Reggiani, Carlo Rossini, Franz Sam, Jan J. Samuelsen, Stefania Scampini, Alberto Schiavinato, Wolfgang Schmied, Yana Shcherbakova, Bernhard Sommer, Felicia Specht, Fabio Spera, Richard Stralz, Michela Tamburrini, Ingrid Thøgersen, Poul Thøgersen, Alessandro Tibaldeschi, Maurizio Verdone, Piero Vitale, Stefan Winter, Mark Vöge, Richard Woschitz, Andrea Zenari.


IN NUCE www.feliceragazzo.it di Felice nota di Felice Ragazzo Ragazzo

strutturalegno <.Q*0.#BBP pagina #BBP

&0#0;+4+#@2343--+# per il legno L/# @2343--+# 939*)6323?+# un approfondimento nel prossimo numero di Struttu­ 2.#$3Q0+#03//.#2;@2*).#M32­ -*().-;8O

Gli autori del brevetto, da sinistra a destra Fabio Spera, Massimiliano Coni e Felice Ragazzo.

LEGENDA ."/0!#-1!#)*#)%(-"$#%#-1!"),'()#2-")3)")4 1 ­ Spine tra aste 56)7"2-#-")8"!)#2-")3)")4 9)6):18"!+,%")'(*1$#-#)*"$);%1(-')#)*%2,<% =)6)>"!(')0%6+$"--#-' 5 ­ Camicia ammortizzante ?)6)@%2,')8"!);%1(-')#)*%2,<% 7 ­ Ossatura con aste Y A)6)B22#-1!#)8"!)#2-")3)")4

Col Titolo: “Sistema costrutti­ vo a pannelli intelaiati per la !"#$%&&#&%'(") *%) "*%+,%) ") #$-!") applicazioni in campo struttu­ rale!"# $%&'()*+# ,-./*.0+# 12343--*# 3# 5.2)6*#7#5*0*8-32+#93//+#:4*/;<<+# Economico ha concesso in data =>#0+43?@23#ABAB#.#Massimilia­ no Coni, Fabio Spera (GQL) e Felice Ragazzo (GQL) l’ATTESTA­ CD#E,#1FGHGCCD#IGF#,JHGJK,DJG# ,JE&:CF,L$G"#M/.88*().#GBN1O# Nelle due immagini di uno spaccato planare e di una grande sfera si possono percepire i caratteri essenziali dell’invenzione


EDITORIALE

Pensiero rigenerativo Nei giorni scorsi ho seguito il webinar “Economia circolare e l’uso razionale del­ le risorse” di Green Building Council Italia, convegno che si è svolto in due parti: la prima del 18 novembre è stata introdot­ ta e moderata dal presidente GBC Italia Marco Mari che mi ha fornito l’ispirazione del titolo di questo editoriale “pensiero ri­ generativo”, come quello di una pianta che ridà più di ciò che prende, un buon .;8<*)*+#<32#/.#(/*32.#39*/3O Manuela Ojan, GBC Italia, ci ha infatti <.2/.-+#9*#3)+0+?*.#)*2)+/.23#*0#39*/*R*.O# Secondo lo Standard BS 8887­2: 2009, il “riuso” è l’operazione mediante la qua­ le un prodotto viene rifunzionalizzato per lo stesso scopo al termine del suo ciclo di vita, mentre il “riutilizzo” considera un nuovo uso di un prodotto in un ruolo che si differenzia dallo scopo originale per cui è stato progettato, per sottolineare la po­ tenzialità di un materiale di avere più cicli di “vita­utile” e stimolare un cambiamen­ to nei modelli di business come propulso­ re di strategie che aiutino a mantenere la qualità dei prodotti (elemento/compo­ 030-3S39*()*+T#03/#)+28+#93//%*0-32+#)*)/+# di vita e a tutte le scale di applicazione: <2+9+--+7?.-32*./3"#39*()*+78+/;R*+0*#)+­ 8-2;--*43#3#)*--UO Dal Politecnico di Torino Roberto Gior­ dano, Benedetta Quaglio e Federica Gallina, hanno parlato di “Eureca”: uno strumento per la valutazione dell’im­ patto ambientale del ciclo di vita degli 39*()*O# H./;-.23# /%*?<2+0-.# 3)+/+Q*).# 93//%39*()*+# 8*Q0*().# ).?@*.23# ?3-+9+# progettuale, rispetto a un approccio tra­ dizionalmente legato alla fase operati­ va, permettendo di calcolare Embodied Energy (sfruttamento di fonti non rinnova­ @*/*T#39#G?@+9*39#).2@+0#V<+-30R*./3#9*# 2*8)./9.?30-+#Q/+@./3T#9*#VW;.8*T#-;--3#/3# '.8*#93/#)*)/+#9*#4*-.#93//%39*()*+O Stefano Allevi per Italcementi Heidelberg Cement Group ha presentato la gamma dei Calcestruzzi “Green” per elevare gli standard di sostenibilità del progetto e rispondere a una crescente richiesta di mercato con prodotti sostenibili, di qua­ /*-U#3#.#X?#K32+O#,#/.4+2*#93//.#<2*?.#Q*+2­ nata si sono chiusi con la presentazione di Carlo Rossini VI2+Q3--+#M5FT#9*#./);03# ).83#6*8-+2Y#9*#39*()*#)32-*().-*#)+0# 3/3­ 4.-3#<238-.R*+0*#9*#2*)*)/.-+O Il Direttore GBC Italia .#!,')C#D+)ha pre­ sentato la seconda parte del webinar il 19 novembre sottolineando che il pas­ saggio a un’economia circolare e a zero emissioni è impegnativo ma realizzabile

.--2.4328+# <23)*8*# 8-2;?30-*# (0.0R*.2*"# /3­ gislativi e normativi, di ricerca e svilup­ po, digitalizzazione e informazione ed 39;).R*+03O#Roberto Coizet a nome del Centro Materia Rinnovabile, una struttura nata per fornire orientamenti e soluzioni concrete alle imprese che vogliono mi­ Q/*+2.23#/.#4./+2*RR.R*+03#93*#Z;88*#93*#2*(;­ ti prodotti, ha fornito strumenti e processi innovativi per l’economia circolare in edi­ lizia, mentre Mikaela Decio ha trattato di ricerca e innovazione Mapei per ricostru­ ire un futuro sostenibile, infatti da quattro anni l’azienda ha scelto di condividere con i propri stakeholder i risultati raggiunti nel campo della sostenibilità, descriven­ do le attività messe in atto per monitorare e ridurre gli impatti ambientali di proces­ so e di prodotto, secondo quattro ingre­ dienti: ricerca e sviluppo, centralità delle <328+03"# 3'()*30R.# 93/# 8*8-3?.# <2+9;--*­ 4+#3#4*)*0.0R.#.//.#)+?;0*-UO Particolarmente interessanti le case hi­ 8-+2Y#)63#6.00+#)6*;8+#*/#[3@*0.2\#39*()*# )32-*().-*# <2+Q3--.-*# <32# /.# 93)+8-2;R*+­ ne, mostrati da Margherita Pongiglione 9*#LF&IO Insomma, la sostenibilità è un imperativo intersettoriale, che accelera la necessità di innovazione nella costruzione, nella <*.0*().R*+03"#03//%+--*?*RR.R*+03#3#03//.# Q38-*+03#93Q/*#39*()*#<32#2*9;223#/3#3?*8­ 8*+0*O#E%./-2.#<.2-3#/3#23-*#9*#]M*--.9*0*#<32# /%L2*.!# V*-./*.0.# 39# 3;2+<3.T# 8+0+# 0.-3# per difendere il diritto di respirare aria pu­ lita (nel novembre dello scorso anno la M+0430R*+03#9*#L.26;8"#(2?.-.#03//.#)*-­ -U#9.0383#*/#A^SB>S_P"#`#8-.-.#2.-*().-.#9.# N>#8-.-*#3#9.//%&0*+03#3;2+<3.TO Anche il Saie che abbiamo visitato a Bologna lo scorso ottobre ha posto l’at­ tenzione sull’innovazione nel settore dei materiali per l’edilizia, con l’introduzione di nuovi prodotti polimerici, compositi e @*+/+Q*)*"#)+08.<34+/3#93//.#0;+4.#8(9.# di dover connettere gli utenti coinvolti nel processo edilizio attraverso scelte costrut­ tive nuove che partendo dai materiali, includano e integrino: sostenibilità, dura­ bilità, innovazione tecnologica, proget­ -.R*+03# .2)6*-3--+0*)."# 3'()*30R.# 3032­ Q3-*).#3#<2+<2*3-U#.0-*8*8?*)63O Sono però ancora rari gli esempi concre­ ti che creano un’architettura capace di insinuarsi nella natura acuendone sen­ so, autenticità e bellezza, come fa Dor­ te Mandrup, restituendocela più forte di prima per ritornare a quel “pensiero” rigenerativo che sembra esprimere una pianta!

di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 009

Sonia Maritan, il 15 ottobre 2020 al Saie di Bologna­


DE VISU Giulio Ceppi di TOTALTOOL MILANO www.totaltool.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 010 011

TotalTool: l’architettura dell’etica

Sul sito di TotalTool la mission è apodittica: «Per noi innovare è una missione, una forma di continua osservazione della realtà per trasformarla in qualcosa di meglio, usando strumenti creativi per “fare impresa” e creare un futuro sostenibile ed equo per tutti. Crediamo nell’importanza di costruire valore e nella capacità di design, comunicazione e architettura, di agire come strumenti utili per l’evoluzione del mercato e della società». L’incontro con Giulio Ceppi rimane un momento unico, perché qualora si ripetesse rappresenterebbe una nuova esperienza, e la sua attività professionale a tutto tondo resterebbe in gran parte inafferrabile per l’intensità produttiva che la caratterizza, ma soprattutto per l’originalità del suo approccio di cui sempre risulta affascinante la genesi proget­ tuale e le orme lasciate nel suo procedere. Forse per questo il primo incontro lo abbiamo tenuto in serbo, ed è diventato ancora più prezioso essendo avvenuto prima della pandemia che ormai scandisce inesorabile una nuova pagina della Storia. Qui però ne raccontiamo una bella, quella di Giulio Ceppi, founder and creative director di TotalTool.

In apertura, un momento dell’intervista di So­ nia Maritan a Giulio Ceppi presso il suo studio 7'-#$7''$).%$#('G)#),1%))D#((')2";1%-'G)#(,<") nella doppia pagina successiva, diverse D'-';!#+")*"$$LN1-';!%$$)O%$$'!"2%)P2-),"!-%+,#-') QPP@),'()%$)21')RF1$,#('S)*%F"(1-')2%/0'$%,') dell’Autostrada Milano­Laghi.

Ho avuto il piacere di aprire l’anno a metà gennaio 2020, insieme a Pietro Ferrari, con un’intervista a Giulio Ceppi, nella nostra città, Milano. Naturalmente l’intento era di tradurre poi l’incontro per restituirlo sul numero di IDM che sarebbe stato portato al Salone del Mobile. A qualcuno sembrava possibile che la +"!#)*%)*"2%;()8%E)D#/'2#)#$)/'(*')8'­ tesse non aver luogo? Ho pensato allora, sempre presa a rincorrere il tempo, che si sarebbe potuta preparare questa impor­ -#(-")%(-"!F%2-#G)*%)D#--')#-"/8'!#$"G)8"!) un altro evento meneghino dedicato ai progettisti: Architect@Work, ma mentre eravamo in preparazione dei numeri de­ stinati a questo evento, abbiamo avuto notizia del suo annullamento. Le dinamiche della comunicazione stanno repentinamente cambiando e le !%F%2-") ('() 8'-!#((') 8%E) #D+*#!2%) "2,$1­ 2%F#/"(-") #$$") +"!") -!#*%&%'(#$/"(-") ,'(2%*"!#-") *%) !%D"!%/"(-'G) /#) H1"2-') stava già avvenendo, …e poi, con o sen­ za pandemia, questa l’avrei comunque considerata l’Intervista dell’anno, adat­ ta ad essere accolta in qualsiasi ambito per arricchirlo con la voce di Giulio Cep­ pi, che mi svela il lessico di TotalTool: dal ,1,,<%#%')#$$#),%--IG)8"!,<J)D'!2")K),<%"­ *')#$$L#!,<%-"--')C"88%)K)(#,H1")8!'8!%') nella sementa del Movimento Moderno l’approccio olistico al progetto che col­ legava stilisticamente un quadro al tavo­

lo da pranzo, oppure un logo a una gra­ +,#),''!*%(#-#M «Molto credo derivi dalla mia formazio­ ne: ho studiato per due anni comunica­ zione visiva alla Scuola Politecnica Desi­ gn, dove si approfondivano la psicologia della forma, la teoria del colore, quindi !"#$%&$' !()#(' "*+,&' "' -.$))(' /0$' (11&' chiamiamo basic design – esordisce Giu­ lio Ceppi – poi in parallelo ho frequentato la Facoltà di Architettura, con la fortuna di avere maestri come Tomas Maldona­ do, Achille Castiglioni, Ezio Manzini: per­ sonaggi fortemente carismatici. Poi ho ottenuto un PhD in Design sem­ 2%$'")'3()&#$/,&/('4&'5&)",('$'"))"'+,$'!&' 6(,('(//.2"#('4&'1%"+/"7'"%/0&#$##.%"'$' design. Oggi quelli che prima sembravano la­ vori diversi rientrano per me in un unico contenitore: inoltre si tratta di un lavoro di team, perché l’importante è il senso di quanto si vuol fare, la direzione che si vuole prendere; infatti per innovare si deve innanzitutto comunicare nel modo giusto, non è possibile oggi per un’azien­ da avere un prodotto innovativo e non "8$%$'4$1)&'.*+/&'/0$')('%"22%$6$,#&,('&,' modo “coordinato” o avere un sito non aggiornato: ci vuole coerenza, innanzi­ tutto! Questo vale per piccole realtà come per grandi aziende: in passato ho lavorato per la 3M e PepsiCo (USA), per creare


DE VISU_TOTALTOOL MILANO

mercati nuovi o sviluppare segmenti in­ novativi. Per esempio, con 3M abbiamo creato ex novo tutta la “divisione archi­ tettura”: infatti 3M operava nella sicurez­ za, nella salute, nell’automotive, ma mai nessuno aveva integrato diversi prodotti. Bisognava creare un nuovo linguaggio e quanto fatto ha funzionato bene! Certo, si tratta di “entrare dentro le cose”: 95' 2%(4./$8"' &,' :&"22(,$' .,' +,#(' )$­ 1,(7' .,' +)!' "4$6&8(' /(,' .,"' !$!;%"­ na particolare disegnata per far uscire le bolle d’aria, perché negli anni ‘50­‘60 (quando l’industria automobilistica giap­ ponese ha cominciato a crescere), imita­ vano le macchine americane e andava ancora di moda il legno sia negli esterni che negli interni. Ma il legno in Giappone si era esaurito durante la guerra e quindi si sono messi a imitarlo: si possono imma­ ginare i costi del produrre in Giappone, ma anche la precisione imitativa, in un Paese dove si costruisce tutto antisismico e quindi non si realizzano facciate in mar­ mo vero. In Europa invece il mondo dell’architet­ tura è cambiato negli ultimi venti anni, i grandi fondi di investimento hanno inizia­ to a guardare all’architettura “sul lungo

periodo” considerando il costo al metro quadro e la manutenzione. Dal mio pun­ to di vista si tratta di una grande fortuna in quanto ciò consente di avere un ap­ proccio sostenibile. Dunque considerare il costo di un materiale su un arco tem­ porale lungo, andando oltre il valore estetico dell’oggetto, mi ha permesso di competere con il vero legno, enfatiz­ zando inoltre le caratteristiche distintive dell’adesivo 3M. In un ospedale, ad esempio, verniciare le 6.2$%+/&'6&1,&+/"'/%$"%$'.,'4&66$%8&<&('&,' termini di cantiere, questa pellicola inve­ ce presenta molti vantaggi: è inodore, la sua applicazione è silenziosa e si impiega molto meno tempo rispetto alla tradizio­ nale tinteggiatura. Non solo, se si vuole rinnovare il look dopo sei mesi o un anno, si sovrappone una pellicola nuova, quin­ di per la destinazione d’uso pubblica è un prodotto ideale, siano banche, scuo­ )$7'(62$4")&7'$4&+/&'"!!&,&6#%"#&8&7'$#/= Questo, per dimostrare che progettare spesso è apparentemente anche una questione di comunicazione, ma che ri­ chiede competenze da architetto e de­ signer per pensare al prodotto nel suo insieme».


DE VISU Giulio Ceppi di TOTALTOOL MILANO www.totaltool.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 012 013

Così nasce la comunicazione del brand? C'/") H1"2-#) RT$) -1') /"22#;;%') 81U) apparire ovunque con le pellicole e le 2'$1&%'(%) *%) V!#88%(;) ;!#+,<") 9.) #$$L#­ vanguardia nel settore. Rappresentazioni F%2%F")*%)#$-#)H1#$%-IG)%(,%2%F"G)!#DD'!&#(') %$)/"22#;;%')*%!"--')#%),$%"(-%W)Q");!#+,<") 9.) 2'(') *%28'(%0%$%) 8!#-%,#/"(-") 8"!) ';(%)12'G)%()%(-"!(%)")%()"2-"!(%SW)T()"DD"--%G) sono molto trasversali le loro applicazio­ ni, dai vetri per auto, al controllo solare 8"!);$%)"*%+,%G)*%)8!'-"&%'("G)*%)2%,1!"&&#) per vetri… Il nome delle collezioni Glam tech, Sensorial med, Oriental chic, sug­ geriscono le applicazioni della collezio­ ne TotalTool! «Si è trattato di un incarico importan­ #$' /0$' 0"' #(//"#(' !()#$' 6*$%$7' +,(' "))"' 4$+,&<&(,$' 4$)' 2%$<<(' &,' -.",#(' &,4&/"­ #(%$' 6&1,&+/"#&8(' ,$))"' )(1&/"' 6.44$##"' dei grandi fondi. A questo si legano ra­ gionamenti più strategici, perché questa pellicola, nella versione più economica, costava 70/80 euro al metro quadrato, !"' /(!2%$,4$8"' .,"' ,.(8"' >$66&;&)&#?' manutentiva pensata sul lungo periodo, ",/0$' &,' "22)&/"<&(,&' &,' $6#$%,(' +,(' "' dieci anni di garanzia. Dal punto di vista del marketing era necessario dichiarare onestamente che si trattava di un “falso”, ma che offriva una nuova logica compe­ titiva e funzionale, assolutamente origi­ nale e innovativa ed è questo approccio olistico che può rendere il prodotto e/o il processo sostenibili». Questo ci porta ai materiali, puri o com­ 8'2%-%),<")2%#('G)2'(')$#)R-#F'$'&&#),'$'­ !%S)*"$)8!';"--%2-#X) «Certo, quello della 3M è un esempio 6&1,&+/"#&8(' 2$%' !$' @' prosegue Giulio Ceppi –, proprio perché lavoro tanto sui materiali e sui loro processi di trasforma­ zione: ogni materiale è un linguaggio, /0$'8"'4$+,&#('$'%$6('/(!2%$,6&;&)$=' Ho lavorato molti anni a Domus Aca­ demy e ho creato un Master in Business Design, dove c’è una classe mista di ar­ chitetti, designer, sociologi, marketing manager… che lavorano insieme per creare un progetto integrato e opera­ no sul design primario, che coinvolge le

qualità sensoriali, etc. Secondariamente "%%&8"' )A"22)&/"<&(,$B' 2%&!"' 6&' 4$+,&6/$' la percezione che si vuole ottenere, pen­ sata per quel settore. Il nostro mondo è #%(22('%&*$%&#('6.2$%+/&")!$,#$'"))"'*(#(­ genia, invece il progetto – non per essere critico – chiede più profondità: io lavoro molto sulle grammatiche sensoriali, sul tatto, sul suono, sull’olfatto… come è pos­ sibile pretendere di fare il poeta se non si sa osservare la realtà con occhi diversi e se non si esplora la lingua?» Tra i molteplici ambiti che tratta di cosa si sta occupando in questo momento? «Abbiamo realizzato al Domotex di Han­ nover (10­13 gennaio 2020) un padiglio­ ne per un cluster di aziende italiane del settore del legno. Questa è la seconda edizione nella quale collaboriamo con Domotex, una manifestazione dedicata ai rivestimenti per pavimenti, soprattutto tessili, ma che ha bisogno di crescere e rilanciarsi sul piano qualitativo. Per Do­ motex l’anno scorso avevo lavorato sulla +)&$%"'4$)')$1,(7'2"%#$,4('4"))$'!(4")&#?' con cui si pianta un albero per arrivare +,(' "' /(!$' 6&' %&/&/)"' .,' 2"%-.$#7' !$,­ tre quest’anno abbiamo scelto il tema del benessere e del comfort e abbiamo esplorato 5 aree con esercizi progettuali ",/0$'.,'2(A'$6#%$!&7'2$%/0C'"'.,"'+$%"' è giusto creare delle esperienze partico­ lari: boiserie in legno retroilluminato, pa­ vimenti in papiro, etc. Il punto cruciale è far capire l’innovazione: scherzando dico che gli architetti sono sempre un po’ fe­ ticisti e guardano troppo l’oggetto in sé, mentre l’innovazione va ben oltre, non riguarda solo la forma, ma il processo, il servizio, la logistica, la posa… non esiste solo il disegno e la forma». Che cosa lega tutto? Sia esso un proget­ -')%()R8%,,'$#)2,#$#SG)#*)"2"/8%')%$)$';') *"$$LN!"#)C)#).%$#('G)'881!")1()R!#,,'(­ -')8%E)"2-"2'S),'/")%$)8#*%;$%'(")"28'2%­ -%F')#)@'/'-"Y)')#(,<")$#)R;!#(*")2,#­ $#S) *"$$LN1-';!%$$) *"$) O%$$'!"2%) P2-G) ,<") D#) da contrappunto a quello Ovest simbolo del boom economico degli Anni 50 po­ sto dal lato opposto dell’autostrada, che


DE VISU_TOTALTOOL MILANO ,%) 8'!-#) #$$L#!,<%-"--1!#Z) R*#$) ,1,,<%#%') #$$#),%--IS)2%)81U)-!#,,%#!")1()+$'),'/1­ ("M) P) $#) ,'(*%&%'(") %/8!"2,%(*%0%$") 8"!) 1(#) 8!';"--1#$%-I) #1-"(-%,#) "*) "D+,#,") 2-#) ("$$#) R,#8#,%-I) *%) !#;;%1(;"!") 1() equilibrio attivo e dinamico con il mon­ *')%(),1%)2%)F%F"SG),'/"),%)!%,'!*#):%$F#­ no Tagliagambe e in quel connubio tra ,!"#-%F%-I)*%DD12#G),1$-1!#)*"$)8!';"--')") ,'$$#0'!#&%'(")*%#$';%,#)8"!)D#!)2[),<")%) cambiamenti diventino realmente soste­ (%0%$%G)2",'(*')$#)*"+(%&%'(")*%)P&%').#(­ zini? «La componente più importante che bisogna sempre cercare di mettere nel progetto è la “consapevolezza”, cioè aiutare le persone a capire perché un ambiente sia bello o accogliente, o per­ ché un oggetto funziona bene. Non per­ /0C')A0"'+%!"#('-.")/.,(7')A0"'4&6$1,"#(' un nome importante, ma perché ha dei valori comunicativi. Dando un’identità 1%"+/"' "))AArea C di Milano' $' +%!",4(' il logo – una sagoma del centro storico 8&6#"'4"))A")#('D'!&'6(,('2(6#(')A(;&$##&8(' di trasmettere un messaggio preciso, con la massima trasparenza e “vicinanza”: se Milano vuole crescere, se vuole respirare $'#%"6*(%!"%6&'")/.,&'6"/%&+/&'6(,(',$/$6­ 6"%&='E'9'6)(1",B'FG'6"%?'!$,('#%"*+/(H7 ”C voleva un cambiamento” e “C met­ ti meno tempo” creano un approccio friendly, dialogante e gentile. L’N1-';!%$$) O%$$'!"2%) P2-, seppur privo di ri­ ferimenti contestuali urbani, dialoga con l’Autogrill Villoresi Ovest di Angelo Bian­ chetti posto sul lato opposto dell’Autostra­ da Milano­Laghi con il suo arco simbolico che funge da segnale ai viaggiatori, ma ")' /(,#%"%&(' &)' ,.(8(' I.#(1%&))' /$%#&+/"#(' LEED punta alla reale ecosostenibilità: si erge come un vulcano a simbolo di una nuova architettura “organica” non solo per le forme “morbide” dell’immenso camino in lamellare, ma perché nasce dalle necessità impiantistiche divenen­ 4(,$' &)' /.(%$' 4$)' 2%(1$##(=' I))"' +,$' &)' tema è sempre far capire alle persone il “perché”: ma non serve che venga po­ sta la domanda, sono io che devo dare la risposta. È necessario spiegare perché )A$4&+/&(' *.,<&(,"' $' /(!AJ' *"##(7' ,(,' 6&­ 1,&+/"' $66$%$' 4&4"6/")&/&7' "%%(1",#&' (' voler dare le istruzioni per l’uso, ma vuol dire creare un’esperienza e offrire un per­ corso coerente che dia la risposta indiret­ tamente. La bellezza non salverà il mon­ do da sola, la bellezza ci salverà se sarà anche etica: io sono contrario all’effetto !$%"8&1)&"'+,$'"'6C'6#$66(='K11&'&)'2%(;)$­ ma è “far capire”, altrimenti (con tutto il rispetto) viene fuori una Greta Thunberg, giovine fanciulla utilizzata come simbolo, ma purtroppo lei è solo la rappresenta­ zione della nostra ignoranza».

È veramente la Giovanna D’arco dei no­ 2-!%)-"/8%),<")#F"F#)\])#((%)")D1)1-%$%&&#-#) ,'/")2%/0'$')*%)1(#)!%2,'22#)K)%(-"!F%"­ (") >%"-!') ^"!!#!%) KG) ("//"(') (#&%'(#$") perché il concetto in Francia non esiste­ va ancora: c’era il Ducato di Borgogna, il Regno di Navarra e c’erano gli inglesi che essendo imparentati con le princi­ 8"22") D!#(,"2%) *%,"F#(') R$#) ^!#(,%#) _) ('2-!#SX «La storia è importantissima! Spesso dopo tre/cinque anni le aziende con cui ho la­ vorato mi hanno chiesto di riprendere un determinato progetto, di riaggiornarne alcuni elementi. Per fare ciò è fondamen­ tale saper “guardare indietro” per capire cosa succederà tra dieci anni, ripartire dagli ultimi cinquant’anni e comprende­ re che andamento si verrà a creare. Più si guarda indietro più si ha la possibilità di


DE VISU Giulio Ceppi di TOTALTOOL MILANO www.totaltool.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 014 015

TOTALTOOL: ETHICAL ARCHITECTURE On the TotalTool website, the mission claim is apodictic: «For us, innovation is a mission, a form of continuity observation of reality to transform it into something better, using creative tools to “do enterprise ”and create a sustainable and equitable future for all. We believe in the importance of building value and in the ability of design, communication and architecture, to act as useful tools for the evolution of the market and society “. The meeting with Giulio Ceppi remains a unique moment, because if it were repeated it would represent a new experience, and his professional activity in the round, it would remain largely elusive due to the production intensity that characterizes it, but above all for the originality of its approach, whose design genesis is always fascinating and the footprints left in its progress.

In questa pagina la cover dell’allestimento che l’architetto Ceppi ha curato per Domotex, ,'/")<#)D#--')8"!)$L%*"(-%-I);!#+,#)#$$LN!"#)C di Milano e del logo (nell’ultima pagina) e per $#)R*%F%2%'(")#!,<%-"--1!#S)9.),!"#-#)"Y)('F') da TotalTool, i cui depliant di presentazione sono visibili nella pagina destra.

cogliere il respiro del tempo, i suoi cicli e ricicli. Per noi l’innovazione è un processo che si sviluppa in ogni campo attraverso design, architettura, comunicazione: è la forma necessaria all’imprenditorialità. È un insieme complesso di azioni e previsio­ ni che necessitano di interdisciplinarietà, capacità di gestione e durata nel tempo, per garantire soluzioni precise quanto $*+/"/&=' L.")/0$' ",,(' *"' 2"%#$/&2"&' "' un viaggio nella Silicon Valley california­ na con la Fondazione Giannino Bassetti nel quale si sosteneva che innovazione e bellezza, manualità e hi­tech rappre­ sentano le nuove frontiere dell’economia 1)(;")$B'&)'!"4$'&,'E#")M'6"%?'&4$,#&+/";&)$' in futuro solo attraverso il valore identita­ rio e storico che è alla base dell’econo­ mia taylor made a venire». P) $L%28%!#&%'(") K) ,<%"*") :'(%#) .#!%-#() KG) si pesca in questi archivi della memoria? «Io avrei voluto fare l’archeologo, una +1.%"' /0$' 2.N' 8&"11&"%$' ,$)' 2"66"#(' avendo però in mente il presente; fare il 4$6&1,$%'6&1,&+/"'",4"%$',$)'*.#.%('6#",­ do nel presente, cercando di anticipare i trend per far comprendere alle persone che ci sono altre strade possibili. Io utiliz­ zo una tecnica maieutica, che, lo ripeto, ,(,' 6&1,&+/"' "%%(1",<"7' 6.22(,$,<"7' (' affermare che “io sono più intelligente”, ma rappresenta lo sforzo per creare un percorso, per aiutare le persone a ca­ pire le differenze, in un mondo talmente ricco, eterogeneo, diverso, ampliato al mercato globale. Quando lavoro in Cina o in India – mondi completamente diver­ si dal nostro – non è possibile pensare di comportarsi allo stesso modo che in Ita­ lia. “Oggi il progetto è molte e più cose”, come scrive Alfonso Femia a proposito del manuale di progettazione contem­ poranea di Maurizio De Caro». È cruciale questa direttrice, considerate $") RD'!/") #!-%+,%#$%) 8"!/#("(-%S) 8!'*'-­ te oggi che rendono alcune porzioni di skyline metropolitani intercambiabili e /'$-%) "*%+,%) 10%H1%-#!%) 8"!,<J) !%,#$,#(') 1(')2-%$")%(-"!(#&%'(#$"),<")('()_)+;$%')*%) ("221()$1';'G),'2[)#('(%/')D!#)%)R;%;#(­

-%S) ,'//"!,%#$%W) `1%(*%) %$) 21') #88!',­ cio maieutico crea percorsi di indagine identitaria determinanti! Quali criteri di lavoro attua all’interno di TotalTool per -!#2D"!%!") #$) 21') -"#/) %) ,#8%2#$*%) *%) 1() progetto? «A monte c’è una dinamica particolare, che io chiamo “push approach” (i nostri progetti possono trovarsi in 5 condizioni: Completed, In progress, Pause, Running e Push): in quest’ultima sono io che vado a esporre le mie proposte alle aziende, alle persone. Un lavoro molto faticoso eppu­ re importante, che produce sempre un grosso disequilibrio tra una costellazione di cose che devono essere incanalate e alcune che stanno andando avanti, altre che sono già partite, altre ancora ferme in pausa. Questo si inquadra nei rapporti storici con alcune aziende (Autogrill, 3M, PepsiCo…) e realtà (Reggio Children, Confartigianato...) con cui lavoro da pa­ recchi anni, con le quali si crea una sorta 4&'F+4$)&<<"<&(,$'6#%"!;"H=' Infatti per me la parte più importante del mio lavoro è la costruzione della doman­ da: non mi presento mai con un’idea (anche se magari c’è, segretamente…) perché trovo sbagliato andare da un produttore di seggiole e dirgli: “Ho di­ segnato una seggiola: me la produci”? Perché inevitabilmente ci si espone met­ tendosi sul suo piano: forse questo fun­ zionava ai tempi di Castiglioni, perché erano in cinque a fare seggiole, oggi è diverso. Allora io mi propongo attraver­ so delle domande: “Hai mai pensato di usare questo materiale? Perché non fac­ ciamo una sedia per questa determina­ ta situazione”? Quindi non c’è un disegno bensì una ragione, una domanda di va­ lore che spesso parte dai materiali. Lavoro con un gruppo internazionale di ragazzi “scelti” con cui costruisco il con­ cept come se fosse una proposizione, mai come un’affermazione; poi c’è una seconda parte del “team”: un nucleo solido e interdisciplinare che permette di essere snelli e leggeri, una base ca­ %"##$%&<<"#"' ",/0$' 4"' .,"' >$66&;&)&#?' 4&' /(!2$#$,<$='O(,('PQ'",,&'/0$'0('.*+/&' in Argentina e poi ne ho aperti e chiusi


DE VISU_TOTALTOOL MILANO dal Giappone, agli Stati Uniti a Taiwan, dove avevo progetti importanti… e oggi stiamo aprendo ovviamente in Cina. Il mio maestro P&%').#(&%(%)usava spesso questa metafora che trovo ancora bel­ lissima: “Oggi è impossibile realizzare un Encyclopédie del sapere come avevano tentato di fare Denis Diderot e Jean­Bap­ tiste Le Rond d’Alembert”, perché nem­ meno Wikipedia ce la fa a stare dietro a tutti i materiali che si stanno inventando. Sosteneva, dunque, che servisse un’a­ gendina (digitale o analogica, poco importa), con un elenco di professionisti: il chimico, il musicista, il poeta… perso­ ne che sappiano parlare con “te”, con i quali sia possibile dialogare e che ca­ piscano il tuo linguaggio, per creare un momento di incontro in cui si possa tra­ smettere come fare un tappeto di un certo tipo con certe prestazioni e grazie alla nanotecnologia il chimico del sud­ detto elenco mi dica come realizzare l’oggetto in questione in un determina­ to modo, mettendo a disposizione il suo contributo tecnico. Tutto ciò si realizza 6()(' /(,' )$' 2$%6(,$7' +6&/"!$,#$7' ,(,' J' possibile farlo cercando online. Ai miei studenti del Politecnico di Milano ogni tanto faccio mettere via il computer e li invito a cercare qualcosa fuori, per­ ché ormai vivono su Google: utilissimo certo, ma è solo uno strumento di cui non si deve abusare e dipendere, ma che va usato a complemento di altro». Un logo, un allestimento, un autogrill… H1#$")#/0%-')2,";$%"!"00")D!#)%)-#(-%)("%) quali opera, se dovesse eleggerne uno? «Sinceramente farei fatica a scegliere, per me il design e l’architettura sono de­

gli strumenti diversi ma non li vedo come discipline impermeabili, quanto piuttosto come mondi che si intersecano: certo l’architettura è omnicomprensiva! Oggi )"'1$,#$'$,#%"',$1)&'$4&+/&'.6",4(':((­ gle, quindi non si tratta più solo di dise­ 1,"%$'.,'$4&+/&(B'"))AI.#(1%&))'R&))(%$6&'S6#' ";;&"!('%$")&<<"#('4$&'#$!2(%"%M'(*+/$' prenotabili con un’app perché è diven­ tato una destinazione abituale per molti viaggiatori. Abbiamo pensato ai pendolari di lunga tratta: così sono nate due stanze vetrate modulari, servite da uno scaldavivan­ de, intime, accoglienti, dove si fanno ri­ .,&(,&' $' /AJ' &)' T&+7' 2$%/0C' "%%&8",4(' 4"' città diverse può essere un buon punto di incontro. Nell’architettura oggi si deve progettare tenendo presente anche la dimensione digitale, non tanto e solo i muri, ma semmai come abbatterli, rela­ zionalmente parlando». Quali cambiamenti ha portato la pan­ *"/%#) a) ,<%"*%#/') %(+("G) #) /'$-%) /"2%) dalla nostra ultima visita a Giulio Ceppi aG)%()7'-#$7''$)")#$$")21")!"$#&%'(%)8!'D"2­ sionali? «Di fatto la pandemia non ha sconvolto il mio modo di lavorare, avendo già una rete di collaboratori sparsi in diversi punti del pianeta e clienti in Cina, Giappone, Stati Uniti… quindi in una dimensione in cui lo smart working per me era pratica nota, già da tempo. Quello che invece manca è certamen­ te il contatto diretto con le persone, l’in­ contro vis a vis, che come ho raccon­ tato anche nel mio libriccino intitolato “Biogenie” (edizioni List Lab), è fatto di sfumature, aneddotica, dettagli, improv­


DE VISU Giulio Ceppi di TOTALTOOL MILANO www.totaltool.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 016

visazione… che nel mondo digitale si per­ dono inevitabilmente. Credo dovremo imparare sempre più in futuro a vivere analogico e digitale come due momenti fortemente complementari, ma non in­ tegralmente sostituibili o intercambiabili: abbiamo accelerato, ma ora dobbiamo anche valutarne conseguenze e sfuma­ ture, spesso nascoste a prima vista. Ma questo è anche il bello del nostro mondo ibrido, che ci impone attivamente di ca­ pirne e comprendere le differenze, per non restarne vittime».

Giulio Ceppi, architetto laureato nel 1990 al Politecnico di Milano, studia anche Visual Design alla Scuola Politecnica di Milano, è Dottore di Ricerca in Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano, dove dal 1995 è docente nella Facoltà del Design. Ha tenuto numerosi cicli di conferenze e seminari di progetto in Italia ed Europa, Stati Uniti, America Latina e Giappone ed è stato docente incaricato presso le Facoltà di Architettura di Genova, Politecnico di Torino, “La Sapienza” di Roma e l’Università Cattolica di Milano. Nel 2004 fonda e dirige (fino al 2006) il Master in Business Design di Domus Academy, inserito da BusinessWeek tra i primi 10 master europei. È stato direttore della collana FaustoLupetti Design ed è nel board dell’Archivio Alberto Veca e della Schola Italica. Si occupa di progettazione sensoriale, design dei materiali e sviluppo di nuove tecnologie: dal 1991 al 1997 con Domus Academy Research Centre realizza progetti innovativi per Abet Laminati, Assoplast, BFAutomobile, Bracco, Enichem, Eternit, Mitsubishi, Montell, Philips Lighting, Pitti Immagine, Seleco, Swatch... Cura e partecipa a numerose mostre di ecodesign e progettazione dei materiali alla Triennale e al Salone del Mobile di Milano, alla Mole di Torino, a Pitti Firenze, da Sacks 5ftAvenue a New York, in Giappone a Kyoto e Yokohama. Dal 1992 al 1999 progetta con Paolo Bodega architetture e sistemi ambientali per Archivio Disarmo, Bonaiti Serrature, Biorad, Imec, Levi’s, Philips, Sony, Silea, 3M Italia... pubblicati sulle principali riviste internazionali ed esposti in varie manifestazioni, tra cui la Biennale di Venezia del 2001. È membro dal 1992 dell’Associazione Nazionale Bioarchitettura e delegato per Regione Lombardia della Fondazione Bioarchitettura, membro della commissione Formazione per la Fondazione dell’Ordine degli architetti di Milano. Dal 1998 al 2001 é Senior design consultant di Philips Design, network di ricerca e progetto con oltre 450 dipendenti e sedi in 25 diversi paesi nel mondo che nella sede milanese ha sviluppato vision e concept design, occupandosi di convergenza tra elettronica e altri settori merceologici. Nel 1999 fonda e dirige TotalTool, società per management dell’innovazione e progettazione strategica, oggi con sedi a Tokyo e Buenos Aires, con cui lavora per aziende quali Albatros, Andersen Windows, Autogrill, Coop, Danese, Deborah, Festo, Fiat, Flos, Leuci, Gruppo Auchan/la Rinascente, Illycaffè, Luceplan, Mitsubishi, Motorola, Nestlè, Nike, Nissan, PepsiCo, Pirelli RE, SaporitiItalia, Terme di Chianciano, TerraMoretti, Unilever, Vertu, Viacom, 3M ed enti vari, tra cui Bormio 2005, Confartigianato, Comune di Milano, Comune di Venezia, Politecnico di Milano, Provincia di Lecco, Reggio Children, Torino 2006. Nel 2005 TotalTool ha prodotto la mostra Oggetti esistibili per la Triennale di Milano (catalogo Scheiwiller), poi esibita a Roma, Shangai e San Paolo. TotalTool ha vinto diversi premi internazionali: premio Impresa Cultura (2000), il XX e il XXI Compasso d’oro (2004-08), l’Hall of Fame ICSID (2007), il Premio nazionale di ConfCommercio all’Innovazione (2010 e 2013), Dedalo Minosse (2014) e ha esposto propri progetti in diversi musei e istituzioni culturali in Italia ed Europa. Ha tenuto conferenze in oltre 25 Paesi nel mondo e scritto vari saggi sul design e la cultura del progetto. Recentemente ha tenuto alla Triennale di Milano 2 mostre personali: El ultimo cielo (2017), un’installazione fotografica dedicata a Cuba e Scollamenti temporali (2018), collage che combinano arte e moda. Vive e lavora a Milano e sul Lago di Como.


TECHNICA_HOMAG QUADRATUM

Construction Elements Solutions

HOMAG ­ SYSTEM TM www.homag.com di Pietro Ferrari

strutturalegno pagina 017

Sempre più protagonista nelle tecnologie per le costruzioni in legno, Homag raggruppa le sue at­ tività nel settore degli elementi da costruzione e acquisisce l’80% delle azioni della società danese di ingegneria e produzione System TM A/S. Il Gruppo ha aumentato la sua partecipazione in Wein­ mann al 100% e la partnership strategica con Hundegger, avviata nel 2019, resta una componente importante di questo nuovo segmento di attività. Nel mirino di Homag è rientrato anche System TM, un fornitore di primo piano di soluzioni di ottimizzazione e di sistemi per l’industria della lavorazione del legno. Nel 2019 l’azienda ha generato un fattu­ rato annuo di circa trenta milioni di euro con un team di 130 dipendenti. Oltre al focus sul settore del mobile, all’interno del Gruppo Homag viene, in­ fatti, creato un nuovo ambito di attività a# M+08-2;)-*+0# G/3?30-8# :+/;-*+08# a# )63# combinerà la tecnologia di produzione e lavorazione del legno con le attività esi­ stenti di Homag. All’inizio di quest’anno, Homag ha già aumentato la sua parte­ cipazione in Weinmann al cento per cen­ to. A questo proposito, Pekka Paasivaara, CEO di Homag Group, spiega: «Voglia­ mo diventare un fornitore di sistemi per l’intera catena di processo nel settore degli elementi da costruzione, compreso il legno lamellare (CLT). Siamo già in una buona posizione di partenza. Con System TM, stiamo acquisendo un produttore le­ ader con esperienza con prodotti di fa­ scia alta e un’ottima reputazione nell’im­ plementazione dei progetti». Con uno sguardo alla sostenibilità Markus Vöge, Senior Vice President Sales and Marketing del Gruppo Homag, spie­ ga: «I modelli di business di System TM e Weinmann supportano gli obiettivi strate­ gici nel campo della sostenibilità. Con il legno come materia prima rinnovabile, 2(66&"!(' %$")&<<"%$' $4&+/&' $/(U/(!2"­ tibili e ambienti di vita sani. La partner­ ship strategica con Hundegger, avviata nel 2019, rimarrà inoltre una componente importante del nostro nuovo segmento di attività». Jan J. Samuelsen, CEO di System TM ha, a sua volta, dichiarato: «I fondatori dell’a­ zienda ed ex azionisti di maggioranza,

IDENTIKIT GRUPPO HOMAG Il Gruppo Homag è il principale fornitore mondiale di soluzioni integrate per l’industria della lavorazione del legno. I suoi quattordici siti di produzione specializzati, le circa venti società di vendita e servizi di proprietà del Gruppo e i circa sessanta partner di vendita esclusivi in tutto il mondo fanno della società un fornitore di sistemi unico, mosso da una forza lavoro di circa 6.600 dipendenti. Il Gruppo Homag offre ai propri clienti soluzioni per la produzione digitalizzata, basate sulla continuità dei dati digitali dal punto vendita attraverso l’intero processo di produzione, combinate con una sequenza di software completa. L’ecosistema aperto “Tapio” (piattaforma Internet of Things aperta) mappa il flusso di dati lungo l’intera catena del valore dell’industria del legno. Il Gruppo Homag è detenuto a maggioranza dal Gruppo Dürr dall’ottobre 2014.


QUADRATUM HOMAG ­ SYSTEM TM www. homag.com di Pietro Ferrari

strutturalegno pagina 018 019

Poul e Ingrid Thøgersen, hanno deciso che ora è il momento giusto per andare in pensione e per trasferire la proprietà a ,.(8&'"<&(,&6#&7'/0$'/%$4(,(',$))"'+)(6(+"' aziendale di System TM e proiettare più oltre lo sviluppo positivo dell’azienda. Homag è il partner ideale per noi, perché accanto alla nostra attività esistente nel­ le soluzioni di taglio trasversale e giunzio­ ne a pettine, ci consentirà di espanderci nell’area del CLT. Vediamo un buon potenziale di crescita

in questo segmento di attività. La nuova /(,+1.%"<&(,$'2$%',(&'J'.,'2"66(')(1&/(' poiché abbiamo già collaborato con Homag in Nord America con grande successo». Il Gruppo Homag prevede, inoltre, che il nuovo segmento di attività estenda il po­ tenziale economico da un livello di milio­ ni di euro a due cifre a un livello di milioni di euro a tre cifre. Sono previste ulteriori sinergie in campo tecnologico oltre che negli acquisti.

IDENTIKIT SYSTEM TM System TM è stata fondata nel 1977 da Poul Thøgersen ed è oggi un fornitore globale leader di sistemi di seconda lavorazione di legno massello automatizzati di fascia alta. System TM è uno dei maggiori fornitori di questo settore nel mondo. Le competenze principali includono tutte le fasi: dalla progettazione del sistema all’installazione, dalla messa in servizio e formazione del personale all’assistenza e alla manutenzione. Le ultime tecnologie, un’organizzazione del progetto unica e una forte attenzione alla stretta collaborazione con il cliente si traducono in soluzioni integrate per ogni esigenza concreta ottimizzando i processi e le risorse di legno. System TM ha sede a Odder, Danimarca, e comprende strutture di amministrazione, produzione e assemblaggio. System TM impiega circa 130 dipendenti altamente qualificati e dispone di una forte rete di partner e fornitori.

In apertura, le volte dell’Ontario Art Gallery a Toronto, Ontario, Canada, realizzate da System TM, a sinistra una realizzazione ardita di System TM a Portland, Oregon. b"$$#) 8#;%(#) *%) +#(,'G) *#) 2%(%2-!#) #) *"2-!#c) Pekka Paasivaara, CEO di Homag Group, Jan J. Samuelsen, CEO di System TM, .#!d12)Oe;"G):"(%'!)O%,")>!"2%*"(-) Sales and Marketing of the Homag Group.


Pekka Paasivaara, CEO di Homag Group

Jan J. Samuelsen, CEO di System TM

Markus Vöge, Senior O%,") >!"2%*"(-) :#$"2) and Marketing of the Homag Group

TECHNICA_HOMAG

Construction Elements Solutions Homag bundles its activities in the construction elements sector and acquires System TM A/S. The Homag Group intensifies its activities in the new market segment Construction Elements Solutions by acquiring 80% of the shares of the Danish engineering and manufacturing company System TM A/S. System TM is a leading supplier of optimization and systems solutions for the timber processing industry. In 2019, the company generated an annual turnover of approx. 30 million euros with approximately 130 employees. In addition to Homag’s focus on the furniture sector, a new business segment is being created within the Homag Group. The new segment, Construction Elements Solutions, will combine timber production and processing technology along with Homag’s existing activities. Earlier this year, HOMAG has already increased its stake in Weinmann to 100%. Pekka Paasivaara, CEO of Homag Group, explains: «We want to become a system supplier for the complete process chain in the area of con­ struction elements, including cross­laminated timber (CLT). We are already in a good starting position. With System TM,  we are acquiring an experienced, leading manufacturer with high­end products and a high reputation in project imple­ mentation». Markus Vöge, Senior Vice President Sales and Marketing of the Homag Group, explains: «The business models  of System TM and Weinmann support the strategic goals in the area of sustainability. With wood as a renewable raw  material, we can achieve eco­friendly buildings and healthy living environments. Additionally, the strategic partnership  with Hundegger, which was initiated in 2019, will remain an important component of our new business segment». Jan J. Samuelsen, CEO of System TM: «The company founders and former majority shareholders, Poul and Ingrid Thøgersen,  have decided that now is the right time to retire, and to bring the ownership to new shareholders, who believe in the  business philosophy of System TM and support the positive development of the company further on. Homag is the ideal  !"#$%&#'()#'*+,'-&."*+&'%&/$'$)')*#'&/0+$0%1'-*+0%&++'0%'.#)++2.*$$0%1'"%3'4%1&#'5)0%0%1'+)6*$0)%+,'0$'7066'&%"-6&'*+'$)'&/!"%3' into the area of cross­laminated timber. We see a good growth potential in this business segment. The new setup for us  is a logical step as we have already been cooperating with Homag in North America very successfully». Further on, the Homag Group expects the new business segment to extend economic potential from a double-digit million euro level to a low three-digit million euro range. Additional synergies in the technological field as well as in purchasing are expected. Companies backgrounds The Homag Group is the world’s leading provider of integrated solutions for production in the woodworking industry and woodworking shops. Its 14 specialized production sites, about 20 Group-owned sales and service companies and approximately 60 exclusive sales partners worldwide make the company a unique system provider. Backed by a workforce of some 6,600 employees the Homag Group offers its customers solutions for digitized production, based on digital data continuity from point of sale through the entire production process, combined with a comprehensive software suite. In addition, the open ecosystem “Tapio” (open Internet-of-Things platform) maps the data flow along the entire value chain of the timber industry. The Homag Group has been majority-owned by the Dürr Group since October 2014. System TM was founded in 1977 by Poul Thøgersen and is today a leading global supplier of automated high-end secondary solid wood processing systems. System TM is one of the largest suppliers for this sector in the world. The core competencies include everything from system design, installation, commissioning and training of personnel to service and maintenance. The latest technology, a unique project organization and a strong focus on close cooperation with the customer result in integrated solutions for every concrete need by optimizing processes and wood resources. System TM is headquartered in Odder, Denmark, and includes administration, production and assembly facilities. System TM employs approximately 130 highly qualified employees and has a strong network of partners and suppliers.


PERITIA www.ergodomus.it www.legislazionetecnica.it di Franco Piva

strutturalegno pagina 022 020 021

Manuale delle costruzioni di legno 7#,,,#).<*-+/+

La rubrica dedicata al “Manuale delle costruzioni di legno” di Franco Piva, nata dalla sinergia fra Ergodomus, Legislazione Tecnica e Struttura Legno, tratta nel terzo capitolo dell’evoluzione verso 39*()*#3032Q3-*).?30-3#8;<3273'()*30-*#)63#6.#<+2-.-+#.#23./*RR.23#)+8-2;R*+0*#<*b#<238-.0-*#*0#-32?*7 ni di consumi grazie alla tenuta all’aria dell’involucro. Dino De Paolis rimarca come il manuale non si limiti alla necessaria qualità esecutiva ma ad affrontare in maniera approfondita tutte le variabili in gioco.

+;1!#)\c)7"(1-#)#$$L#!%#

+;1!#)5c)7"(1-#)#$)F"(-'

+;1!#)9c)Q%("")*%)-"(1-#)#!%#)")F"(-'

$%34+/;R*+03# 4328+# 39*()*# 3032Q3-*).7 ?30-3#8;<3273'()*30-*#6.#<+2-.-+#*034*-.7 @*/?30-3#.#23./*RR.23#)+8-2;R*+0*#<*b#<237 stanti. Il mondo delle costruzioni, non solo quelle in legno, negli ultimi anni si è evolu7 to migliorando sensibilmente le prestazio7 0*#3032Q3-*)63#+4432+#2*9;)309+#)+08;7 mi e costi di gestione. Questo passaggio 0+0# `# 8-.-+# 83?</*)3# 3# 6.# *?<*3Q.-+# alcuni anni per realizzarsi: il primo passo è stato quello di aumentare lo spessore degli isolanti e abbassare la trasmittanza 93//3#)6*;8;23#-2.8<.230-*O# M6*# .))3--323@@3# <32c# 9*# *09+88.23# ;0# ).<<+--+# ]<38.0-3!# )+0# 93*# @;)6*# 9.*# quali entra liberamente l’aria fredda? Quindi il passo successivo è stato quello di migliorare la tenuta all’aria dell’involucro. L--30R*+03#<32cd#&0#*04+/;)2+#].#-30;-.!# non offre solo vantaggi dal punto di vista energetico, si possono infatti aggiungere i seguenti aspetti: 7# 5*Q/*+2.?30-+# 93//3# <238-.R*+0*# .);8-*7 )63#V9+43#<.88.#/%.2*."#<.88.0+#.0)63#*# rumori), 7#5*Q/*+2.?30-+#93/#/*43//+#9*#)+?'+2-#V0+# spifferi), 7#5*Q/*+2.?30-+#93//.#238.#93//3#?.))6*7 ne VMC, 7#G/*?*0.R*+03#2*8)6*+#)+093083#*0-328-*R*./*O Dal punto di vista tecnico, la tenuta all’a7 2*.#0+0#`#'.)*/3#3#2*)6*393#+--*?3#)+0+7 scenze da parte sia dei progettisti sia de7 Q/*#.2-*Q*.0*#)63#+<32.0+#*0#).0-*323O#I32# +--30323# +--*?*# 2*8;/-.-*# 0+0# `# 8;'()*30-3# fare dei bei disegni completi di tutte le 8<3)*()63#03)388.2*3e#)+?3#0+0#`#8;'(7 ciente avere degli operatori di cantiere esperti. Serve una stretta collaborazione tra i due, analogamente a quanto acca7 93#-2.#*/#9*23--+23#9%+2)638-2.#3#*#?;8*)*8-*O# È necessario sottolineare come la man7


!

"

#

$

PERITIA

&

%

%

$ '

+;1!#)=c)P2"/8%')*%)*"--#;$%'),'2-!1--%F' +;1!#)lc):%;%$$#-1!#)8#22#;;%)%/8%#(-')"$"--!%,'

canza di tenuta all’aria possa creare '30+?30*# 9*# )+09308.# *0-328-*R*./3# )63# nelle strutture in legno diventano parti7 colarmente pericolosi in quanto possono portare alla marcescenza di elementi portanti. Dal punto di vista tecnico è ne7 cessario individuare due cosiddetti strati funzionali ovvero la linea di tenuta all’aria V4328+#*/#/.-+#)./9+T#3#W;3//.#9*#-30;-.#./# 430-+#V4328+#*/#/.-+#'2399+T#)+?3#*09*).-+# 03//3#(Q;23\#=#7#A#7#fO $.#93(0*R*+03#9*#W;38-*#8-2.-*#8<3--.#./#<2+7 Q3--*8-.#3#9343#388323#'.--.#(0#9.//3#<2*7 ?3#'.8*#93*#/.4+2*#V(Q;23#N#3#^TO TQ)7P:7)fQBgPh@BBh &0.# 93//3# 432*()63# ?+/-+# *0-32388.0-*# /37 gate a quanto esposto sopra è la possi7 bilità di misurare in maniera oggettiva la -30;-.# .//%.2*.# 9*# ;0# 39*()*+# .--2.4328+# un test di tipo quantitativo ovvero il test BlowerDoor. Il funzionamento del test è sinteticamen7 -3# 2.'(Q;2.-+# 03//%*??.Q*03# 83Q;30-3\# la strumentazione viene posizionata su di una apertura e una ventola genera una differenza di pressione tra interno ed 38-320+# )63# 4*303# ?.0-30;-.# )+8-.0-3# nel tempo. La normativa di riferimento per l’esecuzione del test è la ibT)Pb)T:B) jj]5# ]I238-.R*+03# -32?*).# 93Q/*# 39*()*# g#

IL LIBRO È ACQUISTABILE ON LINE ATTRAVERSO AMA­ ZON O LO SHOP DELL’EDITORE LEGISLAZIONE TECNICA: <--82ckk$-2<'8W$";%2$#&%'("-",(%,#W%«Oggi siamo in grado di progettare e costruire case con ridottissimi consumi energetici; queste cono­ scenze, tuttavia, non si devono limitare agli aspetti 1$,$%")&'/0$'&,>.$,<",('&)';&)",/&('$,$%1$#&/('4$1)&' $4&+/&7'!"'4$8(,('1."%4"%$'",/0$'"&'4$##"1)&7'/0$' *",,(')"'4&**$%$,<"'#%"'.,'$4&+/&('/0$'/(,#%&;.&6/$'"' 6")8"1."%4"%$'&)'/)&!"'$')A"!;&$,#$'$')A$4&)&<&"'/(!.­ ne. Perseguire la tenuta all’aria assume certamente una valenza di qualità esecutiva, ma per pretendere in cantiere realizzazioni a regola d’arte è necessario progettare correttamente e quindi conoscere in ma­ ,&$%"'"22%(*(,4&#"')$'8"%&";&)&'&,'1&(/(='E,'-.$6#"'#$%­ <"'.6/&#"'4$))"',(6#%"'%.;%&/"7')AI.#(%$'4$)'F5",.")$' delle costruzioni di legno” ci offre una visione com­ pleta sul tema, applicato a tali tipologie edilizie, con­ #%&;.$,4('"4'"%%&//0&%$')$'/(,(6/$,<$'#$/,&/0$'2$%' ottimizzare l’uso intelligente dell’energia e migliorare )"',(6#%"'-.")&#?'4$))A";&#"%$'$'4$)'8&8$%$V=


+;1!#)?c):-!1/"(-#&%'(")f$'V"!@''!)%(2-#$$#-#

PERITIA www.ergodomus.it www.legislazionetecnica.it di Franco Piva

strutturalegno pagina 022

WOOD CONSTRUCTION MANUAL - CHAPTER III The section dedicated to the “Manual of wooden constructions” by Franco Piva, born from the synergy between Ergodomus, Technical Legislation and Wood Structure, deals in the third chapter of the evolution towards energy-efficient buildings that led to the creation of more performing constructions in terms consumption thanks to the airtightness of the casing.

Determinazione della permeabilità all’a7 2*.#93Q/*#39*()*#g#53-+9+#9*#<2388;2*RR.7 R*+03#?39*.0-3#430-*/.-+23!#V(Q;2.#>TO# Il risultato di questo test è il noto parame7 tro “n^B!#)63#*09*).#*/#0;?32+#9*#2*).?@*# +2.2*#9%.2*.#03//3#)+09*R*+0*#9*#hI#)+8-.07 -*#3#<.2*#.#^BI.O Durante l’esecuzione del test si fanno dei rilievi per individuare le eventuali per7 dite e per fare questo si possono usare .03?+?3-2+#.#(/+"#-32?+).?32.#V83#/3# )+09*R*+0*# )/*?.-*)63# /+# )+0830-+0+T# +# generatori di fumo. L’agenzia CasaCli7 ma è stata tra le prime a introdurre l’ob7 bligatorietà del test BlowerDoor per i suoi 39*()*#)+?3#)+09*R*+03#03)388.2*.#<32# )+0)/;9323#<+8*-*4.?30-3#/%*-32#9*#)32-*(7 cazione. La tabella seguente riporta i va7 /+2*#2*)6*38-*#9.//%.--;./3#9*23--*4.#-3)0*).\


OTIA ETOTIA NEGOTIA ET NEGOTIA fattoriadellegno@gmail.com

Uno Smoker da bosco

di Andrea Zenari

strutturalegno N(*!"#)m"(#!%

pagina 023

Andrea Zenari ha fatto un percorso professionale ormai lungo e di cui porta con sé tutta la cono­ scenza raccolta anche in qualità di dottore forestale, un viaggio nel legno che lo ha portato via via a diventare un purista nell’approccio al legno come materiale da costruzione e questo si evince anche in occasione della sua ultima prova pratica durante un corso di carpenteria alla Fattoria del legno da cui prende forma la casetta dell’affumicatoio: il progetto dello smoker nato dall’ispira­ zione raccolta durante il suo irrinunciabile viaggio annuale nel mondo del legno organizzato nella British Columbia, la regione più occidentale del Canada. PREMESSA GRASTRONOMICA Qualche tempo fa, ho deciso di costruire un affumicatoio alla Fattoria del legno, perché da qualche anno mi sto appas­ sionando alla carne secca in sacchet­ to, quella che si compra in Canada alla pompa di benzina quando si fa il pieno e si hanno ancora moltissime ore di gui­ da davanti che rendono necessario fare scorta di bibite e cibo. Oltre oceano qua­ si ogni famiglia ha il suo smoker in giardi­ no, ma anche i più moderni BBQ hanno la possibilità di svolgere una affumicatura più o meno ad hoc. Se andiamo indietro con gli anni anche qui da noi, in giro per l’Italia, scopriamo che un po’ ovunque per conservare la carne e il formaggio si sono sviluppate diverse tecniche per svolgere l’affumicatura. Per renderci conto di quale sia la sua uti­ lità, va innanzitutto detto che l’affumica­ tura (anche detta affumicamento) è una delle più antiche tecniche di conserva­ zione del cibo che consiste nel trattarlo con fumo proveniente da legni aroma­ tici. Gli alimenti sottoposti a questo tipo di trattamento sono soprattutto carne (specialmente per alcuni tipi di salumi, come la pancetta affumicata, ma non solo) e pesce (come nel caso del tonno o del salmone affumicato), ma è possibile affumicare anche formaggi e verdure, o persino singoli ingredienti, talvolta utilizza­ ti per la produzione, ad esempio alcuni tipi di whisky e birra, qualche volta usati semplicemente per insaporire a loro volta come si fa con i condimenti quali il sale e l’olio. La principale differenza con la sala­ tura, un altro antico metodo di conserva­ zione, è che con la conservazione di un cibo sotto sale il sapore non viene altera­

NDD1/%,#-'!")+(%-'W


OTIA ET NEGOTIA fattoriadellegno@gmail.com di Andrea Zenari

strutturalegno pagina 024 025

A WOODLAND SMOKER Andrea Zenari has a long professional career of which he brings with him all the knowledge collected also as a forestry doctor, a journey into wood that has gradually led him to become a purist in the approach to wood as a building material and this is also evident on the occasion of his last practical test during a carpentry course at the Wood Farm from which the smokehouse house takes shape: the smoker project born from the inspiration collected during his indispensable annual journey into the world of organized wood from British Columbia.

to, mentre l’affumicatura comporta non solo un processo di cottura ma anche di aromatizzazione dei cibi trattati, ragion per cui non tutti amano questo metodo di preparazione se non ne apprezzano il derivante sapore. Oggi ovviamente esi­ stono molti altri metodi di conservazione e l’affumicatura non è più strettamente 03)388.2*.# <32# /.# )+08324.R*+03# (03# .# sé stessa. Considerato però l’aroma par­ ticolare che conferisce agli alimenti e la lenta cottura che li rende davvero tene­ rissimi, trasformandoli in piccole preliba­ tezze, è tutt’oggi molto apprezzata. A chi non piace il salmone affumicato? E non vorreste saperlo preparare in casa? Non siete curiosi di sapere come affumicare la carne o il pesce? L’affumicatura a caldo è la più facile da eseguire in casa, richie­ de solo alcune ore a una temperatura di 60­80°C. Bastano pochi pezzi di legno, una stufetta a legna e il gioco è fatto. QN)CB:7himTBbP)@PQQB):.BnPh Pochi pezzi di legno costituiscono il cor­ po dell’affumicatoio o meglio del forno dove avviene la cottura e perché questo ?.0;'.--+# ';0R*+0*# 3'().)3?30-3# 0+0# devono avvenire variazioni della tempe­ ratura al suo interno causati da eventuali spifferi dai quali può fuori uscire il calore. Quindi si tratta di costruire prima la ca­ mera di combustione che ha dimensio­ ni contenute perché il fuoco necessario `# ?*0*?+"# ?30-23# 83243# )63# /.# (.??.# rimanga lontana dall’area di affumica­ tura e che il fumo si mantenga a una temperatura di 60­80­100 gradi massimo in modo da garantire al forno la tempe­

ratura costante. Io l’ho costruita con sassi, mattoni e malta refrattaria creando una camera di combustione di 30x30 cm e lunga 50 cm, inserendo a una delle estre­ mità una porticina di ferro di quelle tipi­ che da stufe – anche se in realtà questa in particolare arriva dall’Ontario e mi è stata spedita dal mio amico Josh – e poi all’altra estremità la camera si restringe convogliando il fumo in un’area posta ad angolo retto rispetto la prima che in questo caso diventa anche l’anticamera dell’area di affumicatura posta diretta­ mente sopra. La camera di affumicatura l’ho realizzata con tavole di legno usando una tecni­ ca spesso utilizzata quando si realizzano <.23-*# <32# 39*()*# 2;8-*)*# +# 9*# 43/+)3# 23.­ lizzazione e quindi economici. Le tavole segate con la mia segheria mobile poi /3# 6+# 23(/.-3# )+0# ;0# @.0)+783Q.# )*2)+­ lare. In pratica sono due strati di tavole sovrapposte in modo sfalsato dello spes­ sore di 30 mm. Questo vale sia per le pa­ reti che per il tetto. La forma e le misure non sono standard, anzi più ci si mette la propria fantasia e più bella risulterà la ca­ setta dell’affumicatoio, che nel mio caso ha due falde per coordinarsi al contesto della baita e una delle falde più allunga­ ta per ricavarci lo spazio per riparare la legna da ardere per la camera di com­ bustione. Una planimetria di circa 60x120 cm e un’altezza al colmo di 150 cm. Un’al­ tezza ideale per la carne appesa che così ci sta comodamente accogliendo eventualmente anche dei ripiani per ri­ cotte e formaggi. Il tetto è rivestito con ta­ vole di larice da 20 mm poste a scandola


OTIA ET NEGOTIA

per far scorrere via l’acqua della pioggia. La porta di carico degli alimenti da affu­ micare costituisce l’unico elemento di le­ gno ingegnerizzato per evitare problemi di deformazione e per farla pesare meno è realizzata con un pannello a tre stradi di abete che ho spazzolato con la mo­ tosega in modo da renderlo un po’ più rustico. L’area dove ho costruito lo smoker è collocata nell’angolo della zona cottu­ 2.#93//.#'.--+2*.#39#`#<2+<2*+#9*#(.0)+#./# forno per il pane e al grill. Il risultato di tutto questo lavoro ha sod­ disfatto me e la mia squadra e non era scontato perché dall’idea alla sua re­ alizzazione c’è sempre l’incognita che quest’ultima possa non corrispondere poi a come si era immaginato lo smoker; invece questo lavoro è riuscito proprio bene, è stato fatto come prova pratica durante un corso di carpenteria alla Fat­ toria del legno ed era l’inizio di febbraio di questo 2020 innominabile. Come ora­ mai da qualche anno, ero appena tor­ nato dal viaggio nel mondo del legno, organizzato nella British Columbia in Ca­

nada, sempre portatore di ispirazione per me e questa volta l’idea dello smoker mi è venuta tra gli scaffali di un general sto­ re a Pemberton, un paesino di boscaioli a pochi chilometri da Wistler Mountain. ,0#W;38-+#<.383#8*#-2+4.#;0#.'(--.#).?3­ re davanti alla stazione del treno, un ge­ neral store che vende alimentari e tutto l’hardwear (ferramenta che può essere utile a casa e nel bosco) e un negozietto che vende centinaia di tipi di mosche per la pesca, è tutto qui: non c’è altro. Proprio nel general store ho comprato le cernie­ re per l’anta, i ganci di bloccaggio della porta anteriore e il termometro per con­ trollare la temperatura di cottura.

Q")%//#;%(%)!%-!#;;'(')#$,1(%)/'/"(-%)*"$$#)8!'­ F#)8!#-%,#)!"#$%&&#-#)*1!#(-")1(),'!2')*%),#!8"(­ -"!%#)#$$#)^#--'!%#)*"$)$";(')#$$L%(%&%')*%)D"00!#%')*%) H1"2-L#(('),'(2%2-"(-")("$$#)!"#$%&&#&%'(")*%)1(') 2/'d"!) (#-') *#$$L%28%!#&%'(") !#,,'$-#) *1!#(-") %$) F%#;;%')#((1#$")*%)N(*!"#)m"(#!%)("$)/'(*')*"$) $";(')'!;#(%&&#-')("$$#)f!%-%2<)C'$1/0%#G)8!'F%(­ ,%#)'F"2-)*"$)C#(#*#W


LIGNUM SERVARE www.artecontrolconsulting.it www.bleuline.it www.ensystex3d.fr Gianfranco Magri

strutturalegno pagina 026 027

Manuali 9*#M+08324.R*+03# I23430-*4.# ­ II parte

I2+83Q;*.?+#)+0#/.#2;@2*).#./-.?30-3#8<3)*./*8-*).#(2?.-.#9.//%38<32-+#*0#?.-32*.#9*#)+08324.R*+­ 03#93/#/3Q0+#03//3#8;3#9*43283#93)/*0.R*+0*#9*#?.0;'.--*#/*Q03*#.0-*)6*#3#)+0-3?<+2.03*"#2*Q;.29+# *#9.00*#).;8.-*#9.#-.2/*"#<.2.88*-*"#?*)2+)/*?.O#i;38-.#<.2-3#`#939*).-.#.//.#9*'38.#9.Q/*#.--.))6*# 93//3#-`2?*-*"#<.2-309+#9.//.#9*8-*0R*+03#93//3#8<3)*3#*0#.--*4*-U"#83#W;3//.#8+--322.03.##Reticulitermes lucifugus o se la W")(#$%!$6'>"8(&/())&6'93--.#93/#/3Q0+#83))+"#W;*09*#9.//.#)+0+8)30R.#93//3#-`2?­ iti della specie Reticulitermes luicifugus\#F3Q*0."#F3"#:+/9.-+"#D<32.*."#J*0'.#3#&+4.#3#.0)63#9./# )+223--+#.<<2+))*+#)63#`#*09*8<308.@*/3#+88324.23#)+0#/.#)+/+0*.#)63"#83#9*8-;2@.-."#8*#8<+8-.#9./# <;0-+#)63#2.<<23830-.#<32#/%+<32.-+23#/.#<+88*@*/*-U#9*#)+0-.--+#)+0#/%*0-32.#23-3#93*#0*9*O Immagine 1: Reticulitermes lucifugus

Legenda: Soldato Ninfa Regina Re Operaia Uova

Immagine 2 Immagine 2: le Reticulitermes lucifugus generalmente (%*%+,#(')("$)-"!!"('G)/#)-#$F'$-#)8'22'(')(%*%+,#!") ("$$L%(-"!,#8"*%(") -!#) $") F'$-") ") %$) 8#F%/"(-') 2'8!#­ 2-#(-"G)2")H1"2-L%(-"!,#8"*%(")_)!%"/8%-#)*%)/#-"!%#$") -"!!'2'G) ') ("$$") ,!%8-") ,'(-"("(-%) /#-"!%#$") $";('2'W) o#((') $#) ,#8#,%-I) *%) D'(*#!") (1'F") ,'$'(%") ("$$") H1#$%)%$),'/8%-')*"%)!"#$%)F"!%)F%"(")#22'$-')*#)!"#$%)*%) ,'/8$"/"(-'W) Q#) D'(*#&%'(") *%) 1(#) (1'F#) ,'$'(%#) 81U) #FF"(%!") 8"!) R8!'8#;#&%'("SW) T() H1"2-') /'*') 1(L%(D"2-#&%'(")-"!/%-%,#)$%/%-#-#)#)1(#)8%,,'$#)&'(#) 81U)8!'8#;#!2%)%()8',<%)#((%)#)-1--#)$#)2-!1--1!#)$%;("#) *"$$L"*%+,%')#--#,,#-'G)28",%#$/"(-")2")2'(')D#F'!"­ F'$%)$"),'(*%&%'(%)/%,!'#/0%"(-#$%W)

TÈRMITI RETICULITERMES LUCIFUGUS: MO­ NITORAGGIO, LOTTA, CONTROLLO NEL TEMPO (1­2­3) ,/#0+?3"#Reticulitermes"#)+0(Q;2.#/3#.@*­ -;9*0*#3#/%.QQ3--*4+"#lucifugus"#;0.#*?<+2­ tante caratteristica biologica: • Reticulitermes\#/3#)+/+0*3#2*/34.-3#*0#.-­ -*4*-U#8;#?.0;'.--*#/*Q03*#*0#8;<32()*3#8+0+# 8-23--.?30-3#)+//3Q.-3#.#;0.#23-3#9*#0*9*"# .#/+2+#4+/-.#)+//3Q.-*#'2.#/+2+#3#8<.28*#03/# terreno circostante al di sotto della super­ ()*3e#<32#W;38-+"#/.#8<3)*3#`#93--.#8+--32­ ranea. • lucifugus\# -3?+0+# /.# /;)3"# 2.Q*+0# <32# );*"# W;.09+# 6.00+# )+?</3-.?30-3# 93?+/*-+#/.#'+0-3#9*#)*@+#.--.)).-."#<32# 2.QQ*;0Q323# /.# 8;))388*4.# )+8-2;*8)+0+#

i caratteristici camminamenti esterni di )+/+23#8);2+"#)63#<32?3--+0+#/+2+#9*#8<+­ starsi al riparo dalla luce. IMPORTANZA DEL RICONOSCIMENTO DEL­ LA SPECIE (4­5­6­7) j#?+/-+#*?<+2-.0-3#8-.@*/*23#)+0#)32-3RR.# W;./3# 8*.# /.# 8<3)*3# *0# .--*4*-U"# 83# W;3//.# sotterranea Reticulitermes lucifugus"#+#83# la !"#$%&'(&)*+",$-.$##-)"#93--.#93/#/3Q0+# 83))+"#<32)6k"#<;2#388309+#<32#30-2.?­ @3#<238)2*--+#)63#0+0#430Q.0+#9*8-;2@.­ -3#)+0#/.#2*?+R*+03#93*#?.0;'.--*#.--.)­ ).-*"#+#8)+08*932.-.?30-3#.QQ239*-3#)+0# <2+9+--*# )6*?*)*"# <2*?.# )63# /.# 23-3# 93*# 0*9*#8*.#-+-./?30-3#93@3//.-."#8+0+#?+/-+# 9*4328*#*#?+9*#<32#)+?@.--32/3O Le !"#$%&'(&)*+",-.$##-)"#)63"#0+0#/;)*';­


LIGNUM_SERVARE

T//#;%(") 9c) ,#//%(#/"(-%) "28$'!#-%F%c le Reticuliter­ mes lucifugus ,'2-!1%2,'(') ;#$$"!%") 8"!) ,'/8%"!") ;$%) 28'2-#/"(-%)21$$")218"!+,%)*%)2188'!-'),'/")/1!%G)8%"­ -!"G)/"-#$$%W)Q");#$$"!%"G)*"$)*%#/"-!')*%)8',<%)/%$$%/"-!%G) 8'22'(')8!',"*"!")*#$$L#$-')F"!2')%$)0#22')p,'/")2-#$#-­ -%-%qG)/#)#(,<")*#$)0#22')F"!2')$L#$-')p,'/")2-#$#;/%-%q)") 2'('),<%#/#-")R,#(("$$%S)')R,#/%(%SW

immagine 3 D'-')*%)f$"1$%("

Q63"# .22*4.0+# *0# .;-;00+# <32# 8)*.?.-;­ 2.#9*#;0.#<.2-3#93//.#)+/+0*.#<2*0)*<./3"# non mantengono più alcun legame con */# 0*9+# 9*# +2*Q*03"# ;0.# 4+/-.# 3''3--;.-+# *0# ?+9+#)*2)+8)2*--+#/%*0839*.?30-+e#/.#9*8*0­ '38-.R*+03#2.9*)./3"#83#*#?.0;'.--*#.--.)­ ).-*#8+0+#/3#).2<30-32*3"#`#/.#8-388.#)63#8*# ;-*/*RR.#<32#32.9*).23#*#-.2/*O i;38-.#8<3)*3"#)+?3#*#-.2/*"#.--.)).#'23­ W;30-3?30-3# .0)63# 8-*<*-*"# ?+@*/*"# <.2­ W;3-#3#./-2+"#*#W;./*#2*)6*39+0+#?+9./*-U# 9*#*0-32430-+#9*''3230R*.-3"#.#83)+09.#93/# ).8+\#8.2U"#W;38-+"#*/#-3?.#9*#;0.#<2+88*­ ?.#39*R*+03#9*#$,lJ&5#:GFHLFGO Reticulitermes lucifugus immagine 6

%//#;%(")])0

93//.# <.2-3# 9*# )+/+0*.# )63# /.4+2.# *0# 8;­ <32()*3"#?.#+))+223#8324*28*#9*#W;38-.#<32# 2.QQ*;0Q323#-;--*#*#0*9*#9*8/+).-*#.//%*0-+20+# 8+--+# /.# 8;<32()*3# 93/# -32230+e# <32# W;3­ 8-+"#`#*?<+2-.0-3#1$1*3"'&*1/##"*"/%$1$­ ("(&1%& e non disturbare la colonia: W;38-."# *0# 8;<32()*3"# `# )+?3# /.# <;0-.# 93//%*)3@32Q"#/%;0*)+#<;0-+#)32-+#9*#)+//3­ gamento con la parte occulta. D))+223"#)+0#).;-3/."#<32#0+0#9*8-;2@.­ 23#/.#)+/+0*."#2.))+Q/*323#).?<*+0*"#3#la­ ).-"'&* .4&* -1%&',&15"1$* )0&.-"#-)%-* 0'&­ 0"'"%-*&*"362"7-#-8* immagine 7 a

Le Reticulitermes lucifugus# .22*4.0+# <32# ).-"("%/'"* &)0#$'"%-,"* -1* 0'-(",&'"# 3"# 8;))388*4.?30-3"* -1* ($2$* $../#%$* 2"#* %&''&1$* 2/'"1%&* -* (&)-* &)%-,-e# /.# /+--.# .# W;38-.# 8<3)*3# `# ?+/-+# <*b# )+?</388.# 3# .2-*)+/.-."#<32)6k#0+0#@.8-.#/*@32.28*#

immagine 4: Reticulitermes lucifugus)%()D#2")#$#-#

T//#;%(")?c)*%DD12%'(")8"!)2,%#/#-1!#)%()8!%/#F"!#)k)"2-#-"W T//#;%(%)]#)")]0c)-!#F%)1/%*")"),'(2";1"(-")"2D'$%#&%'­ (")*"$$")+0!")*"$)$";('W

immagine 5: Soldato 2-*!"#$%&'(&)*+",-.$##-))%()D#2")#$#-#W


LIGNUM SERVARE

D'-')*%)f$"1$%("

D'-')*%)f$"1$%("

%//#;%(")\\c)2-#&%'(")"2-"!(#W)

%//#;%(")\5c)2-#&%'(")"2-"!(#),'()-_!/%-%)

www.artecontrolconsulting.it www.bleuline.it www.ensystex3d.fr Gianfranco Magri

strutturalegno pagina 028 029

T//#;%(")A)")jc)$#)*%2-!1&%'(")-'-#$")2'--')$#)218"!+,%")#8­ 8#!"(-"/"(-")%(-#--#W)@%)2";1%-'G)8#!-%,'$#!")*"%)*#((%)#$$") 2-!1--1!"W)>"!)$")2-!1--1!")$%;(""G)28",%#$/"(-")H1"$$")*"$$") ,'8"!-1!"G)$L#,,1/'$')*%)1/%*%-I)_)*'F1-')#)"2,1!2%'(%)-"!­ /%,<")D!"H1"(-%W)P2D'$%#&%'(")218"!+,%#$")")-'-#$")*%2-!1&%'­ (")*"$)$";(')%()'8"!#W Q")"2,1!2%'(%)-"!/%,<")*"-"!/%(#(')D"('/"(%)*%),'(*"(2#G) ") 8"!,%U) *%) 1/%*%-IG) ,<") 2%) #,,1/1$#) 21%) F#!%) "$"/"(-%) $%­ ;("%G)28",%#$/"(-")("%)81(-%)#),'(-#--'),'()%$)/1!'W)T$)$";(') 1/%*')#--%!#)$")-_!/%-%G),<")2%)$',#$%&&#(')%(%&%#$/"(-")("$$") -"2-#-")*"$$")-!#F%)#((";#-")')8!'22%/")#$$#)/1!#-1!#)')("$­ $")2-!1--1!")*"%)2'--'-"--%W

DANNI (8­9) $%.--.))+# .44*303# <2*?.# .//3# -38-3# 93//3# -2.4*# .003Q.-3# 03*# ?;2*"# <32# */# ?.QQ*+2# -.88+# 9*# ;?*9*-U# <23830-3"# ).;8.-+# 03//3# escursioni notte­giorno fra due materia­ /*"#/3Q0+#3#?;2+"#.#9*''3230-3#)+09;R*+03# -32?*).e#<2+83Q;3#<+*#/;0Q+#/3#(@23#93/# /3Q0+"#)63#.88;?3#;0#.8<3--+#38'+/*.-+"# 8*0+#.//.#8;.#)+?</3-.#9*8-2;R*+03O#I+88+­ 0+#388323#.--.)).-*#.0)63#).2-.#3#-388;-*# 9*#+2*Q*03#43Q3-./3O

D'-')*%)f$"1$%("

immagine 9

$+# 8).4+"# 388309+# W;38-.# 8<3)*3# /;)*';­ Q."#.44*303#8+--+#/.#8;<32()*3#.<<.230­ -3?30-3#*0-.--."#?.#2*9+--.#.#;0#8+--*/*88*­ ?+#8-2.-+"#)63#)393#.//.#<2388*+03#9*#;0# 9*-+O# l/*# 3''3--*# 38-32*+2?30-3# 4*8*@*/*"# )63# 930;0)*.0+# /.# <23830R.# 9*# ;0.# )+/+0*.# *0# .--*4*-U"# 8+0+# /%.<<.2*23# 9*# ?.))6*3# 8);23#3#/3#).2.--32*8-*)63#Q.//32*3#38-3203# di camminamento. j# <+88*@*/3# 8.QQ*.23# /%38-30sione degli at­ -.))6*# )+0# ;0# ).))*.4*-3"# )63# .''+0932U# '.)*/?30-3#03//3#R+03#9*8-2;--3"#?.#8*#2.))+­ manda di non .--;.23#.R*+0*#'.*79.7-3O# immagine 8 %//#;%(")\rc))$#)-!#2/%22%'(")*%),%0')-!#/%-")-!'D#$$#22%

RISCHI :+0+#?+/-+#Q2.4*e#/3#-`2?­ iti possono causare il ce­ dimento delle teste delle -2.4*#.003Q.-3#03*#?;2*#3"# se non fermate in tempo nella loro opera distrut­ -*4."# 8<3)*./?30-3# 93//3# -2.4*# 9*# )+/?+# 3# <+2-.0-*"# immagine 14: DIAGRAMMA delle 8'2-#&%'(%) "2-"!(") ") %(-"!(") #$$#) 2-!1--1!#W

<+88+0+#).;8.23#*/#)2+//+#9*#-3--*"#8+/.*"#8+'­ (--*O ABITUDINI ALIMENTARI (10­11­12­13) $.# ).8-.# 93//3# +<32.*3# 6.# */# )+?<*-+# 9*# nutrire tutte le altre caste con la tecnica della trofallassi – il rigurgito di cibo con cui le operaie nutrono tutte le classi e gli *09*4*9;*#93//.#)+/+0*.#a"#<32#-2.8?3--323# .//%*0-32.# 23-3# 93*# 0*9*# /%*0'+2?.R*+03# 9*# ;0.#0;+4.#'+0-3#9*#)*@+O D/-23# .# )*c"# /3# +<32.*3# /.8)*.0+# -2.))3# ./#'32+?+03"#<32#-2.8?3--323#.//3#+<32.­ *3# 93//3# ./-23# )+/+0*3# /%*0'+2?.R*+03# )63# )+0830-.#/+2+#9*#*09*4*9;.23#*#<32)+28*#<32# raggiungere le fonti di cibo. MONITORAGGIO, LOTTA, CONTROLLO (14) $.# -3)0*).# 9*# .<<2+))*+# *0*R*./3"# <32# /.# specie Reticulitermes lucifugus"#`#W;3//.# 93//.# <.8-;2.R*+03# )+0# 38)63"# Q/*# *0-32­ )3--+2*"#830R.#./);0.#.QQ*;0-.#9*#<2*0)*­ <*+# .--*4+# .@@.--30-3"# )63# 8'2;--.0+# /.# trofallassi per indurre le operaie di tutta /.#23-3#93*#0*9*#.9#.<<2+44*Q*+0.28*#/*@3­ ramente. i;.09+# /%+<32.-+23# )+08-.-."# 03/# )+28+# 93*#?+0*-+2.QQ*"#)63#*#)+08;?*#8+0+#9*­ 430-.-*# 23Q+/.2*# 3# ?.88*))*"# <2+44393# .# 8+8-*-;*23#/3#38)63#)+0#./-23"#W;38-.#4+/-.# .QQ*;0Q309+4*#<2*0)*<*#.--*4*#*0*@*-+2*#93/­ /.# )6*-*0."# )63# )+8-*-;*8)3# /%38+8)63/3-2+# 93//3# -`2?*-*"# <+2-.09+/3# .//.# ?+2-3# 03/# momento della muta. j# ;0.# 8-2.-3Q*.# /30-.# 3# .));2.-."# )63# 2*)6*393# Q2.093# 8<3)*./*RR.R*+03# 39# 38<32*30R."#)+0#).<.)*-U#9*#.0./*8*#8;//3# 9*8/+).R*+0*# 93*# <;0-*# 38)."# *# W;./*# 93@­ @+0+# 388323# 8)3/-*# <+0932.-.?30-3"# .'­ (0)6k# <+88.0+# 388323# <*b# 2.<*9.?30-3# 3'().)*O


LIGNUM_SERVARE

BLEU LINE: www.bleuline.it La soluzione contro le tèrmiti in Italia Bleu Line è tra i leader europei nello sviluppo, nella produzione e commercializzazione di prodotti per il Pest Control e il Pest Management in ambito civile, industriale, agroalimentare, domestico e zootecnico. Operativi sul mercato da quasi 40 anni e in oltre 45 paesi in tutto il mondo, Bleu Line propone soluzioni innovative e a basso impatto ambientale che soddisfano le aspettative dei clienti italiani e dei mercati esteri, fornendo inoltre adeguato supporto tecnico ai propri clienti. Bleu Line offre anche corsi di formazione certificati, con tematiche attuali inerenti a diversi aspetti legati alla gestione degli infestanti nei molteplici contesti di intervento. Da circa 10 anni Bleu Line commercializza il sistema Exterra per il controllo delle tèrmiti sotterranee. Il sistema è rivolto alle aziende di Pest Control, che devono essere abilitate all’utilizzo del prodotto tramite una specifica formazione capace di fornire la necessaria preparazione tecnica, così da garantire la corretta applicazione del sistema. DIAGNOSI DI RESISTENZA DELLE CARPEN­ TERIE (15) j# *09*8<308.@*/3"# <32# 2.Q*+0*# 9*# 8*);23RR."# sottoporre le carpenterie attaccate da 30-2.?@3#/3#8<3)*3#9*#-`2?*-*#.#9*.Q0+8*#9*# 238*8-30R.e#`#./-23--.0-+#*09*8<308.@*/3#2*0­ 4*.23#/3#*09.Q*0*#)+0#*#?.))6*0.2*#<23<+­ 8-*"#<32#0+0#9*8-;2@.23#/.#)+/+0*."#/.#W;./3# 8*#8<+8-323@@3#9./#<;0-+#)63#2.<<23830-.# <32# /%+<32.-+23# /.# <+88*@*/*-U# 9*# )+0-.--+# )+0#/%*0-32.#23-3#93*#0*9*"#2309309+#<*b#9*'­ ()+/-+8.#/.#2*)32).#3#/.#9*'38.O

.--.))6*# 93//3# -`2?*-*"# )63#"%%"..4&'&7­ 7&'$* )/..&))-,"(&1%&# .0)63# Q/*# 39*()*# soprastanti. 7!#--#/"(-%),'()0%',%*% &0#383?<*+#9*#]'.*#9.#-3!#9.#0+0#*?*-.23"# nella foto 17 si stanno effettuando trat­ -.?30-*# 9*# *22+2.R*+03# @*+)*9*# m# I5M# )63# <+2-.0+# .//.# 9*4*8*+03# 93//.# ?.)2+# )+/+­ nia in numerose colonie di dimensioni mi­ 0+2*#V)+?3#9.#9*.Q2.??.#=PT"#2309309+# 9*'()+/-+8.#3#*0)+?</3-.#/%*0-32)3--.R*+03O

b"$$L%//#;%(")\l)2'--'G)$")-!")D'-')#),'$$#;")2'(')!"­ $#-%F")#%)-"2-)!"2%2-';!#+,%c)8!'F")*%)!"2%2-"(&#)21),#!­ 8"(-"!%#)$%;("#W b"$$#)8#;%(#)21,,"22%F#)%()#$-')$L%//#;%(")\?)/'2-!#) 1(#) 8$#-"#) *%) D'(*#&%'(") %() #$$"2-%/"(-') ,'() ,#22") *%) $";('W) QL%//#;%(") \]) 2%) !%D"!%2,") #%) -!#--#/"(-%) *%) %!!'!#&%'(")*%)0%',%*%t)>.C)")%$)*%2";(')#)*"2-!#)p%/­ /#;%(")\Aq)#$$#)*%F%2%'(")*"$$#)/#,!'),'$'(%#)%()(1­ /"!'2"),'$'(%")*%)*%/"(2%'(%)/%('!%W) >"!) $") D'-';!#+") D'!(%-") p,<") !%8'!-#(') $#) *%,%-1!#) RD'-')*%)f$"1$%("Sq)2%)!%(;!#&%#(')%)-",(%,%)*%)f$"1)Q%(") 2!$c) b#&#!"(') h";;%#(%G) C#!$') u#/0#*'!%G) .#!,') Po!"--%)").#1!%&%')O"!*'("W

D'-')*%)f$"1$%("

%//#;%(")\9c),#//%(#/"(-')*%)'8"!#%")8"!),'(-#--'),'()%$)(%*'

ERRORI DA NON COMMETTERE (16­17­18) T(),#(-%"!")8"!)$#),'2-!1&%'(")*%)"*%+,%)*%) legno $3#).883#<32#/%.//38-*?30-+#93//3#</.-33#9*# '+09.R*+03# 0+0# 934+0+# 388323# /.8)*.-3# *0# /+)+# 3# *0-322.-3"# <32)6k# ?.2)*23@@3­ ro e sarebbero facilmente esposte agli

T//#;%(")\=c)%$)*%#;!#//#)*"$$")8'2-#&%'(%)"2-"!(")")%(-"!(")#$$#)2-!1--1!#W Q#)8!%/#)D#2")*"$):%2-"/#)PY-"!!#),'(2%2-")("$$#)%(2-#$$#&%'(")*"$$")8'2-#&%'(%) 8"!)%$)/'(%-'!#;;%')#$$L"2-"!(')"G)*'F")(","22#!%'G)#(,<")#$$L%(-"!('W)`1"2-") F"(;'('),'(-!'$$#-")#)%(-"!F#$$%)!";'$#!%G)8"!)F"!%+,#!")$L%(%&%')*"$),'(21/') *";$%)%(-"!,"--'!%)*#)8#!-")*"$$")-_!/%-%W)Q")"2,<")R$#0%!%(-S)8'22'(')"22"!") ,'$$',#-")("$$")8'2-#&%'(%)8"!)%(-"!(')2%()*#$$L%(%&%')*"$$#)8!%/#)D#2"G)%()8!"­ 2"(&#)*%),'(-#--')*"$$")'8"!#%"),'()$#),'$'(%#)-!#/%-")%),#//%(#/"(-%W)T() H1"2-')/'*')$L%(2"--%,%*#)@%s10"(&1!'()F%"(")-!#2/"22')#)-1--#)$#),'$'(%#W

immagine 15


LIGNUM SERVARE

immagine 16

www.artecontrolconsulting.it www.bleuline.it www.ensystex3d.fr Gianfranco Magri

strutturalegno pagina 030

immagine 17

immagine 18

ENSYSTEX www.ensystex3d.fr https://www.exterra-traitementtermites.com/ Nel mondo intero, Ensystex fornisce Exterra, la soluzione contro le tèrmiti efficiente e rispettosa dell’ambiente: - L’unico sistema che garantisce l’eliminazione della colonia di termiti presente. - Implementato da installatori formati e autorizzati, - Supporto tecnico del distributore ufficiale Italia Bleu Line

Q#)/#88#)/'2-!#c 6),<")P(2v2-"Y)P1!'8"G)F%#)P(2v2-"Y)T(,W)_)1()#--'!") 8!%(,%8#$")")%/8'!-#(-")("$)/'(*'),'(-!')$")-"!/%-%G 6),<")<#)1(#)"28"!%"(&#),'('2,%1-#)")!%,'('2,%1-#)("$)/'(*'W


FOCUS_Introductio SHERWIN足WILLIAMS

h"2-%-1%#/')1(L#(#$%2%)21$)-!"(*)!%;1#!*')$#)+(%-1!#)*"$$"),'2-!1&%'(%)%() $";('),'()1()#88!'D'(*%/"(-')$";#-')#$$"),'$$"G)#$$")F"!(%,%)")$")+(%足 -1!") %() #/0%-') 2-!1--1#$"G) #D+*#(*',%) #;$%) "28"!-%) ,<") <#((') !%28'2-') #$$")('2-!")*'/#(*"),'()*1")%(-"!F%2-")#$)@%!"--'!")*"$$#)!%,"!,#)*%)O%足 (#F%$) T-#$%#) .#!,') C"!!#) ") #$$#) !%,"!,#-!%,") *"$) $#0'!#-'!%') :'$#2) 7#足 (%#)Q#/#((#G)'$-!")#)1()#88!'D'(*%/"(-'),<")#8!")%$)D',12)'DD"!-')*#) :<"!V%(6g%$$%#/2),<")<#)#(#$%&&#-')%$),'(-"2-');"("!#$")*"$)2"--'!")"*) "F%*"(&%#-')1(#)2"!%")*%)8!'*'--%),'(2%;$%#0%$%)8"!)8!"2"!F#!$'W

^'-';!#+#)*%):<"!V%(6g%$$%#/2W

FOCUS

)+//3"#4320*)*#3#(0*-;23# <32#/3#)+8-2;R*+0*#*0#/3Q0+#


INTRODUCTIO SHERWIN­WILLIAMS www.sherwin­williams.com 9*#5.2)+#J.8)3--*#

8-2;--;2./3Q0+ <.Q*0.#032 033

H320*)*.-;2.#9*#-3--*# 3#8-2;--;23#38-3203# *0#/3Q0+

$%34+/;R*+03#93//3#-3)0+/+Q*3#)+8-2;--*43#3#/.#-30930R.#.#23./*RR.23#.2)6*-3--;23#8+8-30*@*/*# )+0#/%;-*/*RR+#9*#?.-32*./*#3)+)+?<.-*@*/*#<32#.@*-.R*+0*#<*b#)+0'+2-34+/*#2*)6*39+0+#./#-3-­ -+"#)+?3#.//3#<.23-*#3#.*#)+?<+030-*#8-2;--;2./*"#9*#)+0-2*@;*23#.#2*8<+09323#.//3#38*Q30R3# 9*#2*8<.2?*+#3032Q3-*)+"#*8+/.?30-+#-32?+.);8-*)+"#)+?'+2-#.@*-.-*4+"#8./;@2*-U#3#@3038­ sere, ma .0)63#9*#<238324.2/+#)+0#<2+9+--*#83?<23#<*b#]3)+/+Q*)*!O# ,/# /3Q0+# +/-23# .# <2+-3QQ323# 9.Q/*# .Q30-*# .-?+8'32*)*#<;c#4.0-.23#;0%38-23?.#/3Q­ Q323RR.# 3# /3# 8;3# <2+<2*3-U# *8+/.0-*# 2*9;­ )+0+# /3# 38);28*+0*# -32?*)63# /.8)*.09+/+# -2.8<*2.23# 3# 8?./-309+# )+8-.0-3?30-3# /%;?*9*-UO# &0# -3--+# *0# /3Q0+# `# 8*);2+# <32­ )6k#/%3/.8-*)*-U#93//.#8-2;--;2.#<+2-.0-3#3# /.#8;.#/3QQ323RR.#)+0'32*8)+0+#./#8*8-3?.# ;0.#?.QQ*+2#238*8-30R.#.Q/*#3430-*#8*8?*)*O# ,/#/3Q0+#+''23#.0)63#4.0-.QQ*#38-3-*)*#)63# .88;?+0+#;0#2;+/+#*?<+2-.0-3#03//%.223­ 9.?30-+# *0-320+\# @.8-.# ./R.23# /+# 8Q;.2­ 9+#<32#238-.23#)+/<*-*#9./#)./+23#3?.0.-+# 9./#/3Q0+#.#4*8-.#)63"#)+?@*0.-+#)+0#./­ -2*#?.-32*./*"#2*38)3#.#*0-3Q2.28*#*0#W;./8*.8*# )+0-38-+#.2)6*-3--+0*)+O# ,/# -3--+# `# ;0.# 93//3# <.2-*# 93//.# ).8.# <*b# 38<+8-3# .//3# *0-3?<32*3# 3# .//3# 4.2*.R*+0*# )/*?.-*)63O# ,/# /3Q0+# )+?3# ?.-32*./3# 9.# )+8-2;R*+03# <23830-.# +--*?3# ).2.--32*8-*­ T() H1"2-") 8#;%(") #$,1(") D'-';!#+") *%) "2-"!(%) *%) :<"!V%(6g%$$%#/2) p,'/8!"2#) H1"$$#) #) -1--#) 8#;%(#) ,<") ,'(('-#) $#) ,'8"!-%(#) %(-"!(#) *"$) Focus colle, ,&'1-.-*&*61-%/'&*0&'*#&*.$)%'/9-$1-*-1*#&51$qW

)63# ?3)).0*)63# 39# 38-3-*)63"# <32c# `# 8+QQ3--+#.#93Q2.9+#83#38<+8-+#.//.#<*+Q­ Q*."#.//%;?*9*-U#3#./#8+/3O# I32# W;38-+# `# 03)388.2*.# ;0.# <2+-3R*+03# 9*#/;0Q.#9;2.-.#)+0-2+#/3#.QQ2388*+0*#93­ Q/*#.Q30-*#.-?+8'32*)*"#)63#03#?.0-30Q.# /.#)+?</3-.#3'()*30R.O# E*# 83Q;*-+# 3/30)6*.?+# ;0.# 832*3# 9*# <2+­ 9+--*#)+08*Q/*.-*#<32#<238324.2/+O T.>hPubNb7T N.)?9\kww)ov*!'8$12 j#;0#*?<23Q0.0-3#-2.8<.230-3#.//%.)W;.# <32#38-320*#9*8<+0*@*/3#*0#;0.#4.8-.#Q.?­ ?.# 9*# )+/+2*"# .9.--+# .//.# 4320*)*.-;2.# 9*# Q.R3@+"# 8-.))*+0.-3"# ).83--3# *0# /3Q0+"# @./)+0*#3#<32/*0.-;23O# :*#.<</*).#)+0#*?<23Q0.-2*)3#?.#.0)63# .# 8<;Q0.# 3# <3003//+e# /.# <3003//.@*/*-U# +<30-*?3#<32?3--3#;0.#'.)*/3#2*<238.#93*#


FOCUS_Introductio SHERWIN­WILLIAMS

/.4+2*#.0)63#9+<+#;0.#<.;8.O# Le speciali resine acriliche rendono l’im­ <23Q0.R*+03# 93/# /3Q0+# 38-23?.?30-3# 3'().)3"# )+0'32309+Q/*# ;0# .8<3--+# Q2.­ 934+/3# 39# 34*930R*.09+03# /.# 430.-;2.O# L5#>f=Snn#8+99*8'.#*#23W;*8*-*#2*)6*38-*#9./­ la ('!/#-%F#)Pb)]\69)6)8#!-")9#8;//.#?*Q2.­ R*+03#93*#?3-.//*#<38.0-*O N.Q)99jrk\9)ov*!'8$12 j#;0#*?<23Q0.0-3#.//%.)W;.#@*.0)+#<32# 38-320*# .<</*).@*/3# ?39*.0-3# ?.))6*03# *?<23Q0.-2*)*#.;-+?.-*)63#*/#);*#3/34.-+# 238*9;+# 83))+# <32?3--3# 9%+--30323# ;0# ?.0;'.--+#)+0#3/34.-.#)+<32-;2.#3#+--*­ ?+#2*3?<*?30-+O#l2.R*3#.//%+--*?+#<;0-+# 9*#@*.0)+#L5$#ff_BS=f#)+0'32*8)3#./#?.­ 0;'.--+#;0.#@;+0.#9;2.@*/*-U#3#;0#+--*?+# 2*8;/-.-+# 38-3-*)+O# ,93./3# <32# -2.4.-;23# 3# <32/*0.-*#*0#/3Q0+#9*#)+0*'32."#*/#<2+9+--+#`#

<2+0-+#.//%;8+#`#8*#<;c#.<</*).23#*0#;0.#+# <*b#?.0*#<32#+--30323#;0.#9*4328.#)+<32­ -;2.#.#83)+09.#93/#<;0-+#9*#@*.0)+#)63# 8*#*0-3093#+--30323O >hP:PhONb7T N.)l]rkrr)ov*!'8$12 j# ;0# *?<23Q0.0-3# ';0Q*)*9.# *0)+/+23# .//%.)W;.# <32# */# -2.--.?30-+# 93/# /3Q0+# <+8-+#.//%38-320+#3#2*8<+093#.//.#*%!"--%F#) "1!'8"#)f>@jAkA)CP"#9.#;-*/*RR.23#<32#+-­ -30323#;0%3))3R*+0./3#<2+-3R*+03#)+0-2+# ?.2)38)30R."#.RR;22.?30-+#93/#/3Q0+#3# *083--*#/*Q0*4+2*O#L5#^oBSBB#`#<2+0-+#.//%;­ 8+#3#.<</*).@*/3#.#8<2;RR+#?.0;./3"#*?­ ?328*+03"# Z+[# )+.-*0QO# I303-2.09+# '.­ )*/?30-3# */# /3Q0+# Q.2.0-*8)3# /%.938*+03# -2.#8-2.-*#8;))388*4*O#:+42.4320*)*.@*/3#)+0# -;--*#Q/*#*?<23Q0.0-*"#'+09*#3#(0*-;23#.//%.)­ W;.# <32# 38-320*# 93//.# 832*3# pY92+</;8# 3# pY92+#l+/9O wP)\j]krr)ov*!'8$12 I238*9*+#?39*)+7)6*2;2Q*)+O#F3QO#0O#=_=^A# 93/# 5*0*8-32+# 93//.# :./;-3O# j# ;0# *?<23­ Q0.0-3# .0-*-.2/+# .//%.)W;.# <32# */# -2.--.­ ?30-+# 9*# -.4+/.?3"# -2.4*"# *0(88*"# 9+-.-+# 9*# <2*0)*<*# .--*4*# .--*# .# <303-2.23# */# /3Q0+# 3# 84+/Q323# .R*+03# <23430-*4.# 3# );2.-*­ 4.# )+0-2+# /%.--.))+# 9*# *083--*O# J3/# -2.--.­ ?30-+#<23430-*4+#9*#*0(88*"#@./)+0*"#8-.)­ )*+0.-3# )63# 93@@.0+# 238*8-323# .# /;0Q+# *0# .?@*30-*# ?+/-+# ;?*9*# nG# =_oSBB# <+-2U# 430*23# .<</*).-+# 8+--+4;+-+"# .# *??32­ 8*+03# +# .# <3003//+e# 8*# .--30932.00+# <32# /%388*)).R*+03#9.#f#.#o#Q*+20*#.#83)+09.# 93*# ).8*"# 9+<+9*)6k# 8*# 9+42U# .<</*).23# /%*?<23Q0.0-3#39#3430-;./?30-3#.0)63# /.#(0*-;2.#+<.).O ^TbT7ihP NmQ)9=j]krr)ov*!'8$12 j# ;0.# (0*-;2.# .//%.)W;.# <32# 38-320*# .<­ </*).@*/3# .# *??328*+03# 8;# ?.0;'.--*# *0# /3Q0+#38<+8-*#.//%38-320+O#,/#<2+9+--+#)+0­


INTRODUCTIO SHERWIN­WILLIAMS www.sherwin­williams.com 9*#5.2)+#J.8)3--*#

8-2;--;2./3Q0+ <.Q*0.#034

830-3#9*#4320*)*.23#*0#?+9+#'.)*/3"#2.<*9+# 39# 3)+0+?*)+# ?.0;'.--*# )+?</388*# 3# 0;?32+8*#W;./*#8-3))63#9*#@./)+0*O Nm)599rkA?)ov*!'8$12 j# ;0.# (0*-;2.# .//%.)W;.# <32# 38-320*# .<­ </*).@*/3# .# <3003//+# 3# 8<2;RR+# 8;# *0(88*"# @./)+0*"# <32/*0.-;23"# -2.4.-;23"# )+--.Q3"# 8-.))*+0.-3"# 3))O# $3# 9+-*# 9*# 3/.8-*)*-U# 3# 9;2.-.# 2309+0+# LK# AffBSP># *93./3# 03/# ).?<+#93//.#<2+-3R*+03#93/#/3Q0+#.//%3­ 8-320+O# $.# (0*-;2.# )+0-*303"# +/-23# .9# .8­ 8+2@*-+2*# &H# 3# ).--;2.-+2*# 9*# 2.9*)./*"# .0­ )63#<238324.0-*#93/#(/?#)+0-2+#/%.--.))+# 93*#';0Q6*#93//%.RR;22.?30-+#3#93//.#?.2­ )38)30R.O NmO)59\]krr)ov*!'8$12 $.# (0*-;2.# .//%.)W;.# -2.8<.230-3# 8;<32# *92+'+@*).# pAJD"# W;38-+# */# 0+?3# )+?­ ?32)*./3"# 938-*0.-.# .# ?.0;'.--*# 38<+8-*# .//%38-320+# a# Q.R3@+"# 2*438-*?30-*# .# <.­ 23-3"# .2239+# 38-320+"# 8-.))*+0.-3# a# +/-23# .# <2+-3QQ323# */# /3Q0+# /+# /.8)*.# *0./-32.­ -+#03/#8;+#.8<3--+#0.-;2./3O#LKH#Af=oSBB# <303-2.# *0# <2+'+09*-U"# *0(/-2.09+8*# 03//3# (@23# 93/# /3Q0+# 3# '+2?.09+# ;0+# 8-2.-+# *92+'+@+#)63#238<*0Q3#/%.)W;.O#$.#(0*-;2.# ?.0-*303#*/#/3Q0+#<32?3.@*/3#./#4.<+23"# )+0830-309+Q/*# 9*# 8).?@*.23# /%;?*9*-U# )+0-30;-.\# W;38-+# ?3)).0*8?+# ?*Q/*+­ 2.# /.# 8;.# 9;2.@*/*-U# 03/# -3?<+# 3# 2*9;)3# /.#<2+@.@*/*-U#9*#.--.))+#9.#<.2-3#9*#?*­ )2+2Q.0*8?*O# LKH# Af=oSBB# `# *9+03+# <32# 8;<<+2-*#432-*)./*#+#/3QQ32?30-3#*0)/*0.-*"#

<32# '.)*/*-.23# /+# 8)+22*?30-+# 93//%.)W;.O# L<</*).@*/3#8;#W;./8*.8*#*?<23Q0.0-3#93/­ /.#832*3#?39*.0-3#*??328*+03"#<3003//+"# *?<23Q0.-2*)3"#2;//+#3#)+0#.32+Q2.'+#-*<+# .*2/388#.#@.88.#<2388*+03O :TuTQQNb7T wN)=?jkrr)ov*!'8$12 $.#-38-.#93//3#-2.4*"#/3#<.2-*#38-3203#93/#-3-­ -+"#8+0+#/3#<*b#38<+8-3#.#2.QQ*#&H"#.Q30­ -*# .-?+8'32*)*"# 4.2*.R*+0*# -32?*)63# )63# <+88+0+# <+2-.23# ./# 93Q2.9+# 93//.# 8-2;-­ -;2.#3#.#;0#43/+)3#*0Q2*Q*?30-+O#:*#)+0­ 8*Q/*.#W;*09*#9*#.<</*).23#9+<+#/.#<+8.#*/# 8*Q*//.0-3# .)2*/*)+# .//%.)W;.# <32# -38-3# nL# N>_SBB"#).2.--32*RR.-+#9.#;0#3/34.-+#<+­ -323#*?<32?3.@*/*RR.0-3#)63#<32?3--32U# 9*# /*?*-.23# /%.88+2@*?30-+# 9%.)W;.# 8+--+# '+2?.#9*#;?*9*-U#3#<*+QQ*.#3#<2+-3QQ32U# 9.*# 2.QQ*# &H"# 34*-.09+# /.# 8<.)).-;2.# 93//3# -38-3# 3# .;?30-.09+# <2+-3R*+03# 3# 9;2.-.O# nL# N>_SBB# 8*# .<</*).# '.)*/?30-3# .# <3003//+# 3# Q.2.0-*8)3# ;0# <2+/;0Q.­ ?30-+# 93//.# 4*-.# 3# 93//.# ?.0;-30R*+03# 93/#-3--+O#,/#<2+9+--+#`#<2+0-+#.//%;8+"#8+­ 42.4320*)*.@*/3# 3# <*Q?30-.@*/3# 83)+09+# */# -+0+# )+/+23# 938*932.-+# )+0# /%*?<*3Q+# 93//3#<.8-3#.//%.)W;.#:.Y32/.)q#nL#NBfNS nn# .# @.83# 9*# +88*9*# 9*# '322+# -2.8<.230-*# +# 93//3# <.8-3# .//%.)W;.# nL# ABB>Snn# )+0­ -3030-*# <*Q?30-*# )+<230-*O# $.# ?.0;-30­ R*+03# .092U# 383Q;*-.# ?39*.0-3# /%;-*/*RR+# 93//%*?<23Q0.0-3# .//%.)W;.# pY92+</;8# L5#>f=Snn#3#93//.#(0*-;2.#.//%.)W;.#<32# 38-320*#pY92+</;8#LK#AffBSP>O

COATINGS FOR WOODEN HOUSE ROOFS AND OTHER OUTDOOR STRUCTURES The development of construction technology and the recent trends that use sustainable architecture and eco-compatible materials to build houses, now need roofs to help meet the requirements of energy saving, thermal and acoustic insulation, residential comfort, health and well-being. Roofs are a major component in the design of a house and the decision to build them in wood offers major benefits. In addition to offering protection from the weather, wood is also extremely light and its insulation properties reduce temperature loss while letting interiors breathe to help control humidity. A wooden roof is also safe as its lightness and the elasticity of its load-bearing structure make it extremely resistant to seismic events. Wood also offers aesthetic advantages that play an important role in interior design. Simply lift your head and you will be amazed by the cosy atmosphere that wood creates. And when combined with other materials it can blend perfectly with any architectural context too. The roof is one of the parts of the house most exposed to the elements and changes in climate. As a construction material, wood has excellent mechanical and aesthetic characteristics, but it will deteriorate if exposed to rain, damp and sunshine. This is why long-lasting protection is required to combat weathering and ensure the wood remains completely efficient.


FOCUS_VINAVIL COLLOQUIUM

I polimeri “sostenibili” per l’industria

VINAVIL www.vinavil.com

strutturalegno pagina 035

Incontriamo con grande piacere, seppur virtualmente, il Direttore della ricerca di Vinavil Italia Mar­ co Cerra, per esplorare quel mondo “invisibile” composto dai formulati per l’incollaggio del legno *0#);*#/;*#8*#?;+43#3#9*#);*#`#83?<23#9*'()*/3#*??.Q*0.23#]9.#';+2*!#/3#9*0.?*)63#W;+-*9*.03"#)+0#/.# 4+/+0-U#9*#.<<2+'+09*23#)+0#W;38-+#Q2.093#38<32-+#g#/.;23.-+8*#W;.2.0-%.00*#'.#*0#M6*?*).#,09;­ striale con focus principale sulla Scienza Macromolecolare – come questi prodotti si siano evoluti. Le tecnologie digitali sono di supporto per la formulazione dei vostri prodotti prepo­ sti anche a un utilizzo ingegneristico? «Sì, i mezzi digitali sono di grande supporto per lo sviluppo degli adesivi, infatti i nostri laboratori sono dotati di strumenti scien­ #&+/&'!()#('6(+6#&/"#&'/(!$'&)'!&/%(6/(2&(' elettronico e i calorimetri differenziali». C'/")8'22%#/')*"+(%!")1()#*"2%F')(#­ notecnologico? XY,'"4$6&8('8&$,$'4$+,&#(',",(#$/,()(­ gico quando la dimensione delle parti­ celle in dispersione acquosa è inferiore a 100 nanometri. Questo parametro (1 nm = 1 milionesimo 4&' !!Z' &,>.$,<"' !()#(' )"' 2$,$#%"<&(,$'

dell’adesivo nei diversi manufatti, soprat­ tutto quelli più porosi». Da quando Vinavil crea adesivi nanotec­ nologici e quali strumenti hanno consen­ tito questo passaggio evolutivo nel vostro laboratorio? «Il microscopio elettronico è uno degli strumenti per valutare le dimensioni del­ le particelle e il loro comportamento sul substrato, ma in realtà lo strumento che utilizziamo più frequentemente e che ci ha permesso di realizzare i prodotti nano­ tecnologici è il Dynamic light scattering che, tramite la diffrazione del raggio di luce incidente sulla dispersione, ci per­ mette di valutare il diametro medio delle


COLLOQUIUM VINAVIL www.vinavil.com

strutturalegno pagina 036 037

“SUSTAINABLE” POLYMERS FOR INDUSTRY We meet with great pleasure, albeit virtually, the Research Director of Vinavil Italia Marco Cerra, to explore that “invisible” world composed of formulations for gluing wood in which he moves and of which it is always difficult to imagine “from outside” the daily dynamics, with the desire to investigate with this great expert - who graduated forty years ago in Industrial Chemistry with a main focus on Macromolecular Science - how these products have evolved. 2"%#&/$))$' +,(' "' 4&!$,6&(,&' 4&' [\U9\' ,"­ nometri». Quali sono le caratteristiche funziona­ li, ecologiche, estetiche, di salubrità, di resistenza chimica e di durata dei vostri formulati? «I nostri formulati sono tutti prodotti in ac­ qua a bassissimo contenuto di sostanze organiche volatili ed esenti da sostanze pericolose». Può spiegarci come si sia arrivati a un risultato così importante, quale è stato il punto di partenza e in quale direzione state lavorando per il futuro? «Il punto di partenza è stato sicuramente )A&,4&8&4."<&(,$'$')"'-.",#&+/"<&(,$'4$))$' sostanze volatili. Una volta chiarito questo aspetto, abbiamo aggiustato le formu­ lazioni per eliminarle, dove non è stato possibile eliminarle chimicamente, siamo intervenuti sul processo di produzione in­ troducendo varie tecniche di strippag­ gio, da quello con vapore a quello sotto vuoto, per “estrarre” queste sostanze in­ desiderate e, una volta separate, avviar­ le allo smaltimento secondo le direttive 8&1$,#&'&,'!"#$%&"'4&'%&+.#&V= Le vostre linee sono composte da ade­ sivi di diversa natura per garantire un’e­ levata tenuta e un’ottima resistenza chi­ mica su ogni manufatto. Quali sono state $") *%D+,'$-I) /#;;%'!%) 8"!) $L%(('F#&%'(") continua di questi prodotti? «La ricerca continua di nuovi sistemi reti­ colanti per soddisfare le sempre più alte esigenze richieste dagli utenti, uno tra tut­ ti l’individuazione di questi agenti retico­ lanti esenti da formaldeide». Riguardo la formaldeide spesso non si hanno informazioni complete e penso che da una voce autorevole come la sua sia importante approfondire e pro­ vare a fare chiarezza. Secondo il Catas, ad esempio, che abbiamo avuto modo di ascoltare in diverse occasioni in que­ sti anni, dobbiamo individuare il limite di sicurezza: è questo il punto focale che riguarda qualsiasi sostanza. Non è la so­

stanza in sé che è pericolosa ma è la so­ stanza stessa associata a un certo livello di concentrazione che arriva a rappre­ sentare effettivamente un pericolo per la nostra salute. Secondo Franco Bulian, F%,"*%!"--'!")*"$)C#-#2)a)*%),1%)#F"F#/') riportato una sua relazione su IDM ­ In­ dustria del Mobile ­, deve essere valuta­ ta su due piani: da un lato è vero che la formaldeide è stata considerata come una sostanza cancerogena e proprio nel 5r\?) _) 2-#-#) 1D+,%#$/"(-") !%,'('2,%1-#) come tale dall’Unione Europea, dall’altro lato è anche vero che la formaldeide è una sostanza cosiddetta ubiquitaria cioè presente un po’ ovunque, quindi l’aria che respiriamo contiene più o meno na­ turalmente della formaldeide e lo stesso legno vergine contiene questa sostanza, quindi dobbiamo fare attenzione a non considerare la formaldeide come un pe­ ricolo assoluto e a bandirla perché non avrebbe senso visto che il nostro stesso sangue ne contiene. È d’accordo? «Sul fatto che la formaldeide sia una so­ stanza pericolosa non ci sono dubbi, è vero che si trova in natura e quindi siamo comunque sottoposti a un background ambientale, ma, proprio per questo, l’industria non può esimersi dal non ag­ gravare questo livello soglia. Per fare un esempio, è altrettanto vero che ci sia un livello base di radioattività nell’ambiente, ma questo fatto non deve essere la giu­ 6#&+/"<&(,$'2$%'&!!$##$%$',$))A"!;&$,#$' delle sostanze anche debolmente radio­ attive». Come ha già sottolineato la ricerca con­ tinua che realtà come Vinavil portano avanti si pone dunque questo obiettivo di miglioramento continuo delle formu­ lazioni. Quali sono stati gli ostacoli mag­ giori per creare l’adesivo più adatto per il legno strutturale rispetto ad altri pro­ dotti per applicazioni diverse? L’adesivo H1#(-')%(s1"(&#)$L'8"!#)*#$)81(-')*%)F%­ sta della tenuta strutturale rispetto la spe­ cie legnosa utilizzata? X]"' 6+4"' !"11&(%$' J' 6#"#"' -.$))"' 4&' &,­ ventare dei sistemi monocomponenti con le stesse caratteristiche dei sistemi


FOCUS_VINAVIL bicomponenti. Generalmente, grazie alla forza adesiva dei nostri prodotti, nel­ le prove di distacco si ha la rottura della parte legnosa invece di quella del giunto adesivo». >#!$%#/') 28",%+,#-#/"(-") *%) ;%1(­ ti incollati o anche di altre tipologie, ad esempio le lamelle incollate a comporre pannelli, ed esiste una correlazione per la tenuta complessiva secondo la tipolo­ gia di elementi da incollare? «Parliamo di tutte le applicazioni d’in­ collaggio sia di giunti incollati sia per la formazione di pannelli. Nel primo caso si tratta di un’applicazione in cui adesivi 8&,&)&/&' !(4&+/"#&' 6(,(' 1&?' "##.")!$,#$' utilizzati con successo, chiaramente non per applicazioni strutturali essendo poli­ meri termoplastici. ]"' 6+4"' "##.")$' J' %"22%$6$,#"#"' 4")­ la sostituzione di determinate tecnolo­ gie in uso, sotto pressione per questioni normative (adesivi termoindurenti base Urea­Formaldeide…), con dispersioni po­ )&!$%&/0$'#$%!(2)"6#&/0$'!(4&+/"#$'/0$' permettano di raggiungere un compor­ tamento meccanico del giunto incollato ('4$)'2",,$))('+,&#('6&!&)$'"&'6&6#$!&'6#%.#­ turali». Il vostro target raccoglie un ventaglio che spazia dal produttore all’utilizzatore +(#$"G)!%-%"("),<")2%#),#/0%#-')%$)/'*')*%) %(-"!$'H1%!"),'()H1"2-")+;1!"M «Vinavil sempre di più, nell’ottica di cono­ 6/$%$'!$1)&(')$'"22)&/"<&(,&'+,")&'4$))$'&,­

dustrie di adesivi del legno, stabilisce rap­ porti diretti sia con i produttori che con gli .#&)&<<"#(%&'+,")&V= Questo ha portato a un modo diverso di raccontare il brand? «Diciamo che ci siamo fatti conoscere !$1)&(').,1('#.##"')"'+)&$%"'4&'2%(4.<&(,$' 4$))A"4$6&8(' +,(' "))A"66$!;)"11&(' +,")$' del manufatto contenente l’adesivo». La colla, soprattutto per il legno, costitui­ sce l’elemento che lo rende “composito” e ingegnerizzato e che valorizza la sua resa funzionale complessiva. Possiamo affermare che la resistenza del manufatto ligneo sia cresciuta di pari passo con la sua garanzia di biocompa­ tibilità? XR$%(7' ()#%$' "))$' 6+4$' #$/,()(1&/0$' 2$%' migliorare la tenuta dei nostri adesivi, particolare attenzione è stata posta alla biocompatibilità». Quale confronto nella maturazione del mercato potete fare fra i paesi europei, e fra il nostro continente e il resto del mon­ do? «Sicuramente i paesi europei sono all’a­ vanguardia nel mercato degli adesivi e sono visti come leader tecnologici dal re­ sto del mondo». Negli appalti pubblici valutare il bilancio ecologico sulla base del ciclo di vita è imprescindibile per un prodotto proprio ,'/")8"!)%$),"!-%+,#-')#/0%"(-#$")*"$$L"­

In questre pagine due immagini di Vinavil (compresa quella in apertura).


COLLOQUIUM VINAVIL www.vinavil.com

strutturalegno pagina

*%+,%')("$)21'),'/8$"22'W) Ritenete ci sia coscienza riguardo l’e­ codesign e gli aspetti valutativi legati ai materiali, all’energia, alla tecnologia, manutenzione, impiego dei prodotti in opera e loro smaltimento, e riguardo la possibilità di riparare e riutilizzare prodot­ ti prevedendolo in fase di progetto (Cra­ dle to Cradle), anche riguardo la scelta dell’adesivo? «Vinavil insieme alla capogruppo Mapei è molto attenta alla sostenibilità in tutti i suoi aspetti. Infatti, a livello Corporate, è stato creato un apposito gruppo che valuta e incoraggia il continuo migliora­ mento riguardo questo aspetto, misuran­ do il valore di LCA (life cycle assessment) per i suoi prodotti». Viviamo una crisi economica, climatica e pandemica che ha già scritto una Pa­ gina di Storia inedita e indimenticabile e ha precluso le normali attività che ogni #&%"(*#)8%#(%+,#),'/")$L'!;#(%&&#&%'(") *%)+"!"G)"F"(-%)"),'!2%)*%)D'!/#&%'("c)H1#$%) azioni ha messo in atto la vostra azienda per proporre i suoi prodotti al mercato

e per espandere la conoscenza del suo 0!#(*G)")%()*"+(%-%F#)#(,<")8"!),'(,'!­ rere alla creazione di città più green? «Vinavil, in questo frangente, ha puntato la propria strategia di Marketing con un utilizzo importante dei social media, del sito web e delle newsletter. Inoltre si conti­ nuano a effettuare molti webinar tecnici per promuovere i nostri prodotti e tenere alta la visibilità del brand». Termino con un ricordo fanciullesco che appartiene all’età delle scuole primarie, immagino comune a quello di molti al­ tri, e cioè l’odore del Vinavil da me allora catalogato come “profumo riconoscibi­ le”: era indicativo dei suoi ingredienti? «In realtà questo profumo era dato dal contenuto di sostanze volatili di cui ab­ biamo parlato prima e noi lo abbiamo ridotto, non senza ricevere alcune criti­ )63#/3Q.-3#.//%.8<3--+#9*#);*#<.2/.4.#/3*"# privilegiando ovviamente l’aspetto sicu­ rezza. Oggi uno degli ingredienti della colla Vi­ navil è un prodotto addirittura a uso ali­ mentare».

IDENTIKIT MARCO CERRA Direttore della ricerca, Vinavil, Italia Nasce in Valle Lomellina (Italia), si è laureato in Chimica Industriale il 23 maggio 1980 all’Università di Milano con focus principale sulla Scienza Macromolecolare. Dopo aver lavorato per Morton Chemical sulla sintesi di poliuretani in solventi organici e in dispersione acquosa, è entrato a far parte di ICAPSIRA Chemicals and Polymers dove ha lavorato per 20 anni come responsabile del laboratorio di Ricerca e Sviluppo occupandosi di polimerizzazione acrilica Cerra e agli adesivi, negli e poliuretanica per diverse applicazioni, dal tessile alleMarco vernici ultimi anni ha concentrato la sua attività sulla ricerca e l’applicazione di prodotti autoadesivi. Nel 2007 si è trasferito in una piccola azienda, Ichemco, come Direttore Tecnico, sviluppando prodotti chimici speciali per l’industria dei nastri adesivi come gli agenti di release, i primer e autoadesivi ad alte prestazioni, infine nel luglio 2011 è stato assunto da Vinavil SPA, parte del Gruppo Mapei, assumendo la posizione di R&D Manager del Vinavil Central Research Center di Villadossola. Research Director, Vinavil, Italy Born in Valle Lomellina (Italy), he graduated in Industrial Chemistry on May 23rd 1980 at Milan University with main focus on Macromolecular Science. After working for Morton Chemical on solvent and waterborne polyurethanes synthesis, he joined ICAPSIRA Chemicals and Polymers where he worked for 20 years as R&D lab manager dealing with acrylic and polyurethane polymerization for different applications from textile to coating and adhesives. In the last years he focused his activity on Pressure Sensitive Adhesives research and application. In 2007 he moved to a small company, Ichemco, as Technical Director, developing specialty chemicals for the Tape Industry like release agents, primers and high performances PSA’s, finally in July 2011 he has been employed by Vinavil SPA, part of Mapei Group, taking the position of R&D Manager of the Vinavil Central Research Center in Villadossola.


FOCUS_SOLAS COLLOQUIUM

Un processo produttivo a colori

SOLAS www.vernicinaturali.it www.bionaturalstore.com

strutturalegno pagina 039

Abbiamo incontrato di recente la Responsabile Marketing di Solas Michela Tamburrini e Valentina Manzoni ricercatrice del Laboratorio R&S dell’azienda, che opera principalmente sul mercato ita­ liano, presso un costruttore di tetti di cui daremo cronaca sul prossimo numero. Qui invece incon­ triamo con grande piacere, seppur virtualmente, Tania Lamanna, un’altra preziosa ricercatrice del Laboratorio R&S di Solas, per esplorare quel mondo del colore creato da Vittorio Tamburrini nel 1993 )63#6.#.4;-+#(0#9./#8;+#*0*R*+#/+#8)+<+#9*#)23.23#<2+9+--*#9.4432+#8+8-30*@*/*#.#<.2-*23#9./#<2+)388+# produttivo che non ricorre a semilavorati già pronti ma produce nello stabilimento di Solas ogni parte costituente la vernice sulla base di formule elaborate negli anni dal laboratorio interno all’a­ zienda. Il mondo a colori in cui Tania Lamanna si muove è composto da formulati all’ac­ qua per la protezione del legno, vorrem­ mo approfondire con lei come questi prodotti si siano evoluti per gli utilizzatori e per i nostri lettori. A distanza di molti anni dalla prima vernice all’acqua nata per i serramenti esterni è opportuno ricordare che essa nacque inizialmente per scopi funzionali più che ecologici. Oggi la ri­ cerca è andata ben oltre quei primi for­ mulati e il “modello green” è diventato dominante!

Quali sono le caratteristiche funzionali, ecologiche, estetiche, di salubrità, di re­ sistenza chimica, di azione protettiva e di durata dei vostri formulati? «Ci sono diverse linee di prodotti Solas, una delle più importanti è proprio la linea legno. Ci distinguiamo dai produttori di vernici convenzionali perché i nostri for­ mulati sono il risultato di un’attenta sele­ zione di materie prime provenienti dalla natura, che ci permettono di avere un prodotto davvero sostenibile. Anche il processo produttivo è diverso: non ricor­


COLLOQUIUM SOLAS www.vernicinaturali.it www.bionaturalstore.com

strutturalegno pagina 040 041

A COLOR PRODUCTION PROCESS We recently met the Marketing Manager of Solas Michela Tamburrini and Valentina Manzoni researcher of the company’s R&D Laboratory, which operates mainly on the Italian market, at a roof builder which we will report on in the next issue. Here, on the other hand, we meet with great pleasure, albeit virtually, Tania Lamanna, another precious researcher of the Solas R&D Laboratory, to explore that world of color created by Vittorio Tamburrini in 1993 which has had the aim of creating truly sustainable products since its inception. starting from the production process that does not use ready-made semi-finished products but produces every part of the paint in the Solas plant based on formulas developed over the years by the company’s internal laboratory. riamo a semilavorati già pronti ma ogni parte costituente la vernice viene pro­ dotta nel nostro stabilimento sulla base di formule elaborate negli anni dal nostro )";(%"#(%&(='L.$6#('6&1,&+/"'/0$'4"88$­ ro conosciamo tutto ciò che è contenuto in ogni latta Solas e ci teniamo a comuni­ carlo al consumatore, il quale può legge­ re tutte le materie prime in etichetta. La salubrità è per noi un concetto importan­ te: negli anni abbiamo ridotto anche il contenuto di Composti Organici Volativi, arrivando a 0 g/L per tutta la linea legno ad acqua; le sostanze pericolose sono state eliminate e quando non possibile, sono state ridotte al minimo indispensabi­ le. Le caratteristiche di resistenza, azione protettiva e durata sono del tutto com­ parabili alle vernici convenzionali, men­ tre l’estetica è diversa: il legno trattato con i nostri prodotti a base di oli e resine vegetali ha un aspetto straordinario, più “naturale”». Q")$%("")2'('),'/8'2-")*#)+(%-1!")#$$L#,­ qua trasparenti, colorate, bianche e 8%;/"(-#-") 2-1*%#-") 8"!) ;#!#(-%!") 1(L"­ $"F#-#)8!'-"&%'(")#$$L"2-"!(')")1(L'--%/#) resistenza chimica su ogni manufatto. `1#$%)2'(')2-#-")$")*%D+,'$-I)/#;;%'!%)8"!) $L%(('F#&%'("),'(-%(1#)*%)H1"2-%)8!'*'--%M X]$'4&*+/()#?'!"11&(%&'6(,('-.$))$')$1"­

te alle nostre materie prime. I prodotti Solas sono intrinsecamente diversi dai prodotti convenzionali ma devono ov­ viamente avere prestazioni comparabili. Partire da materie prime così particolari, non ci permette di ricorrere al know­how del settore e neanche agli stessi fornitori. Dobbiamo analizzare il problema con un occhio diverso, cercando tra le sostanze che abbiamo scelto, quelle che possano avere proprietà simili alle materie prime delle vernici convenzionali. Questo non è un passaggio semplice, e rende lo svilup­ po del prodotto più complicato rispetto agli altri produttori che possono invece ri­ correre a materie prime studiate ad hoc per fornire determinate proprietà al for­ !.)"#('+,")$V= Quali sono stati gli ostacoli nel creare la protezione appositamente per il legno strutturale rispetto ad altri prodotti per applicazioni diverse? «Il legno strutturale ha bisogno di una maggiore protezione rispetto a una su­ 2$%+/&$'4(8$')"'8$%,&/&"#.%"'0"'6()('.,(' scopo decorativo. È quindi necessario formulare dei prodotti che siano in gra­ do di resistere agli agenti atmosferici e agli attacchi biologici. Per questo moti­ vo, i prodotti vernicianti devono essere sottoposti a una serie di test che simulino l’esposizione del legno, riferendosi ovvia­ mente alla regolamentazione tecnica del settore». Le tecnologie digitali sono di supporto per la formulazione dei vostri prodotti e per la divulgazione del brand in ambito multicanale e multidisciplinare? «Le tecnologie digitali si sono rivelate molto utili nella valutazione e riproduzio­ ne dei colori. Nel nostro laboratorio ri­ corriamo, oltre che all’abilità dell’occhio del tecnico addetto, anche a uno spet­ trofotometro. Questo strumento permet­ te una valutazione oggettiva del colore delle nostre vernici, ci è di supporto nel controllo qualità e si è rivelato un utile strumento nella predizione di formule di colore. Grazie a questo sistema abbiamo implementato una nostra cartella colori


FOCUS_SOLAS

basata sullo standard NCS®, un punto di riferimento nell’edilizia e nel design». X:)&'6#%.!$,#&'4&1&#")&'6(,('!()#('$*+/"/&' per la diffusione del brand – aggiunge la Responsabile Marketing di Solas Miche­ la Tamburrini'D'$'2$%'4"%$'.,A&!!"1&,$' dell’azienda all’esterno, creano anche un collegamento diretto col consuma­ #(%$'+,")$'F.!",&<<",4(H')A"<&$,4"7'%$,­ dendola accessibile. I canali che più utilizziamo, oltre alle rivi­ ste di settore come la vostra, sono il sito istituzionale (www.vernicinaturali.it), il sito di e­commerce (www.bionaturalstore. com) tramite cui rivendiamo anche pro­ dotti di altri brand, sempre in linea con la ,(6#%"'+)(6(+"'4&'$/(6(6#$,&;&)&#?7'$'&'6(­ cial network. Siamo attivi principalmente su Instagram (@vernici_naturali) e Face­ book (Solas Vernici Naturali)». Il vostro target raccoglie un ventaglio di +;1!") ,<") 28#&%#(') *#$$L1-%$%&&#-'!") #$) progettista, ritenete sia cambiato il modo *%)%(-"!$'H1%!")D!#)%$)F"!(%,%#-'!")")$L#!,<%­ tetto preposto alla direzione di cantiere? «In generale noi trattiamo con i verni­ ciatori e molto poco con gli architetti e i progettisti. Sulla base della nostra espe­ rienza – continua Michela Tamburrini D' possiamo dire che sempre più spesso l’in­ put nell’utilizzo di vernici sostenibili deriva però proprio dal progettista e anche dal /)&$,#$' +,")$=' E)' #%$,4' 1$,$%")$' 4&' "4$­ guamento a un “modello green” quindi lo percepiamo chiaramente, anche se noi ci troviamo a monte del processo». Q#) +(%-1!#G) 2'8!#--1--') 8"!) %$) $";('G) ,'­ 2-%-1%2,")$L#0%-')*"$)/#(1D#--'),<")"(D#­

tizza la sua trama lignea e che valoriz­ za cromaticamente la sua resa estetica. Possiamo affermare che la sua valenza estetica sia cresciuta di pari passo con la sua garanzia di biocompatibilità? «Sicuramente negli anni l’attenzione alla biocompatibilità è cresciuta enorme­ mente – riprende Tania Lamanna' D=' 3$%' Solas non è una novità, i nostri prodotti hanno sempre posto l’accento sulla so­ stenibilità delle materie prime e abbia­ mo considerato prioritario evitare il più possibile di utilizzare sostanze pericolose. Direi che l’idea di sostenibilità sia un va­ lore aggiunto che si è reso sempre più importante negli ultimi anni – conclu­ de Tania Lamanna'D7'!$,#%$')"'8")$,<"' estetica è sempre stata al centro dell’at­ #$,<&(,$',$))$'+,&#.%$'2$%')$1,(V= Viviamo una crisi economica, climatica e pandemica che ha già scritto una Pa­ gina di Storia inedita e indimenticabile e ha precluso le normali attività che ogni #&%"(*#)8%#(%+,#),'/")$L'!;#(%&&#&%'(") *%)+"!"G)"F"(-%)"),'!2%)*%)D'!/#&%'("c)H1#$%) azioni ha messo in atto la vostra azienda per proporre i suoi prodotti al mercato e per espandere la conoscenza del suo 0!#(*G)")%()*"+(%-%F#)#(,<")8"!),'(,'!­ rere alla creazione di città più green? «Non potendo più fare corsi di aggior­ ,"!$,#(' &,' 2%$6$,<"7' +$%$' $4' $8$,#&' &,' genere, come molte realtà nella nostra stessa situazione – termina Michela Tam­ burrini'D7'/&'6&"!('"##%$<<"#&'2$%'.#&)&<<"%$' piattaforme online per corsi e meeting, abbiamo già avuto modo di sperimen­ tarle con successo. Stiamo collaborando con un’agenzia che ci sta aiutando a mi­

In questre pagine alcune immagini di solas.


COLLOQUIUM SOLAS www.vernicinaturali.it www.bionaturalstore.com

strutturalegno pagina 042

gliorare la nostra presenza sul web anche in termini di fruibilità, abbiamo aumenta­ to i nostri investimenti sull’e­commerce e la nostra presenza online in genere. A giugno 2020, andando un po’ contro­ corrente rispetto al periodo storico, ab­ biamo aperto un Outlet, sostanzialmente uno spaccio aziendale, per avvicinarci ai consumatori e per farci conoscere nel territorio dove abbiamo sede da oltre 20 anni, a Cernusco Lombardone in provin­ cia di Lecco. Per promuovere l’Outlet e

far conoscere il brand, stiamo facendo diverse campagne pubblicitarie sui quo­ #&4&",&')(/")&7'/(,'"*+66&(,&'4&'!",&*$6#&'$' sempre tramite i canali social e gli adver­ tising sul web. All’esperienza di distanza che sperimentiamo quotidianamente, abbiamo scelto di rispondere con la vici­ nanza ai nostri clienti, alle imprese locali e ai privati che possono rivolgersi diretta­ mente a noi, al produttore, per l’acquisto e l’assistenza tecnica sui nostri prodotti e trattamenti».

IDENTIKIT TANIA LAMANNA Tecnico chimico di neo Solas srl, Cernusco Lombardone (Italia) Tania Lamanna si è laureata otto anni fa all’Università degli Studi di Milano con 110/110 e lode in Scienze Chimiche. Oggi è una delle due tecniche (insieme a Valentina Manzoni) del laboratorio di Solas. L’azienda produce pitture, vernici, prodotti per la detergenza e il mantenimento del legno utilizzando quasi esclusivamente materie prime di origine naturale. Le mansioni di Tania Lamanna comprendono: Tania Lamanna - formulazione, sia ex novo che migliorativa, di prodotti per legno ed edilizia; - formulazione di prodotti e di tinte in base a richieste specifiche di clienti; - gestione delle prove in laboratorio, delle produzioni pilota e dei test esterni; - controllo qualità dei prodotti; - selezione delle materie prime e contatto con i fornitori. Chemical technician of neo Solas srl, Cernusco Lombardone (Italy) Tania Lamanna graduated eight years ago from the University of Milan with 110/110 cum laude in Chemical Sciences. Today she is one of the two technicians (together with Valentina Manzoni) of the Solas laboratory. The company produces paints, varnishes, products for cleaning and maintaining wood using almost exclusively raw materials of natural origin. Tania Lamanna’s duties include: - formulation, both from scratch and improvement, of products for wood and construction; - formulation of products and colors based on specific customer requests; - management of laboratory tests, pilot productions and external tests; - product quality control; - selection of raw materials and contact with suppliers.


TECHNICA_KLH TECHNICA

Il nuovo traguardo: 250 mila mc di CLT

KLH www.klh.at di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 043

Il punto di arrivo ha sempre un punto di partenza, che possiamo individuare con la scelta nel 2017 di creare un nuovo management caratterizzato da due amministratori delegati equipollenti che Q38-*4.0+#*08*3?3#/.#<.2-3#(0.0R*.2*.\#5.2)+#p;-32#<32#/.#<.2-3#9*#4309*-.#3#?32).-*#.'(.0).-+#9.# Johannes Habenbacher per la parte tecnica, solidali nel proseguire sulla strada dello sviluppo pun­ tando a nuovi vertici di cui l’ultimo traguardo raggiunto quest’anno, in piena pandemia, riguarda il nuovo sito produttivo in Carinzia che raddoppierà la capacità produttiva di KLH. Dal suo ingresso nel 2017 in KLH, come Managing Director, Marco Huter viene 8;@*-+# *930-*().-+# )+?3# ;0+# 8-2.-3Q.# della legge di mercato, infatti la sua re­ sponsabilità riguarda il mercato, ossia tut­ to ciò che attiene alla distribuzione, alla vendita e al marketing. Quando lo intervistai la prima volta al Bau di Monaco mi disse: «Il mio lavoro è sempre stato legato al branding, al mar­ keting e alla vendita. Forse le industrie, ugualmente la nostra, hanno bisogno anche di questo. Molti produttori credo­ no che ci sia una regola del mercato che non si può cambiare, io invece credo che si può fare l’una e l’altra cosa, in un !(4('4&8$%6('$'-.$6#"'J'.,"';$))"'6+4"' che mi è stata assegnata per cambiare

l’immagine di KLH». Inoltre si occupa dello sviluppo dei nuovi prodotti e del servizio tecnico per i clienti, mentre la parte produttiva è gestita da Johannes Habenbacher con tutto l’im­ pegno che comporta la realizzazione di 28.000 progetti negli ultimi 20 anni (inizio 2019 ndr). La scelta di avere due amministratori delegati che condividessero l’aspetto (0.0R*.2*+"#5.2)+#p;-32#3#r+6.0038#p.­ benbacher, fu determinata proprio dalla constatazione che una sola persona non 32.#<*b#8;'()*30-3#<32#/3#38*Q30R3#9*#X$p# così determinata a perseguire il suo trend positivo con la volontà di aprirsi a nuove attività e la velleità di conquistare nuovi mercati.

T()H1"2-#)8#;%(#)$#)D'-';!#+#)#"!"#)*"$$#)(1'F# 2"*")8!'*1--%F#)*%)nQo)%()C#!%(&%#W


CHRONICHAE TECHNICA KLH + Concrete SAIE +www.klh.at Soltech di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 044 045

T()#8"!-1!#G)$#)D'-';!#+#)#"!"#)*"$$#)(1'F#)2"*") 8!'*1--%F#) *%) nQo) %() C#!%(&%#) #) f#*) :#(d) Q"­ '(<#!*),<")2%)-!'F#)#),%!,#)Ar)d/)*#)H1"$$#)%() :-%!%#)#)7"1D"(0#,<6n#-2,<G)"(-!#/0")%()N12-!%#G) *'F")$")%(*12-!%")2'(')/'$-')"D+,%"(-%)")%$)!%,%,$') *";$%)2,#!-%)_)1()8!',"22')2-#(*#!*)a);$%)2,#!-%)*%) 8!'*1&%'(")F"(;'(')2/%(1&&#-%)8"!)D#!")8#(("$$%) 8"!)$L%(*12-!%#)*"$$L#!!"*#/"(-'G)/"(-!")%$)$";(') *%) 0#22#) H1#$%-I) F%"(") 1-%$%&&#-') 8"!) %$) !%2,#$*#­ /"(-'),'/");$%)2,#!-%)/'$-')8%,,'$%G)#*)"2"/8%') H1"$$%)*"!%F#(-%)*#$$#)8%#$$#-1!#)aG),'/")#,,#*") ("%)2%-%)8!'*1--%F%)*%)nQoW

Ricordiamo che l’azienda ha sviluppato il prodotto KLH­CLT nel 1996 in collabo­ razione con l’università tecnica di Graz. Pioniera nella produzione di compensato multistrato – legno lamellare a strati incro­ )*.-*"#93(0*@*/3#83)+09+#*#I.38*\#X$p"#M$C"# X­LAM – nel 1999 ha inaugurato lo stabili­ mento di Teufenbach­Katsch, il quale ne­ gli anni successivi è sempre stato ammo­ dernato e ampliato. I pannelli di legno massiccio KLH vengono oggi utilizzati in tutto il mondo come elementi strutturali di pareti, solai e tetti nelle costruzioni in legno. La KLH Massivholz GmbH è posseduta al 100% dal gruppo Johann Offner, un’a­ zienda a conduzione familiare tradizio­ nale, con una storia lunga più di 250 anni. Un’azienda con una strategia chiara e in costante crescita, che qualche anno fa si è chiesta dove volesse andare con il suo prodotto, come potesse svilupparlo ulte­ riormente e che cosa potesse fare per ampliare i suoi utilizzi ad altre applicazioni .0)63#2*8<3--+#/.#8;.#(0*-;2.O#i;*09*#8-.­ bilì di voler sviluppare il prodotto esistente e successivamente decise di distribuirlo in nuovi mercati – sia nel mercato europeo sia in quello extraeuropeo c’era e c’è an­ cora un ampio margine di sviluppo se­ condo l’azienda –, prodotto che in KLH 9*8<+03#9*#-;--3#/3#)32-*().R*+0*#<+88*@*/*"# sia PEFC che FSC, ma sono anche titolari 9*#)32-*().-*#.?32*).0*#)+?3#*/#IFl#fAB#3# 93/#)32-*().-+#<32#*/#?32).-+#Q*.<<+03­ se JAS, a cui si è aggiunta la dichiarazio­ ne ambientale di prodotto EPD (Enviro­ mental Product Declaration) presentata nell’ambito convegnistico dell’edizione 2019 dell’Holzbau Forum di Innsbruck.

Una novità importante, di cui ci parlò proprio in quell’occasione il responsabile dell’Area manager sud e sud­est Europa N$0"!-') :,<%#F%(#-': «Si tratta di una di­ /0&"%"<&(,$'62$/&+/"'/0$'%&2(%#"'&'4"#&'4&' emissione che riguardano il prodotto KLH realizzato nel nostro stabilimento, con il nostro processo produttivo e tutto quello che a questo si lega. Infatti, cercando in internet i dati delle emissioni reali testate &,')";(%"#(%&('2$%'.,('62$/&+/('2%(4(##(7' compare solo KLH perché gli altri sono di­ chiarazioni con dati generici. È stato fatto tanto lavoro per questo, ma noi lo voleva­ !('*"%$'2$%/0C'J'2"%#$'4$))"'+)(6(+"'4&' #%"62"%$,<"'$'"*+4";&)&#?'/0$'8(1)&"!('6&' leghi al nostro brand». All’inizio dello scorso anno Marco Huter, in occasione di Klimahouse 2019, annunciò che nel 2020 sarebbero stati raddoppiati i volumi produttivi di CLT perché la con­ tinua crescita dell’azienda lo richiedeva: «E)' %$2"%#(' 2%(4.##&8(' 8$%%?' *(%#$!$,#$' ampliato. Adesso produciamo più di 100 mila metri cubi di materiale, diciamo 120 ­ 130 mila l’anno. Nel 2020, quando tut­ #(' 6"%?' +,&#(7' *"%$!(' 6&/.%"!$,#$' ()#%$' 150 mila metri cubi di CLT. La produzione 6"%?' &,' G"%&,<&"' "' ^"4' O",_#' ]$(,0"%47' mantenendo quella che abbiamo ora in Stiria, (la sede attuale, infatti, è a Teu­ fenbach­Katsch, un comune austriaco). Dal punto di vista operativo dovremo pensare che inizieremo un piano che co­ 6#&#.&%?'.,'&,8$6#&!$,#('2$%')"'2%(4.<&(,$' di nuovo materiale nel 2020 e quando #.##(' &)' 2%(/$66(' 6"%?' "' %$1&!$7' 6"%$!(' capaci di aumentare la produzione qua­ si raddoppiandola». Quindi, come ci aveva anticipato Mar­

THE NEW GOAL OF KLH: 250 THOUSAND CUBIC METERS OF CLT The point of arrival always has a starting point, which we can identify with the choice in 2017 to create a new management characterized by two equivalent CEOs who managed the financial part together: Marco Huter for the sales and markets part flanked by Johannes Habenbacher for the technical part, they are in solidarity in continuing on the path of development aiming at new heights of which the latest milestone reached this year, in full pandemic, concerns the new production site in Carinthia which will double the production capacity of KLH.


TECHNICA_KLH

co Huter, in occasione di diversi incontri, un altro importante obiettivo è stato rag­ giunto: quest’anno il nuovo impianto pro­ duttivo potrà raddoppiare via via la pro­ duzione – dai 130 mila metri cubi attuali a circa 250 mila metri cubi – e potrà per­ seguire la diffusione capillare del brand con l’obiettivo di renderlo globalmente sinonimo di “legno a strati incrociati”, ri­ chiamando KLH come sinonimico di CLT che in tedesco è la traduzione letterale di questo acronimo. A distanza di quasi 9;3# .00*"# 9.//%*0)+0-2+# .//.# (32.# 9*# 1+/­ zano poco sopra richiamata, le parole di Marco Huter suonano particolarmen­ te attuali in questo 2020 che ha segnato con la pandemia una nuova Pagina del­ la Storia mondiale «Va analizzato il trend dell’urbanizzazione in atto: due terzi della 2(2()"<&(,$'8&8%?',$))$'/&##?',$)'[\Q\7'$' non possiamo più usare materiali rari o inquinanti, ma quelli che si rinnovano, e poi dobbiamo costruire senza aumenta­ re l’impatto ambientale, senza danneg­ giare il clima e la natura».

I DETTAGLI DEL NUOVO STABILIMENTO KLH IN CARINZIA • Capacità produttiva attuale: 130.000 m³ di KLH®-CLT • Con il nuovo stabilimento, in totale 250.000 m³ di KLH®-CLT • Location: Bad Sankt Leonhard, Carinzia, Austria • Tempi di costruzione: 15 Mesi (in piena pandemia!) • Le CNC sono già in funzione • Inizio novembre: produzione dei primi pannelli • Fabbrica altamente automatizzata e molto flessibile per le lavorazioni CNC (sia su un lato che su due) • Obiettivo di massima efficienza delle macchine e utilizzo della materia prima • Dispone di impianti per la finitura superficiale dei pannelli, disponibili dal 2021 • Finora si poteva produrre solo fino a 295 cm di larghezza, ora aumentato a 350 cm di larghezza (importante per scuole, asili o uffici dove spesso si richiedono altezze superiori di stanza)


PROIECTUM HOLZIUS https://www.holzius.com/it/ di Roberta Bocca

strutturalegno pagina#BN>#BNo

“Locus Amoenus”

La nuova abitazione della famiglia Zwicklhuber a Kremsmünster, in Austria, si estende su un unico /*43//+#)+0#;0.#8;<32()*3#9*#=f=#?3-2*#W;.92*#39#`#8-.-.#23./*RR.-.#9.#6+/R*;8"#8+)*3-U#8<3)*./*RR.-.#*0# costruzioni moderne in legno e in pareti in legno massiccio non trattato raccordati con una tecnica brevettata, senza uso di colle e parti metalliche. Letteralmente un vero e proprio “locus amoenus” fuori e dentro, un luogo piacevole in cui natura e uomo convivono al ritmo di una simbiosi perfetta, nel pieno rispetto dell’ambiente circostante e senza rinunciare alle moderne esigenze abitative. Una casa unifamiliare accogliente e con­ fortevole che rispetta e rispecchia la na­ tura: la nuova abitazione della famiglia Zwicklhuber a Kremsmünster, in Austria, si presenta come vero e proprio locus amo­ enus in cui natura e uomo convivono al ritmo di una simbiosi perfetta, nel pieno rispetto dell’ambiente circostante e sen­ za rinunciare alle moderne esigenze abi­ -.-*43O#F3./*RR.-.#9.#6+/R*;8"#8+)*3-U#8<3­ cializzata in costruzioni moderne in legno e in pareti in legno massiccio non trattato raccordati con una tecnica brevettata, senza uso di colle e parti metalliche, casa Zwicklhuber si estende su un unico livello )+0#;0.#8;<32()*3#9*#=f=#?3-2*#W;.92*#3# presenta lungo tutto il perimetro esterno ;0.#)+20*)3#)2+?.-.#)63#2*Z3--3#*/#)*3/+# e la natura intorno. «Abbiamo sempre avuto chiaro che la nostra casa dei sogni dovesse essere “bio” in modo da ridurre al minimo l’impronta ecologica a#8<*3Q.#

Monika Zwicklhuber, proprietaria dell’a­ @*-.R*+03# aO# Per fortuna, il terreno per )A$4&+/"<&(,$' $%"' 4&62(,&;&)$' 4"' #$!2(' dato che appartiene alla famiglia Zwi­ /_)0.;$%'4"'2&`'1$,$%"<&(,&V= All’interno, gli ambienti – soggiorno, cu­ cina, bagno, WC, camera da letto, stu­ dio – sono privi di barriere, le pareti e il 8+'(--+# *0# /3Q0+# ?.883//+# 9*# .@3-3# 2+88+# 0.-;2./3#8+0+#.#4*8-.#3#*/#<.4*?30-+#`#*0# calcestruzzo levigato. La facciata ester­ 0.#`#2*438-*-.#9*#*0-+0.)+O#$.#).8.#8*#.<23# principalmente a sud e generosamente a ovest con spaziose facciate in vetro. Nello stabilimento a Prato allo Stelvio nel Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Ve­ nosta, holzius ha lavorato agli elementi per il tetto e per le pareti (dello spesso­ 23# 9*# =PB# ??# <32# /%38-320+# 3# 9*# =AB# ??# negli interni) che sono costituiti da tavole in legno massello di forma rettangolare, allineate verticalmente e giuntate a pet­


PROIECTUM_HOLZIUS

tine. I diversi strati sovrapposti sono a loro volta raccordati tra loro mediante tasselli in legno massello giuntati a coda di ron­ 9*03O# $%*0-32.# 8;<32()*3# 93Q/*# 3/3?30-*# `# realizzata in legno puro, non trattato e non sottoposto ad alcuna azione chimi­ ca durante l’intero processo produttivo. Una vera casa bio in legno massello! Il legno massello, oltre a trasmettere la sensazione di vivere nella natura, garanti­ 8)3#8-.09.29#9*#8./;@2*-U#3))3//30-*#/3Q.-*# .//3#<2+<2*3-U#9*#2.//30-.?30-+#93/#@.--*-+# cardiaco e di minore propensione alle in­ (.??.R*+0*#<2+<2*3#93//3#38830R3#/3Q0+­ se non trattate impiegate da holzius, alla @.88.#)+09;)*@*/*-U#-32?*).#)63#)+0830­ te di raggiungere elevati livelli di comfort @*+)/*?.-*)+# 3# .//.# ).<.)*-U# 93/# /3Q0+# massiccio non trattato di regolare auto­ ?.-*).?30-3# /%;?*9*-U"# .88+2@309+/.# 9.//%.?@*30-3#W;.09+#*0#3))388+#3#)3­ dendola di nuovo nei periodi più asciutti.

IDENTIKIT HOLZIUS Fondata nel 2005 e situata a Prato allo Stelvio nel Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Venosta, holzius è una realtà unica nel panorama della bioedilizia dove si contraddistingue per la realizzazione di costruzioni moderne in legno e di pareti in legno massiccio non trattato, raccordati con un sistema brevettato, senza uso di colle e parti metalliche. In particolare, il sistema brevettato di holzius consiste in un tassello in legno con bordi a coda di rondine che, insieme alle giunzioni a pettine e incastri, e all’utilizzo dell’antica tecnica di avvitatura con cavicchio filettato in legno, permette di realizzare pareti, solai e tetti senza l’impiego di colle o parti metalliche, soddisfacendo così sia i più alti standard biologici di costruzione che i requisiti tecnici di prestazione delle costruzioni moderne. Gli elementi holzius sono realizzati con legno proveniente da foreste certificate PEFC. Grazie alla produzione a basso consumo di energia e al contenuto di carbonio del legno, le emissioni di CO2 nell’aria legate alla costruzione di un’abitazione in legno sono molto inferiori rispetto alla tecnica di costruzione tradizionale. holzius migliora ulteriormente questo bilancio scegliendo solo legni provenienti da foreste a gestione sostenibile e trasformando i trucioli prodotti in teleriscaldamento, in modo da coprire l’intero fabbisogno energetico dell’azienda e raggiungere un ecobilancio positivo anche in produzione. In perfetto accordo con le istanze dell’economia circolare, le abitazioni holzius prive di colle, parti metalliche e materiali tossici, possono essere smaltite interamente, reimmettendo semplicemente il materiale nel ciclo produttivo o utilizzandolo per produrre energia. Con una media costruttiva di circa 70 abitazioni all’anno e una squadra di 47 dipendenti, a oggi holzius ha realizzato più di 500 costruzioni in Italia e in Europa.


PROIECTUM HOLZIUS https://www.holzius.com/it/ di Roberta Bocca

strutturalegno pagina#BNP#BN_

IDENTIKIT PROGETTO Cliente: Famiglia Zwicklhuber Progettazione e realizzazione della casa: Benesch/Stögmüller Architekten Progettazione Interior Design: Viernulleins Gesbr Designund Zeichenbüro Architetto interni: DI Clemens J. Steixner Prestazioni di holzius: progettazione, fornitura materiale, produzione elementi in fabbrica e trasporto Elementi in legno massiccio senza colla e senza metallo di holzius: • 83m³ di legno massiccio – abete rosso – non trattato impiegato per tetto, solaio e pareti • Riduzione di 170 tonnellate di emissioni di CO2 Finiture Casa: • Porte: legno di abete rosso naturale non trattato • Finestre: Fa. Wicknorm, tipologia legno-alluminio, vetri isolanti tripli • Pavimento: calcestruzzo levigato


PROIECTUM_HOLZIUS

ZWICKLHUBER HOUSE RESPECTS AND REFLECTS NATURE: IN AUSTRIA, THE NEW ORGANIC HOUSE IN SOLID WOOD MADE BY HOLZIUS. A cozy and comfortable single-family house that respects and reflects nature: the new house of the Zwicklhuber family in Kremsmünster, Austria is a true locus amoenus in which nature and men live together at the rhythm of a perfect symbiosis, fully respecting the surrounding environment without giving up the modern living requirements. Made by holzius, a company specialized in modern timber construction and untreated solid wood walls connected with a patented technique without the use of glues and metal parts, the Zwicklhuber house extends on one level with a surface area of 131 square meters and has a chrome frame along the entire outer perimeter that reflects the sky and nature around it. «We have always made it clear that our dream home should be “organic” in order to  minimize the ecological footprint − explains Monika Zwicklhuber−, owner of the house. Fortunately,  the building land has been available for a long time since it has belonged to the Zwicklhuber family  for several generations». On the inside, the spaces - living room, kitchen, bathroom, toilet, bedroom, study room - are barrier free, the walls and ceiling are made of solid natural spruce wood and the floor is polished concrete. The exterior facade is covered with plaster. The house opens mainly to the south and generously to the west with spacious glass facades. At the factory in Prato allo Stelvio, holzius worked on the roof and wall elements (180mm thick for the exterior and 120mm thick for the interior) which are made of hardwood boards in rectangular shapes, vertically aligned and finger jointed. The different overlapping layers are connected to each other by means of hardwood dowels finger jointed. The entire surface of the element is made of pure wood, untreated and not subjected to any chemical action during the entire production process. Solid wood, besides transmitting the sensation of living in nature, guarantees excellent standards of healthiness linked to the slowing down of heartbeat and lower propensity to inflammation of the untreated wood essences used by holzius. The low thermal conductivity of wood allows the house to reach high levels of bioclimatic comfort and the ability to automatically regulate humidity of untreated solid wood, absorbing it from the environment when in excess and releasing it again in the driest periods.


PROIECTUM HOLZIUS https://www.holzius.com/it/ di Roberta Bocca

strutturalegno pagina#B^B

IDENTIKIT HOLZIUS Founded in 2005 and located in the Stelvio National Park, in Val Venosta, holzius is a unique reality in the panorama of green buildings where it stands out for the construction of its modern look and its sustainable functionality - built with untreated solid wood, connected with a patented system, without the use of glues and metal parts. In particular, the holzius patented system consists of a wooden dowel with dovetail edges which together with the comb and joint joints, and the ancient screwing technique with a threaded wooden toggle. Using this, holzius created walls, floors and roofs without the use of glues or metal parts, thus satisfying both the highest biological construction standards and the technical performance requirements of modern buildings. The holzius elements are made with wood from PEFC certified forests. Thanks to the low energy production and the carbon content of wood, the CO2 emissions in the air associated with the construction of a wooden house are much lower than with the traditional construction techniques. Holzius further improves this balance by choosing only wood from forests at sustainable management and transforming the chips produced in district heating, in order to cover the entire energy needed to achieve a positive eco-balance also in its production. In perfect accordance with the requirements of Circular Economy, holzius homes are built without glues, metal parts and toxic materials, can be disposed entirely by simply reintroducing the material into the production cycle or using it to generate energy. With a construction average of about 70 homes per year and a team of 47 employees, to date, holzius has built more than 500 buildings in Italy and Europe.

TECHNICAL PROJECT’S SHEET Client: Zwicklhuber family Project Design & Implementation Studio: Benesch/Stögmüller Architekten Project & Interior Design Studio: Viernulleins GesbR, Design-und Zeichenbüro Architect for Interiors: DI Clemens J. Steixner Holzius Services: Design, material supply, production of elements in the factory, transport and assembly Solid wood elements without glue and without metal from holzius: • 83m³ of solid wood - spruce - untreated used for roof, floor and walls • Reduction of 170 tons of CO2 emissions Home Finishes: • Doors: natural untreated spruce wood • Windows: Fa.Wicknorm, wood/ aluminum, triple insulated glass • Floor: smooth concrete


PROIECTUM PEFC + Ri­Legno + ROCKWOOL www.pefc.it www.ri­legno.it www.rockwool.it www.xlamdolomiti.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 052 053

Il legno “ricresce” a Rovereto

E;3#.00*#9+<+#H.*.\#.#F+4323-+#Q/*#./@32*#8)6*.0-.-*#9*430-.0+#;0+#93Q/*#39*()*#*0#/3Q0+#<*b#./-*# 9%,-./*.O#J3//%.23.#3s#5.2.0Q+0*#53)).0*)."#8-.#<2309309+#'+2?.#;0+#93*#<*b#Q2.09*#39*()*#9*#/3­ gno d’Italia, vero e proprio simbolo di rinascita: con i suoi 9 piani per 29 metri è destinato al social housing ed è costruito al 100% proprio con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di .R*3093#)32-*().-3#IGtM#3#.93230-*#.//.#t*/*32.#:+/*9./3"#.#<.2-*23#9./#Q3032./#)+0-2.)-+2#F*7$3Q0+"# ?.#.0)63#9./#)+0-2*@;-+#9*#'+20*-+2*#.))239*-.-*#)+?3#n7$.?#E+/+?*-*#3#F+)q[++/O $%.23.# *09;8-2*./3# 9*8?388.# 9*# F+4323-+"# dove un tempo sorgeva il sito produttivo della Marangoni Meccanica, è in fase di trasformazione. Sul terreno della ex Ma­ rangoni è infatti in costruzione uno spa­ zio residenziale innovativo praticamen­ te unico in Italia. $.# <2*?.# <3);/*.2*-U# 8*# deve al materiale utilizzato: 5000 mc di tronchi d’abete recuperato tra gli alberi abbattuti dalla tempesta che ha deva­ 8-.-+#;0#<.*+#9*#.00*#'.#/.#H./#9*#t*3??3# 3#I2*?*32+. In questo progetto, che è sta­ to concepito come sostenibile in tutte le 8;3#'.8*#8+--+#*/#<2+(/+#)+8-2;--*4+"#8+)*./3"# ambientale ed economico, il criterio del­ /.#)*2)+/.2*-U#3#93//.#8+8-30*@*/*-U#93*#?.­ -32*./*#9*430-.#9*#'.--+#*/#(/+#)+09;--+23O#«Il complesso – commenta Lavinia Sartori, -*-+/.23# 9*# F*7$3Q0+# g# riconverte un’area in sofferenza e concorre al rilancio di un quartiere che merita una nuova, moder­ na connotazione. Mi piace pensare che questo intervento offra una seconda vita a un rione e alla materia. Gli alberi sra­ dicati da Vaia ritrovano la loro verticalità sulle macerie di una fabbrica dismessa: le foreste abbattute dalla furia della na­ tura si rigenerano in un contesto urbano e nel contempo lo rigenerano». Il complesso residenziale è però partico­ lare anche per un altro motivo: le due palazzine in legno, rispettivamente di nove e cinque piani per un totale di 68 appartamenti destinati al social housing, 9*430-32.00+#'2.#Q/*#39*()*#*0#/3Q0+#<*b#./-*# *0#,-./*."#<2*?3QQ*.09+#)+0#*#23)+29#(0+# a oggi raggiunti nel nostro paese dalle strutture multipiano. Questo intervento di edilizia abitativa <+2-.# /.# (2?.# 9*# F*7$3Q0+"# ;0%.R*309.# che, forte di un approccio innovativo alla trasformazione e al risanamento del le­


PROIECTUM_PEFC+Ri­Legno+ROCKWOOL

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

gno, è diventata in pochi anni un punto di riferimento nel settore della bioedilizia e delle costruzioni sostenibili ad alto ren­ dimento. «Il risparmio di emissioni rispetto all’edilizia tradizionale è dell’ordine del 50­70%: quello che abbiamo di fronte è il futuro dell’edilizia a#)+??30-.#France­ sco Dellagiacoma, neo eletto presiden­ -3#93/#IGtM#,-./*.a"#un elemento centrale del green deal cui l’Italia è chiamata a partecipare per contribuire all’obiettivo di ridurre le emissioni del 55% e contenere gli effetti della crisi climatica, come indi­ cato dall’UE». PEFC Italia: IL LEGNO D’ABETE DOPO LA TEMPESTA 42.500 ettari di foreste distrutte e oltre 9 milioni di mc cubi di legname abbattu­ ti: sono i danni provocati dalla tempesta Vaia che il 29 ottobre 2018, con piogge e 2.'()63#9*#430-+#8-*?.-3#+/-23#*#=^B#q?S6"# 6.#)+/<*-+#/%.23.#./<*0.#93/#J+29#G8-#,-./*.O# Oggi, nonostante il ritardo causato dal /+)q9+[0"#W;.8*#/.#?3-U#9*#W;38-+#/3Q0.­ me è stato esboscato: circa il 60% è stato venduto e i lavori procedono a pieno rit­ mo, anche grazie a progetti virtuosi che puntano a sostenere le zone colpite e a recuperare il legname a terra. A fare il punto a due anni dalla tempe­ sta Vaia è PEFC Italia, organismo garan­ -3# 93//.# )32-*().R*+03# 9*# Q38-*+03# 8+8-3­ nibile del patrimonio forestale e dei suoi prodotti che, subito dopo il disastro ha at­ -*4.-+#/.#t*/*32.#:+/*9./3#IGtM"#;0*)+#8*8-3­ ma e logo pensato per sostenere le zone colpite dalla tempesta tramite legno pro­ veniente dalle piante abbattute da Vaia. In particolare, il legname abbattuto in Trentino da Vaia diventa ora da record. A Rovereto, nell’area ex Marangoni Mec­

canica, sta infatti prendendo forma uno 93*# <*b# Q2.09*# 39*()*# *0# /3Q0+# 9%,-./*."# vero e proprio simbolo di rinascita: con i suoi 9 piani per 29 metri, è destinato al social housing ed è costruito al 100% pro­ prio con il prezioso legno degli alberi ca­ 9;-*"#Q2.R*3#./#/.4+2+#9*#.R*3093#)32-*().­ -3#IGtM#3#.93230-*#.//.#t*/*32.#:+/*9./3"#.# <.2-*23#9./#Q3032./#)+0-2.)-+2#F*7$3Q0+O# Il progetto comprende anche un altro palazzo di 5 piani sempre realizzato con /3Q0.?3#9.#8)6*.0-*\#Q/*#39*()*#8+0+#8-.-*# realizzati da Ri­Legno Srl su commissione di Rovim Srl e Finint nell’ambito di un pro­ getto di social housing; il legname strut­

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

In queste pagine e in quelle successive, i rendering ") $") D'-';!#+") *%) ,#(-%"!") *"$$L#!"#) "Y) .#!#(;'(%) Meccanica di Rovereto, complesso per il quale ver­ ranno utilizzati complessivamente 2.300 mc di legno ingegnerizzato, quantità prodotta dalle foreste tren­ tine in soli 3 giorni [crescita annuale foreste trentine 1 milione mc; per realizzare 2.300 mc di legno inge­ gnerizzato servono 7800 mc di piante (la differenza data da legname non adatto e prodotti seconda­ ri)]. L’effetto climatico complessivo (stoccaggio + riduzione delle emissioni) è di 3.700 t CO2, pari alle emissioni di 3 anni di tutte le persone che abiteranno nel complesso (emissione in Trentino 6,5 t/anno pro capite, 200 residenti nel complesso). In ogni mc di legname è stoccato il carbonio corrispondente a 0,92 t di CO2 per una durata minima di 80 anni per la parte strutturale e per un periodo convenzionale di 15 anni per quella non strutturale.


PROIECTUM PEFC + Ri­Legno + ROCKWOOL www.pefc.it www.ri­legno.it www.rockwool.it www.xlamdolomiti.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 054 055

QUAESTIO XLAM DOLOMITI Le due risposte del C.E.O. e presidente di XLAM Dolomiti, Albino Angeli. Ha rappresentato un progetto particolare quello di Rovereto rispetto al vostro “standard” considerate le sue caratteristiche di social housing e soprattutto il fatto che l’abete arrivasse da Vaia? «Per XLAM  è  stata  un’espe­ rienza  importante  sia  legata  alla dimensione dell’interven­ to che alla territorialità; infatti  ognuno di noi si porta dentro  l’esperienza della notte Vaia e  sapere che da una catastrofe  come  quella  ne  è  uscita  una  risorsa come il legno struttura­ le per un intervento di Edilizia  Sociale (e non solo...) è molto  importante». Quanto materiale avete fornito complessivamente per le due costruzioni? «Il  legno  ingegnerizzato  CLT  (in Italia denominato X­Lam)  e  GLT  (lamellare  Gluelam)  è  pari  a  2.000  mc  che  corri­ spondono  a  quasi  5.000  mc  di tronchi Vaia». Nel rendering a destra: Crediti foto: KREJ Archi­ tecture engineering srl

turale, che costituisce il 90% del totale, è stato ingegnerizzato, fornito e installato da X­Lam Dolomiti: si tratta di pannelli realizzati con legno trentino proveniente da legname schiantato da Vaia della Val 9*#t*3??3#3#9*#I2*?*32+O Scegliere il legno per la realizzazione 93//%39*()*+#6.#<32?388+#9*#2*9;223#92.8-*­ camente l’impronta climatica dell’opera, il legno infatti è un vero e proprio deposi­ -+#9*#M.2@+0*+#)63#4*303#.88+2@*-+#)+?3# MD2 tramite la fotosintesi delle piante: in ogni metro cubo di legname è stocca­ to il carbonio corrispondente a 0,92 t di MD2. A questo si aggiunge che il legno ha un costo energetico di produzione e smaltimento molto basso in relazione alle materie concorrenti (calcestruzzo, metal­ /*T"#)+0#;0#2*8<.2?*+#?39*+#9*#B"o#-#9*#MD2 per mc di legno impiegato. TUTELA DELL’AMBIENTE E SOCIAL HOUSING X3"%)&"!(7' ,$))(' 62$/&+/(7' 4&' .,(' 6#%"­ ordinario esempio di edilizia sostenibile a# .QQ*;0Q3# $.4*0*.# :.2-+2*# a# e a livello generale di un modello esportabile di rigenerazione urbana. L’intervento si in­ serisce infatti in un più ampio piano di %&-.")&+/"<&(,$7'/0$'6&'"2%$'/(,')"';(,&­ +/"'4&'.,('62"<&('/0$'$%"'6#"#('/(,#"!&­ nato dalle precedenti occorrenze e che ha tra le altre cose il pregio di ricucire gli strappi di una porzione di tessuto urbano che attendeva da tempo una valorizza­ zione». I2*?.# 9*# *0*R*.23# /.# )+8-2;R*+03# 93*# 9;3# 39*()*"# /%*0-32.# .23.# `# 8-.-.# 8+--+<+8-.# .# ;0#*0Q30-3#*0-32430-+#9*#@+0*().#)63#6.# consentito il totale risanamento del sotto­ suolo, con lo smaltimento di 11 mila metri quadrati di amianto e di 750 quintali di 2*(;-*# 8+/*9*# ;2@.0*. Una volta ultimato, il )+?</388+# 238*930R*./3# 8.2U# )*2)+09.-+# da 5000 metri qua­ drati di verde, da per­ corsi ciclopedonali e da spazi condivisi, de­ stinati non solo a chi abita nelle palazzine, ma all’intera comuni­ -UO# $%*0-32430-+# `# 8-.­ to infatti immaginato anche con lo scopo di offrire nuove op­ <+2-;0*-U#<32#*/#@3038­ sere e per lo sviluppo di un quartiere in ra­ pida trasformazione. $.# '+2?;/.# 93/# 8+)*./# housing non garanti­ sce solo una soluzione per l’abitare, ma offre .0)63# /%+<<+2-;0*-U# di condividere spazi e servizi. In questo sen­

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

8+#/+#84*/;<<+#432-*)./3#93*#9;3#39*()*#6.# consentito di liberare spazio da utilizzare per le aree verdi comuni dove poter vive­ re condividendo il piacere della vicinan­ za, piuttosto che isolarsi nei propri ambiti domestici delimitando muri che separa­ no. È un concetto innovativo dell’abitare che ben si adatta al target delle famiglie e delle giovani coppie. Questo intervento è inoltre frutto di un’operazione che valo­ rizza la partnership tra pubblico e priva­ -+O#I32#/3#.??*0*8-2.R*+0*#3#<32#/.#<+<+­ lazione, il vantaggio è riconquistare spazi 9*# W;./*-U# <32# /.# 4*-.# 9*# )+?;0*-Ue# <32# *# singoli cittadini, invece, poter accedere, -2.?*-3#@.09+"#.//%+<<+2-;0*-U#9*#.@*-.23# *0#;0#)+0-38-+#9*#W;./*-UO# ,/#<2+Q3--+#8.2U#).2.--32*RR.-+#.0)63#9.# un importante valore aggiunto dal punto 9*#4*8-.#8+)*./3\#/3#9;3#<./.RR*03#a#)63#8.­ 2.00+#*0.;Q;2.-3#03*#<2+88*?*#?38*#a#+8<*­ teranno nei 500 mq per piano 68 famiglie nell’ambito di un progetto di Social Hou­ 8*0Q# )63# +''2*2U# .//+QQ*# 3# 8324*R*# .@*-.-*4*#


PROIECTUM_PEFC+Ri­Legno+ROCKWOOL

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

a prezzi contenuti, destinate a persone )+08*932.-3#<*b#@*8+Q0+83#V.0R*.0*"#9*8.­ bili, migranti), e anche a giovani, famiglie monoparentali, studenti, lavoratori pre­ cari. «Come PEFC Italia abbiamo lavorato sin dal primo momento per far percepire l’importanza che si facessero dei progetti importanti con il legname di Vaia, ridu­ cendo l’inevitabile caduta dei prezzo del legname# a# <;0-;./*RR.# E3//.Q*.)+?.# a# per aiutare i proprietari che avevano su­ bito il più grande danno di sempre alle foreste italiane. Siamo particolarmente +$%&' /0$' &)' 2%(1$##(' 4&' a(8$%$#(' ";;&"' aderito al nostro progetto di Filiera Soli­ dale PEFC, con il tracciamento dei vari 2"66"11&' 4"1)&' ");$%&' 6/0&",#"#&' +,(' ")' nuovo complesso». I32#23./*RR.23#*/#)+?</388+#4322.00+#;-*/*R­ zati complessivamente 2.300 mc di legno *0Q3Q032*RR.-+"# W;.0-*-U# <2+9+--.# 9.//3# '+238-3# -230-*03# *0# 8+/*# f# Q*+20*O# $%3''3--+# climatico complessivo (stoccaggio + ri­ 9;R*+03#93//3#3?*88*+0*T#`#9*#fOoBB#-#MD2, pari alle emissioni di 3 anni di tutte le per­ sone che abiteranno nel complesso. VAIA, PEFC ITALIA: IL PUNTO SU DANNI ED ESBOSCHI A DUE ANNI DALLA TEMPESTA Sono 494 i comuni di quattro regioni italia­ 03#V$+?@.29*."#H303-+"#C230-*0+#L/-+#L9*­ Q3#3#t2*;/*#H303R*.#l*;/*.T#.9#388323#8-.-*# colpiti dalla tempesta Vaia. I32# W;.0-+# 2*Q;.29.# Q/*# 38@+8)6*# 3# */# 23­ );<32+# 93/# /3Q0.?3# .@@.--;-+"# IGtM# Italia segnala che in provincia di Bolza­ no le operazioni sono terminate con la raccolta di circa l’80% del legname: la <.2-3# 238-.0-3# `# *0# /+)./*RR.R*+0*# 9*'()*/*# <32#.))388*@*/*-U#3#+2+Q2.(."#39#`#938-*­ nata all’evoluzione naturale. In provincia 9*#C230-+"#/.#<*b#)+/<*-.#*0#-32?*0*#.88+/;­ ti, è stato invece venduto oltre il 60% del legname (esboscato per l’80%); in Vene­ to è stato venduto oltre il 60% (esbosca­

-+#<32#*/#^BuTe#*0#t2*;/*#H303R*.#l*;/*.#+/-23# /.# ?3-U# 93/# /3Q0.?3# .@@.--;-+# `# 8-.-+# esboscato e venduto. Non sono tuttavia mancati i problemi: ol­ tre al lockdown che ha rallentato i lavori, come si temeva nell’estate 2020 si sono <./38.-*# 9.00*# 8*Q0*().-*4*# <2+4+).-*# 9./# bostrico (Ips typographus L), minuscolo insetto che si sviluppa sulle piante depe­ rienti ma che poi è in grado di attacca­ re e portare a morte anche piante sane, aumentando ulteriormente il danno alle foreste, in particolare nelle aree del pia­ no inferiore. I monitoraggi indicano una <23830R.# ?+/-+# <*b# '+2-3# 2*8<3--+# ./# AB=_# e sono segnalati danni in corso di valu­ tazione. SOSTENIBILITÀ DEL PROGETTO CON LANA DI ROCCIA RICICLABILE E RIUTILIZZABILE I32# 23./*RR.23# *# 9;3# 39*()*# *0# /3Q0+# 8+0+# state utilizzate diverse soluzioni di isola­ mento in lana di roccia RockwoolO#I32#+-­ tenere elevati valori di isolamento, la lana

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

IDENTIKIT RI-LEGNO Ri-Legno nasce in Trentino nel 2014 per occuparsi, prima azienda in Italia, della manutenzione delle strutture e delle costruzioni in legno. In pochi anni, l’azienda si è ricavata uno spazio di prestigio nel campo dell’edilizia sostenibile. Forte di un approccio innovativo alla trasformazione e al risanamento del legno, Ri-Legno è oggi protagonista nel settore della bioedilizia e delle costruzioni ad alto rendimento, e partner ideale per qualsiasi progetto di rigenerazione urbana.


PROIECTUM PEFC + Ri­Legno + ROCKWOOL www.pefc.it www.ri­legno.it www.rockwool.it www.xlamdolomiti.it di Sonia Maritan

strutturalegno pagina 056 057

THE WOOD “GROWS” IN ROVERETO Two years after Vaia: in Rovereto the crashed trees become one of the tallest wooden buildings in Italy. In the former Marangoni Meccanica area, one of the largest wooden buildings in Italy is taking shape, a true symbol of rebirth: with its 9 floors by 29 meters it is intended for social housing and is built 100% with the precious wood from fallen trees, thanks to the work of PEFC certified companies and members of the Solidarity Chain, starting with the general contractor Ri-Legno, but also with the contribution of accredited suppliers such as X-Lam Dolomiti and Rockwool.

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

di roccia, sul piano tecnico, operativo e prestazionale, è infatti il materiale idea­ le da abbinare agli elementi strutturali in legno perché consente di ottenere van­ taggi prestazionali in termini di isolamen­ to termoacustico, di resilienza al fuoco V238*8-3# .# -3?<32.-;23# +/-23# *# =BBBvMT"# 9*# 238*8-30R.# 3# 9*# 9;2.@*/*-UO# C30309+# )+0­ -+# 93//.# 4+).R*+03# .//.# 8+8-30*@*/*-U# 9*# questo progetto, concepito all’insegna del duplice recupero (dell’area dismes­ sa, ma anche del legno) la caratteristi­ ).# 93//.# )*2)+/.2*-U# 93//.# /.0.# 9*# 2+))*.# Rockwool, riciclabile e riutilizzabile, è sta­ ta sicuramente un ulteriore elemento che ha contribuito alla scelta. $3# <.2-*R*+0*# *0-3203"# /3# )+0-2+<.23-*# 3# *# )+0-2+8+'(--*# 93Q/*# .<<.2-.?30-*# 8+0+# stati isolati con il pannello 211 compres­ so, mentre per i pavimenti è stato scelto il prodotto Floorrock TE, soluzione otti­ mizzata per consentire lo smorzamento dei rumori impattivi. Il pannello è inoltre particolarmente adatto per applicazioni, come questa, in cui si desideri coniugare <2+<2*3-U#.);8-*)63#3#?3)).0*)63O I32# W;.0-+# 2*Q;.29.# /%*04+/;)2+# 38-320+# 93Q/*#39*()*"#*0#'.))*.-.#`#8-.-+#.<</*).-+# il sistema a cappotto REDArt®, utilizzan­ do il pannello in lana di roccia a doppia

9308*-U# Frontrock Max Plus.# $3# +--*?3# performance isolanti della lana di roc­ cia, che costituisce il cuore del sistema a cappotto Rockwool#FGEL2-"#8*#.'(.0).0+# .#;0.#0+-34+/3#4.2*3-U#9*#8+/;R*+0*#38-3-*­ )63"#Q2.R*3#.//%.?<*.#<2+<+8-.#9*#(0*-;23"# tra le quali il progettista ha potuto sce­ Q/*323#W;3//.#<*b#.9.--.O $.#)+*@30-.R*+03#93//.#)+<32-;2.#`#8-.­ -.#*0(03#23./*RR.-.#;-*/*RR.09+#*/#<2+9+--+# Durock Energy Plus, particolarmente indi­ cato nel caso di tetti in legno e ventilati 9+43#.<<+2-.#;0#8*Q0*().-*4+#*0)23?30-+# delle prestazioni acustiche e del comfort invernale ed estivo. TEMPI RECORD, COVID PERMETTENDO $%38-23?.#2.<*9*-U#9*#383);R*+03#32.#;0+# dei maggiori punti di forza di questo <2+Q3--+O# $3# <+-30R*./*-U# 93/# /3Q0+# 3# /.# <32'3--.# 3'()*30R.# 93//.# (/*32.# )+0830-*­ vano infatti di prevedere tempistiche di realizzazione strettissime: in 9 mesi si sa­ rebbero dovuti costruire 14 piani. Il crono programma sarebbe certamente stato rispettato se nel frattempo il lockdown non avesse imposto il fermo forzato. Una 4+/-.#2*<2383#/3#.--*4*-U#*0#).0-*323"#*#/.4+2*# procedono senza interruzioni per cercare di recuperare il tempo perso.


PROIECTUM_PEFC+Ri­Legno+ROCKWOOL

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

IDENTIKIT PEFC PEFC Italia è un’associazione senza fini di lucro che costituisce l’organo di governo nazionale del sistema di certificazione PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes), cioè il Programma di Valutazione degli schemi di certificazione forestale. Il PEFC è un’iniziativa internazionale basata su una larga intesa delle parti interessate all’implementazione della gestione forestale sostenibile a livello nazionale e regionale. Partecipano allo sviluppo del PEFC i rappresentanti dei proprietari forestali e dei pioppeti, organizzazioni ambientaliste, dei consumatori finali, degli utilizzatori, dei liberi professionisti, della ricerca, del mondo dell’industria del legno e dell’artigianato. Tra i suoi obiettivi si segnala quello di migliorare l’immagine della selvicoltura e della filiera foresta–legno-carta, fornendo di fatto uno strumento di mercato che consenta di commercializzare legno, carta e prodotti della foresta derivanti da boschi e impianti gestiti in modo sostenibile.

Crediti foto: KREJ Architecture engineering srl

IDENTIKIT ROCKWOOL Il Gruppo Rockwool si dedica ad arricchire la vita di tutti coloro che entrano in contatto con le sue soluzioni. L’expertise si presta perfettamente a far fronte a molte delle principali sfide odierne in fatto di sostenibilità e sviluppo, dal consumo energetico all’inquinamento acustico, dalla resilienza al fuoco alla carenza idrica e alle alluvioni. La gamma di prodotti Rockwool rispecchia la diversità di bisogni a livello mondiale e aiuta gli stakeholder a ridurre la propria impronta energetica. La lana di roccia è un materiale versatile ed è la base di tutte le attività del gruppo. Con circa 11.700 colleghi appassionati in 39 Paesi, è fra gli specialisti mondiali nelle soluzioni in lana di roccia: dall’isolamento degli edifici ai controsoffitti acustici, dai sistemi di rivestimento per facciate alle soluzioni per l’orticoltura, dalle fibre speciali per uso industriale ai prodotti isolanti per il settore industria, marina e offshore.


CHRONICHAE SAIE 2020 Concrete e Soltec Introductio www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno pagina#B^P#B^_

Un assaggio di ripresa

L0)63#83#/%34+/;R*+03#93//.#<.093?*.#83?@2.#93-32?*0.23#;0#0;+4+#<32*+9+#9*#)+0(0.?30-+"# Saie di Bologna ha dimostrato tutta la vitalità del settore edile e l’opportunità di un appuntamento (32*8-*)+O#E./#=N#./#=o#+--+@23#ABAB#/.#?.0*'38-.R*+03#:.*3#.#1+/+Q0.#6.#?388+#*0#8)30.#*/#<./*0838-+# della modernità e dell’evoluzione tecnologica che il mondo industriale hanno portato in termini 9*#*00+4.R*+03#03/#83--+23#93*#?.-32*./*#<32#/%39*/*R*."#)+0#/%*0-2+9;R*+03#9*#0;+4*#<2+9+--*#<+/*?32*)*"# )+?<+8*-*#3#@*+/+Q*)*O#L0)63#*#?.-32*./*#)/.88*)*#6.00+#8;@*-+#;0#2*00+4.?30-+"#8+<2.--;--+#Q2.R*3# .//%*0-2+9;R*+03#9*#-3)0+/+Q*3#9*#-2.--.?30-+#3#-2.8'+2?.R*+03#*0#Q2.9+#9*#?+9*().23#3#?*Q/*+2.23# /3#).2.--32*8-*)63#*0-2*083)63#9*#;0#?.-32*./3#39*/3#9.#)+8-2;R*+03O#E;3#Q/*#38<+8*-+2*#)63#.@@*.?+# 8)3/-+"#9;2.0-3#/.#0+8-2.#<*.)34+/3#4*8*-.#*/#=^#+--+@23#8)+28+"#<32#9.23#4+)3#.//3#.R*3093\#M+0)23-3# 3#:+/-3)6O#,/#<*.)34+/3#*0)+0-2+#)+0#l2;<<+#H30-*9;3#V03//.#'+-+#8+--+T#6.#.<32-+#/.#Q*+20.-.O Il mondo delle costruzioni ricorre ogni giorno all’utilizzo di materiali edili con ca­ 2.--32*8-*)63#9*''3230-*"#9.*#)/.88*)*#?.--+0*# 3#/3Q0+#(0+#.#W;3//*#<*b#*00+4.-*4*#)+?3#*# polimerici e i biomateriali. In un contesto di mercato edile in cui pro­ Q3--*8-*"#)+8-2;--+2*"#8322.?30-*8-*#3#;-30-*#(­ 0./*#8*#9*?+8-2.0+#83?<23#<*b#38*Q30-*#03/­ /.#2*)32).#9*#8+/;R*+0*#9*#W;./*-U"#*/#?+09+# delle costruzioni è chiamato alla nuova 8(9.#9*#8.<32#)+003--323#Q/*#;-30-*#)+*0­ volti nel processo edilizio attraverso scelte )+8-2;--*43#*00+4.-*43#)63"#<.2-309+#<2+­ <2*+#9.*#?.-32*./*"#*0)/;9.0+#3#*0-3Q2*0+\#

8+8-30*@*/*-U"# 9;2.@*/*-U"# *00+4.R*+03# -3)­ 0+/+Q*)."# <2+Q3--.R*+03# .2)6*-3--+0*)."# 3'()*30R.# 3032Q3-*).# 3# <2+<2*3-U# .0-*8*­ smiche. Anche se l’evoluzione della pandemia sembra determinare un nuovo periodo 9*#)+0(0.?30-+"#:.*3#9*#1+/+Q0.#6.#9*­ mostrato tutta la vitalità del settore edile 3#/%+<<+2-;0*-U#9*#;0#.<<;0-.?30-+#(32*­ 8-*)+O#L#1+/+Q0."#9./#=N#./#=o#+--+@23"#6.# .4;-+# /;+Q+"# *0# <23830R.# 3# )+0# -;--3# /3# <23).;R*+0*# 93/# ).8+"# /.# ?.0*'38-.R*+03# :.*3"#;0#.<<;0-.?30-+#<32#/%39*/*R*.#)63# Senaf"# )+0# Q2.093# *?<3Q0+# 3# 93-32?­


CHRONICHAE_SAIE con Concrete e Soltech

0.R*+03"# 8-.# 2*<+2-.09+# .# ;0.# 83?<23# ?.QQ*+23# 4*8*@*/*-U"# .'(0.09+03# Q/*# 8-2;­ menti convegnistici e congressuali e por­ -.09+#;0#0;?32+#9*#38<+8*-+2*#83?<23#<*b# 0;?32+8+#3#83?<23#<*b#W;./*-.-*4+#8+--+# le volte di BolognaFiere. La risposta del pubblico non è stata timi­ 9."# =B?*/.# 4*8*-.-+2*# 6.00+# .''+//.-+"# 8*.# <;23# )+0# /3# 9+4;-3# '+2?3# 9*# 9*8-.0R*.­ ?30-+"#*#)+22*9+*#93//.#(32.#3#Q/*#38<+8*-+­ 2*# 6.00+# <+-;-+# )+0-.23# 8;# ;0%.'Z;30R.# costante e motivata di clienti attivi e po­ tenziali. Emilio Bianchi"#9*23--+23##9*#:30.'"#0+0#6.# ?.0).-+#9*#8+--+/*03.23#Q/*#.8<3--*#W;./*­ ().0-*#9*#:.*3#ABAB"#;0%39*R*+03#<.2-*)+­ /.23"# *0# ;0# )/*?.# 9*# *0)32-3RR.# )238)30-3# relativamente alla pandemia in corso ma anche di grande volontà di trovare 8+/;R*+0*#3#<2+8<3--*43\#«Quest’edizione di O"&$'D'ha dichiarato'D'0"'"8.#('.,'6&1,&+­ cato profondo: non è stata solo una clas­ sica esposizione ma un momento unico 2$%'%&/(,,$##$%$'#.##('&)'#$66.#('2%(4.##&8(' 4$))"'+)&$%"'$4&)$7'J'6#"#"'.,"'!",&*$6#"­ <&(,$' 4")' *(%#$' 8")(%$' 6&!;()&/(' /0$' 0"' 4&!(6#%"#('",/(%"'.,"'8()#"')"'8(1)&"'4&' %&2"%#$,<"'4&'"66(/&"<&(,&7'&!2%$6$'$'2%(­ *$66&(,&6#&7'/(,'&)'6.22(%#('4$))$'&6#&#.<&(,&7' oltre al ruolo di centralità di Saie per il comparto delle costruzioni. O&"!(' (%1(1)&(6&' 4&' "8$%' /%$4.#(' *(%#$­ mente in questo appuntamento e di "8$%)('%&2(%#"#('&,'.,"'2&"<<"'&!2(%#",#$' /(!$' ^()(1,"=' O(,(' 6#"#$' -."##%(' 1&(%­ ,"#$' &,#$,6$7' %&//0$' 4&' $8$,#&' &,' /.&' 1)&' (2$%"#(%&'4$)'6$##(%$7'6&'6(,('2(#.#&'&,/(,­ trare di persona e confrontare in sicurez­ <"'6.))$'6().<&(,&'!&1)&(%&'2$%'"**%(,#"%$')$' 6+4$'/0$'#.##&'&,6&$!$7'/(!$'6&6#$!"7'4(­ 8%$!('6.2$%"%$=' b')"')(%('8(/$'/0$'"'O"&$'";;&"!('8().#(' "!2)&+/"%$=' S4' J' "' )(%(' /0$' 8"' &)' ,(6#%(' 2&`'6$,#&#('1%"<&$V= MOMENTI CONVEGNISTICI DI RILIEVO &0#2;+/+#'+09.?30-./3"#<32#/.#2*Z388*+03# sui temi del settore nella presente contin­ Q30R."##`#8-.-+#*/#)+043Q0+#*0.;Q;2./3#+2­ ganizzato da Saie e Federcostruzioni che 6.#4*8-+"#-2.#Q/*#./-2*"#Q/*#.;-+234+/*#*0-32430-*#

93//.#5*0*8-2.#93//3#,0'2.8-2;--;23#3#93*#C2.­ sporti Paola De Micheli"#93//.#<238*930-3# di Federcostruzioni Federica Brancaccio"# del presidente di Ance Gabriele Buia"#93/# sindaco di Bologna Virginio Merola"# 93/# presidente di Bologna Fiere Giampiero Calzolari"# 3# 93/# <238*930-3# 9*# :30.'# 3# 9*# l2;<<+#C3)0*)63#J;+43#Ivo Nardella. Un appuntamento in cui si è discusso di tutti i temi caldi che riguardano l’edili­ R*.#3#/3#*0'2.8-2;--;23O#C3?*#)63#8+0+#8-.-*# +QQ3--+# .0)63# 93//%+88324.-+2*+# :.*3"# /.# 2*)32).#+2Q.0*RR.-.#9.#:30.'#8;#;0#<.03/# 9*#*?<2383#9*#<2+9;R*+03"#9*8-2*@;R*+03#3# 8324*R*#<32#*/#83--+23#93//3#)+8-2;R*+0*O#,/#'+­ );8#:.*3#*0#M./)38-2;RR+#3#/%3430-+#M.88.# Edile Award hanno completato la parte associativa della convegnistica ma non è mancata una ricca messe di incontri e seminari che hanno completato degna­ mente la parte espositiva.

In apertura, sopra, alcune immagini del SAIE che si è tenuto dal 14 al 17 ottobre a Bologna (anche a pagina 66) e un momento dell’incontro che que­ 2-#)+"!#),%)<#),'(2"(-%-')*%),!"#!"),'()%$)u!188') O"(-%*1")("$$#)D'-')*"$$#)8#;%(#)#)+#(,'c)*#)2%(%­ stra a destra Pietro Ferrari, Filippo Macigni, Valen­ tina Monfardini e Sonia Maritan.


CHRONICHAE SAIE 2020 Concrete eConcrete Colloquium Soltec www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno pagina#B>B#B>=

J+0#8+/+#/3Q0+

L/#:L,G#9*#1+/+Q0."#39*R*+03#ABAB"#*+#3#/%G9*-+23#9*#w3@#.09#5.Q.R*03#I*3-2+#t322.2*"#.@@*.?+#.4;-+# */#<*.)323#9*#*0)+0-2.23#l*.00*#1*RR+--+#)63#)*#6.#<.2/.-+#9*#8+'-[.23#<32#/.#<2+Q3--.R*+03#8-2;--;2./3# 03/#).?<+#93//%*0Q3Q032*.#)*4*/3"#W;3*#<2+9+--*#)63#<2+Q2.??.-+2*#3#*0Q3Q032*#V)+?3#/;*T#)23.0+# *0#M+0)23-3"#@.8.-.#.#I.9+4.O#j#/%+)).8*+03#9*#;0.#)+04328.R*+03#?+/-+#*0-32388.0-3#8;/#-3?.#93/# 8+'-[.23#03/#/3Q0+#8-2;--;2./3#3#03*#?.-32*./*#./-320.-*4*#+#)+//.@+2.0-*O 360 DEGREE SOFTWARE Concrete is a manufacturer of structural design software in the field of engineering born within and for the needs of a technical study with many years of activity in the specific field. It is proposed to follow the civil engineer in every need in the structural field. The staff consists of engineers and not just prepared programmers create and update programs but they directly assist all engineering firms who habitually use ours software. The programs cover the topic of structural design starting from the input graph until you get through powerful and sophisticated FEM analysis, to sizing of reinforced concrete structures, steel, masonry and wood, and to the production of executive drawings necessary for professional practice. with its reference program Sismicad which deals with structural calculation oriented to buildings, it cares of different materials: reinforced concrete, masonry, steel and also wood for both analysis of new and existing structures, for obvious topical reasons.

Gli chiediamo innanzitutto come si con­ noti l’azienda e quali siano le sue origini. «Concrete è un’azienda produttrice di 6(*#T"%$'2$%')"'2%(1$##"<&(,$'6#%.##.%")$' ,$)' /"!2(' 4$))A&,1$1,$%&"' /&8&)$' @' esor­ disce Gianni Bizzotto'@7',"#"'"))A&,#$%,('$' per le necessità di uno studio tecnico con !()#&'",,&'4&'"##&8&#?',$)'/"!2('62$/&+/(=' O&' 2%(2(,$' 4&' 6$1.&%$' )A&,1$1,$%$' /&8&)$' &,' (1,&' 6.(' ;&6(1,(' ,$)' /"!2(' 6#%.##.­ %")$=']('6#"**'J'/(!2(6#('4"'&,1$1,$%&'$' 2%(1%"!!"#(%&' 2%$2"%"#&' /0$' ,(,' 6()(' /%$",(' $' "11&(%,",(' &' 2%(1%"!!&' !"' "66&6#(,('4&%$##"!$,#$'#.##&'1)&'6#.4&'4&'&,­ 1$1,$%&"'/0$'.6",('";&#.")!$,#$'&',(6#%&' 6(*#T"%$V=

2(#$,#&'$'6(+6#&/"#$'",")&6&'cS57'")'4&!$,­ sionamento delle strutture in cemento ar­ !"#(7' "//&"&(7' !.%"#.%$' $' )$1,(7' $' "))"' 2%(4.<&(,$'4$1)&'$)";(%"#&'1%"+/&'$6$/.­ #&8&',$/$66"%&'"))"'2%"#&/"'2%(*$66&(,")$V.

Quali prodotti offrite? XE'2%(1%"!!&'/(2%(,(')"'#$!"#&/"'4$))"' 2%(1$##"<&(,$'6#%.##.%")$'"'2"%#&%$'4"))A&,­ 2.#' 1%"+/(' +,(' "4' "%%&8"%$7' "##%"8$%6('

`1#$)_)$#)28",%+,%-I)*"$)$";(')%()H1"2-') caso, ad esempio rispetto le performan­ ce antisismiche? XE,'-.$6#&'.)#&!&'",,&'6&'6(,('68&).22"#$'4&­

Pietro Ferrari, chiede se la loro area di in­ tervento sia più ampia rispetto al legno. XOd' @' risponde l’ingegner Bizzotto' @7' ,(&7' /(,' &)' ,(6#%(' 2%(1%"!!"' 4&' %&*$%&!$,#(' O&6!&/"4'/0$'6&'(//.2"'4&'/")/()('6#%.#­ #.%")$'(%&$,#"#('"1)&'$4&+/&7'/&'(//.2&"!(' 4&'4&8$%6&'!"#$%&")&B'/$!$,#('"%!"#(7'!.­ %"#.%"7'"//&"&('$'",/0$')$1,('6&"'2$%')A"­ ,")&6&'4&'6#%.##.%$',.(8$'/0$'$6&6#$,#&7'2$%' (88&'!(#&8&'4A"##.")&#?V=


CHRONICHAE_SAIE con Concrete e Soltech

8$%6$'#$/,()(1&$'/(,'2",,$))&'2(%#",#&'&,' )$1,(' /0$' 6&' %&)$8",(' 6&6!&/"!$,#$' 2$%­ *(%!",#&'2$%/0C'&)')$1,('0"')"'/"%"##$%&­ 6#&/"' 4&' "8$%$' .,"' *(%#$' %$6&6#$,<"' .,&#"' "'.,"'/$%#"')$11$%$<<"='E,'-.$6#('6$,6(' 2$%'")/.,$'#&2()(1&$'4&'$4&+/&'/(,'.,',.­ mero limitato di piani possono essere uti­ )&<<"#&'&,'!",&$%"'(##&!")$'",/0$'&,'<(,$' *(%#$!$,#$'6&6!&/0$'6$,<"')"',$/$66&#?'4&' 2"%#&/()"%&' "//(%1&!$,#&=' I,/0$' &,' E#")&"' ";;&"!('/(!.,-.$'"8.#('!(4('4&'8$­ 4$%$'%$")&<<"#&'$4&+/&'/(,'2"%$#&'&,')$1,(' /0$'"%%&8",('"'6$##$U(##('2&",&V= Sonia Maritan innerva il software al BIM… «Si stanno iniziando a utilizzare le tecno­ )(1&$'^E5'2$%/0C'",/0$'&)'2&//()('('!$­ 4&('2%(*$66&(,&6#"'4$8$'2(#$%'"8$%$'4$1)&' 6#%.!$,#&'2$%'2(#$%'2%(1$##"%$'&,'!",&$­ %"'8$)(/$'$'6&/.%"'-.$6#('1$,$%$'4&'6#%.#­ #.%$V= T()/'*#$%-I)%(-"!,'(("22#)"),'()$#)8'22%­ 0%$%-I)*%)1-%$%&&#!")1()1(%,')/'*"$$')*%)!%­ ferimento per tutte le componenti dell’e­ *%+,%'M Xb' 6(2%"##.##(' ,$)' )$1,(' /0$' 6&' 6#"' $8&­ 4$,<&",4(' -.$6#"' !(4")&#?' 2%(1$##."­ )$=' I))A&,#$%,(' 4&' -.$6#&' 2%(/$66&' /&' 6(,(' 4&8$%6$' #&2()(1&$' 4&' 2%(;)$!"#&/0$' 4"' %&6()8$%$' /0$' 6#&"!(' "**%(,#",4(' 1&?' 4"' -.")/0$'",,(='I;;&"!('%&6/(,#%"#('*%"'&' ,(6#%&'/)&$,#&'4$))$'$6&1$,<$'!()#('"!2&$' )$1"#$' ",/0$' "))"' 2%$*";;%&/"<&(,$' 4$)' 2%(4(##(7'!"'&)'!(,4('4$))"'2%(1$##"<&(­ ,$'6#%.##.%")$'&,'E#")&"'0"'2%(/$66&'4&')"8(%(' /0$'4&**$%$,<&",('1$(!$#%&/"!$,#$')A$­ 4&+/&('4"'")#%&'!(!$,#&'4&'2%(1$##"<&(,$B' )A"%/0&#$##(' 0"' 4$#$%!&,"#$' $6&1$,<$' $' 2%(4./$'&4$$'$'1$(!$#%&$'4$+,&#$',$))"' *"6$'4&'2%(1$##"<&(,$'4$))$'*(%!$7')('6#%.#­ #.%&6#"7' &,8$/$7' 0"' ;&6(1,(' 4&' ")#%$' 1$(­ !$#%&$7' 2$%' %&.6/&%$' "' 4&62(%%$' 4&' !(4$))&' !"#$!"#&/&' /0$' %"22%$6$,#&,(' &,' !(4(' "22%(2%&"#('&)'2%(1$##(7'/0&'8"'&,'2%(4.­ <&(,$7' 2(&7' 0"' ",/(%"' ,$/$66&#?' 4&8$%6$=' I' 8()#$' -.$6#&' !(,4&' 6&' 6/"!;&",(B' 2$%' $6$!2&(')"',$/$66&#?'4&'"8$%$'.,"'%"2&4"' 2%$8$,#&8"<&(,$' 4$&' /(6#&' 4&' /(6#%.<&(,$7' 2.N' %$,4$%$' ,$/$66"%&(' 2"66"%$' 8$)(­ /$!$,#$'4"))"'*(%!"'('4"'.,'$6$/.#&8(' 1&?' &,' 2%(4.<&(,$' ")' /")/()(' 6#%.##.%")$=' 3.%#%(22('2(&/0C'/&"6/.,('4&'-.$6#&'"!­ ;&$,#&'0"'$6&1$,<$'4&8$%6$7'&)'#$/,&/('6#%.#­ #.%")$' 4$8$' !",#$,$%6&' *$4$)$' "' -.$))$' /0$'6(,(')$'%&/0&$6#$7'$'6$'-.$6#$'1$(!$­ #%&$'6(,('4&**$%$,#&'&)'#$/,&/('4$8$'#%(8"­ re il modo di conciliarle. Personalmente 6(,('4$))A&4$"'/0$'&)'F!(4$))('.,&/(H'6&"'

4&*+/&)!$,#$' 2%"#&/";&)$' $' ,(,' 6(,(' )A.­ ,&/(7' 8&6#(' /0$' ,$)' !(,4(' 2%(1$##.")$' ;%&#",,&/(' &)' 4&;"##&#(' J' "2$%#(=' eA")#%"' 2"%#$7' ";;&"!(' 8&6#(' ,$1)&' .)#&!&' #$!2&' /0$',.!$%(6&'2%(4.##(%&'4&'6(*#T"%$'"')&­ 8$))(' &,#$%,"<&(,")$' 6#",,(' 2%(2(,$,4(' delle piattaforme comuni nelle quali di F!(4$))&'.,&/&H',(,'6$',$'6$,#$'"**"##(')"' ,$/$66&#?='f%(8('*(,4"!$,#")$'/0$'(1,&' 6#"**' !",#$,1"' )$' 2%(2%&$' /(!2$#$,<$' $' %&$6/"' "' /(!.,&/"%$' "1)&' ")#%&' !$!;%&' 4$)'#$"!'4&'2%(1$##"<&(,$')$'&,*(%!"<&(­ ,&' /0$' 6$%8(,(=' L.$6#(' 2%(/$66(' ,(,' J' 6$!2)&/$'$7',$)'/"6('62$/&+/('4$))$'6#%.#­ #.%$'&,')$1,(7'%&/0&$4$'4&'2%$8$4$%$'"))A&,­ terno del software strutturale un insieme 4&'*.,<&(,")&#?'.#&)&'",/0$'"4'")#%$'2%(*$6­ 6&(,")&#?' /())$1"#$' "))"' 2%(1$##"<&(,$' $7' !"1"%&7' ",/0$' "' -.$))$' ,$/$66"%&$' "))$' !"//0&,$' 4"' #"1)&(=' O&"!(' /(,8&,#&' 4&' "8$%'68&).22"#('!()#$'*.,<&(,")&#?'.#&)&'2$%' -.$6#&'2%(/$66&'$'6#&"!('6$!2%$'")')"8(%(' 2$%'*"%)$'$8()8$%$',$)'!&1)&(%$'4$&'!(4&V= Pietro Ferrari chiede se il fatto di avere uno sguardo a 360 gradi rispetto alle software house specializzate nel settore legno, in considerazione del percorso sempre più accentuato di ibridazione dei materiali, dia loro una visione più ampia. Xe&/&"!('/0$'!()#('62$66('&)',(6#%('2%(­ 4(##('J'%&/0&$6#('2%(2%&('2$%'-.$6#"'2()&$­

L’immagine dello stand di Concrete al SAIE 2020 di Bologna durante l’intervista di Pietro Ferrari a Gianni Bizzotto (nella pagina di sinistra) e alcuni disegni realizzati con il software Sismicad di Con­ crete.


CHRONICHAE SAIE 2020 Concrete eConcrete Colloquium Soltec www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno pagina#B>A#B>f

4%&/&#?7'2$%/0C'.,'$4&+/&('2.N'$66$%$'.,"' .,&#?'6&,1()"'$',.(8"'!"'2.N'$66$%$'",­ /0$'.,"'6(2%"$)$8"<&(,$'&,')$1,('4&'.,' $4&+/&('6#(%&/('&,'!.%"#.%"='I'-.$)'2.,#(' &)'#$/,&/('0"';&6(1,('4&'/")/()"%$')$'*(,­ 4"<&(,&'&,'/$!$,#('"%!"#(7')$'6#%.##.%$'&,' $)$8"<&(,$' &,' !.%"#.%"' $' )"' 6(2%"$)$8"­ <&(,$'&,')$1,(=']A$6&1$,<"'/0$'&,/(,#%&"­ !('6$!2%$'2&`'62$66('J'2(&'-.$))"'4&'1$­ 6#&%$'1)&'$4&+/&'$6&6#$,#&'/(,'.,A",")&6&'4$)' #.##('4&**$%$,#$7'%&62$##('"1)&'$4&+/&',.(8&=' K11&',"6/$'",/0$')A.%1$,<"'4&'/")/()"%$' -.$))&'/0$'6(,('4$+,&#&'&,4&/"#(%&'4&'%&6/0&(' 6&6!&/('2$%')$'6#%.##.%$'&,')$1,('1&?'$6&6#$,­ #&7' 2$%/0C7' (%!"&7' )$' /(6#%.<&(,&' &,' )$1,(' /(!&,/&",('"4'"8$%$';&6(1,('4&'$66$%$' %&8&6#$' 2$%' )$' 2%(/$4.%$' 4&' 6&6!"U;(,.6=' G")/()"%$' 1)&' &,4&/"#(%&' 4&' %&6/0&(' 6&6!&/(' 2$%'-.$6#&'$4&+/&',(,'J'.,')"8(%('6$!2)&­ /$7'2$%/0C'&)')$1,('%&/0&$4$'.,"'6$%&$'4&' 8$%&+/0$' ,(%!"#&8$' !()#(' "!2&"' $' /0$' stiamo prendendo in esame proprio in -.$6#&'!$6&='G(,6&4$%&"!('",/0$'/0$')$' ,(%!"#&8$'6&'6#",,('$8()8$,4('/(6#",#$­ !$,#$' 6(2%"##.##(' 2$%' /&N' /0$' %&1."%4"' )$'1&.,<&(,&'/0$'6(,('(88&"!$,#$'&,'"/­ /&"&('$'&,'")).!&,&(='O(,('4.,-.$'!()#&'1)&' $)$!$,#&'/0$'$,#%",('&,'1&(/('!"')"',(­ 6#%"' 2%(2(6#"' J' 6$!2%$' %&8()#"' "&' #$/,&/&' 4$)'/")/()('6#%.##.%")$'/0$'4$8(,('"8$%$' 6#%.!$,#&' 4&' /")/()(' 2$%' (1,&' 6&#."<&(,$' 2%(1$##.")$V= L’evoluzione di questi prodotti che voi re­ alizzare per rendere intelligibile quanto meglio possibile un linguaggio comune ai diversi gruppi di lavoro che concorro­ (')8'%)#)!"#$%&&#!")$L"*%+,%')K)'22"!F#):'­ (%#).#!%-#()K)_)D#,%$%-#-')*#$$L"F'$1&%'(") insita nel digitale che regala rendering realistici sin nel dettaglio? «La precisione è insita nel calcolo: nel /"6('4$)')$1,('J')A$6&1$,<"'4&'"8$%$',$)­ )"' *"6$' 2%(1$##.")$' .,' /$%#(' 1%"4(' 4&'

2%$/&6&(,$'/0$'4$8$'2(&'$66$%$'/(%%$##"­ !$,#$' #%"6!$66"' &,' #.##$' )$' *"6&7' 2$%/0C' )"' 2%$*";;%&/"<&(,$' 4$8$' 2$%!$##$%$' 4&' "%%&8"%$'&,'/",#&$%$'/(,'#.##&'1)&'$)$!$,#&' ,$))$' 2(6&<&(,&' $' ,$))$' 4&!$,6&(,&' 1&.6#$' come i pezzi di un puzzle. Purtroppo que­ 6#&'!(,4&'@'/")/()('6#%.##.%")$7'2%(1$##"­ <&(,$' "%/0&#$##(,&/"7' 2%$*";;%&/"<&(,$' 4&' 6#%.##.%$' @' ,(,' 6$!2%$' 4&")(1",(' ,$)' !(4(' /(%%$##(=' G(,6&4$%&"!(' /0$' ,$))"' storia delle costruzioni tradizionali soprat­ #.##('2$%'-.",#('%&1."%4"'&)'/")/$6#%.<<(7' !()#(' 62$66(' 6&' 4$!",4"8"' )"' 1$6#&(,$' 4&'!()#&'4$##"1)&'4$))A(2$%"'"))"'*"6$'4&'/(­ 6#%.<&(,$'$'!()#$'4$/&6&(,&'6&'2%$,4$8",(' direttamente in cantiere. Ora c’è la necessità di pensare a come 6"%",,('%$")&<<"#&'#.##&'&'4$##"1)&'2$%'$8&#"­ %$'2%(;)$!&'&,'/",#&$%$='E,'2%"#&/"'&)'2%(­ /$66(' 4&' 2%(1$##"<&(,$' 4$8$' $66$%$' 2&`' curato rispetto al passato. Lo strutturista 4$8$' /$%/"%$' 4&' !",#$,$%$7' ,$))A")8$(' 4$))$' 6.$' /(!2$#$,<$7' ",/0$' &,*(%!"­ zioni supplementari di cui in passato non 6&'J'!"&'&,#$%$66"#(='E,'-.$6#(7'&)'2%(/$66(' ^E5'g^.&)4&,1'E,*(%!"#&(,'5(4$))&,1Z'2.N' $66$%$')"'/0&"8$'4&'8()#"'$4'J'.,'"62$##(' /0$'8(1)&"!('6&"'6$!2%$'2%$6$,#$'&,'O&­ 6!&/"47'&)',(6#%('6(*#T"%$'4&'/")/()(V=


CHRONICHAE CHRONICHAE_SAIE con Concrete e Soltech SAIE 2020 Colloquium Soltech

Oltre lo standard

www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno

J3/#)+0-38-+#)+?<.--+#?.#9*0.?*)+#9*#:.*3#.#1+/+Q0.#03//+#8)+28+#?383#9*#+--+@23#.@@*.?+#4*­ 8*-.-+#/+#8-.09#9*#:+/-3)6"#)+0#8393#.#5+0-3/.@@.-3#*0#<2+4*0)*.#9*#I38.2+#3#&2@*0+O#&0#<2+9;--+23# 9*#8*8-3?*#9*#(88.QQ*+#<32#/.#)+8-2;R*+03#9*#/3Q0+#)+0#;0.#Q.??.#9*#<2+9+--*#;0*)*"#)63#9./#=__A#.# +QQ*#8*#`#.?</*.-.#83?<23#9*#<*bO#L#?+8-2.2)*#*#2*8;/-.-*#2.QQ*;0-*#3#/3#8+/;R*+0*#)32-*().-3#`#*/#Q3+?3-2.# 5.--3+#1;238-.#238<+08.@*/3#93//%;'()*+#-3)0*)+O

Vi ponete come unico interlocutore che fornisce ferramenta standard e speciale #$$')2-"22')-"/8'G)%(),'(D'!/%-I)#$$L#--1#­ le normativa UNI EN 1090, per risponde­ re alle richieste di forniture tecniche per $L"*%$%&%#)*"$)$";('c)#(,'!#;;%)8"!)8%$#2-!%G) collegamenti per travi, tiranti, sistemi di 2%;%$$#-1!#G) ",,W) B;(%) 8!'*'--') K) ,<%"*") :'(%#).#!%-#()a)_)212,"--%0%$")*%),'(-%(1") migliorie? X]$' ,.(8$' 2%(8$' $**$##."#$' 6.)' /(!2(%­ tamento delle connessioni a scomparsa @' .''32?.# 5.--3+# 1;238-.' @' %&62(,4(,(' 2%(2%&('"'-.$6#('(;&$##&8(=' Questo tipo di connessioni sono uno de­ 1)&' $)$!$,#&' 2&`' &!2(%#",#&' .#&)&<<"#&' ,$)' /"!2('4$))$'/(6#%.<&(,&'&,')$1,(7'&,'2"%­ ticolare l’attenzione è proprio sul com­ 2(%#"!$,#('4$1)&'$)$!$,#&'"'6/(!2"%6"' &,'"//&"&('$'&)'*"##(',.(8('J'2%(2%&('4"#(' 4"))A"8$%'6#.4&"#('&)'/(!2(%#"!$,#('%$"­ )$'6&"'2$%'-.",#('%&1."%4"'&)'+66"11&('"))"' #%"8$' 2%&,/&2")$' 6&"' "))"' #%"8$' 6$/(,4"­ %&"='3%(8$'/(6d'"22%(*(,4&#$',(,',$'$%"­ ,(' !"&' 6#"#$' *"##$7' 2$%/0C' "))$6#&%$' .,' )";(%"#(%&('2$%'%&2%(4.%%$'4$))$'6&#."<&(,&'

reali è sempre un po’ complicato. ^&6(1,"' 2%(1$##"%$' $' /(6#%.&%$' )A"#­ #%$<<"#.%"'2$%'&'OSf'Y27'(//(%%$'#%(8"­ %$'.,')";(%"#(%&('"##%$<<"#('$'2%$2"­ rato disposto a farlo come il CNR di f%$,#(7' ()#%$' "))A&!2$1,(' 4&' &,8$6#&%$' &,'-.$6#"'&,&<&"#&8"'&,'#$%!&,&'di tem­ 2(7'%&/$%/"'$',(,'.)#&!(')A&,8$6#&!$,­ #('&,'!"#$%&")$7'2$%/0C'6(,('6#"#&'/(,­ 6.!"#&'68"%&"#&'!$#%&'/.;&'4&')$1,(V.

L’immagine dello stand di Soltech al SAIE 2020 di Bologna durante l’intervista di Sonia Maritan a Matteo Buresta e al­ cune immagini della staffa a scomparsa Steel.


CHRONICHAE SAIE 2020 Concrete eSoltech Colloquium Soltec www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno pagina#B>N#B>^

L’impegno di grande rilievo da parte di Soltech rappresenta un contributo per tutto il settore, considerato che un labo­ ratorio esterno ha avvallato questi nuovi test! Xf.##&' &' %&6.)#"#&' 6(,(' 6#"#&' /(,#%())"#&7' 8$%&+­ /"#&'$'",")&<<"#&'4"))A&,1$1,$%'Marco Pio Lauriola7'4(/$,#$'"))AY,&8$%6&#?'4&'c&%$,<$' $' #&#()"%$' 4$))(' FO#.4&(' f&!;$%4$6&1,H7' $' messi su carta. In questo contesto è stato 68&).22"#('.,'6&6#$!"'4&'/")/()('2&`'"2­ 2%(*(,4&#(7'",4",4('()#%$'-.$))('/0$'8&$­ ,$'&,4&/"#(',$))"',(%!"#&8"'4&'%&*$%&!$,#(' Eurocodice 5='3"%#$,4('4"))$'*(%!.)$'/0$' 8$,&8",(' *(%,&#$' 4"))"' ,(%!"#&8"' 6(,(' 6#"#$'"11&.,#$'")/.,$'!&1)&(%&$'/0$'6(,(' &)'%&6.)#"#('4$)'%$")$'/(!2(%#"!$,#('4$1)&' $)$!$,#&'/(6#&#.$,#&')A&,#$%"'/(,,$66&(,$7' 6(##(2(6#&' "' /"%&/0&' %$")&=' R"' 6(##()&,$"­ #(' &,()#%$' /0$' )A.,&/(' 4(/.!$,#(' /0$' /&' "8%$;;$' /(,6$,#&#(' 4&' &!!$##$%$' &)' 2%(­ 4(##('6.)'!$%/"#('$'.#&)&<<"%$'-.$6#&',.(8&' 8")(%&'$%"'/(6#&#.&#('4"'.,"'ETA (European Technical Assesment); per questo la do­ /.!$,#"<&(,$'J'6#"#"'&,8&"#"'&,'e",&!"%­ /"7'J'6#"#('68&).22"#('&)'4(/.!$,#('$4'J' 6#"#"'(##$,.#"')"'SfI'2$%')"'4&6#%&;.<&(,$' $')"'/(!!$%/&")&<<"<&(,$'&,'#.##"'S.%(2"' $'6(2%"##.##('2$%'/$%#&+/"%$')"',.(8"'!(­ 4")&#?' 4&' /")/()(=' E,' 6&,#$6&' 6&' /$%#&+/"' .,' 2%(4(##('/0$'0"'4$))$'2%$6#"<&(,&'!&1)&(­

Tramite la coordinazione di una rete di specialisti a livello nazionale, riuniti in un POLO INTERDISCIPLINARE, adotta tecnologie di ultima generazione, per disinfestazioni eco-compatibili di manufatti e ambienti, risoluzione definitiva dell’umidità di risalita, diagnostica e consolidamento delle carpenterie. Gianfranco Magri, iscritto al Collegio Periti Italiani quale esperto nelle categorie Antichità e Belle Arti, Legno, danni causati da tarli, parassiti, microclima, offre “Servizi di tutela da agenti patogeni per Beni Culturali e Civili e supporto peritale per danni causati da tarli, tèrmiti, umidità”, con l’apporto delle metodologie esclusive di ArteControl Consulting.

Olympo System Antitarlo è la sua filosofia operativa, che coordina, in progetti integrati chiavi in mano, diagnosi, cura, messa in sicurezza, prevenzione, controllo nel tempo, ordinaria manutenzione. Tiene corsi formativi per Ordini Professionali di progettisti, Ingegneri, Architetti, Geometri, Scuole edili e per Conservatori dei Beni Culturali nelle Università e Accademie di Belle Arti.

®


CHRONICHAE_SAIE con Concrete e Soltech %&'%&62$##('"'-.$))$'/0$'6&'2(#$8",('+,(­ %"' (##$,$%$' $' /$%#&+/"%$=' 3$%' *"/&)&#"%$' $' rendere più rapido l’utilizzo del prodotto &,'*"6$'4&'2%(1$##"<&(,$7'!$##&"!('"'4&­ sposizione un software di calcolo apposi­ #"!$,#$'68&).22"#('/0$'J'6/"%&/";&)$'4")' ,(6#%('6&#('6()#$/0(,)&,$=/(!V= A noi sembra giusto sottolineare un altro #28"--'c):'$-",<)12#)8%#2-!")*L#,,%#%')8"!) %) 21'%) 2%2-"/%) *%) +22#;;%') ") 1(L#!-%,'$#-#) %(-"!F%2-#)#)H1"2-#)!"#$-I)K)8"!)$#)H1#$") rimandiamo al numero 26 di Struttura Le­ gno sfogliabile sul sito www.webandma­ ;#&%("W/"*%#)K)$#)D#,"//')#)P/#(1"$") Gatti, l’Amministratore di Soltech, in oc­ casione di KlimaHouse 2019 a Bolzano. X3$%/0C')A"//&"&('J'.,'!"#$%&")$'$)"6#&/(' ma allo stesso tempo decisamente resi­ 6#$,#$' /0$' &,' /"6(' 4&' 6&6!"' 6&' /(!2(%#"' &,' !(4(' !&1)&(%$' %&62$##(' "4' ")#%&' !"#$­ %&")&'(')$10$'/0$'"'8()#$'8$,1(,('.#&)&<<"#&' 2$%'&)'/())$1"!$,#('4&'$)$!$,#&'6#%.##.%")&' &,')$1,('@'conclude il geometra Buresta @7' 2$%' -.$6#(' ,(&' /(,#&,.&"!(' "' )"8(­ %"%$' /(,' -.$6#(' !"#$%&")$=' L.$))"' /0$' 2%$6$,#&"!('"))('6#",47'&,'(//"6&(,$'4$)' O"&$'[\[\7'6&'/0&"!"'Fstaffa a scomparsa SteelH7' $4' J' &)' %&6.)#"#(' 4&' .,' &!2$1,(' 4&' %&/$%/"' 4&' -.$6#&' .)#&!&' #$!2&7' 2.%' 6$,<"' 2"%#&/()"%&'6#%"8()1&!$,#&V=

BEYOND THE STANDARD The new tests carried out on the behavior of Soltech’s concealed connections meet a specific objective. This type of connections are one of the elements most important used in the field of wooden constructions, in particular the attention is precisely on the behavior of the retractable steel elements and the new fact is precisely given by having studied the real behavior both as regards the fastening to the main beam and to the secondary beam. Such thorough tests had never been done before, because setting up a laboratory to reproduce real situations is always a bit complicated. It is necessary to design and build the equipment for SET Up, it is necessary to find an equipped and prepared laboratory willing to do it like the CNR of Trento, in addition to the commitment to invest in this initiative in terms of time, and last but not least the investment in material, because several cubic meters of wood were consumed. All results were checked, verified and analyzed by engineer Marco Pio Lauriola, professor at the University of Florence and owner of the “Timberdesign Studio”, and “put on paper”. In this context, a more in-depth calculation system has been developed, going beyond what is indicated in the reference standard Eurocode 5. Starting from the formulas that were provided by the standard, some improvements have been added which are the result of the real behavior of the elements making up the interconnection, subjected to real loads. It goes also stressed that the only document that would have allowed us to enter the product on the market and using these new values consisted of an ETA (European Technical Assessment); for this the documentation was sent to Denmark, the document was developed and the ETA was obtained for distribution and marketing in throughout Europe and above all to certify the new calculation method. In summary yes certifies a product that has better performances than they could so far obtain and certify. To facilitate and speed up the use of the product during the design phase, Soltech makes available a specially developed calculation software that can be downloaded from its website soltechonline.com


CHRONICHAE SAIE 2020 Concrete e Soltec www.saiebologna.it www.concrete.it www.soltechonline.com di Sonia Maritan e Pietro Ferrari

strutturalegno pagina

A TASTE OF RECOVERY In Bologna, from 14 to 17 October, the Saie event took place live and with all the necessary precautions, an appointment for the construction sector that Senaf, with great commitment and determination, is bringing to ever greater visibility. Refining its conference and congress tools and bringing an ever increasing and ever more qualitative number of exhibitors under the vaults of BolognaFiere. The response of the public was not shy, 10 thousand visitors crowded, albeit with the necessary forms of distancing, the corridors of the fair and the exhibitors were able to count on a constant and motivated influx of active and potential customers. Emilio Bianchi, director of Senaf, did not fail to underline the qualifying aspects of Saie 2020, a particular edition, in a climate of growing uncertainty regarding the pandemic in progress but also with a great desire to find solutions and perspectives: 890+'&30$0)%')(':"0&';'he declared ;'9"3'"'!#)()*%3'<&"%0%1='0$'7"+'%)$'5*+$'"'.6"++0.'&/90-0$0)%' -*$'"'*%0>*&'<)<&%$'$)'#&.)%%&.$'$9&'&%$0#&'!#)3*.$0)%'("-#0.')('$9&' .)%+$#*.$0)%'.9"0%,'0$'7"+'"%'&?&%$'70$9'"'+$#)%1'+@<-)60.'?"6*&'$9"$' )%.&'"1"0%'3&<)%+$#"$&3'$9&'3&+0#&'$)'#&+$"#$')('"++).0"$0)%+,'.)<!"­ %0&+'"%3'!#)(&++0)%"6+,'70$9'$9&'+*!!)#$')('$9&'0%+$0$*$0)%+,'0%'"330$0)%'$)' $9&'.&%$#"6'#)6&')(':"0&'()#'$9&'.)%+$#*.$0)%'+&.$)#A'B&'"#&'!#)*3'$)'9"?&' +$#)%16@'-&60&?&3'0%'$90+'"!!)0%$<&%$'"%3'$)'9"?&'-#)*19$'0$'-".C'$)' "%'0<!)#$"%$'+>*"#&'60C&'D)6)1%"E'89&#&'7&#&'()*#'0%$&%+&'3"@+,'(*66')(' &?&%$+'0%'790.9'$9&')!&#"$)#+')('$9&'+&.$)#'7&#&'"-6&'$)'<&&$'0%'!&#+)%' "%3'+"(&6@'"%3'.)<!"#&'$9&'-&+$'+)6*$0)%+'$)'(".&'$9&'.9"66&%1&+'$9"$' "66' $)1&$9&#,' "+' "' +@+$&<,' 7&' 7066' 9"?&' $)' )?&#.)<&A' F$' 0+' $9&0#' ?)0.&' $9"$'7&'7"%$&3'$)'"<!60(@'0%':"0&A'G%3'0$'0+'$)'$9&<'$9"$')*#'9&"#$(&6$' $9"%C+'1)HA' High-level conference moments A fundamental role, for the reflection on the issues of the sector in the present contingency, was the inaugural conference organized by Saie and Federcostruzioni which saw, among others, the authoritative interventions of the Minister of Infrastructure and Transport Paola De Micheli, by Federica Brancaccio president of Federcostruzioni, Gabriele Buia, president of Ance, Virginio Merola, mayor of Bologna, Giampiero Calzolari, president of Bologna Fiere and Ivo Nardella, president of Senaf and Gruppo Tecniche Nuove. An event in which all the hot topics concerning construction and infrastructure were discussed. Themes that were also the subject of the Saie Observatory, the research organized by Senaf on a panel of production, distribution and service companies for the construction sector. The Saie concrete focus and the Cassa Edile Award event completed the associative part of the conference but there was no lack of a wealth of meetings and seminars that completed the exhibition part with contributes to innovation and technology.


La protezione è di casa

Sayerlack: le vernici che proteggono il legno rispettando la natura. !"##$%&"'()*)$+,'$%-"#%#".(/%$01-$2)#)+3%"%'"4)4+"(5$%4/(/%*$'$++"')4+)*6"%"44"(5)$#)7%8$%9$:"'#$*;% #$% ')4</4+$% <"'% =,$#4)$4)% "4)."(5$>% -$##"% *'"$5)/()% $'+).)$($#)% /% $'+)4+)*6"% $##"% <)?% 4/14+)*$+"% #)(""% )(-,4+')$#)7%@A)4<)'$5)/("%)((/&$+')*"%*)%B,/&"%-"+"'B)($(-/%)(*"44$(+"B"(+"%=,$#*/4$%-)%-)&"'4/C% -)%B).#)/'"C%*6"%4/--)41%#"%$4<"++$+)&"%')4<"++$(-/%#A$B2)"(+"%"%#$%&)+$%-"##A,/B/7

www.sayerlack.com


URBS proHolz Austria www.proholz.at di Lorena De Agostini

strutturalegno pagina#B>P#B>_

proHolz Student Trophy 2020

proHolz Austria, la città di Vienna e Wiener Wohnen, attraverso il concorso internazionale studente­ 8)+#<2+p+/R#:-;930-#C2+<6Y#ABAB"#6.00+#<23?*.-+#/3#?*Q/*+2*#*933#<32#*/#8+<2./R+#*0#/3Q0+#93Q/*#39*()*# municipali della capitale austriaca realizzati nel dopoguerra: in particolare il sopralzo del complesso residenziale Upwarded, quello di Wohncollage e l’ampliamento del complesso residenziale Modu­ lus sono stati i progetti vincitori oltre a otto premi di riconoscimento all’Università degli studi di Trento, al Politecnico di Vienna, all’Università slovacca di tecnologia a Bratislava, al Politecnico di Monaco, all’Università di Lubiana, a RWTH Aachen e 2 riconoscimenti a FH Campus Wien.

T() H1"2-#) 8#;%(#G) 2'--'G) $') 2-#-') *%) D#--') *"$$L"­ *%+,%')8"!)%$)H1#$")_)2-#-')2F%$188#-')%$)8!';"--') i8V#!*"*G)("$$#)8#;%(#)#)*"2-!#)%()#$-')%$)!"(*"­ !%(;)*"$$')2F%$188')*"$)8!';"--'G)$#)8$#(%/"-!%#)*%) 1()#88#!-#/"(-')-%8')")*1")%(-"!(%W

Vienna sta crescendo rapidamente in termini di popolazione ed entro il 2027 la città diventerà una metropoli di 2 milioni di abitanti. A causa dell’elevata crescita della popolazione, Vienna ha urgente bisogno di spazio vitale aggiuntivo. So­ <2./R.23#Q/*#39*()*#238*930R*./*#38*8-30-*#+'­ '23#/%+<<+2-;0*-U#9*#'.2#)238)323#H*300.#3# di poter creare nuovi spazi abitativi senza consumare altro suolo. Per questo obiet­ tivo edilizio, il materiale legno porta mol­ ti vantaggi strutturali, allo stesso tempo )+0-2*@;*8)3#.//3#)*--U#4329*#93/#';-;2+"#03/# rispetto del clima. Nell’ambito del con­ corso intern. studentesco Proholz Student Trophy 2020, proHolz Austria, insieme alla città di Vienna e Wiener Wohnen, ha pro­

mosso progetti per sopralzare in legno tre 39*()*#238*930R*./*#4*30038*#93Q/*#.00*#x>BO# Per il concorso sono state ricevute 127 iscrizioni da sette nazioni, tra le quali una giuria di esperti ha scelto tre progetti vin­ citori e ha assegnato otto menzioni. I pre­ mi, per un totale di 8.500 euro, sono stati assegnati lo scorso 13 ottobre durante una cerimonia di premiazione nella sala da cerimonie del Politecnico di Vienna. u$%)"*%+,%)/1(%,%8#$%)*"$)*'8';1"!!#)'D­ D!'(')1()#$-')8'-"(&%#$")8"!)%)2'8!#$&%) A Vienna, le abitazioni municipali del do­ poguerra sono un’ampia percentuale di 39*()*# 238*930R*./*# 38*8-30-*# 3# +''2+0+# ;0# potenziale particolarmente elevato per


Schritt 1:

Schritt 2:

Schritt 3:

Schritt 4:

Schritt 5:

Schritt 6:

Schritt 7:

Ringanker als 

BSP Decken

Montage

Montage

Bodenaufbau

BSP Decken

Dachaufbau

Raummodul

Wände

und Fassade

2 Geschoss

und

Betonfertigteil

Zwischenraum

URBS_proHolz

Fassaden sanierung

Montage  und Übertragbarkeit 







Deckengleicher Unterzug Tragende Wand



 

präfabriziertes Modul  



  









 

 

  

Tragrichtung

 



Tragwerksprinzip

Grundriss 5 OG ­ 1 Geschoss Aufstockung 1:250 

 

!"#

Detail Laubengang 1:10

i sopralzi. ,# 8+/*# 39*()*# )+?;0./*# )+8-2;*-*# -2.#*/#=_^B#3#*/#=_oB#+''2+0+#/.#<+88*@*/*-U#9*# +--30323#(0+#.#oO>BB#0;+4*#.<<.2-.?30­ ti aggiungendo uno o due piani (studio Attic Adapt 2020 di BOKU Vienna e alpS GmbH). Con le loro strutture semplici, le </.0*?3-2*3# ;0*'+2?*# 3# /.# @.88.# 9308*-U# 9*# )+8-2;R*+03# 93//%3<+)."# W;38-*# 39*()*# hanno requisiti ottimali per poter aggiun­ gere nuovi piani. «Utilizzare il potenziale delle abitazioni municipali del dopoguer­ ra fa parte della strategia della città di Vienna per la creazione di ulteriore spa­ zio abitativo. Siamo interessati a soluzioni sistemiche che possono essere trasferite "' !()#&' 4&' -.$6#&' $4&+/&' $7' 6.))"' ;"6$' 4$&' %&6.)#"#&' 4$)' 2%(h()<' O#.4$,#' f%(20M' [\[\7' le implementeremo» spiega N(*!"#2) Meinhold, secondo WSE agenzia per lo sviluppo, Città di Vienna.

T$) $";(') 8'!-#) F#(-#;;%) 2-!1--1!#$%) "*) ",'$'­ ;%,% Il legno è predestinato a questo compi­ -+#39*/*R*+#39#`#+2*30-.-+#.#;0#';-;2+#)63# non riguarda solo Vienna, ma anche molte altre città europee in crescita. «Il peso ridotto del legno presenta van­ taggi strutturali. L’elevato grado di pre­ fabbricazione nelle costruzioni in legno consente una costruzione rapida e sen­ <"' 2%(;)$!&7' .,' *"##(%$' 2"%#&/()"%!$,#$' importante quando si eseguono lavori su $4&+/&'1&?'";&#"#&=' Y)#&!(' !"' ,(,' !$,(' &!2(%#",#$7' &,' quanto materiale da costruzione rinno­ vabile e in grado di stoccare la CO27' &)' legno contribuisce alla protezione del clima e alla decarbonizzazione delle cit­ tà»"#.''32?.#h%,<#!*):-!#$&, presidente di proHolz Austria.

!"#$"%&'(

!"#

Wohnungsgrundriss 1:50

UPWARDED) 6) :'8!#$&') *"$) ,'/8$"22') !"2%*"(&%#$") f!1(­ (V";)=G)\\rr)O%"((#) Team: :'+#) n<'$'*d'F#G) x#(#) :<,<"!0#d'F#G) n#-<#!%­ (#)ne;$) University: i(%F"!2%-I) 7",(%,#) *%).'(#,') Institute: Architettura / Design e costruzioni in legno; Inge­ gneria civile / costruzioni in le­ gno e costruzioni edili Tutor: o"!/#(() n#1D/#((G) .#!"()n'<#12G)^"$%,%#):8",<-Z) Projekt: AUFgewertet.! :-"D#()g%(-"!G).%,<#"$)."!d) Wohnhausanlage: Brunnweg 4 Prize money: 1.500 euro

 

Schritt 1:

Schritt 2:

Schritt 3:

Schritt 4:

Schritt 5:

Schritt 6:

Ringanker als 

BSP Decken

Montage

Montage

Bodenaufbau

BSP Decken

Raummodul

Wände

und Fassade

2 Geschoss

Betonfertigteil


URBS proHolz Austria www.proholz.at di Lorena De Agostini

strutturalegno pagina 070 071

gBobCBQQNuP) 6) 2'8!#$&') *"$) ,'/8$"22')!"2%*"(&%#$")%().#­ !'$-%(;"!;#22")\j65lG)\\?r)O%"(­ (# C3.?\# H*q-+2*.# p.2R/"# t.@*.0# Lazarus University: FH Joanneum Graz Institute: Dipartimento di Edili­ zia, Energia e Società / Laurea Magistrale in Architettura; Ma­ ster in gestione delle costru­ zioni e ingegneria civile C;-+2\# w+/'Q.0Q# :)6?*39"# C*?# w.q+0*Q7$y)q*0Qe#5.2q;8#w./­ /0327J+4.q# Prize money: 1.500 euro

T()H1"2-")8#;%("G)%()#$-'G)#$),"(-!')$')2-#-')*%)D#--') *"$$L"*%+,%')8"!)%$)H1#$")_)2-#-')2F%$188#-')%$)8!';"-­ -')g'<(,'$$#;"W)N)*"2-!#G)1(#)2"&%'(")*"$$')2F%$18­ 8') *"$) 8!';"--') g'<(,'$$#;") ") 2'--') *#) 2%(%2-!#) %) !"(*"!%(;)*"%)*1")8!'28"--%)$'(;%-1*%(#$%)")#)*"2-!#) $#)8$#(%/"-!%#)*"$$L%2'$#-'),<")"F%*"(&%#)$#)8'2%&%'­ (")*"$$L"*%+,%'W

T*""),'(F%(,"(-%)*#%)8!';"--%2-%)*"$)D1-1!' Il proHolz Student Trophy 2020 era alla ri­ cerca di idee sostenibili a tutti i livelli. Agli studenti, che hanno potuto presentarsi )+?3#-3.?#9*#';-;2*#.2)6*-3--*#3#*0Q3Q032*# civili, è stato chiesto di utilizzare il legno come materiale da costruzione, che non `# 8+/+# 8*8-3?*)+# 3# W;*09*# 8<388+# -2.8'32*­ bile, ma permette di realizzare anche abitazioni economiche con buone pla­ nimetrie e valore aggiunto per gli inqui­ /*0*"#8+--+#'+2?.#9*#.233#)+?;0*"#/+QQ3#+# balconi. Inoltre, i miglioramenti del clima .--2.4328+# /%*04329*?30-+# 93//3# '.))*.-3# o dei tetti rappresenta un criterio essen­ ziale. «I progetti del concorso mostrano in modo impressionante le possibilità cre­ ative offerte dalla moderna costruzione &,' )$1,(7' /0$' J' 6#"#"' %&8().<&(,"#"' 4"))$' ,.(8$'#$/,()(1&$7'$'/(!$'6().<&(,&';$,' ponderate per i sopralzi possano por­ tare a un’inversione di tendenza verso .,"' /(6#%.<&(,$' &,#$))&1$,#$7' 6(/&")!$,­ #$'6(6#$,&;&)$7'%&62$##(6"'4$)'/)&!"'$'/0$' preserva le risorse delle città. Da molte ;.(,$' 2%(2(6#$7' 6(,(' $!$%6$' 6().<&(­ ,&' 8&,/$,#&' !$%&#$8()&7' /(,' 2(#$,<&")$' 4&' implementazione che la città di Vienna sa certamente come utilizzare»"#.''32?.# .#Y%/%$%#()h1*'$D)Q1;"!, presidente della giuria, architetti Luger & Maul. n('V6<'V)("$$"),'2-!1&%'(%)%()$";(')8"!) $#)8!'22%/#);"("!#&%'(" Circa un terzo dei partecipanti prove­ nivano dall’Austria, un altro terzo dalla Germania, il resto da Italia e Slovenia, ma anche da Russia, Croazia e Slovacchia. X]('6/(2(' 4&' 2%(h()<' I.6#%&"' J' 2(%#"%$' &)' maggior numero possibile di studenti a un confronto pratico e concreto della !(4$%,"' /(6#%.<&(,$' &,' )$1,(7' 6.6/&#"%$' entusiasmo per il materiale e trasmette­

re il know­how per la sua applicazione nella vita professionale successiva. Con il proHolz Student Trophy 2020 siamo an­ 4"#&';$,'()#%$'&'/(,+,&'4$))AI.6#%&"V"#6.#.'­ '32?.-+# F*)6.29# :-2./RO# $.# )+?<3-*R*+03# è stata aperta a livello internazionale per la prima volta, il che ha colmato una la­ cuna. A oggi, non ci sono stati strumenti comparabili nell’ambiente universitario per introdurre gli studenti alle attività di costruzione con il legno. Numerose uni­ versità hanno collaborato attivamente e tenuto i propri corsi sul progetto edi­ lizio. «Vogliamo continuare questa frut­ tuosa cooperazione internazionale con le università nella prossima edizione del 2%(h()<'O#.4$,#'f%(20M7'/(6d'/(!$')"'/(­ operazione con le città e il focus sul futu­ %('#$!"'4$))"'4$,6&+/"<&(,$V, conclude il presidente di proHolz Austria. Contesto Il proHolz Student Trophy è stato avviato 03/#AB=>#9.#<2+p+/R#:-3*32?.2qO#E.#.//+2."# è stato organizzato ogni due anni e asse­ gnato a gruppi interdisciplinari (architet­ tura e ingegneria civile). 530-23#/3#)+?<3-*R*+0*#03/#AB=>#3#03/#AB=P# si sono svolte a livello nazionale, proHolz


Projekt: Wohncollage Wohnhausanlage: Maroltingergasse 1

URBS_proHolz Eingangsnummer:

W*''*1#+'("+$!!&ABDE

Austria ha lanciato per la prima volta una gara internazionale nel 2020. https://www.proholz­student­trophy.at/ OTbCT7BhT)@PQ)>hP.TB i8V#!*"*c)-"2-')*"$$#);%1!%#) I308.-+#]9*3-2+#/%.0Q+/+!#*0#8308+#'+2?.­ /3#3#';0R*+0./3O# Qui l’ambiente urbano è stato proget­ -.-+# 03//%+--*).# 9*# 30'.-*RR.23# /%.0Q+/+# 93//%39*()*+#)+0#;0.#?.2).-.#3/34.R*+03# 93//.#8-2;--;2.#3#)+0#/+)./*#)+?;0*#';0R*+­ 0./?30-3#8*Q0*().-*4*O#,/#938*Q0#)+04*0)3# con planimetrie ben congegnate e un approccio costruttivo intelligente. Una combinazione di moduli spaziali e la co­ 3-4+1-$''&@40'!.(%4+5&S>:D>G3&V&ABCDE 8-2;R*+03#9*#3/3?30-*#)+0830-3#/.#<23'.@­ bricazione di locali ad alta impiantistica come il bagno e la cucina e consente planimetrie e dimensioni degli appar­ -.?30-*# Z388*@*/*O# ,/# 8*8-3?.# )+8-2;--*4+# 3-4+1-$''&7#'!*+1&A:R>&G3&V&ABCDE <;c# 388323# -2.8'32*-+# .0)63# .9# ./-2*# 39*­ ()*O# i;38-+# <2+Q3--+# `# 8-.-+# 83/3R*+0.-+# come progetto vincitore principalmente <32# /.# '+2?;/.R*+03# 9*# 84*/;<<+# ;2@.0+# 93//%.0Q+/+#93//%39*()*+O# g'<(,'$$#;"c)-"2-')*"$$#);%1!%#) Ampliamento con moduli spaziali ed

espansione dello spazio abitativo con la struttura in legno presentata Nel progetto Wohncollage, le celle spa­ R*./*#8+0+#)+//+).-3#8+<2.#/%39*()*+#38*8-30­ -3#8;#9;3#<*.0*#3#;0.#?308+/.#Z388*@*/3#*0# /3Q0+# `# <+8*R*+0.-.# 9.4.0-*# .//%39*()*+# esistente. La nuova costruzione combina vecchio e nuovo, integra gli ascensori e consente agli inquilini esistenti di espan­ dere i loro appartamenti. A tale scopo 8+0+#8-.-*#84*/;<<.-*#9*4328*#?+9;/*#9*#'.)­ ciata che possono essere inseriti nella gri­ glia in legno. Le planimetrie e i dettagli sono ben pensati. Nel complesso, questo è un progetto di alta qualità con un valo­ re aggiunto. .'*1$12c)-"2-')*"$$#);%1!%#) ,# ?+9;/*# 8<.R*./*# 8<+2Q30-*# )+0'32*8)+0+# 3/3Q.0R.#.Q/*#39*()*#38*8-30-*. Modulus è un contributo architettoni­ camente convincente con un sistema costruttivo coerente. Sulla base di tre ti­ pologie di moduli per bagno e cucina, soggiorno e loggia si realizzano moduli di stanza allungati che si collocano lon­ gitudinalmente e trasversalmente sul tet­ to e sporgono liberamente su entrambi i lati. Formano una struttura del tetto spa­

Q")*1")8#;%(")21,,"22%F")2'(')*"*%,#-")#$)8!'­ ;"--').'*1$12)")%$);!188')*%)$#F'!'),'%(F'$-')("$) ,'(,'!2') %(-"!(#&%'(#$") 2-1*"(-"2,') 8!'o'$&) :-1*"(-) 7!'8<v) 5r5rG) 8!'o'$&) N12-!%#W) b"$$#) 8#­ ;%(#)2%(%2-!#G)2'8!#G)$#)D'-')*%);!188')*"%)F%(,%-'!%) Projekt: Wohncollage *"$)8!"/%'G)*";$%)28'(2'!)")*"$$#);%1!%#c)%()8!%/') Wohnhausanlage: Maroltingergasse 19­25 8%#(') O%d-'!%#) o#!&$) ") ^#0%#() Q#&#!12) p8!';"--') F%(,%-'!")Rg'<(,'$$#;"SG)^o)y'#(("1/)u!#&qG)%() Eingangsnummer: !"#$%&!&! 2",'(*') 8%#('G) *#) 2%(%2-!#) #) *"2-!#c) :'+#) n<'­ $'*d'F#G) n#-<#!%(#) ne;$G) x#(#) :<,<"!0#d'F#) p8!';"--')F%(,%-'!")Ri>gNh@P@SG)7i).'(#,'qG)h%­ WOHNCOLLAGE ,<#!*):-!#$&)p8!"2%*"(-")8!'o'$&)N12-!%#qG)u"!#$*) Gestaltungskonzept ue!"2)pg%"("!)g'<("(qG)N(*!"#2)."%(<'$*)pg:P) F."+4+5'%*!*).5 Der  Grundgedanke,  dem  Geschoßwohnbau  C%--I)*%)O%"((#qG).#Y%/%$%#()h1*'$D)Q1;"!)p8!"2%­ und der Modulbauweise mehr Individualität zu  wird  durch  eine  vorgesetzte  *"(-") verleihen,  *"$$#) ;%1!%#qG) f"!(<#!*) :'//"!)Kons­ p:18"!F%­ truktion  aus  Holzrahmen  mit  individuell  wähl­ 2'!")*"$)8!';"--')F%(,%-'!")R.'*1$12SG)i(%F"!2%-v) baren Fassadenmodulen umgesetzt. Dadurch  Wohnkonzept werden die Wohnvorstellungen aller Bewohn­ 'D) N88$%"*) N!-2)O%"((#qW) T()#$-'G)("$$#) 8#;%(#) #) Die Raummodule werden zwischen den bestehend erInnen  nach  außen  ablesbar  und  das  Ge­ *"2-!#)1()%(-"!(')*"$)8!';"--').'*1$12G)2'--')#$) 0#+1#+& I-'(")$#J4+5';4+%!#+& ?K5)$("'!& LM("#+K bäude wird zu einer Collage des Wohnens, die  platziert und durch die variable Breite der Erschlie sich im Laufe der Zeit immerwieder verändern  ,"(-!') $') 2-#-') *%) D#--') *"$$L"*%+,%') 8"!) %$) H1#$") wird auf den Bestand reagiert. Je nachdem wie man kann.  _)2-#-')2F%$188#-')%$)8!';"--').'*1$12)")$#)8$#(%­ nen Module zusammenschaltet, entstehen verschie +4+5'5-KJ#+N&=.14-("&1#-&F."+4+5''(")6''#)&O*Individualität > Fassade  /"-!%#)*%)1()#88#!-#/"(-')-%8'W P*("0-*5#&*+;*''2*-&$'!&QCE:RS&F."+#$+"#$!#+T>&I T()0#22'G)*#)2%(%2-!#)$L"2-"!(')*"$)!"(*"!%(;)*"$­ =#-1#+& 1$#& F."+#$+"#$!#+& 62#-& #$+#+& 4+%.+1$!$.+ raum und den Wohn­Essbereich, ein zentraler Ers $')2F%$188')*"$)8!';"--').'*1$12)")1(L#$-!#)F%2-#) -*4?& ?$!& 8!*4-*4?& 1$#+!& *)'& U#-!#$)#-& <4& 1#+& ,*";$%)%(-"!(%W denen ein Balkon vorgesetzt ist. Die durchgesteck können je Bedarf nochmals unterteilt werden. 

H*5#;)*+&ABDEE

Tragkonstruktion Auf der Bestandsdecke wird ein Rost aus Stahlträgern auf­ gesetzt, der die Lasten der Aufstockung zu den tragenden  Wänden des Bestandes verteilt. Auf diesen werden die vor­ gefertigten  BSH  Raummodule  zweistöckig  aufgelegt  und  verschraubt.  Die Balkone sind ebenfalls als Modul konzipiert. Da die Äs­ !"#!"$%& '(")*+%#& ,-./)#& 0.-1#-!& 2#'!#"!& 1*'& 3-4+15#-6'!& aus einer Stahlkonstruktion, in welche die Holzrahmen und  789:7*)%.+;)*!!#+& #$+5#'#!<!& =#-1#+>& 8$#& 62#-+#"?#+& neben der Raumbildung auch die aussteifende Funktion. 


URBS proHolz Austria www.proholz.at di Lorena De Agostini

strutturalegno pagina 072 073

zialmente complessa con bellissimi spazi *0-320*# 39# 38-320*O# l/*# .8)308+2*# 30'.-*R­ R.0+# /.# 432-*)./*-U# 93Q/*# 39*()*# 38*8-30-*# 3# rappresentano un bel contrappunto agli impianti giacenti sul tetto. La giuria è rima­ sta particolarmente colpita dall’elegante nuovo aspetto che il complesso edilizio ha acquisito con il sopralzo.

.B@iQi:) 6) #/8$%#/"(-') 8"!) ,'/­ 8$"22') !"2%*"(&%#$") >#(-1,"d;#22") 99G)\\\r)O%"((# C3.?\# 5+0*q.# X./*0+[8q."# E30Y8# X.2.09*;q"# w32+0*q.# 5+8)*)q.# &0*4328*-U\# &0*4328*-Y# +'# L<­ plied Arts Vienna Istituto: Architecture / Energy Design Supervisori: Bernhard Sommer, Galo Moncayo, Franz Sam Premio in denaro: 1.500 euro

RICONOSCIMENTI Inoltre, sono stati assegnati un totale di otto premi di riconoscimento. Sono andati ai team di progetto delle se­ guenti università: ­ Politecnico di Vienna (TU Wien) ­ RWTH Aachen ­ FH Campus Wien (2 riconoscimenti) ­ Università slovacca di tecnologia a Bra­ tislava ­ Università degli studi di Trento ­ Politecnico di Monaco ­ Università di Lubiana ­ Premio in denaro: 500 euro ciascuno 5.QQ*+2*#*0'+2?.R*+0*#8;#-;--*#*#<2+Q3--*#<23­ miati: https://www.proholz­student­trophy. at/preistraeger


MODULE 03

MODULE 02

MODULE 01

CONSTRUCTION MODULES

The basic concept of the project lays on the idea of creating not a sin!"#$%#&'!($)*+$,$&-#.'/.$&'0#1$230$+,04#+$-+*-*&'(!$,($#5.'#(0$&*"30'*($ that can be applied as the general strategy to extend the capacity of ,($*"%$+#&'%#(0',"$23'"%'(!$'($63"0'-"#$-",.#&$,+*3(%$7'#((,8 The basic concept stands on the principles of creating diversity with 3&#$*)$6*%3",+'09$,(%$-+#),2+'.,0'*($)*+$04#$-3+-*&#$*)$%#.+#,&'(!$ 04#$ -+'6#$ .*&0$ ,(%$ '(.+#,&'(!$ 04#$ :3,"'09$ *)$ ,-,+06#(0&$ ,&$ ;#""$ ,&$ #5.'#(.9$*)$04#$#<0#(&'*($#+#.0'*($-+*.#&&$*($.*(&0+3.0'*($&'0#8 =4#$ -+*>#.0$ ?@*%3"3&A$ '&$ ,'6#%$ (*0$ *("9$ ,0$ '(.+#,&'(!$ 04#$ .,-,.'09$ *)$04#$*"%$23'"%'(!&1$230$,"&*$2+'(!'(!$04#$(#;$:3,"'09$*)$"'B'(!$)*+$,""$ '(4,2'0,(0&8$=4#$-+*>#.0$!'B#&$,($,%%'0'*(,"$3&,2"#$&-,.#$)*+$#B#+9$#<'&0'(!$,-,+06#(0$'($04#$23'"%'(!$04,0$'(.+#,&#&$04#$:3,"'09$*)$"')#$,(%$ 0,C#&$'(0*$.*(&'%#+,0'*($04#$,&-#.0$*)$&3&0,'(,2'"'098$=4#$'(0#(0'*($*)$ 04#$-+*>#.0$'&$0*$6,C#$,""$+#&'%#(0&$#:3,""9$2#(#/0$)+*6$04#$-+*-*&#%$ &*"30'*(8$ D(&0#,%$*)$2#'(!$)3""9$)*.3&#%$>3&0$*($04#$#<0#(%,2"#$&-,.#1$04#$-+*>#.0$#(B'&'*(&$4*;$0*$+#%#/(#$:3,"'09$*)$"'B'(!$*)$04#$;4*"#$,+#,8 E*+6,""9$;'&#$04#$#<0#(&'*($'&$&3--*&#%$0*$2#$)3""9$'(.*+-*+,0#%$;'04$ 04#$#<'&0'(!$23'"%'(!&$'($,$&9(#+!'&0'.$;,91$!'B'(!$04#$(#;$"**C$0*$04#$ *"%$23'"%'(!$,(%$2+'(!'(!$,$&#.*(%$"')#$0*$04#$#(0'+#$%'&0+'.0$'(.+#,&'(!$ 04#$,00+,.0'B#(#&&$*)$04#$;4*"#$#(B'+*(6#(08

ARCHITECTURAL CONCEPT

DIVERS HABITATION

MODULUS

1

2

ASSEMBLED APARTMENT

F&$ ),+$ ,&$ 04#$ %#&'!($ -+*-*&,"$ 30'"'G'(!$ 04#$ &0+3.03+#$ *)$ 04#$ #<'&0'(!$ 23'"%'(!$ '($ ,$ *(#$ *)$04#$6*&0$*-0'6,"$;,9&$;#$,+#$,2"#$0*$%#.+#,&#$ 04#$ ,6*3(0$ *)$ 6,0#+',"$ *($ ,($ ,%%'0'*(,"$ )*3(%,0'*($ ,(%$ &0+3.03+,"$ #"#6#(0&$ 04,0$ 6'!40$ (*0$ 2#$ (#.#&&,+9$ '($ ,$ -,+0'.3",+$ .,&#8$

FUNCTIONAL MODULES

ADDITIONAL GARDEN SPACES =4#$ -+*>#.0$ ?@*%3"3&A$ '&$ ,'6#%$ (*0$ *("9$ ,0$ '(.+#,&'(!$ 04#$ .,-,.'09$ *)$ 04#$ *"%$ 23'"%'(!&1$ 230$,"&*$2+'(!'(!$04#$(#;$:3,"'09$*)$"'B'(!$)*+$ ,""$'(4,2'0,(0&8$=4#$-+*>#.0$!'B#&$,($,%%'0'*(,"$3&,2"#$&-,.#$)*+$#B#+9$#<'&0'(!$,-,+06#(0$ '($ 04#$ 23'"%'(!$ 04,0$ '(.+#,&#&$ 04#$ :3,"'09$ *)$ life and takes into consideration the aspect *)$&3&0,'(,2'"'098$

EXISTING STRUCTURE UTILISATION

3

SITE PLAN 1: 500

HI1J$$ IH1K L1M IL1L IN1O L1I L1H P1J SUM 80

QD7DRS$TUU@$$ VD=WXYR$ ZF=XTUU@ ZY[TUU@$I ZY[TUU@$H$ WUTTD[UT YR=TFRWY$FTYF ZFQWUR\

m2 FUNCIONAL PROGRAM

PLAN 1:50 | WINTER ENERGY DIAGRAM

URBS_proHolz


URBS proHolz Austria www.proholz.at di Lorena De Agostini

strutturalegno pagina 074

T),'/8'("(-%)*"$$#);%1!%#G)*#)2%(%2-!#)#)*"2-!#c)h%,<#!*)g'2,<%-&G):v$F%#)>'$$"!"2G)u"!#$*)ue!"2G).#Y%/%$%#()h1*'$D)Q1;"!)")f"!(<#!*)P;"!-W

PROHOLZ STUDENT TROPHY 2020: VERTICAL EXTENSIONS OF VIENNA SOCIAL HOUSING Prizes awarded by proHolz Austria, the City of Vienna and Wiener Wohnen for the best ideas for vertical extensions with wood of postwar Vienna social housing Vienna’s population is growing rapidly: by 2027, the city is expected to have two million inhabitants. Due to its high population growth, Vienna urgently needs additional housing. Vertical extensions of existing housing stock offer an opportunity for Vienna to grow upwards and create new living space without developing new land. Wood as a building material offers many structural advantages for this construction task and also contributes to making cities green and climate-friendly for the future. For the international student competition proHolz Student Trophy 2020, proHolz Austria partnered with the City of Vienna and Wiener Wohnen in a call for designs of vertical extensions with wood of three selected Vienna social housing buildings dating from the 1960s. 127 competition entries from seven countries were received, among which an expert jury selected three winning projects and awarded eight special mentions. The prizes, which came with 8,500 euros in total prize money, were awarded today at an award ceremony in the ceremonial hall of TU Wien. In addition, a total of 8 projects received special mentions. These were awarded to project teams from the following universities: TU Wien, RWTH Aachen, FH Campus Wien (two special mentions), Slovak University of Technology in Bratislava, Università degli studi di Trento, Technical University of Munich University of Ljubljana, prize money: 500 euros each (https://www.proholz-student-trophy.at/preistraeger). AWARD WINNERS UPWARDED UPvalued – vertical extension of the housing complex Brunnweg 4, 10th district of Vienna Jury’s assessment: Thinking around corners in the formal and functional sense This design keeps the surrounding urban fabric in mind: the corner of the building is accentuated by a prominent rise of the vertical extension, and planning common rooms there makes functional sense. Well thought-out floor plans and a smart construction approach make this a compelling design. A combination of room modules and modular construction allows prefabrication for rooms requiring extensive installations, such as baths and kitchens, and flexibility in the flats’ floor plans and sizes. The construction system can also be applied to other buildings. This design was chosen as a winning project in particular because of the way it situates the building’s corner in the urban context. WOHNCOLLEGE Living Collage – vertical extension of the housing complex Maroltingergasse 19-25, 16th district of Vienna Jury’s assessment: Room modules for the vertical extension and an external wooden scaffold to expand living space In the project Living Collage, two stories of room modules are stacked onto the existing building, and a flexible-use wooden shelf is set in front of it. The new building layer blends old and new, integrates the lifts, and enables the residents of the existing building to expand their flats. For this purpose, a variety of façade modules were developed that can be inserted into the wooden grid. The floor plans and details are well thought-out. Overall, this is a project that offers high quality and added value for the existing building. MODULUS – vertical extension of the housing complex Pantucekgasse 33, 11th district of Vienna Jury’s assessment: Overhanging room modules lend elegance to existing panel buildings Modulus is an architecturally compelling entry with a coherent construction system. Three types of modules for baths and kitchens, living spaces and loggias are the basis for elongated room modules that are stacked lengthwise and crosswise on the roof, freely overhanging it on both sides. They form a spatially complex roof structure with beautiful interior and exterior spaces. The lifts emphasize the verticality of the panel buildings and are a beautiful counterpoint to the tubular modules set on the roof. The jury was above all persuaded by the elegant new appearance that the panel building gains through the vertical extension.


INDEX

dicembre 2020

STRUTTURALEGNO

▼ COLLE E ADESIVI▼ COLLANTI CONCORDE S.R.L. COLLE SPECIALI PER APPLICAZIONI INDUSTRIALI Via Schiaparelli, 12 – Zona Industriale 31029 Vittorio Veneto (Treviso) , Italy Tel +39 0438 912121 – Fax +39 0438 501822 info@collanticoncorde.it www.collanticoncorde.it Collanti Concorde produce l’adesivo poliuretanico “XILOBOND T” certificato secondo la norma EN 15425 e con “Attestato di Conformità” dell’MPA di Stoccarda del 13.02.2015. Lo XILOBOND T è idoneo per produzione di legno lamellare per prodotti quali KVH, bilama, trilama e per pannellature portanti strutturali tipo XLAM; per strutture lignee in bioedilizia, costruzione edifici prefabbricati, case clima; per l’incollaggio di specie legnose termotrattate (tipo THERMOWOOD). Collanti Concorde produce altresì una vasta gamma di colle poliuretaniche, viniliche, ureiche, polimeri innovativi, hot-melt e hot-melt PUR.

▼ EDILIZIA▼ srl

Valle d’Anterselva 1 39030 Rasun-Anterselva (Bolzano) tel +39/0474 496128 r.a. - fax +39/0474 496192 info@holzhof-prugger.com www.holzhof-prugger.com Legname per edilizia e imballaggio. Travi lamellari. Produzione listelli e morali abete.

▼ COMMERCIANTI▼

di BRUGNARA & CHISTÈ s.r.l. Centro taglio tetti e case in legno - Vendita legname 38015 LAVIS (Trento) - Via Stazione F.S., 4 tel +39/0461 246408 !"#$%#&'()"(!) - ***(#&'()"(!) Punto di riferimento per la vendita di legname all'ingrosso e al dettaglio - Nuovo Centro Taglio Hundegger K2-Industry 5 ASSI - Linea di finitura travi automatizzata - Levigatrice e impregnatrice travi - Ampio Magazzino e XLAM in pronta consegna - Materiale per edilizia - 3 centri taglio Progettazione e Consulenza - Trasporto in cantiere.

+,-./01231,0010/2 -,45--,65275681.5229(:('( 21029 VERGIATE (Varese) Via Sempione, 48/B tel +39/0331 947959 • fax +39/0331 949910 info@lamellareservice.com www.lamellareservice.com Travi lamellari - Travi KVH - Travi Bilama - Perline Abete, Pino, Larice - Listelli essiccati - Pannelli OSB Pannelli per armatura - Travi per armatura H20.

6$;<*$$'21)&'!&29(=(&( Via Antonio Canova, 12 - 20145 Milano tel +39/02 34613 - fax +39/02 34613321 !"#$:$;<*$$'%:$;<*$$'(!) ***(:$;<*$$'(!) Lana di roccia per isolamento termo-acustico.


legnami

software

www.dlubal.com/it

▼ LEGNAMI▼

Via 4 Novembre 71 38030 Roverè della Luna (Trento) tel +39/0461 658553 - fax +39/0461 658548 info@segnalegnami.it - segnalegnami@mailboxpec.it ***(9AB"&'AB"&C!(!) Segheria, travi Uso Trieste, travi Uso Fiume, travi Spigolati e Torniti in Abete, Larice e Rovere, Lamellari Piallatura e spazzolatura travi e tavolato Progettazione e taglio strutture in legno - ESSICCAZIONE TECNICA DELLE TRAVI.

▼ SOFTWARE▼ Di Nunzio Legnami s.r.l. Timber Agency C.so Svizzera 185 - Int. 003 - P. 2 - Sc. D 10149 TORINO tel +39/011 7509020 r.a. - fax +39/011 7509005 !"#$%>!"?"@!$'AB"$(!) - ***(>!"?"@!$'AB"$(!) Rappresentanze: segati resinosi e di latifoglie • travi lamellari • KVH - BILAMA • pannelli per casseforme • perline • tronchi • Travi U.T • compensati • X-LAM • elementi per pallets • pellet.

Imola Legno s.p.a. Socio Unico Sede legale e stabilimento: Via Don Luigi Sturzo 10 - 40026 IMOLA (BO) tel +39/0542 630411 - fax +39/0542 640418 Deposito di Molfetta: Via dell’Arte Bianca 4 - 70056 MOLFETTA (BA) tel +39/080 3385825 - fax +39/080 3385826 info@imolalegno.com - www.imolalegno.com

IMPIANTI DI ESSICCAZIONE E VAPORIZZAZIONE

Da 40 anni al vostro servizio

Via G. Marconi 30 - 31010 Maser (Treviso) tel +39/0423 923170 - fax +39/0423 546170 C&:)('AB"$%'!DA:$(!) - ***(C&:)!B"&B$'AB"$(!) Latifoglie europee ed americane. Legnami Esotici. Resinosi. Tronchi e boules. Lamellari per serramenti.

Dlubal Software s.r.l. Via Laura Bassi Veratti, 11/2D - 40137 Bologna tel. +39/051 9525 443 info@dlubal.it - www.dlubal.com/it Scopri le soluzioni Dlubal Software per il calcolo e la verifica delle strutture di legno.

hsbITALIA di Pallaver geom. Andrea Via San Giovanni Nepomuceno, 5 - 38121 Trento tel. +39/0461 983044 - fax +39/0461 1631078 www.hsbcad.it - www.hsblabs.com Software su base Autocad per progettazione 3D di costruzioni in legno e comando centri taglio CNC.

Abies Engineering s.r.l. Piazza Aldo Moro, 16 - 35030 Rubano (Padova) tel. +39/049 8979095 - fax +39/049 8984196 info@abieseng.com - www.abieseng.com Il primo software italiano interamente dedicato al calcolo e alla verifica di strutture in legno.

CONCRETE s.r.l. Via della Pieve, 19 - 35121 Padova tel. +39/049 8754720 - fax +39/049 8755234 info@concrete.it - www.concrete.it

Sismicad Legno Il software semplice e completo per il calcolo sismico di strutture in legno con le norme italiane. Gestisce pareti in legno X-LAM, Platform-Frame nonché con altre tecnologie e pannelli dotati anche di fogli di controvento in OSB, gessofibra etc. Prevede collegamenti tipo Holddown e particolari condizioni di vincolo non-lineari. Tratta anche verifiche di colonne, travi, arcarecci e delle loro giunzioni con piastre in acciaio o alluminio e viti, chiodi o bulloni. Tutte le verifiche prevedono relazioni tecniche e disegni. Il software per i moderni professionisti del calcolo strutturale proposto da chi tratta questi strumenti da venticinque anni.

▼ TECNOLOGIE▼

HOLZMATIC Engineering s.r.l. Zona Artigianale Rasun, 19 39030 RASUN/ANTERSELVA (Bolzano) tel +39/0474 496552 • fax +39/0474 498358 holzmatic@rolmail.net - www.holzmatic.it


! !

STRUTTURALEGNO !

!

!

!

!

Hundegger Italia s.r.l. Via Marie Curie, 15 39100 Bolzano tel +39/0471 823630 • fax +39/0471 812415 info@hundegger.it - amministrazione@hundegger.it www.hundegger.de Già da molti anni, l'azienda Hundegger è leader di mercato nel settore dei centri di taglio CNC con una quota di mercato che supera il 90 percento. Le macchine universali e flessibili vengono utilizzate per tutte le parti in legno di carpenteria, lavorazioni, costruzioni con telai in legno, costruzioni a tronchi d'albero, costruzioni prefabbricate, fino alla produzione di attrezzi per parco giochi. Innovativa - competente - orientata al cliente. Per mezzo della loro struttura modulare, le macchine CNC possono essere adattate rapidamente e perfettamente alle specifiche richieste del cliente. L'alta precisione e qualità degli impianti completamente automatici incrementano il rendimento e la competitività di un'azienda di carpenteria in legno dalle piccole alle grandi imprese.

dicembre 2020

INDEX

tecnologie ▼ VERNICI PER LEGNO▼ PRIBO s.r.l. Via Galizia, 12 38087 SELLA GIUDICARIE (Trento) tel +39/0465 901945 - fax +39/0465 901959 info@pribo.it - www.pribo.it Progettazione e fornitura macchine e impianti per la lavorazione del legno. Scortecciatrici - Decatastatori - Accatastatori. Tecnologie per segheria – Piallatrici per legno rotondo – Vasche per immersione per pacchi/tavole – Rusticatrici – Macchine per la produzione di truciolo per lettiere di animali – Macinatori per scarti – Canali vibranti – Tavoli di montaggio per pareti in legno.

ICA Group Via Sandro Pertini, 52 62012 CIVITANOVA MARCHE (Macerata) telefono +39 0733 8080 - fax +39 0733 808140 !"#$%!;&9=&(;$C - ***(!;&9=&(;$C LIFE IN COLOR


Design: UPPERCUT.at | Photos: Š cetus Baudevelopment GmbH und kito.at, Adobe Stock

hasslacher.com

Profile for Web and Magazine s.r.l.

031_StrutturaLegno_2020  

Strutturalegno è il trimestrale dedicato all’architettura in legno con un preciso compito: imporre il legno come materiale strutturale con p...

031_StrutturaLegno_2020  

Strutturalegno è il trimestrale dedicato all’architettura in legno con un preciso compito: imporre il legno come materiale strutturale con p...

Advertisement