Page 1


La passione fa incontrare,

ma solo i ricordi delle emozioni comuni

creano legami che il tempo non può scalfire


Assieme al Kenya, la Tanzania è il paradiso dei safari e della natura. Ma non bisogna fermarsi ai parchi del Nord il sud ha un clima molto diverso e secco mentre ad ovest si possono vedere montagne boscose abitate dai grandi primati. Notevoli sono anche le spiagge nelle isole di Zanzibar, Mafia e Pemba. Ci sono inoltre numerose etnie come i Masai e gli Hdzape

Serengeti

E’ il più famoso parco della Tanzania ed è il luogo dove avvengono le grandi migrazioni stagionali. Immense mandrie di gnu, zebre, gazzelle e antilopi migrano seguendo il corso delle stagioni alla ricerca di acqua e pascoli. Intorno a loro si muovono i grandi predatori: leoni, leopardi, ghepardi e iene. In nessun altro posto al mondo si può vedere una tale concentrazione di grandi animali.

Norongoro

Il Cratere di Ngorongoro, con la sua piana di più di 15 chilometri di diametro, percorsa da enormi branchi di zebre ed antilopi e circondata da pareti di oltre 650 metri di altezza, nel lago salato, che si trova sul fondo del cratere, si vedono stormi di fenicotteri rosa sguazzare nell’acqua in cerca di cibo.

Parchi del sud e Ovest

i Parchi del Sud e dell’Ovest della Tanzania sono sicuramente meno frequentati dei noti parchi del nord ma conservano un fascino unico, quello dei safari esclusivi lontano dai grandi spazi incontaminati. Le savane arbustive ci permettono di assaporare un contatto con la natura unico come a Ruaha Selous e Katavi.

Oceano Indiano

Kilimanjaro Il tetto d’Africa è una delle mete da mettere nel forziere delle proprie esperienze. Affrontare i suoi quasi 6.000 metri vuol dire avere l’occasione di osservare tutti gli eco-tipi del mondo dalla Jungla alla savana, tundra taiga ecc. sicuramente osservare l’Africa dalla sua vetta vuol dire comprenderne a pieno la struggente bellezza.

Numerose sono le possibilità di estensioni mare dopo un intenso viaggio di Safari, trekking o alla scoperta delle numerose etnie della Tanzania. Mafia Island, Zanzibar e Pemba in Tanzania ma anche le bellissime spiagge deserte del Mozambico o le isole come Seychelles, Comore.


L’Indonesia è un paese molto vario e suggestivo, contornato da una catena di vulcani attivi e abitato da popolazioni molto varie, dai Papuani dell’Irian Jaya ai Dayak del Borneo. varietà di religioni. Un vero dedalo di etnie è anche la parte indipendente dell’isola di Papua e la Papuna Nuova Guinea un viaggio non solo nello spazio e in una natura bellissima ma anche nel tempo con popolazioni uniche e primitive.

Borneo

Java

E’ l’isola della capitale Jakarta ma anche della magnificenza del Borodurum vicino a Yogyakarta, al vulcano Bromo con i suoi magnifici paesaggi e l’inferno dantesco del Ljen. Un luogo suggestivo che rappresenta la prima tappa di conoscenza di questo variegato paese..

Sulawesi

Anticamente conosciuta come Celebes questo gruppo di isole contiene molte attrattive con popolazioni tribali come i Toraja e animali endemici come il Macaco Nero . Inoltre nel Golfo di Tomini si possono fare bellissime immersioni. E’consigliata per chi vuole conoscere la cultura e la natura di questo paese.

Il Kalimantan ( Borneo Indonesiano) è il territorio più intatto della foresta del paese, senza dubbio il luogo più facile dove vedere i grandi primati come gli Oranghi, i Nasua e i Gibboni, oltre che i mitici popoli Dayak conosciuti come tagliatori di teste.

Papua

Veramente un tuffo nella preistoria, la Papua Nuova Guinea sia sotto amministrazione indonesiana che lo stato presentano una vera babilonia di popolazioni tribali e lingue. Dani, Karoway, Asmat, ciascun popolo con la sua origine diversissima ma dall’aspetto simile.


Parchi Nazionali

Nonostante il lungo periodo di instabilità e di guerra degli anni successivi all’indipendenza. alcuni parchi mantengono un fascino unico con paesaggi veramente selvaggi. Gorongosa e Nyassa sono due parchi dove. si possono vedere tutti gli animali importanti della fauna africana e i principali eco-tipi, dalle montagne, le savane alle aree umide.

Quirimbas Ila de Mozambique La regione del Parco naturale dell’Arcipelago delle Quirimbas è un area naturale che comprende, isole coralline meravigliose, lagune pulsanti di vita dove si possono osservare gli elefanti bagnarsi nell’ acqua salmastra, e spiagge sul continente che si perdono all’orizzonte senza altre costruzioni. Inoltre vi sono molte popolazioni tradizionali.

Bazaruto e Benguerra

Un arcipelago molto vario con bellissime spiagge e lagune smeraldine. Un luogo dove si possono trovare pescatori che passano con i loro Drow , le imbarcazioni tradizionali. Un luogo dove si possono fare lunghe cavalcate lungo spiagge deserte. .

Testimonianza della lunga stagione coloniale sono le numerose fortezze e cittadine portoghesi. A lungo capitale della colonia del Mozambico la cittadina di Ila de Mozambique conserva numerosi palazzi della sua storia passata. Il mare inoltre è senza subbio molto bello .

Popolazioni

sono numerosi i popoli di questo paese lungo 3.000 Km, si possono trovare numerose etnie tutte molto gentili e poco abituate al turismo di massa. Non aspettatevi vestiti particolari, maschere o danze particolari ma rimarrete affascinati dalla sua spontaneità.


Deserto del Namib

Damaraland

Montagne di sabbia dalla forma a stella arrivano fino a 325 m di altezza. Le calde tinte della sabbia, che vanno dal color albicocca, all’arancione per arrivare fino al rosso, contrastano in maniera incredibile con il bianco dell’argilla delle depressioni alla base delle dune

Un’ area dal paesaggio stupefacente, dalle pitture rupestri di Twyfelfontein alle interessanti formazioni geologiche dell’area come la Burnt Mountain, le Organ Pipes alla Foresta Pietrificata. Molti gli animali che popolano la zona, compresi i rari rinoceronti neri e gli elefanti del deserto.

Etosha

L’Etosha ospita 114 specie di mammiferi, 350 specie di uccelli e 21 differenti tipi di vegetazione come la zebra Burchell, lo springbok, l’impala dal muso nero, lo gnu, il gemsbok , l’orice, le giraffe e il red hartebeest. elefanti, leoni e rinoceronti neri. .

Skeleton Coast

La corrente fredda di Lobito che sale dal Polo Sud e che lambisce la costa dell’Africa del sud ovest creando un paesaggio suggestivo in cui condividono lo stesso spazio, mare, dune del deserto, leoni marini e leoni della savana. Qui le navi si perdevano e naufragavano lasciando i loro scheletri lungo le coste, da qui il nome.

Kaokoland Situato nel remoto nordovest della Namibia, al confine con l’Angola. Il fiume Kunene, ha dato il nome all’area. Qui si trovano i famosi elefanti del deserto, l’antica popolazione semi-nomade degli Himba, il raro rinoceronte nero.


Polonnaruwa,

L’antica Polonnaruwa oggi è uno dei siti archeologici meglio conservati di Sri Lanka ed è stata inserita nel 1982 tra i patrimoni dell’umanità riconosciuti dall’UNESCO. Fu dichiarata capitale dal re Vijayabahu I che sconfisse gli invasori Chola nel 1070 e riunì il regno sotto il suo dominio

Dambulla Molti considerano Sri Lanka (ex Ceylon) una India in miniatura. Nulla di più errato, questa isola ha sempre rappresentato un punto di incontro tra le numerose culture dell’Oceano Indiano La maggioranza dei Cingalesi è Buddista e il suo nome nelle varie identità ( Serendip - Ceylon ecc. ) appare nelle fiabe e nelle Bellissimi e grandi monasteri ben conservati come Tempio d’oro di cronache di molti paesi. Viaggiare in sri lanka richiede un apertura Dambulla (noto anche come Tempio delle grotte) è un patrimonio mentale maggiore. Nulla è eclatante tutto è eccezionalmente bello. dell’umanità nel 1991.Il monastero di Dambulla è tuttora funzionante.

Sigiriya Sigiriya è un sito archeologico dello Sri Lanka centrale. Contiene le rovine di un antico palazzo, costruito durante il regno di re Kasyapa (477 - 495 d.C.). È uno dei sette Patrimoni dell’umanità dello Sri Lanka, ed una delle attrazioni preferite dai turisti stranieri.

The

La coltivazione del The, seppur introdotto di recente dagli inglesi nel XIX° secolo è divenuto una caratteristica preponderante del paesaggio cingalese. Le verdi colline dell’isola sono divenuti il segno distintivo che si alterna nel pesaggio.


Agra

Il Taj mondo dimora l’icona perchè

Mahal di Agra è sicuramente il più grande monumento al all’amore, fu costruito dal Grand Mugul Akbar come ultima della sua adorata moglie Mumtaz Mahal. Oltre che essere dell’India è una tappa fondamentale di ogni viaggiatore, si trova all’incrocio delle principali assi viarie del paese.

Ladhak

Rajasthan

La regione più visitata dell’India è sicuramente il Rajasthan e non E’ una porzione di Tibet in territorio indiano, si possono incontrare è un caso, Jaipur, Jasalmer, Jodpur, Udaipur il parco di Ratanbore in questo luogo i paesaggi più suggestivi e i templi più isolati. Si e Puskhar, sono solo alcuni dei luoghi più belli dell’India. consiglia di visitarlo in estate poichè in inverno è troppo freddo.

Kerala

Una crociera con una House Boat nelle lagune del kerala è sicuramente uno dei migliori metodi per fare un viaggio di nozze in India, confort romanticismo e charme si coniugano in un mix che renderà indimenticabile questo magico momento.

Parchi Naturali

L’India è uno vero sub continente convivono nello stesso territorio le tigri dei Parchi come Ratambore e Kaziranga e i leoni nel parco di Gir (in Gujarat), ma anche i rinoceronti asiatici, i cervi pomellati, gaviali e le scimmie.


Lago Titicaca Le popolazioni che vivono lungo le sponde e nelle isole galleggianti del più alto lago del mondo hanno origini antichissime. bellissimi sono i paesaggi e le occasioni di osservazione della natura selvaggia ed aspra delle Ande. .

La cultura inca

Nord e cultura Moche

Il Nord del Perù è molto meno conosciuta del sud ma ospita dei siti archeologici molto importanti ed antichi come quelli della cultura Moche sviluppatasi in epoca preincaica, tra il I secolo ed il VII secolo D.C.e quella Chachapoyas, presso le foreste nebbiose.

le popolazioni e i mercrcati

Cusco Pisaq e la Mitica Machu Piccu sono i resti dell’immenso In Perù la maggioranza di popolazione è di origine amerinda, impero Inca che dominò le Ande prima dell’arrivo dei Nelle numerose occasioni di mercati e feste si possono incontrare conquistadores spagnoli. Sono le principali attrazioni del Perù. i discendenti degli incas che parlano ancora la lingua quechua.


La Pampa sembra incredibile che nel secolo attuale possano esservi uomini che vivono come i butteri o i cow boys del XIX° secolo. Attraversando le praterie del paese, portando migliaia di ovini o bovini al pascolo, questi uomini rappresentano la vera anima dell’Argentina: i gauchos. Numerose sono le occasioni di incontrarli: fiestas e tornei dove loro si sfidano alla ricerca di un ingaggio per la stagione. Qui si respira un’ aria di altri tempi.

Patagonia La Penisola Valdes La Penisola Valdes è la porta di ingresso della Patagonia, qui possiamo osservare l’incontro tra una terra selvaggia e un oceano grandioso. Leoni marini e pinguini soggiornano nelle sue rive, i battelli ci portano a scoprire il passaggio dei grandi cetacei.

Perito Moreno

La maggiore attrattiva della Patagonia è sopratutto l’orizzonte infinito , ovunque si guardi non vediamo città ma sempre e ovunque la linea dell’orizzonte è la nostra compagna di avventura che non ci lascia mai, i paesaggi della Patagonia sapranno conquistarvi

Cascate di Iguassu Uno dei simboli dell’Argentina è il ghiacciaio del Perito Moreno Le cascate di Iguassu si trovano in una delle regioni tropicali fiato dalla rigogliosa che, con il suo ghiaccio azzurro, precipita nel Lago Argentino. Un dell’Argentina. Si rimane senza luogo che visitiamo, assieme al parco delle Torres del Paine. . jungla e dalla forza delle cascate al confine con il Brasile.


Isla nozze 2014  

Viaggi di Nocce di Islas do Sol

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you