Issuu on Google+


DA OTTICO hAI Sempre

VOlUTO Il

meglIO.

COnTInUA

A fArlO AnChe DA

ImprenDITOre. Un buon imprenditore sa cogliere al volo le opportunità e, se sei arrivato a leggere fin qui, è molto probabile che tu lo sia. Aprire un franchising con Salmoiraghi & Viganò significa avviare un’attività con il supporto della più grande catena di ottica in Italia, riconosciuta da 7 italiani su 10 come l’ottico per eccellenza. Significa trarre vantaggio dalle sue campagne pubblicitarie, differenziare l’offerta con proposte innovative in termini di prodotti e servizi, crescere grazie a corsi di formazione aggiornati e gratuiti, avere un’assistenza commerciale dedicata e un sistema di riassortimento assistito. In sostanza significa avviare un’attività, già molto ben avviata.

info_franchising@salmoiraghievigano.it

02.72519.425


Tutto sott’occhio sul sito: www.opti-munich.com

Sguardi, visioni, immagini: opti 2013 offre una combinazione esclusiva di ottica e design. Una vetrina sul futuro, ricca di proposte, anteprime e opportunitĂ !

Contatto: MONACOFIERE, Via Bernardo Rucellai, 10, 20126 Milano (MI), Tel. (+39) 02 36537854, Fax (+39) 02 36537859, espositori@monacofiere.com, www.monacofiere.com


Speciale MIDO

1

mod. CARRERA 38

Sàfilo S.p.A. - Numero Verde 800 723456 - Fax Linea Verde 800 018091 - www.safilo.com - e-mail: servizio_clienti_ita@safilo.com

Marzo

2012

EDIZIONI ARIMINUM Srl - Via Negroli 51 - 20133 - Milano

WATCH THE VIDEO

Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia.

Partire per un coast to coast indimenticabile.

SINCE 1956

carreraworld.com

COP VEDERE 01.indd 1

6-03-2012 17:37:39

Sommario Vedere Italia n. 1/2012 - Marzo

Direttore responsabile: Isabella Morpurgo

4 6

Editoriale

FIERE 6 MIDO 10 Opti 12 Intl Vision Expo East

14 17

Optometria Funzionale – 21 Cicli i protagonisti

18

Moda

20

Economia

- Optox

Le tendenze 2013 secondo Mazzucchelli 1849 2011: Un anno in chiaroscuro per la Moda in Borsa

24 Designer > Designer Ron Arad 32 Novità a Mido

32 Accessori 34 Bambini 36 Chic! 40 Colori 45 Laboratori & Negozi 48 Mood Contemporaneo 52 Sole & Sport

59 Aziende & Personaggi 62 Associazioni & Gruppi Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è il Direttore Responsabile Isabella Morpurgo a cui ci si può rivolgere per i diritti previsti dal D. Lgs. 196/03 Edizioni Ariminum S.r.l., Via Negroli 51/A, 20133 Milano Tel. +39-02730091 • Fax +39-02717346 welcome@vedere.it

In questo numero parliamo di ... 21 Cicli Onlus 14 Abercrombie & Fitch 21 Aeffe 20 Airlight 40 Alain Mikli International 59 Alex Barusco 24 Allison 36 Alpine 53 Annamaria Rizzato 60 Antichi Pellettieri 20 Antonio Gemignani 14 Armani 20 Associazione Italiana Astucci 32 Balenciaga 59 BC Partners 20 Benetton 20 Bernard Tschumi 25 Bieke Hoet 55 Big Line 53 Bollé 53 Bulgari 20 - 23 Burberry 23 Caleffi 20 Caroline Thorman 25 Carrera 59 Cébé 56 Celine 20 Centro Style 34 Certottica 62 Chloé 59 Coach 20 Coin 20 - 23 Custom-6 41 Dan Caten 60 David Beddok 50 David Beddok 55 Dean Caten 60 Demon 53 Dsquared² 60 Éric Lenoir 62 Eschenbach Optik 42 Esprit 21 Eugenia Lunari 33 Ferdinand Alexander Porsche 51 Ferragamo 37 Fomap 45 Franco Sordelli 40 Franco Sordelli 54 Gap 21 Geox 20 GIFO 62 Giuseppe Da Cortà 62 Giuseppe La Boria 59 Glam 37 Glorify 54 Gloryfy 40 Graff 21 Gruppolicromatico 46 Guess 21 Guy Charlot 62 Henri Venet 62 Hermes 20 - 23 Hoet 55 Hoya 62 Hugo Boss 23

Humphrey’s eyewear 42 ic! Berlin 49 Ipovisione 62 Isabel Beuzen 62 JV 21 La Martina 36 Legambiente 61 Li & Fung 21 Lightouch 40 Limited Brands 21 LUNARI 33 LVMH 20 - 23 Marchon Eyewear 37 -38 - 59 - 60 Marchon MB 60 Marcolin 59 - 60 Maria Grazia Chiuri 38 Mariella Burani 20 Mary Greenwell 61 Massimiliano Vercellino 46 Massimo Ferretti 20 Maui Jim 60 Mazzucchelli 1849 18 Michael Kors 20 MOKO Besicles 55 Mulberry 20 NAU! 61 Nicola Piccolo 46 Nicola Zotta 60 Nicoletta Quinziato 61 Nigel Coates 25 Oko Eyewear Group 50 OXYDO 52 Pambianco 20 Paola Lunari 33 Patrick Hoet 55 Patrizia Shelabarger 42 Patty Paillette 42 Permira 23 Philippe Lafont 62 Pierpaolo Piccioli 38 Polaroid Eyewear 20 Porsche Design 51 PQ Eyewear 24 Prada 20 Ralph Lauren 21 Roberto Cavalli 20 Rodenstock 51 - 61 ROLF Spectacles 48 Ron Arad 24 Safilo Group 20 -52 - 59 Salvatore Ferragamo 20 Samsonite 20 Schubert 49 Serengeti 56 Silhouette 61 Tiffany 23 Timberland 20 - 21 - 23 Touch 40 Uniqlo 21 Valentino 38 VF Corporation 20 - 21 Visionottica 46 Vue DC… 38 Zaha Hadid 25

Vedere Italia 2012




EDITORIALE

Isabella Morpurgo • isabellamorpurgo@vedere.it

Chi siamo? Dove andiamo? 

In alto, Claudio e Isabella Morpurgo a MIDO nel 1977 Qui sopra, la copertina del n° 1 di VEDERE nel 1953

Vedere Italia 2012

Dal 1953, anno di nascita della nostra rivista VEDERE, ora vero e proprio logo nel settore anche a livello mondiale grazie alle due versioni, italiana e internazionale, della pubblicazione, abbiamo sempre cercato di capire il mercato di cui ci occupiamo andando oltre alle sole tendenze moda, il “balletto” delle griffe, le fusioni, le acquisizioni, i nuovi protagonisti. Fulcro basilare della nostra attività è il valore che vogliamo portare al mercato. Nei tempi passati la stampa professionale aveva pochi attori, al giorno d’oggi quasi un centinaio di riviste nel mondo fa da tramite tra la produzione, la distribuzione e il dettaglio. I clienti sono a volte sopraffatti e frastornati dalla quantità delle proposte loro presentate se le pubblicazioni non hanno un’identità ben precisa, facilmente identificabile ed posizionabile. Chi conosce la nostra casa editrice sa che da decenni ci piace sperimentare nuove strade per adattare la nostra risposta alle richieste dei lettori, sfruttando ciò che le nuove tecnologie o i metodi di comunicazione ci offrono, pur senza abbandonare la nostra identità iniziale. Così negli anni ’90 hanno via via visto la luce iniziative quali VEDERE Multimedia, la prima rivista digitale su CD –ROM o


Isabella Morpurgo Editore

1

800 723456 -

Fax Linea Verde

800 018091 -

- e-mail: www.safilo.com

Marzo

ta@safilo.com servizio_clienti_i

2012

mod. CARRERA

38

Numero Verde Sàfilo S.p.A. -

i 51 - 20133 - Milano UM Srl - Via Negrol EDIZIONI ARIMIN

E’ seguita la nascita di un VEDERE solo per il mercato italiano, idea che “accarezzavamo da tempo” e, ultima in ordine di tempo, la versione digitale delle nostre riviste. Tanta carne al fuoco, nonostante i tempi difficili, ma crediamo di aver sempre mantenuto la parola data ai nostri lettori oltre mezzo secolo fa, quella di essere testimoni, interpreti, porta parola di un bellissimo settore dove creatività, ingegno, inventiva e imprenditorialità non mancano. La nostra presunzione è quella di parlare a tutti gli attori del settore, protagonisti e comprimari, senza adottare linguaggi settari riservati a pochi ma al contempo cercando di stimolare all’aggiornamento e alla ricerca per un arricchimento professionale.

Speciale MIDO

WATCH THE VIDEO

Partire per coast un coast to e. indimenticabil

om carreraworld.c

SINCE 1956

Special Mido

:39 6-03-2012 17:37

T hCOPe VEDE F REi r01.ind s td 1 I n t e r n a t i o n a l O p t i c a l M a g a z i n e • M a r c h 2 0 1 2

Edizioni Ariminum Srl - Via Negroli, 51/A - 20133 Milan - Italy

E&F – Eyewear & Fashion, poi diventata EFF Extra For Fashion, pubblicazione di alto target dedicata alla nicchia dei designer allora emergenti nel settore dell’occhialeria. Queste esperienze ci hanno dato molto sia dal lato professionale che umano e, anche se questi prodotti ora non sono più sul mercato, mi fa piacere vedere che oltre dieci anni dopo, la nostra strada viene seguita da altri colleghi che si cimentano attualmente in iniziative simili. Negli ultimi due anni ci siamo attivati sui social network con la pagina su Facebook, seguita attualmente da quasi 3.000 professionisti a livello internazionale e il mio profilo personale professionale, in contatto giornaliero con oltre 5.000 “amici”.

COPERTINA 01 International.ind1 1

4-03-2012 18:14:03

Vedere Italia 2012




Saloni & Fiere

Appuntamento a Mido 11-12-13 Marzo S

ono passati di moda i pepli greci, le tuniche romane, i corsetti, le crinoline seicentesche e le parrucche del ‘700, ma gli occhiali no. Frutto dell’estro creativo della Venezia del XIII secolo hanno attraversato indenni secoli e continenti, si sono evoluti, aggiornati, rivisti e corretti per approdare sui nasi di divi e gente comune del XXI secolo e attestarsi come accessorio cult, per correggere un difetto sì, ma anche per stupire e per costruirsi un look, per esprimere un certo mood e nella variante da sole, per proteggersi dai raggi UV e per “giocare” a nascondersi o a fare i divi. Cary Grant sarebbe riuscito a sfuggire alla polizia in “Intrigo internazionale”, senza in-



Vedere Italia 2012

forcare la montatura tartarugata? La Lolita cinematografica sarebbe stata così ammiccante senza quegli occhiali a cuore? O Woody Allen con quell’aria da intellettuale spaurito tolte le sue lenti da nerd? E la Marilyn Monroe di “Come sposare un milionario” così seducente se non avesse indossato quegli occhiali “a gatto”? E ancora Bill Gates, i Blues Brothers, Mahat-

Mido diventa sempre più internazionale, fruibile e funzionale al business delle imprese


ma Gandhi, Malcolm x e John Lennon sarebbero entrati nell’immaginario collettivo in maniera così forte senza indossare proprio quegli occhiali che li hanno resi unici? Probabilmente no. Oggi l’occhiale è una delle tante espressioni di un mondo, quello dell’occhialeria, che conta su più comparti: lenti, macchinari componentistica e montature appunto. E Mido è l’ombelico di quel mondo, fulcro di un business che coinvolge aziende e operatori del settore a livello internazionale. Un punto di riferimento dunque, capace di aggiornarsi e di proporsi – edizione dopo edizione – come vetrina esclusiva di tutte le novità del settore. In calendario dall’11 al 13 marzo 2012 a Milano, per la quarantaduesima volta, si conferma uno strumento indispensabile alle aziende per promuovere la propria attività e – per gli ottici, nazionali e internazionali – un’occasione unica per conoscere le novità di prodotto, per aggiornarsi e confrontarsi, per cogliere le sfumature, intuire le novità, leggere le tendenze, carpire i nuovi mood dell’eyewear in tutte le sue sfaccettature. Mido è in grado di offrire tutto questo grazie al dialogo continuo e attento con i suoi interlocutori di riferimento, interfacciandosi costantemente con il mondo degli ottici e degli oculisti per offrire loro un servizio su misura e far incontrare le loro richieste con le esigenze delle aziende. “Respiro internazionale”, “fruibilità immediata”, “attenzione alle novità e ai mercati di nicchia”, “momenti di approfondimento” e “servizi dedicati”: ecco cosa chiedono gli addetti ai lavori. E Mido risponde. Nuove date, Easy Mido e la razionalizzazione degli spazi La fiera perfeziona la sua organizzazione e propone un nuovo posizionamento in calendario: da domenica 11 a martedì 13. Una scelta nata per agevolare, da una parte, i buyer stranieri che preferiscono concentrare le visite in fiera durante la settimana lavorativa, pur conservando la possibilità di potervisi recare anche in parte del weekend e per favorire, dall’altra, anche la visita degli ottici italiani e dei Paesi limitrofi la domenica e il lunedì, consueti giorni di chiusura dei negozi di ottica in molte città. Ma non è tutto, per gli ottici italiani è stato pensato anche un servizio su misura: all’interno del padiglione 22 è stato realizzato uno spazio congressuale per incontri di approfondimento su tematiche legate all’ottica e un’area d’accoglienza loro

www.mido365.com su Facebook e twitter Il portale del mondo dell’occhialeria sbarca anche sui social network I social network rappresentano per tutti una immancabile via di comunicazione. Sono una vera e propria dimensione parallela della vita e, quindi, anche del mercato. Sempre più aziende dell’Eyewear internazionale hanno un profilo Facebook e Twitter che utilizzano per far conoscere al mondo le loro novità in un modo meno formale, utile soprattutto per la rapidità con cui veicola il messaggio a migliaia di persone interessate.www.Mido365.com ha deciso di “sbarcare” anche su Facebook e Twitter dove si potranno seguire le news pubblicate sul portale in tempo reale senza perdere mai contatto con il mercato, gli operatori e le notizie più interessanti. Durante la prossima edizione di MIDO, dall’11 al 13 marzo 2012, sarà anche garantita una copertura twitter della manifestazione, con spunti, esclusive e tweet direttamente dai Padiglioni di Fieramilano Rho-Pero che ospiteranno la kermesse. Per non perdere tutto questo è sufficiente collegarsi su Facebook alla fanpage che trovate a questo link: www. facebook.com/redazionemido365 e cliccare il tasto MI PIACE che vedrete in alto nella pagina. Così si potranno ricevere tutte le news in tempo reale ed essere sempre i primi a sapere in che direzione si muove il settore e cosa dicono i protagonisti dell’Eyewear internazionale, anche grazie ai numerosi accordi globali che solo Mido365 può vantare tra le testate online di informazione specifica del settore.

Vedere Italia 2012




Saloni & Fiere

Un’opportunità di comunicazione e di business unica

riservata (OttiClub). E’ nato anche “Easy Mido”: in collaborazione con le più importanti associazioni di categoria, Mido ha organizzato trasferimenti gratuiti per tutti gli operatori italiani che vogliono visitare il Salone. Guardando al futuro, Mido ha anche un occhio di riguardo per gli ottici di domani: visite guidate all’interno della fiera per gli studenti degli ultimi anni delle scuole di ottica (superiori e università) per far conoscere da vicino e “vivere” in prima persona le novità presentate dal mondo dell’occhialeria a livello internazionale. Ultima, ma non meno importante è la razionalizzazione degli spazi. Mido dedica particolare attenzione all’allestimento espositivo, ritenendolo un valore aggiunto. La caratterizzazione e personalizzazione dei singoli padiglioni ha l’obiettivo di creare un percorso visivo all’interno della fiera rendendo ciascuna area immediatamente riconoscibile: le avanguardie tecnologiche in fatto di materiali, lenti e accessori trovano la loro dimensione nel padiglione Mido Tech (pad. 9) e nel padiglione dedicato alle lenti (pad. 22); le ultime tendenze moda dell’occhiale da vista e da sole sono le protagoniste di Mido Fashion District (pad. 13 e 15); le sperimentazioni più avanzate in fatto di forme, materiali e colori illuminano l’ormai irrinunciabile Mido Design Lab (pad. 24, con apertura straordinaria fino alle 22 domenica 11 marzo). L’Asian Pavilion (pad. 9 e 11) raccoglie invece le realtà produttive dell’Estremo Oriente. A completare l’offerta: aree dedicate e di accoglienza, spazi congressuali e di approfondimento.



Tendenze Mido è occasione di business, marketing, comunicazione, ma è anche un osservatorio privilegiato per cogliere i nuovi trend, per conoscere in anteprima mondiale le tendenze dell’eyewear 2012. È tra gli stand del Salone milanese che le aziende dettano le ultime mode in fatto di occhiali. Piccoli o grandi? Tondi o colorati? E’ per scoprirlo in anteprima assoluta che stampa specializzata e di moda, blogger e trend setter, buyer e ottici di tutto il mondo si danno appuntamento proprio a Mido.

Vedere Italia 2012


© Silhouette / valid until 03. 2014

LA NOSTRA VITA È UN’AVVENTURA!

SUPER RESISTENTI. SUPER LEGGERI. SPX ART KIDS Design e qualità made in Austria | www.silhouette.com | Seguici su


Saloni & Fiere

Il meglio della visione

10

È

stato un ottimo inizio d’anno per il settore e opti ’12 a Monaco di Baviera in Germania dal 13 al 15 Gennaio si è confermato come un appuntamento importante tra quelli in calendario quest’anno. Più di 450 espositori provenienti da 27 paesi e 23.000 visitatori provenienti dalla Germania e dall’estero si sono riuniti qui per celebrare il meglio della visione. L’atmosfera tra i partecipanti è stata eccellente, si potevano trovare molte informazioni utili e gli ordini sono stati molti nei quattro padiglioni del salone, tutti al completo. Quasi il

Vedere Italia 2012

90 per cento (nel 2011era stato l’84,1%) dei visitatori intervistati ha valutato opti ‘12 da “buono a molto buono”. L’indagine ha rivelato che i visitatori sono stati particolarmente soddisfatti per l’ampiezza e la varietà dei prodotti in mostra alla fiera. Di particolare interesse quest’anno erano le sezioni dedicate a montature, lenti oftalmiche e lenti a contatto. Inoltre, sempre più aziende stanno scegliendo opti ‘12 come piattaforma ideale, proprio all’inizio dell’anno, in cui presentare al mercato le loro nuove collezioni di occhiali da sole. “Con i nuovi espositori e designer provenienti dalla Germania e dal-


Dalla tecnologia al design: le anteprime mondiali all’inizio dell’anno l’estero - tra cui quelli di Giappone e Stati Uniti - opti ha ulteriormente sottolineato la sua competenza nel design e nella moda e ha ampliato la sua copertura internazionale” ha detto durante una conferenza stampa Dieter Dohr, CEO e Presidente di GHM Gesellschaft Für Handwerksmessen mbH, la società che organizza opti. I visitatori sono stati molto soddisfatti anche di questo: l’84,3 per cento di loro ha descritto la copertura internazionale della fiera da “buono a eccellente”. “opti ’12 aumenta anche la sua importanza nella cadenza produttiva perché sempre più aziende stanno organizzando la tempistica di produzione per arrivare a Monaco e presentare i nuovi modelli e le innovazioni, ha aggiunto Dieter Dohr. “E’ la fiera più forte all’inizio dell’anno, agisce come guida ed offre orientamento per quanto riguarda la tecnologia e il design nel nuovo anno.” Anche quest’anno, l’intero settore internazionale aspettava questa fiera a Monaco di Baviera, per l’anteprima mondiale di molte collezioni, modelli e tecnologie. E molti espositori presenti nella sezione “arredamento e attrezzature per negozi” hanno dimostrato come presentare al meglio le novità. A opti ‘12 hanno presentato i loro nuovi concetti e, con la loro creatività, hanno dato un contributo significativo al successo della fiera per quanto riguarda l’aspetto estetico. Secondo l’indagine le aziende presenti in fiera sono state molto soddisfatte per il maggior numero di ordini ricevuti rispetto allo scorso anno. C’è stato anche ottimismo visto il crescente interesse per i loro prodotti da parte di ottici esteri. Una novità di quest’anno è stata optimus, la serata conviviale organizzata presso la Hofbräuhaus, probabilmente la birreria più famosa al mondo, che si trova proprio nel cuore di Monaco. Qu’ espositori e visitatori hanno avuto l’occasione di incontrarsi al di fuori degli spazi espositivi. Commentando la serata, Thomas Truckenbrod, Presidente dell’associazione degli ottici - Zentralverband der Augenoptiker (ZVA) - ha detto: “optimus ha tenuto fede a quanto promesso

dal suo nome. E’ stata un’ottima serata e ha sottolineato l’ottima organizzazione di opti ’12.” E ha aggiunto: “Lo stand della ZVA era sempre occupato e abbiamo percepito l’ottimismo dei nostri colleghi per il 2012. L’anno prossimo, nel 2013 opti sarà anor più un salone di successo”. Positivo nei suoi commenti sulla fiera è stato anche Josef May, Presidente dell’associazione di settore SPECTARIS: “Cos’altro di può dire di opti ’12? In tutti i tre giorni della fiera non si sentivano altro che lodi da tutti gli angoli delle sale affollate. Possiamo tutti affermare che è stato un evento davvero soddisfacente. Gli affari sono andati bene, l’atmosfera ottima, non ci sono stati problemi organizzativi e si è visto un significativo aumento dei visitatori stranieri. Dopo il difficile periodo vissuto nella seconda metà del 2011 stiamo ora, per fortuna, entrando nel nuovo anno spinti dal nuovo vento che soffiava a opti.” Le opinioni sulla situazione economica rimangono invariate. Secondo l’indagine i visitatori professionisti del settore guardano al futuro con ottimismo. Come lo scorso anno, più della metà degli intervistati ha descritto la situazione come da “buona a eccellente”. Il prossimo opti avrà luogo dal 25 al 27 Gennaio 2013 a Monaco.

Il settore dell’ottica ha celebrato l’inizio dell’anno con opti ‘12 a Monaco di Baviera Vedere Italia 2012

11


Saloni & Fiere

International Vision Expo East 2012 L’

12

espansione del salone su quattro livelli continua il trend di crescita di International Vision Expo East che avrà luogo a New York al Jacob K. Javits Convention Center dal 22 al 25 Marzo. Gli espositori saranno 575, dei quali 130 presenti per la prima volta alla manifestazione americana. Lo scorso anno i saloni espositivi si erano trasferiti nella North Hall, comprese le sezioni The Galleria, The Underground e The Atrium. Quest’anno ci sarà anche il debutto di The French Loft, una nuova area al quarto livello del centro fieristico, dove si po-

Vedere Italia 2012

tranno vedere le ultime novità del design francese. Per molte aziende francesi questo sarà l’unico evento internazionale cui prenderanno parte quest’anno. “ Vision Expo East è l’unico salone internazionale dove interverremo fuori dalla Francia per esporre le nostre collezioni. L’ho scelto per le sue dimensioni, è facilmente accessibile e i rapporti con i clienti sono facili e semplici” ha detto Bruno Chaussignand, fondatore, designer e direttore dell’omonima azienda. L’atmosfera del Loft, ovviamente ispirata alla Francia, accoglierà una decina di espositori con prodotti di fascia alta: Pier-


Il salone di New York sempre pi첫 internazionale con il Loft francese

ubVEDERE tra 1-11-2005 19:04 Pagina 2

re Eyewear, Histoire de Voir, Jeremy Tarian, French Vintage Lunetier, Glance of Lens, Bruno Chaussignand, Struktur, Jacques Durand Lunetier, Lotho e Waiting for the Sun. Il salone, in partnership con Local Eye Site (LES), ha anche annunciato il lancio di un nuovo portale, denominato Vision Job, per la ricerca di impiego da parte dei professionisti del settore. C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

Vedere Italia 2012


Optometria funzionale

RETINOSCOPIO o CANNA DA PESCA? Antonio Gemignani, Optometrista Socio Fondatore ONLUS 21Cicli Docente IRSOO, Vinci – FI Associazione Italiana di Posturologia Applicata Tempo fa un vecchio medico in pensione, di formazione e indole ancora Ippocratica, mi disse: “Quando vuoi sapere come sta veramente una persona guardala negli occhi. Gli occhi sono lo specchio dell’anima”. Vado oltre e ti leggo in un libro non scientifico (sigh!): … L’occhio è la lucerna del corpo … Mi pare si chiamasse La Sacra Bibbia. Le coincidenze vogliono che mi interessi di occhi, anzi, di Visione da quasi venti anni e avendo approcciato la materia in tutti i modi possibili collaborando con Medici, Chirurghi, Neuropsicologi, Osteopati, Posturologi a diverso titolo, ma soprattutto da Optometrista posso affermare sardonicamente e con certezza che l’occhio non è e non funziona come una macchina fotografica. Ricondurlo ad essa, come in molti ambienti si continua a fare, è relegarlo nella migliore delle ipotesi alla condizione di diottro complesso. E mi interrogo. L’occhio umano consta almeno di tre dimensioni influenti: diottrica, fisiologica, psicologica. Consta poi all’essere umano di aver due occhi, posti su di un ideale piano frontale, che a complicar le cose innescano una dimensione del tutto particolare: la binocularità. Nell’affrontare la compensazione dei così detti vizi rifrattivi (in italiano si scrive con la “i”, l’ho controllato definitivamente sul vocabolario) l’occhio è di fatto diottricamente valutato con la prassi del rilevamento rifrattivo e l’aggiunta, nell’atteggiamento virtuoso, della lettura cheratometrica … e poi? Ognuno sviluppa la sua indagine secondo scienza e arte, evidentemente. Sappiamo che esistono test atti ad analizzare la complessità funzionale della visione umana, test che in ambito optometrico sono stati per decenni studia-

Vedere Italia 2012

ti, interpretati, perfezionati e via via applicati. Ne esiste uno che se da un lato è di fatto metodologicamente ignorato dalla maggior parte delle discipline della Visione da un’altra prospettiva permette di raccogliere informazioni di tale qualità e attendibilità da far provare sempre una sorta di “emozione clinica” all’operatore avvezzo: la retinoscopia. Ehhh! Ohhh! Direte voi: ecco l’uovo di Colombo! E No: dico io. Procediamo con onestà. Limitiamoci pure alle branche tecniche delle Scienze della Visione. Domando: quanti sono coloro che hanno assimilato e conducono abitualmente l’indagine retinoscopica? Quanti sono coloro che almeno conoscono la varietà e poliedricità delle metodiche di rilevamento e dei potenziali emergenti dall’interpretazione? Ecco cosa succede: si spara con l’autorifrattometro, si perfeziona sfera cilindro, asse e via ai 10/10 ….. 50 miopie di -1.00Dt compensate, 50 astigmatismi di 0.75ax180° idem. Sono tutti gemelli omozigoti omofunzionanti, cloni rifrattivi. Attenzione, va benissimo per


N

N

vendere. Il punto è che il nostro livello di disquisizione prescinde da questo aspetto volendoci interessare qui e almeno per vocazione della dimensione visivo-funzionale e clinico-applicativa. Avete mai provato, una volta individuate due lenti ai 10/10, ad eseguire una retinoscopia statica? … e dinamica? Per chi non si pone il problema la lettura può qui terminare. A chi vuol provare a porselo dico subito che gli si può parare innanzi una dimensione perturbante il confortante e abituale rilievo rifrattivo. Ed è proprio da qui che può avere inizio un percorso di Educazione Visiva e miglior comprensione. Lasciamo per il momento stare la disquisizione semantica inerente i concetti vicini ma diversi di schiascopia e retinoscopia per delineare le linee concettuali di questa introduzione critica all’argomento che occuperà anche le prossime rubriche. Dovrebbe essere assodato come il primo utilizzo dello strumento stia nella valutazione del riflesso retinico sotto forma di movimento e velocità: i così detti attributi di concorde, discorde, lento, veloce. È appena il caso di ricordare poi che gli autorifrattometri funzionano sul rilevamento del riflesso retinico, ovvero sul principio della schiascopia bruta. Fin qui siamo al livello di opzione “commerciale”, ovvero se sia più conveniente investire qualche Euro sullo schiascopio e, soprattutto, sulla pratica d’utilizzo oppure qualche Euro in più (!) per acquisire la scatola autorifrattometrica. I più sobri fanno a meno dell’una e dell’altra. Un collega-studente mi invia una richiesta di aiuto per posta elettronica: “Carissimo, etc, etc, ho eseguito la misurazione con lenti su X e sono riuscito a dare a X i 10/10 per occhio (OD -1.00sf OS -1.50sf). Visto che la qualità ai 10/10 non era però analoga ho voluto controllare con la schiascopia (nds statica). Tutto sommato sono riuscito così a neutralizzare il movimento con una lente di +2.00Dt (nds distanza di schiascopia a 50cm). Ma come è che il colore è così diverso?”. Lo zelante collega, forse a sua insaputa, ha così compiuto un raid nella dimensione non diottrica

del vedere utilizzando l’unico test, e lo ripeto per inciso, l’Unico test oggettivo che permette all’analista visivo, tecnico o medico che sia, di valutare la Visione, non di misurare la vista. Il colore del riflesso retinico è dunque ciò che ha insinuato il dubbio nella curiosità investigativa. Penso agli Optometristi di oltre oceano che decenni fa hanno così bene studiato questa dimensione e di cui noi siamo frustrati epigoni “senza portafoglio” che gridano nelle lande periferiche della Scienza ufficiale. In breve sintetizzo qui i punti pregnanti su cui si baseranno le future letture: direzione e velocità danno le quantità, colore, brillanza e omogeneità (isotropicità) del riflesso danno le qualità. Quantità e qualità alle volte non vanno di pari passo. Ridomando ora: quale autorifrattometro riesce a investigare il “non diottrico”? Un ultimo aneddoto prima dell’arrivederci al prossimo numero. Parto da casa in Sardegna e torno a trovare i miei cari a Marina di Carrara. Passeggiata canonica sul pontile di Forte dei Marmi dove t’incontro il solito Mario che butta la lenza. “Che si pesca Mario?” “Il solito” risponde lui. “Con che peschi Mario?” … “Il solito”. E mi guarda con lo sguardo tra il perplesso e il rassegnato. Che saggezza quel vecchio medico! …..”Con che misuri Vision Man?” Ps. Invito a visitare il sito IRSOO (Istituto Regionale di Studi Ottici e Optometrici) alla voce Nuovo Percorso di Estensione Optometrica. Buon lavoro a tutti e al prossimo numero.

Per ulteriori informazioni scrivete a: visionepostura@21cicli-onlus.org antoniogemignani@yahoo.it irsoo@irsoo.it e sito dell’Istituto

Vedere Italia 2012

15


ON0212

I 3 Nemici del Benessere

con le sue 3 linee di prodotto combatte ogni nemico del Benessere degli Occhi PerchÊ ... Anche l’Occhio Vuole la Sua Parte

www.optox.eu


I Protagonisti I Protagonisti

Gli integratori di OPTOx combattono i 3 nemici del Benessere degli occhi

L

a Sete, La Fame e Lo Sporco sono i 3 nemici del Benessere in genere e, in particolare, degli occhi. Il Benessere, e tutto ciò ad esso collegato, è il comparto che, negli ultimi 5 anni è cresciuto maggiormente ed in maniera costante (Fitness, Centri Estetici, Cosmesi, Centri Benessere e Termali). Il “PIANETA INTEGRATORI”, collegati al Benessere, sta vivendo un fermento fuori dal normale. Solo tenendo conto del canale farmacie, il comparto degli integratori registra un fatturato al consumo di oltre 1 miliardo e 200 milioni di euro con incrementi annui vicini alle 2 cifre. Oggi, infatti, quasi un italiano su tre ha utilizzato o utilizza integratori con un duplice obiettivo: la ricerca del benessere psicofisico (46,1%) e la risposta ad una esigenza di salute (fonte Bocconi Trovato & Partners &ndash). Ma anche l’Occhio vuole la Sua parte di Benessere. Il Benessere degli occhi, quindi, (oltre che la ricerca del visus ottimale e al di là del mezzo di correzione visiva adottato) è, oggi, una concreta possibilità di sviluppo in linea con le specifiche competenze professionali dell’Ottico Optometrista. Chi siamo OPTOX è la Divisione in Ottica/Optometria del Gruppo Industriale Italiano OOgroup, Leader in Oftalmologia e specializzato nella salute e benessere dell’apparato oculare. Nata a marzo 2006, OPTOX propone una linea di Integratori mirati ad alleviare i fastidiosi sintomi correlati alla visione che affliggono oltre il 60% della popolazione, fra cui milioni di ametropi e portatori di Lenti a Contatto. L’efficienza del film lacrimale, il comfort perioculare, l’equilibrio del metabolismo oculare sono trattati con “3 linee di integratori”, innovativi nel mercato dell’Ottica, che si basano sulla anamnesi dello stile di vita per migliorare la qualità della visione e combattere i nemici del Benessere degli Occhi. Tutti i prodotti OPTOX riportano il prezzo di vendita stampato sulle confezioni e vengono distribuiti direttamente all’Ottico Optometrista. Senza nessun supporto del Canale Ingrosso. Dopo 6 anni dalla sua nascita OPTOX è presente, con crescente successo, in oltre 2.500 Punti Vendita in Italia. Nel 2007, dopo solo un anno di vita, OPTOX “entra” in Europa consolidando la sua presenza anche in Spagna, Portogallo e Svizzera

17

dove più di 1.000 Ottici Optometristi promuovono il “Benessere degli Occhi” secondo OPTOX. Dal 2010, poi, per OPTOX si apre una nuova e avvincente sfida: entrando, come primi Paesi, in Costa Rica e Nicaragua, inizia la sua corsa alla conquista del Sud America. La Mission di OPTOX Noi esistiamo per prevenire ed alleviare i fastidi correlati alla visione causati da: • stress ambientale e lavorativo; • uso continuativo di mezzi correttivi della visione; • carenza di elementi nutrizionali. Noi lavoriamo con gli Ottici Optometristi per assicurare il benessere degli occhi a tutti coloro che hanno bisogno di migliorare la qualità della visione e della loro vita.

I Protagonisti I Protagonisti I Prota Vedere Italia 2012


Moda

Le tendenze 2013 secondo Mazzucchelli 1849 M

18

azzucchelli 1849, azienda leader nella produzione di lastre di acetato di cellulosa, propone al mondo dell’occhiale la propria interpretazione delle tendenze per il 2013. Lo scenario economico-finanziario internazionale ed europeo in particolare, hanno imposto nuove regole di austerità e comportamenti all’insegna della sobrietà e della condivisione generale ma, proprio per questo, come già era successo nei periodi post-bellici, è forte anche il bisogno di uscire dall’incubo della recessione e dalla monotonia della globalizzazione, di evadere dalla quotidianità per ritrovare valori familiari e sociali dimenticati, di tornare a sognare nella convinzione di poter migliorare la propria vita. La sbornia post-industriale aveva favorito l’avvento di una cultura effimera ed ostentativa. Gli effetti di questa crisi favoriscono invece il ritorno alla sobrietà in termini di qualità, di buon gusto e di cultura del particolare. La “curiosità” torna a far capolino nella testa del consumatore e genera il desiderio di approfondire la conoscenza dei prodotti: si ricercano le caratteristiche di naturalità ed ecosostenibilità, si valutano ed apprezzano particolari lavorazioni artigianali che garantiscono la qualità e quei dettagli estetici o tecnologici che determinano l’unicità del prodotto. I trend moda sono quindi molteplici e basati su vari fattori quali la naturalità, l’ artigianalità, l’autenticità, la creatività, ciascuno dei quali interagisce con l’altro e rappresenta una delle sfaccettature di una società in continuo movimento ed ibridazione culturale. i delineano quindi nuovi scenari di riferimento, nei quali il consumatore sceglie secondo paradigmi personali , non rinunciando però mai a sperare in un futuro e in una qualità di vita migliori. E così anche la moda recupera stilemi degli anni ‘2o e gli anni ‘5o, i due periodi post-bellici improntati ad una ritrovata gioia di vivere ed alla speranza di un mondo migliore. I ruggenti anni ‘20 si ripresentano in varie sfaccettature, con un

Vedere Italia 2012

appeal irresistibile fatto di tessuti lucidi, preziosi e ultrafemminili per un’eleganza raffinata. Delicate nuances si illuminano di riflessi iridescenti o di importanti dettagli metallici mentre le tonalità più decise si articolano in patterns decorativi ispirati all’Art Deco. Gli anni ’50, d’altro canto, tornano protagonisti con il loro sereno ottimismo raccontato attraverso una gamma di zuccherosi colori pastello che creano una nuova estetica del vintage. Mazzucchelli interpreta queste tendenze generali attraverso lo studio di cromie e disegni tridimensionali unici, realizzate in acetato e, in parte, nella nuova formulazione ecologica M49. Il classico contemporaneo Non si tratta di semplici ripescaggi vintage, ma di rielaborazioni basate sul concetto che qualsiasi elemento classico, ben noto e conosciuto, può diventare assolutamente contemporaneo se riproposto in chiave coloristica diversa, semplificato nella forma, stilizzato o interpretato in modo astratto. Nell’occhiale, grandi interpreti di questa tendenza sono l’avana


e il corno. Intramontabile classico, l’avana diventa attualissima con pennellate di corallo, verde cactus, blu tuareg e tangerine. Il corno invece ripropone i colori classici, ma gioca sulle trasparenze. La natura Il mondo vegetale, animale e marino sono sempre fonti importanti d’ispirazione. C’è un grande interesse per tutto quello che ricorda l’acqua e la sua trasparenza, la vita subacquea, i pesci con le loro pelli lucenti e iridescenti, la madreperla, le ostriche. Per il 2013 il blu sarà un colore fondamentale in tutte le sue sfumature, dal turchese al blu oltremare. Foreste e giungle creano mondi fantastici in cui evadere, colorati da piante e fiori esotici. I disegni delle pelli degli animali vengono rielaborati con tecnologie nuove per effetti sensoriali particolari, mentre i fiori si ripresentano in piena libertà con forme e colori ispirati agli anni ‘60 e ’70. Il geometrico Le geometrie seguono regole precise ispirate alla pop art anni ’60 con colorblockings alla Mondrian o si inventano nuove regole di asimmetria, con tagli di linee decisi e netti che creano incroci inaspettati. Protagoniste saranno inoltre le righe, con effetti bicolori a contrasto o coloratissime e con ritmi cromatici molto vari.

Il gusto sportivo, di forte valenza cromatica, influenzerà in occasione delle Olimpiadi anche il look urbano. Il mondo green interpretato da Mazzucchelli con M49® Naturale, organico, ecologico, ecosostenibile, ecofriendly, biodegradabile e riciclabile. Il rispetto dell’ambiente e l’attenzione alle risorse naturali sono principi dai quali non si può più prescindere. Sempre più spinta in questa direzione sarà la ricerca di nuovi materiali che, come M49, la bioplastica di Mazzucchelli, saranno in grado di rispondere a queste esigenze. Mazzucchelli presenta al Mido nuove collezioni in M49 ispirate alle lavorazioni artigianali del legno e propone una collezione che riproduce in un look selvaggio ed astratto i sempre richiestissimi effetti animalier.

19


Economia 2011: UN ANNO IN CHIAROSCURO PER LA MODA IN BORSA D

di Pambianco Strategie di Impresa

opo l’annus horribilis 2008 le azioni della moda e del lusso rac-

lizzata ad un prezzo di $ 43 ad azione, con un premio del 43% sul prez-

colte nell’indice Pambianco Fashion Europe, hanno avuto una

zo di chiusura del giorno precedente. A dicembre è invece stato il mo-

crescita molto sostenuta nei due anni a venire, rispettivamente del 32%

mento dell’IPO di Michael Kors quotato a $ 20 per azione, che ha chiuso

nel 2009, e del 34,3% nel 2010. Non è stato però così per questo 2011,

l’anno con un +36%.

anno in cui l’indice ha chiuso con un -8,1%, sottoperformando l’indice

20

FTSE 100, che invece si è attestato ad un -5,6%.

MULBERRY ED HERMES GLI “ANTICRISI”

Dal 2000 a oggi le azioni della moda e del lusso in Europa hanno sempre

Premio come miglior azione del 2011 in Europa va a Mulberry che rega-

fatto meglio del mercato, eccezion fatta per due anni: questo appena con-

la ai suoi azionisti un +63%. L’Azienda di pelletteria inglese ha chiuso il

cluso e il 2004, dove erano cresciute solo del 6,8% contro il 9,9% dell’in-

2011 con una crescita record: il fatturato è passato da 72,1 a 121,6 milio-

dice generalista.

ni di sterline, l’utile operativo da 4,9 a 23 milioni e l’utile per azione da £

In realtà fino a luglio anche l’indice Europeo era in territorio positivo e con

5,2 a £ 29,8.

una performance migliore rispetto al FTSE 100, ma la crisi dell’Euro scop-

Medaglia d’argento alla solita Hermes, che chiude il 2011 con un +47%.

piata ad agosto ha cambiato le carte in tavola trascinando al ribasso anche

Già nel 2008, quando i listini erano crollati, il titolo della maison francese

i titoli della moda e del lusso, con poche eccezioni e nonostante molti di

era stato l’unico a chiudere in positivo. La performance fatta registrare que-

essi continuassero a registrare fatturati e utili record, trascinati dalle ven-

st’anno è dovuta da una parte agli ennesimi numeri “record” con una cre-

dite nei paesi emergenti, Cina in primis.

scita del fatturato nei primi 9 mesi del 2011 del 20,2% a quota € 1,989 mi-

Diversa è la situazione negli USA dove invece anche il 2011 si chiude

liardi. Dall’altra all’appeal sempre più speculativo dovuto al rastrellamento

positivamente per le azioni della moda e del lusso: l’indice Pambianco

in corso delle azioni da parte di LVMH che ormai detiene, con una parteci-

Fashion USA registra comunque un +11,5%, sovraperformando in questo

pazione di circa il 22,3%, quasi tutto il flottante.

caso l’indice Dow Jones, che chiude l’anno con un +5,5%.

Bene anche le italiane Caleffi (+41,1%) e Aeffe (+20,4%). L’Azienda di biancheria per la casa festeggia l’importane accordo di licenza con Ro-

DELISTING MA ANCHE IPO

berto Cavalli, mentre il gruppo di abbigliamento guidato da Massimo Fer-

Cambia anche la fisionomia dei listini. A Milano vengono delistate Bulgari,

retti inizia a risalire la china grazie ai numeri del 2011 e alle buone previ-

acquisita da LVMH a € 12,25 per azione e Coin, acquisita da BC Partners a

sioni per il 2012.

€ 6,5 per azione. A Milano è però sbarcata Salvatore Ferragamo che, collocata a € 9 per azione a giugno, chiude l’anno con un +13,1%.

I PEGGIORI SONO A PIAZZA AFFARI

A fare maggior scalpore sono però state le IPO su Hong Kong, segno ecla-

La maglia nera del 2011 va purtroppo a 4 titoli di Piazza Affari. Safilo è la

tante dell’inesorabile spostamento del baricentro del lusso verso l’Asia.

peggiore con un -63,3%. A pesare sull’Azienda di occhialeria soprattutto

Samsonite a giugno, Prada a luglio e Coach (già quotata anche a NewYork)

il mancato rinnovo della licenza di Armani, che pesava per circa il 16%

a dicembre sono sbarcate sul listino, anche se per il momento, con per-

del fatturato. Tale evento è stato parzialmente compensato con l’acquisi-

formance non brillantissime: Samsonite perde infatti il 16% e Prada l’11%

zione di Polaroid Eyewear e con la licenza di Celine dal gruppo LVMH.

dal prezzo di quotazione.

Male anche Antichi Pellettieri (-58,3%) affossata dalle vicende di Mariella

Si modifica anche il campione americano con il delisting di Timberland,

Burani. Performance molto negative anche per Benetton (-40,0%) e Geox

acquisita da VF Corporation. L’Opa condotta da VF a giugno è stata rea-

(-36,5%). Su entrambe le aziende pesa la sovraesposizione all’Italia e ai

Vedere Italia 2012


Analisi sull’andamento dei titoli della moda quotati nelle principali borse internazionali nel 2011 mercati maturi, il che rende il loro profilo di crescita più vulnerabile al-

MALE LE BORSE ASIATICHE

le deboli prospettive macroeconomiche.

Da quest’anno, vista l’effervescenza del mercato, abbiamo deciso di monitorare anche i titoli della moda e del lusso quotati in Asia. La piazza di

IN USA ANNO DI RIALZI

Hong Kong, in particolare, si è dimostrata molto ricettiva ai titoli di questo

Positivi quasi tutti i titoli del campione. Miglior performance è stata quel-

settore e in prospettiva potrà attrarre sia ulteriori marchi occidentali (in

la di VF Corporation, con un +47%.

previsione 2012 la quotazione del brand di gioielleria Graff) sia aziende

Il gruppo di sportswear americano, oltre alle acquisizioni di Timberland

locali. Da inizio anno, però, le performance dei titoli del nostro campione

e della JV indiana, prevede di chiudere il 2011 con ricavi in crescita di

non sono state entusiasmanti. Fatta eccezione per Fast Retailing (Uniqlo)

circa il 23%. Bene anche Limited Brands (+31,3%) e Ralph Lauren

che chiude l’anno con un +8,3%, tutto il resto dei titoli è in rosso. Partico-

(+24,5%). Lascia sul terreno un terzo del valore Guess (-37,0%), affos-

larmente negative le performance per Esprit (-72,8%) e per Li & Fung (-

sata dalle turbolenze in Europa dove il marchio sviluppa oltre un terzo

68,4%). Il retailer quotato ad Hong Kong paga una forte riorganizzazione

del proprio business. In discesa anche Abercrombie & Fitch (-15,3%) e

che ha portato l’utile 2011 (bilancio chiuso a fine giugno) in calo del 98%

Gap (-14,3%), soprattutto dopo i deludenti risultati comunicati da en-

rispetto ai risultati del 2010. Il colosso manifatturiero asiatico paga invece

trambe le aziende nel terzo trimestre, che hanno suscitato preoccupa-

il rallentamento dei consumi in Europa e negli stati uniti e chiude il 2011

zioni anche sulla chiusura dell’anno.

con un calo degli utili del 15%, il primo calo negli ultimi 14 anni.

21

Vedere Italia 2012


Economia

22

Vedere Italia 2012


LE PROSPETTIVE PER IL 2012

lusso potrà arrivare dai tassi di cambio, con un euro più debole che po-

Dopo un 2010 particolarmente positivo ci si poteva aspettare un 2011

trà agevolare le esportazioni. Un’altra spinta ai listini potrà venire dalle

in rallentamento. In Europa c’è invece stata una brusca frenata. Sarebbe

operazioni di M&A. Dopo Bulgari, Coin e Timberland nel 2011, nel

stato impossibile prevedere eventi quali lo tsunami in Giappone e la cri-

2012 continuerà l’assalto di LVMH a Hermes, ma ci potranno anche es-

si dei debiti sovrani scoppiata ad agosto in Europa.

sere altre prede in giro da tenere d’occhio: Hugo Boss (oggi controllato

Tuttavia i bilanci delle Aziende, soprattutto dei grandi marchi globali,

dal fondo di private equity Permira), Tiffany e Burberry (entrambe scala-

sono ai massimi storici, trainati soprattutto dai mercati asiatici. L’Europa

bili) i nomi più caldi.

è l’epicentro della crisi e, da questo punto di vista, con le manovre cor-

Inoltre il PIL mondiale, nonostante la crisi europea, continuerà a cresce-

rettive in atto, il 2012 non sarà probabilmente un anno di crescita per i

re, così come la popolazione mondiale. Due indicatori storicamente

consumi. Un possibile respiro di sollievo alle Aziende della moda e del

positivamente correlati alla crescita dei beni di lusso.


deSIgnER > Alex Barusco, nato a Venezia 40 anni fa, è un designer creativo di moda molto conosciuto per i suoi crazy caps divenuti il simbolo del carnevale veneziano e mondiale, indossati fra l’altro da Materazzi nell’ultima finale vinta dall’Italia. Alex disegna e produce occhiali di nicchia a suo nome e distribuisce montature di designer internazionali in Italia e nel mondo. Da quest’anno collabora con la nostra rivista e incontra per noi vari suoi colleghi in giro per il mondo. Il suo particolare punto di vista ci permette di mettere in risalto in modo diverso novità e personaggi che portano qualcosa di nuovo sul mercato.

24

Oggi intervisto uno dei maggiori architetti, designer ed artista internazionale, un curriculum davvero impressionante, globalmente riconosciuto come uno dei maggiori interpreti del suo settore. Ron è una persona molto disponibile, schietta e diretta, aperta mentalmente, che mi ha davvero impressionato per la sua personalità ben distinta. Una persona che trasmette il suo carisma come pochi. Ho apprezzato la sua disponibilità a parlare con me riguardo alla sua nuova avventura nel mondo dell’ottica, PQ, il marchio dei suoi occhiali, promette di dare un nuovo impulso significativo al mercato. I suoi modelli sono di raffinata produzione, assemblati in varie fabbriche per soddisfare l’ingegno e la creatività di Ron, che ha risolto il problema della regolazione e calibrazione delle montature sui vari volti. E’ chiaramente una collezione non paragonabile ad altre nel mercato. Per chi gestisce una boutique e ha una clientela di alto rango per la quale cerca montature alternative, è sicuramente un MUST HAVE.

Vedere Italia 2012

10 X RON arad


deSIgnER Ron Arad Nato a Tel Aviv nel 1951, compie i suoi studi alla Jerusalem Academy of Art e dal 1970 prosegue all’Architectural Association di Londra. Ben presto la sua ricerca abbandona l’architettura (ha come maestro Bernard Tschumi e come compagni di studio Nigel Coates e Zaha Hadid) e si indirizza al design. Nel 1981 è uno dei fondatori dello studio di design e produzione One Off e, nel 1989, insieme a Caroline Thorman, fonda lo studio di architettura e design Ron Arad Associates. Nel 1994 apre a Como, in Italia, il Ron Arad Studio, che si occupa di design e produzione. Dal 1994 al 1997 Ron Arad è ospite della Hochschule di Vienna in qualità di Professore ed è tuttora Professore di design del mobile presso il Royal College of Art di Londra. È invitato a curare l’edizione 1994 dell’International Design Yearbook. Nel corso degli anni il suo lavoro è stato ampiamente illustrato in numerosi libri e riviste di architettura e design in tutto il mondo. I suoi lavori sono stati esposti nei musei e nelle gallerie d’arte più importanti del mondo, e molti di essi fanno parte di famose collezioni come quelle del Centre Georges Pompidou di Parigi, del Metropolitan Museum of Art di New York, del Victoria & Albert Museum di Londra e del Vera Design Museum in Germania. Realizza dei pezzi divenuti dei classici come Rover Chair e Bookworm (Kartell, 1995). I progetti architettonici di Ron Arad includono il foyer del teatro dell’Opera di Tel Aviv, Israele, i ristoranti Belgo a Londra (1994), lo sviluppo di un’idea di Sport Café con avanzata tecnologia interattiva audio/video per Adidas/Kronenbourg, una residenza privata altamente tecnologica a Londra, numerosi progetti per mostre e gallerie d’arte. È suo il progetto scelto per il nuovo prestigioso Stadio Adidas di Parigi. Nell’aprile del ‘97 ha costruito, nel centro di Milano, un totem commissionatogli dalla rivista Domus: una pila di 70 sedie costituite da un unico foglio di alluminio formato, sulla sommità della quale vi era una sedia contenente uno schermo digitale che pubblicizzava gli eventi salienti del Salone del Mobile. Arad utilizza tecnologia e materiali con modalità e forme del tutto nuove. “... talvolta sono più interessato alla forma e alla figura e la funzione è secondaria; allora si crea un pezzo come il grande vaso, possiamo chiamarlo vaso, ma non dobbiamo chiamarlo vaso. Non mi interessa se la gente lo usa o meno, mi diverto a scoprire i procedimenti, quello che si può fare con il materiale, che tipo di forma ottenere e la funzione in questo caso è puramente un alibi. Non mi interessa battermi per un aspetto o l’altro della questione; dire: “questa non è scultura! no, questo è design”, non è affatto importante. Quello che conta è: è interessante, è noioso, è entusiasmante, guardandolo, toccandolo, vi dà un senso di piacere oppure no? non è necessario sapere che cosa sia!.../...tutti i materiali al mondo sono pronti per l’uso, non c’è nulla che non sia pronto per l’uso. È una questione di quanto venga trasformato. Quando incominciai dovetti fare maggiore affidamento su ciò che è denominato “oggetti pronti per l’uso o fusi” perché era ciò di cui potevo disporre, che ero in grado di fare. In seguito, facendo dei progressi, si possono trasformare cose, si possono intraprendere in una fase anteriore della loro realizzazione. Entrambi i metodi di lavoro hanno i loro vantaggi e soddisfazioni. Io seguo questo perché si può vedere che esiste una precedente rassomiglianza tra un oggetto che ha più a che fare con il proprio aspetto, con l’aspetto che ha, perché non è la libreria più pratica del mondo, ma è compensata dall’aspetto, dall’idea.../...Ritengo che l’Italia o Milano o il Nord Italia siano tuttora il centro del mondo del design e devo dire che non è solo per il design che proviene dall’Italia ma soprattutto per la cultura di fabbricazione; non c’è altro posto al mondo dove si possano trovare artigiani e industrie, industrie vere e proprie, che conoscono il valore del design...”

Vedere Italia 2012

25


deSIgnER > Questo è ciò che ho letto sul tuo sito Internet. Pensi che la tua collezione di occhiali cambierà il mercato? E che vi sarà un ulteriore passo, proverai ad esprimere la tua idea finale di un occhiale speciale?

Quando abbiamo iniziato a disegnare occhiali da vista e da sole c’erano molte idee sul tavolo…sembrava facile e poco costoso. Abbiamo studiato 8 collezioni e, in realtà, stiamo per essere pronti con due e siamo molto emozionati per questo debutto a Mido ma capiamo anche quanto sia difficile produrre occhiali combinando i materiali. Sono molto curioso di vedere a Mido i tuoi occhiali, specialmente il CORBS, mi puoi spiegare il concetto di questo modello?

Abbiamo preso l’ispirazione dalle vertebre degli animali… dai un’occhiata a questo link per saperne di più http://pq-eyewear.com/corbs/line/overview/

26

Tu hai probabilmente capito che questa non è un’intervista convenzionale, così sarebbe meglio… continuare su questa strada… per non perdere il mio lavoro per questa rivista, o almeno tentare di non perderlo. Alex Barusco e Ron Arad

Allora, perché gli occhiali? Voglio dire.. perché non computer, un nuovo genere di i-Pad???? Ho intitolato questa intervista “10 x Ron” che è il mio voto personale al tuo lavoro sinora. Sei uno dei miei preferiti designer/artisti/architetti al mondo e sono davvero felice di incontrarti per questa intervista. Per favore datti tu stesso un voto, alla tua persona e personalità, dimenticando la tua vita di successo.

Alex, a tua volta sei il mio intervistatore preferito (adoro quando menti J- ndr). Io sono una persona fantastica, gentile, amabile ma molto pigro, ecco perché io lavoro così tanto J. Progettare è fare qualcosa di nuovo, qualcosa che non esisteva prima. Quando ci siamo imbarcati nel progetto della collezione di occhiali PQ era chiaro che c’è tanto di nuovo da fare in questo settore. Questo è solo l’inizio.

Vedere Italia 2012

Ohhhh Alex, ti sorprenderò. Infatti, molti anni fa avevo già fatto un tablet per la LG….si chiamava VU… vai a guardare su You Tube a questo proposito……. Gli occhiali…perché da due anni c’era chi mi chiedeva di lavorare su questo progetto. Capisco che gli occhiali sono qualcosa di particolare, devono adattarsi a volti diversi, hanno varie necessità, non è come nel caso di una sedia che tu progetti e la gente ci si siede sopra. Gli occhiali devi renderli confortevoli per chi li indossa e devono armonizzare con la loro personalità, così è un discorso davvero diverso e più complicato.


deSIgnER

Corbs mod Waterloo

Ti ho visto a Parigi a Silmo e indossavi un bel cappellino, hai disegnato anche quello? E l’hai fatto anche per gli uomini?

Si Alex, anche quello è una mia creazione. L’ab-

biamo fatto per una catena di negozi Fashion a Londra. Dopo di questo ne abbiamo fatti altri e vendono molto bene…. E, si, abbiamo ideato anche cappelli da uomo e unisex… sei matto ragazzo! J A questo punto sono sicuro di aver perso il mio lavoro, comunque, ho ancora 4 desideri e voglio usarli….. Se tu fossi Dio come avresti concepito il mondo?

Se io fossi Dio, progetterei un mondo con meno persone, siamo davvero in troppi, e il pianeta non può soddisfare tutti. Un mondo senza religioni, senza Dio, perché se io fossi Dio la responsabilità dei disastri naturali, ogni morte, o ogni guerra sarebbe mia e io non voglio avere quel tipo di problemi tra le mani. Parlami della tua squadra, cosa fanno per te?

La gente sembra felice qui con me, fanno tutto ciò che io non sono capace di fare da solo. Sono tutti molto responsabili e lavorano davvero tanto, semplificandomi la vita e il lavoro. Non dipendo da loro solo per i miei disegni o per i progetti realizzati sul tablet. Dove stai andando? É stato bello incontrati J, giusto per chiudere nel modo giusto, dicci qual è il tuo desiderio creativo sul quale non hai ancora lavorato.

Vedere Italia 2012

27


deSIgnER > Corbs mod Angel

Sai, lavoriamo su progetti che i nostri clienti ci chiedono di realizzare, così c’è un budget, sentiamo cosa vogliono e cerchiamo di realizzarlo. Quello che ho in testa non è realizzabile, non è applicabile, a causa degli spazi, il luogo e la quantità di denaro probabilmente necessaria.

28

Allora Ron, grazie mille per il tuo tempo, spero tu ti sia divertito come è successo a me nel farti questa intrevista…. QUANDO FAREMO QUALCOSA INSIEME?

Caro Alex, dipende da te, ti do la mia piena disponibilità (Ron mente ancora….. lo adoro!!!!!)

Vedere Italia 2012


TUTTE

LE CAMERE CON BAGNO, TELEFONO E

TV CUCINA TIPICA VENETA

AMPIO

PARCHEGGIO E AUTORIMESSA

SALA SAUNA –

BAGNO TURCO

CONVEGNO

SOLARIUM

Per i vostri VIAGGI D’AFFARI e di SVAGO nel Cadore

Hotel ���

FERROVIA

F

O R

YO U R

B U S I N E S S

A N D

P L E A S U R E

T R I P S

I N

T H E

ALL ROOMS WITH BATHROOM EN SUITE, TELEPHONE AND TV TYPICAL VENETO CUISINE LARGE CAR PARK AND GARAGE MEETING ROOM SAUNA – TURKISH BATH – SOLARIUM

HOTEL FERROVIA - Via Stazione 4 - 32042 CALALZO DI CADORE - BL Tel. + 39 0435 500705 - Fax +39 0435 500384 - e-mail: info@hotelferrovia.it www.hotelferrovia.it

CA

D O R E

A R E A


Aziende&Personaggi Alain Mikli International si rinforza Giuseppe La Boria raggiunge il Gruppo Alain Mikli International in qualità di Direttore delle Vendite e del Marketing dopo aver lavorato 8 anni per il gruppo Safilo come direttore commerciale Italia, 9 anni nel gruppo Luxottica come direttore commerciale internazionale e quasi 2 anni per il gruppo Allison in qualità di vice Presidente del marketing prodotto e delle vendite. Nel gruppo Alain Mikli International sarà incaricato dello sviluppo delle vendite e del marketing per i marchi Alain Mikli, Starck Eyes, Mikli by Mikli e Jean-Paul Gaultier by mikli, dello sviluppo dei Key Customers , della coordinazione con la Direzione del MarGiuseppe la Boria

chio e dello sviluppo di prodotti specifici.

LA PAROLA ALLA GENERAZIONE CARRERA Ideata e realizzata dall’agenzia D’Adda, Lorenzini, Vigorelli, BBDO, la nuova campagna CARRERA mantiene l’headline diretta e immediata “AFTER ALL, NO REGRETS”, declinandola in nuove situazioni divertenti ed emozionanti, in cui gli occhiali CARRERA, prodotti e distribuiti dal Gruppo Safilo, sono i protagonisti indiscussi. I giovani della “generazione CARRERA” sanno che non esistono desideri irrealizzabili, ma solo desideri non realizzati. Sono ragazzi che amano la vita, sicuri di loro stessi, che non si uniformano alla massa, ma che ne emergono, dettando i trend senza seguirli.

Chloé annuncia il contratto con Marchon Eyewear

Balenciaga

Il primo febbraio Safilo Group ha comunicato che il contratto di licenza Chloé ha siglato un nuovo accordo di licenza con Marchon per la produzione e distribuzione delle collezioni da sole e da vista. Il contratto avrà decorrenza dal 1° settembre 2012. Le collezioni Chloé saranno vendute nelle boutique monomarca, nei grandi magazzini, negozi specializzati e nei migliori ottici di tutto il mondo.

per il design, la produzione e la distribuzione di occhiali a marchio Balenciaga non verrà rinnovato oltre la sua naturale scadenza, il 31 dicembre 2012. Le vendite realizzate da Safilo attraverso il marchio Balenciaga ammontavano a circa 3 milioni di euro nell’esercizio 2011. Lo stesso giorno Marcolin S.p.A. e Balenciaga hanno annunciato di aver raggiunto un accordo di massima propedeutico alla sottoscrizione di un contratto di licenza esclusiva della durata di 5 anni rinnovabili per ulteriori 10 anni. La prima collezione potrà essere presentata già nel corso del 2013. Le parti si sono impegnate a continuare le trattative in essere al fine di determinare tutti gli aspetti del contratto, che si prevede possa essere finalizzato entro il 31 marzo 2012.

Vedere Italia 2012

59


Personaggi&Aziende E’ nata Marchon MB a Treviso Marchon Eyewear ha dato vita a Marchon MB - Marketing e Brand ed ha scelto Treviso come sede per la filiale che coordinerà l’attività di marketing e brand a livello europeo, lavorando a stretto contatto con il centro stile italiano e i licenziatari Europei. Il Gruppo Marchon, che fa capo all’americana VSP - leader mondiale nella gestione integrata del visual care - con questa operazione conferma la volontà di continuare a investire sull’espansione nel mercato italiano e europeo, dopo il nuovo

La sede Marchon MB a Treviso

centro distributivo di Fortogna, l’ampliamento del Centro Stile e dei reparti produttivi a Puos d’Alpago.

cesso di progettazione e realizzazione dei vari occhiali e con i

Marchon MB si occuperà anche della gestione dei marchi ame-

responsabili delle varie Maison licenzianti.

ricani in Europa e realizzerà programmi, iniziative e ricerche di

La direzione della nuova divisione è stata affidata ad Annama-

mercato utili all’intera organizzazione aziendale.

ria Rizzato, manager di comprovata esperienza nel settore del-

L’ organico di 20 persone di cui 10 dedicate al marketing e 10

l’occhialeria, che riporterà a Nicola Zotta, managing director

brand manager, lavorerà in team con Marchon Italia nel pro-

Marchon Europa.

60 Dsquared² e Marcolin anticipano Il Gruppo Marcolin e Dean e Dan Caten, stilisti del marchio

cinque e contiene termini e condizioni in linea con quelli pre-

Dsquared², hanno annunciato il rinnovo anticipato dell’accor-

visti nell’attuale contratto.

do di licenza per il design, la produzione e la distribuzione

Le parti, con il rinnovo, hanno concordato di aumentare per

mondiale di occhiali da sole e montature da vista Dsquared².

il prossimo quinquennio l’investimento di comunicazione, al

L’accordo prevede il rinnovo per cinque anni della partner-

fine di incrementare le vendite e garantire la massima visibi-

ship, con opzione per l’estensione della durata di ulteriori

lità al prodotto.

MAUI JIM LANCIA IL SITO WEB ITALIANO Hawaii dove gli occhiali Maui Jim sono

Una menzione a parte va dedicata all’ap-

nati, e presenta l’azienda e la varietà di

plicazione Virtual Try Fit, si tratta di un

collezioni realizzate nel corso degli anni.

programma dotato di una live webcam

Particolarmente originale la sezione “See

in grado di proiettare dal vivo la foto del

the difference”dove è possibile notare la

volto.

differenza tra un paesaggio marino niti-

Il programma sovrappone poi l’immagi-

do e brillante, visto attraverso le lenti

ne dell’occhiale scelto al viso la cui rota-

Il sito Maui Jim www.mauijim.it ha

Maui Jim, e un paesaggio meno intenso,

zione consente una visione completa

un’anima vivace, dedicato alle isole

reso attraverso lenti tradizionali.

dell’utente con indosso i Maui Jim.

Vedere Italia 2012


Aziende&Personaggi Gli occhiali GREEN di NAU! tornano in mostra

NAU! è stato partner della mostra di Legambiente “Bello, Pulito, Giusto. Il futuro è già qui” a Futura Energy, il meeting sull’energia rinnovabile e la Green Economy, dal 18 al 19 febbraio 2012 a Pesaro. L’esposizione di Legambiente raccontava la parte più “bella, giusta, pulita” dell’Italia, ed era dedicata a ricercatori, aziende, designer, architetti, imprenditori che hanno realizzato o conservato oggetti per stili di vita sostenibili. Tra i prodotti che dimostrano come l’ambiente sia una reale opportunità per modernizzare la nostra economia, c’era la collezione in plastica riciclata al 96%, NAU! GREEN, prodotta utilizzando gli scarti di altre produzioni di occhiali. Per ogni occhiale in plastica riciclata venduto, NAU da un contributo concreto a Legambiente per sostenere progetti a tutela dell’ambiente.

Silhouette.com Silhouette.com ha un design com-

tori Silhouette è stata radicalmente

pletamente rinnovato. La funzione

rivista. C’è ora un’innovativa mappa

“Provalo” offre la possibilità di in-

localizzatrice, arricchita dai recapiti

dossare virtualmente i modelli.

del rivenditore, individuato in base

L’applicazione “iMirror”, è inte-

alla zona dell’utente.

grata direttamente nella presenta-

La sezione “Look” offre le risposte

zione dei vari prodotti: basta fare

degli esperti su benessere ed esteti-

una foto con una webcam o cari-

ca: un test sullo stile aiuta i clienti a

carne una già disponibile, posizio-

scegliere il modello di occhiale più

nare l’occhiale e vederne l’effetto

adatto, mentre la make-up artist del-

sul proprio viso.

le star, Mary Greenwell, offre consigli

La ricerca di un ottico professionista

sullo stile, accompagnata dallo spe-

deve essere il più semplice possibile

ciale spazio “24 h eyecare” dedicato

e la funzione di ricerca dei rivendi-

alla cura degli occhi.

61

La funzione “Provalo”

Nuova organizzazione commerciale per Rodenstock Rodenstock ha creato una nuova organiz-

te, efficace e univoca che si tradurrà in

zazione commerciale integrata, fondata sul

maggiori servizi per ogni singolo cliente.

coordinamento delle forze vendita lenti e

Rodenstock ha affidato il ruolo di Key Ac-

montature. Pur rimanendo separate e di-

count Gruppi Italia a Nicoletta Quinziato,

stinte, le due realtà sempre più agiranno in

che lascia il suo ruolo di Area Manager, ri-

sinergia per ottenere una gestione efficien-

coperto dal 2007.

Vedere Italia 2012


Associazioni& gruppi A proposito di graffi sulle lenti in plastica La Camera di Commercio di Padova ha assegnato a Certottica Longarone una borsa di studio di ottomila euro per uno studio finalizzato al miglioramento delle prestazioni antigraffio delle lenti. “Attualmente i rivestimenti indurenti sono ottenuti con vernici liquide la cui applicazione è delicata data la necessità di ottenere spessori uniformi e privi di qualsiasi difetto dovuto allo sporco” spiega il Responsabile dell’area Ricerca e Innovazione di Certottica Giuseppe Da Cortà , “i processi in vuoto sono in grado di garantire entrambi questi risultati”. Scopo dello studio è stato di attuare una ricerca, applicando la tecnologia del PECVD su lenti in polimeri termoplastici, per migliorare le caratteristiche antigraffio. Il PECVD è una tecnologia in grado di modificare le caratteristiche superficiali senza alterare la morfologia del materiale e ben si presta a questa applicazione data anche la geometria quasi-planare dell’oggetto da trattare che ne semplifica di molto l’industrializzazione.

Le iniziative dell’associazione Italiana Ipovisione

62

Nuovo General Manager a Silmo Henri Venet, general Manager di GIFO, l’associazione

L’Associazione Italiana

matico.

francese dei produttori e for-

Ipovisione sta mettendo a

La seconda iniziativa è inve-

nitori del settore ottica e oc-

punto due iniziative desti-

ce il frutto di una libera vo-

chialeria, è stato eletto anche

nate agli ottici optometristi

tazione tra i soci dell’asso-

alla stessa carica per il salone

italiani. L’Elenco Medici Ipo-

ciazione per individuare il

Silmo.

visione offrirà, tramite In-

tipo di ausilio visivo ritenuto

Guy Charlot, presidente del-

ternet e altri mezzi di comu-

più idoneo dall’ottico opto-

l’associazione Silmo ha dato

nicazione, un’informazione

metrista che si occupa di

l’annuncio, confermando nuovamente al tempo stesso Co-

precisa sui medici specialisti

ipovisione. I risultati dell’in-

mexposium al marketing e la logistica del salone con Éric Le-

che si occupano anche di

chiesta saranno disponibili

noir, commissario generale della fiera e Isabel Beuzen, Respon-

ipovisione in modo siste-

a MIDO 2012.

sabile della comunicazione. Presidente di Silmo è Philippe Lafont.

L’evento Hoya Nel 2012 Hoya parteciperà a Mido in

friranno loro l’opportunità di lavorare in

personalizzate.

modo diverso, con un evento esclusivo

modo tecnologico, differenziandosi, au-

Infine, la Hoyanet App permette agli

l’11 marzo a Villa San Carlo Borromeo,

mentando lo scontrino e creando traffi-

ottici di accedere al proprio account

Milano, in cui presenterà, solo ai suoi

co. La Hoya Vision Consultant App è

Hoyanet, per essere sempre aggiornati

Partner, una serie di rivoluzionari sistemi,

un’applicazione interattiva in grado di of-

con le ultime notizie e le informazioni

collegati tra loro e integrati con HoyaiLog

frire immagini di Realtà Aumentata su

da Hoya

e la produzione che guardano al futuro:

iPAD. VisuReal Portable nasce dall’espe-

le HOYA App.

rienza e la precisione di visuReal, l’accu-

Si tratta di 3 nuove applicazioni che au-

rato sistema HOYA per la rilevazione del-

menteranno la flessibilità degli ottici e of-

le misurazioni per la vendita di lenti

Vedere Italia 2012


Speciale italia

Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia.

3

Luglio

2010

Oltre 50 anni di esperienza Srl - Via Negroli

51 - 20133 - Milano

La più autorevole rivista professionale per l’ottica e l’occhialeria.

EDIZIONI ARIMINUM

<jVgYVVa[ji jgd optilens.it

trasparenza

dt

purezza

trasparenza

altra COP VEDERE

purezza

03.indd 1

30-07-2010

- Textes en français Testi in italiano - Textos en español Articles in English

Srl EDIZIONI ARIMINUM 20133 - Milano Via Negroli 51 -

kin r, w a t c h m a the eyewea agazine for The only m

6

y ery industr g & jewell

2009

Tecnologia, ricerca e sviluppo, materie prime, macchine, attrezzature, componenti, minuterie, finiture e servizi.

Real automation

nes for industries highly-evolved machi   

i aste e terminal MANUALE per INFILA ANIME EE per e semi-automatici mod. TENNESS con cicli di lavorazion o listelli. Carico manuale aste sagomate o e animatura di di stampi utilizzand foratura di terminali adatta per l’impiego nelle E’particolarmente da lastra. Semplicità termoformatura a logica la tecnica della e e controllo movimenti variazione di tempi regolazioni meccanich screen per la touch pannello con grande flessibilità. programmabile alla macchina ento, permettono e modi di funzionam e di piccole quantità. e. produzion lavorazion alla tipo di Adatta anche a seconda del 180/240 pz Produzione oraria tutte le fasi orfo! e ottimizzare Il ROBOT antropom consente di automatizzare all’ Infila anime di un robot agganciabile cliente L’integrazione esigenze del L’isola modulare , anche a seconda delle di produzione. o, ove necessario del processo in diverse varianti in modo automatic essere proposta anche in condiper poter produrre tradizionale può del robot è consentito soluzione ideale la l’impiego ta minime, i e quindi rappresen alle dimension manuale. Grazie su una macchina nte limitato. estremame zioni di spazio

La prima per l’industria

Dal 1992 la prima e unica rivista a diffusione mondiale dedicata all’industria dell’occhialeria, gioielleria e orologeria.

e • Macchine automatich processo parti di • Automazioni di linee di processo • Automazioni di • Trasformazioni

infila anime Tennessee

con isola automatizzata

industriale IONI srl Zona TVM AUTOMAZ

località Ansogne

32010 Perarolo

8 www.tvm.it 4 - Fax 0435/51709 - Italy Tel. 0435/50173 di Cadore BL

22:50:48

Tech International

Novembre - novembre November - noviembre

Abbonamenti

vedere

info@tvm.it

Edizioni Ariminum Srl•Via Negroli, 51•20133 Milano•Italy Tel. 02730091•fax 02717346•abbonamenti@vedere.it

SottoScrivo un abbonamento annuale a QVedere

Q20 E

4 numeri

QTech International

Q20 E

4 numeri

QVedere + Tech International

Q30 E

8 numeri

Q30 E

4 numeri

Ricordiamo che l’abbonamento alle nostre pubblicazioni può decorrerea partire da qualsiasinumero durante l’anno e che la spesa sostenu-

Abbonamento cumulativo

QTech International estero

ta è fiscalmente detraibile.

Nome e Azienda…………………………………………………………………………………………………………………............... Indirizzo………………………………………………………………………………………………………………………............……… CAP…………………………………

Città………………………………………......……… Paese……………………….....……

Tel.………………………………………………………………

Fax……………………………………………………..................…

www……………………………………………………………… e-mail……………………………………………..................……… SegnaLaTe La caTegorIa che megLIo deScrIve La voSTra aTTIvITà

QOttico QGrossista

QFabbricante QCatena di negozi

QImportatore QGruppo d’acquisto

QDistributore QAltro………..

PagamenTo QAssegno bancario intestato a EDIZIONI ARIMINUM Srl

QVersamento a mezzo conto corrente postale sul conto n.22088207

QBonifico bancario intestato a EDIZIONI ARIMINUM Srl Banca Popolare Comm. e Industria Ag 2111 C/C 12469 IBAN IT58F0504801632000000012469

QAddebitare l’importo di ..................................

QVISA

QAMERICAN ExPRESS

sulla seguente carta di credito..................................................... QMASTERCARD

QCARTASI

QEUROCARD

Nr................................................................................................... Scadenza.......................................................... Nome............................................................................................ Data.................................................................... Firma...................................................................................................

Ai sensi del D. Lgs 196 del 30/06/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” autorizzo EDIZIONI ARIMINUM S.r.l. ad inserire i miei dati personali e/o aziendali nei suoi elenchi e a comunicarli ad altre aziende per contatti commerciali

barrare solo Q se non si autorizza


Inserzionisti ALLISON S.p.A. - Padova 35 ARAMA’ - Spezzano Albanese CS IV COPERTINA ASTUCCI INT’L LTD. - Hong Kong II COPERTINA C.S.O. S.r.l. - Badia a Settimo FI 30-31 DIOPS 2012 - Daegu Korea 57 HONG KONG TRADE - Milano 44 HOTEL FERROVIA - Calalzo di Cadore BL 58 LANSA SA - Ecublens Svizzera 23 LUNARI S.N.C. - Sacile PN 19 OPTI-MUNICH 2013 - Munchen Germania 2 OPTOX - Montegiorgio AP 16 PLASTI MAX S.p.A. - Grumello del Monte BG III COPERTINA SAFILO S.P.A. - Padova I COPERTINA SALMOIRAGHI & VIGANO’ S.P.A. - Milano 1 SICA SNC - Andora SV 13 SILHOUETTE ITALIA S.r.l. - Como 9 SILMO - Parigi Francia 47 SORDELLI FRANCO S.r.l. - Venegono Inferiore VA 43 SPY OPTIC EUROPE S.U. - Galliate Lombardo VA 39 WOOD OPTIC DIFFUSION S.A. - Hosingen Lussemburgo 29

Abbonamento mod. CARRERA 38

Speciale MIDO

1

Sàfilo S.p.A. - Numero Verde 800 723456 - Fax Linea Verde 800 018091 - www.safilo.com - e-mail: servizio_clienti_ita@safilo.com

Rivista trimestrale di ottica e occhialeria

Editore Edizioni Ariminum Srl Via Negroli 51/A - 20133 Milano Italy Tel.++39/02.73.00.91 Fax. ++39/02.71.73.46 www.vedere.it welcome@vedere.it Direttore Responsabile Isabella Morpurgo isabellamorpurgo@vedere.it ••••••••••••••• Pubblicità Isabella Morpurgo ••••••••••••••• Redazione redazione@vedere.it editorialstaff@vedere.it ••••••••••••••• Ufficio grafico/artistico Gabriella Cioni gabriellacioni@libero.it ••••••••••••••• Ufficio Pubblicità Annalisa Rossi pubblicita@vedere.it advertising@vedere.it ••••••••••••••• Ufficio Abbonamenti Rita Ferraro abbonamenti@vedere.it subscriptions@vedere.it •••••••••••••••

Marzo

2012 WATCH THE VIDEO

EDIZIONI ARIMINUM Srl - Via Negroli 51 - 20133 - Milano

Abbonamento annuo Italia e 20 (copia singola e 8)

Partire per un coast to coast indimenticabile.

SINCE 1956

COP VEDERE 01.indd 1

I versamenti vanno effettuati a mezzo c.c. postale n. 22088207 intestato a Edizioni Ariminum Srl 20133 Milano via Negroli 51/A o direttamente con assegno bancario o tramite carta di credito.

carreraworld.com

6-03-2012 17:37:39

VEDERE Tendenze moda, industria, nuovi prodotti, marketing ed economia. Oltre 50 anni di esperienza La più autorevole rivista professionale per l’ottica e l’occhialeria. Vedere

(4 numeri) E 20

Gli abbonamenti possono decorrere da qualsiasi numero. • La rivista riporta gli articoli e le segnalazioni che le pervengono sia da singoli autori sia dalle aziende. La pubblicazione di questo materiale non coinvolge né l’opinione né la responsabilità della rivista. Autorizzazione Tribunale di Milano del 23-03-1991 N. 221 Associata a A.N.E.S. Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata

Stampa: Pinelli Printing Srl Seggiano di Pioltello (MI, Italy) • La riproduzione di testi e illustrazioni pubblicati sulla rivista è vietata senza espressa autorizzazione della casa editrice. Informativa ex D. Lgs. 196/03 Si rende nota l’esistenza di una banca dati personali di uso redazionale per l’inoltro di proposte commerciali e la gestione dei contratti in essere presso la sede delle Edizioni ARIMINUM S.r.l. - Milano - Via Negroli 51/A. Gli interessati potranno rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati, sig.ra Isabella Morpurgo presso la sede di Milano, Via Negroli 51, per esercitare i diritti previsti dalla legge. I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli abbonamenti, al marketing, all’amministrazione e potranno essere comunicati ad altre società per le medesime finalità della raccolta, per la spedizione delle riviste e per l’invio di materiale promozionale.



VEDERE ITALIA SPECIALE MIDO 2012