Page 1

CHAPEAU NEWS2013 GENNAIO/FEBBRAIO


SOMMARIO

D'ISPIRAZIONE

SALVAVITA

GIOCHI AL NATURALE

IL GIOCO EDUCATIVO:

GIOCHI RISCOPERTI, GIOCHI RICICLATI, GIOCHI CHE NON TRAMOTANO MAI, MA CON UNA NOTA IN PIU’, POSSONO DIVENTARE GIOCHI CREATI DA NOI INSIEME AI NOSTRI PICCOLI

COSTRUIRE GLI SPAZI, DIFENDERE IL TEMPO, ESSERE CREATIVI

pag. 4

QUATTRO CHIACCHIERE

UN CAFFE' CON...

NATI IN MANO

HECTOR SERRANO

Teatrino al rovescio BURATTINI PER GIOCARE

ORIGAMIMOMMY

pag. 5

JENNIFER TALBOT pag. 6

FOCUS ON

SAN VALENTINO TRA TRADIZIONE E NOVITA’

pag. 7

PASSATE PAROLA LE FIERE

DA NON PREDERE

pag. 7

pag. 3

EDITORIALE Finalmente dopo parecchi mesi ritorno al mio grande amore, questo magazine! Mi mancava terribilmente quel guizzo nello stomaco, quando mi imbattevo in una curiosità, in una notizia o in una creazione, che si dimostrava perfetta per il mondo CHAPEAU. Mi mancava il contatto con i lettori e mi mancava lo scrivere a getto come faccio sempre qui. La maternità mi ha assorbito non poco e ho dovuto con grande trasporto fare la mamma quasi a tempo pieno, rallentando la mia attività sul web. Sulla scia di questo avvenimento non potevo far altro che dedicare il nuovo numero di ChapeauNews al mondo dei più piccoli e questo è ciò che ne è scaturito. Spero vi piaccia. Il nuovo anno ha portato qualche cambiamento nel magazine, ma solo a livello grafico. Infatti, mi piaceva l’idea di dare più enfasi alle immagini, che sono quelle che ci emozionano e così è stato. ChapeauNews si rinnova anche nelle uscite, non sarà più mensile, bensì bimestrale, perché una volta che si diventa mamme lo si è per la vita! Chapeau! La Redazione Francesca Paganelli

GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS


D’ISPIRAZIONE

GIOCHI AL NATURALE

GIOCHI RISCOPERTI, GIOCHI RICICLATI, GIOCHI CHE NON TRAMOTANO MAI, MA CON UNA NOTA IN PIU’, POSSONO DIVENTARE GIOCHI CREATI DA NOI INSIEME AI NOSTRI PICCOLI

GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS


D’ISPIRAZIONE Sì lo so, è una vera e propria controtendenza! Riscoprire giochi di una volta, proprio quelli che sappiamo non essere per nulla tecnologici potrebbe spiazzarvi. E lo credo! Oggi senza uno smartphone, un ipad e un videogame i bambini sono perduti. Li vedo, al ristorante, mentre i genitori gli infilano in bocca un maccherone, perché le mani sono impegnate sul display luminoso di uno di questi giochini moderni; ascolto i loro discorsi mentre parlano fra loro e mi rendo conto che hanno la bocca rimpinzata di chip… Non fraintendetemi, non sto negando che il futuro sia orientato verso mondo e che pertanto sia necessario stare al passo con i tempi, non nego nemmeno di essere io stessa assuefatta a tutto questo (ho creato un magazine on-line ndr), tuttavia sono anche della vecchia scuola, quella in cui quando si sta insieme si possono fare anche altre scelte, altri tipi di gioco, più conviviali, meno immediati. Di giochi ce ne sono tanti, la maggior parte sono più vecchi di noi e dei nostri genitori, ma non per questo non possono tornare di moda in qualsiasi momento. Possiamo considerarli degli evergreen, ma questa volta saranno arricchiti da un tocco di creatività e ci metteranno in condizione di creare insieme ai nostri bambini, consolidando rapporti o creandone di nuovi. Per cominciare cosa ne dite di un bel domino realizzato con dei sassi di fiume e le tempere, un’idea divertente e facile da realizzare, che presuppone un bella gita al fiume per trovare la materia prima… Vi ricordate il gioco del memory, che si faceva con le cartine della Ravensburger? Bene, potremmo tranquil-

lamente realizzarlo in casa utilizzando dei quadretti di legno fatti tagliare tutti della stessa dimensione e sfruttando la fantasia dei nostri bambini nello scegliere le figure da rappresentare. Un po’ di colla e il gioco è fatto! Per contenerle? Un bel sacchetto di juta, naturale e facile da realizzare. Altra idea proveniente dal mondo del riciclo e dell’ecosostenibilità, sarebbe quella di sfruttare i tappi colorati delle bottiglie in plastica, che all’occorrenza possono essere applicati su dei cartoncini colorati ed arricchiti per trasformarli in simpatici animaletti. Gironzolando sul web mi sono imbattuta nelle marionette da dito. Che ri-

GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS

cordi! Quelle rappresentate qui sono in feltro, facili e veloci, non c’è nemmeno bisogno di cucire, è sufficiente un po’ di colla a caldo e possiamo mettere insieme qualsiasi personaggio o animaletto. Il bello verrà dopo ovviamente, quando insieme ai nostri bambini inventeremo storie fantastiche. Non vogliamo usare il feltro? Possiamo tranquillamente realizzarle in carta, magari carta riciclata o ritagli dimenticati in un cassetto. Come vedete le idee sono tante e basta cercare nei cassettini della memoria per riscoprire un mondo un po’ dimenticato, a volte anche da noi, che ormai siamo adulti ed è normale che sia così. Se infine temete che i vostri bambini rimangano impassibili davanti a queste “novità” antimultimediali, non vi resta che metterli alla prova e lasciarvi stupire a vostra volta.


SALVAVITA

IL GIOCO EDUCATIVO:

COSTRUIRE GLI SPAZI, DIFENDERE IL TEMPO, ESSERE CREATIVI

Essere genitori, essere educatori è davvero un compito difficile, ma è anche un compito gratificante, quando i risultati sono evidenti e positivi. C’è chi dice che il nostro secolo sarebbe dovuto essere il secolo del bambino. In realtà già dagli anni ‘80 si era capito che l’infanzia stava scomparendo e con essa il gioco. Non ci sono veri colpevoli per questo fenomeno, tuttavia la famiglia e la società nella quale viviamo sono i primi a cui dobbiamo dare la responsabilità per questa perdita. La scomparsa del gioco è un evento drammatico , perché il gioco è un aspetto caratteristico ed immancabile dell’infanzia, senza il quale non è possibile la crescita dell’individuo. Un bambino esprime il suo mondo interiore giocando, poiché solo così è in grado di esprimere la sua naturale modalità di vita. Nell’infanzia la fantasia, l’immaginazione e quindi la creatività si esprimono attraverso il momento ludico, perchè permettono all’individuo di manifestare la propria intraprendenza nel trasformare la realtà, il contesto, il mondo che li circonda e li prepara ai ruoli della vita. Purtroppo tutto questo subisce delle forti alterazioni quando noi facciamo vivere i nostri bambini una vita scandita da progettazioni e termini. Il gioco per essere “educativo” e quindi per liberare la creatività, ha bisogno di spazio e di tempo. A causa dell’urbanizzazione i bambini di oggi vengono sempre meno a contatto con la natura e gli spazi a disposizione sia all’interno che all’esterno delle nostre case sono limitati e non idonei alle loro esigenze. La stessa situazione riguarda il tempo. I nostri bambini vivono un tempo riempito di “cose” che non sempre rispetta la loro natura giocosa e legata all’immaginazione. Una fra tutte è la TV che sembra lasciare tanto spazio alla creatività, mentre in realtà sottrae gran parte del tempo ludico e la libertà di crearsi da solo il momento del gioco. I bambini di oggi non hanno più il potere di creare con la fantasia, perchè sono circondati da oggetti precostruiti, che noi adulti gli abbiamo fornito , a volte come merce di scambio per i nostri sensi di colpa. Il gioco precostruito è limitativo e prevede una riduzione drastica dell’attività ludica e della parte creativa. Il mondo degli oggetti ordinari invece è un mondo interessante, perché ha tutte le carte in regola per diventare gioco vero e stimolare l’azione, la produzione, la trasformazione. Dunque non ci resta altro da fare che ricordarci di dare spazio ai bambini in casa, uno spazio tutto loro, dove poter creare e agire secondo le proprie esigenze, proprio come lo spazio esclusivo di noi adulti. Ricordiamoci anche di dare loro tempo, un tempo liberato e non scandito solo di impegni e pianificazioni, perché una volta terminati gli appuntamenti non rimane più tempo per nient’altro. Completamente liberati dall’onnipotente potere del tempo e dello spazio, ecco che anche noi siamo in grado di tornare un po’ bambini e possiamo sperimentare il potere del coinvolgimento insieme a loro, non essendo più schiavizzati da tutto il resto. Lasciarci coinvolgere intelligentemente nel loro momento ludico, con una lettura, con un gioco di ruolo o con un gioco educativo, fa si che il bambino si senta appagato e costruisca con il mondo una relazione bellissima, mentre permette a noi di riscoprire il valore dell’infanzia e di farne una risorsa preziosa da scambiare in ogni momento della vitacon lui. Date tempo ai vostri bambini e date loro oggetti semplici, quasi insignificanti, saranno loro con la loro creatività a mostrarvi la via verso ciò che un pò avevate dimenticato, la fantasia.

QUATTROCHIACCHIERE

NATI IN MANO,

BURATTINI PER GIOCARE

Un progetto dell’Associazione Teatrino al rovescio. L’idea di creare manufatti che veicolino il gioco teatrale e che siano accompagnati da una sorta di “istruzioni all’uso” contenenti suggerimenti e modalità di gioco, nasce dalla passione e dall’interesse di questa associazione per il mondo dell’infanzia e del teatro. La necessità di promuovere e valorizzare proposte ludiche che stimolino la dimensione creativa e relazionale è alla base del progetto. Tra i burattini troviamo: i Classici in carta pesta, i Morbidi, ovvero burattini a guanto, le Manine, piccoli burattini a guanto ideali per le mani piccole dei bimbi. L’Associazione, costituita nel 2007, è il risultato della collaborazione di veri professionisti che operano da anni nel teatro sociale, nella cui poetica sono fortemente correlate la pratica artistica e la pratica sociale.

www.teatrinoalrovescio

GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS


UN CAFFE’ CON...

Hector Serrano, Londra. Ha studiato a Valencia prima di trasferirsi

in Inghilterra e diventare un’affermato designer. Tra un progetto e l’altro ha trovato anche il tempo di disegnare un’intera collezione di marionette da mano e da dita per la gioia dei più piccoli. Le sue decalcomanie si applicano sulle mani per un risultato di vero effetto. www.hectorserrano.com

Jenn

ta pe defini del d di felt polav bimbo

Chri gam

Una m esplo Stati U una m di latt santi p bottig succh www. GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS


FOCUS ON

SAN VALENTINO

TRA TRADIZIONE E NOVITA’

La tradizione lo sappiamo tutti vuole che San Valentino, che cade il 14 febbraio quasi in tutto il mondo, sia la festa degli innamorati e che pertanto venga festeggiato scambiandosi doni, cioccolatini e tanto amore. Ma questa festa così ben conosciuta in Italia ha tradizioni molto diverse in altri paesi del mondo. In Spagna ad esempio il simbolo di questa festa sono le rose rosse, mentre negli Stati Uniti non unisce solo gli innamorati, bensì viene festeggiata da tutti, persino dai bambini, che si scambiamo biglietti disegnati con i personaggi dei cartoni animati. In Brasile San valentino cade il 12 giugno e i festeggiamenti iniziano addirittura il giorno precedente, mentre in Thailandia si festeggia la festa solo quando si è deciso di unirsi in matrimonio! Molto significativa e particolare è sicuramente l’usanza del Giappone nella cui tradizione si festeggia questa ricorrenza in particolare tra le giovani ragazze che devono regalare cioccolatini agli uomini (ndr). La particolarità sta anche nel fatto che i destinatari di questi regali non devono essere necessariamente fidanzati o mariti, ma possono essere anche colleghi e amici. Coloro che ricevono i regali hanno l’obbligo di ricambiare il mese successivo, il 14 marzo, donando coccolato bianco alle donne. Per questa ragione questa giornata viene denominata white day. Per evitare fraintendimenti tra i giovani esistono due tipi di cioccolato: il Honmei choco che viene donato solo all’amato e Giri choco che è legato a sentimenti per lo più di amicizia e riconoscenza. E voi cosa regalerete? Farete un regalo stravagante? Scrivetemi e lo pubblicherò su www.chapeaunews.com

nifer Talbot, USA. Sul web conosciu-

er la sua pagina Cup of Coco. Può essere ita una ricercatrice dell’arte e un’amante decoro. Guardando il suo mappamondo tro capiamo perché, è a dir poco un cavoro e una gioia per una cameretta di un o. www.cupofcoco.squarespace.com

istine Gross-Loh, ovvero Orimimommy.

mamma che vive, gioca, impara, cucina, ora e crea in due paesi, il Giappone e gli Uniti. Una mamma che scrive e inventa, mamma che trasforma un cartone da litro te in un camion e offre tanti spunti interesper trasformare in altri mezzi di trasporto glie, recipienti di detersivi e cartoncini di hi di frutta. .origamimommy.org

PASSATEPAROLA

FIERE

DA NON PERDERE CREATTIVA, Bergamo 15 - 17 febbraio HOBBY & FANTASY, Ferrara 23 - 24 febbraio MINIATURE, Milano 9 - 10 febbraio GENNAIO/FEBBRAIO 2013 CHAPEAUNEWS


Thank You!

Avete una notizia, una curiosità , qualcosa da raccontare o una creazione da mostrare? Contattatemi sarò lieta di pubblicarvi!

www.chapeaunews.com FB ChapeauNews info@chapeaunews.com

CHAPEAUnews GEN_FEB 2013  

Il magazine delle curiosità e delle news dai creativi per i creativi!

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you