TU NEWS n. 242

Page 1

N. 242 - Venerdì 3 Dicembre 2021

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

SPETTACOLO ECONOMIA

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

Il nuovo Consorzio Unico diventa realtà: firmato l'atto che vede De Angelis presidente dell'importante ente di sviluppo industriale

PAGINA 2

IL COVID SOTTO L'ALBERO I CONTAGI RESTANO MOLTO ALTI: NELL'ULTIMA SETTIMANA IN CIOCIARIA 574 NUOVI POSITIVI E 3 MORTI IL LAZIO A RISCHIO ZONA GIALLA A NATALE. ZINGARETTI: BISOGNA CORRERE CON LE TERZE DOSI BOOSTER FROSINONE E PROVINCIA

Servizi alla persona, presentata l'Asp PAGINA 2

FROSINONE E PROVINCIA

Camilla Di Franco e la sua musicoterapia PAGINA 5

FERENTINO

DAL 6 VIA AL SUPER GREEN PASS E DAL 15 NUOVE CATEGORIE CON OBBLIGO VACCINALE A METÀ MESE SI PARTIRÀ ANCHE CON LE INOCULAZIONE AI BAMBINI DAI 5 AGLI 11 ANNI ALATRI

PAGINA 7

La città protagonista assoluta alla Borsa del Turismo

VEROLI

PAGINA 8

I politici cittadini tagliati fuori dalla candidatura alle Provinciali

Luminarie di Natale, domani l'accensione

PAGINA 7

VEROLI

PAGINA 9

Mostre e spettacoli teatrali colorano il weekend


2

VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

frosinone e provincia

PRESENTATA L'ASP FROSINONE: IN CIOCIARIA AUMENTANO E MIGLIORANO I SERVIZI ALLA PERSONA

A

l servizio delle persone: da Ipab ad Asp. Al centro di questa azione di rilancio: progetti multifattoriali, ideati con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno e di coinvolgere tutti nello sviluppo e nella crescita della società. Se ne è parlato nel corso di un convegno, che si è tenuto all’Amministrazione provinciale di Frosinone, servito appunto per illustrare gli obiettivi dell’Azienda pubblica di servizi alla persona della Ciociaria; un organismo in grado di fornire assistenza reale alle fasce deboli

della popolazione. A relazionare sono stati il Presidente dell’Asp Frosinone, Gianfranco Pizzutelli, l’assessore della Regione Lazio ai Servizi Sociali e ASP, Alessandra Troncarelli, il presidente della Commissione regionale per gli Affari costituzionali, Sara Battisti, il Dg Asl Pierpaola D’Alessandro e il presidente Asp Asilo nido Savoia Massimiliano Monnanni. Un momento di confronto, alla presenza di diversi sindaci e del dg della stessa Asp, Manuela Mizzoni, in cui i relatori si sono soffermati sull’importanza del ruolo

■ ■ ■ IL PRESIDENTE DELL'ASP GIANFRANCO PIZZUTELLI

strategico ricoperto dalle aziende pubbliche di Servizi alla persona nel tessuto sociale del territorio, in particolare alla luce della legge regionale n.2/2019. “Con questa riforma, voluta dal governatore Zingaretti - ha spiegato in apertura dei lavori Gianfranco Pizzutelli - è stato avviato il processo di trasformazione delle Ipab permettendo una riorganizzazione del sistema socio-assistenziale e socio-sanitario reale, e non come in passato di semplice beneficenza sporadica. La nascita delle Asp ha, quindi, consentito

di superare la frammentazione territoriale di istituzioni variegate (tagliando anche numerose poltrone) per agire in maniera più capillare a sostegno delle fasce di popolazione più fragili ed esposte della società, anche a rischio esclusione. Grazie, infatti, alla riorganizzazione di questo ampio settore, che ha aspetti di innovazione e sperimentazione, si punterà ora al miglioramento e alla fortificazione del servizio socio-sanitario della Ciociaria. La nostra missione sarà: un provincia più giusta e solidale”.

FIRMATO L’ATTO DAL NOTAIO PER LA COSTITUZIONE DEL NUOVO ENTE DI SVILUPPO. DE ANGELIS È PRESIDENTE

Il Consorzio Unico è realtà

I

l Consorzio Industriale del Lazio è una realtà. Sviluppo, attrazione di investimenti, occupazione sono le tre parole d’ordine per un iter avviato da tempo e che si è ufficializzato con un atto notarile. I cinque Consorzi Industriali del Lazio (Cassino, Frosinone, Rieti, RomaLatina, Sud Pontino) fusi in un unico Consorzio che per dimensioni è il più grande d’Italia. Un’opportunità di sviluppo straordinaria per tutto il Lazio. Per le imprese e per i risvolti occupazionali. Si tratta di una fusione ma evidentemente non solo di quella, fortemente voluta dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e con una nuova mission che interesserà l’ente rendendolo particolarmente efficiente per le imprese che insistono sui diversi agglomerati industriali. Un ente che avrà sede nella capitale ma che manterrà anche le strutture provinciali, che rimarranno il braccio operativo in tutti i territori. Neo presidente, e negli ultimi tre anni commissario per la costituzione del Con-

È

stata inaugurata nell’atrio di Palazzo Jacobucci, sede dell’Amministrazione provinciale di Frosinone, la mostra di Marzia Bianchi, ‘L’invisibilità non è un superpotere’, già esposta ad Isola del Liri. “Questa mostra – ha detto Sara Battisti, presidente della commissione regionale Affari Istituzionali, in occasione del taglio del nastro – attraverso le radiografie di donne arrivate in Pronto Soccorso a seguito

■ ■ ■ UN MOMENTO DELLA FIRMA PER L'ATTO DI COSTITUZIONE

sorzio, Francesco De Angelis. Da sei anni alla guida del Consorzio frusinate, già eurodeputato (fu lui il relatore della direttiva sui ritardi di pagamento alle imprese portandoli a trenta giorni, per un provvedimento che rivoluzionò i rapporti tra imprese e pubblica amministrazione) e assessore regionale alla Piccola e media impresa, De Angelis ha portato avanti questa idea di integrazione dei Consorzi al fine di dare più forza ai territori e offrire alle aziende maggiori spazi e nuove opportunità di crescita e sviluppo. Nel consiglio di amministrazione figurano Salvatore Forte, già presidente del

Consorzio per lo sviluppo industriale del Sud Pontino; Cosimo Peduto, già presidente del Consorzio per lo sviluppo industriale di Roma e Latina; Angelo Giovanni Ientile, già commissario straordinario del Consorzio per lo sviluppo industriale della Provincia di Rieti; Maurizio Tarquini, direttore generale di Unindustria. Questa mattina erano presenti dal notaio i presidenti dei cinque Consorzi e l’assessore regionale alle Attività produttive, Paolo Orneli. Il Consorzio sarà innanzitutto un organismo intermedio di gestione delle risorse regionali, comunitarie e del Recovery Fund, con

diverse opportunità fino ad oggi non comprese nelle attività di gestione dei Consorzi industriali. Spetterà al nuovo Consorzio un’attenta ricerca di investitori nazionali ed esteri, con la promozione internazionale delle opportunità di investimento nell’economia del territorio e la valorizzazione delle realtà produttive anche di piccola e media impresa. Di grande importanza anche la promozione e la gestione di progetti strategici di innovazione industriale. In particolare la riqualificazione delle aree industriali dismesse, la logistica e la valorizzazione dell’ambiente. Poi c’è il supporto alla Regione, diventando il Con-

sorzio punto di contatto relativo a misure per lo sviluppo economico ed attrattiva territoriale per gli investimenti. Sarà inoltre utile, in un’ottica di cooperazione, per la realizzazione di opere relative alla fornitura di servizi necessari all’insediamento, allo sviluppo, alla riqualificazione ed alla riconversione delle imprese, oltre che un sostegno alla diffusione di reti di telecomunicazione e di servizi telematici alle imprese che operano in zone che hanno un divario digitale rispetto agli obiettivi europei. Senza dimenticare l’altra opportunità di essere strumento di promozione per la costituzione di Aree produttive ecologicamente attrezzate. Il Consorzio unico contribuirà inoltre allo sviluppo di sinergie di tipo distrettuale, con la valorizzazione delle competenze imprenditoriali e scientifiche del territorio, oltre ad erogare servizi ad alto valore aggiunto per le imprese. Parliamo in particolare di formazione, studi e progetti per lo sviluppo tecnologico e certificazione di qualità

alle imprese. Sarà sua competenza anche la gestione di incentivi e contributi a favore delle imprese, sulla base di piani triennali di investimento approvati con deliberazione della Giunta regionale. Grazie al nuovo organismo sarà inoltre predisposta una mappatura analitica delle aree disponibili a nuovi insediamenti produttivi. Infine per ultimo, ma non per importanza, sarà di fondamentale supporto alle imprese nella partecipazione ai bandi di finanziamenti regionali ed europei. “Si parte per una nuova sfida – ha commentato con soddisfazione il neo presidente Francesco De Angelis – Abbiamo dato vita al Consorzio Industriale del Lazio, che sarà uno strumento utile per le imprese e per il territorio. Saremo più grandi e più forti e in sintonia con i processi di innovazione oggi necessari per consentire alle nostre imprese di vincere la sfida del mercato. Grazie al presidente Nicola Zingaretti, che ha fortemente voluto questo processo di riforma e di cambiamento”.

aver reso tutto ciò possibile e, ovviamente, l’autrice della mostra, Marzia Bianchi di Pangea Onlus-Rete Reama, che continua ad ac-

compagnarmi nel viaggio del contrasto alla violenza di genere e nella lotta alle diseguaglianze, tramite la sua arte”.

PRESENTI AL TAGLIO DEL NASTRO SARA BATTISTI ED EMANUELA PIROLI

Marzia Bianchi inaugura la mostra ‘L’invisibilità non è un superpotere’ di atti di violenza, ha la capacità di penetrare l’animo umano, perché spiega che la violenza è crudele, lascia segni indelebili”. La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17, fino al 15 dicembre. Oltre all’artista e alla consigliera regionale era presente anche la portavoce del

progetto ‘Artemis’ della Provincia, la dottoressa Emanuela Piroli. “Questo spazio – spiega ancora la Battisti – permetterà di raggiungere diverse persone e le dara la visibilità che merita. Dall’inizio dell’anno ad oggi in Provincia di Frosinone sono state 262 le donne refertate a seguito di violenza fisica ma le associazioni e la rete

sanitaria ci sottolineano che ogni giorno sono molte le donne che subiscono violenze fisiche, psicologiche ed economiche che rimangono nel silenzio”. “Ringrazio – conclude – la responsabile del Progetto Artemis, Emanuela Piroli , il presidente della Provincia Antonio Pompeo che ospiterà la mostra, il presidente Nicola Zingaretti per


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

frosinone e provincia

3

IN CIOCIARIA NON ACCENNANO A DIMINUIRE I CONTAGI. ZINGARETTI: CORRIAMO CON LE TERZE DOSI. E DAL 16 INOCULAZIONE ANCHE AI BAMBINI DAI 5 AGLI 11 ANNI

Covid, 574 positivi in una settimana

Lazio a rischio zona gialla a Natale. Intanto dal 6 l'esordio del Super Green Pass e dal 15 nuove categorie con obbligo vaccinale

U

n’altra settimana molto dura sul fronte della lotta alla pandemia di Covid si è registrata in provincia di Frosinone, dove dai dati forniti negli ultimi 7 giorni possiamo apprendere che si registrano 3 decessi e ben 574 nuovi contagiati su un totale di 9.214 tamponi effettuati. I dati provenienti dal territorio, della Ciociaria così come delle altre province e regioni italiane, confermano come il virus non accenni ad invertire in modo decisivo la rotta anzi. La curva dei contagi resta in risalita ormai da settimane e l’allarme è più rosso che mai anche nelle altre nazioni europee, tanto che dopo l’Austria, anche la Germania si prepara ad introdurre l’obbligo vaccinale. A far paura in questi giorni, poi, è la nuova variante sudafricana, alla quale è stato dato il nome di “variante Omicron”, considerata preoccupante in particolar modo a causa dell’alto grado di contagiosità, anche se pare che porti sintomi più lievi. Lazio a rischio zona gialla a Natale? ''Dobbiamo ancora combattere, non abbassiamo la guardia anche per questo - diceva nella stessa giornata il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ospite a 'The Breakfast Club' su Radio Capital -. Combattere significa correre con la terza dose, aperta anche ai 18enni, e soprattutto nei luoghi affollati e nelle vie del commercio e sicuramente al chiuso indossare la mascherina. A Natale manca ancora un mese circa, credo che con comportamenti corretti e la

L'ALLARME DEL SINDACATO DI CATEGORIA 'NURSING UP'

Sos contagi degli operatori sanitari: 107 infermieri ogni 24 ore si infettano

"L vaccinazione la zona gialla si possa evitare''. Intanto lunedì 6 dicembre scatterà l'ora del cosiddetto 'Super Green Pass', una certificazione verde rafforzata che sarà ottenibile solo da vaccinati e guariti, che potranno continuare a partecipare alla vita sociale del Paese. Sarà in vigore fino al 15 gennaio, con possibilità di proroghe, anche in zona bianca, dove l’accesso a spettacoli, eventi sportivi e stadi, bar e ristoranti al chiuso, feste, discoteche e cerimonie pubbliche sarà consentito solo ai possessori del Super Green Pass. In zona gialla e arancione, gli spostamenti vietati sono invece consentiti a chi ha la certificazione verde rafforzata. La validità del Green Pass 'base', poi, scenderà da 12 mesi a 9 mesi. E sarà obbligatorio, sempre dal 6 dicembre, anche per alberghi e altre strutture ricettive, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale. In zona bianca, però, sarà valido anche il certificato ottenuto con il tampone per accedere a ristoranti all'aperto, palestre, piscine e in generale alle attività sportive.

A metà dicembre partirà anche la vaccinazione sui bambini della fascia di età 5-11 anni. Con la recente approvazione dell'Aifa, la Struttura Commissariale ha programmato la distribuzione a dicembre di 1,5 milioni di dosi pediatriche di vaccino mRna-Pfizer. Le dosi rappresentano una prima tranche che sarà poi integrata a gennaio, in modo che tutte le strutture vaccinali delle Regioni e Province autonome, saranno in grado di procedere alla vaccinazione dei bambini. La vaccinazione avverrà con due dosi del vaccino Pfizer in formulazione specifica e un terzo del dosaggio, a tre settimane di distanza. La data del via libera alla vaccinazione, originariamente indicativamente fissata il 23 dicembre è stata anticipata al 16. Il Governo ha inoltre stabilito l’estensione dell’obbligo vaccinale a ulteriori categorie a decorrere dal 15 dicembre. Le nuove categorie coinvolte saranno: personale amministrativo della sanità, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, personale del soccorso pubblico.

a quarta ondata della pandemia di Covid è realtà e la variante Omicron pende sulle nostre teste come una nuova spada di Damocle. L’Istituto Superiore di Sanità monitora la situazione e ci riferisce che negli ultimi 30 giorni i contagi fra gli operatori sanitari sono arrivati a 3929, ovvero 130 operatori sanitari si stanno infettando ogni 24 ore. Elaborando le cifre dell’ISS con i dati dell’Inail, siamo di fronte alla grave media di 107 infermieri che si stanno contagiando ogni giorno in Italia". Il Presidente del Sindacato Nazionale Infermieri Nursing Up Antonio De Palma lancia l’allarme e commenta le cifre dell’ISS. «Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia sono arrivate al limite dell’occupazione dei posti letto negli ultimi giorni. Un altro dato su cui riflettere, dal momento che il surplus dei ricoveri da Covid-19 va a pesare come un macigno sulle spalle degli infermieri italiani. Come reggeremo l’urto dei nuovi ricoveri? Come potremo tutelare i malati a fronte di una carenza di personale che nei momenti topici dell’emergenza ha toccato, come da nostra accurata indagine, le 80mila unità?». Il Presidente De Palma rivolge anche un accorato appello al Ministro Brunetta. «Come Sindacato delle professioni infermieristiche, prosegue De Palma, invitiamo il Ministro Brunetta ad indicare all’Aran, che non ancora accoglie le istanze degli infermieri che rappresentiamo, la strada del loro inserimento contrattuale nell’area delle elevate qualificazioni che egli stesso ha voluto, laddove gli infermieri meritano

legittimamente di essere inseriti, se necessario in una sezione specifica all’interno di tale alveo. D’altronde assieme alle altre professioni sanitarie non mediche, gli infermieri del Sistema sanitario rappresentano circa il 75% di tutto il personale, e la loro laurea, le specializzazioni universitarie fino al dottorato di ricerca, assevera la loro giusta collocazione nell’area richiesta. Siamo consapevoli del rischio che nuovamente corriamo, e siamo pronti ad affrontarlo, alla luce della nuova variante. Ma questa politica deve rispondere con concretezza alle nostre necessità e deve farlo ora. Insomma, questo contratto, così com’è al momento, prevederebbe la creazione di un’area elevata qualificazione vuota, e solo in un secondo momento si valuterà quali figure sanitarie inserirvi. Che diavoleria è mai questa? Per noi tutto ciò si tradurrebbe in un fallimento e non possiamo permettere di ritrovarci con un pericoloso boomerang che ci colpirebbe in pieno viso. Non possiamo nemmeno pensare che fosse nelle intenzioni del Ministro Brunetta di creare un’area “fantasma”, vuota oggi, dove collocare, nel tempo, solo alcuni privilegiati. Gli infermieri italiani hanno tutti i requisiti, sia quelli culturali che quelli afferenti alle loro responsabilità per entrarci di diritto, per esservi collocati senza se e senza ma. I cittadini non vogliono questo alla soglia della quarta ondata, poiché hanno ben compreso, loro sì fortunatamente, che la nostra valorizzazione, come figure perno di questo sistema, viaggia di pari passo con l’indispensabile ricostruzione della sanità italiana» conclude De Palma.


PAGINA 4

3 DICEMBRE 2021


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

frosinone e provincia

5

LA DOTTORESSA DI FRANCO, CIOCIARA DI ADOZIONE, CI SPIEGA TECNICHE, POTENZIALI PAZIENTI E RISULTATI OTTENUTI DALLA DISCIPLINA SCIENTIFICA

Camilla, musicoterapia e passione Utile anche a pazienti con Parkinson, Alzheimer e autismo. Lei lo racconta così: «Un lavoro fatto di pazienza e amore» Chi sono i pazienti di un musicoterapeuta? Possono essere svariati. Nello specifico, potrei citare per lo più pazienti con il Morbo di Parkinson, pazienti affetti da Alzheimer, bambini autistici o pazienti ospedalizzati, che hanno subito un intervento e che, grazie alla comunicazione sonora, riescono con più facilità a superare il trauma postoperatorio.

Lucia COLAFRANCESCHI

S

e ne sente tanto parlare, specie nell’ultimo periodo, ma cos’è nello specifico la musicoterapia? Cosa scatenano nell’inconscio di un uomo, di un bambino, di un adulto, delle note musicali? Soprattutto, come può, questo strumento rivelatosi davvero utile, scavalcare quel muro emozionale che spesse volte si costruisce tra un soggetto ed il mondo esterno? Lo abbiamo chiesto ad una esperta del settore, giovane, in gamba, che fa della passione per il suo lavoro la chiave di violino della sua vita. Lei è Camilla Di Franco, partenopea di nascita, ma ciociara di adozione, vista la sua esperienza nell’ambito educativo, e nello specifico della musicoterapia per l’appunto, negli istituti secondari di secondo grado della provincia di Frosinone. Cosa si intende per musicoterapia e cosa fa, nello specifico, un musicoterapeuta? La musica aiuta a guarire, ma

più che ascoltarla, bisogna farla! Tamburi, percussioni, canto libero possono curare ansie, nevrosi e perfino l’autismo infantile. Un luogo comune vuole che la musica sia ascolto; con la musicoterapia, invece, la musica la sia crea, aiutando il soggetto a comunicare attraverso lo strumento, sfruttando la sensibilità del paziente. Ci hai nominato il paziente, appunto. Ti chiediamo allora, quale motivazione c’è di fondo nell’utilizzare la musica per intervenire su di esso? La musicoterapia si basa essenzialmente sulla comunicazione non verbale, molto più immediata e fa-

cile da utilizzare. È un lavoro lento, fatto di pazienza e amore. Bisogna essere pragmatici, perché non è l’operatore a stabilire le cadenze ma il paziente. Allo stesso tempo bisogna essere abili a conservare le emozioni, unica chiave d’accesso al mondo interiore altrui.

Potresti illustrarci delle tecniche che solitamente usi durante una seduta di musicoterapia, che magari ti danno più soddisfazioni? Tra queste potrei citarne due: “La musica con una struttura e una cornice precostituita” e “La tecnica dello songwriting”. Nella prima, si utilizzano melodie già note al paziente, in modo da fornire riferimenti, sicurezza e possibilità di collegarsi ad esperienze

passate. La seconda, invece, mi consente di affidare al paziente la possibilità di creare da sé testi di canzoni dove, spesse volte, compare proprio come protagonista. Questa tecnica unisce diversi aspetti, tra cui l’ascolto, l’esecuzione, l’uso della voce, l’utilizzo degli strumenti; tutto seconda la volontà del paziente. Ci puoi descrivere brevemente qual è il successo per un musicoterapeuta? Il successo più grande si basa nello scorgere i piccoli progressi che nel corso della terapia il paziente raggiunge: suonare insieme, guardarsi negli occhi, intonare melodie, il sorriso che traspare lentamente dietro ad un velo apparente. E’ questo il mio punto di forza. Quando tutto ciò accade, si ascolta un suono senza eguali: quello di una voce che affiora per la prima volta dal buio, tentando di agganciare la vita! Un’esperienza che segna ed insegna, insomma, e che poi, tutto sommato, oltre che gradevole, è anche terapeutica!


PAGINA 6

3 DICEMBRE 2021


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

C

ultura e Turismo, Alatri al centro di un ampio progetto. E a spiegarlo è il Sindaco Maurizio Cianfrocca: «Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di partecipare e presenziare all’evento organizzato dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, vetrina molto importante del settore. Presente lo stand della Regione Lazio, rappresentato dall’Assessore Valentina Corrado e dai colleghi sindaci di Ferentino e Arpino, avv. Antonio Pompeo e

ferentino-alatri

7

ALATRI - DISCUSSIONE SUL VALORE DEL PATRIMONIO ARTISTICO DELLA COMUNITÀ

La Città dei Ciclopi protagonista alla Borsa Mediterranea Cianfrocca: "Dobbiamo arrivare nei circuiti nazionali"

Avv. Renato Rea. Il direttore del museo di Alatri Luca Attenni, accompagnato anche dal responsabile dell’Ufficio Cultura Dott. Antonio Agostini, ha relazionato sulle nostre mura, facendo apprezzare ai presenti l’altissimo valore del nostro patrimonio artistico-culturale». Ha concluso Cianfrocca: «Un’appuntamento importante che ha visto Alatri al

centro dell’attenzione, una vetrina sul mondo; nonché un’opportunità che servirà a rafforzare la presenza di Alatri nei circuiti turistici nazionali ed internazionali». Proprio quello di cui

Alatri avrebbe bisogno per rilanciarsi e diventare un punto di riferimento a livello provinciale, regionale e, perchè no, anche nazionale, dal punto di vista dell'attrazione turistica. C.C.

FERENTINO - NATALE 2021, DOMANI ALLE ORE 17.30 L'ACCENSIONE DELLE LUCI. IN PIAZZA MATTEOTTI LO SPETTACOLO ‘LIGHTDANCE’

Tutti in piazza per le luminarie

Il sindaco Pompeo: «Tutti insieme ma in sicurezza faremo brillare la festa più bella dell'anno»

I

l Natale a Ferentino si aprirà ufficialmente domani, alle ore 17.30, quando ci sarà l'accensione delle luminarie, rinviata di una settimana a causa delle avverse condizioni meteorologiche. L’evento è organizzato dall'Amministrazione comunale guidata dal sindaco, Antonio Pompeo, in collaborazione con la Pro Loco presieduta da Luciano Fiorini. Le installazioni luminose collocate in diversi punti della città offriranno uno 'spettacolo permanente' visitabile durante tutte le feste di Natale. Gli scorci della città saranno valorizzati da incantevoli luci che creeranno un'atmosfera magica. Ma il vero spettacolo sarà quello che la compagnia Lux Arcana metterà in scena in piazza Matteotti: si chiama ‘Lightdance’ e prevede ritmate ed energiche coreografie, fuse a musiche incalzanti, cattureranno ogni tipo di pubblico svelando il nuovissimo e affascinante universo della giocoleria con tecnologia led. Lo spettacolo riserverà un finale incredibile con i ‘visualizzatori led’, inno-

ALATRI - APPUNTAMENTO ALLE ORE 17.30

In biblioteca incontro con la Lilt focus sulla prevenzione oncologica

D

omani, alle ore 17.30, presso la Biblioteca Comunale di Alatri, si terrà, in collaborazione con la LILT - Sez. Provinciale di Frosinone, un incontro sulla Prevenzione Oncologica. Un tema che deve tornare al centro delle discussioni, soprattutto dopo un periodo nel quale molte patologie vengono "trascurate" a causa della situazione covid. A moderare l'incontro sarà la dottoressa Lucilla Gatta. Tra i relatori ci saranno Norberto Venturi, Presidente della Lilt di Frosinone, lo psicologo Massimo Crocca, la responsabile del gruppo giovanile Lilt della Regione Lazio Lucilla Gatta. E' prevista anche la testimonianza di Valentina Fiorini. Prevista anche la partecipazione del Sindaco Maurizio Cianfrocca e dell'Assessore alle Politiche Sociali Umberto Santoro. C.C.

vativi strumenti ad alta tecnologia programmati per creare un'intensa varietà di forme in luce in perfetta sincronia con la danza e la musica. Uno spettacolo inedito, moderno e ipnotico che proietta grandi e piccoli in un mondo di nuove for-

me, luci ed immagini. A curare l'animazione saranno le associazioni cittadine ‘I Carillon’, ‘L’Airone’ e ‘Velosport’ mentre alcune rappresentanze studentesche degli Istituti Comprensivi si cimenteranno in esibizioni canore. Il tutto si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti-Covid e, per l'occasione, l'Amministrazione ha predisposto tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza, dalla regolamentazione dei flussi di persone che arriveranno in piazza al corretto utilizzo della mascherina, anche in base alle nuove indicazioni del Governo. "Quest'anno l'Amministrazione comunale e la Pro Loco – ha commentato il sindaco, Antonio Pompeo – vogliono coinvolgere la comunità attra-

verso un percorso di luci e magia che renderà ancora più bella e attrattiva la nostra città durante le festività natalizie. Sarà un altro Natale all'insegna del rispetto delle regole perché soltanto attraverso la collaborazione e l’impegno di tutti potremo vivere insieme queste feste in sicurezza e regalare momenti di svago e divertimento soprattutto ai più piccoli”. “Siamo davvero felici di poter tornare a festeggiare insieme il Natale con uno spettacolo che certamente incontrerà il favore del pubblico – ha detto l’assessore alla Cultura e al Turismo, Angelica Schietroma – e siamo certi che la nostra comunità saprà vivere queste festività nel segno dell'unità, della collaborazione e dell'osservanza di tutte le misure predisposte”.


8

VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

veroli

PER LE CANDIDATURE PROVINCIALI I POTERI FORTI DEI PARTITI E LE LISTE CIVICHE FANNO FUORI VEROLI

Ko per la politica verolana

I consiglieri comunali di maggioranza e minoranza si sono dimostrati degli... yes-man Egidio CERELLI

I

l destino di Cassandra non è mai piaciuto a nessuno... la sorte che tocca a coloro che hanno il problema di... anticipare le sciagure senza essere ascoltati in tempo e da chi di dovere, un po’ ci appartiene. E si perché a noi è toccata tale infelice incombenza di raccontare spesso storie che hanno portato poi sciagure alla nostra terra. Non vogliamo essere definiti iettatori, ma… Se ci si passa il termine, parafrasando lo sport, possiamo risecondarvi sulla sconfitta casalinga del Veroli in occasione delle candidature, non per il pallone d’oro ma per uno scranno nell’emiciclo della sala consiliare di Palazzo Gramsci. Abbiamo letto le convocazioni dei vari staff tecnici ma non abbiamo visto il nome di un verolano. Nemmeno come panchinaro. E’ questa una sconfitta a tavolino dovuta certamente alla assenza della politica di casa che pur avendo una maggioranza solida non è riuscita a trovare un’anima degna non dell’inferno ma quantomeno di un pezzo di purgatorio. Gli organi direzionali che contano hanno detto di ‘no’ senza ricevuta di ritorno, perché non hanno fatto nemmeno una lettera raccomandata ai ‘politicanti’ verolani. Ci verrebbe da dire con un ossimoro, che bella sconfitta! Partiamo dal Centrodestra che a Veroli è all’opposizione e non ha sulla carta le… carte in regola per presentare un candidato. Voti da racimolare in giro non ce

ne erano anche perché ad esempio la Lega del senatore verolano Gianfranco Rufa è più verso il litorale pontino che non nella nostra Ciociaria. Non parliamo di Fratelli d’Italia che ha sì una bella sede, ma non la forza che possa arrivare a scaricare un po’ di acqua salubre, lungo il letto di fiume peraltro ‘inquinato’ che attraversa Ceccano. Il centrosinistra con il PD, Italia Viva e liste civiche elette nella coalizione che proponeva a sindaco l’attuale Simone Cretaro, non ha saputo far valere la sua ‘potenza verolana’ che pure esisteva ed esiste anche con i numeri. Dicono che la colpa deve ricadere sulla frantumazione continua dei vari leaders, che ha solamente

illuso, ad esempio, Francesca Cerquozzi del PD e persino Luca Renzi che veniva proposto da Italia Viva. Una scelta questa,

dopo il tentativo andato a vuoto per il presidente del Consiglio Cristina Verro. Una debacle cui nessuno avrebbe punta-

BUON COMPLEANNO AL SIMPATICO ELIA CERELLI CHE DOMANI COMPIE 5 ANNI

D

omani Elia Cerelli spegne cinque candeline. Per il simpaticone che è il nostro nipotino bacioni da mamma Umbertina e papà Alfonso, dai nonni Egidio e Assuntina, Antonietta ed Emilio e da nonna Maria oltre che da tutti i parenti ed amici della sua scuola. Elia già da due anni è diventato anche un modello doc per le sfilate, come nella foto, e sta diventando anche un piccolo ciclista come il suo idolo Elia Viviani. Auguroni da parte della nostra redazione e da quanti ci leggeranno.

to un cent per i continui rumors che riecheggiavano sui muri dei palazzi di Piazza Mazzoli, sino a qualche mese fa. Nel frattempo però tutto andava scemando lentamente con tanta vasellina per non far male tant’è che non si è notato nessuno che, masticando politica o politichese , avesse tentato di avere le braccia alzate pro candidatura verolana. Nessuno! Solo sorrisi persino di sarcastica goduria (leggendo quando sono state rese note le nomination delle candidature) nei confronti di chi ne usciva, suo malgrado, sconfitto. Come nella fattispecie! Una noticina di colore anche se manca proprio nell’iride ‘sindacale’… dalla bocca del sindaco Cretaro, con una casacca politica scolorita e smunta, non è uscita parola dapprima come ‘prete-

sa’ per i voti nell’otre di Eolo dio dei venti che sono stati sempre di scirocco e nemmeno dopo, di indignazione per il taglio delle teste dei politici verolani. Pardon di presunti politici giacché non hanno indetto riunione alcuna per verificare se Veroli poteva o no pretendere un candidato al posto dell’uscente Germano Caperna. Nisba! Nemmeno convocazione propedeutica alla partita da giocare con la squadra verolana. Ci vuole coraggio, ma non tanto, nello scrivere che ‘l’alea iacta est’ attruita da Svetonio a Cesare prima di passare il Rubicone, è stata profferita nella camera dei ‘bottoni’ di chi ha le redini di altri cavalli da corsa dell’esercito ciociaro quasi tutti spostati nel sud est della provincia. Tant’è che i paesi come Veroli, Boville e MSGC sono rimasti ‘intramoenia’ a gustare i ricchi capitoli di storia millenaria dei loro monumenti. E così quali eremiti che per motivi politici e non religiosi, si appartano dal mondo per vivere solitari in luoghi remoti o deserti comunque lontani dalla comunità. Passerà del tempo ed allora negli ‘allenamenti’ pre partita si vedranno ancora tavoli per pranzi e cene luculliane preparati dagli stessi eremiti per riempire le borse dei loro mèntori piene di voti perpetui come corsi e ricorsi storici . E Veroli può essere così avvicinato a Pietro l’Aretino.


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

veroli

9

Ornella Ricca e Pietro Spagnoli nasce nel 2010, con la fondazione a Veroli del MAC - Museo A Casa. I due artisti uniscono e mettono in dialogo le loro precedenti esperienze maturate nel campo della pittura e della scultura, e iniziano un

percorso artistico comune, con l’intento di cercare di dare un contributo al dibattito sui temi che trattano il rispetto dell'ambiente e degli esseri umani, l’uso responsabile delle risorse e una maggiore consapevolezza degli effetti dei nostri comportamenti sull'ambiente e sulla sostenibilità del nostro stile di vita. Una collaborazione che li porta a realizzare varie sculture, installazioni e dipinti, fino alla duplice vittoria nel 2020 e nel 2021 del contest artistico nel Festival della Scienza “Fermhamente” della città di Fermo.

NELLA SALA D’ARTE CRYSTAL IN CENTRO STORICO Egidio CERELLI

"F

inestre” sarà il titolo della mostra di Ornella Ricca e Pietro Spagnoli, in programma presso la sala Crystal di Veroli in provincia di Frosinone a partire da mercoledì 8 dicembre. Un’esposizione di opere che inviterà il visitatore a confrontarsi con i propri sentimenti e i propri punti di vista interiori. Infatti proprio uno degli strumenti del nostro vivere quotidiano, la finestra, parte delle nostre vite, di case, di uffici, si trasfor-

Mostra di Ornella Ricca e Pietro Spagnoli dall’Immacolata sino al 19 dicembre

ma nel mezzo attraverso il quale voler e dover guardare fuori e soprattutto altrove. Un fuori che non è solo fisico, ma anche sentimentale, psicologico, emotivo. Lo scenario dell’attuale periodo storico, attanagliato da limitazioni e pandemia, ha portato i due artisti a creare opere che stimolano la curiosità del “guardare attraverso”, a trasformarsi nella necessità dello “scrutare dentro”. Così merco-

ledì 8 dicembre a partire dalle 9,30 del mattino i lavori saranno esposti al pubblico nella sala d’arte Crystal, in via Casalunga 2, fino a domenica 19 con la possibilità per tutto il periodo di vistare anche su appuntamento, dotati di Green pass e mascherina. “Guardo dalla mia finestra. Piove, mille gocce si attaccano al vetro. Lontano, l’orizzonte sembra sfidarmi a raggiungerlo. Chissà quanti altri stanno guardando

fuori. Cosa vedono, cosa pensano? Mi piacerebbe saperlo. Ho voglia di uscire. Accostarmi. Ascoltare.” Una poetica espressiva che ancora una volta, e una di più, ha l’uomo e l’anima al suo centro. Il sodalizio artistico tra

DOMENICA 5 DICEMBRE ALLE ORE 18 PRESSO IL TEATRO COMUNALE DI VIA LUCIO ALFIO. OBBLIGATORI GREEN PASS E MASCHERINA

La storia ‘Di madre in figlia’ Un testo sulla violenza di genere e la voce di una mamma nelle orecchie di una figlia ad ogni Vigilia

Egidio CERELLI

D

omenica 5 dicembre alle ore 18, presso il Teatro comunale “Di madre in figlia” che nasce dal racconto di Federica Ponza, finalista nel 2016 del concorso “A Sea of Words”, indetto dallo IEMed (European Institute of the Mediterranean, Barcelona) e Anna Lindh Foundation (Alexandria d’Egitto), e vincitore del “Premio Rostagno 2020”.- Con Patrizia Ciabatta, e la regia di Andrea Di Palma, Federica Ponza ne ha curato anche l’adattamento teatrale. Definirlo un testo sulla violenza di genere è esatto, ma non esaustivo: è un testo complesso, sfaccettato, sfumato, che gioca con rimandi, analogie, ciclicità; un gioco di specchi costruito attorno ad un concetto: l’eredità che si trasmette attraverso il rapporto unico che si instaura tra una madre e una figlia, protagonista della storia, e che seguiamo in quello che possiamo definire il suo percorso di formazione. La voce di una mamma nelle orecchie di una figlia, ad ogni Vigilia, come in un rituale infinito e rassicurante, a cui si prende parte ogni anno, con la sicurezza che nulla di diverso ci potrà mai essere. Finché qualcosa di sotterrato sotto le tradizioni, nascosto tra le luci,

ALLE ORE 21 PRESSO IL TEATRO COMUNALE. MUSICHE DI FRANCESCO CARLESI

Domani lo spettacolo dal titolo ‘Notte’ ideato e interpretato da Amedeo Di Sora

Egidio CERELLI

"S

taciuto dietro mille domande, viene fuori, e la Vigilia non sarà più la stessa, non quella che questa figlia ha imparato a conoscere ed amare per tutta la vita. A volte, basta un’unica consapevolezza a cambiare ogni cosa e a dare la certezza che niente sarà mai più come prima. E

da quel momento, ci può essere solo un prima e un dopo, e il làscito di un’eredità, che si tramanda di generazione in generazione. Una figlia che, dopo un attimo di lucidità, non sarà mai più bambina. Obbligatorio mostrare il Green Pass ed indossare la mascherina.

ì: scorrere sopra la vita questo sarebbe necessario questa è l’unica arte possibile” Il sesto appuntamento della Rassegna Teatrale “40 Anni di Utopia Concreta”, che concorre a celebrare il Quarantennale della Compagnia Teatro dell’Appeso nell’ambito della XIV Edizione del Festival “Il Teatro e le Voci”, si terrà il 4 dicembre 2021, alle ore 21, presso il Teatro Comunale di Veroli in Via Lucio Alfio n° 5. Lo spettacolo, dal titolo Notte, ideato, diretto e interpretato da Amedeo di Sora, vuole rendere omaggio al poeta Dino Campana. In particolare, Amedeo di Sora darà voce al poemetto in prosa “La Notte” che apre i “Canti Orfici”. Essa è la storia di un viaggio dell’anima dalle tenebre del mondo empirico, sperimentate in vita, e da quelle del mondo infero che gli si offrono tragicamente in morte, allo splendore del mondo sopra-razionale e mistico. Il viaggio iniziatico che l’anima affronta nella Notte è un viaggio che si svolge “nel più lungo giorno antico dell’amore”. Amedeo di Sora ri-leggerà il testo del poeta di Marradi consegnandolo all’oblio, poiché solo nell’oblio si preserva la sacralità della parola, con la straordinaria complicità musicale di Francesco Carlesi al pianoforte che, con la sua maestria, contribuirà a conferire alla serata un elemento di ulteriore mistero e sugge-

stione. Il biglietto d’ingresso è di € 10,00. Ridotto studenti € 5,00. La manifestazione si avvale del sostegno della Regione Lazio, che si ringrazia nella persona dell’On. Sara Battisti, del patrocinio della Provincia di Frosinone e dell’Accademia di Belle Arti, della collaborazione logistica e organizzativa del Teatro Comunale di Veroli e dell’ARCI di Frosinone. Partner della manifestazione sono: Frusna Bene Comune, che si ringrazia nella persona del Dott. Angelo Pizzutelli, Otovision, Itas-Agenzia di Frosinone, Ad Personam e Conass- Frosinone.


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021


N. 271 - Venerdì 3 Dicembre 2021

DENTRO LA PASSIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

L'AVVERSARIO

TERNANA IN SERIE POSITIVA LUCARELLI CONFERMA IL 4-2-3-1 PAGINA 3

ANCORA TU... GABRIEL CHARPENTIER SEMPRE PIÙ PUNTO FERMO DELLA SQUADRA DI MISTER GROSSO A CREMONA HA REALIZZATO IL SETTIMO GOL STAGIONALE IL "GENERALE" PUNTA A RIPETERSI CONTRO LE FERE

IL MATCH In difesa Casasola è favorito su Cotali Lulic si riprende il posto in mediana Canotto e Garritano sugli esterni

BASKET Dopo la vittoria con Molfetta arriva il ko contro Torrenova Rinviato il match con la Viola

PAGINA 2

PAGINA 7


2

VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

IL MATCH

IL FROSINONE OSPITA AL BENITO STIRPE LA TERNANA. GROSSO TORNA ALL’UNDICI TIPO: CASASOLA SI PRENDE LA CORSIA DESTRA

VINCERE PER DIVENTARE GRANDI

Antonio VISCA

R

ATTENTI A QUEI DUE I possibili "uomini partita" del Frosinone scelti da Tu Sport gdsfg

···

^

SERIE B CLASSIFICA 15

Promossa in Serie A

Accedono ai Playoff

Accedono ai Playout

Retrocedono in LegaPro

se vuole diventare grande fin da subito, non deve sbagliare più certe occasioni. E la gara contro la Ternana è una di quella da non fallire, perché si gio-

RISULTATI 15^ GIORNATA PROGRAMMA 16^ GIORNATA

una compagine sì in forte crescita (nell’ultimo turno è arrivata anche la prima vittoria) ma che comunque aveva perso ben 10 partite su 13. Il Frosinone,

GIORNATA

educe dall’ottimo punto ottenuto su un difficile campo come quello di Cremona, il Frosinone ospita la Ternana di Cristiano Lucarelli. Dopo un avvio stentato con ben tre sconfitte consecutive subite, le Fere hanno pian piano risalito la china, tanto da portarsi a ridosso della zona playoff, distante ora appena due punti. I rossoverdi, poi, sono in uno stato di forma strabiliante, visto che nelle ultime quattro partite hanno ottenuto ben 8 punti, segnando 7 gol, 3 dei quali in casa del Lecce, una della compagini più forti della categoria. Ci sono tutti gli ingredienti quindi per assistere ad una bella partita. Una partita che il Frosinone vuole vincere per fare il definitivo salto di qualità. L’unica pecca di quest’inizio di stagione della truppa di Grosso, infatti, è quella di fallire sempre le occasioni per “scrollarsi di dosso” il ruolo di inseguitrice, ed imporsi così tra le prime della classe. I giallazzurri, finora, hanno dimostrato di potersela giocare con tutte, di essere una squadra difficile da battere e che sa reagire quando va in svantaggio. La cosa che manca per diventare una grande squadra è la concretezza, quella che non ti fa sbagliare appuntamenti come quello contro il fanalino di coda Pordenone,

ca in casa, perché questa squadra merita di essere più in alto per quello fatto vedere sul campo e per mille altri motivi. Dopo il turnover visto con la Cremonese, mister Grosso torna all’undici tipo: in porta Ravaglia. La difesa vedrà Casasola e Zampano sulle fasce e la coppia Gatti-Szyminski nel mezzo. A centrocampo torna titolare Lulic al fianco di Ricci e Boloca. In avanti, invece, il solo confermato rispetto alla sfida con la Cremonese sarà Charpentier. Sugli esterni torneranno Canotto e Garritano, utilizzato nell’ultima gara come mezzala di centrocampo.

···

GABRIEL CHARPENTIER

LUCA GARRITANO

I possibili "uomini partita" della Ternana scelti da Tu Sport

···

···

ANTHONY PARTIPILO

CÉSAR FALLETTI

I BOMBER GIALLAZZURRI

CHARPENTIER CICERELLI LULIC CANOTTO CIANO GARRITANO GATTI

7 2 2 1 1 1 1

MAIELLO NOVAKOVICH RICCI ROHDEN ZAMPANO ZERBIN

1 1 1 1 1 1


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

3

L'avversario osinone r f I d i n io z a m le for erITE e ternana sugg "tu sport" i d e n io z a d e r dalla

Campionato Nazionale Serie B Sedicesima giornata

VS

Sabato 4 dicembre 2021 ore 14:00 Stadio: Benito Stirpe Arbitro: Francesco Cosso di Reggio Calabria Assistenti: Gianluca Sechi di Sassari e Claudio Gualtieri di Asti Quarto: Michele Di Cairano di Ariano Irpino VALUTAZIONE DIFFICOLTÀ MATCH:

-3 frosinone 4-3

PERCHÉ TERNANA: I rossoverdi sono in serie positiva da quattro turni, nei quali hanno centrato due vittorie e due pareggi. Il tecnico Cristiano Lucarelli è riuscito a trovare la giusta quadratura e, dopo un inizio di stagione complicato, adesso i risultati gli stanno dando ragione. La Ternana ha un organico ben livellato, ma di sicuro il reparto più temibile è quello offensivo. Nel ruolo di trequartista sta brillando Falletti, a segno già sette volte in campionato, ma va attenzionato anche l’esterno destro d’attacco Partipilo, che finora ha realizzato quattro gol e piazzato ben dieci assist.

ZAMPANO

SZYMINSKI

GATTI

CASASOLA

11

25

6

95

26

88

21

LULIC

RICCI

BOLOCA

16

9

27

GARRITANO

CHARPENTIER

CANOTTO

99 MA

DONNARUM

IL BORSINO

21

17

11

FALLETTI

CAPONE

34

80

AGAZZI

KOUTSOUPIAS

87 MARTELLA

PARTIPILO

15

19

SORENSEN

CAPUANO

29

-1 ternana 4-2-3

PERCHÉ FROSINONE: I giallazzurri sono in serie positiva da otto partite. Grosso ha quasi l’intera rosa a disposizione visto che mancheranno solamente Brighenti e Rohden. La Ternana è una delle difese più perforate del campionato con 23 gol subiti e fuori casa ha sempre incassato almeno una rete, fatta eccezione della gara di Alessandria vinta per 2-0. Le Fere sono una compagine che concede molto e velocisti come Canotto, Cicerelli e Tribuzzi possono esaltarsi tra gli spazi.

1 RAVAGLIA

S. DIAKITE

1 IANNARILLI

LA SQUADRA DI LUCARELLI È IN SERIE POSITIVA DA QUATTRO TURNI. TANTA QUALITÀ NEL REPARTO OFFENSIVO

TERNANA A CACCIA DI CONFERME Stefano PANTANO

L

a vittoria con il Crotone ha confermato l’ottimo momento di forma della Ternana. Dopo un inizio di stagione complicato, mister Cristiano Lucarelli ha trovato il giusto assetto e i risultati gli stanno dando ragione. Nelle ultime quattro uscite i rossoverdi hanno mantenuto l’imbattibilità, conquistando due vittorie e altrettanti pareggi. Il successo con i pitagorici, ottenuto peraltro giocando per oltre cinquanta minuti in inferiorità numerica, ha permesso agli umbri di portarsi a ridosso della zona play-off. Tre punti sofferti che evidenziano il carattere delle fere, determinate a proseguire la striscia positiva nel match di domani con il Frosinone. Lucarelli si affiderà al consueto 4-23-1: tra i pali ci sarà l’alatrense Antony Iannarilli, tra i protagonisti della splendida cavalcata degli umbri nella scorsa stagione con 14 “clean sheet” su 33 match disputati. Al centro della difesa agiranno il danese Frederik Sorensen e l’ex canarino Marco Capuano, insidiato però dallo sloveno Matija Boben. Sulla fascia destra

PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO PER MASSIMILIANO MARTINO IL RESPONSABILE COMUNICAZIONE DEL FROSINONE PREMIATO AL CONI

G

rande soddisfazione in casa Frosinone Calcio per il prestigioso premio assegnato al responsabile Comunicazione, Massimiliano Martino, dall’Unione Nazionale Veterani dello Sport che gli ha conferito l’attestato di Benemerenza durante la manifestazione “Lo Sport uno stile di vita”, svoltasi presso la sede del Coni a Roma. Un riconoscimento importante per Martino, punto di riferimento in questi anni per la società e per la stampa ciociara. A Massimiliano vanno le più sentite congratulazioni da parte di tutta la redazione di “Tu Sport” e “Tu News”.

ballottaggio tra il classe 2000 Salim Diakite e l’ex Cittadella Luca Ghiringhelli, mentre a sinistra va verso la riconferma Bruno Martella. A centrocampo mancherà lo squalificato Mattia Proietti, al suo posto è ballottaggio tra Davide Agazzi e Fabrizio Paghera per affiancare il promettente classe 2001 Ilias Koutsoupias. La linea dei trequartisti sarà composta da Anthony Partipilo, rivelazione di questo inizio

di stagione con quattro reti e ben dieci assist, da César Falletti, faro dei rossoverdi e prezioso in zona gol visti i sette centri messi a segno, e da uno tra lo scuola Atalanta Christian Capone e Federico Furlan, pronto a rientrare dopo qualche noia fisica. Il riferimento avanzato sarà invece Alfredo Donnarumma, a segno già sette volte in campionato. Pronti a subentrare l’esperto Stefano Pettinari, l’uruguaiano

Diego Peralta e l’ex Reggiana Simone Mazzocchi. La compagine umbra ha mostrato grande carattere in questo primo scorcio di campionato e contro il Frosinone proverà a prolungare la propria striscia positiva. Ad incitare le fere ci saranno oltre 750 tifosi rossoverdi che hanno polverizzato in poche ore i tagliandi per il settore ospiti dello “Stirpe”. Una sfida che dalle premesse si preannuncia combattuta.


PAGINA 4

3 DICEMBRE 20201


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

bioritmi

5

ARCHIVIATA LA SFIDA CON LA CREMONESE, ANALIZZIAMO LO STATO DI FORMA DELLA SQUADRA DI MISTER GROSSO

CHARPENTIER UOMO DELLA PROVVIDENZA SERVIZIO A CURA DI ANTONIO VISCA

FEDERICO GATTI – Il centrale è autore di un’ottima prova contro la Cremonese. Salva sulla linea un gol fatto di Ciofani e ribatte in almeno un paio di circostanze tiri pericolosi. Suo l’assist di testa per il gol di Charpentier GABRIEL CHARPENTIER – Tocca pochi palloni contro i lombardi ma appena gli capita una mezza palla sporca lui la deposita in rete da vero attaccante. L’ex Avellino salva ancora una volta il Frosinone da una sconfitta. Provvidenziale FEDERICO RAVAGLIA – Salva su Fagioli e due volte su Daniel Ciofani. Da rivedere però nelle uscite, dove deve acquisire più sicurezza ALESSIO TRIBUZZI – Contro la Cremonese è stato sicuramente tra quelli più propositivi nel Frosinone. Ancora una volta però pecca nella conclusione, non centrando mai la porta in un paio di tiri da buona posizione

PRZEMYSLAW SZYMINSKI – Nel primo tempo serve “un assist” al bacio per Fagioli che poi spara addosso a Ravaglia. In occasione del gol perde il duello fisico con Daniel Ciofani. Sembra in affanno, ma Grosso non può farlo riposare per mancanza di alternative LUCA GARRITANO – Così come il polacco anche lui sembra ultimamente un po’ sulle gambe. Nei primi minuti non controlla un facile pallone che poteva portarlo alla conclusione da ottima posizione. Poi ‘sparisce dal campo’, estraniandosi completamente dal gioco


6

VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

calcio

HA TRACCIATO UN PRIMO BILANCIO DAL PUNTO DI VISTA SOCIETARIO E TECNICO

INTERVISTA AL PRESIDENTE DEL CECCANO GIANLUCA MASI

D

opo il primo terzo della stagione, il Presidente del Ceccano Calcio 1920, l’Avvocato Gianluca Masi, ha voluto rilasciare un’intervista per tracciare un primo bilancio dal punto di vista societario e tecnico, parlando anche del prossimo futuro della società. Presidente, è possibile elaborare un primo bilancio di questa stagione, affrontando il lato sportivo e parlando, dal suo punto di vista, dei risultati del progetto di azionariato popolare? Giunti in chiusura di anno, è tempo per stilare qualche bilancio che, seppur parziale, fornisce più di un’indicazione sull’andamento della stagione sia in ordine agli aspetti societari che a quelli sportivi. Ebbene, non posso esimermi dal fare una breve riflessione sul progetto principale su cui la società ha scommesso forte ma che, purtroppo, ha deluso altrettanto fortemente le aspettative e le previsioni: l’azionariato popolare. I numeri non mentono mai ed in questo caso sono impietosi: 66 tessere sottoscritte in circa 7 mesi, per un totale di quote sottoscritte pari ad € 4.890,00. E se si considera che uno dei 66 soci sostenitori ha acquistato una quota da

T

utto pronto per la prima edizione del 'Trofeo Brico Io' di Ceprano ottima l'organizzazione curata da Riccardo Gabrieli già organizzatore del trofeo Luciano Re Cecconi arrivato alla quarantunesima edizione. Dopo 2 anni di stop per il covid si torna a giocare ed a organizzare. Grande soddisfazione degli sportivi cepranesi e del presidente Cristian Di Palma, piena fiducia a Gabrieli da parte del Patron di Brico. Il 2 gennaio si giocheranno le prime partite, alle ore 9 Ceprano contro Cassino, alle 10:30 Marano contro la Junior Accademia del Frosinone Calcio, alle 11:50 San Ferdinando

1.500,00 euro, si può tranquillamente parlare di fallimento del progetto. Un progetto in cui la società ha creduto e crede fermamente ma che, ad oggi, nulla ha portato in termini di supporto laddove si consideri che quanto raccolto giunge appena a coprire i costi di avvio e di gestione dell’azionariato popolare che ha visto la società prodigarsi anche con la storica apertura di una sede nel centro della città. A seguito dei numeri esposti, può dare una motivazione di questo “fallimento” del progetto? Evidentemente il messaggio non è giunto ai ceccanesi, la cui passione sportiva e calcistica è arci-nota. Ribadisco che ci si attendeva qualcosa di più in termi-

ni di quote di azionariato, le previsioni più pessimistiche erano di almeno un migliaio, considerata la popolazione di Ceccano e l’attaccamento dei ceccanesi ai colori rossoblu, non siamo arrivati neanche a 100 e dobbiamo prendere atto del risultato fortemente negativo. Questa cosa però deve darci stimoli e forza per andare avanti. Fortunatamente la strategia gestionale aveva pronto il piano B e non si era in alcun modo cullata sulla speranza di poter contare solo su un importante supporto economico dall’azionariato e dunque, anche se con non pochi sforzi, il budget per chiudere la stagione è stato raggiunto. Questo a dimostrazione della serietà e dell’impegno

nel mantenere le promesse e i risultati sul campo debbono confortare e darci la forza di andare avanti sulla strada intrapresa. Il raggiungimento del budget utile per la chiusura della stagione è certamente un’ottima notizia, per la società e per tutti gli appassionati e tifosi. Una stagione che vede il Ceccano ai vertici della classifica, nonostante quanto detto finora. Senza dubbio ci sono meriti che vanno oltre l’aspetto puramente economico. Si sente di ringraziare chi si sta impegnando per portare avanti la società e la squadra? Se il Ceccano Calcio si trova a lottare per il vertice della classifica i meriti vanno riconosciuti in egual misura alla gestione tecnica (la società ha sempre fortemente creduto nelle capacità di mister Carlini e dei suoi collaboratori), a quella finanziaria e gestionale portata avanti da un nuovo gruppo dirigenziale, formato da persone serie e compatte , che con lealtà e passione ogni giorno si impegnano a portare avanti questa società, ma soprattutto agli imprenditori locali e non che - con non pochi sacrifici , impegno e serietà - hanno creduto in questa compagine ed hanno deciso di suppor-

tarla. Proprio a loro va il nostro ringraziamento più grande, perché è grazie a loro che possiamo continuare a credere e realizzare i nostri obiettivi. Il Ceccano Calcio sta dimostrando di avere le carte in regola per dire la sua nei prossimi anni. Questo grazie ad una progettazione seria e concreta a livello tecnico e societario. Come vede le prospettive e quali sono le aspettative per il prossimo futuro? Il progetto che abbiamo elaborato è appena all’inizio. Questa società intende crescere a livello organizzativo, puntando su dirigenti e collaboratori preparati, senza improvvisazione e con uno scopo ben preciso: dare al sodalizio una solidità economica e tecnica che duri nel tempo. Ed in quest’ottica va vista l’imminente trasformazione della società (non più una mera associazione sportiva), ma anche e soprattutto la gestione dei giovanissimi ragazzi ceccanesi, che sono ormai stabil-

mente in prima squadra tra i titolari. Su questo punto non posso non menzionare anche l’ottimo lavoro di mister Liburdi, anch’egli con i bravissimi ragazzi della juniores stabilmente nella zona alta della classifica del campionato Regionale. Un bilancio societario e tecnico che vede protagonista il Presidente Gianluca Masi, che con serietà ha messo a disposizione di tutti gli appassionati i numeri di una società solida e con l’ambizione di continuare il percorso di crescita. Un futuro che viene costruito giorno dopo giorno con azioni concrete e attività costante sul territorio. Una società che guarda al lato sportivo, ma anche al sociale. Proprio in quest'ottica continua con successo la collaborazione con l’associazione “Altre… Menti”, che il prossimo 8 dicembre sarà presente al Popolla con un proprio stand, dove poter acquistare prodotti volti ad un contributo benefico in favore dell'associazione.

abriele Mattei e non poteva mancare Francesco Pescosolido con le sue note musicali. Le partite si giocheranno sul campo Vollero di Ceprano. Gabrieli e la ASD Cepra-

no ringraziano tutti e augurano buone feste. Un ringraziamento agli sponsor, Brico Io Ceprano, alla Conad di Ceprano e a Cinti Alessandro officina meccanica.

LA PRIMA EDIZIONE SI GIOCHERÀ DAL 2 AL 6 GENNAIO 2022

TROFEO 'BRICO IO' DI CEPRANO ORGANIZZATO DALLA ASD CEPRANO CALCIO

contro Ceprano, a seguire nel pomeriggio le altre partite. Sarà pre-

sente il professionista Mario Faccenda 15 anni di Pro, sarà presente il

delegato del comitato laziale e responsabile dei tornei FIGC signor Giang-


VENERDÌ 3 DICEMBRE 2021

basket-volley

7

BASKET - DOPO LA VITTORIA CONTRO MOLFETTA, IERI SERA STOP NEL RECUPERO CONTRO TORRENOVA

VIRTUS, ALTRA SCONFITTA

U

na settimana in chiaroscuro per la Virtus Cassino. Dopo la convincente vittoria contro la Pallacanestro Molfetta dello scorso weekend, infatti, nella giornata di ieri è arrivata la sconfitta contro la Fidelia Torrenova, nel match valido come recupero del sesto turno di andata. Una brutta gara per Teghini e compagni che, dopo un primo tempo da dimenticare finito con soli 22 punti a referto, hanno cercato di reagire, riuscendo ad avvicinarsi, ma mai dando l'impressione di poter recuperare la gara. La partita termina 66-84, con la Virtus Cassino che raccoglie la sesta sconfit-

···

NELLA FOTO UN MOMENTO DEL MATCH GIOCATO IERI SERA AL PALA VIRTUS CONTRO TORRENOVA

IL NB ALATRI SI IMPONE SU APRILIA BISANTE: «VITTORIA DI GRUPPO»

I

ta in nove uscite, rimanendo a quota 6 punti in classifica. Nel prossimo weekend la Virtus avrebbe dovuto giocare in trasferta

contro la Viola Reggio Calabria, ma la gara non si giocherà vista l'indisponibilità del PalaCalafiore. Car. Cap.

VOLLEY - ARGENIO, MARSELLA E MARCONI AL RADUNO CQR LAZIO

CONVOCATI TRE RAGAZZI DELL'ARGOS

È

ripartita la macchina selezionatrice dei migliori atleti del territorio regionale, dopo il periodo di stop forzato nella stagione 2020-21, il Comitato Fipav Lazio rimette in moto il Centro di Qualificazione. Il raduno per il CQR Lazio Maschile si è tenuto lunedì scorso a Roma, presso la palestra Keplero in via delle Vigne agli ordini di coach Matteo Antonucci, e l’Argos Volley ha risposto presente con ben tre atleti, Francesco Argenio, Federico Marsella e Christian Marconi. “C’è sempre grande entusiasmo nel riavviare il percorso di qualificazione – dice il selezionatore Matteo Antonucci –. Insieme a Stefano Vazzana ci siamo messi subito a lavoro per recuperare il tempo perso e ritrovare gli atleti della nostra regione, per capire lo stato dell’arte dopo quasi due anni di inattività. In una prima fase valuteremo il livello e conosceremo meglio gli atleti. Poi, in un secondo momento, cominceremo la fase di qualificazione e selezione puntando sui ragazzi nati

BASKET - ESORDIO PERFETTO TRA LE MURA AMICHE

nel 2006”. I tre atleti Argos Volley convocati in questo raduno, fanno parte del gruppo Under 15 e Under 17 allenati da coach Alfredo Izzo che racconta: “Il selezionatore regionale, coach Matteo Antonucci, ha chiamato la società chiedendo la disponibilità ad accogliere la convocazione di alcuni dei ragazzi. Ovviamente aveva già dei nomi in mente, primo fra tutti quello di Francesco Argenio e poi Federico Marsella e Cristian Marconi anche se quest’ultimo sotto di età. Questa esperienza permetterà ai ragazzi di confrontarsi con la pallavolo regionale, e gli darà sicuramente una visione più ampia

rispetto a quella che hanno possibilità di conoscere nell’ambito del territorio provinciale. Alla convocazione i tre atleti hanno risposto con entusiasmo, ne abbiamo parlato e quello che ho consigliato loro è di viverla senza nessuna ansia, proprio come una esperienza da assorbire a pieno, perché l’obbiettivo è proprio quello di vivere un momento diverso da quello quotidiano della nostra palestra, confrontandosi con una realtà più ampia e con ragazzi forse anche più formati di loro a livello di modello di prestazione. La cosa fondamentale è che vedano e vivano una pallavolo diversa e che si divertano perché la pallavolo è anche questo”.

l Nuovo Basket Alatri bagna nel migliore dei modi l’esordio davanti al proprio pubblico. La formazione verderosa batte Samurai Aprilia 71-60 e vola da sola in testa alla classifica del Girone E di Promozione, restando l’unica squadra imbattuta del raggruppamento. Non poteva esserci scenografia migliore per la prima gara ufficiale giocata nell’impianto alatrense dopo l’intitolazione dello stesso alla memoria di Gianni Minnucci, ricordato nell’intervallo con la consegna di una maglie commemorativa alla moglie Marilinda e alle figlie Marta e Miriam. «La giornata di sabato è stata importante sia per la città di Alatri che per il movimento cestistico alatrense – sottolinea il team manager verderosa Claudio Bisante -. Per noi è stato emozionante sia l’avvicinamento alla gara che i 40 minuti sul parquet amico. L’inizio stentato nel primo quarto ne è la dimostrazione ma grazie alla forza del gruppo dopo

pochi minuti abbiamo ritrovato equilibrio, ribaltato le sorti della partita e gestito fino alla fine. Due punti importantissimi perché arrivati con la squadra che, in base ai risultati delle prime gare, sembra la favorita del girone». Il Nuovo Basket Alatri, tornerà in campo domenica prossima, 5 dicembre, alle 18:30 per l’impegno sul litorale pontino contro la Fabiani Formia.


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.