Page 1

Contus Antígus S A R D E G N A I R ACCONT I

1 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI

INTRO Aurora Cacciapuoti ILLUSTRATRICE E ORGANIZZATRICE DI CONTUS ANTIGUS

L’idea di questo progetto è nata molti anni fa, quando ancora vivevo in Sardegna. Sono sempre stata affascinata dai contus, tanto da farmeli narrare spesso da familiari, parenti, nonne di amici e amiche. Questa curiosità mi ha accompagnata negli anni, quei personaggi misteriosi hanno sempre stuzzicato la mia fantasia e nutrito il mio immaginario. Dopo l’esperienza di Immobiliare Fiaba (gioco interattivo figurato ideato dal ludomastro Carlo Carzan per TANA!, edizione 2013 del Festival Tuttestorie), ho deciso di contattare lo stesso gruppo di illustratori sardi, proponendogli l’idea, che è subito stata accolta con grande entusiasmo. Siamo, così, riusciti ad andare avanti, mettendo insieme le nostre conoscenze sull’argomento e collaborando produttivamente. Si è creata una vera e propria squadra in cui tutti hanno contribuito attivamente alla realizzazione del progetto, spendendo tempo, energie e passione. I contus hanno preso forma, ed è una forma sorprendente, variegata, carica di magia. Spero che questi racconti possano arrivare lontano, incuriosirvi e incantarvi come hanno fatto con noi. E spero che insieme a loro vi arrivi un pezzo della nostra bellissima terra, la Sardegna.

S’idea de custu progetu est nàscia de diora, candu bivia ancora in Sardìnnia. Is contus m’ant sèmpiri indiosau, prus e prus bortas mi ddus fia torrai a contai de is de domu, parentis, ajajas de amigus e de amigas. Custa crosidadi m’at acumpangiau in su tempus, cussus personàgius amisteraus, ant sèmpiri allutau sa fantasia e arricau s’immaginàriu cosa mia. Apustis de s’esperiéntzia de Immobiliare Fiaba (giogu interativu figurau ideau de su ludomastru Carlo Carzan po TANA!, editzioni 2013 de su Festival Tutestorie), apu pentzau de pigai cuntatus cun su matessi grupu de illustradoris sardus, fendiddis biri cali fuat s’idea, chi illuegus ant chistiu cun praxeri. Seus aici, arrennèscius a incarrerai, ponendi impari is connoscéntzias nostas de s’argumentu e a trabballai cun profetu. S’est formada una scuadra chi at cumpratziu su traballu deaderus po portai ananti su progetu, ponenddiddoi tempus, energias e apentu. Is contus ant pigau forma, e est una forma stravanada, diferenti, carriga de maja. Tengu spera chi custus contus potzant arribbai atesu, si potzant incrosidai e incantai cumenti est incapitau a nosu. E speru chi cun issus s’arribbiit un’ancodeddu de sa bella terra nosta, sa Sardínnia.

The idea for this project occurred to me a long time ago, when I still lived in Sardinia. I have always been so fascinated by contus to often lead my parents, my relatives and the grandparents of some friends of mine to tell me about them. This curiosity has not left me since I was young, and those mysterious characters have always tickled my fancy and imagination. After the experience of Immobiliare Fiaba (an interactive illustrated game created by the “ludomastro” Carlo Carzan for TANA!, the 2013 edition of Festival Tuttestorie), I have decided to contact the same group of Sardinian illustrators, proposing them my idea, that was immediately approved with great enthusiasm. Since then, our project started off, as we drew together all of our knowledge of the theme and worked as a team. Within this project, every member has actively contributed to its realization, giving their time, energy and passion. Contus started to shape up, in all the surprising, varied and magic forms. I hope those tales can get to you and your curiosity, and enchant you as they did with us. At the same time, I also hope that through them, a piece of our beautiful island, Sardinia, will reach all of you. Nota: Ludomastro - ‘master of games’.

3 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


FILIGRANE Monica Monachesi CURATRICE “LE IMMAGINI DELLA FANTASIA”, MOSTRA INTERNAZIONALE DI ILLUSTRAZIONE PER L'INFANZIA DI SÀRMEDE

Undici illustratori per undici figure dell’immaginario sardo... fin qui l’interesse sta sicuramente nello scoprire la Sardegna, questa terra meravigliosa e i suoi racconti tradizionali. Ma la forza particolare di questo progetto è che agli undici illustratori è stato chiesto di interrogarsi tornando ai propri ricordi di quand’erano bambini per incontrare le figure più vivide che allora abitavano le loro fantasie, accompagnavano paure, davano un posto e un senso a elementi importanti della loro cultura, disseminati in luoghi e gesti quotidiani. Alcuni sono andati a interrogare anche la memoria di anziani parenti. La matrice emotiva di questa selezione di undici contus spiega bene quanto sia ricca l’occasione di conoscenza che questa piccola mostra offre. Sarà che la Sardegna la conosco un po’, ho visto infornare il pane carasau e gli amaretti, ho visto le arance, generose, festeggiare sposi col verde delle loro foglie e l’arancio delle loro bucce assieme a immancabili mandorle, ho camminato nella sua strepitosa natura e ho osservato e compreso l’abitudine di chiudere il sole fuori dalle case, a certe ore quando le strade bianche diventano abbaglianti (Sa Mama ’e Su Soli e Janas lo raccontano). Ma perché vi scrivo questo? Perché a questo servono le fiabe, a trasportarci in quei luoghi e in quelle tradizioni e a capirne i motivi più profondi. E questi contus, quasi senza che ce ne accorgiamo, ci fanno vedere la Sardegna come se fossimo là, in una casa, a sistemare una scopa di saggina (Sa Súrbile), o a usare un telaio di ginepro, a curare il lievito madre per poi accendere un bel forno a legna (Don Giuanninu Infurradu). Si intravedono i motivi decorativi dei tessuti e delle filigrane, la sapienza dell’artigianato che si tramanda da secoli, ispirato dalla bellezza della natura. Compare anche il ruolo della comunità che veglia e protegge dal malocchio (Majardas), che mette in guardia dall’essere avari (Luxia Arrabiosa), che istruisce i più piccoli a stare lontani dai pozzi (Mama ‘e Funtana) o a saper ascoltare l’arrivo di un temporale (Su Carru ‘e Nannai). Poi vita e morte assieme (Panas) e il sonno che il folletto S’ammutadori colma di incubi. E che bella la fiaba di Mannau, tra grotte, polvere d’oro e fiori rosso sangue che sbocciano sulle sue orme. Perché ho presentato volentieri questa mostra ve lo dico citando un grande autore sardo, Bruno Tognolini: “Perché la fiaba è una zucca che sfama la vita”. Úndixi illustradoris po úndixi figuras de su maginàriu sardu... fintzas a innoi su disígiu de seguru est su de scobèrriri sa Sardínnia, custa terra spantosa e is contus de sa traditzioni sua. Ma sa fortza particulari de custu progetu est ca is illustradoris depiant pregontai a seis etotu torrendu a is arregordus de candu fuant pipius, po atobiai is figuras prus biatzas chi tandu biviant in is fantasias insoru, acumpangiànt is timorias, donànt unu sétiu e unu sensu a elementus de importu de sa cultura insoru, ispratzinaus in logus e ingestus fitianus. Calencunu est andau a pregontai fintzas sa a a memória de is parentis antzianus. Su sestu emotiva de custu sceberu de úndixi contus acrarat beni cantu siat arrica s’ocasioni de connoscèntzia chi custa mustra si donat. At a èssiri ca sa Sardínnia unu pagu dda connòsciu, apu bistu inforrendu su pani carasau e is amaretus, apu bistu s’aràngiu, bundantziosu, afestai sposus cun su birdi de is follas e su colori de aràngiu de su croxu impari a sa méndula chi non mancat mai, apu caminau in mesu una natura stravanada e apu annoditau e cumprèndiu s’avesu de incungiai su soli in foras de domu, in cussas oras candu is bias biancas alluinant (Sa Mama ‘e su Soli e Janas ddu contant). Ma poita seu scriendusì custu? Poita ca a custu serbint is faulabberus, a s’ingòlliri a cussus logus e in cussas traditzionis e a ndi cumprèndiri is sentidus prus fungudus. E custus contus, agiumai chentza de si ndi sapiri, si faint a biri sa Sardínnia cument’e chi siaus innia, in una domu, cuncordendu una scova de saina (Sa Súrbile), o a tèssiri cun unu trelaxu de tzinníbiri, a chistiri su framentu e apustis allúiri unu bellu forru de linna (Don Giuanninu Infurradu). S’apubant is sinnus decorativus de su tessíngiu e de is filigranus, sa sabidoria de su trabballu de is artisanus chi s’eredat in is séculus, chi agatant ispiratzioni in sa bellesa de sa natura. Cumparrit fintzas s’importu de sa comunidadi chi billat e amparat de s’ogu leau (Majardas) chi ammonestat is susuncus (Luxia Arrabiosa), chi imparat a is prus piticheddus a abarrai atesu de is putzus (Mama ‘e Funtana) e a sciri ascurtai candu lompit sa temporada (Su Carru ‘e Nannai). Apustis vida e morti impari (Panas) e su sonnu chi su matzammurreddu (S’Ammutadori) acolumat de bisionis malas. E cument’est bella sa faulabberu de Mannau tramesu grutas, prúini de oru e froris arrúbius che su sànguni chi ispranant innui issu lassat s’arrastu. Poita apu presentau cun praxeri custa mustra si ddu naru cun is fueddus de unu grandu autori sardu Brunu Togniolini: “Poita sa faulabberu est una crocoriga chi prandit sa vida”. Eleven illustrators: one for each of the eleven figures of the Sardinian folk tradition…The main interest is to discover the wonderful island of Sardinia and its popular stories. The special strength of this project, anyway, is that all the eleven illustrators were asked to go back to the memories of their childhood, in order to recall the most vivid figures that once lived in their fantasies, fed their fears, gave meaning to important elements of their culture, scattered in daily life. Some of them even asked their old parents. The emotional reason of this selection of eleven contus explains perfectly the richness of knowledge offered by this little exhibition. I have known Sardinia for a very long time: I have seen carasau bread and amaretti being baked; I have seen almonds and oranges celebrating married couples with their green leaves and the orange colour of their skin. I have walked into its wonderful nature and I have observed and understood the habit of closing out the sun from the houses, when the white streets become blinding (Sa Mama ’e Su Soli and Janas describe it). Why am I writing all of this? Because this is what fairy tales are for, to take us in those places and traditions in order to understand their deepest meanings. Even if we don’t quite notice it, these contus display Sardinia to us as if we were there in a house, putting away a sorghum broom (Sa Súrbile), or using a loom of juniper, nurturing the yeast and ignite a wood oven (Don Giuanninu Infurradu). It is possible to get a glimpse of the designs of both the fabrics and the watermarks, of the culture of handicraft, preserved by centuries and inspired by the beauty of nature. What the role of the community appears to be is to watch over and protect from evil eye (Majardas), to warn against greed (Luxia Arrabiosa), to teach the youngest to stay away from wells (Mama 'e Funtana) or to pay attention to the sound of an approaching storm (Su Carru ‘e Nannai). Life and death together (Panas) and the pixie S’ammutadori fill your sleep with nightmares. And how beautiful the tale of Mannau is, with caves, golden dust and flowers red as blood, which blossom on his footsteps. I would like to explain the reason why I have introduced this exhibition to all of you by quoting a famous Sardinian author, Bruno Tognolini: “Because a tale is a pumpkin that feeds your life”.

5 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


GLI ILLUSTRATORI MARIA CHIARA ARESTI

(Umbertide, 1975) Vive e lavora a Cagliari. Da sempre appassionata di illustrazione per l’infanzia, utilizza la tecnica del collage e le matite. Bivit e trabballat in Casteddu. De sèmpiri amantiosa de illustratzioni po s’infàntzia, imperat sa tènnica de su collage e is matitas. She lives and works in Cagliari. She has always been passionated about illustration for children. She uses collage and pencil technique. GIORGIA ATZENI

(Cagliari, 1973) È storico dell’arte, specializzato in disegno, incisione e grafica, con un dottorato in Letteratura comparata. Si divide tra il ruolo di illustratrice, ricercatore e docente di materie letterarie nella scuola media e superiore. Ha pubblicato le sue illustrazioni con diversi editori tra cui Salani, Il Castoro, Giunti e Segnavia. Est stórica de s’arti, spetzializada in disénniu, incisioni e gràfica, cun unu dotorau in Literadura cumparada. Trabballat cument’e illustradora, circadora e docenti de matérias literàrias in sa scola média e superiori. At pubblicau is illustratzionis suas cun vàrius editoris cument’e Salani, Il Castoro, Giunti e Segnavia. She is an art historian, specialised in drawing, engraving and graphic design, with a PhD in Comparative Literature. She is divided between the role of illustrator, researcher and teacher of literature in secondary and high school. She published her illustrations with various publishers including Salani, Il Castoro, Giunti e Segnavia.

(Cagliari, 1984) Ha una formazione che spazia dall’illustrazione alla psicologia. Ha studiato tra Milano, Vienna e Cagliari, città, quest’ultima, dove attualmente risiede. Lavora come artista, illustratrice, designer freelance e docente di laboratori di pittura murale e di disegno. Tenit una formatzioni chi movit intremesu s’illustratzioni e sa psicologia. At studiau intre Milano, Vienna e Casteddu, tzitadi cust’ùrtima, innui bivit immoi. Trabballat cument’e artista, illustradora, designer freelance e docenti de laboratórius de pintura murali e de disénniu. She has a background that ranges from illustration to psychology. She studied in Milan, Vienna and Cagliari, where she currently lives. She works as an artist, illustrator, freelance designer and she runs workshops about mural painting and drawing. IGNAZIO FULGHESU

(Cagliari, 1966) Vive e lavora a Cagliari. Si occupa di progettazione grafica e illustrazione.
 Nel tempo libero ama correre lungo le strade che fiancheggiano il mare. Bivit e trabballat in Casteddu. S’òcupat de progetatzioni gràfica e de illustratzioni. Candu est afàinu ddi praxit a curri peri is bias oru oru de mari. He lives and works in Cagliari. He works with graphic design and illustration. In his free time he likes to run along the roads next to the sea.

AGNESE LEONE

AURORA CACCIAPUOTI

(Iglesias, 1981) Vive a Cambridge (UK) dove frequenta l’MA in Children’s Book Illustration presso la Cambridge School of Art (Anglia Ruskin University). Lavora come illustratrice freelance e si occupa di attività creativo-laboratoriali per bambini e adulti. Bivit in Cambridge (UK) innui sighit s’MA in Children’s book illustration in sa Cambridge School of Art (Anglia Ruskin University), trabballat cument’e illustradora freelance e si òcupat de atividadis creativas-laboratorialis po pipius e mannus. She lives in Cambridge (UK) where she is attending the MA in Children’s Book IIlustration at Cambridge School of Art (Anglia Ruskin University). She works as freelance illustrator and she runs creative workshops for children and adults. SILVIA CICCU

LA FILLE BERTHA

(Quartu Sant'Elena, 1971) Si occupa di illustrazione. Si interessa di arte da quando è riuscita a tenere una penna in mano. S’òcupat de illustratzioni. S’interessat de arti giai de candu est arrennèscia a imperai una pinna po sa primu borta. She is an illustrator. She is interested in art since she learnt how to keep a pen in the hand.

(Cagliari, 1987) È diplomata in Grafica d’Arte e Progettazione all’Accademia di belle Arti, “Mario Sironi”, Sassari. Attualmente è iscritta al Master in Illustrazione Editoriale a Macerata. Diplomada in Gràfica d’Arti e Progetatzioni in s’Académia de Bellas Artis, Mario Sironi, Tàtari. Oindí sighit su Master in Illustratzioni Editoriali in Macerata.. She graduated in art and graphic design at school of fine arts “Mario Sironi” in Sassari. She is currently enrolled in the MA in Editorial illustration in Macerata (Italy). MARJANI ARESTI (GIANLUCA MARRAS)

(Cagliari, 1979) Illustratore freelance, nasce e risiede a Cagliari. Ha partecipato a diverse collettive e a svariati progetti editoriali e di merchandising. Illustradori freelance nascit e bivit in Casteddu. At pigau parti a medas colletivas e a paritzus progetus editorialis e de merchandising. He is a freelance illustrator who lives and works in Cagliari. He took part in various collective exhibitions, merchandising and editorial projects.

6 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


GLI ILLUSTRATORI MARIO ONNIS

(San Gavino Monreale, 1979) Dopo il Master “Ars in Fabula”, comincia il suo viaggio nel mondo dell’illustrazione. Nel 2014 è stato selezionato per la Mostra degli Illustratori alla fiera per libro per ragazzi di Bologna. Apustis de su Master "Ars in Fabula" cumentzat su biaxi suu in su mundu de s’illustratzioni. In su 2014 dd’ant sceberau po sa Mustra de is Illustradoris de Bologna. After the MA “Ars in Fabula”, he began his journey in the world of illustration. In 2014 he was selected for the iIlustrators’ exhibition at the Bologna Children’s Book fair. EVELISE OBINU

(Cagliari, 1980) Si occupa di laboratori didattico creativi e illustrazione. Collabora con diverse realtà operanti nel campo del sociale e della trasmissione della cultura sia come bibliotecaria sia per quanto riguarda il found raising. S’òcupat de laboratòrius didàticus creativus e illustratzioni. Collàborat impari cun realidadis diferentis chi òperant in su sotziali e in sa trasmissioni de sa cultura siat cument’e bibliotecària siat po su chi pertocat su found raising. She runs creative and educational workshops. She collaborates with various organisations working in a social and cultural environment, both as a librarian and as a fund raiser. HA NNO

(Cagliari, 1986) Vive a Bologna dove ha studiato arti visive, pittura e illustrazione per l’editoria presso l’Accademia di Belle Arti. Lavora come illustratrice freelance ed è titolare e curatrice di mostre ed eventi artistico-culturali presso “La Casetta dell’Artista”. Bivit in Bologna innui at studiau artis visivas, pintura e illustratzioni po s’editoria in s’Académia de Bellas Artis, trabballat cument’e illustradora freelance e est titolari e curadora de mustras e de initziativas artísticas-culturalis in “La Casetta dell’Artista”. She lives in Bologna where she studied art, painting and editorial illustration at the Academy of Fine Arts. She works as a freelance illustrator and she is the owner and curator of exhibitions and cultural and artistic events at “La Casetta dell’Artista”.

COLLAB ORATO:

FEDERICA ARCIBUONO

(Messina, 1990) Dopo gli studi classici si laurea presso la facoltà di Mediazione Linguistica della sua città nel 2012. Recentemente ha concluso gli studi specialistici presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, in ‘Lingue per la Comunicazione nell’Impresa e nelle Organizzazioni Internazionali’. Apustis de is stùdius clàssicus si laureat in sa facultadi de Mediatzioni Linguìstica de Messina in su 2012. De pagu at acabbau is stùdius de spetzializatzioni in s’Universidadi de Modena e Reggio Emilia, in Lìnguas po sa Comunicatzioni in s’Impresa e in is Organizatzionis internatzionalis. After her classical studies, graduated in Translating and Interpreting at the University of her hometown. She has recently finished her MA in ‘Languages for the Communication in Companies and International Organizations’ at the University of Modena and Reggio Emilia. SIMONA DURZU

(Cagliari, 1987) Vive a Quartucciu (IT). Frequenta la facoltà di Editoria e Giornalismo presso La Sapienza di Roma, lavora come copywriter freelance e collabora con associazioni non profit e iniziative editoriali online. Frecuentat sa facultadi de Editoria e Giornalismu in sa Sapienza de Roma, trabballat coment’e copywriter freelance e collàborat impari cun assótzius no profit e a initziativas editorialis online. She lives in Quartucciu (Italy). She attends the Faculty of Journalism and Publishing at La Sapienza University in Rome. She works as a freelance copywriter and collaborates with non-profit associations and online publishing initiatives. MONICA MONACHESI

GIULIA SOLLAI

(Torino, 1966) Si occupa da vent’anni di illustrazione. È curatrice di Le immagini della fantasia, Mostra Internazionale di Illustrazione per l’Infanzia di Sàrmede che annualmente offre un ampio sguardo sul panorama internazionale del settore.

Collabora con vari editori come art director. Scrive per riviste e blog specializzati e ama partecipare come giurato a concorsi italiani e internazionali, coordinando incontri e tavole rotonde ad essi collegati. De bint’annus s’ocupat de illustratzioni. Est curadora de Le immagini della fantasia, Mostra Internazionale di Illustrazione per l’Infanzia de Sàrmede chi oindí donat una mirada manna de su panorama internatzionali de su setori. Collaborat cun medas editoris cument’e art director. Scriit po rivistas e blog spetzializaus e tenit praxeri de pigai parti cument’e giurau a cuncursus italianus e internatzionalis, coordinendi atóbius e mesas de arrelatu aunias a custus. She has been involved with illustration for twenty years. She is the curator of Le Immagini della Fantasia, international exhibition of illustration for children in Sàrmede (Italy), that offers a comprehensive snapshot of the international field of illustration. She collaborates with many publishers as art director and write for specialised magazine and blogs. She loves to participate as a jury member for Italian and international illustration awards, coordinating events and talks. BRUNA SIRIU

(Escalaplano, 1962) Vive e lavora a Cagliari dove si è laureata e specializzata in didattica e traduzione della lingua sarda. Collabora con enti e associazioni che operano nel campo attraverso la realizzazione di laboratori, seminari e progetti culturali per la valorizzazione e diffusione del Sardo. Bivit e trabballat in Casteddu innui s’est laureada e spetzializada in didàtica e tradusidura de sa lìngua sarda. Collaborat cun entis e assòtzius chi òperant in su setori aparicendi laboràtorius, seminàrius e progetus culturalis po agiudai a imperai su Sardu. She works and lives in Cagliari, where she graduated and specialised in didactics and translation of the Sardinian language. She collaborates with institutions and associations that work in the field, by organising workshops, seminars and cultural projects for the promotion and diffusion of Sardinian.

7 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Don Gíuannínu ínfurradu Maria Chiara Aresti Collage e trasferelli su carta Giuanninu era un uomo talmente povero da non possedere neppure una casa, soltanto il forno in cui cuoceva il pane per tutto il suo villaggio. Dopo aver sorpreso e rinchiuso nel forno acceso una volpe intenta a rubare delle focacce, la liberò in cambio della promessa di riuscire a sposare la figlia del re. Grazie alla sua astuzia, la volpe riuscì a trasformare il povero fornaio nell’uomo più potente e innamorato del reame, prima di chiedergli un ultimo favore: cuocere la sua testa nel forno per poter riprendere le sue vere sembianze, quelle di un principe punito molto tempo prima per aver commesso un grave peccato. DESCRIZIONE >

Nelle terre che ha ereditato come principe e che governa con grande saggezza. Oppure nel castello dell’Orco malnato malnato: dicono sia il più grande e bello di tutto il regno ma non ditelo al vecchio re, potrebbe rimanerci male! DOVE SI INCONTRA >

Secondo Giuanninu, dormire dentro un forno scaccia via gli incubi e fa sognare solo cose buone come il pane. Secondo la volpe, è anche un ottimo rimedio contro i reumatismi. PREFERENZE >

COME RICONOSCERLA >

Tutti i principi sono generosi e onesti, ma solo uno è anche il miglior fornaio del reame.

Se dovesse capitarvi di incontrarlo, non sentitevi a disagio: anche se una piccola volpe ha fatto sì che diventasse un principe, alle chiacchiere di corte preferisce i lunghi discorsi sui metodi per conservare il lievito madre. COME COMPORTARSI >

Giuanninu fuat un’ómini aici póburu chi non teniat mancu una domu, sceti su forru innui coiat su pani po totu sa bidda. Apustis chi iat incungiau in su forru allutu a marxani, chi iat agatau furendu fogatzeddas, dd’iat scapau in cuncàmbia de sa promissa de ddu coiai cun sa filla de s’urrei. Cun sa s’abristiéntzia, marxani iat mudau su inforradori póburu in s’ómini prus poderosu e amorau de s’arrènniu, apustis de dd’àiri pediu un’úrtimu praxeri: a ddi còiri sa conca in su furru po pòdiri torrai in trassas, chi fuant cussas de unu príntzipi castigau po àiri pecau de diora de mala manera. DESCRITZIONI >

In is terras chi at eredau cument’e príntzipi chi atendit cun grandu sabidoria. O in su casteddu de s’Orcu malinàsciu - malinàsciu: narant chi siat su prus mannu e bellu de totu s’arrénniu, ma non scovieis a s’urrei, ca ndi dd’iat a pàrriri mali! INNUI S’ATÒBIAT >

Giuanninu pentzat ca, a si dromiri aintru de unu forru nci stupit is bisus malus e fatzat bisai sceti cosas bonas che su pani. Marxani pentzat chi siat fintzas una mexina contras a is dólimus de is ossus. ITA FAIT >

CUMENTI DDU CONNÒSCIRI >

de s’arrénniu.

Totu is príntzipis funt de coru bonu e onestus, ma unu sceti est su mellus inforradori

Chi s’incapitat e dd’atobiais, non si leeis infadu, nointamus chi unu marxaneddu dd’apat furriau a príntzipi, a issu ddi praxint de prus is arrexonadas apitzus de is maneras de chistiri su framentu che is arrallas de corti. ITA FÀIRI >

Giuanninu was a poor man. He didn't have a house; only a oven where he used to bake the bread for the whole village. After locking a fox that was stealing focaccia bread, into the hot oven, he freed her in return for the king's daughter's hand in marriage. Thanks to his cunning, the fox managed to transform the baker into the most powerful and beloved man of the kingdom, before asking him the last favour: bake his head in the oven to be able to regain his true form. In fact, he was a prince who was punished for committing a serious sin. DESCRIPTION >

In the lands he inherited as prince and that he governs with great wisdom, or in the “malnato malnato Orge's” castle: someone says it is the biggest and most beautiful of the kingdom, but do not tell it to the old king, he might get upset! WHERE HE CAN BE FOUND >

Giuanninu thinks that sleeping inside the oven drives away the nightmares. Moreover, according to the fox, it is also a nice remedy for aches and pains. PREFERENCES >

HOW TO RECOGNISE HIM >

All princes are generous and honest, but only one is also the best baker in the kingdom.

If you happen to meet him, do not feel uncomfortable: even if a small fox transformed him into a prince, he prefers to talk about sourdough rather than palace gossip. HOW TO BEHAVE WITH HIM >

8 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


9 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Luxía Arrabíosa Giorgia Atzeni

Tecnica mista (collage, acrilici) su carta È una donna avara e superba trasformata in pietra dopo che Dio, per metterla alla prova, si presentò alla sua porta sotto le spoglie di un mendicante per chiedere del pane che Luxia, a costo di mentire, gli avrebbe poi negato. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA > PREFERENZE >

I resti della sua casa si trovano sul versante della collina Is Mandonis, nella zona della Prabanta.

Ottima cuoca, il sabato adora preparare il pane per tutta la settimana.

COME RICONOSCERLA >

infornare.

Anche quando si allontana dalla sua casa, non si separa mai dal forcone che utilizza per

Resistete al profumo delizioso del pane appena sfornato e non chiedetene nemmeno un pezzettino, se non volete avere a che fare con il suo carattere intrattabile! COME COMPORTARSI >

Est una fèmina susunca e presumia chi Deus iat furriau a pedra candu, po dda pònniri a sa prova, si fuat apubau in sa geca de sa domu a trassa de pedidori pedendu pani e Luxia, neghendusí, dd’iat torrau ca no. DESCRITZIONI >

INNUI S’ATÒBIAT > ITA FAIT >

Is arruinas de sa domu funt in su cúcuru de is Mandonis, in sa costera de Prabanta.

Coxinera famada, su sàbudu ddi praxit a inforrai e a còiri su pani po totu sa cida.

CUMENTI DDA CONNÒSCIRI >

chi imperat po inforrai.

Fintzas candu si ndi stésiat atesu de domu sua, s’ingollit sèmpiri avatu su furconi

Aguantai a s’àlidu bonu de su primu pani isforrau e a non ndi ddi pedais nimancu un’ancodeddu, chi non boleis fàiri is contus cun su trevessúmini cosa sua! ITA FÀIRI >

She is a mean and arrogant woman, who was turned into a stone by God, when he came to test her, showing up at her door dressed as a beggar. He asked her some bread which Luxia, lying, refused to give him. DESCRIPTION >

WHERE SHE CAN BE FOUND > PREFERENCES >

Ruins of her house can be found on the side of Is Mandonis hill, in the Prabanta area.

Excellent cook, she loves to prepare the bread for the whole week on Saturday.

HOW TO RECOGNISE HER >

Even when she is away from her home she never leaves the pitchfork she uses to bake.

Try to resist to the lovely smell of freshly baked bread and do not ask her for even a little piece, if you do not want to deal with her bad temper! HOW TO BEHAVE WITH HER >

10 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


11 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


S’ammutadorí Aurora Cacciapuoti Matite e Promarker su carta È la rappresentazione degli incubi notturni, una sorta di folletto dispettoso o demone del sonno.

DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA >

Si manifesta durante la notte, approfittando del sonno delle persone.

Alcuni dicono che si nutra dell’invidia e della paura. Di certo ama il silenzio, infatti cerca di opprimere le sue vittime al punto da impedire loro di gridare o recitare i brebus utilizzati per scacciarlo. PREFERENZE >

Se nel momento in cui siete sospesi fra il sonno e la veglia provate un senso di soffocamento e vi sentite come se qualcosa -o qualcuno- vi stesse immobilizzando, è probabile che l’Ammutadori abbia deciso di passare un po’ di tempo insieme a voi. Ma non preoccupatevi: esiste un modo per liberarsi di quest’ospite indesiderato. COME RICONOSCERLO >

Cercate di tenere gli occhi chiusi (chi è riuscito a vedere l’Ammutadori l’ha descritto come una visione decisamente poco piacevole!) e recitate il brebus per scacciarlo: *“Chi mi ha fatto tacere, mi farà tacere: ginocchia di fico, mani di sughero, orecchie di stoppa”. COME COMPORTARSI >

* Qui riportato nella versione originale raccontata all’autrice dell’illustrazione.

DESCRITZIONI >

Afigurat bisus légius, un’arratza de dimóniu o aremigu de su sonnu.

INNUI S’ATÒBIAT >

Cumparrit aintr’e noti, candu sa genti est dromia.

Calencunu contat ca si prandit de fenga e de timoria. Est cosa segura ca non ddi praxit su trumbullu, po custu circat de apatigai is assustraus a su puntu de ddus citiri o de non ddis fàiri arresai is brebus po nci ddu bogai. ITA FAIT >

Chi seis intr’e billa e sonnu e si pigat a allupadura, e s’intendeis cument’e chi calencuna cosa -o calencunu- siat siddendusì frimus, podit èssiri chi s’Ammutadori apat pentzau de abarrai po unu pagu de tempus impari cun bosatrus. Ma no siais arriolaus: nc’at una manera po si ndi scabúlliri de cust’umbra mal’agradéssia. CUMENTI DDU CONNÒSCIRI >

Poderai is ogus serraus (chini est arrennésciu a biri s’Ammutadori dd’at contau cument’e una bisioni deaberus pagu praxili) e arresai is brebus po nci ddu stratallai: *“A chini m’ammutat, m'at ammutai: genugus de figu, manus de ortigu, origas de stupa”. ITA FÀIRI >

* Torrau innoi segundu sa versioni originali contada a s’illustradora.

DESCRIPTION >

He is the representation of nightmares, a sort of elf or demon of sleep.

WHERE YOU CAN FIND HIM >

He shows up at night, taking advantage of people's sleep.

Some say that he feeds on envy and fear. He loves silence trying to oppress his victims to prevent them from screaming or reciting “brebus” that they can use to fight him off. PREFERENCES >

If when you are half-sleep you feel as you were suffocating, if you feel like someone is trying to restrict you, it is likely that s'Ammutadori has taken the decision to spend some time with you. But do not worry, there is a way to get free from this unwanted guest. HOW TO RECOGNISE HIM >

Try to keep your eyes closed (those who managed to see S'Ammutadori described him as a very unpleasant vision!) and recite the “brebus” to chase him away: *“Who silenced me once, will silence me again: knees of fig, hands of cork, ears of oakum”. HOW TO BEHAVE WITH HIM >

* Here is the original version told to the illustrator.

12 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


13 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Sa Mama ‘e Su Solí Silvia Ciccu

Matita su carta e rielaborazione digitale Nata dalle visioni dei pastori vittime di un’insolazione durante le ore più calde, Sa Mama ‘e Su Soli è divenuta una preziosa alleata degli adulti che volevano godere di un buon sonnellino pomeridiano senza essere disturbati dagli schiamazzi dei bambini che correvano per le strade. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA >

Si aggira per le strade di città e paesi nelle ore più assolate.

Si diverte a spaventare i bambini mentre giocano, comparendo all’improvviso e sibilando loro la frase “Guarda che ti porto via!”. PREFERENZE >

Si avvicina senza fare rumore e non è facile riuscire a guardarla senza che il sole del pomeriggio faccia strizzare le palpebre, ma i bambini che hanno avuto la sfortuna di incontrarla dicono che il suo viso sia decisamente inquietante! COME RICONOSCERLA >

Quando fuori fa troppo caldo, bisogna rimanere in casa e approfittarne per fare un pisolino, leggere, disegnare o inventare nuovi giochi da fare in strada non appena Sa Mama ‘e Su Sole se ne sarà andata. COME COMPORTARSI >

Nàscia de sa bisioni de pastoris alloloinaus de su soli temperau, sa Mama ‘e Su Soli est bessia un’agiudadora apretziada de is mannus chi si boliant pasiai a s’ora de meigama, chentza chi ddus essant strubaus is boxis de is pipius chi currulànt peri is bias. DESCRITZIONI >

INNUI S’ATÒBIAT >

Andat peri is bias de is tzitadis e de is biddas, in is oras prus bascosas.

Si spàssiat a fàiri a tímiri a is pipius candu giogant, apubendusí a sa suncuna e insulendiddis sa fràsia “Càstia ca ti ndi pigu!”. ITA FAIT >

Perunu sonu s’intendit candu s’acostat e no est a discantzu chi fait a dda castiai chentza chi su soli de a merí fatzat serrai illuegus is pabaristas, ma is pipius chi ant tentu sa sorti de dd’atobiai contant ca portat una cara chi ponit timoria deaberus. CUMENTI DDA CONNÒSCIRI >

Candu in foras est a punt’e soli, tocat a abarrai in domu e a nd’aprofitai po si fàiri una scutixedda de sonnu, po lígiri, po disenniai o imbentai giogus nous e ddus fàiri in sa bia candu nci calat Sa Mama ‘e Su Soli. ITA FÀIRI >

Created out of the vision of shepherds during the hottest hours of the day, Sa Mama 'e Su Soli has become a precious friend of those adults who wanted to have a nap during afternoon, free from the shouts of children playing in the street. DESCRIPTION >

WHERE SHE CAN BE FOUND >

In the city and villages during the hottest hours of the day.

She enjoys scaring children while they are playing, suddenly appearing and whispering “I am going to take you away”. PREFERENCES >

She approaches silently and it is not easy to look at her without closing your eyes, but those children who had the misfortune to meet her say that she has a horrible face. HOW TO RECOGNISE HER >

When it is too hot outside you should stay at home, take a nap, read, draw or create new games to do in the street as soon as Sa Mama 'e Su Soli has gone. HOW TO BEHAVE WITH HER >

14 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


15 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Janas

La Fille Bertha Ink & Markers su carta Rappresentano creature dall’aspetto fatato. In alcuni paesi, sono invece descritte in base al loro aspetto vampiresco e alle loro condotte dispettose. DESCRIZIONE >

Abitano piccole grotte note come “Domus de Janas”, veri e propri piccoli regni dalle fattezze a loro misura e rifuggono il giorno perché il sole, anche se delicato, le ucciderebbe. DOVE SI INCONTRANO >

Le janas trapuntano stoffe pregiate usando fili d’oro e argento. Le loro giornate sono dedicate alla filatura del lino e alla tessitura, realizzata con preziosi telai d’oro. PREFERENZE >

Si distinguono dalle donne comuni per la loro bellezza abbagliante, le loro minute fattezze; la luce della loro pelle diafana e delicata, ornata da collane d’oro lavorato a filigrana, il loro capo adorno da un fazzoletto multicolore impreziosito da ricami. COME RICONOSCERLE >

Si dice che le Janas, a causa dell’avidità degli uomini, abbiano abbandonato da tempo queste terre. Ci piace pensare che siano soltanto nascoste e i pochi fortunati che potranno incontrarle potranno danzare il ballo tondo insieme a loro, ma non dovranno mai tentare di accedere ai loro tesori: potrebbero ritrovarsi di fronte alla mosca macedda, temibile guardiana delle loro ricchezze. COME COMPORTARSI >

DESCRITZIONI >

Afigurant criaduras fadadas. In medas biddas funt nomenadas po sa bisura de cogas e po èssiri tirriosas.

Bivint in grutixeddas connotas coment’e “Domus de Janas”, arrennieddus piticus che a issas etotu e timint a nci essiri a de dia ca su soli, mancai non siat pitziosu, dd’as iat a bociri. INNUI S’ATÓBIANT >

Is Janas cosint tessíngiu de valori cun filus de oru e de prata. Passant is dias filendu e tessendu su linu, cun trelaxus de oru. ITA FAINT >

Si scerant de is fèminas cumunas po sa grandu bellesa chi alluinat, minudas in sa carena; sa luxi de is carris ínnidas e dilicadas, funt frunias cun cannacas de oru a filigranu, in conca portant unu mucadori froriu e arricamau. CUMENTI DDAS CONNÒSCIRI >

Si narat ca is Janas, po mori de s’asurímini de is óminis, apant lassau diora custas terras. Si praxit a pentzai chi siant sceti cuadas e is pagus assortaus chi ddas ant a atobiai ant baddai su ballu tundu impari cun issas, ma no ant dèpiri circai mai de impunnai a is prendas insoru: s’ant a pòdiri agatai faci a pari a sa musca macedda, chistidora orrorosa de sa sienda insoru. ITA FÀIRI >

DESCRIPTION >

They are fairy looking creatures but in some villages they are described as naughty and vampire looking.

They live in small caves known as “Domus de Janas”, small kingdoms of their size. They avoid daylight because the sun, even the softest one, would kill them. WHERE THEY CAN BE FOUND >

The Janas embroider precious fabrics using gold and silver strands. They spend all day to spinning linen and to weaving with gold looms. PREFERENCES >

Their stunning beauty differentiates them from ordinary women. They have tiny features, pale and delicate skin, adorned with gold filigree necklaces, their heads decorated with an embroidered and multicolored handkerchief. HOW TO RECOGNISE THEM >

It is said that Janas, due to men's greed, left our lands a long time ago. We like to think that they are just hidden and that the few lucky ones who are able to see them could dance the “round dance” with them. One should never try to steal their treasures: they might find themselves in front of “mosca macedda” the dreadful guardian of their wealth. HOW TO BEHAVE WITH THEM >

16 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


17 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Su Carru ‘e Nannaí Ignazio Fulghesu

Pennarello seppia su carta Nannai è un nonno, vecchio quanto il mondo e la pioggia. A bordo del suo carro celeste trainato da cavalli neri, durante i temporali rapisce e incatena i bambini che si allontanano dalla loro casa. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA >

Fra le nuvole più scure e i fulmini più veloci (specialmente quelli a zigzag).

L’estate è la sua stagione preferita: ci sono tantissimi bambini che giocano all’aperto, e nessuno di loro si aspetta un temporale improvviso. L’effetto sorpresa è assicurato! PREFERENZE >

Durante gli acquazzoni, bisogna ascoltare con attenzione per riuscire a sentire il carro che si avvicina, perché un semplice tuono può nascondere il suono delle catene e dei cavalli galoppanti. COME RICONOSCERLO >

Se fuori diluvia, è meglio stare in casa e allenarsi a riconoscere l’arrivo di Su Carru ‘e Nannai. Per sentirsi ancora più al sicuro, può essere molto utile costruire un fortino d’emergenza sotto un tavolo, purché sia munito di: cuscini per tapparsi le orecchie, coperte per stare al caldo e spuntini per le pance che tuonano dalla fame. È obbligatorio portare con sé fratelli e sorelle; gli adulti possono essere ammessi nel fortino solo con il permesso dei legittimi proprietari. COME COMPORTARSI >

Nannai est un’ajaju, béciu cant’e su mundu e s’àcua de celu. In pitzus de su carru biaitu tragau de cuaddus nieddus, in sa furriana aciapat e incadenat is pipius chi si nci stesiant aillargu de domu. DESCRITZIONI >

INNUI S’ATÒBIAT >

Tramesu is nuis prus scuriosas e is lampus prus lestrus (sumpepari is chi faint a egas e a ogas).

S’istadi est sa stasoni chi prus ddi praxit: nc’at pipius medas chi giogant in foras, e nemus de issus siat a abetai totinduna una strasura. Su spantu est assegurau! ITA FAIT >

Candu est proendi tocat a ascurtai cun atentzioni po arrennèsciri a intendi su carru chi est acostiendusí, poita su chi parit unu tronu podit cuai su sonu de is cadenas e de is cuaddus a totu fua. CUMENTI DDU CONNÒSCIRI >

Chi in foras est ghetendindi is àiris, est mellus a abarrai in domu a s’avesai a cumprèndiri candu arribbat Su Carru ‘e Nannai. Po si pigai deaberus a su seguru, cumbenit a si cuncordai unu fortinu po s’apretu asuta de una mesa, bastus chi siat fruniu de: cabidalis po si tupai is origas, mantas po abarrai in su callenti e smurzus po is brentis chi curruxinant po su fàmini. Est de óbbrigu a igòlliri is fradis e is sorris; is mannus podint intrai a su fortinu sceti cun su permissu de is meris. ITA FÀIRI >

Nannai is a grandfather, as old as the world and the rain. Riding his celestial chariot pulled by black horses. During the storms he kidnaps and enchains the children who leave their home. DESCRIPTION >

WHERE HE CAN BE FOUND >

Within the darkest clouds and quickest thunder (especially those with zigzag shape).

Summer is his favourite season: lots of children play outside and nobody expects a sudden storm. The surprise is guaranteed! PREFERENCES >

During heavy showers; you have to listen carefully to be able to hear the chariot approaching, because thunder can hide the sound of both the chains and galloping horses. HOW TO RECOGNISE HIM >

If it is pouring with rain it is better to stay at home and learn how to recognise Su Carru 'e Nannai coming. To feel safer, it can be very useful to build a shelter under a table, as long as it is equipped with pillows to cover your ears, blankets to stay warm and snacks, to calm down rumbling stomachs. It is compulsory to bring with you brothers and sisters; adults can be admitted only after the owners' authorization. HOW TO BEHAVE WITH HIM >

18 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


19 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Sa Súrbíle Agnese Leone

Tecnica mista (acrilico, china, pastelli a olio) su carta Si tratta di una figura femminile che presenta le caratteristiche della strega e del vampiro.

DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA > PREFERENZE >

Nelle case delle persone addormentate e nelle stanze dei bimbi più piccoli.

Ha un debole per il sangue dei neonati, che succhia dopo essersi posata sulla loro culla.

Durante il giorno il suo aspetto è quello di una donna anziana con i capelli arruffati. La notte, il suo spirito assume le sembianze di una gatta oppure di una mosca. COME RICONOSCERLA >

Per evitare la visita di una sùrbile potete appoggiare sullo stipite della porta una scopa di saggina rivolta verso l’alto, spargere dei chicchi di grano sul pavimento o nascondere un pettine in un angolo della stanza. L’importante è che i chicchi, le setole della scopa e i denti del pettine siano più di sette: la sùrbile non è in grado di contare oltre a questo numero e sarà così costretta a rifare i conti fino all’alba. COME COMPORTARSI >

DESCRITZIONI >

Est una figura de fèmina chi tenit is trassas de is brúscias e de is cogas.

INNUI S’ATÒBIAT > ITA FAIT >

In is domus candu sa genti est dromia e in is aposenteddus de is pipius piticus.

Dd’ingustat de prus su sànguni de is criaduras, chi suit candu s’incrarat in pitzus de is bratzolus. A de dia parit una fèmina antziana cun is pilus scrabionaus. A de noti, si fúrriat a

CUMENTI DDA CONNÒSCIRI >

bisura de gatu o de musca.

Po no arriciri s’abbisita de una súrbile podeis pònniri in s’antili de sa genna una scova a punt’a susu, spainai granus de trigu in su pamentu o cuai unu pètini in s’ungroni de un’aposentu. Est de importu chi is granus, sa tzudda de sa scova e is dentis de su pètini siant prus de seti: sa súrbile non sciit contai prus de custu númuru e aici dd’at a bènniri a marolla a contai torra fintzas a s’obrescidroxu. ITA FÀIRI >

DESCRIPTION >

She is a female figure with features of both a witch and a vampire.

WHERE YOU CAN FIND HER > PREFERENCES >

In sleeping people's houses and in newborns' rooms.

She loves newborn's blood, that she sucks after resting on their cradle.

During the day her appearance is that of an old lady with messy hair. At night her spirit takes the shape of a cat or a fly. HOW TO RECOGNISE HER >

To avoid the sùrbile's visit you can prop a broomstick on the doorstep pointing upwards, spread some grains of wheat on the floor or hide a comb in a corner of the room. The important thing is that there are more than seven grains of wheat the grains, broom's bristle and comb's teeth as the sùrbile is not able to count beyond this number and she will be forced to count over and over until dawn. HOW TO BEHAVE WITH HER >

20 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


21 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Panas Marjani Aresti

Matita su carta e rielaborazione digitale Le Panas sono gli spiriti delle donne morte di parto, condannate a riprendere il loro aspetto terreno e a lavare i loro panni insanguinati per purificarsi. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRANO > PREFERENZE >

Lungo i corsi d’acqua, dall’una alle tre di notte.

Detestano il numero sette, come gli anni che dovranno trascorrere prima che il loro compito sia terminato.

Pur trattandosi di fantasmi, assumono sembianze umane e possono confondersi facilmente con le altre madri. Osservandole meglio, però, noterete che sono diverse da loro: non chiacchierano, non sorridono e guardano altrove, come se stessero ascoltando una triste ninna-nanna che non può essere udita da nessun altro. COME RICONOSCERLE >

Le famiglie mettevano nella bara delle giovani madri un paio di forbici, un pettine e un ciuffo di capelli del marito. Così lo spirito, avendo l’occorrente per cucire i panni del suo bambino, avrebbe portato a termine questo compito senza recarsi al fiume durante la notte. Se dovesse capitarvi di incontrarle, non dovrete mai rivolgere loro la parola: non potendo parlare né interrompere il loro lavoro, sarebbero costrette a ricominciare tutto da capo e potrebbero spruzzarvi dell’acqua bollente sul viso per restituirvi il dispetto! COME COMPORTARSI >

Is Panas funt is ànimas de is fèminas mortas iscendiendu, cundennadas a torrai a pigai sa bisura chi teniant candu fuant bias e a samunai is pannus amarciaus de sànguni po si purificai. DESCRITZIONI >

INNUI S’ATÓBIANT > ITA FAINT >

Peri is frúminis, de sa una fintzas a is tres de noti.

Tenint in ódiu su númuru seti, cument’e is annus chi ant dèpiri passai prima chi cumprant su doveri.

Mancai siant pantumas, assimbillant a is bius tanti ca si podint cunfúndiri cun is àteras mamas. Castiendideddas mellus, perou, eis a biri ca funt diferentis de cussas: no arrallant, no arrint e càstiant a àteru logu, cument’e chi siant ascurtendu un’anninnia trista chi nisciunu àteru podit intèndiri. CUMENTI DDAS CONNÒSCIRI >

Is famíllias poniant in su baulu de is mamas giòvunas una pariga de ferritus, unu pètini e unu cirru de pilus de su pubiddu. Aici s’ànima, tenendu a portada su chi ocurrit po cosiri is pannus de su pipiu, iat a àiri disciniu custa faina chentza de andai a intr’e noti a frúmini. Chi s’essat a incapitai de ddas atobiai, no ddas depeis fueddai: sendu ca no podint arrespúndiri ne sentzai su trabballu, deghinò iant a dèpiri cumentzai torra de bellu nou e s’iant a pòdiri striddincai àcua buddia a faci po si torrai su strémpiu! ITA FÀIRI >

Panas are the souls of those women who died while giving birth, condemned to their earthly appearance and to wash their blood-soaked clothes to purify themselves. DESCRIPTION >

WHERE THEY CAN BE FOUND > PREFERENCES >

is completed.

Along streams from 1 to 3 am.

They hate the number seven, as it is the number of the years they have to spend before their task

Even if they are ghosts, they have human appearance and they can be easily confused with other mothers. However, if you look carefully at them you can notice they are different: they do not talk, do not smile and they look elsewhere, as if they were listening to a sad lullaby that no one else can hear. HOW TO RECOGNISE THEM >

Families used to put into the young mother's coffin a pair of scissors, a comb and a lock of their husband's hair. In this way the soul, had everything necessary to sew her child's clothes instead of going to the river at nighttime. If you happen to meet them, do not talk with them: they cannot talk or interrupt their work, so they would be forced to start over and they could splash you with boiling water out of spite! HOW TO BEHAVE WITH THEM >

22 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


23 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Majardas Evelise Obinu

China e matita su carta DESCRIZIONE >

Le majardas sono donne capaci di fare il malocchio.

Un tempo abitavano in alcuni paesi della Barbagia numerose majardas, oggi si dice che ve ne siano rimaste soltanto alcune. DOVE SI INCONTRANO >

Sono molto schive e non amano attirare l’attenzione. I loro malefici sono appena sussurrati o silenziosi come uno sguardo, eppure sono tanto potenti da far sì che la persona colpita diventi vittima di malattie ed eventi catastrofici. PREFERENZE >

COME RICONOSCERLE >

tutti gli abitanti del paese.

Non è possibile riconoscerle attraverso segni evidenti, tuttavia la loro identità è nota a

Esistono numerosi rimedi e amuleti per proteggersi dagli influssi magici delle majardas, ma i più potenti sono i forti legami che esistono all’interno della comunità. Sotto gli sguardi attenti e sempre vigili dei compaesani, infatti, l’occhio malvagio di queste donne non può agire indisturbato; mentre i brebos segreti tramandati di generazione in generazione permettono alle donne di Orgosolo di proteggere se stesse e i propri cari. COME COMPORTARSI >

DESCRITZIONI >

Is majardas funt fèminas chi tenint su pecu de leai de ogu.

Diora medas majardas biviant in unas cantu biddas de sa Brabaxa, si contat ca oindí nd’apat abarrau sceti calencuna. INNUI S’ATÓBIANT >

Funt bregungiosas e no ddis praxit a si pònniri in mustra. Is fatias insoru funt pispisadas aditzu aditzu o mudas che una mirada, epuru tenint su poderi chi illuegus a chini nd’est fertu ndi ddi arruint apitzus maladias e destrossas malas. ITA FAINT >

CUMENTI DDAS CONNÒSCIRI >

est nodiu a totu sa bidda.

Non benit a beni a ndi ddas scerai ca no portant perunu sinnu craru, ma chini funt

S’agatant mexinas e pedras de s’ogu po s’amparai de is afatúgius de is majardas, ma su chi donat prus fortza est s’aunioni aintru de sa genti de sa comunidadi. Asuta de su càstiu atentu e sèmpiri a billu de is paesanus, difatis, s’ogu malintranniau de custas fèminas non podit tènniri profetu: intamas is brebus segretus lassaus de generatzioni in generatzioni permitint a is fèminas de custas biddas de amparai a is chi bolint beni e po seis etotu. ITA FÀIRI >

DESCRIPTION >

The Majardas are women able to do the evil eye.

WHERE THEY CAN BE FOUND >

that there are only few left.

Long time ago a lot of Majardas lived in some villages of Barbagia, today it seems

They are very shy and they do not like to attract attention. Their evil spells can be just whispered or transmitted as a silent look, yet they are powerful enough to cause the affected person to become victim of illness and catastrophic events. PREFERENCES >

It is not possible to recognise them via external features. Nevertheless their identity is known to every person who lives in the village. HOW TO RECOGNISE THEM >

A variety of remedies and amulets exists to have protection from the Majardas magic influences. The most powerful are the strong bonds inside the community. Under the watchful eyes of neighbours and fellows, in fact, the evil eye of these women cannot pass unnoticed, while the secrets “brebos” handed down from generation to generation enable women of those villages to protect themselves and their loved ones. HOW TO BEHAVE WITH THEM >

24 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


25 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Mama ‘e Funtana Mario Onnis Matita su carta Per evitare che i bambini cadessero nei profondi pozzi d’acqua durante i loro giochi, gli adulti raccontavano loro di una vecchia signora nascosta fra le pietre e pronta ad afferrarli. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA >

Vive in un vecchio pozzo fatto di pietre antiche, nell’orto di una casa dal portone enorme.

Armata di mestolo e pentolone, le piace inventare ricette sempre nuove. Le sue preferite sono lo spezzatino di alluci ciccioni e le salsicce di bambini troppo curiosi. PREFERENZE >

COME RICONOSCERLA >

stridulo per spaventarli.

COME COMPORTARSI >

È una vecchia molto brutta, con unghie lunghissime per afferrare i bambini e un vocione

State lontani dai pozzi d’acqua, se non volete diventare il suo pranzo!

Po chi non nc’essant arrutus is pipius aintr’e funtanas fungudas in s’interis chi fuant gioghendu, is mamas ddis contànt de una fèmina bécia cuada intremesu de is pedras e pronta a ddus affarrancai.

DESCRITZIONI >

INNUI SI PODIT ATOBIAI >

portali mannu mannu.

Bivit in una funtana bécia fata de pedras antigas, in s’ortu de una domu, chi portat unu

Posta de turra e de pingiada ddi praxit a imbentai mandiaris sèmpiri nous. Is chi preferrit funt sa petza a cassola de póddixis brentudus e su sartitzu de is pipius tropu crosidadosus. ITA FAIT >

CUMENTI DDA CONNÒSCIRI > Est una bécia légia meda, portat ungas longas longas po aguantai is pipius e una boxi manna e scrillitosa po ddus fàiri trèmiri paris. ITA FÀIRI >

Abarrai atesu de is funtanas de àcua, chi non boleis èssiri su pràngiu cosa sua.

To avoid children falling into wells while playing, adults used to tell them about an old lady hidden between rocks, ready to seize them. DESCRIPTION >

WHERE SHE CAN BE FOUND >

a huge front door. PREFERENCES >

She lives to create new recipes. Her favourite ones are big toe stew and nosy children sausages.

HOW TO RECOGNISE HER >

to scare them.

She lives in a well built with ancient rocks, in the vegetable garden of a house with

She is a really ugly old lady, with long nails to seize children with and a shrill voice

HOW TO BEHAVE WITH HER >

Avoid wells if you do not want to be her lunch!

26 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


27 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Su Mannau Giulia Sollai Matite su carta Si racconta che un tempo Fluminimaggiore fosse il regno di una natura selvaggia. In quell'armonia trovava spazio anche Su 'Éstiu, una bestia ripugnante così temuta che nessuno osava avventurarsi fra le sue terre. Così, la Luna decise di donarle un figlio: Mannau. Il piccolo riempì la Bestia di gioia, ma non riuscì a cambiare i suoi sentimenti. Una notte, chiese alla Luna di far sì che il cuore del padre si aprisse all'amore per gli altri e la Bestia, udite quelle parole, lo bandì per sempre dal suo regno. Mannau vagò per lungo tempo fra i boschi, accompagnato solo dagli animali che sapevano riconoscerne la bontà. Gli uomini lo rinchiusero nella grotta più buia di tutta la vallata, ma la Luna fece volare al suo interno una leggera polvere d'oro che rese quel mondo oscuro un regno pieno di luce, come il cuore di Mannau. DESCRIZIONE >

DOVE SI INCONTRA >

Nella grotta che porta il suo nome.

Il suo nome significa “grandioso”, perché dietro le sembianze orrende nasconde un cuore buono e pieno di coraggio. PREFERENZE >

Incontrare Mannau è difficile, perché si nasconde alla vista degli uomini. Tuttavia, nelle notti di luna piena, compaiono dei bellissimi fiori rosso sangue che seguono le tracce del suo passaggio. COME RICONOSCERLA >

Mannau è il custode silenzioso della sua grotta: se avrete rispetto per la natura e gli animali che lo hanno accolto, potrebbe decidere di uscire allo scoperto e farvi scoprire le meraviglie nascoste che si celano nella sua casa. COME COMPORTARSI >

Narant ca de diora Frúmini Majori essat s’arénniu de una natura ínnida. In cussa cuncórdia agatàt logu fintzas Su ‘Éstiu, una bèstia aici putzinosa e tímia chi nisciunus s’atriviat a s’istentai in is terras suas. Aici, sa Luna iat detzidiu de ddi donai unu fillu: Mannau. Su pipiu iat prenu de gosu sa Béstia, ma chentz’e ddi pòdiri cambiai is sentidus. A de noti, iat pediu a sa Luna chi essat indúlliu su babbu a s’amori po is àterus e sa Béstia, inténdius cussus fueddus, nci dd’iat bogau po sèmpiri de s’arrénniu. Mannau iat pigau a curruntonai peri is padentis po tempus meda, acumpangiau sceti de is animalis chi ndi sciant cumprèndiri su coru bonu. Is óminis dd’iant incungiau in sa prus scuriosa gruta de totu sa baddi, ma sa Luna iat fatu bolai aintr’e sa gruta unu prúini de oru lébiu lébiu chi iat furriau cussu mundu nieddu che a un’arrénniu prenu de luxi, cument’e su coru de Mannau. DESCRITZIONI >

INNUI S’ATÒBIAT > ITA FAIT >

In sa gruta nomenada che a issu etotu.

Su nòmini suu bolit nàrriri “manniosu”, poita ca a palas de un’entina légia cuat unu coru bonu e prenu de balentia.

A dd’atobiai no est dàbbili, ca si cuat a is ogus de is óminis. Ma, in is notis candu sa luna est prena, cumparrint froris bellus a colori orrúbiu che sànguni chi sighint is arrastus de s’àndala sua. CUMENTI DDU CONNÒSCIRI >

Mannau est su chistidori mudu de sa gruta: chi eis a tènniri arrispetu po sa natura e is animalis chi dd’ant agiudau, iat a pòdiri essiri a foras a s’amostai is ispantus cuaus in domu sua. ITA FÀIRI >

Once Fluminimaggiore was the kingdom of wild nature. A wild beast, Su 'Éstiu, lived there; he was, so disgusting, so dreaded that no one dared to venture into his land. Therefore the moon decided to give him a son: Mannau. The child gave the beast so much joy but was not able to change his character. One night, he asked the moon to open his father's heart to others people's love and the beast, hearing these words, banished him from his kingdom. Mannau wandered for a long time in the woods, with the only company of the animals, that were able to recognise his kindness. Men locked him in the darkest cave of the valley; but the moon spread out a thin gold powder that transformed that dark place in a kingdom full of light. DESCRIPTION >

WHERE HE CAN BE FOUND > PREFERENCES >

courage.

In the cave that bears his name.

His name means “majestic”, because behind his horrendous appearance he hides a good heart full of

Meeting the Mannau is difficult, because he hides from man's sight. However, during full moon, wonderful flowers red as blood appear, that bloom in his footsteps. HOW TO RECOGNISE HIM >

Mannau is the silent guardian of his cave: if you have respect for nature and the animals, who welcomed him, he could decide to come out and show you hidden treasures. HOW TO BEHAVE WITH HIM >

28 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


29 Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI


Contus Antígus S A R D E G N A I R AC C ONTI PROGETTO MOSTRA

Aurora Cacciapuoti TESTI

Simona Durzu TRADUZIONI

Sardo: Bruna Siriu Inglese: Federica Arcibuono e Aurora Cacciapuoti PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE

Ignazio Fulghesu (Studio grafico L’ogonek) STAMPA

Pixarprinting - Quarto d’Altino (VE) ILLUSTRAZIONI

Maria Chiara Aresti, Giorgia Atzeni, Aurora Cacciapuoti, Silvia Ciccu, La Fille Bertha, Ignazio Fulghesu, Agnese Leone, Marjani Aresti, Evelise Obinu, Mario Onnis, Giulia Sollai Un ringraziamento particolare a Monica Monachesi per la meravigliosa introduzione al catalogo Un ringraziamento speciale ad Armando Carlone, Ursula Littarru e Helena Perry per il loro preziosissimo aiuto Il titolo Contus Antigus è stato scelto dagli illustratori per sottolineare l'antica origine di questi racconti © 2014 Contus Antigus


Contus Antígus SARDEGNA, I RACCONTI MARIA CHIARA ARESTI

Don Gíuannínu ínfurradu G I O R G I A AT Z E N I

Luxía Arrabíosa

AURORA CACCIAPUOTI

S’ammutadorí

SILVIA CICCU

Sa Mama ‘e Su Solí LA FILLE BERTHA

Janas

IGNAZIO FULGHESU

Su Carru ‘e Nannaí

AGNESE LEONE

Sa Súrbíle

MARJANI ARESTI

Panas

EVELISE OBINU

Majardas

MARIO ONNIS

Mama ‘e Funtana

GIULIA SOLLAI

Su Mannau

Contus Antigus  

Catalogo della mostra itinerante "Contus Antigus" - Undici illustratori per undici figure dell’immaginario sardo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you