Page 1

by

Night & Day

n. 93- www.tinotte.ch

since 1999

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

Speciale Pasqua

foto Š Marco Garbani e Christer LÜnnroth

Speciale

Elezioni comunali

www.plastiplex.ch


Editoriale

tinotte.ch

Un mix di musica, gastronomia, sport e… eventi! Cari Lettori, Gentili Lettrici, dopo il testacoda in zona Cesarini del primo week-end di marzo, l’inverno se n’è andato per lasciare posto alla primavera. Una primavera che si preannuncia con tutte le sue luci, i suoi suoni e le sue fragranze. Proprio come il presente numero di Ticino by Night&Day, vera e propria rassegna di eventi dedicati alla musica e agli spettacoli, partendo dalla copertina dove troneggia e ammicca Silvan Zingg, da ben 15 anni apprezzato organizzatore e conduttore di festival, ai numerosi servizi nelle pagine interne dedicati a Ruggeri, Stadio, Star’s Voices, Rikka...

David Camponovo con la giovane promettente Ann Andrett

Ma la nostra rivista, e qui siamo alle fragranze... gastronomiche, vi veicola pure verso ritrovi della Svizzera italiana e delle vicina Repubblica che, come fiori primaverili, stanno risbocciando o rilanciano prelibatezze e prodotti eno-gastronomici di cui dobbiamo essere fieri. In quest’ambito da segnalare l’inizio del concorso “Mangiar Bene!”, giunto alla sua sesta edizione. È un concorso unico nel suo genere, che ormai da sei anni mette a confronto le abilità culinarie degli chef dei più noti ristoranti del canton Ticino e del Grigioni italiano. Sempre ricca, inoltre, la parte dedicata agli sport: dal calcio (proprio in chiusura di stampa la decisione di realizzare un bus per andare a vivere di persona l’affascinante finale di Coppa Svizzera del prossimo 29 maggio a Zurigo), al disco su ghiaccio entrato nella fase… bollente della stagione, agli sport del motore e agli scacchi, dove si evidenziano la decima edizione dell’Open internazionale di scacchi in programma a Lugano dal 25 al 28 marzo ma, soprattutto, i tornei del 1. Grand Prix U16, che stanno sapientemente coinvolgendo la gioventù scacchistica cantonale. Il numero 93 di Ticino by Night&Day fa pure un tuffo nelle importanti ricorrenze di calendario (San Giuseppe e Pasqua) e ricorda poi a tutti i lettori l’importante evento elettorale del 10 aprile, dove in un centinaio di comuni il popolo voterà per il rinnovo dei municipi e dei consigli comunali. Non figura, per mancanza di spazio, una dedica a chi ha scritto questo editoriale, diventato pochi giorni fa...quarantenne! David Camponovo

IMPRESSUM

n. 93 marzo-aprile 2016 Editore. A.R.T. Promotion SAGL Amministrazione & redazione via San Gottardo 26 - CH-6900 Lugano Info-line. Telefax. E-mail. Internet.

+41 91 605 73 00 +41 91 605 73 04 info@tinotte.ch www.tinotte.ch

Direttore responsabile David Camponovo +41 76 328 60 90 david@tinotte.ch

since 1999

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

by Night&Day Impaginazione e grafica Immagimedia e Grafica design grafica@tinotte.ch Fotografia CD-Media SAGL Maurizio Colombo fotoritratto.ch Foto Garbani Danny Noël Tipografia La Buona Stampa, Pregassona Video Maurizio Colombo

Hanno collaborato

Associazione non fumatori, Doriano Baserga, Michele Braccia, Elsa Camponovo, Laura Camponovo, Campus, Sergio Cavadini, Maurizio Colombo, Eugenio Jelmini, Lara Palazzo, Marco Paltenghi, Stefano Pedrazzetti, Paolo Pellegrini, Pier Paolo Pedrini, Claudio Rossi, Charlotte Saccomanno, Roberto Stefanizzi e Flavia Vignuta. Ringraziamenti speciali: Marco Borradori e Angelo Jelmini

In copertina Silvan Zingg con le sorelle Hebbe, dalla Svezia. Saranno presenti a Lugano dall’ 8 al 10 aprile per il 15mo Boogie Woogie Festival. foto © Marco Garbani e Christer Lönnroth.

3


sommario Guida al tempo libero & benessere - Insubria

since 1999

4

n.93 - tinotte.ch

by

EDITORIALE & Impressum

3

AGENDE Mostre, fiere & rassegne Agende, teatro, & cabaret Musica e avvenimenti Blenio & dintorni Agenda Como Agenda Sport

6 8 10 12 13 51

Musica Silvan Zingg e Boogie Woogie Festival Pedro Javier Gonzales Trio Enrico Ruggeri e Stadio Starvoices 2016 Il Ticino, I giovani e la musica

14 16 18 19 20

New

Ticinoby night &Day

Rikka vince a Kreuzlingen 22 Intervista Shadow: Ilena e Ambra Moiana 23 Intervista a Mark Fisher 24 Intervista a Serena Giannini 25

foto di gruppo a Kreuzlingen alla finale Eurosong

Festività Festa del Papà I dolci di Pasqua Menu di Pasqua

26 28 29

Cari lettori da questo numero e per tutto 2016 ogni numero verra distribuito in ogni bucalettere di una determinata zona con iniziative mirate e speriamo apprezzate sulla stessa. Iniziano con Castione per il Sopraceneri e del quartiere di Lugano Pregassona.

Eventi Ticino by Night and Day Do 20 marzo ore 14.00 Torneo di scacchi Under 16 all’interno di Espo Ticino, Bellinzona Gio 24 marzo ore 19.00 Simultanea di scacchi gratuita per adulti e bimbi, Hotel Pestalozzi Piazza Indipendenza 9, CH-6901 Lugano Lu 18 aprile ore 19.00 Serata Giro di Vite presso ristorante Serta Lamone con la cantina Cavallini (posti limitati) Grotto Serta, Via Serta 6, CH-6814 Lamone Gio 21 aprile ore 19.00 Casting al Business Break Pub Via Balestra 20/22 CH-6900 Lugano Lu 25 aprile ore 19.00 Premiazione Mangiar Bene V edizione al Ristorante Santana Str. de S. Fedee, CH-6535 Roveredo (TI). Posti limitati. Do 29 maggio ore 10.00 Trasferta con FC Lugano per la Finale di Coppa Svizzera a Zurigo


tinotte.ch

enologia Vinissima 2016 da Tamborini Vinitaly SaporiInLibertà

30 30 30

Concorsi

31 36 37

Gastronomia Cyrano: un locale per chi ha naso! Intervista a Luca Signorini A tavola con… Marco Borradori

32 35 44

Elezioni comunali 2016 10 aprile 2016: si vota nei Comuni Castione nuova meta turistica

46 50

Vicky Mantegazza e Doriano Baserga

Comunicare Nulla si crea,nulla si distrugge, Tutto si trasforma

57

fotografia A tu per tu con... Pablo Gianinazzi

58

Motori Formula 1 Swiss Moto 2016 Velocità e dintorni: I nostri campioni Da Ginevra Auto dell’anno Opel Astra

60 60 61 61

Benessere e Fashion Crazy colors and pastel hair dye

62

51 52 53 54 56 56

sempre su www tinotte. ch

Sport Un dito che fa la differenza! Il fascino della coppa Finale di Coppa Svizzera Lugano 30anni dopo il primo titolo X Open Internazionale di Lugano Teoria delle ombre

5


6

agenda mostre, fiere e rassegne Esposizione permanente Collezione Matasci “Il Deposito” Collezione d’Arte Matasci, Riazzino

sa 07- do 08 maggio Caseifici aperti Ticino

lu 04.04 - 20.30 Gosford Park Cinema Morettina, Locarno

Esposizione permanente La Collezione - Nuove consonanze www.masilugano.ch - LAC Lugano

fino a gio 12.05.16 Architettura e società nella città europea contemporanea Accademia di Archittetura, Mendrisio

me 06.04 - 18.00 Father and Son Scuola Cant. di Commercio, Bellinzona

fino a do 20.03 Espo Ticino 880 Espocentro Bellinzona vedi pag 2

Rassegne di Cinema ve 18.03 - 20.30 Youth - La giovinezza Sala-Cine Excelsior, Chiasso

Tbnd soluzione

880

sa 19.03 - do 29.05 Bruno Nizzola, il pittore di via Monteguzzo Mueseo Epper, Ascona Tbnd soluzione

880

880

880

880

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

ve 01 - do 03.04 - 10.30-20.00 Fiera di Primavera Palapenz, Chiasso vedi pag. 7 fino a do 10.04.16 Con la luce di Roma Fotografie del 1842 al 1860 nella collezione Marco Antonetto Museo Vincenzo Vela, Ligornetto lu 18.04 - ore 19.00 Serata Giro di Vite con la cantina Cavallini Cabbio Ristorante Serta, Lamone vedi pag. 31 fino a me 27.04.16 - ore 19.30 Lezioni di architettura Accademia di Architettura, Mendrisio ve 29.04 do 01.05 ore 10.30 - 22.00 19° Fiera del Benessere TISANA Centro Esposizioni, Lugano do 01.05 - do 19.06 - Ticino S.Pellegrino - Sapori Ticino 10 edizione vedi pag. 33

sa 19.03 - 10.30 La principessa splendente Cinema Forum 1+2, Bellinzona sa 19.03 - 18.30 Kansas City Cinema Forum 1+2, B’zona do 20.03 - 15.00 Film sorpresa! Cinema Iride, Lugano do 20.03 - 17.00 Gosford Park - Cinema Iride, Lugano do 20.03 - 17.30, 20.30 Trash - Sudio Foce, Lugano ma 22.03 - 20.30 The Last Tycoon Cinema Iride, Lugano me 23.03 - 18-20.30 Taxi Teheran Cinema Corso, Lugano me 23.03 - 20.30 La regina d’Africa Teatro Paravento, Locarno sa 02.04 - 18.30 A Prairie H.C. - Radio America Cinema Forum 1+2, Bellinzona sa 02.04 - 18.55 Madame Butterfly Cinema Lux, Massagno

gio 07.04 - 20.30 Il tempo ritrovato Cinema Teatro, Chiasso ve 08.04 - 20.30 Inside Out Sala-Cine Excelsior, Chiasso sa 09.04 - 17.30, 20.30 Gemma Bovery Studio Foce, Lugano do 10.04 - 17.00 A Prairie H.C. - Radio America Cinema Iride, Lugano do 10.04 - 17.00 Don Chisciotte Cinema Lux, Massagno ma 12 + me 13.04 - 18.15 Vie sauvage Cinema Otello, Ascona sa 16.04 - 18.55 Roberto Devereux Cinema Lux, Massagno me 20.04 - 18.00, 20.30 Mustang Cinema Corso, Lugano me 20.04 - 20.30 Furore Teatro Paravento, Locarno sa 30.04 - 18.55 Elektra - Cinema Lux, Massagno sempre aggiornati www.tinotte.ch


8

agenda arte, Teatro e cabaret ve 16.03 - 20.30 Buena onda Teatro di Locarno, Locarno

sa 19.03 - 20.30 Tutti quelli che cadono Cambusateatro, Minusio

me 23 - gio 24.03 - 20.30 Agosto, foto di famiglia Teatro Foce, Lugano

ve 16.03 - 20.30 La morte di Danton LAC - Sala Teatro, Lugano

sa 19.03 - 20.30 Tale e quale‌ a me! con Gabriele Cirilli Cinema Teatro, Chiasso

me 23 - gio 24.03 - 20.30 Non ti pago LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 16 - do18.03 - 20.30 Motel Forest Teatro Sociale, Bellinzona ve 18 + do 20.03 - 20.30 Cappuccetto Infrarosso Teatro Foce, Lugano ve 18 - do 18.03 - 20.30 I Legnanesi. la famiglia Colombo LAC - Sala Teatro, Lugano ve 18.03 - 20.45 Casa di bambola Teatro Sociale, Bellinzona ve 18.03 - 21.00 Rimanendo sul confine Teatro di Banco, Banco

do 20.03 - 16.30 Munchausen - Una confusione teatrale su delle vere bugie Teatro del Gatto, Ascona do 20.03 - 18.00 Di a da in con su per tra fra Shakespeare Cambusateatro, Minusio do 20.03 - 11.00 Un quadro - una musica LAC - Teatrostudio, Lugano ma 22.03 - 20.30 PPP ultimo inventario prima di liquidazione LAC - Sala Teatro, Lugano

me 23.03 - 18.30 La musa leggera Biblioteca Cantonale, Bellinzona gio 24.03 - 15.00, 20.30 Pas de deux, mais pas les deux Teatro del Gatto, Ascona lu 28.03 - 18.00 Giardino di carta Teatro Dimitri, Verscio ve 01 - do 03.04 - 20.30 La palla rossa Teatro Foce, Lugano sa 02.04 - 20.30 La spartizione, ovvero venga a prendere il caffè da noi Teatro del Gatto, Ascona


tinotte.ch lu 04.04 - 20.30 La Locandiera di Carlo Goldoni LAC - Sala Teatro, Lugano ma 05.04 - 20.30 Slot Machine LAC - Teatrostudio, Lugano

gio 14 – do 17.04 Fiorello in “L’ora del Rosario” Palazzo dei Congressi, Lugano vedi pag. 8

ve 22.04 - 20.45 Homo faber Teatro Sociale, Bellinzona

gio 14.04 - 20.30 L’opera da tre soldi LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 22 - 24.04 - 20.45 Princesses karaoke or something like that… Teatro Foce, Lugano

gio 14 - ve 15.04 - 20.45 Medea Teatro Sociale, Bellinzona

sa 23 - do 24.04 - 20.30 Le Cirque Invisible LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 15 - do 17.04– 20.30 Transiberiana Teatro Foce, Lugano

me 27 - gio 28.04 - 20.45 Bianco su bianco Teatro Sociale, Bellinzona

sa 16.04 - 17.00 Donde está la primavera? - Cile Teatro Paravento, Locarno

ve 29.04 - 20.30 Finale di partita Teatro Foce, Lugano

ve 08 - do 10.04 - 20.30 La palla rossa Cambusateatro, Minusio

sa 16.04 - 20.30 Orchidee LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 29 - sa 30.04 - 20.45 Bianco su bianco Teatro Sociale, Bellinzona

ve 08 - sa 09.04 - 20.30 La perfezione del dolore Teatro Foce, Lugano

ma 19 - me 20.04 - 20.30 Una giornata particolare LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 08 - sa 09.04 - 20.45 Lucis in fundo Teatro il Cortile, Lugano

me 20.04 - 20.45 Coppia aperta, quasi spalancata Teatro Sociale, Bellinzona

do 08.05 - 20.30 880 Allegro? Si si... 880 ma non troppo. Palazzo dei Congressi, Lugano 880 880 vedi pag 8

do 10.04 - 16.00 OUT - se esci tu esco anch’io Teatro Foce, Lugano

gio 21.04 - 15.00 Cenerentola Folk Teatro del Gatto, Ascona

do 10.04 - 16.00 Tre storie di...versi Teatro del Gatto, Ascona

gio 21.04 - 20.30 Donna non rieducabile Teatro di Locarno, Locarno

lu 11 - me 13.04 - 20.30 Il bugiardo Teatro di Locarno, Locarno

gio 21.04 - 20.45 Coppia aperta, quasi spalancata Teatro Sociale, Bellinzona

me 06.04 - 19.00 Cosmos Teatro Foce, Lugano me 06.04 - 19.30 Pantani LAC - Sala Teatro, Lugano gio 07.04 - 20.45 Princesses karaoke or something like that… Teatro Sociale, Bellinzona

9

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Sempre aggiornati su www.tinotte.ch

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione


10

agenda eventi / musica eventi

classica e lirica

jazz e blues

Rock

leggera

latin e tango

tecno e altri

etnic e folk

Toto Cavadini ogni domenica fino 15.05 ore 16.00-18.30 Ristorante Orello, Gnosca ve 08.04 - 13.05 - 21.30-24.00 Bar Apache, Melano sa 26.03 e 23.04 - 21.30-01.00 Hotel des Alpes, Airolo lu 28.03 - 21.00-23.30 Helibar, Lodrino ve 01.04 - ve 01.06 - 21.00-23.30 The Swiss Elvis & Toto Ristorante Orello, Gnosca sa 14.05 - 21.00 - 23. 30 Torneo calcistico di Pentecoste, Maroggia da 16.05 ogni lunedi - 20.30-23.00 The Swiss Elvis & Toto  Ristorante del Ponte, Cugnasco www.totocavadini.ch

sa 25 - do 28.03 Pasqua in Città Animazione in Centro Città, Lugano

do 01 – gio 19.05 Sapori Ticino Ascona e Orselina

do 26.03 Festa di primavera Negozio dell’Artigiano, Piazza del Lago, Caslano

sa 07 - sa 14.05 “Un fiore al femminile” Incontro Gastronomico eticinforma.ch

do 27.03 – 12.00 Pasqua ai Grappoli Albergo Ai Grappoli, Sessa

Classica e lirica

Eventi

gio 14 – do 17.04 880 880 Eventi letterari Monte Verità Monte Verità Ascona, Ascona

gio 31.03 - ve 01.04 -21.00 UP (Danza) Studio Foce, Lugano sa 02.04 - do18.09 Giocolandia Vari luoghi - Ticino 880 vedi pag. 2

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

me 16 - do 20.03 Locarno Camelie Castello Visconteo, Locarno sa 18.03 – 17.30 Il Libro della Giungla - Musical Palazzo dei Congressi, Lugano do 20.03 - 15.30 Puppazia Show con il Teatro di bambole giganti Chudaki da Mosca Teatro della Luna, Milano-Assago gio 23.03 - ore 18.30 Incontro con Andrea Fazioli Libreria Centofiori, pzale Dateo 5, Milano gio 24.03 - 20.30 Open Mic Ticino - Palco libero Studio Foce, Lugano

ve 18.03 - 20.30 / ve 15.04 - 20.30 British Flair | Griffiths - Schuch RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano

880

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

ve 15 - do 17.04 Ri-ciclo Fiera del riciclo come risorsa e valorizzazione della materia Centro esposizioni, Lugano sa 16.04 - ore 18.30 Cats Show con il Teatro di gatti di Mosca di Kuklachev Palazzo Congressi, Lugano do 17.04 – 10.00-17.00 slowUp Giornata senz’auto di Svizzera Mobile Locarno – Bellinzona

880

ve 25.03 - 20.30 Concerto del Venerdì Santo Concerti RSI Chiesa di Bellinzona - Collegiata dei Santi Pietro e Stefano, Bellinzona

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

lu, 28.03 - 17.00 I Barocchisti | Bach Concerti RSI RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano ma, 29.03 - 20.30 Pierre-Yves Holique Raphaëlle Moreau - Edgar Moreau LAC - Teatrostudio, Lugano gio 31.03 - 20.30 Royal Philharmonic Orchestra Charles Dutoit / Alice Sara Ott LAC - Sala Teatro, Lugano sa 02.04 - 20.30 I Barocchisti | Händel RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano ma, 12.04 - 20.30 Francesco Piemontesi LAC - Sala Teatro, Lugano gio 14.04 - 20.30 L’opera da tre soldi LAC - Sala Teatro, Lugano


tinotte.ch

me 20.04. - 20.30 Avi Avital - Mahan Esfahani LAC - Teatrostudio, Lugano

ve 08.04 - 21.00 Marco Corrao feat G. Giambertone Teatro di Banco, Banco

gio 21.04 - 20.30 Serata speciale Beethoven, Berlioz e Schumann LAC - Sala Teatro, Lugano

sa 23.04 - 21.30 Heymoonshaker Blues/Rock on Beatbox (UK) Studio Foce, Lugano

sa 23.04 - 20.30 Rigoletto Cinema Teatro, Chiasso

gio 28.04 - 22.30 Šostakovitch Reloaded Late Night Modern LAC - Teatrostudio, Lugano

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

880

me 04.05 - 21.00 Stadio - Miss Nostalgia Palazzo Congressi, Lugano 880 vedi pag. 18 Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Jazz, blues e soul ve 08 - do 10.04 880 Boogie Woogie Festival Lugano vedi pag. 14

me 27.04 - 21.00 Enrico Ruggeri Un viaggio incredibile 880 Palazzo Congressi, Lugano vedi pag. 18

Elettronica / Rap 880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

Jazz Cat Club Ascona lu 21.03 - 20.30 Champian Fulton Trio sa 30.04 - 20.30 Raphael Jost & lots of horns me 25.05 - 20.30 Kenny Barron & Dado Moroni Teatro del Gatto di Ascona Jazz in Bess ve 18.03 - 21.00 Gianluca Di Lenno Quartet sa 19.03 - 19.30 Jam Session (la jam session mensile) ma 22.03 - 21.00 Lukas Mantel Tré

880

Tbnd soluzione

sa 12.03. - 21.00 Omaggio a Paul McCartney Teatro di Banco, Banco

ve 15.04 - 21.30 Francesca Lago + Gionata Indie Rock (ITA) + Pop (CH) Studio Foce, Lugano 880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

880

880

880

880

880

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

me 27.04 - 21.30 Thurston Moore Studio Foce, Lugano

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

Rock

me 23.03 - ore 20.00 Dream Theater Kongresshaus, Zurigo

Leggera e pop

gio 28.04 - 20.30 Orchestra Filarmonica di Rotterdam LAC - Sala Teatro, Lugano

ve 29.04.- 21.30 The Underground Youth - Shoegaze, Post-punk and psych rock (UK) Studio Foce, Lugano

Etnic e folk

ve 08.04 - 21.30 Passa il microfono + Willie Peyote RAP - Studio Foce, Lugano

gio 07.04 - 21.30 Iosonouncane - Cantautorato (ITA) Studio Foce, Lugano

Latino

ve 18 do 20 marzo L’eco delle voci Manifestazione canora www.bellinzonese-altoticino.ch

ma 15.03 – 20.30 Alma Latina Studio Foce, Lugano sa 30.04 - ore 20.30 Pedro Javier 880 Gonzalez Trio Chiesa Collegiata di Bellinzona 880 vedi pag. 16

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

11

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

sa 16.04 e do 17.04 - 20.45 Fred Frith Jazz Folk & Pop Teatro Sociale 2015/16

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

sa 21.05 - 20.30 Goran Bregovic 880 Wedding and funeral Band Palazzo dei Congressi, Lugano vedi pag. 22 Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

880

880

880

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione


12

blenio e dintorni

tinotte.ch

Manifestazioni inverno-primavera 2016 www.bellinzonese-altoticino.ch 20.03 - ore 17.00 Souvenirs Compagnie Pas de Deux Spettacolo per bambini a partire dai 3 anni. Palestra Scuole Elementari, Olivone 27.03 - ore 20.15 Tombola della Società Samaritani Sala Patriziale – Olivone 28.03 32⁰ edizione del Giro Media Blenio Un appuntamento pasquale per gli amanti della corsa tra natura e arte. Un’occasione privilegiata per camminare tra luoghi e testimonianze storiche, tra pendii e pascoli, in una delle più belle e soleggiate regioni del Cantone Ticino.

Una passerella di campioni, una corsa podistica per grandi atleti. Dongio www.mediablenio.com 10.04 - ore 17.00 RE FU - Wakaouwa Teatro Spettacolo per i bambini a partire dai 3 anni. Osteria Centrale, Olivone www.osteriacentraleolivone.ch 22.04 - ore 20.30 Concerto lirico operistico Presentato dal Consorzio Artistico, Musica e Arti Sceniche – Mario Ritter & Beppe Sànzari. Entrata libera con libera offerta. Chiesa San Martino, Olivone

27.04-01.05 (T)RAUM SCHAFFEN Corso di pittura con Werner Birnstiel presso la bellissima Casa Lucomagno di Olivone. Creare un proprio mondo, un proprio spazio, disegnare e dipingere i propri sogni e gli spazi. Casa Lucomagno, Olivone www.casalucomagno.ch

Le manifestazioni sono soggette a modifiche. Info e dettagli sono visibili sul sito www.bellinzonese-altoticino.ch/valle-di-blenio Organizzazione Turistica Regionale Bellinzonese e Alto Ticino Sede Valle di Blenio blenio@bellinzonese-altoticino.ch Tel. +41 91 872 14 87 Fax +41 91 872 15 12


agenda como Erba (Lario Fiere) 23-25.04 Agrinatura | The Rural Expo 2016 Teatro Sociale, Como 16.03 - 20.30 Beethoven 7

tinotte.ch 11.04 - 20.30 Pagagnini

20-21.04 - 20.30 Il Bugiardo

13.04 - 20.30 Virginia Raffaele in performance

23.04 - 20.30 Shakespeare’s Memories

14.04 -20.30 Grease

25.04 - 16.00 Tempesta Sala Bianca

18.03 - 20.30 Tutto Shakespeare In 90 Minuti

15.04 - 20.30 Constelaciones Per La Prima Volta In Italia

04.05 - 20.30 Maurizio Lastrico Il Nuovo Show

03.04 - 16.00 La Bella Addormentata Nel Bosco

17.04 - 11.00 La Sagra della primavera

05.04 - 20.30 La Dodicesima Notte

18.04 - 20.30 Le Conseguenze dell’amore

05.05 - 20.30 Ezio Bosso Al Teatro Sociale “The 12Th Room Tour”

17.03 - 20.30 Cabaret

Como Romana Le vestigia romane di Como sono ciò che resta della Novum Comum edificata da Giulio Cesare nel 59 a.C. in sostituzione della Comum Oppidum di Tito Livio (196 a.C.) ma, soprattutto, delle costruzioni che vennero realizzate nel I secolo d.C. durante l’epoca romana imperiale del comasco Plinio il Giovane. Tra queste figurava un impianto termale “di straordinaria importanza, grandiosità e bellezza” come è testimoniato da quanto riportato alla luce una prima volta negli anni settanta e successivamente una decina di anni fa, in occasione dei lavori per la costruzione del mega-parcheggio tra viale Lecco e via Dante, poco distante dall’Ospedale Valduce. Per contro non di certo romani, ma molto più recenti, i reperti venuti alla luce qualche settimana fa durante i lavori per la riqualificazione di piazza Grimoldi. Per ritornare a Roma bisogna approfittare di quanto si trova nel museo archeologico “Paolo Giovio”. Il museo ubicato in piazza Medaglie d’Oro venne inaugurato nel 1897. Occupa gli spazi di Palazzo Giovio e di Palazzo Olginati e al piano terra si trovano il lapidario romano e una sala dedicata al grande mosaico pavimentale di età romana rinvenuto in via Perti. Sempre al piano terra sono collocati ulteriori reperti romani del territorio comasco, organizzati per temi che vanno dalla religione al commercio alla cucina alla cura del corpo. Sotto: Il museo archeologico “Paolo Giovio” (© www.visitcomo.eu) In alto a destra: Lapidario (© http://cultura.comune.como.it)

13


14

musica

Silvan Zingg - Boogie Woogie Festival Da venerdì 8 a domenica 10 aprile a Lugano

dalla copertina

A cura della Redazione Caro amico di Ticino by Night & Day, il pianista e organizzatore Silvan Zingg risponde a qualche domanda inerente al suo International Boogie Woogie Festival che giunge alla 15ma edizione quest’anno. Silvan Zingg, dopo 15 anni, puoi raccontarci com’è nato il tuo festival e qualche aneddoto. L’idea è nata nel 2001 durante una cena di Natale dove ho suonato per amici, raccontavo delle mie tournée in giro per il mondo e con quali pianisti virtuosi internazionali suonavo. Ho così pensato di radunare questi musicisti a suonare su due pianoforti a coda e farli conoscere al pubblico ticinese. Iniziai nel mio paese natale di Manno per poi, dopo 4 anni, e vista la grande affluenza di pubblico, di noleggiare il luogo più grande nel Luganese: il Palazzo dei Congressi. La prima esperienza divertente fu il pri-

mo pianista americano che arrivò senza valigia, perché la compagnia aerea aveva avuto un leggero ritardo e la valigia non arrivò in tempo. Gli prestai un mio pigiama e il necessario per la notte in albergo. Oppure quello francese che, invece di tornarsene a casa, rimase un giorno di più a Lugano perché gli piaceva il posto. Una coppia Newyorkese l’anno scorso si alzò durante la standing ovation di tutta la platea, mi rubò il microfono dalle mani e disse: “Abitiamo da venti anni nella grande mela, ma uno spettacolo così affascinante non l’abbiamo mai visto.” Queste sono grandi soddisfazioni e dimostrano che ho fatto bene il mio lavoro. Ci sono poi dei fans che mi confidano che vogliono che io suoni al loro funerale. Scherzando dico sempre, però “chiamatemi qualche mese prima prima per essere sicuri che sarò libero quella data”, oppure “vengo ma solo se anche tu vieni al mio”. Due nuovi ballerini, bravissimi, saranno

ospiti per la prima volta a Lugano. Sondre e Tanya dall’Ukraina che organizzano il Festival “Boogie Feets” a Dombas in Norvegia sono uno spettacolo eccezionale. Ricordo che ci si può iscrivere alle lezioni di ballo (principianti e avanzati) con i campioni del mondo Thorbjorn, Flora, Ramus e Tove all’Hotel Ceresio di sabato mattina e pomeriggio.


tinotte.ch Quest’anno chi ci presenterai al Palazzo dei Congressi il 9 aprile? L’edizione di quest’anno sarà dedicata agli Stati Uniti da dove provengono 3 artisti di spicco: Mark “Mr.B” Braun (Ann Arbor), Daryl Devis (Washington) e il giovane talento Chase Garrett (Iowa City). Tutti e tre sono pianisti che si dedicano con passione e successo al pianoforte boogie woogie. Dall’Europa arrivano altri giovani talenti come il 13enne Nirek Mokar (Parigi) e le sorelle Hebbe (Stoccolma). I più bravi ballerini al mondo provengono dalla Norvegia, Francia, Ukraina e Svezia. Oltre ad essere presenti con i loro spettacoli durante i tre giorni daranno il sabato mattina e primo pomeriggio delle lezioni. Per iscriversi www.boogiefestival.com Con il mio Trio “Silvan Zingg Trio” con Valerio Felice alla batteria e Nuno Alexandre al contrabbasso presenteremo il nostro nuovo disco. In più ci sarà un grande ospite d’eccezione che ora non svelo ancora... Per qualcuno che non è mai venuto al tuo Festival quale evento consigli di non perdersi assolutamente? L’evento più gettonato è il concerto del sabato sera dove presento un concertospettacolo con tutti gli artisti invitati. La musica Boogie Woogie è un ritmo molto coinvolgente e sarete stupiti dai virtuosismi dei pianisti e dei ballerini. Per i buon-

gustai, come me, gli eventi abbinati alla gastronomia del venerdì all’Hotel Eden e della domenica sul battello sono molto apprezzati. Ci sarà anche musica dal vivo e naturalmente la possibilità di conoscere gli artisti di persona e scambiarsi due chiacchiere con un buon bicchiere di vino o gazzosa. Per questi eventi è obbligatorio riservare in anticipo! I biglietti per il concerto al Palazzo dei Congressi sono disponibili alla cassa serale oppure anche chiamando il numero di telefono +41 76 533 55 00. Breve storia del nome Boogie Woogie Il primo brano con questo titolo uscì a Chicago nel 1928. Il pianista Clarence Pinetop Smith spiegava ai ballerini come ballare e durante il brano suonava un blues a ritmo sostenuto, con degli stop e trilli che rendono lo stile molto coinvolgente. Smith morì poco dopo, ucciso da una pallottola da arma da fuoco. Il nome che lui inventò divenne famoso in tutti gli Stati Uniti e poi in Europa e oggigiorno in tutto il mondo. Il premio Pinetop Award fu anche dato a Silvan Zingg nel 2013. Il brano “Dancin’ The Boogie” dove Silvan Zingg suona al pianoforte e una coppia di francesi balla è diventato uno dei video più cliccati con più di 7 milioni di visualizzazioni.

15

Programma Ve 8 aprile - 19.30 880 880 Cena di Gala con concerto all’ Hotel Eden Paradiso Sa 9 aprile - 10.00 Hotel Ceresio lezioni di ballo Boogie 880 880Woogie (principianti) con i campioni del mondo Sa 9 aprile - 12.00 Hotel Ceresio lezione di ballo Boogie Woogie (avanzati) con i campioni del mondo Sa 9 aprile - 14.00 Lezione con S. Zingg: “Come si suona il B.W.” Sa 9 aprile - 20.15 Concerto-spettacolo al Palazzo dei Congressi di Lugano So 10 aprile - ore 10.45 Crociera brunch con concerti sul Lago di Lugano. Partenza 11.30 Debarcadero Centrale, ritorno 14.30 Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

Programma: www.boogiefestival.com Per riservazioni: +41 76 533 55 00

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione


16

musica

Il Comitato Chitarre ai castelli presenta:

Pedro Javier Gonzalez Trio Chiesa Collegiata di Bellinzona sabato 30 aprile 2016 - ore 20.30 Pedro Javier González è un chitarrista e compositore barcelloneta che si distingue per il suo tocco diàfano, elegante e misurato, così come per la sua versatilità musicale in grado di interpretare autorevolmente differenti generi. Durante la sua carriera ha pubblicato undici album e ha prodotto e collaborato con artisti di diverse discipline, dal classico, al flamenco, al jazz e pop-rock, come Yoshimi Otani, Toti Soler, Feliu Gasuli, Joan Manuel Serrat, Maria del mar Bonet, Paco Ortega, El último de la fila, Manolo Garcia, Angelo Branduardi e molti altri. Dal 2009 Pedro riconduce la sua carriera ad un’attività piu’ personale ed intimista, recuperando la linea professionale come chitarrista solista e offrendo concerti con un programma ispirato alla musica dei grandi maestri della chitarra flamenca da concerto. Questo progetto lo ha portato a suonare in vari paesi del mondo sia come concertista (Russia, Stati Uniti, Inghilterra e Francia), sia

come solista, eseguendo il Concierto de Aranjuez con l’Orchestra Nazionale di Russia, la Plainfield Synphony Orchestra (EEUU) e l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza.

Info e prevendita: Fairyland Viaggi Viale Stazione 25 CH-6500 Bellinzona Tel. +41 91 825 88 46

880

Tbnd soluzione

880

Nel 1995 Pedro Javier Gonzàlez si unisce a due straordinari musicisti: Toni Terré e Roger Blavia per presentare una collezione di composizioni proprie, dando vita ad un elegante progetto di fusione tra il flamenco, musica del Mediterraneo, Jazz e Pop. www.pedrojaviergonzalez.com

Tbnd soluzione

Prevendite autorizzate: Ente Turistico Bellinzona By Pinguis Bellinzona Hotel Internazionale Bellinzona

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione


tinotte.ch

Serata esclusiva pre-concerto Venerdì 29 aprile, presso la Sala Eventica di Arbedo-Castione, il Comitato presenterà gli artisti durante una serata esclusiva dedicata agli sponsor che hanno avuto il piacere di sostenere l’evento. Il chitarrista ticinese Jan Laurenz terrà un concerto a tema per ravvivare la serata che prevede un delizioso menù standing dinner ed un breve intervento del Trio Pedro Javier Gonzalez. L’interessante proposta è tuttora aperta ad eventuali società o privati, interessati a partecipare alla serata/evento. Per info: +41 79 240 47 08

Il Comitato Chitarre ai Castelli nasce nel 2015 dall’idea del Presidente Arch. Marco Pallua. Riunito un gruppo di amici, tra cui anche musicisti ben conosciuti in Ticino, sono iniziati i lavori per il primo progetto. Il desiderio di portare a Bellinzona due artisti di fama internazionale, Dodi Battaglia dei Pooh e Tommy Emmanuel, il piu’ famoso e premiato chitarrista fingersyle al mondo, è stato concretizzato con grande successo di pubblico lo scorso 2 Agosto 2015 in Piazza del Sole a Bellinzona. Il Comitato si presenta ora con il nuovo progetto 2016. Ancora una elegante e raffinata idea; ancora musica di altissimo livello. Previsto per il 30 aprile 2016 il chitarrista spagnolo Pedro Javier González e il suo Trio, nella cornice della bellissima Chiesa della Collegiata. A seguire, in autunno, un altro artista di alto livello, ancora da definire. La musica di qualità, intesa anche come cultura della musica, è quanto si intende proporre al pubblico, approfittando delle splendide cornici e opportunità che Bellinzona può offrire. Questi eventi sono possibili grazie all’aiuto dell’ente pubblico e di sponsor privati i quali, credendo nella qualità dei nostri progetti, partecipano concretamente per offrire grandi occasioni di svago e cultura. A tutti loro un sentito ringraziamento.

17


18

musica

Da Sanremo al Palazzo dei Congressi di Lugano

Enrico Ruggeri e gli Stadio

880

Tbnd soluzione

A cura della Redazione - © foto Camponovo hanno incluso una tappa dei loro “tour” teatrali, al palazzo dei congressi di Lugano, completando, con le classiche ciliegine sulla torta, un cartellone di grandi concerti. Benvenuti a Lugano: Enrico Ruggeri che si esibirà il mercoledì 27 aprile e agli STADIO che andranno in scena il mercoledì successivo, 4 maggio, entrambi con inizio alle ore 21.00 al palazzo dei congressi. Enrico Ruggeri in una delle sue tante visite in Ticino, spesso presso gli studi radio di Besso. Nell’occasione, immortalato dal nostro direttore, con Nicolò Casolini c/o l’accogliente Ristorante Cappella 2 Mani di Massagno.

Reduci dalla trionfale partecipazione al 66.esimo Festival di Sanremo, gli stadio si sono aggiudicati il primo posto ed Enrico Ruggeri il quarto, entrambi

Enrico Ruggeri, con un nuovo tour destinato come sempre a cambiare e ad evolversi sera dopo sera attraversando l’Italia insieme ad una band di grandi musicisti, vedrà al centro il progetto discografico “Un Viaggio Incredibile”: il doppio cd appena uscito composto da 9 inediti, alcuni tra i suoi più amati successi scelti dal repertorio discografico che va dal ‘86 al ’91, e 4 cover di David Bowie.

880

Tbnd soluzione

880

Tbnd soluzione

880

880 Gli Stadio, ci daranno la possibilità di goderci dal vivo “Miss Nostalgia”, loro ultimo album, all’interno del quale è incluso anche il brano “Un giorno mi dirai”, grande vincitore del Festival di Sanremo. Due concerti davvero imperdibili, occasioni perfette per celebrare con entrambi i brani protagonisti a Sanremo e vivere le emozioni che solo grandi protagonisti come loro sanno portare al loro pubblico. Tbnd soluzione

Tbnd soluzione

I biglietti per i concerti sono già in prevendita e disponibili sul sito www.biglietteria.ch o www.funpromotion.com

Event8 SAGL Via Chiasso 3 CH-6710 Biasca Cell. +41 79 669 38 99

880

Tbnd soluzione


tinotte.ch Mediapartner

Concorso Canoro Internazionale per giovani artisti - V. edizione

www.tinotte.ch

Star’s Voices 2016 Iscriviti ora!

e direttore Artistico Filippo Muscara e Music Manager/Vocal Coach della manifestazione Ewa Bellomo. “Star’s Voices” è unico nel suo genere al livello Svizzero.

AGATI (Associazione no profit) è stata fondata nel gennaio 2012, con lo scopo di organizzare annualmente “STAR’S VOICES” International Song Contest per giovani artisti dai 6 ai 18 anni aventi la passione del canto provenienti da diversi paesi e condividere, oltre che la passione per la musica e il canto anche le relazioni umane. Le selezioni dei concorrenti finali vengono effettuate dopo aver valutato tutti i partecipanti dei casting da tutto il mondo. Regolamento I casting per Star’s Voices sono aperti a bambini, ragazzi e giovani dai 6-18 anni aventi la passione per il canto e la musica. Il concorso si svolgerà dal 6.10 al 9.10.2016, mentre lo Show finale avrà luogo l’8 ottobre 2016, presso il Teatro di Locarno. Alla finalissima accederanno 21 finalisti selezionati dalla giuria di esperti incaricata dal comitato AGATI, presidente Yvette Moiano, produttore

Condizioni di partecipazione Sono ammessi al concorso canoro “Star’s Voices 2016” partecipanti svizzeri e stranieri (residenti in svizzera ed al estero) tra i 6 ed 18 anni d’età. Il concorso è suddiviso in 3 categorie d’età e in sezioni musicali (musica di pop, musical e classica). I brani potranno essere presentati in lingua italiana, straniera o dialettale. Al concorso si può partecipare con un brano edito o inedito e dovrà essere sempre lo stesso dalle selezioni in poi.

La domanda d’iscrizione deve essere corredata da: •

Brano edito o inedito (tutte le lingue sono ammesse) di massimo 3 minuti inciso su E-File, CD o DVD registrato su base musicale;

Testo del brano in lingua italiana o inglese;

Modulo d’iscrizione compilato in ogni parte e firmato dai genitori o da chi ne fa le veci;

Copia carta d’ identità o passaporto del partecipante (fronte e retro);

Foto digitale primo piano, formato passaporto di alta risoluzione (proprietà: MB/minimo 300dpi). La foto verrà utilizzata per la presentazione del concorrente (pubblicità e pubbliche relazioni del festival Star’s Voices);

Breve curriculum vitae artistico in lingua italiana, inglese, tedesco o francese;

Copia dell’avvenuto pagamento della quota d’iscrizione.

Il brano deve essere adatto all’età dell’interprete. Iscrizioni Le iscrizioni dovranno pervenire per posta all’AGATI, oppure tramite mail entro e non oltre 31 marzo 2016 (farà fede la data del timbro postale e/o la data d’invio della mail). Headquarters AGATI - Star’s Voices Organization Yvette Moiano Via alle Scuole 52 CH-6595 Riazzino facebook.com/starsvoices info@starsvoices.ch www.starsvoices.ch

19

La comunicazione ai partecipanti ammessi alla serata finale avverrà tramite mail al più tardi entro il 30 giugno 2016. Foto in alto: il gruppo di artisti al completo (concorrenti e ospiti), presenti a Star’s Voices 2015 - © Marco Agorri


20

musica

Il Ticino, i giovani e la musica a cura della Redazione - foto Danny Noël

“Il Ticino, i giovani e la musica” è il titolo della serata organizzata dal nostro magazine lo scorso mercoledì 3 febbraio nel nuovissimo Centro Eventica di Castione e che, ruotante attorno alla presentazione pubblica del giovane cantautore Theo - il rappresentante della Svizzera italiana alla finale nazionale 2016 dell’Eurovision Song Contest - ha fatto il punto sull’attuale stato di salute della musica prodotta in Ticino e delle sue possibilità di farsi conoscere al di fuori del confini cantonali. A discuterne un qualificato parterre di ospiti animato dal giornalista del Corriere del Ticino Mauro Rossi e composto da Jacky Marti, già direttore della Radio della Svizzera italiana nonché da quasi quarant’anni “anima” di Estival Jazz, la maggiore rassegna musicale estiva della nostra regione; Claudio D’Agostino e Michela Poretti del Dicastero Cultura, Sport e Eventi della Città di Lugano, promotore della nota kermesse dedicata alla musica emergente Palco ai Giovani; Kiko Berta, musicista, produttore, promoter nonché tra i responsabili della Eventmore SA, azienda leader del mercato audiovisivo; Jonathan Tedesco, produttore discografico e di

eventi e voce tra le più note della radiofonia; Silvan Zingg, uno dei più noti esponenti della scena mondiale del boogie woogie e, in collegamento video dal Cile (dov’è è stato per un mese in tournée), il cantautore Pablo Meneguzzi.

mediatico, la diffusione dei prodotti sonori debba confrontarsi con dinamiche completamente diverse rispetto al passato, richiedendo ai suoi attori una preparazione e una duttilità superiore nonché uno spirito d’iniziativa molto più marcato.

Interessante e costruttivo il dibattito scaturito che, oltre a sottolineare la buona qualità della musica prodotta nella nostra regione (“ormai qualitativamente in grado di confrontarsi con le produzioni internazionali”), ha evidenziato come, alla luce dei mutamenti intervenuti negli ultimi anni sia a livello tecnologico che

“Anche se oggi produrre musica è più semplice rispetto ad un tempo, ciò non facilita il lavoro dei giovani musicisti ma anzi, lo complica a causa di standard di base più elevati, di un’enorme concorrenza che ormai, grazie a Internet, non ha più barriere nazionali né linguistiche e di una varietà di stili talmente ampia


tinotte.ch

da colmare ogni nicchia di mercato”,è stato sottolineato. Come superare queste avversità? “Principalmente facendo capo a quelle che da sempre sono le caratteristiche di base di chiunque voglia fare musica: una solidissima preparazione, una grande tenacia e, soprattutto, un’indomabile passione che, a tutt’oggi, è ancora l’elemento in grado di fare la differenza”.

Le vie per farsi conoscere – è stato poi sottolineato – possono essere diverse a seconda anche del genere che si propone: per chi opera nel pop i tanto vituperati ma, indubbiamente, utilissimi “talent” possono essere un importante veicolo (“a patto che vengano affrontati e visti come un mezzo e non un fine”) anche se la dimensione del “live” rimane, a tutti i livelli, dall’esibizione in un piccolo club ai grandi festival, la dimensione migliore per mostrare il proprio valore “perché è lì che la musica nasce a cresce, nel contatto diretto e nell’interazione con il pubblico”.

concorso al talent Showtime della RSI) e il Trio Encuentro che ha concluso la serata con un’elegante escursione tra i classici del pop-rock internazionale.

E proprio a ribadire questo concetto, la serata di Castione è stata ricchissima di musica “live”: oltre al cantautore Theo (che ha presentato il suo singolo partecipante all’Eurosong Because of you oltre che una selezione del suo repertorio in versione acustica), sul palcoscenico di Eventica sono saliti anche la giovanissima rapper Ann Adrett (attualmente in Catering

ristobardiamante.ch

www.delea.ch

www.about-x.com

www.eusolar.ch

21


22

musica

Rikka vince a Kreuzlingen A cura della Redazione - © foto Camponovo vano sei concorrenti usciti dalle eliminatorie regionali della manifestazione.

Sarà la canadese Christina Maria Rieder, meglio nota come Rykka a rappresentare la Svizzera all’edizione 2016 dell’Eurovision Song Contest, in programma a metà maggio in Svezia. La sua canzone “The Last Of Our Kind” è stata infatti la più votata, da pubblico e giuria, durante la finale svizzera del concorso, svoltasi sabato 13 febbraio alla Bodensee Arena di Kreuzlingen (TG) alla quale partecipa-

Tra loro anche un ventunenne ticinese Theo, che ha chiuso la competizione con positivi apprezzamenti sia per la sua canzone (la romantica ballad “Because of You”) sia per la cover che ha presentato nella seconda parte dello spettacolo, “Photograph” di Ed Sheeran, durante la quale ha dato prova di un eccellente talento interpretativo. Oltre a Theo e a Rykka, la finale svizzera dell’Eurovision Song Contest ha permesso alla platea televisiva di scoprire altri talenti della scena artistica contemporanea, dagli irriverenti e goliardici ginevrini Kaceo al fresco pop del basilese Vincent Gross, dall’eleganza interpretativa di Bella C alle melodie venate di soul di Stanley Miller. Anche dal profilo degli ospiti la serata non ha mancato di entusiasmare, soprattutto grazie all’inedito duetto tra la superstar austriaca Conchita Wurst e il giovanissi-

mo Flavio Rizzello, vincitore dell’ultima edizione del programma televisivo “Die grössten Schweizer Talente” proprio con una magistrale interpretazione dell’hit con cui Conchita vinse due anni fa l’Eurovision Song Contest “Rise Like a Phoenix”. Per quanto riguarda Theo, conclusa l’esperienza dell’Eurovision Song Contest, è già tempo di nuove sfide: tra poco più di un mese verrà infatti pubblicato il suo primo EP contenente oltre al fortunato singolo “Because of You” altre quattro canzoni. Una produzione discografica che il giovane cantautore porterà poi sui palchi del Ticino -e non solo - con un suggestivo tour acustico.


tinotte.ch

Intervista alle...

Shadow: Ylenia e Ambra Moiano A cura di Marco Paltenghi [RSI] - febbraio 2016

Che cosa vi ha spinto ad unire le forze e trasformarvi in Shadow? Abbiamo iniziato da piccolissime, all’epoca abbiamo fatto i casting per il concorso Mara&Meo e essendo sorelle siamo state scelte come duo. In seguito abbiamo partecipato a molti concorsi internazionali singolarmente ottenendo anche dei buoni risultati. Ai casting di Show Time (talent della RSI) ci hanno proposto di unire le nostre forze concorrendo come duo. Oggi siamo felicissime di aver accettato, lavorare assieme è bellissimo. È uscito recentemente il vostro primo EP “Crazy” registrato all’Heaven Recording Studio di Massagno con la super visione di Roberto Colombo: raccontateci com’è nato e quali sensazioni avete provato? Roberto ci ha notate in TV ed essendogli piaciute, ci ha proposto di lavorare con lui ed il suo team. Noi abbiamo accettato con grande entusiasmo. Eravamo felicissime di collaborare con dei veri professionisti su brani che finalmente sarebbero stati nostri. Avere inediti è stato come toccare il cielo con un dito, finalmente avremmo lavorato per la nostra musica.

Questa esperienza ci ha fatto crescere molto ma dobbiamo anche dire che non è stato facile. Abbiamo dovuto impegnarci moltissimo lavorando duramente. Fare coincidere scuola/studio (per Ambra) e lavoro/studio (per Ylenia) con il canto e le registrazioni in studio è stata davvero dura. Alla fine ne è valsa davvero la pena. Avere il nostro primo disco tra le mani, sapendo che i nostri fans fremevano per la sua uscita, è stato un’emozione indescrivibile ed indimenticabile. Il vostro progetto musicale contiene 5 canzoni orientate al pop: chi sono gli autori? I nostri brani sono orientati all’electro pop. Il lavoro in team, con persone professioniste come Roberto Colombo, Riccardo De Filippo, Jessica Tekin e non da ultimo la nostra vocal coach EwaBel è stato fantastico. Insieme abbiamo scritto testi, creato armonizzazioni, composizioni musicali, insomma abbiamo lavorato duramente. Quali sono gli artisti internazionali che vi piacciono di più? Gli artisti che seguiamo in particolare sono Beyoncé, Christina Aguilera, Rebecca Ferguson, Stromae e tanti altri ancora. E come ultima domanda: i sogni nel cassetto di Ylenia ed Ambra? Fare in modo che la nostra passione diventi una vera e propria professione. E chissà… riuscire a riempire uno stadio di fans che cantano con noi durante un nostro concerto. È davvero bello sognare. Sognare fa bene al cuore e cantare fa bene alla salute. Come dice il detto:

“…Canta che ti passa…”. Insomma noi crediamo in quello che facciamo e non molliamo. Ma siamo anche molto realiste quindi, in parallelo, continuiamo il nostro percorso di studio. Ylenia sta per diventare educatrice e Ambra sta per diventare avvocato. BIOGRAFIA SHADOW (Ylenia e Ambra Moiano) La loro passione per il canto inizia da piccolissime. Ambra 3 anni e Ylenia 5 1/2 anni, grazie alla loro maestra d’asilo Sandra, partecipano ai casting del concorso canoro Mara & Meo come duetto nel 2002. Qui la loro prima esperienza sul palco con il brano l’Orologio Blu. Faranno parte di questo coro fino al 2004. Dopo di che, entreranno a far parte del coro l’Arcobaleno a Pois di Pura. Oltre alle diverse esibizioni in Ticino, prenderanno parte a diverse sessioni di registrazione di brani de la “Prova del cuoco” di RAI 1 e diversi CD di natale. Crescendo, approfondiscono le loro conoscenze con lezioni regolari di canto private unitamente alla loro vocal coach di sempre EwaBel. Partecipano a diversi concorsi canori internazionali e nazionali, ottenendo buoni risultati singolarmente. Queste bellissime esperienze le hanno fatte crescere non solo a livello canoro ma anche a livello socio - culturale. Due ragazze socievoli e solari sempre pronte a mettersi in gioco per vivere nuove esperienze. Nel 2014/15, in occasione del Talent Showtime RSI LA 1, hanno colto il consiglio della produzione che ha loro proposto di unire le forze e formare il duo. Nel corso del 2015, con la collaborazione dei professionisti dell’HRS di Massagno e la loro vocal coach EwaBel, hanno prodotto il loro primo EP con 5 brani, con il nome d’arte SHADOW. Ylenia sta studiando per diventare educatrice, le piacciono molto i bambini mentre Ambra frequenta la III. liceo di Locarno per proseguire gli studi e diventare avvocato. Sono molto legate alla loro famiglia, in particolare ai loro 4 nipotini.!

23


24

musica

Intervista a... Mark Fisher musicista dei Matt Bianco A cura di Angelo Quatrale - Speaker RFT

Grande esclusiva, per i nostri lettori, un’intervista con una band molto importante a livello mondiale: Mattbianco. In particolare il grande Mark Fisher, tastierista, arrangiatore e creatore di un sacco di successi per il gruppo, oltre insieme a Mark Really (il cantante) ad esserne il perno musicale. Ricordiamo alcuni brani famosissimi in tutto il mondo, come ”Whose side are you on”, ”Half a minute”, “Get out in your lazy bed”, “Don’t blame it on that girl” e tanti dischi fino ad arrivare ad “Hi-fi bossanova “ed “Hideway”. Mark Fisher ha poi parecchie canzoni pronte per un album tutto suo. Quando chiamo questo grande artista per un’intervista, è sempre disponibile e ne siamo onoratissimi. Grazie Mark per essere con noi, ospite della nostra rivista Onore mio e grazie per il cappuccino. Maestro hai appena finito con la band una serie di date in tutto il mondo,

sempre con grande successo e con un grande sound che miscela, jazz, bossa, salsa, funk a grandissimi livelli. Mi hai fatto ascoltare in esclusiva anche alcune tue canzoni nuove, che saranno inserite in una produzione discografica a nome Mark Fisher, di livello pauroso, con una grande musicalità e ritmo veramente da Grammy Award. Probabilmente quest’anno uscirà un mio CD ed era un sogno che avevo da 25anni e riuscirò a realizzarlo. Sarà un disco pieno di ritmo, melodia influenze bossa-salsa-jazz e tante novità. Questa nuova produzione personale di Mark Fisher, è in direzione musicale “Mattbianco” (anche perche tu sei il compositore Mattbianco, oltre ad essere uno dei 2 leaders), ma io la trovo anche molto originale e tua. Cosa dici? La radice è Mattbianco ma poi continua con grandissima fantasia. Chiaro che lavorando con Mark Really da tantissimo, le influenze ci sono e ci saranno (mix di funk-jazz-bossa-salsaworld-music), ma ho cercato di essere originale sulle melodie e sul progetto in generale, che è la cosa più importante. Le persone che amano la grande musica nel mondo, si sono accorte da tanti anni che voi avete inventato questa miscellanea e siete una radice importante della musica universale. Vi dimostrano poi sempre grandissimo affetto nei vostri shows, sempre sold out, in tutto il pianeta. Il tuo CD sarà formato da quanti pezzi?

Avevo pensato all’inizio di realizzare un EP, ma poi ho pensato ad un album intero con minimo 10 canzoni. Te lo chiedo anche perchè ora molti artisti fanno “uscire” un singolo, dopo qualche settimana un altro e così via. Sarà sia in forma “liquida” che” solida”? Penso di sì, poi le discuterò anche con l’etichetta discografica. Penso oltretutto che nel tuo album sarà anche molto difficile scegliere i singoli, anche perchè lo sono già tutti i brani.Complimenti anche per gli arrangiamenti e per la scelta dei cantanti. Grazie tante. Sì è un grande staff, che ha già collaborato con noi. Ti racconto anche una cosa. A volte anche negli USA (dove abbiamo avuto ed abbiamo un grande successo), alcune radio avevano difficoltà a trasmettere i nostri pezzi. Non sapevano in che genere collocarle. Infatti è un mix di latin e tanto altro. Grazie tantissime per questa intervista in esclusiva per Ticino By night & day. È stato un grandissimo onore avere intervistato un inventore della musica. Grazie tante... onore mio. Per maggiori info www.mattbianco.com Potete leggere l’intervista completa su www.tinotte.ch


MUsica e Danza

tinotte.ch

Serena Giannini

25

Intervista alla giovane ballerina ticinese, che con grande passione vede i suoi sogni trasformarsi in realtà A cura della Redazione

Bella, alta 1.73 cm, giovane e piena di talento, Serena Giannini di Gravesano ha fatto della sua passione per la danza il suo lavoro. Dopo tanta esperienza alle spalle per essere solo una ragazza di venticinque anni, adesso la promettente danzatrice vive a New York. Serena ha iniziato a soli tre anni, incoraggiata dalla madre che desiderava che la figlia imparasse disciplina, ma che coltivasse allo stesso tempo la sua femminilità. Con il passare del tempo Serena frequentava la scuola tutti i giorni, perchè la danza era una forma d’arte che la faceva sentire bene e, come afferma la stessa ballerina, “la danza è finita per diventare la sua casa”. Serena ha esaltato i benefici che la danza le ha favorito a livello scolastico, soprattutto per la memoria; tuttavia, ha anche riconosciuto che intraprendere un percorso di vita come quello di ballerina, comporta delle scelte: ballare per divertimento o diventare una ballerina a livelli professionali. Questa seconda scelta implica sacrificio, perché a quel punto la danza diventa la tua vita e solo una forte passione dà la spinta a continuare verso la rincorsa ai propri sogni e i propri obiettivi, senza mai arrendersi. Serena durante l’intervista via Sky ha affermato, che non ha mai pensato di

smettere di ballare e di continuare a sognare, nonostante la sua scelta di vita richiedesse rinunciare alle attività extra-scolastiche. Serena afferma senza alcun rimpianto: “a me andava bene così perché mi dava tanto e mi rendeva felice!”. Ha avuto il coraggio di seguire la sua passione e di trasformarla in realtà, pur sempre consapevole che, una volta fuori dal Ticino, avrebbe dovuto affrontare la concorrenza mondiale. Ma di fronte a questa paura la giovane ballerina non si è tirata indietro, ma piuttosto ha continuato a sognare di poter ballare nelle migliori compagnie del mondo e una parte di questi “sogni nel cassetto” si sono realizzati. Forgiata da un’impronta più classica, Serena vanta oggi talento anche nei balli da sala swing; tuttavia, dichiara che lo stile neoclassico è quello che la rispecchia maggiormente. A soli venticinque anni Serena ha avuto l’onore di esibirsi sul palco del Bolshoi. L’occasione è nata grazie alla sua insegnante ticinese, Mi Jung Manfrini Capra, che l’ha iscritta ad un concorso prestigioso, per poi arrivare alla finale a New York al “Youth American Grand Prix”, dove ha vinto una borsa di studio per uno stage estivo. In seguito, è stata invitata a partecipare alla scuola di Mosca dove le è stata offerta l’opportunità di esibirsi sul magnifico palcoscenico del Bolshoi.

Vive a New York e rivela che, a meno che non si balli a livelli molto alti, è necessario lavorare come ballerina freelance. Aggiunge, però, che è uno stile di vita percorribile senza eccessive difficoltà. Tutto questo rispecchia la personalità di Serena che, infatti, nella vita di tutti i giorni si definisce “una persona super energica”, che coltiva molti interessi, come il canto e il pianoforte. Serena confessa anche il desiderio di voler fare recitazione e magari di diventare un giorno coreografa o insegnante e aprire una sua scuola. Serena riconosce che una buona dose di volontà è determinate o quasi necessaria in questo tipo di carriera, ma non nega che nella danza la componente di fisicità ha un peso rilevante. Spesso le compagnie di ballo hanno tabelle di peso piuttosto rigide da far rispettare. La scelta spetta, poi, ai ballerini se compiacere i criteri della compagnia in cui lavorano o cercarne nuove meno severe. Oggi collabora con la Touch Dance Company con sede a Bellinzona e spera che nel tempo possa nascere una collaborazione con il nuovo centro culturale della Città di Lugano, LAC Lugano Arte e Cultura. Serena finisce l’intervista descrivendo la danza con tre parole: “magia, brivido ed emozione”. E questa stessa magia si percepisce dalle sue stesse parole: “chi balla sogna perché ballare è pura emozione, è un’arte che racchiude tutto. Quando ballo mi sento completamente fuori dal mondo e non mi accorgo di nient’altro: diventa un mondo tutto mio e per pochi minuti posso fare sognare me stessa e chi mi guarda”.


26

festività

19 marzo

Festa del Papà

È una festa complementare a quella della mamma (8 maggio) per festeggiare la paternità e i padri in generale. La festa del papà è celebrata in tutto il mondo, seppur in date diverse. Nei Paesi anglofoni di regola la festa si tiene la terza domenica di giugno. Da noi la festa ha una valenza prevalentemente religiosa e si tiene nello stesso giorno in cui si festeggia san Giuseppe, padre-emblema per via di Gesù Bambino. A Ligornetto, per esempio, a San Giuseppe è dedicata la sagra che si svolge il 19 marzo nei pressi della chiesa omonima la cui attuale struttura viene fatta risalire al XVI sec. Fra il sacro delle funzioni religiose e il profano delle bancarelle per San Giuseppe a farla da padroni sono i famosi tortelli, una specialità che piace a grandi e piccini in qualche caso preparati in base a ricette rigorosamente “segrete”.

Chies San Giuseppe Ligornetto

I tortelli di San Giuseppe: la ricetta... segreta! Mettere sul fuoco a bollire un quarto d’acqua con burro a pezzetti, zucchero e sale (solo un pizzico), poi aggiungere farina. Rimescolare il tutto e poi lasciarlo intiepidire dopo averlo tolto dal fuoco e incorporarvi, continuando a rimestare, un albume montato a neve e un tuorlo d’uovo. Amalgamare bene il tutto e poi mettere una cucchiaiata di pastella per volta nell’olio caldo. Continuare a girare i tortelli che se ne ottengono aumentando gradatamente la temperatura sino a portarli a completa cottura. Servire i tortelli dopo averli cosparsi con abbondante zucchero.


since 1999

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

by

Night & Day

tinotte.ch Con voi dal 1999

da 16 anni la rivista del divertimento

abbonati e vinci Concorso SMS all’880 (nuovo numero!) PER I CONCORSI PRIMA DI DARE LA RISPOSTA SCRIVERE LA PAROLA TBN SEGUITA DA UNO SPAZIO (esempio: TBN soluzione)

In palio per tutti: 10 biglietti concerto Stadio: TBN Stadio 10 biglietti Giocolandia: TBN Giocolandia 4 biglietti Pedro Javier (Chitarra ai Castelli): TBN Pedro 4 bigliertti concerto Enrico Ruggeri: TBN Ruggeri Solo per gli abbonati: Fino ad esaurimento biglietti Espoticino: TBN Espoticino 10 biglietti Boogie Woggie: TBN Boogie 4 biglietti Maurizio Battista: TBN Battista 4 biglietti concerto Bregovic: TBN Bregovic

Se sei un privato Per soli CHF 40.-

ricevi 1 copia x 6 edizioni del bimestrale Ticino by Night & Day

Se sei un esercente Per soli CHF 50.ricevi 4 copie x 6 edizioni consecutive del bimestrale Ticino by Night & Day

vuoi partecipare al concorso “Camerieri Frizzanti” Per soli CHF 60.ricevi 4 copie x 6 edizioni consecutive del bimestrale Ticino by Night & Day

www.tinotte.ch

Spedisci il tagliando alla redazione: Ticino by Night,Via San Gottardo 26, CH-6900 Lugano info@tinotte.ch - tel. +41 91 605 73 00 Sì, sottoscrivo l’abbonamento a 6 numeri di Ticino by Night & Day(bimestrale). Bar

Disco

Grotto

Hotel

Rist.

Altro

Nome e cognome (ev. ditta/e responsabile) Via NPA/Località Telefono Mobile E-mail Luogo e data Firma Privato CHF 40.-

Esercente CHF 50.-

Abbon. + concorso camerieri +Frizzanti CHF 60.-

Ogni anno per gli abbonati oltre 200 biglietti omaggio per eventi in premio

Il costo per ogni sms è di CHF 1.-. Inoltre saranno sorteggiati premi speciali gentilmente offerti dai nostri sponsor per chi voterà le nostre cameriere Frizzanti sempre al 880 (per questo concorso non necessita la parola TBN prima del numero, es FRIZ4). In alternativa agli SMS: info@tinotte.ch o tramite cartolina postale inviandola al seguente indirizzo: Ticino by Night, Via S.Gottardo 26, CH-6900 Lugano.


28

festività

I dolci di Pasqua A cura della Redazione - © Paolo Pellegrini

Nel menù pasquale i protagonisti veri sono i dolci, a partire dalla classica colomba e dal sempre amato uovo al cioccolato. Ma se è vero come è vero che colombe, uova e coniglietti al cioccolato sono tradizionalmente sinonimo di Pasqua, è altrettanto vero che a dipendenza delle regioni, soprattutto in Italia, altri dolci pasquali si impongono per tradizione e innata bontà. In Liguria, per esempio, c’è la torta pasqualina. Restando in tema di torte anche la Campania si da da fare con la pastiera napoletana. Per non parlare della treccia pasquale calabrese, in altre regioni pure chiamata campanaccio. Dolci... tosti, che sanno attentare alla linea anche dei più virtuosi, di cui ci si può cibare ovviamente non solo il giorno di Pasqua.

è coperto da una glassa preparata con albume, zucchero e mandorle. L’aggiunta di mandorle amara regalano equilibrio al prodotto. La caratteristica della colomba sta nel contrasto tra la morbidezza della pasta e il croccante della glassa. Accanto a questa classica versione c’è quella di sfoglia che alcuni esperti preparano per Pasqua: farcita con crema all’uovo mista a panna fresca. Poi vi sono le colombine, ideali per la colazione, e le colombe decorate con cioccolato, molto decorative per la tavola festosa. Prima di portarla a tavola bisogna liberare la colomba dallo stampo di carta in cui viene cotta, al quale a volte aderisce. Può essere accompagnata con un buon Moscato oppure con un vino bianco passito.

In Ticino, dove non manca mai il capretto, l’arrosto di agnello e le uova sode, la colomba è il dolce di Pasqua. Si differenzia dal famoso panettone perché dovrebbe contenere solo scorza d’arancia candita e non uvetta e cedro. È più ricco di burro ed

Concludiamo questa mini-carrellata con la pizza! Sì, perché c’è anche la pizza di Pasqua che è un prodotto da forno tipico di molte zone d’Italia, servita di solito alla colazione della mattina di Pasqua, tradizionale “rito” tipico del centro Italia.


Menu di Pasqua

Menù di Pasqua tinotte.ch

Prosciutto crudo di Parma con asparagi verdi salsa nevosa

Menù di Pasqua Cestino di sfoglia con sorpresa *** Lasagne di asparagi *** Capretto al Mirto con patate novelle e verdure di stagione *** Uova di Pasqua ripiene di Mousse al cioccolato Bianco *** Caffé

*** Raviolo aperto ai gamberi e zabaione di prosecco *** Capretto al forno patate novelle rosolate insalata di formentino mimosa oppure Scaloppina di vitello ai funghi contorno del giorno *** Semifreddo al mandarino con zuppetta di frutti esotici colomba pasqualina alle fragole

CHf 48.- (p.p.)

é gradita la riservazione

a CHF 55.- (p.p.) Ristorante Silverado

Hotel Des Alpes CH - 6780 Airolo Tel. +41 91 869 17 22 Fax +41 91 869 17 23 www.hoteldesalpes-airolo.ch

via Stefano Franscini 21 CH-6743 Bodio Tel. +41 91 864 12 66

Menù di Pasqua Trilogia di mare: Insalatina tiepida di polipo e gamberetti Crostone di pane con salmone affumicato Coda di gambero in pasta filo *** Insalata di crudo, robiola e melone *** Risotto con crema di carciofi e gamberetti o Cannelloni di magro *** Capretto della tradizione Pasquale o Punta di vitello ripiena o Filetto di branzino con pesto e rucola alle noci e pinoli *** Contorni patate sabbiate asparagi in crosta con speak *** Tiramisu alle fragole Colomba pasquale e caffè

CHF 58.- (p.p.) antipasto, primo e secondo CHF 48.- (p.p.) antipasto, primo o secondo Via S.Gottardo 120, CH-6900 Massagno Tel. +41 91 966 41 29 www.cappelladuemani.ch

Menù di Pasqua Insalata di carciofi con gambero rosso su letto di rucola e radicchio *** Risotto carnaroli con punte d’asparagi *** Capretto nostrano cotto nel forno a legna o Medaglioni di vitello alle spugnole con Patate novelle Bastoncini di carote all’italiana Spinaci in foglia *** Fragole con gelato Ristoran

*** Colomba e caffè te Cortivallo

CHF 65.- (p.p.)

Rist. Cortivallo Via Cortivallo 52, CH-6924 Sorengo Tel. +41 91 966 10 26

29


30

enologia

Vinissima 2016 Il 6 e 7 marzo nell’azienda Tamborini a Lamone ha avuto luogo Vinissima 2016. Un interessante percorso all’interno del centro aziendale, tra le cantine, la Vinoteca, la sala “Viaggio sensoriale” fino alla nuova sala “Spazio Emozioni”. Ampia la gamma di degustazione con oltre 150 vini, distillati e Champagnes. Abbiamo scelto per voi la cantina Cesarini Sartori di cui vi presentiamo il loro cavallo di battaglia: Distribuito da Tamborini vini Via Serta, CH-6814 Lamone Tel. +41 91 935 75 45 http://tamborinivini.ch

Vinitaly

dal 10 al 13 aprile

Rossobastardo IGT Umbria Rosso Vista Rosso rubino con riflessi violacei, consistente. Olfatto L’innominabile vitigno autoctono, vinificato dopo un deciso appassimento, dona al blend note di mora e pepe nero molto intense. Confettura di frutti di bosco, note vegetali, rendono il bouquet ampio. Gusto La morbidezza formidabile, sorretta da un’adeguata freschezza e da una sapidità che ben incarna il territorio, rendono il vino equilibrato e armonico. Persistente, in bocca corrisponde esattamente al naso. Abbinamenti carni rosse e formaggi semistagionati Da sinistra: Giulia, Hostess CD Media sagl, Claudio Tamborini, Luciano Cesarini e consorte. della Cantina Cesarini Sartori di Perugia (I).

Vinitaly è giunta alla 50ma edizione che segnerà il punto di partenza per un nuovo futuro. Si tratta di un salone internazionale del vino e dei distillati, che si tiene a Verona dal 1967, con cadenza annuale. Vinitaly si estende per oltre 95’000 m², conta più di 4’000 espositori l’anno e registra circa 150’000 visitatori per ogni edizione. Il salone raccoglie produttori, importatori, distributori, ristoratori, tecnici, giornalisti e opinion leaders provenienti da tutto il mondo. È l’evento che più d’ogni altro ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a fare del vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del made in Italy. Ogni anno ospita oltre cinquanta degustazioni tematiche di vini italiani e stranieri e propone un programma convegnistico che affronta le principali tematiche legate alla domanda ed offerta del mercato del vino. www.vinitaly.com

SaporiInLibertà dal 3 marzo al 4 aprile Anche quest’anno alla quinta edizione di Saporinlibertà nel luganese partecipanno tanti ristoratori proponendo con grande entusiasmo e impegno una vasta scelta di piatti e menù della regione ticinese. Rispettando la loro missione “soddisfare e stupire la loro clientela” i cuochi mettono la massima cura ad ogni passaggio della preparazione dei piatti. Ad ogni ricetta verrà abbinato un vino ticinese messo a disposizione da Simon Ragusa, miglior Sommelier Svizzero ASSP 2014. Per maggiori informazioni www.saporinliberta.ch. Tra i tanti squisiti piatti dei bravi cuochi ticinesi, vi consigliamo di provare l’ottimo risotto al “Chateau Cassé”, fragoline di bosco e foglioline di menta preparato dallo Chef Alain Steffanina dell’Osteria del Reno. Buona scoperta e buon appetito a tutti!


In onda il vene rdì, ogni 15 gg alle 10.30

tinotte.ch

a cura di Michele Braccia Approfittiamo smaniosi dell’accoglienza del mendrisiotto e a farci gli onori di vigna ci penserà il calore della Valle di Muggio, per l’occasione, ben rappresentata da un borgo che sembrerà volerci imprigionare: il paesino di Cabbio. Il nostro caracollar per uva ci trascinerà in una sorta di novella scandita da inaspettato senso sociale, da ardui terreni e da un liquido bianco, il tutto, imbeccato dai seguenti guizzi narrativi: Il casaro Una “Grazia” ricevuta I disabili Un tocco di pennello e la vigna popolata Luciano Cavallini trascorre un’adolescenza urbana in quel di Pregassona. La città, da subito, gli calza troppo stretta e le sirene bucoliche intonano un irresistibile canto agreste, al quale il buon Luciano, non può resistere. Quel che colpisce è la totale assenza dal suo patrimonio genetico di alcun vincolo rurale: una sorta di “ragazzo di campagna” (indimenticabile film con Renato Pozzetto) con tragitto inverso. Dopo aver frequentato il liceo, spinto dall’irrefrenabile voglia di trasformare con le proprie mani i doni della terra, si getta a capofitto nella scuola di Mezzana: diventa un “formaggiaro” rifugiandosi per diverse stagioni all’alpe. Nel frattempo, s’imbatte casualmente in alcuni viticoltori e passa con disinvoltura dalle forme di cacio al prender forma del suo modo d’esprimersi: il buon vino. Rapito dalla passione per le vigne, gli antichi gesti del viticoltore lo spingono vigorosamente verso la professione dei grappoli. S’impratichisce, facendosi le ossa, da viticoltori del calibro di Stucki Werner, Eric Klausener e da ultimo ma non ultimo l’amico Daniele Brenner.

Dopodiché, affina le sue conoscenze in quel di Changins concludendo gli studi nel ’91. Il nostro uomo cova da sempre un altro tarlo, vuole lavorare nel sociale ed il suo assemblaggio perfetto è composto da attività agricole, riabilitazioni e riscosse umane. Per 2 anni si districa con scioltezza tra la fondazione Diamante ed il laboratorio Il Punto a Mendrisio: in quel periodo, tramite il giardinaggio, la terra diventa terreno (concedetemi il gioco di parole) terapeutico per molti ragazzi in difficoltà. Il ‘95 è una sorta di spartiacque (meglio vino) e regala ai coniugi Cavallini uno strano parto gemellare (i gemelli diversi): la nascita della figlioletta Marta e del vigneto più piccolo chiamato Obino. Di lì a poco, l’amico viticoltore Brenner decide di andar in Congo a lavorare e lascia l’impervio vigneto di Pedrinate nelle mani di Luciano. Questi filari si rivelano da subito altamente qualitativi regalando con il “Pedrinate” ’99 l’importante e corroborante medaglia d’argento al concorso internazionale dei vini di montagna. A Luciano e Grazia (inossidabile ed indispensabile moglie) non basta: l’idea era quella di far trascorrere ai disabili qualche momento felice tra i grappoli ma la vigna di Pedrinate si rivela troppo scorbutica e pericolosa. La voglia di socialità della coppia non demorde ed aderiscono alla splendida iniziativa “Energia Fattoria”: gli istituti scolastici di alcuni cantoni obbligano i propri studenti ad immergersi in un contesto naturale per alcuni giorni. In Ticino accolgono le classi di scuole medie alle vendemmie e i civilisti per i loro 26 giorni di servizio. La cantina Cavallini dispone di 3 ettari di terreno distribuiti tra Pedrinate, Vacallo, Obino e Morbio con una produzione annua di circa 15000 bottiglie. Il nostro consueto intrufolarci per etichette ci propone in prima battuta (bevuta) il Pedrinate composto in prevalenza da merlot con l’aggiunta di una piccola quantità di cabernet sauvignon che si fa un riposino di 12 mesi in grandi botti di

Lu 18 aprile - ore 19.00 Serata Giro di Vite con la cantina Cavallini Cabbio c/o ristorante Serta, Lamone Iscrizione a redazione@tinotte.ch o tel. +41 91 605 73 00 Posti limitati

rovere da ben 700 litri. Con gli stessi uvaggi in inox ci imbattiamo nell’Obino per poi gettarci nel merlot in purezza Vacallo (vigneto costruito nel 2000). Andiamo in bianco con il sauvignon in purezza e concludiamo con 2 chicche da inserire sotto la rubrica “beviamolo strano”: in rampa di lancio vi sono un “Chambourcin” in purezza ed un Arinarnoa (incrocio tra merlot e petit verdot). Quel che preme al vignaiolo dalla chioma argentata è la tipicità e soprattutto l’autenticità dei suoi vini: stiamo parlando di 4 Cru (l’ultimo arrivato è il vigneto di Morbio) relativamente vicini ma con espressioni diverse l’uno dall’altro. Le sue etichette riassumono al meglio il tutto: la parte superiore ci regala un irregolare colpo di pennello (di colore diverso per ogni vino) e la parte inferiore ci propone una grafica di estrema precisione: da una parte istinto e flessibilità e dall’altra lavoro certosino ed ossessiva professionalità. Ed infine, ricevuta una “Grazia” infinita il Cavallin lucente (questo significa Luciano) può galoppare a briglie sciolte in sella ai suoi filari, forgiandosi, del doppio marchio denominato “Viticoltura eroica”: il primo, ufficiale, dalla Cervim (Organismo internazionale dei Vini di montagna) ed il secondo, di gran lunga più prestigioso, di carattere sentimentale, assegnato direttamente dai cuori e dalle menti di tutte le persone transitate ed in parte risorte su questi pendii. Concludo, sostenendo che a Cavallin Donato non guarderemo in bocca ma saranno piuttosto i nostri palati a sbirciare bramosi tra le sue vigne, nell’ attesa, di essere piacevolmente disarcionati dall’autenticità di un Cavallin di razza. Cantina Cavallini, CH-6838 CABBIO Tel. +41 91 684 15 79 Cell. +41 79 444 46 07 / Cell. +41 79 951 84 87 cantinacavallini@gmail.com www.fb.com/lacantinacavallini

DOMANDA:

nate” 2009 Quante bottiglie di “Pedri sono state prodotte? 4000 900 450

Tra coloro che indovineranno la risposta verrà sorteggiata una cena al Grotto Serta per 2 persone à la carte accompagnata da una bottiglia di “Pedrinate” La risposta va inoltrata entro il 18 aprile 2016 (vale timbro postale) Solo per gli abbonati in palio una bottiglia di “Pedrinate” La risposta andrà inviata via SMS al 880 o all’indirizzo mail info@tinotte.ch

31


32

gastronomia

Cyrano:

un locale per chi ha naso! A cura di David Camponovo Al Cyrano si può ammirare la mostra sulle opere di Federico Berchtold (1933-2014). Quadri messi a disposizione dalla Galleria Tocchetti Qualche piatto? Trippa, brasato, ossobuchi, pancetta di maiale al forno, polenta, senza dimenticare la pasta fresca fatta in casa tutti giorni.

Un’attenzione particolare viene riservata ai vegetariani e alle persone con intolleranze alimentari e/o sensibili: cibi senza glutine su prenotazione.

Pesce? Pesci in porzione intera, come ad esempio orata, rana pescatrice,branzino...

A partire dal mese di aprile, tempo permettendo, a disposizione ampia terrazza, discreta, intima e con un elegante impronta mediterranea. Aperitivi e vasta scelta di vino soprattutto ticinesi.

Ampia la gamma di oli di oliva.

Riapre i battenti a Lugano lo storico e rinomato locale Ristorante Cyrano, grazie a Luca Anastasio e René Nagy (vedi foto sopra). Entrambi attori gastronomici, sono conosciuti nella regione grazie alla loro pluriennale esperienza. Il connubio tra chi gestirà la sala e chi guiderà la cucina permetterà di esprimere un concetto chiaro e ordinato. Il Cyrano è stato ristrutturato in modo molto caldo e accogliente, e regala un tocco famigliare. Ci si rifà al concetto di osteria, ossia, offrire piatti di qualità a prezzi onesti. È aperto la mattina dalle 10.00 e vi ospiterà fino alle 23.45 mentre la cucina è al vostro servizio dalle 11.30 alle 14.30 e dalle 18.00 alle 22.30. Domenica giorno di riposo. La carta menù di mezzogiorno cambierà quotidianamente e si tratta di carta business lunch con diversi piatti del giorno. Per la sera invece la carta verrà cambiata tutte le settimane. Saranno rivisitate ricette popolari che oggi non si trovano piú, tutte a base di prodotti di stagione. Si tratta, quindi, di cucina povera rivisitata in chiave moderna.

Osteria Cyrano Corso Enrico Pestalozzi 27 CH-6900 Lugano Tel. +41 91 225 44 44 osteria.cyrano@outlook.it


tinotte.ch

33


34

gastronomia


gastronomia

tinotte.ch

Intervista a... Luca Signorini

Chef del Ristorante Diamante a Castione a cura di David Camponovo punto da voler dedicare la mia vita al mondo culinario, fatto di profumi e sapori.

Il ristorante Diamante piazzato ad una manciata di km dall’uscita dell’autostrada di Castione è situato nella nuova struttura (all’avanguardia) centro CAST (di Artisia) al pian terreno. È arredato con gusto con due zone ben distinte. All’entrata una zona bar, dove la sera è possibile prendere un ricco aperitivo dalle 17.00. Il secondo spazio è ideale per pranzo o cena. Ticino by Night&Day, introdotto da Andrea Pascaretta Deus ex machina del locale assieme al padre, ci ha presentato l’artista dei fornelli Luca Signorini durante il recente evento Il Ticino, i giovani e la musica del 3 febbraio, presso la struttura Eventica (centro CAST al terzo piano). Luca, per anni, ha lavorato in Italia. Negli scorsi mesi ha abbracciato la sfida di spostarsi a Castione, dove sta trasportando la sua importante esperienza. Prima di sentire lo chef annotiamo, che la brigata cucina in uno spazio aperto visibile ai commensali... da ove traspare subito un grande ordine e pulizia. Luca dacci un accenno da dove è nata la Tua passione per la cucina? Avvicinato al mondo della ristorazione grazie alla famiglia (gli zii avevano un ristorante) e mi sono appassionato a tal

Parlaci, nel bene e nel male, del Tuo lavoro Il lavoro di chef non è semplice, ma richiede tanta passione e attenzione al dettaglio. Mi piace, se c’è tempo a disposizione, girare tra i tavoli del ristorante, in mezzo alla gente, per vedere se i miei piatti sono graditi, cosa piace e cosa, invece, non ha soddisfatto i palati della clientela. Ovviamente non è sempre possibile farlo. Mi dà grande soddisfazione colloquiare con la clientela.

ti, di sera, è possibile servirsi al buffet al prezzo di CHF 33.90.

A marzo inizieremo a proporre il giro pasta con ben 12 tipi di pasta e altrettanti tipi di sugo (tutti diversi!) a CHF 24.90 (p.p.). Una curiosità, chi cucina a casa Signorini? In casa la famiglia difficilmente mi lascia cucinare, perché sanno quanto mi impegno sul lavoro e vogliono che a casa mi rilassi. Ogni tanto però eseguo dei piatti speciali apposta per loro.

Che tipo di cucina presenti ai tuoi clienti? Una cucina italiana tradizionale. A mezzogiorno proponiamo tre menù del giorno: menù di carne, di pesce o vegetariano. Qual è l’ingrediente che non manca mai nella Tua cucina? Prima di tutto devo dire che amo molto cucinare con prodotti stagionali. Insieme alla direzione curo con grande passione gli acquisti. Poi posso dire che nella mia cucina non manca mai il basilico! Con il mese di marzo il ristorante proporrà delle novità. Di cosa si tratta… Mi piace ricordare che oltre ai vari piat-

Il ristorante Diamante si rivolge inoltre, ad una clientela aziendale, colazioni di lavoro e coffee break, unitamente a cene di gala, matrimoni, feste e anniversari. Offre versatilità unitamente alla professionalità dei loro collaboratori, che giornalmente preparano freschi menu. Nella sala eventica.ch si allestiscono suggestive creazioni, con flessibilità e riservatezza, dove si regala agli ospiti, una elegante serata approfittando di ampi spazi.

Via San Gottardo 18a CH-6532 Arbendo-Castione Tel. +41 91 829 04 04 http://ristobardiamante.ch Servizio Ristorante Servizio Catering Servizio Bar Un momento conviviale del Team Ticino by Night&Day, con oratori della serata “Musica, Ticino e giovani”, e alcuni sostenitori.

35


36

facebook.com/digiovanna.ch

www.digiovanna.ch CH - 6573 Magadino Via al Forte 7 (+41) 76 39 00 976 mail@digiovanna.ch

CAMERIERI +FRIZZANTI

, er SMS Vota p ero o il num inviand ua /della t del tuo 880 o(a) al preferit SMS) 80.- x . 0 F H (C

6 Round + Frizzante 2015 Ricordiamo i nostri due concorsi.

1) Premio principale +Frizzante voti conteggiati tramite sms, e-mail e tagliando

Cari Amici del giornale siamo giunti all’ultima tappa prima di conoscere il 16esimo Cameriere +Frizzante. Ma andiamo per ordine. Tra i 6 candidati del Ticino by Night and Day n. 92 ha vinto (generando un grande entusiasmo in zona) MALCOLM del Bar Croce Federale a Solduno che ha preceduto l’altra locarnese FRANCESCA del Pub Area 51 pure di Solduno. Sul podio virtuale dello scorso numero anche la simpatica Greta Osteria Gipeto a Tesserete.

1

ADRA

Bar Kiwi - Muzzano

2

ClaudiaLugano Tappa Fissa -

Giusy

3

Bar Genzana - Lugano

Parlando sempre nell’ultimo numero, seguono in rigoroso ordine alfabetico: ANNA del Caffè degli Artisti a Bellinzona, la sempre sorridente CARMEN della Birreria City a Lugano e FRANCA del Bar Biasca da Franca a Biasca. La tornata ha rimescolato le carte della classifica generale con il duo di Solduno, appunto: MALCOM e FRANCESCA, che passano chiaramente la testa della classifica generale. La frizzantissima LARISSA dello Snack bar Venezia a Cassarate (per molti numeri al comando) deve quindi abdicare la leadership restando - prima dell’assalto degli ultimi 6 aspiranti FRIZZANTI 2015-16 - sul podio con il momentaneo bronzo. Grazie a tutti per la partecipazione al concorso, sia ai protagonisti sia agli avventori dei ritrovi pubblici ticinesi, che da oltre 15 anni votano la loro cameriera/e preferiti! Premio tinotte.ch Ricordiamo che per i Click sul sito, da due anni, è previsto un premio finale speciale. Premio che sarà consegnato la sera della premiazione della Cameriera +Frizzante 2015!

Invitiamo a segnalarci candidati per i nuovi numeri. Telefono. +41 91 605 73 00 - info@tinotte.ch

2) Premio speciale. +Frizzante WEB Preferenze espresse sul nostro sito web. www.tinotte.ch

GIADA si impone chiaramente nella speciale classifica sul sito. E guida, al momento, la classifica CLICK (tinotte.ch/ concorsi/Frizzante).

4

Nong

Urban Cocktails - Lugano

Nome Via Luogo e data

Samanta - Lugano Bar Coyote Ugly

6

Stefania

Bar Nico - Lugano

1. Partecipano al concorso camerieri - donne e uomini che lavorano in locali della Svizzera italiana. 2. Ogni locale partecipa una sola volta, nel corso dell’anno, rappresentato da un solo candidato(a). 3. La partecipazione al concorso necessita solo di un abbonamento annuale (CHF 60.-) in cui partecipa il concorrente. 4. Ad ogni uscita bimestrale della rivista concorrono sei candidati(e). 5. La votazione per ogni concorrente è di un’edizione. 6. Vince chi, a fine anno, ha totalizzato il maggior numero di preferenze, nei seguenti sistemi di voto. a) spedendo il tagliando sottostante b) via SMS - al 880, inviando il numero preferito p.es. FRIZ1, FRIZ2... ma non solo il numero! c) via e-mail. info@tinotte.ch indicando nome e cognome 7. È esclusa ogni forma di corrispondenza sul concorso. 8. Il locale vincitore si impegna ad organizzare una festa per la vincita del/della cameriere/a +Frizzante in cui lavorava al momento della partecipazione al concorso.

tagliare e inviare a Ticino by Night, via San Gottardo 26 CH-6900 Lugano

Cameriere(a) +Frizzante. Numero scelto

5

E-mail (obbligatorio) Cognome Località Firma

CONCORSO N° 93


concorsi

tinotte.ch

Mangiar Bene! 2015: quarta e ultima tappa Vince il Grotto della Salute di Massagno a cura della Redazione

Grotto della Salute Via Madonna della Salute 10 CH-6900 Massagno Tel. +41 91 966 04 76 http://grottodellasalute.ch

Giuseppe Pezzoli si è aggiudicato la quarta e ultima tappa del concorso Mangiar Bene! svoltosi durante il 2015. Il bravo cuoco del Grotto della Salute di Massagno ha suggellato la vittoria di tappa grazie al suo risotto per buongustai arricchito da un sapiente amalgama di marsala “Vecchio Florio”, uva sultanina e foie gras d’anatra.

Il piatto vincitore della 4a tappa Risotto al “Vecchio Florio” uvetta sultanina e scaloppa di foie gras

37


38

concorsi

Albo d’oro Bruno Schorta del Ristorante Santana di Roveredo entra nell’albo d’oro del concorso assieme a...

2011 chef Peter Raith Antico Grotto Ticino, Mendrisio

2013 chef “Mamo” Quadranti Grotto San Martino Mendrisio

2012 chef Andrea Poggi Osteria Ul Furmighin, Sagno

2014 chef Ivan Bozic Ristorante Cortivallo Sorengo


tinotte.ch

Il “Santana” di Rorè vince la Va edizione del concorso Mangiar Bene! a cura della Redazione Bruno Schorta, chef del Ristorante Santana di Roveredo (GR), è il vincitore assoluto dell’edizione 2015 del concorso Mangiar Bene! È la prima volta che al termine dell’entusiasmante concorso gastronomico indetto da Ticino by Night&Day la vittoria approda nel canton Grigioni. Il ristorante Santana è aperto tutto l’anno 10.00-14.30 e 17.30-24.00, chiuso martedì sera, mercoledì e sabato mezzogiorno.

Il piatto vincitore della 3a tappa Rösti del cacciatore: sminuzzato di filetto di cervo e funghi porcini adagiato su un letto di Rösti

La cerimonia di premiazione del vincitore del concorso Mangiar Bene 2015 si terrà lunedì 25 aprile 2016 (attenzione posti limitati). Il piatto forte della serata, che inizierà con l’aperitivo alle 19.00, sarà ovviamente il piatto vincente accompagnato da vini di assoluta qualità. Ristorante Santana Strada de San Fedee CH-6535 Roveredo (GR) Tel. +41 91 827 32 58 www.hotel-santana.ch

39


concorsi

40

L’edizione 2016-17 del concorso “Mangiar bene!”, aperto a tutti i ristoratori della Svizzera italiana, continua.

VUOI FAR CONOSCERE ANCOR DI PIÙ IL TUO RISTORANTE? VUOI DARE UN VALORE AGGIUNTO ALLA TUA ABILITÀ CULINARIA? Approfittane e iscriviti alla VI edizione del concorso “Mangiar bene!”,utilizzando la cedola qui sotto.

VI edizione a

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

mi iscrivo

2016-17

since 1999

www.siquri.com

by Night&Day

chiedo informazioni

Nome Ristorante: Indirizzo Ristorante:

Nome Chef: Cognome Chef:

CAP / Località:

Telefono/Cel: E-Mail:

Compilare il tagliando ed inviarlo a: Ticino by Night & Day, Via S. Gottardo 26, CH-6900 Lugano 8. 9.

REGOLAMENTO CONCORSO “MANGIAR BENE!” 2016

2. 3. 4. 5. 6. 7.

Partecipano al concorso i ristoranti della Svizzera italiana che sottoscrivono il contratto proposto da A.R.T. Promotion Sagl/TbyN&D. L’organizzatore si riserva il diritto di invitare anche ristoranti della Regione Insubrica. Ogni ristorante puo’ essere rappresentato da un solo cuoco, una sola volta per la durata dell’intero concorso. Il piatto unico proposto, carne e contorni a libera scelta del ristorante partecipante, prezzo da CHF 25.- a CHF 40.- (variazione ammessa +/- 10%), deve essere evidenziato e disponibile a richiesta per tutta la durata del periodo di votazione corrispondente. Il periodo di votazione da parte del pubblico e della giuria è equivalente per ogni ristorante partecipante a due mesi circa (dal numero di TbyN&D in cui viene presentato il cuoco a quello immediatamente successivo). Sarà proclamato vincitore il cuoco il cui piatto nel periodo designato avrà totalizzato il maggior numero di preferenze.

10. 11. 12. 13. 14.

ù Vota il tuo men

VIa edizione

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

2016-17

4

02

03

04

Indica con una X il punteggio che hai dato al piatto del concorso Min

Nome:

1

2

Via:

Cognome: Località:

E-mail:(obbligatorio)

Telefono:

Compilare il tagliando ed inviarlo a: Ticino by Night & Day, Via S. Gottardo 26, CH-6900 Lugano www.tinotte.ch

by Night&Day

In palio l’estrazione di una cena per due persone e di altri premi a sorpresa al termine del concorso.

Segna con una X il ristorante visitato

01

preferito since 1999

1.

Le preferenze del pubblico potranno essere espresse solo tramite a) Cartolina di voto abbinata al concorso; b)cedola di voto riportata da TbyN&D. Cartoline e cedole dovranno essere spedite per posta (p.f. affrancare correttamente) a TbyN&D, via S. Gottardo 26, CH-6900 Lugano oppure depositate nell’apposito contenitore ubicato nel ristorante partecipante. Il giudizio della giuria sarà espresso per mezzo di un apposito formulario a punti: il punteggio totale acquisito sarà moltiplicato per un coefficiente pari a 2. A nome e per conto di A.R.T. Promotion/TbyN&D fungerà da coordinatore del concorso il sig. Sergio Cavadini. L’organizzatore potrà disporre liberamente delle foto dei cuochi e dei piatti concorrenti per tutta la durata del concorso e per eventuali iniziative correlate. L’organizzatore si riserva il diritto di procedere a eventuali cambiamenti per garantire il buon successo del concorso. È esclusa ogni forma di corrispondenza. Il presente regolamento è parte integrante del contratto sottoscritto dal ristorante.

3

4

Max

Firma CONCORSO “Mangiar bene” non è prevista nessuna corrispondenza


tinotte.ch

41

Bodio: Ristorante Silverado Nuova gestione

Nel paese vecchio di Bodio c’è un locale storico di nome Silverado che nel mese di febbraio ha riaperto i battenti grazie all’entusiasmo di uno chef ticinese. Dopo lunga esperienza Tiziano Mariotti ha infatti accettato la sfida di ridare vita ad un locale tanto caro ai leventinesi. Gentilezza e cortesia sono l’impronta di fondo del nuovo Silverado. Provare per credere partendo dal caffè della mattina, proseguendo con l’aperitivo e, a mezzogiorno, gustando i piatti di portata “à forfait” (in pratica il cliente può mangiare... quanto ne vuole!). Il Silverado offre una cucina tradizionale curata e di stagione anche di sera dove dopo un ricco aperitivo è possibile mangiare “à la carte” con una vasta scelta. Ristorante Silverado via Stefano Franscini 21, CH-6743 Bodio - Tel. +41 91 864 12 66 -

Ristorante Silverado

Locarno: Ristorante America - Caverna degli Dei di Simon Kanalga - Nuova gestione

Nuova gestione affidata a Simon Kanalga che continua con lo stesso personale e che desidera proseguire il percorso portato avanti dalla sorella Ketrin da ben 10 anni, con rinnovato entusiasmo ed energia. Nuovo lo chef Dragan Angelov (pluriennale esperienza nel locarnese). Volete provare la sua cucina? Partecipate al concorso! Il locale continuerà ad offrire una cucina tradizionale  con una Carta di base e poi una carta stagionale. Grande attenzione ai prodotti della stagionali come ad esempio in questo momento una vasta scelta di piatti con asparagi. Da segnalare la cucina “Black Rock” carne cotta su pietra vulcanica da sempre un punto di forza della casa. Il Giovedi sera, a partire da aprile, sarà dedicato ad un momento di ritrovo con un ricco aperitivo.

Ristorante America - Caverna degli Dei Piazza Grande, CH-6600 Locarno - Tel. +41 91 751 76 35 - www.hotelamerica.ch Orari: 12.00-14.30 e 17.30 - 22.00

Gentilino: Ristorante Balmelli Nuova gestione

Orari: 07.30 -14.00 e 17.00-24.00. Lunedì riposo settimanale.

La magnifica Collina d’Oro, più precisamente Gentilino, ha nuovamente il “suo” Balmelli. La riapertura del ristorante storico situato nel nucleo, sulla strada, è stata possibile grazie all’entusiasmo della coppia Lupusella Michela e Nicola, che con una gestione famigliare vogliono continuare ad animare un locale che è nel cuore della gente del posto. L’esercizio pubblico è tra l’altro dotato di parcheggi appena sotto il locale - o poco dopo in zona blu. Il Balmelli che può accogliere, al coperto, 50 persone, è pure dotato di un’ampia terrazza in grado di ospitare ulteriori 65 persone. Il curato arredamento interno è abbellito da alcuni quadri di Lifang e Hans Brun (moglie e marito). Passando alla cucina lo chef Fabrizio Uboldi predilige una cucina tradizionale rivisitata in chiave moderna. Lo chef è molto attento alla scelta delle materie prime, che seleziona con cura. In questo periodo ad esempio la carta stagionale viene arricchita da alcuni piatti a base di asparagi. Vasta la scelta di formaggi, che spaziano dal Ticino alla Valtellina. Un occhio di riguardo alla pasticceria: i dolci del Balmelli sono rigorosamente fatti in casa. Il ristorante offre inoltre un’ottima pizza grazie a Jonathan Di Gioa, che è pure aiuto chef.

Ristorante Balmelli Via St. Abbondio 31, CH-6925 Gentilino - Tel. +41 91 994 64 97


42

concorsi

e n o i z i d e VI a

Ristorante America - Caverna degli Dei

01

Piazza Grande, CH-6600 Locarno - Tel. +41 91 751 76 35 - www.hotelamerica.ch

Raks agnello in crosta Ingredienti per 1 persona

Chef Dragan AngelovÂ

280-300 gr di Raks di Agnello Mollica di pane (per la crosta) con erbette fresche: timo, rosmarino, prezzemolo, menta e basilico. Patate arrostite e profumate alle erbette Asparagi al burro Salsa provenzale (erbette miste, aglio, vino bianco, pomodorini pomme cassette) Per persona CHF 39.-

Ristorante Balmelli

02

Via St. Abbondio 31, CH-6925 Gentilino - Tel. +41 91 994 64 97

Coniglio alla Ticinese Ingredienti per 1 persona

Chef Fabrizio Uboldi

300 gr (con l’osso) 1 carota, 1 porro, 1/2 gamba di sedano 1 cipolla media, timo e rosmarino Vino bianco Delea Fondo di coniglio 1 cucchiaio di pomodoro Sale e pepe della Vallemaggia qb Per persona CHF 26.-


tinotte.ch

43

www.siquri.com

Ristorante Diamante

Via San Gottardo 18a, CH-6523 Castione - Tel. +41 91 829 04 04 - http://ristobardiamante.ch

03

Stracotto di manzo al Merlot con polenta rustica Ingredienti per 4 persone

Chef Luca Signorini

1 kg di aletta di manzo (o capel del prete) 1 cipolla media grandezza, 2 carote (circa 250 gr) 1 gambo di sedano, 1/2 porro, 1/ spicchio d’aglio, 2 foglie d’alloro, 2 chiodi di garofano, olio di semi, farina, 1 lt. di Merlot, sale e pepe. Per la polenta 1/2 lt. di acqua, 125 gr. di farina bramata oro, sale, olio oliva e burro. Per persona CHF 28.-

Ristorante Silverado

04

Via Stefano Franscini 21, CH-6743 Bodio - Tel. +41 91 864 12 66

Filetto di manzo Cordon Rouge Ingredienti per 1 persona

Chef Tiziano Mariotti

150 gr filetto di manzo (CH) 40 gr fegato d’oca 60 gr prosciutto crudo nostrano 1 fetta pane toast 1dl salsa d’arrosto 0.5 dl Madera Per persona CHF 40.-


44

gastronomia

A tavola con... Marco Borradori Servizio a cura di David Camponovo

Cari lettori, dopo Leo Leoni (musica), Alberto Polli (Sociale), Dany Stauffacher (gastronomia) stavolta, a tavola, ci siamo intrattenuti con il sindaco di Lugano Marco Borradori. Ne abbiamo approfittato per conoscere meglio una persona, che ha dedicato la vita in favore della politica ticinese. Abbiamo cercato di cogliere qualche aspetto interiore di un personaggio molto presente nella vita ticinese, ma in fondo pure molto riservato. Caro Marco nella vita ci sono dei treni, a volte bisogna prenderli a volte no. Raccontaci di tre treni fondamentali della Tua vita e anche, perché no, di una sosta che hai voluto o dovuto fare (se c’è stata). È importante avere il coraggio di prendere i treni che passano nella vita e, altrettanto fondamentale, è non sbagliare gli orari, perché anche solo un attimo di ritardo può risultare decisivo. Le scelte più importanti, spessissimo, si fanno al volo. Per me è stato così.

La più importante è stata forse quando il Nano mi ha telefonato per chiedermi se volevo candidarmi nella lista della Lega per il Consiglio Nazionale del 1991. Mi ha chiamato nel mese di giugno. Io mi sono preso una settimana di tempo…

ma lui, in pratica, ha deciso per me e ha scritto sul giornale che ero candidato. Io ero già pronto a prendere il treno e da lí è cambiata tutta la mia vita. Qualche mese prima, per contro, il Nano mi aveva chiesto se volevo entrare nella lista della Lega per il Consiglio di Stato e in quell’occasione ho preferito optare per una sosta. Ero molto tentato, ma non me la sentivo al cento per cento, non ero ancora del tutto convinto. Il secondo treno, sempre pilotato dal Nano, è stato quando nel 1995 c’era da allestire la lista per il Consiglio di Stato. Io stavo molto bene, avevo una vita che mi appagava, a Lugano in Municipio e a Berna in Consiglio Nazionale. Mi sembrava un momento in cui potevo fare esperienza, approfondire ciò che stavo svolgendo. Non avevo nessuna intenzione di candidarmi per altre cariche. Ma il Nano mi convinse a mettermi a disposizione dato che Flavio Maspoli, candidato naturale per il Consiglio di Stato, viveva una situazione piuttosto delicata, così sarei stato, secondo lui, pronto a subentrargli in caso di necessità. Io ho detto che andava bene, sapendo che avrebbe dovuto essere Maspoli il candidato numero uno. Questo è stato il secondo treno che ho preso, più per caso che per volontà. Non volevo necessariamente diventare Consigliere di Stato, ma poi le cose hanno preso una piega diversa da quella che immaginavo e io sono stato in Governo per diciotto anni. È stata un’esperienza fantastica!

Marco Borradori durante l’intervista presso il ristorante pizzeria Tango in Piazza Riforma a Lugano.

Il terzo treno che ho preso è stata la decisione più difficile, quella di scendere dal convoglio del Consiglio di Stato e tentare di diventare sindaco di Lugano. Era un rischio grandissimo perché Giudici era sindaco di Lugano da quasi trent’anni e aveva tutto un suo elettorato fedele, ma io ero convinto che quello fosse il momento giusto per tentare e l’ho detto al Nano, che all’inizio era un po’ tiepido, ma poi si convinse. In questo momento sono felice di essere a Lugano perché c’è un contatto ancora maggiore con la popolazione e con la città, è un grado di coinvolgimento decisamente superiore a quello che ho vissuto in Governo. A questo punto ne approfittiamo per chiedergli di spiegarci il suo modo di essere sindaco di Lugano. Questi tre anni di legislatura sono stati molto impegnativi ed intensi e credo che il municipio abbia lavorato bene, considerato anche che sin dall’inizio ci siamo trovati confrontati con una situazione finanziaria delicatissima. Ci siamo posti delle scadenze per risanare il bilancio e tutte le tappe intermedie stabilite le abbiamo sino ad oggi raggiunte. Questo ci lascia ben sperare di poter tornare al pareggio dei conti già nel 2018. Obiettivo vitale, perché si sa benissimo che una macchina senza benzina non può andare lontano.


tinotte.ch

Le risorse finanziarie e una situazione finanziaria sana costituiscono il carburante per un ente pubblico. Definito (e conseguito) l’obiettivo prioritario, ci siamo dedicati al dopo-aggregazioni. La fase aggregativa, avviatasi nel 2004, si è conclusa nel 2013. Ci siamo concentrarti sull’amministrazione, dando ordine alla struttura organizzativa e, appunto, amministrativa. E, ovviamente, con un occhio di particolare riguardo sugli ex comuni, ora quartieri, che andavano e vanno integrati con attenzione e sensibilità nel tessuto cittadino per farli sentire parte integrante della città. La riforma dell’amministrazione l’abbiamo praticamente conclusa. Ci saranno delle fasi ulteriori, ma il grosso è stato fatto. E’ stato, secondo me, un progetto decisivo e lungimirante che ha richiesto molto impegno da parte di tutti, collaboratori e personale compresi; alla fine, ritengo che il risultato sia molto buono e permetta alla città di lavorare con un metodo nuovo per il futuro. Abbiamo poi costituito un Ufficio quartieri ben strutturato, che funziona, interagisce in modo costante e puntuale con i quartieri, con i rappresentanti delle commissioni di quartiere e con la popolazione. Il lavoro comincia a dare i suoi frutti ma, sono sicuro, in futuro le cose andranno ancora meglio! Laddove ci sono ex comuni che hanno ancora dei problemi, sono fiducioso che questi potranno essere risolti in tempi abbastanza brevi. La legislatura che sta per finire e quella che comincerà vedranno occupata la città su alcuni grandi progetti. Poiché la situazione finanziaria negli scorsi anni si è come detto rivelata molto problematica, questi non potevano evidentemente essere affrontati subito. Alcune opere si sono potute iniziare, altre dovranno essere avviate e portate avanti a tappe, in modo tale che la popolazione veda che vi è la forte volontà di partire e raggiungere gli obiettivi prefissati. A proposito di progetti come si posiziona Lugano nell’ambito delle sport e delle sue strutture? “Lugano Città dello sport” non è un miraggio e neppure un vuoto slogan, ma è una realtà. Le strutture sportive a Lugano sono state più volte lodate e sono

strutture all’altezza. Certo, abbiamo anche dei problemi, penso allo stadio che non è più al passo con i tempi e con le norme vigenti, penso alla mancanza di un palazzetto dello sport. La soluzione a questi problemi non avverrà in tempi brevi, bisogna essere onesti, richiederà ancora qualche anno, ma c’è. Si tratta del polo sportivo e degli eventi, che verrà realizzato a Cornaredo.

Per concludere una curiosità, mai dispiaciuto di non aver praticato (a parte un breve periodo) la professione di avvocato per cui in fondo hai studiato. L’esperienza degli studi in diritto e quella dell’avvocatura, esercitata per cinque anni, mi ha insegnato molto. Mi ha preparato alla vita dandomi delle solide basi.

E più in generale come vorresti che diventasse Lugano? Lugano ha tanti privilegi, una natura, una collocazione geografica e un paesaggio bellissimi, siamo su un’importante via di transito, fra Zurigo e Milano, abbiamo un alto grado di sicurezza, è una città in cui si vive molto bene. Parecchi stranieri, anche benestanti, hanno deciso di venire a vivere a Lugano perché vi si trovano a loro agio. A me spiace solo quando esco d’inverno e vedo la città vuota. Mi mette tristezza, la vorrei viva e pulsante tutto l’anno, con tanta gente nelle strade e sulle piazze. Marco svelaci qualche caratteristica che Ti ha permesso una così brillante carriera. Sono stato molto fortunato nella mia vita, ho vissuto situazioni e svolto professioni intense e appassionannti. Credo di avere la capacità di ascoltare, di entrare in sintonia con le persone che ho di fronte. La perseveranza e la pazienza sono doti che mi riconosco. Ho capito in fretta che in politica non si può purtroppo avere tutto e subito. E poi mi piace motivare le persone a lavorare con me e in gruppo. Sono convinto che da solo non si può fare molto.

Ma, in fondo, non era quello che volevo fare veramente. La disciplina giuridica mi ha entusiasmato, soprattutto mi ha insegnato ad usare la logica. La professione, invece, non mi ha mai appassionato. La politica è giunta proprio nel momento in cui ero alla ricerca di nuovi stimuli e nuove soddisfazioni. Il Nano è arrivato al momento giusto per darmi la motivazione giusta! Come si vede, tutto il mio percorso politico è legato a lui. La metafora del treno è perfetta per ricordare come Giuliano sia stato l’elemento centrale (il macchinista, si potrebbe anche dire) della mia carriera politica.

45


46

Elezioni comunali 2016

10 aprile 2016: si vota nei Comuni Ci siamo appena lasciati alle spalle il rinnovo dei poteri cantonali (aprile 2015) e quello delle camere federali (ottobre 2015), che già si torna a votare. A tener banco, stavolta, le votazioni comunali. I Comuni costituiscono il livello più basso dell’ordinamento statale. Tutti i Cantoni sono suddivisi in Comuni politici. Oltre ai compiti assegnati loro dal proprio Cantone e dalla Confederazione, i Comuni svolgono anche compiti di propria particolare competenza. Il 10 aprile 2016 il popolo è chiamato a votare per il rinnovo dei municipi e dei consigli comunali in poco più di 100 comuni sugli attuali 135. In 17 Comuni (v. elenco a parte) il voto sarà invece differito e in un ulteriore quindicina le elezioni saranno tacite. Le fusioni e le aggregazioni in atto, che da qualche anno costituiscono veri e propri progetti istituzionali tendenti a dare miglior organizzazione e risposte concrete alle crescenti difficoltà politico-organizzative con le quali sono sempre più confrontati tutti i Comuni, sono alla base del differimento indicato. Castelli di Bellinzona © Bellinzona Turismo Golfo di Lugano © Paolo Pellegrini

Chi vota?

Elezione differite

Ricordiamo, per concludere, che ha diritto di voto in materia comunale chi

Il Consiglio di Stato ha decretato il differimento delle elezioni degli organi comunali previste per il 10 aprile 2016, nei seguenti Comuni:

- è cittadino svizzero; - ha compiuto 18 anni; - ha il domicilio nel Comune da 3 mesi. Oppure chi - è cittadino ticinese all’estero; - ha compiuto 18 anni.

Bellinzona (Bellinzona) Camorino (Bellinzona) Claro (Bellinzona) Cresciano (Riviera) Giubiasco (Bellinzona) Gnosca (Bellinzona) Gorduno (Bellinzona) Gudo (Bellinzona) Iragna (Riviera) Lodrino (Riviera) Moleno (Bellinzona) Monte Carasso (Bellinzona) Osogna (Riviera) Pianezzo (Bellinzona) Preonzo (Bellinzona) S. Antonio (Bellinzona) Sementina (Bellinzona)


tinotte.ch

Abbiamo scelto per voi alcuni rappresentanti dei centri piÚ importanti. Sono personaggi che abbiamo conosciuto, per motivi professionali e non solo, e che sappiamo molto vicini ai nostri comuni e alla nostra terra. Si sono messi a disposizione dei partiti che rappresentano con tanto entusiasmo e con la viva speranza, in caso di elezione, di operare al meglio a favore di tutta la collettività . La nostra rivista, che non manca di ricordare tutti gli appuntamenti elettorali che contano, è quindi lieta di presentarveli. Toccherà adesso agli elettori e alle elettrici fare esercizio del loro diritto/dovere, sostenendo il prossimo 10 aprile chi, da Chiasso ad Airolo, i candidati e le candidate del cuore.

47


48

Elezioni comunali 2016

Fabio Schnellmann nato a Lugano il 27 dicembre 1960. Nazionalità svizzera, attinente di Wangen (SZ). Domiciliato a Cadro. Capo Ufficio Dic. Cultura-Eventi-Sport della Città di Lugano. Corridore dilettante VC Lugano sino al 1985 Triathleta 1985-1992 (Ironman 1991 Seewen SZ) Presidente TicinoCycling - Comitato ticinese NO all’UE - Comitato amici Lago Ceresio - Comitato Ass. Carnevale Lugano - Membro comm. controllo Scuola Sportivi d’Elites Tenero. Sposato dal 1992 con Cristina e padre di 3 figli.

A Tu per Tu con Fabio Schnellmann Come è stata la legislatura passata? In questi tre anni di legislatura si è riusciti a contenere il passivo e si può obiettivamente stimare che nel corso del 201718 sarà possibile un pareggio di bilancio. Sono quindi molto soddisfatto di quanto fatto con colleghi alacremente chinati seriamente sul problema attualmente più importante delle finanze, ma allo stesso tempo mai dimentichi di fare anche investimenti giusti. Progetti in caso di elezione? Da parte mia vorrei, in caso di elezione in municipio, continuare in questa direzione e contribuire in maniera propositiva alla realizzazione dei progetti pendenti. Effettivamente è da 30 anni che sono attivo in favore della comunità e lavoro per l’amministrazione. Posso quindi dire di conoscerne tutti i segreti. In ambito amministrativo e politico di certo non mi manca l’esperienza! Poi, siccome Lugano meriterebbe di essere vissuta in maniera più importante, cercherei di ravvivare il centro cittadino soprattutto nei momenti di bassa stagione turistica, in particolare nei periodi primaverile e autunnale. Qual è il tuo rapporto con i giovani?  Dal mio punto di vista, in generale, è importante trovare un mix tra esperienza e gioventù. Sono da sempre favorevole all’Inserimento dei giovani, ma è importante poterli “guidare” con l’esperienza e l’appoggio del veterano che ha già vissuto diverse situazioni. Concludo dicendo che i  giovani sono il nostro futuro. È un bene su cui investire.

Quali sono le tue passioni? Amo lo sport a 360 gradi con particolare riferimento alla bicicletta (ndr:, Schnellmann è presidente di Ticino cycling), al nuoto e allo sci di fondo. Proprio per questo in caso di elezione in Municipio mi piacerebbe il dicastero Cultura, eventi e sport, gestito in questo momento da Giovanna Masoni Brenni. A Lugano, inoltre, serve la realizzazione di un vero e proprio palazzetto dello sport (per il basket e altri sport) ma anche importanti adeguamenti ad altre strutture già esistenti quali stadio del calcio e magari una terza struttura di ghiaccio per far fronte alle innumerevoli richieste.


tinotte.ch

49


50

Elezioni comunali 2016

Castione nuova meta turistica? Claudio Menghetti è conosciuto nella regione come gestore di lunga data del Meridiano. È nato e cresciuto a Castione e da sempre segue con interesse le vicissitudini del suo amato paese. Da alcuni anni è impegnato a difenderne l’abitabilità e la vivibilità. La regione è stata invasa da supermercati che hanno portato un traffico eccessivo e molesto. Claudio si batte per salvaguardare la parte ovest del paese, cercando di proteggerla dal

rischio che diventi una fotocopia del resto della zona. L’idea è quella di rivalutare i fiumi Ticino e Moesa permettendo che i cittadini usufruiscano degli spazi verdi che li fiancheggiano. In questo ambito l’indirizzo proposto da Geo Rathey (urbanista dotato di un curriculum qualificato) è quello di formare un lago dove gli argini incolti permettano di raggiungere le rive dei fiumi, con la conseguente idea di creare una zona turistica balneabile da Arbedo fino a Claro.

Tra la passerella di Galbisio e quella di Claro verrebbe inoltre realizzata una diga pneumatica da sfruttare per produrre elettricità. Così facendo - oltre a servire corrente verde al paese - verrebbe creato un indotto atto a recuperare l’investimento. Inoltre l’indotto turistico permetterebbe alla zona di creare nuovi posti di lavoro per cui Castione potrebbe diventare un nuovo polo turistico con la creazione di una vera e propria “maison” del turismo.


sport

tinotte.ch

Un dito che fa la differenza! Sia sul ghiaccio che sugli spalti A cura della Redazione - foto D.C. Cari lettori, una partita di hockey cos`è? Cinque giocatori in movimento per parte, che rincorrono un puck e due giocatori super imbottiti che cercano di difendere una gabbia? No, come tutti gli sport che si rispettino è molto di più. Sono emozioni allo stato puro che si mischiano con strategie. Sia sul campo, sia sugli spalti. Gara 2 di playoff, probabilmente la gara decisiva che ha permesso di proiettare il Lugano verso le semifinali a discapito dei torelli dello Zugo mi hanno permesso - nel convulso delle tantissime emozioni - di fare due annotazioni. Sul campo quattro magnifiche linee ognuna a rispettare le direttive tattiche del coach.

Per Kienzle, un dito rotto da goal decisivo Prima annotazione: il giovane Kienzle, un bravo difensore, non sempre sotto i riflettori, ha dato prova di grande carattere! Dapprima si infortuna, sacrificandosi interponendo il suo corpo sulla traiettoria della gabbia difesa da Elvis Merzlikins facendo da scudo con il proprio corpo.

Come fosse un bersaglio mobile riceve il “proiettile”. Tornato in panchina, a pochi passi da chi vi scrive, soffre come un leone colpito da un bracconiere. Salta un paio di cambi, viene assistito dall’ottimo staff medico del Lugano, ma poi si rialza… ha fame di ghiaccio! Entra… e procura a vantaggio della sua squadra un rigore! Nonostante la sua mano sia rientrata nel guantone in maniera miracolosa lui decide, in quei pochi secondi, dove a vincere è l’adrenalina più che un ragionamento ponderato, di presentarsi a centro pista e sofferente, ma con gli occhi determinati di lanciarsi nella sfida contro il bravo Tobias Stephan. Lui che non è certo uno scorer prende la ricorsa e con eleganza… infila il decisivo 4-2. Per una volta gli onori sono tutti per lui. Il sciaffusano, che parla italiano, alla fine della partita riceverà il responso medico: Lorenz si è fratturato il dito di una mano. E dovrà guardare dalla tribuna le altre sfide contro lo Zugo. Com’è possibile? Il carattere, la passione e la determinazione fanno ancora, per fortuna, la differenza. E Kienzle ha dimostrato un amore per la sua squadra degno di nota. Seconda annotazione, poco sopra la panchina del Lugano, si distingue tra i tifosi il presidente del FCL Angelo Renzetti. Lui, come alle partite di pallone, soffre si agita e con il cuore tifa: Forza Lugano! Dopo la recente sinergia nella vendita di biglietti tra FCL e HCL dopo la pausa natalizia vede propiziarsi un secondo positivo indizio, oltre all’aggregazione della Grande Lugano, ecco sopraggiungere una positiva interazione tra il Calcio e il disco su ghiaccio a tutto vantaggio

del tifoso del Lugano che a seconda delle differenze, in fondo, ama entrambe… senza dimenticare la pallacanestro, la pallavolo e la pallanuoto.

Renzetti: dito in su... segno premonitore di vittoria

FC Chiasso (www.fcchiasso.ch) do 03.04 - ore 15.00 FC Schaffhausen - FC Chiasso do 10.04 - ore 15.00 FC Chiasso - FC Lausanne sa 16.04 FC Chiasso - Neuchâtel Xamax me 20.04 FC Wil - FC Chiasso sa 23.04 FC Chiasso - FC Schaffhausen sa 30.04 FC Lausanne - FC Chiasso sa 07.05 FC Chiasso - FC Bienne ve 13.05 FC Wohlen - FC Chiasso

51


sport

52

Il fascino della Coppa Servizio a cura di Eugenio Jelmini - foto Claudia Campana

Forse solo nel tennis e nel calcio la Coppa è così importante. C’è la Davis e nel pallone la Coppa del Mondo e poi i tornei ad eliminazione diretta nazionali. Unica occasione nella quale Davide può battere Golia. In Svizzera la Coppa è da sempre molto sentita. Già i turni preliminari radunano attorno ai campi di periferia centinaia di persone ansiose di vedere all’opera, una volta magari nella vita, squadre blasonate e campioni rinomati.

il Lugano segna due reti con Andrioli e Subiat. Nella ripresa, Elmer per le cavallette, ancora Subiat e Fornera fissano il risultato finale sul 4-1 per la squadra ticinese. Che era scesa in campo con Walker, Morf, Galvao, Käslin, Tami; Sylvestre, Colombo, Esposito (86’ Fornara), Andrioli, Zuffi (79’ Jensen), Subiat.

Il Lugano ha vinto in tre occasioni l’ambito trofeo. Nel 1931, nel 1968 e nel ’93. Il ricordo di quest’ultima vittoria è ancora fresco nella memoria dei tifosi. Era il 31 maggio e le finali si disputavano ancora al Wankdorf di Berna. I bianconeri di Karl Engel avevano di fronte il Grasshopper (vincitore di 17 Coppe). Ventunmila gli spettatori presenti. Già nel primo tempo

Coppa Svizzera: il Lugano finalista Dopo ben 23 anni di attesa il Lugano disputerà la finale della Coppa svizzera 2015-16! L’ambito traguardo è stato raggiunto lo scorso 2 marzo, fuori casa, in occasione della semifinale giocata a Lucerna contro la squadra locale. I luganesi guidati dal tecnico boemo Zeman e, riportati in LNA giusto qualche mese

Ultime notizie...

fa grazie all’amore smisurato... e la testardaggine del presidente Renzetti, hanno così fatto dimenticare qualche amarezza di troppo legata a un campionato decisamente impegnativo e sul campo sono pure riusciti ad esorcizzare qualche... momentanea scivolata come ad esempio il rigore che ha portato al provvisorio pareggio dei lucernesi o l’espulsione (ingenua) di Djuric, grazie a un’ottima prestazione collettiva ad un grande cuore e alla straordinaria doppietta dell’ellenico Donis. La squadra del Ceresio dovrà ora vedersela contro lo Zurigo, l’altro finalista vittorioso sul detentore Sion (scaramanzie a parte meglio affrontare i Tigurini piuttosto che i valessani sempre vincitori in finale di Coppa!) il prossimo 29 maggio al Letzigrund di Zurigo.

www.fclugano.com L’esultanza dei giocatori bianconeri dopo la sudata vittoria contro il Köniz nei quarti di finale.

FC Lugano

www.fclugano.com

do

20.03 13.45

Grasshopper

FC Lugano

do 24.04

FC Sion

FC Lugano

do

03.04 13.45

FC Lugano

FC Sion

do 01.05

FC Lugano

FC Lucerna

sa

09.04 17.45

Young Boys

FC Lugano

sa

FC Lugano

Grasshopper

sa

16.04

FC Lugano

FC Thun

gio 12.05

FC Zurigo

FC Lugano

ma 19.04

FC Basilea

FC Lugano

www.fclugano.com

07.05


tinotte.ch

Evento Ticino by Night and Day Domenica 29.5 FINALE di Coppa Svizzera 2015-16

FC Zurigo-FC Lugano Al Letzigrund di Zurigo

Un evento da non perdere per tutto il Ticino sportivo! Ticino by Night & Day, da sempre vicino FC LUGANO e allo sport ticinese organizza un bus per vivere in prima persona con i propri lettori un momento storico: la 91esima finale di Coppa Svizzera! Per chi ha già vissuto le emozioni delle ultime due finali, 1992 quella persa e 1993 il trionfo contro la potenza Grasshopers per chi non ha ancora vissuto questa esperienza contattaci per avere maggiori informazioni

3 coppe svizzere

  1931          1968           1993

2016

© foto www.agendalugano.ch

Programma: partenza ore 10.15 da Cornaredo fermata a Castione 11:30 Hotel des Alpes, Airolo Lunch con prodotti tipici ticinesi Piacevoli sorprese durante viaggio, ambiente gioioso. Prenotazione pacchetto possibile entro Mercoledì 30 marzo 2016 Per info: redazione@tinotte.ch oppure Tel. +41 91 605 73 00

53


54

sport

Lugano 1986 trent’anni dopo il primo titolo.

... e se fosse davvero titolo 10 anni dopo? A cura di Doriano Baserga - foto D.C. - Klasen © HCLugano

LUGANO 1 marzo 1986 ero a Davos in qualità di radiocronista per Radio International, prima radio privata a trasmettere in Ticino da Campione d’Italia. In quegli anni la radio ufficiale del HC Lugano dove trasmettavamo tutte le partite sia in casa che in trasferta. Al fischio finale, incredulo come tanti tifosi bianconeri gridai al microfono; Lugano Campione svizzero per la prima volta. Un film che rivedo sempre nei miei ricordi, tra i più

belli e quella fu la radiocronaca più importante della mia carriera. Negli anni successivi commentai ancora altri titoli 1987, 1988 e tutti gli altri fino al settimo titolo del 2006. Con in panchina Ivano Zanatta. Un titolo inaspettato perché il Lugano in quell’anno sotto la guida di Larry Huras non giocò un grande campionato. Poi l’avvicendamento con Kreiss-Zanatta e quest’ultimo che prese le redini del comando conoscendo l’ambiente, costruì un gruppo in pochi giorni consolidandolo e portandolo fino al titolo. Sono passati 30 anni dal 1986, 10 dal 2006 e ora nel 2016 a 75 anni dalla nascita, il Lugano targato Shedden ci riprova. Anche in questa stagione la squadra è stata altalenante con l’esonero del buon Fischer. Shedden ci ha impiegato un po’ a trovare la formazione migliore ma ora che sono iniziati i play-off sembra aver chiuso il cerchio.

La squadra è compatta, tutti giocano per la maglia che indossano. Nello spogliatoio si respira un clima incredibile e la fiducia è tanta. In squadra ci sono dei punti fissi che sembrano delle certezze: Il primo è Elvis Merzliskins che sta davvero giocando ad altissimi livelli e se consideriamo che ha solo vent’anni possiamo tranquillamente affermare che siamo davanti ad un vero campione del futuro.

Infonde sicurezza a tutta la squadra e lavora come un veterano sul ghiaccio.


tinotte.ch

Linus Klasen è la stella che illumina il gioco del Lugano, è quel giocatore che da solo può fare la differenza e che vale il prezzo del biglietto. Il Maradona dell’hockey europeo. Credo che molti invidino Klasen al Lugano. Poi il nuovo arrivato Maxim Lapierre che ha dato equilibrio e che porta la forza e non le-

HC Lugano www.hclugano.ch Inizio play-off, sabato 03.03 Date semifinale gio 17.03- sa 19.03 - ma 22.03 - gio 24.03 eventuali sa 26.03 - lu 28.03 - gio 31.03 HC Davos -

SC Berna

E

HC Ginevra -

HC Lugano F

Date finale sa 02.04 (data indicativa inizio serie) Vincitore E* - Vincitore F* * la posizione dipende dalla classifica nella Regular Season

sina di subire o dare colpi facendo capire che anche il Lugano ora gioca con il fisico. Questi i punti fermi della squadra con tutti gli altri a giocare per il collettivo e con tre irriducibili lottatori come Walker-Sannitz Reuille, elementi fondamentali per questo Lugano. Ecco perché è lecito sognare il titolo a trent’anni dal primo, a dieci dall’ultimo. Lugano credici. Con la vittoria del Ginevra alla Vernets contro il Friborgo, gli uomini di Mc Sorley hanno conquistato il diritto di affrontare il Lugano nella semifi-

nale dei playoff 2015/2016. L’altra sfida metterà di fronte Davos e Berna. L’AMBRÌ dal canto suo ha trovato la salvezza già alla terza partita. Peccato aver gettato alle ortiche la qualifica ai play-off. Era alla portata dei leventinesi, perché la squadra è comunque forte e attrezzata. Manca ancora la mentalità vincente e la cosapevolezza di poter raggiungere qualsiasi traguardo senza accontentarsi di fare solo il compitino. Ivano Zanatta questo lo sa e sta cercando di infondere una mentalità diversa, quella che dovrebbe portarla al salto di qualità, speriamo già dal prossimo campionato.

Info L’orario d’inizio delle gare (19.45 oppure 20.15) sarà deciso man mano a dipendenza della trasmissione live delle partite sui canali della SSR. L’ev. partita di lunedì 28.03 (lunedì di Pasqua) si giocherà alle ore 16.30.

Palmarès 2014-15 2013-14 2012-13 2011-12 2010-11 2009-10 2008-09 2007-08 2006-07 2005-06 2004-05 2003-04 2002-03 2001-02 2000-01

Davos ZSC Lions Berna ZSC Lions Davos Berna Davos ZSC Lions Davos HC Lugano Davos Berna HC Lugano Davos ZSC Lions

AGENDA HOCKEY

Punto cardine della difesa è Furrer, giocatore incredibile con un cuore grandissimo e una classe immensa. Gioca da straniero pur essendo svizzero DOC.

55


56

sport

X Open Internazionale di Lugano

Dal 25 al 28 marzo, presso l’albergo Pestalozzi A cura della Redazione Si prospetta, dal 25 al 28 marzo, un’edizione giubilare dell’Open Internazionale Scacchistico di Lugano di tutto rispetto. A sottolineare i primi 10 anni di vita dell’Open, rinato grazie all’intraprendenza di David Camponovo e collaboratori, saranno infatti ben sette gran maestri. Inoltre, tra tutti i migliori, anche la presenza dei vincitori delle ultime tre edizioni dell’Open: il bulgaro Boris Chatlbashev (2015), l’italiano Luca Moroni (2014) e l’ucraino Andrei Maksimenko (2013). Ma non solo: della partita saranno pure il francese Vladimir Okhotnik, campione mondiale 2011 e 2015 tra gli over 60, e Mihajlo Stojanovic, che l’Open l’ha

vinto per due anni di fila, nel 2010 e nel 2011. Naturalmente non mancheranno tutti i migliori ticinesi, tra cui l’attuale numero 1 FM Aurelio Colmenares. Il ticinese si esibirà anche quest’anno, al termine del torneo, in una partita dimostrativa alla cieca (Challenge Goldhammer), specialità che lo ha visto primeggiare per quattro anni consecutivi a partire dal 2012. Se il lotto dei partecipanti previsti sarà di elevato livello, non da meno si prospettano le svariate attività di contorno che caratterizzeranno l’intero Festival: meritano una citazione particolare la doppia simultanea di giovedì 24 marzo (VIP contro Chatalbashev e U16 contro il giovanissimo Mitev), il 2. Torneo per risolu-

tori di problemi e la già citata Challenge Golhammer, nonché la serata di gala. Info e iscrizioni: D. Camponovo +41 76 328 60 90 oppure www.scaccomatto.ch

Da sinistra: l’organizzatore David Camponovo, arbitro Giovanni Laube, Luca Moroni, il GM Boris Chatalbashev, GM Vladimir Okhotnik e Sergio Cavadini arbitro internazionale - IX Open 2015

GRAND PRIX U16 2. Tappa - domenica 20 marzo II Festival scacchistico Juniores EspoTicino, Bellinzona 3. Tappa - sabato 30 aprile III Festival scacchistico Juniores Centro Breggia, Balerna 4. Tappa - domenica 9 ottobre III Festival scacchistico del Fumetto Palazzo dei Congressi, Lugano

LEggi che ti passa Teoria delle ombre di Paolo Maurensig Adelphi Edizioni

a cura di Sergio Cavadini

Settant’anni fa, per l’esattezza il 24 marzo 1946, il non ancora cinquantaquattrenne quarto campione del mondo di scacchi Alexandre Alekhine fu ritrovato morto presso l’Hotel do Parque, a Estoril (Lisbona). In merito alla sua morte furono subito tante le congetture che si fecero, in un momento storico post-bellico dedicato non solo alla ricostruzione dell’Europa ma anche alla punitiva ricerca di chi, nella furia nazista, l’aveva ridotta in macerie. Sugli ultimi giorni di vita di Alekhine, che non fu solo tra i più grandi scacchisti di ogni tempo ma anche controverso protagonista dei tempi in cui visse, ha “indagato” Paolo Maurensig, l’acclamato autore del ”La variante di Lüneburg”, cercando di trovare una possibile “verità” in un “romanzo” decisamente accattivante.

In collaborazione con

Cartolibro A-Z s.a.

Negozio e uffici propri Libri per ragazzi Enciclopedie Saggistica Via Vela 6 CH-6830 Chiasso Tel. +41 91 682 83 29 Fax +41 91 682 49 88 cartolibro@azeta.ch


comunicare

tinotte.ch

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma Soprattutto nel campo comunicativo Servizio a cura Pier Paolo Pedrini

“Citarsi addosso” è il titolo di un testo tanto umoristico quanto arguto e surreale di Woody Allen scritto nel 1978. Mi è venuto in mente quando cercavo una giustificazione per il contenuto del mio articolo. Infatti, secondo le regole del bon ton non si dovrebbe mai scrivere in prima persona di una propria opera. Solitamente gli scrittori seguono il principio della reciprocità per cui l’autore A pubblica una recensione del libro di B su una testata giornalistica, e in forma di ringraziamento (e sdebitamento) B scrive un elogio di quello di A su di un’altra testata. Mi scuso sin d’ora con il lettore, ma preferisco fare da solo, ispirato da Woody Allen. In questi giorni potete trovare in libreria il mio libro “I manifesti nella Grande Guerra”, edito da Carocci (Roma). Nel centenario della prima guerra mondiale ho guardato più di 2500 manifesti che i propagandisti di allora avevano creato per convincere i volontari a partire per il fronte, mentre chi rimaneva a casa veniva persuaso a donare soldi per sostenere l’impegno bellico e per lavorare nella produzione di armi. E quello che ho trovato mi ha sorpreso per diversi aspetti inducendomi a scriverne un libro.

Con la ragione e l’emozione i propagandisti di allora hanno manipolato i cittadini orientandone il pensiero e l’azione secondo la volontà del potere e pertanto possiamo ritenere che essi sono i precursori degli spin doctors e dei professionisti del marketing e della pubblicità moderni. In altre parole i loro manifesti sono costruiti con tecniche il cui valore è confermato dai professionisti della comunicazione contemporanea che le hanno riprese (e talvolta adattate e rese meno ingenue) per vendere prodotti e idee politiche (come ha fatto anche l’Isis). I manifesti attirano l’attenzione con immagini di bambini e di belle donne (che già allora servivano per eccitare il desiderio maschile e per stabilire un’associazione positiva tra l’arruolamento e la disponibilità sessuale. Inoltre, mostrare delle belle ragazze disposte ad arruolarsi era un modo per colpire l’orgoglio degli uomini che non consideravano quest’idea), coinvolgono il lettore alimentando i suoi bisogni interiori di benessere e di prestigio sociale, motivano mostrando l’esempio di personaggi autorevoli, o testimonial, e di altri commilitoni che si trovano in situazioni di divertimento e di avventura, ispirando un modo di pensare alla guerra e al nemico che crei, acuisca e incanali il suo odio. Inutile sottolineare che le tecniche propriamente persuasive sono del tutto identiche a quelle di oggi. Anche il linguaggio di questa strategia ci ha molto stupito, soprattutto nel diffuso utilizzo dello humour, della satira e

dello storytelling (anche qui!) come pure nell’attenzione conferita al linguaggio dei gesti, di cui viene riconosciuta l’importanza per la persuasività e completezza del messaggio. Già allora si sapeva che l’immagine potenzia la parola e che forte è la loro complementarità. I propagandisti usano le scoperte della psicologia e le applicano alla comunicazione, ma in non pochi casi le loro strategie non erano ancora state teorizzate. Erano dei persuasori occulti che conoscevano le caratteristiche della mente umana? Non lo sappiamo con certezza, ma i loro manifesti hanno un’intima e coerente motivazione che il libro intende dimostrare.

57


58

fotografia

A tu per tu con... Pablo Gianinazzi Fotografia per passione a cura di David Camponovo

“Amo osservare con discrezione il “dietro le quinte”, scrutare i vari contrasti della verità e portare l’emozione attraverso l’immagine”.

Italiana. Si compone di sette fotografi e tratta tematiche che spaziano dalla cronaca allo sport, fino ad approfondimenti tematici. Uno spazio è pure dedicato al commerciale (food, moda, siti, eventi, …). L’azienda spazia in tanti campi diversi. Raccontaci cosa ami fare e cosa Ti appassiona maggiormente e cosa rende così emozionante la Tua attività? Senz’altro! Grazie all’agenzia ho la possibilità di approcciarmi con diverse realtà. Le mie settimane scorrono via veloci e ricche di emozione. Mi affascina moltissimo poter continuare ad imparare cose nuove. Il giornalismo - in un certo senso - ti permette di migliorare sempre e se te ne occupi con la giusta passione alla fine ti trovi decisamente soddisfatto ed appagato.

Partiamo dal presupposto che la fotografia merita il rango di vera e propria forma d’arte. Dal giornalismo alla pubblicità, dall’industria dell’intrattenimento alla ricerca scientifica la fotografia svolge sempre un ruolo fondamentale. Fa molto piacere che un giovane ticinese abbia recentemente ottenuto degli importanti riconoscimenti. La redazione di Ticino by Night and Day ha voluto… sviluppare qualche domanda… per far luce sul pensiero del bravo fotografo ticinese Pablo Gianinazzi. Il fotoreporter, che come potete osservare dall’autobiografia, ha accumulato importanti esperienze in ambiti diversi della professione. Anche perché bisogna ammetterlo non è facile oggigiorno vivere di fotografia. Ma Pablo ha potuto compiere un viaggio nel difficile mondo della fotografia (tuttora in atto) e raggiungere dei meritati premi. Prima di tutto raccontaci qualcosa dell’importante agenzia che rappresenti. Un chiaro esempio di come quando c`è la passione e la determinazione anche in Ticino si possa fare business con profitto. La TiPress la prima agenzia di fotogiornalismo della Svizzera

Raccontaci qualcosa dello Swiss Press Photo Award e che soddisfazioni hai raccolto? Il concorso SWISS PRESS PHOTO AWARD è un concorso a livello nazionale. Ho vinto due terzi posti, per le categorie “attualità” con un’immagine singola e “vita quotidiana” con un reportage di dieci immagini. Le suore brigidine sono state premiate (come reportage di 10 immagini) con il terzo posto nella categoria “vita quotidiana”. Mentre, il profugo alla frontiera di Chiasso (vedi foto a lato), è stato premiato come singola  immagine per la terza categoria “attualità”.  Un aneddoto “emozionale “ sui tuoi lavori Effettivamente sono molto soddisfatto perché ho inviato più lavori e i due che mi stavano più a cuore sono stati premiati! In precedenza avevi già partecipato ad altri concorsi? Ho partecipato una prima volta allo stesso concorso giusto l’anno scorso. In quel caso non ho ottenuto nessun riconoscimento. Sempre nel 2015 però ho vinto il primo posto nella categoria SPORT presso il concorso regionale ATG (Associazione Ticinese Giornalisti). Sono molto soddisfatto di quanto fatto finora e spero che il mio percorso lavorativo possa continuare in questa direzione. Sento che ho ancora ampi margini di miglioramento e che grazie all’esperienza la mia creatività e professionalità possa svilupparsi ulteriormente.


tinotte.ch Facciamo una distinzione tra fotografo di cronaca e fotografo di reportage. Tre ingredienti per l’uno e per l’altra specializzazione. Per la fotografia di cronaca, il fotografo a mio modo di vedere deve poter aver in dote i seguenti requisiti: essere veloce, etico e… ogni tanto serve essere al momento giusto nel posto giusto! Il fotografo di reportage, quello che più mi si addice, deve essere curioso, sensibile e costante. In ogni caso amo tutto l’universo della fotografia. Ed infine lo stupendo pensiero di Pablo sulla sua professione, che come si evince, pratica con grande Amore e passione… la potete leggere tra le righe del sottotitolo oppure sempre con emozioni e sentimento ammirando - al di là delle questioni meramente tecniche - le emozioni che sprigionano gli scatti che potete ammirare su questa pagina a lui dedicata. Pablo Gianinazzi Fotografo TiPress - Agenzia Fotogiornalismo Stampa della Svizzera Italiana Cell. +41 79 390 21 00 pablo.gianinazzi@tipress.ch www.tipress.ch

Biografia È nato il 24.08.1983 a Morges (VD) Durante l’apprendistato come Impiegato Specializzato in Fotografia presso lo studio fotografico di Alain Intraina ha avuto l’opportunità di collaborare con il settimanale “Il Caffè” ricoprendo saltuariamente l’aspetto fotografico di una rubrica. A termine degli studi ha allestito una mostra fotografica presso il Canvetto Luganese sulle paure astratte di un giovane che si avvicina al mondo professionale “The Body”. Nel 2004 in seguito alla fusione tra il “Giornale del Popolo” ed il “Corriere del Ticino” ha iniziato a lavorare come stagista fotogiornalista” per i due quotidiani della Svizzera Italiana ed il settimanale “Extra” sino al 2006, ottenendo il tesseramento ATG -Associazione Ticinese Giornalisti- di Impressum e l’iscrizione nell’albo dei giornalisti IFJ -Federazione Internazionale dei Giornalisti-. In seguito ha lavorato come libero indipendente allontanandosi dal settore giornalistico ma continuando a collaborare indirettamente. Nel 2014 ha firmato un contratto con l’agenzia fotografica TiPress con la quale già collaborava, ed entrando attraverso essa come partner dell’agenzia Keystone di Zurigo attiva a livello internazionale tramite il circuito EPA -Europe Press Agency-.

59


60

motori

Formula 1

Swiss-Moto 2016

Testi a cura di Sergio Cavadini Impaginazione e ricerca foto Immagimedia

Formula 1: ritorna la Renault

A Zurigo: Swiss-Moto di successo

Dopo aver rilevato la Lotus la Renault torna in F1 come costruttore indipendente e con mire parecchio ambiziose anche se i primi consistenti risultati verosimilmente cominceranno a fioccare tra 2 forse 3 anni. Infatti una Mercedes sempre affamata di vittorie, una Ferrari sempre più competitiva e una Red Bull che non demorde, tanto per citare le marche che più di altre hanno fatto la storia di questi ultimi anni della F1, non staranno certo a guardare. Resta comunque il fatto che la profonda ristrutturazione sportiva intrapresa dai “galletti” transalpini, con tanto di Renault Academy riservata ai giovani talenti, sembra così …. mirata da lasciar intuire il desiderio di lasciare subito il segno!

Successo di visitatori ed espositori all’ultima edizione di Swiss-Moto che si è tenuta a Zurigo dal 18 al 21 febbraio. Sono infatti stati superati tutti i record precedenti. Con quasi 7500 visitatori e quasi 240 espositori il Salone dedicato alle due ruote si è ritagliato uno spazio di tutto rilievo nell’ ambito dei grandi saloni dedicati ai... motori. Gli appassionati sono stati confrontati con novità di mercato da capogiro e di sicuro hanno già messo in agenda la prossima edizione che si terrà, sempre a Zurigo, dal 16 al 19 febbraio 2017.

© Renault

© Georges


tinotte.ch

Velocità e dintorni: i nostri campioni La sezione Ticino dell’Automobile Club Svizzero ha premiato anche quest’anno, in gennaio, i protagonisti 2015 del mondo sportivo dei kart e dell’auto. In occasione della festa organizzata per l’occasione presso il Garage Nuova Tre Antenne a Mendrisio sono stati proclamati campioni ACS Ticino 2015: Gabrio Bizzozero e Andrea di Pietro, Campionato ticinese Kart KF3 rispettivamente KZ2 Claudio Pellegrinelli, Coppa ACS Ticino

Opel Astra,

auto dell’anno 2016

Grégorie Hotz - Pietro Ravasi, Campioni svizzeri Rally (il navigatore momò ha pure vinto il Trofeo M. Romano)

Lugano Racing, Campioni svizzeri Rally.

Diego Bernhard, Campionato ticinese Velocità: Grégoire Hotz (Piloti) Pietro Ravasi (Navigatori), Campionato ticinese Rally Marco Manetti (Piloti), Trofeo Storico Rally

Da Ginevra

I premi speciali sono stati attribuiti a Stefano Comini, Campione TCR Series (al quale è pure stato assegnato il Trofeo Loris Kessel)

Kessel Racing, Ferrari Challenge Shell Cup/ GT Sport Championship

© www.acsti.ch

61

A Ginevra tra le sette auto finaliste selezionate in precedenza, il 29 febbraio ha prevalso l’Opel Astra. La compatta tedesca ha ricevuto dai 58 giornalisti specializzati 309 punti e si è issata sul gradino più alto del podio davanti alla Volvo XC90 con 294 punti e alla Mazda MX-5 con 202. Poi, nell’ordine, si sono piazzate Audi A4 con 189 punti, Jaguar XE con 163, Skoda Superb con 147 e BMW Serie 7 con 143. Per la cronaca dallo scorso autunno la nuova Astra ha già conquistato diversi premi internazionali, tra i quali spiccano il Safety Best 2015 e il Volante d’Oro 2015.


62

benessere & fashion

Crazy colors and pastel hair dye A cura di Sara Balliana per Elisir Coiffure Lugano

Al giorno d’oggi fra le star e le top model i capelli arcobaleno fanno tendenza. Se ti piacciono i crazy colors la prima cosa da fare è affidarti alle mani esperte per decolorare la chioma, perché queste nuance danno il meglio solo su una base bianca. Per un look ideale chiedi al tuo parrucchiere di lasciare circa cinque millimetri di radici al naturale, così l’effetto sarà meno artefatto. I pastello dal rosa al lilla sono ideali se hai la pelle chiara. Se sei già abbronzata o hai la carnagione olivastra punta, invece, sulle sfumature più intense come il blu e il viola.

Nella scelta del colore, però, non dimenticare di considerare anche taglio e tipo di capelli. Se hai un caschetto o un bob puoi scatenarti con tutte le tonalità dell’arcobaleno. © http://santmagazine.com

© www.haircrazy.com

Mentre con i capelli mossi e lunghi meglio non esagerare. Punta su toni chiari da applicare solo sulle lunghezze. Anche il grigio è di tendenza tutt’ora, ma ricordatevi sempre che per tali colori è opportuno utilizzare delle cure a casa e abbiate presente che questi toni vanno ripresi regolarmente perché vanno a schiarirsi lavaggio dopo lavaggio.

www.elisircoiffure.ch


tinotte.ch

63


TbyN 93  

Guida al tempo libero & Benessere - Insubria

TbyN 93  

Guida al tempo libero & Benessere - Insubria

Advertisement