Page 1

SINCE 1999

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

Speciale Elezioni Cantonali

n. 88 - www.tinotte.ch

Agenda eventi Premiazioni: +Frizzante 2014 VenerdĂŹ 17 aprile

e MartedĂŹ 12 maggio SABATO

25 APRILE 2015

ORE 20.30

il nuovo spettacolo di

PAOLO MIGONE

Italia di M.....are

Palazzo dei Congressi Lugano www.biglietteria.ch

www.plastiplex.ch


editoriale

3

88 volte Ticino by Night Care lettrici, cari lettori, l’inverno ha definitivamente lasciato il posto alla primavera e il numero 88 di TbyN ha deciso, con l’abituale freschezza, di sottolinearlo. 88 come i tasti del pianoforte. Pianoforte che sarà protagonista da venerdì 10 a domenica 12 aprile grazie alle magie di Silvan Zingg e Co. Vedi ns servizio a pag. 11.

Grazie all’abnegazione del nostro Sergio Cavadini anche in questo numero ci sono news legate ai motori.

64, sempre bianche e nere, sono invece le caselle del gioco degli scacchi che caratterizzeranno la Pasqua di Lugano grazie al IX Open internazionale di Scacchi. Bianco e nero sono pure i colori del vecchio pallone di calcio. Questi alcuni protagonisti del nuovo Ticino by Night… che è un’edizione speciale, ma il perché lo capirete solamente il prossimo numero.

Questo è comunque un numero speciale anche nella misura in cui ci avvicina sempre di più a un TbyN che quanto prima sarà …. rinnovato. E’ infatti già incominciato il conto alla rovescia anche se a dire il vero, care lettrici e cari lettori, non intendiamo ancora svelarvi quando, di preciso, questo avverrà.

Accanto alla Pasqua non poteva naturalmente mancare lo speciale conclusivo dedicato alle elezioni cantonali, da noi già presentate e lanciate in occasione del numero precedente.

IMPRESSUM

Con il consueto entusiasmo, proponendovi un bimensile sempre più magico e accattivante. David Camponovo

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

n. 88 aprile-maggio 2015 Editore. A.R.T. Promotion SAGL Amministrazione & redazione via San Gottardo 26 - CH-6900 Lugano Info-line. Telefax. E-mail. Internet.

Una cosa è certa: continueremo, come in passato, ad “accompagnarvi” a teatro, ai concerti, e nelle tavole di numerosi e affascinanti locali della nostra stupenda regione.

SINCE 1999

Eventi dicevamo, che da sempre uno dei nostri piatti forti. Anche in questo numero – partendo dalla copertina – proporremo ai nostri affezionati lettori molteplici possibilità di occupare il proprio tempo libero. Non mancano le amate iniziative eno-gastronomiche che caratterizzano come sempre la vita del nostro amato Cantone.

Il numero primaverile, come tradizione, si contraddistingue per le premiazioni dei nostri due concorsi: “camerieri/e + Frizzanti” e “Mangiar Bene!”.

+41 91 605 73 00 +41 91 605 73 04 info@tinotte.ch www.tinotte.ch

Direttore responsabile David Camponovo +41 76 328 60 90 david@tinotte.ch

Impaginazione e grafica Immagimedia e Grafica design grafica@tinotte.ch Fotografia CD-Media SAGL Maurizio Colombo fotoritratto.ch Foto Garbani Tipografia La BuonaStampa, Pregassona Video Maurizio Colombo

Paolo Migone, sabato, 25.04.15

Hanno collaborato Associazione non fumatori, Doriano Baserga, Giorgio Bignotti, Michele Braccia, Elsa Camponovo, Laura Camponovo, Campus, Sergio Cavadini, Maurizio Colombo, Andrea Fazioli, Eugenio Jelmini, Yuri Malagutti, Cecilia Nostro, Marco Paltenghi, Stefano Pedrazzetti, Paolo Pellegrini,

In copertina

al Palazzo dei Congressi a Lugano

Pier Paolo Pedrini, Claudio Rossi, Charlotte Saccomanno, Attilio Scotti, Roberto Stefanizzi e Flavia Vignuta.

Ringraziamenti speciali Sergio Cavadini e Pier Paolo Pedrini.

Prevendita: By Pinguis Bellinzona Manor (Ascona, Bellinzona, Locarno, Vezia) Apollo Video ,Lugano Music city Soldini,Locarno Sportelli FFS in Ticino Prevendita online: www.biglietteria.ch


Nr.

88

sommario

EDITORIALE & Impressum AGENDE Arte, teatro & cabaret Mostre, fiere & rassegne Agenda Como Blenio e d’intorni Musica & avvenimenti Scacchi

3

6 8 12 13 14+16 49

anniversario Il Mattino della domenica

9

Cabaret Paolo Migone: un simpatico occhio nero

7

EVENTI Teatro sul lago: Celentano tribute Boogie Woogie Festival Switzerland

10 11

SPECIALI Pasqua Festa della Mamma

18 21

GASTRONOMIA Locali di tendenza - La Brace Alborelle: addio? La famiglia Crotta La sagra della Capra San Pellegrino Sapori Ticino Vini ticinesi a Milano La Vigna Merlot da formula 1 Liquori di Giovanna

24 25 26 27 28 30 32 32 33


5

Bel Paese Ristorante del Monte

29

CONCORSi Camerieri +Frizzanti

22 31 34

EVENTI di SUCCESSO Casting Miss 2015 al Venezia Espo Ticino una piccola grande fiera RAGAZZA BY NIGHT Flavia

36 38

40

BENESSERE & FASHION Capelli: 5 mosse per una chioma perfetta 41 MUSICa Intervista a Diamà La musica è la mia vita MOTORI Velocità GP2 e GP3 Eva e Adamo sul podio A Ginevra vince la VW Passat Swiss Rally 2015 World Rally 2015

42 43

44 44 45 45 45

SPORT HCL-Un Lugano da Fischer ai giovani Ogni bambino ha diritto al gioco IX Chess Open di Lugano

46 47 48

Speciale elezioni Giorni e orari di voto Come si vota La crisi dentro e fuori

50 51 52 55

Comunicare Campagne elettorali Il mistero della narrazione

56 57

Giornalismo Una corsa a palazzo

58

ASTRONOMIa Alla conquista del Nano

59

ARTE/fotografia Ivan Valsecchi Fabrice Bouveart

60 61

ioni

Elez


agenda arte, Teatro e cabaret fino a gio 30.04 - ore 14-00-17-00 Il fiore nella pittura Mostra collettiva di dipinti e omaggio a Giovanni Genucchi Galleria Poma , Morcote fino a do 14.06 - Tutto il giorno Le porte della fantasia | Atelier bambini under 12 Museo in Erba , Bellinzona sa 04.04 - ore 16.30 H.Hesse e i suoi figli. Bruno, il pittore Lettura Museo H.Hesse, Montagnola www.hessemontagnola.ch sa 04.04 - ore 20.45 Suona male Teatro Foce, Lugano sa 11.04 - ore 20.30 Barbablù 2.0 Le mille trasformazioni del mito Cinema Teatro, Chiasso do 12.04 - ore 17.30 Una bellissima catastrofe - Ognuno scrive la sua storia come vuole Teatro Foce, Lugano

gio 23 - do 26.04 Tisana Centro Esposizioni, Lugano vedi pag. 6 ve 24.04 - ore 20.30 Né più mai toccherò le sacre sponde Antico Convento delle Agostiniane, Monte Carasso sa 25.04 - ore 20.30 Italia di M....are - Paolo Migone Palazzo dei Congressi Lugano vedi pag. 7 lu 27 - ma 28.04 - ore 20.45 Il dio del massacro Teatro Foce, Lugano me 29.04 - ore 20.00 Né più mai toccherò le sacre sponde Ospedale San Giovanni, Bellinzona me 29.04 - ore 20.30 Generazione disagio Cittadella, Lugano gio 30.04 - ore 20.30 Satyricon Palazzo dei Congressi, Lugano

ma 14.04 - ore 20.30 Muri - Prima e dopo Basaglia Cittadella, Lugano

gio 30.04 - ore 20.45 La extravagancia #0 Teatro Sociale , Bellinzona

me 15.04 - ore 20.45 D’Artagnan Teatro Sociale , Bellinzona

sa 03 - lu 05 - ore 20.30 Platero y yo Teatro Foce, Lugano

gio 16.04 - ore 20.45 Sinceramente bugiardi Teatro Sociale , Bellinzona

lu 05 - ma 06.05 ore 20.30 Morte di un commesso viaggiatore Cittadella, Lugano

ve 17.04 - ore 20.45 Libero nel Paese della Resistenza Teatro Foce, Lugano ve 17 - sa 18.04 - ore 20.45 Sinceramente bugiardi Teatro Sociale , Bellinzona sa 18.04 - ore 20.30 Ma ke razza di treno Teatro Paravento, Locarno lu 20.04 - ore 20.30 Né più mai toccherò le sacre sponde Ostello Curzùtt, Monte Carasso ma 21.04 - ore 20.30 Italia anni dieci Cittadella, Lugano me 22.04 - ore 20.30 Dipartita Finale Cinema Teatro, Chiasso

ve 08.05 - ore 20.30 ContAr Violeta Parra Teatro Paravento, Locarno gio 14.05 - ore 20.30 Figaro il barbiere Pal.zo dei Congressi, Lugano

6

ve 15.05 - ore 20.30 Né più mai toccherò le sacre sponde Chiesa di S.Biagio, Bellinzona ve 15.05 - ore 20.30 Check-in-andata e ritorno? Teatro Foce, Lugano sa 16.04 - ore 20.30 do 17.04 - ore 17.00 lu 18.04 - ore 20.30 Check-in-andata e ritorno? Teatro Foce, Lugano gio 21 - do 24.05. – tutto il giorno Il Maggiolino Teatro Pan, Lugano gio 21.05 - ore 20.00 Né più mai toccherò le sacre sponde Villa dei Cedri, Bellinzona ve 22.05 - ore 20.30 Theatre Gourmet @ Teatro Paravento Teatro Paravento, Locarno Sempre aggiornati su www.tinotte.ch


cabaret

dalla copertina

7

Un simpatico occhio nero Di David Camponovo Direi che forse la comicità piemontese è la più surreale. I romagnoli hanno una gran voglia di ridere, al contrario dei genovesi che sono più chiusi. Più abitano vicino al mare e più ridono… a parte appunto i genovesi. Ma non è facile generalizzare. Sempre Genova, infatti, ho più volte dato spettacoli in un teatro caratteristico.

Nella foto: il nostro direttore, l’astronomo Yuri Malagutti, l’artista, e l’amico Vittorio del Fantasy con la sua ragazza Marta. In alto Dennis Mazzotta.

Poco prima di andare in stampa ci siamo intrattenuti telefonicamente con l’eclettico artista. Un personaggio nel vero senso della parola. Un artista che Ticino by Night segue da tanti anni nei suoi imperdibili tour. Che differenza c’è tra la comicità del nord e quella del sud? Ignoro gran parte del sud, sono molti anni che non ci vado a parte in Sicilia e Sardegna. Dove mi trovo sempre molto bene.

Che valore ha per te la comicità? È qualcosa di veramente profondo, una medicina contro le angosce della vita. Se rido e faccio ridere mi aiuta a tenermi leggero e a scovare il lato comico della situazione, di ogni situazione. C’è sempre, bisogna saperlo trovare. A chi faresti un occhio nero? A tanta gente, forse a troppi… a metterli in fila si fa un gran lavoro! Un pugno senza motivo, ma in ogni governo si trova sempre una ragione ideale per darlo. Ad esempio Alfano che in ogni governo trova sempre uno spazio creandosi un nuovo spazio.

Tornando al Tuo personaggio caratteristico, come l’hai creato? Tra l’altro raffigurato sulla nostra copertina. All’inizio era solo un ‘sopravvissuto’ di un incidente stradale, ho visto che alla gente piaceva e mi faceva tante foto... Decisi di tenerlo aggiungendo il camice bianco e i capelli arruffati aumentando l’adrenalina. Il personaggio ora sembra un fumetto e è diventato il paladino dei disgraziati. Cosa pensi degli Svizzeri? Direi ottimi! Seguono da tanti anni i miei spettacoli, ma quando finisco spariscono in 7 secondi come se fossero caduti nei tombini! Vanno a letto anche i lampioni! Cari Amici di Ticino by Night non vorremmo deluderlo anche stavolta! Dimostriamo che la notte è giovane anche da noi... Tutti al Palazzo dei Congressi per vivere dal vivo una serata indimenticabile all’insegna della grande comicità. E alla fine dello spettacolo fatevi immortalare dai fotografi di Ticino by Night è prevista una grossa sorpresa!

Biografia Cabarettista toscano, approda a Zelig dal 2000. Forte di un’esperienza teatrale di anni, camaleontico, dallo stile visionario, sul palco ha la capacità di raccontare, attraverso una gestualità essenziale, situazioni e immagini rievocandole con l’ausilio di uno stile di scrittura sobrio e di grande impatto. Attore, regista e autore teatrale e televisivo, Paolo Migone usa come filtro la sua comicità corrosiva, la sua inimitabile mordacità toscana che caratterizza uno stile inconfondibile. Il suo argomento preferito è l’eterno gioco fra uomini e donne che, pare, fornirgli spunti creativi inesauribili con un occhio sempre attento ai costumi contemporanei, alla realtà del suo tempo. Le sue verità, il suo punto di vista passano attraverso il clima surreale che Migone riesce magicamente a ricreare in ogni sua esibizione. Mettetelo su un palcoscenico ed il palcoscenico diverrà una fucina di invenzioni senza sosta. Non ha confini nella sua fantasia, ci sorprende con continue deviazioni della narrazione, ci illumina con trovate verbali, ci folgora con lampi di improvvisazione, corre con l’umorismo come un torrente in piena percorre la valle, risaie, maremme, dirupi, prati fioriti e quando arriva al mare, il mare non sa più che pesci pigliare. Nel suo spettacolo c’è verismo, surrealismo, malinconismo, risatismo, è un labirinto intricato come la mente di Paolo Migone, nella quale ci si può infilare senza paura, perché in fondo si trova sempre l’uscita...o l’entrata di un nuovo labirinto. www.paolomigone.altervista.org paolomigone@icloud.com


agenda mostre, fiere e rassegne Museo H.Hesse, Montagnola do 05.04 - do 03.01.16 Impressioni ticinesi Il pittore Bruno Hesse Vernissage sa 04 - ore 18.30

ve 17 - sa 18.04 - ore 18.00 H.Hesse e il Ticino In cammino con Klingsor Documentario di W. Weick In anteprima do 24.05 (Pentecoste) - ore 17.00 Hermann Hesse e i suoi figli. Martin, il fotografo Lettura ve 29 - do 31.05 Corso di calligrafia con Orio Galli Ritrovo. Museo H. Hesse Montagnola, venerdì 29 maggio, ore 17.00 www.hessemontagnola.ch fino a gio 30.04 - tutto il giorno Jingju Museo delle Culture, Lugano sa 09.05 - do 10.05 Milano Anime Expo Fiera del Fumetto Malpensa Fiere, Busto Arsizio (VA)

fino a do 31.05 - tutto il giorno Bagliori di bellezza Museo Plebano, Agno fino a do 31.05 - tutto il giorno Pink -1, Lugano fino a do 31.05 - tutto il giorno Trasformazioni di stato La stampa calcografica Spazio Officina, Chiasso ve 01 - do 31.05 - tutto il giorno Eat Art in transformation di Daniel Spoerri 9a Biennale dell’immagine m.a.x. Museo, Chiasso Rassegne del cinema me 08.04 - ore 20.30 Chocolat Teatro Paravento, Locarno me 15.04 - ore 14.30 - 18.00 Il grande silenzio CineStar, Lugano me, 15.04 – alle ore 17.45, 20.45 Due giorni, una notte Cittadella, Lugano me 15.04 - ore 20.00 Die Frau des Polizisten

CineStar, Lugano sa 02.05 - ore 18.00 Quintet Cinema Forum , Bellinzona ma 05.05 - ore 20.15 La fille mal gardée Cinema Plaza, Mendrisio gio 15.05 - ore 20.45 Matinee CineStar, Lugano me 20.05 - ore 20.30 Chef Teatro Paravento, Locarno me 27.05 - ore 14.30 L’incredibile volo CineStar, Lugano ve 29.05 - ore 20.30 T.Terzani - Il kamikaze della pace Auditorium BancaStato, Bellinzona sa 30.05 - ore 18.00 Gli Impressionisti Cinema Plaza, Mendrisio

sa 25 - lu 27.04 deGustibus Salone del Gusto Espocentro Bellinzona vedi pag. 6 Sempre aggiornati su www.tinotte.ch

8


anniversario

9

25 anni di Mattino

Intervista a Lorenzo Quadri Servizio a cura di David Camponovo

E fuor dubbio che il panorama editoriale ticinese, dopo l’avvento della testata del Mattino, sia completamente trasformato. Come anche la maniera di fare informazione sia mutata con la nascita del domenicale. È, inoltre, indubbio che il mezzo di comunicazione de Il Mattino sia stato la fortuna del movimento politico La Lega. Che da questo strumento ha saputo alimentarsi e imporsi tanto da diventare il partito, alle ultime elezioni, di maggioranza relativa. Ci sembra quindi giusto, come fatto in precedenza con altri anniversari (tipo i 15 anni de La Regione) fare un servizio su questo media. Per saperne di più e ragionare su questo strumento di comunicazione, che da qualunque punto di vista venga guardato sia se amato o odiato ha una sua forte valenza e gioca sicuramente un ruolo importante nel nostro amato Cantone. Abbiamo interpellato - per ragionare su questo fenomeno - il direttore Cane Peo osp volevamo dire on. Lorenzo Quadri, che ha preso il timone nel 2013 dopo l’improvvisa dipartita del creatore del Mattino e della Lega Giuliano Bignasca. Due parole sul difficile momento del dopo Giuliano. Certamente è stato un momento molto duro, non era scontato che il Mattino andasse avanti. Qualcuno già gongolava, ma ha fatto male i conti. Per me era fondamentale dare continuità al lavoro del Nano. È chiaro che Giuliano Bignasca non c’è più e quindi giocoforza il Mattino non poteva più essere identico a prima. Ma non lo si è voluto nemmeno snaturare.

Il Mattino ieri, oggi e domani? Il Mattino di ieri era permeato dalla presenza del Nano; oggi sta imparando a reggersi sulle sue gambe, pur con risorse molto ridotte. Domani dovrà continuare a seguire una linea politica chiara, adattandosi all’evoluzione della fruizione delle notizie. Quindi sempre maggiore interattività e diversificazione dei contenuti. Per concludere un aneddoto… Io non ero presente perché erano gli inizi, ma chi c’era ricorda ancora oggi il blitz con cui il Nano portò la redazione da Locarno a via Monte Boglia... in un palazzo ad alcuni numeri civici dalla sede attuale.

25 anni di Mattino, quale il più grande merito? Ha smosso gli ambienti stantii della politica ticinese. Ha scritto quello che tanti pensano ma pochi osano dire perché non è politicamente corretto. Ha mostrato il fallimento della politica di “aperture” scriteriate motivate a suon di fatwe ideologiche (chi non è d’accordo è un populista e razzista). Ha svelato l’ipocrisia di chi fa la morale solo agli avversari. Il Mattino può piacere o non piacere, ma ritengo sia necessario; senza, non ci sarebbe sul panorama editoriale ticinese una testata antieuropeista, che difenda la nostra identità di ticinesi e svizzeri. Saremmo in totale balia della cantilena dei “dobbiamo aprirci (e svenderci)”, ripetuta come se fosse un dogma.

Da destra Lorenzo Quadri, Norman Gobbi, Marco Borradori e il pianista Silvan Zingg

Lorenzo Quadri


eventi Adriano Celentano Tribute Live Show

Venerdì 1 maggio 2015 - ore 20.30 Palazzo dei Congressi, Lugano

Debutta in Svizzera lo spettacolo tributo ad Adriano Celentano: CELENTANOIDE E I RIBELLI DEL SUD! Da un’invenzione di Fabrizio Zingaro, leader di questa Orchestra Spettacolo del Sud Italia, tutta ovviamente dedicata al Mitico Molleggiato. Il numeroso gruppo artistico è composto da Celentanoide, batterista, bassista, chitarrista, tastierista, tre saxofonisti, due trombettisti, trombone e una corista. Oltre ai 12 elementi, vi è un complice attore travestito in vari modi per gags davvero divertenti ed esilaranti!

Prevendita: www.liveticket.ch Manor, uffici postali o www.teatrosullago.net

Per info Tel. +41 91 210 49 65 info@teatrosullago.net


11

14° edizione del

Boogie Woogie Festival Switzerland tti Prevendita biglie

00 Tel. +41 76 533 55 oppure e 16.00 ril il 11 ap e dalle or Cassa serale ressi. al Palazzo dei Cong .com al www.boogiefestiv

Per il 14mo anno consecutivo Silvan Zingg, il pianista ed ideatore di questo festival unico nel suo genere alle nostre latitudini, ci presenta una selezione di pianisti e ballerini di boogie woogie conosciuti a livello internazionale. Un festival che attira un vasto pubblico ticinese ma anche molti visitatori da tutta la Svizzera, Europa e persino da oltre Oceano. Silvan è vero che la gente viene anche da oltre Oceano per vedere il tuo spettacolo? Sì è vero quest’anno ho già ricevuto prenotazioni dagli USA, dal Canada, e persino dal Giappone e dall’ Australia! Mi lusinga molto. Quando suono all’estero i miei concerti sono sempre esauriti. La gente ama seguirmi anche su Facebook dove racconto le mie vicissitudini. Quest’anno ho invitato a Lugano quattro pianisti di blues eccezionali, due dei quali sono già stati ospiti in precedenza e due che sono a Lugano per la prima volta. Si alterneranno sul palco con i due pianoforti a coda da concerto in soli, duetti e con i ballerini campioni del mondo. Ogni anno lo spettacolo riserva molte sorprese. E posso già as-

sicurarne una per quest’anno che sarà una prima mondiale! Che però non rivelo ancora, vorrei veramente tenerla come sorpresa. E il pubblico presente l’11 aprile sera al palazzo dei Congressi potrà viverla di persona. Tutti i nomi di questa edizione: Bob Seeley (USA) “Leggenda americana del Boogie Woogie, 87 anni”, Jo Bohnsack (Germania) “Il pianista bianco con la voce nera”, Martin Pyrker (Austria) “uno specialista del blues al pianoforte”, James Goodwin (Inghilterra) “grande conoscitore del Barrelhouse, stile che veniva suonato nei bar 100 anni fa negli USA”, Thorbjorn & Flora (Francia e Norvegia) “campioni del mondo di ballo boogie woogie”, Tove & Rasmus (Svezia) “giovanissimi sorella e fratello con grande spirito di improvvisazione del ballo”, Nuno Alexandre al contrabasso (Portogallo) “uno dei migliori specialisti di slap bass New Orleans al mondo”, Valerio Felice alla batteria (Giubiasco) “grande swing e assoli spettacolari à la Gene Krupa da un ticinese” e Peter Verhas al sassofono tenore (Belgio) “uno dei migliori sassofonisti tenore europei”.

Nell’attesa del festival Silvan è impegnato a promuovere lo stile con tournée internazionali o nelle scuole ticinesi. Bambini dai 6 ai 18 anni accompagnati dai genitori hanno l’entrata GRATUITA l’11 aprile: con riservazione! Una fan che ha visto un concerto di Silvan durante la tournée in Israele.

Silvan con un gruppo di bimbi dopo un concerto didattico che ha dato in una Scuola Elementare.


agenda como

12

Teatro Sociale, Como ve 10.04. - ore 20.30 Italia Anni Dieci Opera di Edoardo Erba

me 29.04. - ore 20.30 André Reading tratto da Open di André Agassi

sa 11.04. - ore 20.30 Finis Terrae Musiche dai confini del mondo

do 03.05. - ore 20.30 Katia Buniatishvili Concerto di pianoforte

ve 17.04. - ore 20.30 The Vegetable Orchestra In collaborazione con Orticolario Como

me 06.05. - ore 20.30 A Cena in Scena Letture teatrali tra cibo e cultura

sa 18.04. - ore 20.30 Giuseppe Giacobazzi Genesi di un comico (Andrea Sasdelli)

sa 09- do 10.05. - ore 20.30 European Opera Days Serate concertistiche me27.05. - ore 20.30 Jackson Brown in Concerto La fine del sogno hippie Lariofiere, Erba sa 11- lu13 aprile M.E.C.I. Mostra Edilizia Civile Industriale

gio 07.05. - ore 20.30 The Best of Image Teatro nero, pantomima e danza moderna Sempre aggiornati su www.tinotte.ch

Como città di Volta Alessandro Giuseppe Antonio Anastasio Volta, comasco d.oc., è stato un fisico italiano conosciuto soprattutto per l’invenzione della pila. Nato e morto a Como (1745-1827), nella città in riva al Lario a ricordarlo sono tra l’altro una via, una piazza (con tanto di statua) e il tempio che gli è stato dedicato proprio a ridosso del lago. Quest’ultimo, inaugurato nel luglio del 1928, fu pensato quale nuova sede che ospitasse degnamente gli originali e le ricostruzioni degli strumenti scientifici di Volta e malgrado qualche “acciacco” di troppo non del tutto risolto per la scarsa disponibilità di fondi a disposizione, è il museo più visitato di Como! Ma a Como spesso e volentieri Volta è ricordato anche nel corso di manifestazioni ed eventi. Così è stato, per esempio, con il Festival della luce dell’anno scorso e così sarà, salvo ulteriori complicazioni, anche con il monumentale “regalo” che l’archistar Daniel Libeskind ha fatto alla città di Volta. “The Life Electric”. L’opera, che sorgerà in fondo alla diga foranea, non sarà pronta per l’inaugurazione dell’EXPO a Milano ma dovrebbe essere goduta da comaschi e turisti, nella sua completezza, tra giugno e luglio. Foto: Il Museo Volta (foto s.a.c.)

LEg

e h c gi

sa s a ti p

LEggi che ti passa Testi e documenti del Novecento

Carteggio Hermann Hesse-Thomas Mann Edizioni SE Srl Milano a cura di Sergio Cavadini

Il copioso scambio di corrispondenza tra Hermann Hesse (Siddharta) e Thomas Mann (I Buddenbroock) fu dato alle stampe per la prima volta nel 1968. Nella riedizioni successive e ampliate (se ne contano già cinque) i due “fratelli spirituali” permettono al lettore di toccare con mano la loro profondissima amicizia e di testimoniare in modo esemplare il travagliato Novecento che ebbero modo di vivere.

In collaborazione con Cartolibro A-Z s.a. Negozio e uffici propri Libri per ragazzi Enciclopedie Saggistica Via Vela 6 CH-6830 Chiasso Tel. +41 91 682 83 29 Fax +41 91 682 49 88 cartolibro@azeta.ch


Blenio e dintorni

13

Manifestazioni primavera 2015 www.bellinzonese-altoticino.ch

04.04 – ore 20.15 Tombola del Giro Media Blenio Pian Castro – Centro Ai Nuss www.mediablenio.ch 05.04 – ore 20.15 Tombola della Società Samaritani Olivone – Sala Patriziale http://samaritaniblenio.blogspot.ch 06.04 Giro Media Blenio: 31a edizione Gara podistica internazionale alla scoperta della Valle del Sole Dongio www.mediablenio.ch 12.04 - dalle 16.00 Finissage della mostra di Edgardo Gandolfi Proiezione continuata del ritratto del fotografo bleniese realizzato da Bruno Bergomi (RSI)

Corzoneso-Casserio – Archivio Donetta www.archiviodonetta.ch 25.04 - ore 20.15 Serata di letture: sorridere-ridere-riflettere Olivone – Sala Patriziale Org. Biblioteca del Comune di Blenio 26.04 -11.10 - ore 17.00 Inaugurazione della mostra fotografica “Attraverso la Valle di Blenio con le fotografie dell’ing. Ferdinando Gianella”, a cura di Gianmarco Talamona Mostra visibile fino al 11.10 Corzoneso-Casserio – Archivio Donetta www.archiviodonetta.ch

01-31.05 29a edizione del Maggio Gastronomico 3 Valli e Bellinzonese Valle di Blenio www.maggiogastronomico.ch 01.05 Esposizione zootecnica Bleniese Pian Castro 02-03.05 - ore 10.00-17.00 Caseifici Aperti 2015 Azienda Agricola Rodoni Paolo, Agriturismo Il Mugnaio, Caseificio del Sole, Caseificio Töira aprono le porte per farvi degustare i loro prodotti caseari. Valle di Blenio www.sapori-saperi.ch 03.05 - ore 17.00 Inaugurazione mostra “Il Crocifisso ligneo di Sant’Ambrogio vecchio di Negrentino” Lottigna – Museo di Blenio www.vallediblenio.ch/museodiblenio 08.05 - ore 20.30 Proiezione del film “Hugo Koblet

In occasione dei festeggiamenti per l’arrivo della 3a Tappa del Tour de Suisse a Olivone

Acquarossa – Cinema Teatro Blenio 08.05 - ore 20.30 Concerto lirico-operistico con Mario Ritter e Beppe Sànzari Entrata libera Malvaglia – Chiesa Parrocchiale

20.05 - dalle 15.00 Storie in Ghiacciaia Vicky De Stephanis narra “La fatina dei fiori”, alle ore 15.00, alle 16.00 e alle 17.00 Dongio – Ghiacciaia www.sites.google.com/site/viudessteatro

22-24.05 Sun Valley Festival 40 ore di divertimento, con corsa podistica alla domenica Malvaglia – Campo Sportivo www.gsomalvaglia.ch 29.05 - ore 19.00 Serata ufficiale di presentazione della 3a Tappa del Tour de Suisse a Olivone Discorso delle autorità, musica e maccheronata offerta Olivone – Centro Polisport 30.05 Adula Summer Party Pian Castro – Centro Ai Nuss www.adulasnowteam.ch Le manifestazioni sono soggette a modifiche. Info e dettagli sono visibili sul sito www.bellinzonese-altoticino.ch/valledi-blenio Organizzazione Turistica Regionale Bellinzonese e Alto Ticino Sede Valle di Blenio blenio@bellinzonese-altoticino.ch Tel. +41 91 872 14 87 Fax +41 91 872 15 12


agenda musica e avvenimenti eventi

classica e lirica

jazz e blues

Toto Cavadini ve 17.04, 01,05 Prima dei canti. spaghettata, affettati, formaggi Scuderia al Piano, Giubiasco ve 10.04 - ore 21.30-24.00 Bar Apache, Melano www.totocavadini.ch

Eventi ve 03.04 - ore 10.00 Mercato di Pasqua Quartiere Maghetti, Lugano ve 03.04 - lu 06.04 - ore 11.00-18.00 Pasqua in Città Piazza Riforma, Lugano lu 06.04 - ore 14.00-18.00 Caccia al Tesoro Botanico Parco Ciani, Lugano me 08 - ve 10.04 - ore 09.00-17.00 Pasqua Associazione Kreiamoci, Lugano sa 11.04 - ore 10.30-16.00 Parco della Maggia Esposizione dei progetti di diploma 2014 Chiesa San Rocco, Losone me 15.04 - ore 14.00 Festa finale con merenda Minimusica spettacoli per bambini Castello di Montebello, Bellinzona gio 16.04 - ore 20.30 Gesti esplosi, all’origine della peformance Viavai – Contrabbando culturale Svizzera-Lombardia Ex Filanda Mendrisio, Mendrisio

Rock

leggera

latin e tango

tecno e altri

etnic e folk

sa 18 aprile - ore 24.00 Diamond Ice Vodka Party via F.Zorzi 19, Bellinzona vedi pag. 13

lu 20.04 - ore 20.30 Né più mai toccherò le sacre sponde Ostello Curzùtt, Monte Carasso

Gio, 23.04.15 – alle ore 21.00 Les chemins de l’amour Neon&caffeine Aula Magna del Conservatorio della Svizzera italiana, Lugano

ve 24.04 - ore 20.30 Né più mai toccherò le sacre sponde - Esilio e nostalgia Antico Convento delle Agostiniane, Monte Carasso

ve 01.05 – ore 08.00 Mangialonga 2015 Centro Manifestazioni Mercato Coperto, Mendrisio

sa 25.04 - ore 11.00 Concerti aperitivo Teatro Sociale , Bellinzona

www.teatrosullago.net ve 01.05 Adriano Celentano Tribute Live Show Fabrizio Zingaro e Orchestra! ve 20.11 “Celtic Legends” New Show Palazzo dei Congressi - Lugano vedi pag. 10

Bar Lungolago, Locarno me 15 - gio 16.04 Mexico e nuvole - serata messicana www.lungolago.ch

sa 25.04 - ore 20.30 Primo Piano Ashkenazy Eleganza viennese, fascino francese ed edemonia tedesca RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano do 26.04 - ore 11.00 Concerto aperitivo Orchestra della Svizzera Italiana Studio Foce, Lugano do 26.04 - ore 17.00 PrimoPiano Ashkenazy Arabeschi, danze, fantasie RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano

Classica e lirica

me 29.04 - ore 20.00 Né più mai toccherò le sacre sponde Ospedale San Giovanni, Bellinzona

ve 03.04 - ore 20.30 Concerto del Venerdì Santo Spazi sonori illuminati Concerti dell’Auditorio 2015 Chiesa Collegiata, Bellinzona

Jazz, blues e soul

do 19.04 - ore 15.45 Nel tempo di Pasqua Chiesa Santa Maria degli Angioli, Lugano

ve 03.04- ore 20.30 I Roy & the Devil’s Motorcycle + Fai Baba Blues psichedelico Studio Foce, Lugano


15


agenda musica e avvenimenti eventi

classica e lirica

jazz e blues

me 01.04 - ve 30.04 - Tutto il giorno Bellinzona Blues Sessions 2015 Il ritorno del blues in piazza Bellinzona

Jazz, blues e soul ve 05.04 - ore 20.30 I Roy & the Devil’s Motorcycle + Fai Baba Studio Foce, Lugano lu 13.04 - ore 20.30 John Scofield & Jon Cleary stagione 2014-2015 Jazz Cat Club, Ascona ve 10 - do 12.04 Boogie Woogie Festival Palazzo dei Congressi, Lugano sa 18.04 - ore 20.45 San Gennaro & Santeria20.45 Teatro Sociale, Bellinzona lu 20.04 - ore 21.00 Rabih Abou Khalil quintet RSI - Auditorio Stelio Molo, Lugano gio 23.04 - ore 20.45 Claudio Taddei – Intuitivo Teatro Sociale, Bellinzona ve 24.04 - ore 20.45 Enrico Pieranunzi & Rosario Giuliani Teatro Sociale , Bellinzona gio 30.04 Twogether with special guest Frank Salis (EU-CH) Teatro del Gatto, Ascona

Rock

leggera

latin e tango

tecno e altri

16

etnic e folk

Jazz in Bess, 10 anni di Jazzy Jams gio 16.04. Luca Pagano, Controvento ve 17.04 Sopa da Pedra, con Hilaria Kramer sa 18.04 Roman Nowka solo Gabriele Pezzoli con Fence e Tino Tracanna Dado Moroni + Max Ionata Duo sa 25.04 Jam session di aprile me 29.04 + me 13.05 Aperi - jazz con Aldo Bettosini via Besso 42,Lugano

gio 30.04 - ore 20.30 Satyricon 900presente Palazzo dei Congressi, Lugano

Leggera e pop

sa 11.04 - ore 23.30 Bomb Squad (Public Enemy) Dj Set Living Room Club, Lugano

Grazia Cicala sa 18.04 Celestino’ Dancing, Drezzo (CO) do 19.04 La Balera, Camignolo sa 25.04 Villa Principe Leopoldo, Gentilino ve 03.04 - ore 21.00 DOPE DOD La Fabrique venerdì 8 maggio I favolosi anni ‘80 Metamorphosis, Lugano vedi pag. 15 sa 18.04 - ore 20.30 Camut band in La vida es ritmo Cinema Teatro, Chiasso

Rock sa 11.04 - 22.00 Subsonica Tappa del tour europeo Padiglione Conza - Lugano gio 23.04 - ore 21.30 Verdena Studio Foce, Lugano

Techno e altri

me 15.04 - ore 21:30 The Dodos Raclette Studio Foce, Lugano sa 18.04 - ore 21.30 Dreamshade Studio Foce, Lugano sempre informati su www.tinotte.ch


da 15 anni la rivista del divertimento

17

ticino by night un mondo che si diverte oltre 30 eventi all’anno

Concorso SM S all’880 (nuo vo numero!) PER I CONCO RSI PRIMA D I DARE LA RI SCRIVERE LA SPOSTA PAROLA TBN SEGUITA DA (esempio. TB UNO SPAZIO N soluzione) n palio per tutt i. 4 biglietti Ce lentano Show : TBN Celentan 6 biglietti Bo o (solo su tinot ogie Woogie: te.ch) TBN Boogie 50 biglietti Ti sana: TBN Tisa na Solo per gli ab bonati. 10 biglietti Pa olo Migone: TBN Migone

Il costo per og ni sms è di CH F 1.-. Inoltre sa offerti dai nostr ranno sortegg i sponsor per iati premi spec chi voterà le no questo concor iali gentilmente stre cameriere so non necessi Frizzanti sempr ta la parola TB agli SMS. info@ N prima del nu e al 880 (per tinotte.ch o tra mero, es FRIZ4 mite cartolina by Night, Via ). In alternat postale invian S.Gottardo 26 iva dola al seguen , CH-6900 Luga te indirizzo. Tic no. ino

Concorso “G iro di vite” (v Domanda: Qua edi pag 22 nte bottiglie M erlot “Leneo”2 009 sono state prod otte? Risposta: 6000 Ha vinto la ce na al Rist. Se rta di Lamon e:

Se sei un privato Per soli CHF 40.-

ricevi 1 copia x 6 edizioni del bimestrale Ticino by Night

Se sei un esercente Per soli CHF 50.-

ricevi 4 copie x 6 edizioni consecutive del bimestrale Ticino by Night

vuoi partecipare al concorso “Camerieri Frizzanti” Per soli CHF 60.-

ricevi 4 copie x 6 edizioni consecutive del bimestrale Ticino by Night

Spedisci il tagliando alla redazione: Ticino by Night,Via San Gottardo 26, CH-6900 Lugano info@tinotte.ch - tel. +41 91 605 73 00 Sì, sottoscrivo l’abbonamento a 6 numeri di Ticino by Night (bimestrale). Bar

Disco

Grotto

Hotel

Rist.

Altro

Nome e cognome (ev. ditta/e responsabile) Via NPA/Località Telefono Mobile E-mail Luogo e data Firma

www.tinotte.ch

Privato CHF 40.-

Esercente CHF 50.-

Abbon. + concorso camerieri +Frizzanti CHF 60.-

Ogni anno per gli abbonati oltre 200 biglietti omaggio per eventi in premio

Sara Bellicini

Abbonati e vinci


festività

È arrivata la Pasqua

Pasqua Festa della2015 mamma

A cura della Redazione

La Pasqua cristiana

La Pasqua ortodossa

Il significato, il rito, la tradizione.

Il significato, il rito, la tradizione.

Dal punto di vista teologico, la Pasqua odierna racchiude in se tutto il mistero cristiano. Con la Passione, Cristo si è immolato per l’uomo; liberandolo dal peccato originale e riscattando la sua natura ormai corrotta. Per tradizione la Pasqua cristiana è preceduta dalla Quaresima, un periodo di penitenza di quaranta giorni che va dal mercoledì delle Ceneri al Sabato Santo. I cristiani considerano il Venerdì Santo il giorno di contemplazione della passione di Gesù: è infatti in questo giorno che si svolge il rito della Via Crucis, che in maniera figurativa ripercorre l’ultimo giorno di vita del Figlio di Dio.

Per il cristiano ortodosso, Cristo è un uomo in carne e ossa che è morto dopo grande sofferenza per poi risorgere nei giorni seguenti. Portando all’umanità passata, a quella presente e a quelle future il beneficio e il miracolo della salvezza. La Pasqua ortodossa comincia in chiesa a luci spente. Il sacerdote esce dalle porte centrali dall’iconostasi sul presbiterio con una candela ed invita a prendere la luce. Tutti escono dalla chiesa con un lumino ascoltando il vangelo di Matteo 23,1-16. Le parole dell’Inno di Pasqua vengono ripetute moltissime volte in tono sempre più esultante fino ad arrivare al messaggio chiave della Chiesa ortodossa “Con la tua morte hai calpestato la morte”. La Pasqua ortodossa è quindi il momento in cui si ricorda e festeggia la sconfitta della morte per mano dell’Uomo.

Perché mangiamo le Uova di Pasqua? Storicamente l’uovo è sempre stato ricco di significato, elemento irrinunciabile di svariati racconti mitologici. In questo caso le due parti dell’uovo rappresentano l’involucro, che si presenta statico e privo di vita. Così come il sepolcro che accoglieva Gesù, un enorme sasso color fumo, anche le nostre uova di cioccolato contengono un’allegra sorpresa che simboleggi la vita!


Menù di Pasqua

19

Menu di Pasqua Prosciutto di Parma e melone

Cosa si mangia per festeggiare la Pasqua ortodossa? Anche per il pranzo della Pasqua ortodossa le uova sono protagoniste. Non sono però quelle di cioccolato a guarnire le tavole, ma delle “vere” uova dipinte di rosso, di verde e di blu. Il rito vuole che i commensali “scontrino” le uova fra loro come buon auspici

*** Insalata di formentino con le noci

Ristorante Cortivallo

*** Capretto nostrano al forno o Medaglioni di vitello alle spugnole Patate novelle Carote all’italiana e spinaci in foglia

Via Cortivallo 52, CH-6924 Sorengo 26 Tel. +41 91 966 10

*** Fragole con gelato

Menu di Pasqua & Pasquetta

*** Colomba e caffé

Tortino salato agli Asparagi *** **** a CHF 59.- (p.p.) Lasagne ai Carciofi **** Capretto Arrosto Aromatizzato , tazione 35 con Via della S irolo CH-6780 A 7 22 Patate al Forno 91 6 8 1 Menu di Pasqua Tel. +41 9 -airolo.ch Finocchi Gratinati es lp a es ld te o .h w ww *** Trittico di Mare e….per Dessert… Salmone marinato allo yogurt e pepe rosa L’Uovo con Sorpresa Code di gamberi alla senape Insalatina di seppia e carciofi Caffè Offerto Millefoglie di melanzane alla parmigiana (è Gradita la Riservazione) *** al burro fuso e asparagi Persico pesce Ravioli al CHF 47.- per Persona Pennette al pettine al ragù di coniglio *** Tutto lo Staff dell’Hotel des Alpes Sminuzzato d’agnello al Moscato passito vi Augura con patate del cuoco e verdure Buona Pasqua oppure Tagliata di manzo oppure Grigliata mista mare el Lago Crotto d lle 3 ane via Font a (Co) i Porlezz d a im C 132 I-22018 0344 69 il.it Tel. +39 ma ago@hot ll e d o t t o ilcr

**** Coppa Melba Colomba pasquale Acqua, vino bianco e rosso della casa Caffè e amaro Euro 48.- (p.p.)


20

La Pasqua a Mendrisio

Pasqua 2015

A cura della Redazione foto: mendrisiotourismo

Le processioni storiche

I trasparenti

Nate nel lontano Seicento, ma certamente di origine più antica, le processioni storiche di Mendrisio continuano ad affascinare con la loro mescolanza di religiosità popolare, misticismo, teatralità ed arte. A fare da importante cornice coreografica i trasparenti, dipinti effettuati su tele racchiuse in cassonetti illuminati dall’interno, che per tutto il periodo pasquale vengono appesi alle pareti delle case e, quelli più grandi, da un lato all’altro delle strade del nucleo storico di Mendrisio.

I trasparenti di Mendrisio sono parti integrante della tradizione religiosa e popolare della Settimana Santa. Con le processioni del giovedì e venerdì santo costituiscono una tradizione, tuttora fortemente radicata a Mendrisio, che trova le sue lontane origini nel periodo cinquecentesco della Controriforma e nell’insediamento dei padri Serviti in borgo a partire dal 1477. I trasparenti illustrano le scene salienti della Passione di Cristo e per tutto il periodo pasquale decorano le vie del vecchio borgo, appesi alle mura delle case da un lato all’altro delle strade. Particolarmente suggestivi di notte quando sono illuminati. Considerato l’artista fondatore della centenaria tradizione, Giovan Battista Bagutti con la sua bottega ne eseguì ben cinquantotto, tuttora conservati nelle collezioni del Museo d’arte locale.

La processione del Giovedì Santo (2 aprile) Rappresenta la Via Crucis di Cristo. Anticamente veniva organizzata dalla Confraternita del S.S. Sacramento. La processione, chiamata anche “funziun di giudée”, è animata da figuranti che indossano ancor oggi i costumi realizzati dalla sartoria del Teatro alla Scala di Milano per vestire i personaggi storici che hanno avuto un ruolo nell’evento.

La processione del Venerdì Santo (3 aprile) E’ una processione particolarmente suggestiva. Ideata dai Padri Serviti per sottolineare la venerazione dell’Addolorata o Madonna dei sette dolori, vede sfilare oltre seicento persone, tra cui i membri di tre corpi musicali che intonano brani religiosi e funebri di circostanza. Particolarmente suggestivi i fanali e i lampioni di fogge diverse portati dai figuranti.

La Crocifissione a Coldrerio (1 aprile)

Il mercoledì, è dal 1945 che va in scena sul poggio naturale del Ciossetto, la Crocifissione sottoforma di recitazione mimata. Nel suo sobrio e tragico realismo è un vero e proprio unicum nel suo genere.


festività

21

La festa della mamma A cura di Cecilia Nostro

La mamma… come può essere festeggiata solo una volta? Infatti non è così! Diversi sono i giorni durante l’anno dedicati a festeggiare l’amore materno. Negli Stati Uniti, nel maggio 1870, Julia Ward Howe, attivista pacifista e abolizionista, propose di fatto l’istituzione del Mother’s Day for Peace (Giornata della madre per la pace), come momento di riflessione contro la guerra. Questo fu solamente il

primo tentativo di scegliere un giorno speciale per le madri di tutto il mondo. Un secolo dopo, negli anni ‘80, “Las mujeres de plaza de Mayo” (Le donne di Piazza di Maggio) in Argentina ricordavano i loro figli sequestrati e crudelmente uccisi dalla dittatura dell’epoca. Tutt’oggi in Sud America il mese di maggio è dedicato alle mamme, ricordando in particolare quelle che hanno lottato

per ritrovare i loro figli vittime dei soprusi militari. In Svizzera si ricorda la mamma durante la seconda domenica di maggio; il significato è più da ricercare nella religione piuttosto che in circostanze di attivismo sociale o patriottico. Probabilmente nessuno si è mai messo d’accordo perché ogni giorno dell’anno, la mamma, meriterebbe un pensiero speciale!

BSA Academy

eticsideas.com

Scuola di estetica nata dalla passione, cresciuta con la qualità e l’innovazione

Le possibilità sono molteplici ed affascinanti: bisogna solo decidersi e partire!

BSA Academy Piazza Cioccaro 10, CH-6900 Lugano

Tel. +41 (0)91 922 28 70 www.bsa-academy.ch

BsaBeautySourceAcademy Nostra allieva durante una giornata di trucco.

Seguici su facebook e sul sito per conoscere i nostri corsi.

© http://cosm

Alcuni corsi di quelli più attuali: extension ciglia brillanti, permanente con mascara, nail art vellutata e tridimensionale, make-up metallici, dermo-cosmetologia, psicologia estetica, percorso ayurvedico, riflessologia del viso e molto altro ancora. Corsi di onicotecnica


L’edizione 2015 del concorso “Mangiar bene!”, aperto a tutti i ristoratori della Svizzera italiana, sta per avere inizio.

VUOI FAR CONOSCERE ANCOR DI PIÙ IL TUO RISTORANTE? VUOI DARE UN VALORE AGGIUNTO ALLA TUA ABILITÀ CULINARIA? Approfittane e iscriviti alla V edizione del concorso “Mangiar bene!”,utilizzando la cedola qui sotto.

partner

Va edizione

mi iscrivo

2015

chiedo informazioni

Nome Ristorante: Indirizzo Ristorante:

Nome Chef: Cognome Chef:

CAP / Località:

Telefono/Cel: E-Mail:

SINCE 1999

Guida al tempo libero & benessere insubria

Compilare il tagliando ed inviarlo a: Ticino by Night, Via S. Gottardo 26, CH-6900 Lugano REGOLAMENTO CONCORSO “MANGIAR BENE!” 2015 1. 2. 3. 4. 5. 6.

Partecipano al concorso i ristoranti della Svizzera italiana che sottoscrivono il contratto proposto da A.R.T. Promotion Sagl/TbyN. L’organizzatore si riserva il diritto di invitare anche ristoranti della Regione Insubrica. Ogni ristorante puo’ essere rappresentato da un solo cuoco, una sola volta per la durata dell’intero concorso. Il piatto unico proposto, carne e contorni a libera scelta del ristorante partecipante, prezzo da CHF 30.- a CHF 40.- (variazione ammessa +/- 10%), deve essere evidenziato e disponibile a richiesta per tutta la durata del periodo di votazione corrispondente. Il periodo di votazione da parte del pubblico e della giuria è equivalente per ogni ristorante partecipante a due mesi circa (dal numero di TbyN in cui viene presentato il cuoco a quello immediatamente successivo). Sarà proclamato vincitore il cuoco il cui piatto nel periodo designato avrà totalizzato il maggior numero di preferenze.

7. 8. 9. 10. 11. 12. 13.

Le preferenze del pubblico potranno essere espresse solo tramite a) Cartolina di voto abbinata al concorso; b)cedola di voto riportata da TbyN. Cartoline e cedole dovranno essere spedite per posta (p.f. affrancare correttamente) a TbyN, via S. Gottardo 26, CH-6900 Lugano oppure depositate nell’apposito contenitore ubicato nel ristorante partecipante. Il giudizio della giuria sarà espresso per mezzo di un apposito formulario a punti: il punteggio totale acquisito sarà moltiplicato per un coefficiente pari a 2. A nome e per conto di A.R.T. Promotion/TbyN fungerà da coordinatore del concorso il sig. Sergio Cavadini. L’organizzatore potrà disporre liberamente delle foto dei cuochi e dei piatti concorrenti per tutta la durata del concorso e per eventuali iniziative correlate. L’organizzatore si riserva il diritto di procedere a eventuali cambiamenti per garantire il buon successo del concorso. È esclusa ogni forma di corrispondenza. Il presente regolamento è parte integrante del contratto sottoscritto dal ristorante.


23

Mangiar bene Ivan Bozic vince la IVa edizione a cura di Sergio Cavadini

Ristorante Cortivallo via Cortivallo 52 CH-6924 Sorengo Tel. +41 91 966 10 26

Tartare

Non solo tartare!

Chef Ivan Bozic

a cura di David Camponovo

Questo spazioso locale composto da tre sale per una capienza complessiva di 150 persone interne, che durante la bella stagione si può avvalere anche di un’ampia terrazza, è ideale per organizzare riunioni di lavoro o di famiglia.

L’assortimento dei piatti prevede pietanze classiche durante l’intero anno. In aggiunta ogni stagione ha la sua carta. Particolarmente accattivante la carta dell’autunno: dove la selvaggina la fa da padrona. Gli appassionati di tartare (ma non solo visto) non potranno mancare alla serata di Gala di premiazione. Si prega di contattare il locale o la nostra redazione per la prenotazione obbligatoria.

Nel tempo si è fatto conoscere per il suo favoloso tartare fatto al tavolo da Ivan, neo vincitore del Concorso Mangiar Bene, grazie a numerosi voti sopraggiunti da avventori provenienti da tutto il Cantone!

Concludiamo segnalandovi che presso ristorante Cortivallo è possibile anche gustarsi una squisita pizza cotta al forno a legna e che il locale è fornito di molti parcheggi.

Il Ristorante Cortivallo, situato a Sorengo nei dintorni della Radio Svizzera, è da 14 anni sinonimo di qualità ed accoglienza.

SERATA DI GALA Premiazione con Menù speciale abbinato a vini Delea Martedì 12.5.2015 dalle 19.00


Locali di tendenza Una realtà camaleontica per tutti i gusti A cura della redazione

Un’ottima occasione per pranzare con piatti del giorno sempre freschi e al passo con le stagioni. Alla sera una vasta offerta à la carte che spazia da panini speciali di ogni tipo a, ovviamente, specialità di carne e pesce alla brace. Non mancano la vera pizza e i primi più gustosi. Il tutto a prezzo assolutamente accessibili.

Sandra e Massimo

La Brace locale perfettamente situato sulla trasversale da Manno Bioggio (visibile dalla Cantonale) con parcheggio gratuito. Un nuovo concetto volto a soddisfare svariate tipologie di clienti anche grazie alle serate di intrattenimento caratterizzate dal buon gusto in un ambiente grande ed accogliente. Un servizio accurato e veloce con uno staff giovanile pronto ad accogliervi e regalarvi un buon ricordo.

Il nuovo concetto introdotto di intrattenimento propone appuntamenti fissi settimanali che sono il giovedì con Karaoke e Maxi Apero, venerdì Maxi Apero musicale e domenica sera immersione nei travolgenti ritmi latini. Ogni mese musica live e serate a tema... Possibilità di organizzare feste private e cene aziendali.

24

La sera:

eu e patatine Maxi Cordon Bl 3dl CHF 25.con bibita o birra

edì sera: Domenica e lun F 9.90 H C a pizze classiche Pizze con farina

Kamut o 5 cereali

Kena Covers e una fan

Seguitici su facebook/labracelive per restare sempre aggiornati e scoprire le continue novità! Vi aspettiamo.

Il nostro aperitivo

Aperto 7/7 Lu-ve 06.00-14.30 17.30-01.00 Sa-do 17.30 - 01.00

Dj Viktor & friends - Apéro latino

La Brace Ristorante Pizzeria Grill & Live Music Pub Via cantonale 2b CH-6928 Manno Tel. +41 91 606 10 00 Fb & Instagram: /labracelive

Vi aspettiamo anche a Pasqua dalle 12.00 con menù speciale! Prenotazione consigliata


l’opinione di Attilio scotti Alborelle: addio?

Arriva la Scardola, il Cavedano, la Tinca, il Luccio ed il Gardon A cura di Attilio Scotti - foto D.C. Segnalo l’originalità di servire i Tajarin alla Squartone con il magnifico Refosco del Peduncolo rosso, (eccezionale, rotondo, con riflessi dorati e profumi di acacia, fieno e brezze adriatiche): maturato in grandi botti di rovere. E la Ribolla Gialla ha avuto consensi ampi. Questi vini sono importati dal “guru” dei vignaioli ticinesi Angelo Delea. “

25

Reportage

altre foto su

TicinobyNight

Sapori nuovi, ma antichi, delle lavorazioni dei pesci del Ceresio, rigorosamente cucinati con la tradizione insubrica: grazie non solo al cuoco ma a tutto lo staff del “CAPPELLA DUE MANI ”

da sinistra: Attilio Scotti, Fabio Ricciardelli, Giorgi Bignotti e Enzo Ricciardelli

Nel bellissimo e azzurro Ceresio (come nel lago Maggiore e di Como) le mitiche alborelle scarseggiano o sono del tutto scomparse. Le cause sono diverse e anche se le acque diventano sempre più pulite esiste, per un effetto quasi beffardo, la scomparsa di un pesce che ha, per secoli, dominato questi laghi. Ma niente allarmismi dice Massimo Del Canale, cuoco e “fish lake man“ (origine marinare: cinque terre liguri): “Nel nostro lago si riproducono in quantità delle specie ittiche che, per le carni, non sfigurano di fronte alla specie scomparsa: mi riferisco alla scardola, al cavedano, alla carpa, alla tinca, al gardon, al luccio perca, agli agoni. Sono pesci che attentamente cucinati consegnano “saperi & sapori” che stupiscono: stasera presento delle polpettine di Gardon e Scardola, fettine di Bottatrice affumicata, Carpaccio di trota marinata, Carpa in agrodolce, carpione di Gardon, crostini di patè di Cavedano, crostini con Caviale di lago,: un carosello di sapori di lago inusuali e che affascineranno i gourmet per la novità di gusto.” Il tutto è successo di mercoledi 18 marzo al ristorante Cappella Due Mani in quel di Massagno, in occasione del Rassegna del Pesce di Lago, ideata da Ticino by Night. Ma non solo caroselli di lago ma anche Tajadin allo Squartone, e originalissimo un “cartoccio” aromatizzato di luccio perca (qui applausi a scena aperta). Novità anche per l’accostamento piatti-vini: qui una cantina italiana di fascino e storia: LA TUNELLA adagiata sui colli orientali del Friuli.

I vini abbinati sono prodotti da

distribuiti da

Dall’alto in senso orario: Carpaccio di Trota marinata all’aneto, Polpette di Scardola e Gardon, Carpione di Gardon, Crostini con paté di Cavedano, Carpa in agrodolce, Crostini con Caviale di lago e Bottatrice affumicata

Cartoccio aromatizzato di Lucioperca Aperto 7 su 7 Lu-ve 06.30 - 24.00 - Sa-do 08.00 - 24.00

Via S.Gottardo 120, CH-6900 Massagno Tel. +41 91 966 41 29 www.cappelladuemani.ch Osteria-Cappella-due-Mani

Menu di Pasqua Buffet di antipasti misti mare e monti *** Risotto con crema di asparagi e gamberetti o Cannelloni di carne al ragù di capretto *** Filetto di manzo ai funghi porcini o Capretto al rosmarino o Branzino al cartoccio *** Contorno: radicchio in camicia di pancetta, patate alle erbe aromatiche *** Tiramisù alle fragole con crema al limoncello *** Colomba pasquale e caffé Menu completo CHF 55.- (p.p) Piatto unico CHF 45.- (p.p.)


gastronomia La famiglia Crotta al servizio della collettività attraverso la natura Ticino. Prodotti scelti e confezionati nel rispetto delle norme, sempre di una freschezza ineccepibile (“Al Mondino” affluiscono anche singoli clienti per spese giornaliere). Altro fiore all’occhiello per Enzo è “Al Cairello”: uno di quei centri di agriturismo collocato nel cuore della natura nel comune di Manno.

La natura… la grande madre che tutto offre all’umanità. La famiglia di Enzo Crotta al completo, in diversi settori interpreta le offerte della natura proponendo le sue diverse ricchezze in diversi settori.

Cucina casalinga, con le specialità alla griglia. “Al Cairello”, un ambiente in cui si godono pace e serenità e dove i bambini possono fare tutte le scoperte del mondo animale.

la sua ditta “Piantala”: costruire giardini, coltivare piante secondo i più validi principi e concedere ai fiori tutto lo spazio. Un’arte del giardinaggio secondo antichi e moderni canoni per una bellezza della natura, che sia punto di sano e prestigioso riferimento.

Enzo coordina il settore dell’alimentazione al grande centro “Al Mondino” a Muzzano e “Al Cairello” a Manno. Frutta e verdura in tutte le stagioni raggiungono i grandi centri di distribuzione del Il mondo dei cavalli “Al Mondino” con “Linda Crotta junior team”. Cavalli a disposizione di cavalieri e principianti: un mondo anche per i più piccoli a cui Linda infonde l’amore per i cavalli e i principi per cavalcare con destrezza ed amore. E c’è anche l’attenzione alla natura: ne è protagonista il giovane Christian con

Al Cairello CH-6928 Manno Tel. +41 79 685 12 83 crotta@ticino.com www.al-cairello.ch Orari d’apertura: Me-Do dalle 17.30 Festivi dalle 11.00


27

Sagra della capra A cura della Redazione

Ad Astano il conosciuto Albergo della Posta propone quasi mensilmente specialità culinarie strettamente legate al territorio e alle stagioni. E così dopo i piatti di aprile legati alla carne di capra, in maggio saranno i fiori di zucchina a farla da padroni così come in giugno ci saranno i pesci di lago, in settembre il peperoncino e in ottobre il cinghiale (quello cacciato nel Malcantone per intenderci). Pure esclusiva e impressionante la scelta dei vini ticinesi proposti in abbinamento: 90% vini Malcantone/Luganese (Huber, Zündel, Klausener, Weingartner, Rossi, Kaufmann, Visini Kopp von der Crone, Bachmann, Rudolph, ecc). Albergo della Posta CH-6999 Astano Tel. +41 91 608 32 65

Il tutto viene naturalmente servito nell’incantevole cornice di un Albergo che esiste dal 1888, con un giardino impreziosito da palme immense, che i Malcantonesi sono invitati a scoprire. Sì, perché negli ultimi 30 anni il posto ha prevalentemente lavorato con la clientela turistica. Giunto alla seconda stagione con la nuova gestione assicurata da Alex Beeler e dal suo staff l’intenzione è infatti quella di promuovere l’albergo-ristorante anche verso la clientela regionale.

info@posta-astano.ch www.posta-astano.ch


gastronomia

28

San Pellegrino sapori ticino 2015 world’s top chefs A cura della Redazione

Ricomincia il 3 maggio e terminerà il 14 giugno il prossimo viaggio promosso da S. Pellegrino Sapori Ticino 2015. Divertimento e alta cucina, territorio e prodotti di eccellenza saranno, per la nona volta, le parole chiave di un evento che nel 2015 proporrà 8 chef tra i 51 dei migliori ristoranti al mondo. Detto per inciso addirittura 4 dei World’s Top Chefs figurano tra i primi venti! Questi grandi Chef si daranno appuntamento nei ristoranti dei migliori alberghi del Canton Ticino, per un evento enogastronomico da non perdere, con un numero sempre maggiore di partecipanti e sostenitori. Con un totale di 28 stelle Michelin partecipanti e un numero impressionante di punti Gault&Millau che onoreranno quest’anno il Ticino e le sue eccellenze, S.Pellegrino Sapori Ticino sarà in assoluto uno dei più grandi eventi a livello mondiale.

Dopo la serata iniziale tenutasi il 30 marzo a Zurigo presso il Baur au Lac, si continuerà il 13 aprile a Vevey presso il Grand Hotel Du Lac e il 15 aprile a Ginevra presso il Mandarin Oriental. Come di consueto, dopo le serate di Gala oltre Gottardo, S.Pellegrino Sapori Ticino tornerà a casa dove inizieranno i veri e propri eventi che vedranno ospiti i più importanti chef italiani e internazionali del momento. La cena di apertura del 3 maggio, presso l’Hotel Splendid Royal di Lugano, sarà a cura degli Chef del gruppo Swiss Deluxe Hotels, dove Domenico Ruberto ospiterà tre colleghi e ambasciatori del gruppo come Giuseppe Colella, Dominique Gauthier e Thomas Neeser. Si susseguiranno poi il 4 maggio Mauro Colagreco, chef 2 stelle Michelin del ristorante Mirazur di Mentone, presso l’Hotel Eden Roc di Ascona, e il 10 maggio Dario Ranza incontrerà Massimo Bottura dell’Osteria Francescana a Villa Principe Leopoldo, Lugano. L’11 maggio Andreas Caminada sarà ospite dello Chef Frank Oerthle al ristorante Artè del Grand Hotel Villa Casta-

gnola di Lugano. Sempre in maggio, il 24 per l’esattezza, presso il Ristorante Concabella di Vacallo Davide Scabin incontrerà il talentuoso e stellato Andrea Bertarini. Il 25 maggio presso Villa Orselina sarà ospite di Antonio Fallini, lo chef Sven Elverfeld, uno dei più importanti ed apprezzati in Europa. Il 29 maggio S.Pellegrino Sapori Ticino vedrà poi l’arrivo, direttamente da Bangkok, dell’indiano Anand Gaggan, che si esibirà all’Hotel Swiss Diamond di Vico Morcote. Il viaggio attraverso le migliori tavole del Pianeta prosegue il 3 giugno con la presenza di Diego Muñoz (Hotel Splendide Royal di Lugano) e a completare la rosa di Chef ospiti, l’8 giugno presso il Castello del Sole di Ascona, sarà di scena il giovane Rasmus Kofoed del Geranium di Copenaghen. Eventi speciali di sicuro richiamo faranno da corollario alle serate sopra indicate, fino alla serata conclusiva a 5 Stelle Michelin presso il Gran Hotel Eden di Lugano, che il 14 giugno proporrà Andrè Jaeger, Franz Wiget, Markus Neff e Robert Speth ospiti di Alessandro Fumagalli.

www.sanpellegrinosaporiticino.ch


bel paese

29

Tradizione rivisitate in salsa artistica moderna Segnaliamo il Fritto misto piemontese Servizio a cura di David Camponovo Con la primavera ricompare una rubrica storica del giornale: Belpaese. In ogni edizione proporremo un’esperienza vissuta dal nostro direttore o da altri giornalisti enogastronomici nella vicina penisola. Vi porteremo in locali favolosi. Questa volta siamo stati in Piemonte, più precisamente a Colleretto Giacosa a pochi KM da Ivrea famosa per essere stata la città di Olivetti. Gli abbinamenti natura-enogastronomiainformatica sono semplicemente affascinanti. Anche se ormai il famoso marchio fa parte della storia e la regione ha dovuto re-inventarsi e tuffarsi in altri settori. Come arrivare? Colleretto Giacosa è situata nel verde Canavese, in prossimità del casello autostradale di Ivrea (infatti il locale lo si trova anche nella Guida “Fuori Casello”). La location da fuori non è particolarmente invitante. Sulla porta d’entrata, ben visibile, lo stemma presidio Slow Food e appena entrati… magia. Al suo interno si rimane abbagliati dalla bellezza della sala principale. Favolosa. Arredata con gusto, con quadri caratteristici e una ricerca del dettaglio nella mise in place del tutto particolare. Prima di passare alla cucina di alta qualità due parole sulle due camere del ristorante del Monte. Sono spaziosissime e decisamente accoglienti, con ogni confort (compresa la gradita Wi-fi gratuita) e un cucinotto con macchina caffè, bollitore, ecc.

di. Un numero importante di ingredienti provengono dal giardino di casa o da fornitori selezionati della regione. Ogni piatto viene fatto al momento.

La location si presta per un giro tra gli affascinanti laghi in particolare il lago di Viverone o per la visita di vari paesini vicini, alla scoperta delle vecchie tradizioni piemontesi e della Valle d’Aosta.

Ristorante Del Monte Uno dei cavalli di battaglia è sicuramente la “Tartare di Fassona Piemontese” (foto sopra) e solo su prenotazione il maestoso “Fritto misto alla Piemontese” a base di carni, verdure e frutti tipici. Eccellente. Il piatto tipico della regione non è da confondere con il normale fritto misto (foto sotto).

via Torino 7/11 I-10010 Colleretto Giacosa (TO)

Tel. +39 0125 76426 ristdelmonte@libero.it www.ristorantedelmonte.com

LO CHEF LUCA BEROLATTI

Mi ha impressionato e resterà a lungo nei miei ricordi lo strudel di verdure con fonduta al rosmarino. Deliziose le lasagne verdi al pesto e zucchine. Il carpaccio di scottona con sedano e parmigiano pure un’esperienza per il palato. Un capitolo a parte lo meritano i dolci. Tutti fatti in casa. La frutta di stagione la fa da padrone oltre ai vari dolci al cioccolato molto tipici nella regione come il famoso bonèt.

Per una famiglia è davvero ideale. Terrazza relax con sedia a dondolo. Unico piccolo inconveniente per i “cittadini” la scala da salire. Ma ne vale davvero la pena. La cucina si sposta in maniera equilibrata tra tradizione e innovazione dello chef Luca, un maestro della pasticceria che cura con grande maestria primi e secon-

È gradita la prenotazione. Ticino by Night consiglia vivamente un week-end presso la struttura per la qualità della cucina e per l’eccellente vino che sono un vero piacere per il palato.

Gelato alla crema al burro di montagna con torcetti al burro e miele dell’Alta Val di Lanzo.

È uno chef molto giovane ma ha già alle spalle una carriera molto intensa. Nasce a Ivrea (TO) il 28 ottobre 1981 e consegue l’Attestato di Cucina presso la locale Scuola Alberghiera nel 1997. Parallelamente frequenta corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole d’Italia e di Francia. Dopo diverse esperienze in hotel e ristoranti stellati e di prestigio, nel 2001 a soli 19 anni, Luca Berolatti assume il ruolo di chef e titolare del Ristorante Del Monte di Colleretto Giacosa (TO). Il cioccolato, tuttavia, rimane sino ad oggi una tra le lavorazioni preferite dallo chef Luca tanto che nel 2011 partecipa alle semifinali del concorso internazionale di dessert da ristorazione “C3”, dal tema “Manjari e sapori dal Madagascar”. Venerdì 15 maggio alle ore 20.30 presso il Ristorante Del Monte di Colleretto Giacosa avrà luogo un evento dai sapori molto intriganti: Birra ANIMA VS. Vino Libero abbinati ai piatti realizzati per l’occasione dallo chef Luca. Posti limitati. Obbligatoria la prenotazione (Tel. +39 0125 76426).


enologia

30

EXPO 2015

Vini ticinesi a Milano in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri.

Il Mattirolo, il bianco di Merlot della Valsangiacomo Vini, il Merlot Riserva (un rosso della Cantina di Giubiasco) e il Merlot Roncaia Riserva della Vinattieri Ticinesi sono i vini ticinesi che “bagneranno” le pietanze del Menù ufficiale del Padiglione Svizzero. Il vino del Ticino si è quindi ritagliato uno spazio non indifferente all’interno dell’esposizione mondiale che sarà inaugurata a Milano il prossimo 1. maggio e che si protrarrà fino al 31 ottobre. Ricordiamo che il Padiglione svizzero realizzato su un’area di oltre 4400 mq è composto da 5 torri riempite con 5 generi alimentari tipici, di cui i visitatori potranno servirsi liberamente. Man a mano che le torri si svuoteranno, le piattaforme su cui poggiano le torri si abbasseranno, modificando la struttura del padiglione. I prodotti non saranno sostituiti durante i 6 mesi dell’Expo di Milano, in modo da incentivare i visitatori ad una riflessione sul proprio comportamento consumistico: più cibo prenderanno nel padiglione e meno ne rimarrà per i futuri visitatori. Lo spazio, che si troverà nelle vicinanze del Padiglione Italia, comprenderà anche un cortile per le esposizioni tematiche dei partner, uno spazio vendita, un ristorante ed un palcoscenico. Expo Milano 2015 è l’Esposizione Universale che l’Italia ospiterà dal primo maggio al 31 ottobre 2015 e sarà il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione. Per sei mesi Milano diventerà una vetrina mondiale

Un’area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri, più di 140 Paesi e Organizzazioni internazionali coinvolti, oltre 20 milioni di visitatori attesi. Sono questi i numeri dell’evento internazionale più importante che si terrà nel nostro Paese.


In onda il v enerdì, ogni 15 gg a lle 10.30

A cura di Michele Braccia del Ristorante Serta in collaborazione con la Redazione

attendere 3 anni per fruttificare e 4 per vinificare: la loro fortuna è quella di essere maneggiate dalle mani di fata di un vero e proprio fuoriclasse agricolo. Oggi, la nostra curiosità andrà ad insinuarsi tra i dolci rilievi sopracenerini del paesino di Gudo. Verremo profondamente risucchiati dall’atavica cultura rurale ed i dettami espositivi verranno cadenzati da un’inesauribile fonte letteraria: la terra. Flavio Ramelli sin dal principio respira e vive senza mezze misure la sua passione agreste. Ad anticiparlo, plasmandogli inequivocabilmente il DNA, ci hanno pensato il nonno, allevatore di bestiame ed il padre frutticoltore. Flavio, sorridendo timidamente, mi dice: “non ero un tipo fatto per lo studio”. Con estrema lucidità decide che sarà la terra l’unica sua maestra di vita… e di vite. A tal proposito mi decanta la frase che lo riassume al meglio: “La terra fornisce sul nostro conto più insegnamenti di tutti i libri”. Flavio Ramelli è un vivaista (1 dei 4 riconosciuti in Ticino) e dunque confeziona le barbatelle, ossia la piantina della vite. Flavio, romanticamente, battezza ed ottiene la futura vite saldando chirurgicamente sull’innesto di vite americana, quella europea (pratica fondamentale contro l’insetto della fillossera). La cura delle barbatelle richiede delicatezza e pazienza, si fanno

speciale wine

“giro di vite”

31

Gli anni tra il ’91 ed il ’95 sono determinanti, Flavio e la moglie Aureliana (preziosissima nel sostenerlo) acquistano dapprima un terreno in quel di Gudo assemblando la loro esistenza sulla lettera C: due cuori, una casa ed una cantina. L’azienda vitivinicola Colli di Gudo dispone di 4 ettari di terreno tutti distribuiti nell’omonimo paese con una produzione annua di circa 20000 bottiglie ripartite in un bianco, un rosato e due rossi. Il nostro consueto girovagare per etichette ci fa degustare il bianco di Merlot “Colli di Gudo”, allevato in acciaio, per poi proseguire con l’orgoglio di terra Ramelli dipinto color salmone, il rosato. Ora non ci resta che annegare beatamente nei rossi, partiamo con il merlot in purezza che si fa una comoda pennichella in botti di rovere (udite, udite ) da 1300 litri, confezionate a San Gallo. Questo vino porta in sé una piccola e controversa saga onomastica: nasce con lo strano ma estremamente incisivo nome “Malacarne”, noiose questioni legislative lo cancellano e si materializzano in una multa per l’incredulo vignaiolo.

Da questa vicenda nasce l’ispirazione per l’ultimo arrivato: “Il Tormento” assemblaggio composto in prevalenza da merlot con l’aggiunta di cabernet, anch’esso in letargo per un anno nelle grandi botti sangallesi.

Il nostro mattatore rurale predilige confezionare vini leggeri e conviviali ma con una carta d’identità enologica di sicura qualità e rintracciabilità.Vuole che i suoi vini abbiano un taglio decisamente popolare: le sue bottiglie devono avere un prezzo sostenibile. Infatti, avrete notato, che Flavio Ramelli è rimasto fedele alla sua anima non inchinandosi, per ora, alla piccola barrique, ed io mi domando, riuscirà a resistere? Azienda vitivinicola cantina Ramelli

CH-6515 Gudo-Malacarne +41 91 859 27 45 framelli61@bluewin.ch www.cantinaramelli.ch

DOMANDA:

ienda?

Quanti anni festeggia l’az

0 risposta via SMS 88 te 15 Vi ro Gi b) 10 te a) GiroVi c)GiroVite 20

Tra coloro che indovineranno il nome del Vino verrà sorteggiata una cena al Grotto Serta per 2 persone à la carte accompagnata da una bottiglia di Merlot Colli di Gudo La risposta va inoltrata entro

venerdì 08 maggio (vale timbro postale) Solo per gli abbonati in palio una bottiglia di Merlot Colli di Gudo

La risposta andrà inviata via SMS al 880 o all’indirizzo mail info@tinotte.ch


enologia MERLOT DA FORMULA 1 - PER IL PILOTA ALEX FONTANA

Si sa che con il buon vino si festeggiano le vittorie e certe volte ci si consola perfino dalle sconfitte. Con questo spirito lo sportivo produttore di vini ticinesi Angelo Delea di Losone ha dedicato un Merlot da Formula 1 al pilota luganese Alex Fontana, il talentuoso protagonista della serie GP3 che da questa stagione correrà con la Status Grand Prix. Si tratta del Merlot del Drago (il drago è infatti il simbolo portafortuna ed identificativo di Alex), un vino vigoroso e di carattere dal bel colore rosso rubino e dal sapore deciso sostenuto da una buona potenza e con una lunga persistenza. Un vino che riflette mirabilmente le caratteristiche di Alex Fontana e le passioni di Angelo Delea, il grande produttore di vini rivelatosi in questa occasione ardito tifoso e sostenitore del giovane campione. Difatti, i profitti ricavati dalla vendita di questo Merlot andranno a sostegno del team di Alex Fontana con l’augurio di brindare spesso a vittoriosi traguardi. Foto: Il pilota Alex Fontana con il produttore di vini Angelo Delea.

ENologia

È nato uno specialissimo Merlot del Ticino per brindare alle future vittorie del promettente pilota ticinese Alex Fontana.


33

I liquori di Giovanna A cura di David Camponovo

I “liquori” che non ti aspetti li trovi a… Magadino. Grazie a Johanna (Giovanna) e Markus, e alla loro comune passione, in casa sono nati i “loro” liquori naturali senza additivi. Bagnati anche dal sole del Ticino hanno poi preso corpo, giorno dopo giorno, cocktails di qualità per tutti i gusti. Liquori e cocktails a Magadino? È una sfida che stiamo vincendo. La nostra azienda familiare si è infatti ritagliata uno spazio tutto suo e la clientela non fatica a trovarci. Quindi quanto da noi proposto e l’ubicazione scelta risultano senza dubbio azzeccati. Quali caratteristiche hanno i vostri liquori? Il “marchio di qualità” dei nostri prodotti parte soprattutto dalla genuinità degli ingredienti usati e dall’assenza di additivi chimici, ma anche da una produzione limitata e da un marketing familiare curato e apprezzato che ha indirizzato in modo ottimale le nostre strategie di vendita. ...e la concorrenza italiana? Non la sentiamo più di quel tanto. Come già detto la qualità dei nostri prodotti e l’affezionata clientela locale (e non solo) alla ricerca di gusti genuini e anche innovativi, ci hanno permesso di occupare un “mercato” di tutto riguardo. Cocktails per tutti i gusti? Una delle nostre peculiarità è anche quella di creare del materiale didattico

per i nostri amati clienti. Quindi forniamo i prodotti ma anche dei servizi accessori. Per i cocktail abbiamo realizzato un piccolo libretto contenente possibilità di abbinare i nostri liquori realizzando dei Cocktail speciali! Alcuni esempi? Don Giovanna (moccaccino e nocciolino), il Sir Giovanna (peperoncino), ...fino al Ticino Sunrise (fragolino e arancino)! Anzi dal prossimo numero abbineremo una ricetta di cocktail vicino al concorso Cameriera + Frizzante! Sei d’accordo? … ok allora alla prossima puntata! www.digiovanna.ch


+Frizzanti 2014! La vincitrice è... Morena

del Bar dal Ghezz, Manno

Kawany’s Bar

Corso Enrico Pestalozzi 21A CH-6900 Lugano Tel. +41 91 923 48 20 Stazione Tamoil via Cantonale CH-6814 Lamone Tel. +41 91 968 14 35 Nome Segno zodiacale: Colore preferito: Hobby: Cibo preferito: Cantante preferito: Un pregio: Un difetto: Del mio corpo amo: E non mi piace: A cena vorrei uscire con: Sogno nel cassetto:

Morena cancro nero ballerina sushi - cucina giapponese Vasco Rossi fedeltà impulsività le curve avere 8 chili di troppo!! gente che mi fa ridere Euromillion... Lotto? Scegliete voi! :-)

2 Gatto e la volpe Via Saliciolo, 3, CH-6598 Tenero Tel. +41 91 234 25 78

3

e l i r p a 7 1 ì d r e n Ve zz

al bar dal ghe i in v e n io z a t s u g e d 0 dalle 17.0 et f f u b o c ic r 0 .0 8 1 e l l da e n io z ia m e r p 0 .0 0 2 e l dal

+frizzante 2014

Il grande Party con tutti i +fByrNizighzt anti Ticino u s e h c n a iservate la data R

Lotteria gratuita musica con dj amadeus


35

facebook.com/digiovanna.ch

www.digiovanna.ch CH - 6573 Magadino Via al Forte 7 (+41) 76 39 00 976 mail@digiovanna.ch

CAMERIERI +FRIZZANTI

r SMS, Vota pe il numero inviando ella tua del tuo/d 0 (a) al 88 preferito S) 0.- x SM (CHF 0.8

1° round + Frizzante 2015 Ricordiamo i nostri due concorsi.

1) Premio principale +Frizzante voti conteggiati tramite sms, e-mail e tagliando

Cari lettori è partito il 16esimo concorso + Frizzante. Prende il comando della classifica SARA del Bar Zenzero di Lugano che precede sul podio virtuale ANTONIO Cowboy Bar di Contone e SARA bar Claxon a Bedano. Seguono in ordine alfabetico: l’affascinante ELISA della mitica discoteca Ramarro a Bellinzona, ROBERTA del Buffet della Stazione Lugano (locale comodissimo per appuntamenti di lavoro) e la solare “SELLI” del Ristorante a 360 gradi Cappella Due Mani. Locale che lavora davvero bene dalla mattina alla sera. Con spazio per avventori molto differenti tra loro. Buongustai, appassionati del campionato di calcio, artisti, giocatori di scacchi...

1

lilli

Rist. Bar Paradiso -Paradiso

2

re salvatodel Sole Rist. Pizzeria Magliaso

Larissa

3

Snack Bar Venezia Lugano-Cassarate

Grazie a tutti per la partecipazione al concorso, sia ai protagonisti sia agli avventori dei ritrovi pubblici ticinesi, che da oltre 15 anni votano la loro cameriera/e preferiti! Vi aspettiamo venerdì 17 aprile per festeggiare tutti i +Frizzanti vecchi e nuovi!

Premio tinotte.ch Ricordiamo che per i Click sul sito, da due anni, è previsto un premio finale speciale. Premio che sarà consegnato la sera della premiazione della Cameriera +Frizzante 2014!

Sveleremo il nome del/lla + frizzante clik (sul sito tinotte.ch) pure sul prossimo numero! Invitiamo a segnalarci candidati per i nuovi numeri. Telefono. +41 91 605 73 00 - info@tinotte.ch

2) Premio speciale. +Frizzante WEB Preferenze espresse sul nostro sito web. www.tinotte.ch

Il cameriere Antonio del Cowboy Bar a Contone ha vinto con 47,2 % dei voti la tappa precedente numero dei camerieri +Frizzanti.

4

a francesc - Lugano Bar Meeting

Nome Via Luogo e data

mamo

Grotto San Martino Mendrisio

6

Cassiopea ngo Buby Bar - Sore

REGOLAMENTO 1. Partecipano al concorso camerieri - donne e uomini che lavorano in locali della Svizzera italiana. 2. Ogni locale partecipa una sola volta, nel corso dell’anno, rappresentato da un solo candidato(a). 3. La partecipazione al concorso necessita solo di un abbonamento annuale (CHF 60.-) in cui partecipa il concorrente. 4. Ad ogni uscita bimestrale della rivista concorrono sei candidati(e). 5. La votazione per ogni concorrente è di un’edizione. 6. Vince chi, a fine anno, ha totalizzato il maggior numero di preferenze, nei seguenti sistemi di voto. a) spedendo il tagliando sottostante b) via SMS - al 880, inviando il numero preferito p.es. FRIZ1, FRIZ2... ma non solo il numero! c) via e-mail. info@tinotte.ch oppure indicando nome e cognome oppure... 7. È esclusa ogni forma di corrispondenza sul concorso. NON scriver e solo il numero 8. Il locale vincitore si impegna ad organizzare una festa !! per la vincita del/della cameriere/a +Frizzante in cui lavorava al momento della partecipazione al concorso.

880

friz1 FRIZ 2

tagliare e inviare a Ticino by Night, via San Gottardo 26 CH-6900 Lugano

Cameriere(a) +Frizzante. Numero scelto

5

E-mail (obbligatorio) Cognome Località Firma

CONCORSO N° 88


Casting Miss 2015

1° Casting al Venezia (marzo) A cura della Redazione La storica pasticceria Snack Bar Venezia classico e rinomato locale ci ha accolti con eleganza giovedì 5 marzo per il primo Casting Miss e Hostess 2015. La nostra responsabile Flavia ha illustrato alle aspiranti Miss il regolamento del concorso spiegandone i dettagli e allo stesso tempo una panoramica dell’agenzia Hostess CD Media.

Le ragazze, selezionate, sono successivamente immortalate dal nostro Claudio Rossi, ed hanno dovuto pure esprimersi davanti all’attenta telecamera di Maurizio Colombo. Le ragazze hanno potuto assaggiare il delizioso Charme Delea.

ostess

H Vuoi fare la

le Cerchiamo

Circolo Sociale di Montagnola Lunedì 27 aprile ore 19.30

2° Casting Miss 2015 e Hostess Cucinerà durante la serata lo Chef Massimo del Canale

Via ai canvetti 13, CH-6926 Montagnola - Tel. +41 91 994 69 19 - info@grottocircolosociale.ch - www.grottocircolosociale.ch


37

gioco? in i t r e t t e m s? Vuoi

015! 2 l i r e p s s i eM

Fotografie 1° Casting Foto © fotoritratto.ch Video © Maurizio Colombo

snack bar Venezia

Giovedì 7 maggio ore 19.00 3° Casting Miss 2015 e Hostess Piazza della Riscossa 16, CH-6900 Lugano-Cassarate Tel. +41 91 971 04 94 - info@ristovenezia.ch - www.ristovenezia.ch

Manda il tuo curriculum a: info@tinotte.ch o tel. +41 91 605 73 00 Spedisci il tagliando alla redazione: Ticino by Night, Via San Gottardo 26, CH-6900 Lugano info@tinotte.ch - tel. +41 91 605 73 00

Miss TbyN 2015 (minimo 168 cm per Miss TbyN)

MiniMISS

nome

e-mail

cognome

professione

indirizzo

hobbies

CAP/Località

data di nascita

cellulare Età minima 16 anni

altezza

Mni Miss 2015 (massimo 168 cm per Miss Tap Model) Hostess


38

EspoTicino una piccola grande fiera A cura della Redazione

4

3

La 36ma edizione non era un’edizione di giubileo ma è stata segnata dal restyling del padiglione dando una piacevole e apprezzata rinfrescata alla fiera grazie ad un vivace programma di eventi collaterali e alla reimpostazione degli stands. Senza snaturare il suo vero grande segreto legato alle tradizione e alla regione del Bellinzonese. Sotto alcuni momenti della 36 edizione. Arrivederci al 2016

1 2

1) Momento dello Show 2) Le cheerleaders 3) Sharon, una fascia di Miss Tap Model 2013 4) Taglio del nastro: da sinistra presidente del Consiglio di Stato, Paolo Beltraminelli, il presidente di ESPO Ticino Luigi Decarli e il sindaco di Bellinzona, Mario Branda.

Trofeo Juniores Espo Ticino

Vince Vignatti

Sabato 21 marzo, su iniziativa di David Camponovo e in collaborazione con la Federazione Ticinese di Scacchi, ha avuto luogo il I° Trofeo Scacchistico Juniores – ESPO TICINO aperto a ragazzi fino a 15 anni. Il torneo è stato vinto da Andrea Vignatti (Legnano, Italia), punti 5, davanti a Edoardo Migliavacca (Gorla Mino, Italia) e Luigi d’Aprile (Vacallo), entrambi punti 4. Nella bella cornice del Centro Esposizione Linda Müller, David Camponovo, organizzatore, e Fabio Schnellmann, hanno provveduto alla premiazione dei migliori e alla distribuzione di apprezzati gadgets a tutti i partecipanti.


ragazza by night

40

Photographed by

Present

Flavia Make-UP and Hairstyling by Tania Lopes


benessere e FASHION

41

Capelli: 5 mosse per una chioma perfetta A cura di Roberto Stefanizzi per Elisir Coiffure Lugano Foto David Camponovo

1) Come usare shampoo e balsamo Il primo passo per prendersi cura dei capelli è sapere come lavarli. Bagna i capelli con acqua tiepida e metti lo shampoo tra le mani massaggiandolo sul cuoio capelluto con i polpastrelli, per stimolare l’afflusso di sangue. Attenzione: l’abbondanza di schiuma è dovuta a un’alta dose di tensioattivi naturali (saponi) e sintetici (solfati) che detergono eccessivamente, sgrassando troppo la pelle e privandola delle sue difese naturali. Ora, stendi il balsamo, lasciando il capello pieno d’acqua per facilitare la pettinabilitá, sulle lunghezze verso le punte risciacquarlo abbondantemente eliminando ogni residuo.

con le dita e le mani fino a quando non sarà asciutta all’80%. Sarà quindi ora il momento di sfoderare la spazzola. Se, invece, si è piastra-dipendenti bisogna asciugare perfettamente i capelli prima di passare il ferro caldo. Infine, consigliato l’uso di un prodotto termoprotettivo (che ripara dal calore) prima di procedere, per evitare che i capelli si sfibrino. O alternativa usare la piastra al vapore.

4) Gel o spuma? Un bel dilemma che però ha una facile risposta. Il gel è adatto ai capelli corti che va steso sulle punte e modellato a seconda della pettinatura che si desidera ottenere. La spuma, invece, è l’ideale per ogni lunghezza di capello e 2) Asciugare con attenzione. va applicata sulla chioma leggermente Il primo passo è tamponarli con una sal- umida. Per ottenere più volume basta vietta, senza sfregarli. Una volta elimina- asciugare la capigliatura a testa in giù. ta l’acqua in eccesso, arriva il momento di passare al phon. Questo strumento è 5) I rimedi fai da te. stato creato per essere utilizzato a de- Siete amanti del naturale? Ecco qualche bita distanza dal cuoio capelluto, in più kit per superare l’emergenza. Per rimeoccorre ricordarsi di muoverlo, mai fisso diare ai capelli secchi, è utile un impacsu qualche punto e mai troppo vicino co di olio d’oliva tiepido. Va massaggiaalla testa. Un rimedio, per non scaldare to qualche minuto e poi lasciato agire troppo cute e capelli e mettersi a testa per mezz’ora. Se al contrario si vuole in giù muovendo il phon. ovviare ai capelli grassi, si possono sciogliere 2 cucchiaini di sale in un litro 3) Spazzolare & piastrare di acqua bollente. Dopo che si è raffredUna volta apprese le regole sull’uso dato, va passato sui capelli appena ladel phon, bisogna imparare qualche vati prima dell’ultimo risciacquo. trucchetto sulla messa in piega. Per ottenere la pettinatura desiderata, è meglio iniziare a modellare la chioma

Roby con Sara Miss Ticino by Night 2014 durante una serata Loreal

www.elisircoiffure.ch

Via Boschina 3 CH-6963 Pregassona Tel. +41 91 972 11 30 Fax +41 91 972 11 31 ecosystechsa@msn.com info@ecosystechsa.com www.ecosystechsa.com


musica Intervista a Diamà A cura di Marco Paltenghi - RSI - Intervista realizzata il 18 marzo 2015

Ciao Claudia: Parlaci della tua esperienza a Music Star Svizzera? Beh, Marco, sinceramente per me è un ricordo bello ma ormai lontanissimo. Sicuramente senza Music Star non avrei avuto la possibilità di rappresentare la Svizzera all’ Eurovision Song Contest 2006 con il gruppo “Six4One” e forse non avrei incontrato tutte le persone che mi hanno aiutato a realizzare il mio primo album “We’re not done”. Non è stato sempre facile perché all’inizio di una carriera si vuole solo cantare e fare musica. Purtroppo quello non basta per avere successo. Ci sono molte regole da seguire e tantissime cose legali da rispettare. Music Star è stato un tornado di belle emozioni. Cosa ne pensi del proliferarsi dei talent show, che molte volte regalano facili illusioni ai giovani? Penso che sia un concetto che specialmente in Svizzera funziona solo raramente. La svizzera è un mercato piccolo al confronto dei cinque giganti USA, Inghilterra, Italia, Germania e Francia. Dunque anche alle etichette mancano i fondi per costruire la carriera di un cantante. Ma sinceramente il dilemma inizia dopo il talent show. Ti trovi in una situazione difficile perché intorno a te tante persone vogliono avere un pezzo della celebrità acquisita. Non avendo esperienza, incontri persone che ti promettono le stelle: tanto fumo e niente arrosto come

si usa dire. Devi essere fortunato a trovare delle persone che credono in te e che ti spiegano come muoverti nel mondo della musica. Io sono stata fortunatissima. Perché hai deciso di chiamarti DIAMA’? Nell’Ottobre del 2008 purtroppo ho perso il mio migliore amico con il quale sono cresciuta. Per me era più di un fratello e passavamo ogni minuto libero insieme. La cosa che ci legava di più era proprio quest’amore pazzo per la musica. Cantavamo spesso insieme. La sua morte mi ha distrutta e per due anni non riuscivo più a concentrarmi sulla musica. La promessa che gli avevo fatto era che l’avrei sempre incluso in ogni progetto musicale. In quel pensiero ho trovato la forza di continuare, cosi per mantenere la promessa l’ho aggiunto nel mio nome d’artista (Dia) per clauDIA - (Ma) per MAurizio - Tutto il mio album e dedicato a lui e specialmente il mio prossimo singolo “I just wanna scream”. Dopo tante collaborazioni esce il tuo album “We’re Not Done” con sonorità pop dance: com’è nato e quali i brani che ami di più? L’idea è nata alla fine 2007. Dopo il talent show avrei avuto la possibilità di essere prodotta da diverse etichette conosciute ma invece ho deciso di seguire la mia strada e di creare canzoni che mi spiegano come artista. Ho iniziato a collaborare con Jiameé con il quale ho scritto tutti i miei brani ed insieme abbiamo lavorato con diversi produttori innovativi che ci hanno sostenuto e che hanno creduto nel mio progetto dall’inizio. “We’re not done” è un album molto personale che rivela molte cose su di me, dedicato all’essere donna, alle mie radici e che celebra il sentirsi diver-

si, un album sincero, a volte un po’ crudo ma anche dolce. Amo tutti i brani del mio album, anche perché ogni canzone ha una storia vissuta. “Fake Smiling” era la canzone preferita di Maurizio, mentre “Mare” (unico brano italiano) è la mia storia d’amore e la canzone che è stata inno del mio matrimonio. “La Mossa (The Brush-Off)” e “Good & Bad” riflettono le mie radici e “Thinner” conclude un pensiero con il quale ho combattuto per molti anni. Quali sono i progetti per il futuro? Abbiamo appena finito di girare le ultime scene per il mio quarto video e prossimo singolo “I just wanna scream”. E non vedo l’ora di poterlo presentare. E poi chiaramente sto promovendo il mio album qui in CH ed all’ estero. Spero veramente che l’album piacerà al pubblico e non vedo l’ora di ricevere le prime reazioni. www.diamamusic.com BIOGRAFIA

Diamá (alias Claudia D’Addio), è un talento eccezionale che non ha paura di andare contro corrente. Questo è il modo migliore per descrivere la focosa artista italiana. Dal suo debutto, nel programma „Music Star“ Svizzera, un talentshow concepito sulle basi di „Amici“ e „American Idol“ , Diamá è diventata una delle voci più carismatiche nella scena musicale del paese.Grandi performance, iniziando da quella dei giochi olimpici invernali a Torino 2006, per la Visage / Ford International fino ad arrivare al grandissimo show per la Sunrise all’Hallenstadion di Zurigo preparano l’artista al suo movimentato futuro. (...) L’’articolo completo su www.tinotte.ch


43

La musica è la mia vita Intervista alla pianista Catherine Nardiello Di Flavia Vignuta - foto ??? Com’è iniziata la passione per la musica? Ho iniziato a suonare un piano per bambini all’età di 9 anni, ho preso delle lezioni e all’età di 11 anni ho deciso di fare la pianista concertista. Infatti ora vivo per i miei concerti e i miei CD.

sinfonica. Il concerto sarà a Budapest e sarà la prima esecuzione di un concerto pianoforte- orchestra.

Da sinistra Flavia Vignuta e Catherine Nardiello

Cosa vuol dire per lei vivere di musica? La musica mi ha salvata da molti momenti difficili e brutti della mia vita ed è quindi diventata la ragione per cui mi alzo alla mattina. Posso dire che la musica è il mio DNA. In un mondo così frenetico, dove la gente va e viene, le relazioni passano la musica invece rimane sempre con me.

Quali saranno le date delle sue prossime apparizioni? A Pasqua suonerò in Scozia il Giovedì Santo, la domenica di Pasqua e il lunedì (Pasquetta). In Ticino suonerò invece per la festa della mamma. Poi a Luglio e ad a Agosto avrò qualche data sia in Scozia, sia in Ticino sia nei Grigioni. Ho due nuovi grandi progetti in vista: un CD Natalizio e un CD con un gruppo di orchestra d’archi.

All’Espo di Bellinzona (13-22 marzo), nel padiglione dell’intrattenimento, è stata pure invitata una pianista molto brava Catherine Nardiello che ho avuto la possibilità di intervistare.

Qual è stata la più grande emozione della sua vita professionale? La più grande emozione è stata quando ho scoperto che il prossimo febbraio 2016 suonerò per la prima volta in un orchestra

Catherine Nardiello CH-6830 Chiasso Tel. +41 76 471 39 92 Tel. +39 338 159 32 63


motori A cura di Sergio Cavadini

Marciello con la Trident

foto © www.f1fanatic.co.uk

Il pilota italo-elvetico Raffaele “Lello” Marcello, terza guida della neo-rinata Sauber di F1, inizierà la nuova stagione di GP2 sull’autodromo di Sakhir (Bahrain) il 17-19 aprile, dove si disputerà pure il 4. GP di F1. Per l’occasione “Lello” difenderà i colori della Trident, la scuderia italiana alla quale è approdato quest’anno.

Velocità GP3 Fontana con la Status Grand Prix

Il pilota elvetico Alex Fontana inizierà il campionato 2015 di GP3 solo in maggio. La prima gara avrà infatti luogo dall’ 8 al 10 maggio, a Barcellona, in concomitanza con il 5. GP di F1 e la seconda manche di GP2. Quest’anno Alex gareggerà per la scuderia irlandese Status Grand Prix e si troverà nel suo “motore” anche un Drago, il vino che gli è stato dedicato da Angelo Delea. Vedi info a pag. 32

“Eva e Adamo” sul podio Il Gran Premio d’Australia (Melbourne, 15 marzo) ha visto dominare, come era ampiamente nelle aspettative, il duo Lewis Hamilton-Nico Rosberg su Mercedes. Tra le “novità” di inizio stagione il 3. posto conquistato da “Eva” (così

Sebastian Vettel ha battezzato la “sua” Ferrari) e “Adamo” (al secolo il già citato pluricampione del mondo) e una gara di spessore da parte dei giovanissimi Nasr, Sainz e Verstappen (anche se non tutti sono giunti al traguardo).

È primavera anche per le auto Preparare l’auto per la bella stagione è importante né più né meno come quando la si prepara per l’inverno. Le gomme, per esempio, vanno cambiate. Gli pneumatici invernali, infatti, mal sopportano la bella stagione: sull’asciutto si consumano molto più in fretta e in caso di pioggia non garantiscono un’adeguata tenuta. Ma anche con l’olio del motore non è lecito scherzare: la

sua viscosità deve essere assolutamente compatibile con le elevate temperature che i motori raggiungono d’estate. Per migliorare il confort risulta pure utile sostituire il filtro dell’aria, sicuramente molto “provato” da residui e pulviscoli che soprattutto abbondano in autunno. Siccome i nostri consigli potrebbero però anche essere insufficienti, invitiamo chi ci tiene a mettersi in contatto con il proprio garagista di fiducia!

foto © f1grandprix.motorionline.com

Velocità GP2


45

A Ginevra vince la VW Passat Auto dell’anno 2015 La VW Passat, che associa un profondo restyling alle abituali doti di affidabilità, razionalità e sobrietà, è la vettura proclamata auto dell’anno 2015 in occasione dell’ultimo Salone di Ginevra.

La berlina di Wolfsburg, dopo la Polo e la Golf è la terza VW a fregiarsi dell’ambita onorificenza. Sul podio è stata accompagnata dalla Citroën C4 Cactus e dalla Mercedes Classe C.

Swiss-Rally 2015 Hotz-Ravasi, Ballinari-Pianca e HunzikerWahl sono i tre equipaggi che la Lugano Racing Team (i cui primi 40 anni di esistenza saranno festeggiati il 21 novembre 2015) ha

piazzato sul podio svizzero in occasione della prima manche del Campionato Svizzero Rally svoltosi in Italia. Il Rally dei Laghi si è svolto nel Varesotto il 14-15 marzo.

World-Rally 2015 Nel mondiale rally continua il predominio del campione del mondo Sébastien Ogier, su VW Polo. Il transalpino, navigato dal connazionale Julien Ingrassia ha infatti

vinto tutte e tre le gare d’inizio del WRC disputate nell’ordine a Montecarlo (22-15 gennaio), in Svezia (12-15 febbraio) e in Messico (5-8 marzo).

foto © www.wrc.com

foto © www.tio.ch


sport

46

Un Lugano da Fischer ai giovani

passando dagli stranieri e da… Arno e Cris A cura di Doriano Baserga - foto DC

una maledizione. Risultato: Lugano eliminato ai quarti!

Fallimento si? Fallimento no? È vero che si è raggiunto il terzo posto nella regular season - dopo anni di magra e di posizioni in retrovia - ma a conti fatti ancora una volta i playoff sono stati amari per il Lugano di Patrick Fischer. Il tecnico bianconero non aveva paura del Ginevra, tanto da averlo scelto per una rivincita che sognava da un anno. Infatti non ha spiegato al duo delle meraviglie Fippula e Klasen - prima dell’ultima partita di campionato regolare contro i campioni svizzeri in carica dello Zurigo - che era meglio giocare con “il freno a mano” e magari anche perdere pur di non affrontare di nuovo Mc Sorley. Il Servette doveva essere temuto di più visto e considerato i difficili scontri diretti nel campionato e senza dimenticare che in stagione i granata avevano trionfato (pure per la seconda volta consecutiva!) la prestigiosa Spengler! Ma a Patrick Fischer, come è nel suo DNA, non piace perdere e quella sera a Zurigo ha voluto vincere. Il tecnico del Lugano era convinto, che questa volta avrebbe messo sotto i giocatori di Calvino. Invece si è ripetuto esattamente tutto ciò che era successo l’anno prima. Quasi fosse

Dunque un po’ di fallimento esiste in questa stagione in quanto con la squadra formata – come del resto ha più volte affermato lo stesso Fischer – questo Lugano era davvero da finale. Ma ci sono sempre i ma. Pertanto ora non serve recriminare su questo o quel giocatore, serve unicamente riguardare il film della stagione con tutti i tecnici, giocatori e dirigenti e capire quali errori sono stati fatti e quali le cause di questa ennesima sconfitta. Che brucia, inutile nasconderlo. Anche se non vanno dimenticate le tante belle serata di grande hockey trascorse alla Resega. Il pubblico ha gradito rispondendo con affluenze da record. Noi modestamente segnaliamo due fattori, che hanno portato alla conclusione anticipata di una stagione comunque positiva grazie al terzo posto, come scritto all’inizio dell’articolo, e del ritrovato entusiasmo dei tifosi. Dicevamo due errori: il primo è aver ancora una volta sfiancato i due top player Pettersson e Klasen nella stagione regolare, senza lasciarli fiatare e facendoli giocare una miriade di minuti a partita. E non si dica, che lo vogliono loro perché allora si deve far capire a queste star che il titolo si vince con i playoff e non con il campionato. Il secondo punto discutibile

riguarda la scelta di non impiegare più i giovani una volta arrivate sulle rive del Ceresio i fuoriclasse: Simek e Brunner. Gli juniores devono guadagnarsi il posto, dice giustamente il ds Roland Habisreutinger, ma bisogna anche dar loro la possibilità di giocarselo! Forse i vari Dal Pian, Fazzini, Romanenghi e soprattutto Sartori sono stati messi da parte nel momento in cui bisognava dar loro fiducia. Così come ha fatto Arno del Curto a Davos, che senza pensarci su due volte dà “ghiaccio” uguale sia ai giovani che agli stranieri. Con risultati eccellenti. Ma Fischer ha le credenziali e il potenziale per arrivare come tecnico al pari di Arno e Cris, ma un consiglio caro Patrick; Insisti sui giovani e prendi cinque stranieri sin dall’inizio e impiegali in modo che arrivino in forma ai playoff. Last but not least un grande applauso alle Lady che hanno trionfato per la sesta volta. Complimenti!


47

180 partecipanti alla Scuola calcio bianconera

Ogni bambino ha diritto al gioco Servizio a cura di Eugenio Jelmini

Alla domanda “Come si può spiegare a un bambino cosa sia la felicità?” una pedagoga tedesca rispose “Non c’è bisogno di nessuna spiegazione: basta dargli in mano un pallone”. Sono passati parecchi anni e i nativi digitali stanno a loro volta mettendo al mondo figli che corrono il rischio di privilegiare schermi di telefonini e computer, video giochi e serie televisive. Ma il pallone e il gioco all’aperto continuano ad avere il loro fascino. Basta recarsi allo stadio di Cornaredo a Lugano ogni mercoledì pomeriggio per rendersene conto. Sul terreno sintetico sgambettano decine di bambini della scuola calcio del FC Rapid. Mentre sui campi B decine di mamme e nonni assistono alle imprese dei pargoli che frequentano la scuola calcio bianconera. Quest’anno il loro numero è da primato: quasi 180. Sono nati negli anni che vanno dal 2006 al 2009 e tutti manifestano grande passione per il calcio. Vederli rincorrere la palla è uno spettacolo. A differenza di quanto succedeva un tempo ai calciatori in erba non vengono proposti gli “esercizi dei grandi”

ma tutta una serie di giochi adatti alla loro età e che mettono il divertimento al primo posto. È questo l’obiettivo principale di una scuola calcio: far muovere i bambini in un ambiente idoneo, salvaguardando la parte ludica e l’aspetto polisportivo. E puntando sulla socializzazione. Come si afferma spesso in una società sempre più individualista “i bambini hanno bisogno di altri bambini per poter crescere all’interno di una comunità sociale”. Ci sarà modo e tempo negli anni successivi di entrare in dinamiche più prettamente calcistiche, affinando i gesti tecnici e le modalità tattica. I bambini di 6, 7 e 8 anni vogliono soprattutto passare un paio d’ore con compagni e amici, rincorrendo un pallone quasi in libertà e dedicandosi a giochi di movimento. In questo senso la Scuola calcio del FC Lugano risponde perfettamente ai moderni dettami. Tra l’altro si affida a monitori qualificati. Occuparsi di “calciatori” così piccoli è molto complesso. A questa età l’allenatore educa, ascolta, è una figura paterna, un esempio al quale ci si può rivolgere in caso di bisogno. Tocca a lui creare l’ambiente adatto al divertimento e all’apprendimento. È un animatore,

FC Lugano (www.fclugano.com) do 12.04 sa 18.04 sa 25.04 me 29.04 lu 04.05 lu 11.05 sa 16.05 ve 22.05 lu 25.05 sa 30.05

15.00 17.45 17.45 19.45 19.45 19.45 17.45 19.45 18.00 17.45

FC Lugano - FC Lausanne-Sport FC Wil 1900 - FC Lugano FC Winterthur - FC Lugano FC Lugano - FC Schaffhausen FC Le Mont - FC Lugano FC Lugano - Servette FC FC Lausanne-Sport - FC Lugano FC Lugano - FC Chiasso FC Bienne - FC Lugano FC Lugano - FC Wohlen

prima di tutto, che deve tenere gli occhi ben aperti per individualizzare, quando è il caso, gli interventi. “Ogni bimbo è dotato a modo suo. Le qualità dei bambini sono variate e diversificate come i bambini stessi.” Sono principi sui quali insiste molto l’Ufficio federale dello sport. Che aggiunge anche una considerazione sacrosanta: ogni bambino ha diritto al gioco!


sport

scacchi

9 03-06.04.2015

Eventi Collaterali Gio 02 aprile - ore 19.00 Albergo Pestalozzi: simultanea VIP vs GM Boris Chatalbashev

Lu 06 aprile - ore 15.00 Albergo Pestalozzi: finale del III Campionato Ticinese di Scacchi alla Cieca

Gio 02-Lu 06 aprile Albergo Pestalozzi: esposizione di scacchiere in collaborazione con l’Associazione Multimicros Ticino

Lu 06 aprile - ore 08.30 Albergo Pestalozzi: I Torneo Risoluzione Problemi

Sa 04 aprile - ore 14.00-16.00 Albergo Pestalozzi: corso di scacchi per bambini

Lu 06 aprile - ore 16.30 Albergo Pestalozzi: premiazione dell’IX Open Internazionale di Scacchi di Lugano e del Campionato Ticinese di Scacchi alla Cieca

Sa 04 aprile - dalle ore 20.00 Ristorante Antica Osteria del Porto di Lugano Via Foce 9, 6900 Lugano - Tel. +41 91 971 42 00 Serata di gala, aperta a tutti - iscrizione obbligatoria

Armando Degli Antoni armando.degliantoni@allianz-suisse.ch

c/o Albergo Pestalozzi

Piazza Indipendenza 9, CH-6901 Lugano Tel. +41 (0)91 921 46 46 www.pestalozzi-lugano.ch


49

Al via il IX Open internazionale di scacchi di Lugano a cura della Redazione Giovedì 2 aprile la simultanea inaugurale dei VIP contro il GM Boris Chatalbashev Il 9. New-Open di Lugano si terrà dal 3 al 6 aprile, in pieno periodo pasquale. Nell’accogliente cornice dell’Albergo Pestalozzi saranno 6 i turni che impegneranno giocatori locali, provenienti dal resto della Svizzera e dall’Estero. Ricca, come in passato, la paletta delle attività collaterali. Oltre alla simultanea inaugurale che si terrà giovedì 2 aprile (VIP vs GM Boris Chatalbashev) sono previsti un corso di scacchi per bambini (sabato 4 aprile), la finale del III Campionato ticinese di scacchi alla cie-

ca tra i Maestri Fide Aurelio Colmenares e Fabrizio Patuzzo (lunedì 6 aprile, subito dopo la fine dell’Open) e, novità fra le novità, il I Torneo di Risoluzione Problemi (pure lunedì 6 aprile). Per tutta la durata del torneo saranno pure esposte scacchiere (in collaborazione con l’Associazione Multimicros). Non mancherà inoltre, sabato 4 aprile, la serata di gala presso l’Antica Osteria del Porto a Lugano-Cassarate. Open ed eventi collaterali sono organizzati da David Camponovo, anima e corpo del rinato Open di Lugano, e dal suo staff e avranno come sponsor principale le Aziende Industriali Lugano (AIL).

Info: David Camponovo, +41 76 328 60 90 oppure www.scaccomatto.ch

sabato 9 maggio

Torneo giovanile a Balerna Il II° Trofeo Scacchistico Juniores - CENTRO BREGGIA, si terrà a Balerna sabato 9 maggio, sempre alle ore 14.00, presso l’omonimo centro commerciale. Il torneo è aperto a tutti gli allievi di scuola elementare e media del Canton Ticino e della vicina Lombardia. www.scaccomatto.ch

Info e iscrizioni: David Camponovo +41 76 328 60 90 aquilelugano@hotmail.com Sergio Cavadini +41 79 429 22 17 sergio.cavadini@bluemail.ch

SCACCHI

ve 03- lu 06.04 IX° New Open di Lugano A+B Hotel Pestalozzi, Lugano

do 05.07 X° Rivabella (open) Rivabella, Morcote

sa 09.05 II° Centro Breggia (jun) Centro Breggia

do 11.10 II° Fumetto (jun) Congressi, Lugano

Gradita la prenotazione per tutti gli eventi


speciale elezioni Elezioni cantonali 2015

i

n o i z e El

Le prossime elezioni cantonali si terranno domenica 19 aprile 2015 e i cittadini ticinesi saranno chiamati alle urne per eleggere (per la legislatura 2015-2019) il Gran Consiglio (Parlamento, 90 membri) e il Consiglio di Stato (Governo, 5 membri) L’elezione del Gran Consiglio e del Consiglio di Stato avviene in un circondario unico con il sistema proporzionale e per la prima volta sarà in vigore il voto per corrispondenza generalizzato.

Palazzo Civico, Bellinzona © Bellinzona Turismo

Per il Consiglio di Stato Lista 1, N. 3 Per il Gran Consiglio Lista 1, N. 50

i ticinesi er p e o in ic T il er P e. em Insi Amanda Rückert Lega dei Ticinesi

amandarueckert.ch


51

Giorni e orari di voto Il giorno di voto è domenica 19 aprile 2015. I Comuni hanno la facoltà di aprire gli uffici elettorali anche nei giorni di giovedì 16, venerdì 17 e sabato 18 aprile 2015. I giorni e gli orari di voto sono decisi dal Municipio e sono indicati nel materiale di voto, pubblicati all’albo comunale. Identificazione dell’elettore e voto all’ufficio elettorale L’avente diritto di voto, prima di deporre di persona la scheda nell’urna, presentandosi all’ufficio elettorale, dichiara e, se necessario, documenta la propria identità e consegna la carta di legittimazione.


speciale elezioni Elezioni cantonali 2015

52

i

n o i z e El

Come si vota Le schede vanno segnate solo con una penna di colore nero o blu scuro (non usare un pennarello). Voto della lista L’elettore vota di proprio pugno esprimendo il voto per la lista del partito o per la lista senza intestazione, apponendo una croce nella casella che affianca la denominazione della lista prescelta. Voti preferenziali L’elettore può esprimere un numero di preferenze ai candidati pari al numero dei seggi da attribuire (90 voti preferenziali ai candidati per il Gran Consiglio e 5 voti preferenziali ai candidati per il Consiglio di Stato), sia a candidati della lista prescelta sia a candidati di altre liste, apponendo una croce nelle caselle che affiancano i nomi dei candidati prescelti. Importante: se i voti preferenziali superano il massimo consentito, tutte le preferenze sono cancellate e la scheda è considerata valida nel caso in cui sia espresso il voto ad una lista, nulla nel caso in cui non si sia espresso il voto ad una lista.


53


Palazzo Civico Corte interna Š Bellinzona Turismo


speciale elezioni La crisi dentro e fuori Ma questo è pensabile quando noi tutti, cittadini, aziende private, amministratori pubblici, autorità, decidiamo di affrontare gli ostacoli con il medesimo spirito e per il medesimo obiettivo.

I momenti di crisi sono momenti di opportunità, di riesame dell’approccio e del metodo, l’occasione di smettere di pensare “abbiamo sempre fatto così” e ripartire dai bisogni dei singoli e della collettività, per semplificare e smuovere gli ostacoli che col tempo si sono addensati e che le nuove realtà che dobbiamo affrontare hanno reso obsoleti.

Perché la crisi non è solo questa. Grave e almeno altrettanto pericoloso è il clima di sfiducia generale, l’atteggiamento “contro” a priori nei confronti di qualsiasi azione o iniziativa, la critica che sorvola o considera dovuto ogni aspetto positivo, la rinuncia a partecipare perché un risultato positivo è escluso a prescindere, o per non esser resi responsabili del risultato già preconizzato inevitabilmente negativo. I cittadini biasimano la politica e il governo per la loro incapacità di sostenerli nell’emergenza. L’amministrazione risponde con atteggiamenti restrittivi, l’erosione

55

i

n o i z e El

progressiva di benefici finora goduti, la crescente rigidezza e intransigenza. Non è questo atteggiamento di chiusura che ci porterà fuori dalla crisi, che ci farà distinguere nel mercato globale, che renderà più vivibile il nostro paese. Cogliamo l’opportunità, approfittiamo dell’impasse e prendiamo iniziative, proviamo strade nuove, abbattiamo i muri del consueto. Trasformiamo un Cantone sulla difensiva, concentrato su ciò che non si può fare, in un Cantone di opportunità, progettuale e proattivo. Riaccendiamo il nostro Cantone. Linda Müller


COMUNICARE Campagne elettorali (parte prima)

Servizio a cura Pier Paolo Pedrini

I nostri politici hanno sempre ritenuto che la comunicazione avesse poco a che vedere con l’arte di governare perché quest’ultima è altro, di più nobile, e tanto complesso da difficilmente riuscire a informare il pubblico con gli usuali mezzi. Sebbene nel resto dell’Europa vari studi hanno concluso che “il più rappresentato è il più votato”, e per questo motivo varie nazioni hanno introdotto la par condicio, da noi si tratta la comunicazione con la dovuta attenzione. Eppure, quando si avvicina il periodo delle elezioni, gli spazi per le affissioni sono quasi tutti riservati con grande anticipo dai partiti e dai rispettivi candidati.

Un partito, come una marca, è essenzialmente una relazione: può essere fragile, e limitarsi a una certa familiarità dell’elettore con il suo nome, oppure durare nel tempo. Il marketing politico deve allora cercare di rendere fedeli abitudini di voto che talvolta sono incerte e imprevedibili. I manifesti che ora vediamo, quasi otto settimane prima delle elezioni, ci confermano che il potere politico è sempre più sottomesso all’opinione pubblica e che la comunicazione tende a spostarsi dalla semplice informazione all’azione sull’opinione. Oggi non è più la pertinenza che conferisce efficacia al linguaggio pubblico, bensì la plausibilità, la capacità di guadagnare l’adesione, seducendo, distraendo, mobilitando a proprio favore correnti di audience e di gradimento che si sperano grandi. Ma nel discorso politico, come nella maggior parte delle campagne pubblicitarie, non è solo questione di visibilità, ma soprattutto di impegno per far sì che il partito si ritrovi nella comunicazione con un’identità forte e coerente. Da quanto rimaniamo talvolta sorpresi. Ad esempio: lo slogan del PS è “L’alternativa c’è”, ma poi leggiamo che nell’autopromuoversi

un candidato di un partito concorrente (!) dice “nome+cognome, c’è”. Quest’ultimo alimenterà una confusione che aiuta i socialisti, anche perché non siamo ad un appello, ma a delle elezioni, e al proprio nome andrebbe affiancato un concetto che sia in linea con quello del partito, se non altro per identificarsi e per dare un’idea di pertinenza. Vi sono slogan che attingono a piene mani dal ramo commerciale (uno ci ricorda da vicino il riuscitissimo “per me e per te” di un grande gruppo di distribuzione); altri che non dicono perché dovrei votare quel candidato; ci sono ancora (!) i soliti doppi giochi sul cognome per generare simpatia (ma serve?) e slogan con modesta ironia… ironia e simpatia che si possono trovare condensati in chi ha scelto di usare un’illustrazione invece della foto. Le ricerche insegnano che in qualsivoglia messaggio indirizzato ad un pubblico adulto non si dovrebbero utilizzare le illustrazioni poiché le neuroscienze hanno scoperto che il cervello riconosce più rapidamente le figure naturali (e sappiamo che la velocità di decodifica è un’assoluta priorità). Le illustrazioni sono anche sconsigliate perché è diffusa la certezza che è più facile provare interesse e coinvolgimento per gli eventi reali piuttosto che per quelli narrati tramite un disegno. Insomma, preferiamo le situazioni che sentiamo come vere poiché ne traiamo uno spunto diretto per pensare alla nostra vita partendo dalla storia di qualcun altro che ci viene presentato, o che riconosciamo come simile a noi. Nella costruzione della nostra identità, lo ripetiamo, non possiamo tralasciare quella del partito, e pertanto l’ironia ci sembra fuori luogo.

E cosa vorrà comunicare chi si promuove con lo slogan “non per caso” e con la sua foto posta accanto al disegno di tre dadi su uno dei quali è scritto il suo nome? Che tutto è un gioco? Che lui è un giocatore? Che lui è predestinato? Dov’è la sintonia tra la sua promessa e la linea del partito? A parte ciò a noi interessa evidenziare un altro aspetto stilistico. Anche qui le neuroscienze concludono che dobbiamo sempre rivolgere le nostre richieste con frasi positive, e non negando l’opposto, perché di fronte a queste formulazioni il nostro subconscio visualizza proprio quanto vogliamo negare. Infatti nel settore pubblicitario non incontreremo mai slogan al negativo, almeno che non abbiano intenti ironici (uno per tutti: “non sono mica scemo”). Sulla comunicazione, anche quella politica, va dunque dedicato uno scrupolo maggiore.

Biografia Pier Paolo Pedrini insegna “Tecniche di persuasione” al master Public Management and Policy dell’Università della Svizzera Italiana; “Comunicazione” ai Corsi di Formazione per Formatori e alla Scuola Superiore Tecnica dell’Abbigliamento. È consulente di marketing e pubblicità. Il suo primo libro: L’umorismo in pubblicità, Peter Lang, Berna, 2004.


57

Il mistero della narrazione A cura della Redazione

Biografia

Programma La lettura e la scrittura nascono dall’esigenza, radicata in tutti gli esseri umani, di vivere altre vite oltre alla propria. L’uomo si distingue dagli animali proprio perché racconta storie; infatti, oltre alla vita reale, tutti abbiamo bisogno di aprire spazi con la fantasia. “E che altro veramente esiste in questo mondo, se non ciò che non è di questo mondo?” (Cristina Campo). Andrea Fazioli propone un percorso che indaga il mistero della narrazione, a partire dalla sua esperienza personale di autore. Egli racconterà dunque come le storie lo abbiano affascinato fin da bambino; nello stesso tempo cercherà d’indagare il mistero della creatività e i modi in cui essa opera nella nostra vita.

Eventi Gruppo Wir della Svizzera Italiana

Mercoledì 22.04, dalle ore 19.30 presso Ristorante Lungolago, Via Bramantino 1, CH- 6600 Locarno

Business Treff, titolo: Tecniche di scrittura Oratore Andrea Fazioli

Per informazioni sul Gruppo Wir della Svizzera italiana e/o per la serata che verrà proposta, potete rivolgervi a camponovo@wirsi.ch (Camponovo Presidente dell’Associazione)

Andrea Fazioli, nato nel 1978, vive a Bellinzona nella Svizzera italiana. Per l’editore Guanda ha pubblicato i romanzi “Il giudice e la rondine” (2014), “Uno splendido inganno” (2013), “La sparizione” (2010, premio La Fenice Europa), “Come rapinare una banca svizzera” (2009), “L’uomo senza casa” (2008, premio Stresa, premio Selezione Comisso); in precedenza, aveva pubblicato “Chi muore si rivede” (Dadò 2005). In edizione tascabile, i suoi romanzi sono offerti dall’editore TEA. Le sue opere sono tradotte in varie lingue. In particolare, il prestigioso editore BTB Verlag (Randomhouse) ha pubblicato nel 2009 “Am Grund des Sees” (“L’uomo senza casa”), nel 2011 “Die letzte Nacht” (“Come rapinare una banca svizzera”) e nel 2012 “Das Verschwinden” (“La sparizione”); in francese le edizioni Plaisir du Lire hanno pubblicato nel 2014 “Vengeance d’orfèvre” (“Chi muore si rivede”); in russo nel 2013 per le edizioni Текст è apparso “Как ограбить швейцарский банк” (“Come rapinare una banca svizzera”). Suoi racconti sono usciti in numerose antologie, giornali e riviste di vari paesi. Nel 2013 ha vinto insieme a Marco Pagani e Fabio Pellegrinelli il Web-series Contest della SSR (Radiotelevisione svizzera); ha dunque sceneggiato insieme a Marco Pagani la serie “Notte noir”, prodotta nel 2014 dalla casa di produzione REC e dalla SSR. Nel 2004 Andrea Fazioli si è laureato in Lingua e letteratura italiana e francese all’Università di Zurigo, con una tesi su Mario Luzi. Nel 1998 ha vinto il Premio internazionale Chiara giovani. Andrea Fazioli ha presentato laboratori di scrittura creativa in diversi ambiti pubblici, privati e universitari; inoltre ha fondato il laboratorio di scrittura Scuola Yanez, che opera in Italia e in Svizzera. Ha lavorato come giornalista per la carta stampata, per la radio e per la tivù; è stato assistente di letteratura francese all’università e insegnante alle scuole medie e al liceo.


Giornalismo

58

“Una corsa a Palazzo”

Intervista con il conduttore Mattia Sacchi A cura di David Camponovo

Come è nato questo programma? Era da un po’ che pensavamo di collaborare per una trasmissione dove si potesse discutere di politica in maniera un po’ più leggera, lasciando emergere anche l’aspetto umano del politico o aspirante tale. La campagna elettorale si è rivelata un’ottima occasione per lanciare un programma con una linea simile e, con Giorgio De Falco, abbiamo preso spunto da una trasmissione Rai per adattarla ai tempi e alle esigenze della televisione ticinese. Dopo mesi di lavoro, siamo convinti di aver proposto un programma in grado di affrontare la politica ma senza annoiare, anzi...! Tu dirigi mattinoline ma scrivi anche per il Mattino e in passato hai scritto per altri cartacei. Ora la televisione. Sono caporedattore del Mattinonline e sono molto onorato di svolgere questo compito. E sono anche grato di tutte le opportunità che la redazione mi sta dando, dandomi la possibilità di stringere alcune collaborazioni con altri media, come il Mattino, che anche se è della stessa “famiglia” è comunque un lavoro totalmente diverso, e adesso questa esperienza con Teleticino, che in qualche modo mi ha fatto vivere questa campagna elettorale da un punto di vista per me totalmente nuovo e stimolante. Quale l’espressione che più ti si addice? Entusiasta. Non credo di essere più bravo o di avere più talento di chiunque si sieda di fronte a un computer per scrivere. Ma, nonostante siano passati ormai diversi anni, affronto ogni giorno di lavoro con la voglia di fare qualcosa di bello. In ogni intervista cerco sempre di scoprire qualco-

sa di nuovo o di “togliermi” qualche sfizio parlando con persone che fino a qualche anno fa credevo inavvicinabili. E questo mi sembra ancora incredibile... Il futuro della nostraprofessione? Multitasking. Nel senso che bisogna essere pronti a parlare di tutto, dalla politica allo spettacolo, in qualsiasi possibile forma di comunicazione, dallo scritto sul giornale al parlato in radio. A imporlo i nuovi mezzi di comunicazione, come i tablet o gli smartphone, che richiedono un fantasia e voglia di sperimentare da parte dei “giornalisti 2.0”. Una sfida non facile ma assolutamente stimolante! Va bene, per concludere raccontaci qualche aneddoto sulla trasmissione. Guidare e fare le interviste non è per niente facile! Mi è capitato a volte di sbagliare strada perché concentrato nel fare domande: con Lorenzo Jelmini stavo per prendere l’autostrada verso Chiasso anziché verso Bellinzona! Il viaggio più divertente quello con Nicholas Marioli: adesso non si sente, ma il regista Giorgio De Falco, che durante le registrazioni sta dietro il sedile del passeggero, sentivo che non smetteva di ridere! Soprattutto quando Nicholas ha detto: “Sono single, le donne che sono interessate possono leggere il mio numero qui in SOTTOPRESSIONE...”! “Una corsa a Palazzo” Orari Lunedi e Giovedi alle 19.30

Mattia con Nicholas Marioli

Mattia con Alessia Romano Sotto con Marco in piazza durante il carnevale di Lugano Sbroja


astronomia

59

Astrobiologia News:

Alla conquista del Nano di Yuri Malagutti, www.lepleiadi.ch/sitonuovo/ , www.astroticino.ch - Fonti Nasa JPL

La sonda ha fotografato il 90 per cento circa della superficie dell’asteroide, immagini che sono state poi trasmesse sulla Terra.

Missione Dawn La missione di Dawn è iniziata nel 2007, quando fu lanciata e indirizzata verso Marte per sfruttare la spinta gravitazione della sua orbita, ottenendo la spinta necessaria per raggiungere nel luglio del 2011 Vesta. L’avvicinamento fu complicato da un guasto a uno dei tre motori della sonda, che fu poi risolto con un riavvio delle strumentazioni. Dopo avere viaggiato per oltre 2,8 miliardi di chilometri (il tragitto, sfruttando le spinte gravitazionali di altri pianeti, è molto tortuoso) Dawn raggiunse Vesta e vi orbitò intorno per alcuni giorni in modo da mapparne la superficie e raccogliere diversi dati sulle sue caratteristiche.

Vesta 2011

Raggiungendo Cerere, Dawn è diventata la prima sonda nella storia a orbitare intorno a un pianeta nano, e sarà la prima a orbitare intorno a due diversi corpi celesti oltre il sistema Terra-Luna. Record a parte, che comunque fanno sempre piacere, la missione costituisce una grande opportunità per capire come si formò il nostro Sistema Solare. Secondo le teorie più accreditate, Cerere e Vesta erano sulla buona strada per continuare ad accrescere le loro dimensioni, ma a un certo punto si mise di mezzo Giove con l’enorme massa a turbare gli equilibri gravitazionali, e i due asteroidi rimasero più o meno come li possiamo osservare oggi.

Cerere Cerere è l’asteroide più massiccio della fascia principale: fu scoperto dall’italiano Giuseppe Piazzi ai primi dell’Ottocento e per lungo tempo fu considerato l’ottavo pianeta del Sistema Solare. Le sue caratteristiche furono discusse a lungo, con diverse diatribe all’interno della comunità scientifica sulla sua classe di appartenenza: dal 2006 è considerato un pianeta nano, come Plutone.

Cerere ha un diametro intorno ai 950 chilometri e da solo costituisce quasi un terzo di tutta la massa di asteroidi della fascia principale, anche se ci sono asteroidi con dimensioni più grandi delle sue. A differenza delle rocce che ha intorno, Cerere ha una forma sferica piuttosto regolare e si suppone che la sua superficie sia costituita da ghiaccio d’acqua e diversi tipi di roccia.

Cerere 2015 Gli astronomi ipotizzano inoltre che al di sotto della sua crosta ghiacciata possa esserci un oceano di acqua liquida. Dawn ha il compito di fotografare Cerere e di compiere diverse misurazioni con i suoi strumenti per trovare dati a conferma delle teorie formulate fino a ora sul pianeta nano.


arte Ivan Valsecchi:

passeggiando nel cammino artistico A cura della Redazione

Artista autodidatta, più che per passione la sua viene definita una pulsione per l’arte. Fortemente condizionato dalla costante ricerca della propria identità artistica nel corso degli anni è riuscito ad elaborare una propria ed unica espressione: l’astratto. Parlando con l’artista si comprende da subito come con il proprio linguaggio riesca ad esprimere le ispirazioni che coglie da qualsiasi stimo della quotidianità che lo colpisce o che catturi la sua attenzione. La totale assenza di vincoli di razionalità gli permette di spaziare su qualsiasi tematica catturi la sua attenzione e gli permette altresì di poter lavorare con gli elementi più vari siano questi tele,legno plastica e stoffa. A domanda precisa su quale fosse la fonte principale di ispirazione l’artista ha risposto in maniera altrettanto precisa ribadendo che, da ogni cosa che vede o semplicemente ascolta, e che riesce a catturare la sua attenzione, la sua mente rielabora e trasforma in un idea da realizzare concretamente in modo molto istintivo fissandolo in maniera molto decisa sul supporto scelto per l’opera da realizzare. Guardando infine l’opera completa risulta essere quasi disarmante la facilità di lettura da parte dell’osservatore che, scoperto il soggetto o il significato della stessa, ne coglie immediatamente i tratti di richiamo che ne definiscono a pieno l’identità. atelierfenice@hotmail.it www.atelier-fenice.webnode.it

“DRAGO”

Dim 100 x 70 cm Tecnica: spatola e spugna Acrilico su tela Il Drago come simbolo di saggezza e di forza nello spirito

“Drow”

Dim 50 x 60 cm Tecnica: aerografia Acrilico su tela La regina dei elfi oscuri

Si eseguono lavori in aerografia su caschi, serbatoi e materiali vari


Fotografia

61

Fabrice Bouverat:

lo sguardo sull’anima A cura della Redazione

Cari lettori Ticino by Night ha da sempre un ruolo nel panorama Ticinese di scoprire e cercare di lanciare giovani persone dotate di talento. Questa volta vi presentiamo Fabrice Bouverat. Fabrice Bouverat è un fotografo appassionato. Il suo percorso si arricchisce di esperienze, in vie diverse e complementari. Di cultura francese, integra con piacere quella italiana, una fusione che gli aggiunge uno charme particolare! Ha uno sguardo acuto e originale sul mondo e gli esseri, regalandogli una luminosa prospettiva! Sa catturare con amore, colori, figure ed espressioni. Nel 2014 presenta la sua prima esposizione, “Mes deux amours”, una scelta di scatti delle due città care al suo cuore: la splendida Lugano e l’incantevole Parigi. Quest’anno ancora, ci offre questa nuova esposizione, “Livre-moi ton regard” (regalami il tuo sguardo), che si aggira attorno a istanti di vita e di sguardi, rivelandosi come specchi dell’anima; Fabrice ne cattura l’essenza in bellissime sequenze bianco e nero. Un emozione da non mancare!... e perché no, da vivere di persona, come protagonisti! Una vera esperienza! Mostre fino al 2 maggio Ristorante Tango, Lugano dal 3 maggio al 15 giugno Ristorante DiVino, Locarno fabricebouverat.ch


Facilitazioni per abbonati

Eventi ticinobyNight Serate dedicate a Bacco Martedì 28.04 dalle 19.30 Serata enogastronomica c/o Rist. Noca, via Giulio Vicari 19, 6900 Lugano Tel. +41 91 971 58 48

Martedì 12.05

dalle 19.00 Premiazione IV edizione concorso “Mangiar Bene” c/o Rist. Cortivallo, Via Cortivallo 52, 6924 Sorengo. (Prenotazione obbligatoria)

Serate fashion Venerdì 17.04 dalle 19.00

Tel. +41 91 966 10 26

Premiazione Camerieri + Frizzanti 2014 c/o Stazione Tamoil via Cantonale, CH-6814 Lamone Tel. +41 91 968 14 35

Sabato 18.04 dalle 24.00 Serata Diamond ICE con le Ice Girl c/o Ramarro Disco Bar Via F. Zorzi 19, 6588 Bellinzona Tel. +41 79 423 75 12

Casting e Miss 2015 Lunedì 27.04

dalle 19.30 2° Casting Miss Ticino by Night e Mini Miss 2015 e Agenzia Hostess c/o Circolo Sociale di Montagnola, Via ai canvetti 13, CH-6926 Montagnola Tel. +41 91 994 69 19

Giovedì 07.05

dalle 19.00 3° Casting Miss Ticino by Night e Mini Miss 2015 e agenzia Hostess c/o Snack Bar Venezia Pza della Riscossa 16, CH-6900 Lugano-Cassarate Tel. +41 91 971 57 61

Sabato 06.06 1° Tappa Mini Miss 2015 c/o Ristorante Grill Pizzeria La Brace Via Cantonale 2b, CH-6928 Manno Tel. +41 91 606 10 00

Per le foto delle serate seguici su Ticino ByNight

www.tinotte.ch

TbyN 88  

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

TbyN 88  

Guida al tempo libero & benessere - Insubria

Advertisement