Issuu on Google+

Contiene I.P. ISSN 1120 - 7884

n Anteprima CERSAIE 2007 ■ Reportage Cersaie 2010 n■ILegno&Design fatturati delle aziende spagnole

PIASTRELLE DI CERAMICA - PARQUET - MATERIALI PER LA POSA - ARREDOBAGNO - FINITURE D’INTERNO


re

p per sem

industrie pavimenti in legno

w w w. g a r b e l o t t o . i t - w w w. m a s t e r f l o o r . i t


BI_NATURAL BICOTTURA * *

ITALIANA *CONCRETA

ALTERNATIVA ALLA PASTA BIANCA *MOSAICI STUCCABILI

GRANDI FORMATI *FONDI/MOSAICI COMPLEMENTARI *

E MONOCALIBRO *ARGILLE

NAZIONALI *SUPERFICI

LUCIDE E BRILLANTI

S I A M O I N U N A N U O VA E R A I N C U I T U T T O È C A M B I AT O E S TA C A M B I A N D O : L E T E C N O L O G I E D I P R O D U Z I O N E , I MEZZI DI TRASPORTO E DI DISTRIBUZIONE, GLI STRUMENTI DI INFORMAZIONE E DI COMUNICAZIONE, LE ESIGENZE E L E P R I O R I T À D E L L E P E R S O N E E D E I C O N S U M AT O R I . È D A Q U E S TA M O D E R N A C O N C E Z I O N E D E L L’ I M P R E S A E D E I M E R C AT I E D A U N M O D O N U O V O E P I Ù E F F I C I E N T E D I PRODURRE E COMMERCIALIZZARE PIASTRELLE DI CERAMICA PER RIVESTIMENTI CHE NASCE LA VOLONTÀ DI REALIZZARE P R O D O T T I D I G R A N D E Q U A L I T À . E L E VAT O VA L O R E E S T E T I C O E T O TA L M E N T E M A D E I N I TA LY A C O S T I C O N T E N U T I . L O W C O S T: R I D U R R E I P R E Z Z I M A N T E N E N D O A LTA L A Q U A L I T À . E C C O PERCHÉ DICIAMO DI ESSERE IL NUMERO 1 NEL RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO.


20x20 T88

20x20 T81

20x20 T36

20x40

20x40 T54

20x40 T24

20x40 L4

25x40

20x50

20x50 T72

25x50

25x50 T88

20x60

30x60 Ceramiche Daytona Spa SS 569, 177 41014 Solignano MO IT Tel +39 059 759211 daytona@daytonagroup.it www.daytonagroup.it


ADV IKOS

METALART alto profilo artistico La lucentezza delle finiture metalliche Schlüter-Systems come acciaio, alluminio, ottone cromato nelle forme più fini: QUADEC-RONDECDECO-DESIGNLINESCHIENE-JOLLY.

Schlüter-Systems Italia S.r.l. Via Bucciardi 31/33 - 41042 - Fiorano Modenese (MO) Tel.: +39 (0)536 914511 - Fax: +39 (0)536 911156 info@schlueter.it - www.schlueter.it


abitaeps

abitamw

abitaicb

l’inimitabile credibilità di GeopietraŽ insieme alle grandi doti tecniche permette di superare il limite estetico della progettazione su isolamento termico esterno e di disporre pienamente di ogni valore espressivo, ambientale e culturale connaturato alla pietra.


la pietra ricostruita piĂš credibile al mondo

abitasistema il primo sistema garantito per la realizzazione integrata di rivestimenti in pietra ricostruita geopietraÂŽ su isolamento termico esterno RĂ–FIX.


straordinaria naturalezza

Vintage è il parquet che ha rivoluzionato il modo di intendere e vivere la propria casa. L’esclusiva finitura microporosa, la straordinaria naturalezza, la resistenza della superficie, la produzione Made in Italy, la manutenzione facile ed efficace con oli naturali, l’ecocompatibilità, hanno conquistato migliaia di famiglie. I prodotti della Nuova Collezione 2010, dai formati più contenuti, sono facilmente adattabili alle abitazioni moderne e, grazie alle cromie di assoluta tendenza e alle molteplici possibilità di posa, rendono il parquet sempre più accattivante. Ancora una volta Vintage anticipa i tempi, rafforzando la propria immagine di prodotto innovativo, in grado di rinnovarsi e distinguersi sempre. Gazzotti SpA - 40013 Trebbo di Reno - Bologna - Italy - Tel. 051 6329611 - Fax 051 701518 - e-mail: info@gazzotti.it

www.gazzotti.it


TILE ITALIA 6/2010 - Novembre/Dicembre

Tile Italia è pubblicato da: Tile Edizioni S.r.l. Capitale Sociale: Euro 51.400,00 R.E.A. 329775 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 751 in data 20/10/89 Iscrizione al ROC n. 9673

advertising

Informazioni

Sostenibilità Made in Italy

Zero emissioni Ecologia

Sede legale ed operativa: Tile Edizioni S.r.l. Via Fossa Buracchione 84 41126 Baggiovara (Modena) - Italy Tel. +39 059 512 103 - Fax +39 059 512 157 info@tiledizioni.it - www.ceramicworldweb.it

Impatto zero

Direttore responsabile: CHIARA BRUZZICHELLI

© 1989 Tile Italia Collaboratori: Roberto Aiazzi Silvia Bertolani Mara Corradi Milena Bernardi Gian Paolo Crasta Sara Falsetti Pierluigi Gallerani Segreteria: info@tiledizioni.it Progetto grafico: Sara Falsetti RICEVERE TILE ITALIA: Una copia: Euro 4 ABBONAMENTI: www.tiledizioni.it/subscription • Annuale: € 60 • Annuale estero: € 80 • Biennale: € 80 • Biennale estero: € 110 • Annuale online: € 50 L’abbonamento decorre dal mese di distribuzione. Tariffe speciali per gli abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta Conto Corrente Postale 20026415 intestato a Tile Edizioni srl. Spedizione in abbonamento postale presso la Filiale di Modena. L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita delle singole riviste, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni.

Pubblicità: Paola Giacomini - Elisa Verzelloni c/o Tile Edizioni Via Fossa Buracchione 84 41126 Baggiovara (MO) Tel: 059 512103 - Fax: 059 512157 Email: p.giacomini@tiledizioni.it Email: e.verzelloni@tiledizioni.it Alberto Tolomelli Via Cimabue, 3 40133 Bologna Tel/Fax: 051 381939 Cell. 335 5948681 Email: a.tolomelli@tiledizioni.it Studio Mitos - Michele Tosato (Triveneto) Via Valdrigo, 40 31048 San Biagio di Callalta (TV) Tel. 0422 894868 Fax 0422 895634 Cell. 348 8732626 Email: michele@studiomitos.it

L’ambiente

prima di tutto

QUERCUS ANTIQUA

Parquet a 3 strati di grande formato con 7 mm nobile e larghezze fino a 350 mm. Ricavato

da legno antico e trasformato in un prodotto di prestigio.

EffeEmme - Marina Morandi Via Mazzini, 172/A 41049 Sassuolo (MO) Tel. 0536 806725 Fax 0536 1846795 Cell. 335 314531 Email: effeemmeadvertising@libero.it Fotolito: Vaccari Zincografica Via Emilio Salgari, 61 41100 Modena - Italy Stampa e confezione: Arbe Industrie Grafiche S.p.A. Via Emilia Ovest, 1014 41100 Modena - Italy

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. E’ vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito. L’Editore non accetta alcuna pubblicità in sede redazionale. I nomi, le aziende e i prezzi eventualmente pubblicati sono citati senza responsabilità a puro titolo informativo per rendere un servizio ai lettori. La Direzione non assume responsabilità per opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Tile Edizioni srl, in conformità al “testo unico sulla privacy”, garantisce agli abbonati la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa tecnica e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Piemonte Parquets S.p.A. Via dell’Artigianato,6 - 13040 Rovasenda (VC) - Italy Tel. +39 0161.879700 - Fax +39 0161.879798 info@piemonteparquets.com - www.legnostile.com


dal 2004 la piastrella antismog e antibatterica

Diffidate delle imitazioni

QUESTA NON È UNA PIASTRELLA

È UN ECOSISTEMA Oxygena: la piastrella che migliora l’aria che respiriamo.

Come? Grazie al biossido di titanio* che attacca ed elimina in modo completamente naturale i gas inquinanti dentro e fuori casa e possiede proprietà antibatteriche. Oxygena: dal 2004 la prima piastrella al biossido di titanio, l’unica che può vantare due brevetti riconosciuti ed approvati (brevetto per invenzione italiano numero 0001350326 approvato il 28 aprile 2009, brevetto per invenzione statunitense numero US 7,608,297 B2 approvato in data 27 ottobre 2009). A questi si aggiungono numerose altre certificazioni e riconoscimenti: Certificati di validità del prestigioso Istituto Giordano (assunti come criterio di validazione dell’efficacia della piastrella al biossido di titanio dal Ministero dell’ Ambiente con Gazzetta ufficiale n. 84 del 2004) certificazioni del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Ferrara e di Milano, innumerevoli premi e riconoscimenti come il KB Awards del 2006, il Grappolo d’Oro 2004 del comune di Castelvetro, la selezione di Legambiente per l’efficienza energetica e la riduzione dell’inquinamento.

GRUPPO CERAMICHE GAMBARELLI S.p.A. Via Circondariale S. Francesco n. 124 - 41042 Fiorano (MO) Italy Tel +39 059 7577511 / +39 0536 916511 - Fax +39 059 797303 / +39 0536 916555 www.gambarelli.it - info@gambarelli.it


Sommario

TILE ITALIA 6/2010 - Novembre/Dicembre

In copertina: FAP CERAMICHE foto by Giancarlo Pradelli, Cersaie 2010

13 - Editoriale

di Chiara Bruzzichelli

14 - Tile fax

44 - Marketing L’impresa commerciale e le strategie di Pierluigi Gallerani 46 - Obiettivo vendita Caem Dordini Ceramiche, di Sara Falsetti Bagnolo San Vito (MN)

Economia & Mercato 50 - Art Casa by Comedil, una vetrina sul mondo di Silvia Bertolani 54 - Il rilancio del Gruppo Ceramiche di Milena Bernardi Gambarelli 58 - Gruppo Serenissima: ancora in crescita di Chiara Bruzzichelli

76 - Trends Suggestioni di cipria, violacei, ottanio, denim e bianchi di Gian Paolo Crasta 80 - Pietra Naturale “Terrazze di Vado” Saie New Stone Age Design 2010, tendenze naturali 86 - Posa e Tecnica LEED Gold per la nuova sede canadese di Roberto Aiazzi Schlüter-Systems

64

92 - Legno&Design Il legno, il design e quel che di Silvia Bertolani sta nel mezzo

Bagno&Superfici 86 - Da Cersaie 2010: il bagno “integrato” di Mara Corradi

66

106 - Il Ristorante Zen di Sesto Calende a cura di di Silvia Bertolani Attualità 64 - Inaugurata la Galleria Marca Corona 66 - Casalgrande Ceramic Cloud: “la” porta sul comprensorio ceramico

108 - Fiere nel Mondo 110 - Elenco inserzionisti

Report Cersaie 70 - Cersaie 2010, “buoni” numeri 72 - Cersaie Awards 74 - Cersaie Downtown

92

80

70


Artesia

è un marchio di proprietà di International Slate Company

www.civico31.it

32 colori naturali

L'inconfondibile qualità Artesia è sinonimo di pietre naturali e preziose per infinite soluzioni da abbinare. Pavimenti, mosaici, rivestimenti modulari e trattati antimacchia. Per diventare rivenditori: info@slate.it


Editoriale

di Chiara Bruzzichelli

Consuntivi, stime e previsioni Cersaie ha chiuso la 28ª edizione rafforzando la propria immagine all’interno del panorama fieristico mondiale con un’altissima presenza di visitatori esteri: 24.960 su un totale di 83.286, pari al +9,2% di visitatori stranieri sulla precedente edizione. Un record anche la quantità degli espositori esteri che, provenienti da 33 Paesi, hanno rappresentato il 26% dei 1.016 espositori totali. Il perdurare della difficile situazione congiunturale non ha neppure impedito alla fiera bolognese di registrare, dopo due anni di calo, una pur lieve ripresa del dato complessivo di affluenza: +1% il numero totale dei visitatori a Cersaie 2010 che ha chiuso con 83.286 presenze, contro le 82.422 dell’edizione 2009. Una ripresa quantitativa che, peraltro, ha confermato anche la tenuta “qualitativa” dei visitatori, comprendente numerosi buyer stranieri che hanno mostrato interesse e intenzioni di acquisto. Naturalmente soddisfatte anche le aziende del mondo del bagno, che stanno pienamente apprezzando la capacità di Cersaie di attrarre operatori provenienti da tutto il mondo. I dati finali di Cersaie 2010 riflettono, peraltro, la situazione di mercato del comparto italiano delle piastrelle di ceramica. Per tutti vale il commento del presidente di Confindustria Ceramica, Franco Manfredini, il quale, in occasione della conferenza stampa internazionale Ceramic Tile of Italy tenutasi durante lo svolgersi della fiera bolognese, ha così commentato: “Sulla base dei dati raccolti nel primo semestre ci aspettiamo una crescita complessiva del settore, a fine anno, compresa tra il 2,5 e il 3,5%. A fare da traino saranno le esportazioni, con un progresso stimabile tra i 3 e i 4,5 punti.”

Per quanto riguarda il mercato interno, invece, l’immobilità del settore edile resta sotto gli occhi di tutti anche se, secondo gli ultimi dati elaborati dal Cresme e riportati nel 18° Rapporto Congiunturale del mercato delle costruzioni, nel 2011 la domanda di “riqualificazione residenziale” dovrebbe mostrarsi più dinamica del previsto e, auspicando la partenza del Piano Casa2 con i previsti ampliamenti del patrimonio esistente e l’avvio degli investimenti in opere pubbliche, si potrebbe registrare l’inizio di un nuovo ciclo edilizio, seppure con una crescita inferiore all’1%. Intanto, per quanto riguarda il 2010, il Cresme stima un ulteriore calo del 5,9% (contro il -2,8% previsto a fine 2009) del mercato delle costruzioni, per una contrazione complessiva nel quadriennio 2007-2010 del 20%, la più grave dal secondo dopoguerra. “Nella nostra previsione - sottolinea il direttore del Cresme, Lorenzo Bellicini - peggiorano i dati delle nuove costruzioni residenziali e non residenziali, mentre migliora e torna positiva la stima degli investimenti in riqualificazione residenziale”. Al momento sono due i segnali positivi evidenziati, sempre dal Rapporto del Cresme, sul fronte del mercato immobiliare: la crescita, nel segmento residenziale, del 2,4% delle compravendite, a fronte di una ulteriore riduzione dei prezzi calati in media del 17,2%; la crescita del 2,4-2,5% del settore del recupero e delle manutenzioni straordinarie, il fattore che si prevede costituirà il traino del prossimo ciclo edilizio.

Tile Italia 6/2010 - 13


Tilefax

a cura della Redazione

Ceramiche Piemme in crescita Francesco Zironi, già presidente di Assopiastrelle e tutt’ora presidente e amministratore delegato di Ceramiche Piemme - realtà storica del comprensorio italiano della ceramica con 3 stabilimenti, per una superficie complessiva di 200 mila mq, 350 addetti e un fatturato di circa 80 milioni di euro - dichiara un +14% di fatturato nei primi 10 mesi del 2010. Per ottenere il risultato Zironi, tornato alla guida dell’azienda dopo 10 anni di pausa, ha stanziato oltre 27 milioni di euro nel rinnovamento dei macchinari: “Certamente una grossa scommessa, ma o si investe o non si va da nessuna parte” commenta il Presidente, ponendosi come obiettivo di chiudere il 2011 con un ulteriore +10%, rimontando di larga misura le perdite subite nel 2009 e raggiungendo i 90 milioni di fatturato. Anche sul fronte occupazionale il dato è eloquente: “Nel 2009, l’annus horribilis, abbiamo fatto solo 3 settimane di cassa integrazione, mentre quest’anno neanche un’ora”. Risultati veramente importanti, ottenuti grazie ad un lavoro di squadra efficace, a investimenti costanti in Ricerca&Sviluppo e a prodotti di qualità, da sempre proiettati alla sinergia e all’innovazione con l’abbinamento al marchio di moda Valentino. Ora Ceramiche Piemme mira a con-

Francesco Zironi 16 - Tile Italia 6/2010

Tilefax: il filo diretto con le aziende solidare le esportazioni e a raggiungere nuovi mercati: la Cina, le repubbliche dell’ex Unione Sovietica, il Medio Oriente. Stessa attenzione è destinata al mercato interno perché “gli italiani - conclude Zironi - cercano solo la qualità”.

Lo stabilimento Piemme di Solignano

Mindem, la nuova linea di Novart L’aspetto materico naturale della nuova linea Mindem di Ceramiche Novart è il risultato di una ricerca tecnologica che ha saputo esaltare le caratteristiche tecniche ed estetiche del prodotto. Cinque speciali colorazioni dalle moderne tonalità, prodotte nei formati 30x60 e 45x45 cm, sono state pensate per vestire con eleganza interni ed esterni di grande prestigio. Si tratta di una linea coordinata pavimento e rivestimento, arricchita da una serie di decori minimalisti e floreali, che si vuole proporre come espressione di una nuova e moderna forma decorativa

Sadon: un mondo tutto nuovo Buoni i risultati di Cersaie 2010 per Sadon che, da questo settembre, ha trasferito i proprio uffici presso la sede Rondine Group a Rubiera (RE), al fine di migliorare la sinergia fra i vari marchi del gruppo. Oltre alla presentazione della nuova immagine aziendale, attuata in fiera attraverso il logo e lo stand, Sadon ha esposto due importanti novità: la linea di battiscopa in gres porcellanato, realizzata nel formato 6x45 cm con tecnica digitale, e la linea Woodland Outdoor, realizzata su supporto strutturato, reinterpretata in alta definizione con l’utilizzo della tecnica digitale che permette la scrittura anche all’interno di piccoli spazi, tanto da sembrare una autentica doga di legno. Questa collezione, che richiama il legno marino rustico, si presta anche per la posa a bordo piscina ed è disponibile in 3 colori (acero, rovere e iroko) nel formato 15x60,5 cm. La serie viene completata dal pezzo speciale “elemento ad elle” per uso gradino e bordo marciapiede. Da novembre, presso la sede rubierese degli stabilimenti Rondine Group, è possibile visitare la nuova sala mostra aziendale di Sadon dove, su una superficie di circa 150 mq, sono esposte tutte le collezioni del marchio.


advertising

Tilefax

Novità in casa Madras Madras, attiva nella formulazione di prodotti per il trattamento delle superfici, propone alcune importanti novità: l’antiscivolo e gli isolanti per pavimenti e rivestimenti. Antiscivolo Madras è un prodotto adatto per qualsiasi tipo di superficie gres porcellanato, granito e pietre levigate, ceramica, monocottura e cotto smaltato - sia da interni sia da esterni: una volta steso sulla superficie, crea una micro rugosità che riduce notevolmente la scivolosità. Non manca la variante doccia e vasca: P-12 Antiscivolo Rapido risolve i problemi di scivolosità di sanitari in porcellana e maiolica e, grazie alla sua azione veloce (5-25 minuti), è l’ideale per piccole superfici, rampe e scale. Isolcott, invece, è un isolante provvisorio per posa a cemento, non siliconico, a base acqua, pensato per l’asportazione degli stucchi usati per la fugatura di tutti i pavimenti e rivestimenti porosi. Adattissimo per il gres porcellanato, si elimina facilmente con Waxout Forte. Idoneo per isolare materiali molto assorbenti posati a colla, 1AP Posa è un protettivo permanente antiaderente a base solvente che idrofobizza le superfici e ne facilita notevolmente il lavaggio, fungendo, al tempo stesso, da base per qualsiasi tipo di trattamento, sia interno sia esterno. MP Mister Parquet riceve la FSC Grande soddisfazione per MP-Mister Parquet che ha ottenuto la certificazione Forest Stewardship Council A.C. La catena di custodia FSC è la certificazione di tracciabilità della materia prima ‘legno’ all’interno del processo di trasformazione e quindi dell’inequivocabile provenienza da foreste certificate. Tale tracciabilità consente di ricostruire la storia e di seguire l’utilizzo di un prodotto mediante identificazioni documentate sui flussi dei materiali e sugli operatori di filiera. MP SpA ha ottenuto l’accreditamento a FSC grazie ad un sistema di controllo documentato in cui sono specificate le modalità di compilazione ed archiviazione della documentazione e l’attribuzione delle relative competenze. Inoltre vengono assicurate l’origine e le caratteristiche

dei materiali in ingresso, richiedendo al fornitore materiali certificati FSC, e vengono rispettate le leggi sull’importazione di legname (LISTE CITES, documenti fitosanitari, ecc). Tutti i materiali vengono poi identificati con metodi sicuri (marchiatura, separazione, etichettatura, ecc) in modo tale che durante le fasi di procedura (movimentazione, lavorazione, imballaggio, stoccaggio) non si possano mescolare con materiali non certificati. L’accreditamento di MP presso la FSC sottolinea ulteriormente l’impegno dell’azienda verso il rispetto ambientale, oltre alla volontà di proiettarsi ai vertici del mercato internazionale dei pavimenti e rivestimenti in legno. La Natura secondo Bertolotto Natura è il nome della nuova collezione di Bertolotto: porte laccate, incise o pantografate che prendono spunto da fiori, alberi, foglie ed elementi naturali. Curate con attenzione anche nei particolari, presentano decori riprodotti, incisi o pantografati su uno spesso strato di MDF, mentre la cerniera è di serie a filo con doppia regolazione, con una perfetta complanarità degli elementi. L’anta ha la battuta quadra con spigoli raggiati e la laccatura è uniforme. A richiesta, oltre alle porte a battente, le versioni Walldoor, Ghost, scorrevole a scomparsa e a mantovana o con guida Inox Steel, Va&Vieni, e a corredo sono disponibili nuovi vetri extrachiari e cristalli sabbiati: il decoro è sempre di ispirazione “Natura”.

Collezione Natura, Porta Soffi in versione scorrevole Ghost


Pavimento in gres porcellanato: Serie I Legni Via Ghiarola Nuova n. 162/164 - 41042 Fiorano (MO) t. +39 0536 914914 - f. +39 0536 914990 - www.phormasrl.it

omniadvert.com

Elegante, naturalmente


advertising

Tilefax

“Proround M” by Profilpas In ambienti quali ospedali, industrie alimentari, piscine, centri benessere e cucine industriali è richiesto un elevato livello di igiene. I nuovi modelli Proround M by Profilpas, aggiornati nel disegno e nella dotazione di nuovi pezzi speciali, rispondono completamente all’esigenza di favorire la necessaria manutenzione igienica proprio nelle giunzioni tra pavimenti e rivestimenti, punti dove normalmente si concentrano polvere e batteri. Proround M, in acciaio inox, garantisce un’ottima resistenza agli agenti chimici ed atmosferici e, pertanto, è indicato anche per applicazioni in esterno. La versione in qualità 1.4404, inoltre, offre caratteristiche di superiore resistenza alla corrosione ed è quindi raccomandata per applicazioni in aree soggette a maggiori sollecitazioni chimiche, per esempio piscine e industrie alimentari, e in zone di mare. Proround M è stato studiato per essere abbinato ai profili delle linee Probord ILN.

anche a rinsaldare quel rapporto di reciproca stima professionale che da oltre 50 anni lega Sil Ceramiche ai propri clienti. Alla rete di vendita sono stati inoltre illustrati la nuova immagine istituzionale ed il nuovo programma di merchandising curati dell’agenzia di comunicazione Eureka-Media e dall’ufficio marketing Sil. In un clima di generale soddisfazione, i lavori si sono chiusi all’insegna dell’ottimismo derivante da risultati di bilancio positivi nonostante le difficoltà di mercato del comparto ceramico.

Certificazioni EMAS e ISO per Coem

Sil Ceramiche: meeting clienti 2010 Risultati positivi per il Meeting Clienti 2010 di Sil Ceramiche che si è svolto nella suggestiva cornice del Grand’Hotel Gallia di Milano Marittima dal 26 al 28 settembre 2010. Carlo Silingardi, amministratore delegato di Sil Ceramiche, ha aperto il convegno illustrando la nuova strategia commerciale ed istituzionale del Gruppo che di recente si è allargato con l’acquisizione di Ceramica Libera. I responsabili commerciali G.Schenetti e G.Iemmi hanno saputo infondere grande entusiasmo negli oltre 150 clienti presenti e nei responsabili dei punti vendita in “franchising”, proponendo collaborazioni commerciali innovative. L’occasione è servita, oltre che a presentare nuovi programmi e linee di prodotti,

La grande attenzione per l’ambiente e la consapevolezza della presenza produttiva nel territorio ha portato Coem a conseguire, per tutti gli stabilimenti, la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale da parte di Certiquality in conformità con le selettive normative volontarie EMAS e ISO 14001:2004. L’azienda ceramica di Fiorano Modenese aveva già conseguito da tempo la certificazione del Sistema Qualità secondo la norma UNI-EN-ISO 9001, primo importante traguardo nell’ambito di un processo di sviluppo finalizzata al miglioramento costante del servizio al cliente. A questo ora si aggiunge l’impegno di Coem per uno sviluppo sostenibile, che si esprime nella ricerca e nell’applicazione di strumenti e processi tecnologicamente all’avanguardia.


Cercol ha ottenuto, su una gamma completa di prodotti, la certificazione e marcatura EMICODE EC1 (a bassissime emissioni di sostanze organiche volatili) dal GEV, associazione per il controllo delle emissioni dei materiali da costruzione. Cercol ha così confermato la sua sensibilità al problema dell’inquinamento indoor e alle richieste sempre più frequenti da parte dei progettisti e committenti di prodotti sicuri per l’ambiente e la salute.

www.cercol.com


advertising

Tilefax

Polyreflect, la membrana che aiuta l’ambiente Polyglass ha messo a punto e presentato a Saie 2010 - in occasione di una conferenza stampa cui hanno partecipato Giorgio Squinzi, CEO Gruppo Mapei che ha acquistato Polyglass nel 2008, e Pierluigi Ciferni, amministratore delegato Polyglass - Polyreflect, una nuova membrana che si propone di rivoluzionare il mondo delle membrane autoadesive. Polyreflect, autoadesiva, autopulente, impermeabilizzante in bitume distillato modificato e accoppiata ad un film sintetico con proprietà di alta riflettività e remissività, è stata testata da EELab (Energy Efficiency Laboratory), Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile dell’Università di Modena e Reggio Emilia. I risultati emersi sono sorprendenti e confermano le elevate performance del prodotto: riflettanza solare 65, emissività termica 90 e SRI (Solar Reflectance Index) di 80 in condizioni di alta ventosità. La tecnologia di Polyreflect è stata messa a punto negli USA negli scorsi anni e risponde pienamente alle richieste del Green Building Council circa l’attribuzione dei crediti Leed. La membrana Polyreflect, infatti, utilizza i brevetti e le tecnologie ADESO®, che permettono un’applicazione totalmente a freddo, senza uso di mastici, collanti o fiamme libere di gas propano che potrebbero sporcare la superficie realizzata, riducendo così le caratteristiche di riflessività ed emissione del prodotto. Polyreflect è fornito in rotoli di lunghezza 10 metri per 1 metro di larghezza.

Rondine Group: alle fiere con successo Buoni i risultati conseguiti da Rondine Group nell’edizione 2010 di Cersaie. Tra le varie novità, particolare apprezzamento hanno ricevuto le collezioni “Cotto Imperiale” e “Absolute”. Grazie alle nuove tecnologie digitali, Cotto Imperiale (in foto) riprende l’effetto ceroso dei tradizionali cotti fatti a mano.

Disponibile in 4 formati modulari (36x36 cm, 18x36 cm, 18x18 cm, 7x36 cm), è realizzata in 3 colorazioni: bruno, rosso e oro. Absolute imita perfettamente la morbidezza e la brillantezza delle doghe in legno, ponendosi come ottima alternativa ecologica che rispetta l’ambiente ed evita la deforestazione del pianeta. Prodotto adatto a qualsiasi tipo di ambiente, è realizzato nel formato 15x60,5 cm. La serie, completata da mosaici ed elementi decorativi, è disponibile in 4 colori: Absolute Olmo, Absolute faggio, Absolute Acacia, Absolute Rovere. Il Gruppo Rondine, aderendo alla collettiva di Confindustria Ceramica, ha quindi partecipato anche al Sia Guest (Rimini, 20-23 novembre 2010), la fiera che si pone come il più importante appuntamento a livello europeo dedicato all’ospitalità alberghiera.

Glitter per Dimensione 5 Glitter è la nuova proposta di Dimensione 5 che abbina una ricercata alchimia tecnologica con il design più accurato. Dieci moderni e raffinati colori di fondo, nel formato 20x50 cm, si fondono delicatamente con un progetto elegante ed esclusivo caratterizzato da grafiche tono su tono adagiate su fondi pastelli che si esprimono attraverso trame sia geometriche sia vagamente arabescate. La linea è completata da 10 pavimenti coordinati perfettamente in tono con i rivestimenti proposti.


BERTOLOTTO COLLEZIONE COSTELLAZIONI

design Elio Garis

LA PORTA COME OPERA D’ARTE INTEGRATA NEL VIVERE LA TUA CASA, LA TUA VITA, IL TUO STILE. LA PORTA BERTOLOTTO È TUTTO IL SAPERE DEL PIÙ IMPORTANTE PRODUTTORE ITALIANO DI PORTE PER INTERNI. LA PORTA BERTOLOTTO È SCELTA DI PERSONALITÀ. 38.120 modelli

www.bertolotto.com


Tilefax

GranitiFiandre preme sull’acceleratore Il Gruppo GranitiFiandre chiude i primi 9 mesi del 2010 in decisa controtendenza rispetto alla situazione economica generale e al settore di riferimento. Si registra, infatti, una forte accelerazione su tutti gli indici di bilancio, compresi i volumi consolidati di vendita che raggiungono i 148,2 milioni di euro (+5,1% rispetto al corrispondente periodo 2009). Il dato tocca l’apice nel terzo trimestre con un turnover di gruppo pari a +6,6%. Performance ancora migliori per il fatturato a marchio che, pur risentendo di un mercato delle costruzioni ancora debole e altalenante, ha ottenuto un incremento del 7,2% nei primi 9 mesi (10,5% nel solo terzo trimestre). Gli aumenti dei volumi complessivi sono dovuti a una sostanziale tenuta delle vendite nel mercato italiano (+0,9% di materiale a marchio) e in quello europeo (-2,3%), ma soprattutto agli ottimi rendimenti registrati nei Paesi extraeuropei (+20,8%), in particolare dalla controllata americana StonePeak Ceramics Inc. che, al 30 settembre, registrava un incremento di fatturato del 25%. Ottime notizie anche sul fonte dei margini operativi, con l’Ebitda pari a 20,7 milioni di euro (+22,4%) e un’incidenza sul fatturato del 14% (6,8 milioni nel 3° trimestre +24,2%). All’ammontare hanno contribuito positivamente la capogruppo GranitiFiandre per 9,5 milioni di euro, StonePeak per 5,9 milioni di euro e la controllata tedesca Porcelaingres per 4,3 milionidi euro. L’Ebit è pari a 8,9 milioni di euro (+27,3% con un’incidenza sul fatturato del 6%), un valore superiore di circa 1,5 milioni di euro rispetto all’Ebit dell’intero 2009 (3,0 milioni nel 3°trimestre pari a +40,5%). Il risultato finale è un utile netto pari a 5,2 milioni di euro, a fronte degli 0,6 milioni al 30 settembre 2009, oltre 5 volte superiore al risultato netto dell’intero esercizio precedente. Buone le previsioni del Gruppo che, nel trimestre, ha acquisito prestigiose commesse con la fornitura di materiali Active Clean Air & Antibacterial Ceramic™, tra le quali il Mirafiori Motor Village FIAT e la nuova sede della Granarolo. Altre 2 importanti commesse arrivano dal Giappone, dove saranno fornite lastre per il nuovo aeroporto Haneda e per uno dei più rinomati hotel 5 stelle di Tokio. Considerato il grande interesse manifestato per soluzioni innovative come Active e Extreme e i dati estremamente po24 - Tile Italia 6/2010

sitivi che giungono dalle StonePeak in nord America e Porcelaingres in Germania, pur con la prudenza che l’attuale congiuntura impone, GranitiFiandre ritiene che l’esercizio in corso si possa chiudere con un’ulteriore crescita.

sede amministrativa di Laria Spa sono ubicate a Santena (TO), mentre a Castello di Annone (AT), realtà produttiva creata nel 1983 e recentemente sottoposta al rinnovo degli impianti, ha sede la produzione tradizionale di klinker, articolata su centinaia di diverse tipologie per un totale di 1.500.000 mq/anno. Nel 1999, Laria Spa ha ottenuto la certificazione di sistema di qualità aziendale, secondo la norma di riferimento UNI EN ISO 9002 ora UNI EN ISO 9001/2000.

È nata Laria International Da un accordo commerciale tra l’italiana Laria Spa e la tunisina Carthago Ceramic è nata Laria International, con sede a GP1-Km 12-Ezzahra (Tunisia), e il suo nuovo logo - recentemente presentato a Cersaie - rispecchia nella grafica la perfetta fusione delle 2 aziende. Laria International, completato il proprio impianto Sacmi, sta ora avviando la produzione di una gamma di pavimenti e pezzi speciali in klinker trafilato “in orizzontale” con impasto in gres porcellanato. Si tratta di una tecnologia innovativa che consente di coniugare le peculiarità e la cultura del klinker tradizionale con la flessibilità dell’impiantistica moderna. L’accordo tra le due aziende prevede la reciproca condivisione delle reti commerciali nei rispettivi mercati di riferimento al fine di distribuire, oltre alla nuova gamma Laria International, in Italia i prodotti Carthago Ceramic, gamma in bicottura e monocottura in pasta bianca e porcellanato, e in Tunisia il klinker di Laria Spa. Laria Spa, primaria azienda produttrice di piastrelle in klinker trafilato per pavimenti e rivestimenti da interno ed esterno, è stata fondata nel 1961 dall’arch. Luigi Mosso, conoscitore di tecnologie e applicazioni ceramiche. Il figlio e attuale amministratore, Ing. Dario Mosso, sottolinea come “l’accordo con Carthago che ha dato vita alla Laria International apra prospettive interessanti anche per Laria Spa in un’area come quella della Tunisia e di tutta la fascia dei paesi affacciati sul Mediterraneo, dove è avviata una importante crescita della domanda di materiali per la realizzazione di piscine e aree wellness nei grandi alberghi e nelle beauty farm”. Carthago Ceramic, produttrice di monocottura e bicottura, appartiene alla holding tunisina Poulina Group, comprendente 80 aziende attive nella produzione di ceramica, laterizio, packaging, alimentare, meccanica, ecc. La direzione e la

Gouache.10: nuova collezione Lea Ceramiche È firmata da Diego Grandi la nuova collezione Gouache.10 di Lea Ceramiche, frutto della costante ricerca estetico-tecnica applicata alla lastra sottile Slimtech e presentata a Cersaie 2010. Dalle nuances tenui ed estreme che, illuminate dalla luce, danno forma a 3 gradazioni calde (Black Stone, Ligth Rock, Soft Sand) e tre fredde (Crystal Water, Cool Rain, Deep Sea) bilanciate da un colore neutro (White Cloud), Gouache.10 si distingue in particolare per l’effetto tattile morbido e vellutato della superficie. Caratteristico il decoro Libeccio, che richiama i motivi geometrici cari al designer e iniziati a studiare lo scorso anno con la collezione Mauk. L’elemento triangolare, declinato in 4 varianti, disegna motivi di stampo grafico che, montati su rete, danno vita a singolari composizioni di mosaici, creando inedite soluzioni decorative di rivestimento a muro. Gouache.10 viene proposta nei formati standard di Slimtech: 100x300cm, 100x100cm, 50x100cm, 50x50cm.


Tilefax

Gran Tour, collezioni di design Gran Tour, azienda di Paliano (FR) specializzata nel settore dell’arredobagno, ha partecipato all’ultima edizione di Cersaie con due nuove collezioni firmate dallo Studio Meneghello Paolelli Associati: Versailles e Limoges. Raffinata nel gusto e nello stile, la linea di mobili da bagno completa e modulare Versailles si caratterizza per l’utilizzo neoclassico decorativo dell’intaglio a cornice delle ante, corredate di maniglie ornamentali disegnate come gioielli. Limoges, invece, si ispira alle linee morbide e ricche del passato, rivolgendosi a un pubblico esigente e dai gusti ricercati.

Duravit: nuovo stabilimento nel Gujarat, India Duravit ha inaugurato un nuovo stabilimento nel Gujarat, stato dell’India occidentale, alla presenza del Primo ministro del Paese, Shri Narendra Modi. La società tedesca, con sede ad Hornberg, è attiva in India già dal 2001 e, grazie alla sua esplicita strategia di design, è già ben posizionata nel settore lusso di quel grande mercato. Per entrare anche nel segmento del prezzo medio, Duravit ha investito circa 20 milioni di euro nel nuovo stabilimento del Gujarat, con una capacità produttiva iniziale di mezzo milione di pezzi/anno. “L’India è un mercato molto importante per il futuro e riteniamo che, a breve, rappresenterà uno dei cinque paesi più importanti per Duravit - ha affermato Franz Kook, presidente del Gruppo, durante la cerimonia inaugurale, ed ha poi aggiunto - Qui c’è una forte richiesta di marchi di design e lifestyle. Questi nuovi consumatori sanno bene cosa rappresenta un vero marchio e cosa è invece solo una “moda” passeggera. Oggi in India i veri marchi vivono una reale rinascita”. Per la sede del nuovo stabilimento produttivo, Duravit ha scelto lo stato del Gujarat in quanto ben il 72% dei posti di lavoro qualificati, creati in India tra il 2007 e il 2009, si trova in quello Stato. La capacità produttiva del nuovo stabili26 - Tile Italia 6/2010

mento coprirà la richiesta interna del mercato indiano, in seguito potrà essere ampliata e utilizzata per altri mercati. Lo stabilimento in India è il decimo del Gruppo Duravit nel mondo. Oltre agli stabilimenti in Francia, Egitto, Tunisia, Cina e Turchia, Duravit produce anche in tre stabilimenti in Germania, a Hornberg, a Meißen e a Schenkenzell, in Foresta Nera, l’unico stabilimento del Gruppo dedito alla produzione di mobili.

Fincibec: The Quinquennial Tile Award 2nd Edition The Quinquennial Tile Award parte con la seconda edizione. Ideato da Fincibec in collaborazione con Ottagono, il Premio è rivolto a tutti coloro che, a vario titolo, hanno realizzato opere con i materiali ceramici Fincibec, utilizzando collezioni a marchio Century, Monocibec e Naxos. Al primo classificato andrà una nuova Fiat 500, agli altri quattro vincitori la Diamond Chair di Harry Bertoia. Iscrizioni on line entro il 10 marzo 2012, regolamento e informazioni su www.tileaward.org L’iniziativa, che Fincibec ha deciso di rinnovare dopo il successo della prima edizione, interessa tutti i progetti realizzati tra l’1 gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011. Anche in questa edizione, le opere ammesse al premio saranno valutate da una giuria qualificata, composta da autorevoli membri con ampia esperienza nel settore delle ceramiche, del design e dell’architettura. Il Quinquennial Tile Award, infatti, è nato per dare vita a uno spazio di confronto, concreto e prestigioso, in cui far confluire il meglio della creatività internazionale. Fincibec Group, tra i leader mondiali nella produzione e commercializzazione di pavimenti e rivestimenti ceramici, fu fondato nel 1960 a Sassuolo (MO). Attualmente impiega 500 dipendenti ed ha un fatturato annuo di 100 milioni di euro. Fincibec dispone di tre stabilimenti produttivi, a Casiglie, Solignano e Roteglia di Reggio Emilia, oltre ad un’altra piattaforma logistica a Solignano.

Spazio FMG: Milano Work in Progress Spazio FMG, galleria milanese di Iris Ceramica e FMG, ha presentato, con la collaborazione di Prelios SpA, la mostra “BarCode: lo spazio del lavoro intellettuale”, curata da Luca Molinari e Simona Galateo e dedicata al complesso di tre edifici Rizzoli a Milano. La mostra - terzo appuntamento del ciclo Milano Work in Progress che Luca Molinari dedica alle grandi nuove opere del capoluogo lombardo - ha presentato il complesso di Via Rizzoli rinnovato architettonicamente a partire da un temamatrice: il BarCode o codice a barre, declinato con modalità originali in ciascuno dei tre edifici: • L’Edificio C (nella foto), il primo ad essere realizzato da Boeri Studio nel 2004, ospita le redazioni giornalistiche di RCS Mediagroup (tra cui il Corriere della Sera e la Gazzetta dello Sport) ed è caratterizzato da una struttura a corte di 5 piani e da una torre di 80 metri; • L’Edificio A2, progettato da Stefano Boeri Architetti e tutt’ora in fase di realizzazione, si affaccia su via Rizzoli con un prospetto perfettamente piano, dinamicizzato da una facciata a bande verticali, interpretazione del tema del barcode; • L’Edificio B5, progettato da Barreca & La Varra, in fase di ultimazione e già in parte operativo, sviluppa il tema del barcode con un rivestimento che alterna le parti finestrate a porzioni di facciata in lastre di vetro serigrafate e colorate. “Il tema del BarCode, come impronta stilistica che accomuna i tre edifici, - commenta Gianandrea Barreca di Barreca & La Varra - si genera a partire da due temi: da un lato un immaginario edificio-libreria che trasforma le coste dei libri in segno grafico, dall’altro prende spunto dalla doppia natura del libro inteso sia come prodotto commerciale, e quindi dotato di codice a barre, che contenitore culturale di pensieri”.


design:gruppobento photo:metalli

STILART Anversa, Arles, Dublino, Granada, Oslo, Oxford, Praga, Siena. Otto suggestioni, create con pigmenti naturali e trattamenti esclusivi, formano la collezione di pavimenti in Rovere Massiccio, Due strati e Tre strati. Stilart. Semplicemente il massimo. STILE PAVIMENTI LEGNO S.P.A. via dei laghi 18 Bivio Lugnano 06018 CITTA’ DI CASTELLO (PG) tel. +39.075.86.47.61 e-mail: stile@stile.com Numero Verde 800.217.630

www.stile.com


Tilefax

Talent for Tiles 2010: il concorso di Coop. Cer. Imola “Talent for Tiles 2010” è il titolo della prima edizione del concorso internazionale sugli utilizzi innovativi della ceramica, riletti in chiave urbana, promosso da Cooperativa Ceramica d’Imola e coordinato da Aldo Colonetti (Direttore Scientifico IED Direttore Ottagono), con la collaborazione di Michele Capuani e dell’associazione Cumulus (Associazione Internazionale di Università e College di Arte, Design e Media). Il concorso è rivolto a quegli spazi che stanno tra gli edifici, tra le strade e gli edifici, alle superfici verticali non curate, a tutti quei luoghi che sfuggono alla progettazione, a quei “non luoghi” che danno la misura della qualità urbana complessiva, la piacevolezza e la vivibilità delle città. A questa prima edizione del concorso, rivolto agli studenti delle scuole di design e architettura internazionali, partecipano: Ecole supérieure d’art et design de SaintEtienne (Francia), IED di Roma, ISIA di Faenza (RA), Lund University (Svezia), Schwabisch Gmund University (Germania). Tutti gli elaborati consegnati entro il 31 dicembre 2010, verranno sottoposti alla valutazione delle giuria composta da: Mario Botta (architetto), Marc Sadler (designer), Santiago Miranda (designer), Marco Romano (storico - urbanista), Stefano Bolognesi (presidente Cooperativa Ceramica d’Imola) e Matteo Zauli (Direttore del Museo Carlo Zauli). Cooperativa Ceramica d’Imola realizzerà una raccolta monografica sui progetti presentati ed esporrà gli stessi presso la Triennale di Milano, in occasione del Salone del Mobile in programma ad Aprile 2011.

Grazie al costante lavoro del centro ricerche Panariagroup e all’importante accordo con il leader mondiale della tecnologia antibatterica Microban®, le principali linee di pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato e gres laminato dei brand di Panariagroup (Panaria, Cotto d’Este, Lea Ceramiche, Fiordo, Margres e Love Tiles) verranno prodotte con l’innovativa tecnologia a base di argento che elimina fino al 99,9% dei batteri. La protezione viene integrata nelle piastrelle durante il processo produttivo. Quando i batteri entrano in contatto con la superficie trattata, la tecnologia Microban ®, che garantisce una protezione durevole per l’intero ciclo di vita del prodotto, ne compromette il funzionamento biologico, impedendo il ciclo vitale delle cellule e causando la morte dei batteri. La tecnologia Microban® è stata sottoposta a prove approfondite eseguite da laboratori indipendenti che ne garantiscono la sicurezza d’uso ed è registrata in Europa ai sensi della Direttiva sui prodotti biocidi per tutte le applicazioni in cui è utilizzata.

La Fabbrica presenta il nuovo sito internet

Q-BO pensa in XXL

L’innovativa ceramica antibatterica by Microban® di Panariagroup Panariagroup, primario Gruppo attivo nella produzione e distribuzione di materiale ceramico per pavimenti e rivestimenti di fascia alta, ha presentato allo scorso Cersaie l’innovativa ceramica antibatterica by Microban®. 28 - Tile Italia 6/2010

Luna, Ardesia Ligure e il marmo di Carrara - si prestano alla realizzazione delle lastre XXL. Con grande know-how tecnologico, con processi produttivi esclusivi e grazie alla maestria artigianale degli operatori dell’azienda, queste pietre naturali si trasformano in rivestimenti e pavimenti di classe che, grazie alla disponibilità del nuovo formato, diventano ancora più affascinanti. Oltre al formato XXL, Q-BO ha proposto tre delle più recenti creazioni di rivestimenti: Domino - una miriade di quadratini smussati in un crescendo e decrescendo di dimensioni; Mosaico/Mosaico 3D un’interpretazione del più classico dei rivestimenti/pavimenti decorativi; Linee - il fascino del lucido/opaco, il basso-rilievo espresso attraverso linee di spessori differenti.

In concomitanza con le importanti fiere del settore ceramica-arredo bagno e marmo-pietre, Q-BO ha presentato le sue collezioni più prestigiose nel nuovo formato XXL di 60x120 cm. L’azienda segue la sua vocazione all’insegna dell’esclusività e del lusso, offrendo grandi lastre di varie collezioni tra cui Rugiada, Volute, Moda e Floreale, tutte finemente decorate con le ricercate fantasie sviluppate dall’ufficio stile di Q-BO. Solo i blocchi più puri ed uniformi delle materie prime - le pregiate pietre Crema

La Fabbrica si rinnova e presenta il nuovo sito internet: stile comunicativo preciso e diretto, innovazione ma anche eleganza. Il nuovo sito La Fabbrica, attraverso un’interfaccia grafica volta ad esaltare in primo luogo i prodotti, vero punto di forza dell’azienda, presenta le collezioni in gamma focalizzando l’attenzione sulla loro bellezza, le caratteristiche tecniche e le possibilità d’utilizzo. Un sito internet all’avanguardia nello stile Claudio Lucchese (presidente di Florim e nel design, semplice da navigare e Ceramiche Spa) insieme alla madre Gisella e al completo informazioni fornite, per figlio Alberto,nelle circondati dagli studenti vincitori guidare il cliente nella scelta del prodotdel Premio Lucchese to: www.lafabbrica.it


creativitĂ  misterweb.com


Tilefax

Santamargherita® e la seconda vita degli agglomerti

Caesar presenta: MyHome Configurator MyHome Configurator di Ceramiche Caesar è un nuovo strumento messo a disposizione all’interno del sito aziendale (www.caesar.it/myhome) che aiuta nella scelta delle piastrelle per interni ed esterni in modo semplice e veloce. Questo nuovo strumento rende possibile personalizzare (attraverso un percorso guidato) pavimenti e rivestimenti di bagni, cucine, soggiorni e terrazze, selezionando le piastrelle più adatte alle proprie esigenze all’interno di un’ampia gamma di prodotti di qualità e a basso impatto ambientale. MyHome Configurator permette anche di ottenere una quotazione di massima del progetto realizzato, scegliere e conoscere il più vicino rivenditore.

Santamargherita, azienda veronese specializzata nella produzione e commercializzazione di agglomerati a base marmo e a base quarzo legati con resina poliestere, ha partecipato all’ultima edizione di Cersaie presentando “The HALL by Santamargherita ®”. Il progetto, che porta la firma dell’architetto Giorgio Canale e che ha voluto ricreare l’ambiente di un grande hotel di lusso, ha dimostrato come anche da materiali riciclati si possano ottenere risultati di elevata raffinatezza. L’esterno dello stand, infatti, era interamente realizzato con lastre Second.Life ®, in 5 delle 8 tonalità proposte che spaziano dal nero al beige con contaminazioni oro e metalli preziosi. Second.Life ® è il marchio con cui Santamargherita ® dà corpo all’ambizioso progetto di produrre agglomerati utilizzando fino al 90% di materiale riciclato e con cui, in linea con la costante ricerca e l’attenzione che da sempre l’azienda ha nei confronti dell’ambiente, dà una

seconda vita a materiali che in passato hanno avuto altre forme e utilizzi. Santamargherita® mette quindi a disposizione dei professionisti, delle imprese e dei clienti privati una linea di agglomerati che possono dare un apporto per ottenere molti dei crediti del sistema di certificazione LEED, contribuendo all’ottenimento della certificazione della sostenibilità edilizia di un edificio secondo gli standard GBC (Green Building Council Italia).

advertising

L’EVOLUZIONE DELLA PIETRA RICOSTRUITA BY ALDO LARCHER

VERSATILE

SUPERCOMPATTO POSA A COLLA, PERCOLANTE, GALLEGGIANTE INGELIVO COLORATO IN PASTA FACILE IMPIEGO

RESISTE 700 KG/CMQ ZERO MANUTENZIONE

INDEFORMABILE ANTI-SCHEGGIATURE

NON SCOTTA I PIEDI NUDI

COLORI STABILI IDROREPELLENTE

SAS ITALIA · Aldo Larcher Srl · Importatore esclusivo SAS per l’Italia Via Artigiani, 5 · 39057 Appiano (BZ) · tel. 0471 662486 · fax 0471 661790 · sas@aldolarcher.com · www.sas-sa.it Magazzino logistico del comprensorio ceramico di Sassuolo · Via Barbolini 27 · Castellarano (RE)


Tilefax

Gruppo Porcelanosa a Cersaie 2010 Anche quest’anno il Gruppo Porcelanosa ha scelto Cersaie come vetrina per le ultime novità delle sue molte divisioni. Novità di punta proposta dalla divisione Porcelanosa: Matrix, nel formato di 31,9x60 cm, in 4 colori (Nàcar, Arena, Antracita, Titanio), produce un ricco gioco di riflessi, grazie alla sua superficie tridimensionale e brillante; Brazil, appartenente alla divisione Venis, simula perfettamente l’ardesia naturale. Prodotto in gres porcellanato di grande formato (45x90 cm), Brazil, per aspetto, varietà tonale e bellezza, riproduce la pietra naturale evitando gli inconvenienti che l’ardesia può presentare (difformità di spessore, irregolarità e scrostature). La divisione L’Antic Colonial è approdata in fiera con New York Thassos Mirror, rivestimento pensato per valorizzare interni esclusivi ed eleganti, proposto in tessere di marmo e incrostazioni di cristallo nel formato 26,4x27x1 cm. Max, della collezione Urbatek di Ceranco, è l’impeccabile riproduzione della pietra naturale ed è proposto in 4 formati (120x40 cm, 120x20 cm, 80x40 cm, 80x20 cm) e 3 colori (Black, Grey, Beige). Presente alla manifestazione bolognese anche la divisione Butech, specializzata in materiali per la posa e sistemi costruttivi ad alto contenuto tecnologico. Tra le novità la nuova facciata industrializzata Butech, progettata con una particolare attenzione all’eco-sostenibilità e composta di un nucleo di pannelli in lana di roccia, esternamente rivestiti da ceramica Ston-Ker®.

La pop art di Settecento È alla sua seconda edizione il progetto di Ceramiche Settecento “The Factory work in progress”, prodotto artistico ispirato alla pop art. Trasformando “virtualmente” il laboratorio in atelier, l’azienda ceramica di Fiorano Modenese si propone di continuare a presentare soggetti creativi, rinnovandosi con una collezione “aperta” e diversa ad ogni edizione. Proposte 32 - Tile Italia 6/2010

della seconda edizione, presentate in occasione di Cersaie 2010, sono state “Vacanze Romane”, “Giant”, “Anna e Joe” e “Il Selvaggio”. Si tratta di prodotti in gres porcellanato smaltato, colorato nella massa e rettificato, pensato per decorare ambienti a tema.

mente, l’homepage dà accesso immediato alla sezione Fassa Service: una serie di attrezzature e ricambi per i professionisti del settore. Un link permette anche di accedere al sito www.gypsotech.com con tutte le informazioni relative al nuovo Sistema Cartongesso Gypsotech®. Fassa Bortolo, con un’importante storia di tre secoli alle spalle, dispone attualmente di 13 stabilimenti in Italia ed 1 in Portogallo, oltre a 3 filiali commerciali in Italia, 2 in Svizzera e 1 in Francia, con un organico complessivo di 1.200 collaboratori.

Piatti doccia di design per Artesia Stuoie, Square, Texture, La Cruz: sono queste le 4 collezioni di piatti doccia realizzati da Artesia-International Slate e presentate a Cersaie 2010. Designer d’eccezione per queste collezioni è Silvia Cogo, nata a Padova nel 1976 e laureata in Industrial Design presso l’I.S.I.A. di Faenza. Silvia Cogo ha perfettamente interpretato il ruolo principale della pietra naturale attraverso il disegno di linee semplici, cogliendo l’anima del materiale.

Il nuovo mondo web di Fassa Bortolo È on-line il nuovo sito www.fassabortolo. com, uno strumento mirato alla comunicazione diretta con progettisti, clienti, rivenditori e appassionati della rete. Il menù consente di selezionare, direttamente dall’homepage, le diverse aree di approfondimento: la presentazione dell’azienda, le gamme di prodotto, le realizzazioni, gli eventi in agenda e tutta una serie di utili servizi informativi. Una sezione specifica consente di visualizzare sia i singoli prodotti Fassa Bortolo sia i vari “sistemi” che offrono soluzioni ad hoc per diverse esigenze, dalla semplice intonacatura dell’abitazione alle più importanti opere di costruzione e ristrutturazione. Ogni prodotto è fornito di scheda tecnica (scaricabile in formato pdf), certificazioni, cicli applicativi, esempi di utilizzo, macchine e attrezzature per l’applicazione. Inoltre, per chi vive il cantiere quotidiana-

Newform Design Award 2011 Newform, azienda leader nella produzione di rubinetteria di qualità dal design ricercato, bandisce un concorso per la progettazione della nuova collezione di rubinetteria “Creative Innovation”. L’iniziativa è rivolta agli studenti e ai giovani laureati delle facoltà di Architettura e Ingegneria e delle Scuole di Design italiane. Il tema è visionario: interpretare qualità estetiche del rubinetto in modo originale e in linea con la moda e le tendenze future, tenendo conto delle sue funzionalità d’uso. Il progetto migliore sarà premiato da una giuria qualificata di esperti del settore con 3.000 euro e 3 mesi di stage presso l’Ufficio Stile di Newform. Per partecipare al concorso occorre iscriversi dal sito http://designaward2011. newform.it, compilare il modulo di adesione ed inviare il progetto creativo. Il termine per l’iscrizione al concorso scade il 15 marzo 2011, mentre l’invio degli elaborati deve avvenire entro il 31 marzo 2011. 2 0 1 1 Newform Design Award 2011 è un iniziativa svolta con il patrocinio dell’ADI PER CHI CI VEDE QUALCOSA - Associazione per il Disegno Industriale. Partecipa al concorso più creativo dell’anno:

progetta la nuova linea di rubinetteria

“Creative Innovation” di Newform.

Lo scopo è interpretare le qualità estetiche del rubinetto in modo originale e in linea con la moda e le tendenze future, tenendo conto delle sue funzionalità d’uso.

Iscriviti sul sito http://designaward2011.newform.it, compilando il modulo d’adesione e inviando il tuo progetto creativo. Il concorso è rivolto a tutti gli studenti dei corsi delle Facoltà di Architettura, Ingegneria, delle Scuole di Design e ai giovani laureati. Il progetto migliore sarà premiato da una giuria qualificata di esperti del settore con la somma di 3.000€ e 3 mesi di stage presso l’Ufficio Stile di Newform. Durata del concorso: 15 novembre 2010 - 15 marzo 2011.

Newform Design Award 2011 è un’iniziativa svolta con il patrocinio dell’

MorPho


Tilefax

ClipTile by Coop Imola ClipTile è il sistema di pavimentazione che, grazie all’innovativo telaio plastico con aggancio automatico di precisione, permette la posa di piastrelle ceramiche con pochi passaggi e senza l’uso di collanti e stucchi. ClipTile è veloce da posare ed i pavimenti così realizzati sono immediatamente calpestabili. Le elevate performance tecniche (resistente al fuoco in classe Bfl-S1, adatto per pavimenti riscaldati, elevato assorbimento acustico, anallergico) e la grande varietà di soluzioni estetiche (gres porcellanato a tutto spessore e gres porcellanato smaltato, finiture naturale, lappato e levigato lucido, vasta gamma di soluzioni cromatiche e di formato) rendono ClipTile un sistema valido per le pavimentazioni di ambienti domestici e commerciali, in aree piccole e grandi. Ideale per le ristrutturazioni, in quanto la tecnica dell’incastro a secco consente la posa su qualunque tipo di vecchia pavimentazione senza necessità di demolizioni, ClipTile è perfetto anche per nuovi pavimenti adattandosi al massetto in cemento e ad ogni altro tipo di sottofondo. ClipTile è un marchio di Cooperativa Ceramica d’Imola, la più antica cooperativa di produzione lavoro d’Italia, fondata nel 1874, ed oggi attiva nel mercato delle piastrelle ceramiche, con un fatturato di circa 300 milioni di euro, 7 stabilimenti, oltre 1.900 dipendenti e un livello di esportazione al 70% della produzione. Il Gruppo Cooperativa Ceramica d’Imola comprende, oltre al marchio ClipTile, i marchi ImolaCeramica, LaFaenzaCeramica, LeonardoCeramica, Imolarte e ImolaTecnica. Il Gruppo ha ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001, la registrazione EMAS e il riconoscimento da parte dell’Unione Europea del progetto Life05.

34 - Tile Italia 6/2010

Premio per lo sviluppo sostenibile ad Active™

PanariaGroup: marginalità in crescita

Lo scorso 4 novembre Graziano Verdi, amministratore delegato di Iris Ceramica, in occasione della fiera Ecomondo in svolgimento a Rimini, ha ritirato la medaglia e la targa di riconoscimento del Premio Sviluppo Sostenibile 2010 conferito ad Iris Ceramica con Active Clean Air & Antibacterial Ceramic™ “per aver saputo coniugare qualità ambientale e competitività industriale”. Iris Ceramica si inserisce così tra le prime 10 imprese italiane cui è stato conferito il prestigioso riconoscimento nel settore Prodotti e Servizi Innovativi. L’edizione 2010 del Premio per lo Sviluppo Sostenibile ha inoltre premiato: My Clima del Gruppo Fiorini, per la realizzazione della pompa geotermica Domus; Lecce Pen, per un innovativo processo di riciclo del tetrapak; Plaxtech, per Rotezx, un innovativo sistema di stampaggio per il riciclo delle plastiche a base poliolefinica. Le imprese sono state giudicate in base all’efficacia dei risultati ambientali raggiunti, al contenuto innovativo del processo o del prodotto, ai risultati economici conseguiti, alla possibilità di diffusione in Italia del processo o del prodotto. Lorenzo Cagnoni - Presidente di Rimini Fiera - ha commentato in modo positivo la risposta da parte delle aziende: “Questo Premio è un riconoscimento per chi mette a disposizione intelligenza e finanziamenti per una ricerca d’avanguardia. Dietro la parola magica “Green Economy” c’è il lavoro appassionato di chi, certo alla ricerca di un profitto, crede anche che sia necessario cambiare radicalmente il modo con cui si pensa l’impresa”. Ecomondo-Rimini Fiera e la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile proseguono dunque con l’iniziativa consci che un premio simile, dall’alto valore simbolico, sia anche un piccolo sprone a fare di più e meglio”.

Soddisfacenti i risultati emersi dal terzo trimestre 2010 di PanariaGroup che, rispetto al 2009, evidenzia un netto miglioramento sia in relazione al livello di marginalità operativa sia alla posizione finanziaria. I ricavi netti di vendita sono stati pari a 215,1 mil/euro, +0,4% rispetto ai 214,2 mil/euro realizzati al 30 settembre 2009. Nei tre principali mercati di riferimento costituiti da quello italiano, da quello europeo e da quello statunitense - si sono riscontrate le seguenti situazioni disomogenee: • in Europa (incidenza sul fatturato complessivo del 42% circa) persiste una complessiva stagnazione degli investimenti nelle costruzioni. I mercati dell’Europa Occidentale hanno registrato un calo di fatturato di 5,5 milioni, mentre l’Europa orientale conferma l’indice di crescita dei mesi precedenti (+0,9 mil/euro), per una complessiva contrazione del mercato europeo di circa 4,6 milioni (-4,7%). Il mercato italiano, con un’incidenza pari al 29% sul totale dei ricavi, registra anch’essa una contrazione rispetto ai primi nove mesi del 2009 pari a -5,2%; • negli USA (22% di incidenza sul fatturato complessivo), il Gruppo sta raccogliendo i primi frutti degli importanti sforzi effettuati, registrando un significativo incremento di fatturato pari a 7 mil/euro, corrispondenti al 16,8%. Margini reddituali in crescita. L’Ebitda risulta pari a 21,9 mil/euro (+6 mil rispetto ai primi nove mesi 2009), mentre il margine operativo netto risulta pari a 6,5 mil/ euro (0,4 milioni al 30 settembre 2009), in netta crescita di circa 6,1 mil/euro. L’utile netto consolidato è pari a 2,1 mil/ euro, in miglioramento rispetto alla perdita di 5,3 mil/euro del 2009. Gli investimenti in nuove tecnologie e la pianificazione commerciale, associate allo sviluppo nei paesi con maggiori prospettive, rappresentano il motore di rilancio per il Gruppo. Si segnala, a tal proposito, l’ottimo riscontro commerciale e la conseguente importante crescita del volume d’affari derivante dai recenti investimenti nelle innovative linee di gres laminato (formati 300x100 cm, con spessore 3 mm).


delicatessen

parquet La pi첫 ricca scelta di essenze, finiture e colori di pavimenti in legno per arredare con gusto la tua casa.

Via Antonio Detassis, 17 - 38121 Trento - Italia - Tel. +39 0461.822744 - Fax +39 0461.825370 - info@woodco.it - www.woodco.it


Tilefax

Colore: una nuova fiera Tutta la filiera sarà protagonista di Colore, prima e unica manifestazione verticale italiana B2B (Piacenza Expo, dal 1820/03/2011), riservata a finiture, decorativi, sistemi e accessori. Patrocinata da CNA Nazionale e A.I.D.E.L. (Associazione Italiana Distributori Edilizia Leggera), la rassegna nasce come punto di incontro e confronto fra produttori, distributori, utilizzatori/applicatori, progettisti, ma anche associazioni di settore e istituzioni politiche ed economiche. Un settore, quello coinvolto da Colore, per il quale si stima un fatturato in Italia superiore ai 3 miliardi di euro, il secondo in Europa dopo la Germania. Obiettivo della manifestazione è rappresentare in modo specifico temi, contenuti ed eccellenze di un mercato che sente il forte bisogno di un evento costruito sulle proprie necessità, come peraltro dimostra il panorama dei settori merceologici interessati: pitture, rivestimenti, attrezzi e strumenti applicativi, decorativi, intonaci e stucchi, strumenti di rilievo e di gestione del colore, tintometria e software, sistemi cromatici, spettrofotometri, ecc. Ad ulteriore testimonianza della volontà della manifestazione di porsi come momento di “approfondimento professionale”, un calendario di interessanti eventi collaterali, fra cui • il Grand Prix dell’Applicatore: vero e proprio contest dal vivo rivolto alle migliori maestranze del settore; • l’Award del Colorificio: un premio dedicato alle eccellenze del comparto distributivo; • una serie di convegni e workshop incentrati sul tema, fondamentale, della formazione; • approfondimenti specificamente studiati per gli operatori del settore, con interessanti incursioni nella comunicazione on-line e nelle interrelazioni che la filiera del colore riesce a stabilire con internet e le nuove tecnologie in rete. Devon&Devon apre a Istanbul Per il debutto sul mercato turco, Devon&Devon ha scelto di posizionarsi nella “nuova” Istanbul, dove hanno sede le più affermate griffes di jewerly e i migliori alberghi, cuore del business e del commercio. 36 - Tile Italia 6/2010

Sullo sfondo, l’antica Costantinopoli, con le splendide moschee e il profilo segnato da cupole e minareti. Il progetto dello showroom è stato affidato all’architetto Dara Kirmizitoprak, molto conosciuto in Turchia per aver realizzato, tra l’altro, vari centri commerciali. Il nuovo showroom, il più grande fino ad ora realizzato dal brand fiorentino, utilizza, per l’arredo degli interni, materiali del catalogo Devon&Devon. Il piano terra è dedicato esclusivamente all’esposizione delle collezioni, tra cui Atelier, Intarsia e Wood oltre, naturalmente, ai prestigiosi rivestimenti in pelle Patina, ed ai più tradizionali rivestimenti in ceramica Lambris e Simply. Il primo piano accoglie un vasto spazio tecnico, con un’importante sala meeting. Uno spazio speciale è riservato a Home Boutique, la nuova ed esclusiva collezione, dedicata alla casa e alla cura della persona, che comprende tessili, accessori, imbottiti e cosmetici. Con l’opening turco Devon&Devon continua a sperimentare con successo una formula retail che l’ha portata, nel giro di pochi anni, ad essere presente, in modo diretto su numerosi mercati internazionali.

Ed è proprio l’utilizzo oculato delle risorse idriche il tema in cui Grohe è chiamata a supportare il progetto di Masdar City, offrendo la propria esperienza e le esclusive collezioni di miscelatori monocomando e termostatici, programmi doccia, sistemi di sciacquo, rubinetteria speciale, selezionate proprio per la loro efficienza nel risparmio di acqua e energia nell’uso quotidiano. Lo sviluppo di Masdar City, iniziato nel febbraio del 2008 con una previsione di spesa di 22 miliardi di USD, nasce su un’area di 6 chilometri quadrati sulla quale troveranno spazio anche un centro per la ricerca e lo sviluppo della distribuzione di energie rinnovabili. Masdar City costituirà una sorta di laboratorio destinato ad ospitore società fornitrici di tecnologie ambientali, istituzioni di ricerca ed organizzazioni provenienti da ogni parte del mondo. 40.000 saranno i residenti mentre circa 1500 società internazionali hanno già pianificato di aprirvi una sede.

Branchetti, idee in Evolution

Grohe partner ufficiale di Masdar City Masdar City sta nascendo a circa 17 km da Abu Dhabi, su progetto sviluppato da Foster+Partners, e sarà la prima città “verde“ al mondo. Si tratta del più ambizioso progetto di architettura ecosostenibile: una città esclusivamente alimentata da energia rinnovabile e con costruzioni soggette a rigide linee guida. Grohe è stata coinvolta come partner del progetto. La filosofia alla base di Masdar City rispecchia, infatti, quella di Grohe, da sempre impegnata nella gestione delle risorse sostenibili sia attraverso i propri processi industriali sia attraverso i propri prodotti. Una missione che in Grohe, come commenta il suo CEO, David J Haines “prendiamo molto seriamente e che guida ogni nostra attività”.

Frutto della fusione delle collezioni Terra Mezz’Aria e Cube, Evolution è il nuovo progetto per l’arredobagno di Branchetti, azienda di Masone (RE) da 25 anni specializzata nella produzione di mobili per il bagno. L’ampia modularità di Evolution la rende adatta per arredare qualsiasi ambiente, rispondendo appieno alle esigenze di funzionalità e arredamento. Ricca di abbinamenti sofisticati e sfumature glam, la nuova collezione non manca di innovazione con le consolle disponibili a vasca singola, doppia oppure a ciotole tonde, con le maniglie geometriche e con nuance dai riflessi metallizzati.


Tilefax

Da Gruppo Made un contributo alla sicurezza

MADE expo 2011: segnali di futuro

Mosaico Digitale indice il Premio Mosaico d’Autore

Gruppo Made dedica il decimo volume delle sue Guide Tecniche ad uno degli argomenti più importanti e “sentiti” dal Cda aziendale, ovvero la sicurezza nei cantieri. La nuova Guida Tecnica, intitola “La sicurezza in cantiere: DPI e Sistemi Anticaduta”, riassume e condensa l’attività di formazione che il Gruppo sta portando avanti ormai da diversi anni e che lo ha visto impegnato nella realizzazione del progetto “Made Vita”, comprendente tutti i prodotti che fanno parte dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) distribuiti a marchio Made e studiati, realizzati e certificati nel pieno rispetto delle normative in vigore. Peraltro la riforma delle norme sulla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, derivante dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.106 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”, ha finalmente permesso di ottenere una legislazione uniforme sul territorio nazionale, elemento essenziale per perseguire l’obiettivo indicato dall’Unione Europea di ridurre del 25% gli infortuni sul lavoro entro il 2012. La norma sancisce diritti e doveri del lavoratori e dei datori di lavoro in un sistema che promuove la prevenzione e la sicurezza attraverso la formazione e l’informazione, la qualificazione delle imprese e la semplificazione degli adempimenti burocratici. A questi temi di assoluta rilevanza sono dedicate le pagine conclusive della nuova Guida Tecnica Made dove, nella sezione “Vademecum della Sicurezza”, vengono chiaramente indicati tutti gli adempimenti a carico dell’impresa, e quelli a carico del committente. Inoltre, quali documenti le imprese devono presentare per attestare la loro idoneità tecnico- professionale, e le documentazioni che i lavoratori autonomi devono presentare all’impresa o al committente, in caso di lavori in subappalto. Anche questa Guida Tecnica Made verrà distribuita gratuitamente presso tutti i punti vendita Made.

A un anno dal prossimo appuntamento, fissato dal 5 all’8 ottobre 2011, MADE expo promuove un’intensa attività di promozione in Italia e all’estero e lancia una serie di iniziative. “Grande attenzione sarà dedicata - afferma Rosario Messina, presidente di FederlegnoArredo - alle nuove modalità costruttive, come il Social Housing”. “Peraltro il MADE expo - aggiunge il presidente di MADE eventi srl, Andrea Negri - guarda alla prossima edizione lavorando a stretto contatto con le principali realtà del settore, soprattutto con Federcostruzioni, con la quale lo scorso luglio ha sottoscritto un’intesa esclusiva per promuovere i temi della sicurezza, della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualificazione degli operatori, oltre a iniziative per individuare nuove possibilità di business sui mercati internazionali e per realizzare un vero e proprio osservatorio di filiera sul fronte interno”. Dopo il successo della scorsa edizione, confermato l’appuntamento con Borghi & Centri Storici, per il recupero e la valorizzazione turistica e immobiliare dei piccoli centri italiani, e confermato anche Il Forum della Tecnica delle Costruzioni che, grazie alla collaborazione con Federcostruzioni offre agli addetti ai lavori un’imperdibile occasione di approfondimento. Confermato anche il concorso InstantHouse, giunto alla sua terza edizione. “Priorità di MADE expo 2011 resta ora la promozione capillare sul territorio nazionale con “MADE expo in tour” e i Road Show sui principali mercati internazionali tra cui, da segnalare, gli appuntamenti in Europa, nella Federazione russa, nella Penisola arabica e nel bacino mediterraneo. - precisa Giulio Cesare Alberghini, amministratore delegato di MADE eventi srl. - Attraverso questi incontri vogliamo offrire agli operatori momenti qualificati di alto profilo sui temi più attuali per i settori dell’edilizia e dell’architettura, confermando la manifestazione quale punto di riferimento a livello mondiale per il mondo delle costruzioni. L’impegno di MADE expo nella promozione internazionale è inoltre quello di portare alcuni tra i più importanti buyer in fiera, a contatto con le imprese”.

Mosaico Digitale - che rappresenta l’evoluzione del classico mosaico costituito da tessere in pietra, vetro e ceramica, in un moderno mosaico costituito da duttili tessere prodotte in un materiale flessibile e leggero quale la “resina” - ha indetto la prima edizione del Concorso internazionale Mosaico d’Autore. Con questa iniziativa, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà in concomitanza della Biennale d’Arte di Venezia 2011, Mosaico Digitale vuole evidenziare la infinita duttilità progettuale messa a disposizione da Mosaico Digitale. L’iscrizione al Concorso aperta fino al 30 luglio 2011 - è gratuita, unica spesa sarà la produzione reale del mosaico - che peraltro sarà fornito al mero costo di produzione - necessario a eseguire l’opera. I partecipanti, oltre a produrre materiale fotografico del lavoro ultimato, sono tenuti anche a filmare tutte le fasi del processo creativo. Il Premio Mosaico d’Autore è un evento con il quale si intende sottolineare la duttilità della tecnica produttiva di Mosaico Digitale, messa a punto dalla società Pepe&Co e che consente di stampare l’immagine di partenza su tesserine in film di resina di qualunque forma e dimensione, per riassemblarle poi, come in un gigantesco puzzle, a ricomporre l’immagine iniziale su qualunque tipologia di supporto. Il film di resina si adatta perfettamente alla texture della parete di destinazione, addirittura agli angoli e agli spigoli su cui il mosaico tradizionale non potrebbe essere appoggiato. Mosaico Digitale, oltre ad offrire una grande espressività alla forma, dà al progettista infinite possibilità creative anche legate alla consistenza della stessa resina, differente a seconda di una sua cristallizzazione più morbida o rigida. Inoltre la creatività degli spazi acquista maggiore personalità con Mosaico Digitale anche grazie alla possibilità di arricchire lo specifico materiale “resina” con inserti Swarovski, metallici o di pietre naturali.

38 - Tile Italia 6/2010


Tilefax

W-Age: la bellezza della Natura, l’ingegno di Provenza Originalità e ispirazione sono alla base di W-age, la nuova collezione di Provenza che vede il legno assoluto protagonista quale essenza naturale, capace di trasmettere calore e senso di casa. W-Age riproduce perfettamente il legno tagliato di testa, affermato nel design e nelle nuove tendenze, proposto come sezione trasversale del tronco per raggiungere il cuore stesso dell’albero. I cerchi concentrici, testimonianza del passato, trovano nuova linfa nei luoghi del vivere, nelle emozioni rinnovate. Provenza, con questa nuova collezione, intende confermare il suo status di “fucina delle idee”, capitale insostituibile e motore della produzione, a rappresentare l’eccellenza del settore. L’unicità grafica e materica di W-age è protetta dalla registrazione del modello, tutelando la proprietà intellettuale dell’elemento distintivo della collezione: l’innovazione. W-age è disponibile in 4 colori (Marrow, Heartwood, Ring, Cortex) e in 3 formati (15x90, 15x60, 60x60 cm). Colori e formati sono presentati nelle finiture naturale e lucidata. La gamma comprende mosaici e pezzi speciali, che permettono di personalizzare ogni ambiente in base ai propri desideri progettuali ed estetici. W-age è tecnologia al servizio dell’ambiente: le stesse emozioni estetiche del legno senza danneggiare la Natura.

Powercolor by Technokolla Durante l’ultima edizione di Cersaie 2010 Technokolla ha presentato Powercolor, sigillante in polvere di nuova generazione 40 - Tile Italia 6/2010

la cui formulazione si basa sul rivoluzionario sistema Silver Active, brevettato dal Laboratorio di Ricerca dell’azienda sassolese. Si tratta di un composto di cemento e ioni d’argento che, grazie alla loro azione oligodinamica, mantengono attivo nel tempo il potere inibente, contrastando la proliferazione di batteri, funghi e muffe, anche in seguito alla carbonatazione dello stucco e indipendentemente dal dilavamento dell’acqua, come provato dai test effettuati e dai Protocolli di verifica messi a punto dal Centro Ceramico Bologna. Caratterizzato da colori permanenti (bianco, grigio chiaro, cenere, beige), elevata idrorepellenza e resistenza all’abrasione, Powercolor può essere utilizzato per fughe fino a 5 mm.

Globo: nuovo concept shop a Hong Kong È stato recentemente inaugurato il nuovo punto vendita di Ceramica Globo a Honk Kong. Situato in Lockart Road, tra le principali arterie dell’area commerciale di Wanchai, il nuovo concept shop dà una particolare evidenza all’esposizione delle nuove linee disegnate dal Creative Lab + e da Giulio Bacchetti, art director dell’azienda dal 2009. Ma, oltre alla varietà di elementi - lavabi, sanitari, vasche, piatti doccia -, trova posta nel nuovo negozio anche una sezione informativa relativa a tutti i materiali Globo per l’architettura e il design. Il percorso espositivo parte dalla “vetrina”, dove trovano spazio le new entries della produzione ceramica, e prosegue all’interno tra linee e forme di bagni in grado di incontrare i gusti di tutti. “Il nuovo store è un atto di coraggio e di fiducia verso il mercato della Repubblica Popolare Cinese, in particolare Hong Kong, un’area che ci ha dato grandi soddisfazioni fin dagli inizi”, dichiara Andrea Gulinucci amministratore delegato di Ceramica Globo SpA. L’azienda, già presente da diversi anni

nel mercato cinese, ha investito in questo nuovo progetto per consolidare il rapporto con i clienti acquisiti ed entrare in contatto con nuove realtà commerciali.

Nuovo catalogo Rubinetterie Teorema “L’acqua è l’oro di domani”, il pay off adottato da Teorema per la propria campagna di comunicazione trova spazio anche nella copertina del nuovo catalogo, laddove la ricerca di un insieme di valori volti a valorizzare il proprio ruolo e a rispettare l’ambiente sono gli elementi cardine di tutta la produzione. Il nuovo catalogo Teorema presenta, in successione, le collezioni dell’azienda: ad ognuna viene dedicata una prima pagina contenente la foto del prodotto, l’indicazione del progettista - designer o reparto R&D Teorema - e descrizione del concept; sul retro della stessa pagina sono poi riportate le finiture disponibili. Di seguito le foto dei vari pezzi di cui si compone ogni collezione, con disegno tecnico, descrizione, indicazione della percentuale di acqua che è possibile risparmiare e relativo prezzo. La seconda parte del catalogo è invece dedicata ai programmi “doccia” e “cucina” e ai prodotti termostatici. Chiude il catalogo la sezione degli accessori e dei ricambi disponibili. Nell’ottica della water saving philosophy si inserisce il nuovo miscelatore Gossip, che consente un risparmio idrico del 40%.


“...il parquet�

www.la matitaonline.it

Pavimenti Prefiniti Pavimenti Tradizionali Pavimenti per Esterno Collezioni Speciali Rivestimenti scale

MP spa - MisterParquet I - 86020 S.Polo Matese (CB) - Zona Industriale, bretella 5 Tel: +39 0874 775050 - Fax: +39 0874 775102 www.misterparquet.com - commerciale@mpspa.eu


Tilefax

Dow e la 1° Casa Passiva inglese, certificata Dow Building Solutions ha fornito le guaine necessarie a garantire l’isolamento della prima Casa Passiva, certificata, realizzata in Inghilterra. Underhill House: questo il nome del pionieristico progetto dell’architetto Helen Seymour-Smith, che ha dato vita ad una casa eco sostenibile che, posizionata su una collina, sorge sulle rovine di un fienile di 300 anni fa. La Casa Passiva, in parte realizzata scavando nella collina per renderla invisibile nel paesaggio, è realizzata in calcestruzzo, ha una vetrata rivolta a sud per facilitare l’accumulo di luce e calore ed è perfettamente isolata nell’intero perimetro, pavimento, tetto e pareti, grazie alle “lastre azzurre” Dow (StyrofoamTM, Floormate™ 300-A, Roofmate™ SL-A e Perimate™ DI-A). L’architetto ha così giustificato la scelta dei prodotti isolanti Dow: “[…] solo l’isolante in polistirene estruso ha il giusto livello di resistenza all’umidità e mantiene le prestazioni termiche per tutta la vita dell’edificio e Styrofoam™ A è l’unico prodotto del suo genere nel Regno Unito con queste caratteristiche. Underhill House ha quindi superato i test necessari al fine di ottenere la certificazione di Casa Passiva. L’elevato livello di isolamento di Underhill House, la capacità di tenuta d’aria ed il suo progetto studiato per sfruttare al massimo l’energia solare, consentono di mantenere confortevole il clima interno. Underhill House è la dimostrazione di come la combinazione tra un’ottima idea architettonica e l’uso di materiali efficaci possa consentire la realizzazione di un’abitazione funzionale, in grado di risolvere varie problematiche ambientali”.

S. Anselmo acquisisce sereni coperture Lo scorso luglio S. Anselmo Group ha acquisito l’azienda Sereni Coperture di 42 - Tile Italia 6/2010

Martignana di Po (CR), completando così la propria gamma di prodotti per costruzioni ed affermandosi come realtà di riferimento nell’ambito dei laterizi. Dagli anni Quaranta ad oggi, S. Anselmo ha progressivamente consolidato la propria leadership, avviando un percorso di acquisizione a completamento della gamma e dei servizi offerti. Oggi, con 9 stabilimenti (8 in Italia e 1 all’estero), il gruppo si propone come interlocutore unico per la fornitura di mattoni facciavista, elementi per coperture (embrici, coppi estrusi, bicoppi, tegole stampate) e prodotti in cotto (pareti ventilate, autobloccanti per pavimentazioni, cotto toscano, cimase, gradini e pezzi speciali). L’ultima acquisizione del Gruppo, la società Sereni Coperture, amplia l’interesse anche all’ambito delle tegole: “L’acquisizione di Sereni Coperture è parte della strategia con cui abbiamo deciso di fronteggiare la congiuntura economica attuale. - dichiara Renzo De Checchi, presidente di S. Anselmo - La scelta di affrontare il mercato come un grande gruppo, in grado di rappresentare qualità e gamma, è risultato vincente e siamo certi possa continuare a premiarci anche nel futuro”. SAVOIA ITALIA CONTINUA A INVESTIRE Un nuovo forno di ultima generazione “Sacmi” è entrato in funzione a fine agosto alla ceramica Savoia Italia. Questo forno adotta un innovativo sistema di recupero energetico che permette un importante risparmio di combustibile ed un minor impatto ambientale. Contemporaneamente è entrata in funzione la seconda linea di stampa Ink-jet, che ha permesso a Savoia Italia di presentare a Cersaie 2010 un’ampia gamma di piastrelle decorate anche su supporti particolarmente strutturati. Una terza linea di stampa Ink-jet entrerà in funzione a inizio 2011, assieme ad una nuova pressa che permetterà di produrre formati sempre più grandi, per affrontare meglio la sfida del 2011. Già all’appuntamento di Coverings 2011 (14/17 marzo) si potranno ammirare nuove collezioni studiate per il mercato americano mentre, al meeting di primavera, verranno presentate nuove serie adatte al mercato italiano ed europeo.

Ottone Meloda presenta WSD Ottone Meloda srl, primario produttore di rubinetteria, da sempre green oriented nelle sue scelte industriali, massimizza il suo impegno per l’ambiente con un dispositivo che, grazie alla sua facilità d’uso, alla totale assenza di manutenzione, alla sua certificata efficacia, è destinato a privare di ogni alibi chi desidera abbracciare la filosofia water saving. Si tratta del nuovo WSD (Water Saving ® Device System brevetto MI2010A001619), dispositivo pressoché universale, piccolo e facile da installare, che impedisce la formazione di calcare e si differenzia in modo sostanziale da ogni altro rompigetto/riduttore di flusso in commercio. WSD Ottone Melodia, infatti, oltre ad essere pratico ed economico, consente un totale controllo “fine” sul flusso d’acqua che può essere modificato (e dunque personalizzato) secondo le diverse esigenze. Utile a incoraggiare una nuovo coscienza del consumo consapevole, WSD “nuoce gravemente” ai water waster, come vengono chiamati nel mondo coloro che sprecano l’acqua a vari livelli. La normativa US (molto rigorosa in termini di risparmio energetico e idrico) impone un flusso massimo di erogazione d’acqua in uscita dai rubinetti dei bagni di 6 litri/minuto: vale a dire ciò che il WSD consente sfruttando il 50% delle sue potenzialità. Ne consegue, sulla base dei dati forniti dall’Osservatorio nazionale tariffe e servizi della Federconsumatori, un risparmio di acqua e di energia fino a 500 euro/anno, calcolato sul consumo medio di una famiglia di quattro persone. Anche sul piano della salubrità dell’acqua di passaggio WSD ha le carte in regola: infatti, come tutti gli articoli Ottone Meloda, è realizzato con la tecnologia PWP (Pure Water Process), con una riduzione della cessione di piombo all’acqua dell’85% e di nickel all’acqua pari al 95%. Ma gli aspetti ecologici sono rispettati anche nella fase di cromatura, grazie all’utilizzo dell’impianto galvanico a scarico zero, che consente il riutilizzo di tutta l’acqua utilizzata nel processo. WSD, disponibile con attacco 24x1 “maschio” e attacco 22x1 “femmina”, è garantito a vita, grazie alla esclusiva formuOttone Meloda presenta la che accomuna tutti i prodotti Ottone Stop water wasting! Adopt a WSD® Meloda.

La stampa di settore testa nelle proprie abitazioni i vantaggi del nuovo Water Saving Device®System. Fine test e reporting 22 marzo 2011, Giornata Internazionale dell’Acqua.


...light your emotions

by De Checchi Luciano Tel. 049 64.47.09 www.woodled.com


Nomesezione Marketing

di Firma di Pierluigi Gallerani

Un orientamento strategico a lungo termine non è molto comune nella gestione delle aziende commerciali che è caratterizzata invece da scelte tattiche e operative. Le scelte tattiche sono collegate alle combinazioni prodotto/ servizio offerte al mercato e riguardano sostanzialmente gli approvvigionamenti, la politica delle scorte, quella finanziaria e di marketing. Le decisioni operative sono quelle prese giornalmente. Esiste comunque un indirizzo che è comune a tutte le aziende, anche di distribuzione: aumentare il giro di affari e ridurre le spese. La conduzione di un’impresa punta in genere ad un ampliamento del fatturato e ad un miglioramento dei margini di profitto. Volumi e margini guidano l’espansione dell’azienda di distribuzione in concomitanza con l’aumento dell’economicità della gestione. Nel settore delle rivendite edili le azioni di sviluppo stanno seguendo principalmente alcune direttrici: • rinnovamento delle sale mostra ed ampliamento dell’offerta • espansione tramite acquisizione di aziende minori del settore • interesse verso nuovi settori merceologici • apertura di nuovi punti vendita anche in aree geografiche vicine • razionalizzazione dei servizi tramite l’associazionismo Questi percorsi, attuati in tutto o in parte da molte aziende, prima ma anche durante l’attuale crisi economica, sono conseguenti al crescente interesse nei confronti del privato e del suo comportamento d’acquisto. Il cliente è più informato, esigente, attento ai prezzi ed alle offerte. Desidera svolgere un ruolo attivo, essere coinvolto in un’esperienza che si realizzi in un ambiente moderno, con molteplicità di proposte e personale competente e disponibile. Per il rivenditore, quindi, non si tratta solo di presentare o intrattenere ma di creare situazioni piacevoli, credibili ed 44 - Tile Italia 6/2010

L’impresa commerciale e le strategie


Marketing

alternative dove mettere in scena un’abile simulazione della realtà, con la possibilità di realizzare ambientazioni personalizzate dove la rappresentazione assume le dimensioni del quotidiano vissuto dal cliente. In conseguenza di ciò, in pochi anni si è passati da un’area “magazzino”, dove in un angolo si accatastavano cartelle polverose, alle moderne sale mostra dove i prodotti non sono presentati alla rinfusa ma in percorsi a tema, finalizzati e studiati a promuovere l’acquisto. Non tutta la distribuzione ha compiuto interamente questa evoluzione ma la strada si presenta obbligata per chi vuole avere un futuro. Queste considerazioni e constatazioni hanno portato la maggioranza delle società ad investire nel rinnovamento delle sale mostra e ad ampliare l’offerta: ceramiche, sanitari, legno, prodotti lapidei, resine, laminati e mobili da bagno cui si aggiungono sempre nuovi prodotti di finitura di interni, quali, scale, porte, camini e stufe. Alcune aziende hanno rivolto interesse e risorse anche verso altri settori come colorifici, ferramenta e prodotti termo-idraulici. Le società con maggior spirito imprenditoriale, dinamismo e possibilità finanziarie, hanno acquisito aziende minori o aperto nuovi punti vendita.

La Localizzazione La scelta della localizzazione dei nuovi punti vendita comporta un complesso di decisioni, non sempre valutate nella loro importanza, che certamente assumono un carattere strategico che si aggiunge, precedendoli, alle scelte tattiche e operative cui abbiamo sopra accennato. Un nuovo negozio richiede un’analisi del mercato per individuare quali aree presentino possibilità di sviluppo. Per poter esprimere una valutazione equilibrata sulle alternative possibili è necessario disporre di informazioni sulle caratteristiche strutturali, sui mercati, sui consumi attuali e potenziali, sui punti di forza

e di debolezza della concorrenza. Condizione indispensabile è la conoscenza dei bisogni di beni e servizi della clientela potenziale di una determinata zona. Gli elementi fondamentali alla base di un consapevole processo di scelta sono i seguenti: • Analisi del mercato potenziale • Ricerca sulla concorrenza • Studio dell’area di gravitazione ed attrazione commerciale • Posizione e tipologia dei locali L’analisi del mercato comporta uno studio sulle caratteristiche della popolazione, età, densità, composizione familiare, occupazione, reddito, tipologia delle spese. Tutti questi elementi e molti altri si possono trovare in internet, nelle pubblicazioni nazionali, regionali, comunali, nelle indagini compiute dall’Istat, dal Censis e da altri istituti. L’obiettivo è quello di verificare le dimensioni effettive del mercato di riferimento, elemento fondamentale per valutare il grado di interesse di una certa localizzazione. Lo studio della concorrenza ha lo scopo di rilevare quella presente, le sue caratteristiche, la sua politica di distribuzione, di prodotto e di prezzo. L’obiettivo è anche quello di scoprire e poter coprire un vuoto nelle posizioni e/o nelle offerte. L’area di gravitazione e attrazione è lo spazio, urbano ed extra urbano dal quale, per ubicazione, strutture, strade, ferrovie e servizi, affluisce l’accesso dei possibili clienti e si convoglia l’afflusso di traffico. Per esercitare una forte attrattiva è importante la composizione e l’impostazione della sala mostra, la scelta dell’assortimento e il grado di interesse che può suscitare, le politiche di vendita e promozionali. Esiste comunque un limite, di spazio o di tempo, difficilmente superabile dai consumatori. Sulla scelta della posizione e tipologia del sito sono quindi determinanti: l’accessibilità, gli spazi minimi che si vogliono allestire, la disponibilità di ambienti, le licenze e la regolamentazione urbanistica. Un terreno o un edificio devono essere

dotati di requisiti fisici ed economici per la realizzazione del progetto distributivo. La proprietà di un locale o la possibilità di fare un affare, non devono essere elementi condizionanti e vincolare, come spesso accade, le analisi economiche di fattibilità. Occorre conoscere quale spazio ottimale sia necessario per allestire la sala mostra. Se l’offerta è rivolta ad un segmento di alta gamma non occorrono grandi superfici ma la localizzazione deve essere molto studiata e aderente al target di riferimento ed avere una cura particolare per un arredo di notevole impatto.

L’Associazionismo Le aziende della distribuzione hanno cercato di compiere un ulteriore passo verso lo sviluppo anche tramite l’ “associazionismo”. Le piccole e medie aziende si sono rese conto, infatti, che l’economicità della gestione può avvenire solo attraverso una ristrutturazione organizzativa. Le singole imprese di ridotte dimensioni hanno spesso dimostrato di non essere capaci di rispondere a questa esigenza. Per evitare di cedere quote a concorrenti più efficienti o dare spazi di mercato alle imprese produttive è stata presa, in molti casi, la decisione di aggregarsi. Fra gli obiettivi principali c’era quello di ottimizzare i servizi, ottenere maggiori sconti dai fornitori, ridurre le scorte, razionalizzare i processi distributivi. Si sono così costituiti numerosi gruppi a carattere nazionale, diversi per servizi offerti e tipologia di funzioni accentrate. Dopo un iniziale successo alcune di queste organizzazioni stanno perdendo associati in favore di strutture a dimensione regionale o interregionale, più piccole e più aderenti alle esigenze. In Italia la strada dell’associazionismo cozza contro l’individualismo, la difficoltà di trovare metodi condivisi ed elementi coagulanti nell’organizzazione dei servizi. Anche questa strategia è importante ma richiederà studi di fattibilità e tempi lunghi.

❞ Tile Italia 6/2010 - 45


Obiettivo Vendita

Giorgio Dordini

46 - Tile Italia 6/2010

Tile Italia: - Come ha avuto origine la Caem Dordini Ceramiche? Giorgio Dordini: “L’azienda, nata ufficialmente l’1 gennaio 2009, è il risultato della fusione di due società operanti nel settore da oltre 30 anni: Dordini Ceramiche e il consorzio di materiali edili Caem, che hanno deciso di partecipare ognuno con il 50% del suo capitale, destinando interamente alla nuova società il rispettivo ramo d’azienda dedicato al settore dei pavimenti e dei rivestimenti”.

http://www.flickr.com/photos/ostrosky/

CAEM DORDINI Via Nazario Sauro, 3 46031 Bagnolo San Vito (MN) Tel. 0376 413 156 bagnolo@caemdordini.it

Immagine tratta da Google Maps

di Sara Falsetti

Caem Dordini Ceramiche, Bagnolo San Vito (MN)

Tile Italia: - Quali dunque i prodotti da voi commercializzati? G. Dordini: “Ci occupiamo esclusivamente di pavimenti e rivestimenti, sia da interno sia da esterno. Abbiamo scelto di specializzarci in questo unico settore per poter offrire ai nostri clienti una gamma di soluzioni ampia e diversificata per materiali, stili, qualità e prezzi. Si va dal gres porcellanto nei molteplici formati al più recente basso spessore, dai rivestimenti in bicottura e monoporosa ai mosaici ceramici e vetrosi, dal klinker

per interni ed esterni a quello industriale, dal parquet classico al prefinito, dal cotto imprunetino alla maiolica d’autore, dai pavimenti in PVC a quelli in resina, per terminare con soluzioni tecnologicamente avanzate come i pavimenti sopraelevati e le pareti ventilate. Riteniamo che sia di fondamentale importanza poter offrire soluzioni di qualità al giusto prezzo e garantite nel tempo”. Tile Italia: - Offrite anche servizio di posa? G. Dordini: “Non abbiamo dipendenti interni all’azienda ma


Obiettivo vendita

http://www.flickr.com/photos/41099823@N00/

collaboriamo da sempre con un consolidato gruppo di artigiani fidati e dall’esperienza decennale che, con professionalità, puntualità e precisione, ci permettono di soddisfare le richieste di posa della nostra clientela, anche la più esigente”. Tile Italia: - Quanto conta il rapporto con i fornitori, in una scelta commerciale esclusiva come la vostra? G. Dordini: “Moltissimo. Uno dei cardini della nostra politica aziendale che, tra l’altro, ci sta permettendo di far fronte anche a questo difficile

Bagnolo San Vito è un comune italiano di circa 5.800 abitanti in provincia di Mantova. Il nome deriva dal latino “balneum” (acquitrino), data l’origine paludosa dei terreni che vennero bonificati dai monaci benedettini intorno all’XI sec. Oggi l’economia si svolge in un contesto per lo più agricolo, ma si diversifica anche in altri settori grazie al lavoro di piccole e medie imprese artigianali e commerciali e alla presenza di alcuni impianti industriali.

momento di crisi globale, è proprio la fideliazzazione con i marchi che trattiamo. Un esempio efficace è il rapporto con il Gruppo Marazzi: più della metà dell’area espositiva della sala mostra di Mantova è dedicata ai prodotti del gruppo sassolese, così come una consistente presenza del marchio è riscontrabile negli altri due showroom. Lo stesso tipo di rapporto è esteso a tutti i nostri fornitori che da sempre consideriamo partner commerciali. Questo ci permette di essere per loro un importante

Tile Italia 6/2010 - 47


Obiettivo vendita

riferimento di zona e, allo stesso tempo, noi risultiamo essere ottimi referenti per il mercato”. Tile Italia: - Quante sale mostra avete? G. Dordini: “Presidiamo il mercato di Mantova e provincia con 2 sale mostra gestite da 6 dipendenti e 2 rappresentanti: una di circa 400 mq a Mantova, situata alle porte della città e ad 1km circa dal centro storico, e la principale a Bagnolo San Vito, di fianco al casello autostradale, con un’area espositiva di 1200 mq. L’1 gennaio 2010 abbiamo poi aperto una nuova sala mostra di 600 mq a Castellucchio, nella parte occi-

dentale della provincia: con questo showroom stiamo cercando di presidiare il mercato dell’alto mantovano”. Tile Italia: - Con 3 showroom sparsi nella provincia, avete riscontrato la necessità di diversificare i prodotti che commercializzate? G. Dordini: “In realtà, pur diversificando alcuni marchi, abbiamo cercato di mantenere il più possibile le stesse tipologie e le stesse gamme di prodotti, equiparando così le superfici espositive - anche a dispetto delle diverse dimensioni - nella completezza delle molteplici soluzioni da offrire alla clientela”.

Tile Italia: - Quale il vostro principale target di clientela? G. Dordini: “Siamo in grado di soddisfare le diverse esigenze di ogni tipo di clientela: dal privato al pubblico, dalla ristrutturazione - asse portante nei momenti di crisi - al cantiere edile di piccole dimensioni, fino ai grossi complessi residenziali, passando per le esigenze di soluzioni diversificate per gli spazi commerciali e industriali. Collaboriamo con studi tecnici, designer e architetti che trovano da noi un’ampia e selezionata gamma di prodotti di alta qualità e resa estetica, oltre ai trend più in voga, che si prestano ad una altissima

Alcune aziende commercializzate: Piastrelle di ceramica: Marazzi, Ragno, Rex Ceramiche Artistiche, Floor Gres, Casa dolce casa, Atlas Concorde, Sichenia, Panaria, Dom Ceramiche, Fincibec, Ceramica Magica, Cotto d’Este

Cotto, Klinker: Sannini Impruneta, Laria Klinker, KlinkerSire

Pietre naturali: Antiquarex, Arezia, Consorzio Produttori Porfido

Parquet: Friulparchet, Pavidea, Profilegno, Arbol, Ferretti, Ali Parquets

48 - Tile Italia 6/2010

Mosaico: Ce.Si, Marazzi, Bisazza, Casa dolce casa, Trend, Vitrex, Ceramica di Treviso

Sopraelevati: Marazzi Pietra ricostruita: Pietra Elite Pavimentazioni esterne: Senini, Antoniazzi, Bagattini Pavimenti in PVC: Mondo

personalizzazione”. Tile Italia: - Per essere una realtà relativamente giovane siete decisamente ben strutturati… progetti per il futuro? G. Dordini: “Siamo relativamente contenti dei risultati fin qui ottenuti, a fronte del difficile momento di mercato. Per il futuro immediato contiamo di consolidare la nostra presenza sul territorio, confermando le nostre partnership con marchi di grande prestigio già presenti nei nostri showroom, restando comunque disponibili a valutare acquisizioni o nuove possibili aperture anche al di là del confine mantovano”. 5


V I S I O N 2000


Economia&Mercato

di Silvia Bertolani

Art Casa by Comedil, una vetrina sul mondo

Dino Soccodato

Lo staff Comedil A Vignola, nella zona sud della provincia modenese, Art Casa by Comedil ha inaugurato lo scorso 30 settembre il nuovo showroom aziendale, uno spazio di circa 400 mq sviluppato in altezza (circa 3 m a soffitto, con pannelli espositivi di 2,402,60 m), realizzato con il supporto tecnico di Tek Arredamenti e pensato per gli architetti e per i propri clienti. Un’idea nata un paio di anni fa e conclusasi in un momento di non facile congiuntura economica, a dimostrazione di quanto sia importante investire per il futuro. Siamo andati a trovare Dino Soccodato, presidente Art Casa by Comedil, un’azienda produttrice e distributrice di pavimenti e rivestimenti rigorosamente made in Italy che, fino ad oggi, ha realizzato il 98% del proprio fatturato con l’esportazione.. Tile Italia: - Come mai proprio ora l’esigenza di una sala mostra? Dino Soccodato: “Innanzitutto avevamo la necessità di dare spazio e visibilità alle nostre collezioni, per permettere agli architetti e ai nostri clienti di visionare con calma e attenzione i prodotti. Tale esigenza s’è fatta ancora più forte dopo che, all’inizio dell’anno, abbiamo rilevato 60 - Tile 50 TileItalia Italia4/2008 6/2010

Murale Italian Factory [azienda con produzione di accessori - fasce, mosaici, listelli e tessere - in marmo e pietre, come anche in vetro e ceramica, in un moderno e innovativo design, presentata ufficialmente durante Cersaie 2010. Ndt], ampliando ulteriormente la nostra gamma prodotti. Quindi, grazie all’aiuto di Tek Arredamenti che ha curato gran parte dei nostri allestimenti espositivi, abbiamo realizzato uno spazio di circa 400 mq con ampie vetrate affacciate su una delle più frequentate arterie stradali della zona. Oltre alla reception e all’angolo bar, abbiamo allestito anche una sala riunioni e un angolo dotato di proiettore per ricevere gruppi in visita così come per presentare la nuove collezioni al nostro staff”. Tile Italia: - Investimenti in nuove acquisizioni e in nuove strutture come azioni d’urto contro la crisi… D. Soccodato: “Riteniamo sia importantissimo rispondere a questo difficile momento dimostrando una costante capacità di rinnovamento: non fermarsi nella ricerca di nuove soluzioni, nel miglioramento dei servizi e nella qualità del proprio lavoro credo sia alla base di un’azienda sana e produttiva”. Tile Italia: - Ci può spiegare meglio? -

Interni della nuova sala mostra D. Soccodato: “Tutta la storia di Art Casa by Comedil si sviluppa attraverso la volontà di un continuo rinnovamento. La società Comedil Srl nasce nel 1982, quando ho deciso di mettere a frutto la mia esperienza commerciale maturata nel settore fin dal 1974, aprendo una rivendita di materiali ceramici e camini, con servizio di posa in opera, rivolta al mercato di Vignola e dintorni. La continua richiesta da parte dei clienti di nuovi materiali ci ha spinti a dar vita al marchio Art Casa, registrato nel ’90, col quale abbiamo affiancato alla rivendita una nostra produzione. L’attività ha continuato a crescere finché, nel 1996, s’è reso necessario dividere le due attività di rivendita - cui è stata dedicata Vignolcer - e di produzione e distribuzione di piastrelle ceramiche, ovvero Comedil e il marchio Art Casa, e, nel 2000, è avvenuta anche la divisione societaria. A questo punto servivano spazi più adeguati per Art Casa by Comedil e il trasferimento di sede di Vignocer, con cui fino ad ora condividevamo lo stabile, ci ha permesso di fare il grande passo”. Tile Italia: - Quali cambiamenti ha comportato tale investimento? D.Lo Soccodato: “Ci siamo2010 sicuramente stand Serenissima a Cersaie rinnovati anche da un punto di vista tec-


Economia&Mercato

nologico e di merchandising, attrezzando i nostri uffici e i nostri collaboratori di tutti gli strumenti necessari ad offrire buoni prodotti e buoni servizi”. Tile Italia: - Che cosa significa, secondo lei, offrire oggi buoni servizi? D. Soccodato: “Significa soprattutto essere in grado di rispondere in maniera celere e puntuale alle richieste dei clienti. Noi abbiamo circa il 95% dei nostri prodotti a magazzino e questo ci permette di evadere gli ordini al massimo in due giorni lavorativi. Più immediatezza nel servizio è garanzia di una minor perdita di tempo e quindi di una maggiore qualità anche del nostro lavoro. Ottimizzare le risorse senza sperperi all’interno dell’azienda è fondamentale e, per questo, credo molto nel gioco di squadra portato avanti con responsabilità, impegno e volontà”. Tile Italia: - Quale l’impegno economico per il nuovo showroom? D. Soccodato: “L’investimento è stato di circa 350 mila euro, più o meno il 6% del nostro fatturato. Un impegno non indifferente, ma siamo riusciti a contenere i costi proprio grazie alla collaborazione di tutto il team di lavoro, che non si è risparmiato in nulla”. Tile Italia: - Quanto ha inciso la crisi sul vostro fatturato? -

Collezione Natura

Vintage Large 10 Tile Italia 6/2010 - 51


Economia&Mercato

Collezione Isole D. Soccodato: “Nel 2009 abbiamo subito un calo approssimativo del 10%, ma quest’anno abbiamo registrato una buonissima ripresa che ci dovrebbe far chiudere il 2010 con un +15%”. Tile Italia: - Quale il segreto di un andamento così positivo? D. Soccodato: “Oltre all’attenzione per un servizio celere e di qualità, noi realizziamo prodotti 100% made in Italy e per questo vantiamo il marchio Ceramic Tile of Italy, riconosciuto e molto stimato anche all’estero. Credo fermamente che il made in Italy andrebbe tutelato ancora di più”. Tile Italia: - Che cosa intende dire? D. Soccodato: “Non sempre le leggi sui prodotti e sulla loro provenienza sono chiare e senza possibilità di fraintendimenti. Questo va a ledere la credibilità del made in Italy e, di conseguenza, an-

Collezione Spa che il consumatore, per lo più impossibilitato a fare una scelta consapevole di qualità e quindi spesso influenzato solo dal costo, con gravose conseguenze per il nostro mercato. Una maggiore chiarezza e intransigenza sulla qualità e sulla provenienza dei prodotti - se made in Italy o no -potrebbe invece abbattere la sfrenata competitività dei prezzi, a questo punto ammortizzati con design, qualità e servizio garantiti”. Tile Italia: - Quale il vostro mercato di riferimento? D. Soccodato: “Il 98% del nostro fatturato è realizzato con il mercato estero: Austria, Francia e Germania in primis, ma buoni risultati li otteniamo anche in Scandinavia e in Canada. Stiamo poi cercando di investire, in termini di lavoro, sul mercato della Russia e della Cina”.

Tile Italia: - Il Cersaie, la cui ultima edizione s’è conclusa qualche mese fa, ha apportato contributi al vostro mercato? D. Soccodato: “Nonostante le difficoltà dei visitatori a trovare alloggi a prezzi ragionevoli per la settimana di fiera, tuttavia noi abbiamo registrato una buona affluenza, soprattutto per quanto riguarda cinesi e russi. Ed abbiamo riscontrato un buon gradimento sui nostri prodotti e sulle novità presentate, compreso il nuovo marchio Murale Italian Factory”. Tile Italia: - Ce le può illustrare? D. Soccodato: “Proprio della linea Murale, una novità assoluta non solo per la fiera ma anche per il mercato è la linea Stardust, in lava e in pietra naturale, addizionata con brillantini fissati da una resina epossidica. Un effetto davvero nuovo e d’impatto, che ha riscosso grande suc-

Interni della nuova sala mostra

Allestimento: TEK Arredamenti Srl - Espositori & Showroom - Via Regina Pacis 286/288 - Sassuolo (MO) - Tel 0536 811601 - Fax 0536 811472

52 - Tile Italia 6/2010


Elenco inserzionisti

Adesital Alberani

17

Aldo Larcher

30

Arbol

62-63

Arredo

90-91

Bertolotto

23

Bruno

89

Cercol Daytona De Checchi

Collezione Stardust

Duravit

cesso. Un’altra novità è stata la linea Slim Cocco realizzata con l’abbinamento di porcellanato mosaico di 2x2 cm, della serie slim di 4 mm di spessore, a inserti di cocco naturale. Altre proposte sono state le collezioni City, Forest Garden e Woodstone, con nuove soluzioni di decori e accessori, e la linea Natura che, richiamando l’effetto naturale di pietre, parte da un formato originale di 120x120 cm da cui si ottengono sottomultipli adatti ad ogni singola realizzazione. Un esempio di molteplicità di formato e del loro diverso effetto l’abbiamo applicato proprio nel nostro showroom, dove abbiamo utilizzato tutti i formati: dal 120x120 cm, che conferisce ampiezza agli spazi, ai più piccoli 30 e 20x60 cm”. Tile Italia: - Progetti per il futuro? D. Soccodato: “I buoni riscontri dello showroom ottenuti già in questi primi mesi di attività ci spingono a continuare nella ricerca di nuovi prodotti. Già con il design a onda e a muretto della linea Regina abbiamo saputo cogliere in anticipo le tendenze del mercato. Per il futuro puntiamo a continuare su questa strada, confermandoci nel settore come un’azienda di qualità. Rigorosamente made in Italy”.

21 2-3 43 100

Gambarelli

10

Gardenia Orchidea

75

Gazzotti Geopietra IIEA International Slate Iris Ceramica Litokol Maderclass Mapei

8 6-7 98-99 12 IV Cop 18/20/22 105 III Cop

Margaritelli

31

Marocchi

61

Masterfloor by Garbelotto Maticad Mister Parquet Novart Opera

II Cop 111 41 112 1

Opus Vitreum

84-85

Original Parquet

68-69

Piemonte Parquet Phorma P.L

9 19 109

Porcelanosa

29

Profilpas

83

Progress Plast

49

Raimondi

33

Roven

39

Sadon

25

Schlueter Systems Stile Tagina

www.tekarredamenti.it - uff.commerciale@tekarredamenti.it

57

4 27 5

TLS of Italy

37

Woodco

35 Tile Italia 6/2010 - 53


Economia&Mercato

di Milena Bernardi

Il rilancio del Gruppo Ceramiche Gambarelli

Giuseppe Pozzi Lo stabilimento di Buonconvento

Il Gruppo Gambarelli ha reso pubblico il perfezionamento di una nuova operazione, conclusa grazie all’intervento delle finanziarie Fises (Finanziaria Senese di Sviluppo) e Fidi Toscana legate a Monte Paschi Siena. L’operazione, finalizzata al mantenimento e consolidamento dell’attività produttiva presso lo stabilimento di Buonconvento (SI), conclude un percorso di ricollocazione sul mercato del Gruppo Gambarelli che, a seguito della messa in liquidazione delle proprie aziende rimaste pesantemente coinvolte nel 2009 nella crisi di mercato, ha visto la nascita di una new-co, denominata Gruppo Ceramiche Gambarelli. La nuova società, rilevati i rami di azienda

di Ceramica di Siena Spa e Ceramiche Gambarelli Spa, ha convogliato tutta l’attività produttiva nello stabilimento di Buonconvento, lasciando a Solignano (Modena) la sede amministrativa e commerciale, oltre al deposito logistico. Il perfezionamento della nuova operazione, conclusa grazie alle finanziarie senesi, impegna ora la nuova “Gruppo Ceramiche Gambarelli”, ormai libera dai debiti e ripatrimonializzata, all’acquisto dei rami di azienda e alla riassunzione entro il giugno 2011 di tutti i 165 dipendenti dello stabilimento di Buonconvento. Abbiamo chiesto a Giuseppe Pozzi, presidente del nuovo Gruppo Ceramiche Gambarelli, di illustrarci le strategie.

Tile Italia: - Ci riassume le vicissitudini aziendali che hanno condotto alla newco? Giuseppe Pozzi: “Gambarelli, fondata alla fine degli anni ‘60 da mio nonno Giuseppe Gambarelli, negli ultimi due anni si era trovata ad affrontare una profonda crisi, dimezzando le vendite e la produzione, scesa dai 580 milioni di mq di piastrelle del 2007 ai 350 del 2009. È stato quindi inevitabile ricorrere ad una profonda ristrutturazione del Gruppo:

l’operazione ha comportato la liquidazione delle vecchie società e la costituzione della new-co Gruppo Ceramiche Gambarelli che ha rilevato il ramo di azienda di Ceramiche Siena spa e Ceramiche Gambarelli spa”. Tile Italia: - Come si suddividono ora le quote del nuovo Gruppo Ceramico Gambarelli? G. Pozzi: “L’investimento complessivo effettuato dalle finanziarie Fises e Fidi Toscana nel capitale della nuova società è

60 - Tile 54 TileItalia Italia4/2008 6/2010

ammontato a 1,25 milioni di euro, pari al 34% del capitale; il restante 66% è detenuto da Siena Capital, la holding immobiliare appartenente alla famiglia Pozzi”. Tile Italia: - Quale il fine cui tende l’accordo con le finanziarie del Monte dei Paschi di Siena? G. Pozzi: “L’intervento di Fises e Fidi ha reso possibile sostenere l’attività produttiva di una azienda storica del territorio senese e travolta dalla crisi internazionale di questi ultimi due anni, sostenendo l’occupazione nella provincia. Con questa operazione l’azienda ha potuto riprendere l’attività, rafforzando la propria struttura societaria, in pieno accordo con i rappresentanti dell’Istituto finanziario, con l’obiettivo di tornare ad essere competitiva. Avere la Banca nel cda aziendale, con il 34% dall’azionariato, ci responsabilizza e contemporaneamente dà più credito ad una azienda che deve ristrutturarsi. L’operazione è stata peraltro fondamentale per rafforzare la struttura societaria del Gruppo Gambarelli, non più in grado di sostenere un mercato dimezzato senza ricorrere ad una seria ristrutturazione”. Tile Italia: - Quali gli obiettivi a medio termine? Lo stand Serenissima a Cersaie 2010 G. Pozzi: “A Buonconvento la produzio-


Economia&Mercato

Interni dello stabilimento di Buonconvento

Centro benessere “Oxygena” hotel San Marco (VR)

ne è ripresa già dallo scorso anno, con l’impiego dei marchi Gambarelli, Ceramiche di Siena e Oxygena. La mission della nuova società ha quale obiettivo prioritario il graduale recupero dei volumi di fatturato conseguiti in anni recenti dalle precedenti imprese con un target obiettivo a medio termine di 35 milioni di euro”. Tile Italia: - Quali gli step fin qui raggiunti? G. Pozzi: “La nuova società, operativa dal 1 agosto 2009, sta tenendo bene le posizioni sul mercato. I dipendenti attualmente attivi sono 90 e si prevede in breve di arrivare a 100; il bilancio dei primi 9 mesi 2010 vede una produzione di 140.000 mq/mese, un utile ante imposte di 800.000 euro ed un Mol del 9%. Vintage Large 10 Con una struttura societaria forte e senza alcun indeTile Italia 6/2010 - 55


Economia&Mercato

bitamento, l’azienda ha scelto la strategia di puntare sull’elevato valore aggiunto dei prodotti, tralasciando i mercati basati sul low price. Il 2010 chiuderà con un fatturato di quasi 20 milioni di euro ed una produzione di 1,2 milioni di mq di piastrelle. L’obiettivo per il 2011 è raggiungere i 25 milioni, aumentando la produzione a 1,8 milioni di mq e riassumendo la totalità dei dipendenti che si trovano ancora in cassa integrazione straordinaria”. Tile Italia: - Su quali collezioni puntate? G. Pozzi: “A Cersaie abbiamo presentato la nuova collezione Damasco, frutto del centro ricerca&sviluppo interno all’azienda e che ha riscosso un interessante successo, oltre ad una nuova serie di Oxygena, l’unica piastrella al biossido di titanio ad azione antismog e antibatterica che può attualmente vantare brevetti validati in Italia e negli Stati Uniti, nel 2009, mentre la validazione del brevetto europeo è attualmente in corso. A questo proposito colgo l’occasione per

ribadire e rivendicare la “paternità” dell’idea delle piastrelle italiane antismog al biossido di titanio, tanto che abbiamo proceduto in sede civile contro una azienda che, a nostro parere, ha contraffatto i nostri brevetti. Oxygena è nata nel 2004 utilizzando la tecnica dell’applicazione a caldo durante il processo produttivo. Un’idea, peraltro, che mi fu suggerita dal cemento al biossido di titanio realizzato nel 2000 da Italcementi ed al quale fu inizialmente dato il nome di Tx Millennium, con riferimento preciso al 2000, quale anno del Giubileo, che vide il progetto “50 Chiese per Roma”. Tra queste Chiese vi fu anche l’edificazione della Dives in Misericordia, progettata da Richard Meier e realizzata proprio utilizzando il cemento Tx Millenium bianco”. Tile Italia: - Come va la domanda di Oxygena? G. Pozzi: “La domanda di Oxygena è molto alta nei paesi europei e tende ad aumentare in maniera sempre più inte-

Bologna, Nuovo Palazzo della Regione: nel quartiere Fiera District la torre - 80 metri di altezza progettata da Kenzo Tange, è destinata ad ospitare i nuovi uffici della Regione Emilia Romagna. Per la loro pavimentazione sono stati utilizzati 14.000 mq di Oxygena.

ressante. Noi, peraltro, che possiamo vantare partecipazioni a progetti importanti, tra cui la realizzazione del Quartiere Torrino Mezzocammino di Roma inaugurato nel 2007 dall’allora Sindaco Walter Veltroni o, più di recente, i 14.000 mq di Oxygena forniti per la pavimentazione della nuova torre di Kenzo Tange destinata ad ospitare gli uffici della Regione Emillia Romagna, ci troviamo certamente avvantaggiati. Tra le ultimissime novità è assolutamente rilevante l’acquisizione di un contratto per la fornitura di Oxygena ad una importante catena distributiva francese. La ricerca della bio-sostenibilità è oggi un argomento di interesse mondiale e le applicazioni del biossido di titanio come attivatore della fotocatalisi sono ormai grandemente affermate in Giappone, dove, nel 1995, ha avuto inizio lo studio della tecnologia fotochimica applicata ai materiali da costruzione al fine di concorrere al disinquinamento ambientale”.

Finanziaria Senese di Sviluppo è la finanziaria pubblica che ha come azionisti la Fondazione Monte dei Paschi, la Camera di Commercio di Siena, la Provincia e il Comune di Siena.

FidiToscana è la finanziaria nata nel 1975 per iniziativa della Regione Toscana e delle principali banche operanti nella regione con l’obiettivo di agevolare l’accesso al credito alle piccole e medie imprese che presentano valide prospettive di crescita, ma non sono dotate di adeguate garanzie. È partecipata, oltre che dalla Regione Toscana, da comuni, provincie, altri enti, associazioni di categoria e istituti di credito della regione. Rappresenta una delle prime otto finanziarie italiane.

56 - Tile Italia 6/2010


FUGAMAGICA 0-2 Eco-Fuga

Certificata EC1R

FUGAMAGICA STYLE 0-6 Eco-Fuga

Certificata EC1R

STARCEM PRONTO Eco-Massetto

EXTRA 30 Eco-Adesivo Certificata EC1R

Certificata EC1R

Adesital per l’edilizia ecosostenibile Prodotti per la posa certificati per proteggere l’ambiente e migliorare la qualità della vita. Adesital da anni presta la massima attenzione nella formulazione ecosostenibile dei suoi prodotti. L’istituto tedesco GEV ha testato e certificato EC1* una gamma completa di prodotti Adesital per la posa e la fugatura di ceramica. * a bassissimo contenuto di Composti Organici Volatili

ADESITAL S.p.A. /via XX Settembre, 12/14 - 41042 Ubersetto di Fiorano (MO) ITALIA Tel +39 0536 927511 - Fax +39 0536 843527 - info@adesital.it - www.adesital.it


Economia&Mercato

di Chiara Bruzzichelli

Giorgio Romani

Ceramica Serenissima, fondata nel 1968 dal Cav. Lamberto Romani, nel dicembre del 2003 si trasforma in Serenissima Cir Industrie Ceramiche SpA, raggruppando i marchi Cir e Capri e continuando poi a scandire step di crescita del tutto interessanti: • nel luglio 2004 completa l’acquisizione di Cerasarda la cui maggioranza era detenuta già dal 2002; • nel giugno 2005 acquisisce dalla Coopcostruttori di Argenta il ramo d’azienda Cercom; • nel 2006 realizza, in Casalgrande, il nuovo polo logistico centralizzato di gruppo; • a fine 2010 rileva l’impianto produttivo di Impronta Ceramiche a Rubiera. Abbiamo incontrato l’amministratore delegato del Gruppo Serenissima, Giorgio Romani, per commentare con lui la crescita di un’azienda che oggi, con i marchi Serenissima - Cir - Capri - Cerasarda Cercom e il brand Momodesign Ceramics, produce complessivamente circa 6 milioni di mq/anno di pavimenti e rivestimenti con un fatturato che sfiora i 100 milioni di euro. Tile Italia: - Quali i motivi che Vi hanno condotto all’acquisto dell’impianto di Impronta Ceramiche a Rubiera? Giorgio Romani: “L’acquisizione ha rappresentato per noi una vera opportunità: 60 - Tile 58 TileItalia Italia4/2008 6/2010

Gruppo Serenissima: ancora in crescita

Il quartier generale dell’azienda

presto avremmo avuto bisogno di rinnovare l’attività produttiva di Serenissima non disponendo però, qui a Casalgrande, degli spazi necessari. La decisione dell’investimento è quindi scaturita dalla precisa conoscenza, dovuta alla nostra ventennale collaborazione con Impronta, dell’alto valore tecnologico dell’impianto di Rubiera, costruito alla fine degli anni Novanta con logiche decisamente moderne e continuamente rinnovato e attualizzato”. Tile Italia: - L’acquisizione vi consentirà di completare la gamma prodotti? G. Romani: “Certamente, oltre ad ampliare l’offerta di gres porcellanato smaltato, potremo completare la filiera produttiva introducendo il rivestimento in pasta bianca che, fino ad oggi, abbiamo reperito sul mercato in outsourcing. Inoltre, grazie agli atomizzatori di Rubiera e a quello già disponibile presso lo stabilimento Cercom di Filo di Argenta, raggiungeremo l’autosufficienza in tutti gli stabilimenti anche per quanto riguarda la lavorazione delle materie prime.” Tile Italia: - Di quanto si incrementerà la produzione del Gruppo? G. Romani: “Nel 2009 abbiamo complessivamente prodotto circa 6 milioni di metri quadrati. Ora, trasferendo l’intera produzione di Serenissima da Casalgrande a Rubiera, contiamo di superare i

Lo stand Serenissima a Cersaie 2010


Economia&Mercato

9 milioni di mq/anno, sommando anche gli impianti di Roteglia, Filo d’Argenta e Olbia. Trasferiremo a Rubiera tutti gli addetti alla produzione attualmente in forze a Casalgrande ed a questi si aggiungeranno 115 dipendenti oggi già impiegati nello stabilimento Impronta. In un momento così “poco brillante” del mercato, l’acquisizione rappresenta certamente un passo importante ed impegnativo, reso però possibile anche da un sostanzioso accordo triennale di somministrazione di pavimenti e rivestimenti alla stessa Impronta Ceramiche, parte integrante del contratto di acquisizione.”

Tile Italia: - Perché investire ancora in Italia? G. Romani: “Perché crediamo ancora nella forza del distretto e del prodotto ceramico italiano, malgrado la crisi mondiale e quella interna al nostro Paese. Vogliamo scommettere sulla specificità della produzione Made in Italy. Peraltro il nostro Gruppo, oltre ad avere una forte identificazione del prodotto, per il quale è richiesta una cura maniacale di ricerca e di design, è molto orientato al mercato europeo che, comprendendo l’Italia, nel 2010 ha rappresentato circa il 78% del fatturato. E su questa parte del mercato intendia-

mo continuare ad investire in ricerca e sviluppo, in comunicazione e in servizi di vendita perché lo consideriamo ormai come il nostro “mercato interno”.” Tile Italia: - Le vendite extra CEE verso quali Paesi sono dirette? G. Romani: “Le nostre vendite extra CEE, che raggiungono oltre 60 Paesi, sono dirette in particolare verso Usa e Canada, Est Europa e Asia e rappresentano, ad oggi, il 22% del fatturato di Gruppo, registrando un calo di circa 3-4 punti sul 2008, ma con numeri in crescita nell’anno in corso. Il mercato europeo, Italia esclusa, rappresenta circa il 40% del fatturato con un

Vintage Large 10 Tile Italia 6/2010 - 59


Economia&Mercato

Cerasarda - Trasparenze Marine incremento veramente importante sul 2008. Meno bene il mercato italiano, oggi sceso al 38% contro circa il 42% del 2008. Possiamo dire che stiamo raccogliendo i frutti della determinazione con cui abbiamo sempre continuato a seguire il mercato europeo e la Germania in particolare, anche in quegli anni di crisi in cui altri la abbandonavano per andare in USA.” Tile Italia: - Eppure disponete di filiali e joint venture in paesi lontani… compresa la Cina… G. Romani: “Certamente. La scelta di continuare ad investire in Italia e la grande attenzione che continuiamo a dedicare agli “storici” mercati dei paesi europei

Cir - Via Emilia 60 - Tile Italia 6/2010

Cercom - Geo non esclude la possibilità di guardare anche oltre, investendo in paesi lontani, come già fanno alcuni nostri competitors. Siamo complessivamente presenti in 85 paesi nel mondo e studiamo con attenzione le aree “in espansione”: abbiamo stretto accordi commerciali in India, in Cina abbiamo una joint-venture e disponiamo di uno showroom e relativo deposito a Shanghai, mentre in Arabia Saudita stiamo studiando la possibilità di entrare in partnership nella costruzione di un importante stabilimento a capitale locale.” Tile Italia: - Qual è la Vostra “ricetta” per affrontare la crisi? G. Romani: “Lavorare tanto, con molto

Serenissima - Resort

impegno e pretendendo la stessa cosa dai collaboratori, soprattutto dalla forza commerciale. Poi è fondamentale la scelta oculata dei collaboratori e l’attenzione ai costi di gestione. Infine un po’ di fortuna, ci vuole sempre nella vita e noi la abbiamo avuta con nostro padre Lamberto che, pur lasciando prestissimo a me e a mio fratello Paolo la gestione dei vari marchi aziendali, non si è mai stancato di ripetere che le piastrelle sono pesanti e quindi non è il caso di far fare loro troppo strada: meglio seguire bene i mercati vicini. Cosa dire? I risultati di oggi gli danno assolutamente ragione.”


Attualità

di Silvia Bertolani

Che la storia diventi tradizione non è un fatto scontato: il succedersi degli eventi e il conseguente sviluppo della società spesso assorbono il passato, inglobandone le tracce. Ma quando la storia si fa maestra, allora la tradizione ne diventa imperitura memoria. E viene tramandata e conservata, oltre che utilizzata come base imprescindibile per qualsivoglia tipo di evoluzione. Lo stesso è accaduto con la ceramica, antico materiale soggetto a continui mutamenti e, allo stesso tempo, intra-

64 - Tile Italia 6/2010

Inaugurata la Galleria Marca Corona

montabile patrimonio artistico e industriale che ha trovato nel comprensorio di Sassuolo (MO) un distretto destinato a diffondersi e ad affermarsi per fama e valore in tutto il mondo. Ceramiche Marca Corona, la più antica azienda ceramica sassolese oggi appartenente al Gruppo Concorde, ha voluto contribuire alla conservazione di questa tradizione non solo attraverso le sue continue collezioni di qualità e prestigio, ma inaugurando la Galleria Marca Corona, uno spazio progettato dallo studio Pro-

gettisti Associati e ubicato all’interno della nuovissima sede, deputato a raccogliere le ceramiche artistiche prodotte dalla sua fondazione - nel 1741 con la fabbrica di Majolica - fino ai giorni nostri. Dedicata a Cirillo Mussini, compianto presidente del Gruppo Concorde cui si deve la volontà della sua stessa nascita, la Galleria si compone di 6 aree e si propone come un vero e proprio museo multimediale dove il visitatore può non solo ammirare gli oggetti della preziosa collezione che copre gli anni dalla metà del


Attualità

Settecento fino ad oggi - dalla stoviglieria agli oggetti d’arredo, dalle targhe per la denominazione e numerazione stradale fino alle piastrelle decorate per pavimenti e rivestimenti -, ma la può contestualizzare grazie ad un’esaustiva documentazione video, fotografica, testuale e interattiva. La Galleria trova le proprie origini nel “Museo della Fabbrica Rubbiani”, allestito nell’Ottocento nel fabbricato residenziale adiacente l’impianto di Contrada del Borgo. Fin dagli esordi la raccolta si

proponeva come un’esposizione di pregiati oggetti di ceramica sassolese, arricchita con pezzi faentini e di altre aree italiane (come Casteldurante, Castelli, Pesaro, Savona, Carpi e Modena), ma lasciando come inequivocabile protagonista la vecchia “Fabbrica della Majolica” di Sassuolo. Lo stesso intento è stato mantenuto da Marca Corona che, con la nuova Galleria, ha dimostrato come nella produzione contemporanea si possano coniugare ancora presente e passato attraverso una

forte continuità imprenditoriale e artistica. L’inaugurazione della Galleria, svoltasi lo scorso 8 ottobre, è avvenuta dopo il saluto da parte del presidente di Marca Corona, Ivano Chiletti, e del sindaco di Sassuolo, Luca Caselli, e dopo gli interventi dell’architetto Vincenzo Vandelli curatore storico-artistico della collezione e del progetto architettonico della Galleria - e dell’architetto Carla Di Francesco, direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici dell’Emilia Romagna. Ha chiuso la presentazione Luca Mussini, amministratore delegato del Gruppo Concorde, sottolineando la volontà di rendere la Galleria un bene pubblico, disponibile non solo per gli addetti al settore ceramico ma per tutti coloro che fossero interessati alla storia della ceramica, aprendo le porte ad iniziative culturali e scolastiche. Ad oggi la Galleria Marca Corona, che è stata inserita all’interno del circuito dei Musei della provincia di Modena, è già stata visitata da quasi 1000 persone, a conferma di un’azienda e di un progetto di grande successo.

Tile Italia 6/2010 - 65


Attualità

di Silvia Bertolani

Casalgrande Ceramic Cloud: “la” porta sul comprensorio ceramico

Il video dell’inaugurazione con la performace del gruppo Aterballetto

Casalgrande Padana festeggia quest’anno i suoi 50 anni di attività: mezzo secolo di storia durante il quale lo straordinario sviluppo che ha contrassegnato il prodotto “piastrella” ha permesso all’azienda di raggiungere una posizione di assoluto rilievo internazionale. Tra le iniziative volte a celebrare questa data, l’inaugurazione del Casalgrande Ceramic Cloud, avvenuta lo scorso 2 ottobre alla presenza di giornalisti, autorità e con la partecipazione di Aterbaletto che ha animato la serata danzando sull’installazione stessa (punta con lo smartphone sul QR Code in alto per vedere il video della performance). L’opera, installata su una rotonda di oltre 2800 mq situata in prossimità del sito produttivo Casalgrande Padana, sulla nuova strada che unisce la provincia reggiana al comprensorio ceramico sassolese, è frutto di un accordo tra l’azienda, che ha sostenuto l’onere finanziario, e l’amministrazione comunale di Casalgrande. Casalgrande Ceramic Cloud - prima realizzazione architettonica italiana del maestro giapponese Kengo Kuma, già presentata in anteprima al Fuorisalone 2010 durante un evento organiz66 - Tile Italia 6/2010

zato presso l’Università Statale di Milano - divide trasversalmente lo spazio della rotonda stradale, ponendosi come una sottile cortina a diaframma, posta a richiamare dinamicamente lo sguardo dell’osservatore. Queste le parole usate da Kengo Kuma per descrivere l’opera: “Casalgrande Padana, produttore di ceramiche noto in tutto il mondo, ha chiesto al nostro studio professionale di realizzare un’opera monumentale destinata alla rotonda stradale posta all’ingresso principale dello stabilimento dell’azienda. Convinti dell’assoluta importanza del nostro committente, abbiamo accolto la sfida pensando di trasformare la piastrella ceramica in un elemento architettonico fondamentale, evitando quindi il convenzionale utilizzo come elemento di rivestimento. Dopo la fase di sviluppo dei dettagli tecnici relativi alla disposizione e collegamento degli elementi ceramici standard dell’azienda, lavorando a stretto contatto con il team di Casalgrande Padana, abbiamo compreso come disporli e organizzarli creando strutture inconsuete. Questa struttura singolare ha

consentito di evitare la costruzione di un’opera che occupi semplicemente una porzione dello spazio circostante; volevamo che la realizzazione facesse parte integrante del luogo, abbiamo quindi deciso di costruire un dispositivo che divide in due lo spazio, rendendolo speciale e connotandolo con una doppia personalità, un risultato ben diverso dalle consuete rotonde. Il nostro approccio antimonumentale si è spinto sino ad allineare la direzione della parete ceramica alla strada che vi conduce, facendo sì che l’opera sembri quasi dissolversi: avvicinandosi con l’automobile si percepisce la rotonda divisa da una linea verticale; solo volgendo intorno ad essa, assecondando il movimento della vettura, la parete prende forma sino ad apparire nei suoi 45 metri di lunghezza. Nelle nostre architetture prendiamo ispirazione spesso dai principi di antidimensione e antivolume, ma per un progetto e per un sito così particolari - raggiungibile solo in automobile - abbiamo voluto sperimentare il rapporto di questi concetti con i principi dinamici di tempo, movimento e percezione sequenziale”.


Attualità

Data ultimazione: Settembre 2010

Committente: Casalgrande Padana Spa. www.casalgrandepadana.com Luogo: Casalgrande (RE) Tipologia: Opera pubblica Area: 2826 mq Materiali: Lastre Gres porcellanato 1200x600x14 mm, pietra, acciaio Altezza max: 5,90 m

Design Team Architettura: Kengo Kuma & Associates Kengo Kuma (principal charge), Javier Villar Rujz, Ryuya Umezawa 2-24-8 BY-CUBE 2F Minamiaoyama Tokyo - www.kkaa.co.jp Project Manager / Controllo Costi: Mauro Filippini, Casalgrande Padana Spa. Ingegneria: Ejiri Structural Engineers (Tokyo), Norihiro Ejiri and Pieter Ochelen, 3-20-11 #402, Takadanobaba, Shinjukuku, Tokyo 169-0075, Japan Client Consultant Architettura: Alfonso Acocella, Università degli Studi di Ferrara; Luigi Alini, Università degli Studi di Catania Urban Planing: Angelo Silingardi (CCdP) Strutture: Enrico Rombi (CCdP); Alberto Zen (CCdP); Impianti: Cesare Brizzi e Luigi Massa, Casalgrande Padana Spa Illuminazione: Mario Nanni (principal charge), Federica Soprani Comunicazione:Nadia Giullari, Elisa Grisendi, Sara Costi, Veronica Dal Buono

KENGO KUMA Kengo Kuma è nato a Kanagawa, in Giappone, nel 1954. Nel 1979 si laurea in architettura all’Università di Tokyo. Dal 1985 al 1986 frequenta la Columbia University in qualità di Visiting Scholar. Nel 1990 ha fondato la Kengo Kuma & Associates ad Aoyama, Tokyo. Dal 2001 al 2008 lavora come ricercatore presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università di Keio. Nel 2009 viene nominato professore all’Università di Tokyo. Le sue opere principali comprendono: Osservatorio Kirosan (1995), Water/Glass House (1995, premio AIA Benedictus Award), il progetto per lo spazio Design al padiglione giapponese della Biennale di Venezia (1995), Stage in Forest - Toyoma Center for Performance Arts (1997, premio annuale dell’Istituto di architettura del Giappone), Stone Museum (2000, premio internazionale per l’architettura in pietra 2001), museo Bato-machi Hiroshige (2001, premio Murano). Altri riconoscimenti internazionali: International Spirit of Nature Wood Architecture Award (2002, Finland), Premio internazionale per il nuovo Design globale di Chokkura Plaza and Shelter (2007), Premio Energy Performance + Architecture (2008, Francia).

Tile Italia 6/2010 - 67


. QUERCIA OLIATA EFFETTO CERA LAPPATO TAVOLE NOBILI

ORIGINAL PARQUET, con esperienza e competenza nei pavimenti in legno, vanta la produzione di una gamma ricchissima che va, dal prefinito a più strati, all’industriale “Walking”, per finire alla serie dei pavimenti massello. Ma la vera forza dell’azienda è data dalla artigianalità e dalla creatività tipicamente italiana: un laboratorio di falegnameria cura tutte le lavorazioni artigianali che servono per fornire, oltre al pavimento, gli accessori personalizzandoli a seconda della richiesta del cliente.


QUADRASTUDIO

Via Dell’Artigianato 18 48011 Alfonsine (RA) - Italia tel. +39.0544.80696

www.originalparquet.com


Reportage CERSAIE

Cersaie 2010, “buoni” numeri Facoltà di Architettura di Genova, Corso di Laurea Magistrale in Design del Prodotto e degli Eventi Alessandra Parodi per Cersaie 2010

La 28° edizione di Cersaie, coincisa con un momento caratterizzato da lievi spiragli nella difficile congiuntura economica ed immobiliare mondiale, ha indiscutibilmente confermato la tenuta, la centralità e la rilevanza internazionale della rassegna per i settori rappresentati. Sempre più alto, come mostrano i dati, l’interesse dagli a Cer2 8 S E T T E M Briservato RE - 2 OTTO B R E 2 stranieri 010 w w 83.286 w. c e r s a i e . i visitatori t saie: degli totali (+1%

.CER. spa

Promosso da ConfInDustRIa CERamICa

sull’edizione 2009), 24.960 sono stati esteri (+9,2%); allo stesso modo, dei 1.016 espositori totali provenienti da 33 Paesi, ben 264 sono stati esteri (+9,5%). Complessivamente, nei 176.000 mq espositivi hanno esposto: 494 aziende del comparto Piastrelle di ceramica, 370 dell’Arredobagno, 24 Materie prime, 53 Attrezzature e materiali per la Posa e l’Esposizione, 75 Editoria e servizi.

In collaborazione con

ativa: PROMOS srl - P.O. Box 37 - 40050 CENTERGROSS BOLOGNA - Tel. 051.6646000 - Fax 051.862514 EDI.CER. spa - Viale Monte Santo 40 - 41049 SASSUOLO (Modena) - Tel. 0536.804585 - Fax 0536.806510

27-04-2010 11:12:09

CERSAIE 2010: VISITATORI TOTALI

2006

2007

2008

2009

2010

90.949 26.141 64.204 334 270

91.303 27.121 64.182 360 272

83.875 25.675 58.200 365 297

82.422 22.862 59.560 439 276

83.286 24.960 58.326 462 276

TOTALE VISITATORI Operatori esteri totali Operatori italiani totali Giornalisti italiani Giornalisti stranieri

%

10/09

+1,0 +9,2 -2,1 +5,2 -

i sequestri A CERSAIE Nel pomeriggio di venerdì 1° ottobre, presso la sala conferenze di un hotel adiacente al quartiere fieristico di Bologna, sede in quei giorni di Cersaie, è stato effettuato un sequestro di materiale ceramico, contraffatto da parte di una azienda cinese. Il sequestro, convalidato poi il 7 ottobre dalla Procura della Repubblica di Bologna, conferma una prassi illecita, quella delle contraffazioni, che danneggia il made in Italy per oltre 50 miliardi di euro all’anno e da cui il settore della ceramica industriale non è, purtroppo, immune. Le ceramiche contraffatte sequestrate sono risultate essere una imitazione della serie Glow, prodotta da Ceramiche Atlas Concorde di Fiorano che, oltre ad aver richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, aveva provveduto, già dal 2007, a tutelare la collezione stessa attraverso la “registrazione del modello” su tutti i mercati comunitari. L’operazione di polizia giudiziaria è stata supportata dai periti dello studio Bugnion, che ha assistito l’azienda nelle operazioni di tutela dei propri diritti. Maurizio Mazzotti, amministratore delegato di Atlas Concorde Spa, ringraziando il Comandante del 2° Gruppo della Guardia di Finanza di Bologna, ha evidenziato come a tali risultati si possa giungere soltanto

grazie alla stretta collaborazione tra forze dell’ordine, associazioni di categoria ed imprese private, con lo scopo principale di tutelare il made in Italy nel mondo. Il Presidente della Commissione Relazioni Commerciali di Confindustria Ceramica, Giorgio Romani, in merito alla contraffazione di piastrelle di ceramica ha quindi dichiarato: “A seguito delle recenti notizie relative alla convalida del sequestro di piastrelle di ceramica in presunta contraffazione di produzioni italiane, Confindustria Ceramica segnala la recrudescenza di un fenomeno che lede fortemente gli interessi dell’industria ceramica italiana che basa il proprio successo sull’innovazione di prodotto, estetica e tecnologica”. Nel caso di specie, Confindustria Ceramica intende seguire il procedimento e, qualora se ne ravvisino gli estremi, provvederà ad intervenire nel giudizio - in qualità di ‘persona offesa’ - a tutela degli interessi dell’intero settore, quale propria missione strategica. In tal senso, la lotta di contrasto alla contraffazione vanta già diverse positive risultanze, tra le quali il sequestro giudiziale - in occasione di Coverings 2006 - di cataloghi ed altri strumenti di merchandising palesemente contraffatti ad opera di una azienda cinese.

• Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • 70 - Tile Italia 6/2010


Reportage CERSAIE

CERSAIE 2010: ESPOSITORI

2009

2010

1.037 176.000 mq 34 796 241

1.016 176.000 mq 33 752 264

TOTALE ESPOSITORI* Area espositiva totale Nazioni rappresentate Espositori italiani Espositori esteri

%

10/09

-2,0 -2,9 -5,9 +9,5

ESPOSITORI SUDDIVISI PER CATEGORIA MERCEOLOGICA Piastrelle di ceramica Arredobagno, caminetti Materie prime Attrezzature e materiali per la Posa e l’Esposizione Editoria e servizi

510 380 23

494 370 24

-3,1 -2,6 +4,3

55 69

53 75

-3,6 +8,7

*Provenienti da 33 Paesi - Fonte: Cersaie

CERSAIE 2010: VISITATORI ESTERI TOTALI

2009

2010

22.862 13.769 3.620 627 623 2.209 1.172 263 579 276

24.960 13.499 4.333 520 679 3.379 1.013 212 846 276

TOTALE VISITATORI ESTERI* Europa (eccetto Italia) Europa (altri Paesi) Nord America America Centro/Sud Asia Medio Oriente Australia/Oceania Africa Giornalisti esteri

*Provenienti da 151 nazioni - Fonte: Cersaie

%

10/09

+9,2 -2,0 +19,7 -17,1 +9,0 +53,0 -13,6 -19,4 +46,1 -

Relativamente all’attuale andamento del comparto delle piastrelle ceramiche italiane si riporta il commento di Franco Manfredini - presidente di Confindustria Ceramica - espresso in occasione della conferenza stampa internazionale Ceramic Tile of Italy: “Sulla base dei dati raccolti nel primo semestre ci aspettiamo una crescita complessiva del settore, a fine anno, compresa tra il 2,5 e il 3,5%. A fare da traino saranno le esportazioni, con un progresso stimabile tra i 3 e i 4,5 punti. Questo significa un incremento di fatturato per il 2010 nell’ordine dei 4,7 miliardi di euro. Un recupero che va di pari passo con il miglioramento della situazione congiunturale nei vari Paesi, il che dimostra come il calo registrato dal distretto nel 2009 non dipenda da una crisi di competitività ma dalle conseguenze determinate dalla bufera finanziaria”.

• Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Tile Italia 6/2010 - 71


Reportage CERSAIE

�wards

cersaie

Distributori, giornalisti, espositori fieristici: tre figure professionali essenziali per la valorizzazione della filiera delle costruzioni, oggetto di altrettanti riconoscimenti ideati da Confindustria Ceramica per valorizzare l’impegno delle specifiche figure professionali.

Best Stand Awards Riservati ai migliori stand allestiti in fiera, i Premi sono suddivisi nelle categorie ‘piastrelle di ceramica’ ed ‘arredobagno’ e prevedono, per ciascuna categoria, premiazioni per stand di dimensione piccola, media e grande. I VINCITORI: Ceramiche Cisa, Tagina Ceramiche d’Arte, Versace Home by Ceramiche Gardenia-Orchidea, Ceramica Flaminia (foto 1), Bellosta Carlo (foto 2), Hatria ( foto 3).

Ceramiche Cisa

Tagina Ceramihe D’Arte

Versace Home By Gardenia Orchidea

• Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • 72 - Tile Italia 6/2010


Economia&Mercato

1

1

2 2

3 3

Ceramic Tiles

of I taly

Journalism Award

Riservato al migliore reportage su Cersaie 2009 e sull’industria italiana delle piastrelle di ceramica pubblicato su testate straniere, il premio al giornalismo, giunto alla sua 14° edizione, è stato assegnato alla giornalista bulgara Mariana Svetoslavova (al centro nella foto), direttore editoriale della testata Idealen Dom, per l’articolo “Ceramics: digital and nostalgic”

Distributors Award Selezionate da una apposita giuria di Confindustria Ceramica, le aziende distributrici premiate sono state individuate per aver promosso e diffuso la cultura della piastrella italiana, in ottemperanza a specifici criteri quali la fedeltà nei confronti del prodotto, la competenza e la professionalità. Dall’alto a sinistra, i vincitori: Austria: Fliesen Huemer Gmbh, Regau Francia: Pavan, Mountauban Germania: Heinrich’s Fliesenmarkt Gmbh, Lunek Italia: Orsolini Amedeo, Viterbo

• Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Tile Italia 6/2010 - 73


Reportage CERSAIE

�owntown

cersaie

LE STRADE DEL DESIGN In occasione di Cersaie 2010, con lo svolgersi della mostra Cersaie Downtown, il centro storico di Bologna si è per la prima volta trasformato in “spazio espositivo”. L’iniziativa - ideata da Interpromex Comunicazione e curata da Laura Manfredini - è stata promossa da Confindustria Ceramica e organizzata da Edi.Cer. Spa in collaborazione con BolognaFiere ed il patrocinio del Comune di Bologna. Cersaie Downtown ha previsto l’installazione di 10 “cubi–mela” rivestiti in piastrelle di ceramica o vetrati, per esibire gli elementi arredobagno

racchiusi al loro interno. I “cubi”, installati nel centro storico della città, risaltavano per la ricercata dissonanza con l’ambiente circostante, di fatto contribuendo alla reciproca visibilità: da una parte i palazzi signorili, le piazze e le viuzze animate del centro di Bologna, dall’altra i “cubimela”, teche rispettose delle leggi del merchandising a raccontare il design e le sue tendenze. Le dieci installazioni che hanno caratterizzato Cersaie Downtown hanno avuto come interpreti 11 grandi marchi italiani (foto in ordine dalla 1 al-

la 10): Arblu, Casalgrande Padana, Casa Dolce Casa, Cerasarda, Floor Gres, Hatria Marazzi Tecnica, Simas, Glass Idromassaggio, Rex Ceramiche Artistiche, Antonio Lupi. Cersaie Downtown ha suggerito un nuovo modo di intendere lo spazio pubblico del centro storico di Bologna che, consapevole e fiera della propria bellezza, si è prestata a fare da palcoscenico alle eccellenze del made in Italy, riconoscendo a Cersaie la sua innegabile valenza “turistica” rappresentata dai circa 25.000 visitatori di cui il 27% stranieri provenienti da tutto il mondo.

3

1

4

2

5

6

8

7

9

10

Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage CERSAIE • Reportage 74 - Tile Italia 6/2010


Trends

Firma di Gian PaolodiCrasta

Quali sono i colori di tendenza che porteremo con noi nei prossimi mesi? Quali i cromatismi che i nostri occhi vedranno in vestiti, mobili, oggetti e finiture? Lo studio AzzoliniTinuper, che da anni si

Suggestioni di cipria, violacei, ottanio, denim e bianchi

occupa di design e ricerca nel campo del colore, dei materiali e delle tecnologie innovative, li ha messi sul tavolo a Tecnargilla, la maggiore fiera al mondo per la fornitura e l’estetica per l’industria ceramica e del laterizio.

http://www.flickr.com/photos/puddytat_77/

1. Cipria

Colori caldi chiarissimi e chiari, toni naturali e iperdomestici, interpretati su lavorazioni della materia molto sofisticate: ricamo, intreccio, traforo, arricciature. La materia interpreta questa tendenza con sperimentazioni di finiture invecchiate che esaltano il calore delle tinte cipria. Pattern geometrici traforati, intarsi di essenze diverse, decori incisi, bassorilievi e altorilievi: la superficie diventa ricca e la materia diventa gioco di luci ed ombre. 76 - Tile Italia 6/2010

Quattro tavoli, circolari, realizzati con materiali poveri interpretati e miscelati con elementi più tecnici, allestiti con logiche diverse e scultoree, per presentare ai professionisti del settore ceramico stimoli cromatici e materici.


Trends

� 2. VIOLACEO

Toni violacei dal neutro al saturo: il viola come colore segnale e accento nell’ambiente o come dominante appena percepibile. Riflessi metal, cangianze, inserti di cristalli, sfaccettature tridimensionali per effetti sorpresa del materiale. Campioni in vetro e in acrilico stimolano la ricerca con effetti tridimensionali ottenuti sia con stampe digitali ad effetto “macro 3D” sia con passaggi successivi di coloritura e decori incisi con laser che creano effetti cangianti.

picture by: Ricardo Liberato Tile Italia 6/2010 - 77


Trends

ďż˝

http://www.flickr.com/photos/tearsandrain/

3. Ottanio (Bluverde):

Stampe multicolor, glitter, trasparenze, stratificazioni. Il blu verde interpreta la tendenza miscelato a toni luminosi e in velature successive di colore. Sperimentazioni di stampa digitale su lastre ceramiche di grande formato e di basso spessore: il decoro stampato suggerisce mondi decorativi diversi caratterizzati da effetti di luce iperfotografici. Il taglio irregolare delle lastre suggerisce nuove possibilitĂ  compositive nel mondo dei rivestimenti.

ďż˝ 5. BIANCO

http://www.flickr.com/photos/forteller/

http://www.flickr.com/photos/jamesdphotography/ 78 - Tile Italia 6/2010

http://www.flickr.com/photos/ucumari/


Trends

� 4. DENIM

http://www.flickr.com/photos/niko_si/

Effetti maltinti, sfumature dal blu al neutro, articolazione dei toni di blu, con tocchi di blu saturo che illuminano la materia. Il colore blu diventa un non colore, una materia, anzi una materia vissuta e nobile. Il tessuto presentato in infinite lavorazioni sul tema del denim: strappi, lavorazioni laser, applicazioni, patchwork, finissaggi particolari…la materia tessile lavorata in un’ultima fase “estetica” suggerisce possibili mondi alla materia ceramica.

� http://www.flickr.com/photos/arnolouise/

http://www.flickr.com/photos/91997797@N00/

http://www.flickr.com/photos/photo_art/

http://www.flickr.com/photos/elanaspantry/

Bianchi caldi, bianchi freddi, il bianco come elemento senza tempo. Il bianco diventa elemento di scrittura, grafia decorativa sulla superficie, colore-non colore che vive da solo o “scritto” sugli altri colori tendenza. Tile Italia 6/2010 - 79


Pietra naturale

XYZ (Marmi Ghirardi)

I PARTECIPANTI

Saie New Stone Age Design 2010, tendenze naturali

Veramente ottimo il successo riscosso dall’edizione 2010 di SAIE NEW STONE AGE DESIGN, la mostra/ evento dedicata alla pietra autenticamente naturale, riletta ed interpretata per gli spazi dell’abitare, residenziali e contract, interni ed esterni. SAIE NEW STONE AGE DESIGN 2010, il cui allestimento 80 - Tile Italia 6/2010

è stato affidato da Confindustria Marmomacchine alla sapiente regia dello studio milanese Lucchese Design, ha avuto quale sottotitolo il tema “Green&Stone: una nuova visione per l’urban design” ed ha visto esporre i prototipi realizzati sul tema da 10 fra le migliori aziende italiane di settore. L’esposizione ha quindi pro-

posto una serie innovativa di realizzazioni, chiamate a misurarsi con la progettazione di soluzioni in grado di abbinare “pietra e verde”, coniugando la migliore tradizione del costruire in pietra con l’innovazione oggi richiesta dal mercato dell’architettura e dell’edilizia di qualità.


Pietra naturale

“OH ROMEO” (Anzilotti Marmi) B-PLAY (B-Stone)

“POWER GARDEN” (Odorizzi Porfidi) “LENTE” (Namco Co)

81 - Tile Italia 6/2010


Pietra naturale

CONTEMPLAZIONE (Bonvecchio Marmi) AZULEJOS (Margraf)

POUF URBANO (Formigari Group Dalle Nogare) FLOWER (Grassi1880)

POCKET (Marmi e Graniti d’Italia Sicilmarmi) 82 - Tile Italia 6/2010

A corollario di SAIE NEW STONE AGE DESIGN si è svolto il convegno/tavola rotonda: “NEW GREEN STONE AGE: per una nuova età della pietra autenticamente naturale ed eco-compatibile tra Direttive EPD, Certificazioni LEED, Normazione Tecnica e Ricerca formale”. Un importante momento di approfondimento organizzato da Confindustria Marmomacchine e Saie in collaborazione con UNI, Green Building Council Italia Assomarmisti Lombardia, Centro Servizi Marmo, Cet Servizi e il patrocinio della Federazione delle industrie marmifere europee EUROROC e Pietra Autentica.


Profili per bassi spessori. NovitĂ  di alto spessore.

La posa di alcuni tipi di pavimenti e di rivestimenti su superfici preesistenti richiede un’estrema attenzione ai particolari. Profilpas crea una linea completa di profili per bassi spessori, di 3 e 4,5 mm di altezza. Potete scegliere tra listelli decorativi, jolly stondati o squadrati, giunti di separazione e di dilatazione, raccordi perimetrali e paragradini per risolvere ogni esigenza di posa per mosaici, gres, resina e materiali tipo KerliteŽ.

you build we profile www.profilpas.com


L’anima creativa di Opus interpreta le forme, i colori e i materiali con abbinamenti coraggiosi e mai banali; la durezza del marmo con la fragilità del vetro, forme trasparenti che si lasciano attraversare dalla luce con altre opache che la imprigionano, l’oro puro e raffinato con la pietra aspra e ruvida. Opus è un atelier di creazioni eleganti e originali per personalizzare gli ambienti e renderli unici con insoliti accostamenti di forme, materiali e colori.

www.opusvitreum.com


QUADRASTUDIO.info

OPUS VITREUM Alfonsine 48011 (RA) Italia via dei Carpentieri 3 tel. +39.0544.83234 info@opusvitreum.com


Posa & Tecnica

di Roberto Aiazzi

Roberto Aiazzi La scorsa primavera è stata inaugurata la nuova sede canadese della multinazionale Schlüter-Systems KG. L’edificio è stato progettato dallo studio DCYS - uno dei più noti studi in Canada di architettura - che è stato particolarmente motivato dai precisi obiettivi posti dal committente. La proprietà, infatti, aveva esplicitamente richiesto di raggiungere, tramite l’impiego di tecnologie innovative, livelli prestazionali particolarmente elevati sia in termini di consumi energetici sia di benessere ambientale. L’obiettivo è stato pienamente centrato e la nuova sede Schlüter-Systems ha ottenuto, tra i primi edifici in Canada, la prestigiosa certificazione LEED Gold.

L’uso della ceramica Elemento importante per il raggiungimento della certificazione LEED Gold per la nuova sede canadese è stato il vasto impiego di ceramica: in totale sono stati installati oltre 6.200 mq di piastrelle a pavimento e rivestimento, prodotte da Florida Tile, società appartenente al Gruppo Panaria, riferimento negli Stati Uniti per la produzione e distribuzione di materiali ceramici. Una scelta sicuramente non casuale, dato che Schlüter-Systems si occupa 86 - Tile Italia 6/2010

LEED Gold per la nuova sede canadese Schlüter-Systems


Posa & Tecnica

di sistemi innovati proprio per la posa di materiali in ceramica. Inoltre va ricordato che l’utilizzo delle piastrelle permette, nell’ambito dell’accreditamento LEED, di ottenere punteggi importanti nelle specifiche sezioni “materiali/risorse” e “qualità ambientale”. La prima di queste sezioni è legata alla percentuale dei materiali di riciclo utilizzati nella produzione e, la seconda, alla bassa emissione dei materiali stessi, bassa emissione riguardante anche i prodotti necessari alla loro posa in opera. A quest’ultimo proposito è doveroso segnalare che, per la posa di tutti i pavimenti e rivestimenti, sono stati utilizzati esclusivamente prodotti Mapei.

Il sistema di termo-climatizzazione a pavimento Ad elevare sensibilmente il livello della certificazione LEED ha poi contribuito l’uso di particolari sistemi di posa, proprietà della stessa Schlüter-Systems. Tra questi merita una particolare menzione il sistema termo-climatizzato a pavimento denominato BEKOTEC-

THERM, che ha consentito di raccogliere ulteriore punteggio nelle sezioni “Energia” ed “Atmosfera”. Schlüter-BEKOTEC-THERM, utilizzato per il riscaldamento dell’intero edificio durante l’inverno e per il suo raffrescamento durante i periodi più caldi, si distingue per la possibilità di realizzare un massetto dallo spessore particolarmente basso (solo 8 mm sopra il tubo!), per la bassa inerzia termica, per l’omogenea distribuzione del calore tramite l’utilizzo della guaina SchlüterDITRA e la facile regolazione dell’impianto. Da un punto di vista edile, tra l’altro, il massetto BEKOTEC (riscaldato o no) risulta essere ad oggi l’unico supporto per ceramica realizzabile senza giunti di controllo per il ritiro, tramite l’utilizzo della guaina Schlüter-DITRA che ha azione desolidarizzante, permettendo una libertà assoluta nella progettazione del disegno della pavimentazione. Il sistema di termo-climatizzazione a pavimento è stato poi collegato ad un impianto geotermico, realizzato da Geothermix Inc., comprendente ben 19 pozzi ed uno speciale sistema di riTile Italia 6/2010 - 87


Posa & Tecnica

cambio dell’aria che avviene tramite un cosiddetto “Canadian-tunnel”, interrato al ridosso dell’edificio, lungo circa 60 metri per un diametro di 180 cm.

Descrizione degli spazi interni

LEED Il LEED è un sistema di valutazione della qualità energetico ambientale per lo sviluppo di edifici “verdi” ad alte prestazioni che funzionano in maniera sostenibile e autosufficiente a livello energetico. Nato nel 2000, è promosso dal U.S Green Building Council (il Consiglio per le costruzioni Ecologiche degli Sati Uniti), organizzazione no profit nata nel 1993 i cui membri sono rappresentativi di tutti i segmenti dell’industria delle costruzioni. Il LEED è applicabile sia per interventi di nuova edificazione che per ristrutturazioni integrali.

L’architetto Roberto Aiazzi, dal 2005 responsabile dell’Ufficio Tecnico Divisione Edile di Schlüter Systems Italia S.r.l., è anche membro del: Gruppo Uni pavimenti e rivestimenti e Gruppo Uni rivestimenti lapidei. Partecipa, inoltre al “Gruppo spessori” di Confindustria Ceramica. 88 - Tile Italia 6/2010

L’edificio è costituito da un imponente atrio centrale, caratterizzato da una green wall, cioè una parete interamente tappezzata con piante verdi ornamentali in grado di vegetare in interno. Una grande parete “verde” che, oltre ad offrire un ottimo impatto visivo, contribuisce a migliorare significativamente la qualità dell’aria indoor grazie alla eliminazione della CO2. La sede si sviluppa poi, verso ovest, con un primo blocco, dedicato a 2 piani di uffici amministrativi mentre, al piano terra, sono state realizzate aree destinate alla formazione, alla zona pranzo e allo showroom aziendale. A est, un secondo blocco, ospita il magazzino ed una aula attrezzata per meeting dimostrativi.

Conclusioni La corretta progettazione e la combinazione di tecnologie d’avanguardia permette, alla nuova sede canadese, un abbattimento dei consumi energetici del 70 % rispetto allo standard locale. In Canada, date le condizioni climatiche particolarmente rigide, per il riscaldamento degli edifici si spende in media dai 37,5 ai 40,0 $ per mq/ anno, mentre per la nuova sede Schlüter-Systems è stata valutata una spesa di solo 11,0$ per mq/anno. L’edificio è divenuto così in poco tempo, per progettisti e studenti, un “esempio” di struttura realizzata nel pieno rispetto degli standard LEED.


La sicurezza del parquet certificato

www.brunospa.com

Bruno

Pavimenti in legno dal 1929


Legno&design

di Silvia Bertolani

Il legno, il design e quel che sta nel mezzo

PIEMONTE PARQUETS - Quercus Antiqua

92 - Tile Italia 6/2010

più preziose, partono da lì, dalla semplicità della natura. Una natura che è insieme storia e maestra, madre e matrice di opere grandissime. Prendiamo, ad esempio, Pinocchio. “Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli

STILE - Stile Lab

“Per fare un tavolo ci vuole il legno, per fare il legno ci vuole l’albero…”. Chissà se era proprio questo che pensava Gianni Rodari quando scrisse questo testo (poi musicato da Sergio Endrigo e Luis Bacalov, “Ci vuole un fiore”, ndt.): che tutte le cose, anche le


Legno&design

MARGARITELLI - Medoc® by M. De Lucchi

ANTICO E’ - Lihtos, Esedra che d’inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze”. Forse per l’esigenza di Mastro Ciliegia di farne gambe nuove per il tavolo, forse per la voglia di Geppetto di raggranellare qualche soldo in più girando il mondo con una marionetta, fatto sta che il bisogno e

GAZZOTTI - Vintage

l’ingegno spinsero a trasformare quel ‘semplice pezzo da catasta’ in qualcosa di unico, originale. Addirittura un bambino. È evidente che la natura è capace di opere ancora più significative, così come è chiaro che la storia del legno e del parquet non passa di certo attraverso

Tile Italia 6/2010 - 93


Legno&design

TABU - Caleidosystem

MASTER FLOOR - Gloss®

IDEAL LEGNO - Mosaico

PARQUET IN - Elegant

MISTER PARQUET - Il Circolo Dell’Antico Parquet

IPF PARQUET - Chic

94 - Tile Italia 6/2010


Legno&design

TARKETT - Epoque 162

PARCHETTIFICIO TOSCANO - Opus Ligneo

Pinocchio. Ma la storia dell’uomo attraverso quella del legno sì: utensili ed attrezzi, armi e giocattoli, perfino le prime case erano realizzate in legno, materiale adatto a conservare memoria e tradizioni poiché, a meno d’eventi catastrofici, riemerge anche dopo secoli, intatto, a ricordarci la storia e tutte le sue emozioni. La storia poi si orienta come una bussola

FLORIAN - Arteflò® Trend

CADORIN - Teak-Listoni Oro

verso il futuro, ad indicare traiettorie per il progresso che uniscano l’uomo alla natura, con rispetto, disciplina. E creatività. Ora, in questo presente un po’ travagliato, caratterizzato da confini non sempre chiari e colori non sempre definiti, dove l’eco-sistema si rivolge ad un eco-mondo per salvare l’eco-nomia, anche noi, come mastro Geppetto,

Tile Italia 6/2010 - 95


Legno&design

ALBERANI - Cellular by Piero Surdo e Lorenzo Gemma

BRUNO - Teknomaxi Le Guidò PAVIDEA - Dolomythos abbiamo preso il nostro pezzo di legno e gli abbiamo chiesto di prendere vita in modo originale, d’effetto e pur sempre di qualità. Grande qualità. Gli abbiamo chiesto di prenderci per mano e accompagnarci nel futuro più prossimo, ancorché senza ambizioni troppo lontane; gli abbiamo chiesto di portarci in un paese dei balocchi senza

“Le cose di ogni giorno raccontano segreti a chi le sa guardare ed ascoltare...” (da “Ci vuole un fiore”, Testo di Gianni Rodari Musica di Sergio Endrigo e Bacalov - Edizioni BMG Ricordi Spa)

ciuchi né mangiafuoco, dipinto solo di quell’estro e quella disinvoltura che conferiscono personalità e carattere. In una carrellata d’immagini che vogliono parlare per noi, abbiamo dato spazio alla creatività di quelle aziende che con le idee e le innovazioni cercano di abbellire la nostra quotidianità, nel rispetto della natura e del “naturale”, utilizzando le tradizionali caratteristiche del legno – quali durezza, resistenza, calore, isolamento termico e acustico, ecc – per caratterizzare con un tocco di unicità e audacia gli ambienti in cui viviamo, siano essi uffici, abitazioni, negozi o ristoranti. Come in un atelier d’alta moda, abili ‘artigiani industrializzati’ ci hanno così vestito di tinte caleidoscopiche e geometrie irregolari, truccandoci con finiture gloss, madreperlate e cascate di brillantini, senza per forza coprire i segni del tempo, chiaro rimando alla nobiltà e alla ricchezza del materiale. La naturalezza del legno, infatti, abbraccia con il suo calore le ispirazioni e le esigenze dell’uomo, sempre più alla ricerca di riferimenti solidi nella sostanza e mutevoli nella forma, fornendo infiniti spunti ai designer che possono così rivolgersi ad un pubblico sempre più raffinato ed esigente con la semplicità di un vecchio materiale rivestito di nuovo.

96 - Tile Italia 6/2010

WOODCO - Alpen Art & Design - Skin


Legno&design

ARBOL - Duchamp

LEGNO D’INGEGNO by RILEGNO A conferma del forte connubio tra legno&design, nel pieno rispetto della natura e dell’ecologia, Rilegno, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in legno, presenta la terza edizione del concorso internazionale ‘Legno d’Ingegno’, nato per promuovere l’utilizzo di legno e di sughero recuperato o riciclato nella progettazione e produzione di oggetti d’arredo. C’è tempo fino al 31 dicembre per i giovani architetti e designer under 35 che vogliono essere creativi in modo eco-compatibile iscrivendosi al concorso, il cui tema quest’anno è “Contenere è un gioco”. La premiazione avrà luogo durante l’edizione 2011 del Salone del Mobile di Milano e la mostra di una selezione degli elaborati partecipanti sarà allestita nel contesto del Fuori Salone. Il programma dettagliato e ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.rilegno.org.

Tile Italia 6/2010 - 97


Impara con un

i segreti del marketing e Imparare in maniera efficace ed efficiente, ottimizzando i propri tempi e i costi è il desiderio di ogni professionista, tiranneggiato dai tempi frenetici del lavoro ma bisognoso di restare al passo con le ultime novità relative alla propria professione. IIEA, la scuola di formazione online specificatamente rivolta ai professionisti del mondo industriale, risponde a queste esigenze offrendo corsi di formazione costruiti utilizzando gli innumerevoli vantaggi della formazione e-learning, la nuova frontiera formativa sempre più utilizzata dalle aziende e dai professionisti di tutto il mondo. Per i professionisti dell’area marketing e della vendita IIEA offre in particolare i seguenti corsi: n Introduzione alla ricerca tendenze: la ricerca tendenze è oggi uno strumento di lavoro imprescindibile non solo per i creativi e per chi si occupa del prodotto. Un efficace monitoraggio e analisi dei trend aiuta imprenditori e manager a calibrare meglio il posizionamento e la vision aziendale; offre spunti a progettisti e designer nell’elaborazione di nuovi concept; supporta coloro che operano in marketing e advertising nella definizione delle strategie di comunicazione. Questo corso aiuta a sviluppare un metodo razionale di analisi

delle tendenze che sia personalizzabile a seconda delle esigenze individuali ma anche condivisibile con un team di collaboratori. n Customer care (La qualità del servizio): il corso ha come obiettivo il miglioramento delle relazioni dei corrispondenti commerciali in ceramica con il mercato esterno. Attraverso una serie di esercizi e simulazioni videoregistrate, i partecipanti saranno in grado di gestire con maggior efficacia la relazione con i clienti ed acquisiranno una maggiore consapevolezza del proprio ruolo all’interno dell’azienda. n Visual marketing: il visual marketing è la disciplina che studia il rapporto che intercorre fra oggetto, contesto in cui viene inserito ed immagine. Elemento fondamentale del marketing moderno, il visual marketing pone al centro dello studio e dell’analisi critica la capacità di un oggetto di essere “protagonista” della comunicazione visiva. Il prodotto e la sua comunicazione visiva diventano così inscindibili e la loro fusione è la componente che raggiunge il pubblico, influenzandone e determinandone le scelte. n Le reti di vendita dei beni industriali complessi: il corso si occupa della impostazione e gestione dell’intera area vendite,

dagli aspetti più strategici a quelli operativi e, dunque, più legati alle scelte di medio e breve periodo. Il corso è articolato in più sessioni ma i temi sono strettamente collegati ed interrelati, trattati secondo una sequenza logica e cronologica. Il taglio degli argomenti è estremamente pratico e orientato a chi svolge un lavoro di gestione delle vendite e dunque si occupa di programmazione, controllo delle azioni e dei risultati di vendita. n Web marketing: il corso intende fornire i concetti essenziali di marketing e strategia, webmarketing strategico ed operativo e le modalità per costruire un budget di web marketing. Offre una descrizione di tutte le possibilità offerte dal web, da Internet e dall’email marketing. Corsi per ogni esigenza IIEA offre anche corsi di varie lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco, arabo e italiano per stranieri) disponibili in vari livelli e costruiti con un approccio interattivo e multimediale e corsi specifici sulle tematiche obbligatorie sulla sicurezza in azienda tra cui “La sicurezza in azienda in base al T.U. 81/08” e “La sicurezza per gli addetti ai videoterminalisti”. Disponibili inoltre corsi sulle varie fasi produttive del settore ceramico destinati a tecnici e direttori di produzione.

IIEA: S.A.L.A srl • Tel. 059 512 107 • info@iiea-school.it • www.iiea-school.it


click

della vendita Accedi alla demo gratuita

Punta il tuo smart-phone sul QR code oppure digita http://elearning.iiea-school.com/ per visionare la demo dei corsi. Per accedere: user “iiea”, password “demoiiea”

I vantaggi della formazione online n

Elevata flessibilità. I corsi sono fruibili on-line in ogni momento

della giornata con conseguente totale flessibilità di gestione sia spaziale (l’alunno non deve recarsi in aula) che temporale (non vi sono orari fissi da rispettare e si può seguire il corso in base alle proprie esigenze quotidiane). n

Riduzione dei costi per la formazione. Non richiede spostamenti o assenze dall’azienda. I corsi possono essere seguiti da qualsiasi computer connesso ad internet.

n

Misurabilità dei risultati. Consente di misurare in modo oggettivo e sistematico i risultati raggiunti dai singoli discenti, il tempo impiegato per l’apprendimento e la frequenza con la quale accedono ai corsi, consentendo l’ottenimento di un regolare attestato di partecipazione.

Migliore gestione e possibilità di condivisione del materiale. Permette di condividere, modificare e migliorare i materiali formativi con più facilità ed accessibilità.

ADVERTISING

n


Living bathrooms. Sanitari, mobili e accessori, piatti doccia e vasche in acrilico, con o senza idromassaggio. Duravit vi offre una gamma completa per l’arredamento del vostro bagno. Per maggiori informazioni contattate Duravit Italia, Tel. + 39 0544 509 711, Fax + 39 0544 501694, info@it.duravit.com.

Living bathrooms | www.duravit.it


&

Bagno

Superfici

IN QUESTO NUMERO... > Da Cersaie 2010: il bagno “integrato” > Il Ristorante Zen di Sesto Calende

Simas @ Cersaie 2010


Bagno&Superfici

di Mara Corradi Per quanto, sul sito cersaie.it, la ricerca delle aziende espositrici vada ancora fatta per settore merceologico, la netta distinzione tra rubinettai, ceramisti e mobilieri, in cui tradizionalmente si divideva il mercato del bagno, si può dire definitivamente tramontata. Il primo Cersaie del nuovo decennio ha mostrato l’abbattimento delle storiche categorie produttive in favore di un’integrazione di competenze e dell’espansione della tipologia delle offerte. Questo non significa perdita di valore del singolo comparto, ma un naturale passaggio evolutivo che altri contesti più maturi già hanno operato in precedenza. È un po’ quello che è successo alla moda, dove la specializzazione sartoriale è stata superata a favore del “marchio” che costituisce, ormai, un’etichetta rappresentante valori e stili applicabili non più solo all’abbigliamento ma ad un concetto di moda, o stile, inteso in senso ampio: Armani, oltre agli abiti, produce gioielli, occhiali, borse, profumi, arredamento e così via. Alcuni marchi del nostro settore hanno a loro volta compiuto questa evoluzione. Tra questi c’è Agape che, da sempre identificata come un’azienda che commercializza svariate tipologie di prodotti, propone il bagno completo, come se si trattasse di una nuova categoria di prodotto: c’è chi fa rubinetti, chi fa vasche e chi fa…il bagno. Una filosofia che, diversificando le competenze dell’azienda, l’ha portata ad inventare soluzioni di arredo ibride, come il lavabo Evo-E con piano che scorre, immaginato al confine tra un bacino contenitore e un mobile 102 - Tile Italia 6/2010

Da Cersaie 2010: il bagno “integrato”

d’appoggio. Tra le aziende che sostengono l’idea di offrire al mercato non una sommatoria di prodotti distinti ma un insieme coerente non va certo dimenticata Duravit che, con Ketho, realizza una stanza completa in ogni sua parte, producendo accessori, lavabi ed arredi e puntando sulla varietà dimensionale. Un altro marchio che da anni inventa “il bagno” è Rapsel, azienda milanese che va fiera sia del proprio catalogo prodotti sia del valore della ricerca applicata alla produzione. È di Rapsel l’idea del progetto Elle che integra varie funzioni, dal bacino al mobile contenitore fino al piano di appoggio, in un unico elemento che sfrutta al massimo lo spazio grazie alla gamba “tecnica”, disegnata lateralmente per contenere gli impianti, lasciando più spazio e libertà al mobile. Tutte soluzioni che derivano da uno sguardo in

grado di travalicare i compartimenti merceologici e di leggere trasversalmente la fruizione della stanza.

Fa questo anche Hatria con il sistema G-full di Nilo Gioacchini che, dopo le mensole radianti in ceramica da combinare con i

Agape - lavabo Evo-E

Agape - lavabo Evo-E


Bagno&Superfici

Duravit - Ketho Rapsel - Progetto Elle

lavabi, quest’anno ha presentato il monoblocco bidet-wc con copertura che diventa panca e cassettone oltre ad inglobare gli scarichi, sfruttando uno spazio di risulta e completando la zona wc con maggiori funzionalità. Se vaso e bidet mutano la loro immagine tipologica, anche la Hatria - sistema G-Full

doccia sta subendo una profonda trasformazione in ragione di nuove concezioni d’uso e di nuovi stili di vita. Come abbiamo già sottolineato in altri casi, dal prodotto “cabina doccia” il mercato sta evolvendo verso l’idea di “zona doccia”, non soltanto ampliandone le dimensioni ma arricchendola di

funzioni. Vismaravetro ha messo in produzione Twin, una cabina doppia con vano contenitore, utilizzabile, per esempio, per allocare la lavatrice finalmente integrata nella stanza da bagno; e In-Out con parete radiante, comprendente una zona vestizione riscaldata.

Vismaravetro - In-Out

Altre aziende che possono vantare esperienza nel settore della tecnologia applicata al benessere, come Megius, Jacuzzi e Teuco, hanno presentato quest’anno il concetto di “stanza nella stanza”, veri e propri ambienti, liberamente inseribili nel bagno ma anche in altri spazi della

Vismaravetro - Twin

103 - Tile Italia 6/2010


Bagno&Superfici

Megius - Well Zone Solution casa, dotati di molteplici tecnologie a disposizione del relax. Megius ha proposto Well Zone Solution, una combinazione di doccia cromoterapica, bagno turco, soffione pioggia-nebulizzatorecascata, aromaterapia, radio, tastiera esterna con porta USB, inseriti in pannelli con tastiera a sfioramento da installare in ambienti prefabbricati. Sullo stesso concetto si muove Jacuzzi con il progetto Frame, che veste di linee essenziali una combinazione di funzioni quali bagno turco, cascata energizzante, effetto pioggia e azioni cromo-aromaterapeutiche. Anche il bagno insomma si veste dei suoi marchi, scegliendo filosofie progettuali, cartelle cromatiche, finiture e usi dei materiali che traducono l’immagine coordinata del marchio. Sperimenta questo

104 - Tile Italia 6/2010

Jacuzzi - Frame Gessi che al Cersaie ha presentato una produzione di telerie per il bagno e profumi, trait d’union a prodotti che, invece di rimarcare la loro presenza, sembrano voler scomparire: Tremillimetri è una doccia realizzata in un foglio di acciaio dallo spessore sottilissimo. Ed è ancora l’esito della sinergia tra Kos e Zucchetti che, dopo un lungo periodo di sviluppo, ha presentato Morphing, una collezione il cui coordinamento globale, guidato da Ludovica+Roberto Palomba, ha inizio nel dialogo tra i prodotti e fine nell’immagine fotografica. Allora questo, più di ogni altro, più di tante declinazioni decorative, è il messaggio del Cersaie: la produzione non si fermi a leggere le funzioni del bagno per singoli prodotti, ma ne interpreti l’uso come ambiente, spazio, luogo dell’abitare.

Gessi

Kos Zucchetti


L‘azienda MADERCLASS ITALIA s.r.l. è partner italiano in esclusiva per tutto il territorio nazionale dell‘azienda MOSO. MOSO è leader mondiale nella produzione e commercializzazione di semilavorati in bambù per interior design. La nostra azienda si propone sul mercato come consulente specializzato per aziende e professionisti; offriamo la possibilità di studiare produzioni ad hoc per progetti specifici e di rilevanza internazionale. Non ci limitiamo alla pura commercializzazione ma basiamo la nostra realtà sulla costante ricerca e lo sviluppo continuo brevettando tanti dei nostri prodotti. La specializzazione assoluta nella lavorazione di questa materia prima, ci consente di offrire sempre una gamma di soluzioni complete, in grado di soddisfare qualsiasi esigenza progettuale: ♦ Pavimenti per interni ed esterni, rivestimenti per pavimenti: le pavimentazioni più esclusive per coloro che desiderano spazi eleganti con finiture naturali e di forte impatto con una vasta possibilità di scelta tra massicce, flottanti, industriali, flessibili, sopraelevate, decking da

esterno brevettato a livello mondiale e tante soluzioni su misura per i progetti più specifici. ♦ Pannelli per l‘arredo, tranciati, rivestimenti e prodotti flessibili: con questi semilavorati, il bambù fa il suo ingresso nell‘architettura di interni e nel mondo dell‘arredamento a 360° . Il bambù è una materia prima totalmente ecologica ed eco-sostenibile. Botanicamente il bambù non è un legno ma un‘ erba rizomatosa che sviluppa caratteristiche tecniche superiori alla maggior parte delle essenze legnose e matura in soli cinque anni rigenerandosi autonomamente senza la necessità di essere ripiantato. Il bambù è l‘unica alternativa, totalmente naturale, alle essenze legnose il cui sfruttamento spesso incontrollato ne mette a rischio l‘esistenza. E‘ un materiale altamente stabile e resistente, utilizzabile per molteplici impieghi, anche strutturali, che conserva altresì un‘elegante valenza estetica. Vi invitiamo a prendere visione del nostro sito internet www.moso.eu dove è possibile trovare tutti i nostri prodotti, le relative referenze e le specifiche tecniche.

MADERCLASS ITALIA s.r.l. • Via Serraglio, 20 • 20031 Cesano Maderno (MI) • Tel 0362 594932 • www.maderclassitalia.com • e-mail: info@maderclassitalia.com

ITALIA


Bagno&Superfici

Il Ristorante Zen di Sesto Calende Situato a Sesto Calende, località meta di importanti flussi turistici che sorge sul Lago Maggiore in prossimità del punto dove questi si trasforma nel fiume Ticino, il Ristorante Zen è stato completamente ristrutturato ricreando un’atmosfera dai sapori orientali. Il progetto di completo rinnovo del locale, curato dall’arch. Denis Zambon, è stato caratterizzato da una discontinuità degli ambienti, causata da un importante ampliamento degli spazi (180 mq) per collegare i quali si è ricorsi ad una “passerella”. È nato così il nuovo Ristorante Zen, caratterizzato da una pianta irregolare e asimmetrica, ricco di scorci inaspettati e di suggestive vedute all’interno degli stessi locali. Il tema che unisce trasversalmente l’intera struttura

106 - Tile Italia 6/2010

è il giardino Zen e la cultura giapponese in senso più lato.

bianche riportanti poesie giapponesi.

Gli interni sono arredati in legno scuro, secondo la tradizione ed il gusto giapponese, e animati dalla presenza di “pezzi” assolutamente naturali, in pietra e in legno. Piccole oasi, ottenute arredando le varie aree in maniera differente una dall’altra, trasformano la grande superficie in un susseguirsi di accoglienti saloni. Tra questi si distinguono il “Salone tatami”, la zona più intima e raccolta, con sedute direttamente su legno e cuscini, il cui pavimento è costituito da una pedana, sospesa su un giardino di sabbia e bambù. C’è poi il “Salone delle poesie”, con tavoli in legno e pietra, sedute disegnate “a lisca di pesce” e pareti con fasce di pietra murales alternate a fasce

Interessante lo studio sui pavimenti eseguito dall’architetto Zambon: mentre tutte le zone di soggiorno hanno pavimenti scuri, le zone di passaggio, come l’ingresso, i percorsi e i servizi igienici sono finite con pavimenti chiari e rivestimenti scuri. Tutte le superfici rivestite in ceramica, orizzontali e verticali, sono state realizzate con la collezione in gres porcellanato colorato in massa Trekking prodotta da NovaBell. L’architetto Denis Zambon ha espressamente dichiarato di aver scelto la collezione Trekking per la sua affinità con lo spirito dell’ambiente: “un tocco di naturalezza e accoglienza, con colori neutri e al tempo stesso caldi, in grado di riflettere il

mood Giapponese del ristorante”. Nei bagni, applicata in colori volutamente contrastanti, la serie Trekking crea un palcoscenico di elegante semplicità in grado di valorizzare il protagonista dell’ambiente: un imponente tronco d’albero, poggiato su una distesa di grandi ciottoli bianchi retro-illuminati, a sottolineare lavandini che trovano supporto in sottili lastre di acciaio. Oltre ai fattori estetici, sono state le caratteristiche prestazionali di Trekking a far determinare la scelta dell’architetto Denis Zambon: Trekking di NovaBell è una collezione dotata di elevata resistenza all’usura e facilità di manutenzione, oltre ad avere le caratteristiche anti-slip necessarie alla sicurezza negli ambienti umidi. Trekking fa parte del programma


Bagno&Superfici

NovaBell Ecosystem, comprendente prodotti ecologici e cioè: realizzati utilizzando almeno il 40% di materiali riciclati e prodotti in conformità ai più severi standard internazionali di sostenibilità ambientale, come testimoniato dal certificato LEED® rilasciato dall’Istituto Bureau Veritas.

Tile 211Italia - Tile 6/2010 Italia 5/2010 - 107


Fiere nel mondo CALENDARIO

in Italia... COLORE (rivestimenti, pitture, stucchi, decorativi, attrezzi e strumenti applicativi) Piacenza - 18/20 marzo 2011 I SALONI Milano - 12/17 aprile 2011 SOLAREXPO-GREENBUILD (Energia rinnovabile e edilizia sostenibile) Rimini - 4/6 maggio 2011

! CERSAIE (Piastrelle di ceramica e arredobagno) Bologna - 20/24 settembre 2011

!

MADE EXPO Milano - 5/8 ottobre 2011

! COVERINGS (Pavimenti e rivestimenti in ceramica e pietra naturale) Las Vegas (USA) - 14/17 marzo 2011 INDIAN CERAMICS (Piastrelle in ceramica e tecnologia di produzione) Ahmedabad, (Gujarat, India) - 15/17 marzo 2011

! ISH (Bagno, termoidraulica, energie rinnovabili) Francoforte (Germania) - 15/19 marzo 2011 REVESTIR (Pavimenti e rivestimenti in ceramica) San Paolo (Brasile) - 22/25 marzo 2011 EXPO BUILD CHINA (Edilizia, piastrelle di ceramica, sanitari) Shanghai (Cina) - 29 marzo/1 aprile 2011

! MOSBUILD (Edilizia) Mosca (Russia) - 5/8 aprile 2011

PROGETTO FUOCO (Camini e stufe) Verona - febbraio 2012 MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT (Arredobagno ed energie rinnovabili) Milano - 27/30 marzo 2012

all’Estero... BUDMA (Edilizia) Poznan (Polonia) - 11/14 gennaio 2011

! BAU (Edilizia)

STONETECH BEIJING (Pietre naturali e materiali per la produzione) Beijing (Cina) - 20/23 aprile 2011 TURKEYBUILD ISTANBUL Istanbul (Turchia) - 27 aprile/1 maggio 2011 STONE+TEC (Marmo e tecnologie di lavorazione) Norimberga (Germania) - 22/25 giugno 2011 EPF (Piastrelle di ceramica e parquet) Feuchtwangen (Germania) - 30 giugno/2 luglio 2011

Monaco (Germania) - 17/22 gennaio 2011

SURFACES (Superfici da pavimento e rivestimento) Las Vegas (USA) - 25/28 gennaio 2011

! CEVISAMA

KAZBUILD (Edilizia) Almaty (Kazakhistan) - 7/10 settembre 2011 BATIMAT (Edilizia) Parigi (Francia) - 7/12 novembre 2011

(Pavimenti e rivestimenti in ceramica, arredobagno) Valencia (Spagna) - 8/11 febbraio 2011

BAUTEC (Tecnologia per l’edilizia) Berlino (Germania) - 21/25 febbraio 2012

UNICERA (Pavimenti e rivestimenti in ceramica) Istanbul (Turchia) - 2/6 marzo 2011

CERAMITEC (Tecnologia per la produzione ceramica) Monaco (Germania) - 22/25 maggio 2012

elenco completo, alfabetico e cronologico, su wwww.CeramicWorldWeb.it 108 - Tile Italia 6/2010


Belli anche di profilo pavimenti e pareti in laminato HPL

Tel. 031.888.211 r.a.

www.pl-abetgroup.it


TILE ITALIA CON TE ANCHE VIA MAIL

Nasce la newsletter

elettronica di Tile Italia

Ogni mese, gratuitamente, le notizie più interessanti del settore a 8.500 operatori: ■ 5.000 sale mostra ■ 1.000 architetti, ingegneri, designer e imprese di costruzione ■ 2.500 aziende produttrici, agenti e rappresentanti, imprese di posa

ISCRIVITI OGGI su www.tileitalia.it/newsletter


Luoghi non comuni STEREOSCOPIA 3D

Lo spazio dei vostri progetti ora può materializzarsi intorno a voi, esaltando in modo più coinvolgente i vantaggi estetici ed ergonomici delle soluzioni proposte. Stupite, emozionate, uscite dai soliti luoghi comuni con la nuova versione DomuS3D® 2011.

www.domus3d.com

MATICAD srl - Pesaro, tel. 0721.639166 ; Sassuolo (MO), tel. 0536.813359


E N T R A nel tuo stile 4 2 01 0 R o T E g l I A D I C A S T E l l A R A N o ( R E ) . I T A ly T E l . 0 5 3 6 8 5 5 611 - f A x . 0 5 3 6 8 5 5 6 9 9 w w w. N o vA R T I l E S .C o m


La nuova difesa rapida contro l’acqua

®

®

Membrana liquida elastica monocomponente pronta all’uso, per l’impermeabilizzazione sotto ceramica, marmo e mosaico, per interni ed esterni.

• • • • •

Monocomponente, pronto all’uso Asciugamento rapido Non necessita di armatura Fuori pioggia dopo solo 3 ore Posa del materiale lapideo dopo solo 4 ore con l’adesivo più adatto • Riutilizzo dell’ambiente trattato dopo 1 giorno • Crediti Leed Italia: fino a 2 punti come materiali regionali • Tutti i valori sono riferiti a una temperatura di 23°C e umidità relativa dell’aria del 50%; il prodotto deve essere applicato su massetti asciutti con umidità residua inferiore al 3%.



Tile Italia 6/2010