Issuu on Google+

C eramic W orld R eview

technology news markets

TECNARGILLA & CERSAIE 2010

n

n

World Production and consumption of ceramic tiles Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica


Think off all the plusses... of 3mm thick lamina weighing just 7 kg per m² but really large (1200 x 3600 or 1000 x 3000 mm) Think savings... in production costs, logistics, transport and no finished product storage.

Think of all the aesthetic possibilities... customising lamina surface with refined, modern effects and finishing.

Think of all those possible lamina system applications: floors, walls, technical facades, tunnels, photovoltaic, naval furnishing and lot’s more.

Think safety... a uniform, flexible, stable product with no inner tension, stress and breakage-resistant, complying with all required standards and guaranteed by 8 million square metres produced globally.

Think Thin, think Lamina

www.lamina.it


To innovate has always been our motto, to innovate has characterised our story from the start. 40 years have passed since the establishment of System and we still haven’t stopped looking forward, committing ourselves with tenacity and enthusiasm to designing new and winning solutions. Year after year we have grown into a strong company, which through its products, has created new standards in ceramics, logistics and photovoltaics. Step after step we have conquered the world, never tiring to face new challenges. Constantly following ambitious objectives has allowed us to reach this point, looking forward to the future with the same enthusiasm as 40 years ago.

system-group.it


our custom for 40 years

I N N O V A T I O N

V A L L E Y


The new ceramic era begins where water wastage ends.

Dry milling, colouring and decoration for top-quality ceramic products Saving water and energy resources is one of the key targets that the ceramic industry must meet in order to achieve sustainable development. LB has responded to the challenge by developing industrial processes for the production of top-quality ceramics based on totally dry technologies. This new production concept not only improves working conditions but also achieves energy savings and lower production costs without sacrificing product quality. Suitable for floor and wall tiles, whether SINGLE-FIRING, DOUBLE-FIRING, MONOPOROSA or PORCELAIN TILE.

TECNARGILLA 2010 HALL D3

www.lb-technology.eu


digital printing


360 dpi Binary Print

360 dpi 8 Level

Greyscale Print

HIGHER Quality Images


The new partner for the ceramic industry United Minerals Italy has been established in the center of the Italian ceramic district, to distribute Ukrainian clays coming from the mines of the United Minerals Group (Druzhkovka Quarry Ogneupornerud - Vesco), currently the biggest producer worldwide of white clays for the ceramic industry. The Ukrainian clay has always been considered the best raw material for porcelain stoneware bodies.

TECNARGILLA 2010 PAV. D 5

S TA N D 1 51

UNITED MINERALS ITALY srl Via A. Vivaldi, 4 - 41012 Carpi (MO) - Italy Tel. +39 059 65 28 00 - Fax. +39 059 65 28 41 - info@umitaly.com


Year 20, N° 88 August/October 2010 Bimonthly review

Cover picture by: Giancarlo Pradelli

9

Anno 20, n° 88 Agosto/Ottobre 2010 Periodico bimestrale

editorial

Export mondiale in caduta libera

22° Fiera Internazionale delle Tecnologie per l’Industria Ceramica e del Laterizio

omniadvert.com

world news focus on TECNARGILLA 27 Settembre . 01 Ottobre 2010 . Rimini . Italia

36

Italy holds the technological crown

40

Tecnargilla = Innovation

Pietro Cassani

All’Italia lo scettro tecnologico

42 52 economics 70 italy

Tecnargilla = Innovazione

Ceramics in architecture

Ceramica in architettura

World production and consumption of ceramic tiles

IL FUTURO DELLA CERAMICA

Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica

P R O M O S S A I N C O L L A B O R A Z I O N E C O N AC I M AC – O R G A N I Z Z ATA DA R I M I N I F I E R A

www.tecnargilla.it

13119•Pagina per GianPaolo A4.indd 1

74

Paola Giacomini

World exports in free fall

12

contents sommarlo

80 germany 86

01/12/09 15:45

Italian tile exports recovering

Chiara Bruzzichelli

The new investments of Marazzi Group

Chiara Bruzzichelli

Petraluxe, a new star in the ceramic tile industry

Gian Paolo Crasta

Made in Italy: export in ripresa

I nuovi investimenti di Marazzi Group

Petraluxe, nuova luce alla ceramica

Ulderico Morselli

The Grestream plant at Petraluxe

L’impianto Grestream di Petraluxe

90

egypt

The unstoppable growth of Egypt

96

mexico

An increasing focus on “designed in Mexico”

Sempre più “designed in Mexico”

Indonesia sees growth slacken

102 russia

Estima acquires Sok

104 india

Spartek, growth through joint-venture

Pier Giorgio Burzacchini

Irrefrenabile Egitto

100 indonesia

Luca Baraldi

Estima cresce con Sok

Spartek, joint-venture per crescere

Novità tintometriche e colorimetriche

116

Media and additives in colour-matching systems

124

Glaze colour-matching

130 technology

Utensili diamantati eco-friendly

134 products

Israel Gonzalez Achmad Widjaja

L’Indonesia rallenta la sua corsa

focus on COLOUR MANAGEMENT New colour-matching and colorimetric products 108

Paola Giacomini

Veicoli e additivi nei sistemi tintometrici La colorazione tintometrica degli smalti Eco-friendly diamond tools

Marco Sichi Lucia Guatoli, Simona Ferrari

Delio Scardovi Luciano Dalla Pozza

6 advertisers’ list Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 8 8 / 20 10

5


advertiser’ list 4 M

159

Ferrari Carlo

191

Plastorgomma Service 131

Aldero

155

Goerg & Schneider

145

Pollini

163

Gottfried

167

Poppi Clementino

151

GP Service

123

Possenti Maurizio

185

Heraeus Kulzer

147

RAK

107

Remas

Ancora

37

Appel

156

Assoprint

49

57 6

Atos

175

Hob CerTec

Baan

174

Imerys Ceramics France 133

Revestir

200

BMR

87

Inco

135

Robatech

143

Bonfiglioli

97

Industrial Service

141

Rossi

189

C.M.F.

149

ICS - International Ceramic

CAI

148

& Sanitaryware Exh.

Carfer Forni

139

Intesa

Ceramco

61

169 165

153

Jettable

Coeltunnel

142

Kaltun

63

Colorobbia Italia

8

Comet

152

Cotto

34-35

10-11

IRI

Cerchimica Colorobbia Espana

95

33

Kerajet

173

Keos

113

Laticrete International 55 LB

1

Cretaprint

157

Linn High Therm

198

Delarue

136

Manfredini & Schianchi 21

Diatex

83

Marfin

137

Durst

65

Martinelli Ettore

181

S.R.S.

45

Sacmi

IV Cop

Sait

47

Setec

39

Sibelco

15

Siti B&T Group Smalticeram Smaltochimica Soltek Stephan Schmidt System

2-3 51 17 129 85 II Cop

TA-RO

193

Tecnoferrari

197

Tecnografica

III Cop

Torrecid

19

TSC

27

Elle K Automazioni

177

Mectiles Italia

99

Eurit

109

Megacolor

25

Turkish Ceramic Federation 59

Eurodocks

161

Metco

73

Unicera

7

United Minerals Italy

4

Euromeccanica

31

Mosbuild

Euromoliendas Italia

69

Mota

29

Vetriceramici

89

Ewals Cargo Care

79

Nuova Era

71

Vidres

67

23

Wanxing

FM

171

Officine Smac

Ferrari & Cigarini

179

Orizzonte

199

121

Xieta

115 13

ADVERTISING


ADVERTISING Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 905 in data 27/11/95 Editor • Direttore responsabile Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it Editorial coordinator

Coordinamento editoriale Gian Paolo Crasta - g.crasta@tiledizioni.it Editorial Board • Comitato Editoriale

Cristian Cassani, Patrizia Cazzaniga Gian Paolo Crasta, Paolo Gambuli Erminio Guiducci, Fabio Schianchi Advertising • Pubblicità

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 Annual subscription (5 issues)

Abbonamento annuale (5 numeri) Italy: € 50; International: €70; Online Version: €40; Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta. Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. Graphic Layout • Progetto Grafico

Sara Falsetti Printer • Stampa

Arbe Industrie Grafiche spa, via Emilia Ovest 1014 41123 Modena Photolits/ Typesetting

TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Marina Morandi Tel. +39 0536 806725 Cell. +39 335 314531 Fax +39 0536 1846795 E-mail: effeemmeadvertising@libero.it

Fotolito/Fotocomposizione

Contacto en España:

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Benjamin Cervera Tel. +34 620 965173 Translation • Traduzione

John Freeman (JF) - English Geoff Day (GD) - English Valeria Costa (VC) - Spanish Wei Bo (WB) - Chinese Elena Sourova (ES) - Russian

Vaccari Zincografica - Via Salgari, 61 41123 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 6/8/10 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

Tile Edizioni also publishes:


World exports in free fall Export mondiale in caduta libera Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it ing its development - although it is not entirely immune to the effects of the slowdown and has generally grown at a slower pace than in previous years. If we take the example of China - the only country where the financial crisis was felt for just a few months between late 2008 and early 2009 - even the world’s manufacturing powerhouse has had to capitulate to the freeze in world demand and limit its export growth to just a 14 million sq.m increase over 2008. In fact it was exports that suffered the real effects of the global crisis in 2009. The forecasts made a year ago concerning a potential fall in international trade of between 150 and 200 million sq.m have unfortunately proved to be accurate. World exports have dropped to 1,735 million sq.m (-9.6%, 184 million sq.m less than in 2008) and now account for 20.5% of world tile consumption. The sector’s two largest trade fairs - Cersaie in Bologna and Tecnargilla in Rimini - will be opening in a few days’ time and will provide essential clues as to the possible (albeit slow) recovery of the industry and the market at a world level. (JF)

I numeri rivelati dall’annuale studio su “Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica” confermano, con la freddezza delle cifre, la portata degli effetti della crisi economica e finanziaria iniziata nel 2008. Confermano soprattutto quello che tutti prevedevamo: il rallentamento registrato dall’industria mondiale delle piastrelle nel 2008 era solo un “antipasto” e la vera gelata sarebbe giunta nel 2009, protraendosi poi nel 2010 (e per ora nessuno sa dire realmente se nel 2011 potremo attenderci un primo scioglimento delle nevi!). Per la prima volta da quando si è iniziato a produrre piastrelle industrialmente, la produzione mondiale ha registrato un segno meno. Piccolo, appena lo 0,1% sul 2008, eppure così carico di significato. Una produzione quindi ferma a 8,5 miliardi mq e un consumo, cresciuto dell’1,3% a 8,46 miliardi mq, che la assorbe ormai quasi interamente, complice soprattutto il tentativo di quasi tutti i paesi produttori di smaltire le giacenze di magazzino. In questo scenario complessivo resta vero il fatto che, anche nell’industria delle piastrelle strettamente legata agli investimenti in edilizia, esistono due parti del pianeta che si muovono a velocità diverse: l’Occidente si contrae, mentre

ad Est l’Asia prosegue nel suo sviluppo, sebbene non sia stata immune dagli effetti dello “slow down” e sia cresciuta generalmente a tassi inferiori a quelli degli ultimi anni. Se prendiamo l’esempio della Cina, - unico Paese in cui la crisi finanziaria si è fatta sentire solo pochi mesi tra fine 2008 e inizio 2009 - anche “la grande fabbrica del mondo” ha dovuto capitolare di fronte al congelamento della domanda mondiale, limitando la crescita delle sue esportazioni ad appena 14 milioni mq in più rispetto al 2008. È infatti l’export ad aver subito nel 2009 i veri effetti della crisi globale. Le previsioni fatte un anno fa su un possibile calo dei flussi di commercio internazionale tra i 150 e i 200 milioni mq erano purtroppo corrette: l’export mondiale è sceso a 1.735 milioni mq (-9,6%, ossia 184 milioni mq in meno sul 2008) ed ora rappresenta il 20,5% del consumo mondiale di piastrelle. Fra pochi giorni aprono le porte le due maggiori fiere del settore: Cersaie a Bologna e Tecnargilla a Rimini. Entrambe daranno indicazioni fondamentali sulla possibile (sebbene lenta) ripresa dell’industria e del mercato a livello mondiale. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 20 10

9

editorial

The figures revealed by the annual survey “World production and consumption of ceramic tiles” confirm the scale of the effects of the economic and financial crisis that began in 2008. Above all they bear out exactly what everyone had been predicting: the slowdown reported by the world tile industry in 2008 was just a foretaste of the real freeze that was to come in 2009 and has continued in 2010 (and for the time being no one can tell whether we can look forward to an initial thaw in 2011!). For the first time since tiles began to be manufactured industrially, world production actually fell. The decrease was small, just 0.1% over 2008, but highly significant. As a result, production remained stationary at 8.5 billion sq.m and was almost entirely absorbed by consumption, up by 1.3% to 8.46 billion sq.m, in part also due to attempts by almost all producer countries to eliminate warehouse stocks. Within this overall scenario, even in the tile industry which is closely linked to investments in construction, the planet can be divided into two regions that are moving at different speeds. On the one hand the West is suffering a contraction, while on the other Asia is maintain-


cmi ed insieme per offrirti la migliore cnologia. SAcmi and together to provide the best chnology.

Intesa ha il piacere di annunciare la nascita di Intesa Imaging, divisione specializzata in soluzioni di gestione grafica nell’ambito della stampa digitale ceramica. All’interno di Intesa Imaging convergono specifiche esperienze, relative a gestione del colore, stampa digitale ceramica, standardizzazione dei processi, controllo qualità. Intesa Imaging si propone come fornitore globale per la gestione del flusso di lavoro grafico ceramico, con soluzioni proprietarie ad alto valore tecnologico, abbinate a un team dedicato alla consulenza, al training e all’assistenza dei clienti. Intesa Imaging è un ulteriore strumento all’interno del gruppo Sacmi, specializzato in specifiche soluzioni nell’ambito della decorazione digitale.

See you at

HALL B1


artisticagrafica.it

S.p.A. Sede legale: Via Selice Provinciale 17/A 40026 Imola (BO) - Italy Sede operativa/amministrativa: Via Vittime 11 Settembre 2001, 25/P 41049 Sassuolo (MO) - Italy - Tel. +39 0536.1814052 - Fax +39 0536.1810269 info.intesa@intesa.sacmi.it


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Siti - B&T Group and Projecta Engineering sign an all -I talian alliance for decoration

S iti - B&T G roup e P rojecta E ngineering : alleanza made in I taly per la decorazione

Complementing its range of technological offerings so as to provide a better service to world markets was the strategy behind the Formigine-based Siti - B&T Group’s decision to acquire a majority shareholding in Projecta Engineering, a company that specialises in the design and construction of digital printing machinery for ceramic tiles. “Over the last nine years we have conducted in-depth studies of the growth and future potential of digital printing in the field of ceramic decoration as well as the technological solutions available from the market players,” explained Siti - B&T Group’s managing director Fabio Tarozzi. “Of these, the technological systems that are designed, manufactured and sold by Projecta Engineering recently attracted our attention for their unique characteristics: a wide range of machinery that meets the various requirements of tile producers; a long list of credits including machines installed and operating in the factories of the leading Italian and international ceramic companies, which after buying their first machine have gone back to Projecta for repeat purchases; and the development of proprietary technology.” “The fact that we have developed the hardware and software technology for our machines internally has always

Completare l’offerta tecnologica per servire meglio i mercati mondiali. È questa la scelta strategica dietro l’acquisizione da parte del gruppo formiginese Siti - B&T delle quote di maggioranza dell’azienda Projecta Engineering, specializzata nella progettazione e realizzazione di macchine per la stampa digitale di piastrelle ceramiche. “Negli ultimi nove anni - dichiara l’amministratore delegato di Siti - B&T Group, Fabio Tarozzi - “abbiamo effettuato studi molto attenti sull’evoluzione e le possibilità offerte dall’applicazione della stampa digitale alla decorazione ceramica e sulle offerte tecnologiche proposte dai player di mercato”. “Tra queste, i sistemi tecnologici progettati, prodotti e commercializzati da Projecta Engineering ci hanno più recentemente interessato per le peculiari caratteristiche: un parco macchine ampio e rispondente alle varie esigenze dei produttori di piastrelle; una lunga lista di referenze con macchine installate e funzionanti negli stabilimenti delle maggiori aziende ceramiche italiane e non, che, dopo aver acquistato la prima macchina, hanno ripetuto l’acquisto confermando la scelta di Projecta; lo sviluppo di una tecnologia proprietaria”. “L’aver sviluppato internamente la tecnologia che governa l’hardware e il software delle nostre macchine è da sempre la principale caratteristica che ci differenzia dalla maggior parte dei

12

been the main characteristic that sets us apart from the majority of our competitors,” affirms Projecta Engineering’s managing director Vincenzo Palumbo. “This allows us to steer technological development and adapt our machines to the latest innovations developed by our R&D department while offering customers an outstanding pre and after sales service and professional consulting that goes beyond mere technical support.” The machines produced by Projecta Engineering use the very best of eight-level (expandable to twelve) GREYSCALE digital printing technology (using different sized ink drops), which allows for more intense images and ink savings compared to the binary printing method. The strategic agreement has resulted in a new and entirely Italian-owned company that enjoys a leadership position in one of the most rapidly growing technological sectors in recent years. On the basis of the strategic agreement between the two companies, Projecta Engineering will be responsible for technical and industrial development and for the design and construction of a range of machinery for ceramic tile decoration using both digital and traditional decoration technologies. Siti - B&T Group will use its worldwide marketing network to promote, distribute and sell the machines built by Projecta Engineering.

C era mic W o rld Review n. 88/2010

competitors”, dichiara l’amministratore delegato di Projecta Engineering Vincenzo Palumbo. “Ci consente infatti di guidare l’evoluzione tecnologica adattando le nostre macchine alle ultime innovazioni sviluppate dal nostro dipartimento di ricerca e sviluppo e di offrire alla clientela un importante servizio di assistenza pre e after sale consulenziale e professionale che vada oltre la mera assistenza tecnica”. Le macchine realizzate da Projecta Engineering utilizzano infatti il meglio della tecnologia di stampa digitale greyscale, stampa in scala di grigio a otto livelli espandibili fino a dodici (vale a dire differenti dimensioni delle gocce di inchiostro) che consente di ottenere un’immagine più intensa e un risparmio di inchiostro rispetto al metodo di stampa binario. L’accordo strategico dà il via ad una nuova realtà interamente a capitale italiano, leader in uno dei settori tecnologici più in crescita degli ultimi anni. In base all’accordo strategico siglato delle due società, Projecta Engineering sarà responsabile dello sviluppo in area tecnico-industriale per la progettazione e realizzazione di una gamma di macchine per la decorazione di piastrelle ceramiche sia con tecnica digitale sia con le tecnologie di decorazione tradizionali. Siti - B&T Group si occuperà invece dalla promozione, distribuzione e commercializzazione delle macchine realizzate da Projecta Engineering attraverso la sua rete mondiale.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

System supplies porcelain to L amosa P orcelanite The Mexican ceramic group Lamosa-Porcelanite is investing in new technology for sorting, packaging and palletising its high-class porcelain products. In the production facility in S. José Iturbide, an Easy Line FV08 and a Falcon Millenium from System have been installed on the new Ancora grinding and polishing line. The line will be capable of producing glazed and unglazed porcelain tiles in sizes from 30x30 cm to 60x60 cm with wrap and/or cover type packaging according to the customer’s requirements. The plant will also in-

tile technology

clude a Liner 2000 rectangularity control device connected directly to the rectification line, capable of immediately reporting mechanical processing defects and allowing the correct squaring of tiles to be verified instantly. The presence of the System Norte America branch based in Mexico will assure customers a dedicated customer care service for the plant startup stage and will look after installation and commissioning of the lines.

S ystem firma il porcellanato di L amosa P orcelanite Il gruppo ceramico messicano Lamosa-Porcelanite, investe in nuove tecnologie per la scelta, il confezionamento e la pallettizzazione dei propri prodotti di fascia alta in porcellanato. Nello stabilimento produttivo di S. Josè Iturbide sono stati installati una linea di scelta Easy Line FV08 e un pallettizzatore Falcon Millenium a marchio System sulla nuova linea di rettifica e levigatura Ancora. La linea sarà in grado di produrre piastrelle nei formati dal 30x30 al 60x60 cm in porcellanato smaltato

e tecnico, con confezionamento a fustella e/o a vassoio secondo l’esigenza del cliente. A completamento dell’impianto, un dispositivo di controllo ortogonalità Liner 2000, collegato direttamente alla linea di rettifica, in grado di segnalare all’istante eventuali difetti sulla lavorazione meccanica permettendo di effettuare in tempo reale la verifica della corretta squadratura delle piastrelle. La presenza della filiale System Norte America, con sede in Messico, assicurerà al cliente un costante servizio ad hoc di customer care per la fase di start up dell’impianto e si occuperà da vicino dell’installazione e dell’avviamento delle linee.

Gladymar and the Vertical Milling System from LB

Gladymar e il Vertical Milling System di LB

The Bolivian ceramic company Gladymar, a major producer of floor and wall tiles belonging to Grupo Industrial Roda, has signed an agreement with LB to replace its dry body preparation line with the innovative Vertical Milling System technology as part of an investment programme aiming to modernise its production lines. The plant designed by LB and currently being installed will be able to cover the company’s entire output, which by the end of 2010 will reach 700,000 sq.m/

La ceramica boliviana Gladymar, importante produttore di materiali per pavimento e rivestimento parte di Grupo Industrial Roda, nell’ambito di un piano di investimenti finalizzato alla modernizzazione delle proprie linee produttive, ha siglato un accordo con LB per la sostituzione della linea di preparazione a secco degli impasti con l’innovativa tecnologia Vertical Milling System. L’impianto progettato da LB, e attualmente in fase di in-

Manfredini & Schianchi in I ndonesia PT White Horse Ceramic, a wellknown Indonesian high-quality white body ceramic floor and wall tile producer, has chosen to adopt the complete Ms Drytech dry raw materials preparation process from Manfredini&Schianchi. In addition to the high production capacity (around 35,000 sq.m/day), the new investment will bring numerous advantages. The company will be able to use high-viscosity local raw materials and reduce consumptions of electricity (<18 kW/t), gas (just 6 m3/t), engobe on the glazing line and CO2 emis-

14

month of high-quality single fired tiles. The technical and construction characteristics of the Vertical Milling System allow it to achieve high productivity with extremely fine particle sizes, resulting in improved finished product quality. The heart of the process consists of the MRV 200 vertical roller mill and the GRC 700 continuous humidification system (LB patent).

dry technology sions. It will also be possible to completely eliminate deflocculants and recover production waste. The plant was developed as a result of research into local raw materials conducted by the Manfredini & Schianchi technological centre and will be equipped with the most modern technologies for dry process tile production such as the Maxi.P.I.G-Dryer hammer mill and the Molomax-4/230 pendular mill.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

Tecnologia a in I ndonesia

secco

stallazione, consentirà di coprire l’intera produzione dell’azienda che, entro fine 2010, si attesterà su 700.000 mq/mese di piastrelle in monocottura di alta qualità. Le caratteristiche tecnico-costruttive del Vertical Milling System permettono infatti di ottenere elevate rese produttive con granulometrie estremamente fini, che si traducono in una migliore qualità del prodotto finito. Il cuore del processo è costituito dal mulino verticale a rulli MRV 200 e dal sistema di umidificazione in continuo GRC 700 (brevetto LB).

M anfredini e S chianchi

PT White Horse Ceramic, noto gruppo ceramico indonesiano produttore di piastrelle da rivestimento e pavimento di alta qualità in pasta bianca, si doterà del processo completo di preparazione materie prime a secco, Ms Drytech, di Manfredini&Schianchi. Oltre all’elevata capacità produttiva (circa 35.000 mq/giorno), il nuovo investimento porterà innumerevoli vantaggi. L’azienda infatti potrà utilizzare materie prime locali ad

alta viscosità e ridurre i consumi elettrici (<18kW/t), di gas (soli 6mc/t), di engobbio nella linea di smalteria e delle emissioni di CO2. Sarà inoltre possibile eliminare completamente i deflocculanti e recuperare gli eventuali scarti di produzione. L’impianto, realizzato anche grazie al lavoro di ricerca sulle materie prime locali del centro tecnologico di Manfredini & Schianchi, sarà dotato delle più moderne tecnologie per produrre piastrelle per “via a secco” come il mulino a martelli Maxi.P.I.G-Dryer, e il pendolare Molomax-4/230.


www.sibelco.it

SIBELCO ITALIA | Milano | Via A. Ressi, 10 | Tel. 02 677.1351

edilizia arte vetro sport chimica ceramiche ceramiche edilizia

fonderia

arte

fonderia

ceramiche

edilizia

vetro

fonderia arte

vernici

chimica

vernici

chimica

sport

vetro sport

vernici

your mineral company


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Motovario

Motovario’s open house was held on 8 and 9 July this year in an event open to the entire sales force, including branches, agents and distributors, along with customers from all over the world. In the spirit of the company slogan, “share the changes, drive the future together”, the occasion was an opportunity to discuss the marketing concepts behind the product range, technological innovation, communication and the market, and above all the company’s programmes and strategies for the near future. A team of 180 professionals took part in the 2-day event in Formigine, which in-

4M

O pen H ouse M otovario

open house

expands in

cluded product workshops presenting the latest novelties relating to the NMRV Power, Smartdrive and H - B - S - range and discussion of themes relating to corporate identity, sales tools, brand value and the company’s multibrand strategies: Motovario, Spaggiari and DR drives. Another interesting initiative was the guided visit of the factory, during which Motovario technicians showed guests the entire production process and gave them detailed information on timeframes, quality and technological research. This included a stop at the Motovario Museum to admire the first machine tools and the first models of Motovario gear motors produced by the company from the early 1960s onwards. The open house ended with a programme of entertainment events and a gala dinner in a prestigious restaurant in the hills near Modena.

Asia

4M Milano Mould Making Materials, a company that specialises in the production and sale of accessories for ceramic sanitaryware mould making, reported a 37.5% increase in turnover in the first 5 months of 2010 over the same period in 2009, largely due to the strong demand from Asian countries. Sales have risen by 52% in China and the Middle East, regions to which the company from Trezzano sul Naviglio (province of Milan) ships around 70%

Si è tenuta l’8 e il 9 luglio scorso l’open house di Motovario, un evento che ha riunito l’intera forza vendita: filiali, agenti, distributori e clienti provenienti da ogni parte del mondo. Sullo spirito del claim “share the changes, drive the future together”, l’occasione ha rappresentato un momento di costruttivo confronto sui concetti di marketing legati alla gamma dei prodotti, all’innovazione tecnologica, alla comunicazione, al mercato, ma soprattutto un momento di condivisione su programmi e strategie aziendali per il futuro prossimo. Un team composto da 180 professionisti ha preso parte alla due giorni formiginese partecipando attivamente a workshop di prodotto, durante i quali sono state presentate le ultime novità inerenti NMRV Power, Smartdri-

4M of its exports. The most popular products in the 4M catalogue include magnets for plaster moulds, separator emulsion and above all the Spagless system which increases the lifetime of moulds by 20% and which in the case of simple pieces allows for two castings per day instead of one. The company is well established in Egypt, Turkey and China with local agents and warehouses. Short-term plans include opening a warehouse in India for the local and Sri Lankan markets and establishing new technological partnerships in the field of fine ceramic chemicals in order to expand its product range.

cresce in

ve e la gamma H - B - S - approfondendo anche temi legati alla corporate identity, agli strumenti di vendita, al valore del brand e alle strategie multi marchio aziendali: Motovario, Spaggiari e DR drives. Altrettanto interessante si è dimostrata la visita allo stabilimento dove i tecnici Motovario hanno mostrato agli ospiti l’intero processo produttivo, fornendo precise informazioni legate a tempistiche, qualità e ricerca tecnologica con sosta al Museo Motovario dove è possibile ammirare le prime macchine utensili e i primi modelli di motoriduttori Motovario prodotti dall’azienda a partire dai primi anni ’60. Le giornate si sono concluse con un divertente programma e una piacevole cena di gala in una prestigiosa location sulle colline modenesi.

A sia

4M Milano Mould Making Materials, specializzata nella produzione e commercializzazione di accessori per la modelleria di ceramiche sanitarie, ha registrato un incremento di fatturato pari al 37,5% nei primi 5 mesi del 2010 rispetto allo stesso periodo 2009, grazie soprattutto alla forte domanda proveniente dai paesi asiatici. In Cina e Medio Oriente, dove l’azienda di Trezzano sul Naviglio (Milano) destina circa il 70% delle proprie esportazioni, le vendite sono cresciute del 52%. Tra i prodotti più richiesti dal cata-

logo 4M, i magneti per stampi in gesso, l’emulsione distaccante, e soprattutto il sistema Spagless che aumenta la durata degli stampi del 20% e che, per i pezzi semplici, consente due colate al giorno invece di una. L’azienda è già ben introdotta in Egitto, Turchia e Cina con agenti locali e depositi. Tra i programmi a breve termine, l’apertura di un deposito in India per il mercato locale e in Sri Lanka e la definizione di nuove partnership tecnologiche nel settore della chimica fine per ceramica per ampliare la gamma prodotti.

Sibelco to take part in Tecnargilla

S ibelco e la grande vetrina di Tecnargilla

Sibelco, a major Italian company in the mining industry, will be taking part in Tecnargilla 2010 as part of its commitment towards companies in the ceram-

Sibelco, importante realtà italiana affermata nel settore dell’industria mineraria, partecipa a Tecnargilla 2010 puntando ad evidenziare l’impegno rivolto verso le aziende del settore ceramico. “Crediamo fortemente nel futuro dell’Italia come centro-chiave

16

ic sector. “We firmly believe in Italy’s future as the nerve centre of European ceramic production,” commented Sibelco Italia’s sales director Jurgen Jonas. “Our goal is to be recognised as the best Italian supplier for the widest range of products and with fully integrated logistics.”

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

nella produzione europea della ceramica - commenta il direttore commerciale di Sibelco Italia, Jurgen Jonas - il nostro obiettivo è essere riconosciuti come i migliori fornitori italiani per la più vasta gamma di prodotti, con una logistica perfettamente integrata”.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

New

partnership between

KarAL is a new line of products aimed at sanitaryware manufacturers deriving from the partnership between the Aldero group of Civita Castellana (VT), a distributor of raw materials, plants and services for the ceramic industry, and Kare Imalat, a leading Turkish company in the field of sanitaryware fixing technologies. The new range of products, which includes fixatives, bends, plastic and metal accessories (centring devices for moulds, chrome-plated studs, etc.), is the natural complement for the range of solutions offered

Ancora Group

in

Aldero

and

Kare Imalat N uova

by Aldero. Sigismondo Sciarrini, administrator of Aldero Industrial Supplies, and Ridvan Erbil, chairman of Kare Imalat, expressed their satisfaction with the officialisation of the partnership between the two companies, both of whom are certain that the close collaboration will enable them to offer competitive, innovative and high-quality products to the international market. Aldero is present at Tecnargilla in Hall C3 stand 019.

Central America

Confirming its international scale, the Sassuolo-based Ancora Group has secured another two major orders, one from Ceramica Lamosa in Mexico and the other from Ceramica Corona in Colombia. Lamosa, one of the world’s largest ceramic tile producers, has purchased a polishing and lapping line for large production runs, complete with roughing machine and the final Hi Coat Coating System. The line has been operating since September. The plant was entirely designed and built in the Ancora facility in Sassuolo and includes all the necessary connections for future installation of a scoreand-snap machine for 150 mm

sub-sizes. The company Ceramica Corona chose a complete lapping line, including a polishing machine, two squaring machines, a dryer and a system for final protective treatment for porcelain tile. “These orders consolidate our presence in Central and South American markets and send out a positive message about the sector’s eagerlyawaited economic recovery,” commented the Group’s Managing Director Fabio Corradini.

Sacmi

partnership tra

KarAL è la nuova linea di prodotti dedicata ai produttori di articoli igenico-sanitari nata dalla partnership siglata tra Aldero, gruppo di Civita Castellana (VT) distributore di materie prime, impianti e servizi per l’industria ceramica e Kare Imalat, società turca leader nelle tecnologie di fissaggio per sanitari. La nuova gamma di prodotti, che comprende

A ncora G roup

in

A ldero e K are I malat fissaggi, curve tecniche, accessori in plastica e metallo (centraggi per stampi, borchiette cromate, ecc.), è il naturale completamento del ventaglio di soluzioni offerte da Aldero. Esprimono compiacimento per l’ufficializzazione della sinergia tra le due aziende Sigismondo Sciarrini, amministratore di Aldero Industrial Supplies e Ridvan Erbil, presidente di Kare Imalat, certi entrambi di poter offrire attraverso la stretta collaborazione prodotti competitivi, innovativi e di qualità al mercato internazionale. Aldero è presente a Tecnargilla Pad C3 stand 019.

C entro A merica

A conferma dell’internazionalità acquisita, il Gruppo Ancora di Sassuolo mette a segno altre due importanti commesse: una in Messico presso Ceramica Lamosa e una in Colombia per Ceramica Corona. Lamosa, una delle più importanti industrie ceramiche mondiali, ha acquistato una linea di levigatura e lappatura per grandi produzioni, completa di macchina per sgrossatura e trattamento finale Hi Coat Coating System. La linea è operativa da settembre. Nell’impianto, interamente progettato e realizzato

nello stabilimento Ancora di Sassuolo, sono stati predisposti dei raccordi per il futuro inserimento di una macchina di incisione e spacco per i sottoformati dai 150 mm. Una linea completa per la lappatura, che comprende una levigatrice, due squadratrici, un’asciugatrice e il trattamento finale protettivo per gres porcellanato è stata invece scelta dalla Ceramica Corona. “Un’ulteriore conferma che consolida la nostra presenza nel mercato del Centro e Sud America - commenta Fabio Corradini, amministratore delegato del Gruppo -, un segnale significativo, che fa ben sperare nell’avvio della ripresa economica del settore”.

and C eramica C atalano strengthen their partnership

S acmi e C eramica C atalano

Sacmi and Ceramica Catalano have taken another important step forward in their long-standing partnership. Ceramica Catalano, based in Fabrica di Roma (province of Viterbo), one of the leading Italian companies in the highquality sanitaryware sector, received a brand new resin mould from Sacmi for the production of a new model of WC (serial number 4,000) on 25 April

Sacmi e Ceramica Catalano posano un altro tassello fondamentale nel rapporto di collaborazione che lega da lungo tempo le due aziende. All’azienda di Fabrica di Roma (VT), tra i leader italiani nel sanitario di qualità made in Italy, lo scorso 25 aprile è stato consegnato

18

this year. A commemorative plaque for the mould, collected by Ceramica Catalano chairman Mario Rossi, sealed the partnership between the two companies. The sanitaryware plant will soon begin production and is one of the most modern and highly automated in the world.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

rafforzano la collaborazione

un nuovissimo stampo in resina Sacmi per la produzione di un nuovo modello di WC (numero di matricola 4.000). Una targa commemorativa dello stampo, ritirata da Mario Rossi, presidente di Ceramica Catalano, ha sancito la partnership tra le due società. L’impianto per la produzione di sanitari, che entrerà in funzione a breve, si configura come uno tra i più moderni e automatizzati al mondo.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

System

supplies lines to

Savoia

Ceramica Savoia has expanded its set of digital decoration machines with the purchase of a new Rotodigit line from System. The investment follows the first installation of the same plant in January 2010 and comes a few months before the third installation of Rotodigit which will be delivered at the end of the year. Rotodigit guarantees the maximum reliability and flexibility and can be used as a stand-alone machine or integrated into a Rotocolor system with the greatest ease of use and minimal dimensions.

Cerchimica

The System sorting and palletisation lines, ideal for rapid and frequent size changes, are also key players in the Italian ceramic industry. Ceramica Piemme has installed an Easy Line FV03/90 for processing 60x90 cm size products (maximum size) in the porcelain tile departments and a F50/V60 sorting line complete with Falcon Millennium palletiser for increasing the maximum size to 30x60 cm in the floor tile department.

S ystem

per

S avoia e P iemme

Ceramica Savoia ha implementato il proprio parco macchine dedicato al digitale con l’acquisto di una nuova linea Rotodigit System. L’investimento è successivo a una prima installazione dello stesso impianto perfezionata a gennaio 2010 e precede di qualche mese la terza Rotodigit che verrà consegnata a fine anno. Rotodigit, che garantisce massima affidabilità e flessibilità, può essere utilizzata come macchina autonoma, oppure integrata

C erchimica how and organisation will benefit the products and services offered to customers, which has always been Cerchimica’s main objective. This goal and the strong focus on environmental issues have led to the new line of decoration media called “Eco”, for which the company has identified ecofriendly raw materials obtained from simpler production cycles that produce a smaller quantity of waste. Cerchimica is present at Tecnargilla in Hall B5 stand 069.

intelligent system from

“Intelligente”, the new energy recovery system from Poppi Clementino, was recently installed at the factories of Ceramica Piemme and Ceramica Ascot. This innovative type of plant uses the enthalpy contained in the waste energy exiting from the kiln to achieve a considerable saving in fuel consumption of intense energy-consuming machines such as spray dryers and dryers without affecting machine settings or their management within the production cycle. These plants, termed “Intelligenti” due to their

20

Piemme

restructures

Cerchimica, a young, dynamic company that was set up in 2007 in the sector of chemicals production for the ceramic industry, renewed its management structure in 2010 and is now led by a team of esteemed professionals with years of experience in the ceramic sector. The change of management has not only injected new vigour into the company on the domestic and international markets, but has also led to the exclusive marketing in the ceramic sector of the Carbochem brand as of September 2010. The synergy between the two companies in terms of know-

The

and

Poppi Clementino

numerous advantages and fully automatic operation, are able to cutting operating costs by around 20-25%. The two new installations join a long list of credits including names such as ABK Sir, Gold Art, Rondine Group and many other international ceramic groups. Poppi Clementino is taking part in Tecnargilla (Hall C3, Stand 054) to showcase its latest innovations in the field of energy recovery systems, which are becoming an increasingly important part of production cycles.

C era mic W o rld Review n. 88/2010

si rinnova

Cerchimica, azienda giovane e dinamica nata nel 2007 e attiva nella produzione di chemicals per l’industria ceramica, dal 2010 si presenta rinnovata nell’assetto societario, ora composto da riconosciuti e stimati professionisti attivi da anni nel settore ceramico. Il cambio di management, oltre a dare nuovo impulso all’azienda sul mercato domestico e sul panorama internazionale, ha portato anche alla commercializzazione, a

Il

sistema

all’interno di un sistema Rotocolor con estrema facilità d’uso e minimo ingombro. Anche le linee di scelta e pallettizzazione System, ideali per esigenze di rapidi e frequenti cambi formati, sono protagoniste nel settore ceramico italiano. Ceramica Piemme ha infatti installato una Easy Line FV03/90, per processare, nel reparto porcellanato, i prodotti realizzati sul formato 60x90 cm (formato massimo), e una linea di scelta F50/V60 con relativo palletizzatore Falcon Millennium, per incrementare il formato massimo a 30x60 cm nel reparto pavimento.

partire da settembre 2010, in esclusiva per il settore ceramico, del brand Carbochem. La sinergia fra le due aziende, a livello di know-how e di strutture, va a totale beneficio dei prodotti e dei servizi offerti ai clienti, da sempre obiettivo di Cerchimica. Proprio da questo proposito e dalla spiccata sensibilità ai temi ambientali nasce la nuova linea di medium per la decorazione denominata “Eco”, per la quale sono state individuate materie prime ecologiche ottenute da cicli produttivi più semplici che generano una quantità minore di rifiuti. Cerchimica è presente a Tecnargilla presso il Pad B5 stand 069.

“ intelligente ” di Poppi C lementino

“Intelligente”, il nuovo sistema di recupero energetico targato Poppi Clementino, è stato recentemente installato presso gli stabilimenti di Ceramica Piemme e Ceramica Ascot. L’innovativa tipologia di impianti prevede l’utilizzo dell’entalpia contenuta nei cascami termici in uscita dal forno, permettendo una notevole riduzione dei consumi di combustibile delle macchine energivore, come ATM ed essiccatoi, senza alterare in alcun modo la regolazione delle macchine e quindi la conduzio-

ne del ciclo produttivo. Tali impianti, denominati “Intelligenti” per i numerosi vantaggi e la gestione completamente automatica, consentono di ridurre i costi di esercizio del 20-25% circa. Le due nuove installazioni, si vanno a sommare a una lunga lista tra cui spiccano nomi come ABK Sir, Gold Art, Gruppo Rondine, oltre a molti gruppi ceramici internazionali. Poppi Clementino è presente a Tecnargilla, (Pad C3 - Stand 054) per presentare le ultime innovazioni relative agli impianti di recupero energetico sempre più indispensabili nei cicli di produzione.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

FM

establishes presence in

FM, a company that designs and produces technical articles made of thermoplastic materials, has set up a branch in Port Klang (Malaysia) which will serve as a logistic centre to offer adequate support to customers in the Far East. FM Far East Sdn.Bhd. will be responsible for importing plastic components (which will continue to be manufactured in Italy), assembling and if necessary shipping them to markets throughout the Far East. As a result, FM’s products will be available in the Far East in shorter times and at

Malaysia

lower prices due to reduced transport costs and relief on import duties. Through this operation FM intends to strengthen its presence in the Far East market and at the same time enable its customers to benefit from this new service when defining their strategies for dealing with a constantly evolving market.

FM

sbarca in

M alesia

FM, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di articoli tecnici in materiali termoplastici, ha voluto garantire un’adeguata assistenza e un servizio efficace ai propri clienti dei Paesi nel Far East, costituendo una propria filiale con sede a Port Klang (Malesia) che avrà la funzione di centro logistico. La FM Far East Sdn.Bhd. si occuperà delle operazioni di import dei componenti plastici (che continueranno ad essere prodotti in Italia), ne curerà l’assemblaggio, qualora necessario, e spedirà il materiale

in tutti i mercati del Far East. Gli articoli FM saranno dunque disponibili nel Far East con tempi di consegna più brevi e con quotazioni vantaggiose, grazie alle ridotte spese di trasporto e agli sgravi che si potranno ottenere sui dazi doganali. Con questa operazione FM intende rafforzare la propria presenza anche sul mercato del Far East e, nel contempo, offrire ai propri clienti il vantaggio di poter contare su questo nuovo servizio nell’elaborazione delle loro strategie di approccio ad un mercato in continua evoluzione.

Siti - B&T Group study grants

B orse di studio S iti - B&T G roup

The SITI-B&T Group award, the initiative that grants scholarships to outstanding third-year students at the A.Fiori middle school in Formigine (MO), is now in its 20th edition. The award, set up in 1990 by the then Barbieri & Tarozzi Group, is a well-established event that is eagerly awaited and appreciated by students and their families. The award ceremony, held at 10.00 a.m. on 18 September 2010 in

Giunge alla sua 20a edizione il premio Siti-B&T Group, l’iniziativa che prevede la consegna di borse di studio agli studenti più meritevoli delle classi terze della scuola secondaria di 1° grado “A.Fiori” di Formigine (MO). L’evento, istituito nel 1990 dall’allora Gruppo Barbieri & Tarozzi, si conferma come un appuntamento ormai consolidato, molto at-

the Sala Grande of the Polisportiva Formiginese, was attended by management representatives of the SITI-B&T Group, the mayor of Formigine Franco Richeldi, the councillor responsible for school and education policies Antonietta Vastola and the head teacher of the A.Fiori middle school, Cristina Mammi.

Jettable at Tecnargilla 2010

J ettable a Tecnargilla 2010

At Tecnargilla 2010, in stand D1 / 69, Jettable is displaying two ground-breaking systems: the Jettable Maverick, the fastest, highest resolution inline printer available in the market, and the Jettable 751, a unique industrial decoration printer for production of special pieces and proof printing. The printers incorporate the company’s rich experience in inkjet print-

A Tecnargilla 2010 (stand D1 / 69), Jettable presenta in esclusiva due innovativi sistemi di stampa digitale: la Jettable Maverick, la stampante con la più elevata velocità e risoluzione di stampa, e la Jettable 751, una macchina di stampa, unica nel suo genere, per la produzione industriale di pezzi speciali, prototipi e campionature. I nuovi sistemi di stam-

ing for ceramics and are based on field-proven technology, hardware, workflow and colour management software and Jettable inks, which have been optimised to work with the precision printheads.

Appel intensifies its cooperation with I lva (A rgentina ) Following the latest four plants commissioned by the Argentine company Ilva, Appel has reached a total of eight plants complete with dimensional, flatness and diagonal control installed on Ilva facilities. The four new plants, which started up production in September 2010, are equipped with cali-

22

bre, flatness and diagonal control over a wide range of sizes from 30x30 cm through to a maximum of 60x90 cm and all feature a system for marking defective tiles for ease of identification.

Cera mic W o rld Review n. 88/ 2010

teso e apprezzato da studenti e rispettive famiglie. Alla cerimonia di premiazione, che si è svolta sabato 18 settembre 2010, alle ore 10.00, presso la sala grande della polisportiva formiginese, hanno preso parte, oltre della dirigenza “SitiB&T Group”, il sindaco di Formigine Franco Richeldi, l’assessore alle politiche scolastiche ed educative Antonietta Vastola e il dirigente scolastico della scuola media A.Fiori, Prof.ssa Cristina Mammi.

pa sono il risultato della vasta esperienza maturata da Jettable nella stampa a getto d’inchiostro per l’industria ceramica, frutto di sperimentazioni sul campo, che ha consentito di perfezionare ulteriormente l’hardware, il flusso di lavoro, il software per la gestione del colore, e gli inchiostri Jettable, questi ultimi ottimizzati per lavorare con testine di stampa ad alta precisione.

A ppel intensifica la collaborazione con I lva (A rgentina ) Con gli ultimi quattro impianti commissionati da Ilva, Appel raggiunge quota otto impianti completi di controllo dimensionale, planarità e diagonale, presso gli stabilimenti Ilva, importante azienda argentina. I quattro nuovi im-

pianti, entrati in funzione a settembre 2010, sono dotati di controllo del calibro, planarità e diagonale su un ampio range di formati, a partire dai 30x30 cm fino al formato massimo di 60x90 cm e sono tutti provvisti di sistema di marcatura delle piastrelle difettose, per una più semplice identificazione delle stesse.


world news news dal mondo Panariagroup

confirms its strong economic situation

Panariagroup

In the first half of 2010, Panariagroup’s earnings showed a marked improvement on 2009, thus confirming the validity of the action taken by the Group aimed at reducing operating costs. Net earnings from sales amounted to 147.61 million euro, representing a fall of 1.14% on the same period the previous year, which was shared unequally between the company’s three main markets. Europe (which accounts for 42% of total turnover) is still feeling the burden of the international crisis, and this was borne out by a fall in turnover of some 4 million euro (-6.27%) in western Europe. Eastern Europe, by contrast, saw growth of 26%, bringing the overall contraction on the European market down to about 3.2 million euro (-4.8%). Earnings in Italy (which accounts for 30% of turnover) fell by about 2.4 million euro (down 5% on 2009) as a result of continuing stagnation on the construction market, whereas in the United States, whose performance in the first quarter of 2010 ran counter to that of the other areas, the

Il primo semestre 2010 di Panariagroup ha registrato risultati migliori rispetto al 2009, confermando la validità delle azioni intraprese dal Gruppo nel contenimento dei costi. I ricavi netti di vendita sono stati pari a 147,61 milioni di euro, -1,14% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio, distribuiti in modo disomogeneo nei tre principali mercati di riferimento. L’Europa (incidenza sul fatturato complessivo 42%), continua a manifestare una certa sofferenza nei paesi occidentali, dove evidenzia un calo di fatturato di circa 4 milioni di euro (-6,27%). Al contrario, i mercati dell’Europa orientale manifestano un tasso di crescita del +26%, portando complessivamente la contrazione sul mercato europeo a circa 3,2 milioni (-4,8%). In Italia (incidenza sul fatturato totale 30%), i ricavi hanno subito una contrazione di circa 2,4 milioni di euro (-5% rispetto al 2009) a causa della perdurante stagnazione del

The

new strategies of

Euromoliendas Italia

Euromoliendas Italia, a company set up in late 2009 for the purpose of carrying on the growth of the already consolidated companies Euromoliendas and Euromoliendas Asia, is now reaping the benefits of its work in the Italian market. This producer of raw materials for the ceramic industry has revolutionised the concept of product and service, setting itself the objective of responding rapidly to the new

CMF

expands in

market requirements in the fields of sales and production. Euromoliendas Italia has focused on highquality products while maintaining a competitive quality-to-price ratio and has initiated an expansion programme in Central and Eastern Europe, the Middle East and the Mediterranean region.

Brazil

The Pavullo, Italy-based company CMF Technology is strengthening its market penetration in Brazil. Its latest order came from the Pamesa Group for kiln loading and box storage machines. CMF had previously secured an agreement with the Elisabeth group for the in-

24

Group reported an increase in turnover of 4.6 million USD (+13%). Earnings saw marked growth thanks to an effective cost-cutting programme and the streamlining of operating facilities, with particular reference to the American subsidiary Florida Tile. EBITDA reached 15.6 million euro (up 5.7 million on the first quarter of 2009), while EBIT rose to 5.6 million euro (up 6.2 million). The Group’s financial position and net equity also improved on 2009. The result was a consolidated net profit for the period of 3.6 million euro, representing a rise of 8 million on the consolidated net loss of approximately 4.4 million euro in the first quarter of 2009. Despite uncertainty about developments on international markets, the forecasts for the second half of 2010 are also positive. On the strength of its economic and capital position, the Group will direct substantial resources towards technological research and innovation, while remaining committed to making further efficiency gains and cost reductions.

conferma la solidità economico patrimoniale

Le

nuove strategie di

stallation of five machines including a T-Box for unfired product storage, eight Roflat units for fired product storage, two Pegaso laser-guided systems, and various kiln loading and unloading systems, conveyors and sorting lines complete with palletisation systems.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

E uromoliendas I talia

Euromoliendas Italia, società nata a fine 2009 con lo scopo di continuare il processo di crescita delle già consolidate realtà Euromoliendas Spagna e Euromoliendas Asia, a distanza di un anno raccoglie i frutti del proprio operato sul mercato nazionale. L’azienda, produttrice di materie prime per l’industria ceramica, ha dato una vera e propria svolta alla concezione di prodotto e di

CMF

cresce in

mercato delle costruzioni mentre, negli Stati Uniti, il Gruppo ha registrato nel primo semestre 2010 un importante incremento di fatturato: + 4,6 milioni di Usd (+13% in dollari). Il Gruppo ha registrato peraltro margini reddituali in netta crescita, grazie all’efficace piano di riduzione costi e razionalizzazione delle strutture, in particolare della società americana Florida Tile. L’Ebitda è pari a 15,6 milioni di euro (+5,7 milioni rispetto al primo semestre 2009), mentre l’Ebit si attesta a 5,6 milioni di euro (+ 6,2 milioni di euro). In miglioramento, rispetto al 2009, anche la posizione finanziaria e il patrimonio netto del Gruppo. Ne consegue un utile netto consolidato di periodo di 3,6 milioni di euro, in aumento di 8 milioni rispetto alla perdita netta consolidata di 4,4 milioni del primo semestre 2009. Pur nell’incertezza dello scenario internazionale, si attende con fiducia il secondo semestre 2010 nel quale il Gruppo, forte della propria solidità patrimoniale, punterà su ricerca e innovazione tecnologica, senza abbandonare l’impegno in ulteriori interventi di miglioramento dell’efficienza e di riduzione dei costi.

servizio ponendosi l’obiettivo di rispondere tempestivamente alle nuove esigenze di mercato, non solo in ambito commerciale, ma anche produttivo. Euromoliendas Italia, che ha puntato su prodotti di alta qualità pur mantenendo un concorrenziale rapporto qualità/prezzo, ha iniziato un programma di espansione anche in Centro ed Est Europa, Medioriente e bacino del Mediterraneo.

B rasile

Si rafforza la penetrazione di CMF Technology in Brasile. L’ultima commessa in ordine di tempo è stata ottenuta presso il gruppo Pamesa, alla quale verranno fornite macchine di carico forno e stoccaggi box. In precedenza CMF aveva siglato un accordo con il gruppo Elisabeth dove

l’azienda di Pavullo nel Frignano installerà cinque macchine tra cui un T-Box per lo stoccaggio in crudo, otto Roflat per lo stoccaggio in cotto, due sistemi a guida laser Pegaso, vari carichi e scarichi forno, convogliatori e linee di scelta complete di sistemi di pallettizzazione.


world news news dal mondo Gaiotto

reaches robot number

Gaiotto recently reached a major milestone: robot number 900. The latest robot from Gaiotto, called GA2010, is highly innovative in terms of lightness and low dimensions (the shoulder width does not exceed 800 mm and the operating area is reduced to 1900 mm), characteristics that are particularly suited to vitreous china production. This smaller and more efficient robot is able to bring considerable energy savings and enables machine operation and glaze flowrate to be managed via a single interface. The system is the result of 40 years of experience. The company started its activities at the beginning of the age of industrial automation with the construction of the first glazing booths and the first transporters. From the 1970s onwards, it made a quantum leap in terms of quality with the “anthropomorphic glazing robot” with hydraulic movement. In the following years Gaiotto developed new solutions for automation of the entire glazing line like PLC controllers, the first

Kerajet

in I taly ,

Turkey

intense colours, and the K 700S (Seiko GS, 360 dpi) designed to deliver excellent print quality along with high glazing line speed and/or extremely intense colours. As regards colour management in the pre-printing stage, Kerajet offers Keraprofiler/Keraconverter, a software that combines technical, aesthetic and production advantages.

and

Appel, a company based in Pavullo (province of Modena, Italy) that specialises in electronics for industrial automation, has secured a significant number of orders from Italian and foreign groups. Two flatness control units for use directly at the kiln exit have been supplied to Serenissima following two Appel calibre/ flatness systems already in use, while four dimensional, diago-

26

“power and free” lines, washing tunnels, automatic colour change systems, glaze control devices and self-cleaning booths. The first real revolution from Gaiotto at the beginning of the following decade was that of the first electrically operated robots. From the year 2000 onwards with the growing demand for simple and modular solutions, it developed the GA2000, which is lighter, easier to manoeuvre and above all can be integrated with peripheral structures. One of the key characteristics of the GA2000 is the management software based on the multiple programming formula, with point-topoint, self-learning and off-line modes. The progressive increase in competitiveness of robots compared to the cost of human workers enabled Gaiotto to develop solutions for automating stages of production that would previously have been unimaginable. The multiplicity of robots installed allows piece handling to be reduced to a bare minimum and the entire process from casting to palletisation is now performed fully automatically.

research into new printing techniques

Research into solutions that meet the current requirements of the ceramic sector has led Kerajet to develop a new series of printers and a new colour management software. The printers, produced in two different versions, consist of the K 700X (Xaar 1001, 360 dpi) for users who require excellent print quality with moderate line speeds and products without particularly

Appel

900

Brazil

nal and flatness control systems have been installed at the facility of Vitra Karo in Turkey. New orders have also been received from Marazzi, which has been supplied with a complete diagonal control system for rectified material, and from the Brazilian company Eliane, which has commissioned two calibre/flatness units with diagonal control for sizes up to 60x120 cm.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

G aiotto

vola a quota

900

Gaiotto ha raggiunto di recente un importante traguardo: il robot numero 900. L’ultimo nato di casa Gaiotto si chiama GA2010, un robot particolarmente innovativo in termini di leggerezza, ingombro ridotto (la dimensione alla spalla non supera gli 800 mm e l’area operativa si riduce a 1.900 mm), prestazioni particolarmente indicato per produzioni Vitreous China. Un robot più piccolo ed efficiente, dunque, che consente di realizzare un risparmio energetico considerevole e di gestire tramite un’unica interfaccia le operazioni della macchina e la relativa portata dello smalto. Il sistema è il risultato di 40 anni di esperienza. L’azienda inizia la sua attività con la realizzazione delle prime cabine per la verniciatura e dei primi trasportatori. A partire dagli anni ‘70 il salto di qualità grazie al “robot di verniciatura antropomorfo” a movimentazione idraulica. Negli anni successivi vengono realizzate nuove soluzioni per l’automazione dell’intera linea di smaltatura: è di questo periodo l’invenzione dei controllori PLC, le prime linee “power and free”,

K erajet

ricerca nuove tecniche di stampa

La ricerca Kerajet ha condotto alla realizzazione di una nuova serie di stampanti e di un software dedicato alla gestione del colore. Le stampanti, prodotti in due differenti versioni, si concretizzano nella K 700X (Xaar 1001 da 360dpi), rivolta a chi desidera un’ottima qualità di stampa con moderate velocità di linea e l’ottenimento di prodotti non particolarmente intensi, e nella K 700S

A ppel

tunnel di lavaggio, sistemi automatici di cambio colore, fino ai dispositivi di controllo dello smalto e cabine autopulenti. La vera e propria rivoluzione, all’inizio del decennio successivo, è da ricondurre ai primi robot con azionamenti elettrici mentre, a partire dal 2000 con l’affermarsi dell’esigenza di soluzioni semplici e modulari, nasce il GA2000, più leggero, manovrabile, e soprattutto integrabile con strutture periferiche. Tra le caratteristiche del GA2000, spicca il software di gestione, basato sulla formula della “programmazione multipla”, con punto a punto, autoapprendimento e off line. Il progressivo incremento della competitività dei robot rispetto al costo della manodopera, ha poi permesso a Gaiotto di progettare soluzioni per l’automazione di fasi della produzione prima “impensabili” che oggi consentono, grazie alla molteplicità di robot installati, di ridurre la movimentazione dei pezzi al minimo indispensabile e che vedono l’intera lavorazione, dal colaggio alla pallettizzazione, svolgersi completamente in automatico.

in I talia ,

(Seiko GS da 360dpi) creata per chi, oltre a un’eccellente qualità di stampa, necessita, al contrario, di sostenere elevate velocità sulla linea di smaltatura e/o realizzare prodotti estremamente intensi. Sul fronte della gestione del colore nella fase di pre-stampa, Kerajet proprone invece Keraprofiler/Keraconverter, un sotware con vantaggi sotto l’aspetto tecnico, estetico e produttivo.

Turchia e B rasile

Consistente numero di commesse da importanti gruppi italiani ed esteri, per Appel, azienda di Pavullo nel Frignano (MO), specializzata nell’elettronica applicata all’automazione industriale. Due unità di controllo planarità, da utilizzare direttamente all’uscita del forno sono state fornite a Serenissima, già dotata di due impianti di calibro-planar targati Appel, mentre quattro apparecchia-

ture per il controllo dimensionale, diagonale e planarità sono state installate presso Vitra Karo (Turchia). Nuove forniture anche a Marazzi, a cui è stato fornito un impianto completo di controllo diagonale per materiale rettificato, e alla brasiliana Eliane, la quale ha commissionato due unità di calibro-planar con controllo diagonale per formati fino al 60x120 cm.


world news news dal mondo Granitifiandre

reports better - than - expected results in first half of 2010

The key figures emerging from the Granitifiandre 2010 halfyear report include growing revenues, an increase in market shares in Italy and abroad, strong growth in all profit margins and a further improvement in financial position. Specifically, the total sales volumes in the first half of the year amounted to 99.4 million euro, 4.4% up on the 95.2 million euro of the first 6 months last year. The corresponding figure considering turnover from brand materials is +5.7%. The acceleration was even more evident in the second quarter of 2010 with 10% growth over the corresponding period in 2009 and 12% growth for brand sales. The results were particularly strong in non-European markets, where brand sales grew by 18% over the first half of 2009 to a value of 37.4 million euro. The StonePeak subsidiary reported a very positive performance in North America with a 28% increase in sales to USD 40.6 million. Profit margins also showed a significant improvement. EBITDA (13.9% of turnover) reached 13.8 million

Ricavi in crescita, incremento delle quote di mercato in Italia e all’estero, forte aumento di tutti i margini reddituali e ulteriore miglioramento della posizione finanziaria, questi in sintesi i dati più evidenti che emergono dal bilancio semestrale 2010 di Granitifiandre. Nello specifico i volumi di vendite complessivi nel primo semestre sono pari a 99,4 milioni di euro, con un incremento del +4,4%, rispetto ai 95,2 milioni dei primi 6 mesi dello scorso esercizio, incremento che raggiunge il +5,7% prendendo in considerazione il fatturato dei materiali a marchio. L’accelerazione è stata ancora più evidente nel secondo trimestre 2010, nel quale il progresso è stato del +10% rispetto al corrispondente periodo 2009 e +12% relativamente alle vendite a marchio. Particolarmente significativo il risultato raggiunto nei mercati extra Europa nei quali le vendite a marchio, per un valore di 37,4 milioni di euro, registrano una crescita del +18% rispetto al primo semestre 2009. Molto positiva la performance ottenuta dalla

Kerasan

installs new

Comet

Kerasan, a sanitaryware manufacturer based in Civita Castellana, recently purchased a new low-pressure casting line for plaster moulds from Comet. The line, consisting of 40 moulds, joins the 5 already present in the company’s facility and will be used for casting large size WCs and bidets. The machine’s overturning facility allows it to cast

ANFECC

casting line

WCs with the rim at the bottom so as to obtain high-quality products. The key qualities of the plant include its extreme simplicity of use, compactness (mould pitch 70 cm), ease of replacing moulds and large airflows generated by mould drying.

appoints new chairman

On 9 July, Paul Baigorri from Esmalglass Group was appointed the new chairman of the Spanish ceramic colour manufacturers’ association ANFECC. Baigorri will remain in office for the next four years, taking over from outgoing chairman Alfredo Gonzalez who held the position

28

euro (+21.5%), a result that included contributions of 6.1 million euro from the parent company GranitiFiandre, USD 6.2 million (4.7 million euro) from the American group StonePeak and 2.9 million euro from the German subsidiary Porcelaingres. EBIT for the half year (6% of turnover) amounted to 6 million euro (+21.6%) while net profits reached 5.8 million euro compared to the 0.5 million euro of the first half of 2009 (more than six times higher the profits reported in the whole of the previous year). “In spite of the excellent results, the world economic situation is such that we must be cautious when making forecasts,” commented Verdi. “However, continuing our policy of technological innovation, improvements in production efficiency and creation of cash flows, we believe that we will be able to maintain the trend in the second half of the year.”

since 2006. Along with the chairman, the appointments of two directors were also renewed: Manuel Franch from Fritta and Joaquín Font de Mora from Vidres. Paul Baigorri has a degree in chemistry from the University of Valencia and more than 40 years of experience in the sector.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

semestre 2010 G ranitifiandre : risultati oltre le attese

K erasan

controllata StonePeak in Nord America, dove le vendite sono balzate a 40,6 milioni di dollari (+28%). Miglioramento significativo anche per i margini reddituali. L’Ebitda (incidenza sul fatturato del 13,9%) raggiunge i 13,8 milioni di euro (+21,5%), risultato a cui hanno contribuito oltre alla capogruppo GranitiFiandre per 6,1 milioni di euro, il gruppo americano StonePeak per 6,2 milioni di dollari (4,7 milioni di euro) e la controllata tedesca Porcelaingres per 2,9 milioni di euro. L’Ebit del semestre (incidenza sul fatturato del 6%) è pari a 6 milioni di euro (+21,6%) mentre l’Utile Netto ha raggiunto i 5,8 milioni di euro, contro gli 0,5 milioni di euro del primo semestre 2009 (oltre sei volte gli utili registrati nell’intero esercizio precedente). “Nonostante gli ottimi risultati ottenuti, la congiuntura economica mondiale non permette che previsioni prudenti – commentaVerdi – ma continuando sulla linea dell’innovazione tecnologia, ricerca delle efficienze produttive e creazione di flussi di cassa, riteniamo che il trend possa essere mantenuto anche nel secondo semestre”.

installa nuova linea di colaggio

Kerasan, azienda produttrice di sanitari con sede a Civita Castellana, ha recentemente acquistato da Comet una nuova linea di colaggio a bassa pressione per stampi in gesso. La linea, costituita da 40 stampi, va ad affiancare le cinque già presenti in azienda e sarà utilizzata per il colaggio di WC e bidet di grandi dimensio-

N uovo

presidente

C omet

ni. La caratteristica di ribaltamento della macchina consente il colaggio con la brida in basso permettendo di ottenere prodotti di elevata qualità. L’estrema semplicità di utilizzo, la compattezza (passo stampi di 70 cm), la rapidità di sostituzione degli stampi, unitamente ai grandi flussi d’aria generati dall’essiccazione degli stessi, completano le qualità intrinseche dell’impianto.

ANFECC

Paul Baigorri, Gruppo Esmalglass è, dal 9 luglio, il nuovo presidente di ANFECC, l’Associazione spagnola dei colorifici ceramici. Baigorri, che occuperà la carica per i prossimi quattro anni, succede al presidente uscente Alfredo Gonzalez, in associazione

dal 2006. Parallelamente alla presidenza sono state rinnovate le cariche di due consiglieri: Manuel Franch, di Fritta, e Joaquín Font de Mora, di Vidres. Paul Baigorri, laurea in chimica conseguita presso l’Università di Valencia, vanta un’esperienza di oltre 40 anni nel settore.


world news news dal mondo Agreement

between

Porcelanite Lamosa

L.B. Officine Meccaniche has signed a major commercial agreement with the Porcelanite Lamosa group (Mexico), one of the world’s leading producers of ceramic tiles and sanitaryware. The recent agreement concerns the supply of a Croma 175 multilayer press feeder capable of meeting the requirements of porcelain tile production, which will allow for an improvement in the technical and aesthetic qualities of Lamosa products. The new Croma

Cerform:

lands in

will be installed in the Italgres 2 factory in Guanajuato, which is already equipped with an Easy Color dry colouring system supplied in 2009 for the production of double-filling products in 50x50 cm and 60x60 cm sizes.

home fashion trends but must also take account of numerous factors and targeted strategies that determine the success or failure of a product. The course will be led by architect Jacopo Bargellini, an expert in industrial design and consultant in the fields of design and research. The fee-paying course is aimed at entrepreneurs, managing directors and marketing, sales and R&D directors. For further information see www.for.cerform.it.

Vietnam

Laticrete, a global leader in the manufacturing of innovative systems for the installation of tile and stone, has made another strategic move targeted to increase its presence in Southeast Asia with the July opening of the Laticrete Vietnam Company. Laticrete celebrated the official launch of the new entity in the Tay Ho district of Hanoi, but has its sights set on completing infrastructure to supply the entire country of Vietnam with Laticrete materials and methods. The Laticrete Vietnam Company will expand production, research and training locations to Da Nang and further south to Ho Chi Minh City, improving access to all markets near or on the Indochinese Peninsula, namely Cambodia, Thailand and the Philippines. The Laticrete Vietnam Company

30

LB

the new trends in interior design

The next training course organised by the For division of Cerform will explore potential developments in the concept of interior design in view of an analysis of the main aesthetic and functional transformations and the new usage requirements of spaces. The two-day course will be held in Villa Marchetti in Baggiovara (province of Modena) on 14 and 21 October and will offer ceramic sector managers a wide-ranging, interdisciplinary view of a theme that is not limited to

Laticrete

and

will supply architects, designers and contractors with the tools they need to keep pace with Vietnam’s escalating growth, bringing improvements to a country that consumes ceramic and porcelain tile at a blistering pace on a par with the United States. “Vietnam continues to grow and advance in its role as a member of the World community,” said Laticrete co-owner Henry Rothberg. “The entire country has welcomed foreign investors and remained open to new technology that can help them sustain growth, the same way they have supported Laticrete in this opportunity. Laticrete, with global technology, is committed to helping change the way Vietnam installs tile and stone, from the thick layer of mortar used for centuries to a lightweight, thin layer of adhesive.”

C era mic W o rld Review n. 88/2010

A ccordo

tra

Porcelanite L amosa e LB

L.B. Officine Meccaniche ha siglato un importante contratto commerciale con il gruppo Porcelanite Lamosa (Messico), uno tra i principali produttori mondiali di piastrelle ceramiche e sanitari. Il recente accordo riguarda la fornitura di un Croma 175, alimentatore pressa “multistrato” in grado di rispondere al meglio alle esigenze di produzione del gres porcel-

C erform :

i nuovi trend dell ’ abitare

Ritorna l’appuntamento periodico di aggiornamento tenuto dalla divisione For di Cerform, sulle possibili evoluzioni del concetto di abitare alla luce dell’analisi delle principali trasformazioni estetico-funzionali e delle nuove esigenze di fruizione degli spazi. Presso Villa Marchetti, Baggiovara (MO), il 14 e 21 ottobre, si terranno due giornate di approfondimento per fornire a figure manageriali del mondo ce-

L aticrete

lanato, che consentirà di incrementare ulteriormente il valore tecnico-estetico del prodotto Lamosa. Il nuovo Croma verrà installato nello stabilimento Italgres 2 situato a Guanajuato, dove è già presente un sistema di colorazione a secco Easy Color, fornito nel 2009, per la produzione di materiali in doppio caricamento nei formati 50x50 cm e 60x60 cm.

sbarca in

ramico una visione, trasversale e interdisciplinare, su un tema che non può risolversi nelle tendenze moda della casa, ma deve tenere conto di numerosi fattori e strategie mirate per definire il successo o l’insuccesso del prodotto. La docenza è affidata a Jacopo Bargellini, architetto esperto di industrial design e consulente in design and research. Il corso, a pagamento, è rivolto a titolari, amministratori delegati, responsabili marketing, commerciali e ricerca e sviluppo. Ulteriori informazioni su www.for.cerform.it.

V ietnam

Laticrete, importante gruppo specializzato nella realizzazione di innovativi sistemi di posa per piastrelle ceramiche e pietra naturale, ha potenziato la sua presenza nel Sud-Est asiatico con l’apertura, in luglio, di Laticrete Vietnam Company. Laticrete ha celebrato l’inaugurazione della nuova sede nel distretto di Tay Ho di Hanoi, con l’obiettivo però di raggiungere, con i propri prodotti, tutto il mercato del Vietnam. Laticrete Vietnam Company espanderà la propria produzione e i propri studi di ricerca e sviluppo da Da Nang fino alla parte meridionale di Ho Chi Minh City, migliorando l’accesso a tutti i mercati limitrofi e indocinesi (Cambogia, Tailandia e Filippine). Inoltre fornirà ad architetti, designer e contractors gli

strumenti necessari per essere al passo con la crescita del Vietnam, contribuendo all’accrescimento di uno stato che, in fatto di consumo di ceramica e gres porcellanato, concorre con le cifre degli USA. “Il Vietnam continua a crescere e a migliorare il proprio ruolo all’interno della comunità economica mondiale. – dichiara Henry Rothberg, co-owner di Laticrete – L’intero paese ha accolto favorevolmente gli investitori stranieri ed è sempre aperto alle nuove tecnologie che possono favorire la crescita di Laticrete. L’azienda, grazie alle proprie tecnologie, è in grado di portare un aiuto considerevole al Vietnam per quanto concerne le tecniche di installazione delle piastrelle ceramiche e delle pietre naturali”.


world news news dal mondo Xennia

and T ecno I talia unveil new developments in digital printing

X ennia e Tecno I talia :

The British company Xennia, which specialises in the production of inkjet printing heads for industrial applications, recently signed a major partnership agreement with Tecno Italia, a Sassuolo-based manufacturer of ceramic screen-printing machines. At Tecnargilla 2010 (Rimini 27 September - 1 October), the new Anglo-Italian venture is presenting a new ceramic

Il player inglese Xennia, specializzato nella produzione di teste di stampa inkjet per applicazioni industriali, ha recentemente siglato una importante partnership con Tecno Italia, produttore di macchine serigrafiche. Il nuovo nucleo operativo italo-

inkjet printing machine based on the combination of three systems: the Xennia XenJet Auriga print engine, the XenJet Aquarius fluid controller and the dedicated XenJet Cygnus software which also makes it simpler to create constantly varying decorative patterns.

Ancora Group supplies end-of-line to Y urtbay S eramik (T urkey ) Yurtbay Seramik, one of the largest ceramic manufacturers in Turkey with an annual production capacity of around 20,000,000 sq.m, has chosen Ancora technology for end-of-line processing of polished porcelain tile. The new line complete with high-throughput polishing and squaring systems came on stream in the summer of 2010. It consists of an 8-head roughing

Nazceram

Manfredini & Schianchi to C e .C a .F i (B razil ) Ceramica Carmelo Fior (Ce. Ca.Fi), a company based in Cordeiropolis, São Paulo, Brazil, has purchased a Manfredini & Schianchi dry process raw materials preparation plant to complement its two new production lines. The plant will have a production capacity of 60 ton/h and will be equipped with two P.I.G-A hammer mills, seven latest-technology vibrating sieves with pneumatic heads, a

32

machine, a 40 oscillating head polishing machine and a squaring machine for sizes from 300x300 mm through to 600x1200 mm. This major order bodes well for the sector’s economic recovery and further strengthens the Sassuolobased group’s presence in the Turkish market.

signs new contract with

Nazceram, currently the only Iranian ceramic company to operate a continuous process with digital technology, recently secured a new contract with Kerajet for the supply of a K-700S Seiko Grey Scale digital machine with a production capacity of up to 70 m/min. and a complete

system

Kerajet

graphic workstation. The agreement, signed in August, also involves setting up a support centre in Ardekan near Yazd, to be run by local personnel. The agreement follows the new contract signed by KERAjet and Sercer Srl, which will represent Kerajet throughout the Middle East.

supplies plant pendular mill complete with process filter and three Forgia MS38AL wetting machines. The supply package also includes MSP1130-2003 rotary screens for press loading and mixing. The investment will enable Ce.ca.Fi to increase its capacity from the current figure of 2,600,000 sq.m/ month to 4,100,000 sq.m/month.

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

novità nella stampa digitale

inglese, presenta a Tecnargilla 2010 (Rimini 27 settembre - 1 ottobre), una nuova macchina da stampa inkjet per ceramica, basata sulla combinazione di tre sistemi: il print engine Xennia XenJet Auriga, il XenJet Aquarius fluid controller, pilotati dal software dedicato XenJet Cygnus che semplifica anche la creazione di pattern decorativi dinamici sempre differenti.

F ine linea di A ncora G roup a Yurtbay S eramik (Turchia ) Yurtbay Seramik, fra le più importanti realtà del settore ceramico in Turchia, con una capacità produttiva annua di circa 20.000.000 mq, ha installato la tecnologia Ancora per la lavorazione di fine linea del gres porcellanato levigato. La nuova linea completa di levigatura e squadratura

N azceram

conferma

ad alta produttività, entrata in funzione nell’estate 2010, si compone di uno sgrossatore a 8 teste, una levigatrice a 40 teste brandeggianti e da una macchina per la squadratura di formati da 300x300 a 600x1200 mm. L’importante commessa, oltre a rappresentare un segnale positivo nel percorso verso la ripresa economica del settore, rafforza ulteriormente la presenza del gruppo sassolese sul mercato turco.

K erajet

Nazceram, attualmente l’unica ceramica iraniana a produrre in continuo con la tecnologia digitale, ha chiuso di recente un nuovo contratto con Kerajet per la fornitura di una macchina digitale K700S Seiko Grey Scale con capacità produttiva fino a 70 m/min e una stazione grafica completa.

L’accordo, siglato lo scorso agosto, prevede anche l’apertura di un centro assistenza ad Ardekan nei pressi di Yazd, condotto da personale locale. L’accordo arriva a seguito del nuovo contratto siglato fra la Kerajet e la Sercer Srl che rappresenterà Kerajet, in tutto il Middle Est.

M anfredini e S chianchi per C e .C a .F i (B rasile ) La Ceramica Carmelo Fior (Ce. Ca.Fi), con sede a Cordeiropolis, San Paolo, ha acquistato un impianto di preparazione materie prime a secco Manfredini & Schianchi da integrare alle due nuove linee produttive. L’impianto avrà una capacità produttiva di 60 ton/h e sarà dota-

to di due mulini a martelli P.I.GA, sette vagli vibranti di ultima tecnologia con teste pneumatiche, un mulino pendolare completo di filtro di processo e tre bagnatrici Forgia MS38AL. Completano la fornitura il caricamento e miscelazione alla pressa tramite i vagli rotativi MSP1130-2003. Grazie all’investimento, Ce.ca.Fi porterà la sua produzione attuale da 2.600.000 mq/mese a 4.100.000 mq/mese.


Flotation plant

Group of Companies ISO 9001:2000 Feldspar and Quartz since 1963 …steps of the process… KALTUN Iberica-Spain mangel@kaltun.com.tr

KALTUN Italia-Italy flavio.mighali@kaltun.191.it For Asian Market BOROCHEMIE International borochemie@singet.com.sg For Polish Market Granicer Polska mkotarska@granicer.pl

For Egypt Market kaltunegypt@kaltun.com.tr kaltun@kaltun.com.tr

HEADQUARTERS: Cine-Aydin (Turkey) www.kaltun.com.tr – e-mail: kaltun@kaltun.com.tr Crushing plant

Grinding mile for feldspar

Flotation plant


Italy holds the technological crown Pietro Cassani, presidente di Acimac - segreteria@acimac.it

All’Italia lo scettro tecnologico As has been widely reported in this magazine and in the international and national press, in recent months the world has begun to emerge from one of the worst recessions in industrial history. The exclusive study of world production and consumption of ceramic tiles published in this issue of Ceramic World Review shows that the ceramic sector has been badly affected, albeit to different extents in different countries. Asia and other emerging countries have been the first to come out of the crisis, with growth rates that are well ahead Pietro Cassani of those of the world’s other economies. Europe has been particularly badly hit, especially the two largest producer countries, Italy and Spain. However, in these first nine months of the year we have begun to see reassuring signs of recovery even in these most mature economies. Redistribution of production capacity

tecnargilla

Irrespective of the different timeframes and the policies adopted for emerging from the crisis, the trend in world production in 2009 is a direct consequence of a process of redistribution of capacity installed in different countries that has been under way for several years. Whereas capacity is excessive in certain mature markets such as Spain and Italy, it is insufficient in areas like India, China and North Africa.

36

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

Come ampiamente scritto nelle pagine di questa rivista e dei maggiori organi di stampa nazionali e internazionali, il mondo sta in questi mesi uscendo da una delle peggiori recessioni della storia industriale. Come si evince dell’esclusivo studio Produzione e consumo mondiale di piastrelle ceramiche pubblicato su questo stesso numero di Ceramic World Review, anche il settore ceramico ne è stato duramente colpito seppur con intensità diverse nei vari Paesi. L’Asia e gli altri Paesi definiti emergenti, sono usciti prima dalla crisi grazie a tassi di crescita che stanno staccando le altre economie del pianeta. L’Europa ha invece accusato pesanti ridimensionamenti specie nei due maggiori Paesi manufatturieri, Italia e Spagna. In questi primi nove mesi dell’anno si cominciano però a intravedere confortanti segni di ripresa anche in queste economie più mature. Il riequilibrio della capacità produttiva Al di la dei differenti tempi e modi di uscita dalla crisi, l’andamento della produzione mondiale nel 2009 è diretta conseguenza di un riequilibrio, in atto da alcuni anni, della capacità produttiva installata nei vari Paesi. Se infatti, appare eccessiva in alcuni mercati maturi come la Spagna e l’Italia, è al contrario scarsa in aree come l’India, la Cina e il Nord Africa.


This changing scenario is also leading to a reorganisation of the ceramic machinery sector and its markets. The Italian ceramic machinery sector 2009 was a dreadful year for the Italian ceramic machinery manufacturers (see Ceramic World Review no. 87, page 28, Editor) with a 33% slump in turnover and similar falls in the main markets and the various client sectors. In 2010 we are seeing signs of recovery in orders and revenues, which by the end of the year should result in figures midway between those of 2009 and 2008. This will be achieved as a result of the strong trends in China, India, Vietnam, Thailand, Iran and the American continent as a whole. Another factor that has contributed to these results is the process of manufacturing, technological and commercial reorganisation carried through by the Italian ceramic machinery manufacturers. Two new approaches to the market During the dark months of 2009, the Italian companies refused to be discouraged by the economic situation and worked hard to develop new products aimed at the two different kinds of markets. For the advanced markets, they designed systems for cutting product costs by increasing productivity and reducing consumption of raw materials and energy. For these markets they also developed technologies capable of functionalising surfaces as well as technically and aesthetically innovative products, such as tiles with low thickness and a high decorative content. These technologies, designed to eliminate obsolete and costly machines and processes and replace them with efficient and flexible production lines capable of producing a

38

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

Questo mutato scenario sta determinando anche una riorganizzazione del settore e dei mercati dell’impiantistica per ceramica. Il settore italiano dei costruttori di macchine per ceramica Il 2009 è stato un annus horribilis per i costruttori italiani di macchine per ceramica (vedi Ceramic World Review n.87 a pag. 28, ndr) con una riduzione del giro d’affari del 33% e cali più o meno analoghi sui principali mercati e sui vari settori clienti. Nel 2010 si assiste a segnali di ripresa negli ordini e nei ricavi che dovrebbe tradursi, a fine anno, in numeri a metà strada tra il 2009 e il 2008. Questo sarà possibile grazie ai buoni trend di Cina, India, Vietnam, Tailandia, Iran e all’America nel suo complesso. A incidere positivamente su questi risultati anche la riorganizzazione produttiva, tecnologica e commerciale avviata dai costruttori italiani di macchine per ceramica. Due nuovi approcci al mercato Durante i terribili mesi del 2009, infatti, le aziende italiane non si sono fatte scoraggiare dalla congiuntura ma si sono impegnate a realizzare nuovi prodotti per aggredire due diverse tipologie di mercati. Da un lato, quelli evoluti, per i quali sono stati progettati sistemi che portano al contenimento del costo del prodotto attraverso l’aumento della produttività, la riduzione dei consumi di materie prime e approvigionamenti energetici. Per questi mercati sono state pensate anche tecnologie capaci di funzionalizzare le superfici e prodotti tecnicamente ed esteticamente innovativi, come le piastrelle a spessori ridotti e ad alto contenuto di decorazione. Queste tecnologie, finalizzate ad eliminare dagli stabilimenti


variety of high value products at competitive prices, are being showcased at Tecnargilla, the world’s foremost exhibition of ceramic technologies currently in progress (27 September - 1 October) in Rimini. At the same time they developed technologies aimed specifically at developing countries, which often purchase used plants and generally require systems with less complex technology and lower levels of automation but nonetheless capable of assuring good-quality production.

macchine e processi obsoleti e costosi a favore di efficienti e flessibili linee di produzione, capaci di realizzare una varietà di prodotti ad alto valore e a prezzi competitivi, sono presentate in anteprima a Tecnargilla, la maggiore fiera al mondo per la tecnologia ceramica in svolgimento in questi giorni (27 settembre - 1 ottobre) a Rimini. Dall’altro, vi sono le tecnologie pensate per i Paesi in via di sviluppo, che acquistano anche impianti usati e richiedono tecnologie ad automazione inferiore, meno complesse ma capaci di assicurare comunque una produzione di buona qualità.

Another aspect that has always been a characteristic of the Italian ceramic machinery industry but which has become more pronounced recently is that of pre and aftersales support, which must be capable of providing rapid assistance to customers worldwide using innovative tools, including online solutions.

Un altro aspetto, da sempre prerogativa dell’industria italiana costruttrice di macchine, ma che si sta ulteriormente rafforzando e strutturando è quello dell’assistenza pre e after sale, che sia capace di assistere la clientela mondiale in tempi ridotti e con strumenti all’avvanguardia, come ad esempio quelli online.

Italy world leader

Italia leader mondiale

All these solutions are possible due to the extensive experience and expertise that the Italian companies have acquired over the years. Italy remains the world hub of technological innovation, the only country capable of spurring the market with new technologies that give fresh impetus to the ceramic sector. Almost none of the technologies currently available to the ceramic industry were invented or developed outside of Italy or without the full cooperation of Italian companies. Digital printing, the latest innovation, has been created and perfected through the contribution of the many Italian companies that have developed new technologies, applications and materials. (JF) 

Tutte queste soluzioni sono possibili grazie alla grande esperienza e competenza che le aziende italiane hanno costruito negli anni. L’Italia resta, infatti, la fucina mondiale dell’innovazione tecnologica. La sola in grado di stimolare il mercato con nuove tecnologie capaci di dare sempre nuova linfa al settore ceramico. Quasi nessuna delle tecnologie attualmente disponibili in ceramica è stata inventata o sviluppata fuori dall’Italia o senza la piena collaborazione di aziende italiane. Anche la stampa digitale, ultima innovazione in ordine di tempo, si è affermata e perfezionata grazie all’apporto delle tante aziende italiane che hanno sviluppato nuove tecnologie, applicazioni e materiali.  ADVERTISING


Tecnargilla = innovation Tecnargilla is back with a wealth of innovation for the ceramic and brick sectors

Tecnargilla = innovazione Torna Tecnargilla e torna l’innovazione per il settore ceramico e del laterizio The world’s largest exhibition devoted to supplies for the ceramic and brick industries is hosting more than 450 exhibitors from Italy, Bulgaria, France, Spain, Portugal, Ukraine, Turkey, Belgium, Israel, Iran, Mexico, Egypt and China in a floor space of 65,000 square metres.

Nella maggiore fiera al mondo dedicata alla fornitura per l’industria ceramica espongono oltre 450 espositori provenienti da Italia, Bulgaria, Francia, Spagna, Portogallo, Ucraina, Turchia, Belgio, Israele, Iran, Messico Egitto e Cina su una superificie di 65.000 metri quadrati.

All the leading players in the sector will be taking part and offering a world preview of the latest developments in terms of energy saving and reduction in polluting emissions, greater automation of production processes, large formats, lowthickness tiles and digital decoration.

Tutti i maggiori player del settore sono presenti in fiera per esporre in anteprima mondiale le ultime novità relative a risparmio energetico e riduzione delle emissioni inquinanti, maggior automazione dei processi produttivi, grandi formati, piastrelle dagli spessori ridotti e decorazione digitale.

The exhibitors will be divided up into the usual theme sections: Tecnargilla for ceramic tile, sanitaryware and tableware manufacturing technologies, Claytech for the heavy clay machinery sector, Kromatech for decoration, creativity and raw materials, and Kermat for advanced ceramics.

Gli espositori saranno suddivisi nelle consuete sezioni tematiche: Tecnargilla per le tecnologie applicate alla produzione di piastrelle, sanitari e stoviglieria, Claytech, per il settore del laterizio, Kromatech, per la decorazione, la creatività e le materie prime, Kermat, per i ceramici avanzati.

Tecnargilla’s key international role is demonstrated once again this year by the origins of the professionals who will be visiting the show as part of official delegations, which will include high-quality buyers and opinion leaders from Brazil, China, Egypt, Germany, India, Mexico, the Maghreb, the Arabian Peninsula, Russia and Vietnam. On 28 September these players will be at the centre of a day devoted to bilateral international exchange, where one-on-one meetings with the leading Italian producers of ceramic machinery and technology will be organised.

La centralità di Tecnargilla nel panorama fieristico internazionale è confermata anche nell’edizione 2010 dalla provenienza degli operatori professionali che visiteranno la fiera all’interno di delegazioni ufficiali. Buyer e opinion leader qualificati provenienti da Brasile, Cina, Egitto, Germania, India, Messico, Maghreb, Penisola araba, Russia e Vietnam visiteranno la fiera. In particolare il 28 settembre, questi operatori sono i protagonisti della giornata dedicata agli scambi bilaterali internazionali per incontrare in singoli meeting i maggiori produttori di macchine e tecnologie per ceramica.

tecnargilla

Along with the exhibition offerings, Tecnargilla 2010 will once

40

C era mic W o rld Review n. 88/2010


again be hosting the Ceramic Workshop, a large exhibition space curated by the Milan-based firm of architects Azzolini - Tinuper presenting inspirational ideas for the ceramics of tomorrow. Ceramic Workshop will include an exhibition of future trends, showcasing concrete applications in the ceramic sector developed in collaboration with the leading glaze and colour producers and manufacturers of ceramic machinery, an area dedicated to young designers from the European Institute of Design IED, who will present their interpretations of ceramic materials in architecture and interior design, the Tecnargilla Design Award exhibition, which will feature innovative applications in the field of digital decoration in ceramics, and Style for Tile, the area reserved fro Italian ceramic design firms. The five days of the Rimini show will also feature conferences and seminars exploring issues of great topical interest for the sector. The first day will host a seminar on how to invest in China, followed on 29 September by an international symposium on the new frontiers of ceramic materials organised as part of Kermat. The following day there will be two events, in the morning the presentation conference for the Technology Transfer Day and in the afternoon a focus session on energy saving in brick and roof tile production. The events will be concluded on Friday 1 October by a conference on the current state and trends in progress in the sector of industrial minerals for the ceramic industry. (JF) 

Oltre all’offerta espositiva Tecnargilla 2010, ripropone anche l’area Ceramic Workshop, un grande spazio espositivo curato dallo studio di architettura milanese Azzolini - Tinuper nel quale trovano spazio idee e spunti creativi per la ceramica di domani. Ceramic Workshop ospiterà infatti la mostra sulle tendenze caratterizzata dall’esposizione di concrete applicazioni nel settore ceramico realizzata in collaborazione con i maggiori colorifici e costruttori di macchine per ceramica, l’area dedicata ai giovani designer dello IED, l’Istituto Europeo del Design, che esporranno le loro interpretazioni sull’utilizzo dei materiali ceramici in architettura e nell’interior design, la mostra Tecnargilla Design Award, che mostrerà innovative applicazioni nel campo della decorazione digitale in ceramica, e Style for Tile, l’area riservata agli studi italiani di design ceramico. Nella cinque giorni riminese anche convegni e seminari di approfondimento sulle tematiche di maggior attualità per il settore. Si parte il primo giorno con un seminario su come investire in Cina per poi proseguire il 29 settembre con un simposio internazionale sulle nuove frontiere dei materiali ceramici, organizzato all’interno di Kermat. Il giorno successivo è scandito da un doppio appuntamento: la mattina è in programma la conferenza di presentazione del Technology Transfer Day, la giornata del trasferimento tecnologico tra impresa e ricerca; nel pomeriggio è invece protagonista il risparmio energetico nel processo di produzione dei laterizi. A chiudere gli appuntamenti,venerdì primo ottobre un convegno di approfondimento sullo stato dell’arte e le tendenze nel settore dei minerali industriali appli cati all’industria ceramica.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 10

41


Ceramics in architecture

Ceramica in architettura How will ceramic materials be used in urban architecture over the next few years? Twelve young designers from 11 different countries studying at the IED (European Design Institute) have explored the theme with interesting projects that are on display at the 22nd Tecnargilla, the world’s largest exhibition of supplies to the ceramic industry held in Rimini from 27 September to 1 October. This fifth edition of the initiative underscores the exhibition organisers’ attention to future developments in the ceramic sector. Some of the projects showcased in previous editions and soon to be featured in a book have already been adopted at an industrial level. The projects follow on from a course held in Milan by professor Raoul Schoumaker, a designer specialising in product/ project management, as part of the syllabus of the threeyear degree in Industrial Design and range from urban design through to renewable energy sources and road construction. The common thread running through all the projects is the technical and aesthetic quality and the versatility of ceramic materials, making them an effective tool for creating innovative architectural and design objects. The following are a few of the most significant works. (JF) 

W-FUNK 301 self-irrigating

noise

- Nathalie barriers

Quale sarà l’impiego dei materiali ceramici nell’architettura urbana dei prossimi anni? Dodici giovani designer dello IED (Istituto Europeo del Design) provenienti da 11 diversi Paesi si sono interrogati sul tema e hanno realizzato degli interessanti progetti applicativi esposti in mostra alla 22esima edizione di Tecnargilla, la maggiore fiera al mondo per la fornitura all’industria ceramica, in svolgimento a Rimini dal 27 settembre al 1 ottobre. L’iniziativa, ormai giunta alla quinta edizione, conferma l’attenzione degli organizzatori della fiera agli sviluppi futuri del settore ceramico. Alcuni dei progetti presentati nelle precedenti edizioni presto raccolti in un volume tecnico-divulgativo, hanno già trovato applicazione industriale. I lavori, risultato di un corso tenuto a Milano dal professor Raoul Schoumaker, designer specializzato nel management di prodotti/ progetti, inserito all’interno del percorso di studi per la laurea triennale di Industrial Design, spaziano dall’arredo urbano, allo sfruttamento delle energie rinnovabili, al campo stradale. Ad accomunare tutti i progetti le qualità tecniche ed estetiche e la versatilità della ceramica, considerata un valido alleato per la progettazione e realizzazione di innovativi oggetti architettonici e di design. Presentiamo in queste pagine alcuni dei lavori più significativi. 

Bäck (Sweden)

A modular, self-locking noise barrier consisting of ceramic flowerpots with a selfirrigating mechanism based on falling rainwater. The intrinsic characteristics of ceramics such as resistance to fire, thermal shock and dirt make it an ideal urban design material for public and private spaces.

tecnargilla

Prada 2010

barriere anti-rumore auto-irriganti

Una barriera anti-rumore modulare e autobloccante costituita da vasi da fiori in ceramica auto-irriganti grazie al meccanismo di caduta dell’acqua piovana. Le caratteristiche intrinseche della ceramica, quali, la resistenza al fuoco, agli sbarzi termici e allo sporco, la rendono un arredo urbano ideale per spazi pubblici e privati.

42

Cera mic W o rld Review 88/ 2010


VIRIDIS modular

green

- Attila Veress (Romania) roof

Viridis, from the Latin term for green, is a design concept based on the construction of green roofs using modular ceramic elements, some of which are flat while others serve as containers for plants. The system also features a system for allowing excess water to drain from one element to the next.

tetto

verde

modulare

Viridis, dal latino verde, è un’idea progettuale basata sulla realizzazione di tetti verdi grazie all’utilizzo di elementi modulari in ceramica, alcuni piani, altri contenitivi dove alloggiare le piante. Il sistema prevede inoltre un sistema di scolo dell’acqua in eccesso da un elemento all’altro.

C3

- Pryank Sojatia (India) anti-impact road barriers C3, Ceramic Crush Cushion is an idea inspired by the protective barriers in formula 1 motor racing, which use modular panels made of extruded ceramic to stop cars that have gone off the track and cushion the impact. The impact between the car and the barrier breaks the ceramic sheets, allowing the vehicle to stop inside the barrier, which is filled with sand, inert material and ceramic waste recycled from previous accidents. Within urban areas these barriers could be made more attractive by planting flowers inside them.

barriere

stradali

paraurto

C3, Ceramic Crush Cushion è un idea ispirata dalle barriere protettive della formala 1 che ipotizza l’utilizzo di pannelli modulari in ceramica estrusa per fermare la corsa delle vetture in difficoltà e attutirne l’impatto. L’urto della macchina sulla barriera romperebbe infatti le lastre di ceramica consentendone l’arresto all’interno della barriera riempita di sabbia, materiale inerte e scarti di ceramica riciclati da precedenti incidenti. All’interno del tessuto urbano tali barriere potrebbero anche essere abbellite piantandovi all’interno dei fiori.

Ce r am i c W or ld R e vi e w 88/ 2 0 10

43


ENIX

office use.

drilling is needed to hold up the wall.

The design proposal is to make a modular ceramic partition wall system for use both in domestic and office environments. The system can be raised with minimal tools and by persons with minimal technical skills. That means that buyers can order the wall units and assemble it themselves where ever they want to.

Different kinds of building blocks can be mixed and matched to create unique configurations and layouts.

The partition wall can be taken down and

with ceramic to create interior and exterior modular partition walls that are easy to install and do not require masonry work.

Ceramics in architecture

Assembly 1

Because the ceramic block units are exSindri sighvatsson (Islanda) truded, they are easy– to manufacture. modular walls for interiors and exteriors The name of the product is BITAR which Bitar exploitsmeans the wealth of decorations, sizes and shapes that are possible in Icelandic pieces.

BITAR

pareti 2

modulari

3

interno

4

e

esterno 5

Bitar si inserisce all’interno del filone delle pareti modulari per interni ed esterni e punta sulla ricchezza decorativa, di formati e forme, possibili con la ceramica per creare pareti divisorie modulari di facile installazione che non richiedono opere murarie.

Special wallmounting Then the first pole is Then the first block is raised and fastened in set up ceramic pieces are first set up against the place wall

Scale

per

And the rest of the blocks in that column

Layout examples

Next pole is raised and fastened

Configuration examples The walls can be set up in many layouts, straight and with turns. . The blocks can turn approx. 30-40° on the poles.

CERHYGIENIX Urban

antibacterial

– Yigit Bora (Turkey)

elements

Cerhygienix proposes the use of antibacterial bioceramics to make frequently-touched objects in public spaces such as bus handrails, ATM keys and public telephones which are major sources of germs and bacteria.

nsitive Keyboard gy

Elementi

th connection to the pc , 2 de.

Bioceramic Handles

Finishing

Technology

Bioceramic coating Handles and handle bars are coated with bioceramics.Bioceramics are used in implants and medical procedures and they are closely related to bodys own parts and they are extremely durable. They dont react to chemicals , they dont keep bacteria and germs on the surface , they are self cleaning.

Features

Colors , Materials & Finishing

44

C era mic W o rld Review 88/ 2010

antibatterici

Cerhygienix ipotizza l’uso della bioceramica, antibatterica, per realizzare gli oggetti coi quali veniamo maggiormente in contatto, come le maniglie dei bus, le tastiere dei bancomat o i telefoni pubblici, principali sorgenti di germi e batteri.

a conductive layer. A small  g in a uniform electrostatic man finger, touches the uncally formed. The sensor's  of the touch indirectly from ured from the four corners

are customizable according

urbani

6

The proce peated as as needed direction d

The ma blocks a ary build can be many d figuratio many d outs.


CREATIVE VISION

Our mission: creating, seeing our talent beyond surfaces. A work starting from the search for a creativity matching trend sensitivity and innovative spirit. Sometimes our creativity is transposing nature, sometimes instead it comes from an exclusive projecting in a design, fashion and technology perspective. We can give surfaces a new life, a new appearance able to attract glances and to change the future of those not following fashion, rather creating it, like we do.

Creative italian s-tile

Italy, Brasil, Spain, Mexico, Iran, Egypt

www.grupposrs.com | posta@grupposrs.com


Ceramics in architecture UV urban

– Kaisha Davierwalla social cells

(India)

U (you) V (we) is a ceramic shell equipped with chairs and tables, reminiscent of toy railway carriages and designed to promote socialisation in city public spaces. Made of ceramic, they exploit all the material’s technical and aesthetic qualities, offering shelter from the elements in an aesthetically appealing temporary space.

celle

di

socialità

urbana

U (you) V (we) è un guscio di ceramica dotato di sedute e tavolini, che ricorda i vagoni ferroviari dei giochi da bambini, pensato per favorire la socialità all’interno degli spazi pubblici cittadini. Realizzati in ceramica, sfruttano tutte le qualità tecniche ed estetiche del materiale, consentendo il riparo dagli agenti atmosferici in uno spazio temporaneo esteticamente gradevole.

Ripples rainwater

– So Jo-ying collection system

(Taiwan)

Ripples is a project for the collection and purification of rainwater. By means of a system of organic filters with ceramic components, the rainwater is made drinkable and fed to a fountain, also made of white ceramic.

sistema

di

raccolta

di

acqua

piovana

Ripples è un progetto per la raccolta e la depurazione dell’acqua piovana. Attraverso un sistema di filtri organici con componenti ceramici, l’acqua piovana viene resa potabile ed erogata attraverso una fontanella, anch’essa realizzata in ceramica bianca.

46

Cera mic W o rld Review 88/ 2010


Ceramica in architettura Floor A heated

– Rob Wilson (Great Britain)

floor

Floor A is a floor heating system integrated into extruded ceramic modules. The system is based on a system for circulating hot and cold air inside the ceramic tiles. Their resistance to frost and high temperatures and their excellent aesthetic qualities make them suitable for both indoor and outdoor use. pavimento

riscaldante

Floor A è un sistema di riscaldamento a pavimento integrato nei moduli ceramici estrusi da cui è costituito. Il sistema si basa su un sistema di ricircolo di aria, calda e fredda, all’interno delle lastre in ceramica. Le caratteristiche di ingelività e resistenza alle alte temperature, oltre alle qualità estetiche, lo rendono idoneo per la posa in esterno ed esterno.

PORCELAIN EXTRUSION

SIMPLE

ASSEMBLY

120mm 180mm

300mm

QUAL-PEX POLYETHELENE PIPING

WATER FLOW

ADVERTISING

INFINITE FINISHINGS

CHECKERED MATT

HAND PAINTED

COLOURFUL

E-MAIL: ROBERTGORDONWILSON@IED.EDU

WATER SEALING

HIGH GLOSS

GRANITE

WOOD EFFECT

STONE

EXPANDING HYDROPHILIC RUBBER

FLOOR A

ROB WILSON


Ceramics in architecture M-WIND

– Air-conditioning

Mamoru Nagaya (Japan) system for buildings

M-Wind is a futuristic project designed to exploit air currents generated by the height of buildings. Facades are fitted with ceramic turbines capable of capturing urban wind and transforming it into energy used for air-conditioning interior spaces.

Sistema

di

condizionamento

per

edifici

M-Wind è un progetto futuristico pensato per sfruttare le correnti d’aria generate dall’altezza degli edifici: prevede l’installazione sulle facciate di turbine ceramiche in grado di catturare i “venti urbani” per trasformarli in energia da utilizzare nel condizionamento degli ambienti interni.

Breathe ceramic

– Cara Iudd (South Africa)

humidifier

and

designer

radiator

Breathe is an interior humidifier that exploits the porosity of ceramics to absorb the humidity present in the atmosphere and subsequently release it in the form of water. Conversely, it can be filled with water to humidify the atmosphere and connected to heating systems to serve as a radiator.

48

umidificatore

e

termoarredo

in

ceramica

Breathe è un umidificatore da interni che sfrutta la porosità del materiale ceramico per assorbire e restituire sotto forma di acqua l’umidità presente negli ambienti. Può essere, al contrario, riempito d’acqua per umidificare gli ambienti e collegato al sistema di riscaldamento, trasformandosi in termoarredo.

air humidifier for a contemporary li

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Youâ&#x20AC;&#x2122;re on a roll with

Thereâ&#x20AC;&#x2122;s only one way to ensure perfection in ceramic decoration: use faultless rollers with precision engraving. Assoprint rolls out its LTP system: laser machines for engraving not just silicone but all types of rollers. The LTP system produces precision engraved rollers that will blow you away with their cutting-edge technology for results beyond your wildest dreams.

www.assoprint.it


TMOD road

tunnel

Daniela system

Pinto (Guatemala)

Tmod is a modular tunnel system made of ceramic materials for use as safety and noise barriers on roads and motorways. It consists of individual s ingle-mould elements that are easy to transport and install and are available with custom colours and decorations. sistema

di

tunnel

stradali

Tmod è un sistema modulare di tunnel in materiali ceramici da usare come barriere protettive e antirumore nelle vie stradali e autostrali. Si articola in elementi singoli monostampo facili da trasportare e montare personalizzabili nei colori e nei decori.

SEESAW urban

drinking

– Benazir Iskender (Kurdistan) fountains

After noting that one of the factors that discourage people from using public drinking fountains is the apparent lack of hygiene, Benazir Iskender has designed Seesaw, a ceramic fountain with clean styling and intrinsic antibacterial and hygienic characteristics and with two water outlets: below for washing hands and above for drinking.

50

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

fontanelle

cittadine

Dopo aver appurato che uno dei motivi che scoraggiano le persone all’utilizzo delle fontane pubbliche è l’apparente scarsa igiene, Benazir Iskender ha progettato Seesaw, una fontana in ceramica dalle linee pulite e dall’intrinseca antibattericità e igiene dotata di due modalità di erogazione dell’acqua: in basso per l’igiene delle mani in alto per dissetarsi.


Innovation, research, creativity, for perfect, high-definition results. Because for 40 years now Smalticeram has been synonymous with high-performance ceramics.

1970-2010

www.smalticeram.it Italia - Indoasia - Espana - Brasil - South Africa

+

40 YEARS OF COLOUR


World production and consumption of ceramic tiles Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica Ceramic World Review is once again publishing its annual survey of world production, consumption, exports and imports of ceramic tiles in 2009. While 2008 was the year of the first real slowdown for the tile industry, 2009 saw a worsening of the trends already in evidence during that first year of crisis; whereas 2008 brought a sharp deceleration in the customary growth rates, 2009 saw a negative sign firmly placed in front of almost all the indicators. This much may seem obvious, but the true scale of the contraction of the industry and world markets emerges from the figures we shall look at below. Global production fell from 8,520 to 8,515 million square metres (-0.1%) compared to an average annual increase of 6-7% in the period 2004-2007 and a 3.2% increase in 2008. Total tile consumption grew by just 1.3% to 8,460 million sq.m (compared to +3.6% in 2008 and an average +8% during the previous years). But export trends were the worst hit by the world crisis. Imports/exports, which had already slowed sharply in 2007 (+2.4%) and in 2008 (+0.47%), dropped by 9.6% in 2009, down from 1,919 to 1,735 million sq.m. Like every year, figures for new countries have been included and previous years’ data corrected on the basis of the latest information provided by the trade associations representing the leading ceramic producer countries and by individual companies and researchers who for years now have been collaborating with our magazine on the survey and whom we would like to thank.

Puntuale torna l’appuntamento di Ceramic World Review con i dati di produzione, consumo, esportazione e importazione di piastrelle a livello mondiale aggiornati al 2009. Se avevamo battezzato il 2008 come l’anno della prima vera “doccia fredda” dell’industria delle piastrelle, il 2009 non ha fatto altro che confermare, acutizzandole, tutte le linee di tendenza evidenziate in quel primo anno di crisi: se il 2008 aveva mostrato la netta decelerazione dei tassi di crescita a cui eravamo abituati, il 2009 ha definitivamente posto il segno meno davanti a quasi tutti gli indicatori. Fin qui pare un’ovvietà; quale sia stata invece la reale misura della contrazione dell’industria e del mercato mondiale è quello che vedremo di seguito. La produzione globale è scesa da 8.520 a 8.515 milioni di metri quadrati (-0,1%), contro un incremento medio annuo del 6-7% nel periodo 2004-2007 e un +3,2% nel 2008. I consumi totali di piastrelle sono cresciuti appena dell’1,3% a 8.460 milioni mq (contro un +3,6% del 2008 e un +8% medio annuo negli anni precedenti). Ma è sulle dinamiche esportative che si è definitivamente abbattuta la scure della crisi mondiale. I flussi di import/export, che avevano già rallentato pesantemente la loro crescita nel 2007 (+2,4%) e nel 2008 (+0,47%), nel 2009 hanno perso il 9,6% scendendo da 1,919 a 1,735 milioni mq. Prima di addentrarci nell’analisi, ricordiamo che, come ogni anno, abbiamo provveduto ad inserire i dati relativi a nuovi paesi e a correggere, sulla base di più recenti informazioni, le cifre degli anni precedenti. Questo grazie al contributo delle as-

WORLD MANUFACTURING AREAS

WORLD CONSUMPTION AREAS

2009 (Sq.mt Mill.)

% on world production

% var. 09/08

AREAS

1,076

12.6

-24.8

OTHER EUROPE (Turkey included)

395

4.6

NORTH AMERICA (Mexico included)

252

CENTRAL-SOUTH AMERICA

AREAS

economics

EUROPEAN UNION (27)

ASIA AFRICA OCEANIA TOTAL

52

2009 (Sq.mt Mill.)

% on world consumption

% var. 09/08

EUROPEAN UNION (27)

991

11.7

-18.8

-10.4

OTHER EUROPE (Turkey included)

418

4.9

-11.1

3.0

0.0

NORTH AMERICA (Mexico included)

360

4.3

-10.9

896

10.5

-0.8

CENTRAL-SOUTH AMERICA

909

10.7

+1.0

5,542

65.1

+7.1

ASIA

5,273

62.3

+8.2

347

4.1

+11.9

AFRICA

472

5.6

+10.0

7

0.1

-12.5

OCEANIA

37

0.4

-14.0

8,515

100.0

-0.1

TOTAL

8,460

100.0

+1.3

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Exclusive content

1) World tile production in 2009 amounted to 8,515 million square metres, 0.1% down on the 8,520 million sq.m of 2008. The overall fall was limited by the positive trend in Asia (+7.1%) and Africa (+11.9%). Asia produced 5,542 million sq.m (366 million sq.m more than in 2008), bringing its share of world production to 65.1%. All the top producer countries in the Asian continent have increased their national production: China (+200 million sq.m), India (+100 million sq.m), Iran (+30 million sq.m),Vietnam (+25 million sq.m), Saudi Arabia (+15 million sq.m), while the others have remained at 2008 levels. Only Japan and Taiwan have suffered falls of approximately 8 million sq.m each. The growth in Africa (40 million sq.m more than in 2008) is due exclusively to the sharp increase in production in Egypt, a country that is continuing the expansion that it began twenty years ago and which sees new facilities started up each year. In this connection, see the focus section published on page 90 in this issue. Production in the American continent remains stable. Central and South America saw a fall of 7 million sq.m to 896 million sq.m (0.8% down on 2008), while in North America (USA, Canada and Mexico) the increase in the USA offset the small fall in Mexico, leaving production stationary at 252 million sq.m. The sourest note concerns Europe, which has suffered a 400 million square metre fall in production: 354 million sq.m less in the European Union (EU-27), which has seen the biggest fall

sociazioni di categoria attive nei maggiori paesi produttori di ceramica, singole aziende e ricercatori che ormai da anni collaborano con la nostra rivista per la realizzazione dello studio e che ringraziamo.

WORLD EXPORTING AREAS

International trade 2009 (on Total World Consumption)

2009 (Sq.mt Mill.)

% on world consumption

% var. 09/08

EUROPEAN UNION (27)

660

7.8

-19.3

OTHER EUROPE (Turkey included)

96

1.1

-25.0

NORTH AMERICA (Mexico included)

56

0.7

-16.4

CENTRAL-SOUTH AMERICA

92

1.1

-20.7

ASIA

797

9.4

+5.8

AFRICA

33

0.4

-8.3

OCEANIA

1

0.0

-

1,735

20.5

-9.6

AREAS

TOTAL

1) Nel 2009 la produzione mondiale di piastrelle è stata di 8.515 milioni mq, -0,1% rispetto agli 8.520 milioni mq del 2008. A limitare il calo complessivo, l’andamento rimasto positivo in Asia (+7,1%) e in Africa (+11.9%). L’Asia ha prodotto 5.542 milioni mq (366 milioni mq in più rispetto al 2008), portando la sua quota sulla produzione globale al 65,1%. Tutti i maggiori paesi produttori del continente asiatico hanno aumentato la produzione nazionale: Cina (+200 milioni mq), India (+100), Iran (+30),Vietnam (+25), Arabia Saudita (+15), mentre gli altri l’hanno mantenuta sui livelli 2008 e solo Giappone e Taiwan l’hanno ridotta di circa 8 milioni mq ciascuno. La crescita in Africa (40 milioni mq in più rispetto al 2008) deriva invece dal forte incremento produttivo del solo Egitto, che prosegue la sua dinamica espansiva iniziata vent’anni fa e che ogni anno vede entrare in funzione nuovi stabilimenti. Al riguardo si veda l’approfondimento pubblicato in questo numero a pagina 90. Stabile la produzione nel continente americano. Il Centro-Sud America ha perso 7 milioni mq portandosi a 896 milioni mq (-0,8% sul 2008), mentre in Nord America (Usa-Canada-Messico) l’aumento statunitense ha compensato il lieve calo messicano lasciando la produzione ferma a 252 milioni mq.

Domestic sales 79.5%

Import Export 20.5%

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 10

53


Exclusive content from 1,430 to 1,076 million sq.m (-24.8%), and 46 million sq.m less in non-EU Europe, down from 441 to 395 million sq.m (-10.4%). While the most dramatic falls were in Spain (-171 million sq.m) and Italy (-45 million sq.m), the other EU member states also experienced downturns of between 1 and 8 million sq.m, pushing the EU’s share of world production down from 16.8% to 12.6%. The fall in non-EU Europe was entirely attributable to the downturns in Russia (-30 million sq.m) and Turkey (-20 million sq.m). 2) In 2009 world tile consumption increased by just 110 million sq.m, from 8,350 million sq.m to 8,460 million sq.m (+1.3%). In the last two years we have seen a rapid convergence between the values of world consumption and production (in the past the gap between the two figures was as high as 400

Le note più amare riguardano il vecchio continente, l’Europa, che ha visto sfumare ben 400 milioni mq di produzione: 354 milioni in meno nell’Unione Europea (a 27), che registra il ridimensionamento più pesante scendendo da 1.430 a 1.076 milioni mq (-24,8%), e 46 milioni mq in meno nell’area Europa extra-UE, scesa da 441 a 395 milioni mq (-10,4%). Alle riduzioni più eclatanti di Spagna (-171 milioni mq) e Italia (-45 milioni mq) si sommano i cali (contenuti tutti tra 1 e 8 milioni mq) in tutti gli altri paesi della UE, che riduce quindi la sua quota sulla produzione mondiale dal 16,8% al 12,6%. In Europa extra-UE, il calo è interamente imputato alle contrazioni di Russia (-30 milioni mq) e Turchia (-20 milioni mq). 2) Nel 2009 il consumo mondiale di piastrelle è aumentato appena di 110 milioni mq, da 8.350 a 8.460 milioni mq (+1,3%).

TOP MANUFACTURING COUNTRIES COUNTRY

2005 (Sq.m Mill.)

2006 (Sq.m Mill.)

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

% on 2009 world production

% var. 09/08

1.

CHINA

2,500

3,000

3,200

3,400

3,600

42.3

5.9

2.

BRAZIL

568

594

637

713

715

8.4

0.2

3.

INDIA

298

340

385

390

490

5.8

25.6

4.

ITALY

570

569

559

513

368

4.3

-28.2

5.

IRAN

190

210

250

320

350

4.1

9.4

6.

SPAIN

609

608

585

495

324

3.8

-34.5

7.

VIETNAM

176

199

254

270

295

3.5

9.3

8.

INDONESIA

175

170

235

275

278

3.3

1.2

9.

TURKEY

261

265

260

225

205

2.4

-8.9

10.

EGYPT

112

122

140

160

200

2.3

25.0

11.

MEXICO

196

210

215

205

200

2.3

-2.4

12.

THAILAND

138

139

130

130

128

1.5

-1.5

13.

RUSSIA

100

115

135

147

117

1.4

-20.4

14.

POLAND

108

110

112

118

112

1.3

-5.1

15.

MALAYSIA

71

75

75

85

90

1.1

5.9

16.

UAE

68

75

76

77

77

0.9

0.0

17.

PORTUGAL

72

74

74

74

70

0.8

-5.1

18.

ARGENTINA

48

54

60

60

56

0.7

-6.7

19.

SAUDI ARABIA

20

22

34

40

55

0.6

37.5

20.

MOROCCO

44

47

50

51

54

0.6

4.9

21.

GERMANY

62

64

67

59

51

0.6

-13.6

22.

COLOMBIA

40

44

48

50

50

0.6

0.0

23.

USA

61

58

51

45

50

0.6

10.4

24.

UKRAINE

20

21

27

39

44

0.5

12.8

25.

SOUTH KOREA

46

44

42

39

42

0.5

9.6

26.

SOUTH AFRICA

33

37

38

38

32

0.4

-15.8

27.

TAIWAN

53

53

50

40

32

0.4

-20.0

28.

SYRIA

19

19

19

28

31

0.4

10.7

29.

ALGERIA

28

28

28

28

30

0.4

7.1

30.

VENEZUELA

26

28

30

32

30

0.4

-6.3

TOTAL

6,713

7,395

7,866

8,145

8,176

96.0

0.4

WORLD TOTAL

7,077

7,760

8,252

8,520

8,515

100.0

-0.1

In 2009, the 30 major manufacturing countries covered 96.0% of world production

54

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Atlantis, the Palm, Palm Jumeirah, Dubai, UAE

Burj Khalifa, Dubai, UAE

the Water Cube, national Aquatics Centre, Beijing, China

snAP it

For additional company information snap the image with your phone. Get the free app for your phone at http://gettag.mobi

Proven Products Around the Globe. LATICRETE is a family owned worldwide manufacturer of products used for the installation of tile and stone. For over 50 years now, LATICRETE has been known for high performance installation materials for both residential and commercial tile and stone installations. From underlayments, waterproofing, sound and crack isolation, floor warming, tile adhesives, and grouts, LATICRETE offers the products, systems, warranties and technical support to help projects become a success. Visit www.laticrete.com for more information. +1.203.393.0010 A-3007-0810

Š2010 LATICRETE International, Inc. LATICRETE, LATAPOXY, SPECTRALOCK and the

logo are Registered Trademarks of LATICRETE International, Inc.


Exclusive content million sq.m) due to the need not to further increase warehouse stock and if possible to shed the volumes accumulated in previous years. The breakdown in consumption by geographical area is very similar to that of production. Asia once again showed the highest growth in demand at +8.2% to a total of 5,273 million sq.m or 62.3% of world consumption. Once again, China, India, Indonesia, Iran, Saudi Arabia and Malaysia were the countries making the biggest contribution to this increase. Growth was also reported in Africa (+10.0% to 472 million sq.m) and in Central and South America (+1% to 909 million sq.m). By contrast, consumption fell in Europe and North America. In North America demand dropped from 404 to 360 million sq.m (-10.9%) with falls not only in the USA (-28 million sq.m following the 111 million sq.m lost in the previous two years), but also in Mexico (-13 million sq.m) and

Negli ultimi due anni si è notato un rapido allineamento dei valori di consumo e produzione mondiale (in passato il gap tra essi poteva raggiungere anche i 400 milioni mq), conseguenza anche della necessità di non appesantire ulteriormente gli stock di magazzino, anzi, possibilmente, di smaltire gli accumuli degli anni precedenti. Molto simile a quello della produzione è l’andamento dei consumi per area geografica. La crescita più elevata della domanda si è registrata ancora in Asia: +8,2%, per un totale di 5.273 milioni mq, ossia il 62,3% del consumo mondiale. Cina, India, Indonesia, Iran, Arabia Saudita, Malaysia i maggiori responsabili dell’aumento anche in questo caso. In crescita anche Africa, (+10,0%, salita a 472 milioni mq), e Centro-Sud America (+1% a 909 milioni mq). Europa e Nord America, per contro, le aree in cui i consumi si sono contratti. In Nord America la domanda è scesa da 404 a 360 milioni mq (-10,9%): in calo non solo gli USA (-28 milioni mq che si aggiun-

TOP CONSUMPTION COUNTRIES COUNTR

2005 (Sq.m Mill.)

2006 (Sq.m Mill.)

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

% on 2009 world consumption

% var. 09/08

1.

CHINA

2,050

2,450

2,700

2,830

3,030

35.8

7.1

2

BRAZIL

443

484

535

605

645

7.6

6.5

3.

INDIA

303

350

397

403

494

5.8

22.6

4.

INDONESIA

155

148

178

262

297

3.5

13.4

5.

IRAN

153

182

236

265

295

3.5

11.3

6.

VIETNAM

120

145

210

220

240

2.8

9.1

7.

EGYPT

93

103

105

140

180

2.1

28.6

8.

USA

303

308

249

197

169

2.0

-14.2

9.

SAUDI ARABIA

90

100

110

136

166

2.0

22.1

10.

MEXICO

161

164

173

176

163

1.9

-7.2

11.

SPAIN

303

319

314

240

156

1.8

-34.9

12.

ITALY

192

199

199

176

146

1.7

-16.8

13.

RUSSIA

131

151

176

191

139

1.6

-27.3

14.

TURKEY

169

179

161

129

138

1.6

6.5

15.

THAILAND

120

121

120

120

117

1.4

-2.5

16.

FRANCE

130

120

129

128

113

1.3

-11.5

17.

GERMANY

132

128

124

112

106

1.3

-4.8

18.

SOUTH KOREA

94

99

110

99

99

1.2

0.5

19.

POLAND

101

102

100

103

93

1.1

-10.1

20.

UAE

70

80

81

96

77

0.9

-19.8

21.

MALAYSIA

52

45

53

50

69

0.8

38.0

22.

MOROCCO

49

52

56

60

66

0.8

9.2

23.

ARGENTINA

44

48

55

59

55

0.7

-6.8

24.

COLOMBIA

44

48

53

54

53

0.6

-1.9

25.

GREAT BRITAIN

72

75

75

66

50

0.6

-23.7

26.

PORTUGAL

51

47

48

50

48

0.6

-2.8

27.

UKRAINE

29

33

47

59

48

0.6

-18.6

28.

SOUTH AFRICA

44

48

50

50

43

0.5

-14.0

29.

ALGERIA

33

34

35

37

40

0.5

8.1

30.

PHILIPPINES

30

33

37

38

40

0.5

5.3

TOTAL

5,762

6,393

6,914

7,150

7,374

87.2

3.1

WORLD TOTAL

6,750

7,450

8,060

8,350

8,460

100.0

1.3

In 2009, the 30 major consuming countries covered 87.2% of world consumption

56

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Rajasthan

The distinct rustic tile to complement your surroundings low water absorption rate of 0.4% minimum maintenance manufactured using high-definition printing technology

P.O.Box. 4714 Ras Al Khaimah, United Arab Emirates (U.A.E) Tel: +971 7 2445046, Fax: +971 7 2445270 export@rakceram.com localsales@rakceram.com

www.rakceramics.com


Exclusive content Canada (-4 million sq.m). In the European Union demand plummeted to 991 million sq.m (230 million sq.m less than in 2008, -18.8%, following a loss of 121 million sq.m the previous year), as a result of a generalised downturn in all the countries in the region, the biggest fall once again being in Spain (-84 million sq.m). Demand also fell in non-EU Europe (-11.1%) to 418 million sq.m, although in this case the decline was due exclusively to the drop in demand in Russia (50 million sq.m less) whereas almost all the other countries remained at 2008 levels. 3) The comparison between the various continents’ contributions to world tile production and consumption maintained the pattern revealed in the past, in other words a substantial similarity between the two values, demonstrating that tiles tend to be produced near their areas of consumption. Asia accounted for 65% of production and 62% of world consumption, Europe (EU + non-EU) for 17.2% and 16.6% respectively, the Americas 14% and 15% and Africa 4% and 5.6%. 4) The freeze on world exports affected all areas of the planet, albeit with different intensities. The only exception was Asia, although its exports grew by a much smaller amount than in the past. Overall a total of 1,735 million sq.m were exported in 2009 (184 million sq.m less than in 2008, -9.6%), a fall that brings exports back to 2005 levels. Exports from the European Union fell to 660 million sq.m (-19.3%), 158 million sq.m less than in 2008, effectively the sum of the losses from Italy (-74 million sq.m) and from Spain (-70 million sq.m). Non-EU Europe saw a fall from 128 to 96 million sq.m (-25%), Central and South America from 116 to 92 million sq.m (-20.7%), North America from 67 to 56 million sq.m (-16.4%), and Africa from 36 to 33 million sq.m (-8.3%). As we said, only Asia saw an increase, up from 753 to 797 million sq.m (+5.8%). 5) Each year imports/exports are falling as a percentage of

gono ai 111 milioni mq persi nei 2 anni precedenti), ma anche il Messico (-13 milioni mq) e il Canada (-4 milioni). In Unione Europea la domanda è crollata a 991 milioni mq (230 milioni in meno sul 2008, -18,8%, che si sommano ai 121 milioni persi l’anno prima), risultato del calo generalizzato in tutti i paesi dell’area, con il picco negativo ancora una volta in Spagna (-84 milioni mq). In flessione (-11,1%) anche la domanda nell’area Europa extra-UE, pari a 418 milioni mq, dove però la contrazione è imputabile al crollo della domanda in Russia (50 milioni mq in meno), mentre quasi tutti gli altri paesi si sono mantenuti sui livelli 2008. 3) Il confronto del contributo di ogni continente alla produzione e al consumo mondiali di piastrelle continua a mostrare le evidenze emerse in passato, ossia una sostanziale omogeneità dei due valori, a riprova che si tende a produrre laddove si consuma: l’Asia rappresenta il 65% della produzione e il 62% del consumo mondiali, l’Europa (UE + Extra-UE) rispettivamente il 17,2% e il 16,6%, le Americhe il 14% e il 15% e l’Africa il 4% e il 5,6%. 4) La gelata sulle esportazioni mondiali ha coinvolto, seppure con diversa intensità, tutte le aree del pianeta, ad eccezione dell’Asia che, tuttavia, ha aumentato il proprio export in misura ben più contenuta che in passato. Complessivamente nel 2009 si sono esportati 1.735 milioni mq (184 milioni mq in meno rispetto al 2008, -9,6%), un calo che riporta i flussi di commercio internazionale sui livelli del 2005. L’export dell’Unione Europea è sceso a 660 milioni mq (-19,3%), 158 milioni mq in meno rispetto al 2008, di fatto la somma delle perdite italiana (-74 milioni mq) e spagnola (-70 milioni mq). L’Europa extra-UE è scesa da 128 a 96 milioni mq (-25%), il Centro-Sud America da 116 a 92 milioni mq (-20,7%), il Nord America da 67 a 56 milioni mq (+16,4%), l’Africa da 36 a 33 milioni mq (-8,3%). Come si diceva, in aumento solo l’Asia, salita da 753 a 797 milioni mq (+5,8%). 5) L’incidenza dei flussi di import/export sul consumo mondiale, che si riduce anno dopo anno (dal 26% del 2002, al 24% del

TOP EXPORTING COUNTRIES COUNTRY

2005 (Sq.m Mill.)

2006 (Sq.m Mill.)

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

% on 2009 world consumption

% on 2009 world exports

% var 09/08

1

CHINA

342

450

500

570

584

6.9

33.7

2.5

2

ITALY

390

396

379

355

281

3.3

16.2

-20.9

3

SPAIN

341

336

333

306

235

2.8

13.6

-23.0

4

TURKEY

97

93

104

92

67

0.8

3.9

-26.8

5

BRAZIL

114

115

102

81

61

0.7

3.5

-25.4

6

MEXICO

46

55

56

62

51

0.6

2.9

-18.3

7

IRAN

14

19

17

27

40

0.5

2.3

48.9

8

THAILAND

25

27

25

25

36

0.4

2.1

44.0

9

POLAND

19

21

30

34

35

0.4

2.0

3.2

10

PORTUGAL

34

36

37

37

32

0.4

1.9

-12.1

11

UAE

25

32

38

34

31

0.4

1.8

-8.8

12

VIETNAM

12

15

25

25

28

0.3

1.6

12.0

13

EGYPT

16

17

22

23

23

0.3

1.3

0.0

14

MALAYSIA

18

22

18

23

23

0.3

1.3

0.0

15

GERMANY

21

24

26

28

23

0.3

1.3

-17.1

TOTAL

1,514

1,657

1,712

1,722

1,550

18.3

89.4

-9.9

WORLD TOTAL

1,715

1,865

1,910

1,919

1,735

20.5

100.0

-9.6

In 2009 the 15 major exporting countries represented 89.4% of total exports and 18.3% of total world consumption.

58

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Exclusive content world consumption (from 26% in 2002 to 24% in 2007, 23.2% in 2008 and 20.5% in 2009). 6) The world’s largest producer, consumer and exporter is China, although as always the figures are difficult to quantify due to the large discrepancies between the data provided by the various sources. We estimate production to be around 3,600 million sq.m, although some associations place it already at close to 6 billion sq.m. Production continues to be driven by the country’s enormous domestic growth, which was hit by the world economic crisis for only a very brief period. Chinese exports have instead been affected

2007, al 23,2% del 2008), si è fermata nel 2009 al 20,5%. 6) Maggiore produttore, consumatore ed esportatore mondiale è la Cina, come sempre di difficile quantificazione data l’ampissima discrepanza tra i dati forniti dalle varie fonti disponibili. La produzione, che stimiamo a 3.600 milioni mq, per alcune associazioni sarebbe già prossima ai 6 miliardi mq. La produzione continua ad essere trainata dall’enorme sviluppo interno del paese che, come è noto, ha conosciuto gli effetti negativi della crisi economica mondiale solo per un brevissimo periodo. Diverse invece le conseguenze sulle esportazioni del Made in China, vittime anch’esse della frenata della domanda mon-

ITALIAN AND SPANISH EXPORTS BY GEOGRAPHIC AREA IN 2009 (% values) Europe

Americas

Asia

Africa

Oceania

Total

value:

74.6%

13.8%

8.4%

1.8%

1.4%

100.0% (= 3,255 mill. Euros, -19.5% on 2008)

sq.m.

73.6%

13.7%

8.2%

3.2%

1.3%

100.0% (= 281 mill. sq.m., -20.9% on 2008)

value:

61.3%

9.1%

18.8%

10.0%

0.8%

100.0% (= 1,673 mill. Euros, -24.3% on 2008)

sq.m.

50.9%

8.9%

24.8%

14.8%

0.6%

100.0% (= 235.4 mill. sq.m, -23.0% on 2008)

Italy

Spain

ITALY: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

SPAIN: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

CHINA: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

2008

2009

2008

2009

2008

2009

1. FRANCE

56.9

49.7

1. FRANCE

26.8

24.5

1. SAUDI ARABIA

56.7

66.8

2. GERMANY

41.3

39.6

2. SAUDI ARABIA

16.8

18.7

2. UAE

41.2

37.4

3. USA

40.8

27.3

3. UK

16.5

12.7

3. SOUTH KOREA

33.5

29.8

4. GREECE

18.7

12.5

4. ISRAEL

8.7

9.2

4. SINGAPORE

26.7

28.6

5. AUSTRIA

10.4

9.9

5. USA

11.4

7.5

5. USA

27.6

28.1

6. BELGIUM+LUX

10.4

9.2

6. GREECE

12.8

7.3

6. NIGERIA

21.4

22.0

7. CANADA

8.5

7.4

7. RUSSIA

13.9

7.1

7. MALAYSIA

12.1

21.7

8. SWITZERLAND

7.8

7.4

8. PORTUGAL

10.2

7.0

8. PHILIPPINES

16.2

20.4

9. UK

8.7

6.5

9. ITALY

9.4

6.9

9. THAILAND

15.4

19.4

10. NETHERLANDS

6.5

5.4

10. GERMANY

7.4

6.4

10. HONG KONG

15.9

18.5

11. CROATIA

6.3

5.1

11. ALBANIA

7.1

6.2

11. KUWAIT

15.7

15.7

12. SAUDI ARABIA

6.8

4.9

12. MOROCCO

5.2

5.8

12. AUSTRALIA

14.9

15.4

13. ROMANIA

5.8

4.5

13. ALGERIA

5.7

5.6

13. INDIA

22.2

13.6

14. SWEDEN

5.1

4.4

14. NIGERIA

6.8

5.0

14. SOUTH AFRICA

10.4

13.1

15. HUNGARY

6.0

4.3

15. UAE

7.2

5.0

15. VIETNAM

10.0

11.7

16. POLAND

5.5

3.7

16. ROMANIA

14.5

4.7

16. BRAZIL

10.0

11.6

17. RUSSIA

6.3

3.5

17. JORDAN

5.1

4.1

17. GHANA

13.9

10.9

18. SLOVENIA

4.1

3.2

18. LYBIA

3.2

4.1

18. CAMBODIA

11.2

9.1

19. DENMARK

4.5

3.1

19. POLAND

4.8

3.5

19. MEXICO

11.2

8.6

20. ISRAEL

2.9

3.1

20. NETHERLANDS

4.4

3.2

20. PAKISTAN

13.0

8.5

21. CZECH REP.

3.5

3.0

21. KUWAIT

5.6

2.9

21. GERMANY

5.6

8.1

22. FINLAND

3.5

2.7

22. BELGIUM

3.3

2.9

22. ISRAEL

7.4

8.0

23. SPAIN

4.7

2.6

23. IRELAND

4.3

2.7

23. COLOMBIA

7.9

7.9

24. BULGARIA

n.a.

2.0

24. LEBANON

2.0

2.5

24. CANADA

6.6

7.2

25. AUSTRALIA

3.0

2.0

25. IRAK

0.9

2.4

25. KAZAKHISTAN

5.8

7.1

Source: Confindustria Ceramica

60

C era mic W o rld Review n. 88/2010

Source: Ascer

Source: China Customs


Exclusive content by the slowdown in world demand, according to our estimates rising by just 14 million sq.m, from 570 to 584 million sq.m (+2.5%). According to figures provided by the Chinese customs authorities (values are given in the table of the major Chinese export markets), total 2009 exports amounted to 686 million sq.m compared to 670 million sq.m in 2008. The main markets remained Asian and African countries. In 2009 China once again saw an increase in sales to Saudi Arabia, its largest export market at 67 million sq.m, while sales dropped to the second and third largest markets, the United Arab Emirates (from 41 to 37 million sq.m) and South Korea (from 33.5 to 29.8 million sq.m). Sales in the United States remained stable at 2008 volumes of 28 million sq.m.

diale: secondo le nostre stime, l’export cinese è cresciuto di appena 14 milioni mq, da 570 a 584 milioni mq (+2,5%). Secondo i dati forniti dalle Dogane Cinesi (di cui riportiamo i dati nella tabella dei maggiori mercati di esportazione cinese), l’export totale 2009 avrebbe raggiunto i 686 milioni mq contro i 670 milioni mq del 2008, continuando ad essere rivolto prevalentemente verso i mercati asiatici e africani. Nel 2009 la Cina ha nuovamente aumentato le vendite in Arabia Saudita, suo primo mercato estero, giunte a 67 milioni mq; sono invece scese le vendite verso il secondo e il terzo maggiore mercato di esportazione, ossia gli Emirati Arabi (da 41 a 37 milioni mq) e la Corea del Sud (da 33,5 a 29,8 milioni mq). Le vendite negli Stati Uniti sono rimaste stabili sui volumi 2008 a 28 milioni mq.

7) In 2009 Brazil maintained its position as the world’s second largest producer and consumer and the fifth largest exporter country. After increasing steadily for more than 20 years, production remained at 2008 levels of 715 million sq.m (+0.2%), while domestic consumption continued to rise reaching 645 million sq.m (+6.5%). Exports on the other hand continued to fall, dropping for the third year running from 81 to 61 million sq.m (-25.4%). Of this 20 million sq.m fall, 7 million sq.m was lost in Argentina, 4 million sq.m in Chile and 5 million sq.m in the United States. The 2010 forecasts published by Anfacer suggest major new increases in production capacity, production and domestic consumption (between 8% and 9%) and a 3% recovery in exports.

7) Nel 2009 il Brasile ha mantenuto il suo posizionamento di secondo maggiore produttore e consumatore mondiale e quinto paese esportatore. La produzione, in costante crescita da oltre 20 anni, si è mantenuta sui livelli 2008 a 715 milioni mq (+0,2%), mentre il consumo interno ha continuato a crescere raggiungendo i 645 milioni mq (+6,5%). È continuata invece la discesa sul fronte delle esportazioni, calate per il terzo anno consecutivo da 81 a 61 milioni mq (-25,4%): 20 milioni mq in meno, di cui 7 persi in Argentina, 4 in Cile e 5 negli Stati Uniti. Le previsioni 2010 di Anfacer indicano un nuovo forte incremento di capacità produttiva, produzione e consumo interno (tra l’8 e il 9%) e un recupero del 3% anche per l’export.

8) In 2009 Italy lost its position as third largest world producer to India and dropped to fourth position in the rankings. Production fell from 512.5 to 368 million sq.m (-28.2% on 2008). Total sales dropped from 506 to 408 million sq.m (-19.3%), of which 128 million sq.m was sold in Italy (-15.6%) and 281 million sq.m abroad (20.9% down on the 355 million sq.m of 2008), although this figure was sufficient to confirm Italy as the world’s second largest exporter. The negative performance of exports was due to a generalised fall in sales to all the main export markets, the most significant of which were the United States (down 13.5 million sq.m, -33%), France (-7 million sq.m, -12.6%), Greece (-6 million sq.m, -33%) and Russia (-3 million sq.m, -44.6%). The industry’s total turnover dropped to 4,508 million euro (-18.3% on 2008), of which 3,255 million euro (-19.5%) was generated by exports. There were a total of 181 companies in business at the end of 2009, 14 fewer than in 2008. Italy remains the country with the highest level of manufac-

8) Nel 2009 l’Italia ha ceduto la posizione di terzo maggiore produttore mondiale all’India, scendendo al quarto gradino del podio. La produzione è calata infatti da 512,5 a 368 milioni mq (-28,2% sul 2008). Le vendite complessive sono scese da 506 a 408 milioni mq (-19,3%), di cui 128 milioni mq venduti in Italia (-15,6%) e 281 milioni mq all’estero (-20,9% sui 355 milioni mq del 2008), sufficienti però a confermare il Bel Paese secondo maggiore esportatore mondiale. Il risultato negativo delle esportazioni è da imputare ad un calo generalizzato delle vendite su tutti i principali mercati di esportazione, tra cui i più significativi registrati negli Stati Uniti (13,5 milioni mq in meno, -33%), in Francia (-7 milioni mq, -12,6%), Grecia (-6 milioni mq, -33%) e Russia (-3 milioni mq, -44,6%). Il fatturato totale dell’industria è sceso a 4.508 milioni di euro (-18,3% sul 2008), di cui 3.255 milioni di euro (-19,5%) ricavati dalle esportazioni. A fine 2009 le aziende attive sono risultate 181, 14 in meno rispetto al 2008. L’Italia resta a livello mondiale il paese con il più alto grado di internazionalizzazione produttiva, con 19 società controllate o

TURKEY: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

BRAZIL: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

2007

2008

2009

2007

2008

2009

1. ISRAEL

10.8

10.5

9.0

1. USA

26.0

15.3

10.3

2. UK

11.3

10.5

8.3

2. PARAGUAY

6.2

7.8

6.8

3. GERMANY

7.4

7.5

6.7

3. DOMINICAN REP.

5.1

2.8

5.3

4. GEORGIA

8.0

6.1

4.9

4. ARGENTINA

10.1

10.9

3.9

5. CANADA

7.9

6.2

4.4

5. URUGUAY

-

2.3

2.6

6. AZERBAIJAN

4.9

5.2

4.0

6. TRINIDAD

-

1.8

2.3

7. FRANCE

5.5

4.0

3.2

7. CHILE

6.1

6.5

2.1

8. ROMANIA

4.7

6.3

3.2

8. ANGOLA

-

1.7

2.0

9. GREECE

6.2

4.8

3.1

9. JAMAICA

2.5

2.0

1.8

10. USA

5.6

3.5

1.8

10. PERU

2.8

1.2

1.3

Source: Serkap

62

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

Source: Anfacer


Exclusive content turing internationalisation in the world with 19 companies controlled entirely or partially by 9 Italian ceramic groups operating production facilities in the United States, Portugal, Spain, France, Germany, Sweden, Finland, Poland, Ukraine and Russia. Italian production abroad amounted to 108.7 million sq.m (14% down on 2008) with sales of 118 million sq.m to a value of 876 million euro (-13%). 9) In 2009 Spain was the country to suffer the biggest fall in terms of volume in production (from 495 to 324 million sq.m, -34.5%), consumption (from 240 to 176 million sq.m, -34.9%) and exports (from 306 to 235 million sq.m, -23.0%). As a result, it has dropped to sixth place amongst the major producer countries and to eleventh place in terms of consumption, but maintains its third place amongst exporter countries. Total sales of 382.4 million sq.m (-28%) enabled it to shed part of its warehouse stock. Total turnover fell to 2,591 million euro (-29.4%) of which 1,673 million euro derived from exports (-24.3%). Sales fell in almost all the main export markets, with the most significant losses in Russia, Romania and Greece. Conversely, Spain’s exports increased to some countries in the Middle East (Saudi Arabia, Israel, Iraq and Lebanon) and Africa (Morocco and Libya). Spain’s exports outside Europe have always been high and have further increased to 49% of total exports by volume and 39% by value. 10) As a result of a 25.6% growth in production over 2008 (from 390 to 490 million sq.m), India has become the third largest producer country, while maintaining its position as third largest consumer. The subcontinent’s economic growth

partecipate da 9 gruppi italiani con stabilimenti negli Stati Uniti, in Portogallo, Spagna, Francia, Germania, Svezia, Finlandia, Polonia, Ucraina e Russia: la produzione italiana di matrice estera è stata pari a 108,7 milioni mq (-14% sul 2008), con vendite pari a 118 milioni mq per un valore di 876 milioni di euro -13%). 9) Nel 2009 la Spagna è stato il paese a registrare, in quantità, le maggiori perdite di produzione (da 495 a 324 milioni mq, -34,5%), consumo (da 240 a 176 milioni mq, -34,9%) ed esportazione (da 306 a 235 milioni mq, -23.0%). Il paese iberico scende quindi al sesto posto tra i grandi paesi produttori, all’11° nella graduatoria del consumo, ma mantiene il terzo posto tra i maggiori paesi esportatori. Le vendite complessive, pari a 382,4 milioni mq (-28%), hanno consentito di smaltire parte dei magazzini. Il fatturato totale è sceso a 2.591 milioni di euro (-29,4%) di cui 1.673 derivanti dall’export (-24,3%). In calo le vendite su quasi tutti i principali mercati esteri, con perdite più significative in Russia, Romania e Grecia. In aumento invece la presenza spagnola in alcuni Paesi del Medio Oriente (Arabia Saudita, Israele, Iraq, Libano) e Africa (Marocco e Libia). L’export spagnolo al di fuori del continente europeo, da sempre elevato, è ulteriormente salito al 49% dell’export totale in volume e al 39% in valore. 10) Grazie alla crescita produttiva del 25.6% sul 2008 (da 390 a 490 milioni mq), l’India si è assicurata la posizione di terzo maggiore paese produttore, confermandosi anche terzo maggiore consumatore mondiale. Lo sviluppo economico del subcontinente indiano si riflette in un’industria in cui, nel corso del

TOP IMPORTING COUNTRIES COUNTRY

2005 (Sq.m Mill.)

2006 (Sq.m Mill.)

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

% on 2009 national consumption

% on 2009 world imports

% var. 09/08

1

USA

245

254

202

157

124

73.3

7.1

-20.9

2

SAUDI ARABIA

80

89

77

99

116

69.9

6.7

17.2

3

FRANCE

110

110

110

112

101

89.0

5.8

-10.2

4

GERMANY

90

87

83

80

78

73.4

4.5

-2.5

5

SOUTH KOREA

51

54

66

59

55

55.1

3.2

-7.8

6

UAE

35

51

43

55

45

58.4

2.6

-17.4

7

GREAT BRITAIN

64

66

67

58

43

86.0

2.5

-25.9

8

IRAQ

2

3

10

23

40

100.0

2.3

76.0

9

ISRAEL

29

26

30

30

30

90.9

1.7

0.0

10

RUSSIA

35

42

47

54

30

21.5

1.7

-44.8

11

GREECE

42

43

51

44

30

79.7

1.7

-33.0

12

NIGERIA

19

27

22

30

29

100.0

1.7

-3.3

13

THAILAND

22

20

22

25

28

23.9

1.6

12.0

14

AUSTRALIA

32

31

34

33

28

79.7

1.6

-15.9

15

CANADA

32

33

35

30

27

97.8

1.6

-10.0

16

BELGIUM + LUX.

22

23

28

26

25

97.3

1.5

-3.1

17

ROMANIA

27

28

33

35

22

62.9

1.3

-36.4

18

PHILIPPINES

9

11

15

16

21

52.5

1.2

35.5

19

KUWAIT

19

18

16

23

19

96.5

1.1

-16.1

20

ITALY

22

28

31

25

19

13.0

1.1

-23.4

TOTAL

985

1,043

1,020

1,012

910

60.5

52.4

-9.5

1,715

1,855

1,910

1,919

1,735

20.5

100.0

-9.6

WORLD TOTAL

In 2009 Imports of the 20 major importing countries represented 52.4% of total world imports and 10.8% of total world consumption.

64

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


Questi sono i motivi per cui i clienti di riferimento nel settore ceramico hanno scelto la tecnologia Durst Gamma. Se fate due conti, la scelta non può essere che una: Durst.

Siamo presenti al TECNARGILLA 27 settembre / 1 ottobre 2010 PAD.D1 - STAND 155 Gamma 70 Modular

Durst Phototechnik S.p.A. Bressanone, Italy Telefono 0472 810195 Telefax 0472 810189 www.durst.it - dvi@durst.it

Tecnologia Multidot HS per decorazione senza limiti ad alta qualità e velocità Velocità di stampa a 32m/min alla massima risoluzione e massimo scarico inchiostro 4 canali colore + 2

Gamma 75 HD

NUOVO sistema con tecnologia High Definition + Variable Dot Contone con altissima definizione e per sfumature delicate Velocità di stampa a 38m/min alla massima risoluzione e massimo scarico inchiostro 5 canali colori

Pictocer

NUOVO plotter ceramico per laboratorio per realizzare nuovi prodotti / piastrelle utilizzando inchiostri pigmentati ceramici Simulazione della qualità di stampa di Gamma 60/70 e Gamma 75HD 4 – 6 canali colori


Exclusive content is reflected in an industry that saw around forty new factories built in the Morbi area in Gujarat in 2009-2010 while other start-ups are scheduled for 2011. The country’s installed production capacity is already over 550 million sq.m and ICCTAS is forecasting further growth with respect to this figure in 2010. Exports and imports remain unchanged at fairly insignificant levels (2009 exports at 13 million sq.m and imports down from 24 to 17 million sq.m, almost all from China).

2009-2010, sono nate una quarantina di nuove fabbriche nella zona di Morbi nel Gujarat ed altre sono programmate per il 2011. Già ora la capacità produttiva installata nel paese è superiore ai 550 milioni mq ed è su queste cifre che ICCTAS anticipa le previsioni di ulteriore forte crescita prevista per il 2010. Invariate, ancorché poco significative, le esportazioni 2009 a 13 milioni mq e l’import sceso da 24 a 17 milioni mq (quasi tutto “Made in China”).

11) Iran, Vietnam and Indonesia are continuing to climb the rankings of the world’s top tile producers, occupying respectively the 5th, 7th and 8th positions in 2009. Iran reported volumes of 350 million sq.m (+9.4%), Vietnam 295 million sq.m (+9.3%) and Indonesia 278 million sq.m, the only one of the three to have remained almost stationary at 2008 levels with an increase of just 1.2%. The common factor shared by these countries is an increase in production in response to growing domestic demand. Indonesia is the world’s 4th largest consumer (297 million sq.m, 13.4% up on 2008), Iran is the 5th larg-

11) Iran, Vietnam e Indonesia continuano a risalire la graduatoria dei maggiori produttori mondiali di piastrelle, posizionandosi nel 2009 rispettivamente al 5°, 7° e 8° posto con volumi pari a 350 milioni mq in Iran (+9,4%), 295 milioni mq in Vietnam (+9,3%) e 278 milioni mq in Indonesia, l’unico ad essere rimasto pressoché sui livelli 2008 segnando solo +1,2%. Denominatore comune è una crescita produttiva che risponde ad una domanda interna in aumento: l’Indonesia è il 4° maggiore consumatore mondiale (297 milioni mq, +13,4% sul 2008), l’Iran è il 5° (295 milioni mq, +11,3%) e il Vietnam segue al sesto posto con 240

UK: SHARES OF CONSUMPTION 2009

FRANCE: SHARES OF CONSUMPTION 2009

TOTAL CONSUMPTION

50.0 million sq.m

TOTAL CONSUMPTION

113.0 million sq.m

Sales of domestic production

7.0 million sq.m

Sales of domestic production

16.7 million sq.m

Imports

43.0 million sq.m

Imports

100.6 million sq.m

Main imports from:

2007

2008

2009

Main imports from:

2007

2008

2009

1. SPAIN

19.9

16.5

12.7

1. ITALY

58.9

56.9

49.7

2. TURKEY

11.3

10.5

8.3

2. SPAIN

28.0

26.8

24.5

3. CHINA

6.8

6.7

7.0

3. PORTUGAL

12.0

11.9

11.8

4. ITALY

10.5

8.7

6.5

4. TURKEY

3.0

4.0

3.2

n.a.

n.a.

1.8

5. GERMANY

3.4

3.0

2.8

5. BULGARIA

1.2

2.8

2.6

1.9

2.0

1.5

6. CHINA

6. PORTUGAL

7. UAE

0.5

1.3

1.0

7. MALAYSIA

n.a.

n.a.

1.4

8. CZECH REP.

n.a.

0.8

1.0

8. BRAZIL

1.9

2.0

1.3

9. TUNISIA

0.5

1.3

0.7

9. GERMANY

n.a.

n.a.

0.5

10. BRAZIL

0.9

0.5

0.5

Various sources

Various sources

GERMANY: SHARES OF CONSUMPTION 2009

USA: SHARES OF CONSUMPTION 2009

TOTAL CONSUMPTION

106.2 million sq.m

TOTAL CONSUMPTION

169.1 million sq.m

Sales of domestic production

28.2 million sq.m

Sales of domestic production

45.5 million sq.m

Imports

78.0 million sq.m

Imports

123.9 million sq.m

Main imports from:

2007

2008

2009

Main imports from:

2007

2008

2009

1. ITALY

44.9

41.3

39.6

1. MEXICO

40.9

39.0

34.8

2. CHINA

4.4

7.3

8.2

2. CHINA

32.7

28.7

27.2

3. SPAIN

8.5

7.4

6.4

3. ITALY

48.7

35.8*

21.8*

4. CZECH REP.

4.9

5.8

6.3

4. BRAZIL

27.7

15.2

10.0

5. TURKEY*

6.9

6.2

5.9

5. THAILAND

6.2

5.8

7.3

19.8

11.4

7.1

5.6

4.9

3.9

6. SPAIN

6. FRANCE

7. COLOMBIA

3.9

4.5

5.3

7. UAE

1.9

3.8

3.8

8. TURKEY

6.5

2.6

2.5

8. POLONIA

0.3

0.8

2.3

9. PERU

2.2

4.4

2.3

9. PORTUGAL

1.4

1.2

1.3

10. ARGENTINA

2.9

2.1

1.5

* According to Turkish Ceramic Federation exports to Germany were 7.5 (2008) and 6.7 (2009) Various sources

66

C era mic W o rld Review n. 88/2010

* According to Confindustria Ceramica Italian exports to U.S.A. were 40.8 (2008) and 27.3 (2009) Source: US Dept. of Commerce


Exclusive content est (295 million sq.m, +11.3%) and Vietnam the 6th with 240 million sq.m (+9.1%), although this was not sufficient to avoid a production surplus of 40 million sq.m. Iran and Vietnam also feature amongst the top 15 world exporters with exports of 40 and 28 million sq.m respectively. Indonesia’s exports have instead fallen to 19 million sq.m. 12) Turkey retains its position as the fourth largest world exporter in spite of a further fall in exports in 2009, down from 92 to 67 million sq.m (-26.8% on 2008). Following the sharp downturn of 2008, domestic sales are recovering, up from 125 to 135 million sq.m (8% up on 2008) in response to a 6.5% increase in local demand to 137.7 million sq.m. Production fell by 20 million sq.m to 205 million sq.m against an installed production capacity of 360 million sq.m. Here too, the fall in exports occurred in virtually all markets with the exception of Libya and some countries in the Middle East (including Iraq) which however are not among Turkey’s top 10 export markets. Average selling price rose by 5% to 6 USD/sq.m.

milioni mq (+9,1%), non sufficienti però ad evitare un surplus produttivo di 40 milioni mq. Iran e Vietnam figurano anche tra i 15 maggiori esportatori mondiali, con esportazioni rispettivamente di 40 e 28 milioni mq. In calo, invece, a 19 milioni mq le vendite estere dell’Indonesia. 12) Nonostante l’ulteriore flessione delle esportazioni nel 2009, scese da 92 a 67 milioni mq (-26,8% sul 2008), la Turchia si conferma quarto maggiore esportatore mondiale. In recupero, dopo la forte battuta d’arresto del 2008, le vendite sul mercato interno, salite da 125 a 135 milioni mq (+8% sul 2008), in risposta ad una domanda locale in aumento del 6,5% a 137,7 milioni mq. La produzione è stata comunque ridotta di 20 milioni mq, a 205 milioni mq, a fronte di una capacità produttiva installata di 360 milioni mq. Anche per la Turchia il calo delle esportazioni si è registrato praticamente su tutti i mercati di sbocco, con l’eccezione della Libia e di alcuni Paesi del Medio Oriente (tra cui l’Iraq) che però non rientrano tra i primi 10 mercati di esportazione. Da segnalare l’incremento del 5% del prezzo medio di vendita, salito a 6 USD/mq.

13) The United States continues to top the rankings of the major tile importer countries in spite of a further fall in imports (which have now halved in the space of three years) from 156.6 to 123.9 million sq.m (-20.9%). This downturn reflected a virtually identical decline in domestic demand from 197 to 169 million sq.m (-14.2%), although national production increased from 45 to 50 million sq.m. All the leading exporter countries to the United States have suffered losses with the exception of Colombia and Thailand. Mexico remains the leading supplier with 34.8 million sq.m (10.8% down on 2008). It is followed by China (27.2 million sq.m, -5.2%), which overtakes Italy, down from 36 to 22 million sq.m (US Dept. of Commerce figures), although the figures reported by the Italian association Confindustria Ceramica put 2009 exports at 27.3 million sq.m, down from 40.8 million sq.m in 2008. As for import values, with its average selling price of 16.1 USD/ sq.m, Italy remains firmly in top position amongst supplier countries with FOB sales of USD 350 million, followed by Mexico with USD 191 million (average price 5.5 USD/sq.m) and China with USD 154 million (average price 5.7 USD/sq.m).

13) La graduatoria dei maggiori paesi importatori di piastrelle continua a vedere al comando gli Stati Uniti, nonostante l’ulteriore flessione dell’import (dimezzato in 3 anni) da 156,6 a 123,9 milioni mq (-20,9%). Il calo riflette la pressoché analoga contrazione della domanda interna da 197 a 169 milioni mq (-14,2%), sebbene risulti in crescita la stessa produzione nazionale, da 45 a 50 milioni mq. Tutti i maggiori esportatori verso gli States hanno accusato perdite, uniche eccezioni Colombia e Tailandia. Primo fornitore si conferma il Messico con 34,8 milioni mq (-10,8% sul 2008), seguito dalla Cina (27,2 milioni mq, -5,2%) che scavalca l’Italia, scesa da 36 a 22 milioni mq (dati US Dept. of commerce), sebbene i dati rilevati dall’associazione italiana Confindustria Ceramica indichino un export 2009 pari a 27,3 milioni mq in calo dai 40,8 milioni mq del 2008. Per valore dell’import, con un prezzo medio di vendita di 16,1 dollari/mq, l’Italia resta nettamente al primo posto tra i paesi fornitori con vendite FOB pari a 350 milioni di dollari, seguita dal Messico a 191 milioni di dollari (prezzo medio a 5,5 dollari/mq) e Cina a 154 milioni di dollari (prezzo medio a 5,7 dollari/mq).

14) Saudi Arabia has seen a further increase in imports from 99 to 116 million sq.m (+17.2%), making it the second largest importer country. More than half of its imports (66.8 million sq.m) originate from China, for which it is the leading export market. The second largest exporter to Saudi Arabia is Spain with 18.7 million sq.m. This sharp rise in imports is a response to the growth in local demand that has continued uninterruptedly since 2005 and in 2009 reached 166 million sq.m (22% up on 2008). The Saudi industry is also responding to this increase in demand with a production that increased last year from 40 to 55 million sq.m (+37.5%). The largest producer, Saudi Ceramics, increased its production to 35 million sq.m, while the newly formed companies Future Ceramics and Alfanar have production capacities of 13 and 3.8 million sq.m/year, respectively.

14) L’Arabia Saudita ha nuovamente aumentato le proprie importazioni, salite da 99 a 116 milioni mq (+17,2%), diventando il secondo maggiore paese importatore. (+17,2%). Oltre la metà dell’import (66,8 milioni mq) proviene dalla Cina per la quale l’Arabia Saudita è il primo mercato di esportazione. Secondo esportatore verso l’Arabia Saudita è la Spagna con 18,7 milioni mq. Una dinamica tanto positiva dell’import risponde ad un incremento della domanda locale che non si arresta dal 2005 e che ha raggiunto nel 2009 i 166 milioni mq (+22% sul 2008). A questa sta rispondendo anche l’industria saudita, la cui produzione è salita l’anno scorso da 40 a 55 milioni mq (+37,5%): il maggiore produttore, Saudi Ceramics, ha portato la produzione 35 milioni mq, mentre nuovi player del settore saranno Future Ceramics e Alfanar, appena partite con capacità produttive rispettivamente di 13 e 3,8 milioni mq/anno.

15) The top 20 importer countries account for a total volume of imports of 910 million sq.m of tiles, equivalent to 52.4% of total world import/export flows and 10.8% of total world tile consumption. In the relevant table we have included for the first time the share of each country’s total consumption that consists of imports. With the sole exceptions of Russia, Thailand and Italy, for all the other 17 countries imports account for well over half of local consumption and in 6 countries imports exceed 90% of domestic demand. (JF)

15) I primi 20 maggiori paesi importatori raggiungono un volume totale di 910 milioni mq di piastrelle importate, pari al 52,4% dei flussi globali di import/export e al 10,8% del consumo totale di piastrelle nel mondo. Nella relativa tabella abbiamo inserito per la prima volta l’indicazione della quota rappresentata dall’import sul consumo di ciascun paese. Con le uniche eccezioni di Russia, Tailandia e Italia, per tutti gli altri 17 paesi l’import assorbe ben oltre la metà del consumo locale, con 6 Paesi  in cui supera il 90% della domanda interna.

68

C era mic W o rld Review n. 88/2010


EUROMOLIENDAS ITALIA Srl Via Canaletto, 134 – 41042 Spezzano di Fiorano – Modena, Italy Tel. +39 0536 075362 – Fax +39 0536 075364 info@euromoliendasitalia.it – www.euromoliendasitalia.it


Italian tile exports recovering

Chiara Bruzzichelli - c.bruzzichelli@tiledizioni.it

Made in Italy: export in ripresa Now in his second year as Chairman of Confindustria Ceramica, Franco Manfredini finds himself steering the Association through the most challenging economic conditions it has ever faced in its 40-year history. Manfredini is now also Chairman of Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi, which was formed in July as a result of the merger of Confindustria Ceramica and ANDIL, the Italian brick and tile manufacturers’ association. The aim of the new federation is to achieve major synergies at zero cost in the many areas of shared interest (energy, environment, Franco Manfredini communication, studies centre, R&D, etc.), with a view to stepping up promotional efforts nationally and internationally, where the two associations belong to the same European Federation. As well as sharing his views on the latest state of the market, we asked Franco Manfredini to tell us what he sees as prospects for Italy’s ceramic tile industry. Ceramic World Review: What is the export trend for Italian tiles? Franco Manfredini: Italian tile ceramic exports showed signs of improvement in the first half of the year, recovering by a few percentage points compared to the losses suffered in the same period last year. The recovery concerns both average euro prices and volumes, although volumes increased most significantly.

italy

C.W.R.: Where are the most buoyant markets? F. Manfredini: Due to its commercial presence in all key markets worldwide, the Italian ceramic tile industry is able to exploit opportunities wherever they arise, regardless of the continent. The current year has seen a strong revival in the real estate market in areas outside the EU such as North America and Asia, and our exports are enjoying doubledigit growth in those areas. C.W.R.: What is the trend in EU markets? F. Manfredini: The various EU markets are experiencing very different situations. Some have been hit badly by the property crisis while others have escaped unscathed. In general, sales in the first half of 2010 have dropped further by a few percentage points. As for the future, the outstanding performance of German GDP (+2.2% in the second quarter) offers hope of a more sustained recovery than in the past in our largest export market.

70

Cera mic W o rld Review n. 88/2010

Franco Manfredini, al secondo anno del suo mandato di presidenza in Confindustria Ceramica ed eletto, si trova a guidare l’Associazione nel periodo congiunturale più delicato mai attraversato dalla stessa in oltre 40 anni dalla fondazione. Lo stesso Manfredini è ora presidente anche della Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi, nata lo scorso mese di luglio dall’unione di Confindustria Ceramica e ANDIL - Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi -, ed è entrato a far parte della giunta di via dell’Astronomia. Scopo della nuova Federazione è realizzare considerevoli sinergie, da ricercare a ‘costo zero’, nelle molte materie di interesse comune (energia, ambiente, comunicazione, Centro Studi, Ricerca ed altro) e di rappresentanza a livello sia nazionale sia internazionale, dove le due Associazioni appartengono alla medesima Federazione Europea. Oltre a commentare i dati generali di mercato abbiamo invitato il presidente Manfredini ad illustrarci quali, a suo giudizio, le prospettive del settore nel medio termine. Ceramic World Review: Quale l’andamento delle esportazioni delle piastrelle italiane? Il primo semestre vede confermato il +2% in valore registrato nei primi tre mesi dell’anno? Franco Manfredini: Le esportazioni di ceramica italiana, nel corso della prima metà di quest’anno, hanno mostrato segnali di ripresa, recuperando alcuni punti percentuali rispetto alle perdite subite nell’analogo periodo dello scorso anno. Il recupero riguarda sia i prezzi medi espressi in euro che i volumi, con una espansione più marcata nei confronti di questi ultimi. C.W.R.: Quali le aree di mercato più vivaci? F. Manfredini: La presenza commerciale su tutti i principali mercati del mondo consente all’industria italiana delle piastrelle di ceramica di cogliere le opportunità laddove queste si presentano, indipendentemente dal continente. In questo 2010 la ripresa dell’attività immobiliare è stata più forte in aree extra comunitarie, come il Nord America e l’Asia, ed in quelle aree le nostre esportazioni crescono a doppia cifra. C.W.R.: E qual è l’andamento dei mercati comunitari? F. Manfredini: mercati comunitari presentano al loro interno situazioni molto diversificate tra coloro che hanno subito la bolla immobiliare e chi invece ne è esente. In generale le vendite nel primo semestre 2010 calano ancora di alcuni punti percentuali. In prospettiva, il dato particolarmente brillante del Pil tedesco (+2,2% nel secondo trimestre) ci fa ben sperare su una più sostenuta ri-


Venticinque anni

di tecnologia per l’industria ceramica

Twentyfive years of technology for the ceramic industry

Nuova Era nasce a Scandiano alla metà degli anni ottanta ed in breve tempo si afferma sui mercati nazionali ed esteri come azienda leader nel campo delle automazioni industriali. La qualità dei materiali utilizzati, la tecnologia applicata, la versatilità di progettazione e la capacità di realizzare ogni specifica richiesta, uniti all’ottimo grado di specializzazione raggiunto nel

Roboairbox

settore ceramico, sono stati la filosofia vincente di Nuova Era.

Nuova Era was founded in the later half of the ‘80s and in a short time, the company has established itself as a leader in the field of industrial automation on foreign markets as well as on the domestic one. Nuova Era’s all-winning philosophy has been based on a host of factors: the quality of materials, the applied technology, versatility in design and the ability to

Robofloor

meet customer’s specific requirements. And all these united to the highest standards of qualification available in the ceramic tile industry.

Robobox

Maxi-Compenser

NUOVA ERA s.r.l. Automazioni industriali Costruzioni meccaniche Via Ca’ del Miele, 8/i - 42013 Casalgrande (RE) Italy Tel.+39 0522 848010 - Fax +39 0522 848040 - info@nuovaera.it - www.nuovaera.it


C.W.R.: What are the prospects for the domestic market? F. Manfredini: The Italian property market is very poorly following the 15% downturn last year and is continuing to perform badly in terms of both prices and quantities. The effects of the housing programme are still negligible and in spite of the low interest rates, the large stock of still unsold new properties and the low available income of families are the most critical factors. C.W.R.: What is the scope of the new Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi? F. Manfredini: The Federation represents an important segment of the national economy, consisting of 445 companies and employing around 40,000 people. The sector generates a very significant turnover, in the region of 6.4 billion euro, and has an export share of almost 60%. Added to these figures is the activity of manufacturing internationalisation, concerning 19 Italian-owned companies abroad with a turnover of 875.5 million euro. C.W.R.: What is the importance of research for maintaining the world leadership in the sector? F. Manfredini: Research into products and technologies is one of the most important growth factors for our sector. Many of the innovations created in our sector have been and continue to be the result of partnerships between ceramic producer companies, frit and glaze producers and machinery manufacturers, a form of collaboration that is facilitated by their location within industrial clusters. Through participation in the Regione Emilia Romagna programme entitled “From industrial districts to technological districts”, our association has worked hard recently to strengthen the positive links between universities, research centres and companies. In this context we have obtained funding for two projects, one on the sustainability of materials and the other on the theme of installation. C.W.R.: What is the new structure of the sector that is emerging from the current process of reorganisation? F. Manfredini: In a market economy it is the market and the rules of the market that dictate which players survive and which do not, thereby determining the overall physiognomy of the industry. To date we have seen a small number of companies forced out of the market, an intense activity of reorganisation that has led the companies to stabilise their production capacities at lower levels than in the past, and company restructure operations that have involved extensive use of all forms of social shock-absorbers. It is impossible to predict the future, especially because a lot will depend on the level of sales, which I believe in the medium term may return to 450 million square metres. (JF) 

72

C era mic W o rld Review n. 88/2010

presa di quello che è stato in passato il nostro primo mercato estero di esportazione. C.W.R.: Quali le prospettive per il mercato interno? F. Manfredini: Il mercato immobiliare italiano è in grande sofferenza, dopo la caduta del 15% dello scorso anno, continua ad essere sottotono sia come prezzi che come quantità: gli effetti del ‘piano casa’ sono ancora trascurabili; l’elevato parco immobiliare ‘nuovo’, tuttora invenduto, e lo scarso reddito disponibile delle famiglie, nonostante i bassi tassi di interesse, sono tra i fattori di maggior criticità. C.W.R.: Qual’è la rilevanza della nuova Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi? F. Manfredini: La Federazione rappresenta un’importante realtà nel panorama economico nazionale: forte di 445 imprese e con una occupazione di circa 40.000 addetti. Significativo è il fatturato rappresentato, nell’ordine dei 6,4 miliardi di euro, grazie ad una quota export che sfiora il 60%. A questi dati vanno poi aggiunte l’attività di internazionalizzazione produttiva che riguarda 19 società di diritto estero che hanno un fatturato di 875,5 milioni di euro”. C.W.R.: Quale l’importanza della ricerca nel mantenimento della leadership mondiale del comparto? F. Manfredini: La ricerca sui prodotti e le tecnologie rappresenta uno dei vettori di sviluppo più importanti per il nostro settore. Molte delle innovazioni realizzate nel nostro settore sono state e sono frutto dei rapporti tra imprese ceramiche, colorifici e impiantisti, agevolati in questo dall’operare tutti all’interno di distretti industriali. Recentemente, partecipando al piano della Regione Emilia Romagna ‘dai distretti industriali ai distretti tecnologici’, la nostra Associazione ha agito per rafforzare il circuito positivo tra università, centri di ricerca ed aziende. In questo contesto abbiamo ottenuto finanziamenti per due progetti, uno relativo alla sostenibilità dei materiali ed il secondo sul tema della posa. C.W.R.: Quale la nuova fisionomia del settore che viene prefigurandosi dal processo di ristrutturazione in corso? F. Manfredini: In una economia di mercato è appunto il mercato, con le sue regole, a decidere chi sopravvive e chi invece deve uscire, e che di conseguenza determina la fisionomia dell’industria nel suo complesso. Osservando quello che è successo fino ad oggi, possiamo dire che abbiamo assistito all’uscita dal mercato di poche aziende, ad una intensa attività di ristrutturazione che ha portato le stesse ad assestare la propria capacità produttiva su livelli inferiori rispetto al passato, a riorganizzazioni aziendali che hanno visto un ampio ricorso a tutte le forme di ammortizzatori sociali. Prevedere il futuro è impossibile, anche perché molto dipenderà dai livelli di vendite conseguiti che, a mio giudizio, potranno tornare nel medio termine ai 450 milioni di metri quadrati. 


The new investments of Marazzi Group Chiara Bruzzichelli - c.bruzzichelli@tiledizioni.it

I nuovi investimenti di

Marazzi Group

A new latest-generation Marazzi Group facility was opened in April this year at Casiglie di Sassuolo (province of Modena, Italy). This world-leading plant is equipped with two production lines based on “Continua technology” which, when fully operational, will be capable of producing up to 4 million square metres per year of extremely high quality large-format tiles with the greatest flexibility in terms of product range. The investment totalled 35 million euro, about a third of the total of 90 million euro that the Group has earmarked for investFilippo Marazzi ment in Italy in response to the crisis. This large-scale investment programme is complemented by a reorganisation of the manufacturing workforce in response to changes in the economic situation. We requested an interview with the company’s Chairman Filippo Marazzi in order to discuss the investments, the general market situation and the 2010 forecasts in the various segments and business units.

italy

Ceramic World Review: What kind of manufacturing activity will be performed at the new Casiglie factory, the first step in the programme of investments earmarked for Italy? Filippo Marazzi: At Casiglie we have assembled the highest concentration of ceramic tile production technologies an-

Casiglie plant inauguration ceremony Inaugurazione stabilimento di Casiglie

74

C era mic W o rld Review n. 88/2010

Lo scorso mese di aprile è stato inaugurato, a Casiglie di Sassuolo, un nuovo impianto Marazzi Group di ultima generazione. Un impianto all’avanguardia nel mondo e dotato di due linee produttive con “tecnologia Continua” in grado, a pieno regime, di produrre fino a 4 milioni di mq/anno di lastre in gres porcellanato di altissima qualità e grande formato e di assicurare la massima flessibilità produttiva in termini di gamma. Un investimento del valore di 35 milioni di euro, circa un terzo dei complessivi 90 milioni che il Gruppo ha deciso di investire in Italia al fine di fronteggiare la crisi. Un importante programma di investimenti che è stato affiancato da una riorganizzazione della forza produttiva, resa necessaria alla luce dei mutati scenari economici. Abbiamo chiesto al Presidente Filippo Marazzi di parlarci degli investimenti, della situazione generale del mercato e delle previsioni 2010 nei vari segmenti e business unit del Gruppo. Ceramic World Review: Il nuovo stabilimento di Casiglie, primo step degli investimenti previsti sul territorio italiano, quali scenari produttivi prefigura? Filippo Marazzi: Abbiamo racchiuso a Casiglie la più alta concentrazione al mondo di tecnologie applicate a processi di produzione per piastrelle ceramiche. Sono state installate 2 linee a tecnologia “Continua” che, senza interruzione del processo,

Casiglie plant Stabilimento di Casiglie


ywhere in the world. We installed two Continua technology lines, which perform a seamless, uninterrupted process while maintaining the highest flexibility in terms of changing sizes (up to a maximum of 150x150 cm), thicknesses, colours and decorations according to requests. The plant is equipped with a centralised management system that allows the most delicate stages in the process to be viewed remotely by means of a video camera and enable management data to be monitored. C.W.R.: The innovative technologies adopted in the Casiglie plant also allow the facility to be very environmentally friendly. F. Marazzi: To achieve eco-friendly operation and energy savings, the facility is equipped with a cogeneration plant capable of producing around 75% of the electrical energy requirements and feeding the raw materials preparation stage. Innovative heat recovery systems allow the hot air originating from the kilns to be reused for feeding dryers and burners. This reflects the fact that improving the environmental friendliness of the production process has been a mainstay of all the Group’s operations for many years now. C.W.R.: The Casiglie factory represents around a third of the total investments of 90 million euro that the Group is making within the Sassuolo manufacturing district. Do you still believe in the importance of the Italian district

Marlit plant Stabilimento Marlit

consentono il massimo di flessibilità, variando, a seconda delle richieste, formati (fino ad un massimo di cm. 150x150), spessori, colori e decori. L’impianto è dotato di un sistema di gestione centralizzata che consente la visualizzazione a distanza tramite telecamera delle fasi produttive più delicate ed il controllo dei dati di gestione. C.W.R.: Importante anche l’attenzione all’ambiente consentita dalle innovative tecnologie applicate a Casiglie… F. Marazzi: Il sito, nell’ottica del rispetto ambientale e del risparmio energetico, è dotato di un impianto di cogenerazione in grado di produrre circa il 75% del fabbisogno di energia elettrica e di alimentare la fase di preparazione delle materie prime, mentre innovativi sistemi di recupero del calore consentono di riutilizzare l’aria calda proveniente dai forni per l’alimentazione di essiccatoi e bruciatori. Peraltro, una produzione sempre più rispettosa dell’ambiente è parte integrante, già da molti anni, di tutti gli interventi del Gruppo. C.W.R.: Lo stabilimento di Casiglie rappresenta circa un terzo dell’investimento complessivo di 90 milioni di euro che il Gruppo sta completando all’interno del comprensorio. Crede ancora nella centralità produttiva del distretto italiano? F. Marazzi: Credo certamente nella centralità qualitativa della produzione italiana. L’Italia è sempre stata all’avanguardia nella produzione di ceramica e gres e deve impegnarsi per mantenere e possibilmente aumentare il gap. Non è semplice, visto che non ci sono barriere alla conoscenza tecnologica né alle espe-

Atoriv plant Stabilimento Atoriv

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 10

75


rienze, che possono essere anch’esse esportate, anche se con qualche difficoltà maggiore. È altrettanto vero che nel distretto italiano si concentrano ancora produttori di ceramica, di impianti, di smalti e decori, confermandosi il luogo dove sono presenti competenze ed expertise che possono fare la differenza. Gli investimenti che abbiamo realizzato vanno in questa direzione.

Casiglie plant: Continua Line Casiglie: la linea Continua

from the standpoint of production? F. Marazzi: I certainly believe in the key role of Italian product quality. Italy has always been in the forefront of ceramic and porcelain tile production and must make every effort to maintain and if possible increase its lead over competitors. This is a far from simple task given that there are no barriers to technological expertise or experience, which can be exported with relatively little difficulty. However, the Italian ceramic district is still home to producers of ceramic tiles, machinery, glazes and decorations and therefore brings together skills and expertise that can make a real difference. This is the rationale behind the investments that we have made. C.W.R.: Does the investment in the new technological towers at Marlit reflect the same criteria? F. Marazzi: The true challenge continues to be that of product innovation, which is the reason for the Marlit investment. The new plant has started up and is now fully operational. As a result, we can offer a range of technical products that combine greater aesthetic appeal with improved performance characteristics, allowing them to be used on floors and walls in high-traffic and high-stress situations. We intend to maintain a strong presence in the curtain wall sector, a field where Marazzi is the market leader, with products and solutions that meet architects’ requirements. In the same factory we also produce thin, large-format tiles that are easier to handle and lighter to install. These products are ideal for remodelling work, especially for renovating the building stock of European historic city centres dating from the fifties and sixties, where the problem of cutting down site waste is solved by installing thin tiles over existing floors and walls. C.W.R.: Could you briefly outline the Atoriv project for new wall tiles? F. Marazzi: Atoriv is the Group’s third major investment in the ceramic district. It is a highly flexible plant that allows us to produce various types of extremely high quality wall tiles. Available in large rectangular sizes, the new products cater for consumer trends. They are reassuring, coloured and in many cases inspired by natural materials such as marble and stone, which continue to be strongly in demand because they are now not only indistinguishable from the original materials but indeed are even more attractive given that mother nature distributes beauty, harmony and strength randomly whereas programs and machines can be more generous.

76

C era mic W o rld Review n. 88/2010

C.W.R.: Anche l’investimento nell’area Marlit, con le nuove torri tecnologiche, risponde agli stessi criteri? F. Marazzi: La vera sfida resta quella dell’innovazione di prodotto e l’investimento Marlit va proprio in tal senso. Il nuovo impianto è partito ed è a regime. Ci permette di offrire una gamma di prodotti tecnici ancora più belli e con prestazioni ulteriormente migliorate che possono essere usati per pavimenti e rivestimenti ad alto traffico e sollecitazione. Vogliamo continuare a presidiare correttamente il settore delle facciate ventilate, in cui Marazzi è leader di mercato, offrendo prodotti e soluzioni che possano soddisfare le esigenze dei progettisti. Nello stesso stabilimento stiamo producendo anche le piastrelle sottili: lastre di grande dimensione ma più maneggevoli e leggere da posare, interessanti per le ristrutturazioni - soprattutto guardando al patrimonio edilizio dei centri storici europei, datato anni Cinquanta/Sessanta dove il tema dei minori scarti di cantiere trova una risposta interessante con l’applicazione delle lastre sottili in sovrapposizione a pavimenti e rivestimenti. C.W.R.: Ci illustra brevemente il progetto Atoriv relativo al nuovo prodotto da rivestimento? F. Marazzi: Atoriv rappresenta il terzo importante investimento del Gruppo nel distretto ed è un impianto molto flessibile che ci permette di produrre varie tipologie da rivestimento di altissima qualità. I formati sono grandi e rettangolari e i nuovi prodotti sono orientati ai trend di consumo: rassicuranti, colorati, a volte ispirati a materiali naturali come marmi e pietre che continuano ad essere richiesti anche perché ormai indistinguibili da quelli naturali e persino più belli, visto che, mentre madre natura distribuisce a caso bellezza, armonia e forza, i programmi e le macchine possono permettersi di essere più generosi. A Cersaie presentiamo alcune nuove collezioni che contiamo possano diventare dei long seller Marazzi. C.W.R.: Da inizio anno è entrato in funzione anche il nuovo impianto per sanitari presso lo stabilimento di Hatria… Quali le caratteristiche tecnologiche principali e le soluzioni impiantistiche scelte? F. Marazzi: Il nuovo stabilimento Hatria ospita oggi tutte le più innovative tecnologie per la produzione di sanitari e permette sia di produrre in modo più efficiente sia di ottenere pezzi più omogenei, qualitativamente ancora migliori, con superfici più scolpite e più definite. I principali interventi sullo stabilimento, realizzati con la collaborazione di Sacmi, hanno previsto: l’introduzione di un innovativo sistema di colaggio ad alta pressione con stampi in resina che va ad affiancare il tradizionale sistema di colaggio a bassa pressione in gesso; il miglioramento e l’automazione di diverse operazioni e di diversi comparti del processo produttivo, tra cui la movimentazione dei pezzi con navette laser guidate (LGV), la robotizzazione della linea di smaltatura e, infine, il passaggio dalla macinazione tradizionale alla tecnica dello scioglimento delle materie prime.


At Cersaie we are presenting several new collections that we hope will become Marazzi long-sellers. C.W.R.: The new sanitaryware plant installed at Hatria’s Italian factory started up at the beginning of this year. What are the main technological characteristics of the plant and what engineering solutions have been adopted? F. Marazzi: The new Hatria facility is equipped with all the most innovative technologies for sanitaryware production in order to achieve efficient operation and produce more uniform and higher quality pieces with clearly defined, sculptured surfaces. The main modifications to the factory, carried through in cooperation with Sacmi, involved firstly introducing an innovative resin mould high-pressure casting system to complement the conventional low-pressure plaster casting system, and secondly improving and automating of various operations and areas of the production process, including piece handling with laser-guided vehicles (LGVs), robotisation of the glazing line, and the changeover from conventional milling to the raw material blunging technique. C.W.R.: What are the main objectives of this new investment at Hatria? F. Marazzi: The principal aim of the new investment is to improve sanitaryware production and if possible increase output. This is a substantial investment (see box on the following pages, Editor’s note) which, together with the investments made by the company in product research (in terms of quality and design, as well as product range rationalisation) and in communication and marketing (by renewing the product catalogue), will enable Hatria to exploit the opportunities that the recovery of the market will offer to companies that are ready and have made the necessary investments to adapt their organisations to the new global competitive scenario. C.W.R.: The international production scenario is evolving rapidly and, after losing its leadership in terms of volumes, the Italian industry is increasingly under attack in terms of value, a segment where Marazzi Group is one of the leaders. What is your view of the changes in the world production scenario? F. Marazzi: The world production scenario has of course changed dramatically. Moreover this is not a recent change, although the sharp downturn in the economy and the building sector since

Marazzi: Pietra PIasentina

C.W.R.: A quali obiettivi risponde questo nuovo investimento in Hatria? F. Marazzi: Gli obiettivi principali di questo nuovo investimento riguardano il miglioramento e il possibile aumento della produzione di sanitari. Si tratta di un investimento importante (vedi riquadro nelle pagine successive n.d.r.) che, unito agli investimenti che l’azienda sta realizzando nella ricerca sui prodotti - in termini di qualità e di design, ma anche di razionalizzazione dell’offerta - e in comunicazione e marketing - con la rivisitazione del catalogo prodotti -, permetteranno ad Hatria di cogliere le opportunità che la riattivazione del mercato fornirà a chi sarà pronto e a chi avrà realizzato gli opportuni investimenti per adeguare la propria struttura al nuovo assetto competitivo globale. C.W.R.: Quali i nuovi prodotti Hatria presentati a Cersaie? F. Marazzi: In occasione del Cersaie lanciamo un progetto che ha come caratteristica principale quella di essere potenzialmente infinito e che è nato dalla collaborazione con Nilo Gioacchini. All’interno del progetto ci sono diversi elementi tra cui lavabi, panche ed elementi di arredo che permettono un sistema di soluzioni integrate per la realizzazione di un bagno su misura. Sono inoltre presenti in stand gli innovativi piatti doccia della collezione Leaf.st presentati in occasione del Salone del Mobile. C.W.R.: E qual è l’andamento delle business unit estere? F. Marazzi: All’estero continuiamo ad andare bene negli Stati Uniti e in Russia, dove abbiamo aperto ulteriori negozi. Sia Coverings che Mosbuild sono state fiere interessanti e i mercati in quelle aree stanno ripartendo in modo apprezzabile, anche se le condizioni del mercato globale restano instabili secondo tutti gli indicatori previsionali. In Cina proseguiamo con l’attività di outsourcing per servire il Far East e il mercato domestico cinese, dove stiamo aprendo showroom in collaborazione con clienti locali. C.W.R.: Lo scenario produttivo internazionale si sta rapidamente modificando e la produzione italiana, perduto il primato “in volume”, vede aggredire sempre più da vicino il suo primato “in valore”, ai vertici del quale si conferma peraltro il Gruppo Marazzi. Quale il suo commento all’evolversi dello scenario produttivo mondiale? F. Marazzi: È chiaro che lo scenario produttivo mondiale è profondamente mutato, peraltro non si tratta di una mutazione recente, anche se il durissimo rallentamento subito dal 2008 dall’economia e dal settore delle costruzioni ha certa-

Marazzi: Treverk

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

77


2008 has certainly speeded up the process. This has led to an increase in local production of basic functional products, while emerging countries such as China, India and Brazil are winning shares of the international market. There is no reason to believe that this process is concluded. For this reason, we adopted an active response to this new world scenario right from the outset, starting up production activities in the most interesting markets where there was a strong likelihood of success. Last year we tackled the crisis in good time, implementing a workforce reorganisation programme in Europe to respond to the changed economic and market scenarios and adopting a consistent investment programme in new technologies and new products. We considered it essential to concentrate most of our investments in the local manufacturing district so as to generate positive effects - both directly and indirectly - on the local area. We strongly believe that at a difficult time like the present, the best way of making innovation the main growth driver is to exploit expertise present in our district. The efforts made by the Marazzi Group are necessary to maintain and further improve the excellent quality of Italian ceramic tiles.

mente accelerato il processo avviato. Un processo che vede in aumento le produzioni locali di prodotti funzionali basici, mentre i Paesi emergenti, come Cina, India e Brasile, erodono quote di mercato internazionale. E non si tratta nemmeno di un processo che possiamo considerare concluso. Abbiamo affrontato attivamente questo nuovo scenario mondiale fin dall’inizio, andando a produrre direttamente nei mercati più interessanti e che presentavano possibilità di successo, e lo scorso anno abbiamo affrontato per tempo la crisi, affiancando ad un programma di riorganizzazione della forza produttiva in Europa, necessario alla luce dei mutati scenari economici e di mercato, un consistente piano di investimenti in nuove tecnologie e nuovi prodotti. È in questa ottica che abbiamo ritenuto fondamentale concentrare la gran parte degli investimenti all’interno del nostro comprensorio - generando effetti positivi, anche indiretti, sul territorio - perché crediamo fermamente che, anche in un periodo difficile come questo, se si vuole fare dell’innovazione il principale propulsore di crescita, le migliori competenze restano quelle presenti nel nostro distretto. Quello assunto dal Gruppo Marazzi è stato un impegno necessario per confermare, ed ulteriormente migliorare, l’eccellenza qualitativa delle piastrelle ceramiche italiane.

C.W.R.: How do you believe the crisis will evolve and what are your forecasts for 2010? F. Marazzi: It is very difficult to make forecasts, although the European markets clearly remain in a poor state of health and will find it harder to recover than emerging countries. The general conditions for recovery of the building sector are quite fragile. An active rather than passive response to the crisis continues to be an essential approach in order to maintain share and to get ready to exploit opportunities that arise. (GD) 

C.W.R.: Quale il suo commento sull’evoluzione della crisi e quali le previsioni 2010? F. Marazzi: È molto difficile fare previsioni, ma è chiaro che i mercati europei stanno soffrendo ancora e faranno maggiore fatica a riprendersi rispetto ai Paesi emergenti e che le condizioni generali per la ripresa del settore dell’edilizia sono piuttosto fragili. Aggredire e non subire la crisi è stato ed è ancora necessario per poter mantenere le posizioni dove possibile e prepararsi a cogliere tutte le opportunità che si presentano. 

THE NEW HATRIA FACTORY

IL NUOVO STABILIMENTO HATRIA

- High-pressure casting system An innovative resin mould high-pressure casting system has been introduced alongside the conventional low-pressure plaster casting system. This consists specifically of 2 casting islands for WCs and bidets with 4 single-mould high-pressure casting units along with a 6 mould high-pressure casting unit for the production of washbasins, consoles and vanity tops. This new technology also includes the complete automation of the casting cycle through to the demoulding stage and allows for the production of more uniform and higher quality pieces with sculptured and more clearly defined surfaces. The high-pressure casting system also allows the weight of individual pieces to be determined and controlled. They are weighed immediately after exiting from the mould so as to obtain information that serves as feedback to control the machine cycle parameters. With a fully-automatic robotic system it is possible to produce glue-on rim WCs.

- Sistema di colatura ad alta pressione In affiancamento alla tradizionale tecnica di colaggio in gesso a bassa pressione, è stato introdotto un innovativo sistema di colaggio con stampi in resina ad alta pressione. Nello specifico, sono state inserite 2 isole di colaggio per vasi e bidet con 4 unità di pressocolaggio monostampo ciascuna e 1 unità di pressocolaggio multistampo con 6 stampi, per la produzione di lavabi, consolle e top. Questa nuova tecnologia, che prevede anche la completa automazione del ciclo di colaggio fino alla fase di sformatura, permette di ottenere pezzi più omogenei, qualitativamente ed esteticamente migliori con superfici più scolpite e più definite. Il sistema di colatura ad alta pressione permette, inoltre, di determinare e controllare il peso dei singoli pezzi, che vengono pesati appena usciti dallo stampo in modo da avere indicazioni per regolare in feedback i parametri di ciclo della macchina. Con un sistema robotizzato e completamente automatico è possibile produrre vasi a brida incollata.

- Body production Another innovation is the body production method. The conventional milling system has been replaced by a new system for dissolving the raw materials using turbo blungers, which has clear advantages in terms of the stability of all parameters and quality indicators. Parameters are constantly monitored by a supervisor system. - Robotised glazing cell New applications have been installed on the glazing cell so as to enable the glazing programmes to be developed off-line and to optimise the distribution of the glaze on the surface of the product in a more constant way. A new kiln for first and second firing of large size products has also been added.

78

C era mic W o rld Review n. 88/2010

- Produzione dell’impasto Un altro intervento innovativo riguarda la modalità di produzione dell’impasto: da un sistema tradizionale di macinazione si è passati all’utilizzo di un nuovo sistema per sciogliere le materie prime attraverso turbo dissolutori con indiscutibili vantaggi di stabilità per tutti i parametri e gli indicatori di qualità. I parametri sono costantemente monitorati da un apposito sistema di supervisione del reparto. - Cella robotizzata di smaltatura Nella cella robotizzata di smaltatura sono stati installati nuovi applicativi che permettono di sviluppare i programmi di smaltatura off-line e di ottimizzare la distribuzione dello smalto sulla superficie del prodotto in maniera più costante. È stato aggiunto, inoltre, un nuovo forno per la prima e la seconda cottura di pezzi di grandi dimensioni.


- Handling The most modern piece handling automation technologies based on the use of laser shuttles have been installed in the factory. This innovation cuts down the number of pieces broken on the line, rationalises pathways and uses smaller parking areas for products during the ageing process. Hatria is one of the first sanitaryware producer companies in the world to have adopted this type of materials handling system (the only other case is in Australia). Sacmi acted as general contractor in the construction of the new Hatria factory. The individual machines were purchased from companies owned or controlled by Sacmi: - Niv for the casting plant - Riedhammer for the re-firing kiln - Gaiotto for the glazing line - Sima for LGV handling

Hatria: G-Full (open)

- Movimentazione All’interno dello stabilimento sono state applicate, tramite l’utilizzo di navette laser, le più moderne tecniche di automazione nella movimentazione dei pezzi. Una innovazione che consente di diminuire il numero di pezzi rotti in linea, di razionalizzare i tragitti e di prevedere più contenute aree di parcheggio dei manufatti in maturazione. Hatria è tra le prime al mondo (unico altro caso è in Australia) ad avere adottato questa tipologia di movimentazione dei materiali, nell’ambito delle aziende produttrici di sanitari. Sacmi, nella realizzazione del nuovo stabilimento Hatria, ha svolto la funzione di general contractor, i singoli macchinari sono stati forniti da aziende parte del gruppo Sacmi: - Niv per impianto di colaggio - Riedhammer per forno di ricottura - Gaiotto per linea di smaltatura - Sima per movimentazione laserguidata

Hatria: G-Full (closed)

ADVERTISING


Petraluxe, a new

star in the ceramic tile industry

Gian Paolo Crasta - g.crasta@tiledizioni.it

Petraluxe, nuova luce alla ceramica

The management of Petraluxe Il management di Petraluxe

Travelling from Modena to Aschersleben, a small town in Saxony-Anhalt, is not as easy as one might think. It takes a similar time to that of an intercontinental flight: nine hours by car or - at least in our case - an almost similar time by plane due to a delay by the usually highly efficient Lufthansa. But stepping off the plane we found ourselves in a picture postcard rustic landscape, almost a stereotype of rural Germany: endless fields, just a few houses, little traffic. The only element of modernity are the enormous wind turbines that dominate the skyline.

germany

The open countryside on the edge of this small town of 31,000 inhabitants is home to the ultra-modern Petraluxe factory, which has sprung up from nothing in the space of just two years. This newly formed German company has begun large-format tile production using the extrusion technique and is the first tile factory to be built in the region for more than 10 years. We met the enthusiastic management team in a large meeting room, where - as in any self-respecting ceramic company - the first tiles turned out by the hi-tech facility are proudly displayed. The conversation was long and animated in spite of the need for simultaneous interpreting in Italian, German and Russian. This aspect of having two different languages is in fact the first unusual characteristic of the company, explained the company’s general manager Michael Päschel, a ceramicist with decades of experience working for leading German companies, his large blue eyes lit up by an unconcealed enthusiasm for his work. Ceramic World Review: How did the Petraluxe venture

80

C era mic W o rld Review n. 88/2010

Arrivare da Modena a Aschersleben, piccolo centro della Sassonia-Anhalt, non è facile come potrebbe sembrare. Il tempo necessario è paragonabile a quello di un volo intercontinentale: nove ore in macchina, quasi altrettante in aereo, complice anche un ritardo dell’efficientissima Lufthansa. Scesi dall’aereo ci si immerge però in un paesaggio bucolico da cartolina, quasi uno stereotipo della Germania rurale. Campi sterminati, poche case, poco traffico. Unico elemento di modernità lo skyline creato da gigantesche pale eoliche. Ed è quasi in aperta campagna, alla periferia di questa piccola cittadina di 31.000 abitanti che è sorto dal nulla, in appena due anni, il modernissimo stabilimento di Petraluxe, nuova azienda tedesca che ha avviato la produzione di piastrelle di grandi formati realizzate con la tecnica dell’estrusione, e primo stabilimento di piastrelle delle regione da oltre 10 anni. Incontriamo l’entusiasta squadra dirigente in una spaziosa sala riunioni dove fanno - come in ogni ceramica che si rispetti bella mostra di sé le prime piastrelle sfornate dal tecnologico stabilimento. Una chiacchierata lunga e appassionata, nonostante venga simultaneamente tradotta in tre lingue: italiano, tedesco e russo. È infatti legata alle due differenti lingue la prima peculiarità dell’azienda, come ci spiega Michael Päschel, direttore generale dell’azienda, ceramista di lungo corso e con alle spalle decenni di esperienza in importanti realtà tedesche e con due grandi occhi azzurri dai quali traspare una passione smodata per il suo lavoro. Ceramic World Review: Come nasce l’avventura Petraluxe? Michael Päschel: Dalla ferma convinzione di Ruslan Yun, un importante investitore kazaco, di entrare nel mondo ceramico re-


begin? Michael Päschel: It stemmed from the determination of Ruslan Yun, a major Kazakh investor, to enter the ceramic sector and produce innovative tiles of high technical and aesthetic quality so as to offer innovative products to world markets. C.W.R.: It’s a long way from Kazakhstan to Germany… M. Päschel: Germany is a country with a long ceramic tradition and one of the largest European markets, a good road system and logistic network and efficient modern ports. And although its ceramic sector has failed to shine in terms of innovation in recent years, it is also one of the most prestigious manufacturing countries in the world. These were the key factors that prompted Ruslan Yun to choose our country. Furthermore, Germany offers substantial tax incentives and economic contributions for the startup of new industrial activities. C.W.R.: When was the project launched? M. Päschel: The facility was built in record time even for Germany. The first stone was laid in November 2008 and 10 months later, in September 2009, the work was already complete. Installation of the machinery proceeded in parallel from March 2009 onwards, beginning with the earth preparation department and ending with the finishing lines. The factory has significant dimensions by European standards, a length of 560 metres and a width of 34 metres. The facility is designed to house two production lines working in parallel, of which one is already operating and the second is due to start up during the first few months of 2011. Together they will

alizzando piastrelle innovative e di alta qualità tecnico-estetica per offrire ai mercati mondiali prodotti del tutto nuovi. C.W.R.: Ma dal Kazakistan alla Germania la strada e lunga… M. Päschel: La Germania è un Paese di lunga tradizione ceramica e con uno dei maggiori mercati europei, con una buona rete stradale e logistica, porti moderni ed efficienti. Il made in Germany è inoltre uno dei brand più prestigiosi al mondo, seppur nel settore ceramico negli ultimi anni non abbia brillato per novità. Sono questi i motivi che hanno spinto Ruslan Yun a scegliere il nostro Paese. Questo Land offriva anche importanti incentivi fiscali e contributi economici alla realizzazione di nuove attività industriali. C.W.R.: Quando è stato avviato il progetto? M. Päschel: La costruzione dello stabilimento produttivo è avvenuta a tempo di record anche per la Germania. La prima pietra è stata posata nel novembre del 2008 e, 10 mesi dopo, a settembre 2009 i lavori erano gi�� conclusi. In parallelo, a partire da marzo 2009, è iniziata l’installazione delle macchine, partendo dal reparto di preparazione terre, fino alle linee di finitura che ora fanno bella mostra di sé all’interno di uno stabilimento dalle dimensioni importanti per il vecchio continente, 560 metri di lunghezza per 34 di larghezza. Lo stabilimento è predisposto per ospitare due linee produttive che lavorano in parallelo, di cui una già in funzione e la seconda in start-up entro i primi mesi del 2011, capaci di sfornare due milioni di mq di lastre l’anno. Uno spazio funzionale e ben progettato alla cui costruzione hanno contribuito le maestranze che orano lavorano in linea.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 10

81


have a capacity of two million square metres of large-format tiles per year. It is a functional and well designed facility that was constructed with the contribution of the same workers who now operate the line. C.W.R.: That’s another unusual feature. M. Päschel: Certainly, but it’s actually very important. Taking part in the construction of the factory and subsequently the installation of machinery has formed a closelyknit and responsible team of workers who now feel that they are part of the company, just like a big family. Right from the start, we also invested in training, organising courses for everyone so that they are now able to perform and supervise production with the utmost expertise and professionalism. Of course the new workers are supported by established professionals with experience in both conventional tile production and in the extrusion technique. C.W.R.: Another distinctive feature of the company is the technology you have installed. M. Päschel: I believe there would be no point in making a greenfield investment in ceramic tiles to a value of 42 million euro in an advanced economy like Germany if it did not have a high level of technology and innovation. For this reason we chose to move away from the traditional plastic state pressing technique and adopt the Grestream extrusion technology supplied by the Italian company Siti B&T, which is able to produce through-bodied tiles with large dimensions [for technological details, see the following article, Editor]. We have worked shoulder to shoulder with the Italian group’s technicians to customise the plant according to our requirements and to find the most suitable body for our production process. C.W.R.: What are the distinctive features of this line? M. Päschel: There are many. In three words: large formats, versatility, multi-thickness. Grestream technology enables us to switch quickly and easily between thicknesses of 6 mm to 26 mm. The range of possible sizes is equally wide. For the time being our standard size will be 120x60 cm but we can produce much larger formats, up to a record 240x120 cm, the largest size in the world ever produced with extrusion technology. But in spite of their size and weight (a tile weighs around 60 kg), they are easily transportable and we believe they will present no difficulty for installation. Their considerable loading strength and perfect flatness al-

82

Cera mic W o rld Review n. 88/ 2010

C.W.R.: Anche questa è una peculiarità di Petraluxe… M. Päschel: Sicuramente, ma di grande importanza. Il prendere parte alla costruzione dello stabilimento e poi all’installazione delle macchine ha creato una squadra di lavoratori affiatati e responsabili che ora vivono l’azienda come una cosa loro, quasi come in una grande famiglia. Abbiamo da subito investito anche nella formazione, facendo seguire a tutti dei corsi che li rendono oggi in grado di seguire e controllare con estrema competenza e professionalità la produzione. Ovviamente, le nuove maestranze sono affiancate da professionisti di lungo corso sia nella produzione di piastrelle tradizionali sia nella tecnica dell’estrusione. C.W.R.: Altro elemento distintivo dell’azienda è la tecnologia installata… M. Päschel: Credo che realizzare un investimento greenfield di piastrelle ceramiche del valore di 42 milioni di euro, in un’economia avanzata come la Germania, potesse aver senso solo se contraddistinto da un elevato valore tecnologico e innovativo. Per questo abbiamo scelto di smarcarci dalla tradizionale tecnica della pressatura in plastico per sposare la tecnologia dell’estrusione offerta dal Grestream dell’italiana Siti - B&T (per un’approfondimento tecnologico vedi il seguente articolo, ndr), che consente di ottenere lastre ceramiche a tutta massa di grandi dimensioni. In questi anni abbiamo lavorato gomito a gomito coi tecnici del gruppo formiginese per personalizzare l’impianto in base alle nostre esigenze e trovare l’impasto più idoneo alla nostra produzione. C.W.R.: Quali dunque le peculiarità offerte da questa linea? M. Päschel: Sono innumerevoli. In tre parole: grandi formati, versatilità, multispessore. La tecnologia Grestream ci consente di passare con estrema facilità e tempi ridotti da uno spessore di 6 mm a uno di 26 mm. Altrettanto variabili sono i formati ottenibili. Per ora il nostro standard sarà il 120x60 cm, ma possiamo realizzare formati molto più grandi, fino al record di 240x120 cm che rappresenta il formato più grande al mondo mai realizzato con tecnologia estrusa. Nonostante le dimensioni importanti e il peso (una lastra pesa circa 60 kg) queste lastre sono facilmente trasportabili e crediamo non avranno alcun problema in fase di posa. Hanno infatti una notevole resistenza al carico e agli stress e una perfetta planarità che ci consente di impilarle una sull’altra e poi saltarci sopra senza rischi di rottura (ci racconta Päschel


lows us to stack them on top of each other without any risk of breakage [while saying this, Päschel proves his point by stepping up onto a stack of tiles at the end of the line, Editor].

mentre materialmente salta su una pila di lastre stoccate a fine linea, ndr).

C.W.R.: What about their aesthetic qualities? M. Päschel: These are also highly versatile. They can be dry or wet decorated. The only kind of decoration that we can’t use at the present time is digital, mainly due to the current limitations of this new technology which is unable to decorate tiles of such a large size. We conduct product design internally with the consulting support of the Italian company Tecnografica, one of the leading ceramic design firms. During the next few months we will introduce new collections with luxury design which we are certain will stand apart from competitors’ current offerings.

C.W.R.: E le sue potenzialità estetiche? M. Päschel: Sono anch’esse molto versatili. Possiamo decorare a secco o a umido. L’unica forma di decorazione che per ora non possiamo prendere in considerazione è quella digitale, principalmente per i limiti attuali di questa nuova tecnologia, impossibilitata a decorare piastrelle di formati così grandi. Per quanto riguarda il design di prodotto lo sviluppiamo internamente e con la consulenza dell’italiana Tecnografica, tra i maggiori studi di design ceramico. Nei prossimi mesi presenteremo nuove collezioni con design di lusso che, siamo sicuri, si smarcheranno dall’attuale offerta della concorrenza.

C.W.R.: What collections will you offer the market? M. Päschel: We are producing our initial collections, which for the time being consist of four plain colours (anthracite, beige, grey and an astonishingly vivid blue marine), as well as a travertine series with various colours and patterns. We are also experimenting with shade variations based on the four standards colours, which are producing very interesting aesthetic effects [as we saw with our own eyes when Päschel lifted up a cardboard sheet to reveal a 240x120 cm tile in the colour anthracite with shades of beige at the edges, a clearly industrial product with strong appeal that has no intention of imitating any kind of natural stone, Editor]. The collections come in a polished version with a high gloss effect or a natural surface. Over the next few months we will also be installing a dry

C.W.R.: Con quali collezioni vi presenterete al mercato? M. Päschel: Stiamo realizzando le cosiddette collezioni zero che, per ora, sono costituite da quattro tinte unite - antracite, beige, grigio e un blu marine di una incredibile brillantezza - e da una serie di travertino in varie declinazioni cromatiche e di pattern. Stiamo inoltre iniziando a realizzare variazioni tonali e sfumature sui quattro colori base ottenendo effetti estetici molto interessanti (come abbiamo potuto verificare coi nostri occhi, quando Päschel, sollevando uno spessore di cartone, ci ha mostrato una lastra 240x120 cm color antracite con delle sfumature ai lati beige, un prodotto chiaramente industriale di grande charme che non vuole fare il verso ad alcuna pietra naturale, ndr). Le collezioni sono declinate nella variante levigata, ad alto effetto lucido, o a superficie naturale. Nei prossimi mesi installeremo anche una linea per la decora-

ADVERTISING

36030 VILLAVERLA (VI) ITALY - Via Firenze, 4 Tel.+39 0445 350338 Fax +39 0445 856542 info@diatex.it - www.diatex.it

LEADER IN DIAMOND TOOLS SINCE 1996 2

4

Disco Diatex SL, alte prestazioni made in Italy.

Frutto di oltre un anno di ricerca e test presso le maggiori aziende ceramiche italiane, la nuova gamma di dischi diamantati SL offre elevate prestazioni in termini di capacità di taglio e durata. Grazie all’altezza del settore diamantato da 16mm, la vita del disco è più alta del 60% rispetto ai dischi standard in commercio.

Diatex SL diamond blade, High performances made in Italy.

The brand new range of SL diamond tools, resulting from researches and tests carried out for over one year time in the leading Italian ceramic industries, grants higher cutting and blade life performances. Thanks to its 16 mm diamond segment height, the blade life is 60% higher than the standard blades today on the market.


decoration line that will enable us to create textures that further enhance the aesthetic qualities of our products.

zione a secco che ci consentirà di creare strutture che arricchiranno ulteriormente l’estetica dei nostri prodotti.

C.W.R.: What about sizes? M. Päschel: For the time being we are producing a 120x60 cm size with a thickness of 7 mm and a 120x240 cm size with a thickness of 10 mm. Obviously the various sub-formats are also available and we are exploring the further scope for size and thickness offered by Grestream. The versatility of the line also enables us to manufacture products developed together with customers to cater for their requirements and applications.

C.W.R.: E quali i formati? M. Päschel: Per ora abbiamo in produzione il 120x60 con 7 mm di spessore e il 120x240 con 10 mm di spessore. Ovviamente sono disponibili i vari sottoformati e stiamo esplorando le ulteriori variabili di formato e spessore offerte dal Grestream. La versatilità della linea ci permette inoltre di realizzare prodotti studiati assieme al cliente in base alle sue necessità e alle differenti destinazioni d’uso.

C.W.R.: Could you tell us a little more about that? M. Päschel: The wall tile market is increasingly moving towards thinner sizes while the curtain wall sector requires different thicknesses according to environmental conditions. For this kind of product we have already secured an agreement with a company that produces fixing systems, which we offer together with our products if customers require them. Likewise in the wall tile segment it is very important to be able to change thickness easily so as to manufacture products suitable for installation indoors or outdoors anywhere in the world.

C.W.R.: Ci spieghi meglio… M. Päschel: Il mercato delle piastrelle da rivestimento si sta sempre più orientando verso formati più sottili così come, nel settore delle facciate ventilate, sono richiesti spessori diversi a seconda delle condizioni ambientali. Per questa tipologia di prodotti abbiamo già stretto un accordo con un’azienda che produce sistemi di fissaggio che offriamo assieme ai nostri prodotti se richiesto dalla clientela. Anche per le piastrelle da rivestimento è molto importante poter variare facilmente lo spessore in modo da consentire la loro posa in interno ed esterno a tutte le latitudini.

C.W.R.: Which markets do you intend to operate it? M. Päschel: The world is our market. Our tiles are located in the high end of the market so there are potentially consumers capable of appreciating our products in any country. We believe we can secure significant market shares in all mature markets, in other words those able to appreciate top-of-the-range Italian and Spanish production. In these first few months we are naturally focusing on the German and European markets, in addition of course to Russia and Kazakhstan.

C.W.R.: Quali i mercati che intendete aggredire? M. Päschel: Il mondo è il nostro mercato. Le nostre piastrelle si collocano sulla fascia alta del mercato per cui potenzialmente in ogni Paese potrebbero esserci consumatori in grado di apprezzare la nostra offerta. Siamo convinti di poter raggiungere importanti quote in tutti i mercati maturi, quelli cioè in grado di apprezzare le punte di diamante della produzione italiana e spagnola. In questi primi mesi, in particolare, ci stiamo concentrando ovviamente sul mercato tedesco e su quello europeo, oltre che sulla Russia e sul Kazakistan.

C.W.R.: Will you be making your debut at Mosbuild? M. Päschel: We are considering it. From now on we certainly intend to take part in the leading international trade and interior design fairs. Next year we would like to be amongst the exhibitors at Cersaie.

C.W.R.: Il vostro debutto avverrà quindi al Mosbuild? M. Päschel: Lo stiamo valutando. Sicuramente d’ora in poi saremo presenti alle maggiori fiere internazionali di settore e di design d’interni. Il prossimo anno ci piacerebbe essere tra gli espositori di Cersaie.

C.W.R.: How will you organise your sales network? M. Päschel: We are currently preparing the market by sending sales personnel to visit customers in the various countries. In the near future we will also consider setting up an independent sales network or a chain of shop-in-shops. In particular we are concentrating on the production of sales support materials that will serve to present this new product with clearly defined characteristics that are a little different from those of standard ceramic tiles. C.W.R.: Where do you expect Petraluxe to be in three to five years time? M. Päschel: I am certain that many companies will be keeping a close watch on us during the coming months to see how the market responds to our products and to understand exactly what aesthetic potential is offered by extrusion technology, a little like what happened a few years ago with Lamina from System. In the meantime I’m confident that we will win the appreciation of customers, allowing us to secure good market share and to begin a process of growth that will enable us to gain a leadership position in (JF)  the major world markets.

84

Cera mic W o rld Review n. 88/ 2010

C.W.R.: Come organizzerete la rete di vendita? M. Päschel: Attualmente battiamo il mercato attraverso funzionari commerciali che visitano la clientela dei vari paesi. Nel prossimo futuro valuteremo anche la costituzione di una rete di vendita autonoma o di una catena di shop in shop. In particolare ci stiamo concentrando sulla realizzazione di materiali di supporto alla vendita che siano efficaci nel presentare un prodotto nuovo e dalle caratteristiche ben definite e, in parte, differenti dalle normali piastrelle di ceramica. C.W.R.: Come vede Petraluxe tra tre, cinque anni? M. Päschel: Sono convinto che nei prossimi mesi tante aziende ci terranno sotto osservazione per vedere le risposte che i nostri prodotti avranno dal mercato e capire tutte le possibilità estetiche offerte dalla tecnologia dell’estrusione, un po’ come è avvenuto qualche anno fa con il Lamina di System. Nel frattempo noi otterremo un buon apprezzamento dalla clientela che ci consentirà di ottenere buone quote di mercato e avviare un processo di crescita che credo ci porterà ad ottenere una posizione di leadership nei maggiori mercati mondiali. 


Fiducia*

Le nostre risorse di materie prime saranno disponibili per molti decenni – Stephan Schmidt Gruppe sta per affidabilità.

* Con l’acquisizione sistematica delle aree destinate alle attività minerarie, assicuriamo ai nostri clienti il rifornimento affidabile di materie prime per molti decenni.

Stephan Schmidt Gruppe Bahnhofstraße 92 65599 Dornburg/Langendernbach Telefono +49 (0) 6436 / 609-0 Fax +49 (0) 6436 / 609-49 marketing@schmidt-tone.de www.schmidt-tone.de

COMPETENZA NELL‘ARGILLA.


The Grestream plant at Petraluxe Ulderico Morselli -Siti B&T Group (Formigine, Italy)

L’impianto Grestream di Petraluxe

Collaboration between the newly-formed German company Petraluxe and the Italian group Siti B&T Group began in 2006 and strengthened over the last four years until the German company became a technological partner of the Italian group. Petraluxe, primarily interested in exploring new avenues of research for the production of low-thickness floor and wall covering materials, was favourably impressed by the advantages and potential of the Siti-B&T Group’s patented Grestream technology based on plastic shaping of porcelain tile bodies.

germany

This enthusiasm gave a big boost to the research activities of the Siti-B&T Group’s technological laboratory and technical organisation in order to develop a plant engineering solution which, on the basis of experience acquired with this technology, would be able to meet two primary needs: • an average output with high efficiency and flexibility at competitive industrial costs for the required product ranges; • the creation of innovative hi-tech products that would justify an advanced research and development programme meeting the criteria for regional government funding. Following a process of gradually refining and developing solutions, the plant now has the following production and technical characteristics: • two production lines, each with a production capacity of 3,300 sq.m/day, making an overall total of around 2,200,000 sq.m/year (330 days of production activity); • integrated preparation of bodies, glazes and throughbody colours; • production size range: maximum size 1200x2400 mm, maximum thickness 26 mm, minimum thickness 6 mm,

86

C era mic W o rld Review n. 88/2010

L’inizio dei rapporti con la newco tedesca Petraluxe e il gruppo italiano Siti B&T Group risale al 2006, per poi rafforzarsi negli ultimi quattro anni fino a far diventare l’azienda tedesca un partner tecnologico del gruppo formiginese. Petraluxe, primariamente interessata ad esaminare nuovi percorsi di ricerca finalizzati alla produzione di materiali per la pavimentazione ed il rivestimento a basso spessore, fu positivamente colpita dai vantaggi e dalle potenzialità della tecnologia Grestream, proprietaria e brevettata dal Gruppo Siti-B&T, basata sulla formatura in plastico di impasti per gres porcellanato. Tali entusiaste aspettative diedero forte stimolo alle attività di indagine del laboratorio tecnologico e della struttura tecnica del Gruppo Siti-B&T, affinché fosse definita, sulla base delle esperienze maturate nell’ambito di tale tecnologia, una soluzione impiantistica in grado di soddisfare due requisiti primari: • il raggiungimento di una produttività media ad elevata efficienza e flessibilità a costi industriali competitivi per le gamme di prodotto previste; • la realizzazione di prodotti innovativi e ad alto contenuto tecnologico, tali da giustificare un programma di ricerca e sviluppo avanzato e compatibile con i criteri di assegnazione di finanziamenti in merito stabiliti dal governo regionale tedesco. Dopo un progressivo processo di affinamento ed evoluzione delle soluzioni, l’impianto finale ha assunto le seguenti caratteristiche produttive e tecniche: • due linee di produzione, ognuna con capacità produttiva di 3.300 mq/giorno per un totale complessivo di circa 2.200.000 mq/anno (330 giorni di attività produttiva); • preparazione impasti, smalti, e colorazione in massa integrate; • gamma dimensionale prodotti: formato massimo 1200x2400 mm, spessore massimo 26 mm, spessore minimo 6 mm, con


with possibility of extending maximum to 30 mm and minimum to 4 mm during the research and development programme. These technical characteristics allow for the production of two different types of products. The first consists of flat sheets for floor or wall covering, coloured through the body and glazed, and with a further covering with vitreous frit. The glazing process takes place both on the production line in the plastic phase and on a supplementary glazing unit for the product in the dried phase. The line also includes a textured, polished or lapped surface finish and a dimensional finish with edge grinding, all done by BMR technology. The second type of product is that of ceramic tiles for traditional extra-thick curtain walls with or without chamber, with complex section profiles for ease of integration with dedicated coupling systems. All types of product can be reduced to submultiples by cutting either in the plastic product phase (with minimal adjustments) or after firing. Similar minimal adjustments are required to produce variations in thickness. The production logistics maximise potential for just-in-time programming. Installation of the plant was completed by the end of 2009 and it is now fully operational having been tested for all sizes according to design criteria and contractually established parameters. The flat sheets and curtain walls are certified by qualified German and British agencies in accordance with all the tests envisaged by applicable local and European legislation. (JF) 

possibilità di estensione massima fino a 30 mm e minima fino a 4 mm, in fase di avanzamento del piano di ricerca e sviluppo. Queste caratteristiche tecniche consentono la produzione di due differenti tipologie di prodotto. La prima è costituita da lastre piane per pavimentazione o rivestimento, colorate in massa, colorate in massa e smaltate, e con ulteriore ricopertura con graniglie vetrose. Il processo di smaltatura è infatti attivo sia sulla linea di prodotto in fase plastica, sia su smaltatrice supplementare per il prodotto in fase essiccata. La linea prevede inoltre la finitura superficiale strutturata, levigata o lappata e la finitura dimensionale con rettifica, realizzata con tecnologie BMR. La seconda tipologia di prodotti è invece costituita da lastre ceramiche per pareti ventilate spessorate tradizionali con o senza camera, con profili a sezione complessa per l’agevole integrazione con sistemi di aggancio dedicati. Tutte le tipologie di prodotto possono essere ridotte a sottomultipli mediante taglio sia in fase di prodotto plastico (con interventi di regolazione minimi) sia in fase di prodotto cotto. Analoghi interventi minimi sono necessari per produrre variazioni di spessore. La logistica produttiva massimizza le potenzialità di programmazioni just in time. L’impianto, la cui installazione è terminata a fine 2009, è oggi in produzione ed è stato collaudato su su tutti i formati secondo criteri di progetto e parametri contrattuali prefissati. Lastre piane e pareti ventilate sono certificate secondo tutti i test previsti dalle normative vigenti locali ed europee da enti qualificati tedeschi ed inglesi. 

ADVERTISING

Introduction to digital decoration

Introduzione alla decorazione digitale How to design tiles with digital technique Come progettare piastrelle col digitale Optimizing production for digital printing

Ottimizzare la produzione per la stampa digitale

E-learning courses of www.iiea-school.it


The unstoppable growth of Egypt Pier Giorgio Burzacchini

Irrefrenabile Egitto In July this year minister Rashid M. Rashid opened a new single-firing tile factory in 10th of Ramadan. Further major expansions and new plants will also be starting up production in Suez, Beni Swif and 6th of October. These intriguing names, which refer to political and religious dates and events, represent the steps in the programme of national development and territorial planning that began more than 20 years ago and is continuing with great vigour and consistency (the current President has been in office since 1981). The satellite cities mentioned are industrial and residential centres located in the western desert and in the plain east of Cairo (at distances of between a few dozen to more than 70 kilometres from the capital). Completely artificial, linked by major roads and connected up to the national electrical grid, these cities have unquestionably fuelled the modern development of Egypt’s industry, but they have not had the hoped-for effect of shifting the population away from the capital. Compared to the 59 million inhabitants recorded in the 1996 census, including 11 million in Cairo, the country now has a population of 77 million people according to current estimates, more than 22 million of whom live in Cairo!

egypt

Cairo is an extraordinary city, a city that never sleeps and is teeming with life, traffic and mystery… not to mention building sites. The rate of population growth (more than 2% in recent years) exerts an almost physical pressure on the city, causing it to expand in all directions with new residential districts and new roads that extend like tentacles. I have been to Egypt many times in the last twelve years

90

C era mic W o rld Review n. 88/2010

Anche nel mese di luglio il ministro Rashid M. Rashid ha inaugurato una nuova fabbrica di monocottura a 10th of Ramadam. Altri importanti raddoppi e nuovi impianti entreranno in produzione a Suez, a Beni Swif e a 6th of October. Questi suggestivi nomi, che evocano date e fatti politici e religiosi, rappresentano le tappe della pianificazione nazionale su sviluppo e territorio che, iniziata oltre 20 anni fa, prosegue con grande vigore e continuità (…l’attuale Presidente è in carica dal 1981). Le città satelliti nominate sono sorte come nuclei industriali e abitativi nel deserto occidentale e nella pianura a est del Cairo (da poche decine di chilometri a oltre 70). Completamente “artificiali”, collegate da strade importanti, asservite alla rete elettrica nazionale, hanno sicuramente determinato la svolta moderna dell’industrializzazione egiziana, ma non hanno avuto il risultato atteso sul decentramento della popolazione dalla capitale. Infatti dai 59 milioni di abitanti (censimento 1996), di cui 11 concentrati al Cairo, ci si ritrova ora con 77 milioni (secondo le stime attuali), di cui oltre 22 residenti nel grande Cairo! Città straordinaria, insonne, brulicante di vita, di traffico, di mille mestieri … e di cantieri edili. Il tasso di crescita demografica (oltre il 2% negli ultimi anni) esercita una pressione quasi fisica sulla città che spinge i suoi tentacoli in tutte le direzioni, con i nuovi quartieri abitativi e le nuove strade. Frequento a vario titolo l’Egitto da una dozzina di anni e anche nel breve periodo si avvertono (direi si vivono) i grandi cambiamenti: non più di otto anni fa sulla Desert Road che porta ad Alessandria, a poca distanza dalle Piramidi di Giza, un posto fisso di controllo della sicurezza nazionale sanciva in pratica l’inizio della zona desertica. Ebbene, questa separazione non esiste più, già superata per


or so and even in this short period of time there have been enormous changes. No more than eight years ago, on the Desert Road that leads to Alexandria, just a short way from the Pyramids of Giza, a fixed national security checkpoint effectively marked the beginning of the desert. Today this demarcation point no longer exists, supplanted by kilometres of large stores, car dealerships, computer firms, exclusive garden cities … and the unstoppable, advancing armies of 10-12 floor apartment buildings! An enormous new ring road that was opened last year, known as the “corridor”, connects the new districts externally to the city but will soon be absorbed into the urban fabric. Apart from a brief slowdown prompted by a sharp rise in steel prices a couple of years ago (subsequently capped), the building industry has grown without crises in the last five years at an estimated annual rate of 6-8%, a figure that is unmatched by the other rapidly-expanding countries of North Africa and is showing no sign of slowing. At more than 60%, residential building is the real driving force of the industry, and a significant percentage of the middle classes already own second homes, whether a terraced house in the rows that extend for kilometres along the coast west of Alexandria or a small suburban apartment purchased as an investment. This intense activity affects all cities, icluding obviously Alexandria, from Qena in the south to Tanta and Mansura in the Delta and Ismailiya in the El Faiyum oasis. Some 50 kilometres from this oasis, in the middle of the desert halfway to Cairo, stands a new City of the Dead with tens of thousands of small house-like tombs. The fa-

svariati chilometri da grandi magazzini, concessionari d’auto, aziende informatiche, città-giardino esclusive … e inesorabili falangi di condomini di 10-12 piani, in avanzamento! Un nuovo enorme anello di scorrimento inaugurato l’anno scorso, il “corridor”, collega all’esterno della città i nuovi quartieri, ma ne sarà ben presto assorbito. A parte un breve rallentamento dovuto ad un tremendo aumento del prezzo del ferro (poi calmierato) di un paio di anni fa, in questo quinquennio l’industria edilizia è cresciuta senza crisi ad un ritmo stimato del 6-8% annuo, che non ha uguali in tutti i paesi del Nord Africa, pure in gran sviluppo, e non accenna a diminuire. L’edilizia abitativa, con oltre il 60%, rappresenta la parte trainante, ed è già significativa la quota della seconda casa della media borghesia: che si tratti di villette a schiera (file chilometriche che si estendono sul litorale a ovest di Alessandria), o di un piccolo appartamento di periferia comperato come investimento. Questo fermento coinvolge tutte le città, da Qena al sud a Tanta e Mansura nel Delta, ad Ismailiya a El Faiyum, oltre ovviamente ad Alessandria. Dopo 50 chilometri dall’oasi di El Faiyum, a metà strada verso Il Cairo in pieno deserto, sorge anche una nuova “città dei morti”, con le sue piccole case-sepolcro a decine di migliaia. Infatti, quella antica e famosa della capitale non può espandersi ed è stata “colonizzata” da famiglie prive di casa che abitano nelle vecchie costruzioni funerarie (in affitto, in subaffitto, abusivamente, a centinaia di migliaia!). Sempre in merito all’edilizia non si può trascurare quella turistica, fiorente, con i tanti nuovi villaggi vacanze del Mar Rosso e i numerosi spettacolari grandi alberghi della capitale. Insomma, milioni di metri quadrati da piastrellare, con un consumo annuo procapite che va ben oltre i 2 mq ufficiali.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 10

91


mous old cemetery in the capital in fact no longer has space to expand and has been colonised by homeless families who live in the old tombs (renting, subletting, illegally, in any case in their hundreds of thousands!). Another important aspect of the building sector is the booming tourist industry with the new holiday villages on the Red Sea and the numerous spectacular large hotels in the capital. This all equates to millions of square metres of surfaces to be tiled, with an annual per capita consumption that is well above the official figure of 2 square metres. However, the issue of figures remains a minefield. There is no trade association for the sector, there are no aggregate figures available from the ministries, there is no clarity regarding the degree of usage of installed capacity and undeclared trade dominates much of the market. It is clear that Egypt now knows and appreciates the use of tiles. Consumption has expanded at all levels and is driving what has become a truly enormous industry in recent years. By the end of 2010 the plants installed in Egypt will be able to produce a total of 1 million square metres a day (more than 300 million sq.m/year). A culture of product quality has not yet developed. Factories often operate in critical environmental conditions (the extremely fine desert sand gets everywhere) and with poorly trained personnel, but the situation is improving rapidly. Moreover, we should not forget that some Egyptian companies have attained a high standard of excellence: they have accumulated experience and success, they produce porcelain tile alongside the generic and common red single fired tile, they are able to export their products and for years they have been taking part in the sector’s leading trade fairs. The most obvious example is Cleopatra, which ranks third amongst world ceramic groups in terms of output volumes (see Ceramic World Review no. 87/2010). The government has always focused strongly on this industrial sector which employs more than 6,000 people. It has been generous with its pricing policies for gas, electricity, water and industrial land, and continues to protect the market from imports with tariffs of 15%. A Ceramic Technology Centre was founded a year ago under the aegis of the Ministry of Industry and Innovation; exchanges have been organised with Italian institutions; and seminars and specific study days have been held. Above all, in mid November Cairo will be hosting the International Ceramic & Sanitary Exhibition, which following its first successful edition in 2009 has become an annual showcase for professional buyers in the sector and for the general public. This will allow the public to

92

Cera mic W o rld Review n. 88/ 2010

Parlando di dati ci si addentra però in un terreno assai insidioso: non esiste infatti una associazione settoriale di produttori, non ci sono cifre aggregate presso i ministeri, non c’è chiarezza sul grado di utilizzo degli impianti installati ed il commercio sommerso domina in gran parte il mercato. È evidente che ormai l’Egitto conosce e apprezza l’uso delle piastrelle: questo consumo, ad ogni livello, si è andato dilatando ed ha spinto un’industria che, soprattutto di recente, è divenuta realmente imponente. Entro fine 2010 gli impianti esistenti in Egitto potrebbero produrre complessivamente 1 milione di metri quadrati al giorno (oltre 300 milioni mq/anno). Non si è ancora sviluppata la cultura della qualità del prodotto: si opera spesso in condizioni ambientali critiche (… la finissima sabbia del deserto arriva ovunque) e il personale è di scarso livello, ma tutto questo sta migliorando velocemente. Ricordiamoci infatti che alcune aziende egiziane hanno raggiunto l’eccellenza; hanno accumulato esperienze e successi, producono anche porcellanato accanto alla generica e comune monocottura rossa, riescono ad esportare e sono presenti da anni alle maggiori fiere del settore. Doveroso citare Cleopatra, addirittura arrivata ad occupare la terza posizione nella graduatoria dei maggiori gruppi ceramici del mondo per quantità prodotte (si veda Ceramic World Review N. 87/2010). Il Governo ha sempre avuto molta attenzione per questo comparto industriale che occupa oltre 6.000 addetti; è stato generoso con i prezzi politici di gas, energia elettrica, acqua ed aree disponibili, e tuttora protegge il mercato dall’importazione con dazi del 15%. Da un anno è stato fondato un Centro di Tecnologia Ceramica sotto l’egida del Ministero dell’Industria e dell’Innovazione;


evaluate European products, comparing their quality and aesthetic appeal with those of local offerings. Imports have been very limited to date (around 1.5 million sq.m/year), while exports to African counties and the Gulf region amount to around 10% of output volumes and are increasing. The history of the Egyptian ceramic industry began about 20 years ago with an annual production of 5 million sq.m of tiles. This figure increased to 60 million sq.m in 2000 and now certainly stands at well over 200 million sq.m, putting Egypt well on the way to attaining 10th position in the world rankings of producer countries. At the same time sanitaryware production has increased (15 million pieces/year produced by 11 companies), while two companies have long been operating in the field of stoneware pipes and insulators. The tableware and terracotta sector is more fragmented. Moreover, the fact that the Egyptians are excellent potters is demonstrated by five thousand years of history. The brick and roof tile sector cannot yet be described as an industry given that it consists of thousands of small production centres (often at a family level throughout the Delta area) producing small extruded soft mud bricks and roof tiles, while firing is performed in small Hofmann kilns. Hopefully this sector will soon be able to attain a more appropriate industrial scale. Virtually all the manufacturing machinery for tiles and sanitaryware comes from Italy, which as part of its strong focus on Egypt’s growth has provided technological assistance, set up support and service facilities and developed local partnerships. Now in Egypt, frits are fused, moulds reconditioned and rollers engraved and it has become easy to obtain auxiliary chemical products, alumina grinding media and spare parts.

sono nati scambi con le istituzioni italiane; si sono tenuti seminari e giornate di studio specifiche. Soprattutto, a metà novembre, si terrà a Il Cairo, dopo una prima edizione di successo nel 2009, la International Ceramic & Sanitary Exhibition, una fiera destinata a diventare annuale vetrina privilegiata per i consumatori professionali del settore e per il grande pubblico. Il privato potrà così valutare anche i prodotti europei, confrontandone qualità e bellezza rispetto a quelli locali. Ben poca cosa finora è stata l’importazione (circa 1,5 milioni mq/anno), mentre l’export verso i paesi africani e dell’area del Golfo si attesta sul 10% dei volumi prodotti ed è in crescita. La storia dell’industria ceramica egiziana comincia circa 20 anni fa, con una produzione annua di 5 milioni di mq di piastrelle, divenuti 60 milioni nel 2000 e sicuramente ben oltre i 200 attuali, verso il 10° posto mondiale tra i paesi produttori. Si è sviluppata parallelamente la produzione di sanitari (15 milioni di pezzi/anno realizzati da 11 industrie), mentre da tempo sono attive due aziende nel campo dei tubi in gres e degli isolatori. Più frammentato il settore della stoviglieria e della terracotta: d’altronde, che gli egiziani fossero eccellenti vasai è noto e testimoniato da cinque millenni di storia. L’industria dei laterizi non può ancora essere definita tale, affidata a migliaia di piccoli nuclei produttivi (spesso in ambito familiare in tutta l’area del Delta): vi si lavorano mattoni a pasta molle, estrusi di ridotte misure, tegole e la cottura avviene in piccoli forni Hofmann. Viene auspicato e atteso il passaggio di questo comparto ad una più adeguata dimensione industriale. La quasi totalità dell’impiantistica relativa a piastrelle e sanitari proviene dall’Italia che, molto attenta allo sviluppo egiziano, ha qui profuso assistenza tecnologica, creato strutture di supporto e servizio, trovato sinergie locali. Ora in Egitto si fondono fritte, si rigenerano stampi, si imprimono rulli ed è diventato facile reperire prodotti chimici ausiliari, corpi macinanti in allu-

Producing porcelain tile ADVERTISING

An e-learning course of di www.iiea-school.it


The growth in the number of factories has gone hand in hand with increased exchange of information between technicians of various levels, resulting in a natural growth in experience and partnerships. It has been said and written in the ceramic world that 2010 will be Egypt’s year. Whether or not this is true, it is in any case an important moment in terms of the results achieved and the rapidly accelerating growth. This will certainly not be a short-term phenomenon given that the country’s overall growth and housing expansion are bound to continue. (JF) 

mina e ricambi. Con l’aumento del numero delle fabbriche è cresciuto di pari passo l’interscambio dei tecnici di vario livello, con ovvio incremento di esperienze e sinergie. Si è scritto e detto, nel mondo ceramico, che il 2010 è l’anno dell’Egitto: vero o no, è comunque un grande momento per i risultati ottenuti e la decisa accelerazione impressa. Non sarà sicuramente un periodo di breve durata, dal momento che la crescita generale del Paese e la continua espansione abitativa sono destinate a sicura ulteriore progressione.

EGYPTIAN TILE PRODUCING COMPANIES Aziende egiziane produttrici di piastrelle No. of plants and date of planned expansions N. stabilimenti e data di espansioni programmate

Company Azienda Al Amir

2 (August 2010)

Al Ezz

2

Al Omaraa

2 (August 2010)

Alpha Group

1 (February 2011)

Aracemco

1

Cleopatra Group

7, of which 3 in 10th of Ramadan + Aldorado, Fancy 1, Fancy 2, El King

El Alamia

1

Horizon

1

Lecico

1 (December 2010)

MICC

4 (December 2010)

Omega

1

Pharaohs

6, of which 5 in Al Faiyoum and one in Alexandria

Prima

2

Pyramids

1

Royal

1

Societé Generale

1

Venezia

1 (December 2010)

Venus

1

New factories under construction and locations Nuove aziende in costruzione e località

Planned start-up Avviamento programmato

Al Shark (Beni Swif)

June 2010

Art (6th of October)

June 2010

Varsina (10th of Ramadam)

July 2010

Verdi (Suez)

August 2010

There are 22 companies operating in Egypt, many of them with a number of facilities located in different areas. During the summer of 2010 four completely new companies began production (Al Shark, Art, Varsina and Verdi) and by the end of February 2011 major expansions are due to be completed at 6 existing facilities (Al Omaraa, Pyramids, MICC, Venezia, Alpha Group, Lecico). The 11 factories operating in the sanitaryware sector are largely owned by tile producing companies. In Egitto operano 22 industrie, spesso con più stabilimenti dislocati in aree diverse. Nel corso dell’estate 2010 sono entrate in produzione quattro aziende completamente nuove (Al Shark, Art, Varsina e Verdi) ed entro febbraio 2011 si dovrebbero completare importanti ampliamenti presso 6 impianti esistenti (Al Omaraa, Pyramids, MICC, Venezia, Alpha Group, Lecico). Gli 11 stabilimenti operanti nel settore dei sanitari sono in gran parte appartenenti alle aziende produttrici di piastrelle.

94

Cera mic W o rld Review n. 88/ 2010


An increasing focus on “designed in Mexico” Israel Gonzalez - President of Mexican Ceramic Society North Zone, 2008-2009

Sempre più “designed in Mexico” What are the new challenges facing one of the largest and oldest ceramic producer countries? Certainly not the need to recover production volumes lost due to the recession, nor the search for new export models to compensate for the gradual contraction of the domestic market. The Mexican ceramic industry is in fact in excellent health, as demonstrated by the production figures for 2009, and growth is expected to continue over the next few years. Ceramic tiles are the most popular surface covering material used by the growing MexiIsrael Gonzalez can population. By 2025 the country’s population is expected to reach 134 million, a sharp increase over the current 110 million. This population increase will drive a boom in public and private building. Tiles According to a survey conducted by Sociedad Mexicana de Ceramica, tile production in 2009 remained at 2008 levels of around 205 million sq.m. More than 70% of this output is sold on the domestic market, while the rest is exported, mainly to North America and in particular to the United States. Last year Mexico was the top exporter country in terms of volume to the USA, ahead of European producers, and is expected to maintain this result over the next two years.

mexico

The main Mexican producers are: Porcelanite Lamosa (120 million sq.m), Vitromex (50.0 million sq.m), Interceramic (36.0 million sq.m), Dal Tile (12.0 million sq.m), Nitropiso (5 million sq.m), Santa Julia (4.5 million sq.m), Cesantoni (3.5 million sq.m) and Orion (3.0 million sq.m). These figures refer to plant capacity and consider all product types: single firing, double firing and porcelain tile.

Quali sono le nuove sfide che deve affrontare uno dei maggiori paesi produttori e di più vecchia tradizione ceramica? Sicuramente non il recupero dei volumi di produzione persi a causa della crisi e neanche la ricerca di nuovi mercati di esportazione che compensino i progressivi ridimensionamenti del mercato locale. L’industria ceramica messicana gode infatti di ottima salute come testimoniano i dati di produzione relativi al 2009, ed è attesa in crescita anche nei prossimi anni. Le piastrelle di ceramica rappresentano il materiale da rivestimento maggiormente utilizzato dalla crescente popolazione messicana. Entro il 2025 gli abitanti del Paese nordamericano dovrebbero raggiungere i 134 millioni, in forte crescita rispetto agli attuali 110 milioni. Questo incremento demografico porterà con sé un boom edilizio pubblico e privato. Piastrelle La produzione di piastrelle, secondo le rilevazioni effettuate dalla Sociedad Mexicana de Ceramica, si è mantenuta nel 2009 sui livelli del 2008 è cioè attorno ai 205 milioni di mq. Di questi, oltre il 70% sono consumati in loco e la parte restante viene esportata, principalmente in Nord America, e negli Stati Uniti in particolare. Lo scorso anno il Messico è stato il primo esportatore in volume verso gli Usa, superando i produttori europei. Anche nel prossimo biennio il Messico dovrebbe mantenere tale risultato.

It is expected that the total production for 2010 will be close to 210 million sq.m and that in 2011 it will reach 215 million sq.m.

I principali produttori messicani sono: Lamosa Grupo (120,0 milioni di mq), Vitromex (50,0 milioni di mq), Interceramic (36,0 milioni di mq), Dal Tile (12,0 milioni di mq), Nitropiso (5 milioni di mq), Santa Giulia (4,5 milioni di mq), Cesantoni (3,5 milioni di mq), Orion (3,0 milioni di mq). Questi valori sono relativi alla capacità produttiva installata e comprendono tutte le tipologie realizzate: mono e bicottura e gres porcellanato.

Sanitaryware

Sanitari

Mexico is also one of the leading ceramic sanitaryware producer countries. At the end of 2009 national production capacity amounted to around 28 million pieces, approximately 10% of world production, a figure that places Mexico sixth in the rankings of producer countries after China, India, Russia, Brazil and Thailand.

Il messico è uno dei Paesi leader anche nella produzione di sanitari in ceramica. La capacità produttiva nazionale è arrivata a fine 2009 attorno ai 28 milioni di pezzi, circa il 10% della produzione mondiale, posizionando il Paese del Sombrero al sesto posto tra i maggiori produttori dopo Cina, India, Russia, Brasile e Tailandia.

96

C era mic W o rld Review n. 88/2010


Nuova serie inverter Agile

Tutto. Qui. Easy start up mode

Downtime prevention

Sensorless brushless control

Diagnostic fault scanner

E-served

Integrated automation

Leader in space saving

Safety inside

Energy stand-by

Resource pack

Agile è l’innovativa serie di inverter sensorless vettoriali Bonfiglioli. Con una gamma di potenza da 0,25kW a 11kW, alimentazione mono e trifase e tensioni 400V e 230V, gli inverter Agile migliorano l’efficienza e l’efficacia degli impianti. Innovazioni come il controllo vettoriale dei motori brushless open loop, la memory card MMC o la gestione web, presenti nella gamma Agile, rendono disponibili anche per le applicazioni di drive sensorless tutti i benefici di queste moderne tecnologie. Avanzate funzioni di diagnosi, predizione e troubleshooting fanno degli inverter Agile la soluzione ideale per la ricerca della continuità di esercizio dei processi di automazione. Inoltre installarli, programmarli e metterli in servizio è molto facile e non sono richieste risorse specializzate. Scopri come rendere più semplice e competitivo il tuo lavoro con gli inverter Agile: www.bonfiglioli.com/agile

Bonfiglioli Italia SpA - Via Sandro Pertini, lotto 7b - 20080 Carpiano (MI) - Tel. (+39) 02 985081 - Fax (+39) 02 985085817 - customerservice.italia@bonfiglioli.it


Contrary to the situation for tiles, 70% of output volumes are exported, again principally to the North American market. Exports to Europe are also expected to grow due to the good quality-to-price ratio and potential changes in trade agreements between European countries and Mexico, which currently penalise Mexican exports. The main manufacturers in the sanitaryware sector, among others, are: Ideal Standard (7.3 million pieces), Kohler (5.3 million pieces), Lamosa (2.9 million pieces), Vilbomex (2.1 million pieces), Orion (2.0 million pieces), Cato (1.5 million pieces) and Toto (0.5 million pieces). These amounts are forecasts of 2010 production.

Inversamente da quanto avviene per le piastrlle, il 70% dei volumi prodotti viene esportato, sempre principalmente nel mercato nordamericano. Sono attese in crescita anche le esportazioni verso il vecchio continente grazie ai buoni rapporti qualità/ prezzo e a evenutali modifiche degli accordi commerciali vigenti tra gli Stati europei e il Messico, che attualmente penalizzano le esportazioni da questo Paese. Nel settore dei sanitari, i principali produttori sono: Ideal Standard (7,3milioni/pezzi), Kohler (5,3 milioni/pezzi), Lamosa (2,9 milioni/pezzi), Vilbomex (2,1 milioni/pezzi), Orion (2,0 milioni/ pezzi), Cato (1,5 milioni/pezzi), Toto (0,5 milioni/pezzi). Questi valori sono relativi alla produzione attesa per il 2010.

Tableware

Stoviglieria

Although local tableware production remains relatively high (around 50 million pieces in 2009), it is facing fierce international competition. Imports amount to 45 million pieces, originating from China (50%) as well as Colombia, Ecuador and a number of European countries. Imported products mainly cater for the mid to low market segments, while Mexican products, which are produced using cutting-edge technologies, are aimed at a more demanding clientele and the hotel sector.

La produzione locale di stoviglieria, nonostante rimanga relativamente alta - nel 2009 è stata attorno ai 50 milioni di pezzi - risente ogni anno di più della concorrenza internazionale. Le importazioni hanno raggiunto i 45 milioni di pezzi provenienti per il 50% della Cina ma anche da Colombia, Ecuador e da alcuni paesi europei. I prodotti di importazione sono principalmente destinati alle fasce medio-basse del mercato mentre la produzione messicana, realizzata con tecnologie all’avvanguardia, è destinata ad un pubblico più esigente e all’hotellerie.

The two market players are the companies Santa Anita and El Anfora.

I due player di mercato sono le aziende Santa Anita e El Anfora.

The new challenges In view of the excellent state of health of the Mexican industry, what are the challenges facing producers over the next few years? Given the Mexican ceramic industry’s excellent level of technology and therefore quality, largely achieved through the excellent partnerships built up with Italian technology suppliers over the years, local producers feel a strong need to promote the national and international image of their products. For this purpose, Sociedad Mexicana de Ceramica has been working for the past year on a promotional campaign to foster an awareness of the value of Mexican products amongst local and international consumers. But this is not the Mexican ceramic industry’s only goal. It also intends to replace the concept of “made in Mexico” with that of “designed in Mexico” to create products based on local traditions that have a clearly defined and recognisable aesthetic identity. To help drive this change, last year Sociedad Mexicana de Ceramica launched the first design competition for industrial ceramic, which produced very encouraging results. (JF)

98

C era mic W o rld Review n. 88/2010

Le nuove sfide Evidenziato l’ottimo stato di salute dell’industria messicana, quali sono dunque le sfide che si pongono i produttori locali per i prossimi anni? Partendo dall’ottimo livello livello tecnologico e conseguentemente qualitativo raggiunto dalla ceramica messicana, grazie anche agli ottimi rapporti di partership costruiti negli anni con i fornitori tecnologici italiani, i produttori locali sentono l’esigenza di rafforzare l’immagine nazionale e internazionale delle proprie produzioni. Per questo da un anno la Sociead Mexicana de Ceramica sta lavorando ad una campagna promozionale che comunichi ai consumatori locali e internazionali il valore del made in Messico. Ma l’industria locale non vuole limitarsi a questo obiettivo. Intende superare il concetto di prodotto in Messico per cavalcare quello di designed in Messico, realizzando prodotti che siano frutto della creatività locale e possano rappresentare una tendenza estetica definita e riconoscibile. Per aiutare questo cambiamento, la Sociedad Mexicana de Cerámica ha lanciato lo scorso anno il primo concorso di design per la ceramca industriale che ha avuto esiti molto incoraggianti. 


Indonesia sees

growth slacken

Achmad Widjaja - President of Asaki, ketum@asaki.or.id

L’Indonesia rallenta la sua corsa Although it has not actually experienced a downturn, Indonesia - one of the world’s leading ceramic producer countries - has seen its growth slacken in the last two years due to the international economic situation, which has mainly affected the domestic market through a reduction in consumer purchasing power and a tightening of credit.

Seppur senza segni meno, la corsa dell’Indonesia, tra i maggiori Paesi di produzione ceramica, è stata ostacolata negli ultimi due anni dalla congiuntura internazionale che si è riflessa a livello domestico principalmente in una riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e in una stretta creditizia.

In 2009 ceramic tile production maintained the previous year’s level at 277.9 million sq.m (1.2% up on the 274.6 million Achmad Widjaja sq.m of 2008). Already in 2008 growth in national output had slowed, reporting a 16.8% increase (to 274.6 million sq.m) compared to the 38% growth in 2007 over 2006 (235.0 million sq.m in 2007 against 170 million sq.m in 2006).

La produzione di piastrelle ceramiche nel 2009 ha mantenuto i livelli raggiunti l’anno precedente assestandosi sui 277,9 milioni di mq (+1,2% sui 274,6 milioni del 2008). Già nel 2008 il ritmo di crescita dell’output nazionale aveva ceduto il passo facendo registrare un incremento del 16,8% (274,6 milioni di mq in termini assoluti) contro il +38% registrato sul 2006. Nel 2007 la produzione indonesiana era infatti stata pari a 235,0 milioni di mq, contro i 170 milioni di fine 2006. Per l’anno in corso, Asaki, Associazione nazionale dei produtto-

indonesia

However, the national tile manufacturers’ association ASAri di ceramica, prevede però la ripresa di un percorso di crescita, KI is predicting growth to resume this year, particularly givanche in considerazione del basso consumo pro capite di piaen the low per capita tile consumption (around 1.2 sq.m) strelle, attorno a 1,2 mq, e alla crescita edilizia del Paese. and the growth in the counLa capacità produttiva, stimata in The top ceramic tile manufacturers try’s building industry. 327 milioni di mq, dovrebbe esPercentage utilisation of total sere maggiormente usata rispetMaggiori produttori di piastrelle di ceramica production capacity (estimatto alla percentuale dell’85% regiName Production Capacity (sqm/year) ed at 327 million sq.m) is likely strata nel 2009. PT. Muliakeramik to exceed the 85% of 2009. Tutti i maggiori indicatori econo67.000.000 1 Indahraya All the major economic indimici, inoltre, confermerebbero cators point to an economic una ripresa economica. Il Pil è PT. Satyaraya 45.000.000 3 recovery, with GDP expected previsto in crescita del 7-8%. Keramindoindah to increase by 7-8%. PT. Arwana Citra Nel Paese, sono inoltre in corso 47.000.000 2 Mulia,Tbk Three major foreign investtre importanti investimenti straments are in progress in the country. Two of these concern ceramic tile production facilities built with Taiwanese capital, while the third is for a factory located at Surabaya in the region east of Java which is already producing ceramic sanitaryware for a Chinese company. Consumption and imports/exports As in most Asian countries, local production by 42 ceramic

100

4

PT. KIA

27.000.000

5

PT. Saranagriya Lestari Keramik

20.000.000

6

PT. Maha Keramindo Perkasa

12.000.000

7

PT. Platinum Ceramics Industry

20.000.000

8

PT. Chang Jui Fang Indonesia

14.400.000

9

PT. Angsa Daya (IKAD)

25.200.000

10

PT. Kemenangan Jaya Group

15.600.000

C era mic W orl d Review n. 88/2010

nieri. Due sono relativi ad altrettanti stabilimenti per la produzione di piastrelle di ceramica a capitale taiwanese; il terzo è, invece, uno stabilimento situato a Surabaya, nella regione ad est di Giava, che sta già producendo sanitari in ceramica per conto di un’azienda cinese. Consumo e import/export Come nella gran parte dei Paesi asiatici, la produzione locale, realizzata da 42 aziende ceramiche


companies located throughout the country fully meets domestic demand. In 2009 domestic consumption amounted to 265.7 million sq.m (likewise stable compared to the 262 million sq.m sold in 2008). Imports (just 7 million sq.m) consist exclusively of porcelain tiles. Exports, mainly shipped to Asian markets, totalled 19 million sq.m in 2009, slightly down on the 21 million sq.m of 2008 and corresponding to a value of USD 88.7 million. Sanitaryware and tableware Indonesia is also one of the world’s leading sanitaryware and tableware producers. In 2009 national output in the ceramic sanitaryware sector, which consists of just three companies, amounted to 4.2 million pieces. Here too, output is completely absorbed by the domestic market. Exports, balanced by imports, totalled 0.74 million pieces. Imports were slightly lower at 0.52 million pieces.

INDONESIA EXPORT MARKETS 2009 CERAMIC TILES

Volume(Kg)

Value (US$)

Australia

34.817.966

9.794.780

Thailand

25.722.207

7.076.606

Taiwan

21.830.752

6.913.527

Malaysia

26.092.297

5.809.172

USA

7.726.254

4.289.908

Saudi Arabia

19.513.460

3.903.881

South Korea

8.796.339

3.768.985

Philippines

15.980.568

3.096.687

Italy

688.680

452.865

Sao Tome & Principe

16.283

6.220

Camereon

5.859

2.000

161.190.665

45.114.631

Volume(Kg)

Value (US$)

USA

5.390.702

20.136.685

U.K.

1.304.787

7.524.677

South Korea

943.350

4.922.136

Japan

480.128

4.550.139

Australia

259.196

2.484.887

Singapore

17.230

90.473

China

9.619

85.061

Germany

17.536

73.010

8.422.548

39.867.068

Volume(Kg)

Value (US$)

USA

3.225.661

5.835.292

Japan

2.433.609

4.357.746

Total TABLEWARE

Total SANITARY

Tableware production was significantly higher, amounting to 211.7 million pieces in 2009. 43% of this consisted of exports, which totalled 90 million pieces last year to a value of more than USD 79 million. Imports were also significant, around 80 million pieces. About 15 companies produce tableware. (JF) 

444.224

1.941.844

1.035.670

1.644.588

Malaysia

515.598

1.630.232

Hong-Kong

523.930

1.375.926

Australia

69.874

586.648

UAE

58.231

193.904

Thailand

31.124

152.729

8.337.921

17.718.909

Singapore Italy

Total

disseminate sul territorio nazionale, copre interamente il fabbisogno nazionale. Il consumo locale nel 2009 è stato pari a 297 milioni di mq (in crescita rispetto ai 262 venduti nel 2008). L’import, pari ad appena 7 milioni di mq è esclusivamente costituito da piastrelle in gres porcellanato. L’export, invece, principalmente rivolto ai mercati dell’area asiatica, ha raggiunto a fine 2009 i 19 milioni di mq, in lieve calo rispetto ai 21 del 2008, e pari ad un controvalore di 88,7 milioni di dollari. Sanitari e stoviglieria L’Indonesia è anche uno dei maggiori produttori di sanitari e stoviglieria. Nel 2009 l’output nazionale nel settore dei sanitari in ceramica, realizzato da tre sole aziende, è stato pari a 4,2 milioni di pezzi. Anche in questo caso la produzione è completamente assorbita dal mercato domestico. L’export, controbilanciato dall’import, è stato pari a 0,74 milioni di pezzi. Le importazioni, di poco inferiori, sono state di 0,52 milioni di pezzi. Ben maggiore la produzione di stoviglieria che, a fine 2009, ha raggiunto i 211,7 milioni di pezzi. Il 43% è destinata all’export che, in valore assoluto, ha raggiunto lo scorso anno i 90 milioni di pezzi per un controvalore di oltre 79 milioni di dollari. Altrettanto importanti sono i valori dell’import pari a circa 80 milioni di pezzi. Nella produzione di stoviglieria sono attive circa 15 aziende. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

101


Estima

acquires Sok

Luca Baraldi - l.baraldi@tiledizoni.it

Estima cresce

russia

con Sok

Estima, one of the largest tile manufacturers in the Russian Federation, completed the acquisition of the young Russian company Sok in July this year. Estima, which holds a significant share of the Russian ceramic market and has an extensive network of branches throughout Russia, 16 representation offices in the country’s major cities and export shares in former Soviet republics, has reached full capacity usage at its facilities, prompting the decision to expand through acquisitions rather than to make investments in further production capacity. Estima is also the only porcelain tile supplier for a major state programme to renovate residential building in Moscow, for which it has already supplied more than 2 million sq.m of tiles. We met Estima’s general manager Karen Ogadzhanov to discuss the new developments.

Estima, tra i maggiori produttori di piastrelle della Federazione Russa ha portato a termine in luglio l’acquisizione del giovane player russo Sok. Estima, che detiene una quota significativa del mercato ceramico russo, grazie anche al supporto di un’ampia rete di filiali in tutta la Russia, 16 uffici di rappresentanza nelle principali città del Paese, oltre a quote export detenute nelle ex-repubbliche sovietiche, ha infatti raggiunto il pieno utilizzo dei propri impianti: da qui la decisione di crescere attraverso acquisizioni piuttosto che effettuare investimenti in capacità produttiva. Estima è inoltre l’unico fornitore di piastrelle in gres porcellanato per un importante programma statale di rinnovamento dell’edilizia residenziale a Mosca, per il quale ha già fornito oltre 2 milioni di mq di piastrelle. Abbiamo incontrato Karen Ogadzhanov, direttore generale di Estima, per farci descrivere le novità.

Ceramic World Review: Why did you choose Sok? Karen Ogadzhanov: Sok is a young company that has been operating since 2004 and is equipped with three modern porcelain tile production lines from Sacmi, enabling us to enormously increase our shares of the local market in this segment. The company is also situated in a strategic region. Its facility in Samara is at the centre of Russia but at the same time close to the country’s southern borders, to the regions of the Urals and Siberia, and to Kazakhstan.

Ceramic World Review: Perché la scelta di Sok? Karen Ogadzhanov: Sok è una giovane azienda, attiva dal 2004, equippaggiata con tre moderne linee Sacmi per la produzione di piastrelle in gres porcellanato. Questo ci ha permesso di aumentare esponenzialmente le nostre quote nel mercato locale in questo segmento. È inoltre situata in una regione strategica. Il suo stabilimento, presso Samara, è al centro della Russia, ma prossimo ai confini meridionali, alle regioni degli Urali e della Siberia, così come al Kazakistan.

C.W.R.: What advantages and synergies will you be able to establish? K. Ogadzhanov: The main advantage of this operation is greater production flexibility, enabling us to expand our product range and divide up production more effectively between the two factories so as to control quantities and production rates.

C.W.R.: Quali vantaggi e sinergie riuscirete a creare? K. Ogadzhanov: Il principale vantaggio di questa operazione è una maggiore flessibilità produttiva che ci consentirà di espandere la gamma prodotti e suddividere meglio la produzione tra i due stabilimenti, controllando quantità e ritmi di produzione.

Samara factory Lo stabilimento di Samara

102

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

C.W.R.: Quale dunque la vostra produzione attuale?


Marmi Collection Collezione Marmi

Estima external claddings Rivestimenti esterni con prodotti Estima

Stone Collection Collezione Stone

C.W.R.: So what is your current output? K. Ogadzhanov: With this new acquisition our total production has reached 14 million sq.m/year. Of this, 8 million sq.m is produced at our old facility Estima Noginsk and 6 million sq.m at the Sok factory, now called Estima Samara.

K. Ogadzhanov: Con questa nuova acquisizione la nostra produzione totale ha raggiunto i 14 milioni di mq/anno. Otto sono realizzati presso il nostro “vecchio” stabilimento Estima Noginsk, e sei presso lo stabilimento Sok, ora denominato Estima Samara.

C.W.R.: What brand names will you use? K. Ogadzhanov: Most products will be sold under the Estima brand name, but we will continue to produce Sok brand tiles to meet customer requirements.

C.W.R.: Quali saranno i marchi commerciali? K. Ogadzhanov: La maggior parte dei prodotti saranno commercializzati con il marchio Estima, ma continueremo a produrre anche piastrelle a marchio Sok per rispondere alle esigenze della clientela.

C.W.R.: Are you planning to make investments in technology? K. Ogadzhanov: This year at the Noginsk facility we have installed a new glazing line supplied by Tecno Italia, Air Power and CMF Technology as part of our policy of expanding our range of glazed porcelain tile. At Mosbuild 2010 we presented three new collections that reproduce wood, granite and travertine marble. These will mainly be sold through dealers, a channel in which we plan to improve our position. At the Estima Samara factory we are introducing our management system for production and logistics so as to integrate it with that of the other factory and with the group management systems. C.W.R.: How do you expect the Russian ceramic market to evolve? K. Ogadzhanov: Following several years of significant growth, which ended in mid 2008, we estimate that in 2009 the Russian ceramic market contracted by 35%, consisting of a 25% fall in domestic production and an approximately 55% drop in imports. The market is currently stagnant and we expect to see a moderate recovery with 6-7% growth as of 2011. (JF) 

C.W.R.: Avete in programma anche investimenti tecnologici? K. Ogadzhanov: Quest’anno abbiamo installato una nuova linea di smaltatura nello stabilimento di Noginsk fornita da Tecno Italia, Air Power e CMF Technology. Stiamo infatti ampliando l’offerta nel gres porcellanato smaltato. A Mosbuild 2010 abbiamo, ad esempio, presentato tre nuove collezioni che riproducono legno, granito e travertino, principalmente pensate per la commercializzazione attraverso le rivendite in cui contiamo di migliorare il nostro posizionamento. Nello stabilimento Estima Samara stiamo invece introducendo il nostro sistema di gestione per produzione e logistica, in modo da integrarlo con quello dell’altro stabilimento e coi sistemi gestionali di gruppo. C.W.R.: Come valuta l’evoluzione del mercato ceramico russo? K. Ogadzhanov: Secondo le nostre stime, nel 2009 il mercato ceramico russo è calato del 35%, con un calo della produzione nazionale del 25% ed una diminuzione delle importazioni di circa il 55%, a seguito di diversi anni di crescita significativa, arrestatasi a metà 2008. Il mercato è attualmente in fase di stagnazione, e ci attendiamo una ripresa moderata, con una crescita del 6-7%, a partire dal 2011. 

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

103


Spartek, growth through joint-venture Gian Paolo Crasta - g.crasta@tiledizoni.it

Spartek, joint-venture per crescere After completing a restructuring process following multiple acquisitions of struggling companies over the past six years, the Indian ceramic group Spartek has taken on the new name of Spartek Building Products and has launched an ambitious growth programme involving the construction of new facilities and joint ventures in India to a value of more than 16 million euro (Rs 100 crore). Twenty million euro have already been invested in the last 18 months: a first step to rapidly win back the market positions lost during the latest years. Renowned as a premium brand for more than two decades, the name Spartek has become a generic name for ceramic tiles in India. The group also owns the sanitaryware manufacturer Neycer with its own factory in India.

Krishna Prasad Tripuraneni

The business model is based on increasing production and commercial diversification through a combination of its own and partnership factories, differentiating production localisation according to the requirements of the nearest market, and establishing a network of showrooms throughout India. As Group chairman Krishna Prasad Tripuraneni explained, this development programme will involve organising joint ventures with Indian entrepreneurs and international groups who are interested in entering the fast-growing Indian market or delocalising some of their manufacturing activities.

Definitivamente ultimato il processo di ristrutturazione aziendale (necessario per ripianare una situazione debitoria causata da acquisizioni di società in crisi realizzate negli ultimi sei anni), il gruppo ceramico indiano Spartek, che ha assunto il nuovo nome Spartek Building Products, ha avviato un ambizioso piano di crescita da realizzare attraverso nuovi stabilimenti e joint-venture in India del valore di oltre 16 milioni di euro (Rs 100 crore). Venti milioni di dollari sono peraltro già stati investiti negli ultimi 18 mesi; un primo step per riguadagnare velocemente le posizioni di mercato perse negli ultimi anni. Il Gruppo è infatti uno dei più noti in India ed è attivo da oltre due decenni, tanto che il nome Spartek è diventato sinonimo di piastrelle di ceramica. Oggi, tra l’altro, possiede anche l’azienda di sanitari Neycer. Il nuovo modello di business si basa sul rafforzamento della diversificazione produttiva e di offerta commerciale, realizzata attraverso stabilimenti propri e in partnership, su una dislocazione produttiva differenziata in base alle esigenze del mercato più prossimo e su una nuova rete di showroom dislocate su tutto il territorio indiano.

Varun Tripuraneni

Tripuraneni aims to transform Spartek into one of India’s largest ceramic groups, for which purpose he has already established a programme consisting of several steps.

Questo piano di sviluppo si concretizzerà, come dichiarato dal presidente del gruppo, Krishna Prasad Tripuraneni, attraverso accordi di joint-venture con imprenditori indiani e con gruppi internazionali interessati a giocare da protagonisti nel mercato indiano in forte sviluppo, attraverso accordi di commercializzazione o delocalizzazione di parte della loro produzione. Tripuraneni intende infatti trasformare Spartek in uno dei maggiori gruppi ceramici indiani, attraverso un piano articolato in più fasi.

New tile production facility

india

Nuovo impianto per la produzione di piastrelle After relaunching its products on the Indian market through a partnership with a company based in Gujarat and selling tiles imported from China and Italy for the purpose of test marketing, Spartek has begun construction of its new factory in the Tamil Nadu region (start-up is due for June 2011). The facility will be used to manufacture high-end products

104

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

Dopo aver rilanciato i propri prodotti sul mercato, grazie ad un accordo con un partner produttivo con sede nel Gujarat, e alla vendita di piastrelle di importazione provenienti da Cina e Italia, che hanno consentito all’azienda di effettuare importanti test di mercato, Spartek sta realizzando il suo primo stabilimento nella regio-


and will have an output of 2.4 million square metres in an initial phase and a final capacity of 4.8 million square metres.

ne del Tamil Nadu (lo start up è previsto entro giugno 2011); destinato alla produzione di prodotti di fascia alta, avrà un output di 2,4 milioni di mq in una prima fase, destinata poi al raddoppio.

Modernisation of the Neycer production facilities

Riammodernamento dello stabilmento Neycer

In recent months the leading sanitaryware brand Neycer has completed its USD 6 million technological investment to boost production capacity, now 1.5 million pieces/year. Located 200 km south of the city of Chennai, the factory will soon undergo further expansion to reach a capacity of 2.5 million pieces/year by 2011.

In questi ultimi mesi anche Neycer, leader nella produzione di sanitari in ceramica sul mercato locale, ha completato un piano di investimenti tecnologici del valore di 6 milioni di dollari, finalizzati all’espansione della capacità produttiva, ora pari a 1,5 milioni di pezzi/anno. Lo stabilmento, situato a 200 km a sud della città di Chennai, sarà a breve interessato da una nuova espansione che porterà la capacità a 2,5 milioni di pezzi/anno entro la fine del 2011.

Varun Tripuraneni, son of the founder of the group who now spearheads marketing and new product development, explains that the company has just launched a line of 28 new sanitaryware products under its premium catalogue that will be on par with international products in terms of both quality and design. With the completion of the modernisation of its plant, Neycer will become one of the world’s most cost effective producers of high quality sanitaryware capable of matching European standards. Neycer is now looking to develop fresh export markets in Europe and to tie up OEM/subcontract deals with European manufacturers and importers.

Secondo quanto dichiarato da Varun Tripuraneni, figlio del fondatore e capo del marketing e dello sviluppo prodotti, Neycer ha lanciato sul mercato una nuova linea di 28 modelli di sanitari di alta gamma in linea con standard internazionali di qualità e design. Una volta completati i lavori di riammodernamento, lo stabilimento sarà tra i più avanzati ed efficienti, in grado di produrre sanitari a livelli europei. Ora l’azienda intende espandersi commercialmente nel vecchio continente e attivare accordi di fornitura con produttori e importatori europei.

New joint venture facilities

Nuovi impianti in joint-venture

Products manufactured in Spartek’s own facilities will be

Alla produzione realizzata attraverso i propri impianti, Spartek ag-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

105


supplemented by the output of three new factories to be built through joint ventures in the regions of Tamil Nadu and Andhra Pradesh. Each of these investments, worth between 6 and 10 million euro, will be for the production of high-quality tiles aimed principally at the southern regions of the Indian subcontinent. The growing demand for tiles in these regions, Tripuraneni explains, is met by products manufactured in facilities that are very distant geographically and therefore cannot be sold at competitive prices. Spartek will hold shares in the new companies and will take care of all technological aspects on a turnkey basis. It will also purchase the totality of production, which will initially amount to 7.2 million square metres. In the second stage of the project installed production capacity is expected to be doubled. To implement these projects, Spartek is holding discussions with Italian companies for technological partnerships and will evaluate financial partnerships with Italian and Spanish companies interested in investing in the project.

giungerà quella realizzata in tre nuovi stabilimenti da realizzare in joint-venture nelle regioni del Tamil Nadu e Andhra Pradesh. Ciascuno di questi investimenti, compresi tra 6 e 10 milioni di euro, sarà destinato alla produzione di piastrelle di alta qualità da commercializzare principalmente nelle regioni meridionali del subcontinente indiano. Secondo le analisi di Tripuraneni, infatti, queste regioni stanno mostrando una crescente domanda di piastrelle, oggi soddisfatta da prodotti realizzati in stabilimenti geograficamente molto distanti e che quindi non consentono prezzi di vendita competitivi. Spartek, che manterrà quote nelle nuove società, curerà tutti gli aspetti tecnologici, in una logica chiavi in mano, e ne acquisterà l’intera produzione che, in una prima fase, dovrebbe raggiungere i 7,2 milioni di mq. La seconda fase del progetto dovrebbe portare al raddoppio della capacità produttiva installata. Per realizzare questi progetti, Spartek ha già avviato trattative con alcuni produttori italiani di tecnologia per ceramica, e sta valutando possibili partnership con realtà italiane e spagnole interessate ad investire nel progetto.

Expansion of the own showroom network

Potenziamento del network di showroom

Tripuraneni also pointed out that Spartek is strengthening its network of showrooms located throughout India, which currently consists of about 500 independent dealers. Beside these ones, in fact, 40 new owned shops will be opened within the next 2 years. The first Spartek outlet will be inaugurated before March 2011 in Chennai. These new points of sale will handle Spartek’s wide range of offerings, which include most types of ceramic tiles (from single firing to porcelain tile) as well as tile ranges imported from Italy and sanitaryware produced by Neycer. The group also plans to introduce other bathroom products shortly such as taps, saunas and bathroom wellness products imported from Europe. (JF) 

Tripuraneni ha inoltre ricordato che Spartek sta rafforzardo la propria rete distributiva dislocata su tutto il territorio indiano che, ad oggi, conta circa 500 punti vendita indipendenti. A questi si affiancheranno infatti, entro il 2012, 40 nuovi punti vendita di proprietà, di cui il primo a Chennai da inaugurare a marzo 2011. All’interno di questi nuovi showroom verrà commercializzata l’ampia offerta Spartek, che comprende la maggior parte delle tipologie di piastrelle di ceramica (monocottura e gres porcellanto) sia di produzione propria che italiana e i sanitari prodotti da Neycer. Il gruppo ha pianificato anche l’introduzione di rubinetteria, saune e prodotti per il wellness della sala da bagno di importazione europea. 

106

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


00 220011 A A L GGIILLL 33 R R A A NN d..BB TTEECC PPaad dd 000011 n SSttaan

www.certec.cz - sales@certec.cz

Tel. 00420 378 010 910 - Fax 00420 378 010 934


New colour-matching and colorimetric products

Marco Sichi - Euromeccanica (Maranello, Italy)

Novità tintometriche e colorimetriche The main purpose of a company’s investing in colour-matching and colorimetric systems is to make the production process more reliable and thus to help achieve targets in the areas of cost control, end product quality, reduced environmental impact and product eco-compatibility. The introduction of colour-matching and colorimetric systems, however, requires certain fundamental decisions to be taken beforehand, and changes made to aspects of the production process, to the preparation of colours and slips in particular.

FOCUS ON COLOUR MANAGEMENT

Spectrophotometry for colour analysis and colour-matching Before they can rationalise ink and glaze colour management, ceramic tile manufacturers must first of all complete the following operations. ● They must identify the minimum number of colours actually needed for the colour palette formed by the inks, mottles, glazes and engobes currently in production. The range of ceramic colours needed generally consists of 12-15 types. These must be selected by an expert ceramic technician on the basis of stability, ready availability and quality to price ratio. All ceramic colour manufacturers can provide a range of basic colours, but the actual choice of colours and the parameters for standardising supplies must be agreed with the supplier and contractually formalised. Agreement must also be reached on what colour quality control system is to be used. Prior agreement on these points give ceramic companies confidence in the reliability of their supplies and avoid nonconformity problems with all the subsequent contestations associated with them. ● They must select a limited number of bases for screen printing and mottling. Two or three screen printing bases for each production technology (i.e. for each production cycle that is significantly different in terms of firing temperature) are generally sufficient. The same bases can sometimes be used for the mottles too. Rationalisation does not necessarily lead to a reduction in variety or to limitations on creativity; the intention is merely to make the creative process faster and more dependable. ● They must have an accurate rheological analysis performed on pigment suspensions in the media they use. This study is useful whether manufacturers prepare inks and mottles traditionally or using a new glaze colour-matching system. Rheological analysis must be carried out by the supplier of the chosen media. Its purpose is to ensure that exactly the right suspensions are used in the lab or industrial batch-

108

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

Rendere sempre più affidabile il processo produttivo per meglio raggiungere i principali obiettivi aziendali di controllo dei costi, qualità produttiva del prodotto finito e ottenimento di una produzione a basso impatto ambientale con prodotti ecocompatibili è il fine dell’introduzione in azienda di un sistema tintometrico e colorimetrico. La sua introduzione richiede però alcune scelte fondamentali che implicano il cambiamento di alcune modalità operative all’interno del ciclo produttivo e di preparazione di colori e barbottina. Spettrofotometria per l’analisi e la riproduzione dei colori Per affrontare seriamente il problema della razionalizzazione e della colorazione dei propri inchiostri e smalti, un’azienda ceramica deve innanzitutto operare le seguenti scelte fondamentali. ● Selezione della gamma di pigmenti necessari e sufficienti all’elaborazione della tavolozza colori formata dall’insieme di inchiostri, fiammature, smalti ed engobbi utilizzati in produzione. La gamma di pigmenti ceramici necessaria è composta da 12-15 tipi che devono essere selezionati dal tecnico ceramista, sulla base della loro stabilità, reperibilità e rapporto qualità prezzo. Ciascun colorificio ceramico è in grado di fornire tale gamma di pigmenti fondamentali, ma la scelta dei pigmenti ed i parametri di standardizzazione della fornitura, devono essere eseguiti in accordo con il colorificio prescelto ed entrare in un capitolato di fornitura. Bisogna inoltre accordarsi sul sistema utilizzato per il controllo dei pigmenti. Ciò garantirà ciascuno sull’attendibilità della fornitura prevenendo possibili problemi e contestazioni di non conformità. ● Selezione di un numero contenuto di basi per serigrafia e fiammature. Due o tre basi serigrafiche per ciascuna tecnologia (cicli produttivi diversi per significative differenze di temperatura di cottura) sono sufficienti e talvolta sono le stesse utilizzabili anche per le fiammature. Semplificare, infatti, non significa impoverire e togliere possibilità creative alla ricerca, ma rendere il percorso di studio più rapido e prevedibile. ● Eseguire un accurato studio reologico sulle sospensioni dei pigmenti nei veicoli da utilizzare. Questo studio è utile sia che si preparino gli inchiostri e le fiammature nel modo tradizionale, sia nel nuovo sistema tintometrico per gli smalti. Lo studio reologico deve essere eseguito dal fornitore di veicoli prescelto ed è finalizzato all’utilizzo delle sospensioni nel dosatore da laboratorio o industriale che verrà utilizzato per la preparazione automatica delle quantità desiderate delle varie ricette.


direfarecreare.it

eurite E 04-11 fine.stabilizzante.costante. nazionale.

euritonline.com


focus on colour management ing system that automatically prepares the required quantities of each recipe. The importance of colour analysis Once these basic steps have been completed, the ceramic technician should be able to reformulate the entire colour palette currently in production, using only the selected colours and bases. Euromeccanica’s Iride system performs a series of important operations for this purpose. ● It constructs calibration curves (colourfiles) for the selected colours. These curves show intensity as a function of concentration, and are developed using a number of different dilutions of each colour to suit each base. Each dilution is then transformed into a colour trace, obtained by screen printing or by a constant thickness applicator, depending on the technical parameters involved. This is then read by a SP62 device and converted into a specific emission curve for the visible spectrum (400-700 Nm). The series of curves thus obtained defines the ceramic company’s gamut of colours for the selected set of colours and bases, and provides the input on the basis of which the Iride system can reformulate production colours. ● It reformulates all the inks and mottles currently in production, using the new colours. Once a sample colour has been read, Iride proposes a set number of possible recipes, arranged according to technical and cost criteria, so that the ceramic technician can choose the one that best suits his requirements and working conditions. If his first choice proves unsatisfactory, a second comparative reading can be made, and a proposal for correction made to produce a colour nearer the required target. The final results can generally be achieved in 1 to 3 passes. The system uses colours from the colourfile in the number specified by the operator. The software will subsequently use data saved from successful formulations to become faster and more precise. Once targeted tests have established that the system is indeed able to reproduce the inks used in production as and when production planning requires, the old formulae can be replaced by the new ones. ● It formulates inks and mottles for new products, with the benefit of speed and more importantly, the certainty of obtaining rational formulae using only the selected set of colours. ● Effective quality control of incoming colours is essential to the correct functioning of the colour formulation software and the automatic batching system. Iride allows incoming supplies to be compared with a fixed standard based on numeric parameters and pre-established tolerances. Data can also be exchanged via e-mail with suppliers equipped with the same quality control systems. Automatic batching for ink preparation and colouring of mottles, glazes and slips Working in close collaboration with its mother-company Smaltochimica (specialists in the stability and control of colour suspensions), Euromeccanica can provide automatic batching

11 0

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

L’importanza dell’analisi del colore Una volta operate le scelte fondamentali è necessario che i tecnici siano in grado di riformulare tutta la tavolozza utilizzata in produzione, usando solo i pigmenti e le basi selezionati. Per questo Euromeccanica propone l’utilizzo di Iride che permette di eseguire un insieme di operazioni fondamentali. ● La costruzione delle curve di taratura dei pigmenti selezionati (colorfiles). Si tratta delle curve di intensità su concentrazione che si realizzano con alcuni punti di diluizione di ciascun pigmento in ciascuna delle basi selezionate. Ogni punto di diluizione si trasforma in una traccia di colore, ricavata per serigrafia o con un applicatore a spessore costante, a seconda delle scelte tecniche, leggibile con lo strumento SP62 e da questo tradotto in una curva specifica di emissione nel campo del visibile (400-700 Nm). L’insieme delle curve delimita uno spazio-colore (gamut) caratteristico dell’azienda ceramica in relazione alla selezione dei pigmenti e delle basi eseguita in precedenza e costituisce un inizio minimo necessario ad Iride per poter riformulare i colori di produzione. ● La riformulazione di tutti gli inchiostri e/o fiammature utilizzati in produzione con i nuovi pigmenti. Letto un colore campione, Iride proporrà un numero consistente di ricette possibili, ordinate secondo criteri sia tecnici sia economici, in modo che il ceramista possa scegliere la più conveniente secondo il proprio criterio di giudizio e convenienza. Se il primo tentativo non sarà soddisfacente, una seconda lettura di confronto, seguita da una proposta di correzione, si avvicinerà sempre di più al colore da imitare. In genere, l’obiettivo si raggiunge con 1-3 passaggi. Il sistema utilizzerà i colori contenuti nel colourfile nel numero prescelto dall’operatore. In seguito il software utilizzerà anche i dati memorizzati delle formulazioni andate a buon fine e diventerà sempre più rapido e preciso. Una volta stabilito, con prove mirate, che il sistema è in grado di riprodurre gli inchiostri di produzione, man mano che il programma di produzione lo richiederà, si potrà procedere alla sostituzione delle vecchie formule con le nuove. ● La formulazione degli inchiostri e delle fiammature richiesti dalla ricerca per i nuovi prodotti, col vantaggio della rapidità ma, soprattutto, con la certezza di formulazioni razionali eseguite solo con la gamma di pigmenti selezionata a priori. ● Il controllo dei pigmenti in ingresso è un’operazione indispensabile per garantire il corretto funzionamento sia del software di formulazione, sia dell’impianto di dosaggio automatico. Il vantaggio sta nel confronto fra fornitura e standard basato su parametri numerici e tolleranze prestabilite. Inoltre, i dati possono essere scambiati per e-mail con il fornitore che ormai possiede le stesse apparecchiature di controllo. Dosaggio automatico per la preparazione di inchiostri e colorazione di fiammature, smalti e barbottine Euromeccanica, in stretta collaborazione con la capogruppo Smaltochimica, che si occupa dei problemi legati alla stabilità e al controllo delle sospensioni dei coloranti, è in grado di proporre una tecnologia di dosaggio automatico per via tintometrica anche per la colorazione di smalti e barbottine. I risultati operativi e i vantaggi economici sono gli stessi quanti-


systems for colour-matching glazes and slips. The practical results and the cost benefits are exactly the same as for the preparation of inks. In fact, the systems, programs and working methods involved are identical and can be integrated as required.

ficati nella preparazione degli inchiostri. Anche gli impianti, i programmi e le metodologie di lavoro sono gli stessi e possono essere integrati fra loro.

Colour-matching

I tintometri utilizzati nell’industria ceramica sono dispositivi comandati per via informatica che permettono la miscelazione rapida di basi neutre, smalti o barbottine disperse preventivamente in acqua o altro con analoghe sospensioni dei coloranti. I semilavorati già pronti e il loro dosaggio in automatico possono garantire un’estrema precisione nelle formulazioni e la preparazione in tempi brevi delle sole quantità necessarie alla produzione. Il dosaggio per via tintometrica è corredato da un software di riformulazione del quale ogni ceramica deve dotarsi, basato sullo studio colorimetrico e la caratterizzazione dei propri materiali (colorfile).

The colour-matching systems used by ceramic tile producers are computer controlled systems capable of rapidly batching neutral bases, glazes and slips in aqueous suspensions or in other media capable of forming colour suspensions. The use of ready-made semi-finished products and automatic batching ensures excellent precision and the rapid formulation and preparation of the exact quantities required for production. The colour-matching system includes reformulation software that every ceramic company should have, based on colorimetric analyses and material characteristics (colourfiles).

Tintometria

Colour-matching for ink preparation

Dosaggio tintometrico per la preparazione degli inchiostri

Euromeccanica’s colour-matching systems can be tailored to suit customer needs. They guarantee the correct reproduction of all types of recipe, and can prepare any type of ink in the quantities required, under controlled and guaranteed rheological conditions. The system can even automatically colour-match mottles and glazes for use with disk applicators or airless spray guns using the same colour suspensions.

Il sistema tintometrico Euromeccanica, progettato e realizzato sulle specifiche esigenze del singolo cliente, garantisce la corretta riproduzione di qualsiasi tipo di ricetta e la possibilità di preparare qualsiasi tipo di inchiostro nelle quantità desiderate e in condizioni reologiche controllate e garantite. Anche la colorazione in automatico di fiammature e smalti da applicare a disco o aerografo-airless può essere effettuata con questo impianto utilizzando le stesse sospensioni di coloranti.

Colour-matching for colouring glazes for bell or waterfall applicators

Dosaggio tintometrico per la colorazione di smalti da applicare a campana o vela

Euromeccanica has developed an innovative new system called Colour Glaze to satisfy the needs of the ceramic tile industry and to solve the problems associated with colouring glazes for bell or waterfall applicators. This weight-based batching system can handle up to 21 components. Though based on the same batching technology described above, the feed head, tanks and colour suspensions are all specifically designed to satisfy the needs of these application methods. In particular, the individual colour suspensions have to be accurately formulated to ensure stability: the parameters of viscosity, sedimentation, drying and density fluctuation over time must be carefully evaluated for each individual suspension. All the tanks that contain aqueous colour suspensions are designed to guarantee controlled rheological conditions for the liquid colours. The fixed feed head is designed for robustness and easy maintenance. The system is equipped with two balances, one to weigh colours and another to weigh glaze. The capacities of these high precision balances are tailored to meet requirements and to ensure the precision and correct sensitivity of all instruments during customers’ batching processes. These systems deliver all the usual benefits in terms of consistent batching, shorter preparation times, exact quantities and reduced costs.

Per andare incontro alle esigenze delle industrie ceramiche e alla soluzione dei problemi di colorazione degli smalti da applicare a campana e vela, Euromeccanica propone un nuovo innovativo impianto denominato Colour Glaze, un dosatore ponderale, capace di gestire fino a 21 componenti, basato sulla stessa tecnologia di dosaggio ma dove, la testata di dosaggio, i contenitori e le sospensioni di coloranti sono stati studiati e modificati per le specifiche esigenze richieste in applicazione. In particolare, le sospensioni dei singoli coloranti esigono uno studio adeguato per la loro stabilizzazione: per ognuna vanno valutati parametri come viscosità, sedimentazione, essiccamento e variazioni di densità nel tempo. Tutti i serbatoi che contengono sospensioni acquose di coloranti garantiscono ai pigmenti liquidi condizioni reologiche controllate. La testata di dosaggio è fissa e studiata in modo da permettere la massima robustezza ed accessibilità per operazioni di manutenzione. È munita di due bilance, la prima per il dosaggio dei coloranti e la seconda per il dosaggio dello smalto, ad alta precisione con portate adatte alle esigenze dell’utilizzatore per garantire nelle fasi di dosaggio la precisione e la corretta sensibilità degli strumenti in base alle esigenze del cliente. Vengono assicurati anche da questi impianti tutti i vantaggi relativi alla costanza dei preparati, alla riduzione dei tempi di preparazione nelle quantità desiderate e dei costi.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

111


focus on colour management Colour-matching for colouring slips Euromeccanica’s latest innovation is in the field of colour management for slip preparation. Zeus is an automatic, modular, computerised machine for the continuous wet batching of one or more colours and a base, according to the needs of the production process. The machine is easy to install even in existing production lines. Designed and developed for positioning upstream from the spray drier’s feeder tank, Zeus is able to provide a continuous feed to the spray drying process. The machine itself is extremely compact and mounted on wheels so that it can be moved around the factory as required. The volumes of the feeder tanks and the routing of the pipes are calculated to minimise the volume of washing water needed, and to permit use of the machine with small production runs. Thorough tank cleaning is facilitated by the absence of internal moving parts. The product is agitated by dynamic recirculation. The benefits of using colour-matching systems Experience from previous installations has shown us that the addition of a colour-matching system to a process gives numerous benefits and makes a major contribution to rationalising and optimising production. Our considerations are based on an average size ceramic tile producer manufacturing some five million sq.m/year in various formats, made up of glazed porcelain and single fired floor and walls tiles. a) Economic advantages: Reduction in: - storage space for basic raw materials (colours, bases, screen printing media, chemical additives); - weighing and grinding operations for screen printing pastes; - batch changeover times on the line; - wastage; - the number of applications on the glazing line; - transport and corrections; - left-over stock. b) Quality advantages: - reduction in colour tones/batch; - improvement in colour yield; - colorimetrically correct and cost-effective formulations. c) Organisational and logistical advantages Potential savings Potential savings can be quantified as averaging 30% of the total cost of each material produced. It is obvious that there can be significant variations in terms of the level of company organisation, technical and commercial factors and other conditions with respect to the average. Payback for a complete system, with industrial colourmatching equipment, can be achieved in something between 5 and 10 months.

11 2

C era mic W o r l d Review n. 88/2010

Dosaggio tintometrico per la colorazione delle barbottine L’ultima innovazione proposta da Euromeccanica riguarda la gestione del colore per la preparazione di barbottine colorate. Zeus è una macchina automatica, modulare e computerizzata, per il dosaggio continuo ad umido di uno o più coloranti ed una base, da configurare in funzione delle caratteristiche del processo produttivo, predisposta per un semplice inserimento anche in impianti produttivi esistenti. Pensata e progettata per essere inserita prima della vasca di servizio dell’atomizzatore, è in grado di alimentare in continuo il processo. La macchina è di dimensioni molto contenute ed è montata su ruote in modo da consentire un suo eventuale agevole spostamento all’interno dello stabilimento. I volumi dei serbatoi di servizio e il percorso delle tubazioni sono concepiti in modo da ridurre al minimo le quantità di acqua necessaria per i lavaggi, consentendo l’utilizzo della macchina anche per lotti di produzione ridotti. I serbatoi non hanno all’interno parti in movimento, in modo da consentirne una perfetta pulizia; l’agitazione del prodotto avviene mediante il ricircolo dinamico del prodotto stesso. Utilizzo e vantaggi dei sistemi tintometrici Sulle base delle installazioni effettuate, l’inserimento dei sistemi tintometrici tra le tecnologie produttive consente di ottenere numerosi vantaggi che convergono verso una razionalizzazione e ottimizzazione della produzione. I calcoli sono stati fatti considerando un’azienda ceramica media che produca circa cinque milioni di mq/anno in diversi formati e con diverse tecnologie produttive: porcellanato smaltato e monocottura da pavimento e rivestimento. a) Vantaggi economici Riduzione di: - stoccaggio delle materie prime di base (pigmenti, basi, veicoli serigrafici, additivi chimici vari); - pesata e macinazione delle paste serigrafiche; - tempi di cambio lotto in linea; - dispersioni; - applicazioni in linea di smaltatura; - trasporti e correzioni; - rimanenze. b) Vantaggi di qualità - riduzione delle tonalità/lotto; - miglioramento delle rese; - formulazioni colorimetricamente corrette ed economiche. c) Vantaggi organizzativi e logistici I risparmi ottenibili I risparmi ottenibili sono quantificabili in un valore medio del 30% di costi complessivi di un qualsiasi materiale prodotto. È evidente che, rispetto ad una situazione tipo, ci possono essere scostamenti anche rilevanti in relazione al grado di organiz-


Glazing line application control Once reliable colours have been obtained through colorimetric analysis and precise and repeatable batching of all recipes, using one of Euromeccanica’s wide range of colourmatching systems, the next step is to ensure the consistency of ink application to the tiles. Fresh Color Euromeccanica’s Fresh Color achieves precisely this objective. Fresh Color is an ink feeder for engraved roller applicators, and is able to keep all the main chemical, physical and rheological parameters of the application process constant, thus reducing waste and consumption. The latest version of the machine is fully independent and mounted on four wheels; it can therefore be moved around the plant quickly and easily. Fresh Color is equipped with a control panel that allows the operator to supervise all decorating machine application parameters using just a few simple commands.

zazione, all’impostazione tecnica e commerciale dell’azienda interessata, ed altri fattori ancora. Per quanto riguarda i tempi di ammortamento di un impianto completo comprendente un tintometro industriale, essi sono compresi in un lasso di tempo tra i 5 e i 10 mesi. Controllo delle applicazioni in linea di smaltatura Una volta realizzati colori affidabili, grazie allo studio colorimetrico ed al dosaggio estremamente preciso e ripetibile delle ricette possibili con la vasta gamma di tintometri Euromeccanica, è necessario rendere costante l’applicazione degli inchiostri sulla piastrella. Il Fresh Color Per ottenere questo risultato Euromeccanica propone Fresh Color, un alimentatore per inchiostri per macchine incavografiche, in grado di mantenere costanti i principali parametri applicativi chimico-fisici e reologici e ridurre ulteriormente gli sprechi ottimizzando i consumi. La nuova versione della macchina è indipendente, su quattro-

»»

ADVERTISING


focus on colour management The main parameters affecting print quality are:

Max overall dimensions of a single unit (mm) Dimensioni max. per singola unità in mm

● Density. Fresh Color incorporates a reliable, high precision densimeter that continuously monitors density without interfering with the applicator. The densimeter is the heart of Fresh Colour, and keeps denFRESH COLOUR sity constant by means of precise injections of medium or ink. ● Temperature. Fresh Color also incorporates a temperature control system that can heat or cool the ink to maintain it at a constant temperature. The temperature set point must be chosen on the basis of the actual operating conditions under which production takes place. Heating is by diffusion. The absence of parts in direct contact with the ink eliminates the risk of overheating and scale formation. ● Chemical and physical conditions. If temperature and density are kept constant, viscosity too should remain constant. This, however, is true only for determined conditions. Other variables can also affect particle size and medium composition. These include ambient temperature, tile temperature, tile surface absorbance, ink consumption and the separation of fines. These parameters can have quite a significant effect on printing results. Fresh Color can be adjusted to work with all applications, thanks to the provision of adjustments for medium and ink injection, and the ability to remove exhausted product under certain operating conditions. All functions can be controlled easily from a touch screen.

Fresh Color also reduces wastage. Minimum working volume for the feeder tank is 6 litres, so a production run can be completed with only 6 litres of excess to be recovered and treated. The superbly reliable, fully automatic control system also leaves operators free to perform other tasks, with obvious benefits for quality. Batteries of three to six Fresh Color stations can be supplied, fully interconnected and controlled from the one touch screen, or one machine can be supplied as a single unit when maximum versatility is required and the machine has to be used with more than one critical screen printing station. (GD)

11 4

C era mic W o r l d Review n. 88/2010

ruote, e può essere spostata con estrema rapidità e semplicità all’interno dello stabilimento. Inoltre, è dotata di una unità di controllo operatore che, attraverso pochi comandi, gestisce la macchina decoratrice in tutti i suoi parametri di applicazione. I parametri importanti che influenzano il risultato di stampa sono:

Densità. Fresh Color è dotato di un densimetro di grande affidabilità e precisione, che misura la densità in continuo senza interferire in alcun modo col sistema. Il densimetro è il cuore della macchina che lavora per mantenere costante questo parametro, mediante piccole immissioni di veicolo e/o di inchiostro. ● Temperatura. Fresh Color ha un sistema di termoregolazione che può riscaldare e raffreddare l’inchiostro mantenendone la temperatura costante. Il set point della temperatura deve essere individuato in base alle condizioni ambientali in cui si svolge la produzione. Il sistema di riscaldamento è a diffusione, quindi non a diretto contatto dell’inchiostro, per evitare indesiderati effetti di sovratemperatura e la formazione di croste. Condizioni chimico fisiche. Mantenendo costante la temperatura e la densità rimane costante anche la viscosità. Questo però è un assioma che si verifica solo per particolari modalità di funzionamento. Infatti, ci sono alcune variabili che influenzano sia la variazione di granulometria che di composizione del veicolo: la temperatura ambiente, la temperatura delle piastrelle, la capacità di assorbimento della superficie delle piastrelle, il consumo di inchiostro e la separazione della parte fine. Questi parametri possono incidere in maniera anche molto evidente sul risultato di stampa. Fresh Color ha tutte le regolazioni necessarie per adattarsi a tutte le esigenze applicative, grazie alla possibilità di graduare sia le immissioni di veicolo che di inchiostro, sia la sottrazione di parte di quello esausto in particolari condizioni di lavoro. Tutte le funzioni sono facilmente regolabili per mezzo di un touch screen. ●

Fresh Color è stato pensato anche allo scopo di ridurre gli sprechi: il livello di lavoro del serbatoio è di 6 litri, quindi è possibile arrivare a fine lavoro con soli 6 litri di esubero che può essere ricondizionato. Inoltre, l’affidabilità del funzionamento completamente automatico consente al personale impiegato di dedicarsi ad altre mansioni di controllo con ricadute benefiche sulla qualità della produzione. È disponibile in batteria, da tre a sei stazioni fra loro collegate e regolabili da un unico touch screen, oppure in versione singola da utilizzare in modo flessibile sulle stazioni serigrafiche più difficoltose. 


Media and additives in colour-matching systems

Lucia Guatoli, Simona Ferrari - Smaltochimica (Fiorano, Italy)

Veicoli e additivi nei sistemi tintometrici The system of media and additives for colour matching ink preparation processes, produced - first among all ceramic chemicals suppliers - by Smaltochimica, has been subjected to a series of modifications and evolutions over the years due to customers’ needs, although driven also by innovation in the application technologies sector. Origins: the multimedia system At the time of emergence of the first colour matching systems, Smaltochimica developed a multimedia system: a range of self-fixing media wherein each individual component of the traditional printing medium is utilised to the best of its characteristics and addressed to the application that is most suited to its chemical-physical properties. The system includes: bases grinding medium; oxides grinding medium; concentrates medium; dilution medium. Each medium has specific properties and consequently specific functions in the framework of the automatic batching system. The combination of these four media in the correct percentages effectively allows users to reformulate a traditional printing medium. The various media can be considered as individual components of a disassembled self-fixing medium. The pastes preparation process managed by means of the multimedia system can be summarised as follows: • use of printing bases in powder form, to be ground with bases grinding medium (e.g. Medium 40) with addition, if necessary, of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • colours ground with specific oxides grinding medium (e.g. Rollfix 45), with the addition of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • mixing of liquid intermediates; • preparation of flat screen printing pastes through the addition of rheological modifiers (e.g. +10% of Nonfix 1230), and subsequent dilution with screen medium (e.g. Nonfix 850) up to the utilisation density; • preparation of the roller printing pastes by means of dilution with a roller printing medium, which is frequently the same as the oxides grinding medium (e.g. Rollfix 45), up to the utilisation density.

11 506

C era micW W o r l dReview Reviewn.n.88/2010 88/2010 Cera mic o rld

Il sistema di veicoli e additivi per i processi di preparazione degli inchiostri per via tintometrica, di cui Smaltochimica è stata la prima azienda produttrice, hanno subito negli anni modifiche ed evoluzioni legate sia alle richieste del cliente sia alle innovazioni nel settore delle tecnologie applicative. Le origini: il sistema multimedia Alla nascita dei primi impianti tintometrici, Smaltochimica mette a punto il sistema multimedia, una gamma di veicoli autofissanti, nei quali ogni singolo componente del veicolo serigrafico tradizionale viene utilizzato al meglio delle sue caratteristiche, ed indirizzato all’applicazione più adatta alle sue proprietà chimico-fisiche. Il sistema comprende: medium di macinazione basi; medium di macinazione ossidi; medium concentrati; medium di diluizione. Ciascuno è caratterizzato da proprietà peculiari e, di conseguenza, da funzioni specifiche nell’ambito del sistema di dosaggio automatico. La combinazione, nelle giuste percentuali, di questi quattro veicoli, consente in pratica la riformulazione di un veicolo serigrafico tradizionale da parte dell’utilizzatore. I vari veicoli possono essere considerati come singoli componenti di un veicolo autofissante scomposto. Il processo di preparazione paste, gestito mediante il sistema multimedia, può essere così sintetizzato: • utilizzo di basi serigrafiche in polvere, da macinare con medium di macinazione basi (es. Medium 40) con eventuale aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • coloranti macinati con apposito medium di macinazione ossidi (es. Rollfix 45), con aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • miscela dei semilavorati liquidi; • preparazione delle paste serigrafiche da retino mediante aggiunta di modificatori reologici (es. +10% di Nonfix 1230), e successiva diluizione con medium da retino (es. Nonfix 850) fino alla densità di utilizzo; • preparazione delle paste serigrafiche da incavografia rotativa mediante diluizione con medium da incavografia, spesso coincidente con il veicolo di macinazione ossidi (es. Rollfix 45) fino alla densità di utilizzo.


focus on colour management

bases / Basi Dispersion and grinding of individual bases in medium or in water Dispersione e macinazione di singole basi in veicolo o in acqua

COLOURS / COLORANTI Dispersion and grinding of individual colours in medium Dispersione e macinazione singoli coloranti in veicolo

➫ ➫

NEUTRAL BASES IN SUSPENSION BASI NEUTRE IN SOSPENSIONE

CONCENTRATES MEDIA MEDIUM CONCENTRATI DILUITION MEDIA MEDIUM DI DILUIZIONE VARIOUS ADDITIVES ADDITIVI VARI

Il sistema multimedia rimane ad oggi il complesso di veicoli più idoneo e flessibile per la gestione di un impianto di preparazione automatica di serigrafie sia da retino sia da incavografia rotativa. La complessità del sistema è solo apparente, in quanto il dosaggio dei componenti l’inchiostro in tutte le fasi della sua preparazione avviene in modo completamente automatico senza la necessità di alcun intervento manuale.

COLOURS IN SUSPENSION COLORANTI IN SOSPENSIONE

The multimedia system still provides the most suitable and flexible set of media for management of an automatic preparation system for screen or roller type printing pastes. The complexity of the system is merely apparent, because batching of the ink components in all stages of preparation takes place completely automatically without requiring any manual intervention.

mixing MISCELAZIONE

FINAL INK inchiostro finale

LINE LINEA

Evolution

Le evoluzioni

Requests for simplification advanced by some customers, combined with specific production requirements, have per-

La richiesta di semplificazione di alcuni clienti, oltre a particolari esigenze produttive, hanno indotto Smaltochimica a studiare

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

117


focus on colour management suaded Smaltochimica to develop alternative solutions and propose personalised medium systems. Compound base The need of ceramics companies to cut production costs has led to the use of neutral bases in composite form (frit + raw material) that customers can grind directly in their own mills, instead of the previously used neutral bases. The bases grinding medium remains unchanged (e.g. Medium 40) because its composition is designed to achieve the required particle size in times that are comparable to wet grinding. Also the successive pastes preparation method remains unchanged. Wet grinding of bases The bases grinding medium is replaced with water exclusively when so requested by ceramics companies. In this case the base is ground in water with the addition of suitable fluidizing agents (e.g. Keraflu K220 in powder form or liquid TMS and Keraflu K233 at the end of grinding). Successively, prior to storage of the liquid base it is essential to add high percentages of concentrated medium (e.g. +20-25% of Rollfix 554), to endow the suspension with the correct lubrication properties and shelf life (this was previously ensured by the use of the grinding medium). The same concentrated medium utilised for the bases, after suitable dilution in water, can be used also as an oxides grinding medium and a dilution medium for roller printing. For ceramic companies that do not have access to the necessary equipment to perform this dilution process, Smaltochimica has developed a series of mediums that can be used as concentrates in addition to the liquid base (+25-40%), as oxides grinding media, and as dilution media (e.g. Rollfix 9). The subsequent pastes preparation method remains unchanged. The single medium system This system emerges primarily from the request from users to simplify management of the batching system as far as possible, due to the gradual demise of screen printing decoration and the increasing prevalence of silicone roller decorators. The single medium system can be summarised as follows: • use of printing bases in powder form, for grinding

11 8

C era mic W o r l d Review n. 88/2010

altre soluzioni e a proporre sistemi di veicoli personalizzati. Base in composto L’esigenza di una riduzione dei costi produttivi delle aziende ceramiche ha portato all’utilizzo di basi neutre non più in polvere ma sotto forma di composto (fritta + materie prime), che il cliente macinerà direttamente col suo mulino. Il medium di macinazione basi rimane lo stesso (es. Medium 40) visto che la sua composizione è studiata per raggiungere la granulometria desiderata in tempi paragonabili alla macinazione in acqua. Invariata rimane anche la successiva metodologia di preparazione paste. Macinazione basi in acqua Esclusivamente su richiesta delle industrie ceramiche il veicolo di macinazione basi viene sostituito dall’acqua. La base viene macinata in acqua con aggiunta di opportuni agenti fluidificanti (es. Keraflu K220 in polvere o TMS e Keraflu K233 liquidi a fine macinazione). In seguito, prima dello stoccaggio della base liquida, è indispensabile l’aggiunta di considerevoli percentuali di veicolo concentrato (es. +20-25% di Rollfix 554), per conferire alla sospensione la giusta lubrificazione e stabilità nel tempo (in precedenza garantita dall’utilizzo del medium di macinazione). Il medesimo veicolo concentrato utilizzato per le basi, opportunamente diluito con acqua, può essere utilizzato anche come veicolo di macinazione ossidi, e diluizione per incavografia rotativa. Per le ceramiche che non dispongono delle attrezzature necessarie a compiere questa operazione di diluizione, Smaltochimica ha studiato una serie di medium che possono essere utilizzati sia come concentrati in aggiunta alla base liquida (+2540%), sia come veicoli di macinazione ossidi, sia come veicoli di diluizione (es. Rollfix 9). Rimane invariata la successiva metodologia di preparazione paste. Il sistema monoveicolo Questo sistema nasce soprattutto dalla richiesta da parte dell’utilizzatore di semplificare il più possibile la gestione dell’impianto di dosaggio, giustificata dalla graduale scomparsa della decorazione a retino e dall’utilizzo prevalente di macchine decoratrici a rullo siliconico. Il sistema monoveicolo può essere così schematizzato: • utilizzo delle basi serigrafiche in polvere, da macinare con l’unico medium proposto (es. Rollfix 88) con


with the single medium proposed (e.g. Rollfix 88), with the addition, if necessary, of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • colours ground with the same medium (e.g. Rollfix 88), with the addition of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • mixing of the liquid intermediates; • preparation exclusively of the roller printing pastes by means of dilution with the same medium (e.g. Rollfix 88) to the utilisation density. Modification of single medium system to prepare also screen printing pastes If it becomes necessary to prepare also screen printing pastes and the customer wishes to work with the single medium system, Smaltochimica recommends the use of the latest generation of rheological modifiers to support the roller printing medium. The schedule for the thus-modified single medium system is therefore as follows: • use of printing bases in powder form, for grinding with the single medium proposed (e.g. Rollfix 88), with the addition, if necessary, of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • colours ground with the same medium (e.g. Rollfix 88), with the addition of inorganic suspending agents (e.g. Plastificante 55); • mixing of the liquid intermediates; • preparation of the roller printing pastes by means of dilution with the same medium (e.g. Rollfix 88) to the utilisation density; • preparation of the screen printing pastes through the addition of suitable quantities of the most appropriate rheological modifier to achieve the required density and viscosity values. Management of colour matching systems for automatic colouring of screen printing pastes, mottles and glazes Automatic colouring of mottles and glazes for double disk and airless spray application. Following automatic colouring of screen printing pastes, the need also emerged for automatic colouring of mottles and glazes. The media normally proposed for grinding of colours are perfectly compatible with mottle application techniques (spray guns) and with several of the technologies utilised for glaze

eventuale aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • coloranti macinati con il medesimo medium (es. Rollfix 88), con aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • miscela dei semilavorati liquidi; • preparazione delle sole paste serigrafiche da incavografia rotativa mediante diluizione con lo stesso medium (es. Rollfix 88) fino alla densità di utilizzo. Modifica al sistema monoveicolo per preparare anche paste da retino Nel caso in cui sia necessario preparare anche alcune serigrafie da retino, e il cliente richieda il sistema monoveicolo, Smaltochimica suggerisce l’utilizzo di modificatori reologici di nuova generazione da affiancare al medium da incavografia rotativa. Lo schema del sistema monoveicolo così modificato diventa pertanto: • utilizzo delle basi serigrafiche in polvere, da macinare con l’unico medium proposto (es. Rollfix 88), con eventuale aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • coloranti macinati con il medesimo medium (es. Rollfix 88), con aggiunta di sospensivanti inorganici (es. Plastificante 55); • miscela dei semilavorati liquidi; • preparazione delle paste serigrafiche da incavografia rotativa mediante diluizione con lo stesso medium (es. Rollfix 88) fino alla densità di utilizzo; • preparazione delle paste serigrafiche da retino mediante aggiunta di opportuni quantitativi del modificatore reologico più opportuno per raggiungere i valori di densità e viscosità desiderati. Gestione di impianti tintometrici per la colorazione automatica di serigrafie, fiammature e smalti Colorazione automatica di fiammature e smalti per doppio disco e airless. Successivamente alla colorazione automatica delle paste serigrafiche è sorta l’esigenza di colorare, sempre in modo automatico, fiammature e smalti. I medium normalmente proposti per la macinazione dei coloranti sono perfettamente compatibili con le tecniche applicative delle fiammature (aerografi) e con alcune delle tecnologie utilizzate per gli smalti (doppio disco e airless). La preparazione di fiammature e smalti colorati si può quindi

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

119


application (double disk and airless system). Preparation of coloured mottles and glazes can be summarised as follows: • wet grinding of neutral glaze; • colours ground with roller printing medium (e.g. Rollfix 41); • mixing of liquid intermediates and dilution in water to the application density; • supply of any required additives: anti-foam/levelling agents (e.g. PL 610, SE 57, PCS), anti-fermentative agents (SB 62), lubricants for mottling (Smaltolube). In the case of automatic colouring of printing pastes and mottles, to avoid lengthening drying times excessively, grind colours with a low glycol-content medium (e.g. SPM 263). Automatic colouring of glazes for bell and curtain coater application The bell and curtain coating application of glazes is based on the delicate balance between low viscosity and high surface tension, both essential parameters in order to ensure application of perfectly uniform surfaces and the absence of defects such as dimples, pin-holes, TV screen effect, and so forth. All organic additives (media, anti-foam agents, levelling agents and lubricants) cause a reduction in the glaze surface tension, the magnitude of which depends on the chemical composition of the additive and the quantity added. Since neutral glaze is always wet ground, this significantly reduces the range of compatible additives for formulation of a colours grinding medium. The solution that creates the fewest application problems in absolute terms is that of wet grinding the colours, with the addition of suspending agents and moisturizing agents created specifically for this technology. The application defects that may occur on the glaze surface before and after firing are all the more evident the greater the percentage of pigment added to the glaze, and they depend also on the glaze formulation. The use of water and suitable additives (rather than a medium for grinding of colours) makes the glaze application procedure immune from the influence of the above-mentioned variables. If, on the one hand suspensions of colours in water guarantee better application results, on the other hand they are less stable through time when compared to the corresponding medium suspensions, primarily for the following reasons: • faster drying, which results in variations of density, formation of crusts and agglomeration of solidified powders which must be avoided in an automatic colouring process, because they can cause the batching valves to become clogged; • greater solution of salts contained in the colours. This explains the viscosity difference of suspensions in water of colours having different chemical properties; • significant changes through time of rheological behaviour, even of the same suspension. Said changes de-

XX 120 12

Ceramic World Review n. Cera 88/2010 C era mic W mic o rld W orl Review d Review n. 88/2010 n. 88/2010

riassumere in questo modo: • smalto neutro macinato in acqua; • coloranti macinati con veicolo da incavografia rotativa (es. Rollfix 41); • miscela dei semilavorati liquidi, e diluizione con acqua fino alla densità di applicazione; • eventuale aggiunta degli additivi: antischiuma/livellanti (es. PL 610, SE 57, PCS), antifermentativi (SB 62), lubrificanti per fiammature (Smaltolube). Nel caso di colorazione automatica di serigrafie e fiammature, per evitare di allungare troppo i tempi di asciugamento, si possono macinare i coloranti con un veicolo a basso tenore di glicole (es. SPM 263). Colorazione automatica di smalti da applicare a campana e vela L’applicazione di smalti a campana e vela è basata su un delicato equilibrio tra bassa viscosità ed elevata tensione superficiale, entrambi parametri indispensabili per garantire l’applicazione di superfici perfettamente omogenee e l’assenza di difettologie quali sfondini, spillature dopo cottura, effetto “televisore”, ecc… Tutti gli additivi di natura organica (medium, agenti antischiuma, livellanti e lubrificanti) provocano una diminuzione della tensione superficiale dello smalto di entità variabile, in funzione della natura chimica dell’additivo e del quantitativo introdotto. Essendo lo smalto neutro sempre macinato in acqua, questo limita notevolmente la gamma di additivi utilizzabili per formulare un medium di macinazione per pigmenti. La soluzione che crea meno problemi applicativi in assoluto è quella di macinare i coloranti in acqua, con l’aggiunta di agenti sospensivanti e umettanti appositamente creati per questa tecnologia. I difetti applicativi che si possono verificare sulla superficie dello smalto prima e dopo cottura sono tanto più evidenti, quanto maggiore è la percentuale di colorante inserita nello smalto, e dipendono inoltre dalla formulazione dello smalto stesso. L’utilizzo dell’acqua e di opportuni additivi (anziché di un medium per la macinazione dei pigmenti) svincola l’applicazione dello smalto dalle variabili sopra elencate. Se, quindi, da un lato le sospensioni di coloranti in acqua garantiscono migliori risultati applicativi, dall’altro risultano certamente meno stabili nel tempo rispetto alle corrispondenti sospensioni in veicolo, principalmente per i seguenti motivi: • maggiore rapidità di essiccamento, che provoca variazioni di densità, formazione di croste e agglomerazione di polveri solidificate assolutamente da evitare in un processo di colorazione automatica, poiché determinano l’ostruzione delle valvole di dosaggio; • maggiore dissoluzione dei sali contenuti nei pigmenti. Ciò spiega la diversità di viscosità delle sospensioni in acqua di pigmenti di natura chimica differente; • variazioni significative di comportamento reologico anche di una stessa sospensione nel tempo. Tali variazioni dipendono soprattutto dal tipo e dal tempo di agitazione e dalla temperatura delle vasche, e possono causare inconvenienti


pend mainly on the type of agitation, the agitation time and the temperature of the tanks, and they can lead to problems such as sedimentation or lack of uniformity of the suspension; • faster degradation of suspensions, which may be subject to putrefaction if little used. Finally, it must be remembered that when the plant is equipped with a single set of tanks for liquid colours (and hence the same colour suspensions are utilised also for the formulation of printing pastes) frequently minor variations are found in the working conditions of the printing pastes (pigment %, density and viscosity). Smaltochimica ensures optimal management of an automatic batching system for printing pastes and glazes for curtain coating and bell application in two different ways. 1. When the available batching system is equipped with a double set of colour tanks, the first set is used to store the colours ground in an appropriate printing medium (e.g. Rollfix 88, Rollfix 77, LG 9903) to be used for automatic colouring of printing pastes. The second set, which is usually smaller, is used to store wet-ground colours with the addition of specific suspending additives and moisture retainers, such as FC 2264, FC 2316 and FC 2312, for automatic colouring of glazes for bell application and curtain coating. 2. In contrast, when the batching system is equipped with a single set of colour tanks, the colours are all wet ground, with variable additions of suspending agents and lubricants FC 2264, FC 2316 and FC 2312. Said liquid colours are successively used both for the formulation of bell applicator and curtain coater glazes and for the formulation of printing pastes for roller printing and screen printing. In this case, to reformulate the printing pastes, the greater amount of water introduced with the colours must be offset with variable additions of specific concentrated media (e.g. SPM 31, SPM 1493, SPM 1782). The quantity of concentrated medium to be supplied will be higher the greater the percentage of colour in the formula. Benefits of colour matching system automatic batching in inks preparation and glazes and mottles colouring • All the operations required in sequence to batch the components with the colour matching system are performed by computer. The operator is not required to take any manual action and merely retrieves the recipe on computer, and, once uploaded, it is the recipe that performs all the operations required to prepare the ink. • The ink quantities are prepared on the basis of specific production requirements, resulting in a significant reduction in unused stock. • Bases and colours are ground in a mill using specific media that ensure output losses of less than 5%. • The addition of the concentrated medium in the postgrinding batching stage protects the resins, present in the final medium, from becoming stressed and losing part of their thickening and toughening properties.

XX 122 12

Ceramic World Review n. Cera 88/2010 C era mic mic W o rld W orl Review d Review n. 88/2010 n. 88/2010

quali sedimentazione o disomogeneità della sospensione; • maggiore rapidità di degrado delle sospensioni, che possono essere soggette a marcimento quando poco utilizzate. Occorre infine ricordare che quando l’impianto è dotato di un’unica batteria di vasche per i pigmenti liquidi (e quindi le stesse sospensioni di coloranti vengono utilizzate anche per la formulazione delle paste serigrafiche) si verificano spesso piccole variazioni delle condizioni di lavoro delle serigrafie stesse (% di colorante, densità e viscosità). La gestione ottimale di un impianto di dosaggio automatico per serigrafie e smalti per vela e campana viene realizzata da Smaltochimica con due differenti modalità. 1. Quando l’impianto di dosaggio a disposizione è dotato di una doppia batteria di vasche per i pigmenti, in una prima batteria si stoccano i coloranti macinati in opportuno medium serigrafico (es. Rollfix 88, Rollfix 77, LG 9903) da utilizzare per la colorazione automatica delle serigrafie. Nella seconda batteria, solitamente più ridotta, vengono stoccati i pigmenti macinati in acqua con aggiunta di specifici additivi sospensivanti e ritentori d’acqua, quali FC 2264, FC 2316 e FC 2312, per la colorazione automatica degli smalti da applicare a campana e vela. 2. Quando invece l’impianto di dosaggio è dotato di un’unica batteria di vasche per i pigmenti, questi ultimi vengono tutti macinati in acqua, con aggiunte variabili degli additivi sospensivanti e lubrificanti FC 2264, FC 2316 e FC 2312. Tali coloranti liquidi vengono successivamente utilizzati sia per la formulazione degli smalti da campana e vela, sia per la formulazione delle paste serigrafiche per incavografia rotativa e retino. Per riformulare le paste serigrafiche in questo caso diventa necessario compensare il maggiore apporto di acqua introdotta con i coloranti con aggiunte variabili di appositi medium concentrati (es. SPM 31, SPM 1493, SPM 1782). Il quantitativo di medium concentrato da introdurre sarà tanto più elevato quanto maggiore sarà la percentuale di colorante in formula. Vantaggi del dosaggio automatico per via tintometrica nella preparazione degli inchiostri e nella colorazione di smalti e fiammature • Tutte le operazioni previste in sequenza per dosare i componenti con il sistema tintometrico vengono eseguite per via computerizzata. L’operatore non dovrà mai intervenire manualmente ma semplicemente richiamare la ricetta per via informatica, e sarà il programma ad eseguire le operazioni necessarie alla preparazione dell’inchiostro. • Le quantità di inchiostro sono preparate in base a specifiche esigenze di produzione con una sostanziale riduzione delle rimanenze. • La macinazione di basi e coloranti avviene a mulino con veicoli specifici che garantiscono perdite allo scarico inferiori al 5%. • L’aggiunta del veicolo concentrato nella fase di dosaggio successiva alla macinazione evita che le resine, presenti nel veicolo finale, vengano stressate e perdano parte delle loro proprietà ispessenti e tenacizzanti. Il risultato è che queste resine altamente performanti ma costose possono essere ag-


The result is that these high-performance and costly resins can be added in smaller quantities, leading to savings on the final cost of the ink. • Colour matching ensures absolute ink quality because the raw materials utilised are monitored on the basis of standards agreed with the supplier. The new method also offers the benefit of being able to use stabilized intermediates from stock. • Facility for personalisation and specialisation of inks in relation to the application type. After adding the colours to a neutral base to obtain a given formulation, specific inks can be prepared to optimise a broad range of applications, in accordance with the quantity of concentrated medium added. The results and improvements thus achievable at the time of decoration are clear and substantial. The quality of the finished tiles and high sorting yields are guaranteed by a rational, reliable and flexible working method. • The number of raw materials utilised (bases and colours) is significantly reduced. (GD) 

giunte in quantitativi inferiori, consentendo un risparmio economico sul costo finale dell’inchiostro. • Il dosaggio tintometrico garantisce l’assoluta qualità dell’inchiostro in quanto le materie prime impiegate sono controllate in base a standard concordati col fornitore. La nuova metodologia ha inoltre il vantaggio di poter utilizzare semilavorati stoccati e stabilizzati. • Possibilità di personalizzazione e specializzazione degli inchiostri in relazione al tipo di applicazione. Dopo aver addizionato ad una base neutra i coloranti per ottenere un determinato formulato è possibile preparare, a seconda della quantità di veicolo concentrato aggiunta, inchiostri specifici per ottimizzare le applicazioni più diverse. I risultati e i miglioramenti che si possono ottenere nel momento della decorazione sono evidenti e sostanziali. La qualità delle piastrelle finite e le rese di scelta sono garantite da un metodo di lavoro razionale, sicuro e flessibile. • Viene ridotto in maniera sostanziale il numero delle materie prime impiegate (basi e coloranti). 

ADVERTISING

ci prendiamo cura dei Vostri Impianti!

Visit us at Tecnargilla Pad.D3 stand 195

we take care of Your Plants!

MACCHINE, IMPIANTI E RICAMBI PER INDUSTRIA CERAMICA MACHINERY, PLANTS AND SPARE PARTS FOR CERAMIC INDUSTRY Via Atene, 17 - 41049 Sassuolo (MO) ITALY - Tel. +39 0536 808876 - Fax +39 0536 808877

www.gpserviceitaly.com - info@gpserviceitaly.com


Glaze

colour-matching Delio Scardovi - Laboratory Manager, Cooperativa Ceramica d’Imola (Imola, Italy)

La colorazione

tintometrica degli smalti

Changing production requirements have made it a necessity for any modern ceramic company to install a colour-matching system. Customer service issues, falling market demand and finished product warehousing logistics have conspired to reduce the size of planned production runs. Grinding plants are therefore generally too big for the small batches now required, and unable to grind pigmentation to the right specifications. Clear-cut regulations have also been introduced (partly and only indirectly as a result of the changes mentioned above) to control slip colouring systems; as a result even greater flexibility is required in glaze production to improve service standards, manage just-in-time production processes, reduce mill washing waste and cut costs. The conventional system Conventional glaze production departments generally have enough capacity to mill about 5000 kg of semi-finished glaze, including colour. This is sufficient for the production of 8000 - 10,000 sq.m of glazed porcelain or single-fired tile, or 5000 - 6000 sq.m of double fired tile. With systems of this sort, mill discharge losses tend to oscillate around 2.5% by weight. Depending on what pigmentation is used, the grinding process takes about an hour and consumes about 5000 kg of water. It is anti-economical to hold stocks of the fastest selling colours, especially when these form part of a series. Finally, unused glaze is frequently left over when a production batch is completed.

124 50

Cera orlReview d Review 88/2010 Cera micmic W oWrld n. n. 88/2010

L’inserimento di un sistema tintometrico in una moderna azienda ceramica è ormai un’esigenza imposta dalle mutate condizioni produttive. Si è infatti innescata una diminuzione progressiva della consistenza dei lotti a livello di programma di produzione per ragioni di servizio al cliente, necessità di mercato e gestione del magazzino prodotto finito. Questo ha portato ad impianti di macinazione sovradimensionati rispetto ai lotti richiesti e relativa impossibilità di macinate complete di pigmentazione. Inoltre, si è resa necessaria una regolamentazione metodica dei sistemi di colorazione su liquido (in parte e in maniera imprecisa causata da queste condizioni) che hanno reso necessario anche un aumento della flessibilità per migliorare il servizio e la programmazione just in time della produzione, una diminuzione degli sfridi dovuti al lavaggio dei mulini e un risparmio sui costi. Il sistema tradizionale Il reparto macinazione smalti col sistema tradizionale offriva, generalmente, la possibilità di macinare 5.000 kg di semilavorato, compreso di colorazione, col quale si potevano produrre 8.000 -10.000 mq di gres smaltato o di monocottura, oppure 5.000-6.000 mq di bicottura. Con questo sistema, la perdita in peso allo scarico si aggirava sul 2,5%. Per il lavaggio del mulino, a seconda della pigmentazione utilizzata, si impiegava circa un’ora di tempo e circa 5.000 kg di acqua. Per alcuni colori particolari, facenti parte di una serie, era inoltre antieconomico immagazzinare lotti uguali a quelli dei colori più venduti. Erano infine frequenti le rimanenze di smalto causate dalla chiusura del lotto di produzione.


focus on colour management

The beginning of colour-matching

L’avvio del progetto tintometrico

For the reasons outlined above, in 2005 Cooperativa Ceramica d’Imola began a project to install a colour-matching system for the liquid-in-liquid colouring of glazes, transparent frits, engobes and mottles. At the beginning of the project, our glaze milling plant produced 8.5 million kg (dry weight) of semi-finished product every year, to serve our five production plant and three product families (fast double fired, single fired, and porcelain tile). About half by weight of the semi-finished product was coloured, accounting for some 80% of end product codes.

Per questi motivi, in Cooperativa Ceramica d’Imola è stato avviato nel 2005 un progetto per l’installazione di un tintometro dedicato alla colorazione liquido su liquido di smalti, cristalline, engobbi e fiammature. Il totale annuo di semilavorati prodotti dal reparto macinazione smalti alla nascita del progetto era pari a 8,5 milioni di kg, riferiti al secco, per servire cinque stabilimenti produttivi e tre tecnologie (bicottura rapida, monocottura, gres porcellanato). In relazione al peso secco, circa la metà del semilavorato prodotto era colorata, mentre in relazione ai codici si annovera circa un 80% di semilavorati colorati.

Initial research We first completed a laboratory study to determine what characteristics a colour-matching system would require to handle the number of legacy glazes and pigments in our production process. Any system would have to: • rationalise a 16-pigment colour palette covering the needs of our double fired and porcelain tiles (manufacturers producing only one type of tile and with fewer legacy glazes could get away with a 10-12 pigment colour palette); • perform lab work to reformulate legacy glazes according to a selected colour palette; • work out milling, wastage, and ink screening

Calibration curves for use with colorimetric software La ricerca Curve di calibrazione per l’utilizzo di un software colorimetrico preventiva In relazione al numero di smalti colorati storici ed al numero dei pigmenti in produzione, è stato preventivamente fatto uno studio di laboratorio per impostare le caratteristiche del tintometro da introdurre: • razionalizzazione di una paletta colore a 16 pigmenti per coprire le esigenze di bicottura e gres smaltato (in presenza di una sola tecnologia produttiva con pochi smalti storici si può pensare ad una paletta formata da 10-12 pigmenti); • lavoro di laborato-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

125


focus on colour management parameters; • calculate the rheology of inks in aqueous suspensions with a minimum use of additives, and determine the best parameters for maximum stability without settling out, separation or tile adhesion defects (especially on double fired tiles). Here in Imola we also carried out a further study on the batching system, though this could be considered optional. This study led to the creation of calibration curves to be applied to the colorimetric software on the basis of input from a spectrophotometer. This system is extremely useful if you are faced with a large number of legacy colour compositions using different pigments from those identified by the colour-matching system. It also allows you to handle the recovery and correction of ready-coloured glazes.

rio per riformulare gli smalti storici con la paletta colore scelta; • studio della macinazione e corretti parametri di residuo e setacciatura degli inchiostri; • studio della reologia degli inchiostri in sospensione acquosa con minima additivazione per identificare la situazione di maggiore stabilità evitando depositi, separazioni o difetti a contatto con le basi (specialmente in bicottura). In Imola è stata impostata una ulteriore ricerca che è da ritenersi comunque facoltativa rispetto al sistema di dosaggio, ossia la costruzione delle curve di calibrazione per l’utilizzo di un software colorimetrico da gestire con l’ausilio di uno spettrofotometro. Questo sistema è utile a fronte di un numero notevole di composizioni storiche colorate con pigmenti diversi da quelli identificati per il tintometro, come pure per la gestione dei recuperi o correzioni di smalti colorati.

The 16 pigments identified - I sedici pigmenti individuati TURQUOISE (Zr Si V) GREY (Sn Sb Co) BOTTLE GREEN (Cr Co) LIGHT BROWN (Fe Cr Zn AI) GOLDEN BROWN (Fe Cr Zn AI) BLUE (Si Co) PEACOCK BLUE (Co Cr Zn AI) BLACK (Fe Cr Co Ni)

TOBACCO (Fe Cr Zn AI Ni) BROWN (Fe Cr Zn AI) DARK BROWN (Fe Cr Mn) PINKY RED (Sn Cr Ca Si) RUST (Fe Cr Zn AI) LEMON YELLOW (Zr Si Pr) RED (Zr Si Cd S Se) PINK (Zr Si Fe)

The choice of colour-matching system

La scelta del tintometro

The choice of glaze colour-matching equipment depends on the design and functioning of the system where the homogenous, water-based inks are stored. On the basis of the characteristics of our plant and the needs of our company, Cooperativa Ceramica d’Imola decided to install the CS Automazione Revolarge system from Assoprint. This system has the following characteristics: • Containers are closed, so evaporation is minimal and the ink very stable; • Agitation, achieved by rotary motion of the containers, is slow but effective and does not trap air bubbles in the ink; • All pigments are managed and checked according to defined parameters: degree of fineness, rheology, screening, colour rendering; • The feed and batching system draws product directly from the tanks, thus reducing wastage and washing requirements; • The absence of piping plus direct feed from the tanks ensures homogeneity in the batched ink; • Glazes can be managed and corrected quickly and easily even in production.

La scelta del tintometro per smalti dipende dalla struttura e dal funzionamento della macchina dove si devono immagazzinare e tenere omogenei inchiostri il cui medium è l’acqua. In base alle caratteristiche della macchina e alle esigenze aziendali, Cooperativa Ceramica d’Imola ha deciso di installare il sistema Revolarge CS Automazione di Assoprint. Questa tecnologia ha infatti le seguenti caratteristiche: • i contenitori sono chiusi per cui l’evaporazione è minima e la stabilità dell’inchiostro è massima; • l’agitazione ottenuta con il moto rotatorio dei contenitori è lenta ma efficace senza creare inglobamenti di aria; • ogni pigmento viene preventivamente gestito e controllato a seconda delle caratteristiche definite: grado di finezza, reologia, setacciatura, resa colore; • il sistema di prelievo e dosaggio avviene direttamente dal serbatoio con diminuzione delle perdite e dei lavaggi; • l’assenza di tubazioni ed il sistema di dosaggio diretto dai serbatoi è garanzia di omogeneità dell’inchiostro dosato; • facilità di gestione e immediatezza delle correzioni degli smalti in linea di produzione.

The installed system

In Cooperatica Ceramica d’Imola l’impianto tintometrico per la colorazione smalti è composto da due Revolarge in serie formati da sei serbatoi con capacità massima pari a 600 kg e sedici serbatoi da 250 kg di inchiostro. Il software permette la gestione di più serbatoi con lo stesso inchiostro per i coloranti di maggiore utilizzo. Mediamente, la percentuale di secco degli inchiostri si aggira tra il 60 e il 66% e

The glaze colour-matching system now installed at Cooperativa Ceramica d’Imola is made up of two Revolarge units in series, comprising six tanks giving a maximum capacity of 600 kg, with sixteen 250 kg ink tanks. The control software allows more than one tank be filled with the

126

C era mic W orl d Review n. 88/2010

L’impianto installato


same ink for use with high-volume colours. On average, the percentage of dry material in the inks ranges from 60 to 66%. The inks are prepared by grinding in water with additives to suit the rheological characteristics of the pigment. Washing water is included in the composition of the ink. The benefits obtained By using the Revolarge system to colour-match neutral glazes, glaze can be milled in a continuous process. This saves on mill washing and allows the glaze to be stored in tanks from which the exact quantity to be coloured for a particular production batch can be drawn off. The batches currently required by our production planning range from 2000 to 6000 sq.m, so we can colour the exact amount of semi-finished product we need according to the bill of materials, without having any material left over. On average, mill washing time has been cut by half and water consumption for mill washing has also been halved. Overall wastage has dropped to 0.9% by dry load and our processing times have been reduced by about 20-30% on average. The laboratory batching system The Revolab laboratory batching machine is an essential tool in the analysis, development and support of our colour-matching system. The lab batching machine uses the same inks as the main Revolarge system. Both machines use control software that is linked to our main host, so that existing production recipes can be opened, new test recipes saved, and approved recipes transferred to production. The Revolab’s feeder tank rotation system is another extremely valid slow agitation system, and very similar in functioning to that of the Revolarge system. The lab batching system has many important features and possible uses: • Reconstruction of legacy composition recipes requiring pigments not included in the main system, by batching alternative recipes exactly as the Revolarge would; • Prototype research and development of glazes with new liquid-in-liquid colours to the same high quality standards as the industrial Revolarge system; • Direct (and therefore error-free) transmission of recipes to production;

la preparazione avviene tramite macinazione in acqua ed additivi secondo una composizione che rispetta le caratteristiche reologiche del pigmento. L’acqua dei lavaggi è compresa nella composizione dell’inchiostro. I vantaggi ottenuti Utilizzando il Revolarge per la colorazione delle basi neutre, la loro macinazione può avvenire in continuo, risparmiando sui lavaggi dei mulini e stoccando le basi in vasche da cui si attinge la quantità esatta da colorare dedicata ad un determinato lotto produttivo. I lotti attualmente richiesti dalla programmazione vanno dai 2.000 ai 6.000 mq, per cui si riesce a colorare solo il semilavorato necessario come da distinta base, senza rimanenze. In media si dedica la metà del tempo ai lavaggi dei mulini e si è praticamente dimezzato il consumo di acqua dedicato a questa operazione. Inoltre, lo sfrido generale è sceso allo 0,9% sulla quantità di secco caricata e, mediamente, anche i tempi di lavorazione del prodotto sono diminuiti di circa il 20-30%. Il dosatore da laboratorio Un importantissimo elemento di supporto per lo studio, realizzazione e supporto al sistema tintometrico è il dosatore da laboratorio Revolab. Si tratta di una macchina dosatrice da laboratorio che utilizza gli stessi inchiostri del Revolarge. Entrambe le macchine utilizzano software gestionali comunicanti e collegati all’host aziendale, consentendo di attingere alle ricette di produzione, produrne nuove di prova, e trasferire le ricette che entrano in produzione. Il sistema rotatorio dei serbatoi dosatori di Revolab rappresenta, inoltre, un sistema molto valido di agitazione lenta, decisamente simile a quella ottenuta nel Revolarge. I suoi usi e caratteristiche sono molteplici: • ricostruzione del ricettario storico delle composizioni che presentano pigmenti non previsti dal sistema, dosando la ricetta alternativa già con le stesse modalità del Revolarge; • suo utilizzo per la ricerca prototipo nello studio e realizzazione di smalti con nuove colorazioni liquido su liquido con una continuità qualitativa assoluta col Revolarge industriale; • trasmissione diretta, per cui senza errori, delle ricette che entrano in produzione; • colorazioni di piccoli lotti per industrializzazioni e correzioni

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

127


• Colouring of small batches for industrial runs and precision corrections using minimum quantities of ink; • High speed semi-finished product preparation for lab testing; • Cleaner working environment.

precise con minime quantità di inchiostro; • velocità di esecuzione dei semilavorati per test di laboratorio; • maggiore pulizia dell’ambiente di lavoro. Gli sviluppi futuri

Future developments It is obvious that the colouring of glazes, frits, engobes and mottles will remain of the utmost importance to the production of ceramic tiles. This is true whether you are using the most common silicone roller decoration system, or

revolab laboratory LABORATORIO REVOLAB

È certo che la colorazione di smalti, cristalline, engobbi e smaltobbi avrà sempre una fondamentale importanza nella produzione delle piastrelle ceramiche. Questo è vero quando si utilizza il più conosciuto sistema di decorazione con rulli siliconici, così come è necessario con le

REVOLARGE

SEMI-FINISHED PRODUCT SEMILAVORATO

CONTROL SOFTWARE SOFTWARE GESTIONALE

DATA PROCESSING SERVIZIO ELABORAZIONE DATI

whether you are using the latest digital decoration technology: neither of these systems can produce dark colours without the aid of coloured bases, without increasing production costs or dramatically reducing production speeds. It also looks certain that we shall have to continue scheduling production in small batches, with maximum flexibility and frequent product changes. In this context, glaze colour-matching systems will prove increasingly useful for their immediacy and suitability for justin-time processes. The development of a Revolarge with a larger ink storage capacity would therefore be particularly interesting, as would the development of a feed system integrated with a pigment grinding and mixing system connected to the feeder tanks. (JF) 

ADVERTISING

tecniche di decorazione digitale, che da sole non possono essere in grado di ottenere colorazioni scure senza l’ausilio di fondi colorati, pena l’aumento dei costi o il rallentamento esagerato della velocità di linea. Sembra anche assodato che si continuerà a programmare lotti corti con flessibilità di cambio articolo. In questa situazione sarà sempre più utile il sistema di colorazione tintometrica degli smalti, date le sue caratteristiche di immediatezza e produzione just in time. Per questo sarà senz’altro interessante una proposta che veda un Revolarge con maggiore capacità di stoccaggio di inchiostri, come pure l’implementazione del dosatore con un sistema integrato di macinazione e miscelazione dei pigmenti collegato ai serbatoi. 

Rheology

in ceramics XX 12

Ceramic World Review n. 88/2010 C era mic W o rld Review n. 88/2010

An e-learning course of www.iiea-school.it


T H E A R T O F I N N O V A T I O N

“La

gra n dez za del la voro e’ a ll in ter n o del l’ uom o

The grea tn ess of work is in sid e ma n“ Karol Jòzef Wojtyla

Via D. Alighieri, 43-45-47 - 56012 FORNACETTE (Pisa) - Italy T.+39-0587 423311 F. +39-0587 422186 www.solteksrl.it - info@solteksrl.it

so

EK


Utensili diamantati

eco-friendly

Luciano Dalla Pozza - Diatex (Villaverla, Italy)

Eco-friendly

diamond tools Diatex, a company that has been operating in the field of diamond tools for cutting and polishing tile and stone since 1996, has long focused its research efforts on developing innovative technical solutions to production problems that are often neglected by the major tool manufacturers. Over the years these efforts have led to the development of reinforced-core diamond blades for precision cutting of mosaic and glass tiles and sandwich-core diamond blades which deliver unrivalled performance in the cutting of porcelain tile.

technology

In recent years Diatex has set itself the additional goal of producing diamond tools without cobalt, copper and nickel bonds, which pose an environmental hazard due to the fact that they are disposed of in landfill together with processing sludge. These three elements are major components of the metallic bond on diamond tools and, as they wear, minute particles of metal are inevitably released into the waste cooling water and hence sludge, or even into the air mixed with water vapour. This was an ambitious goal for a number of reasons. First, because these three elements have always been used to achieve plasticity of the bonds and consequently the flexibility and performance of the tool; secondly, because the sintering process itself had to be changed radically. The pressures and temperatures (which together with the bond make up the three key elements of the sintering process) had to be redefined, making it necessary to redesign the machines and moulds for a new method of tool manufacture. The first tests were performed in 2005, but in response to a different market requirement. A number of large Italian ceramic groups wanted to recover honing and grinding sludge for reuse as chamotte. It was a simple operation to separate the ferrous part from the sludge by means of deferrisers, but the fact that cobalt emerged in the form of blue dots and copper turned green in the kiln proved much more difficult problems to solve. The only solution was to eliminate these elements from the diamond tool bonds, replacing them with different metals that presented no such production problems or environmental hazards. Diatex conducted research to identify alternative elements which, because of their specific metallurgic characteristics, required totally different diamond parameters and concentrations from those already tested and used. But would these non-polluting elements be able to deliver the same tool performance? The answer was a resounding yes, as Diatex succeeded in developing tools with the same high levels of performance.

13 0

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

Fin dalla sua nascita nel 1996, Diatex, che opera nel settore degli utensili diamantati per la lavorazione della ceramica e della pietra naturale, ha indirizzato la propria ricerca verso quelle soluzioni tecniche più innovative, capaci di fornire risposte concrete a problematiche produttive spesso accantonate - o non sufficientemente considerate - dai grandi produttori di utensili. Tale impegno ha portato negli anni alla nascita, ad esempio, dei dischi ad anima rinforzata per il taglio preciso del mosaico e del vetro, o dei dischi sandwich che tutt’ora rimangono inimitabili e forniscono prestazioni senza pari nel taglio del gres. Negli ultimi anni Diatex si è posta un altro importante obiettivo: produrre utensili diamantati senza l’ausilio di leghe composte da cobalto, rame e nichel che costituivano un pericolo per l’ambiente, essendo smaltiti nel sottosuolo insieme ai fanghi di lavorazione. Questi tre elementi compongono gran parte del legante metallico di un utensile diamantato ed è innegabile che, consumandosi, parti minuscole di metallo vengano rilasciate nelle acque reflue utilizzate per il raffreddamento, e quindi anche nei fanghi, se non addirittura nell’aria mista a vapore acqueo. Una sfida impegnativa che presentava non pochi ostacoli da superare. Innanzitutto, perché questi tre elementi hanno da sempre garantito quella “plasticità” alle leghe normalmente utilizzate e che garantiscono all’utensile duttilità d’utilizzo e performance di alto livello. In secondo luogo, perché anche il processo stesso di sinterizzazione doveva essere stravolto: pressioni e temperature (che insieme alla lega costituiscono i tre elementi base del processo di sinterizzazione) andavano infatti ridefinite, e di conseguenza anche i macchinari e gli stampi dovevano essere riprogettati per un nuovo modo di produrre utensili. I primi test sono iniziati nel 2005, sebbene in riposta ad un altro tipo di richiesta del mercato: alcuni grandi gruppi ceramici italiani, infatti, desideravano recuperare i fanghi di levigatura e rettifica per riutilizzarli come chamotte. Separare la parte ferrosa dai fanghi tramite deferizzatori era cosa semplice, ma come risolvere il problema del cobalto che nel forno emergeva sottoforma di puntini blu o del rame che diventava verde? L’unica soluzione era non mettere questi elementi nelle leghe degli utensili diamantati, sostituendoli con altri metalli che non costituissero un problema per il ciclo di produzione e l’ambiente: la ricerca portò ad individuare elementi alternativi che, però, a causa delle differenti caratteristiche metallurgiche richiedevano parametri e concentrazioni di diamante totalmente differenti da quelli oramai testati e consolidati. Ma questi elementi non inquinanti avrebbe dato le stesse prestazioni di elevata qualità all’utensile? Oggi possiamo dire di sì,


SEE

YOU sostiene: sostiene:

B3 PAD.

INDUSTRIAL SUPPLIER CERAMIC SPARE PARTS PLASTORGOMMA Service srl Via Secchia, 17/B - 42048 RUBIERA (Reggio Emilia) Italy Tel./Phone +39 0522 626361 - Fax +39 0522 620178 www.plastorgomma.com - info@plastorgomma.com


Recent years have seen growing awareness of the problems that these heavy metals pose both for the production process and for the environment, given that the resulting sludge is disposed of in landfill sites close to the water table. Cooperativa Ceramica d’Imola was the first company to act, launching a project for an eco-friendly tile made from residual material obtained from squaring and honing sludge, the P.S.V. (Polishing Sludge Valorization) Project launched in 2005 and co-financed by the EC Life programme. Since then, further efforts have been made to eliminate cobalt and copper from tools and for the last three years this group has been using eco-friendly tools. Marazzi Group gave significant impetus to the research and development of a complete range of heavy-metalfree tools. The group has achieved a number of goals, from more eco-friendly production to greater safety in the workplace and elimination of all problems relating to the disposal of dangerous waste. For several years now, all the group’s production facilities both in Italy and abroad have been using exclusively cobalt-, copper- and nickel-free tools on their squaring, grinding and cutting lines.

Diatex diamond tools Utensili diamantati Diatex

essendo Diatex riuscita a ricreare le stesse condizioni. Negli ultimi anni si è progressivamente diffusa una presa di coscienza che questi metalli pesanti costituivano non solo un problema nel ciclo produttivo ma anche un serio problema all’ambiente, essendo i fanghi di risulta smaltiti in fosse a contatto con falde e sottosuolo.

Calibration Calibratura

Cutting Taglio

Cooperativa Ceramica d’Imola ha dato il primo input con il suo progetto di piastrella ecologica composta di materiale residuale ricavato da fanghi di squadratura e levigatura: si tratta del progetto P.S.V. (Polishing Sludge Valorisation) avviato nel 2005 e co-finanziato dal programma Life della Comunità Europea. Da quel momento si è iniziato a lavorare sull’eliminazione di cobalto e rame dagli utensili, e da ormai circa 3 anni il gruppo imolese impiega utensili EcoFriendly. Uno stimolo significativo a proseguire sulla ricerca e lo sviluppo di una intera gamma di utensili esenti da metalli pesanti è giunto da Marazzi Group. Le finalità e gli obiettivi raggiunti dalla multinazionale sassolese sono molteplici: da una produzione più rispettosa dell’ambiente, ad una maggiore salvaguardia della sicurezza sul lavoro, all’eliminazione delle problematiche legate allo smaltimento di rifiuti pericolosi. Da qualche anno, infatti, tutti gli stabilimenti del gruppo, in Italia e all’estero, impiegano sulle linee di squadratura, levigatura e taglio, solo utensili privi, o con presenza trascurabile, di cobalto, rame e nichel. Da qualche mese anche lo stabilimento di Refin (parte del Gruppo Concorde) ha optato per l’impiego di utensili diamantati eco-friendly. Specificatamente, sono stati sostituiti gli utensili utilizzati precedentemente sulle linee di squadratura con le nuove mole a tazza serie RV di Diatex, esenti da rame, cobalto e nichel. La scelta, anche in questo caso, rientra nel percorso generale di Refin rivolto all’ecosostenibilità nei processi produttivi, dato che anche questi utensili contribuiscono ad un corretto riciclo dell’acqua e dei fanghi di lavorazione. 

A few months ago, the Concorde Group member company Refin also chose to adopt eco-friendly diamond tools in its facility, replacing the tools previously used on the squaring lines with the new RV series copper-, cobalt- and nickel-free cup grinding wheels from Diatex. Once again, the decision was prompted by Refin’s focus on environmental awareness in the production process, given that these tools contribute to effective recycling of process waster and sludge. (JF)

13 2

Squaring Squadratura

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Polishing Levigatura


Of course youâ&#x20AC;&#x2122;ll get tons but what else? Come visit us at Tecnargilla Pavillion B4, Stand 020

Products Ball clay Chamotte Feldspar Grès de Thiviers Halloysite Kaolin Quartz Prepared bodies & glazes Vast product range Unparalleled homogeneity Performance Technical Services Reformulation Plant trials Innovation capacity Logistics Local storage & terminals Supply chain services Global network Flexibility People Technical sales teams Tailored customer services World class expertise Long-term vision

Every particle makes a difference www.imerys-ceramics.com | info@imerys-ceramics.com


products prodotti

DURST Gamma 75 HD, the latest addition to the Durst family of digital printers for the ceramic sector, is equipped with advanced Grayscale High Definition technology capable of regulating the quantity of ink used so as to choose between drops of different sizes. This makes it possible to modulate the intensity of colours so as to obtain greater colour stability and sharpness of details for realistic 3D effects. Furthermore, the use of droplets of ideal dimensions makes it possible to print more quickly than systems that use excessively small droplets, which have to fire a larger number of droplets onto the surface resulting in lower productivity and density. A further advantage is the extremely rapid expulsion system which ensures that each droplet is positioned with precision on the tile surface, thereby avoiding all imperfections. Furthermore, Gamma 75 HD has 5 colour channels. The use of an additional channel with respect to the conventional fourcolour process allows for example for the use of white or brown colours. Brown in particular can be used for decorating wood and stone. Loading the fifth channel

13 4

with brown avoids the need for magenta, which instead is required in the four-colour process. This makes the printing process faster and cheaper. Furthermore, when using white it is essential to be able to deposit large quantities of ink and this is a unique property of Durst Gamma. Gamma 75 HD is 4 times faster than other solutions currently available, even when printing at a resolution of 360x480 dpi, corresponding to a speed of 36 m/min. For special applications with even more vivid colours and maximum covering power, Gamma 75 HD has a maximum resolution of 360x600 dpi with a production speed of 30 m/min.

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Gamma 75 HD è l’ultimo nato della famiglia di sistemi di stampa digitale per il settore ceramico di Durst ed è dotato della tecnologia Grayscale High Definition che permette di regolare la quantità d’inchiostro utilizzato, scegliendo tra gocce di diverse dimensioni. In questo modo è possibile modulare l’intensità dei colori, ottenere maggiore stabilità tonale e superiore nitidezza dei dettagli per effetti realistici in 3D. Inoltre, gocce di dimensione ideali permettono di stampare a una velocità superiore rispetto ai sistemi che, impiegando gocce troppo piccole, devono aumentare il numero di gocce sparate sul supporto e limitare produttività e densità.

Un ulteriore vantaggio consiste nel velocissimo sistema di espulsione, grazie al quale ogni goccia trova esatta collocazione sul supporto, evitando ogni sbavatura. In più Gamma 75 HD è dotato di 5 canali colore: l’aggiunta di un ulteriore canale rispetto alla tradizionale quadricromia permette, per esempio, l’utilizzo del colore bianco o del marrone. Quest’ultimo, in particolare, viene spesso utilizzato per la decorazione di legno e pietra naturale: caricando il quinto canale con il marrone si evita, dunque, l’uso del magenta richiesto in quadricromia. Una possibilità che rende il processo di stampa più rapido ed economico. Inoltre, con l’utilizzo del bianco, la capacità di depositare grandi quantità di inchiostro è fondamentale, caratteristica propria e unica di Durst Gamma. Gamma 75 HD è 4 volte più veloce rispetto alle soluzioni attualmente disponibili, anche quando si stampa alla risoluzione di 360x480 dpi, che corrisponde a una velocità di 36m/ min. Per applicazioni speciali con colori ancora più vividi e massima coerenza, Gamma 75 HD raggiunge una risoluzione massima di 360x600 dpi con una velocità di produzione pari a 30m/min.


ADVERTISING

APPEL Tile-Control-E is a new dimensional, diagonal, flatness and thickness control system for ceramic tiles produced by Appel. Based on experience acquired in the field, the new system introduces a number of major advantages over the standard Tile-Control system, including significant savings in terms of installation space and a simpler and quicker size change procedure, which can be performed automatically or manually by means of a handwheel. This new system is also able to check diagonal defect to a precision of a tenth of a millimetre and can display on the operator panel which of the two diagonals is longer, allowing the defect to be corrected rapidly. A choice of measuring sensor technologies has also been introduced, with the option of choosing between conventional flatness and CCD sensors and laser sensors both for the calibre unit and for the flatness unit. Tile-Control-E is able to control a wide range of sizes from 10x10 cm up to 120x120 cm and all intermediate sizes, including strips with a large difference between the two side lengths. This is made possible by a new management and calculation software for the diagonal and measurements.

Tile-Control-E è il nuovo sistema di controllo dimensionale, diagonale, planarità e spessore per piastrelle ceramiche realizzato da Appel. Frutto dell’esperienza acquisita nel campo, il nuovo sistema introduce alcuni importanti vantaggi, rispetto al più comune Tile-Control: netto risparmio di spazio per l’installazione, snellimento e velocizzazione del cambio formato che può avvenire manualmente, tramite volantino oppure automaticamente. Anche questo nuovo sistema è in grado di controllare il difetto di diagonale con una precisione del decimo di millimetro ed è in grado di visualizzare su pannello operatore quale delle due diagonali è la più lunga, permettendo una veloce correzione del difetto. È stata inoltre introdotta l’opzione di scelta della tecnologia dei sensori utilizzati per le misure, permettendo la scelta tra sensori di planarità e sensori CCD tradizionali, o sensori al Laser sia per l’unità del calibro che per l’unità del planar. Tile-Control-E garantisce il controllo di un ampio range di formati, analizzando dal 10x10 cm fino al 120x120 cm, passando per tutti i formati intermedi, compresi i listelli, cioè misure con una netta sproporzione tra i due lati. Ciò è reso possibile da un nuovo software di gestione e calcolo della diagonale e delle misure.

CERAMIC PIGMENTS FOR

GLAZE BODY PIGMENTI CERAMICI PER

SMALTO GRES-PORCELLANATO METALLIC LUSTRES LUSTRI METALLICI

INCO Industria colori s.r.l.

Via Montebonello, 18/21 - 41020 PAVULLO (MO) Tel.: +39-0536-51021 Fax +39-0536-51257 www.incolours.it e-mail infocom@incolours.it


products prodotti DELARUE The flint pebbles produced by Delarue, a French company based in Dieppe, are ideal for use as grinding media in ball mills in the ceramic industry. The selecting plants are located in various quarries situated in the Somme Bay near Cayeux-surMer (Le Hourdel, Le Crotoy, StFirmin les Crotoy) on the Channel coast in the North of France. All the pebbles are washed, sized and hand-selected. Due to their high silica content (over 98%), purity (only 0.016% Fe2O3) and hardness (8 on the Mohs scale), these pebbles enjoy a worldwide reputation for their exceptional quality and are used by

more than 400 customers in 60 different countries. The physical and chemical properties are the following: • specific gravity: 2.60 • apparent density: 1.60 • porosity: 0.38% • SiO2: 98.43% • Fe2O3: 0.016% • hardness: 8 (on Mohs scale). Dimensions range from 2-4 cm to 15-20 cm and annual production is about 50,000 tons.

Le biglie di selce prodotte da Delarue, azienda francese di Dieppe, sono ideali, nell’industria ceramica, quali corpi macinanti per i mulini a palle. Gli stabilimenti estrattivi sono situati presso la baia di Somme che si trova vicino a Cayeux sur Mer (Le Hourdel, Le Crotoy, St-Firmin les Crotoy), sul canale della Manica, nel nord della Francia. Le biglie di selce sono fornite lavate e divise per dimensione attraverso una selezione manuale. L’elevato contentuto di silice (oltre il 98%), la purezza (solo lo 0,016 % di Fe2O3) e la durezza (8 nella scala Mohs) rendono queste biglie universalmente riconosciute per l’elevatissima qualità

da oltre 400 clienti sparsi in 60 paesi. Nel dettaglio, le proprietà fisiche e chimiche sono: • peso specifico: 2,60; • densità aparente: 1,60; • porosità: 0,38%; • SiO2: 98,43%; • Fe2O3: 0,016%; • durezza: 8 (sulla scala Mohs). Le dimensioni vanno da 2/4 cm a 15/20 cm per una produzione totale di circa 50.000 tonnellate annue.

ADVERTISING

WORLD LEADER FOR IRON-FREE FRENCH FLINT GRINDING PEBBLES The best existing quality of exclusively hand-selected pebbles with different sizes ranging from 2 cm to 20 cm High purity : 98,43 % of SiO2 – High hardness : 8 on Mohs scale

Agente Ag Ag Age ge en nte nt te in te in Italia: Ittal It ali a al lliia a:: EUROSABBIE EU EUR E UR RO ROSA OS OSA SAB SA BBI BB BIIE EUROMINERALI B EU EU UR URO ROMIN RO MIN MI INERAL ER ERA E RA RAL LII S.R.L S..R S.R S .R.L .L VIA VIIIA V A ESTE, ES E STE, TE, TE E, 1 42028 42 420 20 2 2028 028 28 POVIGLIO PO POV P OV O VIG IG IGL GL LIIO O (RE) (RE (R RE R E) Tel: Tel Tel Te el: + 39 39 0522 052 522 5 22 2 2 965911 965 96 591 59 91 9 11 Fax: Fa Fax Fa ax x: + 39 39 0522 05 0 522 22 964407 96 9 964 64 6 440 40 407 07 7 E-mail: E--m E-m mail aiil: info@eurosabbie.it ai inf nfo n ffo o@ @e @eu eurros eu ro o os sabb sabb abb bbie. ie e..it e .iitt

13 8

C era mic W orl d Review n. 88/2010

DELARUE S.A.S.

DELARUE S.A.S 2 RUE JOSEPH FLOUEST 76200 DIEPPE - FRANCE Phone : 00.33.2.35.82.53.50 Fax : 00.33.2.35.40.12.52 E-mail : commercial.dieppe@delarue-sas.com Website : www.delarue-sas.com


CERAMCO The growing use of digital printing and the proliferation of printer and ink suppliers for the ceramic industry has led to an increase in production problems which are often solved by forgoing specific applications. For this purpose, Ceramco offers its services to customers as a problem solver.Digicer is a new family of products aiming to fill the unexplored gap. The different conditions encountered on the glazing line have made it necessary to offer products with different active ingredients that can solve specific problems in different areas of the glazing line. For this purpose, Ceramco is offering Digicer, a new line of products for digital printing. This new family of products consists of various kinds of additives: primers, surfactants (TU), glues and, in the future, the inks themselves. Digicer primers are used to create a surface film suitable for subsequent digital printing. Correct, uniform application produces a controlledabsorption film on the glaze sur-

face which allows for greater spreading of the ink droplet, thereby reducing defects due to incorrect alignment and/or writing by the print heads (bands, lines). The non-polar materials used in the preparation of the inks require the use of additives which reduce the water-repellence of glazes and/or screen prints applied subsequent to inkjet applications. The flagship product in this series is the Digicer TU 203. This family of products is in continuous development and will lead to the market presentation of ready-to-use inks for inkjet printing.

L’affermazione della stampa digitale e la proliferazione di produttori di stampanti e inchiostri destinati al settore ceramico hanno portato ad un numero sempre maggiore di problematiche produttive, spesso risolte rinunciando ad applicazioni specifiche. Per questo Ceramco si pone al servizio della clientela come problem solver. Nasce così una nuova famiglia di prodotti che si prefigge di riempire lo spazio lasciato inesplorato dalle applicazioni denominata Digicer. Le differenti condizioni che si incontrano sulla linea di smalteria hanno reso necessario proporre prodotti con diversi principi attivi che possano risolvere in modo specifico le problematiche nei differenti settori della linea di smalteria. Per questo Ceramco propone Digicer, una nuova linea di prodotti per

la stampa digitale. Questa nuova serie è composta da vari tipi di additivi: i Primer, i Tensioattivi (TU), le colle e, in futuro, anche le tinte stesse. I Digicer Primer sono prodotti utilizzati per creare un fondo di preparazione adatto a ricevere la stampa digitale: la loro applicazione corretta ed uniforme crea una pellicola ad assorbimento controllato sulla superficie dello smalto che permette di avere una maggiore apertura della goccia di inchiostro, riducendo i difetti dovuti alla fasatura e/o scrittura non corretta delle testine di stampa (bande, righe). I diversi materiali apolari utilizzati nella preparazione della tinte rendono necessario l’utilizzo di additivi che riducano l’idrorepellenza di eventuali smalti e/o serigrafie applicati come finiture dopo l’applicazione Ink Jet. Il prodotto trainante di questa serie è il Digicer TU 203. Questa famiglia di prodotti è in continuo sviluppo e porterà alla presentazione sul mercato di tinte per Ink Jet Ready to use.

ADVERTISING


products prodotti ATOS The new AS85 Atos digital servoactuators (fig. 1) offer an electrohydraulic solution to the impelling demand for more easily configurable subsystems. They are smart actuators that bring together many functions in a single, compact and programmable motion control unit. They consist of: • servocylinder with low-friction seals and integrated position and force transducers to allow for precise movements without stick-slip phenomena coupled with high speeds; • high-performance servoproportional valve equipped with onboard electronics to ensure best hydraulic regulation and failsafe features; • driver with integrated digital axis control card designed for electrohydraulic motion control to improve performance thanks to new specifically developed algorithms. Digital servoactuators introduce a new automation architecture based on distributed intelligence and fieldbus interfacing for direct integration into existing communication networks: CANopen or PROFIBUS-DP. They are independent units with two different operational modes: • slave control: precise real-time

closed-loop motion control according to external analog or fieldbus position reference signals; • motion cycle control: pre-programmed position/time motion cycles with closed loop control. The machine’s remote control unit provides only digital commands (start/stop/switch-over) to synchronize the servoactuator with the overall machine working cycle. An innovative position/force function (fig. 2) is now available following the development of new algorithms combining force and position controls. In this enhanced configuration a single device can manage both the dynamic motion and the force control phases of any electrohydraulic axis (3). The axis controller automatically defines which control is active on a time-by-time basis according to the feedback signals from the position, pressure or load cell transducers. The original Atos software has an intuitive and powerful graphic interface and allows the servoactuators to be easily set and programmed in order to obtain the best performance, improved diagnostics and customized motion profiles according to specific application requirements.

1 - Electrohydraulic servoactuator

I nuovi servoattuatori digitali AS85 Atos (fig. 1) - soluzione elettroidraulica alla richiesta di sottosistemi facilmente configurabili - sono attuatori intelligenti che integrano molteplici funzioni in una singola, compatta e programmabile unità di controllo del moto. Sono composti da: • servocilindro con guarnizioni a basso attrito e trasduttori integrati di posizione e forza per garantire movimenti accurati senza fenomeni di “stick-slip” ed elevate velocità; • valvola servoproporzionale ad alte prestazioni equipaggiata con elettronica integrata per assicurare la migliore regolazione idraulica e le caratteristiche di sicurezza (“failsafe”); • driver con scheda di controllo asse digitale integrata progettata per il controllo dell’asse elettroidraulico per assicurare elevate prestazioni grazie a nuovi algoritmi appositamente sviluppati. I servoattuatori digitali introducono una nuova architettura d’automazione basata sull’intelligenza distribuita e sull’interfacciamento verso i bus di campo per una diretta integrazione nelle reti di comunicazione esistenti: CANopen e Profibus-DP. Essi sono unità indipendenti con due diverse modalità di funzionamento: • controllo ad inseguimento: realizzano in real-time precisi controlli di

movimento in anello chiuso in accordo ai segnali di riferimento analogici o digitali via bus di campo; • controllo dei cicli di movimento: eseguono cicli preimpostati di movimento (posizione/tempo) con controllo in anello chiuso. L’unità di controllo remota fornirà solamente i comandi digitali (start/stop/switchover) per sincronizzare il servoattuatore al ciclo completo di lavoro della macchina. Un’innovativa funzione di regolazione posizione/forza (fig. 2) è ora disponibile grazie allo sviluppo di nuovi algoritmi che combinano i controlli di forza e di posizione. Grazie a questa avanzata funzionalità, un singolo dispositivo è quindi in grado di gestire sia la dinamica di controllo del movimento sia le fasi di controllo di forza di qualsiasi asse idraulico (fig. 3 ). La scheda assi seleziona di volta in volta e in maniera automatica quale controllo attivare in funzione dei segnali di retroazione misurati dai trasduttori di posizione, di pressione o dalla cella di carico. Il software originale Atos è caratterizzato da un’interfaccia grafica, potente e intuitiva, e consente di configurare e programmare facilmente i servoattuatori al fine di ottenere le migliori prestazioni, una diagnostica avanzata e cicli di movimento personalizzati in accordo alle specifiche richieste applicative.

2 - Digital force/position servoactuator

3 - Example of motion profile

Il sistema Deair™ offre vantaggi sia in termini di flessibilità sia di produttività. L’innovazione in ambito tecnico su cui si basa, permette, grazie all’introduzione di una serie di valvole di sfiato sulla superficie interna del tampone marca, di ridurre drasticamente i tempi di deareazione durante la pressatura della pia-

strella. L’incremento puro e semplice della produzione giornaliera (battute/minuto) è il primo e più ovvio vantaggio ottenibile assieme alla possibilità di ridurre lo scarto derivante da inclusioni di aria. Non trascurabili anche i risparmi energetici dovuti all’eliminazione di movimenti superflui della traversa pressa ed

TA-RO The Deair™ system offers advantages in terms of both flexibility and productivity. The underlying technical innovation involves the introduction of a series of pressure relief valves on the internal surface of the back punch, allowing the deaeration time to be drastically reduced during tile

13 8

pressing. The evident increase in daily output (strokes/minute) is the first and most obvious advantage, together with the possibility of reducing rejects caused by air inclusions. Significant energy savings are also obtained due to elimination of the superfluous movements of the press cross-

Cera mic W o r l d Review n. 88/2010


beam and less overheating of the hydraulic circuit. The time saved in the deaeration stage may be used by production engineers for additional purposes such as: • more time available to ensure correct mould loading and thereby eliminate the transparency effect; • in terms of production line management the increase in productivity may be exploited to eliminate work shifts, resulting in cost and energy savings. The lifetime of the punch and mould liners is also considerably increased. On moulds that use conventional punches, the wear of these components is mainly due to the air that flows around the perimeter space between the punch and the liners with each pressing. Following the introduction of internal pressure relief valves, deaeration no longer occurs exclusively in this space, as a result of which the lifetime of the punch is

practically doubled. The Deair™ punch is manufactured to high quality standards and is designed to be simple to use. It presents no particular difficulties for operating personnel and is popular for its long lifetime and high reliability, which result in reduced idle time due to press stoppages when replacing worn or defective punches.

il minore surriscaldamento del circuito idraulico. Il tempo risparmiato in deareazione può eventualmente essere usato dagli addetti alla produzione per ulteriori scopi quali: • maggiore tempo a disposizione per curare il corretto caricamento dello stampo e quindi eliminare l’effetto trasparenza; • in ambito gestionale della linea produttiva può essere sfruttato

l’aumento di produttività per eliminare eventuali turni di lavoro con conseguenti risparmi economici ed energetici. Aumenta anche la vita operativa del tampone e delle lastrine stampo. Negli stampi che utilizzino tamponi tradizionali, infatti, l’usura di questi componenti è dovuta soprattutto al flusso di aria che confluisce necessariamente ad ogni pressata tra lo spazio perimetrale tra il tampone e le lastrine. Grazie all’introduzione delle valvole di sfiato interne, invece, la deareazione non avviene più esclusivamente in questo spazio e Risultati ottenuti in produzione dal sistema DEAIR. si è arrivati praticamente a raddop1piare Stampola 50x50 2 Uscite, del produzione:Gres Porcellanato , Ph 2000 durata tampone. Il tamComuni tamponi isostatici utilizzati precedentemente:10 Battute/Minuto TamponiDeair™ DEAIR: 12 Battute/Minuto (+20%) pone viene fabbricato con 2elevati Stampo 20x20 6 Uscite, produzione:Gres Porcellanato, Ph 2100: standard qualitativi ed è staComuni tamponi isostatici utilizzati precedentemente: Battute/Minuto, Durata : 300.000 Cicli to16concepito pertamponi essere di semplice Tamponi DEAIR: (+13%) Durata Tamponi: 730.000 Cicli (+143%) ed8 Battute/Minuto immediato utilizzo. Non presen3taStampo 45x45 particolari 3 Uscite, produzione:Gres Porcellanato , Ph il 4200: quindi difficoltà per Comuni tamponi isostatici utilizzati precedentemente: 8 Battute/Minuto Tamponi DEAIR:addetto 10 Battute/Minuto (+25%) personale anzi, la sua eleva4taStampo 1 Uscita, produzione:Gres Porcellanato: lo vita66x66 operativa ed affidabilità Scagliato Bianco Doppio caricamento (finto marmo), Ph 2000: Comuni apprezzare tamponi isostatici utilizzati precedentemente: fanno anche per la ridu3.3 Battute/Minuto. % di scarto in produzione: 4 % Tamponidei DEAIR: 4.4 Battute/Minuto % di scarto in produzione : 0.5 % zione tempi morti(+33%). (fermo-pressa) necessari per la sostituzione dei Results obtained with DEAIR system o difettosi. 1punzoni 50x50 2 exitsusurati mould, production : gres porcelain, PH 2000 Common isostatic punches previously utilized: 10 strokes/minute. DEAIR punches: 12 strokes/minute (+20%)

ADVERTISING

2 20x20 6 exits moulds, production : gres porcelain, Ph 2100 Common isostatic punches previously utilized: 16 strokes/minute, punches life-span/duration: 300.000 cycles DEAIR punches: 8 strokes/minute (+13%) punches life-span/duration: 730.000 cycles (+143%).

Il programma produttivo

3 45x45 3 exits mould, production: gres porcelain, Ph 4200

Bruciatori industriali media velocità Common isostatica punches previously ed utilized:alta 8 strokes/minute punches: 10 strokes/minute (+25%) funzionanti aDEAIR gas, GPL e Diesel 4 66x66 1 exit mould, production: double loading gres porcelain (marble look), Ph 2000 per essiccatoi e forni TARO di Tagliati Rodolfo & C. snc - Via Monte Grappa. 59, 41042 Fiorano (Mo) ItalyImpianti di combustione Common isostatic punches previously utilized: 3.3 strokes/minute, %waste products 4% Tel +39 0536 844168 - Fax +39 0536 843252 - info@ta-ro.it - www.ta-ro.it Preforni a tubi radianti con temperatura DEAIR punches: 4.4 strokes/minute (+33%), % of waste productsdi 0.5%funzionamento fino a 500° Essiccatoi a rulli La società di ingegneria specializzata Macchine speciali, quali essiccatoi per linee di nei processi di essiccamento e cottura levigatura e taglio

L’ingegneria La progettazione di forni ed essiccatoi per prodotti speciali La progettazione di impianti di recupero del calore per ottenere la riduzione del consumo energetico La modifica delle zone principali dei forni (preriscaldo, cottura, raffreddamento) al fine di ridurre il ciclo di cottura ed aumentare la resa qualitativa del prodotto La riparazione di forni ed essiccatoi pre-esistenti dal punto di vista strutturale.

Ricerca e sviluppo Carfer Forni s.r.l. via Marco Polo 3 - 41049 Sassuolo (MO) Italy tel. +39 0536 803655 - Fax +39 0536 889654 www.carferforni.it - email: info@carferforni.it

Il principale obiettivo di Carfer Forni è l’identificazione di soluzioni innovative atte a ridurre i problemi produttivi legati ai processi ceramici di essiccamento e cottura, con conseguente aumento delle resa qualitativa e riduzione dei consumi energetici.


products prodotti SITI-B&T TILES & SANITARYWARE Siti-B&T Group will be showcasing their excellent range of machines for the ceramic tile, sanitary ware and digital industries at Tecnargilla 2010. Siti-B&T’s stand (014 in Pavilion C1) will cater for all the sectors served by the group’s various business units, and will allow visitors to enjoy carefully arranged spaces where they can try out the excellent technologies on display. Pride of place will be given to the whiteware industry, for which the group’s Sanitaryware Division offers a series of excellent technical solutions. The stand will exhibit fully functional robotic processing islands, made up of casting machines, glazing and kiln car loading/unloading stations, so that customers will be able to see the technology at work. Siti-B&T will also be exhibiting the new environmentally friendly Nova 1 Plus kiln for the production of prestige ceramic tiles, equipped with the latest energy saving systems. The latest models of the group’s LGVs with dual laser and magnetic guidance systems will also be on display, alongside the BBOX storage system. Siti-B&T Group will also be presenting its latest hydraulic press, the Evo 6608 XXL, with a free clearance of 2450 mm and a pressing force of 64,720 kN. This new press has been developed from the tried and tested Evo series and incorporates unique, innovative and added value solutions. The superbly reliable, high precision loading carriage can load conventional powders and powders for advanced through-bodied tiles. The high performance of Evo presses is ensured by a monolithic structure exclusive to Siti-B&T. This structure gives excellent rigidity and strength, and ensures the harmonic distribution of asymmetrical loads as well as coherence between the mobile crosspiece and the fixed table. Excellent overall rigidity, together with efficient control of parallelism between cross member and bed, drastically reduces problems associated with loading irregularities, and guarantees dimensional repeatability and finished product quality. The structure has an unmatched ability to work to minimum tolerances and

140

displays outstanding versatility and adaptability to changes in loading criteria. The new press is equipped with a tried and tested, energysaving, hydraulic system controller, which uses energy recovered by a dynamic accumulator (inertial flywheel) to operate fixed flow pumps. This design strategy minimises energy consumption, particularly when normal wear and tear in the hydraulic circuit makes it inefficient to store energy in large, pressurised accumulators. Even in the standard configuration, Evo presses are equipped with a Syncro multi-actuator demoulder featuring an improved design and new accessories for better repeatability and precision and easier access. Siti-B&T Group’s wide-clearance presses guarantee considerably higher productivity than presses with standard column clearances since they can accommodate a larger number of cavities without reducing speed. The mould housings on these wider presses are also able to accept particularly deep moulds. New products are also being presented in the area of decoration. These include an interesting digital decoration island developed in partnership with Projecta Engineering, now part of Siti-B&T Group. The stand will be displaying the group’s top of the range digital inkjet decorating machines, featuring “drop on demand” technology and capable of working with pigmented and unpigmented inks. A resolution of 360 dpi gives superb print quality. A high visual impact gallery in the centre of the stand will show off hi-tech tile products and act as a meeting area for customers. Among the many new products on show, emphasis will be placed on a mega-format porcelain tile of 1200x2400 mm, created using the GRESTREAM® plastic forming process developed and patented by Siti-B&T, and produced in series by a leading German tile manufacturer. The stand will offer visitors an opportunity to see for themselves how Siti-B&T has improved its after-sales service to provide not only traditional technical assistance and spares but specialist on-line tele-assistance too.

Cera mic W o r l d Review n. 88/2010

Alla 22° edizione di Tecnargilla 2010 Siti-B&T Group mette in mostra l’eccellenza delle macchine destinate al settore ceramico, sanitario e digitale. Lo stand Siti-B&T (Pad. C1 - stand 014), progettato seguendo i settori delle diverse business unit del gruppo, mette in primo piano il settore dei sanitari, con la Divisione Sanitari, interna al Gruppo, in grado di proporre soluzioni tecnologiche di alto livello nel settore del whiteware. Sono allestite delle vere e proprie isole di lavorazione robotizzate macchine di colaggio, isole di smaltatura e di carico/scarico carri dal forno - per offrire dimostrazioni della tecnologia in funzione. Per il settore Tile, l’azienda espone il nuovo forno ecologico Nova 1 Plus, dotato delle ultime novità sugli impianti a risparmio energetico, e gli ultimi modelli del veicolo LGV a doppia guida mista (sia laser sia magnetica) e della macchina di stoccaggio BBOX. Siti-B&T Group presenta, inoltre, anche l’ultimo modello della pressa idraulica serie Evo 6608 XXL con luce libera orizzontale di 2.450 mm, capace di proporre una forza di pressatura pari a 64.720 KN. La macchina, di nuova concezione, si sviluppa dal consolidato progetto Evo con un design innovativo che ha come obiettivo la volontà di portare valore aggiunto al proprio prodotto. Importante il carrello di caricamento polveri, di notevole affidabilità e precisione in fase di caricamento sia di prodotti tradizionali sia di prodotti a tutta massa di alta gamma. Le alte prestazioni delle presse - serie Evo - sono rese possibili grazie alla configurazione della struttura con corpo monolitico, caratteristica esclusiva della tradizione tecnologica Siti-B&T, altamente qualificante in termini di rigidezza e resistenza, al fine di garantire una distribuzione armonica dei carichi asimmetrici e la coerenza fra le parti mobili (traversa) e fisse (bancale). Le elevatissime doti di rigidezza complessiva, assieme ad un efficace controllo del parallelismo traversa-bancale, riducono drasticamente i problemi dovuti alle irregolarità del caricamento, garantendo elevata ripetitività dimensionale e qualità complessiva del prodotto finito. Ineguagliata è la capacità intrinseca della struttura di minimizzare i calibri e la grande flessibilità ed

adattabilità del sistema al variare dei criteri di caricamento. La macchina installa il collaudato sistema “energy saving” per il comando dell’apparato idraulico il quale sfrutta, per l’azionamento delle pompe a portata fissa, il recupero energetico garantito da un accumulatore dinamico, il volano inerziale. Questa strategia progettuale consente di minimizzare i consumi energetici della macchina, soprattutto quando le usure idrauliche fisiologiche del circuito si fanno sentire e rendono poco efficiente accumulare energia sotto forma di olio in pressione in grossi accumulatori. Anche nella configurazione di base, le presse serie Evo installano la sformatura ad attuatore multiplo “Syncro”, sistema ulteriormente sviluppato nel disegno e negli accessori per migliorarne ripetitività, precisione ed accessibilità. Le presse a luce larga del Gruppo Siti-B&T permettono incrementi di produttività notevoli rispetto alle esecuzioni con luce colonne standard grazie al maggior numero di cavità che possono ospitare senza penalizzazioni in termini di velocità. I vani stampi delle presse più larghe sono inoltre adatti ad ospitare formati produttivi particolarmente profondi. Novità anche sul fronte della decorazione: Siti-B&T presenta un’interessante isola dedicata alla decorazione digitale, grazie alla nuova partnership con Projecta Enginering che è entrata a far parte del Gruppo. In esposizione le migliori macchine da stampa digitale a getto di inchiostro con tecnologica “drop on demand”, in grado di supportare inchiostri pigmentati e non, e ottenere risoluzioni di stampa a 360 dpi con il conseguente raggiungimento di un’altissima qualità di stampa. Tra le novità, grande enfasi al mega formato in gres porcellanato 1200x2400 mm realizzato grazie al processo di formatura in plastico GRESTREAM ®, sviluppato e brevettato da Siti-B&T, e prodotto in linea da una importante azienda ceramica tedesca. Nello stand è possibile conoscere meglio anche i miglioramenti apportati al servizio post-vendita Siti-B&T, dall’assistenza tecnica, ai magazzini di ricambio, fino al servizio di teleassistenza specialistica on-line.


ADVERTISING

IPEG The Ipeg continuous roller kiln for tableware is particularly suitable for single firing of vitreous china and for automated cycles. The articles are loaded on single or multiple layer refractory plates which are moved by ceramic rollers chosen according to the working temperatures in the different kiln sections. The rollers are driven by means of a gear transmission and can operate with a programmed alternating backward and forward movement. The working temperature can vary according to the required cycles. While the introduction of the fast firing process brought advantages in terms of production, it also led to a number of limitations that might eventually pose a risk to the system. The Windfire kiln from Ipeg overcomes these problems and allows for: • total temperature uniformity over the kiln width and length, adjustable and controllable in each individual section; • elimination of the wall effect and no limitation to the width of the kiln apart from roller strength; • kiln management without internal pressure or in neutral or negative pressure conditions; • elimination of ceramic fibres from the roller seals, thereby eliminating any kind of contamination due to the fibres; • more than 20% reduction in energy consumption using the combustion air recovered from the kiln at a temperature higher than 500°C; • elimination of fluorine and sulphur compounds deriving from emissions in the cooling zones; • no maintenance problems for combustion blocks.

Il forno continuo a rullo per stoviglierie di Ipeg è particolarmente adatto per la monocottura di vitreous e nei cicli automatizzati. I prodotti da cuocere vengono caricati su piastre portacarica refrattarie, in mono o multistrato, movimentate da rulli ceramici scelti in funzione delle diverse temperature di esercizio delle zone del forno. La movimentazione avviene attraverso una trasmissione ad ingranaggi, che può funzionare in modo alterno e programmato (brandeggio). La temperatura di esercizio può variare in funzione dei cicli richiesti. L’introduzione della cottura veloce nella tecnologia industriale ha comportato vantaggi in termini di produzione; tuttavia sono sorti alcuni limiti che potevano mettere in pericolo questo sistema nel tempo. Windfire è il forno Ipeg che supera tali rischi permettendo di ottenere: • totale uniformità delle temperature nella sezione del forno, in tutta la sua lunghezza, regolabile e controllabile zona per zona; • eliminazione dell’effetto muro e nessun limite nella larghezza del forno che non dipenda della resistenza dei rulli; • gestione del forno senza pressione interna, in regime neutro o in regime di depressione; • eliminazione delle fibre ceramiche nella tenuta dei rulli, eliminando qualsiasi tipo di contaminazione dovuta alle fibre; • riduzione dei consumi energetici di più del 20%, utilizzando il comburente recuperato dal forno a una temperatura superiore ai 500 °C; • eliminazione dei composti di fluoro e/o zolfo derivanti delle emissioni delle zone di raffreddamento; • risoluzione dei problemi di manutenzione nei blocchi di combustione.


products prodotti SETEC The VPCM type vertical high-pressure casting plant can be used for casting vitreous china or fireclay articles including large and console washbasins, shower trays, squat pans, pedestals, cisterns and lids. The microporous resin moulds are installed in a vertically suspended array by means of upper sliding frames. The machine is in any case suitable for use with all two-part moulds, which can be assembled up to a maximum of 7 units/array according to production requirements. The plant’s technical and functional characteristics include: small overall dimensions; reduced maintenance work because moulds are suspended vertically; manual, semiautomatic or fully automatic handling by means of handling robots; totally automated cycle that can be managed by PLC; use of heated slip by means of a tank equipped with a cavity system with hot water at an adjustable temperature; optional automatic mould turnover system which alADVERTISING

lows for de-moulding in a horizontal position; ability to differentiate casting cycles on the various moulds installed in the array; use of moulds with multiple cavities.

L’impianto di colaggio verticale in alta pressione tipo VPCM può essere utilizzato per il colaggio dei seguenti articoli in vitreous-china o fire-clay: lavabi grandi e lavabi consoles; piatti doccia; WC alla turca; colonne; cassette e coperchi. Gli stampi in resina microporosa installati sono disposti in pacco verti-

Model Modello

Max. closure thrust Max spinta di chiusura (ton.)

Max. mould dimensions Dimensioni max. stampi (LxPxH)

Cycle time Durata ciclo (min.)

Casting pressure Pressione di colaggio (bar)

VPCM3

1000 kN

1200x1200x600

15/25 **

13

VPCM7

1000 kN

1200x1200x420

25/40 **

13

** variable depending on the mixture used and the piece being produced. ** variabile in funzione delle proprietà dell’impasto utilizzato e delle caratteristiche dell’articolo da produrre.

calmente sospesi mediante telai superiori scorrevoli. In ogni caso, la macchina è adatta all’utilizzo di tutti gli stampi a due parti assemblabili fino ad un massimo di 7 unità/batteria in funzione delle esigenze di produzione. Queste le caratteristiche tecnico-funzionali dell’impianto: ingombri limitati; interventi di manutenzione ridotti grazie all’installazione degli stampi in posizione sospesa; sformatura manuale, semi-automatica o completamente automatizzata mediante robot manipolatore; esecuzione del ciclo totalmente automatizzata e gestibile tramite PLC; utilizzo di barbottina riscaldata grazie al serbatoio munito di sistema da intercapedine con acqua calda a Temperatura °C impostabile; sistema opzionale di ribaltamento stampi automatico per consentire la sformatura in posizione orizzontale; possibilità di differenziazione dei cicli di colaggio sui diversi stampi installati in batteria; utilizzo di stampi a cavità multipla.


INCO maximum jet stability in all oper ating conditions.

In seguito ad un’intensa e specifi- “top-down”, derivati da selezionaca ricerca nelle tecnologie inkjet, ti pigmenti appositamente svilupInco ha svi- pati per la nuova forma decorativa. luppato al- Questa selezione di pigmenti è cune gam- stata eseguita considerando parame di metri quali: alta stabilità alla cottuinchiostri ra, la più elevata saturazione e puceramici rezza cromatica, l’alta costanza INCO INX Ranges sub-microproduttiva, come anche le tonalità In seguitonici, ad una intensa epiù specifica ricerca utilizzarichieste dalnelle mercato. L’ampia Wall Floor tecnologiebili Inkjet, INCO sviluppato alcune gamme di è comnelle più ha gamma cromatica Inco Inx 950°-1140°C 1140°C-1220°C Inchiostri comuni Ceramici Sub-micronici, utilizzabili posta da: bruno nelle scuropiù e bruno roscomuni Stampanti InkJet “Drop on Demand” nuova stampanti so, beige, pink, diocra, giallo, blu e generazione. inkJet “drop nero, in grado di generare un ricco BLUE ICJ 12/301 on demand” gamut di tonalità. Per ciascuna Più in dettaglio INCO INX sono inchiostri prodotti da INCO di nuova ge- ,gamma una specificon tecnologia “top-down” derivati èdastata nostristabilita selezionati PINK nerazione. sviluppati ca reologia, al fineforma di ottenere le pigmenti appositamente per la nuova ICJ 16/701 Più in detta- migliori prestazioni con testine a decorativa. DARK BROWN ICJ 16/702 glio, Inco Inx scala di grigio e binarie, con e senQuesta selezione di pigmenti stata eseguita RED BROWN ICJ 13/402 sono inchioza èsistema di ricircolo e conseguiconsiderando parametri alta stabilità stabilità alla cottura, la stri con tec- quali: re la massima di “getto” in YELLOW più elevata saturazione e purezza cromatica, l’alta nologia diverse condizioni di lavoro. ICJ 10/101

INCO INX Ceramic Digital Inks Inchiostri Ceramici Sub-micronici

Cyan Standard CMYK description

Following intensive, dedicated research into inkjet technologies, Inco has developed several ranges of sub-micronised ceramic pigmented inks for use in the most common new-generation “drop on demand” inkjet printers. Inco Inx are inks made with “top-down” technology based on pigments specifically developed for the new decoration system. These pigments have been selected considering parameters of high firing stability, the highest colour saturation and purity, high production consistency, as well as the most requested shades by the market. The wide Inco Inx colour range covers dark brown and red brown, beige, pink, ochre, yellow, blue and black and can generate a rich gamut of shades. For each range of inks, a specific rheology has been established in order to obtain the best usage performance with greyscale and binary printing heads, with or without recycling system, thereby achieving the

Magenta

Yellow

Black (Key)

ORANGE ICJ 11/201 BEIGE BROWN ICJ 13/401

BLACK ICJ 15/601

costanza produttiva, come anche le tonalità più richieste dal mercato.

La ampia gamma cromatica INCO INX è composta da: Bruno Scuro e Bruno Rosso, Beige, Pink, Ocra, Giallo, Blu e Nero, in grado di generare un ricco “gamut” di tonalità. Per ciascuna gamma di inchiostri è stata stabilita una specifica reologia, al fine di ottenere le migliori prestazioni ADVERTISING con testine a Scala di Grigio e Binarie, con e senza sistema di ricircolo e conseguire la massima stabilità di “getto” in diverse condizioni di lavoro.

Le gamme INCO INX coprono le più comuni temperature di cottura quali: Piastrelle da rivestimento Bicottura Tradizionale (950-1050°C 8-10h) Bicotura Rapida (1020-1080°C 35-55’) Monoporosa (1080-1130°C 35-60’)

R

Piastrelle da pavimento Monocottura (1140-1180°C 40-60’) Gres Smaltato (1180-1220°C 40-60’)

INCO INX. Gocce di Perfezione Cromatica dai vostri Sarti del Colore 1/1

Via Montebonello, 19-21 – 41020 Pavullo, Modena, ITALIA Tel./Pho.: + 39 0536 51021 - Fax.: + 39 0536 51257 Internet: www.incolours.it - E-mail: infocom@incolours.it - administration@incolours.it Rag.Soc.Trib. di Modena n.37570 – CCIAA MO n. 243106 – Cod.Fisc.01304030354 – Part.IVA 02138040361

Incollare nella ceramica. Precisione, sicurezza e risparmio.

Robatech Italia Srl. u.s. Via Lepanto, 400 IT- 47521 Cesena – (FC) T +39 0547 631700 F +39 0547 631881 info@robatech.it www.robatech.it

L’applicazione di colla hotmelt nell’industria ceramica è importante, sia per la chiusura di scatole che per l’applicazione di materiale antigraffio. La pistola coibentata DIAMOND e l’alimentatore automatico GRANULE FEEDER sono ciò che vi serve per sicurezza, affidabilità e risparmio energetico.

Robatech Gluing Technology


products prodotti VICENTINI The heavy-duty blungers are used for rapid preparation of slip, achieving an 80% reduction in the blunging time compared to normal propeller-type dissolvers. They operate by means of a special rotor fixed to the bottom of the tank, which propels the material against a ring of fixed paddles (1st phase). An auxiliary impeller, available on request, is fixed at a point halfway up in the tank for the blending of material in powder form (quartz, feldspar, grog) with the slip (2nd phase). The average dissolving time for raw or already treated clay, including loading and unloading operations, is approximately 2 hours for a liquid with a specific weight of 1.4 kg/dm3. All parts involved in the dissolving process (rotor, fixed paddles, base of tank) are made of special high wear-resistance steel and are easy to replace. All heavy-duty blungers are furthermore provided with a trap for the collection of stones, which are periodically removed. Transmission of models 500 and 1000 is belt-

Useful capacit Capacità utile

Total capacity Tank

Capacità totale

Vasca

Internal Ø Ø interno

Height Altezza

Diameter Diametro

Rotor Girante

driven, whereas the other models are belt-driven and equipped with a gear reducer. Maintenance is extremely simple and reduced to a minimum.

I turbodissolutori vengono utilizzati per la preparazione rapida della barbottina, con una riduzione dell’80% del tempo di scioglitura rispetto ai normali scioglitori ad elica.

DIMENSIONS / DIMENSIONI 80

500

1000

3000

5000

10000

15000

A

800

1350

1900

2150

2450

3400

3650

B

1200

1820

2000

1940

2250

2500

2700

C

600

1000

1500

2050

2400

3250

3600

H

1200

2500

2650

2550

2850

3400

3650

P

AUXILIARY IMPELLER / ELICA AUSILIARIA

E

RAISED CONCRETE SECTION SOPRAELEVAZIONE IN CALCESTRUZZO

80

500

1000

3000

5000

10000

15000

3

0.08

0.5

1.2

3

5

10

16

m3

0.12

0.6

1.8

4.5

6.8

14

20

mm

540

900

1400

1900

2200

3000

3500

mm

540

980

1200

1600

1900

2180

2400

mm

300

450

700

900

1000

1300

1500

290

290

210

160

140

110

90

1.5(2)

5.5 (7.5)

15 (20)

30 (40)

37 (50)

55 (75)

75 (100)

*

*

*

*

m

Speed

r.p.m.

Velocità

Giri/min

Motor power

kW(HP)

Potenza motore

kW(CV)

Hydraulic coupler Accoppiatore oleodinamico

Inlet Bocca di carico

Discharge valve Valvola di scarico

Net weight Peso netto

144

Essi operano con uno speciale girante situato sul fondo della vasca, che proietta il materiale contro una corona di pale fisse (1a fase). Un’elica ausiliaria, fornita su richiesta, è collocata a metà altezza della vasca per l’incorporazione di materiali in polvere (quarzo, feldspato, chamotte) alla barbottina (2a fase). La durata media del ciclo di scioglitura dell’argilla grezza o già trattata, compreso il carico e scarico, è di circa 2 ore per un liquido di peso specifico di 1,8 kg/dm3. Tutte le parti che operano la scioglitura (pale del girante, pale fisse, fondo vasca) sono costruite in acciaio speciale ad alta resistenza all’usura e sono facilmente sostituibili. Tutti i turbodissolutori sono, inoltre, provvisti di nicchie di cattura per i sassi che vengono scaricati periodicamente. La trasmissione del moto è a cinghia per i modelli 500 e 1000, e del tipo misto, a cinghie e con riduttore, per gli altri modelli. La manutenzione è estremamente semplice e ridotta.

mm.

Ø340

Ø390 X310

Ø610 X440

Ø600 X800

Ø700

Ø800

Ø900

DN (in)

50(2”)

50(2”)

80(3”)

80(3”)

80(3”)

100(4”)

100(4”)

Kg

140

600

1300

2900

3600

7000

8700

C era mic W orl d Review n. 88/2010


ADVERTISING

SACMI MOLDS & DIES Sacmi Molds & Dies has chosen Tecnargilla 2010 as the ideal occasion to present a number of major innovations in the field of press accessories. The new products on display will include universal bases for large presses and an innovative floating module system. The main benefit of using universal upper and lower bases is that they offer greater modularity in size changeovers, and therefore considerable benefits in cost effectiveness. Universal bases make it unnecessary for customers to purchase complete moulds. Investments are therefore limited to size kits consisting of upper and lower mould boxes with liners, shims and upper and lower punches. There is a big difference between upper and lower universal bases. Lower bases can be made either for the electronic lifting devices or the conventional lifting units designed by Sacmi Molds & Dies to follow the lifting of the customer’s press. They can also be made to accept fixed die box moulds for use with entering punch moulds, or to accept mobile die box moulds for use with SFS type upper forming moulds, conventional mirror moulds, reverse mirror moulds and semi-entering moulds. Upper universal bases, on the other hand, are hydraulic in functioning. Their primary purpose is to act as the upper portion of the SFS mould or as an upper punch fixing plate for entering, semi-entering, mirror and reverse mirror moulds. Floating modules are the latest development in isostatic punch compensation systems. They are most commonly used when strict tile size tolerances are required, since connected isostatic punches alone are sometimes unable to provide the necessary compensation. Floating modules can be adapted for use with all types of mould and all sizes. They are made in two parts, a hydraulic plate and a magnetic support, and can be hydraulically connected. Floating modules offer two main advantages: they are perfect matches for the upper universal base and have an external hydraulic connection. They can be replaced individually if damage is incurred.

Sacmi Molds & Dies ha scelto Tecnargilla 2010 per presentare alcune importanti innovazioni in tema di “accessori” per presse. Si tratta di basamenti universali per presse di grandi dimensioni e l’innovativo sistema dei moduli flottanti. Per quanto riguarda i basamenti universali superiori ed inferiori, il plus principale è la garanzia di una più ampia modularità nel cambio formato che, limitando la scelta di investimento ai cosiddetti “kit formato”, comporta notevoli vantaggi in termini di economicità. Da rilevare la differenza tra i basamenti universali inferiori e superiori: i primi, possono essere prodotti sia per il dispositivo di sollevamento elettronico sia per il dispositivo di sollevamento tradizionale, comunque progettati da Sacmi Molds & Dies per seguire il sollevamento della pressa in dotazione al cliente; possono inoltre essere progettati per gestire stampi a matrice fissa, da utilizzare con stampi a punzoni entranti, oppure a matrice mobile per stampi a formatura superiore SFS, stampi a specchio tradizionale, stampi a specchio rovesciato e stampi semientranti. I basamenti universali superiori, invece, sfruttano la tecnologia idraulica, e la loro funzione primaria è quella di fungere da parte superiore dello stampo SFS; oppure, se impiegati con stampi punzoni entranti, semientranti, a specchio e specchio rovesciato svolgono la funzione di piastra superiore per il fissaggio dei tamponi. I moduli flottanti rappresentano l’evoluzione del tradizionale sistema di compensazione a tamponi isostatici. Vengono maggiormente utilizzati nei casi in cui sono richiesti parametri di calibro piastrella molto stretti in quanto, a volte, la compensazione derivante dall’impiego dei tamponi isostatici collegati non risulta essere sufficiente. Sono adattabili ad ogni tipo di stampo e di formato. I moduli flottanti sono realizzati in due parti - una piastra idraulica e un supporto magnetico - e possono essere collegati idraulicamente. Tale innovazione offre inoltre 2 vantaggi: si coniugano perfettamente al basamento universale superiore e presentano una connessione idraulica esterna, pertanto possono essere sostituiti singolarmente in caso di danneggiamento.


products prodotti ROBATECH ITALIA Ergostar is a manual gun for hotmelt with an ergonomic shape that allows for non-tiring use, together with high application flexibility. It can be used to apply any type of hotmelt adhesive or sealant (e.g. EVA, PUR, PE, etc.) with the maximum precision and comfort in the form of a strip, dot, spiral or spray. The nozzle can be replaced quickly to adapt the gun to the needs of the specific application. The convenient electropneumatically-operated trigger and the possibility of adjusting the handgrip also contribute to ease of use. Robatech has taken out a patent for the design and “cooltouch” construction of the handgrip, which is made of a special insulating material capable of preventing accidents and burns. Ergostar works in conjunction with the famous Robatech hotmelt applicators, which are capable of supplying the gun with the necessary amount of molten material and of precisely controlling the operating temperature, which together with the operating pressure can be set directly on the melting unit. The Ergostar manual gun can operate in conjunction with applicators equipped with either a piston pump or a gear pump with safety valve. The handgrip can be adjusted individually via a rotating bezel. Within seconds the workstation can be adapted optimally to the required application. Ergostar can work equally well with a

146

tube from below, from above, from the side, etc. Combining these set-ups with different application geometries (strip, spray, etc.) the potential uses are virtually endless. The examples listed below give an idea of the numerous possibilities. With horizontal adjustment, Ergostar is ready for gluing displays or other products mounted on cardboard. The “from below” setting is particularly suitable for assembly operations. The “from above” configuration is ideal for delivering spray adhesive, such as those for gluing textiles, while the “hands free” application is optimal in case of processes where the operator’s hands must be kept free for handling the product. In this case Ergostar is operated via a foot pedal.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

Ergostar è una pistola manuale per hotmelt, caratterizzata da una sagoma ergonomia che ne consente un uso non affaticante, unitamente ad un’elevata flessibilità applicativa. Ogni tipo di adesivo o sigillante hotmelt, infatti, può essere applicato (ad esempio EVA, PUR, PE, ecc.) con la massima precisione e comodità, sotto forma di cordolo, punto, spirale o spray. L’ugello può essere sostituito rapidamente per adattare la pistola alle necessità della specifica applicazione. Alla comodità d’utilizzo concorrono anche il comodo grilletto ad azionamento elettropneumatico e la possibilità di regolazione dell’impugnatura. Robatech ha protetto con brevetto sia il design sia la speciale realizzazione “cool-touch” dell’impugnatura, in grado di prevenire incidenti e bruciature grazie alla particolare capacità isolante del ma-

teriale con cui è realizzata. Ergostar opera in combinazione con i famosi applicatori hotmelt Robatech, in grado di alimentare la pistola con la necessaria quantità di materiale fuso e di controllarne con precisione la temperatura di esercizio che - unitamente alla pressione operativa - può essere regolata direttamente sull’unità di fusione. La pistola manuale Ergostar può funzionare indifferentemente in abbinamento ad applicatori dotati di pompa a pistone o di pompa ad ingranaggi con valvola di sicurezza. L’impugnatura può essere regolata individualmente tramite una ghiera rotante. In pochi secondi la stazione di lavoro si adatta in modo ottimale all’applicazione richiesta. Ergostar può lavorare indifferentemente con tubo proveniente dal basso, dall’alto, di lato, ecc. Combinando queste impostazioni con le differenti geometrie applicative possibili (cordolo, spray, ecc.) le possibilità di utilizzo sono praticamente infinite. Gli esempi indicati qui di seguito sono rappresentativi della moltitudine di possibilità di lavoro: con regolazione orizzontale, Ergostar è pronta per incollare display o altri prodotti fissati su cartone. Il settaggio “dal basso” è particolarmente indicato per operazioni di assemblaggio. La configurazione “dall’alto” è ideale per l’erogazione di adesivo spray, ad esempio per l’incollaggio di prodotti tessili, mentre l’applicazione “a mani libere” è ottimale in caso di lavorazioni in cui le mani dell’operatore debbano essere utilizzate per la manipolazione del prodotto. In questo caso l’attivazione di Ergostar avviene tramite un comando a pedale.


ADVERTISING

KEOS Controlled and optimised combustion, delivery of heat to the product and reduced heat losses to the flue are the main issues under study at the Keos technical department with a view to further reducing energy consumption. In all stages of the cycle, the burner air/gas ratio is controlled electronically by a software packaged specially developed by the company. The gas volume supplied to the burners is verified at all times and the combustion air volume controlled accordingly. The electronic management compares the gas volume ratios and controls the volume of combustion air according to the desired excess air ratio in each stage of the cycle. The use of inverters on the combustion air fan also reduces electrical consumption. Supply of heat to the product is further improved by control of the convection systems. The velocity of the air flowing over the product and the flow frequency can be determined in all stages of the cycle according to the product’s shape, configuration and type. As in the case of combustion control, the inverters that control the velocity and frequency reduce electricity consumption. If the relative humidity and pressure in the drying chamber and the volume of replenishing air are controlled simultaneously, flue management by means of inverters is capable of minimising heat losses. The management software developed by Keos is able to compare the three conditions and thereby optimise their management. An operational check performed on a static dryer for refractory products revealed an energy saving of 16%, in which case the investment cost was repaid in 28 months.

KE RASYS ® L C L’ottimizzazione controllata della combustione, la somministrazione del calore al prodotto e la riduzione della dispersione termica al camino, sono gli elementi su cui Keos concentra oggi lo studio all’interno del reparto tecnico, per ridurre ulteriormente i consumi energetici. In ogni fase del ciclo, il rapporto aria/gas ai bruciatori viene gestito elettronicamente da un software studiato dall’azienda. In ogni istante viene verificato il volume di gas ai bruciatori e, conseguentemente, viene regolato il volume dell’aria di combustione. La gestione elettronica compara i rapporti tra i volumi dei gas e regola, in base al rapporto d’eccesso aria desiderato in ogni fase del ciclo, il volume dell’aria di combustione. L’utilizzo di inverter sul ventilatore aria di combustione, inoltre, riduce i consumi elettrici. C La somministrazione del calore al prodotto è ulteriormente migliorata M con il controllo dei sistemi convetti- Y vi. La velocità dell’aria che lambisce CM il prodotto in trattamento e la periodicità di investimento sono determi- MY nabili in ogni fase del ciclo in dipen- CY denza della sua forma, della configurazione e della tipologia diCMY ceramica. Gli inverter che gestisco- K no velocità e periodicità riducono, come avviene per il controllo della combustione, i consumi elettrici. Qualora vengano contemporaneamente gestite le condizioni di umidità relativa nella camera di essiccazione, la pressione della camera di essiccazione e il volume dell’aria di reintegro, la gestione del camino tramite inverter è in grado di ottimizzare la dispersione termica. Il software di gestione messo a punto da Keos è proprio in grado di comparare le tre condizioni, ottimizzando la loro gestione. Da una verifica operativa su essiccatoio statico per prodotti refrattari è stato constatato un risparmio energetico del 16%. Il costo dell’investimento ha permesso, nel caso citato, il suo recupero in 28 mesi.

for perfect surfaces

Cost reduction with increases in quality! Kerasys® LC makes damages almost invisible.

fast-easy as easyy

Increase your profit! Accelerate your workflow with Kerasys® LC Kerasys® LC – light curing repair system for sanitary ceramics and porcellain

at: Meet us illa 2010 1st Oct. Tecnarg27th of Sept. Rimini, , stand 014 PAV.B5

cos cost-effective ost-effe st efffe ec ctiive Get in touch and visit us at the Tecnargilla 2010 and join our life performance. ... or right now: www.kerasys.de


products prodotti ANCORA GROUP The Sassuolo-based Ancora Group is all set for Tecnargilla, the world’s leading showcase of technological innovation and aesthetics in the ceramic industry to be held in the Rimini exhibition centre from 27 September to 1 October 2010. At the show Ancora Group will be unveiling Ancora Tutor, an innovative remote supervision and control system via touch screen wireless monitors and the first of its kind designed for the polishing sector. Ancora Tutor performs real-time monitoring of polishing lines installed in customers’ facilities. It controls efficiency and production capacity, identifies problems and suggests possible solutions. The group will also be exhibiting its squaring machine with automatic calibre control system, a revolutionary electronic spindle management system that self-regulates automatically according to wear of the cutting tool, optimising production quality and drastically reducing operator action times and margins ADVERTISING

of error. Another product that the group will be presenting at Tecnargilla is the new Hi Coat photocatalytic production system for curtain walls and external ceramic cladding. This nanotechnologybased self-cleaning treatment acts in the presence of sunlight and can be applied to both polished and natural products, bringing clear advantages in terms of both costs and effectiveness.

Il Gruppo Ancora di Sassuolo è pronto con importanti novità per Tecnargilla, la principale vetrina mondiale dell´innovazione tecnologica e dell´estetica per l´industria ceramica, in programma a Rimini Fiera, dal 27 settembre all’1 ottobre 2010. In occasione del salone riminese Ancora Group presenta Ancora Tutor, un innovativo sistema di supervisione e controllo delle macchine tramite l’utilizzo di touchscreen wireless, il primo e l’unico dedicato al settore della levigatura. Ancora Tutor permette infatti di monitorare in tempo reale il funziona-

mento delle linee complete di levigatura installate presso le sedi dei propri clienti, dal punto di vista tecnico e produttivo, controllandone l’efficienza, la capacità produttiva, individuando eventuali problemi e anticipando le possibili soluzioni. Il Gruppo Ancora porta a Tecnargilla anche la squadratrice con sistema di controllo automatico del calibro, un rivoluzionario sistema di gestione elettronica dei mandrini che si regola automaticamente in funzione dell’usura dell’utensile di taglio, ottimizzando la qualità della produzione e riducendo drasticamente i tempi di intervento dell’operatore e i margini di errore. Con il marchio Hi Coat, il gruppo presenta a Tecnargilla il nuovo sistema di produzione fotocatalitico per pareti ventilate e rivestimenti esterni in ceramica: un trattamento autopulente, a base di nanotecnologie, che agisce con la luce solare, applicabile su prodotti levigati o naturali, con indubbi vantaggi in termini di costi ed efficacia.


products prodotti POPPI CLEMENTINO Poppi Clementino is offering a new thorough check-up service to analyse production systems and propose solutions for improving them in line with customer’s needs. The service is designed in particular to recover the thermal energy that is currently lost into the atmosphere, and use it to power the production process, slashing consumption without any negative effects on the production process itself. Ceramic production plants have a number of machines with high energy consumption, but there can be no doubt that the biggest power consumers of all are the driers and spray driers. The system described here incorporates Poppi Clementino’s latest technology for recovering energy for use in spray driers. An energy audit provided the following consumption figures: • Cooling air stack for kiln no. 1: 14,500 Nm3/h at a temperature of 176 °C • Cooling air stack for kiln no. 1: 17,800 Nm3/h at a temperature of 172 °C Opportunities for using recovered heat in spray drying cycles are limited by combustion air fans that, in most cases, suck in outside air at ambient temperature. For example, in an ATM 51 spray drier with an evaporation capacity of 6,000 l/h, 24,000 Nm3/h of recovered hot air and 7,000 Nm3/h of secondary hot air can be used as primary air or combustion air. The heat obtained from the recovery of an extra 7,000 Nm3/h for use in the spray drying cycle, in addition to the secondary combustion air (giving 24,000 + 7,000) would permit a further saving of 25% in heat input and an 8-10% increase in the ATM 51’s drying potential. This would lead to a saving of 29% in rated power with an air flow of 24,000 Nm3/h at 200 °C, or a saving of 38% with an air flow of 31,000 Nm3/h. This major reduction can be obtained in two ways: • by replacing the fan with another one with a suitable head specification (installed power remains unchanged since it is

15 0

not directly related to volume but to the weight of the air introduced); • by replacing the burner with another one of the latest generation that does not require a combustion fan and can use oxygen from secondary air, or use of a flue-fire burner capable of functioning with air up to 600°C. With all other conditions left unchanged, this would give an increased output of 6-8% and a significant reduction in temperature of some 70-80 °C inside the ATM 51, lowering operating temperature from 550-580°C to 480-500°C. The higher the air flow, the better the overall efficiency of the drying process: even if temperature is reduced, increasing the volume of air leads to a proportional improvement in exchange between the air and the slip. In the case in point, since we have a cooling air flow of some 32,300 Nm3/h at a mean temperature of about 173 °C, we can use nearly all of it in the ATM 51. Considering a heat loss of about 10°C along 130 m of ducting, and a mean ambient temperature of 20°C, we could save 1,374,230 Kcal/h, equivalent to about 166 m3/h of CH4. If we assume a cost of 0.30 €/Stm3, this would give a

Cera mic W o r l d Review n. 88/2010

Poppi Clementino offre un nuovo servizio di check-up energetico in grado di analizzare la situazione di ogni singola realtà produttiva, per poter proporre soluzioni sempre più su misura per le esigenze del cliente. In questo modo si possono ottimizzare i cascami di energia, fino ad oggi dispersi, e reintrodurli nel sistema produttivo, riducendo notevolmente i consumi, con la garanzia di non alterare l’attuale ciclo produttivo. In una ceramica le macchine che necessitano di energia sono molteplici, ma sicuramente gli essicatoi e gli atomizzatori sono ai primi posti. L’impianto illustrato successivamente riguarda proprio l’ultima tecnologia applicata da Poppi Clementino per il recupero sugli atomizzatori. Nel caso specifico, dopo il nostro audit energetico, sono risultati i seguenti dati: • Camino aria di raffreddamento forno N° 1: 14.500 Nmc/h a una Temperatura di 176 °C • Camino aria di raffreddamento forno N° 1: 17.800 Nmc/h a una Temperatura di 172 °C La possibilità di inserimento di recupero calore nel ciclo di essiccamento dell’ATM è limitata dal ventilatore di aria di combustione che, nella maggior parte dei casi, aspira direttamente aria esterna a temperatura ambiente. Ad esempio, su un ATM 51 con capacità evaporativa di 6.000

lt/h si ha la possibilità di inserire 24.000 Nmc/h di aria calda di recupero e secondaria (7.000 Nmc/h) come aria primaria o comburente. Avendo disponibilità di calore, grazie alla possibilità di inserire gli ulteriori 7.000 Nmc/h nel ciclo dell’ATM, sommando l’aria secondaria e comburente (24.000 + 7.000) si otterrebbe un ulteriore risparmio del 25% sull’energia introdotta e un 8-10% sulla potenzialità totale dell’ATM. Infatti, considerando una portata di 24.000 Nmc/h a 200 °C, si avrebbe una risparmio del 29% sulla potenza nominale e del 38% con 31.000 Nmc/h. Tale importante vantaggio può essere ottenuto in due modi: • sostituzione del ventilatore con un altro con caratteristiche di prevalenza adeguata (la potenza installata rimane uguale poiché sostanzialmente non legata al volume ma al peso dell’aria introdotta); • sostituzione del bruciatore con uno di ultima generazione che non prevede il ventilatore di combustione ma si avvale dell’ossigeno contenuto nell’aria secondaria o del tipo flue-fire, in grado di funzionare con aria fino a 600°C. A parità di condizione, si ottiene un ulteriore aumento di produzione del 6-8% e una notevole diminuzione della temperatura all’interno dell’ATM, di 70-80 °C, con conseguente condizioni di lavoro a 480-500°C anziché 550-580 °C. Quanto più si introducono volumi di aria, tanto più aumenta il rendimento globale: infatti, la capacità di aumentare i volumi di aria, diminuendo nel contempo la temperatura, aumenta in modo proporzionale lo scambio fra aria e barbottina. Nel caso specifico, avendo a disposizione una portata di aria di raffreddamento pari a 32.300 Nmc/h a una temperatura media di circa 173 °C, possiamo sfruttarne quasi la totalità per alimentare l’ATM. Considerando una dispersione di circa 10°C, lungo i 130 m di tubazione da percorrere, e una temperatura media ambiente di 20°C, arriveremo a risparmiare 1.374.230 Kcal/h, cioè circa 166 mc/h di CH4.


ADVERTISING

VERTICAL DRYER VERTICAL DRYER ORIZZONTAL DRYER

VERTICAL DRYER VERTICAL DRYER

saving of 50.00 €/hour and, for a typical operating time of 7,000 hours/year, a saving of 350,000.00 €/year. On top of this impressive cost reduction, producers should also consider the contributions of white certificates based on saved TOE (tonnes of oil equivalent). For this particular plant the saving would be of 1000 TOE/year, corresponding to 78,000.00 €/year for 5 years. Payback on the investment should therefore take only 10/12 months. Heat energy from the cooling stacks could, of course, just as well be recovered and treated for use in driers or any other machines that require thermal energy.

Valutando un costo di 0,30 €/Stmc, si ottiene un risparmio pari a 50,00 €/ ora che, per il funzionamento normale di circa 7.000 ore/anno, equivalgono a 350.000,00 €/anno. A questo importante dato economico vanno sommati i contributi ottenuti con i certificati bianchi, in base alle TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) che in questo impianto risultano essere pari a 1000 TEP/anno, corrispondenti a 78.000,00 €/anno per una durata di 5 anni. Il rientro dell’investimento è stimato in 10/12 mesi. Ovviamente il calore a disposizione dei camini fumi potrebbe essere utilizzato, dopo un opportuno trattamento, negli essicatoi o in altre macchine termiche.

HEAT EXCHANGER

SMOKES CHIMNEY

SMOKES FUN

COOLING KILN CHIMNEY SMOKES CHIMNEY

KILN 1

COOLING KILN CHIMNEY KILN 2

ATOMIZER

ATOMIZER

SIBELCO Sibelco is a leading extraction company and is using its presence at Tecnargilla to confirm its commitment to the ceramic industry and to present its expanded Italian organisation to the public. Recent Italian investments in a new ceramic lab in Maranello and a multi-mineral handling platform in the port of Ravenna enable Sibelco to respond rapidly to the needs of customers, to supply a range of top quality minerals, and to deliver advanced and efficient technical and logistic support. The new Tile Technical Centre lab in Maranello, just outside Sassuolo, is located in the heart of Italy’s ceramic industry. Though fully integrated with Sibelco’s European network, the lab obviously specialises in providing services to the whiteware and tile industries. The lab provides technical support for new and old customers alike, and also undertakes research and development to ensure the future of the ceramic industry as a whole. Sibelco’s investment in the new Multimineral Platform in Ravenna has created a flexible and lowcost logistic centre from which Sibelco Italy can distribute products from all over Europe quickly and efficiently. The company’s mineral offering includes clays, kaolines, quartzes, and nefelites.

Sibelco, una delle principali aziende produttrici dell’industria mineraria, sfrutta la propria presenza a Tecnargilla come un’opportunità per evidenziare il costante impegno a favore dell’industria ceramica e per porre un accento particolare al potenziamento della propria posizione in Italia. I recenti investimenti italiani nel nuovo Laboratorio Ceramico a Maranello e nella Piattaforma Multiminerale al porto di Ravenna, rendono Sibelco pronta a rispondere alle esigenze dei clienti, attraverso un’offerta multi minerale dagli standard molto alti e con un efficace e avanzato supporto tecnico-logistico. Il nuovo Tile Technical Centre, il laboratorio aperto a Maranello, molto vicino a Sassuolo, centro e cuore dell’industria ceramica, si aggiunge alla rete di Sibelco già esistente in Europa, che copre i settori sanitari e della ceramica. Il laboratorio, fornendo supporto tecnico ai nuovi e ai vecchi clienti, si presenta anche come centro di ricerca e di sviluppo per il futuro dell’industria ceramica. L’investimento della società nella nuova Piattaforma Multiminerale di Ravenna ha dato vita ad un centro logistico flessibile ed economico con il quale Sibelco Italia può commercializzare, in modo veloce ed efficace, i prodotti del Gruppo provenienti da tutta Europa. La gamma multi minerale offerta comprende: argille, caolini, quarzi, nefeline ecc.

Visit us at

Tecnargilla Via Saragat, 5 424124 - Reggio Emilia - ITALY Tel. +39 0522 921337 / 921851 Fax. +39 0522 924044 poppi@poppi.it www.poppi.it Sede Spagna C/FORMENTERA 27 12530 BURRIANA-CASTELLON Agente Spagna Ing.Victor Gascon vgascon@poppi.it Mob.: 0034 619373938

Pad. C3 Stand 054


products prodotti EMAR-IMES (MARTINELLI GROUP) Emar has further extended its product range by introducing the X10 single layer feed system to complement its existing X55 multi-layer model. The X10 is designed to improve the performance and flexibility of the multilayer feed system and to reduce maintenance costs too. Complete with control panel and dedicated control software, the X10 can be used with all types of press. Most spares are readily available on the market. Robust, modular design allows the X10 to be converted for use with double filling systems if required and adapted for use with presses that have different free clearances between the columns. Still on the subject of powder feed, Emar is also presenting the new “Quickly” system to replace conventional sliding plates. Quickly consists of a frame that remains attached to the press, and a set of lightweight, low-cost replacement plates in Teflon-coated stainless steel. These can be

changed over easily by the press operator. Quickly reduces press down-time for the replacement of worn sliding plates to only 1 hour. Because worn-out plates no longer have to be taken to a specialist workshop for reconditioning, the new system also reduces transport costs and spare part stocks. Finally, Emar has also developed a new mould accessory called Pick-Up. Pick-Up is a device that permits even largesize upper punches on powder transfer moulds to be replaced quickly and easily with no risk of operator injury or damage to the punch. The system comes complete with a self-aligning device. Imes is one of the ceramic industry’s top producers of presses for special pieces and skirting and for the vulcanisation of polymers on large-format punches.

Emar completa la propria gamma prodotti aggiungendo al sistema di alimentazione multistrato X55 un modello dedicato al monostrato, chiamato X10. X10 nasce con l’obiettivo di migliorare la performance e la flessibilità del sistema di alimentazione multistrato, e di abbattere i costi di manutenzione. Dotato di pulpito di controllo e software dedicato, può essere utilizzato su qualsiasi pressa; la ricambistica è reperibile sul mercato. La sua struttura solida e modulare permette di convertirlo a doppio caricamento e di adattarlo a presse con luce colonna diverse da quelle di origine. Rimanendo nell’ambito dell’alimentazione polveri, Emar presenta “Quickly”, un nuovo sistema che sostituisce le tradizionali piastre di scorrimento. È formato da

una struttura portante, che rimane sempre montata sulla pressa, e da un set di ricambi leggeri ed economici in inox/teflon, sostituibili dall’operatore. I fermi macchina per il rimpiazzo dei piani di scorrimento usurati si riducono ad 1 ora e non è più necessaria la rigenerazione in officina, con conseguente riduzione dei costi di trasporto e della necessità di scorte. Una novità, infine, nel campo degli accessori per stampi: Pick-Up è un dispositivo che permette di cambiare velocemente tamponi superiori di grandi dimensioni su stampi a trasferimento di soffice, il tutto in assoluta sicurezza per l’operatore e per l’integrità del tampone stesso. Il sistema è dotato di dispositivo autocentrante. Imes è invece l’azienda leader nella produzione di presse dedicate sia alla produzione di pezzi speciali e battiscopa per l’industria ceramica sia alla vulcanizzazione dei polimeri su tamponi di grandi dimensioni.

ADVERTISING

SOLUZIONI COMPLETE PER LA PRODUZIONE DI SANITARI

SANITARYWARES COMPLETE SOLUTIONS

Comet S.r.L. 01033 Civita Castellana (VT) Italy Z. I. S.S. Flaminia Km. 57,700 T. +39 0761 540571 T. +39 0761 540574 F. +39 0761 540572 info@planetcomet.com www.planetcomet.com

TECNARGILLA

2010 27 settembre - 01 ottobre

Rimini - Italy

PAD C3 STAND 154

IMPIANTI PER L’INDUSTRIA CERAMICA - CERAMIC INDUSTRY SOLUTIONS

info@lucavisual.it

COLAGGIO • PREPARAZIONI IMPASTI E SMALTO ESSICCAZIONE PER STAMPI E PRODOTTI MOVIMENTAZIONE AUTOMATICA PER PRODOTTI E MATERIE PRIME SMALTATURA • ISPEZIONE E SCELTA CASTING • RAW MATERIALS AND GLAZE PREPARATIONS DRYER FOR MOULDS AND PIECES AUTOMATIC HANDLING FOR THE PIECES AND THE MATERIALS GLAZING • INSPECTION AND CHOICE


cerchimica® CHIMICA PER LA CERAMICA

• Química para la cerámica e u q i m a ur la cér Chemistry for ceramics • Chimie po VEICOLI SERIGRAFICI E AUSILIARI Silk-screen printing media Machines de sérigraphie Vehículos serigráficos COLLE Adhesives Colles Colas LIVELLANTI Levelling products Lisseurs Nivelantes FLUIDIFICANTI Fluidizers Fluidifiants Fluidificantes VEICOLI SPECIALI Special media Machines spéciales Vehículos especiales ANTIBATTERICI Antibacterials Antibactériens Antibacterianos

Il successo deriva da un’idea semplice eseguita magistralmente bene Success comes from a simple idea masterfully accomplished

cerchimica®

TECNARGILLA Pad.B5 Stand 069

Via Istria, 22 - 41049 Sassuolo (Modena) - Tel. +39 0536 994393 - Fax +39 0536 814057


products prodotti HOB CERTEC The growing competitive pressure on European tile manufacturers is forcing them to adopt cost-cutting programmes while seeking greater productivity and flexibility. In order to meet these requirements in the firing process, which accounts for approximately 60% of the energy use of a factory, Hob CerTec has further modified its new extremely highperformance Hyperroll roller and has successfully introduced the new model called Hyperroll-NG. Tile manufacturers needed to be able to continuously change dirty rollers (with parts of tiles stuck to them) with clean rollers during kiln operation without having to lower the temperature or stop the kiln. Rollers are usually cleaned every 2-3 months by stopping the kiln (and lowering the temperature from approximately 1200°C to about 800°C) to avoid deformation of tiles (second and third choice) and to guarantee straight-line movement of products. In the case of the Hyperroll-NG a new method is used which involves removing some 5-10 rollers every day at full operating temperature and re-

placing them with clean rollers (the precise number depends on the number of rollers in the main firing zone and the cleaning period). Hyperroll-NG can also withstand daily changes to the firing parameters for various bodies (such as porous red, white and coloured porcelain) and sizes. Hyperroll-NG has excellent thermal shock resistance and good chemical resistance. Due to its extremely high hardness and low porosity, Hyperroll-NG can be cleaned easily using a belt grinder. The costly and laborious roller cleaning operation that involves stopping the kiln and lowering the temperature is no longer necessary. Overall, Hyperroll-NG makes a big contribution to helping tile manufacturers keep their competitive capacity high by reducing firing costs and increasing productivity and flexibility. The enormous advantages easily offset the higher price of the Hyperroll-NG and explain the high demand for this extraordinary roller.

La crescente pressione competitiva sui produttori europei di piastrelle costringe a programmi di riduzione dei costi e, parallelamente, a una maggiore produttività e flessibilità. Al fine di soddisfare queste esigenze nel processo di cottura, dove viene utilizzato circa il 60% dell’energia di uno stabilimento, Hob CerTec ha ulteriormente modificato il suo nuovo rullo Hyperroll ad altissime prestazioni e l’ha introdotto con successo col nome di Hyperroll-NG. L’esigenza era quella di poter cambiare continuamente con rulli puliti i rulli sporchi (che presentano attacchi da parte delle piastrelle) durante la fase di esercizio del forno senza abbassare la temperatura e senza fermate. Solitamente i rulli vengono ripuliti ogni 2-3 mesi fermando il forno (abbassando la temperatura da circa 1200°C a circa 800°C), per evitare la deformazione delle piastrelle (scarto di seconda e terza scelta) e garantire l’avanzamento rettilineo del prodotto. Nel caso dell’Hyperroll-NG viene messo in pratica un nuovo metodo, che

consiste nell’estrarre e sostituire con rulli puliti, a seconda del numero di rulli nella principale zona di cottura e del periodo di pulitura, ogni giorno circa 5-10 rulli a piena temperatura e in esercizio. Inoltre Hyperroll-NG resiste alla modifica quotidiana dei parametri di cottura per i diversi impasti (come rosso poroso, bianco e gres colorato) e formati. Hyperroll-NG ha un’ottima resistenza allo shock termico e un’alta resistenza all’attacco chimico. Grazie alla sua estrema durezza e alla modesta porosità Hyperroll-NG si pulisce più agevolmente per mezzo di una rettificatrice a nastro. Si può fare a meno della dispendiosa e laboriosa fermata del forno abbassando la temperatura per la pulitura dei rulli. Nel complesso, HyperrollNG fornisce ai produttori di piastrelle un importante contributo per tenere alta la loro capacità competitiva attraverso la riduzione dei costi di cottura e l’aumento della produttività e della flessibilità. Gli enormi vantaggi applicativi moltiplicano il prezzo maggiore dell’Hyperroll-NG, fatto che spiega l’alta domanda di questo rullo straordinario.

removed by hand), including wall-hung WCs and bidets (made with three-part moulds), as well as washbasins, sinks, shower trays, cisterns, pedestals, and special pieces, etc.. The CSC casting machine can even use moulds originally intended for manual casting. These can be cast and drained in any position

L’unità di colaggio tipo CSC consente il colaggio contemporaneo da 1 a 6 forme in gesso, a seconda dalle dimensioni. Si compone di due vasche portastampo che possono ruotare sia congiuntamente che singolarmente. Vi si possono colare tutti i sanitari composti da 2 o 3 parti (se la terza parte è asportabile manualmente) quali:

vasi e bidet sospesi (realizzati con stampi in tre parti), lavabi di ogni tipo, lavatoi, piatti doccia, cassette, colonne, altri pezzi speciali, ecc. L’unità di colaggio tipo CSC permette il riutilizzo di stampi per colaggio manuale, consentendo di colarli e scolarli in ogni posizione (in piano, in verticale, inclinati come serve) e di sfor-

COMET The CSC casting machine can cast between 1 and 6 plaster moulds simultaneously, depending on mould dimensions. The machine incorporates two mould support frames that can rotate individually or together. The machine can cast all types of sanitary ware formed in 2 or 3 parts (provided the third part can be

15 4

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


(horizontal, vertical, or at an angle, as required). Pieces can likewise be demoulded in any position, with only minimal effort from the operator. (Moulds come with a set of counterweights that can be matched to the weight of the mould, to minimise the effort required to lift the various mould sections.) The CSC casting machine is ideal for use with small production runs, processes requiring frequent mould changes, trial production runs, and mobile, manually operated production lines without electrical power. Operators can turn both parts of the mould together to cast or drain it in any position. The two halves of the mould can be removed using a system of ropes and counterweights, and independently rotated to any position to demould the cast piece. The piece itself is removed from the mould and laid horizontally using a compressed air powered demoulding carriage (with just one rubber ro-

tochamber). Units can be coupled lengthwise or front-on using the connection accessories provided.

marli sempre in ogni posizione, con minimo sforzo da parte dell’operatore (presentano infatti

una serie di contrappesi regolabili, in funzione del peso dello stampo, atti a minimizzare lo sforzo per sollevare le varie parti dello stampo). È adatta a piccole produzioni, a quante necessitano frequenti cambi di stampo, a preserie, a linee produttive di semplice manutenzione, prive di alimentazione elettrica e facilmente spostabili. L’operatore può ruotare le due parti dello stampo solidalmente per colare e scolare in ogni posizione desiderata. La sformatura avviene allontanando i due semistampi (assistiti da un sistema di funi e contrappesi) e ruotandoli indipendentemente in ogni posizione desiderata. Il pezzo viene asportato dallo stampo, posto in orizzontale, tramite un carrello sformatore a funzionamento pneumatico (monta solo una rotocamera in gomma). Le unità possono essere accoppiate liberamente in lunghezza e frontalmente, tramite accessori di collegamento forniti. ADVERTISING

PRODUCTS PRODOTTI AND SERVICES E SERVIZI

PRODUCTS PRODOTTI

raw materials & chemicals refractories & insulationg products fixing system & accessories raw materials and chemicals technical items

materie prime e prodotti chimici articoli refrattari e materiali isolanti sistemi di fissaggio e accessori bisCotta per cottura sanitari articoli tecnici

SERVICES SERVIZI

plant design and equipment supply resin mould production kiln maintenance and refurbishing

progettazione e fornitura impianti realizzazione stampi in resina manutenzione e rigenerazione forni


products prodotti COLOROBBIA Spa Colorobbia Spa has now added a series of organic colours to its already vast range of products for the artistic and industrial decoration of glass, ceramic and china. The company’s extensive experience, built up in almost a century of history, makes Colorobbia quite unique as a ceramic colour manufacturer. This experience has now allowed Colorobbia to develop special cold paints for decorating ceramic and glass substrates. The paints in question include polyurethane based and epoxy paints. Polyurethane paints offer excellent chemical and physical properties and are extremely versatile in use, while epoxy paints permit lower-temperature firing cycles to be used. Both types are supplied in liquid form and can be applied by ADVERTISING

spraying or brushing. All the paints in this series can be mixed with dyes and pigments to produce an almost infinite range of colours and special effects, and to improve the strength and durability of decorated products. Colorobbia’s R&D lab can adapt even this series of products to specific customer needs.

All’ampia scelta di prodotti dedicati alla decorazione artistica ed industriale del vetro, della ceramica e della porcellana, Colorobbia Spa aggiunge anche i colori organici. La grande esperienza che, da quasi un secolo, contraddistingue l’attività di Colorobbia come colorificio ceramico, ha consentito di sviluppare questa tipologia di vernici a freddo, idonee per la decorazione di supporti in ceramica e vetro. Le vernici sono a base poliuretanica ed epossidica: le prime mostrano caratteristiche di elevata resistenza chimicofisica e versatilità d’uso, mentre le seconde permettono cicli di cottura a temperatura più bassa. Entrambi i

tipi sono forniti in forma liquida e possono essere applicati sia a spruzzo sia a pennello. Tutte le vernici, abbinate a coloranti e pigmenti perfettamente miscibili tra loro, consentono di ottenere un’infinita gamma di colorazioni ed effetti speciali, conferendo in tal modo all’oggetto decorato caratteristiche di resistenza e durata nel tempo. Il laboratorio di Ricerca & Sviluppo di Colorobbia, anche per questa categoria di prodotti, è in grado di rispondere alle specifiche esigenze di ciascun cliente.


FLEXIBLE

MODULAR

FREE ... this is the road we are taking

TECNARGILA 2010 PAB A3 Stand 161

Carretera Nacional 340a, Km 970 12550 Almazora (Castell贸n) Spain Tel茅fono + 34 902 118 996 路 Fax +34 964 256 211 sales@cretaprint.com 路 www.cretaprint.com


products prodotti ELLE K AUTOMAZIONI Building on experience acquired in the preparation of ceramic raw materials, Elle K Automazioni has developed a new computerised system for batching micronised pigments for liquid colours, for use in “Mobile Mixture” slip colouring systems or in high pressure systems for vein colouring directly in spray dryer chambers. This innovative system uses modular stations for emptying bigbags of raw materials and a mixer that is specially designed to ensure maximum dispersion of colouring oxides. The system can be used in all types of plant without limits of capacity. It can be built according to the specific characteristics of the target plants (for mixing directly in the spray-dryer or in the syrup storage tanks), and is designed to be particularly easy to use.

The use of big-bags not only reduces costs but simplifies the logistics of colour preparation and reduces labour requirements. The use of software specially developed by Elle K, together with the precision of Stad batching systems, ensures long-term repeatability and consistency, and makes it possible to program even very small production batches. The operator interface combines the utmost simplicity with efficiency and data security. Developed with high-level programming languages, the software gives operators a detailed plant overview and displays process variables at all times. The supervision function provides a wide range of process data, including product archives, recipes, alarms, logs, customised parameters, production reports and consumption data.

Elle K Automazioni, grazie all’esperienza maturata dai suoi tecnici nell’area preparazione materie prime del settore ceramico, ha studiato un nuovo sistema computerizzato di dosaggio pigmenti micronizzati per la preparazione dei colori liquidi, da utilizzare nei sistemi di colorazione barbottina “Mobile Mixture” o nel sistema di colorazione in vena, ad alta pressione, direttamente nella camera dell’atomizzatore. La novità del sistema è l’utilizzo di stazioni di dosaggio svuota Big-Bags modulari e di uno “scioglitore” appositamente studiato per ottenere la massima dispersione degli ossidi coloranti. Il sistema può essere utilizzato su qualsiasi tipo di impianto senza limiti di portata, è studiato sulle specifiche caratteristiche degli impianti che deve servire (in diretta all’ATM oppure alle vasche di stoccaggio sciroppi), ed è stato pensato per essere facilmente utilizzato dagli operatori. L’utilizzo dei Big-Bags, oltre ai bene-

fici economici, permette una migliore gestione logistica del reparto preparazione colori ed un minore utilizzo di mano d’opera. L’utilizzo di un software appositamente studiato da Elle K, unito alla precisione dei sistemi di dosaggio STAD, permettono una ripetibilità e una costanza dei prodotti nel tempo, dando la possibilità di programmare anche piccolissimi lotti di produzione. L’interfaccia operatore è stata realizzata ottenendo la massima semplicità, unita alla massima efficienza e sicurezza dei dati. Il programma sviluppato con linguaggi di programmazione ad alto livello offre all’operatore una dettagliata rappresentazione dell’impianto e delle variabili di processo in ogni momento (real time). Inoltre, il supervisore offre un’ampia gamma di dati legati al tipo di processo, quali: archivi prodotti, ricette, allarmi, storici, parametri di personalizzazione, report di produzione con conteggio dei consumi.

La costante evoluzione del prodotto ceramico, in particolare l’incremento esponenziale dei grandi formati quali 45x90 cm, 60x90 cm, 90x90 cm, 60x120 cm e 120x120 cm, da un lato ha creato opportunità di vendite, ma dall’altro ha aumentato i problemi di gestione di magazzino e i costi di produzione. Una delle soluzioni tecniche proposte dalla Ferrari & Cigarini è stata quella di sviluppare un processo produttivo atto a creare formati

modulari e sottomultipli, nonché un prodotto di alto valore aggiunto tramite la squadratura e bisellatura dei pezzi interi. Questo processo è altamente flessibile, con grandi opportunità produttive, e permette di creare qualsivoglia formato richiesto (anche squadrato e bisellato): listoni, listelli, pannelli, tavelle e tozzetti. La versatilità del sistema produttivo deriva dal fatto di poter avere, in un’unica operazione completa-

FERRARI & CIGARINI The continuous development of ceramic products, and particularly the exponential growth of large sizes like 45x90, 60x90, 90x90, 60x120 and 120x120 cm, has opened up new sales opportunities but at the same time increased the complexity of warehouse management and pushed up production costs. To offer a technical solution to these problems, Ferrari & Cigarini has developed a production process ca-

15 8

pable of creating modular sizes and submultiples, and adding value by squaring and chamfering whole pieces. This process is highly flexible and offers outstanding opportunities for production as it can be used to produce squared and chamfered pieces of any size, including strips, listels, panels, ceiling tiles and insets. The system’s versatility derives from the fact that it is possible to perform two or more production

C era mic W orl d Review n. 88/2010


ADVERTISING

processes like cutting, rectifying, squaring, chamfering, drying and automatic palletisation in a single fully-automated operation. The first step in the process is performed by two models of cutting machine, the MTP 950 and the MTP 1300, which have useful widths of 95 mm and 130 mm respectively and can be used for the multiple cutting of large sizes in conditions of total stability and excellent precision thanks to F&C’s double hyperstatic support. The second step is performed by the MCB family of squaring/rectifying machines consisting of 3, 5 or 7 groups of opposing motors, depending on the material to be removed and the required production capacity. The third step is performed by the MCB chamfering module or by means of special MBR chamfering machines with one or more floating chamfering heads. The fourth step uses an ASCR water aspiration system or one of the powerful hot air recirculation driers in the ERC family. The fifth and final step in the process can be performed in either of two different ways: by means of PAC007 multi-exit automatic palletisers or by means of a robotic palletisation island.

mente automatizzata, due o più processi produttivi quali: taglio, rettifica, squadratura, bisellatura, asciugatura, essiccazione, pallettizzazione automatica. La prima fase è realizzata grazie a due modelli di macchine da taglio: la MTP 950 e la MTP 1300, rispettivamente di 95 e 130 cm di larghezza utile, che permettono il taglio multiplo di grandi formati in condizioni di totale stabilità e altissima precisione, grazie al sistema F&C di doppio supporto iperstatico. La seconda fase avviene tramite i modelli delle squadratrici rettifiche della famiglia MCB che sono così suddivisi: a tre gruppi di motori contrapposti; a 5 o a 7 gruppi di motori contrapposti, a seconda del materiale da asportare e della capacità produttiva richiesta. La terza fase avviene tramite il modulo bisellante della stessa MCB o tramite speciali bisellatrici MBR a una o più testate bisellatrici flottanti, mentre la quarta utilizza un sistema di aspirazione acque ASCR o i potenti essiccatoi della famiglia ERC a ricircolo d’aria calda. La quinta fase può essere messa in atto tramite due differenti opzioni: per mezzo di pallettizzatori automatici PAC007 a più uscite oppure tramite isola robotizzata di pallettizzazione.


products prodotti MECTILES ITALIA Mectiles Italia operates in the ceramic machinery sector, particularly in the used market. For the last 15 years, in addition to offering second-hand reconditioned plant and machinery, it has been supplying new equipment and machinery to supplement existing systems and provide complete turnkey plants. The company operates as both a purchaser and a supplier of used plants. The quality of the supplied machinery is guaranteed by an organisational structure that follows all stages of disassembly and performs total reconditioning of machinery, as well as a technical support service that completes the plant installation, testing and start-up stages. In particular, the company sells complete plants consisting of grinding equipment, elevators, conveyor belts, mills, vibrating sieves, hydraulic presses (various brands and types and with various pressing tonnages), connecting machinery, horizontal and vertical dryers, glazing lines complete with accessories, kilns, storage plants and complete sorting lines (in

practice all the equipment and machinery required in the clay preparation, spray drying, dry milling, pressing, drying, glazing, firing, sorting and storage stages). The company’s success in Italy and abroad is largely a result of its customer focus and its unflagging efforts to offer highquality cost-effective solutions. Thanks to the technical and technological expertise of its technical staff, Mectiles Italia is able to offer systems suited to all specific requirements so as to meet the needs of an ever more dynamic market that is particularly attentive to cost cutting, starting out from the design and product research stages. The service package offered by the company is backed by efficient after-sales support, which includes technical assistance for both scheduled and reactive maintenance, as well as an ample supply of spare parts and accessories of all major brands.

Mectiles Italia opera nel settore degli impianti per l’industria ceramica e, in particolare, principalmente nel mercato dell’usato. Da 15 anni, oltre a proporre macchine e impianti “di seconda mano” rigenerati, fornisce attrezzature e macchinari di nuova produzione, ad integrazione dei sistemi esistenti, offrendo così alla clientela impianti completi chiavi in mano. L’azienda agisce sia come acquirente sia come fornitore di impianti usati, garantendo la qualità dei macchinari forniti, grazie ad una struttura organizzativa in grado di seguire tutte le fasi dello smontaggio e di effettuare la totale rigenerazione dei macchinari, nonché un servizio di assistenza tecnica idoneo a completare le fasi di installazione, collaudo e avviamento degli impianti. In particolare, l’azienda commercializza impianti completi, composti da impianti di macinazione, elevatori, nastri trasportatori, mulini, vibro-setacci, presse idrauliche (di varie marche e tipologie, con diversi tonnellaggi di pressatu-

ra), macchine di collegamento, essiccatoi orizzontali e verticali, linee di smaltatura complete di accessori, forni, impianti di stoccaggio e linee di scelta complete: in pratica tutte le attrezzature e i macchinari richiesti nei comparti di preparazione argille, atomizzazione, macinazione a secco, pressatura, essiccazione, smaltatura, cottura, scelta e stoccaggio. Il successo ottenuto dall’azienda in Italia e all’estero è dovuto alla particolare attenzione rivolta ai clienti nel proporre soluzioni di qualità e convenienza: grazie alle conoscenze tecniche e tecnologiche del proprio staff tecnico infatti, Mectiles Italia è in grado di offrire sistemi adattabili ad ogni specifica esigenza, al fine di soddisfare i bisogni di un mercato sempre più dinamico e particolarmente attento al contenimento dei costi, a partire dalle fasi di progettazione e di ricerca prodotto. Il pacchetto dei servizi offerti dall’azienda è infine completato da un efficiente servizio post-vendita, che, oltre ad un’assistenza tecnica rivolta sia alla manutenzione ordinaria sia straordinaria, include un’ampia disponibilità di ricambi ed accessori di tutte le principali marche.

problems, minimising atmospheric emissions by using a special fume recovery system. Continuous investments have enabled Marfin to strengthen its customer services and it now has an extensive sales and support network for all the strapping heads present on the market.

Marfin - azienda leader nel settore dell’imballaggio dal 1991, con oltre 200 linee automatiche costruite consolida la sua presenza nel mercato proponendo importanti linee di imballo per prodotti pallettizzati, all’avanguadia in fatto di tecnologia e realizzazione. In Italia Marfin ha collaborato con Marazzi

Group, GranitiFiandre e Ceramiche Piemme; all’estero, invece, realizzando il raddoppio della linea di produzione, ha lavorato con Alfanar Ceramics e Apadana Ceram. L’azienda, in continua crescita, ha inoltre rinnovato il proprio parco macchine: tra queste, grandi consensi sta riscuotendo la nuova macchina combinata FKL6. Molto flessibile e versatile, la FKL6 è adatta a tutti i formati di pallet e semplifica le diverse problematiche di produzione, contenendo al minimo le emissioni in atmosfera, utilizzando uno speciale sistema per il recupero fumi. Grazie ai continui investimenti, Marfin ha anche rafforzato i servizi alla clientela e ora si presenta, sul territorio nazionale ed estero, con una rete capillare commerciale e di assistenza su tutte le teste di reggiatura presenti sul mercato.

MARFIN Marfin, a leading company in the packaging industry since 1991 with more than 200 automatic lines to its credit, is strengthening its presence in the market by offering state-of-the-art packaging lines for palletised products. In Italy Marfin has supplied is systems to Marazzi Group, GranitiFiandre and Ceramiche Piemme, while outside Italy it has worked with Alfanar Ceramics and Apadana Ceram, doubling their production lines. The company is expanding constantly and has also renewed its machines, one of the most successful of which is the new FKL6 combined machine. Highly flexible and versatile, the FKL6 is suitable for all pallet sizes and solves many production

16 0

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


products prodotti SACMI CERAMICS & TILES Two years after launching the H.E.RO. project (High Efficiency Resource Optimizer), Sacmi will be back at Tecnargilla 2010 with a range of unique machines take advantage of new market trends, with an increased focus on energy saving and environmental protection. Visitors and potential customers will be able to admire 3 firing modules of the new Eko Series single-layer roller kiln. This new kiln represents a real technological revolution, and incorporates systems for managing fume/ product heat exchange, selecting which fumes to purify (fume volume per hour being significantly reduced in any case), and varying kiln length to suit production volumes. Eko kilns consist of a series of thermal modules or cells in which combustion fumes exchange thermal energy with passing material in a far more efficient manner than in traditional kilns. Eko kilns not only reduce the volume of toxic fumes that need to be filtered but, for the first time ever, allow different fume types to be identified and small volumes of specific fumes subjected to targeted purification to remove contaminants, with obvious benefits in terms of process simplification and respect for the environment. The use of cells enables the firing curve to be controlled more accurately while also allowing stable pressures and temperatures to be maintained even if the volume of tiles passing through varies. If the volume of production falls, the cells that are no longer needed can simply be deactivated: this amounts to having a variable-length kiln. Eko kilns are equipped with self-recovering burners which extract hot fumes from the kiln chamber and use them to heat combustion air (700°C) in counter-current. Sacmi have also introduced significant innovations in pressing in the form of the new PH3200 press (32,000 kN pressing force, 2450 mm clear-

16 2

ance). This is the first in a new range of presses featuring an innovative preload system based on alloy tie rods, combining the reliability of alloy with the simplicity of traditional tie rods The press structure has been designed using the latest optimisation software to limit stress and ensure greater reliability and increased rigidity (giving more uniform pressing). The new hydraulic system is equipped with sophisticated adjustments and controls to allow even the most difficult materials to be pressed, and new autodiagnostic software allows faults to be identified quickly. The new press is also equipped with the innovative DCL2450 powder loading carriage. Another major development lies in the area of continuous grinding. This is the new L Cube (Long Life Lining) anti-wear mill lining made from vulcanised rubber coated alumina bricks, developed in collaboration with Bitossi and B & B. L CUBE gives a 5% higher output for the same energy consumption, and the lining lasts at least three times longer than traditional types. Also on display will be the

C era mic W orl d Review n. 88/2010

A due anni dal lancio del progetto H.E.RO. (High Efficiency Resource Optimizer), Sacmi si presenta a Tecnargilla 2010 con macchine uniche, pensate per cogliere le nuove tendenze del mercato e orientate sempre più al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente. Visitatori e potenziali clienti possono ammirare 3 moduli di cottura del nuovo forno monostrato a rulli della Serie Eko, una vera e propria rivoluzione tecnologica che si caratterizza per: la gestione dello scambio termico fumi/prodotto; la possibilità di selezionare i fumi da depurare (peraltro notevolmente ridotti in termini di volume orario); l’opportunità di disporre di un forno che varia la propria lunghezza in base ai volumi produttivi. Eko è composto da una serie di moduli termici, detti “celle”, nei quali i fumi scambiano l’energia termica con il materiale in maniera “ottimizzata” rispetto ai forni tradizionali. Inoltre, Eko abbatte i volumi dei fumi inquinati da filtrare che, per la prima volta, possono essere discriminati, se ne possono gestire piccole quantità e sottoporle a trattamento di depurazione “mirato” agli inqui-

nanti presenti, con evidente semplificazione gestionale e attenzione all’ambiente. L’uso di celle consente di controllare meglio il profilo della curva di cottura e di mantenere stabili pressione e temperature, anche se variano i volumi delle piastrelle in transito. In presenza di calo produttivo si disattivano le celle non necessarie: idealmente è come disporre di un forno a lunghezza variabile. Eko è equipaggiato con bruciatori autorecuperanti, in grado di aspirare i fumi caldi dalla camera del forno e di utilizzarli per riscaldare in controcorrente l’aria di combustione (700°C). Ma le grandi novità Sacmi riguardano anche il reparto pressatura, con la nuova pressa PH3200 (spinta 32000 kN, luce 2450 mm), primo esemplare di una nuova serie di macchine, che si caratterizza per l’innovativo sistema di precarico a tiranti legati, unendo l’affidabilità della legatura alla semplicità dei tiranti tradizionali. La struttura è realizzata sfruttando i più moderni software di ottimizzazione, per cui si sono limitate le sollecitazioni garantendo una maggiore affidabilità e aumentando allo stesso tempo la rigidezza (migliore uniformità di compattazione). La nuova idraulica, dotata di sofisticate regolazioni, permette la compattazione anche dei materiali più difficili e il nuovo software di autodiagnostica permette la determinazione dei guasti in tempo brevissimo. La pressa sarà equipaggiata anche con l’innovativo carrello di caricamento polvere modello DCL2450. Grandi novità anche nella macinazione continua, con il nuovo L Cube (Long Life Lining), rivestimento antiusura per mulini, ottenuto per vulcanizzazione di gomma attorno a mattoncini di allumina appositamente studiati, in collaborazione con Bitossi e B&B. L Cube permette di ottenere una maggior produzione (5%) a parità di consumo energetico e la durata del rivestimento è di almeno tre volte superiore rispetto a quelli tradizionali.


ADVERTISING

DDD175 digital decoration system, specially developed by Sacmi for controlled powder applications on ceramic substrates, with no limitations on particle size, moisture and colour. The system combines the flexibility of digital technology with freedom to use conventional and typical materials. It consists of a series of independent decoration units, one for each colour, located in sequence on a conveyor belt. By using data from a graphic management program to coordinate the various units, the complete decoration can be applied to the material as it advances along the line. Finally, innovations in automatic handling and end-of-line automation will also be on display. Sima will be exhibiting its own machines for storing unfired ware in roller boxes and for stacking fired products on pallets, capable of working with larger sizes than ever before, as well as state-of-the-art laser guided vehicles. Nuova Fima will be exhibiting an automatic sorting and palletizing line suitable for the production of formats up to 1200 x 1500 mm, with fully automatic and computerised format change, equipped with all the necessary accessories for handling and packaging products of these dimensions. Surface Inspection will be exhibiting a new machine for 1200 x 1500 format, using advanced software to identify more defects than ever, even in the digital decorations that are becoming increasingly popular. And Sacmi will be showcasing its Sidepack packaging system. This new system drastically reduces the use of packaging material (which is often thrown away on building sites), thereby offering financial and environmental benefits to manufacturers and users alike. The new packaging machine uses the simple principle of protecting the corners and edges and is capable of packaging even slabs as large as 3 meters in length.

Sarà esposto anche un sistema di decorazione digitale DDD175, espressamente sviluppato da Sacmi per l’applicazione controllata di polveri su supporto ceramico, senza particolari limiti di granulometria, umidità e colore. Alla flessibilità, caratteristica dei sistemi digitali, si unisce così la libertà di utilizzo dei materiali tipici dell’industria di settore. Il sistema è costituito da una serie di unità di decoro indipendenti, una per colore, inserite in sequenza su un nastro di trasporto. Utilizzando in modo coordinato, sulle varie unità, i dati provenienti da un programma di gestione grafica, è quindi possibile applicare il decoro voluto sul materiale che avanza sulla linea. Novità infine anche nella movimentazione automatica e nel fine linea: Sima esporrà le proprie macchine per lo stoccaggio su box a rulli di prodotti crudi e per lo stoccaggio su pianali di prodotto cotto impilato, adeguate ai formati di dimensioni sempre crescenti, e i veicoli a guida laser di ultima generazione; Nuova Fima esporrà una linea di scelta e pallettizzazione automatica idonea alla produzione dei formati fino a 1200 x 1500 mm, con cambio formato completamente automatico e computerizzato e dotata di tutti gli accessori per movimentare e confezionare anche lastre di queste dimensioni; Surface Inspection esporrà la nuova macchina idonea alla produzione del formato 1200 x 1500 con un software sempre più completo, in grado di identificare un numero ancor maggiore di difetti, anche legati alla sempre maggiormente diffusa tecnologia di decorazione digitale; Sacmi metterà in vetrina la confezionatrice Sidepack, che riduce drasticamente l’impiego di materiale di imballaggio da smaltire nei cantieri, con tutti i benefici economici ed ambientali che ne conseguono per produttori ed utilizzatori. Il principio della nuova confezionatrice, infatti, si basa sulla semplice protezione degli spigoli laterali ed oggi è in grado di confezionare anche lastre di grandissime dimensioni fino a 3 metri di lunghezza.


products prodotti BMR Bmr has upgraded its range of Squadra series squaring machines, now available in two versions: wet for porcelain tile and dry for monoporosa. • The wet-operation Squadra for porcelain tile, with from 5 to 9 calibrating units, is suitable for high throughputs with upper and lower chamfering units for large sizes. The standard powers of the calibrating units remain at 5.6 kW, amongst the highest on the market. On Squadra, the tile is held firmly as it moves by the Syncrobelt® system, which consists of two toothed belts with synchronous movement assuring a high level of geometric precision. In the case of large formats with high thicknesses, this system also reduces the vibrations generated by the grinding operation. • With the dry-operation Squadra for monoporosa, Bmr cuts the timeframes and costs of the finishing process, eliminating those due to drying of the product after rectification. The system for recycling tool-cooling water and the tile dryer have been replaced with an efficient and effective extraction system. The precision and effectiveness of dry grinding are assured by the well-established Bmr technology. The dry grinding process with 9 calibrators can use either metallic or resin-bonded grinding wheels with a special diamond coating and bonds with high thermal conductivity. The casing contains the new “pushing-squaring” device with brushless drives and squareness parameter control during the work process. The electronic equipment for dimensional control at the outfeed

16 4

of the second module is able to determine the dimensional quality of rectified tiles and to update the working parameters in both manual and automatic cycles. The control panel has also been upgraded. Operator interfacing and flexibility of use are extremely important characteristics that Bmr intends to focus on in order to optimise the work of technicians and operators. Bmr is also presenting its Cut Crash® cutting system designed to reduce sizes after firing, a system that has proved highly successful with more than 500 installations to date. The machine comes in three different models: • Continuous motion: the tile is cut as it passes underneath a scoring roller wheel and is subsequently snapped by a roller. This solution is normally used for rustic mosaic tiles. • Compact: the tile is scored while stationary and immediately snapped by means of a hammer. This model is suitable when just one cut per tile is required. • Multi-cut: the tile is stationary while the longitudinal cut is made, then moves to a subsequent station where it is cut transversally. It is then transferred to the two hammer snapping stations for the two cutting directions. The Multi-cut model is suitable for making a number of cuts on the same tile. In the Continuous motion and Compact models, size changing is performed simply by adjusting a mechanical reference stop. In the Multi-cut model, size changing is performed on the touch-screen monitor. In all the systems, the cutting tool is a commercially available hard metal disc, with diameter of 8 mm.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

Bmr ha rinnovato la gamma delle squadratrici serie Squadra, ora disponibili in due versioni: a umido, per porcellanato, e a secco, per monoporosa. • Squadra a umido, per porcellanato, da 5 a 9 calibratori, è adatta per le alte produzioni, con bisellatori superiori e inferiori per i grandi formati. Le potenze standard dei calibratori si confermano a 5,6 kW e sono tra le più alte della media. Con Squadra, la piastrella viene bloccata, durante l’avanzamento, da due cinghie dentate e a movimentazione sincrona che, grazie al sistema Syncrobelt®, consente un’elevata precisione geometrica. Tale sistema, inoltre, in presenza di grandi formati con importanti spessori, favorisce la riduzione delle vibrazioni indotte delle grandi lastre in rettifica; • grazie a Squadra a secco, per monoporosa, Bmr propone la riduzione di tempi e costi del processo di finitura, eliminando quelli dovuti all’essicazione del prodotto dopo la rettifica. L’impianto di riciclo acque reflue per refrigerazione utensili e l’assicatoio piastrelle sono sostituiti da un efficiente e accurato sistema di aspirazione. La precisione e l’accuratezza della rettifica a secco sono rese costanti dalla consolidata tecnologia Bmr. Per la rettifica a secco, con 9 calibratori, si applicano mole sia a legante metallico sia resinoide, con speciale ricopertura del diamante per il secco e con impiego di leganti ad elevata conducibilità termica. Le carterature contengono il nuovo “spintoresquadratore”, con azionamenti di tipo brushless e regolazione dei parametri di ortogonalità durante il processo di lavoro.

L’apparecchiatura elettronica per controllo dimensionale in uscita del secondo modulo permette di rilevare la qualità dimensionale delle piastrelle rettificate e di aggiornare i parametri di lavoro sia in manuale sia in ciclo automatico. Anche il pannello di controllo è stato aggiornato: interfaccia operatore e flessibilità di uso, infatti, sono caratteristiche molto importanti che Bmr mira a sviluppare per ottimizzare il lavoro dei tecnici operatori. Bmr presenta inoltre il sistema di taglio Cut Crash®, realizzato per ridurre i formati dopo cottura, che ha incontrato grande riscontro, superando le 500 referenze installate. La tipologia di macchine si divide in tre modelli: • Continuo: la piastrella viene incisa mentre passa sotto ad una rotella di incisione, con successivo fratturatore a rullo. Tale soluzione è solitamente adottata per il mosaico rustico; • Compact: la piastrella sosta per l’incisione con immediata frattura, a maglio. Questo modello viene adottato quando è richiesto un solo taglio per piastrella; • Multi-taglio: la piastrella sosta per l’incisione longitudinale, poi passa ad una successiva stazione per incisione trasversale e, conseguentemente, alle due stazioni di fratturatura, a maglio, per i due sensi di incisione effettuati. Il modello Multi-taglio è adatto per fare più tagli sulla stessa piastrella. Nei modelli Continuo e Compact il cambio formato è effettuato con semplice regolazione di riscontro meccanico. Nel modello Multi il formato viene cambiato tramite un video touch screen. In tutti i sistemi, l’utensile di incisione è un disco in metallo duro, con diametro di 8 mm, commerciale.


La SODDISFAZIONE del CLIENTE il nostro FIORE all’occhiello Il segreto é perchè sappiamo fare tecnologia innovativa per un mercato ceramico in costante evoluzione.

SISTEMI AUTOMATICI ED EFFETTI CROMATICI PER LA CERAMICA Macchine Levigatrici Spazzolatrici

Macchine Spazzolatrici Tangenziali

41042 Fiorano Modenese (Mo) Italy Via P. Monelli, 21/23 Tel. 0536 911770 Fax 0536 911762 e-mail: iri@irisrl.com www.irisrl.com TECHNOLOGY

Macchine Decoratrici

TECNARGILLA 2010

Pad.B2 - Stand 001


products prodotti LB OFFICINE MECCANICHE The research that LB has carried out in cooperation with leading national and international institutes has made it possible to innovate the dry grinding process for the preparation of ceramic bodies. The MRV vertical roller mill is the heart of the innovative line proposed by LB, called Vertical Milling System. Equipped with hydraulic pressure grinding rollers that operate on a rotating track and a dynamic exit type particle size separator, MRV can achieve effective production capacities of up to 40 ton/h. The construction characteristics and methods of operation of the MRV mill allow for simultaneous milling of different materials (clays, carbonates, feldspars, aggregate, etc.) with widely varying characteristics in terms of hardness and guarantee the production of a constantly homogeneous com-

pound that meets the required particle size values. The MRV mill allows for highly flexibility operation with variations in particle size from 20 micron upwards. The possibility of achieving very fine grinding offers a number of advantages: • elimination of problems relating to the presence of organic and inorganic contaminants in the raw materials; • improvement in the end product’s mechanical characteristics; • improvement in the ceramic product’s surface aesthetic characteristics. The exclusive grinding fineness attained by the MRV is an excellent starting point for the creation of products with a high technical and aesthetic content and is also essential for the production of highly vitrified materials (porcelain tile).

The MRV mill operating process consists of:

La ricerca LB, condotta in collaborazione con importanti istituti nazionali e internazionali, ha permesso di innovare il processo di macinazione a secco per la preparazione degli impasti ceramici. Il mulino verticale a rulli MRV è il vero cuore pulsante dell’innovativa linea tecnologica proposta da LB, denominata Vertical Milling System. Equipaggiato con rulli macinanti in pressione idraulica operanti su una pista in rotazione ed un separatore granulometrico di tipo dinamico in uscita, MRV permette di raggiungere capacità produttive fino a 40 ton/h effettive. Le caratteristiche costruttive e le modalità operative del mulino MRV permettono la macinazione contemporanea di materiali molto diversi tra loro (argille, carbonati, feldspati, inerti, ecc.) con caratteristiche differenti anche in termini di durezza, garantendo la realizzazione di un composto costantemente omogeneo e in linea coi va-

Le fasi del processo operativo del mulino MRV:

1 - The material is 1 batched by a modulating shutter and deposited on the rotating track (yellow arrow) 2 - The milling rollers 2 have a vertical crushing action. The applied force is controlled by a selfregulating hydraulic circuit (green arrow). 3 - The internal negative pressure transports 3 the material towards the movable sector dynamic separator (red arrow). 4 - The dynamic separator performs particle size 4 classification of the ground material (dark blue arrow). 5 - The exiting material passes through 5 a special process filter where air-powder separation is performed (light blue arrow).

16 6

C era mic W orl d Review n. 88/2010

- Il materiale viene dosato da un otturatore modulante e depositato sulla pista in rotazione (freccia gialla) - I rulli macinanti esercitano un’azione verticale di schiacciamento. La forza applicata è controllata da un circuito idraulico autoregolato (freccia verde) - La depressione interna trasporta il materiale macinato verso il separatore dinamico a settori orientabili (freccia rossa). - Il separatore dinamico effettua la classificazione granulometrica del materiale macinato (freccia blu). - Il materiale in uscita attraversa uno speciale filtro di processo, in cui avviene la separazione aria-polveri (freccia azzurra).

lori granulometrici richiesti. Il mulino MRV consente una grande flessibilità produttiva con possibili variazioni di granulometria a partire da 20 micron. La possibilità di raggiungere tali finezze di macinazione offre numerosi vantaggi: • eliminazione dei problemi dovuti alla presenza di inquinanti, sia organici che inorganici, nelle materie prime; • miglioramento delle caratteristiche meccaniche del prodotto finale; • miglioramento delle caratteristiche estetiche superficiali del pezzo ceramico. L’esclusiva finezza di macinazione consentita dal sistema MRV è un punto di partenza fondamentale per la realizzazione di prodotti ad elevato contenuto tecnico ed estetico, e condizione imprescindibile per la produzione di materiali ad alta greificazione (gres porcellanato).


ADVERTISING

COLOROBBIA ESPAÑA Colorobbia ha sviluppato un’ampia gamma di inchiostri per la decorazione digitale, denomianta Cinks. La collaborazione con i principali produttori di testine e macchinari, insieme al rapporto diretto con i clienti, costituisce il principale obiettivo dell’azienda e rappresenta da sempre la chiave del suo successo. La gamma di inchiostri per la decorazione digitale Colorobbia è tra le piú complete dell’attuale mercato dei colori inkjet. Oltre ai tradizionali Ciano, Giallo, Marrone e Nero, vi sono inclusi il Beige e una serie di colori complementari, studiati appositamente per le esigenze di ciascun cliente. La varietà della serie, l’intensità degli inchiostri e il perfetto equilibrio chimico-cromatico fra essi, confermano l’avanguardia tecnologica di Colorobbia che, grazie anche ad un contenimento dei costi di produzione, consente anche ai propri clienti di mantenere la loro competitività, oltre a dare un valore aggiunto ai loro prodotti con l’uso di questa tecnologia. I laboratori di grafica digitale Colorobbia, in Italia ed in Spagna, sono attrezzati con i piú moderni macchinari, in modo da garantire un servizio qualificato e tempestivo anche dal punto di vista del design. Un’equipe di tecnici specializzati in tecnologia digitale è a disposizione dei clienti Colorobbia in qualsiasi parte del mondo, a garanzia del successo e della loro competitività.

EURODOCKS Eurodocks is a company that specialises in the dockside operations of loading and unloading agricultural, food and steel products, as well as fertilisers and bulk and packaged minerals (clays, feldspars, kaolines, wollastonites, spodumene, nefelite, alumina, magnesite, calcium carbonate, etc.). The company operates raw material transformation plant for grinding, lumpbreaking, mixing and bagging (in big-bags or 25/50 kg bags), bag emptying and micronisation. Thanks to streamlined management, Eurodocks has been able to align itself rapidly with changing market conditions, invest in mechanisation, and reinforce its organisation to continue providing top quality services in the fields of the filtered storage for powder materials and bulk tanker loading. The company has also made major investments in stone and mineral micronisation plant. A growing client portfolio, an excellent reputation, and efficient loading and storage operations for special items (presses, finished products, etc.) and equipment for the ceramic industry have allowed Eurodocks to close the first half of 2010 with a highly encouraging increase in turnover compared to the same period of 2009.

Eurodocks è un’azienda specializzata principalmente nell’attività portuale di sbarco/imbarco di prodotti siderurgici, agro-alimentari, fertilizzanti e soprattutto minerali (nel dettaglio: argille, feldspati, caolini, wollastoniti, spodumene, nefeline, allumina, magnesite, carbonato di calcio, ecc.), sia preparati nei diversi confezionamenti che non. Inoltre è strutturata con impianti di trasformazione delle materie prime, quali macinazione, frangizollatura, miscelazione, insacco (in big bags o sacchetti da 25/50 kg), disinsacco e micronizzazione. Grazie all’agile struttura che contraddistingue l’organizzazione, Eurodocks è riuscita ad adeguarsi velocemente alle nuove condizioni di mercato investendo in mezzi meccanici e potenziando le strutture, nell’ottica della costante attenzione alla qualità dei servizi quali: tramoggia depolverata per lo sbarco di merci polverose, impianto per la riconsegna di materiale alla rinfusa su autosilos e, in particolare, l’importante investimento di un impianto di micronizzazione pietre e minerali. L’ampliamento del portafoglio clienti e la loro ricezione degli sforzi da noi eseguiti, nonché l’esecuzione di imbarchi/stoccaggi di pezzi speciali (presse, manufatti, ecc.) e relativa impiantistica destinata alle industrie del settore ceramico, hanno consentito a Eurodocks di chiudere il primo semestre 2010 con un interessante e incoraggiante incremento di volume rispetto allo stesso periodo del 2009.

www.fact-ory.de

Colorobbia España has developed their extensive “Cinks” range of inks especially for digital decoration. Colorobbia places a great deal of emphasis on effective co-operation with top print head and printing machine manufacturers, and maintains the closest relationships with its customers. This has been a key factor in the company’s success over the years. Colorobbia’s range of digital decoration inks is one of the largest on today’s inkjet colour market. On top of traditional colours like cyan, yellow, brown and black, the range also includes beige and a series of complementary colours specially formulated to suit the needs of individual customers. The variety of colours in the range, the intensity of the inks, and their excellent chemical and chromatic balance confirm just how technically advanced Colorobbia products are. In addition to permitting the use of the latest technology, Colorobbia inks also keep production costs down, helping customers to stay competitive. Colorobbia’s digital graphic studios in Italy and Spain are equipped with the latest systems to guarantee rapid and highly qualified services in the field of design consulting too. A team of specialists in digital technology is always on hand to support customers all over the world to ensure their success and competitiveness.

Chamotte, for example: from standard products of crude clay to special chamotte of fine-ceramic body granulate.

ADOLF GOTTFRIED TONWERKE GMBH GOTTFRIED FELDSPAT GMBH Tonwerkstraße 3 · D-96269 Großheirath/Coburg Tel. +49 95 65 / 79 7-0 · Fax +49 95 65 / 921314 eMail: info@gottfried.de · Internet: www.gottfried.de


products prodotti PROJECTA ENGINEERING (SITI–B&T GROUP) Projecta Engineering, a leading designer and manufacturer of digital decorating machines, recently joined SITI-B&T Group and is currently presenting Keramagic, a high-performance digital inkjet printer. The machine is specifically designed for printing on ceramic tiles using pigmented and nonpigmented inks, non-water-based solutions and suspensions. The project was launched in 2005 and was the first inkjet printer devised exclusively for use of the XAAR 1001 printhead in the tile industry. The key characteristics of the machine are the following: • Patented recirculation system: this is the fundamental principle that makes the printer so effective for use on ceramic tiles. The ink is kept constantly moving through the printing head so that all the polluting particles and air bubbles that might obstruct the single nozzle are expelled by means of a simplified operation. This patented system helps to maintain the suspension, drastically reducing pointless and harmful production stoppages. • Greyscale: this is the possibility of managing the drop size on 8 levels, allowing for very high printing quality with contrasting shades. • Resolution: printing resolution of 360 dpi. • Plotter: the Projecta Engineering range is completed by Digiplot and the essential Ink-Tester. The widespread use of this plotter among leading graphic design firms and glaze and colour producers enables customers changing over to this new decorating technology to continue working with their trusted suppliers. • Dimensions: the system is able to customise the dimensions of the printed surface with below standard sizes. • KeraMagic Compact and Compact Moving machine for spe-

16 8

cial pieces: based on the same electronics and the same XAAR printhead, Projecta Engineering has developed and patented a system that enables the same decoration tools to be used for special pieces. • Number of colours managed: the Projecta solution is modular and can be expanded over time by increasing the number of colours that can be managed. The maximum number of colours that can be managed is 12, more than twice the number currently available on the market.

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Projecta Enginering, azienda leader nel settore della progettazione e realizzazione di macchine per la decorazione digitale, recentemente entrata a far parte del Gruppo SITIB&T, presenta Keramagic, macchina da stampa digitale a getto di inchiostro ad alte prestazioni. La macchina è stata progettata in maniera specifica per la stampa su piastrelle ceramiche con l’utilizzo di inchiostri pigmentati e non, soluzioni e sospensioni non a base acqua. Il progetto, nato nell’anno 2005, è stato il primo progetto di stampante ink-jet nata esclusivamente per l’industria ceramica che ha utilizzato la testina

Xaar 1001. Queste le caratteristiche salienti della macchina: • sistema di ricircolo brevettato: è il principio fondamentale che rende questa stampante adatta e performante per l’utilizzo su piastrelle ceramiche, dato dal fatto che l’inchiostro viene mantenuto continuamente in circolazione attraverso la testa di stampa, permettendo di veicolare all’esterno, in maniera semplificata, tutto quello che potrebbe ostruire il singolo ugello (particelle inquinanti e bolle d’aria). Questo sistema brevettato aiuta il mantenimento della sospensione riducendo drasticamente inutili e dannosi fermi di produzione. • Greyscale: è la possibilità di gestire la dimensione della goccia in 8 livelli, permettendo così un’altissima qualità di stampa e sfumature molto contrastate. • Risoluzione: è la risoluzione di stampa a 360 dpi. • Plotter: la proposta commerciale di Projecta Engineering si completa con Digiplot e il fondamentale Ink-Tester. La diffusione del plotter presso i principali studi grafici e colorifici permette ai clienti di continuare a lavorare con i fornitori di loro fiducia anche durante il trasferimento a questa nuova tecnologia di decorazione. • Dimensioni: il sistema si caratterizza per la possibilità di personalizzare le dimensioni del fronte di stampa su misure inferiori alle dimensioni standard. • Macchina per pezzi speciali KeraMagic Compact e Compact Mouving: Projecta Engineering ha sviluppato, partendo dalla stessa elettronica e dalla stessa testina di stampa XAAR, un sistema brevettato che permette di utilizzare gli stessi strumenti di decorazione anche per i pezzi speciali. • Numero colori gestibili: la soluzione Projecta si caratterizza dalla modularita della macchina che può essere ampliata nel tempo aumentando il numero di colori gestibili. Il massimo numero di colori gestibili è 12: più del doppio dell’offerta attuale del mercato.


Improve production quality Broaden your product line

Jettable Maverick inline printer Next generation ceramic inkjet decoration for floor and wall tile glazing lines • Highest productivity • Widest color space with the Jettable process color inks • Highest resolution in the market on both axes • Rapid time to market with new designs using the latest color management software • Flexible workflow offering maximum user control

www.jettable.com

Your business. Our technology.

Partners of choice

Come see us at D1 / 069, Tecnargilla 2010


products prodotti MANFREDINI & SCHIANCHI The MS DRY-TECH dry grinding process consists of the following stages: 1 - Drying of raw materials. Raw materials with a moisture content greater than 20% require natural drying and installation of a drying system in the raw materials warehouse. 2 - Feeding and batching of body components. The components are conveyed into loading hoppers with a storage function. Depending on piece size and moisture content, extraction is performed using MS vibrating channel extractors and double connecting rod extraction carriages. It is advisable to install a magnetic plate and a metal detector on the belt to avoid ferrous and non-magnetic metallic impurities which would damage the machines. 3 - Primary pre-refining grinding. One of the most frequent design errors in dry plants is to assign all grinding to the finishing mill in the belief that the goal is to pulverise the body as finely as possible. This gives rise to problems at the pressing stage resulting in poor unfired and dried mechanical strength. For this reason it is necessary to supplement the body mix with product from a P.I.G. type primary hammer mill that can guarantee a high percentage of powder ready for pressing.

17 0

4 - Fine milling, drying and particle size selection. The material is sent to the Molomax finishing pendular mill. Thanks to the double feeding operation and the internal blade type distributors that optimise grinding chamber filling, these mills ensure high levels of productivity. The dynamic separator installed above the grinding chamber ensures extremely fine and controlled particle sizes. The MS process filter installed downstream of the mill can also act as a factory air filter, avoiding the need to invest in a specific filter. 5 - The MS screens and deferrisers are installed after the filter because their function is to monitor the ceramic product quality. Their purpose is to succeed in filtering small impurities (wood, rubber, plastic, ferrous impurities) from the ground body. 6 - Humidification and agglomeration. This is a critical part of the process. The Forgia granulator, together with the continuous moisture meter, ensures the correct water content for pressing and agglomerates/homogenises the body into small-sized granules that flow optimally to fill the mould cavity. 7 - Storage and press feeding. The material is stored in silos. It is left to stand for at least 24 hours before being conveyed to the presses via the MS press feeding rotary screen homogenisers.

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Il processo di macinazione a secco MS DRY-TECH comprende le seguenti fasi: 1 - Essiccazione delle materie prime. Con materie prime di umidità superiore al 20% sono necessarie l’essiccazione naturale e l’installazione di un sistema di essiccazione nel deposito delle materie prime. 2 - Alimentazione e dosaggio dei componenti dell’impasto. I componenti vengono convogliati in tramogge di carico con funzione di stoccaggio. L’estrazione avviene, a seconda della pezzatura e dell’umidità, per mezzo di estrattori a canale vibranti e carrelli estrattori a doppia biella MS. È opportuno installare sul nastro una piastra magnetica ed un metaldetector per evitare impurità ferrose e metalliche non magnetiche che causerebbero rotture alle macchine. 3 - Macinazione primaria di preraffinazione. Uno degli errori concettuali più frequenti negli impianti a secco è l’affidare tutta la macinazione al solo mulino finitore, ritenendo che l’obiettivo sia quello di polverizzare il più possibile l’impasto con conseguenti problemi in pressatura, e di resistenza meccanica a crudo ed essiccato. Per questo è necessario integrare la forma e la dimensione della miscela dell’impasto con il prodotto di un mulino primario a martelli tipo P.I.G che può garantire un’elevata percentuale di polvere già pronta per la pressatura. 4 - Macinazione di raffinazione/ essiccazione e selezione

granolumetrica. Il materiale è inviato al mulino pendolare finitore Molomax. Questi mulini, grazie alla doppia alimentazione e alla presenza di distributori interni a vomeri che ottimizzano il caricamento della camera di macinazione, assicurano livelli di alta produttività e, per mezzo del separatore dinamico installato sopra la camera di macinazione, delle granulometrie estremamente fini e controllate. Il filtro di processo MS installato a valle del mulino può fare anche la funzione del filtro di reparto, evitando l’investimento per un filtro specifico. 5 - I vagli e deferrizzatori MS vengono installati dopo il filtro perché la loro funzione è di garanzia e controllo della qualità ceramica. Il loro scopo è riuscire a filtrare dall’impasto macinato le piccole impurità (legno, gomma, plastica, impurità ferrose). 6 - Umidificazione ed agglomerazione. Costituisce una parte determinante del processo. Il granulatore Forgia, assieme al misuratore d’umidità in continuo, fornisce il giusto tenore d’acqua per la pressatura e agglomera/omogeneizza l’impasto in granuli di piccole dimensioni per ottenere un’ottima scorrevolezza nel caricamento dell’alveolo dello stampo. 7 - Stoccaggio ed alimentazione pressa. Il materiale viene stoccato in silos e rimane a riposo per almeno 24 ore per poi essere convogliato alle presse attraverso i vagli rotativi MS omogeneizzatori di


ADVERTISING

Always at your side, up to the other side of the world !

These machines have several functions. They ensure optimal loading of the mould cavity and perform further final particle size control to avoid the formation of surface defects in the finished product after firing. 8 - Intelligent electronic supervision and control of the plant. The “brain” of the process is the “intelligent” management electronic board. The revolutionary patented MS 6000 frequency modulators designed to operate on the main drives of the process machines enormously reduce electricity consumption (up to 40%) and optimise the efficiency of machines without losses in productivity, even when the grinding components have to be replaced.

Consumptions Consumi

Water (l/t) Acqua (L/t)

Electricity (kW/t) Elettricità (kW/t)

alimentazione pressa. Queste macchine hanno più di una funzione; garantiscono un ottimo caricamento dell’alveolo stampo ed un ulteriore controllo granolumetrico finale per evitare il formarsi di difetti superficiali nel prodotto finale dopo la cottura. 8 - Supervisione e gestione elettronica “intelligente” dell’impianto. Il cervello del processo è il quadro elettrico di gestione “intelligente”. Grazie anche ai rivoluzionari modulatori di frequenza MS 6000 studiati e brevettati per operare sulle motorizzazioni principali delle macchine di processo, si riducono enormemente gli assorbimenti elettrici (fino ad un 40%) e si ottimizza il rendimento delle macchine senza perdita di produttività, anche quando gli organi macinanti sono da sostituire.

MS DRY-TECH dry process

Wet process

Processo a secco MS DRY-TECH

Processo ad umido

36

266

18

45

Natural gas (m3/t)

5 for 12% moisture content

Gas Naturale (mc/t)

5 per umidità del 12%

Personnel per shift

2 people

3 people

Personale per turno

2 Persone

3 Persone

1.5

2.5

Maintenance costs (euro/t) Costo di manutenzione (euro/t)

All plastic spare parts present on your lines, now available directly in the Middle East area

HEAD OFFICE

FAR EAST Sdn.Bhd.

THE FIRST FM LOGISTIC CENTER!

45

A Logistic center covering all Far East Markets Shorter Delivery Times Abatement of Transport Costs Reduction of Customs Duties Visit our web site http://www.fm.re.it and ask for your access keys: our B2B reserved area will help you. We’ll be present at: 27/09 - 01/10 2010 Rimini Pav. C1 Stand 194 Via Europa,4 - 42015 Correggio (RE) - ITALY Tel.+39-0522-631055 - Fax.+39-0522-642992 Web: http://www.fm.re.it E-mail: fm@fm.re.it


products prodotti C.M.F. TECHNOLOGY In 2009, new types of low-thickness tiles (between 4 mm and 6 mm depending on the application) produced by a pressing process on traditional lines became established in the market. The fact that this type of product has much lower unfired mechanical strength than a standard product has spurred the ceramic sector to develop process innovations capable of overcoming this limitation. Many companies have chosen to incorporate liquid binding additives into the body to produce powders with additives that are ready to react during the tile drying cycle. However, this preparation method has a number of limitations. For example, it is necessary to precisely plan production at the body preparation stage (as the binding additive must be added only to the powders used to produce low-thickness tiles). Another limitation of this method of application is the tendency of the walls of spray dryers and silos to become soiled by contact with these powders containing liquid additives. To address these problems, CMF Tech-

nology has developed a new method called Mistral for introducing additives to the body directly at the rear of the press. In cooperation with a leading manufacturer of chemical additives, CMF Technology focused its research on the development of a rear-press unit capable of handling binding additives in solid form. When suitably batched, amalgamated and homogenised with the standard body using a model MA 120 intensive mixture, these additives are capable of recreating the ideal conditions of particle cohesion and crosslinking during the drying process. This type of system offers a number of advantages: the possibility of creating the powder with additive in real time and in the quantities strictly required; reduction in consumption of additive because it is applied only to the surface and is not incorporated into the body of the granule; elimination of all problems of powder contamination due to soiling of the spray dryer/silo walls; optimisation of the breaking strength of the dried tile by simply varying the percentage of additive used. By developing the Mistral unit, CMF Technology is able to offer its customers a simple and effective solution for the production of low-thickness tiles.

L’anno 2009 ha coinciso con l’affermazione sul mercato di nuove tipologie di piastrelle aventi spessore ridotto (spessore variabile da 4 mm a 6 mm a seconda della destinazione d’uso), realizzate su linee di produzione di tipo tradizionale (formatura del pezzo ceramico ottenuta per pressatura). Ovviamente questa nuova tipologia di prodotto, avente resistenza meccanica in crudo nettamente inferiore ad un prodotto standard, ha stimolato l’intero comparto ceramico ad apportare innovazioni di processo, affinché si riuscisse a superare questo limite. Per fare ciò numerose aziende si sono avvalse dell’utilizzo di additivi leganti in forma liquida che, opportunamente inclusi nell’impasto, hanno permesso di ottenere polveri con additivi pronti a reagire durante il ciclo di essiccamento della piastrella. Questo metodo di preparazione presenta tuttavia alcuni limiti. Occorre, ad esempio, fare una accurata programmazione di produzione al reparto preparazione impasti (l’additivo legante dovrà essere aggiunto solamente a quelle polveri utilizzate per produrre piastrelle a spessore ridotto). Altro limite di questo metodo di applicazione è rappresentato dalla facilità con cui possono sporcarsi le pareti di atomizzatore e silos a contatto con queste polveri additivate. Date queste problematiche, CMF Tech-

nology ha progettato un nuovo metodo di additivazione impasto direttamente al retro-pressa denominato Mistral. Avvalendosi della collaborazione di un importante azienda leader nella produzione di additivi chimici, CMF Technology ha orientato la propria ricerca nella messa a punto di una unità retro-pressa, in grado di manipolare additivi leganti in forma solida. Questi, opportunamente dosati, amalgamati ed omogeneizzati all’impasto base attraverso un mixer intensivo modello MA 120, riescono a ricreare le condizioni ideali di coesione e reticolazione delle particelle in essiccazione. I vantaggi offerti da questo tipo di impiantistica sono evidenti: possibilità di produrre in tempo reale e nelle quantità strettamente necessarie l’eventuale polvere additivata; riduzione dei consumi di additivo poiché applicato solo superficialmente e non nella massa del granulo; eliminazione di tutte le problematiche di contaminazione polveri dovute all’imbrattatura delle pareti atomizzatore/silos; ottimizzazione della resistenza al carico di rottura della piastrella essiccata tramite semplice variazione percentuale dell’additivo. Grazie all’ideazione dell’unità Mistral, CMF Technology è così in grado di offrire alla propria clientela una soluzione semplice ed efficace nella produzione di piastrelle a spessore ribassato.

Ewals Cargo Care è una società di logistica e trasporti con uffici di proprietà in tutta Europa e in Cina, in grado di offrire soluzioni per ogni tipo di industria. Per il settore delle piastrelle, Ewals Cargo Care si avvale di uno dei punti di forza della propria gamma di servizi: il servizio giornaliero di trasporto intermodale con treni privati completi da Novara (Italia) a Genk, Anversa (Belgio) e Duisburg (Germania), e viceversa. La gestione diretta della composizione dei treni consente di sfruttare al meglio ciascun convoglio (in peso e lunghezza), mantenendo un’offerta economica altamente competitiva. L’utilizzo di termi-

nal privati consente, inoltre, di avere partenze regolari e quindi di offrire un servizio continuativo durante tutta la settimana, permettendo una riduzione dei giorni di transito e la puntualità nelle consegne. Grazie ad una esperta programmazione dei ritiri e al proprio magazzino di X-dock a Novara, i carichi parziali possono essere combinati in maniera ottimale riducendo le spese di trasporto ed i tempi di transito. Ewals Cargo Care è inoltre in grado di offrire un collaudato servizio di distribuzione delle piastrelle in Germania, attraverso il magazzino di X-dock situato nella zona Ruhr.

EWALS CARGO CARE Ewals Cargo Care is a logistics and transport company with branches throughout Europe and in China which can offer a wide range of solutions for every type of industry. For the transport of tiles, Ewals Cargo Care offers one of its key strengths, namely its private daily train service between Novara (Italy) and Genk and Antwerp (Belgium) and Duisburg (Germany). Direct management of the composition of the trains allows each

17 2

convoy to be optimised in terms of weight and length, thereby assuring a highly cost-effective service. The use of private terminals also allows for regular departures and consequently a continuous service throughout the week, reducing the number of transit days and assuring greater punctuality of deliveries. Thanks to expert bundling collection planning and its own X-dock based in Novara, partial loads of tiles can be combined to reduce freight costs and transit times. Ewals Cargo Care can also offer a proven tile distribution service in Germany from the X-dock based in the Ruhr area.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


doppiospazio.com

everything. everywhere. Guardati intorno. Qualunque elemento, riferimento, espressione, materia con KERAjet, leader nella stampa digitale su ceramica, è realtà. velocità fino a

70 m/min

risoluzione fino a

1.016 dpi

fino a

6 moduli colore

fronte stampa sistema fino a modulabile 1.200 mm su richiesta

testine XAAR o SEIKO

assistenza tecnica e grafica esclusiva

Meet us at Tecnargilla 2010 - Pad. D2


products prodotti BAAN Baan is an Italian company specialising in the supply of mineral raw materials to the ceramic industry. Baan’s mission is to deliver technically and economically optimised solutions for ceramic bodies, glazes and engobes. To provide its customers with the best possible service, Baan has located its offices in Sassuolo, in the Italian province of Modena, right at the heart of the world’s biggest concentration of ceramic tile producers. Baan’s logistics department works closely with highly professional and efficient shipping companies to deliver materials by road, sea and train. Thanks to extensive geological and ceramic expertise, Baan’s technical department can provide both technical and commercial assistance in real time. By co-operating with a number of ceramic laboratories in universities in Italy and abroad, and thanks to the most advanced laboratory technologies, Baan can trouble-shoot all sorts of technical problems in the production and development of new products, helping the ceramic industry to

carry on growing. Baan is constantly engaged in geological surveys of new deposits, mines and quarries all over the world, and puts a great deal of effort into designing streamlined logistics operations for supplying customers with the raw materials they need. Baan’s quality system is designed for the sole objective of achieving customer satisfaction and ensuring that customers can keep their production process running in the most competitive way possible, using the latest technology, and satisfying the latest market trends. Baan’s quality system is geared up to promote a policy of close co-operation with customers. The relationship of trust and collaboration thus created enables both parties to work together to identify the most suitable and beneficial raw materials for formulating ceramic bodies. Contracts with the operators of the world’s highest quality raw material deposits allows Baan to continuously supply carefully selected new materials for all sorts of ceramic body.

Baan è un’azienda italiana che opera nel settore delle materie prime minerali per il settore industriale ceramico e si pone come obiettivo quello di fornire l’opportunità di una soluzione tecnico-economica ottimale per impasti, smalti ed engobbi ceramici. Per dare il miglior supporto ed il miglior servizio ai propri clienti, Baan ha ubicato i propri uffici a Sassuolo (Modena, Italia), nel cuore del principale mercato ceramico del mondo. Il reparto logistica effettua spedizioni via camion, via nave e via treno, grazie alla cooperazione con compagnie di trasporti professionali e referenziate, mentre il reparto tecnico, grazie al vasto know-how geologico e ceramico, può fornire quasi in tempo reale assistenza tecnica e commerciale. Inoltre, lavorando insieme ai laboratori ceramici universitari italiani ed esteri, Baan può risolvere problematiche tecniche di produzione con le più sofisticate tecnologie di laboratorio (SEM), e può sviluppare nuovi prodotti, cooperando così alla crescita delle aziende pro-

duttrici. Da un punto di vista geologico, Baan esamina nuovi giacimenti minerari e cave in tutto il mondo, e studia la migliore logistica per dare ai propri clienti la materia prima più vantaggiosa. Il sistema qualità è stato pensato e costruito con il primo ed unico obiettivo di dare ai clienti la soddisfazione che chiedono per poter continuare a produrre i loro prodotti in maniera sempre più competitiva, al passo con le nuove tecnologie, alla moda e facendo tendenza. Tale sistema aziendale è stato realizzato seguendo una politica interna volta alla stretta collaborazione con i clienti, al fine di creare un rapporto di fiducia che aiuti entrambi a comprendere meglio quali siano le materie prime più adatte e vantaggiose per le formulazioni degli impasti ceramici. Infatti Baan stipula contratti con i proprietari dei migliori giacimenti di materie prime nel mondo, in modo da poter continuamente fornire nuovi prodotti sempre più idonei alle formulazioni di impasti ceramici italiani.

ADVERTISING

MATTER IN BECOMING • MATERIA IN DIVENIRE We research in the quarries of all over the world the best quality minerals Ricerchiamo nelle cave di tutto il mondo i minerali con la migliore qualità ARGILLE • CAOLINI • FELDSPATI • PEGMATITI • SABBIE • MATERIALI SPECIALI • ADDITIVI CIOTTOLI PER MACINAZIONE • COLORANTI

XX

SP16 per Castelnuovo Rangone, 90 - 41050 Colombaro di Formigine (MO) - Italy Mobile: +39 335 7740438 - Tel/Fax: +39 059 553193 - info@baanmaterials.com - www.baanmaterials.com

Cera mic W o rld Review n. 88/2010


ADVERTISING

EURIT Eurit has carried out in-depth research into different types of Eurite to keep pace with recent developments in raw materials for the ceramic industry. Some of the most important forms of Eurite are E 15-11 and its magnesian equivalent E 17-11. Eurite E 15-11 is mainly used in the production of glazed and unglazed porcelain tiles with a reduced content of oxides of chromophore elements and a percentage of feldspars (potassic and plagioclase) around 61%. Excellent grindability is ensured by the presence of illite from the hydrothermal alteration process undergone by the raw mineral rock. The addition of balanced quantities of sodium and potassium (4.1% for each oxide) give the ceramic product fusibility and dimensional stability during firing. Eurite E 17-11 is formed by the magnesium enrichment of E 15-11. The presence of magnesium in the order of 3% gives rise to a good percentage of minerals that fuse at low temperature, and increases the plasticity of the slip and therefore that of the finished product. The domestic availability of these raw materials means that the Italian ceramic industry can obtain rapid and economical provisioning, especially with the aid of the efficient logistic organisation developed by Eurit over recent years. Both the above raw materials are useful in acquiring credits towards LEED certification.

L’evoluzione nel settore delle materie prime per l’industria ceramica ha spinto Eurit ad approfondire la ricerca su differenti tipologie di Eurite. Tra di esse, l’Eurite denominata E 15-11 e la sua versione magnesiaca E 17-11. L’Eurite E 15-11 è destinata principalmente alla produzione di gres porcellanato tecnico e da smaltare, avendo un ridotto tenore in ossidi di elementi cromofori e una percentuale di feldspati (potassico e plagioclasio) pari al 61%. L’alto grado di macinabilità è garantito dalla presenza di illite proveniente dal processo di alterazione idrotermale subito dalla roccia madre. L’apporto di sodio e potassio in quantità bilanciata (4,1% per ogni ossido) conferiscono fusibilità e stabilità dimensionale al pezzo ceramico durante il trattamento termico. L’Eurite E 17-11 deriva da un arricchimento in magnesio della E 15-11: la presenza di magnesio in ragione del 3% apporta una buona dose di minerali bassofondenti, oltre ad incrementare la plasticità della barbottina e quindi del prodotto finito. L’origine nazionale di queste materie prime implica un rapido ed economico approvvigionamento presso i distretti industriali, soprattutto in virtù dell’efficiente struttura logistica sviluppata da Eurit nel corso degli anni. Entrambe le materie prime descritte sono utili ai fini dell’acquisizione di crediti per la Certificazione Leed.

electrohydraulics for

presses • metal • press-brakes • die casting • ceramics

high-performance proportional valves with digital drivers & unique PC software control

proportional cartridges with digital drivers for motion & force axis control

EURITE E15-11 ANALISI CHIMICA Ossidi

Wt (%)

ANALISI MINERALOGICA

ANALISI GRANULOMETRICA

Fasi minerali

Wt (%)

Classi mm

Wt (%)

SiO2

75,0

Quarzo

33

8,00-5,60

1

Al2O3

14,2

K-Feldspato

19

5,60-4,00

12

Fe2O3

0,6

Plagioclasi

42

4,00-2,00

38

TiO2

0,1

Illite

6

2,00-0,500

30

MgO

0,2

0,500-0,177

8

CaO

0,2

0,177-0,090

5

Na2O

4,1

<0,090

6

K2O

4,1

P.F. (1100°C)

1,4

safety valves designed to fulfil the safety criteria imposed by international norms

EURITE E17-11 ANALISI CHIMICA

ANALISI MINERALOGICA

ANALISI GRANULOMETRICA

Ossidi

Wt (%)

Fasi minerali

Wt (%)

Classi mm

Wt (%)

SiO2

72,3

Quarzo

31

8,00-5,60

1

Al2O3

13,9

K-Feldspato

17

5,60-4,00

12

Fe2O3

0,8

Plagioclasi

38

4,00-2,00

38

TiO2

0,1

Illite

5

2,00-0,500

30

MgO

3,1

Altro

9

0,500-0,177

8

CaO

0,4

0,177-0,090

5

Na2O

3,5

<0,090

6

K2O

3,8

standard blocks for synchronization on press-brakes with BG & TÜV certifications

Atos digital electrohydraulics is succesfully operating in thousands modern presses with full reliability

www.atos.com

info@atos.com


products prodotti COELTUNNEL Exploiting its experience as a manufacturer of a wide range of kilns for the ceramic industry, Coeltunnel has developed a new shuttle kiln suitable for firing fine fireclay console washbasins and shower trays as well as vitreous china pieces. The kiln can also be used for re-firing repaired pieces. The kiln’s most distinctive characteristic is its extremely compact structure with the fume channels incorporated in the foundations. The Coeltunnel shuttle kiln does not have dampers or air inlets above the products being fired, so there is no risk of dust or other material falling onto them and soiling them during firing. The technical design features allow for high productivity. The refractory lining is extremely light as it consists of ceramic fibres covered by light refractory material, so the mass needing to be heated is minimal. This assures low energy consumption while fully complying with worker health and safety standards. Right from the start the kiln is equipped with a system for heat recovery during the cooling stage. Electrical energy consumption is very low because it is used only for

the fans for dilution air, which in the final stage becomes cooling air. The Coeltunnel patented burners introduce completely exhausted fumes into the kiln without flame tongues or uncombusted gases, allowing for a perfectly controlled internal atmosphere during the entire firing cycle. The computerised firing control system is able to store different firing curves and performs all movements automatically. No operators are required during firing. One kiln was recently purchased by Ceramica Olympia of Corchiano (province of Viterbo, Italy), a manufacturer of fireclay and vitreous china articles, and another by the Portuguese company Desani.

Coeltunnel, produttore di una vasta gamma di forni per l’industria ceramica, forte della propria esperienza costruttiva e di ricerca, ha realizzato un nuovo forno intermittente adatto sia alla cottura di lavabi a console e piatti doccia in fine fire clay sia alla cottura di pezzi in vitreous-china. Lo stesso forno può essere utilizzato per la ricottura dei pezzi riparati. Caratteristica peculiare della macchina è quella di avere una struttura estremamente compatta in quanto i canali fumi sono situati direttamente nelle fondazioni. Il forno intermittente Coeltunnel si caratterizza per il fatto di non avere serrande e prese d’aria al di sopra dei pezzi da cuocere, evitando così la caduta di materiale e lo sporcamento del prodotto in cottura. Le accortezze tecniche di progettazione permettono di avere elevate rese produttive. La guarnitura refrattaria è leggerissima, in quanto composta da

fibre ceramiche e ricoperta da pezzi refrattari leggeri, per cui la massa da riscaldare è minima, con conseguente consumo energetico ridotto ma nel pieno rispetto delle normative in materia di sicurezza e protezione dei lavoratori. Il forno è dotato, già in origine, di un sistema di recupero del calore durante la fase di raffreddamento del materiale. Il consumo di energia elettrica è molto basso poiché è utilizzata solo per i ventilatori per l’aria di diluizione che, nella fase finale, diventa di raffreddamento. I bruciatori, brevetto Coeltunnel, introducono nel forno fumi completamente esausti, senza lingue di fiamma o incombusti, e permettono un’atmosfera controllata durante tutto il ciclo di cottura. Il sistema di cottura è trattato secondo i metodi dell’informatica, capace di memorizzare le differenti curve di cottura, e permette la computerizzazione completa dei movimenti di tutti gli apparecchi installati: nessun addetto è necessario durante la cottura. Un forno è stato recentemente acquistato dalla Ceramica Olympia di Corchiano (VT), produttrice di manufatti sia in fire clay sia in vitreous-china, ed un altro dalla azienda Desani Portoghese.

teria for the production of substances free of elements harmful to the environment as certified by the Ecolabel association. They can easily be applied to ceramic surfaces by rotary, flat and digital decoration. HDM screen printing pastes give considerable added value to the finished product, combining outstanding technical characteristics with original and innovative decorative qualities.

Vidres, gruppo leader nella produzione di smalti e fritte per l’industria ceramica, presenta come principali innovazioni tecnologiche per le applicazioni sul gres porcellanato le basi serigrafiche ad alta definizione e durezza chiamate HD & HDM (high definition; hard definition materic). Si tratta di serigrafie di qualità tecnica, inattacabili dalle soluzioni acidi e basiche e con alti valori di resistenza all’usura e al graffio. Sono materiali derivanti dal recupero di

elementi elettronici e riconducibili alle caratteristiche europee di produttività di sostanze prive di elementi dannosi per l’ambiente, certificate dall’associazione Ecolabel e facilmente applicabili su superfici ceramiche per decorazioni rotative, piane e digitali. Le serigrafie HDM conferiscono al progetto finale un alto valore aggiunto, permettendo al prodotto di avere caratteristiche tecniche combinate ad un gusto grafico originale e innovativo.

VIDRES Vidres, a leading producer of glazes and frits for the ceramic industry, is presenting some major technological innovations for use on porcelain tile. The HD & HDM (“high definition” and “hard definition materic”) screen printing bases are resistant to acid and alkaline solutions and have high values of wear and scratch resistance. They are obtained from recycled electronic components and meet European cri-

17 6

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


products prodotti MARTINELLI ETTORE (MARTINELLI GROUP) The reconditioning of worn out moulds takes time and effort and costs money. Martinelli Ettore’s “Long Life” range is designed to reduce these problems and extend the working life of universal bases, moulds and master moulds beyond one year on the press. The HW range of wear resistant liners, which can last for over 2 million pressing cycles without loss of shape, has now been extended by the introduction of a new model for top forming moulds. A specially developed and perfected formula of high temperature sintered powders ensures constant quality and tile dimensions over time, and limits wear to the top and bottom punches. The new H-LIFE liners, designed for use in forming tiles with rounded corners and wavy sides, complete the range. These liners are made from top quality materials and are specially treated to resist wear. Their use can double the length of time for which all types of mould can be used, while also solving the problem of the ce-

ramic body sticking to the liner. Two accessories in abrasion resistant steel extend the working life of the master moulds: Dura-Frame shields and Dura-Strip listels protect master mould surfaces against wear caused by the sliding action of the loading carriage. A simple anchoring system and reduced weight allow these accessories to be replaced directly on the press. Their use allows master moulds to maintain their original height, and prevents loading precision being reduced by scoring of the profiles. Dustop, a dust-proof bellows made entirely from long-life polyurethane, can support significant levels of stress and high operating temperatures for periods in excess of a year, and provides complete dust protection for the area of contact between the ejector and the base plate.

Rigenerare e cambiare gli stampi usurati richiede tempo, fatica e denaro. Per questo Martinelli Ettore propone la linea “Long Life” allo scopo di allungare oltre l’anno la permanenza di basamenti universali, stampi e matrici sulle presse. La gamma di lastrine antiusura HQ, che superano i 2 milioni di cicli senza che il profilo subisca deformazioni, si arricchisce con il nuovo modello per gli stampi a formazione superiore. Una formula attentamente studiata e perfezionata di polveri sinterizzate ad alte temperature garantisce qualità e dimensioni costanti nel tempo delle piastrelle, limitando l’usura dei punzoni superiore e inferiore. Le nuove lastrine H-LIFE, dedicate alla formatura di piastrelle con spigolo arrotondato e bordo irregolare, completano la linea: costruite interamente in materiale nobile e sottoposte a

successivo trattamento antiusura, permettono di raddoppiare i tempi di utilizzo di tutti i tipi di stampo e risolvono i problemi di aderenza degli impasti ceramici al corpo lastrina. Due accessori fabbricati con acciao anti-abrasione corroborano la durata delle matrici: lo scudo Dura-Frame e i listelli Dura-Strip proteggono la loro superficie dall’usura generata dallo scorrimento dei profili della griglia di caricamento. Il semplice sistema di ancoraggio e il peso limitato permettono la loro sostituzione direttamente in pressa. In questo modo le matrici conservano sempre la stessa altezza e la qualità del caricamento non risulta intaccata dalle solcature causate dai profili. Dustop, il soffietto parapolvere interamente in materiale poliuretanico a lunga durata, sopporta significativi livelli di stress e temperature elevate di esercizio per tempi superiori all’anno, proteggendo integralmente dalla polvere la zona di contatto tra espulsore e piastra di base.

ganisation. All stages of the production cycle can be controlled, from mould production through to management of after-sales returns. There is scope for custom installations according to company requirements as well as translations into any language. A multisite version and customisation of the operator dialogue language are also available. There are two types of barcodes, the conventional type applied with glue and the self-adhesive type which is now the most widely used due to its greater stability and fewer problems relating to worker health.

Tracksan è un sistema basato sull’utilizzo di codici a barre per l’analisi gestionale della produzione di sanitari in ceramica. Tracksan consente al management di avere il controllo del singolo pezzo colato, semplicemente cliccando da una delle postazioni sul codice a barre presente sul pezzo. Il codice a barre è stampato su decalcomania e viene applicato una sola volta sul pezzo crudo. Anni di esperienza e numerose installazioni fanno di Tracksan un prodotto solido e collaudato; la semplicità di utilizzo, la scelta di componentistica estremamente robusta e adatta ad essere utilizzata in ambiente polveroso con presenza di silice, ne fanno ad oggi il migliore prodotto del suo genere sul mercato. Sait con Tracksan è in grado di dare sug-

gerimenti al fine di avere la gestione di tale sistema con il numero minore di persone. Tracksan è un prodotto modulare che consente all’azienda di avere un vestito su misura, in base alle proprie esigenze ed in base alla propria organizzazione produttiva. Il ciclo produttivo può essere controllato dalla produzione stampi fino alla gestione dei resi dopo la vendita, passando per tutte le fasi intermedie. Sono possibili personalizzazioni in base alle specifiche necessità aziendali, e la traduzione in ogni lingua. È possibile avere la versione multisito e la personalizzazione del linguaggio di dialogo operatore. I codici a barre possono essere di due tipi, il tipo tradizionale applicato con colla specifica e quello di tipo autoadesivo che, ultimamente, ha letteralmente soppiantato l’utilizzo dell’altro anche per maggiore garanzia di stabilità, e per la riduzione di problemi legati alla salute dei lavoratori.

SAIT TrackSan is a barcode based system for analysing and managing ceramic sanitaryware production. It enables the management to check individual cast pieces simply by clicking on the barcode from one of the barcode reading points in the factory. The barcode is printed on a decal and is applied only once on the green cast piece. Years of experience and numerous installations make TrackSan a tried and tested product. Its ease of use and choice of highly rugged components suitable for use in dusty places where silica is present make it the best product of its kind on the market today. Sait can offer advice on how to manage the TrackSan system with the smallest number of people. TrackSan is a modular product that offers companies solutions tailored to their specific requirements and internal or-

17 8

Cera mic W orl d Review n. 88/2010


ADVERTISING

SACMI WHITEWARE Sacmi Whiteware’s new shuttle kilns with Reko self-recovering burners are fully aligned with the H.E.RO. project (High Efficiency Resource Optimizer) and can recover hot fumes from the kiln chamber to heat combustion air. The Sacmi Whiteware stand will also be showcasing the latest developments in casting cells, featuring devices for pre-drying pieces and improving process reliability and production continuity. The spotlight will also be focusing on a robotized finishing system based on an AVM150 casting island combined with WC finishing and loading on to a laser guided vehicle. Also on display will be a glazing island equipped with the brand new GA2010 robot from Gaiotto Automation. The new GA2010 robot has a smaller range of action to respond to modern glazing requirements, and is particularly suited to the production of vitreous china. Developed from the GA2000, the GA2010 is much more compact (only 800 mm across the shoulders with a 1200 mm arm) and lighter too. It delivers improved performance and requires a radius of only 1900 mm to function. Sacmi will also be presenting its latest AVB (as installed at the Sacmi Imola Research Centre), designed for the high-pressure casting of WCs. The machine combines flexibility, cost-effectiveness and the high productivity of battery moulding with an ability to form items with 4-part moulds. As with all machines that use batteries of moulds, the actual number of moulds can be varied to suit the configuration of the production line and the output required. The length of the machine can also be changed according to the number of moulds to be installed.

In assoluta sintonia col progetto H.E.RO. (High Efficiency Resource Optimizer) si collocano i nuovi forni shuttle dotati di bruciatori autorecuperanti Reko, in grado di aspirare i fumi caldi dalla camera del forno e di utilizzarli per riscaldare l’aria di combustione. Nello stand sono esposte le ultime realizzazioni a livello di celle di colaggio con dispositivi di preessiccazione dei pezzi che migliorano l’affidabilità del processo e la continuità dei risultati produttivi. Grande visibilità anche alla finitura robotizzata dei pezzi, con un’isola di colaggio AVM150 abbinata alla finitura di un vaso con successivo carico su carro per il trasporto con veicolo laser guidato. Viene esposta anche un’isola di smaltatura attrezzata col nuovissimo robot GA2010 di Gaiotto Automation. Con un’area operativa ridotta, il nuovo robot GA2010 risponde alle esigenze della smaltatura ed è particolarmente indicato per produzioni Vitreous China. Riconosciuto come evoluzione dell’esistente GA2000, è molto più compatto (dimensione spalla 800 mm e braccio 1200 mm), guadagnando in leggerezza e prestazioni, con un’area operativa complessiva di raggio 1900 mm. Sacmi presenta anche la nuovissima AVB (installata presso Centro Ricerche di Sacmi Imola), macchina per il colaggio in alta pressione di vasi che ha il grandissimo pregio di unire alle doti di flessibilità, economicità e produttività di una macchina per stampi in batteria, la possibilità di formare articoli con stampi in 4 parti. Come in tutte le macchine in batteria, il numero di stampi può variare in funzione della configurazione di impianto prescelta e della produttività richiesta. Anche la lunghezza della macchina può essere scelta in funzione del numero massimo di stampi che si intende installare.


products prodotti SMALTICERAM Following continuous research into digital printing materials, Smalticeram is now expanding its Smaltink line with the addition of new high-performance colours. Smaltink is a complete process in which colours are combined with materials to create splendid combinations. As a result of more than 2 years of research based on conventional applications (rotary printing, Airless and Vela glazing, dry applications, double loading),

the range now consists of 9 colours, including the latest additions of black and white, and meets and the current colour requirements for digital printing in industrial ceramics. The PS series screen printing pastes, the GS spherical grits, the MX spray dried glazes and the PO preparation bases have been used in the development of Smaltink with a view to improving the performance of digital printing. As a result, ceramic tile producers now have a more effective component for creating highquality collections aimed at an increasingly demanding market. Digital printing represents a major advance for the sector and serves to improve a unique material that was first produced thousands of years ago through human creativity and has now developed into a hi-tech industry. For more than 40 years Smalticeram has been supporting the development of the sector and providing ceramic tile producers with suitable materials based on in-depth research.

Smalticeram prosegue la ricerca sui materiali per stampa digitale e completa la serie Smaltink di colori nuovi e più performanti. Gli sforzi profusi da Smalticeram in questo campo, infatti, hanno portato alla creazione di un range colorimetrico di valore assoluto. Smaltink non rappresenta una ricerca fine a se stessa, ma un percorso completo, dove il colore “sposa” la materia e genera combinazioni preziose. Frutto di una ricerca durata più di 2 anni e fondata sulle applicazioni tradizionali (stampa rotativa, smaltatu-

ra ad Airless e Vela, applicazioni a secco, doppi caricamenti), attualmente la gamma si avvale di 9 tinte, fra le quali emergono le ultime novità, il bianco e il nero, e risponde a tutte le esigenze di colore attualmente necessarie alla stampa digitale su ceramica industriale. Gli spessori serigrafici della serie PS, le graniglie sferiche GS, gli smalti atomizzati MX e i fondi di preparazione PO, sono stati utilizzati nello sviluppo di Smaltink come basi necessarie a migliorare le prestazioni della stampa digitale in modo tale da permettere al produttore di piastrelle in ceramica di disporre di un componente più efficace per realizzare collezioni di pregio, necessarie per un mercato sempre più impegnativo. La stampa digitale rappresenta senz’altro un’evoluzione del settore, diretta a migliorare un prodotto “speciale” come la ceramica, manufatto nato migliaia di anni fa, frutto della creatività dell’uomo e diventato industria ad alta tecnologia anche grazie alla stampa digitale. Smalticeram da oltre 40 anni segue lo sviluppo del settore e fornisce ai produttori di piastrelle ceramiche materiali adeguati frutto di ricerche approfondite.

CAI - EMPORIO DELLE VALVOLE As a result of continuous laboratory research, CAI has developed major solutions for the problem of sealing silos and bins. The PA-2 pinch valve is suitable for industrial design, while the Sirsi sleeve valves are the most suitable and the best value for ensuring regular and rapid emptying of hoppers containing

18 0

all kinds of powders or muddy liquids. The Sirsi PA-2 valve was designed and engineered to guarantee not only cost-effective operation but also complete safety. Even in the event of accidental loss of air pressure, the valve remains closed, preventing the occurrence of workplace accidents.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

I continui studi dei laboratori di ricerca hanno portato Cai a realizzare importanti soluzioni per risolvere il problema di tenuta dei silo. Tra i vari progetti, la valvola a pinza PA-2 è adatta per chi opera nella progettazione industriale, mentre le valvole Sirsi a manicotto sono le più convenienti per consentire il regolare e rapido svuotamento

delle tramogge contenenti polveri di ogni tipo o liquidi fangosi. La valvola Sirsi PA-2 è stata progettata e realizzata per garantire, oltre al conveniente esercizio, la totale sicurezza; infatti, anche in caso di mancanza accidentale di aria compressa, rimane chiusa, impedendo il verificarsi di incidenti purtroppo abbastanza frequenti.


products prodotti GP SERVICE With the aim of offering its customers an increasingly complete and high-quality service, GP Service is presenting its new GPF1 model roller kiln, the result of extensive experience with the leading specialist companies in the sector alongside the end users. The main characteristics of the new kiln are: • Built with a modular, transportable metal loadbearing structure complete with accessory equipment to simplify assembly on site. • The internal insulation is made of high quality refractory material with low heat capacity and a high insulation coefficient, allowing the kiln to be rapidly started up and stopped. • The air exchanger fans installed in the various sections of the kiln allow for precise control of temperature distribution. • The material is moved through the kiln by means of a motorised roller conveyor. The rollers are driven by a gear system divided into zones according to the various modules. A special spring couples the roller to its mounting without transmitting harmful stresses or vibrations. • The combustion system features highly efficient BP/M5 model blown air type burners. Each burner has automatic ignition and flame control. The power of each burner can vary from 5 kW to 45 kW. The burners are divided into independent zones that are self-regulated both above and

below the rollers. • All the equipment is enclosed in an electrical cabinet kept separate from the kiln and to ensure safe operation the startup of the motors must follow a specific sequence with respective priorities. The GPCF/A type kiln computer is able to perform the following functions: • serial dialog with thermoregulators, roller movement management PLC; • firing curve setting; • large capacity memory for firing curve archive; • display of firing curves with temperature/space/time function charts; • display and recording of all measured kiln temperatures on temperature/time graph; • roller movement control with automatic speed adjustment and cycle time display in minutes; • graphic recording of temperature/space curves of predetermined samples; • alarm display and recording; • automatic turning on and off with programming of up and down curves and printing of video pages.

Con l’obiettivo di fornire alla clientela un servizio sempre più qualificato e completo, GP Service presenta il nuovo forno a rulli modello GPF1, frutto di una lunga esperienza consolidata nelle maggiori ditte specializzate del settore fianco a fianco degli utilizzatori finali. Le caratteristiche principali del nuovo forno sono: • è realizzato con una struttura portante metallica di tipo modulare trasportabile completa delle apparecchiature accessorie, semplificando così l’assemblaggio sul posto; • il rivestimento interno refrattario-isolante è composto da materiali di alta qualità, con bassa capacità termica ed elevato coefficiente di isolamento, caratteristiche che consentono rapide messe a regime del forno; • nelle varie zone del forno sono installati diversi ventilatori per lo scambio dell’aria per un accurato controllo della distribuzione delle temperature; • la movimentazione del materiale attraverso il forno è realizzata mediante rulliera motorizzata. La trasmissione del moto ai rulli è del tipo ad ingranaggi ed è divisa in zone in accordo con i diversi moduli. Una molla speciale accoppia il rullo alla sua sede senza trasmettere sforzi o vibrazioni che potrebbero danneggiarlo; • l’impianto di combustione è realizzato con

bruciatori modello BP/ M5 del tipo ad aria soffiata ed a fiamma temperata. Ogni bruciatore è dotato di accensione automatica e controllo di fiamma. La potenzialità di ciascun bruciatore può variare da 5kW a 45kW. I bruciatori sono suddivisi in zone indipendenti autoregolate sia sopra che sotto i rulli; • tutte le apparecchiature sono contenute in un quadro elettrico ad armadio separato dal forno, per la sicurezza del funzionamento la marcia dei diversi motori è vincolata in sequenza con le rispettive precedenze; Il computer del forno tipo GPCF/A è in grado di svolgere le seguenti funzioni: • colloquio seriale con termoregolatori, PLC gestione movimentazione rulli; • impostazione curve di cottura; • memoria di grande capacità per archivio curve di cottura; • visualizzazione curve di cottura con grafici funzione temperatura/spazio/tempo; • visualizzazione e registrazione di tutte le temperature rilevate sul forno su grafico temperatura/tempo; • controllo movimentazione rulli con regolazione automatica velocità e visualizzazione tempo di ciclo in minuti; • registrazione grafica di curve temperatura/spazio di campioni prefissati; • visualizzazione e registrazione allarmi; • accensione e spegnimento automatici con programmazione delle curve di salita e discesa e stampa delle pagine video.

In occasione di Tecnargilla, Imerys (Padiglione B4, Stand 020) presenta il Super-FFCTM, ‘nuova’ generazione di fine fireclay. Negli ultimi anni, Imerys Ceramics si è ampiamente dedicata alla ricerca e allo sviluppo di un nuovo impasto in grado di offrire ai produttori di sanitari i vantaggi di

fine fireclay (FFC), in particolare per quanto riguarda il design, riducendo al minimo le difficoltà che sono spesso associate alla manipolazione dei pezzi in FFC. I risultati di questo progetto innovativo, che Imerys chiama Super Fine Fireclay (Super-FFC), sono esposti allo stand di Imerys

IMERYS CERAMICS At Tecnargilla, Imerys (Hall B4, Stand 020) is unveiling SuperFFCTM, the product that it considers to be the next generation for Fine Fireclay. In recent years, Imerys Ceramics has conducted considerable research into the development of a new prepared body which

18 2

would offer sanitaryware producers the advantages of fine fireclay (FFC), particularly in terms of design, while minimising the difficulties often associated with handling FFC pieces. The results of this innovative project, which Imerys calls Super Fine Fireclay (Super-FFC), are being pre-

C era mic W orl d Review n. 88/2010


sented at the Imerys stand at Tecnargilla where visitors can handle pieces produced with the new Super-FFC body in order to see the exciting potential of this innovation for themselves. FFC is already well known for enabling the production of the most modern designs and functional pieces in a wide variety of shapes and sizes. Super Fine Fireclay improves on this by taking on some of the benefits that would normally be seen in vitreous bodies, such as: good fluidity, which makes a Super-FFC piece much easier to handle both before and after drying; finer particle size, which ensures that the finish of Super-FFC pieces looks and feels much more like

vitreous china, which facilitates glaze application. Raffaele Ceccarelli, Technical Sales Manager, believes: “FFC bodies with a particle size of 300 microns will very soon be a thing of the past thanks to Super Fine Fireclay.” Sergio Carabelli, General Manager, adds: “We are very pleased to present Super Fine Fireclay at Tecnargilla and are looking forward to demonstrating its benefits. However, innovation is an ongoing focus for us and we aim to continue to make breakthroughs which make a real difference for our customers.”

a Tecnargilla, dove i visitatori possono toccare con mano i pezzi prodotti con il nuovo impasto Super-FFC per scoprirne il grande potenziale. FFC è già noto per consentire la produzione di pezzi funzionali con disegni modernissimi in una varietà di forme e dimensioni. Il Super Fine Fireclay assicura un ulteriore miglioramento offrendo alcuni vantaggi normalmente associati agli impasti vetrosi, quali: buona fluidità, poiché un pezzo Super-FFC è molto più facile da manipolare sia prima sia dopo l’essic-

cazione; granulometria più fine, in modo da dare alla finitura dei pezzi Super-FFC un aspetto superficiale molto più simile a quelli del Vitreous China, facilitando così l’applicazione dello smalto. Secondo Raffaele Ceccarelli, direttore tecnico-commerciale: “Gli impasti FFC con granulometria di 300 micron saranno presto superati dal Super Fine Fireclay”. Sergio Carabelli, direttore generale, aggiunge: “Siamo molto lieti di presentare il Super Fine Fireclay a Tecnargilla e siamo felici di dimostrare i suoi benefici. Tuttavia, l’innovazione per noi rappresenta un impegno costante e intendiamo continuare a fare progressi in modo da offrire un reale vantaggio ai nostri clienti”.

ty-four hour per day reliability under ceramic production line conditions guarantees that tonality of production remains consistent on both day and night shifts. Colour management tools allow rapid matching and reproduction of all types of projects on special pieces. User selectable quality modes allow printing on both flat and highly structured tiles with a choice between fast production, quality and photographic tiles. Both printers offer all the inherent benefits and cost savings of inkjet printing: immediate realization of designs, short production runs and noncontact printing on structured surfaces and up to the tile edge. The workflow and inks developed by Jettable complete the ceramic production solution.

In occasione di Tecnargilla 2010, Jettable presenta ai visitatori le novità nel campo delle stampanti, flusso di lavoro e inchiostri, nonché la grande varietà di piastrelle di ceramica prodotte con queste tecnologie. Tra tutte Maverick Jettable, la stampante in linea più veloce e a più alta risoluzione per piastrelle di ceramica disponibile sul mercato. La stampante in linea Jettable Maverick rappresenta la prossima generazione nel campo della decorazione a getto d’inchiostro per linee di smaltatura di piastrelle da pavimenti e rivestimento. La stampante è progettata per integrarsi perfettamente nelle linee di smaltatura con la massima affidabilità, in modo da ottenere una gamma completa di colori che variano da semplici effetti travertino a colori brillanti e saturi. Con una risoluzione di 450x900 dpi e una dimensione goccia variabile, Maverick riproduce con maggiore dettaglio, contrasto e variazione cromatica sia lavori precedentemente eseguiti

con sistemi rotativi sia nuovi progetti. Si raggiunge una produttività fino a 900 dpi nella direzione della macchina, e velocità di linea fino a 60 metri al minuto. Jettable, inoltre, presenta la tecnologia consolidata Jettable 751, una stampante a getto d’inchiostro industriale per la produzione di pezzi speciali e prove di stampa. L’affidabilità 24 ore al giorno, in condizioni di linea di produzione ceramica, garantisce che la tonalità di produzione rimanga costante nei turni sia di giorno sia di notte. Gli strumenti di gestione del colore permettono il rapido abbinamento cromatico e la riproduzione di tutti i tipi di progetto su pezzi speciali. La possibilità per il cliente di selezionare la modalità qualitativa consente di stampare su piastrelle lisce o molto strutturate, scegliendo tra produzione veloce, di qualità alta e di qualità fotografica. Entrambe le stampanti offrono tutti i vantaggi e risparmi economici della stampa a getto d’inchiostro: realizzazione immediata di disegni, cicli di produzione brevi e stampa senza contatto su superfici strutturate e fino al bordo della piastrella. Il flusso di lavoro e gli inchiostri sviluppati da Jettable completano la soluzione per la produzione di ceramica.

JETTABLE At Tecnargilla 2010, Jettable is offering visitors the opportunity to get a close look at the company’s developments in printers, workflow and inks as well as the wide variety of ceramic tiles they produce. One of these is Jettable Maverick, the fastest, highest resolution inline ceramic tile printer available in the market. The Jettable Maverick inline printer is the next generation of ceramic inkjet decoration for floor and wall tile glazing lines. The printer is designed to integrate smoothly in glazing lines with maximum reliability, achieving the whole colour span from simple travertine effects to vivid and saturated colours. With 450x900 dpi line resolution and variable drop size, the Maverick reproduces both existing rotary jobs as well as new designs with higher detail, contrast and colour variation. Superior productivity is achieved by up to 900 dpi in the machine direction, and line speeds of up to 60 metres per minute. Jettable is also presenting the field-proven Jettable 751 technology, an industrial inkjet printer for production of special pieces and proof printing. Twen-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

183


products prodotti T.S.C. T.S.C., a company with a tradition of innovation in the ceramic sector, has developed a system that revolutionises normal dry decoration application procedures such as flat and rotary screen printing. These technologies operate at very low speeds, have low productivity, two-dimensional characteristics and limited graphic performance and place the applied materials under considerable stress, resulting in loss of colour and definition and poor reproducibility. The Decor Dry 06 system uses tubular graphic supports produced exclusively by T.S.C. on which the graphic image is created using the digital laser engraving system. This guarantees the maximum reproducibility and above all the possibility of creating images in three dimensions, modifying not only the resolution and diameter of the holes but also the depth, something that cannot be achieved with conventional technologies given that the graphic substrate has the same thickness. The T.S.C. dry screen printing system is able to work at vari-

18 4

able speeds without affecting graphic quality, achieving excellent results due to the use of coloured glass granules, coloured spray-dried powders and other powder products. The fact that the system does not come into contact with the surface to be decorated eliminates the problem of textures or surfaces on which it was previously impossible to apply customised graphic designs. T.S.C.’s Decor Dry 06 system is used with the most modern production technologies to transfer an image directly onto soft pre-compacted material (thus obtaining a single-pressing finished product), onto unfired extruded material, at the dryer exit onto a ceramic body, or onto a pressed body which is subsequently returned to the mould for the doublepressing process. It is also widely used on all kinds of glazing line with individual or multihead machines according to requirements. Decor Dry 06 can operate with facial, random and synchronised random systems and can be customised according to specific requirements.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

T.S.C., tradizionalmente innovativa nel campo ceramico, ha nuovamente messo a disposizione del settore un sistema che rivoluziona i normali criteri applicativi della decorazione a secco attualmente in uso, come serigrafie con retini piani oppure rotativi. Tali tecnologie, infatti, costringono a lavorare a velocità molto basse, poco produttive e con caratteristiche grafiche bidimensionali, limitate nelle esecuzioni grafiche e con notevoli stress per le materie prime da applicare, con la conseguente perdita di tonalità, definizione e scarsa riproducibilità nel tempo. Il sistema Decor Dry 06 utilizza supporti grafici a tubolare di esclusiva produzione T.S.C., sui quali viene ricreata l’immagine grafica utilizzando il sistema di incisione digitale laser. Questo garantisce la massima riproducibilità e soprattutto la possibilità di creare immagini nelle tre dimensioni, modificando, oltre alla risoluzione e al diametro dei fori, anche la profondità, evento non applicabile con le tecnologie di attraversamento, avendo un supporto grafico del medesimo spessore. Oggi il sistema T.S.C. per la serigrafia a secco permette di lavora-

re a velocità variabili senza modificare la qualità grafica, con ottimi risultati dovuti all’utilizzo di graniglie di vetro colorato, polveri atomizzate colorate e altri prodotti pulverulenti. Inoltre, non entrando in contatto con la superficie da decorare, elimina il problema delle strutture o di quelle superfici che prima non si potevano in alcun modo arricchire con grafiche personalizzate. Il sistema Decor Dry 06 di T.S.C. è utilizzato sulle più moderne tecnologie produttive atte a trasferire un’immagine direttamente su materiale soffice e precompattato, ottenendo così un prodotto finito in monopressatura, su materiale estruso in crudo, oppure all’uscita essiccatoio su supporto ceramico, su supporto pressato e riposto nello stampo per ottenere una bipressatura. È anche ampiamente utilizzato su ogni tipo di linea di smaltatura con macchine singole o multitesta a seconda della richiesta. Decor Dry 06 può lavorare con sistemi facciali, random e random sincronizzato, ed è personalizzabile a seconda delle particolari esigenze del cliente.


DEPA


products prodotti HERAEUS KULZER For over 20 years, Heraeus Kulzer GmbH has been offering ceramic product manufacturers a repair system whereby surface defects caused by impurities or air inclusions can be repaired so that they are almost invisible. The Kerasys® LC system is based on a light-curing composite that is polymerised with a blue light device in just 40 seconds. There is no reaction temperature and the composite then has ceramic-like properties. To identify the optimum repair colour for the customer’s ceramic product, Heraeus Kulzer provides a colour measurement and matching service free of charge. Based on a glazed sample tile, the colour values are measured and compared with analogous colour values for the standard colours. The customer receives the sample tile with appropriate demonstration repairs to choose a colour based on the repairs. Over the

years the available palette of colours has grown to around 200 standard colours, although customised colour matching is also possible. On the basis of the consumables, the costs for complete repair amount to around 10 cent. This figure alone gives an idea of how high the saving potential really is compared to other repair methods. Customer service and customer satisfaction are the top priority for the Kerasys® LC team. If required, product seminars and training sessions are available to guarantee efficient integration of the system in the customer’s manufacturing process. Through participation at international trade fairs such as Tecnargilla, Ceramics China, Indian Ceramics and Ceramitec, numerous well-known manufacturers of ceramic sanitaryware have already been convinced of the economic advantage Kerasys® LC can bring them.

Da oltre 20 anni, Heraeus Kulzer GmbH offre ai produttori ceramici un sistema di riparazione che rende quasi invisibili i difetti superficiali spesso generati da impurità o inclusioni d’aria. Il sistema LC Kerasys® si basa su un composito fotopolimerizzabile che, in appena 40 secondi, viene polimerizzato tramite un dispositivo di luce blu; senza temperatura di reazione, poi, il composito assume proprietà simili alla ceramica. Per identificare il colore ottimale per la riparazione del prodotto ceramico del cliente, Heraeus Kulzer offre un servizio gratuito di colorimetria e tintometria: sulla base di un campione di piastrella smaltata, i valori cromatici vengono misurati e confrontati con quelli paragonabili dei colori standard. Il cliente riceve la piastrella campione con le riparazioni effettuate per poter scegliere un colore.

Nel corso degli anni la tavolozza delle tonalità disponibili è cresciuta fino a circa 200 colori standard, ma è possibile ricorrere anche a personalizzazioni. In base ai materiali di consumo, i costi per la riparazione completa ammontano a circa 10 cent. Questa cifra da sola dà un’idea chiara del potenziale di risparmio rispetto ad altri metodi di riparazione. Il servizio e la soddisfazione del cliente sono le priorità assolute per la squadra di Kerasys® LC. Se necessario, si possono organizzare seminari e corsi di formazione sul prodotto per garantire l’integrazione efficiente del sistema nel processo produttivo del cliente. Attraverso la partecipazione a fiere internazionali come Tecnargilla, Ceramics China, Indian Ceramics e Ceramitec, numerosi produttori rinomati di ceramica sanitaria si sono convinti dei vantaggi economici offerti da Kerasys® LC.

The company bases its teamwork and know-how on 3 values: freedom (Cretaprint solutions are suitable for any company, anywhere and with all kinds of inks and glazes); modularity (besides offering a wide range of printers and all kinds of fittings, consumables and accessories, Cretaprint develops modular and versatile printers designed to adapt to the conditions of any production plant); flexibility (the machines adapt to the production requirements of the various plants, assuring user-friendly operation and configuration options designed

Cretaprint sviluppa soluzioni di stampa da oltre 10 anni, con proposte che comprendono stampanti a getto d’inchiostro, macchine rotative, materiali di consumo e plotter. L’azienda ha all’attivo più di 1.600 macchine in operazione in tutto il mondo, di cui più di 60 stampanti a getto d’inchiostro installate in quasi 2 anni. Oltre ad essere agile nello sviluppo di prodotti, Cretaprint offre soluzioni scalabili in base all’investimento, facili da realizzare e successivamente da mantenere grazie al servizio di assistenza tecnica locale. L’azienda regola il lavoro di squadra e l’acquisizione del

proprio know how seguendo 3 principi: la libertà - le soluzioni Cretaprint sono adatte per qualsiasi azienda di qualsiasi zona e con qualsiasi tipo di inchiostro o smalto; la modularità - oltre ad un’ampia gamma di stampanti e di ogni genere di accessori e materiali di consumo, Cretaprint offre soprattutto stampanti modulari, versatili e che ben si adattano alle condizioni di qualsiasi impianto produttivo; flessibilità - le macchine si adattano alle esigenze produttive dei vari impianti, garantendo facilità di utilizzo e opzioni di configurazione pensate per facilitare il

CRETAPRINT Cretaprint has been developing printing solutions for more than 10 years with proposals that include inkjet printers, rotary machines, consumables, fittings and plotters. Over 1,600 Cretaprint machines are in operation all around the world, including more than 60 inkjet printers installed in almost 2 years. Along with rapid and flexible product development, Cretaprint offers scalable solutions tailored to the investment that are simple to implement and subsequently maintain thanks to local technical support.

18 6

C era mic W orl d Review n. 88/2010


to facilitate equipment control). But Cretaprint also has a strong customer focus. Its reference point is the production plant, where its work covers commissioning, operation and preventive maintenance while assuring a high-quality service at all times (training, handbooks, local assistance, remote assistance, and so on). The company was a pioneer in offering an inkjet printer with recirculating ink for intensive industrial use. The CretaPrinter is a modular machine that allows a choice of printing bars and printing widths (up to a maximum of 1120 mm). It is designed to allow ceramic tile manufacturers to choose the configuration that best suits their actual production

needs and to draw the maximum benefit from the initial investment. It also offers high-performance greyscale printing, the possibility of working with more viscous inks and high-resolution printing.

controllo sulle attrezzature. Ma Cretaprint è anche un’azienda a servizio del cliente: punto di riferimento è l’impianto produttivo, dove viene svolto il lavoro di entrata in funzione, gestione e manu-

tenzione preventiva, garantendo sempre un’alta qualità di servizi (formazione, manuali, assistenza in loco, assistenza remota, ecc). Pionieri, poi, nel proporre una stampante a getto d’inchiostro con la ricircolazione di inchiostro per un intenso uso industriale, la stampante CretaPrinter è una macchina modulare che permette di scegliere il numero di barre e la larghezza di stampa (fino a 1120 mm). È progettata per consentire al produttore di piastrelle di ceramica di scegliere la configurazione che meglio si adatta alle sue effettive esigenze produttive e di trarne il massimo vantaggio. Inoltre offre elevate prestazioni nella scala dei grigi, la possibilità di lavorare con inchiostri più viscosi oppure la stampa ad alta risoluzione.

Euromoliendas Italia dispone di una gamma specifica di componenti in Alumina di alta qualità, dedicati alla macinazione delle mate-

rie prime volte all’industria ceramica. Le caratteristiche tecniche dei prodotti sono esposte nelle tabelle a seguire.

EUROMOLIENDAS ITALIA Euromoliendas Italia offers a range of high-quality alumina components for grinding raw materials in the ceramic indus-

try. The technical characteristics of the products are shown in the following tables.

ALUMINA BALLS TYPE

PRODUCTION TECHNOLOGY

Al2O3 CONTENT

HARDNESS Mohs

APPARENT DENSITY (g/cm3)

COLOUR

SIZES (mm)

PLATINUM MICRO

ROLLING

92% ± 1

9.0 ± 0.2

3.65 ± 0.05

White

0.5 ÷ 15

ROLLING

92% ± 1

9.0 ± 0.2

3.65 ± 0.05

White

15 ÷ 30

COMPRESSION

92% ± 1

9.0 ± 0.2

3.65 ± 0.05

White

30 ÷ 70

GOLD MPS

COMPRESSION

90% ± 1

8.5 ± 0.2

3.60 ± 0.05

White

30 ÷ 70

GIAIETTO MQ

COMPRESSION

70% ± 1

8.0 ± 0.3

3.0 ± 0.1

Grayish / pale brown

30 ÷ 70

PLATINUM HD

ALUMINA COATING BRICK TYPE

PRODUCTION TECHNOLOGY

Al2O3 CONTENT

HARDNESS Mohs

APPARENT DENSITY (g/cm3)

COLOUR

SIZES (mm) (length/height/width)

PLATINUM R

COMPRESSION

92% ± 1

9.0 ± 0.2

3.65 ± 0.05

White

150/50/60 - 150/50/50 - 150/50/40

GOLD R

COMPRESSION

90% ± 1

8.5 ± 0.2

3.60 ± 0.05

White

150/50/60 - 150/50/50 - 150/50/40

PEBBLES NAME

ORIGIN

SiO2 CONTENT

HARDNESS Mohs

APPARENT DENSITY (g/cm3)

COLOUR

SIZES (mm) (length/height/width)

TAGO

SPAIN

97.70

8

2.62

Grayish

2/4- 4/6 - 6/8 - 8/10 - 10/12 - 12/14

NILO

EGYPT

98.70

8

2.56

Grayish

2/4- 4/6 - 6/8 - 8/10 - 10/12 - 12/14

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 88/ 2 0 1 0

187


products prodotti F.M. FM, a company that has always maintained a focus on technical and technological development and continuous experimentation in the field new raw materials, offers its services as a technical partner in the design and construction of technical items made of thermoplastic materials, supplying a wide range of spare parts for glazing lines (more than 5,000 articles) principally for the ceramic sector. In the company’s core business of disc pack manufacture it can boast more than thirty years of research in cooperation with ceramic producers, allowing it to meet their specific needs and solve problems posed by the various types of glaze and booths. FM can recommended the right disc pack together with the correct parameters (speed, application weight, density) for obtaining the desired effect. As part of a process of continuous transformation, in 2008 FM introduced the Evolution disc pack which won PremioSTAR (Italian acronym for development, technologies, application and research) as innovative product of the year. Given the variety of articles it has to offer, FM has also succeeded in entering other markets such as that of automation and machines for working wood, marble, glass, etc.

18 8

The supports (belt support assemblies, blade holding brackets, clamps, etc.) and the pulleys/rollers available with different diameters and grooves can offer different solutions for the construction of an internal transport line. The safety guards are used to cover moving parts that pose a risk to workers (as of January 2010 adapted to the new machinery directive 2006/42/EC). The fans that blow air onto specific points with cleaning, drying and cooling functions offer the advantages of light weight and low noise and likewise comply with the new machinery directive 2006/42/EC. The most important new product of 2010 is the new Easyroll loadbearing roller conveyor built with rollers specially designed for conveying delicate products (made of soft nonscratch polyurethane) rather than heavy products (hard polyamide). It complements the range of FM roller conveyors (modular, loadbearing, projecting) offering effective solutions to problems of pack transport and/or lateral containment of transported material. FM components are sold in over 35 countries worldwide through a closely-knit sales network and via the constantly updated B2B area of the website www.fm.re.it.

C era mic W orl d Review n. 88/2010

F.M., azienda da sempre rivolta allo sviluppo tecnico e tecnologico ed alla continua sperimentazione di nuove materie prime, si propone quale partner tecnico nello studio, progettazione e realizzazione di articoli tecnici in materiali termoplastici, offrendo una vasta gamma di ricambi per linee di smaltatura (oltre 5000 articoli) rivolta principalmente al settore ceramico. Core business dell’azienda sono i pacchi disco, la cui realizzazione si basa su una più che trentennale esperienza di studio e collaborazione con le ceramiche per soddisfarne le necessità e risolvere i problemi causati da diversi tipi di smalto e di cabine. FM è in grado di consigliare il giusto pacco disco unitamente ai parametri corretti (velocità grammatura - densità) per ottenere il migliore effetto desiderato. In un’ottica di continua trasformazione, nel 2008 FM ha presentato Evolution, pacco disco con il quale ha vinto il PremioSTAR (acronimo che sta per Sviluppo, Tecnologie, Applicazioni&Ricerca) come prodotto innovativo dell’anno. Grazie poi alla varietà di articoli proposti, FM è riuscita ad affacciarsi anche su altri mercati come quello delle automazioni, macchine per la lavorazione del legno, marmo, vetro, ecc. I supporti, (sostegno cinghie, staffe porta-lama, graffoni ecc) e

le pulegge/rullini disponibili con diversi diametri e gole, possono, per esempio, fornire diverse soluzioni per la costruzione di una linea di trasporto interno. Le protezioni anti-infortunistiche, invece, vengono impiegate per salvaguardare al meglio le parti in movimento che costituiscono un pericolo per il lavoratore (da gennaio 2010 adeguate alla nuova direttiva macchine 2006/42/CE). I ventilatori che creano e soffiano aria in un punto determinato con lo scopo di pulire, asciugare, raffreddare ciò che ne viene investito, offrono i vantaggi di leggerezza e silenziosità, risultando anch’essi conformi alla nuova direttiva macchine 2006/42/CE. Protagonista del nuovo anno 2010 è la nuova rulliera portante Easyroll che, realizzata con rullini studiati appositamente per soddisfare le esigenze di un trasporto delicato (in poliuretano morbido anti-graffio) piuttosto che pesante (poliammide dura), va a completare la gamma di rulliere FM (modulari, portanti, a sbalzo), valide soluzioni ai problemi di movimentazione colli e/o di contenimento laterale del materiale trasportato. I componenti FM sono commercializzati in oltre 35 Paesi in tutto il mondo attraverso una fitta rete di vendita e tramite l’area B2B del sito (www.fm.re.it) sempre aggiornato in tempo reale.


Le nostre soluzioni per il vostro mondo. Anche nel prossimo futuro.

NEWS 2010

Motori asincroni trifase normali e autofrenanti

Rossi

Riduttori e motoriduttori Motoriduttori epicicloidali Riduttori e motoriduttori Motoriduttori per ambienti per estrusori di precisione senza motore epicicloidali corrosivi e asettici

Gear reducers, gearmotors and motors

Rossi S.p.A. A Member of the Habasit Group

www.rossi-group.com


products prodotti SYSTEM GROUP At Tecnargilla, System is introducing major innovations for digital decoration with a new generation Rotodigit; the revolutionary 4Phases machine for packaging ceramic tiles; the enormous range of lowthickness products manufactured with Lamina technology; and the new Freesize laser cutting machine. Rotodigit is a digital printing system that can be applied to Rotocolor decoration lines. Rotodigit can be used to decorate any ceramic surface - even textures and edges - with excellent results in terms of reproducing natural stone, marble and granite and in decorating over relief and textured surfaces or in a double pressing process. The key characteristics are: the possibility of performing printing synchronised with Rotocolor rollers and having independent print units for each ink; an ink recirculation and print head protection system; the availability of three different decoration technologies; and the possibility of incorporating various technologies within the same overall dimensions so as to optimise space management. 4Phases constructs the boxes directly in the machine, starting out from a flat neutral cardboard sheet and forming a box that adapts to the product and takes account of all variations in calibre and stack height. Following a system consisting of quality control (Qualitron) and a new-generation distributor which automatically picks up the pieces divided into homogeneous classes and transfers them to a static platform, it performs the packaging process directly in the machine. By creating a continuous strip of cardboard within the machine, 4Phases is capable of forming boxes for different product sizes with an extremely rapid size changeover. It can also customise cardboard printing within the machine, which is performed before the box is closed. The Freesize system revolutionises the ceramic sheet cutting process, increasing productivity and reducing waste compared to the traditional process. Due to the absence of water, the Laminam® product is cleaner to handle and does not require drying, which

19 0

brings considerable benefits in terms of environmental impact. Dry cutting is performed in three steps: • Grinding to remove the fibreglass at the cutting points, at a maximum speed of 60 m/min. on an automatic numerically controlled portal table with fixed platform and belts for automatic transfer. The grinding benches designed by Lamina assure ergonomics and worker safety by means of an integral closure system with X protections. Noise and dust are also minimised. Precision is guaranteed in the positioning movement and during the removal operation by latest generation systems. Next, an automatic overturner rotates the sheets by 180° so that the side without fibreglass layer is positioned on the cutting table for incision on the upper surface. • Incision of the surface is performed on a computerised numerically-controlled portal table with maximum stability and minimum oscillations. The incision is made using a new specially designed laser system with excellent efficiency and durability capable of maintaining a constant speed of 60 m/ min. on even the most delicate surfaces and reaching peak speeds of up to 110 m/min. The laser system eliminates all contact with the surface, avoiding damage and the risk of micro-chipping, a particularly serious problem in the case of products with complex designs or textured surfaces. • Shearing of the sheet along the grinding/incision lines to create the required sizes. Head, end and side offcuts are sent for disposal via crushing belts. The sheet is aligned and moved by means of a wheel system towards the dynamic shearing machine that separates the pieces along the incision by means of the pressure of the separating rollers. At the exit, the pieces are separated by a variable-speed motor-driven roller conveyor. After being positioned and centred, the sheets are transferred to the piece loading machine belt. All operations are controlled by a highly efficient latest-generation electronic system from Beckhoff.

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

In occasione di Tecnargilla, System presenta importanti novità per la decorazione digitale con un Rotodigit di nuova generazione, per il confezionamento con 4Phases, rivoluzionaria macchina per l’imballaggio delle piastrelle ceramiche, e, infine, la vasta gamma dei prodotti a basso spessore, realizzati con tecnologia Lamina, nonché la nuova macchina di taglio al laser Freesize. Rotodigit è un sistema di stampa digitale che si applica sulle linee di decorazione Rotocolor. Con Rotodigit è possibile decorare qualsiasi superficie ceramica - anche strutture e bordi - con ottimi risultati nella riproduzione di pietre naturali, marmo e granito, nella decorazione su rilievi e superfici strutturate e in doppia pressatura. Caratteristiche salienti sono: la possibilità di effettuare la stampa sincronizzata con i rulli Rotocolor e di avere unità di stampa indipendenti per ogni inchiostro; un sistema di ricircolo inchiostro e di protezione teste di stampa; la disponibilità di tre diverse tecnologie di decorazione; la possibilità di raggruppare negli stessi ingombri diverse tecnologie, salvaguardando gli spazi disponibili. 4Phases costruisce le scatole direttamente in macchina, partendo da un foglio di cartone neutro in piano e formando una scatola che si adatta al prodotto, assorbendo tutte le variazioni di calibro e di altezza pila. Preceduto da un sistema composto da controllo di qualità (Qualitron) e smistatore di nuova generazione, che preleva in automatico i pezzi trasferendoli su un pianale statico, forma direttamente in macchina il processo di confezionamento. Creando una striscia continua di cartone in macchina, 4Phases è in grado sia di costruire scatole per formati diversi con estrema velocità nell’operazione di cambio sia di personalizzare in macchina la stampa del cartone che viene eseguita prima della fase di chiusura della scatola. L’impianto Freesize cambia completamente il processo di taglio delle lastre, aumentando la produttività e riducendo gli scarti rispetto ad una lavorazione tradizionale; in assenza di acqua, la gestione del prodotto Laminam® è più pulita e

non necessita di asciugatura, con notevole beneficio rispetto all’impatto ambientale. Il taglio a secco avviene in tre fasi: • la molatura, con cui si asporta la fibra di vetro nei punti di taglio, ad una velocità max di 60 m/min su un tavolo automatico a ponte a controllo numerico, con pianale fisso e cinghie per la traslazione automatica. I banchi di molatura, progettati da Lamina, salvaguardano l’ergonomia e la sicurezza dei lavoratori tramite una chiusura integrale con protezioni X. Anche il rumore e la polvere sono ridotti al minimo. La precisione nel movimento di posizionamento e asportazione sono garantite da sistemi di ultima generazione. A seguire, un ribaltatore automatico ruota le lastre di 180º, così da posizionare sul banco d’incisione il lato non stuoiato che verrà inciso nella parte superiore; • l’incisione della superficie avviene su un tavolo a ponte a controllo numerico computerizzato, con massima stabilità e minime oscillazioni. L’incisione avviene tramite un nuovo sistema laser, studiato appositamente, con un’ottima resa e durata, e consente di mantenere una velocità costante di 60 m/min, anche sulle superfici più delicate per raggiungere picchi massimi anche di 110 m/min. Con il sistema laser si elimina ogni contatto con la superficie, azzerandone ogni danneggiamento e rischi di eventuali micro sbeccature, particolarmente problematiche nei prodotti con grafiche complesse o superfici strutturate fino ad oggi inavvicinabili; • la troncatura della lastra in corrispondenza delle linee di molaturaincisione, per creare i formati desiderati. Gli sfridi di testa, di coda e laterali passano allo smaltimento tramite nastri frantumatori. La lastra viene allineata e trasportata, con sistema a rotelle, verso il troncatore dinamico, che apre l’incisione, tramite la pressione dei rulli separatori. All’uscita, i pezzi vengono distaccati con una rulliera motorizzata a velocità variabile. Posizionate e centrate, le lastre passano sul nastro della macchina di carico pezzi. Il controllo di tutte le operazioni è affidato ad un efficientissimo sistema elettronico di ultima generazione firmato Bekcoff.


products prodotti TECNOFERRARI - TECNOEXAMINA Tecnoexamina is presenting its Colorjet family of digital inkjet printers. The company has developed powerful, intuitive and easy-touse mechanical and electronic solutions and innovative software for the creation and management of graphic designs and colours. Colorjet, available in 4 different models according to maximum tile width (from 300 mm up to 1200 mm post-firing), is the only printer currently available that can be integrated with visual unfired ware inspection systems to guarantee quality and stability of production. The mechanical and electronic structure enables the decoration system to be configured easily, with a print head unit designed for 6 colour bars that is not restricted to a single ink supplier but is tested and guaranteed to be compatible with products from leading suppliers. Colorjet stands out for its proprietary and patented ink control solutions, especially recirculation, temperature control and multistage filtering, features that lengthen the time between head cleaning operations to

many hours of use, unmatched by competitors’ systems. The use of print heads with 8 levels of application allows for aesthetic effects that cannot be achieved with the more traditional binary method, while the control software is capable of repeating almost unlimited patterns in sequence or randomly and to perform printing on demand. The innovative mechanical structure allows for the creation of an extremely compact head unit of just 750 mm for 6 colour bars, bringing significant benefits in terms of print quality.

Tecnoexamina presenta la famiglia di stampanti digitali a getto di inchiostro Colorjet. Tecnoexamina ha realizzato soluzioni meccaniche, elettroniche e software innovative, per la creazione e la gestione delle grafiche e dei colori, potenti, intuitive e di facile utilizzo. Colorjet, disponibile in 4 differenti modelli a seconda della larghezza massima delle piastrelle da decorare (da 300 fino a 1200 mm in cotto), è l’unica stampante nel panorama attuale ad essere integrabile da sistemi di ispezione visiva sul prodotto crudo che garantiscono qualità e stabilità

Installation specifications Specifiche di installazione

Printing specifications Specifiche di stampa

Power supply: 400 V three-phase + N, 50 Hz Alimentazione: 400 V trifase+N, 50 Hz

Printing: binary or with deposition levels (2, 4, 8 levels selectable) Stampa: binaria o a livelli di deposizione (2, 4, 8 livelli selezionabili) Print distance: from 3 to 5 mm. Distanza di stampa: da 3 a 5 mm.

Feed: proprietary with speed control Trasporto: proprietario con controllo velocità

della produzione. La struttura meccanica ed elettronica permette di configurare facilmente il sistema di decorazione, con un blocco di stampa predisposto per 6 barre colore non vincolato ad uno specifico fornitore di inchiostri, ma compatibilmente testato e garantito con l’offerta dei principali produttori. Colorjet si distingue per le soluzioni proprietarie e brevettate di controllo degli inchiostri, in particolare il ricircolo, il controllo di temperatura e il filtraggio multistadio, accorgimenti che allungano gli interventi di pulizia delle teste di stampa fino a molte ore di funzionamento, non raggiungibile dai sistemi concorrenti. L’utilizzo di teste di stampa a 8 livelli di applicazione consente effetti estetici non ottenibili con il più tradizionale metodo binario, mentre il software di controllo è in grado di ripetere sviluppi della grafica praticamente infiniti, sequenzialmente o in modo random, e di effettuare stampe “on-demand”. La struttura meccanica innovativa permette di ottenere un blocco teste estremamente compatto, di soli 750 mm per 6 barre colore, con significativi benefici sulla qualità di stampa. Tile specifications Specifiche piastrelle

Type: floor, wall, smooth, textured, porcelain, monoporosa, single and double firing - Width: from 400 to 1200 mm (fired) Tipologia: pavimento, rivestimento, liscio, strutturato, gres, monoporosa, mono e bicottura - Larghezza: da 400 a 1200 mm (cotto)

Resolution: up to 360 dpi Risoluzione: fino a 360 dpi Colour bars: ready for 6 bars, expandable in the field Barre colore: predisposta per 6 barre, espandibile in campo

Dimensions: 4200x3080x2770 mm (LxDxH) Dimensioni: 4200x3080x2770 mm (LxPxH)

Ink supply: patented system with temperature control and recirculation Alimentazione inchiostri: controllato in temperatura, con ricircolo, brevettato

Maximum power consumption: 6 kW Potenza massima impegnata: 6 KW

File format: Formato file: Printing speed: 24 metres/minute Velocità di stampa: 24 metri/minuto

Temperature range: 5-40°C Range di temperatura: 5-40 °C

19 2

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Maximum length: varies according to conveyor belt length Lunghezza massima: variabile in funzione della lunghezza nastro di trasporto

Inks: Fritta-Chimigraf, Esmalglass-Itaca, Ferro, Colorobbia, Smalticeram, Inco, Vetriceramici Inchiostri: Fritta-Chimigraf, Esmalglass-Itaca, Ferro, Colorobbia, Smalticeram, Inco, Vetriceramici

Thickness range: from 3 to 50 mm Range di spessore: da 3 a 50mm


       

   

   

 

   


products prodotti CARFER FORNI The technology of drying by irradiation has found a new application in the drying of fired tiles (monoporosa and double fired tiles) originating from cutting and squaring/rectifying lines. The problems relating to this kind of drying are: completely eliminating the quantity of water absorbed by the tiles in a non-uniform fashion during the rectifying/ squaring process (average value 4-5%) so as to avoid subsequent formation of condensation on the glazed surface of the tiles; heating the tiles uniformly without causing breakages or deformations; cooling the material below the water evaporation temperature. After in-depth research and laboratory tests, Carfer Forni has developed and designed a new roller dryer equipped with a new heating system based on “sequential crosswise irradiation with radiant tubes” and a hyperconvection cooling system. The project achieves the following objectives: • dryer loading width up to 3200 mm; • single-channel or dual-channel with two completely independent superimposed channels; • temperature uniformity in the drying section with max. difference of 3°C; • fast drying/cooling cycle as short as 6-8 minutes depending on the tile thickness; • high production capacity in limited spaces; • control and regulation of the process temperature by means of PLC; • energy saving. Main characteristics of the dryer: • modular construction with dimensions that vary according to required throughput; • combustion plant consisting of

CARFER-TRW type burners of adequate power suitable for operation with hot combustion air of up to 250°C and each equipped with an automatic ignition and flame control device; • heating system consisting of a specially arranged series of radiant tubes in the top and bottom sections of the dryer to guarantee the maximum heating uniformity; • radiant tubes made of special steel resistant to high temperatures and to corrosion and spalling; • mirror type steel reflectors to improve heat distribution on the material; • control and regulation of the operating temperature consisting of a system for proportional on/off control of each burner so as to optimise the temperature uniformity in the radiant tube; • heat recovery system for preheating the combustion air up to 120°C; • frequency variators and EFF.1(IE2) motors to optimise electricity consumption.

La tecnologia dell’essiccamento per irraggiamento ha trovato una sua nuova applicazione nell’asciugatura di piastrelle cotte (monoporosa e bicottura) provenienti da linee di taglio e di squadratura-rettifica. Le problematiche legate a questo tipo di essiccamento sono: eliminare completamente la quantità di acqua che le piastrelle hanno assorbito in modo non uniforme durante il processo di rettifica-squadratura (valore medio 4-5%), per evitare successivi fenomeni di condensa sulla superficie smaltata dei pezzi; riscaldare le piastrelle in modo uniforme senza creare rotture o deformazioni sui pezzi; raffreddare il materiale sotto la temperatura di evaporazione dell’acqua. Dopo approfondite ricerche e test di laboratorio, Carfer Forni ha sviluppato e progettato un nuovo essiccatoio a rulli dotato di un nuovo sistema di riscaldamento ad “irraggiamento incrociato sequenziale con tubi radianti” e di un sistema di raffreddamento ad iperconvezione. Obiettivi raggiunti nel progetto: • bocca di carico essiccatoio fino a 3200 mm; • monocanale o bicanale a due canali sovrapposti completamente indipendenti; • uniformità di temperatura nella sezione di essiccamento con dif-

ferenza max pari a 3°C; • rapidità del ciclo di essiccamento-raffreddamento fino a 6-8 minuti in funzione dello spessore delle piastrelle; • elevata capacità produttiva in spazi ridotti; • controllo e regolazione della temperatura di processo con PLC; • risparmio energetico. Caratteristiche principali dell’essiccatoio: • costruzione modulare di dimensioni variabili in funzione della produzione richiesta; • impianto di combustione costituito da bruciatori del tipo CARFER-TRW, di adeguata potenzialità, idonei per un funzionamento con aria calda di combustione fino a 250°C e ciascuno dotato di un dispositivo automatico di accensione e controllo fiamma; • sistema riscaldante realizzato mediante una particolare disposizione di una serie di tubi radianti disposti nella parte alta e nella parte bassa dell’essiccatoio per poter garantire la massima uniformità di riscaldamento; • tubi radianti realizzati con acciaio speciale resistente alle alte temperature e resistente alla corrosione - scagliatura; • riflettori in acciaio, del tipo lucido a specchio, per meglio distribuire il calore sul materiale; • controllo e regolazione della temperatura di esercizio costituito da un sistema di regolazione proporzionale on-off di ogni bruciatore, in modo da ottimizzare l’uniformità di temperatura nel tubo radiante; • sistema di recupero del calore per preriscaldare l’aria di combustione fino a 120 C°; • variatori di frequenza e motori EFF.1(IE2) per ottimizzare i consumi elettrici.

POLLINI In an economic climate of fierce competition, but with signs of recovery on the horizon, ceramic tile manufacturers are placing ever more emphasis on innova-

19 4

tion in their product catalogues and production processes. This innovation is guided by research into new stylistic trends and rigorous designs, and is driven by

Cera mic W orl d Review n. 88/2010

In un contesto economico di aspra competizione in cui si intravede una ripresa della congiuntura, le industrie ceramiche fanno sempre più leva sull’innovazione di pro-

dotto e di processo produttivo. Questo avviene attraverso la ricerca di nuove tendenze estetiche, con stile rigoroso, a partire dalle scelte di cromatismi ricerca-


original and attractive colours, wider than ever colour ranges, new large sizes and innovative installation systems. Pollini Mosaici specialise in linear cutting, scoring and snapping, waterjet cutting, assembly, chamfering, squaring, polishing, lapping, and rectifying machines for large size strips. The company is constantly on the look-out for better decoration solutions capable of improving the finish of ceramic floors and walls in line with changing market demand. Investments in R&D, creativity and advanced new plant have led to the creation of new shapes and permitted Pollini Mosaici’s mosaics and accents to enhance the beauty of all ceramic floors and walls more than ever. The latest ceramic finishes are inspired by natural materials like stone, marble and quartz as well as various types of metal and wood, in decorated and single colour finishes. These adapt perfectly to the new cutting solutions proposed by Pollini Mosaici for accents and mosaics. Pollini Mosaici’s waterjet cutting systems offer ideal solutions for graphic designs, capable of

maximising the effect of ceramic backgrounds. Pollini Mosaici has maximised its R&D capacity and uses the services of leading consultants to offer customers new ideas for adding taste and style to ceramic floors and walls. Linear cutting, the cutting of special shapes, and even tumble finishing can be used to enhance a product’s appearance. Pollini Mosaici’s plant and systems, including the company’s new scoring and snapping line, can give finished mosaics a naturally antique look. The typical chipping and irregularity that these processes produce add personality to each piece and creates characteristic imperfections. Pollini Mosaici’s technical innovation, investments, and systems for the cutting even the tiniest insets and listels, permit customers to create decorated, floral and even geometric micro-mosaics. Pollini Mosaici’s mission is clear: to maintain direct and frequent contact with its customers, to rapidly develop samples and graphic designs, and to provide efficient and professional preand after-sales services.

ti, gamme colore sempre più ampie, nuovi grandi formati e sistemi di posa innovativi. Pollini mosaici - attiva nel taglio lineare, a spacco, idrogetto, assemblaggio, smussatura, squadratura, levigatura, lappatura, rettifica di listoni di grandi formati - ricerca le migliori soluzioni di decoro, con l’obiettivo di elevare il contenuto estetico di pavimenti e rivestimenti ceramici con molta attenzione all’evoluzione del mercato. Gli investimenti in ricerca, creatività e innovazione degli impianti sfociano nella volontà di proporre tagli di forme nuove che permettano ai mosaici e decori offerti da Pollini di esaltare la bellezza di pavimenti e rivestimenti ceramici. Le piastrelle di ceramica denotano connotati estetici sempre più materici - come pietre, marmi, quarziti, metalli e legni veri -, sia piene di colori sia monocolore, e si adattano perfettamente alle nuove soluzioni di tagli proposti nei decori e mosaici di Pollini. Inoltre, attraverso l’idrogetto, Pollini mosaici realizza soluzioni mirate a progettazioni grafiche in grado di esaltare ulteriormente le decorazioni dei fondi ceramici. È volontà dell’azienda, attraverso

la ricerca, di avvalersi della consulenza esterna di collaboratori per offrire ai clienti nuovi spunti adatti ad arricchire con gusto e design pavimenti e rivestimenti di ceramica. Infatti, il taglio lineare, i tagli mirati di nuove forme e la eventuale successiva burattatura esaltano esteticamente il prodotto. Gli impianti e la tecnologia di Pollini, quale il nuovo taglio a spacco, conferiscono al mosaico un aspetto come di invecchiamento naturale. La caratteristica sbreccatura e la sua ricercata irregolarità - risultato di queste lavorazioni - caratterizzano ogni pezzo e lo rendono unico nella sua imperfezione. Novità tecnologiche, investimenti in impianti idonei al taglio perfetto di alta precisione di piccolissimi tozzetti e listelli, dunque, per offrire ai nostri clienti micromosaici di design decorati, floreali e/o geometrici. La mission di Pollini si identifica attraverso il contatto diretto e frequente con i clienti, la velocità nella realizzazione delle campionature e delle proposte grafiche, la collaborazione e serietà del personale di Pollini, il servizio post vendita.

ADVERTISING

Introduction to trend research Introduzione alla ricerca tendenze How to create and manage a marketing network for complex industrial goods Le reti di vendita dei beni

industriali complessi

E-learning courses of www.iiea-school.it


products prodotti Stephan Schmidt Gruppe All companies consolidated in Stephan Schmidt Gruppe are among the world’s leading producers of special clays and ceramic bodies. The large range of products comprises raw material solutions for all requirements of the ceramic industries as well as special solutions for different applications of industrial minerals. The annual sales volume of approx. 1.5 million tons of special clays results from the extraction in 20 company-owned opencast mining pits in the Westerwald region and in Saxony. Six state-ofthe-art preparation and grinding plants and nine homogenisation plants guarantee the continuous supply of customers with standardised high-quality raw materials. Based upon the present extraction capacity, the raw material reserves of Stephan Schmidt Gruppe will be available for more than 100 years and hence assure the long-term supply of our customers at a consistently high level of quality. The recently approved opening-up of the new opencast pit Wimpfsfeld III alone ensures the access to 16 million tons of special clays. A sustainable specialisation in the different fields of application within the sales team of Stephan Schmidt Gruppe provides the customers with competent contact persons for all questions concerning raw materials. These contact persons have consolidated expert knowledge which they acquired also in positions of responsibility in various branches of the ceramic industry. Our raw material solutions are used for systematically achieving the desired characteristics of our customers’ products. As a long-term reliable partner, Stephan Schmidt Gruppe offers high-quality special clays from the Westerwald region for the production of ceramic wall and floor tiles. The main focus in this field of application is placed on light-firing standard clays with an extraordinarily good dry bending strength, combined with good sinterability and low contents of Fe2O3. For Porcellanato Tecnico and for Porcellanato Smaltato Stephan Schmidt Gruppe offers

19 6

clay blends which are optimised according to the customers’ particular requirements. For modern high-pressure casting of sanitaryware, new blends of special clays from our deposits in the Westerwald region and Saxony were developed. These functional mixtures of plastic raw materials grouped under the heading SanLine can be used as single-component-solutions in sanitary bodies, replacing the different clay qualities normally used and thus assuring a standardisation of bodies. The producers of heavy clay ceramics may choose from a vast range of special clays meeting all technical requirements for these products. The special clays range from shaly clays with different mechanical strengths, which can be supplied also as sieved material, to yellow- and red-firing clay mixtures with very high plasticity, high dry bending strength and fired strength, and brilliant firing colours. Clays firing shaded red in a reducing atmosphere round off the range of raw materials for these products. Custom-made prepared bodies for casting slips, clays for the production of refractories, raw kaolins and special clays for engobes, glazes and enamels complete the large range of raw materials offered by Stephan Schmidt Gruppe. It is of great importance for us that the production and storage of our standard products is independent of weather conditions, as this assures our customers availability of our raw materials at short notice at any time. We think and act in a responsible way during the extraction and preparation of clays, thus securing the mining potential of special clays in the Westerwald region for the generations to come. All companies belonging to Stephan Schmidt Gruppe are certified in accordance with DIN ISO 9001 - quality management. In addition, the key production facilities of Stephan Schmidt Gruppe fulfil the ecological standards of EMAS II.

C era mic W orl d Review n. 88/2010

Le società facenti parte di Stephan Schmidt Gruppe si annoverano tra i principali produttori al mondo di argille speciali e impasti ceramici. La vasta gamma disponibile di prodotti comprende soluzioni di materie prime per tutte le esigenze dell’industria ceramica, nonché soluzioni speciali per le diverse applicazioni di minerali industriali. Il volume annuale di vendite, di circa 1,5 milioni di tonnellate di argille speciali, deriva dall’attività estrattiva in 20 cave a cielo aperto di proprietà della società nella regione del Westerwald e nella Sassonia e garantiscono un’elevata qualità per la produzione di piastrelle di ceramica. Sei impianti altamente tecnologici di macinazione e nove impianti di omogeneizzazione garantiscono la fornitura continua ai clienti di materie prime standardizzate di alta qualità. In base alle capacità estrattive attuali, le riserve di materie prime di Stephan Schmidt Gruppe saranno disponibili per oltre 100 anni e quindi assicurano la fornitura a lungo termine a un livello di qualità costantemente elevato. L’apertura recentemente approvata della nuova cava a cielo aperto Wimpfsfeld III da sola garantisce l’accesso a 16 milioni di tonnellate di argille speciali. Grazie alla specializzazione sostenibile nei diversi campi di applicazione all’interno della squadra di vendita di Stephan Schmidt Gruppe, i clienti possono contare su referenti competenti per ogni aspetto relativo alle materie prime. Al centro dell’attenzione per il settore delle piastrelle ceramiche sono le argille standard chiarocuocenti, con un’ottima resistenza alla flessione a secco, insieme a una buona sinterizzabilità e un basso contenuto di Fe2O3. Per il

porcellanato tecnico e il porcellanato smaltato, Stephan Schmidt Gruppe offre miscele di argille che sono state ottimizzate in base alle esigenze particolari dei clienti. Per il colaggio moderno in alta pressione dei sanitari, sono state sviluppate nuove miscele di argille speciali funzionali di materie prime plastiche, sempre provenienti dai depositi nella regione del Westerwald e nella Sassonia, sono raggruppate sotto il nome di SanLine e possono essere utilizzate come soluzioni mono-componente negli impasti per sanitari, in sostituzione delle diverse qualità di argilla normalmente impiegate, garantendo così una standardizzazione degli impasti. I produttori di laterizi possono scegliere tra una vasta gamma di argille speciali che soddisfano tutti i requisiti tecnici necessari: dalle argille scistose con diversi valori di resistenza meccanica, che possono essere fornite anche come materiale setacciato, alle miscele di argilla giallo e rosso-cuocenti con altissima plasticità, alta resistenza alla flessione a secco e resistenza in cotto, nonché colori brillanti dopo la cottura. Argille cuocenti rosso in un’atmosfera riducente completano la gamma di materie prime per questi prodotti. Impasti preparati su misura per le barbottine da colaggio, argille per la produzione di materiali refrattari, caolini crudi e argille speciali per ingobbi e smalti completano la vasta gamma di materie prime offerte da Stephan Schmidt Gruppe. È di grande importanza per l’azienda che la produzione e lo stoccaggio dei prodotti standard siano indipendenti dalle condizioni atmosferiche, in quanto ciò assicura ai clienti la disponibilità delle materie prime con breve preavviso in qualsiasi momento. Tutte le società appartenenti a Stephan Schmidt Gruppe sono certificate secondo la norma DIN ISO 9001 - gestione della qualità. Inoltre, gli impianti di produzione principali di Stephan Schmidt Gruppe soddisfano gli standard ecologici di EMAS II.


makkie.com

RISCOPRIAMO IL PESO DELL’ARIA.

VI AttEnDIAMO A tECnARgILLA 2010 PRESSO IL PAD. C3 StAnD 125 PER LA PRESEntAzIOnE uffICIALE. wE LOOk fORwARD tO MEEtIng yOu At tECnARgILLA 2010, HALL C3 StAnD 125 fOR tHE OffICIAL PRESEntAtIOn.

OffICInA fERRARI CARLO S.p.A. Via ghiarola nuova, 114 41042 fiorano Modenese (Mo) - tel. 0536.83.09.73 - 90 telefax 0536.83.28.60 - info@ferraristampi.it - www.ferraristampi.it


products prodotti KALTUN Kaltun has been working with ceramic, glass, composite stone, porcelain, paint, glaze, filtration and related sectors and it plans to introduce new products that are not exist in the product portfolio in the near future. The group serves 65% of Turkish ceramic market, 70% of glass industry and 90% of composite stone sector for the year 2009. Kaltun Mining Co. has made about 35% of Turkey’s sodium feldspar foreign sales and has been one of the well-known firms in the world in this sector. The company also is the biggest grinded and classified quartz producer in Turkey and plays an important role in world market. In year 2001, Kaltun succeeded to be the 4th largest mining company in the sector, on export basis. In 2003, the export figures of Kaltun Mining, with the total of 1,245,000 tons production, reached to 950,000 tons. In 2005, sales fell, the total volume going down to 1,450,000 tons and exports going down to 835,000 tons. In 2006, the figures rose again, with total sales exceeding 1,890,000 tons and exports reaching 1,300,000 tons.In 2007, although the total sales diminished to 1,730,000 tons; exports made a trend to increase again and reached 1,335,000 tons. In 2008, the total sales and export figure diminished to 1.700.000 tons and 1.300.000 tons.Lastly, the company has made 1,300,000 tons of total sales in 2008; 1,000,000 tons of

which was exports. For the company, with the 80% exports, to manufacture its products after being processed and to achieve the highest figures in the exports have always been the main goals. Product demands can vary with each sector and each product 8 grinding, drying and classification units (Çine Plants), 3 sodium feldspar flotation units (Çine, Sarıkısık and Hisarardı Plants), 5 crushing plants (Çine, Sarıkısık and Güllük Plants), 1 crushing and 2 magnetic separation plants (Hisarardı Plants), 1 homogenization plant (Güllük Plant). Kaltun exceeded annual production of 1.300.000 tons in 2009 in these plants. Kaltun serves with more than 100 products ranging from <10mm to <10micron, in all packing types like 25 kg paper bags, 50 kg bags, bigbags (1000 to 1200 kg), bulk in container and bulk. You can access to detailed information about Kaltun products on its web site: www.kaltun.com.tr

È prevista l’introduzione di nuove linee di prodotti per Kaltun, azienda che opera nei settori della ceramica, vetro, pietra composita, porcellana, vernici, smalti, filtrazione e settori collegati. Nel 2009 il gruppo ha coperto il 65% del mercato turco della ceramica, il 70% dell’industria del vetro e il 90% del settore della pietra composita. Kaltun, la più grande produttrice di quarzo macinato e classificato della Turchia, ha realizzato circa il 35% delle vendite turche di feldspato sodico all’estero, confermandosi come una delle aziende più conosciute nel mondo in questo settore. Per quanto riguarda la produzione, gli obiettivi dell’azienda sono sempre stati quelli di fabbricare i propri prodotti dopo la lavorazione e di raggiungere i più alti valori di esportazione. Nel 2001, Kaltun occupava la quarta posizione nella classifica per esportazioni delle maggiori società minerarie del settore; nel 2003, le esportazioni di Kaltun Mining hanno raggiunto 950.000 tonnellate su una produzione totale di 1.245.000 tonnellate. Nel 2005 le vendite sono di-

minuite: il volume totale è sceso a 1.450.000 tonnellate e le esportazioni a 835.000 tonnellate; ma nel 2006 i valori sono saliti di nuovo con vendite totali superiori a 1.890.000 tonnellate e esportazioni di 1.300.000 tonnellate. Nel 2007, nonostante il totale delle vendite sia sceso a 1.730.000 tonnellate, le esportazioni sono aumentate di nuovo raggiungendo 1.335.000 tonnellate. Nel 2008 i valori di vendite totali e di esportazioni sono scesi rispettivamente a 1.700.000 tonnellate e 1.300.000 tonnellate. Infine, nel 2008 la società ha registrato vendite totali per 1.300.000 tonnellate, tra cui 1.000.000 tonnellate di esportazioni, mentre attualmente l’export si attesta ad una percentuale pari all’80%. Kaltun si caratterizza per 8 impianti di macinazione, essiccazione e classificazione (impianti di Çine), 3 impianti di galleggiamento per feldspato sodico (impianti di Çine, Sarıkısık e Hisarardı), 5 impianti di frantumazione (impianti di Çine, Sarıkısık e Güllük), 1 impianto di frantumazione e 2 impianti di separazione magnetica (impianti di Hisarardı), 1 impianto di omogeneizzazione (impianto di Güllük), In questi impianti l’azienda ha superato una produzione annuale di 1.300.000 tonnellate nel 2009, offrendo più di 100 prodotti che vanno da <10mm a <10micron in tutti i tipi di imballaggio, come sacchi di carta da 25 kg, sacchi da 50 kg, bigbags (da 1000 a 1200 kg), sfusi in container e sfusi. Per informazioni dettagliate sui prodotti Kaltun visitate il sito web: www.kaltun.com.tr

ADVERTISING

Furnaces / Kilns

Ceramic - Metal - R&D Microwave

drying, heating, debinding, decontamination, curing ... Continuous belt dryers up to 30 m / 150 kW. Chamber dryers up to 50 m3 / 200 kW.

Burning in overglaze colours on glass / ceramic.

Continuous belt furnace Heated length 14 m with 7 heating zones. 250 kW. Phone: +49 9665 9140-0 • Fax: +49 9665 1720 • E-Mail: info@linn.de

www.linn.de


Russia’s leading building & interiors exhibition

Ceramic Tiles. Mosaics. Skirting Boards, Inserts & Strips. Specialist & Decorative Trim. Floating Floors for Ceramic Tiles

5 – 8 April 2011 Expocentre, Moscow

www.mosbuild.com

Archceramica – International competition within the Ceramica exhibition. We invite architects, designers and builders to take part in the competition.

ITE Group Plc Mr. Darryl Pawsey +44 (0) 207 596 5210 darryl.pawsey@ite-exhibitions.com

General Media Sponsor:

With Assistance from:


22-25

march 9 th Edition

w w w. exporevesti r.com.br TransamĂŠrica Expo Center | SĂŁo Paulo | Brazil

Promoted by:

Supported by:

Co-located events:

2011


ink dif

design, production equ technologies

see you at

from

the 28th of september up to the 2nd of october 2010

palazzo dei congressi sala gialla e sala rossa


fferent

uipment, services and digital or traditional s for a new concept of ceramic decoration

Since 18 years Tecnografica has been thinking, running and working hard for ceramic tile industry. Thanks to its dreams, passion and great teamwork, Tecnografica is constantly creating and developing the design and the new techniques for the most modern ceramic technologies.

Italia Tecnografica S.p.A.

Espa単a Tecnografica Iberica Design S.L.

w w w.tecnogr af ica .net