Page 1

ISSN 1121-0796

C eramic W orld R eview

n

n

n

technology news markets

TECNARGILLA 2012

World production and consumption of ceramic tiles Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica


Unthinkable is only what you haven’t seen yet. We thought the unthinkable and made something absolutely revolutionary, ready to change the horizons of ceramics worldwide. Wanting to make the impossible possible – yet again! – we did it with our eyes focused on the future: growth, evolution, environment.

Now it’s your turn! Hall A1

system-group.it

2012


systemceramics.com


Ready to rewrite the history of digital performance. 400 dpi at 40 metres per minute 4 levels of grey Up to 80 picolitres per drop 6 colour bars Lineless


The new ceramic era begins where water wastage ends.

Dry milling, colouring and decoration for top-quality ceramic products Saving water and energy resources is one of the key targets that the ceramic industry must meet in order to achieve sustainable development. LB has responded to the challenge by developing industrial processes for the production of top-quality ceramics based on totally dry technologies. This new production concept not only improves working conditions but also achieves energy savings and lower production costs without sacrificing product quality. Suitable for floor and wall tiles, whether SINGLE-FIRING, DOUBLE-FIRING, MONOPOROSA or PORCELAIN TILE.

www.lb-technology.eu


Impensabile è solo ciò che non avete mai visto. Abbiamo pensato l’impensabile e realizzato qualcosa di assolutamente rivoluzionario pronto a cambiare di nuovo il panorama della ceramica mondiale. Abbiamo voluto rendere possibile l’impossibile, lo abbiamo fatto guardando al futuro, alla crescita, all’evoluzione, all’ambiente.

Ora tocca a voi! Hall A1

system-group.it

2012


Year 22, N° 98 August/October 2012 Bimonthly review

Cover picture by: Giancarlo Pradelli

11

Anno 22, n° 98 Agosto/Ottobre 2012 Periodico bimestrale

editorial

14

contents sommarlo Paola Giacomini

Showcases of world excellence

Eccellenza mondiale in vetrina

world news World production and consumption of ceramic tiles

46

World production and consumption of ceramic tiles Paola Giacomini - Luca Baraldi

Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica

66

statistics

The future of building lies in BRIC countries

68

Growing India

70

Milena Bernardi

Il futuro dell’edilizia è nei BRIC

Shreekant Somany

Nell’India che cresce

Construction in Europe

Costruzioni in Europa

74

The Italian ceramic machinery industry reports double-figure growth Luca Baraldi

80

interview

Steady growth at Saudi Ceramics

Paola Giacomini

84

Negev makes large-scale investments

Silvia Bertolani

90

tecnargilla

Tecnargilla on the starting block

94

technology

Evo Plus, the new digital frontier

Marco Ferrari

98

Digital printing for large tile sizes

Alberto Bassanello

102

Digital evolution

Giuseppe Bandieri

106

Tools for simplifying digital decoration

112

Eco-friendly chemical products

116

Quality in low-consumption granulation

120 raw materials

Clays of Georgia for ceramic applications

Macchine per ceramica italiane: crescita a doppia cifra Saudi Ceramics in continua crescita Importanti investimenti per Negev Tecnargilla al via

Evo Plus, la nuova frontiera digitale Il digitale per grandi formati

Evoluzione digitale

Decorare in digitale è semplice con gli strumenti adatti La chimica che rispetta l’ambiente

Lucia Guatoli, Simona Ferrari

Stefano Schianchi

Qualità nella granulazione a consumi ridotti Argille della Georgia per applicazioni ceramiche

128 products 8

advertisers’ list

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 9 8 / 20 12

3


DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P R I N T ER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P R I N T ER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIGITAL PRINTER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIGITAL PRINTER

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT


Digitalian

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

CERAMIC DIGITAL PLOTTER

COLOR MANAGEMENT

DIG IT AL

PR INTER

DIG IT AL

PR INTER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P RI N T ER

DIGITAL PRINTER

D I GI T A L

P RI N T ER

Via dell’industria, 45 41040 Spezzano (MO) ITALY

Tel. +39 0536 1814052 Fax. +39 0536 1810269 info.intesa@intesa.sacmi.it

www.intesa.sacmi.it


ADVERTISING Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 Annual subscription (5 issues)

Abbonamento annuale (5 numeri)

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103

Ci siamo

App licati per Voi

Italy: € 50; International: €70; Online Version: €40; Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta.

Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 803 in data 26/07/91 Editor • Direttore responsabile Paola Giacomini

Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. Graphic Layout • Progetto Grafico

p.giacomini@tiledizioni.it

Sara Falsetti

Editorial coordinator

Printer • Stampa

Coordinamento editoriale

Arbe Industrie Grafiche spa, Via Emilia Ovest 1014 41123 Modena

Milena Bernardi

m.bernardi@tiledizioni.it Editorial Board • Comitato Editoriale

Luca Baraldi, Silvia Bertolani, Cristian Cassani, Patrizia Cazzaniga, Paolo Gambuli, Erminio Guiducci, Linda Petracca, Fabio Schianchi Advertising • Pubblicità

TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 Paola Giacomini Cell. +39 335 1864257 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni Cell. +39 338 5361966 E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Translation • Traduzione

John Freeman (JF) - English Geoff Day (GD) - English Wei Bo (WB) - Chinese Elena Sourova (ES) - Russian

Photolits • Typesetting

Fotolito/Fotocomposizione Vaccari Zincografica srl - Via Salgari, 61 41123 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 03/09/12 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

keep

App -to-date with

Promoted by

Tile Edizioni also publishes:

for tablet and smartphone free download


Al Jawdah 63 Ancora 27 Appel 44 Assoprint 35 Astc 9 Atos 19 Bedeschi 125 Bmr 15 Cersanex 2013 177 CTW 187 C.M.F. 115 Carfer Forni 167 185 Cevisama Coeltunnel 69 Color Store 88-89 Colorobbia 29 - 55 Cotto 12-13 Cretaprint 45 David - LUH 191 Devel 23 Durst 83 Elle K Automazioni 169 Esmalglass 109 Euromeccanica 79 Ferrari e Cigarini 161 151 F.M. Future Ceramics 65 Gp Service 171 Goerg & Schneider 117 21 Heraeus Kulzer Hito Technical Ceramics 155 Hob Cer.Tec 165 183 Hotel Executive I.C.F. & Welko 72 Imerys 123 Inco 175 93 Industrie Bitossi Indian Ceramics 181 Intesa 4-5 Inter Ser 59 - 127 Kaltun 22 Kajaria 51 Keratech 149 Laticrete International 49 L.B. Officine Meccaniche 1

advertiser’ list

Linn High Therm 8 Macs Tech 137-139-141-143-145-147 Manfredini & Schianchi 57 Martinelli Group 25 M.D. Microdetectors 129 Mectiles Italia 133 Modena Centro Prove 87 43 Nuova Era Officine Smac 107 Plastorgomma Service 154 150 Poppi Clementino Remas 173 Revestir 179 Robatech 71 Sacmi IV cop Sait 131 Seedex 153 Sertam, a Company of BP Elettronica 111 Setec 18 Sibelco 31 Simac Tech 20 Siti B&T 10 - 47 6 Siti B&T White Smalticeram 33 Smaltochimica 37 Soltek 75 Stephan Schmidt 119 192 Surfaces Technological Abrasives System II cop - 2 TA-RO 77 Tecnoferrari 61 III cop. Tecnografica Tenax 157 Torrecid 101 53 Turkish Ceramic Federation United Minerals Italy 163 Unicera 39 Vetriceramici 103 Vidres 105 Wanxing 73 Weflex 85 Weka 159 Xaar 95 Xieta 17

ADVERTISING

Furnaces / Kilns

Ceramic - Metal - R&D Microwave

drying, heating, debinding, decontamination, curing ... Continuous belt dryers up to 30 m / 150 kW. Chamber dryers up to 50 m3 / 200 kW.

Burning in overglaze colours on ceramic / glass. Continuous belt furnaces Heated length 14 m with 7 heating zones. Channel height 500 mm, channel width 600 mm. Tmax. 920 °C. Phone: +49 9665 9140-0 • Fax: +49 9665 1720 • E-Mail: info@linn.de

www.linn.de


join the kiln revolution

A uniquely BrAziliAn revolutionAry technology which is chAnging the cerAmics mArket. Astc technology ltda, based in Sao Paolo, Brazil and specializing in the heating of sanitary ceramic products, has announced the launch of the Astc kiln: the first tunnel kiln equipped with innovative and revolutionary technology which saves more than 45% of natural gas than traditional kilns and provides a significant reduction in environmental impact.

ASTC Technology Ltda, Sao Paolo, Brazil www.astctec.com

TECNARGILLA – WING D1/STAND 064


Showcases of world excellence

Eccellenza mondiale in vetrina Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

tect Shigeru Ban. With tens of thousands of visitors from all over the world expected to converge on Tecnargilla and Cersaie, exhibitors from both sectors are looking to these buyers in the hope of maintaining their export growth trends. The plant and machinery manufacturers reported a 31.3% rise in export turnover in 2011 to 1,057 million euro, while the Italian tile industry saw its exports increase to 3,570 million euro (+4.6%). The continued growth in world tile production and consumption (and likewise in tile imports/exports, although at a slower pace) is confirmed by the now customary annual statistical report which we are publishing in this issue. In 2011 world tile production passed the 10 billion sq.m mark to reach 10,512 million sq.m, 10.1% up on 2010. Consumption reached 10,370 million sq.m (+10.2%), while imports/exports increased by 8.7% to 2,130 million sq.m. Given the sharp growth in the sales of Italian plant and machinery manufacturers in the two-year period 2010-2011, we can expect to see further growth in world production volumes by the end of 2012, a forecast that is already being confirmed by the preliminary estimates made by various tile producer countries. (JF)

Siamo alla vigilia del doppio appuntamento più importante per l’industria ceramica internazionale. Il 24 settembre si aprono a Rimini i cancelli di Tecnargilla, il giorno dopo è la volta di Cersaie a Bologna e per una settimana le due città italiane si trasformano nelle capitali mondiali della piastrella, del sanitario e delle più avanzate tecnologie per produrli. Tecnargilla, con i suoi 450 espositori, punta soprattutto sulle tecnologie ad elevata efficienza produttiva e sull’ecosostenibilità dei processi, con un occhio sempre rivolto all’innovazione nel campo del design e dell’estetica della piastrella, sia nella sezione Kromatech dedicata a colorifici e materie prime, che nelle mostre allestite all’interno di Ceramic Workshop (Ceramic Trends, IED Lab Ceramic for Kitchen) e al concorso Tecnargilla Design Award. Cersaie, 730 espositori, resta la vetrina più prestigiosa in cui l’industria italiana produttrice di piastrelle può mostrare i nuovi materiali - all’avanguardia per contenuto tecnologico e valore estetico - a rivenditori, distributori, architetti e designer italiani e internazionali. Ricco anche quest’anno il calendario di eventi collaterali, tra cui la Lectio Magistralis dell’architetto portoghese Eduardo Souto de Moura e la conferenza dell’architetto giapponese Shigeru Ban.

attesi da tutto il mondo a Tecnargilla e Cersaie e su di loro convergono le aspettative degli espositori di entrambi i comparti per vedere confermati i trend di crescita delle rispettive esportazioni: per i costruttori italiani di impianti e macchine il 2011 si è chiuso con un incremento di fatturato estero del 31,3% a 1.057 milioni di euro; per l’industria italiana produttrice di piastrelle l’export 2011 è risalito a 3.570 milioni di euro (+4,6%).

Che produzione e consumo mondiali di piastrelle continuino a crescere (e con essi anche i flussi di import-export del prodotto ceramico, sebbene a velocità meno sostenuta) trova conferma nel tradizionale aggiornamento statistico che pubblichiamo in questo numero: nel 2011 la produzione mondiale ha sfondato il muro dei 10 miliardi mq portandosi a 10.512 milioni mq, +10,1% sul 2010; il consumo ha toccato quota 10.370 milioni mq (+10,2%) e i flussi di import/export sono cresciuti dell’8,7% raggiungendo i 2.130 milioni mq. La forte crescita delle vendite dei costruttori italiani di impianti nel biennio 2010-2011 porta a ritenere che a fine 2012 registreremo un ulteriore balzo in avanti dei volumi prodotti a livello mondiale, previsione che trova peraltro già riscontro nelle stime preconsuntive di diversi Paesi produttori di pia Decine di migliaia gli operatori strelle.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 20 12

11

editorial

The stage is set for the appointment with the two most important events for the international ceramic industry. Tecnargilla will be opening its doors in Rimini on 24 September, followed the next day by Cersaie in Bologna, and for a week the two Italian cities will be transformed into the world capitals of tiles, sanitaryware and the most advanced manufacturing technologies. Tecnargilla, with its 450 exhibitors, will be focusing in particular on high-efficiency production technologies and environmentally friendly processes. Innovation in tile design and aesthetics will be in the spotlight in the Kromatech section reserved for colour producers and raw materials suppliers, at the exhibitions held in Ceramic Workshop (Ceramic Trends, IED Lab Ceramic for Kitchen) and in the competition Tecnargilla Design Award. Cersaie, with 730 exhibitors, is the world’s most prestigious showcase for the Italian ceramic tile industry and the ideal opportunity to display new hi-tech, aesthetically appealing materials to Italian and international retailers, distributors, architects and designers. This year’s show once again has a packed programme of ancillary events, including a keynote lecture given by Portuguese architect Eduardo Souto de Moura and a conference by Japanese archi-


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Piemme

chooses

Siti-B&T

Siti-B&T has started up a modern new production line at the facility of Ceramiche Piemme in Solignano (Modena). The plant has been in operation since August and is one of the most significant projects carried through by Siti-B&T in Italy in the last two years. The plant is designed for the production of glazed porcelain tile with coloured body in sizes ranging from 300x300 mm to 900x1200 mm. The supply package consisted of 2 singlechannel roller kilns with feeding channel of width 2850 mm and each of length 97.68 m equipped with modern heat recovery systems to reduce gas consumption, 4 latest-generation EVO series hydraulic presses (two 6600 ton and two 5000 ton models with free clearance between columns of 2450 mm), 4 five-channel horizontal dryers of width 3000 mm and length 14.15 m, a handling system comprising 15 LGV laser-guided vehicles and a storage plant

CWR Persian

shines at

Ceramic World Review Persian was very well received at Cerafair 2012, the international exhibition of ceramic tiles and sanitaryware held in Teheran in June. Launched last January through collaboration between our magazine and the Iranian publisher Arta Group, CWR Persian, the Farsi language version of Ceramic World Review, continues to garner widespread praise from Iranian ceramic industry professionals, who appreciate the access it provides to highquality technical information and international news. The CWR Persian stand received visits from ceramic company managers and technicians, as well as university lecturers and students. This reflects the fact that new magazine has already established a position as an authoritative source of information for sector studies and surveys in the academic world. Praise for the

14

consisting of 270 roller boxes and platforms with 17 new-generation storage machines. Squaring and lapping machines supplied by BMR were also installed in the line. The entire line is centralised in the “Unico” data collection system tailored by Siti-B&T Group to the needs of Ceramiche Piemme. “Unico” is able to perform advanced analysis of plant efficiency, control, management of production batches and complete and easy-to-understand troubleshooting. The plant was also designed to meet the needs of energy saving. By cutting the number of kilns from 6 to 4, the company will be able to reduce consumption by at least 30%.

Cerafair publishing initiative also arrived from the organisers of Cerafair and from high-ranking officials, who noted that in spite of the Iranian ceramic industry’s strong potential, the country has always lacked an effective publication capable of communicating its activity and results. Numerous subscriptions were collected at the exhibition as the majority of visitors were keen to receive the magazine regularly. It is distributed in around 3,000 copies throughout Iran and is available on the Ceramic World Review stand at leading international exhibitions.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

P iemme

sceglie

S iti -B&T

È stata avviata la nuova, moderna linea produttiva firmata Siti-B&T presso lo stabilimento di Ceramiche Piemme a Solignano (Modena). L’impianto, operativo dal mese di agosto, rappresenta uno dei progetti più interessanti realizzati in Italia da Siti-B&T nel corso degli ultimi due anni. La linea è destinata alla produzione di porcellanato smaltato con supporto colorato ed è stata dimensionata per produrre formati da 300x300 mm fino a 900x1200 mm. La fornitura ha previsto 2 forni a rulli monocanale con bocca di carico 2850 mm e lunghezza ognuno di 97,68 m, dotati dei moderni sistemi di recupero calore che permettono la riduzione del consumo di me-

CWR P ersian

brilla a

tano; 4 presse idrauliche, serie Evo di ultima generazione, di diverso tonnellaggio, 2 da 6600 ton e 2 da 5000 ton tutte con luce 2450 mm; 4 essiccatoi orizzontali penta canale da 3000 mm/14, 15 m; l’impianto di movimentazione comprendente n.15 veicoli Lgv a guida laser e l’impianto di stoccaggio comprensivo di 270 tra box a rulli e pianali con 17 macchine di stoccaggio di nuova generazione. In linea sono state inserite anche le macchine per la squadratura e la lappatura, fornite da BMR. Il tutto è centralizzato nel sistema di raccolta dati “Unico”, elaborato da Siti-B&T Group sulle esigenze di Ceramiche Piemme. “Unico” permette un’analisi evoluta dell’efficienza dell’impianto, il controllo, la gestione dei lotti di produzione e la diagnosi completa e comprensibile dei problemi. L’impianto è stato concepito anche in funzione del risparmio energetico: grazie alla riduzione dei forni da 6 a 4, l’azienda vedrà infatti i suoi consumi ridotti almeno del 30%.

C erafair

Ottima accoglienza per Ceramic World Review Persian a Cerafair 2012, fiera internazionale dedicata alla ceramica e ai sanitari, svoltasi a Teheran nel mese di giugno. Nata lo scorso gennaio dalla collaborazione tra la nostra testata e l’editore iraniano Arta Group, CWR Persian, la versione in lingua farsi di Ceramic World Review, continua infatti a riscuotere ampi apprezzamenti dagli operatori iraniani dell’industria ceramica che possono accedere con maggiore facilità ad informazioni e aggiornamenti tecnici di qualità, oltre che di respiro internazionale. Lo stand di CWR Persian è stato visitato da manager di aziende ceramiche e tecnici, oltre che da docenti universitari e studenti; in par-

ticolare, anche in ambito accademico, la nuova rivista ha già conseguito il ruolo di fonte autorevole da cui attingere per studi e ricerche sul settore. Ringraziamenti per l’iniziativa editoriale sono giunti, oltre che dagli organizzatori di Cerafair, anche da alti funzionari che hanno sottolineato come, a fronte del grande potenziale dell’industria ceramica iraniana, fosse sempre mancato nel Paese il supporto di un valido strumento di comunicazione che ne veicolasse operato e risultati. Numerosi anche gli abbonamenti raccolti in fiera, la maggior parte dei visitatori ha infatti richiesto di ricevere regolarmente la rivista, che viene distribuita in maniera capillare - circa 3.000 copie - in tutto il territorio iraniano, oltre ad essere presente presso le maggiori fiere internazionali di settore negli stand di Ceramic World Review.


Con le nuove tecnologie a secco BMR risparmia il 100% di acqua rispetto alle normali macchine di squadratura/bisellatura. E la natura ringrazia. Fresh ideas for ceramics. The new dry technologies from BMR achieve 100% water savings with respect to normal squaring/chamfering machines. A big plus for the environment.

IDEAS TECHNOLOGY RESOURCES HISTORY THE ESSENCE OF LEADERSHIP

www.bmr.it

omniadvert.it

FRESCHE IDEE PER LA CERAMICA


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

LB

at

Tecnargilla 2012

At Tecnargilla, LB is showcasing a range of new products that highlight the group’s intense efforts in the field of technology. These include Linear Design, an evolution of the decoration line for full-body porcelain tile; an innovative multi-layer press feeding system capable of faithfully reproducing a wide range of aesthetic effects; the new Croma version equipped with special feeding kits to reproduce combined aesthetic effects for full-body porcelain tile; the new MRV 45/1800 vertical roller mill for dry grinding of ceramic raw materials with a production capacity of up to 45

Ceramica Cerrad

ton/h; and top-of-the-range GRC microgranulation systems for dry milled ceramic bodies (LB patent). LB’s efforts in the field of energy saving over the past five years and its ability to significantly reduce production costs while maintaining high product quality has led to excellent commercial results, especially in markets where cutting water usage and saving deflocculants, gas and electrical energy are particularly important issues. The latest dry grinding systems with LB microgranulation technology have been installed in North Africa, South America and the Middle East.

invests in

Sacmi has been commissioned to supervise renovation and extension of the plant in Starachowice, Poland of Cerrad, a longstanding manufacturer of pressed clinker. The fully automated installed line has complex and ambitious characteristics and offers plenty of margin for energy saving. This was a real challenge for Sacmi, which for the project adopted the finest technology available on the market. The heart of the system is the double layer kiln which achieves a total tile output of 12,000 sq.m/day and allows for a high degree of manufacturing flexibility. The upper channel is used to produce medium-large floor tiles while the lower one simultaneously produces 245x65 mm trims (7,000 sq.m/day or more than 300 pieces per minute). The process occurs directly from the presses and output is sorted and packaged automatically. Two PH3200 hydraulic presses with an inter-column clearance of 2,450 mm, capable of pressing 22 cavities for trims or medium-large floor tiles in a single row, were equipped with the brand-new CRS (rapid mould changeo-

16

LB

Sacmi

technology

ver) device, resulting in downtimes of less than thirty minutes and previously unseen levels of mould changeover manoeuvrability, accessibility and simplicity. Thanks to the short downtimes, the handling system for both unfired and fired materials is direct, with fixed one-hour storage boxes for both planned and unscheduled stops. Sima’s engineers have come up with innovative and personalised solutions for the safe and secure management of production rates that can peak at 360 pieces/minute per channel. Four Nuova Fima sorting and packaging lines have been installed at the kiln outlet complete with all the devices needed to handle the difficult range of sizes. Sacmi Forni has also supplied two horizontal multi-channel ETP dryers in conjunction with the double layer FBN kiln, designed for efficient channel separation. The resultant specific gas savings are in the region of 30%.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

a

T ecnargilla 2012

LB si presenta a Tecnargilla con una serie di novità che confermano l’intensa attività del gruppo sul fronte tecnologico. In mostra Linear Design, evoluzione della linea di decorazione per gres porcellanato tecnico, un innovativo sistema di alimentazione pressa multi-strato in grado di riprodurre fedelmente ogni tipo di effetto estetico; Croma nuova versione equipaggiata con speciali kit di alimentazione per riprodurre effetti estetici combinati per gres porcellanato tecnico; MRV 45/1800, nuovo mulino verticale a rulli per la macinazione a secco di materie prime ceramiche con capacità produttiva fino

C eramica C errad

45 ton/h e GRC top di gamma dei sistemi di microgranulazione per impasti ceramici macinati a secco (brevetto LB). L’impegno di LB negli ultimi 5 anni sul fronte del risparmio energetico, preservando elevati standard qualitativi del manufatto ceramico con una sensibile riduzione dei costi produttivi, ha generato importanti risultati commerciali soprattutto nei mercati più sensibili al contenimento dell’utilizzo di acqua e al risparmio di deflocculanti, gas ed energia elettrica. Gli ultimi sistemi di macinazione a secco con tecnologia di micro-granulazione LB sono stati installati in Nord Africa, Sud America e Medio Oriente.

investe con

Sacmi ha curato la ristrutturazione e l’ampliamento dell’impianto di Ceramica Cerrad a Starachowice, Polonia, storico produttore di clinker pressato. La linea installata, completamente automatizzata, presenta caratteristiche complesse e ambiziose e garantisce ampi margini di risparmio energetico. Una vera sfida per Sacmi che, per la realizzazione del progetto, ha messo in campo le migliori tecnologie disponibili sul mercato. Cuore della fornitura, il forno bicanale, che realizza complessivamente 12.000 mq/giorno di piastrelle ceramiche e permette elevate flessibilità produttive. Nel canale alto, infatti, vengono prodotti formati medio-grandi, mentre, nel canale basso, in contemporanea, listelli di dimensioni 245x65 mm (7.000 mq/ giorno, oltre 300 pezzi al minuto). Il processo avviene in diretta dalle presse e la produzione viene scelta e inscatolata auto-

S acmi

maticamente. Due presse oleodinamiche PH3200, con luce colonne di 2.450 mm, capaci di pressare 22 uscite di listelli o formati medio grandi da pavimento in un’unica fila, sono state equipaggiate con il nuovissimo dispositivo CRS (cambio rapido stampo), che consente fermate inferiori ai trenta minuti, con manovrabilità, accessibilità e semplicità nel cambio stampo particolarmente elevate. Proprio in virtù di fermate così brevi, l’impianto di movimentazione opera in diretta, nel crudo e nel cotto, con box fissi per stoccaggi di un’ora per fermate programmate e di emergenza; gli ingegneri di Sima hanno studiato soluzioni innovative e personalizzate per gestire con sicurezza picchi di produzione fino a 360 pezzi/minuto per canale. Allo scarico forno sono state posizionate quattro linee di scelta e confezionamento Nuova Fima, dotate degli accorgimenti necessari per manovrare formati così diversi. Sacmi Forni ha realizzato due essiccatoi orizzontali ETP pluricanale che, insieme al forno bicanale FBN, studiato per una reale ed efficace separazione dei piani di cottura, hanno permesso un risparmio specifico di gas del 30%.





world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Seedex

Seedex, a company operating in the ceramic tile decoration sector, moved to its new site with offices and warehouse in Via Falzarego in Sassuolo as of 1 September. This marks a major step forward for the company, which showed considerable courage when it started up two years ago in the midst of the economic recession. Strong growth in a number of European, Middle Eastern and overseas markets testifies to the high quality of the company’s products and service and the expertise of its two owners, Maurizio Riccò and Stefano Gandini, professionals with twenty years of experience in the ceramic decoration sector. The following are some of the most successful products in the Seedex range: the latest generation of Sectio laser engravers for all types of roller with silicone or plastic surfaces; the new Seedroll silicone roller made with advanced technology for all kinds of ceADVERTISING

N uova

moves to new site ramic tile decoration; and the range of specific equipment and products for screen printing laboratories, ceramic companies’ graphic laboratories and technological laboratories. Service and support are provided through collaboration with the Tecser technical team. The company has received excellent feedback at the various trade fairs it has taken part in this year: Cevisama in Spain, Cerafair in Iran and Ceramics China in China. The next appointment is at Tecnargilla 2012, where Seedex will be presenting its latest technological innovations, including the new package of inkjet printing equipment and accessories developed in partnership with the specialist firm Colour Service.

sede per

S eedex

Dal 1° settembre, Seedex, società attiva nel settore della decorazione di piastrelle ceramiche, è operativa nella nuova sede di Sassuolo, in via Falzarego, con uffici e magazzino. Un’importante conferma e traguardo per un’azienda che ha debuttato da soli due anni, mostrando il coraggio di investire in un momento economico tra i più difficili. Buoni i trend di crescita registrati finora in diversi mercati in Europa, Medio Oriente e nei paesi d’Oltremare, grazie alla qualità di prodotti e servizio e alla competenza dei due titolari, Maurizio Riccò e Stefano Gandini, professionisti che vantano una ventennale esperienza nel settore della decorazione ceramica. Tra i prodotti della gamma Seedex che stanno riscuotendo maggiore interesse:

l’ultima generazione di incisori laser Sectio per l’incisione di tutti i tipi di cilindro con superficie siliconica e plastica; il nuovo cilindro in silicone Seedroll, realizzato con tecnologia avanzata per ogni tipo di decorazione su piastrelle ceramiche; e la gamma di attrezzature e prodotti specifici per i laboratori serigrafici, i laboratori grafici di aziende ceramiche e quelli tecnologici, per i quali il servizio e l’assistenza sono garantiti grazie alla collaborazione con il team tecnico di Tecser. Ottimi i riscontri ottenuti alle varie fiere di settore a cui l’azienda ha partecipato quest’anno - Cevisama in Spagna, Cerafair in Iran, Ceramics China in Cina - mentre il prossimo appuntamento sarà a Tecnargilla 2012, dove, oltre a presentare le ultime novità tecnologiche, Seedex presenterà alla clientela il nuovo pacchetto di attrezzature e accessori per laboratori grafici e di ricerca dedicati alla stampa inkjet, frutto dell’accordo di collaborazione e sviluppo tecnologico intrapreso con l’azienda specializzata Colour Service.


ADVERTISING

electrohydraulics for

presses

M.D. Micro Detectors makes investments

M.D. M icro D etectors rilancia

The Modena-based company M.D. Micro Detectors founded in 1971 designs and manufactures a wide range of industrial sensors (photoelectric, ultrasound, proximity and area sensors, safety products and accessories). In 2011 it made a number of investments with the aim of revitalising its business. A plan was drawn up to launch a significant number of new products together with a radical reorganisation of the Operations and R&D departments in accordance with the Lean Thinking methodology. This was backed by a programme of investments in new machinery that will allow for greater manufacturing efficiency and higher quality together with shorter new product development times. M.D. Micro Detectors believes in the added value of Italian technology and has chosen to add the words “Italian Sensor Technology” and the colours of the Italian flag to its logo to highlight the origin of its products.

M.D. Micro Detectors, azienda modenese che progetta e produce dal 1971 un’ampia gamma di sensori industriali (sensori fotoelettrici, ultrasonici, di prossimità, di area, prodotti di sicurezza e accessori), ha attivato già dal 2011 investimenti finalizzati a rilanciare la propria attività. È stato infatti messo a punto un piano per il lancio di un numero significativo di nuovi prodotti unitamente a una profonda riorganizzazione delle aree Operation e Ricerca e Sviluppo, secondo la metodologia Lean Thinking. A tutto ciò si affianca un piano di investimenti in nuovi macchinari e attrezzature che permetteranno una maggiore efficienza produttiva e qualitativa con riduzione delle tempistiche di sviluppo dei nuovi prodotti. M.D. Micro Detectors, che crede nel made in Italy come valore aggiunto, ha deciso di evidenziare la propria produzione inserendo nel logo la dizione “Italian Sensor Technology” e i colori della bandiera italiana.

Manfredini & Schianchi

T ecnologia a secco M anfredini & S chianchi

supplies dry technology to I ran Golceram Tile Company, one of Iran’s top ceramic tile manufacturers, has installed a dry preparation plant from Manfredini & Schianchi for the production of red body single fired tiles. The line will fully exploit M&S Dry-Tech technology. Primary milling will be performed by a Pig-Hd hammer mill, which in turn will feed a Molomax 6/230-AIR pendular mill to deliver an output of over 30 t/h of extremely high quality ceramic body. This body will be agglomerated by two Forgia MS38 granulators, feeding two lines with an output of 35,000 sq.m/day. All the presses will be equipped with Manfredini & Schianchi rotating sieves, a patented technology that guarantees optimum homogenisation and loading of material at the press. Here too the ceramic body composition is determined through research carried out by the M&S technological laboratory. The project will guarantee a payback time of one year and production with zero environmental impact.

• metal • press-brakes • die casting • ceramics

high-performance proportional valves with digital drivers & unique PC software control

proportional cartridges with digital drivers for motion & force axis control

in I ran

Golceram Tile Company, uno dei più importanti produttori di ceramica in Iran ha realizzato, in collaborazione con Manfredini & Schianchi, un impianto di preparazione a secco per la produzione di monocottura in pasta rossa. La linea sfrutterà a pieno la tecnologia M&S Dry-Tech. La macinazione primaria sarà affidata a un mulino a martelli Pig-Hd che andrà ad alimentare un mulino pendolare Molomax 6/230-AIR, per garantire una produzione di oltre 30 t/h di impasto ceramico di altissima qualità. L’agglomerazione di tale impasto sarà affidata a due granulatori Forgia MS38 che andranno ad alimentare due linee per soddisfare una produzione di 35.000 mq al giorno. Tutte le presse saranno equipaggiate con vagli rotativi Manfredini & Schianchi (tecnologia brevettata) per garantire l’omogeneizzazione ideale e il perfetto caricamento del materiale alla pressa. Anche in questo caso la composizione dell’impasto ceramico è frutto della ricerca effettuata dal laboratorio tecnologico M&S. Il progetto garantirà un ritorno economico dell’investimento calcolato in un anno e una produzione con impatto ambientale pari a zero.

safety valves designed to fulfil the safety criteria imposed by international norms

standard blocks for synchronization on press-brakes with BG & TÜV certifications

Atos digital electrohydraulics is succesfully operating in thousands modern presses with full reliability

www.atos.com

info@atos.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Inter Ser to introduce new products at Tecnargilla Inter Ser (Vercelli, Italy) has reported strong results in new and established markets, closing the first half of 2012 with 25% growth on 2011. This excellent performance confirms the growth trend already reported in the first quarter of the year. The company has pursued various strategies to achieve these results. While seeking new sales outlets, it has constantly searched for potential partners with whom to collaborate and share know-how and potential with a view to fostering growth and innovation. It has also introduced major technological innovations. At Tecnargilla 2012 (Hall D3, stand 072), Inter Ser will be showcasing new applications to complement digital technology. These include Poseidone, an innovative system that combines the high quality of curtain coater type glazing machines with the operational flexibility, simplicity of management and reliability ensured by electronic instrumenta-

tion. The system uses the Maciste pump for glaze batching. Poseidone allows for optimal application of glazes with a wide range of viscosities and densities prior to digital decoration. At Tecnargilla, Inter Ser will also be exhibiting a cooling system for tiles and a roller turning device for large sizes. Its core business of supplying a wide range of original, high-quality spare parts for the ceramic industry will also be well represented. This activity accounts for 85% of its total turnover. New products include a sorting line belt with a special red coloured anti-wear coating that ensures a 3 to 5 times longer lifetime than conventional belts and allows the user to limit machine stoppage times and cut down on the high maintenance costs for piece replacements.

I nter S er :

le novità a

T ecnargilla

Grazie alla penetrazione di nuovi mercati e al consolidamento di quelli già presidiati, Inter Ser chiude il 1° semestre 2012 con un +25% rispetto al 2011. Un traguardo importante che conferma il trend di crescita già registrato nei primi tre mesi dell’anno dall’azienda di Vercelli. Diverse le strategie messe in atto per il conseguimento di tali risultati: alla ricerca di nuovi sbocchi commerciali si accompagna infatti l’analisi costante dei possibili partner con cui fare rete e mettere insieme know how e potenzialità per favorire sviluppo e innovazione. Importanti novità anche sul fronte tecnologico: Inter Ser si presenta a Tecnargilla 2012 (Pad D3 stand 072) con nuove applicazioni da affiancare alla tecnologia digitale. In fiera sarà presentato Poseidone, un sistema innovativo in cui

gli elevati livelli qualitativi della smaltatura a velo si combinano con le caratteristiche di flessibilità operativa, semplicità di gestione e affidabilità, garantite da un’adeguata strumentazione elettronica. Il sistema si avvale della pompa Maciste per il dosaggio dello smalto. Poseidone consente di applicare lo smalto in modo ottimale, con ampio range di viscosità e densità, prima della decorazione digitale. In esposizione anche un sistema di raffreddamento per piastrelle e un girello a rulli per grandi formati. Non mancherà il core business dell’azienda, ossia la vasta gamma di ricambi, originali e di alta qualità per l’industria ceramica, che rappresenta l’85% del fatturato totale. Tra le novità, la cinghia speciale per linee di scelta, il cui speciale rivestimento antiusura, di color rosso, consente una durata da 3 a 5 volte in più rispetto alle cinghie classiche e permette all’utilizzatore di limitare i lunghi tempi di fermo macchina e ridurre gli onerosi costi di manutenzione per la sostituzione dei pezzi.

ADVERTISING

Senza intelligenza saremmo solo macchine

Without intelligence, we would be only machines

SIMAC TECH srl è specializzata nella progettazione e costruzione di macchine e impianti per l'industria. SIMAC TECH srl is a company specialised in the design and production of machines and systems for the industry.

ROBOTIC division

CERAMIC division

Isole robotizzate di confezionamento

Sistemi di alimentazione e caricamento pressa

Macchine automatiche per il confezionamento

Attrezzature per la movimentazione dei tamponi e degli stampi

Isole robotizzate per l’asservimento di macchine utensili

Sistemi di preparazione delle polveri

Isole robotizzate di paletizzazione

Impianti di colorazione a secco

Paletizzatori a portale (anche per l’industria ceramica)

Tintometri

/ Packaging robot cells

/ Press feeding and loading systems

/ Automatic machines for packaging

/ Die and mould handling equipment

/ Robot cells for machine-tools tending / Palletising robot cells

/ Powders preparation and dosing systems / Dry colouring systems

/ Gantry palletizer (suitable for the ceramic industry too)

/ Tintometric systems

Tecnologie al servizio della ceramic

/ Technologies in the service of the ceramic industry.

simactech.com

Tecnologie al servizio dell'industria.

Technologies in the service of the ceramic industry.


ADVERTISING

K ER A SY S ® L C

for perfect surfaces

B.P.Elettronica successfully relaunches S ertam

B.P.E lettronica rilancia con successo S ertam

Almost one year on from the acquisition of Sertam, B.P.Elettronica has made an initial evaluation of the operation and has highlighted the encouraging results that have been achieved. First and foremost the figure for customer portfolio: 84% of Sertam’s longstanding customers have been acquired, while negotiations are in progress with the remaining 16%. The machines for which Sertam is famous in the Italian decoration sector have been meticulously restyled and are proving highly successful. B.P.Elettronica has responded rapidly and with great professionalism to the numerous requests for new plants, original spare parts and specialist technical support. The new machines will be on display at Tecnargilla (Hall C1). The new internet site www.sertam.it will soon go online with the product catalogue and updates on the company’s activities.

A quasi un anno dall’acquisizione di Sertam, B.P.Elettronica traccia un primo bilancio dell’operazione evidenziando gli incoraggianti risultati conseguiti. Primo fra tutti, il dato relativo al portafoglio clienti: l’84% dei clienti storici Sertam risultano stabilmente acquisiti, mentre sono in corso trattative con il rimanente 16%. Il restyling accurato delle macchine che hanno reso Sertam un punto di riferimento per la decorazione made in Italy ha ottenuto importanti riscontri commerciali. Numerose le richieste di nuovi impianti e di ricambi originali, a cui l’azienda ha risposto con tempestività e professionalità fornendo anche l’assistenza tecnica specializzata. Le nuove macchine saranno in esposizione a Tecnargilla (Pad. C1). A breve, inoltre, sarà on-line il nuovo sito internet www. sertam.it con il catalogo prodotti e gli aggiornamenti sulle attività dell’azienda. C

Cost reduction with increases in quality! Kerasys® LC makes damages almost invisible.

fast-easy

M

Y

Creadigit receives orders from Savoia Italia and Gaya Fores Just a few months since the market launch of Creadigit, an automatic ceramic tile decoration machine with latest-generation inkjet technology, System Ceramics has already received orders from ceramic companies including Savoia Italia and Gaya Fores (Spain). Appreciating the high productivity of the system, Savoia Italia ordered a second plant for the sizes 30x30 cm and 30x60 cm. The Spanish firm Gaya Fores found the characteristics of Creadigit ideal for reproducing wood and natural stone effects on its large-format porcelain and monoporosa tiles. With its latestgeneration printheads (400 dpi native at 40 metres per minute), Creadigit can work with 6 colour bars and prints at 4 grey levels (where the largest droplet is 80pl). Print definition quality remains unchanged even at high speeds. The machine is also equipped with a recirculation system at the level of the nozzle plate. This increases its runtime as it is able to operate for around 5 hours without cleaning cycles and with lineless performance.

C readigit per S avoia I talia e G aya F ores

CM

MY

CY A pochi mesi dal lancio sul mercato di Creadigit, macchina automatica per il decoro di piaCMY strelle ceramiche con tecnologia a getto d’inK chiostro di ultima generazione, System Ceramics ha già raccolto i consensi di industrie ceramiche come Savoia Italia e Gaya Fores (Spagna). Savoia Italia, dopo aver verificato l’elevata produttività del sistema, ha provveduto ad effettuare l’ordine per un secondo impianto dedicato ai formati 30x30 e al 30x60 cm. Per quanto riguarda Gaya Fores, le caratteristiche di Creadigit si sono rivelate ideali per prodotti in porcellanato e monoporosa di grande formato, sui quali l’industria spagnola riproduce legni e pietre naturali. Grazie alle testine di stampa di ultima generazione (400dpi nativi per 40 metri al minuto), Creadigit è in grado di lavorare con 6 barre colore e stampa a 4 livelli di grigio (dove la goccia maggiore arriva a 80pl). La qualità di definizione della stampa è mantenuta inalterata anche ad elevate velocità. La macchina è dotata inoltre di un sistema di ricircolo a livello del piatto che contiene i hozzle, che ne aumenta l’autonomia: è infatti in grado di funzionare per circa 5 ore con prestazione lineless, senza ricorrere a cicli di pulizia.

Increase your profit! Accelerate your workflow with Kerasys® LC Kerasys® LC – light curing repair system for sanitary ceramics and porcelain

at: Meet us

2, illa 201 Tecnarg eptember S 24 - 28 Stand 173 Hall C3 Italy Rimini,

cost-effective Get in touch and visit us at the Tecnargilla 2012 and join our life performance. ... or right now: www.kerasys.de


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

TA-RO patents DeairTM Following an in-depth evaluation by the competent committee, last May the European patent office approved the application submitted by TARO for DeairTM technology. DeairTM de-airing punches have also enjoyed major international success in a wide range of production activities. Following the outstanding results achieved in the production of high-end products from spray-dried powders in the factories of leading Italian producers (GranitiFiandre, Sichenia and Antica Ceramica Rubiera), in recent months DeairTM has been tested and installed by two major South American manufacturers of glazed red body single fired tile using powders obtained from dry milling. The two new installations have brought increases in press output of between 20% and 40% while cutting roller milling rejects from 5% to 1%. This has enADVERTISING

TA-RO: couraged the factory managers to adopt the system on other production lines. The advantages of DeairTM include the possibility of increasing the tile size (generally associated with greater de-airing problems) by means of a system of pressure relief valves inside the punches, a lower operating temperature of the hydraulic oil, lower energy consumption of the press, higher unfired product strength and longer lifetime of punches and liners.

brevettato

D eair TM

Dopo un accurato esame da parte della commissione competente, l’ufficio europeo ha accolto lo scorso maggio la domanda di brevetto avanzata da TA-RO relativamente alla tecnologia DeairTM. I tamponi a disareazione DeairTM ottengono intanto nuove importanti conferme a livello internazionale su ogni tipologia di produzione. Dopo gli importanti risultati ottenuti in Italia su produzioni di prestigio con atomizzato (presso GranitiFiandre, Sichenia e Antica Ceramica Rubiera), DeairTM è stata

testata e installata negli ultimi mesi da due importanti aziende ceramiche sudamericane, produttrici di monocottura rossa smaltata con polveri ottenute per macinazione a secco. Nelle due nuove installazioni sono stati ottenuti incrementi di produzione alla pressa oscillanti tra il 20% e il 40% e gli scarti da laminazione sono stati ridotti dal 5% all’1%, risultati che hanno indotto i dirigenti di stabilimento ad adottare il sistema anche su altre linee produttive. Tra i vantaggi di DeairTM, la possibilità di aumentare il formato della piastrella (l’aumento delle dimensioni in genere aumenta i problemi di deaerazione) grazie a un sistema di valvole di sfiato interno ai tamponi, riduzione della temperatura di esercizio dell’olio idraulico, minore consumo energetico della pressa, incremento della resistenza dei pezzi in crudo e aumento della durata di punzoni e lastrine.


Ancora Group:

at the forefront of innovation and development Ancora Group has reported 20% year-on-year turnover growth in 2011 to a total of 52 million euro. This extremely positive result reflects the company’s ongoing research and development efforts, its ability to respond effectively to the demands of the market and its strong focus on customer service. Over the past three years Ancora Group has invested more than 5 million euro in research and development, focusing on custom plant designed to meet specific customer requirements. Thanks to its ownership of a number of national and international patents, the high quality of its machines and an uncompromising commercial strategy, the group has installed more than 800 lines in over 40 countries worldwide. The strongest results have been in Western Europe (including Italy) and East-

ern Europe, Latin America and North Africa. Its most widely sold products include complete lines for honing and lapping, special cutting lines, and eco-sustainable and energy-saving solutions for the ceramic industry. The Sassuolo-based group has also recently redesigned its website, adding content and making it more functional, interactive and simple to navigate. The decision to host news and press releases on the homepage reflects the aim of providing constantly updated information. The site also provides full information on Ancora’s participation at Tecnargilla 2012 (hall D1, stand 071).

A ncora G roup : innovazione e sviluppo in prima linea Giro d’affari in aumento per Ancora Group, che ha chiuso il 2011 con un +20% rispetto all’anno precedente, registrando un fatturato aggregato di 52 milioni di euro. Un risultato molto positivo che premia l’impegno continuo nella ricerca e sviluppo, la capacità di rispondere in modo efficace alle richieste del mercato e l’attenzione al cliente in termini di servizio. Proprio nella ricerca e sviluppo, Ancora Group nell’ultimo triennio ha investito oltre 5 milioni di euro, puntando inoltre sulla progettazione su misura degli impianti, in funzione delle specifiche esigenze dei clienti. La titolarità di diversi brevetti nazionali e internazionali, l’elevata

qualità delle macchine e un’impegnativa strategia commerciale hanno reso possibile la presenza del gruppo in oltre 40 Paesi nel mondo con oltre 800 linee installate. Le aree che hanno registrato i migliori risultati sono state l’Europa Occidentale, Italia compresa e Orientale, l’America Latina e il Nord Africa. Tra i prodotti più venduti, le linee complete per la levigatura e lappatura, le linee speciali di taglio, le soluzioni ecosostenibili e per il risparmio energetico in ceramica. Il gruppo sassolese ha appena rinnovato il sito web, rendendolo più funzionale, ricco di contenuti, intuitivo nella navigazione e interattivo. La scelta di dare risalto alle news e ai comunicati stampa evidenzia la volontà di fornire una comunicazione aggiornata e dinamica. Sul sito è inoltre possibile trovare tutte le informazioni relative alla partecipazione di Ancora a Tecnargilla 2012 (pad D1, stand 071). ADVERTISING

VISIT US AT

TECNARGILLA Pad C1 stand 047


world news

www.CeramicWorldWeb.it

CSM XL:

new

Simac Tech

Simac Tech, a company based in Castellarano (Reggio Emilia, Italy) that benefits from the thirty years of experience of Simac, recently patented its demounting and remounting system for large-format front and/or back face punches fitted into the press mould in ceramic tile production. Called CSM XL, this is currently the only system on the market that is capable of rapidly changing front and/or back face punches larger than 600x600 mm. The punches are moved without having to demount the carriage located in the rear section of the press. Furthermore, the guides allow the front and/or back face punch to be centred during the operation of insertion into the mould. Thanks to its unique construction characteristics and simplicity of use, CSM XL pro-

Usak Seramik

chooses

Usak Seramik, a major Turkish manufacturer of high-end ceramic tiles, recently opened a new dry raw materials preparation plant which will ensure a daily production of 35,000 sq.m of single and double fired floor and wall tiles in sizes up to 60x60 cm. In the plant, supplied by Manfredini & Schianchi, primary grinding is performed with a P.I.G. HD mill, while granulation is handled by the Forgia MS38 wetting machine. The heart of the plant is the new Molomax 6/500 pendular mill, which is capable of producing 30 ton/h with separation below 63 mi-

Kohler

uses

vides a rapid and functional solution for the movement of front and/or back face punches, thereby considerably reducing production changeover times.

Molomax cron. This guarantees an extremely smooth finished product surface that is ideal for the use of digital technology and high-gloss glazes. Due to its ability to handle raw materials with a high moisture content, Molomax can perform dry grinding even in countries where clays tend to be very moist due to climatic factors.

Light Yellow

Kohler, a historic American producer of bathroom furnishing items, has adopted the Light Yellow system from Sait’s CheckSan series for vacuum leaking testing of its sanitary fixtures. The order also includes a touch screen to interface with

24

patent

the centralised production data collection systems. The system can detect leaks down to a minimum size of 60 micron.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

CSM XL:

nuovo brevetto

Simac Tech, azienda di Castellarano (RE), nata dall’esperienza trentennale di Simac, ha da poco brevettato il sistema di smontaggio e rimontaggio tamponi e/o marche per grandi formati, applicati allo stampo della pressa,

U sak S eramik

punta sul

Usak Seramik, importante realtà turca attiva nella produzione di piastrelle di alta gamma, ha recentemente inaugurato il nuovo impianto di preparazione materie prime a secco che dovrà soddisfare una produzione giornaliera di 35.000 mq di pavimento e rivestimento in monocottura e bicottura, con formati anche di 60x60 cm. Nell’impianto, fornito da Manfredini & Schianchi, la macinazione primaria avviene con il mulino P.I.G.HD, mentre la fase di

K ohler

utilizza

S imac T ech

nella produzione di piastrelle ceramiche. CSM XL, questo il nome del sistema, è attualmente l’unico strumento in commercio che permette di risolvere con pochi rapidi gesti il cambio tamponi e/o marche superiori a 600x600 mm. La movimentazione dei tamponi avviene infatti senza ricorrere allo smontaggio del carrello situato nella parte posteriore della pressa; inoltre, tramite delle guide, è possibile effettuare il centraggio del tampone e/o marca durante la fase di inserimento nello stampo. Grazie alle caratteristiche costruttive e alla semplicità di utilizzo, CSM XL è in grado di risolvere in maniera rapida e funzionale la movimentazione di tamponi e/o marche riducendo considerevolmente i tempi di cambio produzione.

M olomax granulazione è gestita dalla bagnatrice Forgia MS38. Cuore dell’impianto il nuovo mulino pendolare Molomax 6/500, in grado di produrre 30 ton/h con taglio di separazione inferiore a 63 micron, per garantire una superficie del prodotto finale estremamente liscia e quindi ideale per l’applicazione della tecnologia digitale e di smalti superlucidi. Molomax, per le sue capacità di trattare materie prime con alto tenore di umidità, consente la macinazione a secco anche in Paesi dove per cause climatiche le argille risultano molto umide.

L ight Y ellow

Kohler, storica azienda americana produttrice di articoli per l’arredobagno, per le prove di tenuta del vuoto sui propri articoli igienico sanitari, ha adottato il sistema Light Yellow di Sait, uno dei

moduli che compongono la famiglia CheckSan. La fornitura comprende anche un elaboratore touch screen per l’interfaccia ai sistemi centralizzati di raccolta dei dati di produzione. La minima dimensione delle perdite rivelate ha raggiunto i 60 micron.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

New

orders for

System-Nuova Era

Marazzi Group has commissioned partner companies System-Nuova Era to build a plant for the production of 6500 sq.m/ day of porcelain tile in sizes 30x30 cm and 90x90 cm. The plant will be installed by the end of October and consists of a kiln loading and unloading system, two Robofloor units for the fired product storage plant and a series of connections and accessories. For its Italian and Spanish facilities, Marazzi has also adopted the 4Phases packaging system from System Ceramics to optimise packaging costs, especially for large sizes. 4Phases features a sorting and packaging system using a single 1200x1200 mm sheet of neutral cardboard from which all desired sizes can be obtained, allowing Marazzi to solve numerous issues relating to packaging of its ceramic products. The flexibility of 4Phases allows any order to be fulfilled immediately

SITI-B&T

adopts

Talos

SITI-B&T recently acquired exclusive rights to distribute the Talos package developed by Weka, offering it for integrated use with the supervision and control systems installed on their machines. The system has already been supplied and installed at the Fiorano Modenese facility of Florim Ceramiche, where it will undergo a high degree of customisation. Further functions undergoing development include field data collection and the creation of exchange documents with existing data acquisition systems. Talos contributes to automatic integration of production data, relieving operators of the

26

and enables boxes to be made in-house, eliminating the costs of industrial box production. The printers installed in the machine print the graphic designs straight away (logos, production information, codes, etc.). The system also has excellent environmental performance, including cardboard savings of up to 80% as well as substantial energy savings. The order from Marazzi Group follows plants supplied recently to Coop Imola, Florim, Atlas Concorde, Refin, Emilceramica and Ascot, to which Nuova Era will also supply box loading machines for fired product storage.

N uove

forniture firmate

Marazzi Group sceglie il binomio System-Nuova Era per la realizzazione di un impianto da 6500 mq/ giorno di gres porcellanato nei formati 30x30 e 90x90 cm. L’impianto, che sarà installato entro il mese di ottobre, è composto da un carico e scarico forno, due Robofloor per impianto di stoccaggio cotto, più una serie di collegamenti e accessori. Inoltre, per gli stabilimenti italiani e spagnoli, Marazzi ha adottato anche il sistema di confezionamento 4Phases di System Ceramics che ottimizza i costi di imballo principalmente per i grandi formati. Grazie a 4Phases, dotato di

SITI-B&T task of manual reporting. Information on production changes along with production and machine stoppage data will allow a timeline to be created for batch development on the production lines, laying the foundations for a detailed quantitative analysis of batches and yields of the machines making up the line.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

adotta

S ystem -N uova E ra un sistema di scelta e confezionamento che utilizza un unico foglio neutro di cartone 1200x1200 mm dal quale si possono ottenere tutti i formati desiderati, Marazzi ha risolto numerose problematiche legate all’imballaggio dei propri prodotti ceramici. La flessibilità di 4Phases permette infatti di gestire in tempo reale qualsiasi fornitura e di costruirsi in casa la confezione eliminando i costi di industrializzazione delle fustelle. Inoltre, le stampanti inserite nella macchina imprimono le grafiche (marchi, informazioni prodotto, codici ecc) in tempo reale. Ottime anche le performance del sistema per quanto concerne la tutela ambientale: il risparmio di cartone arriva fino all’80% e quello energetico, nelle fasi di produzione, è ugualmente considerevole. Quello di Marazzi Group si aggiunge agli impianti realizzati di recente in Coop Imola, Florim, Atlas Concorde, Refin, Emilceramica e di Ascot alla quale Nuova Era fornirà macchine di carico box per stoccaggio crudo.

T alos

SITI-B&T ha recentemente acquisito l’esclusiva per la distribuzione del pacchetto Talos, sviluppato da Weka, proponendone l’utilizzo integrato ai sistemi di supervisione e controllo installati sulle proprie macchine. Il sistema è già stato fornito e installato presso lo stabilimento di Fiorano Modenese di Florim Ceramiche, dove il pacchetto verrà for-

temente personalizzato. Sono infatti in fase di sviluppo ulteriori funzionalità di raccolta dati dal campo e generazione di documenti di scambio verso i sistemi di raccolta dati preesistenti. In questo modo Talos contribuirà all’integrazione automatica dei dati di produzione, alleggerendo gli operatori dall’esecuzione di segnalazioni manuali. Le informazioni relative ai cambi di produzione, unite ai dati produttivi e di fermo macchina, consentiranno di costruire un tracciato temporale dello sviluppo dei lotti sulle linee di produzione, fornendo le basi per una puntuale analisi quantitativa degli stessi e dei rendimenti delle macchine della linea.


PAV. D1 - HALL 071 24/28 September - Rimini - Italy


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Ceramic Instruments

at

Ceramic Instruments, a Sassuolo-based company operating in the sector of hi-tech laboratory instruments for tiles, sanitaryware, heavy clay, tableware, artistic ceramics and chemicals, has developed increasingly sophisticated measurement and control instruments over the years in step with innovation in ceramic products, guaranteeing full compliance with national and international standards. Following the expansion of the research team and the partnership with Sassuololab, Ceramic Instruments is now one of the most dynamic companies in the Sassuolo cluster and a major partner for the laboratories of leading ceramic companies. Ceramic Instruments began introducing significant technical and structural changes in 2012 and will be displaying a new range of measurement

Tecnargilla and control instruments at Tecnargilla 2012. This consists of the new series of laboratory autoclaves designed to meet the UNI EN ISO 10545-11 standard which offer large loading volumes and excellent value for money. Designed and built for a modern technological laboratory, they combine functionality with reliable, repeatable testing and outstanding ease of use.

C eramic I nstruments

a

Ceramic Instruments, azienda sassolese attiva nel settore della strumentazione da laboratorio di alto profilo tecnico per piastrelle, sanitari, laterizi, stoviglieria, ceramica artistica e settore chimico, ha sviluppato negli anni strumenti di misura e controllo sempre più sofisticati, al passo con l’innovazione del prodotto ceramico, che garantiscono l’assoluto rispetto delle norme nazionali e in-

FM accredited to Emilia-Romagna Region’s High Technology Network

FM

In 2011, FM (Correggio, province of Reggio Emilia) obtained accreditation of its research and development laboratory with the Emilia-Romagna Region’s High Technology Network. Consisting of industrial research laboratories and innovative centres, the network brings together academic institutions and public and private research centres located in the region with the aim of offering expertise, instrumentation and resources to the manufacturing system. The network is organised into theme platforms and is coordinated by Aster. Accreditation is a tool that improves the ability to respond in a professional manner to the needs of companies on the basis of a number of essential characteristics: professionalism in the performance of tasks in terms of results, costs, time, privacy and overall customer satisfaction; ability to design and develop customised industrial research and innovation programmes;

FM, Correggio (Reggio Emilia), ha conseguito nel 2011 l’accreditamento alla Rete Alta Tecnologia della Regione Emilia-Romagna per il proprio laboratorio ricerca e sviluppo. Costituita da laboratori di ricerca industriale e da centri per l’innovazione, la Rete raggruppa istituzioni accademiche e centri di ricerca pubblici e privati della Regione per offrire competenze, strumentazioni e risorse al sistema produttivo. Il coordinamento della Rete, organizzata in piattaforme tematiche, è affidato ad Aster. L’accreditamento è uno strumento in grado di valorizzare l’attitudine a rispondere in maniera professionale alle esigenze delle imprese sulla base di alcune caratteristiche essenziali: professionalità nell’ese-

28

technical expertise in technologies and products and appropriate instruments; and the availability of suitably equipped premises for conducting research and technology transfer. The network makes it easier for companies to commission research projects, gain access to laboratories, equipment and qualified personnel and receive adequate support for specialist training. Together with accreditation, the recognition obtained in 2008 from MIUR (Ministry for Industry, University and Research) rewards FM’s longstanding commitment to innovation and networking. FM will be present at Tecnargilla 2012 (hall C1, stand 001).

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

T ecnargilla ternazionali. Grazie al potenziamento del team di ricerca e all’intervento di Sassuololab nella compagine sociale di Ceramic Instruments, l’azienda si presenta oggi come una delle realtà più vitali del distretto sassolese e punto di riferimento per i laboratori delle maggiori aziende ceramiche. Ceramic Instruments, che nel 2012 ha avviato importanti trasformazioni sia sotto il profilo tecnico che strutturale, si presenterà a Tecnargilla 2012 con una nuova gamma di strumenti di misura e controllo. Nello specifico, sarà in esposizione la nuova serie di autoclavi da laboratorio, rispondenti alla norma UNI EN ISO 10545-11, caratterizzate da ampi volumi di carico con un ottimo rapporto qualità prezzo. Pensate e costruite per un moderno laboratorio tecnologico, uniscono funzionalità e affidabilità alla ripetibilità dei test e all’estrema facilità di utilizzo.

accreditata all ’HTN della R egione E milia -R omagna cuzione delle prestazioni in termini di risultati, costi, tempi, tutela della riservatezza e soddisfazione complessiva dei clienti; capacità di progettare e sviluppare programmi su misura di ricerca industriale e innovazione; competenza tecnica relativamente alle tecnologie e ai prodotti e adeguate dotazioni strumentali e disponibilità di una sede opportunamente attrezzata per lo svolgimento delle attività di ricerca e trasferimento tecnologico. Le imprese possono commissionare più facilmente ricerche, utilizzare laboratori, attrezzature e personale qualificati e, infine, essere supportate adeguatamente per interventi di formazione specialistica. Il riconoscimento, insieme all’accreditamento da parte del MIUR (Ministero dell’Industria, Università e Ricerca) ottenuto nel 2008, premia la vocazione all’innovazione che da sempre contraddistingue FM e l’elevata capacità di operare in “Rete”. FM sarà presente a Tecnargilla 2012 (pad C1 stand 001).


advertfactory.it

KNOW HOW PARTNERSHIP RELIABILITY WORLDWIDE SERVICE DESIGN INNOVATION TECHNOLOGY QUALITY TREND STRENGTH

The future of ceramic technology. Since 1921. Gruppo Colorobbia is an integrated chemical company that has been operating in the ceramics sector for almost a century with production plants in over 15 countries. Thanks to the internationalisation of production, to the professionalism of its human resources and the investments in research and innovation, the Group looks to the future with confidence strengthening its presence on the main reference markets.

colorobbia.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Colorobbia Turkey

Colorobbia Colorificio Ceramico’s web corporate identity strategy, involving the design of web pages specifically tailored to individual international markets, has taken a further step forward with the launch of the new Colorobbia Turchia website (www.colorobbia.com.tr). Available in English, Turkish and Italian language versions, the site complements the multinational’s existing web presence for Italy, Spain, Poland, Portugal, Mexico, Indonesia and Brazil and dovetails with the corporate identity already adopted by the other

Piemme

chooses

LB

2012

wal, which already has two TileControl systems in its sorting department, and by Abk Group, which has chosen to install the same system. At an international level, Appel continues to do business with Brazilian firm Portobello, which has ordered a new dimensional and flatness control systems. New contracts have also been finalised with Turkish firms Seranit Granit Seramik and Lidya Seramik.

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012

è online

La Web Corporate Identity di Colorobbia Colorificio Ceramico, volta alla realizzazione di pagine web specifiche per i diversi mercati internazionali, si arricchisce di un nuovo sito web, quello di Colorobbia Turchia (www.colorobbia.com.tr). Il sito, realizzato in inglese,

P iemme

tions capable of improving the technical and aesthetic quality of its products. In 2011 the company reported a turnover of 80.4 million euro, slightly higher than in 2010.

reports a positive first half of

Appel, a company based in Pavullo (province of Modena, Italy) specialising in electronics for the ceramic industry, has reported outstanding first half results both in Italy and in export markets. In Italy, four major groups have placed orders. Ricchetti Group has commissioned a new fully automatic tile dimensional and diagonal control system, while Fincibec will be installing a new dimensional and diagonal control device for large sizes to complete the line supplied by Ancora Group. New orders have also been made by Nuova Ri-

30

branches. The strategy is to offer global customers access to the latest information and comprehensive content organised clearly and tailored specifically to the target geographical area. The new web space confirms Colorobbia’s attention to Turkey, a market in which it has been operating in since 1996.

dry colouring

As part of its recent technological investments, Ceramiche Piemme has commissioned LB Officine Meccaniche to supply two new Easy Colour dry colouring systems. These join the two similar systems already installed in 2007 and confirm the excellent relations between the two companies. The order also includes feeding lines for four new presses. As one of the leading Italian ceramic groups, Ceramiche Piemme has always been strongly focused on innovative plant engineering solu-

Appel

C olorobbia T urchia

now online

sceglie la colorazione a secco

I recenti investimenti tecnologici realizzati da Ceramiche Piemme hanno coinvolto LB Officine Meccaniche per quanto riguarda la fornitura di due nuovi sistemi di colorazione a secco Easy Color, che si

P rimo

turco e italiano, va ad affiancare quelli delle società del gruppo multinazionale in Italia, Spagna, Polonia, Portogallo, Messico, Indonesia e Brasile in linea con il family feeling già adottato dalle altre filiali. La strategia è quella di offrire alla clientela nel mondo portali di informazione aggiornati, con completezza di contenuti, organizzati in maniera chiara e specifica per l’area geografica di pertinenza. Il nuovo spazio web conferma l’attenzione di Colorobbia rivolta al mercato turco, in cui è presente dal 1996.

semestre

2012

positivo per

Appel, azienda di Pavullo (Modena) specializzata nell’elettronica applicata per l’industria ceramica, archivia il primo semestre dell’anno con risultati più che soddisfacenti sia in Italia che all’estero. In particolare, sul mercato italiano riconoscimenti sono giunti da quattro importanti gruppi. Il Gruppo Ricchetti ha commissionato un nuovo impianto completamente automatico di controllo dimensionale e diagonale delle

LB

aggiungono ai due analoghi sistemi già installati nel 2007, a conferma dell’ottimo rapporto di collaborazione tra le due aziende. La nuova commessa include anche le nuove linee di alimentazione per quattro nuove presse. Ceramiche Piemme, tra i più importanti gruppi ceramici italiani, si è sempre dimostrata particolarmente attenta alle soluzioni impiantistiche innovative in grado di migliorare il valore tecnico ed estetico dei materiali prodotti. Nel 2011 l’azienda ha registrato un fatturato di 80,4 milioni di euro, in lieve crescita rispetto al 2010.

A ppel

piastrelle, mentre Fincibec installerà un nuovo dispositivo di controllo dimensionale e diagonale per grandi formati a completamento della linea fornita da Ancora Group. Nuove commesse arrivano anche da Nuova Riwal che già oggi dispone di due sistemi Tile-Control nel proprio reparto scelta, e da Abk Group che ha scelto di installare la stessa applicazione. All’estero, prosegue la collaborazione di Appel con il produttore brasiliano Portobello al quale fornirà un nuovo impianto per il controllo dimensionale e planarità, mentre nuovi contratti sono stati finalizzati in Turchia con Seranit Granit Seramik e Lidya Seramik.


www.sibelco.it

SIBELCO ITALIA | Milano | Via A. Ressi, 10 | Tel. 02 677.1351

edilizia arte vetro sport chimica ceramiche ceramiche edilizia

fonderia

arte

fonderia

ceramiche

edilizia

vetro

fonderia arte

vernici

chimica

vernici

chimica

sport

vetro sport

vernici

your mineral company


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Illustrious

guests visit

Diamorph Hob Certec

On 10 May 2012, Diamorph Hob CerTec’s production plant in Pilsen (Czech Republic) received a visit by King Carl XVI Gustaf and the ambassador of Sweden as part of the annual Royal Technology Mission (RTM) organised by the Royal Swedish Academy of Engineering Sciences (IVA). The 30-strong RTM delegation, consisting of some of Sweden’s top business leaders, government and university officials including the founder of Diamorph Prof. Saeid Esmaeilzadeh, made the trip to gain insight into strategies, initiatives and opportunities in the country. Heinz Poehlmann, Diamorph Hob CerTec’s CEO and a 10% shareholder in the parent company Diamorph Bearing, gave a presentation outlining the company’s growth in recent years and the successes it has achieved. Headquartered in Stockholm, Diamorph develops and produces technical ceramics and metallic components for bearings. It also op-

Aracne:

research by rising young stars

Aracne, a strategic business network made up of three Emilia Romagna-based companies operating in the field of supplies to the construction industry, is pursuing a research programme to develop new materials (flat glass, resins and metals) and application solutions with innovative technological properties for green building. The research project, financed by the regional funding programme “Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici” (“From production districts to technological districts”), is centred around the work of several students and researchers at the university of Modena and Reggio Emilia and the university of Bologna. Erika Iveth Cedillo González is one of the rising young stars in the field of green building science. A graduate in industrial chemistry at the Universidad Autonóma de Nuevo León, Mexico, where she also did a masters in

32

erates in the mining, forestry and nuclear power industries and has a product portfolio that includes aerospace components, rollers for hybrid bearings and wear-resistant components. Diamorph Hob CerTec’s production site in Pilsen has a manufacturing area of 2500 sq.m. Another building was constructed recently with the aim of expanding production over a further 2500 sq.m to produce innovative materials. The photos shows King Carl XVI Gustaf, Heinz Poehlmann and Saeid Esmaeilzadeh.

Materials Science, she is currently working on a doctorate at the Materials Engineering faculty of the University of Modena. She is about to spend a semester at the CSIRO (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization) in Australia, a government-run research organisation consisting of 13 business units. In the Materials Science and Engineering Division, which conducts research in biology, physics and chemistry to develop innovations in the field of new materials, González will study the effect of temperature on the functionality of glass coated with nanosuspensions of TiO2 from Colorobbia Italia, under the supervision of Paolo Falcaro, Science Leader Post-Doc of the division.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

O spiti

illustri in visita a

Il 10 maggio scorso, lo stabilimento di Diamorph Hob CerTec a Pilsen (Repubblica Ceca), è stato visitato dal Re Carlo XVI Gustavo e dall’Ambasciatore di Svezia. La visita, prevista all’interno della annuale Royal Technology Mission (RTM), è stata organizzata dal Royal Swedish Academy of Engineering Sciences (IVA) e composta da una trentina di delegati, manager d’impresa e funzionari governativi e universitari, tra cui il fondatore di Diamorph, Saeid Esmaeilzadeh, con l’intento di

A racne :

D iamorph H ob C ertec prendere contatto con la realtà industriale e accademica del Paese. L’amminsitratore delegato di Diamorph Hob CerTec Heinz Poehlmann, socio al 10% della casa madre Diamorph Bearing, ha presentato una relazione sul percorso di Hob CerTec negli ultimi anni e sui successi ottenuti. Con sede a Stoccolma, Diamorph sviluppa e produce ceramica tecnica e componenti metallici per cuscinetti. È inoltre attiva nel campo dell’estrazione mineraria, della selvicoltura e del nucleare con un portafoglio prodotti che comprende, tra gli altri, componenti aerospaziali, rulli per cuscinetti ibridi e componenti resistenti all’usura. Il sito produttivo di Diamorph Hob CerTec, a Pilsen, si sviluppa su 2500 mq a cui si affiancano altri 2500 mq costruiti di recente con l’obiettivo di aumentare la produzione e realizzare materiali innovativi. Nella foto il Re Carlo XVI Gustavo, Heinz Poehlmann e Saeid Esmaeilzadeh.

la ricerca in mano alle giovani promesse

Aracne, rete strategica d’imprese, costituita da tre aziende emiliano-romagnole operanti nel settore della fornitura all’industria delle costruzioni, sta svolgendo un programma di ricerca per lo sviluppo di nuovi materiali (vetro piano, resine e metalli) e soluzioni applicative con proprietà tecnologiche innovative per un’edilizia ecosostenibile. Il programma di ricerca, finanziato dal bando regionale “Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici”, è strettamente legato al percorso di crescita di alcuni studenti e ricercatori delle università di Modena, Reggio Emilia e Bologna. Erika Iveth Cedillo Gonzàles è tra le giovani promesse della scienza applicata al settore delle

costruzioni eco-sostenibili. Laureata in chimica industriale all’Universidad Autonòma de Nuevo Leòn, in Messico, dove ha conseguito anche un master in Scienza dei Materiali, sta attualmente svolgendo un dottorato presso l’Università di Ingegneria dei Materiali di Modena. L’attende ora un semestre in Australia, presso il Csiro (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization), organizzazione governativa di ricerca costituita da 13 business unit. All’interno della divisione “Materials Science and Engineering Division”, dove la ricerca in campo biologico, fisico e chimico è volta a realizzare innovazioni per lo sviluppo di nuovi materiali, la Gonzales studierà l’effetto della temperatura sulla funzionalità dei vetri rivestiti con le nano-sospensioni di TiO2 di Colorobbia Italia, sotto la supervisione del dottor Paolo Falcaro, Science Leader Post-Doc della stessa divisione.


+

Colours that make their mark

The Smaltink digital printing system boasts an exceptionally wide colour range, allowing for the creation of shades you can rely on and superbly defined nuances. Colours that make their mark. Italia . Indonesia . Espana . Brasil . South Africa

www.smalticeram.it


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Poppi Clementino

reports growth

The innovative energy recovery system developed by Reggio Emilia-based company Poppi Clementino is growing in popularity both in Italy and abroad. On the strength of its numerous orders, the company is building an increasing global presence with tailored customer support. The system has been further improved this year and allows for fully automatic management even in the case of very large and complex plants that require interconnections between a number of kilns, dryers and spray dryers. The improvements made allow for a high degree of operating stability, even in the most varied process condi-

Al-Jawdah

achieves major growth

In response to growing domestic demand for ceramic tiles, Al-Jawdah Ceramics (Riyadh, Saudi Arabia) has started up an expansion programme that will allow it to reach a production capacity of 120,000 sq.m/day by 2015. The announcement was made by the company’s chairman and founder, Abdul Rahman S. Al-Omran. AlJawdah Ceramics, set up in 1996, currently produces around 8 million sq.m of red body floor and wall tiles a year using Italian technology supplied by leading groups, including Sacmi, Siti-B&T and System. The new investment, totalling around 100 million euro, is for construction of a new factory with an 82,000 sq.m covered area on a 120,000 sq.m site located in the 2nd Industrial City of Riyadh, not far from the first facility. The new factory will also be equipped with the latest Italian technologies, including digital decoration technology, which will soon also be installed in the first facility. The new factory will also serve to expand the current

34

tions. In Poland in particular, the solution has been adopted by Star Gres and Cotto Petrus, both located in the Konskie area, while numerous companies have ordered new or completed existing plants, such as SCG Cotto in Thailand (where the system is also used by Mulia), Satyaraya in Indonesia and Piemme in Italia. Poppi Clementino will be taking part in Tecnargilla (hall C3 stand 167), where technical staff will offer the latest technological information on heat recovery and fume treatment.

product range. It will produce glazed and unglazed porcelain tile as well as monoporosa wall tiles and single fired floor tiles, and will introduce new sizes including 40x40 cm, 60x60 cm and 90x120 cm. The expansion will take place in various stages. The first will be completed in 2014 with the start-up of the line designed for production of 40,000 sq.m/ day. Immediately afterwards, installation work will begin for the second line with similar production capacity, due to start up in 2015. The expansion project also includes the construction of a second plant for the production of third fire accents with a production capacity of 5 million pieces/year, alongside the 3 million pieces/year currently produced by the Saudi group. Al-Jawdah is certified by TÜV to ISO 9001-2008 standards and the company’s products are certified to SASO standards in force in Saudi Arabia.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

P oppi C lementino

cresce

Continua a ricevere consensi anche dall’estero l’innovativo sistema di recupero energetico realizzato da Poppi Clementino, azienda di Reggio Emilia che, grazie alle numerose commesse, è sempre più presente a livello globale con un servizio di assistenza mirato. Nell’anno in corso, peraltro, il sistema è stato ulteriormente migliorato e consente una gestione completamente automatica anche nel caso di impianti molto grandi e complessi che richiedono la interconnessione di più forni, essic-

F orte

espansione per

catoi e atomizzatori. Le migliorie apportate consentono di ottenere grande stabilità di funzionamento anche in presenza delle più svariate condizioni di processo. In Polonia in particolare, la soluzione è stata adottata da Star Gres e Cotto Petrus, entrambe situate nella zona di Konskie, mentre sono numerose le aziende che hanno ordinato un nuovo impianto o richiesto il completamento dell’esistente come la SCG Cotto in Tailandia (il sistema è in funzione anche presso Mulia), Satyaraya in Indonesia e Piemme in Italia. Poppi Clementino sarà presente a Tecnargilla (pad C3 stand 167), dove lo staff tecnico provvederà a fornire gli ultimi aggiornamenti tecnologici sul tema del recupero calore e trattamento fumi.

A l -J awdah

In risposta alla crescente domanda interna di piastrelle ceramiche, Al-Jawdah Ceramics (Riyadh, Arabia Saudita) ha avviato un piano di espansione che la porterà, nel 2015, a raggiungere una capacità produttiva di 120.000 mq/giorno. Lo ha annunciato il presidente e fondatore dell’azienda, Abdul Rahman S. Al-Omran. Al-Jawdah Ceramics, nata nel 1996, produce oggi circa 8 milioni mq/anno di piastrelle da pavimento e rivestimento in pasta rossa utilizzando tecnologia italiana fornita dai maggiori gruppi, tra cui Sacmi, Siti-B&T e System. Il nuovo investimento – circa 100 milioni di euro complessivi – riguarda la costruzione del nuovo stabilimento che sorgerà su un’area di 82.000 mq coperti e 120.000 mq di terreno, situato nella 2nd Industrial City di Riyadh, poco distante dal primo impianto produttivo. Anche la nuova fabbrica sarà dotata delle più moderne tecnologie italiane, in-

clusa la tecnologia di decorazione digitale che sarà installata a breve anche nel primo impianto. Il nuovo stabilimento servirà anche per aumentare la gamma produttiva attuale: si produrrà infatti gres porcellanato smaltato e non smaltato, oltre a rivestimenti in monoporosa e pavimenti in monocottura, introducendo nuovi formati, tra cui il 40x40, 60x60 e 90x120 cm. L’espansione avverrà in più fasi. La prima si completerà nel 2014 con l’avviamento della linea progettata per una produzione di 40.000 mq/giorno. Immediatamente dopo, inizierà l’installazione della seconda linea, con analoga capacità produttiva, il cui avviamento è previsto per il 2015. Nell’ambito del progetto di espansione si inserisce anche la realizzazione di un secondo impianto per la produzione di decori in terzo fuoco con una capacità produttiva di 5 milioni di pezzi/anno, che si aggiungeranno ai 3 milioni pezzi/anno attualmente prodotti dal gruppo saudita. Al-Jawdah è certificata dal TÜV secondo le norme ISO 9001-2008 e la produzione è certificata secondo gli standard SASO in vigore in Arabia Saudita.


TAKEA LOOKONDESIGN I M M AGI NARE PE R C RE ARE CERSAIEBOLOGNA 25•29 settembre 2012 Pad. 25 Stand B70

Mixiamo colori, linee, suggestioni per offrirvi grafiche esclusive con cui personalizzare i vostri prodotti. Immagini, design, tendenze: nei nostri laboratori digitali diventano progetti da sviluppare insieme a voi. Creatività è per noi lavoro di squadra. Per trasformare le nostre idee in prodotti finiti il nostro team di grafici esperti segue ogni test e vi accompagna col suo know how tecnologico fino all’inserimento in produzione.

VISION&DESIGN

www.grupposrs.com


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Siti-B&T Group

reaches a turnover of

151

Siti-B&T Group has closed its consolidated 2011 balance sheet with strong turnover growth (+54%) to reach 151 million euro. EBITDA more than doubled with respect to 2010, surpassing 15 million euro in spite of the poor economic outlook and difficulties in a number of outlet markets. The parent company closed 2011 with a similar turnover growth percentage (56% up on the previous year) to reach 115 million euro and an EBITDA of 9 million euro (110% up on 2010), posting pre-tax profits of 2.3 million euro. The growth trend continued in 2012, the parent company reporting a 6% increase in turnover in the first seven months of the year. The Group has a very high export share, generating more than 90% of its total turnover outside Italy. Although the Tile division (plant and machinery for ceramic tiles) remained the dominant segment, important contributions were made by B&T White (complete plant for sanitaryware) and Robotics & Logistics (end-of-line automation plants), which boosted total turnover and supported the strategy of manufacturing di-

Stephan Schmidt Group: At its completely redesigned stand at Tecnargilla 2012 (hall B5, stand 073-088), Stephan Schmidt Group will be displaying its various families of clays formulated specially for the roof tile, ceramic tile, sanitaryware and glaze sectors. These clays have ideal properties for obtaining high-quality products with the aesthetic qualities required by the market. Depending on the finished product, they may have good sintering properties (floor and wall tiles) or high rheological stability, excellent casting rate, stable deflocculation behaviour, little warpage, low car-

36

million euro

versification undertaken by the Group. “The ability to maintain an extensive presence in the global marketplace and to offer a comprehensive and diversified range of hi-tech products in the various sectors in which we operate are the key factors that have enabled us to achieve these results,” commented Siti-B&T Group’s managing director Fabio Tarozzi. “These figures represent a healthy company that has made continuous investments in technology and product innovations. Its new products include LASTRA, the exclusive production technology for large ceramic sheets; its latest-generation energy-saving kiln; the new EVO Plus digital decoration machine; and the Cubic & Circle high-pressure casting presses for sanitaryware. All the group’s innovations will be presented at Tecnargilla in Rimini, in hall A3.

focus on

Tecnargilla

bon content and high purity (sanitaryware). Clay mixtures with high opacity and a wide range of colours are proposed for engobes and glazes used in roof tile production.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

S iti -B&T G roup raggiunge i 151 milioni di euro Siti-B&T Group ha chiuso il 2011 con ricavi considerevoli (+54% il consolidato di gruppo), toccando i 151 milioni di euro, con un Ebitda più che raddoppiato rispetto al 2010 che si attesta ad oltre 15 milioni di euro, pur alla luce di una situazione macroeconomica complicata, nella quale languono diversi mercati di sbocco. La casa madre ha chiuso il 2011 con percentuali di aumento fatturato analoghe, +56% rispetto al risultato dell’anno precedente, raggiungendo i 115 milioni di euro e un Ebitda pari a 9 milioni di euro (+110% rispetto al 2010), con un utile ante imposte di 2,3 milioni di euro. Il trend di crescita continua anche nel 2012, i primi sette mesi, infatti, hanno registrato per la capogruppo un incremento di fatturato pari al 6%. Da segnalare in particolare la fortissima propensione all’export di Siti-B&T Group, capace di ottenere fuori dai confini nazionali oltre il 90% del fatturato totale. A livello di settori merceologici, nonostante il ruolo predominante giocato dal settore “Tile” (macchine e impianti per piastrelle ceramiche), interessante e in crescita è stato il

contributo di “B&T White” (impianti completi per sanitari) e di “Robotics & Logistics” (impianti di automazione del fine linea), che hanno inciso sul fatturato complessivo e che si pongono sempre più come validi supporti della strategia di diversificazione produttiva intrapresa dal Gruppo. “La capacità di essere presenti in maniera capillare nel mercato globale con un’offerta tecnologicamente ricca, completa e diversificata nei vari settori nei quali operiamo - commenta Fabio Tarozzi, amministratore delegato di Siti-B&T Group - sono stati i fattori di successo che hanno consentito di ottenere queste performance. Si tratta di numeri che rappresentano una realtà aziendale in buona salute, frutto dei continui investimenti pianificati per introdurre innovazioni tecnologiche e di prodotto quali, tra gli altri, l’esclusiva tecnologia di produzione di grandi lastre ceramiche denominata “Lastra”, il forno “energy-saving” di nuova generazione, la nuova macchina per la decorazione digitale “EVO Plus” e le presse di colaggio ad alta pressione per sanitari “Cubic & Circle”. Tutte le innovazioni del gruppo saranno presentate in anteprima al Tecnargilla di Rimini, all’interno del padiglione A3.

S tephan S chmidt G roup :

focus su

Stephan Schmidt Group parteciperà a Tecnargilla 2012 (pad B5 stand 073-088) con uno stand completamente rinnovato nel design, dove saranno in mostra le diverse famiglie di argille specifiche per i vari settori di produzione: dalle tegole, alle piastrelle, dai sanitari agli smalti e colori. Le argille possiedono

proprietà ideali per ottenere prodotti di elevata qualità e con le caratteristiche estetiche richieste dal mercato. A seconda del prodotto finale a cui sono destinate, possono presentare buone capacità di sinterizzazione (pavimenti e rivestimenti), elevata stabilità reologica, tasso di fusione eccellente, comportamento di deflocculazione stabile, tasso di deformazione quasi assente, basso contenuto di carbonio e alta purezza (sanitari). Per engobbi e smalti utilizzati nelle tegole, vengono proposte miscele di argille ad elevato potere coprente in una grande varietà di colorazioni.

T ecnargilla


THE FUTURE 2012

2000

1990

1980

1970

R_EVOLUTION

THE EVOLUTION OF OUR PRESENT STARTS FROM OUR PAST. History, genius, experience and professional skills are resources that Smaltochimica has always put at the disposal of the ceramic industry. Chemistry and associated research remain key-factors in the development of new products and for the very future of the ceramic industry across the world.

www.smaltochimica.it Cersaie 2012 Hall 34 - Stand F60


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Fema

grinding systems in

Thai Ceramic Co., Thailand (SCG Group) has commissioned Fema Chemical & Industrial Plants of Cortenuova (Bergamo) to design two complete parallel grinding lines for the treatment of feldspar and other hard materials for porcelain tile production. Each grinding line uses a tubular ball mill in a closed mechanical circuit with a latest-generation dynamic separator. The simple process offers wide scope for adjustment and is able to easily obtain degrees of fineness of hard materials (feldspar, quartz, etc.) < 45 µm that would be difficult to achieve with conventional vertical, pendular or roller track mills. By using latest-generation dynamic separators, Fema milling systems have the advantage of maintaining optimum long-term performance in terms

LB SpA

of production, fineness and electrical energy consumption. The tubular mills under construction for Thai Ceramic feature highly original technical solutions: variable speed central control (excluding traditional pinion/crown gear or belt controls); possibility of optimising the mill speed; a lining that rotates on slides (excluding welded heads and conventional supports with fifth wheels or rolling bearings).

hands over to next generation

Forty years since its foundation in 1973 by Ivanno Ligabue and Ermes Bigi, LB SpA, of Fiorano Modenese, is passing the baton to Matteo Bigi, aged 39, who has spent 19 years working at LB, and Emilio Benedetti, aged 42, the son-in-law of Ivanno Ligabue and a manager of proven experience in industrial engineering and automation for the ceramic industry. LB SpA thus remains an independent, family business, with a strong commitment to pursuing the prestigious path embarked upon by its founders. LB SpA is focusing its investments in two main areas: first, on strengthening the sales network, with a view to expanding international market share by appointing new technical sales agents with experience in the ceramic industry; and second, on reinforcing the Research & Development department, with a view to consolidating the technical leadership that LB has always enjoyed in the field of porcelain tile. The reassuring revenues reported in 2011 confirm the va-

38

Thailand

lidity of the expansion process undertaken by the company, which will also be taking part in Tecnargilla 2012 with an unprecedented range of technologies, including dry grinding technology with micro-granulation of ceramic bodies, which is revolutionising ceramic production processes, especially in countries where energy-saving and environmental considerations are a decisive factor in the choice of production technologies; and a series of important innovations in dry colouring systems for spraydried bodies (LB patent) and in press feeding systems for the production of porcelain tile.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

S istemi

di macinazione

F ema

Thai Ceramic Co., Tailandia (SCG Group) ha commissionato a Fema Chemical & Industrial Plants di Cortenuova (Bergamo), la progettazione di due linee complete di macinazione in parallelo, per il trattamento di feldspato e altri materiali duri, destinati alla produzione di gres porcellanato. Ogni linea di macinazione prevede l’impiego di un mulino tubolare a sfere, in circuito chiuso meccanico, con separatore dinamico di ultima generazione. Il processo consente di ottenere con facilità, e ampia possibilità di regolazione, gradi di finezze dei ma-

LB S. p .A.

in

T ailandia

teriali duri (feldspato, quarzo, etc.) inferiori a 45 µm, difficilmente raggiungibili con i tradizionali mulini verticali, pendolari o a pista-rulli. I sistemi di macinazione Fema, inoltre, grazie all’impiego dei separatori dinamici di ultima generazione, hanno il vantaggio di mantenere inalterate nel tempo le prestazioni ottimali di produzione, finezza e consumi specifici di energia elettrica. I mulini tubolari, in fase di costruzione per Thai Ceramic, presentano delle soluzioni tecniche di assoluta originalità: comando centrale a velocità variabile (con esclusione quindi dei tradizionali comandi a mezzo pignone-corona o cinghia); possibilità di variare i giri del mulino per ottenere velocità ottimali; mantello rotante su pattini (con esclusione quindi delle testate fuse e dei tradizionali supporti con ralle o cuscinetti a rotolamento).

al passaggio generazionale

A 40 anni dalla fondazione, la società fu fondata nel 1973 da Ivanno Ligabue ed Ermes Bigi, la LB SpA di Fiorano Modenese vede passare il testimone a Matteo Bigi, 39 anni di cui 19 maturati proprio all’interno di LB, e ad Emilio Benedetti, 42 anni, genero di Ivanno Ligabue e manager di provata esperienza nel campo dell’impiantistica e dell’automazione industriale per il settore ceramico. LB S.p.A. rimane pertanto un’azienda di famiglia, indipendente e fortemente motivata a sviluppare il prestigioso percorso tracciato dai fondatori. I principali investimenti di LB SpA sono oggi concentrati su due fronti: anzitutto implementare la rete commerciale,

per espandere la quota di mercato a livello internazionale, attraverso un’azione di ricerca di nuovi collaboratori tecnico-commerciali con esperienza in campo ceramico; in secondo luogo, potenziare ulteriormente il reparto ricerca e sviluppo per consolidare la leadership tecnologica da sempre detenuta da LB sul gres porcellanato. Il confortante risultato di fatturato 2011 conferma il processo di crescita dell’azienda che, peraltro, si presenta a Tecnargilla 2012 con un’offerta tecnologica senza precedenti: da una parte la tecnologia di macinazione a secco con microgranulazione degli impasti ceramici che sta rivoluzionando il modo di produrre ceramica, soprattutto nei Paesi in cui il risparmio energetico e la riduzione dell’impatto ambientale costituiscono un fattore discriminante nelle scelte delle tecnologie produttive; dall’altra alcune fondamentali innovazioni apportate ai sistemi di colorazione a secco degli impasti atomizzati (brevetto LB) e agli alimentatori pressa per la produzione di gres porcellanato.


ADVERTISING

BMR: the evolution continues

BMR: l ’ evoluzione … continua !

BMR focuses on technological development with its brand image restyling. With its constant focus on innovative, eco-friendly technologies (Squadra Dry and Ecobrick are the latest dry squaring machines for the ceramic tile and brick sectors), BMR will be unveiling a restyled brand image at Tecnargilla 2012 in keeping with its philosophy of promoting the quality of Italian products. The new advertising campaign launched by the Scandianobased company, for more than forty years a leading supplier of machinery for the end-of-line stage in ceramic production, is based on two stylish and sophisticated images. Created in cooperation with Omniadvert of Maranello, these two images are designed to underscore the leadership position of a company that has distinguished itself over the years, channelling resources into the development of machines that combine high levels of quality with impressive green credentials. This focus on Italian machinery’s leadership role is further emphasised by the colour red chosen for the catalogue’s graphic design. As the historic colour of the BMR logo and a colour traditionally association with the Italian mechanical engineering industry, it elegantly underscores the descriptions and photos of the company’s products and coordinates perfectly with the other marketing tools. The main themes of the new brand image are echoed on the company’s stand at Tecnargilla 2012, where BMR’s more than forty years of growth and all-Italian success are illustrated with simple but effective styling, just like the new website that will soon be online.

Sempre attenta allo sviluppo di tecnologie innovative che tengano conto della sostenibilità ambientale - Squadra Dry ed Ecobrick sono le ultime proposte nell’ambito delle squadratrici a secco per il settore delle piastrelle ceramiche e del laterizio -, BMR si presenta a Tecnargilla 2012 con un’immagine rinnovata, in linea con una filosofia che valorizza la qualità del made in Italy. Una “doppia livrea”, elegante e ricercata, caratterizza la nuova campagna pubblicitaria dell’azienda di Scandiano, da oltre quarant’anni tra i leader nella fornitura di macchinari per il fine linea ceramico. Grazie alla collaborazione con Omniadvert di Maranello, infatti, sono stati realizzati due soggetti per comunicare in modo innovativo la leadership di una realtà che ha saputo distinguersi nel tempo, impegnando risorse e ricerca in macchine capaci di offrire la migliore qualità nel rispetto dell’ambiente. Una scelta, quella della leadership del made in Italy, ribadita dalla veste del catalogo: un “abito” rosso - colore storico del logo BMR, oltre che, più generale, tradizionalmente assegnato all’industria meccanica italiana - raccoglie con eleganza le descrizioni e le immagini dei prodotti che caratterizzano lo sviluppo tecnologico dell’azienda, legandosi con armonia agli altri strumenti di marketing. Le tematiche principali della nuova brand image sono state riproposte nello stand di Tecnargilla 2012, dove la storia di oltre quarant’anni di crescita e successo di BMR viene riproposta con una linearità semplice ma efficace, completamente made in Italy, così come nel nuovo sito web presto on line.


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Ferrari&Cigarini supplies systems to C eramiche M arazzi and O poczno

F errari &C igarini per C eramiche M arazzi e C eramica O poczno

Ceramiche Marazzi has confirmed its choice of Ferrari&Cigarini to renew the automatic feeding system for the cutting and grinding lines in its Sassuolo facility. Ferrari&Cigarini, which supplied the first plant in 2002 (expanded in 2005) to handle sizes up to 60x60 cm, completed installation of the new Ecoforce3000 in June this year. The line is designed for depalletisation and automatic unpacking (GSP 1200) of large sizes (up to 60x120 cm) and is equipped with an anthropomorphic robot with a special gripper. In September, Ecoforce 3000 for large sizes will also be in-

Ceramiche Marazzi riconferma la fiducia a Ferrari&Cigarini affidandogli il rinnovo del sistema di alimentazione automatica delle linee di taglio e rettifica, nello stabilimento di Sassuolo. Ferrari&Cigarini, che aveva già fornito il primo impianto nel 2002 (con ampliamento nel 2005), per la movimentazione di formati fino a 60x60 cm, ha completato nel mese di giugno l’installazione del nuovo Ecoforce3000. La linea è stata progettata

Sibelco

product range on display at

At the forthcoming Tecnargilla in Rimini (hall B4, stand 003), Sibelco Italia will be presenting a completely restyled stand and a new coordinated image. In particular the company will be showcasing its wide range of high-quality minerals (clay, kaolin, quartz, nepheline and other minerals for the ceramic industry) based on continuous investments in research into new products. Alongside its wide product range, the group is also able to offer customers advanced technical and logistic support through the Tile Technical Centre, the laboratory in Maranello (Modena) equipped with state-of-the-art instruments for reproducing the ceramic production process on a reduced scale. The T.T.C. pro-

SITI-B&T Group

Tecnargilla

vides technical support with the choice of minerals available in Europe and other global regions and uses modern analytic instruments to perform complete analysis of the raw materials. This enables ceramic bodies to be optimised and brings outstanding results in terms of technology and cost effectiveness. Another of Sibelco Italia’s key facilities is the Multimineral Platform in Ravenna, the highly efficient logistic centre used for handling the Group’s products arriving from all over the world and distributing them in Italy.

and the whiteware sector

On the strength of its expertise in the sanitaryware machinery sector, the B&T White division has secured an important agreement to supply a sanitaryware firing line to the Russian firm Ceramica Della owned by Noghinskij Strojfarfor group. It consists of a Parcus tunnel kiln with 2750 mm in-

40

stalled in the facility of Opoczno, Poland (Cersanit Group), where in 2011 Ferrari&Cigarini already started up a complete plant to feed two lapping and rectifying lines. The plant is covered by an international patent and allows for a major reduction in handling, packaging disposal and labour costs, while also reducing the amount of space used for storage.

feed and total length inclusive of the pre-kiln heater of 108.78 metres. The line will produce 800,000 pieces/year of WCs, washbasins, pedestals and cisterns. The completely reorganised B&T White sanitaryware division will make its debut at Tecnargilla 2012 where, in keeping with its mission (innova-

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012

L’ offerta S ibelco

in mostra a

Aria di novità in casa Sibelco Italia che si presenta al prossimo Tecnargilla di Rimini (pad B4 stand 003) con uno stand completamente rinnovato e una nuova immagine coordinata. In vetrina l’ampia offerta multiminerale di elevato standard qualitativo (argille, caolini, quarzi, nefeline e altri minerali specifici per l’industria ceramica), risultato di continui investimenti nella ricerca di nuovi prodotti. Oltre alla vasta produzione, il gruppo è in grado di offrire alla clientela un avanzato supporto tecnicologistico attraverso il Tile Technical Centre, laboratorio di Maranello (Modena), dota-

SITI-B&T G roup

per la spallettizzazione e scartonatura automatica (GSP 1200) dei grandi formati (fino a 60x120 cm), ed è dotata di robot antropomorfo con pinza speciale. Ecoforce 3000 per grandi formati sarà installato a settembre anche nello stabilimento di Ceramica Opoczno, Polonia, (Cersanit Group), presso la quale Ferrari&Cigarini ha già avviato nel 2011 un impianto completo per l’alimentazione di 2 linee di lappattura e rettifica. Le caratteristiche dell’impianto (coperto da brevetto internazionale) garantiscono una forte riduzione dei costi di movimentazione, smaltimento imballi e manodopera addetta, consente inoltre il recupero dello spazio adibito agli stoccaggi.

T ecnargilla

to di strumenti d’avanguardia per riprodurre in scala il ciclo produttivo ceramico. Il T.T.C. fornisce supporto tecnico sulla scelta dei minerali disponibili in Europa e nelle diverse aree geografiche del mondo, ed è in grado di eseguire la caratterizzazione completa delle materie prime utilizzate grazie ad una moderna strumentazione analitica. Ciò permette di ottimizzare gli impasti ceramici e di ottenere i migliori risultati in termini tecnologici e di economicità. Altro fiore all’occhiello di Sibelco Italia è la Piattaforma Multiminerale di Ravenna, l’efficiente centro logistico dedicato alla ricezione e distribuzione in Italia dei prodotti del Gruppo provenienti da tutto il mondo.

per il settore whiteware

La divisione B&T White, grazie alle competenze sviluppate nel settore delle macchine per sanitari, ha siglato un importante accordo con la russa Ceramica Della, gruppo Noghinskij Strojfarfor, per la fornitura di una linea di cottura dedicata alla produzione di articoli igienico sanitari. Si tratta di un for-

no a tunnel Parcus con bocca di alimentazione di 2750 mm e lunghezza totale comprensiva di riscaldatore preforno di 108,78 metri. La linea produrrà 800.000 pezzi/ anno suddivisi tra WC, lavabi, colonne e cassette. La divisione sanitari B&T White, completamente rinnovata, debutterà a Tecnargilla 2012


tion, essentiality, scalability), it will present numerous major innovations in the fields of high-pressure casting and robotic glazing. For high-pressure sanitaryware casting, B&T White is proposing new solutions including Circle, a portal machine for the production of articles with two-part moulds, with a productivity up to 40% higher than conventional machines (Twin cast Technology); Cubic, a machine introduced at

Thai Ceramic

adopts

the last Tecnargilla, now enhanced with the glue-on rim solution that delivers 15% higher productivity; and B&T Por, the brand new MPR (Mid Porosity Resin) moulds that combine the advantages of micro and macro porous resins.

I-Tile

Thai Ceramic, a member of the Thai group SCG, the world’s largest tile producer in 2011, has chosen the I-Tile system from Weflex to reorganise its facility’s warehouse logistics. I-Tile is an integrated system based on RTLS, RFID and Track+Race technology that allows for real-time traceability of materials and optimised handling and warehouse picking operations. Track+Race technology, distributed in Italy exclusively by Weflex, offers the same functions as a vertical warehouse but for a much smaller investment, allowing for optimum space usage, full tracking of batches and movements and real-time

from

Weflex

warehouse stock monitoring. It also drastically reduces search times for warehoused and collected goods and avoids errors in all stages from pick-up to deposit and during picking activities. The system offers considerable advantages over conventional barcode solutions (e.g. no need for scanning), and provides an extremely simple and quick-tolearn man-machine interface.

CMF

dove, coerentemente con la propria mission (innovazione, essenzialità, scalabilità), presenterà numerose innovazioni nell’ambito sia dell’alta pressione che della smaltatura robotizzata. Per il colaggio di articoli sanitari in alta pressione, infatti, B&T White ha in serbo novità come Circle, macchina a portale per la produzione di articoli realizzabili con stampi

I-T ile

di

W eflex

per

in due parti, con produttività fino al 40% superiore alle macchine tradizionali Twin cast Technology); Cubic, macchina già introdotta nella precedente edizione, oggi arricchita con la soluzione a brida incollata che garantisce produttività incrementate del 15% rispetto all’esistente e B&t Por, i nuovissimi stampi in resina MPR (Middle Pourosity Resin) che offrono la migliore combinazione dei vantaggi di resine micro macro porose.

T hai C eramic

Thai Ceramic azienda del gruppo tailandese SCG, maggiore produttore mondiale di piastrelle nel 2011, ha scelto il sistema I-Tile di Weflex per la riorganizzazione della logistica di magazzino del proprio stabilimento. I-Tile è un sistema integrato basato su tecnologia RTLS, RFID e Track+Race che consente la tracciabilità in tempo reale dei materiali e l’ottimizzazione delle movimentazioni e del picking di magazzino. La tecnologia Track + Race, distribuita in esclusiva sul territorio italiano da Weflex, offre le medesime funzionalità di un magazzino verticale (con investi-

menti molto inferiori) rendendo possibile una movimentazione efficiente, consentendo uno sfruttamento ottimale dello spazio, tracciando completamente lotti e movimenti e monitorando in tempo reale le giacenze di magazzino. Ha inoltre la funzionalità di ridurre drasticamente i tempi di ricerca della merce immagazzinata e prelevata e di evitare errori in tutte le fasi, dal prelievo al deposito della merce nonché in tutte le attività di picking. Il sistema presenta vantaggi notevoli rispetto alle soluzioni convenzionali a codici a barre, tra cui l’inutilità della scansione e fornisce un’interfaccia uomo-macchina estremamente semplice e di immediato apprendimento.

secures new supply contracts in I taly and I ndonesia

N uove forniture CMF in I talia e I ndonesia

CMF has secured new supply contracts from prestigious ceramic producers in Italy and Indonesia. Last June the large Indonesian tile company Satyaraya (annual production capacity in excess of 24 million square metres), a member of Lyman Group’s Material Division, ordered a number of Perfectile dimensional and flatness control devices for some of its production lines. The devices are capable of inspecting ceramic tiles up to a maximum size of

Importanti riscontri per CMF arrivano dall’Italia e dall’Indonesia dove sono state messe a segno nuove forniture per prestigiosi nomi del mondo ceramico. Satyaraya, primario produttore di piastrelle indonesiano (capacità produttiva annuale superiore ai 24 milioni di metri quadrati), parte di Lyman Group’s Material Division, ha commissionato lo scor-

1200x1200 mm. Gold Art Group (2011 turnover of 100 million euro) has further upgraded its production units, commissioning CMF Technology to build a new Recolor dry colouring plant. The plant is already in operation at the facilities of Cotto Tuscania, Energie Ker and Gold Art and will also be installed at the Ceramica Mandrio factory in Correggio.

so giugno, per alcune delle sue linee produttive, dei dispositivi di controllo dimensionale e planarità Perfectile, in grado di ispezionare lastre ceramiche con dimensioni massime di 1200x1200 mm. Il gruppo Gold Art, invece, (100 milioni di fatturato nel 2011) ha potenziato ulteriormente le proprie unità produttive assegnando a CMF Technology la realizzazione di un nuovo impianto di colorazione a secco Recolor. L’impianto, già in dotazione presso Cotto Tuscania, Energie Ker e Gold Art, sarà installato presso lo stabilimento Ceramica Mandrio a Correggio.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 12

41


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it opens branches in I ndia and

Dorfner

42

that will ultimately lead to digital management of the entire production line. Manufacturing methods will also have to be rethought in anticipation of the production of Italian products in local markets under licence from the companies that designed them. For this reason, clear rules must be drawn up to protect intellectual property and safeguard the value of companies’ design and research.”

apre in I ndia e

India e Brasile, due mercati chiave in forte espansione, aperti all’era della tecnologia digitale nella stampa delle piastrelle. Sono queste le premesse che hanno indotto Tecnografica ad aprire una nuova sede ad Ahmedabad e a Rio Claro. Con Tecnografica India e Tecnografica Brasil, l’azienda di Castellarano espande dunque il suo presidio all’estero, abbracciando due

Castellarano

Ahmedabad

makes new investments

Dorfner, a German raw materials producer with operations based in Hirschau, is investing in new calcined kaolin technology and laying the foundations for future growth. The burgeoning demand for calcined kaolin for use in the ceramic, paper and plastics industries has prompted the company to upgrade its plant so as to offer a more rapid and efficient response to the needs of the market. Following the 2007 and 2009 upgrades that have allowed the company to triple its production capacity, it is now making further investments in upgrading its first production plant, scheduled for the last quarter of 2012. In the first half of 2012, Dorfner also increased its storage capacity for Dorkafill® and Dorkamul® products so as to implement a just-intime service, purchasing six new silos with a capacity of 140 m3

T ecnografica

Villareal

India and Brazil are two large and fast-growing markets receptive to digital technology in ceramic tile printing. With this in mind, Tecnografica has decided to open a new branch in Ahmedabad and another in Rio Claro. With Tecnografica India and Tecnografica Brasil, the Castellarano-based company is expanding its international presence, penetrating two emerging areas that are on course for major growth in the future. Speaking at a conference organised by the Brazilian ceramic tile manufacturers’ association Anfacer shortly before the opening of the South American branch, Tecnografica’s chairman Paolo Lamberti commented: “The ceramic sector is undergoing a technological change at a very rapid pace that will transform both the production process and companies’ human resource requirements. Digital tile decoration not only makes it possible to create products of extremely high aesthetic quality, it also ushers in a new manufacturing concept

Brazil

Rio Claro

Tecnografica

each. The silos were constructed in such a way as to protect the purity of the material, adopting a closed system to prevent any risk of contamination by impurities. Thanks to its modern R&D department, Dorfner is able to offer customised solutions for achieving high quality standards. The company will be exhibiting at Tecnargilla 2012 in hall B5, stand 147.

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

N uovi

investimenti alla

Dorfner, azienda tedesca produttrice di materie prime, con sede operativa a Hirschau, investe in nuova tecnologia nell’ambito del caolino calcinato ponendo le basi per nuovi sviluppi futuri. La crescente domanda di caolini calcinati, utilizzati nell’industria ceramica, cartaria e plastica, ha indotto l’azienda a ristrutturazioni impiantistiche per far fronte in modo più puntuale ed efficiente alle richieste del mercato. Dopo gli adeguamenti

B rasile

aree emergenti destinate a grossi trend di sviluppi futuri. “Il settore ceramico - ha dichiarato Paolo Lamberti, presidente di Tecnografica, durante un convegno di Anfacer (l’associazione dei produttori brasiliani di piastrelle ceramiche), poco prima di inaugurare la sede sudamericana - sta affrontando con grandissima velocità un cambiamento tecnologico che porterà a rivedere il modo di produrre e le professionalità impiegate nelle aziende; la decorazione digitale delle piastrelle, infatti, non solo rende possibili prodotti con un altissimo livello estetico ma introduce un nuovo concetto di produzione che porterà la gestione digitale su tutta la linea di produzione. Dovranno essere ripensate le logiche produttive anche in funzione della realizzazione di prodotti italiani nei mercati locali, con licenza da parte delle aziende che li hanno ideati. Per questo motivo devono essere messe regole chiare che tutelino la proprietà intellettuale e che valorizzino il design e la ricerca delle aziende”.

D orfner del 2007 e del 2009, che hanno consentito di triplicare la capacità produttiva, l’azienda sta ora stanziando ulteriori investimenti per il rinnovo, previsto per l’ultimo trimestre 2012, del primo impianto di produzione. Nella prima metà del 2012, Dorfner ha inoltre aumentato la capacità di stoccaggio del prodotto Dorkamul® per un servizio just in time, dotandosi di sei nuovi silos della capacità di 140 m3 ciascuno. Nella costruzione dei silos è stata privilegiata la salvaguardia della purezza del materiale: il sistema chiuso, infatti, previene ogni possibile contaminazione dalle impurità. Dorfner, che sarà presente a Tecnargilla 2012 (hall B5 stand 147), grazie al moderno reparto di ricerca e sviluppo è in grado di offrire soluzioni personalizzate per il raggiungimento di elevati standard qualitativi.


WE

TECHNOLOGY. HANDLING SYSTEMS

I STORAGE I GLAZING LINES I KILNS LOADING AND UNLOADING I

DRYERS LOADING AND UNLOADING

We take care of your company and offer you technological solutions in various productive departments. We listen to your needs and thanks to the versatility on project and designing, we can carry out every special request with the highest specialization.

2012 - Hall A1

nuovaera.it


world news

More news on www.CeramicWorldWeb.it

Agreement

between

Saati

As of 1 October 2012, the manufacturing and sales activities and trademarks of Fotec, a manufacturer of chemicals for screen printing based in Küsnacht, Switzerland, will be integrated into Saati. Under the terms of the agreement, Fotec will maintain relations with the German producer Remco Chemie Rentzsch, with whom it already has a sales and distribution partnership. Saati will distribute Fotec brand products in Asia, Australia and the Americas, while Remco will be responsible for the Middle East, Africa and Europe

and

Fotec

through SPT (Screen Process Technology) Sales & Marketing. SPT will take over technical, sales and marketing personnel from Fotec and Remco and will act as the distribution centre and central warehouse for its sales territory. Henri Kunz, founder and president of Fotec and one of the pioneers of the European screen printing industry, stressed that the agreement with Saati will strengthen the Fotec brand. Saati’s shareholder Alberto Novarese and Remco’s shareholders Jochen and Marcus Rentzsch agreed, emphasising how proud they are of the recent partnership.

A ccordo

tra

S aati e F otec

A partire dal 1° ottobre 2012, le attività produttive e commerciali e i marchi di Fotec, azienda produttrice di prodotti chimici per serigrafia, con sede a Küsnacht, Svizzera, saranno integrate in Saati. L’accordo prevede anche la continuità della partnership con il produttore tedesco Remco Chemie Rentzsch, con cui Fotec aveva già in essere rapporti di collaborazione per la vendita e distribuzione dei prodotti. Saati si occuperà della distribuzione dei prodotti a marchio Fotec in Asia, Australia e nelle Americhe, mentre Remco, attraverso SPT (Screen Process Technology) Sa-

les & Marketing, seguirà le aree di Medio Oriente, Africa ed Europa. SPT, che incorporerà lo staff tecnico e commerciale di Fotec e Remco, diventerà a tutti gli effetti il centro di stoccaggio e distribuzione per le sue aree di competenza. Henri Kunz, fondatore e Presidente di Fotec, tra i pionieri dell’industria serigrafica in Europa, ha sottolineato che l’accordo con Saati rafforzerà il marchio Fotec. Dello stesso parere anche Alberto Novarese, azionista di Saati, assieme a Jochen Rentzsch e Marcus Rentzsch, azionisti di Remco, che si sono dichiarati orgogliosi della recente partnership.

SPT Sales + Marketing GmbH ADVERTISING

SAATI / FOTEC/ REMCO press release SAATI S.p.A., produttore di tessuti e chimici per serigrafia con sede in Italia ad Appiano Gentile – Como e FOTEC Ag., produttore di chimici per serigrafia, con sede in Svizzera a Küsnacht, hanno il piacere di annunciare che le attività commerciali, la produzione e i marchi di Fotec Ag saranno integrati nelle attività di Saati SpA a partire dal 1 ottobre 2012. Un accordo in tal senso è stato siglato da entrambe le parti nei giorni scorsi. Al contempo SAATI dichiara la totale continuità della partnership con il produttore di chimici per serigrafia, REMCO – CHEMIE Rentzsch GmbH, con sede in Germania ad Heidelberg. FOTEC e REMCO avevano già da tempo accordi di collaborazione per la vendita e la distribuzione, e tali accordi costituiscono ora la base per la nuova partnership. Le attività commerciali, di marketing e di distribuzione della marca FOTEC saranno diverse a seconda delle aree geografiche: l’organizzazione commerciale di SAATI si occuperà delle attività legate alla distribuzione dei prodotti a marchio FOTEC in Asia, Australia e nelle Americhe, mentre le attività commerciali del marchio FOTEC in Europa, Medio Oriente e Africa saranno abbinate alle attività commerciali dei prodotti a marchio REMCO, gestite da SPT (Screen Process Technology) Sales & Marketing GmbH, con sede in Germania, ad Heidelberg. SPT incorporerà lo staff tecnico e commerciale di 31 FOTEC Cera mic W oe rldREMCO, Review n. 98/ 2012 e sarà a tutti gli effetti il centro di stoccaggio e distribuzione per le sue


World production and consumption of ceramic tiles Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it Luca Baraldi - l.baraldi@tiledizioni.it

Produzione e consumo mondiale di piastrelle di ceramica The 2011 edition of Ceramic World Review’s annual survey of world production, consumption, exports and imports of ceramic tiles paints a positive picture with 9-10% growth in all indicators, in line with the recovery reported the previous year: world production up 10.1%, consumption up 10.2% and imports/exports up 8.7% (this latter the only figure lower than that of 2010, which was +12%). Like every year, access to new sources and information has enabled us to check and in some cases correct the figures for previous years. This is largely due to the contributions of the trade associations representing the leading ceramic producer countries and the individual companies and researchers who for years now have been collaborating with our magazine on the survey, whom we wish to thank. ***

Prima di addentrarci nell’analisi delle singole aree geografiche, ricordiamo che, come ogni anno, l’accesso a nuove fonti e informazioni ha consentito di verificare, e nel caso correggere, i dati degli anni precedenti; questo anche grazie al contributo delle associazioni di categoria attive nei maggiori Paesi produttori di ceramica, singole aziende e ricercatori che ormai da anni collaborano con la nostra rivista per la realizzazione dello studio e che ringraziamo. ***

1) In 2011 world tile production broke the 10 billion sq.m barrier to reach 10,512 million sq.m, 10.1% up on the 9,546 million sq.m of 2010. Almost all areas of the world showed growth. Asia produced 7,179 million sq.m (12.9% up on 2010, an additional 820 million sq.m almost entirely absorbed by growth in China, Iran and India), bringing its share of world production to 68.3%. Europe achieved a

1) Nel 2011 la produzione mondiale di piastrelle ha sfondato il muro dei 10 miliardi mq portandosi a 10.512 milioni mq, +10,1% rispetto ai 9.546 milioni mq del 2010. In crescita quasi tutte le aree del pianeta. L’Asia ha prodotto 7.179 milioni mq (+12,9% sul 2010, 820 milioni mq in più, quasi interamente assorbiti dalla crescita in Cina, Iran e India), portando la sua quota sulla

WORLD MANUFACTURING AREAS

WORLD CONSUMPTION AREAS

2011 (Sq.mt Mill.)

% on world production

% var. 11/10

1,178

11.2

+4.4

OTHER EUROPE (Turkey included)

490

4.7

NORTH AMERICA (Mexico included)

284

CENTRAL-SOUTH AMERICA ASIA

AREAS EUROPEAN UNION (27)

economics

L’appuntamento annuale di Ceramic World Review con l’aggiornamento al 2011 dei dati di produzione, consumo, esportazione e importazione di piastrelle ceramiche a livello mondiale ci riconsegna un quadro positivo, con una crescita per tutti gli indicatori tra il 9 e il 10%, in linea con quella già registrata l’anno precedente: +10,1% la produzione mondiale, +10,2% il consumo, +8,7% i flussi di import-export, gli unici a segnare una decelerazione più marcata rispetto al +12% del 2010.

AFRICA OCEANIA TOTAL

46

2011 (Sq.mt Mill.)

% on world consumption

% var. 11/10

EUROPEAN UNION (27)

929

9.0

-2.1

+7.0

OTHER EUROPE (Turkey included)

520

5.0

+10.7

2.7

+4.2

NORTH AMERICA (Mexico included)

398

3.8

+2.4

1,051

10.0

+10.0

CENTRAL-SOUTH AMERICA

1,118

10.8

+10.8

7,179

68.3

+12.9

ASIA

6,844

66.0

+13.3

326

3.1

-11.2

AFRICA

517

5.0

+1.6

5

0.0

0.0

OCEANIA

44

0.4

0.0

10,512

100.0

+10.1

10,370

100.0

+10.2

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

AREAS

TOTAL


Exclusive content smaller growth in production, up from 1,586 to 1,668 million sq.m (+5.2%) and equal to 15.9% of world production. In greater detail, the European Union (EU-27) saw an increase in production from 1,128 million to 1,178 million sq.m (4.4% up on 2010), while non-EU Europe reported a rise from 458 to 490 million sq.m (+7%). In the American continent, total production reached 1,335 million sq.m (12.7% of world production). Central and South America saw an increase from 955 to 1,051 million sq.m (+10%) due to the growth in production in Brazil, while in North America production reached 284 million sq.m (4.2% up on 2010). The only area that suffered a fall in production was Africa, down 11% on 2010 to 326 million sq.m. This contraction was almost exclusively attributable to a fall in production in Egypt, the largest producer country in the continent. The country saw extremely strong expansion in previous years and is likely to make up for the losses in the future.

produzione globale al 68,3%. Più contenuta la crescita della produzione in Europa, passata da 1.586 a 1.668 milioni mq (+5,2%) e pari al 15,9% della produzione mondiale. Più in dettaglio, l’Unione Europea (UE-27) è salita da 1.128 a 1.178 milioni mq (+4,4% sul 2010), mentre i Paesi dell’Europa extra-UE sono passati da 458 a 490 milioni mq (+7%). Nel continente americano la produzione complessiva ha raggiunto i 1.335 milioni mq (il 12,7% della produzione mondiale): il Centro-Sud America è passato da 955 a 1.051 milioni mq (+10%) grazie all’incremento produttivo del Brasile, mentre il Nord America ha raggiunto i 284 milioni mq (+4,2% sul 2010). Unica area che ha registrato un calo produttivo è l’Africa che ha ceduto l’11% sul 2010 scendendo a 326 milioni mq; calo imputabile quasi esclusivamente al maggiore produttore del continente, l’Egitto, protagonista negli anni precedenti di una fortissima espansione e che potrebbe essere recuperato pienamente.

2) In 2011 world tile consumption reached 10,370 million sq.m (10.2% up on the 9,410 million sq.m of 2010). The only area where demand fell was the European Union, down from 949 to 929 million sq.m (-2.1%), where the recovery in consumption in Germany, France and Poland was not sufficient to offset the lower demand in almost all other EU countries. Asia on the other hand again reported the biggest growth in world consumption, up 13.3% to a total of 6,844 million sq.m, 66% of world consumption. China, India, Iran, Vietnam, Indonesia, Saudi Arabia and Iraq were the main countries behind the increase. Central and South America also registered growth in consumption of more than 10%, up from 1,008 to 1,118 million sq.m (+10.8%), driven by Brazilian demand. NonEU Europe saw 10.7% consumption growth to 520 million sq.m due to strong demand in Russia and Turkey. There were smaller increases in North America, where demand reached 398 million sq.m (+2.4%), and in Africa with 517 million sq.m (+1.6%). Here the falls recorded in Libya and Egypt were offset by growth in Nigeria, Algeria, Morocco and Ghana.

2) Nel 2011 il consumo mondiale di piastrelle ha toccato i 10,370 milioni mq (+10,2% sui 9.410 milioni del 2010). Unica area in cui la domanda ha subìto un calo è stata l’Unione Europea, scesa da 949 a 929 milioni mq (-2,1%), e dove il recupero del consumo in Germania, Francia e Polonia non è stato sufficiente a compensare la minore domanda di quasi tutti gli altri Paesi UE. Per contro, la crescita più elevata dei consumi si è registrata ancora in Asia: +13,3%, per un totale di 6.844 milioni mq, ossia il 66% del consumo mondiale; Cina, India, Iran, Vietnam, Indonesia, Arabia Saudita e Iraq i maggiori responsabili dell’aumento. Crescita superiore al 10% anche in Centro-Sud America, dove il consumo è salito da 1.008 a 1.118 milioni mq (+10,8%) trainato dalla domanda brasiliana; +10,7% anche nell’area Europa extra-UE, salita a 520 milioni mq, grazie al buon andamento dei consumi in Russia e Turchia. Aumenti più contenuti si sono registrati in Nord America, dove la domanda ha raggiunto i 398 milioni mq (+2,4%), e in Africa, dove i consumi hanno toccato i 517 milioni mq (+1,6%): qui, i cali registrati in Libia ed Egitto sono stati compensati dalla crescita in Nigeria, Algeria, Marocco, Ghana.

3) The comparison between the various continents’ contributions to world tile production and consumption maintained the past pattern in which the two values have been substantially similar, demonstrating that tiles tend to be produced near their areas of consumption. Asia accounted for 68% of production and 66% of world consumption, Europe (EU + nonEU) 16% and 14% respectively, the Americas 13% and 14.6% and Africa 3% and 5.5%. Imports/exports as a percentage of world consumption re-

WORLD EXPORTING AREAS 2011 (Sq.mt Mill.)

% on world consumption

% var. 11/10

EUROPEAN UNION (27)

711

6.9

+4.6

OTHER EUROPE (Turkey included)

138

1.3

+10.2

NORTH AMERICA (Mexico included)

67

0.6

+10.3

CENTRAL-SOUTH AMERICA

114

1.1

+10.9

1,070

10.3

+14.2

AFRICA

28

0.3

-40.3

OCEANIA

1

0.0

-

2,130

20.5

+8.7

AREAS

ASIA

TOTAL

48

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

3) Il confronto del contributo di ogni continente alla produzione e al consumo mondiali di piastrelle continua a mostrare le evidenze emerse in passato, ossia una sostanziale omogeneità dei due valori, a riprova che si tende a produrre laddove si consuma: l’Asia rappresenta il 68% della produzione e il 66% del consumo mondiali, l’Europa (UE + Extra-UE) rispettivamente il 16% e il 14%, le Americhe il 13% e il 14,6%, l’Africa il 3% e

International trade 2011 (on Total World Consumption)

Domestic sales 79.5%

Import Export 20.5%


â&#x20AC;ĄFlag indicates LATICRETE headquarters. A-5176-0812 Snap for more information.

LATICRETE is a global manufacturer of installation materials and methods for tile and stone. For over 50 years architects, engineers, and contractors in over 80 countries across the globe have relied on the proven performance of LATICRETE technology. From underlayments, waterproofing, sound and crack isolation, to floor warming, tile adhesive and grouts, LATICRETE offers the products, systems, warranties and technical support to ensure projects become a success. www.laticrete.com | +1.203.393.0010 For Low VOCs

Globally Proven Construction Solutions Come see us at Cersaie Stand 36 Area 45


Exclusive content mained unchanged relative to the 2009 and 2010 values at 20.5%. 4) In 2011, world exports rose by 8.7% relative to 2010, up from 1,960 to 2,130 million sq.m. With the sole exception of Africa, which fell by 40% to 28 million sq.m, all the other areas experienced positive trends. Asia exported 1,070 million sq.m (+14.2%), equivalent to half of total world exports. The second largest area in terms of export volumes (with 33.4% of world tile exports) was the European Union, which exported 711 million sq.m (+4.6%) due to a further recovery on the part of Italy and Spain. There was an increase in exports from non-EU Europe (from 126 to 138 million sq.m, +10.2%), and likewise from Central and South America (up 10.9% to 114 million sq.m) and North America (+10.3% to 67 million sq.m).

il 5,5%. A questo si aggiunga che l’incidenza dei flussi di import/export sul consumo mondiale è rimasta invariata sul valore 2009 e 2010 al 20,5%. 4) Nel 2011, le esportazioni mondiali sono cresciute dell’8,7% sul 2010 passando da 1.960 a 2.130 milioni mq. Con l’unica eccezione dell’Africa, che ha perso il 40% scendendo a 28 milioni mq, tutte le altre aree hanno segnato andamenti positivi. L’Asia ha esportato 1.070 milioni mq (+14,2%), pari alla metà delle esportazioni mondiali totali. Seconda maggiore area per volumi di export (suo il 33,4% dell’export mondiale di piastrelle), l’Unione Europea, che ha esportato 711 milioni mq (+4,6%) grazie ad un nuovo recupero di Italia e Spagna. L’Europa extraUE è salita da 126 a 138 milioni mq (+10,2%). In crescita anche

TOP MANUFACTURING COUNTRIES COUNTRY

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

2010 (Sq.m Mill.)

2011 (Sq.m Mill.)

% on 2011 world production

% var. 11/10

1.

CHINA

3,200

3,400

3,600

4,200

4,800

45.7

14.3

2.

BRAZIL

637

713

715

753

844

8.0

12.1

3.

INDIA

385

390

490

550

617

5.9

12.2

4.

IRAN

250

320

350

400

475

4.5

18.8

5.

ITALY

559

513

368

387

400

3.8

3.2

6.

SPAIN

585

495

324

366

392

3.7

7.1

7.

VIETNAM

254

270

295

375

380

3.6

1.3

8.

INDONESIA

235

275

278

287

317

3.0

10.6

9.

TURKEY

260

225

205

245

260

2.5

6.1

10.

MEXICO

215

223

204

210

219

2.1

4.3

11.

EGYPT

140

160

200

220

175

1.7

-20.5

12.

THAILAND

130

130

128

132

149

1.4

12.9

13.

RUSSIA

135

147

117

126

136

1.3

7.6

14.

POLAND

112

118

112

112

119

1.1

6.3

15.

UAE

76

77

77

90

90

0.9

0.0

16.

MALAYSIA

75

85

90

90

82

0.8

-8.9

17.

SAUDI ARABIA

34

40

55

56

78

0.7

38.4

18.

USA

51

59

53

60

63

0.6

3.6

19.

MOROCCO

50

51

54

56

60

0.6

7.1

20.

UKRAINE

27

39

44

52

60

0.6

15.4

21.

ARGENTINA

60

60

56

58

58

0.6

0.0

22.

PORTUGAL

74

74

70

65

57

0.5

-12.3

23.

GERMANY

67

59

51

50

55

0.5

9.6

24.

COLOMBIA

48

50

50

50

50

0.5

0.0

25.

SOUTH KOREA

42

39

42

40

42

0.4

4.5

26.

SYRIA

19

28

31

35

35

0.3

0.0

27.

TAIWAN

50

40

32

34

34

0.3

0.0

28.

ALGERIA

28

28

29

30

33

0.3

10.0

29.

SOUTH AFRICA

38

38

32

32

33

0.3

3.1

30.

VENEZUELA

30

32

30

30

30

0.3

0.0

TOTAL

7,866

8,177

8,183

9,193

10,142

96.5

10.3

WORLD TOTAL

8,252

8,548

8,533

9,546

10,512

100.0

10.1

In 2011, the 30 major manufacturing countries covered 96.5% of world production

50

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


Exclusive content 5) As the world’s largest producer, consumer and exporter of ceramic tiles, the sheer scale of China’s volumes has powered world growth in production, consumption and exports for over 15 years. The Chinese industry and market remain difficult to quantify given the very large discrepancies between available figures (estimates for production capacity vary from 8 to 10 billion sq.m/year). However, according to our estimates China increased its production by 14.3% in 2011 to reach 4,800 million sq.m, equivalent to 45.7% of world production. There was a comparable growth in consumption to 4 billion sq.m, or 38.6% of world consumption. Exports of Chinese-made tiles have also risen significantly, from 715 million sq.m in 2010 to 830 million sq.m in 2011 (+16.1%). The destination markets for Chinese exports were: Asia and the Middle East 56.6%; Africa 16.4%; the

l’export di Centro-Sud America (+10,9% a 114 milioni mq) e Nord America (+10,3% a 67 milioni mq). 5) Maggiore produttore, consumatore ed esportatore mondiale di piastrelle ceramiche, per i volumi in gioco la Cina determina ormai da oltre 15 anni gli incrementi di produzione, consumo ed export mondiali. Sebbene l’industria e il mercato cinesi restino di difficile quantificazione data l’ampissima discrepanza tra i dati disponibili (la stessa capacità produttiva varia da 8 a 10 miliardi mq/anno), secondo le nostre stime, nel 2011 la Cina ha registrato un incremento della produzione pari al 14,3% a 4.800 milioni mq, rappresentando il 45,7% della produzione globale. Analoga la crescita del consumo, stimato a 4 miliardi mq, ossia il 38,6% del consumo mondiale. Significativo anche l’incremento delle esportazioni di piastrelle made in China, salite dai 715 milioni mq del 2010 a 830 milioni mq nel 2011

TOP CONSUMPTION COUNTRIES COUNTRY

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

2010 (Sq.m Mill.)

2011 (Sq.m Mill.)

% on 2011 world consumption

% var. 11/10

1.

CHINA

2,700

2,830

3,030

3,500

4,000

38.6

14.3

2

BRAZIL

535

605

645

700

775

7.5

10.7

3.

INDIA

397

403

494

557

625

6.0

12.2

4.

IRAN

236

265

295

335

395

3.8

17.9

5.

VIETNAM

210

220

240

330

360

3.5

9.1

6.

INDONESIA

178

262

297

277

312

3.0

12.6

7.

SAUDI ARABIA

110

136

166

182

203

2.0

11.6

8.

USA

249

211

173

186

189

1.8

1.7

9.

RUSSIA

176

191

139

158

181

1.7

14.4

10.

MEXICO

174

177

163

168

177

1.7

5.4

11.

TURKEY

161

129

138

155

169

1.6

9.2

12.

EGYPT

105

140

170

192

160

1.5

-16.7

13.

THAILAND

120

120

117

130

134

1.3

3.1

14.

ITALY

199

176

146

145

133

1.3

-8.1

15.

SPAIN

314

240

156

145

129

1.2

-11.0

16.

FRANCE

129

128

113

118

126

1.2

6.8

17.

GERMANY

124

112

106

105

118

1.1

12.1

18.

SOUTH KOREA

110

99

99

101

105

1.0

4.5

19.

UAE

81

96

77

100

103

1.0

2.5

20.

POLAND

100

103

93

90

96

0.9

6.7

21.

IRAQ

10

23

40

60

79

0.8

31.7

22.

MALAYSIA

53

50

69

80

79

0.8

-1.3

23.

MOROCCO

56

60

66

67

72

0.7

7.5

24.

COLOMBIA

53

54

53

54

62

0.6

14.8

25.

ARGENTINA

55

59

55

58

60

0.6

3.4

26.

PHILIPPINES

37

38

40

50

59

0.6

18.0

27.

UKRAINE

47

59

48

53

57

0.5

7.8

28.

ALGERIA

35

37

40

48

55

0.5

14.6

29.

GREAT BRITAIN

75

66

50

51

50

0.5

-2.5

30.

ISRAEL

32

33

33

41

44

0.4

7.3

TOTAL

6,859

7,121

7,350

8,234

9,105

87.8

10.6

WORLD TOTAL

8,060

8,350

8,500

9,410

10,370

100.0

10.2

In 2011, the 30 major consuming countries covered 88% of world consumption

52

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


Exclusive content American continent 18% (8.7% North America and 9.4% Central and South America), Europe 6.5% (a sharp drop following the introduction of antidumping measures in the European Union) and Oceania 2.3%. 6) In 2011 Brazil maintained its position as the world’s second largest producer and consumer country. Production has increased steadily for more than 20 years to reach 844 million sq.m (12.1% up on the 753 million sq.m of 2010), while domestic consumption saw 10.7% growth, up from 700 to 775 million sq.m. The Anfacer forecasts point to a further acceleration. Production, driven by extremely dynamic domestic demand (estimated at 829 million sq.m in 2012), may reach 900 million sq.m this year as a result of an installed capacity that totalled 987 million sq.m at the end of 2011 and may reach 1,021 million sq.m in 2012. Exports, shipped almost entirely to Latin American markets, showed a less buoyant performance but recovered the losses of 2010 to return to 60 million sq.m (+5%). Imports continued to grow strongly, up from 11 million sq.m in 2009 to 23 million sq.m in 2010 and 41 million sq.m in 2011, originating almost entirely from China. 7) Again in 2011, the world’s third largest tile producer and consumer country was India, which repeated its 12% growth of 2010 to raise national output from 550 to 617 million sq.m and consumption from 557 to 625 million sq.m. Exports (13 million sq.m) and imports (22 million sq.m almost exclusively from China) continued to be insignificant. For a more detailed analysis of the prospects of the local ceramic industry, which is benefiting from enormous growth in construction investments (estimated at +15% per annum for the next 10 years), see the article by ICCTAS chairman Shreekant Somany published on page 68. 8) In 2011 Italy retained its position as the second largest exporter country after China and the first in terms of value, while it ranked fifth amongst the top producer countries. Pro-

(+16,1%). I mercati di destinazione delle esportazioni cinesi sono stati: l’Asia e Medio Oriente per il 56,6%, l’Africa per il 16,4%, il continente americano per il 18% (8,7% in Nord America e 9,4% in Centro-Sud America), l’Europa per il 6,5% (in deciso calo dopo l’entrata in vigore delle misure antidumping in Unione Europea) e l’Oceania per il 2,3%. 6) Il Brasile ha mantenuto nel 2011 il suo posizionamento di secondo maggiore produttore e consumatore mondiale. La produzione, in costante crescita da oltre 20 anni, ha raggiunto gli 844 milioni mq (+12,1% sui 753 milioni del 2010), mentre il consumo interno ha registrato un incremento del 10,7%, passando da 700 a 775 milioni mq. Le previsioni di Anfacer indicano una ulteriore accelerazione: la produzione, trainata da una domanda interna estremamente dinamica (stimata a 829 milioni mq nel 2012), potrebbe sfiorare quest’anno i 900 milioni mq, grazie ad una capacità produttiva installata che a fine 2011 era di 987 milioni mq e che nel 2012 potrebbe toccare quota 1.021 milioni mq. Meno brillante l’andamento delle esportazioni, quasi interamente rivolte ai mercati latino-americani, sebbene abbiano recuperato il calo del 2010 riportandosi a 60 milioni mq (+5%). Continuano invece a segnare forti incrementi le importazioni, passate dagli 11 milioni del 2009, ai 23 del 2010 ai 41 del 2011, quasi interamente provenienti dalla Cina. 7) Anche nel 2011, terzo maggiore Paese produttore e consumatore di piastrelle è l’India, che ha replicato l’incremento del 12% del 2010 portando la produzione nazionale da 550 a 617 milioni mq e il consumo interno da 557 a 625 milioni mq. Ancora ininfluenti le esportazioni (13 milioni mq) e le importazioni (22 milioni mq provenienti quasi esclusivamente dalla Cina). Per un approfondimento sulle prospettive dell’industria ceramica locale, favorita da una fortissima crescita degli investimenti in costruzioni (si stima un +15% annuo per i prossimi 10 anni) rimandiamo all’articolo di Shreekant Somany, Presidente ICCTAS, pubblicato a pagina 68.

TOP EXPORTING COUNTRIES COUNTRY

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

2010 (Sq.m Mill.)

2011 (Sq.m Mill.)

% on 2011 national production

% on 2011 world exports

% var 11/10

1

CHINA

500

570

584

715

830

17.3

39.0

16.1

2

ITALY

379

355

281

289

298

74.5

14.0

3.1

3

SPAIN

333

306

235

248

263

67.1

12.4

6.3

4

TURKEY

104

92

67

84

87

33.5

4.1

4.0

5

IRAN

17

27

40

54

65

13.7

3.1

20.4

6

MEXICO

56

63

52

57

63

28.8

3.0

10.5

7

BRAZIL

102

81

61

57

60

7.1

2.8

5.1

8

VIETNAM

25

25

28

28

42

11.1

2.0

50.0

9

POLAND

30

34

35

32

36

30.3

1.7

12.5

10

UAE

38

34

31

32

36

40.0

1.7

10.9

11

PORTUGAL

37

37

32

31

32

56.1

1.5

4.5

12

THAILAND

25

25

36

32

29

19.5

1.4

-8.1

13

GERMANY

26

28

23

25

27

49.1

1.3

8.0

14

UKRAINE

5

7

6

11

20

33.3

0.9

90.5

15

INDONESIA

22

21

19

20

19

6.0

0.9

-5.0

TOTAL

1,699

1,704

1,531

1,714

1,908

18.4(1)

89.6

11.3

WORLD TOTAL

1,910

1,919

1,750

1,960

2,130

20.5(1)

100.0

8.7

In 2011 the 15 major exporting countries represented 89.6% of total exports and 18.4% of total world consumption.

54

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

(1)

Total exports on world consumption.


How to catch the uncatchable ...

Digital ceramic decoration opens new chromatic and material horizons.

digital.colorobbia.com


Exclusive content duction rose from 387 to 400 million sq.m (3.2% up on 2010), while total sales remained stable at 413 million sq.m, generating a total turnover of 4,716 million euro (1.9% up on 2010). Domestic sales fell sharply to 115 million sq.m (-7%) corresponding to a value of 1,146 million euro (-5.6%), offset by exports which reached a volume of 298 million sq.m (+3.1%) and a value of 3,570 million euro (+4.6%). The average export selling price rose to 12 euro/sq.m. Exports rose in both volume and value in virtually all geographical areas: the EU +2.9% by volume and +4.6% in value; non-EU Europe +7% and +11%, respectively; Asia +5.4% and +6.9%, Africa +14.6% and +14.9%; Oceania +3.4% and +11.8%. The only excep-

8) Nel 2011 l’Italia si è confermata secondo maggiore esportatore dopo la Cina, e primo in valore, mentre si è posizionata al 5° posto tra i maggiori Paesi produttori. La produzione è passata da 387 a 400 milioni mq (+3,2% sul 2010) e le vendite complessive sono rimaste stabili a 413 milioni mq, generando un fatturato totale di 4.716 milioni di euro (+1,9% sul 2010): il mercato domestico, in forte contrazione, ha assorbito 115 milioni mq (-7%) per un valore di 1.146 milioni di euro (-5,6%), compensato dal miglior andamento delle esportazioni che hanno raggiunto i 298 milioni mq (+3,1%) e un valore di 3.570 milioni di euro (+4,6%). Il prezzo medio all’esportazione è salito a 12 euro/mq. Esportazioni in crescita sia in volume che in valore

ITALIAN AND SPANISH EXPORTS BY GEOGRAPHIC AREA IN 2011 (% values) Europe

Americas

Asia

Africa

Oceania

Total

value:

72.1%

14.0%

10.0%

2.2%

1.5%

100.0% (= 3,570 mill. Euros, +4.6% on 2010)

sq.m.

71.8%

13.3%

9.7%

3.8%

1.3%

100.0% (= 298.3 mill. sq.m., +3.1% on 2010)

value:

55.1%

9.9%

24.0%

10.4%

0.6%

100.0% (= 1,892 mill. Euros, +8.3% on 2010)

sq.m.

44.0%

8.7%

31.7%

15.1%

0.4%

100.0% (= 263.3 mill. sq.m, +6.3% on 2010)

Italy

Spain

ITALY: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

SPAIN: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

CHINA: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m )

2010

2011

2010

2011

2010

2011

1. FRANCE

50.3

53.2

1. FRANCE

25.2

26.6

1. SAUDI ARABIA

62.0

77.5

2. GERMANY

39.7

42.3

2. SAUDI ARABIA

22.3

26.2

2. SINGAPORE

31.4

43.8

3. USA

28.6

27.0

3. ISRAEL

13.0

15.7

3. SOUTH KOREA

35.4

40.2

4. AUSTRIA

9.8

10.5

4. ALGERIA

7.0

11.2

4. USA

34.7

40.0

5. BELGIUM+LUX

9.3

9.6

5. UK

12.1

10.8

5. BRAZIL

24.1

37.2

6. SWITZERLAND

7.8

8.0

6. RUSSIA

9.3

10.4

6. THAILAND

29.0

36.6

7. GREECE

10.3

7.8

7. USA

6.9

7.1

7. NIGERIA

25.7

35.6

8. CANADA

8.8

7.1

8. JORDAN

5.3

6.8

8. INDIA

21.9

35.5

9. UK

6.6

6.7

9. ITALY

6.8

6.8

9. UAE

35.3

34.1

10. NETHERLANDS

4.9

5.1

10. GERMANY

6.2

6.7

10. PHILIPPINES

27.7

27.9

11. SAUDI ARABIA

6.4

5.0

11. MOROCCO

6.0

6.3

11. VIETNAM

19.5

24.6

12. RUSSIA

4.0

4.7

12. PORTUGAL

6.4

6.2

12. SOUTH AFRICA

18.5

21.9

13. SWEDEN

4.7

4.6

13. NIGERIA

4.8

5.9

13. HONG KONG

16.3

20.4

14. HUNGARY

4.1

4.6

14. ALBANIA

5.9

5.7

14. INDONESIA

12.4

20.1

15. CROATIA

4.7

4.5

15. UAE

6.0

5.6

15. KUWAIT

16.6

20.0

16. ISRAEL

3.9

4.2

16. IRAQ

3.7

5.4

16. MALAYSIA

26.7

20.0

17. ROMANIA

4.7

4.1

17. KUWAIT

3.7

4.9

17. AUSTRALIA

18.6

19.7

18. POLAND

3.4

3.5

18. GREECE

5.9

4.4

18. GHANA

13.8

19.4

19. DENMARK

3.4

3.3

19. ROMANIA

4.1

3.7

19. MEXICO

11.7

16.9

20. CZECH REP.

2.8

3.2

20. LEBANON

2.6

3.6

20. IRAQ

12.5

15.0

21. SLOVENIA

3.0

3.1

21. UKRAINE

2.4

3.3

21. COLOMBIA

9.9

13.8

22. FINLAND

3.0

2.9

22. POLAND

3.1

3.2

22. JAPAN

8.4

10.8

23. SPAIN

2.8

2.9

23. NETHERLANDS

2.9

2.7

23. RUSSIA

7.4

10.6

24. AUSTRALIA

2.3

2.3

24. MEXICO

2.3

2.7

24. ISRAEL

9.3

10.4

25. CHINA

1.9

2.0

25. BELGIUM

2.8

2.5

25. CANADA

12.8

10.4

Source: Confindustria Ceramica

56

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

Source: Ascer

Source: Un-Comtrade


Exclusive content tion was the Americas, which saw a 4% fall with respect to 2010 (-5.5% in the USA). Italy remains the country with the highest level of manufacturing internationalisation in the world with 20 companies controlled entirely or partially by Italian ceramic groups operating production facilities in the United States, Russia, Spain, France, Germany, Poland and Scandinavia. These companies reported good results in 2011 with 5.2% growth in production to 121.7 million sq.m, sales of 127.3 million sq.m (+2.3%) and a turnover of 1,045 million euro (+5.6%). These 20 international companies made more than 83% of their sales in volume in the domestic markets where they are located and just 17% in neighbouring countries. 9) Spain, the third largest exporter country, continued the slow recovery that began the previous year in terms of both production (7.1% up on 2010) and exports (6.3%). Production rose from 366 to 392 million sq.m and exports from 248 to 263 million sq.m, generating a value of 1,892 million euro (8.3% up on 2010) at an average selling price of 7.2 euro/sq.m. France (+6.6%), Saudi Arabia (+17.5%) and Israel (+20.8%) remained the top foreign markets for Spanish tiles, although strong growth was also recorded in Russia (+11.8%), Algeria (+60%) and other Middle Eastern countries including Jordan (+28.3%), Kuwait (+32.4%), Iraq (+45.9%) and Lebanon (+3.8%). The share of non-European exports rose further to reach 44.9% in value and 56% in volume. The strong performance of exports in terms of both volume and value made it possible to maintain the total level of sales (382.3 million sq.m, +0.4%) and turnover (2,597 million euro, +1.9%) in spite of a further sharp contraction of domestic sales, down to 119 million sq.m (-10.5%) and 705 million euro (-12%). Domestic tile consumption dropped to 129 million sq.m (11% down on 2010 and 59% down on 2007, the last pre-crisis year). 10) In 2011 Turkey, the world’s fourth largest exporter, consolidated the recovery that began during the previous two years. Production rose to 260 million sq.m (6% up on 2010), returning to 2007 levels. Domestic sales performed well for the third consecutive year, reaching an all-time high of 165 million sq.m (10% up on 2010), a figure matched only in 2006. Exports also experienced a second recovery, reaching volumes of 87.4 million sq.m (+4%). Export growth in terms of value was even higher (+11%), achieving a record value of more than $531 million. The top export markets for Turkish tiles

TURKEY: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m ) 2009

2010

2011

1. ISRAEL

9.0

11.7

10.7

2. UK

8.3

8.2

3. GERMANY

6.7

4. IRAQ

praticamente in tutte le aree geografiche: la UE ha registrato un +2,9% in volume e +4,6% in valore; l’Europa extra-Ue rispettivamente +7% e +11%; l’Asia +5,4% e +6,9%, l’Africa +14,6% e +14,9% l’Oceania +3,4% e +11,8%. Unica eccezione le Americhe, che hanno perso il 4% sul 2010 (-5,5% negli USA). L’Italia resta a livello mondiale il Paese con il più alto grado di internazionalizzazione produttiva, con 20 società controllate o partecipate da gruppi italiani con stabilimenti negli Stati Uniti, in Russia, Spagna, Francia, Germania, Polonia, Scandinavia: buoni i loro risultati anche nel 2011, con una produzione cresciuta del 5,2% a 121,7 milioni mq, vendite a 127,3 milioni mq (+2,3%) e fatturato a 1.045 milioni di euro (+5,6%). L’83% delle vendite in quantità delle 20 aziende estere si sono rivolte ai mercati interni in cui hanno sede e appena il 17% ai mercati limitrofi. 9) Terzo maggiore Paese esportatore, la Spagna ha proseguito nel 2011 la strada del lento recupero iniziata l’anno prima, sia a livello di produzione (7,1% sul 2010) che di export (6,3%): la produzione è salita da 366 a 392 milioni mq, mentre le esportazioni sono passate da 248 a 263 milioni mq, generando un valore pari a 1.892 milioni di euro (+8,3% sul 2010), con un prezzo medio di 7,2 euro/mq. Francia (+6,6%), Arabia Saudita (+17,5%) e Israele (+20,8%) si sono confermati i principali mercati esteri della piastrella spagnola, che ha registrato buoni incrementi anche in Russia (+11,8%), Algeria (+60%) e negli altri Paesi del Medio Oriente: Giordania (+28,3%), Kuwait (+32,4%), Iraq (+45,9%), Libano (+3,8%). Si è ulteriormente rafforzata la quota di esportazioni extraeuropee, pari al 44,9% in valore e al 56% in volume. Il buon andamento delle esportazioni, sia in volume che in valore, ha consentito di mantenere i livelli totali di vendite (382,3 milioni mq, +0,4%) e di fatturato (2.597 milioni di euro, +1,9%), nonostante la nuova forte contrazione delle vendite sul mercato domestico, scese a 119 milioni mq (-10,5%) e a 705 milioni di euro (-12%). Il consumo nazionale di piastrelle si è fermato a 129 milioni mq (-11% sul 2010 e -59% rispetto al consumo del 2007, ultimo anno pre-crisi). 10) Nel 2011 la Turchia, quarto maggiore esportatore mondiale, ha consolidato il recupero iniziato nell’ultimo biennio. La produzione è salita a 260 milioni mq (+6% sul 2010) riportandosi ai livelli 2007. Bene, per il terzo anno consecutivo, le vendite sul mercato interno, che hanno raggiunto il record storico di 165 milioni mq (+10% sul 2010), eguagliato solo nel 2006. Anche le esportazioni hanno messo a segno un secondo recupero, por-

BRAZIL: THE TOP EXPORT MARKETS (mill. sq.m ) 2009

2010

2011

1. PARAGUAY

6.8

9.4

10.7

8.6

2. USA

10.3

8.3

8.1

8.6

8.6

3. DOMINICAN REP.

5.3

4.5

4.9

1.5

3.7

7.0

4. ARGENTINA

3.9

3.9

4.4

5. AZERBAIJAN

4.0

4.8

6.2

5. URUGUAY

2.6

3.0

3.7

6. GEORGIA

4.9

4.2

4.7

6. COLOMBIA

-

1.6

2.8

7. CANADA

4.4

6.6

4.3

7. CHILE

2.1

2.7

2.1

8. GREECE

3.1

3.5

4.1

8. JAMAICA

1.8

1.5

2.0

9. FRANCE

3.2

4.2

4.1

9. TRINIDAD

2.3

1.9

2.0

10. ROMANIA

3.2

3.3

2.9

10. HONDURAS

1.3

1.4

1.6

Source: Serkap

58

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

Source: Anfacer


Exclusive content in terms of value were Germany, Israel and the UK, followed by Iraq (with strong 77.6% growth) and Azerbaijan (+27.6%). In terms of quantities, Israel remained the leading export market for Turkish tiles at 10.7 million sq.m, 7.8% down on 2010. Domestic tile consumption returned to pre-crisis levels of around 169.2 million sq.m (9.4% up on 2010) and was entirely covered by local production (imports totalled around 4.5 million sq.m). Low plant usage rate (63% of installed capacity) continues to be a problem. Furthermore, installed capacity underwent further expansion in 2011 from 406 to 413 million sq.m and is expected to continue to increase following new investments planned for 2012-2013. 11) In 2011 Iran confirmed its position as the fourth largest tile producer and consumer country and overtook Brazil to gain the position of fifth largest exporter. Production increased from 400 to 475 million sq.m (+18.8%) and domestic consumption from 335 to 395 million sq.m (+17.9%). Some 78% of the 65 million sq.m of exports (20.4% up on 2010) were shipped to Iraq (50.7 million sq.m), followed by Afghanistan (8.8 million sq.m) and Turkmenistan (2.4 million sq.m). 12) In 2010 the top 20 importer countries accounted for a total volume of imports of 1,116 million sq.m of tiles, equivalent to 52.4% of total world import/export flows and 10.8% of total world tile consumption. In the relevant table we have included the shares of each country’s total consumption that consists of imports. Imports to all countries with the ex-

tandosi, in volume, a 87,4 milioni mq (+4%); ben superiore, +11%, la crescita dell’export in valore, che ha toccato il suo massimo storico superando i 531 milioni di dollari. Principali mercati esteri della piastrella made in Turkey si sono confermati, in valore, Germania, Israele e Regno Unito, seguiti da Iraq, in forte crescita (+77,6%), e Azerbaijan (+27,6%). Per quantità esportate, Israele si è confermato il primo mercato di sbocco della piastrella turca con 10,7 milioni mq, sebbene in calo del 7,8% sul 2010. Il consumo nazionale, soddisfatto quasi interamente dalla produzione locale (l’importazione è sui 4,5 milioni mq), è tornato su livelli precrisi a 169,2 milioni mq (+9,4% sul 2010). Permane il problema del tasso di utilizzo degli impianti, ancora piuttosto basso, al 63% della capacità installata. Quest’ultima, peraltro, ha registrato un ulteriore aumento nel 2011 passando da 406 a 413 milioni mq, destinata a crescere ancora grazie a nuovi progetti di ampliamento previsti nel 2012-2013. 11) Nel 2011 l’Iran si è confermato il quarto maggiore Paese produttore e consumatore di piastrelle, oltre ad aver conquistato il quinto posto tra i maggiori Paesi esportatori scavalcando il Brasile. La produzione è passata da 400 a 475 milioni mq (+18,8%) e il consumo nazionale da 335 a 395 milioni mq (+17,9%). Le esportazioni, pari a 65 milioni mq (+20,4% sul 2010) sono indirizzate per il 78% all’Iraq (50,7 milioni mq), seguito da Afghanistan (8,8 milioni mq) e Turkmenistan (2,4 milioni mq). 12) I primi 20 maggiori Paesi importatori hanno raggiunto nel 2011 un volume totale di 1.116 milioni mq di piastrelle impor-

TOP IMPORTING COUNTRIES COUNTRY

2007 (Sq.m Mill.)

2008 (Sq.m Mill.)

2009 (Sq.m Mill.)

2010 (Sq.m Mill.)

2011 (Sq.m Mill.)

% on 2011 national consumption

% on 2011 world imports

% var. 11/10

1

USA

202

157

124

130

131

69.3

6.2

1.1

2

SAUDI ARABIA

77

99

116

117

129

63.5

6.1

10.3

3

FRANCE

108

112

101

103

107

84.9

5.0

3.9

4

GERMANY

83

80

78

80

90

76.3

4.2

12.4

5

IRAQ

10

23

40

60

79

100.0

3.7

31.7

6

SOUTH KOREA

66

59

55

59

63

60.0

2.9

6.8

7

RUSSIA

48

54

30

41

56

30.9

2.6

35.7

8

UAE

43

55

45

48

48

46.6

2.3

0.0

9

NIGERIA

22

30

29

30

44

100.0

2.1

46.7

10

THAILAND

22

25

28

30

42

31.3

2.0

40.0

11

GREAT BRITAIN

67

58

43

43

41

82.0

1.9

-4.7

12

ISRAEL

30

30

30

39

41

93.2

1.9

5.9

13

BRAZIL

6

11

12

23

41

5.3

1.9

75.5

14

AUSTRALIA

37

31

34

36

35

87.5

1.6

-4.1

15

CHILE

17

25

22

35

33

80.5

1.5

-5.7

16

PHILIPPINES

15

16

21

28

31

52.5

1.5

10.7

17

CANADA

35

30

27

33

30

93.7

1.4

-9.1

18

KUWAIT

16

23

19

20

26

100.0

1.2

30.0

19

COLOMBIA

12

11

11

12

25

40.3

1.2

108.3

20

ROMANIA

33

35

22

25

25

65.8

1.2

0.0

TOTAL

948

962

885

991

1,116

10.8

52.4

12.6

1,910

1,919

1,750

1,960

2,130

20.5

100.0

8.7

WORLD TOTAL

In 2011 Imports of the 20 major importing countries represented 52% of total world imports and 10.8% of total world consumption.

60

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012


Exclusive content ception of Russia, Thailand, Brazil and Colombia made up more than half of domestic consumption. In 5 countries (Iraq, Nigeria, Kuwait, Israel and Canada) imports accounted for all (or more than 93%) of domestic demand. 13) The rankings of the top four tile importer countries remained unchanged in 2011: United States and Saudi Arabia (now almost neck-and-neck), France and Germany, followed in 5th place by Iraq which has overtaken South Korea following 31.7% growth (from 60 to 79 million sq.m, supplied entirely by Iran, China, Turkey and Spain). Only four countries (Great Britain, Australia, Canada and Chile) registered falls in imports. Along with Iraq, the largest increases were in Russia (+35.7%), Nigeria (+46.7%), Thailand (+40%), Kuwait (+30%) and Colombia (+108%). 14) In the United States, the small growth in consumption from 186 to 189 million sq.m was covered on the one hand by a small increase in sales of domestic products (from 56 to 58 million sq.m), largely produced by companies controlled by Italian groups, and on the other by imports, which rose from 129.6 to 131 million sq.m. Imports increased from the two largest supplier countries: Mexico (from 36 to 39.2 million sq.m) and China (from 32 to 36.4 million sq.m, +11%). Italy, the third largest supplier country to the USA, lost a million

SAUDI ARABIA: SHARES OF CONSUMPTION 2011

tate, pari al 52,4% dei flussi globali di import/export e al 10,8% del consumo mondiale di piastrelle. Nella relativa tabella è indicata, per ciascun Paese, la quota rappresentata dall’import sul consumo nazionale: ad eccezione di Russia, Tailandia, Brasile e Colombia, per tutti gli altri l’import ha assorbito oltre la metà del consumo locale, con 5 Paesi - Iraq, Nigeria, Kuwait, Israele e Canada - in cui soddisfa interamente, o per oltre il 93%, la domanda interna. 13) Invariata la graduatoria 2011 dei quattro maggiori Paesi importatori di piastrelle, nell’ordine Stati Uniti e Arabia Saudita (ormai quasi equivalenti), Francia e Germania, seguiti al 5° posto dall’Iraq che ha scavalcato la Corea del Sud grazie ad una crescita del 31,7% (da 60 a 79 milioni mq, interamente forniti da Iran, Cina, Turchia e Spagna). Solo quattro Paesi hanno registrato un calo di importazioni (Gran Bretagna, Australia, Canada e Cile). Gli incrementi maggiori, al contrario, si sono avuti, oltre che in Iraq, in Russia (+35,7%), Nigeria (+46,7%), Tailandia (+40%), Kuwait (+30%), Colombia (+108%). 14) Negli Stati Uniti, il leggero incremento del consumo da 186 a 189 milioni mq è stato assorbito sia da una piccola crescita delle vendite di produzione locale (da 56 a 58 milioni mq), in larga misura controllata da gruppi italiani, che dalle importazioni, passate da 129,6 a 131 milioni mq. In aumento l’import

FRANCE: SHARES OF CONSUMPTION 2011

TOTAL CONSUMPTION

202.6 million sq.m

TOTAL CONSUMPTION

126.0 million sq.m

Sales of domestic production

73.6 million sq.m

Sales of domestic production

19.0 million sq.m

Imports

129.0 million sq.m

Imports

107.0 million sq.m

Main imports from:

2010

2011

Main imports from:

2009

2010

2011

1. CHINA

62.0

77.5

1. ITALY

49.7

50.3

53.2

2. SPAIN

22.3

26.2

2. SPAIN

24.5

25.2

26.6

3. ITALY

6.4

5.0

3. PORTUGAL

11.8

11.5

12.2

4. EGYPT

5.5

4.3

4. TURKEY

3.2

4.3

4.1

5. OMAN

1.6

1.6

5. GERMANY

2.8

2.6

2.4

6. INDIA

2.0

1.2

6. CHINA

2.6

2.7

2.0

Various sources

Various sources

GERMANY: SHARES OF CONSUMPTION 2011

USA: SHARES OF CONSUMPTION 2011

TOTAL CONSUMPTION

117.5 million sq.m

TOTAL CONSUMPTION

189.3 million sq.m

Sales of domestic production

27.9 million sq.m

Sales of domestic production

58.3 million sq.m

Imports

89.6 million sq.m

Imports

131.0 million sq.m

Main imports from:

2009

2010

2011

Main imports from:

2009

2010

2011

1. ITALY

39.6

39.7

42.3

1. MEXICO

34.8

36.0

39.2

2. CHINA

8.2

10.7

9.7

2. CHINA

27.2

31.9

36.4

3. TURKEY

5.9

7.0

8.3

3. ITALY

21.8

23.2

22.3

4. CZECH REP.

6.3

7.0

7.4

4. BRAZIL

10.0

8.3

8.1

5. SPAIN

6.4

6.2

6.7

5. SPAIN

7.1

6.9

6.9

6. POLAND

2.3

3.3

4.1

6. PERU

2.3

3.4

3.8

7. UAE

3.8

3.1

3.6

7. COLOMBIA

5.3

5.6

3.6

8. FRANCE

3.9

3.4

3.0

8. TURKEY

2.5

2.8

2.9

9. PORTUGAL

-

-

1.6

9. THAILAND

7.3

5.4

2.2

10. AUSTRIA

-

-

0.7

10. HONG KONG

n.a.

0.8

1.4

Source: Industrieverband Keramische Fliesen und Platten

62

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

Source: TCNA


Exclusive content square metres of sales, down from 23 to 22 million sq.m (the TCNA figures based on values published by the US. Dept of Commerce differ from those published by Confindustria Ceramica, which show exports to the USA falling from 28.6 to 27 million sq.m). The rankings based on values of imports are in the reverse order. With a CIF value of US $455 million, Italy remains firmly in first place followed by China ($299.5 million) and Mexico ($235 million). 15) In Saudi Arabia the growth in domestic demand for ceramic tiles has increased uninterruptedly since 2005 and has doubled over a period of five years. In 2011 its consumption totalled 203 million sq.m (+11.6%), establishing the country as the 7th largest tile consumer. The increase in consumption continues to be met by a corresponding increase in both imports and local production. Imports have risen to 129 million sq.m (+10.3%) and still account for 63% of consumption. They originate largely from China (around 77 million sq.m) and Spain, up from 22 to 26 million sq.m. Saudi Arabia is China’s top export market and Spain’s second. Domestic production saw an even more significant increase, up from 56 to 78 million sq.m (+38.4%). This was due to an additional expansion by Saudi Ceramics, which increased its production to 45.5 million sq.m, and the full-scale start-up of the plants of Future Ceramics and Alfanar. The local producers’ goal of increasingly winning shares of consumption currently covered by imports is demonstrated by the launch of an expansion programme at Al-Jawdah which will enable it to triple its output over the next 3 years. 16) In 2011 France and Germany saw their domestic tile consumptions return to 2007-2008 levels, along with a corresponding increase in imports. Consumption in France increased by 6.8% to 126 million sq.m, of which 107 million sq.m (+3.9%) was imported prevalently from Italy (50%), Spain and Portugal. Consumption in Germany rose to 118 million sq.m (+12.1%), an increase of 13 million sq.m. This was covered by a rise in imports (from 80 to 90 million sq.m, +12.4%) and to a smaller extent by an increase in local consumption. Italy accounted for 47% of Germany’s imports.

dai due maggiori fornitori, ossia Messico (da 36 a 39,2 milioni mq) e Cina (da 32 a 36,4 milioni mq, +11%) Perde invece un milione di metri quadrati l’Italia, terzo Paese fornitore degli States, scendendo da 23 a 22 milioni mq (i dati TCNA su US. Dept of Commerce differiscono da quelli elaborati da Confindustria Ceramica che rilevano esportazioni in USA scese da 28,6 a 27 milioni mq). Invertita la graduatoria se si osserva l’import in valore: con un valore (CIF) di 455 milioni di dollari, l’Italia resta nettamente al primo posto, seguita da Cina (299,5 milioni di dollari) e Messico (235 milioni di dollari). 15) In Arabia Saudita non si arresta l’incremento della domanda interna di ceramica, ininterrotta dal 2005 e raddoppiata nell’arco di cinque anni: nel 2011 ha raggiunto i 203 milioni mq (+11,6%) portando il Paese al 7° posto tra i grandi consumatori mondiali di piastrelle. L’aumento dei consumi continua ad essere soddisfatto da un parallelo incremento sia delle importazioni che della produzione locale. L’import, salito a 129 milioni mq (+10,3%), copre ancora il 63% dei consumi e proviene in larga parte da Cina (circa 77 milioni mq) e Spagna, salita da 22 a 26 milioni mq: l’Arabia Saudita è il primo mercato di esportazione cinese e il secondo per la Spagna. Ancora più significativo l’aumento della produzione locale, passata da 56 a 78 milioni mq (+38,4%), frutto della nuova espansione di Saudi Ceramics che ha portato la produzione a 45,5 milioni mq, e dell’entrata a regime degli impianti di Future Ceramics e Alfanar. L’obiettivo dei produttori locali di intercettare sempre più quote di consumo ancora coperte dell’import è confermato dall’avvio di un programma di espansione alla Al-Jawdah che la porterà a triplicare la produzione nei prossimi 3 anni. 16) Nel 2011 Francia e Germania hanno riportato il consumo interno di piastrelle sui livelli 2007-2008, facendo registrare un parallelo incremento delle importazioni. La domanda in Francia è cresciuta del 6,8% a 126 milioni mq, di cui 107 milioni (+3,9%) importati prevalentemente da Italia (per il 50%), Spagna e Portogallo. In Germania, il consumo è salito a 118 milioni mq (+12,1%), 13 milioni mq in più coperti da maggiori importazioni (da 80 a 90 milioni mq, +12,4%) e, in misura inferiore, da un aumento della produzione locale. L’Italia copre il 47% delle importazioni tedesche.

17) Amongst the major importer countries, Russia saw one of the largest increases, from 41 to 56 million sq.m (+35.7%). The increase in domestic production (from 126 to 136 million sq.m, +7.6%) was not sufficient to cover the increase in consumption, up from 158 to 181 million sq.m (+14.4%). Imports increased from all the longstanding supplier countries (Belarus, Spain, China and Italy), although the real novelty was Ukraine, which first entered the Russian market in 2010 with 5 million sq.m and saw this figure increase in 2011 to 12 million sq.m (+140%). The Ukrainian ceramic industry has experienced outstanding growth. In the space of 5 years, from 2006 to 2011, production rose from 20 to 60 million sq.m; all 7 of the country’s tile producers reported increases in output in 2011 (Atem, the largest, 21%). The 2009 crisis interrupted the continuous growth in domestic demand and imports (accounting for around half of consumption) and effectively marked the start of Ukrainian export activity, which grew by 80% in 2010 and 90% in 2011 to reach around 20 million sq.m (69% of which was shipped to Russia). In 2010-2011 domestic demand returned to 57 million sq.m, recovering a portion of the volumes lost in 2009. Imports picked up again in 2011 to reach 17 million sq.m, 30% of consumption.

17) Tra i grandi Paesi importatori, la Russia ha registrato uno degli incrementi maggiori, passando da 41 a 56 milioni mq (+35,7%). L’aumento della produzione locale (da 126 a 136 milioni mq, +7,6%) non è stato sufficiente infatti a coprire l’aumento del consumo interno, salito da 158 a 181 milioni mq (+14,4%). In crescita le importazioni provenienti da tutti gli storici fornitori (Bielorussia, Spagna, Cina, Italia), sebbene la vera novità sia rappresentata dall’Ucraina, entrata sul mercato russo solo nel 2010 con 5 milioni mq, saliti nel 2011 a 12 milioni (+140%). Interessante lo sviluppo dell’industria ceramica ucraina: in 5 anni, dal 2006 al 2011, la produzione è passata da 20 a 60 milioni mq; tutte le 7 aziende locali produttrici di piastrelle hanno aumentato i volumi produttivi nel 2011 (la Atem, la maggiore, del 21%); la crisi del 2009, che aveva interrotto il trend di crescita costante della domanda interna e delle importazioni (che ne coprivano circa la metà), ha di fatto segnato il vero inizio delle esportazioni ucraine: +80% nel 2010, +90% nel 2011 a circa 20 milioni mq di cui il 69% destinato alla Russia. Nel 2010-2011 la domanda interna ha recuperato parte dei volumi persi nel 2009, riportandosi a 57 milioni mq. Le importazioni, in recupero nel 2011 a 17 milioni mq, hanno coperto il 30% del consumo.

(JF)

64

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


info@futureceramic.com www.futureceramic.com


The future of building lies in BRIC countries

Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Il futuro dell’edilizia è nei BRIC

statistics

At a conference entitled “Scenarios and prospects for world building” organised by Acimac on 12 June at its headquarters Villa Marchetti in Modena, internationally renowned guest speakers discussed present and future building industry scenarios and offered some guidelines for businesses with activities linked to the construction sector. They argued that the growth of the construction industry will be driven by the BRIC countries (Brazil, Russia, India and China, the new powerhouses of the world economy) along with Turkey. Italian businesses must seek to grasp this opportunity by establishing a local presence in these countries and intensifying the final stage in the chain of value, that of after-sales support, they said. After the opening remarks by Acimac’s outgoing chairman Pietro Cassani, who passed the reins at the head of the association to Fabio Tarozzi, first to speak was Confindustria chairman Giorgio Squinzi “Our country has two key strengths: manufacturing excellence and the resourcefulness of its entrepreneurs,” he said. “In spite of the current difficulties, we must believe in what we are doing and invest in our companies.” For this purpose, Squinzi declared that he intends to work hard during his term in office to relaunch the reference sectors for the entire supply chain, including fashion, interior design, furnishing and mechanical engineering - sectors that have achieved high standards of excellence. Giuseppe Schirone and Luca Ugolini presented a report by Prometeia which found that 40% of global investments in

66

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

La crescita dell’industria delle costruzioni sarà trainata dai paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina), i nuovi padroni dell’economia mondiale, assieme alla Turchia. Lo spirito delle imprese italiane dovrà essere quello di allinearsi a tale evidenza attrezzandosi per raggiungerli in loco e intensificando la parte finale della catena del valore, ossia il servizio post vendita. Questo il principale dato emerso nell’incontro organizzato il 12 giugno scorso, da Acimac, nell’ambito del convegno “Scenari e prospettive dell’edilizia mondiale”. Presso Villa Marchetti a Modena, sede dell’Associazione, ospiti illustri del panorama internazionale hanno portato il loro contributo mettendo insieme, in uno scenario attuale e futuro, alcune linee guida essenziali per l’imprenditoria che ruota attorno al settore delle costruzioni. Dopo i saluti iniziali di Pietro Cassani, presidente uscente di Acimac, che proprio in quel giorno ha passato il testimone al collega Fabio Tarozzi, ha preso la parola Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. “Il nostro Paese ha due punti di forza: l’eccellenza manifatturiera e l’intraprendenza delle sue figure imprenditoriali. La situazione presenta fattori di criticità, ma dobbiamo credere in quello che facciamo e investire nelle nostre aziende”. Per questo Squinzi ha dichiarato di volersi seriamente impegnare, durante il suo mandato, nel rilancio dei settori a cui fa riferimento tutta la filiera come quello della moda, casa, arredamento e non ultimo la meccanica dove si sono raggiunte punte di grande eccellenza.


construction are now concentrated in developing markets, with BRIC countries accounting for a quarter. Prospects are also good in Turkey, North Africa and the rest of South America. A talk discussing the situation in Turkey was given by Zeynep Bodur Okyay, chairman of the Turkish Ceramics Federation, who drew attention to the high growth rates her country has achieved in recent years (the fifth largest economy in Europe, 15th in the world) and noted that the contraction of the European market, Turkey’s leading export and trade partner, has caused the local economy to slow slightly. Nonetheless, the country is expected to experience 7.7% growth between 2011 and 2017 and to implement major investment programmes in residential building, infrastructures, transport and industry, she said. According to Shreekant Somany, chairman of the Indian Council of Ceramic Tiles and Sanitaryware ICCTAS, “India will experience 100% building sector growth over the next decade. It is estimated that around 350 million people will move to cities by 2030, prompting a need for large-scale urbanisation projects.” Repeatedly stressing the importance of sustainable building, Somany noted that more than 180 billion dollars of building investments are planned in India in 2020.Fabio Tarozzi, newly appointed chairman of Acimac, brought the conference to a close by emphasising the importance for ceramic plant and machinery manufacturers of being “glocal”, combining the need for a global vision with a local presence in world markets. The following pages contain a summary of the report by (JF)  Shreekant Somany.

Al centro del convegno lo studio di Prometeia, illustrato da Giuseppe Schirone e Luca Ugolini, secondo i quali il 40% degli investimenti mondiali in costruzioni si concentra ormai nei mercati emergenti e, tra questi, i BRIC ne assorbono un quarto. Buone anche le prospettive in Turchia, Nord Africa e nel resto del Sud America. Intervento mirato alla situazione turca quello di Zeynep Bodur Okyay, presidente di Turkish Ceramic Federation che, nell’evidenziare gli importanti tassi di crescita degli ultimi anni del suo Paese (5a economia in Europa, 15a nel mondo), ha rilevato come la contrazione del mercato europeo (principale partner di riferimento per export e commercio), abbia rallentato, seppur lievemente, l’economia locale. Sono tuttavia previsti tra il 2011 e il 2017 trend di crescita del 7,7% e grossi piani di investimenti a livello di edilizia residenziale, infrastrutture, trasporti e industria. “L’India, nel prossimo decennio andrà incontro a uno sviluppo edilizio del 100%. Entro il 2030 si stima che 350 milioni di persone si sposteranno nelle città, nelle quali bisognerà intervenire con grossi interventi di urbanizzazione”. Lo ha detto Shreekant Somany, presidente ICCTAS, Indian Council of Ceramic Tiles and Sanitaryware. Somany, sottolineando a più riprese l’importanza del costruire sostenibile, ha dichiarato che in India, nel 2020, gli investimenti edili toccheranno i 180 miliardi di dollari. Ha concluso i lavori Fabio Tarozzi, neo presidente di Acimac, che ha ribadito l’importanza, anche per le aziende produttrici di macchine e impianti per ceramica, di essere “glocal”, capaci di avere una visione globale ma con una presenza locale sui mercati mondiali. Nelle pagine successive la sintesi dell’intervento di Shreekant  Somany.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

67


Growing India Shreekant Somany - ICCTAS, India

statistics

Nell’India che cresce India is seen as one of the economies with the highest growth potential in Asia. With 6.6% average GDP growth per annum between 1990 and 2010, it is the eleventh largest economy in the world and the third largest in Asia. It has been projected to grow at an annual rate of 7-8% over the next 10 years. This growth trend will also have positive consequences for the construction industry. India is witnessing the largest process of Shreekant Somany urbanisation in the world, with some 350 million people expected to leave rural areas and move to the cities by 2030. To get an idea of the scale of the phenomenon, this is equivalent to 30 Indians moving every minute for the next 20 years. A t this rate, it is projected that by 2030 some 590 million Indians (40% of the population) will live in cities, 68 cities will have a population of over 1 million, and 91 million households will be middle class. Capital investment of $1.2 trillion will be required to meet the projected demand in cities, where some 900 million square metres of residential and commercial space and 7400 km of metros and subways are expected to be built. The urbanisation process will naturally create enormous growth opportunities for the global ceramic industry. India is already the world’s third largest producer (and consumer) of ceramic tiles after China and Brazil with sales of $2.5 billion and a production of 617 million square metres over the last year (latest figures for March 2012). Another factor pointing to this strong growth potential is India’s low Indian per capita tile consumption (0.42 sq.m/year), well below the figures for China (2.26 sq.m) and Europe (5-6 sq.m).

L’India è considerata una delle economie asiatiche con le maggiori potenzialità di sviluppo. Il Pil del Paese, tra il 1990 e il 2010, ha registrato un incremento medio del 6,6% annuo attestandosi all’undicesimo posto a livello mondiale (e al terzo in Asia), con aumenti stimati nei prossimi 10 anni fino al 7-8% annuo. Il trend di crescita si ripercuote favorevolmente anche su tutto il settore dell’edilizia. In India, infatti, si sta assistendo al più grande fenomeno mondiale di inurbamento: 350 milioni di persone entro il 2030 abbandoneranno le zone rurali trasferendosi nelle città (per meglio comprendere la portata del fenomeno, è come se si spostassero 30 indiani al minuto per i prossimi 20 anni). Si prospetta che a questi ritmi, nel 2030, 590 milioni di indiani vivranno in città (il 40% della popolazione), le città con una popolazione di oltre 1 milione di abitanti saranno ben 68 e 91 milioni di nuclei familiari apparterranno alla classe media. Per sostenere la domanda del mercato immobiliare nelle città, dove si prevede la costruzione di 900 milioni di metri quadrati di spazi residenziali e commerciali e 7400 km di metropolitane, saranno necessari investimenti per 1,2 trilioni di dollari. I volumi legati all’urbanizzazione, va da sé, offriranno enormi potenzialità di sviluppo all’intero settore ceramico. L’India si conferma già il terzo produttore (e consumatore) mondiale di ceramica dopo Cina e Brasile, con un giro d’affari di 2,5 miliardi di dollari e 617 milioni di metri quadri prodotti nell’ultimo anno (ultima rilevazione a marzo 2012); le potenzialità di crescita sono confermate anche dai livelli ancora bassi del consumo pro-capite indiano di piastrelle (0,42 mq/anno), ben inferiore a quello cinese (2,26 mq) o europeo (5-6 mq).

Focusing in greater detail on the sectors that absorb ceramic tile output, between 2011 and 2015 demand for office space is expected to reach 22.6 million square metres and demand for malls and retail space to reach 5.3 and 10.5 million square metres respectively. The residential sector is growing at a rate of more than 30%. Due to the increased purchasing power of the Indian population, by 2014 an additional 53.8 million housing units will be required in rural areas and 21.7 million in urban centres. By 2015 the healthcare sector will become a $90 billion industry. Over the next five years around 115,000 hotel rooms are expected to be built. And as for aviation, the twelfth five-year plan has earmar-

Entrando nella specificità dei comparti che assorbono la produzione ceramica, tra il 2011 e il 2015 ci si attende un aumento della domanda di uffici fino a 22,6 milioni di metri quadrati e dei negozi al dettaglio e centri commerciali rispettivamente fino a 5,3 e 10,5 milioni di metri quadrati. Il settore residenziale è in crescita di oltre il 30%; nel 2014, grazie al maggior potere d’acquisto della popolazione, serviranno 53,8 milioni di unità abitative in più nelle zone rurali e 21,7 milioni nei centri urbani. Entro il 2015 il settore della sanità diverrà un’industria da 90 miliardi di dollari. Nei prossimi cinque anni si stima la creazione di circa 115.000 stanze d’albergo. Per quanto riguarda il trasporto aereo, nel dodicesimo piano quinquennale sono stati

68

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


ked $12 billion for the construction, modification and infrastructure improvement of airports. Overall, the Indian construction industry is expected to grow from $70 to $180 billion by 2020, while real estate is expected to grow at a rate of 30% annually for the next 10 years, attracting $30 billion of foreign investment. As a result, the Indian ceramic industry is anticipated to grow by 15% over the next 10 years, with the high-end segment growing by 17%. This will fuel technological innovation such as the introduction of digital printing. Five years ago there was no digital printing technology in use, whereas today there are 50 machines and growing. (JF) 

stanziati 12 miliardi di dollari per la costruzione, ristrutturazione e ampliamento degli aeroporti. Complessivamente, si stima che il giro d’affari dell’edilizia indiana passerà da 70 a 180 miliardi di dollari entro il 2020 e che il business immobiliare crescerà del 30% annuo per i prossimi 10 anni, attraendo 30 miliardi di dollari di capitali esteri. Ci si attende, di conseguenza, una crescita stabile del settore ceramico indiano del 15% nei prossimi 10 anni, con picchi del 17% dei segmenti di alta gamma. Ciò si traduce anche in uno stimolo per l’innovazione; basti pensare alla stampa digitale, inesistente fino a 5 anni fa, e che oggi conta in India circa 50 macchine in  produzione.

ADVERTISING

TECNARGILLA 2012 pad. C3 stand 173


Construction in Europe

statistics

Costruzioni in Europa The 73rd Euroconstruct conference, held in London on 15 July and organised by PAB-Polish Construction Research & Forecasting Institute, saw the presentation of the customary half-yearly report on trends and prospects for the construction sector in Europe based on data provided by the 19 Euroconstruct member countries. At the conference, internationally renowned experts from the construction sector discussed the likelihood of emerging from the crisis in the medium-term period. The worsening of the Greek crisis tied to increasing fears of contagion has led Euroconstruct to downgrade its GDP forecasts for 2012 (to +0.2%) and 2013 (+1.3%) and its construction forecasts for the period 2012-2014. More specifically, construction investments in Europe are expected to fall to -2.1% in 2012 and return to positive territory in 2013 with +0.4%. Even with an improving growth rate of 1.7% in 2014, construction output across the Euroconstruct network will still have fallen by nearly 12% during the six year period between 2008 and 2014. During the last period of growth (1992-2007), the annual average construction output increase across the Euroconstruct network was 1.5%. Applying this growth rate to the future suggests that activity will not return to the 2008 level until around 2023.

In occasione della 73a conferenza Euroconstruct, svoltasi a Londra lo scorso 15 luglio e organizzata da PAB-Polish Construction Research & Forecasting Institute, è stato presentato il tradizionale report semestrale sull’andamento e prospettive del settore delle costruzioni in Europa, redatto sulla base dei dati forniti dalle 19 nazioni aderenti al noto istituto di ricerca. L’evento ha offerto l’occasione a esperti di fama internazionale di discutere e analizzare le possibilità di uscita nel medio periodo dall’attuale situazione critica del comparto. Sull’onda del peggioramento della crisi economica greca e del timore di contagio, rispetto ai precedenti dati di novembre, il report di giugno ha rivisto al ribasso sia le previsioni di crescita del PIL nell’area Euroconstruct nel 2012 (portato a +0,2%) e nel 2013 (+1,3%), sia le previsioni dell’industria delle costruzioni nel triennio 2012-2014. Più in specifico, gli investimenti in costruzioni in Europa dovrebbero scendere a -2,1% nel 2012 e tornare in positivo a un +0,4% nel 2013. Nonostante il miglioramento previsto nel 2014 (+1,7%), nei 6 anni tra il 2008 e il 2014, la produzione dell’industria delle costruzioni nell’area Euroconstruct sarà diminuita complessivamente di circa il 12%. Durante l’ultimo periodo di crescita (1992-2007), l’incremento medio annuo del settore in Europa è stato del +1,5%. Proiettando questo tasso di crescita al futuro, si prevede che l’attività non tornerà ai livelli del 2008 fino a circa il 2023.

The civil engineering sector is predicted to be the worst performing over the three years to 2014 with an annual average rate of decline of 1.4%, compared with a smaller yearly fall of 0.4% for the non-residential sector and growth of 0.9% annually for residential construction. However, both the residential and non-residential sectors have seen much bigger falls (13% and 14% respectively) than that of civil engineering (-7%) between 2008 and 2011 and are therefore recovering from a lower base.

Il segmento che registrerà l’andamento più negativo nel prossimo triennio è quello del genio civile, con un tasso medio annuo di contrazione dell’1,4%. L’edilizia non residenziale si fermerà sul -0,4% annuo, mentre è prevista una crescita annua dello 0,9% nell’edilizia residenziale. Questo, tuttavia, senza dimenticare che tra il 2008 e il 2011 sia il settore residenziale che quello non residenziale hanno subito contrazioni molto maggiori (rispettivamente -13% e -14%) di quelle dell’ingegneria civile (-7%), e partono quindi da una base inferiore.

The north-south divide

Il divario nord-sud

Although the idea of a north-south divide had not previously been applied to European construction, the idea emerged for the first time with a certain resonance in the Euroconstruct analysis. As with all generalisations it has exceptions, but there is some degree of evidence of a north/south pattern to projected construction performance over the next few years, with countries in the north of the continent performing sub-

Nell’analisi Euroconstruct compare per la prima volta con una certa risonanza il fenomeno del divario nord-sud che non era finora emerso relativamente alle prestazioni del settore delle costruzioni nei 19 Paesi aderenti. Pur in presenza di eccezioni, tipiche di tutte le generalizzazioni, la tendenza dei prossimi anni vedrà pertanto una migliore dinamica dell’industria delle costruzioni nei Paesi del Nord Europa rispetto a quelli più meridionali. Quattro le macrocategorie in cui rientreranno i 19 Paesi europei presi in esame:

70

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


Inquadra il QR code con il tuo smartphone per saperne di più

Incollaggio ecologico. Serie Concept-Greenline. L’ultima generazione di fusori hotmelt Concept GREENLINE consuma il 17,4% in meno di energia grazie ad un accurato isolamento supplementare. Robatech, attraverso l’ottimizzazione e lo sviluppo di nuove tecnologie, si afferma nella creazione di impianti sempre più ecologici, ecosostenibili ed ecocompatibili.

Robatech Italia Srl. u.s. Via Lepanto, 400 IT- 47521 Cesena – (FC) T +39 0547 631700 F +39 0547 631881 info@robatech.it www.robatech.it


stantially better than countries in the south. • 2 Paesi, Danimarca e Norvegia, con una previsione di crescita The 19 Euroconstruct network countries fall broadly into superiore al 2% medio annuo. four categories: • 9 Paesi (Austria, Francia, Germania, Ungheria, Polonia, Slovac• 2 countries, Denmark and chia, Svezia, SvizzeNorway, that are projected ra e Regno Unito) Changes to construction and GDP forecasts in to experience growth in excon prospettive di the 19 Euroconstruct countries cess of 2% per annum on crescita modesta, Andamento delle costruzioni e del PIL nei 19 Paesi Euroconstruct average. tra lo 0,1% e il 2% • 9 countries (Austria, France, all’anno. Germany, Hungary, Poland • 5 Paesi (Belgio, ReSlovakia, Sweden, Switzerpubblica Ceca, Finland and the UK) expected landia, Italia e Paesi to see modest growth of beBassi) che probabiltween 0.1% and 2% a year. mente registreran• 5 countries (Belgium, the no una crescita zero Czech Republic, Finland, Ito una flessione tra 0 aly and the Netherlands) e -3% l’anno. likely to see no growth to • 3 Paesi (Irlanda, Pormoderate decline (0% to togallo e Spagna) -3% a year). dove l’attività edili• 3 countries (Ireland, Portuzia resta ancora in gal, and Spain) in which fase di profonda reconstruction activity is still in cessione. (JF)  deep recession.  Source / Fonte: 73rd Euroconstruct 2012

Euroconstruct

Euroconstruct

Founded in 1975, Euroconstruct is an association of specialised research organisations from 19 countries with expertise in the analysis and forecasting of construction market trends in Europe.

Fondata nel 1975, Euroconstruct è l’associazione che riunisce istituti di ricerca di 19 Paesi europei, specializzati nell’analisi e nella previsione delle tendenze di mercato delle costruzioni in Europa.

COMUNICAZIONE

SALVO GALLO

ADVERTISING

United to win

COMPLETE PLANTS FOR THE CERAMIC INDUSTRY

The challenge of a globalised world market results in the optimization of volumes and an increase in our presence through the concrete use of our resources, synergies and potentiality.

SYSTEMS FOR THE PREPARATION OF CERAMIC BODIES AND GLAZES-BATCHING SYSTEMS-WET GRINDING-SPRAY DRYING-COLOURING AND TREATMENT OF SPRAY DRIED POWDERS PRESSES-DRIERS-KILNS

I.C.F. & Welko S.p.A. VIA SICILIA, 10 41053 MARANELLO (MO)-ITALY

Tel. +39-0536240811 Fax +39-0536240888 E-mail icf-welko@icf-welko.it http://www.icf-welko.it


Inclusion Stains Glaze Stains Body Stains On-Glaze Color Glass Color IS O 1

IS O 9

00

4

0

01

a world of colour

color your world

1

Visit us at

Tecnagilla Pad D5 Stand 001

ITALY: COLORITALIA S.R.L. TEL: +39 0536 845220 FAX: +39 0536 845412 info@coloritalia.it www.coloritalia.it ITALY: WANXING ITALIA S.R.L. TEL: +39 0536 921841 FAX: +39 0536 921839 wanxingitalia@wanxinggroup.com TURKEY-FREE ZONE: WANXING AVRASYA LTD TEL: +90 216 3881732 FAX: +90 216 3889185 wanxingavrasya@wanxinggroup.com

SPAIN: WANXING EURO S.L. TEL: +34 964 776448 FAX : +34 964 604795 wanxingeuro@wanxinggroup.com

TURKEY: WANXING DIS TICARET A.S. TEL: +90 216 3882747 FAX: +90 216 3883410 wanxingturkey@wanxinggroup.com

VIETNAM: WANXING VIETNAM CO., LTD TEL: +84 650 3737859 FAX: +84 650 3737860 wanxingvietnam@wanxinggroup.com

CHINA: GUANGDONG WANXING INORGANIC DYESTUFF CO., LTD TEL: +86 757 85667195 FAX: +86 757 85626216 wanxing@wanxinggroup.com www.wanxinggroup.com TAIWAN: EVER GOOD INDUSTRIAL CO., LTD TEL: +886 2 29749010 FAX: +886 2 29741250 wanxing@wanxinggroup.com

INDONESIA: PT.WANXING INDONESIA TEL: +62 21 89841157 FAX: +62 21 89841156 wanxingind@wanxinggroup.com

MEXICO: WANXING MEXICO S.A. DE C.V. TEL: +52 81 15201151-2 FAX: +52 81 15201153 wanxingmexico@wanxinggroup.com


The Italian ceramic machinery industry reports double-figure growth

Luca Baraldi - l.baraldi@tiledizioni.it

Macchine per ceramica italiane:

crescita a doppia cifra

In 2011 the Italian ceramic and heavy clay machinery and equipment manufacturers reported 26.2% growth in turnover to a total of 1,738 million euro (compared to 1,378 million euro in 2010). This outstanding result, revealed by the figures published in Acimac’s 20th statistical survey, enabled the sector to recover 94% of the losses it suffered in 2009 and represented the best performance of all the Italian capital goods manufacturing sectors. The most significant figures are those for exports, which accounted for 79.8% of total turnover (1,387.5 million euro), 31.3% up on 2010. However, the Italian market is also recovering and after several years of stagnation saw renewed growth with turnover up 9.2% from 320.7 to 350.3 million euro. This marks a sharp trend reversal with respect to the last three years, although the figures are still far short of pre-crisis levels (28.5% below 2008).

statistics

The largest market is the Middle East In 2011 the sector’s Italian companies consolidated their shares of international markets. The Middle East was the largest market, accounting for 20.5% of export turnover (284 million euro, 89% up on 2010). In second place came the European Union with 233.3 million euro (16.8% of the total). Next were Asia (excluding China) with a turnover of 215 million euro (15.5% of the total) and South America with 164.4 million euro (11.8% of the total). The area of China, Hong Kong and Taiwan saw a 19.4% fall to 11.8% of total exports. Turnover rose by 51% in Eastern Europe (8.9% of the total), but fell by 8% in Africa to 7.8% of the sector’s total exports. North America and Oceania occupied the bottom two positions in the rankings (respectively 6.6% and 0.3% of total exports), although both regions showed strong turnover growth (117% and 321.4% respectively).

74

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012

L’industria dei costruttori italiani di macchine e attrezzature per il settore ceramico e del laterizio mette a segno un + 26,2% e chiude il 2011 con un volume d’affari di 1.738 milioni di euro (1.378 milioni di euro nel 2010). Il brillante risultato, emerso dai dati raccolti nella 20° indagine statistica Acimac, ha permesso al settore di recuperare il 94% delle perdite subite nel 2009, registrando così le migliori performance tra tutti i produttori di beni strumentali italiani. I numeri più importanti provengono dall’export, che con un’incidenza sul fatturato totale del 79,8% (1.387,5 milioni di euro), ha segnato un +31,3% sul 2010, ma è in ripresa anche il mercato italiano che, dopo qualche anno di stagnazione, torna a riprendere quota con un +9,2%, passando da 320,7 a 350,3 milioni di euro di fatturato. Una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi tre anni, anche se ancora distante dai livelli pre-crisi (-28,5% sul 2008). Medio Oriente primo mercato di sbocco Con il 2011 le imprese italiane del settore consolidano le loro quote su tutti i mercati internazionali. Il Medio Oriente guadagna il primo posto come principale mercato di sbocco, assorbendo il 20,5% del fatturato export, con una crescita dell’89% sul fatturato 2010 a 284 milioni di euro. Al secondo posto l’Unione Europea con 233,3 milioni di euro (16,8% del totale). Seguono l’Asia (esclusa Cina) con 215 milioni di euro di fatturato (15,5% del totale) e il Sud America con l’11,8% del totale pari a 164,4 milioni di euro. L’area “Cina, Hong Kong, Taiwan” registra invece un calo del 19,4% e scende all’11,8% del totale export. Vendite in aumento del 51% nell’Est Europa (8,9% del totale), mentre l’Africa perde un 8% di fatturato e scende al 7,8% dell’export totale del comparto. Chiudono la graduatoria il Nord America e l’Oceania (rispettivamente 6,6% e 0,3% del totale export), dove sono state tuttavia registrate crescite di fatturato importanti, del 117% e del 321,4%.


Client sectors

I settori clienti

The breakdown of turnover by client sectors remained similar to that of previous years. The largest share of total turnover was generated by supplies to tile producers (80.3% of total turnover), a segment that grew by 25.4% to a turnover of 1,396 million euro. Exports played a crucial role, totalling 1,089 million euro with 28,4% growth over 2010. Growth was more limited in the Italian market (+15.7%), which remained 19.6% below the turnover levels of 2008. Turnover generated by the brick and tile manufacturing segment remained more or less stable at 135.7 million euro, corresponding to 7.8% of total turnover. Exports in this segment (86% of total turnover) rose by 12.1%, compensating for the sharp fall in the domestic Italian market (-32.2%). The next segment was that of various ceramic machinery with 65.2 million euro (+122.2%), consisting of 88.2% exports, and that of sanitaryware machinery with 61.6 million euro, 22.5% up on 2010. Machinery for refractories production performed very strongly with a turnover of 51.9 million euro (+62.8%), while the tableware and ornamentalware machinery sectors (27.4 million euro) experienced 62.5% growth in exports and a 66% fall in Italian sales.

Si mantiene analoga agli anni passati la ripartizione del giro d’affari per settori clienti. La quota maggiore del fatturato totale di settore è realizzata da forniture ai produttori di piastrelle (80,3% del fatturato totale) segmento che, con un giro d’affari di 1.396 milioni di euro, risulta in crescita del 25,4%. A incidere in maniera determinante, l’export, che pesa per 1.089 milioni di euro e registra un incremento del 28,4% sul 2010. Più contenuta la crescita sul mercato italiano (+15,7%), che resta però in calo del 19,6% rispetto ai livelli di fatturato del 2008. Si mantiene pressoché stabile il fatturato generato con il segmento dei produttori di laterizi, pari a 135,7 milioni di euro, ossia il 7,8% del fatturato totale, realizzato per l’86% all’estero: l’export è cresciuto del 12,1% compensando il forte calo del mercato domestico (-32,2%). Segue il mercato delle macchine per ceramica varia con 65,2 milioni di euro (+122,2%), realizzati per l’88,2% sui mercati internazionali, e quello delle macchine per sanitari con 61,6 milioni di euro, che hanno registrato un incremento del 22,5% sul 2010. Decisamente buono anche l’andamento delle macchine per la produzione di refrattari che raggiungono vendite per 51,9 milioni di euro con un incremento del 62,8%, mentre il comparto delle macchine per stoviglieria e oggettistica (27,4 milioni di euro) risulta in crescita del 62,5% all’estero e in diminuzione del 66% in Italia.

Families of machines: shares of turnover The shares of turnover generated by the various types of machines remained fairly stable in 2011 as they reflect the importance of these machines within the ceramic production process. Machines for shaping ceramic materials accounted for 24.4% of turnover, followed by glazing and decoration machinery (17.8%), firing machinery (15.1%) and earth preparation machinery (9.7%). Next came storage and handling machinery (8.1%), finishing technologies (6.8%) and moulds (5.7%). Most machinery categories saw exceptional turnover increases. Firing and shaping machines marked up respectively 58.9% and 21.7% growth, drying machines 33.7%, glazing and decoration machines 32%, storage and handling machines 25.2%, and earth preparation machines 18.1%. The turnover generated by the sale of purification systems almost doubled, up by 87.1%. Other types of machines showed smaller increases, particularly moulds with just 8.2% due to their strong dependence on the Italian market.

Famiglie di macchine: incidenza sul fatturato Nel 2011 rimangono tendenzialmente stabili le quote di fatturato realizzate dalle varie tipologie di macchine poiché riflettono l’importanza che tali tipologie hanno all’interno del ciclo produttivo ceramico. Le macchine per la formatura dei materiali ceramici rappresentano il 24,4% del giro d’affari, seguite dalle macchine per smaltatura e decorazione (17,8%), dalle macchine di cottura (15,1%) e da quelle per la preparazione delle terre (9,7%). Seguono poi le macchine per lo stoccaggio e la movimentazione (8,1%), le tecnologie di finitura (6,8%), gli stampi (5,7%). Brillanti gli incrementi di fatturato registrati dalla maggior parte delle tipologie di macchine. Le macchine di cottura e formatura crescono rispettivamente del 58,9% e del 21,7%, quelle per l’essiccazione dei materiali ceramici del 33,7%, quella per la smaltatura e decorazione del 32%, quelle per lo stoccaggio e la movimentazione del 25,2%, quelle della preparazione terre del 18,1%. Quasi raddoppiato il fatturato generato dalla vendita di sistemi

Tab. 1: Export turnover by geographical area (Values in millions of euro) Fatturato Estero per aree geografiche (Valori in milioni di euro) 2011 exports

% value

2010 exports

% value

Var. % 11/10

Middle East

284.1

20.5

150.4

14.2

+88.9

European Union

233.3

16.8

185.9

17.6

+25.5

Asia (excluding China)

215.2

15.5

145.0

13.7

+48.4

Central and South America

164.4

11.8

129.3

12.2

+27.2

China, Hong Kong, Taiwan

164.2

11.8

203.7

19.3

-19.4

Eastern Europe (non-EU)

123.2

8.9

81.7

7.7

+50.9

Africa

107.9

7.8

117.9

11.2

-8.5

North America

91.2

6.6

42.0

4.0

+116.9

Oceania

3.9

0.3

0.9

0.1

+321.4

Total

1,387.5

100

1,056.8

100

+31.3

Source / Fonte: ACIMAC

76

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012


1 2 3 4 5 6 7 8 9

Incremento di produttivitĂ (dal 10% al 100%). Production increase (from 10% to 100%). Vita dei punzoni incrementata. Average life of punches increased. Risparmio energia elettrica. Energy conser vation. Effetto isostatico ed antitraparenza invariato. Unchanged isostatic and anti-trasparency effect. Minore sensibilitĂ  alle variazioni di umiditĂ  della polvere. Sensitivity to powder humidity decreased. Eliminazione dei movimenti della polvere durante la pressata. Dust migration during press phase removed. Miglioramento del calibro piastrella. Tile caliber improvement. Riduzione temperatura circuito idraulico della pressa. Temperature decrease of the press hydraulic circuit. Minore stress sulle valvole proporzionali della pressa e su tutta la meccanica in generale. Lower wear of press valves and generally on all mechanic elements.


The structure of the sector At the end of 2011, the Italian ceramic machinery and equipment manufacturing sector showed a small year-onyear contraction in terms of dimensions with 7 fewer companies, although the number of employees actually increased. A total of 150 companies are operating in Italy. The largest contraction affected the category of small enterprises (turnover below 2.5 million euro), down in number by 11. Conversely, the number of companies with turnovers in excess of 10 million euro increased by 3 to a total of 19. The number of employees rose by 115, from 6,228 to 6,343. The number of executives and company owners dropped by 27, compared to an increase of 141 in the number of technical and production professionals, many of whom came from other companies in the sector that had closed down. As regards internationalisation, the 53 companies majorityowned by Italian groups (share greater than 51%) but operating outside Italy generated a turnover of 550 million euro, 64% up on 2010. Adding the sector’s total turnover (1,737.8 million euro) to the 550 million euro generated by companies operating abroad results in an all-time record turnover (2,297 million euro). Forecasts for 2012 In the short term, a combination of positive and negative factors is likely to create a persisting climate of uncertainty in the world economy. Although the strong performance of 2011 has fuelled a degree of confidence throughout the sector, the slowdown in growth in almost all the world’s economies, even in locomotives such as India and China, make reliable forecasts for 2011 almost impossible, so caution is imperative. “It appears likely that the turnover levels reached at the end of 2011 will be maintained in 2012, although our sector must carry on the difficult task of adapting to the new economic and market conditions,” commented Acimac’s outgoing chairman Pietro Cassani during the press conference (JF)  organised to present the report.

di depurazione, in crescita dell’87,1%. Più contenuti gli incrementi di altre tipologie di macchine, in particolar modo degli stampi, che registrano un +8,2%, a causa della forte dipendenza di questa tipologia dal mercato italiano. La struttura del settore A fine 2011 il comparto meccano-ceramico italiano presenta una struttura leggermente ridimensionata rispetto all’anno precedente, dove, tuttavia, a fronte di un calo di 7 aziende, si registra un aumento del numero di occupati. In Italia risultano attive 150 imprese. A contrarsi maggiormente la classe delle piccole imprese (fino a 2,5 milioni di euro di fatturato), che perde 11 unità. Cresce invece di 3 unità, raggiungendo quota 19 aziende, la classe di imprese che fattura più di 10 milioni di euro. Il numero degli occupati aumenta di 115 unità, passando da 6.228 a 6.343 addetti. Nello specifico, dirigenti e titolari calano di 27 unità mentre risultano in crescita di 141 unità le professionalità di area tecnica e di produzione, spesso assorbite da realtà aziendali cessate. Sul fronte internazionalizzazione risultano attive 53 società estere a capitale maggioritario italiano (superiore al 51%) che hanno generato un fatturato di 550 milioni di euro, in crescita del 64% sul 2010. Sommando il fatturato totale (1.737,8 milioni di euro) ai 550 milioni generati dalle aziende attive all’estero, il settore registra il record storico di giro d’affari (2.297 milioni di euro). Previsioni 2012 La situazione generale continua a essere caratterizzata da un insieme disomogeneo di elementi positivi e negativi che contribuiscono al permanere di un clima d’incertezza sulle prospettive a breve dell’economia mondiale. Anche se il buon andamento 2011 ha generato una certa fiducia in tutto il settore, il rallentamento della crescita in quasi tutte le economie mondiali, comprese le cosiddette locomotive, come India e Cina, impone cautela e rende quasi impossibile anticipare previsioni attendibili sul 2012. “è prevedibile ha affermato Pietro Cassani, presidente uscente di Acimac durante la conferenza stampa di presentazione dei dati - che si mantengano anche nel 2012 i livelli di fatturato raggiunti a fine 2011, ma il nostro settore dovrà proseguire la difficile sfida dell’adeguamento alle  mutate condizioni economiche e di mercato”.

Tab. 2: Breakdown of 2011 turnover by client sectors (values in millions of euro) Composizione del fatturato 2011 per Settori Clienti (Valori in milioni di euro) Var. % 11/10

Export turnover Fatturato estero

Var. % 11/10

Total turnover

Fatturato Italia

Fatturato totale

Var. % 11/10

Tiles - piastrelle

307.1

+15.7

1,088.8

+28.4

1,395.9

+25.4

Heavy clay - laterizi

18.9

-32.2

116.8

+12.1

135.7

+2.7

Tableware - stoviglieria

1.7

-66.1

25.8

+62.5

27.4

+32.1

Sanitaryware - sanitari

10.2

-12.2

51.5

+32.9

61.6

+22.5

Refractories - refrattari

4.8

+18.9

47.1

+69.1

51.9

+62.8

Various ceramics - ceramica varia

7.7

+10.4

57.5

+157.0

65.2

+122.2

350.3

+9.2

1,387.5

+31.3

1,737.8

+26.2

Export Area

Italian turnover

Total - Totale Source / Fonte: ACIMAC

78

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012


COLOUR MANAGEMENT TINTOMETRIC SOLUTION

FEEDING SYSTEM YOUR SYSTEM

DOSING SYSTEM

communicare.it

MILLING SYSTEM COST SAVING

QUALITY IMPROVEMENT

Many needs, one solution. Starting from the production of micro-ball mills, succeeding with the production of colorimetric and tintometric systems, up to high performance profiling systems for inkjet printing technology, Euromeccanica has always put forward machinery with advanced technological quality for the Ceramic Industry, essential in this area to

develope new working and control procedures. Euromeccanica has been one of the first companies in the Sassuolo ceramic district to achieve the Acimac Quality Mark, the mark that certifies the quality of machinery and technology for ceramics “Made in Italy”.

TECNARGILLA RIMINI 24-28 september 2012 Pav. B3 Stand 156 Maranello (MO) Italy - www.euromeccanica.com


Steady growth at

Saudi Ceramics Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

Saudi Ceramics

in continua crescita

interview

Founded in 1977 to serve the booming SauFondata nel 1977 per coprire il fabbisogno di Arabian construction market, Saudi Cedel mercato saudita delle costruzioni già in ramics Company is the country’s largest forte espansione, Saudi Ceramics Company ceramic tile and sanitaryware producer. è il maggiore produttore saudita di piastrelle The company is listed on the Saudi Stock e sanitari in ceramica. Alla società, quotata Exchange and owns and operates eleven alla Saudi Stock Exchange, fanno capo 11 stafactories for tiles, sanitaryware, electrical bilimenti, tutti nella città industriale di Riyadh water heaters, frit, industrial mineral grind(45 km a sud della capitale), attivi, oltre che ing and plastic parts and fittings, all locatnella produzione ceramica, anche nei settori ed in the industrial city of Riyadh, 45 kilomedei minerali industriali, accessori in plastica, tres south of the capital. It also has fritte ceramiche, caldaie e rubinetterie. A shareholdings in a ceramic pipes company questi si aggiungono le partecipazioni azioAbdul Karim Al-Nafie and a natural gas distribution company. narie in due aziende operanti rispettivamenSaudi Ceramics Company has a workforce of 3,400 employ- te nella produzione di tubi in ceramica e nella distribuzione di ees and in 2011 reported a turnover of 245 million euro, 15% gas naturale. L’azienda saudita, che occupa 3400 dipendenti diup on the previous year. It has launched an intense pro- retti, ha archiviato un 2011 con un fatturato pari a 245 milioni di gramme of investments for the period 2012-2014. It is current- euro, in crescita del 15% rispetto all’anno precedente, avviando ly in the process of building a new red brick plant, which is ex- un intenso programma di investimenti per il periodo 2012-2014. pected to start production in 2014, as well as a new Sono infatti in costruzione un nuovo stabilimento per la produsanitaryware plant to double the existing capacity to 5 mil- zione di mattoni in laterizio, il cui avviamento è previsto nel lion pieces per year. In the tile sector, Saudi Ceramics is also 2014, oltre ad un secondo impianto per sanitari che raddoppierà increasing its production capacity from the current 150,000 la capacità produttiva attuale portandola a 5 milioni pezzi/anno. square metres per day to 190,000 square metres per day in Anche nel segmento delle piastrelle, Saudi Ceramics sta aumen2013. Frit production is currently 36,000 tons per year, while an tando la capacità produttiva da 150.000 a 190.000 mq/giorno con expansion is under way. The company also has a plant pro- un intervento che si concluderà nel 2013, mentre è in atto l’educing decorated tiles, which will undergo a substantial in- spansione della produzione di fritte, attualmente pari a 36.000 crease in capacity this year. ton/anno, così come quella di piastrelle ceramiche decorate in Managing director Abdul Karim Al-Nafie described to us a terzo fuoco. Abdul Karim Al-Nafie, amministratore delegato, ci company that is undergoing further development in the descrive un’azienda che punta ad un ulteriore sviluppo in un booming Saudi market. mercato, quello saudita, in pieno boom economico. CWR: What factors have enabled you to achieve your current position? Abdul Karim Al-Nafie: Saudi Ceramics has succeeded in leveraging its resources of good local raw materials, reasonable energy costs, and experienced work force to invest in the latest technologies and produce high quality products at competitive prices. One of the milestones in the company’s expansion was its diversification into the water heater manufacturing business in 1998, a sector in which it is now a global supplier with two modern plants with an annual capacity of 1.5 million porcelain coated boilers. Switching supply to natural gas in 2003 was another milestone. Entering the fields of clay pipes and red bricks are also two major developments in the company’s efforts to diversify its operations, while maintaining its focus on the building materials sector.

80

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012

CWR: Quali fattori vi hanno consentito di raggiungere l’attuale posizionamento? Abdul Karim Al-Nafie: In estrema sintesi, Saudi Ceramics ha saputo sfruttare tutte le risorse, quali materie prime locali di buona qualità, costi energetici ragionevoli e forza lavoro qualificata, per investire nelle più moderne tecnologie e produrre materiali di alta qualità a prezzi competitivi. Alcune tappe fondamentali nell’espansione dell’azienda sono state l’ingresso nel 1998 nel settore caldaie, che ci vede oggi fornitore globale con due impianti e una capacità di un milione e mezzo di pezzi/anno; importante anche l’entrata nel settore del gas naturale nel 2003, così come gli sforzi per diversificare la nostra attività, ora anche nel comparto dei tubi in ceramica e presto del laterizio, sempre mantenendo una focalizzazione sul core business dei materiali da costruzione. CWR: Ci descrive i più recenti investimenti?


CWR: Could you describe your latest investments? A. Al-Nafie: In 2011, Saudi Ceramics achieved a record performance in output, revenues, and profits. In the tile sector, following current expansion in production capacity we expect to exceed an output of 50 million square metres in 2012. We anticipate reaching 90 million square metres per year in the next five years. Saudi Ceramics has been a pioneer in introducing new technologies in the region, including laser guided vehicles, automatic surface inspection systems, digital printing and, in the sanitaryware sector, robot spraying and high pressure casting machines. The new sanitaryware plant, which will be completed towards the end of 2013, also has a high degree of automation. To maintain our competitive edge, we believe in being at the forefront of modern technologies. We have spent millions of euros on modernising our plants with the aim of improving quality and quantity and achieving the best returns for our shareholders. CWR: What is your evaluation of new digital decoration technology? A. Al-Nafie: We currently own 17 digital printing machines and plan to gradually increase this number to cover all our 43 production lines. Digital printing has allowed us to produce unique modern designs with added value. CWR: What is your approach to environmental protection? A. Al-Nafie: Environment protection is a major concern, both

A. Al-Nafie: Nel 2011, Saudi Ceramics ha raggiunto il suo record storico per produzione, fatturato e margini. Nel settore delle piastrelle, grazie all’espansione della capacità produttiva in corso, prevediamo di superare nel 2012 i 50 milioni mq di produzione effettiva, ma l’obiettivo è di raggiungere i 90 milioni mq/anno nei prossimi 5 anni. A livello tecnologico, siamo stati tra i primi nell’area a introdurre nuove tecnologie, tra cui i veicoli laser guidati, i sistemi di ispezione automatica delle piastrelle, la stampa digitale e, nel settore dei sanitari, la smaltatura robotizzata e il colaggio in alta pressione. Anche il nuovo impianto per sanitari, che sarà terminato a fine 2013, si caratterizza per l’elevato grado di automazione. Crediamo che per mantenere il nostro vantaggio competitivo sia necessario essere sempre all’avanguardia nei processi produttivi. Milioni di euro sono stati investiti per modernizzare gli impianti in funzione di un incremento qualitativo e quantitativo, garantendo il migliore ritorno agli azionisti. CWR: Quale è il vostro giudizio sulle nuove tecnologie digitali? A. Al-Nafie: Le rispondo dicendole che sulle nostre linee sono già in funzione 17 macchine di stampa digitale e che prevediamo di aumentarne il numero gradualmente per coprire tutte le 43 linee produttive. La stampa digitale ci ha consentito di produrre grafiche moderne e uniche con un evidente valore aggiunto ai materiali. CWR: Qual è il vostro approccio verso il tema della tutela ambientale? A. Al-Nafie: La protezione dell’ambiente è un tema sempre più sentito e di grande importanza sia per il nostro Paese che per l’a-

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 12

81


for our country and our company. We can’t afford not to invest in protecting the environment, it’s the only option. All our plants have built-in mechanisms to control dust, recycle materials and keep the environment healthy and clean. All our products are environment friendly. We have developed a WC that flushes with only three litres of water, which is a great achievement given the scarcity of water in Saudi Arabia. CWR: What is your approach to marketing? A. Al-Nafie: We sell through many channels, from direct sales for projects to distribution through the wholesale trade. We also own 30 showrooms throughout the country. Just 14% of our tile production is exported, mainly to the Middle East and North Africa. Our target is to expand our retail operations to cover every town and village in Saudi Arabia, while also expanding our product range to cover other complementary products. CWR: How do you see today’s economic environment in Saudi Arabia and in the Middle East in general? A. Al-Nafie: The economic situation in Saudi Arabia and the Gulf region is excellent. We are lucky to enjoy growth and prosperity. Building construction in Saudi Arabia is booming. There is real demand driven by demographics, government spending, and funds surplus. The rest of the region has great potential but is influenced by various political factors. We hope that sooner or later they will also have the chance to rebuild and develop. CWR: How is the local ceramic industry organised and how do you deal with internal and foreign competition, especially from Asia? A. Al-Nafie: Along with Saudi Ceramics, there are another two sanitaryware producers and five tile producers with a total production capacity of around 50 million sq.m/year. Other new companies are on the way. Competition in itself is healthy, provided it is fair and that standards and specifications are respected. Today competition is strong, both from local and regional producers and from cheap imports, mainly from China, which remain very high. It is a question of increasing demand versus limited local supply. It also indicates that the market is price sensitive, and this is one of the reasons why Saudi Ceramics is continuing to expand to fill the gap and provide customers with better local alternatives. CWR: How do you see Saudi Ceramics in 5 years from now? A. Al-Nafie: We will continue to do what we have been doing in the past, and hopefully better. I see continued growth. We have grown six fold in the last nine years, and we can build on that to learn from our experience for a better future. (JF) 

82

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

zienda: non possiamo permetterci di non investire su questo fronte, è l’unica opzione possibile. Tutti i nostri stabilimenti sono stati dotati di sistemi di abbattimento delle polveri, riciclo di materiali e riduzione dell’impatto ambientale dei processi produttivi. Anche a livello di prodotti siamo attenti alla riduzione dei consumi di risorse fondamentali, quali ad esempio l’acqua, bene strategico in Arabia Saudita: un grande risultato è stato il nuovo WC con scarico d’acqua di soli 3 litri. CWR: Come è gestita la commercializzazione dei prodotti? A. Al-Nafie: Utilizziamo vari canali, dall’attività diretta sui progettisti alla distribuzione attraverso grossisti, alla vendita diretta nelle nostre 30 showroom di proprietà attive su tutto il territorio nazionale. L’esportazione di ceramica riguarda solo il 14% della produzione ed è rivolta prevalentemente ai mercati del Medio Oriente e Nord Africa. L’obiettivo è ampliare la nostra rete di dettaglianti per coprire ogni singola città e villaggio nel Paese, allargando anche la gamma di prodotti a materiali complementari ai nostri. CWR: Come giudica l’andamento dell’economia in Arabia Saudita e più in generale nella regione mediorientale? A. Al-Nafie: La situazione economica del nostro Paese e nell’area del Golfo è eccellente; siamo fortunati nel poter condividere crescita e prosperità. In Arabia Saudita l’industria delle costruzioni è in forte espansione, supportata dalla crescita demografica, dagli investimenti del Governo e dai surplus di bilancio. Il resto della regione ha un grande potenziale, ma è influenzata da fattori politici diversi: ci auguriamo che prima o poi anche questi Paesi possano avere la possibilità di un vero sviluppo. CWR: Come è strutturata l’industria ceramica locale e come affrontate la concorrenza interna e quella straniera, soprattutto asiatica? A. Al-Nafie: Oltre a Saudi Ceramics, nel Paese operano altri due produttori di sanitari e 5 produttori di piastrelle che assommano una capacità produttiva di circa 50 milioni mq/anno. Altre realtà stanno nascendo. La concorrenza in sé è sana, a patto che sia leale e che si rispettino gli standard e i requisiti. Oggi è molto forte, sia da parte dei produttori locali o di Paesi limitrofi, sia da parte delle importazioni di materiali a basso prezzo, per lo più dalla Cina, che restano a livelli ancora molto elevati: questo conferma, da un lato, che la domanda locale continua ad essere superiore all’attuale offerta, e dall’altro che operiamo in un mercato sensibile al prezzo. Questa è una delle ragioni per cui Saudi Ceramics continua ad investire per ridurre il divario e offrire al mercato alternative locali migliori. CWR: Come sarà Saudi Ceramics fra 5 anni? A. Al-Nafie: Continueremo a fare quello che abbiamo fatto finora, possibilmente meglio. Penso che la nostra crescita proseguirà: siamo cresciuti 6 volte negli ultimi 9 anni, faremo tesoro di questa esperienza per costruire un futuro ancora mi gliore.


L‘apice della perfezione Qualità, velocità e quantità di inchiostro senza limiti

qualità

velocità

inchiostro per m²

012 GILLA 2 bre R A N C E T 8 Settem ini 24-2 Rim

La linea di stampanti più produttive del

5

tand 15

S Pad.D1

mercato e con la maggiore intensità di sell well

colori. Da oggi alte prestazioni anche per grandi formati. Decorazione ceramica digitale come mai prima.

Durst Gamma 75 HDS/HD

Nuove stampanti digitali ad altissima definizione e sfumature delicate. Eccezionale produttività fino a 70 m/min con ineguagliabile scarico di inchiostro per decorazioni cariche di contrasto Disponibile in versione doppia fila.

Durst Gamma 120 HDS

Nuova stampante digitale per grandi formati fino a 1150 mm ad altissima definizione. Completamente modulare e disponibile in versione doppia fila.

Durst Pictocer HD

Nuovo Plotter ceramico ad alta definizione per la decorazione di prodotti innovativi e pezzi speciali. Simulazione della qualità di stampa di Gamma 60/70 e Gamma 75 HD/HDS a 4 o 6 canali colore.

Full HD

Durst Sips Print Engine

Ringaround

Premium Technical Support

Grayscale Technology

Best Price Performance Ratio

High Ink Amount

Open System

Leading Software

Unreached Productivity

Durst Phototechnik S.p.A. Divisione Vendite Italia. Telefono 0472 810211, dvi@durst.it, www.durst.it


Negev makes

large-scale investments Silvia Bertolani - s.bertolani@tiledizioni.it

Importanti investimenti per Negev

interview

Now owned by the AFI Industries, Negev was established as a ceramic tile manufacturer in 1969. Over the years it has expanded its activities into the fields of imports and distribution of floor and wall tiles, bathroom furnishings and finishing products for Negev Home Design and is now Israel’s largest retailer in the sector. The company has a factory in Yeruham and a total of 20 stores, 13 in Israel and 7 in other countries around the world. Alongside its own products it also markets those of a number of leading international brands, including tiles from Atlas Concorde, Fap, Caesar, Marazzi, Ragno, Cerim, Floor Gres, Versace, and Kale, taps from Grohe, Zucchetti, Art Design and Webert, sanitaryware from Villeroy & Boch, Keramag, Simas, Catalano and Kale, adhesives from Mapei. The company has achieved strong growth over the last 5 years. Its turnover has more than doubled since 2008, reaching 139 million euro in 2011. It is expected to report 40% growth in 2012 to reach around 200 million euro, easily surpassing the forecasts made at the beginning of the year. Over the last two years, the group has adopted a number of new growth strategies that will culminate with the start-up of the new production plant in 2013. We spoke to Avi Motola, managing director of Negev since 2007 and CEO of Africa Israel Industries, a subsidiary of AFI Group. CWR: What are the main activities you have conducted in the field of tile production? Avi Motola: The years 2010 and 2011 saw the transition to digital tile printing and decoration. We have made large investments to equip the Yeruham facility with the necessary machinery and technology to produce the Novo tile brand. This has enabled us to expand our product range with the introduction of materials that are impossible to produce with conventional systems (stone, marble, concrete and wood). At the same time we have launched the new Novo Imagine brand devoted to custom production of ceramic and porcelain tiles. Novo Imagine delivers increased decorative flexibility thanks to a wide colour range and the possibility of digitally printing individual products and checking them prior to firing. Doubtless, the Novo tile brand is very competitive on the international markets for quality, innovation, design and price. The other major issue we have been addressing is that of environmentally sustainable production.

84

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

Fondata nel 1969 come produttore di piastrelle ceramiche, Negev, oggi di proprietà di AFI Industries, ha ampliato negli anni la propria attività nel campo dell’importazione e distribuzione di materiali da pavimento e rivestimento, arredobagno e prodotti per la finitura di interni, divenendo il maggiore rivenditore israeliano. Allo stabilimento produttivo situato a Yeruham, si affiancano infatti i 20 punti vendita, di cui 13 in Israele e 7 all’estero, nei quali venAvi Motola gono commercializzati, oltre ai propri marchi, alcuni dei più prestigiosi brand internazionali, tra cui Atlas Concorde, Fap, Caesar, Marazzi, Ragno, Cerim, Floor Gres, Versace, Kale per le piastrelle, Grohe, Zucchetti, Art Design e Webert per la rubinetteria, Villeroy & Boch, Keramag, Simas, Catalano e Kale nel sanitario, Mapei per gli adesivi. Negli ultimi 5 anni l’azienda ha registrato un forte sviluppo. Il fatturato, più che raddoppiato dal 2008 ad oggi, ha raggiunto i 139 milioni di euro nel 2011 con previsioni di chiudere nel 2012 a circa 200 milioni di euro, con una crescita del 40%, ben oltre le aspettative di inizio anno. Nell’ultimo biennio, il gruppo ha implementato una serie di nuove strategie di crescita che culmineranno nel 2013 con l’avviamento del nuovo impianto produttivo. Ne abbiamo parlato con Avi Motola, amministratore delegato di Negev dal 2007, nonché CEO di Africa Israel Industries, controllata da AFI Group. CWR: Quali sono state le principali attività introdotte nella vostra produzione di piastrelle? Avi Motola: Il 2010 e il 2011 sono stati gli anni della transizione verso il processo di stampa e decorazione digitale delle piastrelle, con grandi investimenti per dotare lo stabilimento di Yeruham dei macchinari e delle tecnologie necessarie per la produzione dei materiali a marchio Novo. Questo ha consentito non solo di ampliare la gamma produttiva con prodotti dalle finiture impossibili da realizzare con i sistemi tradizionali (pietre, marmi, cementi, legni), ma anche di lanciare il nuovo marchio Novo Imagine, dedicato alle produzioni personalizzate di piastrelle ceramiche e in gres porcellanato. Novo Imagine amplia enormemente la flessibilità decorativa degli ambienti, grazie ad una gamma cromatica ampia e alla possibilità di stampare in digitale i singoli pezzi, verificabili prima della cottura. L’altro grande tema che ci ha coinvolto molto è stato il passaggio a produzioni sempre più ecologicamente sostenibili. CWR: Quali misure avete adottato?


CWR: What measures have you adopted? A. Motola: In recent years we have invested more than 8 million euro in technological upgrading with the aim of making our factory a fully green facility, from raw materials preparation through to the production process, logistics, marketing and sales. We recycle around 96% of raw materials, production waste and all packaging materials, while our water recovery system has enabled us to make water savings of 50%. We do not use toxic or polluting raw materials or substances. We meet very strict standards and all Novo brand tiles display the green label certifying approval by the Standard Institute of Israel. We have also joined the Israel Green Building Council as a platinum founding member. CWR: Could you tell us about your development programme involving the construction of a second facility? A. Motola: We have just signed the supply contract for a new production plant which will allow us to raise tile production from the current 2 million sq.m per year to 6 million sq.m/year. The new factory is already being built and production will begin in 2013. The overall investment will amount to around 30 million euro. The new factory will likewise be built according to criteria of maximising energy efficiency and reducing consumptions during every stage of the process. It will be able to recycle 100% of the raw materials used and will be equipped with a plant for recovering heat from the kilns and dryers. By tripling our production capacity we will be able to cut our production costs by 40%, beside becoming a leading international porcelain tile supplier. CWR: Negev is also the largest retailer in Israel. How do you organise this activity? A. Motola: We operate in the Israeli market through three retail chains which are highly differentiated in terms of product type and target market. The high-end Negev Home Design chain is today the country’s top retailer in terms of turnover volume. In 2011 we embarked on an expansion policy that involved the acquisition of two brands that were already operating in the market: Via Arkadia in the premium segment, which has been operating as an importer since 1994, and Super Ceramic in the low-end range. The same year we also acquired Orgal, the exclusive importer of Grohe and Elgal. We have a total of 20 stores, including several in the USA, Canada, Romania and Russia. We plan to open a further 20 showrooms in 2013. The Negev Home Design stores stock our own Novo brand products as well as some of the most prestigious international brands. CWR: How are your sales divided up amongst your various distribution channels? A. Motola: We generate 51% in the retail segment, 38.5% in the contract segment and 9% through distributors. Exports still account for just 5.0% of our turnover, although we can already boast important credits including construction of the Moscow Mall, one of the largest retail projects in Rus-

86

A. Motola: Negli ultimi anni abbiamo investito oltre 8 milioni di euro per l’ammodernamento tecnologico nell’ottica di trasformare lo stabilimento in un vero e proprio impianto “green”: dalla preparazione delle materie prime, al processo produttivo, fino alla logistica, al marketing e alla commercializzazione dei prodotti. Ricicliamo circa il 96% delle materie prime, degli scarti di produzione e tutti gli imballaggi, e il sistema di recupero delle acque ci ha consentito un risparmio nei consumi idrici del 50%. Non vengono utilizzate materie prime e sostanze nocive e inquinanti. Operiamo secondo standard molto stringenti e tutte le piastrelle a marchio Novo riportano il marchio verde che certifica l’approvazione da parte dello Standard Institute of Israel. Fra l’altro, siamo entrati come membro fondatore “platinum” nel Green Building Council in Israele. CWR: Ci descrive il programma di sviluppo che prevede la realizzazione di un secondo stabilimento? A. Motola: Abbiamo appena siglato l’accordo per la fornitura del nuovo impianto produttivo che porterà la produzione di piastrelle dagli attuali 2 milioni mq/anno a 6. La costruzione del nuovo stabilimento è già in corso e l’avviamento della produzione è previsto per il 2013. L’investimento complessivo sarà di circa 30 milioni di euro. Anche la nuova fabbrica sarà improntata alla massima efficienza energetica e riduzione dei consumi in ogni fase del processo. Sarà in grado di riciclare il 100% delle materie prime impiegate e sarà dotata di un impianto di recupero calore dai forni e dagli essiccatoi. Triplicare la capacità produttiva ci consentirà di ridurre i costi di produzione del 40%, oltre che posizionarci tra i grandi fornitori di porcellanato. CWR: Negev è anche il maggiore retailer in Israele. Come si struttura questa attività? A. Motola: Siamo presenti sul mercato israeliano con 3 diverse catene di negozi, ben differenziate per tipologia di prodotto e target di mercato. Negev Home Design, nell’alto di gamma, è oggi, per volumi di fatturato, il principale rivenditore al dettaglio del Paese. Nel 2011 abbiamo attuato una politica di espansione con l’acquisizione di due marchi già presenti sul mercato: Via Arkadia, nel segmento premium, che opera come importatore dal 1994, e Super Ceramic nel basso di gamma. Nello stesso anno abbiamo acquisito anche la Orgal, importatore esclusivo di Grohe ed Elgal. Complessivamente gestiamo 20 punti vendita, alcuni dei quali all’estero in USA, Canada, Romania e Russia. Nel corso del 2013 abbiamo in programma l’apertura di altri 20 showroom. Nei negozi Negev Home Design sono presenti, oltre ai nostri prodotti a marchio Novo, alcuni marchi internazionali tra i più prestigiosi.

The new production plant due to start production in 2013 Il nuovo impianto che sarà avviato nel 2013

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

CWR: Come si compongono le vendite tra i vari canali distributivi in cui operate? A. Motola: Il 51% è generato nel segmento retail, il 38,5% nel segmento contract, il 9% con i distributori. Le nostre esportazioni rappresentano ancora solo l’5,0% del fatturato, sebbene possiamo già vantare referenze importanti, come la realizzazione del Moscow Mall, uno dei più grandi progetti commerciali in Russia, l’AFI Palace Mall in Romania, l’International


Medical Service in Guinea Equatoriale e hotel di lusso come il Radisson di Bucarest. Sul fronte esportazione, abbiamo appena siglato un accordo con la canadese Olympia, tra i maggiori distributori del Paese, per la fornitura in 5 anni di circa 8 milioni mq di piastrelle a marchio Novo, per un valore complessivo di circa 100 milioni di dollari. Il nostro obiettivo è raggiungere il 15% di export nel 2014.

sia, the AFI Palace Mall in Romania, the International Medical Service hospitals in Equatorial Guinea and 5-star hotels such as the Radisson in Bucharest. We also signed an agreement recently with one of Canada’s largest distributors, Olympia, to supply around 8 million sq.m of Novo brand tiles with a total value of around 100 million USD over a five year period. Our expectation is to reach 15% of exports by 2014. CWR: How do your stores operate and what were the latest new products introduced? A. Motola: With the aim of setting ourselves apart from the many competitors in the Negev Home Design sector, especially in the ceramic tile segment, we decided to carry through a number of initiatives for creating innovation, adding value and strengthening the brand’s position. We launched a new retail concept in the Negev Home Design flagship store in Bnei Brak, dividing the space into four different design areas: Classic, Vintage, Fashion and Urban. In the centre of the store a “green wall” was built to emphasise how important we consider the issue of protecting the environment. Another new development was the introduction of the 3D Negevision simulation system at all our stores. Whereas customers previously had to rely on their imaginations in the planning process, this new service features a computerised simulation system that enables them to view the final result created by the floor and wall tiles, bathroom furnishings and accessories they have chosen and to make any necessary changes. For the Via Arkadia brand, we opened the new 2,120 square metre concept store in Bnei Brak with architecture inspired by the Venetian Arsenal, the venue of the Venice Biennale. (JF) 

CWR: Come operano i punti vendita e quali le più recenti novità introdotte? A. Motola: L’esigenza di diversificarci dalla concorrenza, numerosa e molto agguerrita nel settore dell’Negev Home Design, in particolare nel segmento piastrelle ceramiche, ci ha portato ad implementare una serie di iniziative che creassero innovazione e valore aggiunto, rafforzando il posizionamento del marchio. Nel flagship store di Negev Home Design a Bnei Brak abbiamo lanciato il nuovo concept di punto vendita, individuando e suddividendo la superficie in quattro diverse aree di design: Classic, Vintage, Fashion e Urban. Al centro del punto vendita, un “muro verde” sottolinea la nostra attenzione del marchio verso le tematiche ambientali. Altra novità è stata l’introduzione in tutti i nostri punti vendita del sistema di simulazione 3D Negevision, un nuovo servizio per la clientela, costretta finora a basare le proprie scelte d’acquisto sulla sola immaginazione, mentre ora può verificare il risultato finale in tempo reale ed apportare per tempo le necessarie modifiche, sia per quanto riguarda pavimenti e rivestimenti che arredobagno e accessori. Per quanto riguarda Via Arkadia, abbiamo inaugurato il nuovo concept store a Bnei Brak, una superficie di 2.120 mq la cui architettura si è ispirata al complesso dell’Arsenale di Venezia in cui oggi si svolge la Biennale.  ADVERTISING

MODENA CENTRO PROVE Azienda leader nel settore delle analisi chimiche e dei servizi tecnologici.

LAB N° 1018

Italia

La possibilità di spaziare in più campi produttivi e l’ampia gamma di analisi e servizi offerti, fa di Modena Centro Prove un Centro unico sul mercato e, al tempo stesso, garantisce al Cliente una risposta completa ed a 360° gradi alle sue esigenze.

Sede e Laboratori: via Sallustio, 78 41100 MODENA

Telefono 059 82.24.17 Fax 059 38.02.81

www.modenacentroprove.it


Tecnologie di gestione colore per la ceramica

KeraProfiler Multichannel v.2.0 La gestione delle grafiche per tutti i sistemi di stampa Multicolor, ora non è più un problema. Senza rinunciare alla corrispondenza cromatica tra i colori visualizzati e cotti, con spazi colore più ampi, il tutto con un sistema di facile utilizzo.

Importanti novità per il 2012, da parte di COLORSTORE. L’azienda specializzata in soluzioni software e consulenze tecniche di color management, per il settore ceramico, si presenta infatti con un software estremamente innovativo. In pratica rappresenta quello che tutti gli operatori grafici del settore ceramico, aspettavano da tempo: un software che offra la possibilità di gestire le grafiche, per stampanti con configurazioni colore multicolor; mantenendo però, attraverso i profili colore ICC, una fedele preview a monitor e volendo anche su carta (Soft Proofing e Hard Proofing). Tutto questo al fine di evitare la gestione delle grafiche, utilizzando alcuni dei metodi classici largamente impiegati ad esempio, nelle separazioni per la serigrafia rotativa e piana. Questa necessità risulta essere nel settore ceramico, un’esigenza sempre più evidente. KERAPROFILER MULTICHANNEL è il nome della soluzione ed esprime il top per quel che riguarda questa specifica esigenza del settore. KERAPROFILER MULTICHANNEL non è un normale software per la creazione di profili colore ICC ma rappresenta ed offre molto di più. Innanzitutto è stato sviluppato per poter gestire in maniera corretta ed ottimale configurazioni di stampa di tipo MULTICOLOR; oltre alle configurazioni colore macchina di tricromia e quadricromia. Nel settore ceramico infatti, stanno

prendendo sempre più piede configurazioni a 4-5-6 colori; la tricromia o la quadricromia classica non bastano più. Questa tendenza però rappresenta attualmente uno dei principali problemi per le aziende che si occupano della gestione delle grafiche; colorifici, studi grafici, aziende ceramiche. Alcuni metodi tradizionali infatti, non permettono nessun tipo di gestione del colore; quindi le correzioni delle grafiche da parte degli operatori, non trovano di fatto molta o nessuna corrispondenza cromatica tra la grafica visualizzata a monitor e la stessa stampata e cotta. Inoltre alcuni sistemi possono essere di non facile approccio per gli utenti, soprattutto se poco esperti. La possibilità invece di avere una fedele preview a monitor o su carta, di quello che sarà il risultato finale, rappresenta sempre di più una condizione imprescindibile per gli operatori grafici del settore. Sono comunque tanti i sistemi o le “soluzioni” che vengono utilizzate per ovviare a questo problema, ma tutte con risultati che sono nettamente inferiori a quello che si potrebbe ottenere gestendo in modo ottimale le performance dei singoli inchiostri. In alcuni casi inoltre, si utilizzano configurazioni fortemente sbilanciate che possono provocare un eccessivo stress delle teste di stampa, con conseguenti difetti di scrittura.

KERAPROFILER MULTICHANNEL, grazie ad un evoluto ed esclusivo sistema Multicolore, risolve brillantemente questo problema, offrendo la possibilità all’utente di poter gestire in maniera corretta qualsiasi configurazione multicolore e nella totale autonomia; gestendo la quantità e l’interazione tra i singoli inchiostri impiegati. Oltre a questo, è disponibile sempre all’interno dello stesso software, un modulo di linearizzazione, fondamentale per l’ottenimento della massima qualità di stampa e non ultima la possibilità di uniformare due o più sistemi di stampa. Il nuovo motore di calcolo dei profili ICC, è stato ulteriormente potenziato e sono state introdotte delle funzioni veramente all’avanguardia, quali ad esempio la modalità automatica nel calcolo dei profili ed il White Point Optimizer (WPO). Bastano infatti pochissimi passaggi per creare profili colore ICC di elevata qualità per la propria configurazione MULTICOLOR. WPO inoltre è uno strumento incredibile che sarà sicuramente apprezzato dagli operatori grafici, in quanto permette di avere delle separazioni mai viste prima, in termini di dettaglio e di contrasto. KERAPROFILER MULTICHANNEL inoltre è totalmente indipendente dal tipo di macchina o rip di stampa utilizzato. Lo studio grafico, il colorificio o l’azienda ceramica stessa, possono gestire configurazioni multicolore per qualsiasi tipo o modello di stampante, lasciando la totale libertà nella scelta del rip da utilizzare. Come tutte le soluzioni proposte da COLORSTORE, anche questa è stata sviluppata espressamente per il setto


re ceramico; quindi motori, algoritmi di calcolo, funzioni specifiche, sono direttamente derivate dell’esperienza che COLORSTORE ha accumulato in quasi 10 anni di esperienza nel settore. COLORSTORE dispone anche di altre soluzioni all’avanguardia per il settore ceramico; tra le quali: •

KERAPROFILER V2.0, profilatore per sistemi a 3-4 colori (RGBCMYK)

KERAPROOFER TIFFOUT Rip PostScript adattabile a specifiche tecnologie di stampa.

COLORSTORE ha inoltre come suo punto di forza, la formazione presso le aziende per il corretto impiego di tutte le tecnologie di gestione del colore e delle grafiche. Numerosi sono infatti i servizi di training al personale, o di organizzazione dello studio grafico, svolti sia in Italia che all’estero, con l’obbiettivo di creare un flusso di lavoro rapido, efficiente, semplice, tenendo in considerazione le esigenze specifiche di ciascuna azienda. “La possibilità di linearizzare e creare profili colore ICC Multicolor, per tutte le stampanti in commercio.”

PRINCIPALI VANTAGGI - Gestione grafiche per stampanti con configurazioni Multicolor, mantenendo la preview a monitor o su carta del prodotto cotto - Corretto utilizzo di ogni singolo inchiostro - Massime prestazioni cromatiche - Profili colore ICC di elevata qualità, anche utilizzando smalti di fondo scuri o colorati - Profili colore ICC utilizzabili da qualsiasi applicativo grafico - Estrema facilità di creazione dei profili colore -Funzione di ottimizzazione del punto di bianco (WPO) - Potente e funzionale modulo di linearizzazione - Facile controtipazione prodotti o cambi inchiostro - Gestione dei singoli inchiostri da parte dell’utente - Utilizzabile per qualsiasi stampante e/o rip di stampa - Creazione profili colore ICC RGB, CMY, CMYK e Multicolor, utilizzabili da qualsiasi applicativo grafico

Tecnologie di gestione colore per la ceramica

by CHROMATECH

www.color-store.net info@color-store.net


Tecnargilla on the starting block

Tecnargilla al via Everything is ready for the opening of Tecnargilla 2012, the world’s foremost exhibition of supplies to the ceramic and brick industries. With 450 exhibitors from 29 countries, the event staged in the Rimini exhibition centre is once again set to offer the most comprehensive showcase of innovation and technology for the ceramic sector. International exhibitors will account for 30% of the total, 12% more than at the last show. The largest country groups are from China, Germany and Spain, although there will also be companies from Argentina, Australia, Austria, Belgium, Brazil, Bulgaria, Croatia, Colombia, Egypt, Greece, Indonesia, Iran, Israel, Mexico, Holland, Poland, the Czech Republic, Russia, the United States, Switzerland, France, the UK, Portugal and Turkey. The show will maintain its role as an incubator of ideas and innovative technologies and is divided into three theme sections: Tecnargilla, hosting manufacturers of machinery and equipment for tiles, sanitaryware, tableware and technical ceramics; Kromatech, devoted to raw materials, colours and creativity in ceramics; and Claytech, for manufacturers of machinery and equipment for heavy clay.

TEcnargilla

The organisers are expecting a further improvement on the record figures of 2010 (total attendance 31,000, including 14,603 international visitors) that established the show as the world’s foremost event in terms of attendance by global ceramic industry professionals. International buyers from 87 countries have already registered online via the website www.tecnargilla.it. The most strongly represented countries are Spain, Germany,

90

C era mic W o rld Review n. 98/ 2012

Pronti per il taglio del nastro della 23a l’edizione di Tecnargilla, la maggiore fiera al mondo dedicata alla fornitura per l’industria ceramica e del laterizio. Con 450 espositori, provenienti da 29 Paesi, la kermesse riminese offre anche quest’anno, tra invenzione e innovazione, la più completa offerta tecnologica per il settore ceramico. In crescita gli espositori stranieri che rappresentano il 30% del totale (+12% rispetto alla passata edizione). I gruppi più numerosi sono quelli cinesi, tedeschi e spagnoli, ma la compagine internazionale sarà composta anche da aziende espositrici di Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Croazia, Colombia, Egitto, Grecia, Indonesia, Iran, Israele, Messico, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Stati Uniti D’America, Svizzera, Francia, Regno Unito, Portogallo, Turchia. Tre le sezioni tematiche in cui la fiera è suddivisa: Tecnargilla, dove espongono i costruttori di macchine e attrezzature per piastrelle, sanitari, stoviglieria e ceramica tecnica, Kromatech, dedicata a materie prime, colori e creatività in ceramica, Claytech, per i costruttori di macchine e attrezzature per laterizi. Ottime le attese per quanto riguarda i visitatori. La fiera, che conferma il suo ruolo di incubatore di idee e tecnologie innovative, nonché il suo carattere internazionale, prevede di superare i risultati record ottenuti nel 2010, anno in cui con 31.000 visitatori, di cui 14.603 stranieri, si è qualificata come la manifestazione più visitata dagli operatori ceramici mondiali. Sono infatti oltre 87 i Paesi di provenienza dei buyer internazionali che si sono registrati online attraverso il sito www.tecnargilla.it. Le nazioni


Turkey, Iran, India, Brazil, China, the United States, the UK, Portugal, Russia, Poland, Egypt, Indonesia, France, Argentina, Saudi Arabia, the Netherlands, Mexico and Colombia. There will be official delegations from 16 countries. Exhibitors in the Tecnargilla section will have the opportunity to meet top buyers from Russia, Ukraine, Romania, India, Iran, Egypt, Argentina, Colombia, Chile, Indonesia, Malaysia and Vietnam, while exhibitors in the Claytech section will meet delegations of brick and tile producers from Russia, Ukraine, Bulgaria, Slovakia, Romania, Serbia, Algeria and Turkey. To facilitate B2B meetings between exhibitors and buyers, exhibitors can use a digital platform to view delegate profiles selected by the organisers and make appointments before the show begins. Alongside the exhibition section, this year’s Tecnargilla will be an opportunity to take stock of the most topical issues and the latest aesthetic trends in the Ceramic Workshop, an exhibit space coordinated by the Milan-based architecture practice Azzolini-Tinuper. The area consists of four sections: an exhibition of the latest trends in materials and colours applied to ceramic decoration; a presentation by Italian design firms; the second edition of the Tecnargilla Design Award; and a presentation of the research project by the European Design Institute (IED) on alternative uses of ceramics. The Tecnargilla Design Award is the prize set up by Tecnagilla to recognise the most innovative technologies, applications and materials used in the ceramic industry to produce future collections of floor and wall tiles. The theme of this year’s competition is “Future surfaces”. System, Sacmi, Siti B&T Group, Projecta En-

più rappresentate sono: Spagna, Germania, Turchia, Iran, India, Brasile, Cina, Stati Uniti, Gran Bretagna, Portogallo, Russia, Polonia, Egitto, Indonesia, Francia, Argentina, Arabia Saudita, Paesi Bassi, Messico e Colombia. Presenti in fiera delegazioni ufficiali provenienti da 16 Paesi. Gli espositori della sezione Tecnargilla avranno la possibilità di incontrare top buyer provenienti da: Russia, Ucraina, Romania, India, Iran, Egitto, Argentina, Colombia, Cile, Indonesia, Malesia, Vietnam, mentre delegazioni di produttori di laterizi provenienti da Russia, Ucraina, Bulgaria, Slovacchia, Romania, Serbia, Algeria e Turchia saranno invece a disposizione degli espositori della sezione Claytech. Per agevolare gli incontri B2B tra espositori e buyer, è stata messa a disposizione degli espositori una piattaforma digitale che permette di visionare i vari profili selezionati dagli organizzatori, in modo da poter fissare gli appuntamenti prima dell’inizio della manifestazione. Oltre all’offerta espositiva, Tecnargilla sarà anche quest’anno l’occasione per fare il punto sulle tematiche più attuali e sulle ultime tendenze estetiche all’interno dell’area Ceramic Workshop, uno spazio espositivo curato dallo studio milanese di architettura Azzolini-Tinuper. L’area ospita quattro sezioni: la mostra sulle ultime tendenze materiche e sui colori applicati alla decorazione ceramica; la presentazione degli studi di design italiani; la seconda edizione del concorso Tecnargilla Design Award e la presentazione del progetto di ricerca dell’Istituto Europeo di Design (IED) sugli utilizzi alternativi della ceramica. Il Tecnargilla Design Award è il premio istituito da Tecnagilla per consacrare le più innovative tecnologie, applicazioni e materiali applicati all´industria ceramica per dar vita a future collezioni di

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 12

91


gineering, Torrecid, Colorobbia Italia, Sertile, Efi Cretaprint, Vidres, SRS, Esmalglass Itaca Group and Colour Service will be presenting innovative projects carried out using the technologies, colours, decorations and finishes that contribute to the aesthetic qualities of ceramic tiles. The winner will be chosen by a jury made up of creative directors from Italian ceramic companies, tile retailers, designers and journalists.

piastrelle da pavimento e rivestimento. Quest’anno il tema del concorso è “Superfici future”. System, Sacmi, Siti B&T Group, Projecta Engeneering, Torrecid, Colorobbia Italia, Sertile, Efi Cretaprint, Vidres, SRS, Esmalglass Itaca Group e Colour Service presenteranno progetti innovativi realizzati utilizzando tutte le tecnologie, i colori, i decori e le finiture che concorrono a determinare l’estetica delle piastrelle di ceramica. A decretare il vincitore saranno chiamati direttori creativi di aziende ceramiche italiane, rivenditori di piastrelle ceramiche, designer, giornalisti.

Designers from the European Design Institute IED were asked for their ideas on how to reinvent the use of ceramic materials in the kitchen. The result is Ceramic for Kitchen, a five metre one-piece ceramic countertop with lightweight styling that gives it the appearance of being suspended, supported by a reticular steel structure and a combination of smooth and rough, machined and natural surfaces.

Ai designer dell’Istituto Europeo di Design (IED) è invece stato affidato il compito di re-inventare l’uso dei materiali ceramici nell’ambiente cucina. Esporranno pertanto in fiera Ceramic for Kitchen, un monolite fatto interamente di ceramica: un piano di 5 metri dalle linee leggere tanto da sembrare sospeso, retto da una struttura reticolare d’acciaio dove si affiancano superfici lisce e ruvide, lavorate e naturali.

Tecnargilla 2012 also has a packed programme of conferences that offer outstanding opportunities for analysis and debate. The afternoon of Monday 24 September, the first day of the show, will be devoted to “Strategic raw materials for the ceramic industry”. Organised by the Italian Ceramic Society and sponsored by Acimac and Assomineraria, the event will explore regulatory, financial and sourcing aspects of raw materials. On Tuesday 25 September at 10.00 a.m., a conference sponsored by Acimac and Andil entitled “The world heavy clay industry: market scenarios and prospects” will discuss the current and future state of the sector. Based on reports given by analysts and representatives of the institutions and the world of industry, the event will explore scenarios and trends in the building world. A conference organised by Acimac and the University of Modena and Reggio Emilia to be held on Wednesday 26 September at 2.30 p.m. will discuss the theme of summer energy efficiency of walls and roofs. On Thursday 27 September, the day’s events will begin at 10.00 a.m. with the first Italian conference discussing Brazil’s new NR12 machinery safety legislation. Obligations and precautions for exporters will be outlined by representatives from the Brazilian ministry of labour, which produced the legislation, and by Bruno Maiocchi, coordinator of the technical group from Federmacchine, the association that organised the event together with Acimac. The traditional Ceramic Technology Transfer Day, to be held during the afternoon, will include a presentation of the best offers of technology published on the website www.ceramicttd. it and a discussion of the regional and European research programmes set up to support innovation and sustainable build(JF)  ing.

Tecnargilla 2012 offre anche interessanti occasioni di approfondimento attraverso un’ampia attività convegnistica. Il pomeriggio di lunedì 24 settembre, giornata di apertura, sarà dedicato alle “Materie prime strategiche per l’industria ceramica”. Il convegno, organizzato da Società Ceramica Italiana e patrocinato da Acimac e Assomineraria, tratterà gli aspetti normativi, finanziari e di approvvigionamento delle materie prime. Nella giornata di martedì 25 settembre, a partire dalle ore 10, è invece in programma un seminario dal titolo:”L’industria mondiale del laterizio: scenari e prospettive di mercato”; un momento di riflessione sull’economia attuale e futura del comparto, patrocinato da Acimac e Andil. Attraverso le relazioni di analisti, rappresentanti del mondo istituzionale e industriale, l’appuntamento illustrerà scenari e trend dell’edilizia mondiale. Si parlerà invece di efficienza energetica estiva delle murature e delle coperture edili nel convegno organizzato da Acimac e Università di Modena e Reggio Emilia in calendario mercoledì 26 settembre alle ore 14,30. Il giorno successivo, giovedì 27, la giornata sarà aperta alle ore 10 dal convegno in anteprima nazionale sulla nuova normativa brasiliana NR-12 sulla sicurezza delle macchine. Gli obblighi e le cautele per gli esportatori saranno descritti dai rappresentanti del ministero del lavoro brasiliano che ha emanato la normativa e da Bruno Maiocchi, coordinatore del gruppo tecnico di Federmacchine che, assieme ad Acimac, ha organizzato l’appuntamento. Il pomeriggio invece ospita la tradizionale giornata di trasferimento tecnologico denominata Ceramic Technology Trasfer Day, nel corso della quale saranno presentate le migliori offerte di tecnologia pubblicate sul sito www.ceramicttd.it, e fatto il punto sui programmi di ricerca regionali e comunitari a soste gno dell’innovazione e dell’edilizia sostenibile.

92

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


1962-2012: 50 YEARS OF WORLDWIDE ITALIAN EXCELLENCE

Why 50 years young? Our longevity lies in the continuous research, innovation, experience, customer assistance and high-quality alumina linings and grinding media. Considering our history, the magnificence of our culture and the beauty of our landscape, we are committed to search for excellence in our products. Get the best industrial performance using Industrie Bitossi materials.

INDUSTRIE BITOSSI S.p.A. Vinci (Florence) Italy www.industriebitossi.com


Evo Plus,

the new digital frontier Marco Ferrari - Siti-B&T Group (Formigine, Italy)

Evo Plus, la nuova

frontiera digitale

The range of products for digital ceramic tile decoration from Projecta Engineering and Siti B&T Group have been enhanced with new technological contents. The Evolve family (Evo Five and Evo Seven, available in three printing width versions 70, 112 and 133 cm) and present on the market with a world reference list of 119 installed machines and 41 Digiplot plotters, now comes in the form of standard machines and plus machines. Using a dedicated upgrade kit, each Evolve machine can be transformed into an Evo Plus. The main characteristic of Evo Plus machines is their shape, which enables them to house conventional printheads and/or new-generation highperformance printheads. Evolve Plus therefore maintains all the characteristics of the Evolve family while offering additional competitive factors.

technology

The new features of Evo Plus The Evo Plus decorating machine is able to decorate at double speed whilst maintaining maximum resolution: 48 minutes, 360x360 dpi. Alternatively, for markets that do not require extremely high speeds there is the choice of double jetting with droplets of up to 84 picolitres (10-12 l), while maintaining maximum resolution printing. Whereas a standard printhead is able to deposit at most 42 pl, the new printhead can discharge double that via a standard 12 pl droplet multiplied by 7 types in order to obtain eight greyscale levels. This results in high decorating accuracy as doubling the drop increases precision. These two configurations that can be chosen by ceramic producer companies make the machine highly versatile. It is ideal both for mature, traditional markets where product quality is the most important factor (so double discharge is preferable as extremely high speeds are unnecessary) EvoSeven

94

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

La proposta sul fronte della decorazione digitale delle piastrelle ceramiche di Projecta Engineering e Siti B&T Group si arricchisce di nuovi contenuti tecnologici. La famiglia Evolve (EvoThree, EvoFive, EvoSeven con tre varianti di formato relative alla larghezza di stampa possibile: 70 - 112 - 133), presente sul mercato con una “reference list” mondiale di 119 macchine installate e 41 plotter Digiplot, si articola oggi in macchine standard e macchine plus. Ogni macchina Evolve può trasformarsi in Evo Plus, con un apposito kit di upgrade. La principale caratteristica delle macchine Evo Plus è la conformazione della macchina, che consente di alloggiare testine tradizionali e/o testine ad alte performance, di nuova generazione. Evolve Plus, quindi, oltre a mantenere tutte le caratteristiche della famiglia Evolve, si caratterizza per nuovi fattori competitivi. Le novità Evo Plus La decoratrice Evo Plus ha la capacità di decorare a velocità doppia, mantenendo la massima risoluzione: 48 minuti a 360x360 dpi ed una velocità massima fino a 65 m/min. In alternativa, per quei mercati che non necessitano di grandissime velocità, esiste la possibilità di uno scarico doppio con gocce fino a 84 picolitri (10-12 l), sempre ottenendo decorazioni della massima risoluzione. Grazie a queste due configurazioni che l’azienda ceramica può scegliere di adottare, quindi, la macchina risulta molto versatile, ideale sia per un mercato maturo, con forte storicità, che produce con priorità legata alla qualità del prodotto (che quindi predilige lo scarico doppio, perché non serve velocità esasperata), sia in mercati emergenti dove occorre prima di tutto la velocità e quindi la produttività. È comunque sempre possibile e semplice scegliere a quale velocità lavorare e anche cambiare configurazione, addirittura prevedendo di passare in automatico da una modalità all’altra con il variare della velocità. Questa


Visit Xaar at

Tecnargilla 2012 Rimini, Italy 24-28 September Hall D1, Stand 010

More colour. More throughput. More choice.

A new choice of ceramic printhead – introducing the Xaar 1001 GS12 Our new printhead delivers 12-84 picolitre ink drops to provide double the colour intensity for bolder tile effects. Or you can opt for twice the line speed to increase throughput. The choice is yours. Whether you choose the new Xaar 1001 GS12, or the finer detail offered by the established Xaar 1001 GS6, you’ll still be benefiting from our patented TF Technology™ (the unique ink recirculation system) that delivers unrivalled reliability – keeping you running batch after batch. Choose the unique Xaar 1001 printhead from the leaders in digital ceramic tile printing technology.

The Xaar 1001 GS12 benefits: ● Double the colour

intensity or

For more information about the Xaar 1001 (GS6 or GS12) call us now on +44 1223 423663, email info@xaar.com or visit www.xaar.com/Xaar1001.aspx

● Double the speed ● Unrivalled reliability


and for emerging markets where high speed and productivity are paramount. In all cases, the operating speed can be chosen and configuration changed with great simplicity, and it is even possible to switch automatically from one mode to the other as speed changes. This ensures full customisation of the machine. Like the entire Evolve family, the Evo Plus machines are also equipped with proprietary electronics made directly by Projecta Engineering in Italy. The entire Evolve family offers many more advantages. Space saving It is an extremely compact family of machines. Evo Seven is the only model on the market to house seven colours in just 3.33 metres; Evo Five on the other hand can house up to 5 colours in a space of 2.80 m. This is particularly important in quality-oriented markets such as Italy where the lines inside factories are highly complex and the long-established production activities sometimes lead to problems of limited space. Seven upgradable colours It takes just ten minutes to switch from a 4-colour to a 10-colour configuration. This ensures considerable time savings, a particularly important factor in periods like the present when it is essential to be able to change decoration techniques frequently. Given the rapid pace of change of the market, it is essential for production lines to have a high degree of flexibility and speed of adaptation. While fourcolour decoration is now taken for granted, producers are facing two different choices: adding special colours to give added value to the product, or introducing new decorative effects that have nothing to do with colours (material effects of various kinds). If the machines are not sufficiently flexible, these changes in production may require a two or three day stoppage, an eventuality that may have considerable negative consequences. Maximum colour system flexibility The Evolve machines allow the colour system to be moved easily by means of a simple sequence change of the colour box. This makes it possible to programme different effects from line 1 to line 2. Given the high degree of flexibility of the line, all that is required to customise production is a box for insertion into the machine. Furthermore, these operations can be performed without the need for cleaning. The colour box contains all the electronics, the

By-pass detail Dettaglio del by-pass

96

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012

caratteristica garantisce una personalizzazione perfetta della macchina. Le macchine Evo Plus, come tutta la famiglia Evolve, sono inoltre equipaggiate con un’elettronica proprietaria, prodotta in Italia direttamente da Projecta Engineering. Tutta la famiglia Evolve garantisce numerosi altri vantaggi. Risparmio di spazio Si tratta di una famiglia di macchine estremamente compatte. Il modello EvoSeven è l’unico sul mercato che alloggia sette colori in appena 3,33 metri. Il modello EvoFive può invece alloggiare fino a 5 colori in appena 2,80 m. Si tratta di una caratteristica importante in assoluto, ma che diventa essenziale, in particolare, nei mercati qualificati come quello italiano, dove le linee all’interno degli stabilimenti sono molto complesse e articolate e vi è una storicità della produzione che comporta talvolta problemi legati a spazi ridotti. Sette colori upgradabili In dieci minuti è possibile passare da una configurazione a 4 colori a una configurazione a 7 colori. Questa possibilità garantisce un grande risparmio di tempo soprattutto in periodi come quello attuale, nei quali è indispensabile poter variare le tecniche decorative anche a distanza di poco tempo. Il mercato, infatti, è in fortissimo fermento propositivo e necessita di una flessibilità estrema e di grande velocità di adeguamento della linea. La quadricromia ormai viene data per acquisita, poi il produttore si trova di fronte a due differenti scelte: aggiungere colori speciali per dare valore aggiunto al prodotto, oppure introdurre nuovi effetti decorativi che non hanno niente a che vedere coi colori (effetti materici di vario tipo). Se si possiede una macchina troppo rigida, queste variazioni produttive possono comportare anche un fermo di due o tre giorni con tutte le conseguenze negative del caso. Massima flessibilità del “sistema colore” Le macchine Evolve consentono di muovere facilmente il “sistema colore”, grazie a un semplice cambio sequenza del box colori. In questo modo è possibile programmare effetti diversi tra diverse linee di smalteria equipaggiate con stampanti Evolve; grazie alla loro estrema flessibilità, infatti, basta un cassetto da infilare nella macchina per personalizzare la produzione. Queste operazioni, inoltre, non richiedono pulizia. Nel box colore è compresa tutta l’elettronica, l’idraulica, la testina, lo slot colore. La macchina è un sistema aperto, non vincolato dalla prima scelta colori che il produttore effettua, modificabile sia come posizione che come setting (numero colori

Automatic cleaning system Il sistema di pulizia automatico


hydraulics, the printhead and the colour slot. The machine is an open system that is not restricted by the initial choice of colours made by the producer, and can be modified in terms of both position and settings (number of colours present). The system also allows ink and colour producers to use a colour box and equip it with a colour or material proposal needed to perform rapid inline testing in the customer’s glazing and firing conditions. This takes just a few hours and can be done without stopping the production line (which would incur additional costs) or washing all the components. Ease of access and maintenance The Evolve family is designed so that the operator can extract the colour box in an upright posture and allows easy and full accessibility of all parts, printheads included. This ensures outstanding ease of access and maintenance. Fully automatic cleaning The machine cleaning operation is fully automatic and takes just 60 seconds. The control system tells the press to halt production for a minute and the machine begins automatic cleaning. Alternatively, the machine can use any stoppage in production to perform the cleaning cycle, which requires at most 24 minutes a day over 20-22 hours of operation. Extraction bars The extraction bars present on each colour bar remove the vapour originating from the tiles as well as the overspray sometimes produced by the colours, thereby protecting the printhead from dirt. The deposited colour film and humidity would prevent correct operation of the printheads. This way it is possible to plan a longer time between cleaning operations, more than double that of standard solutions. Printing on double asynchronous rows Printing on double asynchronous rows is possible on all Evolve machines thanks to an innovative software package that handles incoming tiles at two different times. This makes it possible to print two different designs, even on different tile sizes, and allows two lines to be set up to feed the same machine at different times and with different designs. To all intents and purposes, it is a double printer. Possibility of loading different file formats To maintain continuity with the past, the Evolve family can also load bitmap files (the format initially used on Keramagic machines) as well as Photoshop proprietary Psd and Psb formats which are capable of managing multichannel files with the use of more than 4 colours (up to 7). The Psb compression formats allow large size files to be processed. It is now possible to load very large images or designs running to dozens of (JF)  metres in length.

Electronics L’elettronica

presenti). Il sistema permette inoltre ai colorifici di utilizzare un box colore ed equipaggiarlo con una proposta cromatica o materica, fare una prova in linea nelle condizioni di smaltatura e cottura del cliente in un tempo contenuto (quantificabile in alcune ore), senza fermare la linea produttiva, senza costi aggiuntivi, né necessità di lavare tutti i componenti. Facilità di accesso e manutenzione La famiglia Evolve è concepita in modo tale da poter estrarre il box colore da una posizione eretta, con un facile e completo accesso a tutte le sue parti, testine comprese. Garantisce quindi una eccezionale comodità di accesso e manutenzione. Pulizia completamente automatica La pulizia della macchina è completamente automatica e richiede appena 60 secondi per espletarsi completamente. Il sistema di controllo comunica alla pressa di interrompere per un minuto la produzione e la macchina inizia la pulizia automatica. In alternativa, la macchina può sfruttare qualunque interruzione produttiva per fare il ciclo di pulizia, che quindi, su 20-22 ore di produzione, necessiterà al massimo di 24 minuti al giorno. Barre di aspirazione Le barre di aspirazione presenti su ciascuna barra colore rimuovono il vapore proveniente dalle piastrelle e l’overspray talvolta prodotto dai colori, con il risultato di preservare dallo sporco la testina. Il film di colore che si deposita e l’umidità impedirebbero infatti il corretto funzionamento delle testine. In questo modo, invece, è possibile prevedere un intervallo di pulizia molto più lungo, più che raddoppiato rispetto alle soluzioni standard. Stampa in doppia fila asincrona È possibile in tutte le macchine Evolve la stampa in doppia fila asincrona, grazie a un innovativo software che gestisce le piastrelle in entrata in due momenti differenti: possono così essere stampate due grafiche differenti, anche su formati differenti, e si possono prevedere due linee differenti che alimentano la stessa macchina in momenti differenti e con grafiche diverse. Praticamente una stampante doppia. Possibilità di caricare più formati di file Per salvaguardare la continuità col passato, la famiglia Evolve può caricare anche file bitmap (formato iniziale delle macchine Keramagic) oltre che Psd e Psb, formati proprietari di Photoshop che permettono di gestire file multicanale che prevedono utilizzo di più di 4 colori, fino a 7. I formati di compressione Psb permettono di elaborare file di grandi dimensioni. Oggi si possono quindi caricare decine di metri di grafica e immagini molto  grandi.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 012

97


Digital printing

for large tile sizes Alberto Bassanello - Durst Phototechnik (Bressanone, Italy)

Il digitale

technology

per grandi formati Ceramic tile manufacturers in Italy and in other countries in Europe and elsewhere are currently showing a great deal of interest in the production of large tile sizes. Producers of high-end tiles in particular are opting for machinery and suppliers that deliver the highest printing quality along with guaranteed reliability and service. Durst has directed its research efforts in accordance with these trends and at this year’s Tecnargilla is presenting a range of products and services designed to meet the sector’s current needs.

In Italia e in diversi Paesi non solo europei il grande formato suscita molto interesse. In particolare, se parliamo di piastrelle ad altissimo valore aggiunto e di fascia alta, la scelta tecnologica dei produttori di piastrelle va verso macchine e aziende in grado di offrire la massima qualità di stampa accompagnate da affidabilità e servizio. è su questo assunto che Durst ha implementato e orientato la propria ricerca e quest’anno si presenta a Tecnargilla con una gamma di prodotti e servizi in grado di rispondere alle nuove esigenze del settore.

New levels of efficiency in digital printing: Gamma 120 HDS and Gamma 120 HDS Dual Line

Nuova efficienza nella stampa digitale: Gamma 120 HDS e Gamma 120 HDS Dual Line

Building on the success of the field test installation at Cooperativa Ceramica d’Imola, the new Gamma 120 HDS high-resolution digital printing system has proved ideal for decorating large format tiles up to 1152x1650 mm in size. The system uses proprietary Advanced High Definition Contone Grayscale technology which delivers excellent printing quality. Tiles can be decorated with a resolution of up to 220x960 dpi, using an ink quantity of 31.4 g/sq.m. In high-speed mode it can reach a line speed of 74 m/min. Configurable with a maximum of 5 colour bars for simultaneous printing of all loaded colours, the new printer allows

Forte del successo riscosso dall’installazione field test presso la Cooperativa Ceramica d’Imola, il nuovo sistema di stampa digitale ad alta risoluzione Gamma 120 HDS si conferma ideale per la decorazione di piastrelle di grande formato, fino a 1152x1650 mm. È dotato di una tecnologia proprietaria Advanced High Definition Contone Grayscale, che si caratterizza per qualità di stampa, in grado di decorare con una risoluzione fino a 220x960dpi, impiegando una quantità di inchiostro di 31,4 gr/mq. In modalità “alta velocità” può raggiungere i 74 m/min. Configurabile con un massimo di 5 barre colori per la stampa simultanea di tutti i colori caricati, la nuova stampante permette una maggiore flessibilità in termini di design e produttività. Durst Gamma è l’unica stampante ceramica che non richiede l’utilizzo di più di una barra di testine per lo stesso colore, per depositare sufficiente quantità di inchiostro. Inoltre, rispetto ad altri sistemi di stampa, con Gamma 120 HDS è possibile raggiungere il doppio della velocità mantenendo invariata la risoluzione, oppure mantenere la velocità invariata, depositando il doppio della quantità di inchiostro. Grazie al nuovo design modulare, Gamma 120 HDS consente la massima flessibilità nella definizione delle configurazioni - da CMYK a cinque colori di stampa con colori speciali come il bianco e/o il marrone - per

Gamma 75HD

98

Cera mic W o rld Review n. 98/ 2012


for greater flexibility in terms of design and productivity. Durst Gamma is the only ceramic printer that does not need more than one bar of printheads for each colour to deposit a sufficient quantity of ink. Furthermore, Gamma 120 HDS can print at double the speed of other printing systems with the same resolution or can deposit double the quantity of ink while maintaining the same speed. Thanks to its new modular design, Gamma 120 HDS allows for the maximum flexibility in defining configurations (from CMYK to five print colours with special colours such as white and/or brown) to meet the most varied needs. And given the modularity of all Durst systems, it can be upgraded at a later stage. It can also be easily modified on site in just a few minutes to switch to operation from left to right or vice versa. The system combines the highest production efficiency with exceptional image quality. Tests conducted on the facilities of Cooperativa Ceramica d’Imola have shown that Gamma 120 HDS sets new standards in terms of sharpness, strong colours, colour density, contrast, saturation, brightness, three-dimensional effects and complex designs. At the same time it guarantees an optimised process in terms of significantly reduced processing times, minimal machine stoppages and a shorter time-tomarket. Gamma 120 HDS is also available in the Dual Line version, a dual printing system that allows tiles to be decorated on two separate and independent production lines, allowing for modular combinations of tile sizes and print colours. This in turn allows for parallel decoration of various designs or work orders with tiles of different sizes. Each line operates autonomously and has its own sensor to identify the tiles. A special tile guide system allows for rapid switching from single to dual operation and vice versa. This opens up completely new possibilities in terms of efficiency, the superior quality and faster production representing a major competitive Gamma 120 HDS advantage for all users.

soddisfare al meglio le più diverse necessità, con possibilità di aggiornamento in una fase successiva, grazie alla modularità che contraddistingue tutti i sistemi Durst. Inoltre, in pochi minuti può essere facilmente modificata in loco, consentendo il funzionamento da sinistra a destra e viceversa. Massima efficienza produttiva si coniuga dunque con un’eccezionale qualità delle immagini. I test presso Cooperativa Ceramica d’Imola hanno dimostrato che Gamma 120 HDS stabilisce nuovi standard per quanto riguarda nitidezza, colori forti, densità del colore, contrasto, saturazione, luminosità, effetti tridimensionali e disegni complessi, che vengono garantiti al pari dell’ottimizzazione del processo, ossia una significativa riduzione dei tempi di lavorazione, minimizzazione del fermo macchina e time-to-market più rapido. Gamma 120 HDS è disponibile anche nella versione Dual Line, un doppio sistema di stampa che consente di decorare le piastrelle su due file di produzione distinte e indipendenti, permettendo una configurazione modulare dei formati di piastrelle e la combinazione dei colori da stampare. Questo consente la decorazione in parallelo di diversi disegni o ordini di lavoro con piastrelle di formati variabili. Ogni linea ha un proprio sensore per l’identificazione delle piastrelle e funziona autonomamente. Uno speciale sistema di guide piastrella può far passare velocemente dalla singola operazione alla doppia e viceversa. In termini di efficienza, si apre una dimensione completamente nuova:

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

99


All Durst printing systems (along with Gamma 120 HDS, also Gamma 75 HD, the fastest single pass digital printer for ceramic tiles, and Pictocer HD, the flatbed printer for small print runs) can be used with ceramic inks supplied by various producers including Torrecid, Ferro, Esmalglass-Itaca, Smalticeram and Colorobbia. New hardware and software solutions In keeping with its motto “peak of perfection”, Durst has broadened the scope of its latest technological developments, combining print quality, speed and ink loading with the guarantee of a safe investment for tile producers. One of the innovations presented at Tecnargilla will be the newly developed printhead technology which guarantees continuous productivity and minimises machine stoppages for maintenance. Soon to be available on all Durst printers, it will allow users to further optimise the production process. The range of inks available for all Gamma printers has also been expanded, allowing producers to experiment with new techniques and build production lines with matt, gloss and special effect inks. New ink filtering systems with a rapid replacement function are also available. The 5.0 software upgrade for the printing unit workflow has been launched. This permits free selection of the ink in each channel, calculates the cost of all print orders, and offers even wider print options and centralised work management via PrepStation to prevent data theft. For the design process, the expansion of CopyRip Industrial Edition Software on Apple Mac OS is now available, allowing print data to be processed on the same computer on which graphics programs such as Photoshop are installed. Furthermore, the Durst “structure match” function has been enhanced with a video identification system that automatically recognises tile shapes and prints them with the corresponding design. Centralised technical support At Tecnargilla, Durst will also be presenting its new centralised support strategy based at its headquarters in Bressanone. This will further improve the quality of service offered to customers, enabling the total cost of ownership to be calculated so as to guarantee a safe investment. The strategy also involves expanding Durst’s direct support sites with trained technical personnel in South America (Brazil and Mexico), North America, India, Southeast Asia and soon also in China. (JF)  Pictocer HD

100

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

qualità doppia e capacità produttiva più veloci comportano un forte vantaggio competitivo per tutti gli utenti. Tutti i sistemi di stampa Durst – oltre a Gamma 120 HDS, anche Gamma 75 HD, la più veloce stampante digitale single pass per piastrelle in ceramica, e Pictocer HD, la stampante flatbed per le piccole tirature - possono essere utilizzati con gli inchiostri ceramici di vari produttori tra cui Torrecid, Ferro, Esmalglass-Itaca, Smalticeram e Colorobbia. Nuove soluzioni hardware e software All’insegna del motto “peak of perfection”, i più recenti sviluppi tecnologici in casa Durst ampliano gli ambiti di focalizzazione affiancando a qualità di stampa, velocità e carico d’inchiostro, anche la sicurezza dell’investimento offerta ai produttori di piastrelle. Tra le novità presentate a Tecnargilla, la nuova tecnologia delle testine di stampa, sviluppata per garantire produttività in continuo e ridurre al minimo i fermi macchina per manutenzione, che sarà disponibile a breve per tutte le stampanti Durst e permetterà agli utenti di ottimizzare ulteriormente il processo produttivo. Anche l’offerta di inchiostri disponibili per tutte le stampanti Gamma è stata ampliata, permettendo di sperimentare nuove tecniche e realizzare linee di produzione con inchiostri ad effetto come l’affondante, l’opaco o il lucido. Sono anche disponibili nuovi sistemi di filtraggio per gli inchiostri con funzione di sostituzione rapida. Per il workflow di tutte le unità di stampa, è stato poi implementato l’aggiornamento software 5.0 che consente la libera selezione dell’inchiostro in ogni canale, il calcolo dei costi per tutti gli ordini di stampa, opzioni di stampa ancora più ampie, la gestione centralizzata del lavoro tramite “PrepStation” per prevenire il furto dei dati. Per il processo di disegno, è disponibile ora l’espansione del Software CopyRip Industrial Edition su Apple Mac OS, affinché l’elaborazione dei dati di stampa possa avvenire sullo stesso computer sul quale sono installati anche i programmi di grafica come Photoshop. Inoltre, la funzione “structure match” di Durst è stata arricchita con un sistema di identificazione video che riconosce automaticamente la forma delle piastrelle e le stampe con il rispettivo disegno. Assistenza tecnica centralizzata A Tecnargilla viene presentata, infine, la nuova strategia di assistenza centralizzata con sede presso il quartier generale Durst di Bressanone, con la quale l’azienda potenzia ulteriormente la qualità del servizio offerto ai clienti, offrendo le basi per il calcolo del “Total Cost of Ownership” (costo totale di proprietà), sempre in ottica di garantire la sicurezza dell’investimento. Rientra nel progetto l’ampliamento delle sedi di assistenza diretta con personale tecnico addestrato anche in Sudamerica (Brasile e Messico) Nordamerica, India, Sudest asiatico e a breve anche  in Cina.


Digital evolution Giuseppe Bandieri - System Ceramics (Fiorano, Italy)

technology

Evoluzione digitale At Tecnargilla 2012, System Group (Fiorano Modenese, A Tecnargilla 2012 il Gruppo System presenta la sua ultima nata: Italy) is presenting Creadigit, an automatic ceramic tile Creadigit, la macchina automatica per il decoro di piastrelle cedecoration machine based on latest-generation inkjet ramiche con tecnologia a getto d’inchiostro di ultima generaziotechnology. This new patented system offers a number of ne. Velocità e stabilità di scrittura sono tra le caratteristiche ininnovative characteristics including high printing speed novative del nuovo sistema brevettato dall’azienda fioranese, and stability, although its most important feature concerns ma l’aspetto più peculiare della macchina è la risoluzione image resolution. The native 400 dpi printheads designed dell’immagine digitale, garantita da testine a 400dpi nativi, proby System are capable of printing at a resolution of 400 gettate da System, che restituiscono una stampa a 400dpi a 40 dpi and a speed of 40 metres per minute. metri al minuto. Ink recirculation takes place at the nozzle plate and threeIl ricircolo dell’inchiostro avviene a livello del piatto dei nozzle hourly cleaning is controlled by the brushless motor. Creae la pulizia, ogni tre ore, è controllata da motore brushless. digit prints with 4 grey levels with droplets up to a nominal Creadigit stampa a 4 livelli di grigio fino a 80 picolitri nominali size of 80 picolitres, lineless, with six colour bars (configuraper goccia, lineless, con sei barre colore (configurabile da 4 a 6). ble from 4 to 6). Con Creadigit è possibile scrivere, con una sola macchina digiWith the Creadigit system, a single digital machine can be tale, su piastrelle che scorrono su linee ad alta velocità. Anche le used to print tiles moving on high-speed lines. Even the grafiche più complesse risultano di elevatissima definizione, most complex graphic designs are rendered with extreprofondità e pienezza di colore e i difetti comuni, quali righe e mely high definition and colour depth and saturation, whibandature, sono eliminati. le common defects such as lines and banding are eliminaTutto questo grazie ai circuiti di adduzione colore, il montaggio ted. This is a result of the colour supply circuits, the optical ottico delle testine, il software proprietario RIP (Raster Image assembly of the heads, the proprietary RIP (Raster Image Processor) e il software di profilazione. Processor) software and the profiling software. La velocità con cui il piezoelettrico spara l’inchiostro dal nozzle Given the high speed at which the piezoelectric element al punto previsto sul substrato ceramico, consente di posizionafires colour from the nozzle onto the target point on the re il punto di colore esattamente dove è previsto, anche nel caso ceramic substrate, the colour dot can be positioned di strutture superficiali profonde che richiedono maggiore diexactly where required, even in the case of deep surface stanza dalla superficie della piastrella. textures that must be Il posizionamento ottico Printing Characteristics - Caratteristiche di Stampa decorated at a greater delle testine garantisce distance from the tile l’assenza di sfocature Ink Jet on Demand printing / Stampa Ink Jet on Demand surface. Optical prindell’immagine. thead positioning ensuPer quanto riguarda la staMaximum number of colour bars 6, configurable from 4 to 6 res the absence of imabilità di scrittura, il circuito Numero massimo barre colore 6 configurabile da 4 a 6 ge blurring. colore del sistema è breCurrent resolutions and speeds (related to the chosen ink type): As for printing stability, vettato a ricircoli multipli, Risoluzioni e velocità attuali (correlate al tipo di inchiostro scelto): the system’s colour circaratteristica che consente cuit is patented for mulun’elevata uniformità di 60m/min → 16 sq.m graphic design with 4-level greyscale 400x200 60m/min → 16 mq di grafica scala di grigio a 4 livelli tiple ricirculations, a flusso degli inchiostri e characteristic that enpermette alla macchina di 50m/min → 11 sq.m graphic design with 4-level greyscale sures high ink flow uniriprendere a scrivere per400x300 50m/min → 11 mq di grafica scala di grigio a 4 livelli formity and allows the fettamente dopo una sosta machine to resume prolungata, ottenendo im40m/min → 8 sq.m graphic design with 4-level greyscale 400x400 40m/min → 8 mq di grafica scala di grigio a 4 livelli printing perfectly after mediatamente piastrelle a prolonged stoppage. con decorazione “di prima Maximum coverage at 400x400 resolution, 6 bars: The system eliminates scelta”: il sistema porta inCopertura massima alla risoluzione di 400x400, 6 barre: the occurrence of ocfatti a eliminare le “rigatucasional banding to re” occasionali. Level 1: 45 gr/m2 / Livello 1: 45 g/m2 ensure that tiles are Livello 2: 91 gr/m2 / Level 2: 91 g/m2 produced with first Design e manutenzione choice decorations Livello 3: 130 gr/m2 / Level 3: 130 g/m2 from the outset. Creadigit può essere in-

102

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


Design and maintenance Creadigit has a compact and easily adjustable design that makes it easy to install. The ergonomic design meets both aesthetic and functional criteria. The operator maintains control over all the machine functions via the human-machine interface (HMI). Machine maintenance is simple. Each colour bar is easily extractable and accessible from both sides to make it easier for the operator to perform routine maintenance operations. A single head can be replaced in the field and it is also possible to refill the colour from the front, directly from a tank or cubitainer. System printheads consist of several pieces and can be reconditioned separately, reducing overall maintenance costs. Thanks to the proprietary integrated belt washing system, the effective vapour extraction system and the fully stainless steel structure, the machine is durable and resistant to solvents and the chemical reagents that are commonly used for cleaning inks in the workplace. Creadigit raises the standard of reliability of digital systems. Thanks to the oversized machine components, the Creadigit piezoelectric jetting elements experience less stress than on standard models, resulting in a lower printhead failure rate and avoiding the need for frequent replacements on the machine.

stallata senza complicazioni grazie al suo design compatto e facilmente regolabile. Il design ergonomico risponde a criteri estetici e funzionali. L’operatore ha sotto controllo tutte le funzionalità della macchina dalla sua postazione interfaccia operatore (HMI). La manutenzione della macchina è pratica. Ciascuna barra colore è facilmente estraibile e accessibile da entrambi i lati per agevolare l’operatore nelle ordinarie operazioni di manutenzione e si può procedere alla sostituzione di una singola testa in campo; è inoltre possibile ricaricare il colore frontalmente, direttamente da tanica o da cubotainer. Le testine System sono componibili in più pezzi e revisionabili separatamente riducendo il costo totale di manutenzione. Il lavaggio nastro integrato (sistema proprietario), l’efficace sistema di aspirazione vapori e la struttura realizzata interamente in acciaio inox, rendono la macchina resistente e durabile anche in caso di contatto con solventi e reagenti chimici, abitualmente utilizzati per la pulizia dagli inchiostri nello specifico ambiente di lavoro. Creadigit alza lo standard di affidabilità del sistema digitale. Grazie al sovradimensionamento dei componenti della macchina, i piezoelettrici di sparo di Creadigit sono meno sollecitati rispetto agli standard presenti sul mercato, e riducono il livello di “failure rate” delle teste di stampa, evitando la sostituzione frequente delle stesse a bordo macchina

Along with these benefits, System also offers unique expertise in the field of graphic design and colour. A leading player in the ceramic decoration sector with its Rotocolor system, a silicone roller that can interface with Creadigit, System now presents a complete value proposition for ceramic digital decoration worldwide with a comprehensive (JF)  after-sales and tele-support service.

A queste peculiarità System aggiunge il suo indiscusso knowhow nel campo delle grafiche e del colore. L’azienda, protagonista nel settore della decorazione ceramica con Rotocolor, sistema a cilindri siliconici con cui Creadigit si può interfacciare, offre ora anche nella decorazione digitale ceramica una value proposition completa in tutto il mondo, con un capillare servi zio postvendita e teleassistenza.

104

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


Tools for simplifying digital decoration Macs Tech (Pisa, Italy)

Decorare in digitale è semplice con gli strumenti adatti Imagine a smartphone connected to a slow and unreliable data network. It would be no more than an expensive toy that we would soon grow tired of, forced to use it as a normal phone without being able to use most of its functions. Indeed, it would have the drawbacks of being bulkier and lacking a familiar number keypad. In the same way, imagine a digital printer equipped with all the latest technology but forced to operate within the limitations imposed by the production process - inks with a limited gamut, graphic designs created with an approach suited to silicone rollers, and non-existent control instruments. In other words it would be a digital printer used more or less like a screen printing machine, but without the wealth of colours available for screen printing and without having familiar tools available to correct variations in the process. The comparison is quite apt. Having a printer without adequate tools, in other words without having rethought and adapted the production process to harness its full potential, is like owning a smartpho-

Immaginiamo uno smartphone connesso a una rete dati lenta ed inaffidabile: un costoso giocattolo, di cui ci stancheremmo in fretta, costretti a usarlo come un normale telefono, rinunciando a gran parte delle sue funzioni e con qualche problema in più, magari per l’ingombro e per l’assenza del familiare tastierino numerico. Allo stesso modo, immaginiamo una stampante digitale dotata della più recente tecnologia, che operi nelle fluttuazioni del processo produttivo, con inchiostri limitati nel gamut, usando grafiche realizzate ancora con l’approccio in uso per i rulli in silicone e con strumenti di controllo di stampa inesistenti. Ecco quindi una stampante digitale usata più o meno come una serigrafica, avendo però rinunciato alla ricchezza delle tinte per serigrafia e senza poter contrastare le variazioni del processo coi familiari strumenti di un tempo. Il confronto non ci pare improprio. Disporre di una stampante senza strumenti adeguati, ossia senza aver riconsiderato ed adattato l’intero processo produttivo per esprimerne tutte le potenzialità, è come possedere uno smartphone che non accede ai contenuti del web, una

1

1.2. Lines and bar alignment errors Righe ed errori di allineamento barre

technology

2

3

4

3. 4. Lines and head alignment errors Righe ed errori di allineamento teste

106

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

5.

Linearity defects in ink discharge Difetti di linearità nello scarico di inchiostro


6.

ne without having access to web contents - a similarly pointless choice. Digital technology is clearly here to stay. And to enable ceramic companies to make best use of it, Keracromia® offers proven graphic design analysis and separation software together with new tools to control printing and graphic design processing.

scelta altrettanto inutile. è ormai indiscutibile che non si possa più rinunciare alla tecnologia digitale. Per utilizzarla al meglio e consentire alle aziende ceramiche di ottimizzarne l’impiego, Keracromia® affianca al collaudato software di analisi e separazione delle grafiche, nuovi strumenti rivolti al controllo della stampa ed all’elaborazione delle grafiche.

Mastering the print unit

Padroneggiare l’unità di stampa

We hear many terms used when talking about printers, such as picolitres, recirculation, grey levels, colour bars, dpi and quality, but there is never any mention of the defects that printers can cause. But we know all too well from everyday experience that print defects do occur. Moreover, they can severely affect product quality and are rarely resolved rapidly, largely due to difficulties in diagnosing them. Keracromia® provides measuring instruments capable of detecting defects and therefore allowing them to be remedied. The images show some of the most common defects observed in production (figs. 1, 2, 3, 4). These range from vertical banding to non-uniform spacing (due to nozzle clogging or poor alignment between printheads and/or bars), insufficient synchronisation between the bars and more complex phenomena such as linearity and print uniformity defects.

Quando si parla di stampanti, i termini più ricorrenti sono picolitri, ricircoli, aspirazioni, livelli di grigio, barre colore, dpi, qualità, ma non si citano i difetti che queste possono produrre. L’esperienza di tutti i giorni dimostra, purtroppo, che i difetti di stampa esistono, impattano sulla qualità del prodotto e raramente sono risolti tempestivamente, anche a causa della difficoltà di diagnosticarli. Keracromia® fornisce strumenti di misura che consentono di evidenziare i difetti per ottenere la loro risoluzione. Le immagini riportate mostrano alcuni dei difetti più comuni riscontrati in produzione (fig. 1, 2, 3, 4). Si va dalle rigature verticali alla spaziatura disomogenea, che evidenziano intasamenti degli ugelli e disallineamenti tra le testine e/o tra le barre, all’insufficiente sincronia tra le barre, fino a fenomeni più complessi come difetti di linearità, omogeneità ed uniformità di stampa.

Managing products

Gestire il prodotto

Even if print quality issues are solved, there remains the

Anche se il problema “qualità di stampa” viene risolto, resta da

Viewing uniformity on the entire PINK bar Visualizzazione dell’uniformità sull’intera barra “PINK”

108

Cera mic W orl d Review n. 91/ 2011

7.

Virtual verification of feasibility Verifica virtuale della producibilità










     


problem of product development and the tools that a affrontare il problema dello “sviluppo del prodotto” e degli strugraphic designer requires in order to be able to proceed menti adeguati di cui il grafico dovrebbe disporre per operare from an idea for a product through to packaged tiles rarapidamente e con il minor spreco possibile di risorse, per paspidly and with the least possible expenditure of resources. sare dall’idea prodotto alle piastrelle inscatolate. Keracromia® provides technology for modelling the proKeracromia® fornisce la tecnologia per “modellare” il processo e cess and for verifying the feasibility of a specific graphic verificare la fattibilità di una specifica grafica, preventivamente, design in just a few in pochi minuti e minutes and wisenza produrre un thout having to solo pezzo fisico. materially produce Ma cosa avviene se a single tile. il risultato non conBut what happens vince appieno a if the result is not causa delle limitaentirely satisfactory zioni del processo due to limitations produttivo o di imof the production magini troppo cariprocess or images che di colore e that are oversatupoco realistiche? rated or unrealiNormalmente si stic? inizia con una serie In the approach di tentativi per moadopted in the dificare la grafica past, the first step e/o il processo pro8. Example of automatically proposed variant was to modify the duttivo, ognuno Esempio di variante proposta in automatico graphic design dei quali richiede and/or production stampa e cottura di process by trial and error, each time printing and firing test piastrelle di prova. tiles. Questo fino ad oggi. But now, using the Keracromia® system and based on Perché oggi sono disponibili strumenti innovativi che, avendo la knowledge of the production process, the graphic desiconoscenza del processo produttivo, effettuano variazioni autogner can make changes automatically or manually to promatiche o pilotate dal grafico, per ottenere immagini producibili. duce feasible images. Automatic and manual changes By performing a comparative digital analysis of the process model with respect to the product graphic design, the system can automatically propose the changes that need to be made to make the graphic design compatible with the production parameters. Naturally the final result will not correspond entirely to the original, just as it would not have with entirely manual operation. A compromise is accepted, with the major benefit of cutting the times and costs of the operation. Instead of hours of work at a workstation followed by numerous trial runs and visual checks with no certainty of success, Keracromia® takes just a few minutes to achieve a feasible result. As an alternative to the automatically proposed variant, the graphic designer can make changes manually using a simple, inte9. Example of manual variant grated and in Esempio di variante manuale tuitive tool so as

11 0

Cera mic W orl d Review n. 91/ 2011

Variazioni in automatico e in manuale Il sistema può proporre in automatico le variazioni che portano la grafica ad essere compatibile con i parametri di produzione, grazie all’analisi digitale comparativa del modello di processo rispetto alla grafica del prodotto. Naturalmente non si otterrà un risultato finale pienamente corrispondente all’originale, come non lo sarebbe stato con elaborazioni completamente manuali. Si accetta un compromesso, nel quale la grande differenza riguarda l’indubbio vantaggio nell’abbattimento di tempi e costi dell’operazione: invece delle ore di lavoro necessarie su workstation, le molteplici staffette e verifiche visuali, e l’incertezza di raggiungere l’obiettivo, con Keracromia® bastano pochi minuti per un risultato producibile. In alternativa alla variante proposta in automatico, è possibile anche la modifica manuale, mediante uno strumento semplice, integrato e intuitivo, che permette al grafico di risolvere il vero problema, ovvero realizzare il miglior risultato possibile coi processi produttivi esistenti nel minor tempo possibile. Tale opzione, che non è un editor grafico, aggiunge un altro tassel-


to achieve the best possible results with the existing production processes in the shortest possible time. This tool, which is not a graphic editor, is a further step towards the goal pursued by Keracromia® of meeting the needs of ceramic companies. Without going into technical details, the tool is located inside the Keracromia® module without the need to transfer images between different environments and without needing to import/export images. The possible operating sequence, from verification of feasibility through to automatic and manual modes, is described below. A) Virtual verification (fig. 7) provides a measure of the feasibility of the product. In this case posterisation effects that reduce the quality of the graphic design can be seen in red. B) The system proposes a variant that maintains the original graphic design but alters its colour tone so as to make the tile producible (fig. 8). It is up to the graphic designer to evaluate the proposal and either accept it or try out another solution. C) Alternatively the graphic designer can use the manual tool to produce a different aesthetic result of his choice and/or optimise ink consumption. In this case feasibility can be verified immediately without having to leave the Keracromia® environment (fig. 9). (JF) 

lo all’obiettivo di Keracromia® di rispondere alle esigenze delle aziende ceramiche. Senza scendere in dettagli tecnici, lo strumento si colloca all’interno del modulo di Keracromia® senza richiedere passaggi di immagini tra ambienti difformi e senza richiedere di importare/ esportare immagini. La possibile sequenza operativa, dalla verifica di fattibilità alle modalità automatica e manuale, è descritta di seguito. A) La verifica virtuale (fig. 7) fornisce la misura della realizzabilità del prodotto. In rosso, in questo caso, si notano effetti di posterizzazione che degradano la grafica. B) Il sistema propone una variante che mantiene la grafica di partenza ma ne modifica il tono, rendendo la piastrella realizzabile (fig. 8). Sta al grafico valutare quanto proposto, accettarlo o tentare una propria via originale. C) In alternativa, il grafico può utilizzare lo strumento manuale per ottenere un risultato estetico diverso secondo il proprio gusto e/o ottimizzare il consumo di inchiostro senza uscire dall’ambiente Keracromia® e verificando immediata mente la realizzabilità (fig. 9).

ADVERTISING


Eco-friendly

chemical products Lucia Guaitoli, Simona Ferrari - Smaltochimica (Fiorano, Italy)

La chimica che

rispetta l’ambiente Following years of research into eco-friendly products at its specialist laboratories, Smaltochimica is presenting Nature media, a line of products that make a significant contribution to the environmental sustainability of industrial processes thanks to a drastically reduced content of substances of petrochemical origin in their compositions. Importantly, Nature additives achieve this environmental quality without sacrificing the characteristics of print quality, lubrication, in-process stability and bonding power of conventional ceramic decoration media. Indeed, the use of natural products guarantees stability and greater control over prices compared to conventional formulations with high percentages of glycols.

technology

Eco-sustainable production cycle The Nature line was developed to improve the eco-sustainability of the entire industrial process, from the production of additives through to their utilisation. To achieve this goal, the company has adopted a number of criteria: • use of meticulously selected raw materials of natural and non-petrochemical origin; • choice of suppliers who in turn have adopted environmentally sustainable production policies; • computerised management of production and the use of closed-cycle processing plants to drastically reduce wastage and pollution; • reorganisation of production process so as to achieve lower energy consumption and overall reduction in environmental impact; • optimisation of the final formulation of media and additives so as not to increase the values of COD (Chemical Oxygen Demand) and BOD (Biochemical Oxygen Demand) in waste water, which ceramic companies normally recover through suitable purification treatments; • elimination of much of the organic content originating from hydrocarbons, leading to a reduction in evaporation of volatile organic substances during the various processing and production stages and lower release of VOCs from flues into the environment during firing. Nature Fix and Nature Glue The innovative environmentally-friendly Nature line consists

11 2

C era mic W o r l d Review n. 98/ 2012

Quale frutto di anni di ricerca condotta in laboratori specializzati per sviluppare prodotti compatibili con l’ambiente, Smaltochimica presenta i veicoli Nature, una linea di prodotti che offrono un contributo determinante per l’eco-sostenibilità dei processi industriali perché caratterizzati dalla riduzione drastica di sostanze di origine petrolchimica nelle ricette di composizione. Le qualità ecologiche degli additivi Nature non alterano in alcun modo le caratteristiche di buona scrittura, lubrificazione, stabilità in lavorazione e potere collante, dei tradizionali veicoli per la decorazione ceramica. Inoltre l’utilizzo di prodotti naturali garantisce una stabilità e un maggior controllo dei prezzi rispetto a formulati tradizionali contenenti forti percentuali di glicoli. Ciclo di produzione eco-sostenibile La linea Nature è stata sviluppata per rendere eco-sostenibili tutti i processi industriali, dalla produzione degli additivi stessi al loro impiego. L’obiettivo perseguito è stato raggiunto adottando alcuni criteri che sono alla base della filosofia aziendale, da anni orientata a sviluppare prodotti a sempre più basso impatto ambientale: • utilizzo di materie prime accuratamente selezionate tra i materiali di origine naturale e non di derivazione petrolchimica; • scelta di fornitori che a loro volta abbiano adottato politiche produttive eco-sostenibili; • gestione informatizzata delle produzioni con l’utilizzo di impianti di lavorazione a ciclo chiuso e conseguente riduzione drastica di sprechi e inquinamento; • riorganizzazione del processo produttivo a favore di minori consumi energetici e di una generale riduzione dell’impatto ambientale; • ottimizzazione della formulazione finale dei veicoli e degli additivi in modo da non aumentare il valore di COD (Richiesta Biochimica di Ossigeno) e BOD (Richiesta Chimica di Ossigeno) nelle acque di scarto, che le ceramiche normalmente recuperano con opportuni trattamenti di depurazione; • eliminazione di buona parte del tenore organico di derivazione idrocarburica, con riduzione di fenomeni di evaporazione di sostanze organiche volatili nelle varie fasi di lavorazione e produzione in linea, nonché delle SOV emesse e diffuse dai camini nell’ambiente circostante durante la cottura in forno dei materiali ceramici.


of two products: Nature Fix, self-fixing eco-friendly media for ceramic decoration, and Nature Glue, eco-friendly binders for bell, disk and spray gun application of grits; as well as adhesives and glaze stabilisers. Nature Fix products are formulated mostly with natural products and resins. The efficiency and stability of these media, which have already been widely tested in production, guarantee optimal use in all conditions and with any application system. Table 1 provides extensive information on their use for the production of various types of products, in particular single fired, monoporosa and porcelain tiles. These media have a low water polluting capacity and a high compatibility with the environment. Nature Glue products are already widely used in industry and can be categorised according to their application technique. They were specifically formulated for high-thickness grit application adopted for the new series of tiles developed in recent years. As in the case of high-thickness glazes, the aim is to obtain extremely uniform grit surfaces to allow for the subsequent operation of lapping or honing. The current product of choice for this kind of application is micronised grits, which by virtue of their fine particle size can be mixed directly with the adhesive and subsequently applied to the tile using normal glazing technologies (double disk, airless, curtain coater and bell). Smaltochimica has also developed products of this kind in

Nature Fix e Nature Glue L’innovazione rispettosa dell’ambiente della linea Nature si esprime in due prodotti: Nature Fix, medium ecologici auto fissanti per la decorazione ceramica e Nature Glue, leganti ecologici per applicazioni di graniglie a campana, disco o aerografia; collanti e stabilizzanti per smalto. I prodotti Nature Fix sono formulati per la maggior parte con prodotti e resine naturali. L’efficienza e la stabilità di questi veicoli, già ampiamente testati in produzione, garantiscono un loro utilizzo ottimale in tutte le condizioni di lavorazione e con qualsiasi sistema di applicazione. La tabella 1 riporta ampia documentazione sul loro utilizzo nelle varie tipologie di prodotti in monocottura, monoporosa e gres porcellanato. La logica e la filosofia che contraddistingue questi veicoli è il loro basso potere inquinante nei riguardi delle acque e la loro compatibilità e sostenibilità con l’ambiente. I prodotti Nature Glue, già diffusamente industrializzati e suddivisibili in base alla tecnica di applicazione, sono stati sviluppati per agevolare l’applicazione di graniglie ad alto spessore, che da qualche anno caratterizza le nuove serie di piastrelle progettate dalle industrie ceramiche. Come nel caso degli smalti applicati a spessore, la finalità è quella di ottenere superfici di graniglia estremamente omogenee, per consentire la successiva operazione di lappatura o levigatura. Il prodotto ceramico attualmente utilizzato per questo tipo di applicazione è costituito da graniglie micronizzate. Queste ultime, grazie alle granulometrie fini, possono essere direttamente impastate con il collante, e

Table 1 - Nature Fix PRODUCT

NATURFIX 2884

NATURFIX 2918

NATURFIX 2909

TYPE OF MEDIUM TIPOLOGIA DI MEDIUM

Medium for rotary colour printing, ready to use Veicolo per incavografia rotativa colori, pronto all’uso

Medium for rotary colour printing, ready to use Veicolo per incavografia rotativa colori, pronto all’uso

Concentrated medium for colour rotary printing, to be thinned with water Veicolo concentrato per incavografia rotativa colori, da diluire con acqua

APPLICATION CHARACTERISTICS:

Ford Cup Viscosity (Ø 4 mm)

CARATTERISTICHE APPLICATIVE

Viscosità Coppa Ford (Ø4mm)

Excellent adhesive power, good graphic definition Ottimo potere collante, buona definizione grafica

Excellent lubrication and stability during use Ottima lubrifiazione e stabilità in lavorazione

Excellent adhesive power, good graphic definition Ottimo potere collante, buona definizione grafica

18-20 sec.

18-20 sec.

18-20 sec.

Working density Densità di lavoro

medium-low medio-basse

medium-low medio-basse

medium-low medio-basse

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

113


accordance with its ecological philosophy. All the adhesives in this series are designed to produce a highly resistant glaze curtain, whether applied by curtain coater or bell, while at the same time ensuring the absence of entrained air. The high quality of the suspension makes it possible to work for several hours with a perfectly uniform mixture and hence extremely consistent application weights. The perfect application of the curtain of applied grit allows the fired tile to be subsequently lapped or honed with a low percentage of rejects. One of the advantages of these products is that they do not increase the values of BOD, COD or conductivity of companies’ recovered water flows, allowing the water to be easily reused. (JF) 

successivamente applicate sul pezzo mediante tutte le normali tecnologie di smaltatura (doppio disco, airless, vela e campana). Smaltochimica ha sviluppato anche questa tipologia di prodotti secondo i criteri dell’ecosostenibilità che contraddistingue la filosofia dell’azienda. Tutte le colle di questa serie sono state studiate per garantire una perfetta tenuta del velo di smalto sia a campana che a vela e, contemporaneamente, l’assenza di aria inglobata. L’ottima sospensione consente di lavorare anche per diverse ore con una miscela perfettamente omogenea, e di conseguenza con grammature applicate estremamente costanti. La perfetta stesura del velo di graniglia applicato permette di effettuare le successive operazioni di lappatura o levigatura del pezzo cotto con una scarsa percentuale di scarto. Tra i vantaggi di questi prodotti occorre ricordare anche che la loro presenza nelle acque di recupero delle aziende non provoca innalzamento dei valori di BOD, COD e conducibilità, con sentendone un agevole riutilizzo.

Table 2 - Nature Glue: double disk and airless application Nature Glue: applicazione a doppio disco ed airless NATURE GLUE

FC 2295

FC 2725

Ford Cup Viscosity (Ø 4 mm)

APPROXIMATE MIXING RATIOS

DENSITY (g/l)

MISCELA INDICATIVA

DENSITA’ (g/l)

Viscosità Coppa Ford (Ø4mm)

1300-1350

20-25 sec.

1250-1300

20-25 sec.

Grit - Graniglia

100

Powdered glaze - Smalto polvere

20

FC2295

40

H2O

100

Grit - Graniglia

100

FC2725

40

H2O

120

DRYING TIME TEMPO ASCIUGAMENTO

medium-slow medio-lento

medium-slow medio-lento

Table 3 - Nature Glue: curtain or bell application Nature Glue: applicazione a vela o campana NATURE GLUE

FC 2304

FC 2734

FC2772

11 4

Ford Cup Viscosity (Ø 4 mm)

APPROXIMATE MIXING RATIOS

DENSITY (g/l)

MISCELA INDICATIVA

DENSITA’ (g/l)

Viscosità Coppa Ford (Ø4mm)

1400-1450

30-35 sec.

1400-1500

25-30 sec.

1400-1500

25-30 sec.

Grit -Graniglia

33

Powdered glaze - Smalto polvere

20

FC2304

33

H2O

14

Grit - Graniglia

45

Powdered glaze - Smalto polvere

5

FC2734

35

H2O

15

Grit - Graniglia

45

Powdered glaze - Smalto polvere

5

FC2772

30

H2O

20

C era mic W o r l d Review n. 98/ 2012

DRYING TIME TEMPO ASCIUGAMENTO

medium-slow medio-lento

medium medio

medium-fast medio-rapido


c m f techn o l o g y.c o m


Quality in

low-consumption granulation

Stefano Schianchi - Manfredini & Schianchi (Sassuolo, Italy)

technology

Qualità nella granulazione a consumi ridotti One of the characteristics of conventional granulation systems for dry grinding using drum or horizontal gooseneck mixers, a technology derived from the chemicals industry, is that considerable percentages of water have to be added to obtain an acceptable quantity of spherically shaped particles, or granulate. This makes it essential to use a drying system to reduce the moisture content to the level required for pressing and a screening system to eliminate large sized granules, considerably increasing the complexity and reducing the efficiency of the plant. Even if these systems are used only for wetting, the results are not ideal. The final powder has been found to display excessively large particle size variations (extremely granulated and wet particles mixed with fine, dry powders), giving rise to severe flow issues at the mould cavity filling stage. Attempts to solve this problem (using transfer belts to feed the carriage hoppers or Teflon-coated grids of various shapes) have resulted in poor levels of performance and have often created problems for press operators. Nonetheless, the biggest problems with conventional systems concern productivity and finished product quality. An incorrect powder particle size distribution results in cracking as large granules prevent water from evaporating continuously, making it necessary to slow down the drying and firing process. One of the consequences of this is that almost all the energy savings of the dry process are eliminated. Added to this, Madirex granulator Granulatore Madirex problems occur during

11 6

C era mic W o r l d Review n. 98/ 2012

Nel campo della macinazione a secco, una delle caratteristiche dei sistemi tradizionali di granulazione che utilizzano miscelatori a tamburo o orizzontali a collo d’oca (tecnologia derivata dall’industria chimica) è quella di dover addizionare notevoli percentuali d’acqua per ottenere un quantitativo accettabile di particelle a forma sferica, detto appunto “granulato”. Questo rende indispensabile l’impiego di un sistema di essiccazione per ridurre l’umidità fino a quella idonea alla pressatura, oltre che di un sistema di vagliatura per eliminare le notevoli quantità di granuli di grosse dimensioni, con la conseguenza di aumentare la complessità dell’impianto, riducendone l’efficienza. Anche utilizzando questi sistemi per la sola umidificazione, i risultati non paiono ottimali: si è riscontrato infatti che la polvere finale presenta variazioni granulometriche eccessive (particelle estremamente granulate e umide, miscelate a polveri fini e secche) che danno luogo a gravi problemi di scorrevolezza nella fase di riempimento dell’alveolo stampo. I tentativi per ovviare a questo problema (con l’impiego di nastri traslanti per alimentare i tramoggini carrello, o di griglie teflonate di varie forme) sono risultati poco performanti e spesso problematici per gli operatori alla pressa. Tuttavia, è sulla produttività e sulla qualità del prodotto finale che i sistemi tradizionali presentano i problemi maggiori. L’errata distribuzione granulometrica della polvere crea infatti il cosiddetto difetto delle “crepette” dovute ai grossi granuli che impediscono all’acqua di evaporare in modo costante, costringendo quindi a ridurre la velocità in essiccazione e cottura. Una conseguenza è, di fatto, l’azzeramento di quasi tutti i risparmi ener-


glazing as it is necessary to use considerable quantities of engobe and glaze to counter the aesthetic surface defects of cracking or orange-peel effect caused by poor integration between the large and the fine particles in the body. Unsurprisingly, producers who use these humidification systems do not offer a high-gloss product range and above all are unable to obtain high-gloss products using the single firing process.

getici del processo a secco. A questo si aggiungono problematiche in fase di smaltatura dove, solo grazie all’impiego di notevoli quantità di engobbio e smalto, si limitano i difetti estetici superficiali delle crepe e dell’effetto a “buccia d’arancia” dovuto alla scarsa integrazione delle particelle grossolane con quelle fini nel supporto; non è un caso, infatti, che chi utilizza questi sistemi di umidificazione, non abbia in gamma prodotti super lucidi e, soprattutto, non sia in grado di ottenerli in monocottura.

The new Madirex granulation system

Il nuovo sistema di granulazione Madirex With its half century of experience in the field of dry grinding and granulation and treatment of powders produManfredini & Schianchi, forte di mezzo secolo di esperienza nel ced using this system, Manfredini & Schianchi has develocampo della macinazione a secco e della granulazione e trattaped a new granulation system called Madirex which is mento delle polveri realizzate con tale sistema, ha sviluppato il capable of overcoming the limitations of conventional sonuovo sistema di granulazione Madirex, in grado di superare i lutions. limiti dei sistemi tradizionali. Depending on the particle size distribution of the incoming A seconda della granulometria dell’impasto in ingresso - sia body, whether for standard single firing or for porcelain tile esso per monocottura standard o per gres porcellanato ottenuobtained with MS-Drytech Porcelain technology, Madirex to con la tecnologia MS-Drytech Porcelain -, Madirex agglomeagglomerates the power to the ideal particle size and hura la polvere nella granulometria e con l’umidità ideale per ragmidity necessary to obtain the same level of flowability in giungere un grado di scorrevolezza nell’alveolo stampo pari a the mould cavity as that of the spray dried powder. quello della polvere atomizzata; in questo modo è possibile The granules are produced by the combined action of the produrre un materiale ceramico senza limite di formato e spescirculatory movement of the powder with the humidificasore. I grani vengono ottenuti grazie all’azione combinata del tion stage. This movement is performed using specially demovimento circolatorio della polvere con la fase di umidificasigned blades that transfer the powder onto a non-stick inzione. Tale movimento avviene tramite speciali “aspi”, opportuclined surface to increase granulation without forming namente progettati, che veicolano la polvere su una superficie large lumps. inclinata antiaderente per aumentare la granulazione senza la Humidification is achieved by water nebulisation using formazione di grumi di grosse dimensioni. special disks that supply the required humidity uniformly to L’umidificazione è realizzata con la nebulizzazione d’acqua per all the particles in the powder. mezzo di speciali dischi che apportano l’umidità richiesta in The automatic adjustment of the water pressure and of modo omogeneo a tutte le particelle della polvere. the disk and blade speeds determines the ideal particle La regolazione automatica della pressione dell’acqua, della vesize distribution of the finished product, while automatic locità dei dischi e degli aspi, determina la distribuzione granuloelectronically controlled humidity regulation allows Madimetrica ideale del prodotto finale, mentre la regolazione autorex technology to perform perfect granulation, minimising matica dell’umidità, controllata elettronicamente, consente alla the use of water and making the subsequent drying stage tecnologia Madirex di granulare in maniera perfetta riducendo superfluous. al massimo l’utilizzo d’acqua e rendendo quindi superflua la The resultant particle size distribution has a percentage of fase di essiccazione successiva. superfine powder of between 8% and 12%. La distribuzione granulometrica ottenuta presenta una percenThis level not only does not affect flowability but is in fact tuale di polvere superfine tra l’8 e il 12%; tale livello, non solo necessary for suitable integration of the granules, which non compromette il grado di scorrevolezza, ma è necessario sinter perfectly during the pressing stage allowing for rapid per una idonea integrazione dei granuli che, in fase di pressatude-airing and creating an extremely smooth and uniform ra, si sinterizzano perfetbody surface. tamente tra loro permetMadirex has a tendo una veloce special self-cledeaerazione e una superaning internal lificie del supporto estrening that allows mamente liscio ed omoit to be used for geneo. Madirex è different bodies completamente autopuand different lente grazie allo speciale colours. rivestimento interno, ed The system does è quindi utilizzabile annot require rouche per impasti diversi e tine maintenandi diversi colori. ce and reduces Il sistema non richiede electricity conmanutenzione ordinaria sumption by e consente una riduziomore than 80% ne nei consumi elettrici compared to di oltre l’80% rispetto ai conventional granulatori tradizionali. granulators. Typical particle size distribution curve at the Madirex granulator exit  Curva granulometrica tipica in uscita dal granulatore Madirex (JF) 

11 8

C era mic W o r l d Review n. 98/ 2012


Stephan Schmidt KG for Villeroy & Boch tileS Westerwälder Kompetenztone® – expertise clays as basis for top-quality products. For the tileLine product group Stephan Schmidt KG developed special clays meeting the highest demands.

www.schmidt-tone.de

© Villeroy & Boch, V&B Fliesen GmbH


Clays of Georgia

for ceramic applications David Kuparadze , Dmitri Pataridze - (Caucasian Institute Of Mineral Resources. Tbilisi State University, Georgia) Gian Paolo Bertolotti - (Ceramin Consulting, Arona Italy)

Argille della Georgia

per applicazioni ceramiche Georgia is rich in raw materials such as aluminosilicates and magnesium and siliceous clays. These clays often have impurities due to accessory minerals, including feldspars, quartz, mica, pyroxenes, magnetite, limonite and others. The colour of the clays is determined by the presence of iron oxides and black carbon. Most of the clays encountered in Georgia are greyishwhite, light grey, dark grey or yellow-red. The white and greyish-white variety is called kaolin. Deposits and outcrops of these clays are mainly associated with Jurassic, Cretaceous and Tertiary rocks. Jurassic clays are mainly as-

La Georgia è ricca di materie prime refrattarie, quali silicati di alluminio, argille magnesiache e silicee. Le argille hanno spesso impurezze dovute a minerali accessori, tra cui feldspati, quarzo, mica, pirosseni, magnetite, limonite e altri. Il colore dipende dalla presenza di ossidi di ferro e sostanze carboniose nere. Sono spesso presenti argille di colore grigio-biancastro o grigio chiaro (chiamate localmente caolino), grigio scuro e giallo-rosso. Depositi e affioramenti di queste argille sono principalmente connesse con rocce del periodo Giurassico (principalmente associate a sedimenti continentali e situate nel Massiccio Geor-

raw materials

Table 1. Chemical composition of the most important clay deposits and outcrops in Georgia Composizione chimica della maggior parte dei depositi e degli affioramenti in Georgia SiO2 %

Al2O3 %

Fe2O3 %

TiO2 %

CaO %

MgO %

Na2O %

K2O %

SO3 %

P2O5 %

L.o.I. %

Kandara

64,22

29,51

2,15

0,12

0,51

0,58

2,00

1,03

1,75

-

1,80

Macharula

51,89

31,98

2,46

1,15

0,81

0,18

1,44

0,25

0,88

0,05

9,69

Gelati

50.04

36.61

1.00

0.04

0.26

0.34

-

-

1.87

-

12.65

Djvari

49.12

35.01

2.93

0.10

0.32

0.60

-

-

-

-

11.93

Chartali

53.20

28.42

0.49

0.90

0.18

0.36

1.34

5.69

0.1

-

4.28

Tsetkhlauri - 1

47,06

28,26

2,60

-

0,49

0,35

1,1

0

-

9,90

Tsetkhlauri - 2

47,58

26,98

1,42

-

0,55

1,99

2,44

trace

-

7,11

Tsetkhlauri - 3

44,60

31,60

1,80

-

0,31

0,22

3,28

trace

-

10,22

Djikhadjvari

65.45

22.32

1.74

0.90

0.44

0.96

0.36

3.25

2.46

-

4.10

Ochkhamuri

52,50

27.72

4,43

0.12

1,90

0,65

1.53

1.63

0,71

-

10,40

Makvaneti

53.3-62.2

23.3-32.3

0.49-1.79

0.38- 0.50

0.42-0.60

0.80-1.05

1.50-2.59

1.41-2.59

0.7-0.77

0

6.13-10.15

Gogolauri

47.30

32.96

2.04

-

-

-

-

-

-

-

7.84

Eliatsminda

50.764.73

22.433.63

0.60-3.00

0.61-1.08

0.52-2.21

0.13-1.35

0.06-0.76

0.15-1.25

0.03-0.42

-

5.66-10.84

Cikarauli

60.168.55

20.027.54

0.75-2.26

0.74-1.37

0.39-0.55

0.12-0.29

0.14-0.37

0.26-0.72

-

-

6.59-9.79

Sormoni

52.569.21

20.930.81

1.08-5.27

-

0.61-2.04

0.23-1.65

0.29-1.08

0.65

-

7.59-10.88

Rioni

51.761.61

20.234.30

1.10-4.85

-

0.44-3.31

0.24-0.94

0.15-1.17

0.13-1.59

-

7.00-10.95

Zarati

55.361.76

14.230.18

2.5-7.40

-

0.85-2.13

0.16-0.57

0.05-2.05

0.22-1.88

-

7.74-9.20

Dambludi

64.64

23.26

10.30

0.61

0.63

0.43

1.10

0.14

-

-

120

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

3.88


FIG.1 The regions of Georgia with the main clay deposits for ceramic applications Le regioni della Georgia con i principali giacimenti di argilla per applicazioni ceramiche

sociated with continental sediments and are situated on the Georgian Block. The main clay deposits in Western Georgia are located at: • Shrosha, Moliti, Jvari, Tkibuli and others (Imereti Region) • Tsetshlauri, Ochhamuri, Jihanjuri, Makvaneti, Uchhubi, Didkviani, Shemokmedi, Tsatkini and others (Ajara and Guria Regions). The deposits in Eastern Georgia are located at Darbazi, Kulazi and Pitareti (Kvemo - Kartli Region). The most interesting clay deposit in Georgia is that of Shrosha near Dzirula (Imereti Region), exploited as a raw material for refractory bricks. There are numerous similar outcrops in the region, including Kandara and Macharula (reserves estimated at a million tons). Due to its alumina content, Matcharula clay can be considered an essential raw material in a ceramic composition. Amongst the Ajara deposits and outcrops is that of Tsetskhlauri (reserves of 1.7 million tons), with light grey and dark grey clays with extremely high binding capacity. The clay melting point varies from 1460°C to 1640°C. The mineralogical composition is: kaolinite, quartz, feldspar, pyroxene (augite), iron oxide, magnetite. The mixtures are fine-grained with particle sizes from 0.1 to 0.08 mm. Rich by nature with well expressed plastic properties, they are easy to shape and have high purity along with adequate fire proof properties. This rare example of Bindetone clay is very valuable in ceramic production, used at a semi-industrial level to produce high-quality stoneware pipes. Clay from the nearby Dikhandgora and Ochkhamuri deposits assumes a light pink to bright pink colour after firing. It is predominantly infusible and can be used as a raw material for ceramic production. A number of deposits and outcrops of kaolin type clays are present at Makvaneti, Uchhubi, Gogolouri, Gogieti and Mtispireti (at the north-west and western edges of the Adjara-Imerety mountain ridge). The Makvaneti deposit is divided into two sections: kaolin from the first section exhibits considerable lithological variation, while clay from the second section is highly ocherous, but white kaolin lenses are also encountered here. The clay is contaminated by mechanical admixtures, mainly of bedrock, feldspars, quartz and others. Kaolin clays have a coarse particle size and low plasticity. Their tensional strength is about 1.354.90 kg/cm². The fusion temperature is 1670-1710°C.

giano), Cretaceo e Terziario. I principali giacimenti di argilla della Georgia Occidentale si trovano a: • Shrosha, Moliti, Jvari, Tkibuli e altri (Regione di Imereti). • Tsetshlauri, Ochhamuri, Jihanjuri, Makvaneti, Uchhubi, Didkviani, Shemokmedi, Tsatkini e altri (Regioni di Ajara e Guria). Quelli nella Georgia dell’Est sono a Darbazi, Kulazi, Pitareti (Regione di Kvemo - Kartli). Il giacimento di argilla più interessante della Georgia è quello di Shrosha a Dzirula (Regione di Imereti), sfruttato per l’estrazione di materia prima per mattoni refrattari. Nella regione sono presenti numerosi affioramenti simili anche a Kandara e Macharula (riserve stimate in un milione di tonnellate). Per il contenuto in allumina, l’argilla di Matcharula può essere considerata materia prima fondamentale in una composizione ceramica. Tra i giacimenti e gli affioramenti di Ajara, vi è quello di Tsetskhlauri (riserve di 1.7 milioni di tonnellate), con argille grigio chiaro e grigio scuro ad elevatissima capacità legante. La temperatura di fusione varia da 1460 a 1640° C e la composizione mineralogica è: caolinite, quarzo, feldspato, pirosseno (augite), ossidi di ferro, magnetite. Le miscele sono di granulometria fine con particelle di dimensione da 0.1 a 0.08 mm, naturalmente ricche, con ben evidenti proprietà plastiche, permettono un’agevole formatura, hanno un’elevata purezza e sufficienti proprietà in cottura. Raro esempio di argilla “Bindetone” molto apprezzata nella produzione ceramica, questa argilla è impiegata in scala semi-industriale per la produzione di tubi in gres di elevata qualità. Nelle vicinanze, a Dikhandgora e Ochkhamuri, sono presenti depositi di argilla che assume dopo cottura colori dal rosa chiaro al rosa brillante, prevalentemente poco fusibile e utilizzabile nella produzione ceramica. Numerosi depositi e affioramenti di argille tipo “caolino” sono a Makvaneti, Uchhubi, Gogolouri, Gogieti e Mtispireti (ai confini Ovest e Nord-Ovest della catena montuosa di Adjara-Imerety). Il deposito di Makvaneti è suddiviso in due sezioni: il caolino della prima sezione presenta sensibile variazione litologica, quello della seconda è invece di evidente color ocra, ma sono presenti anche in questo caso lenti di colore bianco. L’argilla è talora contaminata da miscele di rocce madre, feldspati e altri minerali; dal punto di vista granulometrico, il caolino risulta grossolano e la plasticità è bassa; la rottura a tensione è tra 1.35-4.90 kg/cm²; la temperatura di fusione si raggiunge a 16701710°C.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

121


Some clay outcrops in the Guria Region (Western Georgia) seem to be promising. Clays in the Shemokmedi section are highly ocherized or more rarely white. In terms of their content of colouring oxides (Fe2O3 and TiO2), they almost all belong to the group with iron content above 3% and only in some cases are medium-colouring. The content of Al2O3+TiO2 in all samples fluctuates from 15% to 40% (basic and semi-acid raw materials). They reach melting point at temperatures no lower than 1610°C. The direct extension of the Shemokmedi section is at Gomi, which has refractory clays with a high iron oxide content. They are incoherent, friable and are not wetted by water. Clays from the Goglauri deposit have similar mineral content and ceramic properties to those of Makvaneti. Their high iron content explains their strong colour after firing. In our opinion, future investigations must focus on the deposits of kaolin clays in the Tkibuli and Tskaltubo districts of Georgia as well as those in South-Eastern Georgia. One of these, north of Orpiri Jvarisi, is in turn divided into the sections of Eliatsminda and Tsikarauli. The Eliatsminda section consists of dark-grey foliated clay shales and kaolinized tuffogenic rocks alternating with shales and a kaolinized rock horizon. The kaolin is dense, sometimes loose and earthy, white in colour and mainly jointing. Microscopic study has shown that the rock consists of a clay mass of chiefly kaolinite and montmorillonite with dispersed granules of plagioclase and occasionally rutile and quartz. Based on the chemical composition of the clays (highly variable) and the quantity of colouring oxides present, these raw materials may also be suitable for porcelain production. Clay in the Tsikarauli sector is white-grey and yellow, mostly loose, rarely sandy. Its composition is non-homogeneous. Refractoriness reaches a temperature of 1630-1670°C. Samples fired at 1300°C have a white colour. To the north of the town of Kutaisi are located the Sormoni, Rioni and Zarati deposits, consisting of foliated shales, dark grey dense clays and clay shales. Among the formation of clay slates, kaolinized feldspar alternates with beds of kaolin clays. Clay from the Dambludi deposit (South-West Georgia), suitable for the production of glazed tiles, is compact and stone-like with a light grey colour and rusty traces along the fracture surfaces. It is hard and does not disintegrate in water. The rock consists of a fine sealed mass, in which angular grains of quartz and feldspar are scattered. The clay mass consists of kaolinite. The melting temperature varies from 1580°C to 1650°C. Laboratory analysis of Darbazi clay Besides those mentioned above, there are numerous other large and small clay deposits that need to be studied using modern methods to evaluate their economic potential before excluding their use in current-day ceramic production. For this purpose, we

122

Alcuni affioramenti di argille della Regione di Guria (Georgia Occidentale) sembrano essere promettenti. Nella sezione di Shemokmedi le argille sono principalmente di colore ocra, più raramente bianche. Per il contenuto di ossidi cromofori (Fe2O3 and TiO2) quasi tutte appartengono al gruppo con contenuto in ferro superiore al 3% e solo in alcuni casi sono di qualità meno coloranti. Il contenuto in Al2O3+TiO2 oscilla dal 15 al 40% (materie prime basiche e semi-acide). Raggiungono il punto di fusione a temperature non inferiori a 1601°C. Il diretto prolungamento della sezione di Shemokmedi è a Gomi, che presenta argille refrattarie con alto contenuto in ossidi coloranti, friabili e incoerenti e che non si lasciano bagnare dall’acqua. Il deposito di Goglauri presenta caratteristiche mineralogiche e proprietà ceramiche dell’argilla simili a quelle di Makvaneti, con elevato contenuto in ossidi di ferro che spiega il tono sensibilmente colorato dopo cottura. A nostro parere, future ricerche devono concentrarsi sui depositi di argille caolinitiche di Tkibuli e Tskaltubo e in quelli nel Sud Ovest della Georgia. Uno di questi, a Nord di Orpiri Jvarisi, è diviso nelle sezioni di Eliatsminda e Tsikarauli. La sezione di Eliatsminda è costituita da argille scistose laminate grigio scuro, rocce tufacee caolinizzate, alternate a scisti laminati e un orizzonte di rocce caolinizzate. Il caolino è denso, talora sciolto e terroso, di colore bianco e prevalentemente fratturato. Studi al microscopio hanno evidenziato che la roccia è composta da una massa argillosa costituita principalmente da caolinite e montmorillonite con granuli di plagioclasio disperse nella massa e occasionalmente con rutilo e quarzo. Per la composizione chimica delle argille (molto variabile) e la quantità di ossidi coloranti presenti, queste materie prime possono essere idonee anche per la produzione di porcellana. L’argilla del settore di Tsikarauli è di colore grigio biancastro e giallastro, per lo più sciolta, raramente sabbiosa e con composizione non omogenea; la refrattarietà raggiunge temperature di 1630-1670°C e i campioni cotti a 1300°C risultano bianchi dopo cottura. A Nord della città di Kutaisi sono presenti depositi nelle località di Sormoni, Rioni e Zarati, rappresentati da densi scisti laminati, argille compatte di colore grigio scuro e da scisti argillosi. Tra la formazione di argille scistose è presente feldspato caolinizzato in alternanza a letti di argille caolinitiche. L’argilla del deposito di Dambludi (Georgia Sud Ovest), adatta alla produzione di piastrelle smaltate, è compatta, simile a roccia, di colore grigio chiaro con tracce color ruggine lungo le superfici di fessurazione; è dura e immersa in acqua non si sfalda in pezzi. La roccia è costituita da una matrice fine compatta, in cui sono disseminati granuli angolari di quarzo e feldspato. La massa dell’argilla è composta da caolinite, la temperatura di fusione varia da 1580 a 1650°C. Argilla Darbazi: analisi di laboratorio

Clay mining near the village of Askana (Black Sea, Western Georgia) Attività estrattiva di argille nei pressi del villaggio di Askana (Mar Nero Georgia Occidentale)

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

Oltre ai depositi citati, ve ne sono numerosi altri, di grande e piccola dimensione, che dovrebbero essere studiati con tecniche moderne per valutare la loro attuale potenzialità economica, prima di escluderne l’utilizzo


MORE THAN MINERALS Value-added products â&#x20AC;˘ tailored serVices â&#x20AC;˘ Full eXpertise

i M e rYs c e r a M i c s provides its customers with more than just minerals. thanks to our expertise we are able to offer our clients the best products and technical assistance to improve their process and successfully complete their development strategies. World leader in mineral solutions for ceramic manufacturers

Visit us at Tecnargilla Pavilion D5 - Stand 034

www.imerys-ceramics.com


took clay samples from the hill near Darbazi (South-West nelle attuali produzioni ceramiche. Georgia). These clays are the alteration products of acid A questo proposito si sono presi campioni dalla collina presso vulcanites and are associated with acid tuffs, trachytes Darbazi (Georgia Sud Ovest). Le argille sono il prodotto di alteand subvolcanic bodies of rhyolites subjected to high razione di vulcanite acide e sono connesse con il contatto tra hydrothermal alteration. The vertically altered zone has a tufi acidi, trachiti e corpi subvulcanici di rioliti soggette ad elevathickness of up to 30-40 m and a length of 100 m. te alterazione idrotermale. L’alterazione verticale presenta uno To get a preliminary idea of the deposit’s potential for inspessore considerevole nell’ordine di 30-40 m e una estensione dustrial ceramic applications, we considered two repredi 100 m. sentative samples of the available quality: Per avere un’idea preliminare circa la potenzialità del giacimen- Sample I (altered part) to per applicazioni ceramiche industriali, si sono considerati - Sample II (hard part) due campioni rappresentativi della qualità disponibile: These samples were subjected to the following laboratory - Campione I (porzione alterata) analyses by R.M. Ricerche Minerarie (Lozzolo, Italy). - Campione II (porzione compatta). 1. Residue over 45 µm: 200 g of Sample I was sieved with a Su di essi si sono eseguite le seguenti analisi nel laboratorio di 45 µm net in wet conditions after one night standing in R.M. Ricerche Minerarie (Lozzolo, Italia). water and with the addition of sodium tripolyphosphate. 1. Residuo a 45 µm: 200 g del Campione I sono stati setacciati ad The result obtained was: 81.1% > 45 µm. This high value umido con rete di 45 µm dopo essere stati immersi in acqua e indicates that the fine clay part is very low even in the alcon l’aggiunta di tripolifosfato di sodio. Il risultato ottenuto è tered sample. stato: 81,1 % > 45 µm. Questo alto valore indica che la parte ar2. Pfefferkorn plasticity test: The obtained gillosa fine è molto bassa value (P.I. = 27.8 %) indicates a medium anche nel campione alterato. Table 2: Results of chemical analyses performed Pfefferkorn index value, corresponding to 2. Test di plasticità Pfefferkorn: Il vaon Darbazi samples good workability and plasticity. lore risultante (P.I. = 27,8 %) indica Risultati dell’analisi chimica ottenuta 3. Quantitative chemical analysis (XRF) with un indice di Pfefferkorn medio sui campioni del giacimento di Darbazi loss on ignition at 1050°C: The chemical che corrisponde ad una buona laanalyses were performed using an EDXRF vorabilità e plasticità della materia Name Sample I Sample II Ametek Spectro IQ II spectrometer. prima. % % Oxide The evaluation was made on tablets 3. Analisi chimica quantitativa (XRF) 74.3 74.0 SiO2 obtained by mixing 10 g of micronized con perdita al fuoco a 1050 °C: Per powder of raw material with 2.5 g of Licole analisi chimiche si è utilizzato 14.6 14.5 Al2O3 wax C Micropowder PM, used as a binuno spettrometro EDXRF Ametek 0.60 0.64 Fe2O3 der. These mixtures were subsequently Spectro IQ II. La valutazione è sta0.43 0.48 TiO2 pressed at a specific pressure of about ta effettuata su pastiglie realizzate 2,000 kg/cm². All the tested samples were miscelando 10 g di polvere micro0.45 0.25 CaO analysed in the same laboratory condinizzata delle materie prime e 2.5 g 0.74 0.57 MgO tions and using suitable standard procedi Licowax C Micropowder PM dures. Loss on ignition was calculated by come legante. 0.61 3.09 Na2O firing the powders in a laboratory muffle Tali miscele sono state successiva3.93 2.95 K2O kiln with a three hour cycle at 1050°C and mente pressate con pressione 0.57 0.30 SO3 1 hour at maximum temperature. specifica di circa 2000 kg/cm². The results are shown in Table 2. I campioni sono stati misurati e ana 3.53 2.82 P. F. 4. Mineralogical analysis (XRD): The minera lizzati nelle stesse condilogical analyses were made using a 5000D Bruker Axs zioni di laboratorio e con specifiche procedure analitiche. La (Siemens) X-ray diffractometer. The PDF2 (Powder Difperdita al fuoco è stata calcolata cuocendo in forno a muffola fraction File) database created by JCPDS-ICDD (Joint di laboratorio le polveri con ciclo di tre ore a 1050 °C con staCommittee on Powder Diffraction Standards, Internatiosi di un’ora alla massima temperatura. nal Centre for Diffraction Data) was used for the qualita I risultati ottenuti sono indicati nella tabella 2. tive evaluation of the minerals present. The analyses 4. Analisi mineralogica (XRD): Le analisi mineralogiche sono stawere also performed on the > 45 µm fraction of Sample te effettuate con diffrattometro a raggi X 5000D Bruker Axs I and on the < 45 µm fraction of the same sample on a (Siemens). Per la valutazione qualitativa dei minerali presenti glass slide. si è utilizzato il database PDF2 (Powder Diffraction File) messo The XRD analysis shows that both samples contain mainly a punto da JCPDS-ICDD (Joint Committee on Powder Diffracquartz, illite/muscovite, albite and gypsum. The main diftion Standards-International Centre for Diffraction Data). Le ference between Sample I and Sample II is that in the alanalisi sono state effettuate anche sulla frazione > 45 µm del tered part the Na plagioclase is modified into illite and Campione I e sulla frazione < 45 µm dello stesso campione there is a stronger presence of gypsum. Kaolinite, nordecantato su vetrino. Le analisi diffrattometriche evidenziano mally found in these kinds of rocks, is present in insignifiche entrambi i campioni contengono principalmente quarzo, cant quantities. illite/muscovite, albite, gesso. La principale differenza tra il 5. Differential thermal analysis and thermogravimetric Campione I e il Campione II è che nella porzione alterata il analysis (DTA/TG): The DTA/TG analyses were made plagioclasio sodico è alterato in illite e la presenza di gesso è using a Netzsch STA 409 EP simultaneous thermal più rilevante. La caolinite normalmente riscontrata in tale tianalyzer. The only meaningful results were obtained on pologia di materie prime è presente in quantità subordinata. the < 45 µm fraction of Sample I (fig. 3). 5. Analisi termica differenziale e termogravimetrica (DTA/TG): Le The D.T.A. diagram shows a weak endothermic peak at analisi termodifferenziali e termogravimetriche sono state efabout 100°C that may be correlated with the presence fettuate con analizzatore termico simultaneo Netzsch STA of montmorillonite. The other weak endothermic peak 409. Gli unici risultati significativi si sono ottenuti analizzando

124

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


at 180°C and the main one at about 540°C are typical la frazione < 45 del campione I (fig. 3). of illite. Il diagramma D.T.A. mostra un debole picco endotermico a The weak endothermic peak at 955°C and the subsecirca 100 °C che può essere correlato alla presenza di monquent exothermic peak at 982°C are also related to the tmorillonite; l’altro debole picco a 180 °C e il principale a cirhigher temperature transformation of the same mineral. ca 540 °C sono invece da associare alla presenza di illite. The T.G. diagram shows a first loss in weight at about Anche il debole picco endotermico a circa 950 °C e il seguen100°C and a more significant one at 550°C. te picco esotermico a 980 °C sono indice della trasformazio6. Laboratory muffle kiln firing test: The micronized powder ne ad alta temperatura dello stesso minerale. Il diagramma already prepaT.G. presenta una prired for the prema perdita di peso a vious analyses circa 100 °C ed una was used to prepiù importante a 550 pare round sam°C. ples pressed at 6. Test di cottura in 400 kg/cm² for forno a muffoila: Con the firing test. The la polvere micronizsamples were fizata già utilizzata per red in a laborale precedenti analisi tory muffle kiln si sono preparati dei with a cycle of 5 campioni per test di hours at a temcottura, pressato con perature of pressione specifica di 1220°C with 15 circa 400 kg/cm². minutes at the I campioni sono stati maximum temcotti in forno a mufperature. fola di laboratorio Southern slope of the hill near the village of Darbazi he firing test con ciclo di 5 ore a Versante meridionale della collina vicina al villaggio di Darbazi shows good mel1220 °C con 15 minuti ting behaviour di stasi alla massima of the two samtemperatura. FIG. 3 - DTA/TG diagram of Sample I < 45 µm ples after firing Il test ha evidenziato Diagramma DTA/TG della frazione < 45 µm del campione I and also a very un’ottima fusibilità light colour. dei due campioni e Sample II is alreun colore molto ady in expansion chiaro. after reaching Il campione II risulta the minimum già in espansione, water absorpquindi oltre il valore tion value. minimo di assorbiThe preliminary analyses performed on the two samples indicate a raw material that is certainly interesting for ceramic applications. The positive elements found in the laboratory tests are: a raw material that is easy to crush and grind in laboratory mills; good Pfefferkorn method plasticity; low F2O3 and TiO2 content; presence of illite in the clay part and Na feldspar; good melting behaviour at 1200°C (< 0.5% water absorption); light colour of the material after firing. The negative elements are: low presence of clay fraction in the sample and presence of rock parts with different chemical and mineralogical compositions; presence of SO3 (> 0.5 % in sample I) and very low presence of kaolinite. The full version of the article can be requested from the authors at: d.kuparadze@gmail.com and geo.bertolotti@li(JF)  bero.it

126

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

mento d’acqua. Le analisi preliminari effettuate sui due campioni indicano che si tratta di un materiale sicuramente interessante per le applicazioni ceramiche. Gli elementi positivi riscontrati nei test di laboratorio rigurardano: una materia prima facile da frantumare e macinare in mulino; buona plasticità Pfefferkorn; basso contenuto di F2O3 and TiO2; presenza di illite nella parte argillosa e di feldspato sodico; buona fusibilità a 1200 °C (assorbimento d’acqua < 0,5 % tion); colore chiaro del materiale dopo cottura. Le caratteristiche negative si riferiscono invece alla limitata presenza di frazione argillosa e presenza di porzioni rocciose con differente analisi chimica e mineralogica; alla presenza di SO3 (> 0,5 % nel campione I) e alla presenza molto limitata di caolinite. La versione completa dell’articolo può essere richiesta agli autori agli indirizzi: d.kuparadze@gmail.com e geo.bertolotti@libero.it 


products prodotti

ANCORA Faithful to the company tradition of ruggedness and reliability, Ancora Group’s squaring machines have been completely redesigned for improved belt protection and superior ergonomics, accessibility and maintenance. The centrepiece of the range is the new CN squaring machine with automatic control of all process functions. Ancora has introduced numerical control on all the machine’s axes of movement. In the automated versions, all the motors are brushless and all the movements can be controlled from the control panel via a touch screen. This makes it possible to set the calibre of the product and adjust the amount of material removed by each tool automatically and perfectly symmetrically without having to manually adjust the spindle positioning screws, which are individually motorised. The system can dialogue with outfeed dimensional control to guarantee continuous checking and recalibration of processed pieces. Size changeover is performed automatically and extremely rapidly without the need for complex manual

128

operations or adjustments. In the second squaring stage, the side machined in the first stage is aligned with extremely high precision by a numerically controlled axis that dialogues with the perpendicularity control. Ancora has also redesigned and improved its manual squaring machines in anticipation of future technological developments in the sector such as dry squaring. From an engineering standpoint this technology is ready for the market but the problem remains of finding tools with similar durability/costs as those used for the wet process. Furthermore, the speed does not match that of the wet process for the same level of finish. The new manual control machines in the range deliver outstanding levels of performance, ergonomics, safety and reliability. With the introduction of the new range, the traditional models with belt widths of 75 mm (for sizes above 200 mm) and 40 mm (for sizes up to 100 mm) are now joined by the new models with belts of 60 mm width to operate without size limitations up to a width of 150 mm.

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Le squadratrici di Ancora Group, fedeli alla tradizione aziendale di robustezza e affidabilità, sono state completamente ridisegnate per garantire miglior protezione alle cinghie e migliorare ergonomia, accessibilità e manutenzione. Punta di diamante della gamma è la nuova squadratrice CN, con controllo automatico di tutte le funzioni del processo. Ancora ha introdotto il controllo numerico su tutti gli assi di movimento delle macchine: nelle versioni automatizzate, tutti i motori sono brushless e tutti i movimenti sono controllabili con touch screen dal quadro comandi. È così possibile definire il calibro del prodotto e regolare l’asportazione di ciascun utensile con perfetta simmetria e in modo automatizzato, senza intervento manuale sulle viti di posizionamento dei mandrini, che sono motorizzate individualmente. Il sistema può dialogare con un controllo dimensionale in uscita garantendo una continua verifica e ricalibratura dei pezzi lavorati. Il cambio formato è realizzato in modo automatico in tempi ridotti senza necessità di complesse operazioni manuali e aggiustamenti. Nella seconda fase di

squadratura l’allineamento del lato lavorato è assicurato con grandissima precisione da un asse a controllo numerico che dialoga con il controllo di perpendicolarità. Ancora ha ridisegnato e migliorato anche le squadratrici manuali prefigurando i futuri sviluppi della tecnologia del settore, come la squadratura a secco, che impiantisticamente è già pronta per il mercato, ma deve fare i conti una problematica: la ricerca di utensili che abbiano durata/costi paritetici a quelli usati per l’umido. Un ulteriore problema è rappresentato dalla velocità: con la squadratura a secco non si raggiungono le performance dell’umido, a parità di finitura. Le nuove macchine della gamma a regolazione manuale si presentano rinnovate per quanto riguarda le prestazioni, l’ergonomia, la sicurezza e l’affidabilità. Con l’introduzione della nuova gamma, sono stati affiancati ai tradizionali modelli con cinghie larghe 75 mm (per formati sopra i 200 mm) e 40 mm (per formati sino a 100 mm) i nuovi modelli con cinghie larghe 60 mm, per lavorare senza limitazione di formati sino a 150 mm di larghezza.


I nostri segreti per il Vostro successo

Italian Sensors Technology

Sensori Fotoelettrici

Sensori Ultrasonici

Sensori di ProssimitĂ

Sensori di Area

Sicurezza

Accessori

www.microdetectors.com Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

129


products prodotti SACMI GROUP At the forthcoming Tecnargilla, Sacmi will be displaying the very best of its tile, sanitaryware and brick production machinery in an exhibit space of 3,750 square metres in hall B1. For the tile sector, Sacmi will be presenting its PH3200 tile press, equipped with a CRS rapid mould change device and CE90 handling trolley. This allows for rapid mould changes of just 30 minutes and guarantees maximum flexibility in terms of both design and size, with ever smaller and more diversified batch sizes and at the same time smaller stock requirements. At its factory in Imola, the company will also be displaying an example of the new range of extremely high tonnage presses to be used with Continua technology, which now consists of around twenty fully-operational lines. The innovative RMC440 microsphere refining mill, also on display in Rimini, is capable of milling ceramic bodies down to an extremely high degree of fineness with 30% greater efficiency than conventional drum-type ball mills. In the field of dry decoration, Sacmi will be displaying two modules from its innovative DDD175 digital system for controlled application of powders onto a ceramic substrate. The system can also be used optimally with the now tried and tested Continua technology. Sacmi Molds & Dies will be exhibiting its CRS rapid changeover system, universal upper and lower bases and a new floating module created as the evolution of the traditional compensation system. Along with the new Sacmi Modular Line (SML), Sacmi Forni

will be presenting its new Hercules firing supervision and control system and the self-recovery PL7EKO burner. Sacmi Imola will also be displaying its department supervisors, the hardware and software units used for monitoring the statuses of the various machines installed in the department and for tracing and logging production. These are complemented by the Alarm Analyser for displaying and storing alarms triggered on individual machines, the Preventive Maintenance Organizer which manages and organises scheduled maintenance, and the Teleservice Internet Connection which provides real-time support by a Sacmi technician via the web. At the exhibition, Sacmi will also be displaying its new products in the field of storage and end of line presented by Nuovasima (Nuovafima and Surface Inspection brands), those of the Whiteware and Heavy Clay divisions, as well as the two partner companies: IN. TE. SA, in the digital decoration sector, and Keratech, a leader in the ceramic roller sector which will be presenting two important innovations: XXL rollers for 3850 mm wide kilns and a new roller with superior performance in terms of hot modulus of elasticity.

Il Gruppo Sacmi si presenta a Tecnargilla in uno spazio espositivo di 3.750 m2 (Pad. B1), con il meglio della propria gamma per la produzione di piastrelle, sanitari e laterizi. Nel settore delle piastrelle, Sacmi presenterà la pressa PH3200, equipaggiata con dispositivo di cambio rapido stampo CRS e relativo carrello di movimentazione CE90, che, consentendo un cambio stampo in un tempo record di 30 minuti, garantisce la massima flessibilità in termini sia di design che, soprattutto, di formato, con lotti sempre più ridotti e differenziati e al contempo magazzini contenuti. Sarà inoltre visibile, nello stabilimento imolese, un esempio della nuova gamma di presse ad altissimo tonnellaggio, da inserirsi nella “Continua”, che oggi conta ormai una ventina di linee funzionanti. In mostra a Rimini anche l’innovativo mulino raffinatore a microsfere RMC440, capace di macinare impasti ceramici a finezze estreme, che promette di raggiungere un’efficienza superiore del 30% rispetto ai tradizionali mulini a tamburo a sfere. Nel campo della decorazione a secco saranno esposti due moduli dell’innovativo sistema digitale DDD175 per l’applicazione controllata di polveri su supporto ceramico, capace di adattarsi in

modo ottimale all’ormai consolidata tecnologia Continua. Sacmi Molds & Dies espone stampi per cambio rapido CRS, basamenti universali superiori e inferiori e il nuovo modulo flottante, evoluzione del sistema tradizionale di compensazione. Per la parte termica, oltre al nuovo forno Sacmi Modular Line (SML), Sacmi Forni presenta il nuovo sistema di supervisione e controllo Hercules e il bruciatore autorecuperante PL7-EKO. Sacmi Imola presenta infine in fiera un’area dedicata ai supervisori di reparto, ovvero l’insieme di hardware e software per rilevare lo stato delle varie macchine installate in reparto, seguirne la produzione, mantenerne lo storico. A questi si affiancano l’Alarm Analyser, che consente di visualizzare e memorizzare gli allarmi originati dalle singole macchine, il Preventive Maintenance Organizer, per gestire e organizzare le manutenzioni programmate, e il Teleservice Internet Connection, per avere, tramite Internet, un tecnico Sacmi al proprio fianco in tempo reale. Presenti in fiera anche le novità per lo stoccaggio e fine linea presentate da Nuovasima (marchi Nuovafima e Surface Inspection), quelle delle divisioni Whiteware e Heavy Clay, oltre alle due aziende partner: IN.TE.SA, nel settore della decorazione digitale, e Keratech, leader nel settore dei rulli ceramici che presenterà due importanti novità: i rulli XXL per il forno a bocca 3850 e un nuovo rullo ancora più performante sotto il profilo del modulo elastico a caldo.

Il 2012 vede il lancio di alcune novità sulle macchine grandi formati già in produzione alla Ferrari & Cigarini, quali la MTP 1300 e la MTP 1600, nonché il lancio della MTP 2100. Si tratta di macchine grandi formati 130-160-210 cm, le cui caratteristiche principali sono le seguenti: > Sistema di apertura Easy Open,

con un’apertura di 180° permette al tecnico operatore di lavorare in modo comodo e facile senza intralci tra il carter, gli alberi ed il tappeto. > Sistema di apertura automatica del carter di protezione, che permette una più rapida e facile apertura. > Automatic Alineing System: re-

FERRARI & CIGARINI During 2012 Ferrari & Cigarini has been introducing updated models of its large-format machines already in production, including the MTP 1300 and the MTP 1600, and will soon be launching the new MTP 2100. These large format (130 cm, 160 cm and 210 cm) machines have the following main characteris-

13 0

tics: > Easy Open 180° opening system to enable the technician to work conveniently without being hindered by the guards, shafts or belt. > Automatic safety guard opening system to allow for quicker and simpler opening. > Automatic Aligning System: au-

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


tomatic adjustment of the disk alignment system and display of the position value. This allows for quick, reliable alignment, saving a lot of time and improving the final cutting quality. > Automatic Pressure System: automatic adjustment of the pressing bar pressure system. Here too, the precision and speed of adjustment are increased enormously. > Lengthening of the machine in the entrance section to facilitate the insertion, depositing and alignment of large-format sheets using the rapid auto-centring system A.F.S. (Autocentring Fast System). The latest new product, MTP 2100, will be launched immediately after the September trade fairs. It will introduce major changes in construction and technology in response to the new challenges in terms of quality, speed and production capacity posed by extremely large tile sizes, such as 150 cm, 180 cm and 200 cm.

golazione automatica del sistema di allineamento dei dischi e visualizzazione della quota di posizione. Ciò permette un veloce e sicuro allineamento risparmiando molto tempo e favorendo la qualità finale del taglio. > Automatic Pressure System: regolazione automatica del sistema di pressione delle barre pressori. Anche in questo caso la precisione e la velocità di regolazione aumen-

tano in maniera esponenziale. > Allungamento della macchina nella sezione d’ingresso per favorire l’entrata, l’appoggio e l’allineamento delle lastre di grandi dimensioni, anche per mezzo del A.F.S (Autocentring Fast System), lo speciale sistema di autocentraggio rapido. Per quanto riguarda l’ultima novità MTP 2100, che verrà presenta subito dopo le fiere di Settembre, si avranno notevoli cambiamenti nel sistema costruttivo e tecnologico, che permetteranno di affrontare con qualità, rapidità e capacità produttiva le nuove sfide lanciate dai superformati quali 150 - 180 200 cm.

ADVERTISING

TECNARGILLA 2012 pad. C3 stand 173

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

131


products prodotti IN.TE.SA. - SACMI GROUP Colora HD, the proposal from Sacmi group member company In.Te.Sa. for digital ceramic decoration, consists of an extremely versatile high-definition digital printer capable of optimising ink management and ceramic decoration processes. Colora HD uses Xaar printing technology, which allows for high production speed, a transversal resolution of 360 dpi and perfect ink recirculation inside the printheads. The machine can print in both binary and greyscale modes (up to 8 levels). The extension of the graphic design that can be obtained depends on the machine model and the operating mode. The machine is available in various models for print sizes of between 275 mm and 1700 mm and can be equipped with between 3 and 8 colour bars and a number of printheads that varies according to the product size. Colora HD is an extremely reliable solution for current digital decoration needs in the ceramic sector and stands out for a number of innovative technical solutions. In particular: Transport system: uses ground toothed belts which guarantee maximum tile handling precision and allow for more effective cleaning of the printing area. Print unit: composed of a heated bar-holding plate to reduce the formation of condensation and compact colour bars with selfcentring printhead housings to ensure ease of removal and maintenance. The inks are supplied to the printheads by means of a special channel system developed and patented by In.Te.Sa. Print unit cleaning: The machine is equipped with a completely automated cleaning system with operating mode that can

13 2

be set according to production requirements. Additional cleaning cycles can be controlled manually. Management software: simple and intuitive, it allows for ease of centring and alignment of the machine, the possibility of correcting operating parameters during printing and of conducting new project tests without halting production. Various print modes are available (face, random and sequential) as well as independent management of greyscale levels for each colour bar. The Colora HD digital printer interfaces effectively with Crono, the colour management system for ceramic projects developed by In.Te.Sa.- Imaging Division.

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Colora HD è l’innovativa proposta di In.Te.Sa., azienda del gruppo Sacmi, per la decorazione digitale ceramica: una stampante digitale ad alta definizione, estremamente versatile e in grado di ottimizzare i processi di gestione degli inchiostri e di decorazione del pezzo ceramico. Colora HD utilizza tecnologia di stampa Xaar, che permette di ottenere un’elevata velocità produttiva, una risoluzione trasversale di 360 dpi e il perfetto ricircolo dell’inchiostro all’interno delle testine. La macchina consente la stampa sia in modalità binaria che in scala di grigi (fino a 8 livelli). Lo sviluppo grafico ottenibile varia a seconda del modello di macchina e delle modalità di lavoro. La macchina, realizzata in diversi modelli per formati di stampa tra 275 e 1700 mm, può essere equipaggiata con un numero di barre colore variabile da 3 a 8 e con un numero di testine determinato in funzione del formato

prodotto. Colora HD rappresenta una soluzione estremamente affidabile per le attuali esigenze della decorazione digitale nel settore ceramico, distinguendosi per alcune innovative soluzioni tecniche. In particolare: Sistema di trasporto: realizzato mediante cinghie dentate rettificate con motorizzazione brushless, garantisce la massima precisione nella movimentazione delle piastrelle e consente una maggiore efficacia dei processi di pulizia dell’area di stampa. Gruppo di stampa: composto da una piastra porta-barre riscaldata per ridurre la formazione di condensa e da barre colore compatte con alloggiamenti autocentranti delle teste per garantire facilità di estrazione e manutenzione. L’alimentazione degli inchiostri alle testine avviene tramite uno speciale sistema di canalizzazione ideato e brevettato da In.Te.Sa. Pulizia gruppo di stampa: la macchina è dotata di un sistema di pulizia completamente automatizzato con modalità di funzionamento impostabili a seconda delle necessità di produzione. È possibile inoltre la gestione manuale di cicli di pulizia supplementari. Software di gestione: semplice e intuitivo, permette un facile centraggio ed allineamento della macchina, la possibilità di correzione dei parametri operativi durante la stampa e lo sviluppo di test per nuovi progetti senza interrompere la produzione. Sono possibili diverse modalità di stampa (a facce, random, sequenziale) e gestione indipendente dei livelli della scala di grigio per ogni barra colore. La stampante digitale Colora HD consente un efficace interfacciamento con Crono, il sistema di “colour management” per progetti ceramici sviluppato da In.Te.Sa.Divisione Imaging.


products prodotti SITI-B&T GROUP In response to ever more stringent market demand for lower fuel consumptions in the ceramic tile firing process, SITI-B&T Group has developed state-ofthe-art roller kilns for firing ceramic products. Laboratory testing of the shape of the fixed air and gas mixing head and the silicon carbide combustion chamber has led to an optimised combustion process and consequently heat exchange with the product being fired, even when convection prevails over irradiation. Burner performance and fine-tuning has also been improved, even at low air volumes. The combination of high-velocity burners and special radial burners (from 6 to 14 units are installed according to the length of the kiln) has yielded excellent results in terms of calibre, flatness and shade. This is particularly evident in products such as porcelain, although single-fired and monoporous tiles have shown an improvement in tolerance by two tenths of a millimetre on medium and large sizes. The company’s R&D department is developing an innovative new recirculation burner that offers strong energy savings. The project aims to analytically and experimentally optimise the geometry and fluid dynamics of the burner and combustion chamber according to the different thermal flows and air volumes to be processed depending on the kiln’s firing curve zone. The aim is to

13 4

maximise fuel savings and to optimise combustion quality in terms of emissions. Even in the event of changes in load (full/empty or cycle variations), the pressure and temperature stabilise automatically, allowing the kiln to remain perfectly stable during preheating and cooling and providing a cooling capacity of more than 10% without risk of breakages or rejects when production resumes. The product arriving from the kiln feeding line is always in excellent condition at the kiln exit. Furthermore, the use of ecofriendly module insulation materials ensures that the external temperature of the kiln remains no more than 40°C above ambient temperature. Major improvements in terms of increased productivity have also been achieved with the multidrive type roller drives, consisting of inverter-controlled gear motors installed every three kiln modules with completely dry or oil bath operation. These drive systems allow for uniform product movement at differentiated speeds to compensate for gaps caused by product shrinkage. It also allows for a forward-backward movement (rotation of all the rollers in the kiln in alternate directions), which when necessary stops the forward movement of the products without causing the rollers to stop rotating, thereby reducing the risk of roller deformation. The highly efficient fixed air and

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Di fronte a una sempre più pressante richiesta del mercato volta ad una riduzione dei consumi di combustibile nella cottura delle piastrelle ceramiche, il Gruppo Siti-B&T ha sviluppato i nuovi forni a rulli di ultima generazione per la cottura di prodotti ceramici. Lo studio in laboratorio della conformazione della testina di miscelazione aria e gas e della camera di combustione in carburo di silicio ha consentito di ottimizzare la combustione e quindi lo scambio termico con il prodotto da cuocere anche dove prevale la convezione sull’irraggiamento. E’ stato altresì migliorato il rendimento dei bruciatori anche a bassi volumi d’aria e la finezza della loro regolazione. L’adozione di una combinazione di bruciatori ad alta velocità e di speciali bruciatori radiali (in quantità da 6 a 14, a seconda della lunghezza del forno) ha permesso di ottenere ottimi risultati in termini di calibro, planarità e toni soprattutto in prodotti come il granito, ma anche in caso di monocottura e monoporosa si è registrato un rientro di calibro di due decimi su formati medio-grandi. In ambito R&D è in via di sviluppo un’importante novità riguardante un nuovo bruciatore a ricircolo, in grado di proporre interessanti risparmi energetici. Lo sviluppo vede l’ottimizzazione per via analitica e sperimentale della geometria e fluidodinamica del bruciatore e camera di combustione, in funzione dei flussi termici e volumi d’aria da processare tra loro differenti in relazione alla zona della curva di cottura del forno, con lo scopo di massimizzare il risparmio di combustibile e

la qualità della combustione in termini di emissioni. Nell’eventualità di variazioni di carico (pieno/vuoto o variazioni del ciclo), pressione e temperatura si stabilizzano automaticamente, permettendo al forno di rimanere perfettamente stabile e insensibile sia durante le fasi di pre riscaldo che di raffreddamento, oltre che di avere una capacità di raffreddamento superiore al 10%, senza problemi di rotture e scarti alla ripresa della produzione; il prodotto in arrivo dalla linea di alimentazione al forno è sempre in ottime condizioni all’uscita del forno stesso. L’isolamento dei moduli, realizzato con materiali ecologici, è in grado di mantenere la temperatura esterna al forno non superiore ai 40°C rispetto alla temperatura ambiente. Importanti miglioramenti sull’incremento di produttività sono stati apportati anche grazie alla motorizzazione dei rulli, di tipo “multitraino”, realizzata con motoriduttori gestiti da inverter, installati ogni tre moduli del forno con funzionamento completamente a secco o in bagno d’olio. Questi sistemi di movimentazione consentono un avanzamento uniforme del prodotto, con velocità differenziate, per assorbire gli eventuali spazi conseguenti al ritiro del materiale, consentendo inoltre un movimento di ‘brandeggio’ (rotazione in senso alternato dei rulli di tutto il forno) che arresta, in caso di necessità, solamente l’avanzamento del prodotto e non la rotazione dei rulli, riducendo i pericoli di deformazione degli stessi. Particolarmente efficiente è l’impianto di combustione ad aria fissa


modulated gas combustion system reduces consumption and ensures a uniform temperature in the firing section with a maximum differential of 3-5°C up to kiln entrance widths of 3250 mm. As well as being highly flexible and suitable for firing any type of ceramic tile creating by pressing or plastic forming, the kiln developed by the SITI – B&T Group also has a lower environmental impact thanks to the use of eco-friendly fibres and low flue gas emissions. The machine’s versatility is further enhanced by a dual-fuel option: gaseous fuels (natural gas or LPG) and/or liquid fuels (oil or kerosene). Energy savings have been further improved by the introduction of new and more ef-

ficient heat recovery systems that aim to reduce consumptions not just on the kiln but also on the other thermal machines along the line such as spray dryers and dryers.

e gas modulato che permette la riduzione dei consumi e consente un’uniformità di temperatura nella sezione di cottura con differenza massima pari a 3-5°C fino a bocche forno di 3250 mm. Oltre a risultare

molto flessibile e idoneo alla cottura di qualunque tipo di piastrella ceramica ottenuta per pressata o formatura plastica, la macchina termica sviluppata dal gruppo SITI – B&T, si caratterizza anche per il minor impatto ambientale grazie all’’utilizzo di fibre ecologiche e alla bassa emissione di fumi. La versatilità della macchina è confermata anche dalla possibilità di realizzare forni dual fuel: combustibili gassosi (gas metano o gpl) e/o combustibili liquidi (gasolio o kerosene). Un importante impulso è stato apportato all’energy saving, grazie all’introduzione di più efficienti sistemi di recupero di calore, non solo rivolti alla riduzione dei consumi sul forno, ma anche su altre macchine termiche della linea, quali atomizzatori ed essiccatoi.

Vidres will also be presenting models with the HDM and HDL ranges of screen printing pastes, mainly for wall tiles. The high-gloss finish of these collections enhances the micro-relief effects typical of these screen printing pastes. Last but not least, the company will be showcasing a range of concrete, wood and stone imitation tiles and mosaics created using the latest digital decoration technologies. Vidres pursues a policy of ongoing investments in innovation and R&D, well aware that in the current competitive climate only companies capable of offering innovative products can look to the future with optimism.

In occasione di Tecnargilla e Cersaie 2012, Vidres presenta una nuova ampia gamma di smalti speciali. In particolare: Glinker, una famiglia di smalti con effetti micacei molto suggestivi per superfici a rilievo rivolta ad architetti e interior designer. Altra novità di Vidres è Rainbow, una serigrafia che dona un aspetto iridescente multicolor per superfici lucide e che ha meritato il premio Alfa de Oro in occasione di Cevisama 2012. Verranno inoltre proposti i nuovi prodotti per diversi tipi di texture ad effetto metallico, in una gamma ampia sia per colori che per tipologia di superficie. A Tecnargilla e Cersaie 2012 saran-

no presentati anche i modelli con le gamme di serigrafia HDM e HDL, principalmente per rivestimento. La finitura brillante di queste collezioni esalta gli effetti di micro rilievo tipici di queste serigrafie. In mostra, infine, i cementi, i legni, le pietre e i mosaici realizzati con le più recenti tecnologie di decorazione digitale. La politica strategica di Vidres si basa su continui investimenti in innovazione e ricerca&sviluppo. In un contesto così competitivo come quello attuale, solo le aziende capaci di offrire prodotti innovativi possono guardare al futuro con ottimismo.

VIDRES Vidres will be showcasing a wide new range of special glazes at Tecnargilla and Cersaie 2012. One of these is Glimker, a family of glazes with splendid mica effects for relief surfaces aimed at architects and interior designers. Another new product from Vidres is Rainbow, a screen printing paste that won the Alfa de Oro prize at Cevisama 2012 and is designed to create a multicoloured iridescent appearance on glossy surfaces. New products will also be presented for various types of metallic effect textures in a wide range of colours and types of surface. At Tecnargilla and Cersaie 2012,

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

135


products prodotti ASSOPRINT Assoprint has extended its range of laser engraving machines with the introduction of Thunderbolt Multipower, a machine for engraving latest-generation silicone and rubber printing rollers. The machine is able to engrave all types of roller on the market and can be configured with various laser sources according to production requirements. Its high engraving precision ensures a sharp reduction in engraving times. The main characteristics of Thunderbolt Multipower are the following: • CO2 laser with variable powers (150W-200W-250W-300W600W) • 600W power with single laser • 600W power with two 300W lasers in parallel • Modulator with resolution up to 1270 dpi • Motorised laser carriage • Floating head • Sealed optical path • High alignment precision • Laser management and control software • Engraving of all kinds of rollers • Roller lifting device • Motorised door To ensure maximum engraving precision on large-format rollers (Rollmaster TR5 H18) even at high rotation speeds, the mechanical section of Thunderbolt Multipower has a rugged structure made of high stability normalised electrowelded steel. The lens carriage is mounted on special linear guides with a recirculating ball bearing carriage equipped with ground screws to give the system rigidity and precision. This reduces alignment errors and increases tolerance to vibrations.

13 6

The focusing unit (position controlled by software) features mobile lens auto-focusing driven by a stepper micromotor of aeronautical origin. Roller rotation and laser carriage shift are executed by brushless motors. The acousto-optic modulator controls the power of the laser with high precision, guaranteeing a high degree of engraving definition and stability, a resolution of up to 1270 dpi, and up to 50% reduction in engraving times (optional). The machine’s equipment includes a lifting device for the rollers designed to aid the operator in the insertion operation. The diameter varies from a minimum of 220 mm to a maximum of 760 mm (vertical silicone small). The maximum engraving length is 1700 mm and the maximum roller length 1800 mm (maximum weight 150 kg). The mobile head group structure moves as a single unit during engraving. This means that the laser beam does not undergo dimensional deformations and guarantees high engraving precision over the entire surface of the roller. The floating head allows engraving to be performed with high speed and resolution without deforming the silicone surface. The distance of the focal lens from the surface of the roller is maintained by means of a stylus with air cushion (a wide range of styluses optimised for different kinds of roller are available). The autofocus is precise and reactive as its operation is based on the mobile lens principle. The optical path is sealed to ensure contin-

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

La gamma degli incisori laser di Assoprint si arricchisce con Thunderbolt Multipower, la macchina laser per incisione di cilindri da stampa in silicone e gomma di ultima generazione. Il sistema è in grado di processare tutte le tipologie di cilindro presenti sul mercato e può essere configurata con diverse sorgenti laser in funzione delle esigenze di produzione. La sua alta precisione d’incisione garantisce la drastica riduzione dei tempi di incisione. Le caratteristiche principali di Thunderbolt Multipower sono le seguenti: • Laser CO2 con potenza variabile 150W-200W-250W-300W-600W • Potenza 600W con laser singolo • Potenza 600W con 2 laser 300W in parallelo • Modulatore con risoluzione fino a 1270 DPI • Carro porta laser motorizzato • Testa flottante • Percorso ottico sigillato • Alta precisione d’allineamento • Software di gestione e controllo laser • Processa tutti i tipi di cilindro • Dispositivo di sollevamento dei cilindri • Portello di chiusura motorizzato. Per garantire la massima precisione d’incisione su cilindri di grande formato (Rollmaster TR5 H18) anche ad alte velocità di rotazione, la parte meccanica di Thunderbolt Multipower ha un’importante struttura in acciaio elettrosaldato normalizzato ad alta stabilità. Il carro porta ottiche è montato su particolari guide lineari con carrello a riciclo di sfere avente viti rettificate per conferire al sistema rigidità e precisione. Questo limita gli errori di allineamento e au-

menta la tolleranza a eventuali vibrazioni. La movimentazione del gruppo di messa a fuoco (posizionamento gestito tramite software) avviene tramite autofocus a lente mobile azionata da un micromotore passo-passo di derivazione aeronautica. La rotazione del cilindro e la traslazione del carro porta laser avviene tramite motori Brushless. Il modulatore acusto-ottico è in grado di gestire la potenza del laser con una elevata precisione, garantendo definizione e stabilità delle incisioni, risoluzione fino a 1270 dpi, riduzione dei tempi di incisione fino al 50% (opzionale). Nell’equipaggiamento della macchina vi è un dispositivo di sollevamento per i cilindri, strumento che assiste e agevola l’operatore nelle operazioni d’inserimento. Il diametro varia da un minimo di 220 mm a un massimo di 760 mm (vertical silicon small), la lunghezza massima d’incisione è pari a 1700 mm, quella del cilindro (peso massimo 150 kg) è invece di 1800 mm. La struttura che costituisce il gruppo della testa mobile si sposta in tutto il suo insieme durante l’incisione; questo permette al fascio di luce, che costituisce il raggio laser, di non subire deformazioni dimensionali e garantire così un’elevata precisione d’incisione su tutta la superficie del cilindro. La testa flottante permette incisioni a elevata risoluzione e velocità senza deformare la superficie del silicone. A questo livello del sistema, viene mantenuta la distanza della lente focale dalla superficie del cilindro attraverso un tastatore con cuscino d’aria (disponibile una vasta gamma di tastatori otti-


ADVERTISING

ued lens cleanliness over time. The Thunderbolt Multipower management software is capable of reading uncompressed TIFF files. A PC compatible system with Linux operating system is used. The user interface is simple and easy to use and can call up saved files from menus or via network data transfer. The system includes integrated numerical control for laser movement and positioning with repeatability and precision of ± 5 micron. The software also features: • possibility of engraving in continuous or step-by-step mode • seamless engraving in a circumferential direction • multiple engravings with software management • module repetition in an axial direction • spot size adjustment (minimum 40 micron) • possibility of laser curve compensation up to 255 levels • recording and archiving of engravings • maintenance management with alarm diagrams • possibility of remote control and online support • all commands can be conveniently given from the console via a touch screen. The machine can be equipped with various kinds of laser with powers ranging from 100W up to 600W and with intermediate powers of 150W, 200W, 250W and 300W; 600W power single semi-sealed laser or two 300W lasers in parallel; CO2 sealed or semi-sealed type laser; pulse repetition at 100 kHz with direct modulation or up to 1 MHz with modulator. Possible power configurations: • 1 x 150 Watt source • 1 x 200 Watt source • 1 x 250 Watt source • 1 x 300 Watt source • 2 x 300 Watt sources • 1 x 600 Watt source

mizzati per i vari tipi di cilindro). Il sistema di autofocalizzazione è preciso e reattivo in quanto si basa sul principio della lente mobile. Il percorso ottico è sigillato e in grado di mantenere la lente pulita nel tempo. Per quanto riguarda il software di gestione di Thunderbolt Multipower, esso é in grado di interpretare un file TIFF non compresso. È utilizzato un sistema PC compatibile con sistema operativo Linux. L’interfaccia utente, semplice e di facile utilizzo, permette di richiamare file archiviati da menu o da trasferimento dati via rete. Il sistema comprende il controllo numerico integrato per movimentazione e posizionamento laser con ripetibilità e precisione +/-5 micron. Il software prevede inoltre: • possibilità di incisione in modalità continua o passo passo • incisione senza giunta in senso circonferenziale • incisioni multiple con gestione software • ripetizione modulo in senso assiale • regolazione dimensione spot (minimo 40 micron) • possibilità di curve di compensazione laser fino a 255 livelli • registro e archivio incisioni • gestione manutenzione con diagrammi allarmi • possibilità di controllo remoto e assistenza online • tutti i comandi sono comodamente attivabili da console tramite touch screen. La macchina può essere equipaggiata con diversi tipi di laser con potenza variabile da 100W fino a 600W, con potenze intermedie 150W, 200W, 250W, 300W; potenza 600W laser singolo semisigillato o due laser 300W in parallelo; tipo laser CO2 sigillato o semisigillato; ripetizione impulso 100 Khz in modulazione diretta o fino ad un Megahertz con modulatore. Possibili configurazioni di potenza: • n°1 sorgente da 150 Watt • n°1 sorgente da 200 Watt • n°1 sorgente da 250 Watt • n°1 sorgente da 300 Watt • n°2 sorgente da 300 Watt • n°1 sorgente da 600 Watt


products prodotti IN.TE.SA. IMAGING DIVISION Developed by the Imaging Division of In.Te.Sa., Crono has the purpose of simplifying the file processing phases for digital printing, offering a guided, repeatable and shared working method. Crono is a server that centralises and archives digital data, including original images, spectrophotometric readings, colour profiles, manual alterations, production data, separated images and images in the format of the digital machine. Everything is organised automatically, facilitating backup functions. Crono increases the security of the ceramic company’s IT system, allowing for control and access restriction and ensuring that only strictly necessary data is transferred outside the system. Access to the system is via an internet browser without the need to install programs on the graphic workstations. Crono performs a series of functions: • Once installed in the ceramic company’s graphic design department, it manages and converts digital images that are received from graphic design firms or are scanned or photographed within the company, in the colour space and format of Colora HD digital printers. • It is able to operate one or more Colora HD digital machines or other workflows. o It automatically creates testcharts and colour profiles with up to 8 colours. • It stores in an orderly fashion all digital images and the files required for conversions (spectrophotometric readings, colour profiles, manual variations, etc.). • It allows the production results to be previewed on the screen. To sum up, the Crono workflow consists of the following phases. 1) Insertion and analysis of designs. All the main formats are supported (TIFF, JPEG, PSD, etc.) and it is possible to read RGB, CMYK, Lab and Multicolor colour spaces; the designs can be loaded individually or spread over a number of tiles. Source

13 8

profiles are assigned automatically or manually. 2) Printability test. Automatic generation of a test tile with visual and instrument verification of “printability” of the project and automatic compensation of the ink/machine/substrate/firing system calibration. 3) Profiling and separation. Automatic generation of testcharts with 3 to 8 colours according to the machine’s calibration and the designs to be produced, spectrophotometric readings using 45°/0° instruments (X-Rite EyeOne and Konica Minolta FD7), sphere instruments (X-Rite SP62) or a spectral scanner. Automatic separation of designs in the format of the machine and automatic generation of soft proofs for viewing end result. 4) Management of manual changes: Tonal variations with curves applied in sequence, on the original designs or on the final separations with logging of changes. 5) Production and quality control. Simultaneous support of various print units; integration with ColoraHD digital printer and other workflows. Possibility of encrypting data on Colora HD for protection at remote facilities.

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Obiettivo di Crono, sviluppato dalla Divisione Imaging di In.Te.Sa., è di semplificare le fasi di elaborazione dei file per la stampa digitale, offrendo una metodologia di lavoro guidata, ripetibile e condivisa. Crono è un server che centralizza e archivia i dati digitali: immagini originali, letture spettrofotometriche, profili colore, modifiche manuali, dati di produzione, immagini separate e nel formato della macchina digitale; tutto viene organizzato automaticamente agevolando le funzioni di backup. Crono aumenta la sicurezza informatica dell’azienda ceramica permettendo il controllo e la limitazione degli accessi e il trasferimento all’esterno del sistema solamente dei dati strettamente necessari. L’accesso al sistema avviene tramite un browser internet, senza la necessità di installare nulla nelle postazioni grafiche. Crono svolge una serie di funzioni tra cui: • Installato nell’ufficio grafico dell’azienda ceramica, gestisce e converte le immagini digitali ricevute dagli studi grafici oppure scansionate o fotografate in azienda, nello spazio colore e nel formato delle stampanti digitali Colora HD. • Permette di pilotare una o più macchine digitali Colora HD o altri flussi di la-

voro. • Crea automaticamente palette colore (testchart) e profilo colore fino a 8 colori. • Archivia in modo ordinato tutte le immagini digitali e i file necessari alle conversioni (letture spettrofotometriche, profili colore, variazioni manuali, ecc.). • Permette di vedere in anteprima a video il risultato di produzione. In sintesi, il flusso di lavoro di Crono prevede le seguenti fasi. 1) Inserimento e analisi delle grafiche. Sono supportati tutti i principali formati (TIFF, JPEG, PSD, etc.) con possibilità di lettura di spazi colore RGB, CMYK, Lab, Multicolor; le grafiche possono essere caricate a singole facce oppure tramite un singolo sviluppo. È inoltre implementata l’assegnazione automatica o manuale dei profili di origine. 2) Test di stampabilità. Generazione automatica di una piastrella di test con verifica visiva e strumentale della “stampabilità” del progetto e compensazione automatica della calibrazione del sistema inchiostro/macchina/supporto/ cottura. 3) Profilatura e separazione. Generazione automatica della paletta (testchart) da 3 a 8 colori, in funzione della calibrazione della macchina e delle grafiche da produrre, lettura spettrofotometrica con strumenti 45°/0° (X-Rite EyeOne e Konica Minolta FD-7), a sfera (X-Rite SP62) oppure con scanner spettrale. Separazione automatica delle grafiche nel formato della macchina e generazione automatica delle anteprime a video del risultato finale. 4) Gestione di modifiche manuali. Variazioni tonali con curve applicate in sequenza, sulle grafiche originali o sulle separazioni finali con memorizzazione dello storico delle modifiche. 5) Produzione e controllo qualità. Supporto contemporaneo di diverse unità di stampa; integrazione con la stampante digitale Colora HD e con altri flussi di lavoro. Possibilità di criptare i dati su Colora HD, per protezione su stabilimenti remoti.


ADVERTISING

ESMALGLASS ITACA The Spanish multinational Esmalglass-Itaca is continuing to strengthen its leadership position in the digital ink segment through close cooperation with the top printhead manufacturers. Since the introduction of the new technology, it has been involved in numerous technological innovation projects in collaboration with these companies. A new range of Esmalglass-Itaca inks is now being used for tests and printhead setup by XAAR (for the GS12 range), Fujifilm-Dimatix (SG1024/M-C range), Toshiba TEC (CF1-L range) and Konica Minolta (KM1024i range). The fact that Esmalglass-Itaca inks have been chosen by the printhead manufacturers demonstrates the high quality and reliability of these products for all digital printing applications. It also vindicates the Spanish company’s policy of adopting an open, independent system that has allowed for cooperation with all the leading players in the world of ceramic digital printing, becoming the model most widely adopted by the ceramic manufacturers. The company has also collaborated closely with the machinery manufacturers with a view to achieving the best results in terms of finished product quality and industrial productivity. Esmalglass-Itaca inks deliver production rates of 44 to 90 m/min., confirming the economic and technical feasibility of inkjet decoration for high productivity lines. The many advantages offered by this range of inks include a wider colour range, higher print quality, the possibility of producing tonal variations and more uniform and intense colours, as well as excellent colour reproduction and a high level of physical and chemical stability. The greater colour intensity enhances the dark-light effect and brings the additional benefit of lower ink consumption. Esmalglass-Itaca inks are already used in more than 400 ceramic factories the world over.

Esmalglass–Itaca prosegue nel rafforzamento della propria leadership nel campo degli inchiostri per la tecnologia digitale, grazie alla stretta collaborazione con i maggiori produttori di testine di stampa, con i quali, fin dall’introduzione della nuova tecnologia, ha partecipato a numerosi progetti di innovazione tecnologica. Oggi, una nuova gamma di inchiostri della multinazionale spagnola è utilizzata per i test di verifica e aggiustamento delle testine da parte di XAAR (per la gamma GS12), Fujifilm-Dimatix (gamma SG1024/M-C), Toshiba TEC (gamma CF1-L) e Konica Minolta (gamma KM1024i). Una scelta che denota l’elevata qualità e la massima affidabilità degli inchiostri Esmalglass-Itaca in tutti i possibili impieghi della stampa digitale, oltre a sottolineare la politica di sistema aperto e indipendente che caratterizza il colorificio spagnolo fin dall’inizio e che ha portato alla collaborazione con tutti i protagonisti della stampa digitale in ceramica divenendo il modello più adottato dai produttori ceramici. Grande anche la collaborazione con i costruttori di macchine per conseguire i migliori risultati in tema di qualità del prodotto finito e produttività industriale. Gli inchiostri Esmalglass–Itaca garantiscono velocità di produzione da 44 a 90 m/min., confermando la validità economica e tecnica della decorazione inkjet per linee ad elevata produttività. Tra i numerosi vantaggi di questa gamma di inchiostri, anche l’espansione del range cromatico, l’aumento della qualità di stampa, la possibilità di ottenere sfumature, la maggiore unformità e intensità di colore, l’eccellente riproduzione cromatica e l’elevata stabilità fisico-chimica. La più elevata intensità di colore si traduce nell’accentuazione di effetti di chiaro-scuro, col conseguente ulteriore vantaggio di una riduzione nel consumo di inchiostri. Gli inchiostri Esmalglass - Itaca sono già utilizzati in oltre 400 stabilimenti ceramici in tutto il mondo.


products prodotti DEVEL Rotoscreen, a single or multi-head rotary screen printing machine built by Devel Srl of Fiorano (province of Modena), is continuing to see strong growth in sales. This machine is becoming increasingly popular amongst the leading companies in the sector for its high printing precision, for the reliability of its settings (the set values remain constant over time, making for a high degree of repeatability of the product characteristics) and for its flexibility (the machine can operate simultaneously with various printing supports such as screens, rigid rollers or sleeves and powder screens). Following extensive and scrupulous testing, all versions of the standard machine have been made available with an optional accessory called Rotospray. This accessory is able to create decorations on tiles using non-conventional methods, particularly in the case of textured products with distinct cavities or irregular surfaces and skirting boards with a rounded side that cannot be decorated using traditional screens or rollers. Rotospray is a patented printing system consisting of a special spray gun positioned inside a screen and fed via a glaze pump. This pump,

equipped with pressure gauges and regulators, produces a jet that is synchronised with the rotation of the screen, which in turn rotates in phase with the moving tiles. The screen is kept clean by an internal roller whose function is to send excess glaze to the edges, where it is collected, and by an external cleaner equipped with a rubber roller and a glaze collecting tank to enable excess glaze to be completely recovered. As mentioned, Rotospray can be applied to any model of machine in the Rotoscreen series and, in the case of multi-heads, only to the head that is to be used for this type of application, allowing the machine to be used with all conventional supports. This improves the line’s flexibility while allowing new products to be developed and offering new creative potential for industry engineers.

Rotoscreen - macchina serigrafica rotativa, singola o a più teste, costruita da Devel Srl di Fiorano (MO) - continua il trend positivo delle vendite. Si consolida sempre di più la fiducia riposta in questa macchina dalle maggiori industrie del settore, apprezzata dai tecnici per: le spiccate qualità di precisione nell’esecuzione della stampa; l’affidabilità delle regolazioni, con costanza nel tempo dei valori impostati e quindi elevata ripetibilità delle caratteristiche del prodotto; la flessibilità, potendo la stessa macchina funzionare contemporaneamente con vari supporti di stampa come retini, rulli rigidi o manicotti, retini per le polveri. Dopo un lungo e scrupoloso collaudo, a queste assodate caratteristiche si è aggiunta la possibilità di applicare alla macchina base, in qualunque versione, anche un ulteriore accessorio, denominato “Rotospray”, che consente di eseguire decori su piastrelle con modalità diverse dalle tradizionali, molto indicate soprattutto per prodotti strutturati, con cavità pronunciate o superfici irregolari e battiscopa con un lato arrotondato, dove i tradizio-

nali retini o rulli non riescono ad arrivare. Rotospray è dunque un sistema di stampa (brevettato), costituito da un aerografo speciale posto all’interno di un retino, alimentato tramite una pompa per lo smalto. Tale pompa, equipaggiata con manometri e regolatori di pressione, effettua un getto in sincronismo con la rotazione del retino che, a sua volta, ruota in fase con il passaggio delle piastrelle. Il retino è mantenuto pulito da un rullo interno allo stesso che manda lo smalto in eccesso ai bordi dove è raccolto - e da un pulitore esterno, dotato di un rullo in gomma e vaschetta di raccolta smalto che permette di recuperare lo smalto e di rimetterlo in circolo. Come già accennato, Rotospray può essere applicato su qualunque versione di macchine della serie Rotoscrees e, nel caso di multiteste, solo in quelle che interessa attrezzare, lasciando inalterata nella macchina la possibilità di funzionare con tutti i tradizionali supporti. Questa caratteristica accentua la flessibilità della linea stessa, dando la possibilità di avere nuovi prodotti e permettendo ai tecnici del settore ulteriori possibilità creative.

tion cups for unloading and deglazing. Glazing unit: mobile crossbeam, rotating glazing spindles, glazing tank, bottom glazing device, figure-of-eight glaze feeding tank, spindle washing device. Unloading unit: foot de-glazing belt, accumulation and unloading belt.

La smaltatrice automatica LISA 3 è adatta alla smaltatura completa per immersione di pezzeria e piatti con cristallina ad alta fusibilità. Il pezzo viene trattenuto da 3 speciali mandrini sottovuoto a contatto con la zona di appoggio del piedino del pezzo. La smaltatura del fondo avviene mediante iniezione dello smalto tramite ugelli nella coppa a

vuoto del mandrino. La linea è composta da: Unità di alimentazione: de-impilatore, nastro di carico, unità di spolvero pezzi, sezione di timbratura, dispositivo di centraggio pezzi. Carrello di trasferimento: ventose di carico, ventose motorizzate per scarico e di smaltatura. Gruppo smaltatura: traversa mobile, mandrini rotanti di smaltatura, vasca di smaltatura, dispositivo di smaltatura del fondo, vasca di alimentazione smalto ad otto, dispositivo di lavaggio mandrini. Unità di scarico: nastro di dismaltatura del piede, nastro di accumulo e scarico.

VICENTINI The LISA 3 automatic glazing machine is suitable for complete immersion glazing of large articles and plates with high-fusibility crystalline. The piece is held in contact with the foot support zone by 3 special vacuum spindles. The bottom is glazed by glaze injection through nozzles in the spindle vacuum cup. The line consists of: Feeding unit: destacker, loading belt, piece dusting unit, stamping section, piece centring device. Transfer carriage: loading suction cups, motorised suc-

140

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

SMALTICERAM Following several years of research into ceramic digital printing materials, Smalticeram has developed an outstanding range of colours called the Smaltink system. It is a technology that meets all the current digital printing colour requirements for industrial ceramics, making it an ideal solution for improving the technical and aesthetic level of production. The Smaltink range consists of ten colours: white, black, yellow, cyan, blue, light blue, gold, beige, brown and dark brown. Each of these is in turn subdivided into 4 series (series 1000, 2000, 3000 and 4000), which differ in terms of the chemical and physical characteristics of the ink as well as being specifically designed for the various printing technologies they are used with. For any type of printing (three-colour, four-colour or six-colour), Smaltink offers a very wide colour gamut as well as the opportunity to create new colours according to the needs of individual ceramic companies. Smaltink allows colours and operating conditions to be customised by varying the parameters of viscosity, density, surface tension and colour tone according to the type of inkjet printer the ink will be used with. The key characteristics of the Smaltink range include: • a particle size about 20-30% finer than other materials while maintaining bright colours with intense, pure tones; • long-term rheological stability; • a guaranteed eco-friendly product; • compatibility with all inkjet printers on the ceramic market. Not content just to develop an outstanding range of inks, Smalticeram entirely reformulated the materials on which these inks are applied, namely screen printing bases, neutral preparation bases, protective coatings, granulates and grits specially designed to bring out the colours of Smaltink or in specific cases to achieve controlled shade deviation.

Una ricerca, che dura da diversi anni, sui materiali per la stampa digitale in ceramica, ha portato Smalticeram a concepire un range colorimetrico di valore: il sistema Smaltink. Si tratta di una tecnologia che copre tutte le esigenze di colore attualmente necessarie alla stampa digitale su ceramica industriale, fornendo una soluzione ottimale per migliorare il livello tecnico ed estetico delle realizzazione. La gamma Smaltink è composta da dieci tinte: bianco, nero, giallo, ciano, blu, light blue, gold, beige, brown e dark brown. Ognuna di esse è a sua volta suddivisa in 4 serie: serie 1000, 2000, 3000 e 4000, che si differenziano tra loro per le caratteristiche chimico-fisiche dell’inchiostro, oltre a essere specifiche per le diverse tecnologie di stampa su cui saranno impiegate. La gamma Smaltink offre, per qualunque tipologia di stampa (in tricromia, quadricromia o esacromia), la possibilità di disporre di un gamut colori molto ampio, e di creare nuovi colori a seconda delle esigenze di ogni singola azienda ceramica. Smaltink offre infatti la possibilità di personalizzare un colore su richiesta e personalizzare qualsiasi condizione produttiva, intervenendo sui parametri di viscosità, densità e tensione superficiale, oltre che sul tono di colore in funzione del tipo di stampante inkjet che verrà utilizzata. Tra le altre caratteristiche distintive della gamma Smaltink figurano: • una granulometria più fine di circa il 2030% rispetto ad altri materiali e, ciò nonostante, colori brillanti dai toni intensi e puri; • stabilità reologica nel tempo; • garanzia di un prodotto rispettoso dell’ambiente; • compatibilità con tutte le stampanti inkjet presenti sul mercato ceramico. Smalticeram non si è accontentata di sviluppare una gamma di inchiostri, ma ha ripensato le materie sulle quali questi inchiostri avrebbero dovuto “scrivere”: basi serigrafiche, fondi neutri di preparazione, coperture protettive, granulati e graniglie specificamente concepiti per lo sviluppo cromatico di Smaltink o in casi specifici per una deviazione pilotata delle tonalità.


products prodotti ICF & WELKO ottimizzare la distribuzione Following its ongoing efforts TECHNICAL DATA - DATI TECNICI e il livello delle sollecitazioin innovation, the company ni all’interno della struttura I.C.F. & Welko is presenting Max. pressing force / Forza max. di pressatura 4,800 t durante la pressatura. its new WKE 4800 press at 2,250 mm Effective width between columns / Larghezza utile fra colonne • Cilindro di pressatura di Tecnargilla 2012. forma ellittica che permette The press has six main char1,100 mm Effective depth of moulds on bed / Profondità utile stampi sul bancale di migliorare l’accoppiaacteristics: 2,200 mm Effective width of moulds on bed / Larghezza utile stampi sul bancale mento fra stelo pistone e • A slight elliptical curvature traversa mobile, permettenof the two shoulder sec635 mm Effective vertical clearance of moulds / Luce utile verticale stampi do una minore altezza della tions to optimise the distri195 mm Effective vertical stroke / Corsa utile verticale traversa mobile e di consebution and level of stressguenza una maggior rapidies inside the structure 65 mm Effective ejector stroke / Corsa utile dell’estrattore tà nei movimenti della traduring pressing. 22.5 t Max. extractor force / Forza max. dell’estrattore versa stessa. • An elliptically shaped • Protezione, tramite panpressing cylinder that im32 kW Installed power of pump motor / Potenza installata motore pompa nelli, dell’intero perimetro proves coupling be144 kW Total installed power / Potenza installata totale esterno della pressa e dei tween the piston rod and due lati verticali adiacenti the mobile crossbeam. 200 bar Max. pressure in hydraulic circuit / Pressione max. circuito oleodinamico alla zona stampi. Di conseThis allows for a lower 402 bar Max. multiplier pressure / Pressione max. moltiplicatore guenza, per consentire l’afheight and hence faster flusso e il riflusso dell’aria movement of the mobile 835 l Oil tank capacity / Raffreddamento olio necessario al funzionamencrossbeam. 250 l Hydraulic circuit capacity / Capacità circuito oleodinamico to dello stampo, tramite le • Protective panels sur102,000 Frig/h Oil cooling / Raffreddamento olio apposite forature presenti rounding the entire externel bancale, si è dotata la nal perimeter of the press 8,500 l/h Water for oil cooling at 18°C / Acqua per raffreddamento olio a 18°C pressa di tre filtri particolari. and the two vertical sides 16 cycles/min. Max. speed (depending on power used) • Tutti i gruppi oleodinaadjacent to the mould Velocità max. (a seconda della potenza utilizzata) 16 cicli/min mici e il gruppo pneumatizone. The press has conco sono opportunamente sequently been fitted Net weight of press without hydraulic power unit 94 t segregati e separati dall’amwith three special filters Peso netto pressa senza gruppo potenza oleodinamico biente esterno. to permit inflow and outNet weight of hydraulic power unit / Peso netto gruppo potenza oleodinamico 2.6 t • Presenza di tre trasdutflow of air required for tori assoluti funzionanti 5,597 mm Total height / Altezza totale operation of the mould senza contatto degli organi through the dedicated 4,492 mm Height from ground level / Altezza fuori buca in movimento e, quindi, holes in the bed. 3,752 mm Total width / Larghezza totale senza possibilità di usura • All the hydraulic units and degli stessi. the pneumatic unit are 850 mm Height of bed plane from ground level / Altezza piano bancale fuori buca • Presenza di due soli consuitably segregated and that serve to connect the press I.C.F. & Welko presenta a Tecnargilla nettori elettrici che consenseparated from the exto the electrical cabinet and 2012 la nuova pressa WKE 4800, fruttono di collegare elettricamente ternal environment. to della continua ricerca dell’innothe operator interface. la pressa all’armadio elettrico e • Three absolute transducers that all’interfaccia operatore. operate without contact with The press also has special charac- vazione. Sono sei le più importanti Ci sono poi peculiarità importanti moving parts and therefore teristics that are not visible from caratteristiche della pressa. the outside. The most important of • Leggera “bombatura” ellittica non osservabili dall’esterno. La più without the risk of wear. delle due spalle, che consente di importante di queste è la presenza • Just two electrical connectors these is a new extraction system

142

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

consisting of four identical but independent units that guarantee total absence of deformations of the mould extraction system and allow for extraction procedures that were previously not possible.

di un nuovo sistema di estrazione, costituito da quattro gruppi uguali e indipendenti che permettono di garantire l’assenza assoluta di deformazioni della piastra di estrazione dello stampo e modalità di estrazione finora non realizzabili.

BMR The continuous investments in R&D made by BMR in more than forty years of business have firmly established the company as a key player in the sector of end-of-line technologies for tile production. Thanks to its experience and proven technology, BMR is now offering the market latest-generation all-Italian green-oriented technology that combines high product quality with the greatest financial savings and care for the environment. Squadra® Dry, which recently won major awards for its technological and eco-sustainable qualities, is a new machine for grinding monoporosa and double fired wall tiles for joint-free installation. It uses diamond tools without water cooling, thereby eliminating water extraction at the machine exit and the need for a gas dryer. This major advance completely eliminates the use of water and brings financial savings by removing a complementary stage that had an almost equal cost to that of the tile grinding process itself. In view of its intended use, BMR has developed a new self-regulating pusher capable of achieving the highest tile quality and perpendicularity. Installed in the second module and connected to the dimensional control equipment at the machine exit, the new self-regulating pusher automatically brings the squaring machine within the programmed precision range. This mechatronic project marks a major step forward for BMR in terms of technology as it combines high performance with the high quality mechanical tradition for which the company is renowned.

I continui investimenti in Ricerca & Sviluppo effettuati in oltre quarant’anni di attività, hanno portato all’affermazione di BMR quale azienda di riferimento nel settore delle tecnologie di fine linea nella produzione di piastrelle. Oggi, grazie all’esperienza acquisita e ad una tecnologia ampiamente collaudata, BMR si propone sul mercato con macchinari di ultima generazione completamente made in Italy e “green oriented”, in grado di coniugare l’alta qualità di prodotto con il maggior risparmio economico e il massimo rispetto dell’ambiente. Squadra® Dry, insignita di recente di importanti riconoscimenti per il suo valore tecnologico ed ecosostenibile, è la nuova macchina per la rettifica di materiali da rivestimento per posa senza fuga in monoporosa e bicottura che utilizza utensili diamantati senza raffreddamento ad acqua, rimuovendo sia l’aspirazione acqua in uscita macchina sia l’essiccatoio a gas. Un’evoluzione importante, che consente sia un totale risparmio idrico, eliminando completamente l’utilizzo dell’acqua, sia un risparmio economico, togliendo una fase complementare del processo tradizionale di rettifica delle piastrelle di costo quasi paritetico rispetto alla rettifica stessa. Data la sua destinazione d’uso, BMR ha messo a punto un nuovo spintore autoregolante che permette di ottenere un’ortogonalità dei vertici della piastrella di massima qualità e precisione. Inserito nel secondo modulo e collegato all’apparecchiatura di controllo dimensionale in uscita macchina, il nuovo spintore autoregolante riporta in modo automatico lo squadratore nei campi di precisione programmati. Questo intervento di meccatronica rappresenta per BMR un vero salto tecnologico, in grado di offrire un’alternativa altamente performante alla tradizione meccanica BMR di elevata qualità.


products prodotti TA-RO At Tecnargilla 2012, TA-RO will be unveiling its latest offering in the field of DEAIR™ de-airing technology. This new product is a low-cost disposable internal deairing punch. While delivering the same performance as the previous version, this innovation lowers the cost of access to this technology and in the case of international markets eliminates the costs and logistic problems of shipping for punch reconditioning. De-airing, an operation that serves to eliminate air contained within the ceramic powder loaded in the mould cavities, is one of the stages that most severely limits press speed in tile production. The method that has been used in the past is to divide the pressing operation into two or more steps (pre-compaction + compaction) to enable the air to flow out towards the edges of the punches (the only outlet routes available in conventional moulds). These operations are generally performed at low speed to avoid undesirable movements of still uncompacted powder. However, this system severely limits the number of strokes that the press can perform per minute and tends to create bottlenecks in the ceramic production process, as well as causing rapid wear of the external edges of the mould. In an attempt to find a new and more effective solution, TARO has developed and patented the revolutionary DEAIR™ punch. The DEAIR™ punch comes in both isostatic and conventional versions.

The presence of vent holes distributed uniformly over the entire internal surface of the mould cavity considerably increases the number of egress routes for air during compaction. This solves the problem of de-airing and brings significant advantages, including: • up to 20% higher productivity (strokes/minute) compared to conventional isostatic punches • longer punch and liner lifetime • elimination of pre-compaction fettle between the first and second strokes • elimination of defects due to incorrect de-airing • lower energy consumption • less overheating of hydraulic circuit. Visitors to the company’s stand will also be able to view a complete mould for the production of micromosaic with complex geometry and a mould fitted with the TA-RO solution of quick changing liners and box saving plate.

TA-RO sarà presente a Tecnargilla 2012, dove presenterà l’ultima evoluzione della tecnologia a disarezione DEAIR™. Questa nuova versione consiste in un tampone a disareazione interna usa e getta a costo contenuto. Tale innovazione, pur garantendo le medesime prestazioni della precedente versione, renderà più economico l’accesso a questa tecnologia ed eviterà per i mercati stranieri i costi e le problematiche gestionali di spedizione per la rigenerazione dei punzoni. Uno dei fattori che influenza maggiormente la velocità di una pressa nella produzione di piastrelle è la cosiddetta fase di deareazione, necessaria per eliminare l’aria contenuta tra le polveri ceramiche caricate nelle cavità dello stampo. Il metodo usato finora per eseguire tale operazione consiste nel suddividere la pressatura in 2 o più passaggi (precompattazione + compattazione) per consentire all’aria di defluire verso i bordi periferici dei tamponi (uniche vie di sfogo disponibili negli stampi tradizionali). Tali passaggi sono generalmente ese-

guiti a velocità ridotta al fine di evitare spostamenti indesiderati delle polveri non ancora compattate. Questo sistema però naturalmente incide a tal punto sul numero di battute al minuto effettuate dalla pressa da causare spesso un vero e proprio collo di bottiglia nella produttività dell’industria ceramica, oltre a usurare rapidamente lo stampo nelle sue zone esterne. Per trovare una nuova e più efficace soluzione rispetto alla deareazione tradizionale, TA-RO ha ideato e brevettato il rivoluzionario tampone DEAIR™. Il tampone DEAIR™ può essere sia isostatico che tradizionale; grazie alla presenza di bocche di sfiato distribuite in maniera omogenea su tutta la superficie interna della cavità di formatura, aumenta considerevolmente il numero di vie di sfogo per l’aria durante la compattazione e risolve il problema della deareazione portando a considerevoli vantaggi, quali: • incrementi della produttività (battute/minuto) sino al 20% rispetto ai comuni tamponi isostatici utilizzati precedentemente; • durata di tamponi e lastrine incrementata; • eliminazione di bavette da precompattazione tra prima e seconda battuta; • eliminazione dei difetti da errata deareazione; • minori consumi energetici; • minore surriscaldamento del circuito idraulico. Allo stand, sarà possibile vedere anche uno stampo completo per la produzione di micromosaico a geometria complessa e uno stampo con la soluzione TA-RO a lastrine a cambio rapido e piastra salva cassetta.

and developed specially for companies that need a flat screen printing machine capable of working with large sizes and delivering high levels of productivity. It achieves this by using two brushless motors for the side belts and an innovative electronic management system capable of

Sertam azienda di B.P. Elettronica a quasi un anno dall’acquisizione incrementa ulteriormente la propria gamma di macchine decoratrici serigrafiche piane, prodotto di punta della storica azienda di Maranello. Nasce CFA-C11 90, decoratrice serigrafica piana per formati fino a 900x1.000 mm. Unica nel suo gene-

re è stata studiata e progettata per tutti coloro che necessitano di una decoratrice serigrafica piana in grado di operare su grandi formati garantendo alti livelli di produttività. Tutto questo è reso possibile dai due motori brushless per i cinghioli laterali e da un innovativo management elettronico capace di

SERTAM Almost a year on from its acquisition by B.P. Elettronica, the historic Maranello-based firm Sertam is further expanding its flagship range of flat screen decorating machines. CFA-C11 90 is the new flat screen decorating machine for sizes up to 900x1000 mm. One of a kind, it has been designed

144

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

operating at high temperatures and requiring minimal maintenance, even in the harshest conditions. CFA-C11 90 is a meticulously crafted product designed with the utmost attention to detail to deliver the quality for which Sertam is renowned. It has the following characteristics: • variable, continuous or intermittent screen printing function for products with varied shading; • decorating machines for the production of single-fired, double-fired, monoporosa and porcelain tiles; • material feeding by means of side belts; • inverter controlled movement of squeegee carriage; • separate setting of colour application and decoration speeds; • possibility of setting a number of decoration cycles on each tile for relief colour effects; • ready for connection to compensator; • pneumatic screen locking system; • mechanical stop in addition to electronic positioning; • squeegee carriage protection; • pneumatic spacer; • maximum size 900 mm x 1000 mm.

lavorare ad alte temperature, anche nelle condizioni più gravose, necessitando di una minore manutenzione. CFA-C11 90 è quindi un prodotto artigianale curato nei minimi dettagli per garantire la qualità Sertam e si basa sulle seguenti caratteristiche: • funzione di serigrafia variabile, in continuo o a intermittenza, per prodotti stonalizzati; • decoratrici per produzione di piastrelle in monocottura, bicottura, monoporosa e porcellanato; • avanzamento del materiale per mezzo di nastrini laterali; • movimento del carrello porta-spatole gestito da inverter; • regolazione separata delle velocità di stesura colore e di decorazione; • possibilità d’impostazione di più cicli di decorazione su ogni piastrella per effetti di colore a rilievo; • predisposizione per collegamento al compensatore; • sistema pneumatico di bloccaggio retino; • fermo meccanico in aggiunta al posizionamento elettronico; • protezione carrello porta-spatole; • distanziatore pneumatico; • formato Massimo 900mm x 1.000mm.


products prodotti APPEL Tile-Control-E is a new dimensional and diagonal, flatness and thickness control device from Appel. Experience acquired in the field of dimensional and flatness control has enabled the company to create this new system while maintaining the simplicity of use and proven reliability of the Tile-Control system. The features of this new device include: • Automatic size change. The size change is performed via a single command directly from the operator panel. Within a few seconds all the sensors located on the machine are positioned correctly for the set size. • Laser sensors. Depending on customer requests, the machine can be fitted with normal infrared sensors for flatness and calibre measurement or with innovative laser sensors. This technology eliminates the problems that affect most of these devices in reading dark coloured or highly reflecting materials and considerably increases the system’s resolution and measurement range. • Supervision software. The software can be installed on any PC and is

capable of displaying the state of production instantaneously through intuitive bar charts for each defect analysed on the tile. The system also handles a production log stored in convenient .csv files that can be edited on a normal PC. The log is divided into production batches that can be called up at any time and which contain all the information relating to that batch (total pieces, total defective pieces, total defective pieces for each defect, etc.). This software is extremely useful for customers as it is able to monitor production directly at all times. Tile-Control-E performs dimensional, diagonal and flatness control over a wide range of sizes, from 100x100 mm through to 1800x1800 mm. Naturally all sizes in this range can be analysed, including formats such as listels.

Tile-Control-E è la nuova apparecchiatura di controllo dimensionale e diagonale, planarità e spessore, Appel. L’esperienza acquisita nel campo del controllo dimensionale e planarità, ha permesso di creare questo nuovo sistema mantenendo però la semplicità di utilizzo e la comprovata affidabilità del sistema Tile-Control. Questa nuova apparecchiatura è dotata di: • Cambio formato automatico. Con un unico comando gestito direttamente da pannello operatore, il cambio formato viene avviato, e in pochi istanti tutti i sensori collocati a bordo macchina sono posizionati correttamente rispetto al formato impostato. • Sensori Laser. La macchina può essere dotata, in base alle richieste del cliente, dei comuni sensori infrarosso per la rilevazione della planarità e del calibro, o degli innovativi sensori al Laser. Questa tecnologia elimina i problemi di lettura su materiali di colore scuro o dotati di particolari riflessioni, comuni alla maggior parte di questi dispositivi, aumentando notevolmente la risoluzione del sistema ed il campo di misura. • Software di supervisione. Il Software è installabile su qualsiasi pc, ed è in grado di

visualizzare istantaneamente l’andamento della produzione attraverso intuitivi grafici a barre relativi a ciascun difetto analizzato sulla mattonella. Il sistema gestisce inoltre uno storico di produzione, memorizzato in comodi file, csv, e quindi editabili da qualsiasi pc. Lo storico viene suddiviso in lotti di produzione che possono essere richiamati in qualsiasi momento e nei quali sono memorizzate tutte le informazioni relative a quella produzione, (totale pezzi, totale pezzi difettosi, totale pezzi difettosi per ciascun difetto etc…). Questo software risulta essere di fondamentale importanza per il l’azienda utilizzatrice in quanto fornisce in primis la possibilità di seguire direttamente la produzione in qualsiasi istante. In secondo luogo fornisce all’azienda la possibilità di studiare ogni produzione realizzata, analizzando qualità e tipologia dei difetti riscontrati. Tile-Control-E garantisce il controllo dimensionale diagonale e planarità su un ampio range di formati a partire dai più piccoli, quindi 100x100 fino ai più grandi 1800x1800. Ovviamente tutti i formati all’interno di questo range sono analizzabili, compresi formati quali listelli.

KALTUN Kaltun, a leading company in the these results, Kaltun carried out a Kaltun, azienda leader del settore mining sector, has undertaken a pilot production run to test the minerario, attenta a ridurre l’impatmajor research project focusing new compositions. The pilot stud- to ambientale, ha avviato un progeton the production of high-quality ies, conducted at the laboratory to di ricerca che consenta la produfeldspar from the waste of sodi- built by Kaltun on the campus of zione di feldspato di qualità dagli um feldspar flotation plants, a Hacettepe University in Turkey, scarti degli impianti di flottazione procedure that will allow for re- collected the necessary data for del feldspato sodico. Nel processo duced environmental impact. In industrial implementation and for di flottazione viene scartato e stocthe flotation process the fraction technical/economic evaluation cato separatamente il materiale di smaller than 100 µm (22% of the of the performance of the pro- dimensione <100 µ, pari al 22% del incoming material) is rejected cess by developing operating materiale di alimentazione. Questo and stored separately. This so- techniques and educating tech- materiale detto di scarto ha una gracalled waste material has an ide- nical personnel. In the future this nulometria ideale per diversi proal particle size for various enrich- will allow the technology to be cessi di arricchimento e un significativo contenuto di feldspato di ment processes and a significant transferred to the entire industry. content of high-quality Chemical Analysis - Analisi Chimica feldspar. In addition to the feldspar, the waste also inSiO2 Al2O3 Fe2O3 TiO2 CaO MgO Na2O K20 P2O5 cludes other minerals that Final Product can be marketed as by68.64 19.30 0.030 0.020 0.48 0.05 10.97 0.20 0.01 Prodotto Finale products. On the basis of

146

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

elevata quantità. Oltre che feldspato, sono presenti altri minerali che possono essere commercializzati come co-prodotti. Alla luce di questi risultati, Kaltun ha realizzato una produzione pilota su cui testare le nuove composizioni. Gli studi pilota, che avvengono nel laboratorio costruito da Kaltun nel campus dell’Università turca di Hacettepe, forniscono la raccolta dati necessaria per implementazioni industriale e di valutazione tecnico/economica delle prestazioni del processo attraverso lo sviluppo di tecniche di lavoro delle infrastrutture e dell’istruzione del persoL.O.I nale tecnico . Questo porterà in futuro 0.30 un trasferimento di tecnologia su tutta l’industria.


ADVERTISING

IPEG The Windfire kiln, a new roller kiln for tableware, is particularly suitable for single firing of vitreous china and for automated cycles. The articles are loaded on single or multiple layer refractory plates which are moved by ceramic rollers chosen according to the working temperatures in the different kiln sections. The rollers are driven by means of a gear transmission and can operate with a programmed alternating backward and forward movement. The working temperature can be adjusted according to the required cycles. While the introduction of the fast firing process to the tableware industry brought advantages in terms of production compared to conventional firing, it also led to a number of limitations that might eventually pose a risk to the system. To solve these problems, Ipeg designed the Windfire kiln which overcomes the limitations of the first generation of fast firing systems. The main results achieved to date are the following: • total temperature uniformity over the kiln width and length, adjustable and controllable in each individual section; • elimination of the wall effect and no limitation to the width of the kiln apart from roller strength; • kiln management without internal pressure or in neutral or negative pressure conditions; • elimination of ceramic fibres from the roller seals, thereby eliminating any kind of contamination due to the fibres; • more than 20% reduction in energy consumption using the combustion air recovered from the kiln at a temperature higher than 500°C; • elimination of fluorine and sulphur compounds deriving from emissions in the cooling zones; • no maintenance problems for combustion blocks.

Il forno Windfire, nuovo forno a rulli per stoviglierie, è particolarmente adatto per la monocottura di vitreous e nei cicli automatizzati. I prodotti da cuocere vengono caricati su piastre portacarica refrattarie, in mono o multistrato, movimentate da rulli ceramici scelti in funzione delle diverse temperature di esercizio delle zone del forno. La movimentazione avviene attraverso una trasmissione a ingranaggi, che può funzionare in modo alterno e programmato (brandeggio). La temperatura di esercizio può variare in funzione dei cicli richiesti. Dopo l’introduzione della cottura veloce nella produzione industriale di stoviglierie, con i suoi vantaggi rispetto la cottura tradizionale in quanto a produzione, sono sorti dei limiti che potevano mettere in pericolo questo sistema nel tempo. Ipeg ha progettato il forno Windfire per superare i limiti della prima generazione di sistemi di cottura veloce. I principali risultati ottenuti al giorno d’oggi sono i seguenti: • totale uniformità delle temperature nella sezione del forno, in tutta la sua lunghezza, regolabile e controllabile zona per zona; • eliminazione dell’effetto muro e nessun limite nella larghezza del forno che non dipenda della resistenza dei rulli; • gestione del forno senza pressione interna, in regime neutro o in regime di depressione; • eliminazione delle fibre ceramiche nella tenuta dei rulli, eliminando qualsiasi tipo di contaminazione dovuta alle fibre; • riduzione dei consumi energetici di più del 20%, utilizzando il comburente recuperato dal forno a una temperatura superiore ai 500 °C; • eliminazione dei composti di fluoro e/o zolfo derivanti delle emissioni delle zone di raffreddamento; • risoluzione dei problemi di manutenzione nei blocchi di combustione.


products prodotti TEKMAK IGLOO is a cooling system covered heat exchangers for generating IGLOO è un sistema di raffredda- lizzazioni specifiche, il sistema è in by 5 international patents, de- cool air. Igloo is equipped with an mento coperto da 5 brevetti interna- grado di spingere aria fredda ad alta signed to lower the temperature of independent belt drive with user zionali, studiato per abbassare la velocità sulle piastrelle, sia sopra sia ceramic tiles by between 10°C adjustable speed and continuous temperatura delle piastrelle cerami- sotto. L’aria utilizzata viene ricircoand 20°C according to the line or step-by-step operation so as to che di un valore compreso tra 10°C e lata all’interno della struttura, gaspeed and the incoming tile tem- keep the tiles inside the tunnel for 20°C, in base alla velocità della linea rantendo migliori prestazioni e perature. The machine features an the longest possible time. Four B- e alla temperatura di ingresso delle consumi elettrici limitati. Il circuito internal closed air recirculation sys- section belts are installed to ena- piastrelle. La macchina è caratteriz- che fornisce acqua fredda alla mactem that uses a set of geometries ble the user to adjust the pitch ac- zata da un sistema di ricircolo d’aria china è costituito da un raffreddatoto blow high-speed air onto the cording to requirements. The chiuso interno che, grazie ad un re di liquido esterno che può avere material undergoing cooling. The maximum speed with a standard complesso di geometrie, è in grado differenti potenze di raffreddamenwastage of cool air released to the gear motor ranges from 5 m/min. di soffiare aria ad alta velocità sul ma- to in base alle esigenze dell’azienda external environment is minimal, to 50 m/min. The tunnel consists of teriale da raffreddare. Lo spreco di ceramica, e scambiatori interni per allowing internal air temperatures two metal half-shells with clamshell aria fredda, che fuoriesce all’esterno la generazione dell’aria fredda. of around 5°C to be attained de- opening for ease of inspection by è minima, permettendo di ottenere Igloo è dotata di traino cinghie con pending on the external liquid the user. The structure houses the temperature interne dell’aria nell’or- motorizzazione indipendente a vecooling module. An external ventilation units which push air dine dei 5 °C, in base al modulo di locità regolabile dall’utente, che closed-circuit water cooler is used through the ducts to increase the raffreddamento liquido esterno. Un permette di avere un funzionamento produce cool water, which is speed and direct cool air above raffreddatore d’acqua esterno a cir- to in continuo e passo-passo, in then pumped into the tunnel. The and below the tiles, as well as heat cuito chiuso viene utilizzato per ge- modo da mantenere le piastrelle il heart of the machine consists of exchangers for transforming cool nerare acqua fredda, che poi viene maggior tempo possibile all’interno the ventilation unit inside the tun- water into cool air. The machine pompata dentro al tunnel. Il cuore del tunnel. Vengono installate quatnel structure. By using powerful can be equipped with various della macchina è il gruppo di ventila- tro cinghie sez.B dove l’utente pofans and dedicated ducts, the sys- control panels according to the zione interno alla struttura a tunnel. trà regolare l’interasse secondo le Grazie a potenti ventilatori e a cana- proprie necessità. La velocità massitem is able to push cool air at high customer’s requirements. ma di avanzamento, con speed onto the CONTROL PANEL - Quadro di controllo motoriduttore standard, tiles, both va dai 5 mt/min a 50 mt/ above and beBelt drive Control Step-by-step Water temperature Anti-jamming Tunnel entry and Fan speed min. Il tunnel è compolow. The air is respeed control method operation control photocells exit pyrometers adjustment Regolazione sto da due semigusci in cycled inside Metodo di Funzionalità Regolazione Fotocellule anti Pirometri ingresso Regolazione velocità traino the structure, comando passo - passo temperatura acqua intasamento e uscita tunnel velocità ventole materiale metallico, apricinghie bili a conchiglia per una guaranteeing comoda ispezione da Touch Yes Yes Yes Yes Yes Yes higher perforscreen Si Si Si Si Si Si parte del cliente. All’inmance and low terno della struttura electricity con- The machine is designed to be integrated into a belt line. / La macchina è studiata per l’integrazione in una linea a cinghie. sono alleggiati i gruppi di sumption. The ventilazione, che spingocircuit that supMachine dimensions - Dimensioni macchina no l’aria attraverso le caplies cool water Dimension - Dimensioni Value - Valore nalizzazioni per accelleto the machine rare la velocità e spingere consists of an Maximum tile dimensions 1000 mm x 20 mm, maximum length 1500 mm l’aria fredda sopra e sotto external liquid Dimensione massima piastrella 1000 mm x 20mm Lunghezza massima 1500mm le piastrelle, e gli scamcooler that can Length including conveyor - Lunghezza incluso trasporto 2385 mm biatori di calore che trahave different Length of structure only - Lunghezza solo struttura 2000 mm sformano l’acqua fredda cooling powers in aria fredda. La macchiaccording to Depth - Profondità 1646 mm na può essere equipagthe needs of inOverall height - Altezza complessiva 1850 mm giata con un quadro di dividual ceramcontrollo diverso in base ic companies Height of loading surface - Altezza piano di carico 1050 mm ± 100 mm alle esigenze del cliente. and internal

148

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

149


ADVERTISING

CSC-COMET

Via Saragat, 5 424124 - Reggio Emilia - ITALY Tel. +39 0522 921337 / 921851 Fax. +39 0522 924044 poppi@poppi.it www.poppi.it Sede Spagna C/FORMENTERA 27 12530 BURRIANA-CASTELLON Agente Spagna Ing.Victor Gascon vgascon@poppi.it Mob.: 0034 619373938 Agent Commercial Casablanca (Maroc) RAMI ABDELKRIM Tel./ Fax. 0021 2522522895 rami.negoce@menara.ma Mob.: 0021 2661191662

15 0

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Tec Visit u n s pad argil at la 2 C3 stan

d1

012

67

CSC-Comet develops modular machines for casting large-size sanitary fixtures. To keep pace with the latest bathroom furnishing design trends towards ever larger products, CSC-Comet has developed a low-pressure modular casting machine that uses plaster moulds to cast freestanding or wall-hung WCs with large dimensions, especially height, and other units with similar geometries. The machine’s modularity is ideal for this kind of production, where the number of pieces is never high and each mould may require customised adjustments. The machine allows the required number of modules to be placed side by side. CSC-Comet is robust and is able to house large-size moulds that if cast by hand would require three people to handle them. All stages of casting, draining and demoulding are performed automatically. Given the considerable masses involved and the unfired state of the demoulded items, all movements are performed delicately and smoothly using electronic systems to control acceleration and inertia. Mould assembly and disassembly is simple, and demoulding can be performed directly on the cars used for moving the ceramic pieces. This machine is based on CSC’s flagship servo-mechanical technology, which enables it to operate with simpler types of pieces and offers a valid and cost-effective alternative to manual casting, reducing spaces and using mould modelling techniques based on manual casting.

CSC-Comet sviluppa la macchina modulare per il colaggio di apparecchi igienico-sanitari di grandi dimensioni. Per rispondere alle nuove tendenze del design dell’arredo bagno, che vogliono prodotti di dimensioni sempre più ampie, CSC-Comet ha sviluppato una macchina modulare per il colaggio, a bassa pressione, mediante forme in gesso, di lavabi centro stanza, o a muro, di grandi dimensioni, specialmente in altezza, ed altre figure di simile geometria. La modularità della macchina è funzionale a questa tipologia di produzioni, dove la quantità di pezzi da produrre non è mai elevata e ciascuno stampo può richiedere degli aggiustamenti personalizzati. La macchina permette di affiancare moduli in numero desiderato. Csc-Comet è robusta e consente l’alloggiamento di stampi di grandi dimensioni che, se colati a mano, avrebbero necessità di essere movimentati da più persone. Anche tutte le fasi del colaggio, dello scolaggio e della sformatura vengono gestite in maniera automatica. Tutti i movimenti, viste le notevoli masse in gioco e lo stato ancora crudo dei manufatti sformati, avvengono in modo delicato e regolare, grazie all’utilizzo di sistemi elettronici di controllo delle accelerazioni e delle inerzie. Il montaggio e lo smontaggio degli stampi risulta agevole e la sformatura può essere effettuata direttamente sui carrelli di movimentazione dei pezzi stessi. Questa macchina riprende la tecnologia delle macchine servomeccaniche, prodotto di punta della CSC, che consentono di lavorare con tipologie di pezzi più semplici e rappresentano una valida ed economica soluzione rispetto al colaggio manuale riducendo gli spazi necessari e potendo utilizzare modelleria stampi derivanti dal colaggio manuale.


ADVERTISING

24-28 SEPTEMBER LB OFFICINE MECCANICHE Linear Design is the latest result of LB’s experience in the field of press feeding technologies for porcelain tile production: a multi-layer feeding system that offers the possibility of installing a variable number of working stations according to the specific manufacturing requirements. In its basic version, Linear Design installs a feeder for standard powders and two feeding/dosing units for decoration and aesthetic effects. The system can be equipped with additional feeding stations for a higher number of decoration steps. Linear Design delivers extraordinary manufacturing flexibility and is able to decorate ceramic tiles by superimposing layers of spray-dried and micronised powders, flakes, granules and powder glazes. LB’s patented feeders can also use mobile screens to obtain products with a totally innovative design. Linear Design feeder can be used to produce smooth, lapped, structured or polished tiles while maintaining the same design. The honing stage necessary to make the design visible when using conventional press feeders is therefore no longer needed for products created using Linear Design. The aesthetic effect is visible after pressing and no further treatment is required.

Linear Design è il nuovo risultato dell’esperienza LB nel campo delle tecnologie di alimentazione pressa per la produzione di gres porcellanato: un sistema di caricamento multistrato che offre la possibilità di Installare un numero di stazioni di lavoro variabile a seconda delle specifiche esigenze produttive. Nella sua versione più semplice Linear Design prevede l’installazione di un alimentatore per le polveri di base e due alimentatori-dosatori per la decorazione e l’ottenimento dell’effetto estetico desiderato. Il sistema può essere configurato con ulteriori stazioni di caricamento per ottenere un numero maggiore di passaggi di decorazione. Linear Design consente una straordinaria flessibilità produttiva; esso permette di decorare il pezzo ceramico sovrapponendo strati di polveri atomizzate, micronizzate, scaglie, granuli e smalti in polvere. Gli speciali alimentatori-dosatori -brevetto esclusivo LB- prevedono tra l’altro la possibilità di utilizzare schermi mobili che permettono di ottenere prodotti dal design assolutamente innovativo. I prodotti realizzati con l’alimentatore Linear Design possono essere ottenuti in versione liscia, lappata, strutturata o levigata mantenendo inalterata la grafica del prodotto. Il processo di levigatura, indispensabile con gli alimentatori pressa tradizionali per poter rendere visibile il risultato estetico, non è quindi più necessario per i materiali realizzati con Linear Design. L’effetto estetico risulta infatti visibile già al completamento della fase di pressatura, senza necessità di ulteriori processi di lavorazione.

VISIT OUR STAND AND DISCOVER NEW PRODUCTS

Pav.C1 Stand 001!

NEW COMPONENTS LINE FOR HEAVY & LARGE TILES

NEW ROLLERS FOR DIGITAL APPLICATION

Sistema alimentazione pressa multistrato Multi-layer press feeding system stema alimentazione pressa multistrato ulti-layer press feeding system

Via Europa,4 - 42015 Correggio (RE) - ITALY Tel.+39-0522-631055 - Fax.+39-0522-642992 Web: http://www.fm.re.it E-mail: fm@fm.re.it Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

151


products prodotti XAAR Xaar, the leader in digital ceramic printing technology, has chosen Tecnargilla 2012 (Rimini Fiera, Stand D1) to showcase its new Xaar 1001 GS12 printhead for the first time in Europe. The Xaar 1001 GS12 printhead, part of the revolutionary Xaar 1001 inkjet printhead family, enables ceramic tile manufacturers to achieve even deeper and richer colours or double their productivity (compared with the Xaar 1001 GS6). This new printhead features Xaar’s proven TF Technology™ to give unrivalled reliability with low maintenance, ensuring maximum productivity in the harshest industrial environments. The reliability and print quality of the Xaar 1001 has revolutionised the ceramics industry. Today, it is the printhead of choice for both ceramic tile printer manufacturers and producers of ceramic tiles alike. Xaar has worked closely with all the leading tile printer manufacturers to develop the new Xaar 1001 GS12. The first printers to feature the new printhead will be launched at Tecnargilla with new machines from EFI Cretaprint, KERAjet, Projecta Siti-B&T, Intesa-Sacmi and TecnoFerrari. Tile manufacturers can now choose the best Xaar 1001 printhead variant

for their application. The established Xaar 1001 GS6 jets dynamically-variable 6-42 picolitre drops, which make it ideal for the production of pale shades and detailed tile designs viewed at close quarters, such as wall tiles. The Xaar 1001 GS6 is also the perfect choice for packaging and single-pass display graphics applications that require fine detail. The new Xaar 1001 GS12 model jets larger 12-84 picolitre drops, delivering even more ink for bolder tile colours and effects. Alternatively, the Xaar 1001 GS12 can give the same ink coverage as the GS6, but at double the print speed. With both printheads ceramic tile manufacturers can achieve a stunning replication of natural materials like marble and granite, as well as highly decorative creative new designs.

Xaar, leader nelle tecnologie di stampa digitale su ceramica, sceglie il palcoscenico di Tecnargilla 2012 (Rimini Fiera, Stand D1) per presentare, per la prima volta in Europa, la nuova testa di stampa Xaar 1001 GS12. La testa di stampa Xaar 1001 GS12 è un importante componente della rivoluzionaria famiglia Xaar 1001 di teste di stampa inkjet, e permette ai produttori di piastrelle ceramiche di ottenere colori ancora più profondi e ricchi, raddoppiando la loro produttività (rispetto a Xaar 1001 GS6). Questa nuova testa di stampa utilizza l’innovativa Xaar TF Technology™ per fornire livelli senza precedenti di affidabilità, offrendo la massima produttività con esigenze minime di manutenzione, anche negli ambienti produttivi più difficili. L’affidabilità e la qualità di stampa di Xaar 1001 ha rivoluzionato l’industria della ceramica. Oggi, Xaar è la testa di stampa più diffusasia dai costruttori di stampanti per piastrelle ceramiche, che dai produttori di piastrelle ceramiche. Xaar ha collaborato a stretto contatto con tutti i costruttori leader per svilup-

pare la nuova Xaar 1001 GS12. Le prime stampanti che adotteranno la nuova testa di stampa saranno presentate a Tecnargilla da nomi come EFI Cretaprint, KERAjet, Projecta Siti B&T, Intesa-Sacmi e TecnoFerrari. I produttori di piastrelle possono ora scegliere la variante di testa di stampa Xaar 1001 più adatta per le proprie caratteristiche di produzione. La testa Xaar 1001 GS6 spruzza gocce da 6-42 picolitri variabili dinamicamente, rendendola ideale per la produzione anche dei toni più delicati, ottenendo disegni particolarmente dettagliati anche se osservati da vicino, un aspetto interessante soprattutto per le piastrelle da rievstimento. La Xaar 1001 GS6 è anche la scelta ideale per applicazioni di packaging e di stampa a singola passata di espositori, che richiedono un livello di dettaglio elevato. Il nuovo modello, la Xaar 1001 GS12 spruzza gocce più grandi, da 12-84 picolitri, depositando una quantità maggiore di inchiostro e realizzando colori ed effetti ancora più incisivi. In alternativa, la Xaar 1001 GS12 può offrire la stessa copertura inchiostro della GS6, ma con una velocità di stampa raddoppiata. Con entrambe le teste di stampa, i produttori di piastrelle ceramiche possono realizzare riproduzioni di materiali naturali, come marmo e granito, con una fedeltà sorprendente, oppure utilizzare nuovi disegni, più complessi ed altamente decorativi.

places traditional sliding plates. It consists of a loadbearing structure that remains mounted on the press at all times and a set of lightweight, low-cost stainless steel/Teflon spare parts that can easily be replaced by the operator. With Quickly®, machine stoppage times for the replacement of worn sliding plates are considerably reduced and it is no longer necessary to recondition them in the workshop. This brings savings in maintenance, transport

Emar completa la sua gamma aggiungendo al sistema di alimentazione multistrato “X55®”, il carrello “X10®” dedicato al monostrato. “X10®” nasce con l’obiettivo di migliorare performance e flessibilità e di abbattere i costi di manutenzione. E’ dotato di pulpito di controllo e software dedicato, ha una struttura solida ma nello stesso tempo semplice, può essere utilizzato su qualsiasi pressa e la ricambistica è reperibile localmente. Rimanendo nell’ambito dell’alimentazione polveri, Emar presenta

anche “Quickly®”: un nuovo sistema che sostituisce le tradizionali piastre di scorrimento. Consiste in una struttura portante, che rimane sempre montata sulla pressa, e in un set di ricambi leggeri ed economici, in inox/teflon, facilmente sostituibili dall’operatore. Grazie a Quickly® i fermi macchina per la sostituzione dei piani di scorrimento usurati si riducono notevolmente e non è più necessaria la rigenerazione in officina, con conseguente riduzione dei costi di manutenzione, trasporto e stoc-

EMAR-IMES Emar has completed its product range by introducing the singlelayer X10® car to the multi-layer X55® feeding system. Designed to improve performance and flexibility and to reduce maintenance costs, X10® is equipped with a control panel and special software. It has a rugged but simple structure and can be used with any type of press. Spare parts are available locally. Another new offering in the field of powder feeding is a system called Quickly® that re-

15 2

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

and storage costs. Emar-Imes is also presenting new products in the field of mould accessories, including: • Pick-Up®, a device that allows large-dimension upper punches to be changed rapidly on soft transfer moulds. This action is performed in complete safety for the operator and protects the punch from damage. The system is equipped with a selfcentring device. • Eolo®, a cleaning system for upper and lower moulds in single or double rows, equipped with control panel, software and solenoid valves to control and manage the times and durations of the blowing action. Emar-Imes® is a leader in the production of presses for special pieces and skirting for ceramics and presses for polymer vulcanisation on punches of all sizes.

caggio. Le novità di Emar-Imes sono anche nel campo degli accessori per stampi, tra i quali: • “Pick-Up®”, un dispositivo che permette di cambiare velocemente i tamponi superiori di grandi dimensioni su stampi a trasferimento di soffice. Questa operazione viene così svolta in assoluta sicurezza per l’operatore e consente di proteggere il tampone da eventuali danni. Il sistema è dotato di dispositivo autocentrante; • “Eolo®”, un sistema di pulizia per stampi superiori e inferiori, a singola o doppia fila, dotato di pannello di controllo, software ed elettrovalvole, che controllano e gestiscono i tempi e le durate dei soffiaggi. Emar-Imes è leader nella costruzione di presse dedicate sia alla produzione di pezzi speciali e battiscopa per l’industria ceramica, che alla vulcanizzazione dei polimeri su tamponi di ogni dimensione.


products prodotti UMG - UNITED MINERALS GROUP Ukrainian clays are amongst the most widely used raw materials in the ceramic sector, particularly for porcelain tile production, and are renowned the world over for their technical and aesthetic qualities. The Ukrainian clay mining industry includes major players that have grown up over the years. Three of these have now merged into a single industrial group, UMG or United Minerals Group, founded in 2010 and owned by the largest Ukrainian financial and industrial group, System Capital Management. This new group combines the three historic enterprises, Vesco, Druzhkovka and Ogneupornerud, all of which are located in the city of Druzhkovka in southeast Ukraine. UMG controls the largest plastic clay quarries in the country and is also one of the largest clay producers in the world with a production capacity of 3 million tons/year and clay reserves of 300 million tons. Ukrainian clays are especially popular for their high aluminium oxide content (over 26.0% in unfired material) and low iron oxide content (below 1.0%). The high quality of the raw materials produced by UMG is backed by UNI EN ISO 9001 certification, which ensures excellent standards in selective mining, blending, cargo loading and testing of samples. UMG was also the first Ukrainian company to set up a training centre for employees with the aim of improving its industrial processes, production efficiency and product quality. The company also has a strong focus on logistics. Around 1.5 million tons of products are transported by train to customers in Eastern Europe and the CIS

states, while a further 1.3 million tons are shipped through the ports of Mariupol (Sea of Azov) and Theodosia (Black Sea). These are then delivered by three distributors selected for their logistics capacity, fair pricing, warehouse availability and a customer-oriented approach. United Minerals Italy and United Minerals Spain distribute UMG clays to major markets in Italy and Spain, with warehouses respectively at the ports of Ravenna and Castellón de la Plana and shipping and commercial logistics in other markets. Along with UMG’s high storage capacity, this transport network assures a constant supply of raw materials to the ceramic industry. UMG’s warehouse can store up to 700,000 tons of clay. This means that the group can produce clays of stable quality and low moisture content (around 18%) during the summer and then make shipments between November and April. In spite of its high level of production, UMG is very sensitive to environmental issues. Its production site extends over an area of around 2,000 hectares and its quarries move forward by 15-20 hectares annually. Worked-out land is restored by replacing earth and planting trees. During the last five years UMG member companies restored about 250 hectares of land and planted 110 hectares of forest. UMG currently supplies its clays to more than 20 countries worldwide. Its main markets are Russia, Ukraine, Italy, Spain, Turkey and Poland.

ADVERTISING

15X4 X

Cera orlReview d Review 2012 Cera micmic W oWrld n. n. 80/98/ 2009

Conosciute in tutto il mondo per le loro qualità tecniche ed estetiche, le argille ucraine sono tra le materie prime più impiegate nel settore ceramico, specialmente per la produzione di gres porcellanato. L’industria estrattiva ucraina vanta importanti player cresciuti negli anni, tre di questi sono ora parte di un unico gruppo industriale: UMG United Minerals Group, fondato nel 2010 e controllato dal maggior gruppo finanziario e industriale ucraino, System Capital Management. In questa nuova società sono confluite tre storiche aziende - Vesco, Druzhkovka e Ogneupornerud - tutte situate nella regione sud orientale dell’Ucraina, presso la città di Druzhkovka. UMG controlla pertanto le maggiori cave di argille plastiche del paese ed è uno dei maggiori produttori mondiali, con una capacità produttiva di 3 milioni ton/anno e riserve pari a 300 milioni di tonnellate. Tra le caratteristiche più apprezzate delle argille ucraine troviamo le alte percentuali di ossido di allumina - oltre il 26,0% nel materiale crudo - e le basse percentuali di ossido di ferro - inferiori all’1,0%. L’elevata qualità delle materie prime prodotte da UMG è assicurata anche dalla certificazione UNI EN ISO 9001 che assicura ottimi standard nell’estrazione selettiva, composizione, controlli e logistica. UMG è inoltre stata la prima azienda ucraina a dotarsi di un centro di formazione per i dipendenti, col fine di migliorare processi industriali, efficienza produttiva, e qualità dei prodotti. L’azienda pone, inoltre, particolare cura nella logistica: circa 1,5 milioni di tonnella-

te raggiungono, via treno, i clienti dell’Est Europa e degli Stati del CIS; altri 1,3 milioni di tonnellate lasciano il paese attraverso i porti di Mariupol (Mare di Azov) e Theodosia (Mar Nero), per poi essere consegnate da tre distributori selezionati in base a capacità logistica, politiche di prezzo, disponibilità di stoccaggio e approccio alla clientela. United Minerals Italy e United Minerals Spain si occupano della distribuzione delle argille UMG nei principali mercati di Italia e Spagna, con magazzini nei porti di Ravenna e Castellon de la Plana e logistica navale e commerciale attiva anche in altri mercati. Questa rete di trasporti assicura un approvvigionamento costante alle industrie ceramiche, possibile anche grazie all’elevata capacità di stoccaggio di UMG. Presso i suoi stabilimenti infatti è possibile conservare fino a 700.000 tonnellate di argilla. Ciò consente all’azienda di produrre argille a qualità costante e bassa umidità, attorno al 18%, durante la stagione estiva, per poi effettuare le spedizioni tra novembre e aprile. L’elevata produzione di UMG non esclude una forte sensibilità ambientale. Il sito produttivo dell’azienda si estende su 2.000 ettari e le sue attività estrattive movimentano annualmente 15-20 ettari di terra, ma il terreno lavorato viene recuperato restituendogli la terra estratta e mettendo a dimora nuovi alberi. Con questo metodo, negli ultimi cinque anni sono stati recuperati circa 250 ettari di terreno e piantati 110 ettari di foresta. Attualmente le materie prime UMG sono presenti in 20 paesi. I maggiori mercati sono Russia, Ucraina, Italia, Spagna, Turchia e Polonia.


HITO TECHNICAL INDUSTRIES, S.L. www.hito.es www.hito.es www.hito.es www.hito.es www.hito.es

www.hito.es

www.hito.es www.hito.es www.hito.es www.hito.es www.hito.es www.hito.es

Bolas y revestimientos de alúmina de alta densidad High density alumina balls and lining bricks HITO TECHNICAL INDUSTRIES, S.L. www.hito.es Narcís Monturiol, 26 08187 Santa Eulàlia R. (Barcelona) – Spain Tel. +34 938 449 982 Fax +34 938 449 269 E-mail: hito@hito.es Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

155


products prodotti FM The growing popularity of heavy, large-format tiles is forcing producers to redesign some of the components used for transport to improve their ability to withstand loads and movements. With this in mind, FM will be presenting a new line of such components at Tecnargilla 2012 on its stand 001 in hall C1. The new products include: • Containment roller conveyors. A new reinforced roller conveyor with covered and adjustable rollers has been specially designed to withstand higher lateral workloads. The rollers are coated with a special non-scratch material and the distance between them can be adjusted. • Supports. A new model of reinforced support and rod guarantee resistance to the very high loads generated by the widening of the frames and the production of large tile sizes. This support will also be presented with a special aluminium profile so as to be able to fully exploit the fixing capacity on the upper section without any impediment. • Containment system. The “Containment bridge” system is designed to contain largeformat tiles during handling on the line, preventing them from falling or moving out of position. This product offers wide clearance because it remains open and does not close the upper section of the line, facilitating for example extraction from above. By using various supports, it can be combined with the projecting roller con-

veyor, the T profile or conventional blades to optimise containment according to requirements. • Adjustment system. The SRS systems, designed to facilitate and speed up size changes, are now produced with very large frames (1000 - 1100 - 1200 - 1300) for the transport of extra large tiles. • Tilting support. The new 0-40° Universal Inclined Fastening Support serves to secure the projecting roller conveyor or blade carrier to the square or rectangular sections fixed to the frame. It is exceptionally rugged due to the use of an anodised aluminium rotating structure. This support enables the edge to be tilted by 40° or more, facilitating containment of moving items on the lower edge. Another new product that will be on display is a special roller conveyor with conical rollers capable of adhering to the transport surface and avoiding contact with the upper edge of the tile. This roller conveyor is ideal for use prior to digital printing.

La crescente diffusione delle piastrelle di grande formato, o comunque con pesi considerevoli, costringe a rivedere alcuni componenti utilizzati per il loro trasporto per sopportarne carichi e spostamenti. A Tecnargilla 2012, presso lo stand 001 pad. C1, sarà presentata la nuova linea di componentistica che risponde a queste nuove esigenze. Tra le novità principali: • Rulliere di contenimento. Una nuova rulliera rinforzata con rullini ricoperti e regolabili è stata studiata per sopportare maggiori carichi di lavoro laterali e con la possibilità di regolare la distanza fra i rullini, ricoperti di uno speciale materiale antigraffio. • Supporti. Un nuovo modello di supporto e astina rinforzati garantiranno la resistenza a carichi considerevoli, in parte dovuti all’allargamento dell’estensione dei telai e ai formati di grandi dimensioni. Con questo supporto verrà presentato anche uno speciale profilo di alluminio per poter sfruttare al 100% la capacità di fissaggio sulla parte superiore, senza alcun impedimento. • Sistema di contenimento. Il sistema di contenimento “Kit Semiponte” invece è stato

studiato per contenere piastrelle di grandi formati durante la movimentazione sulla linea, evitandone la caduta o lo spostamento dalla sede. Questo prodotto concede una grande luce di passaggio proprio perchè rimane aperto e non chiude la parte superiore della linea (facilitando ad esempio l’estrazione dall’alto); inoltre, grazie a diversi supporti può essere abbinato alla rulliera a sbalzo, al profilo a “T” o alle classiche lame, per organizzare il contenimento nel migliore dei modi a seconda delle esigenze. • Sistema di Regolazione. La linea degli SRS, sistemi che facilitano e velocizzano il cambio formato, vengono ora prodotti anche con telai molto grandi : telaio 1000 1100 - 1200 - 1300 per il trasporto di piastrelle con misure extra. • Supporto Inclinabile. Ideale per fissare la rulliera a sbalzo o la reggetta in metallo ai trafilati quadri o rettangolari bloccati al telaio, il nuovo Supporto Universale di Fissaggio Inclinabile 0-40°, è eccezionalmente robusto, grazie all’impiego della struttura rotante in alluminio anodizzato. Questo supporto dà la possibilità di inclinare la sponda fino ad oltre 40°, facilitando il contenimento degli articoli in movimento, nello spigolo inferiore. Verrà presentata inoltre una speciale versione di rulliera con rullini conici che permette di aderire al piano di trasporto evitando il contatto con lo spigolo superiore della piastrella. L’impiego di questa rulliera è ideale prima di applicazioni di stampa in digitale.

thanks to the introduction of a hydraulic circuit in the lower section. This technology is not only easier and quicker to set up than the upper section version, it is also more durable because it is subject to less stress and is suitable for use with various types of universal bases.

In occasione di Tecnargilla 2012, Martinelli presenta Kaliber®, la prima linea di stampi flottanti monocalibro nella parte inferiore, e le Latrine “HQ-S”® per stampi SSS. Kaliber-S®, versione per stampo “SSS”, per formatura piastrelle con superficie bella rivolta verso l’alto, permette di ottenere un calibro

unico in fase di pressatura, per tutti gli alveoli dello stampo, grazie all’applicazione di un circuito idraulico nella parte inferiore. Questa tecnologia, oltre ad avere una messa a punto più semplice e immediata rispetto a quella realizzata nella parte superiore, è più resistente, perché meno sollecitata e

MARTINELLI At Tecnargilla 2012, Martinelli is presenting Kaliber®, the first line of floating single-calibre moulds in the lower section, and HQ-S® liners for SSS moulds. The Kaliber-S® version for SSS mould for pressing tiles with the fair face up allows a single calibre to be obtained from all mould cavities during pressing

15 6

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

The range is rounded off by Kaliber-E®, the version for entering dieset moulds, which consists of an upper plate with floating magnetic punch holders, designed according to the same principles as its sister product Kaliber-S®. Both systems are ideal for multirow moulds and allow the connection between isostatic punches to be eliminated. Thanks to this characteristic, Kaliber-S® and Kaliber-E® can be installed even on single-cavity moulds for large sizes, eliminating expensive isostatic punches and returning to the rigid punch. Martinelli is also able to provide HQ-S liners for SSS moulds. In spite of their fragility, HQ liners can be used successfully with entering die-set moulds because they are adequately protected by the die-box. In the SSS moulds, the lower and upper liners operate almost in contact and their upper section emerges from the edge of the die-box. For this reason, special profiles had to be adopted to prevent detachment of the liners and suitable supports had to be added to guarantee protection in case of accidental impacts. Combined with the characteristics of the SSS moulds, these new liners guarantee consistent product quality and a lifetime that would be unimaginable with conventional liners.

più flessibile, in quanto può essere compatibile con i vari modelli di basamento universale. La gamma è completata da KaliberE®, versione per stampo entrante, che consiste in una piastra superiore con tasselli magnetici flottanti, costruita con gli stessi concetti e obiettivi della gemella Kaliber-S®. Entrambi i sistemi sono la soluzione ideale per stampi a file multipli e permettono di eliminare il collegamento tra i tamponi marca isostatici. Grazie a questa caratteristica, Kaliber-S® e Kaliber-E® possono essere installate anche su stampi mono cavità per grandi formati, eliminando così il costoso isostatico e ritornando alla versione rigida. Martinelli è inoltre in grado di offrire lastrine “HQ-S®” per stampi SSS. Il limite delle lastrine “HQ” è sempre stato rappresentato dalla fragilità del materiale ma, se con gli stampi entranti esse godono della protezione della matrice, con gli stampi di tipo SSS, con lastrine inferiori e superiori che lavorano quasi a contatto e fuoriescono dal filo matrice nella parte superiore, si sono dovuti adottare profili particolari per evitare il distacco e supporti idonei a garantire la protezione dagli urti accidentali. Le nuove lastrine “ HQ-S®” per stampi SSS di Martinelli, abbinate alle caratteristiche degli stampi SSS, garantiscono una qualità costante del prodotto ottenuto, ed una durata eccezionale con lastrine convenzionali.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

157


products prodotti GP SERVICE All bodies at a temperature above absolute zero (-273.15°C) emit electromagnetic radiation according to their temperature. By measuring the radiation emitted by a body, it is possible to determine its temperature without the need for contact. Thermography exploits the ability of certain devices to detect the intensity of radiation in the thermal region of the electromagnetic spectrum so as to verify and identify thermal abnormalities in spray dryers, dryers, kilns and electric panels and motors during production. It is therefore a useful technique for preventing annoying and costly machine stoppages. By comparing the measured values with those provided by the manufacturer, it is possible to determine the presence of incorrect operating temperatures and remedy the problem without halting production. The new thermographic analysis service provided by GP Service is able to: • identify problems before a malfunction occurs, saving time and money; • provide a complete picture of the state of the observed component; • perform inspections while the plant is operating; • identify temperature differentials within the observed component; • save data; • provide precise in-

formation on the settings to be made. Thermographic analysis is able to clearly identify points of heat loss in a printed electronic circuit, allowing action to be taken at these points to prevent melting or breakages. All points where an excessively high temperature creates a criticality can be photographed or filmed, allowing the zones requiring action to be identified with a high degree of precision without having to stop the machine and consequently the production process. With these technical characteristics, the fields of application of the thermal imaging technique has been considerably expanded and it can now be used in a wide range of sectors to analyse the physical state of components, monitor temperature changes caused by physical and/or chemical factors and study the progress of certain phenomena to predict events or preserve objects. Fields of application range from industry to medicine, from the architectural heritage to residential housing, from agriculture to energy and the environment.

Tutti i corpi che abbiano una temperatura superiore allo zero assoluto (-273.15 °C) emettono radiazione elettromagnetica indipendentemente dalla propria temperatura. Dalla misura della radiazione emessa da un corpo, può quindi essere ricavata la sua temperatura senza alcun contatto. La termografia sfrutta la capacità di alcuni dispositivi di rivelare l’intensità della radiazione nella zona termica dello spettro elettromagnetico, così da verificare e identificare eventuali anomalie termiche in atomizzatori, essiccatoi, forni, ma anche quadri elettrici e motori, durante la produzione. La termografia si rivela quindi utile per la prevenzione di fastidiosi e costosi fermi macchina poiché, confrontando tra loro diversi punti o i valori rilevati con quelli forniti dalla casa costruttrice, è possibile stabilire la presenza di errate temperature di esercizio ed intervenire sul problema senza fermare la produzione. Il nuovo servizio di analisi termografica offerto da GP Service consente di: • identificare il problema prima che si verifichi un guasto consentendo di risparmiare tempo e

denaro; • fornire un’immagine completa dello stato dell’oggetto ripreso; • eseguire operazioni d’ispezione con l’impianto in funzione; • individuare i delta termici all’interno dell’oggetto ripreso; • memorizzare i dati; • informare con precisione sulle regolazioni da effettuare. Una ripresa termografica, permette di individuare con chiarezza eventuali punti di dispersione del calore di un circuito elettrico stampato, dando così la possibilità di intervenire su tali punti di calore prevenendo rotture o fusioni. E’ possibile fissare in foto o video tutti i punti in cui l’eccessiva temperatura crea criticità ed identificare con estrema precisione le zone dove è necessario intervenire, tutto senza fermare le macchine e quindi la produzione. Date queste specifiche tecniche i campi applicativi si sono allargati notevolmente al punto che oggi è possibile introdurre la termografia in svariati settori per analizzare stati fisici di oggetti, monitorare mutamenti termici indotti da fattori fisici e/o chimici e studiare l’evoluzione di certi fenomeni al fine di prevedere eventi o preservare determinati oggetti. I campi di applicazione vanno da quello industriale a quello medicale, dai beni culturali alle civili abitazioni, dall’agricoltura alla tutela dell’ambiente, dal settore energetico alla sorveglianza ambientale.

the Tenax brand, the company has taken on fresh challenges over the years with a view to offering an ever wider range of solutions for new sectors. Its experience and investments in R&D and in modern laboratories have spawned a wide range of products for processing and treatment of ceramic. Tenax Cerami-

Dal 1956 Tenax si impegna lungo un cammino di ricerca e di innovazione, investendo in sviluppo e progettazione per garantire un servizio sempre più efficiente e preciso, realizzare soluzioni attuali e all’avanguardia, migliorare ogni singolo dettaglio. Leader mondiale con il marchio Tenax nella produzione e distribuzione di prodotti destinati

alla lavorazione e al trattamento dei materiali lapidei, ha raccolto negli anni nuove sfide, per proporre una gamma sempre più ampia destinata anche a nuovi settori. L’esperienza e gli investimenti nella R&D e nei laboratori moderni hanno portato alla nascita di una vasta linea di prodotti dedicati alla lavorazione e al trattamento della cera-

TENAX Tenax has been investing in research and innovation since 1956 with the aim of offering an increasingly efficient and meticulous service, developing cutting-edge solutions and improving every detail of its activity. A world leader in the production and distribution of stone working and treatment solutions under

15 8

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

ca offers a wide range of products designed to meet the specific needs of ceramic producers, including machine tools for satin finishing, lapping, chamfering, polishing, honing, squaring and surface treatments. The division will be unveiling major innovations for the sector at Tecnargilla. The patented EVOGRES system is a new-generation diamond tool for satin finishing and lapping of ceramic surfaces. It is able to finish satined materials so as to completely eliminate the rotation marks produced during the roughing stage. Furthermore, when used at the end of the normal lapping sequence, it guarantees a perfectly homogeneous surface with uniform gloss. Its structure with special flexible blades allows it to adapt to the material, harmonising the machining of ridges in the case of non-uniform surfaces. It will also be presenting the special tools T17GRES and T12GRES for fullfield lapping and polishing. These are ideal for all kinds of surfaces, even the most difficult to machine such as vitreous glazes which clog conventional abrasives and impact their cutting capacity. These new tools stand out for their cutting consistency over their entire useful working life, avoiding the need for the operator to make continuous changes to machine settings. With its reduced dimensions and greater flexibility, the 12 spindle T12GRES version is particularly suitable for irregular surfaces of glazed tiles and can reach as far as the edges without difficulty.

mica. Tenax Ceramica offre una vasta gamma di prodotti finalizzati a risolvere le specifiche esigenze di ogni azienda ceramica, tra cui utensili per: satinatura, lappatura, bisellatura, lucidatura, levigatura, squadratura e trattamenti superficiali. Tenax Ceramica si presenterà alla Tecnargilla con importanti novità per il settore. In evidenza Evogres, prodotto coperto da brevetto, è un utensile diamantato di nuova generazione per la satinatura e la lappatura delle superfici in ceramica, permette di rifinire i materiali satinati eliminando completamente i segni di rotazione derivanti dalla fase di sgrossatura. Inoltre, usato alla fine della normale sequenza di lappatura, garantisce una superficie perfettamente omogenea, anche in termini di gloss. La sua struttura, formata da speciali lamelle flessibili, gli permette, infatti, di adattarsi al materiale uniformando la lavorazione dei lucidi in cresta nelle disomogeneità della superficie. Saranno poi presentati gli speciali utensili per lappatura e lucidatura a campo pieno T17GRES e T12GRES, ideali per tutti i tipi di superfici, anche le più difficili da lavorare come gli smalti vetrosi che chiudono i tradizionali abrasivi eliminandone le capacità di taglio. Questi nuovi utensili si caratterizzano per la costanza di taglio per tutta la durata della loro vita utile, evitando all’operatore continui cambi di settaggio delle macchine. La versione T12GRES a 12 tasselli, grazie alle ridotte dimensioni e alla maggior flessibilità, è particolarmente adatta alle superfici irregolari delle mattonelle smaltate permettendo di raggiungerne perfettamente anche i bordi.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

159


products prodotti SETEC Setec is presenting its new highperformance HPCM type horizontal high-pressure casting unit. The machine can mount up to 2 single or multiple cavity moulds depending on the article being produced. The horizontal casting position considerably facilitates the shaping operation, maintaining the integrity of the product and ensuring the absence of deformations, thereby increasing output and quality. This plant configuration is also particularly suitable for highly automated solutions using handling robots capable of collecting semi-finished products from the machine and depositing them on storage lines. The system allows for highpressure casting of designer washbasins, shower trays, squat pans, cisterns, lids and pedestals, and in general all articles that can be produced with two-part microporous resin moulds without design constraints. The HPCM unit complete with handling robot is able to deliver outstanding performance. It can execute the processing cycle in complete automation without the need for operator intervention. All the

operator has to do is supervise the casting cell. The machine’s operation consists of the following stages: • closure of mould pack with settable pre-loading; • casting and thickness forming (possibility of setting ramps and/or intervals with variable pressures and durations); • emptying and consolidation with compressed air; • mould opening (one at a time); • automatic piece pick-up by means of a handling robot; • hydro-pneumatic mould washing and cleaning of accessory circuits.

Setec presenta la nuova e performante unità di colaggio orizzontale in alta pressione Tipo HPCM Sulla macchina possono essere montati fino a 2 stampi a cavità singola o multipla in funzione dell’articolo da produrre. La posizione di colaggio orizzontale agevola notevolmente l’aspetto legato alla formatura preservando l’integrità e garantendo l’assenza di deformazioni degli articoli, incrementando le rese quantitative e qualitative. Questa configurazione d’impianto inoltre si presta in particolar modo allo studio di soluzioni altamente automatizzate, mediante l’utilizzo di robot di manipolazione capaci di prelevare i

semilavorati dalla macchina e depositarli su apposite linee di stoccaggio. L’impianto permette il colaggio in alta pressione di: lavabi d’arredo, piatti doccia, vasi alla turca, cassette e coperchi, colonne e più generalmente tutti quegli articoli realizzabili con stampi in resina micro-porosa a due parti, che non presentino particolari impedimenti legati al design. L’unità HPCM completa di robot di manipolazione è in grado di garantire performances di assoluto rilievo, potendo contare sull’esecuzione del ciclo di lavorazione in totale automazione senza intervento attivo di alcun operatore, che viene chiamato solo a supervisionare la cellula di colaggio. Più in dettaglio il ciclo di lavorazione della macchina si articola nelle fasi seguenti: • chiusura del pacco stampi con pre-carica impostabile; • colaggio e formazione spessore (possibilità di impostare rampe e/o intervalli a pressioni e durate variabili); • svuotamento e consolidamento con aria compressa; • apertura stampi (uno alla volta); • prelievo automatico del pezzo a mezzo di robot di manipolazione; • lavaggio idro-pneumatico dello stampo e pulizia dei circuiti accessori.

M.D. Micro Detectors, azienda leader nella produzione di sensori industriali, amplia la propria gamma di sensori ad ultrasuoni in corpo cilindrico M18, completando la serie UK1 (introducendo le nuove versioni NPN e a cavo) e inserendo a catalogo la serie UK6, caratterizzata da un corpo estremamente compatto. I sensori ad ultrasuoni possono essere usati per rilevare oggetti di qualsiasi materiale, colore (sia opaco che lucido), grado di trasparenza e stato (liquido, solido e polvere), risultando quindi adatti a risolvere problematiche di rilevazione in applicazioni dove tipica-

mente altre tecnologie falliscono. I sensori UK1 e UK6 sono in corpo plastico, completamente resinati (quindi indicati per applicazioni soggette a vibrazioni) e vantano grado di protezione IP67. Sono disponibili modelli Atex, conformi alla Direttiva 94/9/CE, che possono essere impiegati in tutte le applicazioni con un livello di sicurezza normale (Gruppo II, Cat.3) Zona 2 per i gas e Zona 22 per le polveri. I sensori UK1, la cui regolazione avviene tramite pulsante di Teachin, sono omologati cULus, marchio che facilita l’introduzione della macchina nel mercato Nord Americano per tutti gli impieghi

MD MICRO DETECTORS M.D. Micro Detectors, a leading industrial sensor manufacturer, has widened its range of ultrasonic sensors with M18 cylindrical body by completing its UK1 series with the new NPN and cable versions and introducing the UK6 series featuring an extremely compact housing. Ultrasonic sensors can be used to detect objects made from any kind of material and in any colour (matt or shiny), degree of transparency and state (liquid, solid and powder), making them suitable for solving detection issues in applications where other technologies typically fail. The UK1

16 0

and UK6 sensors have a plastic housing. They are completely filled with resin (therefore suitable for applications subject to vibration) and have an IP67 protection rating. They are available Atex certified, compliant with Directive 94/9/EC, which can be used in all applications with a standard safety level (Group II, Cat. 3) Zone 2 for gas and Zone 22 for dust. UK1 sensors, with sensitivity adjustment by means of a teach-in button, are cULus certified, facilitating their introduction into the North American market for all applications where compliance with

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


ADVERTISING

UL standards is required. UK6 sensors are able to detect the presence of objects at a distance of up to 900 mm. As the total length of the body (including connector) is just 6 cm, they are the ideal solution for installation in extremely small spaces. The maximum distance and normally open/normally closed status change settings are made via the remote teach-in without any need for further external accessories, thereby optimising management costs and inventory. The remote teach-in function makes sensitivity adjustment very simple and avoids the risk of damaging the sensor. Furthermore, the M12 4-pin output allows for the use of the most common connectors. Temperature compensation over the entire working range (-10°C to +60°C) guarantees detection reliability. M.D. Micro Detectors is making significant product development investments with a view to widening its portfolio in the ultrasonic sensor segment. Over the next few months it is planning the market launch of cylindrical sensors in M30 plastic housing. In 2013 the company will develop an ultrasonic sensor with an M30 large front body and will begin development of non-cylindrical formats.

dove è richiesta la rispondenza agli standard UL. I sensori UK6 sono in grado di rilevare la presenza di oggetti fino a 900 mm di distanza ed essendo lunghi soli 6 cm (connettore compreso) possono essere installati in spazi estremamente ridotti. In essi la regolazione della massima distanza e il cambiamento di stato normalmente aperto/normalmente chiuso sono possibili attraverso il Teach-in in remoto, senza la necessità di un ulteriore accessorio esterno, ottimizzando così i costi di gestione e stock di magazzino. Il Teach-in in remoto, oltre a rendere la regolazione del sensore molto semplice, evita possibili manomissioni del sensore. Inoltre, l’uscita a connettore M12 a 4 poli permette l’utilizzo dei più comuni connettori e la compensazione di temperatura su tutto l’intervallo di lavoro (-10° ÷ +60°C) garantisce affidabilità nella rilevazione degli oggetti. M.D. Micro Detectors sta investendo significative risorse di sviluppo per ampliare il proprio portafoglio prodotti nel segmento dei sensori ultrasonici; nei prossimi mesi è infatti programmata l’introduzione sul mercato di sensori cilindrici in corpo M30. Nel corso del 2013, infine, verrà sviluppato un prodotto in corpo M30 large front e verranno avviate attività di sviluppo su formati non cilindrici.

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

161


products prodotti INTER-SER An innovative new system has been developed to apply a uniform layer of glaze, even in the case of large tile sizes, by means of a head operated by a pressurisation circuit. The pressure guarantees glaze stability over a wide range of viscosity and density values. The glaze is metered by a three-piston positive displacement pump (Maciste model), which is supervised with complete reliability by the electronic control unit. Poseidone is able to achieve mirror-flat surfaces with a uniform thickness over the entire tile surface, ideal for digital printing. Poseidone guarantees a constant glaze application weight. The automatic closed-loop metering correction system communicates with an electromagnetic flow meter to detect any deviations from the set values and automatically regulate the pump inverter. Poseidone is designed to minimise the need for operator intervention. It is able to continuously display the outflow value (litres/minute) and the pump’s speed of rotation (Hz), and can store settings to allow for repeatable conditions. The Maciste model volumetric pump combines absolute precision with a long lifetime, minimising maintenance costs and operations to be carried out by operators. The Poseidone system eliminates almost every physical/ chemical constraint of traditional ceramic applications. In bell application, as well as in disc and spray gun applications, successful operation depends on attaining a good point of equilibrium in the rheological parameters. To establish and maintain this equilibrium requires specific knowledge and continu-

16 2

ous monitoring by personnel. With its groundbreaking technological characteristics, Poseidone solves all these problems. Forced pressurisation overcomes the flow resistance of the most viscous glazes and stabilises the flow of less thick glazes in laminar conditions. This means that a single machine is able to operate with very different glazes: densities from 1500 g/l (min.) to 2100 g/l (max.) and viscosities from 15 to 120 seconds with Ford Cup 4 mm. It is therefore possible to apply small quantities (10 grams on a 20x20 cm surface) to obtain a thin, compact layer, as well as high thicknesses (180 grams on a 20x20 cm surface) to obtain a thick and compact layer (up to 2 mm), overcoming adhesion problems between subsequent layers. Application quality is always excellent in terms of layer compactness and uniformity of application from the first to the last tile. It is also possible to apply suspensions with a high solids percentage (approx. 78%). Because it is able to operate with outflow rates higher than those of hydrostatic applications, the resultant glaze layers maintain stability with greater heights and have the necessary elasticity to bend and withstand the impact of advancing tiles. This, together with the speed with which it is possible to adjust the height of the entire application head with respect to the tile conveyor surface ensures high performance for decoration of even highly textured tiles.

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012

Un sistema innovativo che prevede l’ottenimento di un velo di smalto uniforme, anche su grandi formati, attraverso una testata su cui agisce un circuito di pressurizzazione. La pressione garantisce la stabilità del velo in un ampio range di viscosità e densità. Il dosaggio dello smalto, operato da una pompa volumetrica a tre pistoni, modello Maciste, è supervisionato con assoluta affidabilità dall’unità di controllo elettronica. Poseidone permette di ottenere superfici a planarità speculare, in virtù dello spessore perfettamente uniforme su tutta la superficie senza ribordature, perfettamente adatte alla decorazione digitale. Poseidone garantisce la costanza di peso depositato sulle piastrelle. Il sistema di autocorrezione del dosaggio, ad anello chiuso, dialoga con un misuratore di flusso elettromagnetico per recepire eventuali deviazioni dai valori impostati e interviene automaticamente sull’inverter della pompa. Poseidone è stata concepita per ridurre al minimo le operazioni a carico del personale. Consente la visualizzazione continua del valore di efflusso (lit/min) e della velocità di rotazione della pompa (Hz), la memorizzazione dei dati impostati garantendo la ripetibilità delle condizioni. La pompa volumetrica, tipo Maciste, garantisce assoluta precisione e durata nel tempo riducendo al minimo le manutenzioni e semplici interventi da parte del personale. Poseidone consente di liberarsi quasi completamente dai vincoli fisico/chimici delle tradizionali applicazioni ceramiche. Tanto per l’applicazione a campana,

come per quelle a disco ed a aerografo, il buon funzionamento dipende da un punto di equilibrio nei parametri reologici, la cui individuazione e mantenimento richiedono esperienza specifica e continuo controllo da parte del personale. Le innovative caratteristiche tecnologiche di Poseidone la pongono al di sopra di questi problemi. La pressurizzazione forzata consente infatti sia di superare la resistenza al moto degli smalti più viscosi, sia di stabilizzare in condizioni laminari il flusso degli smalti meno densi. La stessa macchina può operare con smalti molto differenti: da un minimo di 1500 gr/lt fino a un massimo di 2100 gr/lt, viscosità da 15 fino a 120 secondo Coppa Ford mm4. E’ quindi possibile applicare basse quantità (10 grammi su base 20x20) per ottenere uno strato sottile e compatto o alti spessori (180 - 200 grammi su 20x20) per ottenere uno strato spesso e compatto fino a 2 mm superando le problematiche legate all’adesione tra strati successivi. La qualità dell’applicazione è ottimale sia dal punto di vista della compattezza dello strato sia da quello dell’uniformità di stesura dalla prima all’ultima piastrella. Inoltre si possono applicare sospensioni ad alta percentuale di solido (circa 78%). La possibilità di operare con velocità di efflusso superiori a quelle delle applicazioni idrostatiche significa ottenere veli che conservano stabilità per altezze superiori con elasticità alla flessione e all’urto dai pezzi in avanzamento. Questa proprietà, associata alla rapidità con cui è possibile regolare l’altezza di tutta la testata di velatura rispetto al piano di scorrimento delle piastrelle, esprime alta performance nella decorazione di superfici anche fortemente strutturate.


The new partner for the ceramic industry United Minerals Italy has been established in the center of the Italian ceramic district, to distribute Ukrainian clays coming from the mines of the United Minerals Group (Druzhkovka Quarry Ogneupornerud - Vesco), currently the biggest producer worldwide of white clays for the ceramic industry. The Ukrainian clay has always been considered the best raw material for porcelain stoneware bodies.

TECNARGILLA 2012 PAV.B5 STAND 068/094 UNITED MINERALS ITALY Srl Via A. Vivaldi, 4 - 41012 - Carpi (MO) Italy Tel. +39 059 652800 - Fax +39 059 652841 - info@umitaly.com Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

163


products prodotti WEKA Talos is an industrial plant control software designed for secure operation of supervision or operator interface PCs. The system can be installed on a normal PC with internet access and connected to the machines’ control and supervision PCs via an Ethernet network. It performs optimised backups, provides restore tools in the event of malfunctions and sends alerts for serious machine alarms.Copies of the machine management applications are made in real time at settable frequencies. Integrity and automatic restore controls can be set. In the event of a PC shutdown on the machine, the operator can restore the last valid session acquired. If the supervision PC has a hardware problem, Talos can quickly update a preconfigured backup PC using its verified copy of the files. This allows the machine to be restarted almost immediately and provides a backup for the time necessary to repair the damaged PC. Talos manages a remote signalling hierarchy of all alarms reported by the controlled machines, including voice calls to land lines and mobiles, text messages and emails. This function is managed by an advanced graphic interface that allows for simple operation. The transmission modes can be set and modified by the operator, who can establish signalling times and criteria for each individual machine alarm to be

16 4

sent to specific operators. Data can be acquired from one or more PLCs to supplement the information obtained from machines not controlled by PCs: alarms and production/ consumption, data collection from machines without supervision PCs. The data acquired from PLCs are normalised, archived and made available on the factory database. Data acquired from the PC and PLC (alarms, production, consumptions, temperature recorders, etc.) are stored in a database and can be password protected and consulted on screen. The data are stored for a time set by the user and are available for printing. They can also be converted to the most common formats such as excel, pdf, etc. The system can interface with existing management systems and data collection packages. By acquiring the product code and production batch list, it can perform quantitative and qualitative batch analysis, providing production data and performance analyses for machines and departments.

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

“Talos” è un software di controllo di impianti industriali, dedicato alla ‘messa in sicurezza’ di PC di supervisione o di interfaccia operatore. Il sistema può essere installato su di un normale personal computer, con accesso a internet e connesso in rete ethernet con i PC di comando e supervisione delle macchine, esegue backup ottimizzati, fornisce strumenti per ripristini in caso di guasti ed invia segnalazioni dello stato di allarme grave delle macchine. Vengono effettuate copie in tempo reale degli applicativi di governo delle macchine, con frequenza impostabile, sono impostabili controlli di integrità e ripristini automatici. In caso di blocco di un PC a bordo macchina, l’operatore può lanciare un ripristino dell’ultima sessione valida acquisita. Se il problema sul PC di supervisione non è software ma hardware, è possibile approntare rapidamente un PC di scorta preconfigurato, installando in modo automatico dati aggiornati e certamente sicuri. Ciò consente una ripartenza pressoché immediata della macchina e garantisce una copertura del tempo necessario alla riparazione del PC danneggiato. Il pacchetto gestisce una gerarchia di segnalazioni remote di tutti gli allarmi segnalati

da tutte le macchine sotto controllo: chiamate telefoniche vocali su numeri di rete fissa e cellulari, SMS su cellulari e messaggi di posta elettronica. Questa funzione è gestita tramite un’interfaccia grafica evoluta che ne consente una gestione semplice ed intuitiva, le modalità di invio sono impostabili e modificabili da parte dell’operatore, che può stabilire autonomamente tempi e criteri di segnalazione per ogni singolo allarme di ogni macchina verso gli operatori destinatari. E’ disponibile la raccolta di dati da uno o più PLC, distribuiti sul campo, per integrare le informazioni rilevabili da macchine prive di PC: allarmi e produzione/consumi, la raccolta dati di macchine prive di PC di supervisione. Le informazioni raccolte da PLC vengono normalizzate, archiviate e rese disponibili sul database dell’impianto. I dati raccolti da PC e PLC sono archiviati su database, protetti da password, e consultati a video: allarmi, produzione, consumi, registratori di temperatura ecc. Le informazioni vengono archiviate per un tempo che viene stabilito dall’utente, disponibili per stampe e convertibili nei più comuni formati: excel, pdf ecc. Il sistema si presta all’interfacciamento con sistemi gestionali e pacchetti di raccolta dati esistenti: tramite acquisizione dell’anagrafica dei codici prodotto e dei lotti di produzione, può generare una analisi quantitativa e qualitativa dei lotti, fornendo dati di produzione e analisi di rendimento di macchine e reparti.


New:

Hyperroll Dense Nano®

The first roller with zero porosity and highest modul of elasticity (MOE) of 120 GPa reinforced by innovative Nano particles. Hyperroll Dense Nano® was developed to solve the problems of roller bending which is producing too much arc like transport of tiles causing deformation and high ratio of rejects. Application of Hyper Dense particulary in the prekiln and preheating provides best results on perfect transport. Wider roller kiln cross sections for more cost efficient tile firing are demanding longer rollers over 4 meter lenghts. Due to the technical limitation of roller diameter to 54 mm normal or even technical rollers are bending too much under high load and producing problems with not straight tile transportation and the planarity of large tiles formats. The very high MOE of Hyperroll Dense Nano ® and its zero porosity offers almost no bending under highest load and highest resistance against chemical attack. Hyper Dense Nano

Normal roller

Porosity

< 0,5%

20%

Water absorbtion %

< 0,1%

10%

Density g/cm³

2,65

2,45

Modulus of rupture MOr in MPa

110

40

Modulus of elasticity MOe in gPa

120

60

Thermal expansion 106/°C

6,0

5,5

Thermal shock resistence

good*

Excellent

Chemical resistence

good

Medium

Bending under load

Very low

High

Very straight

Not straight

Yes

Up to 4,0 m only

Transportation of tiles Availability of extreme lenght up to 6 m

in e e nc h a t t si e m ® vi se for no to to er Na p e e A 01 m ll nd ns 0 o i a e c d e rg on l D s an A ti ol a t le N a r S P ec str er 3, T n yp B o H l m of l e d Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2 A us

diamorph hob certec sro Tovární 739,330 12 Horni Briza (Pilsen) Tel: + 420 378 010 910, Fax: + 420 378 010 934 sales@certec.cz - www.certec.cz

H

165


products prodotti SIMAC TECH Modular is a flexible and versatile press loading system patented by Simac Tech. It runs in a completely standalone mode and can be installed on any type and model of press. With its brushless motor drive allowing for a positioning precision of 5 tenths of a mm and PC management, Modular meets the most complex technical requirements for tile production. Modular is available in the following models: • Modular One press singleloading system. • Modular Powder DC, a pressloading system for double loadings specially designed for the production of porcelain tiles that cannot be reproduced using other systems. The patented system for reducing the loading stroke inside the mobile feeder is able to increase productivity and rapidly convert from double loading to single loading. • Modular NVP, a press-loading system specially designed for multiple loadings of products

with low flowability (e.g. flakes). • Modular CN4, a press-loading system specially designed for multiple loadings, which along with loading of precompacted products with low flowability (e.g. flakes and grits) is also able to batch micronised products. In the various models available, Modular is able to meet any requirements for tile production, from the simplest single-firing through to the most complex porcelain stoneware.

Modular è il sistema di caricamento pressa flessibile e versatile brevettato da Simac Tech. Completamente indipendente e applicabile a tutti i tipi e modelli di pressa, Modular rappresenta grazie alla movimentazione tramite motori brushless, che garantiscono posizionamenti con una precisione di 5 dec/mm e la gestione tramite PC, la soluzione alle più complesse richieste tecniche di produzione piastrelle. Modular viene prodotto nei seguenti modelli: • Modular One, sistema base di caricamento pressa a singolo

caricamento. • Modular Powder DC, sistema di caricamento pressa specifico per doppi caricamenti sviluppato per consentire la realizzazione di prodotti in gres porcellanato non riproducibili con altri sistemi. Il sistema brevettato di riduzione della corsa di caricamento all’interno del carrello mobile consente di aumentare la produttività e di effettuare rapidamente la trasformazione da doppio a singolo caricamento. • Modular NVP: sistema di caricamento pressa specifico per caricamenti multipli con prodotti caratterizzati da una scarsa scorrevolezza (es. scaglie). • Modular CN4: sistema di caricamento pressa specifico per caricamenti multipli che permette, oltre il caricamento di prodotti precompattati caratterizzati da scarsa scorrevolezza (es.grani-scaglie), anche il dosaggio di prodotti micronizzati. Nei vari modelli, Modular risolve tutte le necessità riguardanti la produzione di piastrelle, dalla “semplice” monocottura al più complesso gres-porcellanato.

Dalla stretta collaborazione con i più importanti gruppi ceramici italiani ed esteri nasce Stonerise, il nuovo carrello modulare di alimentazione pressa ideato da CMF Technology. L’alimentatore Stonerise ha la peculiarità di trasformarsi rapidamente,

conformemente alle necessità produttive, da semplice e robusto carrello lineare di alimentazione pressa a “tutta massa” ad efficace alimentatore pressa a “doppio caricamento”. CMF Technology ha infatti realizzato una serie di accessori specifici in grado di svolgere molteplici funzioni. Tali dispositivi possono essere agevolmente integrati sulla macchina in funzione della tipologia di prodotto che si vuole ottenere. CMF Technology ha voluto creare con Stonerise, una macchina priva di una configurazione standard, ma fortemente personalizzabile non solo in fase di progetto ma anche durante la successiva fase di utilizzo in produzione. Il software della macchina, grazie alla sua spiccata versatilità, consente di gestire ogni singolo accessorio in modo adeguato, semplice ed intuitivo.

CMF TECHNOLOGY The new modular press feeding car designed by CMF Technology was developed in close collaboration with leading Italian and international ceramic groups. The Stonerise feeder has the special characteristic of being able to switch rapidly from a simple and robust linear “full body” press feeding car to an efficient “double loading” press feeder according to production requirements. For this purpose, CMF Technology has created a series of specific accessories capable of performing many functions. These devices can be easily integrated into the machine according to the type of product required. With Stonerise, CMF Technology wanted to create a machine that would not have a standard setup but would instead be highly customisable,

16 6

not just during the design stage but also during subsequent use in the production process. Due to its outstanding versatility, the machine software allows each individual accessory to be managed effectively, simply and intuitively.

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


Designing new thermal treatment. Roller kilns and dryers, â&#x20AC;?echo-Radx typeâ&#x20AC;?, with heating system by radiation (predetermined and with selected direction type) and equipped with radiant pipe type,

self recovering, burners, with high energy saving and low co and nox emissions.

CARFER FORNI S.r.l. Via Marco Polo, 3 - 41049 Sassuolo (MO) Italy Tel. +39 0536 803655 - Fax +39 0536 889654 www.carferforni.it info@carferforni.it Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

167


products prodotti ROBATECH Robatech, a leader in the field of gluing technologies, has developed a fully integrated automatic feeding system for granule adhesives called RobaFeed™. This system enables the melt tank to be kept continuously filled, thereby ensuring a high degree of workplace safety. The new RobaFeed™ automatic filling system offers the advantages of greater efficiency and safety while maintaining low costs. With the recent development of this system, Robatech once again meets the needs of ceramic companies. RobaFeed™ is suitable for filling Robatech melt tanks by introducing adhesive in the form of granules from a separate container. The system is controlled via the level sensor of the melt tank. Granule transport is executed via a suction tube inserted in the adhesive container. The integrated Venturi effect system creates a negative pressure that permits transport of the granules, while suction is aided by a vibrating device mounted on the suction tube. If the level falls below the minimum set value, the level sensor sends a signal to the integrated control system which initiates the filling cycle. The feeder monitors the reserves of adhesive available in the tank and controls the filling process. Maintaining a constant operating temperature is an additional advantage and an essential characteristic in the

case of continuous filling. In the event of nonconformity, the system stops automatically, triggering the corresponding error message. Downtimes due to an empty or overfilled tank are no longer a problem, while the continued optimisation of the production process brings savings in terms of both time and cost. RobaFeed™ makes a significant contribution to improving workplace safety as the closed automatic tank filling system protects users against contact with molten glue. The release of fumes into the environment is also avoided, eliminating the problem of external contamination. As the air fed into the tank for the filling process is contaminated by vapours originating from adhesive melting, before being released to the environment it is passed through a special carbon filter capable of removing all harmful particles. With this new system, Robatech has once again demonstrated its attention to the environment.

Robatech, azienda leader nelle tecnologie di incollaggio, ha sviluppato RobaFeed™, un sistema di alimentazione completamente integrato ed automatico per adesivi in granuli, che consente il riempimento continuo della vasca di fusione garantendo così un elevato grado di sicurezza sul lavoro. I vantaggi del nuovo sistema di riempimento automatico RobaFeed™ si possono elencare in breve: maggiore efficienza e sicurezza a costi contenuti. Robatech, con il recente sviluppo di questo sistema, è di nuovo al centro delle esigenze e degli interessi delle aziende ceramiche. RobaFeed™ è adatto per il riempimento delle vasche di fusione prodotte da Robatech tramite il prelievo di adesivo in granuli da un contenitore separato. Il sistema è controllato tramite il sensore di livello della vasca di fusione. Il trasporto del granulato avviene per mezzo di un tubo di aspirazione che viene inserito nel contenitore di adesivo. Il sistema integrato a effetto Venturi crea una pressione negativa per consentire il trasporto dei granuli. L’aspirazione è coadiuvata da un dispositivo vibrante montato sul tubo di aspirazione. Se si scende

sotto il livello minimo stabilito, il sensore di livello invia un segnale al controllo integrato, che innesca il ciclo di riempimento. Il caricatore tiene sotto controllo la riserva di adesivo disponibile in vasca e controlla il processo di riempimento. Il mantenimento costante della temperatura operativa, prerequisito per il riempimento continuo, è indubbiamente un vantaggio ulteriore. In caso di non conformità il sistema si arresta automaticamente, attivando conseguentemente il messaggio di errore corrispondente. I tempi d’inattività dovuti al serbatoio vuoto o troppo pieno appartengono al passato, con un risparmio di tempo e di costi continuando a ottimizzare il processo di produzione. RobaFeed™ contribuisce in modo significativo al miglioramento della sicurezza sul lavoro, evitando all’utilizzatore il contatto con l’adesivo fuso, grazie al sistema chiuso di riempimento automatico della vasca. Si evita inoltre l’emanazione di fumi nell’ambiente eliminando quindi il problema delle contaminazioni esterne. Poiché l’aria alimentata nel serbatoio per il processo di riempimento viene contaminata dai vapori derivanti dalla fusione di adesivo, essa viene immessa nuovamente nell’ambiente attraverso un filtro speciale a carbone in grado di rimuovere ogni particella nociva. Robatech dimostra ancora una volta la propria attenzione verso le tematiche ecologiche.

metallic effects, special effects (glitters, interference colours), opaque whites, fluxes and precious metals. Available products also include a number of glazes and screen printing pastes that achieve excellent covering effects and resistance at temperatures from 780°C upwards. Technicians and sales personnel from Coloritalia® can provide further information and customise products to specific requirements.

Coloritalia presenta la sua linea di prodotti da decorazione per basse temperature. Nati per la decorazione del vetro, i prodotti Colorcer® G (Glass, appunto) danno ottimi risultati già a 550° e coprono un range di temperature che va dai 550 ai 750 a seconda delle gamme. La loro caratteristica li rende particolarmente interessanti per gli studi di terzo Fuoco che pos-

sono così ovviare ai problemi dello stonalizzo dei fondi in gres o dei lucidi, senza rinunciare a effetti estetici di alto livello. All’interno della serie G, Coloritalia propone una vasta gamma di colori, metallizzati, effetti speciali (glitter, interferenti) bianchi coprenti, fondenti e metalli preziosi. Sono inoltre disponibili alcuni smalti e serigrafie che permettono già a 780° ottimi effetti di coprenza e resistenza. I tecnici e i commerciali Coloritalia® sono a disposizione per ulteriori informazioni e per personalizzare i prodotti per le esigenze del cliente.

COLORITALIA Coloritalia is presenting its line of decorative products for low temperatures. Originally designed for decorating glass, Colorcer® G products give excellent results at temperatures as low as 550°C and cover a temperature range from 550°C to 750°C depending on the series. Their characteristics make them particularly suitable for third fire decoration, offering a solution to the problems of shade variation in porcelain or polished tiles without sacrificing high-level aesthetic effects. Within the G series, Coloritalia offers a wide range of colours,

16 8

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

169


products prodotti HOB CERTEC Hyperroll Dense Nano® is the first roller with zero porosity and extremely high modulus of elasticity (MOE) of 120 GPa reinforced by innovative nanoparticles. It was developed to solve the problem of roller bending, which produces excessively arc-like tile transport and consequently deformation and a high ratio of rejects. The use of Hyper Dense, particularly in the prekiln and preheating zones, achieves the best results in terms of transport. The advent of wider cross-sections roller kilns for more cost effective tile firing has led to the need for longer rollers over 4 metres in length. Due to the technical limitation of 54 mm for the roller diameter, normal or even technical rollers are bending excessively under high loads and creating problems in terms of non-straight tile transportation and flatness of large format tiles. Due to its very high modulus of elasticity and zero porosity, Hyperroll Dense Nano® experiences almost zero bending under even the highest loads and has outstanding resistance to chemical attack. One well-known and serious problem concerns incorrect transport, especially from the kiln entrance through to the main firing zone. For this purpose HOB CerTec has developed a very strong and stiff roller with an extremely high modulus of elasticity (120 GPa) compared to the generally much weaker rollers (60 GPa) normally used in the prekiln and preheating zone. Hyper Dense is therefore capable of improving tile quality and is the most suitable roller for replacing

all the rollers from the kiln entrance through to the 950°C1000°C zone. Subsequent to replacement, the normal rollers can be used in other positions in the kiln. If Hyper Dense does not need to be replaced, it can continue to operate without bending for a number of years and offers an excellent investment for improving tile quality with a rapid payback time. The photo shows the Diamorph Hob Certec CZ and Diamorph SWE management in front of the largest kiln in the world, which has a volume of 100 m3 for firing rollers up to 6.5 m in length.

Hyperroll Dense installation 1 prekiln 20°-650°C

2 prefiring 650°-1000°C

Hyperroll NG 3 main firing 1000°- 1280°C

Il primo rullo con porosità zero e altissimo modulo di elasticità (120 Gpa) rinforzato con innovative nanoparticelle. Hyperroll Dense Nano® è stato sviluppato per risolvere i problemi di piegatura del rullo che provoca un trasporto troppo arcuato delle piastrelle, dando luogo a deformazioni e ad un’elevata percentuale di scarti. L’applicazione di Hyper Dense, soprattutto nelle zone del preforno e di preriscaldamento, garantisce i migliori risultati in termini di trasporto. L’impiego di forni a rulli con sezioni più larghe, concepite per cuocere piastrelle in modo più economico, richiede l’utilizzo di rulli con lunghezze di oltre 4

metri. A causa del limite tecnico di 54 mm per il diametro dei rulli, i rulli normali o addirittura tecnici si piegano troppo sotto il peso di carichi elevati, creando problemi di trasporto non rettilineo delle piastrelle e di planarità in presenza di grandi formati. Grazie al modulo elastico molto elevato e alla porosità zero, Hyperroll Dense Nano® non è soggetto praticamente a nessuna flessione sotto carico massimo e assicura un’elevatissima resistenza contro le aggressioni chimiche. Un problema noto e importante è il trasporto scorretto di piastrelle, soprattutto dall’ingresso forno fino alla zona di cottura principale. A questo scopo HOB CerTec ha sviluppato un rullo molto forte e rigido con un modulo di elasticità estremamente elevato (120 GPa), a differenza dei rulli normali utilizzati nel preforno e nella zona di preriscaldamento che di solito sono più deboli (60 GPa). Hyper Dense è quindi in grado di migliorare la qualità delle piastrelle e si può sostituire a tutti i rulli dall’ingresso forno fino alla zona con temperatura a 950°-1000°C. Una volta effettuata la sostituzione, i rulli normali possono essere riutilizzati nelle altre posizioni del forno. Se non è necessario sostituirlo, il rullo Hyper Dense può continuare a funzionare per anni senza subire deformazioni, rappresenta un ottimo investimento per migliorare la qualità delle piastrelle, con rapidi tempi di ritorno della spesa. Nella foto, i dirigenti di Diamorph Hob Certec CZ e Diamorph SWE davanti al forno più grande del mondo con un volume 100 m3 per cuocere rulli di lunghezza fino a 6,5 m.

* 40-50 SR/RING 4 Rapid cooling 1280°-650°C

5 cooling 650°- 80°C

T

*

*

Kiln exit

17 0

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


TECNARGILLA, HALL C1, STAND 004

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

17 1


products prodotti SAIT Sait, an Italian manufacturer of quality control technology for the ceramic sanitaryware sector, is showcasing new products at Tecnargilla. CheckSan Light Yellow is a machine for performing leakage tests on sanitary fixtures and siphons that has already clocked up sales of more than 60,000 units worldwide. Leading Italian and international manufacturers perform this test on finished products before transferring them to the warehouse to be sold. Light Yellow has also been developed in a One Piece WC version designed for testing One Piece WCs in just a few seconds, allowing for savings of space, time and labour while ensuring optimal results. The machine is fully automatic and is designed to interface with the Tracksan barcode production tracking system, also produced by Sait. Due to the open nature of its protocols, it can be interfaced with other data collection and production control systems already installed in the factory. Further advantages of the machine include the currently verified leak size of 60 micron and the fact that two machines can be managed by a single

operator. Specially developed for Tecnargilla 2012, the version for testing WC thicknesses during the leakage test is capable of determining defects in the weight of the sanitary fixture. This is particularly important in the case of wallhung fixtures where inadequate thicknesses might lead to mechanical failure of the piece. The accessory used to perform this test can be mounted individually or directly on the leakage testing machine. Due to the modularity of the machines and accessories, it is possible to configure modular sorting islands at the request of the user company, even on continuous lines or belts. This means that finished product test lines can be automated and integrated more effectively into the factory layout. The CheckSan range also features laboratory sanitaryware test machines that can be configured to any international product standard.

Novità per Tecnargilla 2012 in casa Sait, azienda italiana produttrice di tecnologia per il controllo di qualità nel settore degli articoli igienico-sanitari in ceramica. CheckSan Light Yellow è una macchina per il controllo della tenuta dei sanitari e del sifone, già venduta in oltre 60mila esemplari, in tutto il mondo. Grandi aziende produttrici, italiane ed estere hanno adottato questo controllo sul prodotto finito prima di passarlo al magazzino per la vendita. Light Yellow è stata sviluppata anche nella versione One Piece Wc che consente di testare vasi One Piece in pochi secondi permettendo di economizzare spazio, tempo e manodopera, con la certezza di un ottimo risultato. La macchina è completamente automatica e nasce per essere interfacciata al sistema di tracciatura della produzione mediante codice a barre Tracksan, sempre di produzione Sait. Inoltre, vista la natura aperta dei suoi protocolli, può

essere interfacciata ad altri eventuali sistemi di rilevazione dei dati e di controllo della produzione già esistenti in stabilimento. Tra i vantaggi della macchina si può aggiungere anche che la dimensione di perdita, ad oggi accertata, ha grandezza pari a 60 micron e che due macchine possono essere gestire da un solo operatore. Appositamente in anteprima per Tecnargilla 2012 è stata sviluppata la versione per testare gli spessori dei vasi durante il test di tenuta che consente di verificare se esistono anomalie nel peso del sanitario e in particolare sui sanitari sospesi, dove spessori non adeguati potrebbero causare la non tenuta meccanica del pezzo. L’accessorio che consente di compiere questo test può essere montato singolarmente o direttamente sulla macchina di controllo della tenuta. Vista la modularità delle macchine e degli accessori si possono configurare delle isole di scelta modulari su apposita richiesta dell’azienda utilizzatrice, anche in linee continue o su dei nastri al fine di automatizzare e inserire meglio nel layout di stabilimento, le linee di test dei prodotti finiti. La gamma CheckSan si completa inoltre con macchine di test dei sanitari da laboratorio configurabile secondo tutti gli standard mondiali di prodotto.

ZSCHIMMER & SCHWARZ – CERAMCO Zschimmer & Schwarz is presenting its new products for digital printing based on work conducted at its R&D laboratories. Trucolor, a range of digital decoration inks, and Decoflux, a family of grinding media, join the large family of Zschimmer & Schwarz products, already popular for their stability in digital printing and the possibility of simple and customisable colour management. Trucolor inks guarantee maximum performance when used on ceramic

17 2

digital printing machines, taking the printheads and machines currently present on the market as their reference standards. They are designed to stabilise pigment dispersion in the medium and to reduce the risk of sedimentation during printing, thereby ensuring more consistent printing. All inks have density and viscosity characteristics that ensure perfect operation and performance in the principal DOD printheads present on the market, maximising efficiency,

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

Zschimmer & Schwarz presenta, quale frutto del lavoro svolto dai suoi laboratori di ricerca e sviluppo, i nuovi prodotti dedicati alla stampa digitale. Trucolor, gamma di inchiostri per decorazione digitale e Decoflux, famiglia di medium di macinazione, si integrano nell’ampia famiglia di prodotti Zschimmer & Schwarz, già presente e riconosciuta dal mercato soprattutto per l’attenzione alla stabilità nella stampa digitale e la possibilità di una gestione dei colori semplice e personalizzabile da parte del clien-

te. Gli inchiostri Trucolor garantiscono la massima resa nelle macchine per stampa digitale per ceramica, prendendo a riferimento gli standard delle testine e delle macchine presenti oggi sul mercato; sono stati concepiti, infatti, per stabilizzare la dispersione del pigmento nel medium e ridurre la possibilità di sedimentazione in fase di scrittura, rendendo quest’ultima più costante. Tutti gli inchiostri hanno requisiti di densità e viscosità tali da garantirne il perfetto funzionamento e rendimento nelle


intensity and colour gamut. The Zschimmer & Schwarz ink range complements the Digicer series, consisting of products for pre and post treatment of ceramic substrates decorated by digital printing. Trucolor inks are subject to the most stringent quality control tests for both process and finished product. The comprehensive range includes the following colours: Trucolor 206 Beige; Trucolor 207 Blue HT; Trucolor 209 Pink; Trusolor 210 Red Brown; Trusolor 2011 Yellow; Trucolor 217 Black; Trucolor 219 Blue. To cater for a market with increasingly complex requirements in terms of graphic designs and fin-

ished product management, Zschimmer & Schwarz has expanded its range of digital printing solutions with the Decoflux DP family of media. Decoflux DP is a family of grinding media designed to optimise the stability, reactivity and behaviour of fluids and offers ceramic companies the opportunity to expand their range of products with independently prepared inks while guaranteeing optimal grinding operations and the production of perfect colours.

principali testine DOD presenti sul mercato, massimizzando resa, intensità e gamma cromatica. La gamma di inchiostri Zschimmer & Schwarz si inserisce così a completamento della serie Digicer, costituita da prodotti per il pre e post trattamento dei supporti ceramici decorati tramite stampa digitale. Gli inchiostri Trucolor sono il frutto dei più rigorosi test di controllo di qualità sia sul processo che sul prodotto finito. La gamma è molto completa e si compone dei colori: Trucolor 206 Beige; Trucolor 207

Blue HT; Trucolor 209 Pink; Trusolor 210 Red Brown; Trusolor 2011 Yellow; Trucolor 217 Black; Trucolor 219 Blue. Per andare incontro a un mercato con sempre maggiori complessità in relazione alle grafiche ed alla gestione del prodotto finale, Zschimmer & Schwarz completa la sua gamma di soluzioni per la stampa digitale proponendo al mercato la famiglia di veicoli Decoflux DP. Decoflux DP è una famiglia di medium di macinazione creata per ottimizzare le caratteristiche di stabilità, reattività e comportamento dei fluidi e offre alle aziende ceramiche la possibilità di ampliare la propria gamma di prodotti con inchiostri preparati autonomamente, garantendo il perfetto comportamento delle proprie macinazioni e dei colori così ottenuti. ADVERTISING

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

17 3


products prodotti TECNOFERRARI TecnoFerrari Group delivers advanced solutions for the digital decoration of ceramic tiles in response to the increasing rigorous demands of a rapidly and continuously evolving market. TecnoFerrari Jet is a digital printer designed exclusively for the ceramic industry that combines high performance printheads and latest-generation electronics with the highest levels of reliability and productivity. The compact single-plate architecture with up to 8 colour bars allows for the use of standard inks as well as new engobes, anti-slip products and glitters (all meticulously tested in collaboration with suppliers) to enhance and diversify finished products. The proprietary continuous recirculation ink distribution system has proved effective in managing print processes that require high discharge rates or high line velocities. The flowrate is already sufficient to guarantee full compatibility with the new Xaar 1001 GS12 printhead. The dual automatic cleaning system and the intra-bar extraction system can be controlled according to the type of production and further reduce the number and duration of cleaning cycles to around 20 sec-

onds for the rapid cycle. TecnoFerrari Jet is continuously expanding its list of compatible inks, focusing on flexibility of use so as to give ceramic companies complete freedom of choice. TecnoFerrari Jet features the exclusive GeCo colour management package for analysis and conversion of preproduction images, which performs profiling, separation, softproofing on screen and hard-proofing on paper or on TecnoFerrari Jet printer. The GeCo wizard interface allows for rapid and intuitive pre-printing analysis of the feasibility of a new product and complete integration with the machine RIP software. Last but not least, the new Camaleonte tool is capable of performing a quick and simple evaluation of in-machine tone variations and restoring the correct tone following a process fluctuation.

Gruppo TecnoFerrari è in grado di offrire soluzioni avanzate per la decorazione digitale di piastrelle ceramiche, in grado di soddisfare le crescenti esigenze di un mercato in continua e rapida evoluzione. TecnoFerrari Jet è la stampante digitale pensata esclusivamente per l’ambiente ceramico che unisce le elevate performance di testine ed elettronica di ultimissima generazione con affidabilità e produttività in linea ai massimi livelli. L’architettura compatta a piatto unico fino a 8 barre colore consente già ora di utilizzare, oltre ai consueti inchiostri, anche i nuovi engobbi, affondanti, anti-slip, lustrini, accuratamente testati in collaborazione con i fornitori, per arricchire e variegare il prodotto finale. Il sistema di distribuzione inchiostri proprietario, a ricircolo permanente, si dimostra efficace nel gestire processi di stampa che richiedono alti scarichi

oppure elevate velocità di linea: il flowrate è tale da garantire già oggi piena compatibilità con la nuova testina XAAR 1001 GS12. Il doppio sistema di pulizia automatico e l’aspirazione intra-barra, regolabili in base alla tipologia di produzione, riducono la necessità di pulizie e la loro durata: circa 20 sec. per il ciclo veloce. TecnoFerrari Jet amplia continuamente la lista di inchiostri compatibili, validando la flessibilità di utilizzo e consentendo all’azienda ceramica una scelta libera, senza vincoli di utilizzo. TecnoFerrari Jet propone l’esclusivo pacchetto di gestione colore GeCo per l’analisi e la conversione delle immagini pre-produzione: profilazione, separazione, soft-proofing a video, hard-proofing su carta o su stampante TecnoFerrari Jet. L’interfaccia GeCo a wizard gestisce in maniera veloce e intuitiva l’analisi pre-stampa della fattibilità di un nuovo prodotto e la completa integrazione con il software di rip macchina. Infine lo strumento Camaleonte offre la possibilità di valutare con immediatezza e semplicità le variazioni di tono in macchina oppure di “rientrare a tono” in conseguenza di una fluttuazione di processo.

ments. Like the entire Sacmi industrial kiln range, Sacmi SML incorporates all the latest thermal and technological solutions for energy saving. The machine stands out for its high performance, excellent thermal efficiency and optimised consumption, bringing both environmental and financial benefits.

Sacmi Forni porta a Tecnargilla tre moduli di cottura di bocche differenti (2850, 3150, 3850 mm) di Sacmi Modular Line (SML). Non un semplice forno monostrato per piastrelle, ma un nuovo concetto di impianto termico: SML è infatti una macchina modulare che, in base alla configurazione scelta, può originare qualsiasi

modello di forno monostrato (FMP, XXL, EKO, ecc). Non solo: oltre alla bocca del forno, il produttore può cambiare la sua lunghezza o inserire accessori senza sprechi di materiale e con fermi linea molto ridotti, oltre che passare da una tecnologia di cottura tradizionale ad una EKO, senza la necessità di sostituire l’intero impianto. Tanti forni in uno, quindi, con la possibilità di personalizzare la propria soluzione impiantistica adeguandosi ai cambiamenti della produzione. Sacmi SML, come l’intera gamma di forni industriali Sacmi, integra tutte le più moderne soluzioni termiche e tecnologiche per il risparmio energetico. Una macchina che si distingue per le elevate performance, l’alta efficienza termica e l’ottimizzazione dei consumi, con grande vantaggio a livello sia ambientale che economico.

SACMI FORNI At Tecnargilla, Sacmi Forni will be displaying three firing modules with different infeed widths (2850 mm, 3150 mm and 3850 mm) from the Sacmi Modular Line (SML). Rather than a simple single-layer tile kiln, SML embodies a new kiln concept, a modular machine that can generate any model of single-layer kiln (FMP, XXL, EKO, etc.) according to the chosen configuration. Moreover, producers can modify not just the kiln mouth but also the kiln length and insert trims without material wastage and with only very limited downtimes, as well as switching from traditional to EKO firing technology without having to change the entire plant. It therefore offers many kilns in one, with the possibility of customising the adopted plant engineering solution to suit changes in output require-

17 4

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

17 5


products prodotti NUOVAFIMA- SURFACE INSPECTION (SACMI GROUP) For storage and end-of-line solutions, the group will be exhibiting the Nuova Fima EkoWrap packaging machine, a perimeter packaging unit that uses two corrugated cardboard sheets and a patented closure system to package large tile sizes. This design combines considerable cost savings with rapid size changeovers (just a few minutes), reducing the number of stored cartons and increasing sorting line productivity. The latest addition to the family of automatic inspection systems is the Surface Inspection Flawmaster 5GX/160, which can check tiles up to 1.5 metres in width and 3 metres in length. As the sizes requiring inspection continue to grow, so too systems are offering considerable improvements in terms of increased inspection speed and ease of use. Users can now make use of several automatic settings as well as comprehensive standard recipes for all

kinds of products and defects. Moreover, all recipes can be customised to meet producers’ specific requirements.

Per la parte stoccaggio e fine linea, il gruppo Sacmi esporrà in fiera la confezionatrice Nuova Fima EkoWrap™, un innovativo sistema

di confezionamento perimetrale che, utilizzando due fustelle di cartone ondulato e un sistema di chiusura brevettato, permette di confezionare anche formati di grandi dimensioni. In questo modo, al notevole risparmio di costi, si unisce la possibilità di cambiare formato in pochi minuti, ridurre i cartoni immagazzinati e aumentare la produttività della linea di scelta con una produzione in tempo reale di prodotti a più marchi. Nel campo dei sistemi di ispezione automatica, Surface Inspection presenta l’ultimo nato, il Flawmaster 5GX/160, in grado di controllare piastrelle fino a 1,5 metri di larghezza e 3 metri di lunghezza. All’aumento delle dimensioni ispezionabili si affiancano i continui sviluppi sia in termini di aumento della velocità d’ispezione sia della facilità d’uso. In particolare, sono state implementate diverse impostazioni automatiche per l’utente e ricette standard complete per ogni tipo di prodotto e difetto, personalizzabili per ogni esigenza.

Nel settore del whiteware, Sacmi propone due macchine con allestimenti innovativi: AVB - la nuova macchina per la produzione di vasi a brida aperta e vasi sospesi, estremamente flessibile e capace di produrre articoli in 2, 3, 4 e 5 parti di stampo - e ADS, con una cella di colaggio robotizzata estremamente innovativa con pre-essiccatoio a tunnel in cui sono installati contemporaneamente stampi di grandissima dimensione e per articoli diversi quali consolle, lavabi, cassette, coperchi e colonne. Particolare attenzione viene dedicata alla teleassistenza e al collegamento da remoto per garantire as-

sistenza continua sulle macchine di colaggio. Per la smaltatura saranno installate in fiera due celle, una con il tradizionale robot GA2000 e una con il nuovo robot GA OL (Off Line), specificatamente progettato per essere programmato in modalità off line. La divisione Whiteware rinnova il suo impegno sul tema del risparmio energetico e delle risorse in tutti i settori di applicazione. A questo proposito verranno mostrate cabine di smaltatura a secco, illustrando le soluzioni adottate sui forni dalla consociata Riedhammer per risparmiare energia e per ridurre le emissioni. Nella sede del Centro Ricerche Sacmi di Imola saranno mostrate inoltre due macchine monostampo per la produzione di vasi one piece carenati e sifonici con incollaggio di brida e cassetta eseguito in automatico.

SACMI WHITEWARE In the whiteware sector, Sacmi is showcasing two machines with innovative setups: AVB, the new and extremely flexible machine for the production of open-rim and wall-hung WCs, capable of producing items with 2, 3, 4 and 5-part moulds; and ADS, with an extremely innovative robotised casting station with tunnel predryer which mounts extremely large moulds and moulds for items such as consoles, washbasins, cisterns, lids and pedestals. Special attention is devoted to tele-service and remote connection to guarantee continuous support for casting machines. Two glazing cells will be on display in the Rimini exhibition centre, one with the GA2000 traditional robot and the other with the new GA OL (Off Line) robot specially designed for

17 6

programming in offline mode. The Whiteware division is also redoubling its efforts in the field of energy and resource saving in all application sectors. For this purpose it will be displaying dry glazing booths and illustrating the solutions adopted on the kilns of the group company Riedhammer to save energy and cut emissions. Additionally, two single-mould machines for the production of one-piece back-towall and siphon jet WCs with automatic rim and cistern attachment will be exhibited in the Sacmi Research Center.

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

17 7


products prodotti COLORSTORE Colorstore, a company specialising in software solutions and technical colour management consulting for the ceramic sector, is presenting Keraprofiler Multichannel, an innovative software package capable of managing graphic designs for multicolour configuration printers and performing faithful soft and hard proofing via the ICC colour profiles. Keraprofiler Multichannel was developed to optimise management of Multicolour type printing configurations in view of the increasingly wide use of 4, 5 and 6 colour configurations in the ceramic sector. This trend is one of the biggest challenges facing all players involved in graphic design management, namely glaze and colour producers, graphic design studios and ceramic manufacturers. Some of the traditional methods do not allow for any kind of colour management, so when corrections are made to graphic designs there is no colour correspondence between the graphic design viewed on the screen and the same design when printed and fired. Moreover, some systems are not easy for users to learn. By contrast, Keraprofiler Multichannel uses an advanced and exclusive Multicolour system to allow for autonomous management of the quantities of individual inks used in any multicolour configuration and the interactions between them. The software also uses a linearization module that is essential for achieving the maximum printing quality and for standardising two or more printing systems. The new ICC profile calculation engine has been upgraded and new cutting-edge functions introduced. These include the automatic profile calculation mode and the White Point Optimizer (WPO), which allows for exceptional separations in terms of detail and contrast. Keraprofiler Multichannel is independent of the type of machine or print RIP used. The graphic design studio, glaze and colour producer or ceramic manufacturer can handle multicolour configu-

17 8

rations for any type or model of printer, allowing total freedom in the choice of RIP. Like all solutions proposed by Colorstore, this software package has been developed specially for the ceramic sector so the engines, calculation algorithms and specific functions are based on decades of experience in the sector. Colorstore also offers other solutions for the ceramic sector, including: • Keraprofiler V2.0, profiler for 3-4 colour systems (RGB-CMYK) • Keraproofer Tiffout PostScript RIP adaptable to specific printing technologies. Another of Colorstore’s key strengths is the option of on-site training in the use of all colour and graphic design management technologies. Main advantages: - Graphic design management for printers with Multicolor configurations, performing soft or hard proofing of the fired product. - Correct use of each individual ink. - Maximum colour performance. - High-quality ICC colour profiles, even when using dark or coloured base glazes. - ICC colour profiles that can be used by any graphics application. - Extreme ease of creating colour profiles. - White point optimisation (WPO) function. - Powerful and functional linearization module. - Ease of product colour matching or ink changing. - Management of individual inks by user. - Usable for any printer and/or print RIP. - Creation of RGB, CMY, CMYK and Multicolour ICC colour profiles for use by any graphics application.

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

Colorstore, azienda specializzata in soluzioni software e consulenze tecniche di color management per il settore ceramico, si presenta con Keraprofiler Multichannel: innovativo software che offre la possibilità di gestire le grafiche, per stampanti con configurazioni colore multicolor, mantenendo, attraverso i profili colore ICC, una fedele preview a monitor e su carta (Soft Proofing e Hard Proofing). Keraprofiler Multichannel è stato sviluppato per poter gestire in maniera ottimale configurazioni di stampa di tipo Multicolor poiché nel settore ceramico stanno prendendo sempre più piede configurazioni a 4-5-6 colori; Questa tendenza rappresenta uno dei principali problemi per le aziende che si occupano della gestione delle grafiche: colorifici, studi grafici e aziende ceramiche. Alcuni metodi tradizionali infatti, non permettono nessun tipo di gestione del colore così che le correzioni delle grafiche da parte degli operatori non trovano corrispondenza cromatica tra la grafica visualizzata a monitor e la stessa stampata e cotta. Inoltre alcuni sistemi sono di non facile approccio per gli utenti. Keraprofiler Multichannel, invece, grazie ad un evoluto ed esclusivo sistema Multicolore, offre all’utente la possibilità di gestire, in autonomia, la quantità e l’interazione tra i singoli inchiostri impiegati in qualsiasi configurazione multicolore. È disponibile inoltre, all’interno dello stesso software, un modulo di linearizzazione, fondamentale per l’ottenimento della massima qualità di stampa e, non ultima, la possibilità di uniformare due o più sistemi di stampa. Il nuovo motore di calcolo dei profili ICC, è stato potenziato e sono state introdotte nuove funzioni all’avanguardia, quali la modalità automatica nel calcolo dei profili ed il White Point Optimizer (WPO), che permette di avere delle separa-

zioni eccezionali in termini di dettaglio e di contrasto. Keraprofiler Multichannel è indipendente dal tipo di macchina o rip di stampa uti-lizzato. Lo studio grafico, il colorificio o l’azienda ceramica stessa, possono gestire configurazioni multicolore per qualsiasi tipo o modello di stampante, lasciando la totale libertà nella scelta del rip da utilizzare. Come tutte le soluzioni proposte da Colorstore, anche questa è stata sviluppata per il settore ceramico, quindi motori, algoritmi di calcolo, funzioni specifiche, sono derivate dall’esperienza decennale nel settore. Colorstore dispone anche di altre soluzioni per il settore ceramico, tra le quali: • Keraprofiler V2.0, profilatore per sistemi a 3-4 colori (RGB-CMYK) • Keraproofer Tiffout Rip PostScript adattabile a specifiche tecnologie di stampa. Colorstore ha inoltre come suo punto di forza, la formazione presso le aziende per il corretto impiego di tutte le tecnologie di gestione del colore e delle grafiche. Principali vantaggi: - Gestione grafiche per stampanti con configurazioni Multicolor, mantenendo la preview a monitor o su carta del prodotto cotto. - Corretto utilizzo di ogni singolo inchiostro. - Massime prestazioni cromatiche. - Profili colore ICC di elevata qualità, anche utilizzando smalti di fondo scuri o colorati. - Profili colore ICC utilizzabili da qualsiasi applicativo grafico. - Estrema facilità di creazione dei profili colore. - Funzione di ottimizzazione del punto di bianco (WPO). - Potente e funzionale modulo di linearizzazione. - Facile controtipazione prodotti o cambi inchiostro. - Gestione dei singoli inchiostri da parte dell’utente. - Utilizzabile per qualsiasi stampante e/o rip di stampa. - Creazione profili colore ICC RGB, CMY, CMYK e Multicolor, utilizzabili da qualsiasi applicati-vo grafico.


A FASHION WEEK DA ARQUITETURA E CONSTRUÇÃO THE ARCHITECTURE AND CONSTRUCTION FASHION WEEK

05-08

MARÇO/MARCH

exporevestir.com.br

PROMOÇÃO PROMOTED BY

2013 SÃO PAULO / BRASIL

EVENTOS CONJUNTOS CO-LOCATED EVENTS INTERNACIONAL DE ARQUITETURA E CONSTRUÇÃO

APOIO SUPPORTED BY

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

17 9


products prodotti WEFLEX The position of assets, operators and equipment is a key factor in organising storage, handling and management activities with a view to cutting times and costs, minimising errors and improving safety. The Italian company Weflex (Casinalbo, province of Modena) is at the forefront in the development of logistic solutions based on the use of RFID technology for real-time identification of the position of goods. This system is used mainly for managing goods that need to be handled using lift trucks and pallet trucks in warehouses and outdoor storage areas. As Weflex’s chairman and CEO Alessandro Fiori explains, this innovative system maps all the areas where products are to be moved using microchips contained in small glass capsules, which impart precise instructions to the lift trucks. The lift trucks follow established paths, allowing the operator to view the location of the trucks and transported goods at all times on a display. This way the system is able to keep track of the positions of all trucks operating at a given time over a very large area, allowing truck operators to pick up the material that is closest to them. This improves safety while reducing energy consumption and environmental impact. All operations are controlled by a software package that enables the logistics manager to monitor the available resources in terms of human operators, vehicles and spaces. The first company to adopt this system was Sada Cavi of Spezzano, whose owner Mario Leonardi fully understood the advantages that the technology would bring in the handling of his company’s products. This was followed by further orders from companies located in the Sassuolo cluster,

18 0

an area where there are large numbers of ceramic warehouses containing thousands of pallets of finished materials awaiting delivery. Weflex has also received an order from Emilceramica for an innovative project that allows the operator to work in complete safety given that it is no longer necessary to search for pallets. Together with improvements in working conditions, the system also brings economic and energy savings. Time savings are one of the most significant features of the new system given the importance of order turnaround time for competitiveness. The system also monitors all operations and optimises stock originating from different production batches. Bayker srl, the commercial company that owns the rapidly-expanding chain of ceramic hyperstores, has also chosen Weflex and its technology for a warehouse reorganisation project.

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

La posizione degli asset, degli operatori e delle attrezzature è un elemento fondamentale per organizzare le attività di stoccaggio, di movimentazione e di gestione, riducendo così i tempi e i costi e minimizzando gli errori con un aumento della sicurezza. L’azienda Weflex di Casinalbo di Formigine è all’avanguardia nella realizzazione di soluzioni logistiche basate sull’uso della tecnologia Rfid, ossia di un sistema d’identificazione in tempo reale della posizione delle merci, il quale viene impiegato prevalentemente nella gestione di beni per i quali è necessario l’utilizzo di carrelli elevatori e trans pallet all’interno dei magazzini o sui piazzali all’aperto. Questo sistema innovativo avviene, come sostiene Alessandro Fiori, presidente e Ceo di Weflex, attraverso la mappatura di tutte le aree dove si deve spostare del materiale con delle capsuline di vetro, in sostanza dei microchip, che hanno delle

precise logiche alle quali rispondono i muletti. In qualsiasi momento, l’operatore guardando un monitor è a conoscenza dell’ubicazione del carrello elevatore e del materiale da movimentare perché segue un percorso conosciuto che gli permetterà di avere sempre la traccia di dove l’ha depositato. In questo modo si ha sempre, in tempo reale, la posizione di tutti i muletti che nello stesso momento operano su un’area molto vasta. L’operatore dell’elevatore indicato va a prendere il tipo di materiale più vicino lavorando in sicurezza, con un risparmio energetico e un maggior rispetto per l’ambiente. Tutte le operazioni vengono controllate da un software che permette al manager della logistica di operare controllando le risorse a disposizione: uomo-mezzo-spazio. La prima società ad aver adottato questo sistema è la Sada Cavi di Spezzano. Il titolare, Mario Leonardi, ha ritenuto che questa tecnologia potesse portare dei vantaggi nella gestione della movimentazione delle proprie merci e Weflex ha iniziato così ad avere referenze su di un territorio coperto, per buona parte, da aree adibite a magazzini di ceramiche, con migliaia di pallet di materiale finito in attesa di spedizione. Anche Emilceramica si è affidata a Weflex per un progetto innovativo che permette all’operatore di lavorare in sicurezza in quanto non deve più andare a cercare i pallet; le condizioni di lavoro migliorano e si riscontra un risparmio economico ed energetico. Considerando che la competitività viene misurata anche nei tempi di risposta all’ordine, il nuovo sistema consente un risparmio di tempo ed il controllo di tutte le operazioni oltre all’ottimizzazione delle giacenze dovute ai diversi lotti di produzione. Dopo Emilceramica anche Bayker srl, la commerciale proprietaria della catena di negozi “iperceramica” in forte espansione, ha scelto Weflex e la sua tecnologia per un progetto di riorganizzazione di magazzino.


8th Annual Ceramic Materials, Machinery, Supplies & Technology Show

19 - 21 March 2013

Gujarat University Exhibition Centre, Ahmedabad, India

Official Chinese agent

www.indian-ceramics.com

In association with

Indian Ceramics 2013 is operated by Gattaca Communications on behalf of Indian Ceramics Ltd, registered in the UK, No. 07872857 Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

181


products prodotti ATOS Atos is presenting the innovative AS85V/I digital electrohydraulic configuration for force/position controls. The latest developments in digital electrohydraulics involve the integration of axis card functions with proportional electrohydraulics, introducing a new automation architecture based on distributed intelligence and communication network interfacing. The Atos solution comprises innovative position/force controls executed by smart digital servoactuators. These consist of a low friction servocylinder, with integral position and force transducers, actuated by high performance servoproportional valve with on-board digital driver and axis controller. In this enhanced configuration, a single device can manage both dynamic motion and force/pressure control phases. The on-board axis controller automatically defines which control is active on a time-by-time basis, according to feedback from the position, pressure or load cell transducers. The new and complete line of digital controllers performs closed-loop management of position, speed or force of any electrohydraulic axis in either integrated format or panel mounting. They are independent units with two basic operating modes: • slave control: performs precise real-time closed-loop motion control according to external analog or fieldbus position reference signals; • motion cycle control: performs a pre-programmed position/time motion cycle with closed-loop control. The machine’s control unit provides

digital commands (start/stop/ switch-over) for axis synchronisation with the machine’s working cycle. The digital controllers improve the performance of the movements and simplify the machine’s automation by means of a fieldbus interface with the main control unit through CANopen or PROFIBUS-DP communication networks. In addition they are easily programmable from the PC using the same unique Atos software with its intuitive graphic interface. When integrated with proportional 4-way directional servovalves, RI-TEZ axis controllers perform the basic driver functions plus closed-loop position control of the linear/rotary actuator to which the proportional valve is connected. Z-ME-KZ Eurocard motion controllers, specifically designed for electrohydraulics, extend the quantity of available electronic interfaces and functions, thereby obtaining a more flexible and generalpurpose hydraulic motion control unit.

Una nuova proposta Atos è l’innovativa configurazione di elettroidraulica digitale per controlli di forza/posizione AS85V/I. Gli ultimi sviluppi dell’elettroidraulica digitale comportano l’integrazione delle funzioni delle schede controllo assi nell’elettroidraulica proporzionale, introducendo una nuova architettura dell’automazione basata sul concetto d’intelligenza distribuita e sulla connessione a reti di campo. La soluzione Atos è rappresentata da controlli di posizione/forza operati da servo attuatori digitali “intelligenti” composti da servo cilindro equipaggiato con guarnizioni a basso attrito, trasduttori di forza e posizione integrati, controllati da una valvola servoproporzionale ad alte prestazioni con driver e scheda assi digitali integrati. Questa configurazione consente ad un singolo controllore di gestire entrambe le fasi di movimento dinamico e controllo forza/ pressione. I controlli asse integrati definiscono automaticamente quale controllo attivare di volta in volta e sulla base del segnale di retroazione dai trasduttori di posizione, pressione o cella di carico. La nuova, completa linea di controllori digitali gestisce in anello chiuso posizione, velocità o forza di qualsiasi asse elettroidraulico, disponi-

bile sia in versione integrata che per montaggio a pannello. Sono unità indipendenti con due modalità operazionali di base: • slave control: esegue con precisione e in tempo reale il controllo in anello chiuso del movimento, in funzione dei segnali di riferimento di posizione analogici o via fieldbus; • motion cycle control: esegue un ciclo di movimento in anello chiuso con valori pre- impostati di posizione /tempo. L’unità di controllo macchina fornisce comandi digitali (inizio/fine/commutazione) per la sincronizzazione degli assi al ciclo di lavoro macchina. I controllori digitali migliorano le prestazioni dei movimenti e semplificano l’automazione della macchina, interfacciandosi tramite fieldbus all’unità di controllo principale attraverso i bus di campo CANopen o PROFIBUS-DP; inoltre sono di facile programmazione attraverso PC, grazie all’utilizzo di un software originale Atos con interfaccia grafica intuitiva. RI-TEZ, schede assi integrate alle servo proporzionali di controllo direzione a 4 vie, svolgono le funzioni base del regolatore e in più il controllo di posizione in anello chiuso di attuatori lineari/rotativi ai quale la valvola proporzionale è collegata. Z-ME-KZ, schede assi in formato Eurocard progettate specificamente per l’elettroidraulica, estendono sia la quantità di interfacce elettroniche disponibili che le funzionalità, fornendo così un’unità di controllo idraulico del movimento più flessibile e multiuso.

Metalcid® with third fire digital decoration brings considerable advantages. Along with the general benefits of the new technology, it also allows for: the possibility of producing models that would be impossible with other decoration systems; improved image quality; increased productivity due to the elimination of manu-

Il Gruppo Torrecid presenta due nuove famiglie di inchiostri digitali: Metalcid® e Keramcid®, che consentono l’ottenimento di effetti ceramici innovativi e offrono valore estetico aggiunto. La gamma Metalcid® è stata sviluppata specificatamente per il settore del terzo fuoco e premette di ottenere effetti metallici come l’oro e il platino e i lustri. L’applicazione

della decorazione digitale al terzo fuoco con impiego di Metalcid® apporta vantaggi notevoli: oltre a quelli generali della nuova tecnologia, vanno considerati anche: la possibilità di produrre modelli irrealizzabili con altri sistemi di decorazione, il miglioramento della qualità dell’immagine, l’incremento di produttività grazie all’eliminazione di operazioni manuali e la

TORRECID Torrecid Group is introducing two new families of digital inks, Metalcid® and Keramcid®, which are able to create innovative ceramic effects and added aesthetic value. The Metalcid® range was specifically developed for the third fire sector and creates metallic effects such as gold and platinum as well as lustres. The use of

18 2

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


al operations and the possibility of decorating simultaneously with various inks; cost savings deriving from the reduced wastage of precious metals and improved stock management; and lower environmental impact. With these benefits, the range is bringing radical changes in the field of third firing in terms of both working methods and types of manufactured products. The Keramcid® range was developed to create special effects on monoporosa, porcelain and double fired tiles and to radically alter the final aesthetic qualities of ceramic tiles. It can be used to print high-gloss details or gloss/matt contrasts and even micro-reliefs that differ from piece to piece within a given model. Exploiting the effects produced with the new

range of inks, the wide colour palette of Torrecid pigmented inks and the many advantages of digital technology, it is now possible to obtain a wide variety of models with previously unimaginable aesthetic qualities.

possibilità di decorare simultaneamente con vari inchiostri, il risparmio di costi derivanti dai minori sprechi di metalli preziosi e da una migliore gestione degli stock, il minore impatto ambientale.

Tutto questo sta portando ad un cambiamento radicale nel campo del terzo fuoco, sia nelle modalità di lavoro che per le tipologie di prodotto realizzate. La gamma Keramcid® è stata sviluppata per ottenere effetti particolari su piastrelle in monoporosa, gres porcellanato e bicottura, capaci di determinare un cambiamento radicale nell’estetica finale del prodotto ceramico, con la possibilità di stampare dettagli brillanti o contrasti lucido-opaco fino a generare micro-rilievi diversi in ogni pezzo di uno stesso modello. In generale, gli effetti possibili con le due nuove gamme di inchiostri, combinati all’ampia gamma cromatica di inchiostri pigmentati Torrecid e ai numerosi vantaggi della tecnologia digitale, hanno premesso di ottenere una gran varietà di modelli con caratteristiche estetiche impensabili finora. ADVERTISING

Vi Vi riserva la la miglior accoglienza servizio riserva miglior qualità e il emiglior a condizioni competitive. servizio a prezzi competitivi Hotel Executive S.r.l. Via Circondariale S. Francesco, 2 41042 Fiorano Modenese (Mo)

Tel.: +39 0536 832010 Fax: +39 0536 830229 www.hotel-executive.eu info@hotel-executive.eu

Tel.: +39 0536 832673 Fax: +39 0536 910069 Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

183


products prodotti POPPI CLEMENTINO Poppi Clementino operates worldwide and is currently completing a large number of orders in the Asian region where there is strong demand for energy recovery systems that allow waste energy to be reutilised in production cycles. The strong interest in this type of installation in Asia is largely due to the increasing application of quotas on methane distribution, forcing companies to evaluate their fuel consumptions. The Poppi Clementino system recovers previously wasted heat from fume and cooling flues and allows large quantities of natural gas to be saved without reducing production, so new production lines can be expanded. As an example, we shall look at the specific case of a company with 4 kilns, 2 spray dryers and 5 dryers (3 vertical and 2 horizontal) which needed to cut its energy costs and environmental emissions. Before opting for a solution, an energy audit was performed to assess the situation regarding gaseous emissions. The analysis revealed significant emission volumes from both the cooling and fume flues. The capacity of the energy-intensive machines was then evaluated. The analysis showed that it was sufficient to recover all the cooling air and just a portion of the fumes (two of the four available flues). The cooling air could be recovered directly, but the fumes contained polluting substances such as sulphur and chlorine that would create problems of corrosion. For this reason they had to be passed through a special self-cleaning heat exchanger designed by Poppi Clementino which produces hot air that can be combined with the cooling air and then sent to the final user devices. This kind of heat exchanger offers numerous advantages. Using the machine in this kind of installation reduces the effective fume volumes, allowing them to be purified by a smaller and more manageable filter. Significantly, approx. 33,000 Nm3/h of air at 200°C and 30,000 Nm3/h of fumes at 215°C are recovered with this

18 4

installation, together producing around 19,000 Nm3/h of clean hot air at 180°C via the heat exchanger. The total quantity of air sent to user devices is therefore 52,000 Nm3/h at an average temperature of 192°C, corresponding to 3,095 kcal/h or 375 m3/h of CH4. To give a quick idea of the economic figures involved, if the cost of natural gas in the area of installation of the plant is 0.26 euro/m3 and the cost of electrical energy is 0.05 euro/kW, running this installation for 8,000 hours/year will bring savings of 3,000,000 m3/year of CH4 or 780,000.00 euro/year. This corresponds to around 730,000 euro/year net after deducting electricity costs incurred to power the newly installed fans. In order to use all the air volumes and transfer them to the dryers and spray dryers, two centrifugal fans were used to push the air, which after being suitably channelled was directed to the individual user devices. To automate the entire system, pressure, flow rate and temperature control systems have been installed along the flow route. Management software is used to allow these systems to activate inverters and automatic valves. As the system can self-regulate according to the variables involved and whether or not the user devices are operating, it is possible to attain 100% usage of all volumes without interfering with production.

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012

Poppi Clementino opera in tutto il mondo, attualmente sta portando a termine molte commesse in zona Asiatica, dove l’interesse è diretto verso gli impianti di recupero energetico con il riutilizzo dei cascami termici all’interno dei propri cicli produttivi. L’interesse per l’installazione di questo tipo di tecnologia in Asia è alto, legato soprattutto al fatto che, sempre più frequentemente, la distribuzione del metano è contingentata e costringe le aziende a far fronte alla valutazione dei consumi del combustibile. L’impianto di Poppi Clementino, che recupera l’entalpia sia dei camini fumi che dei raffreddamenti precedentemente sprecata, permette di risparmiare m3 di metano senza calare la produzione, quindi consentendo di ampliare nuove linee produttive. Prendiamo a esempio il caso specifico di una realtà produttiva con 4 forni, 2 atomizzatori e 5 essiccatoi, di cui 3 verticali e due orizzontali, la quale ha l’esigenza di ridurre i costi energetici e le emissioni ambientali. Prima di intervenire viene attuato un audit energetico, per stabilire la situazione delle emissioni gassose. Nel caso esaminato le analisi hanno fatto emergere volumi interessanti sia sui camini dei raffreddamenti che dei fumi. In seguito viene valutata la capacità delle macchine energivore. Da queste considerazioni, è emerso che fosse sufficiente recuperare tutte le arie di raffreddamento e parte dei fumi, in particolare solo due delle quattro ciminiere a disposizione. L’aria dei raffreddamenti, potrà essere recuperata in modo diretto, ma i fumi, contenenti elementi inquinanti,

comporterebbero dei problemi di corrosione, a causa di elementi come zolfo o cloro, tale per cui dovranno passare tramite uno speciale scambiatore autopulente, progettato da Poppi Clementino, per produrre aria calda in grado di unirsi a quella dei raffreddamenti, che verrà così convogliata agli utilizzi finali. I vantaggi di questo tipo di scambiatore sono molteplici, e in questa installazione, grazie a questa macchina, si ridurranno i volumi effettivi dei fumi, che quindi potranno essere depurati tramite un filtro di dimensioni più contenute e di più facile gestione. I numeri di questa installazione sono interessanti, infatti relativamente al lato arie, si tratta di circa 33.000 Nmc/h a 200 °C e per quanto riguarda i fumi circa 30.000 Nmc/h a 215 °C in grado di produrre tramite lo scambiatore, circa 19.000 Nmc/h a 180 °C. Il totale delle arie inviate agli utilizzi, risulterà quindi essere: 52.000Nmc/h a una temperatura media di 192 °C che corrisponderanno a 3.095 kcal/h o a 375 mc/h di CH4. Per dare una rapida idea dei valori economici in gioco, sapendo che nell’area d’installazione dell’impianto il costo del metano è di 0.26 euro/mc, e il costo dell’energia elettrica è di 0,05 euro/kw, tale installazione con un funzionamento di 8.000 ore/ anno, garantisce un risparmio di 3.000.000 mc/anno di CH4 cioè 780.000,00 euro/anno che diventeranno circa 730.000 euro/anno netti una volta detratte le spese elettriche sostenute per alimentare i nuovi ventilatori installati. Per poter utilizzare e trasferire agli essiccatoi e agli atomizzatori tutti i volumi sono stati utilizzati due ventilatori centrifughi per il rilancio dell’aria che, previo adeguata canalizzazione è stata convogliata alle singole utenze. Per rendere automatico tutto isistema lungo il percorso sono stati inseriti sistemi di controllo di pressione, portata e temperatura che, tramite un software di gestione agiscono su inverter e valvole automatiche per ottenere il 100% dell’utilizzo di tutti i volumi senza interferire sulla produzione, in quanto il sistema è in grado di autoregolarsi in funzione delle variabili presenti in campo e agli inserimenti o meno delle utenze.


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

185


products prodotti KERATECH In cooperation with the Sacmi group and Industrie Bitossi, Keratech has drawn from its many years of experience to carry through a project for the production of rollers with a maximum length of 6000 mm and diameter 75 mm. The project required an enormous investment in latestgeneration roller production machinery. Gaiotto Automation built the new portal of the extrusion plant for shaping and handling of unfired rollers, as well as the robot for fully automatic kiln loading and unloading. Sacmi Forni developed a dryer equipped with 4 chambers with transverse flow ventilation capable of simultaneously drying up to 2800 rollers, while the new kiln was built by Riedhammer. With a height of 7.5 m and a volume of 100 m3, the kiln is currently the largest in the world for the production of ceramic rollers and is able to fire 2000 rollers in each cycle. By adopting pulsing burner technology, it allows for a very high degree of sintering at temperatures of up to 1650°C as well as extremely uniform temperature with a ΔT of be-

low 3°C in each chamber zone. The manufactured rollers guarantee the maximum uniformity in terms of dimensions (diameter and straightness) as well as physical, chemical and mechanical properties. A range of tests and simulations conducted during operation have shown that they maintain their mechanical characteristics up to stresses (δ) higher than 130 kg/cm2. This means that new kilns with entrance width of 3850 mm built by Sacmi will be able to fire 3 tiles of dimensions 1000x1000 mm per row without any problems of roller bending.

Dall’esperienza pluriennale di Keratech, in collaborazione con il gruppo Sacmi e Industrie Bitossi, nasce il progetto per la fabbricazione di rulli con lunghezza massima di 6000 mm e diametro 75 mm. Per la realizzazione, si è reso necessario un ingente investimento in macchinari di nuova generazione ottimizzati per la produzione di questo tipo di prodotto. Il nuovo portale dell’impianto di estrusione per la formatura e la movimentazione dei rulli a crudo, è stato prodotto da Gaiotto Automation, come anche il robot che permette di effettuare il carico e lo scarico del forno, in maniera totalmente automatica. La progettazione di Sacmi Forni invece, ha permesso lo sviluppo di un essiccatoio dotato di 4 camere con ventilazione a

flusso trasversale, capaci di essiccare simultaneamente fino a 2800 rulli, mentre la realizzazione del nuovo forno, è stata affidata all’esperienza di Riedhammer. Con un’altezza di 7,5 m e una volumetria di 100 m3 il forno, è attualmente il più grande al mondo per la produzione di rulli ceramici e consente la cottura di 2000 rulli ad ogni ciclo. Grazie alla tecnologia a bruciatori pulsanti, garantisce un altissimo grado di sinterizzazione raggiungendo i 1650°C e una omogeneità di temperatura, che assicura un ΔT inferiore ai 3°c in ogni zona della camera. I rulli prodotti garantiscono la massima uniformità sia dal punto di vista dimensionale (diametro e rettilineità) che delle proprietà fisico-chimiche e meccaniche. Vari test e simulazioni in esercizio hanno infatti dimostrato come mantengano inalterate le proprie caratteristiche meccaniche fino a sforzi (δ) superiori a 130 Kg/ cm2. Ciò significa che nei nuovi forni a bocca 3850 mm prodotti da Sacmi, si potranno cuocere formati 1000x1000 mm, 3 pezzi per fila, senza alcun problema legato alla flessione del rullo.

conductivity • Laminated structure resulting in very good lubrication properties. Depending on customers’ requirements, Georg H. Luh is able to provide a just-in-time supply of commodity products of consistent quality at competitive prices as well as specialty products which can be developed and defined in close cooperation with customers. Various packaging options and individual solutions are available. During Tecnargilla 2012, Georg H. Luh staff will be able to provide further information on the company’s products on the stand of its agent, David Minerals, in Hall B5 Stand 147.

In oltre 75 anni di tradizione Georg H. Luh, fornitore specializzato di grafite e mica nel settore ceramico, ha conquistato un ruolo di rilievo nel settore delle materie prime minerali. La qualità dei prodotti forniti è garantita dalla presenza di un laboratorio ben attrezzato per i controlli di qualità. La clientela apprezza la conoscenza e l’esperienza nelle diverse applicazioni industriali come l’affidabilità della qualità dei prodotti unita all’esperienza nella logistica e immagazzinamento. Grazie alla sua specifica combinazione di proprietà, la grafite si è affermata in una varietà di applicazioni, specialmente nel settore ceramico, grazie a: • Resistenza al fuoco fino a oltre 3000 °C in atmosfera libera da ossigeno

• Alta resistenza allo shock termico • Resistenza agli acidi e agli agenti ossidanti • Eccellente conduttività elettrica e termica • Struttura lamellare che favorisce buone proprietà di lubrificazione. Venendo incontro alle esigenze della clientela Georg H. Luh si è posta nella condizione di fornire just-in-time prodotti di facile reperibilità con una costanza della qualità a prezzi competitivi e al tempo stesso altri prodotti di alta specializzazione che possono venire sviluppati e definiti in stretta collaborazione con i clienti. Completa il servizio una ben organizzata logistica che può essere al bisogno personalizzata. Durante il Tecnargilla 2012 Georg H. Luh è a disposizione per informazioni sui prodotti presso lo stand del proprio agente, la David Minerals Pad B5 Stand 147.

GEORG H. LUH Georg H. Luh, a specialist supplier of graphite and mica for ceramic applications, has gained outstanding expertise in mineral raw materials throughout its more than 75 years of company history. Product quality is guaranteed by a wellequipped quality control laboratory. Customers appreciate the company’s technical expertise in a range of industrial applications as well as its reliable product quality and experience in logistics and storage. Due to its unique combination of properties, graphite is used for a variety of applications, particularly in the ceramic sector: • Heat resistance to more than 3000°C in an oxygen-free atmosphere • High thermal shock resistance • Resistance to acids and oxidising agents • Excellent thermal and electrical

18 6

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

187


products prodotti MODENA CENTRO PROVE Ever attentive to the needs of the market, Modena Centro Prove has acquired the innovative instrumentation required for the new slip measuring system for the American market, the RSI BOT-3000. This tribometer measures the DYNAMIC coefficient of friction (DCOF) and is the instrument stipulated in the reference slip measuring method in accordance with ANSI A137:2012, which will operate alongside and gradually replace (TCNA source) the slip resistance standard ASTM C1028 (static coefficient of friction SCOF). Further instruments relevant to the ceramic sector acquired by the Modena Centro Prove include test equipment for accelerated aging: • Exposure to UV radiation - Atlas UV TEST. • Humidity Chamber and Salt Spray Chamber - 1200 litre Angelantoni chamber, 1000 litre WEISS chamber, 450 litre WEISS chamber. • Weather-Ometer (Accelerated light and weather resistance tests) - Atlas Ci4000 WOM. These devices are capable of simulating the exposure of various types of materials to the elements, to sunlight and to humid and saline environments. This is particu-

larly important for highly innovative materials in the ceramic sector whose technical performance and consumer guarantees are not yet governed by internationally recognised standards. Performing accelerated aging tests on innovative products is the only way for producers to gain an immediate idea of their durability without risking unpleasant and costly surprises in the future. The most frequently tested materials are: • panels for ventilated facades, with or without reinforcement solutions, • mesh-mounted or polymerbacked mosaics, • glazed and decorated glasses, • 3rd fire accents, • floating floors, • stone agglomerates, • surfaces with resin finish and/or other protective films, • composite and sandwich panels with materials such as glass, polymers, glass fibres, metals and resins.

Modena Centro Prove, sempre attento alle esigenze del mercato, si è attivato per reperire la strumentazione innovativa prevista per il nuovo sistema di misura di scivolosità del mercato americano, il RSI BOT-3000. Questo tribometro misura il coefficiente di attrito DINAMICO (DCOF) ed è lo strumento previsto dalla metodologia di riferimento della scivolosità secondo la ANSI A137:2012 che affiancherà fino a sostituire progressivamente (fonte TCNA) la norma di scivolosità ASTM C1028 (coefficiente di attrito statico SCOF). Altre strumentazioni di interesse per il settore ceramico entrate nel parco macchine di Modena Centro Prove sono le attrezzature di prova per l’invecchiamento accelerato, quali: • Esposizione ai Raggi UV - Atlas UV TEST. • Camera Umidostatica e Camera Nebbia Salina - camera Angelantoni da 1200 litri, camera WEISS 1000 litri, camera WEISS 450 litri. • Weather -ometer (Prove accele-

rate di solidità a luce e intemperie) - Atlas Ci 4000 WOM. Questi macchinari sono in grado di simulare le esposizioni alle intemperie, ai raggi solari e agli ambienti umidi, anche salini, di svariate tipologie di materiali con particolare riguardo a quelli a più forte componente di innovazione del settore ceramico, di cui le prestazioni tecniche e le garanzie verso il consumatore non sono ancora oggetto di norme internazionalmente riconosciute. Sottoporre ai test d’invecchiamento accelerato i prodotti innovativi è il solo sistema che permette al produttore di avere un riscontro immediato della durabilità dei materiali, senza esporsi a sgradite e costose “sorprese” future. I materiali più frequentemente testati sono: • lastre per pareti ventilate, anche dotate di soluzioni di rinforzo, • mosaici, su rete e su polimeri, • vetri smaltati e decorati, • decori in 3° fuoco, • pavimenti flottanti, • agglomerati lapidei, • superfici con finitura in resina e/o con altri film protettivi, • materiali compositi e sandwich, con elementi quali vetro, polimeri, fibre di vetro, metalli e resine.

L’avvento in ceramica degli impianti di dosaggio tintometrico per la preparazione degli inchiostri sta trovando largo impiego, per i risultati soddisfacenti sia a livello operativo che economico. Oggi l’esigenza delle aziende ceramiche è razionalizzare tutti i processi produttivi, inclusa la colorazione in automatico di smalti e barbottine. Euromeccanica, in collaborazione con la capogruppo Smaltochimica, propone una tecnologia di dosaggio automatico per via tintometrica anche per la colorazione di smalti e barbottine. I risultati operativi e i vantaggi economici sono gli stessi già quantificati nella preparazione degli inchiostri. Anche gli impianti, i programmi e le metodologie di lavoro sono analo-

ghi e possono essere integrati fra loro. I tintometri utilizzati nell’industria ceramica sono dispositivi comandati per via informatica che permettono la miscelazione rapida di basi neutre, smalti o barbottine disperse preventivamente in acqua o altro con analoghe sospensioni dei coloranti. I semilavorati già pronti e il loro dosaggio in automatico possono garantire un’estrema precisione nelle formulazioni e la preparazione in tempi brevi delle sole quantità necessarie alla produzione. Il dosaggio per via tintometrica è corredato da un software di riformulazione del quale ogni ceramica deve dotarsi, basato sullo studio colorimetrico e la caratterizzazione dei propri materiali (colorfile). I cicli

EUROMECCANICA Colorimetric batching systems for ink preparation in the ceramic sector are becoming widely adopted for their excellent operating and economic results. Ceramic companies now need to rationalise all production processes, including automatic colouring of glazes and slips. Euromeccanica, in cooperation with the parent company Smaltochimica, is proposing an automatic batching technology based on colour matching for the colouring of glazes and slips. The operating results and economic benefits are the same as those that have already been quantified in ink preparation. The plants, programmes and working methods are also

18 8

similar and can be integrated. The colour-matching systems used in the ceramic industry are computer-controlled devices that allow for rapid mixing of neutral bases, glazes or slips dispersed in water or some other liquid with analogous colour suspensions. The automatic batching of ready products guarantees extremely precise formulation and rapid preparation of just the quantities required for production. Batching using colour-matching equipment is backed by a reformulation software package that each ceramic company must adopt, based on the colorimetric study and analysis of its materials (colorfile).

C era mic W orl d Review n. 98/ 2012


The technological cycles, ranges and product types and plant dimensions are now so varied as to require specific measures and configurations, not just in terms of the dimensions and type of batching plant used but also of the software. With 200 systems installed worldwide, Euromeccanica is able to deliver customised colour-matching systems. For bell and curtain coater glaze applications, the company is proposing its Colour Glaze system. While the batching technology is the same, the batching head, containers and colour suspensions are designed and modified for the specific application requirements. The suspensions of individual colours must be carefully

studied to ensure stabilisation. For each of them it is necessary to evaluate parameters of viscosity, sedimentation, drying and variation in density over time. The results obtained at a number of different companies show the degree to which production has been rationalised and optimised, bringing benefits in terms of economics (on average around 30% of the overall costs of any produced material), organisation, logistics and product quality. Regardless of potentially significant differences in companies’ levels of organisation and technical and commercial set-ups, it is plausible that the complete plant can be paid back in a period of between 5 and 10 months.

tecnologici, le gamme e le tipologie di prodotto e le dimensioni degli stabilimenti sono oggi così varie che richiedono accorgimenti e configurazioni specifiche, non solo per dimensione e tipologia di impianto di dosaggio, ma anche dei software. Con 200 impianti installati nel mondo, Euromeccanica è in grado di proporre ad ogni singola azienda un “tintometro su misura”. Per le applicazioni di smalto a campana e vela, propone il sistema Colour Glaze: la tecnologia di dosaggio è sempre la stessa, la testata di dosaggio, i contenitori e le sospensioni di coloranti sono però stati studiati e modificati per le specifiche esigenze di impiego. Le sospensioni dei singoli coloranti esigono uno studio adeguato per la loro stabilizza-

zione, infatti, per ognuna, vanno valutati parametri di viscosità, sedimentazione essiccamento e variazioni di densità nel tempo. L’analisi dei risultati ottenuti in diverse realtà produttive dimostrano una razionalizzazione e ottimizzazione della produzione con l’ottenimento di vantaggi economici (quantificabili in media nell’ordine del 30% dei costi complessivi di un qualsiasi materiale prodotto), organizzativi e logistici e di qualità dei prodotti. Pur in presenza di possibili scostamenti anche rilevanti in relazione al grado di organizzazione, all’impostazione tecnica e commerciale dell’azienda, è plausibile che l’impianto completo possa essere ammortizzato in un tempo compreso tra i 5 e i 10 mesi.

dirt and contamination from moving parts above the material. The static roof does not have anything mounted on top of it, making it simple to install even in relatively low spaces and facilitating maintenance (operators do not have to climb to dangerous heights). All the structures that require cleaning are made of stainless steel and equipped with systems that allow for rapid and regular cleaning. The combustion, dilution and cooling air filtering systems are highly efficient and durable and prevent particles more than a few microns in size from entering. The combustion chamber is entirely lined with a thin layer of cordierite to avoid the risk of fibres falling onto products during firing. The kiln can be used for first firing and for refiring and decoration.

Coeltunnel presenta la nuova tecnologia su forni intermittenti che consente il recupero di calore durante tutto il ciclo produttivo. Oggi, visto il considerevole costo dei combustibili, recuperare il calore ove possibile è fondamentale, e possibile con la nuova tecnologia di Coeltunnel senza perdere di vista lo scopo principale del forno intermittente, ossia quello di cuocere materiale ceramico con alta qualità di resa. Questo grazie al sistema di estrazione dei fumi, che consente di pressurizzare i fumi caldi in uscita e quindi di poter alimentare uno scambiatore fumi aria in grado di ottenere aria pulita ad alta temperatura, oppure altri fluidi caldi sempre ad alta temperatura dipendentemente dal tipo di applicazione. Con questo sistema, se ben inserito nel lay-out aziendale, e se abbinato a sistemi di riscaldamento o di essiccazione appositamente studiati, si possono ottenere risparmi del 10-20% sul calore utilizzato. Il sistema di aspira-

zione è in acciaio Inox come il sistema di scambio tra i fumi e il fluido caldo. Durante il periodo di raffreddamento tutta l’aria calda può essere utilizzata nel ciclo produttivo. Il forno è a fiamma rovescia con aspirazione dal basso, per consentire una notevole uniformità di temperatura nella camera di cottura. L’aspirazione dei fumi viene dal basso, evitando la presenza di sporco e di possibili altre contaminazioni derivanti da organi in movimento al di sopra del materiale. La volta è statica e non presenta elementi montati al di sopra, risultando semplice da installare anche in spazi non molto alti e pratica da manutenere (gli operatori non devono raggiungere pericolose altezze). Tutte le strutture che necessitano di pulizia sono realizzate in acciaio Inox e dotate di sistemi che consetono la rapida e periodica ispezione degli apparati. I sistemi filtranti dell’aria di combustione, diluizione e raffreddamento sono ad alta efficienza e durata, inoltre non consentono l’ingresso di particelle oltre qualche micron. La camera di combustione è interamente rivestita da un sottile spessore di cordierite al fine di evitare la caduta di fibra sul materiale in cottura. Il forno può essere utilizzato sia per la prima cottura che per la ricottura e decorazione.

COELTUNNEL Coeltunnel, is introducing its new technology onto shuttle kilns to allow for heat recovery throughout the production cycle. In view of today’s high fuel costs, it has become essential to recover heat wherever possible. This goal is met by Coeltunnel’s new technology without losing sight of the main goal of the shuttle kiln, namely that of firing ceramic materials to a high standard of quality. This is possible by the fume extraction system, which pressurises the hot exiting fumes and feeds a fume-air exchanger capable of generating clean air at a high temperature or other hot fluids according to the type of application. If integrated effectively into the company layout and combined with specially designed heating or drying systems, this system is able to deliver savings of 10-20% of the heat used. The extraction system and the fume-hot fluid exchanger system are both made of stainless steel. During the cooling period, all the hot air can be used in the production cycle. The kiln is of the reverse flame type with extraction from below to achieve a highly uniform temperature inside the firing chamber. The fume extraction from the bottom section avoids the risk of

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

189


products prodotti CARFER Current manufacturing technology addresses the need to reduce energy consumption and achieve a better balance between production requirements and environmental issues than is possible with conventional plants. Echo-Radx kilns and dryers from Carfer Forni use a selective irradiation heating system with self-recovering radiant tube burners that achieve high energy savings and low emissions of CO and NOx. This new heating concept is based on the following developments for reducing energy consumption and protecting the environment: a) Special self-recovering radiant tube burners that use multistage combustion technology and internal recirculation of burned gas to guarantee a low content of NOx and CO. The built-in heat exchanger ensures efficiencies of up to 80% and savings of up to 20%-25%. b) Constant control of combustion stoichiometry and hence of the air/gas combustion ratio at each burner, with savings of up to 10% compared to systems fed with fixed combustion air. c) Improved use of irradiated thermal energy by orienting the radiant beam directly towards the surfaces requiring

heating (even in the case of large surfaces), consequently reducing heat losses. d) Ignition and start-up in a short time. e) Post-combustion to eliminate volatile organic compounds (VOCs). This heating system is mainly used in the following thermal processes: heating for waterproofing treatment of fired ceramic materials (porcelain tile), drying of ceramic materials after shaping (pressing, extrusion, casting), drying of tiles after glazing, drying of fired tiles (monoporosa and double firing) originating from cutting and squaring-rectifying lines, postcombustion to eliminate volatile organic compounds (VOCs), and drying and resining of marble.

Le attuali esigenze tecnologicoproduttive sono legate alla necessità di contenere i consumi energetici e di raggiungere un miglior equilibrio tra necessità produttive e problemi ambientali non ottenibili con impianti tradizionali. I forni e gli essiccatoi Echo-Radx di Carfer Forni, utilizzano un sistema di riscaldamento a irraggiamento selettivo e direzionato a settori con bruciatori a tubo radiante autorecuperante a elevato risparmio energetico con basse emissioni di CO e di NOx. Alla base di questo nuovo concetto di riscaldamento si pongono i seguenti sviluppi per ridurre i consumi energetici e salvaguardare l’ambiente: a) l’utilizzo di bruciatori speciali autorecuperanti a riscaldamento con tubo radiante, che grazie alla tecnologia di combustione mul-

tistadio e al ricircolo interno dei gas combusti garantisce un basso tenore di NOx e CO. Lo scambiatore di calore integrato assicura rendimenti fino all’80% e risparmi fino al 20%-25%, b) il controllo costante della stechiometria di combustione e quindi del rapporto di combustione aria/gas su ogni singolo bruciatore, con risparmi fino al 10% rispetto ai sistemi alimentati con aria di combustione fissa, c) il miglior utilizzo dell’energia termica per irraggiamento grazie all’orientamento del fascio radiante verso superfici da riscaldare specifiche e definite, anche di grandi dimensioni, con conseguente riduzione delle dispersioni di calore, d) l’accensione e messa a regime in tempi brevi, e) la post combustione per l’abbattimento delle sostanze organiche volatili (SOV). Questo sistema di riscaldamento viene utilizzato principalmente nei processi termici di: riscaldamento per il trattamento di impermeabilizzazione dei materiali ceramici cotti (gres porcellanato), essiccamento dei materiali ceramici dopo formatura (pressatura, estrusione, colaggio), essiccamento di piastrelle dopo smaltatura, asciugatura di piastrelle cotte (monoporosa e bicottura) provenienti da linee di taglio e di squadraturarettifica, post combustione per l’abbattimento delle sostanze organiche volatili (sov), asciugatura e resinatura del marmo.

vice, which supplies digital decoration colour management services for the ceramic sector. Seed-Colour is a complete and technologically innovative digital graphic design laboratory solution for the faithful acquisition of designs, tiles and materials and for colour calibration. By using the proprietary Scan Profiler and File Profiler software, it allows for fully automated creation of graphic files that are

Seedex, azienda con ventennale esperienza nel settore della decorazione/stampa ceramica e specializzata nelle forniture di prodotti/ attrezzature, tecnologie e servizio di assistenza tecnica pre e post vendita, in occasione di Tecnargilla 2012 presenterà presso l’innovativo pacchetto Seed-Colour dedicato alla stampa inkjet. Seed-Colour è frutto dell’accordo di collaborazione e sviluppo tecnologico intrapreso con l’azienda

Colour Service dedicata alla fornitura di servizi per il settore ceramico specifici alla gestione del colore nella decorazione digitale. Seed-Colour è la soluzione completa e tecnologicamente innovativa di laboratorio grafico digitale per l’acquisizione fedele di grafiche, piastrelle e materiali diversi, per la calibrazione del colore e, tramite i software “proprietari” Scan Profiler e File Profiler, permette la creazione completamen-

SEEDEX Seedex, a company with twenty years of experience in the field of ceramic decoration/printing and specialising in the supply of products/equipment, technologies and technical and after-sales support, will be presenting its innovative Seed-Colour package for inkjet printing at Tecnargilla 2012. Seed-Colour is the result of a collaboration and technological development agreement with the company Colour Ser-

19 0

Cera mic W orl d Review n. 98/ 2012


identical to the original project pattern can be reproduced. This and can be run on any digital considerably reduces research printer on the market and pro- times and costs and makes it cessed specifically for the inkjet possible to create specific machine and inks used by the graphic files according to the customer. The Seed-Colour output device and inks. At the package consists of the Protojet same time, the system is able to cold printer for rapid ceramic automatically convert files that prototyping or specific large-for- were created for a different mat plotters for printing/viewing printing system/colour set (e.g. the finished project on paper. Al- silicone or screen printing) to ternatively it can be connected inkjet printing and automatically to a dedicated inkjet plotter. reprofile existing projects followThe main components of the ing the replacement of inks or Seed-Colour package are: printing machines. - Twinvision hyperspectral scanner - Scan Profiler or File Profiler profiling software - complete graphics station - ProtoJet cold prototyping printer and/or large-format inkjet plotter Using the Seed-Colour graphic design laboratory, it is possible to perform spectral or RGB scans of various materials, determining with certainty and at the first athow and what a Luhtempt Anzeig SW to ENG v3extent 21.07.2010 12:11 Uhr Seite 1

te automatizzata di file grafici, identici al progetto originale, eseguibili in tutte le stampanti digitali in commercio ed elaborati in funzione della specifica macchina inkjet in possesso del cliente e dei relativi inchiostri utilizzati. Il pacchetto Seed-Colour si compone infine della stampante a freddo Protojet per la rapida prototipazione ceramica o di plotter specifico di grande formato per la stampa/visione del progetto finito su carta o si potrĂ connettere ad eventuale plotter inkjet specifico.

I componenti principali del pacchetto Seed-Colour sono : - scanner iperspettrale Twinvision - Software di profilazione Scan Profiler o

File Profiler - stazione grafica completa - Stampante di prototipazione a freddo ProtoJet e/o Plotter Inkjet di grande formato Tramite il laboratorio grafico Seed-Colour è possibile effettuare scansioni spettrali o in RGB di materie diverse, conoscere in maniera certa e al primo tentativo quanto e come è riproducibile un soggetto, riducendo notevolmente tempi e costi della ricerca e conseguentemente realizzare file grafici specifici in funzione della periferica (e relativi inchiostri) di output. Allo stesso tempo il sistema permette di convertire automaticamente files creati precedentemente per un sistema di stampa/set colore diverso (esempio per stampa a silicone o serigrafica) alla stampa inkjet e permette infine di riprofilare automaticamente progetti esistenti, conseguentemente alla sostituzione di inchiostri o di macchina da stampa. ADVERTISING

Raw materials at its best

Ce r am i c W or ld R e vi e w n . 98/ 2 0 1 2

191


technology is noth

design and digital technologies for a new concept of ceramic decoration. Since 20 years Tecnografica has been thinking, running and working hard for ceramic tile industry. Thanks to its dreams, passion and great teamwork, Tecnografica is constantly creating and developing the design and the new techniques for the most modern ceramic technologies.


hing without design

we are waiting for you at

25-29/09/2012

Palazzo dei Congressi Piazza Costituzione 4/A

Italia Tecnografica S.p.A. Brasil Tecnografica Brasil

Espa単a Tecnografica Iberica Design S.L. India Tecnografica India Pvt. Ltd.

24-28/09/2012

Rimini Fiera - Hall B1 (as Sacmi partner)

w w w.tecnogr af ica .net


3,300

patents

1,100

3,500

80

researchers and technicians installed plants branches worldwide

If we hadnâ&#x20AC;&#x2122;t gone so far, we wouldnâ&#x20AC;&#x2122;t be so near. Your future, seen from near

Ceramic World Review 98/2012  

Ceramic World Review is the magazine most widely read by ceramic producers worldwide. More than 7,000 copies of each issue are read by manu...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you