Issuu on Google+

Contiene I.P. ISSN 1120 7884

■ I fatturati 2011 delle aziende ceramiche italiane ■ Speciale Parquet ■ I Saloni 2012

PIASTRELLE DI CERAMICA - PARQUET - MATERIALI PER LA POSA - ARREDOBAGNO - FINITURE D’INTERNO


LE ARDESIE

omniadvert.com

il nuovo formato della pietra*

Pavimento in gres porcellanato: Serie Le Ardesie 15x90

Via Ghiarola Nuova n. 162/164 - 41042 Fiorano (MO) t. +39 0536 914914 - f. +39 0536 914990 - www.phormasrl.it


graphic design & photo: www.gruppobento.com

65 / 100 / 180. Le misure perfette di Stilnovo Multiplo. Una nuova superficie. Quattro specie legnose. Venti diverse finiture, comprese le esclusive Naturale UV e Traffic UV. Solo una delle novitĂ  2011; scopri le altre su www.stile.com

STILE PAVIMENTI LEGNO S.P.A. via dei laghi 18 Bivio Lugnano 06018 CITTA’ DI CASTELLO (PG) tel. +39.075.86.47.61 e-mail: stile@stile.com Numero Verde 800.217.630

www.stile.com


2011

CERSAIE

su tablet e smartphone

Ci siamo C

App A pp licati per Voi


Collezione “Nuances” Solo nelle migliori Show-rooms d’Italia.

Una nuova sala da bagno colorata e di tendenza grazie allo studio delle tonalità eleganti e sempre alla moda; bicromie tono su tono, colori freschi e luminosi, arricchiti da un tocco floreale, oppure da un disegno geometrico con superficie tridimensionale, rendono Nuances una collezione poliedrica e tutta da scoprire per ispirare l’animo creativo dell’interior designer più esigente.

Industrie Ceramiche Piemme S.p.A. Via Del Crociale 42/44 41042 Fiorano - Modena - Italy - tel+39 0536 849111 - fax+39 0536 849402 - www.ceramichepiemme.it - dir.com@ceramichepiemme.it


7point5.it

Nasce Maximum, la prima lastra in ceramica tecnica di dimensioni eccezionali: 1,50 metri di larghezza per 3 metri di lunghezza, con spessori di 3 o 6 mm. Maximum è caratterizzata da grande flessibilità, resistenza, leggerezza e attenzione all’ambiente. Perché i vostri progetti non abbiano più limiti, nel pieno rispetto di un’architettura sostenibile.


TILE ITALIA 3/2012 - Maggio/Giugno

Tile Italia è pubblicato da: Tile Edizioni S.r.l. Capitale Sociale: Euro 51.400,00 R.E.A. 329775 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 751 in data 20/10/89 Iscrizione al ROC n. 9673 Sede legale ed operativa: Tile Edizioni S.r.l. Via Fossa Buracchione 84 41126 Baggiovara (Modena) - Italy Tel. +39 059 512 103 - Fax +39 059 512 157 info@tiledizioni.it - www.ceramicworldweb.it Direttore responsabile: CHIARA BRUZZICHELLI

© 1989 Tile Italia Collaboratori: Roberto Aiazzi Maurizio Bardini Silvia Bertolani Sara Falsetti Linda Petracca Segreteria: info@tiledizioni.it

Pubblicità: Paola Giacomini - Elisa Verzelloni c/o Tile Edizioni Via Fossa Buracchione 84 41126 Baggiovara (Modena) Tel: 059 512103 - Fax: 059 512157 Email: p.giacomini@tiledizioni.it Email: e.verzelloni@tiledizioni.it

Progetto grafico: Sara Falsetti Alberto Tolomelli Via Cimabue, 3 40133 Bologna Tel/Fax: 051 381939 Cell. 335 5948681 ABBONAMENTI: www.tiledizioni.it/subscription Email: a.tolomelli@tiledizioni.it • Annuale: € 60 Studio Mitos - Michele Tosato • Annuale estero: € 80 (Triveneto) • Biennale: € 80 Via Valdrigo, 40 • Biennale estero: € 110 31048 San Biagio di Callalta (TV) • Annuale online: € 50 Tel. 0422 894868 L’abbonamento decorre dal mese Fax 0422 895634 Cell. 348 8732626 di distribuzione. Tariffe speciali per gli abbonamenti Email: studio.mitos@tin.it collettivi sono disponibili su richiesta Conto Corrente Postale 20026415 Fotolito: intestato a Tile Edizioni srl. Vaccari Zincografica Spedizione in abbonamento postale presso la Filiale di Modena. Via Emilio Salgari, 61 - 41123 Modena L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art Stampa e confezione: 74 primo comma lettera C del DPR Arbe Industrie Grafiche S.p.A. 26.10.72 N. 633 e successive Via Emilia Ovest, 1014 - 41123 Modena modificazioni.

RICEVERE TILE ITALIA: Una copia: Euro 4

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. E’ vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito. L’Editore non accetta alcuna pubblicità in sede redazionale. I nomi, le aziende e i prezzi eventualmente pubblicati sono citati senza responsabilità a puro titolo informativo per rendere un servizio ai lettori. La Direzione non assume responsabilità per opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari. Tile Edizioni srl, in conformità al “testo unico sulla privacy”, garantisce agli abbonati la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa tecnica e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

advertising

Informazioni


FUGAMAG ICA ® BIO LA NUOVA GAMMA, I NUOVI COLORI.

Lo stucco idrorepellente, antibatterico, a bassissimo contenuto di VOC*. L’innovazione Adesital segue l’evoluzione delle superfici che cambiano nei materiali, nei formati e nei colori. Così nasce la nuova gamma FUGAMAGICA BIO potenziata nelle caratteristiche prestazionali, rinnovata nelle colorazioni, studiata per la tutela della salute all’interno degli ambienti. * Composti organici volatili

ADESITAL S.p.A. Fiorano (MO) ITALIA - Tel +39 0536 927511 - www.adesital.it


Sommario

TILE ITALIA 3/2012 - Maggio/Giugno

In copertina: Listone Giordano, SLIDE by Daniele Lago www.listonegiordano.com

Editoriale Fatturati 2011 e “terremoti” 2012

Fotonotizia 12 - Gazzotti per i.lab by Richard Meier 14 - Tilefax 38 - Obiettivo Vendita Erba Pavimenti, Cinisello Balsamo (Milano) 42 - La vendita La manutenzione dei pavimenti (materiale antico, esigenze moderne)

74 - Cantiere del mese Wellness “A Tutto Tondo” a Iserlhon (Germania) SPECIALE PARQUET 80 - I Pavimenti di legno e la crisi 80 - Parlano i produttori 80 - I Prodotti 102 - I Saloni 2012 La crisi si vince con la creatività 108 - Fiere nel mondo

12

110 - Posa&Tecnica Innovazioni per la posa in opera

Attualità 44 - Autodromo del Mugello: una tribuna eco-ACTIVE® 46 - “Porte Aperte” allo showroom Porcelanosa

A

ia

52 - Edilizia La lunga crisi del settore immobiliare 56 - I FATTURATI 2011 DELLE AZIENDE CERAMICHE ITALIANE

med

48 - Economia & mercato Marazzi, la presenza globale resta vincente

mu LTi

9 -

44

SCOPRI

su tablet

i contenuti

multimediali di questa rivista

108 - Elenco inserzionisti

102

80

74


Editoriale

Fatturati 2011 e “terremoti” 2012 TILE ITALIA n. 3, come di consueto, pubblica in anteprima i fatturati 2011 delle maggiori aziende italiane produttrici di piastrelle ceramiche. Un anno, quello appena trascorso, che, se nella sua prima parte aveva fatto ben sperare, già negli ultimi mesi vedeva nuovamente addensarsi scure nubi di tempesta, mentre il mercato si fermava, attonito. La tempesta è poi arrivata e si sta tuttora violentemente abbattendo sul panorama economico mondiale, e su quello italiano in particolare. Il 2011 si era chiuso comunque con lievi segni di crescita, come confermato dalla 32° Indagine Statistica Nazionale realizzata da Confindustria Ceramica, sia relativi alla produzione, risalita a 399,7 milioni di metri quadrati (+3,2%), sia al fatturato, che raggiungeva i 4.716 milioni di euro (+1,86%). Risultati ancora una volta ottenuti malgrado la flessione del mercato interno (-5,8% il fatturato 2011 sul 2010) e grazie all’andamento positivo delle esportazioni (+4,6%). In testa alla nostra classifica 2011 delle maggiori aziende italiane produttrici di ceramica (pag. 56 e seguenti) si conferma il Gruppo Marazzi che, completato un piano biennale di investimenti che in Italia ha sfiorato i 100 milioni di euro, ha chiuso l’esercizio con un fatturato di 832,5 milioni di euro, in crescita dell’ 1,73% sul 2010. Segue il Gruppo Concorde che, pur non anticipando i dati 2011, mantiene salda la seconda posizione. Al terzo posto si posiziona il fatturato aggregato del Gruppo Fiandre Iris, nato, in data 1 maggio 2011, a seguito della presa in affitto da parte di GranitiFiandre del ramo industriale e commerciale di Iris Ceramica. Al quarto posto, scavalcando tre posizioni, si colloca il Gruppo Finfloor che, con un +11,24% sul 2010, incrementando produzione ed esportazione grazie alle vendite dirette sul mercato USA, porta il suo fatturato consolidato a 304,6 milioni di euro. Panariagroup, in quinta posizione, ha chiuso il 2011 a 294,1 milioni di euro (+2,2% sul precedente anno) mentre, a stretto giro di boa, si profila Casalgrande Padana, con 292,3 milioni di Euro, in crescita del 3,28%. Nella fascia “centrale”, comprendente aziende con fatturati superiori ai 100 milioni di euro, emergono interessanti performance, con incrementi di fatturato a due cifre ottenuti da aziende fortemente motivate alla crescita: Gruppo Serenissima (+16,65%) che in data 1 gennaio 2011 aveva acquisito l’impianto produttivo di Impronta Ceramica a Rubiera, ABK Group (+16,57%) e Gruppo Gold Art (+13,37) che raggiunge i 100 milioni di euro di fatturato e aumenta produzione, esportazione e numero dei dipendenti. Tra i Gruppi con fatturato inferiore ai 100 milioni di euro si hanno i segni di una maggiore sofferenza, con risultati stabili rispetto al precedente esercizio, ma anche con diffusi cali di fatturato. Fanno eccezione il Gruppo Rondine grazie al contratto di affitto sottoscritto nel marzo 2010 per Sadon, il maggior produttore italiano di battiscopa, e il buon risultato ottenuto da Coem, +8,31% sul 2010,

di Chiara Bruzzichelli

soprattutto dovuto all’incremento delle esportazioni. Anche il comparto italiano dei Pavimenti in Legno, secondo i dati diffusi da Federlegno-Arredo, nel 2011 ha segnato indici in lievissima ripresa (pag. 84 e seguenti). I dati più rilevanti riguardano la produzione nazionale, risalita nel 2011 a 3.876 mil di mq (+2%), dopo la pesante caduta che ha caratterizzato il precedente biennio, e le esportazioni, attestatesi a 1.722 mil di mq. (+14%). E il primo trimestre 2012? Per quanto riguarda il settore delle piastrelle, il primo trimestre 2012 conferma sostanzialmente il trend già evidenziato nel 2011, registrando una buona espansione delle vendite verso i paesi extracomunitari (+8,7% il dato complessivo, con punte del +45% nell’area del Golfo, +16,8% in Russia, +10,7% negli Stati Uniti, +7,8% in Asia). Una crescita che non è comunque in grado di compensare la flessione di alcuni punti percentuali registrata sui mercati europei ed il crollo delle vendite sul mercato interno (-16,25%). Ancora maggiore la preoccupazione, relativa all’anno in corso, espressa da Lorenzo Onofri, presidente Gruppo Pavimenti in Legno appartenente ad Edilegno Arredo: “Posso dire che la domanda interna è in ulteriore calo e con aziende in sempre maggiore tensione finanziaria, anche a causa dei mancati pagamenti che rappresentano, da soli, una situazione ormai insostenibile. Per quanto riguarda la valvola di sfogo che potrebbe venire dalle esportazioni, le aziende italiane del settore sono per la maggior parte sottodimensionate ed inadeguate ad organizzare una distribuzione internazionale che compensi la perdita di fatturato domestico”. Peraltro parlano da soli i dati ISTAT relativi alle compravendite immobiliari nel primo trimestre 2012: -19,6%, pari a 110.000 rogiti contro i 136.000 del primo trimestre 2011 Al “crollo” del mercato immobiliare, agli attacchi all’Euro, alle incertezze della politica italiana e europea, si sono aggiunti, in questi mesi, i crolli dovuti ai terremoti registrati qui in Emilia. Avevamo pensato di dedicare all’argomento un articolo, con foto a testimonianza dei danni riportati da alcune aziende ceramiche, 8 in tutto, in strutture collocate nelle zone più prossime agli epicentri… Poi abbiamo pensato che non c’era bisogno di sottolineare ulteriormente il disastro: è già sotto gli occhi di tutti che il tessuto industriale di questa regione, che ha fatto dell’eccellenza produttiva il suo obiettivo primario, abbia urgente necessità di sostegno. Riteniamo più utile amplificare la richiesta proveniente da questa gente meravigliosa: “non aggiungete ai danni del terremoto quelli della burocrazia e dell’inefficienza, vogliamo e dobbiamo riprendere a lavorare al più presto, e meglio di prima”.

❞ Tile Italia 3/2012 - 9


Schlüter®-DITRA 25 L‘ESPERIENZA CHE CONTA

L’ORIGINALE Il sistema brevettato a “coda di rondine” flottante Schlüter®-DITRA 25

 

Da 25 anni Schlüter®-DITRA è sinonimo di guaina di separazione e di impermeabilizzazione dei supporti per superfici in ceramica e pietre naturali. Da oggi, per festeggiare i 25 anni dalla sua nascita, cambia nome in Schlüter®-DITRA 25 Grazie al principio dell’ancoraggio a “coda di rondine” e al tessuto non tessuto sul lato inferiore Schlüter®-DITRA 25 neutralizza le tensioni

tra sottofondo e rivestimento, evitando così fastidiose crepe sulla superficie piastrellata. La nostra lunga esperienza Vi da la sicurezza di un sistema brevettato e testato nel tempo. Per saperne di più Vi invitiamo a visitare il ns. sito

www.schlueter-systems.com

prodotto certificato conforme alle normative UE

I

N TE IO A ID TAZ F F MI I D EI L AL

D Schlüter-Systems Italia Srl.· Via Bucciardi n. 31/33 · 41042 Fiorano Modenese (Mo) Tel. +39 0536914511 · Fax +39 0536911156 info@schlueter.it · www.schlueter-systems.com


Cercol ha ottenuto, su una gamma completa di prodotti, la certificazione e marcatura EMICODE EC1 (a bassissime emissioni di sostanze organiche volatili) dal GEV, associazione per il controllo delle emissioni dei materiali da costruzione. Cercol ha così confermato la sua sensibilità al problema dell’inquinamento indoor e alle richieste sempre più frequenti da parte dei progettisti e committenti di prodotti sicuri per l’ambiente e la salute.

www.cercol.com


Fotonotizia

Fotonotizia

Fotonotizia

Fotonotizia

Fotonotizia

Fot


LTi mu

ia med

tonotizia

A

GAZZOTTI PER I.LAB BY RICHARD MEIER Vintage Gazzotti, nell’essenza Rovere Naturale, è stato posato negli uffici di i.lab, il nuovo Centro di Ricerca e Innovazione di Italcementi, progettato dall’Arch. Richard Meier e recentemente inaugurato dal Ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Per la pavimentazione degli uffici e della hall del Centro di Ricerca, inserito all’interno del parco scientifico-tecnologico “Kilometro Rosso” di Bergamo, è stato utilizzato Vintage Gazzotti Rovere Naturale, nel formato X Large 14 in versione liscia. La scelta di Vintage è stata motivata dalla sua elevata eco-compatibilità, oltre che dall’estetica piacevole e dalla straordinaria naturalezza. In effetti il progetto di Richard Meier risponde ai più stringenti requisiti in materia di risparmio

Fotonotizia

Fotonotizia

energetico e tutti i materiali utilizzati sono ambientalmente sostenibili. Un’attenzione che ha garantito al progetto la certificazione “LEED Platinum” (Leadership in Energy and Environmental Design), il più alto standard di certificazione energetica e ambientale per l’edilizia al mondo. Per la pavimentazione in legno di i.lab sono stati utilizzati oltre 2.000 mq di Vintage Rovere Naturale X Large in versione liscia, certificato fsc con catena di custodia. Una piccola parte (circa 100 mq) è stata pavimentata in Acero Americano con finitura Vintage realizzata da Gazzotti appositamente per il progetto esclusivo. Il rivenditore autorizzato Gazzotti che è stato referente per il progetto è Ceramiche Signorelli, di Calcinate (BG).

Fotonotizia

Tile Italia 3/2012 - 13


Tilefax

MAPEI, TRA CICLISMO E ARTE Mapei sostiene ancora una volta il mondo dell’arte e della cultura sponsorizzando la mostra “Ciclismo, cubo-futurismo e la quarta dimensione - Al velodromo di Jean Metzingerâ€?, in programma presso la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia dal 9 giugno al 16 settembre. La mostra è incentrata sul dipinto di Jean Metzinger, che raffigura il vincitore dell’edizione del 1912 della Parigi Roubaix, e sulla notissima gara ciclistica francese alla quale Mapei è particolarmente legata per averne vinto con la sua squadra ben 5 edizioni, di cui tre piazzandosi al primo, secondo e terzo posto. É nota la passione di Mapei per il mondo dello sport e del ciclismo in particolare a cui è stata legata dal 1993 al 2002 con una squadra sempre ai vertici delle classifiche internazionali. “Sport, gare e una forte passione: questi gli elementi che accomunano il tema della mostra e la nostra filosofia aziendaleâ€?, ha dichiarato Giorgio Squinzi, Amministratore Unico di Mapei.

Tile Italia e Tile International su tablet e smartphone Possiamo dire che “ci siamo Applicati per voiâ€?, usando lo slogan scelto per il lancio pubblicitario. Di certo lo abbiamo fatto pensando ai tanti, tra i nostri lettori, nel mondo giĂ  “app-assionatiâ€? e inseparabili dal proprio iPad. Da settembre, infatti, tutte le nostre testate - Tile Italia, Tile International, Ceramic World Review, Brick World Review - sono disponibili su tablet (iPad e Android) e sui relativi smartphone. L’applicazione è scaricabile gratuitamente e consente una serie di vantaggi, primi fra tutti l’accesso ad approfondimenti multimediali non disponibili su carta e la possibilitĂ  di archiviare e consultare in ogni momento, anche senza connessione, le copie giĂ  scaricate sul pro14 - Tile Italia 3/2012

Il rapporto di Mapei con la Peggy Guggenheim Collection di Venezia e con il Museo Guggenheim di New York, che la stessa Mapei ha contribuito a restaurare come molti altri luoghi del patrimonio artistico internazionale e italiano, è ormai consolidato nel tempo.

Panariagroup sbarca in India

prio tablet in formato pdf. Ogni numero - caricato su iPad e Android prima ancora di essere stampato nella sua versione cartacea - non sarà solo sfogliabile, ma permetterà di selezionare i contenuti direttamente dalla barra di navigazione. Per le aziende alla ricerca di nuove e piÚ avanzate forme di comunicazione vengono in aiuto le eccezionali potenzialità multimediali offerte dai tablet: redazionali e annunci pubblicitari potranno essere linkati al proprio sito web, cosÏ come si potranno aggiungere video, cataloghi, photo gallery e slide show, approfondimenti tecnici, form di richiesta informazioni via e-mail, o sponsorship banner sull’intera applicazione. La nuova iniziativa mira all’obiettivo che abbiamo sempre perseguito, ossia essere sempre piÚ vicini a lettori e inserzio-

nisti, utilizzando gli strumenti che l’evoluzione tecnologica offre: dalla carta al web e ora al tablet, che, con la rapidissima diffusione che sta già avendo, si preannuncia come una nuova rivoluzione anche nel campo dell’informazione.

Ăˆ stata costituita ad Ahmedabad, nello stato indiano del Gujarat, la Joint Venture Company (JVC), societĂ  partecipata al 50% da Panariagroup e al 50% da Asian Granito India Ltd., una delle principali realtĂ  ceramiche del mercato indiano. I prodotti della JVC saranno venduti sul mercato indiano con il nuovo marchio “Bellissimo - STILE ITALIANOâ€?, di proprietĂ  di Panariagroup, e saranno rivolti alla distribuzione di piastrelle di fascia alta e lusso. L’offerta di prodotti si compone di una gamma selezionata dei best sellers di Panariagroup prodotti in Italia e di collezioni realizzate negli stabilimenti indiani di Asian Granito con contratto di esclusiva e assistenza dell’equipe tecnica Panariagroup.

&RQWLHQH,3 ,661 

PIASTRELLE DI CERAMICA - PARQUET - MATERIALI PER LA POSA - ARREDOBAGNO - FINITURE D’INTERNO

â–  I fatturati 2011 delle aziende ceramiche italiane â–  Speciale Parquet â–  I Saloni 2012

a cura della Redazione

Tilefax: il filo diretto con le aziende


Tilefax

Grazie alla capacità produttiva di Asian Granito, superiore ai 24 milioni di mq annui, la nuova società sarà in grado di far fronte in maniera completa alla richiesta di quella fascia del mercato indiano attenta al lusso e al design. L’organizzazione vendite della JVC sfrutterà la conoscenza del territorio di Asian Granito, mentre tutte le attività di Ricerca e Sviluppo volte alla creazione di nuovi prodotti e la definizione del marketing concept per la promozione dei prodotti a marchio “Bellissimo” saranno curati direttamente da Panariagroup. L’India, con una produzione pari a oltre 600 milioni di mq/anno e tassi di crescita annuali superiori al 10%, rappresenta il terzo mercato ceramico al mondo dopo la Cina e il Brasile in termini di consumo. Nonostante queste aree rappresentino ancora una quota limitata sul totale del volume d’affari del Gruppo, nel 2011 i risultati di PanariaGroup sui mercati del Far - East, Medio Oriente e Oceania hanno registrato vendite in crescita di oltre il 25% rispetto all’anno precedente.

FILA PER IL TRATTAMENTO DEL PARQUET Per la pulizia del legno posato all’esterno e all’interno, FILAPARQUET NET è il prodotto ideale. FILAPARQUET NET è consigliato per le piccole superfici: pronto all’uso, grazie alla praticissima confezione con impugnatura ergonomica e dosatore a spruzzo, permette di effettuare un lavaggio veloce senza risciacquo. FILA PRO130 e FILAPARQUET NATURE sono ideali per la protezione ad olio delle superfici in legno: FILA PRO130 è un impregnante a base di oli vegetali che entra in profondità nei materiali assorbenti e può essere impiegato come prodotto unico per il trattamento ad olio del legno.

GRANITIFIANDRE AL GREENING CAMP Granitifiandre ha partecipato il 31 maggio scorso al primo Greening Camp, una giornata di incontro e dibattito sui temi legati alla green economy rivolta a studenti, istituzioni, imprese e fondi di investimento tenutosi presso la sede dell’Università Luiss Guido Carli di Roma. L’evento, organizzato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato un’occasione di confronto volta a far emergere idee, progetti e riCollezione Le Giare sorse mostrando nel concreto opportunità di iniziative economiche indirizzate alla salvaguardia dell’ambiente e all’uso sostenibile delle risorse naturali ed energetiche L’iniziativa ha visto coinvolti un centinaio di studenti di oltre 40 Università, tra i migliori talenti interessati ad investire il proprio futuro sul tema dell’ambiente e dell’economia sostenibile. Graziano Verdi, Presidente e Amministratore Delegato di Granitifiandre & Iris

Impregna il legno in modo uniforme facendolo respirare, non lo rende untuoso e ne ravviva la colorazione naturale; FILAPARQUET NATURE dona invece al pavimento un piacevole effetto satinato, pulisce e protegge le superfici nutrendo il legno in pro-

Group, è intervenuto sottolineando il ruolo prioritario della salvaguardia dell’ambiente tra i valori dell’impresa e degli investimenti in termini di ricerca e sviluppo che l’azienda ha da sempre dedicato all’innovazione in termini di prodotti e processi ecosostenibili. Granitifiandre, infatti, ricrea attraverso elementi naturali alcuni dei marmi e dei graniti più rinomati e prestigiosi a livello mondiale, con caratteristiche estetiche similari ma con superiori qualità tecniche e soprattutto senza recare danno all’ambiente a causa dell’estrazione da cava. L’azienda ha inoltre sviluppato negli ultimi anni specifiche soluzioni volte a costruire in maniera ecosostenibile, quali Active Clean Air & Antibacterial CeramicTM”, Maximum e Serie 100.

fondità, è facilissimo da applicare ed è pronto all’uso perché non va diluito. Per la finitura di interni e pavimenti in parquet verniciato, consigliamo FILAPARQUET WAX, cera liquida che protegge, pulisce e allunga la vita al legno, ripristinandone la protezione originaria grazie ad un sottile strato protettivo. Può essere usata sia pura che diluita, è facile da applicare e ha un’ottima resistenza all’usura e al traffico. Repellente a sporco e polvere, Filaparquet Wax ha anche un buon grado di auto lucido.

Tile Italia 3/2012 - 15


advertising

ACCORDO TRA SANMARCO TERREAL ITALIA E UNIECO SanMarco-Terreal Italia, azienda del gruppo multinazionale Terreal, specializzata nella produzione di materiali e sistemi in laterizio per l’architettura e la divisione Laterizi & Co di Unieco, azienda attiva nel settore dei materiali da costruzione, hanno sottoscritto un accordo commerciale che prevede la reciproca collaborazione sia per quanto riguarda i materiali tradizionali, sia per proposte innovative e sistemi integrati. L’accordo, della durata di due anni, punta allo sviluppo e all’ottimizzazione della rete di vendita al fine di consentire una presenza sempre più capillare sul territorio italiano, elevando la qualità del servizio al cliente, l’integrazione dei siti produttivi aziendali, che funzioneranno da piattaforma logistica integrata per l’intera gamma prodotti, e l’unificazione delle attività di comunicazione e marketing. “Vogliamo migliorare la nostra capacità di competere sul mercato, hanno commentato Umberto Magnani (direttore divisione Laterizi & Co di Unieco) e Fernando Cuogo (direttore generale di SanMarco-Terreal Italia) offrendo, pur in questa fase di profonda crisi strutturale del settore, la più ampia gamma di prodotti e servizi in un mercato che non potrà più essere di quantità ma di qualità”.

ADESITAL PRESENTA “FUGAMAGICA® BIO”

PAT ENT ED

L’innovazione Adesital segue l’evoluzione delle superfici e presenta la nuova gamma FUGAMAGICA® BIO potenziata nelle caratteristiche prestazionali e rinnovata nelle colorazioni: FUGAMAGICA® 0-6 BIO, indicata per fughe da 0 a 6 mm, disponibile in 20 colori; FUGAMAGICA® 3-20 BIO, indicata per fughe da 3 a 20 mm, disponibile in 10 colori. I prodotti della nuova gamma FUGAMAGICA® BIO sono: • c l a s s i f i c a t i CG2WA secondo la Norma EN 13888: massimo delle caratteristiche meccan-

che e prestazionali; • classificati EC1R: a bassissimo contenuto di Voc (composti organici Volatili) per la tutela della salute all’interno degli ambienti; • sono dotati di caratteristiche antibatteriche: prevengono la proliferazione di batteri e la formazione di muffe sulla superficie delle fughe, rendendo igieniche e sane le superfici piastrellate; • sono idrorepellenti: contrastano il passaggio dell’acqua, mantengono i sottofondi asciutti e le fughe più pulite; • contrastano l’affioramento di efflorescenze, diminuendone gli antiestetici aloni; • sono resistenti ai raggi UV: i colori non sbiadiscono e non cambiano per esposizione alla luce; • resistono ad alcali e detergenti mantenendo inalterato il loro aspetto nel tempo.

CERAMICHE REFIN VINCE IN ADVERTISING Con l’innovativa campagna pubblicitaria multimediale Cromie, Ceramiche Refin ha vinto due delle tre categorie premiate nell’ambito del Best Innovation e Best Engagement dell’Italian Mobile Advertising Award, il premio dedicato alle campagne pubblicitarie sul canale mobile promosso dai quattro principali operatori italiani di telefonia mobile. Ceramiche Refin si è contesa la vittoria del concorso con 12 importanti brand quali Barilla, Lufthansa, Nestlè, Ford, Peugeot, Whirlpool, Che Banca!, Corriere dello Sport, Generali, Condé Nast, Veet. A scegliere Refin tra i 12 brand finalisti è stata una giuria ricca di nomi illustri nel campo della comunicazione, del marketing e della telefonia mobile. Il concorso è stato vinto grazie alla campagna multimediale Cromie, ideata da Refin con la direzione creativa di Roberto Bandiera. Uno degli elementi chiave del successo è stata l’ideazione della app Cromie per i-phone e google play con la quale condividere le immagini fotografiche trasformate con la propria creatività.


il parquet ecocompatibile made in italy Vintage è il parquet che ha rivoluzionato il modo di intendere e vivere la propria casa. L’esclusiva finitura microporosa, la straordinaria naturalezza, la resistenza della superficie, la produzione Made in Italy, la manutenzione facile ed efficace con oli naturali, l’ecocompatibilità, hanno conquistato migliaia di famiglie. La collezione 2012 propone nuove cromie di assoluta tendenza in linea con i più attuali stili dell’abitare: Rovere Chablis, Rovere Softgrace e Rovere Nuance.

Gazzotti SpA - Via Lame, 282 - 40013 Trebbo di Reno (Bo) Tel. +39 051 6329611 - Fax +39 051 701518 - e-mail: info@gazzotti.it - www.gazzotti.it

590.032.M.


advertising

PATENTED

TECNOGRAFICA IN VIA MONTENAPOLEONE

STARLIKE

Defender Antibacterial

È stato ultimato da Tecnografica il restauro dei Tombini Art, realizzati lo scorso anno per un’importante multinazionale e installati a Milano in via Montenapoleone dove, per circa 8 mesi, hanno preso il posto dei tradizionali tombini. 
Il progetto artistico, intitolato “Sopra il Sotto Tombini Art raccontano la Città Cablata”, è consistito in una mostra open air di tombini in ghisa (quelli della rete in fibra ottica posti sui marciapiedi) teso a sperimentare un nuovo linguaggio d’arte e di comunicazione.
 L’intervento affidato a Tecnografica ha previsto - attraverso particolari tecniche di incisione e decorazione con resine dalla composizione brevettata - il restauro di opere d’arte realizzate da famosi artisti internazionali della Street Art Rendo, Flying Fortress, Space Invaders, The London Police, Shepard Fairey - appositamente concepite per decorare i coperchi dei tombini di via Montenapoleone, valorizzando un oggetto apparentemente anonimo. L’esperienza “artistica” di Tecnografica è nata dalla ricerca aziendale su nuove tecniche decorative, legate alla logica dello sviluppo digitale e dell’innovazione del prodotto, già utilizzate con successo nel comprensorio ceramico.

OIKOS E LAMINAM PER GLI ARCHITETTI

99,9

%

di abbattimento delle cariche batteriche

Oikos, azienda attiva nella produzione di porte blindate di alta gamma e Laminam produttore di gres porcellanato, organizzano un incontro nella giornata del 25 giugno per dimostrare a architetti, clienti e progettisti l’importanza della loro partnership a vantaggio di un prodotto finale dal valore innovativo oltreché estetico. Laminam, che fornisce a Oikos la vasta gamma di pannelli di rivestimento in gres delle sue porte blindate, aprirà le porte dello stabilimento per dare visione della

tecnologia applicata e del risultato raggiunto di cui beneficiano trasversalmente numerosi ambiti merceologici: da quello dell’arredamento e del design di interni a quello dell’edilizia, con rivestimenti di pareti interne e facciate. La giornata si articola in una parte teorica, organizzata nella sala conferenze dello stabilimento Laminam, e in un tour guidato che darà modo ai presenti di visionare anche l’innovativo magazzino verticale con muletti telecomandati che non necessitano di alcun operatore alla guida. Laminam, grazie ad una specifica tecnologia, produce lastre in ceramica di 1x3 metri e soli 3 millimetri di spessore, in numerose finiture e colorazioni, indicate in qualsiasi contesto applicativo.

CON MARAZZI GROUP VINCI NEW YORK È partito il 23 aprile scorso un nuovo concorso a premi, indetto da Marazzi Group, rivolto a tutti gli utenti maggiorenni residenti in Italia che presentino progetti di uno o più spazi, interni o esterni, arredati con alcune linee esclusive Marazzi indicate dall’azienda. In palio 3 ambitissimi premi per 3 vincitori, che si aggiudicheranno rispettivamente un viaggio a New York, Parigi e Amburgo per 2 persone. I lavori inviati saranno sottoposti a selezione entro il 15 ottobre prossimo da parte di una giuria composta da architetti/ designer, giornalisti e rappresentanti Marazzi, che utilizzeranno come criteri di giudizio l’abilità e originalità nell’utilizzo, la composizione architettonica e stilistica dell’intervento e l’utilizzo di sole collezioni di ceramica e gres Marazzi. L’invio delle gallerie fotografiche dovrà avvenire entro il 15 settembre 2012. Ulteriori informazioni e regolamento del concorso su http://www.marazzi.it/it/ tuemarazzi/il-concorso


advertising

GRUPPO SACMI: +40% NEL 2011

E TALUMINATOR T H E R E B E L I G H T™

n to the function of step edge protection the Aluminator™ range offers an easy, energy lution to illuminate steps. Should a power failure occur on stairways, increasing the risk or evacuees, the Aluminator™ system allows the evacuee to orientate, locate stair edges and so assist in the safe evacuation of the premises.

fficient - Charges with natural or artificial light minutes charge can provide over 8 hours nation nstall – No need for electrical installation range available resistance when used with the new Genesis Silicone Insert ble with all Genesis Single Channel uty Nosings ge of colour infills available mpliant range available

OFF AD.indd 1

Though the sun is gone, I have light Kurt Cobain

Genesis APS International Limited, Stokesley Business Park, Stokesley, TS9 5JZ. United Kingdom Telephone: +44 (0)1642 713000 | Fax: +44 (0) 1642 710099

www.genesis-aps.com www.genesis-flooring.com

1/9/11 12:26:53

Ottimi risultati per il Gruppo Sacmi che chiude il 2011 a +40%, raggiungendo i 1.400 milioni di euro di fatturato rispetto ai 1.030 del 2010, con un utile consolidato di Gruppo di 32,4 milioni di euro rispetto ai 12 milioni del 2010. Merito del piano di diversificazione e degli oltre 65 milioni di euro che il Gruppo ha investito in ricerca e sviluppo, immobili industriali e macchine utensili. In particolare, il fatturato realizzato nel settore macchine e impianti per ceramica è cresciuto di oltre il 50%, grazie non solo alle esportazioni versi i Paesi “Bric” (Brasile, Russia, India e Cina), ma anche alle vendite realizzate in Italia, che si conferma il terzo mercato per il Gruppo imolese. In crescita anche il settore delle macchine per il packaging (+10%) e quello delle macchine a iniezione per la plastica, che torna in positivo dopo diversi anni difficili. Obiettivi raggiunti anche per quanto riguarda l’attività nel settore del cioccolato con la costituzione della Carle & Montanari Holding (detenuta in quote paritetiche da Sacmi e Ima), che ha raggiunto i 90 milioni di euro di fatturato. I risultati positivi si riflettono anche sul fronte occupazione. A partire da ottobre 2010 fino a dicembre 2011 solo in Sacmi Imola sono entrati 90 nuovi addetti, 180 complessivamente in tutto il Gruppo. Pietro Cassani, direttore generale del Gruppo Sacmi e presidente uscente di Acimac, l’associazione che riunisce i costruttori italiani di macchine per la ceramica, commenta con soddisfazione i risultati raggiunti dal Gruppo di Imola: “Con una strategia chiara, una presenza globale e una forte attenzione al prodotto e al cliente si può crescere anche in momenti difficili”.

I PRIMI 15 POSATORI DALLA SCUOLA EDILE DI TRIESTE È partito venerdì, 11 maggio, presso la Scuola Edile di Trieste, il primo corso di formazione dedicato ai posatori di piastrelle di ceramica, iniziativa promossa da Confindustria Ceramica e Formedil nell’ambito del progetto “2 T - TRAINING FOR TILE”. Il corso, della durata di 40 ore e strutturato nella versione ‘base’, coinvolge complessivamente 15 giovani, in alcuni casi disoccupati, desiderosi di ac-

quisire una adeguata professionalità nel mestiere di piastrellista. Il corso si sviluppa attraverso 10 moduli di 4 ore tenuti il venerdì e il sabato in orario serale, con termine a metà giugno. Il corso, sulla base di un definito programma didattico, prevede una alternanza tra docenza in aula e pratica in laboratori di posa. Al termine del percorso formativo, la scuola edile di Trieste, valutando il raggiungimento della competenza professionale, rilascia ai partecipanti un attestato di frequenza riconosciuto da Confindustria Ceramica. Il corso nasce da un accordo biennale su base nazionale tra Confindustria Ceramica e Formedil ed è dedicato alla formazione di maestranze, anche in cerca di occupazione, nel campo della posa della ceramica. La tappa triestina, la cui gestione corsi è affidata a Marco Dal Bò, rappresenta una delle trenta in programma sull’intero territorio nazionale, terza attivata dopo Cuneo e Lecco.

ILLUMINAZIONE A LED PER REGIA Le lampade a Led rappresentano un’alternativa, ecocompatibile e di alta qualità, alle lampade a incandescenza e Regia, con l’aiuto della mano creativa di Bruna Rapisarda, dedica al Led tutta la sua nuova collezione di lampade, proseguendo lo studio iniziato nel 2011. Girella, Toast, Stick, Spicchio, Righello e Tegola fanno parte dell’ampia proposta di lampade a Led studiate per personalizzare e illuminare il bagno: tutte realizzate in lastra di acciaio lucido con diffusore in plexiglass satinato.


I sistemi giusti per soddisfare le massime esigenze

Murexin offre soluzioni di sistema perfettamente coordinate tra loro per soddisfare le massime esigenze. Dalla preparazione del sottofondo, alla posa, la stuccatura delle fughe e la cura dei rivestimenti in ceramica. L’ampio assortimento di prodotti e sistemi è ideale per l‘uso in ambienti interni ed esterni e soddisfa ogni singola esigenza

CO

R ST

UI

ER

E PIT

S PO - O CO GI I N L AG L

TU

RA

A

IS

OL

AM

EN

TO

www.murexin.com Fax : +39 - 02 - 700 400 044 E-Mail: v.righetti@murexin.com


Tilefax

LEA CERAMICHE PLURIPREMIATA AL COVERINGS 2012 La XIX edizione di Ceramics of Italy Design Competition, concorso che premia i migliori progetti realizzati con piastrelle di ceramica italiane da parte di architetti nordamericani, istituito nell’ambito di Coverings 2012 ad Orlando in Florida, ha visto Lea Ceramiche aggiudicarsi tre importanti riconoscimenti: - nella categoria commerciale con il building Union Square 999 (Washington, DC), progettato dallo studio di Architettura Leo A. Daly (Washington, DC); - nella categoria istituzionale con il progetto Musical Instrument Museum (Phoenix, AZ) realizzato in collaborazione con lo studio di Architettura RSP Architects and Rich Varda (Minneapolis, Minnesota); - infine Menzione d’onore per la realizzazione del progetto Cooper Residence (New York, NY) in collaborazione con l’architetto Anna Marie Fanelli (Tenafly, NJ). Tra i progetti vincitori, Union Square 999 (nella foto) rappresenta l’espressione più compiuta della ricerca tecnologica e di soluzioni estetiche raffinate. L’imponente complesso architettonico situato nel distretto di Washington DC, negli Stati Uniti, comprende due edifici di classe A, collegati da una piazza esterna, prevalentemente adibiti a uffici, per una superficie di circa 35.000 mq, attualmente ospitanti le agenzie governative del distretto di Columbia. Tre le collezioni di Lea Ceramiche utilizzate per il rivestimento di spazi interni. Slimtech BasaItina Stone Project, Tecnoquartz e Stonehenge.

LISTONE GIORDANO A FESTARCH La IV edizione di FestArch, International Architecture Festival, tenutasi a Perugia dal 7 al 10 Giugno, ha visto la partecipazione di Listone Giordano con This is my Forest, un progetto patrocinato dalla Fondazione Giordano e ideato in occasione dell’Anno Internazionale delle Foreste, il 2011, come omaggio semplice e diretto al rapporto tra uomo e natura. This is my Forest comprende due ricerche fotografiche condotte una in Svezia e l’altra in Sud America, da tre artisti italiani. Andrea Barghi e Veronica Bernacchioni, hanno incontrato il pubblico nell’ambito di FestArch, presso la Sala dei Notari a Piazza IV Novembre, per raccontare la loro esperienza di viaggio nella più antica foresta dell’Europa nella contea di Norrbotten, riconosciuta dall’Unesco come patrimonio da proteggere. L’incontroconversazione è stato presentato da Andrea Margaritelli in qualità di Direttore della Fondazione Giordano. Nicolò Lanfranchi ha condotto un viaggio-ricerca sul rapporto tra uomo e foresta nel Sud America tra scenari mozzafiato e insidie. Il progetto del giovane fotografo, descritto nell’ambito del FestArch all’interno della Rocca Paolina, si svilupperà nella creazione di un contenitore animato da una videoinstallazione, interattivo e aperto a tutte le iniziative, singole o collettive, di chi si prende cura del “proprio” mondo, della propria foresta del cuore.

Mapei per la “Chiesa di Dante” La Chiesa di San Donato in Polenta - Bertinoro (FC) - è stata riaperta al pubblico dopo tre anni di lavori di restauro, realiz22 - Tile Italia 3/2012

zati grazie al contributo di Mapei oltre che della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna, della Diocesi di Forlì-Bertinoro, del Comune di Bertinoro e della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. La Pieve di San Donato in Polenta, risalente ad epoca longobarda, è nota per l’ode a lei dedicata da Giosuè Carducci, intitolata “La Chiesa di Polenta” ed in cui si fa riferimento alla possibilità che Dante Alighieri abbia frequentato quei luoghi e la stessa Pieve durante il periodo in cui fu ospite di Guido da Polenta. La riapertura della Chiesa di Polenta è avvenuta a conclusione di un importante progetto di risanamento, restauro conservativo e consolidamento dell’intero complesso. I lavori hanno previsto varie fasi, svoltesi con la continua assistenza tecnica di Mapei che, oltre a fornire gratuitamente i prodotti, ha collaborato con progettisti ed addetti ai lavori nell’individuazione delle migliori soluzioni tecniche. Gli interventi eseguiti per assicurare la stabilità della Chiesa sono stati finalizzati a garantire i collegamenti fra le pareti verticali dell’edificio e la copertura. Ridotte anche le spinte generate dalle volte in muratura della cripta mentre, per il consolidamento delle fondazioni, sono stati realizzati cordoli e pali a contrasto in calcestruzzo e, sulle pareti interne della Chiesa, nuovi intonaci deumidificanti. Terminati gli interventi di consolidamento e recupero è stata nuovamente posata la vecchia pavimentazione in cotto. Il restauro della “Chiesa di Dante”, solo l’ultimo dei numerosi interventi che sottolineano l’impegno di Mapei per l’arte, porta in sé anche un significato profondamente personale per Giorgio Squinzi ed Adriana Spazzoli che, proprio in questa antica Pieve, si sono sposati nel 1970.


www.progressprofiles.com

Lo sguardo sempre rivolto al futuro.

Non vi farete più in 4

per posare il pavimento

studioverde

Il solo con 2 elementi

Risparmio di 3 pezzi per gli incroci

Proleveling System

Molte BREVET T plici soluz O ioni

Solo Progress Profiles vi offre L’UNICO SISTEMA BREVETTATO con livellatori variabili a scelta CROCE e MEZZA CROCE oltre ai livellatori tradizionali per il livellamento della posa di materiali di medio e grande formato e slim tiles. Proleveling System è un sistema rivoluzionario ed innovativo che rende semplice e rapida la posa con solo 2 elementi (livellatore e tirante). Una gamma completa di livellatori da 1, 2 e 3 mm per pavimenti e rivestimenti da 2 a 40 mm. L’esclusivo sistema di rimozione è in grado, grazie alla forza esercitata verticalmente e non trasversalmente, di evitare il movimento delle piastrelle e l’allargamento dei giunti.

Progress Profiles SpA

Azienda certificata UN EN ISO 9001:2008

Posa

Ruota

Rimuovi Girando il tirante con una pressione maggiore o calciandolo nel senso della fuga.


Tilefax

AD HOC, BY RARE, PER LE RISTRUTTURAZIONI Ad Hoc di Rare è un sistema integrato bacino doccia e pareti in cristallo - che permette la realizzazione di docce su misura a filo o fuori pavimento.
Il bacino in acciaio a tenuta stagna è un brevetto Rare, azienda di Cairate (VA) che garantisce la consegna in 5 giorni lavorativi dell’intero sistema doccia, anche costruito su misura e in forme grandi o irregolari. Ad Hoc può essere rivestito con qualunque materiale (piastrelle, mosaico, resina, pietra...). 
Il bacino è prodotto in kit, già pronto con le corrette pendenze per lo scarico e non è quindi necessario creare superfici inclinate in muratura né procedere con l’impermeabilizzazione. L’idraulico posa in pochi minuti il piatto all’interno della pavimentazione e risolve l’installazione agganciando la piletta alle tubazioni di scarico.
Il sifone viene posizionato sul lato più congeniale ed è possibile installare più sifoni per un veloce deflusso dell’acqua. La griglia di copertura dello scarico è realizzata, su misura, nelle dimensioni del bacino: disponibile in acciaio satinato, lucido o con supporto piastrellabile garantisce una facile pulizia grazie al sifone ispezionabile. Il bacino Ad Hoc viene realizzato fino ad una dimensione massima di 119x294 cm, è insonorizzato (a norma DIN 4109/VDI 4100) e di peso contenuto (12 Kg/m2). Prezzo al pubblico del sistema Ad Hoc di Rare (bacino+cristalli): a partire da 1.200 € Iva inclusa.

“Registrata una crescita continua nel quadriennio 2008-2011 - afferma Sergio Rossi, amministratore delegato di Fiere e Comunicazioni, la società proprietaria che realizza il Salone in partnership con Rimini Fiera -, abbiamo un outlook positivo al 2016, il cui consolidato complessivo dovrebbe chiudersi a 4 miliardi 770 milioni di Euro, con la quota di arredi, corredi e attrezzature per l’esterno a 1 miliardo 365 milioni di Euro”. Nel segno delle ultime tendenze dell’insideout living, il Salone internazionale dell’Esterno quest’anno, in occasione della 30° edizione, integrerà la merceologia tradizionale con prodotti del florovivaismo di qualità e si arricchirà di 2 nuovi percorsi espositivi: il Garden Sun, per quanto riguarda il verde e il Dec’or X365 per la home decoration. L’apertura al florovivaismo di qualità col Garden Sun è il primo passo di un progetto pluriennale che prevede un approfondimento dell’offerta del vivaismo ornamentale, del paesaggismo e del giardinaggio a favore di un mix di figure professionali della filiera florovivaistica, con riguardo ai grandi contractors, organizzatori di eventi, pianificatori del verde e paesaggisti. Dec’or X365, il percorso espositivo dedicato alla home decoration, si rivolge alla decorazione integrata e alla contaminazione con i temi del design contemporaneo. La scenografia dell’esposizione sarà declinata nelle quattro stagioni: Spring, Summer, Autumn e Winter. Direzione artistica e progetto firmati da Fabio Orsolini.

NUOVO SHOWROOM DI MY FLOOR

SUN 2012: CRESCE IL MERCATO ITALIANO L’Osservatorio di SUN, Salone internazionale dell’Esterno in svolgimento a Rimini dal 7 al 9 ottobre prossimi, comunica che il fatturato aggregato (arredo per esterno + gardening) generato nel 2011 dal mercato italiano ha raggiunto i 4.541 miliardi di Euro, in aumento rispetto ai 4.350 milioni del precedente esercizio e con una crescita media annua del 2% tra il 2007 e il 2011. 24 - Tile Italia 3/2012

Giovedì 24 maggio è stato inaugurato il nuovo spazio espositivo “Parquet Indoor e Ourdoor” di My Floor a Roma, in via Anastasio 2. La nuova apertura è stata realizzata in collaborazione con Arch&Shop, importante realtà nell’ambito delle finiture per interno e dell’arredamento. All’interno del moderno show room, dove sono sempre a disposizione dei veri professionisti della casa, è stato allestito un “corner” My Floor completo di prodotti in legno e laminato. My Floor, marchio appartenente a SO.DI. PAV. srl, è la prima catena franchising ita-

liana che propone un ampio assortimento di pavimenti in legno - prefinito a 2 e 3 strati o massello -, in laminato e in varie altre tipologie di materiali. My Floor è un’idea di Enrico Demicheli, titolare dell’azienda e socio di Eurolegno Group Spa che, con questo progetto, ha inteso introdurre sul mercato, italiano ed estero, un metodo di produzione e vendita dei pavimenti in grado di coniugare la qualità alla semplicità.

A MAXIMUM IL “BEST INNOVATIVE PRODUCT” GranitiFiandre è stata insignita del premio Best Company Award, ideato e promosso dalla Editoriale Duesse. Il premio, alla sua prima edizione, nasce per individuare, attraverso le preferenze espresse dai principali operatori della distribuzione nazionale, le aziende che si sono distinte confrontandosi su nove categorie principali. Il riconoscimento, nella categoria “Best Innovative Product”, è stato assegnato alla serie Maximum di Graniti Fiandre. Maximum è un gres porcellanato che si contraddistingue per il formato di 300x150 cm, pari a 4,5 mq: il più grande mai realizzato in ceramica tecnica. Le lastre Maximum, molto competitive in termini di resistenza, leggerezza, flessibilità e duttilità, possono vantare uno spessore minimo da 3 a 6 mm e la luminosità della finitura levigata, priva di ogni asperità. In occasione del FuoriSalone di Milano, l’architetto francese Odile Decq ha scelto, per la sua istallazione, di utilizzare Maximum in virtù delle sue straordinarie potenzialità progettuali e architettoniche che consentono illimitate soluzioni applicative.


MAXI-CUT è la nuova segatrice a ponte progettata per la perfetta esecuzioni di tagli su piastrelle di grande formato. La lunghezza di taglio pari a 200 cm, la squadra laterale e le flange maggiorate fornite di serie, il potente motore da 2,2 kW (3 CV), l’ avanzato sistema di raffreddamento ad acqua, l’avanzamento con volantino, la possibilità di applicare fino a 4 estensioni laterali con rulli, la capiente vasca esterna munita di potente pompa e tanto altro la rendono ideale per tagliare in tutta sicurezza lastre di grandi dimensioni con la massima precisione di taglio.

Realizzata in alluminio pressofuso ed estruso ed in acciaio galvanizzato per garantire la massima affidabilità e resistenza alla ruggine

Vasca esterna corredata di pompa ad alta portata per un eccellente raffreddamento e per una semplicissima pulizia e ricambio dell’acqua

MAXI-CUT 200 cm

Dotata di flange maggiorate Ø 200mm per conferire la massima rigidità al disco (specifico per porcellanato) e di sistema di raffreddamento con getto ravvicinato al punto di taglio per garantire la massima precisione di taglio Sistema di avanzamento gruppo motore con volantino per una comoda esecuzione del taglio

Corredata di laser per verificare perfettamente la linea di taglio

w w w . r a i m o n d i u t e n s i l i . i t

Raimondi s.p.a. - Via dei Tipografi 11 - 41122 - Modena - Italia tel. +39 059 280888 - fax: +39 059 282808 raiutens@raimondiutensili.it


Tilefax

CISA CERAMICHE A MOSCA In occasione del Mosbuild di Mosca, fiera internazionale del design e dell’arredamento, le ceramiche della serie Xilema di Cisa Ceramiche sono state scelte per rivestire lo stand Ceramics of Italy, marchio che rappresenta e promuove le aziende dell’industria ceramica italiana nel mondo. I prodotti della serie Xilema, color castagno, nel formato 20x80 hanno rivestito la pavimentazione dell’intera area, offrendo un’occasione di visibilità internazionale in uno dei mercati, quello russo, fra i più floridi e promettenti del momento. L’importante riconoscimento dato all’azienda è motivato dalle alte qualità tecniche dei suoi prodotti, che coniugano design ed eco sostenibilità: le ceramiche Cisa sono infatti realizzate con processi produttivi che riducono lo sfruttamento delle risorse e minimizzano l’impatto delle sostanze nocive nell’ambiente.

COVERINGS POSITIVO PER FINCIBEC La trasferta statunitense dei marchi del gruppo Fincibec, in occasione del Coverings 2012 di Orlando, si è chiusa con segno positivo. Il mercato nordamericano ha dimostrato di essere in leggera ripresa. Vittorio Borelli, AD dell’azienda sassolese - specializzata in produzione e commercializzazione di pavimenti e rivestimenti ceramici - parla di una sensazione di moderata soddisfazione: “la fiera è andata bene e i segnali per il futuro sono incoraggianti. Questo lento recupero delle vendite del mercato americano lascia spazio a un cauto ottimismo”. Fincibec ha portato a Orlando i propri brand commerciali Monocibec, Century e Naxos con collezioni presentate in anteprima assoluta. Naxos, con la collezione Marble Hill è stata tra i protagonisti dell’Installation Design Showcase (nella foto), appuntamento ormai fisso del Coverings, il quale prevede che le installazioni vengano create dai progettisti con collezioni ceramiche da loro selezionate. Quest’anno l’architetto Foreman Rogers, dello studio tvsdesign di Atlanta, ha realizzato una camera d’albergo scegliendo Marble Hill. Anche la collezione Echo, di Monocibec, ha meritato una calorosa accoglienza, così come il brand Century ha attirato 26 - Tile Italia 3/2012

l’attenzione di architetti e progettisti con i colori neutri, i formati modulari e l’estetica della pietra a spacco, della nuova collezione Stonehouse.

BRANDONI PRESENTA “MONOLITE” Brandoni presenta il nuovo concept di riscaldamento con un radiatore per l’ambiente bagno: Monolite è un termo arredo che si fonde in un unico sistema con la doccia. La novità sta nel poter arredare e riscaldare il proprio bagno con un solo prodotto: il termo arredo si integra nell’ambiente bagno avvolgendo il soffione e la rubinetteria. Interamente in acciaio, Monolite si contraddistingue per il design pulito ed è perfetto anche per centri benessere, aree fitness, grandi alberghi. Il termo arredo dell’azienda anconetana è disponibile con versioni corredate da piatti doccia di varie misure, vetri di contenimento e rubinetteria ed è implementabile in base alle esigenze del fruitore o dell’ambito in cui viene collocato. Il radiatore porta la firma di Fabrizio Batoni che, nella progettazione di quest’oggetto, afferma di essersi affidato alle nuove esigenze estetico - funzionali del bagno: uno spazio sempre più pratico, dinamico e attento alle problematiche legate a spazio e benessere.

30 ANNI IN SANMARCO PER FERDINANDO CUOGO A soli due anni dal trentennale aziendale della SanMarco, cui è legata la pubblicazione ”Architetture contemporanee SanMarco, laterizio per un’architettura sostenibile”, ricorrono anche i trent’anni

di attività lavorativa in azienda del suo Direttore Generale, Fernando Cuogo. A riconoscimento del lavoro svolto Cuogo ha ricevuto un particolare encomio, nel corso di una piacevole serata organizzata a Castiglion Fiorentino, direttamente dal Presidente del Gruppo Terreal, Dott. Hervé Gastine. “Quando, ventenne, iniziai a lavorare alla SanMarco, - racconta Fernando Cuogo non avrei immaginato di arrivare a raccontare un trentennio di storia, nell’attuale veste di Direttore Generale, di un gruppo e di un marchio che, da azienda artigianale di Noale, è diventato il primo produttore italiano di laterizio a vista e il secondo di coperture in cotto con visibilità non solo europea.” SanMarco nata come azienda poco più che artigianale, è oggi leader italiana nella produzione di laterizi per l’architettura.

IL NUOVO FORMATO DI CERAMICHE SUPERGRES Ceramiche Supergres propone per il 2012 il nuovo formato da rivestimento 25x75 cm. La prima collezione prodotta in questo formato è la serie Petali con colori moderni e decisi come il bordeaux e il marrone, affiancati ai più romantici e pennellati beige, rosa e bianco proposti con finitura lucida. Il formato, grande, allungato e non rettificato, permette di realizzare ambienti bagno di grande effetto. Esistono proposte di decoro per tutti i gusti: dai romantici decori floreali a quelli con inserti d’oro, fino agli eleganti decori geometrici con righe dai filetti colorati o con bande lustrate. È disponibile anche un mosaico per ogni tonalità di colore a tessera quadrata, ottenuto miscelando le tessere di fondo con alcune lustrate e altre decorate. Su bianco, marrone e bordeaux, sono inoltre disponibili mosaici con tessere dorate. In abbinamento è previsto un pavimento coordinato in gres porcellanato con finitura lucida.


Tilefax

COOP. D’IMOLA È CERTIFICATA AEO Cooperativa Ceramica d’Imola, gruppo attivo dal 1874 nel mercato dei pavimenti e rivestimenti, è la prima azienda ceramica italiana ad aver ottenuto la importante certificazione volontaria AEO - Operatore Economico Autorizzato. Nell’ambito di tale certificazione, l’Autorità competente ha anche rilasciato la AEO/Semplificazioni doganali e Sicurezza: questo si tradurrà in notevoli vantaggi per la propria clientela che potrà contare su servizi ancora più rapidi, affidabili e di qualità. La certificazione è stata rilasciata a seguito di un’attenta attività di audit svolta dall’Agenzia delle Dogane nei confronti dell’azienda imolese, la quale è risultata costante nel rispetto degli obblighi doganali e dei criteri previsti per il sistema contabile, oltre che nella solvibilità finanziaria e la rispondenza ad adeguate norme di sicurezza. Il riconoscimento dello status di AEO permetterà a Cooperativa Ceramica d’Imola di avvalersi di agevolazioni relative al disbrigo di operazioni e formalità doganali, fra le quali: la velocizzazione delle pratiche di sdoganamento dei prodotti, l’acquisizione di uno status di affidabilità e di sicurezza con validità illimitata e comunitaria, il mutuo riconoscimento con altri programmi di affidabilità e sicurezza di Paesi terzi (certificati AEOS e AEOF).

GROHE SPA INAUGURA IL PRIMO SHOWROOM IN ITALIA Grohe, protagonista internazionale nel campo della produzione di rubinetteria sanitaria e sistemi doccia ha inaugurato il primo showroom Grohe Spa in Italia, scegliendo Milano come ulteriore tappa del circuito esclusivo di metropoli che ospitano uno showroom Grohe, tra cui New York, Londra, Parigi, Singapore, Mumbay. David J. Haines, Grohe Ag Ceo, ha dichiarano che “dopo Londra e Parigi, questa nuova risorsa a Milano ci assicura un’altra location in Europa cruciale dal punto di vista strategico, dove sia i professionisti che il consumatore finale possono avere esperienza diretta dei nostri 28 - Tile Italia 3/2012

prodotti.” Realizzato su due piani, il nuovo spazio espositivo copre una superficie di oltre 800 mq, con vetrine aperte sulla centrale Via Crocefisso. Qui, a piano terra, sarà possible “toccare con mano” le novità del nuovo brand Grohe Spa, presentato in Italia un anno fa, con il quale è possible trasformare il proprio bagno in una vera e propria “SPA domestica”. Al primo piano, saranno esposte le collezioni Grohe bagno, cucina e project.

Mapei con i suoi prodotti e la sua tecnologia ha contribuito alla realizzazione di grandi opere e al restauro di edifici significativi del patrimonio artistico e culturale italiano. Nell’ambito della manifestazione è stato realizzato un giardino per il periodo da maggio a settembre 2012 riproducente il disegno realizzato da Carlo Stanga per la campagna pubblicitaria celebrativa del 75° anniversario di Mapei, il cui slogan è: “da 75 anni aiutiamo a costruire sogni piccoli e grandi”.

Trend a La Mecca

MAPEI PER CERVIA CITTA’ GIARDINO Per il sesto anno consecutivo Mapei è Main sponsor dell’iniziativa Cervia Città Giardino-Maggio in Fiore che prevede una Mostra Floreale a cielo aperto nel periodo maggio-settembre 2012 oltre alla manifestazione Verde Mercato, svoltasi nelle giornate del 26 e 27 maggio. Si tratta della 40° edizione della manifestazione, la quale quest’anno rientra nelle celebrazioni per il centenario di Milano Marittima: un ricco calendario di eventi per sottolineare il legame profondo tra il capoluogo lombardo e la località marittima omonima fondata nel 1912 per dare un affaccio sul mare ai milanesi. Mapei ha aderito a questa iniziativa perché ritiene di condividere gli ideali di sostenibilità, bellezza e crescita attraverso l’edilizia che accomunano le storie delle due città. Infatti l’azienda da sempre dedica un’attenzione particolare all’ambiente, alla salute e alla sicurezza: un impegno che coinvolge tutte le strutture, i prodotti e i processi. Mapei è fiera di sviluppare soluzioni innovative rispettose dell’ambiente e di proporre oltre 150 prodotti che rispettano i requisiti previsti dal Led (Leadership in Energy&Environmental Design). La scelta di aderire come Main Sponsor alla manifestazione Cervia Città Giardino avviene, inoltre, proprio nell’anno in cui Mapei celebra i 75 anni della sua fondazione. 75 anni in cui l’Italia è cresciuta e

Trend Group, azienda vicentina specializzata nella produzione di materiali di pregio quali mosaici in vetro e oro, smalti e agglomerati in vetro, quarzo e granito, annuncia la fine dei lavori per la decorazione a mosaico della Torre dell’Orologio a La Mecca. Per il rivestimento della monumentale costruzione, che con i suoi 600 metri di altezza svetta nel panorama della città santa saudita, sono stati impiegati circa 40.000 mq di mosaico vetroso, di cui 14.000 in foglia d’oro 24 carati (Aureo Modern). Trend Group, fondata nel 2000 da Pino Bisazza, ha rispettato i termini di consegna stabiliti nella commessa da 10 milioni di Euro, vinta nel 2008 anche grazie al fatto che l’azienda ha il controllo diretto sull’intera filiera di produzione del mosaico. Per raggiungere questo risultato, tuttavia, Trend ha dovuto creare una nuova linea di produzione robotizzata ad hoc nel suo stabilimento di Vivaro (PD). Trend, inoltre, si è occupata di fornire il materiale per rivestire 170 giganteschi “ombrelli” (nella foto), della superficie di 70 mq ciascuno, che serviranno a riparare dal sole i circa 2 milioni di pellegrini musulmani che ogni anno si recano a La Mecca per compiere i riti dell’Umra o dello Haij. Nei prossimi mesi, molti altre strutture di questo tipo saranno realizzate sulle strade di La Mecca. “La fine dei lavori per questa commessa di assoluto prestigio è un’ulteriore dimostrazione delle capacità, della serietà e dell’affidabilità non solo della nostra


Tilefax

azienda, ma anche delle altre realtà industriali e manifatturiere italiane che da anni competono sui mercati internazionali puntando sulla creatività, sul design e sull’eccellenza qualitativa”, ha commentato Andrea Di Giuseppe, Amministratore Delegato di Trend Group.

Una “Goccia” di Lenny Kravitz per Lea Ceramiche Dall’incontro tra Kravitz Design e Lea Ceramiche nasce Goccia, la nuova collezione per rivestimenti che offre una personale e contemporanea interpretazione del decoro tridimensionale. La collezione si compone di un modulo declinato in diverse forme tridimensionali giocate su pieni e vuoti, rigorosamente in bianco e nero. Geometrie a rilievo vengono esaltate dall’uso sapiente degli smalti e dalla polvere di graniglia nella fase finale della lavorazione. “Ho disegnato un prodotto che crea una texture che dà movimento alla superficie di uno spazio” sottolinea Lenny Kravitz. Goccia contribuisce ad arricchire il catalogo di rivestimenti realizzato negli anni da Lea Ceramiche, introducendo un uso non convenzionale del materiale ceramico e portandolo ad impreziosire spazi non esclusivamente legati ai tradizionali ambienti di bagno e cucina.

mente sancito un accordo con Marks & Spencer, la famosa catena inglese di negozi specializzati nella vendita di prodotti di lusso. Le ceramiche dell’azienda modenese, infatti, sono state scelte da Marks & Spencer per la pavimentazione di 290 punti vendita presenti in tutto il mondo. Cerdisa si è aggiudicata quest’importante commessa grazie alla riconosciuta qualità e affidabilità dei suoi prodotti, in grado di soddisfare le richieste dei clienti più esigenti, nonchè di rispondere alle necessità anche di grandi progetti come quello attivato con Marks & Spencer. Inoltre, unitamente alla qualità e al design dei prodotti Cerdisa, l’azienda ceramica è stata scelta anche per l’attenzione verso l’ambiente dimostrata durante l’intero processo produttivo. L’operazione ha coinvolto nuove aperture e ristrutturazioni, per una superficie totale di 300.000 metri quadrati. La prima realizzazione ha riguardato lo store di Newcastle, recentemente inaugurato.

UN APP PER LISTONE GIORDANO Sempre al passo con i tempi, Listone Giordano rende possibile scoprire la strada della filiera produttiva che collega l’albero in foresta al prodotto finito attraverso il nuovo applicativo APP per iPad. Listone Giordano ha infatti sviluppato un’applicazione gratuita che consente di poter vivere, anche sul tablet della Apple, la bellezza delle sensazioni regalate dalla materia viva legno ad alto contenuto di “tattilità”, immaginandone l’effetto nella propria abitazione. Attraverso l’intuitivo menu interattivo è possibile selezionare i contenuti aziendali suddivisi per aeree tematiche e visualiz-

zare approfondimenti, immagini fotografiche e specifiche di prodotto, condividendola con un amico o creare un proprio book fotografico personalizzato.

Sicis a Hong Kong Nell’avveniristico distretto di Wan Chai, cuore pulsante di Hong Kong, Sicis ha di recente inaugurato il suo nuovo showroom presso il Queen’s Cube Building, che dedica allo spazio espositivo una superficie di 500 mq, su due piani, interamente dedicati al mosaico artistico e al più esclusivo design d’autore. La firma è quella di Khuan Chew (K.C.A.), l’acclamata interior designer del Burj Al Arab di Dubai, che ha caratterizzato le vetrine della sala mostra con i colori e le linee tipiche mediorientali: oro, rosso, bianco e iridescenze vestono il motivo curvilineo che tratteggia il fiore di ispirazione Ikebana, così come gli enormi vasi tridimensionali ispirati alle dinastie del Sol Levante. Un angolo è interamente dedicato al design più esclusivo, con la dominante cromatica del viola ad incorniciare le poltrone disegnate da Mr. Christian Lacroix per definire il mondo di Next Art Chapter 2. Ma, bastano due passi, e si incontra l’altra sezione dell’arredo, NEXT ART Chapter 1: le sedie-scultura di Carla Tolomeo, con gli intarsi in mosaico artistico e posato a mano come schegge di vibrante colore. A pavimento, il marmo prezioso di Cosmati che, insieme al vetro iridescente, compone geometrie lucido-opache. A soffitto, le sfere luminose Atmosphera, fatte di fiori e farfalle.

Cerdisa per i negozi Marks & Spencer Cerdisa Ceramiche, azienda appartenente al Gruppo Ricchetti, ha recenteTile Italia 3/2012 - 29


Tilefax

GROHE: un 2011 da record Anno record il 2011 per il Gruppo Grohe (Grohe e Joyou) che ha realizzato una crescita “a doppia cifra” sia nelle vendite consolidate sia negli utili. Le vendite consolidate sono aumentate del 19% su base annua, toccando i 1.165 milioni di Euro. Anche escludendo l’apporto di Joyou, nell’anno finanziario 2011 Grohe ha sviluppato vendite record per 1.020 milioni di Euro, mentre nel 2010 il risultato era stato pari a 980 milioni di Euro. L’utile ante imposte e interessi “normalizzato” (depurato di spese, deprezzamenti e ammortamenti straordinari) del Gruppo è cresciuto di circa il 16%, arrivando a 232 milioni di Euro, mentre il margine di utile al lordo di imposte e interessi si è attestato al 20%. Escludendo Joyou, l’utile ante imposte e interessi “normalizzato” di Grohe è stato pari a 206 milioni di Euro (nel 2010 era stato di 200 milioni di Euro). Il mercato in cui è stata realizzata la crescita più sostenuta è quello asiatico, dove le vendite consolidate sono aumentate del 152%. Questo dato conferma che la joint venture con Joyou, leader di mercato nella Repubblica Popolare Cinese, è stato un passo fondamentale verso una ulteriore espansione nei mercati emergenti dell’Asia.

NOBILI RUBINETTERIE MAIN SPONSOR DEL 53° CONGRESSO FEST Nobili Rubinetterie conferma la sua attenzione al mondo della distribuzione idrotermosanitaria, partecipando attivamente a uno dei principali eventi del settore. L’azienda novarese, infatti, sarà uno dei main sponsor del 53° Congresso Fest (la Federazione Europea dei Distributori Idrotermosanitari) che si terrà a Roma dal 4 al 6 ottobre prossimi. Nobili Rubinetterie accompagnerà nella sua

30 - Tile Italia 3/2012

veste di sponsor uffciale i lavori del congresso che ha come tema “L’evoluzione della crisi in Europa e la distribuzione Its. Prospettive, nuovi modelli distributivi e strumenti per competere”. Un evento di grande importanza, anche per il respiro internazionale che connota da sempre l’operato di Nobili Rubinetterie. A Roma per il congresso Fest, che ha cadenza biennale, sono infatti attesi gli imprenditori del settore idrotermosanitario di ben 15 paesi europei.

zazioni dove Coem è protagonista.

Il legno di Azulev Livewood è la nuova collezione di Azulev ispirata agli effetti più prestigiosi del legno, pensata per soddisfare i designer più esigenti. La serie, realizzata in gres porcellanato colorato in massa, si caratterizza per una struttura essenziale e per un aspetto grafico assolutamente naturale. Due i formati disponibili - 15x60 e 22,5x90 cm - e cinque i colori - bisque, black, grey, honey e white - con i quali è possibile personalizzare qualsiasi tipo di ambiente.

Nuovo sito web per Coem Il sito web di Coem si evolve per seguire i nuovi trend anche online. Massima fluidità nell’uso, layout gradevole e in linea con il pensiero istituzionale di Coem, che desidera dare il massimo rilievo a prodotti e tendenze ma anche alle tematiche che maggiormente interessano il grande pubblico, sempre più attento ed in grado di utilizzare gli strumenti offerti dal web per scegliere ed informarsi. Ed è l’informazione a fare da trave portante della struttura: la sezione prodotti è completa fino al dettaglio. Ma ampio spazio è dato alle tematiche “green” nell’area “Un pensiero eco-sostenibile”, che ha già suscitato curiosità e attenzione da parte dei visitatori. Un’altra pagina importante è quella dei progetti, nell’area dedicata “Il linguaggio del Design”, con una selezione di realiz-

Posa facile e a secco con Del Conca Fast Del Conca ha appena brevettato un innovativo sistema di posa a secco per pavimenti in ceramica che non richiede né colla né stucco e può essere applicato anche autonomamente persino sopra vecchi pavimenti in caso di ristrutturazioni. Questo sistema è rivoluzionario perché in poche ore permette di realizzare un nuovo pavimento in ceramica: una superficie stabile, continua, senza fughe e immediatamente calpestabile. Inoltre all’occorrenza è possibile rimuovere l’intera superficie o parte di essa, recuperando il prodotto e ripristinando il pavimento preesistente. Il sistema di posa a secco Del Conca Fast garantisce la stabilità del pavimento grazie a speciali inserti - brevetto Del Conca Fast - che, una volta inseriti nelle fessure delle piastrelle, rimangono fissi. Attualmente Del Conca Fast è stato applicato alla serie Monte Napoleone ma presto l’utilizzo di questo sistema verrà esteso anche ad altre collezioni Del Conca.


skycolors STUCCHI PER PIASTRELLE

Lo stucco con 24 finiture armoniose, resistenti e facili da pulire Innovazione Technokolla: nasce Skycolors, lo stucco epossidico ideale per SPA, beauty-farm e centri estetici, ma utilizzabile anche in piscine e bagni privati. Inassorbente, resistente alle abrasioni e facilmente pulibile, sigilla in tutta sicurezza le fughe di mosaici e piastrelle. L’ampia gamma di colori, particolarmente lucidi e brillanti, valorizza pavimenti e rivestimenti armonizzando tutto l’ambiente.

Scelti per qualità sottofondi, impermeabilizzanti, adesivi, stucchi e prodotti speciali per l’edilizia

Tel. +39 0536 862269 - Fax +39 0536 862660 www.technokolla.it - marketing@technokolla.com

Colori in fuga.


Tilefax

Serenissima Cir rinnova la sponsorship al Bologna Calcio Il Gruppo Serenissima Cir Industrie Ceramiche, azienda di Casalgrande (RE) di proprietà della famiglia Romani, festeggia il brillante risultato del Bologna Calcio in qualità di co-sponsor. Con il nono posto in classifica e 51 punti totalizzati, il Bologna Calcio FC ha ottenuto il migliore risultato degli ultimi dieci anni, dimostrando di essere una squadra vincente dotata di grandi qualità. Ringraziando tutto lo staff - dal Presidente Guaraldi al tecnico Pioli, fino al capitano uscente Marco di Vaio -, il Gruppo Serenissima Cir Industrie Ceramiche dichiara di rinnovare il proprio sostegno al Bologna FC 1909 tornando ad essere sponsor della squadra anche per la prossima stagione 2012-2013.

Teorema per il risparmio idrico In linea con le necessità di risparmio idrico ribadite anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione della Giornata mondiale dell’Acqua, Teorema (WTS Group) presenta il nuovo catalogo improntato proprio sulla Water Saving Philosophy, una filosofia già da tempo concretizzata nelle diverse linee di prodotto disponibili. È il risultato di strumenti e tecnologie funzionali specificamente studiati in fase progettuale da TeoLab, uno staff di professionisti qualificati, costantemente impegnati nella ricerca di soluzioni eco oriented. Grazie all’applicazione di tale tecnologia, Teorema garantisce il 40% di risparmio quotidiano - ovvero 10 litri pro capite al giorno contro i 25 di erogazione media di un rubinetto -, con un duplice vantaggio: per l’ambiente e per il consumatore. Sono molte le soluzioni presentate nel nuovo catalogo, ognuna con la relativa “gallery page” (con numerose immagini di prodotto e ambientate) e con le “technical features” specifiche. Si spazia da Gossip, il miscelatore che si distingue per rigore ed eleganza, a Scoop, soluzione

32 - Tile Italia 3/2012

esclusiva grazie alla linea pulita e agli accostamenti di forme morbide; dal nuovo programma-doccia Showertime, all’insegna del benessere e della funzionalità, a una gamma completa e diversificata di articoli studiati appositamente per la cucina.

Rondine e Sadon, sponsor “ruggenti” della Mille Miglia a Sassuolo Lo scorso 19 maggio oltre un migliaio di persone hanno assistito al primo storico passaggio da Sassuolo della Mille Miglia, la più grande e apprezzata manifestazione itinerante delle più belle auto d’epoca del mondo. Con i marchi Rondine e Sadon, simboli “ruggenti” dell’intraprendenza dell’imprenditoria ceramica italiana, il Gruppo di Rubiera ha partecipato alla sponsorizzazione di un evento di grande richiamo per la cittadina cuore del comprensorio ceramico italiano, assistendo alla meravigliosa sfilata dal palco di Piazza Martiri Partigiani. Fra i 375 piloti iscritti hanno figurato anche due imprenditori sassolesi, Ivanno Frascari e Luciano Teneggi, che, con la loro T40 del 1930, hanno ricevuto l’ambìto premio Gentlemen Drivers, ovvero il riconoscimento dedicato all’eleganza stilistica degli equipaggi indetto dalla casa di moda fiorentina Stefano Ricci.

Litokol sponsorizza il Macedonian Rally All’interno delle attività di comunicazione del 2012, Litokol ha supportato come main sponsor il Macedonian Rally, un raduno non competitivo per auto e moto storiche partito da Rubiera (Reggio Emilia, Italia) e approdato il 4 giugno scorso nella regione della Macedonia greca. Organizzato da Alessandro Turini, direttore commerciale di Litokol e Presidente della Scuderia San Martino, collegata al Museo dell’Automobile più vecchio d’Italia, il tour ha visto 30 equipaggi percorrere quasi 1.000 miglia in 5 tappe, alla scoperta di luoghi di grande rilevanza storico-naturalistica. L’occasione è stata propizia anche per incontrare i principali clienti e distributori Litokol dell’area greco-macedone, parte molto attiva anche nell’organizzazione del giro. L’iniziativa fa seguito ad una prima edizione 2010 del rally, svoltasi con successo nel Peloponneso, e rientra in una più importante strategia di comunicazione che ha visto Litokol molto attiva nelle sponsorizzazioni sportive: il marchio, infatti, è stato presente sulle maglie dell’A. C. Reggiana per le gare contro Como, Foggia e Avellino. “L’organizzazione dell’evento è stata molto impegnativa, date anche le alte aspettative – afferma Alessandro Turini, direttore commerciale di Litokol Spa – e non sarei riuscito nell’intento senza il prezioso aiuto del mio collega Claudio Ruozzi e il sostegno dell’azienda. Ritengo che per Litokol i due rally che abbiamo organizzato possano essere visti come una nuova modalità di fare comunicazione, in grado di coinvolgere in modo inusuale e divertente anche i propri clienti esteri”. Alla realizzazione del Macedonian Rally hanno contribuito anche la reggiana A&M Production e l’inglese Genesis APS International LTD, mentre l’assicurazione Europe Assistance ha supportato le auto d’epoca durante tutto il viaggio.


TEK Arredamenti FIRMA UN NUOVO SHOWROOM DEL GRUPPO EDILGIORNI Nel panorama distributivo aretino, da sempre vivace e ricco di operatori, Aldo Giorni, appartenente al Gruppo Edilgiorni spicca per essere una delle aziende specializzate nella distribuzione di materiali per le finiture d’interni che meglio ha mantenuto le posizioni raggiunte in più di 60 anni di attività. Lo scorso maggio è stato inaugurato con successo a Sansepolcro (AR) il nuovo

showroom quale ulteriore testimonianza della crescita e dell’innovazione del Gruppo. Obiettivo primario del designer Enzo O. Costi di TEK Arredamenti, che ha curato il restyling degli allestimenti interni, è stato quello di conferire continuità a spazi fisicamente frammentati tra loro poiché sviluppati su piani differenti. “Per TEK Arredamenti è stata una grande soddisfazione essere nuovamente scelti come fornitori per lo showroom del Gruppo Edilgiorni - commenta Enzo O. Costi -, rinnovando in questo modo la nostra fedeltà alla tradizione di qualità sia del progetto architettonico sia degli arredi tecnici”.

Premio “Cirilo Mussini” di Atlas Concorde ai neolaureati Si è svolto lo scorso 11 maggio, per il terzo anno consecutivo, il Premio di Studio intitolato al Prof. Cirillo Mussini, iniziativa organizzata dal Gruppo Concorde per premiare giovani brillanti neolaureati in campo tecnico-economico-scientifico dell’Università di Modena e Reggio Emi-

lia. Il conferimento dei premi - destinato a Carlo Alberto Amadei di Carpi, Giulia Casali di Fiorano Modenese, Lorenzo Corradini di Arceto di Scandiano, Elisa Gambuzzi di San Felice sul Panaro ed Elisa Vaccari di Soliera e avvenuto presso la sede di Atlas Concorde in via Canaletto, a Fiorano Modenese - è la testimonianza della fiducia nei giovani e della loro valorizzazione che il gruppo e il suo commemorato fondatore hanno sempre dimostrato. L’iniziativa è stata preceduta dal Forum “Il Capitalismo: dal modello americano alle nuove economie emergenti”, affidato quest’anno dott. Geminello Alvi, noto economista ed editorialista economico de “Il Giornale”, di “Repubblica” e del “Corriere della Sera”, oltre che autore di numerosi volumi fra cui “Il Secolo Americano” (Adelphi 1990) e “Il Capitalismo: verso l’ideale cinese” (Marsilio 2011), particolarmente incentrati sul tema di questo forum.

advertising

I tuoi fornitori raccomandano FILA. FILA è l’unica azienda raccomandata da oltre 190 produttori di pavimenti e rivestimenti. Un riconoscimento d’eccellenza, frutto dell’impegno costante nella ricerca e sviluppo di soluzioni innovative per la pulizia e il trattamento delle superfici e di un’assistenza tecnica e commerciale presente in oltre 60 paesi. FILA trasforma tutto ciò in valore per i propri rivenditori e applicatori. Solo con FILA otterrai più margini di profitto, prevenzione delle contestazioni in cantiere e fidelizzazione della clientela. Fai anche tu la scelta giusta!

filachim.com SCOPRI I PARTNER FILA

SINCE 1943


Tilefax

Cielo premiata con il “Red Dot Award: Product Design” 2012 Le Giare, linea di Cielo disegnata dall’architetto e designer Claudio Silvestrin, composta da lavabo freestanding e sanitari sospesi, ha ricevuto il “Red Dot Award: Product Design”, uno dei più prestigiosi riconoscimenti internazionali per il design, in occasione del Red Dot Design Award 2012 ad Essen, in Germania. La cerimonia di premiazione avverrà il prossimo 2 Luglio 2012 presso Aalto Theater alla presenza dei più importanti esponenti del mondo del design, dell’industria e dei media. Il carattere di questa linea si esprime attraverso una grande fluidità di linee: perfette forme circolari che si inseriscono nei contorni esterni ovali per creare una vera e propria scultura ceramica dal design sinuoso e elegante in grado di costituire una proposta progettuale che si distingue dalle consuete soluzioni formali. I bordi asimmetrici dai forti spessori sono le peculiarità che contraddistinguono questo nuovo progetto, caratterizzato da forme ampie che assicurano il massimo comfort. Le Giare si propone come oggetto di design inedito in cui non sono trascurati gli aspetti funzionali: il lavabo freestanding, ad esempio, unico per forma e dimensione, si caratterizza, oltre che per il pratico piano d’appoggio, anche per l’installazione del miscelatore sul lavabo stesso, peculiarità che ne esalta il carattere di esclusività ed innovazione. Le Giare è disponibile nelle finiture bianco lucido, nero lucido, Stone e antracite.

Ceramica italiana sostenibile in mostra a Ecocasa La ceramica italiana ha partecipato alla 6° edizione di Ecocasa, la rassegna fieristica sull’edilizia sostenibile tenutasi dal 16 al 19 febbraio 2012 presso la Fiera di Reggio Emilia. “Ceramics of Italy” ha esposto in fiera con “Expo Green Tile”, una mostra col34 - Tile Italia 3/2012

lettiva di prodotti ceramici green certificati delle seguenti aziende: Caesar, Casalgrande Padana, Ceramiche Refin, Ceramiche Sant’Agostino, Cotto d’Este, Fincibec, Fioranese-Coem, Gardenia Orchidea, Lea, Marazzi, Marca Corona, Novabell, Panaria, Photonics System, Rondine, Supergres. La mostra è stata organizzata in collaborazione con il Festival della Green Economy ed i comuni del distretto ceramico di Modena e Reggio Emilia (Casalgrande, Castellarano, Castelvetro, Fiorano Modenese, Formigine, Maranello, Sassuolo, Scandiano). Uno degli obiettivi principali della mostra è stato quello di esporre alcuni dei migliori prodotti ceramici green realizzati dalle imprese del nostro Paese, sottolineando come il prodotto ceramico italiano sia espressione, anche green, del Made in Italy, realizzato in un territorio con un’elevata attenzione ai temi della sostenibilità ambientale.

Mapei partner tecnico del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia È stata recentemente inaugurata, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, la nuova sezione espositiva Sistema Energetico e il rinnovato laboratorio interattivo Energia & Ambiente. Mapei, in veste di partner tecnico, ha contribuito attivamente alla realizzazione di entrambe le sezioni, con il supporto di personale altamente qualificato e prodotti tecnici innovativi. L’intervento di Mapei è stato fondamentale per la ristrutturazione della pavimentazione della sezione Sistema Energetico, che è stata ripristinata con l’utilizzo di: Triblock P, Mapenet 150, Mapefloor I 500W, Mapefloor I600W, Mapefloor I620W, Mapecolor Paste. Oltre alla pavimentazione, si sono resi necessari trattamenti anche sulle pareti compromesse dall’umidità, trattate con Planitop Rasa & Ripara, la linea MapeAntique, Silancolor Primer e Silancolor Pittura. Il laboratorio interattivo Energia & Ambiente ha subito interventi sia per il ripristino della pavimentazione sia per le pareti. I prodotti utilizzati nella prima fase sono stati: Triblock P, Mapenet 150, Mapefloor I 500W, Mapecolor Paste e Mapefloor Finish 52. Quelli utilizzati nella seconda fase: Planitop Rasa & Ripara, la Linea Mape-Antique, Dursilite, Silancolor Primer e Silancolor Pittura.

Un ulteriore intervento si è reso necessario per le rampe di accesso ai settori del Museo per le quali sono stati utilizzati i prodotti Eporip, Mapecem Pronto e Mapecoat TNS. Il rapporto di collaborazione tra il gruppo e il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia dura dal 2009, anno in cui Mapei, insieme alla consociata Vinavil, aveva partecipato alla realizzazione della nuova Area Sostanze Adesive; nel 2011, invece, l’azienda ha contribuito come partner tecnico alla realizzazione di una nuova pavimentazione in resina per la sezione Industria Chimica di base e per l’Area Energia e Materiali.

Super Spacer®, il sistema distanziale di Pavanello Pavanello Serramenti si conferma azienda leader nel settore degli infissi ecosostenibili con l’adozione di Super Spacer®, il sistema distanziale di ultima generazione in grado di offrire eccezionali prestazioni energetiche. Super Spacer® è il primo sistema mondiale di canalini distanziatori in gomma pre-essiccata senza metallo, dal 1989 il più importante tra i sistemi distanziali termicamente efficienti. Oltre ad un miglioramento dal punto di vista estetico, il Super Spacer® contribuisce ad una significativa riduzione delle perdite energetiche, in quanto 1500 volte meno conduttivo dell’alluminio e in grado di risparmiare mediamente fino a 0,2W/ m2K nel totale dei valori U. Ciò significa che l’utilizzo di finestre dotate di questo sistema, con vetri a bassa emissività, riesce a ridurre del 94% la perdita di calore rispetto a quelle dotate di tradizionali canaline in alluminio. La riduzione di perdite termiche contribuisce, inoltre, alla diminuzione della condensa e, di conseguenza, della formazione di muffe. Un’altra caratteristica saliente è la capacità del polimero espanso di trasmettere il suono in misura notevolmente più bassa rispetto agli altri distanziatori. Per questo motivo è assolutamente consigliato in casi di grave inquinamento acustico dovuti al rumore di aerei, treni o automobili.


advertising

I maxi formati

Da qualche tempo sono disponibili delle vere e proprie lastre in gres porcellanato con dimensioni fino a cm 300x150 e spessori che variano dai 3 ai 6 mm. Dalla prima e dirompente presentazione mediatica al mercato questi materiali hanno avuto dapprima una lenta diffusione, prevalentemente per le difficoltà incontrate dai posatori, assolutamente impreparati anche per la mancanza di attrezzature specifiche per la posa, la movimentazione, il taglio e la foratura, poi in tempi recenti stanno avendo un successo imprevedibile anche per la discesa in campo di nuove aziende ceramiche con prodotti competitivi. Grazie ai profondi e consolidati rapporti di collaborazione che la Brevetti Montolit ha con le più note Aziende ceramiche, i nostri tecnici hanno potuto confrontarsi direttamente con le problematiche “dalla produzione” al fine di fornire il necessario supporto tecnico e le attrezzature professionali adeguate. Fornire soluzioni ai posatori ha voluto dire occuparsi non solo del taglio, ma anche di movimentazione in sicurezza e di posa. Sono quindi nati una serie di articoli specifici per questi maxi formati raccolti in uno speciale catalogo appunto chiamato “Progetto 300”. Cuore di tutto il progetto è la taglia piastrelle più professionale che la Brevetti Montolit abbia mai concepito: la Monster 300. Si tratta di una macchina composta da una guida lineare in lega di alluminio che funge da

rotaia per il carrello scorrevole che comprende sia il sistema di incisione che quello di spacco in questo caso doppio, progressivo ed a leva, da un basamento a cuneo e da 4 piani di supporto per la lastra. Il tutto è facilmente scomponibile e velocemente assemblabile (circa 5 min.). La macchina risulta semplicissima da utilizzare poiché i nostri tecnici hanno ideato un sistema di precarico della rotellina d’incisione che fa sì che il posatore si debba solo preoccupare di spingere la testa portautensile. Al termine dell’operazione si procede alla separazione della lastra azionando un pomolo che trasferisce sulla superficie della lastra la pressione progressiva necessaria allo spacco. Questo metodo, brevettato nella migliore tradizione Montolit, garantisce la massima sicurezza ed il più accurato controllo nella fase decisiva del taglio. I quattro piani molleggiati, di generose dimensioni, oltre a garantire il giusto sostegno alla lastra, servono da riferimento per la misura perché, su ognuno di essi, è riportata una riga millimetrata che agisce da squadra. Con questo “Mostro” Brevetti Montolit ha un’altra volta stupito il mercato, fornendo una valida e professionale risposta e non paliativi o soluzioni empiriche, a tutti coloro che si dovranno confrontare con la posa di queste lastre sempre più diffuse. Brevetti Montolit S.p.A.


L’anima creativa di Opus interpreta le forme, i colori e i materiali con abbinamenti coraggiosi e mai banali; la durezza del marmo con la fragilità del vetro, forme trasparenti che si lasciano attraversare dalla luce con altre opache che la imprigionano, l’oro puro e raffinato con la pietra aspra e ruvida. Opus è un atelier di creazioni eleganti e originali per personalizzare gli ambienti e renderli unici con insoliti accostamenti di forme, materiali e colori.

Alfonsine 48011 (RA) Italia via dei Carpentieri 3 tel. +39.0544.83234 info@opusvitreum.com

www.opusvitreum.com


QUADRASTUDIO.info


Obiettivo Vendita

http://www.flickr.com/photos/visitamilano/

CESARE ERBA srl Via G. Galilei 49 20092 Cinisello Balsamo (MI) tel. 02 6604 5024 e-mail info@erbapavimenti.it www.erbapavimenti.it

Immagine tratta da Google Maps

di Chiara Bruzzichelli

ERBA PAVIMENTI Cinisello Balsamo (MI)

Erba Pavimenti, con sede a Cinisello Balsamo a Nord di Milano, opera nel commercio di prodotti da pavimento e rivestimento, oltre all’arredobagno, alle porte da interni e le scale, con marchi italiani ed europei di alta qualità. Offre una competenza maturata in quasi 40 anni di attività, di cui 30 principalmente dedicati al settore dei pavimenti in legno, a tutt’oggi rappresentante il suo principale settore di riferimento. Erba Pavimenti guidata da Cesare Erba che ne è stato il fondatore ed oggi affiancato dal figlio Lorenzo, fornisce un’accurata consulenza tecnica ed estetica con servizio di posa ed assistenza in cantiere. La competenza di Cesare Erba consente inoltre la creazione di parquet personalizzati, dalle innovative soluzioni tecniche e stilistiche, realizzati grazie alla collaborazione di laboratori artigianali dislocati sull’intero territorio nazionale. Tile Italia: - Come è nata la sua competenza nel comparto dei pavimenti in legno? Cesare Erba: “Tutto risale ai primi anni Ottanta, quando ebbi la fortuna di venire a conoscenza degli studi che stavano effet38 - Tile Italia 3/2012

tuando Giuseppe Margaritelli ed il prof. Guglielmo Giordano, di fatto “inventando” il parquet prefinito 2 strati e avviando nel settore una vera rivoluzione. Mi entusiasmai dell’idea e andai a conoscere il Cav. Margaritelli, il quale mi fece vedere come, in quel momento, stessero testando la tenuta dell’incollaggio dello strato di supporto allo strato di legno nobile del parquet: il distacco degli strati del listone non doveva avvenire neppure a causa della permanenza in acqua. La conoscenza si trasformò presto in stima e amicizia reciproca e, nel 1984 divenendo collaboratore di Margaritelli per la commercializzazione del Listone Giordano, avviai la seconda fase della mia esperienza imprenditoriale”. Tile Italia: - In questa che lei chiama, “la seconda fase” quanto le fu utile la precedente esperienza acquisita nella commercializzazione della moquette? C. Erba: “L’esperienza degli anni precedenti mi fu utilissima. Già dal 1973, infatti, insieme a mio fratello Gianni, avevamo realizzato a Milano il primo Moquette Supermarket d’Italia, poi affiancato da una seconda filiale in provincia di Padova. In pochi anni eravamo di fatto divenuti il


più importante centro di distribuzione nazionale, arrivando a fatturare, nel 1982, 3,5 miliardi di Lire con 25 dipendenti, facendo grandi quantità oltre a lavori di elevata cura in molte prestigiose residenze di Milano che seguivo personalmente affiancando gli architetti.” Tile Italia: - …. e perché decise di abbandonare la moquette? C. Erba: “Io ero affascinato dalle superfici in legno e dal valore di questa materia, inoltre ero entusiasta dell’opportunità offertami da Margaritelli di partecipare all’imminente rivoluzione che stava per investire le case dei tanti italiani che avrebbero sostituito la moquette con il parquet prefinito Listone Giordano. Mio fratello Gianni, invece, era un vero esperto di tappeti e tessuti e decise di proseguire la sua esperienza fino a “inventare” e produrre i primi tappeti patchwork ricavati con parti di tappeti antichi e preziosi, ricombinate e colorate con uno stile moderno e vincente, e distribuiti su esclusivi canali commerciali con il marchio Carpet Edition, ad oggi guidato dal figlio Carlo.” Tile Italia: - Fu così che decise di aprire il suo primo negozio? C. Erba: “Sì, nel 1986 aprii il mio primo negozio, in Via della Mo-

Lo sviluppo di Cinisello Balsamo, in origine due distinti borghi, ha inizio negli anni Sessanta, quando si avvia una vorticosa crescita della popolazione residente, poi arrestatasi alla fine degli anni Ottanta e quindi avviatasi ad una lieve decrescita (oltre 74.000 gli abitanti attuali). Vorticosa anche la crescita economica sul territorio (oltre 3.300 le attività censite) certamente dovuta anche alla collocazione geografica dell’area, posta a nord di Milano e crocevia verso la Brianza. Cinisello Balsamo cominciò a svilupparsi urbanisticamente lungo l’asse orizzontale segnato dall’Autostrada Torino – Milano – Venezia mentre il conseguente sviluppo viario di Viale Fulvio Testi-Viale Brianza, ha assegnato alla città un ruolo di snodo strategico. Per il 2013 è previsto il collegamento metropolitano con la Linea Rossa.

picture by: Daniel Go

http://www.flickr.com/photos/fabiux/ with/1779332870/

Obiettivo vendita

scova, dove oggi c’è Poltrona Frau, e mi dedicai moltissimo alla qualità del servizio di posa e assistenza che la stessa natura del parquet richiedeva. Il successo fu tale che diventai il primo cliente Margaritelli per volumi d’acquisto in Italia, riuscendo ad abbinare alla dedizione e cura per il dettaglio la qualità e l’efficienza per la cantieristica selezionata. In quel negozio, di fatto una boutique che si chiamava “Arredare nel Parco”, oltre al parquet si trovavano tappeti sia moderni che antichi da collezione, tessuti, tappezzerie e complementi d’arredo molto ricercati. Fino a che nel 1999…” Tile Italia: - …cosa accadde? C. Erba: “Accadde che Giuseppe Margaritelli mi telefonò, chiedendomi di individuare uno spazio di 1.000 mq alle porte di Milano, dove realizzare il più importante punto vendita Listone Giordano in Italia di cui intendeva affidarmi la gestione. Individuai l’immobile, in un’area di Cinisello Balsamo all’epoca un po’ trascurata ma che ritenevo dall’elevato potenziale, di facile accesso alla città e alla mia clientela milanese, ma sufficientemente a Nord per servire anche la ricca Brianza. Un immobile, tutt’ora sede di Erba PaviTile Italia 3/2012 - 39


Obiettivo vendita

menti, che è oggi posizionato al centro del principale snodo urbano e autostradale di Milano Nord, di grande visibilità con un passaggio di 12.000 auto al giorno, oltre che adiacente al prossimo capolinea della metropolitana Linea Rossa. Ma riprendiamo il racconto: il Cav. Margaritelli venne a vedere lo spazio con sua moglie e, mentre noi valutavamo l’area, lei trovò un quadrifoglio che colse e ci portò. Giuseppe Margaritelli, decise l’avvio del progetto e mi regalò il quadrifoglio quale segno di buona fortuna… bene: quel quadrifoglio lo ho ancora con me, qui in ufficio”. Tile Italia: - E come si sviluppò l’attività del nuovo punto vendita? C. Erba: “L’espansione del prodotto Listone Giordano e di tutta la gamma Margaritelli fu rapida: uno showroom di 1000 mq dedicati al parquet generava anche un’elevata attrazione internazionale, oltre ad essere una fortissima sede promozionale per il marchio. Negli anni successivi fummo poi costretti, dalla stessa 44 - Tile Italia 3/2012 40

evoluzione del mercato, ad analizzare le rispettive differenti necessità, fino a che giunsi alla decisione di rilevare la proprietà del negozio pur continuando a dedicare a Listone Giordano uno spazio molto importante. Gli anni che seguirono sono stati caratterizzati dall’apertura all’intero panorama dei produttori italiani ed europei. Inoltre, avendo da sempre considerato “il Progettista” come un fondamentale interlocutore, è stato naturale introdurre una varietà di prodotti da me attentamente selezionati e particolarmente indicati per le finiture di interni, come i marmi, i mosaici, le ceramiche, l’arredobagno ed i suoi complementi, le porte, ecc. Una integrazione di gamma che definirei “creativamente” inevitabile…” Tile Italia: - Come si compone oggi il fatturato di Erba Pavimenti? C. Erba: “Nel 2011 il 72% del nostro fatturato è stato ancora generato dai pavimenti in legno, il 25% è stato ricavato dalla commercializzazione di piastrelle, pietre naturali e prodotti per il


Obiettivo Vendita

bagno, il restante 3% dalle porte. Ci stiamo impegnando per incrementare la vendita di piastrelle e, a tal proposito, è mio intento aprirmi a partnership con altri attori del mercato a pari livello qualitativo, in modo da aprire esponenzialmente l’offerta pur mantenendo la specializzazione del pavimento in legno e dei servizi ad esso connessi, che è ciò che mi contraddistingue da sempre.” Tile Italia: - Come sta andando il mercato? C. Erba: “Il fatturato della Erba Pavimenti, verso architetti e privati, è cresciuto in media del 10% all’anno, nel 2011 addirittura del 20%, intensificando i servizi di qualità. Nel settore della cantieristica lavoriamo solo con imprese di costruzione selezionate e affidabili, fornendo fino ad ora solo legno. Con un servizio generale di rinomata eccellenza, abbiamo costruito negli anni non solo un’attività di commercio ma un vero polo accentratore di competenze estetiche e

tecniche lungo tutta la filiera, dai fornitori agli architetti fino al cliente finale. Il mercato non si ferma, può rallentare questo sì, ma per ristrutturarsi e riproporsi. Per quanto mi riguarda, aver seminato tanto e bene in quasi 40 anni di attività è stata la miglior strategia per affrontare i periodi più difficili.” Tile Italia: - Sono tanti gli architetti ed i progettisti clienti di Erba Pavimenti? C. Erba: “Oltre ad una selezione delle migliori imprese costruttrici operanti su Milano, ho contatti con oltre 600 architetti, di questi circa 150 vengono a trovarci saltuariamente e 50 lavorano abitualmente con noi e sono fondamentali per la nostra

crescita.” Tile Italia: - Quali programmi per il futuro? C. Erba: “Le potenzialità della personalizzazione dei prodotti sono ancora molto alte e le nostre collaborazioni tra architetti, designer e fornitori si intensificano. Per quanto riguarda le nuove potenzialità offerte da internet, creando vantaggi enormi dal punto di vista della comunicazione e della promozione, è stato mio figlio Lorenzo ad occuparsi della realizzazione del nuovo sito www.erbapavimenti. it, anche dotandolo di importanti servizi multimediali. Mi riferisco in particolare al “trova prodotti” di Internicasa che consente una navigazione approfondita ed

esauriente all’interno dei cataloghi, con ambientazioni e dettagli tecnici di incomparabile utilità.” Tile Italia: - Sig. Erba, per concludere, se dovesse dare un messaggio al mercato cosa direbbe? C. Erba: “Meno volumi e maggiori margini dedicati alla qualità con più attenzione al recupero e alla ristrutturazione; più attenzione ai dettagli e alla vera informazione e soddisfazione del cliente. Assicurarsi con le migliori certificazioni di qualità dei prodotti e impegnarsi quotidianamente nel fare bene e sempre meglio ciò che si ama fare con passione. Prima o poi il mercato ripaga degli sforzi fatti.”

Alcune aziende commercializzate Piastrelle di ceramica: Appiani, Caesar, Ceramica Bardelli, Ceramica Sant’Agostino, Casalgrande Padana, Cotto d’Este, Cotto Veneto,Eiffelgres, Fap Ceramiche, Floorgres, Lea, Leonardo, Mutina, Petracer’s, Rex, Tagina, Unikom Starker; . Mosaico: Bisazza; Parquet: Listone Giordano, Antico Cadore, Berti, Boen, Garbelotto, Gazzotti, Masterfloor, Parquet In, Salis, Stile; Pietra naturale: Nonsolopietra; Graniglie: Mipa;

Sanitari: Catalano, Duravit, Flaminia, Globo, Kaldeway Nic Design, Simas; Idromassaggio: BluBleu, Hafro, Teuco; Rubinetti: Bellosta, Bongio, Cristina, Dornbracht, Fir, Gessi, Zazzeri, Zucchetti; Docce: BluBleu, Cesana, Megius, Samo, Vismara; Arredobagno: Arlex, Burgbad, Casabath, Falper, Idealbagni, Puntotre, Stocco; Elementi radianti da arredo: Brandoni, Brem, Caleido; Porte da interno: Lualdi, Ferrero Legno.

41 - Tile Italia 3/2012


La vendita

La manutenzione dei pavimenti di Maurizio Bardini

(materiale antico, esigenze moderne)

Una delle più importanti funzioni delle piastrelle ceramiche, è senza ombra di dubbio quella legata alla facile pulizia e all’accresciuta richiesta di vivere in ambienti igienici e funzionali. Sebbene non tutte le tipologie di piastrelle abbiano le stesse attitudini alla pulibilità, esse rappresentano nell’ universo dei materiali da costruzione, gli oggetti più facilmente igienizzabili e che mantengono inalterato per lungo tempo l’aspetto estetico originario.

Le Tecnologie Un distinguo è doveroso: dal punto di vista della superficie di esercizio (la “pelle” che si vede e che si tocca di una piastrel-

la posata in opera), le ceramiche si suddividono in due grandi famiglie denominate dalle normative GL (ovvero smaltate) e UGL (non smaltate). La piastrella al suo esordio industriale, nasce smaltata ad uso rivestimento di pareti che dovevano essere protette e mantenute facilmente pulite: la principale funzione di un rivestimento è ancora oggi quella di permettere una rapida manutenzione e mantenere l’ambiente in ottime condizioni igieniche. Evolvendo come pavimento, in un primo momento per ambienti residenziali ma in seguito anche per luoghi a forte o fortissima usura (es: un centro commerciale), una parte della produzione si è specializzata in prodotti in grado di resistere al

calpestio di migliaia di persone per giorno. Queste diverse aspettative costituiscono appunto il grande spartiacque tra le piastrelle smaltate (GL) e quelle che non lo sono (UGL). E’ per questo motivo che le produzioni moderne optano oggi per prodotti “ibridi” che se pur classificati UGL, grazie a particolari additivi e/o lavorazioni della superficie, garantiscono una pulibilità molto simile ai prodotti GL.

Come la normativa affronta l’argomento Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le norme stesse prevedono una classificazione basata sul concetto

Metodologia di attribuzione della classe di resistenza alle macchie Macchiatura

Acqua calda corrente

Macchia non tolta

Acqua più detersivo

Macchia non tolta

Detersivo energico + azione abrasiva

Macchia non tolta

Solvente, acido o base

Prova terminata

Limite imposto per prodotti GL (smaltati)

Macchia tolta CLASSE 5

42 - Tile Italia 3/2012

Macchia tolta CLASSE 4

Macchia tolta CLASSE 3

Macchia non tolta

Macchia tolta CLASSE 2

Macchia non tolta CLASSE 1


La vendita

che non tutte le piastrelle ceramiche abbiano la stessa attitudine alla pulizia. I test sono molto semplici e pratici: si sporca la piastrella da testare con determinati agenti macchianti e poi se ne verifica la pulibilità agendo in maniera progressiva: • si pulisce solo con acqua (classe 5); • accorre aggiungere detersivi (classe 4); • ci vuole anche una leggera abrasione (classe 3); • sono necessari prodotti speciali (classe 2); • rimane in parte la macchia (classe 1). Unico limite normativo è che per le sole piastrelle smaltate, la resistenza alle macchie deve risultare minimo classe 3. Nessun requisito imposto per le piastrelle non smaltate il cui comportamento pertanto sarà indicato e garantito dal produttore stesso. Lo smalto superficiale in effetti è una barriera protettiva molto simile al vetro, impermeabile e che non permette a nessun agente sporcante di annidarsi in profondità. Come conseguenza una piastrella di tipo smaltato, risulterà non sporcabile e molto facilmente pulibile anche senza l’utilizzo di detersivi.

molti smalti di tipo tradizionale manifesterebbero il limite della graffiabilità: graffio dopo graffio, lo smalto comincerebbe a trattenere lo sporco e in breve perderebbe anche il suo originario aspetto manifestando una problematica piuttosto seria e compromettente, l’usura. E’ per questi motivi che l’industria ceramica ha risposto alla nuova esigenza di resistenza meccanica e al calpestio, con i prodotti non smaltati. L’idea originaria fu di togliere lo smalto superficiale (che non avrebbe potuto resistere) e produrre piastrelle omogenee nell’intero spessore, durissime e non graffiabili: il notissimo Gres porcellanato, resistente per antonomasia, ma un pochino più difficile all’esordio, dal punto di vista della manutenzione quotidiana. L’argomento manutenzione oggigiorno è

Considerazioni finali

molto curato sia dai produttori di piastrelle con superfici anche se non smaltate, molto meno “trattenenti”, sia da tutti gli altri operatori della filiera che offrono prodotti, macchinari o prestazioni complete di trattamenti protettivi, pulizia e manutenzione, adatti ad aumentare il livello di igienizzazione e la facilità di manutenzione di qualsiasi prodotto ceramico. Alcune case produttrici sono inoltre oggi in grado di proporre pavimenti e rivestimenti dalle spiccate caratteristiche antibatteriche ed antimicrobiche, oltre che di abbattimento delle polveri sottili e di vari agenti atmosferici inquinanti. Il venditore professionale conosce bene l’argomento, sa indirizzare e potrà facilmente offrire al Cliente la miglior soluzione alle sue aspettative.

Maurizio Bardini Proveniente da una importante esperienza presso primarie aziende del settore ceramico, tra cui Gruppo Concorde e Marazzi Ceramiche, in cui ha da ultimo coperto il ruolo di Responsabile training tecnico e Assistenza Clienti, Bardini è attualmente titolare di SINERGIA sas - Formazione del personale e gestione del contenzioso. www.bardinimaurizio.com

Quando è necessario che la superficie di esercizio resista a condizioni gravose, advertising

Scopri un

NUOVO modo

di imparare

Formazione online per l’impresa

www.iiea-school.it


Attualità

Autodromo del Mugello: una tribuna “eco-ACTIVE” “Get ready to run - pronti a correre”, questo lo slogan che il Gruppo Fiandre ha scelto per il consueto appuntamento con il Porte Aperte di primavera che, quest’anno, comprendendo anche la cerimonia di premiazione della 2° edizione del Concorso Active Architecture, si è svolto all’interno dell’Autodromo Internazionale del Mugello. La scelta della location è caduta sul notissimo circuito toscano in quanto, per pavimentare la nuova, avveniristica tribuna

Graziano Verdi, Presidente GranitiFiandre 44 - Tile Italia 3/2012

che sovrasta la linea di partenza dell’Autodromo, sono stati posati, con un investimento complessivo di 1 milione di euro, quasi 4.000 mq di ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™. Il presidente ed amministratore delegato del Gruppo, Graziano Verdi, insieme al direttore dell’Autodromo, Paolo Poli, ha così spiegato la scelta: “E’ come aver piantato all’interno del circuito 1.200

alberi: le nostre lastre Active infatti, oltre ad una straordinaria attività battericida, sono in grado di riportare i valori di inquinamento sotto la soglia dei 40 microg./m3 in poco più di 3 ore, come dimostrato dalle nuove prove effettuate dai ricercatori dell’Università degli Studi di Milano su lastre White Ground Active. Peraltro esistono due tipi di architettura sostenibile: fisica e sociale. La sostenibilità fisica si consegue tramite studi architettonici

finalizzati ad accrescere le prestazioni ambientali degli edifici. La sostenibilità sociale è meno tangibile, ma ugualmente importante, e corrisponde al modo in cui un edificio è in grado di mantenere l’equilibrio ambientale nell’arco di un ampio periodo di utilizzo. L’architettura realmente sostenibile deve produrre ottime prestazioni sotto entrambi gli aspetti. In tal senso si è concentrato lo sforzo produttivo


Attualità

I premiati della 2° edizione del Concorso Active Architecture La giornata si è conclusa con una serata conviviale, cui hanno partecipato oltre 400 invitati, durante la quale si è svolta la premiazione della 2° edizione del Concorso Active Architecture, iniziativa fortemente voluta per rinnovare e motivare sempre più lo studio di un’architettura attenta all’ambiente. Questi i vincitori: CATEGORIA ARCHITETTI: due i progetti primi classificati ex equo - Spazio polifunzionale per l’infanzia a Bazzano, L’Aquila: Studio AS Architetti

congiunto di GranitiFiandre e di Iris Ceramica: con Active abbiamo realizzato una innovazione di processo finalizzata ad una migliore qualità della vita in senso ampio”. “Posare 4.000 mq di Active, data la sua capacità di abbattimento degli ossidi di azoto, ha aggiunto Paolo Poli, il direttore dell’Autodromo - ci consente di compensare l’inevitabile inquinamento causato da uno sport che utilizza carburanti derivati da idrocarburi. Abbiamo pensato che per un Autodromo all’avanguardia, anche insignito del titolo “Best Grand Prix 2011”, fosse una vera opportunità quella di utilizzare materiali da pavimentazione ad alta tecnologia in grado di affiancare alla indiscussa quali-

Associati, Edoardo Astegiano, Renzo Conti. Committenza Fiat Partecipazioni Spa - EcoSwitch a Bologna: Studio RSA+ Luca Rossi, Riccardo Sandias, Matteo Spattini Committente Comune di Bologna (edilizia residenziale) CATEGORIA IMPRESE/COMMITTENTI: maTTrix, complesso ricettivo-terziariocommerciale, piazza pubblica e parco urbano (edilizia pubblica e dei servizi), a Concorezzo (MB): Sering Srl, Federico Pella arch - Committente Impresa Edile Bertolazzi Srl e Redaelli Costruzioni Spa

tà del prodotto anche una azione finalizzata a preservare la bellezza e salubrità dell’ambiente in cui è inserito. Parte di questo risultato ottenuto lo dobbiamo sicuramente al Presidente Verdi”.

tema: “Superare il confine tra natura e architettura” sottolineando il valore di esperienze innovative come quella di GranitiFiandre e Iris Ceramica tese all’innovazione di prodotto e di progetto.

Il Porte Aperte ha riservato grande spazio alle maxi lastre Maximum, esposte nei box adiacenti la pit-lane dell’Autodromo a “sorreggere” splendide moto Ducati e auto Ferrari e Maserati. Il pomeriggio ha visto anche svolgersi un proficuo dialogo con gli architetti, sviluppato con l’intervento di Hervè Dessimoz, progettista del CERN di Ginevra, ed i contributi di Cesare Maria Casati e Marco Visconti che hanno affrontato il

L’obiettivo dei prossimi 5 anni, cui mira il management del Gruppo Fiandre e relativo alla commercializzazione di ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™, è di portare il fatturato realizzato con Active al 20% del totale. I segnali, afferma Verdi, nonostante la crisi del settore edile in Italia, sono incoraggianti a livello internazionale: “I primi 4 mesi del 2012 mostrano a livello di Gruppo, nonostante il fermo del mercato nazionale, un andamento positivo ottenu-

to grazie ai dati in crescita di Russia e Medio ed Estremo Oriente che hanno fatto registrare un +5% a GranitiFiandre e +3% ad Iris. Bene la statunitense StonePeak che ha segnato nei primi 4 mesi dell’anno +40% ed in crescita anche la tedesca Porcelaingres. Aggregando questi dati, il bilancio del nostro Gruppo torna in terreno ampiamente positivo con incrementi sul primo quadrimestre del 2011 del 10%, anno in cui il Gruppo aveva chiuso l’esercizio con un fatturato aggregato di 500 milioni di euro.” Graziano Verdi conclude con una amara riflessione: “Sui mercati resta una situazione di grande preoccupazione. Il settore denuncia gravissimi cali sul mercato italiano (che rimane per tutte le imprese del distretto il mercato più importante) che solo chi, appunto, è “pronto per correre”, riesce a compensare con i mercati in ripresa, come quello americano.” “La politica del nostro Paese è oggi troppo concentrata sul rigore e poco sullo sviluppo- è l’analisi dell’amministratore delegato Graziano Verdi - e questa non è la scelta giusta per tirare fuori il Paese dalla crisi”.

❞ Tile Italia 3/2012 - 45


Attualità

“Porte aperte” allo showroom PORCELANOSA Vicente Carda, amministratore delegato di Porcelanosa Italia, ha espresso soddisfazione per il successo che ha caratterizzato il “Porte aperte” organizzato in occasione della completa ristrutturazione dello showroom di Sassuolo. Quella di Sassuolo, peraltro, a

46 - Tile Italia 3/2012

causa della sua collocazione all’interno del comprensorio della ceramica, è la principale sede italiana di Porcelanosa Group, il maggior produttore spagnolo - e tra i maggiori al mondo - di piastrelle ceramiche, sanitari, arredobagno, cucine, docce, vasche idro-

massaggio e tecnologie per pareti ventilate con un fatturato consolidato di oltre 800 milioni di euro e quasi 5.000 addetti. Porcelanosa, che dispone nel mondo di oltre 400 punti vendita distribuiti in 85 Paesi, è presente in Italia da 25 anni

con la sede di Sassuolo, ma attualmente dispone sul territorio nazionale di altre sale mostra: una a Roma e l’altra a Milano, quest’ultima completamente rinnovata lo scorso anno. A Sassuolo quindi, dal 12 aprile


Attualità

“Porte aperte” svoltasi il 10 maggio. Vicente Carda, durante i pranzi e le cene a base di ricca ed apprezzatissima paella che hanno scandito lo svolgersi del Porte aperte Porcelanosa, ha rilevato come: “Nonostante le note difficoltà del momento, il Gruppo ha inaugurato nel 2011 nuove tiendas a Buenos Aires, Sao Paulo, Washington, Angola e Oviedo”. “Certamente – ha aggiunto Carda – il mercato italiano è in sofferenza, ma nel 2011 Porcelanosa Italia ha incremento le sue vendite del 9%. Un successo dovuto all’apprezzamento dimostrato dai clienti italiani verso le collezioni da rivestimento, dove la produzione spagnola trova spazi importanti. Più complessa la situazione nel 2012 dove, pur in presenza di un inizio d’anno difficile, si prevede un 2012 tendenzialmente con segni positivi.”

fino a sabato 12 maggio, la sala mostra Porcelanosa, completamente rinnovata nei suoi oltre 1.100 mq espositivi, ha offerto una apertura promozionale coinvolgendo la clientela privata, i rivenditori, gli architetti e i designer. L’affluenza ha superato le

aspettative, con visitatori provenienti da tutte le regioni di Italia, mentre le due giornate, il 12 aprile e il 10 maggio, espressamente dedicate ad approfondimenti tecnici rivolti ad architetti ed ingegneri per illustrate loro le caratteristiche tecniche, funzionali ed esteti-

che dei nuovi sistemi di facciata ventilata a marchio Butech e le infinite possibilità espressive dell’innovativa superfice Krion, hanno visto la partecipazione di oltre 400 progettisti ed utilizzatori. Nelle foto alcuni momenti della festa conclusiva dell’evento

Il Gruppo Porcelanosa, nato nel 1973 con l’avvio della produzione di piastrelle di ceramica, ha poi fatto della diversificazione produttiva uno dei pilastri fondamentali della sua crescita ed oggi produce rubinetteria e complementi per bagno e cucina, oltre a proporre soluzioni avanzate per l’architettura. Il Gruppo comprende i seguenti marchi: Porcelanosa, Venis, L’Antic Colonial, Ceranco (piastrelle di ceramic e pavimenti in legno), System Pool (box doccia e idromassaggio), Gama Décor (cucine e complementi da bagno), Noken (rubinetti e saniari), Butech (prodotti e tecnologie per la posa).

❞ Tile Italia 3/2012 - 47


Economia&mercato

di Paola Giacomini

Maurizio Piglione Con un fatturato consolidato salito a 832,5 milioni di euro nel 2011 (+2% sul 2010), (92%)

realizzato nel

ceramiche,

settore il

prevalentemente delle

Gruppo

piastrelle

Marazzi

si

conferma ai vertici mondiali tra le multinazionali della piastrella. Una leadership che, secondo l’A.D. Maurizio Piglione, si è potuta mantenere, nonostante le difficoltà di alcuni mercati, solo grazie alla presenza globale del gruppo e agli investimenti. Una chiacchierata a 360 gradi, quella con il Dr. Piglione, per parlare di mercati mondiali, strategie e “sistema Italia”, ma che, all’indomani del forte sisma in Emilia, parte inevitabilmente dall’attualità degli effetti nel distretto ceramico di Finale Emilia, dove il gruppo ha uno stabilimento. “Troppo presto - conferma - per fare stime e valutazioni, essendo ancora in corso il fenomeno, ma auspichiamo che l’attività industriale di tutti i settori manifatturieri colpiti nel modenese possa riprendere sul territorio nel più breve tempo possibile per non perdere, né disperdere, eccellenze italiane riconosciute nel mondo, dal biomedicale alla ceramica all’agroalimentare”. 48 - Tile Italia 3/2012

Marazzi, la presenza globale resta vincente Tile Italia: - Tra le multinazionali del settore, Marazzi è quella più capillarmente presente in quasi tutti i mercati mondiali. Come si sta evolvendo la domanda di piastrelle? Maurizio Piglione: “La domanda globale è in crescita. è quella europea, specie nei Paesi a maggiore tradizione produttiva, cioè Italia e Spagna, che registra tuttora le performance peggiori, mentre al di fuori dell’Europa osserviamo mercati in salute, con crescenti investimenti in capacità produttiva e questo è il segnale più importante.” Tile Italia: - Come giudica il mercato italiano? M. Piglione: “Sebbene il nostro gruppo abbia realizzato l’anno scorso un incremento di vendite sul mercato domestico del 3% a fronte di un calo complessivo dei consumi del 7,8%, è evidente come il mercato italiano stia vivendo una fase di profondo cambiamento (possiamo definirla “crisi” o “cambio di paradigma”), determinata da un calo della domanda in atto ormai da tempo, acuito dalla generale crisi di liquidità; questo sta imponendo a molti attori di modificare il proprio modo di

lavorare.” Tile Italia: - Con quali conseguenze? M. Piglione: “Nell’immediato, sicuramente un periodo di grande turbolenza: in questi casi, all’interno delle filiere produttive, fornitori, produttori e clienti tendono a creare rapporti più qualificati di partenariato, anche da un punto di vista logistico e finanziario, che passano necessariamente dalla selezione degli uni rispetto agli altri e viceversa. Difficile prevederne la durata, ma ho l’impressione che sia un processo più rapido di quello che sembri, iniziato comunque ormai da qualche anno. L’esito, a mio avviso, sarà però un rafforzamento della struttura del mercato e della filiera produttiva ceramica che, se più solida, garantisce maggiore forza a tutte le componenti rispetto a quella del singolo e, per questo, è più capace non solo di sopravvivere, ma anche di evolversi.” Tile Italia: - Questo comporta anche l’aumento delle dimensioni aziendali dei vari attori della filiera? M. Piglione: “Dimensione e solidità aziendale assumono in queste fasi maggiore valenza, anzi, a mio avviso


Economia&mercato

saranno la discriminante della parte che traghetterà il sistema oltre questa fase difficile. Se nell’industria ceramica italiana ci fossero state più aggregazioni, oggi avremmo più aziende in grado di finanziare la ricerca e sviluppo - innovazione, design, avanzamento tecnologico - che è poi il motore primo della ceramica italiana. La situazione spagnola è un buon monito: pochissime aziende si sono fuse o consorziate, ma la stragrande maggioranza si è ridimensionata e sotto una certa dimensione aziendale sappiamo che è difficile progredire.” Tile Italia: - Quanto pesano sull’impresa le inefficienze del “sistema Italia”? M. Piglione: “Molto, e al primo posto vi sono i costi. Oggi, in Italia, stiamo pagando, non uno, ma vari spread in termini reali. L’esempio più eclatante è il costo dell’energia: non c’è alcuna ragione logica per cui in Italia si debba pagare il 30% in più che nel resto d’Europa. Lo stesso costo del lavoro andrebbe, con intelligenza e con il contributo di tutte le parti, riadattato ad una situazione attuale molto diversa da quella del passato. In altre parole, la nostra

valuta fissa ci obbliga a delle efficienze che devono essere fatte sia a livello aziendale che a livello di sistema, se non vogliamo che il Paese continui a perdere competitività. Questo richiede una grande volontà politica che dia respiro alle aziende attraverso le risorse finanziarie di cui hanno bisogno. In secondo luogo, occorre un’amministrazione pubblica efficiente e una macchina burocratica più snella e vicina alle reali necessità di privati e imprese, e questo perché, in positivo, l’industria italiana possiede (e lo dimostra in ogni occasione) fattori di assoluta competitività, fatti di forza e volontà imprenditoriale, lavoro e competenze, che spesso non trovano strade aperte per esprimersi pienamente.” Tile Italia: - Quali strategie dovrebbe adottare l’industria ceramica italiana? M. Piglione: “Il nostro sistema industriale possiede un grandissimo asset, creato dal lavoro di tante persone all’interno del distretto. Lo sforzo che dobbiamo compiere oggi come forza distrettuale nel suo insieme, non è quello di mantenerlo, ma di rivalutarlo da un punto di vista industriale, valoriz-

zarlo il più possibile e portarlo sempre più al di fuori dei nostri confini a interlocutori internazionali, individuando ogni strumento possibile per penetrare mercati esteri. Lo strumento a mio avviso più strategico resta l’internazionalizzazione, non solo in termini di esportazione, ma sempre più come giocatori locali: la presenza di aziende ceramiche italiane all’estero, che peraltro contribuisce come ambasciatrice del saper fare italiano, è ancora limitata a un numero troppo esiguo di imprese, mentre sarebbe auspicabile raggiungere una massa critica superiore. Le cito un altro esempio, molto lontano dal precedente, ma che sottolinea l’ampiezza delle azioni che la crisi attuale ci impone di “ri-pensare”: Cersaie, altro nostro asset straordinario in quanto fiera internazionale per eccellenza, potrebbe diventare quello che a Milano è il Salone del Mobile: non solo una fiera di settore per operatori, ma un evento di assoluta attrattiva internazionale che coinvolge un’intera comunità, capace di amplificare il concetto che la ceramica è uno di quei comparti dell’eccellenza italiana in grado di farci giocare globalmente e che ha valenza al di là dei

Marazzi Evolution Marble

Tile Italia 3/2012 - 49


Economia&mercato

suoi confini settoriali.” Tile Italia: - Ritiene sia ancora un momento propizio per operazioni di internazionalizzazione? M. Piglione: “Certamente è ancora un buon momento e ogni operazione (dagli accordi commerciali, alle joint venture o acquisizioni) che porti la ceramica italiana all’estero va nella giusta direzione. Certo non è facile, ma come non fu facile

Marazzi Colorup

Hatria Sliding Wood System

Marazzi Evolution Marble

sbarcare negli Stati Uniti negli anni ’80. Continuiamo a tenere monitorati parecchi mercati nuovi, ciascuno con le sue peculiarità. Mercati che spesso hanno una forte coscienza di essere “seduti” su una crescita che noi europei non abbiamo (e questo può portare ad analisi non oggettive), ma come in tutte le cose credo si debba trovare un giusto equilibrio. Le opportunità ci sono e credo sia dovere

Marazzi Lite

di molte aziende cercarle, senza tuttavia cedere alla tentazione di perdere di vista i valori, i piani industriali, le effettive efficienze produttive.” Tile Italia: - Quali le strategie del Gruppo Marazzi? M. Piglione: “Non perdere di vista i fondamentali, innanzitutto: quindi il prodotto in primis, e la sua comunicazione come diretta conseguenza. Continuiamo la nostra politica di lancio di nuovi prodotti. Solo quest’anno abbiamo presentato un nuovo catalogo completo in Spagna, Russia, Stati Uniti e anche per il marchio Cerabati in Francia. Stiamo presentando in questo periodo le nuove collezioni spring di Marazzi e Ragno in Italia, classico appuntamento di metà anno, per poi arrivare a Cersaie. Cerchiamo di mantenere alto lo stimolo al mercato con proposte nuove. Stimoli che vanno poi portati nei canali dei decisori: sta aumentando la nostra capacità di dialogo con architetti e progettisti sia in Italia che all’estero, supportata dall’organizzazione di numerosi eventi, soprattutto in Europa, e dall’apertura di diversi flagship store monomarca, i più recenti dei quali a New York, nel design district, a Lione, Amburgo e Parigi. È una strada su cui continueremo ad investire; siamo soddisfatti della risposta positiva che riceviamo dai professionisti in ognuna di queste occasioni, che ci danno però anche la misura di quanto ancora la ceramica sia un materiale poco conosciuto alla maggioranza di essi. Per restare nel mondo della comunicazione, prestiamo grande attenzione al mondo web e alle opportunità di ottimizzare il patrimonio di informazioni di mercato che affollano la rete e i nostri siti.” Tile Italia: - E poi ci sono gli investimenti. M. Piglione: “Certo, e senza i quali non potremmo innovare il prodotto. Nel 2012 investiremo circa 60 milioni di euro, più o meno in linea con gli stanziamenti dell’ultimo biennio 2010-2011. Nel 2011 ci siamo concentrati più sull’impianto di Dallas, negli Stati Uniti, mentre quest’anno siamo intervenuti sugli stabilimenti russi, oltre a vari interventi in corso in Italia.” Tile Italia: - Che ruolo occupa la produzione di sanitari nel contesto del Gruppo? M. Piglione: “Hatria è un’azienda con un bellissimo prodotto che si è consolidato un proprio spazio nel mercato anche collaborando con il mondo degli architetti e rappresenta per il gruppo una valenza che va al di là della sua incidenza sui ricavi complessivi.”

❞ 50 -Tile Italia 3/2012


SI DICE ANTOL FLEX 1K. SI LEGGE TORGGLER.

Antol Flex 1K. Malta impermeabilizzante monocomponente flessibilizzata. m Malta cementizia monocomponente, flessibilizzata, fibrorinforzata e fortemente resinata, direttamente rivestibile con ceramica, per l’impermeabilizzazione e la protezione, a parete e a pavimento, di strutture tipo balconi e terrazze, vasche e piscine, bagni, saune e locali termali, coperture in cls, intonaci anche microfessurati e supporti minerali in genere, sia sotto, sia fuori terra. Il prodotto è contraddistinto da un’elevata resistenza ai raggi UV.

Da oltre 140 anni, leader tecnologico nei prodotti per l’edilizia.

www.torggler.com


Edilizia

di Luca Dondi dall’Orologio Responsabile Real Estate Nomisma

Luca Dondi dall’Orologio

Archiviata una delle fasi peggiori dall’inizio della crisi e, con essa, i timori di insolvenza dello Stato che avevano comportato un drammatico innalzamento della percezione di rischiosità del debito pubblico, si attendono ora i benefici dell’allentamento della pressione internazionale sul nostro Paese. La graduale flessione degli spread si tradurrà in una diminuzione degli accantonamenti prudenziali imposti dall’EBA (European Banking Authority) e in una minore ritrosia delle banche a prestarsi denaro sul mercato interbancario.

La lunga crisi del settore immobiliare Tali fattori, associati alle massicce iniezioni di liquidità della BCE, consentiranno finalmente agli istituti di credito di tornare a sostenere famiglie e imprese a costi più contenuti. Gli effetti sui livelli di attività saranno inizialmente modesti, in ragione non soltanto della selettività con cui le banche continueranno a gestire il rapporto con la clientela. La debolezza del quadro economico generale e la precarietà di bilanci messi a dura prova da una prolungata recessione fungeranno, infatti, da freno agli investimenti. Il ripristino della fiducia interna rappresenta un passaggio imprescindibile per favorire un effettivo afflusso della maggiore liquidità progressivamente disponibile verso il settore immobiliare. L’attesa rimozione dei vincoli all’offerta di credito produrrà risultati modesti in assenza di una contestuale riattivazione della domanda, per la quale la riduzione dello spread, di per sé, non è sufficiente. In un quadro di evidente fragilità, i primi dati del 2012 dimostrano la perdurante capacità di tenuta del mercato immobiliare, seppure nell’ambito di una tendenza ampiamente ribassista.

tab. 1 - Italia, numero di compravendite residenziali annuali

*previsione Nomisma - Fonte: Agenzia del Territorio

52 - Tile Italia 3/2012

Se non vi sono dubbi che i primi risultati dell’anno vadano interpretati come un segnale tutto sommato positivo, in ragione del fondato rischio di un tracollo ben peggiore, è altrettanto evidente che essi rappresentano un ammontare troppo esiguo per un settore cresciuto pianificando un turnover di gran lunga superiore. Le esigenze di assorbimento degli eccessi di produzione da una parte e di efficiente movimentazione dall’altra, mal si conciliano con un mercato tornato sui livelli dimensionali di fine anni ‘90 (tab. 1). Il nostro Paese continua, infatti, a risultare piuttosto marginale nella ripartizione degli investimenti a livello continentale, denotando limiti che vanno ben oltre la crisi innescata dai timori di insostenibilità del debito pubblico (tab. 2). L’inadeguatezza qualitativa di gran parte dell’offerta, l’instabilità normativa e l’eccesso di burocrazia sono i principali fattori che, associati all’opacità dal punto di vista informativo, relegano l’Italia stabilmente su posizioni di retroguardia.

Grandi città e città intermedie Nelle 13 città intermedie, rappresentative dell’aggregato dei mercati secon-

tab. 1 - Italia , volume degli investimenti immobiliari corporate (miliardi di Euro)

*previsione Nomisma - Fonte: Agenzia del Territorio


Edilizia

TAB. 3 - Abitazioni, giudizi sull’andamento della domanda per acquisto e delle compravendite (saldo dei giudizi positivi e negativi)

Fonte: Nomisma dari, il quadro congiunturale riferito al 2011 e ai primi mesi del 2012 si conferma negativo (tab. 3). Rispetto a quanto rilevato nelle 13 grandi città è più alta la concordanza tra gli operatori nel valutare la domanda e, conseguentemente, le compravendite immobiliari in calo. Tali dinamiche contraddistinguono indifferentemente le abitazioni e gli immobili non residenziali: • Se la lieve crescita delle compravendite di abitazioni nel 2010 aveva lasciato intravedere una possibile inversione di tendenza del ciclo negativo del mercato, il calo di attività del 2011 conferma il permanere di una fase immobiliare recessiva. • Per l’altra componente del mercato, quella degli immobili non residenziali (uffici, negozi, capannoni e industrie), la media dei mercati secondari ha fatto registrare, a consuntivo del 2011, un segno positivo delle quantità transitate sul mercato. Si tratta, tuttavia, di livelli di attività molto esigui, ben distanti dai valori dei primi anni Duemila (il ridimensionamento rispetto ad allora è di oltre il 40%).

Città intermedie: tempi di vendita In un quadro in cui le condizioni generali penalizzano l’offerta - dal momento che lo sconto, sospinto dalla congiuntura negativa degli ultimi tre anni, ha raggiunto livelli piuttosto elevati - le quantità disponibili per la vendita, sia di abitazioni che di immobili produttivi, sono notevolmente cresciute, così come si sono ulteriormente dilatati i tempi medi di vendita e locazione (tab. 4). A fronte di un’offerta crescente e disposta a rivedere al ribasso il prezzo richiesto, è la domanda che, indebolita dalla congiuntura economica generale, fa valere una ridotta capacità di spesa e con aspettative divergenti rispetto alla controparte.

Città intermedie: evoluzione dei prezzi Nonostante il quadro negativo espresso da tutti gli indicatori del mercato, i prezzi fanno registrare oscillazioni negative contenute, confermando la tendenza alla rigidità dei mercati periferici, analoga-

mente a quelli principali (tab. 5). Si deve segnalare che, dopo un 2010 contrassegnato da un allentamento della flessione dei prezzi per tutte le tipologie, nel 2011 è cresciuta nuovamente l’intensità del calo. Se un anno fa la dinamica di questo indicatore era stata interpretata come tendenza dei prezzi a stabilizzarsi, a consuntivo dell’anno trascorso questa interpretazione viene smentita da un’accentuazione della flessione (tab. 6). Gli sconti mediamente praticati sul prezzo richiesto, dal 2008 sono progressivamente cresciuti, raggiungendo livelli piuttosto elevati e, in media, più alti di quelli registrati nei 13 maggiori mercati italiani.

Le previsioni La notevole mole di offerta e l’enorme fabbisogno abitativo compresso rischiano di non trovare un punto di incontro, in assenza di sostanziali miglioramenti dell’accessibilità del settore. La tutto sommata modesta flessione dei prezzi, tuttora in atto a dispetto degli allarmismi di tracollo da eccesso di imposizione, non pare in alcun modo in Tile Italia 3/2012 - 53


Edilizia

TAB. 4 - 13 città intermedie, tempi medi di vendita degli immobili (mesi)

Fonte: Nomisma

grado di compensare il contestuale indebolimento della capacità di spesa degli investitori, determinando inevitabilmente un massiccio ampliamento dell’offerta. Le imprese (e con esse le banche) si trovano di fronte ad un bivio: da una parte il mantenimento di posizioni apparentemente inconciliabili con l’attuale disponibilità di gran parte della domanda, dall’altra il graduale adattamento delle aspettative alla fase di mercato. La scelta della strenua difesa di valori sovradimensionati rischierebbe unicamente di tradursi in un’ulteriore dilazione dei tempi di assorbimento, che finirebbe di fatto per compromettere il ritorno delle iniziative che si intende salvaguardare.

Le previsioni degli operatori sull’andamento dei mercati per il 2012 delineano la prosecuzione del quadro negativo: le compravendite dovrebbero diminuire anche quest’anno, come pure i valori di acquisto e di affitto. Questo scenario previsivo accomuna il segmento residenziale e quello non residenziale, ad eccezione dei box auto e garage per i quali è prevista una sostanziale invarianza delle condizioni di mercato. A peggiorare lo scenario descritto si segnala un cambiamento di prospettive: gli scambi previsti in aumento lo scorso anno, paiono oggi destinati ad un’ulteriore flessione, mentre l’attesa stabilità dei valori dovrebbe lasciare spazio ad un lieve

calo. Se la trappola di aspettative illusorie ha impedito l’adozione di strategie adattive, la movimentazione di interi portafogli o addirittura di veicoli favorirà inevitabilmente la riduzione delle distanze tra domanda e offerta, ponendo basi più congrue su cui poggiare le ambizioni di rilancio del settore. Con riferimento al settore corporate, l’esiguità del volume complessivo degli investimenti, associata alla selettività della domanda, inducono a ritenere gli aspetti qualitativi ancora prioritari rispetto alle considerazioni di carattere economico. Non è infatti escluso che, alle condizioni date, esista una quota non trascurabile di offerta che, in una visione borsistica del mercato immobiliare, faticherebbe singolarmente a “fare prezzo”. Risulta dunque evidente che, al di là della necessaria rimodulazione dei prezzi in funzione di qualità edilizia ed efficienza energetica, solo le iniziative di riqualificazione, quando non addirittura di demolizione e ricostruzione, possano rappresentare lo strumento di effettiva salvaguardia del valore di taluni asset. Il quadro di debolezza e di inerzia descritto non pare autorizzare nel breve periodo professioni di ottimismo. Le risultanze dei modelli econometrici individuano nella stagnazione la prospettiva più probabile per il prossimo biennio per il mercato immobiliare al dettaglio, mentre l’allentamento della pressione internazionale legata al debito sovrano potrebbe favorire, già a partire dal secondo semestre, l’emergere di timidi segnali di miglioramento sul versante corporate.

❞ TAB. 5 - 13 città intermedie, evoluzione dei prezzi medi correnti degli immobili (variazioni % annuali)

TAB. 6 - Previsioni dei prezzi medi degli immobili a valori correnti (variazioni % annuali) Anni

Abitazioni

Uffici

Negozi

2012

-1,6

-2,1

-1,7

2013

-0,8

-1,1

-1,3

Fonte: Nomisma

Luca Dondi dall’Orologio, Responsabile settore immobiliare Nomisma.

Fonte: Nomisma

54 - Tile Italia 3/2012

Economista con esperienza nella valutazione di progetti di investimento, con particolare riferimento al settore immobiliare ed infrastrutturale. Esperto nella realizzazione di analisi socio-economiche e territoriali, di valutazione della domanda e di applicazione di metodologie di analisi nei settori dell’economia applicata.


BERTOLOTTO COLLEZIONE

N A T U R A

design Katarína Čermáková

BERTOLOTTO INTERPRETA LA PORTA COME ELEMENTO INTEGRANTE DEL PROGETTO D’INTERIOR DESIGN. UN SEGNO D’ARCHITETTURA PER LA CASA CONTEMPORANEA DOVE ARTE, STILE E COLORE DANNO VITA A SPAZI GRATIFICANTI E PERSONALI, DA VIVERE CREATIVAMENTE. www.bertolotto.com

numero verde 800.034.392


Fatturati italiani

a cura della Redazione

Le aziende ceramiche italiane, fatturati 2011

INDUSTRIA ITALIANA DELLE PIASTRELLE DI CERAMICA

2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 ∆% ‘11/’10

Vendite totali (mil. mq) 587,9 583,7 560,3 di cui: Italia 170,4 171,2 170,1

566,3 547,2

506,2

408,4

412,8 413,1 +0,07

170,5 167,7

151,1

127,6

123,6 114,9 -7,03

Estero

417,6 412,5 390,3

395,8 379,4

355,1

280,8

289,2 298,2 +3,11

Fatturato (mil. Euro) 5.189,6 5.334,1 5.372,5 di cui:

5.741,6 5.784,7

5.517,0

4.507,9

4.629,0 4.716,0 +1,86

Italia

1.442,3 1.487,8 1.508,5

1.583,2 1.601,11

1.473,0

1.253,1

1.216,0 1.146,0 -5,75

Estero

3.747,3 3.856,3 3.863,9

4.158,3 4.183,6

4.044,0

3.254,7

3.413,0 3.570,0 +4,60

Fonte: Confindustria Ceramica , Indagine statistica nazionale (vari anni)

Anche quest’anno TILE ITALIA pubblica in anteprima i fatturati 2011 delle maggiori aziende italiane produttrici di piastrelle ceramiche. Un anno, quello appena trascorso, che, se nella sua prima parte aveva fatto ben sperare, già negli ultimi mesi vedeva nuovamente addensarsi scure nubi di tempesta, mentre il mercato si fermava, attonito. La tempesta è poi arrivata e si sta tutt’ora violentemente abbattendo sul panorama economico mondiale e su quello italiano in particolare. I risultati di Fatturato 2011 rilevano comunque un quadro finale tinto di un cauto ottimismo con lievi segni di crescita, come confermato dalla 32° Indagine Statistica Nazionale realizzata da Confindustria Ceramica, sia relativi alla produzione sia al fatturato. Risultati, ancora una volta ottenuti, malgrado la flessione

del mercato interno, grazie all’andamento positivo delle esportazioni.

La classifica delle maggiori aziende In testa resta saldo il Gruppo Marazzi che, completato un piano biennale di investimenti che in Italia ha sfiorato i 100 milioni di euro, ha chiuso l’esercizio con un fatturato di 832,5 milioni di euro, in crescita del 1,73% sul 2010. Seguono il Gruppo Concorde che, pur non anticipando i dati 2011, mantiene salda la seconda posizione. Al terzo posto si posiziona il fatturato aggregato del Gruppo Fiandre - Iris, nato, in data 1 maggio 2011, a seguito della presa in affitto da parte di GranitiFiandre del ramo industriale e commerciale di Iris Ceramica. Al quarto posto, scavalcando tre

posizioni, si colloca il Gruppo Finfloor che, con un +11,24% sul 2010, incrementando produzione ed esportazione grazie alle vendite dirette sul mercato USA, porta il suo fatturato consolidato a 304,6 milioni di euro. Panariagroup, in quinta posizione, chiude il 2011 a 294,1 milioni di euro (+2,2% sul precedente anno) mentre, a stretto giro di boa, si profila Casalgrande Padana, con un fatturato consolidato di 292,3 milioni di Euro, in crescita del 3,28%. Fin qui le prime sei posizioni, tutte contraddistinte da incrementi di fatturato. C’è poi la fascia “centrale”, caratterizzata da fatturati superiori ai 100 milioni di euro e che vede interessanti performance in aziende fortemente motivate alla crescita. Tra queste sono da segnalare

prezzi medi Euro/mq Prezzo Medio - in Italia - all’estero

2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 8,74 8,49 8,84

8,83 8,47 8,97

9,16 8,64 9,35

9,59 8,82 9,90

10,14 9,29 10,50

10,57 9,55 11,03

10,90 9,75 11,39

11,04 9,82 11,59

11,21 9,84 11,80

11,42 9,97 11,97

Fonte: Confindustria Ceramica , Indagine statistica nazionale (vari anni) 56 - Tile Italia 3/2012


Fatturati italiani

tre Gruppi che, per il secondo anno consecutivo, hanno raccolto incrementi di fatturato a due cifre: Gruppo Serenissima Cir (+16,65%) che in data 1 gennaio 2011 aveva acquisito l’impianto produttivo di Impronta Ceramica a Rubiera, ABK Group (+16,57%) e Gruppo Gold Art (+13,37) che raggiunge i 100 milioni di euro di fatturato e aumenta produzione, esportazione e numero dei dipendenti.

anche con diffusi cali di fatturato. Fa eccezione il Gruppo Rondine che segna un incremento a doppia cifra grazie al contratto di affitto sottoscritto nel marzo 2010 per Sadon, il maggior produttore italiano di battiscopa. Buono anche il risultato di Coem, + 8,31% sul 2010, soprattutto dovuto all’incremento delle esportazioni.

Tra i Gruppi con fatturato inferiore ai 100 milioni di euro si hanno i segni di una maggiore sofferenza, con risultati stabili rispetto al precedente esercizio, ma

Ma quali sono i Gruppi che, nella tempesta dei mercati, hanno saputo tenere meglio il timone? Si confermano alcune realtà interessanti,

Le migliori performance

collocate nella parte alta, media e bassa della classifica: Casalgrande Padana: 292,3 milioni di fatturato nel 2011 e 295,9 nel 2008 (-1,21%); Gruppo Serenissima Cir: 117 milioni di fatturato nel 2011 e 104 nel 2008 (+12,5%); Gruppo GoldArt: 100 milioni di fatturato nel 2011 e 90,5 nel 2008 (+10,49% sul 2008); Gresmalt: 67 milioni di fatturato nel 2011 e 65 nel 2008 (+3,07%); Coem: 54,7 milioni di fatturato nel 2011 e 52,4 nel 2008 (+4,38%).

Copyright 2012 Tile Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale senza espressa autorizzazione di Tile Edizioni s.r.l. Tutti i valori sono espressi in mil/€.

i dati di confindustria ceramica L’importanza delle esportazioni

L’industria delle piastrelle in Italia

I risultati dell’internazionalizzazione

L’industria delle piastrelle, a fronte di una produzione nazionale risalita a 399,7 milioni di metri quadrati (+3,2%), ha realizzato vendite totali per 413 milioni mq (stabili sui livelli 2010), generando un fatturato di 4.716 milioni di euro (+1,86%), di cui 1.146 milioni sul territorio nazionale (-5,8%) e 3.570 milioni oltre confine (+4,6%). Nello specifico, l’export ha registrato segni positivi soprattutto in Russia (+20,2%), Africa (+14,9%), Australia/Oceania (+11,8%). Pur in presenza di forti contrazioni nei paesi economicamente più deboli come Irlanda, Grecia e Portogallo, il mercato europeo ha registrato complessivamente un +4,6%, con le migliori performance in Lituania (+38,4%), Lettonia (25,3%), Repubblica Ceca (+19,5%), Austria (+9,8%), Francia (+9,1%), Ungheria (+8,9%) e Germania (+8,4%). Nonostante il momento difficile, il settore, composto da 163 aziende (9 in meno rispetto al 2010) e 22.189 addetti (-5%), ha segnato una buona crescita degli investimenti (+10,9%), pari al 5,3% del fatturato annuale.

Buoni i risultati delle 20 aziende produttrici di piastrelle localizzate all’estero - nord America ed Europa - ma controllate da Gruppi italiani. Il loro fatturato complessivo nel 2011 ha superato il miliardo di euro, raggiungendo i 1.045 milioni di euro (+5,6%), di cui 866,8 milioni derivanti da vendite domestiche (+6,3%) e 178,3 milioni da esportazioni (+2,4%). In crescita anche la produzione, che ha raggiunto i 122 milioni di mq (+5,2%), e il numero dei dipendenti, saliti a 7.451(+5,6%). Da rilevare come tali aziende siano sempre più al servizio del mercato sede dello stabilimento: sono 105,7 i milioni di mq venduti nella stessa nazione di produzione (+5,43%), pari ad una quota dell’83,1% del totale, mentre sono 26,6 i milioni di mq destinati ad esportazioni in paesi terzi (-10,67%). Primo trimestre 2012 Il primo trimestre 2012 conferma sostanzialmente il trend già evidenziato nel

2011, registrando una forte espansione delle vendite verso i paesi extracomunitari (+8,7% il dato complessivo, con punte del +45% nell’area del Golfo, +16,8% in Russia, +10,7% negli Stati Uniti, +7,8% in Asia), la flessione di alcuni punti percentuali sui mercati europei e il crollo delle vendite sul mercato interno (-16,25%). L’industria italiana dei sanitari La ceramica sanitaria, localizzata principalmente nel distretto di Civita Castellana (Viterbo), nell’ultimo esercizio ha perso 2 stabilimenti produttivi e conta oggi 41 aziende con 4.196 dipendenti (-4,2% sul 2010). La produzione è scesa a 4,6 milioni di pezzi (-5,6%) e le vendite a 4,48 milioni di pezzi (-4,5%), di cui 2,24 milioni venduti in Italia (-12,3%) e altrettanti all’estero (+4,8%). Alla pesante contrazione di fatturato in Italia (-11,92%), ha fatto quindi riscontro un incremento del 4,1% del fatturato estero, salito a 218 milioni di euro. Tile Italia 3/2011 - 57


Fatturati italiani

◗ MARAZZI GROUP

€ 832,5 milioni (consolidato) 2003: Euro 750,0 mil. - 2004: Euro 777,0 mil. - 2005: Euro 903,2 mil. - 2006: Euro 964,1 mil. - 2007: Euro 984,0 mil. - 2008: Euro 976,8 mil. 2009: Euro 801,0 mil. - 2010: Euro 818,3 mil. Il fatturato è stato ottenuto con le seguenti aziende e/o marchi: • •

MARAZZI (Tutti i mercati) KERAMA MARAZZI (Russia)

• •

RAGNO (Tutti i mercati) CERABATI (Francia)

• •

MARAZZI TECNICA (Tutti i mercati) HATRIA (Sanitari)

F Produzione: 95 mil. mq ↔ Internazionalizzazione: Marazzi Group ha sedi produttive in Spagna, Francia, Russia e USA  Esportazione: 80% delle vendite extra Italia  Dipendenti: oltre 6.000 Nel 2011 il Gruppo Marazzi ha effettuato nuovi investimenti in produzione e nuove tecnologia in Europa, in USA e in Russia, aree, queste ultime due, interessate anche da provvedimenti per il miglioramento e il potenziamento della distribuzione. Marazzi ha poi ricevuto il prestigioso premio "Il Compasso d'Oro" per la collezione in gres porcellanato 3D Soho. Infine, sono partite le attività di Formazione e Sviluppo presso il Centro di Formazione "Pietro e Maria Marazzi", inaugurato a maggio 2011.

◗ GRUPPO CONCORDE

€ 551,3 milioni* * I dati pubblicati sono relativi all’anno 2010 provengono da fonti pubbliche e comprendono solo i marchi italiani

2003: Euro 378,2 mil. - 2004: Euro 425,9 mil. - 2005: Euro 525,0 mil. - 2006: Euro 581,0 mil. - 2007: Euro 651,0 mil. - 2008: Euro 669,0 mil. 2009: Euro 544,0 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: CERAMICHE ATLAS - CONCORDE (Atlas Concorde - Keope - Supergres) • MIRAGE GRANITO CERAMICO CERAMICA CAESAR (Caesar - Fap - Minerva) • CERAMICA MARCA CORONA • CERAMICA REFIN

• •

F Produzione: 38 mil. mq ↔ Internazionalizzazione: 2 stabilimenti in Europa (1 in Francia, 1 in Russia)  Esportazione: 65% (dato calcolato sul valore)  Dipendenti: 2.300

*Il consolidato non comprende i fatturati di: Novoceram (Francia), Italon (Russia), Meta (impasto ceramico), Svimisa (materie prime). ◗ GRUPPO FIANDRE-IRIS

Il fatturato è stato realizzato con i seguenti marchi: GRANITIFIANDRE savoia canada • matimex

TECHNORIUNITE iris ceramica • arcarel

€ 500,0 milioni*

PORCELAINGRES (Germania) eiffelgres • la ceramica

(stima fatturato aggregato 2011)

stonepeak ceramics (USA) ariostea • FMG fabbrica marmi e graniti • tecnomix

F Produzione: 29 mil. mq ↔ Internazionalizzazione: 2 stabilimenti: Stonepeak negli Stati Uniti e Porcelaingres in Germania  Esportazione: 60%  Dipendenti: 1.825 In data 01/05/2011 GranitiFiandre SpA ha preso in affitto il ramo industriale e commerciale di Iris Ceramica, dando vita al Gruppo Fiandre-Iris, di cui Graziano Verdi è Presidente ed Amministratore Delegato. Nel 2011, al compimento dei suoi primi 50 anni di attività, il Gruppo Fiandre-Iris fattura 500 mil di Euro. Nel 2011 Granitifiandre ha avviato la produzione di Maximum, la lastra dall’innovativo formato di cm. 300x150 e mm 6 di spessore. Nello stesso anno si registra l’affermarsi sul mercato internazionale della linea Active Clean Air and Antibacterial Ceramic.

58 - Tile Italia 3/2012


Fatturati italiani

◗ GRUPPO FINFLOOR

€ 304,6 milioni

(consolidato)

2003: Euro 286,3 mil. - 2004: Euro 308,1 mil. - 2005: Euro 343,7 mil. - 2006: Euro 355,2 mil. - 2007: Euro 343,4 mil. - 2008: Euro 330,6 mil. 2009: Euro 259,7 mil. - 2010: Euro 273,8 mil. Il fatturato è stato ottenuto con le seguenti aziende e/o marchi: • FLORIM CERAMICHE (Floor Gres - Cerim - Rex - Casa dolce Casa - Casamood) • FLORIM USA Inc. e controllate F Produzione: 20,9 mil. mq (pavimento 94% - rivestimento 6%) ↔ Internazionalizzazione: 1 stabilimento in Usa, 1 centro logistico in Brasile  Esportazione: 68,2% (dato calcolato sul totale del fatturato, compresa Florim USA)  Dipendenti: 1.313

Nella struttura societaria del Gruppo emerge un nuovo assetto dovuto alla fusione per incorporazione di Casa Dolce Casa in Florim e l'inaugurazione di un nuovo centro logistico in Brasile. Nel corso dell'anno sono stati investiti oltre 38 mil. Euro per il rinnovamento degli impianti produttivi e l'installazione di un impianto cogenerazionale, e oltre 16.000 mq di pannelli fotovoltaici. Inoltre l'introduzione di nuovi formati (80x180 cm), la ricerca di applicazioni alternative e lo sviluppo di progetti innovativi affiancano nuove azioni di responsabilità sociale d'impresa.

◗ PANARIAGROUP

€ 294,1 milioni

(consolidato)

2003: Euro 212,4 mil. - 2004: Euro 235,5 mil. - 2005: Euro 247,2 mil. - 2006: Euro 351,5 mil. - 2007: Euro 354,4 mil. - 2008: Euro 328,0 mil. 2009: Euro 289,9 mil. - 2010 Euro 285,2 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: CERAMICHE PANARIA • LEA NORTH AMERICA (Usa) CERAMICHE LEA • FLORIDA TILE (Usa) • FIORDO INDUSTRIE CERAMICHE • MARGRES (Portogallo) • COTTO D’ESTE • LOVE CERAMIC TI LES • BLUSTYLE • GRES PANARIA PORTUGAL • •

F Produzione: 14,8 mil. mq (pavimento 88% - rivestimento 12%) - dato 2010  Esportazione: 71% (dato calcolato sul valore)  Dipendenti: 1.741 - dato 2010 Panariagroup, Gruppo ceramico quotato in Borsa, ha chiuso il 2011 con un utile netto consolidato di 1,6 milioni di Euro, rispetto a 1,4 milioni di Euro del 2010. Da segnalare il +3,2% di fatturato registrato sul mercato italiano rispetto a una performance di settore che registra decrementi per il -3,1%.

◗ CASALGRANDE PADANA

€ 292,3 milioni

(consolidato)

2003: Euro 134,0 mil. - 2004: Euro 146,0 mil. - 2005: Euro 162,0 mil. - 2006: Euro 178,3 mil. - 2007: Euro 294,0 mil. - 2008: Euro 295,9 mil. 2009: Euro 275,6 mil. - 2010: Euro 283,0 mil. Il fatturato è stato realizzato con i seguenti marchi: • •

CASALGRANDE PADANA Spa NUOVA RIWAL CERAMICHE (Alfa Lux, Saime-SanProspero, Eurodomus, Riwal)

F Produzione: 23,3 mil. mq  Esportazione: Casalgrande Padana: 69% - Nuova Riwal: 59%  Dipendenti: Casalgrande Padana: 601 - Nuova Riwal: 494

Tile Italia 3/2011 - 59


Fatturati italiani

◗ GRUPPO COOP. CERAMICA D’IMOLA

€ 266,4 milioni

(consolidato)

2003: Euro 358,3 mil. - 2004: Euro 369,1 mil. - 2005: Euro 386,4 mil. - 2006: Euro 385,6 mil. - 2007: Euro 384,5 mil. - 2008: Euro 370,6 mil. 2009: Euro 278,7 mil. - 2010: Euro 274,9 mil. Appartengono al Gruppo le seguenti aziende e/o marchi: • COOPERATIVA CERAMICA D’IMOLA Sc • IMEX TOP 32, Polonia • COOP. CER. IMOLA North America

Euro 260,7 mil. Euro 1,6 mil. Euro 4,1 mil.

F Produzione: 22,4 mil. mq (pavimento 76% - rivestimento 24%)  Esportazione: 74%  Dipendenti: 1.821 Imex Top 32 Polonia è stata consolidata per la prima volta il 31/12/2010. Coop. Ceramica d'Imola ha recentemente ottenuto la certificazione volontaria AEO - Operatore Economico Certificato, ottenendo anche la AEO/Semplificazioni Doganali e Sicurezza.

◗ RICCHETTI GROUP

€ 190,5 milioni

(consolidato)

2003: Euro 306,4 mil. - 2004: Euro 291,6 mil. - 2005: Euro 281,3 mil. - 2006: Euro 282,3 mil. - 2007: Euro 271,0 mil. - 2008: Euro 241,0 mil. 2009: Euro 194,5 mil. - 2010: Euro 196,7 mil. Dal 2004 il fatturato è consolidato IFRS. Sono comprese nel Gruppo Ceramiche Ricchetti le seguenti aziende: GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI (Ricchetti - Cisa - Cerdisa) • Evers AS (Danimarca) Klingenberg Dekoramik GmbH (Germania) • CC Högänäs Byggkeramik AB (Svezia) • Cinca SA (Portogallo) • OY Pukkila AB (Finlandia) F Produzione: 13,6 mil. mq (pavimento 85% - rivestimento 15%) - dato 2010 ↔ Internazionalizzazione: stabilimenti in Portogallo, Finlandia e Germania - dato 2010  Esportazione: 83% (dato calcolato sul valore) - dato 2010  Dipendenti: 1.646 (di cui 1.071 all’estero) - dato 2010 • •

Dal 1996 il Gruppo Ceramiche Ricchetti è quotato alla Borsa Valori di Milano.

◗ GRUPPO EMILCERAMICA € 162,2 milioni (consolidato) 2003: Euro 169,5 mil. - 2004: Euro 173,5 mil. - 2005: Euro 190,0 mil. - 2006: Euro 206,0 mil. - 2007: Euro 210,5 mil. - 2008: Euro 190,0 mil. 2009: Euro 131,4 mil. - 2010: Euro 155,9 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: EMILCERAMICA (Emilceramica - Ergon - Acif - Demetra - Provenza) Emilamerica (USA) • CERAMICHE VIVA • •

• •

CAOLINO PANCIERA (materie prime) ZEUS CERAMICA (Ucraina)

F Produzione: 7,4 mil. mq (pavimento 93,6% - rivestimento 6,4%) ↔ Internazionalizzazione: Il Gruppo possiede tre centri logistici. In Ucraina è presente con Zeus Ceramica dove nel 2011 è stato realizzata una produzione di 4,1 milioni di mq.  Esportazione: 73,3%  Dipendenti: 565 In data 31/12/2011 il marchio Viva è confluito all'interno della capogruppo Emilceramica Spa. Nel corso del 2011, poi, sono stati effettuati importanti investimento per l'acquisto di nuove macchine per la stampa digitale e per un nuovo forno destinato alla produzione di grandi formati (80x80 e 60x120 cm). 60 - Tile Italia 3/2012


pavèwall

La“pietra contemporanea”

diventa protagonista colore beige, formato 16,5x41, gres porcellanato

dell’abitare.

www.sichenia.it - info@sichenia.it - +39 0536.81.84.11


Fatturati italiani

◗ GRUPPO FAETANO-DEL CONCA

€ 122,1 milioni

(al netto di infragruppo)

Le aziende ceramiche italiane, fatturati 2007

2003: Euro 113,5 mil. - 2004: Euro 121,3 mil. - 2005: Euro 130,7 mil. - 2006: Euro 155,3 mil. - 2007: Euro 155,3 mil. - 2008: Euro 145,3 mil. 2009: Euro 128,0 mil. - 2010: Euro 124,0 mil. Il fatturato (al netto dell’interscambio) è stato ottenuto con le seguenti aziende e/o marchi: CERAMICAdi DEL CONCA Spa Crasta Gian Paolo PASTORELLI Spa • PRODUCO Srl • •

• •

CERAMICA FAETANO SA (Rep. San Marino) DEL CONCA USA Inc.

F Produzione: 11,6 mil. mq (pavimento 89% - rivestimento 11%)  Esportazione: 70%  Dipendenti: 480 Nel 2011 il Gruppo Faetano Del Conca ha realizzato una linea produttiva per il nuovo prodotto "Due" di 20 mm di spessore e un impianto per la produzione del sistema brevettato per la posa a secco "Del Conca Fast", in corso di lancio nel 2012.

◗ gruppo SERENISSIMA CIR IND. CERAMICHE € 117,0 milioni

(consolidato)

2003: Euro 75,1 mil. - 2004: Euro 85,0 mil. - 2005: Euro 94,1 mil. - 2006: Euro 100,4 mil. - 2007: Euro 105,0 mil. - 2008: Euro 104,0 mil. 2009: Euro 92,8 mil. - 2010: Euro 100,3 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: • •

SERENISSIMA CERASARDA

• •

CIR • CAPRI MOMO DESIGN CERAMICS • EXE

CERCOM

F Produzione: 7,8 mil. mq (pavimento 84% - rivestimento 16%)  Esportazione: 62% (UE 40% - Extra UE 22%)  Dipendenti: 450 In data 01/01/2011 il Gruppo aveva concluso l'acquisizione dell’impianto produttivo, dall’alto valore tecnologico, di Impronta Ceramica a Rubiera che ha permesso di aumentare la capacità produttiva e di ampliare la gamma prodotti. Nel Maggio 2012 il Gruppo ha acquisito il marchio Islatiles.

◗ ABK GROUP

€ 104,8 milioni

(consolidato)

2003: Euro 78,9 mil. - 2004: Euro 80,6 mil. - 2005: Euro 87,9 mil. - 2006: Euro 92,5 mil. - 2007: Euro 102,2 mil. - 2008: Euro 105,1 mil. 2009: Euro 90,1 mil. - 2010: Euro 89,9 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: ABK Spa ARIANA (divisione di ABK Group Spa

ABKSIR (divisione di ABK Group Spa) FLAVIKER-PISA (divisione di ABK Group Spa)

F Produzione: 4,4 mil. mq (pavimento 74% - rivestimento 26%)  Esportazione: 43%  Dipendenti: 327 Nel 2011 il Gruppo ha investito oltre 3 mil. di Euro nella tecnologia per la stampa digitale, nell'impianto di rettifica, nei recuperi energetici dagli impianti dei forni e dell'atomizzatore, su un impianto di scelta con visione digitale.

62 - Tile Italia 3/2012


ECO DREAM

ispirazione naturale

www.novabell.it


Fatturati italiani

◗ GRUPPO GOLD ART ceramica

€ 100,0 milioni

(consolidato)

2003: Euro 63,1 mil. - 2004: Euro 64,4 mil. - 2005: Euro 72,3 mil. - 2006: Euro 75,2 mil. - 2007: Euro 79,6 mil. - 2008: Euro 90,5 mil. 2009: Euro 77,7 mil. - 2010: Euro 88,2 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: GOLD ART CERAMICA/ENERGIEKER IL CAVALLINO CERAMICA ARTISTICA • MANIFATTURA COTTO TUSCANIA • GOLD ART POLSKA • CERAMICA MANDRIO CORREGGIO • •

Euro 60,5 mil (di cui 4,9 mil di vendite atomizzato infragruppo) Euro 3,9 mil Euro 20,8 mil Euro 1,4 mil Euro 13,4 mil

F Produzione: 14,0 mil. mq (pavimento 90% - rivestimento 10%)  Esportazione: 55%  Dipendenti: 440 Nel 2011 il Gruppo ha raccolto i frutti degli investimenti fatti nel precedente anno e consistenti nell'affitto di un impianto a Ostellato (FR) che ha prodotto atomizzato usato completamente nel ciclo produttivo aziendale e nell'avvio della decorazione digitale con tecnologia Durst. Sempre nel 2010 era entrato in funzione un impianto fotovoltaico aziendale con una potenza complessiva paria a 1099 Kw.

◗ INDUSTRIE CERAMICHE PIEMME

€ 80,4 milioni

2008: Euro 89,5 mil. - 2009: Euro 71,6 mil. - 2010: Euro 80,3 mil.

Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: • •

INDUSTRIE CERAMICHE PIEMME Spa CLUB

• •

VALENTINO SICED

PIEMMEGRES

F Produzione: 7,7 mil. mq (pavimento 90% - rivestimento 10%)  Esportazione: 75%  Dipendenti: 365 È in corso il piano di investimenti strategici per circa 27 milioni di Euro deliberato dal CDA a fine 2010. La prima fase è stata attuata nel corso del 2011 con 11 milioni di Euro destinati in parte agli impianti produttivi dello stabilimento principale, in parte al rafforzamento della brand image con lo sviluppo di prodotti altamente caratterizzanti e con azioni promozionali per il mercato interno e per quello estero.

◗ GRUPPO FINCIBEC

€ 70,6 milioni

(consolidato)

2003: Euro 93,8 mil. - 2004: Euro 98,8 mil. - 2005: Euro 96,8 mil. - 2006: Euro 100,2 mil. - 2007: Euro 99,8 mil. - 2008: Euro 85,2 mil. 2009: n.p. - 2010: Euro 70,8 mil. Il fatturato è stato realizzato con i marchi: •

MONOCIBEC

NAXOS

F Produzione: 6 mil. mq (pavimento 77% - rivestimento 23%)  Esportazione: 58%  Dipendenti: 447

64 - Tile Italia 3/2012

CENTURY


Fatturati italiani

◗ GRUPPO GARDENIA-ORCHIDEA

€ 69,8 milioni

2003: Euro 102,2 mil. - 2004: Euro 98,0 mil. - 2005: Euro 98,0 mil. - 2006: Euro 100,3 mil. - 2007: Euro 79,4 mil. - 2008: Euro 83,23 mil. 2009: Euro 70,2 mil. - 2010: Euro 70,8 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: •

GARDENIA ORCHIDEA

GARFLOOR

VERSACE HOME

CRYSTALKER

F Produzione: 3,7 mil. mq (pavimento 55% - rivestimento 45%)  Esportazione: 63%  Dipendenti: 340

◗ GRESMALT

€ 67,0 milioni

*

(consolidato - dati 2010 )

* I dati pubblicati sono relativi all’anno 2010 e provengono da fonti pubbliche 2003: Euro 46,4 mil. - 2004: Euro 47,9 mil. - 2005: Euro 54,7 mil. - 2006: Euro 59,3 mil. - 2007: Euro 68,3 mil. - 2008: Euro 65,0 mil. 2009: Euro 63,4 mil. Il fatturato è stato ottenuto con le seguenti aziende e/o marchi: •

SINTESI CERAMICA

CERAMICHE DI FRASSINORO

ABITARE LA CERAMICA

◗ CERAMICHE SANT’AGOSTINO

GRESMALT

€ 65,4 milioni* I dati pubblicati sono relativi all’anno 2010 e provengono da fonti pubbliche *

2003: Euro 61,7 mil. - 2004: Euro 71,3 mil. - 2005: Euro 73,0 mil. - 2006: Euro 80,0 mil. - 2007: Euro 80,7 mil. - 2008: Euro 68,3 mil. 2009: Euro 66,0 mil.

◗ GRUPPO ASCOT

€ 63,6 milioni

2003: Euro 51,5 mil. - 2004: Euro 55,0 mil. - 2005: Euro 56,0 mil. - 2006: Euro 61,5 mil. - 2007: Euro 66,0 mil. - 2008: Euro 63,0 mil. 2009: Euro 52,0 mil. - 2010: Euro 59,0 mil. Il fatturato è stato ottenuto con le seguenti aziende e/o marchi: • ascot •DOM F Produzione: 6,2 mil. mq (pavimento 66% - rivestimento 34%)  Esportazione: 53%  Dipendenti: 276 Nel 2011 il Gruppo ha prodotto anche 2,9 mil./mq di supporto in pasta bianca Bitech in vari formati, corrispondenti a circa il 25% del venduto.

66 - Tile Italia 3/2012


vernoniadv.

Guaina elastica, adesivo, fughe: seysystem1 un team afatato,un sistema completo di impermeabilizzazione e protezione permanente dallʼacqua per piscine, box doccia e aree benessere SPA.

www.seychellesweb.it

• SEYCOVER malta elastica cementizia bicomponente • TITANO + SEYLATEX sistema adesivo bicomponente per posare ogni tipo di materiale ceramico e pietre naturali, conforme alle normative EN 12004 -12002 C2S2 • EPOSEY 3.10 stucco epossidico conforme alla normativa EN 13888 RG

C2S2 - EN 12004 - 12002

R6 - EN 13888 R2T - EN 12004

il meglio al meglio

ql’ll’acq quand uccq aqqua nudao èl’acqua ll’’’acqua acqua apres crre qees use aeente è tte ccompagna com co comp oom mqquando puua aando gnndao ll’aa dove do d o v e l’acqu ’a ’acqua ’ acqua acqu acq a qu pre presente presen present p prese pr resent resente esente sen sente s nt n e a perr box doccia piscine pe cine inee spa sp sp quando qu quand quando anddoo ll’acqua l’a ’’acqua acqua accqua qua è ppresente pres pr pre rees esente squando sente ennt ente nte te l‘acqua è compagna.per

t i

dove l’acqua è presente

d ll’ lllppeper ll’e’raiill coccononont ua ontte tenim enim nniim m

PONTESTURA (AL) - ITALY - T. +39.0142.466566 - +39.0142. 467914


Fatturati italiani

◗ RONDINE GROUP

€ 63,3 milioni

(consolidato)

2003: Euro 58,8 mil. - 2004: Euro 58,0 mil. - 2005: Euro 60,0 mil. - 2006: Euro 75,0 mil. - 2007: Euro 71,0 mil. - 2008: Euro 67,0 mil. 2009: Euro 46,8 mil. - 2010: Euro 56,3 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: • •

RHS (Rondine - Hilton - Sassolgrande) Fontana-Bismantova

• •

Kermont SADON

SPRAY DRY (impasti per ceramica)

F Produzione: 6,6 mil. mq (pavimento 100%)  Esportazione: 55%  Dipendenti: 290 Dal 1 marzo 2010 Rondine Group ha sottoscritto un contratto d’affitto quinquennale per Ceramiche Sadon, maggior produttore italiano di battiscopa possessore anche del marchio Maioliche dell’Umbria, specializzato in piccoli formati, con diritto d’opzione all’acquisto della parte commerciale e produttiva dell’azienda.

◗ GRUPPO C.B.S. (BARBOLINI)

€ 55,8 milioni

(non consolidato)

2003: Euro 62,0 mil. - 2004: Euro 63,5 mil. - 2005: Euro 63,5 mil. - 2006: Euro 73,5 mil. - 2007: Euro 79,0 mil. - 2008: Euro 74,0 mil. 2009: Euro 62,0 mil. - 2010: Euro 64,0 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: CERAMICA LA GUGLIA e KIS CERAMICHE ALTRI MARCHI SATELLITI

• •

42,1 mil. Euro 13,7 mil. Euro

F Produzione: 7,4 mil. mq (pavimento 56,5% - rivestimento 43,5%)  Esportazione: 48,8%  Dipendenti: 224 Nel 2011 sono state avviate attività di concentrazione e ristrutturazione, ammodernando lo stabilimento di Sassuolo e dismetterndo lo stabilimento di Cà Del Bosco (RE).

◗ COEM

€ 54,7 milioni

2003: Euro 48,0 mil. - 2004: Euro 53,0 mil. - 2005: Euro 54,8 mil. - 2006: Euro 61,8 mil. - 2007: Euro 62,2 mil. - 2008: Euro 52,4 mil. 2009: Euro 43,0 mil. - 2010: Euro 50,5 mil. Il fatturato è stato realizzato con i marchi : •

CERAMICHE Coem

Ceramica Fioranese

F Produzione: 6,3 mil. mq  Esportazione: 53%  Dipendenti: 256 Continuano importanti investimenti in Ricerca&Sviluppo relativi a nuove grafiche realizzate tramite stampa digitale. La produzione comprende anche 2,16 milioni di mq di supporto da smaltare.

68 - Tile Italia 3/2012


Installazione eseguita da una sola impresa.

Tenuta perfetta.

Design di gran classe.

Lo scarico a parete wedi Fundo Riolito Discreto : bello, rapido e sicuro. wedi Fundo Riolito Discreto è il primo scarico a parete per docce a filo pavimento che potete montare da soli: con un solo senso di inclinazione, ideale per piastrelle grandi. Rapido, semplice e sicuro, realizzato da una sola impresa. Un sistema completo ermetico all‘acqua al 100 %. Per ulteriori informazioni si veda www.wedi.eu

www.wedi.eu

Strutturazione individuale con pannelli wedi

Ampliamenti opzionali con pannelli wedi Copertura utilizzabile da entrambi i lati – Superficie di acciaio inox spazzolato o piastrelle

Fundo Riolito Discreto

Posa delle piastrelle personalizzata Fundo Riolito con inclinazione esattamente predefinita


Fatturati italiani

◗ SICHENIA GRUPPO CERAMICHE

€ 50,0 milioni

(consolidato)

2003: Euro 70,2 mil. - 2004: Euro 72,6 mil. - 2005: Euro 73,3 mil. - 2006: Euro 75,1 mil. - 2007: Euro 70,2 mil. - 2008: Euro 67,1 mil. 2009: Euro 54,0 mil. - 2010: Euro 53,0 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: •

SICHENIA • PHORMA • MAISON SICHENIA

F Produzione: 3,8 mil. mq (pavimento 82% - rivestimento 18%)  Esportazione: 56%  Dipendenti: 330

◗ CERINDUSTRIES

€ 47,0 milioni

(consolidato)

2003: Euro 61,0 mil. - 2004: Euro 68,7 mil. - 2005: Euro 65,5 mil. - 2006: Euro 67,0 mil. - 2007: Euro 75,0 mil. - 2008: Euro 58,0 mil. 2009: Euro 50,3 mil. - 2010: Euro 52,0 mil. Il fatturato è stato realizzato con i marchi: •

CERDOMUS

L’ASTORRE

PORCELLANA DI ROCCA

F Produzione 3,3 mil. mq (100% pavimenti)  Esportazione: 72,5%  Dipendenti: 224 Ulteriori investimenti sono stati fatti dall’azienda nella nuova tecnologia digitale a getto d’inchiosto Colorjet, oltre che in nuovi macchinari per il taglio e la levigatura e nella produzione di grandi formati.

◗ ALTAECO

€ 42,5 milioni

2003: Euro 50,2 mil. - 2004: Euro 51,2 mil. - 2005: Euro 51,2 mil. - 2006: Euro 53,6 mil. - 2007: Euro 55,0 mil. - 2008: Euro 48,3 mil. 2009: Euro 39,7 mil. - 2010: Euro 42,5 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: • •

CERAMICA VOGUE CERAMICA BARDELLI

• •

APPIANI GABBIANELLI

F Produzione: 2,2 mil. mq (pavimento 10% - rivestimento 90%)  Esportazione: 36%  Dipendenti: 375

◗ CERAMICHE CCV CASTELVETRO

€ 42,5 milioni

2003: Euro 54,8 mil. - 2004: Euro 56,1 mil. - 2005: Euro 47,4 mil. - 2006: Euro 52,0 mil. - 2007: Euro 55,7 mil. - 2008: Euro 47,9 mil. 2009: Euro 39,1 mil. - 2010: Euro 42,8 mil. F Produzione: 4,0 mil. mq (pavimento 100%)  Esportazione: 51,1%  Dipendenti: 180 L’azienda produce gres porcellanato smaltato, supporto da smaltare ed impasto atomizzato.

70 - Tile Italia 3/2012


CONTROPARETE FONOASSORBENTE

PAVIMENTO VINILICO DECORATIVO www.evolutionpanel.com www.evolution-virag.com


Fatturati Fatturatiitaliani italiani

◗ NOVABELL CERAMICHE ITALIANE

€ 41,5 milioni

Le aziende ceramiche italiane, fatturati 2007

2003: Euro 41,1 mil. - 2004: Euro 44,3 mil. - 2005: Euro 45,6 mil. - 2006: Euro 47,0 mil. - 2007: Euro 48,0 mil. - 2008: Euro 46,0 mil. 2009: Euro 39,0 mil. - 2010: Euro 41,5 mil. F Produzione: 3,5 mil. mq (pavimento 85% - rivestimento 15%) di Gian Paolo Crasta  Esportazione: 80%  Dipendenti: 170

Nel corso del 2011 l’azienda ha effettuato alcuni interventi in ambito hardware/software finalizzati ad una migliore gestione del magazzino, dell'area logistica e, conseguentemente, ad un miglioramento del servizio di consegna. Inoltre un forte impegno è stato richiesto al reparto R&S nell'attività di ideazione, progettazione, studi preliminari di laboratorio e prototipazione per lo sviluppo di nuove linee di prodotti.

◗ GAMBINI GROUP IND. CERAMICHE € 41,4 milioni * (consolidato - dati 2010) * I dati pubblicati sono relativi all’anno 2010 e provengono da fonti pubbliche e, per la prima volta, comprendono solo i marchi italiani 2003: Euro 70,4 mil. - 2004: n.p. - 2005: Euro 72,3 mil. - 2006: Euro 66,0 mil. - 2007: Euro 77,0 mil. - 2008: Euro 65,7 mil. 2009: Euro 64,2 mil. Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: •

EPOCA

ELLE-GI CERAMICHE

manifattura emiliana

CERAMICHE TEMPRA

Il fatturato 2010 riportato non comprende i fatturati dei marchi: MEG (Francia), Parefeuille Provence (Francia).

◗ POLIS 40,0 milioni* MANIFATTURE CERAMICHE I dati pubblicati sono relativi all’anno € 2010 e provengono da fonti pubbliche * 2003: Euro 46,2 mil. - 2004: Euro 47,7 mil. - 2005: Euro 46,0 mil. - 2006: Euro 59,0 mil. - 2007: Euro 54,6 mil. - 2008: Euro 42,6 mil. 2009: Euro 37,8 mil.

F Produzione: 4,1 mil. mq (pavimento 70% - rivestimento 30%)  Esportazione: 40%  Dipendenti: 224

◗ SAVOIA ITALIA

€ 35,5 milioni

2008: Euro 35,6 mil. - 2009: Euro 33,6 mil. - 2010: Eruo 35,0 mil.

Il fatturato è stato realizzato con le seguenti aziende e/o marchi: •

savoia

ALCO

F Produzione: 3,4 mil. mq (pavimento 100%)  Esportazione: 46%  Dipendenti: 144 Savoia Italia Spa ha effettuato nel 2011 importanti investimenti in tecnologia, inserendo una nuova pressa, rinnovando le linee di stampa digitale ed avviando il passaggio ad un nuovo sistema informativo aziendale SAP.

◗ TAGINA CERAMICHE D’ARTE 2007: Euro 42,0 mil. - 2008: Euro 41,8 mil. - 2009: Euro 32,0 mil. - 2010: Euro 33,6 mil. F Produzione: 1,2 mil. mq (pavimento 85% - rivestimento 15%)  Esportazione: 60%  Dipendenti: n.d.

72 - Tile Italia 3/2012

€ 33,6 milioni


Cantiere del mese

di Sara Falsetti

E’ stato da poco inaugurato il sofisticato centro Wellness dell’Hotel “Vier Jahreszeiten” di Iserlohn in Germania, un ambizioso progetto realizzato dall’architetto Walter Ebeling. L’ambiente ritratto nelle foto racchiude in sé un perfetto connubio di design ricercato e innovativa tecnologica: l’elaborato gioco di elementi curvi rende infatti particolarmente piacevole la zona Wellness di questo lussuoso albergo a gestione familiare.

I mosaici La struttura del sottofondo è stato creato con l’innovativo pannello 74 - Tile Italia 3/2012

Wellness “A Tutto Tondo” a Iserlohn (Germania)

Schlüter®-KERDI-BOARD, che permette di creare pareti impermeabilizzate, anche di forme architettoniche complesse, rendendole perfettamente planari. Nella zona wellness dell’Hotel “Vier Jahreszeiten” é stata così possibile una perfetta posa in opera del mosaico Bisazza su colonne con raggi assai ridotti, applicando le piccole tessere vetrose direttamente sul pannello curvabile Schlüter®-KERDI-BOARD. Il pannello Schlüter®-KERDI-BOARD è realizzato in schiuma di polistirene estruso e presenta su entrambi i lati uno strato indurente privo di sostanze cementizie, ricoperto da un tessuto non

Nelle zone particolarmente esposte all’umidita’ sono stati impiegati profili in acciaio - aisi 316 per una maggiore resistenza alla corrosione


Cantiere del mese

tessuto. Completamente planare, il pannello non è soggetto ad alcuna alterazione o deterioramento, è altamente stabile anche in caso di forti sollecitazioni termiche ed in presenza di umidità. Disponibile in vari spessori e misure (mm 5 - 9 - 12,5 - 19 - 28 - 38 - 50) il pannello Schlüter®-KERDI-BOARD copre un ampio ventaglio di possibili soluzioni applicative. Queste caratteristiche hanno permesso la fedele esecuzione del disegno del progettista ed una corretta impermeabilizzazione con tempi rapidi di realizzazione.

La flessibilità dei profili Schlüter ha permesso di realizzare una struttura curvata a bordo piscina.

Le docce Una particolare attenzione è stata dedicata anche alla zona delle docce, dove il progettista chiedeva l’assenza di qualsiasi barriera architettonica di accesso per un maggior confort e per una più facile pulizia. E’ stato possibile soddisfare questa richiesta in modo adeguato con il nuovo sistema Schlüter®-KERDI-LINE, un sistema completo per la realizzazione di docce a filo pavimento prive di barriere architettoniche. Il sistema comprende un’ampia gamma di componenti modulari perfettamente combinabili tra loro, che garantiscono la massima flessibilità progettuale e la sicurezza del risultato. Angoli e spigoli delle superfici piastrellate sono stati protetti ed impreziositi tramite l’utilizzo dei profili Schlüter-Systems. La multinazionale tedesca, infatti, propone una vasta gamma di profili decorativi e di listelli in molteplici materiali e misure. Profili e listelli che, grazie alla grande varietà di finiture disponibili, risultano perfetti in abbinamento a qualsiasi tipo di rivestimento e consentono soluzioni altamente personalizzate ed eleganti, ma allo stesso tempo funzionali e sicure. In particolare nel caso specifico è stato fatto ampio utilizzo delle possibilità di curvare i profili seguendo così perfettamente i complessi disegni sviluppati dal progettista. Tile Italia 3/2012 - 75


Cantiere del mese

La struttura delle scale e’ stata realizzata con Schlüter-®-KERDI-BOARD e profili Schlüter-® curvabili.

L’impermeabilizzazione La vasca stessa con la sua sofisticata planimetria poneva una particolare sfida all’installatore per la realizzazione dell’impermeabilizzazione. Problema risolto grazie alla scelta della guaina impermeabilizzante in polietilene morbido Schlüter®-KERDI, che offre la giusta soluzione ai tanti problemi di impermeabilizzazione, adattandosi a qualsiasi forma progettuale. Il nuovo Centro Wellness dell’Hotel “Vier Jahreszeiten” ha dato nuovo slancio a questo albergo a 4 Stelle. Grazie a questa nuova attrazione l’Hotel, fin’ora frequentato principalmente per brevi soggiorni da uomini d’affari, ora gode di un maggior afflusso anche durante il periodo di fine settimana e durante le varie festività nell’arco dell’anno.

Tutte le canaline Schlüter®-KERDI-LINE sono prodotte in acciaio v4a - aisi 316 - per una maggiore resistenza alla corrosione

76 - Tile Italia 3/2012


ARACNE

ARACNE, IL LABORATORIO IN RETE PER LO SVILUPPO DELL’EDILIZIA ECOSOSTENIBILE Dopo oltre un anno dalla sua presentazione, il progetto Aracne prosegue con grande successo ed entusiasmo nello svolgimento dei propri obiettivi. Laboratorio integrato per lo sviluppo di tecnologie e materiali per l’edilizia ecosostenibile, Aracne vanta la partecipazione di importanti aziende che operano come fornitori del settore delle costruzioni quali Colorobbia Italia, Smaltiflex e S.R.S., con il contributo di ACIMAC (Associazione Costruttori Italiani Machine Attrezzature per Ceramica) ed in collaborazione con i laboratori INTERMECH (Modena), MATIMEC (Bologna) ed EN&TECH (Reggio Emilia), appartenenti al circuito della Rete Regionale dell’Alta Tecnologia. Il progetto, finanziato dal bando regionale “Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici”, mira a riunire le competenze distintive delle diverse realtà in un unico programma di ricerca che faccia capo a un laboratorio integrato per lo sviluppo di materiali (vetro piano, resine, metalli) e che porti soluzio-

ni applicative con proprietà tecnologiche superiori a quelle attuali, rispettando i princìpi della sostenibilità ambientale ed economica, sia nella fase di ricerca sia in quella successiva di scale-up. Il 2011 si è caratterizzato per le numerose riunioni tecniche dei gruppi di lavoro tematici, incentrate su argomenti quali la funzionalizzazione delle superfici e delle masse, il coordinamento della gestione amministrativa del progetto e la valutazione delle possibilità di collaborazione scientifica, che hanno portato alla prototipazione di un software, in fase di sviluppo, destinato alla validazione di progetti ecosostenibili secondo i tre parametri focali: economico, sociale ed ambientale. Il 2012 si è dimostrato gravido di sviluppi. Grazie alla disponibilità del Sindaco Claudio Pistoni, è in via di realizzazione il progetto di recupero funzionale della sede storica municipale di Fiorano Modenese (MO), che avverrà secondo i princìpi chiave della ricerca

Aracne consentendo di vedere applicate a un caso concreto le conoscenze sviluppate nel corso delle attività di ricerca di Aracne, in particolare sul fronte dei modelli di eco progettazione. In linea con l’intento di dare massima visibilità ai risultati raggiunti, il progetto Aracne sarà presente con due convegni di presentazione e approfondimento: il primo a Tecnargilla, la fiera internazionale dedicata alle tecnologie e forniture all’industria ceramica e del laterizio (24-28 settembre, Rimini) e il secondo al Saie, salone internazionale rivolto all’industrializzazione edilizia (18-21 ottobre, Bologna). Il 2012 rappresenta quindi l’anno di divulgazione dei risultati, anche perché il finanziamento regionale che ha permesso alla compagine Aracne di sviluppare questo intenso programma di ricerca termina a dicembre. Ma non si esclude che l’esperienza possa proseguire sotto altre forme anche in futuro.

www.aracne.emr.it


OLIVO

. VERNICIATO

ORIGINAL PARQUET, con esperienza e competenza nei pavimenti in legno, vanta la produzione di una gamma ricchissima che va, dal prefinito a più strati, all’industriale “Walking”, per finire alla serie dei pavimenti massello. Ma la vera forza dell’azienda è data dalla artigianalità e dalla creatività tipicamente italiana: un laboratorio di falegnameria cura tutte le lavorazioni artigianali che servono per fornire, oltre al pavimento, gli accessori personalizzandoli a seconda della richiesta del cliente.

OLIVO

. SBIANCATO ARTICO

OLIVO

. SBIANCATO NATURE

OLIVO

. TINTO GRIGIO CHIARO


QUADRASTUDIO

infoline +39.0544.80696

www.originalparquet.com


Il parquet

di Chiara Bruzzichelli

Lorenzo Onofri

I dati 2011 e la situazione attuale Il comparto Pavimenti in legno, attraversato nel 2009 il suo anno horribilis segnato da una serie preoccupante di dati negativi, nel corso del 2011, secondo i

I Pavimenti di legno e la crisi dati di Federlegno Arredo, è stato interessato da una lieve risalita che dovrebbe consolidarsi nel prossimo anno. I dati 2011 più rilevanti (Tab 1) riguardano la produzione nazionale che appare risalire lievemente la china (+2%), dopo la pesante caduta che ha caratterizzato il precedente biennio; stessa cosa per le esportazioni che hanno raggiunto i 1.722 mil di mq. (+14% sull’anno precedente). Stabile il consumo interno, in crescita del 2% le importazioni. Tra le tendenze del consumatore è da rilevare (Tab 2) la tenuta della domanda di prodotti “prefiniti” e dei multistrati 2 strati in particolare. Ancora in decrescita nel 2011, per tutte le tipologie, l’andamento dei prezzi (Tab 3). Relativamente all’utilizzo delle specie legnose resta stabile la preferenza del rovere sui legni tropicali (Tab 4): un segnale importante per quanto riguarda l’attenzione al rispetto ambientale.

TAB. 1 - IL PARQUET IN ITALIA (metri quadrati)

2008

2009 2010

A - Produzione nazionale 5.800.000 3.800.000 B - Importazioni 9.200.000 7.300.000 C - Esportazioni 2.200.000 1.500.000 D - Consumo interno (A+B-C) 12.800.000 9.600.000

2011 2012*

3.800.000 3.876.000 4.010.000 7.300.000 7.446.000 8.000.000 1.500.000 1.722.000 2.010.000 9.600.000 9.600.000 10.000.000

* Stime: Federlegno-Arredo, Gruppo produttori pavimenti di legno

Abbiamo chiesto a Lorenzo Onofri, presidente Gruppo Pavimenti in legno appartenente ad Edilegno Arredo, un commento sull’andamento del comparto nei primi mesi del 2012 e sul “sentiment” che accompagna gli imprenditori del settore. Questa la sua risposta: “Posso dire che la domanda interna è in ulteriore calo e con aziende in sempre maggiore tensione finanziaria, anche a causa dei mancati pagamenti che rappresentano, da soli, una situazione ormai insostenibile. Per quanto riguarda la valvola di sfogo che potrebbe venire dalle esportazioni, le aziende italiane del settore sono per la maggior parte sottodimensionate ed inadeguate ad organizzare una distribuzione internazionale che compensi la perdita di fatturato domestico. In situazioni di questo tipo di solito si generano le condizioni per accorpamenti di aziende, fusioni e joint venture, al fine di costituire strutture complesse capaci di affrontare le sfide del mercato globale. Il mio sogno è e rimane quello di creare un importante “polo del Parquet di qualità Made in Italy” che possa raggruppare tecnologie, professionalità ed inventiva italiana all’interno di una struttura in grado di esportare il parquet Italiano nel mondo e non tante “piccole parrocchie” impegnate a farsi la guerra tra loro, rischiando di morire soffocate in un mercato domestico ormai asfittico… Purtroppo c’è ancora molto da lavorare!” Abbiamo anche chiesto al Presidente

TAB. 2 - CONSUMO DI PARQUET IN ITALIA (metri quadrati)

Tipologia di prodotto

2011

2012*

Mosaico n.d. n.d. 2.000.000 Parquet tradizionale (14/22 mm.) 2.000.000 Multistrato 7.600.000 8.000.000 di cui: 2 strati 70% 3 strati (2 o 3 liste): 10% 3 strati (lista unica): 20% Totale consumo 9.600.000 10.000.000

*Stime: Federlegno-Arredo, gruppo produttori pavimenti di legno. 80 - Tile Italia 3/2012

TAB. 3 - PREZZI: 2011 SU 2010 Mosaico Lamparquet (mm. 6-13) Parquet tradiz. (mm. 14-22) Multistrato (2 e 3 strati)

in decrescita in decrescita in decrescita in decrescita

TAB. 4 - UTILIZZO SPECIE LEGNOSE 2008 2009 2010 2011 Rovere 40% 70% 70% 70% Legni tropicali 60% 30% 30% 30%


Il parquet

Effetti di luce su pavimento Triveneta Parchetti @ Home & Spa Design, Salone del Mobile 2012 quanto potrebbe essere di impulso al settore edile la ventilata ipotesi governativa di un innalzamento dal 36 al 50% delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni: “L’innalzamento al 50% delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni è sicuramente uno strumento importante - concorda Onofri - che va nella direzione giusta di stimolare le ristrutturazioni, visto che di nuovo non c’è niente, e di fare pagare a tutti le tasse sia sull’acquisto dei materiali che sulla posa in opera. Tuttavia non mi illudo che possa risolvere i problemi del settore. Senza una politica seria e concreta di rilancio delle costruzioni non riparte il mondo dei Pavimenti in Legno e non riparte in generale l’economia del Paese. A tal proposito, credo fermamente che il nuovo Presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, sia la persona più adatta in questo momento a farsi portavoce di questo impellente bisogno di rilancio del mondo dell’edilizia.”

Il mercato e la distribuzione Lorenzo Bellicini, direttore tecnico di Cresme Ricerche, ha presentato al 1° Forum del Legno svoltosi il 4 giugno a Milano, alcune anticipazioni sull’andamento del mercato delle costruzioni in Italia e sulle ripercussioni generate dalla crisi sul mon-

Lorenzo Bellicini do della distribuzione. L’analisi ha evidenziato alcuni aspetti salienti, relativi al processo di evoluzione cui è sottoposto il mercato immobiliare e quindi incidenti anche sul comparto dei pavimenti in legno. Vediamo nel dettaglio i punti principali: • la crisi ha ridimensionato il mercato immobiliare del 47%; • il 70% del mercato italiano delle costruzioni è ormai composto da recupero/ristrutturazioni; • solo il 30% da nuove costruzioni; • dichiarata ufficialmente chiusa la stagione delle nuove costruzioni, il mercato futuro è della ristrutturazione e riqualificazione;

• la sfida per i prossimi anni è che la “micro-riqualificazione”, che fino ad oggi ha riguardato esclusivamente il residenziale generando nel 2011 un fatturato di 133 miliardi di euro (sui 175 miliardi totali), si allarghi nei prossimi 10/15 anni ad una vera “rigenerazione delle aree urbane” e, aggiungeremo noi, del territorio; • le difficoltà apportate alle famiglie italiane dalla recessione, unite ad una crescita demografica di fatto determinata dall’immigrazione e che interessa le fasce più basse, sta producendo una differente segmentazione del mercato immobiliare. Si evidenziano in particolare: un nuovo segmento di mercato che potremo definire “low cost” (in tal senso un nuovo incentivo alla vendita potrebbe derivare, per esempio, dal trasformare un appartamento di 90 mq. in 2 appartamenti di 45 mq ciascuno da poter offrire a prezzi evidentemente più contenuti); un altro nuovo segmento di importanza fondamentale è quello dell’ “innovazione” per il quale il mercato deve porsi in grado di rispondere alle richieste di costruzioni attente a risparmio energico, alle qualità antisismiche ed eco-sostenibili; altro segmento cui dedicare sempre maggiore attenzione è quello derivante dalla vo-

Il parquet in Italia: 2008/2012* (mq)

* * stime Tile Italia 3/2012 - 81


Il parquet

ce “estero”, infatti tutta la fascia dei paesi africani affacciata sul Mediterraneo mantiene una forte domanda immobiliare: prima della crisi e della “primavera araba” questi Paesi sono arrivati ad investire in edilizia circa 500 miliardi di euro/anno, contro i 175 del nostro mercato interno nel 2011, ed è prevedibile che a breve torneranno ad investire, peraltro con una domanda di prodotti di fascia media (la fascia italiana) in forte crescita. I Paesi dell’area nord-africana rappresentano per l’Italia uno sbocco naturale da aggiungere a quello storico, e

che resta fondamentale, del mercato europeo. Bellicini, relativamente al mondo della distribuzione, ha rilevato come la crisi rischi di produrre una vera “esplosione dei canali distributivi” generata da aziende in affannosa rincorsa di una sempre più flebile domanda. Ai distributori tradizionali, con i distributori ITS (IdroTermoSanitari) già scesi nel 2009 a 12.300 unità dalle 14.200 del 2007, si aggiungono le catene della grande distribuzione che appaiono sempre più aggressive, e le sale mostra tradizio-

nali oltre ai rivenditori di edilizia pesante. Una distribuzione estremamente frammentata potrebbe di fatto suggerire alle aziende produttrici di dedicarsi ad una nicchia specifica, non essendo in grado di affrontare una distribuzione “polverizzata”. Dall’altra parte i distributori che intendono affrontare la trasformazione del mercato sono comunque invitati ad ampliare la propria gamma e le proprie competenze per essere in grado di dare risposte concrete alle nuove esigenze di un mercato largamente segmentato.

APPROFONDIMENTI:

L’evoluzione della Distribuzione per le finiture da interno in legno Il direttore di CRESME Lorenzo Bellicini, in occasione del 1° Forum del legno svoltosi a Milano il 4 giugno, ha presentato la prima fase della ricerca commissionatale da EdilegnoArredo sul tema “Mercato e Distribuzione” e volta a tracciare un quadro di riferimento sull’evoluzione del sistema distributivo in merito alle finiture di interni in legno: finestre, pavimenti, porte e scale. La ricerca ha mostrato come la crisi abbia profondamente segnato il mondo dei serramenti e dei pavimenti in legno con dinamiche di riduzione, selezione e profonda riconfigurazione delle aziende. A soffrire maggiormente è certamente la nuova costruzione, riducendo quindi il contatto diretto tra industria produttrice e impresa. 82 - Tile Italia 3/2012

Emerge inoltre una polarizzazione del mercato: mentre tiene e si fa più esigente la domanda di prodotti di qualità che puntano all’innovazione e al design, la domanda media, motore del mercato del ciclo precedente, si riduce significativamente penalizzando l’intero settore. Si allarga la domanda per la fascia economica, un potenziale che però non riesce a restituire fatturati e fluidità all’intero mercato. Tiene invece il mercato della riqualificazione e della componente ‘risparmio energetico’, rilanciando il peso dei punti vendita specializzati in porte e finestre o pavimenti, della grande distribuzione organizzata e dei punti di vendita “in diversificazione”, che introducono nuove tipologie di prodotto per far fronte alla crisi dell’edilizia.

Alla luce di questo dato, resta prioritaria per il mondo delle finiture d’interni la riconferma degli incentivi per la riqualificazione edile, per rilanciare il comparto e favorire allo stesso tempo nuovi posti di lavoro, ripresa dei consumi nel mercato interno e emersione del lavoro nero. Fra gli articoli contenuti nella bozza ministeriale, due provvedimenti potranno giocare un ruolo fondamentale per la sopravvivenza e il rilancio del settore delle costruzioni in generale e per quello dei serramenti, in particolare la stabilizzazione delle detrazioni del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e l’aumento al 50% dell’aliquota del 36% relativa alle detrazioni per i lavori di ristrutturazione edilizia.


APPROFONDIMENTI:

Compie 2 anni il “Codice trasparenza parquet” Nel 2010, appena siglato il Codice Trasparenza Parquet, avevamo pubblicato una intervista a Lorenzo Onofri - presidente Gruppo Pavimenti in legno appartenente ad Edilegno Arredo e confermato in carica per il triennio 2011/2014 che ci descriveva l’iniziativa finalizzata “ad una corretta informazione al consumatore finale, italiano ed europeo, che non sa più orientarsi tra le mille offerte di prodotti, a norma e non. Lo stesso si può dire per i rivenditori, che non riescono più a capire “chi fa che cosa”. A 2 anni di distanza sono 14 le aziende italiane produttrici di parquet aderenti al Codice Trasparenza, di cui è presidente Giovanni Basso, ed appare ormai definitivamente tracciato il percorso finalizzato a coinvolgere nel progetto esclusivamente aziende determinate ad accrescere la cultura e la professionalità del settore. “L’impegno - come ci conferma oggi Lorenzo Onofri -resta quello di costruire una vera e propria “filiera della trasparenza” ed il Codice Trasparenza è una realtà che non ha assolutamente raggiunto i suoi obiettivi ma è

appena all’inizio. Infatti saranno a breve previste una serie di iniziative che possano propagandarlo ancora di più, rafforzandone l’immagine e i contenuti ed inoltre, cosa estremamente importante, abbiamo stabilito di estenderlo anche al mondo della posa (AIPPL). Quindi il cammino da fare è ancora molto lungo, ma la direzione è quella giusta.” In pratica l’adesione volontaria al Codice Trasparenza comporta per le aziende l’assunzione di un impegno all’informazione, chiara e completa, sulla provenienza del legno e sulle fasi di lavorazione. Una informazione ancora più stringente rispetto a quanto già previsto dalle disposizioni sulla marcatura CE e dal Codice del Consumo. In tal senso le aziende che aderiscono al Codice Trasparenza si impegnano in pratica a fornire tutti i dati (tecnici e non solo) che riguardano il proprio prodotto. Ovviamente questi dati sono sottoposti a verifica da parte del Comitato Tecnico di Controllo, che può emanare sanzioni per le difformità. L’obiettivo è la creazione di una

“carta di identità del prodotto” che racchiuda tutte le informazioni necessarie al rivenditore e al consumatore finale per capire cosa effettivamente sta acquistando. Come sottolinea lo stesso Onofri: “Le aziende che scelgono di aderire al progetto si impegnano a garantire al mercato professionalità e attenzione, raccontando il proprio prodotto dalla provenienza della materia prima alla consegna finale”. Aziende aderenti: ALI Parquet / Bolzan / Bruno / CP Parquet / Dimensione Parquet / Gazzotti / Master Floor / Menotti Specchia / Mister Parquet / Parchettificio Garbelotto / Piemonte Parquets / Stile Pavimenti Legno / Tavar / Triveneta Parchetti

Per maggiori informazioni: www.codicetrasparenzaparquet.org advertising


Il parquet

...Parlano i produttori Daniele De Vitis ALBERANI PARKETTI

Con la fine del 2011 si è chiuso uno degli anni più difficili per l’economia dell’era moderna del nostro Paese. La mancanza di crescita, il peso di un sempre più consistente debito pubblico, i continui e violenti attacchi degli speculatori finanziari, hanno messo a dura prova la tenuta del Bel Paese sia sotto l’aspetto economico, esponendolo a rischio di default, sia dal punto di vista sociale. Questa situazione ha gravato su un mercato già fortemente provato dalla crisi esplosa nel 2008 e ha portato ad uno scenario particolarmente negativo in cui le banche, a corto di liquidità, hanno ridotto il credito alle imprese e alle famiglie, generando problemi nei pagamenti, che sono diventati sempre più difficili e incerti. Questa situazione, che ha già determinato la chiusura o il fallimento di molte imprese, sembra che difficilmente manifesterà un sensibile miglioramento nei prossimi due anni. Sicuramente stiamo vivendo un momento storico unico per la sua complessità, alla fine del quale molte cose saranno cambiate, ma è anche vero che proprio in questi momenti si creano delle opportunità per chi, con tenacia e determinazione, è in grado di definire ed 84 - Tile Italia 3/2012

attuare una strategia chiara ed efficace. La nostra azienda, nonostante tutto, è riuscita confermare il fatturato dello scorso anno, andando a consolidare l’importante crescita ottenuta nel 2010. Questo è stato possibile grazie al mantenimento del posizionamento strategico nei segmenti di mercato a maggior valore aggiunto, e alla particolare attenzione posta al servizio offerto ai clienti. La completa rivisitazione degli strumenti di marketing che è stata avviata nel 2011 sarà completata nel corso del 2012 mediante il rifacimento anche dei sistemi espositivi, il cui aspetto sarà adeguato al nuovo look che l’azienda si è data. Inoltre, la partecipazione di Alberani Parketti alla costruzione del prestigioso Centro Congressi “Nuvola” dell’Arch. Fuxas, siamo certi contribuirà a rafforzare la brand awarness a livello nazionale. La fornitura della pavimentazione in legno prevista all’interno di questa avveniristica struttura farà sì che la nostra azienda, già conosciuta e apprezzata nell’ambiente tecnico e nel trade, possa giungere direttamente al grande pubblico. Con una buona dose di consapevole ottimismo, che in questo momento non guasta, stiamo lavorando affinché anche in questo difficile 2012 si possano ottenere risultati soddisfacenti.

Ci troviamo ad analizzare una fotografia 2011 dai toni contrastati: molti segni di luce e tratti di brillante vitalità contrapposti a un fondale economico, e in particolare del mondo delle costruzioni, dove invece prevalgono le tinte scure. In questa situazione Listone Giordano ha vissuto un anno caratterizzato da un forte slancio, dedito soprattutto al settore della ricerca e sviluppo, che ha interessato diversi ambiti: dalle pavimentazioni per interni fino all’outdoor. L’intensa collaborazione con aziende partner operanti in diversi settori industriali, unitamente al coinvolgimento di nuove energie progettuali, ha condotto a risultati di tutta soddisfazione. Grazie al lavoro svolto a stretto contatto con Icro, ad esempio, siamo stati i primi produttori di parquet a mettere a punto, e rendere disponibile sul mercato, una finitura che integra l’innovativa tecnologia di protezione antibatterica CrystalCare. Così come, in tema di prodotti complementari studiati nel rispetto della salute dei consumatori, si colloca a pieno titolo la nuova colla ecologica Ecolfit (certificata Europea EC-1R), realizzata in partnership con Mapei. Il tutto a dimostrazione del fatto che l’attenzione dell’azienda per la qualità della vita di chi sceglie il nostro parquet è una priorità assoluta, che va ben oltre là semplice ricerca esteriore. In questo contesto di eccellenza siamo


Il parquet

Carlo Comani GAZZOTTI

Andrea Margaritelli LISTONE GIORDANO

convinti del nostro duplice ruolo: da un lato dobbiamo essere in grado di interpretare le esigenze di acquisto che, specie nei mercati più maturi e sensibili alle tematiche ambientali, appaiono sempre più rilevanti; dall’altro dobbiamo saper anticipare i tempi e partecipare alla promozione, presso il consumatore finale, della cultura del rispetto e dell’acquisto responsabile. Una operazione che possiamo affrontare grazie alla qualificata presenza del nostro sistema retail sul territorio. Spostando l’attenzione sul valore dell’innovazione applicata al prodotto, vorrei sottolineare l’esperienza di SLIDE, nata dall’intuizione di un brillante designer, oltre che affermato imprenditore dell’arredamento made in italy, quale Daniele Lago. Un incontro tra persone e aziende cha ha saputo crescere e dare vita ad un percorso sperimentale dal quale ha preso forma un prodotto di spiccata originalità che sta già riscuotendo significativi successi a livello internazionale, come dimostra anche la recente attribuzione in Germania dell’Innovation Award di Domotex. Le tre forme trapezoidali alla base del concept di SLIDE si possono combinare fra loro in modalità diverse, generando innumerevoli configurazioni e un design di pavimentazione sempre unico. La carica innovativa di SLIDE si affianca a quella della collezione FOXTROT disegnata da Matteo Nunziati, e a QUADRONE il nuovo progetto di pavimentazione firmato da Michele De Lucchi definendo in maniera sempre più chiara la linea NATURAL GENIUS come vera e propria fucina di idee capace di aprire il parquet al pensiero contemporaneo e di offrire alla progettazione architettonica nuove forme e libertà espressive.

Il 2011 è stato l’anno dei contrasti. Dal buon andamento del mercato dei primi 8 mesi alle tinte fosche dell’ultimo quadrimestre, dalle difficoltà del mercato italiano al boom dell’esportazione. In pochi mesi è cambiato il mondo e di conseguenza si deve adattare anche la proposta. Il mercato richiede concretezza e affidabilità, ecologia e finiture particolari. La nostra azienda ha intensificato il dialogo con gli arredatori di interni attraverso i nostri rivenditori autorizzati, per poter presentare e raccontare nuove soluzioni pratiche e accattivanti. I prodotti Vintage dall’esclusiva finitura microporosa si arricchiscono di nuove cromie realizzate con il supporto e la consulenza di interior designer di spessore; la linea Extraresistent viene rivista e riformulata con l’inserimento di nuovi formati, spazzolatura e finitura igienizzante. La segmentazione del mercato è l’obiettivo a cui Gazzotti sta lavorando con forza: ogni richiesta deve avere il suo prodotto appositamente studiato. Quale genitore non metterebbe un pavimento con finitura igienizzante in una casa dove convivono allegri bimbetti e piccoli cagnolini? Unire concretezza ed estetica,

mixare igiene e design: questo è stato il grande sforzo derivante da una ricerca approfondita. Il contratso è forte quando confrontiamo i prodotti Extraresistent con la linea Idee & Parquet: l’abito su misura realizzato dalle sapienti lavorazioni delle botteghe artigiane aretine e studiata per soddisfare la fantasia, l’eleganza ma allo stesso tempo l’esigenza di calore dell’interior designer. I tappeti di legno sono unici nel loro genere così come i parquet e tappeti realizzati dalla dismissione delle barriques di vino: realizzazioni uniche per sorprendere e soddisfare. Vintage è invece il pavimento più apprezzato in Italia: grandi o piccoli formati; spine, quadri o scalette della linea My Vintage tutti legati dall’importanza e dalla praticità della finitura Vintage. Vintage è il parquet ecologico utilizzato in bioedilizia e in grado di soddisfare le molteplici necessità. Il 2012 sarà per Gazzotti l’anno del dialogo, per spiegare e contemporaneamente mostrare le nostre realizzazioni. E’ per questo motivo che privilegeremo gli incontri con i nostri rivenditori e i loro architetti in apposite location. Privilegeremo anche le grandi fiere internazionali per proporre i nostri prodotti e la nostra filosofia: il made in Italy. Tutti i nostri prodotti sono realmente fabbricati in Italia: è certamente un onere ma anche un grande onore. Tile Italia 3/2012 - 85


Il parquet

Roberto Ballardini ORIGINAL PARQUET

Original Parquet è un’azienda dallo stile e dalla creatività tipicamente italiani, con una profonda esperienza nella lavorazione dei pavimenti in legno: dal massello al prefinito, dai naturali agli sbiancati o impregnati, dai maxi formati fino agli industriali. Ha uno spirito dinamico e attento alle nuove tendenze e, soprattutto, ai progettisti che necessitano di un prodotto di immagine o addirittura personalizzato e mirato sul loro progetto. L’azienda è cresciuta anno dopo anno, con la volontà di analizzare le tendenze del mercato a livello globale e di riuscire sempre a parlarne lo stesso linguaggio, fatto di immagine, ma anche di qualità del prodotto e professionalità. Nonostante le difficoltà del mercato l’azienda ha continuato a investire, dotando le proprie linee di lavorazione delle più moderne tecnologie impiantistiche: gli investimenti proseguiranno anche nel 2012 per andare sempre di più alla ricerca della qualità globale di un prodotto selezionato da esperti della nostra azienda, prima di essere stoccato nei nostri capienti magazzini, e sempre pronto a soddisfare le ordinazioni dei clienti. Original Parquet si pregia di un impianto di nuovissima generazione, dotato delle più sofisticate tecnologie, nel pieno rispetto dell’ambiente e con avanzati processi tecnologici tali da proteggere la salute dei propri operatori e, contestualmente, da restare al di sotto

86 - Tile Italia 3/2012

della soglia minima di impatto ambientale. La continua ricerca sui materiali per salvaguardare dall’emissione di sostanze nocive l’ambiente, gli operatori e gli stessi clienti ha portato l’azienda all’uso di vernici all’acqua e di colle classificate nella categoria E1 a basso rilascio di formaldeide; tutto senza mai perdere di vista la qualità e la personalizzazione del prodotto attraverso una continua ricerca per trovare nuove finiture e nuove essenze da immettere sul mercato. Nel 2011 Original Parquet ha ottenuto la certificazione FSC®, che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Nuovi prodotti sono stati immessi sul mercato anche quest’anno e in particolare va segnalato “Europlancia”, un nuovo formato largo 160 mm a spessore di 15 mm., di cui 5 di legno nobile, ideale per ambienti di qualsiasi dimensione, studiato appositamente per risaltare in quelli di piccola e media superficie. Altra novità è caratterizzata dal massiccio investimento sul mercato estero dal quale l’azienda ha già iniziato a trarre le più ampie soddisfazioni, considerato il successo ottenuto. Fin dai primi mesi dell’anno abbiamo lavorato duramente per essere presenti nelle più importanti manifestazioni fieristiche internazionali, quali Londra Surface Design, Domotex Shanghai e Carrefour du Bois Nantes. Original Parquet ha chiuso l’anno 2011 con soddisfazione, e nei primi mesi del 2012 a mantenuto i già buoni risultati dell’anno precedente, nonostante le grandi incertezze del mercato italiano.

Lorenzo Onofri STILE

Il 2011 si è chiuso per Stile con un incremento del fatturato di circa il 14%. Non siamo ancora tornati ai livelli del 2008, ma sicuramente è stato incoraggiante vedere che anche in un periodo di forte contrazione del mercato l’azienda è riuscita in qualche modo a reagire e dare una buona prestazione. In generale, tuttavia, il dato che preoccupa maggiormente è quello delle vendite in Italia, abbastanza in frenata, mentre, dall’altra parte, l’export è cresciuto raggiungendo quasi il 30% delle vendite. E’ sicuramente ancora troppo poco, visto che l’obiettivo è quello di arrivare almeno al 50% del fatturato con vendite all’estero e gran parte degli sforzi commerciali oggi vengono indirizzati in questa direzione. Tuttavia, presidiare assiduamente il mercato Italia può generare dei ritorni molto più a breve termine. A tal fine abbiamo introdotto in gamma due nuove collezioni importanti nella serie

dei colorati e dei piallati. Infatti l’unicità delle finiture e la forte collaborazione con Bona, ci hanno comunque permesso lo sviluppo di prodotti innovativi e particolari che riescono a fare la differenza sul mercato con valori concreti e non solo basati sul prezzo. Ricordo che ancora oggi, ad oltre un anno dal suo lancio sul mercato, siamo ancora l’unica azienda al mondo che può vantare la verniciatura Bona Traffic in un pavimento perfino a livello industriale e questo credo sia un grosso vanto per il “made in Italy” dei pavimenti in legno! Il 2012 si presenta come un anno ancora più difficile ed incerto, che comunque ci ha fatto chiudere il primo quadrimestre con un leggerissimo incremento di fatturato rispetto al 2011, facendo le “montagne russe” mese dopo mese. Ad oggi fare previsioni di come andrà a finire è abbastanza difficile, tuttavia non perdiamo l’ottimismo e la voglia di migliorare.


seycove vee

advertising

www.se eychellesweb.it

Elia Bolzan FRIULPARCHET

Debbo dire, con amarezza, che oramai da diversi anni, rileggendo le passate edizioni di questa rivista, l’argomento cardine toccato da tutte le aziende produttrici di pavimenti in legno è la crisi che ha condizionato, e continua a condizionare, il nostro settore. Anche quest’anno le campane “suonano la stessa musica”. Questo accade non solo nel nostro Paese, ma praticamente in tutti i Paesi della zona Euro, a parte qualche piccolo segnale di mantenimento delle quote in alcuni Paesi. Confrontandomi di tanto in tantocon i miei colleghi è sorprendente come, in un momento seppur molto difficile e privo di sereni orizzonti come quello che stiamo attraversando, ci sia ancora la voglia di andare avanti, di salvaguardare le nostre aziende e i nostri dipendenti. Questo è anche frutto di una tipicità delle nostre aziende, praticamente tutte a carattere famigliare, dove si producono prodotti con caratteristiche e qualità indiscutibili. Dove ancora si crede al rapporto tra azienda e cliente, tra collaboratori e fornitori, al servizio, alla qualità, quella vera, al rapporto umano e alla serietà e etica professionale. Molti lavori li facciamo “veramente” ancora a mano, come abbiamo visto sin da piccoli e messo in pratica da grandi, insegnando ai nostri dipendenti quei segreti che abbiamo custodito in questi anni. Questo, secondo il mio parere, oggi fa la differenza: puntare sulla “artigianalità” del prodotto, sulla sua unicità, sulla qualità delle lavorazioni e dei materiali. Solo così

potremo combattere quella importazione “selvaggia” che domina sul mercato. E’ ora di tirare fuori dai cassetti tutta la nostra manualità, la capacità di operare bene, di dare il giusto valore, anche economico, a ciò che sappiamo fare meglio e bene. Ritengo che in questo momento fare altre considerazioni sia molto difficile, così come fare previsioni per il futuro. Possiamo dire che stiamo lavorando assiduamente sull’innovazione di prodotti, in alcuni casi anche brevettando, conseguendo certificazioni come ad esempio la FSC, mantenendo la ISO 9001:2008 (siamo certificati dal 2001). Come da sempre crediamo nella formazione delle persone, siano esse interne che esterne alla azienda, organizzando giornate di formazione sia sul prodotto che su tutti gli aspetti normativi e tecnici del settore. Certo che in un momento come questo le nostre aziende dovrebbero stare particolarmente unite e vicine, studiando strategie comuni, magari collaborando maggiormente anche con gli altri attori del settore. A tal proposito, ho appreso con piacere dalla stampa che la ANPP (Associazione Nazionale Posatori Professionisti) ha dato vita ad un nuovo progetto: la certificazione di qualità del parchettista. Era da tempo che le aziende auspicavano la creazione di una tale professionalità che ci aiuti a migliorare e fare chiarezza alle tante (e sempre maggiori) problematiche che si devono affrontare. A conclusione possiamo dire che per l’anno in corso e quello a venire siamo intenzionati ad aumentare gli sforzi rivolti alla nostra clientela, al servizio pre e post vendita, allo scopo di creare assieme una partnership sempre più forte, solida e duratura, oltre che a potenziare il mercato estero dove vediamo una crescita immobiliare maggiore rispetto a quella italiana.

• SEYCOVER A+B

malta cementizia elastica bicomponente impermeabille per la protezione del calcestruzzo ideale per impermeabilizzare balconi, terrazze, box doccia, piscine e lastrici solari.

A+B

il meglio al meglio


Il parquet

Renza Altoè Garbelotto GARBELOTTO

Il 2011 ha visto l’aggravarsi, soprattutto nell’ultimo trimestre, delle problematiche che si sono paventate nel 2010. Il mercato è preda di prodotti di importazione spesso di dubbia qualità. Anche la cultura legata ai pavimenti in legno ne risulta inficiata: una mera corsa al profitto, a scapito di qualità e professionalità, non può che impoverire nel lungo periodo l’intero comparto, adducendo danni a tutti gli operatori, sia coloro i quali mantengono gli standard qualitativi sia coloro i quali, invece, traggono più vantaggi nel breve periodo da questo mercato privo di regolamentazioni. Per questo abbiamo aderito al progetto di EdilegnoArredo “Codice di Trasparenza Parquet”, che promuove la cultura, la professionalità e la formazione nel mondo del pavimento in legno, la massima trasparenza delle azioni delle aziende associate e un autocontrollo delle stesse, affinché ci sia una produzione e una distribuzione dei prodotti rispettosa delle regole e delle normative. L’affiliazione a questo Codice è una ulteriore garanzia di serietà per la nostra clientela e per gli utilizzatori finali dei nostri pavimenti, unita alle nostre certificazioni CE, CI (100% Made In Italy), FSC® e PEFC®. Alla fine del 2011 e inizio 2012 si è anche aggravata la situzione generale del mercato italiano, sempre meno dinamico; crescono anche le difficoltà inerenti al credito e alla liquidità. Noi ci siamo preparati a questo scenario, che era stato previsto, investendo in iniziative 88 - Tile Italia 3/2012

all’estero, conquistando quote di mercato in paesi emergenti o con una economia più dinamica, come Turchia, Canada, Israele, Russia e molti altri. Siamo stati scelti come aziende fornitrici per realizzazione di edifici molto importanti e rinomati a livello mondiale, confermando la qualità e l’affidabilità dei nostri pavimenti in legno. Il nostro prodotto in questi mercati ha un vantaggio competitivo grazie al design ricercato che lo contraddistingue e alla certificazione 100% Made In Italy: la garanzia di un prodotto totalmente italiano è un’arma vincente e con molto appeal in tutti gli stati esteri, sinonimo di bellezza, qualità e ricercatezza nei dettagli. Con orgoglio difendiamo e promuoviamo i prodotti come i nostri concepiti e realizzati completamente in Italia, consapevoli del valore aggiunto di questi manufatti, sia a livello industriale/artigianale che sociale. Anche in presenza delle oggettive difficoltà incontrate nel 2011 e che caratterizzano anche il 2012, continuiamo ad investire in innovazione e nelle persone che insieme a noi formano la base delle nostre aziende, consapevoli che proprio nei momenti di crisi è importante non fermarsi e operare scelte di lungo periodo. Organizziamo continui workshop per i nostri agenti e rivenditori, che sentono la necessità di avere una maggiore conoscenza di tutti gli aspetti legati ai pavimenti in legno, per potersi imporre con maggiore profitto sul mercato. Siamo presenti a fiere nazionali e internazionali (l’ultima Il Salone del Mobile e Fuorisalone a Milano) e il nostro reparto ricerca&innovazione è in continuo fermento.

Renato Del Bello TIMBY PARQUET

Timby Parquets srl è dal 1 gennaio 2012 la nuova denominazione della ex Parquets Marty Italia. La società, rilevata al 100% dal fondatore Renato Del Bello, continua a distribuire nel territorio italiano il marchio Marty, pur diversificando l’offerta. Di seguito quanto dichiaratoci da Renato Del Bello. “Il mercato italiano soffre doppiamente la crisi: una volta in quanto dopo anni di espansione l’edilizia sta soffrendo, con conseguente calo drastico delle nuove costruzioni; una seconda volta perché nessuna delle politiche messe in atto fino ad ora dalle forze politiche e dagli Istituti di credito punta al rilancio del settore. Scarseggiano i mutui casa e la introduzione della IMU è

un ulteriore disincentivo. Il settore vive quindi nell’ambito della ristrutturazione che però non riesce a garantire un ordinato svolgimento della filiera poiché i volumi non sono sufficienti. Dal punto di vista produttivo, come Tymbi Parquets, ci siamo attrezzati introducendo una serie di finiture “Made in Italy” che garantiscono verniciature sempre più conformi alle esigenze ed ai trend del mercato. Inoltre, per quanto riguarda il formato e la tipologia dei prodotti, abbiamo potenziato tutte le gamme di maxilistoni. Prevediamo che il 2012 rispecchi l’andamento del 2011, non ci sono novità di base tali da poter giustificare un cambiamento di direzione del mercato”.


Novità dalle aziende

woodco

Nome: Must Descrizione: parquet a 3 strati, lavorato artigianalmente con bisellatura marcata sui 4 lati. La collezione è composta da 11 articoli proposti nella scelta Rustic. Formati: 90x1000/1500x16 mm - 160x1500/2000x16 mm 220x1500/2500x16 mm - 350x1500/2500x16 mm Tipologie di legno: Rovere di Slavonia

unikolegno

Nome: I Metallizzati Finitura: per ottenere l’effetto “metallizzato” si procede tinteggiando la superficie in rovere spazzolato in oro, argento o nero, quindi viene stesa una patina di un tono in contrasto che si fissa solo sulle parti incavate dando vita ad un gioco cromatico a due colori. 90 - Tile Italia 3/2012

Struttura: lo strato di legno nobile è in Rovere di Slavonia, ha spessore di 4 mm. con diverse finiture e trattamenti di superficie. Lo strato intermedio è composto da legno in multistrato dello spessore di 8 mm. Il terzo strato di 4 mm. in rovere svolge un’azione controbilanciante Finiture: nella foto Must in finitura Charatecter con superficie leggermente spazzolata, stuccata a metà, finitura olio cera Osmo.

Successivamente si applica una vernice lucida trasparente per consolidare il trattamento eseguito. Questa finitura viene offerta principalmente nella collezione Type. Posa: incollata o flottante Formati: spessore 15 mm - larghezza 155/200 mm. - lunghezza 1500/2500 mm.


Novità dalle aziende

timby

Nome: Magno Plus Descrizione: maxiplancia in rovere spazzolato Formati: spessore 15 mm, posa flottante o incollata, 4 mm di

stile

Nome: Stilnovo L 10x120 Cabreuva Traffic UV Descrizione: Pavimento in legno a 2 strati. Ogni pezzo presenta incastro maschio/femmina sui quattro lati. Lo strato superiore è Lamella in legno massiccio di spessore 4 mm mentre il supporto è un multistrato fenolico di Betulla con fibre incrociate a 7 strati di spessore 7,8 mm con certificato PEFC-FSC Finitura: protettiva superficiale

legno nobile, supporto in multistrato Finiture: 10 colori, con possibilità di colori a campione Posa: incollata o flottante

Formati: larghezza 120 mm, lunghezza compresa nell’intervallo 800-1.600 mm. Lo spessore totale della lamella è di 10 mm di cui 4 mm di legno nobile. Tipologie di legno: Cabreuva, Myrocarpus Frondosus, M.Fast Giatus, Rovere, Afrormosia, Iroko, Teak, Doussiè, Noce Americano Wenge.

Tile Italia 3/2011 - 91


NovitĂ  dalle aziende

original parquet

Nome: Europlancia Descrizione: adatta ad ambienti di qualsiasi dimensione. Idoneo per la posa su pavimento riscaldato e per ambienti ad alto calpestio Formati: Spessore 15 mm (5 mm di legno nobile), larghezza mm. 160, lunghezza mm. 1.000/1.200/1.400 Finiture: Oliatura UV; Verniciatura UV 7 strati (satinato/semilucido/brillante); Spazzolato - Piallato - Antico - Vissuto;

listone giordano

Nome: Atelier Reserve Listone Giordano Descrizione: la collezione è contraddistinta da piallature a mano e lavorazioni artigianali della superficie come nodi, effetto piano sega e stuccature. Trattamenti: Traccia, Filo di Lama Mareggiata + DOC nella grande dimensione. 92 - Tile Italia 3/2012

Aseptica: verniciatura semilucida con riduzione carica batterica 99,99%; CFL-S1 trattamento certificato per classe di reazione al fuoco 1; MaxFORT: finitura speciale ad alta resistenza all’ossido di alluminio Colori: sbiancatura - tinte impregnanti Tipologie di legno: Rovere, Betulla

Finiture: il legno di Rovere, in tecnologia tre-strati, subisce un trattamento termico che ne intensifica il colore originario. Trattamento di finitura ad olio naturale con vari pigmenti di colore. Formati: larghezza 190 mm e 260 mm solo nella versione DOC.


Novità dalle aziende

gazzotti

Nome: Extraresistent Gazzotti Descrizione: parquet prefinito a 2 strati Formati: Large 10, Plancia 10, X Large 10, X Large 14 Colori: specie legnose naturali (rovere, acero americano, cabreuva, doussiè, faggio, iroko, merbau, teak asia, wengè, yesquero); specie legnose pigmentate (rovere blanc, rovere botte,

garbelotto

Nome: “I MASSELLI®” Descrizione: prodotto completamente realizzato senza l’utilizzo di colle e vernici, adatto alla bioedilizia Tipologia di legno: parquet in massello maschiato di rovere, scelta rustica.

94 - Tile Italia 3/2012

rovere neve, rovere tortora); specie legnose termotrattate (betulla thermic, frassino thermic) Finiture: Parquet verniciato disponibile sia in versione liscia che spazzolata. La finitura igienizzante Extraresistent che elimina in 24 ore il 99,9 % dei più comuni batteri, è di serie.

Finiture: bisellato sui 4 lati, spazzolato e presentato in 12 esclusive finiture della superficie oliate Dimensioni: 15 mm spessore - 140 mm larghezza - 600-2000 mm lunghezza.


Un nuovo viaggio insieme.

Woodco propone in esclusiva le nuove linee di laminati e pavimenti vinilici BerryAlloc. Via Antonio Detassis, 17 - 38121 Trento - Italia - Tel. +39 0461.822744 - Fax +39 0461.825370 - info@woodco.it - www.woodco.it


Novità dalle aziende

friulparchet

Nome: Linea Barrique Descrizione: pavimento prefinito a tre strati. Tipologia di legno: Rovere Europeo Trattamenti: spazzolatura e piallatura light

cadorin

Nome: Quercia Contorta Descrizione: legno contraddistinto dall’accentuazione dei nodi del legno e dell’effetto vissuto. Marchio Legno Più Km Meno: il suo approvvigionamento avviene entro una distanza che va dai 500 ai 700 km dalla sede dell’azienda Tipologia di legno: pianta selvatica di Quercia Europea caratterizzata da fibratura contorta e da tonalità di legno 96 - Tile Italia 3/2012

Finitura: tinta Brandy e oliato Dimensioni: viene fornito in tavole di grandi dimensioni Colori: varie colorazioni, anche su richiesta del cliente.

differenti da quelle delle foreste di Rovere. Finiture: spazzolata vissuta e sbiancata a vernice o a olio naturale Dimensioni: tavolato di tre strati di legno massiccio di grandi dimensioni: larghezza da 14 a 30 cm - lunghezza fino a oltre i 3 metri.


Novità dalle aziende

berti

Nome: modello Wave Descrizione: Dalle tavole in prefinito 2 strati vengono intagliati a laser i moduli che compongono a ripetizione il pavimento. È possible così progettare un pavimento su misura. Formati e colori: possono essere ricavati da tutte le specie legnose e le finiture di parquet che compongono le collezioni di

bassano parquet

Nome: Opera Prima Descrizione: Pavimento a 3 strati in “Rovere Europeo” scelta rustica. Strato nobile in rovere europeo scelta rustica da 6 mm “bombato” ed irregolare, strato interno in multistrato di betulla ad incollaggio fenolico, strato di bilanciamento in rovere europeo da 6 mm Dimensioni: spessore mm 18 - larghezza mm 150-220 - lun98 - Tile Italia 3/2012

tavole Berti e BertiStudio. Finiture: intarsio a laser. Marchio FSC certifica la provenienza del legname da foreste gestite correttamente dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. 100% finitura italiana. Posa: incollata.

ghezza mm 1800-2400 Tipologie di legno: strato nobile e controplacco in rovere europeo, anima in multistrato betulla Finiture: piallatura a mano molto irregolare, presente su tutta la tavola compresa la bisellatura, leggera spazzolatura, stuccature anche molto marcate.


l’unica ceramica che si posa come un parquet

PAVIKER

®

by Bruno parquet . info@paviker.com . www.paviker.com


Novità dalle aziende

xilo1934

Nome: XILO1934, marchio appartenente a Piemonte Parquets SpA. Descrizione: La novità è data dalla realizzazione di un ventaglio di prodotti espressione dell’originalità di 7 designers, ciascuno differente per storia e formazione: un’avventura, frutto di una innovativa tecnologia, che ha dato vita ad un prodotto singolare. Tatuaggi incisi quasi come su carne viva, geometrismi ispirati a motivi anni Sessanta, arabeschi moreschi e decori ispirati a tessuti o all’estetica delle pietre. Un work in progress iniziato nel 2010:“In un certo senso - commenta lo stesso Carlo Bardelli, amministratore delegato di Xilo1934 - ho voluto trasferire su questo terreno l’esperienza e la sensibilità sviluppate in anni di “dialogo” con il materiale ceramico. Un modo per disegnare il legno, al pari della tela o dell’intonaco, con mood e suggestioni di varia origine. Genialità della natura e genialità umana a confronto”. Nella foto: i decori “7 pazzi +1” - “Tarimas” di Miguel Angel Ciganda - “Layer” di Carlo Dal Bianco -“Foglie impronte fossili” di Marco Ferreri - “Oggetti sparsi” di Barnaba Fornasetti - “W_code” di paradisi artificiali “Tappeti volanti” di Davide Pizzigoni - “Legni con figure in nero” di Luca Scacchetti

alberani parketti

Nome: Espace Opera Rovere Filosega Descrizione: parquet prefinito a due strati Formato: spessore di 14 mm, un formato con larghezze variabili 100 - Tile Italia 3/2012

da 90 a 160 mm e lunghezze assortite da 1.200 a 2.000 mm. Tipologia di legno: Quercia Colori: bianco o grigio


Milano Architettura Design Edilizia

Il futuro è adesso 8 aree specializzate, 1950 espositori, 96.580 mq di esposizione netta, 253.533 visitatori professionali, 70 associazioni di categoria, 240 convegni. Strutture, involucro edilizio, serramenti, architettura d’interni, spazi verdi, software e cantiere. A MADE expo soluzioni innovative e sostenibili realizzano oggi il futuro dell’architettura.

Fiera Milano, Rho 17_20 ottobre 2012 MADE expo è un’iniziativa di:

Organizzata da: MADE eventi srl

MADE eventi srl

tel. +39 051 6646624 • +39 02 80604440

Federlegno Arredo srl

info@madeexpo.it • made@madeexpo.it

Promossa da:

www.madeexpo.it


La crisi si vince con la creatività

di Silvia Bertolani

Nemmeno il maltempo e la pioggia hanno impedito agli appassionati di prendere parte al Salone Internazionale del Mobile di Milano (17-22 aprile 2012) e all’annesso Fuorisalone, come sempre in svolgimento contemporaneo tra le vie del capoluogo lombardo. Nonostante il “sapore” leggermente sottotono della kermesse più attesa da architetti, designer e curiosi di ogni genere, i numeri della 51°edizione raccontano di un esito molto positivo: sono stati 331.649 i visitatori totali della fiera di Rho, con un incremento del 3,5% per quanto riguarda gli

operatori del settore e un +5,9% degli operatori esteri. “I risultati di questa edizione sono eccezionali, soprattutto in considerazione del clima economico negativo che si respirava alla vigilia – afferma il presidente di Cosmit, Carlo Guglielmi. - Preoccupazioni fugate non solo dai numeri, ma soprattutto dalla soddisfazione degli espositori, che hanno incontrato reali occasioni di business e operatori di altissima qualità”. La crisi che attanaglia l’economia mondiale, dunque, non ha impedito alle aziende di investire ancora, nonostante gli sforzi e la fatica, in

Ricerca&Sviluppo, dimostrando quanto sia importante non fermare l’evoluzione creativa e tecnologica per alimentare ancora il motore dell’economia mondiale. Ne è stato un esempio “Design Dance”, evento-spettacolo in scena presso il Teatro dell’Arte della Triennale di Milano, che ha raccontato l’avventura umana attraverso 456 oggetti di design, classici e moderni, messi in movimento da attori, acrobati, danzatori e meccanismi teatrali. Un’ora e un quarto di divani volanti, tavolini suonanti e lampade danzanti, messi a di-

LTi mu 102 - Tile Italia 3/2011

ia

Alpiwood @ Brera Design District

med

A

Duravit @ Salone del Bagno

Ceramica Incontro @ Spazio La Perla


I Saloni

Lenny Kravitz @ Lea Ceramiche foto by Paolo Crocenzi Turkish Stones @ Superstudiopiù

Foscarini @ Superstudiopiù sposizione da 200 aziende del settore, che hanno registrato ogni sera il tutto esaurito. Il viaggio dell’innovazione ceramica è stato il tema del Ceramic Design Tour Milano proposto da Ceramics of Italy. Location prestigiose hanno fatto da sfondo ad un percorso animato da sette aziende appartenenti all’eccellenza dell’industria ceramica italiana: Ceramica Del Conca (“The Fiction Hotel” in via Tortona 26 e “Sense is Simple ‘THE SPA’” presso Spazio Impluvium Triennale), Ceramica Sant’Agostino (“Surfing the Future-Home SPA by Marco Piva” presso Home Spa Design), Ceramiche Coem (“‘DayDreamSpa’ la stanza dei sogni” by Studio Bizzarro & Partners presso Home Spa Design), Florim (“Impress” presso Florim Flagship

Del Conca @ The fiction hotel Store di Milano), Laminam (“Qui serve un piano...” presso showroom Laminam di Milano), Lea Ceramiche (“Goccia by Krevitz Design” presso Lea Ceramiche Showroom di Milano) e Tagina Ceramiche (“Tagina Contract Advanced Ceramics” presso Superstudio Più), infatti, hanno fornito il loro contributo in termini di creatività, ricerca e stile con la migliore produzione Made in Italy.

Margaritelli @ Appartamento Lago, Brera Design District

GranitiFiandre ha allestito i Cortili dell’Università degli Studi di Milano uno studio sui materiali innovativi della collezione Maximum di Fiandre grazie alla maestria l’architetto francese Odile Decq. “Una sequenza di lastre candide come una risma di fogli bianchi dà l’ispirazione per creare un’architettura pensata per emozionare e interagire con i sensi”: l’arTile Italia 3/2011 - 103


I Saloni Bertolotto Porte @ AD, La casa degli italiani chitetto Decq, sfruttando i contrasti delle lastre Maximum (un formato eccezionalmente grande - 300x150 cm unito ad uno spessore minimo di 6 mm), ha dato vita a un’architettura basica che tuttavia si rinnova grazie a tagli che vanno a scavare una forma conica all’interno del solido. Con questa opera, Odile Decq ha saputo coniugare le due anime fondamentali della ceramica: la tradizione architettonica con la tecnologia del futuro.

Fiandre @ Università Statale Florim @ Brera Design District

Fiction Hotel @ Zona Tortona

LTi mu Mosaico Digitale @ Home&Spa Design

ia

104 - Tile Italia 3/2011

Piemonte Parquet @ Teatro Olimpia

med

A

Molte altre le proposte innovative in mostra al Salone e al Fuorisalone, come la linea di prodotti per arredare la casa di Bertolotto, BIhome, e la porta Aurea della collezione Fashion, presentate alla mostra di AD “La casa degli italiani 1861/2011”, e Prism di Incontroardito, evoluzione del progetto Bolla che, grazie alla struttura esagonale, permette di tracciare trame libere sulle pareti. In mostra presso Superstudio Più, Incontroardito ha esposto anche l’ultima versione del controllo domotico della luce, utilizzando un’interfaccia su tablet collegata wi-fi alla parete. Design raffinato ed essenziale è quello che ha caratterizzato la 4°edizione del biennale Salone del Bagno che ha occupato due padiglioni del quartiere fieristico di Rho. La creatività di questo settore si è cimentata nella vasta offerta di prodotti naturali per il completamento e l’arredamento della sala da bagno, riflettendo la trasformazione di un


I Saloni

ambiente sempre più domestico, sempre più centrale, sempre più tecnologico e sempre più personalizzabile. L’innovativa lavorazione dei materiali - dalla tradizionale ceramica, alle pietre naturali, per finire con siliconi e tecnoglass - è stata combinata allo stesso tempo con maestria artigianale e capacità produttiva, realizzando prodotti evoluti sia da un punto di vista funzionale che estetico. Duravit porta comfort e leggerezza nel bagno grazie all’essenzialità della nuova collezione Delos, disegnata da EOOS. Un sistema completo di mobili disponibili in due finiture in vero legno e una in bianco laccato, caratterizzato da una consolle fissata con supporti invisibili che la rendono fluttuante nell’ambiente. Lo specchio, grazie ai profili anch’essi a specchio, contribuisce alla sensazione di armonia fornita dalle colonne alte e basse e dagli eleganti cassetti. E se Fir Italia ha presentato il programma “Fir Bathroom Wellness”, per un’esperienza doccia che emoziona con acqua, luci e colori, Olympia connota di forte personalità la sua nuova collezione di lavabi Formosa, diegnata da Marcello Ziliani. Anche Regia non tradisce il nuovo senso di benessere con una collezione quasi “onomatopeica”: Pouf è il lavabo disponibile in tecnoglass, in LivingTec e in vetroghiaccio trasparente, firmato da Bruna Rapisarda.

Brix @ Brera Design District

Hello Kitty by Gardenia Orchidea @ Salone Del Bagno

Pecchioli e LineaG @ Salone Del Bagno

Tagina @ Superstudiopiù

MPE Ambiente @ Home & Spa Design

Cotto Veneto @ Brera Design District

Ceramica Sant’Agostino @ Home & Spa Design

Coem @ DayDreamSpa

“Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto finora afferma il presidente di Tile Italia 3/2011 - 105


I Saloni

FederlegnoArredo, Roberto Snaidero. - I risultati e l’attenzione che i Saloni generano, dimostrano quanto siano consacrati a rappresentare un momento importante per il rilancio dell’economia italiana. Questo entusiasmo non può far dimenticare, però, le difficoltà che le aziende stanno affrontando in questo momento di crisi, che in alcuni casi le costringe a chiudere o ad andare avanti con tagli del personale. Non possiamo non esprimere solidarietà alle famiglie dei lavoratori di tutte le nostre aziende, sapendo che in questo momento imprenditori e maestranze sono uniti in una difficile battaglia per battere la crisi. Il settore – prosegue Roberto Snaidero ha rinnovato alle Istituzioni il problema dell’aumento dell’IVA al 23% e ha nuovamente avanzato la proposta di agevolare i giovani, stabilendo l’IVA al 4% per l’acquisto del primo impianto mobili. Abbiamo inoltre chiesto con forza lo sblocco della direttiva sui pagamenti. La Federazione intende continuare ad impegnarsi intensamente per permettere all’evento fieristico di crescere ancora e garantire alti standard di qualità di edizione in edizione”.

Refin @ Brera Design District

Arpa @ Material Connexion

Ceramiche Piemme e Visionnaire @ Salone Del Mobile

Marazzi @ AD, La casa degli italiani Lixil @ Superstudiopiù

106 - Tile Italia 3/2011

Lithea @ Home & Spa Design Laminam @ Brera Design District


omniadvert.com

i paesi di provenienza dei visitatori

del fatturato di settore rappresentato

delle recenti innovazioni presentate in fiera

IL FUTURO DELLA CERAMICA

23° Fiera Internazionale delle Tecnologie per l’Industria Ceramica e del Laterizio

organizzato da

www.tecnargilla.it

in collaborazione con


Fiere nel mondo CALENDARIO

in Italia... ABITARE IL TEMPO

INDEX (Finiture e design di interni) Dubai (UAE) - 24/27 settembre 2012

Verona (Italia) - 21/23 ottobre 2012

! TECNARGILLA (Macchinari e tecnologie per la produzione ceramica) - Rimini - 24/28 settembre 2012

!

CERSAIE (Piastrelle di ceramica e arredobagno) Bologna - 25/29 settembre 2012

THE BIG 5 SHOW (Edilizia) Dubai (EAU) - 5/8 novembre 2012 DOMOTEX MIDDLE EAST (Pavimenti e rivestimenti, finiture) Istanbul (Turchia) - 8/11 novembre 2012 BATIMAT (Edilizia) Parigi (Francia) - 7/12 novembre 2012

MARMOMACC (Pietre naturali e macchinari per la lavorazione) - Verona - 26/29 settembre 2012 SUN (Finiture ed arredamento di esterni) Rimini - 7/9 ottobre 2012

SURFACES (Superfici da pavimento e rivestimento) Las Vegas, Nevada (USA) - 29/31 gennaio 2013 BAU (Edilizia) Monaco, Germania - 14/19 gennaio 2013

!

MADE EXPO (Edilizia) Milano - 17/20 ottobre 2012

BUDMA (Edilizia) Poznan (Polonia) - 29 gennaio/1 febbraio 2013

SAIE (Edilizia) Bologna - 18/21 ottobre 2012

CEVISAMA (Pavimenti e rivestimenti in ceramica, arredoba- gno) - Valencia (Spagna) - 5/8 febbraio 2013

RESTRUCTURA Torino - 29 novembre/2 dicembre 2012

BAUTEC (Edilizia) Berlino, Germania - 21/25 febbraio 2013

all’Estero...

ISH (Edilizia e refrigerazione, tecnologia energetica, mondo del bagno) - Francoforte, Germania - 12/16 marzo 2013

BUILD ASIA (Edilizia) Karachi (Pakistan) - 11/13 settembre 2012

KITCHEN & BATH INDUSTRY SHOW New Orleans, Louisiana (USA) - 19/21 aprile 2013

Elenco Inserzionisti Adesital 6

Iiea 43

Petracer’s

Iii Cop

Tagina 8

Alberani 93

Insca 85

Phorma

Ii Cop

Technokolla 31

Aracne 77

Litokol 16-18-20

Piemme 3

Tecnargilla 107

Bertolotto 55

Made Expo

Porcelanosa 73

Tek Arredamenti

Bruno 99

Mapei

Progress Profiles

Tls Of Italy

Cercol 11

Maticad 97

Raimondi 25

Torrgler 51

Cersaie 112

Montolit 35

Rondine Group

19

Tuyap 5

Fila 33

Murexin Ag

Schlueter Systems

10

Virag 71

Garbelotto 89

Novabell 63

Seychelles 67-87

Wedi 69

Gazzotti 17

Opus Vitreum

36-37

Sichenia 61

Woodco 95

Granitifiandre 4

Original Parquet

78-79

Stile 1

108 - Tile Italia 3/2012

101 Iv Cop

21

23

109 65


Posa&tecnica

di Roberto Aiazzi

Innovazioni per la posa in opera

Si fa tanto parlare di “ricerca e innovazione” come motore per lo sviluppo e la crescita. Schlüter Systems, che non ha mai rinunciato né alla ricerca né all’innovazione e forse proprio per questo mantiene inalterata la propria leadership nel comparto dei sistemi ed accessori per la posa, ha recentemente arricchito la gamma prodotti con due interessanti novità: Schlüter ®DILEX-HKU e Schlüter ®KERDI-DRAIN design 4. Andiamo a conoscerle.

Schlüter®-DILEX-HKU Si chiama “Schlüter®-DILEX-HKU” ed è l’ultimo nato tra i profili di raccordo progettati e prodotti dalla multinazionale tedesca (foto in questa pagina). Schlüter®-DILEX-HKU è un profilo universale, in grado cioè di raccordare pavimenti e rivestimenti anche realizzati con piastrelle di differente spessore - dagli 8 mm in su -. Schlüter®-DILEX-HKU, realizzato in acciaio inox lucido ed in acciaio inox spazzolato, è caratterizzato da una sezione innovativa con entrambe le alette piegate verso l’interno. Il vantaggio di questa soluzione è evidente: consente di raccordare in modo preciso e veloce, con un unico articolo, tutti gli spessori di piastrelle, anche diversi tra di loro, risolvendo un ben noto problema. Con Schlüter®-DILEX-HKU nessun posatore dovrà più rinunciare ad una corretta soluzione di posa perché sul cantiere non è disponibile il profilo dell’altezza giusta o perché presso il rivenditore non è reperibile l’altezza esatta del raccordo corrispondente ai diversi spessori delle piastrelle da applicare a pavimento e a rivestimento. Facilissima anche l’applicazione di Schlüter®-DILEX-HKU che richiede semplicemente di essere livellato a pavimento e rivestimento, all’altezza desiderata, attraverso l’uso dell’adesivo. Inoltre, come tutti i raccordi “a sguscia”, Schlüter®-DILEX-HKU facilita la pulizia e l’igiene degli ambienti, pur mantenendo, grazie a una curvatura di soli 10 mm, un impatto estetico poco invasivo. Il nuovo profilo Schlüter®-DILEX-HKU completa quindi la gamma già ampia dei profili “a sguscia” prodotti da Schlüter-Systems: complessivamente sono 10 le diverse tipologie messe a disposizione con 9 possibili finiture e 9 altezze. Il nuovo Schlüter®-DILEX-HKU, come peraltro l’intera gamma di profili “a sguscia” prodotta da Schlüter Systems, è dotato di tutti i pezzi speciali necessari alle più varie esigenze di posa, come angoli interni/esterni ed innesti. 110 - Tile Italia 3/2012

Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4! “Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4” è la nuova soluzione proposta per la realizzazione di uno scarico centrale per doccia interamente rivestibile, praticamente invisibile e perfettamente ispezionabile (foto pagina destra). Una soluzione che segue quella, presentata in occasione dell’ultimo Cersaie, relativa al sistema di scarichi lineari completamente rivestibili e senza cornice metallica denominati Schlüter®-KERDI-LINE D.

Con Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4 - costituito da una cornice e da un supporto in acciaio su piedini rivestito con Schlüter®KERDI - non ci sono limiti né di spessore né di tipologia di materiale: la nuova griglia può essere coperta con mosaico di vetro, ceramica di basso, medio o alto spessore e persino con pietre naturali di qualsiasi tipo. Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4 garantisce un deflusso funzionale delle acque attraverso la fuga perimetrale di 5 mm mentre lo scarico rimane perfettamente ispezionabile.


Posa&tecnica

Grazie ad uno speciale distanziatore - già incluso nel kit della Schlüter® - rivestire correttamente la griglia è particolarmente rapido e sicuro. Di seguito i 5 vantaggi offerti da Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4 rispetto a prodotti similari: • Schlüter®-KERDI-DRAIN design 4 è utilizzabile con qualsiasi spessore di pavimento; • l’elemento di ceramica si incolla al supporto metallico

con un normale collante cementizio; il sistema rende praticamente “invisibile” lo scarico della doccia; è compreso nel set un distanziatore che consente di realizzare una fuga esatta di 5 mm per il drenaggio; il sistema è facile da revisionare per interventi di pulizia e non richiede alcuna manutenzione.

L’architetto Roberto Aiazzi, dal 2005 responsabile dell’Ufficio Tecnico Divisione Edile di Schlüter-Systems Italia Srl, è anche membro del Gruppo Uni pavimenti e rivestimenti e Gruppo Uni rivestimenti lapidei.

Tile Italia 3/2012 - 111


ARMANDO TESTA

ia ne -li ter on iet l o gi ig ag /b om e.it i tto ie rsa gl Bi .ce w w w

Grazia Piccininno per Cersaie 2012 FacoltĂ  di Architettura di Genova

25-29 Settembre 2012 www.cersaie.it

Organizzato da EDI.CER. spa

Promosso da ConfInDustRIa CERamICa

In collaborazione con

segreteria operativa: PROMOS srl - P.O. Box 37 - 40050 CENTERGROSS BOLOGNA - Tel. 051.6646000 - Fax 051.862514 ufficio stampa: EDI.CER. spa - Viale Monte Santo 40 - 41049 SASSUOLO (Modena) - Tel. 0536.804585 - Fax 0536.806510


Nelle pi첫 belle case del mondo. www.petracer.it


UETA Q R A IL P ASA TUVO! DI C E NUO COM

Pulizia

Ceratura (puro)

Ceera C era ratura ttuura ra (ddiilu luitto))

Ceratura

Rimozione per rinnovo ceratura

I prodotti per la pulizia, la manutenzione e una maggiore protezione del parquet Dai laboratori Mapei, dopo i sistemi di finitura superficiale per il parquet, ecco anche i sistemi Ultracoat per la pulizia, la manutenzione e la protezione del parquet, dai piccoli ai grandi ambienti. Prodotti che rispettano l’uomo e l’ambiente. I sistemi Ultracoat, semplici nell’applicazione. Scopri il nostro mondo: www.mapei.it

Da 75 anni aiutiamo a costruire sogni piccoli e grandi.

ILI FAC ARE! S DA U


Tile Italia 3/2012