Issuu on Google+

ISSN 2039-831X

n

FOCUS ON SAUDI ARABIA

n

Earthquake-resistant technology in the Andes

n

Tecnologia antisismica nelle Ande


TECNOFILIERE S.r.l. - 41016 Novi di Modena (MO) ITALY - Via Provinciale Modena, 57/A Tel. +39059677797 (r.a.) - Fax +39059677759 http://www.tecnofiliere.com - E-mail: tecnofiliere@tecnofiliere.com


Brick-makers seek solidity Plants made to last a lifetime. The world of brick is certain of it: Sacmi offers world-beating technology and innovation that provides outstanding productivity through the supply of complete-cycle machines for Heavy Clay. Each plant is the result of in-depth analysis of the customer's specific production requirements, and service continues with assistance, spare parts and upgrades: all to ensure customers get only the very best  technology, reliability and efficiency.

For comprehensive information on Sacmi technology: www.sacmi.com


Year 18, N° 2 2013 2nd four months Four-monthly review

Cover picture by: Giancarlo Pradelli

Anno 18, n° 2 2013 2° quadrimestre Periodico quadrimestrale

contents sommarlo 7 editorial 8 18

Paola Giacomini

The African market comes of age

Africa, primo mercato del Made in Italy

world news statistics

Heavy clay machinery shows a recovery

Luca Baraldi

Macchine per laterizi in ripresa

22

Italian brick and tile industry continues to decline

Giovanni D’Anna

Il laterizio italiano ancora in discesa

28

SAUDI ARABIA

32

Saudi Arabia invests in heavy clay

Earthquake-resistant technology in the Andes

Milena Bernardi

Construction booms in Saudi Arabia

Edilizia a gonfie vele in Arabia Saudita Milena Bernardi

L’Arabia Saudita investe nel mattone

TECHNOLOGY

36

40

Davide Scioratto

Libya gets back into gear

La Libia riparte

44

Robots gain a foothold in Algeria

Paolo Marcheluzzo

Tecnologia antisismica nelle Ande

Sabo

I robot convincono anche in Algeria

48

Bouras looks to the future

Bouras guarda lontano

52

Latvia chooses rotary cutting

La Lettonia sceglie il taglio rotativo

56

Automation for high-insulating brick production

Automazione nella produzione di mattoni termoisolanti

60

Kiln car innovation

Innovazione nei carri forno

64

Mixed moulds for roof tiles

66

architecture

68 26

products advertisers’ list

Frank Appel Gunther Stolz Eric Debraine Simone Dutto

Stampi misti per tegole Combining innovation and tradition

Andrea Valentini

Innovare nella tradizione

BR I CK W or ld R e vi ew n . 2/ 20 13

3


ADVERTISING

HAVEN’T YOU DOWNLOADED

THE NEW

BRICK WORLD REVIEW APP YET? Publisher • Editore Administration and Editorial Office

Amministrazione e Redazione

TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775 - Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 905 in data 27/11/95 Editor • Direttore responsabile Paola Giacomini

p.giacomini@tiledizioni.it Editorial coordinator

Coordinamento editoriale

Subscriptions •Abbonamenti www.tiledizioni.it/subscription Each copy • una copia € 4 2 years subscription (6 issues)

Abbonamento biennale (6 numeri) Italy: € 60; Foreign Countries: €80; Online Version: free; www.tiledizioni.it/freesubscription Special tariffs for group subscriptions are available on request.

Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta.

L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni.

Sara Falsetti

m.bernardi@tiledizioni.it

Printer • Stampa

Editorial Board • Comitato Editoriale

Luca Baraldi Chiara Bruzzichelli Cristian Cassani Gian Paolo Crasta Paolo Gambuli Fabio Schianchi

E FRE

D

Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA

Graphic Layout • Progetto Grafico

Milena Bernardi

AD

LO N W O

Arbe Industrie Grafiche spa, via Emilia Ovest 1014 41123 Modena Photolits/ Typesetting

REPLACE YOUR OLD BRICK WORLD REVIEW APP WITH THE NEW REDESIGNED VERSION • Wherever you are, browse each edition before receiving the printed copy, • Access the archive of back issues • Read it also in offline mode • Enjoy multimedia contents.

Fotolito/Fotocomposizione Vaccari Zincografica - Via Salgari, 61 41123 Modena

Advertising • Pubblicità

TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 Paola Giacomini Cell. +39 3351864257 E-mail: p.giacomini@tiledizioni.it Elisa Verzelloni Cell. +39 338 5361966 E-mail: e.verzelloni@tiledizioni.it Translation • Traduzione

John Freeman (JF) - English Geoff Day (GD) - English Valeria Costa (VC) - Spanish Wei Bo (WB) - Chinese Elena Sourova (ES) - Russian

Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned.

E-NEWSLETTER:

SIGN UP ON WWW.CERAMICWORLDWEB.IT

Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Date of going to press • Chiuso in redazione: 02/09/2013 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

Tile Edizioni also publishes:

Also available in the APP Store: Tile International - Tile Italia - Ceramic World Review


The African market comes of age

Africa, primo mercato del Made in Italy Africa and the Middle East have become the new El Dorado for brick and roof tile machinery manufacturers. Thanks to booming demand in these markets, the Italian brick and tile machinery producers were able to achieve a strong overall export performance in 2012 and consequently post double-figure growth in total turnover. In reality, Italian domestic sales also appear to have finally stabilised (up by a timid 2.7% in 2012), halting the downward slide that began in 2008 and brought losses of more than 60 million euros in 4 years. In the presence of a stagnant domestic market (in this connection, see the report by Giovanni D’Anna on the Italian heavy clay industry published in this issue), exports remain the real resource of the plant and machinery sector and have now reached an 87% share of total turnover. In 2012 they generated revenues of 130 million euros (14.5% up on 2011), maintaining the recovery that began with the 8.9% growth posted the previous year. Against this backdrop, the African and Middle Eastern markets appear to have fi-

nally come of age, with sales of Italian technology soaring by 111% in Africa (predominantly North Africa) and 105% in the Middle East. As a result of this latest growth, the Maghreb region is now the biggest market for Italian heavy clay machinery (with sales of 52 million euros, corresponding to 35% of total turnover and 40% of exports). Although the Middle East is a smaller market in terms of absolute values (11.2 million euros in 2012), it has almost doubled its share of total exports from 5% to 9%, and further expansion is expected given the strong demand for building materials in countries such as Saudi Arabia. One interesting development is Saudi Ceramic Group’s new project to enter the brick and tile sector, discussed in this issue. Another region that has consolidated its position amongst the leading markets for Italian technology is non-EU Europe. Last year the region became the second largest market for Italian machinery following 63% growth in sales, reaching 20 million euros and for the first time overtaking sales within (JF) the EU.

Africa e Medio Oriente nuovi Eldorado per le aziende costruttrici di impianti per laterizi? Per certo, è grazie a loro se nel 2012 le esportazioni di macchine “Made in Italy” per la produzione di mattoni e tegole hanno potuto segnare una decisa crescita complessiva, e il fatturato totale di settore registrare un incremento a doppia cifra rispetto al 2011. In realtà, anche le vendite sul mercato domestico pare si siano finalmente stabilizzate (nel 2012 hanno segnato un timido +2,7% sul 2011), interrompendo quella curva discendente iniziata nel 2008 che ha visto sfumare oltre 60 milioni di euro in 4 anni. In presenza di un mercato domestico decisamente asfittico (si veda al riguardo la relazione di D’Anna sull’industria nazionale del laterizio pubblicata in questo numero), la vera risorsa del comparto degli impianti e delle macchine rimangono le vendite oltre confine, che hanno raggiunto ormai un’incidenza sul fatturato totale dell’87%. Nel 2012 hanno generato un volume d’affari di 130 milioni di euro (+14,5% sul 2011), confermando la risalita iniziata con il +8,9% messo a segno l’anno precedente. E in questo quadro, a brillare sono proprio i mercati africa-

ni e mediorientali, che l’anno scorso hanno visto esplodere la domanda di tecnologia italiana: +111% le vendite di impianti in Africa (in realtà soprattutto in Nord Africa) e +105% quelle destinate al Medio Oriente. Con questo nuovo exploit, il Maghreb è diventato la prima area di vendita per i costruttori italiani di macchine per laterizio (52 milioni di euro il fatturato realizzato qui, con un’incidenza del 35% sul fatturato totale e del 40% sull’export). L’area mediorientale, in valori assoluti ancora non altrettanto significativa (11,2 milioni di euro nel 2012), quasi raddoppia la sua quota sull’export totale, passando dal 5 al 9%, e promette un’ulteriore espansione data la forte domanda di materiali per edilizia in Paesi come l’Arabia Saudita. Interessante, in questo contesto, il nuovo progetto di ingresso nel settore dei laterizi di Saudi Ceramic Group che descriviamo in questo numero. Un’altra area si rafforza tra i maggiori mercati della tecnologia italiana, ed è quella dei Paesi Europei Extra-UE, l’anno scorso secondo mercato per i costruttori italiani: con un incremento del 63% sul 2011, le vendite hanno raggiunto i 20 milioni di euro superando per la prima volta quelle realizzate  nei mercati UE.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 20 13

7

editorial

Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it


world news news dal mondo Sacmi Heavy Clay

in

Brazil

With the aim of bringing the excellence of Italian heavy clay technology to the heart of South America, and in particular to Brazil, Sacmi took part in the ceramics and heavy clay exhibition Expocer in Curitiba, State of Paraná, from 26 to 29 June 2013. At the show, Sacmi Heavy Clay presented its comprehensive range of offerings aimed at a constantly expanding industry with ever higher demands in terms of plant quality and performance. Backed by its extensive sales network and incountry production facility Sacmi do Brasil, the Group showcased its entire product range, from tried and tested technologies through to highly innovative solutions such as the application of robotics to

S acmi H eavy C lay

production processes. It also presented new developments in drying and firing including fast cycle solutions and roof tile roller drying and firing using both wet and dry pressing techniques. The importance of the South American market for Sacmi is also highlighted by its participation in the 42nd Encontro Nacional da Indústria de Cerâmica Vermelha (Recife, 25 to 28 October 2013), the most important event in the region which attracts large numbers of industry professionals year after year.

in

B rasile

Portare l’eccellenza tecnologica Made in Italy del laterizio nel cuore del mercato sudamericano e, in particolare, brasiliano. Questo l’obiettivo di Sacmi che ha partecipato a Expocer, fiera della ceramica e del laterizio svoltasi a Curitiba, nello Stato del Paranà, dal 26 al 29 giugno 2013. Una sfida importante per Sacmi Heavy Clay, che ha presentato la propria gamma di offerta dedicata a questa filiera, specificamente declinata sulle peculiarità produttive di un mercato in costante crescita e, al tempo stesso, sempre più esigente dal punto di vista della qualità e delle performance degli impianti. Forte di una capillare struttura

commerciale e di un’unità produttiva in loco - Sacmi do Brasil - il Gruppo ha proposto tutte le soluzioni, da quelle tradizionali e consolidate a quelle più innovative, come l’applicazione della robotica ai processi produttivi, le novità per il settore essiccazione e cottura - con interessanti proposte sui “cicli rapidi” - fino all’essiccazione e cottura a rulli per la produzione di tegole con pressatura sia a umido sia a secco. L’importanza del mercato sudamericano per Sacmi è confermata anche dalla prossima partecipazione al 42° Encontro Nacional da Indústria de Cerâmica Vermelha (Recife, 25 al 28 ottobre 2013), il più importante appuntamento dell’area che accoglie ogni anno una grande affluenza di operatori specializzati.

SanMarco becomes a member of G reen B uilding C ouncil I talia

S an M arco è membro del G reen B uilding C ouncil I talia

SanMarco, a manufacturer of systems and solutions for brick construction, has always pursued a philosophy of eco-sustainable building. With this in mind, it has now joined Green Building Council Italia, a voluntary non-profit association of companies, institutions and organisations with the mission of developing and adapting the LEED protocol to the specific context of Italy and promoting the construction of green buildings. Through inten-

SanMarco, azienda produttrice di soluzioni e sistemi per costruire in laterizio, da sempre attenta a orientare filosofia e azioni verso un’edilizia eco-sostenibile, aderisce al Green Building Council Italia, associazione volontaria noprofit di imprese, enti e strutture finalizzata, attraverso lo sviluppo e l’adattamento del protocollo

Sabo

wins order from

At the end of 2012, the prestigious brick and tile manufacturer Wienerberger commissioned Sabo SA to modernise the wet material handling line at the facility in Solymar, Hungary. Installed in March 2013, the plant has a production capacity of 550 tons/ day of clay blocks (PTH 44, PTH 38, PTH 10/50 etc.). It is fully automated and includes empty pallet handling, robots for wet material loading and transport on dryer cars. Specifically, the conveyors position the empty pallets in the loading zone, where

8

B rick W o rld Rev iew n. 2/ 2013

sive networking activities, GBC Italia fosters an exchange of information with a view to promoting constructive competition between building firms and product manufacturers in the field of environmental performance of buildings as well as encouraging responsible consumption behaviour on the part of end users.

Wienerberger

in

Hungary

a robot equipped with a special gripper loads the wet material. Loading is performed by means of precise movements synchronised with the cutting operation. Once the wet material has been loaded, the pallets are transported by a series of conveyors to the dryer car loading system.

S abo

fornisce

Leed alla realtà italiana, a rendere i “green buildings” a basso impatto ambientale consuetudine e fattore radicato nella società. Promuovendo un’intensa attività di networking, GBC Italia permette uno scambio trasversale di informazioni, al fine di stimolare la competizione costruttiva fra le imprese e le aziende di produzione sul tema delle performance ambientali degli edifici e incoraggiare comportamenti di consumo consapevole da parte degli utenti finali.

W ienerberger

A fine 2012, Wienerberger, prestigioso gruppo produttore di laterizi, ha assegnato a Sabo l’incarico per la ristrutturazione della linea di movimentazione del materiale umido nello stabilimento di Solymar, Ungheria. Installato a marzo 2013, l’impianto, con una capacità produttiva di 550/ton giorno di blocchi in laterizio (PTH 44, PTH 38, PTH 10/50 etc.), è

in

U ngheria

completamente automatizzato e comprende la movimentazione dei pallet vuoti, i robot per il caricamento del materiale umido e il loro trasporto sui carri essiccatoio. Nello specifico i trasportatori posizionano i pallet vuoti nella zona di caricamento dove un robot, dotato di una pinza speciale, provvede a caricare il materiale umido. Il carico viene eseguito con movimenti precisi sincronizzati alla fase di taglio del materiale. Dopo aver caricato il materiale umido, i pallet vengono convogliati da una serie di trasportatori ai carri essiccatoio.


Brazil

hosts brick and tile events

From 25 to 28 October, the city of Recife, Brazil will be holding two prestigious events simultaneously: the 42nd National Meeting of the Heavy Clay Industry and the 16th Expoanicer exhibition of machinery, equipment, products and services for the heavy clay sector. Besides showcasing the finest technologies for heavy clay production, the events aim to promote a debate between business leaders, researchers, public and private institutions and Brazilian and international consumer organisations. They will feature a packed programme of initiatives including technological forums and guided tours of the roof tile manufacturer Ceramica Kitambar (Caruaru) and brick manufacturer Cerâmica Bom Jesus (Paudalho). In 2012, Expoanicer, the sector’s largest exhibition in Latin America, hosted 81 Brazilian brands and 18 international brands from countries including Italy, Greece, Austria, Spain, Portugal, Colombia, Germany, the United States, China and France. The exhibitors generated a total of around 43 million Reais (15 million euro) in business, 5 million Reais more than at previous years’ shows. The 2013 show is expected to be an even bigger success because the northeast of the country is home to more than 1,500 heavy-clay companies and has planned large-

Keller

sets its sights on

Keller, a division of the Legris Industries group, took part in the exhibition Buildexpo in Nairobi, Kenya from 4 to 6 May this year. A key presence at the stand was that of the division’s company Morando, which has prestigious clients in the region. Now in its sixteenth edition, the exhibition was an important event for the economic development of Equatorial Africa and was strongly attended by visitors from various African states interested in

scale investments over the next few years. The ancillary events will include a competition for talented young people with the aim of promoting research into new materials and housing solutions. Promoted by Anicer and supported by Associaçao Brasileira de Ceramica (Brazilian Ceramics Association), the award will go to projects that stand out for their innovation and sustainability. The no less important João de Barro award will be presented to innovative, concrete projects that aim to improve the quality of the industry and promote its development in Brazil. Each year awards are presented in the following categories: best stand, personality, best supplier, best institution and best ceramic producer. Represented by Anicer, the Brazilian brick and tile industry comprises 4.8% of the civil construction sector and generates around 300,000 direct jobs and 900,000 indirect jobs. According to the IBGE (Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística), the sector is made up of 6,903 companies with an annual turnover of more than 18 billion Reais (around 6 billion euro). Monthly production amounts to more than 4 billion bricks and blocks and 1.3 billion roof tiles.

Africa the use of clay bricks for housing projects in place of the materials used in the past. The Keller stand received visits from many local companies, establishing initial contacts with a view to collaboration on their projects.

Il

laterizio parla brasiliano

Dal 25 al 28 ottobre la città di Recife, Brasile, ospiterà due prestigiosi eventi in contemporanea: il 42° Meeting Nazionale dell’Industria Laterizi ed Expoanicer, fiera dedicata a macchinari, attrezzature, prodotti e servizi per il settore laterizio, giunta alla sedicesima edizione. Gli eventi, oltre a mettere in mostra le migliori tecnologie per laterizi, hanno lo scopo di promuovere il dibattito tra operatori, ricercatori, istituzioni pubbliche e private, organizzazioni brasiliane, internazionali e dei consumatori, con un fitto programma di appuntamenti suddivisi tra forum tecnologici e visite tecniche guidate alle aziende Ceramica Kitambar, (a Caruaru), produttore di tegole, e Cerâmica Bom Jesus (a Paudalho), produttore di mattoni. Expoanicer, diventata ormai punto di riferimento irrinunciabile per tutta l’area dell’America Latina, nel 2012 ha registrato la presenza di 81 brand brasiliani e 18 marchi internazionali da paesi come Italia, Grecia, Austria, Spagna, Portogallo, Colombia, Germania, Stati Uniti, Cina e Francia. Complessivamente, gli espositori hanno generato un giro d’affari di circa 43 milioni di

K eller

Reais (15 milioni di euro), 5 milioni di Reais in più rispetto alle precedenti edizioni. L’edizione 2013 si preannuncia ancora più fortunata, in quanto la regione nord-orientale del Paese, dove hanno sede oltre 1.500 aziende produttrici di laterizi, ha pianificato importanti investimenti per i prossimi anni. Tra gli eventi collaterali in calendario, un concorso rivolto a giovani talenti con lo scopo di promuovere la riflessione e la ricerca su nuovi materiali e soluzioni abitative. L’evento, promosso da Anicer e supportato dall’Associaçao Brasileira de Ceramica, premierà i progetti che si distinguono per innovazione e sostenibilità. Non meno importante il Premio João de Barro, un riconoscimento a coloro che contribuiscono con iniziative concrete e innovative a migliorare la qualità e lo sviluppo del settore in Brasile, che ogni anno viene assegnato alle seguenti categorie: miglior stand, personalità, miglior fornitore, migliore istituzione e migliore ceramica. Rappresentata da Anicer, l’industria brasiliana del laterizio copre il 4,8% del settore delle costruzioni civili e genera circa 300.000 posti di lavoro diretti e 900.000 indiretti. Secondo l’IBGE (Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística) il comparto è costituito da 6.903 aziende, con fatturato annuo superiore a 18 miliardi di Reais. (circa 6 miliardi di euro) La produzione mensile è di oltre 4 miliardi di mattoni e 1,3 miliardi di tegole.

punta all ’A frica

Keller, parte del gruppo Legris Industries, ha partecipato alla fiera Buildexpo Kenya che si è tenuta a Nairobi dal 4 al 6 maggio scorso. Presenza di punta in stand quella di Morando che vanta importanti referenze in questa area geografica. Giunta alla sua sedicesima

edizione, la fiera ha rappresentato un importante punto di incontro per lo sviluppo dell’economia dell’Africa Equatoriale e ha riscosso un importante successo di visitatori provenienti dai diversi Stati Africani interessati a considerare lo sviluppo dei loro progetti abitativi mediante l’utilizzo dei materiali in laterizio in sostituzione a quelli finora utilizzati. Lo stand dell’azienda tedesca è stato visitato da numerose realtà locali con le quali sono stati stabiliti i primi contatti di collaborazione per lo sviluppo delle loro iniziative.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

9


world news news dal mondo Cismac: Open House 2013

C ismac : O pen H ouse 2013

The Sassuolo-based company Cismac completed a fourweek tour-de-force in July this year. During the open house event held at its two production facilities, dozens of delegations from Italy, Russia, Austria, France, Saudi Arabia and South America had the opportunity to get a close-up view of the company’s entire product range, including: automatic robotic greenware loading plant; automatic robotic dried ware loading plant; a system for automatic pack storage in the external yard; two cutting lines consisting of a slug and block cutter and a multiwire cutter with chamfering on all four sides of the

Quattro settimane intense, quelle vissute da Cismac nel mese di luglio. Nel corso della open house organizzata dall’azienda di Sassuolo presso i due siti produttivi, decine di delegazioni provenienti da Italia, Russia, Austria, Francia, Arabia Saudita e Sudamerica hanno potuto toccare con mano l’intera gamma della produzione made in Cismac: l’impianto automatico di carico robotizzato

Bongioanni Stampi

in the

Bongioanni Stampi recently strengthened its presence in Algeria with some major orders for both new and existing plants. In the Bordj Bou Arredij district, it has supplied leading sector companies such as Briquelive Bourhali, Ardj Bordj Guerrouache and Sarl Mntb Meshas with the latest multi-exit extrusion equipment consisting of dedicated pressure heads and Omega and Gamma Plus model conical extrusion dies. These dies are equipped with frames and cores made of special BST01 and BST02 materials for high wear and corrosion resistance for B8, B12 and Hourdi formats. All components of the Omega extrusion die in direct contact with the clay are made from anti-abrasion material. In particular, the columns of the core-support bridge were made entirely using an NC system with a square cross-section to ensure the highest precision and to allow for the use of special materials available only in sheet form. Furthermore, the bridges feature high-thickness chrome plating. One aspect of particular interest is the outstanding performance of the new lubrication system for the externally controlled brakes

10

brick; and a complete clay block grinding line. These new technologies were developed by adapting Cismac’s existing systems and adding new devices to achieve the highest possible product performance. During the visit the Italian and international delegations reaffirmed their view of the company as a reliable partner capable of meeting the needs of increasingly demanding customers.

B rick W o rld Review n. 2/ 2013

Algerian

market

consisting of lubricators and Teflon sliding plates. The heat-treated steel brakes are extra thick to enhance the braking effect. The order also includes modern stainless steel piece-marking wheels with removable high wear-resistance rubber inserts, new extruder die calibration kits and a positioning device for extruder die maintenance specially designed to facilitate work during both production and maintenance. Bongioanni Stampi has also designed and built complete extrusion plants for other major factories located in various regions of Algeria, including Eurl Touati in the Guelmaa area, Briqueterie Djabrj in Touggourt and Briqueterie Rehia near Algiers.

B ongioanni S tampi

in the

Bongioanni Stampi ha recentemente rafforzato la propria presenza in Algeria mettendo a segno interessanti forniture sia per impianti di nuova installazione, sia per impianti esistenti. Nella provincia di Bordj Bou Arredj, sono stati forniti a importanti aziende del settore come Briquelive Bourhali, Ardj Bordj Guerrouache e Sarl Mntb Meshas, i più moderni apparati di estrusione multi-uscite, composti da bocche dedicate e filiere coniche modello Omega e Gamma Plus, con cornici e tasselli realizzati con l’impiego di speciali materiali (BST01 e BST02) ad elevata resistenza all’usura e alla corrosione per formati B8, B12 e Hourdy. Tutti i componenti delle filiera Omega, a diretto contatto con l’argilla, sono stati costruiti in ma-

del verde; l’impianto automatico di carico robotizzato del secco; il sistema per lo stoccaggio automatico dei pacchi su piazzale esterno; due linee di taglio formate da una taglierina per il filone e i blocchi e da una “multifido” con bisellatura dei quattro lati del mattone e linea completa di rettifica blocchi in laterizio. Si tratta di nuove tecnologie, evoluzione di sistemi Cismac già in produzione, adattate con nuovi dispositivi per ottenere le migliori performance di prodotto. Nel corso della visita le delegazioni italiane e straniere hanno confermato l’azienda come partner affidabile e capace di dare continuità alle richieste di una clientela sempre più esigente.

A lgerian

market

teriale anti-abrasione. In particolare, le colonnette del ponte porta tasselli, sono state realizzate interamente a controllo numerico, con sezione quadra, per ottenere la più elevata precisione e utilizzare i materiali speciali disponibili esclusivamente in lastre. Inoltre, sui ponti è stata prevista una copertura con cromatura a forte spessore. Da segnalare l’eccellente performance del nuovo sistema di lubrificazione dei freni a regolazione esterna, che prevede ingrassatori e piastre di scorrimento in teflon, con freni in acciaio trattato termicamente e di spessore maggiorato per aumentare l’incidenza frenante. A completamento delle forniture, le moderne ruote marchiapezzi in acciaio inox, con inserti smontabili in gomma, ad alta resistenza all’usura, i nuovi kit di taratura filiera e il posizionatore di manutenzione filiere appositamente studiati per facilitare il compito dell’utilizzatore sia in produzione sia in fase di mantenimento. Bongioanni Stampi ha inoltre progettato e realizzato apparati di estrusione completi per altre importanti fornaci, dislocate in diverse regioni dell’Algeria come Eurl Touati, situata nella zona di Guelma, Briqueterie Djabrj di Touggourt e Briqueterie Rehia, situata nelle vicinanze di Algeri.


Lingl supplies new complete plant to A lgerian company S arl BCB

N uovo impianto completo per l ’ algerina S arl BCB

On 13 May this year, shortly after the end of Batimatec in Algiers, the Algerian brick manufacturer Sarl BCB based in Tidjelabine signed a major contract with Lingl for the delivery of a new complete plant with a production capacity of 280,000 ton/year of bricks. As general contractor, Lingl will supply all the preparation and shaping installations, the dryer, the tunnel kiln and handling equipment. This German-

Lo scorso 13 maggio, a pochi giorni dalla conclusione di Batimatec (Algeri), è stato firmato un importante contratto tra l’algerina, con sede a Tidjelabi-

made plant will use advanced technology, including industrial robots for product handling and the special Lingl Opti-Flow rapid dryer.

Keller supplies brick filling to R öben T onbaustoffe Installation of the new fully automated plant at the cuttingedge Röben Tonbaustoffe facility in Reetz in Germany’s Brandenburg region brings to 12 the number of brick filling systems installed by Keller worldwide. The new plant has enabled Röben to further expand its range of insulating bricks in response to the growing demand for building materials with high thermal insulation. The range of common bricks filled with mineral wool now extends from the thermo-brick TV 7 with a thermal conductivity of only 0.07 W/mK to the TV 10 with a thermal conductivity of 0.10 W/mK. The air chambers in the bricks are filled with mineral wool and therefore offer additional integrated thermal insulation. The plant, which was brought into operation in a very short space of time, has an effective output of 800 filled bricks per hour and combines conventional and robot technology to operate as a standalone station. This would not have been possible without an exceptional level of collaboration between the two companies. A high-performance industrial robot de-hacks, separates and groups the bricks according to their different sizes. The mineral wool slabs are introduced into the process by a conventional gripper system. The filling station is equipped with patented tech-

plant

nology that allows for rapid set-up times during product size changes and exploits synergies during tool changes. The filling method works with the brick tolerances permitted in the industry and achieves excellent filling results even in the case of rough brick surfaces due to porous structures. The system also compensates for different mineral wool slab thicknesses and for variations in dimensions within a single mineral wool batch.

ne, e Lingl, per la realizzazione di un nuovo impianto completo con una capacità produttiva di 280.000 ton/anno di mattoni. In qualità di contractor, Lingl fornirà tutti gli impianti di preparazione e formatura, l’essiccatoio, il forno a tunnel e gli automatismi. Un impianto “made in Germany” che impiegherà tecnologie avanzate, tra cui robot industriali per la movimentazione del materiale e lo speciale essiccatoio rapido Lingl Opti-Flow.

K eller : impianto di riempimento a R öben T onbaustoffe Con l’installazione del nuovo impianto completamente automatizzato presso il modernissimo stabilimento di Röben Tonbaustoffe a Reetz, nella regione tedesca del Brandeburgo, salgono a 12 gli impianti di riempimento mattoni realizzati ad oggi da Keller. Röben arricchisce così la gamma di mattoni isolanti rispondendo alla crescente richiesta di materiali da costruzione a elevato isolamento termico.

mattoni

La serie di mattoni comuni riempiti con materiale di fibra minerale si estende da mattoni isolanti TV 7 con una conduttività termica di soli 0.07 W/(mk), fino al TV 10 con una conduttività termica di 0.10 W/(mk). I fori dei mattoni vengono riempiti con materiale di fibra minerale, offrendo quindi un ulteriore isolamento termico integrato. Grazie all’ottima collaborazione tra le due società, l’impianto, che vanta una produzione oraria effettiva di 800 mattoni riempiti, è stato messo in funzione in tempi molto rapidi e combina tecnologia tradizionale e robotizzata, lavorando come una stazione indipendente. Una disimpilatrice ad alta efficienza separa e raggruppa i mattoni in funzione delle varie dimensioni mentre la fibra minerale viene introdotta per mezzo di un sistema a pinza tradizionale. La stazione di riempimento è dotata di una tecnologia brevettata che consente tempi di montaggio molto brevi durante i cambi formato, utilizzando anche le sinergie nel cambio utensili. Il metodo di riempimento consente tolleranze dimensionali dei mattoni accettabili e garantisce ottimi risultati in caso di superfici grezze dovute a strutture porose. Il sistema compensa inoltre le differenze di spessore dei materassini di materiale in fibra minerale, nonché le variazioni dimensionali.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

11


world news news dal mondo Lingl

and

Monteiro

continue cooperation

The Portuguese manufacturer Umbelino Monteiro, part of the Etex Group (Belgium), has placed a new order with Lingl to expand the roof tile plant at Meirinhas built by Lingl in 2002. The order includes retrofitting and extension of the machinery as well as the upgrade of the control system from S5 to S7. The key aspect of the order,

however, is the decoupling of the setting and unloading installation, where an additional cassette storage device has been installed as a buffer. The decoupling of the two systems brings greater flexibility and an overall increase in plant efficiency.

El Khayyat

The supply of two new fired waste milling lines to the El Khayyat Red Brick Co. group in Saudi Arabia brings to 7 the number of plants supplied to the group by Manfredini & Schianchi in the last decade. The plants are currently being installed at the facilities in Al Kharji and Sudair and will come into operation in October 2013. They are equipped with Slammer hammer mills for grinding fired brick and tile rejects. They also have a rugged structure consisting of 80% special wear-resistant metals. The installation can accept incoming pieces of up to 250 mm in diameter. It has a produc-

tion capacity of 15 ton/h with outgoing particle size below 2 mm. Electricity consumption is 12 kWh/t.

Tecnofiliere

and

Tatarstan

Tecnofiliere is making strong headway in the Russian market and has recently completed several major supply contracts. In Chechnya, the autonomous republic south-west of Moscow, it joined forces with Italian company Marcheluzzo Impianti of Isola Vicentina to supply two extruder dies for 125x250 mm facing bricks and 250x290 mm blocks. The order also included two extrusion pressure heads of diameter 500 mm, complete with external braking, to be installed on a newly built plant that will be put into full-scale operation in May 2014 with a productivity of 60 million facing bricks a year. A second order came from a brickworks in the Republican of

12

B ric k W o rld Review n. 2/ 2013

continua la collaborazione

L’azienda portoghese Umbelino Monteiro, parte di Etex Group (Belgio), ha commissionato a Lingl l’ampliamento dell’impianto per la produzione di tegole, situato a Meirinhas, progetto e realizzato dall’azienda tedesca nel 2002. L’ordine comprende l’ammoderna-

mento delle macchine e l’aggiornamento del sistema di controllo da S5 a S7. Cuore della fornitura è il disaccoppiamento del sistema di impilaggio e di scarico, dove è stato installato un sistema aggiuntivo di stoccaggio cassette con funzione di buffer. Il disaccoppiamento dei due sistemi porta a una maggiore flessibilità e a un aumento complessivo dell’efficienza dell’impianto.

C ontinua la collaborazione tra E l K hayyat e M&S

continues to collaborate with M&S

in

L ingl e M onteiro :

Chechnya

Tatarstan, south-east of Moscow, one of the most developed federal subjects of Russia, where the construction materials industry employs 4% of the workforce. The supplied equipment includes dies with single internal braking for the production of 120x250 mm solid and facing bricks and a die with internal and external braking for 248x380 mm blocks.

Con la fornitura di due nuove linee di macinazione degli scarti cotti al gruppo El Khayyat Red Brick Co. (Arabia Saudita), salgo-

T ecnofiliere

nel

no a 7 gli impianti forniti da Manfredini & Schianchi nell’ultimo decennio. In corso di installazione nei due stabilimenti produttivi situati a Al Kharji e Sudair, gli impianti entreranno in funzione a ottobre 2013 e sono dotati di mulino a martelli Slammer per la fase di macinazione degli scarti cotti di tegole e mattoni. Presentano inoltre una robusta struttura costituita per l’80% da martelli speciali in grado di resistere all’usura. L’installazione può accettare pezzature in ingresso fino a 250 mm e ha una capacità di produzione di 15 ton/ora con granulometria in uscita < 2 mm. Il consumo elettrico è di 12 kWhr/ton.

T atarstan

Tecnofiliere procede a grandi passi verso il mercato russo mettendo a segno importanti forniture di recente realizzazione. In Cecenia, repubblica autonoma a sud-ovest di Mosca, grazie alla collaborazione con Marcheluzzo Impianti di Isola Vicentina, sono state fornite due filiere per faccia vista 125x250 e per blocco 250x290,

e in

C ecenia

oltre a due bocche di estrusione diametro 500, complete di frenatura esterna, da inserire in un impianto di nuova costruzione che andrà a regime a maggio 2014 con una produttività di 60 milioni di mattoni faccia a vista all’anno. Una seconda fornitura ha avuto come destinazione una fornace situata nella Repubblica del Tatarstan, a Sud Est di Mosca, una delle entità federali russe economicamente più sviluppate, dove l’industria dei materiali da costruzione impiega il 4% della forza lavoro. Sono state fornite filiere con singola frenatura interna per la produzione di mattone pieno e faccia vista 120x250, oltre ad una filiera con frenatura interna ed esterna per il blocco 248x380.


SAIE 2013 gives extensive coverage to heavy clay SAIE 2013:

A

LTi

opens new offices

ia

In the presence of more than 100 customers and international suppliers, representatives of the world of heavy clay, political and financial partners, reporters and former employees, Ceric Technologies officially opened its new offices in 42 Rue de Paradis, Paris on 27 June this year. With double the space, the offices will enable the group to hire new employees and meet customers’ requirements even more effectively. This marks a further step forward for the French group which has a history of around 50 years. In their speeches, Patrick Hébrard, chairman, Jean Jacques Wagner, managing director, and François Poirier, chairman of Pleiade Investissement, focused on the group’s key strengths of dynamism, international scale, innovative capacity and growth

med

Ceric Technologies

(the federation that combines the Italian ceramic manufacturers’ association Confindustria Ceramica and the Italian brick and tile manufacturers’ association ANDIL) in Green Habitat hall 22. The numerous producer companies around the Plaza will offer visitors further information on the products on display, demonstrating that Italian systems are capable of providing the best solutions to the varied needs of today’s construction industry. Specialist spaces will be set up using thematic panels and life-size models to illustrate the use of modern bricks in seismic areas and in contemporary architecture projects in Italy and worldwide. As usual, a series of focus events will be held in the dedicated conference area of the Brick and Ceramic Arena to discuss topics of specific interest to architects and construction companies.

mu

The 2,000 sq.m area at SAIE 2013 devoted to heavy clay will be hosting more than 500 sq.m of panels exploring such topical issues as energy efficiency, sustainability, living comfort, seismic safety and redevelopment. There will also be more than 30 life-size construction solutions on display, including roofs, high-performance vertical envelopes, floors, wall coverings and partitions, while an exhibition of around a hundred cutting-edge Italian ceramic tiles mounted on design panels will demonstrate the performance characteristics and flexibility of use of these materials. SAIE 2013 (Bologna 16-19 October) will be presenting heavy clay products to industry professionals, underscoring the importance of a material with unrivalled performance in terms of environmental sustainability. The “Brick and Ceramic Plaza” will be organised in cooperation with Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi

prospects. Ceric’s co-founder Jean Florent Mérienne outlined the company’s history, stressing the fact that the group continues to pursue the same core values today. The event was concluded by the screening of a video entitled “Ceric, 50 years on”, which embraced past and present, continuity and innovation to highlight all the factors that will help the company achieve a further 50 years of success.

ampio spazio al laterizio

Una vera e propria “Arena” con 2000 mq di area attrezzata, oltre 500 mq di grafica dedicata ai temi di attualità (efficienza energetica, sostenibilità, comfort abitativo, sicurezza sismica, riqualificazione dell’esistente, ecc.), più di 30 soluzioni costruttive a scala reale matericamente presenti, e quindi “tangibili” (coperture, involucri verticali ad alte prestazioni, pavimenti, rivestimenti, divisori, ecc.), ed una esposizione di un centinaio di campioni della recente produzione di piastrelle italiane su “tavoli di design”, a testimoniare qualità prestazionali e flessibilità d’uso e del “costruire con il laterizio e la ceramica”. È così che Saie 2013 (Bologna 16/19 ottobre) presenta il laterizio al mondo degli operatori di settore, stabilendo l’importanza di un materiale le cui prestazioni in termini di resistenza ed eco sostenibilità non hanno eguali. La piazza del Laterizio” sarà allestita

CERIC T echnologies

in collaborazione con la Federazione Confindustria Ceramica e Laterizi, che riunisce Confindustria Ceramica e ANDIL all’interno del padiglione 22 Green Habitat. La presenza “attorno” alla Piazza di numerose aziende produttrici, pronte a fornire informazioni sui diversi prodotti in mostra, integrerà contenuti e modalità d’impiego, dei sistemi “made in Italy”, in grado di assicurare le migliori risposte alle diverse e rinnovate esigenze costruttive. Saranno allestiti spazi ad hoc interamente riservati alla cultura di impiego dei laterizi moderni in zona sismica e alle architetture contemporanee in laterizio realizzate in Italia e nel resto del mondo con l’esposizione di pannelli tematici e l’istallazione di modelli in scala reale. In programma come di consueto una serie di eventi di approfondimento riguardanti argomenti di specifico interesse rivolti a progettisti e imprese all’interno dell’apposita area convegni dell’”Arena dei Laterizi e della Ceramica”.

inaugura i nuovi uffici

Lo scorso 27 giugno, a Parigi, alla presenza di oltre 100 persone tra clienti e fornitori internazionali, personalità del mondo dei laterizi, partner politici e finanziari, stampa e alcuni ex dipendenti, sono stati inaugurati i nuovi uffici di Ceric Technologies al 42 di Rue de Paradis: superficie raddoppiata e nuovi collaboratori per un servizio al cliente sempre al top. Un ulteriore passo avanti per il gruppo francese che vanta un

percorso di circa 50 anni. In occasione dei rispettivi discorsi, il presidente Patrick Hébrard, il direttore generale Jean Jacques Wagner e François Poirier, presidente di Pleiade Investissement, hanno posto l’accento sui punti di forza del gruppo - dinamismo, dimensione internazionale, capacità innovativa - e sulle sue prospettive di sviluppo. È stata poi ceduta la parola a Jean Florent Mérienne, co-fondatore di Ceric, che ha ripercorso la storia della società ricordando come, anche oggi, i valori che persegue siano sempre gli stessi. A conclusione dell’evento, è stato proiettato il video “Ceric, 50 anni dopo” dove, tra passato e presente, continuità e innovazione, sono stati evidenziati tutti gli elementi che possono garantire altri 50 anni di successo.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

13


world news news dal mondo Cismac

secures new orders in

In September, Cismac installed a new kiln car loading system at the facility of a leading brick and tile producer near Moscow. The line uses innovative technologies and anthropomorphic robots and will be able to load up to 25,000 bricks/hour of various types and sizes onto kiln cars with the utmost reliability, quality and precision. This highly customised plant was developed in close cooperation with the client and meets strict criteria for installation in an existing context

Kapital Invest

produce innovative products with considerable savings in terms of management and energy. It is an important opportunity in terms of employment and development for the entire community.

goes to I ndonesia

As part of the construction of a new production facility, Lyman, a leading Indonesian roof tile producer, recently commissioned Bedeschi Group to supply a new self-standing single layer tunnel kiln and to complete the preparation and extrusion lines with new machinery to complement or replace existing units. The project, carried through by the Bedeschi group’s expert internal engineering team, had to achieve a sufficient degree of product firing uniformity to meet the extremely high standards set by the customer. For this purpose, the team developed innovative solutions in terms of layout and type of installed burners to achieve optimum flow management inside the kiln. Furthermore, because the type of load allows the products to

14

without stopping production. Also in Russia, Cismac will be installing a system for kiln car unloading, sorting, and finished product palletisation, packaging and storage during the second half of 2013. The improvements that the new system brings in terms of productivity, quality and management costs will open up new sales opportunities for the company.

welcomes illustrious guests

On 20 March 2013, the brickworks OOO Kapital Invest received a visit from Aleksandr Khloponin, Vice-Premier of the Russian Federation and Presidential Envoy to the North Caucasus Federal District, accompanied by Arsen Kanokov, head of the KabardinoBalkaria Republic. Entirely built by Cismac, the factory produces 90 million facing bricks and blocks a year. The hi-tech plant is able to

Bedeschi

Russia

B rick W o rld Review n. 2/ 2013

be separated, this solution achieves excellent surface quality along with a considerable reduction in firing times and consumptions. The kiln is managed by a computerised supervision and control system that allows for fully automatic management. It is sized for a high level of production with a 16 hour firing cycle and guaranteed high temperature operation to achieve the required colours.

C ismac ,

nuove commesse in

Nella zona vicino a Mosca, presso un’azienda leader nel settore del laterizio, è stato installato nel mese di settembre un nuovo impianto di carico carro forno a marchio Cismac. La linea sfrutta tecnologie innovative, robot antropomorfi e consentirà di processare sino a 25.000 mattoni/ora, di diversi formati e tipologie caricandoli sul carro forno con estrema sicurezza, qualità e precisione. L’impian-

O spiti

illustri a

to è frutto di una stretta sinergia con la committente al fine di personalizzare un impianto da inserire in un contesto esistente particolarmente vincolante senza fermi di produzione. Sempre in Russia, Cismac nella seconda parte del 2013 installerà un impianto scarico carro forno, scelta prodotto, palettizzazione, confezionamento e stoccaggio prodotto finito. L’impianto permetterà di ottenere produttività, qualità e costi di gestione migliori creando per l’azienda nuove opportunità commerciali.

K apital I nvest

Il 20 marzo 2013, la fornace “OOO Kapital Invest” è stata visitata da Aleksandr Hloponin, vice-Primo ministro della Federazione Russa e rappresentante del Presidente nella regione Nord-Caucasica, accompagnato da Arsena Kanocova, capo della Repubblica Ca-

B edeschi

R ussia

bardino-Balcaria. La fabbrica, interamente realizzata da Cismac, produce 90 milioni/anno di mattoni faccia a vista e blocchi. L’impianto rappresenta un esempio di alta tecnologia e consente di ottenere prodotti innovativi con un considerevole risparmio in termini di gestione impianto e di energia. Rappresenta inoltre un’opportunità di lavoro e sviluppo di grande portata per l’intera comunità.

sbarca in I ndonesia

Lyman, primario gruppo indonesiano nella produzione di materiali da copertura, nell’ambito della realizzazione di un nuovo polo produttivo, ha recentemente affidato al Gruppo Bedeschi la fornitura di un nuovo forno a tunnel di tipo monostrato self standing e il completamento delle linee di preparazione e trafila con nuove macchine che andranno in sostituzione o in affiancamento a quelle esistenti. Il progetto, sviluppato dalla solida

struttura di ingegneria interna del gruppo Bedeschi, ha dovuto prevedere un’uniformità di cottura del prodotto tale da garantire gli altissimi standard imposti dal cliente. A tale proposito sono state studiate delle soluzioni innovative legate alla disposizione e alla tipologia dei bruciatori installati che permettono un’ottimale gestione dei flussi all’interno del forno. Inoltre, grazie alla tipologia di carico che prevede la possibilità di distanziare il materiale, si è ottenuta un’ottima qualità delle superfici e una notevole riduzione del ciclo di cottura e dei consumi. Il forno, gestito da un sistema di supervisione e controllo computerizzato che permette una gestione completamente automatica, è stato dimensionato per ottenere una notevole produzione con un ciclo di cottura di 16 ore con garanzia di funzionamento ad alta temperatura per raggiungere le colorazioni richieste.


Sabo

completes first project in

Sabo has completed its first project in Mexico for Laminados de Barro, a leading pressed roof tile producer located close to the border with United States. The order comprises automation of the line after the press with a production of around 5,000 tiles/hour, wet product

Bedeschi

in

Mexico

handling, dryer loading and unloading, and includes new equipment for automatic control and automation of chamber dryers.

Saudi Arabia

The Bedeschi group has reported outstanding performance in Saudi Arabia, where two leading groups have placed their trust in the Italian company and its hundred years of experience. Saudi Ceramics, a leading ceramic tile producer which now also operates in the heavy clay sector, has commissioned Bedeschi to develop an innovative raw materials handling system (see page 35). For the Al Watania Group, based in Al Hair, Bedeschi has supplied the preparation and storage lines as well as the extrusion system for the new brick plant. Designed for a production of 1,000 tons of fired products per day, the plant will be equipped with latest generation machines that combine high output with excellent raw materials management. The line features the installation of box feeders with metal and rubber belts required for effective management of the final mixture. Once batched, the material passes through a disintegrator and two roller mills to achieve a uniform particle size, after which it is conveyed to a

double-shaft mixer without grids. The next step is storage in silos, where the mixture is perfectly homogenised by means of an extraction system with BEL C type bridge excavator. The extruder line is equipped with a storage box that feeds a fine roller mill specially designed to achieve a uniform particle size. The mixture then passes through a doubleshaft mixer where the necessary quantity of water is added for the subsequent extrusion phase, which takes place in a BED 750 SLS type extruder. The plant is managed automatically by means of a dedicated software specially designed for this kind of plant.

S abo :

concluso il primo progetto in

Importante risultato per Sabo che ha chiuso il suo primo progetto in Messico presso Laminados de Barro, prestigioso player del settore laterizio con sede ai confini con gli Stati Uniti e attivo nella produzione di tegole pressate. La

B edeschi

in

The plant supplied by Capaccioli to Algerian brick manufacturer Sarl Banou Messaoud began production in May 2013 following a rapid start-up phase. The line sets a new benchmark for brick production in Algerian in terms of dimensions and productivity, technical solutions and the materials and components used.

The plant reached full-scale operation in July and has a production capacity of 250,000,000 bricks/year, equivalent to 1,500 tons/ day.

fornitura riguarda l’automatizzazione della linea dopo la pressa e prevede una produzione di circa 5000 tegole/ora, la movimentazione del prodotto umido, il carico e lo scarico essiccatoio, incluse nuove attrezzature per la regolazione automatica e l’automazione di essiccatoi a camera.

A rabia S audita

Ottime performance per il gruppo Bedeschi nel mercato saudita dove due prestigiosi gruppi si sono affidati alla centenaria esperienza dell’azienda veneta. Saudi Ceramics, leader nella produzione di materiale ceramico, ora attivo anche nel settore del laterizio, ha affidato a Bedeschi lo sviluppo di un innovativo sistema di gestione delle materie prime (vedi pag. 35). Al Gruppo Al Watania, Al Hair, Bedeschi oltre alle linee di preparazione e stoccaggio, ha fornito anche il sistema di trafila del nuovo impianto per laterizi. Dimensionato per una produzione di 1.000 tonnellate al giorno di materiale cotto, l’im-

Capaccioli supplies plant to Sarl Banou Messaoud C apaccioli

M essico

per

pianto sarà dotato di macchine di ultima concezione che garantiscono l’elevata produzione associata a un’ottimale gestione delle materie prime. La linea prevede l’installazione di cassoni dosatori con tappeto metallico e in gomma, necessari per la corretta gestione della miscela finale. Una volta dosato, il materiale passa attraverso un disintegratore e due laminatoi che garantiscono una granulometria costante e uniforme della miscela ed è poi convogliato in un mescolatore bialbero a bocca libera. Il passaggio successivo è lo stoccaggio nel silos, dove avviene una perfetta omogeneizzazione grazie al sistema di ripresa con escavatore a ponte tipo BEL C. La linea trafila è dotata di un cassone polmone che alimenta un laminatoio finitore studiato appositamente per ottenere una granulometria costante. La miscela passa poi attraverso un mescolatore bialbero nel quale viene gestito l’apporto d’acqua necessario alla fase di estrusione tramite una mattoniera di tipo BED 750 SLS. La gestione dell’impianto avviene in maniera automatica attraverso un software appositamente studiato per questa tipologia di impianti.

S arl B anou M essaoud

È entrato in produzione a maggio 2013, dopo un rapido avviamento, l’impianto del produttore algerino di laterizi Sarl Banou Messaoud fornito da Capac-

cioli. La linea, per dimensioni e produttività, nonché per le soluzioni tecniche adottate e i materiali e la componentistica impiegati, rappresenta un nuovo punto di riferimento nella produzione di laterizi in Algeria. A regime dallo scorso luglio, l’impianto ha una capacità produttiva di 250.000.000 mattoni/anno, pari a più di 1.500 ton/giorno.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

15


world news news dal mondo Ibstock Brick

The newly constructed Ibstock Brick factory near Newcastle-under-Lyme in Staffordshire, UK officially began operation on 26th June 2013 when the first kiln car with fired ware emerged from the tunnel kiln. Apart from the raw materials preparation section, the entire plant was supplied by Lingl and was ordered in November 2011. It will provide the Midlands region in England with around 80 million extruded facing bricks annually. The new brickworks complex was built upon the area of

Maristela

the original plant dating from the 1970s and is equipped with the latest energy efficient drying and firing technology.

improves its quality with technology from M anfredini Maristela Telhas, Leme (Sao Paulo), a company well known in the Brazilian roof tile sector for its brand name Toptelha, has always been attentive to modern technologies for cutting production costs and improving product quality. For this purpose, it has now decided to switch from its existing raw materials preparation plant equipped with a roller mill (which did not solve the problem of eliminating impurities) to dry grinding technology from Manfredini & Schianchi. The plant, supplied via the Brazilian branch Manfredini e Schianchi do Brasil Ltda, handles two types of clay, which are first ground by the MAXI-PIG primary mill and subsequently screened and classified by 5 MS/XIV/265 sieves. A PIG/A finishing mill then re-grinds the recycled material. The product is stored in 10 silos before proceeding to the humidification stage using a twin-shaft wet-

Complete 600 t/day

& Schianchi

ting mixer. With its output of 50 tons/hour, the equivalent of 2,500,000 pieces/month, the new plant will enable the Brazilian company to improve its productivity and ceramic body quality and offer a diversified product range. Alongside traditional colonial style roof tiles, Maristela’s range also includes Mediterranean roof tiles, special pieces, ventilated facades and bricks.

factory starts up in

The first of four plants delivered by Cismac to Algeria since the end of 2010 underwent final testing in July. The lines incorporate the most innovative and reliable technology installed anywhere in the country for the production of high-quality products. The other three plants will

16

I bstock B rick :

starts up new plant

B rick W o rld Review n. 2/ 2013

Algeria

be started up and tested during the next few months and a fifth plant designed to attain higher productivity and quality and lower management costs will be delivered by the end of 2013.

al via il nuovo impianto

Il 26 giugno scorso, con l’uscita dal forno del primo carro di prodotti cotti, è entrato ufficialmente in funzione il nuovo stabilimento della Ibstock Brick situato vicino a Newcastle-underLyme, nello Staffordshire (UK). L’impianto, interamente

fornito da Lingl ad esclusione della parte relativa alla preparazione delle materie prime, era stato commissionato a novembre 2011 e può produrre circa 80 milioni di mattoni facciavista all’anno, destinati alla regione del Midlands. Il nuovo impianto è stato installato sulla superficie originaria del precedente stabilimento realizzato negli anni ‘70 ed è dotato di tutte le nuove tecniche di essiccazione e cottura ad alta efficienza.

M aristela cresce in qualità con M anfredini e S chianchi Maristela Telhas, Leme (Sao Paulo), conosciuta nel mercato brasiliano delle tegole con il marchio Toptelha, e da sempre attenta alle moderne tecnologie per migliorare costi di produzione e qualità produttiva, ha deciso di abbandonare il precedente impianto di preparazione materie prime, dotato di laminatoio e cilindraie (che non risolveva il problema dell’eliminazione impurità), per passare alla tec-

A lgeria :

nologia di macinazione a secco di Manfredini e Schianchi. L’impianto, fornito tramite la filiale brasiliana Manfredini e Schianchi do Brasil Ltda, tratta due tipi di argille che vengono prima macinate dal mulino primario MAXI-PIG e successivamente setacciate e classificate attraverso 5 Vagli MS/XIV/265. Un mulino finitore PIG/A provvede poi a macinare nuovamente il materiale di ricircolo. Il prodotto viene stoccato in 10 silos per poi passare alla fase di umidificazione attraverso l’utilizzo di un mescolatore bagnatore a bialbero. Grazie al nuovo impianto, che produce 50 ton/ora, l’equivalente di 2.500.000 pezzi/mese, l’azienda brasiliana può contare sul miglioramento della produttività e qualità dell’impasto ceramico, presentandosi sul mercato con un’offerta diversificata di prodotti. Oltre alla classica tegola coloniale, infatti, Maristela propone in gamma anche la tegola mediterranea, pezzi speciali, pareti ventilate e mattoni.

fabbrica completa da

Nel mese di luglio è stato collaudato il primo di quattro impianti che Cismac ha consegnato in Algeria a partire dalla fine del 2010 ad oggi. Le linee rappresentano quanto di più innovativo e affidabi-

600 t / gg

le si possa proporre nel Paese per realizzare prodotti di qualità. Nei prossimi mesi si procederà all’avviamento e collaudo degli altri tre impianti, mentre entro la fine del 2013 sarà consegnato un ulteriore impianto (il quinto) pensato per ottenere maggiore produttività, qualità e costi di gestione inferiori.


BORN TO LEAD Reliable and ready to operate under the most extreme and demanding conditions, the VERDÉS MAGNA extruders have been designed to reach the largest production capacities. When we challenged ourselves to improve the efficiency and design of the VERDÉS extruders, our sole commitment was with you, our customer; and how we could support you and meet your requirements. Your specifications and needs have marked our path leading to the extrusion technology achieved by the new MAGNA series extruders.

Improved reducers, intensive and thorough mixing effect, adaptable mixer trough, new control and safety systems, easy access to maintenance tasks, higher working pressures and an output production up to 140 tons per hour, are just some of the main attributes that will set a new course in your business. MAGNA extruders can be customized to achieve all customer requirements at a maximum level of efficiency.

VERDÉS, your strategic partner for clay preparation and shaping solutions!

Talleres Felipe Verdés. S.A C. Metalurgia, 2 - 08788 Vilanova del Camí SPAIN Tel. +34 938 060 606 - Fax +34 938 060 411 - comercial@verdes.com

w w w. v e rd e s . c o m


Heavy clay machinery shows a recovery Luca Baraldi, ufficio studi Acimac - studi@acimac.it

Macchine per laterizi in ripresa Following an essentially stable 2011, the Italian heavy clay machinery industry reported 12.9% growth in sales in 2012 to reach a total turnover of 149 million euro. This consisted of 130 million euro of exports and 19 million euro of domestic Italian sales. These results, taken from the 21st Acimac Statistical Survey, still fall far short of pre-crisis levels (42.2% down on 2008) but offer encouraging signs, including 14.5% export growth and a timid 2.7% rise in domestic sales.

Dopo un 2011 di sostanziale stabilità, l’industria italiana delle macchine per laterizio archivia il 2012 con un incremento delle vendite del 12,9% registrando un fatturato totale pari a 149 milioni di euro, di cui 130 milioni provenienti dall’export e 19 milioni dalle vendite in Italia. I risultati, tratti dalla 21° Indagine Statistica Acimac, pur mantenendosi ancora lontani dai picchi pre-crisi (-42,2% rispetto al 2008), offrono segnali incoraggianti: le esportazioni sono cresciute del 14,5% e il mercato interno segna un timido +2,7%.

Exports accounted for 87.2% of total turnover and remained the sector’s real strength, fuelled largely by strong demand in North Africa. This region saw its sales double to 52 million euro (40% of total exports) to become the Italian heavy clay machinery industry’s top export market. Second place in the rankings was occupied by non-EU European countries with a turnover of 20 million euro (up 62.7% on 2011) and a 15.3% share, followed by the EU with 19.4 million euro (37.6% down on 2011), 14.9% of the total. The South American market fell back a few places with respect to 2011 with sales of 14 million euro (down 27.7% on 2011), while the Middle East showed an excellent performance with sales of 11.2 million euro (105% up on 2011), 8.6% of total export turnover. Sales in Asia (not including China and Taiwan) dropped to 9 million euro (down 28.6% on 2011), while smaller contributions came from North America, the China/Taiwan area and Oce-

Le vendite oltre confine, con un’incidenza sul fatturato totale dell’87,2%, rimangono la vera risorsa del comparto, determinate prevalentemente dalla forte domanda del mercato nord africano che raddoppia il fatturato portandosi a 52 milioni di euro (incidenza del 40% sul totale export) e si conquista la medaglia d’oro. Al secondo posto si classificano i Paesi Europei Extra UE con un giro d’affari di 20 milioni di euro (+62,7% sul 2011) e un’incidenza del 15,3%, seguiti a ruota dall’Unione Europea con 19,4 milioni di euro (-37,6% sul 2011), pari al 14,9% del totale. Il Sud America scende di qualche gradino rispetto al 2011 assestandosi sui 14 milioni di euro (-27,7% sul 2011). Ottime le performance in Medio Oriente che incide per l’8,6% sul fatturato export e dove il settore mette a punto vendite per 11,2 milioni di euro (+105% sul 2011). In calo a 9 milioni di euro (-28,6% sul 2011) le vendite realizzate in Asia (escluse Cina e Taiwan). Contribuiscono in misura minore il Nord America, l’area Cina/

tab. 1 - Turnovers of Italian heavy clay machinery manufacturers

statistics

Fatturato dei produttori di macchine per laterizi italiani

Domestic sales Vendite in Italia

% on total / sul totale Exports % on total / sul totale TOTAL / TOTALE

2002

2003

2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

76.0

52.6

51.7

59.6

61.5

85.2

63.3

49.4

27.9

18.5

19.0

48%

43%

39%

36%

34%

36%

25%

26%

21%

14%

13%

84.0

70.2

79.9

105.8

117.6

153.5

194.8

138.5

104.2

113.5

130.0

52%

57%

61%

61%

66%

64%

75%

74%

79%

86%

87%

160.0

122.8

131.6

165.4

179.1

238.7

258.1

188.0

132.1

132.0

149.0

Values in millions of euro / Valori in milioni di Euro - Source / Fonte: ACIMAC

18

B rick W o rld R eview n. 2/ 2013


Acimac headquarters La sede Acimac

TAB. 2 - Exports of Italian heavy clay machinery by geographical area

Esportazione di macchine per laterizi italiane per aree geografiche

ania with shares of 2.2%, 1.2% and 0.1% respectively. Types of machinery With the exception of plant and machinery for earth preparation, which dropped to 30 million euro compared to 35.5 million euro in 2011 but maintained the highest percentage share of total turnover (20.2%), the other main families of machinery all saw increases in sales. Storage and handling systems generated a turnover of 27.7 million euro (16.7% up on 2011), followed by plant for firing (23.3 million euro, +36.2%), shaping and extrusion (22.3 million euro +16.5%) and drying (20.2 million euro, +29.9%). Positive figures were also reported for sales of moulds and dies (+24.8%), sorting, packaging and palletisation lines (+44.7%), glazing lines (+16.2%), and

% Var. 2012/2011

2012 (Euros)

% on total

27.0%

19,415,098

14.9%

-37.6%

12,258,000

10.8%

19,945,060

15.3%

+62.7%

North America

4,994,000

4.4%

2,820,409

2.2%

-43.5%

South America

19,295,000

17.0%

13,944,279

10.7%

-27.7%

Middle East

5,448,000

4.8%

11,178,245

8.6%

+105.2%

China-Taiwan

1,929,500

1.7%

1,522,252

1.2%

-21.1%

Asia (excl. China-Taiwan) 12,598,500

11.1%

9,001,547

6.9%

-28.6%

Africa

24,629,500

21.7%

51,989,270

40.0%

+111.1%

Oceania

1,702,500

1.5%

158,602

0.1%

-90.7%

Total

113,500,000

100.0

129,974,762

100.0%

+14.5%

2011 (Euros)

% on total

EU

30,645,000

Extra-EU Europe

Export areas

Values in millions of euro / Valori in milioni di Euro Source / Fonte: Acimac

graph. 1 - Export turnover by geographical area in 2012 Esportazioni 2012 per aree geografiche

Taiwan e lâ&#x20AC;&#x2122;Oceania, incidendo rispettivamente del 2,2%, 1,2% e 0,1%. Le tipologie di macchine Ad eccezione delle macchine e impianti per la preparazione terre, che dai 35,5 milioni di euro del 2011 scendono a 30 milioni, mantenendo tuttavia la maggiore incidenza sul fatturato totale (20,2%), la vendita delle altre principali famiglie di macchine risulta in crescita. Gli impianti di stoccaggio e movimentazione realizzano un fatturato di 27,7 milioni di euro (+16,7% sul 2011). Seguono gli impianti di cottura (23,3 milioni di euro, +36.2%), formatura ed estrusione (22,3 milioni di euro +16.5%), essiccazione (20,2 milioni di euro, +29.9%). In crescita anche le vendite di stampi e filiere (+24.8%), di linee di scelta, confezionamento e pallettizzazione (+44.7%), smaltatura (+16.2%), finitura e la-

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

19


finishing and special processing lines (+12.3%).

vorazioni speciali (+12,3%).

The Italian ceramic machinery industry

L’industria italiana delle macchine per ceramica

The Italian heavy clay machinery industry is one of the six individual sectors making up the Italian ceramic machinery industry, which is represented by the national trade association Acimac (the others are machinery for tiles, sanitaryware, tableware, refractories and various ceramics). Heavy clay machinery’s contribution to the industry’s total turnover rose to 8.9% (7.8% in 2011), compared to the 79.5% share held by sales of tile machinery (1,325.2 million euro, 5.7% down on 2011). In spite of this slight fall, the Italian ceramic machinery industry as a whole posted satisfactory results. According to figures published in Acimac’s 21st statistical survey, the industry’s total turnover fell by 4.4% with respect to 2011 to reach 1,667.4 million euro. This decline was largely due to a 7.4% drop in exports, which at 1,288.2 million euro still made up 77.3% of total turnover. The Italian domestic market performed strongly with 7.3% growth in sales to a total of 379 million euro (compared to 353 million euro in 2011). This marked the second consecutive yearly increase, although the figures were still far short of the pre-crisis levels of 2008 (-22.6%).

Il comparto dei costruttori italiani di macchine per laterizio è uno dei sei settori che compongono l’industria italiana delle macchine per ceramica (rappresentata dall’associazione nazionale di categoria Acimac), insieme ai comparti delle macchine per piastrelle, sanitari, stoviglieria, refrattari e ceramica varia. Il contributo del settore “macchine per laterizi” sul fatturato totale dell’industria sale all’8,9% (7,8% nel 2011) a fronte del 79,5% rappresentato dalla vendita di macchine per piastrelle, che genera un giro d’affari di 1.325.2 milioni di euro (-5,7% sul 2011). Nel complesso, i risultati dell’intera industria italiana delle macchine per ceramica, nonostante un lieve calo, si possono definire soddisfacenti. Secondo i dati raccolti dalla 21a Indagine Statistica Acimac, il fatturato totale, pari a 1.667,4 milioni di euro, registra una diminuzione del 4,4% sul 2011. Tale risultato è determinato in modo particolare da una flessione del 7,4% delle esportazioni, che pur rappresentano, con un volume di 1.288,2 milioni di euro, il 77,3% del giro d’affari complessivo. Positivo invece l’andamento del mercato domestico. Le vendite in Italia risultano in crescita del 7,3%, per un fatturato di 379 milioni di euro (353 milioni di euro nel 2011). Si tratta del secondo incremento consecutivo, seppur i valori assoluti restino ancora distanti da quelli pre-crisi (-22,6%) del 2008.

The fall in export sales was a combined result of widely varying performances in the different export areas. Two strategic markets were largely responsible for the decline: China, whose economy is slowing, and Iran, where international sanctions have hit the country and are severely affecting imports. Nonetheless, exports have remained the real driving force behind the ceramic machinery industry’s performance. A detailed geographical analysis of the various export markets reveals that in spite a 6% decrease on 2011, the European Union returned to the top spot in the rankings after two years with 17.2% of total export turnover (221.5 million euro). Asia (excluding China and Taiwan) became the second largest export area accounting for 16.5% of exports with a total of 212.4 million euro, 1.5% down on 2011. The Middle East dropped to third place with 208.3 million euro (16.2% of the total), a fall of 26.9%. Africa (principally North Africa) rose to fourth place with 170.2 million euro and a 13.2% share of the total following the largest year-on-year growth of all regions (+58.8%). Sales in Eastern Europe rose 30.7% with respect to 2011 to reach 160.3 million euro, placing the region fifth in the rankings with a 12.4% share of the total. South America was sixth with 147.9 million euro (11.5% of the total), a fall of 10.7%. Next came North America with exports of 100.4 million euro (7.8% of the total), up by 9.6%. In second-to-last place was the China and Taiwan region, which following exceptional results in 2010 (when it was the top export area) and an initial contraction in 2011, fell by 59.7% in 2012 to 66.3 million euro, 5.1% of the sector’s total exports. Structure of sector The number of sector companies operating in Italy as of 31/12/2012 remained unchanged at 150. After five consecutive years this marked an end to the contraction of the

20

B ric k W o rld Review n. 2/ 2013

La riduzione delle vendite all’estero è da attribuirsi a un andamento abbastanza diversificato tra le diverse aree di export. In particolare, la flessione è da imputare principalmente a due mercati strategici: da una parte la Cina, la cui economia è in decelerazione, dall’altra l’Iran a causa delle sanzioni internazionali che hanno colpito il Paese e che ostacolano fortemente le esportazioni. Ciò nonostante, l’export continua a rappresentare il punto di forza del settore macchine per ceramica. Nel dettaglio delle varie aree geografiche di destinazione, l’Unione Europea ritorna dopo un paio d’anni al primo posto, assorbendo il 17,2% del totale (221,5 milioni di euro) pur con un risultato in contrazione del 6% rispetto al 2011. L’Asia (esclusa Cina e Taiwan), diventa la seconda maggiore area di export con il 16,5% delle esportazioni per un totale di 212,4 milioni di euro, in calo tuttavia dell’1,5% rispetto al 2011. Scende al terzo posto il Medio Oriente con 208,3 milioni di euro (16,2% del totale) e una flessione del 26,9%. Sale al quarto posto l’Africa (principalmente Nord Africa), che con 170,2 milioni di euro e una quota del 13,2% sul totale, fa registrare l’incremento maggiore (+58,8%) rispetto all’anno precedente. In crescita anche le vendite in Est Europa, al quinto posto con un totale di 160,3 milioni di euro, una quota del 12,4% sul totale e un incremento del 30,7% rispetto al 2011. Il Sud America si colloca sesto con 147,9 milioni (11,5% del totale), in diminuzione del 10,7%. Segue il Nord America con 100,4 milioni di euro (7,8% del totale) con un incremento del 9,6%. Al penultimo posto troviamo l’area Cina e Taiwan, che dopo i brillanti risultati di due anni fa (prima area di export) e una prima contrazione l’anno scorso, registra nel 2012 un calo del 59,7% per un totale di 66,3 milioni di euro, pari al 5,1% dell’export totale di settore. Struttura delle imprese Rimane invariato a 150 unità il numero delle aziende del settore attive in Italia al 31/12/2012. Dopo cinque anni consecutivi si arre-


sector, which also remained stable in terms of turnover categories. The first class (from 0 to 2.5 million euro) was the largest category with 81 companies (54% of the total). The second class (from 2.5 to 5 million euro) consisted of 30 companies, the third class (from 5 to 10 million euro) 21 companies and the fourth (turnover above 10 million euro) 18. The contributions of the individual classes to total turnover remained stable, with the 81 smallest companies (54% of the total) accounting for 5.2% of the sector’s turnover and the 18 largest companies, 12% of the total, making up 79.8% of total turnover. While the number of companies remained stable, the number of people employed in the industry dropped from 6,343 to 6,078 (-4.2%). This contraction was distributed fairly uniformly over all professional categories. Forecasts for 2013

sta pertanto il ridimensionamento del comparto che si conferma stabile anche per quanto riguarda la composizione per classi di fatturato. La prima classe (da 0 a 2,5 milioni di euro) con 81 imprese si conferma quella numericamente più rilevante (54% del totale). La seconda classe (da 2,5 a 5 milioni di euro) conta 30 aziende, la terza classe (da 5 a 10 milioni di euro) 21 imprese e la quarta (fatturato oltre 10 milioni di euro) 18. Si conferma ancora una volta il diverso peso delle singole classi nella composizione del fatturato totale: le 81 aziende più piccole (il 54% del totale) realizzano il 5,2% del fatturato di settore, mentre le 18 aziende più grandi, pari al 12% del totale, contribuiscono per il 79,8% del giro d’affari complessivo. A fronte della stabilità del numero di imprese, si riduce invece il numero di occupati che passano da 6.343 a 6.078 unità (-4,2%), con una contrazione abbastanza omogenea in tutte le categorie professionali. Previsioni sul 2013

Five years on since the onset of the financial crisis, the world economy’s long convalescence continues. Given that the global situation is not particularly positive, it is hardly a surprise that exports should be increasingly critical for growth. In 2012 net exports were the only component to make a positive contribution to Italian GDP and the prospects remain similar for 2013. “We have closed 2012 with positive overall results and remain cautiously optimistic for the current year,” commented Acimac’s Chairman Fabio Tarozzi. “Although the major world markets remained sluggish during the first few months of 2013, the buoyant performance over the following months suggests that we will maintain the same level of turnover this year as in 2012,” concluded Tarozzi. (JF) 

A 5 anni dall’inizio della crisi finanziaria, l’economia mondiale continua la sua lunga convalescenza. A fronte di un quadro globale non particolarmente positivo, che il canale delle esportazioni sia diventato sempre più prioritario per la crescita non è una novità. Nel 2012 le esportazioni nette sono state l’unica componente a offrire un contributo positivo al Pil italiano e le prospettive sono simili anche per il 2013. “Chiudiamo il 2012 con un bilancio complessivamente positivo – ha dichiarato il Presidente di Acimac, Fabio Tarozzi - e manteniamo un moderato ottimismo anche per l’anno in corso. Pur avendo assistito, nei primi mesi del 2013, a un generale stallo nei maggiori mercati mondiali, il dinamismo dei mesi successivi ci porta a prevedere per l’anno in corso il mantenimento degli stessi livelli di fatturato del 2012”. 

TAB. 3 - Italian heavy clay machinery: breakdown of turnover by machinery type

Macchine per laterizi italiane: composizione del fatturato per tipologie di impianto 2011 (Euros)

% on total

2012 (Euros)

% on total

Var. % 2012/2011

Raw material Preparation

35,540,915

26.9%

30,024,178

20.2%

-15.5%

Shaping and extrusion

19,163,789

14.5%

22,321,968

15.0%

+16.5%

Moulds and dies / Stampi e filiere

9,079,426

6.9%

11,327,263

7.6%

+24.8%

Drying / Essiccazione

15,590,501

11.8%

20,244,728

13.6%

+29.9%

Glazing /Smaltatura

4,447,759

3.4%

5,169,554

3.5%

+16.2%

Storing & Handling

23,741,465

18.0%

27,694,493

18.6%

+16.7%

Firing / Cottura

17,110,629

13.0%

23,307,059

15.6%

+36.2%

Finishing and special processes

762,269

0.6%

855,990

0.6%

+12.3%

Sorting, Packaging & palletizing

5,362,174

4.1%

7,756,548

5.2%

+44.7%

Purification systems

778,269

0.6%

245,685

0.2%

-68.4%

Engineering

102,350

0.1%

24,575

0.0%

-76.0%

Laboratory instruments

285,574

0.2%

413

0.0%

-99.9%

131,965,120

100.0%

148,972,454

100.0%

+12.9%

Type of machinery Famiglie di macchine

Preparazione terre

Formatura ed estrusione

Stoccaggio e movimentazione

Finitura e lavorazioni speciali

Scelta, Confezionamento e pallettizzazione Sistemi di depurazione

Strumenti di laboratorio

TOTAL / TOTALE Values in millions of euro / Valori in milioni di Euro Source/Fonte: Acimac

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

21


Italian brick and tile industry continues to decline

Giovanni D’Anna - ANDIL (Roma, Italy)

Il laterizio italiano ancora in discesa Brick and tile production in Italy has dropped for the fifth consecutive year, down by 27% since 2011 and 63.5% since 2007, the last year before the onset of the crisis. The fall in production has closely reflected the decline in investments in new residential construction since the precrisis period as reported by CRESME (the renovation market has partially benefited certain types of product but has not had a significant effect on the sector as a whole). A total of 7.5 million tons of bricks and tile were produced in 2012, a record low for the Italian heavy clay industry. As shown in Table 1, all the individual product types suffered further substantial falls in 2012. Since 2007, the only

Quinto anno consecutivo in rosso per la produzione di laterizi in Italia: -27% rispetto al 2011 e -63,5% rispetto al 2007, ultimo anno prima della crisi. Il calo della produzione rispecchia, in perfetta aderenza, quello registrato dal CRESME per gli investimenti nelle nuove costruzioni residenziali, dal periodo pre-crisi ad oggi (il mercato del rinnovo è di “parziale” interesse per alcune tipologie di prodotto, ma non ha avuto effetti significativi sul complesso del settore). Nel 2012 sono state prodotte 7,5 milioni di tonnellate di laterizi: minimo assoluto per l’industria italiana dei laterizi. Nel dettaglio delle singole tipologie di prodotto, la tabella 1

FIG. 1: Time series of brick and tile production and residential building investments

statistics

Andamento della produzione di laterizi e degli investimenti in edilizia residenziale

Blue line: Brick and tile production (millions of tons) (left axis) Residential investments (constant 2005 prices, billions of €) (right axis): Red line: New Build, Green line: Renovation Sources / Fonti: ANDIL, CRESME

22

B rick W o rld R eview n. 2/ 2013


Tab. 1: Brick and tile production in 2012 compared to 2011 and 2007 Produzione di laterizi nel 2012 in comparazione al 2011 e 2007

PRODUCTION (thousands of tons) Produzione (migliaia di tonnellate) Product types / Tipologia prodotto Standard bricks and blocks / Mattoni e blocchi normalI

2012

2011

2007*

2012/11

2012/07

1,330

1,703

3,723

-21.9%

-64.3%

632

952

-23.6

-49.3

245

563

-7.7

-59.9

826

2,208

-24.7

-71.9

2,534

3,955

-35.0%

-58.4%

543

920

-26.8%

-56.8%

Solid bricks - Mattoni pieni

408

Semi-solid bricks - Mattoni semipieni

75

Normal clay blocks, infill / Blocchi in laterizio normale, di tamponamento (ø > 55%)

226

Normal clay blocks, loadbearing / Blocchi in laterizio normale, portante (45% < ø ≤ 55%)

447

Normal clay blocks, anti-seismic / Blocchi in laterizio normale, antisismico (ø ≤ 45%)

174

Wall blocks / Blocchi per murature

1,646

Lightened clay, infill / In laterizio alleggerito, di tamponamento (ø > 55%) Lightened clay, infill, rectified / In laterizio alleggerito, di tamponamento, rettificato (ø > 55%)

VARIATION % Variazione %

393 4

Lightened clay, loadbearing / In laterizio alleggerito, portante (45% < ø ≤ 55%)

941

Lightened clay, anti-seismic / Murature in laterizio alleggerito, antisismico (ø ≤ 45%)

231

Lightened clay, reinforced, anti-seismic / In laterizio alleggerito, armato, antisismico (ø ≤ 45%)

16

Lightened clay, loadbearing, rectified / In laterizio alleggerito, portante, rettificato (45% < ø ≤ 55%)

61

83

2,027

2,528

5,620

-19.8%

-63.9%

1,879

2,344

5,113

-19.9%

-63.3%

148

184

507

-19.4%

-70.8%

Hollow blocks and ceiling tiles / Forati e tavelle Hollow blocks and curtain wall blocks (length ≤ 50 cm) / Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm)

Ceiling tiles (length > 50 cm) / Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) Facing bricks and pavers / Mattoni faccia a vista e pavimenti

1,908

3,035

-37.8%

-58.9%

-26.1%

315

520

1,299

-39.4%

-75.8%

Extruded facing bricks / Mattoni faccia a vista estrusi

63

173

442

-63.8%

-85.8%

Soft mud facing bricks / Mattoni faccia a vista in pasta molle

210

281

655

-25.2%

-67.9%

Terracotta pavers (thickness ≤ 3 cm) / Pavimenti in cotto (sp. ≤ 3 cm)

28

48

132

-41.2%

-78.8%

Paving bricks (thickness > 3 cm) / Mattoni da pavimentazione (sp. > 3 cm)

14

18

70

-22.0%

-80.3%

993

1,310

3,376

-24.2%

-70.6%

Floor blocks for in-situ casting / Blocchi solaio per getto in opera

160

227

787

-29.4%

-79.7%

Interposed floor blocks / Blocchi solaio per interposti

735

967

2,345

-24.0%

-68.7%

Floor blocks for panels / Blocchi solaio per pannelli

98

115

244

-15.3%

-59.9%

79

95

209

-17.3%

-62.2%

1.017

1.356

1.960

-25.0%

-48.1%

Flat roof tiles / Tegole

772

1,020

1,400

-24.3%

-44.9%

Bent roof tiles / Coppi

221

307

503

-28.0%

-56.0%

Special roof tile pieces / Pezzi speciali per coperture

24

29

57

-16.0%

-57.0%

Floor blocks / Solaio

Bases for lintels and lattice/prestressed beams

Fondelli per architravi e travi tralicciate/precompresse

Roof tile elements / Elementi per coperture

Flowerpots and specials / Vasi e pezzi speciali Total production - produzione totale

74

208

354

-64.6%

-79.2%

7,481

10,253

20,494

-27.0%

-63.5%

*the fourth column shows the values for 2007, the last pre-crisis year; the last columns shows the total % variations for 2012 relative to 2007 La quarta colonna riporta i valori del 2007, ultimo anno pre-crisi; l’ultima colonna riporta le variazioni % complessive del 2012 rispetto al 2007 - Source / Fonte: ANDIL

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

23


products to have experienced a drop of less than 50% are roof tile elements (-48.1%), mainly because they are used in the renovation of existing buildings. All the other products suffered losses of between 58.4% and 79.2%. Masonry materials make up 71.1% of clay products, while a third of the ened blocks.

FIG. 2: Concentration curve for the sector in 2012 Curva di concentrazione del settore nel 2012

*No. of groups/companies (in decreasing order of production) Left axis: Production (millions of tons); Right axis: 2012 on 2011 production % variation Blue line: Cumulative production; Red line: % variation 2012 on 2011

entire output consists of normal and light-

The sector trends The industry’s main indicators are all negative, including a decline in production and the closure of a further 23 production facilities in 2012. Only 14 companies (11.2% of the total) with a combined production of 1.26 million tons (16.8%) have reported growth in output. By contrast, 100 companies (80%) with a combined production of 5.75 million tons (76.9% of total production) suffered a decline in output (significantly, in the case of 73 companies). Lastly, 11 companies with a combined production of 0.47 million tons have maintained 2011 levels. A total of 147 factories are now running, while 84 have closed down since 2007. The process of sector concentration is continuing through the closure of facilities and growth of commercial synergies. Figure 2 shows the degree of concentration of the sector: the blue line (left axis) indicates the sum of outputs of groups/companies, from the largest to the smallest, while the red line (right axis) indicates performance in terms of cumulative percentage variation. The graph reveals a few important points: • half of output (3.74 million tons), indicated by the blue line, was generated by the top 12 groups/companies: these reported a 28.1% fall in output, slightly higher than that of the sector as a whole; • the performance of the top 50% of groups/companies, indicated by the orange line, was -24.1% with an output of 7.0 million tons, 94% of the national total. Variations by region and product type To evaluate regional trends within Italy, it is worth look-

24

B rick W o rld R eview n. 2/ 2013

evidenzia come tutte le tipologie di prodotto abbiano subito nel 2012 un’importante ulteriore perdita. Dal 2007, solo gli elementi per coperture (-48,1%) rimangono sotto la soglia del 50%, grazie anche all’impiego negli interventi di recupero degli edifici esistenti. Tutti gli altri prodotti perdono complessivamente dal 58,4%

al 79,2%. I materiali da muro rappresentano il 71,1% dei prodotti in laterizio e un terzo dell’intera produzione è costituita dai blocchi normali e alleggeriti. Le dinamiche del settore I principali indicatori sono negativi: diminuiscono le produzioni e altri 23 siti produttivi sono risultati fermi nel 2012. Solo 14 imprese (l’11,2% del totale), che producono 1,26 milioni di tonnellate (16,8%) dichiarano un aumento della produzione. Per contro, ben 100 imprese (l’80%), con 5,75 milioni di tonnellate (pari al 76,9% della produzione totale), denunciano un calo, che risulta significativo per 73 di esse. Infine, sono 11 le imprese che hanno mantenuto i livelli del 2011, con una produzione di 0,47 milioni di tonnellate. In totale si contano 147 siti produttivi operativi, dal 2007 hanno chiuso i battenti 84 stabilimenti. Continua il percorso di concentrazione del settore, per effetto delle chiusure di impianti e delle sinergie commerciali che si stanno ampliando. La figura 2 riporta il grado di concentrazione del settore: la linea blu (asse di sinistra) indica la somma delle produzioni dei gruppi/aziende, dai più grandi ai più piccoli, ai quali è associata la prestazione, in termini di variazione % cumulativa, rappresentata dalla linea rossa (asse di destra). Il grafico consente di individuare alcuni punti chiave: • linea azzurra, metà della produzione (3,74 milioni di tonnellate di laterizi) è data dai primi 12 gruppi/aziende, che registrano un calo produttivo del 28,1%, leggermente superiore a quello dell’intero settore; • linea arancione, la prestazione del 50% dei gruppi/aziende operativi è di -24,1% con una produzione di 7,0 milioni di tonnellate di laterizi, ovvero il 94% di quella nazionale. Gli andamenti territoriali e per tipologia di prodotto Ai fini di una valutazione delle dinamiche territoriali, è utile riferirsi ai grafici della figura 3, riportante la distribuzione per


ing at figure 3, which shows the distribution by geographical areas. As for product type:

aree geografiche. A livello di tipologie produttive:

FIG. 3: Geographical distribution in 2012 Distribuzione geografica nel 2012

• output of wall locks (standard, lightened and hollow locks) has remained stable in Central Italy but has fallen in other areas, particularly the South; • almost all (95%) of facing brick and paver production is concentrated in north-east and central Italy; • ceiling block production has dropped less in central Italy; • roof tile production has seen a smaller decline in the North East and a sharper fall in Central Italy. In terms of regional performance, Central Italy has seen a smaller decline (-21.4%) than the rest of Italy, especially the South (-31.6%). In terms of geographical distribution, northern Italy is gaining in share (west and east equally) and now accounts for more than half of all production plants and 55% of total national output. Short-term forecasts The forecasts for output are based on the trends in construction investments (source: CRESME), shown in table

• la muratura (muro normale, muro alleggerito e forati) “tiene” al Centro e perde soprattutto al Sud; • la quasi totalità (95%) della produzione di faccia a vista e pavimenti è concentrata al Nord Est e al Centro; • il solaio perde di meno al Centro; • le coperture calano meno nel Nord Est e più al Centro. In termini di performance regionali, il Centro registra un calo meno significativo (-21,4%) rispetto al resto d’Italia e, in particolare, al Sud (-31,6%). Relativamente alla distribuzione geografica, assume ancora maggiore importanza il Nord dell’Italia (in egual misura tra Ovest ed Est) dove operano più della metà degli impianti ed è presente una produzione pari al 55% del valore nazionale. Le previsioni nel breve periodo Le previsioni delle produzioni sono determinate sulla base delle dinamiche degli investimenti nelle costruzioni (fonte CRESME), riportate in tabella 2, secondo la quale ci sarà ancora un calo importante nel 2013 e più contenuto nel 2014, per quanto riguarda il “nuovo residenziale”. Relativamente al mercato del rinnovo, anche la riqualificazio-

Tab. 2: Investments in construction in Italy Investimenti in costruzioni in Italia

NEW BUILDING INVESTMENTS

INVESTIMENTI IN NUOVE COSTRUZIONI

2010

2011

2012

2013

2014

-13.3%

-6.8%

-11.3%

-7.8%

-2.1%

Residential / Residenziali

-15.9%

-7.8%

-13.5%

-10.8%

-2.9%

Private non-residential / Non residenziali private

-14.5%

-8.0%

-12.4%

-8.0%

0.3%

Public non-residential / Non residenziali pubbliche

-12.0%

-7.1%

-11.9%

-5.2%

-4.9%

Civil engineering / Genio civile

-8.2%

-4.1%

-6.5%

-4.0%

-2.2%

-1.6%

-0.2%

-4.6%

-2.6%

0.4%

1.2%

-4.8%

-3.5%

1.0%

1.1%

1.6%

Investments in renovation

INVESTIMENTI IN RINNOVO

Residential / Residenziali

3.0%

Effect of extension of incentives Effetto proroga incentivi

Private non-residential / Non residenziali private

-3.0%

0.5%

-3.8%

0.0%

1.2%

Public non-residential / Non residenziali pubbliche

-13.0%

-6.1%

-7.0%

-3.3%

-3.3%

Civil engineering / Genio civile

-9.4%

-3.9%

-3.8%

-2.9%

-1.5%

Total investments / Totale investimenti

-7.0%

-3.2%

-7.5%

-4.8%

0.6%

Routine maintenance / Manutenzione ordinaria

0.3%

-0.1%

0.4%

0.5%

0.7%

Value of production / Valore della produzione

-5.9%

-2.6%

-5.9%

-3.7%

-0.3%

Percentage variations calculated on constant 2005 values / Variazioni percentuali calcolate su valori costanti 2005 Source / Fonte: CRESME.

Br i ck W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

25


2, which indicate a further substantial fall in the “residential new build” segment in 2013 and a smaller fall in 2014. The residential renovation market also saw a 4.8% contraction in 2012 and this fall would have continued in 2013 in the absence of incentives. But taking account of the extension of tax benefits for building renovation (50%) and for energy performance improvements (65%) established by Legislative Decree D.L. 63 of 4 June 2013, CRESME estimates that spending on renovation work may increase by 1.1% in 2013 and by 1.6% in 2014 (provisional data pending conversion into law). So considering the percentage variations in residential new build and renovation investments (including the effect of tax incentives established by D.L. 63/13) forecast by Cresme for 2013 and 2014 and applying these differentials to the individual types of clay products according to their target markets (ref. Survey of the relationship between clay products and competitor materials, current positioning and future developments, September 2007, CRESME), it is possible to make forecasts for the various kinds of clay products. Table 3 points to a further large fall (-8.8%) in 2013 and a smaller fall in 2014 (-2.1%). Production is expected to hit a trough of 6.7 million tons in 2014. (JF) 

ne in edilizia residenziale ha subito nel 2012 la contrazione del -4,8% e tendenzialmente tale riduzione si sarebbe estesa anche al 2013, in assenza di incentivi. In considerazione, però, della proroga delle agevolazioni fiscali finalizzate al recupero edilizio (50%) e al miglioramento delle prestazioni energetiche (65%), definite dal D.L. 63 del 4 giugno 2013, il CRESME stima che la spesa in interventi di rinnovo si possa attestare sul +1,1% nel 2013 e sul +1,6%, nell’anno successivo (dati provvisori in attesa della conversione in legge). Considerando, quindi, le variazioni percentuali previste dal CRESME per il 2013 e il 2014 negli investimenti per il comparto residenziale, “nuove costruzioni” e “rinnovo” (comprensivo dell’effetto degli incentivi fiscali di cui al DL 63/13), e applicando tali differenziali alle singole tipologie di laterizio, in funzione dei relativi mercati, nuovo ed esistente, cui sono destinate (rif. Indagine sul rapporto competitivo fra i prodotti in laterizio e i materiali concorrenti, posizionamenti attuali e scenari evolutivi, settembre 2007, CRESME), è stato possibile sviluppare le previsioni per i diversi prodotti in laterizio. La tabella 3 evidenzia ancora un calo importante (-8,8%) nel 2013 e meno marcato nel 2014 (-2,1%). Il punto di minimo della produzione dovrebbe toccare i 6,7 milioni di tonnella te nel 2014.

Tab. 3: Forecasts for heavy clay production in 2013 and 2014 Previsioni nella produzione di laterizi nel 2013 e 2014 Year / Anno Product types

Tipologie di prodotto

% variation

2007

2012

2013

2014

Standard bricks/blocks / Muro normale

3,723

1,330

1,196

1,165

Lightened bricks/blocks / Muro alleggerito

3,955

1,646

1,480

1,442

Hollow blocks and ceiling tiles / Forati e tavelle

5,620

2,027

1,822

1,775

Facing bricks/pavers / Faccia a vista/pavimenti

1,299

315

286

280

Floor blocks / Solai

3,376

993

895

873

209

79

71

69

1,960

1,017

1,001

1,007

354

74

72

73

20,494

7,481

6,824

6,684

Bases / Fondelli Roof tiles / Coperture Other / Altro TOTAL PRODUCTION PRODUZIONE TOTALE

2013/12

2014/13

2014/12

2014/07

-10.1%

-2.6%

-12.4%

-63.5%

-9.0%

-2.2%

-11.0%

-78.4%

-9.8%

-2.5%

-12.1%

-1.6%

0.7%

-1.0%

-8.8%

-2.1%

-10.6%

-68.7% -68.4% -74.1% -66.8% -48.6% -79.4% -67.4%

Values in thousands of tons / Valori in migliaia di tonnellate Source / Fonte: Andil

Ar-San Machine 63 6 Automazioni Cismac Bedeschi 29 BMR 33 Bongioanni Macchine 27 Borregaard 41 Capaccioli 55 Coveri 35 47 Frac Keller 4 49 Lingl

26

B rick W o rld Review n. 2/ 2013

advertisers’ list Manfredini & Schianchi 51 IV cop Marcheluzzo Mosbuild 59 Off. Smac 57 Sabo Hellas 61 Sacmi 1 Saie 72 Technology Design 2 Tecnargilla III cop Tecnofiliere II cop Verdes 17


Our name shapes your ideas

BONGIOANNI

Bongioanni shapes the customerâ&#x20AC;&#x2122;s ideas both for coverings and for wall and facing materials transforming them in projects to create a perfect union between the aesthetic exigencies and the necessary technological features which determine the value of the product, such as characterization of the most valid geometry from the thermic point of view through the Lambda calculation, the mechanical resistance, the adequacy of the profile of the different phases of the production process and the fitting for the assembly.

Bongioanni Macchine S.p.A. Via Macallè, 36/44 12045 Fossano (CN) - Italy Tel. +39 0172 650511 Fax +39 0172 650550 www.bongioannimacchine.com info@bongioannimacchine.com

Bongioanni Stampi s.r.l. Via Salmour, 1/A 12045 Fossano (CN) Italy Tel. +39 0172 693553 Fax +39 0172 692785 www.bongioannistampi.com info@bongioannistampi.com


Construction booms in Saudi Arabia Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

saudi arabia

Edilizia a gonfie vele in Arabia Saudita With average annual GDP growth of around 5% (5.5-6% in 2012), Saudi Arabia is the world’s 20th largest economy. It accounts for 45% of the Gulf region’s GDP and 25% of that of the MENA area (Middle East and North Africa). In recent years, the contribution of the non-oil sector to GDP has grown steadily due to efforts to diversify the country’s productive structure, which also benefits from the low cost of energy. As the world’s top oil producer country (it holds a quarter of the planet’s oil reserves) and the fourth largest in terms of natural gas reserves (4% of world reserves), Saudi Arabia guarantees gas supplies to local firms at 0.59 euro/MMBtu and electrical energy at 0.025 euro/ kWh. The construction sector is one of the pillars of the Saudi Arabian economy and attracts major investment on the part of the public sector, large-scale industry, commerce and private investors. In recent years the sector has grown at average annual rates of 5-7% and similar strong growth is expected over the next 4 years, largely as a result of the government’s large spending programmes aimed at house building and social housing projects, school and hospital construction, transport infrastructures and expansion of the holy cities of Mecca and Medina.In the housing segment, a total of 1.5 million new homes are expected to be built between 2012 and 2015 in response to real housing needs estimated at around 5.5 million dwelling units (as 40% of the Saudi population is under 14 years of age, housing will continue to be an engine of the construction industry over the coming years). Government investments in the sector already amount to around 70 billion euro and the government recently announced the allocation of “social packages” to a total value of almost 100 billion euro, of which about half are designated for housing. The two largest cities, Riyadh (4.5 million inhabitants) and Jeddah (around 3 million inhabitants), have now reached the size of medium-large metropolises and are still growing. The sector’s development prospects are also linked to projects for the construction of six enormous new cities, the socalled Economic Cities, which will cost an estimated US $110 billion and will house around 4.5 million inhabitants. Construction work has begun on two of the six cities: King Abdullah City, north of Jeddah, and Prince Abdulaziz Bin Mesaed Economical City. Private investments also play a very important role in the residential segment. Major contracts signed in the first few months of 2013 include the second phase of the Abraj Al Hilal project in Jeddah (326 apart-

28

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Con una crescita media annua del PIL intorno al 5% (5,5-6% nel 2012), l’Arabia Saudita è la 20esima potenza economica mondiale; rappresenta il 45% del PIL dell’area del Golfo e il 25% di quello dell’area MENA (Medio Oriente e Nord Africa). Negli ultimi anni, il peso del settore non-oil sul PIL è costantemente cresciuto, grazie agli sforzi volti alla diversificazione della struttura produttiva che, fra l’altro, beneficia del basso costo dell’energia: l’Arabia Saudita, primo Paese al mondo per produzione petrolifera (detiene un quarto delle riserve di greggio del pianeta) e quarto Paese per riserve di gas naturale (il 4% delle riserve mondiali), garantisce alle imprese locali forniture di gas a 0,59 Euro/mmbtu e di energia elettrica a 0,025 Euro/Kwh. Il settore delle costruzioni rappresenta uno dei comparti portanti dell’economia saudita in cui sono destinate a confluire ingenti risorse finanziarie del settore pubblico, della grande industria, del commercio e dei risparmiatori privati. Negli ultimi anni il comparto è cresciuto a tassi medi del 5-7% annuo e si stima un analogo buon sviluppo anche nei prossimi 4 anni, grazie anche ai massicci programmi di spesa da parte del Governo destinati a edilizia abitativa e progetti di social housing, edilizia scolastica e sanitaria, infrastrutture per i trasporti, nonché all’espansione dei luoghi sacri di Mecca e Medina. Nel segmento dell’edilizia abitativa è prevista la realizzazione di 1,5 milioni di nuove abitazioni tra il 2012 e il 2015, a fronte di un fabbisogno abitativo reale stimato in circa 5,5 milioni di unità abitative (il 40% della popolazione saudita ha meno di 14 anni, cifra che dà la misura di quanto il tema casa continuerà a rappresentare un motore dell’industria edilizia per i prossimi anni). Gli investimenti pubblici nel settore sono già pari a circa 70 miliardi di euro e recentemente è stata annunciata l’assegnazione di “pacchetti sociali” per un valore complessivo di quasi 100 miliardi di euro, di cui circa la metà destinata all’edilizia abitativa. Le due città principali, Riyad (4,5 milioni di abitanti) e Jeddah (circa 3 milioni di abitanti), hanno ormai raggiunto dimensioni di metropoli medio-grandi e sono tuttora in continua espansione. Le prospettive di sviluppo del settore sono legate anche ai progetti per la costruzione di sei nuove faraoniche città, le cosiddette Economic Cities, per un costo stimato in 110 miliardi di dollari, che ospiteranno strutture per circa 4,5 milioni di abitanti. La costruzione di due delle sei città è già stata avviata: King Abdullah City, a nord di Jeddah, e Prince Abdulaziz Bin Mesaed Economical City. Molto importante anche il ruolo degli investimenti privati nel segmento residenziale. Tra i grandi contratti siglati nei soli pri-


from projects to plants...

Via Praimbole 38 - 35010 Limena PD - Italy Tel. +39 049 7663100 Fax +39 049 8848006 www.bedeschi.com sales@bedeschi.it Bedeschi America Inc. 3275 W. Hillsboro Boulevard Suite 312 - Deerfield Beach - FL 33442 USA Tel +1 954.602.2175 - Fax: +1 954.602.5390 www.bedeschiamerica.com CTP Team srl. Via S. Maria in Campo 1 - 20040 Cavenago di Brianza (MB) - Italy Tel +39 02 95919801 - Fax +39 02 95919846 www.ctp.mi.it Bedeschi Dubai Office Level 9, Monarch Office Tower - Office 936 One Sheikh Zayed Road, PO Box 333840, Dubai - UAE Phone +9 71 4 3721303 - sanjeevmathur@gmail.com


Saudi Arabia building contractor awards

ments, swimming mi mesi del 2013 fiacross key segments pools and fitness gurano la seconda Arabia Saudita: Investimenti nell’industria delle costruzioni centres) and the fase del progetto per segmenti construction of 106 “Abraj Al Hilal” a Jedvillas and 96 apartdah (326 appartaments in Riyadh, menti, piscine e fitboth assigned to ness center) e la reaAzmeel Contractlizzazione di 106 viling and Construcle e 96 appartamenti tion Company a Riyad, entrambi afand due for comfidati alla Azmeel pletion by 2016. A Contracting and third major resiConstruction Comdential developpany e da completament called re entro il 2016. Un Mutrafiah Housing terzo megaprogetto Project, commisresidenziale, il Musioned from Aztrafiah Housing meel by the comProject commissiopany Maaden, will nato dalla società involve the conMaaden alla Azmeel, struction of 3,600 riguarda la costruvillas for Maaden zione di 3.600 ville employees in the destinate ai dipenindustrial city of denti della Maaden US$ Million Jubail, 800 of nella città industriale Source / Fonte: Ventures Onsite Mena Projects Database which will be di Jubail, 800 delle ready at the end quali saranno pronte of 2014. The public spending budget for 2013, up by 14% a fine 2014. on 2012 and to date the largest in the Kingdom’s history, Nel budget di spesa pubblica del 2013, cresciuto del 14% sul includes more than $10 billion earmarked for transport in2012 e finora il più elevato nella storia del Regno, oltre ai 10 frastructures, $55 billion for school building and $27 billion miliardi di dollari destinati alle infrastrutture di trasporto, 55 for healthcare infrastructures. The new projects for 2013 miliardi di dollari sono allocati all’edilizia scolastica e 27 miinclude the construction of 539 schools to join the 1,200 liardi alle infrastrutture sanitarie. I nuovi progetti nel 2013 rialready begun and the 2,000 undergoing renovation. The guardano la costruzione di 539 scuole che si aggiungono alle healthcare building segment will see the construction of 1.200 già iniziate e le 2.000 in ristrutturazione; nel segmento 19 new hospitals, while 102 are already in progress. dell’edilizia sanitaria è prevista la realizzazione di 19 nuovi Government expenditure in 2014 is expected to increase ospedali, mentre 102 sono già stati avviati. by a further 10%. La spesa prevista dal Governo nel 2014 è stimata in ulteriore Major public investments are also being made in transcrescita del 10%.

Kingdom Tower, a thousand metre high skyscraper At a height of more than a thousand metres, Kingdom Tower in Jeddah will be the tallest building in the world and the centrepiece of a 530,000 sq.m development known as Kingdom City, a $20 billion project due to be completed in 2018. Designed by Adrian Smith + Gordon Gill Architecture (Adrian Smith was the creator of Burj Khalifa in Dubai, the highest tower in the world at 828 metres), it will be built over five years and will host hotels, offices, residences, condominiums and even an observation deck. Naturally, potential residents must be willing to pay stratospheric figures given that the tower will cost around $1.2 billion to build. In their design for the project, Adrian Smith + Gordon Gill Architecture were inspired by the new shoots of a young plant, a metaphor for development and technological progress. The three petals of the plant are ideal for the residential units and the tapering wings produce an aerodynamic shape that helps reduce structural loading due to wind vortex shedding. The height of a thousand metres was reached using state-of-the-art construction technologies together with a strong focus on sustainability of the building. The project will feature a high-performance exterior wall system that will minimise energy consumption by reducing thermal loads. The tower will contain 12 escalators and 59 elevators, including five double-deck elevators. The Kingdom Tower will be located in the 23-hectare Waterfront District, an exclusive pedestrian-friendly setting on the Kingdom City lakefront encompassing a shopping mall, residential spaces, offices, two luxury hotels and open-space amenities such as the central Plaza.

30

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2013

Kingdom Tower, mille metri di grattacielo Sarà la più alta del mondo: oltre mille metri d’altezza. La Kingdom Tower di Jeddah sorgerà in un’area di 530 mila mq che ospiterà la Kingdom City, un progetto da 20 miliardi di dollari che dovrebbe completarsi nel 2018. Progettata da Adrian Smith + Gordon Gill Architecture (Adrian Smith è l’ideatore del Burj Khalifa di Dubai, oggi la torre più alta del mondo con i suoi 828 metri), sarà realizzata in cinque anni, e ospiterà hotel, uffici, residence, condomini e anche un osservatorio panoramico. Inutile dire che chi vi risiederà dovrà essere disposto a sborsare cifre da capogiro, dato che il grattacielo ha un costo di costruzione che si aggira intorno a 1,2 miliardi di dollari. Nel disegnare la forma dell’opera, l’Adrian Smith + Gordon Gill Architecture si è ispirato alle fronde piegate di una giovane pianta in crescita, una metafora di sviluppo e progresso tecnologico. I tre petali della “pianta” rappresentano l’ideale per le unità abitative, mentre le ali affusolate producono una forma aerodinamica, che aiuta a ridurre il carico strutturale dovuto ai vortici di vento. L’altezza di mille metri è stata raggiunta impiegando le migliori tecnologie costruttive esistenti, unite a un’attenzione particolare alla sostenibilità dell’edificio. Il progetto è caratterizzato da un sistema di muro esterno ad alto rendimento che riduce al minimo il consumo di energia, diminuendo i carichi termici. La struttura sarà percorribile in verticale grazie a 12 scale mobili e 59 ascensori di servizio, di questi cinque saranno a doppio piano. Ma l’eccezionalità di Kingdom Tower si misurerà anche dalla zona circostante, a partire dai 23 ettari del Waterfront District, che offrono un ambiente esclusivo e pedonale sul lungolago della città e che ospiteranno un centro commerciale, gli spazi residenziali, gli uffici, due alberghi di lusso e spazi aperti quali la centrale Plaza.


port infrastructures. A total of 34 airports are due to be built or modernised over the next 4-5 years, while new rail and road projects are also partly in progress. The new Jeddah airport scheduled for completion by the end of 2014 is especially important. When up to capacity, the airport will be able to handle up to 35 million passengers a year and will have the world’s highest control tower (133 metres}. Large public projects also include those for the improvement of hospitality structures and the transport system for the annual Hajj, during which more than half a million people make the pilgrimage to Mecca. Private investments include numerous construction projects for shopping centres, residential and office towers and dozens of tourist accommodation facilities, both luxury hotels (21 are due for completion by the end of 2013) and lowcost hotels to meet the growing demand from religious tourism in Mecca and Medina. Analysts estimate that around $120 billion will be spent on new hotel construction over the next few years. Green building Special attention is being devoted to green building and policies. According to the latest official government figures, total Saudi investments in sustainable construction projects amount to more than $26 billion, including 76 new low environment impact buildings, mostly in Riyadh. As noted by Faisal Al-Fadl, secretary general of the Saudi Green Building (SGB) Forum, an initiative conducted in collaboration with the Saudi Green Building Council to promote environmental sustainability in the country, Saudi Arabia owns 5% of the 1,350 green projects currently under development in the Middle East. Well aware that just 150 green building specialists are far too few for its needs, the country is now looking to expand its roster of expert engineers, setting a target of 1,000 within the next three years. There is widespread recognition that although green building criteria push up construction costs, the much lower running and maintenance costs of buildings will bring big savings in the long term. The interior finishings market Furnishings, bathrooms and kitchens, floor and wall coverings, lighting and the entire interior finishings sector in general account for between 10% and 20% of the value of building projects. In 2012, the finishings market in Saudi Arabia reached $2.5 billion, a figure that is expected to increase this year to around $3.4 billion on the basis of continued average annual growth of 35%. The lion’s share is absorbed by the residential segment, followed by hotels, educational facilities and commercial construction. (JF) 

Importanti anche gli investimenti pubblici nelle infrastrutture per i trasporti. Nei prossimi 4-5 anni è prevista la costruzione o ammodernamento di 34 aeroporti, mentre nuovi progetti ferroviari e stradali sono in parte già stati avviati. Di notevole rilevanza la realizzazione del nuovo aeroporto di Jeddah previsto per la fine del 2014. Lo scalo, una volta a regime sarà in grado di ospitare fino a 35 milioni di passeggeri all’anno e potrà vantare una torre di controllo di 133 metri, la più alta al mondo. Tra i grandi progetti pubblici figurano infine quelli legati al miglioramento delle strutture ricettive e alla rete di trasporti associati all’Hajj annuale, che vede il pellegrinaggio verso la Mecca di oltre mezzo milione di pellegrini. Per quanto riguarda gli investimenti privati, sono numerosi i progetti di costruzione di centri commerciali, grattacieli per residenze e uffici e, nel settore turistico, di decine di strutture ricettive, sia hotel di lusso (21 dovrebbero essere completati entro la fine del 2013), sia alberghi economici per rispondere alla crescente domanda del turismo religioso alla Mecca e a Medina. Le stime degli analisti indicano in circa 120 miliardi di dollari la spesa per la costruzione di nuovi hotel nei prossimi anni. La bioedilizia Un’attenzione particolare viene riservata alla bioedilizia e alle politiche green. Secondo gli ultimi dati ufficiali del Governo, l’importo totale degli investimenti sauditi in progetti di costruzione sostenibili supera quota 26 miliardi di dollari, con 76 nuove costruzioni a basso impatto ambientale, la maggior parte realizzate a Riyadh. Di fatto, come sottolinea Faisal Al-Fadl, segretario generale del Saudi Green Building (SGB) Forum, un’iniziativa sviluppata in collaborazione con il Saudi Green Building Council volta a promuovere la sostenibilità ambientale nel Paese, l’Arabia Saudita possiede il 5% dei 1.350 progetti verdi attualmente in fase di sviluppo in Medio Oriente. Il Paese sta ora puntando a espandere il proprio pool di esperti del settore: i 150 ingegneri sauditi specializzati in bioedilizia, sono infatti insufficienti e dovranno essere portati a 1.000 entro i prossimi tre anni nella consapevolezza che i principi della bioedilizia fanno sì lievitare i costi di costruzione, ma nel lungo periodo, grazie a costi di esercizio e manutenzione degli edifici molto più bassi, garantiscono un grande vantaggio economico. Il mercato delle finiture di interni Arredamento, bagni e cucine, pavimenti e rivestimenti, illuminotecnica, e più in generale tutto il comparto delle finiture di interni rappresentano tra il 10 e il 20% del valore dei progetti edilizi. Nel 2012, il mercato delle finiture in Arabia Saudita ha toccato quota 2,5 miliardi di dollari, una cifra destinata a salire quest’anno a circa 3,4 miliardi, mantenendo una crescita media annua del 35%. La parte del leone è assorbita dal segmento residenziale, seguito da hotel, strutture scolastiche ed edilizia  commerciale.

Saudi Build 2013 a novembre

Saudi Build 2013 in November The 25th Saudi Build Construction, the largest Saudi exhibition of building technologies, will be held from 4 to 7 November 2013 in the Riyadh International Convention & Exhibition Center. The event, organised by REC, has established itself as a major forum for industry professionals over the years and hosts companies from all over the world exhibiting a wide array of solutions for the construction market. In 2012 the event was attended by 22,649 visitors and hosted 812 exhibitors from 34 countries in a floor space of 26,000 sq.m.

JOIN THE WORLD AT THE 25TH YEAR ANNIVERSARY OF SAUDI BUILD

THE 25TH INTERNATIONAL CONSTRUCTION TECHNOLOGY & BUILDING MATERIALS TRADE EXHIBITION

4 - 7 November 2013 Riyadh International Convention & Exhibition Center - RICEC HELD CONCURRENTLY:

The 16th International Stone and Stone Technology Exhibition

The 4th International Exhibition for Construction Equipment, Plant, Machinery and Vehicles

Diamond Sponsor

Si svolgerà dal 4 al 7 novembre 2013 presso il Riyadh International Convention & Exhibition Center la 25a edizione di Saudi Build Construction, la principale fiera saudita dedicata alle tecnologie per l’edilizia. La manifestazione, organizzata da REC, si è affermata negli anni come punto di riferimento per gli operatori del settore e attrae aziende da ogni parte del mondo proponendo soluzioni ad ampio spettro per il mercato delle costruzioni. Nel 2012 l’evento ha registrato 22.649 presenze e 812 espositori provenienti da 34 Paesi su una superficie di 26.000 mq.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

31


Saudi Arabia invests in heavy clay Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

L’Arabia Saudita investe nel mattone Founded in 1977 in Riyadh, Saudi Fondata nel 1977 a Riyadh, Arabia SaudiArabia, Saudi Ceramic Company ta, la Saudi Ceramic Company (SCC) è (SCC) is today one of the world’s oggi uno dei maggiori produttori monlargest producers of ceramic tiles diali di piastrelle (62 milioni mq/anno re(62 million sq.m/year in 4 factories), alizzati in 4 stabilimenti), sanitari in ceraceramic sanitaryware (36,000 tons/ mica (36.000 tonnellate all’anno) e scalyear) and electric water heaters dabagni elettrici (1,5 milioni di pezzi/ (1.5 million units/year produced in anno fabbricati in due unità produttive). two factories). Holding quotata in borsa, SCC opera anSCC is a public shareholding comche in altri settori, dal minerario, alla pany operating in a range of busiproduzione di tubi in ceramica, alle manesses including ceramic pipes, terie plastiche. mining and plastics. Sulla spinta dalla forte domanda di matDriven by the rapid expansion of toni, conseguente alla rapida espansiothe building industry in Saudi Arane del settore delle costruzioni in Arabia Abdul Karim Al-Nafie, CEO SCC bia and the consequent strong deSaudita, il gruppo ha deciso di espandemand for bricks, it recently decidre la sua attività anche nella produzione ed to extend its activity to the production of heavy clay di laterizi commissionando un modernissimo impianto di products, for which purpose it commissioned a state-of-theproduzione. art production plant. Abbiamo chiesto ad Abdul Karim Al-Nafie, CEO del gruppo, di We discussed the new investment with the group’s CEO, entrare nel dettaglio del nuovo investimento. Abdul Karim Al-Nafie.

saudi arabia

BWR: Why did you decide to invest in the heavy clay sector? Abdul Karim Al-Nafie: Strong growth in our country’s building industry is driving demand for building materials, a sector where we have been operating for a long time. This applies in particular to clay bricks. For this reason we are leveraging our technical and financial resources to capitalize on this strong market demand. BWR: Could you describe the main characteristics of the new plant? Abdul Karim Al-Nafie: The plant is equipped with state-ofthe-art technology with semi-dry processing and a net daily capacity of 1,000 tons. The clay preparation system will be supplied by the Italian firm Morando, part of Keller group. The plant is designed to accommodate future expansion according to market developments, so it will be highly flexible towards the introduction of new products and focused on efficient management. BWR: When will it be ready to start production? Abdul Karim Al-Nafie: We expect to begin commercial pro-

32

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

BWR: Quali ragioni vi hanno portato ad investire nel settore laterizio? Abdul Karim Al-Nafie: Il nostro Paese sta vivendo un momento di grande fermento per quanto riguarda l’edilizia, con una domanda crescente di materiali da costruzione (settore in cui siamo presenti da lungo tempo), in particolare mattoni in laterizio. Per questo, oggi stiamo facendo leva sulle nostre risorse tecniche e finanziare per capitalizzare al meglio una così significativa domanda di mercato. BWR: Può descriverci le principali caratteristiche del nuovo impianto? Abdul Karim Al-Nafie: Si tratta di un impianto dotato della più moderna tecnologia, con processo di preparazione delle materie prime parzialmente a secco che avrà, a regime, una capacità produttiva di 1000 ton/giorno. La linea di preparazione argille sarà fornita da Morando (Italia), parte del gruppo Keller. L’impianto è stato concepito e progettato per ulteriori potenziamenti in base agli sviluppi del mercato, perciò sarà estremamente flessibile e adattabile all’inserimento di nuovi prodotti nonché predisposto per un’efficace gestione.


Con le nuove tecnologie a secco BMR risparmia il 100% di acqua rispetto alle normali macchine di squadratura/bisellatura. E la natura ringrazia. Fresh ideas for ceramics. The new dry technologies from BMR achieve 100% water savings with respect to normal squaring/chamfering machines. A big plus for the environment.

IDEAS TECHNOLOGY RESOURCES HISTORY THE ESSENCE OF LEADERSHIP

www.bmr.it

omniadvert.it

FRESCHE IDEE PER LA CERAMICA


duction in the first quarter of 2015. We will produce load-bearing blocks, ceiling blocks and partition blocks of all sizes for the local market. BWR: Have you opted for green technologies? Abdul Karim Al-Nafie: Yes, the plant is equipped with special burners with a high environmental performance. The heat energy coming out of kiln will be utilized to dry the bricks, thus saving a lot of energy and fuel. De-dusting systems will also be used in the raw materials preparation area. BWR: Could you give us a general overview of the brick market in Saudi Arabia? Abdul Karim Al-Nafie: Demand for clay bricks is increasing at the expense of demand for concrete blocks, which is steadily decreasing. Clay bricks already satisfy an estimated 80% of demand in the western region of the country, whereas concrete blocks still dominate in the central/eastern region (estimated 80-85%). As this is largely due to the limited availability of clay bricks in this region, this is the gap in the market that we intend to fill.

BWR: Quando sarà operativo? Abdul Karim Al-Nafie: Prevediamo di iniziare la commercializzazione dei prodotti nel primo trimestre del 2015. Produrremo blocchi portanti da muro, blocchi da solaio e tramezze di varie dimensioni. BWR: Vi siete orientati verso tecnologie green? Abdul Karim Al-Nafie: Sì, l’impianto è dotato di speciali bruciatori molto efficienti dal punto di vista ambientale. L’aria calda in uscita dal forno verrà convogliata nell’essiccatoio consentendo così di risparmiare energia e combustibile. Saranno inoltre utilizzati sistemi di aspirazione nella zona di preparazione materie prime. BWR: Come è strutturata oggi la domanda di laterizio in Arabia Saudita? Abdul Karim Al-Nafie: La domanda di mattoni in laterizio è in crescita, a scapito di quella di blocchi di cemento che sta progressivamente calando. Nella regione occidentale del Paese, il mattone in laterizio detiene già una quota di mercato dell’80%, mentre nelle regioni centro-orientali è ancora il blocco di cemento a dominare il mercato per l’80-85%, anche perché in queste zone è l’offerta di laterizi ad essere limitata, ed è proprio questo vuoto che cercheremo di colmare noi.

BWR: How has this preference for BWR: Da cosa deriva la preferenza clay bricks come about? per il mattone in laterizio? Saudi Ceramic Group headquarters Abdul Karim Al-Nafie: Scientific La sede di Saudi Ceramic Group Abdul Karim Al-Nafie: Numerose ristudies of clay bricks have recerche e studi scientifici condotti sul vealed their numerous advantagmattone in laterizio ne hanno evies over other materials (including Portland cement denziato gli innumerevoli vantaggi rispetto ad altri materiali blocks, prefab blocks and others) and have shown that (come i blocchi in cemento Portland e i prefabbricati o altri), they are the best material for use both in residential buildindicandolo quale miglior materiale da costruzione sia nel ing and in commercial and industrial construction. segmento residenziale che in quello commerciale e industriaClay bricks achieve a high level of thermal and acoustic le, grazie all’alto livello di isolamento termico e acustico in insulation, which improves living comfort and reduces grado di offrire comfort abitativo riducendo i costi. costs. Their low conductivity also significantly reduces Le sue caratteristiche di bassa conduttività, inoltre, riducono electricity consumption for air conditioning in summer significativamente il consumo di energia elettrica per il condiand heating in winter. zionamento estivo e il riscaldamento invernale. BWR: How many brick producers are there in Saudi Arabia and how is the industry organised? Abdul Karim Al-Nafie: There are around 8 groups with factories in Makkah, Jeddah, Madina, Riyadh, Yanbu, Jizan and Qasim. The western province mainly produces ceiling and partition blocks, whereas the central region produces all product types. BWR: Saudi Arabia’s construction industry is expanding rapidly. What is the level of growth and investments in the sector? Abdul Karim Al-Nafie: In 2010 the Government allocated a budget of around 97 billion euro to the sector, including 50 billion euro for new projects. The central region accounts for 17.1% of total sales (in 2009 the Riyadh area made up an estimated 13% of the Saudi market). This share is expected to reach 20% by 2014 and 25% by 2019. Saudi Arabia has a severe housing deficit. Around 60% of the total population consists of young people who need

34

b RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

BWR: Come è strutturata l’industria nazionale del laterizio? Abdul Karim Al-Nafie: Sono attivi circa 8 gruppi con stabilimenti a Makkah, Jeddah, Madina, Riyadh, Yanbu, Jizan e Qasim. Nella regione occidentale del Paese si producono principalmente blocchi da solaio e tramezze, mentre nella regione centrale la produzione copre tutte le tipologie di mattoni. BWR: L’industria delle costruzioni in Arabia Saudita è in piena espansione. Qual è il livello degli investimenti e di crescita del settore? Abdul Karim Al-Nafie: Nel 2010 il Governo ha stanziato un budget di circa 97 miliardi di euro, di cui 50 destinati a nuovi progetti. La Regione Centrale assorbe il 17,1% delle vendite totali (nel 2009 l’area di Riyadh incideva per circa il 13% del mercato saudita) e le stime prevedono una crescita al 20% entro il 2014 e fino al 25% entro il 2019. Nel segmento residenziale, il fabbisogno abitativo è elevato:


new houses. The government plans to build 500,000 new homes over the next 5 years. Given the major investments being made in construction, demand for building materials is expected to grow at an average annual rate of between 10% and 12% over the next 5 years.

circa il 60% della popolazione saudita è composta da giovani che hanno bisogno di nuovi alloggi e nei prossimi 5 anni il governo ha pianificato di costruire 500.000 nuove abitazioni. Gli ingenti investimenti in costruzione fanno stimare una crescita della domanda di materiale da edilizia ad un tasso medio annuo tra il 10 e il 12% per i prossimi 5 anni.

BWR: Beside your forthcoming start-up in the brick industry, do you have any further expansion projects? Abdul Karim Al-Nafie: Certainly, we are expanding in the fields of sanitaryware, tiles and electric water heaters, as well as in the mining and plastics sector. (JF) 

BWR: Oltre al vostro prossimo ingresso nell’industria dei laterizi, avete in programma ulteriori piani di sviluppo? Abdul Karim Al-Nafie: Certamente. Stiamo espandendo la produzione anche negli altri settori: sanitari, piastrelle e scaldaba gni, oltre che nel comparto minerario e della plastica.

Bedeschi commissioned for new Saudi Ceramics project

Bedeschi in pista PER L’AMMODERNAMENTO DI Saudi Ceramics

The Italian company Bedeschi has been commissioned to develop an innovative raw materials management system for Saudi Ceramics’ tiles factories. The fully-automated system will be able to store up to 10 different types of clays and feldspars per line and distribute them simultaneously to 4 plants. It will consist of incoming box feeders and conveyor belts to feed two series of storage boxes, while a new concept excavator will guarantee constant feeding. The plants will be housed in a structure specially designed to minimise losses of stored raw materials. The system offers numerous advantages, including separate storage for each material so as to eliminate the risk of contamination, optimised usage of space, automatic feeding of each individual component needed for production and management of the process from a single control station.

Sarà l’italiana Bedeschi a sviluppare un innovativo sistema di gestione delle materie prime per gli stabilimenti per la produzione di piastrelle di Saudi Ceramics. Il sistema, interamente automatizzato, sarà in grado di gestire lo stoccaggio di argille e feldspati per un totale di 10 tipologie per linea e distribuirle in contemporanea a 4 impianti. L’installazione prevede una serie di cassoni dosatori in ricevimento e dei nastri trasportatori che vanno ad alimentare due serie di box di stoccaggio gestiti da un escavatore di nuova concezione che garantisce un’alimentazione costante. Gli impianti saranno collocati all’interno di una struttura appositamente studiata per garantire la minor dispersione delle materie prime stoccate. Numerosi i vantaggi che il sistema offre: stoccaggio separato per ogni materiale eliminando così le possibili contaminazioni, ottimizzazione dello spazio necessario, alimentazione automatica di ogni singolo componente necessario alla produzione e gestione del processo da un’unica postazione di comando.

ADVERTISING

concept: itsgut.it

refractories for:

industrial furnaces | bricks | ceramics | sanitary wares

dEsIgns, CalCulatIOns and plans fOR thE COnstRuCtIOn Of REfRaCtORy pREfabRICatEd plants. supply On an IndustRIal sCalE Of pREfabRICatEd plants fOR kIlns.

choose innovation SINCE 1970

CO.VE.RI. spa Via Ghebba, 65/h 30034 | Oriago di Mira (VE) Tel. 041/429466 | Fax 041/5630422 email: info@coveri.it | www.coveri.it

• Prefabricated insulating covering for tunnel kiln trucks. • Hanging modular flat ceilings for tunnel and intermittent kilns. • Kilns prefabricated from refractory concrete panels. • Insulating refractory concretes.


Earthquake-resistant technology in the Andes Paolo Marcheluzzo - Marcheluzzo Impianti (Isola Vicentina, Italy)

Tecnologia antisismica nelle Ande

TECHNOLOGY

Standing at the feet of the Andes, under the towering peak of Aconcagua, the city of Mendoza is located in one of the areas of highest seismic risk anywhere in South America. It is also home to one of the two manufacturing facilities of Industrias Chirino, an Argentine clay block manufacturer with 170 employees Chirino family La famiglia Chirino founded by the Chirino family in 1982 (the family’s other facility, built in 1980, is located in the city of San Juan). Given the strong local demand for building materials, the company planned a large-scale project to renovate its existing technology while taking account of the high seismic risk of the area. The Argentine company chose Marcheluzzo Impianti due to its proven capacity to supply cutting-edge turnkey plants. The supplied plant is already fully operational and includes an earthquake-resistant tunnel kiln and complete automated equipment.

Cutter Taglierina

36

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Siamo a Mendoza, ai piedi della Cordigliera delle Ande, proprio sotto al grande Aconcagua, una delle zone più sismiche dell’intero continente sudamericano. Qui ha sede uno dei due stabilimenti produttivi di Industrias Chirino, azienda argentina, produttrice di blocchi in laterizio, fondata nel 1982 dall’omonima famiglia. Un altro sito produttivo, datato 1980, è localizzato invece nella città di San Juan. L’azienda, che conta in totale 170 dipendenti, a seguito della notevole richiesta di materiale da costruzione proveniente dal mercato locale, ha pianificato un importante intervento destinato a rinnovare la tecnologia esistente, che tenesse però in considerazione l’alto rischio sismico della zona. Per la dimostrata capacità di fornire impianti completi tecnologicamente avanzati, l’azienda argentina si è affidata al know how di Marcheluzzo Impianti.

Green ware loading line Linea di carico verde


Setting machine Impilatrice

Tunnel kiln The tunnel kiln is highly innovative in terms of its structure. The loadbearing structure of the masonry and the suspended ceiling is built with top quality refractory materials with different levels of alumina content according to the application zones. The insulation of the walls and ceiling allows for a considerable reduction in heat losses, while the recovered heat meets almost all the requirements of the dryer. However, a thermal room equipped with an airflow burner is provided to meet production requirements in all conditions, particularly during the winter. The key strength of the tunnel kiln is its earthquake-resistant structure. A supporting system has been designed with steel lattice girders and beams capable of supporting the entire surface of the roof in the event of an earthquake and thus preventing the kiln from collapsing. The kiln is equipped with 44 high-speed lateral gas burners and a fast cooling system, while heat recovery is performed using a conventional ceiling-mounted system. The entire system is managed by a fully automatic PLC. Cutting line The supplied equipment also includes a column cutter and

Earthquake resistant kiln Vista forno antisismico

L’impianto fornito, già a regime, comprende un forno a tunnel antisismico e tutta l’automazione. Forno a tunnel Il forno a tunnel è altamente innovativo sotto il profilo strutturale. La struttura portante delle murature, come la volta sospesa, è realizzata con materiale refrattario di alta qualità e diverso tenore di allumina a seconda della zona di utilizzo. Il pacchetto di isolamenti per pareti e volta permette un notevole abbattimento della dispersione termica facendo recuperare al meglio tutte le kcal possibili per il quasi totale funzionamento dell’essiccatoio; è stata comunque applicata una sala termica con bruciatore in vena d’aria che aiuta, soprattutto durante l’inverno, il raggiungimento della produzione richiesta. Il punto forte di questa realizzazione è la struttura antisismica applicata al forno a tunnel. È stato concepito un sistema di sostegno con putrelle e travi in acciaio reticolato che permette, in caso di terremoto, di reggere tutta la superficie della volta sospesa senza far collassare l’intero forno. L’impianto di cottura, con 44 bruciatori a gas ad elevata velocità e il raffreddamento rapido, sono di tipo laterale

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

37


multiple mobile wire cutter with pneumatic wire tensioning device. This solution allows for precision cutting with low wire wear. The cutting line is connected to the new module preparation line, which is designed to handle products with great care so as not to affect the quality of finished products. Tray handling and storage The new tray handling line is designed to allow for fully automatic operation in accordance with cycle times and output requirements. New lifters have been installed for loading and offloading the trays onto the cars to allow for a continuous tray loading/offloading cycle on each car. This significantly reduces the cycle times and machinery wear. As for storage, a fully automatic gripper and tray store are provided to enable the number of trays on the cars to be changed without interfering with the production cycle of either the extruder or the kiln car setting zone. This solution allows extrusion and green ware car loading to be performed for a short time even if the setting line has momentarily come to a standstill.

Interior of kiln Vista interna forno

It is also possible to operate the setting line and offload the dried products from cars even if the extruder and the preparation line are not operating. Dryer car handling The new line handles the cars more smoothly to lower the risk of blocks falling. This improves the quality of finished products and considerably reduces the number of rejects. New transfer cars have also been installed inside the dryer to optimise the production cycle. Thermal room for the existing dryer and integration of the ventilation system The existing dryer has been integrated with an airflow heat generator to permit operation even without air recovery from the kiln. New fans have also been provided to extract moist air to-

38

B RIC W o rld Review n. 2/ 2013

mentre l’intero gruppo di recupero avviene tradizionalmente dalla volta. Il tutto viene gestito da un PLC che lavora completamente in automatico. Linea di taglio Sono stati forniti il tagliafilone e la taglierina a fili multipli e mobili con tensionamento pneumatico. Questa soluzione permette un taglio preciso con bassa usura dei fili. La linea di taglio si congiunge alla nuova linea di preparazione del modulo che prevede un trattamento dei pezzi particolarmente curato per non compromettere la qualità finale. Movimentazione e stoccaggio dei pianali La nuova linea per la movimentazione dei pianali è realizzata per consentire il completo utilizzo in automatico nel rispetto dei tempi-ciclo e delle esigenze di produzione. Sono stati installati dei nuovi ascensori per il carico/scarico dei pianali sui carrelli e un sistema di carico-scarico pianali che consente la movimentazione a “ciclo continuo” su ogni carrello per diminuire sensibilmente i tempi di ciclo e l’usura dei macchinari.

Kiln exit Uscita forno

Per quanto riguarda lo stoccaggio, è stata inserita una pinza e un magazzino, entrambi automatici, che consentono di fare il cambio del numero dei piani sui carrelli senza interferire sul tempo di produzione sia dell’estrusione, sia della zona di impilamento nei carri del forno. L’accorgimento permette di poter lavorare, per un breve periodo, con l’estrusione e il carico dei carrelli del materiale verde anche se la linea impilatrice è momentaneamente ferma o, al contrario, operare con la linea impilatrice, quindi scaricare i carrelli del materiale secco, anche se l’estrusione e la linea di preparazione sono ferme. Movimentazione dei carrelli essiccatoio La nuova linea permette una movimentazione “più dolce” dei carrelli limitando così il pericolo di cadute dei forati, aumentando la qualità del prodotto finito e riducendo sensibilmente lo scarto del materiale. Forniti anche i nuovi trasbordatori all’interno dell’essiccatoio che ottimizzano il ciclo di produzione.


gether with automatic valves. A new electrical board optimises operation and increases the kiln’s output according to demand. Setting line Solutions designed to handle dried products with special care have been adopted so as not to affect the quality of the finished products. The kiln cars are loaded by a 4 rotating head gripper capable of setting all types of products with different loading requirements. Fired product off-setting line The line for off-setting fired products includes a pneumatically operated twin-head gripper that avoids the use of hydraulic systems and the consequent need for continuous maintenance. The pneumatically controlled gripper has very high gripping strength, allowing it to off-set whole packs. The same bearing structure also includes a twin-head pneumatic gripper for picking up one layer at a time, capable of creating 4 or 5 layer packs according to re-

Fired product offloading Scarico cotto

quirements and thus optimising transport costs. Packaging line The packaging line transports the offloaded packs to the pallet truck pick-up area. In addition to stable packs (the layers alternate so that the one below is unable to move during transport), it is equipped with an automatic hooding machine and a bell type oven. Following installation of the new plant, the required production capacity of 500 ton/day has been easily exceeded, allowing stoppages to be made for maintenance and cleaning. The success of the operation owes much to the close cooperation between Marcheluzzo and the Chirino family, who demonstrated their exceptional business skills by personally supervising the entire plant set-up operation on site. (JF) 

Sala termica per l’essiccatoio e integrazione alla ventilazione All’essiccatoio esistente è stato integrato un generatore di calore in vena d’aria per garantire il funzionamento anche in assenza di recupero dal forno, sono stati inoltre forniti dei ventilatori di estrazione aria umida e delle valvole automatiche, oltre al nuovo quadro elettrico, per ottimizzare il funzionamento e aumentare la produzione richiesta dal forno. Linea impilatrice Sono state adottate soluzioni che assicurano una particolare cura nel trattare il materiale secco riscontrabile sul prodotto finale. Il carico sui carri forno viene eseguito da una pinza a 4 teste rotanti, appositamente studiata per poter impilare tutti i tipi di prodotto con diverse tipologie di cariche. Linea per lo scarico del materiale cotto È stata montata una pinza a 2 teste per lo scarico a pacchi comandata pneumaticamente per eliminare il fastidioso uso degli impianti oleodinamici che comportano una continua manutenzione. La pinza ha una grande forza di presa; è possibi-

Packaging line Packaging line

le infatti scaricare pacchi interi, pur rimanendo a comando pneumatico. Nella stessa struttura portante è stata aggiunta una pinza pneumatica a due teste per la presa di uno strato per volta, in grado di realizzare pacchi da 4 o 5 strati a seconda delle esigenze, così da ottimizzare i costi di trasporto. Linea imballo La linea imballo trasporta i pacchi scaricati nella zona della presa con il muletto. Oltre a un pacco stabile (ogni strato è incrociato in modo tale che quello inferiore non si muova durante il trasporto), è dotata di un’incappucciatrice automatica e un fornetto con campana. Grazie alla nuova installazione, la capacità produttiva richiesta di 500 ton/giorno, è stata abbondantemente superata, consentendo anche il tempo di fermo impianti per la manutenzione preventiva e la pulizia. Notevole la sinergia tra Marcheluzzo e la famiglia Chirino, che ha seguito personalmente in cantiere tutte le fasi della realizzazione impiantistica dando prova di gran de capacità imprenditoriale.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

39


Libya gets back into gear Davide Scioratto - Technology Design (Villafranca di Verona, Italy)

La Libia riparte

TECHNOLOGY

The first facility to start up production following the Libyan revolution is located at Surman, west of Tripoli. It consists of a line supplied to Almutahida Company for Manufacturing Building Materials by Technology Design, an Italian company specialising in plants for the brick and ceramic industry. The business relationship and personal friendship between Technology Design and Almutahida Company strengthened in the years prior to the revolution, when the Italian company completed the start-up of the first production line. The new plant was built in a record time of 12 months and came into operation in March 2013. It is currently the largest installation in Libya with a production capacity of 700 t/day of hollow and ceiling blocks and employs around 10 people per shift. Due to its high degree of automation, it is the first facility capable of handling the processes of automation, drying and firing without the use of human operators. A fired product unloading machine capable of forming strapped packs allows for yard storage of finished products. This means that production can be performed continuously regardless of fluctuations in market demand.

Kiln cars with fired ware Vista carri forno cotto

40

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2013

È situato nei pressi di Surman (a ovest di Tripoli) il primo impianto avviato dopo la fine della rivoluzione libica. Si tratta della linea fornita alla Almutahida Company for Manufacturing Building Materials da Technology Design, azienda attiva nella progettazione di impianti per l’industria dei laterizi e della ceramica. Il rapporto commerciale e di amicizia con Almutahida Company si è consolidato negli anni antecedenti la rivoluzione civile, quando Technology Design ha terminato l’avviamento della prima linea di produzione. Il nuovo impianto, entrato in funzione a marzo 2013, è stato realizzato nel tempo record di 12 mesi e, con una capacità produttiva di 700t/giorno di blocchi forati e solaio (impiegando circa 10 persone per turno), è attualmente la più grande installazione presente in Libia. Grazie all’elevata automazione, risulta essere il primo sito produttivo in grado di gestire i processi di automazione, essiccazione e cottura, senza l’intervento di operatori. Consente altresì lo stoccaggio del prodotto finito a piazzale tramite l’installazione di una scaricatrice del cotto che ricompone il materiale in pacchi reggiati, garantendo una costanza di produzione slegata dalle temporanee variazioni di richiesta del mercato. La lungimiranza del committente ha inoltre ri-


leonberg.no

The drop that brings new life to your clay

Meet BioKeram. Every drop gives you stronger ceramics, requiring less water and energy, reducing your costs, while increasing product performance. With over 50 years of experience in the Ceramics market, Borregaard has developed a unique range of cost-effective biopolymers for the processing of clay and related materials. Our innovative solutions improve clay workability and strength, while helping decrease production costs. Discover more at biokeram.com

BioKeram

Green efficiency for ceramic applications


In keeping with its reputation for vision and foresight, the customer also requested the installation of an efficient firing system capable of using fuel oil, natural gas or LPG.

chiesto di installare un efficiente sistema di cottura in grado di utilizzare indipendentemente olio combustibile o gas naturale o GPL.

Clay preparation and production

Preparazione e produzione argilla

A new clay preparation and production line similar to the previous one was also supplied, appropriately sized for the required output.

È stata riconfermata la fornitura di una nuova linea di preparazione e produzione argilla simile a quella precedente, adeguatamente dimensionata per la produzione richiesta.

Automation

Automatismi

The wall and ceiling blocks are cut with a vertical multi-wire cutter using a double cutting bow to optimise time per cycle. The green ware is separated and arranged on chain benches and subsequently transferred to the shelves of the dryer carriers. One feature of particular interest is the system used for loading green ware and simultaneously unloading dried material from the dryer carriers.

Il taglio dei materiali da muro e solaio avviene tramite una taglierina multifilo verticale con doppio archetto di taglio al fine di ottimizzare i tempi/ciclo. Il materiale verde viene distanziato e programmato su banchi a catene e successivamente trasferito sui pianali delle bilancine portapezzi dell’essiccatoio. Particolare attenzione merita il sistema di carico del materiale verde in contemporanea allo scarico del materiale secco dai supporti dell’essiccatoio. Essiccatoio

Dryer The dryer designed and built by Technology Design is a model TDRD60 fast carrier dryer. The drying cycle is extremely short (2.5-3 hours) and the simplicity of design is reflected in the extreme ease of set-up and operation of the drying process. The dryer has two tunnels connected at their ends by two vertical channels. The products to be dried are loaded onto dedicated multilevel structures that are transported inside the dryer by a chain drive system. The airflow inside the dryer moves in an opposite direction to that of the products and is generated by a series of axial and centrifugal fans which introduce hot air, blow air between one tunnel and the other and expel moist air. The dryer is optimised for North African markets and guarantees a constant output with a significant reduction in thermal and electrical energy consumption. After the drying stage, the wet material loading system unloads the dried products from the dryer supports. The products are then separated, aligned and arranged,

Kiln back pressure Contropressione forno

42

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

L’essiccatoio, progettato e costruito da Technology Design, è di tipo rapido a bilancelle modello TDRD60. In questo essiccatoio rapido il ciclo di essiccazione è estremamente breve (2,5/3 ore) e la semplicità costruttiva si riflette anche nell’estrema facilità di regolazione e conduzione del processo di essiccazione. L’essiccatoio è dotato di due tunnel sovrapposti collegati alle estremità da due canali verticali. Il materiale da essiccare viene caricato su apposite strutture multipiano che si muovono all’interno dell’essiccatoio grazie a un sistema di trazione a catena. Il flusso d’aria all’interno si sposta sempre in controcorrente rispetto alla direzione di avanzamento del materiale ed è garantito da una serie di ventilatori assiali e centrifughi per l’immissione dell’aria calda, il rilancio dell’aria tra un tunnel e l’altro e l’espulsione dell’aria umida. L’essiccatoio è ottimizzato per i mercati nord africani e garantisce una produzione costante con abbattimento significativo dei consumi termici ed elettrici. Dopo l’essiccazione lo stesso automatismo di carico del materiale umido scarica il materiale secco dal supporto dell’essiccatoio che, dopo essere stato opportunamente separato, allineato e programmato, viene convogliato verso una impilatrice

Dryer wet load ejection Espulsione carico umido essiccatoio


after which they are sent to a setting machine with four pick-up heads where they are loaded onto the kiln cars.

a quattro teste di presa che realizza il caricamento dei carri forno.

Kiln

Forno

The TDFT46 type tunnel kiln has a length of 149 metres, a tunnel of width 4.6 metres and a useful loading height of 2 metres. The three-bay kiln cars have a pitch of 1.4 metres. Much attention has been devoted to the choice of materials, with the suspended ceiling and internal walls made entirely from refractory materials. The firing system, equipped with fuel oil gasification burners, is already set up for future use of natural gas or LPG. To ensure interchangeability with the first plant, the new cars have been designed with the same dimensions as the existing models. The firing temperature is 930°C with cycles of between 19 and 22 hours. The kiln and dryer functions are managed by a computerised supervision system that allows for fully automatic drying and firing settings. All the dryer and kiln installations are displayed by a dedicated software package capable of controlling the plants directly from the computer in the main control room. To ensure the constant efficiency of important moving structures such as the kiln cars, two vitally important machines have been installed, an automatic extractor for cleaning and an automatic wheel lubricator. Depending on requirements, the fired material can be unloaded either in individual layers or as complete packs which are subsequent strapped. An unloading machine equipped with three grippers unloads the fired material up to a maximum height of a metre and subsequently deposits it on a conveyor. To facilitate and rationalise yard storage of finished products and to speed up loading onto trucks, a fired product layer unloading machine has been installed. After being suitably separated, arranged and overturned, the unloaded material is recomposed into strapped packs that are simple to transport using pallet trucks. Following installation of the new plant, Almutahida Company has reached a production capacity of 1200 ton/day of ceiling and wall blocks, making it the largest heavy clay producer in Libya. (JF) 

Il forno a tunnel tipo TDFT46 ha una lunghezza di 149 metri, con una galleria larga 4,6 metri e un’altezza utile di carico di 2 metri; i carri forno a tre stive hanno passo fuoco 1,4 metri. Grande attenzione è stata riposta nella scelta dei materiali: la volta sospesa e le murature interne sono state realizzate esclusivamente con materiale refrattario. L’impianto di cottura, dotato di bruciatori a gasificazione di olio combustibile, risulta essere già idoneo per impieghi futuri di gas naturale o GPL. Al fine di garantire l’interscambiabilità con il primo impianto, i nuovi carri forniti sono stati progettati con le stesse dimensioni e ingombri degli esistenti. La temperatura di cottura è di 930°C con cicli operativi compresi tra 19 e 22 ore. Le funzioni del forno e dell’essiccatoio sono gestite da un sistema informatico di supervisione che consente impostazioni di essiccazione e cottura gestibili in modo completamente automatico. Tutte le installazioni di essiccatoio e forno sono visualizzate su un software opportunamente sviluppato che consente di intervenire sugli impianti direttamente dal computer di gestione situato nella sala quadri principale. Per garantire una costante efficienza di importanti strutture mobili, quali i carri del forno, sono state installate due macchine di vitale importanza: una aspiratrice automatica per la pulizia e l’ingrassatore automatico delle ruote. Lo scarico del materiale cotto può essere effettuato secondo le necessità o a strati singoli, o a pacchi interi con successiva reggiatura finale. Una scaricatrice dotata di tre pinze di presa effettua lo scarico del materiale cotto fino ad un’altezza massima di un metro e successivamente lo depone su di un trasportatore a sagome. Per agevolare e razionalizzare lo stoccaggio dei prodotti finiti a piazzale e velocizzare le operazioni di carico del materiale sui mezzi di trasporto è stata installata anche una scaricatrice a strati del materiale cotto. Il materiale così scaricato, dopo essere stato opportunamente separato programmato e ribaltato, viene ricomposto in pacchi reggiati facilmente trasportabili con i muletti. Grazie al nuovo impianto, Almutahida Company ha raggiunto una capacità produttiva di 1200 ton/giorno di blocchi da solaio e da muro, classificandosi come il maggior produttore di late rizio in Libia.

Dryer recycling unit Gruppo riciclo essiccatoio

Kiln exit Uscita forno

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

43


Robots gain a foothold in Algeria

Sabo - (Vassiliko-Halkida-Evia, Greece)

I robot convincono anche in Algeria

TECHNOLOGY

Già nel 2005 la famiglia AmouIn 2005 the Amouri family, well ri, noti imprenditori algerini known entrepreneurs in the Aldel laterizio, decise di procegerian brick industry, decided dere con la costruzione di una to proceed with the construcfabbrica con una capacità protion of a factory with a caduttiva mai raggiunta prima pacity that had never before nel Paese, un progetto che been reached in the country. rappresentava una vera e proThe challenge was to achieve pria sfida: ottenere una proa production of 800 tons/day duzione di 800 tonnellate/ from a single kiln using a single giorno con un singolo forno e rapid dryer. Sabo was comutilizzando un unico essiccamissioned to design the plant, toio rapido. La progettazione but in 2009 when the project fu poi affidata a Sabo, ma was in the final stages of disquando nel 2009 le trattative cussions it was entirely altered Mr. Amouri Faical (left) and Mr. Miloudi Mohamed (right), owners of Sarl Briqueterie Amouri, with Mr. KILIARIS Dimitris (Sabo) sul layout della fabbrica si trodue to the decision to change vavano già in fase conclusiva, the factory’s location. il progetto subì un radicale For Sabo’s design department cambiamento dovuto alla decisione di spostare il nuovo stabithis meant finding a solution to the problem of limited space limento in un diverso sito. available in the new location, which made it very hard to Per il reparto di progettazione Sabo, questo significava trovare adapt the designed factory model. una soluzione al problema costituito dal poco spazio disponiThe solution found by Sabo was to create a perfect layout bile nella nuova location, che non consentiva di adattare il mofor the new location with a daily production of 840 tons of dello di impianto già progettato. bricks using two kilns each with a capacity of 420 ton/day La soluzione individuata da Sabo fu la definizione di un layout, but with a single rapid dryer. The project was divided in two perfetto per la nuova ubicazione, che prevedesse una produphases, the first of which involved constructing the first kiln

Packaging line with robots Linea di confezionamento con robot

44

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2013

Tunnel kiln Forno a tunnel


Automatic robotized setting line Linea impilatrice automatica

with a rapid dryer designed for full capacity. The new layout was designed intelligently so that Briqueterie Amouri could add a second dryer and a second setting machine if they wanted, using the foundations and the automatic movement of the kiln cars without any changes or extra work. Towards the end of 2010 Sabo was ready to begin construction of the project, which took about two years to finish. The plant Briqueterie Amouri is the first factory in Algeria that decided to use robots. The most difficult task for Sabo was to overcome the scepticism towards the use of robots on the part of the client, who was finally won over by the success of similar installations made by Sabo in Tunisia. As this was the first project of its kind in Algeria, it was also an important opportunity to demonstrate the benefits of robotic systems to all prospective clients in the region. An essential aspect of the plant was the use of a rapid dryer with 64 balancelles of 6m x 1.1m, loaded with three rows of bricks instead of two, making a total capacity of 840 tons/day of fired brick. To ensure the best quality in handling this rather difficult and very plastic clay, an improved cutter and loading equipment complete with an automat-

zione giornaliera di 840 tonnellate di mattoni, utilizzando due forni con una capacità di 420 ton/giorno ciascuno, ma con un unico essiccatoio rapido. Il progetto fu suddiviso in due fasi, la prima delle quali prevedeva la costruzione del primo forno e dell’essiccatoio rapido per la piena capacità. Il nuovo layout fu inoltre progettato in modo intelligente per permettere a Briqueterie Amouri di aggiungere all’occorrenza un secondo essiccatoio e un secondo impilatore, utilizzando le fondamenta e il movimento automatico dei carri forno senza dover eseguire nessuna modifica o lavoro aggiuntivo. Verso la fine del 2010 si era pronti ad iniziare la realizzazione del progetto, che ha richiesto circa due anni per essere completato. L’impianto Briqueterie Amouri è la prima fabbrica in Algeria in cui si è deciso di utilizzare i robot. Il compito più difficile per Sabo è stato quello di vincere lo scetticismo dell’azienda, poi convinta dai successi ottenuti con i sistemi robotizzati in analoghe realizzazioni effettuate da Sabo in Tunisia. Trattandosi del primo progetto di questo tipo in Algeria, sarebbe stata un’importante occasione per dimostrare all’industria locale i benefici dei sistemi robotizzati. Un elemento essenziale dell’impianto è stato l’utilizzo di un nuovo essiccatoio rapido con 64 bilancelle di 6 m x 1,1 m, cari-

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

45


ic lubrication system for the loading table were used. The dryer was constructed in such a way that it would subsequently be able to use the heat recovered from the second kiln as well as that produced by two extra heat generators located near the recycling ventilators. The kiln was constructed in the traditional way using refractory bricks and Burton refractories for the ceiling. The Sabo automatic regulation system was installed to ensure optimal cooperation between the kiln and the dryer so as to avoid any energy losses. All the recovered energy is transferred to the dryer, including heat from cooling the ceiling and the kiln cars. Briqueterie Amouri also had a special request concerning control of the entire factory. They wanted to be able to view on-screen any problem arising on any machine so that their technicians would be able to solve it as quickly as possible. For this purpose, Sabo created a specially-designed program for Briqueterie Amouri using 3D technology to make it even more userfriendly. To give Briqueterie Amouri a further competitive advantage over its competitors, the project was completed with the addition of a new packaging line that uses two programming benches loaded by two robots. On of each of these two programming benches Sabo also installed two horizontal strapping machines. A further two robots stack the programmed layers in such a way as to create a final pack with holes that can be easily handled using a forklift without the need for any kind of palette. Two metal benches with special profiles, each equipped with a vertical strapping machine, now produce the final strapped pack. A two-headed gripper transfers these packs to another metallic bench, positioning them on a double row for transport to the storage area where they are picked up by a forklift. This is the biggest unsetting machine ever made in Algeria, capable of handling a production of more than 840 tons/day of fired bricks. An additional advantage is the use of triple gripper system for unsetting half a pack each time from the kiln car (JF)  to cater for customers wishing to buy in bulk.

Precutter and multiwire cutter Pretaglio e taglierina multifili

46

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

cati con tre file di mattoni invece di due, con una capacità di 840 tonnellate/giorno di mattoni cotti. Per garantire la migliore qualità nella gestione di un tipo di argilla piuttosto difficile e molto plastica, sono state adottate una taglierina e attrezzature di carico migliorate e dotate di un nuovo sistema automatico di lubrificazione per il piano di carico. L’essiccatoio è stato costruito in modo da poter ricevere il calore recuperato dal secondo forno e da due generatori di calore supplementari ubicati in prossimità dei ventilatori di riciclo. Il forno è stato costruito in modo tradizionale con mattoni refrattari e refrattari Burton per il soffitto. Il sistema di regolazione automatica Sabo è stato installato per garantire la migliore collaborazione tra il forno e l’essiccatoio, in modo da evitare qualsiasi perdita di energia. Infatti, tutta l’energia recuperata viene trasferita all’essiccatoio, compreso il calore proveniente dal raffreddamento del soffitto e dal raffreddamento dei carri forno. Una richiesta specifica di Briqueterie Amouri riguardava inoltre la realizzazione di un sistema di controllo di tutta la fabbrica, in grado di visualizzare a display qualsiasi problema che potesse verificarsi su qualsiasi macchina, per permettere ai tecnici di risolverlo il più rapidamente possibile. Per questo motivo, Sabo ha creato un programma, appositamente progettato per Briqueterie Amouri, utilizzando la tecnologia 3D per semplificare ulteriormente il suo utilizzo. Per garantire a Briqueterie Amouri una maggiore competitività rispetto alla concorrenza, il progetto è stato completato con l’aggiunta di una nuova linea di confezionamento che utilizza due banchi di programmazione caricati da due robot. Su ciascun banco di programmazione, Sabo ha installato due macchine reggiatrici orizzontali, mentre altri due robot accatastano gli strati programmati in modo da creare un pacco finale con fori, facilmente gestibile da un carrello elevatore senza l’ausilio di pallet. Due banchi metallici con profili speciali, ognuno dotato di una macchina reggiatrice verticale, confezionano poi il pacco finale reggiato. Una pinza a due teste trasferisce i pacchi a un altro banco metallico, posizionandoli su doppia fila per poi trasportarli alla zona di stoccaggio da dove vengono prelevati tramite carrello elevatore. Si tratta della disimpilatrice più grande realizzata finora in Algeria, capace di gestire una produzione di oltre 840 tonnellate/giorno di mattoni cotti. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dall’uso del sistema di pinza tripla per disimpilare dal carro forno mezzo pacco alla volta, utile nel  caso di ordini di spallettizzati o prodotti sfusi.

Robots setting line Impilatrice robotizzata


BRUCIATORI PER FORNACI

RISPARMIO ENERGETICO - AFFIDABILITÀ - AUMENTO PRODUTTIVO - SICUREZZA

SINCE1965

BRUCIATORI PER FORNACI

via Martiri della Resistenza, 7 20090 FIZZONASCO DI PIEVE EMANUELE - MILANO (ITALY) Tel. +39 02.90.72.27.21/2 Fax +39 02.90.78.16.37 www.fracbruciatori.com info@fracbruciatori.com


Bouras looks to the future XXXX - Tecnofiliere (Novi di Modena, Italy)

TECHNOLOGY

Bouras guarda lontano Sétif, capital of the eponymous province in northeast Algeria, is home to one of the most important manufacturers of clay bricks and tiles in the country and indeed anywhere in Africa. Set up by chairman and CEO Mr. Bouras Laid with the support of his sons, Bouras group is now a leading player in the sector and an important part of the region’s economy. Farsighted vision, a constant manufacturing presence, technical expertise and management skills are the keys to the success of this group, which has Bouras Laid achieved steady growth over the last 20 years. Along with its passion for its business, Bouras has always endeavoured to increase its production flexibility by repeatedly investing in the finest technology on the market. This has enabled it to diversify its range and achieve high levels of production capacity.

A Setif, capoluogo dell’omonima provincia nel Nord-Est dell’Algeria, ha sede uno dei più importanti gruppi di produzione di mattoni e tegole in laterizio del Paese e dell’Africa in generale. Il gruppo Bouras, creato per volontà di Bouras Laid (presidente e DG) e dei suoi figli, è una realtà industriale di assoluta rilevanza per tutto il settore e la regione. Visione nel futuro, presenza costante sul sito produttivo, conoscenze tecniche e capacità manageriali, sono le chiavi del successo di questo gruppo, che in 20 anni di attività è cresciuto in maniera costante. Oltre alla passione per il mestiere, Bouras ha sempre puntato ad aumentare la flessibilità produttiva, investendo a più riprese nella migliore tecnologia disponibile sul mercato che gli ha consentito di diversificare la gamma e di raggiungere elevate capacità di produzione.

The company began production in 1992 when it installed its first kiln for B8 and B12 bricks, the type most commonly used in Algeria. In keeping with the group’s farsighted vision, Bouras immediately opted for a tunnel rather than a rapid dryer so that it would be ready at any time to introduce new sizes in response to market demand. During the first 12 years of business the company started up a further two complete lines for B8 and B12 bricks along with a roof tile line and a small line for accessories.

La società ha iniziato la propria attività nel 1992 con l’installazione di una prima fornace per mattoni B8 e B12, materiali comunemente utilizzati in Algeria. La lungimiranza che ha sempre contraddistinto il gruppo, ha fatto propendere fin da subito verso un essiccatoio a tunnel anziché rapido, in modo da essere pronto in qualsiasi momento a diversificare i formati in base alla domanda del mercato. Nei primi 12 anni di attività sono state installate altre due linee complete per mattoni B8 e B12 e un impianto per tegole

Die for Portuguese roof tile Filiera in estrusione per tegola Portoghese

48

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Die Model CF1-FC B8 6-exits Filiera modello CF1-FC B8 a 6 uscite


LINGL – PARTNER DELL’INDUSTRIA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN LATERIZIO

SARL GIPAR impianto III, Algeria 2013

LINGL offre soluzioni di valore per l’intera catena di produzione

energetica e una facilità di funzionamento ottimale. Il ns. servizio

del laterizio: i nostri servizi d’ingegneria, dalle materie prime ai

contribuirà in modo significativo a mantenere il valore delle Vs.

processi produttivi, alla personalizzazione e ottimizzazione degli

macchine e dei Vs. impianti. 

impianti e ai concetti all’avanguardia nella produzione, daranno ai ns. clienti un vantaggio nei confronti dei loro concorrenti in ogni parte del mondo.

Qualità, esperienza e affidabilità forgiano i vincoli di una lunga e duratura collaborazione – Questo è stato il nostro impegno per oltre 70 anni.

I nostri prodotti innovativi sono caratterizzati da bassi costi di esercizio, un’ottima qualità produttiva, una spiccata efficienza

Rappresentanza in Italia: TRICER s.r.l. ∙ Sig. Fausto Carra ∙ Via Firenze, 4 46029 SUZZARA (MN) ∙ phone: +39 (0) 376 525 076 ∙ fax: +39 (0) 3376 507 182 mobile: +39 (0) 335 65 61 808 ∙ mail: tricersrl@mac.com

LINGL – Qualità costruita in Germania.

www.lingl.com


These investments enabled the group to look beyond the country’s borders, leading to participation in international trade fairs throughout the Maghreb region and elsewhere in Africa. Bouras continued to make investments over subsequent years and has now completely renewed its initial brick production lines (kilns, dryers and handling systems) in order to reduce emissions and energy costs and increase production capacity. At the same time it has built a second line for high-quality roof tiles in a different format, as well as a specialist line for the production of facing bricks, solar screens, pavers and decorative elements typical of the old handmade tradition. It is also building a complete line for high-pressure extruded ventilated façade panels and a plant with a capacity of around 2,000 tons/ day to be installed at the old production facility. This will be used to produce Extrusion phase of B8 6-exit die B8 and B12 bricks, wall Filiera B8 a 6 uscite in estrusione blocks, ceiling blocks and bases together with prefabricated lattices with the aim of adding a pre-assembled ceiling system to its range. The plant engineering projects will be completed towards the end of 2014. The choice of suppliers has always been a top priority for Bouras, resulting in lasting partnerships. For the extruder dies in particular, for years the group has opted for the expertise and reliability of Tecnofiliere (Novi di Modena, Italy), which to date has supplied the Algerian company with more than 45 dies, a range of spare parts and 7 pressure heads of various diameters and dimensions. For the new lines, Tecnofiliere has conducted meticulous technical studies to tailor each die to the specific requirements of the individual plants. In particular, the dies for B8 and B12 bricks feature cores and liners made of hard metal up to around 2000HV and have given very positive results. Once all the plants under construction are installed and fully operational, Bouras Group will have a product range that includes almost all formats used in the sector. (JF) 

Die model TFI for roof decoration Filiera modello TFI elemento decorativo soffitto

50

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

completo di una piccola linea per accessori. Tali investimenti hanno permesso al Gruppo di guardare oltre i confini nazionali, come hanno testimoniato le varie presenze a fiere in tutto il Maghreb e nel resto dell’Africa. La parola “investimento” ha contrassegnato anche gli anni successivi. Oggi, in particolare, l’azienda ha rinnovato completamente le prime linee per mattoni (forni, essiccatoi e movimentazione) con l’obiettivo di ridurre al massimo emissioni e costi energetici, nonché di aumentare la capacità produttiva. Parallelamente sono state realizzate una seconda linea per tegole di alta qualità e differente formato e una linea speciale per mattoni faccia vista, frangisole, pavimenti ed elementi decorativi tipici dell’antica tradizione del “fatto a mano”. In fase di realizzazione, invece, una linea completa per pareti ventilate estruse ad alta pressione e un impianto da circa 2.000 ton/giorno da installare nel vecchio sito produttivo, con cui saranno prodotti mattoni B8, B12, blocchi da muro, solaio e fondelli insieme a tralicci prefabbricati allo scopo di aggiungere all’offerta anche il sistema solaio pre-assemblato. I progetti impiantistici saranno ultimati verso la fine del 2014. La scelta dei fornitori, con i quali ha instaurato solidi rapporti di partnership, è sempre stata prioritaria per Bouras. In particolare, per la fornitura delle filiere, il gruppo da anni ha scelto la competenza e l’affidabilità di Tecnofiliere che, ad oggi, vanta l’installazione presso l’azienda algerina di oltre 45 filiere, svariati ricambi e 7 bocche di diversi diametri e dimensioni. Per le nuove linee, l’azienda di Novi di Modena ha effettuato uno studio meticoloso che ha consentito di calibrare ogni singola filiera sulle esigenze di ciascun impianto. Nello specifico, le filiere per mattoni B8 e B12 sono state realizzate con tasselli e cornici in metallo duro fino a circa 2000HV, che hanno dato risultati molto positivi. Una volta installati e portati a regime tutti gli impianti in corso di realizzazione, il Gruppo Bouras disporrà di una gamma produttiva completa di quasi tutti i formati esistenti nel set tore.

Die model TFI EVO for decorative slips Filiera modello TFI EVO elemento decorativo porte


Latvia chooses rotary cutting Frank Appel - (Lingl Anlagebau, Krumbach, Germany)

La Lettonia sceglie il taglio rotativo Since the prototype of the Lingl modular rotary cutter was first presented at Ceramitec in Munich in 2009 (patent *EP 2 200 789/*EP 2 2207 652), the company’s engineers have continued to develop the technology through to its market launch and first installation, which took place at the beginning of 2013 in the factory of Latvian company Lode SIA. Lode has been making building materials for over 50 years and today produces high-quality facing bricks, pavers and vertically perforated bricks at several sites in Latvia and Poland. The Liepa plant, not far from the Latvian capital of Riga, mainly produces facing bricks and special format bricks for open fireplaces and window ledges in a wide range of sizes and colours. Lingl and Lode have been working together for some time. Back in 2007 the German company built a new production line for the Äne plant for the production of high-porosity Keraterm vertically perforated clay blocks.

TECHNOLOGY

The new cutter installed at Liepa performs chamfering on four sides and was easily integrated into the existing line. It meets requirement of high-quality and above all uniform chamfering of a wide variety of products (a total of 33 sizes are produced). The rotary cutter with upstream chamfering device combines infinitely adjustable chamfering with the principle of

Rotary cutter at Lode SIA Taglierina rotativa nello stabilimento di Lode SIA

52

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Dal prototipo presentato al Ceramitec di Monaco del 2009, la taglierina rotativa modulare Lingl (brevetto *EP 2 200 789/*EP 2 2207 652) è stata oggetto di una costante attività di R&S fino al suo definitivo perfezionamento che ha consentito il lancio sul mercato e la prima installazione, avvenuta a inizio 2013 presso la Lode SIA in Lettonia. Attiva da oltre 50 anni, Lode produce materiali da costruzione, mattoni, mattoni faccia a vista, pavimenti e mattoni forati in verticale di alta qualità in diversi stabilimenti in Lettonia e Polonia. In particolare, lo stabilimento di Liepa, non lontano dalla capitale lettone Riga, produce principalmente mattoni faccia a vista e mattoni speciali per camini aperti e per davanzali in una vasta gamma di formati e colori. La collaborazione tra Lode e Lingl dura da tempo: già nel 2007, l’azienda tedesca aveva realizzato una nuova linea produttiva per lo stabilimento di Äne per la produzione di blocchi forati in verticale di argilla ad alta porosità Keraterm. La nuova taglierina installata a Liepa è dotata di bisellatura sui quattro lati, può essere facilmente integrata nella linea esistente e soddisfa richieste di alta qualità e soprattutto di smussatura uniforme su una grande varietà di prodotti (circa 33 formati). Il sistema, con dispositivo di bisellatura a monte, unisce la bisellatura regolabile con il principio di taglio rotativo, ottenendo in questo modo notevoli miglioramenti rispetto alle taglie-

Infinitely adjustable chamfering device Dispositivo di bisellatura regolabile in continuo


rotary cutting, resulting in considerable improvements compared to conventional continuously operating cutters such as universal vertical cutters or bidirectional cutters. The basic principle of the design of this cutter is similar to that of the cutter types mentioned above. The machine body contains the drive, which accelerates the moving chamfering and cutting cars and synchronizes them with the speed of the column. The cars are subsequently returned to their starting position. The chamfering device is designed in such a way that the chamfering blades always touch each other at the corners, which ensures very clean chamfering and an electronically adjustable chamfering depth during operation. Moreover, the closing movement of the chamfering blades takes place at the same time on all sides. Thanks to the kinematics, this device is very short and positioned as close as possible in front of the cutting modules to ensure optimum chamfering and cutting of the bricks. The modules are preset to the respective brick cross-section with special gauge and adapter components. The adjustment range of the chamfering blades is ± 10 mm in width and ± 5 mm in height. This option is interesting, for example, when one brick size must be produced with different raw material mixes with varying shrinkage. The rotary cut solves some basic problems associated with other cutting techniques. With conventional universal cutters, a gap has to be left between the bricks for the return movement of the wires. This reduces the cutting rate, limits the maximum possible number of cutting wires and produces unwanted brick groups downstream of the cutter that minimize flexibility of the dryer car loading. With the bidirectional cut of facing bricks, the clay column must be supported against slipping or lifting, and this often leaves unwanted impressions on the sensitive clay column. In the cutting method with a rotating wire revolving around the clay column, the column is always cut from the top, which eliminates the need for a gap. To maintain the quality of the bottom chamfer in the support plate area, socalled chamfer supports are installed. These extend during the cut and ensure that the bottom chamfer is not soiled with clay.

rine tradizionali a funzionamento continuo, quali ad esempio le taglierine verticali universali o taglierine bidirezionali. Il principio base della progettazione è simile a quello dei 3 tipi di taglierina sopra menzionati: il corpo della macchina ospita la motorizzazione che accelera il movimento dei carrelli di bisellatura e taglio e li sincronizza con la velocità della colonna. I carrelli vengono poi riportati alla loro posizione di partenza. Il dispositivo di bisellatura è progettato in modo che le lame vengano sempre in contatto tra di loro agli angoli, consentendo una bisellatura pulita, una profondità regolabile elettronicamente e un movimento di chiusura in contemporanea su tutti i lati. A causa della cinematica, tale dispositivo è molto corto e posizionato il più vicino possibile davanti ai moduli di taglio garantendo un’ottima bisellatura e taglio dei mattoni. I moduli sono preimpostati in base alla sezione del mattone tramite adattatori e speciali componenti di calibro. Il campo di regolazione delle lame è di ± 10 mm in larghezza e ± 5 mm in altezza. Questa opzione è interessante, ad esempio, quando sussiste la necessità di produrre un formato di mattone con miscele di materie prime differenti e con gradi diversi di ritiro. Il taglio rotativo risolve alcuni problemi che si verificano con altre tecniche di taglio. Con le taglierine universali tradizionali, infatti, per permettere il ritorno dei fili è necessario lasciare uno spazio tra i mattoni, il che riduce la velocità di taglio, limita il numero massimo possibile di fili e produce gruppi di mattoni indesiderati a valle della taglierina, limitando la flessibilità di carico dei carrelli essiccatoio. Con il taglio bidirezionale di mattoni faccia a vista, la colonna di argilla deve essere sostenuta per evitare scivolamento o sollevamento, che spesso lasciano segni indesiderati. Il metodo di taglio con un filo rotante attorno alla stessa colonna, invece, fa sì che essa venga sempre tagliata dall’alto verso il basso eliminando la necessità di uno spazio tra i mattoni. Per mantenere la qualità dello smusso inferiore nella zona delle piastre di appoggio, vengono installati i cosiddetti supporti smusso, che si estendono durante il taglio ed evitano che lo smusso inferiore si sporchi di argilla. La combinazione dei due principi porta quindi a una macchina molto compatta e flessibile, con un’ampia gamma di impostazioni.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

53


Diagram of a rotary cutter Schema di una taglierina rotativa

Contact pinion Pignone di contatto

Cutting wire Filo di taglio Cutting ring Anello di taglio

Column support Supporto della colonna

Wire tensioning device Dispositivo di tensionamento del filo

Side view Vista laterale

Rotary motion / Moto rotatorio Direction of transport / Dir. di trasporto

Cutting module Modulo di taglio

Chamfering module Modulo di bisellatura

Machine body Corpo macchina

The combination of the two principles leads to a very compact machine with a range of setting options. At Lode, the modular rotary cutter with an upstream 4-sided chamfering device uses three wires to cut continuously without waste. This allows for 45 cuts per minute on around 8,000 bricks/h in the size 267 x 127 x 70 mm. The cut length is precise and can be changed quickly without the need for any tools. With the addition of other chamfering and cutting modules, even higher production rates can be easily configured. The cutting and chamfering modules can be cleaned and maintained outside of the cutter, avoiding the need for complete dismantling of the cutter bench. (JF) 

Diagram of infinitely adjustable chamfering Schema della bisellatura regolabile in continuo Shifting ring Anello di spostamento

Chamfering blade open Lama di bisellatura aperta

Chamfering blade Lama di bisellatura

Chamfering blade half closed Lama di bisellatura semi-chiusa

Connecting element Elemento di collegamento

Chamfering blade closed Lama di bisellatura chiusa

La taglierina rotativa modulare installata nello stabilimento di Lode con dispositivo bisellatura su 4 lati a monte, usa tre fili per il taglio continuo senza sprechi. Ciò consente di eseguire 45 tagli al minuto su circa 8.000 mattoni/ora di dimensioni 267 x 127 x 70 mm. La lunghezza di taglio è precisa e può essere modificata rapidamente senza la necessità di alcun utensile. Tramite l’aggiunta di altri moduli di bisellatura e taglio è facile impostare produzioni ancora più elevate. I moduli possono essere puliti e mantenuti all’esterno della taglierina, non è quindi più necessario lo smontaggio completo del banco taglierina. 

54

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013


Automation for high-insulating brick production

Gunther Stolz - Keller HCW (Ibbenbüren, Germany)

Automazione nella produzione di mattoni termoisolanti

TECHNOLOGY

The Schumacher brickworks based in Körblingen, Switzerland is a family-owned brick manufacturer founded more than 150 years ago which has been producing a wide selection of high quality bricks for six generations. The Schumacher family is continuing its efforts to upgrade and automate the brick production processes at its Gisikon site, most recently with the installation of a modern robotic unloading plant and a 900air+ integrated grinding machine supplied by Novoceric (Mellrichstadt, Germany). This brings to three the number of plants supplied by Novoceric, the latest of which was installed in a very short period of time. The new line has enabled Schumacher to produce three newly developed bricks for highly effective heat-insulating brickwork. The top product of this series is the Monobrick ZSK, which offers optimum values for thermal insulation thanks to the fact that they are bonded together with thinlayer mortar (2 mm). It also makes for clean and accurate masonry requiring considerably less working time. The product was developed thanks to the introduction of the new 900air+ grinding machine, which automatically grinds the fired bricks in a continuous process with an accuracy of ± 0.2 mm.

Palletising robot Robot di pallettizzazione

56

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

La Schumacher Brickworks di Körblingen (Svizzera) è una fornace a conduzione familiare fondata oltre 150 anni fa e che ormai da sei generazioni produce una vasta gamma di mattoni di alta qualità nello stabilimento di Gisikon, oggetto di un impegno costante di ammodernamento, soprattutto nel campo dell’automazione. Recentemente, infatti, Novoceric (Mellrichstadt, Germania) vi ha installato un moderno impianto di scarico robotizzato e una rettificatrice integrata 900air+. Con quest’ultima fornitura salgono a 3 gli impianti forniti da Novoceric all’azienda svizzera, quest’ultimo, in particolare, installato in tempi estremamente rapidi. Grazie alla nuova linea, Shumacher ha potuto facilmente realizzare tre tipi di mattoni di nuova concezione per muratura termoisolante. Il prodotto di punta di questa serie è il Monobrick ZSK, che offre ottimi valori di isolamento termico, grazie alla possibilità di utilizzare in fase di posa una malta a strato sottile (2 mm). Questo, peraltro, consente anche di realizzare una muratura pulita e precisa con tempi di lavorazione molto inferiori agli standard. Il prodotto è stato sviluppato grazie all’introduzione della nuova rettificatrice 900air+ che rettifica automaticamente i mattoni cotti in un processo continuo con una precisione di ± 0,2 millimetri.

Unloading robot Robot di scarico


The grinding machine The high flexibility of the 900air+ shows that the plant owners have already planned for the future. The grinding width is adjustable between 199 and 600 mm and the grinding height from 40 to 600 mm. The maximum grinding speed is 20 m/min. and the grinding disc diameter is 900 mm.The machine consists of 2 grinding stations, each with two motor-driven grinding wheels. During the grinding operation, the air distribution system ensures a continuous flow of air which removes the accumulated dust from the grinding wheel and at the same time provides the necessary cooling. A transport system with toothed belts routes the bricks past the grinding stations using a sophisticated drive technology that minimises the use of electrical energy. The highly reliable plunger system adopted on the top pressure bar is capable of compensating height tolerances of up to 15 mm without any problem. The pressure bar is separated into sections and can always keep the passing bricks in the correct position in its individual sections. A patented laser measuring device always guarantees the required grinding precision and compensates for grinding wheel wear. The complete grinding machine is housed in a sophisticated soundproof enclosure which fully meets the high noise protection requirements of modern industrial plants. The complete plant can be operated from a central operating panel equipped with a touch screen. The dust created during the grinding process is extracted through a pipe system which is part of the Hellmich de-dusting plant and is pneumatically conveyed to a storage silo in the material feed area of the box feeder. The grinding dust is then gradually dosed into the production process. Packaging and wrapping As previously stated, a robotic system moves the fired bricks from the kiln car to the unloading plant, which can handle all product sizes (approx. 100 pieces), both ground and unground. However, the use of a fully automatic robot to create the dispatch packs is a new feature. High flexibility in the dispatch pack area was an important requirement for the Schumacher brickworks and the chosen solution allows Swiss pallets or Euro pallets to be used for dispatch pack forming according to needs. Ultramodern plant technology was also chosen for the subsequent stage of wrapping the dispatch packs. A stretch hood machine supplied by Lachenmeier covers the packs with a weatherproof film hood and protects them during transport. Unlike a shrinkwrapping process using combustion gas, this technology requires no additional heating energy. The completed dispatch pack – complete with the red flame and the “S” for Schumacher clearly visible on the film hood – then waits on a chain conveyor to be picked up by a fork-lift truck. A single plant operator manages the entire de-hacking plant from a central control panel where all the configuration data for the individual plant areas (including pre-selection of the kiln cars) can be viewed and if necessary modified immediately. Continuous investments in new technology have enabled the Schumacher brickworks to remain competitive in the market. It delivers products that cater for the needs of new construction systems with a focus on lower consumption and care for the environment without sacrificing product quality. (JF) 

58

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

La rettificatrice L’elevata flessibilità della 900air+ si presta a futuri cambiamenti di tipologie produttive: la larghezza di rettifica è regolabile da 199 a 600 mm, l’altezza da 40 a 600 mm. La velocità massima di rettifica è 20 m/min, mentre il diametro della mola è di 900 mm. La macchina è composta da 2 stazioni di rettifica, ciascuna dotata di due mole motorizzate. Durante il processo, il sistema di distribuzione dell’aria assicura un flusso continuo per rimuovere la polvere accumulata sulla mola e allo stesso tempo garantisce il raffreddamento necessario. Un sistema di trasporto dotato di cinghie dentate, convoglia con precisione i mattoni attraverso le stazioni di rettifica, grazie a una tecnologia sofisticata di motorizzazione che riduce al minimo l’utilizzo di energia elettrica. Il sistema a stantuffo della barra di pressione superiore è in grado di compensare tolleranze di altezza fino a 15 mm senza alcun problema. La barra di pressione è suddivisa in sezioni ed è in grado di mantenere i mattoni nella posizione corretta mentre transitano nelle sue singole sezioni. Un dispositivo brevettato di misurazione laser garantisce sempre la precisione di rettifica richiesta, oltre a compensare l’usura della mola stessa. La rettificatrice completa è alloggiata in un sofisticato contenitore insonorizzato che risponde perfettamente alle severe norme di protezione dal rumore, in vigore nei moderni stabilimenti industriali. L’intero impianto può essere gestito da un pannello di comando centrale touch screen. La polvere creata durante il processo di rettifica viene estratta attraverso un sistema di tubi, parte dell’impianto di depolverazione progettato da Hellmich, e viene convogliata pneumaticamente fino ad un silo di stoccaggio ubicato nella zona di alimentazione e gradualmente introdotta nel processo di produzione. Confezionamento e imballaggio Come si diceva, un sistema robotizzato movimenta i mattoni cotti dal carro forno alla linea di scarico che gestisce tutti i formati (circa 100 pezzi), rettificati e non. Tuttavia, l’uso di un robot completamente automatico dedicato esclusivamente alla creazione dei pacchi per la spedizione è una configurazione nuova. L’alta flessibilità nella zona del confezionamento rappresentava infatti una richiesta molto importante per la fornace Schumacher, e la soluzione individuata risponde all’esigenza di utilizzare, a seconda delle necessità, sia pallet svizzeri che Euro pallet per la spedizione degli ordini. Per l’imballaggio dei pacchi confezionati si è optato per tecnologia di ultima generazione. Un’incappucciatrice fornita da Lachenmeier copre i pacchi con una pellicola resistente alle intemperie e li protegge durante il trasporto. A differenza di un processo termoretraibile con gas di combustione, questa tecnologia non richiede alcuna energia di riscaldamento. Il pacco completato - con la fiamma rossa e la “S” di Schumacher ben visibile sulla pellicola - attende quindi su un trasportatore a catena di essere prelevato da un carrello elevatore. Un solo operatore gestisce l’intero impianto di disimpilamento da un pannello di controllo centrale dove tutti i dati di configurazione per le singole aree dell’impianto (compresa la preselezione dei carri forno) possono essere visualizzati e, se necessario, modificati all’istante. I continui investimenti in nuova tecnologia hanno permesso alla fornace Schumacher di mantenersi competitiva sul mercato con prodotti in linea con le esigenze dettate dai nuovi sistemi di costruzione, privilegiando minori consumi e il rispetto  ambientale, senza penalizzare la qualità del prodotto.


ARCHITECTURE

CONSTRUCTION

DESIGN

D COR

BUILDING & INTERIORS Building Materials & Equipment

Interiors


Kiln car innovation Eric Debraine - Ceric Technologies (Paris, France)

Innovazione nei carri forno

TECHNOLOGY

Girnghuber, better known as Gima, is a company based in Lower Bavaria in southern Germany with a long history in the production of heavy clay building materials. The Marklkofen plant, owned by the Girnghuber family since 1903, now employs 250 people who work in autonomous production units that produce a wide range of roofing tiles. Girnghuber has a longstanding partnership with Ceric, from which it has purchased 3 hydrocasing kilns, the first in 1990 and still in operation, and the other two in 1995 and 1999. As part of a technological expansion project, Ceric Technologies was again called on to supply 25 new cars for the hydrocasing kiln installed in late 2012. The plant project focused on quality, innovation and energy savings, requirements that Ceric satisfied to the full. The project had to overcome a number of operating challenges, including a very tight deadline, the need to perform the work without disrupting ongoing production operations, the need to optimise energy efficiency of the cars and compliance with budget specifications. All contractual undertakings were met with the full cooperation and coordination of Gima’s production teams and in accordance with all applicable safety standards.

La società Girnghuber, meglio conosciuta come Gima, ha sede nella Bassa Baviera, in Germania meridionale. L’azienda possiede una lunga tradizione nella produzione di materiali da costruzione in laterizio. Il sito industriale di Marklkofen, di proprietà della famiglia Girnghuber dal 1903, impiega 250 persone e, con impianti di produzione autonomi, produce una vasta gamma di tegole. Girnghuber vanta una lunga collaborazione con Ceric, dalla quale ha acquistato 3 forni hydrocasing, il primo nel 1990, tutt’ora in funzione, gli altri due nel ’95 e ’99. Nell’ambito di un piano di potenziamento tecnologico, Ceric Technologies è stata nuovamente interpellata per la fornitura di 25 carri supplementari per il forno hydro-casing, installati a fine 2012. Qualità, innovazione e risparmio energetico sono stati i tre punti fondamentali sui quali si è basato il progetto impiantistico e ai quali Ceric ha risposto in modo altamente qualificato. Il progetto ha comportato diversi vincoli operativi, come tempistiche di esecuzione molto strette, necessità di eseguire i lavori senza interferire sul funzionamento dell’impianto di produzione, l’obbligo di ottimizzare l’efficienza energetica dei carri e il rispetto del budget indicato. Tutti gli impegni contrattuali sono stati rispettati in perfetta collaborazione e coordinamento con lo staff tecnico di Gima e nel più ampio rispetto delle norme di sicurezza.

Car frames

I telai

Ceric produced and pre-assembled the frames in its own workshops, then

La costruzione e il pre-assemblaggio completo dei telai nelle officine Ceric

The completed cars, awaiting installation of the H cassettes Carri finiti in attesa di ricevere le cassette ad H

60

B RIC K W o rld R eview n. 2/ 2013

Final assembly of the frames on the production site Riassemblaggio dei telai in loco


oversaw their final assembly on the production site. They were shipped in two parts to avoid any risk of deformation during road transportation. The cars were built with a two-part skirt to ease the stresses generated between the upper and lower parts of the skirt by the successive rising and falling heat gradients experienced by the cars.

Lateral skirts Minigonne laterali

FIG. 1 - Average thermal losses along kiln length for a temperature of 1050°C Dispersioni medie sulla lunghezza del forno per una temperatura di 1050°C

Car lining

ha consentito un riassemblaggio perfetto in loco. I telai sono stati caricati e spediti divisi in due parti per evitare qualsiasi rischio di deformazione durante il trasporto. Le minigonne dei carri sono state realizzate in due parti al fine di eliminare le tensioni tra la parte superiore e la parte inferiore generate dal gradiente termico al quale il carro è sottoposto in fase di aumento o diminuzione della temperatura.

The Ceric TechIl rivestimento nologies R&D dei carri Department has developed a Il servizio Ricerca new lining matee Sviluppo di Cerial that uses a ric Technologies lightweight, reha sviluppato un fractory insulator nuovo tipo di ricalled Cerilite vestimento per il L01 in place of quale la fibra traconventional fidizionale è stata bres. This new sostituita da Ceritype of lining lite L01, un mateuses the latest FIG. 2 - Gain in density between the old riale isolante a ceramic proAnd the new insulation base di refrattario cesses, which Aumento della densità tra il vecchio e il nuovo isolamento molto leggero. promote wherGrazie a questo ever possible the nuovo tipo di riuse of lightvestimento è posweight, heat-resibile utilizzare sistant insulating processi che famaterials, develvoriscono l’utilizoped in partnerzo di materiali ship with Burton, leggeri, resistenti a company that e isolanti, svilupspecialises in depati in collaborasigning and prozione con Burducing refractoton, azienda spery materials. cializzata nella Cerilite L01 is produzione di made from remateriali refrattafractory aggreri. Cerilite L01, a gates that are base di granulati resistant to temresistenti a temperatures of up perature di to 1400°C. It is 1400°C, viene utilizzato in forma sfusa ed è un’alternativa innoused in big-bag form and constitutes an innovative altervativa alla fibra ceramica attualmente utilizzata, detta “verde”. native to the so-called “green” ceramic fibre currently in I vantaggi offerti da Cerilite L01 sono numerosi. use. Cerilite L01 offers numerous advantages: • Risparmio di energia: associa un’alta porosità a una massa li• Energy savings: its high porosity and low mass help remitata contribuendo così pienamente al risparmio energetiduce energy consumption and heat losses. co e alla riduzione di perdite di calore. • High insulating capacity: it has a low thermal conductivi-

62

B RICK W o rld Review n. 2/ 2013


ADVERTISING Producing cars using Cerilite L01 instead of fibre (quick and easy) Esempio di costruzione di carri con il Cerilite (facile e rapida messa in opera)

ty. • Easy and quick to apply/handle: because Cerilite L01 is lightweight and used in big bag form, it is easy to use even in situations of limited space; this reduces time implementation and facilitates repair jobs by enabling the product to be aspirated and subsequently reused. • No health risks: Cerilite L01 contains no ceramic fibre or silica, so it can be used and reused in future refractory operations without creating any health risks. A new reinforced frame design allows the insulating lining to be applied directly to the flat base plates. This avoids the need for high-density concrete, which would adversely affect energy efficiency. This new insulator reduces average heat loss from the cars by between 13% and 15% at a temperature of 1050°C. The reduction in heat loss is even greater at higher temperatures (Figures 1 and 2). (JF) 

• Isolamento elevato: possiede una bassa conduttività termica. • Di facile e rapido utilizzo/ manipolazione: la sua piccola massa e il suo utilizzo in forma sfusa (big bag) ne permettono una facile posa anche in zone esigue, riducendo i tempi di messa in opera e facilitando le riparazioni attraverso la semplice aspirazione e riutilizzo del prodotto. • Nessun rischio per la salute: questo materiale non contiene fibre ceramiche o silice e permette quindi un utilizzo senza rischi sia in fase di messa in opera che durante le operazioni di rifacimento necessarie nel tempo. Inoltre, una nuova concezione di rinforzi del telaio permette il posizionamento diretto della parte isolante del rivestimento su lamiere di fondo piatte, senza dover utilizzare del cemento denso il cui effetto in termini di efficienza energetica è negativo. Il nuovo isolamento riduce le dispersioni medie attraverso i carri da 13 a 15% a una temperatura di 1050°C. Tali percentuali aumentano con l’aumento della temperatura  (figure 1 e 2).


Mixed moulds for roof tiles Simone Dutto - Bongioanni Stampi (Fossano, Italy)

Stampi misti per tegole

TECHNOLOGY

As an age-old material that is universally appreciated for its characteristics of strength and versatility and for its innate green qualities, clay is still hard to imitate. Clay roof tiles in particular have aesthetic qualities that set them apart from any other product on the market. But while the process of shaping with plaster moulds guarantees the highest product quality, the technique has the drawback of high process costs due to the large number of moulds needed, the need for a dedicated plaster department, rapid plaster wear and stoppages for mould changing. As part of the ongoing search for a compromise between production costs and product quality, Bongioanni Stampi is conducting a number of studies to test new materials and explore combinations of different technologies. In a number of applications in various parts of Europe and the rest of the world, roof tiles are produced with extremely high quality using mixed moulds. By using a resin cast bottom mould with a preformed membrane made of a special electrically conducting compound in conjunction with a plaster cast top mould, it is possible to form roof tiles with aesthetic characteristics on a par with those produced from plaster moulds. The resultant roof tiles have an upper, visible surface with perfect aesthetic qualities and impeccable definition. The lower surface maintains the characteristics of the resin mould combined with a preformed membrane, which has the advantage of considerably lower production costs. The combined use of these technologies allows for more flexible and less expensive management than the conventional plaster mould solution. The investment required for new models is reduced due to the need for a smaller number of lower moulds and less frequent and quicker mould changes. Furthermore, the plaster department requires fewer machines, less stock and fewer personnel. To guarantee results and to help manufacturers plan their projects, Bongioanni Stampi has partnered with Bongioanni

64

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Il laterizio, materiale antico apprezzato universalmente per le sue caratteristiche di resistenza e versatilità, nonché per le sue innate doti “green”, risulta ancora oggi di difficile imitazione. La tegola in laterizio, in particolare, possiede qualità estetiche che si differenziano da qualsiasi altro prodotto in commercio. La produzione con stampi in gesso, che garantisce la miglior resa, pesa tuttavia sul prodotto per gli elevati costi di processo dovuti all’alto numero di stampi necessari, alla gestione del reparto gesseria, alla rapida usura del gesso e alle fermate dovute al cambio stampi. Alla costante ricerca di compromessi tra costi di produzione e qualità del prodotto, Bongioanni Stampi sta portando avanti diversi studi testando nuovi materiali e sperimentando l’associazione tra diverse tecnologie. In varie applicazioni realizzate in differenti parti d’Europa e del mondo, è stato possibile ottenere tegole di altissima qualità con l’utilizzo degli stampi misti. L’impiego di uno stampo inferiore con colata in resina e membrana preformata (composta da una mescola speciale adatta a condurre l’elettroshock), abbinato a uno stampo superiore con colata in gesso, ha permesso la formatura di tegole con caratteristiche estetiche proprie dello stampo in gesso. Le tegole ottenute mantengono sulla superficie superiore, quella visibile, un’estetica perfetta, una definizione di prodotto e un aspetto superficiale impeccabile. La superficie inferiore mantiene le caratteristiche dello stampo in resina associata a una membrana preformata, col vantaggio di contenere notevolmente i costi di produzione. La combinazione di queste tecnologie rispetto alla tradizionale soluzione degli stampi in gesso, consente una gestione più flessibile e meno onerosa: si riduce l’investimento per un eventuale nuovo modello, necessitando di un minor numero di stampi inferiori con cambi più rapidi e meno frequenti; il reparto gesseria è più contenuto nei macchinari, nel magazzino e nel personale impegnato. Per garanzia di risultato e per aiutare i produttori nella piani-


Macchine to develop laboratory equipment capable of performing industrial testing in complete safety at the producer company’s facility. By performing production tests and evaluating the suitability of raw materials for the use of mixed moulds, it is possible to acquire the data necessary to analyse the investment on the basis of concrete facts. Tests conducted on a client company’s site have revealed the numerous advantages offered by the system, including: 1. Personnel working on mould maintenance have been transferred to the plaster department, making it unnecessary to hire extra staff; 2. The press speed has been reduced to 17 strokes/minute (previously 18 strokes/ minute) as a result of bongioanni’s patented vvp software which allows speed to be recovered during the non-pressing phase; 3. With the new system the plant efficiency has increased from 81% to 92%; 4. The lower speed in terms of strokes/minute allows for the production of a larger number of higher quality tiles. (JF) 

ficazione del progetto, Bongioanni Stampi in collaborazione con Bongioanni Macchine, ha elaborato un’attrezzatura di laboratorio per effettuare prove industriali in totale sicurezza presso lo stabilimento dell’azienda produttrice, effettuare test di produzione e valutare l’idoneità della materia prima all’utilizzo degli stampi misti, raccogliendo così i dati necessari per analizzare l’investimento sulla base di elementi concreti. I test di valutazione effettuati presso un’azienda cliente hanno messo in evidenza numerosi vantaggi, tra cui: 1. Il personale che si occupava della manutenzione degli stampi è passato al reparto gesseria, senza dover aumentare il numero degli addetti; 2. A livello produttivo le presse sono scese a 17 battute/minuto (prima 18 battute/minuto), grazie al software brevettato bongioanni vvp che consente il recupero di velocità in fase di non pressata; 3. Con il nuovo sistema si è passati da un rendimento dell’impianto dell’81% al 92%; 4. La velocità battute/minuto più bassa consente di produrre più tegole con una qualità migliore. 

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

65


Combining innovation and tradition arch. Andrea Valentini - (Porto San Giorgio, Italy)

Innovare nella tradizione

ARCHITECTURE

An “almost-zero” cost building is an extremely high performance building with energy demand below 10 kW/m2a (Gold Class). According to the new energy efficiency Directive 2010/31/ EU, by 31 December 2020 all buildings must meet high standards of energy saving through the use of renewable sources and must be classified as “almost zero energy” (buildings currently account for 40% of the total energy consumption of the European Union and are therefore the largest source of emissions). The Manzoni residential development, opened in November 2012, anticipates the directive by adopting construction systems focusing on energy efficiency and a drastic reduction in maintenance and management costs. It is located in the southern area of Porto San Giorgio in the province of Fermo, just 200 metres from the sea. The development, consisting of 30 real estate units of various kinds, overlooks the equipped green area called Piazza Manzoni to the north of the municipal stadium. An approach that combines traditional construction materials and systems with aspects of innovation was one of the principles underpinning the project, which used sustainable materials without pursuing the latest trends in structural layouts that have not yet been tested in terms of performance and durability. In addition to achieving energy class A in accordance

66

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013

Un immobile a costo “quasi zero” è un edificio ad altissima prestazione in cui il fabbisogno energetico é inferiore a 10 kW/m2a (Classe Gold). La nuova Direttiva 2010/31/UE sull´efficienza energetica prevede che entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici dovranno possedere elevati standard di risparmio energetico grazie all’utilizzo di fonti rinnovabili, nonché essere a energia quasi zero (ad oggi, gli immobili assorbono il 40% del consumo totale di energia dell´Unione Europea, rappresentando così la più grande fonte di emissioni). L’intervento residenziale Manzoni, inaugurato a novembre 2012, anticipa la direttiva in questione collocandosi fin d’ora nel sistema costruttivo mirato all’efficienza energetica e alla drastica riduzione dei costi di manutenzione e di gestione. Ubicato nella zona sud di Porto San Giorgio in provincia di Fermo, a soli 200 metri dal mare, l’immobile è composto da 30 unità immobiliari abitative di varie tipologie, è prospiciente l’area verde attrezzata denominata piazza Manzoni e si trova a Nord dello stadio comunale. Il dialogo dei materiali e sistemi costruttivi tradizionali con l’innovazione è stato uno dei principi ispiratori del progetto che ha utilizzato materiali ecosostenibili senza tuttavia adeguarsi a schemi costruttivi di tendenza non ancora testati a livello di performance e durabilità. Oltre al raggiungimento della classe energetica A, secondo la normativa nazionale, particolare attenzione è stata dedicata al comfort e al benessere abitativo inter-


with national legislation, special attention has been devoted to standards of internal living comfort and well-being, an aspect that is all too often neglected. Facing bricks were chosen both for historical reasons and for their guaranteed durability and long-term performance. The solution chosen for insulation consisted of a system for anchoring the external clay shell to the reinforced concrete frame using carbon fibres and pozzolanic lime, a solution that will adopt a research protocol to evaluate its seismic structural behaviour. The lining of the external shell uses bricks with a low percentage of holes and a high mass and thermal inertia to guarantee excellent living comfort in the summer.The use of NHL 5 natural hydraulic lime for the internal plasterwork guarantees the effective breathability of the walls and excellent humidity control of the rooms, hindering the formation of microorganisms and mites. Thermal bridging on the reinforced concrete external structural parts was also insulated using natural hydraulic lime based thermal plaster to guarantee greater durability. The internal paintwork used a Keim high-performance nonallergenic silicate-based paint to avoid the occurrence of harmful VOC residues. Wood was chosen as the material for the external fixtures and all the subframes. To ensure optimum air recirculation, each housing unit has been equipped with a simple and low-maintenance VMC mechanically controlled ventilation system. Another key aspect of the project was the use of a passive cooling system consisting of a white cool roof with a Renolit type white mass PVC waterproofing system with the maximum capacity to reflect incident sunlight. Efforts to create an “almost zero-cost condominium” included the installation of a shared photovoltaic system on the roof capable of producing energy and generating revenues for ordinary condominium expenses. Low energy consumption was also guaranteed by the use of low power MRL type lifts. All the units are equipped with a standard home automation system to ensure ease of management and to enable further functional modules to be added. (JF) 

no troppo spesso trascurato. L’impiego del laterizio faccia vista è stata una scelta precisa sia per motivi di tradizione storica, sia per le garanzie di durabilità e prestazione nel tempo. Per l’isolamento è stato privilegiato un sistema di ancoraggio della fodera esterna del laterizio al telaio in cemento armato, utilizzando fibre di carbonio e calce pozzolanica che sarà oggetto, fra l’altro, di un protocollo di ricerca per valutarne il comportamento strutturale ai fini antisismici. Inoltre, per le fodere interne del tamponamento esterno sono stati utilizzati laterizi con bassa percentuale di foratura a forte massa ed elevata inerzia termica allo scopo di garantire un ottimale comfort abitativo estivo. L’uso della calce idraulica naturale NHL 5 per la realizzazione degli intonaci interni, ha garantito un’efficace traspirabilità delle murature e un’ottima regolazione igrometrica degli ambienti riducendo la formazione di microorganismi e acari. Anche per l’isolamento dei ponti termici delle parti strutturali in cemento armato esterne è stato utilizzato un termo-intonaco a base di calce idraulica naturale che garantisce una maggiore durabilità nel tempo. Per la tinteggiatura interna è stata scelta una pittura ai silicati di elevata prestazione e a forte potere anallergico per evitare residui volatili VOC dannosi per l’organismo. Il legno è stato scelto come materiale per la realizzazione degli infissi esterni e per tutti i controtelai. Per garantire un’ottimale regolazione di ricambio d’aria è stato installato in ogni alloggio un impianto di ventilazione meccanica controllata “VMC” semplice e di facile manutenzione. Altro elemento essenziale è stata la realizzazione di un sistema di raffrescamento passivo con tetto “bianco” e freddo tipo cool roof con applicazione sulla copertura piana di un sistema di impermeabilizzazione in pvc a massa bianca, al fine di garantire la massima capacità di riflettere l’irradianza solare incidente sul tetto. Si è cercato di realizzare un “condominio a costo quasi zero” mediante l’installazione sulla copertura di un impianto fotovoltaico condominiale che provveda a scambiare energia ed avere proventi per le spese condominiali ordinarie. Il basso consumo energetico è stato inoltre garantito dall’uso di ascensori a basso consumo. Tutti gli alloggi sono stati provvisti di un impianto domotico di base che garantisse facilità di gestione e possibilità di ulteriori moduli espansivi di funzione. 

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

67


products prodotti

Sacmi Heavy Clay As part of its efforts to constantly expand and improve its product range, Sacmi’s Heavy Clay division is offering customers a new cutting and chamfering system for facing bricks chamfered on 4 sides. In keeping with Sacmi’s philosophy, the machine combines the usual performance characteristics in terms of production capacity and product quality with ease of maintenance and simplicity of adjustment during size changeovers. The machine’s main characteristics are: • Rugged structure capable of completely absorbing vibrations • Modular, standardised design for ease of procurement of spare parts • Rapid and simple replacement of the cutting and chamfering unit • Application of roller guideways with automatic lubrication system • Movements with conventional systems (rod/crank) driven by inverters and encoders for smooth, harmonious movements • Capacity for 12 cutting cycles

per minute • Millimetric adjustment of cutting depth in the brick by means of graduated rods • Pneumatic wire tensioning to allow for the use of smaller gauge harmonic wire, thereby improving cutting quality and reducing machine downtime • Automatic device for wire cleaning with each operation • Ease of access for inspection, cleaning and cutting wire replacement by sliding and manually opening the incoming pusher assembly.

Nel contesto del costante ampliamento e perfezionamento della sua gamma produttiva, la divisione Heavy Clay di Sacmi propone ai suoi clienti un nuovo sistema di taglio e bisellatura per mattoni faccia a vista bisellati sui 4 lati. La macchina in oggetto, seguendo la filosofia Sacmi, è stata progettata tenendo in considerazione, oltre alle scontate caratteristiche di performance in termini di potenzialità produttiva e di qualità dei prodotti, soprattutto la rapidità e facilità di regolazione durante il cambio formato, nonché l’agevole e semplificata manutenzione. Elenchiamo di seguito le principali ca-

ratteristiche della macchina: • Robusta struttura per il totale assorbimento delle vibrazioni; • Modularità e standardizzazione costruttiva per un facile approvvigionamento dei pezzi di ricambio; • Rapida e agevole sostituzione del gruppo di taglio e bisellatura; • Applicazione di guide a rotolamento negli spostamenti, con sistema di lubrificazione automatica; • Movimenti con sistemi tradizionali (biella/manovella) ma azionati mediante inverter ed encoder, per ottenere movimenti armonici e fluidi; • Potenzialità di 12 cicli di taglio al 1’; • Regolazione millimetrica della profondità di incisione del mattone, mediante aste graduate; • Tensionamento pneumatico dei fili, che consente l’utilizzo di una sezione del filo armonico di taglio inferiore, con conseguente miglioramento della qualità di taglio e riduzione dei tempi di fermo macchina. • Dispositivo automatico per la pulizia dei fili a ogni manovra. • Accesso facilitato per ispezione, pulizia e sostituzione dei fili di taglio, mediante lo scorrimento e l’apertura manuale del gruppo spintore in ingresso.

every continent and a turnover of more than 500 Million €. We invest 18% of our revenue into new products and the whole organization is focused on creating added value products for our customers. With over 50 years of experience

Borregaard, una delle bioraffinerie più avanzate al mondo, progetta biopolimeri ottenuti da materie prime naturali e rinnovabili, senza l’uso di sostanze chimiche a base di petrolio, per tutti i tipi di applicazioni industriali.

Con stabilimenti e uffici in tutti i continenti e 50 anni di esperienza nel settore ceramico investe ogni anno il 18% del proprio fatturato (oltre 500 milioni di euro), in ricerca di prodotti innovativi. Borregaard ha sviluppato Biokeram, una gamma unica di biopo-

BORREGAARD Borregaard is the world’s most advanced biorefinery. Produced from natural, renewable raw materials, our biopolymers are designed for all type of industrial applications to substitute oil based chemicals. We have plants and offices in

68

B RICK W o rld R eview n. 2/ 2013


losses, Breakages have been seen to be reduced by more than 50% when using BioKeram. Furthermore damages associated with chipping, cracking and handling have also reduced as an effect of the binding property that BioKeram performs. If we talk about Energy Consumption, it can be achieved both by reduction of the Power Consumption (~20%), or Increasing Extrusion Rate (~15%). In summary, BioKeram usage allows you to save around € 400,000 (~ US$ 520,000) in a typical 300 MT of clay daily production line with lower breakage rates due to bigger Mechanical Resistance, Chemicals Replacement and Energy Savings.

limeri economicamente convenienti per la lavorazione di argilla e materiali simili che ne migliorano la lavorabilità e la resistenza contenendo i costi di produzione. Quattro i motivi principali per utilizzare BioKeram: • Aumentare la resistenza meccanica. L’utilizzo di BioKeram aumenta i valori del carico di rottura (CDR) sia in verde che a secco. Per esempio, l’aggiunta del 0,6% di BioKeram è in grado di ottenere un aumento del 30% in verde e del 50% a secco. • Per ridurre l’acqua di plasticità. BioKeram è in grado di ridurre dell’1-2% (anche fino al 4%) la

Green efficiency for ceramic applications

Red plastic clay pfefferkorn coefficient of plasticity Clay + Tap water Clay + 0,6% BioKeram 100L Clay + 1,2% BioKeram 100L Linear (Clay + 0,3% BioKeram 100L) Linear (Clay + 0,6% BioKeram 500L)

4,0

3,5 30 r=h0/h1

in the Ceramics market, Borregaard has developed a unique range of cost-effective biopolymers for the processing of clay and related materials. Our innovative solutions improve clay workability and strength, while helping decrease production costs. Our technical personnel are experts in your field and will conduct testing in close co-operation with your production team to provide the best BioKeram for your specific process. We recommend BioKeram as a way to optimize your production efficiency: • To increase Mechanical Strength. Both green and dry Modulus of Rupture (MOR) values are increased when using BioKeram, typically by +30% when measuring Green Strength and by +50% when measuring Dry Strength, both with a BioKeram addition of 0.6%. • To reduce Plasticity Water. BioKeram can reduce 1-2% even up to 4% the amount of water for plastic behavior, reducing drying costs. • To reduce Energy Consumption. BioKeram can ease the compaction process by a lubrication effect, ensuring less energy is required to shape the clay. Furthermore enhanced flow eases regulation at the press, achieving a more homogeneous distribution of the raw material. BioKeram can reduce the wear of process equipment, because of the mentioned lubrication effect. • To neutralize Soluble Salts. BioKeram has shown increased performance against soluble salt neutralization, by reducing or even replacing some chemicals used in the production process. An example could be Barium Carbonate that, depending on composition of body clays and water, can be replaced by BioKeram as can be seen in the image below. Reduction in Production Costs is affordable when using BioKeram due to Increased Quality and the reduction in the Energy Consumption.In terms of Quality and

40

3,0 y = 0,252x - 5,624 R² = 0,986

2,5 y = 0,230x - 5,203 R² = 0,995

y = 0,202x - 3,932 R² = 0,974

y = 0,217x - 4,893 R² = 0,994

y = 0,217x - 4,625 R² = 0,998

2,0

1,5

Humidity (% dry matter)

SANDY CLAY - DRY FLEXURAL STRENGTH (Kg/cm2) 40 35 30 25 20 15 10 5 0 Reference

0,3% BioKeram 100 L

0,6% BioKeram 100L

0,6% Polysaccharide

quantità di acqua necessaria per ottenere il comportamento plastico, riducendo così i costi di essiccazione • Ridurre i consumi energetici. BioKeram è in grado di facilitare il processo di compattazione tramite un effetto di lubrificazione in modo che sia richiesta meno energia per modellare l’argilla. Inoltre la maggiore portata facilita la regolazione alla pressa, ottenendo una distribuzione più omogenea della materia prima. BioKeram è in grado di ridurre l’usura delle apparecchiature di processo grazie all’effetto di lubrificazione sopra accennato • Per neutralizzare i sali solubili. BioKeram ha evidenziato una capacità maggiore di prevenire la neutralizzazione dei sali solubili, riducendo o addirittura sostituendo alcuni prodotti chimici utilizzati nel processo di produzione. Un esempio è quello di carbonato di bario che, a seconda della composizione di argilla ed acqua, può essere sostituito da BioKeram. L’utilizzo di BioKeram permette di ridurre i costi di produzione grazie all’aumento della qualità e al ridotto consumo di energia. Per quanto riguarda la qualità e le perdite di produzioni, è stata osservata una riduzione di rotture di oltre il 50%. Inoltre, i danni dovuti a scheggiature e incrinature durante la movimentazione, si sono ridotti grazie all’effetto legante di BioKeram. È possibile ottenere una riduzione dei consumi energetici sia riducendo l’assorbimento di potenza (~20%) che aumentando la velocità di estrusione (~15%). In sintesi, l’utilizzo di BioKeram permette di risparmiare circa € 400.000 (~ US $ 520.000) su una linea da 300 tonnellate di argilla al giorno con minori rotture grazie alla maggiore resistenza meccanica, la sostituzione delle sostanze chimiche e il risparmio energetico.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 1 3

69


products prodotti BMR The continuous investments in R&D made by BMR in more than forty years of business have firmly established the company as a key player in the sector of end-ofline technologies for tile production. Originally set up in the 1970s as a manufacturer of loading/unloading machines and glazing lines for the ceramic industry based in Scandiano (Reggio Emilia, Italy), in the 1990s BMR decided to devote part of its resources to the machining of fired tiles and built the first rectifying, squaring and chamfering machines for porcelain tiles. Propelled by growing success in the sector of mechanical plant engineering, in 2004 BMR acquired Cemar, a company based in Schio (Vicenza, Italy) that specialises in the production of polishing machines for the ceramic sector, and established itself as a leading supplier for the end-ofline stage of ceramic production. Along with its complete lines, over the years BMR has introduced a range of new equipment including the Cut Crash® cutting system, Tucano® edging machines, the new Leviga and Squadra polishing and squaring machines, and most recently the innovative Squadra Dry squaring and chamfering machine, which has won major awards for its technology and eco-friendly credentials. The high technological level of its machinery, entirely designed and built at the two Italian facilities in Scandiano and Schio, has enabled BMR to diversify into the heavy clay sector where it has earned a reputation for its expertise and quality. At Tecnargilla 2012, the international exhibition of technologies and supplies for the ceramic and brick industries, BMR will be launching the new Ecobrick dry squaring machine onto the international market. BMR chose to develop this machine in response to the continuous changes taking

70

B RICK W o rld R eview n. 3/ 2012

place in the building sector, where technology is increasingly focused on principles of energy saving and attention to the environment. New clay blocks have been developed to improve the insulation of buildings, and these in turn require suitably insulated mortars to avoid thermal bridging effects. This, together with the inevitable rise in materials costs, has made it necessary to perform extremely precise rectification so as to optimise the use of mortar and allow for modular composition of the exterior infill walls. Maintaining the same focus on research and technology for which it is renowned in the ceramic sector, BMR has developed Ecobrick, a dry squaring machine for the clay brick sector. With its rugged electrowelded steel structure, Ecobrick can be equipped with 2 or 4 calibrating spindles per side and is ready for installation of front grinding wheels of diameter 500 mm. These characteristics allow for a considerable reduction in vibrations and maximum machining precision, while at the same time increasing production rate. Ecobrick joins the already wide range of complete calibrating, polishing and squaring solutions offered by BMR for the end of line stage. The system testifies to the company’s efforts in the field of green-oriented R&D with a view to combining high product quality with maximum financial savings and care for the environment.

I continui investimenti in Ricerca & Sviluppo effettuati in oltre quarant’anni di attività, hanno portato all’affermazione di BMR quale azienda di riferimento nel settore delle tecnologie di fine linea nella produzione di piastrelle. Nata negli anni ’70 a Scandiano (Reggio Emilia - Italia) quale azienda produttrice di macchine di carico/scarico e di linee di smaltatura per l’industria ceramica, negli anni ’90 BMR decide di dedicare parte delle proprie risorse alla lavorazione meccanica dopo cottura delle piastrelle, realizzando le prime rettifiche squadratrici-bisellatrici per il gres porcellanato. Il crescente successo ottenuto nel settore dell’impiantistica meccanica porta BMR all’acquisizione, nel 2004, di Cemar, azienda veneta di Schio (Vicenza Italia) specializzata nella produzione di levigatrici per il settore ceramico, e alla conseguente affermazione quale fornitore di riferimento per il fine linea per la produzione ceramica. Nel tempo, BMR affianca alle linee complete anche il sistema da taglio Cut Crash®, la linea di bordatrici Tucano®, le nuove Leviga e Squadra e, per concludere, la nuovissima squadratrice bisellatrice a secco Squadra Dry, insignita di recente di importanti riconoscimenti e menzioni per il suo valore tecnologico ed ecosostenibile. E proprio l’elevato livello tecnologico dei macchinari BMR, interamente progettati e realizzati nei due stabilimenti italiani di Scandiano e Schio, ha permesso all’azienda di crescere e di affacciarsi con competenza e qualità anche al mondo del laterizio. Con l’occasione di Tecnargilla 2012 - salone internazionale delle tecnologie e delle for-

niture all’industria ceramica e del laterizio - viene presentata al mercato internazionale la nuova squadratrice a secco Ecobrick. Le motivazioni che hanno spinto BMR alla progettazione e alla realizzazione di tale macchinario nascono dall’attenzione verso i continui cambiamenti del settore edilizio, dove la tecnologia è sempre più strettamente legata ai principi di risparmio energetico e di rispetto ambientale. Infatti, la necessità di rendere gli edifici sempre più coibentanti ha portato alla realizzazione di nuovi laterizi che richiedono l’utilizzo di malte adeguate ed altrettanto isolanti, al fine di evitare il verificarsi di ponti termici. Questo fattore, unitamente all’inevitabile maggiorazione dei costi dei materiali, comporta la necessità di una estrema precisione nella rettifica dei laterizi che consenta l’utilizzo della giusta quantità delle malte e che permetta la modularità di composizione delle pareti di tamponamento esterno. BMR dunque, lavorando sugli stessi parametri di ricerca ed evoluzione tecnologia che l’hanno portata a contraddistinguersi nel settore ceramico, ha realizzato Ecobrick, squadratrice a secco destinata proprio al mondo dei laterizi. Caratterizzata da una robusta struttura in acciaio elettrosaldata, Ecobrick può essere attrezzata con 2 o 4 mandrini calibratori per ogni lato, predisposti per essere equipaggiati con mole frontali di 500 mm di diametro. Queste caratteristiche permettono una sostanziale diminuzione delle vibrazioni e la massima precisione in fase di lavorazione, portando contemporaneamente ad un aumento della velocità di produzione. Con Ecobrick si va così ad ampliare la vasta gamma di soluzioni offerte da BMR per il fine linea, con impianti completi per operazioni di calibratura-levigatura-squadratura, sottolineando ulteriormente l’orientamento dell’azienda ad investimenti in Ricerca&Sviluppo “Green oriented”, in grado di coniugare l’alta qualità di prodotto con il maggior risparmio economico e il massimo rispetto dell’ambiente.


SMAC Smac presents the last innovation for the uniform coating with rotary atomisation of roof tiles and accessories, called Multiglaze System. This method is spreading quickly and is recognised as the best method for its uniform glaze/engobe coating, both for standard pieces and the ever increasing trend for special shape/size pieces. Smac produces for this type of application a compact machines, where the discs remains within the machinery and operation is external. The machine uses hollow rotor motors of last generation, completely designed by Smac, which guarantee high quality and high duration standards. In order to prevent non-glazed areas, these booths have numerous possible adjustments both for inclination both of the disc and the entire metal internal structure (superior and lateral towers), over and above the possibility of disc rotation in both directions. Multiglaze is now the best offer of the market for the uniform glazing with liquid in the field of clay roof tiles and accessories. Multiglaze is a glazing station composed by a support frame, independent conveyor, automatic glaze/engobe feeding with automatic recycle, automatic washing device with separate waste waters recovery. The glaze/engobe nebulisation is done through 3 upper rotary units and up to a maximum of 6 lateral rotary units in order to obtain the best application on piece’ surfaces. All the rotary units are adjustable in height, inclination and spray angle. The large number of discs packs and the large number of possible settings, allows a better application of the glaze on the pieces since each discs pack will apply smaller quantities but with more nebulisation. Furthermore thanks to the application units placing the perfect coating of the entire production range of special

pieces and accessories will be guaranteed. The system is completely automatic and needs minimal maintenances and controls during its functioning. The independent transport system allows to avoid any loss of glaze/engobe and facilitates the installation into the production line. Colour feeding is done by pneumatic pump complete of pulsations compensation system which allows the glaze constant flow and consequently an optimal application on the pieces. Besides the new automatic cleaning device allows to obtain in a few minutes a very good washing of all the internal parts of the machine with the automatic recovery of glaze and the deviation of dirty water. This allows rapid change of production and colours with very minimal worker intervention. With this application method the error possibility is very low and moreover this system is not subjected to stops for adjustments or maintenances. With constant glaze/engobe quality parameters and constant line speed, the applied weight results always uniform. The whole system is controlled by an electric command board with PLC and inverter which allows the programming and the rescue of production parameters into memorized receipt and it can be also integrated into Multiline software for the management of the entire engobing/decorating/production line.

Multiglaze è l’ultima novità presentata da Smac per la copertura uniforme di tegole e pezzi speciali con ingobbi e smalti liquidi. Questo metodo è cresciuto enormemente e viene riconosciuto il migliore per la copertura uniforme con smalti/ingobbi, sia dei pezzi standard sia della sempre più crescente varietà di pezzi speciali. Smac, per questo tipo di applicazione, utilizza macchine compatte, nelle quali il disco rimane all’interno e l’azionamento (motorizzazione) all’esterno. La macchina utilizza motori a rotore cavo di ultima generazione, completamente progettati da Smac e che garantiscono elevati standard qualitativi e di durata. Per evitare la presenza di zone non smaltate queste cabine hanno la possibilità di numerose regolazioni sia dell’inclinazione del disco sia dell’inclinazione dell’intera struttura in lamiera (torri superiori e laterali), oltre alla possibilità di rotazione del disco nei due sensi. Multiglaze rappresenta il meglio che oggi può offrire il mercato nel campo della smaltatura uniforme di tegole e accessori. Multiglaze è una vera e propria stazione di smaltatura composta da telaio di sostegno, trasporto indipendente, cabina di applicazione, sistema di alimentazione automatica dello smalto/ingobbio con riciclo automatico, dispositivo automatico di lavaggio con recupero separato delle acque di scarto. La nebulizzazione dello smalto/ingobbio avviene tramite 3 unità centrifughe superiori e fino a 6 unità centrifu-

ghe laterali, per ottenere la migliore stesura possibile sulla superficie dei pezzi. Tutte le singole unità centrifughe sono regolabili in altezza, inclinazione e angolo di incidenza. L’alto numero di pacchi disco e le numerose possibilità di regolazione, permettono un’ottima stesura dello smalto/ingobbio in quanto ogni singolo pacco disco applicherà quantità minori ma con maggiore nebulizzazione. Inoltre grazie alla disposizione delle unità applicative potrà essere garantita la perfetta copertura dell’intera gamma di pezzi speciali e accessori. Il sistema è completamente automatico e necessita di ridotte manutenzioni e controlli durante il suo funzionamento. Il trasporto indipendente garantisce il totale recupero dello smalto/ingobbio e facilita l’installazione sulla linea produttiva. L’alimentazione del colore avviene tramite pompa pneumatica con sistema di compensazione delle pulsazioni che permette un flusso costante dello smalto garantendo un’applicazione ottimale sui pezzi. Inoltre il nuovo sistema automatico di pulizia permette di ottenere in pochi minuti un ottimo lavaggio di tutte le parti interne della cabina con recupero automatico dello smalto e scarto delle acque di lavaggio. Questo si tradurrà in estrema rapidità dei cambi di produzione e colore con il minimo utilizzo dell’intervento dell’operatore. La possibilità di errore con questo metodo applicativo è molto bassa e non è soggetto ad interruzioni dovute a regolazioni o manutenzioni. Con costanti parametri di qualità smalto/engobbio e costante velocità della linea, il peso applicato risulta sempre uniforme. L’intero sistema è controllato da quadro elettrico di comando con PLC e inverter che permette la programmazione e il salvataggio dei parametri produttivi in ricette memorizzabili e che può essere integrato all’interno del software Multiline per la gestione dell’intera linea di ingobbiatura, smaltatura e decorazione.

BR I CK W or ld R e vi e w n . 2 / 2 0 13

71


w to

2013 BUILDING INNOVATION EXHIBITION

w

w

R ge .sa egi t a ie ste fre .bo r o e lo nli en g ne tr na an fi on ce er to e. th it/ e fa en ir

Bologna, 16-19 ottobre

Bologna, 16-19 ottobre

013

2013

CANTIERE

GEOTECHNOLOGY & GEOLOGY

BUILDING INNOVATION EXHIBITION

GREEN HABITAT

SUSTAINABLE BUILDING

2013

2013

ottobre

INNOVATIVE DESIGN

BUILDING INNOVATION EXHIBITION

Bologna, 16-19 ottobre October

SAIE 2013

BEttEr BuIldIng & SMArt CItIES Bologna, 16-19 October in collaboration with

In collaborazione con

media partner

together with

16-18 ottobre

17 -19 ottobre

16-18 ottobre

www.saie.bolognafiere.it Viale della Fiera, 20 - 40127 Bologna - tel. 051 282111 - Fax 051 6374013 - saie@bolognafiere.it - bolognafiere@pec.bolognafiere.it


2014 22nd-26th September 2014 - Rimini , Italy

ORGANISE D BY RIMINI FI E R A - I N C OOP E R AT I ON WI T H ACI MAC

www.tecnargilla.it

omniadvert.com

24th International Exhibition of Technologies and Supplies for the Ceramic and Brick Industries



Brick World Review 2/2013