Issuu on Google+

o g g e t t i

e

s o g g e t t i

d e l

b u o n

v i v e r e

PETRACER′ RS R′

esec_Papille2013.indd 1

17/09/12 20.18


EDITORIALE l e a d i n g

a r t i c l e

Cari lettori di Papille, siete due volte BENVENUTI! Non c’è infatti modo più appropriato di introdurre il tema di quest’anno: l’accoglienza. Tra le tante chiavi di interpretazione della casa, abbiamo scelto di pensarla nel suo essere spazio di benvenuto, luogo da condividere con l’ospite. Quale più grande magia del fare ancor più bella la nostra casa per una straordinaria e gradita presenza? Sono convinto che la vocazione dell’ospitalità stia nella sua capacità di trarre il meglio da noi e dalle nostre case. Così intesa, l’accoglienza diventa una speciale occasione per ri-accorgersi di quanto è bella la nostra casa, di come diventa unica e ancora più nostra con qualche tocco sapiente. Non potevamo raccontare per intero l’arte del ricevere, tanti sono i piccoli e grandi gesti che si possono fare in tal senso. Ma ne abbiamo sviluppati due, importanti, perché riassumono in sé stessi il senso dell’accogliere. Il giardino e la tavola, pelle e cuore delle nostre dimore, possono essere situati idealmente all’inizio e al centro di un percorso nel bello della nostra casa. Grazie dunque a Gianfranco Paghera, che con la sua arte del verde sa trasformare la natura in un vero e proprio ambiente conviviale e grazie a Giovanni Raspini, che con i suoi oggetti di straordinaria bellezza ed eleganza conferisce il tocco magico al ricevere. Buona lettura! Angelo Marchesi

Dear Papille readers, WELCOME! And again, WELCOME! There is no better way to introduce this year’s theme: hospitality. While the concept of home can be interpreted in many different ways, we have chosen to see it as a welcoming space, an area to be shared with your guests. What could be more magical than making your home even more beautiful for an extraordinary and welcome presence? I firmly believe that the sentiment of hospitality brings out the best in us and in our homes. In this perspective, welcoming a guest becomes a special chance to realise, once again, how beautiful our house is, and how unique and even more personal it can become with a few, expert touches. We cannot explore here all aspects of hospitality, which includes so many gestures, big and small. We decided to focus on two that we believe are at the heart of welcoming: the garden and the table, skin and heart of our homes, can be located, ideally, at the beginning and at the centre of an itinerary through the beauty that is found in our house. We would like to thank Gianfranco Paghera, for his green art which transforms nature into a convivial space. Our thanks also go to Giovanni Raspini, who turns the art of welcoming guests into a magical experience with his elegant and utterly beautiful objects. We hope you enjoy this issue! Angelo Marchesi

Pa

pille

02

2013

esec_Papille2013.indd 2

‹angelomarchesi@petracer.it›

17/09/12 20.18


Petracer’s ci mette la firma.

Petracer’s seals all its products.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 3

03

17/09/12 20.18


Tu sei la tua casa.

997 • • 11997

Grand Elegance, 15 anni di stile sempre nuovo. Pa

pil

04

le

20

13

esec_Papille2013.indd 4

17/09/12 20.25


Nuovi decori: Ramage Dorato, Unicorni, Gemelli con Cornucopia.

0 12 • • 22012

Grand Elegance, 15 years of ever new style. New decorations: Ramage Dorato, Unicorni, Gemelli con Cornucopia. 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 5

05

17/09/12 20.18


INTERVISTA

ANGELO

......................................................... pag.2, 40

interview

GIOVANNI R ASPINI

MARCHESI

Amante del bello in tutte le sue forme, sapiente conoscitore di antiquariato, lupo di mare, intenditore di cavalli e appassionato di natura, produttore per pochi intimi di un aceto balsamico di eccelsa qualità, creatore di Petracer’s e di tutte le collezioni dell’azienda, Angelo Marchesi nasce e vive in un paesino in provincia di Modena. Qui, il destino della ceramica lo cattura fin da ragazzo, quando inizia giovanissimo a lavorare come agente per diverse aziende del comparto riscuotendo un notevole successo. Nato esteta, decide di iniziare una sua carriera imprenditoriale quando si accorge che il livello di qualità estetica dell’industria ceramica non riflette le infinite possibilità della materia. Quindici anni fa dà vita a Petracer’s ceramiche, firmando il suo primo rivestimento con il progetto di Grand Elegance. Contro ogni previsione e a dispetto del minimalismo allora imperante, questa prima collezione riscuote fin da subito un successo straordinario. Decorazione, bellezza, personalità, unicità nel carattere e nelle soluzioni sono i caratteri fondamentali di Grand Elegance, valori che hanno contrassegnato tutte le collezioni seguenti. Angelo Marchesi non si cura delle mode, crea sull’ispirazione di un proprio gusto, secondo una filosofia progettuale fatta di passione, di sensibilità e intelligenza, rinnovando in maniera originale lo stile classico. Grazie alla sua capacità e a quelle di una squadra d’eccezione, l’azienda è oggi conosciuta in tutto il mondo per le proposte uniche, decisamente fuori dagli schemi del settore.

Toscano, laureato in architettura, Giovanni Raspini ha disegnato case, mobili, oggetti di design e, naturalmente, gioielli. Egli ha scelto innovazione e creatività come marchio d’eccellenza, senza rinunciare alla grande tradizione orafa artigianale: materia e forma che si fondono in oggetti d’uso funzionali e preziosi, o in gioielli di straordinaria modernità. “Progettare significa guardare avanti - spiega Giovanni Raspini - immaginare quello che ancora non esiste. Un sogno di bellezza che si è concretizzato grazie alla passione e la grinta che caratterizza tutto quello che facciamo. Volevo costruire i miei pezzi, rendere vere le mie creazioni. Così ho selezionato i migliori modellisti, scultori, incisori, e ho iniziato. Per stupirmi ogni giorno ancora come il primo”. Questo è lo stile, la forte unicità di un marchio che unisce le radici plastiche classiche con gli elementi del progetto contemporaneo. Un mondo che piace, affascina e seduce: ovvero il mondo nuovo di Giovanni Raspini.

GIANFRANCO P AGHERA

........................ pag. 28

Pa

pil

06

le

20

“Sono un matto, a volte un pazzo. Un visionario. Ho la certezza di vedere cose che tanti non vedono; probabilmente vedo qualcosa che si può realizzare, prima che tanti altri lo possano vedere. Cerco sempre il massimo, il meglio… guardando a quanto la natura ci ha insegnato: nel suo disordine è perfetta”. Fin da bambino, Gianfranco Paghera vuole creare scenari e paesaggi. Inizia giovanissimo a tradurre il desiderio in realtà, intraprendendo un percorso formativo che dalla Scuola di Agraria di Minoprio, lo porterà in California, a frequentare i master della Los Angeles University, ottenendo il “Bachelor of Arts in Landscape Architecture” e il “Master of Science General Engineering”. Poi in Brasile, per una specializzazione al fianco del grande, scomparso, paesaggista e architetto brasiliano Bourlemax. Infine, evoluta la missione dell’azienda a comprendere la progettazione architettonica di esterni e interni, a Losanna per la laurea in architettura. Nel 2002 il suo lavoro è stato premiato con un importante riconoscimento internazionale da parte dell’ICE, Istituto Nazionale per il Commercio Estero, che elegge Paghera S.p.A. unica azienda italiana rappresentante la cultura e l’architettura del giardino nel mondo. In oltre tre decenni, Gianfranco Paghera ha intrecciato collaborazioni eccellenti con importanti studi di architettura e ingegneria, in Italia e all’estero: Renzo Piano, Mario Botta, Gianni Gamondi, Ettore Mochetti, Simone Micheli, Philip Johnson Alan Ritchie Architects, Nakheel e Dubai Municipality. Ha concretizzato il sogno di oltre 500.000 clienti nel mondo, innamorati del suo stile, creando piccoli e grandi paradisi privati.

...................................................................................... pag. 15 13

esec_Papille2013.indd 6

17/09/12 20.18


Quando hai capito che quello che stai facendo ora sarebbe diventato il lavoro della tua vita? • Quando mi sono reso conto che, lavorando alle mie prime collezioni, perdevo la nozione del tempo: non riuscivo a interrompere la ricerca finché non ero totalmente appagato. • Ancora non l’ho capito! • Già da bambino. Facevo la collezione di foto di piante e fiori. Del resto, ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia di coltivatori. Mi facevano assaggiare il legno delle viti per farmi capire la differenza tra le diverse specie. Qual è la più grande soddisfazione che ti ha dato la tua attività? • Fortunatamente sono molte, non riesco a sceglierne una. • Lavorare fianco a fianco con persone di valore che sono diventati amici per la pelle. • Quella di riuscire in parte nel mio sogno. L’idea che hai avuto di cui vai più fiero? • Il fatto di credere nelle mie idee. • Mi guardo nello specchio quando mi faccio la barba e non riesco ad essere fiero. Tenterò ancora. • L’idea di cui vado più fiero è sempre l’ultima che ho avuto. Che sogni ti rimangono nel cassetto? • Tra qualche anno lo vedrete. • Fare l’architetto sul serio. Ri-progettare interni da sogno. • Tanti. E meno male, perché solo chi sogna è ancora vivo. Che qualità deve avere un “imprenditore del bello”? • Deve saper guardare intorno a sé, scoprire la bellezza che pochi sanno vedere, trarne ispirazione e crearla dove ancora non c’è. • Far suo il motto “guarda bene” e valorizzare l’occhio su tutto il resto. • Credo che oggi la vera e grande difficoltà stia nel riuscire a diventare imprenditore. Bisogna superare tutti gli orpelli del sistema, superare gli ostacoli della burocrazia che spesso non fanno lavorare le persone. Entrando nel vivo del tema di Papille, che cos’è per te un’accoglienza fatta a regola d’arte? • La sua essenza è nel riuscire sempre a mettere a proprio agio tutti gli invitati. • Ottenere l’ “effetto wow” quando gli invitati entrano e restano a bocca aperta. • Un’accoglienza ben riuscita è quella che sa mettere a proprio agio gli ospiti, riuscendo anche ad accenderne i sensi. Non solo la vista, anche l’olfatto, l’udito, il gusto… bisogna farli vibrare all’unisono. Ti piace di più ricevere o essere accolto? • Preferisco ricevere, così posso selezionare meglio. • Preferisco essere il “regista” del ricevere. • Mi piacciono entrambi. E di solito riesco a condurre l’occasione anche se sono ospite. Sei per i grandi ricevimenti o per le occasioni più intime? • Meglio dieci occasioni con venti amici che una con duecento. Anche perché così ci si diverte dieci volte di più. Mi piacciono le vere feste dove veramente la gente si diverte, mangia, canta e balla. • Mi piacciono le vere feste dove veramente la gente si diverte, mangia, canta e balla. • Se proprio devo scegliere preferisco la cordialità e l’atmosfera delle occasioni più intime. Mercato globale= connessione costante? Che pensi delle nuove tecnologie di comunicazione? • Sono assolutamente indispensabili, senza farsi sopraffare. • E’ come un menù con tante pietanze e bisogna lottare per avere l’attenzione. • Indispensabili. Oggi possiamo fare il giro del mondo in un giorno, occuparci di una questione in Asia ed essere allo stesso tempo negli USA. Prendiamo decisioni importanti continuamente e contemporaneamente. Sono uno strumento potentissimo. Il buon gusto ha ancora spazio nella contemporaneità? • Certamente. Anche perché essendo sempre più raro sta diventando cosa preziosa. • Il buon gusto oggi è la verità in quello che facciamo e in quello che crediamo. • È la cosa più importante che ci sia, è ciò che fa la qualità di quello che si crea. Come italiani abbiamo la fortuna di avere una sensibilità sviluppata attraverso millenni, è nel nostro DNA, ed è questo che ci distingue nel mondo. Giochiamo: per quale personaggio storico ti sarebbe piaciuto creare una tua opera? • I miei prodotti sarebbero senz’altro piaciuti ad Ernest Hemingway. • Oscar Wilde. • Gioco fino in fondo: Luigi XIV. Che cosa ti affascina di più in un giardino? E in un oggetto d’argenteria? • Del primo mi affascina il mutare dei colori scandito dalle stagioni. Del secondo, quando è veramente bello, la sua naturale vocazione ad evocare lussuosa signorilità. Che cosa ti affascina di più in un rivestimento in ceramica? E in un giardino? • Il gioco dei colori – Il rapporto luce/ombra. Che cosa ti affascina di più in un rivestimento in ceramica? E in un oggetto d’argenteria? • La bellezza, la straordinaria armonia che la ceramica ha tramandato attraverso i secoli. Penso sia la testimonianza di una stessa sensibilità estetica che attraversa la storia. L’argento mi fa diventare matto, ha un colore e una luce straordinari. Bere in un calice d’argento è il massimo della raffinatezza, un’esperienza magica.

Pa

esec_Papille2013.indd 7

p

20 ille

13

07

17/09/12 20.18


MARCHESI

INTERVISTA interview

ANGELO

A lover of beauty in all its forms, antiques connoisseur, experienced sailor, horse enthusiast and nature lover, in his free time he produces small batches of delicious balsamic vinegar to share with a few friends. Angelo Marchesi, the creative mind behind Petracer’s and all other collections of the company, lives in the small village in the province of Modena where he was born. There, he entered the world of ceramics as a young man, starting a successful career as a sales agent for several ceramics manufacturers. A natural-born aesthete, he decided to start his own business when he realised that the aesthetic quality of existing ceramic products did not match the endless possibilities offered by the raw material itself. Fifteen years ago he established Petracer’s Ceramics, and gave life to his first creation with the Grand Elegance project. Against all odds and in spite of the popularity enjoyed by minimalist styles at the time, this first collection soon became extremely successful. Decoration, beauty, personality, unique character and solutions: these were the characteristic features of Grand Elegance and of all subsequent collections. Angelo Marchesi does not let trends influence his work: his creations are inspired by his own tastes and every design is the result of passion, sensitivity and intelligence aimed at reinterpreting classical styles from a new perspective. Thanks to his ability and the help of an exceptional team, the company is now known worldwide for its one-of-a-kind creations.

................................................................................................................. page 2, 40

Pa

GIOVANNI

R ASPINI

.................................. page 28

pille

08

P AGHERA

“I am mad, sometimes a crazy man. I am a visionary man. I am sure I see things that most people cannot see; maybe I can see something that can be realized, before others can see it. I always strive for the best... Looking at what nature taught us: in its chaos, it is perfect”. Gianfranco Paghera has been dreaming of creating scenarios and landscapes since he was a child. He started turning this desire into reality at a very young age, training first at the Agricultural School in Minoprio, then in California, where he attended several courses at the Los Angeles University, obtaining a bachelor’s degree in Landscape Architecture and a MSc in General Engineering. Then, he moved to Brazil to attend a specialisation course with the late Brazilian architect and landscape designer Bourlemax. Finally, he changed the mission of his company to include the architectural design of outdoor and indoor spaces, and obtained a degree in architecture in Lausanne. In 2002 his work was awarded an important international prize by the ICE (the Italian Institute for Foreign Trade), which elected Paghera S.p.A. as the only Italian company representing garden culture and architecture worldwide. Over the last thirty years, Gianfranco Paghera has collaborated at the highest level with important architecture and engineering firms, both in Italy and abroad: Renzo Piano, Mario Botta, Gianni Gamondi, Ettore Mochetti, Simone Micheli, Philip Johnson Alan Ritchie Architects, Nakheel and Dubai Municipality. He made the dreams of over 500,000 customers across the world come true, creating small and large private paradises for those who had fallen in love with his style.

GIANFRANCO

Tuscan-born architect, Giovanni Raspini has designed houses, furniture, fashion items, and jewels of course. He has chosen innovation and creativity as a mark of excellence, without sacrificing the great tradition of handmade jewellery: matter and form merge together in functional, precious everyday objects, or in jewels of extraordinary modernity. “To plan means to look ahead - explains Giovanni Raspini - to imagine what does not exist yet. A dream of beauty that has come true thanks to the passion and determination that characterises everything we do. I wanted to create my own pieces, to transform my creations into something real. I selected the best model makers, sculptors, engravers, and I started. To surprise and marvel myself every day just like the first time”. This is the style, the uniqueness of a strong brand that combines a tradition rooted in classical plastic arts with elements of contemporary design. A universe that fascinates and seduces, or rather, the universe of Giovanni Raspini.

......................................................................... page 15

2013

esec_Papille2013.indd 8

17/09/12 20.18


When did you realise that what you are doing now would become your career? • When I realised that, while working on my first collections, I would lose track of time: I couldn’t stop researching until I was completely satisfied. • I think I haven’t realised it yet! • When I was a little boy. I used to collect pictures of plants and flowers. After all, I was lucky enough to have been born in a family of farmers. They would let me taste the flavour of different vine tree barks to help me understand the difference between several species. What is the greatest satisfaction you had in your career? • Luckily enough, they are so many that I can’t name just one. • Working alongside valuable collaborators, who have also become great friends. • That of managing to make my dream come true, at least in part. Which is the idea you are most proud of? • That of believing in my own ideas. • I look at myself in the mirror when I am shaving, and I cannot be proud. I will keep trying. • The idea I’m most proud of is always the latest idea I’ve just had. Any dreams or hopes as yet unrealised? • You’ll see in a few years. • To work as a real architect. To re-design truly amazing interiors. • Many. But that’s fine, because dreaming is what keeps people alive. What should “entrepreneurs of beauty” be like? • They must be able to take in their surroundings, discover beauty where few can see it, make it a source of inspiration and create beauty where there is none yet. • They should adopt the motto “look carefully”, and give priority to aesthetic appearance over everything else. • I believe that, today, the really hard bit is to manage to become an entrepreneur at all. You must overcome the many obstacles inherent in the system and fight a complex bureaucracy that often hinders the work of many people. Let’s talk about Papille’s theme. What is, in your view, the essence of hospitality? • I think it lies in managing to make all guests feel at ease. • Obtaining a “wow” effect, when your guests walk in and remain speechless. • A good host is one who is able to make his or her guests feel at ease, while at the same time awakening their senses. Not only sight, but smell, hearing, taste...they all have to resonate with the same vibe. Do you prefer having guests or being a guest? • I prefer having guests. That way, I have greater freedom to choose what I like best. • I prefer to be the “director” of any event. • I love both. And I usually manage to lead the event even when I am a guest. Are you a fan of large events or small gatherings? • I’d rather meet twenty friends on several different occasions, than hold a single event with two hundred people. I think it’s much more fun. • I love real parties, where people can really have a good time, eat, sing and dance. • If I had to choose, I’d go for the warmth and atmosphere of intimate events. Global market = constant connection? What do you think about new communication technologies? • I think we can’t live without them. But we must remain in control. • It’s like a menu with many dishes, you have to fight to get the attention you want. • They are indispensable. Today we can travel around the world in one day, take care of a situation in Asia and be at the same time in the USA. We make important decisions all the time and simultaneously. They are extremely powerful tools. Do you think there is still room for good taste in today’s world? • I certainly think so. In fact, as it’s becoming a rare thing, it’s getting more and more of a precious thing. • Good taste today is truth in what we do and believe. • It’s the most important thing, it’s what determines the quality of what you create. As Italians, we are blessed with a sensitivity that developed through the millennia, it’s in our DNA, and it makes us stand out from the rest of the world. Let’s play a game: if you were to make one of your creations for a historical character, who would it be? • I think that Ernest Hemingway would have loved my products. • Oscar Wilde. • I’ll play hard: Louis XIV. What do you find most fascinating about a garden? And about silver handicrafts? • In a garden, I am drawn by its ever changing nature. Unlike a house, which never changes, a garden is magical because its colours and shapes keep changing as seasons go by. As for silver objects, when a particular item is truly beautiful, I love its natural tendency to evoke luxury and exclusivity. What do you find most fascinating about ceramic tiles? And about a garden? • The play of colours – The relationship between light and shade. What do you find most fascinating about ceramic tiles? And about silver handicrafts? • The beauty and extraordinary harmony passed on through ceramics over the centuries. I think it is evidence of a common sensitivity that runs throughout history. I am crazy about silver, its truly amazing colour and brightness. Drinking from a silver chalice is an incredibly refined gesture, it’s a magical experience.

Pa esec_Papille2013.indd 9

13

0 ip lle 2

09

17/09/12 20.18


Pa

Tu sei la tua casa. pille

10

2013

esec_Papille2013.indd 10

17/09/12 20.18


Ad Maiora Moro Platino.

Purezza e magnificenza per Ad Maiora. L’eleganza trionfa con la sensualità della superficie ceramica, articolata dal segno inciso che si sente anche al tatto. Unica e spettacolare concessione all’opulenza dell’insieme sono gli inserti in metalli preziosi, autori del ritmo geometrico che dona un carattere straordinario alla collezione. Nata per arredare spazi di dimensioni importanti, Ad Maiora si rivela ideale non solo per le sale da bagno ma per ogni ambiente che voglia distinguersi con l’unicità della griffe. Purity and magnificence for Ad Maiora. Elegance triumphs with the sensuality of the ceramic surface, articulated by engraved sign also felt to the touch. Spectacular and unique concession opulence in the collection are the inserts in precious metals, authors of the geometric rhythm which gives an extraordinary character to the collection. Ad Maiora - born to furnish large spaces is ideal not only for bathrooms but for each environment that wants to stand out with the uniqueness of the brand.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 11

11

17/09/12 20.18


Ad Maiora Perla Oro.

Pa

pille

12

Ad Maiora Nero Platino.

2013

esec_Papille2013.indd 12

17/09/12 20.18


Ad Maiora Beige Oro.

Tu sei la tua casa. 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 13

13

17/09/12 20.18


Ad Maiora Moro Oro.

Tu sei la tua casa.

Pa

pille

14

2013

esec_Papille2013.indd 14

17/09/12 20.18


Progettisti del paesaggio, giunti, in modo naturale, alla progettazione architettonica globale: una storia incisa nel codice genetico: pagher, in antico dialetto bresciano significa, infatti, abete e per estensione, foresta. Il back ground è costituito da cinque generazioni di vivaisti che, l'una dopo l'altra, hanno carpito ogni segreto alla materia verde. Il sogno di "creare scenari e paesaggi" Gianfranco Paghera lo coltiva sin da bambino, traducendolo in minuziose miniature di giardini. Insieme a Gianfranco, oggi lavorano i figli Michele, Elena ed Elisa, e, naturalmente, una grande, grandissima squadra: 110 collaboratori, fra interni e squadre esterne, ai quali si aggiungono, a seconda delle sfide da affrontare, ovunque nel mondo, sino a 2.200 partners fra artigiani, tecnici, progettisti, architetti, ingegneri, ricercatori di Istituti Internazionali ed imprese leader di settore. Tutti, accomunati dal senso del bello e dell'unicità, che sono i segni distintivi di uno stile che ha reso Paghera una firma famosa nel mondo.

Pa r a d isi terrestri 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 15

15

17/09/12 20.31


La recente evoluzione da S.p.A in Holding comprende quattro rami principali: Paghera Green Philosophy, progettazione paesaggistica, architettonica, urbanistica. Paghera Communication, strategia, marketing, eventi, informazione. Paghera Eco-Biotech, check up ambientale, ripristino, bonifiche ed ogni servizio necessario alla salvaguardia dell'ambiente. Paghera Real Estate, sviluppo immobiliare e negoziazione. Grazie ad un network costituito da oltre 270 aziende leader di settore, Istituti di ricerca ed Atenei, il Gruppo Paghera, oggi, affronta il terzo millennio con immutata capacitĂ  di raccogliere grandi sfide, trovando soluzioni nuove a problemi ritenuti irresolubili.

Pa

pille

16

2013

esec_Papille2013.indd 16

17/09/12 20.31


13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 17

17

17/09/12 20.31


Pa

pille

18

2013

esec_Papille2013.indd 18

17/09/12 20.31


Landscape designers, who reached global architectural design in an organic way. This history is carved into the genetic code: in fact, in the ancient dialect of Brescia pagher means ‘fir', and in a wider sense ‘forest'. Our background is composed of five generations of breeders who, one after the other, wormed out nature's every secret. Gianfranco Paghera has had the dream of "creating scenarios and landscapes" since he was a child when he translated it into detailed miniatures of gardens. Today, Gianfranco works with his son Michele and daughters Elena and Elisa, and with a great team made of 110 collaborators, both in-house and freelancers. To meet a wide range of challenges, they work in close cooperation with up to 2,200 partners worldwide including artisans, technicians, designers, architects, engineers, researchers at several International Institutes and leading companies in the industry. They all share the same sense of beauty and uniqueness, the distinctive traits of a style that has made Paghera a popular brand worldwide.

Heave n s o n e a rt h 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 19

19

17/09/12 20.32


Recently changing its status from a joint stock company to a holding company, it includes four main branches: Paghera Green Philosophy, landscape design, architectural design, urban planning; Paghera Communication, strategy, marketing, events, information; Paghera Eco-Biotech - Environmental check-up, restoration, reclamation and any services required to safeguard the environment; Paghera Real Estate - real estate development and negotiation. Thanks to a network composed of more than 270 market-leading companies, research institutes and universities, the Paghera Group today faces the third millennium with unchanged capacity to accept great challenges, finding new solutions to problems that are considered impossible to solve.

Pa

pille

20

2013

esec_Papille2013.indd 20

17/09/12 20.32


13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 21

21

17/09/12 20.32


C arnevale V eneziano

Pa

pille

22

Tu sei la tua casa. 2013

esec_Papille2013.indd 22

17/09/12 20.32


Chi apre le danze ha sempre qualcuno che lo segue. Mille coriandoli a spargere colore e festa, lo sguardo è catturato, sedotto dalla profondità delle sfumature. Si ispira al battuto veneziano questo progetto ceramico che grazie agli inserti lineari unisce libertà creativa e regola geometrica. Carnevale Veneziano è la materia che si fa poesia, uno stile che interpreta la tradizione e sapientemente la rinnova. Una collezione dal sapore retrò, per chi vuole un pavimento che incanta con la magia di un effetto insieme sobrio e potente.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 23

23

17/09/12 20.36


Those who start the dance always have someone who follows. A thousand confetti spreading joy and colour. The gaze is attracted, seduced by the deep nuances. This project takes inspiration from the battuto veneziano, and uses ceramic linear inserts to combine creative freedom and geometric rigour. Carnevale Veneziano is matter turned into poetry, with a style that celebrates tradition while skilfully rearticulating it. A retro collection, created for anyone who wants a oor with all the magic of a simple, yet powerful effect.

Pa

pille

24

2013

esec_Papille2013.indd 24

17/09/12 20.36


Tu sei la tua casa.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 25

25

17/09/12 20.36


997 • • 11997

Grand Elegance, 15 anni di stile solo tuo. Pa

pille

26

2013

esec_Papille2013.indd 26

17/09/12 20.36


6 colori, 20 texture, 22 temi, coordinabili per creare il tuo stile.

0 12 • • 22012

Grand Elegance, 15 years of style, completely yours. 6 colours, 20 textures, 22 themes, match them to create your own style. 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 27

27

17/09/12 20.36


Dall’argenteria per la tavola ai gioielli da indossare, i raffinati oggetti di Giovanni Raspini sono conosciuti dagli intenditori per lo stile inconfondibile, figurativo e allo stesso tempo sognante, ricco di suggestioni naturalistiche e definito in ogni dettaglio. I soggetti prediletti da Giovanni Raspini, creatore e anima dell’azienda, sono i cavalli, le farfalle, le margherite e i temi floreali, con incursioni sempre nuove nei temi Jungle e Animalier. Presenti sul mercato dal 1972, le Argenterie Giovanni Raspini godono di una storia intensa, fatta di continui sviluppi all’insegna della costante ricerca dell’innovazione di qualità. Tra le conquiste più recenti dell’azienda, la lega Bronzobianco, volta a incontrare le esigenze di nuovi mercati, si posiziona come alternativa all’argento, mantenendo inalterata la qualità artigianale che l’azienda pone da sempre come obiettivo imprescindibile delle proprie creazioni.

GIOV VA ANNI RA RASPIN Pa

pille

28

2013

esec_Papille2013.indd 28

17/09/12 20.37


Oggetti di passione

PINI 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 29

29

17/09/12 20.37


GIOVA VA A

Pa

pille

30

2013

esec_Papille2013.indd 30

17/09/12 20.38


RASPINI ASPINI ANNI RA R Il marchio Giovanni Raspini rappresenta infatti

pienamente il made in Italy: ogni pezzo è fatto a mano, tutto è realizzato, rifinito e confezionato

esclusivamente in azienda. Dietro eleganti ornamenti da tavola e gioielli da indossare, vi è la mano sapiente di figure specializzate nella modellazione in cera e nella lavorazione dei metalli. Tra i segreti del successo dell’azienda, l’utilizzo di un’antica tecnica fusoria, la fusione a cera persa, conosciuta già in epoca neolitica ed oggi raramente impiegata dalle aziende contemporanee. L’intera produzione è ottenuta tramite questa tecnica millenaria, unita a innovazione e creatività. La plasticità dei manufatti si mescola ad ironia e sottile provocazione per oggetti sempre straordinari.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 31

31

17/09/12 20.38


OVA VA GIO O V A From silverware to jewellery, Giovanni Raspini’s refined creations are known by connoisseurs for their distinctive style: figurative, yet dream-like, rich with naturalistic references and painstakingly designed details. Giovanni Raspini, founder and soul of the company, has a predilection for depicting horses, butterflies, daisies and flower patterns as well as new interpretations of Jungle and Animalier themes. Established in 1972, Giovanni Raspini Silver Creations have been pursuing innovation and quality ever since. One of the company’s latest achievements is the creation of the Bronzobianco alloy, an alternative to silver aimed at meeting the demands of new markets and produced with the same artisanal quality that has always characterised all company’s creations. The Giovanni Raspini brand is a quintessential example of “made in Italy”: each piece is handcrafted, finished and packaged exclusively in-house. Elegant table ornaments and jewellery are crafted by experts in the creation of wax models and metal casting. One of the secrets behind the success of the company is the use of an ancient casting technique known as lost wax casting. This technique was already in use during the Neolithic age and today it is rarely employed by manufacturers. All Giovanni Raspini collections are made by combining this millenary technique with innovation and creativity. The plasticity of the handicrafts mixes with irony and subtle provocation to produce truly extraordinary objects.

Made with passion. Pa

pille

32

2013

esec_Papille2013.indd 32

17/09/12 20.38


VANNI RASPINI VA

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 33

33

17/09/12 20.38


GIO OVA VANNI RAS R SPINI

Pa

pille

34

2013

esec_Papille2013.indd 34

17/09/12 20.38


originale

Copia

A voi la scelta. petracer.it

esec_Papille2013.indd 35

17/09/12 20.38


Ad PersonAm

Il classico in prima persona. Dedicata a chi vuole un classico su misura.

Pa

pille

36

Con AD Personam l’eleganza della tradizione assume un carattere inedito. È lo stile classico che sfida il futuro e abbandona la rigidità formale per farsi personalizzabile, a misura di desideri. Nel colore innanzitutto, dato che Ad Personam si può scegliere tra un numero di varianti mai visto nella storia della ceramica: 180 colori del codice RAL classic. Inoltre, con Ad Personam si può scegliere di inserire le proprie cifre in un apposito pezzo speciale, proprio come nelle antiche dimore o come per gli oggetti più raffinati di ogni tempo che si desiderano realizzati in esclusiva per sé.

2013

esec_Papille2013.indd 36

17/09/12 20.38


13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 37

37

17/09/12 20.39


Ad PersonAm

The classic in first person.

For those who want a classic made to measure.

Pa

The elegance of tradition assumes in Ad Personam a unique nature. It is a classic style that challenges the future and leaves the formal stiffness to become plastic and customizable, according to any different wish. Color first, since Ad Personam can be chosen in such a big number of variations never seen before in the history of ceramics: all the 180 colors of the RAL classic code. Furthermore, you can choose to place your initials on a separate special piece, just like the personalization in the old houses of the past or on precious objects made for you exclusively.

pille

38

2013

esec_Papille2013.indd 38

17/09/12 20.39


Le collezioni Arabesque e Petit Château possono essere prodotte su richiesta in tutti i 180 colori della gamma RAL Classic. È possibile vedere le simulazioni di colore su www.petracer.it

The collections Arabesque and Petit Château can be produced on request in all RAL Classic range of 180 colors. You can check the approximate color simulations on www.petracer.it

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 39

39

17/09/12 20.39


Una collezione, infinite possib Grand Elegance cresce ancora. Lo stile autentico è solo Petracer’s e da oggi anche firmato.

Pa

Da quindici anni all’apice del successo ed in continua crescita, Grand Elegance, la prima collezione creata da Petracer’s, è tuttora la più venduta e imitata tra le proposte dell’azienda, conosciuta nel mondo per l’originalità delle proprie creazioni. Grand Elegance disegna geometrie perfette, indovinate nel ritmo e nelle declinazioni cromatiche, distinguendosi per la freschezza dei decori e dei temi: il mare e le barche, gli sport nobili, la vita campestre, i fiori e il giardino. Sono le passioni, gli amori, le deliziose e romantiche manie che danno corpo a un paesaggio domestico vocato alla bellezza. Oggi Grand Elegance si amplia di nuovi decori, temi geometrici e mitologici che fanno spaziare la decorazione nella terra del sogno e dell’idillio. Proposte nuove, che sembrano essere presenti in collezione da sempre, proprio perché nascono già come classici, in piena armonia con lo stile e i decori Grand Elegance. Come ben sanno gli appassionati dell’Unicorno, la capacità di rinnovare la tradizione dello stile classico è un carattere che pervade l’azienda stessa e tutte le sue proposte, ciascuna nata dall’intuizione delle potenzialità ancora inespresse in un motivo decorativo o in un formato. Alla rinnovata pienezza decorativa di Grand Elegance si accompagna un’articolazione quanto mai intelligente, progettata per dare la possibilità di creare, nella diversità e coordinabilità dei pezzi disponibili, il proprio scenario, unico e strettamente personale. L’esposizione di Cersaie 2012 è un omaggio a questa duttilità della collezione: un software realizzato ad hoc consente di visualizzare la propria scelta, provando e riprovando colori, decori e formati. Il successo di Grand Elegance è dimostrato non solo dal suo attraversare il tempo. Sono infatti ormai sempre più numerose le sue copie, tentativi più o meno riusciti delle aziende concorrenti di eguagliarne lo stile. “Le copie non fanno altro che sancire il posizionamento raggiunto. D’altronde, si copiano solo i prodotti vincenti”, commenta con una punta d’ironia Angelo Marchesi, fondatore di Petracer’s e creatore di tutte le collezioni dell’azienda. A siglare il posizionamento raggiunto, la scelta di firmare le collezioni: “Una scelta che ha riscosso un successo strepitoso. Per noi è stata la conferma che chi sceglie Petracer’s sceglie uno stile, un modo di essere. I nostri clienti vogliono qualcosa di unico, qualcosa di assoluto carattere”, prosegue Angelo Marchesi. La firma, dunque, proposta nella sua più intima ragione d’essere, come sigillo di autenticità. D’ora in poi, tutti coloro che sceglieranno Petracer’s avranno infatti la possibilità di porre in bella vista il prestigioso marchio come garanzia di originalità. Collegati a www.petracer.it e crea il tuo ambiente Grand Elegance.

pille

40

2013

esec_Papille2013.indd 40

17/09/12 20.39


Grand Elegance

ssibilità di personalizzazione.

One collection, endless possibilities for customized solutions. Grand Elegance keeps growing. The authentic style by Petracer’s today bears the company’s signature. Still a growing success some fifteen years after its creation, Grand Elegance, the first collection by Petracer’s, is currently the most popular and copied of the company’s products, whose originality is well-known worldwide. Grand Elegance features perfect geometric shapes with flawless rhythm and chromatic nuances. Decorations and themes stand out for their freshness: the sea, boats, noble sports, rural life, flowers, gardens. Passion, romance and deliciously romantic quirks give life to a domestic landscape which celebrates beauty. Today, Grand Elegance includes new decorations with geometric patterns and mythological themes that let the imagination wander into a dream-like, idyllic land. These new items seem to have always been part of the collection: they are instant classics, immediately and fully harmonised with Grand Elegance’s style and decorations. As all lovers of the Unicorn know, the ability to reinterpret classical styles is at the heart of the company itself and all its products, each born out of sheer intuition for the unexplored potentialities of a decorative pattern or shape. Besides a wealth of new decorations, Grand Elegance features a most clever articulation, with matching items designed to allow the creation of a unique and personal environment. The stand at Cersaie 2012 trade fair celebrates the collection’s versatility: a custom-made software application lets users combine different colours, decorations and shapes, displaying on the screen their creations. Grand Elegance has stood the test of time - evidence of the collection’s great success. Many attempts to copy it have been made by the competition, some more, some less successful. “Imitations do nothing but confirm our achievements. Only successful products are copied”, comments, not without a touch of irony, Angelo Marchesi, Petracer’s founder and designer of all company collections. As a celebration of the company’s achievements, all collections now bear the company’s signature: “This choice has been received enthusiastically. For us, it was the confirmation that choosing Petracer’s means choosing a style, a way of life. Our customers expect unique products with a distinctive character”, continues Angelo Marchesi. The signature represents therefore, essentially, a seal of authenticity. From now on, all those who choose our products will be able to display the prestigious trademark, which guarantees that their ceramic is a genuine Petracer’s. Log onto www.petracer.it and create your own Grand Elegance living space.

Tu sei la tua casa. esec_Papille2013.indd 41

13

Pa

0 ip lle 2

41

17/09/12 20.39


Tu sei la tua casa.

Il Classico che non c'era.

Pa

pille

42

2013

esec_Papille2013.indd 42

17/09/12 20.39


Dalla tradizione del Classico nasce una nuova Opera. Ăˆ Ottocento Italiano, collezione straordinaria per la concezione innovativa del materiale e per il rigore del progetto. La ceramica conquista il ruolo di Prima Protagonista, offre nuove interpretazioni decorative dell’ambiente, esalta le geometrie degli spazi disegnando nuove prospettive secondo le regole insuperabili del classico. Una collezione ideale per chi ama la grande storia e vuole anche per sĂŠ una storia grande.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 43

43

17/09/12 20.40


Pa

pille

44

2013

esec_Papille2013.indd 44

17/09/12 20.40


The classic that didn't exist before. From the tradition of the Classic comes a new work. Its name is 800 Italiano, extraordinary collection for the design of its innovative materials and the rigor of the project. Ceramics win first protagonist role, offer new decorative interpretations of the environment, enhance the geometry of space drawing new prospects following the rules of the irresistible classical style. An ideal collection for those who love the great history and want for themselves a great story.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 45

45

17/09/12 20.40


UNICO Pa

pille

46

2013

esec_Papille2013.indd 46

Fai del tu

Tu sei la tua casa. 17/09/12 20.40


el tuo mondo un sogno.

Make a dream of your world.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 47

47

17/09/12 20.41


PETRACER’S

Pa

pille

48

2013

esec_Papille2013.indd 48

17/09/12 20.41


Infinito movimento. Infinite movement.

13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 49

49

17/09/12 20.41


PETRACER’S

La nuova età della pietra. Pa

The new stone age.

pille

50

2013

esec_Papille2013.indd 50

17/09/12 20.41


Tu sei la tua casa. 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 51

51

17/09/12 20.41


Tu sei la tua casa.

Pa

pille

52

RINASCIM

2013

esec_Papille2013.indd 52

17/09/12 20.41


Motivo da godere.

A lovely motif.

IMENTO

Pa

esec_Papille2013.indd 53

13

0 ip lle 2

53

17/09/12 20.41


Tu sei la tua casa.

997 • • 11997

Grand Elegance, 15 anni di stile da oggi firmato. Pa

pille

54

2013

esec_Papille2013.indd 54

17/09/12 20.41


Petracer's: l'Autentico.

0 12 • • 22012

15 years of style, now with Petracer’s signature. Petracer's: the authentic choice. 13

0 ip lle 2

Pa esec_Papille2013.indd 55

55

17/09/12 20.42


www.petracer.it

Petracer's firma le case più belle. PAPILLE©

esec_Papille2013.indd 56

Tutti i diritti riservati

- Via Ghiarola Nuova, 228 - 41042 Fiorano Modenese (MO) - Italy - tel. +39 0536 812163

17/09/12 20.42


Papille 2013 - PETRACER'S