Page 1

SOLO CON LE PAROLE La dimensione personale della lettura Spazi privati per la lettura in contesti pubblici propri della lettura BOOK INTENSIFYING

“The pleasure of reading�. Artefatti per la lettura Laboratorio di sintesi Finale, Corso di Laurea in Design del Prodotto Scuola del design del Politecnico di Milano Docenti: Manuela Celi, Eleonora Lupo, Michele Menescardi, Chiara Moreschi, Teodoro Valente Collaboratori: Simone Fanciullacci, Marco Lampugnani

Individuazione scenario - analisi utenti Eleonora Passoni - matricola 747945


SOLO CON LE PAROLE - La dimensione personale della lettura

Personas

Spazi privati per la lettura in contesti pubblici propri della lettura - BOOK INTENSIFYING

Arianna, 22 anni

Silvia, 46 anni

Giuseppe, 74 anni

Istruzione: maturità scientifica Occupazione: studente di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano Residenza: Milano - trilocale con mamma, papà, sorella

Istruzione: laurea in lettere Occupazione: insegnante statale in un liceo scientifico Residenza: Lecco - monolocale con il compagno, convive senza figli

Istruzione: terza media Occupazione: in pensione dopo una vita da operaio Residenza: Milano - bilocale in periferia

RAPPORTO CON LA TECNOLOGIA Possiede pc, cellulare, ipod, fotocamera. Utilizza con facilità le nuove tecnologie, condivide foto e pensieri online.

RAPPORTO CON LA TECNOLOGIA Possiede personal computer e cellulare. Non ama la tecnologia, utilizza il pc solo per lavoro.

RAPPORTO CON LA TECNOLOGIA Non usa le nuove tecnologie ma ne è affascinato in quanto vede figli e nipoti usufruirne con molta facilità.

INTERAZIONE CON LA LETTURA IN CONTESTI PROPRI Le piace entrare a curiosare in libreria anche se spesso esce senza aver comprato nulla. Osserva le copertine, sfoglia le pagine e si informa sulle novità. Usufruisce invece della biblioteca per leggere in tranquillità, prendere in prestito qualche libro ma soprattutto studiare. La biblioteca è per lei anche un luogo di ritrovo. Spesso dà appuntamento a amici e compagni di università per organizzare pomeriggi di studio intervallati da rilassanti pause nella zona relax. Sfrutta le ore buche e i pomeriggi liberi per studiare con maggiore calma lontano dalle distrazioni della casa e della famiglia. Se non riesce a raggiungere la biblioteca si rifugia in sala lettura in università.

INTERAZIONE CON LA LETTURA IN CONTESTI PROPRI Terminato l’orario di lavoro si reca spesso in biblioteca per prendere in prestito libri e trovare ispirazione per le sue lezioni. Le piace far appassionare gli studenti alla lettura suggerendo libri particolari scovati in biblioteca e librerie indipendenti. Si sofferma per brevi momenti nelle sale della biblioteca, giusto il tempo di sfogliare i libri scelti e farsi un’idea del contenuto. Nelle ore buche si trattiene in sala insegnanti per leggere un buon libro o correggere all’occorrenza i compiti dei suoi studenti. Le copertine, i colori, il formato, la carta e le parole la affascinano. Vorrebbe possedere tutti i libri del mondo! E avere il tempo di leggerli.

INTERAZIONE CON LA LETTURA IN CONTESTI PROPRI Esce la mattina per una passeggiata e si reca in biblioteca per leggere i giornali, troppo costosi per permettersi di acquistare un quotidiano ogni giorno. Legge le notizie, vuole tenersi aggiornato sui fatti di attualità. La biblioteca è per lui un luogo di ritrovo con gli amici, un motivo in più per uscire e non rimanere solo a casa. A volte si aggira per gli scaffali incuriosito dall’enorme quantità di libri presenti. Utilizza l’area relax per chiaccherare, prendersi un caffè e stare al caldo nelle giornate d’inverno. Di solito il pomeriggio preferisce trascorrerlo al bar. Anche qui incontra amici e conoscenti, sfoglia i quotidiani che trova sui tavoli.

Ore di accesso in biblioteca: 14.00/15.00 Ore di permanenza al giorno: 3/4 h

Ore di accesso in biblioteca: 10.00/11.00 Ore di permanenza al giorno: 0,5/1h

Ore di accesso in biblioteca: 9.00/10.00 Ore di permanenza al giorno: 1/2 h

Libri presi in prestito in un mese: 2-3 Libri acquistati in un mese: 1-2

Libri presi in prestito in un mese: 4-5 Libri acquistati in un mese: 4-5

Libri presi in prestito in un mese: Libri acquistati in un mese: -

Contesti propri della lettura frequentati: biblioteca sala lettura dell’università libreria

Contesti propri della lettura frequentati: biblioteca sala insegnanti libreria

Contesti propri della lettura frequentati: biblioteca - sala giornali bar

MOMENTI DI LETTURA

MOMENTI DI LETTURA 1

MATTINA

POMERIGGIO

MOMENTI DI LETTURA

2

SERA

MATTINA

“The pleasure of reading”. Artefatti per la lettura Laboratorio di sintesi Finale, Corso di Laurea in Design del Prodotto Scuola del design del Politecnico di Milano Docenti: Manuela Celi, Eleonora Lupo, Michele Menescardi, Chiara Moreschi, Teodoro Valente Collaboratori: Simone Fanciullacci, Marco Lampugnani

3

POMERIGGIO

SERA

MATTINA

POMERIGGIO

SERA

Individuazione scenario - analisi utenti Eleonora Passoni - matricola 747945


SOLO CON LE PAROLE - La dimensione personale della lettura

Punti di vista Arianna

1

Spazi privati per la lettura in contesti pubblici propri della lettura - BOOK INTENSIFYING a

a

Dimensione personale Dimensione pubblica BIBLIOTECA

Arianna si reca in biblioteca per studiare.

Silvia

2

BIBLIOTECA

Si concentra sullo studio evitando di distrarsi al passaggio di altre persone.

Incontra degli amici e decide di concedersi una pausa con loro.

Ricomincia a studiare insieme ai suoi amici.

b

SCELTA DEL LIBRO È il libro a scegliere il lettore. È un gesto istintivo dettato dal legame libro-lettore.

c

LEGGERE UN LIBRO Leggere è una esperienza che permette di allontanarsi dalla realtà e perdere la dimensione del tempo.

b

SCELTA DEL GIORNALE Le testate, la scelta dei titoli e l’impaginazione determinano la scelta razionale del quotidiano.

d

LEGGERE UN GIORNALE Il quotidiano richiede maggiore concentrazione e attenzione durante la lettura.

Terminato lo studio, Arianna esce dalla biblioteca.

b

Dimensione pubblica

BIBLIOTECA

Silvia si reca in biblioteca dopo avere finito di fare lezione di italiano ai suoi studenti.

3

STUDIARE Leggere, sottolineare, schematizzare, ripetere... Processo mentale che richiede concentrazione e assenza di elementi di disturbo.

c

Dimensione personale

BIBLIOTECA

Giuseppe

a

Gira per la biblioteca scegliendo qualche libro incuriosita da copertine, colori e formato.

Si siede qualche minuto per sfogliare i libri scelti e farsi un’idea del loro contenuto.

Prende in prestito i libri scelti e esce soddisfatta.

d

Dimensione personale

b

Dimensione pubblica SALA GIORNALI

Giuseppe durante la sua passeggiata mattutina decide di andare a leggere qualche notizia.

SALA GIORNALI

Sceglie con cura il giornale che più lo interessa.

“The pleasure of reading”. Artefatti per la lettura Laboratorio di sintesi Finale, Corso di Laurea in Design del Prodotto Scuola del design del Politecnico di Milano Docenti: Manuela Celi, Eleonora Lupo, Michele Menescardi, Chiara Moreschi, Teodoro Valente Collaboratori: Simone Fanciullacci, Marco Lampugnani

Si siede a leggere insieme agli altri lettori.

Incontra degli amici e chiacchera con loro fuori dalla sala giornali.

Giuseppe si reca al bar insieme ai propri amici.

Individuazione scenario - analisi utenti Eleonora Passoni - matricola 747945

Eleonora_Passoni  

Analisi utente

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you