Issuu on Google+

www.terranuova.it

dal 1977

Spedizione in Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv in L.27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB Firenze 1 – Contiene I.R.

· PENSA E VIVI ECOLOGICO ·

n° 316 · MAGGIO 2016

2-5 giugno:

Festival

 a pag. 74

SPECIALE ECOTURISMO

€ 4,00 

Alzati e cammina

ISSN 1122178X

Nell’anno nazionale dei cammini, scopriamo gli itinerari nazionali per viaggiare a piedi, celebrando una pratica di consapevolezza che può cambiare il mondo.

• NICHEL 

Sai dove si nasconde? • ESPERIENZE  I cavalli aiutano a guarire • POPOLI NATIVI  Il lato oscuro della conservazione

• LA FILIERA DEL PANE 

Dal campo alla tavola • NUOVI PARADIGMI  Il teatro dei sensi • GENITORI E BAMBINI  Come avviare una scuola parentale?


MAGNESIO SUPREMO

®

naturalmente

ANTISTRESS La carenza di magnesio si può manifestare con:

• STRESS • STANCHEZZA • IRRITABILITÀ, NERVOSISMO

• MAL DI TESTA • SONNO AGITATO • DIFFICOLTÀ AD ADDORMENTARSI

PERCHÉ MAGNESIO SUPREMO SUPREM ®: Formula originale. Ciclo di produzione dedicato senza contaminazione di sostanze estranee. Selezione accurata delle materie prime. No OGM, senza glutine e senza additivi. Acido citrico da fermentazione naturale. pH e NRV (valore nutritivo di riferimento) ottimali per una completa assimilazione.

RMULA GLI LA FO

• SINDROME PREMESTRUALE • SPASMI E CRAMPI MUSCOLARI

• IRRIGIDIMENTO E DOLORI MUSCOLARI • FRAGILITÀ OSSEA • STITICHEZZA

eg

nat ... per una urale distensione

N O R IG IN

disponibile anche nei gusti

ALE

SCE

Il magnesio è responsabile dell'attivazione di ben 3 325 25 funzioni vitali. Questo lo rende un elemento senza eguali fra tutti i minerali utili all’organismo. Grazie al magnesio, il nostro corpo si regola come il meccanismo di precisione di un orologio. La sua mancanza può incidere negativamente sul corretto svolgimento di molte funzioni chiave, dalla formazione delle proteine, alla regolazione del livello di glucosio. Se il magnesio va giù, anche noi ci sentiamo stanchi, stanchi senza energie, stressati, nervosi, tesi e doloranti.

CILIEGIA CILIEG GI

SUPREMO ®, marchio hi registrato i t t di Natural Point, MAGNESIO SUPREMO è un integratore alimentare solubile e dal sapore gradevole, commercializzato in Italia da Natural Point dal 1993. La sua formulazione esclusiva basata su una giusta miscela d’ingredienti perfettamente bilanciati, assicura la massima biodisponibilità del minerale. minerale MAGNESIO SUPREMO ® è una formula in polvere a rapido assorbimento che sciolta in acqua, viene convertita in magnesio citrato citrato. Disponibile in confezione da 150g, 300g e nel pratico astuccio da 32 bustine pre-dosate.

In vendita nelle erboristerie, farmacie e negozi di alimentazione naturale. Richiedi gratuitamente o scarica dal sito l’opuscolo informativo sul magnesio. Natural Point srl - via Pompeo Mariani, 4 - 20128 Milano - tel. 02.27007247 - www.naturalpoint.it - info@naturalpoint.it


EDITORIALE

Coltiviamo la bibliodiversità

Mimmo Tringale direttore responsabile

I

l prossimo 12 maggio prenderà il via a Torino il Salone del Libro, la principale vetrina dell’editoria italiana, importante momento di confronto e dibattito tra gli operatori e gli esperti del settore. A sfogliare il ricco programma di incontri e conferenze, un tema appare del tutto ignorato: il progressivo impoverimento della bibliodiversità. Non si tratta di una questione di lana caprina, tutt’altro. Se la carta stampata è il simbolo e il principale strumento della libertà di stampa e di pensiero, è evidente che la progressiva concentrazione della produzione di libri e riviste nelle mani di pochi gruppi impoverisce il panorama culturale e restringe l’orizzonte di pensiero. Così come in natura la biodiversità è il frutto dell’interazione di una molteplicità di organismi viventi nelle loro forme più diverse, la bibliodiversità si poggia sulla presenza di un panorama variegato di editori, autori e librerie indipendenti, unici veri garanti della pluralità. Un esempio molto recente è l’acquisizione da parte di Mondadori (già proprietaria di Einaudi, Edizioni EL, Sperling & Kupfer, Frassinelli, Piemme) della Rizzoli (a sua volta proprietaria di Bompiani, Marsilio, Fabbri, Sonzogno, Adelphi). Con l’assorbimento di Rizzoli, il primo gruppo editoriale italiano controlla di fatto il 40% del mercato, tanto da rendere necessario l’intervento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Oltre alla cosiddetta «Mondazzoli», il resto del mercato del libro e dei periodici è controllato da pochi altri editori: il Gruppo Mauri Spagnol (Garzanti, Corbaccio, Salani, Longanesi, Bollati Boringhieri, Tea, Vallardi, Guanda, La Coccinella, Chiarelettere); Giunti (Edizioni del Borgo, Editoriale Scienza, Giorgio Nada, Fatatrac); Feltrinelli (Apogeo, Kowalski, Eskimosa, Gribaudo, Vita, Urrà); De Agostini (Edizioni Whitestars e Utet). Da soli, questi cinque gruppi controllano il 62% del mercato, mettendo in grave difficoltà i piccoli editori, che trovano sempre più ostacoli non solo a produrre ma anche a collocare i propri libri, questo perché molte librerie sono di proprietà di Mondadori (circa 600), Giunti (180) e Feltrinelli (130), che ovviamente danno priorità ai titoli di loro produzione. Difficoltà analoghe si incontrano per le riviste come la nostra, il cui accesso nelle librerie e nelle edicole è reso assai difficile dagli elevatissimi costi di distribuzione. Per tutti questi motivi da sempre Terra Nuova ha preferito come principale canale di diffusione il circuito delle realtà del biologico (www.negoziobio.info) e quello delle librerie indipendenti (vedi l’iniziativa delle «Librerie amiche di Terra Nuova», pag. 95), che combattono la «monocultura della mente» con un’offerta di qualità. Ai nostri lettori chiediamo di sostenere questi paladini della bibliodiversità per nutrire la mente con letture che ampliano i punti di vista e apportano sane vitamine di utopia alla nostra esistenza. Prima di chiudere, due parole sulla nuova grafica di copertina, che vuole essere un omaggio alla bellezza, alla libertà e agli orizzonti aperti, oltre che un invito a far camminare sempre di pari passo la teoria con la pratica, un principio che abbiamo voluto esprimere in sintesi nel sottotitolo: «Pensa e vivi ecologico». Buona lettura!


Piccoli annunci (055 3215729 int. 717) Federica Del Guerra - annunci@aamterranuova.it ORDINI RIVISTA E LIBRI Per negozi, librerie e altri punti vendita Francesca Messinese (055 3215729 int. 3) distribuzione@aamterranuova.it Silvia Farina (055 3215729 int. 2) ufficiodistribuzione@aamterranuova.it Per privati (055 3215729 int. 1) Eva Di Giovanni distribuzionelibri@aamterranuova.it AMMINISTRAZIONE (tel 055 3215729 int. 6) Massimo Bragagni amministrazione@aamterranuova.it Olga Bossa ufficioamministrazione@aamterranuova.it

w w w.terranuova.it

SPECIALE EC ECOTURISMO OTURISMO

Alzati e cammina Nell’anno nazionale dei cammini, scopri r amo gli itinerari nazionali per viaggiare a piedi, celebrando una pratica di consapevolezza che può cambiare il mondo.

• • •

NICHEL Sai dove si naasconde? ESPERIENZE I cavallii aiutano a guarire POPOLI NAATIVI Il latoo oscuro della conservazione

• • •

LA FILIERA DEL PANE Dal campo alla tavola NUOVI PARADIGMI Il teatro dei sensi GENITORI E BAMBINI Come avviare una scuola parrentale?

I crediti relativi alle immagini utilizzate in Terra Nuova sono consultabili su: credits.terranuovaedizioni.it I disegni delle rubriche ďŹ sse sono di Federico Zenoni

ALIMENTAZIONE E SALUTE

24 Nichel: sai dove si nasconde? Beatrice Salvemini

CONSIGLI E NOTIZIE DEL MESE LAVORI DEL MESE 6 IFrancesco BeldĂŹ



————————————— ———

S TA C C A • S CAR ARICA • DISTRIBU IS CI • D I F F O N DI g 2016 ggio gg n° 1 - Magg bolleettino edit

—————————

 

o da Teerra Nuova Edizioni E

l’ECO del mese

v ggi aprono le porRJtJeLDSDUGli ecoovillag QRDG

va I corsi di Terra Nuo e

lezza: da consapevolez condivisione un le Informazione e ccomunitĂ , Nuova parte per proporre ai lettori hiave Terra co coscienza queste parole chia di sentirsi parte di una modo ancora piĂš coinvolgente sempre piĂš collettiva.

WLo ua a cre- ]HSRUWDWHDYDQ in Italia, Francia, ontinua maggio DAL 21 MAG scere iin tutta tire dal 21 e Germaniaa, ecovilunità in- Olanda, Belgio 8, MAG -E OTI te IZ ZI7IE le por Europa il numero delle comu are laggi e cohousing apriranno N EVENTI E IMPARARE A FACILITARE di abit tenzionali e le iniziative he vorranno vvisitarle. con Pino De Sario ortunità a tutti coloro c Fire Firenze laggi.it villa partecipativo. Per dare l’oppo erienRedazione di Terra Nuova, pra pratici ( http://porteaperte.eco e esp Corso introduttivo ai dispositivi di un contatto diretto con l tamento

C

25-26 GIU CORSO DI PASTICCERIA

ven 6

ONO PA ASSAT TI

un orientam del ÂŤface-modelÂť, per HOODFUHVFLWD HIĂ€FDFHQHOODYRURHQ ANNI DALLA personale. -29 MAG,

ven 13

sab 2 1

ddom 29

E VEGAN MANIFES NATURALE ESTAZION Iarello PER VIVERE L’E Boscarel ’ECOLOGIA TUTTO L’AN con lo chef Pasquale io ((Pg) NNO di Villa FassÏa, Gubbio

 BEN B VEN NU U TI ! 

38 pubini storici LaSdueblicazione Viisita i mulin - primo nnumero giorni, dedidel he quest’an- ritorio italiano. di Teerra Nuova. Allora



n° 1 - Maggioo 2016

tenuta

osissimi gustosiss Per imparare a preparare nti ssalutari ingredienti dolci utilizzando solo

1, 2 e 3 LUG

CORSO DI CUCINA pevoli che non è tutto eco quello che CRUDISTA E VEGAN luccica. DuyneAnzi, Anzi se luccica tannto, con la chef Toni Van o forse (Pg) bio non tantGubbio o eco è. tenuta di Villa FassÏa,

TORNA ILL

ÂŤTeerra Nuova FestivallÂť Fe

28 nc si chiama - LE STAGIONI h vIN a CUCINA: ÂŤAAMÂťallaa(Amolitu OCO - cata per questa edizione FUOCO gricoltura, Alime A 21-22 MAG ENERGIA no l’Associa mentazio - Fusi essere un’’occasio- L’ESTATE, tti in piatti pochecon ini stori- ra del mais, vuolene,e Medicina): la chef pagine e scrCristina Per imparare a preparareĂˆ per questo che con itte pattrimonio un hina bio (Pg) zione italiana amici dei mulin HUYL- ne per far conoscer ll’Eco del nergia en energia a macc livelli dii energ Villa FassĂŹa, Gubbio tenuta con FLhios DQDS grado di aumentare iMese, che da ora tro ver edicucina de, unvegan con ricette ettee N’OCCASIONE DUGDUHHGLoinc in poi sarĂ  ciRUJDQL]]DXQoQHVHWWLP VDOYDJXttino rĂ  incluso 2-6 GIU e vitalitĂ . di coor Corso dioÂť i sul ter- GDWXWHODUHSHU ÂŤbolle iotici. in ogni numero di Teerra N o delle UNICA DI e consigli macrobiotic D FESTA sitare i mulini storici presenti storica e arrcdihitetto-dinament mediterranee Ae u va, ma di confr uo l a dimensioni uova.it con una valenza terranuov anche onto con l’universoo di Teer iliberament e ilunturtascabile. ranuova.it/eventi - annunci@aam rilanciar uova e scaricab bile onli- Nuo ra a Terra Nuov e iscrizioni: www.terran nica ma anche perErano glie un’atti anni in- cui Info va, insieme ai lettori, i collabo naascev 717 - Sconti per gli abbonati ne e fotocopiabile, siamo voluti a il3215729 int. 71 promuo o tel 055 vimentvoer del biologico smo educativo emo nare all’essenza di quel num tor- ratori della rivista, gli autorri dei libr inn Italia, e di tramer i anniva,incapace vitĂ  molitoria nuo cui con pochissimi m ro di ÂŤAAMÂť: un bollettino o ze- e grandi ospiti, in un’oasi ddi natura: mezzi e ricoltura tti dell’ag o di coor- siamo tantissimo sformare i prodo entusiasmo in Veersilia, su una doolce colli dinamento dall’aspetto antic proddotti per un gruppo di ico e dal- na a perine sonee ha biologica in far ere del mese lo spir gettato nel nostr sei chilometri dal mare, dir t o Pae- Eco-fier va!ito giovane, dove trovare ettaogni se ilsana. o stand di Terra Nuo all un’alimentazione primo seme del ci a ar v o tr ment a e sulla Via Francigenaa, tra mese tante occasioni per eu cambiaamento, Venite a aiams .aaiams.eu borcconoscer- ghi che anno- www dopo anno ha guaddagnato 20-22 mag si di persona, ( tel 339 6556314 inca ati cittĂ  dd’aarte, mont incant scambiarsi id m agne idee, me- superbe. tati, 29 apr - 1 mag Fest Riolo Termee ((Ra) Veg la grande diffusione che cono Riolo (Pv) oioso stieri,nuove di Belgioio endenze tend osciamo sogni, libri, prodotti tt genuiFestival dedicato alle oggi. Qualcuno potrebbe 2IĂ€FLQDOLD Castello zione bio e Un grande evento sugli stili dirre ÂŤqmercato insomma glutine e noni... ua- pDdell’alimentazion ]LRQDWL WDQWR GD FKLHGHalimentari ran Sacc he tti di visi troppaÂť: effettivamente orMostra UVL VH DE- grande comunitĂ per far incoontrare la ta sostenibili e L A VIGNETTA di Franco dell’ecologia m i suf- domestica mai l’ecologia, a ingresbia ancora senso utilizzarli.20-22 del cambbiamento. oVVLlELRzHGlHFRzVRQR Noi crem- agE sentirci so gratuito, in occasione SL6Ă›-F8KHmLag Q- diamo di sĂŹ, basta essere ben ddel Vegan Friends subito molto meeno soli. n consa ostenibile Lucca Soste - Passapar festivo del 2 giugno, duran ponte di Lucca ola! Now - Festival del Futuro Piazza Napoleone nte il (Co) le toccare con mano le buo quaVilla Erba a Cernobbio Evento vegan e cruelty-free INIZIATIVE modelli one i nuovi mo Dedicato ai progetti per che ecologiche, trovare nuo pratiovi s 20-22 mag di sviluppo li, conoscere i propri simili, timoIndica Sativa i, mettersi a n g o l o B i d in 7-8 mag gioco con anima e corpoo. Unipol Arena 100% dedi dedicata ai idee naturali al 100 3DUWHFLSDDOODPDQLIHNaturalia Manifestazione internazionale Un programma denso ddi VFortezza WD]LRQVecchia canapa HQD]diLRLivorno inconQdel DOHbiolo iologico D5Re PDmolteplici tri,i conferenze, HoUPutilizzi enze proiezioni, DODdella SHWL]LRQH oiezioni laboratoFiera dedicata al mondo ROCEDE A GRAND ri di autoproduzione, mos 20-22 mag 7 MAG E del naturale t e, worktr Adriatico VELOCITĂ€ europee Yoga Festival Ă€ l’aaccordo e italianeÂť spieg a a Ele lena Maz- shop e un’area dedicata allaa creatividi Francavilla commerciale tra Usa e Ue -8 mag Museo Michetti zoni, Animato i ccui7We uno deidapor conlove - bio Poggibonsi (Si) relatori ttori avoce deella cam- tĂ  dei bambini. Con un riccco assor(Ch) tenuti sono stati secretati, al Mare pagna. zioni sul timento di stand ecobio, utto il che h Stand, ÂŤSiamoper tutto tte dimostrazioni e presentazion e operatori di riferimento preoccupati per l’imgastronoa rischio l’ambiente, le picc me patto che olistico cole tema il TTIP avrĂ  sullla nostra mia biovegetariana e vegan.. im- benessere natura & eco variegato mondo prese e i posti di lavoro. Si economia trratt del-16 mag ag nostra vita, 28-29emsulla a perchĂŠ ( Programma completto: 21-22è econcepit TTIP, l’accordo transatlantic a 12 Libro a gli autori ata aal co li- Internazionale del Libr Incontra o perdedicata favor ire gli interessi www.terranuovafestival.it 4 passi Treviso Fiera beralizzazione commerciale diSalone Nu va delleequo Fiere, Torino e solidale di Terra Nuo grandi che SLingotto taimprese multiinazionacommercio la llettura alla olo (Ve) ti Uniti di JesEur ( Iscrizione ai workkshop: e Lido Unione ggio, Salone dedicato all’editoria, li, m opea soprattutt 14 e 15 ma o americane. R ag egno constanno Rischia di www.terranuovalibri.it/f 27-29 stipulando dalla nascitaÂť, 9 maggio, Ferrara L’orto e alla cultura senza convegn ÂŤVegan consult estiv com Veg ival2016 omettere la qualitĂ  deel nos rto cianoare i parlaL’Isola di pr Berveglieri, Lucian tro Serena Bonura presenta izio Marionazionali i dott.menti EUR e la socie Roma EU mag Servizio Su tĂ  ccivile. 13-15 . Suite e dell’ambient del Turismo, Trevisan Parcocibo ODP e,ticola enos LDF dei bimbi. CEAS IDEA, eerMichela stra saluludico Proietti Te ra Nuova è tra ra, Via 5°otor Chiarissima LWWĂ„zoUPDQGRODSHWL]LRQEvento Ferrara, H te enogastronomico Altinate inate, promo e i nostri posti, olistico i e i rivolta a sindaci Ambiente, Comune di Baia del Mar, via di lavoro. Per queHotelsos di Chiarie (Bs) 30 parlament 17.30 tenitori della campagna 14 14.30 e al mondo vegan nt dedicato sto mo XX Settembre 152 - ore naazionaleVillarivMazzotti vitalitĂ ari, che tivo diciamo ai polittici: fuor accesso al mare 2 - Sabato dellaa vi endica un confre ont è ... Stop-TTIP i o demo mocratico27L-O29 , il cui obiettivo è contra-Festival del ben-essere 10.30 tel 0532 740692, ag domenica  m 7 7 ,3GDOODPLDFLWWĂ„/HoUP e traspar HVD- • Una rivista mensilee tare 1927147, idea@comune.fe.it. la stipula di tale accordo. Modena 15 magente sui temi di un trattatoLa ranno tel s380 CittĂ  Olistica consegnat d Il 7 13c-he ar e ai sindaci, Priamar impatt rabio.it disc discipline delmement erĂ  enor , ai presi- • Una testata onlinee Fortezza maggio invitiamo info@terranost Why bio delle buone pratiche, e sulla s Festival vit a 12 e 26 maggio,o (Ve) tutti i lettor denti o i a par- dei di regione, ai parlameentari na dedicato al Evento cittadini. Savona cibo bio e vegan ÂŤVo ogliamo ologia - • Una casa editrice cipaggio, Mogliano Venet re allaTrevis che ll’adesio- olistiche, manifo 28tema estazioneicinazionale di enire zionali ed europeiÂť. preveni biologico e all’ecolog • Una grande ne dell’Italalia benessere, alimenti amici ÂŤAlimentazione e salute: al TTIP sia disscussa in 27-29 ma a Roma, cheglipor comun ÂŤConosciamo g e 1-5 giu terĂ  in piazz Âť, za la vo- tutti i eÂť, di eco-lettori! nitĂ  e vivere bene mangiando ag li comunali e c dell’apparato ma la petizione: ce della gentcardiovascolare ( Firdell’oriente 14-15 mconsig con la he ogni Festival ichela Laa FFonte correttamenteÂť, incontro con lae.dottoressa Mich ultiforme multif Comunedelle incontro . KWWS- VNovegro esprerbe Festival Richiedi una copia gratuita ima laHotel WRSWWLSLEvento Milano pr Vi in. vitiamo ella opr ia W via adella D O pr p L D p per  eoccu Q to H D’Oro, W  uita o anc dottoressa Michela Trevisan U P a he Spiga D riferimento  di paartecipa- dipazione orientale Punto Trevisan Anconae opposizione ecodelmese@terranuova. dedicato alla cultura re all’iniziativ all’i i i 193a -ÂŤFFore al va.it Farmacia San Marco, uor10.00 Repubblica i il TT amanti della natura tratttato, co- ( Tiieniti aggiornato: TIP dal tuttiègligiĂ  20.30 d l- me Seguici su www.terranuov avvenuto in via Ronzinella 68 - ore i moltl e al altr www.spigadoro.org l e cittĂ  www.progressi.or ova.it a essi giottip7 g/Sertop Guidotti,g/s ttiToonon e su tel 041 453789 7mag i 77maggio lessandra Denaro, Francesca iele Bindi, Aless

A

U

TERRA NUOVA EVENTI

30 Lein cucina energie delle stagioni La pasticceria del benessere Jane Applecot

di Firenze n. 4937 del l 14/02/2000

PUBBLICITĂ€ (055 3215729 int. 5) Sergio Tonon - pr@aamterranuova.it skype: sergio.aam Francesca Messinese (int. 3) distribuzione@aamterranuova.it Maria Pia Tinaglia (347 3648161) promozione@aamterranuova.it skype: mariapia.tinaglia Ignazio Presti (347 1365754) - igpresti@gmail.com Francesco Dardis (330 321405) francesco.dardis@alice.it - skype: francesco.dardis

18 Il cibo come democrazia Gabriele Bindi intervista Dafne Chanaz

Tringale, T Reg. Tribunale

Stampa: Lineagrafica, CittĂ  di Castello (Pg)

f

responsabile: Mimmo

Hanno collaborato alla redazione di questo numero: Francesco BeldĂŹ, Gabriele Bindi, Claudia Benatti, Federica Del Guerra, Alice Farano, Martina Rafanelli, Sabrina Scrobogna, Marta Valota, Federico Zenoni

L’INTERVISTA

Festival t

Mobilitiamoocic contro il TTIP P

P

Terra Nuova n° 316 (ma aggio 2016), direttore

UFFICIO STAMPA (366 4437458) ufficiostampa@aamterranuova.it

n° 316 ¡ MAGGIO 2016

Terra Nuova

Suupplemento al mensile

Editing e ricerca iconografica: Nicholas Bawtree, Alessandra Denaro, Sabrina Scrobogna, Francesca Vaccaro

¡ P E N S A E V I V I EC O LOG I C O ¡

Spedizione in Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv in L.27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB Fire enze 1 – Contiene I.R.

REDAZIONE (055 3215729 int. 4) info@terranuova.it Direttore responsabile: Mimmo Tringale direttore@terranuova.it Vicedirettore: Nicholas Bawtree vicedirettore@terranuova.it Consigliere di direzione: Cristina Michieli cristina@aamterranuova.it Segreteria di direzione: Alessandra Denaro segreteria@terranuova.it Consiglio di redazione: Nicholas Bawtree, Claudia Benatti, Gabriele Bindi, Paolo Giordo, Cristina Michieli, Mimmo Tringale Direzione grafica: Andrea Calvetti grafica@terranuova.it Impaginazione: Andrea Calvetti, Giulia Raineri, Sabrina Scrobogna

dal 1977

â‚Ź 4,00

Questo numero è stato chiuso il 7 aprile 2016 Tiratura: 22.000 copie

Benatti, Gabr erranuovaedizioni.it ONI: vedi www.credits.t va.it): Nicholass Bawtree, ClaudiaZenoni ALTRE ILLUSTRAZION na int. 4 - ecodelmese@terranuo modo 4.0 Internazionale. FIS : Federico FISSE merciale, Condividi allo stesso Andrea Calvetti ILLUSTRAZIONI Non commer Creative Commons: Attribuzione, ibuito con Licenzaa C Questo supplemento è distr ecommons.org/lic Q licenses/by--nc-sa/4.0 eativ 3HUVDSHUQHGLSLÛhttp://cr

REDAZIONE (055 3215729 GRA O: PROGETTO GRAFIC

rica il pdf e is scar

newsletter criviti alla n

su:

www.ter ranuuova.it/ecodelmese

DEL MESE 7 L’ECO Mobilitiamoci contro il TTIP

Gli ecovillaggi aprono le porte Visita i mulini storici

Responsabile magazzino: Antonella Ambrosi magazzino@aamterranuova.it

SPECIALE Ecoturismo 35 Un passo dopo l’altro Gabriele Bindi

L’ALMANACCO DI TERRA NUOVA

Lavori in un centro di alimentazione naturale? Una Bottega del Mondo? Hai un punto vendita o un’attività in sintonia con la nostra testata?

Distribuisci Terra Nuova! Potrai usufruire di interessanti vantaggi di visibilità e promozione info: Francesca ¡ 055 3215729 int. 3 distribuzione@aamterranuova.it

Ăˆ tempo di rimettersi a nuovo! IN PRIMO PIANO

etico e ricco di significato: 9 Sano, ecco il pane che vogliamo Gabriele Bindi

Silvia Carri


n. 316 (114) maggio 2016

74

Reg. Tribunale di Firenze n. 4937 del 14/02/2000

Festival Scopri il programma POPOLI NATIVI

lato oscuro 53 Ildella conservazione Alice Farano, Survival International Italia

La rivista è disponibile nei punti vendita del circuito www.negoziobio.info, nelle fiere di settore o per abbonamento.

TERRA NUOVA EVENTI

59 Facilitare funziona

TUTTA UN’ALTRA SCUOLA

nasce 76 Come una scuola parentale? Martina Rafanelli

81

PAGINE VERDI

ESPERIENZE

60 Un cavallo per maestro Marta Valota

Editrice Aam Terra Nuova Srl via Ponte di Mezzo 1, 50127 Firenze tel 055 3215729 - fax 055 5390109 P. iva 05373080489 Orario ufficio abbonamenti: lun-gio 9.00-13.30 - 14.30-15.30 / ven 9.00-13.00 Orario altri uffici: lun-gio 9.00-13.30 - 14.30-17.00 / ven 9.00-13.00 www.terranuova.it

TUTTI I CONTATTI E GLI EVENTI DEL MONDO ECO-BIO-SOSTENIBILE

ABBONAMENTI (055 3215729 int. 1) Valentina Claudi, Eva Di Giovanni abbonamenti@aamterranuova.it Abbonamento Italia (11 numeri): € 38,00 Abbonamento biennale (22 numeri): € 65,00 (anziché 76,00) Abbonato regala abbonamento: € 35,00 (anziché 38,00) Rinnovo + abbonamento in regalo: € 68,00 (anziché 73,00) Abbonamento Europa: € 65,00 Abbonamento extra-Europa: € 85,00 ARRETRATI dal numero 1 al 50 € 7,00 dal 51 in poi € 5,00 MODALITÀ DI PAGAMENTO c/c postale, assegno bancario, contrassegno, carta di credito, online su www.terranuovaedizioni.it Per i dettagli vedi il modulo a pag. 6

NUOVI PARADIGMI

64 Imparare a danzare sull’orlo del cratere Gabriele Bindi

TERRA NUOVA DEI LETTORI

95 Ecovillaggi e cohousing: insieme è possibile Ma c’è davvero bisogno di frutta tropicale? Una libreria per amica

68 Vargas: il teatro dei sensi

Nicholas Bawtree e Massimo Bragagni

Lo sapevi? Terra Nuova è distribuito in oltre 1300 punti vendita in tutta Italia. Scopri subito quello più vicino a te su www.negoziobio.info. Troverai ogni mese il nuovo numero della rivista, insieme a tanti libri per approfondire i temi trattati. Contribuisci anche tu a creare una nuova economia solidale e sostenibile!

98 I libri di Terra Nuova Edizioni DI VISTA 100 SPUNTI De Niro, i vaccini e la censura Alexis Myriel

LIBRI I libri di Terra Nuova Edizioni si possono acquistare: • in libreria e nei negozi del circuito www.negoziobio.info • online su www.terranuovalibri.it • compilando l'apposito coupon a pag. 99

STAMPATO SU CARTA RICICLATA AL 100% Nella speciale classifica stilata ogni anno da Greenpeace, Terra Nuova è stata inserita nel primo gruppo dei 14 Editori amici delle foreste (www.greenpeace.it/deforestazionezero/salvaforeste) a riconoscimento dell’impegno nell’uso di carta ecologica certificata. La carta utilizzata per questo numero di Terra Nuova, con le sole eccezioni della copertina e dell'almanacco, è la Eural Premium prodotta dalla cartiera Arjowiggins di Boulogne Billancourt Cedex - Francia (www.arjowiggins.com) distribuita da Due Emme Pack di San Giovanni in Persiceto - Bo (www.dueemmepack.it) certificata Ecolabel e dal marchio Der Blaue Engel rilasciato dal Ministero dell’ambiente tedesco. Tale marchio attesta che la carta è ottenuta con fibre provenienti al 100% da carta straccia, di cui almeno il 65% da raccolta differenziata. Il marchio FSC® (Forest Stewardship Council ®), organismo senza fini di lucro creato per iniziativa di numerose associazioni tra cui Greenpeace, assicura una gestione forestale responsabile secondo rigorosi standard sociali, ambientali ed economici.


Il cammino si fa

eco

Abbonati! 11

Per te numeri di ecologia della mente e buone pratiche Chi si abbona a Terra Nuova o riceve un abbonamento in regalo ha diritto a: •

il libro Cucina naturale in 30 minuti in omaggio*

2 annunci gratuiti nello spazio «Bacheca»

il 15% di sconto sui libri di Terra Nuova Edizioni

sconti per gli eventi organizzati da Terra Nuova

IN OMAGGIO Cristina Michieli

Poco tempo da spendere ai fornelli per preparare un pasto completo? Cristina Michieli, esperta in cucina naturale, con i suoi semplici menu porta in tavola piatti di stagione completi e equilibrati con il piacere di un piccolo dolce di fine pasto, il tutto in 30 minuti. Una tabella di marcia scandisce i tempi di preparazione e sollecita una buona organizzazione in cucina. IN OMAGGIO a chi si abbona, rinnova o riceve in regalo l’abbonamento a Terra Nuova.

Cucina naturale in 30 minuti

25

menu vegetariani a base di prodotti di stagione

cm 15 x 21 - 140 pagine * IMPORTANTE: il libro omaggio verrà spedito separatamente dalla rivista, entro un mese dall’attivazione dell’abbonamento.


TerraNuova

e t ch r i . i an lib rti va na uo bo ran ab er oi u t pu e s lin on

con

Oppure...

disegni di Federico Zenoni

Regala un abbonamento CE D O L A PER L’ABBONAMENTO

(12 mesi, 11 numeri di Terra Nuova)

® Sì, sottoscrivo 1 abbonamento annuale a Terra Nuova al prezzo di € 38 ® Sì, sottoscrivo 1 abbonamento biennale a Terra Nuova al prezzo di € 65 anziché 76 ® Sì, non sono abbonato e regalo 1 abbonamento annuale al prezzo di € 38 ® Sì, sono già abbonato e regalo 1 abbonamento annuale al prezzo di € 35 anziché 38 ® Sì, mi abbono (o rinnovo) e regalo 1 abbonamento annuale al prezzo di € 68 anziché 73 F O R MA D I PAGAMENTO - Ho versato l’importo:

® sul c/c postale n° 69343903 intestato a: Editrice Aam Terra Nuova srl, via Ponte di Mezzo 1, 50127 Firenze di cui allego ricevuta specificando come causale del versamento: «Abbonamento»

®

®

Scadenza: mese

codice di sicurezza

n. anno

data e firma per autorizzazione prelievo _______________________________________________________

maggio 16

® tramite assegno non trasferibile intestato a Editrice Aam Terra Nuova srl ® in contrassegno (pagamento al corriere) + € 3,50 di spese postali ® tramite carta di credito (in questo caso il presente coupon deve essere inviato via fax al n. 055 5390109):

COMPILA E INVIA CON COPIA DEL VERSAMENTO: posta, fax 055 5390109 oppure abbonamenti@aamterranuova.it nome

................................................................................................ cognome ......................................................................................................................................................

via

..........................................................................................

n° .............. cap

tel

............................................................ email ............................................................................... P.

.........................

loc.

............................................................................................ prov. .............

iva o Cod. Fisc. ..............................................................................

DATI PER L’ABBONAMENTO IN REGALO nome

................................................................................................ cognome ......................................................................................................................................................

via

..........................................................................................

tel

............................................................................................................ email ..................................................................................................................................................

n° .............. cap

.........................

loc.

............................................................................................ prov. .............


Meno frutti, piĂš qualitĂ 

Frutti protetti Maggio è il mese in cui inizia il volo degli insetti carpofagi, che si nutrono proprio dei frutti. Ăˆ questo il momento giusto per installare i sistemi di protezione attiva, come per esempio le reti anti-insetto o anti-grandine, che impediscono la deposizione delle uova sui (o nei) frutti, in modo da evitare i danni causati dalle larve. I frutti di maggiori dimensioni, come mele, pere e pesche, possono essere chiusi dentro a sacchetti di carta fissati con un filo 2 . L’effetto estetico non sarĂ  bello, ma questo genere di accortezze risparmia alla pianta, e al coltivatore, qualsiasi tipo di trattamento, anche quelli con prodotti ammessi in agricoltura biologica. I sistemi di protezione attiva si usano su ciliegio, melo, pero, pesco, albicocco e piccoli frutti, come mirtilli, ribes, more e lamponi. Il tempo impiegato al momento dell’installazione delle protezioni si recupera del tutto o in gran

2

parte in seguito, perchĂŠ si evitano molti trattamenti. Si tratta di strumenti di protezione davvero efficaci, tanto da essere impiegati anche nella frutticoltura professionale.

L’acqua giusta per irrigare L’acqua dell’acquedotto è fredda e contiene cloro, un elemento tossico per i vegetali. Ăˆ meglio quindi non usarla direttamente sui campi, ma raccoglierla in serbatoi dove il cloro, lentamente, evapora e l’acqua si riscalda raggiungendo i 16°-21° C, temperature ottimali per l’irrigazione. Se poi il serbatoio può raccogliere anche l’acqua piovana è ancora meglio, perchĂŠ si riducono i consumi di un bene limitato come l’acqua potabile. A questo scopo è consigliabile anche abbandonare l’innaffiatoio e preferire il sistema di irrigazione a goccia, utilizzando manichette forate o tubi porosi. Con questo metodo, il risparmio di acqua è pari almeno al 30%, ma spesso è molto piĂš alto. Il sistema richiede basse pressioni di esercizio (11,5 bar) e si adatta bene all’automazione. Insomma, soddisfa contemporaneamente esigenze organizzative ed ecologiche.

Ortaggi ben sostenuti Il pomodoro, il peperone, alcune varietà di piselli, fagioli e fagiolini richiedono l’uso di sostegni. Si impiegano pali in legno, bambÚ o plastica interrandoli almeno a 30-40 cm sotto terra, perchÊ dovranno reggere un peso non indifferente e superare indenni temporali e vento. Per conferirgli maggiore stabilità si possono legare fra di loro con filo zincato o con una corda resistente, ancorandoli poi al terreno con dei paletti che trattengono i tiranti. n

France



C  AL

 F    CHIMICA   Fitosanitari,, trappole, pp , maceraati e altre soluzioni per p coltiivar a e senza veleni

1

6

www.terranuova.it

CURARE GLI ALBERI DA FRUTTO SENZA CHIMICA

Fitosanitari, trappole, macerati e altre soluzioni per coltivare senza veleni di Francesco BeldĂŹ Terra Nuova Edizioni - cod. EA187 pp. 182 - â‚Ź 14,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (www.negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

segnaliIBro

Se non ci sono stati problemi di impollinazione, i frutti che si formano su melo, pesco, albicocco e susino saranno molto numerosi. Il loro numero eccessivo, però, riduce l’induzione a frutto delle gemme e mette a rischio la capacitĂ  produttiva per l’anno seguente. Non solo: è controproducente anche rispetto alla possibilitĂ  di avere un raccolto di qualitĂ , perchĂŠ i frutti rimarrebbero troppo piccoli per riuscire ad accumulare una quantitĂ  di zuccheri sufficiente ad assicurare un prodotto gustoso e serbevole. Ăˆ per questi motivi che sarĂ  necessario intervenire con il diradamento, 4-6 settimane dopo la fine della fioritura e comunque prima della fase di indurimento del nocciolo. Si eliminano i frutticini piĂš piccoli e quelli malformati, lasciando 1-2 frutti per mazzetto. Il carico di frutti da lasciare va deciso comunque di volta in volta valutando lo stato vegeto-produttivo della pianta. Un caso particolare è rappresentato dai fiori dell’actinidia 1 (la pianta che produce i kiwi). Fioriscono nella seconda quindicina di maggio ma, non contenendo nettare, non attirano le api. Per questo è consigliabile procedere a un’impollinazione artificiale raccogliendo il polline dai fiori maschili con un pennello e versandolo in un contenitore per distribuirlo successivamente sui fiori femminili. Un risultato analogo si ottiene creando dei vortici d’aria per mezzo di un atomizzatore che gira a vuoto o di un soffiatore. Ăˆ importante riuscire a impollinare il maggior numero di ovuli possibile, perchĂŠ la presenza di molti semi migliora il gusto dei frutti.



Per saperne di piĂš si possono consultare i nostri manuali: Biobalcone, Il mio orto biologico, Il mio frutteto biologico, Difendere l'orto con i rimedi naturali, Curare gli alberi da frutto senza chimica (Terra Nuova Edizioni)

I lavori del mese di Francesco BeldĂŹ


————————————————

•  SCARICA  •  DISTRIBUISCI  •  DIFFONDI STACCA 

—————————

bollettino edito da Terra Nuova Edizioni

 

n° 1 - Maggio 2016

ven 6

NOTIZIE,

S

 BENVENUTI! 

38 anni dalla pubblicazione del primo numero di Terra Nuova. Allora si chiamava «AAM» (Agricoltura, Alimentazione, Medicina): poche pagine scritte a macchina con inchiostro verde, un «bollettino di coordinamento» delle dimensioni di un tascabile. Erano gli anni in cui nasceva il movimento del biologico in Italia, anni in cui con pochissimi mezzi e tantissimo entusiasmo un gruppo di persone ha gettato nel nostro Paese il primo seme del cambiamento, che anno dopo anno ha guadagnato la grande diffusione che conosciamo oggi. Qualcuno potrebbe dire «qua- flazionati, tanto da chiedersi se absi troppa»: effettivamente ormai i suf- bia ancora senso utilizzarli. Noi crefissi «bio» ed «eco» sono più che in- diamo di sì, basta essere ben consa-

pevoli che non è tutto eco quello che luccica. Anzi, se luccica tanto, forse tanto eco non è. È per questo che con l’Eco del Mese, che da ora in poi sarà incluso in ogni numero di Terra Nuova, ma anche liberamente scaricabile online e fotocopiabile, siamo voluti tornare all’essenza di quel numero zero di «AAM»: un bollettino di coordinamento dall’aspetto antico e dallo spirito giovane, dove trovare ogni mese tante occasioni per conoscersi di persona, scambiarsi idee, mestieri, sogni, libri, prodotti genuini... insomma per far incontrare la grande comunità del cambiamento. E sentirci subito molto meno soli. Passaparola!

INIZIATIVE

Mobilitiamoci contro il TTIP

Partecipa alla manifestazione nazionale a Roma e firma la petizione 7 mag

P

rocede a grande

l’accordo commerciale tra Usa e Ue i cui contenuti sono stati secretati, che mette a rischio l’ambiente, le piccole imprese e i posti di lavoro. Si tratta del TTIP, l’accordo transatlantico di liberalizzazione commerciale che Stati Uniti e Unione Europea stanno stipulando senza consultare i parlamenti nazionali e la società civile. Terra Nuova è tra i promotori e i sostenitori della campagna nazionale Stop-TTIP, il cui obiettivo è contrastare la stipula di tale accordo. Il 7 maggio invitiamo tutti i lettori a partecipare alla manifestazione nazionale a Roma, che porterà in piazza la voce della gente. Vi invitiamo anche a partecipare all’iniziativa «Fuori il TTIP dalvelocità

sab 21

dom 29

EVENTI E MANIFESTAZIONI PER VIVERE L’ECOLOGIA TUTTO L’ANNO

ono passati

Supplemento al mensile Terra Nuova n° 316 (maggio 2016), direttore responsabile: Mimmo Tringale, Reg. Tribunale di Firenze n. 4937 del 14/02/2000

ven 13

europee e italiane» spiega Elena Mazzoni, uno dei portavoce della campagna. «Siamo preoccupati per l’impatto che il TTIP avrà sulla nostra economia e sulla nostra vita, perché è concepito per favorire gli interessi delle grandi imprese multinazionali, soprattutto americane. Rischia di compromettere la qualità del nostro cibo e dell’ambiente, la nostra salute e i nostri posti di lavoro. Per questo motivo diciamo ai politici: fuori il TTIP dalla mia città! Le firme saranno consegnate ai sindaci, ai presidenti di regione, ai parlamentari nazionali ed europei».

la mia città», firmando la petizione rivolta a sindaci e parlamentari, che rivendica un confronto democratico e trasparente sui temi di un trattato che impatterà enormemente sulla vita dei cittadini. «Vogliamo che l’adesione dell’Italia al TTIP sia discussa in Firma la petizione: tutti i consigli comunali e che ogni  http://stop-ttip-italia.net/firma Comune esprima la propria preoccupazione e opposizione al trattato, co-  Tieniti aggiornato: me è già avvenuto in molte altre città www.progressi.org/stopttip7maggio

torna il

«Terra Nuova Festival» 2-5 giu

U

n’occasione

unica di festa e di confronto con l’universo di Terra Nuova, insieme ai lettori, i collaboratori della rivista, gli autori dei libri e grandi ospiti, in un’oasi di natura: siamo in Versilia, su una dolce collina a sei chilometri dal mare, direttamente sulla Via Francigena, tra borghi incantati, città d’arte, montagne superbe. Un grande evento sugli stili di vita sostenibili e l’ecologia, a ingresso gratuito, in occasione del ponte festivo del 2 giugno, durante il quale toccare con mano le buone pratiche ecologiche, trovare nuovi stimoli, conoscere i propri simili, mettersi in gioco con anima e corpo. Un programma denso di incontri, conferenze, proiezioni, laboratori di autoproduzione, mostre, workshop e un’area dedicata alla creatività dei bambini. Con un ricco assortimento di stand ecobio, gastronomia biovegetariana e vegan.  Programma completo: www.terranuovafestival.it  Iscrizione ai workshop: www.terranuovalibri.it/festival2016

Terra Nuova è... • Una rivista mensile • Una testata online • Una casa editrice • Una grande comunità di eco-lettori! Richiedi una copia gratuita a ecodelmese@terranuova.it Seguici su www.terranuova.it e su   


l’ECO del mese

n° 1 - Maggio 2016

Gli ecovillaggi aprono le porte

C

ontinua a creda maggio scere in tutta Europa il numero delle comunità intenzionali e le iniziative di abitare partecipativo. Per dare l’opportunità di un contatto diretto con le esperienze

A

nche quest’anno l’Associazione italiana amici dei mulini storici organizza un fine settimana per visitare i mulini storici presenti sul ter-

Informazione e comunità, condivisione e consapevolezza: da

queste parole chiave Terra Nuova parte per proporre ai lettori un portate avanti fino a oggi, per tutto il modo ancora più coinvolgente di sentirsi parte di una coscienza mese di maggio in Italia, Francia, sempre più collettiva. Olanda, Belgio e Germania, ecovillaggi e cohousing apriranno le porte 7-8 MAG 25-26 GIU CORSO DI PASTICCERIA a tutti coloro che vorranno visitarle. IMPARARE A FACILITARE con Pino De Sario  NATURALE E VEGAN http://porteaperte.ecovillaggi.it  Redazione di Terra Nuova, Firenze 

Visita i mulini storici 21-22 mag

I corsi di Terra Nuova

Per imparare a preparare gustosissimi dolci utilizzando solo ingredienti salutari

29 apr - 1 mag

20-22 mag

Mostra mercato dell’alimentazione bio e dell’ecologia domestica

Festival dedicato alle nuove tendenze alimentari e no glutine

6-8 mag

20-22 mag

Dedicato ai progetti per i nuovi modelli di sviluppo

Evento vegan e cruelty-free

7-8 mag

Indica Sativa  Unipol Arena di Bologna 

1, 2 e 3 LUG ritorio italiano. La due giorni, dedi28-29 MAG, CORSO DI CUCINA cata per questa edizione alla molitu- LE STAGIONI IN CUCINA: CRUDISTA E VEGAN ra del mais, vuole essere un’occasio- L’ESTATE, ENERGIA FUOCO con la chef Toni Van Duyne  tenuta di Villa Fassìa, Gubbio (Pg)  ne per far conoscere un patrimonio con la chef Cristina Fusi  Per imparare a preparare piatti in da tutelare, per salvaguardare edifici tenuta di Villa Fassìa, Gubbio (Pg)  di cucina vegan con ricette grado di aumentare i livelli di energia con una valenza storica e architetto- Corso mediterranee e consigli macrobiotici. e vitalità. nica ma anche per rilanciare il turiInfo e iscrizioni: www.terranuova.it/eventi - annunci@aamterranuova.it smo educativo e promuovere un’attitel 055 3215729 int. 717 - Sconti per gli abbonati a Terra Nuova vità molitoria nuova, capace di trasformare i prodotti dell’agricoltura biologica in farine e prodotti per un’alimentazione sana. Eco-fiere del mese  tel 339 6556314 - www.aiams.eu Venite a trovarci allo stand di Terra Nuova!

STOP TTIP - LA VIGNETTA di Franco Sacchetti

Officinalia  Castello di Belgioioso (Pv) 

Now - Festival del Futuro Sostenibile  Villa Erba a Cernobbio (Co) 

Naturalia idee naturali al 100%  Fortezza Vecchia di Livorno  Fiera dedicata al mondo del biologico e del naturale

7-8 mag

We love bio  Poggibonsi (Si) 

Incontra gli autori di Terra Nuova 9 maggio, Ferrara

Serena Bonura presenta L’orto dei bimbi. CEAS IDEA, Servizio Ambiente, Comune di Ferrara, Via XX Settembre 152 - ore 17.30 tel 0532 740692, idea@comune.fe.it.

12 e 26 maggio,

Mogliano Veneto (Ve)

«Alimentazione e salute: prevenire e vivere bene mangiando correttamente», incontro con la dottoressa Michela Trevisan. Farmacia San Marco, via Ronzinella 68 - ore 20.30 tel 041 453789 redazione

con lo chef Pasquale Boscarello  tenuta di Villa Fassìa, Gubbio (Pg) 

Corso introduttivo ai dispositivi pratici del «face-model», per un orientamento efficace nel lavoro e nella crescita personale.

14 e 15 maggio, Lido di Jesolo (Ve)

«Vegan dalla nascita», convegno con i dott. Mario Berveglieri, Luciano Proietti e Michela Trevisan. Suite Hotel Baia del Mar, via Altinate, 5° accesso al mare 2 - Sabato 14.30 e domenica 10.30 tel 380 1927147, info@terranostrabio.it

28 maggio, Treviso

«Conosciamo gli alimenti amici dell’apparato cardiovascolare», incontro con la dottoressa Michela Trevisan. Spiga D’Oro, via della Repubblica 193 - ore 10.00 www.spigadoro.org

Stand, dimostrazioni e presentazioni sul tema benessere natura & eco

12-16 mag

Riolo Veg Fest  Riolo Terme (Ra) 

Lucca Vegan Friends  Piazza Napoleone di Lucca 

20-22 mag

Manifestazione internazionale dedicata ai molteplici utilizzi della canapa

20-22 mag

Yoga Festival Adriatico  Museo Michetti di Francavilla al Mare (Ch)  Animato da relatori e operatori di riferimento per tutto il variegato mondo olistico

Salone Internazionale del Libro  Lingotto Fiere, Torino 

21-22 e 28-29 mag

Salone dedicato all’editoria, alla lettura e alla cultura

commercio equo e solidale

13-15 mag

Chiarissima  Villa Mazzotti di Chiari (Bs) 

4 passi Treviso  Fiera dedicata al

27-29 mag

L’Isola di Veg  Parco del Turismo, Roma EUR 

Festival del ben-essere e della vitalità

Evento enogastronomico, olistico e ludico dedicato al mondo vegan

13-15 mag

27-29 mag

benessere, al biologico e all’ecologia

Festival delle buone pratiche, discipline olistiche, cibo bio e vegan

14-15 mag

27-29 mag e 1-5 giu

tutti gli amanti della natura

dedicato alla cultura orientale

Why bio  Fortezza del Priamar di Savona  Evento dedicato al

Festival delle erbe  Hotel La Fonte di Ancona  Punto di riferimento per

La Città Olistica Modena 

Festival dell’oriente  Milano - Novegro  Evento multiforme

(055 3215729 int. 4 - ecodelmese@terranuova.it): Nicholas Bawtree, Claudia Benatti, Gabriele Bindi, Alessandra Denaro, Francesca Guidotti, Sergio Tonon Andrea Calvetti  illustrazioni fisse: Federico Zenoni  altre illustrazioni: vedi www.credits.terranuovaedizioni.it Questo supplemento è distribuito con Licenza Creative Commons: Attribuzione, Non commerciale, Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.  Per saperne di più: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0

progetto grafico:

scarica il pdf e iscriviti alla newsletter su:  www.terranuova.it/ecodelmese


in primo piano

Sano, etico e ricco di significato: ecco il pane che vogliamo Da Nord a Sud, piccole filiere del grano crescono in tutta la Penisola, in una fusione di tradizione, innovazione e socialità. Esperienze e progetti diversi, con un obiettivo comune: recuperare e ricostruire reti di economia locale per far fronte comune contro chi minaccia la sovranità alimentare. di Gabriele Bindi

C

osa c’è di più buono e di più sano del pane? È l’emblema stesso del nutrimento, che ha suggellato un patto di ferro tra campagna e città per intere generazioni. Erano i tempi in cui contadi-

ni, mugnai e panificatori costruivano l’ossatura delle economie locali. Questa concretezza del pane quotidiano e del cibo in genere oggi sembra sfuggirci di mano. Dal campo alla tavola si è aperta una voragine, una

distanza enorme, con dei passaggi intermedi che sfuggono anche alla nostra comprensione. Per accelerare la produzione si cospargono i terreni di concimi e pesticidi di sintesi. E si prosegue nelle fasi successiTerra Nuova · maggio 2016

9


in primo piano

ve con una serie di artifici, dalla conservazione alla molitura, fino ai vari additivi per la panificazione. Nell’era del consumo globale il prodotto finale, il pane, ci arriva così sfigurato, privo di gusto, senza più legami col territorio, senza riguardo per chi lo produce e per le sorti del Pianeta.

«Ci sono stati imprenditori di larghe vedute che invece di voler creare dei brevetti hanno generosamente distribuito i semi».

Raccontiamo una storia diversa A questa narrazione si contrappongono storie di persone che oggi lottano per ricostruire le filiere del grano. Pagnotte e filoni di produzione locale, come frutto di esperienze di rinascita rurale, arrivano a noi dopo un percorso che parte dai campi coltivati e passa attraverso la trasformazione di mugnai e fornai capaci di interpretare al meglio il valore dei grani antichi. Si tratta perlopiù di progetti nati all’interno di

– Claudio Pozzi, Rete semi rurali

reti di collaborazione tra agricoltori, trasformatori e consumatori finali, con il supporto di agronomi, gruppi di cittadini e associazioni che lavorano per la biodiversità. Dal 2014, la Rete semi rurali ha organizzato le Filigrane, incontri nazionali sulle filiere cerealicole, dal cui censimento sono emersi 23 pro-

getti diversi. Non stiamo parlando di aziende che cercano il modo di differenziarsi sul mercato, ma di esempi di una nuova economia locale partecipata, in cui i cittadini e i coltivatori si interrogano sul proprio futuro, minacciato da un controllo sempre più invasivo sulla produzione del cibo.

Grani della tradizione contadina: le filiere del pane in Italia Una rassegna dei diversi progetti dal campo alla tavola nati in Italia, sotto la spinta di gruppi di acquisto, gruppi di agricoltori e – in rari casi – istituzioni. TRENTINO-ALTO ADIGE

1 2

Cereali Valle dei Laghi, Valle di Cavedine e del Bleggio (Tn) 2

Coltivare condividendo, filiera dei cereali antichi

3

bellunesi, Belluno e provincia

No Dal Molin – Terre resistenti: i cereali, Vicenza 2

8

EMILIA-ROMAGNA

1

Il Biricoccolo, Crespellano Valsamoggia (Bo) Pane Virgo, Emilia Romagna Val Stirone (Pr), Pellegrino Parmense (Pr)

1 1 1

2 1

TOSCANA Semproniano (Gr)

2

2

PIEMONTE Filiera della Farina di Stupinigi, Stupinigi (To) Filiere di pane agricolo Aiab, Piemonte Ingraniamo, Val di Susa

LOMBARDIA Filiera del Grano Desr, Parco agricolo sud Milano Spiga e Madia, Monza e Brianza

MOLISE Arca Sannita, Campobasso e provincia

CAMPANIA Cum-Panatico Sud, Pozzuoli (Na) -Benevento Palio del Grano, Caselle in Pittari (Sa)

PUGLIA Pane di Altamura Dop, Altamura (Ba)

Amici grani antichi della Maremma,

2

www.terranuova.it

Consorzio Produttori "Solina d'Abruzzo”,

Sulmona (Aq)

VENETO

3

10

ABRUZZO

Associazione Grani Antichi di Montespertoli, Montespertoli (Fi)

Filiera del Pane Des Altro Tirreno, Vecchiano (Pi) Floriddia, Peccioli (Pi) Il pane di San Rossore, Parco Migliarino San Rossore (Pi) Pane nuovo da grani antichi, Siena e provincia Progetto Sterpaia, Piombino e Val di Cornia (Li) Tenuta Bellavista Insuese, Guasticce (Li)

UMBRIA

BASILICATA Buon Grano, Potenza e provincia

CALABRIA Il seme che cresce, Cosenza Orto di famiglia, Catanzaro

SICILIA Pane Rustico dell’Hymera e dell’Halicos, Caltanissetta e provincia

Torre Colombaia, Marsciano (Pg)

Terre Frumentarie, Raddusa (En)

MARCHE

SARDEGNA

Consorzio Marche Biologiche, Isola del Piano (Pu) Cooperativa Girolomoni, Montebello di Isola del Piano (Pu)

Consorzio sardo senatore cappelli, Tuili (Vs) Domus Amigas, Iglesias e provincia


in primo piano

Vogliamo il glutine d’oltremare? Intanto, partiamo con una fotografia. Nel mese di marzo, al porto di Bari gli agricoltori pugliesi di Coldiretti hanno manifestato per bloccare l’importazione di grano straniero, lamentandosi dei prezzi che fanno diventare il loro lavoro sempre più difficile. Il cartello dell’industria alimentare italiana ha subito parlato di demagogia. Dal suo punto di vista è assolutamente necessario importare grani cosiddetti di qualità, o grani di forza, prodotti in Canada, Ucraina o chissà dove. I pastifici e i panifici industriali preferiscono lavorare farine raffinate, che hanno un lungo tempo di conservazione. Farine in grado di reggere trattamenti impetuosi e garantire grande elasticità, a discapito della nostra salute. Ormai esistono studi che dimostrano come sensibilità al glutine, celiachia e diversi altri problemi di salute siano correlati al consumo di varietà moderne di frumento, funzionali al profitto ma

Nel mese di marzo, al porto di Bari gli agricoltori pugliesi di Coldiretti hanno manifestato per bloccare l’importazione di grano straniero, lamentandosi dei prezzi che fanno diventare il loro lavoro sempre più difficile.

poco compatibili con il nostro organismo. A livello nazionale importiamo tra il 30 e il 40% del grano duro necessario al nostro fabbisogno, e circa il 50% del grano tenero che serve per fare pane, biscotti e altri prodotti tra-

sformati, su cui poi mettiamo il bollino del made in Italy. Il grano arriva a tonnellate nelle stive delle navi. Rimane in balia delle onde oceaniche per settimane, a volte mesi. Le montagne di frumento possono tranquillamente ammuffi-

Macina cereali per uso domestico! Le sostanze nutritive contenute nei cereali integrali in chicchi, vitamine, proteine, enzimi, ecc. con la macinatura degradano molto velocemente. Infatti le farine in commercio conservano della loro “vera” natura solo un vago ricordo.

Inoltre trovate alla Naturalia: • Vegan Star per preparare latte di soia ‡ ÀRFFDWULFL • essiccatori • germogliatori

Merano · via Mainardo 49 · Tel. 0473 221 012 · Fax 0473 221 612 · mulini@naturalia.it · www.naturalia.it

12

www.terranuova.it


Cosa ne pensate? re, in ostaggio delle oscillazioni del mercato borsistico, perché il grano, al pari di tutte le altre materie prime, oggi è soprattutto una merce. Intanto Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane, invia un messaggio poco rassicurante: «Produrre pasta solo con grano italiano» si legge nel comunicato «costringerebbe molti connazionali a rinunciare al loro piatto preferito e a un pilastro della dieta mediterranea». Già, come potremmo mai sopravvivere senza la celebre e tanto venerata farina manitoba?

Dal seme al pane: l’esperienza toscana Da 13 anni ormai in Italia è attivo un movimento per il recupero di grani della tradizione contadina. In Toscana la messa in produzione è cominciata circa dieci anni fa, con il contributo importante di Stefano Benedettelli, genetista dell’Università di Firenze. Claudio Pozzi, coordinatore della Rete semi rurali, ci par-

la di quegli inizi nel segno di una continuità da salvaguardare: «I punti di forza di questo movimento» ci racconta «sono sempre stati l’orizzontalità dei rapporti e la generosità. Ci sono stati imprenditori di larghe vedute che invece di voler creare dei brevetti hanno generosamente distribuito i semi. Mi riferisco soprattutto a Rosario Floriddia di Peccioli (Pi), che ancora oggi ha una proverbiale visione sociale della sua funzione e ha contribuito a dar vita alla maggior parte delle iniziative nate in Toscana». L’azienda agricola Floriddia ha puntato da subito a chiudere il ciclo della filiera, senza però mai perdere l’idea di rete. Oggi dispone di un grande mulino a pietra dotato di un sistema di selezione e pulizia dei cereali, ha un pastificio artigianale e il forno a legna per la produzione di pasta biologica, pane e altri prodotti da forno. «Allo stesso tempo però» testimonia Pozzi «continua a costruire reti d’impresa, senza mai cessare di ospitare campi sperimentali sui propri terreni».

Mandate impressioni,idee,commenti a lettere@aamterranuova.it

Su scala regionale sono seguite diverse esperienze. Claudio Pozzi ce ne segnala una delle più significative, quella di Montespertoli (Fi) dove, grazie alla collaborazione di numerosi attori del territorio, è nato un progetto per produrre e trasformare in zona i cereali destinati alla panificazione, attraverso forni a legna tradizionali. «Abbiamo ricreato una filiera andata perduta negli anni» racconta Patrizia Ducci, presidente dell’associazione Grani Antichi di Montespertoli. «Siamo riusciti a coinvolgere trenta aziende agricole con una superficie di 200 ettari di grano tenero in produzione e 200 ettari di superficie in rotazione». I nomi delle varietà sono frassineto, gentilrosso, autonomia e gentilbianco. «Grani che erano stati selezionati verso i primi decenni del novecento dall’Istituto di cerealicoltura di Frassineto (Ar), adatti ai nostri terreni. Mentre come grano duro abbiamo il glorioso senatore cappelli». Sono grani meno

SOS metabolismo. I funghi medicinali vengono iin aiuto. i t GMP CERTIFIED

Blazei-Mu urrill 180  Integratore alime entare sinergico a base di Agaricus blazei Murrill di provenienza i bi biolo logica i europea (80% di ffungo iinter t ro e 20% di estratto t tt standardizzato). Q Questo fungo si distingue per l’alto contenuto c di proteine vegetali, di mine erali (calcio, potassio, zinco, ferrro) e di aminoacidi essenziali ed un basso contenuto calorico; attiva ando il metabolismo riduce l’attività de ella lipasi pancreatica.

Ganoderm ma 180  G rm ma Lucidum) Integratore alimentare sinergico a base di Reishi (Ganoder di provenienza biologica europea (80% di fungo inte ero e 20% di estratto standardizzato), aiuta a tenere sotto controllo il desiderio del cibo, abbassando lo str s ess emotivo, tramite la regola azione del cortisolo, previene inoltre la a formazione di adipochine proinfiammatorie.

Maitake 18 80  Integrator g e alimentare sinerg gico a base di Maitake (Grifola frondosa),  ), di provenienza biologica europea (80% di fungo interro e 20% di estratto standardizzato), regola il metabolismo cellulare aumentando la sensibilità all’azione dell’insulina. Modula i livelli di zucchero nel sangue ed è un eccellente complemento nelle diete per il controllo del d peso. Trovate la nostra gamma completa dei prodotti micoterap pici sul sito www.freelan ndtime.com Corso Milano 110/B · 37138 Ve erona · Te el. 045 6702707 · Fax 045 6753771 · info@freelandtime.com

Terra Nuova · maggio 2016

13


in primo piano

produttivi di quelli attuali (si parla in media di 15-17 quintali ad ettaro, contro i 30-35 dei grani convenzionali) ma che necessitano di meno lavorazioni. Dopo la semina si torna nel campo solo per raccogliere, con un notevole risparmio di fatica e di input chimici. E dopo il raccolto la filiera continua il suo giro virtuoso. «Il nostro mulino Paciscopi acquista il grano pagandolo il doppio rispetto al prezzo di mercato: circa 60 euro al quintale» prosegue Patrizia Ducci. «Due nostri fornai poi trasformano le farine seguendo un nostro disciplinare, che li obbliga a non usare additivi e a far avvenire la lievitazione con lievito naturale, ovvero una pasta madre realizzata con farine di tipo 2 macinate a pietra, che conservano ancora il germe di grano e parte della fibra. Il risultato è un pane eccellente, che piace, si vende bene e fa parlare di sé. Mentre la nostra filiera cresce si sono creati gruppi simili a Bagno a Ripoli (Fi), nel Valdarno e nel Casentino, realtà con cui siamo ancora in contatto. E poi abbiamo avviato la produzione di pasta rivolgendoci, per ora, a un pastificio di Pistoia che lavora con temperature di essiccamento inferiori a 45° C». Il sistema sembra accontentare tutti: gli agricoltori hanno la garanzia di un lavoro adeguatamente remunerato, mentre il consumatore ha un prodotto sano e nutriente a un prezzo tutto sommato accettabile: 2,5 euro per mezzo chilo di pasta, 3 euro al chilo per il pane. Un pane che nutre davvero.

Milano: farine contro il cemento La famosa rivolta del pane del 1628 a Milano, di cui parla anche il Manzoni, fu causata dall’aumento del costo del grano, tra cui quello di importazione. Nell’era di Expo però le cose vanno diversamente: i prezzi del grano tendono sempre al ribasso e a rimetterci sono gli agricoltori, che fiNella foto, Salvatore Ceccarelli, celebre genetista italiano. Collabora con il Distretto di economia solidale rurale di Milano, che promuove progetti di recupero di varietà antiche di grano.

14

www.terranuova.it

«Abbiamo voluto attivare una comunità di sostegno all’agricoltura, per praticare un’economia davvero diversa da quella di mercato». – Luciana Maroni, coordinatrice della Filiera del grano di Desr

niscono per abbandonare la terra consegnandola al cemento. Nel Parco agricolo sud Milano c’è chi resiste e ha messo in piedi una nuova filiera cerealicola, capace di riavvicinare la campagna alla città. In questo caso non si tratta solo di produrre cibo locale di qualità, ma di difendere dalle speculazioni l’unica area agricola rimasta ai confini della metropoli. I pericoli sono l’asfalto e le palazzine, ma anche l’invasione degli impianti a biomasse e delle trivelle, che modificano la destinazione d’uso dei terreni. A tirare le fila di questo progetto è il Distretto di economia solidale rurale (Desr), che ha una rete piuttosto estesa e una forte vocazione al sociale. La filiera del grano coinvolge cinque aziende agricole biologiche certificate e cinque panificatori, tra cui il laboratorio del Carcere minorile Beccaria. Ne sono parte anche

una piccolissima azienda di trasformazione e l’associazione FuoriMercato, che ha sede presso la fabbrica recuperata Ri-Maflow (vedi TN di febbraio, pag. 69, ndr) e segue la distribuzione per i gruppi d’acquisto solidale di Milano. Lo zoccolo duro in effetti sono proprio loro, quei 60 gruppi d’acquisto che comprano regolarmente pane, biscotti, dolci e farine prodotte in un raggio di pochi chilometri di distanza. «Abbiamo voluto attivare una comunità di sostegno all’agricoltura, per praticare un’economia davvero diversa da quella di mercato» spiega Luciana Maroni, coordinatrice della Filiera del grano di Desr. «I nostri agricoltori fanno un raccolto di 1000 quintali di grani biologici all’anno, di cui 250 sono assorbiti dalla nostra filiera. Nel 2012 sono state introdotte 11 varietà tradizionali, tra cui compaiono anche nomi insoliti e


DA NON PERDERE

IRIS coop. agr.. – A.S.T..R.A. bio - 26030 Calvatone (CR R)

Le giornate europee dei mulini Il 21 e 22 maggio prossimi, un fine settimana per visitare i mulini storici presenti sul territorio italiano – vedi L’Eco del Mese a pag. 7 di questo numero o visita il sito www.aiams.eu

L’Agricoltura biologica la nostra passione i prodotti IRIS il frutto delle nostre azzioni

Domenica 29 Maggio 2016

17° Edizione di i

meno conosciuti come mentana, terminillo, marzuolo, orso e asita». Luciana non ci nasconde che le condizioni climatiche avverse hanno creato dei problemi, ma i numeri sono comunque interessanti. Nella stagione passata sono stati raccolti 115 quintali di questi grani cosiddetti antichi, che vengono coltivati non a parcelle ma mescolati gli uni agli altri. La sperimentazione è stata curata dal professor Dinelli della facoltà di agraria di Bologna. Ma c’è anche lo zampino del celebre genetista Salvatore Ceccarelli, che sull’idea delle mescolanze dei semi ha fatto scuola a livello internazionale, dimostrandone la convenienza per la fertilità dei terreni e la sovranità alimentare. Per quanto riguarda la trasformazione c’è uno sforzo continuo per migliorarsi. «Il pane certificato biologico non lo possiamo garantire» dice Luciana «perché il vecchio mulino di Abbiategrasso non ha la certificazione. E per la panificazione ci rivolgiamo perlopiù a fornai di quartiere che fanno anche pane convenzionale. Ma i membri dei gruppi d’acquisto hanno comunque la certezza che si usano farine biologiche di qualità macinate a pietra, e per loro è sufficiente. In cantiere abbiamo comunque un progetto di acquisto collettivo di un mulino».

“Una giornata in cascinaa” Prenota sul nostro Sito

Vi it il sito Visita it e scoprii i prodotti d tti IRIS www w.irisbio.com Terra Nuova · maggio 2016

15


in primo piano

In queste immagini, campi coltivati con la varietà senatore cappelli.

La pasta del Sud Per molti anni le regioni del Meridione sono state il granaio d’Italia, soprattutto per il grano duro, indispensabile per la produzione di una buona pasta. Oggi, nella costruzione delle filiere, si registrano iniziative interessanti, sul piano agricolo e sociale. In Campania c’è il progetto «Cum-Panatico Sud», un patto di coproduzione solidale che quest’anno è riuscito a completare il percorso con la pasta biologica autoprodotta in un territorio di circa 120 km di raggio da Napoli al Beneventano. La storia che vi vogliamo raccontare però è ancora più a sud, in Calabria, nella zona di Cosenza, e racconta di Il seme che cresce, un laboratorio di sperimentazione sociale, avviato nel 2011 dalla Rete di economia solidale, con il contributo determinante dei gruppi d’acquisto. Il progetto si è basato principalmente sulla costruzione di un percorso trasparente, che ha coinvolto i piccoli produttori e gli operatori locali, seguendo i principi dell’agricoltura naturale e biologica. «Abbiamo avviato un percorso partecipato e inclusivo con l’obiettivo di creare circuiti economici sani, ripartendo dai nostri bisogni primari» racconta Mario Coscarello, referente del progetto. «Siamo partiti da una prima sperimentazione con la varietà senatore cappelli. Oggi abbiamo circa 15 ettari di coltivazioni sparsi in tutta la provincia

16

www.terranuova.it

e produciamo 130 quintali di grano. Oltre ai ben noti gentil rosso e verna, abbiamo aggiunto tredici varietà locali, come carusella, quaderna o jermanu per i grani teneri; timilia, saragolla o tagan rog per i grani duri. Da tre anni collaboriamo con l’Istituto agrario Tommasi di Cosenza, nel quale sono stati seminati in apposite parcelle, in via sperimentale, gli ecotipi recuperati. Qui svolgiamo anche attività culturali e divulgative, oltre che di ricerca insieme agli studenti». I prodotti, oltre alla farina e alla semola sfusa, sono quelli tipici del Meridione: pasta secca, pasta fresca, pane con pasta madre, frese e taralli. Ma c’è anche un birrificio che utilizza i grani locali producendo una buona birra.

Risolvere il problema della scarsità Oggi più che mai è il momento di passare all’azione. I tempi sono maturi, le conoscenze possono essere condivise. Ognuno di noi, nel suo quartiere, nel suo paese, nel proprio gruppo d’acquisto può fare qualcosa per il rilancio di queste filiere del grano che, come abbiamo visto, mettono insieme ambiente, lavoro, socialità e buona alimentazione.

Allo stato attuale, l’anello debole è purtroppo proprio la scarsità del prodotto, perché la richiesta di grani tradizionali supera la disponibilità. «C’è una tale consapevolezza sulla superiorità nutrizionale delle vecchie varietà di grano che la domanda supera l’offerta. E qui si annida un pericolo» ammonisce Claudio Pozzi di Rete semi rurali. «Se non si provvede a far crescere la rete di produttori e trasformatori seri andiamo incontro rapidamente alla truffa e alla speculazione, come capita facilmente quando la richiesta supera la disponibilità». Avanti dunque, ma senza fare passi falsi. Servono anzitutto persone disponibili a lavorare la terra. Bisogna trovare agricoltori disposti a cambiare metodi di produzione, con la consapevolezza che non si deve concimare o usare diserbanti, e che non serve il massimo della resa per farsi uno stipendio. Se dal campo alla tavola il percorso si fa breve, ci guadagniamo tutti. Bisogna tornare a rinsaldare l’alleanza tra città e campagna, produttori e consumatori consapevoli. In fondo non stiamo parlando di beni superflui, parliamo del pane quotidiano. La cosa più concreta che esista. l

Per saperne di più Rete semi rurali: www.semirurali.net Floriddia: www.ilmulinoapietra.it • Grani antichi di Montespertoli: http://graniantichitoscani.com/it/produttori-grani-antichi-toscana • Distretto di economia solidale rurale parco agricolo sud Milano: www.desrparcosudmilano.it • Il seme che cresce: www.utopiesorridenti.com • •


l'intervista

Il cibo come democrazia Il cibo non è merce da produrre ed esportare. Dafne Chanaz suggerisce un altro modo di considerare la produzione e la vendita degli alimenti, con un occhio al passato e l’obiettivo di proporre modelli alimentari sostenibili per nutrire il Pianeta. di Gabriele Bindi

I

l cibo oggi è oggetto di molte attenzioni. Sembra essere diventato addirittura una star. Protagonista quotidiano delle trasmissioni televisive, è costantemente sotto i riflettori dei grandi eventi. E in questo modo appare sempre di più come un oggetto, feticcio identitario, strumento di diete miracolose, ma soprattutto merce da esportare, con il sigillo di grandi marchi ed etichette. Si dimentica che il cibo è relazione, democrazia, storia e futuro dell’umanità. E che, a seconda dei suoi usi, può diventare elemento di costruzione o di distruzione del Pianeta. Ne abbiamo parlato con Dafne Chanaz, cuoca e scrittrice, docente di Cultura del cibo presso l’Università di Seattle (UW) a Roma. Autrice di Terra Nuova, si occupa da sempre di ecologia applicata, indagando il rapporto tra cibo, agricoltura e città.

Dafne, ricorderemo l’Expo dello scorso anno come vetrina del cibo globale. È questa la strada per nutrire davvero il Pianeta? Il cibo su scala mondiale è un concetto fuorviante, perché in realtà il cibo ha senso solo su scala locale. Se in Italia è giusto usare l’olio d’oliva, probabilmente in Russia non avrebbe senso. Le cose però oggi funzionano in modo strano: la valorizzazione di un prodotto contadino avviene nel mo-

18

www.terranuova.it

mento in cui questo diventa esportabile. Se faccio un buon olio d’oliva e lo esporto negli Stati Uniti ho valorizzato il mio prodotto e la mia azienda. Altrimenti rimango un fenomeno su scala familiare, ai margini della società. Purtroppo nell’economia agricola, così com’è adesso in Italia, spesso e volentieri è necessario ricorrere a questo tipo di esportazione per sopravvivere. Ma non tutto è perduto. Ci sono molte esperienze che vanno in un’altra direzione. Lo scambio di merci e di derrate alimentari esiste da tempi immemorabili. Si può forse criminalizzare? Il fatto è che abbiamo oltrepassato i limiti del buon senso. L’ultima volta che sono stata al Forum sul cibo della Fao, nell’ottobre del 2014, l’idea era ottenere finanziamenti per sostenere le esportazioni di quinoa dal Sudamerica. Si parlava di marketing su scala mondiale, con l’obiettivo di portare il mondo intero a cibarsi di quinoa. A causa di questo enorme volano di esportazioni, le comunità locali sono state espropriate del loro stesso prodotto, messo in mano a quelle grosse aziende che erano in grado di fare marketing e di esportare. La domanda da farsi è questa: un cibo ha valore nel momento in cui è esportabile o quando ha senso nel suo luogo e nella sua comunità?

A livello pubblico si fa un gran parlare di filiera corta, ma si vuole davvero incentivarla? Quando mi è capitato di parlare con Guido Barilla, la prima cosa che mi ha detto è che la filiera corta è pericolosissima, perché non è sottoposta a controlli. Nominando Barilla pensiamo subito alla produzione della pasta, ma dobbiamo ricordarci che il più grosso business del gruppo è la logistica della grande distribuzione, cioè i camion che vanno su e giù per l’Italia a fare la filiera lunga. Non è un caso se durante l’Expo 2015 è stato affidato proprio alla Fondazione Barilla il compito di redigere un protocollo per il futuro dell’alimentazione. Ormai è una pratica diffusa: a decidere le nostre sorti sono attori privati, che hanno evidenti interessi nel settore. Gli stati devono solo sottoscrivere. Difficile incentivare la filiera corta quando le multinazionali hanno un potere economico superiore a quello degli stati nazionali. Il problema forse sta nel libero mercato, che poi tanto libero non è? Vorrei ricordare che la democrazia è nata all’interno di un mercato, in quella che chiamiamo la piazza, o agorà greca. Prima che sopraggiungesse la schiavitù, la vita materiale e la vita spirituale erano ancora un tutt’uno. In particolare, nella fede-


razione di villaggi della Beozia, ogni cittadino era al contempo un agricoltore e, proprio in virtù della sicurezza che la sua terra gli garantiva, poteva contribuire alla vita politica esprimendosi liberamente, senza essere condizionato dal bisogno. Si poteva fare politica, nel suo senso più nobile, in mezzo al trambusto del mercato. Era lì che si svolgeva la vita e la politica riguardava la vita materiale: si decideva cosa coltivare, cosa mangiare, come garantire dignità alle persone. Poi gli schiavi hanno dato alle civiltà imperiali greca e romana l’illusione di emanciparsi. È allora che filosofi come Aristotele ritennero che fosse meglio allontanare l’assemblea dal mercato, e così la politica ha abiurato agli aspetti materiali della vita. Il prezzo da pagare era la diseguaglianza e lo sfruttamento. Astratta dal reale, la democrazia è diventata una cosa per pochi e ha per-

so il suo senso. Noi siamo figli di questa separazione. Le civiltà occidentali tendono a negare all’aspetto materiale del mondo una sua dimensione spirituale. Si sono divise le attività superiori intellettuali dalla dimensione del quotidiano. Così facendo abbiamo perso su entrambi i fronti. Mentre nel mercato ortofrutticolo in piazza si costruiva una vera libertà attraverso la tessitura di relazioni e coltivando uno spazio civico, oggi l’idea astratta del libero mercato ci ha regalato un mondo di monopoli, dove il consumatore e il coltivatore non hanno più il minimo potere negoziale. Un modello fatto di colossi senza radici e consumatori inermi. Adesso questo modello mostra i suoi limiti. Viviamo qualcosa di simile al declino dell’Impero Romano. Ma questa volta non è solo lo sfruttamento delle persone a darci l’illu-

sione di emancipazione e di predilezione per l’astratto. È stato anche, in gran parte, l’uso dei combustibili fossili. Ogni americano medio consuma una quantità di energia equivalente alle fatiche di 150 schiavi che lavorano per lui 24 ore al giorno. Ci hai parlato di «energia per la vita», che era proprio uno slogan di Expo. Cosa significa per te questo concetto? L’elemento comune a tutti gli esseri viventi, piante e animali, è la presenza degli atomi di carbonio, quelli che definiscono la materia organica. Con il cibo andiamo a prenderli negli altri esseri viventi: dobbiamo mangiare qualcosa che è stato vivo. Questo atomo di carbonio è quindi il mattone base della vita e noi ne abbiamo bisogno per rigenerare la nostra energia. Al contrario di noi, le piante prendono il carbonio direttamente dall’aria, portando nel ciclo Terra Nuova · maggio 2016

19


l'intervista

del vivente la CO2. Ed è qui, nel regno vegetale, che si trova l’origine di tutta la catena alimentare. Il grande salto per l’umanità è avvenuto con l’agricoltura: se da cacciatori e raccoglitori prendevamo il carbonio un po’ qui un po’ là, come agricoltori e allevatori abbiamo avuto un’intuizione legata al ciclo riproduttivo di piante e animali. Si è cominciato a nutrire e addomesticare la vita. Con un importante contributo dei batteri. In che senso? Quando noi fertilizziamo la terra usiamo uno starter, che è il letame animale. Irrighiamo i campi. È un po’ quello che succede quando mettiamo la pasta madre in un impasto di farina e acqua: la terra fermenta e trattiene la materia organica. I batteri sono dei grandi riciclatori di carbonio. Quando un albero muore potrebbe ossidarsi e quindi tutto il carbonio presente nell’albero tornerebbe nell’atmosfera a contatto con l’ossigeno. In presenza di batteri, invece, crea humus prezioso: ecco che con l’agricoltura naturale abbiamo imparato a tratte-

nere la vita nel terreno invece di la- polate da batteri fermentanti. Da sciarla scappare sotto forma di CO2. un’epoca di minerali, conifere e dinosauri, siamo passati a un’epoca di Oggi però abbiamo un’agricoltura latifoglie, humus e mammiferi. Quelche produce molta CO2 per via del- lo che stiamo facendo oggi è esattal’uso dei combustibili fossili… mente l’opposto: stiamo restituendo Dobbiamo tutto questo, in un all’atmosfera questo carbonio, come certo senso, all’era dei dinosauri. È al- se stessimo invocando un ritorno allora che la maggior parte dei cascami l’era dei dinosauri, un periodo in cui di materia vivente si è fossilizzata, an- l’atmosfera carica di CO2 era ostile dando a creare le riserve di carbone, alla vita dei mammiferi, e permettepetrolio e gas naturale che oggi sfrut- va solo ad animali e piante molto pritiamo. Nell’era del Carbonifero, ol- mitivi di sopravvivere. E al contemtre 300 milioni di anni fa, ancor pri- po neghiamo il diritto di cittadinanma dell’avvento dei dinosauri, si za ai batteri e alle fermentazioni, sia sono accumulati questi combustibi- nel terreno che nei nostri stomaci. li fossili, carbonio vegetale prodotto dalla fotosintesi che è rimasto in- Con la tecnologia non possiamo mitrappolato sotto terra; la quantità di gliorare l’efficienza? combustibile che usiamo oggi in un Per circa 10 mila anni prima dell’era anno ha impiegato circa cinque mi- industriale siamo stati costretti a otlioni di anni ad accumularsi. timizzare: usavamo una caloria delIntrappolando la CO2, l’era del la nostra energia per zappare, semiCarbonifero ha inoltre contribuito a nare, raccogliere la legna e riuscire così modificare l’atmosfera e a rendere la a produrre tre calorie di cibo. Queterra sempre più ospitale per la vita; sto a dimostrazione che quello del quindi sono comparse le piante lati- piccolo contadino preindustriale era foglie, molti batteri e i mammiferi. A un sistema abbastanza efficiente. Poi, quel punto la vita è esplosa. Il suo- di colpo, negli anni ’60 ci siamo rilo e le piante erano sempre più po- trovati tutta questa riserva di vita fos-

OGLIE E DEI MA ELLE LATIF M ERA Dera più ricca di ossigeno - CO2 in picco MIFERI sf Atmo

le qu antit à

e p de CA oc qua R av n ita tit p

ER A gra DE L n CO 2

in

SI CONSUMA 1 CALORIA PER PRODURNE 3

AGR NATICOLTU URA RA LE

HUMUS BATTERI

INTR APP DEI C OLAMEN A T VEGE SCAMI O TALI

Gestione del ciclo del carbonio attraverso il rinnovamento della fertilità del terreno tramite la fermentazione e l'irrigazione moderata

CARBONE PETROLIO GAS NATURALE

SI CONSUMANO 10 CALORIE PER PRODURNE 1

Impoverimento dei suoli Svuotamento delle falde acquifere

5 MILIONI DI ANNI DI ACCUMULAZIONE = 1 ANNO DI UTILIZZO

20

www.terranuova.it

g

ra

COM E CONPOST NATU CIME RALE

i à n ssib o

CO M CO BU E S 2 i n

I SIL I OS DE LI F ntità RA TIBI i qua nd

RO ra FE mosfe I N t BO ell’a le


www.forlive.com

ttato

fru usto

g

Gambe sgonfie ... energia e umore sempre al top! micoDREN con Polyporus è un integratore alimentare di nuova concezione, per darti un aiuto su tutti i fronti. L’azione combinata del fungo Polyporus (che favorisce il drenaggio dei liquidi, soprattutto negli arti inferiori risparmiando potassio) e Magnesio Citrato ( che aiuta a produrre energia indispensabile all'organismo) favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso, senza la perdita di importanti sali minerali, evitando così la tipica spossatezza dei drenanti classici. Il Rusco, la Vite Rossa e il Mirtillo nero coadiuvano la funzionalità del microcircolo, contrastando la sensazione di pesantezza delle gambe. La Pilosella è utilizzata in fitoterapia nel trattamento degli inestetismi della cellulite e del gonfiore alle caviglie. Un mix perfetto per gambe e umore sempre al top!

Clicca MI PIACE sulla nostra pagina FORLIVE scoprirai tante ricette e consigli utili per la tua alimentazione quotidiana


l'intervista

PIETRO PINTI

IL LIBRO DI PIETRO

segnaliIBro

sile e di energia e ci è sembrato stupido continuare a zappare e ad affaticarci, quando avremmo potuto delegare tutto a questa energia fossile. Abbiamo trovato il modo di produrre cibo a partire dal petrolio. Mi spiego meglio: la produzione di cibo ha smesso di essere quel misto di complessità e conoscenze di un tempo. Parlo di un’epoca in cui bisognava riconoscere e selezionare la varietà giusta di semi, o la razza di asini che poteva salire su un certo tipo di montagna. Oggi siamo legati interamente al petrolio, abbiamo i fertilizzanti, i trattori, le pompe che estraggono l’acqua, il trasporto, la refrigerazione, il confezionamento. Abbiamo spazzato via la complessità per ridurre l’intero processo produttivo a un meccanismo di tipo industriale. Anziché ingegnarci per innovare, abbiamo cercato il modo di far funzionare ogni cosa con il carburante: la meccanizzazione è stata un colossale sforzo per sostituire la manodopera con l’energia fossile, un’energia che costa meno e che consumiamo in grandi quantità in ogni fase di produzione. Così, oggi usiamo dieci calorie (per lo più di energia fossile) per produrre una sola caloria di cibo. Ecco: questa è l’agricoltura industriale, e non è certo un sistema effi-

La storia di un contadino toscano A CURA DI

JENNY BAWTREE

IL LIBRO DI PIETRO

La storia di un contadino toscano

La testimonianza appassionata dei riti e delle durezze, delle forme di solidarietà e dei saperi di un universo mezzadrile ormai scomparso. a cura di Jenny Bawtree cm 16,5 x 23,5 - cod. EA028 - pp. 216 - € 15,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

22

www.terranuova.it

ciente. Quando il petrolio finirà o agricoltura industriale da una parte, scarseggerà, saremo nei guai… e dall’altra un terreno inselvatichito dove nessuno si occupa più delle straNon potremmo aiutarci con le ener- de né mantiene il bosco. È un selvagie rinnovabili? tico arrabbiato, che cerca di riprenIo credo nelle energie rinnovabi- dersi i suoi diritti. Manca una via di li, però mi chiedo se possiamo ve- mezzo, un luogo di relazione tra ramente riuscire a imitare un dono uomo e natura: questo era il ruolo del così grande come è stato quello del paesaggio agricolo che formava il cirpetrolio, che è il sangue della Terra. condario delle piccole città, quello È un dono di madre natura, è vita di- che il Lorenzetti dipinge nel suo afstillata. Riusciremo a produrre al- fresco sul buon governo. trettanta energia con le rinnovabili? È inevitabile pensare all’enorme spreCi dicono che per nutrire il Pianeta co di cibo nel mondo. Forse dovremdobbiamo produrre di più. Credi sia mo cambiare anche il nostro rappornecessario? to con questa risorsa? No, prima di tutto c’è un probleDobbiamo riappropriarci di un ma di fondo che è la distribuzione rapporto profondo con il cibo, che delle risorse, ma bisogna anche ave- non può essere considerato solo re il coraggio di parlare di sovrap- una merce. Questo rapporto ha una popolazione. Per migliaia di anni le sua sensualità e spiritualità. Bisogna dieci città più grandi del mondo non uscire dai supermercati e incontrahanno mai superato una media di cen- re i produttori nelle piazze, dando la tomila abitanti. Oltre questa soglia possibilità a loro di sopravvivere e a non avremmo potuto garantire la sus- noi stessi di arricchirci di contenusistenza con i prodotti dell’entroter- ti più veri. ra, non facevi in tempo a trasportare il grano che si sarebbe rovinato. Se Credi che la piccola agricoltura posil Pianeta si è sviluppato così com’è sa davvero garantire un futuro al adesso, con le megalopoli, è per via di Pianeta? questa economia insostenibile. Oggi, Quando ci dicono che serve in realtà, prima che nutrirlo do- un’agricoltura industriale per nutrire vremmo riarmonizzarlo. Non pos- il Pianeta, ricordiamoci che il 70% siamo arrivare ad essere quindici mi- del cibo che si mangia oggi sulla Terliardi perché il Pianeta è uno e le ter- ra è prodotto dai piccoli agricoltore coltivabili sono quelle. ri con il 30% delle risorse, mentre l’agroindustria produce il 30% del Non deve essere un tabù parlare di cibo con il 70% delle risorse, dicontrollo demografico? stribuendolo poi male. L’agroinduCi sono esperienze positive che stria sarà più produttiva per unità di sono partite dall’educazione delle manodopera, ma è la piccola agridonne, come quella legata al micro- coltura, l’agroecologia, ad essere credito in Bangladesh. Avendo la più produttiva per unità di territopossibilità di scegliere, le donne han- rio. Per ogni unità di territorio no preferito avere un po’ meno figli, l’agricoltura multifunzionale su picper garantirgli una vita migliore e fare cola scala produce in quantità più scelte familiari un po’ più costrutti- elevate e impiega più manodopera. ve. L’esistenza delle megalopoli pone In un periodo di forte disoccupaanche un altro problema. Il paesag- zione mi sembra che dobbiamo gio si divide tra cementificazione e considerarlo un bene. l

Per saperne di più Carolyn Steel, Come il cibo plasma le nostre città, conferenza TED disponibile con sottotitoli su http://goo.gl/xDcd7J • Incubate pictures, Non c’è domani – picco petrolifero, energia, crescita e il futuro, video disponibile con sottotitoli su https://goo.gl/sLJSmk • «Scala Mercalli», puntata speciale su cibo e agricoltura del 19 marzo 2016, reperibile a questo link: http://goo.gl/Ptgm4d •


Deliziose barrette biologiche senza glutine, dolcificate con sciroppo di riso, sciroppo d’agave o succo di mela, da gustare in ogni momento della giornata. Grazie alla loro incredibile bontà, all’energia data dalla frutta, dai semi, dai cereali e dalla frutta secca, alle fibre e alle proteine, sono lo snack ideale per una colazione o per una pausa salutare e gustosa.

Distribuito da: LA FINESTRA SUL CIELO S.p.A. Via Rondissone, 26 - 10030 Villareggia (TO) www.lafinestrasulcielo.it - servizio.clienti@lafinestrasulcielo.it Nei migliori negozi di alimentazione naturale, erboristerie e farmacie.

BIOLOGICO

Seguici su

La Finestra sul Cielo Italia


alimentazione e salute

Nichel:

sai dove

si nasconde? Sono sempre di più le persone intolleranti o allergiche a questo metallo. Molti alimenti ne contengono in grande quantità, ma una dieta specifica può aiutare ad affrontare il problema. di Beatrice Salvemini

L’

allergia e l’intolleranza al nichel rappresentano un fenomeno che è andato crescendo negli ultimi decenni e che arriva ormai a colpire un numero considerevole di persone, anche in Italia. Si parla di percentuali che vanno dal 14 al 32%, con una netta prevalenza tra le donne. Questa forma di ipersensibilizzazione è collegata anche agli alimenti che ingeriamo, non solo agli agenti esterni con cui veniamo in contatto. Non appare facile quantificare con precisione l’incidenza reale del fenomeno, anche per la sua insita complessità, e i risultati degli studi scientifici non si mostrano sempre concordi. Per esempio, secondo uno studio pubblicato nel febbraio scorso sul British Journal of Dermatology1 che ha esaminato i risultati di test allergici in cinque paesi, Italia, Portogallo, Svezia, Olanda e Germania, il 14,5%

24

www.terranuova.it

della popolazione è risultata allergica al nichel. Secondo invece dati pubblicati nel 20042 da Esscal (sistema europeo di vigilanza sulle allergie da contatto), in base a quanto emerso da una valutazione statistica policentrica, la prevalenza della positività al patch test (test allergico cutaneo) nella popolazione generale in Europa arrivava al 20%; in particolare l’Italia, sempre secondo i dati del 2004, risultava il primo paese in Europa per prevalenza di allergici al nichel, con un 32,1%. Di fatto, comunque, il problema conta numeri che non possono essere ignorati.

ni cutanee, gastrointestinali, respiratorie, neurologiche o di altro tipo. Oltre a porre grande attenzione a ciò che si indossa, soprattutto per quanto riguarda accessori o bigiotteria, occorre anche stare attenti all’eventuale e possibile esposizione professionale, all’assunzione di acqua del rubinetto, che può contenere nichel in tracce, all’esposizione al fumo di sigaretta e all’alimentazione che si sceglie di seguire, compreso l’utilizzo di determinati materiali per i contenitori destinati alla cottura e alla trasformazione dei cibi.

Come si manifesta

Il nichel è presente in molti alimenti comuni. Per esempio ne contengono elevate percentuali spinaci, funghi, kiwi, cacao, pomodoro, pere, asparagi, uva passa e lenticchie. Fagioli e piselli ne presentano una quantità inferiore, per cui possono far parte della dieta di chi soffre di

All’allergia al nichel sono attribuite varie modalità di presentazione: cutanee, localizzate o sistemiche ed extracutanee. Si possono infatti distinguere la dermatite allergica da contatto e la sindrome da allergia sistemica al nichel, con manifestazio-

Alimenti a rischio


Per evitare che il nichel si trasferisca agli alimenti, è bene scegliere utensili da cucina che riportino la certificazione «nichel free».

allergia o intolleranza, a patto che non si consumino quotidianamente. La netta riduzione dei legumi porta spesso a ricorrere a prodotti di origine animale. In questo caso gli alimenti da preferire sono soprattutto pesce, poche carni bianche di ottima qualità, pochi formaggi freschi o stagionati e qualche uovo. Il burro può sostituire gli oli vegetali, che non possono essere scaldati, e per condire si consiglia di usare olio extravergine di oliva, di riso o di soya, tutti rigorosamente a crudo. Quanto ai cereali, vanno bene anche quelli in chicco, ma devono essere raffinati; via libera a fiocchi e gallette croccanti, a patto che non contengano mais o avena. Attenzione anche alle farine di saraceno e miglio. Quanto al pane, quello di frumento va bene, l’importante è che non contenga olio nell’impasto. Infine, ci si può concedere qualche dolce casalingo, se preparato con ingredienti sicuri; massima cautela invece per quelli pronti, con l’eccezione di qualche sorbetto senza grassi.

FRULLATI

i colori della frutta bio

I Frullati Achillea, densi, ricchi di profumo, di sapore e di proprietà nutritive, come la natura da cui prendono vita, sono un mix di frutta biologica dello stesso colore.

Recipienti di cottura e utensili Per evitare che il nichel si trasferisca agli alimenti attraverso recipienti di cottura o utensili da cucina, è bene scegliere oggetti che riportino la certificazione «nichel free». In particolare, via libera a: ceramica, pentole antiaderenti (facendo attenzione che non si graffino o si danneggino, evitando così il rilascio di altre sostanze pericolose), vetro, vetroceramica, carta da forno, pellicola per alimenti senza pvc e acciaio 18/00 o 18/C3.

www.achillea.com

Terra Nuova · maggio 2016

25


alimentazione e salute

La rotazione dei cibi A consigliare una forma equilibrata e ragionata di rotazione dei cibi è la dottoressa Alessandra Cremonini, nutrizionista che ha vissuto in pri-

ma persona il problema dell’intolleranza al nichel e che ha condensato informazioni e suggerimenti utilissimi nel suo libro Nichel. Consigli e ricette per affrontare intolle-

ranza e allergia. «L’esclusione completa di questo metallo dalla dieta non è possibile perché è onnipresente, pertanto si deve studiare un’alimentazione che ne contenga il

Cibi a cui fare attenzione In questa tabella sono elencati i cibi contenenti nichel o dei quali è importante leggere la composizione se confezionati. In grassetto i cibi particolarmente ricchi di nichel • • • • • • • • • • • • • •

26

Aringhe Arachidi Asparagi Avena Biscotti Brioche Burro cotto Cacao Cibi in scatola Cioccolato Cipolla (se usata solo per insaporire va bene) Cracker o grissini Crostini Dadi per brodo (tutti, anche vegetali)

www.terranuova.it

• • • • • • • • • • • • • • •

Dolciumi confezionati Fette biscottate Farine integrali Fritti Funghi Gelato industriale Grano saraceno (farina) Grassi/oli vegetali idrogenati Grassi/oli vegetali non idrogenati Kiwi Lenticchie Mais (polenta, gallette e pop corn) Mandorle Margarine Marmellata (controllare l’etichetta per l’eventuale presenzadi grassi)

• • • • • • • • • • • • • • • •

Merendine industriali Miglio (farina) Nocciole Oli vegetali cotti Ostriche Pane confezionato Pane integrale Pasticcini Patatine fritte Pera Pomodoro Prugne Rabarbaro Snack confezionati Spinaci Uva passa


Anche fumare espone al rischio di sviluppare una sensibilizzazione da nichel. Dalla combustione delle foglie di tabacco, infatti, si sviluppa già a soli 43° C il nichelcarbonile, che viene a contatto con la mucosa di bocca e occhi, giungendo poi in profondità nei polmoni. Qui entra immediatamente nel circolo sanguigno, aumentando in modo evidente la concentrazione del metallo nell’organismo.

meno possibile» spiega. «Come in tutte le forme allergiche, ogni individuo ha una sua particolare sensibilità, di cui bisogna tener conto per calcolare la dose tollerata. Nel caso in cui i sintomi siano molto pesanti, è necessaria una dieta di eliminazione, che eviti cioè tutti gli alimenti più allergenici; ma spesso già un regime di rotazione dei cibi procura in poche settimane un netto miglioramento dei sintomi, soprattutto in-

fiammatori e intestinali. Studi recenti hanno dimostrato che un buon numero di problemi legati a un’infiammazione indotta dal cibo possono essere risolti, o almeno migliorare decisamente, seguendo per almeno 6-10 mesi una dieta di rotazione dei cibi ad elevato contenuto dell’allergene. Sospendendo certi alimenti per un periodo, si ricrea gradualmente una tolleranza verso di essi. Tale percorso necessita all’inizio di un po’ di pazienza, ma i benefici non tarderanno ad arrivare. La rotazione dei cibi mi ha permesso di vedere rinascere molti pazienti: la digestione migliora, si riduce il gonfiore e spesso spariscono crisi di emicrania, si attenuano i problemi cutanei, comincia il dimagrimento; aumentano l’energia e la concentrazione, migliora la qualità del sonno. Dopo aver recuperato la tolleranza verso nichel e lieviti, molti miei pazienti affetti per esempio da candidosi recidivanti non hanno più avuto ricadute». Organizzandosi in cucina e nella spesa, dunque, diviene possibile

ALESSANDRA CREMONINI

ricette di GIULIANA LOMAZZI

Nichel Consigli e ricette per affrontare intolleranza e allergia

• L A

S A L U T E

N E L

P I AT T O •

segnaliIBro

Sigarette al nichel

ricette tratte da:

NICHEL

Consigli e ricette per affrontare intolleranza e allergia senza rinunciare al gusto. di A. Cremonini e G. Lomazzi cm 19 x 19 - cod. EA191 - pp. 120 - € 14,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

affrontare con tranquillità e sicurezza anche questo tipo di problemi. l Note 1. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed /26370659 2. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18211410 3. Queste sigle indicano le percentuali di cromo e nichel nella lega d’acciaio.

Terra Nuova · maggio 2016

27


alimentazione e salute

Zuppa alla birra Preparazione 60 minutii Ingredienti per 4 persone: 800 ml di brodo vegetale • 180 ml di birra • 100 g di formaggio fresco cremoso a temperatura ambiente • 250 g di formaggio cheddar • 200 g di latte • 1 carota • 1 costa di sedano • 1 cipollina • 2 spicchi di aglio • 30 g di farina • 1 cucchiaino di senape di Digione • 1⁄4 di cucchiaino di salsa di soia • 1 noce di burro • sale ■ Fate fondere il burro in una pentola. Unite un trito preparato con carota, cipollina e sedano. Soffriggetelo a fuoco dolce per 8 minuti. Unite l’aglio affettato e, dopo 2 minuti, la farina setacciata. Cuocete per altrettanto tempo. Versate gradualmente il brodo caldo, rimestando per sciogliere i grumi. Portate a ebollizione a fiamma media, abbassate e cuocete per 30 minuti. Incorporate, nell’ordine: la birra, il formaggio cremoso e il cheddar grattugiato a cucchiaiate. Sbattete continuamente con una frusta per disfare i latticini. Attenzione a non raggiungere mai il bollore, altrimenti la zuppa “impazzisce”. Proseguite ora con il latte, la senape e la salsa di soia. Lasciate sobbollire ancora per poco, regolate di sale e servite con pane tostato.

Canederli di magro Preparazione 40 minuti + riposo Ingredienti per 4 persone: 300 g di pane raffermo • 1 cipolla piccola • 6 rametti di prezzemolo • 200 g di formaggio di montagna • 3 cucchiai di grana trentino • farina bianca • latte • 3 uova • 60 g di burro ■ Sciogliete 20 g di burro in un tegamino e soffriggetevi un trito di cipolla e prezzemolo. Quindi aggiungete il pane e fatelo colorire a fiamma media, rimestando. Trasferitelo in una terrina. Unite il formaggio tagliato a dadini e il grana. Incorporate le uova sbattute e se necessario un po’ di latte: il pane deve risultare morbido senza assorbire troppo liquido. Lasciate riposare il composto per un’ora (meglio due) e compattatelo con la farina necessaria per renderlo modellabile. Ricavatene delle polpettine tonde con le mani umide; tuffatele in acqua salata a bollore e cuocetele per circa 20 minuti. Scolatele con una schiumarola, cospargetele con il burro rimasto e servitele. Variante: cuocete i canederli in brodo e serviteli con il liquido di cottura.

Sformato freddo di riso Preparazione 40 minuti + riposo Ingredienti: 250 g di riso basmati raffinato • 2 zucchine • 1 peperone rosso • 1 cucchiaio di erba cipollina tritata • 8 olive verdi snocciolate • 1 manciata di foglie di basilico • 1 spicchio di aglio • 2 cucchiai di maionese • il succo di 1 limetta • 2 cucchiai di olio a crudo • sale ■ Cuocete il riso con il doppio quantitativo di acqua, fino a completo assorbimento del liquido di cottura. Quando è cotto salatelo, spruzzatelo con la limetta e mescolatelo con la maionese. Fatelo intiepidire. Intanto arrostite in forno a 180° le zucchine intere e il peperone. Tagliate le prime a cubetti e unitele al riso. Incorporate un trito a base di basilico, aglio e olive. Trasferite il tutto in uno stampo unto con poco olio e acqua e premete bene con un cucchiaio. Fate riposare per un’ora al fresco. Sbucciate il peperone e tagliatelo a listerelle, che userete per decorare il riso quando l’avrete sformato. Condite con l’olio rimasto, spolverizzate con l’erba cipollina e servite.

28

www.terranuova.it


Gratin di peperoni e melanzane Preparazione 50 minutii Ingredienti: 2 cipolle • 2 melanzane medie • 2 peperoni rossi • 1 peperone verde • 1 cucchiaino di origano • 1 rametto di rosmarino • ½ bicchiere di vino rosso • brodo vegetale • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato • pangrattato • 3 cucchiai di olio a crudo • sale ■ Preparate le verdure. Tritate finemente le cipolle con il rosmarino e fatele ammorbidire a fuoco medio in un tegame con il vino. Dopo 10 minuti unite le melanzane tagliate a bastoncini, salate e proseguite la cottura per 5-8 minuti a fuoco vivo, finché il liquido non è evaporato. Riducete a listerelle i peperoni e saltateli in una padella con poco brodo e sale per una decina di minuti, rimestando spesso. Condite con sale e origano. Trasferite le due preparazioni in una teglia foderata con carta da forno, alternandole, e spolverizzate con pangrattato. Infornate a 180° per 20 minuti. Al momento di servire completate con il parmigiano e l’olio.

Muffin con banane e carote Preparazione 30 minuti + riposo Ingredienti: 200 g di farina • 1 banana • 1 carota media • latte • 60 g di miele • 50 g di burro • 1 uovo • 2 cucchiaini di succo di limone • 2 cucchiaini di cremortartaro • 1 pizzico di sale ■ Radunate in una casseruolina il burro spezzettato, il miele e cinque cucchiai di latte. Scaldateli a fuoco lento, rimestando finché non sono omogenei. Lasciateli intiepidire un po’. Intanto schiacciate la banana con una forchetta e grattugiate grossolanamente la carota. Mescolatele in un recipiente con la farina, il cremortartaro e il sale; incorporate gradualmente la miscela preparata in precedenza e il succo di limone. Infine unite l’uovo sbattuto. Se necessario diluite con un po’ di latte per avere un impasto morbido. Versatelo in pirottini di carta e infornate a 180° per 20 minuti circa. Fate raffreddare i muffin su una gratella prima di gustarli.

Crema pasticcera all’arancia Preparazione 30 minuti Ingredienti: 500 ml di latte • 4 tuorli • 50 g di zucchero di canna a velo • la scorza di 1 arancia bio • 1 pezzo di stecca di cannella • 3-4 cucchiai di farina di riso ■ Lavate la scorza dell’arancia, asciugatela e tagliatela a julienne. Mettetela in un pentolino con il latte e la cannella. Scaldate a fuoco basso senza far bollire. A parte, sbattete i tuorli e lo zucchero con una frusta. Incorporate la farina setacciata, rimestando per avere un composto omogeneo. Versate gradualmente il latte aromatizzato, filtrandolo attraverso un colino. Quando la crema sarà ben amalgamata trasferitela sul fuoco. Cuocete a fiamma lenta, rimestando, finché non si addensa. Servitela tiepida. Nota: con una maggiore quantità di farina di riso otterrete una crema più densa. Regolatevi a seconda dell’uso che ne volete fare.

Terra Nuova · maggio 2016

29


info e prenotazioni su www.terranuova.it/eventi E V E N T I

Le energie delle stagioni in cucina Sfruttare a pieno la forza vitale degli alimenti per influenzare positivamente l’equilibrio del nostro corpo e delle nostre emozioni. di Jane Applecot

A

vete mai sentito parlare di cucina energetica? È l’arte che consiste nel prendere gli alimenti che la natura ci offre e intervenire sulla loro energia attraverso il calore, il tempo, le combinazioni, i condimenti e le lavorazioni, in modo da ricavarne ciò di cui abbiamo bisogno. È quello che realizza e insegna ai fornelli Cri-

stina Fusi, chef diplomata al Kushi Institute, che pratica e diffonde una cucina che preserva la forza vitale dei cibi affinché essa rafforzi chi se ne nutre. «Ogni cibo possiede peculiarità e polarità yin-yang, che potranno essere più o meno esaltate a seconda del nostro modo di impiegarle in cucina» spiega Cristina. «La tradizione orientale ha risposto identificando cinque stagioni, ciascuna delle quali corrisponde a un tipo di energia: primavera, estate, tarda estate, autunno e inverno. A ognuna di esse corrisponde poi un elemento: albero, fuoco, terra, metallo e acqua. Ogni stagione si collega energeticamente con uno o più organi del corpo (che in quella stagione sono più attivi) e con le emozioni che esso veicola. A ognuna di esse associo infine menu realizzati senza l’impiego di prodotti animali, cereali brillati, farine bianche, zucchero e prodotti che lo contengono: tutti i piatti sono preparati con ingredienti sani e salutari».

Insalata di riso rosso Tratta da Cinque stagioni in cucina (vedi box a pag. 31)

Tempo di preparazione: 1 h + riposo Per 4 persone: 1 tazza di riso rosso • 150 g di fagioli borlotti freschi cotti • 1⁄2 mazzetto di cipollotti • 2 coste di sedano • 2 carote • 1⁄2 tazza di mais • 2 cucchiai di olive verdi snocciolate • 1 cucchiaio di capperi sotto sale • prezzemolo • basilico • olio • acidulato di umeboshi • succo di limone • sale ■ Lavate il riso e cuocetelo con una tazza e mezza di acqua e una presa di sale. Tagliate a dadini le carote, il sedano e la parte bianca dei cipollotti. Scottateli separatamente in acqua bollente con un pizzico di sale per pochi minuti, in modo che rimangano croccanti, poi lasciateli scolare. Ammollate i capperi per dissalarli, cambiando l’acqua più volte. Tagliate le olive a rondelle. Tritate la parte verde dei cipollotti, i capperi e le erbe aromatiche. Quando il riso è intiepidito mescolatelo con i fagioli, il mais e gli altri ingredienti già preparati. Condite con olio e succo di limone; regolate di sapore con l’acidulato di umeboshi. Fate riposare un paio d’ore prima di servire. Nota: si possono realizzare insalate con altri tipi di cereali, mescolati anche con sole verdure crude come carote, cetrioli, ravanelli, sedano, pomodori ecc.

30

www.terranuova.it


trova i corsi su

Cristina Fusi

Cinque stagioni in cucina Introduzione di Roberto Rossi

23 menu e tanti suggerimenti per scoprire l’energia dei cibi e portarla tutti i giorni in tavola 

i ricettari

a colori           

CINQUE STAGIONI IN CUCINA

23 menu e tanti suggerimenti per scoprire l’energia dei cibi e portarla tutti i giorni in tavola di Cristina Fusi cm 19 x 19 - cod. EA150 pp. 120 - € 13,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

segnaliIBro

E sarà proprio Cristina Fusi a tenere il corso di cucina promosso da Terra Nuova, negli splendidi spazi della tenuta Villa Fassìa di Gubbio. Durante questo imperdibile appuntamento, Cristina insegnerà ai partecipanti a valorizzare al massimo l’energia dei cibi estivi, stagione ormai alle porte. «Il simbolo dell’energia estiva è il fuoco» spiega Cristina «che brucia in ogni direzione, divampa e non può essere trattenuto. È l’energia legata al cuore, che irradia gioia, crea socialità, condivisione, disponibilità alle relazioni. I cibi nutrono e accompagnano questa apertura, soprattutto gli alimenti leggeri, freschi, dissetanti, ricchi di colori vivaci, di clorofilla. Sono consigliate verdure crude, preparate con cotture brevi o marinate. Sono indicati gli aspic

www.facebook.com/terranuovaedizioni

realizzati con agar-agar per gelatine rimineralizzanti e dessert naturali alla frutta. Sono inoltre da preferirsi i cibi freddi come il melone e i germogli di bambù, leggermente freschi come il pomodoro, e freschi come il cetriolo, l’orzo e l’olio di sesamo. Per quanto riguarda la preparazione, è meglio evitare cotture lunghe e intense. Gli ortaggi possono essere accompagnati da passati di legumi e/o cereali integrali. Nella stagione estiva sono indicati l’orzo e il bulgur, ma anche il mais e il riso a chicco lungo. Sono necessarie poche fonti di proteine, come il tofu e le lenticchie decorticate. La bevanda ideale è il bancha, tè verde giapponese. l

Le stagioni in cucina: l’estate, energia fuoco con Cristina Fusi

· Quando: 28 e 29 maggio, sabato ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00, domenica ore 9.00-13.00 · Dove: tenuta di Fassìa, Gubbio (Pg) · Tipologia: corso teorico-pratico, con possibilità di pernottamento · Per info e iscrizioni: www.terranuovalibri.it/2016/corsoFusi

La pasticceria del benessere C’è una pasticceria che delizia il palato e non fa male alla salute. Il maestro pasticcere Pasquale Boscarello realizza e insegna da anni questo genere di preparazioni, proponendo ricette vegan e macrobiotiche.

«P

erché una pasticceria senza latte, burro, uova e zuc- parte maschile, lo yang, forza centripeta che dall’esterchero? Come prima cosa è necessario premettere no va verso l’interno e che tende a concentrare e a sviche tutto ha origine dal principio energetico che vede una luppare calore, e una parte femminile, lo yin, forza cen-

®

R IS TO R A N T E L ASAG N ER I A ,

S O L O S E L E Z I O N AT I S S I M I I N G R E D I E N T I V E G E TA L I E B I O L O G I C I

S e r e g n o ( M B ) , V i a C a v o u r 3 0 , T e l 0 3 6 2 . 2 4 7 . 2 0 7 , info @ lughino.it, www.lughino.it

Terra Nuova · maggio 2016

31


info e prenotazioni su www.terranuova.it/eventi

Pasquale Bo oscarello

il GR RAND E libro o dellaa

i BI ricettari

segnaliIBro

E V E N T I

Il grande libro della PASTICCERIA NATURALE Soddisfare la voglia di dolce con ingredienti vegetali e salutari: nuova edizione, aggiornata e ampliata, con bellissime foto di Pasquale Boscarello cm 19 x 23 - cod. EA179 pp. 120 - € 13,50

Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

lore. Con il tempo gli organi si surriscaldano ed ecco insorgere disturbi e malanni. Io negli impasti principali uso farina, olio di mais e malto, dolcificante naturale. Questi ingredienti agiscono in modo armonioso al nostro interno. Uso poi mandorle, semi di girasole e di sesamo, pistacchi, addensanti naturali, lievito biologico, sale naturale, spezie. È bene poi che gli ingredienti usati per la pasticceria naturale siano biologici. Tutto quanto riguarda la coltivazione, come la preparazione del terreno, la crescita della pianta, la conservazione e la trasformazione, ha attinenza con l’energia. I prodotti coltivati convenzionalmente sono come bombe chimiche. Se invece mangiamo alimenti prodotti amorevolmente e armoniosamente l’effetto sarà positivo, saremo più sereni, tranquilli, in salute. Grande attenzione deve essere posta anche nella scelta degli utensili, che diventano indispensabili compagni di viaggio». l

trifuga che dall’interno va verso l’esterno e che rappresenta l’espansione, il rilassamento, la femminilità, la luna, la mobilità» spiega Boscarello. «È l’equilibrio di queste forze, che tra loro interagiscono, a donare armonia anche al nostro corpo. E per i cibi vale questo stesso prinCorso di pasticceria cipio. Prendiamo per esempio le uova e lo zucchero, innaturale e vegan gredienti imprescindibili per la pasticceria tradizionacon Pasquale Boscarello le. L’energia delle uova tende ad andare verso gli organi interni e a contrarli. Lo zucchero ha un effetto com· Quando: 25 e 26 giugno, sabato ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00, pletamente opposto, di massima espansione: appena lo domenica ore 9.00-13.00 mettiamo in bocca entra in circolo e si diffonde. Associando questi due stimoli opposti si produce uno stress · Dove: tenuta di Fassìa, Gubbio (Pg) nell’organismo. Le cose poi peggiorano se aggiungiamo il burro, un alimento che tende a rallentare i processi cor· Tipologia: corso pratico, con possibilità di pernottamento porei, oltre ad essere ricco di lipidi saturi, che come noto apportano colesterolo cattivo. I tre alimenti insieme crea- · Per info e iscrizioni: no così uno stress che si presenta come eccesso di ca- www.terranuovalibri.it/2016/corsoBoscarello

Autorizzazione del 10/09/15

32

www.terranuova.it


trova i corsi su

www.facebook.com/terranuovaedizioni

Torta meraviglia con crema all’arancia, per occasioni speciali Tratta da Il grande libro della pasticceria naturale (vedi box a pag. 32)

Tempo di preparazione: 1 h + 1 h di lievitazione Per la torta: 150 g di farina tipo 0 • 150 g di farina Manitoba • 150 g di malto di mais • 70 g di nocciole tritate e tostate • 80 ml di olio di mais • 45 g di uvetta lavata e scolata • 50 g di farina di carrube (setacciata) • 13 g di lievito di birra fresco • 200 ml di acqua tiepida • la buccia grattugiata di 1/2 arancia • 1 cucchiaino scarso di cannella • 1 pizzico di sale Per la crema all’arancia: 300 g di malto di mais • 300 ml di latte di mandorle • 100 g di amido di mais • 150 ml di spremuta di arancia • la buccia grattugiata di 1 arancia • 1 pizzico di sale Per decorare: 2 arance (tagliate prima a dischi fini e poi a mezzaluna) • 200 ml di succo di mela Inoltre: teglia da forno a bordo alto con diametro di 28 cm • carta da forno • carta stagnola • sacca da pasticcere con bocchetta ondulata • pennello ■ Versate il latte di mandorle in una pen-

tola, unite il malto di mais, la buccia grattugiata dell’arancia e il pizzico di sale. Cuocete a fuoco basso e mescolate spesso per evitare che attacchi. Intanto diluite l’amido di mais nella spremuta di arancia: quando la crema comincia a bollire, aggiungete l’amido e mescolate subito con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Nel giro di pochi minuti la crema si addensa. Fatela freddare bene e poi frullatela con il minipimer prima di utilizzarla per farcire la torta. Preparate la torta: fate sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida; in una ciotola mettete l’olio di mais, la buccia dell’arancia e il malto e mescolate bene. In un’altra cioto-

la ponete la farina, le nocciole tritate, la farina di carrube, la cannella e il pizzico di sale. Mescolate bene e aggiungete l’uvetta, l’acqua e il lievito di birra; unite infine la miscela di malto, olio e arancia. Lavorate con le mani fino a ottenere un impasto morbido e liscio: se con una mano sollevate un po’ d’impasto, lasciandolo dovete vederlo ricadere lentamente. Fate riposare per 30 minuti prima di utilizzarlo. Rivestite una teglia con della carta da forno e stendetevi l’impasto: fate lievitare per altri 30 minuti e dopo riponete in forno già caldo a 200° per 25-30 minuti. Una volta cotta, mettete la base capovolta, così il fondo liscio rimane sopra e si guarnisce meglio. Dividete la torta in due stra-

ti di uguale spessore e disponete su un piatto da portata il primo strato. Usando un pennello, inzuppate con succo di mela e spalmate 1⁄3 della crema all’arancia. Coprite col secondo strato e inzuppatelo; con una spatola foderate di crema il bordo esterno, in modo da potervi fare aderire le mezzelune di arance. Con la sacca da pasticcere riempita con la crema rimasta, disegnate sulla torta delle onde che coprano tutta la superficie superiore.

KHORASAN

TM

Terra Nuova · maggio 2016

33


LA CREMA E L’ L’OLIO OLIO O DEII 5 GIOR RNI Sollievo e conforto, o ogni mese.

Per allevia a e i fastidi che molte don ar nne provano mensilment m e, è possibile utilizzare la l Crema o l’Olio dei 5 Giorni. Un rimediio o naturale per rilassare e confortare durante i 5 giorni del me ese nei quali la do onna è maggiormente esp posta. L’azione be benefica di questi prodotti deriva dalla combinazione di principi attivi presenti nelle erbe officinali biologiche e ne el gel di Argilla verde.

Individua il rivenditore Argital a più vicino a te visitando il nostro sito www.arrgit g al.it


SPECIALE Ecoturismo di Gabriele Bindi

Un passo dopo l’altro

Nell’anno nazionale dei cammini si celebrano gli itinerari dello spirito e si riscopre il valore del camminare. Facciamo un’incursione nel mondo dei viaggi a piedi, per capire le ragioni di chi si mette in viaggio. poltrona o sul sedile dell’automobile. E poi ci sono le persone che si – ANDREW J. WOLLENSKY mettono in cammino, che si ricordano di avere due gambe. Due tii sono persone che stanno pologie di fronte alle quali è imbene con le pantofole ai pie- possibile non prendere posizione. I di e preferiscono trascorre- secondi, quelli che viaggiano a piere il loro tempo libero sdraiate in di, che conoscono la fatica, sem«Tutti vogliono tornare alla natura, ma nessuno ci vuole andare a piedi»

C

brano infatti aver contribuito maggiormente alla ricchezza materiale e spirituale di questo pianeta. Secondo Chatwin è una questione di indole psicologica, un’inquietudine che è foriera di ricchezza, perché «senza cambiamento, corpo e cervello marciscono». Terra Nuova · maggio 2016

35


SPECIALE Ecoturismo Il 2016 è festeggiato come l’anno nazionale dei cammini. Finalmente un’occasione speciale per scoprire i volti e i sapori di un’Italia dimenticata. Gli scienziati ci dicono invece che potrebbe essere una questione di geni. Da qualche anno si parla di una mutazione genetica del gene drd4, che apparterrebbe solo ad alcuni membri della popolazione umana ed è collegato appunto a una certa inquietudine e curiosità della persona. È così che si spiega l’esistenza di questa categoria di viaggiatori, disposti a esplorare nuovi luoghi e idee, a provare nuovi sapori, a scoprire nuove relazioni. Questo patrimonio genetico oggi sembra essere un po’ a rischio. Perché il viaggiatore si confonde troppo spesso con la figura del turista, quello che si limita a scattare selfie, a comprare souvenir e cartoline, come pezze giustificative di un viag-

gio che gli è toccato fare. La differenza forse è proprio questa: il turista convenzionale non cammina, trascina il suo corpo e i suoi pensieri dall’albergo al ristorante senza nemmeno accorgersi che sta camminando su un piccolo, meraviglioso e fragile pianeta. Chi va a piedi, al contrario, se ne accorge molto presto.

L’anno giusto per camminare? Il 2016 è festeggiato come l’anno nazionale dei cammini. Finalmente un’occasione speciale per scoprire i volti e i sapori di un’Italia dimenticata, per partecipare a eventi, ma soprattutto per riflettere sulla potenzialità di quegli oltre 6500 km di cammini naturalistici, religiosi, culturali e spirituali, che hanno in qual-

che modo plasmato la cultura e il paesaggio di questa bella penisola. C’è da augurarsi che questa celebrazione non sia fine a se stessa, ma che stimoli un nuovo modo di pensare e vivere il nostro territorio, costruendo un’economia sana e sostenibile a partire proprio dall’entroterra. Bisogna riconoscere che diverse amministrazioni si sono attrezzate, spesso con pochi mezzi a disposizione, per costruire attorno a questi percorsi itinerari di ecoturismo, ma anche per ripensare la mobilità, l’accoglienza e le reti territoriali. Nella direttiva di inizio anno del Ministero per i beni culturali c’è il riferimento piuttosto esplicito a una nuova forma di ecologia. I cammi-

Uno scorcio della Via Francigena, la grande arteria europea che dalla Francia portava fino a Roma.

36

www.terranuova.it


visita il sito www.mappaecoturismo.it ni sono gli itinerari culturali di rilievo percorribili a piedi o con altre forme di mobilità dolce sostenibile. Il richiamo è però anche a «una modalità di fruizione del patrimonio naturale e culturale diffuso. Quell’ospitalità dal sapore antico fatta di una ricca trama di locande, ostelli, borghi antichi e semplici case per dare accoglienza ai viandanti. Al di là di tutto l’imbarbarimento culturale, di tutta l’alienazione della modernità, questa ospitalità è ancora viva sotto le ceneri e la conosce soprattutto chi sceglie di viaggiare lento, senza fretta, dalle Alpi alle dorsali appenniniche, fino alle spiagge del Meridione. Insomma sembra proprio l’anno giusto per camminare, come tutti gli altri anni, in realtà.

ri che si intrecciano con l’arteria che dalla Francia portava fino a Roma. Nello stesso giorno, sull’intero territorio nazionale si tengono iniziative che hanno come filo conduttore la pratica del percorrere a piedi i sentieri storici, in modo da riuscire a cogliere meglio la loro identità. A coordinare è la Rete dei Cammini, associazione nata con lo scopo di promuovere la percezione delle vie di pellegrinaggio non solo come vie dello spirito, ma anche come patrimonio della collettività, da conoscere, studiare, proteggere. «La Via Francigena è una grande arteria europea, fa parte del sistema circolatorio della cultura» dice Giovanni Caselli, uno dei protagonisti

del film documentario I volti della Via Francigena, il lungometraggio nato da un viaggio di sei settimane, compiuto meno di un anno fa dal regista Fabio Dipinto, lungo l’intero percorso che va dal Colle del Gran San Bernardo a Roma. Una sorta di reportage che ci restituisce la bellezza dei luoghi del principale cammino spirituale italiano, ma che soprattutto dà voce alle persone che con il cammino hanno stretto un legame viscerale: pellegrini, ospitalieri, traghettatori, volontari, storici e religiosi, una piccola parte di un’umanità multiforme che rende vivo il percorso. Tra i soggetti intervistati si mescolano persone comuni e personaggi più noti come lo scrittore

I volti della Francigena La prima domenica di maggio, che quest’anno coincide con la festa del lavoro, si celebra la Giornata nazionale dei cammini francigeni, una categoria piuttosto estesa di itinera-

«La Via Francigena è una grande arteria europea, fa parte del sistema circolatorio della cultura». – Giovanni Caselli, fra i protagonisti di I volti della Via Francigena

C ammini Compagnia dei

VIAGGI A PIEDI per capire se stessi e il mondo Richiedi il catalogo gratuito con proposte diverse in Italia e aree mediterranee

134

www.cammini.eu 0439 026029 info@cammini.eu Terra Nuova · maggio 2016

37


SPECIALE Ecoturismo

Fabio Dipinto è regista del film documentario I volti della via Francigena, un lungometraggio nato da un viaggio di sei settimane compiuto in meno di un anno lungo l’intero percorso che va dal Colle del Gran San Bernardo a Roma.

Enrico Brizzi, il fondatore del Movimento Lento Alberto Conte e il rettore della Confraternita di San Jacopo di Compostella Paolo Caucci von Saucken. Il film, patrocinato dall’Associazione europea delle vie Francigene, è stato realizzato grazie al contributo del tour operator Sloways e tramite il crowdfunding lanciato sulla piattaforma Eppela, che ha permesso di coprire i costi relativi alla postproduzione. L’origine da cui è scaturito il tutto è stata però il viaggio del giovane regista torinese che, dopo l’esperienza del cammino di Santiago, ha voluto buttarsi a capofitto in questo progetto, documentando l’intero viaggio senza trucchi né scorciatoie, con la stanchezza in corpo e l’entusiasmo nel cuore. «Santiago mi ha dato l’ispirazione per fare anche la Francigena» racconta Fabio. «Ma quello italiano è stato un viaggio ancora più lento, che mi ha permesso di cogliere diverse sfumature. Facevamo non più di 2 km e mezzo all’ora: mentre mi fermavo a fare le riprese, Sloways rifaceva la segnaletica collocando i nuovi segnavia». Fabio non ci nasconde la fatica ed è difficile non credergli. Vi ricordate il gran caldo dell’estate scorsa? «Gli attraversamenti in pianura a fine luglio erano da delirio» conferma. «Quando sono partito avevo un cappello arancione, ma a forza di

38

www.terranuova.it

prendere il sole si è scolorito del tut- niera diversa, chi va in cerca di rito, è diventato bianco!». sposte o di domande a cui rispondere, chi ha bisogno di stare solo a Chi te lo fa fare? contatto con la natura, chi ha bisoLa domanda che ricorre nel film è la gno di semplicità. In definitiva, non stessa che potrebbe porre chiunque bisogna essere uomini di fede per dal proprio divano: «Chi te lo fa percorrere queste vie dello spirito. fare?». Detto un po’ meglio: quali Dal mio punto di vista c’è stato un sono le ragioni che mettono in cam- approccio non religioso ma spirimino le persone? «Le risposte sono tuale» prosegue il regista. «Espele più disparate» racconta Dipinto rienze di questo tipo aprono il cuo«c’è chi lo fa per fede, chi lo vede re e la mente. Quella che si vive è una come una sfida personale, chi vuo- spiritualità naturale che sta nel conle trascorrere il proprio tempo in ma- tatto con la natura». Credenziale della Via Francigena con i timbri delle strutture di accoglienza.


visita il sito www.mappaecoturismo.it In un bel giorno di primavera, prima di ultimare la scrittura di questo articolo, ho deciso di verificare, imboccando la Francigena nei pressi di Camaiore (Lu), sede del prossimo Terra Nuova Festival. Vicino a una fontanella, ho incontrato Paul, insegnante di matematica di Lione. «I miei alunni avevano le vacanze di Pasqua più due mesi di stage. Avevo tempo, e così ho deciso di mettermi in cammino». Paul sorride, si ferma per bere un goccio d’acqua, è contento di fare due chiacchiere. Ci mostra l’avambraccio su cui è tatuata la conchiglia, simbolo del cammino di Santiago. Gli chiedo il perché di questo viaggio. «Per divertirsi» dice «incontrare gente, imparare l’italiano». Si dice meravigliato della grazia con cui da questa parte curano gli orti. Nei suoi occhi ha la luce di centinaia di chilometri alle spalle. Anche il suo è un viaggio laico, con dei richiami a una spiritualità intima. Per farmi capire si mette una mano sul cuore. «Pensa che mi sono messo in cammino senza sapere che

Paul è un insegnante di matematica di Lione che ha deciso di mettersi in cammino. Nella foto mostra allegro l’avambraccio su cui è tatuata la conchiglia, simbolo del cammino di Santiago. Adesso è in viaggio nel nostro Paese, per divertirsi, incontrare gente e imparare l’italiano.

questo è l’anno del giubileo» racconta un po’ divertito. «L’ho scoperto due giorni fa in un ostello, incontrando altri pellegrini. Evviva!». Le sue gambe sembrano non conoscere la fatica. Gli chiediamo se c’è un segreto per affrontare con sere-

nità questo lungo percorso. «Ogni sera, quando arrivo alla fine della tappa, ci sono tre cose che mi fanno felice» dice continuando a sorridere. «Togliermi le scarpe. La possibilità di farmi una doccia. E alla fine… una bella birra fresca!».

La Vacanza Mare e il Campo di Vita Naturale Tra Terra e Cielo Monte Argentario Toscana 11 giugno 10 settembre 13 Settimane di vacanza

MARE2016

in Mobilhome, b lh Caravan, Tenda d

Campo di Vita Naturale Rifugio Isera, Toscana Corfino (LU) 2 luglio - 27 agosto

8 Settimane di vacanza in Tenda, Rifugio, Agriturismo

www.rifugioisera.it

INFOLINE: 0583 356182, -77 · 331 9165832 www.traterraecielo.it · segreteria@traterraecielo.it w

A L LK VEEAT

Cucina macro-bio-vegan · Escursioni Attività olistiche e (ri)creative Attività dedicate ai bambini

Dal 1979 79 vacanze nella natura e viaggi gi a piedi. Siamo i primi. i.

Terra Nuova · maggio 2016

39


SPECIALE Ecoturismo Nella foto, la cosiddetta via degli Abati, che potremmo definire come la variante appenninica della Francigena.

Non esiste un’unica via Il Medioevo è il periodo magico per l’entroterra, quando le incursioni dei pirati, la malaria e l’instabilità politica costringevano anche i commercianti a scegliere dei percorsi diversi, spesso più accidentati rispetto a quelli tracciati dai Romani. D’altra parte è anche vero che Roma, come fulcro della cristianità, ha attratto un numero sempre crescente di pellegrini e viaggiatori. Nel Medioevo più che mai tutte le vie portavano a Roma, e il reticolo di strade percorribili era molto più vasto rispetto a quello che oggi cerchiamo di schematizzare e riproporre per finalità turistiche. Diciamo allora le cose come stanno: quando si parla di Via Francigena forse si compie un errore. Perché a tutti gli effetti, nel passato non c’era

un’unica strada, ma un insieme di percorsi usati in tempi diversi e forse con funzioni diverse, a seconda dei tipi di traffico e delle vicende politiche e climatiche delle varie zone. Bando dunque agli schemi rigidi:

I territori italiani attraversati dalla Via Francigena GRAN SAN BERNARDO

SACRA SAN MICHELE

IVREA VERCELLI

CHIVASSO SUSA TORINO MONGINEVRO

PAVIA PIACENZA FIDENZA

Santiago De Compostela GENOVA IMPERIA VENTIMIGLIA

PASSO DELLA CISA

SARZANA

FORNOVO BERCETO PONTREMOLI PIETRASANTA LUCCA ALTOPASCIO SAN MINIATO SAN GIMIGNANO SIENA

SAN QUIRICO

RADICOFANI ACQUAPENDENTE BOLSENA VITERBO VETRALLA SUTRI

40

www.terranuova.it

ROMA

nella pratica, anche adesso dovremmo essere abbastanza bravi ad adattare il nostro percorso alle esigenze della percorribilità. Oggi il rischio non è tanto legato alla presenza dei briganti o alla malaria, ma al traffico motorizzato. Anche Fabio Dipinto sostiene questa tesi. «Bisogna sempre industriarsi per trovare qualche alternativa. Rispetto al cammino di Santiago ho trovato molto asfalto. E mi sono accorto che le guide più tradizionali sulla Francigena non badano a questo aspetto. Noi al contrario abbiamo preso delle vie diverse per evitare il traffico, tenendoci il più possibile negli sterrati. Ci sono sempre altri sentieri che si possono prendere!». Sono le cosiddette varianti rispetto al percorso canonico, che ancora oggi si basa su una traccia lasciata da Sigerico, l’arcivescovo di Canterbury che, poco prima dell’anno mille, si recò in pellegrinaggio a Roma per ricevere dal papa Giovanni XV la sua nomina ad Arcivescovo di Canterbury. Indubbiamente la via di Sigerico era la più transitata: non a caso, lungo il percorso di allora si sono sviluppati borghi, castelli, fortezze o città che ancora oggi conservano l’antico fascino, come Sarzana (Sp) o Lucca, snodo importante dove sono nati i primi ospitali dei pellegrini. Le diramazioni già allora erano diverse. Giunto a Pontremoli (Ms) e dovendo attraversare l’Appennino,


visita il sito www.mappaecoturismo.it Sigerico scelse la via dell’odierno passo della Cisa, mentre altri pellegrini preferivano un’altra via attraverso i monti, la cosiddetta via degli Abati, che potremmo definire come la variante appenninica della Francigena.

Le Francigene del Sud Proviamo a immaginare la Via Francigena come l’A1 di oggi. Era la via piÚ agevole che veniva percorsa a piedi o a cavallo, con la dovuta lentezza, per la ricchezza del territorio italiano che permetteva ai pellegrini di ristorarsi e contemplare i luoghi dello spirito. La principale arteria della spiritualità e dei commerci di Roma sembra interrompersi, tagliando fuori l’intero Meridione. Dal punto di vista storico però le cose sono piÚ complesse. I percorsi a sud della capitale rappresentano infatti quello che oggi nel linguaggio informatico definiremmo un upgrade, il passaggio cioè a una meta di livello superiore, alle origini del cristianesimo, verso la terra santa, ai confini del paganesimo. Le Vie Francigene in Puglia, ad esempio, sono da considerare tracce di un piÚ ampio disegno di quei pellegrini che, dal Nord Europa, raggiungevano Roma e si spingevano in direzione del santuario di Monte Sant’Angelo e verso i porti d’imbarco per l’Oriente e la Terra Santa. Da Roma, in effetti, partivano diversi percorsi verso i litorali tirrenici e adriatici, sbocchi portuali importanti per i commerci e gli itinerari religiosi. Quei percorsi si sovrappongono agli antichi tratturi, alle vie del-

VA AC ANZA , C A MPE GGIO , NAT TURA E M ARE DAL 11 GIUGNO AL 10 SET TE MBRE

G AR G ANOIN NSIE ME Ăˆ LABORA ATORIO ARTISTIICO PERMANENTE RECUPERO E RIPRISTIN NO AREE NA AT TURALI DANZA A , TEATR T O, MUSICA ATTIVIT TĂ€ CREATIVE T PER R ADUL LTI T E BAMBINI ALIMENT TAZIONE BIO BIO--V VEGAN E ORTO IN LOCO YO OGA, QI GONG, TAI A CHI SCOPERT TA DI LUOGHI E TRAD DIZIONI DEL TERRITORIO AI CINE-SERE D’ESS D Associazione C.S. di P.S. Sognamondo - www.sognamondo.it 0826370 - 347.6655866 preno@sognamondo.it - 051 0 Sconto 10% lettori Terr e a Nuova (entro maggio) Per partecipare alle attivitĂ  è necessario associarsi

                                       

                  ! "           # $ %               &               "&# $                       #                 "  "      '     (              

 

       

Terra Nuova ¡ maggio 2016

41


SPECIALE Ecoturismo la transumanza, che ancora oggi per lunghi tratti ci conducono tra campi coltivati, aspri passaggi montani e lo sfondo delle spiagge del Meridione. Attualmente le Vie Francigene del Sud sono oggetto di studio e di promozione turistica da parte di vari enti. Uno di questi percorsi arriva fino alla Basilica Pontificia di Finibus Terrae, l’odierna Santa Maria di Leuca, all’estremità del tacco, meta come tutto il Salento di un’alta frequentazione turistica nel periodo estivo, ma che suscita grandi emozioni soprattutto fuori stagione.

Possiamo spingerci anche più giù, fino in Sicilia, dove pure si ritrovano delle tracce di percorsi Francigeni. Potrebbe sembrare una forzatura della storia, e invece è una testimonianza verificabile negli archivi, che permettono di tracciare un sistema di vie che si ricollegano con l’arteria principale della Francigena. I documenti e i codici di età normanno-sveva citano l’esistenza di almeno quattro luoghi ben distinti: la Magna Via Francigena, che da Agrigento risale verso Palermo; un’altra via che da Palermo porta a Messina, lungo le Madonie e i Nebrodi; una che da

Gela (Cl) lascia l’antica Via Selinuntina e punta all’abbazia di Santa Maria di Maniace (Ct), ai piedi dell’Etna, chiamata Via Francigena Fabaria; e infine la via che da Mazara del Vallo (Tp) risale verso Marsala (Tp) e verso la direttrice per Palermo, detta anche Via Francigena Mazarense.

Sentieri di controinformazione Nei preparativi del viaggio ci si dimentica sempre qualcosa. Ma succede anche quando si pensa ai percorsi che stiamo per affrontare o che,

Con Terra Nuova il viaggio è più leggero… per l’ambiente e il portafoglio! Se prenoti entro il 30 giugno*, citando nella prenotazione «Sconto Terra Nuova», usufruirai del 10% di sconto sulla tua ecovacanza 2016.

TANA DEL CALIFFO

PARCO NAZIONALE DEL GARGANO

Abbinare la quiete della vita di campagna e lo splendido mare della costa degli Dei per un recupero immersi nella natura, sulle colline di Tropea (Calabria).

Soggiorni in campeggio con cucina vegan e orto bio, laboratori artistici, attività creative, danza, teatro, musica, Yoga, Qi Gong, scoperta del territorio, autoproduzione.

• Contatti: Lorenzo, tel 335 7662731

• Contatti: Associazione Sognamondo, tel 051 0826370 / 347 6655866

Deliana, tel 340 3039553 - lorenzo.78g@gmail.com

KALIKALOS

RUEDIGER DAHLKE A MONTEGROTTO TERME (PD)

Un contesto ideale, adatto anche per famiglie, per vivere un’esperienza di community building ispirata al modello di Findhorn in Scozia. Per i workshop sconto del 10%.

La Medicina Integrale, la sua filosofia e la visione del mondo: le leggi di vita come Polarità e Risonanza. Il principio dell’Ombra. Seminario residenziale dal 3 al 10 luglio.

• Contatti: www.kalikalos.org/anilio-stk (in inglese)

• Contatti: tel 338 3820266

friederikestern@gmail.com (in italiano)

www.scuoladimedicinaintegrale.it - sabina@tecnichenaturali.com

AGRICAMPING IXTLAN

SPLENDI IN VACANZA

Borgo medievale di Tatti, Maremma, con vista mare. Posti tenda, yurta, cucina comune, degustazione prodotti locali, passeggiate nei boschi, escursioni, yoga.

Ecovacanza al mare nella Maremma, campo di vita naturale nell’Appennino, viaggi a piedi. Sconto del 10% sull’estate Tra Terra e Cielo 2016 per prenotazioni entro il 31 maggio.

• Contatti: tel 348 6531189

• Contatti: tel 0583 356182 -77

www.agricampingtatti.it - agricamping_ixtlan@hotmail.com

www.traterraecielo.it - www.viedeicanti.it - segreteria@traterraecielo.it

TRA MARE E MONTAGNA, YOGA E CONSAPEVOLEZZA

VACANZE OLISTICHE MARE, NATURA & BENESSERE

Relax flow yoga in Grecia, 30 maggio - 6 giugno; Yoga e Suono alla Madre Terra, Positano 20/26 giugno. Weekend di benessere, nelle Dolomiti.

Estate 2016: Almaluna by Tatami offre uno sconto del 10%, non cumulabile, a tutti i lettori di Terra Nuova nel periodo dall’11 giugno al 1° luglio 2016.

• Contatti: tel 333 7214132

• Contatti: www.centroyogatatami.it/almaluna-vacanze-yoga

www.indolomites.com - info_flowyoga@yahoo.com

VACANZA NELLE CINQUE TERRE Monastero Soviore, 13-17 luglio: rigenerarsi tra mare e silenzio con bioenergetica, yoga e meditazione con Flavio Panizza, psicoterapeuta, e Marc Candoli, insegnante di yoga. • Contatti: Marc Candoli, tel 347 1548096

www.artediessere.it - marc@artediessere.it

CAMPI CREATIVI AMBIENTALI Sul Monte di Brianza (Lc) dal 19/06 al 22/07. Un’avventura vera: notti in tenda, cibi buoni preparati con le nostre mani e tanti laboratori. • Contatti: tel 388 1996072 - www.liberisogni.org/campiestivi

42

www.sognamondo.it

www.terranuova.it

HOTEL ST. MORITZ A RIMINI A due passi dal mare, con tutti i comfort, ideale per vacanze in famiglia e in coppia. Cucina tipica romagnola e vegan, certificato VeganOk. • Contatti: tel 0541 373065

www.hotelstmoritz.rimini.it - info@hotelstmoritz.rimini.it

BIO AGRITURISMO REGGIOLI - GAIOLE IN CHIANTI (SI) È il tempo del risveglio primaverile, della raccolta del fieno profumato, di un’escursione in mountain bike lungo magici sentieri di ginestra e sambuco. • Contatti: tel 393 4131582 - www.reggioli.org - info@reggioli.org

* Tranne dove diversamente specificato


visita il sito www.mappaecoturismo.it

Un progetto ribelle LA SCARPA CHE NON PUZZA

«Nessuno si è mai preso l’impegno di dare una definizione che tracci il confine tra ciò che è un cammino e ciò che invece non lo è». – Luca Gianotti, scrittore e guida per La Compagnia dei Cammini

come nel caso del ministro Franceschini, ci si prepara a promuovere. Nell’anno dei cammini, nascono decine di itinerari dedicati a santi, re e malfattori. «Ma nessuno si è mai preso l’impegno di dare una definizione che tracci il confine tra ciò che è un cammino e ciò che invece non lo è». A dirlo è Luca Gianotti, scrittore e guida, fondatore della storica associazione La Boscaglia. Insieme all’associazione La Compagnia dei Cammini e a Luigi Nacci ha redatto un testo1 per cercare di definire cosa sia un cammino. «È un terreno molto scivoloso, c’è il rischio di sbagliare» dice «ma crediamo sia importante e utile in questo momento. L’importante è essere il più possibile inclusivi, aperti alle proposte e disponibili alle integrazioni. Nel dibattito abbiamo coinvolto intellettuali italiani vicini al mondo del camminare, da Enrico Brizzi a Wu Ming 2. L’obiettivo è di far uscire qualche documento più organico. Credo infatti che gli intellettuali debbano ritornare a occuparsi delle questioni sociali». Tra i presupposti tracciati da Gianotti e compagni c’è la durata: un cammino deve essere di almeno tre giorni consecutivi, dove l’asfalto sia fino al 50% del totale. Un percorso alla portata di tutti, camminatori sportivi ma anche persone non abituate a camminare. Nel bel mezzo dei fasti di questa celebrazione nazionale, Luca esprime anche una preoccupazione: «Nell’anno dei cammini ci stiamo dimenticando di quelli laici, quelli storici dedicati ai briganti, ai pastori, le vie militari, i trat-

SHOP ON-LINE • SPACCIO A ESTE (PD) FIERE E MERCATI IN TUTTA ITALIA www.ragioniamoconipiedi.it BELLARIA - RIVIERA ROMAGNOLA

una vacanza serena e consapevole L’Ho l Villa L’Hote Vill Cl Clau udi dia sii trova di direttta tamente sull mar maree, e, in posizione tranquilla e di grandee prestigio gio, no non lontano dal centr n o di Bellaria. Avv A olto da unaa gr gradevole atmosfera gra familiaree ed informale, dis ispon is ponee di tutti i comfort, tra cui pon parcheggio o privvato t e WiWi-FFi gratuiti. Animazione dei Guardiiamo a ondo nd do (www.ris iscop is copril cop ri anatura.it) per i bam ril ba bini. Le cam camere ere so sono no spa spaziose, tutte tte climatizzate, alc alcune unee godono god ono di un un’in incan can nte tev e ole l viista t sull mare maree. La colazione è ric ricca di pro p dotti nat atura uralili e biol biol iologi ogici ci con n d lcii e pane fatti in casa ogn dol ognii gior giorno,, anche che vegan an. Menu u ideato per un’alimentazione ne atten en nta all a a salute tee e gustosa,, ricco di pia piatti tti ve veget getari arian a , vegani, ro ani romag magnol nolii ed nol ed etni tnici ci. La pasta è esclusivam ment entee biol biologi ogic gica, anch che h in integ teeg egral ralee e semint sem integ egr g ale di farro r . Pane ro Pane Bi Bio o anc anche di di farr a o semi semin ntegrale ntegra le fat atto tt in i casa, ogn gnii giorno. Ad og gnii pa pasto buff b ffett di verd dure freschee e a ch hilometro zero ro. Peer er i vost vostri ri bam mbini il person nale di cu ucina è a dispo posizi pos izio one per pappine e menu adatti tii a loro: ogn ogni gior orrno pot p ret ete te aver aver veree ilil brod brod rodo o vege egetale con verdu verdure re freesch schee dest destin nato ai piccol nato olii ospi p ti.

PENSIONE PENS SIONE COMPLETA: COMPLETA MAGGIO/GIUGNO DA € 47,00 Solo per i lettori LUGLIO/AGOSTO DA € 57,00 di Terra Nuova . P.C in Disponibile la formula for All Inclusive. Piano famiglia che soggiornano ro e sconti pe per i bambini. Scopri tutte le nostre ent per almeno 7 gg 9, l'1/ dal off offerte sul sito Web e su Facebook! il 15/06 e a partire lusive il servizio all inc HOTEL VILLA CLAUDIA zzo con spiaggia al pre (RN)) Via Bo Vi olza lzaano n 16 - 478 no, 47814 14 Bellar B llariia(RN della pensione Tel.. e Fax Tel Fax (+39 Fa (+39)) 0541 0541.34 .345066 completa!

info@ @hotel @ t lvillaclaudiia.it - www.h w hotel t lvill illaclaud dia.it

Terra Nuova · maggio 2016

43


SPECIALE Ecoturismo

Attualmente le vie Francigene del Sud sono oggetto di studio e di promozione turistica da parte di vari enti. Uno di questi percorsi arriva fino alla Basilica Pontificia di Finibus Terrae, nella foto, l’odierna Santa Maria di Leuca.

turi e cose simili. I cammini non sono solo le vie religiose, i pellegrinaggi verso i luoghi sacri della cristianità, o i cammini inventati ex novo ma dedicati a santi. Spero che il Ministero della cultura se ne accorga, perchÊ a vedere i primi passi compiuti sembra dimenticarsene. Chi cammina sa che la storia non si dimentica, perchÊ è impressa sulla linea delle colline, sussurrata dagli alberi o scritta sui sassi nei sentieri. Amo tutti i cammini che fanno controinformazione storica prosegue Luca Gianotti da quelli legati ai briganti a quelli sulla storia dei san-

niti. Camminando si possono toccare con mano verità che ci vengono tenute nascoste da chi gestisce televisioni e giornali, per non parlare dei manuali scolastici, che ancora insegnano ai nostri figli falsità assurde sul Risorgimento e l’Unità d’Italia.

Camminatori si nasce o si diventa? Anche Maurizio Baldini di Tra Terra e Cielo – La Via dei Canti è un camminatore di vecchia data. Quest’anno sono 36 anni di sentieri, tracce e passi racconta. Se l’esperienza insegna qualcosa, a noi ha

Una nuova grandd e avventura! Con en tusiasmo, cur iositĂ  e un pizzic o di follia vivremo un'indimenticabile esperienza nella natura per lasciare, in punta di piedi, una nostra impronta.

CAMPI CREATIVI AMBIENTALI 2016 Dal 19 g iug no al 22 luglio 4 campi al C r az y -bosc o sul M on t e di Br ianza (LC ) 10-13 anni/ 14-19 anni (anche in inglese) piĂš un w eek - end in t er gener azionale www.liberisogni.org/campiestivi CRAZY-LIENZA RA A RAZYY LLII NZA

T ll natura per Tornare alla p coltivare l i ill futuro f

44

www.terranuova.it

dato questo: non si impara a camminare e non si può insegnare a farlo, come adesso vogliono fare in tanti. Per camminare, bisogna camminare: è solo mettendo un piede dietro l’altro, anche sotto la pioggia o con le vesciche ai piedi, che si scopre la qualitĂ  speciale del cammino. Ăˆ solo andando per via che a un certo punto accade qualcosa, una specie di magia. Si comincia a sorridere, viene voglia di parlare con chi è lĂŹ vicino, oppure di stare in silenzio, e va bene in entrambi i modi perchĂŠ camminare apre lo spazio per essere quello che si è, senza piĂš costri'&%$#$&%$"!$% %$!"

&%$#"! ##%#% !%

!%##"!"% !% !! # #! %! ##"%%$" $$$&$$&& $

%&  $%$%$  $ &$$&$  $$  &%$$ %&$&$&%&&$$&%  %$ $%% &$&%$ &%$$ $$ $ $$ & $%

!#$%##"!#"% !% # &! #"!# ! #"!%"#%"! !# $


visita il sito www.mappaecoturismo.it Camminare è la grande avventura, la prima meditazione: è un addestramento del cuore e dell’anima per l’umanità.

Hai bisogno n di energia?

Car Ca a icatii con

– Gary Snider

zioni o forzature. Certo, ora proliferano le organizzazioni che propongono viaggi a piedi come se fossero una specie di supermercato della felicità o della serenità. Ecco, forse quello che ci distingue dagli altri, adesso, è questo: noi non dettiamo regole come il silenzio o i cinque minuti di meditazione o la lettura obbligatoria, lasciamo che tutto questo accada, senza dichiararlo prima. Altrimenti che scoperta è?. Tra i cammini piÚ significativi a Maurizio Baldini piace ricordare quello dei primordi. Parlo di trentasei anni fa, dieci giorni sulle Apuane, con una decina di persone che arrivavano da tutta Italia. Sembravamo matti, muniti di scarponi, sacco a pelo, qualche provvista macrobiotica, fornelli. E nient’altro, a parte le montagne, il cielo e le stelle. LÏ ho capito che la via era la via, mi si passi il bisticcio di parole. E ho capito che i piedi sono il primo punto di collegamento tra la terra e il cielo. Poi certo, ho cam-





    

te l e f a r m a c i e Si trova in tut ri erboristerie o i l g i m e nelle

Segui le offerte su ull nostro sito! Tel. +39 0473 231 669 | info@regulat. t it | w w w. w regulat. t it

A Rivazzurra di Rimini, a soli 50 0 metri dal mare, un piccolo hotel e familiare e accogliente, climatizzato e dotato di ogni comffor o t.

       



      

                               

OT TIMA CUCINA ROMAGNOLA E TANTE A PR ROPOSTE VEGAN,, VEGETARIANE A E PER INTOLLERANTI. Sconto del 5% per gli abbonati AAMTerr e aNuova Scopri le offerte sul sito www.hot . elstmoritz.rimini.it E-mail info@hotelstmoritz.rimini.it - Teell. 0541 373065

                             

      

       

                      

 !"!#$%&'''(    (

                

     

   

!"""      Terra Nuova ¡ maggio 2016

45


SPECIALE Ecoturismo «È solo mettendo un piede dietro l’altro che si scopre la qualità speciale del cammino. È solo andando per via che a un certo punto accade qualcosa, una specie di magia». – Maurizio Baldini, Tra Terra e Cielo – La Via dei Canti

minato dappertutto, in ogni continente e con ogni genere di persona, e dovunque ho trovato qualcosa da portare con me, e ho lasciato qualcosa di me. Ma questo succede a tutti, ogni volta che si fa un cammino: basta provare per accorgersene».

Camminare insieme «Camminare insieme è un atto sociale che può cambiare il mondo!» spiega Luigi Lazzarini, guida e presidente della cooperativa Walden. «È uno slogan che abbiamo creato con Social trekking, il movimento che è nato insieme a Walden, che raccoglie le esperienze di chi cammina mettendo al centro di tutto le relazioni tra le

persone. Mi sono sempre riconosciuto anche nella frase di Gary Snyder, il poeta del selvatico della beat generation, secondo il quale camminare è la grande avventura, la prima meditazione: è un addestramento del cuore e dell’anima per l’umanità. Credo rappresenti bene lo stato d’animo che genera il camminare da soli. Una pratica di consapevolezza, equilibrio e umiltà, che genera benessere e buon umore. Personalmente sono affezionato ai cammini storici: la via Francigena, la via Romea, la via degli Dei, che adesso sono un po’ di moda e che invece dieci o quindici anni fa percorrevo in piena solitudine. Molto diverso è camminare in gruppo, poiché la relazione con l’altro diventa centrale. C’è spazio per l’ascolto, il confronto, tempi lunghi per approfondire gli argomenti. Camminare insieme agli altri è anche mettersi in sintonia, tener conto dell’altro e dei suoi limiti, come lui deve tener conto dei nostri.

«Camminare insieme è un atto sociale che può cambiare il mondo». – Luigi Lazzarini, guida e presidente della cooperativa Walden

46

www.terranuova.it

È una dimensione pacifica e serena, che ci fa sentire meglio al mondo. Luca Gianotti la mette anche sul piano sociale. «Camminare da soli consente di guardarsi dentro, è un lavoro su di sé ed è una grande esperienza di crescita personale. Ci si sente liberi e leggeri. Camminare in un piccolo gruppo invece è bellissimo per il valore della condivisione, si diventa subito amici fraterni; in cammino si è tutti uguali, non ci sono divisioni sociali, non ci sono il dottore e l’operaio, né il giovane e il vecchio, né divisioni di genere. Cadono le maschere e ci si presenta agli altri nudi come si è, quindi un cammino in gruppo consente di crescere assieme».

A piedi, con le ruote o a quattro zampe? «Tutti vogliono tornare alla natura, ma nessuno ci vuole andare a piedi». La frase con cui abbiamo aperto l’articolo è pensata per i cittadini di oggi, non c’è dubbio, gente che ha perso da tempo quel contatto originario. E che non riesce a ritrovare il modo per riavvicinarvisi. Un modo tanto semplice, che ci sembra troppo scomodo. Bisogna dire che, per semplificare il proprio viaggio, nel Medioevo anche il pellegrino non disdegnava il cavallo, l’aiuto di una carovana o un passaggio in barca. Ad esempio, nella Pianura Padana, prima delle grandi bonifiche, si attraversavano in barca lunghi tratti di città. E ancora oggi il pellegrino deve pensare al Guado del Po. Tornando al tragitto della Via Francigena descritto da Sigerico, notiamo che le tappe francesi erano molto più distanti l’una dall’altra, mentre in Italia le tappe sono più ravvicinate, come a testimoniare che la presenza di più paesi e città fortificate lungo il percorso permetteva di spostarsi più comodamente a piedi.


visita il sito www.mappaecoturismo.it

La Via Francigena attraversa anche il fiume Po con il supporto dei traghettatori. In questa foto, uno scorcio del cosiddetto Guado del Sigerico, nella tappa da Orio Litta (Lo) a Piacenza.

La Via Francigena veniva percorsa anche a cavallo, a dorso d’asino, da soli o in compagnia. Esperienze che vengono oggi riproposte a più riprese da diverse realtà italiane. Se Le Vie dei Canti propone anche viaggi a cavallo, c’è chi, come l’associazione Aria Aperta, ha impostato tutta la sua offerta sugli asini, proponendo anche l’Asino francigeno, un viaggio a piedi di tre giorni lungo l’itinerario emiliano della Francigena, attraverso la Valle del Taro. «Gli asini sono animali speciali» spiega Luca Gianotti. «Insegnano la pazienza, hanno nel loro Dna la lentezza e l’empatia. Soprattutto nei viaggi per bambini sono motivo di attrazione e divertimento. I bambini imparano a prendersi cura di loro e gli stessi asini mostrano di amarli. La parola d’ordine è reciprocità». Anche la cooperativa Walden propone alcuni viaggi con i somarelli. «Tutti i nostri viaggi sono organizzati in modo da favorire l’uso dei mezzi pubblici per raggiungere il luogo di ritrovo» spiega Lazzarini. «Ma i piedi restano il nostro principale mezzo di spostamento».

Percorrere le vie storiche significa anche passare attraverso o a fianco di terreni privati. E il Sigerico di oggi troverebbe un territorio molto trasformato, con altre insidie e scocciature: non più briganti o malaria, ma soprattutto cemento e filo spinato. L’Italia dell’entroterra, quella più nascosta, per fortuna ha conservato gran parte del suo carattere e i percorsi storici ci consegnano ancora il paese della piccola proprietà agraria, terra di pascoli, di usi civici e di antiche consuetudini che garantiscono il diritto di passaggio ai camminanti di ogni razza e religione. Tuttavia i camminatori (e chi altro?), infaticabili custodi della sentieristica, segnalano ogni anno carrarecce bloccate da recinti, boschi assediati dai cacciatori, strade di grande comunicazione non più percor-

ribili a piedi o a cavallo, se non a rischio della propria incolumità, a causa di un elevato traffico motorizzato. Su questo fronte servirebbe un salto in avanti anche dal punto di vista giuridico, terreno un po’ accidentato per il nostro Paese. Guardando all’estero, nel Regno Unito, da quasi un secolo nella giurisdizione si afferma il diritto al libero camminare, più volte discusso, promesso e poi affermato definitivamente nel 2000 con il Countryside and Rights of Way Act (letteralmente «atto per il paesaggio e il diritto di passo») che garantisce anche l’accesso pubblico alla wilderness, quella natura selvatica di cui abbiamo sempre più bisogno per ritrovare equilibrio e salute. Il right to roam, il diritto all’erranza, permette di muoversi libera-

Il diritto all’erranza Ai nostri giorni, camminare in mezzo alle nostre campagne è un’esperienza assai diversa da quella che si poteva fare anche solo sessant’anni fa.

La Compagnia dei Cammini propone diversi viaggi a piedi per bambini o famiglie, spesso insieme agli asinelli.

Terra Nuova · maggio 2016

47


SPECIALE Ecoturismo

segnaliIBro

mente nel paesaggio, inteso come bene comune, ed è codificato per legge anche in altri paesi come Austria, Repubblica Ceca, Svizzera, Svezia, Norvegia, Estonia e Finlandia. In quest’ultima nazione, dove non ci sono ostacoli al campeggio libero, esiste un’antica norma che garantisce a tutti non solo il diritto di camminare nei boschi e in tutte le aree naturali, ma anche di sciare o andare in canoa, kayak o barche a remi, oppure in bicicletta persino nelle proprietà private, a patto che ci si comporti in modo responsabile. Per tornare al Belpaese, per adesso sono le iniziative dal basso a far parlare di sé. Segnaliamo il progetto Ammappa l’Italia, un portale che permette a ogni utente di inserire tracciati, foto e informazioni varie sugli itinerari. La scommessa è quella di rendere tutta l’Italia percorribile a piedi, senza macchina, senza nemmeno prendere un treno o un bus. E che ognuno di noi possa condividere i percorsi a piedi che conosce, recuperando la memoria storica degli anziani o individuando nuove vie di percorrenza. Gli ideatori parlano di una sorta di cammino di Santiago creato dal basso e a costo zero, con la costruzione di una rete di percorsi, componibili a piacimento, che vanno al di là di ogni singolo tracciato. Un altro portale significativo è quello di Movimento lento, piattaforma di un network di aziende e professionisti che colla-

ORDINALO ONLIN ww w.terranuovaliEbrSU i.it

CAMMINARE

Elogio dei sentieri e della lentezza di David Le Breton Edizioni dei Cammini cod. ED049 - pp. 185 - € 16,00

48

www.terranuova.it

borano per diffondere la cultura dello slow travel («viaggiare lento»). L’associazione ha mappato migliaia di chilometri di sentieri, piste ciclabili o itinerari su strade poco trafficate, di cui è possibile stampare gratuitamente le mappe dettagliate e scaricare le tracce gps.

Camminare è un atto politico? Camminare, come abbiamo visto, è un’azione carica di significato, capace di costruire un’economia locale, di rievocare storie del passato, di rispolverare l’antico diritto alla libertà e al vagabondaggio. Perché nel tepore delle nostre case ci sentiamo sempre più fragili e insicuri, vittime di un mondo sempre più diviso. Camminare è il gesto poetico per eccellenza che ci fa uomini e animali al tempo stesso. Battendo su questo tasto abbiamo voluto chiedere alle nostre tre guide se e come il camminare possa essere un atto politico, nel senso più alto del termine. «Non è un caso che ogni anno ci siano iniziative politiche in cammino» ci fa osservare Luigi Lazzarini. «Mi riferisco a quelle degli amici di Repubblica nomade che quest’anno andranno da Trieste a Sarajevo, o al Movimento tellurico che cercherà di spostare di nuovo l’attenzione su L’Aquila, città dimenticata dalle istituzioni. Camminare è uno strumento di cambiamento potente, di riflessione sui nostri rapporti con il mondo. Attraverso il camminare si mettono in discussione gli stili di vita, si incoraggia la sobrietà, l’essenzialità. Non a caso noi ci ispiriamo a Henry David Thoreau e al suo libro Walden, vita nei boschi, dove il messaggio politico è fondamentale: vivere in modo più semplice, in buona relazione con la natura, in modo più pacifico, più rispettoso nelle relazioni con gli altri popoli. Così come del resto ci insegnano i principi del turismo responsabile». Luca Gianotti parla addirittura di atto sovversivo ed elenca i vantaggi pratici della lentezza e della sobrietà. «Camminare è sovversivo perché propone la cultura della lentezza, del rallentare, mentre intorno tutto ci dice che dobbiamo stimare la velo-

cità, la crescita, la produttività. Camminare è una forma di turismo a basso impatto ambientale, che consente di distribuire piccole economie tutto l’anno, in posti di solito non toccati dal turismo di massa, come i paesi dell’Italia appenninica, per esempio. Camminare è sovversivo anche perché insegna che per essere felici non serve molto: uno zaino con due magliette e uno spazzolino da denti, altro che consumismo! Il consumismo porta infelicità. Il camminare infine è sovversivo perché combatte la cultura della paura, creata ad hoc dal potere per controllarci. Camminando si arriva nei paesi e si viene accolti a braccia aperte da uomini e donne sorridenti, siano costoro musulmani, cattolici o atei, e questo sorriso, questa positività che ci lascia addosso, sono opposti alla negatività e ai conflitti». «Un tempo si diceva che il camminare è politico, e per me vale ancora, anzi oggi vale anche più di allora» chiosa Maurizio Baldini. «Camminare è l’unica forma possibile di rivoluzione individuale: significa dire no alla fretta, alla competizione, al consumo, ai veleni, a relazioni e cibi di plastica. Ogni passo è un atto di resistenza: gentile e sorridente, ma sempre resistenza. Il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo si muove a piedi: lento e dolce, inarrestabile e inevitabile». l Note 1. www.cammini.eu/blog/decalogo-dei-cammini

Per saperne di più La Via Francigena www.ammappalitalia.it • www.retecamminifrancigeni.eu • www.viafrancigenadocumentary.com • www.viefrancigene.org La mappa ufficiale interattiva • www.visit.viefrancigene.org/it Proposte di viaggi a piedi • www.aria-aperta.it • www.cammini.eu • www.movimentolento.it • www.movimentotellurico.it • www.repubblicanomade.org • www.viedeicanti.it • www.traterraecielo.it • www.waldenviaggiapiedi.it •


vacanze olistiche ma re, n atura e benessere

Vieni in vacanza con almaluna by tatami Scopri le nostre proposte per la tua estate 2016 Vacanze estive 2016 a Capalbio

La proposta Almaluna è “Universo Yoga”

Almaluna by Tatami si propone di diffondere le attività olistiche organizzando vacanze ed eventi finalizzati al benessere. Per le vacanze estive 2016 Almaluna ha scelto il Campeggio di Capalbio, oasi WWF, sul suggestivo mare della costa toscana, in una location di straordinaria bellezza.

Durante la vacanza, conoscerai e sperimenterai Yoga all styles, Pilates, Biodanza, Tai Chi, Shiatsu e numerose altre discipline, che renderanno la tua vacanza un’esperienza unica, vitale ed energetica, attraverso anche un’alimentazione bio-naturale, gustosa ed equilibrata.

Consulta il sito: centroyogatatami.it/almaluna-vacanze-yoga/ con le proposte dettagliate, dall’11 giugno al 10 settembre 2016 A.P.S. Almaluna - destinazione benessere

Telefono: 389 0195471 - almalunaholidays@gmail.com centroyogatatami.it/almaluna-vacanze-yoga - www.facebook.com/centroyogatatami


Maggio

1 첦척 2 첚 3 첚 4 첛 5 첆첛 6 천 7 천 8 첝 9 킉 첝 10 첞 11 첞 12 킌 첟 13 첟 14 캸 첟 15 철 16 철 17 철 18 철 19 첡 20 첇  21  22  23 킈 첣 24 첣 25 첤 26 첤 27 척 28 쐡 척 29 캸 첚 30 첚 31

Mercatino del biologico (m),Traversetolo (Pr), via San Martino,

dom

6:06 20:09

lun

6:05 20:10

Bio Marché (m), Budrio (Bo), Galleria Sant’Agata, tel 338 40039572 - www.associazione-eco.it [tutti i lun pomeriggio]

mar

6:03 20:11

Mercatino bio (m), Genova, Largo Lanfranco, tel 348 3138418 [tutti i mar]

6:02 20:12

Mercolbio (m), Imola (Bo), centro sociale La Stalla, via Serraglio 20

mer gio

6:01 20:13

Mercatino bio (m), Genova, via Cesarea, tel 348 3138418 [tutti i gio]

ven

6:00 20:14

l Now – Festival del futuro sostenibile (f), Como, villa Erba - fino all’8

sab

5:58 20:15

l Naturalia (f), Livorno - www.spazio-eventi.it - fino all’8

dom

5:57 20:17

Sapori Italiani (m), Pavia, Allea di via Matteotti - tel 340 1615842 [1a e 2a dom del mese]

lun

5:56 20:18

Bio Marché (m), Faenza (Ra), le Cappuccine - www.poderidiromagna.it [tutti i lun sera]

mar

5:55 20:19

mer

5:54 20:20

Piccolissimo mercato del biologico ed equo e solidale (m), Cesena (Fc), c/o magazzino Parallelo, via Genova, zona Ex Mercato, tel 349 2202612 [tutti i mer sera]

gio

5:53 20:21

l Salone internazionale del libro (f), Torino - www.salonelibro.it - fino al 16

ven

5:52 20:22

sab

5:51 Pentecoste (cristiana) 20:23

dom

5:50 20:24

Meglio Bio (m), Brescia, Largo Formentone - www.labuonaterra.it

lun

5:49 20:25

Meglio Bio (m), Toscolano Maderno (Bs), piazza Nassiriya, tel 393 9242224 - www.labuonaterra.it [tutti i lun mattina]

mar

5:48 20:26 5:47 20:27

Km zero biologico (m), Forlì (Fc), c/o L’Ape Bianca, viale Bologna 277,

mer

5:46 20:28

Mercatino bio (m), Verona, piazza Isolo, tel 045 8078574 [tutti i gio]

gio

ven

5:45 20:29

l Riolo veg fest (f), Riolo terme (Ra) - www.riolovegfest.it - fino al 22 l Lucca vegan friends (f), Lucca - www.ecoeventi.com/luccaveganfriends - fino al 22 l Indica sativa (f), Bologna - www.indicasativatrade.com - fino al 22

sab

5:44 20:30

l 4 passi (f), Treviso - www.4passi.org - fino al 22 l Yoga Festival (f), Francavilla al mare (Ch) - fino al 22

dom

5:43 20:31

Makè terra (m), Misterbianco (Ct), piazza Mazzini - tel 347 4355933 [4a dom del mese] Il pagliaio (m), Greve in Chianti (Fi), piazza Matteotti - tel 055 8588856 [4a dom del mese]

5:43 20:32

Mercatino di produttori biologici (m), Bologna, c/o giardino Opiulesco, via Normandia,

lun

5:42 20:32

Martedì gras (m), Ravenna, c/o Casa Spartaco, via Chiavica Romea

mar

5:41 20:33

A’ fera bio (m), Caltanissetta, c/o Mercato Coperto, via L. Rizzo, via Malta,

mer

5:41 20:34

Mercatino biologico (m), Lugo (Ra), c/o centro sociale Il Tondo, via Lumagni 30-32

gio

ven

5:40 20:35

l Festival dell’oriente (f), Milano - festivaldelloriente.net - fino al 29 l L’isola di veg (f), Parco del turismo (Rm) - www.lisoladiveg.it - fino al 29 l La Città olistica La città olistica (f), Modena - fino al 29

sab

5:39 20:36

l 4 passi (f), Treviso - www.4passi.org - fino al 29

dom

5:39 20:37

Mercatino Biomoretta (m), Roma, vicolo della Moretta, tel 06 52372565 - www.disanapianta.it [ultima dom del mese]

lun

5:38 20:38

mar

5:38 20:38

Ca p

nti De

ell

i

ve ser

Mercatini bio (m), fiere (f) e convegni (c)

Co n

Sole sorge/ Ricorrenze tramonta 45° religiose e civili

a cura di Silvia Carri

ino Im b e v ianc ern ar icia e re Pa ne

Luna fasi e transiti

(7 aprile - 6 maggio) Or t e go iar d

3ª LUNAZIONE o dell’opulenza

IN CHE ANNO SIAMO ? 1437 islamico persiano 1394 cinese 4711 1732 copto 2016 gregoriano berbero 2966 ebraico 5776 2559 buddista induista Kali Yuga 5117

tel 0521 344557 [tutte le dom mattina]

È tempo di rimettersi a nuovo!

A

maggio l’energia primaverile raggiunge il suo apice. In questo mese di grandi trasformazioni il cervello è sottoposto alla massima sollecitazione energetica: se la terra deve nutrire al meglio le piante in crescita e i frutti in maturazione, il cervello deve regolare tutte le attività psicofisiche. Ma la presenza di tossine metaboliche residue può mettere a dura prova intestino e sistema nervoso, esponendoci al rischio di infiammazioni, stanchezza e insonnia.

www.gasimola.ilbello.com [tutti i mer]

Continua l’opera di drenaggio Sono decisamente da bandire caffè, tè grigi e neri, alimenti preconfezionati, brioche e cappuccini, biscotti, zucchero, insaccati, surgelati e cereali raffinati. L’organismo ha bisogno di cibi freschi e vitali, come insalate di campo, fiori, frutti di bosco, germogli e cereali integrali in chicco, tra cui farro, orzo, grano, riso. Un rimedio molto adatto in questo mese, dall’odore penetrante e dal sapore amaro, è il Nasturtium officinale o crescione, una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle crocifere, che cresce spontaneamente lungo i corsi d’acqua. Le foglie fresche, ricche di vitamine C, E, sali minerali, ferro e iodio, aiutano a depurare e ricostituire i tessuti. In caso di gengiviti, è sufficiente masticarne ogni giorno qualcuna per avere un pronto sollievo. Con il succo, invece, possiamo frizionare il cuoio capelluto favorendo la ricrescita dei capelli. Il miso, un condimento giapponese ricavato dai semi della soia gialla, possiede un alto contenuto di enzimi e vitamine del gruppo B, protettrici dei tessuti epidermici e nervosi; agisce efficacemente su reni e intestino, e grazie alla naturale presenza di lecitina e acido linoleico depura il sangue dagli eccessi di colesterolo. È sufficiente aggiungere la punta di un cucchiaino di miso per insaporire piatti di verdura, zuppe e pesce.

Festa del biancospino (pagana)

l Why bio (f), Savona - www.whybio.it - fino al 15 l Chiarissima (f), Chiari (Bs), villa Mazzotti - www.chiarissima.com - fino al 15

Le tisane giuste per sfiammare

l Festival delle erbe (f), Portonovo (An) - fino al 15

In questo mese sono molto frequenti i processi infiammatori a carico di muscoli e mucose (bocca e intestino). Quando l’intestino è in disordine a causa della presenza di tossine non ancora smaltite, le mucose si infiammano con riflessi anche nella cavità orale. In questi casi possiamo ricorrere alle tisane di altea, da bere due volte al giorno e usare anche come collutorio, o a quelle di malva, dall’effetto emolliente e depurativo. In caso di coliti dovute agli sbalzi di temperatura tipici della stagione, può essere utile anche la tisana di salsapariglia, che si ottiene lasciando in infusione un cucchiaino di erba in una tazza di acqua bollente per 10 minuti. E se ci assale un senso di svogliatezza e apatia? In questi casi possiamo ricorrere agli infusi di menta, che ha la capacità di tenere la mente sveglia, combattere le cefalee e ridonare forza di volontà. salsapariglia

tel 0543 1803117 [tutti i i mer pomeriggio]

Stimolare la digestione Il karkadè è una bevanda ottenuta dai fiori di Hibiscus sabdariffa, una pianta tropicale appartenente alla famiglia delle malvacee che, oltre ad avere spiccate proprietà dissetanti e rinfrescanti, favorisce la diuresi, regolarizza la pressione e facilita la digestione, consentendo di eliminare gli eccessi di scorie metaboliche che causano pesantezza e gonfiori localizzati. L’alta presenza di antociani aiuta a proteggere i capillari.

Borgo Panigale - tel 347 4083255 - www.campiaperti.org [tutti i lun pomeriggio]

La pietra del mese: giada

www.spartaco.org/gras [tutti i mar sera]

Questa varietà di silicati vanta proprietà altamente energetiche e depurative: calma la mente, disintossica e purifica il corpo, riequilibra l’attività tiroidea, agevola il ripristino dell’equilibrio gastrointestinale, tonifica reni, fegato e milza, favorendo il rinnovo del sangue. Dal punto di vista mentale, indossare o portare con sé il cristallo di giada combatte nevralgie e insonnia, riequilibra le emozioni e spinge la mente al rinnovamento.

tel 347 4355933 - www.aferabio.it [tutti i mer pomeriggio] tel 329 1653229 [tutti i gio pomeriggio]

Frutta e verdura di stagione Verdura: aglio, asparagi, barbabietole, bietole, broccoli, carciofi, cavoli, cetrioli, cipollotti, fagiolini, fave, indivie, lattuga a cappuccio, lattuga riccia, peperoni, piselli, pomodori, porro, rafano, rape, ravanello, rucola, scalogni, spinaci, taccole, zucchine. Frutta: arance sanguinelle, ciliegie, fragole, limoni, pesche. Erbe aromatiche: acetosa, alloro, aneto, basilico, erba cipollina, finocchio selvatico, maggiorana, menta, origano, peperoncino, prezzemolo, rosmarino, salvia, timo.

L E G E N DA « o r t o e g i a r d i n o » Mercato del contadino (m), Tolentino (Mc), c/o Ass. CiSei, via Gramsci 1, tel 339 4473220 - www.cisei.info [tutti i mar mattina]

Gli eventi riportati sono raccolti dalla redazione di Terra Nuova e dalla banca dati www.biobank.it, che pubblica la guida annuale “Tutto Bio”. Gli eventi segnalati sono soggetti a cambiamenti: si consiglia di verificarne direttamente la presenza. Per segnalazioni: info@aamterranuova.it.

킈 Luna ascendente 킉 Luna discendente 캸 Nodo Lunare Nord (o ascendente) 첦 Nodo Lunare Sud (o discendente)

l Eventi dove potete trovare Terra Nuova

Giorni consigliati/sconsigliati per imbiancare e verniciare. Giorni consigliati/sconsigliati per la preparazione dell’impasto e la cottura del pane.

Giorni consigliati/sconsigliati per la preparazione di conserve. Giorni consigliati/sconsigliati per cure dentistiche. Giorni consigliati/sconsigliati per tagliare i capelli.

ORTO. Giorni favorevoli per raccogliere erbe aromatiche e medicinali, trapiantare e seminare ortaggi da frutto, fiore, foglia e radice. Con l’eccezione, tra gli ortaggi da foglia, di lattuga, spinacio, cavoli, sedano, bietola da coste. In certe regioni fagioli, fagiolini, fave, mais e piante da radice si seminano in luna calante. FRUTTETO. Piantumare e trapiantare alberi e arbusti da frutto a debole vigoria. GIARDINO. Seminare fiori, piantumare alberi, arbusti e siepi. Mettere a dimora e trapiantare le piante da fiore annuali, biennali, vivaci, le bulbose e le rizomatose. Riprodurre le piante da fiore per talea o per divisione dei cespi.

ORTO. Seminare gli ortaggi che accestiscono (cavoli, sedano, bietole da coste) o che non devono andare prematuramente a seme (insalate, lattughe, indivia, finocchio, aglio, cipolle, scalogno, porro, spinacio). Piantare e trapiantare cipolle, aglio e porro. Lavorare e concimare il terreno. FRUTTETO. Potare gli alberi e gli arbusti da frutto vigorosi. Lavorare e concimare il terreno. GIARDINO. Potare e sfrondare gli alberi, gli arbusti e le siepi. Spuntare e cimare le piante da fiore e gli arbusti. Lavorare e concimare il terreno. Disegni di Massimo Astore


popoli nativi

Il lato oscuro della conservazione L’attuale modello di conservazione causa lo sfratto forzato dei popoli indigeni in tutto il mondo, e non aiuta né gli animali né l’ambiente. È ora di cambiare rotta. Terra Nuova · maggio 2016

53


popoli nativi

di Alice Farano Survival International Italia

L’

80% della biodiversità terrestre si trova nei territori dei popoli indigeni e la grande maggioranza dei 200 luoghi a più alta biodiversità del mondo è terra indigena. È forse un caso? Nel corso delle generazioni, questi popoli hanno sviluppato stili di vita sostenibili e una conoscenza profonda delle loro terre, dalle quali dipende la loro stessa sopravvivenza. Ecco perché sono motivati più di chiunque altro a proteggere la natura e i suoi delicati equilibri. Ancor prima che venisse coniata la parola «conservazione», gli indigeni erano già conservazionisti e, evidenze lo dimostrano, a oggi rimangono i migliori al mondo a svolgere questo ruolo.

I popoli che aiutano l’ambiente In Amazzonia, ad esempio, quando i confini dei territori vengono demarcati ufficialmente e sono gestiti direttamente dagli indigeni, la protezione della foresta è molto più ef-

ficace. Le immagini satellitari mostrano chiaramente che in alcuni luoghi la deforestazione si ferma proprio laddove cominciano le zone abitate dalle tribù (vedi immagine in basso). Altri dati diffusi di recente rivelano che all’interno dell’unica riserva in India in cui una tribù si è vista riconoscere il permesso di vivere insieme alle tigri, il numero di questi animali è quasi raddoppiato, passando da 35 esemplari nel 2010 a 68 nel 2014: un incremento decisamente superiore al tasso di crescita medio nazionale1. Eppure, le terre indigene vengono spesso erroneamente considerate «selvagge» o «vergini», anche se i popoli indigeni le hanno abitate e gestite per millenni. Raramente viene ricordato, ma alcune di queste, tra le più famose al mondo, come il parco di Yellowstone negli Usa, l’Amazzonia o il Sergenti in Africa, sono in realtà le terre ancestrali di milioni di indigeni. Con l’intento di creare «aree inviolate», libere dalla presenza umana, e nella convinzione che gli scien-

L’approccio conservazionista fondato sugli sfratti forzati è diventato consuetudine in tutto il mondo, con impatti devastanti non soltanto sui popoli indigeni, ma anche sulla natura che, senza i suoi tradizionali guardiani, viene costantemente messa in ginocchio.

ziati siano gli unici a sapere come agire per il bene dell’ambiente, l’approccio conservazionista fondato sugli sfratti forzati è diventato consuetudine in tutto il mondo, con impatti devastanti non soltanto sui popoli indigeni, ma anche sulla natura che, senza i suoi tradizionali guardiani, viene costantemente messa in ginocchio dal bracconaggio, dallo sfruttamento eccessivo delle risorse e dalla presenza sempre più invadente del turismo e di imprese non sostenibili. La politica degli sfratti, dunque, rischia di distruggere l’autosufficienza dei popoli indigeni o la loro stessa vita.

Yellowstone: un inizio drammatico Il parco nazionale di Yellowstone, ad esempio, è stato la prima area protetta del mondo. Quando venne creato, nel 1872, gli indigeni che vivevano lì da secoli furono inizialmente autorizzati a restare, ma cinque anni più tardi furono costretti ad andarsene. Come è facile immaginare, il loro allontanamento dal neonato parco di Yellowstone causò diversi scontri tra le autorità governative e le tribù degli Shoshone, dei Blackfoot e dei Crow; si dice che in una singola battaglia siano morte 300 persone. Oltre alle vittime e alle violenze sugli uomini, ne risentì anche il territorio del parco, e da quel momento alci e bisonti cominciarono a sfruttare i pascoli in modo eccessivo, creando uno squilibrio nell’ecosistema.

Conservazione con sfratto Con l’obiettivo di denunciare il lato oscuro della conservazione e chiedere il rispetto dei diritti degli indigeni, l’organizzazione per i diritti dei popoli indigeni Survival International ha lanciato la campagna Parks Need Peoples, letteralmente «i parchi hanno bisogno dei popoli». Nell’omonimo rapporto, l’organizzaIl parco indigeno dello Xingu (delimitato in rosa) è abitato da diverse tribù. Costituisce una barriera fondamentale alla deforestazione (in rosso) della foresta Amazzonica. ©ISA (Instituto Socioambiental)/Survival

54

www.terranuova.it


1

zione fa luce su alcuni casi particolarmente critici. Tra questi, quello dei Pigmei Baka del Camerun sud-orientale, costretti a lasciare le loro foreste, che vengono trasformate in parchi nazionali o aree riservate ai safari di caccia privati. Vengono accusati di bracconaggio perché cacciano per nutrirsi, rischiando di essere arrestati, picchiati, torturati e uccisi dalle squadre antibracconaggio, che dipendono largamente dal sostegno finanziario e logistico del gigante della conservazione Wwf. 1 Molti Boscimani sono costretti a bere l’acqua ricavata dai meloni, perché non possono accedere ai pozzi presenti nel loro territorio ancestrale. ©Survival International 2 Un cartello posto all’ingresso della Central Kalahari Game Reserve del Botswana vieta ai Boscimani la caccia e la raccolta. ©Survival International 3 I volti dei Boscimani del Botswana che hanno subito arresti, pestaggi e torture nel nome della conservazione. ©Survival International

2

3

Terra Nuova · maggio 2016

55


I conservazionisti dovrebbero allearsi con i popoli indigeni: imparare da loro, rispettarli, ascoltarli e aiutarli a difendere le loro terre.

Oggi i Baka vivono in villaggi ai margini delle strade, e molti denunciano quanto si siano deteriorate le loro condizioni di salute. Proprio mentre gli indigeni vengono criminalizzati come bracconieri, però, il traffico di carne di selvaggina perpetrato dai veri bracconieri continua a pieno ritmo. Drammatica anche la situazione in Botswana, dove le comunità Boscimani, che hanno vissuto nel deserto del Kalahari per generazioni, sono state trasferite in campi governativi definiti dagli stessi indigeni luoghi di morte. Nonostante una sentenza della Corte Suprema gli abbia riconosciuto il diritto di vive-

4

56

www.terranuova.it

Andrea Bizzocchi



 





 

segnaliIBro

popoli nativi

re e cacciare nella loro terra ancestrale, la Central Kalahari Game Appunti di viaggio, riflessioni ed esperienze Reserve, i Boscimani vengono abitra la cultura, i personaggi e la natura selvaggia della Costa Rica tualmente picchiati e arrestati dai guardaparco proprio perchÊ cacciano. Nel frattempo, nella riserva PURA VIDA E ALTRI sono state autorizzate l’estrazione di RACCONTI RAMINGHI diamanti e la pratica del fracking2, ed Appunti di viaggio, riflessioni ed esperienze tra è stato aperto un complesso turistila cultura, i personaggi e la natura selvaggia co di lusso. della Costa Rica In India, infine, nel nome della di Andrea Bizzocchi conservazione delle tigri si stanno dicm 15 x 21 - cod. EA057 - pp. 144 - ₏ 11,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo struggendo le vite di molti popoli innegozio bio di fiducia (negoziobio.info), digeni, tuttora perseguitati da chi oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it vuole costringerli ad andarsene. Il diritto a gestire e proteggere le foreste, riconosciuto sia dalla legge interna- 4 Bambini Baka, Camerun. zionale che da quella indiana, viene ŠCathryn Townsend


5 5 Il campo di Asan Kudar, dove dal 2013 vivono, sotto teloni di plastica, oltre un centinaio di indigeni Khadia sfrattati dalla Riserva delle tigri di Similipal. Hanno ricevuto solo una piccola parte del risarcimento promesso. I giornali indiani hanno lodato questo sfratto come un modello di «successo». ©Survival International 6 Una tigre reale del Bengala fotografata nel Parco nazionale di Kanha, Madhya Pradesh (2013). ©Sandip Dey

ciano solo per il sostentamento alimentare delle loro famiglie non sono certo paragonabili ai bracconieri.

Ripensare la conservazione 6

loro negato. Gli sfratti delle tribù dalle loro terre non solo sono illegali, ma non servono neanche a salvare le tigri, messe in pericolo dai turisti che possono crear loro un forte stress, impedendogli di cacciare il bestiame delle comunità tribali. In tutto il mondo i popoli indigeni devono pagare i costi di un modello di conservazione che semplice-

mente non sta funzionando: questi esempi lo dimostrano. Anche recenti e costose iniziative internazionali come United for Wildlife3, di cui fanno parte grandi organizzazioni per la conservazione come The Nature Conservancy e Conservation International, sono quantomeno controverse perché mancano di riconoscere che i popoli indigeni che cac-

A dispetto di quanto affermano nei loro documenti ufficiali, le organizzazioni che si occupano di conservazione continuano a sostenere programmi che comportano l’alienazione e l’abuso dei popoli indigeni, alimentando così una massa di persone che inizia a vedere i conservazionisti come nemici. «Il tempo sta per scadere, sia per l’ambiente che per i popoli indigeni. Le organizzazioni per la conservaTerra Nuova · maggio 2016

57


popoli nativi

di massa. L’industria della conservazione, nel continuo tentativo di soddisfare gli interessi economici di partner influenti come multinazionali e governi, appare di fatto troppo legata allo status quo. E allora ci chiediamo: riuscirà mai a contrastare la crisi del mondo naturale? Intanto, è importante combattere contro questi abusi, nella consapevolezza che i popoli indigeni sanno benissimo come prendersi cura dei loro ambienti. E lo fanno meglio di chiunque altro. l

7 7 I Baiga sono stati sfrattati a forza e illegalmente dalla Riserva delle tigri di Kanha, che è stata il «set» del Libro della giungla. © Survival International

zione devono ripensare radicalmente il loro modo di lavorare» afferma Stephen Corry, il direttore generale di Survival International. Come? I

58

www.terranuova.it

conservazionisti dovrebbero allearsi con i popoli indigeni: imparare da loro, rispettarli, ascoltarli e aiutarli a difendere le loro terre. I segnali che dimostrano la necessità di questo cambiamento purtroppo sono moltissimi, dalla perdita di biodiversità allo sfruttamento eccessivo delle risorse, fino al turismo

Note 1. www.survival.it/notizie/11007 2. La fratturazione idraulica o fracking (dall’inglese «hydrofracking») è lo sfruttamento della pressione di un fluido, in genere acqua, per creare e poi propagare una frattura in uno strato roccioso nel sottosuolo. Viene eseguita dopo una trivellazione entro una formazione di roccia contenente idrocarburi, per aumentarne la permeabilità al fine di migliorare la produzione del petrolio o del gas da argille contenuti nel giacimento e per incrementarne il tasso di recupero. 3. www.unitedforwildlife.org

Per saperne di più •

www.survival.it/parchi


trova i corsi su

www.facebook.com/terranuovaedizioni

E V E N T I

Facilitare funziona La cooperativa marchigiana Irs, che si occupa di disagio sociale e recupero dalle dipendenze, ha seguito un corso in facilitazione con Pino De Sario, beneficiando subito dei risultati a più livelli. «Straordinario imparare le tecniche per lavorare meglio insieme».

F

tà di vedere l’altro in una situazione inaspettata, ci siamo regalati la possibilità di instaurare relazioni in modo diverso, non più solo standardizzate su lavoro e protocolli. Aiuta molto aprirsi a una diversa visione della persona che lavora con te e secondo noi può migliorare la soluzione di quei micro-conflitti che ci sono sempre nei rapporti di lavoro». I dirigenti hanno notato che le tecniche apprese «si sono rivelate subito utili quando applicate anche nelle relazioni con gli utenti delle nostre strutture» prosegue Trovato. «Si riescono ad attenuare tensioni e conflitti, permettendo anche ai fruitori dei nostri servizi di incanalare e gestire rabbia e stato depressivo in maniera non distruttiva. Insomma, si riesce a governare meglio la situazione. Per esempio, se si riesce a cogliere una parola chiave nella relazione verbale con la persona che si ha di fronte, ciò permetterà a entrambi di trovarsi su un terreno di confronto comune. Oppure, un’altra tecnica che abbiamo appreso è quella del mimetismo con l’altro anche a livello corporeo: se ho davanti a me una persona seduta in un certo modo, io mi pongo con la stessa postura e si crea una maggiore intesa abbassando la soglia del conflitto». «Ovviamente, affinché tutto questo possa diventare un bagaglio di competenze acquisite, occorre fare molta esperienza e condividerla in modo costante con chi ci sta intorno» prosegue Trovato. «Gli strumenti che il corso ci ha fornito possono essere usati da tutti, a prescindere dal ruolo che si riveste, sul lavoro, nella società, in famiglia, nelle associazioni. E quando diventano veramente parte della vita quotidiana si avverte un salto di qualità nel rapporto con gli altri». l

COMUNICAZIONE ECOLOGICA

I tre ebook di Pino De Sario propongono metodologie volte a facilitare la comunicazione e quindi la comprensione, il confronto e il dialogo nei gruppi di lavoro, nelle associazioni, in famiglia e nella coppia. di Pino De Sario ePub/mobi senza DRM cod. EB001 - € 4,99 cod. EB002 - € 4,99 cod. EB003 - € 4,99 Disponibili su: www.terranuovalibri.it

segnaliIBro

acilitazione, ottimizzazione del lavoro in gruppo, risoluzione dei conflitti. Parole che risuonano positivamente, ma che spesso lasciano con una domanda aperta: cosa significa esattamente? Chi, e come insegna a risolvere tensioni e a crescere nelle relazioni? Si può forse insegnare, e dunque imparare, qualcosa del genere? «Sì, certo, e noi lo abbiamo imparato. Anzi, per meglio dire lo stiamo imparando, nel senso che ciò che ci è apparso chiaro dopo un primo corso di formazione è risultato così utile da convincerci a proseguire nel percorso». A parlare è Stefano Trovato, presidente della cooperativa marchigiana Irs, i cui dirigenti hanno già terminato un primo corso con Pino De Sario, direttore della Scuola italiana facilitatori e docente al corso di laurea di scienze per la pace all’Università di Pisa. Irs si occupa di dipendenze patologiche, marginalità carceraria, di comunità terapeutiche e attività territoriali rivolte a minori e adolescenti per la prevenzione dell’uso e abuso di sostanze che causano dipendenza. «L’idea di organizzare per i dirigenti della cooperativa un corso di facilitazione è nata dall’esigenza di arImparare a facilitare monizzare e rendere più efficace il lavoro in equipe e con Pino De Sario di aumentare il livello di relazione interna tra operato· Quando: 7 e 8 maggio, ri» spiega Trovato. «Abbiamo già concluso un primo persabato ore 9.30-13.30 corso ed entro l’anno terminerà la seconda fase. All’inizio e 14.30-18.30, la metodologia ha spiazzato i colleghi. Ci sono molti eledomenica ore 9.30-13.30 menti all’interno di un corso come quello a cui abbia· Dove: redazione di Terra mo partecipato: di tipo didattico, di tipo corporeo, che Nuova, via Ponte di Mezzo 1, da noi manca spesso, e di sperimentazione diretta delFirenze le tecniche apprese. Per esempio, le attività corporee sono varie, una su tutte la rappresentazione dell’emotività · Tipologia: corso teorico-pratico, senza pernottamento usando voce e movimento. Ciò ha disinibito le perso- · Per info e iscrizioni: ne nella relazione tra loro, abbiamo avuto la possibili- www.terranuovalibri.it/2016/corsoDeSario

Terra Nuova · maggio 2016

59


esperienze

Un cavallo per maestro L’antico e straordinario potere dei cavalli, animali sensibili e fedeli alleati dell’uomo, è in grado di rappresentare una via di accesso alla consapevolezza, alla guarigione e all’equilibrio spirituale. di Marta Valota

R

itornare a se stessi riconoscendo le proprie emozioni e paure attraverso un percorso spirituale mediato dai cavalli: è questo l’approccio terapeutico che caratterizza il lavoro di Alessia Gio-

60

www.terranuova.it

vannini, counselor e floriterapeuta, che dopo aver sperimentato su se stessa il potere curativo di questi animali, ha deciso di perfezionare i suoi studi all’estero, per poi diffondere questo percorso in Italia. Oggi,

durante i suoi seminari, lavora a fianco di Fax Annuhr, Sabbia, Nadir e Quyntin, i quattro cavalli dell’associazione Cavalli maestri di Cesano, in provincia di Roma, di cui è fondatrice e presidente.


Partecipa anche tu! Dalla rivelazione del sé Per Alessia, tutto inizia durante al contagio emotivo Aiutarsi per aiutare

un’attività quotidiana di supporto a un gruppo di madri che avevano perso un figlio adulto: a un certo punto si rende conto di non essere in grado di rielaborare il dolore con cui inevitabilmente entra ogni giorno in contatto. Mentre è alla ricerca di qualcosa che la faccia stare meglio si ricorda degli animali per i quali ha avuto una predilezione fin da bambina: i cavalli, appunto. Inizia così a passare del tempo in loro compagnia, riuscendo gradualmente, giorno dopo giorno, a trovare la centratura di cui aveva bisogno per essere di sostegno agli altri. «Ho capito che questa esperienza mi rilassava» racconta Alessia «e mi regalava uno stato di calma che a sua volta si trasferiva anche ai cavalli». Le ore scandite dal loro brucare placido, con lo sguardo rivolto verso qualcosa di lontano, di «infinito», si rivelano presto una medicina e un’opportunità per sperimentare una sensazione di unità con il tutto. Immersi in questo stato di quiete, il dolore umano, fino ad allora celato, viene percepito e razionalizzato, e con i cavalli si instaura un legame speciale. «Il senso del branco per loro è molto forte» prosegue Alessia. «Entrare nel recinto e varcare la soglia del loro spazio vitale mi ha permesso di diventare parte del gruppo». Ed è in questo momento che il cavallo diventa vero maestro di ascolto, costituendosi di fatto come tramite di riconnessione tra noi e il resto del mondo, ma prima di tutto tra noi e il nostro Io più profondo. Oltre a infondere calma e serenità, il suo potere di guarigione sta nella capacità di amplificare e trasmettere visivamente quello che abbiamo dentro, di cui non abbiamo consapevolezza o che non riusciamo a capire. Così, in un recinto dove ci sono cavalli calmi, sereni e liberi di muoversi nel loro spazio, questi si allontaneranno dalle persone incongruenti o in forte conflitto con se stesse e si avvicineranno invece a chi è in pace e ha il coraggio di dare un nome alle proprie emozioni e riconoscere il proprio disagio.

Così, l’introspezione e il cammino spirituale diventano meno tortuosi, proprio grazie a questi animali dal potere segreto, che diventano lo specchio dell’anima della persona che è accanto a loro, alla ricerca di sé. Il cavallo diventa mediatore e medici-

Chi avesse un branco di sua proprietà, può metterlo a disposizione per intraprendere seminari di consapevolezza in tutta Italia. Sarà sufficiente un incontro con Alessia per verificare che i cavalli abbiano le caratteristiche adatte per fare da mediatori, come la socialità e la pacatezza. • Per saperne di più: www.cavallimaestri.it

Il cavallo agevola la consapevolezza e ci riconnette con ciò che ci circonda.

Terra Nuova · maggio 2016

61


esperienze

Maestri di consapevolezza da millenni Dopo quel primo riavvicinamento personale ai cavalli, Alessia decide di approfondire l’argomento e di andare in California, dove da oltre vent’anni i cavalli più anziani e con più esperienza affiancano i terapeuti nei percorsi di consapevolezza. «I cavalli non sono solo animali capaci di offrirci quel senso di libertà e quella sensazione di amore e dedizione che spesso sperimentiamo in loro presenza o sul loro dorso. Sono molto di più: posseggono un potere straordinario conosciuto da millenni, quello di sentire, riconoscere e svelarci il nostro essere più profondo e autentico» spiega Alessia. «Per centinaia di anni hanno accompagnato l’uomo in un viaggio di connessione assoluta con se stessi e con la natura, al di là dei limiti consueti e oltre la consapevolezza ordinaria. Sono stati e sono maestri, guide e compagni ineguagliabili». Pensiamo alle tradizioni dei nativi: yuptala nella lingua dei nativi americani significa essere un tutt’uno. E loro lo erano con il proprio cavallo. L’animale, infatti, non veniva cavalcato in assenza di una relazione particolare e di una connessione reciproca. Una cosa simile, ma forse ancora più profonda, riguarda la tradizione che-

62

www.terranuova.it

rokee1 dove la malattia, intesa come frammentazione dell’anima, veniva affrontata con l’aiuto dello sciamano e dei suoi medicine horses, ovvero cavalli medicina. In tal senso, i percorsi spirituali mediati dai cavalli hanno l’obiettivo di riportarci a una dimensione altra e di affrontare i traumi interiori. «Oggi, quel potere rispettato, onorato e talvolta venerato dalla saggezza dei popoli antichi è stato riscoperto in paesi come gli Stati Uniti, l’Inghilterra e la Francia, e molte realtà, tra cui Eagala (Equine assisted growth and learning association, associazione per la cre-

IL POTERE SEGRETO DEI CAVALLI

Viaggio alla scoperta dell’Unità perduta di Alessia Giovannini Edizioni Youcanprint - € 11,00

segnaliIBro

na al tempo stesso, dal momento che agevola la consapevolezza e ci riconnette con ciò che ci circonda. A quel punto siamo pronti a ripartire e ad aprirci all’altro, finalmente in uno stato di pace. Con la loro empatia, delicatezza e socialità, i cavalli dimostrano non solo di essere affini all’uomo, ma anche di assomigliargli molto: se un esemplare viene ignorato e lasciato in solitudine si spegne a poco a poco, s’incupisce e si lascia andare, come accade a noi. In questa dimensione comunicativa, in cui umano e animale si comprendono attraverso un linguaggio fatto di gesti ed emozioni, avviene uno scambio di cui anche i cavalli beneficiano. «Nel momento in cui ne accarezzavo uno, questo si rilassava e iniziava a masticare, segno inequivocabile di rilassatezza e calma» racconta Alessia. «La cosa curiosa è che, in automatico, venivano contagiati emotivamente anche tutti gli altri, manifestando tranquillità con lo stesso gesto del masticare».

Alessia Giovannini è facilitatrice nei percorsi di consapevolezza mediati dai cavalli, terapeuta a indirizzo transpersonale, gestaltico ed energetico, floriterapeuta e giornalista pubblicista. Da anni si dedica all’approfondimento e alla divulgazione di metodi naturali per l’armonia e il benessere interiore. Dopo la laurea ha intrapreso i suoi studi nell’ambito della relazione d’aiuto olistico negli Usa e si è diplomata all’Alchemy Institute of Healing Arts di Santa Rosa, in California, dove ha esercitato come counselour e floriterapeuta presso l’Alternative Health Center. Sempre lì ha appreso i principi dell’equine guided learning, dai quali ha poi creato un metodo originale di crescita personale e spirituale attraverso l’interazione equina chiamato «Le vie dei cavalli maestri», che rappresenta il compendio di anni di ricerca nel settore del benessere interiore e di pratica di sostegno psicospirituale attraverso i cavalli. È fondatrice e presidente dell’associazione Cavalli maestri, nata per divulgare in Italia nuove modalità relazionali con il cavallo che vadano oltre la semplice monta. Ha raccolto e raccontato la sua esperienza in un libro in cui le immagini si alternano a un racconto fatto di parole lievi, pacate, misurate, che descrivono il viaggio interiore che lei stessa ha intrapreso con l’aiuto dei cavalli, e che tendono una mano al lettore in segno di invito.


Cosa ne pensate?

scita e l’apprendimento assistiti dai cavalli) o il centro Epona offrono anche percorsi di formazione per operatori» continua Alessia. L’associazione Cavalli maestri, dal suo canto, cerca di recuperare proprio questo contatto.

Cura Basica Jentschura per la vostra salute e bellezza

PUBBLICITÀ

Mandate impressioni,idee,commenti a lettere@aamterranuova.it

Ippoterapia in pratica Come termometro delle nostre sensazioni e ponte verso la nostra anima, il cavallo ci aiuta a interpretare le nostre paure più recondite e a gestirle. Attraverso la sua associazione, Alessia Giovannini ha iniziato a promuovere anche in Italia seminari di una o più giornate e percorsi strutturati in più incontri con cavalli spesso dismessi o considerati inadatti alla monta. Nel farlo, si è ispirata ai principi dell’equine guided learning («insegnamento guidato dai cavalli»), una disciplina che dagli anni ’90 propone percorsi di crescita personale mediati dai cavalli, basati sulle antiche tradizioni. «Durante gli incontri rallentiamo il tempo, per darci la possibilità di capire ciò che sfugge alla nostra attenzione, per riflettere, per sentirci, per confrontarci, per comunicare e per ricordarci chi siamo veramente» racconta Alessia. «Esploriamo i nostri bisogni e le nostre aspettative, cerchiamo di ascoltare le nostre emozioni e dare loro un nome. Nei seminari dedicati alle relazioni, esploriamo la nostra idea di amore e prendiamo consapevolezza di ciò di cui abbiamo veramente bisogno per realizzare una connessione profonda con l’altro. I cavalli ci offrono l’opportunità di capire e sperimentare un modo più autentico di stare al mondo e interagiscono con noi rispecchiando il nostro essere più profondo. Il potere dei cavalli di percepire anche le più sottili incongruenze nell’ambiente che li circonda li mette nella condizione di leggere la nostra energia e di darci un feedback costante».

AlcaBagno® Sale basico minerale per la cura del corpo. L’Originale dal 1993 con 8 pietre preziose finemente macinate. AlcaBagno® deterge la pelle e ne regola la produzione lipidica, donandole una piacevole morbidezza. Vantaggi di AlcaBagno: · senza conservanti, coloranti né profumazioni · ottima tollerabilità cutanea, ideale anche per la pelle del bebè e la pelle problematica · certificazione BDIH – Standard per la cosmesi naturale · altre applicazioni: peeling, bagno di vapore e sauna, calze basiche, manicotti basici ecc. Living Natura Sas, via San Giacomo 25, Perca (Bz) tel 0474 401415 - info@livingnatura.com - www.livingnatura.com

I SO OLARI DI DI RIMINI RIMINI

Ciò che conta è l’autenticità

PROTE PR O EGGIAM EGGIAMO O LA PELLE E LA TE TERRA RRA A

Una volta entrati nello spazio dei cavalli, ciascun partecipante deve scegliere il proprio e da lì inizia il percorso. Se il cavallo si allontana non significa che non voglia essere scelto, ma che avverte qualche contraddizione. «Il lavoro può essere fatto anche simbolicamente, concentrandosi sin dal principio sulla scelta del cavallo e sul perché si sia scelto proprio quello piuttosto che un altro» aggiunge Alessia. «I cavalli, dal canto loro, per sceglierci ci chiedono di imparare un linguaggio dell’essere che sia per loro comprensibile: il linguaggio della consapevolezza, dell’attenzione, dell’autenticità e dell’amore verso noi stessi». l Note 1. «I nativi americani esercitano da millenni una pratica di guarigione chiamata recupero dell’Anima secondo la quale, quando una persona subisce un trauma, una parte della sua anima se ne va. In altre parole a causa del dolore l’anima si “frammenta”, si separa dal suo intero e un pezzetto di sé si smarrisce. La malattia fisica o mentale è il risultato di questa separazione, di questa mutilazione: lo sciamano, allora, ha il compito di recuperare questi pezzi. La guarigione è così il momento in cui si ritorna interi». (da Il potere segreto dei cavalli, di Alessandra Giovannini).

®

SPF 15 – 30 – 50 50,, CON C ON SO SOLI L FIL FILT TRI RI MIN NERALI N ERAL EV VEGETALI EGETAL E RID RIDOT OTTA TA PATINA TINA B BIANCA ANCA

CREME S CREME SOLARI SOLARI SENZA P PROFUMO, ROFUMO, INDIC IN DICAT TE E PE PER RB BAMBINI AMB N E PELL PELLI D DELIC EL CAT TE E

ESTRA ESTR ATTI TTI V VEGETALI EGETALI ITALIANI, IT ALIANI, M MELA ELA C COTO OTOGNA O BIOLOGICA B IOLOGICA E FIC FICO OD D’INDIA D’IN DA DII SICIL D SICILIA A

AIUTANO A PR AIUTANO PROLUNGARE OLUNGARE L’ABBRONZ L ’ABBRONZA ATU TURA RA E RINFRESC RINFRESCANO ANO LA PELLE ARROSS ARR OSSATA

026 CN

www.off w ww.offficina ficinanaturae.com naturae.com

305 BC

Terra Nuova · maggio 2016

63


nuovi paradigmi

Imparare a danzare sull’orlo del cratere «Il viaggio sulla Terra è una transizione più o meno tortuosa dall’Io al Sé». Un percorso fatto di partenze, arrivi, ma anche di bruschi cambi di rotta. Senza paura del cambiamento, nella sua vita Davide Cova ha cambiato pelle più volte, trovando alla fine la sua vocazione. di Gabriele Bindi

L

e persone sapienti rischiano sempre di diventare noiose. Addirittura soporifere. Con Davide Cova, però, non si corre alcun rischio: in lui leggerezza e profondità si coniugano con naturalezza, come se camminassero l’una al fianco dell’altra. Con lui si ride, si scherza e si va nel profondo. Ex monaco buddista, counselor, ma anche insegnante di filosofia, psicologia e meditazione buddista, Davide oggi ha 48 anni e insegna in diversi centri spirituali in Italia. Vive in Umbria con la sua compagna e due figli. Ha fondato il centro Dorje Ling, di ispirazione buddista mahayana, e una scuola di biosistemica. A guardare il suo curriculum sembra un diplomatico mancato. Dopo la

64

www.terranuova.it

laurea in filosofia politica si è specializzato in Risoluzione e trasformazione del conflitto, prima negli Stati Uniti e poi al Sant’Anna di Pisa. Per finire in seguito a lavorare come analista politico presso le sedi Onu di New York e Copenhagen. Ma la sua vocazione era un’altra.

pletare gli studi. All’età di 26 anni, a Berlino, era già un insegnante di yoga. Tornato in Italia si è poi iscritto al Master program, una formazione di sette anni in studi buddisti di Sutra e Tantra, presso l’istituto Lama Tzong Khapa. Finita la formazione ha preso i voti ed è diventato monaco, per tornare alla vita laica dopo tre Il viaggio interiore anni. Ma sul letto di morte il suo mae«Il viaggio sulla Terra è una transi- stro, Geshe Jampa Gyatso, fu molto zione più o meno tortuosa dall’Io al chiaro: «Tu devi insegnare!». E DaSé» racconta mentre ripercorre le vide lo ha preso alla lettera. Oggi, la sue tappe. Il suo in effetti è un per- sua passione è anche il suo mestiere: corso che potremmo definire multi- offre corsi di meditazione e percorstrato: gli studi accademici non gli da- si per favorire la conoscenza di sé in vano sufficienti risposte e così ha co- diversi contesti e forme in tutta Itaminciato a dedicarsi alla ricerca inte- lia, persino nelle carceri o nelle scuoriore, con la stessa idea, da vero mi- le. Lo abbiamo seguito in uno dei suoi lanese, di applicarsi, formarsi, com- incontri e lo abbiamo intervistato, cer-


cando di andare sotto la superficie e di non sembrare troppo seri. Perché anche i giornalisti possono essere molto noiosi. Davide, avresti potuto lavorare per l’Onu e invece ti sei fatto monaco buddista. Potevi restartene in beatitudine e invece alla fine hai messo su famiglia. Col senno di poi, sono stati dei colpi di testa o dei passaggi evolutivi? Certamente si è trattato di passaggi evolutivi, altrimenti sarei già morto! L’esperienza monacale è stata indescrivibile per caratura e vastità. Realizzato e compreso che comunque non era il mio percorso ideale ho deciso, insieme al mio maestro Geshe Jampa Gyatso, di rendere i 36 voti monastici e di tornare alla vita laica. Prima di toglierti l’abito del monaco ti sarai spogliato di qualche altro abito? Proprio così. Strato dopo strato ho sempre cercato di spogliarmi dalle identità fittizie, liberandomi dalle proiezioni identitarie e professionali inculcatemi dalla famiglia e dalla società. Ho dovuto prima finire gli studi in filosofia politica per capire che non era la mia strada. Ho dovuto conoscere il mondo delle relazioni internazionali per rendermi conto che non rispondeva alle mie domande di senso. Cosa ti ha spinto in realtà alla vita monastica? Credo mi abbia spinto una ingenua aspettativa di purezza, di assoluto e di protezione dalle afflizioni. Qualità che sono nella propria mente o non sono in alcun luogo. Giustamente, nemmeno i voti monastici, i monasteri o le splendide vesti amaranto hanno potere duraturo sulla mente. Una volta compreso questo, è divenuto evidente che il monacato non era un veicolo adatto a me e sono tornato alla pratica laica. Ma, ripeto, per me è stata un’esperienza unica e fondamentale. Cos’è che non ti piaceva della vita da monaco? Mi pesava molto l’aspettativa di santità da parte degli altri. Non vedevano più l’essere umano, vedevano l’archetipo del monaco, avevo ad-

MAL DI SCHIENA? CERVICALE? INSONNIA? STRESS? In Pochi minuti, a casa tua, Al costo di un solo massaggio, In modo 100% naturale

TAPPETINI E CUSCINI PER AGOPRESSIONE

Le sue migliaia di micropunte, a contatto col tuo corpo stimolano il rilascio di endorfine, con immediato effetto: analgesico, mio-rilassante e de-contratturante delle tensioni fisiche e mentali

IN FARMACIE, NEGOZI BENESSERE, E NEI MIGLIORI NEGOZI BIO OPPURE LO RICEVI IN 24 ORE AL TEL 02 871 68 704 , O SU:

www.mysa.it Terra Nuova · maggio 2016

65


nuovi paradigmi

dosso una nuova proiezione identitaria. E poi avevo un gran bisogno di socialità, è la mia natura. Vuoi dire… problemi con la castità? No, l’energia sessuale si può trasformare, può ascendere verso l’alto. Era più forte la voglia di essere in mezzo alle persone, condividere le esperienze quotidiane con chi è diverso da me. Cosa ti è rimasto oggi degli insegnamenti che hai ricevuto dal tuo maestro? Non so come sarei oggi senza quello che ho ricevuto. Da un lato sono stato esposto per sette anni a un quotidiano flusso di testi sublimi: chiunque li abbia scritti era mille volte genio. Durante gli insegnamenti di un grande Lama sei sempre a un metro da terra, sia per l’ineguagliabile contenuto che per le realizzazioni di chi li trasmette. Più di ogni cosa rimane indelebile la beatitudine di stare accanto a un realizzato: solo sedergli accanto era il più grande insegnamento. E dopo i sette anni di studio? C’è stato il pellegrinaggio in India e poi l’esperienza più tosta della mia vita: il ritiro in solitudine per sedici mesi. A quel punto mi sono visto davvero nudo davanti allo specchio, senza più alibi o intrattenimenti. Tutto ciò di cui fai esperienza in un ritiro solitario ti riguarda molto da vicino. Sei l’unico responsabile dell’esperienza che stai vivendo e non te la puoi prendere con nessun altro. Cosa ti ha portato a rifarti una vita, a costruirti una famiglia? Potrebbe sembrare un passo indietro… Da parte mia si tratta di un passo avanti, dati cause e condizioni. Come dicevo, la dimensione monacale semplicemente non era per me. E non mi è mai capitato di rimpiangere i voti o il monastero.

Davide Cova è laureato in filosofia politica, insegnante di yoga, ex monaco buddista, counselor e insegnante di filosofia e meditazione. Offre corsi di meditazione e organizza incontri in tutta Italia per favorire la conoscenza di sé. In occasione del Terra Nuova Festival, nella giornata di venerdì 3 giugno, dalle 17 alle 20 Davide Cova terrà il workshop Mindfulness e meditazione consapevole. Per informazioni: www.terranuovafestival.it

Anche tu però vivrai i sentimenti di rabbia, ansia, attaccamento… Le afflizioni mentali sono ben presenti, certo. Si devono riconoscere come se si trattasse di vecchi amici che bussano alla porta o passano addirittura dalla finestra. L’esercizio consiste nel riconoscerle sul nascere, nominarle, abbracciarle e trasformarle in concime nutriente. Ti sei formato con Jerome Liss e hai fondato una scuola di counseling biosistemico. In che modo l’insegnamento buddista si integra con la psicologia occidentale? Dagli anni ’50 del secolo scorso la psicologia occidentale ha mostrato un crescente interesse per la psicologia buddista. Tutti i capisaldi teorici del dharma (insegnamento del Buddha, ndr) quali: l’impermanenza dei fenomeni e la loro interdipendenza; la mancanza di un Sé grossolano e di un Sé sottile; la visione di morte, stato intermedio e rinascita; la legge di causa ed effetto e molto altro ancora. Tutto questo ha stimolato una fioritura di studi proficui, sfociati poi, ad esempio, nella letteratura della mindfulness.

Il counseling si basa sulla relazione. Ma tu hai aperto anche un centro di ascolto online. Funziona anche a distanza? Abito in un luogo isolato delle campagne umbre, così ho pensato di offrire diversi percorsi di meditazione, spiritual mentoring e sessioni di counseling online, per ora solo al pubblico di lingua italiana. Siamo all’inizio, ma vedo che i tempi sono maturi. Stranamente c’è molta richiesta di corsi o sessioni ad alto contenuto culturale e Già, la vita che viviamo è piena di insidie. Quali sono se- trasformativo. Beh, l’esperienza finora è stata molto sucondo te gli strumenti fondamentali per affrontare la quo- periore alle aspettative. tidianità? Proviamo a coltivare in ogni istante la piena presenza E la meditazione, come fai a integrarla nel turbinio delmentale, qui, adesso. Simultaneamente, ci addestriamo nel- la vita quotidiana? la visione di vacuità e nella visione della grande empatia. Meditando! Ho due sessioni giornaliere di meditazione, una al mattino, quando mi alzo, e una alla sera Come affronti il tuo quotidiano di padre, compagno, fi- prima di coricarmi. Sono due capisaldi irrinunciabili delglio, insegnante? Riesci a integrare i principi buddisti nel- la mia giornata, che le conferiscono visione, fiducia e sela tua vita di tutti i giorni? renità. l È una sfida aperta, un lavoro di fusione, di sincronicità e di integrazione fra le istanze dell’Io e le istanze del Sé. Per saperne di più Tutte le volte che scivolo applico il non giudizio, ripeto • Scuola di counseling biosistemico Shamata, «mi amo e mi accetto per come sono» e subito mi rialzo. tel 328 0668034 - www.davidecova.it E oggi? Riesci ancora a volare alto? Le mie passioni rimangono le stesse, ma sono calato in una realtà ordinaria, nel pieno degli attriti della vita familiare, lavorativa, relazionale. Nel fango della vita. Danziamo tutti insieme sull’orlo del cratere, a volte si vola e a volte s’inciampa.

66

www.terranuova.it


CORSO

IL METODO FRANCE GUILLAIN I SEGRETI DEL BENESSERE ALLA PORTATA DI TUTTI

Un Corso esclusivo di 2 giorni, unica data in Italia, quello tenuto da France Guillain, alimentarista e nutrizionista francese. Sapevate che abbassando la temperatura interna del corpo, attraverso il “bagno derivativo”, tutte le funzioni dell’organismo si rinforzano? Come scegliere un’alimentazione corretta, efficace, rigenerante per le cellule? Conoscete le meravigliose proprietà dell’argilla e del sole per eliminare le tossine e favorire il sistema immunitario? Il Metodo France Guillain, conosciuto e praticato da migliaia di persone in tutto il mondo, aiuta in modo semplice e naturale a ritrovare la forma fisica e mentale attraverso i beni che ci offre la natura!

25-26 Giugno 2016

POSTI TI LIMITA

Scopri tutti i Corsi CÈC, visita il sito cec.usiogope.it Perché il benessere si può apprendere!

Info e iscrizioni tel. +39 041 5760284 corsi-cec@usiogope.it cec.usiogope.it

Sede del Corso Centro Il Bel Pastore Via Noalese, 117 Santa Maria di Sala (VE)

CORSI

CONOSCENZA È COMFORT

I Corsi CONOSCENZA È COMFORT sono un’occasione per incontrare le esperienze, i metodi, le conoscenze, le scoperte di esperti, scienziati, ricercatori nelle più diverse discipline e tematiche che sono a fondamento dell’esistenza umana e della sua armoniosa evoluzione.


nuovi paradigmi

Foto Martina Rafanelli

Enrique Vargas: il teatro dei sensi Un teatro come non l’avete mai vissuto, in cui la scena diventa un luogo da scoprire e sperimentare, dentro una dimensione magica e fuori dal tempo. di Nicholas Bawtree e Massimo Bragagni

L’

esperienza più vicina al sogno che si possa fare in uno stato di veglia. Potremmo riassumere così il teatro dei sensi del regista colombiano Enrique Vargas. Ma sarebbe solo la cornice del quadro. Un quadro dentro al quale lo spettatore viene letteralmente accompagnato per mano, come Mary Poppins dallo spazzacamino Bert. La scena non è più un luogo inviolabile da osservare dall’esterno, ma un luogo da visitare camminando e interagendo con i suoi «abitanti». È un mondo messo a punto per noi, curato nei minimi dettagli, fatto di scenografie fiabesche, suo-

68

www.terranuova.it

ni, odori e sapori, un mondo che coinvolge tutti i nostri sensi, nel quale siamo guidati dolcemente, da soli o a piccoli gruppi, dagli attori. Ci si può ritrovare a bere un calice di vino servito da Dioniso dopo aver pestato l’uva a piedi nudi, a seguire una creatura che danza davanti a noi lungo un percorso buio, a impastare una forma di pane. Ci può venir chiesto di rispondere a un indovinello, per finire mangiando frutta da un insolito banchetto. Abbiamo incontrato Vargas a Pistoia, presso Il Funaro (vedi pag. 72), prestigioso centro culturale italiano dedicato al teatro e alla formazione.

Il suo sguardo è profondo e tranquillo come quello degli artigiani che amano il loro mestiere, ma non nasconde un guizzo birichino, che ci ispira la prima domanda. Enrique, ci puoi raccontare qual è stato il seme da cui è nato il tuo modo molto particolare di fare teatro? È legato in qualche modo alla tua infanzia? Quello che so, quello che faccio, è stato determinato dai giochi che facevo quand’ero bambino. Sono nato in campagna, in un’azienda agricola di piante da caffè. Io e mio fratello giocavamo a nascondino in mez-


Enrique Vargas, classe 1940, si forma presso l’Accademia di arte drammatica di Bogotà e presso l’Università del Michigan, laureandosi in antropologia teatrale e iniziando le prime esperienze professionali, in particolare col prestigioso centro teatrale «La Mama» di New York. Ottenuta la cattedra di drammaturgia dell’immagine sensoriale presso l’Università nazionale di Bogotà, passa quindici anni a studiare i giochi, i rituali e i miti dell’Amazzonia, per poi fondare nel 1993 la Compagnia Teatro de los Sentidos, con la quale approfondisce il tema della poetica sensoriale. Per saperne di più: www.teatrodelossentidos.com

vero amore. Prima devi perdere tutto. E se non rischi questa perdita, non puoi trovare niente. La seconda cosa importante era la libertà del gioco infantile. Il teatro che faccio è ispirato alla libertà tipica del gioco, un aspetto secondo me fondamentale per la vita di tutti noi. E i tuoi maestri come hanno risposto alla tua richiesta di portare tutto questo nel teatro? Mi dicevano: «Sii serio». Per loro questo non era teatro. Al più poteva essere un’idea per un’installa-

Per la scienza, per la ricerca… per l’amore: prima devi perdere tutto. E se non rischi questa perdita, non puoi trovare niente.

Foto Luciano Romano / Archivio Napoli Teatro Festival Italia 2008

zo a queste piante che sono un po’ come degli ombrelli sotto cui puoi entrare spostandone le foglie. Ben presto mi sono reso conto di avere la capacità di vincere, seguendo percorsi inconsueti in quel labirinto naturale. Nel tempo ho sviluppato questa tecnica alla perfezione e così, anni dopo, quando iniziai a frequentare la mia prima scuola di teatro, dissi ai miei maestri che era proprio questo quello che volevo fare. Quindi il tuo desiderio era quello di portare nel tuo lavoro la dimensione del gioco d’infanzia? Sì, perché per me le cose importanti erano due. La prima: il gioco di perdersi. Sono convinto che nella vita l’unico modo per trovare qualcosa è perdersi. Questo vale non solo per il teatro ma anche per la scienza, per la ricerca… per l’amore: se non ti perdi, non incontrerai mai il

zione artistica. Infatti mi consigliarono di frequentare una scuola d’arte. Ma a quei tempi quello che stavo creando non veniva preso in considerazione neanche in quest’ambito. Mi trovavo in un territorio di nessuno, molto pericoloso! Così, a volte portavo il mio lavoro ai festival di teatro, altre ai musei… Ho lavorato poi molto tempo facendo ricerca con le comunità indigene dell’Amazzonia, nelle Ande. Il teatro dei sensi è quindi nato in mezzo alla natura, con i bambini e i contadini, il miglior pubblico che ci sia, perché sono molto aperti. In città siamo più corrotti, più furbi, più complicati. Oltre alla dimensione del gioco, nei tuoi spettacoli è possibile riconoscere anche quella del sogno. Predominano le atmosfere buie, le luci soffuse. Ele-

Terra Nuova · maggio 2016

69


nuovi paradigmi

Foto www.teatrodelossentidos.com

Foto www.ilfunaro.org

menti che fanno quasi venire in mente un grembo dal quale puoi entrare in comunicazione con la realtà. Sì, perché credo che la vera realtà per noi esseri umani, quella dove mostriamo realmente chi siamo, è proprio quella del sogno. Gli attori interagiscono con il pubblico, tanto da diventare per così dire «spettatori del pubblico». Che reazioni suscita questa interazione? Hai notato delle differenze particolari da un paese all’altro? Per certi versi no, non quando si entra nella dimensione onirica del teatro. Lavoriamo spesso in Danimarca, Germania e Inghilterra. I tedeschi e gli inglesi sono apparentemente molto distanti, freddi, ma in questo contesto rivelano sempre una grande tenerezza. La verità è che abbiamo tutti «fame di pelle», perché è nella pelle che sta la nostra anima.

70

www.terranuova.it

Tre settimane fa eravamo in Giappone e all’inizio dello spettacolo pensavo: «Sono così cerimoniosi, così formali, dicono sì a tutto… sarà un disastro». Ma non è andata in questo modo, perché quando entriamo nella dimensione del sogno diventiamo d’un tratto tutti uguali. Questo non significa che non ci siano delle differenze. Con gli italiani, ad esempio, mi sento particolarmente in sintonia. Mi piace lo spirito latino: da una parte il senso dell’ironia, dall’altra la facilità a entrare nella dimensione del tragico. A volte mi sono trovato anche in situazioni un po’ particolari. A Napoli abbiamo portato uno spettacolo nel quartiere Ponticelli, che è controllato dalla camorra. Per diversi spettatori, il fatto di entrare senza un coltello o una pistola era un problema: si sentivano nudi. Abbiamo vissuto lo stesso problema con i militari, o con i poliziotti… Chi è abituato ad avere un’arma non è un buon spettatore! In effetti nei tuoi spettacoli ci si rende per forza di cose un po’ vulnerabili, anche semplicemente per il fatto di essere guidati per mano, o accarezzati. Questo può generare nello spettatore delle emozioni forti. Basta davvero così poco? Lavoriamo molto su come toccare, perché quando tocchi, vieni anche toccato. Tocchi l’albero, ma è anche l’albero che tocca te. Quando tocchi un’altra persona, non la stai necessariamente manipolando: anche lei ti tocca. Avviene lo stesso con la musica: io la ascolto, ma anche lei ascolta me. Le narrazioni del teatro dei sensi sono soggetto-soggetto, non soggetto-oggetto. Non stiamo parlando di una relazione cartesiana, ma di una relazione ani-


Abbiamo tutti «fame di pelle», perché è nella pelle che sta la nostra anima.

Foto www.ciatre.com

non farlo, ma può accadere perché abbiamo la necessità di dare la massima autonomia e anche la massima sicurezza. È un dilemma ben noto ai genitori. Anche noi a volte ci troviamo a pensare: «Lì c’è un angolo, è pericoloso…».

Foto www.teatrodelossentidos.com

mista. Una cosa è animare, un’altra è manipolare. Noi preferiamo animare, ovvero «svegliare», «cercare» l’anima. In castigliano armadio, quello per i vestiti, si dice armario. Noi ci siamo inventati un’altra parola: almario, un armadio per le anime. La nostra idea è quella di costruire un guardaroba per l’almario! Normalmente scriviamo la sceneggiatura in cinque codici: tattile, auditivo, visivo, olfattivo e gustativo. Poi li tessiamo insieme. Durante lo spettacolo utilizziamo ventidue profumi diversi; facciamo in modo che non si sovrappongano e che siano percepiti a livello inconscio. Un lavoro simile viene fatto anche per il tatto. Come viene gestita l’interazione tra di voi e con il pubblico? Abbiamo un preciso collegamento interno; nell’oscurità sembriamo separati, ma in realtà siamo in grado di accorgerci se il compagno cinquanta metri più in là ha il mal di testa. Raggiungiamo un «respiro condiviso», anche attraverso gli odori. Sì, lo so che sembra inverosimile ma è così: dall’odore di una persona si può riuscire a capire se è felice, se è spaventata, se è giovane o se è vecchia. In Amazzonia c’è una comunità dove prima di fare un tratto di strada con te ti annusano per sapere se stai dicendo la verità o no. Esiste l’odore della verità. E funziona, te lo posso assicurare. La verità profuma. Negli spettacoli si ha la sensazione di poter partecipare attivamente, ma in realtà si è molto guidati. C’è difficoltà nel creare questo equilibrio o viene naturale? Deve essere naturale. A volte tendiamo a manipolare più del dovuto, ma è un nostro errore. Cerchiamo di

Terra Nuova · maggio 2016

71


Foto Martina Rafanelli

Avete mai avuto difficoltà di qualche genere durante gli spettacoli? Qualche spettatore è stato preso dal panico? Può accadere che una persona si possa sentire senza respiro, ma non succede se le dai sufficiente sicurezza. Magari c’è qualcuno che vuole piangere: ben venga. Oppure c’è chi vuole uscire, anche se questo non succede spesso. Fa tutto parte del tema dell’accompagnamento. L’intimità e lo spazio di ciascuno vanno rispettati. Ma attenzione: il nostro lavoro è più poetico che terapeutico. L’esperienza poetica può essere anche terapeutica, ma restano due cose distinte. Durante l’esperienza terapeutica si crea una relazione terapeuta-paziente, dove i due soggetti si trovano a livelli diversi. Nel teatro dei sensi non è così: il rapporto tra noi e il pubblico è sempre un rapporto soggetto-soggetto, non c’è il dottore che sa tutto. La vostra scenografia ha un carattere molto artigianale e viene costruita anche con l’aiuto degli attori, che dunque non si limitano a imparare una parte, ma sembrano avere un ruolo molto più ampio. Sì, perché ci teniamo molto a creare la scenografia con le nostre mani. Normalmente facciamo tutto da soli, ad esclusione di qualche elemento, come per esempio l’impianto elettrico. Della scenografia colpisce anche il particolare senso estetico, che rimanda all’antico e al passato. Per noi è importante aprire le porte alle sensazioni più archetipiche. Durante lo spettacolo si vive in una sorta di sospensione temporale. Vi chiedete mai se lo spettacolo potrebbe risultare troppo lungo o troppo corto per gli spettatori? Il tempo è sempre relativo. Un’esperienza che per noi non ha significato può apparirci molto noiosa. Dunque, non importa se l’esperienza teatrale è corta o lunga, quello che conta è il suo significato. Noi cerchiamo di dare la possibilità di vivere l’esperienza con un’intensità, o meglio una densità, che spesso durante la giornata non sperimentiamo. L’esperienza è così piacevole che verrebbe quasi voglia di rifare qualcosa di simile a casa… Uno degli esercizi dei nostri laboratori è proprio quello di organizzare degli eventi a casa con gli amici: una cena sensoriale o altre celebrazioni dei sensi. Sempre nel-

72

www.terranuova.it

Il Funaro Il centro culturale Il Funaro nasce nel settembre del 2009 grazie all’impegno di un gruppo di artisti e operatori riuniti nell’associazione culturale Teatro Studio Blu che, insieme ad Andres Neumann, ha ideato e realizzato il progetto conferendogli identità e contenuti. Il Funaro si sviluppa come centro culturale indipendente e residenza per artisti della scena internazionale, oltre che come spazio aperto dedicato alla cultura, alla formazione e all’integrazione sociale. Da 10 anni è sede italiana della «Scuola dei sensi» del Teatro de los Sentidos di Barcellona, e ospita ogni anno gli spettacoli di Enrique Vargas. • Il Funaro Centro Culturale, via del Funaro 16/18, Pistoia - tel/fax 0573 977225 info@ilfunaro.org - www.ilfunaro.org

la dimensione del rito: è importante celebrare con il corpo. Ognuno di noi ad esempio potrebbe preparare una festa sensoriale per il proprio compagno o la propria compagna. Come nasce un nuovo spettacolo? La nostra drammaturgia verte sui temi della domanda e del gioco. ll punto di partenza di un nuovo spettacolo è sempre una domanda. Il lavoro poi consiste nel renderla fisica, nel trasformarla in un gioco. L’obiettivo non è rispondere alla domanda, anzi il contrario: la domanda dev’essere sempre aperta. Magari da una domanda può nascerne un’altra, ma non ci deve mai essere una risposta dogmatica. Dietro a ogni buon gioco c’è sempre un mistero. Questo è il punto essenziale. In un mondo sempre più dominato dai mezzi di comunicazione virtuali, che significato assume il vostro teatro? Il teatro è sempre più necessario, perché tutto ciò che è virtuale può essere manipolato e quindi è pericoloso. Ma il corpo non mente. Non a caso, quando abbiamo portato un nostro spettacolo in Cile durante la dittatura di Pinochet, è stato ritenuto sovversivo. Inoltre, con il teatro dei sensi ci rapportiamo a elementi che nella vita moderna sono diventati molto rari. Per esempio il silenzio e l’oscurità. Non li conosciamo più ed è soprattutto per questo che ne siamo spaventati. Raccontando della nascita del teatro dei sensi in Amazzonia, parlavi di una differenza tra contadini e cittadini. Noi siamo più costruiti, abbiamo addosso più strutture. Nei tuoi spettacoli c’è un tentativo di riportare all’autenticità? Credo sia soprattutto una questione di identità, perché autenticità e identità vanno nella stessa direzione. Quando nei nostri spettacoli creiamo uno spazio per la libertà, lo creiamo anche per l’autenticità. l


LA RIABILITAZIONE DEL CRISTO-DIO Un’opera unica nel suo genere che svela e mette in luce fatti e retroscena spiritualii in merito all’abuso del nome di Gesù, il Cristo, to, e le conseguenze per l’uomo, per la natura, atura, a, oltre 700 pagine, con immagini, rilegato Edizioni Gabriele-Verlag le-V Das Wort per la pace e la convivenza sulla Terra. rra.

€ 19,50

per i lettori di Terra Nuova



L’operato del Cristo-Dio in veste di Gesù di Nazareth 2000 anni fa – e il Suo operato fin nei nostri giorni per mezzo della parola profetica di Dio



La lotta delle religioni esteriori contro la corrente del Cristianesimo Originario



Violenze, guerre e crimini commessi sotto l’etichetta «cristiana»



I dogmi della chiesa – Gesù di Nazareth non ha mai parlato di dogmi o sacramenti

€ 16,60



La scia di sangue che le chiese hanno lasciato nel corso della storia



Disprezzo e oppressione delle donne



I crimini contro gli animali e la Creazione



Scoprite ciò che Gesù, il Cristo, ha veramente insegnato e insegna anche oggi per mezzo della parola profetica: lo Spirito Libero, Dio in noi

estratti da alcuni capitoli del libro possono essere letti e/o scaricati dal sito www.la-riabilitazione.de ordini e informazioni:

VITA UNIVERSALE – tel. 011 043 60 80


2-5 giugno 2016 Villa Le Pianore, Camaiore (Lu) In un’oasi di natura, a pochi chilometri dal mare

Manca un mese alla grande festa! Il ponte del 2 giugno conduce dritto nel mondo di Terra Nuova, con un ricco programma di eventi abbinato alla mostra mercato Ecoversilia. L’opportunità di una vacanza o di un lungo weekend tra natura e cultura, per imparare, divertirsi e… perché no, cambiare vita. «Forse è meglio se vengo il giovedì a vedere Pallante… o forse il venerdì per il corso di Sibaldi… oppure il sabato per il teatro di paglia… no, la domenica per il corso di cucina». Se stai ragionando così sei fuori strada, perché ogni giorno è quello giusto per venire al Terra Nuova Festival. Quindi non esitare: attraversa il ponte! Dal 2 al 5 giugno torna il nostro Festival con un programma intenso di conferenze, laboratori, workshop, incontri, proiezioni, spettacoli. Saranno 4 giorni di grande nutrimento per il corpo, la mente e lo spirito. Siamo in Versilia, su una dolce collina a 6 km dal mare e altrettanti dal lago di Massacciuccoli, sul bordo della Via Francigena, tra borghi incantati, città d’arte, cascate di acqua cristallina, montagne meravigliose.

In collaborazione con:

Festival Se per il ponte del 2 giugno volevi prendere un low cost per le Maldive, pensaci due volte. Il nostro Festival è compatibile con un viaggio a piedi, in bicicletta, in barca, per chi fa nuoto, alpinismo e per chi ama semplicemente il buon cibo. Il parco di Villa Le Pianore è un’oasi naturale in cui vale la pena sostare per più giorni, per divertirsi e stare in buona compagnia. Quest’anno abbiamo una galleria del gusto ed è stata ampliata l’offerta gastronomica bio e vegan. Ci sarà spazio anche per la musica, i film e il teatro. Non ti resta che scegliere! • Trova l’alloggio che fa per te tra le strutture convenzionate con il Terra Nuova Festival contattando direttamente il Consorzio di Promozione Turistica della Versilia (ore 10.00-12.45/15.30-18.30 dal lunedì al sabato). Contatti: tel 0584 617766, info@versiliainfo.com

Terra Nuova si mette a nudo Noi della redazione saremo in carne ed ossa qua a Villa Le Pianore, con i nostri autori, i nuovi libri, il teatro di paglia, il lancio della nuova app di Terra Nuova. Abbiamo costruito un programma basandoci sugli interessi comuni che animano questa rivista, e vogliamo confrontarci direttamente con tutti voi, accogliendo idee, sensazioni e proposte. Ci metteremo un po’ a nudo, senza spogliarci, ovviamente!

Oasi bambino I bambini sono sempre al centro delle nostre attenzioni. Ogni giorno ci saranno diversi laboratori creativi, letture, animazioni, giochi e spettacoli e uno spazio giochi aperto sul prato, in un’area protetta, senza macchine, tra palme, querce e boschi di bambù. Tutto gratuito o a offerta libera. Comune di

Camaiore


Treno e bus navetta

Prenota il tuo corso

Villa Le Pianore si trova a 3,5 km dalla stazione FS di Camaiore Lido - Capezzano, dove effettuano fermate giornaliere treni provenienti da Firenze e Pisa, La Spezia, Genova, Milano. Il bus navetta vi condurrà direttamente dalla stazione a Villa Le Pianore dove si svolge il Festival. Se arrivi in auto, per evitare ingorghi, consulta prima di partire la mappa dei parcheggi, serviti anch’essi dal bus navetta. Vedi sul sito www.terranuovafestival.it/dove-siamo

Tutti possono venire al Terra Nuova Festival a mangiare, fare acquisti presso gli stand di prodotti bio&eco, ascoltare conferenze, sonnecchiare nel prato. Manteniamo l’ingresso gratuito per permettere proprio a tutti di avvicinarsi al mondo del pensare e vivere in modo ecologico. Per il nostro pubblico più esigente abbiamo organizzato anche dei workshop e corsi di approfondimento che ovviamente saranno a numero chiuso: ti consigliamo di prenotare subito online su www.terranuovalibri.it/festival2016

Per chi vuole mettersi in gioco Workshop e corsi di approfondimento del Terra Nuova Festival CRESCITA PERSONALE

SAPER FARE

• GIOVEDI 2 giugno ore 10-13: Strategia Poetica con Federico Barsanti - Perché le anatre starnazzano? Come si fa a scalare l’Everest? Un laboratorio introduttivo alla strategia poetica, un metodo per trasformare il tuo quotidiano e lasciar fare al futuro. Per chi pensa che sia arrivato il momento di agire. Durata: 3 ore. Costo: € 30

• DOMENICA 5 giugno ore 10-13: L’agricoltura sinergica: dai principi alla pratica con Anna Satta e Anna Benzoni (Libera scuola di agricoltura sinergica) - Un breve corso di approfondimento per comprendere e applicare nel concreto i principi fondamentali dell’agricoltura sinergica. Un’occasione per fare il punto su cosa la rende diversa da altri metodi di coltivazione e sui vantaggi della conoscenza delle complesse interazioni naturali. Dall’applicazione del metodo nella didattica alla pratica terapeutica e alla produzione nelle aziende. Sopralluogo esterno con osservazione delle piante spontanee come bioindicatori. Durata: 3 ore. Costo: € 30 • DOMENICA 5 giugno ore 15.30-18.30: Costruire con le balle di paglia con Stefano Mattei (Edilpaglia e Aria Famigliare) - Le varie tecniche di costruzione di edifici ecologici, salubri ed economici, utilizzando legno, balle di paglia, calce e terra cruda. Nella sezione pratica, si lavora al dimensionamento delle balle di paglia, con prove di intonaco utilizzando terre. Un’esperienza utile per costruire in modo sostenibile e per riappropriarci della nostra manualità. Durata: 3 ore. Costo: € 30

• VENERDÌ 3 giugno ore 10-13: La disobbedienza. Teorie e prospettive di un mondo nuovo con Igor Sibaldi - In certi periodi è molto meglio pensare con la propria testa, imparare a scoprire la realtà senza chiedere l’approvazione di nessuno. Una volta si chiamava eresia, che significa «libertà di scelta». Per comodità, la chiameremo disobbedienza. Se la usi contro gli altri è sprecata. Se la usi per conoscere te stesso diventa il migliore strumento di autoanalisi e di cambiamento. Durata: 3 ore. Costo: € 40 • VENERDÌ 3 giugno ore 17-20: Mindfullness e meditazione di consapevolezza con Davide Cova - Un corso teorico e pratico sul risveglio meditativo, per un’immersione nell’arte dell’adesso. Conoscere i fondamenti della meditazione, i benefici della mindfullness nel rapporto con la meditazione buddhista. Durata: 3 ore. Costo: € 30 • SABATO 4 giugno ore 10-13: Comunicazione nonviolenta con Giacomo Poleschi - Cosa è vivo in Me? Cosa è vivo in Te? Come esprimere il cuore dei nostri messaggi per essere visti ed ascoltati nel modo in cui davvero desideriamo. Come ascoltare con empatia il cuore della comunicazione degli altri, invece di sentire la colpa e la critica. Questo workshop presenta i concetti e gli strumenti della Comunicazione Nonviolenta (CNV) di Marshall Rosenberg. Durata: 3 ore. Costo: € 30 • SABATO 4 ore 16-18: Dal corpo al cuore con Francesca Mani - Laboratorio esperienziale di teatro gestaltico. Lasciare parlare il corpo per sentire e conoscere il mondo interno di emozioni e sensazioni. Rivolto agli adulti di tutte le età, non è richiesto nessun talento ma la voglia di mettersi in gioco, divertendosi nella conoscenza di se stessi e degli altri. Durata: 2 ore. Costo: € 20

MINI-CORSI DI CUCINA • GIOVEDI 2 giugno ore 15-18: Cucina detox con Silvia Petruzzelli (Il chiccho di riso) - Depurare il fegato, sciogliere gli accumuli, perdere peso. Vedremo come preparare piatti buoni, sani, bio e vegan, che ci aiutano a disintossicarci. Con alimenti senza glutine. Alla fine del corso degustazione detox. Durata: 3 ore. Costo: € 35 • VENERDI 3 giugno ore 15-18: Cucina naturale e metodo Kousmine con Angela Franchini (La manna) - I principi della dieta Kousmine, dalla crema budwig ai pasti equilibrati e gustosi. Corso teorico-pratico con spunti, ricette e assaggi. Durata: 3 ore. Costo: € 35 • DOMENICA 5 giugno ore 11-14: Fresco, crudo, bio e colorato con Rita Possemato (La macrobiotica allegra) Show cooking organizzato da La Macrobiotica Allegra con preparazione e degustazione di un menù di 4 portate dedicato all’estate, crudo, vegan e senza glutine. Smoothie di verdure e frutta, gazpacho con germogli, insalata di erbe selvatiche e fiori con ricotta di anacardi su crostini di sesamo, mousse di fave di cacao, avocado e mandorle. Durata: 3 ore. Costo: € 40

Per prenotare i corsi: www.terranuovalibri.it/festival2016 • Condizioni agevolate per gli abbonati a Terra Nuova Per eventuali problemi tecnici riscontrati nell’iscrizione online: annunci@aamterranuova.it Per informazioni sui contenuti dei corsi: terranuovafestival@gmail.com • Per tutte le altre informazioni: www.terranuovafestival.it

Partner dell’evento:


Come nasce una scuola parentale? Contrariamente a quanto si crede, i genitori hanno la libertà di istruire i propri figli in realtà educative diverse dalle strutture scolastiche formalmente riconosciute dallo Stato. Le scuole parentali, sempre più diffuse in Italia, sono tra queste. Da un’esperienza di successo, ecco qualche suggerimento per iniziare. di Martina Rafanelli

Q

uando la scuola tradizionale non soddisfa le necessità del bambino, le soluzioni a cui i genitori possono ricorrere per rispondere ai bisogni educativi dei loro figli sono molteplici. Una possibilità è la creazione di comunità educative di piccole dimensioni, dove gli insegnanti vengono scelti dai genitori, quando non sono addirittura loro stessi a rivestire i panni di educatori. Si tratta delle cosiddette scuole parentali, un fenomeno in aumento negli ultimi anni in Italia. Una delle esperienze entrate a regime è la scuola parentale CampoVolo di Faenza. Cecilia Fazioli, pedagogista e genitore coinvolto nel progetto, nonché membro del comitato organizzatore dell’evento Tutta un’altra scuola (vedi box a pag. 77), ci illustra i successi e gli ostacoli incontrati nella realizzazione dell’esperienza faentina. Proprio in occasione della

76

www.terranuova.it

prossima edizione di Tutta un’altra scuola, Cecilia terrà un seminario in cui parlerà nel dettaglio di scuole parentali. Intanto, leggiamo questa sua preziosa testimonianza dalla quale possiamo già cogliere indicazioni e consigli su cosa aspettarsi e come affrontare il percorso per realizzare una realtà educativa di questo genere. Cecilia, ci puoi spiegare prima di tutto come nasce una scuola parentale? Di solito in modo molto spontaneo, talvolta da uno scontento nei confronti della scuola statale, talvolta da un’attenzione maggiore ai bisogni del bambino. Spesso intorno a queste tematiche si creano momenti aggregativi tra i genitori, che si conoscono e scoprono di non essere gli unici ad avere il desiderio di dare un’educazione alternativa ai propri figli. Così è avvenuto anche per CampoVolo, che è nato circa quattro anni

fa dalla volontà mia e di Roberta Ricci, un’altra mamma. Mio figlio più grande frequentava il secondo anno di scuola dell’infanzia e ogni giorno mi chiedeva di poter stare a casa perché non sopportava più di dover fare laboratori. Abbiamo parlato con altre famiglie, all’inizio è stato un esperimento, fatto anche di strade imboccate e poi abbandonate, di unioni e scissioni frequenti. Dopo una prima esperienza non molto felice durata un anno, alcune persone se ne sono andate e a quel punto abbiamo messo in piedi questo progetto avendo già alle spalle Zebragialla, associazione che si occupa di zooantropologia. Questo ci ha permesso di avere un contenitore strutturato e giuridicamente adeguato; infatti tutte le persone che partecipano sono associate e assicurate, mentre gli educatori ricevono dei rimborsi spese.


Scuole Senza Zaino: via il voto! Ăˆ partita la campagna per l’abolizione del voto numerico nel primo ciclo di istruzione promossa dalle scuole Senza Zaino e frutto di una scelta di campo fatta dal Gruppo di coordinamento nazionale della Rete, che comprende giĂ  oltre cento istituti in tutta Italia. La Rete delle scuole Senza Zaino fa parte, con le due esponenti Iselda Barghini e Daniela Pampaloni, del gruppo promotore di Tutta un’altra scuola. ÂŤPerchĂŠ togliere il voto nel primo ciclo d’istruzione? In una scuola che si basa sull’ospitalitĂ , sulla responsabilitĂ  e sulla comunitĂ , il voto inteso come numero rappresenta la negazione di questi valoriÂť spiega il Coordinamento. ÂŤQuando introduciamo competizione, tensione verso il risultato, disuguaglianze

Una volta presa la decisione, da dove si comincia? Innanzitutto, è bene sottolineare che la Costituzione, agli articoli 30 e 33, sancisce il diritto-dovere in carico al genitore di provvedere all’istruzione dei figli, ma non fa della frequenza alla scuola statale, o comunque istituzionalizzata, un obbligo di legge. In ogni caso, affinchÊ i genitori non incorrano in problemi con le autorità, è necessario che il sindaco del Comune di residenza e il dirigente scolastico della scuola di riferimento siano avvertiti e che l’istruzione dei bambini coinvolti venga cosÏ garantita dall’impegno delle famiglie. Risolta la parte amministrativa, arriva la fase forse piÚ difficile. Se all’inizio le famiglie coinvolte sono poche e il luogo scelto è quello domestico, in un secondo momento può nascere la necessità di trovare un posto piÚ adatto, che per molti corrisponde a un ambiente immerso nella natura dove i bambini possano sperimentare il contatto con piante e animali. Soprattutto si rivela fondamentale tutelare l’incolumità dei piccoli e degli adulti che ne sono responsabili con una copertura assicurativa. Ed è proprio in questa fase che la scuola parentale fa un salto di qualità e può passare da una piccolissima realtà domestica a una realtà aperta che, oltre a tutelarsi, accoglie nuove famiglie.

L’ASILO NEL BOSCO

LIBRO + DVD

Un progetto educativo differente in grado di rivoluzionare la vita dei bambini. di Emilio Manes, Edizioni TlĂśncm pp. 256 - â‚Ź 19,50

ORDINALO ONLIN ww w.terranuovaliEbrSU i.it

segnaliIBro

Quale può essere il ruolo dei genitori in questo genere di realtà educative? Superate le difficoltà logistiche, i genitori devono confrontarsi tra loro e decidere la strada da prendere. Molte famiglie, per coerenza con la loro scelta, portano avanti in autonomia anche tutta la parte didattica, sfruttando al meglio le competenze e le conoscenze di ogni adul-

per gradi di prestazione, classificazioni, divisioni, neghiamo in pratica il diritto delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi al piacere di apprendere, di star bene con gli altri, di imparare ognuno con i propri tempi facendo quel che può. Il voto disturba la crescita, l’autostima, abbassa la considerazione di se stessi e degli altri. Togliere il voto in questo senso significa sostenere i nostri studenti nei momenti di difficoltà e rimotivarli, attraverso un processo di ricerca di strategie di cooperazione e astensione dal giudicare in base alle prestazioni, fondato sul rispetto della diversità. •

Per scaricare il documento integrale e il modulo per la raccolta firme: www.tuttaunaltrascuola.it/senza-zaino-via-il-voto

to. In altri casi la difficoltà di conciliare i tempi della scuola con quelli del lavoro, una mancanza di preparazione a livello pedagogico e l’insorgere di particolari dinamiche tra figli e genitori, spingono questi ultimi ad affidarsi a educatori esperti. Come è facile immaginare, la ricerca delle persone giuste, che sappiano abbracciare l’idea pedagogica dei genitori e contemporaneamente tener fede al proprio ruolo di insegnanti e mantenere la giusta distanza, è senza dubbio un’altra criticità da affrontare che talvolta può portare alla resa e all’abbandono. Da un punto di vista economico, quali difficoltà possono sorgere? I costi giocano un ruolo molto importante nella sopravvivenza di queste esperienze. La presenza costante  

       

    

      

   

                    

  !" ##$                !   

 

                 "            

  #

%%%&'#(! )))('#'(

Terra Nuova ¡ maggio 2016

77


tutta un’altra scuola

degli educatori, la manutenzione ordinaria della struttura, la qualità dei materiali utilizzati per le attività sono tutti elementi fortemente dipendenti dal fattore economico. Il motivo per cui molte scuole parentali aprono a più famiglie deriva proprio dalla necessità di autosostenersi. Allo stesso tempo però questa apertura esige spesso maggiori compromessi, e laddove ciò non si rivela possibile si può arrivare anche a scissioni e alla creazione di nuove realtà. Quindi, oltre alla difficoltà di mantenere un confronto continuo che richiede una grande capacità di mediazione, questi progetti sono talvolta difficili da sostenere, soprattutto nel lungo periodo, anche per questioni di cassa.

Nella nostra esperienza è stato sicuramente fondamentale l’incontro con Valerio Donati, pedagogista psicoterapeuta e naturopata. L’abbiamo coinvolto ed è diventato il nostro coordinatore pedagogico. In effetti, ci collochiamo all’interno dell’educazione parentale perché non esiste un’altra formula che descriva un progetto nato da una scelta genitoriale di questo tipo, ma in realtà abbiamo scelto di delegare tutta la parte didattica a un’équipe pedagogica, che sceglie cosa insegnare ai bambini e in che modo farlo. Abbiamo messo in piedi un regolamento e un patto educativo per far sì che CampoVolo abbia sempre di più una sua identità, a prescindere da chi vi entra. Spesso i genitori arrivaA differenza di altre realtà, per Cam- no portando la loro idea di scuola, di poVolo avete deciso di affidarvi a dei quello che vorrebbero fosse fatto professionisti. Come mai questa scelta? durante l’attività educativa. Noi ab-

La difficoltà di eseguire una mappatura Negli ultimi anni il fenomeno delle scuole parentali è cresciuto in modo esponenziale nel nostro paese, ma la grande varietà delle sue manifestazioni rende difficile una mappatura precisa ed esauriente delle realtà esistenti e delle peculiarità che contraddistinguono ciascuna di esse. Tuttavia, grazie anche ai nuovi mezzi di diffusione delle informazioni, oggi molte famiglie riescono a scambiarsi idee ed esperienze e ad entrare in contatto più facilmente. Ecco alcuni link a scuole parentali di cui Tutta un’altra scuola ha raccontato l’esperienza. •

Varese – Scuola media democratica nasce da un gruppo di genitori che ha vissuto l’incontro con la pedagogia Montessori e vuole favorire lo sbocciare della personalità degli adolescenti. www.tuttaunaltrascuola.it/scuola-media-democratica-a-varese

Rovigo – Associazione Bia è stata creata da Irene Circus e Chiara Sartori, che hanno un’idea in testa: mettere in piedi un scuola per dare una risposta educativa a misura di bambino. Il progetto è ancora in fase di realizzazione, ma la scuola dovrebbe nascere già dal prossimo settembre. www.tuttaunaltrascuola.it/rovigo-mamme-in-rete-per-una-scuola-nuova

Padova – La scuoletta dietro il prato nasce come proposta per le prime due classi della primaria. Gli educatori che ne fanno parte sono vicini al metodo Steiner e libertario.

San Pietro in Cerro (Piacenza) – La scuola primaria dell’Ecovillaggio Lumen è nata nel 2014 e propone una didattica legata alla natura, alla cucina e alla musica.

biamo scelto invece di affidare questo compito agli educatori, proprio per evitare ciò che spesso accade in queste realtà, ovvero che l’educazione dei ragazzi sia improvvisata. Abbiamo quattro educatori, due per la fascia dai 3 ai 5 anni e due per i bambini sopra i 6 anni. Per il gruppo della scuola primaria i due educatori si alternano: uno dei due si occupa della parte più teorica, l’altro del lato più esperienziale. L’approccio didattico prevede che l’educatore spieghi ai bambini come se raccontasse loro una favola, anche quando sta insegnando aritmetica. Il programma non è frastagliato, come spesso avviene nella scuola tradizionale, ma si basa su una visione globale che favorisce le connessioni tra gli argomenti. Voi genitori, invece, aiutate in qualche modo? Sì, certo, siamo le braccia e le gambe, perché c’è moltissimo da fare. Abbiamo appena cambiato sede e quindi noi genitori ci siamo occupati di sistemare, imbiancare e rendere accogliente la nuova struttura, seppur sempre su indicazione degli educatori. Ci dobbiamo adattare alle risorse economiche, ma il principio che seguiamo è far in modo di rendere il luogo funzionale alla didattica. Sono quindi gli educatori che decidono come gestire lo spazio. In molti altri casi invece i genitori si occupano di tutto e a volte il problema che si verifica è proprio relativo a una loro presenza eccessiva. Molti genitori, ognuno con istanze diverse e bisogni specifici per i propri figli, possono arrivare a scontrarsi,

www.tuttaunaltrascuola.it/educazione-parentale-a-padova

www.tuttaunaltrascuola.it/educazione-parentale-in-ecovillaggio •

Treviso – Scuola di Titù conta più di 50 bambini, 10 maestri e diversi collaboratori. È strutturata in: Giardino d’infanzia (Stella di Titù), Elementari e Medie. www.tuttaunaltrascuola.it/i-bimbi-della-scuola-di-titu

Rimini – Anchesepiove è una scuola democratica ad approccio principalmente montessoriano, dove lavorano tre accompagnatori, due tirocinanti e un’ausiliaria. Ospita ventitré bambini dai due anni e mezzo ai sei. www.tuttaunaltrascuola.it/anchesepiove-scuola-per-chi-ha-il-sole-nel-cuore

Pisa – La Scuola itinerante è rivolta a bambini dai 4 ai 10 anni e si basa su uscite giornaliere organizzate in base alla volontà dei bambini, che sono liberi di scegliere ciò che gradiscono fare tra sei aree tematiche. www.tuttaunaltrascuola.it/scuola-itinerante

78

www.terranuova.it

Cecilia Fazioli è pedagogista e membro del comitato organizzatore di Tutta un’altra scuola. Fa parte del gruppo di genitori a capo del progetto CampoVolo.


Cosa ne pensate? Mandate impressioni,idee,commenti a lettere@aamterranuova.it

ché le insegnanti non sono riuscite a generando tensioni che poi non fan- cambiare paradigma. no bene ai bambini. Le nuove famiglie devono avere qualChe rapporto avete con la scuola tra- che requisito specifico per poter endizionale? Avete una scuola di riferi- trare nel progetto? mento sul territorio? Non ci sono requisiti, il consiglio Sì, ne abbiamo una e finora abbia- che viene dato però è di riflettere mo sempre scelto di sottoporre i bene prima di fare una scelta perché bambini agli esami annuali. Si tratta di spesso, arrivando con grande esauna libera scelta delle famiglie e l’esa- sperazione da un’esperienza negatime verte sulle cose che i nostri bam- va nella scuola tradizionale, le famibini hanno fatto durante l’anno con glie si scontrano con una realtà che i loro insegnanti. La dirigente scola- comunque ha le sue regole e una sua stica è molto in linea con noi, ma ab- filosofia. Adesso, dopo un po’ di biamo riscontrato che le insegnanti esperienza, cerchiamo di essere molche esaminano i bambini non lo sono to chiari fin da subito, perché non allo stesso modo. L’approccio è pro- possiamo accogliere ciò che è lontafondamente diverso, basti pensare no dalla nostra idea pedagogica. l alle domande a risposta multipla o allo stesso libro di testo, tutti strumenti che Per saperne di più i nostri bambini non utilizzano. In • www.controscuola.it questa occasione i bambini hanno si- • www.alleanzaparentale.it curamente avuto delle difficoltà, per- • http://educazioneparentale.org

rilassatevi

e coccolatev cocc l t vi

con i nostr ti

Seconda edizione 10 e 11 settembre 2016 Vaiano (Prato) … un nuovo sguardo al senso dell’educazione Torna l’appuntamento coordinato da Terra Nuova che mette a confronto esperienze, proposte e nuovi paradigmi nel campo dell’educazione… per mettere il bambino al centro.

cosmetici cosmetici ti i COSMESI NAATURALE T CERTIFICA ATA

Quest’anno saranno due i giorni da trascorrere insieme, in un clima di festa e di confronto. Sono previsti numerosi seminari nella giornata di sabato, tra cui uno interamente dedicato alla scuola parentale tenuto da Cecilia Fazioli, intervistata in questo articolo, e quattro conferenze pubbliche la domenica. Novità: un evento dedicato ad adolescenti e giovani che vedrà confronti, musica e intrattenimento. Ci saranno anche laboratori, animazione e iniziative rivolte ai più piccoli. Anche quest’anno Tutta un’altra scuola si svolgerà nello stesso fine settimana di «Armonia della natura», festa promossa dalle associazioni vaianesi che proporrà incontri sulle energie alternative e momenti dedicati al benessere e all’alimentazione sana.

Contribuisci anche tu a sostenere Tutta un’altra scuola partecipando al crowdfunding: www.tuttaunaltrascuola.it/crowdfunding riceverai un omaggio dalla casa editrice! Per restare aggiornati sul programma: www.tuttaunaltrascuola.it Per partecipare al gruppo Facebook: www.facebook.com/groups/501994759961464/ Per scaricare la Mappa della scuola che cambia:

www.terranuovalibri.it/ebook/dettaglio/la-mappa-della-scuola-che-cambia-2 -edizione-9788866811183-235865.html

VERDESA ATTIVVA NON EFFETTUA NÈ COMMISSIONA TEST SU ANIMAALI

V E R D E S A T I V A® Srrl info@verdesativa.com

Per gli atti dell’edizione 2015:

www.terranuovalibri.it/ebook/dettaglio/autori-vari/tutta-unaltra-scuola-2015-atti -del-convegno-9788866811305-235875.html

CONSEGNA IN 48/72 OR RE

Terra Nuova · maggio 2016

79


PICCOLA PUBBLICITÀ

annunci@aamterranuova.it

INSERIMENTO ANNUNCI: LA PROSSIMA USCITA DISPONIBILE È QUELLA DI LUGLIO/AGOSTO 2016. SCADENZA INVIO MATERIALE: 15 MAGGIO

Se non si fa in tempo a consegnare un annuncio per il numero desiderato, è possibile pubblicarlo online. Info costi: pr@aamterranuova.it

ATTENZIONE: IN QUESTO SPAZIO SCRIVERE IN STAMPATELLO

36 PAROLE

1

60 PAROLE Recapiti da pubblicare nell’annuncio:

BARRARE O INDICARE LA SEZIONE, IL/I MESE/I DI PUBBLICAZIONE E L’IMPORTO. TUTTI GLI IMPORTI SONO DA INTENDERSI IVA INCLUSA.

 LAVORO Cerco, Offro, Alla pari, Cedesi attività

 BACHECA Comunicazioni, Baratto

 VIVERE INSIEME

2

Ecovillaggi e cohousing, Coabitiamo, Incontri CONDIZIONI APPLICATE AGLI ANNUNCI PUBBLICATI NELLE SUDDETTE SEZIONI

ABBONATI E DISTRIBUTORI:

€ 7 fino a 36 parole € 13 fino a 60 parole NON ABBONATI:

€ 17 fino a 36 parole € 28 fino a 60 parole Agli abbonati e a chi rinnova l’abbonamento spettano 2 annunci gratuiti di 36 parole. Per informazioni: pr@aamterranuova.it

 SALUTE

 AGRICOLTURA

Corsi e seminari, Prodotti

Indicare il settore di attività: ...........................................

 ECOPRODOTTI

Ecocosmesi, Detergenti, Abbigliamento, Ecomerci

...........................................

 ALIMENTAZIONE NATURALE Negozi, Vendita online, Vendita diretta, Corsi

 ECOTURISMO

Agriturismo, Agricampeggio, B&B, Vacanze verdi, Vacanze e salute, Altre vacanze, Spazi per gruppi

 CASA BIO

 EVENTI Bioedilizia, Eco-arredo, Energie Fiere, Manifestazioni, Convegni rinnovabili, Prodotti, Case e terreni CONDIZIONI APPLICATE AGLI ANNUNCI PUBBLICATI NELLE SUDDETTE SEZIONI

€ 26 fino a 36 parole

€ 45 fino a 60 parole

La rivista Terra Nuova non è presente in edicola. La distribuzione si avvale di negozi di prodotti biologici, ristoranti vegetariani, centri, associazioni del naturale e librerie. I distributori e gli abbonati a 3 copie hanno diritto a 4 annunci gratuiti di 36 parole e possono usufruire di interessanti vantaggi di visibilità e promozione. Per informazioni: distribuzione@aamterranuova.it

MESE/I DI PUBBLICAZIONE (sconto del 20% per la pubblicazione di annunci su almeno 4 numeri):

 gen  feb  mar  apr  mag  giu  lug/ago  set  ott  nov  dic TESTO IN NERETTO: + € 12

SONO: abbonato

NO

distributore

NO

abbonato a 3 copie

NO

IMPORTO TOTALE € ................................

Attenzione: i dati di seguito richiesti sono obbligatori per la pubblicazione dell’annuncio. Non verranno inseriti nel testo dell’annuncio ma utilizzati esclusivamente per fini amministrativi.

3

Nome e Cognome (riportare il nome di chi esegue il versamento) ................................................................................................................................................. via ..................................................................................... n°......... cap ................... città .......................................................................... prov ............ codice fiscale (obbligatorio) ....................................................................... o partita iva (obbligatoria) .......................................................................... tel-fax .................................................... e-mail ................................................................................ sito web .......................................................... ISTRUZIONI: compilare il modulo in tutte le sue parti e calcolare l'importo che va trascritto nell'apposita casella. Nel calcolo delle parole sono ESCLUSI i recapiti e la punteggiatura. Inviare il modulo compilato in tutte le sue parti e la ricevuta del versamento via email ad annunci@aamterranuova.it, o via fax al n. 055 5390109 o tramite posta al nostro indirizzo di Firenze. Gli annunci privi di ricevuta non verranno pubblicati. Per ogni richiesta di informazioni telefonare in redazione dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17 al numero 055 3215729 int. 5. PAGAMENTO: va effettuato sul ccp n. 69343903 o con bonifico presso Banca Etica, filiale di Firenze - Iban: IT22Q0501802800000000145993. Si raccomanda di compilare specificando nella causale «annunci mese di...» e intestando il bollettino a: Editrice Aam Terra Nuova, via Ponte di Mezzo, 1 - 50127 Firenze.


PAGINE VERDI

OGNI MESE TUTTI I CONTATTI E GLI EVENTI DEL MONDO ECO-BIO-SOSTENIBILE

n

SALUTE

n

ALIMENTAZIONE NATURALE NEGOZI – VENDITA

n

CASA BIO BIOEDILIZIA – ECO-ARREDO – PRODOTTI – CASE E TERRENI

n

ECOPRODOTTI NEGOZI – ECOCOSMESI – ECOMERCI

n

AGRICOLTURA

n

LAVORO CERCO – OFFRO – ALLA PARI – CEDESI ATTIVITÀ

n

ECOTURISMO AGRITURISMO – B&B – VACANZE VERDI – ALTRE VACANZE VACANZE E SALUTE – SPAZI PER GRUPPI

n

EVENTI FIERE – MANIFESTAZIONI

n

BACHECA COMUNICAZIONI – BARATTO

n

VIVERE INSIEME ECOVILLAGGI E COHOUSING – INCONTRI Terra Nuova · maggio 2016

81


INSERIMENTO ANNUNCI: LA PROSSIMA USCITA DISPONIBILE È QUELLA DI LUGLIO/AGOSTO 2016. SCADENZA INVIO MATERIALE: 15 MAGGIO

Se non si fa in tempo a consegnare un annuncio per il numero desiderato, è possibile pubblicarlo online. Info costi: pr@aamterranuova.it

SALUTE

mappasalute.it

n ALIMENTAZIONE FOOD COACHING: consulenza nutrizionale e organizzativa con una dietista. D.ssa Tiziana Sappia, a Pavia in via F. Orsi 2, a Milano c/o Studio Malaguti Lamarche. Per appuntamenti: tel 335 490439 a Pavia - tel 373 8546027 a Milano n BIODANZA BIODANZA IN ACQUA CALDA A LUCCA: esercizi di carattere ludico e di fluidità risvegliano il piacere dei movimenti armoniosi che permettono di sciogliere tensioni e rigidità, inducendo a stati di regressione e di fusione che ci curano e donano il piacere della nostra essenza. Contattami per info sulle prossime date in calendario; in programma anche corsi settimanali di biodanza sistema Rolando Toro. Per informazioni: Alessandro, tel 347 2974232 alenardelloto@tiscali.it n CAMPANE TIBETANE CAMPANE TIBETANE I° LIVELLO - SUONO. La medicina suprema per corpo, mente e spirito con Satya Brat 24 sera/26 giugno, Podere Amarti, Marti (Pi). Un’occasione unica e speciale per imparare antiche tecniche di meditazione, guarigione e autoguarigione sotto la saggia e profonda guida di un grande insegnante indiano di fama internazionale. Posti limitati. Per informazioni: tel 0571 461981 margajee@gmail.com www.iash.in n COSTELLAZIONI FAMILIARI SCIOGLI I LEGAMI CON LA SOFFERENZA FAMILIARE e apriti a un nuovo Benessere! Laura Bianconi, Costellazioni Familiari-Psicogenealogia a Roma. Sedute individuali, gruppi, skype. Per informazioni: Laura Bianconi, tel 347 5599368 laura_bianconi1@yahoo.it n ECOPSICOLOGIA EES TRAINING DI ECOTUNING, aggiornamento professionale per condurre percorsi di crescita personale in natura. L’Ecopsicologia allena a risvegliare consapevolezza personale e senso di appartenenza alla comu-

DENTOSOFIA

Studio di medicina biologica e odontoiatria olistica

Dr Riccardo Pini – MEDICO Via G. La Pira 19 - 50058 Signa (Fi) - tel 055 876152 - 055 8720390 cell 335 5257328 - piniriccardo@virgilio.it - www.studio-pini.it

Ritrova, allena, migliora la tua capacità visiva e il tuo benessere! col Metodo Bates + E.F.T. (Emotional Freedom Technique)

A Genova l’Ortottista Laura Canepa - tel 347 9311720 - 010 317084 lauracanepa@vistabates.it - www.vistabates.it - www.vederebene.it

CON

V

EG

NO

/·('8&$=,21($/&217$772SHU81$62&,(7­(03$7,&$ ­ /·$=,21(62&,$/('(/%821&217$772 /$',0(16,21($))(77,9$DOOD1$6&,7$HQHOO·(6,67(1=$,17(5$

Sabato 21 Maggio 2016 - PADOVA dalle 9.00 alle 18.30 - Sala Pontello c/o Fondazione O.I.C.

3URJUDPPDVXOVLWRZZZHGXFD]LRQHDOFRQWDWWRLW ,VFUL]LRQLHYHQWL#HGXFD]LRQHDOFRQWDWWRLW

Cell. 340-4776462

ACCREDITAMENTO ECM (6 crediti) per tutte le professioni sanitarie. ACCREDITAMENTO S.I.C.O.OL.

82

www.terranuova.it

nità della creazione. Conduce: Marcella Danon ecopsicologa. Per informazioni: ecopsicologia@ecopsicologia.it www.ecopsicologia.it

n FITOTERAPIA DISTILLARE OLI ESSENZIALI E IDROLATI: 28-29 MAGGIO. Seminario pratico-teorico con Massimo Corbara. Estrazione domestica e artigianale, riconoscimento qualità, sicurezza, errori e segreti. Coltivazioni, strategie e permacultura biodinamica piante spontanee. Autosufficienza: prevenzione, igiene, cosmesi e primo soccorso. Rete di scambio fra produttori. Per informazioni: Massimo, tel 0547 95480 - 337 219122 spagirico@gmail.com n HALOTERAPIA CRISTALLI DI MARE: HALOTERAPIA A SESTO FIORENTINO. Grotta di sale dell’Himalaya, Talassoterapia, Massaggio Maori e tecniche olistiche Nati per dare benessere psicofisico con sistemi naturali. Per informazioni: Cristalli di Mare srl Grotta di sale himalayano, via I. Nievo 109, Sesto Fiorentino (Fi), tel 055 4207354 - 3396184486 simonabucci@virgilio.it www.cristallidimare.com n MASSAGGIO FLOWER-MASSAGE®: MASSAGGIO CON I FIORI DI BACH. A Bologna 11-12 giugno. Con il corso si acquisisce la qualifica internazionale di Practitioner, la concessione d’uso del Marchio e dopo supervisione la possibilità di iscrizione all’Albo Internazionale. Per informazioni:

dott. Alberto Mazzocchi

DENTOSOFIA Bergamo, P. Canonici Lateranensi 1 - tel 035 231757

Il Centro Macla nasce nel 1995 come Centro di Riabilitazione Fisica. Dopo il percorso di crescita personale e il MASTER in POSTUROLOGIA all’Università «LA SAPIENZA» di Roma nasce il Centro Medico Posturale & Dentistico MACLA s.r.l. Grazie a queste esperienze, l’individuo viene considerato nella sua globalità, la valutazione non si ferma al sintomo ma cerca la causa primaria, attraverso lo studio neurofisiologico, psicosomatico e biomeccanico. Indispensabile la collaborazione con i vari specialisti per l’analisi dei recettori (bocca,orecchio interno, occhio, pelle, articolazioni, muscoli, centri superiori, ecc.) per stabilire i percorsi di cura più appropriati.

I NOSTRI SERVIZI STUDIO MEDICO POSTURALE: • Valutazione e Analisi della Postura • Kinesiologia • Rieducazione Posturale • Rieducazione Post-traumatica e Post-Intervento • Massoterapia (Varie tecniche) • Linfodrenaggio Manuale (Metodo Vodder) • Fascia Taping • Osteopatia Bioenergetica Cellulare ODONTOIATRIA: Dentosofia (Ortodonzia Funzionale Globale) Igiene Orale e Prevenzione Endodonzia Odontoiatria Conservativa Protesi Dentale Implantologia

• • • • • •

VISITE SPECIALISTICHE

MACLA s.r.l. - Via Varese n. 1067 - 21027 Ispra (Va) tel 0332 780883 - cell 348 5829247 - r.marilena@hotmail.it


tel 333 3857130 info.sif@libero.it www.bachflowermassage.com www.floriterapia.org LE MANI CHE NUTRONO. L’AZIONE SOCIALE DEL BUON CONTATTO. 4° convegno, 21 maggio a Padova. Per genitori e professionisti dell’area, ECP-ECM; organizzato da Educazione al Contatto Massaggio Biointegrante, Scuola di Specializzazione accreditata S.I.C.O.OL. Per informazioni: www.educazionealcontatto.it www.centrostudisyn.it SCUOLA ARTEMASSAGGIO specializzati in corsi di massaggio estetico, indiano, thailandese, antistress. Annesso centro massaggi e wellness aperto tutti i giorni per percorsi di riequilibrio estetico e antistress. Per informazioni: Raffaella Gazzoni, tel 338 3194054 www.scuolaartemassaggio.com FB Scuola ArteMassaggio

n MEDITAZIONE AVALOKITA: CENTRO DI MEDITAZIONE E VITA CONSAPEVOLE nella tradizione di Thich Nhat Hanh a Villa Rossi, Castelli (Te). Ritiri: 11-15 maggio «Compassione verso se stessi: accettarsi con amore» con sr. Bi Nghiem; 1-5 giu-

gno «Sono qui per te: per una relazione di coppia duratura e consapevole» con S. Lombardi. Per informazioni: tel 0861 979241 (9:30-11:00 tranne il martedì) centro@avalokita.it www.avalokita.it

n ODONTOIATRIA NATURALE ODONTOIATRIA BIOLOGICA OLISTICA. Rimozione protetta di amalgama. Otturazioni biologiche in Diamond Crown (biocompatibilità totale, assenza di citotossicità). MRT (terapia di rigenerazione della matrice connettivale). Test sui materiali. Trattamento cicatrici focali. Omeopatia. Floriterapia. Cromopuntura. Kinesiologia. Per informazioni: dott. Pier Giorgio Dossi, Corso Alpi 30, Bellusco (MB), tel 039 622342 piergiorgiodossi@d-p-g.191.it n YOGA FORMAZIONE INSEGNANTI VINYASA YOGA. Full immersion 200 ore. Diploma riconosciuto in tutto il mondo da Yoga Alliance, 35 anni di pratica e 20 anni di insegnamento. Dall’1/8 al 16/08. Per informazioni: tel 349 3684564 340 8196357 www.yogattc.it SALUTE segue a pag. 84

d’angelo dr alessandro C E N T R O O D O N T O I AT R I C O

Laureato in odontoiatria e protesi dentale

DENTOSOFIA Equilibrio della bocca, del corpo e della psiche

Perfezionamento universitario in: dentosofia implantologia • parodontologia • endodonzia

BERGAMO

Diplomato in Odontoiatria Antroposofica

Studio medico dentistico olistico Dr. Luigi Gelmi - Bergamo via XXIV maggio, 1 - tel 035 252461 - www.studiogelmi.andinet.it

TREVISO - Paese 0422 454288, Bessica di Loria 0423 470443 www.studiodentisticodangelo.it

Lo studio con la Dentosofia pone la visione olistica al centro della propria attività, dalle cure odontoiatriche alla posturologia. Studio Odontoiatrico

Dott. Bonazzi Via M. Novaro, 2 - 20161 Milano tel 0266221143 - 026480547 www.studiodottorbonazzi.it Terra Nuova · maggio 2016

83


segue

SALUTE

n ALTRE DISCIPLINE DRAGON DREAMING: CREARE-REALIZZARE PROGETTI DI SUCCESSO! Prossimi seminari residenziali in Umbria C/o Associazione Che Passo! a Città di Castello (Pg). Da giovedì 2 a domenica 5 giugno; da giovedì 25 a domenica 28 agosto. Chi vuole può scrivere per concordare insieme altre date. Per informazioni: Roberto Manzone, tel 075 8526282 - 328 4663141 robertomanzone@gmail.com www.chepasso.org LA PALESTRA DELL’ANIMA. Incontri di gruppo e individuali, dedicati a coloro che vogliono allenare la propria mente. Meditazione e concentrazione. Tecniche di rilassamento, musicoterapia, immaginazione creativa. Conduttori: psicologi e terapisti energetici. Per informazioni: Ass.ne Eleusi, lungo Dora Voghera 138/f (ang. Corso Cadore 1) a Torino, www.eleusi.org/la-palestra-dellanima IL GIARDINO DI PIMPINELLA: corsi pratici di riconoscimento, raccolta e trasformazione delle piante selvatiche e coltivate di interesse officinale, autoproduzione di cosmesi naturale, autoproduzione di sapone, distillazione pratica e aromaterapia, erboristeria con pratica di laboratorio, erboristeria mediterranea, erboristeria «intuitiva», ayurveda, cucina con erbe e fiori e vacanze in ambienti

naturali di interesse floristico con erborizzazioni e trasformazioni. Siamo nel magnifico Appennino a 30 minuti da Bologna. Per informazioni: Il Giardino di Pimpinella, tel 389 9703212 info@pimpinella.it ilgiardinodipimpinella@gmail.com www.pimpinella.it YGEA NATURE CENTER. Siamo un centro di riunione di discipline del benessere e metodiche naturali tradizionali, energetiche e psicosomatiche, artistiche e culturali, un’ambulatorio di medicina naturale dove personale medico lavora in sinergia con operatori del benessere accreditati. Una vasta offerta di consulenze, trattamenti e corsi settimanali oltre che formazione ed eventi serali. Un luogo dove poter recuperare la salute in modo naturale. Per informazioni: via Grande 110 a Livorno, tel 380 7535486 info@ygeanaturecenter.it www.ygeanaturecenter.it STUDIO OLISTICO FRANCESCO GIOVANNI GHINI a due passi dal centro di Modena, specializzato in discipline olistiche come Shiatsu, Reiki e Cristalloterapia, propone veri e propri percorsi di crescita personale con la cooperazione di più discipline e operatori. Per informazioni: tel 329 1603488 francesco_ghini@yahoo.it francescogiovannighini.blogspot.it

Odontoiatria Olistica

Medicina odontoiatrica funzionale

Omeopatia - Omotossicologia - Floriterapia - Eav - Rimozione Protetta Amalgama - Test Materiali - Protesi Metalfree Parodontologia - Implantologia - Ortodonzia Funzionale e Fissa Posturologia - Craniosacrale - Kinesiologia - Agopuntura

Dr. Corsini Chiara Sofia - via Attila 25, Salionze di Valeggio (Vr) tel-fax 0457945127 - www.olisticaodontoiatria.it

Dentosofia • Metodo ACOM

MEDICINA NATURALE e ODONTOIATRIA BIOLOGICA

“la bocca come specchio dell’anima” +39 347 25 13 581

Dr. ANTONIO DELL’AGLIO - Posturologia Kinesiologica

ENUCLEAZIONE PROTETTA AMALGAMI • NUTRIPUNTURA METALCHECK CORRENTI ENDORALI • IMPLANTOLOGIA BIOINERTIZZATA P.zza G. Cesare 30 Bari - tel 080 5563637 - 080 5426554 www.studiodentisticodellaglio.it - www.antoniodellaglio.com

Studio Odontoiatrico Dott. Andrea Bolzoni Via Don Borghi 26, 42028 Poviglio (Re) - tel 0522 960293 SEDI: PARMA - POVIGLIO

ALIMENTAZIONE NATURALE NEGOZI DEDICATO ALLA FAMIGLIA MANGIABENE… NASCE DISPENSA BIO, una piccola bottega biologica di prodotti attenti a un’alimentazione salutista, appassionata della cultura del cibo sano prodotto in sinergia con aziende agricole del nostro territorio. Buona dispensa a tutti! Per informazioni: Dispensa Bio, via Zara 2 a Lonigo (Vi), tel 0444 1930573 info@dispensabio.it SITIO UNCONVENTIONAL PLACE NATURAL FOOD & BIO DRINK. È il posto giusto dove puoi trovare prodotti per vegetariani, vegani e gluten free. Un locale non convenzionale nella Città della Pace. Per informazioni: p.zza Matteotti 9 ad Assisi (Pg), tel 075 816087 - 393 5307972 FB Sitio Unconventional Place

negoziobio.info

ARI ECOIDEE VERONA: LA SPESA ALLA SPINA. Negozio specializzato nella vendita di prodotti bio e di alta qualità, alimentari e non, dove poter acqui-

dal 1923

NESENTE

VERONA ® tel 045 526046 www.oliosalvagno.it

84

www.terranuova.it


stare la quantitĂ  desiderata senza produrre rifiuti. Per informazioni: via Monfalcone 21 a Verona, tel 0454 721110 www.ariecoidee.com

VENDITA VENDESI TAROCCO ROSSO BIOLOGICO in Sicilia, circa 15 quintali, zona Igp. Per informazioni: tel 340 1494400

CASA BIO BIOEDILIZIA BIRDGARDEN: OVVERO GIARDINI ABITATI DA UCCELLI E FARFALLE, coccinelle e api solitarie e tanti altri piccoli animali. Offriamo articoli e assistenza per la creazione e manutenzione di birdgarden e giardini naturali, con prodotti biologici e vegani. Per informazioni: Il Laboratorio del Naturale, via Stazione 1/b a Giaveno (To), tel 338 4746903

ECO-ARREDO PORTA LA NATURA NELLA TUA CASA: alla Bottega del Legno, arredamenti bio-ecologici, è partita la campagna promozioni di primavera. Tutti i bio mobili presenti in esposizione scontati del 40%. Visita il sito www.bottegalegno.it. Per informazioni: tel 030 2301387 info@bottegalegno.it

PRODOTTI WWW.CANAPAINDUSTRIALE.IT è il portale italiano dedicato agli utilizzi industriali della Canapa: bioedilizia, cosmetica, alimentari, carta, bioplastica, biocarburanti e molto altro. Scopri il mondo della canapa! Per informazioni: www.canapaindustriale.it

CASE E TERRENI – VENDO UMBRIA, A 18 KM DA PERUGIA: in piccolo borgo antico vendesi porzione di casa terratetto, con ampia terrazza panoramica. Necessita di lavori di ri-

OLIO BIOLOGICO. Acquista direttamente dal produttore olio extravergine di oliva biologico estratto a freddo. Piccola azienda pugliese ubicata nel Parco delle Gravine dell’arco Ionico, certificata Icea-Aiab, spedisce in lattine da 5 litri a ₏ 9 al litro. Portofranco per spedizioni di oltre 20 litri. Per informazioni: tel 099 8801206 - 388 3592409

mappabioedilizia.it

strutturazione (totali 300 mq). Annessi ampio garage e cantina. ₏ 120.000 trattabili. Per informazioni: tel 348 4747509 nicola.benoni@gmail.com MASSA MARTANA (PG) VENDO VILLETTA: 2 livelli, 95 mq, salone, cucina, 2 bagni, 3 camere da letto, balcone, ripostiglio e portico, giardino 220 mq, in borgo. Terreno adiacente: 4600 mq, 48 olivi + 22 alberi frutta, una rimessa attrezzi e cantina, area edificabile. ₏ 190.000. Per informazioni: tel 338 2186420 bc.silva@libero.it TRA FROSINONE E CASSINO, 400 m slm, 15 km dall’autostrada, vendo casa 160 mq (80 abitati, bagno, cucina, 2 camere), 2 ha terreno incontaminato ulivi e boschivo su poggio panoramico. Comune Santopadre. ₏ 80.000 trattabili. Per informazioni: Cinzia, tel 348 4966091 LAGO DI COMO (LC) a 900 m slm, a 20 minuti da Dervio in Valvarrone, comune di Sueglio, facilmente raggiungibile da Milano e Brianza, in piccolo borgo in mezzo al bosco, vendita rustico totalmente in bioedilizia da terminare. ₏ 65.000. Per informazioni: tel 339 4183147 sremigia@yahoo.com IN VALTALEGGIO (BG) vendo porzione di casa antica, circondata da boschi anche di proprietà (75000 mq + 1830 mq presso casa). Abitabile, arredata, parzialmente da rinnovare. Splendida vista sulla valle. ₏ 25.000. Per informazioni: tel 342 1941559 IN ANTICO BORGO DI CASTELMENARDO (RI) vendesi palazzetto mq 160, tre piani, piccolo giardino, due ingressi, restaurato e immediatamente fruibile, immerso nell’ambiente della Riserva Naturale della Duchessa, ottimi collegamenti stradali con la vicina autostrada Roma-L’Aquila e con località sciistica Campo Imperatore. Per informazioni: Agenzia Immobiliare Betti (Cori-Lt); tel 339 4963957 DIMORA CON PARCO PRIVATO sulle colline milanesi vendo. Il terreno di 10.000 mq è incontaminato tutto bio. Ideale per coppie senza figli, per single o per investimento. Prezzo (ribassato del 35%) ₏ 250.000 ancora trattabile. Per informazioni: Cinzia, tel 349 4093616 cinziaok@hotmail.com VENDO IN PICCOLO COMUNE DELLA LOMELLINA appartamento di mq 136 al 2° di quattro piani di edificio condominiale. Spazioso, luminoso, oltre a solaio, garage in cortile. Area verde di pertinenza. ₏ 74.000 trattabili. Per informazioni: Rosella, tel 333 1736278 VENDESI FRUTTETO BIOLOGICO IN SICILIA: prevalentemente agrumi, tarocco, limoni, pompelmi, mandarini, nespole, cachi, prugne, fichi, fichi d’India, melograni, albicocche, pere, olivo, mandorle, noci, passiflora, canna da zucchero, gelsi, uva, pesche. Terreno molto fertile con casa abitabile. Si accettano anche proposte consorziali. Per informazioni: tel 340 1494400

CASA BIO segue a pag. 86                             

     

           !  

            



             "         #          !   

  

  $ # %                   

           

    

Terra Nuova ¡ maggio 2016

85


segue CASA BIO OTTIMO AFFARE ZONA ASCOLI PICENO: ideale per cohousing, vendo € 120.000 trattabili 2 case in pietra mq 70/100. Ristrutturate, ammobiliate con 5 ha di terra, olivi, giardino, bosco. Distanza 40 km Riviera Adriatica. Per informazioni: tel 339 7488879 narita2@virgilio.it UDINE, FLORIDA CITTÀ DEL NORD-EST, vendesi opificio fine ’800 da ristrutturare, ideale cohousing, centro benessere etc. Tre piani di 300 mq ciascuno, sporto con piano di carico, scoperto e depandance, confinante area

sportiva, prossima stazioni e centro storico. Solida costruzione in mattoni, sasso malta, solai in legno, tetto capriate a vista, ottimo per bioedilizia. € 400.000. Per informazioni: Paolo, tel 339 1327649 IN LUNIGIANA (TOSCANA) VENDO CASALE in pietra con ampliamento, 150 mq su 2 piani, riscaldamento a gas, ampio salone, 2 camini, 3 camere, 3,5 ettari di terreno in parte coltivabile, posizione soleggiata, quiete assoluta, 30 min dal mare. Per informazioni: Gabriella, tel 348 6040926

ECOPRODOTTI NEGOZI COM.E.S. COMMERCIO EQUOSOLIDALE A ROMA: artigianato, bomboniere, liste di nozze, cosmetici e detersivi biologici (anche alla spina), bigiotteria, ceramiche, cesteria, soprammobili, strumenti musicali. Alimenti (anche bio) del sud del mondo e di cooperative sociali italiane; alimenti bio-vegani. Per informazioni: tel 06 5402474 www.equocomes.org RICCO, LIBRI, ARTE E SALUTE: concept store dedicato al benessere, propone rimedi di medicina naturale, cosmeceutica, idee per la salute e la bellezza, libri per la crescita personale, cristalli, regali esclusivi per grandi e piccini. Eventi. Per informazioni: RICCO, Libri, Arte e Salute, via Carlo Marx 60, Castelfidardo zona Acquaviva (An), tel 071 7823067 riccolibriarteesalute@gmail.com FB RICCO, Libri, Arte, Salute

ECOCOSMESI CENTRO ESTETICO OLISTICO BELLEZZA E ARMONIA: Rita, con la sua esperienza trentennale, si prende cura del vostro corpo attraverso trattamenti estetici personalizzati utilizzando varie tecniche di massaggio solo con oli essenziali e prodotti naturali: massaggio olistico, riflessologia plantare, fanghi, alghe, calco, trattamenti viso con ossigeno, epilazione e pressoterapia. Per informazioni: via Monte Rosa 3, fermata MM1 Buonarroti-Milano, tel 02 5278469 www.bellezzaearmonia.com

negoziobio.info

ERBORISTERIA VIVIANA di De Luca Antonia si trova a Cavareno Val di Non a Trento in p.zza De Gasperi 5. Negozio tipico in centro paese per il benessere corpo/mente, alimenti bio, integratori, rimedi floreali, tinture madri. Seminari, incontri e approfondimenti su varie tematiche. Per informazioni: tel 339 2917005 antoniade.luca@alice.it

ECOMERCI OMENZYM: BIOCATALIZZATORE NATURALE della sostanza organica. Miscela enzimatica per un’agricoltura naturale che «riattiva» la vitalità del terreno e delle piante. Risolve anche problemi di cattivi odori nelle fosse biologiche, risparmiando sullo spurgo. Noci del sapone. Per informazioni: Futura Sas, via Monviso 4 a Vitorchiano (Vt), tel 0761 371224 marketingfutura@omenzym.com www.omenzym.com Cosmesi bio ecologica, dermocompatibile, prodotti naturali, etici, vegan… Fai un gesto d’amore per la tua pelle e per Madre Terra: scegli AmicidiNatura, per una cosmesi sincera, naturale ed efficace.

tel 02 98870835 www.amicidinatura.it info@amicidinatura.it

AGRICOLTURA Etica, Qualità e Benessere prodotti di canapa biologici e naturali: alimenti, cosmesi, abbigliamento, accessori, biogiardinaggio e molto altro ancora Cesena Via Cervese, 1303 Tel. 0547 384886

Bologna Faenza Ferrara Via Marsala, 31 Via Garibaldi, 125 Corso Garibaldi, 18 Tel. 051 4121290 Tel. 0532 243462 Tel. 0546 061679

www.bottegadellacanapa.com

CORSO DI PROGETTAZIONE IN PERMACULTURA intensivo di 72 ore, dal 25 maggio al 5 giugno presso l’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia (Pi). La Permacultura progetta insediamenti umani sostenibili attraverso l’imitazione dei sistemi naturali. Docente: Rhamis Kent, codirettore della World Permaculture Association. Corso in lingua inglese, con traduzione in italiano; è residenziale, i pasti sono vegetariani e su richiesta vegani. Per informazioni: tel 320 9347835 - 050 685035, pdc@world-permaculture.org www.world-permaculture.org www.permalabs.org CORSO INTRODUTTIVO ALL’AGRICOLTURA SINERGICA: 14-15 maggio presso l’Azienda Agricola Biologica Le Grazie, Magliano di Tenna (Fm). Costo del corso € 90: i pranzi di sabato e domenica verranno offerti dall’azienda. Possibilità di pernottamento. Per informazioni: Valentina, tel 347 9683463 Andrea, tel 392 6252332 agricolalegrazie@gmail.com

LAVORO CERCO VORREI LAVORARE IN QUALCOSA IN CUI CREDO: ecologia, alimentazione naturale, dentosofia, biologico, rilassamento, meditazione, benessere, risparmio energetico. Produco pane con pasta madre, pratico i 5 Tibetani. Qualifiche: segretaria azienda, operatore socio-sanitario, animatrice. Ho 52 anni. Zona Prato. Per contatti: tel 328 5646701 poli.mariagrazia@libero.it LAUREATA ECONOMIA E MANAGEMENT PER ARTI, cultura e comunicazione, con esperienza pluriennale in pubblicità, offresi organizzazione eventi a carattere ecologico, ambientale, animalista, salutistico o per lavoro impiegatizio nei medesimi ambiti. Zona Lecco, Como, Bergamo, Monza, Milano. Per contatti: tel 348 8265068 alice16031983@hotmail.it

86

www.terranuova.it

CERCO COLLABORAZIONE PRESSO AGRITURISMO e/o B&B zona Cecina o Piombino per tutto l’anno. Oltre alle mansioni di conduzione, offro massoterapia, laboratori creativi per adulti e bambini. Per contatti: Caterina Maino, tel 338 7408050 caterinajune@yahoo.it CICLOFFICINA SOCIALE: PROGETTO NO-PROFIT per la formazione e inclusione sociale a favore di persone in condizione di disagio e fragilità psichica. Riparazione, manutenzione biciclette e recupero di quelle destinate alla discarica. Anche a domicilio, piazza Bernini 9, Cormano (Mi). Per informazioni: www.ciclofficinasociale.com OFFRESI CUOCA VEGANA-VEGETARIANA A DOMICILIO per gruppi di crescita interiore o formazione con attenzione alla salute e all’armonia tra corpo, mente, anima e natura. Per contatti: tel 380 7189597 manamita42@gmail.com


BUONGIORNO, SONO UNA MAMMA IMPIEGATA FULL TIME, cerco un lavoro part-time, che mi permetta di crescere mio figlio di 5 anni. Naturopata, specializzata in massaggio ayurvedico e cucina naturale. Vorrei poter lavorare nel settore del biologico, ho esperienza come impiegata, commessa e barista. Residente in provincia di Vicenza. No rappresentanza. Per contatti: tel 349 3661507 CARTA NATALE NUMEROLOGICA: veniamo a questa vita con il nome e nel giorno appropriati per il percorso che dobbiamo fare. Grazie all’energia dei numeri scopriamo le potenzialità e le difficoltà che sono in gioco: la Personalità, il Destino, le Compatibilità. E diventano strumento di consapevolezza. Come profilo psicologico, vocazione professionale, affinità, per il Nome di un nascituro. Per posta o per email. Per contatti: Silvia Feldstein, tel 0584 983883 347 5861761 arcoirisil1@yahoo.it

OFFRO CERCO BUSINESS PARTNER per avviare un bar biologico a Vicenza. Per contatti: tel 340 2600440 valeriafranco@libero.it ASSOCIAZIONE ILDEGARDA con sede a Maderno (Lago di Garda), cerca operatori per corsi e seminari per il benessere. Per informazioni: Marina, tel 345 2611673 associazioneildegarda@virgilio.it FB Associazione Ildegarda PROGETTO PONTIS NEL SUD DELLA SARDEGNA VICINO A CAGLIARI, cerchiamo agricoltori, anche con famiglia al seguito, con esperienza nell’agricoltura biodinamica per l’avvio e la gestione a lungo termine dell’azienda agricola, cuore di un ampio progetto pedagogico, artistico e sociale. Per informazioni: Korinna, tel 070 262262 - Paola, tel 349 5749954 info@progettopontis.it www.progettopontis.it FB Associazione Progetto Pontis CERCASI ERBORISTA da inserire nel nostro organico per erboristeria di Prato, si propone contratto full time. Richiesta disponibilità a lavorare il sabato, flessibilità, esperienza nella gestione di un negozio, capacità di lavorare in equipe, capacità di problem solving in autonomia, responsabilità. Astenersi mancanza di requisiti. Inviare curriculum vitae con lettera di presentazione e foto: naturopatia.deltempio@gmail.com SALI E PISTACCHI RISTORANTE CON BAR BIO-VEGANO cerca aiuto cuoco con esperienza. Cari amici, colleghi e simpatizzanti del mondo veg, c’è una nuova opportunità «Sali e Pistacchi ristorante con bar biologico-vegano», un luogo d’incontro ed eventi culturali, situato nella storica piazza del mercato di Domodossola. Per informazioni: Giovanni, tel 3474792547 salipistacchi@gmail.com AZIENDA AUSTRIACA 100% ETICA, leader da 20 anni sul mercato europeo nel settore benessere, cerca consulenti gentili, curiosi, dallo spirito imprenditoriale per espansione mercato italiano. Linea Veg, nessun investimento/magazzino, ottimi guadagni. No perditempo. Inviare curriculum vitae: Francesca Villa, tel 373 8411260 natura.benessere.bio@gmail.com

ECOTURISMO AGRITURISMO AGRITURISMO BIO-VEGAN IL BORGO DI TARA. Nell’Appennino Parmense abbiamo creato un luogo dove tutti gli animali vengono rispettati. Gli ospiti saranno coccolati tra pietra e legno di rovere, potranno godere della cucina 100% vegan, delle bellezze della natura e dei dintorni e/o rilassarsi. Per informazioni: tel 380 7704447 info@ilborgoditara.it www.agriturismovegan.it È INIZIATA LA STAGIONE ALL’AGRITURISMO REGGIOLI, tra le colline del Chianti. Oltre a una permanenza nel mezzo di un bosco immenso, offre numerosi corsi per poter sperimentare se stessi, gli altri e la natura diventando parte del cambiamento di cui tutti abbiamo bisogno. Per informazioni: info@reggioli.org www.reggioli.org CASALE CAMALDA: bioagriturismo e centro escursionistico. Nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna in Toscana, loc. Castagnoli-Serravalle 33, Bibbiena (Ar). Per informazioni: tel/fax 0575 519104 enniodallari@agriturismocamalda.it www.agriturismocamalda.it FB Casale Camalda - Bioagriturismo Centro Escursionistico ISOLA D’ELBA: PICCOLO ECOAGRITURISMO vicino alle spiagge più belle di Portoferraio. Bilocale per due persone. Ambiente semplice e caratteristi-

ALLA PARI ORTI DI LUSSINO-CROAZIA: cercasi amanti della natura per lavoro in orto e frutteto con metodo Organic Forest, offriamo in cambio vitto e alloggio, un’esperienza di condivisione con la Terra. Per informazioni: Giovanna, tel +39 393 9272761 losinbio@gmail.com FB Losinbio SIGNORA GIOVIALE, AMANTE ARTE E NATURA, dipendente statale, referenze, offre compagnia, piccolo aiuto domestico, piccola assistenza e guida automobile, la sera e la domenica a signora anziana in cambio di ospitalità e vitto. Zona Colosseo, Roma. Per contatti: Raffaella, tel 333 2275365 EREMO DI SHANTI DHARMA YOGA ASHRAM, circolo Arci Natura, Alta Valle Trompia, Brescia. Selezioniamo persone alla pari in cambio di vitto e alloggio per raccolta legna, orto, sfalcio prati, serre, riordino e manutenzione casa. Verranno prese in considerazione persone in sintonia con i principi filosofici dell’eremo; primo tra tutti l’armonia condivisa e corresponsabile. Inviare curriculum e referenze a: tel 339 3050822 swamiji.tantra@libero.it www.eremodishanti.com

CEDESI ATTIVITÀ VENDESI A MILANO ATTIVITÀ DI ERBORISTERIA ultraventennale per raggiunta età pensionabile. Situato in zona 9, in ottima posizione poiché è una piazza limitrofa alla zona di mercato settimanale, scuola, poste, chiesa, il negozio è composto da due vetrine e ampio spazio vendita e due retri di cui uno adibito a studio per consulenza naturopatica o altro. Oltre duemila clienti fidelizzati con tessera sconti. Affitto interessante. Per informazioni: tel 02 6430217 (dopo le 15:30) VENDIAMO NEGOZIO PRODOTTI BIOLOGICI A PRATO zona centrale, aperto dal 2012. 100 mq. Completamente ristrutturato nel 2015. Prezzo interessante. Per informazioni: Andrea, tel 333 9590933 2015 gaiasrl@gmail.com SI CEDE TITOLARITÀ E PROPRIETÀ IMMOBILIARE di studio associato di psicologia, pedagogia e logopedia, attivo dal 1998 in popolosa cittadina della provincia di Verona. Posizione centralissima, radicamento sul territorio e visibilità web ottimi. Per informazioni: studioassociato@educare.it CEDO ATTIVITÀ DI ERBORISTERIA, cosmetica naturale e alimentazione bio in Versilia. Zona centralissima. 33 anni di attività e collegamento con esperti. Per informazioni: tel 347 1368307 ROMA, IN ZONA CENTRALE VICINO UNIVERSITÀ, in un’oasi di pace, con grande sala, salette e giardino privato, associazione culturale funzionante cede attività. Per informazioni: tel 347 3425441 CEDESI ATTIVITÀ DI BAR-GASTRONOMIA con ristorazione interna bio vegana. Ottima clientela consolidata e giro d’affari interessante. A due passi dal centro storico di Monza. Affitto congruo. Per informazioni: tel 348 2603861 347 7437505 VENDESI NEGOZIO DI PRODOTTI BIO FRESCHI, confezionati e ortofrutta a Borgomanero (No). L’attività è presente dal 2001 e il prezzo è davvero interessante! Per informazioni: Giuseppina, tel 0322 82119 - 329 4481654

mappaecoturismo.it

co. Animali di bassa corte, vino, bioagricoltura. Fino a ottobre. Promozioni per soggiorni settimanali. Per informazioni: tel 0565 915263 - 338 2990377 https://sites.google.com/site/levigneantiche BIOAGRITURISMO ROCCA DEL TUONO nella Riserva Naturale di Monte Cofano (San Vito Lo Capo), a pochi metri da acque fresche e cristalline, luogo incantevole per rilassanti vacanze marine, escursionistiche, cicloturistiche. Offriamo prodotti biologici e ospitalità in appartamento e camere con bagno. Per informazioni: tel 320 2512565 roccadeltuono@gmail.com igelsielatalpa.it FB I Gelsi e la Talpa

ECOTURISMO segue a pag. 88

Cammina con noi Viaggi a piedi naturali e solidali

www.cammini.eu

0439 026029 / info@cammini.eu Terra Nuova · maggio 2016

87


segue

ECOTURISMO

B&B IL B&B L’INCANTO DI ASSISI si trova a pochi km da Assisi e vi ospita in un ambiente familiare, mettendo a disposizione un appartamento con cucina attrezzata, giardino e uso bici gratuito. Si accettano cani. Per informazioni: Giovanna, tel 348 5807828 info@bbincantoassisi.it www.bbincantoassisi.it PICCOLO E ACCOGLIENTE B&B AL COLOSSEO. Colazione bio. Siete i benvenuti. Per informazioni: tel 349 5555702 - 06 45425707 anitabruno62@gmail.com www.biocasacolosseo.com CASA BURANI: BED & BREAKFAST, corsi di cucina, affitta location. Disponiamo di uno spazio per poter cucinare (7 postazioni, con piastre a induzione, utilizzabili a coppie), la casa vanta un ampio giardino con forno a legna. Per informazioni: via Motti 22, Albinea (Re), tel 347 0517988 info@casaburani.com www.casaburani.com OSPITALITÀ RURALE CASALE IL SUGHERO nel Parco Nazionale del Cilento (Sa) si offre ad un turismo ecologico e attento tra il mare e le terre cilentane. A 10’ di auto dal mare offriamo ospitalità in fattoria dove ci occupiamo di agricoltura naturale, escursionismo e cultura locale. L’accoglienza è a scelta tra B&B, con cene o con proprio cucinino indipendente. Graditi vegan e vegetariani. Struttura per celiaci e molta attenzione alle intolleranze alimentari. Per informazioni: Amedeo, tel 328 3211721 www.casaleilsughero.com A VALMOREL, PICCOLO CENTRO affacciato sulle Dolomiti bellunesi a 800 m slm, piccolo bioagriturismo immerso in boschi di castagno, offre ospitalità e relax totale in 3 confortevoli camere, ristorazione biovegana e vegetariana con prodotti dell’azienda. Animali benvenuti. Possibili escursioni con guida. Per informazioni: Isabella, tel 339 7211770 - 0437 970114 info@bebboschidelcastagno.it B&B VILLAMADI: un’immersione nella tranquillità tra la Laguna di Grado e la storia di Aquileia. Punto di partenza per la scoperta del Friuli Venezia Giulia, a 40 km da Udine e Trieste. Per informazioni: tel 347 1062668 info@villamadi.com www.villamadi.com BIO B&B LA FANCIULLACCIA, NEL PARCO ALTA VALDERA sulle colline tra Pisa e Volterra, offre 2 ampie camere per max 6 persone. Colazione e pasti bio, possibilità vegan. Bici gratis, forno a legna, percorsi botanici, spazio relax. €/testa 30. Per informazioni: info@lafanciullaccia.it www.lafanciullaccia.it SOSTA RIGENERANTE AL CASALE HORTENSIAE B&B VEG-VEGAN, a pochi km dal casello A1 di Orte. Orto sinergico, asini, capre, galline, cane e gatti, piscina, ping pong, altalene. Possibilità di pranzo/cena € 15. Per informazioni: Elisabeth de Laet, tel 338 2627233 www.hortensiae.com

VACANZE VERDI VITI-CAPPERICULTORE PANTESCO AFFITTA DAMMUSO, tipica casa in pietra lavica nell’incantevole isola vulcanica di Pantelleria. Un piccolo mondo del cuore con paesaggi mozzafiato e mare unico. Per informazioni: Giovanni, tel 349 6634786 giovanni.di.pantelleria@gmail.com OSTUNI, LA CITTÀ BIANCA, Gianni e Graziella affittano graziose villette nei loro terreni bio. Spiagge libere, mare splendido, frutta di stagione, olio bio. Per informazioni: tel 338 1743428 - 0831 991761 www.ipoderidelsole.it OSPITALITÀ PER SINGLE A ROMA, brevi periodi, vicino al Gianicolo, signorile, eventuale breve uso cucina previo ulteriori accordi. Diversi bus su varie mete + treno Roma Nord-Viterbo. Prezzi da amici. Per informazioni: tel 06 5813954 - 340 9052670 A CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (GR) affitto appartamenti da 3 camere o 2 camere + servizi, posto macchina a 150 m dal mare. Sconto 10% agli ospiti. Per informazioni: Rosina Erboristeria della Maremma, tel 0564 934635 338 6427322 IN VAL GERMANASCA (PIEMONTE), a 1200 m affittiamo per brevi periodi case indipendenti in borgata immersa nel verde. Escursioni, sci, contatti con la storia valdese. Possibilità di B&B. Per informazioni: Sara Tron, tel 335 5926322 serpillo@vacanzenelverde.net www.vacanzenelverde.net MAREMMA, CAMPIGLIA MARITTIMA (8 km dal mare). In paesino medievale in collina che guarda il mare e l’Isola d’Elba, affittasi porzione colonica di 70 mq con terreno circostante adiacente il centro storico e con vista mare. Weekend, settimane, mese. Prezzi modici. Per informazioni: tel 055 2342212 340 5132571 SAUZE D’OULX MONTAGNE VAL DI SUSA QUOTA 1509. Affitto comodo appartamento di 110 mq su due piani in condominio nel verde, splendida vista a pochi passi dal centro. 5 posti letto, terrazzo, giardino condominiale. Garage. Per informazioni: Lucia, tel 339 4234192 SARDEGNA: TORTOLÌ (OG). Affittasi esclusiva casa in campagna da condividere con amici per trascorrere una vacanza nel verde distanti 1 km dal mare.

88

www.terranuova.it

Otto stanze da letto e ampi spazi interni ed esterni alla casa. Per informazioni: Carmen, tel 339 6803268 IN TRENTINO, NELLE VERDI DOLOMITI, zona Pinzolo, Hotel Regina Elena, fresca cucina bio seguita dal naturopata di casa. Riscaldamento a pellet e fotovoltaico. Meravigliose escursioni a piedi e in bici. Per informazioni: Laura, tel 0465 804722 www.reginaelena.com

ALTRE VACANZE MINORCA CAMÌ DE CAVALLS, 22 MAGGIO - 29 MAGGIO. Un sentiero dimenticato per secoli e riscoperto e voluto dai minorchini che hanno deciso di riappropriarsi del territorio e della loro storia. Un’occasione per conoscere un’isola del Mediterraneo, tra la Spagna e l’Italia, lontana dalle solite mete turistiche e poco conosciuta dal turismo di massa. Viaggio Walden viaggi a piedi. Per informazioni: www.waldenviaggiapiedi.it/trekking/ minorca-cami-de-cavalls-maggio ESCURSIONI STORICO NATURALISTICHE IN LUNIGIANA, accompagnati da Guide Ambientali Escursionistiche locali, preparate ed appassionate. Per scoprire una terra che conserva le tracce del recente passato rurale e nasconde piccoli, insospettabili tesori della natura. Per informazioni: Tullia Martelli, tel 338 9908885 tullia.86@libero.it - Alex Borrini, tel 380 2922035 alex@insiberia.net CERCHI LA VACANZA ALL’INSEGNA DELLA LIBERTÀ? Vuoi riappropriarti del tempo che ti sfugge durante l’anno e ritornare ad un ritmo naturale della vita? Ora lo puoi fare noleggiando le nostre bici a pedalata assistita. Per informazioni: Marco, tel 338 4963457 imoving.srl.vi@gmail.it CASALE IL BARONETTO la tua vacanza sostenibile tra mare e monti dell’Abruzzo… tra stelle di cielo e di terra e il dolce profumo di casa regala momenti magici a chi non lascia impronta. Energie rinnovabili, mangiare naturale, risparmio idrico. Per informazioni: www.ilbaronetto.it CAMPI ESTIVI IN TOSCANA. Dal 1975 il Centro Engea «Rendola Riding» organizza campi estivi di equitazione + lingua inglese con insegnante madrelingua per ragazzi dai 10 ai 17 anni, nei mesi di giugno e luglio (1 o 2 settimane). In aperta campagna sulle colline del Valdarno, con prodotti della fattoria, istruttori e guide qualificate e responsabili, passeggiate, piscina, trekking, giochi e carosello. Per contatti: tel 055 9707045 - 331 9250740 rendolariding@gmail.com www.rendolariding.com PARCO MONGIARDINO: crediamo nel rispetto della Madre Terra, nello sviluppo sostenibile, in nuovi modi di incontrarsi e di stare insieme. Ristorante e bar: cibi genuini e di produzione locale. Spazi attrezzati, sentieri adatti a tutti. Corsi e seminari. Campi estivi residenziali. Eventi, feste, banchetti, matrimoni. Per maggiori informazioni: www.parcomongiardino.it RIFUGIO ESCURSIONISTICO IN TRENTINO (1426 m slm) in Valsugana per passeggiate, escursioni nel gruppo del Lagorai, bike e relax. Ospitalità semplice ideale per gruppi e famiglie. Gestione con progetto di inclusione sociale. Per informazioni: tel 333 9351482 www.rifugioerterle.com FB Rifugio Erterle BELLAGIO: CORSI ESTIVI DI ITALIANO PER STRANIERI a qualunque livello, da una a più settimane, al fresco di una bella casa vicino al bosco, con docente di lunga esperienza, a 20 minuti dal Lago di Como. Possibilità accomodation. Per informazioni: tel 370 3068698 italianinmilano@gmail.com

VACANZE E SALUTE 1-3 LUGLIO A SAN FELICE DEL BENACO SUL LAGO DI GARDA organizziamo il seminario annuale Kundalini Yoga e Sat Nam Rasayan intitolato: La Vitalità vibrante della Coscienza; pulire la finestra dell’intuizione. Conducono Sangeet e Patwant. Per informazioni: Patwant, tel 348 5946657 - Sangeet, tel 339 4732767 yogaverona@gmail.com info@kundaliniflow.com VACANZA YOGA DURATA SETTIMANALE IN GIUGNO E LUGLIO sulle colline di Tropea. Yoga Vinyasa, meditazione Pranayama immersi nel verde della natura tra campagna e mare. Un soggiorno nella cura di sé per sciogliere le tensioni mentali e fisiche. Pensione completa con prodotti dell’orto e cucina casalinga. A 5 km dalla costa degli Dei in agriturismo a gestione familiare. Non è necessario viaggiare in macchina, trasporto incluso durante il soggiorno. Per informazioni: Rosalba, tel 349 3537626 www.calabriailvigneto.it FB Respiro in Movimento ISOLA D’ELBA: MEMORIE MARINE, ARMONIA, SOLE-LUNA. Una settimana in natura dal 17 al 24 luglio accompagnati da yoga, suono sacro ancestrale, cucina consapevole. Per informazioni: lucediluna15@gmail.com www.spiraleaurea.it I SEGRETI DELLA COLTIVAZIONE MENTALE. Ritiri di pratica spirituale sul Lago di Garda: «La liberazione in vita» percorso di meditazione e di purificazione mentale 20-22 maggio; «La sublime trasformazione» pratiche di risveglio dei sette centri di consapevolezza 22-24 luglio; «La consapevolezza pura»


ritiro di meditazione buddhista con due monaci chan (Zen) 23-25 settembre. Per informazioni: vincenzonoja@googlemail.com www.vincenzonoja.eu SEMINARIO DI CANTO IN TOSCANA con il M.o Artur Asryan dal 28 agosto al 3 settembre. Conoscere le proprie forze attraverso il suono: esercizi di formazione vocale e canto-terapia in gruppo. Alloggio presso azienda biodinamica Solidor (agriturismosolidor@gmail.com). Iscrizioni entro il 15 giugno (max 10 persone). Per informazioni: info@artvoce.it www.artvoce.it VACANZA/FORMAZIONE AYURVEDA A BOSA IN SARDEGNA A GIUGNO. Corso di Massaggio Ayurvedico con l’acqua dei Monaci Erranti e corso di MES Massaggio dell’Energia Spirituale. Una vacanza di: massaggi, yoga, mare, archeologia, equitazione. Per informazioni: www.ayurvedamonacierranti.com www.olisticasardegna.com alida.daldegan@sunrise.ch miva.olistica@gmail.com DISINTOSSICARSI AL MARE. Balneoterapia, dieta fruttariana, tisane depurative in centro marino ad alta energia rilassante e curativa per rigenerare, rivitalizzare l’organismo durante i cambi stagionali; pratiche orientali, lavaggio intestinale, Yoga, Chi Kung, Chi Lel, massaggi in coppia, danze terapeutiche ed esercizi in acqua. Date: 17-26 giugno; 26 agosto - 4 settembre; 23-30 settembre. Possibili 3/5/10 giorni con disintossicazione mirata del fegato, reni, pancreas, milza, polmoni, e altri. Per informazioni: Associazione Il Cielo di Shambala, via Carducci 45, Torre Del Lago (Lu), tel 0584 350878 - 329 5374283 RINASCERE AL MARE. A maggio e giugno cucina depurativa, macrobiotica, ayurvedica e crudista; 20-22 maggio e 8-10 luglio: Qi Qong, Yoga e Bates per migliorare la vista; 27 maggio-1 giugno: «Come portare gioia nella vita», corso di meditazione, pratiche salutistiche, massaggio olistico. Dal 1 al 3 luglio Kinesiologia Applicata. Attivazioni Reiki su richiesta. Esercizi in acqua nel ridente selvaggio mare toscano e nella pineta del Parco Naturale Migliarino S. Rossore. Quota: € 110. Per informazioni: Associazione Il Cielo di Shambala, tel 0584 350878 - 329 5374283 ISTRIA, ISOLA DI UNIJE: presso Unijana, centro di alimentazione affacciato direttamente sulla spiaggia; cucina genuina, animazioni, gite in barca, raccolta ed uso di erbe medicinali e spon-

EVENTI FIERE VEGANINFEST 6-15 AGOSTO RIFUGIO VALNERA MARRADI (FI): tende, camper, camere, attività olistiche, attività per bambini. Per informazioni: tel 329 1892606 www.centrogeminas.com NATURALIA: IDEE NATURALI AL 100%. 6ª e 7ª edizione: doppio appuntamento a Livorno con il mondo del biologico e del naturale, sabato 7 e domenica 8 maggio alla Fortezza Vecchia e sabato 22 e domenica 23 ottobre nei saloni del Terminal Crociere Stazione Marittima. Una fiera dedicata al benessere psicofisico, una full immersion nel mondo del naturale, delle pratiche non convenzionali, della bioarchitettura, della sana e consapevole alimentazione, arricchita da un denso programma di eventi e di convegni. Per informazioni: tel 347 6357063 info@spazio-eventi.it www.spazio-eventi.it WHYBIO? 2ª EDIZIONE: 13-14-15 MAGGIO. Evento dedicato ai temi del benessere, delle eccellenze enogastronomiche, del biologico, dell’ambiente e

tanee, Biodanza, Yoga e Theta Healing. Per informazioni: Asia, tel 00385 51235743 unijana@hotmail.com SHAMBALA BALNEOTERAPIA. Nel mare toscano settimane e weekend a contatto gioioso con la Natura, libertà di abbandonarsi fra le braccia del Mare, rigenerarsi e autoguarirsi con le antiche pratiche di Yoga, Tai Chi Chuan, Chi Lel, Qi Qong e con la Danza del Cuore; pratiche di talassoterapia, rilassamenti, riassetti posturali energetici, canti, esercizi, danze in acqua. Ospitalità in centri ad alta energia, rilassante, curativa, cucina bio macrobiotica-vegana. Quote da € 120. Per informazioni: Associazione Il Cielo di Shambala, tel 0584 350878 - 329 5374283

SPAZI PER GRUPPI – OFFRO SPAZI PER GRUPPI E OSPITALITÀ nel verde della Costa Toscana. Per informazioni: tel 348 3307092 www.conventopietrasanta.com GRATIS OFFRIAMO USO SALA MQ 35 PER SEMINARI alla Baita Oasi nel cuore verde del Trentino. A pagamento: pernottamento in sei accoglienti camere doppie con servizi, centro benessere. Prepariamo con amore colazioni biologiche, pasti vegetariani-vegani. Per informazioni: tel 0439 719021 www.baitaoasi.it SPAZIO PER EVENTI IN BELLISSIMA LOCATION IN TOSCANA, sul versante valdarnese dei Monti del Chianti. Ideale per cerimonie, compleanni e feste, ma anche per organizzare corsi e seminari nel pittoresco e spazioso fienile finemente ristrutturato, su due piani. Possibilità di unire ospitalità in agriturismo adiacente (www.rendolariding.com) a prezzi vantaggiosi. Per contatti: tel 348 9308385 rendolariding@gmail.com FB La Fonte Rendola AMPIA SALA DI LAVORO INTERNA DI 150 MQ, luminosa e accogliente con pavimento in legno, attrezzata per seminari residenziali nella più completa privacy. Siamo sull'Appennino tra Bologna e Firenze in posizione appartata. Accoglienza, discrezione e amore per la buona tavola con particolare attenzione alle Vostre richieste alimentari… 60 posti letto in camere spaziose e rinnovate con bagno. Maurizio e Cristina Vi aspettano!!! Per informazioni: tel 054 43206 info@duelaghihotel.it www.duelaghihotel.it

terranuovaedizioni.it/annunci

dell’ecologia che si svolgerà in tutta la Fortezza del Priamar di Savona. Saranno allestiti percorsi sensoriali, spazi all’aperto, mostre, conferenze, convegni, laboratori e show cooking sui temi della manifestazione. Sabato: speciale annullo filatelico. Ingresso libero. Per informazioni: tel 393 8284187 019 821532 info@whybio.it www.whybio.it FB whybio CHIARISSIMA, IL FESTIVAL DEL BEN-ESSERE e della vitalità, è dedicato quest’anno ai principi di accoglienza e condivisione. Il tema della 7ª edizione ‘Con sé, con gli altri’ vuole creare un’opportunità di riflessione per giungere, forse, a una nuova consapevolezza. Workshop, conferenze, spettacoli, tavole rotonde e freeclass, come sempre liberi e gratuiti, saranno in programma a Villa Mazzotti a Chiari (Bs) dal 13 al 15 maggio. Per informazioni: tel/fax 030 7001366 - 335 5335776 giovanni@chiarissima.com www.chiarissima.com

EVENTI segue a pag. 90

Terra Nuova · maggio 2016

89


segue EVENTI FESTIVAL DELLE ERBE. Il 14-15 maggio presso l’Hotel La Fonte di AnconaPortonovo si svolgerà la 1ª edizione del Festival delle Erbe Marche. In uno scenario tra i più suggestivi della costa adriatica, all’interno del Parco del Conero verranno proposte diverse attività, tutte condotte da esperti relatori e operatori. Il Festival si svolge in diverse regioni italiane ed è diventato negli anni un punto di riferimento per tutti gli amanti della natura. Adeguato spazio verrà riservato ai bambini e al benessere olistico. Per informazioni: Michele Meomartino, tel 393 2362091 PARMA ETICA FESTIVAL, ancora più grande: 2/3/4/5 giugno Parco Eridania Parma. La 3ª edizione del Parma Etica Festival, che sempre più si sta affermando come una delle manifestazioni etiche a portata di bambino più grandi d’Europa, partirà il 2 giugno a Parma. Quattro giorni di cibo sano e consapevole per il corpo e la mente: giochi per bambini, concerti e convegni con illustri relatori. Ingresso gratuito. Per informazioni: www.parmaetica.com FESTIVAL DELLA CANAPA. Il prossimo 18 giugno a Forlì, nel Parco di via Dragoni, informazione, dibattiti, concerti, salute, ecologia, artigianato, arte e concerti di band emergenti. Organizzato senza scopo di lucro, offre non solo stand di artigiani e gastronomia, ma anche dibattiti inerenti l’utilizzo terapeutico e in-

90

www.terranuova.it

dustriale della canapa, con approfondimenti sulle criticità legislative attuali e performance artistiche. Dalle 22 concerto degli Skiantos. Per informazioni: tel 345 3117387 jipevents@hotmail.com FB Festival della Canapa 2016 WE LOVE BIO PIOGGIBONSI. 7-8 maggio: due giorni fra stand, dimostrazioni e presentazioni sul tema benessere natura & eco e del settore biologico e non solo, racchiudendo attività che comportano giovamento psichico, benessere fisico per la persona ma anche realtà volte alla salvaguardia dell’ambiente ed al rispetto dei criteri di ecosostenibilità.Orario continuato dalle 10:00 alle 20:00. Per informazioni: tel 339 7449334 - 0571 22266 enricoprometeoeventi@gmail.com www.prometeo.tv/welovebio YOGA FESTIVAL ADRIATICO. La 3ª edizione si svolgerà nell’accogliente cittadina balneare, alle porte di Pescara, in una delle più belle location della costa, dal 20 al 22 maggio, presso il Museo Michetti di Francavilla al Mare (Chieti). Durante i 3 giorni verranno proposte diverse attività, tutte condotte da esperti relatori e operatori di riferimento per tutto il variegato mondo olistico adriatico. Adeguato spazio verrà riservato ai bambini, alle discipline bionaturali e al benessere. Per informazioni: Michele Meomartino, tel 393 2362091 INDICA SATIVA TRADE: I MILLE MONDI DELLA CANAPA. All’Unipol Arena di Bologna, dal 20 al 22 maggio, la 4ª edizione della manifestazione internazionale dedicata ai molteplici utilizzi della canapa. Tutto quello che vorreste sapere su questa magnifica pianta: scienza, tecnologia, cultura, medicina e molto altro. Oltre 100 espositori da tutto il mondo e una parte dell’esposizione interamente dedicata alla canapa industriale, alimentare e tessile. Per informazioni: www.indicasativatrade.com FESTIVAL LA CITTÀ OLISTICA 9ª EDIZIONE: 27, 28 e 29 maggio a Modena. Il «Ben-Essere» dall’antica saggezza ai giorni nostri; «Energia vitale: dalla natura alle piramidi, dal cibo allo spirito, dalle discipline olistiche al vivere insieme». Un fine settimana di buone pratiche, discipline olistiche, cibo bio e vegan, laboratori artistici per bambini, workshop, conferenze. Per informazioni: festival@conacreis.it FESTIVAL DELL’ORIENTE A MILANO: 27-29 maggio e 1-5 giugno al Parco Esposizioni Novegro. Mostre fotografiche, bazar, stand commerciali, gastronomia tipica, cerimonie tradizionali, spettacoli folklorisitici, medicine naturali, concerti, danze e arti marziali si alterneranno nelle numerose aree tematiche dedicate ai vari paesi in un continuo ed avvincente susseguirsi di show, incontri, seminari ed esibizioni. Per informazioni: festivaldelloriente.net


Lucca maggio

NOW: FESTIVAL DEL FUTURO SOSTENIBILE. Si svolgerà presso Villa Erba a Cernobbio (Co) la 1ª edizione da venerdì 6 a domenica 8 maggio. Esposizione, convegni, concerti, spettacoli, laboratori, animazioni per bambini e adulti. Now sarà un’occasione unica di conoscenza, confronto e crescita, una festa, uno spazio per stare insieme divertendosi e scoprire strade verso nuovi modelli di sviluppo. Per informazioni: info@lisolachece.org http://nowfestival.it RIOLO VEGFEST 3, il numero perfetto tra alimentazione e benessere. 3ª edizione del Riolo VegFest in programma dal 20 al 22 maggio presso il Parco Fluviale di Riolo Terme (Ra). Un completo evento tematico, ad ingresso gratuito, incentrato sul contagioso entusiasmo divulgativo del benessere a 360°. Ospite internazionale il Dr. Nader Butto. Per informazioni: Luigi, tel 339 1800810 info@riolovegfest.it www.riolovegfest.it FB Associazione Alimentazione E Energia LUCCA VEGAN FRIENDS. Dal 20 al 22 maggio piazza Napoleone a Lucca ospiterà la 3ª edizione dell’evento vegan e cruelty-free. L’iniziativa sarà animata da tante realtà che si occupano della difesa e della salvaguardia del mondo animale che affiancheranno banchi di cosmesi biologica, prodotti biologici e tanto altro. Conferenze, documentari, workshop e numerose attività per bambini tutte ad ingresso gratuito. Per informazioni: www.ecoeventi.com/luccaveganfriends FB Lucca Vegan Friends L’ISOLA DI VEG: 27-29 maggio, Parco del Turismo, Roma EUR. Evento informativo, enogastronomico, olistico e ludico dedicato al mondo vegan. Un punto di incontro tra le persone che si alimentano in modo tradizionale e chi, invece, ha deciso di abbracciare un’alimentazione vegana, crudista o fruttariana, per aumentare la conoscenza e la consapevolezza circa temi come l’etica, l’alimentazione, la salute e il benessere psicofisico. Per informazioni: tel/fax 0774 550834 - 334 9454140 lisoladiveg@gmail.com www.lisoladiveg.it BIOEST: 4-5 GIUGNO A TRIESTE. Il Parco S. Giovanni ospiterà piccoli produttori, sia nel campo dell’agricoltura ecologica che dell’artigianato biocompatibile, provenienti da Italia, Austria, Slovenia e Croazia. Esempi di microeconomia alternativa, una vasta gamma di associazioni cittadine impegnate nel campo dell’accoglienza, solidarietà, economia alternativa, salute naturale, cultura critica. Per informazioni: www.bioest.org

egan

Friends

20 21 22

PIAZZA napoleone

veganismo risto-veg

ospiti

antispecismo mostra-mercato

SABATO 4 e DOMENICA 5 GIUGNO 2016 FIERA DEI PRODOTTI NATURALI, DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, CULTURALI E DEL VOLONTARIATO Produttori ed espositori di prodotti biologici, artigianato tradizionale ed ecocompatibile, abbigliamento in tessuti naturali, prodotti equosolidali, giocattoli, editoria specializzata

Associazioni ambientaliste, culturali e del volontariato sociale Animazione e giochi per i più piccoli Giocolieri - Danze popolari

Festival

IX Edizione

laCittàOlistica 2016 Festival nazionale della spiritualità laica, libera e consapevole

dall’antica saggezza ai giorni nostri

TRIESTE - PARCO DI S. GIOVANNI

showcooking

Province di Lucca e Massa Carrara

Il “Ben-Essere”

Bio est

cruelty-free spazio bimbi

www.ecoeventi.com/luccaveganfriends

EVENTI segue a pag. 92

2016

3

Energia vitale: dalla natura alle piramidi, dal cibo allo Spirito, dalle discipline olistiche al vivere insieme

27•28•29 maggio Parco Giovanni Amendola Modena venerdì 14.00 / 23.00 sabato 10.00 / 23.00 domenica 10.00 / 20.00

Workshop • Conferenze • Spettacoli www.conacreis.it · festival@conacreis.it 0125.789773 · 349.3291747 > INGRESSO LIBERO <

Terra Nuova · maggio 2016

91


segue

EVENTI

dal 2 al 5 giugno

30ª FESTA DELLA SALUTE. Alla Rocca di Bazzano (Bo), domenica 5 giugno dalle ore 10:30 alle 22. Conferenze e dibattiti, gruppi esperienziali, workshop interattivi, trattamenti individuali, attività meditative con gli operatori della scuola di naturopatia. Ristorazione in rocca, spazi espositivi, assaggi e consulenze. Per informazioni: tel 331 1170819 mondini.carla@gmail.com www.newting.org

MANIFESTAZIONI

Festival

Villa Le Pianore, Camaiore (Lu) www.terranuovafestival.it

POGGIBONSI (SI) 7-8 MAGGIO

INFINITAMENTE ASINO: 29 MAGGIO presso Villa Colloredo Mels a Recanati (Mc). Giornata di conoscenza e divertimento incentrata sull’asino. Conferenza e attività con asini, cani pet-therapy, rapaci. Rivolta a operatori in fattorie didattiche e agricoltura sociale, educatori, pedagogisti, psicologi, insegnanti, veterinari, professionisti del settore e famiglie. Possibilità di pernottamento in ostello o all’Asineria Cà di Luna a Recanati. Per informazioni: tel 333 9458880 www.cadiluna.it PAROLE DI LIBERTÀ: esplorando sentieri percorribili verso un’autonomia felice. 28 maggio, ore 14:30, Palazzo Dè Vicari, Scarperia (Fi). Convegno sulle dipendenze organizzato da Agape Psicosintesi Mugello e Fondazione Franceschi Onlus. Riflessioni e approfondimenti in gruppi di lavoro su un tema delicato che attraversa molte aree della nostra vita: affetti, alimentazione, acquisti. Buffet offerto da Toscana Biologica. Partecipazione gratuita previa prenotazione. Per informazioni: segreteria@fondazionefranceschi.org psicosintesimugello@inbox.it TERRA E ARTE LANDART: venti artisti creano originali installazioni all’aperto, lungo un percorso nei boschi circostanti la Contrada Cattazzi a Tregnago (Vr). Inaugurazione del percorso artistico il 2 giugno alle ore 11. Per informazioni: www.associazioneantichecontrade.it

ritagliati il tuo SPAZIO VERDE WWW.PROMETEO.TV/WELOVEBIO WWW PROMETEO TV/WELOVEBIO

Per fare promozione su queste pagine, chiamaci! Troviamo insieme la soluzione che fa per te

pr@aamterranuova.it - 055 3215729 int. 5

BACHECA COMUNICAZIONI HAI MATERIALE DI CANCELLERIA E/O DIDATTICO DI VARIO GENERE e mobili adatti ad una scuolina materna e primaria? Siamo un’associazione culturale che aprirà a breve una scuola libertaria in provincia di Siena, cerchiamo questi materiali e mobili in regalo o a poco prezzo. Sarebbe un gesto bellissimo per i bambini! Per informazioni: Silvia, tel 339 1291878 WWW.VEGAN3000.INFO: il primo sito in Italia di cucina e alimentazione vegan, online dal 2000. Migliaia di ricette vegan «cruelty free» (senza prodotti di origine animale né colesterolo) e info sulla scelta vegan. Per informazioni: www.vegan3000.info RINNOVAMENTO SOLIDALE. GRUPPI E COMUNITÀ. Progetti Eremo di Shanti: oltre l’individualismo superando la diffidenza nell’estendere l’amore rivolto verso altri formando delle comunità fondate sulla solidale condivisione e vera partecipazione, presenza, sulla cultura del dono e del noi nell’accogliere persone che condividano il medesimo progetto lontano. Per informazioni: Shanti, tel 339 3050822 solidalerinnovamento@gmail.com http://solidalerinnovamento.blogspot.it UN TEATRO DI PAGLIA: un bellissimo teatro greco costruito con sole balle di paglia, per creare insieme al pubblico sia la struttura che lo spettacolo. È una piccola utopia di libertà espressiva nata in Toscana nel 2003, ora diffuso in Italia e nel mondo. Scopri il teatro di paglia più vicino a te su www.teatrodipaglia.it… oppure costruiscine uno anche tu! Per informazioni: tel 340 5708387

BARATTO APICOLTORE IN PROVINCIA DI TORINO cerca terreno per posizionare i propri alveari per la raccolta del miele di castagno in Piemonte. Mese di fioritura giugno e luglio… in cambio di un po’ di miele. Per contatti: tel 328 8742278 fabrizio.corio@libero.it FILARMONICA POPOLARE, PICCOLA ORCHESTRA DA BALLO della Scuola di Musica di Testaccio baratta concerto con ospitalità in agriturismo e/o eco-

92

www.terranuova.it

terranuovaedizioni.it/annunci

villaggio solo in Italia centrale. Siamo 10 elementi, disponibili solo weekend. Per informazioni: Raffaele Mallozzi, tel 339 5326321 imallozzi@libero.it SIGNORA GIOVIALE, AMANTE ARTE E NATURA, dipendente statale, referenze, offre compagnia, piccolo aiuto domestico, piccola assistenza e guida automobile, la sera e la domenica a signora anziana in cambio di ospitalità e vitto. Zona Colosseo, Roma. Per contatti: Raffaella, tel 333 2275365

VIVERE INSIEME ECOVILLAGGI E COHOUSING VOGLIAMO VIVERE CON SEMPLICITÀ NELLA NATURA, vicino ad altre famiglie di homeschooler, nel rispetto dell’autonomia ma aumentando le possibilità di gioco, frequentazioni e progettualità. Qualcuno è interessato nel NordCentro Italia? Anita ha 6 anni. Per informazioni: mariarachele@fastwebnet.it

INCONTRI 60 ANNI, LIBERO, SINCERO, SENSIBILE, PRESENZA. Cerco compagna libera, leale, forte, decisa, sensibile, desiderosa costruire rapporto duraturo. Amo natura, vita semplice, arte. Importanti fiducia, stima, sentimenti. Per informazioni: tel 338 3240279 SIG.RA 55ENNE CON ANCORA TANTO AMORE DA DARE attende un compagno serio possibilmente vegetariano per continuare assieme il cammino della vita. Per contatti: tel 338 3494899 DONNA NUBILE, ARTISTA, DOLCE, SENSIBILE, ama la natura e gli animali. Desidera conoscere un compagno max 68enne per vivere insieme con passione, con amore e gioia. Possibilmente in campagna. Per contatti: tel 320 6948015


ECOnovità

negoziobio.info

Le aziende del naturale presentano i loro nuovi prodotti

Da Probios i Taralli Panito senza glutine I Taralli Panito, disponibili al naturale e al rosmarino, sono realizzati secondo l’originale ricetta pugliese con olio extra vergine di oliva, senza latte né lievito. Unici sul mercato, sono 100% biologici e senza glutine. La linea Panito comprende altri prodotti, tutti mutuabili dal Servizio sanitario nazionale: mini baguette, mix di panini, baguette bianca, rustica o con semi, focacce e piadine.  Probios srl - Calenzano (Fi): tel 055 886931 - info@probios.it - www.probios.it

Novy: le cappe da cucina sostenibili Novy, da sempre attenta a fornire la massima qualità e tecnologia con le sue cappe altamente performanti, accoglie positivamente la tendenza a realizzare apparecchi che utilizzano sempre meno energia e presenta l’etichetta EcoSmart, con la quale identifica i prodotti in grado di consumare fino all’85% di energia in meno, grazie a un nuovo motore molto silenzioso e all’utilizzo dell’illuminazione LED.  I&D Srl: tel 039 2057501 - www.novy.it

Nuvap N1: il primo dispositivo per monitorare l’inquinamento in casa Nuvap rileva 24 diversi parametri ambientali, tra cui inquinamento elettromagnetico, gas radon, radioattività, monossido di carbonio, metano, qualità dell’aria, polveri sottili, incendi e altri elementi pericolosi per la nostra salute. Tramite la Nuvap App (per Android e iOS) è possibile visionare in tempo reale da remoto tutti i parametri ambientali monitorati dal dispositivo.  Nuvap Srl: tel 800 973508 - info@nuvap.com - www.nuvap.com

TsuboMap™: la prima WebApp di agopuntura TsuboMap™ è un software online che consente di effettuare ricerche sui punti di agopuntura e sui meridiani energetici. Puoi visualizzare i manichini in 3D, ruotarli di 360°, zoomarli e scegliere 3 livelli anatomici (pelle, muscoli e ossa/organi) sui quali visualizzare gli tsubo. Nell’applicazione sono disponibili anche un elenco di patologie, un archivio clienti e approfondimenti teorici.  TsuboMap & Corpo Mente Spirito: tel 0171 385384 - www.tsubomap.com

94

www.terranuova.it


Maggio 2016

dƒi letTori lettere@aamterranuova.it

Colorano e nascondono di Jorge Tarducci www.jorgetarducci.com

Deciso, il presente unisce, passato e futuro; così, la miglior sintesi, di due spazi sfuggenti, con quel carico di nebbie, che colorano e nascondono la fame dell’anima.

Ecovillaggi e cohousing: insieme è possibile! Ecco dove trovare tutti gli strumenti per mettersi in contatto con un’altra visione dell’abitare. Ma il primo passo deve partire da noi stessi. di Stefano (Forlì)

Gentile redazione, sono abbonato a Terra Nuova da molti anni e vorrei condividere con voi una riflessione. Il numero di ecovillaggi e cohousing presenti in Italia è relativamente scarso, specie se pensiamo al malessere sempre più diffuso nei confronti di un modello di vita sempre più alienante. Pensate che creare una banca dati aperta di nominativi e di persone interessate, divisa per regioni e province, possa favorire una maggiore aggregazione, magari anche con contatti diretti? Grazie per la gentile attenzione.

• Risponde Francesca Guidotti, collaboratrice di TN e presidente della Rete italiana villaggi ecologici (Rive – www.ecovillaggi.it)

Gentile Stefano, attualmente su www.mappaecovillaggi.it puoi consultare una mappa in cui ecovillaggi, cohousing e progetti sono suddivisi per regione e hanno una scheda descrittiva completa di contatti. Ci si può iscrivere anche a una newsletter che fornisce periodisegue a pag. 96

Non vedi pubblicata la tua lettera in queste pagine? Considera che: • Ogni numero di Terra Nuova viene preparato con circa due mesi di anticipo. • I testi più lunghi o quelli non selezionati per la rivista potrebbero essere comunque pubblicati integralmente online su www.terranuova.it/lettori • Le lettere che richiedono la risposta di un esperto potrebbero aver bisogno di più tempo.

Queste pagine sono dedicate interamente ai contributi dei lettori. Potete mandare articoli, lettere, domande, commenti, critiche, foto, poesie, disegni, blog… e chi più ne ha più ne metta! Si raccomanda per quanto possibile la brevità, per dare spazio a un maggior numero di contributi. Teniamo a precisare che titoli e sottotitoli presenti in queste pagine non sono degli autori delle lettere bensì a cura della redazione. Ci riserviamo di tagliare, se necessario, i testi ricevuti o di pubblicarli solamente online, sul sito www.terranuovaedizioni.it. Il materiale va spedito a: Terra Nuova dei Lettori, via Ponte di Mezzo 1, 50127 Firenze lettere@aamterranuova.it

Terra Nuova · maggio 2016

95


Ecovillaggi e cohousing: insieme è possibile! camente articoli, informazioni e appuntamenti legati a questo mondo. Chiunque vuole far conoscere il proprio progetto può inviarlo a ecovillaggiecohousing@gmail.com, e sarà pubblicato dopo un semplice accertamento. Per quanto riguarda la libera aggregazione c’è il forum: http://forum.aamterranuova.it, dove singoli o gruppi possono incontrarsi e scambiare idee, contatti e, come spesso succede, fissare un appuntamento «dal vivo» per dar vita a nuovi progetti. Più in generale, a mio avviso non mancano tanto le possibilità di inIN BREVE

l’omeopata risponde

Ma c’è davvero bisogno di frutta tropicale? Gentile redazione, ho letto la vostra inchiesta sul numero di marzo dal titolo «Banane a basso costo: a rimetterci sei anche tu» (a pag. 10, ndr), e mi chiedo: ma poi questa frutta tropicale farà veramente bene? Oggi non abbiamo solo le banane, ma molti altri tipi di frutta esotica. Quanti fruttariani ci sono tra gli ultracentenari? Per contro Xu-Yung ha vissuto 120 anni nutrendosi solo di crema di riso e lenticchie. Il sapore dolce mi dà l’impressione che indebolisca. Può essere adatto in climi tropicali, da noi non credo sia la cosa più sana. Mio padre, vissuto 86 anni – ma avrebbe potuto superare i cento se avesse bevuto meno vino – è morto con tutti i suoi denti, senza una carie, ma al massimo mangiava una mela, altra frutta proprio no. Maurizio Destro Benini in primo piano

Banane a basso costo: a rimetterci sei anche tu Dietro il basso costo delle banane si celano sfruttamento, negazione dei diritti umani, violenze e coltivazioni intensive ad alto impiego di pesticidi. Se le tutele ai produttori e all’ambiente vengono negate, non è possibile parlare di garanzie per nessuno, neanche per il consumatore.

Foto: © Oxfam Germany

di Giuditta Pellegrini

I

nsieme agli Stati Uniti, l’Europa è il principale importatore di frutta tropicale al mondo. Ogni anno vediamo arrivare sui banchi dei nostri supermercati tonnellate di frutta provenienti dall’altro capo del Pianeta, per addolcire i nostri pasti soprattutto nei periodi invernali, quando la varietà di frutta autoctona diminuisce. I più commercializzati sono l’ananas e, soprattutto, la banana, che con una produzione annua di 100 milioni di tonnellate è uno dei prodotti agroalimentari più venduti al mondo. Ma cosa c’è dietro questo imponente mercato?

La banana: simbolo dello sfruttamento Un’attenta analisi eseguita da AltroMercato e pubblicata a ottobre 20151 mostra come il frutto tropicale più esportato sia anche simbolo dello sfruttamento di risorse e di persone, che sottende al commercio agroalimentare della grande distribuzione organizzata (gdo). Secondo i dati forniti dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura)2, si parla di un volume d’esportazione a livello mondiale di oltre 16 milioni di tonnellate annue, un terzo delle quali destinate all’Europa. Terra Nuova · marzo 2016

96

www.terranuova.it

contro, quanto persone che abbiano una visione approfondita, ampia e seria di ciò che significa ecovillaggio o cohousing e che vi si dedichino con responsabilità e continuità. Infatti, per superare in concreto il modello autodistruttivo di cui parli, non basta cambiare i muri delle nostre case, ma rinnovare prima di tutto i mattoncini del proprio essere. A partire da maggio, poi, molti ecovillaggi e cohousing in Italia e in Europa apriranno le proprie porte per farsi conoscere e far conosce tra loro le persone interessate (vedi anche L’Eco del Mese, pag. 8). Puoi trovare un calendario aggiornato al seguente link: http://porteaperte.ecovillaggi.it

11

Per abbassare la pressione Sono un vostro abbonato e soffro da qualche settimana di pressione un po’ alta: 90-155 circa. Ho 70 anni e vorrei sapere se tra i libri che proponete ce n’è qualcuno che parla di come tenere sotto controllo la pressione seguendo un particolare stile alimentare, in quanto non vorrei ricorrere ancora alla pillola. [lettera firmata] Gentile lettore, la pressione alta risente di molti fattori che possono contribuire ad elevarla. Per prima cosa è bene evitare il sovrappeso, fare una moderata ma costante attività fisica, evitare il fumo e assicurare un’importante idratazione (cioè bere molta acqua). Oltre a questi principi, per così dire igienici, esistono molti rimedi fitoterapici utili ad abbassare la pressione sanguigna: il biancospino, l’Olea europea, la Rauwolfia serpentina e soprattutto un antico rimedio della nonna: l’aglio, ovviamente crudo. Oggi esistono anche delle pillole di aglio deodorizzato, al quale è stato tolto il retrogusto specifico, lasciando inalterate le sue proprietà. L’alimentazione deve prevedere una riduzione drastica di grassi animali ed essere invece ricca di vegetali freschi, crudi e di

Francesca Guidotti

Ecovillaggi e cohousing

segnaliIBro

dƒi letTori

segue da pag. 95

Dove sono, chi li anima, come farne parte o realizzarne di nuovi

ECOVILLAGGI e COHOUSING

Dove sono, chi li anima, come farne parte o realizzarne di nuovi di Francesca Guidotti cm 15 x 21 - cod. EA114 - pp. 272 - € 13,00 Acquista i libri di Terra Nuova Edizioni nel tuo negozio bio di fiducia (negoziobio.info), oppure compila il coupon a pag 99. Ordini online: www.terranuovalibri.it

a cura di Paolo Giordo, medico omeopata ATTENZIONE. Le informazioni contenute in questa rubrica sono intese a incoraggiare e non a sostituire il rapporto tra paziente e medico curante.

composti solforati (aglio, cipolla, porri, broccolo, cavolo crescione, ravanello, rucola ecc.).

Vitamina D: il sole è sufficiente? Gentile dottore, ho 60 anni, sono uno sportivo, ho la carnagione chiara, sono vegetariano da 30 anni e da 3 anni vegano. Il 10 dicembre ho fratturato la vertebra L1 e sono in ipovitaminosi D. Sto reintegrando con Dibase. Secondo l’ortopedico «il sole non riesce più a trasformare e fissare tale vitamina». Sarà vero? [lettera firmata] Gentile lettore, il sole è l’unica fonte di approvvigionamento per la vitamina D che viene trasformata attraverso il 7 deidrocolesterolo. Possiamo però dire che talvolta la quantità di vitamina D prodotta attraverso l’esposizione solare non è sufficiente, in quanto nelle stagioni non estive solo poca parte della nostra pelle è esposta ai raggi solari (quando ci sono) e viviamo in ambienti prevalentemente chiusi. Per questo, talvolta dovremmo integrare la vitamina D con preparati galenici o farmaceutici. Questo in particolare quando il fabbisogno aumenta con l’avanzare dell’età, al pari di una sua ridotta assimilazione.

Mandate le vostre domande a lettere@aamterranuova.it o scrivendo a: Terra Nuova Edizioni - rubrica «Il medico risponde», via Ponte di Mezzo 1, 50127 Firenze.


Una libreria per amica www.terranuova.it/librerieamiche Nasce il circuito delle «Librerie amiche di Terra Nuova»

S

ono sempre più numerosi i lettori che chiamano in redazione perché non trovano i nostri titoli in libreria. Le ragioni sono tante. Ogni anno in Italia vengono pubblicati 62 mila nuovi libri, che si aggiungono agli oltre 800 mila titoli in commercio, una quantità enorme di volumi che richiederebbe librerie grandi quanto un campo sportivo. A questo va aggiunta la pressione per mettere in bella mostra i grandi bestseller internazionali e l’interesse

delle librerie di catena di promuovere i titoli dell’editore proprietario. È evidente che in queste condizioni, a essere penalizzate sono soprattutto le piccole case editrici come la nostra, la cui unica forza consiste nella validità e originalità dei testi. Se le librerie di catena si stanno trasformando sempre di più in bazar, sono ancora tanti i librai che continuano a svolgere il loro lavoro con impegno e passione selezionando con cura i titoli messi in vendita. Tra

questi, sono numerosi coloro che hanno imparato nel tempo ad apprezzare i nostri libri, dedicando ad essi uno spazio significativo e scegliendo così di diventare una «Libreria amica di Terra Nuova». Ecco dunque un primo elenco di queste librerie, dove oltre a trovare un vasto assortimento di nostri titoli, siamo sicuri che potrete contare su un libraio amico e tanti libri per allargare i vostri orizzonti e, perché no, cambiare in meglio la vostra vita.

LIBRERIE AMICHE DI TERRA NUOVA ASCOLI PICENO

MACERATA

ROMA

• Libreria Rinascita, piazza Roma 7

• Libreria Binario Zero, piazza Don Minzoni 8,

• Libreria Scritti e Manoscritti, via Ancona 180 • Libreria Società Termini

BERGAMO • Libreria Liber, c/o Confersercenti Bergamo,

via Guido Galli 8

BOLZANO • Libreria-cartoleria Cappelli Atesina,

piazza Vittoria 41

CAGLIARI • Libreria Mieleamaro, via Manno 88

CANTON TICINO • Il Segnalibro, via Pioda 5, Lugano • Libreria Taborelli, via Camminata, Bellinzona

COMO • Fabiolibri, via Burgo 2/a

San Severino Marche

MILANO • Libreria Hoepli, via Hoepli 5 • Libreria Gruppo Anima, Galleria Unione 1,

piazza Missori • Libreria Aleph, stazione Metro Lima • Libreria della Natura, Corso Magenta 48 • La Libreria dei Ragazzi, via Tadino 53 • Libreria Rizzoli, Galleria via S. Pellico 8 • Libreria Cortina, Largo Richini 1

c/o Termini Sottovia Cappellini

SASSARI • Libreria Nuove Messagerie Sarde,

piazza Castello 11

SIENA • Libreria La Martinella, piazza B. Scala

TORINO • Libreria Volare, via Chiappero 4

MODENA

TREVISO

• Libreria Fenice, via G. Mazzini 15 • Libreria Il Gabbiano, piazza Papa Giovanni Paolo II 1,

• Centro Biblioteche Lovat, via Newton 13 • Libreria Becco Giallo, via Umberto I 27 • Libreria Canova, Piazzetta Lombardi 1

NOVARA

• Libreria Lovat, viale XX Settembre 20

MONZA BRIANZA Vimercate

TRIESTE

CUNEO

• E.P. Books, viale Marazza 16

• L’Ippogrifo Book Store, Corso Nizza 1

UDINE

PIACENZA

• Libreria Moderna Udinese, via Cavour 13

• L’Ippogrifo, piazza Europa 3

• Centro Librario Romagnosi, vicolo S. Apollonia 11 • Libreria Internazionale Romagnosi,

FIRENZE • Libreria Rinascita, via Ridolfi 53

via Emilia Pavese 105

PORDENONE

• Libreria Florida, via F. Corridoni 32r

• Libreria Al Segno, Vicolo del Forno 2

GENOVA

REGGIO EMILIA

• L’amico ritrovato, via Luccoli 98

• Libreria All’Arco, via S. Stefano 3B

VENEZIA • Libreria Moderna, via XIII Martiri 7,

San Donà di Piave

VICENZA • Libreria Palazzo Roberti, via J. Da Ponte 34,

Bassano del Grappa

• Libreria Bortoloso, piazza Rossi 10, Schio

Se sei un libraio e vuoi entrare nel circuito, scrivici a ufficiodistribuzione@aamterranuova.it, tel 0553215729 int. 2 Oltre che in libreria, i libri di Terra Nuova Edizioni si trovano anche in oltre 1200 punti vendita di alimenti biologici, prodotti del commercio equo e solidale, associazioni, ristoranti e agriturismi bio: vedi www.negozibio.info Terra Nuova · maggio 2016

97


ULTIME USCITE

PER 15% DIGLISCONTO ABBONATI NOVITÃ&#x20AC; Raffaella Fenoglio

Abbasso s lâ&#x20AC;&#x2122;i lâ&#x20AC;&#x2122; â&#x20AC;&#x2122;in in ndi dicce dic gli gl g liice lic ce emic ico o! 70 riccette pe er conten nere lâ&#x20AC;&#x2122;IG l IG G mangia ando be ene i BI B ricettari

ABBASSO Lâ&#x20AC;&#x2122;INDICE GLICEMICO! 70 ricette vegetariane che vi permettono di contenere lâ&#x20AC;&#x2122;indice glicemico senza rinunciare alla buona cucina di Raffaella Fenoglio cm 19 x 23 - cod. EA193 pp. 120 - â&#x201A;¬ 13,50 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,48)

PER 10% DII NONSCONTO ABBONATI

www.nonunlibroqualunque.it NOVITÃ&#x20AC; ALESSANDRA CREMONINI

ricette di GIULIANA LOMAZZI

Nichel Consigli e ricette per affrontare intolleranza e allergia

â&#x20AC;¢ L A

S A L U T E

N E L

Pasquale Bo oscarello

il GR RAND E libro o dellaa

CURARE GLI ALBERI DA FRUTTO SENZA CHIMICA

France



Fitosanitari, macerati, trappole e altre soluzioni bio per coltivare senza veleni di Francesco Beldì cm 14,5 x 21 - cod. EA187 pp. 182 - â&#x201A;¬ 14,00



C 

AL

 F 

  CHIMICA   Fitosanitari,, trappole, pp , maceraati e altre soluzioni per p coltiivar a e senza veleni

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

i BI ricettari

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,48)

Dai primi piatti ai des D ssert: 70 ricette gu ustose e originali

i BI B ricettari

VEGAN Licia Calia

Ba aby Ve egan g ga an Chef LLA A CU CUCI CIINA CINA AA ALLLLE LE EGR GRA CON CON I BA BAMBI MBIIN NII

Gustose e originali ricette, dai primi ai dessert, per portare in tavola piatti inconsueti a base di frutta, fiori e germogli di Antonio Zucco cm 19 x 23 - cod. EA188 pp. 120 - â&#x201A;¬ 13,50

BABY VEGAN CHEF Per cucinare insieme ai bambini piatti colorati, sani e gustosi, privi di prodotti di origine animale di Licia Calia cm 19 x 23 - cod. EA190 pp. 120 - â&#x201A;¬ 13,50 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,48)

i BI ricettari

ALLATTARE SECONDO NATURA

Una poetica favola ecologista che racconta le disastrose conseguenze dellâ&#x20AC;&#x2122;abbandono dei rifiuti in un bosco

UNA FAAVOLA ECOLOGGICA DA INVEN V TARE E COLOORARE

FRUTTA E FIORI IN CUCINA

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,48)

CHI Ã&#x2C6; STATO?

IL GRANDE LIBRO DELLA PASTICCERIA Ch Ch hii è sta stta ato at ato? to? o?? NATURALE Per soddisfare la voglia di dolce con ingredienti vegetali, bio e salutari di Pasquale Boscarello cm 19 x 23,5 - cod. EA179 pp. 120 - â&#x201A;¬ 13,50

Antonio Zucco

P I AT T O â&#x20AC;¢

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,05)

VEGAN

Consigli e ricette vegetariane per affrontare intolleranza e allergia con piatti gustosi e sani

NOVITÃ&#x20AC;

di A. Cremonini, ricette di G. Lomazzi - cm 19 x 19 cod. EA191 - pp. 120 - â&#x201A;¬ 14,00 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

TRE ALBERI PER BRUNO Prendendosi cura dei suoi tre alberelli, Bruno impara a conoscere la natura e a nutrire il proprio amore per lâ&#x20AC;&#x2122;ambiente di M. T. Rossler e B. Baldi cm 21,7 x 25 - cod. EA192 pp. 32 - â&#x201A;¬ 13,00

NICHEL

Quello che non vi hanno mai detto sullâ&#x20AC;&#x2122;allattamento al seno: dal pre-parto alle prime poppate, fino allo svezzamento naturale guidato dal bambino di Veronika Sophia Robinson cm 15 x 21 - cod. EA047 pp. 280 - â&#x201A;¬ 13,00

di Magdalena Armstrong Olea - cm 30 x 21,5 cod. EA173 - pp. 48 - â&#x201A;¬ 14,00 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

anche in ebook: EB009 - â&#x201A;¬ 7,49

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,05)

Thich Nhat Hanh

Lâ&#x20AC;&#x2122;ARTE DI LAVORARE IN CONSAPEVOLEZZA

Lâ&#x20AC;&#x2122;arte Come vivere con gioia e di lavorare presenza mentale ogni in consapevolezza momento della giornata Come vivere con gioia e presenza mentale ogni momento della giornata

di Thich Nhat Hanh cm 15 x 21 - cod. EA160 pp. 140 - â&#x201A;¬ 14,00

SHAMPOO, LOZIONI E TINTE i FAI DA TE n io z lo , o Shampo SYL VIE

IAN HAM PIK

e ALE XAN

ROG DRA PER

ON

E

AI DA T e tinte F

80 RIC

CAP ELL A DEI LA CUR ETT E PER

ING RED I CON

IEN TI

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

Aldo La Spina

Emozioni a sei zampe

Educare il cane ed educarsi con lâ&#x20AC;&#x2122;apprendimento emozionale.

EMOZIONI A SEI ZAMPE Educare il cane ed educarsi con lâ&#x20AC;&#x2122;apprendimento emozionale di Aldo La Spina cm 15 x 21 - cod. EA081 pp. 200 - â&#x201A;¬ 13,00

NAT URA

LI

80 ricette per la cura dei capelli con ingredienti naturali di S. Hampikian e A. Perrogon cm 19 x 23,5 - cod. EA175 pp. 120 - â&#x201A;¬ 14,00

Francesco Beldì

Difenderelâ&#x20AC;&#x2122;orto

con i rimedi naturali Fitosanitari, macerati, trappole e altre soluzioni bio per coltivare senza veleni

Lâ&#x20AC;&#x2122;ORTO

Claudio Naranjo

Lâ&#x20AC;&#x2122;orto senzâ&#x20AC;&#x2122;acqua SENZâ&#x20AC;&#x2122;ACQUA Coltivare bio con il cippato per risparmiare acqua, petrolio e lavoro.

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,05)

La tecnica del cippato in agricoltura, per risparmiare acqua, petrolio e lavoro di Jacky Dupety cm 14,5 x 21 - cod. EA084 pp. 168 - â&#x201A;¬ 13,00 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,05)

Traduzione e cura di Philippe Lemoussu

Fitosanitari, macerati, trappole e altre soluzioni bio per coltivare senza veleni di Francesco Beldì cm 14,5 x 21 - cod. EA167 pp. 168 - â&#x201A;¬ 13,00 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,05)

(per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

Jacky Dupety

DIFENDERE Lâ&#x20AC;&#x2122;ORTO CON I RIMEDI NATURALI

La rivoluzione che stavamo aspettando Ecologia profonda, educazione etica e consapevolezza per vivere la crisi come rinascita

LA RIVOLUZIONE CHE STAVAMO ASPETTANDO Ecologia profonda, educazione etica e consapevolezza per vivere la crisi come rinascita di Claudio Naranjo cm 15 x 21 - cod. EA137 pp. 216 - â&#x201A;¬ 14,00 (per gli abbonati â&#x201A;¬ 11,90)

Cerca i libri di Terra Nuova Edizioni nei negozi bio (negoziobio.info) e in libreria, o richiedili direttamente a: Editrice Aam Terra Nuova, via Ponte di Mezzo 1 â&#x20AC;¢ 50127 Firenze â&#x20AC;¢ tel 055 3215729 â&#x20AC;¢ libri@aamterranuova.it

SPEDIZIONE GRATIS A PARTIRE DA â&#x201A;¬ 20 DI SPESA

www.terranuovalibri.it


IN REGALO CON L’ABBONAMENTO

Puoi consultare il catalogo completo e ordinare anche su www.terranuovalibri.it

GENUINO CLANDESTINO genuino clandestino Viaggio tra le agri-culture resistenti ai tempi delle grandi opere TESTI DI MICHELA POTITO E ROBERTA BORGHESI FOTOGRAFIE DI SARA CASNA E MICHELE LAPINI

POSTFAZIONE DI WU MING 2

la Salute Paolo Giordo

Viaggio tra le agri-culture resistenti ai tempi delle grandi opere di M. Potito e R. Borghesi Foto di S. Casna e M. Lapini postfazione di Wu Ming 2 cm 19 x 23,5 - cod. EA168 pp. 270 - € 18,00 (per gli abbonati € 15,30)

VEGAN Antonio Zucco Giuliana Lomazzi

Estratti, centrifugati, smoothies e tisane

Bevande naturali fai da te per un pieno di salute

i ricettari

Ipertensione

Prevenire e curare con il cibo

Ricette semplici e gustose per affrontare e sconfiggere l’ipertensione a tavola

ricette di Giuliana Lomazzi

Cristina Michieli

IPERTENSIONE Prevenire e curare con il cibo

Cucina naturale in 30 minuti

Ricette vegetariane, semplici e gustose, per affrontare e sconfiggere l’ipertensione a tavola

di Paolo Giordo - cm 19 x 19 cod. EA126 - pp. 120 - € 14,00 (per gli abbonati € 11,90)

ESTRATTI, CENTRIFUGATI, SMOOTHIES E TISANE Una miniera di vitamine, enzimi e sali minerali dalla frutta e dalla verdura fresca



nel Piatto

a colori 

25

menu vegetariani a base di prodotti di stagione

NATURALMENTE BIMBO

Poco tempo da spendere ai fornelli? Cristina Michieli, esperta di cucina naturale, con i suoi semplici menu porta in tavola piatti di stagione completi ed equilibrati con il piacere di un piccolo dolce a fine pasto, il tutto in 30 minuti. Una tabella di marcia scandisce i tempi di preparazione e sollecita una buona organizzazione in cucina. IN OMAGGIO a chi si abbona, rinnova o riceve in regalo l’abbonamento a Terra Nuova.

Manuale pratico per la salute e il benessere del bambino da 0 a 3 anni, con menu e ricette settimanali per lo svezzamento a cura della redazione cm 15 x 21 - cod. EA002 pp. 176 - € 13,00

Manuale pratico per la salute e il benessere del bambino da 0 a 3 anni con i menu e le ricette settimanali per lo svezzamento naturale

Antonio Amodei, Michelle Bièse Piero Caneti, Milena Casadei Daniela Fornara, Enrico L. Frontini Monica C. Gallo, Barbara Grandi Olivia Greco, Simona Mezzera Catia Trevisani, Mimmo Tringale

di A. Zucco e G. Lomazzi - cm 19 x 19 cod. EA165 - pp. 120 - € 13,00 (per gli abbonati € 11,05)

Visita www.terranuovalibri.it, accedi alla voce «Abbonamenti» e scopri tutte le proposte di abbonamento. Per maggiori informazioni: Valentina, tel 055 3215729 (int.1) abbonamenti@aamterranuova.it

(per gli abbonati € 11,05)

GLI EBOOK DI TERRA NUOVA Acquista i nostri ebook su

ebook.terranuovalibri.it

SEDERSI IN CONSAPEVOLEZZA

%

Un’agile guida per praticare con successo e consapevolezza la presenza mentale di Thich Nhat Hanh ePub/mobi senza DRM cod. EB022 - € 7,99 ED. CARTACEA: EA170 - € 10,00

la Salute

Michela Trevisan

nel Piatto

Manuale dei cibi fermentati

Come preparare olive in salamoia, sidro, kefir, dosa, formaggio di mandorle, insalatini e tanti altri alimenti fermentati dalle elevate proprietà nutrizionali

(per gli abbonati € 8,50)

MANGIARE IN CONSAPEVOLEZZA

Come preparare olive in salamoia, sidro, kefir, dosa, formaggio di mandorle di Michela Trevisan ePub/mobi senza DRM cod. EB029 - € 7,99 ED. CARTACEA: EA133 - € 14,00

Mastica il tuo cibo, non le tue preoccupazioni: consigli e pratiche per consumare un pasto in consapevolezza di Thich Nhat Hanh ePub/mobi senza DRM cod. EB027 - € 7,99 ED. CARTACEA: EA185 - € 10,00

(per gli abbonati € 11,90)

(per gli abbonati € 8,50)

Compila il coupon e invialo via fax allo 055 5390109 o per posta. Riceverai a casa tua i libri ordinati.

 Sottoscrivo l’abbonamento a Terra Nuova e pertanto ho diritto a ricevere in omaggio il libro Cucina naturale in 30 minuti

FORMA DI PAGAMENTO

Cristina Michieli

Cucina naturale in 30 minuti

 Sì, sottoscrivo l’abbonamento annuale (11 numeri) al mensile Terra Nuova al prezzo di €

CODICE 25 menu vegetariani a base di prodotti di stagione

 Versamento sul c/c postale n°69343903 intestato a: Editrice Aam Terra Nuova srl, via Ponte di Mezzo 1 50127 Firenze di cui allego ricevuta  Assegno bancario intestato a: Editrice Aam Terra Nuova srl, via Ponte di Mezzo 1, 50127 Firenze  Contrassegno (pagamento al corriere)

COMPILA E INVIA CON COPIA DEL VERSAMENTO

tramite posta, fax 055 5390109 oppure a libri@aamterranuova.it Nome ......................................................................................................................................

.............. .............. .............. .............. ..............

..............

C.A.P. ..................... loc. ...........................................................................................................

..............

P.iva o Cod.Fiscale ...........................................................................................................  RICHIEDO L’INVIO DI FATTURA

N° COPIE

..............

via ....................................................................................................................... n°...............

(obbligatoria per

PREZZO NON ABBONATI 10%

..............

..............

email l’acquisto di ebook) .........................................................................................................

PREZZO ABBONATI 15%

..............

Cognome ..............................................................................................................................

prov. ............... tel. .........................................................................................................

38,00

 Sì, desidero ordinare i seguenti libri:

TOTALE SCONTATO ACQUISTO LIBRI

+ € 3,50 di spese di spedizione (se la spesa totale è inferiore a 20,00 €) EVENTUALE ABBONAMENTO A TERRA NUOVA

TOTALE DA PAGARE

TOTALE

Se si sottoscrive l’abbonamento, riportare l’importo nel campo indicato dalla freccia prima di calcolare il totale

I tempi di consegna sono di circa 72 ore. Per ordini di almeno € 20,00 (in libri) non si pagano le spese di spedizione pari a € 3,50.

maggio 16

MANUALE DEI CIBI FERMENTATI


Spunti di vista di Alexis Myriel

H

De Niro, i vaccini e la censura A FATTO IL GIRO DEL MONDO LA NOTIZIA

che l’attore Robert De Niro aveva inserito nel programma del Tribeca Film Festival, tenutosi in aprile e di cui è co-fondatore, il documentario Vaxxed: from cover up to catastrophe1, incentrato su interviste a insider di Big Pharma, medici, politici, familiari di bambini danneggiati dai vaccini, e sull’attuale «epidemia» di autismo. La pellicola contiene anche la confessione dello scienziato William Thompson dei Centers for disease control and prevention (Cdc) americani, che ammette l’omissione di dati cruciali in uno studio del 2004 sul vaccino morbillo-parotite-rosolia. Apriti cielo! Si sono scatenate pressioni tali da indurre l’attore a cancellare il docu-film dal programma. Ha scritto il giornalista Liam Scheff: «Non è che il film sia antiscientifico; è che la scienza è anti-Cdc», frecciata che potrebbe spiegare la ragione della crociata censoria che De Niro pare abbia subito. Pare è forse il termine giusto da usare, come spiega il Global freedom movement2 (Gfm). Vaxxed ha tutte le caratteristiche (non ultima la firma come regista del criticato gastroenterologo Andrew Wakefield) per essere censurato. Possibile che De Niro sia così ingenuo da non immaginarlo? Poco dopo l’annuncio del film al Tribeca la comunità pro vaccini ha imbracciato le armi, mentre la comunità pro trasparenza ha difeso la «coraggiosa» scelta dell’attore. De Niro ha spiegato: «Grace e io abbiamo un figlio autistico e crediamo sia indispensabile che tutte le questioni intorno alle cause dell’autismo vengano apertamente discusse ed esaminate». Pochi giorni più tardi De Niro ha annunciato: «Dopo avere rivisto il film con il team del Tribeca e altri della comunità scientifica, non crediamo contribuisca alla discussione». Le critiche si sono concentrate sulla figura di Wakefield, accusato di aver fatto credere con dati contestati che esistesse un legame tra autismo e vaccini. Ma nulla è stato detto sui fatti: i Cdc hanno omes-

100

www.terranuova.it

so i dati di uno studio per nascondere il legame causale tra autismo e vaccino morbillo-parotite-rosolia. Thompson accusa i Cdc di frode, i Cdc si difendono; un fatto che dovrebbe essere al centro dell’attenzione. Del Bigtree, produttore di Vaxxed (e vincitore dell’Emmy Award per il giornalismo scientifico), malgrado il rischio che la cosa danneggiasse la sua carriera, ha detto: «Ho visto i dati che l’informatore dei Cdc ha consegnato e ho realizzato che avevo sotto gli occhi probabilmente la più grossa storia della mia vita. Come giornalista, ho capito che la doveva raccontare». È dunque credibile che De Niro abbia deciso con leggerezza? «E se avesse sempre saputo che il film non sarebbe mai stato proiettato poiché gli sponsor del festival hanno sempre l’ultima parola?» scrive il Gfm. Tra i partner e sponsor troviamo: la Sloan Foundation, guidata da Paul Joskow, membro del Council on Foreign Relations; la Rockfeller Foundation; The John D. and Catherine T. MacArthur Foundation, che ha sostenuto progetti come il film documentario Ending Aids: the search for a vaccine e Polio – The last word; Bill and Melinda Gates Foundation, che da anni finanzia programmi di vaccinazione. «Pare ridicolo pensare che un festival finanziato da fondazioni legate all’industria farmaceutica e alle vaccinazioni avrebbe mai permesso la proiezione di un simile film» si legge nella riflessione di Gfm. «E se De Niro avesse usato il festival come opportunità per dare copertura mediatica a un film importante che altrimenti sarebbe stato condannato all’oscurità? E se si fosse trattato di una mossa deliberata per portare l’attenzione sulla corruzione e la censura in America, il paese delle «libertà?». Una cosa è certa: Vaxxed: from cover up to catastrophe, così, è arrivato in tutto il mondo. l 1. http://vaxxedthemovie.com 2. http://globalfreedommovement.org/vaxxed-robert-de-niro-hero-

vaccine-documentary


Emulsion 40 Regina della notte la crema anti-age Bio che rigenera durante il sonno con 40% Rosa Mosqueta www.mosquetas.com mag+60nero



Terra Nuova Maggio 2016 COPIA OMAGGIO INTEGRALE