Page 1

www.temponews.it tempo.carpi

a soli € 0,50 in edicola

Settimanale di

@Tempo_di_Carpi

venerdì 23 maggio 2014 anno XV - n. 20

attualità, cultura, spettacolo, musica, sport e appuntamenti

Spedizione in Abbonamento Postale Regime libero Modena tassa riscossa, Tax percue. Autorizzazione della Filiale di Modena Poste Italiane spa

buon complEANNO

RADIO BRUNO!

?

il 10 giugno tutti in piazza martiri

Speciale amministrative Tutto quel che c’è da sapere in vista dell’appuntamento elettorale del 25 maggio.

Ve rri n

os

Er

g or Gi

io

i

Ga

dd

i

Ro sto v

daniela dallavalle premia gli studenti del liceo fanti

n

ov att i

Be na tt

ia

ra R

rt o

is t Cr

Sa

Be lle lli

be Ro

be Al

rt o

quartiere in festa col circolo graziosi il 24 e 25 maggio

i

l’ausl deve ridarci i posti entro il 2014

i

chi sarà il prossimo Sindaco? CLIMATIZZAZIONE

REFRIGERAZIONE

www.zannonicarpi.it Zannoni Refrigerazione Climatizzazione

Centro Assistenza Autorizzato

Il tuo clima ideale! detrazione fiscale al 50% e 65%

ASSISTENZA TECNICA

Preventivi e sopralluoghi gratuiti

POMPE DI CALORE

Via Muratori, 55 - Carpi - Tel e Fax 059 6 1 3 4 9 9 7 - C e l l . 3 3 5 7 7 6 9 6 9 1 - e - m a i l : z a n n o n i . e @ l i b e r o . i t


venerdì 23 maggio 2014

2

anno XV - n. 20

Tra le righe...

Le elezioni e il terremoto dimenticato

N

on serve rievocare gli eventi del 20 e del 29 maggio di due anni fa perché ognuno di noi ne serberà vivo il ricordo per sempre. Non dimenticheremo con chi abbiamo sopportato le scosse, né quale sia stato il nostro primo pensiero, quanto abbiamo dormito fuori casa e quali disagi abbiamo affrontato. Oggi il pensiero corre a chi è ancora senza un tetto sopra la testa, costretto in affitto o in un Map in attesa, si spera, che partano i lavori di ricostruzione della propria casa. C’è chi ha rinunciato alla speranza di potervi mai rientrare. Sul prossimo numero di Tempo un ampio servizio sarà dedicato al terremoto. A fare il bilancio a due anni dal sisma è stato qualche giorno fa il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani: oltre 4 miliardi messi in campo per l’emergenza, per l’avvio della ricostruzione e il rilancio dell’economia; sette famiglie su dieci tornate a casa; 215 lavoratori in cassa integrazione rispetto ai 40mila iniziali. “Questo terremoto - ha detto Errani - costerà quello che avevamo previsto costasse. E i tempi della ricostruzione non saranno più lunghi rispetto a

quelli di altri che hanno dato buoni risultati finali”. Criptico, ma aspettiamo di vedere quando termineranno i lavori di ripristino dell’ultima abitazione danneggiata dal sisma prima di cantare vittoria. A oggi le famiglie che percepiscono un sostegno, trovandosi in soluzioni provvisorie, sono complessivamente 5.831 (le cui abitazioni per l’80% con danno E, che prevede una

Il graffio

riparazione più complessa e con tempistiche lunghe). Per quel che riguarda le imprese, gli interventi di ricostruzione si sono concentrati per oltre il 60% nei comuni di Concordia, Cavezzo, Finale Emilia, Mirandola, Medolla, Novi e San Felice sul Panaro. La maggior parte riguarda gli immobili (circa il 76% del totale), a seguire i progetti per il ripristino dei beni strumentali (13%), la ricostituzione delle scorte (7%) e la delocalizzazione temporanea (4%). Si tratta prevalentemente di imprese di piccole e medie dimensioni (67%). La maggior parte dei progetti non oltrepassa i 500.000 euro di contributo (79%), mentre 8 superano la soglia dei 10 milioni, che da soli rappresentano oltre il 50% dei contributi concessi. Vi è una netta prevalenza della meccanica, seguita dal settore agricolo e immobiliare. Quasi tutte le imprese sono riuscite a non interrompere completamente l’attività produttiva, attraverso

soluzioni temporanee di delocalizzazione o distribuzione delle commesse alla propria rete di imprese collegate o in collaborazione, attenuando così l’impatto in ambito occupazionale. “Non abbiamo nessuna ambizione di lodare il lavoro svolto – ha detto Errani - anzi affrontiamo i problemi che non mancano e non vengono nascosti: però va reso giustamente conto alla nostra comunità del lavoro fatto. Ed è stato un lavoro compiuto in modo integrato con le Prefetture, le Forze dell’Ordine, la Protezione civile e i volontari. Abbiamo dimostrato che questo è possibile, con le istituzioni al centro di ogni decisione condivisa”. Le vicende abruzzesi, invece, avevano dato adito a diversi dubbi sulla capacità delle istituzioni di gestire la ricostruzione: a L’Aquila la propaganda si è mescolata ai dati reali su tempi e costi della ricostruzione dopo il terremoto. Per questo le ombre a distanza di cinque anni si allungano raccontando l’ennesima vergogna italiana. Ora saranno le elezioni a giudicare il lavoro svolto in Emilia Romagna: il 25 maggio è un banco di prova per le Amministrazioni del cratere.

Sara Gelli

Foto della settimana

La Iena

Moduli vuoti da oltre un anno e parcheggio non utilizzabile

La silente processione religiosa del Patrono ha boicottato Piazza Martiri. Chi l’ha fatta deviare? Frase della settimana...

“I primi 1.000 clienti che aderiranno alla nuova offerta per i mutui casa di Bper riceveranno in regalo un televisore Samsung 32 pollici”. Dal comunicato di Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

attualità, cultura, spettacolo, musica, sport e appuntamenti

DIRETTORE RESPONSABILE Gianni Prandi CAPOREDATTORE Sara Gelli REDAZIONE Jessica Bianchi, Federica Boccaletti, Francesca Desiderio, Enrico Gualtieri, Francesca Zanni, Marcello Marchesini, Clarissa Martinelli, Chiara Sorrentino.

IMPAGINAZIONE e GRAFICA Liliana Corradini

PUBBLICITA’ Multiradio - 059.698555

STAMPA Centro stampa delle Venezie - 049-8700713

REDAZIONE e AMMINISTRAZIONE Via Nuova Ponente, 24/A CARPI Tel. 059 645566 - Fax 059 642110 tempo@radiobruno.it COOPERATIVA RADIO BRUNO arl Registrazione al Tribunale di Modena N. 1468 del 9 aprile 1999 Chiuso in redazione il 21 maggio 2014


A

pochi giorni dalle Amministrative del 25 maggio, i cittadini come pensano dovrebbe essere il nuovo sindaco? Si sentono rappresentati da qualcuno dei candidati in corsa? Mentre la campagna elettorale entra nel vivo per i sei aspiranti, il clima che si respira in città non è dei più surriscaldati. An-

venerdì 23 maggio 2014

Si vota ma Il sindaco che vorrei non sembra Abbiamo chiesto ai carpigiani quale sia la città dei sogni e chi, tra i candidati, sarà capace di apportare un cambiamento

dando in giro per Carpi, si ha la percezione che i più siano poco interessati alle vicende elettorali: la sfiducia verso la classe politica è talmente radicata che più che le

discussioni, i dibattiti o i confronti fra le proposte programmatiche, ciò che forse segnerà maggiormente la tornata elettorale sono la rassegnazione e l’indifferenza di molti. Il

Paola

“La sicurezza prima di tutto”

“Vorrei che Carpi diventasse una città maggiormente a misura di bambino. Più sicura e controllata. Il tema del degrado urbano sta diventando sempre più stringente: evitare le ghettizzazioni è fondamentale per aumentare la qualità della vita ed evitare focolai potenzialmente pericolosi per l’ordine pubblico. La prossima Amministrazione dovrebbe prestare attenzione al tema del lavoro: incentivando l’arrivo di nuove imprese e sostenendo coloro che qui operano da anni. Centrale anche il tema del sostegno alle fasce più fragili, attraverso politiche sociali mirate e attente ai bisogni crescenti che la crisi acuisce ogni giorno. Anche la viabilità è un nodo scoperto: troppe buche sulle strade, attraversamenti pedonali poco sicuri e piste ciclabili monche. Il lavoro da fare è tanto”. Sfiduciata dai partiti e dalla politica tradizionalmente intesa, Paola si dichiara “a favore di una lista civica. Forse un gruppo di cittadini motivati può fare molto più di un partito. Di certo i candidati sindaco di questa tornata elettorale non mi rappresentano in alcun modo”. 38enne carpigiano

38enne carpigiana

“Ci sono talenti da valorizzare”

“Aspetto un sindaco donna”

“Occorre riportare il lavoro in città, creando le condizioni favorevoli per richiamare investitori e imprenditori nel nostro territorio. Una città più appetibile per le imprese creerebbe maggiori posti di lavoro e una qualità della vita più alta. Inoltre credo sia essenziale sfruttare di più le potenzialità culturali che Carpi possiede: qui ci sono talenti musicali (e non solo) a dir poco straordinari che non vengono nemmeno presi in considerazione e lasciati a loro stessi”. Alla domanda pensi possa cambiare qualcosa dopo il voto del 25? La risposta è laconica: “non ho molta fiducia nella politica carpigiana”. Cristiano Giuntoli, ds del Carpi Calcio

“L’impiantistica è fondamentale”

Per la città è fondamentale investire. Poi non c’è solo il problema della struttura del Cabassi. A Carpi manca un campo sintetico: si dovrà veramente volgere l’occhio a certi tipi di impianti fondamentali, non solo per la crescita dei bambini del Carpi calcio, ma anche per tutti i giovani carpigiani. Vorrei comunque sottolineare come pensare ora il Carpi in Serie A non dico sia utopico, ma quasi. Dobbiamo considerare la nostra Serie A il campionato cadetto”.

nuovo sindaco, tra le tante sfide che dovrà affrontare, avrà anche questa: ridare ai cittadini la voglia di esserci, di partecipare e di progettare insieme il futuro della città. Mirca

“Non mi sento rappresentata”

Carpi avrà presto un nuovo sindaco e una nuova Amministrazione, ma cosa manca a Carpi per essere all’altezza della Serie A? “Vorrei innanzitutto ringraziare il sindaco uscente, Enrico Campedelli, e l’assessore C. Alberto D’Addese i quali si sono sempre adoperati per il bene della squadra. E’ noto che a Carpi abbiamo il grosso problema delle strutture sportive. Lo stadio è vecchio: sono state realizzate solo due ristrutturazioni negli ultimi 5 anni.

anno XV - n. 20 3

“Vorrei vedere un progetto a lungo termine e non ascoltare soltanto proclami da campagna elettorale. Occorrono maggiore attenzione al cittadino e più servizi. La vicenda relativa alla presenza delle fibre di amianto nell’acqua è stata gestita in modo a dir poco scandaloso: dalla mia amministrazione mi aspetto la massima trasparenza e informazione. Infilare la testa sotto la sabbia non è certo il giusto atteggiamento. Credo in un’amministrazione che lavora insieme ai cittadini a pari livello”. E sul fronte sindaco? “Il sindaco che vorrei non è certo tra i sei candidati. Aspetto il momento in cui Carpi avrà un sindaco donna di spessore e contenuto. Avrei votato volentieri per l’onorevole Manuela Ghizzoni: è questa la gente che vorrei guidasse la città. Più competenza e meno partito”.

“In città c’è molto da cambiare. Le strade sono dissestate in numerosi punti e i marciapiedi potrebbero essere molto più puliti. La gente dovrebbe avere più rispetto per le parti comuni e non gettare la propria sporcizia a terra. Il problema maggiore per quanto mi riguarda è rappresentato dal degrado urbano. Ci sono troppi questuanti, spesso molesti, che importunano le persone anziane e indifese. E’ vergognoso. Nei giorni di mercato sono ovunque, i Vigili Urbani dovrebbero controllare di più e allontanarli. Già a partire dall’imbrunire, io non mi sento più sicura a camminare da sola per strada. Un tempo non era così. Gli episodi di scippi si sono moltiplicati e io ormai non cammino più con dei contanti nel portafogli, mentre le chiavi di casa le tengo ben strette in tasca. Vorrei nuovamente sentirmi sicura ecco cosa chiederei al nuovo sindaco a prescindere da chi verrà eletto”. Giovanna

“Devo ancora informarmi” “Confido che Carpi diventi sempre più una città amica dei bambini e delle bambine e spero che si perseguano delle politiche tese a rilanciare maggiormente l’economia del territorio e, in particolare, del commercio del centro storico”. Sul fronte voto però, la signora Giovanna non ha ancora le idee chiare: “devo ancora informarmi. Leggerò i programmi dei candidati e deciderò cosa votare”.

Pino

“Abbatterei il Torrione degli Spagnoli” “Se fosse per me abbatterei il Torrione degli Spagnoli e ci farei un piccolo parco. In questo modo cambierebbe lo sky line: da Piazza Martiri si vedrebbe svettare la Torre della Sagra e taglieremmo i costi di gestione. Quando le risorse sono poche, occorre ottimizzarle: si chiama efficienza. Non è detto che ogni pietra e ogni muro debbano essere custoditi per forza: focalizziamoci sul vero patrimonio storico del nostro Paese, indirizziamo lì le risorse, affinché non caschi più a pezzi”.

di Gianni Prandi, direttore

M

eno di due giorni al voto e sembra che si tratti di un passaggio elettorale che riguarda qualcun altro. Affermare che la campagna elettorale quest’anno è sottotono è dire poco, probabilmente perché la comunicazione diventa importante solo negli ultimi giorni, quelli a ridosso del voto: il concetto è semplice e non ha bisogno di troppe spiegazioni. Se invece si vuole ottenere la fiducia della gente non basta il fuoco mediatico concentrato nel momento giusto per scuotere una comunità che, nelle interviste realizzate dalla Redazione, rivela disinteresse, disincanto, delusione e disinformazione. Gli slogan possono essere accattivanti e originali ma non bastano per convincere un cittadino a uscire di casa, recarsi al seggio e votare in modo convinto. Affinché i candidati possano farsi conoscere davvero, affinché si possa avere un’idea della loro affidabilità, affinché la politica spieghi in modo approfondito e articolato come intende governare la nostra comunità, serve un lungo percorso da costruire negli anni. La credibilità (in politica, ma non solo) è fondamentale. La qualità e l’affidabilità di un prodotto diventano imprescindibili se si vuole affrontare la competizione del mercato. La credibilità (anche aziendale) è un bene inestimabile per chi ce l’ha, e per creare e coltivare una community servono anni e un rapporto di reciproca fiducia che non venga mai tradito. La politica si è giocata tutte le carte e ha perso credibilità: interessa sempre meno, non solo perché non si interessa più della gente, ma perché in questi anni, ha più volte tradito gli italiani. Riconquistarli è un’impresa titanica e anche in questa tornata elettorale l’astensionismo è destinato purtroppo a crescere. Eppure ogni cittadino si dovrebbe sentire parte della comunità a cui appartiene e dovrebbe contribuire, giorno dopo giorno, a costruirne l’identità. Vale anche per la nostra Carpi ed è solo una questione di scelte: Radio Bruno ha scelto di rimanere qui, di legare la sua storia a questa città, di svilupparsi con una nuova sede a Carpi. Ci siamo da decenni e per sottolineare la volontà di restarvi, quest’anno abbiamo organizzato Buon Compleanno Radio Bruno!, la prima tappa del tour del Radio Bruno Estate, il 10 giugno in Piazza Martiri. E ricordare così i quasi quarant’anni dalle prime prove di trasmissione di quella che sarebbe diventata, grazie a voi, la radio più ascoltata in tutta l’Emilia Romagna e non solo. L’ingresso è gratuito e il cast d’eccezione: vi aspettiamo per festeggiare insieme, come sempre. Vanni

“Una Carpi più attenta ai ciclisti “Vorrei una Carpi più attenta ai ciclisti, con piste ciclopedonali che raggiungano zone fuori dalla città. Cosicché uno possa scegliere con quale mezzo recarsi al lavoro. Mi piacerebbe anche che il cuore di Piazza Martiri, come accade in altre città con piazze altrettanto importanti, avesse un punto verde. Sarebbe un modo per abbellirla e magari l’occasione per distribuire parte del mercato lungo il corso e Piazzale Re Astolfo. Sul sindaco invece preferisco non pronunciarmi”.


4

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

Alberto bellelli, candidato sindaco del centrosinistra, incoraggia le imprese a investire e punta alla riqualificazione della città

Bellelli: “smettete di avere paura!” E ’ arrivato alla candidatura a sindaco come assessore ai Servizi Sociali, traghettati all’Unione Terre d’Argine, dopo una parentesi da assessore alla Cultura. Fra le esperienze politiche precedenti c’è quella di consigliere comunale del Partito democratico, segretario della Sinistra giovanile di Modena e, prima ancora, del movimento a livello cittadino. Sostenuto dal Pd, il suo partito, ma con l’appoggio di una coalizione più ampia che annovera anche Sel, Verdi e la civica Carpi 2.0, Alberto Bellelli si candida a guidare il governo della città nel prossimo quinquennio. Dal novembre scorso non si è mai fermato, lavorando prima per il congresso locale, poi per le primarie di febbraio quando ha sconfitto il renziano Roberto Arletti e, infine, per la campagna elettorale vera e propria.

Nome: Alberto Cognome: Bellelli anni: 37 Nato a: Carpi Stato civile: celibe, ancora per poco TITOLO DI STUDIO: laureato in Scienze Politiche indirizzo sociale Se fossi sindaco: “Se fossi sindaco vorrebbe dire che a Carpi c’è una maggioranza che vuole smettere di avere paura. Voglio sostenere, abbattendo oneri fiscali, urbanistici e burocratici, il coraggio delle imprese che scelgono di investire e assumere nel nostro territorio e anche le nuove attività in centro storico. Voglio una città riqualificata, per migliorare la qualità dell’abitare in termini energetici e sociali. E se fossi sindaco non reputerei perso nemmeno un minuto passato ad ascoltare un’opinione, anche se diversa dalla mia”.

Partito Democratico

“Noi mettiamo al centro la comunità” La lista a sostegno del candidato sindaco Alberto Bellelli, per il Consiglio Comunale del Partito Democratico, si compone di 12 donne e 12 uomini. Il segretario del PD Davide Dalle Ave ha espresso la sua soddisfazione nel presentare i candidati “che per competenza e storia sono a disposizione della comunità per portare in Consiglio comunale il loro contributo Noi mettiamo al centro la comunità – ha commentato Dalle Ave – perché le risorse e la forza per uscire da questi tempi difficili stanno proprio nella nostra comunità”. I nomi: Giuliana Arbizzi, Roberto Arletti detto Roboe, Martina Arletti, Marco Bagnoli, Maria Viola Baisi, Gianni Bassoli, Stefania Boccaletti, Lorenzo Boni, Maria Grazia Lugli, Vittorio Casarini, Mariella Lugli, Ruggero Alberto Consarino, Cristina Luppi, Davide Dalle Ave, Monia Mussini, Stefano Gavioli, Mittzi Sala, Paolo Gelli, Simona Santini, Francesco Lodi, Annalisa Vignoli, Marco Reggiani, Valter Sacchetto e Maddalena Zanni.

Lista civica Carpi 2.0

“Cercare una strada comune” La lista Carpi 2.0 che sostiene Alberto Bellelli è formata da più componenti: persone della società civile (volontariato, associazionismo...) socialisti, ex simpatizzanti di Alleanza per Carpi e giovani che, da qualche mese, si trovano in modo spontaneo per pensare a delle idee per migliorare la nostra città. Questi i nomi dei candidati: Paola Berni, Federico Boccaletti, Rubes Bonatti, Barbara Boni, Valeria Cammarota, Emilio Carani, Margherita Giovanelli, Fabio Guaitoli, Luca Guidetti, Maria Cecilia Lamma, Mauro Lusetti, Maria Giovanna Macrì, Ercole Malavasi, Cristina Manicardi, Maddalena Medici, Massimo Melegari, Ilaria Poppi, Marco Pirondini, Marco Reguzzoni, Milena Saina, Stefano Santachiara, Sara Scarpellini, Stefano Turci e Romeo Venturi.

Partito dei Verdi

“La politica è inclusione” “Vista l’esperienza positiva di governo di questi anni che ci ha permesso di raggiungere importanti obiettivi a favore dell’ambiente, della scuola, della mobilità alternativa e dello sport e benessere, abbiamo deciso di aderire alla nuova coalizione di Centrosinistra in cui si integrano i punti programmatici”. Parola dei Verdi di Carpi. I candidati hanno un’età media di 40 anni e, accanto a vari attivisti del Partito dei Verdi di Carpi, vi sono donne e uomini della società civile, persone che arrivano da diverse esperienze sociali. Operai, artigiani, insegnanti, studenti, impiegati, ma anche disoccupati e cassa integrati. Per i Verdi, la politica è sinonimo di inclusione. Questi i nomi: Andrea Alabardi, Andrea Artioli, Flavio Ausilio, Simone Barbieri, Fabio Battini, Enrico Bertacchini, Franco Catellani, Giorgio Diazzi, Adia Fontanarosa, Giuseppe Ausilio, Stefania Malferrari, Nicola Guerzoni, Crescenzio Luongo, Paolo Menozzi, Simona Palomba, Lorenza Sacchi, Stefano Stabellini, Manuela Tramonte e Federica Vezzani. Sinistra Ecologia Libertà

“La Sinistra in città” Sono 21 gli aspiranti consiglieri del partito di Nicki Vendola: nel corso della presentazione hanno sottolineato che l’accordo stretto con il Pd non ha però impedito di registrare delle differenze: registro comunale delle coppie di fatto, testamento biologico, ma anche l’ambientalismo, il lavoro e

l’economia sono i cavalli di battaglia di Sel. “Lo slogan che ci contraddistingue è Sinistra Ecologia Libertà: a Carpi, la Sinistra in città, in quanto siamo l’unica lista dichiaratamente di Sinistra che si presenta alle Amministrative.

Ecco i nomi dei candidati: Alberto Sabattini Davide Venturi Degli Esposti Gabriele Guaitoli Giorgio Bolognesi Luigi Anceschi Aldo Arbore Emilio Arisi Cristian Bergianti


venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 5

Vanessa

“Il centro dev’essere più vivace” “Mi piacerebbe che Carpi offrisse più occasioni di svago e divertimento. Quasi ogni weekend con gli amici siamo costretti a prendere l’auto e raggiungere le città vicine, Reggio Emilia, Parma… dove i centri storici pullulano di gente, di localini. A parte un paio di eccezioni, è difficile sedersi al tavolo di un bar per un aperitivo e ascoltare un po’ di musica dal vivo, un dj set… Ben vengano le notti bianche ma si potrebbe istituire una serata, magari con cadenza mensile, per fare eventi, concerti, performance… senza esagerare. Non occorre stupire a tutti costi e organizzare mille iniziative: gli esercenti possono unire le forze, creare eventi comuni e far divertire la gente. Il Capodanno sotto la tensostruttura in Piazzale Re Astolfo è stato un bellissimo esempio di come, insieme, si possano organizzare occasioni di divertimento proprio sotto casa. Il centro dev’essere più vivace”. Fabio e Simone

“Stop al cemento”

Federico

“Tifo per Morelli”

“Occorre fermare immediatamente la cementificazione: stop al consumo del territorio e sì alla riqualificazione dell’esistente”. Ma chi voteranno all’appuntamento elettorale del 25 maggio? “Io non credo ci andrò, poiché non mi sento in alcun modo rappresentato da questa classe politica”, ammette Simone. Fabio ha le idee chiare: “la mia scelta ricadrà su Carpi Bene Comune. Credo in una politica partecipativa, dal basso, fatta di cittadini che si impegnano per il bene della comunità. Loro sono la vera lista civica di Carpi. Che vincano o no, desidero che entrino in Consiglio Comunale, per accendere il confronto, il dibattito. Una coralità di voci, anche discordanti, fa bene alla città”.

“Io rimetterei mano alla viabilità del centro, dove ogni strada porta solo verso l’esterno. Non esistono solo i ciclisti: tutti debbono essere messi nella condizione di venire in un centro storico che è patrimonio di tutti. Io, ad esempio, sono favorevole all’apertura invernale di Piazza Martiri alle auto nelle fasce serali: vorrei che, dal 1° ottobre al 1° marzo, dalle 19 alle 7 del mattino, le auto potessero circolare e sostare in Piazza, mentre nelle altre fasce orarie la blinderei per garantire la sicurezza di pedoni e ciclisti”. Tra le varie azioni da mettere in campo, Federico auspica “un’offerta merceologica diversificata, a partire dai negozi di alimentari. Botteghe che vendano i prodotti tipici del nostro territorio, dove fermarsi per rifocillarsi e mangiare un buon panino”. Sul candidato da votare ammette con sincerità che, “anche se nessuno mi convince fino in fondo, opterò per Alberto Bellelli in tal modo l’attuale assessore al Commercio e Centro Storico, Simone Morelli, avrà la possibilità di farsi un altro mandato e questo renderebbe me e molti altri esercenti, molto felici. Facciamo davvero il tifo per lui”.

Marica - 37 anni

“E’ la squadra a fare la differenza” Alessandro - 33 anni - dottore in giurisprudenza

“Nessuno farà qualcosa di concreto” “Abito a Carpi da qualche anno, ma non sono nato qui. Nel complesso mi trovo bene: credo che qualche problema ci sia, ma nulla di eclatante. Certo è un peccato vedere una piazza così grande e bella sempre vuota, servirebbero più iniziative. Inoltre penso si debba prestare attenzione al tema sicurezza: per due volte mi hanno sfondato il vetro della macchina in un parcheggio. A Napoli non mi era mai successo”. Ti riconosci in qualcuno dei candidati sindaco? “Dopo tanti anni di impegno politico, oggi non ci credo più - né a livello locale, né a livello nazionale. Non mi sono informato in vista di queste Amministrative e, in ogni caso, non credo che l’uno o l’altro candidato possano davvero fare qualcosa di concreto”.

Giuliano - 43 anni - consulente

“La politica non mi interessa” “Carpi ha bisogno di migliorare e crescere: la piazza dev’essere ravvivata più spesso con eventi culturali ma, soprattutto, commerciali (ad esempio la notte bianca dovrebbe essere un appuntamento mensile)”. Ti riconosci in qualcuno dei candidati sindaco? “In realtà non sono molto informato, non conosco nemmeno i nomi di tutti i candidati. Non sono molto interessato e sono comunque convinto che nessuno possa rispecchiare le mie aspettative”.

CENTRO AUTORIZZATO

CENTRO RICONOSCIUTO

“ TOP QUALITY MED” EUROPEAN PROJECT IL TOP DELL’OFFERTA TERAPEUTICA ELETTROMEDICALI DI ULTIMA GENERAZIONE E INNOVATIVI PER METODICHE DI STRAORDINARIA EFFICACIA

TERAPIA RESISTIVA CAPACITIVA

TECAR

NUBRA Medica srl

POLIAMBULATORIO - CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO PALESTRA MEDICA

E

SIC

O

UT

P

NN

SAL

A

A

BE

Z

N

E IN GRAVI DA N

ES

R SE

O FISI A D E C

A L L

D

CONSULENZE NUTRIZIONALI IN GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO - SOSTEGNO PSICOLOGICO SOSTEGNO AL PUERPERIO - CONSULENZE INTERRUZIONE GRAVIDANZA - TRATTAMENTI PER SCIOGLIERE LE TENSIONI - RIFLESSOLOGIA PLANTARE INTEGRATA - TECNICHE DI RILASSAMENTO E RESPIRAZIONE - E...

PILATES IN GRAVIDANZA E POST-PARTUM DR.SSA MARTINA TOSCHI: DR.SSA CRISTINA BORRONI: ALESSANDRA SALTINI: NICOLETTA CIBIROLI:

BIOLOGA NUTRIZIONISTA PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA NATUROPATA RIZA ISTRUTTRICE FIF; ISTRUTTRICE PILATES MATWORK ; PILATES IN GRAVIDANZA; PILATES IN TERZA ETÀ; PILATES PROPS; PILATES E RACHIDE; PERSONAL TRAINER

Via Pezzana, 62 - 41012 Carpi (MO) - Cod.Fisc. e P.IVA 03518830363 Tel.059 681198 - Mobile 347 7189568 - nubramedica@gmail.com www.nubramedica.it

“Carpi ha bisogno di una migliore gestione, a livello politico, dei problemi della città: la questione dell’amianto nella rete idrica avrebbe dovuto essere dichiarata apertamente ed esattamente, ammettendo il problema di fronte ai cittadini, anziché essere coperta con risposte che passavano direttamente alla gestione del caso. Per il resto, sono tante le cose che mi piacerebbe veder migliorate a Carpi, ma capisco anche i problemi di bilancio. Credo servirebbero iniziative che cementino il sociale: non solo notti bianche ma anche ripensare in forma aggregativa il settore culturale. Ho fiducia in Alberto Bellelli, credo potrà fare bene. Anche se molto dipenderà dalla Giunta e dagli equilibri politici che ne determineranno la composizione. Il sindaco è importante, ma è la squadra a fare la differenza. Mi auguro che le scelte siano dettate dalla responsabilità e che i nominati si adoperino con responsabilità per Carpi, al di là delle bandiere politiche”.


6

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

sara rovatti, candidato sindaco della lista civica carpi bene comune, individua i principi fondamentali dell’attività amministrativa e politica

Rovatti: “partecipazione, innovazione e beni comuni” H

a tre figli il candidato sindaco per la Lista civica Carpi Bene Comune e nessuna etichetta politica. E’ impiegata nel settore amministrativo e recupero crediti e studentessa presso l’Università degli studi di Modena e Reggio in Scienze giuridiche dell’impresa e della pubblica amministrazione al primo anno di corso non frequentante. Sara Rovatti si è distinta negli ultimi anni per l’impegno sociale in diverse iniziative di volontariato essendo, tra l’altro, tra i membri fondatori del Comitato No Amianto. “Siamo contro un ulteriore consumo del territorio attraverso nuove costruzioni”, ha ribadito decisa Sara Rovatti in occasione di un confronto tra candidati.

Nome: Serafina “Sara” Cognome: Rovatti anni: 34 Nato a: Piedimonte Etneo (CT) Stato civile: Sposata TITOLO DI STUDIO: Diploma in Ragioneria Se fossi sindaco: “Se io fossi sindaco proverei ad applicare a ogni dimensione della vita politica e amministrativa della mia città alcuni principi fondamentali:una vera partecipazione alle decisioni fondamentali da parte di associazioni, comitati e singoli cittadini, la ricerca dell’innovazione che punti alla sostenibilità ambientale, il controllo e la tutela da parte dell’Amministrazione dei beni comuni fondamentali ed inalienabili (aria, acqua, territorio) e la tutela dei diritti e della giustizia sociale”.

Carpi bene Comune

“Liberi dai vincoli dei partiti” La lista civica Carpi Bene Comune è un laboratorio di partecipazione diretta nella vita politica carpigiana, aperto a tutti i cittadini che ne condividano i valori costituenti, espressi nella Carta d’Intenti che, in questi mesi, ha riunito decine di persone, provenienti da esperienze associative e di partecipazione politica diverse, ma unite da una comune base di valori democratici, liberi dai vincoli del sistema partitico nazionale. “Pensiamo che riannodare i fili di collegamento tra amministrazione e cittadini, spiegandone le dinamiche e stimolando la partecipazione alle scelte pubbliche, debba rappresentare uno degli impegni della nuova gestione di Carpi. Riteniamo che le amministrazione degli ultimi decenni, abbiano

dilapidato una grande eredità di politiche sociali e di etica della buona amministrazione, diventando sempre meno innovative, lente e approssimative nel rispondere alle sfide sociali determinate dalla crisi delle attuali politiche di mercato e del lavoro, abbiano assecondato il processo di privatizzazione dei beni comuni, incapaci di mettere in discussione interessi settoriali e di pochi per una reale politica di sostenibilità sociale e ambientale, abbiano ridotto il confronto pubblico e di condivisione sulle scelte nella gestione cittadina alla comunicazione di decisioni già prese. Per questo ci siamo impegnati con spirito costruttivo e di apertura che intendiamo mantenere anche una volta all’interno delle

istituzioni, a stilare un programma che costituisce una base di discussione con tutta la città perché il nostro primo impegno sarà quello di ridare il più possibile potere ai cittadini nel prendere le decisioni fondamentali che riguardano la nostra comunità. I candidati sono: Maurizio Ledovini Susanna Gualdi Michele Bonicelli Annalisa Paini Marco Bulgarelli, Paolo Galli Mirca Bezzi Sara Rovatti Daniela Pellacani Fabio Esposito Riccardo Salami, Lorenzo Paluan Cristina Baracchi Massimo Valentini Marco Pignatti Francesco Rustichelli Gioia Caleffi Silvia Corradi.

Samantha

“Strade più sicure” “Carpi è sempre stata una piazza commerciale molto complessa e, a mio modesto parere, ora sta proprio morendo. Chiudono negozi di qualità e ne aprono altri dal prodotto scarso: capisco che il momento economico sia difficile ma allora sfruttiamo la nostra bellissima piazza e le vie limitrofe per riempirle di locali, che possano chiudere anche oltre mezzanotte! L’esperienza delle varie notti bianche ci ha insegnato che la gente ha voglia di uscire e non rinuncia ai piaceri della buona tavola. E’ un esperimento che ho visto in diversi centri storici di provincia e funziona. Locali con un’offerta alla portata di diverse tasche e non per la solita clientela che fa sentire

un intruso chi vi entra per la prima volta! Atteggiamento alquanto provinciale. Per quanto riguarda la vita

che conduco, ho notato un peggioramento della qualità del manto stradale, del quale mi rendo conto soprattutto

quando vado in bicicletta o in scooter.Tutto ciò denota, purtroppo, una mancanza di disponibilità economica che nel nostro comune non avevo mai registrato sinora! Chiederei dunque un po’ di cura in più, per rendere più sicure le nostre strade. Io non riuscirò ad andare a votare poiché partirò per una settimana di ferie e, devo ammetterlo, mi dispiace non esprimere il mio parere! Il voto è importante e contesto la proposta di legge di dare la possibilità agli extracomunitari residenti in Italia di votare mentre a me, che mi recherò in un’altra regione italiana, non è data l’opportunità di farlo! Non dico l’elezione del sindaco che magari sarebbe burocraticamente più complicato, ma almeno la nomina dei rappresentanti per il parlamento europeo”.

Manuela, 21 anni

“Più lavoro per i giovani e non solo...” “La priorità è sicuramente quella di cercare di dare opportunità di lavoro ai giovani. Io per prima fatico a trovare un impiego stabile, ed è certo che senza i giovani non c’è futuro per nessuna comunità, e senza lavoro i giovani non possono diventare adulti e formarsi una famiglia. Sul candidato che preferisco ammetto di non avere le idee chiare, ci sto pensando ma devo ancora informarmi bene”.

Osservate cambiamenti di colore, distacco, ispessimenti, fragilità ungueale? La farmacia S.Caterina Via Pezzana 82 a Carpi 0596550469 e la farmacia del Popolo Via C.Marx 23 a Carpi 059690388

OFFRONO UN CHECK-UP GRATUITO PER RIDONARE SALUTE ALLE VOSTRE UNGHIE.


venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 7

Antonella

Roberta, 29 anni

Angela, 69 anni

“Vorrei una Carpi capace di condividere”

“Più attenzione al lavoro”

“La città è casa nostra”

“Per motivi di lavoro, vivo in un’altra città da più di sette anni. Carpi mi ha vista nascere, crescere. E’ stata lei che ha contribuito a che le mie prime esperienze prendessero forma. Nonostante abbia provato a rimanere, non ho trovato opportunità che mi abbiano fatta restare. Vorrei una Carpi capace di condividere di più, con un pensiero collettivo, anziché individualista. Capace di intavolare discussioni costruttive, che portino a una crescita comune, anziché dei soliti noti. Credo che investire in cultura sia sempre un plus. Penso che la creazione di tavoli di confronto, magari con chi ha vissuto esperienze anche altrove, sia sempre un arricchimento. Sono sicura che valorizzando maggiormente questo bellissimo territorio, che ha affrontato eventi drammatici di grande portata, porterebbe molta più gente a desiderare di conoscerlo. Questa città ha un grande cuore, dovrebbe imparare a sentire i battiti dei suoi cittadini... Sul nome del sindaco che incarna queste potenzialità, non mi esprimo. Non ho ancora letto i programmi dei candidati con sufficiente attenzione. Chiunque sarà il primo cittadino, spero non sia uno dei tanti venditori di belle parole”.

“Occorre senza dubbio un’attenzione particolare al lavoro, per permettere ai giovani di sviluppare e far fruttare le competenze che hanno acquisito nel corso degli studi. Sto pensando ai laureati, a persone formate: investire su di loro significa, di conseguenza, investire in un servizio per la comunità tutta. Mi confronto spesso con ex colleghi di studio che ora vivono e lavorano all’estero, e la prima differenza che noto è che mi raccontano di essere ascoltati. In altri Paesi i giovani rappresentano una risorsa reale, sono tenuti in considerazione, con le loro istanze e proposte, necessità e punti di vista. A volte formano comitati, altre volte sono ricevuti, a scadenze fisse e ravvicinate, nelle sedi istituzionali o partecipano a incontri a loro dedicati negli spazi pubblici. Serve questo: un’Amministrazione che sappia e voglia realmente ascoltarli. E fidarsi di loro. Pur ammettendo di non essermi ancora documentata quanto avrei voluto, ritengo che Alberto Bellelli sia il candidato sindaco più attento a queste tematiche”.

“Carpi è la mia città e la amo davvero tanto. Spero ci possa essere, per i giovani, un futuro degno di questo nome. Noi ormai, che siamo anziani, una pensione ce l’abbiamo e, bene o male, la nostra vita l’abbiamo vissuta. Ma è per loro che ci dev’essere un futuro! E’ Alberto Bellelli il candidato di cui mi fido, anche umanamente. Certo, di questi tempi amministrare una città non è facile per nessuno, e sono tutti molto più bravi a criticare che a fare concretamente. Ciò che serve è un cambio di mentalità nei cittadini: se vedo una bottiglia per terra in mezzo alla strada, invece di pensare subito ‘Perché il Comune non è ancora passato a tirarla via?’ dovrei fare due passi, prenderla e gettarla personalmente nel cestino. A casa mia non farei forse così? Non la butterei via, anziché chiedermi chi sia stato ad abbandonarla lì? Ecco, dobbiamo capire che la città è casa nostra, non un posto che non ci riguarda”.

Esercente 38enne

Barbara

“Vorrei più gente competente”

“E’ tempo di un sindaco donna”

“Vorrei più gente competente nei ruoli chiave dell’Amministrazione e più umanità nei confronti dei bisogni della cittadinanza e degli esercenti. La gestione post sisma non è certo stata delle migliori: non abbiamo avuto nè aiuti, nè sconti, a partire dalle tasse relative all’occupazione del suolo pubblico. Un po’ di considerazione non sarebbe guastata… Per quanto riguarda i candidati lasciamo stare: non nutro fiducia in alcuno di loro”.

“Mi auguro che la prossima Amministrazione riservi maggiore attenzione alle frazioni cittadine: dallo stato in cui versano lo strade al fronte dell’illuminazione pubblica. Purtroppo non mi sento in alcun modo rappresentata dai candidati di questa tornata elettorale. E’ tempo di un cambiamento radicale. Concreto. Vorrei un sindaco donna con le palle, capace di fare qualcosa di reale. Gli uomini che si sono succeduti sinora alla guida della città non hanno combinato nulla”.

Davide, 32 anni

“Non andrò a votare” “Se devo essere sincero io il 25 maggio me ne andrò a fare una gita al lago, in barba alle elezioni. Sono andato a un confronto tra i sei candidati e nessuno di loro mi rappresenta. Parlano, parlano e poi... non cambiano mai nulla. Votare è un diritto e io scelgo di non goderne”. Alessandra, 23 anni

“Più spazi per i giovani” “Oltre al lavoro, che è il primo punto, servirebbe qualche spazio di aggregazione in più per noi giovani. Spazi che non siano soltanto locali privati o, comunque, in cui occorra una forma di tesseramento, perché a quel punto si creano comunque un’élite e uno sbarramento. Penso a spazi di aggregazione totalmente pubblici e gratuiti, dove anche chi non ha soldi da spendere possa vivere momenti di socialità. Sui candidati mi sto ancora informando e non ho un’idea precisa”. Alessandro, 38 anni

“Occorre investire sul sociale” “Credo che considerato il periodo di grave crisi, bisognerebbe rafforzare gli investimenti nel sociale. Alla Caritas, per esempio, aumentano sempre più le richieste perché si acuiscono le difficoltà delle persone e, a fronte di una domanda crescente, la risposta non può certo mantenere le risorse invariate o addirittura diminuirle. Certo, questa prima risposta non può rappresentare la soluzione definitiva e a lungo termine, ma può aiutare a superare i momenti peggiori della crisi, per non lasciare i cittadini soli con i propri problemi. Non ho idea di chi votare dato che non conosco ancora abbastanza bene i candidati”.

SCEGLI IL TUO FUTURO

CARPI

NON VOGLIAMO QUESTO FUTURO

FERMIAMO l’INQUINAMENTO

PUNTIAMO SULL’ENERGIA RINNOVABILE WWW.LEGANORDCARPI.IT

WWW.LEGANORDCARPI2014.BLOGSPOT.IT

Tel.339 6068906 Alboresi.argio@gmail.com

NUOVO e DIVERSO SVILUPPO ECONOMICO, BASATO SUL RISPETTO DEL TERRITORIO e SULLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA


8

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

Cristian Rostovi, candidato sindaco del nuovo centro destra, sostenuto da Fratelli d’Italia, immagina il suo futuro da sindaco, in ascolto dei cittadini e impegnato a guadagnarsi la loro fiducia

Rostovi: “al servizio dei carpigiani” E x consigliere comunale PdL, Cristian Rostovi scende in campo per il Centrodestra carpigiano sostenuto da Nuovo Centro Destra e Fratelli d’Italia. L’ambizione è quella di andare al ballottaggio conquistando non solo i voti del Centrodestra ma anche quelli dei delusi dall’apparato politico che rappresenta Alberto Bellelli. Dopo il lavoro fatto in questa legislatura, Rostovi intende offrire alla città un’alternativa alla corazzata del Pd. Compito della politica, secondo Rostovi, quello di rimettere Carpi nelle condizioni di ritrovare la propria forza e la propria attrattività.

Fratelli d’Italia

“Un movimento popolare aperto a tutte le classi sociali” La caratteristica principale della lista è l’eterogeneità: in Fratelli d’Italia ci sono imprenditori, studenti, operai, artigiani e impiegati che ci mettono la faccia per cambiare la realtà in cui vivono. “Vogliamo soprattutto raccogliere le idee dei giovani che vogliono essere protagonisti nella propria città, finanziando start up e progetti innovativi” afferma Annalisa Arletti, coordinatrice del movimento giovanile del partito che si chiamerà Gioventù Nazionale. “Il nostro primo ob iettivo – afferma Antonio Russo capolista di FDI - è quello di rivoluzionare il sistema sociale: vogliamo che i residenti in città da oltre 15 anni siano i primi ad aver accesso agli aiuti, agli asili nido e alle case popolari. Vogliamo inoltre tornare a parlare di sicurezza, soprattutto nelle frazioni che si sentono oggi abbandonate. Vogliamo introdurre il Consiglio di Frazione, per portare le tematiche e le proposte direttamente in Consiglio Comunale”. Ecco i nomi dei candidati: Antonio Russo, Annalisa Arletti, Giuliana Gualdi, Ferdinando Ferretti, Leda Tirelli, Enrico Tangerini, Felice Giuliano, Bruno Tarchioni, Monica Malagoli, Cristiano Carletti, Paolo Maini, Patrizia Bagnato, Roberto Calzolari, Caterina Molaschi, Luigi Veneziano, Valerio Righi, Christian Levratti, Rebecca Bernabei, Enrico Bulgarelli, Francesco Po, Daniele Lazzarini, Federica Carletti, Paolo Andreoli e Debora Iacobbe.

Nome: Cristian Cognome: Rostovi anni: 40 Nato a: Carpi Stato civile: coniugato, un figlio TITOLO DI STUDIO: diplomato all’Istituto Tecnico per Scienze Sociali Selmi di Modena Se fossi sindaco: “Se io fossi sindaco: sarei onorato, perché questa è la città che amo; sarei preoccupato, perché i problemi da affrontare sono tanti; sarei fiducioso perché so che Carpi può tornare a essere grande; sarei in ascolto, perché da tutti si può imparare e un uomo da solo non può far tutto; sarei grato a chi mi ha sostenuto; sarei impegnato per meritarmi la vostra fiducia e sarei quello che sono oggi, un carpigiano al servizio dei carpigiani. Quando sarò sindaco, sarò così, perché questo dev’essere un sindaco”.

Nuovo Centro Destra Ecco i nomi dei candidati: Raffaele Bavarella Filippo Andreoli Elisa Bonizzi Gisella Brani Gianluca Cavazza Claudio Diacci Enzo Diana Marco Di Lucca Francesco Esposito Silvia Gualdi Manuela Iftodi Benedetta Lugli Sauro Mazzola Antonio Marcante Francesco Stefano Morandini Martina Perfetti Massimiliano Ronchetti Giuseppe Sueri.


venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 9

“la priorità è aiutare le persone provate dalla crisi e che hanno perso il posto di lavoro”.

Benatti: subito il Pronto Soccorso sociale E Nome: Roberto Cognome: Benatti anni: 44 Nato a: Carpi Stato civile: una compagna e due figli e mezzo TITOLO DI STUDIO: ingegnere Se fossi sindaco: “Se fossi sindaco aprirei subito uno sportello chiamato Pronto Soccorso sociale: un ufficio pubblico controllato dal Comune per aiutare famiglie e imprese, al quale i cittadini in difficoltà possano rivolgersi per ottenere un aiuto, una possibile soluzione ai problemi su mutui, affitti, multe, tasse, rapporti con le banche, con Equitalia… per aiutare anche psicologicamente le persone provate dalla crisi, che hanno perso il lavoro e non sanno come fare per uscire dal tunnel, prima che finiscano per cedere e mettersi nelle mani di finanziarie e strozzini”.

x consigliere comunale Pdl (per dieci anni di cui i primi cinque a Soliera e poi a Carpi), Roberto Benatti è sostenuto da Forza Italia, Carpi del Fare e Lega Nord. A seguito della discesa in campo di Silvio Berlusconi ha deciso di impegnarsi in prima persona in politica. Niente Primarie nel Centrodestra carpigiano bensì scelta interna. E così la nuova Forza Italia, che si è espressa a Carpi col Club fondato da Giorgio Cavazzoli, ha indicato come candidato Roberto Benatti, consigliere comunale in carica, nonché ingegnere informatico di 44 anni. L’obiettivo resta quello di andare al ballottaggio col Pd. Lista Forza Italia

Se puoi immaginarlo, puoi farlo! A fianco di Benatti si sono schierati diversi esponenti dell’ex coalizione di Berlusconi: tra loro gli indipendenti Giuseppina Baggio e Luca Lamma. Lo slogan che hanno scelto è: Se puoi immaginarlo... puoi farlo. I candidati sono: Giorgio Cavazzoli Giuseppina Baggio Luca Lamma Elisabetta Cadossi Massimo Barbi Alessandra Selmi Angelo Giocolano Vanna Bertellini Enzo Cacciatore Francesca Gentilini Nicola Pantieri

Monica Bedogni Salvatore Lombardi Paola Raisi Dario Pignatti Marisa Casarini Matteo Sueri Viviana Sivori Mauro Poletti Maria Gelosini Juan Carlos Almiron Lisa Davoli Francesco Melchionda Rosanna Razzini

Carpi del Fare

La Lega Nord sostiene Benatti

Deanna Guidi, storica pasionaria di Sinistra, è candidata nella lista civica Carpi del Fare, che appoggia, insieme a Forza Italia e Lega, il candidato Benatti. La lista è capitanata dall’avvocato Veronica Sacchi e comprende anche: Massimiliano Dondi Marzia Rullo Davide Bisi Davide Camurri Monica Angelini Luca Motta Letizia Loschi Franco Grassili Jennifer Cadossi Stefano Bergonzini Teresa Monaco Andrea Ferrari Isabella Colarusso Alberto Malagoli Barbara Galeazzi Pietro Santonastasio Vittorio Cianci.

Tra i temi cari al Carroccio “presidio del territorio mediante sentinelle volontarie per rilevare fenomeni di abusivismo e illegalità, cambiare le modalità di accesso alle graduatorie comunali introducendo il principio di anzianità di residenza, favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, aiutare le partite Iva in difficoltà, fermare la cementificazione, sostituire la rete idrica in cemento - amianto e raddoppiare i binari tra Carpi e Soliera per dar vita a una metropolitana di superficie per raggiungere Modena via treno”. I nomi dei candidati: Argio Alboresi Nicola Sacchi Flavia Calzati Mauro Morellini Francesco Pannullo Eleonora Cini Massimo Pollastri Loris Vincenzi Licia Pollastri Massimo Losi Rinaldo Cometti Liviana Santini Roberto Terzi Lia Coppola Ruggero Vecchi Filomena Guaglianone Sauro Panari Luciana Bollini

Le priorità del Carroccio

“Insieme per cambiare le cose”

di Vandelli Barbara

Ti aspettiamo con

idee nuove per le extension

senza rovinare i capelli

Vi a B or tola masi, 35 - Ca rpi (MO) - tel 334 6624075

SALONE SPECIALIZZATO PER: Colorazione e Shatush Extension Ricostruzione unghie Ricostruzione del capello


10

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

per Giorgio verrini, candidato sindaco di carpi futura, il segreto è il gioco di squadra

Verrini: “organizzare e ottimizzare le risorse” G

ià consigliere comunale di Alleanza per Carpi, Giorgio Verrini è il candidato sindaco di Carpi Futura, sintesi delle due liste civiche: Alleanza per Carpi, sperimentata da cinque anni di Consiglio Comunale, e quella nuova di Made in Carpi, dove si ritrovano i rappresentanti locali di Scelta civica, Fare e Italia futura. Dopo diversi mesi di collaborazione e con alcune iniziative congiunte all’attivo (sui temi della fusione di comuni e sulla ricostruzione post terremoto) i componenti dei due movimenti hanno deciso di intraprendere insieme la sfida elettorale.

Nome: Giorgio Cognome: Verrini anni: 62 Nato a: Correggio Stato civile: Coniugato, una figlia TITOLO DI STUDIO: Laurea in Medicina e chirurgia nel 1978 Se fossi sindaco: “Se io fossi sindaco continuerei ad alzarmi presto come ho sempre fatto e come ho sempre fatto mi impegnerei nel mio nuovo lavoro di amministratore della città. Ma non rinuncerei alla mia vita famigliare, sicuro di riuscire a ritagliarmi del tempo libero grazie all’organizzazione che io e la mia squadra sapremo mettere in piedi. Organizzare e ottimizzare le risorse a disposizione sarà il filo conduttore della mia attività di sindaco. Risorse umane ed economiche senza le quali ogni progetto è sogno, difficilmente realizzabile. Le prime sono rappresentate dalla competenza, dalla fantasia e dall’entusiasmo dei miei attuali collaboratori e futuri assessori e dirigenti. Le seconde, cioè le risorse economiche, andranno valutate dopo una revisione del bilancio che tenga presente il capitale immobiliare del Comune, sinora non censito, e la spesa corrente, senza perdere le occasioni offerte da bandi Regionali ed Europei a copertura di progetti urbanistici e inerenti alla sanità locale. E’ così che Carpi e il suo sindaco vanno nel futuro, come del resto è ben descritto nel mio programma elettorale”.

Carpi Futura

Per una cittadinanza attiva

Carpi futura per Giorgio Verrini Sindaco” è la lista elettorale unica tra Alleanza per Carpi e MadeinCarpi. “La lista congiunta – dichiara Massimiliano Mariani – vuol fondere le varie anime del civismo locale e contare sulla solida competenza ed esperienza amministrativa già dimostrate da ApC nonchè sull’intraprendenza e sul contagioso entusiasmo per una cittadinanza attiva e responsabile di cui MadeinCarpi (nata su ispirazione di FiD e Scelta Civica) si fa interprete”. “Giorgio Verrini, il candidato sindaco da noi scelto – aggiunge Giliola Pivetti – si è fatto valido interprete delle politiche espresse da ApC in questa legislatura e rappresenta uno dei più autorevoli rappresentanti della sanità locale, settore che più sta a cuore a Carpi Futura”. “Ci diciamo certi che i cittadi-

ni sapranno riconoscersi nelle nostre idee per la Carpi Futura. I promotori – chiude Paolo Battini - confermano la disponibilità a condividere tale progetto anche con altri cittadini, associazioni e comitati locali che manifesteranno la volontà di aderirvi”. I nomi dei candidati: Anna Azzi Andrea Alboresi Paolo Battini Stefania Bellelli Marco Beltrami Rita Bosi Nando Lugli Giliola Pivetti Leonardo Romano Carlo Sacchetti Vanel Salati Sergio Vascotto Lucia Verrini Cristina De Caroli Silvia Caserio Giovanni Cavazza Fulvio Ferrarini Luca Malavasi Massimiliano Mariani Antonio Morello Lorenza Pallavicini Michele Pescetelli Paolo Pettenati Enrico Ricci.


venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 11

Eros Andrea Gaddi è il candidato sindaco di Carpi Cinque Stelle. e’ sua intenzione iniziare un confronto con i cittadini per risolvere ogni situazione anomala che si è venuta a creare

Gaddi: “Partecipazione e confronto”

Carpi Cinque Stelle

“No alle alleanze”

Nome: Eros Andrea Cognome: Gaddi anni: 39 Nato a: Fossa di Concordia Stato civile: convivente, due figli TITOLO DI STUDIO: Diplomato in tecnico delle industrie elettriche ed elettroniche. Se fossi sindaco: “Se io fossi sindaco vorrei più partecipazione e confronto. Porteremo il bilancio partecipato, risolveremo insieme ad Aimag il problema della sostituzione dei tubi in cementoamianto (fornire acqua a scuola a TUTTI i bambini in bottiglia o nei boccioni). Vogliamo che Aimag rimanga una società pubblica municipalizzata e non venga svenduta ad Hera. Inizieremo un confronto con i cittadini per risolvere ogni situazione anomala che si è venuta a creare (nomadi, piscina, acqua). Inoltre assicureremo la massima trasparenza, grazie a dirette audio e video delle sedute del Consiglio Comunale”.

La scelta dei candidati della lista di Carpi Cinque Stelle è ispirata ai principi costitutivi del Movimento 5 Stelle: sono tutti cittadini incensurati e senza carichi pendenti e si impegnano a realizzare quanto previsto nel programma elettorale con periodiche rendicontazioni. Non hanno altre tessere di partito e, dalla nascita del Movimento 5 Stelle, non sono mai stati candidati con altri movimenti politici o liste civiche. Il candidato sindaco e i candidati consiglieri, semplici cittadini e non politici di professione, si impegnano a non fare alleanze con partiti o associazioni politiche né prima, né durante, né dopo la campagna elettorale, ma appoggeranno le idee in linea con il proprio programma, informando i cittadini delle proprie scelte. Questi i candidati: Monica Medici Giovanni Roli Isaura Dalcero Luca Severi Rebecca Malvezzi Roberto Barasso Laura Fava Marcello Gadda Alice Marciello Orlando Soliberto Elvira Gasparini Francesco Zanarelli Renata De Flaviis Mario Mantini Paola Del Vecchio Antonio Graziano Mario Coratza Federico Gasparini, Francesco Serra Irene Sparacello Massimo Pellacani.

Progettazione Arredo Sanitari, rubinetterie, accessori, vasche idro, box pavimenti e rivestimenti, vendita e posa

Via Roosvelt, 121 - Carpi (MO) Tel. 059.681 552 - Fax 059.630 948 - Cell. 328.764 24 39 e-mail: bagnoline@libero.it


12

Q

venerdì 23 maggio 2014

uarto appuntamento a Carpi del Caregiver Day: una quattro giorni di attività seminariali, eventi culturali, laboratori e approfondimenti dedicati ai Caregiver, ovvero a coloro che si prendono cura di un proprio familiare malato, non auto- sufficiente o disabile. L’iniziativa è realizzata dalla Cooperativa Anziani e non solo con il contributo dell’Unione Terre d’Argine e il patrocinio dell’Ausl di Modena. Si comincia mercoledì 28 maggio, alle 14,30 al Mac’è, con un incontro di formazione rivolto a insegnanti, operatori sociali ed educatori per imparare come riconoscere e supportare i ragazzi che si prendono cura di un fratello, di un genitore o di un nonno in difficoltà. La sera, il Mac’è ospita una festa dedicata ai giovani Caregiver. Il pomeriggio del 29 maggio, alle 14,30 al Carpine, è dedicato in particolare gli operatori sociali e sanitari che operano nei servizi assistenziali, per far loro conoscere e testare nuovi strumenti per la riabilitazione cognitiva degli anziani e capi di abbigliamento studiati appositamente per le esigenze della terza e quarta età. In serata, verrà presentato il libro Se ti abbraccio non avere paura, la storia del viaggio attraverso il continente

anno XV - n. 20

Il peso della cura

americano di un padre e del figlio autistico. Sarà presente l’autore, Fulvio Ervas. La giornata di venerdì 30 maggio è dedicata a due convegni: al mattino, alle 9,30 alla Loria, si parlerà

L

unedì 12 maggio in occasione della consegna di un’offerta di 2mila euro in favore del teatro comunale da parte del Lions Club Parma Maria Luigia, il Lions Carpi A.Pio ha organizzato un incontro tutto al femminile ospitando anche altri Club Lions del distretto 108 Tb guidati da presidenti donne. La partecipazione é stata notevole e l’evento ha visto trenta signore recarsi

Candidato SINDACO Eros Andrea Gaddi

di come l’integrazione tra servizi sociali e sanitari può sostenere i Caregiver familiari, alla presenza – tra gli altri – di Anna Banchero, coordinatore Politiche Sociali della Conferenza

Stato-Regioni e con la testimonianza di molteplici buone pratiche realizzate in diversi contesti territoriali italiani. A concludere i lavori sarà il direttore generale dell’Assessorato alle Politiche Sociali e Sanitarie della Regione Emilia Romagna Tiziano Carradori. Al pomeriggio, il tema è il lavoro di cura come opportunità di occupazione per i Caregiver familiari. Ne discutono Rosa Amorevole, consigliera di Parità della Regione Emilia Romagna, Concetta Maria Vaccaro, responsabile dell’area Welfare di Censis e rappresentanti di alcuni dei principali Patronati italiani. Conclude i lavori Natale Forlani DG Immigrazione e delle

Cristina Ascari ha poi consegnato a nome del sodalizio un omaggio alle presidenti e

alle socie del Lions Parma Maria Luigia, Lions Ferrara Diamanti, Lions Ferrara Ercole primo d’Este e Lions Correggio.Le ospiti a loro volta hanno ringraziato per la disponibilità dimostrata dalle istituzioni carpigiane.

2mila euro in favore del Teatro Comunale

Pomeriggio al femminile dal sindaco di Carpi Enrico Campedelli per la consegna dell’assegno accompagnate dal vicesindaco Cleofe Filippi e dal vice questore dottoressa Emanuela Ori. La direttrice dei Musei di Palazzo Pio Manuela Rossi ha concesso la visita al museo della città nonostante la giornata di chiusura. Le socie dei club

Lions si sono poi recate in Teatro dove il direttore Marco Rovatti ha raccontato loro la storia e le curiosità di questo gioiello dell’800 e ha mostrato le parti restaurate dopo il terremoto accompagnando le ospiti lungo un percorso “dietro le quinte” che raramente si ha occasione di ammirare. La presidente del Lions A.Pio

Monica Medici

Giovanni Roli

Isaura Dalcero

Luca Severi

Rebecca Malvezzi

Roberto Barasso

Laura Fava

Marcello Gadda

Alice Marciello

Orlando Soliberto

Elvira Gasparini

Francesco Zanarelli

Renata De Flaviis

Mario Mantini

Paola Del Vecchio

Antonino Graziano

Mario Coratza

Federico Gasparini

Francesco Serra

Irene Sparacello

Massimo Pellacani

#acarpivorrei

politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La sera, l’attrice Daniela Poggi presenterà delle letture dal suo spettacolo Madre di mia madre, ispirata alla propria esperienza di Caregiver della madre malata di Alzheimer. Il 31 maggio, alle 9 in Sala Mori, la sessione conclusiva su Caregiver: riconoscimento del ruolo e politiche, in cui verrà presentata – dalla consigliera regionale Paola Marani - la legge recentemente approvata dall’Assemblea legislativa della Regione per il riconoscimento e il supporto della figura del Caregiver familiare. Ne discuteranno rappresentanti dell’Anci e della Lega delle Autonomie

dell’Emilia Romagna, di Agenas, interverrà il portavoce del Forum nazionale del Terzo settore Pietro Barbieri. A concludere i lavori è stato invitato il sottosegretario onorevole Luigi Bobba. In tutte le sessioni di lavoro l’apertura dei lavori sarà caratterizzata da testimonianze di Caregiver familiari che esprimeranno le loro esperienze, i loro bisogni, le loro aspettative. Il pomeriggio del 31 maggio consentirà ai Caregiver di partecipare a laboratori di arte-terapia e di respirazione, di incontrare associazioni che offrono aiuto a chi cura, di imparare tecniche utili per i Caregiver come effettuare la disostruzione delle vie aeree, misurare la pressione, effettuare lo stick glicemico. Sarà presentata una linea di prodotti mirata a favorire l’autonomia e rispondere a bisogni di vestizione di persone non autosufficienti e una piattaforma di telecare.

Quarto appuntamento a Carpi del Caregiver Day: dal 28 al 31 maggio una quattro giorni di attività seminariali, eventi culturali, laboratori e approfondimenti dedicati ai Caregiver, ovvero a coloro che si prendono cura di un proprio familiare malato, non auto- sufficiente o disabile

@carpi5stelle

movimento5stellecarpi

http://carpi5stelle.net/

carpi5stelle@gmail.com

342 910 80 20


D

al 24 aprile al 3 maggio si è svolto a Sanliurfa, nella Turchia sud-orientale, il quarto e ultimo incontro del Partenariato Multilaterale Scolastico Comenius Different cultures, different ideas the same human rights in the voice of young students, progetto coordinato dal professor Enea Storchi Incerti, docente di inglese della Scuola Media Fassi di Carpi. La mobilità turca è ciò che famiglie e ragazzi temevano maggiormente in quanto, Sanliurfa, la città in cui si trova la scuola del progetto, è nel sud-est del Paese a soli 100 chilometri dal confine siriano, nella regione della Mesopotamia. Timori rivelatisi del tutto ingiustificati. Sei i partecipanti: i professori Storchi e Iacono, il presidente del Consiglio d’Istituto dell’Istituto Comprensivo Francesco Grillenzoni e gli studenti Burani, Rossi e Ucar. “La Turchia è un Paese in cui si evidenziano notevoli differenze culturali, in particolare nella zona da noi visitata dove sono presenti turchi, curdi, arabi, siriani e iracheni. Una ricchezza che abbiamo cercato di assorbire il più possibile. L’entusiasmo con cui siamo stati accolti ha preso il sopravvento sul nervosismo e ci ha immediatamente ras-

venerdì 23 maggio 2014

Istituto comprensivo Carpi 2 - Si è concluso a Sanliurfa in Turchia, l’ultimo incontro del Partenariato Multilaterale Scolastico Comenius

Una settimana indimenticabile

sicurati”, spiega il professor Enea Storchi Incerti. Questa è stata l’ultima mobilità del partenariato: “negli ultimi due anni - prosegue il docente - abbiamo lavorato su problematiche relative ai diritti umani e, soprattutto, ai diritti e doveri dei ragazzi. Nell’ultimo anno si è posta particolare attenzione alla parità dei sessi e al concetto

di democrazia. Questi temi sono poi stati elaborati con tanti piccoli progetti e iniziative all’interno dell’istituto e il prodotto finale è stato certamente innovativo. Nelle varie mobilità gli studenti di Italia, Polonia, Portogallo e Turchia hanno preparato in gruppo, storie di scrittura creativa sui diritti umani e sulla parità

dei sessi collocandole in differenti contesti e lavorando con estrema fantasia e capacità inventiva. Tutte le storie sono state scritte in inglese il che ha permesso agli allievi di migliorare la propria abilità di scrittura in lingua”. Le storie sono poi state pubblicate in un piccolo libro dal titolo Stories on children’s rights and

gender equality, stampato grazie all’aiuto del presidente del Consiglio d’Istituto dell’Istituto Comprensivo, Grillenzoni. In Turchia queste storie hanno dato il via a un’attività di drammatizzazione da parte dei ragazzi con l’obiettivo di interiorizzare i concetti sui quali si era lavorato. “Con queste attività - continua Storchi

Il 24 maggio dalle 9 alle 12.30 presso l’atrio d’ingresso dell’Ospedale di Carpi

Successo per il presidio di Adica

A

A

Alice organizza un presidio di prevenzione ictus lice Carpi, Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, organizza, in collaborazione con i sanitari dei reparti di Neurologia e Fisioterapia, un Presidio di prevenzione ictus di medici,

anno XV - n. 20 13

infermieri e volontari, presso l’atrio d’ingresso dell’Ospedale Ramazzini di Carpi. Sabato 24 maggio, dalle 9 alle 12.30, verranno effettuati gratuitamente alle persone in transito e ai cittadini che lo

richiederanno, test gratuiti per misurare il livello di colesterolo e glicemia, rilevazione della pressione arteriosa, ricerca aritmie e un eventuale eco-doppler dei tronchi sopraortici.

Incerti - abbiamo imparato come fare maggiore affidamento sugli altri, a condividere, a superare le avversità, ad aiutarci vicendevolmente e a costruire legami più facilmente. Abbiamo anche imparato a lavorare in gruppo. Questa esperienza ci ha reso più indipendenti e più sicuri. Abbiamo anche fatto diverse visite ai principali siti della regione, tra cui il monumento archeologico Göbeklitepe, il famoso Lake Fish Urfa Balikligol. E’ stato fantastico guardare il tramonto dal Monte Nemrut sulla tomba di Antioco I, re degli Ittiti… L’ultimo giorno, un ricevimento da parte del governatore regionale dell’istruzione, ci ha offerto una panoramica delle enormi dimensioni della regione con più di diciassettemila scuole e circa venti milioni di abitanti. Questa esperienza ha lasciato in noi l’immagine di un popolo ospitale e caloroso. Terremo nel cuore le amicizie strette e continueremo a lavorare per sviluppare nuovi progetti che aiutino gli studenti ad approfondire la consapevolezza di essere cittadini dell’Unione Europea”.

Il diabete non è un’allergia allo zucchero dica, Associazione Diabetici Carpi, lo scorso 18 maggio, ha effettuato 600 rilevazioni della glicemia e ha provveduto a indirizzare una decina di persone dal medico di famiglia a causa di una glicemia sospetta. Alle persone che si sono sottoposte al test è stato consegnato del materiale informativo relativo all’associazione e a come prevenire, attraverso una corretta alimentazione e una moderata attività fisica, il diabete di tipo 2 e come riconoscerne i sintomi. “Lo slogan Il diabete non è un’allergia allo zucchero ha incuriosito i passanti ai quali è stato poi spiegato che i diabetici, possono mangiare tutto ciò che mangiano le persone sane, solo in quantità minore, come afferma da tempo anche l’Organizzazione Mondiale della sanità, ha spiegato il presidente di Adica, Enrico Franchini.

Sabato 24 maggio, alle 21, presso la sede del Motoclub Uisp

Balla con Cicci Il Condor

S

abato 24 maggio, alle 21, presso la sede del Motoclub Uisp, in via Guastalla, al civico 19, Cicci Il Condor, insieme al gruppo I New

Il principale problema dei giovani in Italia non è quello di fornire loro risposte per l’oggi, ma un sogno per il domani, perché in questo Paese abbiamo speso e suddiviso male le nostre risorse. Servono la forza e il coraggio di immaginare strade nuove e i giovani ci chiedono di avere l’occasione di rischiare e mettersi in gioco. Non possiamo ammazzare la loro speranza con le garanzie, ma forse scegliere di avere qualche tutela in meno per consentire loro qualche opportunità in più”.

Il ministro Poletti ospite della Primavera del Volontariato di Carpi

“La società sarà il nuovo pilastro del Paese” Così si è espresso il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti, ospite della Primavera del Volontariato. Sottolineando come il mondo del volontariato rappresenti la capacità di donarsi, mettersi in gioco e fornire un serbatoio di fiducia, Poletti ha ribadito come “i nostri problemi siano originati dal dato culturale per il quale sino a oggi esistevano soltanto lo stato e il mercato, il primo riguardante tutto ciò

Da sinistra il ministro Giuliano Poletti, uno dei vincitori della sezione scuola di Umoristi a Carpi Rui Loh e l’onorevole Edo Patriarca

Condor, presenta Musica in compagnia. Una serata musicale e danzante all’insegna dei grandi classici della musica italiana e internazionale, dagli

Anni Cinquanta agli Anni Settanta. Il ricavato della serata (ingresso 10 euro) sarà interamente devoluto all’Associazione Pazienti Tiroidei di Carpi.

che è pubblico, il secondo rivolto alle questioni private. Si invocava la società, come fosse la Croce Rossa, solo laddove lo stato non era in grado di arrivare o dove non si prospettavano opportunità di guadagno per il mercato. E’ venuto il momento di finirla con questa concezione. Prima vengono le persone, con le proprie relazioni e comunità di appartenenza. Occorre quindi riconoscere al terzo pilastro del nostro Paese, ovvero la società, l’importanza che merita. L’Italia deve scegliere di essere una comunità, puntando sulla

partecipazione responsabile dei cittadini, sul loro protagonismo”. Ricordando l’importanza dell’economia sociale, che insegna come non sia il prezzo la misura unica di tutte le cose, Poletti ha poi ricordato quanti faticano a inserirsi nel mondo del lavoro: “dobbiamo cominciare a pensare non solo a chi il lavoro lo perde, ma anche a chi non ha alcuna tutela perché, un lavoro, non l’ha mai avuto. La costruzione di un nuovo tipo di comunità non può avvenire senza l’assunzione di responsabilità da parte della politica”.


14

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

SPECIALIZZATA IN DERMOCOSMESI, OMEOPATIA E CELIACHIA

N O V I TÀ

NUOVO ORARIO CONTINUATO dalle 8.00 alle 20.00 IL SABATO dalle 8.30 alle 19.30

Fa r m a c i a S o l i a n i , V i a R o o s e v e l t , 6 4 - C a r pi (MO) - Tel. 059 687 121 i n f o @ f a r m a c i a s o l i a n i . i t - w w w. f a r m a c iasoliani.it - seguici su


L

a costruzione di una residenza psichiatrica a Carpi è indispensabile. Era il 26 maggio del 2008 e, in occasione dell’inaugurazione del Centro di Diagnosi e Cura presso l’ospedale, si ribadì l’importanza di avere a Carpi una struttura residenziale. Da sette anni, da quando la città ha perso i suoi posti letto di trattamento intensivo, le famiglie ne attendono la realizzazione ma non c’è niente all’orizzonte nel breve periodo. Moltissime, nel corso di questi anni, sono state le ‘location’ prospettate, da Santa Croce a Fossoli, finché il Consiglio Comunale non ha preso in mano la questione votando all’unanimità il 7 novembre 2013 una mozione, firmata da tutti i gruppi presenti nel civico consesso, che chiedeva di riportare a Carpi i 10 posti letto di Residenza psichiatrica intensiva (ora in una clinica di Modena) impegnando la Giunta “a coinvolgere e sensibilizzare l’Azienda Usl a questo fine, con la possibilità di incrementarli a 15”. Nonostante le sollecitazioni all’Ausl dell’allora assessore alle Politiche sociali e sanitarie Alberto Bellelli e l’impegno a portare la richiesta alla Regione del direttore generale Ausl Mariella

S

venerdì 23 maggio 2014

Da sette anni, da quando la città ha perso i suoi posti letto di trattamento intensivo, le famiglie ne attendono la realizzazione ma non c’è niente all’orizzonte nel breve periodo

L’Azienda deve restituirci i posti (entro il 2014)! palazzina dove attualmente si trova il reparto di Diagnosi e Cura ricavandone dodici posti letto. Recentemente è stata ultimata la riqualificazione dell’ex Stella

essere gestita interamente con personale Ausl. Quando? Dove? Come? Quanto? Sono queste le domande a cui l’Ausl è chiamata a rispondere per chiarire le scelte che intende fare per consentire di avvicinare il servizio alle famiglie e dare continuità e qualificazione al percorso terapeutico nel passaggio dal ricovero alla famiglia stessa. Possibilmente senza attendere altri sette anni. Sara Gelli

I lettori ci scrivono

“Ci sono extracomunitari che smerciano rifiuti”

P

Martini, siamo ancora al punto di partenza. Esiste o no la volontà di fare qualcosa? Ci sono le risorse? Le ultime notizie dall’Ausl di Modena confermano la volontà del direttore Martini di realizzare una struttura a Fossoli, in via Del Carpine, in un quartiere residenziale di recente costruzione, su un terreno già urbanizzato

i è svolta domenica scorsa a Carpi la giornata Mettiamo le Radici durante la quale l’Associazione Ambientalista Fare Verde, tramite il suo presidente nazionale, l’avvocato Francesco Greco, ha illustrato le linee guida dell’associazione sulle tematiche ambientali evidenziando, tra l’altro, la posizione critica al modello di sviluppo attuale, ‘volto a un consumismo sfrenato’, sostenendo, al contrario, le posizioni riconducibili al pensiero della ‘decrescita felice’. Nel corso dell’incontro, il referente locale dell’associazione, Bruno Tarchioni, ha posto l’attenzione dei presenti sullo stato delle Qui si parla di rischio abusivismo, concorrenza sleale, riciclaggio di denaro sporco e prostituzione. A parole sono tutti d’accordo che su questi temi si debba vigilare in modo specifico ma poi, nei fatti, sinora è mancata una concreta volontà di agire”. Non si arrende, il carpigiano Stefano Stradi, nella battaglia che da tempo combatte affinché si alzi la guardia sulle attività a rischio, quelle legate soprattutto all’imprenditoria di origine cinese. Non demorde, seppure ammetta come la politica si sia dimostrata fondamentalmente sorda alle sue richieste: “credo che il motivo risieda nel fatto che il tema è scottante. Tempo fa feci degli incontri con alcuni consi-

in via Tre Febbraio la cui progettazione risponde a criteri strutturali consoni alle funzioni di Residenza psichiatrica: potrebbe ospitare posti in convenzione, oppure

anno XV - n. 20 15

messo a disposizione dal Comune. La distanza di almeno quattro chilometri dall’ospedale ne renderà sicuramente complicata la gestione per i quindici operatori – personale medico e non – che lavoreranno nella Residenza a Trattamento Intensivo. Per risparmiare soldi pubblici era stata avanzata una prima proposta di ampliare la

resso la stazione ecologica di via Magazzeno, sono presenti extracomunitari che, grazie all’indifferenza degli addetti della stazione, i quali fingono di non vedere, frugano nei cassoni e portano via oggetti (soprattutto piccoli elettrodomestici ). L’ultima volta che ho portato dei rifiuti, appena entrato, un extracomunitario mi ha chiesto se dovevo buttare oggetti buoni e se potevo darglieli. Questa cosa va avanti da mesi. Aimag ne è al corrente? Alessandro L’azienda conosce bene le dinamiche in essere presso i centri di raccolta e ha attivato, da anni, una collaborazione con il Comune e le Forze dell’Ordine per rispondere agli episodi di furti e di appropriamenti di rifiuti da parte di persone

non autorizzate. Oltre alle recinzioni e al presidio degli operatori negli orari di apertura previsti dalla normativa per queste strutture, Aimag ha messo in campo soluzioni tecniche per arginare questo fenomeno, fra cui ricordiamo, ad esempio, anche la presenza di una guardia giurata a presidio, negli orari di apertura, delle strutture di Carpi. La sperimentazione con la guardia giurata, attivata fra il 2010 ed il 2011, si è conclusa nel giro di un anno, per gli alti costi da sostenere a fronte di tante segnalazioni da parte dei cittadini che consideravano eccessiva la presenza di questa figura presso il centro di raccolta. Di recente è stata progettata e applicata una sperimentazione nel centro di raccolta di via Einstein che ha previsto lo spostamento di contenitori per la raccolta di alcune tipologie di rifiuti in aree diverse da quelle tradizionali accompagnate da modifiche nella

la viabilità interna, ottenendo risultati significativi nella diminuzione del numero di ingressi di persone non autorizzate. In considerazione di questi risultati, l’azienda andrà ad applicare queste nuove modalità anche nel centro di via Pezzana. Per quanto riguarda poi il “non intervento” da parte degli operatori di fronte a delle persone che palesemente prelevano rifiuti dal centro di raccolta, è l’azienda stessa che chiede agli operatori di applicare queste modalità in quanto, in passato, ci sono state aggressioni sia fisiche che verbali nei confronti degli operatori da parte di persone violente e minacciose. Per non far correre rischi inutili agli operatori e su indicazione della Polizia l’azienda ha dunque imposto agli operatori di non intervenire, ma di limitarsi a chiamare le Forze dell’Ordine segnalando i problemi e richiedendo il loro intervento. Aimag

Fare Verde chiede chiarezza sugli scarichi dell’impianto di San Marino

Acque nere e maleodoranti

“acque depurate” dell’impianto Aimag di San Marino, supportando le sue parole con un’ampia

documentazione fotografica. In sostanza, Fare Verde di Carpi chiede ad Aimag di dare una ri-

sposta sullo stato degli scarichi che, agli occhi e anche all’olfatto del comune cittadino, si presentano come sospetti. E’ stato poi ricordato come l’impianto, in caso di piogge consistenti, non sia in grado di veicolare in modo corretto le acque provenienti dal canale

tombato che giungono da Carpi; ciò comporta che lo sversamento avvenga direttamente nel canale che corre parallelo all’impianto di depurazione, il quale, dopo diversi chilometri, arriva al confine del Comune di Moglia, confluendo nel canale della Bonifica Parmigiana Moglia. Una situazione igienico-ambientale, è stato sottolineato, non più compatibile e pericolosa per la salute stessa dei cittadini interessati. Cesare Pradella

Non si arrende, il carpigiano Stefano Stradi, nella battaglia che da tempo combatte affinché si alzi la guardia sulle attività a rischio, quelle legate soprattutto all’imprenditoria di origine cinese

“E’ tempo di unire le forze e chiedere maggiori controlli” Stefano Stradi

glieri comunali di vari partiti, appartenenti a entrambi gli schieramenti, ma poi non ho avuto segnali di un reale interesse ad approfondire la questione. E’ stata fatta qualche tardiva interrogazione comunale in proposito, ma la situazione è rimasta inalterata”. Tutto è iniziato con una petizione per richiedere un impegno dell’Amministrazione a vigilare circa la

possibilità di una concorrenza sleale da parte di ditte gestite da cinesi, petizione che Stradi ha portato in giro per la città, sottoponendola agli esercenti e cominciando dalla categoria dei parrucchieri. “A oggi ho raggiunto 230 firme. Possono aderire anche semplici cittadini, trovando lo spazio per le firme nei vari esercizi commerciali che, sensibili all’argomento, hanno deciso di darmi una mano”. Ma non è tutto, perché Stradi vorrebbe

ripetere l’incontro, tenutosi lo scorso luglio, con alcune associazioni di categoria e gli artigiani: “potrebbe anche costituirsi un Comitato, perché in giro c’è molta rabbia, dato che la politica non fa sponda e le associazioni di categoria, operano isolatamente. Le Forze dell’Ordine, dal canto loro, fanno dei controlli, che però sono come gocce nel mare, mentre servirebbero sistematicità e una battaglia comune”. Stradi auspica che i commercianti

comprendano l’importanza del tema e si muovano tutti insieme per richiedere controlli mirati, monitoraggio delle attività a rischio e, non meno importante, una preparazione maggiore circa le normative vigenti. “Prato non è molto lontano da qui e sappiamo tutti cosa stia succedendo là. Come è possibile, con la crisi che c’è, vedere delle persone circolare con auto di lusso nuove, soprattutto tenendo conto dei prezzi a cui vendono la propria merce?”.


16

S

venerdì 23 maggio 2014

corrono le immagini del video girato in occasione dell’inaugurazione del pozzo d’acqua potabile costruito nel villaggio di Kampeelin in Burkina Faso e la gioia che traspare dai volti della gente contagia chi guarda. “Ho l’entusiasmo di chi ha vissuto quel momento” commenta Andrea Ballestrazzi che, insieme a un gruppo di amici, ha dato vita nel 2012 all’associazione di volontariato Ho avuto sete ed era in Africa in occasione dell’inaugurazione nel marzo scorso. Il prossimo progetto, il decimo, riguarda la

I

l nuovo consiglio direttivo del Circolo Graziosi di via Sigonio, subentrato il 1° gennaio 2014, ha tante idee ed eventi in programma per andare ancora più incontro alle esigenze della comunità. Francesco Conte, uno dei consiglieri, esordisce: “ringraziamo il precedente consiglio per l’ottimo lavoro svolto, ma stiamo cercando di migliorare ancor di più i servizi del circolo, creando maggiori rapporti di collaborazione interna ed esterna”. Lo scopo del nuovo direttivo è quello di mantenere il consenso degli attuali soci, richiamare l’attenzione di nuovi e, magari, anche dei giovani. E all’elenco di migliorie realizzate dal nuovo consiglio, già molto ricco, presto si aggiungeranno ulteriori novità. “Innazitutto - spiega Nardo Antonio Martiniello, vice presidente del consiglio - abbiamo acquistato una brasiera a gas e dei carrelli in acciaio per i servizi interni alla cucina. Poi abbiamo provveduto alla copertura laterale della pista da ballo esterna dove si danza tutti i martedì e i sabato. In breve tempo, abbiamo pensato di agevolare le persone con disabilità predisponendo per loro un apposito scivolo e aumentando i posti auto a loro disposizione. Inoltre, è nostra intenzione

anno XV - n. 20

Pranzo di Primavera a Santa Croce per raccogliere fondi a favore dei progetti dell’Associazione Ho avuto sete

è avvenuta domenica 11 maggio al termine del Pranzo di Primavera presso la Parrocchia di Santa Croce: anticipato dall’esibizione delle ginnaste della Ritmica Club Giardino, l’evento ha richiamato duecento persone che hanno così contribuito alla raccolta di fondi destinati ai progetti. A fare gli onori di casa, servendo in tavola, c’erano il presidente di Ho avuto sete Stefano Della Casa insieme ad altri volontari. Ospite d’onore il vescovo Francesco Cavina che si è soffermato coi presenti e,

nel suo discorso, ha richiamato l’importanza che nella cultura africana, riveste la famiglia. Per aiutare l’associazione è possibile versare un contributo sul conto corrente dell’associazione acceso presso la Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Agenzia 2 – Carpi, codice IBAN: IT 42O 05387 23302 00000 2066225. E’ possibile anche destinare il 5 per mille inserendo, nell’apposito spazio del modello 730-I bis e CUD, il codice fiscale dell’associazione 94166670367 e la tua firma.

Sono tante le idee e le migliorie che i nuovi membri del Consiglio direttivo hanno messo in campo al Circolo Graziosi di Carpi

Lo scopo del nuovo direttivo è quello di mantenere il consenso degli attuali soci e di richiamare l’attenzione di nuovi e, magari, dei giovani.

Sempre di più

costruzione di un pozzo d’acqua potabile per il villaggio di Kantunkako in Malawi dove opera la missionaria diocesana, Germana Munari, consacrata laica e medico.La presentazione di questo nuovo obiettivo

Tante novità in casa Graziosi Il 24 e 25 maggio ci sarà un evento da non perdere: la festa del quartiere Quartirolo in collaborazione con la Parrocchia e il Circolo Giliberti.

Da sinistra Conte, Martiniello, Sgarbi, Zani e Manzo

installare una pensilina per le biciclette e realizzare un allungamento della strada che dal parcheggio esterno conduca direttamente alla cucina”. Il consiglio - aggiunge Iaures Zani, il nuovo presidente entrato in carica ufficialmente solo nelle scorse settimane - ha inoltre deliberato un aiuto economico per il ripristino

della pista da skateboard, molto amata e frequentata dai giovani. E, sempre per avvicinarsi alle necessità di questi ultimi abbiamo portato il wi-fi gratuito in tutte le sale del circolo per i ragazzi che vogliono collegarsi a Internet”. Tra tanti uomini, c’è anche una donna, la signora Brunella Sgarbi: la vice

presidente, oltre a fornire suggerimenti per varie attività è anche un’ottima segretaria contabile. Al Circolo Graziosi sono sempre numerose le attività offerte e presto se ne aggiungeranno altre appositamente studiate per i più giovani. “Nelle salette del primo piano, periodicamente si

tengono corsi di biodanza e di Tai Chi per le persone affette da Parkinson e i Servizi Sociali del Comune accompagnano qui ragazzi con handicap per farli partecipare a corsi specifici”. Il 24 e 25 maggio ci sarà un evento da non perdere: la Festa del quartiere Quartirolo in collaborazione con la Parrocchia e il Circolo

Nel solco della tradizione il saggio finale degli allievi chiude l’anno formativo

L’osteria carpigiana al Nazareno S ono oltre 60 gli allievi della Scuola alberghiera di Carpi che, giunti al termine del loro percorso formativo, hanno preparato per 150 ospiti, tra genitori e autorità, il tradizionale saggio di fine anno: l’ambientazione inedita e giocosa è stata quella di un’antica osteria carpigiana. I ragazzi hanno espresso le loro abilità nel preparare gli aperitivi e gli stuzzichini sul ricco buffet che ha accolto gli ospiti, allestito ispirandosi a fotografie e documenti sulle osterie storiche di Carpi. Dopo il saluto del vescovo monsignor Francesco

Cavina, a fianco di don Ivo Silingardi, fondatore della scuola, e a don Andrea Zuarri, attuale presidente, il saggio è proseguito con l’intervento di Massimo Loschi, autore del libro Quater pas per usterìi in dialetto carpigiano, fonte preziosa da cui hanno attinto docenti e allievi per presentare i piatti. Tra tutti, citiamo il friggione, il ragù tagliato al coltello, la spinacina, la faraona ripiena, la mostarda fina di Carpi e il belsone con lo zabajone. Dopo il caffè preparato con la moka, a tutti gli ospiti è stata offerta una confezione di Amaretti di San

Geminiano. Tra le autorità presenti, il presidente della Provincia Emilio Sabattini, l’assessore provinciale alla Formazione professionale Cristina Ceretti, il sindaco Enrico Campedelli e gli assessori Alberto Bellelli e Simone Morelli, oltre al vice questore Manuela Ori. Le autorità, nei loro saluti, hanno espresso grande apprezzamento per l’opera svolta dal Nazareno che, da oltre mezzo secolo, fa riscoprire ai giovani il proprio valore e le proprie attitudini attraverso il lavoro e lo studio. Il direttore del Nazareno, Luca Franchini, soddisfatto e orgo-

glioso della prova offerta dai suoi ragazzi, ha ricordato che il saggio costituisce per gli allievi, prima di arrivare agli esami, un appuntamento importante, una vera e impegnativa prova

professionale, e al tempo stesso un momento di gioco. “Dall’osteria Italia, che abbiamo festeggiato in occasione del centocinquantesimo anniversario dell’Unità, ripercorrendo

Giliberti. E’ stato il consigliere Martiniello a far sì che questa festa, sospesa per alcuni anni, potesse riprendere già a partire dall’anno scorso. “Insieme a Don Fabio Barbieri - precisa Martiniello - abbiamo organizzato questo momento festoso il cui ricavato sarà devoluto al Centro di Ascolto Caritas della Parrocchia e per l’acquisto di giocattoli per i bambini al parco di via Sigonio”. “Infine, uno degli appuntamenti più attesi - aggiunge il consigliere Maurizio Manzo - è quello della Festa di Ferragosto. Anche quest’anno verrà mantenuta la tradizione di servire gratuitamente a tutti i partecipanti gnocco fritto e affettato, facendo pagare soltanto le bevande”. Convivialità, divertimento e solidarietà. Questo e molto altro è il Circolo Graziosi, ma come sempre sono le persone a fare la differenza. Chiara Sorrentino la cucina della Penisola da Nord a Sud, arriviamo all’osteria carpigiana. Una piccola ma intensa ricerca di luoghi, nomi e storie. Con una scoperta: in passato a Carpi si trovavano più di sessanta osterie. L’esperienza dell’osteria – ha aggiunto – ha uno scopo didattico per i ragazzi, chiamati a servire a tavoli da 4, non più da 10, e ad adattarsi anche nel modo di proporsi”. A seguire, il direttore ha ringraziato le aziende fornitrici che hanno reso possibile l’evento: La Fonte, Ofg, Giblor’s, la Cantina di Santa Croce, senza dimenticare la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi che, con proprio contributo, ha permesso di acquistare una nuova cucina.


Io credo in Carpi e credo in voi. Siete stati geniali. Una scoperta straordinaria. Grazie, perché attraverso le vostre opere d’arte mi avete sorpresa, stupita. Mi avete fatto entrare dentro di voi, nella vostra intimità, nel vostro essere ed è stata un’esperienza fortissima”. Queste le parole emozionate che l’artista e imprenditrice carpigiana Daniela Dallavalle ha rivolto agli studenti delle classi quarte del Liceo Scientifico Manfredo Fanti partecipanti al concorso da lei ideato, intitolato: Il Bianco. Una cinquantina gli elaborati arrivati, ognuno diverso. Prezioso. Speciale. “Più li guardavo, uno ad uno, più scoprivo un pezzetto di voi, cercando di darvi un nome, un volto”. Il bianco, colore guida dell’artista, rappresenta “un punto di partenza. E’ molto più di un colore, è l’abbattimento delle proprie insicurezze. Un invito a lasciarsi andare”. Ed è stata proprio questa l’esortazione che Daniela ha rivolto agli studenti: “l’arte è l’insieme di ciò che siete, della materia che toccate, della realtà che percepite intorno… fatela fluire. Mostratemela”. Una sfida che circa 70 studenti hanno raccolto e vinto, realizzando video, fotografie, sculture… interpretando ciascuno a proprio modo il bianco. Riempiendolo di senso, forma e colore. “Tradurre un concetto, un’idea, in una forma tangibile è un’opera-

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 17

Assegnati i premi ai vincitori del concorso ideato dall’artista e imprenditrice carpigiana Daniela Dallavalle per le classi quarte del Liceo Fanti

“Io credo in Carpi e credo in voi”

zione estremamente complicata ma i nostri ragazzi ce l’hanno fatta”, aggiunge il presidente del Consiglio di Istituto, Alessandro Pignatti, “nonostante nessuno di loro abbia una formazione artistica”, prosegue il dirigente scolastico Gian Michele Spaggiari. “Sono davvero grato a Daniela Dallavalle di aver scelto il nostro istituto, anziché un’accademia d’arte o un liceo artistico. Il suo è stato un atto d’amore e di fiducia straordinari verso la città e i nostri ragazzi, i quali, con fantasia e inventiva, sono

poco di leggerezza”. E dopo i ringraziamenti si è passati alle premiazioni. Lo staff di Daniela ha assegnato 5 menzioni d’onore a Daniele Di Blasio, Alice Baggio, Andrea Mazza, Luca

Daniela Dallavalle tra Rocco Arletti ed Elena Della Casa

riusciti a trovare una propria espressione. Autentica. Spontanea. Abbiamo celebrato il trionfo della creatività. In tempi faticosi come

quelli che stiamo vivendo, recuperare il fanciullino che si nasconde dentro ognuno di noi è un modo speciale per ritrovare un

Calzolari e Chiara Asfodeli per il talento, l’ingegno e la capacità comunicativa dimostrati. Daniela Dallavalle ha invece proclamato le opere vincitrici, anche se, ha ribadito più volte, “per me, ragazzi, avete vinto tutti ed è stato difficilissimo scegliere”. Tanto complicato da spingere l’artista a ribaltare le regole e assegnare due primi premi a Rocco Arletti ed Elena Della Casa: per loro una borsa di studio di mille euro. Gli altri quattro classificati, i quali riceveranno duecentocinquanta euro ciascuno, sono: il trio composto da Filippo Notari, Riccardo Pignatti ed Ermanno Aris Tominetti, Tamara Sassi, il duo formato da Elena Rebecchi e Yassmin El Matour e, infine, Maria Cristina Liotti. Tutte le loro opere verranno esposte nella nuova sede di Greda, ribattezzata la Baracca sul Mare: candido come un iceberg stranamente approdato nella nostra campagna, lo stabile sarà un luogo “aperto a tutti”, assicura Daniela. “Dove la moda, la bellezza, l’arte e l’energia troveranno spazio”. Jessica Bianchi

Shell Eco Marathon - Il Team ZeroC dell’Itis Leonardo da Vinci di Carpi è tornato a casa da Rotterdam con un ottavo posto in tasca su 29 veicoli classificati

Morale: non si è mai provato abbastanza! S

i è conclusa l’edizione numero 30 della Shell Eco Marathon svoltasi a Rotterdam dal 16 al 18 maggio. 220 i team partecipanti, provenienti da ben 27 Paesi: quest’anno erano presenti anche team universitari da Tunisia, Marocco, Nigeria e Russia. A tenere alti i colori del nostro Paese, soltanto tre istituti superiori e due atenei: l’Itis Leonardo da Vinci di Carpi (per l’ottavo anno consecutivo), l’Itip Bucci di Faenza, l’Ipsia Comandini di Cesena, il Politecnico di Torino e l’Università della Basilicata. Il Team ZeroC del Vinci era composto da 16 studenti dei corsi di Elettronica, Meccanica e Informatica, accompagnati dai docenti Stefano Covezzi (Meccanica) e Marco Vidoni (Elettronica). Cuoca ufficiale del team l’universitaria Elisa Massari che ha preparato deliziosi manicaretti per tutti. Le verifiche tecniche sono state

il primo scoglio da superare: in due ore, Escorpio, il veicolo da loro ideato e progettato, è stato sottoposto a diversi test per stabilirne la conformità al regolamento. “Fortunatamente - ci spiega il professor Covezzi - Escorpio ha superato la prova al primo colpo, ricevendo anche i complimenti dei commissari per quanto concerneva la realizzazione del sistema elettronico di bordo, completamente “home made”, progettato e realizzato dagli studenti di Elettronica”. Una volta iniziate le gare, la strada si è presentata subito in salita: il veicolo funzionava perfettamente ma consumava troppo. “Siamo intervenuti sul software che gestisce il driver del motore ma il risultato non cambiava anzi, peggiorava”, prosegue Stefano Covezzi. Poi sono arrivati i guasti: il distacco della bobina del clacson ha infatti costretto il pilota, Rodrigo Davalli, a superare i veicoli

Il Team ZeroC

avversari senza avvisarli, mossa vietata dal regolamento. Passo falso che ha comportato una formale penalità da parte della giuria. “L’unica grande soddisfazione ce l’ha data il sistema solare: il circuito MPPT da noi realizzato infatti, ha funzionato perfettamente, ottimizzando la ricarica delle batterie di bordo grazie

al pannello solare disposto sul tetto del prototipo”, raccontano orgogliosi Covezzi e Vidoni. Nella terza gara le prestazioni di Escorpio peggiorano ed emerge un sospetto: che sia colpa delle gomme? “Alle 22 del sabato abbiamo iniziato i lavori per sostituire l’avantreno e montarne un altro con gli pneumatici radiali che la

Michelin produce per questa gara. Alle 23 e 30 durante le operazioni di montaggio ha ceduto un raccordo del circuito idraulico dei freni che siamo riusciti a riparare dopo le 24”, continua Covezzi. Il mattino successivo al Team carpigiano resta un solo tentativo disponibile. Il pilota dopo la prima curva annuncia dalla radio di

bordo: “erano le gomme! Il veicolo va benissimo”. La gara fila via liscia fino al traguardo. Il team dimezza il consumo del giorno precedente e risale la classifica, dal 14° all’8° posto. Il team sfiora anche l’ambito premio Technical innovation award: lusinghiero infatti il giudizio del commissario incaricato dell’ispezione relativamente al sistema di ottimizzazione dell’energia - il quale prevede un sistema di telemetria progettato a scuola e gestito da un programma appositamente realizzato dallo studente Davide Malvezzi- montato a bordo di Escorpio, descritto in inglese dallo studente Lorenzo Ferrari. Il premio, però, viene assegnato a un altro team. Insomma i nostri portacolori sono tornati a casa da Rotterdam con un dignitoso ottavo posto in tasca su 29 veicoli classificati. “Morale - sorride il professor Covezzi - non si è mai provato abbastanza”...


18

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

L’aforisma della settimana...

“La vita è la più monotona delle avventure: finisce sempre allo stesso modo”. Roberto Gervaso appuntamenti

Mostre CARPI

Fino al 2 giugno, presso la Dark Room Silmar ArtGallery, è di scena la mostra In-Quiete di Paola Ruggieri

Inquietante bellezza

Fino al 30 maggio L’umorismo ai tuoi piedi Personale di Sergio Cavallerin O&A Centro Affari Fino al 30 maggio Da acquerello ad acquerello Mostra delle opere di Rosella Tagliavini Sala espositiva Fondazione Cassa di Risparmio Fino al 31 maggio Fiume Secchia: genti e territorio Sede Ceas Fino al 2 giugno Luoghi. Quattro Campi, la loro storia, la nostra Memoria Mostra a cura di Elisabetta Ruffini Fotografie di Isabella Balena Baracca recuperata Ex Campo Fossoli Fino al 21 giugno L’ospite segreto Mostra fotografica di Antonella Monzoni Con installazione di Meri Gorni Come promesso Workshop di scrittura autobiografica Fotografia & Scrittura A cura di Anna Maria Pedretti Sala espositiva Biblioteca Loria Fino al 31 dicembre 100 oggetti per 100 anni Musei di Palazzo Pio

CARPI

23 maggio - ore 14.45/17 Personal Training & Nutrition Palestra sicura Palestra etica I vantaggi di un’attività motoria personalizzata e di una corretta alimentazione Saluti di: Massimo Fontanarosa, direttore Confcommercio Carpi Carmelo Alberto D’Addese, assessore Sport e Benessere del Comune di Carpi Tavola rotonda di cultura del benessere e salute Relatori: Dottor Ferdinando Tripi e dottor Gustavo Savino (Usl Antidoping Regione E.R.) Dottor Lorenzo Messina e dottor Manuele Ferrari (Scienze Motorie) Club Giardino

Fino al 25 maggio S - Veli - Amo Archimede La mostra ripercorre la vita e le opere di Archimede in occasione del suo 2.300 compleanno e mostra come il suo pensiero sia ancora fonte di ispirazione in ogni ambito dell’agire umano Mostra ideata e realizzata dagli studenti del Vallauri Musei di Palazzo dei Pio

Fino al 25 maggio Umoristi a Carpi 2014 Il tema della rassegna è: Il lavoro nella società di oggi Cortile d’Onore

Eventi 23 maggio - 2 giugno 25ª Sagra Madonna della Rosa Parrocchia di San Francesco

Fino al 25 maggio Carlo Contini, tra eclettismo e ricerca Opere della collezione personale A cura di Simona Santini Sala Cervi

Fino al 25 maggio Mostra d’illustrazione della giovane artista carpigiana Miriam Savini Spazio Giovani Mac’è!

appuntamenti

I

n-Quiete: gioco di parole che ben si adatta alle creature dell’artista Paola Ruggieri, ferme eppure frementi, sono esseri che nascono da una natura anomala, vivono in un’atmosfera lontana e incollocabile spazialmente, non rispecchiano la realtà eppure le sono intimamente legati. Quello che l’artista vuole esprimere è una consapevolezza legata al nostro mondo dove il concetto di crescita è imperante in ogni ambito e settore. La sua volontà è quella di tessere le lodi della solitudine che aiuta a ritrovare se stessi, anche attraverso un percorso di valorizzazione del contatto con la natura, per lei unica chance di salvezza. Paola Ruggieri servendosi di tecniche diverse ci immerge nelle sue narrazioni. I racconti che vediamo non sono conclusi, ma sono piuttosto input che l’artista ci dà affinché possiamo com-

23 maggio - ore 21 Bhutan: Nel Regno del Drago tonante - Nepal ad un passo dal cielo Proiezioni di viaggi ed escursioni Presenta Don Arturo Bergamaschi Sede Cai 23 maggio al 1° giugno Cuori Coraggiosi sedicesima edizione del Festival Internazionale delle Abilità Differenti Organizzata dalla Cooperativa Sociale Nazareno di Carpi Sedi varie

piere un viaggio fantastico attraverso queste visioni. In un presente in cui vivere significa consumare un numero illimitato di oggetti e di beni, smarrendo i significati che questi hanno per la nostra esistenza, occorre ritrovare il senso rituale ed emancipatorio che possedeva il viaggio, così ci accorgeremo di come, indipendentemente dallo spazio e dal tempo impiegato per compierlo, il viaggio più autentico è

quello per attraversare i labirinti dell’anima e portare nella vita e nella memoria cosciente le immagini indelebili del proprio panorama interiore (liberamente tratto da Le stanze dell’anima di Marco Dallari, 2002). Le creature della Ruggieri sono in-quiete, difficili, perchè stanno compiendo il loro viaggio e lo stanno facendo da sole, perchè “La vita è fatta di piccole solitudini” (Roland Barthes, La Camera chiara, 1980). Ed è proprio nella solitudine che matura la loro originalità, la loro bellezza strana e un po’ in-quietante, la loro poesia. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 2 giugno, presso la Dark Room Silmar ArtGallery di viale Carducci a Carpi. Chiara Messori

24 maggio - ore 21,30 Cabaret: Carpe Ridens Finale Presidente di giuria & ospite Gian Piero Sterpi E con Mago Leo, Aromi Naturali, Salvatore Petrucci, Marco Cattani, Renato Cantarelli e Ceccarino Circolo Guerzoni 24 maggio - ore 17.30 Divertimento ‘900 Un percorso nella musica per flauto del secolo scorso Modena Flute Ensemble Michele Marasco, concertatore Sala dei Mori 24 maggio - dalle 16 alle 19 S-barattiamo Cortile della Banca del Tempo Viale De Amicis, 59 24 maggio - ore 19/22 Maratona di Spinning Sport e divertimento Piazzale Re Astolfo


appuntamenti

24 e 25 maggio Tiro con l’arco Campionato Italiano di società a squadre Piazza Martiri Fino al 26 maggio Luna Park Area fieristica (Zona Piscine) 28 maggio La città delle Stelle Guida all’osservazione del cielo Direttore Giovanni Casari Si consiglia di portare abiti adeguati contro il freddo e strumenti propri (binocolo, cannocchiale) Oasi la Francesa 31 maggio - ore 15/24 L’Antico in Piazza Mercatino Antiquariato e Oggettistica Corso Cabassi e Corso Fanti

U

na mostra di denuncia. Una mostra curiosa. Una mostra che è macchina del tempo. A Fotografia Europea 2014, a Reggio Emilia, arrivano 10 scatti per i quali occorre un secolo. Si chiama “fotografia comparata” e, il metodo, è quello di ripetere lo scatto storico originale, in questo caso effettuato a inizio del Novecento, nei giorni attuali. Fotografi che dialogano a distanza di decenni e, anche se i primi non ci sono più, restano le loro opere a raccontare. Il fotografo attuale è Fabrizio Frignani che, nell’ambito della mostra promossa dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, ha inaugurato Dal Po a quota mille, acque e bonifica tra passato e presente un progetto a cura di Antonio Canovi, visitabile a Palazzo del Portico, in Corso Garibaldi fino al 30 maggio lunedì-venerdì dalle 8,30 alle 12.30. “Siamo partiti da un’analisi su lavori già fatti in precedenza. Abbiamo selezionato tra le 10 mila immagini dell’archivio della Bonifica, una ventina di scatti. Quindi, con i personale della Bonifica abbiamo

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20 19

Il Palazzo del Portico di Reggio Emilia ospita la mostra di Fabrizio Frignani

10 scatti lunghi 100 anni

ricercato i medesimi luoghi sul territorio. In maniera più semplice quando c’era l’elemento architettonico ancora presente, in maniera a volte assai complessa quando c’erano solo elementi paesaggistici, per cui sono occorsi anche alcuni giorni. Ne abbiamo ritrovati dieci, con grande soddisfazione”. Completano la mostra dieci scatti di luoghi attuali di direttrici d’acqua della bonifica, da dove nascono le acque Ventasso e Civago sino a Po, laddove un tempo le acque si disperdevano.

Fabrizio Frignani

Fino al 14 giugno la galleria ArtBroking di Modena mette in mostra le opere di quattro artisti americani realizzate principalmente negli Anni ‘70: Gregory Gillespie, James McGarrell, Robert Barnes e William Bailey, tutti conosciuti in Italia grazie all’intuito del celebre gallerista modenese Mario Roncaglia

Un omaggio alla pittura d’Oltreoceano Q

uattro artisti americani innamorati dell’Italia, che hanno vissuto nel nostro Paese e gli hanno reso omaggio con le loro opere d’arte. Sono loro i protagonisti di Americana, l’esposizione proposta a Modena dalla neonata galleria ArtBroking, in programma fino al 14 giugno. Gregory Gillespie, proclamato come uno dei più interessanti artisti americani contemporanei, James McGarrell, Robert Barnes e William Bailey sono i protagonisti di questa mostra dedicata alla pittura americana degli Anni ’70. Si tratta di personaggi conosciuti in Italia grazie al talento e all’intuito del noto gallerista modenese Mario Roncaglia de Il fante di Spade, galleria con sede anche a Roma e Milano, che investì su di loro e li impose sul mercato. Dipinti, acquerelli, tele e disegni sono i protagonisti di questa esposizione: si va dalla pittura figurativa di Gillespie, caratterizzata da una cura maniacale per il dettaglio, a

quella di McGarrell, con un debole per una gamma cromatica intensa e

Esposizione al Bar Paprika di Carpi

La campagna secondo Luciano Arletti

sfolgorante; dai temi letterararariopsicologici di Barnes, proposti in

F

femminili di Bailey, che vivono in un silenzio metafisico senza tempo.

Sabato 24 maggio, alle 21,30, al Circolo Loris Guerzoni, il concorso di comicità Carpe Ridens incoronerà il vincitore della sesta edizione

Carpe Ridens: tempo di finalissima

S

ino al 15 giugno, il carpigiano Luciano Arletti ha allestito una mostra fotografica al Bar Paprika, in via Tre Febbraio, 1B a Carpi. I soggetti ritratti negli scatti sono tutti di carattere naturalistico.

maniera sia figurativa che astratta, sia realistica che surreale, ai ritratti

i svolgerà sabato 24 maggio la finale del concorso per comici Carpe Ridens. Alle 21,30, al Circolo Loris Guerzoni si scontreranno comici di altissimo livello, il tutto in una serata a ritmo frenetico. Tra i finalisti troviamo: Mago Leo da Modena con i suoi giochi di prestigio legati a monologhi strampalati; Aromi Naturali da Napoli con le loro gag, le lezioni di vita e sull’arte del far ridere; Salvatore Petrucci da Siena interessante monologhista che tratta temi d’amore e di coppia; Marco Cattani da Reggio Emilia eclettico funambolo da palcoscenico che fa della risata un’arte; Renato Cantarelli da Parma con i suoi personaggi acuti e attenti all’attualità e Ceccarino da Arezzo altro monologhista dedito alla battuta sia di pancia che di testa. Accanto a loro la serata avrà come protagonista Gian Piero Sterpi, cabarettista e fondatore della Compagnia Teatrale PiùoMeno.


20

venerdì 23 maggio 2014

anno XV - n. 20

Calcio – Il Carpi scrive un’altra pagina memorabile: conquista la Favorita di Palermo ed è aritmeticamente salvo (2-1).

La Storia è sempre lui

Il gol dell’impresa è di Pasciuti: il gigante minuscolo, simbolo dell’epoca. Domenica sera l’ultima al Cabassi: arriva il Lanciano.

I

l Carpi si consegna agli almanacchi della Serie B: verrà ricordato come l’unica squadra capace di battere due volte il Palermo dei record. Vince la nona partita esterna in uno stadio mundial. Festeggia così l’aritmetica salvezza con un’impresa epocale e il gol del simbolo di quest’epoca. Forse ha davvero ragione Nietzsche: il Destino è circolare, si dà dei riferimenti esatti per compiersi ogni volta ed elegge sempre gli alfieri giusti. PASCIU - E’ Storia, ancora una volta. Ed è sempre, meravigliosamente la stessa storia: Lorenzo Pasciuti, il gigante minuscolo, Davide che diventa Golia, la metafora e la costante universale dei migliori anni della vita biancorossa. Come tutti gli eroi è un immutabile. Il tempo e le categorie passano, ma non c’è modo di dargli un’età. E’ ancora lo stesso geniale artigiano del gioco che 5 anni fa venne scartato dal Pisa e arrivò a Carpi dalla porta di servizio. Oggi, come allora, invisibile e onnipresente. Nascosto in una sagomina da studente di prima liceo. Protagonista di una vita perbene in cui c’è solo calcio, famiglia ed equilibrio. Più l’ironia silenziosa e raffinata degli attori di prosa. Non ha mai cambiato postura, guardaroba, taglio di capelli, tensione comunicativa: non un gesto, un tono, una parola

in più, sempre quella esatta per tutte le situazioni, rigorosamente dentro le sue squisitissime righe. Un ragazzo nato imparato per dare l’esempio. Che nel frattempo è diventato uomo, marito, padre, icona del tifo, bandiera d’appartenenza, il giocatore più vincente di una società di calcio centenaria. Tutto questo senza far pesare a nessuno la sua importanza e la sua grandezza. E senza aver avuto bisogno di cambiare modo di stare in campo, né di trovare un vero ruolo, nonostante sia salito di tre livelli. Ogni volta che lo vedi gestire palla o marcatura ti stupisci dell’immediatezza con cui trova la soluzione. Ogni volta ci arriva prima che gli altri inizino a leggere l’ultimo capitolo. Ogni volta è come se avesse già giocato la partita. Semplicemente perché gioca come vive, essenziale e gratuito. L’umiltà che porta in

CALCIO DILETTANTI La Correggese avanza ai playoff

L

a Correggese dà un’altra encomiabile prova di consistenza archiviando rapidamente la beffa del campionato, e immergendosi con grande credibilità nella lotteria dei playoff di Serie D. Gli uomini di Bagatti si levano di dosso ogni tipo di scoria psicologica, e superano i primi due scogli in emergenza (tra gli assenti, definitivamente out Davoli: rottura del crociato) e senza tifosi. Nella finale del girone battono agilmente la Massese (4-0), trascinati da Boilini in giornata di grazia (doppietta). Poi vanno oltre l’Olginatese di misura (1-0), in fondo a un match parecchio tattico concluso in sofferenza con l’uomo in meno (espulso Selvatico, stangato dal giudice: 3 gare di squalifica, stagione finita anzitempo). Nonostante il doppio errore dal dischetto, il match-winner è ancora Luppi (31esimo gol stagionale), premiato nei giorni scorsi al Lido di Camaiore come miglior attaccante dell’intera Lega Nazionale Dilettanti. Servono adesso altre tre vittorie per sperare nell’ingresso alla nascente Lega Pro unificata. Domenica alle 16 un nuovo round al Borelli, che riaprirà al pubblico dopo i due turni a porte chiuse. Gara unica, rigori in caso di parità al 90’. L’avversario è il Pontisola (Ponte San Pietro-Isola, provincia di Bergamo), classificatosi al sesto posto nel Girone B. Sugli altri estremi del tabellone: MatelicaBorgosesia e Akragas-Arezzo. La quarta squadra direttamente qualificata alla final four è il Pomegliano, vincitore della Coppa Italia di categoria. Semifinali secche in programma domenica 1° giugno, sul terreno delle meglio piazzate nel ranking definito dal quoziente punti accumulati in regular season. La finale, invece, verrà disputata in campo neutro domenica 8. LE ALTRE – Conclusa l’attività dei campionati minori: ferie per tutti, appuntamento a settembre. Ritroveremo la Solierese in Promozione e la Virtus in Seconda, con nuovi allenatori e l’intenzione di migliorare i piazzamenti di quest’anno. Salvo rimescolamenti improbabili, riavremo ancora un bel campionato di derby in Terza, tra Cabassi, Limidi, Carpine, San Marino e Cortilese (eliminata in Coppa ai rigori dal Villadoro, poi campione). Resta momentaneamente sospeso, infine, il destino dello United, che ha qualche chances di ripescaggio in virtù del secondo posto nella poule-spareggi. Ne sapremo di più nelle prossime settimane. E.G.

campo è la medesima con cui saluta sempre tutti, sorridendo e dicendo “grazie”. Come già altre volte in passato, il Carpi ha trovato Pasciuti nell’emergenza. Quando ricompare e decide vuol dire che vince il gruppo, la flessibilità. L’impegno a difendere e contrattaccare d’insieme è stato il turningpoint della salvezza, almeno nell’ultimo pezzo di strada (10 punti in 5 gare). C’è stato però anche quando in molti altri momenti è mancato, ovvero le differenze degli estremi: le prodezze del portiere e i gol regolari del centravanti. NUMERO UNO - Colombi è l’uomo più determinante del rush finale. E’ uscito con la luce e la pulizia dei predestinati dalle ombre di una stagione tribolata. In mezzo al trambusto di Padova si era sostanzialmente perso, a Carpi ha dovuto riprendere ritmo e fiducia. Per riuscirci gli sono serviti errori grossolani. I ritardi su Babacar e Garofalo gli hanno ridato l’urgenza dell’anticipo. E’ tutta qui la specificità del ruolo, nella cattiveria di stare un tempo avanti rispetto alla partita. Sei solo tra i pali, quando tocca a te i compagni sono comunque lontani. Se non intuisci tutto prima di loro, è già tardi. Dal derby in poi non ha più sbagliato niente, un buon 70% degli ultimi punti-salvezza sono a carico suo. E’ questa la differenza che separa i giocatori

PROSSIMO TURNO

In campo domenica sera

41ESIMA GIORNATA Domenica 25/5/2014 ore 20.30 AVELLINO – REGGINA BRESCIA – J.STABIA CARPI – V.LANCIANO CESENA – LATINA CITTADELLA – EMPOLI CROTONE – TRAPANI SIENA – PADOVA SPEZIA – BARI TERNANA – PALERMO ANTICIPI Sabato 24/5/2014 Ore 18: NOVARA – VARESE Domenica 25/5/2014 Ore 18: PESCARA – MODENA

eccezionali da quelli normali: quando toccano il fondo della crisi si aggrappano alla loro classe, cioè alla padronanza dei fondamentali. Alla fine, la scuola Atalanta, una delle principali università dei portieri italiani, non tradisce mai. Quest’estate, il Carpi tornerà a pescare da lì. Delle due l’una: o rimane lui, oppure ritorna Sportiello. JERRY - Mbakogu è stata una grande crescita, la continuità più evidente tra tutte le punte. E’ già ben oltre la propria carriera, ha sostanzialmente raddoppiato se stesso. Sei reti le aveva fatte solo in C1. Può diventare un bomber, gli manca la vocazione, non il piede per trovare gli angoli della porta. Partecipa, esplora molto campo, non vive in area. Ma quando ci arriva da lontano, trova quasi sempre la palla. Ha margini chiari, una gamba incisiva che fa malissimo alle difese. Il suo vantaggio è nella resistenza allo scatto in condizioni di ingaggio, spallaa-spalla. Se ti prende un metro in verticale sui primi due-tre passi, non lo rallenti più. Il futuro dipende più da lui che dalle effettive disponibilità di Carpi e Padova. Perciò, molto difficilmente farà parte del prossimo gruppo. Credo abbia ormai deciso di cambiare aria, contesto e percorso. Ha bisogno di un’altra patria tecnica, di un calcio a misura per completarsi. Probabilmente andrà in Inghilterra (come fece il suo idolo-modello: Jay-Jay Okocha), dove agli attaccanti viene chiesto meno lavoro spalle alla porta. E si gioca più veloce, ci sono più spazi, meno pressioni e pregiudizi. PLAYOFF – Altri 180’ ci separano dalle ultime verità. L’Empoli fa un altro scatto verso la Serie A, e forse stavolta è quello buono. Cesena-Latina sarà uno spareggio senza margini che comunque vale molto più della speranza: quantomeno mette in palio l’ingresso in semifinale playoff. Più indietro: Modena e Bari fortificano le rispettive candidature; il Siena rilancia la propria. Al Carpi restano formalmente 5 possibilità su 100 di rientrare all’ultimo giro. Dipendono dal risultato di Crotone-Trapani e presuppongono 6 punti su 6 e i crolli di Avellino e Spezia. Insomma, occorre che la Luna e Urano si allineino nel Leone. Ma comunque vada, anche in tutti gli altri 95 casi l’Encierro di domenica sera sarà una festa. Il ringraziamento orgoglioso a una stagione unica e talmente bella che nessun rimpianto potrà intaccare. Enrico Gualtieri

PROSSIMO AVVERSARIO:

LANCIANO

Un modello di riferimento e comprensione

I

l Lanciano arriva col fiato un po’ corto in fondo a una bellissima corsa. Viene da 4 pareggi affannosi e rocamboleschi, ha vinto appena 2 delle ultime 11 partite. Si gioca consapevolmente tutto, senza mezzi termini: se vince mette un piede e mezzo nei playoff, se perde è fuori. E’ l’avversario ideale per chiudere il sipario sul Cabassi e tracciare un primo bilancio di questa storica stagione. Condivide molto, serve da modello. Funziona da misura di comprensione dei traguardi raggiunti, e da riferimento per gli orizzonti futuri. E’ l’espressione calcistica di un comune non capoluogo, fiorita all’ombra del blasone dei vicini di casa (Pescara). Lo scorso anno debuttò in B dopo aver vinto a sorpresa i playoff di Prima Divisione contro la grande favorita del Sud (Trapani). Si salvò all’ultima giornata con 48 punti (solo 9 vittorie, record di 21 pareggi). Contò alla fine poco più di 45.000 paganti nel cumulo delle gare interne. Tutti i numeri del Carpi sono già superiori, stadio compreso: se domenica sera si registrassero 2.800 spettatori, cadrebbe il muro dei 50.000. Non un successo trascendentale, ma comunque un buon successo come prima semina. Quest’anno gli abruzzesi sono cresciuti prepotentemente sotto ogni aspetto. Hanno disputato un campionato di vertice investendo su ritmi alti e talento giovane (De Col, Minotti, Buchel, Thiam, soprattutto il portiere Sepe, tra i migliori Under 23 di ruolo). Sono stati soprattutto entusiasmo e organizzazione, intensità e personalità sparsa in tutti i reparti. La squadra sa attaccarsi al risultato, ha aggiustato diverse partite nei minuti finali, perso poco in casa (solo 4 volte), vinto su campi difficili (Cesena, Crotone, Avellino). Anche per strutturazione tattica somiglia parecchio al Carpi. Mister Baroni è un emergente realista di puro pragmatismo Juve (dove si è formato come tecnico). Piace in giro, ha già diverse richieste (Bologna davanti a tutti). Formula 4-5-1 dinamico, difesa bassa, due stopper fisici (Amenta e Troest), un centravanti duro che apre gli spazi (Falcinelli o Comi), pochi passaggi orizzontali, pressing a folate e ripartenze svelte sugli esterni (soprattutto a destra con Piccolo, ala di punta a piede invertito). Più grande scienza sulle palle inattive. La massima differenza individuale, infatti, è l’esecutore: Mammarella, il miglior mancino della B per battere da fermo. L’uomo dell’equilibrio centrale, infine, è un ragazzo che domenica vivrà una serata molto speciale: Federico Casarini. E’ nato il 7 settembre 1989 a 100 metri in linea d’aria dal Cabassi, ma molto curiosamente non vi ha mai giocato una partita ufficiale. E’ cresciuto nella Kennedy, è maturato nel Bologna, è l’ultimo carpigiano doc ad aver giocato e segnato in Serie A. Suo nonno materno fu l’architrave della Grande Storia del Carpi tra i ’50 e ’60: Archimede Pellizola. Nono alfiere biancorosso di sempre, 220 partite, 16 gol, 3 promozioni. Per tutti, è l’indimenticabile Pelicia. E.G.

I PRECEDENTI Il tiki-tika di S.Stefano

I

l “Cabassi” riceve per la prima volta il Lanciano. Sono solo due i precedenti ufficiali tra le squadre, entrambi al “Biondi”. Il primo dista 4 anni: 8 agosto 2010, TIM CUP, primo turno, l’alba del Carpi ripescato 4 giorni prima in Seconda Divisione Lega Pro (che poi avrebbe conquistato in volata). La rosa era in aperto cantiere, tant’è che mister Sottili salì sul pullman senza sapere esattamente quali giocatori avrebbe potuto schierare. Vinsero gli abruzzesi 2-1, rimontando il fulmineo gol di Cicino. Il secondo incrocio è la gara d’andata nel pomeriggio di Santo Stefano, dominata in lungo e in largo dai ragazzi di Vecchi (3-1: sul tabellino Troest e poi Memushaj, Letizia e Concas). Fu la sublimazione del suo calcio tiki-taka: palleggio fitto, triangoli veloci, inserimenti continui, massima facilità di ribaltamento del fronte. Il pubblico di casa applaudì gli ospiti. Baroni uscì imbufalito coi suoi. Li tenne a rapporto nello spogliatoio per oltre mezzora. Domenica sera cercherà il riscatto. E.G.

LA CLASSIFICA SQUADRA

P.TI

PALERMO EMPOLI CESENA LATINA MODENA BARI (-4) CROTONE SIENA (-8) VIRTUS LANCIANO SPEZIA TRAPANI AVELLINO CARPI BRESCIA PESCARA TERNANA CITTADELLA VARESE NOVARA PADOVA REGGINA (-3) JUVE STABIA

82 68 65 64 62 60 59 58 58 58 57 56 55 53 51 48 45 43 43 38 28 19


C

’è una disciplina sportiva che, da un po’ di tempo, cerca spazio per emergere. E’ il rugby, che a Carpi vanta molti appassionati e praticanti, giovani e meno giovani. “L’attività è iniziata nel 2009 – spiega Matteo Casalgrandi, presidente Rugby Carpi – e il numero degli iscritti è cresciuto, anno dopo anno. La società si è strutturata ed è stato costituito un Consiglio direttivo che comprende Cristiana Restani, Alessio Sabattini, Stefano Bolognesi (area tecnica), Matteo Pettenati (relazioni e sponsor) e Walter Venturini”. Questo sport per gentiluomini insegna i valori ai più piccoli a partire dal Terzo Tempo: subito dopo i due tempi giocati in campo, infatti, il terzo viene festeggiato da entrambe le

venerdì 23 maggio 2014

Convertire un campo da calcio costerebbe meno che realizzarne uno di sana pianta. E, visto che la Federazione italiana rugby concede incentivi per la creazione di nuovi impianti, il Comune di Carpi potrebbe cogliere questa opportunità

Il rugby è senza campo

squadre rivali, insieme a supporter e familiari. “Già da piccolissimi – spiega il presidente - si insiste

Campionato amatoriale Uisp

Falchi caduti sul campo di Mestre

S

anno XV - n. 20 21

abato 17 maggio i Falchi del Rugby Carpi a Mestre hanno perso con il risultato di 30-14 la semifinale play off fascia “bowl” del Campionato amatoriale Uisp contro i Torelli Sudati.

sull’importanza della lealtà e sullo spirito di squadra. Inoltre sono ben accetti tutti: non esistono discriminazioni”. A Carpi praticano questo sport più di cinquanta bambini (dagli Under 6 agli Under 12), quindici ragazzi tra i 13 e i 14 anni e 55 adulti che costituiscono la prima squadra; gli allenatori sono una decina e altrettanti gli accompagnatori. “Carpi – continua Casalgrandi - collabora con il Modena Rugby, il Lanfranco e il Vignola a livello provinciale per la costruzione di una rete al fine di garantire ai ragazzi di poter

continuare a giocare anche in Under 14. Insomma, siamo cresciuti”. Purtroppo mancano i punti di riferimento relativi all’impiantistica e il Rugby Carpi è senza fissa dimora, privo di un campo regolamentare per giocare: “abbiamo iniziato l’attività presso la pista di atletica e con La Patria, poi ci siamo trasferiti presso i campi di calcio di Santa Croce e, infine, siamo migrati a San Marino presso la Polisportiva Sanmarinese. La prima squadra ha giocato l’intero campionato in trasferta anche quando le partite erano in casa perché il campo non c’è”. Non avere un campo significa non avere la possibilità di creare un punto di riferimento e un luogo di aggregazione: si tratta di dare una possibilità ai più

giovani considerando che questo sport ha un ampio valore sociale. “In provincia – precisa - esistono campi da rugby solamente a Modena e a Formigine, mancano in tutta l’Area Nord”. La società del presidente Casalgrandi sta da tempo cercando una soluzione: “convertire un campo da calcio costerebbe meno che realizzarne uno di sana pianta. E, visto che la Federazione italiana rugby concede incentivi

per la creazione di nuovi impianti, speriamo che il Comune di Carpi possa cogliere questa opportunità”. L’Amministrazione si è già dichiarata disponibile a interessarsi del caso così come le forze politiche di Sinistra e di Destra e tutti i candidati sindaci. Disponibilità che dovranno diventare in breve atti concreti: l’unico modo per dare al rugby carpigiano un’opportunità di sviluppo in futuro. Sara Gelli

COMMERCIALI BUSINESS.

CONTRATTO DA DIPENDENTI ABenergie Spa, importante società in forte crescita nel mercato della fornitura di energia prodotta da fonti rinnovabili e gas naturale, seleziona 4 commerciali per sviluppare la propria rete vendita nel segmento business sulle province di Modena, Parma e Reggio Emilia. C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

L’azienda offre: formazione specifica iniziale e continua costanti affiancamenti sul campo percorso di crescita professionale immediato contratto di assunzione diretta in qualità di dipendente (senza partita iva) retribuzione fissa più ottimo sistema di premi a raggiungimento obiettivi tablet e auto aziendale Il candidato ideale presenta una forte attitudine alla vendita, è ambizioso e determinato nel raggiungimento degli obiettivi e predisposto al lavoro in team. E’ richiesta pregressa esperienza in ruolo commerciale. Inviare cv a selezione@abenergie.it


22

venerdì 23 maggio 2014

Swimming Team Forlì Cabassi: 0 - 22 Vittoria come da pronostico contro la matricola Forlì, fanalino di coda. Troppa la differenza tecnica e tattica tra le due squadre. Il Carpi, categoria Promozione, ha comunque disputato la sua partita con rispetto verso gli avversari. Cabassi - Nuotatori Ravennati: 5 - 2 In una piscina Campedelli gremita, i piccoli Under 13 della Cabassi Carpi hanno affrontato i pari età dei Nuotatori Ravennati nella semifinale del Campionato Regionale. La tensione era

anno XV - n. 20 Pallanuoto Cabassi

I risultati

palpabile sia sugli spalti che in acqua e i carpigiani si sono presentati in vasca concentrati e determinati. Da subito le difese l’hanno fatta da padrone ed entrambe le squadre sono parse bloccate anche se i carpigiani hanno dato vita una difesa a dir poco perfetta, fatta di anticipi e ripartenze veloci, con un Mattia Moretti che ha disputato la sua miglior prova della stagione. La partita non si è sbloccata fino alla fine del primo tempo quando Alessandro Giliberti ha

Grandi successi per la Polisportiva Roveretana a Danzando in Tour

Rovereto è prima nella danza

A

lla finalissima di Danzando in Tour, Rovereto ha dimostrato di esserci più forte e agguerrita che mai! La Polisportiva Roveretana ha raccolto grandi successi. Nella Sezione Danza Moderna, primo gradino del podio per l’Under 8 e menzione speciale come migliore interpretazione. Primo posto anche per l’Under 12 (per il secondo anno di fila) e l’Under 16 (per il quarto anno di fila). Secondo gradino del podio invece per i Talenti Under 16! Brave ragazze!

segnato con un bel tiro da lontano. Nella seconda frazione di gioco i carpigiani hanno capito di potersi spingere in attacco e lo hanno fatto con maggiore costanza e determinazione ed è stato il solito Under 13

Programma Sabato 24 maggio - Ore 16.30 - 19 Accreditamento Squadre (Piazza dei Martiri, Torre dell’Uccelliera) - Ore 17.30 - 18.30 Tiri di Prova (Piazza dei Martiri)

festeggiare un traguardo inimmaginabile a inizio stagione. “Una vittoria fantastica raggiunta grazie a una difesa perfetta e a un gioco di squadra ben organizzato. Un grande applauso a tutti i ragazzi che, con spirito di sacrificio e grande dedizione, hanno raggiunto una finale meritatissima e insperata”, ha commentato Mister Colarusso al termine della gara. “Un ringraziamento particolare ai tifosi, ai genitori e alla Società Cabassi che hanno reso possibile questo risultato. Ora festeggiamo, ma da domani inizieremo a preparare la finalissima che si terrà a Lugo”.

Vincitori a Vallelunga

P

I

mantenere inviolata la porta carpigiani ed è stato proprio Tamelli ad andare a segno nel terzo quarto portando a 4 i gol di vantaggio per i padroni di casa. Gli ospiti si sbloccano segnando la prima rete, subito ribattuta però da una bella conclusione da lontano di Balestra che mantiene inalterate le distanze. L’ultimo quarto ha visto gli ospiti tentare il tutto per tutto, ma i carpigiani vedendo il traguardo vicino hanno difeso in modo esemplare. Alla fine i ravennati hanno segnato un altro gol, ma la partita è terminata con la vittoria dei padroni di casa che si sono gettati tutti in acqua per

Prima gara per il Team SC Racing

rimo impegno, domenica 11 maggio, a Vallelunga, per il Team carpigiano SC Racing. In l grande tiro con l’arco fa tappa alla Corte dei Pio. Dopo gli Assoluti indoor e i Campionati Italiani al chiuso Para Archery, sta per arrivare il momento dei Campionati Italiani a squadre di Società. La manifestazione giunta alla tredicesima edizione si svolge in città, il 24 e 25 maggio, grazie all’attenta e puntuale organizzazione della Compagnia Dilettantistica Arcieri Re Astolfo di Carpi. La Fitarco ha stilato l’elenco delle società partecipanti: 16 maschili e 16 femminili a cui si aggiungono quattro sodalizi di riserva. Lo scorso anno a salire sul gradino più alto del podio sono stati gli Arcieri delle Alpi sia nelle gare maschili che femminili.

Alessio Dondi che, con un rigore e un veloce contropiede, ha messo a segno una doppietta determinante. La perfette marcature di capitan Tommaso Tamelli e Gianluca Balestra hanno permesso ai carpigiani di

occasione della prima gara della MasterCup, il pilota Fabrizio Meschini, su moto Honda CBR 600, partito col

nono tempo, ha sbaragliato tutti gli avversari, conquistando il primo gradino del podio. Grande la soddisfa-

zione del Team Manager di SC Racing, Simone Corradini. Prossimo impegno il 15 giugno a Mugello.

Il 24 e 25 maggio si svolge a Carpi il 13° Campionato italiano di società a squadre

Il tiro con l’arco fa tappa alla Corte dei Pio

Compagnia Re Astolfo

Domenica 25 maggio - Ore 07.30 – 08.30 Accreditamento Squadre

(Piazza dei Martiri, Torre dell’Uccelliera) - Ore 8.30 – 9.15

Tiri di riscaldamento (Piazza Martiri) - Ore 9.15

Cerimonia di apertura (Piazza Martiri) - Ore 9.30

Inizio gara (Piazza Martiri) Al termine, Cerimonia di premiazione e di chiusura.


venerdì 23 maggio 2014

Successo per il Csi Day in Piazza Garibaldi

Una giornata di sport e divertimento col Csi

I

l Comitato Csi Nazionale ha indetto il Csi Day per festeggiare nelle piazze italiane la ricorrenza dei 70 anni di fondazione dell’associazione. Ad aderire all’evento 69 comitati periferici tra cui quello di Carpi, sceso in piazza, domenica 11 maggio, anche per celebrare il cinquantesimo anno dalla sua costituzione. Nella cornice di Piazza Garibaldi si sono succedute attività rivolte a ragazzi e bambini come partite di calcio a 5, basket, giochi sui gonfiabili, trucca bimbi, laboratori e dimostrazioni di nordic

walking. Dai gazebo presenti sono inoltre uscite informazioni per le attività future organizzate dal Comitato, in particolare riguardanti gli imminenti Campi Estivi e i Corsi di Nuoto. Un particolare ringraziamento ai volontari che hanno permesso

Pallavolo - Liu•Jo Modena

la realizzazione del Csi Day, ai collaboratori, alle società calcistiche Virtus Cibeno, Carpi, Due Ponti e al Comitato festa del Patrono che ha ospitato l’iniziativa mettendo a disposizione i propri spazi. Il prossimo evento si svolgerà in

anno XV - n. 20 23

Piazza Martiri a settembre con la terza edizione del Villaggio dello Sport: scendere in piazza, incontrare la gente e far vivere una bella giornata ai ragazzi è diventato uno degli obiettivi più importanti per il Comitato carpigiano.

Ecco il primo colpo di mercato: arriva Folie

D

opo la nuova guida tecnica, in casa Liu•Jo Modena arriva il primo colpo di mercato a rinforzare l’organico che si ritroverà a disposizione coach Beltrami. Dalla Foppapedretti Bergamo, infatti, arriva la centrale azzurra Raphaela Folie con un contratto biennale. Nata a Bolzano, classe 1991, la giocatrice rinforzerà il posto tre. Folie rappresenta il prototipo del centrale moderno, che fa della potenza e della tecnica i suoi punti di forza. Un’ottima presenza a muro così come in attacco, con tante varianti di gioco, la rende una giocatrice completa, in grado di dare in ogni fase del gioco il proprio apporto.


Tempo n° 20  

Su questo numero: Chi sarà il prossimo sindaco? Speciale elezioni; Tornano òe giornate dedicate al caregiver; Progetto Comenius: una settima...