a product message image
{' '} {' '}
Limited time offer
SAVE % on your upgrade

Page 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile

ADEGUAMENTO SISMICO DI FABBRICATI AD USO STRATEGICO IN CEMENTO ARMATO. IL CORPO H DELL’EX C.O.O. DI FERRARA

Tesi di Laurea di: ENRICO GRUPPIONI

Relatore: Prof. Ing. ALESSANDRA APRILE Correlatori: Dott. Ing. MARCO BONAFÈ Ing. SAVERIO SIMONAZZI

Anno Accademico 2016 - 2017


Sommario 1

INTRODUZIONE ....................................................................................................................... 1

2

UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO ............................................................................. 3

3

4

5

2.1

RILIEVO GEOMETRICO STRUTTURALE ............................................................................................. 6

2.2

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA ................................................................................................... 8

RISULTATI DELLE VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITÀ .................................................... 11 3.1

ANALISI DEI CARICHI ................................................................................................................ 11

3.2

AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ............................................................................................... 13

3.3

CARATTERIZZAZIONE DEI MATERIALI ............................................................................................ 22

3.4

DEFINIZIONE DEL MODELLO DI CALCOLO ....................................................................................... 23

3.5

VERIFICHE NEI CONFRONTI DEI CARICHI STATICI .............................................................................. 25

3.6

VERIFICHE NEI CONFRONTI DEI CARICHI SISMICI .............................................................................. 27

PROGETTO INTERVENTI GLOBALI .......................................................................................... 29 4.1

DEMOLIZIONE E REALIZZAZIONE NUOVE PARETI IN C.A. ..................................................................... 29

4.2

ELEMENTI METALLICI ............................................................................................................... 43

NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI ................................................... 49 5.1

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CALCOLO ...................................................................................... 49

5.2

VALIDAZIONE DEL MODELLO DI CALCOLO ...................................................................................... 51

5.2.1

Validazione carichi verticali ...................................................................................... 51

5.2.2

Validazione carichi sismici ........................................................................................ 51

5.3

RISULTATI DELL’ANALISI MODALE................................................................................................ 53

5.4

VERIFICHE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI DOPO GLI INTERVENTI GLOBALI .............................................. 55

5.4.1

Verifica delle travi .................................................................................................... 56

5.4.2

Verifica dei pilastri.................................................................................................... 58

5.5 6

SINTESI DELLE VERIFICHE .......................................................................................................... 58

PROGETTO INTERVENTI LOCALI ............................................................................................. 59 6.1

RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE L’UTILIZZO DELLA TECNICA ETS .................................................... 59

6.1.1 6.2

Progetto dei rinforzi a taglio ..................................................................................... 59

RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE L’UTILIZZO DI FRP .................................................................... 61

6.2.1

Progetto e verifiche rinforzi a flessione ..................................................................... 63

6.2.2

Progetto e verifiche rinforzi a taglio .......................................................................... 66

6.2.3

Progetto anchor spikes ............................................................................................. 70

I


7

CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI ............................................................................... 77 7.1

PROGETTO MICROPALI ............................................................................................................ 79

7.1.1

Portata dei pali con azioni assiali ............................................................................. 79

7.1.2

Portata dei pali con azioni trasversali ....................................................................... 82

7.1.3

Verifica delle travi di collegamento .......................................................................... 84

7.2

FONDAZIONE ESISTENTE .......................................................................................................... 84

7.2.1 8

9

Verifica soletta di collegamento ............................................................................... 86

COMPUTO METRICO ............................................................................................................. 89 8.1

COMPUTO COSTI CANTIERE ...................................................................................................... 89

8.2

COMPUTO METRICO INTERVENTI GLOBALI .................................................................................... 92

8.3

COMPUTO METRICO INTERVENTI LOCALI ...................................................................................... 94

8.4

COMPUTO METRICO FONDAZIONI .............................................................................................. 96

8.5

VALUTAZIONE DEL COSTO D’INTERVENTO ..................................................................................... 97

CONCLUSIONI ....................................................................................................................... 99

BIBLIOGRAFIA .............................................................................................................................. 103 ALLEGATO A: CARICHI AGENTI ..................................................................................................... 105 ALLEGATO B: VERIFICHE NUOVE PARETI IN C.A. ........................................................................... 116 ALLEGATO C: VERIFICA A FLESSIONE E TAGLIO DELLE TRAVI ........................................................ 119 ALLEGATO D: VERIFICHE PRESSOFLESSIONE E TAGLIO PER I PILASTRI .......................................... 138 ALLEGATO E: VERIFICHE TRAVI CON RINFORZO ETS ..................................................................... 145 ALLEGATO F: VERIFICHE TRAVI RINFORZATE A FLESSIONE CON FRP............................................. 147 ALLEGATO G: VERIFICHE TRAVI RINFORZATE A TAGLIO CON FRP ................................................. 148 ALLEGATO H: VERIFICHE PILASTRI RINFORZATI A TAGLIO CON FRP.............................................. 150 ALLEGATO I: VERIFICHE MICROPALI DI FONDAZIONE ................................................................... 152 ALLEGATO L: VERIFICHE PALI DI FONDAZIONE ESISTENTI ............................................................. 154 ALLEGATO M: VERIFICA SOLETTA DI COLLEGAMENTO ................................................................. 156 ALLEGATI ..................................................................................................................................... 159

II


INTRODUZIONE

1 Introduzione L’Italia è un paese con alta pericolosità sismica e gli edifici realizzati in passato, come quelli attuali che non rispettano i criteri antisismici diventati obbligatori dal 2009, rappresentano vulnerabilità del contesto territoriale con gravi perdite economiche e di vite. L’emanazione dell’Ordinanza della Protezione Civile del 20 Maggio 2003 n.3274 ha stabilito che tutti gli edifici strategici realizzati prima del 1984 debbano essere sottoposti ad uno studio di vulnerabilità sismica, con lo scopo di identificarne le criticità strutturali e di poter effettuare la progettazione dell’adeguamento sismico. Il presente lavoro ha come obbiettivo l’adeguamento sismico di edifici adibiti ad uso strategico, nello specifico il caso del corpo H facente parte del complesso dell’Ex C.O.O. del comune di Ferrara. Di seguito viene riportata una breve descrizione dei capitoli della tesi: •

CAPITOLO 2: DESCRIZIONE E UBICAZIONE DELL’EDIFICIO Vengono descritte le caratteristiche strutturali dell’edificio e la zona in cui è stato realizzato;

CAPITOLO 3:

RISULTATI

DELLE

VERIFICHE

TECNICHE

DI

VULNERABILITA’ In seguito allo studio di vulnerabilità sismica, trattata nello specifico in un altro argomento di tesi, si riporta un riassunto della realizzazione del modello, dell’analisi modale e delle criticità dei vari elementi che compongono la struttura; •

CAPITOLO 4:PROGETTO INTERVENTI GLOBALI In questo capitolo viene trattata la progettazione dei primi interventi, di tipo globali quali pareti in c.a. e puntoni metallici, per il rinforzo strutturale dell’edificio;

CAPITOLO 5: NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI In seguito ai nuovi interventi di tipo globale realizzati, si procede allo studio del nuovo modello di calcolo riportando le diverse criticità strutturali rimanenti;

CAPITOLO 6: PROGETTO INTERVENTI LOCALI

1


INTRODUZIONE

In questo capitolo viene trattata la progettazione degli interventi locali rinforzando i diversi elementi della struttura con tecniche innovative e materiali fibririnfirzati (FRP ed ETS); •

CAPITOLO 7: CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI Viene effettuato il progetto del consolidamento della vecchia carente

di

armatura

resistente

a

taglio,

fondazione,

intervenendo

con

la

realizzazione di micropali; •

CAPITOLO 8: COMPUTO METRICO Si conclude la tesi effettuando un’analisi dei costi dell’intervento di adeguamento dell’edificio;

CAPITOLO 9: CONCLUSIONI Infine noto il costo d’intervento di adeguamento sismico dell’edificio è possibile determinate se tale soluzione progettuale sia vantaggiosa o meno.

2


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

2 Ubicazione e descrizione dell’edificio Oggetto della presente tesi di laurea è l’adeguamento sismico del corpo H facente parte dell’Ex Centro Operativo Ortofrutticolo (Ex-C.O.O), situato nel Comune di Ferrara in Via Bologna n. 354, di proprietà della regione Emilia-Romagna. Il complesso, che si affaccia a sud-est su via Bologna, e a nord-est su Via Luzzaschi, dista circa 1,25 km in direzione nord-est dal centro della frazione di Chiesuol del Fosso e circa 2,80 km in direzione est dall’autostrada A13. La collocazione geografica dell’area in esame è la seguente: Latitudine: 44,810376° N Longitudine: 11,589588° E Altitudine: 11 m s.l.m. Il sito è localizzato nel Foglio 226, Mappali 11 e 128 del Comune di Ferrara. Nelle Figure 2.1 e 2.2 sono riportate la vista satellitare del complesso, uno stralcio della mappa cittadina e lo stralcio della Carta Tecnica Regionale.

Figura 2.1 – Vista satellitare del complesso Ex-C.O.O.

3


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

Figura 2.2 – Stralcio della Carta Tecnica Regionale

Il complesso è costituito da 8 corpi di fabbrica: •

Corpo A: sala di contrattazione (ex-sala borse);

Corpo B: zona di rappresentanza (sale riunioni, uffici, bar);

Corpo C: centrale termica;

Corpo D: zona adibita a rappresentanza e relativi uffici (atrio principale);

Corpo E: zona adibita ad uffici;

Corpo F: zona adibita ad uffici;

Corpo G: zona adibita ad uffici;

Corpo H: zona adibita a teatro, sala congressi ed uffici.

Si riporta in Figura 2.3 la disposizione dei diversi corpi di fabbrica che compongono il complesso.

4


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

Figura 2.3 – Corpi di fabbrica che compongono il complesso dell’Ex C.O.O.

Il corpo H, confinante a est con i corpi D e F e a sud col corpo G, e da cui è separato tramite giunti strutturali, ha una pianta irregolare e variabile in altezza, con ingombro massimo di 32 m x 38 m. E’ costituito da un piano seminterrato, da un piano rialzato, e da un piano primo, presente solo su metà dell’edificio; l’altezza massima raggiunta dal piano di campagna è di circa 13 m. Questo fabbricato può essere suddiviso in due parti: •

nella prima, che si sviluppa su due livelli, sono presenti un parcheggio al piano seminterrato e un teatro-cinema-auditorium al piano rialzato;

nella seconda parte, invece, che si sviluppa su tre livelli, sono presenti un archivio al piano seminterrato; degli uffici e dei bagni al piano rialzato; infine una sala congressi, delle cabine di traduzione, una sala riunioni e degli ulteriori bagni ed uffici al piano primo.

All’interno del corpo H sono inoltre presenti un vano tecnico interno con un montacarichi che collega tutti e tre i piani e una scala esterna che, essendo non strutturalmente collegata all’edificio, non è stata considerata ai fini dello studio.

5


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

Infine, in corrispondenza della copertura del teatro-cinema-auditorium è collocato un camino per consentire l’aerazione del locale cui presta servizio. La struttura principale è realizzata con telai in cemento armato. I solai sono in laterocemento in tutti i piani, ad esclusione delle zone in aggetto e della copertura del camino, che sono realizzati con soletta piena in cemento armato. La copertura del teatro, protetta da una guaina impermeabilizzante, è a farfalla: le due falde formano un compluvio centrale e presentano una pendenza sia in direzione nordsud che in direzione est-ovest; la copertura della restante parte del corpo H, protetta anch’essa da una guaina impermeabilizzante, è in parte piana e in parte ad una falda con inclinazione est-ovest. La copertura è accessibile per la sola manutenzione.

2.1 Rilievo geometrico strutturale La documentazione relativa alla costruzione ad oggi disponibile è composta dai seguenti documenti: 1. Disegni architettonici non originali. Supporto informatico (file AutoCAD). 2. Disegni esecutivi strutturali originali. Dott. Ing. Claudio Scandroglio, Ordine degli Ingegneri di Varese, impresa s.r.l. Gadola. Supporto informatico (file pdf). 3. Relazioni dei calcoli statici della struttura. Dott. Ing. Claudio Scandroglio, Ordine degli Ingegneri di Varese, impresa s.r.l. Gadola. Supporto informatico (file pdf). 4. Certificato di collaudo statico. Prof. Ing. Alberto Bucchi, Ordine degli Ingegneri di Ravenna. Supporto informatico (file pdf). 5. Verbale di visita finale. Supporto informatico (file pdf). 6. Relazione inerente le prove di carico sui pali di fondazione. Supporto informatico (file pdf). 7. Sondaggi inerenti la caratterizzazione del terreno. Supposto informatico (file pdf).

6


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

Gli elaborati al punto (1) sono costituiti dalle piante generali dei diversi piani che compongono il complesso e restituiscono il rilievo architettonico dell’area nel suo stato attuale.. Gli elaborati al punto (2) sono costituiti dalle tavole originali in cui sono riportati i disegni esecutivi strutturali delle fondazioni (pali, plinti, travi rovesce, solettone) e delle strutture in elevazione (travi, pilastri, setti, pareti e solai). I documenti al punto (3) riportano i calcoli statici di tutta la struttura (pali di fondazioni, muri di sostegno, solettone, solai e travi). Il documento al punto (4) riporta la descrizione di ogni singolo corpo di fabbrica, i nominativi dei tecnici presenti durante il collaudo ed i risultati delle visite. Il documento al punto (5) riporta la risoluzione di alcuni problemi riscontrati durante la realizzazione del complesso. e le conclusioni sul collaudo. I documenti al punto (6) riportano i dati ottenuti dalle prove di carico sui vari elementi del complesso. I documenti al punto (7) riportano la planimetria delle prove penetrometriche eseguite e la stratigrafia del terreno. Per lo studio di vulnerabilità sismica dell’intero complesso, trattato in altre tesi di studio, si è effettuato un rilievo geometrico strutturale per poter determinare: •

dimensione ed interasse dei pilastri;

dimensione delle travi;

spessore dei pacchetti di solaio (parte strutturale e non strutturale);

altezze nette e lorde di interpiano;

spessore di setti e pareti;

posizione, spessore e tipologia dei divisori e delle pareti interne;

presenza e spessore dell’intonaco;

larghezza e tipologia dei giunti strutturali;

tipologia e distribuzione degli impianti;

tipologia delle pavimentazioni;

presenza e dimensione dei cavedi;

presenza di superfetazioni rispetto ai disegni originali:

presenza e tipologia dei controsoffitti;

presenza di carichi concentrati;

7


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

2.2 Descrizione della struttura Il corpo H è caratterizzato da una struttura intelaiata in c.a. a 3 livelli, con un’altezza di circa 13.00 m dal piano di campagna. Sono presenti tre piani praticabili e una copertura per metà a farfalla e per metà con una sola falda. Si contano 5+1 telai a numero variabile di campate, orditi lungo il lato corto dell’edificio e collegati tra di loro tramite i solai, le travi ed i muri in c.a. perimetrali. Per separare la parte di struttura adibita ad auditorium dalla parte riservata agli uffici sono presenti travi di spina longitudinali, quindi la struttura risulta parzialmente collegata in direzione del lato più lungo dell’edificio. I pilastri presentano tutti una forma rettangolare o quadrata e la maggior parte di essi subiscono una rastremazione da piano terra rispetto ai piani superiori. Le travi dei piani seminterrato e rialzato sono per la maggior parte rettangolari ed in altezza rispetto ai solai, ad eccezione delle travi di spina e alcune di bordo, che presentano sezioni trasversali più complesse o sono in spessore di solaio. Le travi di copertura appartenenti ai telai principali sono invece a “T”

e in alcuni casi

presentano variazione nelle dimensioni della sezione. Le altezze relative ad ogni piano sono: •

piano seminterrato:

4.17 m nell’archivio; 4.17-5.37 m nel parcheggio;

piano rialzato:

4.00 m negli uffici; 6.90-9.16 m nel teatro-cinema-auditorium;

piano primo:

4.38 m negli uffici; 4.38-5.28 m nella sala congressi.

I solai in latero-cemento sono formati da solai tipo “TL 60”, “REX 80”, “REX 40”, con i seguenti spessori e interasse fra i travetti: •

piano seminterrato (Q. +2.02 m, +3.02 m, +3.22m) travetti “TL 60”

i = 60 cm

h = 16+4 cm;

i = 60 cm

piano rialzato (Q.+6.02 m) travetti “TL 60”

h = 20+4 cm;

piano primo (Q.+8.95 m, +12,05 m) pannelli “REX 80”

h = 16+4 cm;

i = 80 cm

travetti “REX 40”

h = 16+4 cm;

i = 40 cm

8


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

travetti “TL 60”

h = 12+4 cm;

i = 60 cm

Le solette piene in c.a. sono presenti al piano seminterrato, in corrispondenza del palco e dei cavedi di aerazione del teatro di spessore rispettivamente di 50 e 24 cm; al piano rialzato, in corrispondenza della zona in aggetto e delle cabine di traduzione con spessore rispettivamente di 50 e 20 cm e in copertura al camino con spessore 14 cm. Il corpo H è accessibile al piano seminterrato attraverso un corridoio congiungente il corpo D, al piano rialzato tramite delle porte esterne collocante sui prospetti sud ed est e ad un porta interna confinante col corpo D e al piano primo tramite un ingresso appartenente al corpo D. Il vano tecnico collega tutti i piani tra di loro.

9


UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL’EDIFICIO

10


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

3 Risultati delle verifiche tecniche di vulnerabilità La valutazione statica e della vulnerabilità sismica dell’edificio in oggetto è stata elaborata nel 2013 dal Dipartimento di Ingegneria, Via Saragat 1, Ferrara, con la direzione e la stretta supervisione del tecnico incaricato Prof. Ing. Alessandra Aprile. Il lavoro svolto di adeguamento sismico ha come punto di partenza lo studio di vulnerabilità sismica della struttura. Analizzando i risultati ottenuti, ovvero le criticità della struttura, si sceglie la soluzione progettuale migliore. Si riporta una sintesi dello studio di vulnerabilità sismica effettuato e dei risultati ottenuti.

3.1 Analisi dei carichi I carichi accidentali riguardanti la destinazione dell’edificio sono definiti tramite i valori forniti dalla tabella 3.1.II delle NTC08 riportata in Figura 3.1:

Figura 3.1 – Carichi accidentali in funzione della destinazione d’uso

11


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Il carico neve è stato calcolato in accordo al par. 3.4 delle NTC2008, secondo il quale, il carico provocato dalle neve sulle coperture è dato da:

dove:

1,00

1

1

0,8

0,80

/

valore caratteristico della zona di riferimento; coefficiente di esposizione; coefficiente termico; coefficiente di forma per le coperture con pendenza 30°

Si riporta in Tabella 1 i pesi dei materiali ricavati dalla Circolare 4 luglio 1996, n.156 GG/STC Supplemento alla “Gazzetta Ufficiale” n. 217 del 16 settembre 1996, da schede tecniche o dalla relazione originale di calcolo.

Materiale Calcestruzzo Massetto Marmo rosso di Verona Piastrelle in Gress Intonaco Muratura in mattoni pieni Muratura in mattoni forati

γ [kN/m3] 25,00 18,00 27,00

20,00 20,00 18,00 11,00

Materiale γ [kN/m2] Impainti pesanti (piano seminterrato) 0,45 Impianti leggeri (piano rialzato e primo) 0,25 Tramezze in laminato 0,30 Controsoffitto 0,15 Sottofondo con pendenza 0,70 Impermeabilizzazione 0,15 Linoleum 0,10 Moquette 0,03 Tabella 1 – Pesi dei materiali utilizzati

12


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Noti i pesi dei singoli materiali, è stato possibile identificare i diversi pacchetti di solaio che caratterizzano la struttura. Si riportano in Allegato A i diversi pacchetti solaio suddivisi per piano con i relativi carichi agenti.

3.2 Azione sismica di riferimento Per quanto riguarda la vita nominale, la classe d’uso e il periodo di riferimento, si fa riferimento al § 2.4.3 delle NTC08; essendo l’edificio adibito ad uso strategico, si farà riferimento alla determinata categoria. I valori dei parametri sono: • • • •

( *

50

!!" # $ %!& ' 2,0

100

vita nominale;

coefficiente d’uso; periodo di riferimento.

Per poter determinare l’azione sismica di progetto è stato fatto uno studio dell’area comprendente l’Ex-C.O.O. mediante due indagini geognostiche e un’indagine sismica. La campagna delle indagini eseguite comprendeva le seguenti prove: •

una prova penetrometrica con piezocono (CPTU):

una prova penetrometrica con piezocono sismico (SCPTU);

una indagine sismica tipo HVSR (Horizontal to Vertical Spectral Ratio) .

Dall’elaborazione dei dati delle prove effettuate è stato redatto il profilo stratigrafico delle unità litologiche , che ha messo in evidenza l’alternanza di strati a granulometria fine e più grossolana. Grazie a tali indagini è stato possibile definire una categoria di sottosuolo C come riportato in Figura 3.2.

13


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Figura 3.2 – Categoria di sottosuolo

Per la definizione delle condizioni topografiche si fa riferimento al §3.2.2 delle NTC08 e alla Tabella 3.2.IV riportata in Figura 3.3; per il caso in esame si ha una categoria topografica T1.

Figura 3.3 – Categoria topografica

Lo spettro di risposta elastico in accelerazione è espresso da una forma spettrale (spettro normalizzato) riferita ad uno smorzamento convenzionale del 5%, moltiplicata per il valore dell’accelerazione orizzontale massima

+

su sito di

riferimento rigido orizzontale. Entrambi i parametri sono in funzione della probabilità di superamento ,-. nel periodo di riferimento

..

Il §3.2.3.1 delle NTC08 specifica che gli spettri di risposta elastici in accelerazione sono due: uno per le componenti orizzontali e un per la componente verticale.

14


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Il §7.2.1 delle NTC08 precisa che la componente verticale deve essere considerata solo nel caso in cui siano presenti: •

elementi pressochè orizzontali con luce superiore ai 20m;

elementi precompressi;

elementi a mensola con luce superiore ai 4m;

strutture spingenti o con pilastri in falso;

edifici con piani sospesi;

ponti;

costruzioni con isolamento come nei casi specificati al §7.10.5.3.2 delle NTC08.

Poiché nel corpo H sono presenti travi con luce superiore a 20m, è stato necessario considerare anche la componente verticale del sisma. Lo spettro di risposta elastico della componente orizzontale è definito dalle seguenti espressioni: 0/0

01

01 / 0

0D / 0

0D

0E / 0

0E

dove: 0

23

2 6

78

0D

23 405

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 78 ∙ 9

23 405

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 78 ∙ @ F B

23 405 23 405

+

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 78

∙ 2 ∙ 6 ∙ 78 ∙ @

:

; =∙> @1 A

F G H

<

?

:

BC

B

periodo di vibrazione; accelerazione spettrale elastica orizzontale; coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche; fattore che altera lo spettro elastico per coefficienti di smorzamento viscosi convenzionali ξ diversi dal 5%; fattore che quantifica l’amplificazione spettrale massima, su sito di riferimento rigido orizzontale; periodo corrispondente all’inizio del tratto a velocità costante dello spettro (espresso in secondi),0D

I

∙ 0D∗;

15


CL

0D∗

01

0E +

RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

coefficiente in funzione della categoria di sottosuolo; periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro in accelerazione orizzontale; periodo corrispondente all’inizio del tratto dello spettro ad accelerazione costante (espresso in secondi), 01

0D ⁄3;

periodo corrispondente all’inizio del tratto a spostamento costante dello

spettro (espresso in secondi), 0E

4,0 ∗ N

accelerazione orizzontale massima al sito.

+ ⁄O P

; 1,6;

Utilizzando le coordinate geografiche dell’are in esame sono stati ricavati i parametri dello spettro

+,

78 e 0D∗ , con il foglio di calcolo Excel Spettri-NTCver1.0.3, fornito

dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici:

ag

0,192 g

F0

2,539

T*C

0,278

Lo spettro di risposta elastico della componente verticale è definito dalle seguenti espressioni: 0/0

01

01 / 0 0D / 0

0D

0E / 0

0E

dove: 2R3 7-

2R3 405

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 7- ∙ 9

2R3 405

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 7- ∙ @ F B

2R3 405 2R3 405

+

+

∙ 2 ∙ 6 ∙ 7-

∙ 2 ∙ 6 ∙ 7- ∙ @

:

; =∙> @1 A

F G H

<

S

:

BC

B

accelerazione spettrale verticale; fattore che quantifica l’amplificazione spettrale massima

relazione 7-

TU 8,V

1,35 ∙ 78 ∙ @ + B

16

mediante la


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Per poter eseguire l’analisi modale e le verifiche allo stato limite di salvaguardia della vita, è necessario determinare gli spettri di risposta di progetto per la

componente orizzontale e verticale del sisma. Gli spettri di progetto 2W 405, per

entrambe le componenti, si sono ottenuti da quelli elastici 23 405 andando a sostituire il parametro η con il termine 1⁄ , ottenendo quindi la relazione: 23 405

2W 405

Nel caso di edifici esistenti in c.a., il valore del fattore di struttura deve essere compreso tra 1,5 e 3,0, per tenere conto della probabile carenza di duttilità dovuta all’invecchiamento dei materiali e alla presenza di particolari costruttivi inadeguati. Per l’edificio oggetto di studio si è assunto un fattore di struttura: X

Y, Z

Si riportano da Figura 3.4 a Figura 3.9 gli spettri di progetto della componente orizzontale e verticale derivanti dal foglio di calcolo Excel Spettri-NTCver1.0.3:

Figura 3.4 – Fase 1 programma “Spettri”

17


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Figura 3.5 – Fase 2 programma “Spettri”

Figura 3.6 – Fase 3 programma “Spettri”

18


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Figura 3.7 – Grafico dello spettro di risposta

19


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Figura 3.8 – Dati relativi allo spettro di risposta orizzontale

20


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Figura 3.9 – Dati relativi allo spettro di risposta verticale

21


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

3.3 Caratterizzazione dei materiali Per determinare le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo si è fatto riferimento a una campagna di prove eseguite nel 1971. Si tratta in particolare di prove di compressione su un totale di 26 provini prelevati in tutto il complesso, di cui 8 appartenenti al corpo H.

Data la geometria dei provini si dispone dei valori di resistenza cubica *I , il cui

valore medio è stato determinato attraverso una media aritmetica dei valori disponibili. Il valore caratteristico della resistenza cilindrica è stato ricavato seguendo quanto indicato nelle “Linee guida per la messa in opera del calcestruzzo strutturale e per la valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo indurito mediate prove

non distruttive”, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Febbraio 2008. Si riportano in Tabella 2 le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL CALCESTRUZZO Resistenza a compressione Resistenza cubica media

Rcm

33,70

[MPa]

Resistenza cubica minima

Rc,min

20,12

[MPa]

Resistenza a compressione cilindrica media Resistenza a compressione cilindrica minima

fcm fc,min

27,97 16,70

[MPa] [MPa]

Resistenza caratteristica cilindrica

fck

[MPa]

Resistenza media a trazione Resistenza

fctm

13,70 1,72

[MPa]

Resistenza di calcolo modi duttili

fcd

23,31

[MPa]

Resistenza di calcolo modi fragili

fcd*

15,54

[MPa]

Resistenza a trazione di progetto

fctd

10,4

[MPa]

Modulo elastico istantaneo Coefficiente di Poisson per calcestruzzo non fessurato

Ecm ν

Coefficiente di dilatazione termico medio

α

29951 [MPa] 0,2 [-] -6 10 · 10 [°C-1]

Tabella 2 – Caratteristiche meccaniche del calcestruzzo

La resistenza a trazione dell’acciaio è stata determinata anch’essa da prove eseguite nel 1971-72 su un totale di 24 campioni provenienti dall’intero complesso. Le barre di acciaio presentano diametri che variano di 6 fino ai 30mm.

22


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Noti i valori di resistenza per ciascun provino è stata calcolata la media aritmetica e successivamente sono stati ricavati i valori caratteristici in base a quanto prescritto al §11.3.2.10.1.3. delle NTC08. Si riportano in Tabella 3 le caratteristiche meccaniche dell’acciaio:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DELL'ACCIAIO 410,52 Tensione media di snervamento fym

[MPa]

Tensione media a rottura

ftm

645,5

[MPa]

Tensione caratteristica di snervamento

fyk

264,31

[MPa]

Tensione caratteristica a rottura

ftk

393,80

[MPa]

Resistenza di calcolo modi duttili

fyd

342,10

[MPa]

Resistenza di calcolo modi fragili

fyd*

297,48

[MPa]

Modulo elastico

Es

200000

[MPa]

Tabella 3 – Caratteristiche meccaniche dell’acciaio

3.4 Definizione del modello di calcolo Il modello di calcolo numerico è stato realizzato tramite il software MIDAS/Gen versione. 2014.1, codice FEM sviluppato da MIDAS Information Technology Co., Ltd.(Corea) e distribuito da CSPfea, Este (PD). Travi e pilastri sono stati modellati con elementi beam, i setti, continui dalla fondazioni fino al piano di competenza, con elementi wall , mentre le pareti e le solette in c.a. sono stati modellati con elementi plate. Nel modello a carichi sismici del corpo H è stato tenuto conto del contributo irrigidente fornito dalle pareti in muratura piena andando a modellare quest’ultime con elementi truss, ovvero considerando delle bielle equivalenti. Le caratteristiche geometriche degli elementi beam sono state inserite direttamente dalle proprietà, tranne per quelle sezioni di forma particolare che sono state importate utilizzando lo strumento Sectional Property Calculator. Per quanto riguarda gli elementi plate è stato definito lo spessore, che nel caso delle pareti in c.a. corrisponde a quello effettivo, mentre nel caso dei solai corrisponde all’altezza alla soletta in c.a. che varia dai 4 ai 50 cm. Attribuendo alla soletta in c.a. l’effettivo spessore, il modello tiene conto automaticamente del peso del materiale, mentre il carico dei vari strati che compongono il solaio è stato applicato come

23


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Pressure Load. I solai in latero-cemento sono stati modellati con peso nullo per tenere conto della differente rigidezza, rispetto alle solette piene; in questo caso, i carichi sono stati applicati direttamente sulle travi come carichi di linea. Le strutture sono considerate incastrate alla base, perciò su tali nodi sono state bloccate tutte le traslazioni e le rotazioni. In alcuni casi, in cui gli elementi strutturali non erano perfettamente allineati fra di loro, sono stati utilizzati degli Elastic Link, per garantire la trasmissione delle sollecitazioni. Si riporta in Figura 3.10 e 3.11 il modello realizzato attraverso il software:

Figura 3.10 – Vista 1 del modello di calcolo

Figura 3.11 – Vista 2 del modello di calcolo

24


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

3.5 Verifiche nei confronti dei carichi statici Le verifiche di resistenza, nei confronti dei carichi statici agenti sulla struttura, sono state effettuate per le travi, pilastri e setti che compongono l’edificio. In particolare le verifiche che si effettuano per i vari elementi sono:

Pilastri •

verifiche a pressoflessione: sono state effettuate secondo quanto riportato al §4.1.2.1.2.4 delle NTC2008. Nel caso in esame, si eseguono verifiche a presso-flessione retta nelle due direzioni principali, riducendo del 30% il valore del momento resistente così calcolato (§7.4.4.2.2, NTC08);

verifiche a taglio: è stata condotta facendo riferimento al §4.1.2.1.3.2 delle NTC2008 per elementi provvisti di armature trasversali resistenti a taglio.

Travi •

verifiche a flessione: sono state effettuate secondo quanto riportato al paragrafo 4.1.2.1.2.4 delle NTC2008. Per ogni trave sono state analizzate le tre sezioni significative: appoggio di sinistra, appoggio di destra, sezione in campata;

verifiche a taglio: sono state effettuate secondo quanto riportato nel paragrafo 4.1.2.1.3.2 delle NTC2008 inerente gli elementi provvisti di armature trasversali resistenti a taglio, andando a considerare la presenza dei ferri piegati dove predisposti. Per ogni elemento sono stati analizzati l’appoggio di sinistra e l’appoggio di destra.

Setti •

verifiche a presso-flessione deviata: analogamente a quanto si è effettuato per i pilastri;

verifiche a taglio: analogamente a quanto si è effettuato per i pilastri.

Per i risultati nel dettaglio delle varie verifiche si rimanda alla relazione di vulnerabilità sismica relativa.

25


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

Per la verifica di ogni elemento è stato calcolato un “fattore di vulnerabilità” [

definito come il rapporto domanda/capacità. Tale parametro ha la funzione di descrivere le condizioni in cui si trova ogni singolo elemento e stabilire una visione globale del grado di vulnerabilità dell’intera struttura. Si sono suddivisi i fattori di vulnerabilità in cinque intervalli: • • • • •

[/1

verifica pienamente soddisfatta;

1

[ / 1,2 verifica soddisfatta con margine d’incertezza del 20% dovuto a

3

[ / 10 verifica non soddisfatta, grado di vulnerabilità medio;

1,2

LC2

[ / 3 verifica non soddisfatta, grado di vulnerabilità lieve;

[ \ 10

verifica non soddisfatta, grado di vulnerabilità grave.

Si riporta in Tabella 4 un quadro riassuntivo delle verifiche dei vari elementi nei confronti dei carichi statici.

PILASTRI (SLU) Pressoflessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 7 0 0 0 88 2 0 0 0 N° elementi 83 8% 0% 0% 0% 98% 2% 0% 0% 0% % elementi 92% TRAVI (SLU) Flessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 1 0 0 0 101 1 0 0 0 N° elementi 101 1% 0% 0% 0% 99% 1% 0% 0% 0% % elementi 99% SETTI (SLU) Pressoflessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 0 0 0 0 36 0 0 0 0 N° elementi 18 0% 0% 0% 0% 100% 0% 0% 0% 0% % elementi 100% Tabella 4 – Quadro generale verifiche allo SLU

26


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITA’

3.6 Verifiche nei confronti dei carichi sismici Analogamente a quanto si è fatto nel paragrafo precedente, si effettuano le verifiche dei vari elementi in condizioni di Stato Limite di Salvaguardia della Vita (SLV), riportando in Tabella 5 un quadro riassuntivo dei risultati delle verifiche effettuate.

PILASTRI (SLV) Pressoflessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 11 9 0 0 49 13 15 13 0 N° elementi 70 10% 0% 0% 54% 14% 17% 14% 0% % elementi 78% 12% TRAVI (SLV) Flessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 10 13 0 0 54 14 34 0 0 N° elementi 79 13% 0% 0% 53% 14% 33% 0% 0% % elementi 77% 10% SETTI (SLV) Pressoflessione Taglio Intervallo ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 ρ≤1 1<ρ≤1,2 1,2<ρ≤3 3<ρ<10 ρ>10 0 3 1 0 13 4 8 11 0 N° elementi 14 0% 17% 6% 0% 36% 11% 22% 31% 0% % elementi 78% Tabella 5 – Quadro generale verifiche allo SLV

27


RISULTATI VERIFICHE TECNICHE DI VULNERABILITAâ&#x20AC;&#x2122;

28


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

4 Progetto interventi globali Si procede inizialmente con la demolizione e la realizzazione di nuove pareti in cemento armato; tale intervento ha lo scopo di semplificare, sotto l’azione sismica, la risposta della struttura. In questo modo si cerca di ridurre al minimo i modi locali della struttura favorendo maggiormente i modi globali. Allo stato di fatto sono presenti pochissime pareti in cemento armato che proseguono dalla fondazione fino in sommità; tale condizione è dovuta al fatto che sono presenti parti in aggetto e quindi non è possibile garantire la continuità delle pareti. Si è deciso quindi di demolire la maggior parte delle pareti esistenti, essendo carenti di armatura a taglio, realizzando nuove pareti in cemento armato che andranno ad assorbire la maggior parte della componente tagliante riducendo gli sforzi agenti sugli altri elementi. Infine sono stati predisposti dei puntoni in acciaio al di sotto delle parti in aggetto al primo piano, all’interno della sala congressi ed in copertura.

4.1 Demolizione e realizzazione nuove pareti in c.a. Analizzando lo stato di fatto dell’edificio, si procede rimuovendo i setti che presentano le finestre a nastro (evitando in questo modo la formazione di pilastri tozzi che venivano a crearsi in prossimità delle aperture) e le pareti in muratura interne all’edificio. Inoltre si interviene anche sul montacarichi andando a rimuovere il setto esterno che presenta un allargamento in prossimità del piano rialzato. Si riportano dalla Figura 4.1 alla Figura 4.6 le piante delle pareti in c.a. dello stato di fatto dell’edificio e delle demolizioni che verranno effettuate; si evidenzia in particolare: •

NERO

pareti in c.a. esistenti continue per l’intera altezza del piano;

CONTORNO CONTINUO

pareti in c.a. non continue per l’intera altezza del piano;

CONTORNO TRATTEGGIATO

pareti in muratura;

GIALLO

demolizioni.

29


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.1 â&#x20AC;&#x201C; Stato di fatto piano seminterrato

30


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.2 â&#x20AC;&#x201C; Demolizioni piano seminterrato

31


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.3 â&#x20AC;&#x201C; Stato di fatto piano rialzato

32


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.4 â&#x20AC;&#x201C; Demolizioni piano rialzato

33


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.5 â&#x20AC;&#x201C; Stato di fatto piano primo

34


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.6 â&#x20AC;&#x201C; Demolizioni pareti piano primo

35


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

In seguito alle demolizioni effettuate vengono realizzate le nuove pareti in c.a.. Si riporta dalla Figura 4.7 alla Figura 4.9 la posizione in pianta, per ogni piano, delle nuove pareti in c.a..

Figura 4.7 â&#x20AC;&#x201C; Nuove pareti in c.a. piano seminterrato

36


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.8 â&#x20AC;&#x201C; Nuove pareti in c.a. piano rialzato

37


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.9 â&#x20AC;&#x201C; Nuove pareti in c.a. piano primo

38


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Le nuove pareti in cemento armato vengono progettate in CD “B” con calcestruzzo C28/35 ( Tabella 6:

I

0,85) e acciaio di armatura B450C con caratteristiche riportate in

CALCESTRUZZO C28/35 Resistenza caratteristica fck Resistenza di progetto

28

ACCIAIO B450C [MPa]

Resistenza caratteristica fyk 450 [MPa]

fcd 15,87 [MPa]

Resistenza di progetto

fyd 391,3 [MPa]

Tabella 6 – Caratteristiche meccaniche calcestruzzo e acciaio

La progettazione avviene facendo riferimento al § 7.4.4.5 delle NTC08.

Il

diagramma dei momenti flettenti, agenti sulla parete, si ottiene traslando verso l’alto l’inviluppo del diagramma dei momenti flettenti derivanti dall’analisi del modello di una quantità ]I^ pari a:

]I^

_]` ;

b c d,

]d ef 6

dove: ]` d

]d

altezza del piano terra; altezza della sezione di base della parete; altezza della parete.

Il diagramma del taglio invece si ottiene sostituendo quello derivante dall’analisi del

modello con quello riportato in Figura 4.10 dove ]d è l’altezza della parete, A è il taglio alla base ottenuto incrementando del 50% quello derivante dall’analisi mentre B non deve essere inferiore a 0.5A.

39


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.10 – Diagramma d’inviluppo del taglio per le pareti

Alle estremità delle pareti bisogna predisporre una zona confinata di lunghezza critica

I

pari a : I

bg0.2 ∙

d ; 1.5

∙ ij

dove: i

spessore della parete.

Le pareti devono essere verificate a pressoflessione secondo quanto riportato al §4.1.2.1.2.4 delle NTC08, tale verifica risulta soddisfatta se: k.W

k

W

dove: k.W

k

W

valore di calcolo del momento resistente; valore di calcolo della componente flettente dell’azione.

40


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Per quanto concerne l’azione tagliante, si fa riferimento al §4.1.2.1.3.2 delle NTC08, tale verifica risulta soddisfatta se: .W

W

dove: .W W

valore di calcolo del taglio resistente; valore di calcolo dell’azione di taglio.

Alla base della parete si rende necessario effettuare una verifica a scorrimento come indicato al §7.4.4.5.2.2 delle NTC08: W

/

.W,l

dove .W,l

resistenza a taglio nei confronti dello scorrimento.

Tale valore viene calcolato come: .W,l

nella quale

WW ,

W

e

mW

WW

;

W

;

mW

rappresentano, rispettivamente, il contributo dell’effetto

spinotto delle armature verticali, il contributo delle armature inclinate presenti alla base e il contributo della resistenza per attrito. Nel progetto delle nuove pareti in c.a. non vengono predisposte armature inclinate, quindi si trascura il contributo del termine

W.

Gli altri due contributi vengono calcolati come:

n

WW mW

u

m

1.3 ∙ o p q ∙ rsIW ∙ stW 0.25 ∙ stW ∙ o p

∙ 9@o p q ∙ stW ;

WB

0.5 ∙ 6 ∙ sIW ∙ v ∙ 41

d

q

∙ v ; k W ⁄w C ∙ xd


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

6

q

∙ c1 A

sI e 250

dove: m

∑p v

coefficiente d’attrito calcestruzzo-calcestruzzo sotto azioni cicliche, posto pari a 0.60; q

somma delle aree delle barre verticali; altezza della parte compressa della sezione normalizzata all’altezza della sezione.

Bisogna inoltre verificare che lo sforzo assiale agente sulla singola parete non superi il Bisogna inoltre verificare che lo sforzo assiale agente sulla singola parete non superi il 40% della resistenza massima a compressione della sola sezione di calcestruzzo. le pareti in c.a. devono inoltre rispettare le limitazioni geometriche e d’armatura indicate al §7.4.6.1.4 e al §7.4.6.2.4 delle NTC08. L’armatura delle nuove pareti in c.a. non viene inghisata direttamente all’interno degli elementi esistenti, ma vengono inserite delle barre in acciaio, in numero adeguato, in modo tale da garantire la trasmissione dell’azione sollecitante. Per il particolare delle armature e i dettagli costruttivi si rimanda alla Tavola A1 in Allegato. Per le verifiche delle pareti in c.a. si è utilizzato il foglio di calcolo Excel messo a disposizione dal prof. Simone Caffè dell’Università di Genova. Per i risultati delle verifiche si rimanda alle Tabelle in Allegato B.

42


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

4.2 Elementi metallici Infine come intervento globale sulla struttura vengono realizzati dei puntoni metallici con lo scopo di rinforzare, nel complesso, il comportamento della struttura. Gli elementi metallici vengono adottati in tre posizioni specifiche all’interno dell’edificio •

al di sotto delle parti in aggetto rinforzando in questo modo il comportamento a taglio delle travi a mensola (Figura 4.11);

all’interno della sala auditorium per ridurre la luce delle travi di copertura (Figura 4.12);

in copertura, al di sopra della sala auditorium, per rinforzare i pilastri di spina (Figura 4.13).

Figura 4.11 – Puntoni metallici per inforzo mensole

43


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Figura 4.12 – Puntoni metallici sala auditorium

Figura 4.13 – Puntoni metallici copertura

44


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Per i puntoni si utilizzano profili tubolari in acciaio S275 con caratteristiche riportate in Tabella 7:

ACCIAIOS275 Resistenza caratteristicaa snervamento

fyk 275 [MPa]

Resistenza a rottura per trazione

fyd 430 [MPa]

Tabella 7 – Caratteristiche acciaio S275

Il profilo tubolare rende il montaggio più semplice, grazie alla possibilità di dividere il puntone in più parti e collegarle tra di loro attraverso un giunto flangiato. In questo modo è possibile ridurre i costi di trasporto del materiale ed il tempo di assemblaggio. Si riportano in Tabella 8 le caratteristiche e le dimensioni dei profili tubolari adottati per le tre diverse situazioni. MENSOLE ESTERNE Tubolare 219,1x8,0 Diametro [mm] 219,1 Spessore [mm] 8,0 Peso [kg/m] 51,57 2 Area [cm ] 65,69

SALA AUDITORIUM Tubolare 244,5x16,0 Diametro [mm] 244,5 Spessore [mm] 16,0 Peso [kg/m] 90,16 2 Area [cm ] 114,86

COPERTURA Tubolare 168,3x10,0 Diametro [mm] 168,3 Spessore [mm] 10,0 Peso [kg/m] 39,04 2 Area [cm ] 49,73

W [cm3]

W [cm3]

W [cm3]

328,5

616,2

185,9

Tabella 8 – Profili tubolari adottati

Per i diagonali metallici si procede alla verifica della stabilità delle membrature secondo quanto riportato al §4.2.4.1.3 delle NTC08, la verifica risulta soddisfatta se: W

dove: W

z,.W

z,.W

/1

azione di compressione di calcolo; resistenza all’instabilità dell’asta compressa.

45


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

Per sezioni di classe 1 la resistenza all’instabilità dell’asta compressa viene calcolata come: z,.W

{ p st |}<

dove: st

|}<

resistenza caratteristica dell’acciaio; coefficiente parziale di sicurezza.

Il coefficiente { viene calcolato in funzione del valore della snellezza adimensionale ~̅ come:

{ €

1

€ ; •€ A ~̅

0,5‚1 ; N~̅ A 0,2P ; ~̅ ƒ ~̅

p st „

I^

dove I^

/1

carico critico elastico della sezione compressa.

Il profilo tubolare viene collegato alla piastra tramite saldatura a cordoni d’angolo, mentre quest’ultima viene imbullonata agli elementi in cemento armato. Per la verifica delle saldature a cordoni d’angolo si fa riferimento al §4.2.8.2 delle NTC08. La verifica della saldatura risulta soddisfatta se viene rispettata la seguente limitazione: 8,V

9…┴ ; 3 @‡┴ ; ‡││ BC

46

/ s‰ ⁄4Š |} 5


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

dove: …┴

tensione normale agente sulla saldatura;

‡┴

tensione tangenziale perpendicolare all’asse del cordone d’angolo;

‡││

tensione tangenziale parallela all’asse del cordone d’angolo;

s‰

resistenza a rottura dell’elemento più debole;

Š

0,8 per acciaio S235, 0,85 per acciaio S275, 0,9 per acciaio S355, 1,0 per acciaio S420 e S460.

Per le unioni bullonate invece si fa riferimento al §4.2.8.1, in particolare si deve verificare che: 7R, 7‰,

W W

/

/

N7R,.W ; 7z,.W P

N‹Œ,.W ; 7‰,.W P

dove: 7R,

7‰,

W

W

azione di taglio agente sull’unione; azione di trazione agente sull’unione;

7R,.W resistenza a taglio dei bulloni;

7z,.W resistenza a rifollamento del piatto dell’unione bullonata; ‹Œ,.W resistenza della piastra a punzonamento;

7‰,.W

resistenza a trazione degli elementi di connessione.

Si riportano in Tabella 9 le caratteristiche degli elementi che compongono i diversi giunti di collegamento dei puntoni metallici.

47


PROGETTO INTERVENTI GLOBALI

MENSOLE ESTERNE GIUNTO FLANGIATO Bulloni Classe Acciaio

M22 8,8 S275

M24 8,8 S275

GIUNTO PIASTRATRAVE M30 8,8 S275

Bulloni Classe Acciaio

GIUNTO PIASTRAPILASTRO Bulloni Classe Acciaio

M22 8,8 S275

Bulloni Classe Acciaio

GIUNTO PIASTRATRAVE Bulloni Classe Acciaio

SALA CONGRESSI GIUNTO FLANGIATO

M24 8,8 S275

GIUNTO PIASTRAPILASTRO M24 8,8 S275

Bulloni Classe Acciaio

COPERTURA GIUNTO FLANGIATO Bulloni Classe Acciaio

M22 8,8 S275

GIUNTO PIASTRATRAVE Bulloni Classe Acciaio

M24 8,8 S275

GIUNTO PIASTRAPILASTRO Bulloni Classe Acciaio

M24 8,8 S275

Tabella 9 – Caratteristiche elementi dei giunti di collegamento

Il collegamento degli elementi metallici alla struttura in cemento armato avviene attraverso l’utilizzo di un ancoraggio chimico ad iniezione. Viene praticato un foro negli elementi in c.a. all’interno del quale viene fissata la barra metallica tramite iniezione di una resina indurente. A tale scopo si utilizza una resina tipo Hilti HIT-HY 200-A. Per i bulloni M24 bisogna garantire una profondità d’iniezione minimo di 21cm mentre per i bulloni M30 sono necessari almeno 27cm d’iniezione. In copertura, al di sopra della trave su cui deve essere ancorato il puntone, si rende necessario utilizzare una malta epossidica colabile Hilti CB-G EG in modo tale da poter creare una superficie d’appoggio piana per la piastra del puntone e proseguire quindi all’ancoraggio. Si riportano in Tabella 10 le caratteristiche dei bulloni utilizzati per i giunti.

Bulloni M22 Diametro [mm] 22 2 Area res. [mm ] 245,0

Bulloni M24 Diametro [mm] 24 2 Area res. [mm ] 353,0

Bulloni M30 Diametro [mm] 30 2 Area res. [mm ] 581,0

fyb [MPa]

fyb [MPa]

fyb [MPa]

ftb [MPa]

640 800

640 800

ftb [MPa]

ftb [MPa]

640 800

Tabella 10 – Caratteristiche bulloni giunti

Per i particolari costruttivi e i dettagli dei giunti di collegamento si rimanda alla Tavola A2 in Allegato.

48


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

5 Nuovo modello di calcolo con interventi globali 5.1 Descrizione del modello di calcolo Partendo dal modello base, realizzato per lo studio di vulnerabilità sismica, si sono apportate le modifiche andando ad inserire i nuovi elementi progettati al paragrafo precedente. Per le nuove pareti in c.a. si sono utilizzati due metodi differenti d’inserimento: •

elementi plate per le pareti che presentano aperture o variazioni di sezione tra un piano e l’altro;

elementi wall, invece, per le pareti che sono continue dalla base fino alla sommità della struttura.

La seconda tipologia di realizzazione ha il vantaggio di rendere il modello più veloce nei calcoli e nella lettura dei risultati. Ad ogni elemento è stato attribuito l’effettivo spessore della parete e le relative caratteristiche del materiale impiegato; inoltre sono stati meshati anche i pilastri in adiacenza alle pareti in modo tale da riprodurre il comportamento accoppiato dei due elementi. I diagonali metallici, invece, sono stati modellati con elementi beam a sezione circolare . Si riportano in Figura 5.1, 5.2 e 5.3 di seguito le immagini relative al nuovo modello di calcolo.

Figura 5.1 – Vista 1 nuovo modello di calcolo con interventi globali

49


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

Figura 5.2 – Vista 2 nuovo modello di calcolo con interventi globali

Figura 5.3 – Vista 3 nuovo modello di calcolo con interventi globali

50


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

5.2 Validazione del modello di calcolo 5.2.1 Validazione carichi verticali Il D.M. 14/01/2008 al §10.2 specifica che qualora l’analisi strutturale e le relative verifiche siano condotte con l’ausilio di codici di calcolo automatico, il progettista dovrà controllare l’affidabilità dei codici utilizzati e verificare l’attendibilità dei risultati ottenuti. Si è pertanto proceduto innanzitutto alla validazione per carichi statici del nuovo modello di calcolo determinando, attraverso un foglio di calcolo, il peso di tutti gli elementi che compongono l’edificio e di tutte le azioni gravanti sulla struttura. I valori così ottenuti sono stati confrontati con quelli ricavati dal software di calcolo Midas. Si riportano in Tabella 11 i risultati ottenuti divisi per tipologia di carico agente: VALIDAZIONE MODELLO CARICHI STATICI Peso Tipo di Midas Errore calcolato carico [kN] [%] [kN] G1 33203,35 33690 -1,44 G2 7322,74 7376 -0,72 Q cat. C 4634,56 4629,87 0,10 Q cat. B 743,89 747,33 -0,46 Q Neve 878,80 878,80 0,00 Totale 46783,33 47322,00 -1,14 Tabella 11 – Validazione a carichi statici

Come si può osservare, essendo l’errore inferiore al 5% il modello può ritenersi validato a carichi statici.

5.2.2 Validazione carichi sismici Per la validazione del modello nei confronti dei carichi sismici si è proseguito nel seguente modo: •

si è convertito il peso della struttura e i carichi agenti in masse;

51


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

si è effettuata l’analisi modale in Midas con un numero di modi di vibrare tale da mobilitare almeno l’85% della massa totale della struttura;

si è determinato il modo che mobilita la maggior percentuale di massa in direzione X e direzione Y ed il relativo periodo di vibrazione T;

• •

dallo spettro di progetto si è ricavata l’accelerazione spettrale di progetto

2W 405;

si è calcolato il peso complessivo dell’edificio: •

Ž< ; Ž ; o • q • q

q

attraverso la formula dell’analisi statica lineare riportata al §7.3.3.2 delle

NTC08, si è ricavato il tagliante sismico alla base 7‘ per entrambe le direzioni X e Y, considerando effettivamente la massa attivata del medesimo modo: 7‘

2W 405

k ∙• ~ O

si è eseguita nuovamente l’analisi in Midas considerando lo specifico modo e

infine si è confrontato il tagliante sismico 7‘ calcolato in direzione X e Y con

si è determinata la somma delle reazioni vincolari 7’ e 7t ;

la relativa somma delle reazioni ottenute dal software 7’ e 7t .

Si riportano in Tabella 12 i risultati così ottenuti.

52


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

VALIDAZIONE MODELLO CARICHI SISMICI Analisi Massa statica Midas Errore Dir. Modo mob. T [sec] Sd(T) W [kN] Fh [kN] lineare [kN] [%] [%] [kN] 1,85 12 35,59 0,135 0,441 43530 6966,76 6966,76 6840 X 17 31,26 0,104 0,402 43530 5575,37 5575,37 5839 -4,52 Y Tabella 12 – Validazione carichi sismici

Come per i carichi statici, l’errore è inferiore al 5% quindi il modello sismico può essere considerato validato.

5.3 Risultati dell’analisi modale Il modello è stato analizzato considerando 70 modi di vibrare e ottenendo una massa totale attivata in direzione X pari all’ 86,92% mentre in direzione Y pari a 88,81%. Non è stato possibile riportare tra i primi modi quelli fondamentali in direzione X e Y, questo è dovuto alla presenza dei grandi irregolarità in altezza e al doppio volume nella sala auditorium. Con l’inserimento delle nuove pareti in c.a. si è riuscito però a ridurre i modi locali in direzione X e Y irrigidendo il piano seminterrato. Si riportano in Tabella 13 la masse mobilitate per i modi fondamentali nelle 3 direzioni X, Y e Z:

Direzione

Modo

X Y Z

12 17 32

MODI DI VIBRARE Massa Massa T [s] mob. X mob. Y [%] [%] 0,135 35,59 0,30 0,104 0,45 31,26 0,077 6,65 0,94

Massa mob. Z [%] 3,75 0,074 23,06

Tabella 13 – Modi di vibrare

Si riportano in Figura 5.4, 5.5, 5.6 e 5.7 le immagini relative ai diversi modi di vibrare nelle tre direzioni.

53


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

Figura 5.4 – Modo 12, vista frontale

Figura 5.5 – Modo 17, vista laterale

Figura 5.6 – Modo 17, vista laterale

54


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

Figura 5.7 – Modo 32, vista laterale

5.4 Verifiche degli elementi strutturali dopo gli interventi globali Si è proceduto quindi alla verifica degli elementi strutturali che compongono l’edificio, eseguendo verifiche a pressoflessione, flessione e taglio per travi e pilastri come quanto si è fatto al §3.5 della presente relazione. Non sono stati riportate le verifiche per le pareti in c.a. in conseguenza del fatto che sono stati progettate nuove e quindi risultano verificate nei confronti delle azioni di calcolo agenti. Per i pilastri è stata inserita l’armatura flessionale e di taglio all’interno del software Midas, in modo tale che il sistema di calcolo potesse verificare automaticamente, in conformità alle NTC08, gli elementi nei confronti delle azioni agenti nelle sezioni maggiormente sollecitate. Per le travi invece non è stato possibile seguire lo stesso procedimento dato che alcune sezioni presentano forme particolari e dimensioni variabili lungo l’asse della trave. Si è proceduto quindi al calcolo manuale dei valori di resistenza del momento flettente e del taglio andando a confrontarli con le azioni di calcolo fornite dal modello.

55


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

5.4.1 Verifica delle travi Per le travi vengono eseguite verifiche a flessione nelle sezioni di appoggio ed in mezzeria, rispettivamente dove si verifica il massimo valore di momento flettente negativo e positivo. Le verifiche di resistenza a taglio, invece, vengono eseguite in prossimità degli appoggi dove l’azione di taglio risulta maggiore. Per la verifica a flessione, si fa riferimento al §4.1.2.1.2.4 delle NTC08. Tale verifica risulta soddisfatta se: k

k.W

W

dove: k.W

k

W

momento resistente; valore di calcolo del momento flettente.

Per i risultati delle verifiche a flessione delle travi al piano rialzato, piano primo e in copertura si rimanda alle Tabelle in Allegato C Per le verifiche a taglio invece si fa riferimento al §4.1.2.1.3.2 delle NTC08. La verifica si ritiene soddisfatta se: .W

W

dove W

sforzo di taglio agente.

Facendo riferimento all’armatura trasversale, la resistenza di calcolo a “taglio trazione” è data da: . W

0.9 ∙ # ∙

pd ∙ stW ∙ 4ctg !

56

; ctg —5 ∙ sin


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

Facendo riferimento al calcestruzzo d’anima, la resistenza di calcolo a “taglio compressione” è data da: .IW

0.9 ∙ # ∙ xd ∙

I

∙ s $ IW ∙ 4ctg

; ctg —5/41 ; ctg — 5

La resistenza a taglio dell’elemento è la minore delle due sopra definite:

dove: #

xd

p

!

d

s $ IW

4

.W

. W , .IW 5

altezza utile della sezione; larghezza minima della sezione; area dell’armatura trasversale; interasse tra due armature trasversali consecutive; inclinazione dell’armatura trasversale rispetto all’asse della trave; resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo Ns $ IW

0.5 ∙ sIW P;

inclinazione dei puntoni di calcestruzzo rispetto all’asse della trave. A favore

di sicurezza si assume un’inclinazione costante pari a 45°; I

coefficiente maggiorativo pari a 1

1 + …IŒ ⁄sIW

1.25

2.5(1 - …IŒ ⁄sIW )

per elementi non compressi

per 0 / …IŒ

0.25 sIW

per 0.25 sIW / …IŒ / 0.5 sIW per 0.5 sIW

…IŒ

sIW

Per i risultati delle verifiche a taglio delle travi al piano rialzato, piano primo e in copertura si rimanda alle Tabelle in Allegato C

57


NUOVO MODELLO DI CALCOLO CON INTERVENTI GLOBALI

5.4.2 Verifica dei pilastri Le verifiche di resistenza che si effettuano per i pilastri sono verifiche a pressoflessione deviata e verifiche a taglio. Come riportato in precedenza, si è inserita direttamente l’armatura dei pilastri all’interno del programma Midas in modo tale che il software potesse effettuare automaticamente le verifiche. Il programma fornisce direttamente il valore di momento resistente, per ogni pilastro, nelle condizioni più critiche che possono verificarsi; analogamente viene fatto per il taglio. Si riportano in Allegato D le Tabelle con i risultati delle verifiche a pressoflessione e taglio eseguite sui pilastri.

5.5 Sintesi delle verifiche Si riportano in Tabella 14 una sintesi delle verifiche effettuate nei vari elementi, riportando il numero e la percentuale di elementi verificati.

Intervallo N° elementi % elementi

Intervallo N° elementi % elementi

ρ<1 96 98%

ρ<1 95 100%

TRAVI Flessione 1<ρ<3 3<ρ<10 ρ>10 ρ<1 2 0 0 42 2% 0% 0% 43%

Taglio 1<ρ<3 3<ρ<10 56 0 57% 0%

ρ>10 0 0%

PILASTRI Pressoflessione Taglio 1<ρ<3 3<ρ<10 ρ>10 ρ<1 1<ρ<3 3<ρ<10 0 0 0 68 27 0 0% 0% 0% 72% 28% 0%

ρ>10 0 0%

Tabella 14 – Schema riassuntivo verifiche travi e pilastri

In confronto allo studio di vulnerabilità sismica risulta un peggioramento delle condizioni delle travi nei confronti delle azioni di taglio, questo è dovuto al fatto che per la vulnerabilità è stato considerato il contributo a taglio delle armature inclinate. A favore di sicurezza, nelle verifiche del precedente paragrafo, l’armatura inclinata non è stata conteggiata nel calcolo del taglio resistente dato che non presentano un adeguato ancoraggio e chiusura dei ferri.

58


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

6 Progetto interventi locali 6.1 Rinforzo strutturale mediante l’utilizzo della tecnica ETS La tecnica ETS è una tecnica utilizzata per il rinforzo a taglio di elementi strutturali in cemento armato. Tale tecnica richiede la realizzazione di fori all’interno della sezione di c.a. per l’alloggiamento di barre di acciaio ancorate con adesivo al calcestruzzo circostante e bullonate alle due estremità su piastre. L’aderenza della resina d’inghisaggio garantisce la trasmissione degli sforzi tra calcestruzzo e acciaio. La tecnica ETS viene adottata per le travi che presentano sezione rettangolare e la possibilità di alloggiare le barre di acciaio. Tale tecnica non viene adottata per le travi di copertura a T e per le travi che presentano un’altezza variabile o maggiore di 150 cm.

6.1.1 Progetto dei rinforzi a taglio Per le travi che richiedono rinforzo a taglio si assume, a favore di sicurezza, che lo sforzo venga assorbito interamente dal nuovo sistema ETS. La resistenza a taglio delle barre è data da: .mW

0.9 ∙ # ∙

p

d,m

!m

∙ sz,tW ∙ Nctg

m

; ctg —P ∙ sin

dove: p

!m

d,m

sz,tW m

area delle nuove barre di armatura; passo delle nuove barre; resistenza di progetto delle nuove barre; inclinazione delle nuove barre rispetto all’asse della trave.

La resistenza della trave rinforzata risulta quindi: .W

59

.IW , .mW œ

m


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

L’intervento con tecnica ETS non incrementa la resistenza a schiacciamento del puntone di calcestruzzo, ma risulta efficace unicamente dove è presente una carenza di armatura a taglio. Nelle travi in esame non si verifica mai la condizione di schiacciamento del puntone di calcestruzzo. Si rende necessario inoltre verificare la piastra di ancoraggio delle barre; la resistenza a punzonamento della piastra è data dalla formula:

dove: #ž

iŒ s‰

‹Œ,.W

0.6 ∙ • ∙ #ž ∙ iŒ ∙ s‰ |}

minimo tra il diametro del dado e della testa del bullone; spessore della piastra; resistenza a rottura della piastra.

la quale deve essere maggiore dello snervamento delle barre di ETS: Œ,.W

|} ∙ sz,t ∙ p^3

Per il progetto dell’intervento si è deciso di adottare barre filettate classe 8.8. Per l’inghisaggio delle barre si utilizza il prodotto Sika AnchorFix -3+ prodotta da Sika Italia S.p.A. Le piastre su cui vengono bullonate le barre sono di acciaio S275 con spessore 10 mm. Per i diametri delle barre adottate e per i particolari costruttivi si rimanda alla Tavola A4 in Allegato. Si riportano in Allegato E le Tabelle con i risultati delle verifiche ottenuti con la tecnica di rinforzo ETS per le travi al piano rialzato e al piano primo.

60


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

6.2 Rinforzo strutturale mediante l’utilizzo di FRP L’FRP è un tessuto fibrorinforzato che viene applicato sulla faccia dell’elemento attraverso resine e ha la funzione d’incremento d’armatura. Gli FRP posso essere utilizzati per rinforzi a taglio, flessione, torsione o come confinamento per l’elemento. Nel caso di rinforzo a flessione, si applica sul lembo teso uno o più strati di tessuto preformato impregnato in situ come riportato in Figura 6.1.

Figura 6.1 – Esempio di FRP a flessione

Per rinforzi a taglio, invece, si applica sulla superficie esterna della membratura elementi mono o bidimensionali di composito, costituiti da uno più strati di materiale. Nel caso di materiale monodimensionale, le strisce di composito possono essere applicate in adiacenza o intervallate l’una dall’altra; inoltre le fibre del materiale posso essere applicate perpendicolarmente all’asse della trave oppure con un angolo d’inclinazione β come riportato in Figura 6.2.

Figura 6.2 – Esempio di FRP a taglio

Il sistema di rinforzo a taglio può avvenire in completo avvolgimento o con avvolgimento ad U. Nel secondo caso è possibile migliorare l’ancoraggio delle

61


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

estremità del tessuto mediante l’utilizzo di lamine, strisce di FRP o con l’applicazione di barre che garantiscono il vincolo come in completo avvolgimento. Per il rinforzo a flessione delle travi si è deciso di adottare il tessuto in fibra di carbonio Sika Wrap – 230C prodotto da Sika Italia s.p.a. le caratteristiche riportate in Tabella 15.

SIKA WRAP - 230C Spessore di progetto

tf

0,131

[mm]

Resistenza a trazione delle fibre

ffib

4300

[MPa]

Modulo elastico a trazione delle fibre

Efib

234

[GPa]

Deformazione a rottura delle fibre

εfib

1,8

%

Tabella 15 – Caratteristiche tessuto FRP per rinforzo a flessione

Invece per quanto riguarda il rinforzo a taglio si è deciso di adottare il tessuto in fibra di carbonio Sika Wrap – 600C con le caratteristiche riportate in Tabella 16.

SIKA WRAP - 600C Spessore di progetto

tf

0,337

[mm]

Resistenza a trazione delle fibre

ffib

3800

[MPa]

Modulo elastico a trazione delle fibre

Efib

242

[GPa]

Deformazione a rottura delle fibre

εfib

1,55

%

Tabella 16 – Caratteristiche tessuto FRP per rinforzo a taglio

Come resina si utilizza la resina epossidica bicomponente Sikadur - 300 prodotta sempre da Sika Italia s.p.a. Per migliorare l’ancoraggio del tessuto di FRP nel casso delle travi a T si utilizzano anchor spikes SikaWrap Anchor G prodotti sempre da Sika Italia s.p.a con le caratteristiche riportate in Tabella 17.

62


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

SIKA WRAP ANCHOR G Diametro del connettore impregnato

d

10

[mm]

Diametro del foro passante nel cls

d0

14

[mm]

Sezione di fibra resistente

Af

25,9

[mm2]

Tensione a rottura delle fibre

ffib

2500 [MPa]

Tensione di rottura a trazione delle fibre

fFRP 1600 [MPa]

Modulo elastico delle fibre

Efib

70

[GPa]

Deformazione a rottura delle fibre

εfib

4

%

Tabella 17 – Caratteristiche connettori

Per gli ancoraggi va applicato all’interno del foro il prodotto Sika AnchorFix -3+, mentre gli “sfiocchi” terminali devono essere impregnati con resina epossidica bicomponente Sikadur - 330.

6.2.1 Progetto e verifiche rinforzi a flessione Per il rinforzo a flessione con materiale FRP si fa riferimento alla normativa CNR – DT 200 R1/2013 §4.2.2.3. La progettazione consiste nell’andare a determinare il numero di strati di tessuto necessari affinchè la verifica a flessione dell’elemento non risulti soddisfatta. Come ipotesi di partenza, la rottura per flessione può avvenire unicamente per due casi: •

raggiungimento della massima deformazione plastica nel calcestruzzo

raggiungimento di una deformazione massima nel rinforzo di FRP, ŸmW , che

compresso, ŸI , come definita dalle NTC08;

nel caso di delaminazione impedita è calcolata come: ŸmW

6T ∙

Ÿm |m

dove: Ÿm

6T

|m

deformazione caratteristica a rottura del rinforzo; fattore di conversione ambientale che nel presente caso viene assunto pari a 0.85 (condizione di esposizione esterna, fibra in carbonio); coefficiente parziale assunto pari a 1,10.

63


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Facendo riferimento alla Figura 6.3 si può raggiungere la rottura nel caso di massima dilatazione per il rinforzo in FRP (zona 1) o massima contrazione del calcestruzzo (zona 2) .

Figura 6.3 – Modalità di rottura per la sezione rinforzata con FRP

Nel caso ci si trovi nella zona 1 le deformazioni possono essere calcolate mediante le seguenti formule: FRP

calcestruzzo lembo compresso

acciaio compresso

acciaio teso

Ÿm

ŸmW

ŸI

ŸmW ∙ 4‘¡’5 / ŸI

Ÿ

Ÿ

ŸmW ∙ 4‘¡’5H ’¡W

ŸmW ∙ 4‘¡’5 W¡’

<

dove b rappresenta la distanza dell’asse neutro dall’estremo lembo compresso della sezione mentre ] è l’altezza della sezione.

64


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Nel caso, invece, ci si trovi nella zona 2 le equazioni sono: Ÿm

FRP

calcestruzzo lembo compresso

ŸI

Ÿ

acciaio compresso

Ÿ

acciaio teso

<

¢£¤ ’

ŸI

∙ 4] A b5 / ŸmW

ŸI ∙ ŸI ∙

’¡WH ’

W¡’ ’

Per entrambe i casi, a partire dall’equazione di equilibrio alla traslazione lungo l’asse della trave è possibile determinare la posizione b dell’asse neutro: W

• ∙ x ∙ b ∙ sIW ; p

∙… Ap

<

∙ … < A pm ∙ …m

dove x

sIW p

p …

<

…< pm

…m

¥

¥m

im

xm

base della sezione; resistenza a compressione del calcestruzzo; area di armatura compressa; area di armatura tesa;

tensione agente nell’armatura compressa, data da … tensione agente nell’armatura tesa, data da … <

in campo lineare oppure da … <

area del tessuto in FRP, pari a pm

Ÿ

∙¥ ;

Ÿ < ∙ ¥ se l’armatura risulta

stW se l’armatura è plasticizzata.

tensione agente nell’FRP, data da …m modulo di elasticità dell’acciaio;

∙ im ∙ xm ;

ŸmW ∙ ¥m ;

modulo di elasticità dell’FRP; numero di strati di FRP applicati all’elemento strutturale da rinforzare; spessore di progetto del tessuto; larghezza del rinforzo in FRP.

65


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Inizialmente si ipotizza la rottura in zona 1 e dalle equazioni si ricava la posizione b

dell’asse neutro. Nota la posizione dell’asse neutro si possono determinare le deformazioni delle varie fibre e controllare che la deformazione del calcestruzzo sia inferiore alla deformazione ultima. Se la verifica è soddisfatta, la posizione dell’asse neutro determinata è corretta, altrimenti si procede con le equazioni della zona 2.

Il momento resistente k.W è calcolato a partire dall’equazione di all’equilibrio alla rotazione attorno all'asse passante per il baricentro geometrico della sezione: k.W

] • ∙ x ∙ b ∙ sIW ∙ c A { ∙ be ; p 2 ] ∙ …m ∙ 2

] ∙… ∙c A# e;p 2

<

] ∙ … < ∙ c A #< e ; pm 2

Per le verifiche delle travi rinforzate a flessione con tessuto FRP si rimanda alla

Tabella in Allegato F. Con il termine [ si indica il rapporto domanda/capacita dopo

l’intervento di rinforzo, mentre con [ ¦ § lo stesso rapporto prima dell’intervento. 6.2.2 Progetto e verifiche rinforzi a taglio

Per il progetto dei rinforzi a taglio con materiale FRP si fa riferimento alla normativa CNR – DT 200 R1/2013. . La progettazione consiste nell’andare a determinare il numero di strati di tessuto necessari affinchè la verifica a taglio dell’elemento non risulti soddisfatta. Per i pilastri si procederà all’avvolgimento

completo

dell’elemento. Per le travi invece, dove non risulta possibile per problemi di forma o interferenza con altri elementi, si procederà con un sistema di rinforzo a U ancorando le estremità alla soletta di piano o alla sommità della sezione mediante sistemi di ancoraggio anchor spikes. Facendo riferimento al §4.3.3.11 delle CNR – DT 200 R1/2013 la resistenza di progetto a taglio dell’elemento rinforzato è data da: .W

N

.W,

;

.W,m , .W,I P

dove: .W,

capacità taglio-trazione dell’armatura trasversale;

66


PROGETTO INTERVENTI LOCALI .W,m .W,I

capacità taglio-trazione del sistema FRP; capacità taglio compressione del calcestruzzo.

Facendo riferimento alla Figura 6.4, per le sezioni rettangolari la capacità a tagliotrazione del sistema FRP può essere calcolato come:

Figura 6.4 – Elementi per rinforzo a taglio con FRP .W,m

1 ∙ 0.9 ∙ # ∙ sm3W ∙ 2 ∙ im ∙ |.W

∙ 4¨&i— ; ¨&iŠ 5 ∙

xm ©m

dove: #

sm3W

altezza utile della sezione;

coefficiente parziale che per la verifica a taglio pari a 1,20;

©m

|.W Š

resistenza efficace di calcolo del sistema di rinforzo; passo delle strisce misurato ortogonalmente alla direzione delle fibre;

inclinazione dei puntoni di calcestruzzo rispetto all’asse della trave; inclinazione delle fibre rispetto all’asse della trave.

67


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Predisponendo gli anchor spikes come sistemi di ancoraggio delle strisce di FRP, è possibile considerare l’avvolgimento a U come se fosse realizzato in totale avvolgimento. La resistenza efficace di calcolo del sistema di rinforzo è calcolata come: 1 smWW ∙ ª1 A ∙ 6

sm3W

∙ ª1 A

1 ∙ sin Š « ; N¬. ∙ smW A smWW P 40.9 ∙ # , ]d 5 2 3

∙ sin Š « 40.9 ∙ # , ]d 5 3

dove: 3

smWW smW

¬.

lunghezza ottimale di ancoraggio di progetto; massima tensione alla quale il composito può lavorare senza che si verifichi il distacco di estremità;

massima tensione nell’FRP pari a smW coefficiente dato da: ¬.

0.2 ; 1.6 ∙

ŸmW ∙ ¥m ;

-I -I , 0 / / 0.5 x x

dove -I è il raggio di curvatura realizzato in corrispondenza dello spigolo della

sezione rinforzata (posto pari a 20 mm come indicato nelle specifiche tecniche dell’FRP) e x la larghezza dell’anima della sezione.

La lunghezza ottimale di ancoraggio è data da:

3

• ∙ ¥m ∙ ∙ im ∙ Γ>W 1 „ , 200 |.W ∙ szW 2 szW

2 ∙ Γ>W , !

68

°


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

dove: Γ>W

!

|.W

valore di progetto dell’energia specifica di frattura;

valore ultimo dello scorrimento tra FRP e supporto posto pari a 0,25

;

coefficiente correttivo pari a 1.25.

Il valore di progetto dell’energia di frattura è calcolato come: ∙ 7

Γ>W

z

±

•sIž ∙ sI‰ž

dove: sIž

sI‰ž 7

z

valore medio della resistenza a compressione del calcestruzzo valutata in situ; valore medio della resistenza a trazione del calcestruzzo che in mancanza di

dati sperimentali può essere dedotta dalla sIž in accordo con quanto indicato nelle NTC08;

fattore di confidenza; coefficiente correttivo di tipo geometrico valutato mediante l’espressione:

z ±

2 A xm ⁄x „ 1 ; xm ⁄x

1

coefficiente correttivo tarato sulla base di risultati di prove sperimentali e da assumersi pari a 0.037 mm per i compositi impregnati in situ.

La tensione di progetto del sistema di rinforzo smWW è fornita dalla seguente relazione: smWW

2 ∙ ¥m ∙ Γ>W 1 ∙„ |m,W ∙ im

dove: |m,W

coefficiente parziale di sicurezza pari a 1,5.

69


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Per le verifiche di travi e pilastri rinforzati a taglio con materiale FRP si rimanda alle

Tabelle in Allegato G e H. Con il termine [ si indica il rapporto domanda/capacita dopo l’intervento di rinforzo, mentre con [ ¦ § lo stesso rapporto prima

dell’intervento.

Per i dettagli costruttivi ed i particolari del rinforzo con FRP si rimanda alla Tavola A3 in Allegato.

6.2.3 Progetto anchor spikes L’ancoraggio d’estremità di lamine o tessuti in FRP è un punto cruciale per la buona riuscita di un efficace rinforzo a flessione e consente di rendere il sistema di rinforzo a taglio a U equivalente al sistema di rinforzo in avvolgimento. S.J. Kim e S.T. Smith hanno presentato il seguente metodo di ancoraggio in “Pullout Strength Models for FRP Anchors in Uncracked Concrete” pubblicato nel 2010 sul Journal of Composites for Construction. Il prodotto è un sistema di ancoraggio per lamine e tessuti di FRP, in particolare un ancoraggio “handmade” come riportato in Figura 6.5, ottenuto con un tessuto di FRP arrotolato, inserito in un foro nel calcestruzzo con resina e “sfioccato” sopra l’FRP da ancorare (Figura 6.6).

Figura 6.5 Anchor spikes

70


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

Figura 6.6 – Modalità di ancoraggio del sistema anchor spikes

Lo studio svolto da S.J. Kim e S.T. Smith ha evidenziato tre tipologie di rottura, come riportato in Figura 6.7: concrete cone failure (a), combined failure (b, c, d), anchor failure (e).

Figura 6.7 – Tipologie di rottura degli anchor spikes

Le resistenze di progetto dell’ancoraggio sono date dalle seguenti espressioni:

Iz

II

II

∙ ]3m <.V ∙ •s′I

‡ ∙ • ∙ #8 ∙ ]3m

4

II , Iz , T^ 5

concrete cone failure CC

combined cone/bond failure CB

71


T^

T^

PROGETTO INTERVENTI LOCALI

∙ ³>.` ∙ i>.` ∙ s>.`

anchor rupture failure AR

dove: ]3m

s′I

lunghezza efficace di ancoraggio;

i>.`

larghezza del tessuto di FRP;

resistenza cilindrica a compressione del calcestruzzo;

#8

diametro del foro;

³>.`

s>.` II ,

‡ e

spessore del tessuto di FRP; tensione a rottura per trazione dell’FRP; T^

coefficienti di calibrazione.

Essendo questi ancoraggi “handmade”, non si conosce a priori il diametro effettivo del tassello arrotolato, di conseguenza nemmeno il foro necessario da fare nel calcestruzzo. Per il progetto si utilizza il connettore SikaWrap Anchor G impregnato con Sika AnchorFix - 3+, prodotto da Sika Italia S.p.A.. A questo punto è necessario correggere la formula per il calcolo della rottura dell’ancorante nel modo seguente:

T^

T^

∙ pm ∙ s>.`

T^

mm

• ∙ #m ∙ sm z 4

Introducendo il diametro effettivo dell’ancoraggio: #m

4 ∙ pm „ •

4 ∙ 25.9 •

5.74

e ponendo:

mm

s>.` sm z

T^

1

1600 2500

72

0.64


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

e considerando un coefficiente di sicurezza sull’FRP pari a |m

a un’applicazione di tipo B, si ottiene:

T^

• ∙ #m 1 ∙ 1 ∙ 0.64 ∙ ∙ sm z 1.25 4

1.25 corrispondente

0.128 ∙ • ∙ #m ∙ sm z

Introducendo i seguenti parametri: ]3m #8

#m " #8

è possibile effettuare uno studio parametrico ottenendo i seguenti risultati: 1. Per evitare la rottura del cono di calcestruzzo deve risultare: II

9.68 ∙ ]3m <.V ∙ rs $ I

9.68 ∙ 4 ∙ #8 5<.V ∙ •s′I <.V

Iz

9.07 ∙ • ∙ #8 ∙

9.07 ∙ • ∙ #8 ∙ 4 ∙ #8 5

9.07 ∙ • #8 1 ∙ <.V ∙ 9.68 #8 •s′I

8.V

2.94

•s′I

∙ #8 8.V

Ipotizzando un foro passante ed un calcestruzzo di resistenza a compressione s′I pari a sIž

27,97 k, si ottiene:

8.64 ∙ #8 s$I

8.64 ∙ 14 27,97

Sono cioè sufficienti ancoraggi maggiori di ]3m

4,32 ∙ #8

4,32 ∙ 14

60,5

evitare la rottura del cono di calcestruzzo a favore della rottura combinata.

73

per


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

2. Per evitare la rottura combinata deve risultare: Iz

9.07 ∙ • ∙ #8 ∙ ]3m

9.07 ∙ • ∙ #8 ∙ 4 ∙ #8 5 9.07 ∙

∙ #8

T^

0.128 ∙ • ∙ #m ∙ sm z

0.128 ∙ • ∙ #m ∙ sm z

0.128 ∙ #m ∙ sm z

0.128 #m ∙ µ ¶ ∙ sm z 9.07 #8 0.014 ∙

∙ sm z

Ipotizzando un foro passante si ottiene: 0.014 ∙

∙ sm z

0.014 ∙ 0.41 ∙ 2500

Sono cioè sufficienti ancoraggi maggiori di ]3m

∙ #8

5.88

5.88 ∙ 14

82.3

(5.41) per

evitare la rottura combinata a favore della rottura dell’FRP. In conclusione il sistema di ancoraggio SikaWrap Anchor G sfrutta completamente le proprie caratteristiche assumendo un ancoraggio in foro passante di almeno 85mm. La resistenza a trazione dell’ancoraggio in questo caso è: T^

0.128 ∙ • ∙ #m ∙ sm z

0.128 ∙ • ∙ 5.74 ∙ 2500

33.12

Per determinare l’interasse massimo che possono avere gli ancoraggi si considera un rinforzo in tessuto in fibra di carbonio SikaWrap - 600 C. I dati di calcolo sono: ¥m s‰

6T |m

m3

mm

∙ ¥m z

∙ sm z

0.90 ∙ 242

0.70 ∙ 3800

217.8 Ž,

2660 k,

0.85 (vedi tabella 3-2 delle CNR – DT 200 R1/2013)

1.25 (vedi tabella 3-1 delle CNR – DT 200 R1/2013

74


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

La deformazione caratteristica a rottura per trazione del rinforzo di FRP, Ÿm , è calcolata mediante l’espressione: Ÿm

·

s‰ ,Ÿ ¸ ¥m m z

2660 _ , 0.0155f 217800

La deformazione massima nel rinforzo di FRP, ŸmW , vale quindi: ŸmW

6T ∙

Ÿm |m

0.85 ∙

0.0122 1.25

0.0122

0.0083

Infine è possibile calcolare la resistenza di progetto del rinforzo di FRP: ¥m ∙ ŸmW

smW

217800 ∙ 0.0083

1807.74 k,

Sapendo ora che la forza di progetto del rinforzo di FRP è data da: 7m

smW ∙ xm ∙ N

m

∙ im P

la quantità di tessuto che il dispositivo di ancoraggio riesce ad ancorare viene calcolata imponendo: 7m /

m

∙ xm /

smW ∙ xm ∙ N

smW ∙ im

m

∙ im P /

33120 1807.74 ∙ 0.337

54

Per garantire infine la trasmissione dello sforzo tra il tassello e il tessuto di FRP bisogna garantire una corretta applicazione in sito della parte terminale a ventaglio disposto con un angolo di 60° rispetto all’asse del rinforzo, larghezza 50mm e lunghezza 100mm.

75


PROGETTO INTERVENTI LOCALI

76


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

7 Consolidamento delle fondazioni La fondazione esistente è composta da 42 pali in c.a. di diametro che varia dai 600 ai 1000mm e lunghezza che varia tra i 25 e i 26m. I pali di fondazione si trovano alla quota di -3,15m e sopra di essi sono presenti dei plinti di altezza 50 cm e lunghezza variabile in funzione del diametro dei pali. Tra i plinti di fondazione sono presenti delle travi-porta-muro. Alla quota del pavimento del piano seminterrato è presente una soletta in c.a., dello spessore di 20cm, che percorre l’intero edificio. Tale soletta ha la funzione di collegare l’intera fondazione dell’edificio e garantire quindi un comportamento uniforme. I pali di fondazione, progettati con la normativa dell’epoca, non sono in grado di sopportare l’azione sismica di riferimento, in particolare di assorbire l’intero tagliante agente alla base dell’edificio. Dovendo realizzare le nuove pareti in c.a., si è deciso di predisporre, al di sotto di ogni nuova parete, una fondazione realizzata con micropali dello spessore di 200mm che possa assorbire l’azione di taglio trasmessa dalla parete in c.a. portata. Con tale procedimento si riduce la componente tagliante agente sui pali esistenti e quindi non è richiesto alcun intervento di consolidamento sui pali di fondazione già esistenti. Si riporta in Figura 7.1 la posizione in cui verranno realizzate le fondazioni con micropali.

77


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Figura 7.1 â&#x20AC;&#x201C; Posizionamento micropali

78


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

7.1 Progetto micropali I micropali vengono realizzati in calcestruzzo C30/37 con caratteristiche del calcestruzzo riportate in Tabella 18.

CALCESTRUZZO C30/70 Resistenza caratteristica cilindrica

fck

30

[MPa]

Resistenza a compressione media

fcm

38,71

[MPa]

Resistenza di calcolo

fcd

17,4

[MPa]

Tabella 18 – Caratteristiche del calcestruzzo per micropali

Per l’armatura del micropalo si utilizza un tubolare di diametro 139,7mm e spessore 12,5mm con acciaio S355 con caratteristiche riportate in Tabella 19.

ACCIAIO S355 Resistenza caratteristicaa snervamento

fyk 355

[MPa]

Resistenza a rottura per trazione

fyd 510

[MPa]

7.1.1 Portata dei pali con azioni assiali La sollecitazione assiale agente su ogni micropalo è data dalla formula: ;

kt k’ ; ∑¹ ∑b

dove: sforzo normale agente sulla fondazione, compreso il peso della platea e delle nervature di collegamento; k’

il numero di micropali;

¹

distanza in direzione x tra il palo e il baricentro della fondazione;

kt

b

momento flettente agente in direzione x; momento flettente agente in direzione y;

distanza in direzione y tra il palo e il baricentro della fondazione.

79


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Il progetto dei micropali di fondazione viene eseguito nel pieno rispetto della normativa vigente facendo riferimento al metodo proposto da Bustamante e Doix nel 1985. Tale metodo è applicabile a due diverse tipologie di micropali: •

IRS

la metodologia di realizzazione consente l’iniezione ripetitiva e selettiva del calcestruzzo a diverse profondità;

IGU

sistemi che consentono l’iniezione dei micropali in un’unica soluzione.

Per il calcolo del carico limite, si fa riferimento alla seguente espressione: •º ž

,;2

dove: , 2

resistenza totale alla punta; resistenza totale laterale.

La resistenza laterale viene calcolata come: 2

•∙# ∙» ∙!

dove: #

# »

!

diametro equivalente del micropalo (# diametro del micropalo;

#∙ )

lunghezza della zona iniettata; resistenza tangenziale unitaria all’interfaccia tra zona iniettata e terreno.

Nel caso il micropalo attraversi strati di terreno con caratteristiche diverse, si ha: 2

o• ∙ # ∙ » ∙ !

80


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Il coefficiente maggiorativo

può essere determinato attraverso la Tabella riportata

in Figura 7.2 (Viggiani, 1999)

Figura 7.2 – Coefficiente maggiorativo del diametro del micropalo

La resistenza alla punta viene assunta pari al 15% della resistenza laterale totale. La verifica lato terreno del micropalo soggetto a carico assiale risulta soddisfatta se: W

/ *W

•º ž |. ∙ v¼

dove: |. v¼

coefficiente parziale di sicurezza assunto pari a 1,35 nel caso di resistenza alla punta, pari a 1,15 nel caso di resistenza laterale in compressione e pari a 1,25 nel caso di resistenza laterale in trazione ( 6.4.3.1.1 delle NTC08); fattore di correlazione che dipende dal numero di verticali indagate.

Oltre alla verifica lato terreno si rende necessario verificare la capacità strutturale del micropalo. Nel caso di carico a compressione si considera la resistenza dell’armatura più quella del calcestruzzo, mentre se agisce un carico di trazione si considera unicamente il contributo fornito dall’armatura. W

/

.W

0.8 ∙ pI ∙ sIW ; p

81

,‰½‰

∙ stW


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

W

/

p

.W

,‰½‰

∙ stW

dove: p

,‰½‰

stW pI

sIW

area totale dell’armatura longitudinale; resistenza di progetto dell’acciaio; area della sezione di calcestruzzo; resistenza di progetto del calcestruzzo.

7.1.2 Portata dei pali con azioni trasversali Il taglio agente sul singolo palo è dato dal taglio totale agente in fondazione diviso il numero dei pali: ‰½‰

Per la determinazione della resistenza del palo, si fa riferimento alla soluzione proposta da Broms nel 1964. I parametri necessari sono: »

#

kt

¨

¾

lunghezza del palo; diametro del palo; momento di plasticizzazione del palo; resistenza non drenata del terreno; resistenza ultima del terreno ad azioni orizzontali.

Si determina il parametro adimensionale kt ⁄4¨ ∙ # ¼ 5

ed utilizzando l’abaco

riportato in Figura 7.3, per pali a testa fissa, si ricava il parametro adimensionale ¾ ⁄4¨ ∙ # 5 da cui è possibile ricavare la resistenza ultima del terreno ¾.

82


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Figura 7.3 – Abaco per la determinazione di H

La verifica del palo soggetto a carico orizzontale risulta soddisfatta se: W

/ ¾.W

¾ |

dove: |

coefficiente parziale di sicurezza assunto pari a 1.3 come indicato al §6.4.3.1.2 delle NTC08.

Come nel paragrafo precedente, si deve effettuare anche una verifica strutturale del palo con azione di taglio. La verifica a taglio si effettua analogamente a quella per i pilastri con armatura resistente a taglio (§4.1.2.1.3.2 delle NTC08); l’unica differenza risiede nel fatto che si rende necessario trasformare la sezione circolare in una sezione rettangolare equivalente. Per fare questo si applica il metodo proposto da Clarke-Birjandi nel 1993. Per i particolari dell’armatura si rimanda alla Tavola A5 in Allegato.

83


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Si riporta in Allegato I la tabella con i risultati relativi alle verifiche effettuate sui micropali evidenziando il numero di micropali adottati per ogni zona. Come riferimento si è utilizzata la posizione e la nomenclatura delle nuove pareti in c.a.

7.1.3 Verifica delle travi di collegamento In corrispondenza delle nuove pareti in c.a., viene realizzata una trave di collegamento in c.a. che permetta un adeguato ancoraggio tra la vecchia e la nuova fondazione. Le travi di collegamento vengono realizzate in calcestruzzo C28/35 e acciaio B450C di dimensioni 90x90cm. La realizzazione del nuovo collegamento richiede la demolizione in parte del plinto sovrastante il vecchio palo di fondazione in modo tale da garantire una buona interazione tra la vecchia e la nuova struttura. Per i particolari delle armature e delle sezioni si rimanda alla Tavola A5 in Allegato. La trave di collegamento viene progettata e verificata sia a flessione che a taglio nello stesso modo di quanto si è fatto per le travi al §5.4.1 della presente relazione. Dal modello di calcolo si è ottenuto che il valore del massimo momento flettente k

W

W

agente sulla trave di collegamento vale 1057,32 kNm mentre lo sforzo di taglio risulta 1362,18 kN. Dalle verifiche si ottiene quindi: k

W W

1057,32

1362,18

k.W

.W

1417

1559,18

¥*'7' p0¿ ¥*'7' p0¿

7.2 Fondazione esistente Per i pali di fondazione esistenti la verifica per azioni assiali lato terreno è del tutto analoga a quella effettuata per i micropali, si differenzia unicamente nel calcolo del carico limite •º ž il quale fa riferimento al libro di testo “Fondazioni – di C. Viggiani” ed è calcolato come: •º ž

,;2

•∙# ∙© ;o• ∙# ∙! ∙» 4

84


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

dove: ,

resistenza alla punta;

2

resistenza laterale;

#

diametro del palo;

©

resistenza unitaria alla punta;

!

resistenza allo scorrimento all’interfaccia laterale palo-terreno del singolo strato di terreno nel quale il palo è infisso;

»

altezza dello strato i-esimo di terreno nel quale il palo è infisso.

Nel caso di palo in trazione, si deve trascurare il contributo relativo alla resistenza alla punta. Inoltre i pali di fondazione esistenti devono essere verificati a pressoflessione. Per la verifica a pressoflessione si fa riferimento agli sforzi trasmessi dal relativo pilastro posizionato al di sopra del palo. La verifica a pressoflessione è soddisfatta se: k

W

/ k.W 4

W5

dove k

W

k.W 4

W5

momento flettente agente alla sommità del palo; valore di calcolo del momento resistente con sforzo assiale

W.

Per l’identificazione dei pali di fondazione si è utilizzata la numerazione dei pilastri posizionati al di sopra del relativo palo. Per la verifica a pressoflessione si è utilizzato il software VcaSLU implementando al suo interno la sezione circolare del palo e andando a ricavare il momento resistente. Si riportano in Allegato L le Tabelle con i risultati delle verifiche effettuate sui pali di fondazione esistenti.

85


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

Il taglio agente sul singolo palo è dato dal rapporto tra il taglio totale agente in fondazione, ridotto del taglio trasmesso dalle pareti assorbito dai micropali, ed il numero di pali. Si ottiene quindi: W

3883,84 42

À ,Œ ºT ‰^

©

.W

La resistenza di calcolo a taglio

92,47

per il palo con diametro 600mm, che rappresenta

il caso più sfavorevole, è determinata analogamente a quella ricavata per le travi al §5.4.1 della presente relazione. Si ottiene: W

92,47

.W

115,35

¥*'7' p0¿

7.2.1 Verifica soletta di collegamento La soletta in c.a. dello spessore di 20 cm post alla quota di -2,55m dal piano campagna percorre l’intero edificio e ha la funzione di piastra di collegamento della fondazione. Per la verifica si deve tenere conto della presenza di spostamenti relativi del terreno di fondazione sul piano orizzontale. La verifica si ritiene soddisfatta se la soletta è in grado di assorbire le forze assiali trasmesse dagli elementi che collega. Gli sforzi assiali agenti nella soletta possono essere calcolati come (profilo stratigrafico tipo C): Á 0,4

W žT’ ⁄O

dove; W

žT’

O

valore medio delle forze verticali agenti sugli elementi collegati; accelerazione massima attesa al sito; accelerazione di gravità.

86


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

In assenza di analisi specifiche della risposta sismica locale, l’accelerazione massima può essere calcolata come: žT’

+

∙2

dove: +

2

accelerazione orizzontale massima sul sito di riferimento rigido;

coefficiente che comprende l’amplificazione stratigrafica 2l e quella topografica 2 .

Si considera una striscia di soletta di larghezza 1m e si effettua la verifica per ogni coppia di pilastri collegati sia in direzione X che direzione Y. Si riportano in Allegato M le Tabelle relative alla verifica effettuata sulla soletta di collegamento.

87


CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI

88


COMPUTO METRICO

8 Computo metrico Nel presente capitolo si procede all’analisi dei costi dell’adeguamento sismico dell’edificio. Si fa una suddivisione dei costi confrontando, in particolare, i costi di realizzazione dell’intervento globale rispetto ai costi necessari agli interventi di tipo locale. In questo modo è possibile ottenere un metodo di paragone sui costi d’intervento. Per i prezzi unitari delle singole lavorazioni, si sono utilizzati prezziari ufficiali che forniscono prezzi medi in riferimento a condizioni esecutive ordinarie. Nello specifico si è utilizzato l’Elenco regionale dei prezzi delle opere pubbliche della Regione Emilia Romagna, adottato ai sensi di quanto disposto dalla L.R. n 11/2010 ed in attuazione di quanto previsto dall’art. 133 del D. lgs. n 163/2006 – Edizione 2015. I prezzi riportati nei vari capitoli sono intesi realizzati a regola d’arte secondo le normative di legge e le normative tecniche applicabili Il prezzo di ogni voce comprende il costo dei materiali, della manodopera, dei noli e del trasporto.

8.1 Computo costi cantiere Viene riportato di seguito il computo metrico relativo ai costi di cantiere da sostenere per realizzare gli interventi progettati.

Num. Ord. TARIFFA

Unità di Quantità misura

DESIGNAZIONE LAVORI

Prezzo unit. Euro

Prezzo complessivo Euro

1,14

53,58

CANTIERISTICA

F01017a

Recinzione provvisoria modulare da cantiere in pannelli di altezza 2.000 mm e larghezza 3.500 mm, con tamponatura in rete elettrosaldata con maglie da 35 x 250 mm e tubolari laterali o perimetrali di diametro 40 mm, fissati a terra su basi in calcestruzzo delle dimensioni di 700 x 200 mm, altezza 120 mm, ed uniti tra loro con giunti zincati con collare, comprese aste di controventatura :allestimento in opera e successivo smontaggio e rimozione a fine lavori

89

cad.

47


COMPUTO METRICO

F01017b

F01073a

F01075

F01027c

F01028g

F01029c

F01036

F01096a

Recinzione provvisoria modulare da cantiere in pannelli di altezza 2.000 mm e larghezza 3.500 mm, con tamponatura in rete elettrosaldata con maglie da 35 x 250 mm e tubolari laterali o perimetrali di diametro 40 mm, fissati a terra su basi in calcestruzzo delle dimensioni di 700 x 200 mm, altezza 120 mm, ed uniti tra loro con giunti zincati con collare, comprese aste di controventatura:costo di utilizzo mensile Fari con lampada alogena, costo di utilizzo mensile: impianto con 6 fari Allestimento e rimozione per impianto di segnalazione luminosa, come da articolo precedente, compreso posizionamento, allacci ed ogni altro onere; valutazione riferita ad ogni singolo faro Cartelli di pericolo (colore giallo), conformi al DLgs 81/08, in lamiera di alluminio 5/10, con pellicola adesiva rifrangente; costo di utilizzo mensile: 500 x 330 mm Cartelli di divieto (colore rosso), conformi al Dlgs 81/08, in lamiera di alluminio 5/10, con pellicola adesiva rifrangente; costo di utilizzo mensile: 500 x 330 mm Cartelli di obbligo (colore blu), conformi al Dlgs 81/08, in lamiera di alluminio 5/10, con pellicola adesiva rifrangente; costo di utilizzo mensile: 500 x 330 mm Posizionamento a parete o altri supporti verticali di cartelli di sicurezza, con adeguati sistemi di fissaggio Ponteggi con sistema tubo-giunto realizzati in tubolari metallici, per ponteggi con altezza fino a 20 m, prodotti da azienda in possesso di autorizzazione ministeriale ed eseguiti con l'impiego di tubi diametro 48 mm e spessore pari a 3,25 mm, in acciaio zincato o verniciato, e giunti realizzati in acciaio spessore minimo 4,75 mm, con adeguata protezione contro la corrosione, compresi i pezzi speciali, doppio parapetto, protezioni usuali eseguite secondo le norme di sicurezza vigenti in materia, mantovane, ancoraggi ed ogni altro onere e magistero occorrente per dare l'opera finita a perfetta regola d'arte con esclusione dei piani di lavoro da contabilizzarsi a parte. Valutati al giunto secondo le seguenti tipologie di ponteggio

90

cad.

846

0,32

270,72

cad.

4

64,74

258,96

cad.

24

4,91

117,84

cad.

18

0,42

7,56

cad.

18

0,42

7,56

cad.

18

0,42

7,56

cad.

1

23,64

23,64

mq.

1350

5,21

7033,5


COMPUTO METRICO ed i relativi aspetti operativi: realizzazioni di elevata difficoltĂ con un utilizzo di 3,5 giunti/mq e di 1,1 m di tubo per giunto: montaggio comprensivo di trasporto, approvvigionamento, scarico, avvicinamento e tiro in alto dei materiali, per i primi 30 giorni

F01096b

F01097

F01103a

F01103b

N04065a

noleggio per ogni mese o frazione di mese successivo (non inferiore a 25 giorni) alla funzionalitĂ operativa, comprendente la manutenzione ordinaria e quanto altro occorrente per il mantenimento della sicurezza delle opere finite Smontaggio di ponteggio a fine lavoro compreso calo in basso, accantonamento provvisorio, carico e trasporto di allontanamento dal cantiere, valutata al giunto per qualsiasi tipologia di ponteggio Noleggio di piano di lavoro per ponteggi costituito da tavole metalliche prefabbricate in acciaio zincato, spessore 10/10 mm, od in legno di abete, spessore 50 mm, e tavola fermapiede valutato a mq di facciata (proiezione prospettica): per i primi 30 giorni, compreso ogni onere e magistero di approvvigionamento, montaggio, manutenzione, smontaggio e ritiro dal cantiere a fine lavori Noleggio di piano di lavoro per ponteggi costituito da tavole metalliche prefabbricate in acciaio zincato, spessore 10/10 mm, od in legno di abete, spessore 50 mm, e tavola fermapiede valutato a mq di facciata (proiezione prospettica): per ogni mese o frazione di mese successivo (non inferiore a 25 giorni) Gru a torre: sbraccio 31 m, portata 2.200 kg, altezza 31 m, esclusi montaggio, smontaggio e opere provvisionali (binari, ballast, ecc.): a caldo

91

mq.

22950

0,53

12163,5

mq.

1350

1,88

2538

mq.

1350

2,34

3159

mq.

22950

0,77

17671,5

ora

720

47,6 TOTALE

34272 77584,92


COMPUTO METRICO

8.2 Computo metrico interventi globali Si riporta di seguito il computo metrico relativo agli interventi globali effettuati sull’edificio e trattati al §4 della presente relazione.

Num. Ord. TARIFFA

B01006b

B01003a

B01089

B01087

B02076b

A03021b

Unità di Quantità misura

DESIGNAZIONE LAVORI

INTERVENTI GLOBALI Demolizione di struttura in calcestruzzo con ausilio di martello demolitore meccanico: armato mc. 133,84 Demolizione di muratura, anche voltata, di spessore superiore ad una testa, eseguita a mano, compresa la cernita ed accantonamento del materiale di recupero da riutilizzare: muratura in mattoni mc. 87,53 Smontaggio di infissi in ferro o alluminio, calcolato sulla superficie, inclusa l'eventuale parte vetrata, compreso telaio, controtelaio, smuratura delle grappe o dei tasselli di tenuta ed eventuale taglio a sezione degli elementi mq. 97,06 Smontaggio di porta interna o esterna in legno fino a 3,00 mq, calcolato sulla superficie, inclusa l'eventuale parte vetrata, compreso telaio, controtelaio, smuratura delle grappe o dei tasselli di tenuta ed eventuale taglio a sezione degli elementi mq. 14,06 Realizzazione di ancoraggio per barre ad aderenza migliorata o filettate, mediante formazione di fori di diametro massimo 30 mm e profondità fino a 80 cm, eseguiti con trapano a rotazione/rotopercussione nel calcestruzzo esistente, compresa la pulizia dei fori tramite lavaggio con acqua o tramite aria compressa, la saturazione mediante malta cementizia espansiva a rapida presa o resine epossidiche ed ogni altro onere per dare il lavoro finito a regola d’arte: diametro oltre i 16 mm m. 346,77 Casseforme rette o centinate per getti di conglomerati cementizi semplici o armati compreso armo, disarmante, disarmo, opere di puntellatura e sostegno fino ad un'altezza di 4 m dal piano di appoggio; eseguite a regola d'arte e misurate secondo la superficie effettiva delle casseforme a contatto con il calcestruzzo: per pareti rettilinee in elevazione: pannelli di legno mq. 1486,75

92

Prezzo unit. Euro

Prezzo complessivo Euro

304,12

40703,42

153,77

13459,49

21,75

2111,06

15,54

218,49

25,99

9012,55

26,99

40127,38


COMPUTO METRICO

A03029e

A03019b

A17005b

Acciaio in barre per armature di conglomerato cementizio prelavorato e pretagliato a misura, sagomato e posto in opera a regola d'arte, compreso ogni sfrido, legature, ecc.; nonché tutti gli oneri relativi ai controlli di legge; del tipo B450C prodotto da azienda in possesso di attestato di qualificazione rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale della Presidenza del Consiglio Superiore dei LL.PP., in barre: diametro 14 ÷ 30 mm Conglomerato cementizio preconfezionato a resistenza caratteristica e classe di esposizione XC1, dimensione massima degli inerti pari a 31,5 mm, classe di lavorabilità (slump) S4 (fluida), rapporto A/C <= 0,60, gettato in opera, per operazioni di media-grande entità, secondo le prescrizioni tecniche previste, compresa la fornitura del materiale in cantiere, il suo spargimento, la vibrazione e quant'altro necessario per dare un'opera realizzata a perfetta regola d'arte, esclusi i soli ponteggi, casseforme e ferro di armatura: per opere in elevazione: classe di resistenza a compressione C28/35 (Rck 35 N/mmq) Carpenteria metallica di qualsiasi sezione e dimensione con fori, piastre, squadre, tiranti, bulloni elettrodi, ecc., dati in opera bullonati o saldati compresa una mano di minio o di vernice antiruggine, comprese opere murarie e quanto altro necessario per dare il lavoro finito a regola d'arte.

93

kg.

20164,65

1,34

27020,64

mc.

282,07

169,2

47725,59

kg.

3564,89

3,55 TOTALE

12655,36 193033,98


COMPUTO METRICO

8.3 Computo metrico interventi locali Viene riportato di seguito il computo metrico relativo agli interventi locali trattati al §6 della presente relazione. Num. Ord. TARIFFA

B02076

B02091

Unità di Quantità misura INTERVENTI LOCALI ETS. Realizzazione di ancoraggio per barre ad aderenza migliorata o filettate, mediante formazione di fori di diametro massimo 30 mm, eseguiti con trapano a rotazione/rotopercussione nel calcestruzzo esistente, compresa la pulizia dei fori tramite lavaggio con acqua o tramite aria compressa, la saturazione mediante malta cementizia espansiva a rapida presa o resine epossidiche ed ogni altro onere per dare il lavoro finito a regola d’arte. cad. 956 Fornitura e applicazione di tessuto in fibra di carbonio per il rinforzo strutturale, mediante placcaggio o wrapping, di travi, solai, solette/impalcati, volte, capriate e pilastri in calcestruzzo armato/calcestruzzo armato precompresso, muratura, legno (flessione, pressoflessione, taglio e confinamento). Sono compresi: - l'applicazione della rasatura e dell'incollaggio con resina epossidica; - l'applicazione del tessuto in fibra di carbonio di tipo unidirezionale o bidirezionale; - la stesura di adesivo epossidico di saturazione; - la rimozione di eventuali parti eccedenti di resina; l'eventuale spargimento quarzifero per l'aggrappo dell'intonaco finale. Potranno essere applicati uno o più strati sovrapposti in funzione di quanto prevede il progetto esecutivo. L’eventuale sovrapposizione in direzione longitudinale (quella della fibra) sarà di almeno 15-20 cm, in direzione trasversale di almeno 2 cm. Sono esclusi e da computarsi a parte: - l'eventuale demolizione di porzioni di intonaco e delle parti di calcestruzzo ammalorato ed il successivo rifacimento e/o ripristino; - la preparazione del supporto: tessuti in fibra di carbonio di tipo unidirezionale: primo strato mq. 607,02 DESIGNAZIONE LAVORI

94

Prezzo unit. Euro

Prezzo complessivo Euro

23,39

22360,84

207,2

125774,54


COMPUTO METRICO

B02091a

B02096c

Fornitura e applicazione di tessuto in fibra di carbonio per il rinforzo strutturale, mediante placcaggio o wrapping, di travi, solai, solette/impalcati, volte, capriate e pilastri in calcestruzzo armato/calcestruzzo armato precompresso, muratura, legno (flessione, pressoflessione, taglio e confinamento). Sono compresi: - l'applicazione della rasatura e dell'incollaggio con resina epossidica; - l'applicazione del tessuto in fibra di carbonio di tipo unidirezionale o bidirezionale; - la stesura di adesivo epossidico di saturazione; - la rimozione di eventuali parti eccedenti di resina; l'eventuale spargimento quarzifero per l'aggrappo dell'intonaco finale. Potranno essere applicati uno o più strati sovrapposti in funzione di quanto prevede il progetto esecutivo. L’eventuale sovrapposizione in direzione longitudinale (quella della fibra) sarà di almeno 15-20 cm, in direzione trasversale di almeno 2 cm. Sono esclusi e da computarsi a parte: - l'eventuale demolizione di porzioni di intonaco e delle parti di calcestruzzo ammalorato ed il successivo rifacimento e/o ripristino; - la preparazione del supporto: tessuti in fibra di carbonio di tipo unidirezionale: strati successivi Fornitura e applicazione di connettori in fibra aramidica a miglioramento dell’ancoraggio di tessuti in fibra di carbonio su strutture in muratura secondo il seguente procedimento: - creazione di foro nella muratura di diametro 14-16 mm circa e lunghezza fino a 50 cm; inserimento del connettore ed impregnazione con adesivo epossidico; creazione dell’ancoraggio mediante impregnazione del fiocco con adesivo epossidico sullo strato di tessuto di rinforzo già posizionato; - applicazione di un ulteriore strato di rinforzo sopra il fiocco della lunghezza pari allo stesso più 10 cm: connettore di lunghezza 30 cm

95

mq.

409,36

168

68772,48

cad.

5132

15,54 TOTALE

79751,28 296659,14


COMPUTO METRICO

8.4 Computo metrico fondazioni Viene riportato di seguito il computo metrico relativo agli interventi effettuati sulle fondazioni e trattati al §7 della presente relazione. Num. Ord. TARIFFA

A01001a

B01002c

A02060e

A02068

Unità di Quantità misura FONDAZIONI Scavo di sbancamento effettuato con mezzi meccanici compresa la rimozione di arbusti e ceppaie e trovanti di dimensione non superiore a 0,25 mc, la profilatura delle pareti, la regolarizzazione del fondo, il carico sugli automezzi ed il trasporto a rinterro o rilevato nell'ambito del cantiere fino ad una distanza massima di 1.500 m: in rocce sciolte (argilla, sabbia, ghiaia, terreno vegetale e simili) mc. 259 Demolizione controllata di strutture edili, industriali e stradali con uso di cemento spaccaroccia, comprese le perforazioni a rotopercussione del diametro di 40 mm, il taglio dei ferri di armatura (quando presenti) e l'avvicinamento al luogo di deposito provvisorio, in attesa del trasporto allo scarico; escluso carico, trasporto e scarico a discarica controllata: su cemento leggermente armato mc. 13,73 Micropalo senza camicia, con inclinazione fino a 20°, per ancoraggi o altro, eseguito mediante l'utilizzazione di attrezzature adeguate al terreno da attraversare, compreso il successivo getto a pressione, nei fori così ricavati, in presenza di armatura metallica (da pagarsi a parte), di malta cementizia additivata, sino al volume effettivo di getto non inferiore a tre volte quello teorico del foro. Compreso ogni onere e magistero con esclusione dell'armatura metallica: in terreni poco coerenti, ghiaiosi (resistenza alla compressione 6 - 10 N/mmq): per diametro esterno pari a 191 - 220 mm m. 1968 Armatura di micropali effettuata attraverso la fornitura e posa di profilati tubolari in acciaio S 355 JR secondo UNI EN 10025 filettati, con manicotto e provvisti di valvole di iniezione kg. 77165 DESIGNAZIONE LAVORI

96

Prezzo unit. Euro

Prezzo complessivo Euro

4,45

1151,04

540,46

7420,52

103,05

202802,40

1,63 TOTALE

125778,95 337152,90


COMPUTO METRICO

8.5 Valutazione del costo d’intervento Facendo riferimento ai computi metrici riportati nei paragrafi precedenti, si riporta in Tabella 19 un riassunto dei costi di intervento per ottenere l’adeguamento sismico dell’edificio. COSTI Costi Cantiere Costi interventi globali Costi interventi locali Costi interventi in fondazione

77584,92 193033,98 296659,14 337152,90

€ € € €

Totale

904430,95

Tabella 19 – Costi totali d’intervento

La superficie calpestabile dell’edificio è pari a 1334 andare a determinare il costo dell’intervento al

; è possibile a questo punto,

che risulta pari a 677,98 €⁄

.

Analizzando il grafico a torta riportato in Figura 8.1 è possibile fare alcune considerazioni importanti sui costi d’intervento.

Figura 8.1 – Diagramma a torta dei costi d’intervento

97


COMPUTO METRICO

Come si può notare i costi relativi all’organizzazione del cantiere e degli interventi globali, quali nuove pareti in c.a. e puntoni metallici, risultano particolarmente inferiori rispetto a quelli per rinforzi con ETS ed FRP e interventi sulle fondazioni. Nella progettazione dell’intervento di adeguamento sismico della presente relazione si è cercato di ridurre il più possibile l’utilizzo di tessuti FRP, in conseguenza del loro costo elevato. La scelta fatta nella progettazione risulta essere una di quelle tra le quali è richiesto il minor quantitativo di tessuto FRP di rinforzo. Se, come ipotesi iniziale, si fossero mantenute le pareti in c.a. esistenti sarebbe stato necessario rinforzarle adeguatamente a taglio applicando ulteriore quantitativo di tessuto fibrorinforzato e facendo lievitare ulteriormente il costo totale dell’intervento. A discapito della soluzione scelta, la tipologia di fondazione realizzata presenta un costo particolarmente elevato, dovuto soprattutto alla realizzazione dei micropali di fondazione, scelta obbligata a causa del ridotto spazio di manovra e del collegamento con i blocchi adiacenti che compongono l’intero complesso.

98


CONCLUSIONI

9 Conclusioni L’obbiettivo del presente lavoro è l’adeguamento sismico del corpo H facente parte del complesso dell’ Ex C.O.O. di Ferrara. Dall’analisi di vulnerabilità sismica, riassunta brevemente nei primi paragrafi della presente relazione, l’edificio presentava diverse vulnerabilità nei confronti dei carichi sismici essendo stato progettato con la normativa dell’epoca di costruzione che non teneva conto dell’azione sismica. Le vulnerabilità strutturali non presentavano un livello di criticità elevato, come riportato al §3.6 della presente relazione, quindi non erano richiesti interventi globali. Tuttavia le carenze di armatura a taglio riscontrate all’interno delle pareti in c.a. e la particolarità della struttura, hanno indirizzato la scelta su un rinforzo iniziale parzialmente globale (nuove pareti in c.a. e puntoni metallici) per non dover poi rinforzare tutte le vecchie pareti con tecniche costose. Con la scelta di progettazione fatta si sono ridotti gli interventi con materiali fibrorinforzati (FRP) per pilastri e travi che presentavano lievi carenze nei confronti delle azioni sismiche. Le nuove pareti così realizzate hanno irrigidito la struttura è aumentato il tagliante agente alla base dell’edificio. La fondazione esistente, realizzata sempre con la normativa dell’epoca, non era capace di sopportare le nuove azioni di taglio agenti, quindi è stata integrata realizzando delle nuove fondazioni mediante l’infissione di micropali in modo tale che potessero assorbire gli sforzi delle nuove pareti e ridurre il carico sui pali esistenti. In seguito all’intervento di adeguamento sismico dell’edificio esistente si sono raggiunte le condizioni riportate in Tabella 20 per gli elementi trave e pilastro esistenti, si sono trascurate le pareti in c.a. in conseguenza del fatto che essendo di nuova progettazione soddisfano i requisiti richiesti nei confronti dell’azione sismica.

% elementi verificati ρ medio ρ massimo

PILASTRI Pressoflessione

Taglio

100%

100%

0,389 0,896

0,496 0,887

TRAVI Flessione % elementi 100% verificati 0,308 ρ medio 0,887 ρ massimo

Tabella 20 – Condizioni degli elementi strutturali dopo l’adeguamento sismico

99

Taglio 100% 0,684 0,894


CONCLUSIONI

Per ottenere l’adeguamento sismico dell’edificio, il costo totale degli interventi è pari a 904'430,95€ che corrispondono circa a 668 €/m2. Il risultato ottenuto per l’adeguamento sismico è possibile confrontarlo con l’ipotesi di effettuare unicamente gli interventi di tipo globali (miglioramento sismico), quali la realizzazione delle nuove pareti in c.a., il posizionamento dei puntoni metallici e il consolidamento della fondazione esistente con micropali. Si riportano in Tabella 21 le condizioni degli elementi strutturali esistenti con solo gli interventi di tipo globale, trascurando anche in questo caso le nuove pareti in c.a.. PILASTRI Pressoflessione Taglio % elementi verificati ρ medio ρ massimo

100%

71,57%

0,389 0,896

0,794 2,613

TRAVI Flessione Taglio % elementi verificati ρ medio ρ massimo

97,96%

42,86%

0,31 1,551

1,345 2,832

Tabella 21 – Condizioni degli elementi strutturali dopo il miglioramento sismico

Per gli interventi di miglioramento sismico il costo di realizzazione è pari a 607'771,80 € che corrispondono circa a 456 €/m2. Di risultati dello stato di fatto, riportati al §3.6 della presenta relazione, la struttura partiva con in livello di sicurezza pari circa al 20%. Confrontando l’intervento di miglioramento con l’intervento di adeguamento sismico ed i relativi costi si sono raggiunte le condizioni riportate nel grafico di Figura 9.1.

100


CONCLUSIONI

Figura 9.1 – definizione del livello sismico dei due interventi

Dal grafico è possibile notare che con l’intervento di miglioramento sismico si raggiunge un livello di sicurezza della struttura pari al 35% . Tuttavia considerando l’ipotesi di adeguamento sismico, con un incremento del 48% dei costi, rispetto al miglioramento, si otterrebbe un incremento del 65% del livello di sicurezza dell’intera struttura. Dall’analisi dei dati sopra riportati risulta quindi più vantaggioso il progetto con interventi globali e rinforzi con ETS ed FRP, avendo una spesa inziale maggiore rispetto al miglioramento ma ottenendo un aumento del livello di sicurezza della struttura molto più elevato. Con questa scelta d’intervento si è mantenuta la funzionalità iniziale dei vari ambienti facenti parte dell’edificio come richiesto dal committente; tuttavia se fosse stato possibile apportare modifiche più radicali, soprattutto per il volume adibito ad auditorium, probabilmente si sarebbe potuto regolarizzare ulteriormente la struttura riducendo il numero ed i costi dei vari interventi.

101


CONCLUSIONI

102


BIBLIOGRAFIA

Bibliografia 1. Angotti, F. et al, Dettagli Costruttivi di Strutture in Calcestruzzo Armato, aicap, 2011 2. Aprile, A., Bonafè, M., Tecniche e sistemi innovativi per l’adeguamento sismico di strutture esistenti in cemento armato – Dispensa ad uso didattico, WISE civil – Università degli Studi di Ferrara, 2015 3. Bowles, J.E., Fondazioni – Progetto e Analisi, McGraw Hill, 1994 4. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617. “Istruzioni per l’applicazione delle «Nuove norme tecniche per le costruzioni» di cui al D.M. 14 gennaio 2008” 5. CNR-DT 200 R1/2013. “Istruzioni per la Progettazione, l’Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l’utilizzo di Compositi Fibrorinforzati. Materiali, strutture di c.a. e di c.a.p., strutture murarie”, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), 2013 6. D.M. 14 gennaio 2008. “Norme Tecniche per le Costruzioni” 7. Leni, I. vulnerabilità sismica di costruzioni in c.a.ad uso civile site nell’area Ex C.O.O. di Ferrara, Tesi magistrale, Università degli studi di Ferrara 8. Tanzini M., Micropali e pali di piccolo diametro, aspetti progettuali e tecnologici, Dario Editore, 2011 9. Viggiani, C., Fondazioni, CUEN, 1997

103


ALLEGATI

104


ALLEGATI

ALLEGATO A: Carichi agenti PIANTA PIANO RIALZATO

Figura A1- Distribuzione carichi piano rialzato

105


ALLEGATI

PIANTA PIANO PRIMO

Figura A2 â&#x20AC;&#x201C; Distribuzione carichi piano primo

106


ALLEGATI

PIANTA COPERTURA

Figura A3 – Distribuzione carichi copertura

SH1 Tipologia γ Carico carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (20+4 cm) G2 Massetto 18 G2 Pavimento moquette G2 Impianti -

0,08 -

q [kN/m2 ] 2,85 1,44 0,03 0,45

ΣG1

2,85 kN/m2 2,22 kN/m2

s [m]

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

107

4

kN/m2


ALLEGATI

SH2 Tipologia γ Carico carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (24 cm) 25

0,24

q [kN/m2 ] 6

s [m]

G2

Massetto

18

0,08

1,44

G2 G2

Pavimento moquette Impianti

-

-

0,03 0,45

ΣG1

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

0,5 0,08 -

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 0,03 0,45

ΣG1

12,5 kN/m2 2,22 kN/m2

SH3 Tipologia γ Carico carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 G2 Massetto 18 G2 Pavimento moquette G2 Impianti -

s [m]

6

kN/m2

2,22 kN/m2 4

kN/m2

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 1,5 0,45 0,3

ΣG1

12,5 kN/m2 3,72 kN/m2

4

kN/m2

SH4 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Tavelle G2 Impianti G2 Intonaco 20 0,015 G2

Pavimento moquette

-

-

0,03

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 1,5

ΣG1

12,5 kN/m2 2,97 kN/m2

4

kN/m2

SH5 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Tavelle G2

Pavimento moquette

-

-

0,03

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

108

4

kN/m2


ALLEGATI

SH6 Tipologia carico

Carico

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

-

-

2,85

18

0,07

1,26

27

0,02

0,54

-

-

0,45 0,89

ΣG1

2,85 kN/m2 3,44 kN/m2

G2 G2

Travetti TL60 (20+4 cm) Massetto Pavimento marmo rosso di Verona Impianti Tramezze

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

G1 G2 G2

2

kN/m2

SH7 Tipologia γ Carico carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (20+4 cm) G2 Massetto 18 G2 Pavimento piastrelle Gres 20 G2 Impianti -

0,07 0,01 -

q [kN/m2 ] 2,85 1,26 0,2 0,45

s [m]

G2

Tramezze

-

-

2,45

ΣG1

2,85 kN/m2

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

4,66 kN/m2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

-

-

2,85

18

0,07

1,26

27

0,02

0,54

-

-

0,45

ΣG1

2,85

kN/m2

SH8 Tipologia carico

Carico

G2

Travetti TL60 (20+4 cm) Massetto Pavimento marmo rosso di Verona Impianti

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

2,55

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. C3

-

-

5

ΣQ

5

kN/m2

G1 G2 G2

109


ALLEGATI

SH9 Tipologia carico G1 G2

Carico

γ [kN/m3 ] 18

s [m] 0,07

q [kN/m2 ] 2,85 1,26

27

0,02

0,54

20 -

0,015 -

0,45 0,3 0,15

ΣG1

2,85

kN/m2

G2 G2 G2

Travetti TL60 (20+4 cm) Massetto Pavimento marmo rosso di Verona Impianti Intonaco Controsoffitto

G2

Tramezze

-

-

1,1

ΣG2

3,8

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. C3

-

-

5

ΣQ

5

kN/m2

s [m] 0,08 0,01 -

q [kN/m2 ] 2,85 1,44 0,2 0,45 1,57

ΣG1

2,85

kN/m2

G2

SH10 Tipologia carico G1 G2 G2 G2 G2

Travetti TL60 (20+4 cm) Massetto Pavimento piastrelle Gres Impianti Tramezze

γ [kN/m3 ] 18 20 -

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

3,96

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

s [m] 0,08 -

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,1 0,25 0,9

ΣG1

2,55

kN/m2

Carico

SH11 Tipologia carico G1 G2 G2 G2 G2

Travetti TL60 (16+4 cm) Massetto Pavimento linoleum Impianti Tramezze

γ [kN/m3 ] 18 -

G2

Intonaco

20

0,015

0,3

ΣG2

2,99

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

Carico

110


ALLEGATI

SH12 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento linoleum G2 Impianti G2 Tramezze -

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,1 0,25 1,15

ΣG1

2,55 kN/m2 3,09 kN/m2

G2

Controsoffitto

-

-

0,15

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

SH13 Tipologia γ q Carico s [m] carico [kN/m3 ] [kN/m2 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) 2,55 G2 Massetto 18 0,08 1,44 G2 Pavimento piastrelle Gres 20 0,01 0,2 G2 Tramezze 2,98 G2 Controsoffitto 0,15 G2 Intonaco 20 0,015 0,3

ΣG1

2,55 kN/m2 5,32 kN/m2

G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

SH14 Tipologia γ q Carico s [m] carico [kN/m3 ] [kN/m2 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) 2,55 G2 Massetto 18 0,08 1,44 G2 Pavimento piastrelle Gres 20 0,01 0,2 G2 Tramezze 2,98 G2 Intonaco 20 0,015 0,3

ΣG1

2,55 kN/m2 5,17 kN/m2

G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

111

2

kN/m2


ALLEGATI

SH15 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento linoleum -

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,2

ΣG1

2,55 kN/m2 1,89 kN/m2

G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,2 2,41

ΣG1

2,55 kN/m2

4

kN/m2

SH16 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento linoleum G2 Tramezze G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

4,3

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

2

kN/m2

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,03 0,15

ΣG1

2,55 kN/m2 1,87 kN/m2

SH17 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette G2 Controsoffitto G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

q [kN/m2 ] 2,55 1,44 0,03 0,15 7,16

ΣG1

2,55 kN/m2 9,03 kN/m2

SH18 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Travetti TL60 (16+4 cm) G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette G2 Controsoffitto G2 Tramezze G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

112

4

2

kN/m2

kN/m2


ALLEGATI

SH19 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette -

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 0,03

ΣG1

12,5 kN/m2 4,37 kN/m2

G2

Tramezze

-

-

2,9

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 0,03 0,15

ΣG1

12,5 kN/m2 1,87 kN/m2

4

kN/m2

SH20 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette G2 Controsoffitto G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

4

kN/m2

ΣG1

5

kN/m2

SH21 Tipologia γ q Carico s [m] carico [kN/m3 ] [kN/m2 ] G1 Soletta piena c.a. (20 cm) 25 0,2 5 G2 Massetto 18 0,08 1,44 G2 Pavimento moquette 0,03 G2 Intonaco 20 0,015 0,3

8,93 kN/m2

G2

Tramezze

-

-

7,16

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. B1

-

-

2

ΣQ

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 0,03 0,15 0,25

ΣG1

12,5 kN/m2

SH22 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette G2 Controsoffitto G2 Impianti -

2

kN/m2

G2

Tramezze

-

-

1,63

ΣG2

3,5

kN/m2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

4

kN/m2

113


ALLEGATI

SH23 Tipologia γ Carico s [m] carico [kN/m3 ] G1 Soletta piena c.a. (50 cm) 25 0,5 G2 Massetto 18 0,08 G2 Pavimento moquette G2 Controsoffitto G2 Tramezze -

q [kN/m2 ] 12,5 1,44 0,03 0,15 0,8

ΣG1

12,5 kN/m2 2,67 kN/m2

G2

Impianti

-

-

0,25

ΣG2

Q

Sovraccarico cat. C2

-

-

4

ΣQ

4

kN/m2

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

SH24 Tipologia carico

Carico

-

-

2,35

-

-

0,85

G2

Pannelli REX 80 (16+4 cm) Massetto pendenze ed impermeabilizzante Impianti

-

-

0,25

ΣG1

2,35

kN/m2

G2

Controsoffitto

-

-

0,3

ΣG2

1,4

kN/m2

Q

Sovraccarico Neve

-

-

0,8

ΣQ

0,8

kN/m2

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

G1 G2

SH25 Tipologia carico

Carico

-

-

2,35

-

-

0,85

G2

Pannelli REX 80 (16+4 cm) Massetto pendenze ed impermeabilizzante Impianti

-

-

0,25

ΣG1

2,35

kN/m2

G2

Intonaco

-

-

0,15

ΣG2

1,25

kN/m2

Q

Sovraccarico Neve

-

-

0,8

ΣQ

0,8

kN/m2

ΣG1

5

kN/m2

ΣQ

0,5

kN/m2

G1 G2

SH26 Tipologia γ q Carico s [m] carico [kN/m3 ] [kN/m2 ] G1 Soletta piena c.a. (20 cm) 25 0,2 5 Q

Sovraccarico cat. H

-

-

114

0,5


ALLEGATI

SH27 Tipologia carico G1 G2 Q

Carico Travetti TL60 (12+4 cm) Massetto pendenze ed impermeabilizzante Sovraccarico Neve

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

-

-

1,51

ΣG1

1,51 kN/m2

-

-

0,65

ΣG2

0,65 kN/m2

-

-

0,8

ΣQ

0,8

kN/m2

γ [kN/m3 ]

s [m]

q [kN/m2 ]

25

0,14

3,5

ΣG1

3,5

kN/m2

-

-

0,65

ΣG2

0,65 kN/m2

-

-

0,8

ΣQ

0,8

SH28 Tipologia carico G1 G2 Q

Carico Soletta piena c.a. (14 cm) Massetto pendenze ed impermeabilizzante Sovraccarico Neve

115

kN/m2


ALLEGATI

ALLEGATO B: Verifiche nuove pareti in c.a.

Figura B1 â&#x20AC;&#x201C; Posizione nuove pareti in c.a.

116


ALLEGATI NUOVE PARETI IN C.A. Sforzo assiale

Verifica momento flettente

Parete

L (cm)

s (cm)

H (cm)

NEd (kN)

NRd,c,40 (kN)

Verifica

MEd (kNm)

MRd (kNm)

Verifica

Wx 1

540

30

1295

2488

10667

Si

2915

14324,86

Si

Wx 2

520

30

1295

1323

10272

Si

979

13613,58

Si

Wx 3

520

30

857

2655

10272

Si

702

15129,28

Si

Wx 4

520

28

451

1700

9587,2

Si

2521

10479,9

Si

Wx 5

520

40

1295

3666

13696

Si

5837

15632,32

Si

Wx 6

520

30

857

3075

10272

Si

4452

15624

Si

Wx 7

520

40

1363

2416

13696

Si

6866

19908,4

Si

Wx 8

520

30

457

776

10272

Si

1435

9348,28

Si

Wx 9

520

30

457

777

10272

Si

1788

9535,42

Si

Wx 10

520

30

1310

3075

10272

Si

4220

16431,07

Si

Wx 11

520

30

1253

1216

10272

Si

289

13016,08

Si

Wx 12

520

30

1192

2436

10272

Si

1251

9995,2

Si

Wy 1

345

30

857

1481

6815

Si

3482

6435,85

Si

Wy 2

703

30

1452

2087

13877

Si

14853

24944,44

Si

Wy 3

673

30

1452

2312

13284

Si

12262

21376,49

Si

Wy 4

335

30

857

2708

6617

Si

3382

6260,88

Si

Wy 5

380

30

857

1811

7506

Si

2160

5218,26

Si

Wy 6

450

30

457

1054

8889

Si

4469

11713,65

Si

Wy 7

335

30

857

2708

6617

Si

3382

6842,08

Si

Wy 8

495

30

1165

3793

9778

Si

5260

16697,99

Si

Wy 9

495

35

1165

2551

11408

Si

6090

17072,75

Si

117


ALLEGATI NUOVE PARETI IN C.A. Verifica taglio

Parete

L (cm)

s (cm)

H (cm)

Wx 1

540

30

1295

2021

2868

Wx 2

520

30

1295

1826

Wx 3

520

30

857

Wx 4

520

28

Wx 5

520

Wx 6

VEd (kN) VRd (kN) Verifica

VRd,s (kN)

Verifica

Si

2762,5

Si

2762

Si

2207,75

Si

1344

1918

Si

2672,19

Si

451

1108

1918

Si

1896,9

Si

40

1295

2439

2762

Si

2910,13

Si

520

30

857

2435

2762

Si

2829,2

Si

Wx 7

520

40

1363

3170

3759

Si

3641,15

Si

Wx 8

520

30

457

781

1227

Si

1430,23

Si

Wx 9

520

30

457

1091

1918

Si

1482,69

Si

Wx 10

520

30

1310

2435

2762

Si

2899,53

Si

Wx 11

520

30

1253

1597

1918

Si

1912,98

Si

Wx 12

520

30

1192

1232

1918

Si

1683,84

Si

Wy 1

345

30

857

1527

1832

Si

1956,04

Si

Wy 2

703

30

1452

2634

3886

Si

3207,12

Si

Wy 3

673

30

1452

2574

3571

Si

2936,05

Si

Wy 4

335

30

857

1730

2422

Si

1948,66

Si

Wy 5

380

30

857

834

1401

Si

1287,51

Si

Wy 6

450

30

457

2204

2821

Si

2463,95

Si

Wy 7

335

30

857

1730

2100

Si

2084,32

Si

Wy 8

495

30

1165

2693

3322

Si

3139

Si

Wy 9

495

35

1165

2664

3322

Si

3202,58

Si

118


ALLEGATI

Allegato C: Verifica a flessione e taglio delle travi

Figura C1 â&#x20AC;&#x201C; Travi piano rialzato

119


ALLEGATI

Figura C2 â&#x20AC;&#x201C; Travi piano primo

120


ALLEGATI

Figura C3 â&#x20AC;&#x201C; Travi in copertura

121


ALLEGATI

VERIFICA A FLESSIONE

TRAVI PIANO RIALZATO Trave

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116 117

Sezione

b [cm]

app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata

30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

h [cm] MEd [kNm] MRd [kNm] 180 180 180 180 180 180 180 180 180 60 60 60 60 60 60 116 116 116 116 116 116 116 116 116 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60

-87,90 -20,00 -248,80 -690,30 183,00 -777,40 -217,80 68,50 -80,80 -148,20 62,00 -145,00 -20,90 2,00 -2,50 -518,60 172,70 -296,40 -291,60 201,70 -306,90 -317,90 192,80 -496,50 -96,50 46,40 -94,00 -85,90 55,80 -40,90 -63,00 -120,30 -20,70 -189,40 98,30

122

-334,90 -334,90 -779,80 -779,80 723,90 -661,80 -660,80 423,40 -423,70 -249,40 176,90 -183,70 -183,60 66,17 -89,61 -593,40 515,30 -557,40 -557,30 605,50 -651,60 -651,90 513,30 -320,20 -112,20 123,00 -121,00 -129,70 93,42 -96,72 -96,64 -154,10 -96,64 -215,10 358,20

Verifica

Ď

Si Si Si Si Si No Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si No Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,26 0,06 0,32 0,89 0,25 1,17 0,33 0,16 0,19 0,59 0,35 0,79 0,11 0,03 0,03 0,87 0,34 0,53 0,52 0,33 0,47 0,49 0,38 1,55 0,86 0,38 0,78 0,66 0,60 0,42 0,65 0,78 0,21 0,88 0,27


ALLEGATI

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130 131

app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60

-233,40 -255,70 148,80 -248,00 -235,60 97,50 -228,00 -124,30 54,70 -100,10 -75,60 31,40 -72,30 -86,70 68,80 -157,30 -198,70 85,80 -221,00 -240,80 142,60 -223,20 -208,90 81,10 -192,80 -139,00 39,90 -99,00 -95,60 60,00 -123,60 -108,00 49,40 -98,20 -130,00 43,80 -142,40 -155,60 74,00 -140,90 -131,10

123

-363,00 -503,00 488,40 -529,40 -527,80 359,20 -263,90 -263,90 120,00 -191,20 -191,20 120,00 -191,20 -191,20 188,10 -191,20 -331,20 358,20 -502,00 -501,60 488,40 -503,70 -502,80 298,50 -306,70 -190,60 120,00 -171,50 -171,60 168,50 -245,90 -245,90 168,50 -171,60 -289,40 322,40 -465,40 -466,70 496,70 -478,80 -477,30

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,64 0,51 0,30 0,47 0,45 0,27 0,86 0,47 0,46 0,52 0,40 0,26 0,38 0,45 0,37 0,82 0,60 0,24 0,44 0,48 0,29 0,44 0,42 0,27 0,63 0,73 0,33 0,58 0,56 0,36 0,50 0,44 0,29 0,57 0,45 0,14 0,31 0,33 0,15 0,29 0,27


ALLEGATI

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 90 90 90

60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 120 120 120 120 120 120 120 120 120 120 120 120 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 144 144 144 24 24 24

37,90 -152,70 -24,70 3,80 -16,40 -107,80 60,30 -117,10 -84,50 48,20 -63,00 -39,80 -20,90 -145,60 -333,80 172,40 -38,70 -61,80 191,50 -305,90 -134,40 -13,10 -61,20 16,40 -17,70 16,60 11,90 24,60 26,20 17,90 8,30 18,30 -5,10 -7,60 9,90 109,00 114,70 -123,80 -19,00 -

124

298,50 -284,60 -190,60 119,90 -171,50 -171,60 168,50 -245,90 -245,90 168,50 -154,10 -520,60 -224,30 -1135,00 -1132,00 438,50 -1192,00 -1192,00 438,50 -900,90 -900,40 -488,70 -839,50 66,19 -89,61 66,17 66,19 66,17 66,17 66,19 66,17 66,17 -183,60 -89,61 66,17 243,10 132,10 -213,50 -46,99 -

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si -

0,13 0,54 0,13 0,03 0,10 0,63 0,36 0,48 0,34 0,29 0,41 0,08 0,09 0,13 0,29 0,39 0,03 0,05 0,44 0,34 0,15 0,03 0,07 0,25 0,20 0,25 0,18 0,37 0,40 0,27 0,13 0,28 0,03 0,08 0,15 0,45 0,87 0,58 0,40 -


ALLEGATI

145

146

147

148-1

148-2

148-3

149-1

149-2

149-3

150-1

150-2

150-3

151-1 151-2

app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata

90 90 90 90 90 90 90 90 90 50 50 50 50 50 50 25 25 25 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

24 24 24 24 24 24 50 50 50 50 50 50 150 150 150 150 150 150 50 50 50 150 150 150 150 150 150 50 50 50 150 150 150 150 150 150 50 50 50 150 150

-60,50 30,10 -60,80 -54,00 26,60 -55,00 -67,10 31,70 -68,30 -24,10 23,30 20,30 -46,00 -390,40 -82,40 -60,05 24,20 -14,00 -2,00 23,30 20,30 -46,00 -460,60 39,20 33,40 24,20 -14,00 -7,00 -10,40 -26,70 -45,80 -472,10 -49,80 -33,10 12,20 -10,00 -4,00 12,70 14,70 -49,20 -381,50

125

-117,10 102,90 -117,10 -117,10 102,90 -117,10 -236,80 135,60 -186,30 -208,90 261,70 125,90 -1060,00 -1060,00 -1060,00 -425,80 249,60 -425,80 -208,90 261,70 125,90 -1060,00 -1060,00 449,70 449,70 449,70 -615,70 -208,90 -208,90 -343,20 -1060,00 -1060,00 -1060,00 -1060,00 449,70 -615,70 -208,90 261,70 125,90 -1060,00 -1060,00

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,52 0,29 0,52 0,46 0,26 0,47 0,28 0,23 0,37 0,12 0,09 0,16 0,04 0,37 0,08 0,14 0,10 0,03 0,01 0,09 0,16 0,04 0,43 0,09 0,07 0,05 0,02 0,03 0,05 0,08 0,04 0,45 0,05 0,03 0,03 0,02 0,02 0,05 0,12 0,05 0,36


ALLEGATI

151-3

152-1

152-2

152-3

T.A.

T.B.

app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 25 25 25 60 60 60 35 35 35

150 150 150 150 50 50 50 150 150 150 150 150 150 24 24 24 24 24 24

-56,70 16,80 11,80 -9,80 -59,90 26,20 37,90 34,80 -519,90 -92,50 37,10 23,50 -12,20 -30,90 26,60 -30,00 -8,00 26,60 -8,00

-1060,00 449,70 449,70 -615,70 -208,90 261,70 125,90 449,70 -1060,00 -1060,00 249,60 249,60 -425,80 -121,40 121,40 -121,40 -50,52 121,40 -50,52

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,05 0,04 0,03 0,02 0,29 0,10 0,30 0,08 0,49 0,09 0,15 0,09 0,03 0,25 0,22 0,25 0,16 0,22 0,16

Verifica

Ď

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,82 0,50 0,86 0,57 0,36 0,55 0,42 0,18 0,38 0,29 0,15 0,47 0,56 0,37 0,69 0,19 0,02

TRAVI PIANO PRIMO Trave

691

692

693

694

695 696

Sezione

b [cm]

app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata

40 40 40 40 40 40 40 40 40 40 40 40 60 60 60 60 60

h [cm] MEd [kNm] MRd [kNm] 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

-109,70 51,30 -115,00 -76,90 36,30 -74,50 -62,60 25,60 -56,10 -43,10 21,50 -69,80 -185,70 79,20 -165,00 -44,30 3,90

126

-134,40 101,60 -134,40 -134,40 101,60 -134,40 -148,10 145,10 -148,10 -148,10 145,10 -148,10 -329,30 212,00 -237,80 -237,80 186,20


ALLEGATI

697

698-1

698-2

699

700

701

711

712

713

900

900X

901

902 902-1

app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx

60 80 80 80 80 80 80 65 65 65 80 80 80 80 80 80 80 80 80 30 30 30 30 30 30 30 30 30 60 60 60 60 60 60 60 60 60 80 80 80 80

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 90 90 90 90 90 90 90 90 90 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

-10,80 -308,90 152,90 -205,70 -151,50 41,00 -94,30 -81,90 -22,10 6,20 -388,60 178,90 -254,30 -171,50 73,30 -94,80 -97,90 52,70 -72,20 -5,50 3,80 -39,40 -170,20 34,60 -156,80 -50,80 -2,80 24,20 41,00 -24,50 -51,60 -43,20 15,70 -79,90 -57,60 21,10 -54,90 -196,00 39,10 -95,30 -9,20

127

-99,45 -406,10 403,30 -406,10 -406,10 127,80 -275,60 -207,50 -207,50 96,39 -437,90 431,40 -483,20 -247,30 157,90 -169,40 -169,40 190,90 -422,60 -334,90 540,70 -779,80 -334,90 540,70 -779,80 -334,90 -334,90 540,70 336,00 -270,90 -465,80 -463,90 154,90 -659,80 -465,80 336,00 -465,80 -483,10 236,80 -330,40 -253,50

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,11 0,76 0,38 0,51 0,37 0,32 0,34 0,39 0,11 0,06 0,89 0,41 0,53 0,69 0,46 0,56 0,58 0,28 0,17 0,02 0,01 0,05 0,51 0,06 0,20 0,15 0,01 0,04 0,12 0,09 0,11 0,09 0,10 0,12 0,12 0,06 0,12 0,41 0,17 0,29 0,04


ALLEGATI

903

904

905

906

907

908

909

910

911

912

913

914

915

campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx

80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 90 90 90 90 90 90 90 90 90 90 90 90 60 60 60 65 65 65 65 65 65

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

-6,70 -5,40 -64,60 25,30 -79,80 -88,70 -37,40 -10,70 -60,30 -12,40 -21,50 -112,90 41,40 -72,60 -56,80 26,00 -78,20 -82,90 6,90 -34,10 8,40 -11,90 -32,20 -127,70 39,00 -167,00 -43,00 -10,10 -38,20 -129,00 10,50 -41,80 -70,10 6,30 -33,30 -70,60 29,40 -70,10 -69,30 8,40 -1,10

128

-253,50 -253,50 -422,80 193,20 -814,30 -826,60 -826,60 -826,60 -377,40 -195,50 -305,80 -305,70 303,00 -422,80 -422,80 193,20 -1155,00 -1155,00 193,30 -1020,00 196,40 -322,90 -401,10 -456,10 456,20 -535,40 -425,50 -829,00 -1506,00 -1546,00 425,20 -833,50 -659,80 155,00 -270,90 -149,70 85,55 -382,90 -382,90 86,70 -57,02

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,03 0,02 0,15 0,13 0,10 0,11 0,05 0,01 0,16 0,06 0,07 0,37 0,14 0,17 0,13 0,13 0,07 0,07 0,04 0,03 0,04 0,04 0,08 0,28 0,09 0,31 0,10 0,01 0,03 0,08 0,02 0,05 0,11 0,04 0,12 0,47 0,34 0,18 0,18 0,10 0,02


ALLEGATI

TRAVI COPERTURA Trave

714

716-1

716-2

716-3

717

718-1

718-2

719-1

719-2

719-3

720

721 722-1

Sezione app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx

b [cm] h [cm] 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 45 45 45 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

50 50 50 180 120 120 120 180 80 80 80 80 80 80 80 80 80 180 120 120 120 180 80 80 80 80 80 80 180

MEd [kNm] MRd [kNm] -99,50 49,00 -49,30 -638,20 525,60 1296,50 -650,10 -1425,10 -411,80 113,80 37,70 -28,50 -131,40 -171,40 -168,10 -120,70 -6,40 -522,80 636,60 1124,10 -620,40 -1284,40 -505,70 122,10 -63,70 -50,70 94,10 -65,00 -577,90

129

-136,10 125,80 -136,10 -1708,00 2657,00 3504,00 -1365,00 -2460,00 -755,60 261,40 159,00 -292,70 -292,70 -292,70 -266,70 -140,40 -140,40 -1708,00 2287,00 2948,00 -1306,00 -1848,00 -757,20 318,00 -348,50 -348,50 157,50 -222,90 -1708,00

Verifica

Ď

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,73 0,39 0,36 0,37 0,20 0,37 0,48 0,58 0,54 0,44 0,24 0,10 0,45 0,59 0,63 0,86 0,05 0,31 0,28 0,38 0,48 0,70 0,67 0,38 0,18 0,15 0,60 0,29 0,34


ALLEGATI

722-2

722-3

723

724

725-1

725-2

725-3

726

727

728-1

728-2

728-3

729

campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

120 120 120 180 80 80 80 80 80 80 180 120 120 120 180 80 80 80 80 80 80 180 120 120 120 180 80 80 80

540,40 1145,90 -593,90 -1424,90 -406,20 -245,50 -282,60 -326,20 369,30 -24,90 -682,60 802,30 1430,10 -901,20 -1583,20 -241,60 -199,50 -424,00 -469,60 445,70 -28,00 -14,00 -83,60 -336,10 -282,00 157,40 18,20 -154,70 -403,60

130

2287,00 2704,00 -1306,00 -1848,00 -763,90 -763,90 -763,90 -763,90 913,30 -143,70 -1708,00 2287,00 2458,00 -1306,00 -1848,00 -763,90 -763,90 -763,90 -932,70 913,90 -341,80 -1708,00 -1087,00 -551,20 -1306,00 0,00 -1848,00 388,50 -763,90 -763,90

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,24 0,42 0,45 0,77 0,53 0,32 0,37 0,43 0,40 0,17 0,40 0,35 0,58 0,69 0,86 0,32 0,26 0,56 0,50 0,49 0,08 0,01 0,08 0,61 0,22 -0,09 0,05 0,20 0,53


ALLEGATI

730

731

app. sx campata app. dx app. sx campata app. dx

50 50 50 40 40 40

80 80 80 22 22 22

-442,60 382,50 -26,30 -9,50 6,40 -10,30

-932,70 913,90 -341,80 -44,95 86,02 -44,95

Si Si Si Si Si Si

0,47 0,42 0,08 0,21 0,07 0,23

VERIFICA A TAGLIO

TRAVI PIANO RIALZATO Trave 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119

Sezione

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx

30 30 30 30 30 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

180 180 180 180 180 180 60 60 60 60 116 116 116 116 116 116 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60

26,00 74,70 305,70 340,10 80,80 86,50 135,60 150,30 22,10 4,40 270,90 268,90 311,00 312,00 279,80 279,80 108,50 132,30 165,20 119,60 105,10 142,00 217,20 228,00 269,70 264,50 229,60

193,07 160,89 160,89 160,89 160,89 160,89 63,28 63,28 63,28 63,28 123,85 123,85 123,85 123,85 123,85 123,85 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 105,46 163,93 163,93 163,93 105,46

Si Si No No Si Si No No Si Si No No No No No No No No No No No No No No No No No

0,13 0,46 1,90 2,11 0,50 0,54 2,14 2,38 0,35 0,07 2,19 2,17 2,51 2,52 2,26 2,26 1,71 2,09 2,61 1,89 1,66 2,24 2,06 1,39 1,65 1,61 2,18

131


ALLEGATI

120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139

app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 30 30

60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 120 120 120 120 120 120 120 120 60 60

221,20 117,10 137,50 153,90 154,20 129,30 172,80 196,60 223,00 277,60 270,60 225,00 214,40 146,10 137,10 154,10 187,60 146,70 128,30 119,90 180,40 205,60 190,90 166,90 208,20 23,70 30,40 152,60 172,70 139,60 118,90 17,30 38,10 301,80 147,20 176,80 277,80 41,80 60,60 38,90 42,20

132

105,46 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 122,95 105,46 163,93 163,93 163,93 163,93 105,46 63,28 63,28 63,28 79,09 63,28 63,28 105,46 105,46 105,46 105,46 105,46 105,46 63,28 63,28 63,28 79,09 63,28 63,28 160,22 332,07 128,17 128,17 128,17 128,17 213,62 213,62 63,28 63,28

No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No No Si Si No No No No Si Si No No No No Si Si Si Si

2,10 1,85 2,17 2,43 2,44 2,04 1,41 1,86 1,36 1,69 1,65 1,37 2,03 2,31 2,17 2,44 2,37 2,32 2,03 1,14 1,71 1,95 1,81 1,58 1,97 0,37 0,48 2,41 2,18 2,21 1,88 0,11 0,11 2,35 1,15 1,38 2,17 0,20 0,28 0,61 0,67


ALLEGATI

140 141 142 143 144 145 146 147 148-1 148-2 148-3 149-1 149-2 149-3 150-1 150-2 150-3 151-1 151-2 151-3 152-1

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx

30 30 30 30 30 30 30 30 90 90 90 90 90 90 90 90 50 50 50 50 25 25 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

60 60 60 60 60 60 144 144 24 24 24 24 24 24 50 50 50 50 150 150 150 150 50 50 150 150 150 150 50 50 150 150 150 150 50 50 150 150 150 150 50

55,60 53,70 27,50 22,90 10,30 13,50 93,10 94,70 52,80 32,00 59,90 62,34 61,20 61,70 75,00 75,80 111,50 83,70 156,00 276,80 118,00 72,90 4,00 46,30 104,70 129,60 58,20 36,90 4,40 45,10 96,40 264,00 64,30 42,40 4,10 38,30 68,20 128,00 70,30 44,40 37,10

133

63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 86,99 86,99 24,34 24,34 24,34 24,34 24,34 24,34 52,46 52,46 52,46 52,46 321,25 321,25 160,62 160,62 52,46 52,46 321,25 321,25 321,25 321,25 52,46 52,46 321,25 321,25 321,25 321,25 52,46 52,46 321,25 321,25 321,25 321,25 52,46

Si Si Si Si Si Si No No No No No No No No No No No No Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,88 0,85 0,43 0,36 0,16 0,21 1,07 1,09 2,17 1,31 2,46 2,56 2,51 2,54 1,43 1,44 2,13 1,60 0,49 0,86 0,73 0,45 0,08 0,88 0,33 0,40 0,18 0,11 0,08 0,86 0,30 0,82 0,20 0,13 0,08 0,73 0,21 0,40 0,22 0,14 0,71


ALLEGATI

152-2 152-3 T.A. T.B.

app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

50 50 50 25 25 60 60 35 35

50 150 150 150 150 24 24 24 24

46,90 95,10 282,80 122,80 67,00 10,30 11,70 8,70 9,10

52,46 321,25 321,25 160,62 160,62 13,73 13,73 13,73 13,73

Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,89 0,30 0,88 0,76 0,42 0,75 0,85 0,63 0,66

TRAVI PIANO PRIMO Trave 691 692 693 694 695 696 697 698-1 698-2 699 700 701 711 712

Sezione

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx

40 40 40 40 40 40 40 40 60 60 60 60 80 80 80 80 65 65 80 80 80 80 80 80 30 30 30

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 90 90 90

96,00 100,60 44,57 42,56 58,43 56,29 58,60 55,67 133,40 139,40 14,60 29,90 261,60 238,90 117,40 94,20 86,70 19,00 332,90 265,50 176,87 177,80 156,80 146,40 2,70 22,20 57,40

52,46 52,46 52,46 52,46 65,57 65,57 65,57 65,57 52,46 52,46 52,46 52,46 135,91 135,91 135,91 135,91 101,93 101,93 135,91 135,91 65,57 65,57 65,57 65,57 95,72 95,72 95,72

No No Si Si Si Si Si Si No No Si Si No No Si Si Si Si No No No No No No Si Si Si

1,83 1,92 0,85 0,81 0,89 0,86 0,89 0,85 2,54 2,66 0,28 0,57 1,92 1,76 0,86 0,69 0,85 0,19 2,45 1,95 2,70 2,71 2,39 2,23 0,03 0,23 0,60

134


ALLEGATI

713 900 900X 901 902 903 904 905 906 907 908 909 910 911 912 913 914 915

app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

30 30 30 60 60 60 60 60 60 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 80 90 90 90 90 90 90 90 90 60 60 65 65 65 65

90 90 90 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

51,60 80,80 33,30 53,40 44,90 80,00 79,20 96,30 101,00 251,20 118,20 151,60 120,50 119,90 35,70 54,00 49,90 172,70 144,30 135,20 113,90 113,40 87,10 13,90 56,20 157,90 174,50 57,20 26,40 121,40 86,70 53,30 49,10 34,20 25,50 36,80 13,90

135

95,72 95,72 95,72 65,57 65,57 65,57 65,57 65,57 65,57 135,91 101,93 65,57 101,93 135,91 135,91 65,57 65,57 65,57 65,57 65,57 101,93 135,91 135,91 65,57 65,57 65,57 65,57 65,57 101,93 135,91 135,91 65,57 65,57 43,72 43,72 43,72 43,72

Si Si Si Si Si No No No No No No No No Si Si Si Si No No No No Si Si Si Si No No Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,54 0,84 0,35 0,81 0,68 1,22 1,21 1,47 1,54 1,85 1,16 2,31 1,18 0,88 0,26 0,82 0,76 2,63 2,20 2,06 1,12 0,83 0,64 0,21 0,86 2,41 2,66 0,87 0,26 0,89 0,64 0,81 0,75 0,78 0,58 0,84 0,32


ALLEGATI

TRAVI COPERTURA Trave 714 716-1 716-2 716-3 717 718-1 718-2 719-1 719-2 719-3 720 721 722-1 722-2 722-3 723 724 725-1 725-2

Sezione

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx

30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 45 45 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

50 50 180 120 120 120 120 180 80 80 80 80 80 80 180 120 120 120 120 180 80 80 80 80 180 120 120 120 180 180 80 80 80 80 180 120 120

81,70 69,00 495,10 377,00 344,70 432,70 336,60 92,90 83,50 88,50 94,10 92,90 65,60 460,50 321,70 296,20 377,20 491,90 147,70 130,90 94,30 88,60 469,60 354,50 319,60 424,30 518,70 86,50 73,80 267,60 214,10 588,70 425,70 407,60

52,46 52,46 241,34 160,22 160,22 160,22 241,34 106,14 106,14 106,14 106,14 106,14 106,14 241,34 160,22 160,22 160,22 241,34 106,14 106,14 106,14 106,14 241,34 160,22 160,22 160,22 241,34 106,14 106,14 164,98 106,14 241,34 160,22 160,22

No No No No No No No Si Si Si Si Si Si No No No No No No No Si Si No No No No No Si Si No No No No No

1,56 1,32 2,05 2,35 2,15 2,70 1,39 0,88 0,79 0,83 0,89 0,88 0,62 1,91 2,01 1,85 2,35 2,04 1,39 1,23 0,89 0,83 1,95 2,21 1,99 2,65 2,15 0,81 0,70 1,62 2,02 2,44 2,66 2,54

136


ALLEGATI

725-3 726 727 728-1 728-2 728-3 729 730 731

app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 40 40

120 180 180 80 80 80 80 180 120 120 120 180 180 80 80 80 80 22 22

453,70 475,70 78,20 81,30 330,90 247,60 20,10 119,60 235,50 214,90 210,70 68,50 88,50 199,90 213,00 7,90 8,20

137

160,22 241,34 106,14 106,14 164,98 106,14 241,34 160,22 160,22 160,22 241,34 106,14 106,14 106,14 106,14 12,51 12,51

No No Si Si No No Si Si No No Si Si Si No No Si Si

2,83 1,97 0,74 0,77 2,01 2,33 0,08 0,75 1,47 1,34 0,87 0,65 0,83 1,88 2,01 0,63 0,66


ALLEGATI

ALLEGATO D: Verifiche pressoflessione e taglio per i pilastri

Figura D1 - Pilastri

138


ALLEGATI

VERIFICA A PRESSOFLESSIONE PILASTI PIANO SEMINTERRATO Pilastro

b [cm]

h [cm]

NEd [kN]

MEd [kNm]

MRd [kNm]

Verifica

ρ

192 193 194 195 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227

50 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

50 55 55 70 50 40 80 40 40 120 50 50 30 80 40 40 120 50 50 60 80 40 40 120 50 50 60 80 40 40 120 50 50 60 80

-342,53 -308,33 -276,68 -625,59 -262,87 -303,45 1029,05 544,59 580,04 -383,03 249,09 823,24 -125,59 -233,48 175,91 318,29 433,84 243,56 961,95 92,57 281,2 73,45 347,44 -89,28 906,76 749,02 -225,63 295,48 236,09 577,13 -457,12 -155,72 719,91 367,7 -303,24

22,37 4,06 10,92 22,43 6,26 6,97 75,57 22,48 41,13 114,25 41,06 38,1 7,16 50,88 43,39 37,57 302,55 47,28 42,05 53,32 75,21 39,64 36,98 123,83 44,24 33,13 11,49 46,29 17,43 1,28 93,54 15,52 22,37 49,86 53,71

32,66 6,28 16,13 30,8 8,95 8,39 644,18 167,09 242,95 365,18 399,57 249,44 12,27 235,74 215,74 297,55 2447,16 370,28 236,18 233,61 1112,74 114,97 288,78 706,52 260,95 235,89 32,31 1002,12 175,04 8,62 283,41 48,48 180,06 542,79 221,29

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,68 0,65 0,68 0,73 0,70 0,83 0,12 0,13 0,17 0,31 0,10 0,15 0,58 0,22 0,20 0,13 0,12 0,13 0,18 0,23 0,07 0,34 0,13 0,18 0,17 0,14 0,36 0,05 0,10 0,15 0,33 0,32 0,12 0,09 0,24

139


ALLEGATI

228 229' 229 230 231 232 233

50 50 50 50 50 50 50

Pilastro

b [cm]

192 193 194 195 197 198 199 202 204 205 206 209 211 212 213 216 217 218 219 220 223 224 225 226 227 230 231 232 233

50 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 40 50 50 50 50 40 50 50 50 50 40 50 50 50 50 50

50 50 50 120 60 60 60

605,26 804,5 -106,02 -58,44 -5,56 316,7 -207,87

20,16 8,97 21,74 89,18 28,15 16,49 4,06

186,24 60,32 76,41 774,43 207,35 279,16 14,51

PILASTI PIANO RIALZATO MEd MRd h [cm] NEd [kN] [kNm] [kNm] 50 -287,96 15,11 21,58 45 -80,12 38,38 43,66 45 -368,25 12,96 18,58 230 -835,60 140,52 166,09 40 10,78 8,09 72,83 40 -271,74 1,48 1,82 80 395,21 869,20 1047,05 120 25,31 189,27 1093,29 40 241,67 75,51 205,39 30 -50,96 5,56 14,75 80 363,21 726,83 1069,74 120 654,96 299,68 2898,68 40 430,91 68,97 300,09 40 39,78 24,88 55,64 80 372,98 774,33 1066,09 120 696,16 245,84 2874,06 40 654,00 48,80 256,72 40 284,95 43,45 266,98 40 -68,39 16,15 43,23 80 470,30 879,79 1085,28 120 -136,59 36,86 264,91 40 415,13 12,04 108,21 40 340,48 33,19 238,30 40 587,02 24,36 116,23 80 -81,94 13,21 263,27 120 -162,48 275,59 771,23 50 615,42 29,12 249,85 50 91,60 29,12 306,25 50 -1,49 3,19 20,65

140

Si Si Si Si Si Si Si

0,11 0,15 0,28 0,12 0,14 0,06 0,28

Verifica

ρ

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,70 0,88 0,70 0,85 0,11 0,81 0,83 0,17 0,37 0,38 0,68 0,10 0,23 0,45 0,73 0,09 0,19 0,16 0,37 0,81 0,14 0,11 0,14 0,21 0,05 0,36 0,12 0,10 0,15


ALLEGATI

PILASTI PIANO PRIMO Pilastro

b [cm]

192 193 194 195 197 198 202 204 205 209 211 212 216 217 223 224 230 231

50 30 30 30 30 30 50 40 50 50 40 40 50 40 50 40 50 40

Pilastro 195 202 209 216 223 230

h [cm] NEd [kN] MEd [kNm] 50 45 45 230 40 40 120 40 30 120 40 40 120 40 120 40 120 40

b [cm] 30 50 50 50 50 50

-149,52 -9,97 -41,23 -567,56 35,48 -99,88 -314,68 3,29 -36,54 -287,39 94,96 43,85 390,47 142,6 18,46 167,45 -393,48 481,32

13,31 23,43 16,59 126,2 38,49 18,25 368,1 48,35 3,01 464,78 32,58 40,61 1201,43 53,16 1012,02 50,26 282,91 42,21

MRd [kNm]

Verifica

ρ

15,72 28,04 25,35 142,74 45,45 21,6 770,1 59,46 10,86 846,92 119,91 46,76 1341,27 110,43 1161,12 125,11 637,4 218

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,85 0,84 0,65 0,88 0,85 0,84 0,48 0,81 0,28 0,55 0,27 0,87 0,90 0,48 0,87 0,40 0,44 0,19

Verifica

ρ

Si Si Si Si Si Si

0,75 0,89 0,85 0,56 0,20 0,28

PILASTRI COPERTURA MEd MRd h [cm] NEd [kN] [kNm] [kNm] 70 80 80 40 40 40

-96,02 -231,4 -210,98 219,4 207,65 -14,17

141

49,72 533,56 520,17 196,06 86,88 78,47

66,02 602,25 610,14 351,89 432,9 275,53


ALLEGATI

VERIFICHE A TAGLIO PILASTI PIANO SEMINTERRATO Pilastro

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

192 193 194 195 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227

50 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

50 55 55 70 50 40 80 40 40 120 50 50 30 80 40 40 120 50 50 60 80 40 40 120 50 50 60 80 40 40 120 50 50 60 80

93,50 3,92 8,74 85,85 3,58 36,06 102,79 8,08 7,39 293,57 16,92 17,29 103,16 182,61 16,33 14,07 90,90 19,40 17,77 102,51 86,96 14,72 13,56 89,38 17,86 14,88 83,78 64,59 7,87 12,15 30,61 5,98 10,40 22,55 87,82

46,48 26,49 26,49 47,30 46,48 26,49 166,00 36,48 36,48 166,00 46,48 46,49 46,48 165,99 36,48 36,48 415,88 46,48 46,48 165,99 165,99 36,48 36,48 415,88 46,48 46,48 165,99 165,99 36,48 46,48 165,99 46,48 46,48 201,69 165,99

No Si Si No Si No Si Si Si No Si Si No No Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

2,01 0,15 0,33 1,82 0,08 1,36 0,62 0,22 0,20 1,77 0,36 0,37 2,22 1,10 0,45 0,39 0,22 0,42 0,38 0,62 0,52 0,40 0,37 0,21 0,38 0,32 0,50 0,39 0,22 0,26 0,18 0,13 0,22 0,11 0,53

142


ALLEGATI

228 229' 229 230 231 232 233

50 50 50 50 50 50 50

Pilastro

b [cm]

192 193 194 195 197 198 199 202 204 205 206 209 211 212 213 216 217 218 219 220 223 224 225 226 227 230 231 232 233

50 30 30 30 30 30 50 50 50 50 50 50 50 40 50 50 50 50 40 50 50 50 50 40 50 50 50 50 50

50 50 50 120 60 60 60

9,30 10,70 9,56 72,36 12,04 8,40 7,05

46,48 46,48 46,48 415,88 56,47 46,48 46,48

PILASTI PIANO RIALZATO VRd h [cm] VEd [kNm] [kNm] 50 99,53 46,48 45 18,74 26,48 45 54,36 26,49 230 51,10 26,49 40 3,42 36,48 40 18,94 26,49 80 415,47 273,09 120 137,69 415,88 40 33,13 36,48 30 40,59 46,48 80 355,20 273,09 120 102,20 415,88 40 28,50 36,48 40 82,16 36,48 80 361,79 273,09 120 39,39 165,99 40 16,12 36,48 40 21,11 36,48 40 79,54 36,48 80 375,69 273,09 120 29,86 165,99 40 34,91 46,48 40 16,12 36,48 40 18,43 36,48 80 29,01 273,09 120 365,70 415,88 50 14,91 46,48 50 15,15 46,48 50 23,03 46,48

143

Si Si Si Si Si Si Si

0,20 0,23 0,21 0,17 0,21 0,18 0,15

Verifica

ρ

No Si No No Si Si No Si No Si No Si Si No No Si Si Si No No Si Si Si Si Si Si Si Si Si

2,14 0,71 2,05 1,93 0,09 0,71 1,52 0,33 0,91 0,87 1,30 0,25 0,78 2,25 1,32 0,24 0,44 0,58 2,18 1,38 0,18 0,75 0,44 0,51 0,11 0,88 0,32 0,33 0,50


ALLEGATI

PILASTI PIANO PRIMO Pilastro

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

192 193 194 195 197 198 202 204 205 209 211 212 216 217 223 224 230 231

50 30 30 30 30 30 50 40 50 50 40 40 50 40 50 40 50 40

50 45 45 230 40 40 120 40 30 120 40 40 120 40 120 40 120 40

38,28 12,26 42,49 69,21 21,05 29,66 94,24 23,76 12,69 112,65 17,19 80,16 365,03 26,65 309,94 24,72 233,32 13,60

46,48 26,48 26,49 26,49 36,48 36,48 415,87 36,48 26,49 415,88 36,48 36,48 415,87 36,48 165,99 36,48 165,99 36,48

Si Si No No Si Si Si Si Si Si Si No Si Si No Si No Si

0,82 0,46 1,60 2,61 0,58 0,81 0,23 0,65 0,48 0,27 0,47 2,20 0,88 0,73 1,87 0,68 1,41 0,37

PILASTI COPERTURA Pilastro

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd [kNm]

Verifica

ρ

195 202 209 216 223 230

30 50 50 50 50 50

70 80 80 40 40 40

62,50 436,64 205,24 136,54 136,30 115,18

26,49 273,09 165,99 65,15 65,15 65,15

No No No No No No

2,36 1,60 1,24 2,10 2,09 1,77

144


ALLEGATI

ALLEGATO E: Verifiche travi con rinforzo ETS

Trave Sezione 109 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx

TRAVI PIANO RIALZATO VEd VRd b [cm] h [cm] Verifica [kNm] [kNm] 30 60 135,60 181,80 Si 30 60 150,30 181,80 Si 50 60 108,50 125,08 Si 50 60 132,30 181,80 Si 50 60 165,20 248,00 Si 50 60 119,60 181,80 Si 50 60 105,10 125,08 Si 50 60 142,00 181,80 Si 50 60 217,20 302,99 Si 50 60 228,00 302,99 Si 50 60 269,70 302,99 Si 50 60 264,50 302,99 Si 50 60 229,60 302,99 Si 50 60 221,20 302,99 Si 50 60 117,10 181,80 Si 50 60 137,50 181,80 Si 50 60 153,90 181,80 Si 50 60 154,20 181,80 Si 50 60 129,30 181,80 Si 50 60 172,80 227,25 Si 50 60 196,60 302,99 Si 50 60 223,00 302,99 Si 50 60 277,60 413,34 Si 50 60 270,60 413,34 Si 50 60 225,00 302,99 Si 50 60 214,40 302,99 Si 50 60 146,10 181,80 Si 50 60 137,10 181,80 Si 50 60 154,10 181,80 Si 50 60 187,60 227,25 Si 50 60 146,70 181,80 Si 50 60 128,30 181,80 Si 50 60 119,90 208,47 Si 50 60 180,40 208,47 Si 50 60 205,60 302,99 Si

145

ρ 0,75 0,83 0,87 0,73 0,67 0,66 0,84 0,78 0,72 0,75 0,89 0,87 0,76 0,73 0,64 0,76 0,85 0,85 0,71 0,76 0,65 0,74 0,67 0,65 0,74 0,71 0,80 0,75 0,85 0,83 0,81 0,71 0,58 0,87 0,68

VRd,iniz [kNm] 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 105,46 163,93 163,93 163,93 105,46 105,46 63,28 63,28 63,28 63,28 63,28 122,95 105,46 163,93 163,93 163,93 163,93 105,46 63,28 63,28 63,28 79,09 63,28 63,28 105,46 105,46 105,46

ρiniz 2,14 2,38 1,71 2,09 2,61 1,89 1,66 2,24 2,06 1,39 1,65 1,61 2,18 2,10 1,85 2,17 2,43 2,44 2,04 1,41 1,86 1,36 1,69 1,65 1,37 2,03 2,31 2,17 2,44 2,37 2,32 2,03 1,14 1,71 1,95


ALLEGATI

app. dx app. sx 131 app. dx app. sx 133 app. dx app. sx 134 app. dx app. sx 136 app. dx app. sx 137 app. dx app. sx 144 app. dx app. sx 145 app. dx app. sx 146 app. dx app. sx 147 app. dx app. sx 148-1 app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 90 90 90 90 90 90 90 90 50 50

60 60 60 60 60 60 60 120 120 120 120 24 24 24 24 24 24 50 50 50 50

190,90 166,90 208,20 152,60 172,70 139,60 118,90 301,80 147,20 176,80 277,80 52,80 32,00 59,90 62,34 61,20 61,70 75,00 75,80 111,50 83,70

302,99 302,99 302,99 181,80 227,25 181,80 181,80 368,25 253,37 253,37 368,25 69,92 48,11 69,92 69,92 69,92 69,92 103,70 103,70 150,72 103,70

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,63 0,55 0,69 0,84 0,76 0,77 0,65 0,82 0,58 0,70 0,75 0,76 0,67 0,86 0,89 0,88 0,88 0,72 0,73 0,74 0,81

105,46 105,46 105,46 63,28 79,09 63,28 63,28 128,17 128,17 128,17 128,17 24,34 24,34 24,34 24,34 24,34 24,34 52,46 52,46 52,46 52,46

1,81 1,58 1,97 2,41 2,18 2,21 1,88 2,35 1,15 1,38 2,17 2,17 1,31 2,46 2,56 2,51 2,54 1,43 1,44 2,13 1,60

TRAVI PIANO PRIMO VEd VRd VRd,iniz Trave Sezione b [cm] h [cm] Verifica ρ ρiniz [kNm] [kNm] [kNm] app. sx 30 50 81,70 Si 103,70 0,79 52,46 1,56 714 app. dx 30 50 69,00 Si 103,70 0,67 52,46 1,32

146


ALLEGATI

ALLEGATO F: Verifiche travi rinforzate a flessione con FRP

Trave Sezione b [cm] 107 113

app. dx app. dx

30 50

TRAVI PIANO RIALZATO MEd MRd MRd,iniz h [cm] Verifica ρ ρiniz [kNm] [kNm] [kNm] 180 -777,40 -963,05 0,81 -661,8 1,17 Si 116 -496,5 -594,95 0,83 -320,2 1,55 Si

147


ALLEGATI

ALLEGATO G: Verifiche travi rinforzate a taglio con FRP PIANO RIALZATO Trave Sezione 107 111 112 113 143

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

Trave Sezione 716-1 716-2 716-3 719-1 719-2 719-3 720 722-1 722-2 722-3

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

b [cm]

h [cm]

VEd [kNm]

VRd Verifica [kNm]

30 30 50 50 50 50 50 50 30 30

180 180 116 116 116 116 116 116 144 144

365,7 340,1 270,9 268,9 311,00 312,00 279,8 279,8 93,10 94,70

411,70 411,70 332,45 332,45 366,79 366,79 332,45 332,45 228,14 228,14

b [cm] 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

h [cm] 180 120 120 120 120 180 180 120 120 120 120 180 80 80 180 120 120 120 180 180

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

ρ

VRd,iniz [kNm]

ρiniz

0,89 0,83 0,81 0,81 0,85 0,85 0,84 0,84 0,41 0,42

160,89 160,89 123,85 123,85 123,85 123,85 123,85 123,85 86,99 86,99

2,27 2,11 2,19 2,17 2,51 2,52 2,26 2,26 1,07 1,09

COPERTURA VEd VRd VRd,iniz Verifica ρ ρiniz [kNm] [kNm] [kNm] 495,10 692,10 0,72 241,34 2,05 Si 377,00 448,97 0,84 160,22 2,35 Si 344,70 568,57 0,61 160,22 2,15 Si 432,70 568,57 0,76 160,22 2,70 Si 336,60 376,78 0,89 160,22 2,10 Si 460,50 587,10 0,78 241,34 1,91 Si 321,70 383,57 0,84 160,22 2,01 Si 296,20 448,97 0,66 160,22 1,85 Si 377,20 448,97 0,84 160,22 2,35 Si 491,90 567,60 0,87 241,34 2,04 Si 147,70 193,95 0,76 106,14 1,39 Si 130,90 193,95 0,67 106,14 1,23 Si 469,60 688,35 0,68 241,34 1,95 Si 354,50 448,97 0,79 160,22 2,21 Si 319,60 568,57 0,56 160,22 1,99 Si 424,30 568,57 0,75 160,22 2,65 Si 518,70 649,69 0,80 241,34 2,15 Si

148


ALLEGATI

724 725-1 725-2 725-3 727 728-2 730

app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx app. sx app. dx

50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50 50

80 80 180 120 120 120 180 180 80 80 120 120 80 80

267,60 214,10 588,70 425,70 407,60 453,70 475,70 330,90 247,60 235,50 214,90 199,90 213,00

149

305,49 246,64 873,50 568,57 568,57 568,57 568,57 421,88 363,03 299,81 299,81 246,64 246,64

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,88 0,87 0,67 0,75 0,72 0,80 0,84 0,78 0,68 0,79 0,72 0,81 0,86

164,98 106,14 241,34 160,22 160,22 160,22 241,34 164,98 106,14 160,22 160,22 106,14 106,14

1,62 2,02 2,44 2,66 2,54 2,83 1,97 2,01 2,33 1,47 1,34 1,88 2,01


ALLEGATI

ALLEGATO H: Verifiche pilastri rinforzati a taglio con FRP

Pilastro

b [cm]

192 195 198 202 205 206

50 30 30 50 50 50

PIANO SEMINTERRATO VEd VRd h [cm] Verifica [kNm] [kNm] 50 93,5 110,16 Si 70 85,85 110,79 Si 40 36,06 82,59 Si 120 293,57 349,54 Si 30 103,16 122,62 Si 80 182,61 245,09 Si

Pilastro

b [cm]

h [cm]

192 194 195 199 204 206 212 213 219 220

50 30 30 50 50 50 40 50 40 50

50 45 230 80 40 80 40 80 40 80

Pilastro

b [cm]

h [cm]

194 195 212 223 230

30 30 40 50 50

45 230 40 120 120

PIANO RIALZATO VEd VRd Verifica [kNm] [kNm] 99,53 126,08 Si 54,36 70,00 Si 51,1 257,64 Si 415,47 476,63 Si 33,13 84,47 Si 355,2 432,51 Si 82,16 94,97 Si 361,79 425,56 Si 79,54 94,97 Si 375,69 425,56 Si

ρ 0,85 0,77 0,44 0,84 0,84 0,75

VRd,iniz [kNm] 46,48 47,3 26,49 166 46,48 165,99

0,79 0,78 0,20 0,87 0,39 0,82 0,87 0,85 0,84 0,88

VRd,iniz [kNm] 46,48 26,49 26,49 273,09 36,48 273,09 36,48 273,09 36,48 273,09

PIANO PRIMO VEd VRd Verifica ρ [kNm] [kNm] 42,49 78,70 0,54 Si 69,21 257,64 0,27 Si 80,16 94,97 0,84 Si 309,94 349,53 0,89 Si 233,32 273,80 0,85 Si

VRd,iniz [kNm] 26,49 26,49 36,48 165,99 165,99

150

ρ

ρiniz 2,01 1,82 1,36 1,77 2,22 1,10

ρiniz 2,14 2,05 1,93 1,52 0,91 1,30 2,25 1,32 2,18 1,38

ρiniz 1,60 2,61 2,20 1,87 1,41


ALLEGATI

COPERTURA Pilastro

b [cm]

h [cm]

195 202 209 216 223 230

30 50 50 50 50 50

70 80 80 40 40 40

VEd [kNm] 62,5 436,64 205,24 136,54 136,3 115,18

VRd [kNm] 89,98 534,11 276,73 178,27 178,27 145,14

151

Verifica

ρ

Si Si Si Si Si Si

0,69 0,82 0,74 0,77 0,76 0,79

VRd,iniz [kNm] 26,49 273,09 165,99 65,15 65,15 65,15

ρiniz 2,36 1,60 1,24 2,10 2,09 1,77


ALLEGATI

ALLEGATO I: Verifiche micropali di fondazione

Figura I1 â&#x20AC;&#x201C; Fondazioni con micropali

152


ALLEGATI

Parete Wy1 Wy2 Wy3 Wy4 Wy5 Wy6 Wy7 Wy8 Wy9 Wx1 Wx2 Wx3 Wx4 Wx5 Wx6 Wx7 Wx8 Wx9 Wx10 Wx11 Wx12

MICROPALI d [cm] Ls [m] n° pali NEd [kN] Rd (kN) Verifica VEd [kN] Hrd (kN) VRd (kN) Verifica 20 800 8 185,15 232,61 127,23 154,57 263,91 Si Si 20 800 14 136,93 232,61 125,41 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 192,65 232,61 133,02 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 225,67 232,61 96,11 154,57 263,91 Si Si 20 800 8 226,40 232,61 69,52 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 87,84 232,61 122,45 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 212,59 232,61 104,28 154,57 263,91 Si Si 20 800 16 218,36 232,61 112,19 154,57 263,91 Si Si 20 800 14 182,21 232,61 126,85 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 207,31 232,61 112,28 154,57 263,91 Si Si 20 800 10 132,34 232,61 121,71 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 221,22 232,61 74,67 154,57 263,91 Si Si 20 800 8 212,46 232,61 92,31 154,57 263,91 Si Si 20 800 16 229,12 232,61 101,64 154,57 263,91 Si Si 20 800 14 219,62 232,61 115,95 154,57 263,91 Si Si 20 800 16 151,00 232,61 132,09 154,57 263,91 Si Si 20 800 8 96,98 232,61 65,06 154,57 263,91 Si Si 20 800 8 97,07 232,61 90,88 154,57 263,91 Si Si 20 800 14 219,62 232,61 115,95 154,57 263,91 Si Si 20 800 8 144,12 232,61 133,12 154,57 263,91 Si Si 20 800 12 203,00 232,61 68,47 154,57 263,91 Si Si

153


ALLEGATI

ALLEGATO L: Verifiche pali di fondazione esistenti

Palo 1 2

d [cm] 600 800

3

1000

Palo 192 193 194 195 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221

d [cm] 100 100 100 100 100 60 100 60 60 100 60 80 60 80 60 60 100 60 80 60 80 60 60 80 60 60 80 80 60

VERIFICA LATO TERRENO L [m] NEd [kN] Rd (kN) 26 1548,51 1979,01 26 2190,43 2770,6199 26

2286,00

3628,1928

VERIFICA PRESSOFLESSIONE NEd [kN] MEd [kNm] MRd [kNm] -44,53 40,16 423,6 282,49 14,45 523,5 612,08 12,29 566,8 -462,26 22,48 285,2 410,64 10,41 546,7 -254,23 11,74 108,1 338,02 93,7 537,9 403,48 26,49 196,9 417,47 24,89 196,6 1138,58 295,05 551,8 249,55 41,06 182,1 362,63 40,94 346,4 223,93 16,66 179 -67,88 104,1 264 177,52 43,19 173,2 318,32 37,35 190,1 684,13 306,31 571,3 243,22 47,33 181,4 951,03 42,21 337,8 368,17 52,19 195,3 276,51 70,87 338,3 73,67 39,83 159,5 346,36 36,81 193,1 347,29 278,23 345 920,58 45,54 161,5 534,33 35,91 193,9 456,01 40,98 354,9 -296,58 49,44 205,6 242,76 25,56 181,3

154

Verifica Si Si

ρ 0,78 0,79

Si

0,63

Verifica Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

ρ 0,09 0,03 0,02 0,08 0,02 0,11 0,17 0,13 0,13 0,53 0,23 0,12 0,09 0,39 0,25 0,20 0,54 0,26 0,12 0,27 0,21 0,25 0,19 0,81 0,28 0,19 0,12 0,24 0,14


ALLEGATI

222 223 224 225 226 227 228 229' 229 230 231 232 233

60 80 80 60 80 80 60 60 60 100 80 80 80

578,6 1059,66 106,35 594,46 311,27 -296,58 28,25 756,16 818,06 728,42 4,86 262,77 742,98

33,97 177,41 17,01 25,02 29 49,44 19,58 27,2 20,24 180,67 29,41 25,73 14,45

155

192,7 321,5 306,5 192,3 341,6 205,6 153,4 181,8 174,3 573,9 282,21 337 360,2

Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si Si

0,18 0,55 0,06 0,13 0,08 0,24 0,13 0,15 0,12 0,31 0,10 0,08 0,04


ALLEGATI

ALLEGATO M: Verifica soletta di collegamento SOLETTA DIREZIONE X Collegamento b (cm) h (cm) Armatura NEd+- [kN] NRd+ [kN] NRd- [kN] P192-199 100 20 5ϕ10 53,41 3864,73 135,13 P193-200 100 20 5ϕ10 32,98 3864,73 135,13 P194-201 100 20 5ϕ10 36,44 3864,73 135,13 P195-202 100 20 3ϕ8 44,82 3780,92 51,32 P197-204 100 20 3ϕ8 38,44 3780,92 51,32 P198-205 100 20 4ϕ8 6,98 3798,02 68,42 P199-206 100 20 4ϕ10 55,98 3837,70 108,10 P200-207 100 20 4ϕ10 34,42 3837,70 108,10 P201-208 100 20 4ϕ10 48,66 3837,70 108,10 P202-209 100 20 4ϕ10 66,08 3837,70 108,10 P203-210 100 20 3ϕ8 26,80 3780,92 51,32 P204-211 100 20 4ϕ8 78,42 3798,02 68,42 P205-212 100 20 4ϕ8 16,74 3798,02 68,42 P206-213 100 20 4ϕ10 32,01 3837,70 108,10 P207-214 100 20 4ϕ10 13,20 3837,70 108,10 P208-215 100 20 4ϕ10 44,12 3837,70 108,10 P209-216 100 20 4ϕ10 67,75 3837,70 108,10 P210-217 100 20 4ϕ8 55,47 3798,02 68,42 P211-218 100 20 4ϕ8 81,31 3798,02 68,42 P212-219 100 20 3ϕ8 25,01 3780,92 51,32 P213-220 100 20 4ϕ10 25,28 3837,70 108,10 P214-221 100 20 4ϕ10 15,43 3837,70 108,10 P215-222 100 20 4ϕ10 46,72 3837,70 108,10 P216-223 100 20 4ϕ10 61,96 3837,70 108,10 P217-224 100 20 4ϕ8 62,44 3798,02 68,42 P218-225 100 20 4ϕ8 72,23 3798,02 68,42 P219-226 100 20 3ϕ8 28,24 3780,92 51,32 P220-227 100 20 4ϕ10 28,24 3837,70 108,10 P221-228 100 20 4ϕ10 28,43 3837,70 108,10 P222-229 100 20 4ϕ10 45,21 3837,70 108,10 P223-230 100 20 4ϕ10 51,37 3837,70 108,10 P224-231 100 20 4ϕ8 34,86 3798,02 68,42 P225-232 100 20 4ϕ8 47,77 3798,02 68,42 P226-233 100 20 3ϕ8 30,23 3780,92 51,32

156

ρ 0,40 0,24 0,27 0,87 0,75 0,10 0,52 0,32 0,45 0,61 0,52 1,15 0,24 0,30 0,12 0,41 0,63 0,81 1,19 0,49 0,23 0,14 0,43 0,57 0,91 1,06 0,55 0,26 0,26 0,42 0,48 0,51 0,70 0,59


ALLEGATI

SOLETTA DIREZIONE X Collegamento b (cm) h (cm) Armatura NEd+- [kN] NRd+ [kN] NRd- [kN] P192-193 100 20 5ϕ8 23,2315 3815,13 85,525 P199-200 100 20 5ϕ8 63,1594 3815,13 85,525 P206-207 100 20 5ϕ8 27,2405 3815,13 85,525 P213-214 100 20 5ϕ8 17,9627 3815,13 85,525 P220-221 100 20 5ϕ8 22,7404 3815,13 85,525 P227-228 100 20 5ϕ8 33,9228 3815,13 85,525 P193-194 100 20 5ϕ8 16,8049 3815,13 85,525 P200-201 100 20 5ϕ8 52,6127 3815,13 85,525 P207-208 100 20 5ϕ8 30,4669 3815,13 85,525 P214-215 100 20 5ϕ8 26,8483 3815,13 85,525 P221-222 100 20 5ϕ8 35,3007 3815,13 85,525 P228-229' 100 20 5ϕ8 56,3118 3815,13 85,525 P229'-229 100 20 5ϕ8 59,1045 3815,13 85,525 P194-195 100 20 5ϕ8 18,769 3815,13 85,525 P201-202 100 20 5ϕ8 62,4938 3815,13 85,525 P208-209 100 20 5ϕ8 52,2446 3815,13 85,525 P215-216 100 20 5ϕ8 59,6274 3815,13 85,525 P222-223 100 20 5ϕ8 49,0546 3815,13 85,525 P229-230 100 20 5ϕ8 47,5272 3815,13 85,525 P195-197 100 20 4ϕ8 14,2864 3798,02 68,42 P202-203 100 20 4ϕ8 49,6333 3798,02 68,42 P209-210 100 20 4ϕ8 43,2503 3798,02 68,42 P216-217 100 20 4ϕ8 79,9676 3798,02 68,42 P223-224 100 20 5ϕ8 44,4322 3815,13 85,525 P230-231 100 20 5ϕ8 41,7953 3815,13 85,525 P203-204 100 20 4ϕ8 46,8474 3798,02 68,42 P210-211 100 20 5ϕ8 58,3812 3815,13 85,525 P217-218 100 20 5ϕ8 78,3955 3815,13 85,525 P224-225 100 20 5ϕ8 56,2708 3815,13 85,525 P231-232 100 20 5ϕ8 26,3588 3815,13 85,525 P197-198 100 20 3ϕ10 7,24844 3810,68 81,0777 P204-205 100 20 3ϕ10 38,1677 3810,68 81,0777 P211-212 100 20 3ϕ10 56,9952 3810,68 81,0777 P226-233 100 20 3ϕ8 0 3780,92 51,315

157

ρ 0,27 0,74 0,32 0,21 0,27 0,40 0,20 0,62 0,36 0,31 0,41 0,66 0,69 0,22 0,73 0,61 0,70 0,57 0,56 0,21 0,73 0,63 1,17 0,52 0,49 0,68 0,68 0,92 0,66 0,31 0,09 0,47 0,70 0,00


ALLEGATI

158


ALLEGATI

Allegati In allegato alla tesi vengono riportate le seguenti tavole: •

Tavola A1: Pareti in c.a.

Tavola A2: Elementi metallici;

Tavola A3: Rinforzi con FRP;

Tavola A4; Rinforzi con ETS;

Tavola A5: Consolidamento della fondazione

159

Profile for Tema Grafico

Enrico Gruppioni - Ingegnere Civile - A.A. 2016-2017  

Adeguamento sismico di fabbricati ad uso strategico in cemento armato. Il corpo H dell’EX C.O.O. di Ferrara.

Enrico Gruppioni - Ingegnere Civile - A.A. 2016-2017  

Adeguamento sismico di fabbricati ad uso strategico in cemento armato. Il corpo H dell’EX C.O.O. di Ferrara.

Advertisement