Tecnica 1/2016

Page 1

Anno 24 N. 1 Gennaio 2016 Copia omaggio (euro 2,50)

Progetto3_Layout 1 08/06/16 09:33 Pagina 1


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 2


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 3


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 4


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 5


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 6


02_07Biemme6pp_Layout 1 26/11/15 09:00 Pagina 7


Progetto4_Layout 1 27/11/14 16:43 Pagina 1


Anno 24 - n. 1 Gennaio 2016

09colophon_colonna_05colophon_A4 02/12/15 11:51 Pagina 9

TECNICANEWS LE NOVITÀ IN ANTEPRIMA

Se ancora non l’hai fatto, iscriviti alla newsletter di Tecnica visitando il sito

www.tecnicanews.com DIRETTORE RESPONSABILE Tiziano Bertin tbertin@tecnicaed.it PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE Gabriele Calzolari gcalzolari@tecnicaed.it

AMMINISTRAZIONE tecnicaeditoriale@legalmail.it PER LA PUBBLICITÀ Tiziano Bertin tel. 335 1337357 tbertin@tecnicaed.it

REDAZIONE/AMMINISTRAZIONE TECNICA EDITORIALE SRL Via Antonio Bazzini, 24 20131 MILANO Tel. +39 02 70 63 45 60 Fax +39 02 26 68 04 08 info@tecnicaed.it STAMPA Colorshade di Cabrini Matteo M. Via Cristoforo Colombo, 7 20068 - Peschiera Borromeo (MI)

FOTO Archivio fotografico Tecnica Editoriale srl Archivio fotografico Fotolia.com

Periodico edito da Tecnica Editoriale s.r.l. inviato gratuitamente a tutti gli operatori del settore delle estreme onoranze. Registrazione Tribunale di Milano n. 332 del 3/7/1993. La riproduzione di testi, fotografie, disegni e/o parte combinata di essi, anche parziale, è vietata. Fotografie e testi non verranno restituiti se non dietro richiesta scritta del solo detentore dei diritti d’uso. Gli articoli possono non rispettare le posizioni dell’editore, che peraltro li ritiene un contributo sul piano dell’informazione e dell’opinione. Si rende noto che le pubblicità, così come gli impaginati da noi realizzati non possono essere riutilizzati per scopi personali, né essere riprodotte su altri mezzi di informazione senza preventiva autorizzazione scritta di Tecnica Editoriale s.r.l. Manoscritti e fotografie sono di proprietà dell’editore e/o dei legittimi titolari dei diritti d’uso. Tutti i marchi e i copyright pubblicati su questa rivista appartengono ai legittimi proprietari. Il loro utilizzo da parte della redazione all’interno di articoli, redazionali o informazioni generiche, ha esclusivamente funzione informativa.

Chiuso in redazione il 20-11-2015


10_11Federcofit_Layout 1 26/11/15 09:01 Pagina 10

10

Riforma del settore f la prima assemblea p Giovedì 19 novembre 2015, a Brescia, presso la Sala don Recaldini, si è tenuta l’assemblea degli operatori funebri attivi nell’area bresciana e cremonese sui temi della riforma del settore funebre e cimiteriale promossa dalla Federazione del Comparto Funerario Italiano (Feder.co.f.it), il cui segretario, Giovanni Caciolli, ci ha illustrato le riflessioni emerse durante l’incontro.

«All’ordine del giorno», esordisce Giovanni Caciolli, «vi era l’analisi e il confronto sui due disegni di legge, presentati al Senato dal sen. Stefano Vaccari e alla Camera dall’on. Daniela Gasparini. Quella di Brescia è stata la prima di una lunga serie di assemblee che Federcofit ha programmato in tutte le regioni italiane per permettere a tutti gli operatori funebri, indipendentemente dalle organizzazioni di appartenenza, di essere informati, di poter esprimere valutazioni e suggerimenti e assumere, quindi, una prospettiva critica e consapevole dei contenuti delle due proposte di legge, in modo da partecipare alla promozione dell’una o dell’altra, svolgendo, singolarmente o collettivamente, le giuste sollecitazioni nei confronti della politica, che è chiamata a decidere le sorti del settore con una nuova legge nazionale. Gli operatori presenti hanno ricevuto, come materiale di documen-

tazione, non solo i testi dei due disegni di legge, ma anche quello delle audizioni svolte presso la Commissione Sanità del Senato da parte delle più rappresentative organizzazioni del settore: Federcofit, Feniof, Assocofani, Confarti-

gianato. L’assemblea si è aperta con la riproduzione in video dell’intervento del prof. Cafari, Ordinario di Diritto Internazione presso l’Università degli Studi di Milano, tenuto nell’ambito del Congresso di Federcofit e incentrato sull’illustrazione della natura dell’impresa funebre e delle funzioni legate agli interessi generali connaturati al suo operare. Infatti, è da questi elementi che può derivare la definizione, a livello normativo, sia del sistema dei requisiti strutturali e organizzativi dei singoli soggetti della filiera (imprese funebri, centri servizi, consorzi ecc.) sia la definizione, da parte delle Istituzioni competenti, di una programmazione territoriale


10_11Federcofit_Layout 1 26/11/15 09:02 Pagina 11

e funerario: per discuterne delle medesime attività. Presente, tra gli altri, il presidente di Federcofit, Cristian Vergani, che ha incentivato un animato con fronto con gli operatori presenti e risposte ai vari quesiti scaturiti dalle relative impostazioni dei progetti di legge, oltre che dalle vicende vissute da ogni impresario nella propria esperienza. Ovviamente, com’era da aspettarsi, i temi di maggiore interesse, su cui si è sviluppato il dibattito più vivace e approfondito sono stati quelli relativi alle attività funebri, ai requisiti per l’esercizio di questa attività, alle soluzioni adottate dal DDL Vaccari e dal DDL Gasparini. La presenza del presidente di Assocofani, Marco Ghirardotti, ha portato la testimonianza di un settore, forse meno direttamente coinvolto dalle questioni funebri, ma sicuramente profondo conoscitore delle dinamiche e dei problemi dell’intero comparto.

Molto apprezzata una lettera inviata all’assemblea dal bresciano parlamentare europeo Stefano Maullu, che, pur non potendo presenziare all’incontro, ha voluto assicurare la propria attenzione e sostegno, anche in sede europea, ai nostri progetti e alle necessità del settore. Il presidente Vergani, pur nel sottolineare le profonde differenze tra la proposta Gasparini, sostenuta da Federcofit, e quella Vaccari, ha confermato la piena disponibilità di Federcofit a sedersi a un tavolo che permetta il confronto e la definizione di una riforma capace di

www.tecnicanews.com 11

affrontare i problemi e risolverli, consapevoli della necessità di dover rinunciare ognuno alla difesa assoluta delle proprie posizioni. Siamo convinti, infatti», conclude Giovanni Caciolli, «che la convergenza delle organizzazioni interessate su un disegno condiviso è la sola condizione che potrà permettere, con una rassicurante certezza, l’approvazione in tempi rapidi ed entro questa legislatura, della riforma della funeraria italiana».


12_13Grasso_Layout 1 26/11/15 09:02 Pagina 12

12

Standard elevati e

È ciò che viene offerto da F.lli Grasso, che cura ogni aspetto della produzione, in modo che le autofunebri realizzate presso lo stabilimento di Randazzo (CT), aperto nel 2006, siano sempre all’altezza delle più raffinate esigenze degli impresari.


12_13Grasso_Layout 1 26/11/15 09:02 Pagina 13

i e innovazione

INFORMAZIONI

www.tecnicanews.com 13

F.lli Grasso - Tel. 095 2936194 - Fax 1782243612 - www.autotrasformazionigrasso.com - info@autotrasformazionigrasso.it


64pubbliOlivettiScoiattolo2014_26pubbliOlivettiScoiattolo2003 08/09/14 09:15 Pagina 4

Scoiattolo il saliscale

► Telecomando per controllo a distanza ► Sistema di riconoscimento automatico della fine del gradino ► Inserimento automatico del sistema di frenaggio brevettato ► Ruotino piroettante per eliminare l’aggravio di peso del pieno carico

Via E. Fermi 74/A - 42021 Barco (RE) Italy - Tel. 05 22 87 51 65 - Fax 05 22 87 53 19

www.funerolivetti.com



y l a t I ade in

16_17MadeinItaly_Layout 1 26/11/15 09:03 Pagina 16

16

M

Un piccolo passo p

un grande salto per l’Italia

Il Friuli Venezia Giulia inizia ad aprirsi ai cambiamenti proposti dalla norma sui cofani funebri denominata UNI 11520:2014, che, se fosse resa obbligatoria in tutta Italia, permetterebbe una chiara regolamentazione del settore, nonché un migliore controllo sulla qualità dei prodotti, a tutela del lavoro degli impresari e dei dolenti. Tuttavia, come ci spiega Marco Ghirardotti, presidente di Assocofani, si tratta solo del primo passo per raggiungere l’ambiziosa, ma indispensabile meta dell’uniformazione legislativa.

È stato pubblicato il 9 settembre 2015 sul BUR FVG (Bollettino Ufficiale della Regione Friuli Venezia Giulia) il D.P.Reg. n. 0172/Pres. del 28 agosto 2015, che disciplina i requisiti delle strutture e dei servizi funebri, cimiteriali e di polizia mortuaria, sulla base dell’articolo 3 della legge regionale n. 12 del 21 ottobre 2011. Si tratta di un cambiamento che fa parte di una manovra più ampia, che ha come obiettivo di integrare, entro un anno, il DPR 285/1990, in modo da applicare obbligatoriamente la norma UNI 11520:2014, a livello regionale. «Si tratta di una buona notizia, sotto tutti i punti di vista», ci rassicura Marco Ghirardotti, Presidente di

Assocofani. «Ciò sta, infatti, a indicare che anche le istituzioni stanno muovendo i primi passi, in direzione di una regolamentazione più chiara del settore. Tuttavia, è ancora presto per cantare vittoria. Tale cambiamento, infatti, interesserà, al momento, solo il Friuli Venezia Giulia, sicché, a livello nazionale, la situazione rimarrà pressoché invariata, ovvero: continuerà a esserci, nel contesto funebre, una disparità tra Leggi e Norme, che vigono e mal convivono nelle diverse regioni del nostro Bel Paese. Inoltre, come già avevo accennato nell’articolo comparso sul numero di novembre di Tecnica, il mercato, al momento, non riconosce ancora l’incremento dei costi che

l’applicazione di tale norma comporterebbe per quanto concerne sia la produzione sia la tracciabilità dei cofani funebri stessi. Naturalmente, ci tengo a ribadire, questa problematica non sussisterebbe, se la UNI 11520:2014 fosse resa obbligatoria in tutta Italia, in quanto tale situazione verrebbe immediatamente somatizzata. Resta la speranza che ciò accada al più presto. Nel frattempo, è bene ricordare ai lettori l’importanza di scegliere prodotti di qualità, di cui sia certi della provenienza. Così non sbagliate mai! Perché, infatti, rischiare di incorrere in tutta una serie di problematiche, acquistando un cofano, il cui prezzo sia perlomeno sospetto?


16_17MadeinItaly_Layout 1 26/11/15 09:03 Pagina 17

so per il Friuli Venezia Giulia,

www.tecnicanews.com 17

o

Spesso chi lo ha fatto si è trovato poi a gestire situazioni imbarazzanti col pubblico, incorrendo, tra l’altro, anche in problematiche giudiziarie (vedi le ultime cronache riportate da tutte le testate nazionali). Con l’applicazione obbligatoria norma UNI 11520:2014, la tracciabilità sarebbe garantita da una certificazione del cofano, nonché da uno specifico numero di matricola dedicato a ognuno di essi. Fino a quel momento», conclude Marco Ghirardotti, «il mio consiglio è rivolgersi a fornitori affidabili, che si conoscono da tempo e da cui si è certi di poter trovare tutta la qualità e la sicurezza offerte dai prodotti made in Italy, anche in rapporto a un elevato e costante standard di produzione, unito alla creatività artigiana che li contraddistingue – e, magari, cofani già provvisti della suddetta certificazione».

I cofani made in Italy sono caratterizzati da un elevato e costante standard di produzione, ovvero: l’eccellente qualità di questi prodotti, ottenuta grazie a una sapiente miscela di innovazione e creatività artigiana, è sempre la stessa – dal primo all’ultimo.


34PubOlivettiJolly+Inox_PubOlivettiJolly 28/06/11 13.55 Pagina 1


37PubbliAlea_lug14_PubbliAlea_Osiris 30/03/15 11:37 Pagina 1


20_23Caggiati La Piramide_Layout 1 26/11/15 09:04 Pagina 20

20

La migliore qualità a

Nonostante si stia vivendo un momento di crescita rispetto all’attuale crisi economica, sono ancora molte le persone che necessitano di servizi funebri per i propri cari scomparsi, che siano a prezzi contenuti. Tuttavia, questo non vuol dire sacrificare la qualità. Ce lo spiega Mario Di Tullio, che, insieme al collaboratore Roberto e alla figlia Silvia, che è anche la titolare, dal 1999 opera presso l’impresa La Piramide di Ciampino (RM).


20_23Caggiati La Piramide_Layout 1 26/11/15 09:04 Pagina 21

www.tecnicanews.com 21

à a prezzi contenuti «Chi lavora nel settore funebre è perfettamente consapevole dell’importanza dei servizi che egli offre alla comunità», esordisce Mario. «Si tratta, infatti, di momenti molto delicati, in grado di coinvolgere diverse persone, che si riuniscono attorno al lutto di un proprio caro. In questi casi, è necessario possedere tatto e discrezione, ma anche notevole capacità tecnico-operativa. Il che si traduce nel saper dare una risposta efficace e immediata alle diverse esigenze dei dolenti. In particolare, la crisi economica ha fatto sì che, in molti casi, la cerimonia subisse un ridimensionamento. Tuttavia, allo stato attuale, stiamo assistendo a una ripresa, che fa sì che le richieste dei dolenti siano molto variegate. Le nostre onoranze funebri tengono conto di tali differenze, senza mai dimenticare che il primo dovere di ogni impresario è offrire servizi qualitativamente ineccepibili, in modo che sia rispettata la dignità e la memoria del defunto. Anche in questo, la Caggiati funge da nostro punto di riferimento. Il vasto assortimento di prodotti che è possibile trovare nel suo catalogo permette, infatti, di venire incontro a ogni esigenza, fornendo tutto il pregio delle soluzioni made in Italy. Il che è davvero importante, se pensiamo al fatto che la nostra impresa opera su tutto il territorio del Lazio, dove conta ancora moltissimo il passaparola. In particolare, nel nostro caso, abbiamo numerosi contatti che risalgono a mio padre, nonché alla mia precedente attività di


20_23Caggiati La Piramide_Layout 1 26/11/15 09:04 Pagina 22

22

venditore. In un contesto del genere, costanza e professionalità sono le parole chiave su cui è necessario basare il proprio lavoro. Tale approccio lo riserviamo a ogni aspetto della nostra attività, dal personale necroforo alle autofunebri che affittiamo presso i centri servizi. Inoltre, nel caso qualcuno lo richiedesse, disponiamo anche una banda musicale che può accom pagnare lo svolgimento della cerimonia, in alcuni momenti particolari. Se è vero, infatti, che il Comune non permette il dispiegamento di un vero e proprio corteo, è usanza passare sotto la casa del defunto, in modo da omaggiare il luogo in cui ha vissuto. Infine», conclude Mario, «in rapporto al discorso di apertura, per cui l’impresario è un membro attivo della comunità, a cui offre un importante servizio, sponsorizziamo una squadra di calcio locale, proprio per sottolineare il nostro legame col territorio e la cittadinanza».


20_23Caggiati La Piramide_Layout 1 26/11/15 09:04 Pagina 23

www.tecnicanews.com 23

INFORMAZIONI

Caggiati - Matthews International - Tel. 0521 5208 - Fax verde 840 022444 - www.caggiati.it - servizio.clienti@caggiati.it Onoranze Funebri La Piramide - Ciampino (RM) - Tel. 06 7900260


24PubIntercar_gen15_Layout 1 02/12/15 11:51 Pagina 1


61PubScacf_Gen14_04PubScacf_05/2004 22/05/15 15:49 Pagina 1


26_29Funeraire2015_Layout 1 30/11/15 10:28 Pagina 26

26

Funéraire 2015

L’Italia in mostra: le Tra il 19 e il 21 novembre 2015, si è svolta a Parigi la quindicesima edizione di Funéraire, la fiera internazionale, con cadenza biennale, dedicata agli operatori del settore funebre. Numerosi i marchi presenti, compresi quelli italiani, che hanno rivestito, anche quest’anno, il ruolo di “star della fiera”.

Massimo Ellena ci mostra le sue eleganti e dinamiche autofunebri, tra cui spicca, sulla sinistra, la nuovissima Ellena G 3.0.


26_29Funeraire2015_Layout 1 30/11/15 10:28 Pagina 27

Funéraire 2015

www.tecnicanews.com 27

a: le star della fiera

Sopra e sotto, Cinzia Rota, fondatrice di Rotastyle, insieme ai figli Paolo ed Elisabetta, fotografati nel loro stand, dove hanno ricreato una suggestiva atmosfera natalizia, con tanto di neve finta.

Anche quest’anno, a Funéraire, i prodotti più fotografati della fiera sono stati quelli che hanno portato a Parigi l’eccellenza del made in Italy. Dalle autofunebri ai cofani, il pubblico francese ha saputo riconoscere gli elevati standard qualitativi e l’originalità, elementi tipici del bel Paese. Materiali pregiati, dunque, ma anche sapiente utilizzo delle tecniche di lavorazione, in grado di offrire una sintesi perfetta tra tradizione e innovazione. Infatti, ciò che contraddistingue tali soluzioni è la creatività del design,


26_29Funeraire2015_Layout 1 30/11/15 10:28 Pagina 28

28

Funéraire 2015

di derivazione artigiana, ma anche l’avanguardia del sistema produttivo, che, supportato dalla moderna tecnologia, garantisce l’assenza di difetti e l’uniformità di ogni articolo. Eleganza, raffinatezza e originalità si fondono così con la sicurezza, formando un insieme armonico, in cui l’impresario può trovare una risposta a ogni esigenza propria e dei dolenti. Funéraire è la fiera francese, con cadenza biennale, dedicata al settore funebre, che permette agli operatori europei di incontrarsi per discutere delle loro esperienze, nel contesto di una vetrina in cui vengono esposte le ultime novità proposte dalle aziende produttrici. Istituita nel 1987, ha fin da subito rappresentato un punto di riferimento per chiunque voglia aggiornarsi sulle ultime tendenze in fatto di funeraria. A differenza delle precedenti edizioni, che si sono svolte nel Parc des Exposition Le Bourget, quest’anno la manifestazione ha avuto come cornice il Parc des Exposition Villepinte, il che ha significato la possibilità di usufruire di un padiglione unico, a differenza dei due più piccoli di Le Bourget. Sicché l’ambiente era vasto e arioso. Purtroppo, a causa dei drammatici avvenimenti del 13 novembre 2015, sono state poche le presenze registrate dall’estero. Tuttavia, il pubblico francese non si è lasciato scoraggiare e, nonostante il comprensibile turbamento, è accorso alla rassegna svoltasi tra il 19 e il 21 novembre 2015. Numerosi anche i marchi presenti, ma, come rilevato all’inizio dell’articolo, quelli italiani, in particolar modo, hanno attirato la luce dei riflettori e i flash dei fotografi. Una conferma dell’eccellente reputazione di cui godiamo all’estero, per quanto riguarda la produzione funeraria – e non solo.

Pascal Lohr e l’elegante Metis di Biemme Special Cars.


26_29Funeraire2015_Layout 1 30/11/15 10:28 Pagina 29

FunĂŠraire 2015

www.tecnicanews.com 29

Come ogni anno, incontriamo AndrĂŠ Chabot, che espone le sue fotografie artistiche di tombe e cimiteri di tutto il mondo.


30Moira Orfei_Layout 1 26/11/15 09:06 Pagina 30

30

Un gran zibaldone, in cui invecchi senza accorgertene Il 15 novembre 2015, all’età di ottantatré anni, ci lascia Moira Orfei, diventata col tempo un’icona della cultura italiana. La ricordiamo per la personalità esuberante e la spiccata vitalità, che la contraddistinguevano e di cui è indicativa la sua descrizione del circo, come un gran zibaldone, in cui invecchi senza accorgertene.

Nata a Codripo (UD) nel 1931 da una famiglia di antiche origini sinti, il suo percorso nell’ambito circense prende avvio già dalla sua infanzia, dacché si inserisce nel contesto di una lunga tradizio ne, in cui lei rappresenta l’ultima generazione in campo. Infatti, il padre e la madre sono già rodati in quest’arte, mentre i due fratelli divente ranno, insieme a lei, abili acrobati e giocolieri. Risale al 1960 la fondazione dell’omonimo circo, che diventerà famoso in tutto il mondo. Ma Moira Orfei non si limita a essere solo una cavallerizza, trapezista, acrobata, domatrice di elefanti e addestratrice di colombe, se ciò può essere definito un limite. Numerose sono, infatti, le sue apparizioni nel cinema, sotto la direzione di grandi registi del calibro di Pietro Germi (in Signore & signori) e Dino Risi (in Straziami, ma di baci saziami e Profumo di donna), solo per fare degli esempi. Inoltre, Moira Orfei esplora anche la televisione, dove presenzia, nel 2002, come ospite fissa a Domenica In di Mara Venier. I funerali, a cui hanno preso parte, tra gli altri, il principe Alberto di Monaco e le delegazioni internazionali di tutti i circhi, si sono svolti il 18 novembre 2015, presso il duomo di San Donà di Piave (VE), il Comune in cui aveva residenza la famiglia.


31PubGrasso2015 Chrysler_Layout 1 02/12/15 11:51 Pagina 1


32_33PubCaggiati gen2016_Layout 1 01/12/15 08:44 Pagina 58


32_33PubCaggiati gen2016_Layout 1 01/12/15 08:44 Pagina 59


34_36Cofani_Layout 1 30/11/15 10:30 Pagina 34

34

UN TOCCO IN PIÙ Disponibile in yellow-pine, esotico e frassino, il modello 15 Angoli di Ferrari si contraddistingue per i raffinati intagli ai lati del cofano, che, unitamente alla conformazione degli angoli, fanno sì che questa soluzione sia impreziosita da un tocco in più di originalità.

INFORMAZIONI

Ferrari - Tel. 0376 808901 - Fax 0376 88062 www.ferraricofani.it - ferrari@ferraricofani.it

mod. 15 Angoli

STRUTTURA ELEGANTE E CAPIENTE Il modello S fuori misura della Lombarda ha una struttura capiente ed elegante, con una sagoma raffinata, priva di cornici perimetrali, con conseguente ingombro esterno ridotto. Prodotto nelle varianti 4+4, 8+8, 13+13 e 18+18, nella forma spallata e ottagonale, è disponibile in Larice Karinzia, Frassino Nazionale, Mogano Afrika, Noce Esotico e Rovere Slavonia, in varie tinte e tipi di finitura.

INFORMAZIONI

Lombarda - Tel. 030 311402 - Fax 030 4195842 www.lombarda.info - lombarda@lombarda.info

mod. S fuori misura


34_36Cofani_Layout 1 30/11/15 10:30 Pagina 35

www.tecnicanews.com 35

INTARSI IN FERRO Il modello 70 R di Lorandi permette di raggiungere una sintesi perfetta tra elementi moderni, come il design, e altri tipici del passato quali, invece, gli intarsi in ferro, che impreziosiscono questo cofano, conferendogli un aspetto rustico, mentre contribuiscono a valorizzare l’essenza scelta, ovvero, il rovere.

INFORMAZIONI

Lorandi - Tel. 030 6900600 - Fax 030 6900603 www.lorandi.it - lorandi@lorandi.it

mod. 70R Rustica

STILE CLASSICO Uno stile classico contraddistingue questo modello di Melloni, che prende il nome dalla città rinascimentale per eccellenza, Firenze, in cui è possibile ammirare il gusto per le proporzioni e la semplicità. Le tinte tra cui scegliere – miele e miele chiaro – valorizzano l’essenza del legno, con cui viene realizzato questo cofano: il pine wood.

INFORMAZIONI

Melloni - Tel. 030 2732598 - Fax 030 2731180 www.mellonicofani.it - info@mellonicofani.it

mod. Firenze


34_36Cofani_Layout 1 02/12/15 11:52 Pagina 36

36

IN CHIARO E SCURO

Michela Sgoluppi

Lo stile classico e delicato dei modelli Ornata C e Ornata S delle urne di Scacf è reso dagli eleganti intarsi, che ne interessano i quattro lati. Disponibile in tinta chiara (la prima) o scura (la seconda), questa soluzione è ideale per chi vuole esaltare la personalità compita del proprio caro scomparso.

INFORMAZIONI

Scacf - Tel. 075 856328 - Fax 075 8560314 www.scacf.it - scacfalt@technet.it

mod. Ornata S

mod. Ornata C


37PubEllena 2015 2p_Layout 1 26/11/15 09:06 Pagina 1


38_41Apiemme_Layout 1 02/12/15 11:52 Pagina 38

38

Una splendida realtà e u Dopo le recentissime realizzazioni commissionate dal gruppo Concordia delle case funerarie di Pieve di Coriano e Levata di Curtatone, entrambe in provincia di Mantova, ora anche la bassa modenese può vantare una struttura all’avanguardia, realizzata da Apiemme Engineering, uno studio di architettura in cui opera personale altamente qualificato, in grado di fornire soluzioni della migliore qualità e in linea con le normative vigenti, il che è molto importante, se si pensa che, in caso di inottemperanza delle leggi, tali strutture potrebbero essere chiuse. Raffaele Bianchini, Giovanni Celotto e Lorenzo Ferreiro, davanti all’insegna della Domus Mirandola.


38_41Apiemme_Layout 1 26/11/15 09:07 Pagina 39

www.tecnicanews.com 39

e un importante servizio

«La Domus Mirandola del gruppo Concordia», ci spiega Raffaele Bianchini, uno degli amministratori di Concordia s.rl. nonché responsa bile della parte modenese del Gruppo, «ha accorpato in un unico edificio gli uffici e la sala mostra al primo piano, mentre al piano terra si trovano un’accogliente reception, le sale esposizione, un salotto destinato ai dolenti e una pratica sala dedicata alla tanatoestetica e alla refrigerazione delle salme. I motivi che ci hanno spinto a edificare in breve tempo ben tre case funerarie sono da ricercare nelle trasformazioni culturali, che hanno interessato la comunità, negli ultimi anni. Infatti, se una volta si usava porgere l’ultimo saluto tra le pareti domestiche, oggi gli ambienti a disposizione sono troppo piccoli e non si prestano certamente alla veglia


38_41Apiemme_Layout 1 26/11/15 09:07 Pagina 40

40

Lo studio degli ambienti della Domus Mirandola è curato nei minimi particolari, in modo da offrire ai dolenti tutta l’accoglienza necessaria in un momento difficile, come il lutto di un proprio caro, nonché l’agilità operativa per il personale che vi lavora.


38_41Apiemme_Layout 1 26/11/15 09:07 Pagina 41

www.tecnicanews.com 41

o al via vai di parenti e amici. Sicché è sorta qui, come altrove in Italia, l’esigenza di creare degli ambienti adatti, anche per agevolare chi sceglie per sé o per il proprio parente defunto un funerale laico o basato su altri culti, oltre quello cattolico, essendo ormai il nostro un Paese multietnico. Dotato di proprio personale necroforo altamente qualificato e specializzato, fanno parte del gruppo anche due storiche imprese funebri del territorio: la Bianchini Romano & Raffaele e la Paltrinieri Rocco, che hanno portato il loro bagaglio di esperienza ultratrentennale in questa giovane, ma già affermata azienda. In tutto, Concordia s.r.l. conta sei sedi nel modenese: a Mirandola, dove è stata realizzata l’ultima Domus, a Massa Finalese, a Carpi, a San Felice sul Panaro, a Camposanto e a Medolla, dove quest’ultima copre anche il terri-

gli avvisi murali, i classici ricordini, torio dei Comuni di Cavezzo, San i necessari biglietti di ringraziaProspero e San Possidonio. mento ecc. Tutte e tre le Domus del gruppo La Domus Mirandola», conclude Concordia s.r.l. (Pieve di Coriano, Raffaele Bianchini, «è stata inauguLevata di Curtatone e Mirandola) rata alla presenza di autorità civili si pregiano di esporre la produzioe religiose, nonché di numerosi citne di cofani realizzata dalla ditta tadini – una conferma dell’imporLorandi di Nuvolera (BS) in ogni tanza che tali strutture rivestono sua essenza. per la comunità». Inoltre, per ogni altro accessorio, vengono proposti articoli di eccellenza nazionale, in grado REALIZZATA DA... di conferire alla Apiemme Engineering è uno stucerimonia funebre dio di architettura e ingegneria, quel valore aggiunche si occupa di tutto ciò che conto sempre richiesto cerne la progettazione architettonica e realizzazione di strutture dai familiari. edili. Nata nel 1997 a Brescia, Anche i veicoli di dove si trovano le sedi operativa e proprietà a disposilegale, a oggi si compone di quattro società, un dipartimento in zione del personale Cina, a Shangai, e uno in Romania. sono quanto di me L’azienda si distingue, fin da suPaolo Gentilini glio può fornire il bito, per l’eccellenza dei professionisti presenti al suo interno, accuratamente selezionati, che mercato, così come le permettono di offrire un servizio a trecentosessanta gradi. la funzionale tipoIl gruppo Apiemme ha negli anni maturato una profonda conografia interna, in scenza delle problematiche inerenti l’architettura e l’ingegneria in tutti i suoi aspetti. Grazie alla propria struttura organizzativa grado di stampare interna, è in grado di affrontare la complessità di ogni progetto, in brevissimo tempo in tutti i suoi aspetti. Ha, inoltre, raggiunto una consolidata esperienza pluridisciplinare, in particolare nei settori del design, dell’architettura, dell’ingegneria impiantistica, fino alla progettazione strutturale, con un tema fulcro nel proprio operare: il rispetto per l’ambiente. Ogni aspetto dell’iter procedurale è curato nei minimi dettagli, mentre, dal punto di vista del cliente, l’interlocutore resta uno solo. Per la progettazione di case funerarie, nello specifico, il gruppo Apiemme è tra i leader in Italia e il personale è preparato su tutte le normative che ne regolano la costruzione: una garanzia per gli impresari, che possono essere certi di mettere a disposizione della cittadinanza ambienti di prestigio e impianti di qualità, ma soprattutto in regola con le prescrizioni di legge in materia.

INFORMAZIONI

Apiemme Engineering - Tel. 030 225492 - www.apiemmesrl.it - info@apiemmesrl.it Domus Mirandola - Mirandola (MO) - Tel. 0535 22400


42_43Tanexpo_Layout 1 30/11/15 10:30 Pagina 42

42

A Bologna dall’1 al 3 Tra qualche mese prenderà il via l’edizione 2016 di Tanexpo, e il presidente Alberto Leanza ha ritenuto opportuno esprimere alcune considerazioni utili a esplicitare lo stato dell’arte di un intenso lavoro organizzativo, avviato già all’indomani della conclusione della felice esperienza del 2014.

Alberto Leanza, presidente Tanexpo.

«Mentre le ultime fondamentali pedine vanno collocandosi sulla scacchiera del lay-out espositivo, inizia a prendere corpo il programma definitivo della manifestazione. Un cocktail perfetto ed equilibrato fra occasioni di business, opportunità di crescita professionale e una informazione corretta ed esauriente: ogni ingrediente, dosato nella giusta misura, contribuirà a determinare il successo di quella che è ormai unanimemente considerata la rassegna internazionale funeraria più prestigiosa al mondo. Moltissime, fra le più autorevoli

Aziende di tutte le filiere espositive, saranno presenti a Bologna: e confido che, in questi mesi, alcuni fra coloro che ancora non hanno confermato la propria partecipazione, pur nella totale libertà di scegliere dove orientare i propri investimenti, possano decidere di non mancare ad un appuntamento che, come nelle precedenti edizioni, vedrà una imponente partecipazione di buyer stranieri, provenienti da oltre 50 nazioni, che animeranno le tre giornate di manifestazione non solo per trovare o per consolidare rapporti commerciali con le aziende

espositrici, ma anche per portare un contributo di idee e di esperienze che, attraverso il confronto con gli operatori del nostro Paese, aiutino il comparto a procedere sulla strada della modernizzazione. In questi anni siamo stati presenti, a tutte le latitudini, ad ogni evento specializzato dell’industria fune raria e cimiteriale e abbiamo potuto verificare come in un contesto in cui l’economia globale risente di una crisi internazionale generalizzata, complessivamente il nostro settore ha tenuto piuttosto bene, anche in considerazione del fatto


42_43Tanexpo_Layout 1 30/11/15 10:31 Pagina 43

l 3 aprile

che si tratta comunque di un mercato anelastico nel quale i numeri confermano costantemente le previsioni statistiche. Poter dichiarare già oggi che TANEXPO 2016 manterrà inalterati i propri numeri in termini di espositori e di metri quadri occupati è motivo di grande soddisfazione e mi rende particolarmente ottimista sulla possibilità di raggiungere nuovi record e garantire al visitatore un’offerta completa e qualificata di tutta la produzione funeraria e cimiteriale. È un risultato, il no stro, costruito negli anni con impegno, con intuizioni, con investimenti anche importanti in termini di risorse umane ed economiche. Ma alla base di tutto vi è la costante fiducia che il sistema produttivo ha sempre riservato alla nostra manifestazione consentendole di consolidarsi aggregando intorno a sé tutte le principali espressioni italiane ed estere del comparto cui offre sti -

moli ed occasioni di dialogo e di confronto, strumenti ed op portunità di comunicazione, risorse operative in grado di favorirne la crescita e l’affermazione. Il prodotto di qualità è universal-

www.tecnicanews.com 43

mente riconosciuto ed apprezzato. Partendo da questa considerazione, stiamo lavorando ad un progetto che nel 2017, a Miami, porterà i migliori produttori italiani ed internazionali a confrontarsi con i Paesi del Centro America e dell’America Latina, aree geografiche particolarmente interessanti per fa vorire, attraverso le esportazioni, un reale processo di crescita e di svilup po economico delle diverse filiere produttive. Appuntamento a Bologna, quindi, dall’1 al 3 aprile 2016! Nel frattempo, però, potete iniziare a vivere la rassegna scoprendo sul web (www.tanexpo.com), attraverso “Aspettando TANEXPO” ed il Catalogo Espositori, tutte le novità che vi proporremo la prossima primavera». Alberto Leanza Presidente Tanexpo


44Notizie in bacheca_Layout 1 02/12/15 11:53 Pagina 44

44

EMOZIONI FORTI

Guardare un film horror non vi basta più? Volete provare sulla vostra pelle un’esperienza che vi scuota, immersi in un’atmosfera spettrale? Allora dovreste proprio recarvi al Clown Motel di Tonopah, nel Nevada (USA), una cittadina sita sulla Higway 95, tra Las Vegas e Reno. Entrare nella hall sarà come tuffarsi tra le pagine del romanzo It - o le immagini del film tratto dallo stesso - di Stephen King. Caratteristica di questo albergo, infatti, sono le statuette, i quadri, i poster e i pupazzi di pagliacci, anche ad altezza umana, sparsi un po’ ovunque. Inoltre, non poteva mancare il caratteristico cimitero, a pochi passi dall’albergo, dove sono seppellite le spoglie di alcuni cercatori d’oro, che morirono a causa di una pestilenza. A parte questo, il personale del motel pare che sia molto disponibile, e gli ambienti puliti e confortevoli, tant’è che fioccano le recensioni positive su TripAdvisor.

PRIMA DI ANDARE A LAVORO…

Anticipando l’apertura dei cimiteri interni alla propria amministrazione alle sette di mattina, la giunta comunale di Ballabio (LC) vuole dare la possibilità ai cittadini di far visita ai propri cari scomparsi, prima dell’inizio della giornata lavorativa. Ciò ci dà l’idea di quanto sia sentita l’esigenza da parte della comunità di poter disporre di tali spazi in orari che ne permettano la fruizione abituale.

PIÙ VICINI Il 17 novembre 2015 la giunta di Padova ha approvato il nuovo regolamento, secondo cui i cittadini residenti all’interno del Comune potranno scegliere in quale dei sedici cimiteri a disposizione in tale area seppellire il proprio caro scomparso. Ciò permette ai dolenti di essere sempre vicini al proprio parente defunto, in modo da facilitare le visite che i primi porgono a quest’ultimo, il che è molto importante, se si pensa soprattutto alle esigenze degli anziani, che hanno più difficoltà a muoversi.

ORA POSSO ENTRARE! Il 12 novembre 2015 è un giorno molto importante da ricordare per gli amanti degli animali da compagnia, residenti a Genova. Infatti, segna la possibilità per dodici giorni all’anno, da parte dei loro amici a quattro zampe, muniti di guinzaglio e museruola, di accompagnarli nella visita ai propri cari scomparsi, all’interno di trentuno dei trentacinque cimiteri comunali (i quattro esclusi sono quelli aperti solo nei giorni festivi). Il primo cucciolo ad avere varcato la soglia di Staglieno lo ha fatto già alle sette e trenta di mattina della data in questione. «È stata una scelta di grande civiltà», ha commentato un visitatore.

UNO IN PIÙ!

Il cimitero di Bonaria di Cagliari è stato recentemente dichiarato “Monumentale” dall’ASCE (Association of Significant Cementeries in Europe), andando a rinfoltire le fila di quegli spazi, come il Monumentale di Milano, lo Staglieno di Genova o il San Michele di Venezia, che sono considerati, a ragione, musei a cielo aperto. Per l’occasione, Anna Palmieri Lallai, che ha svolto per anni l’incarico di guida all’interno del camposanto, ha curato la pubblicazione di un libro interamente illustrato a colori, che racconta la storia di questo luogo, prendendo in considerazione l’area geografica, i monumenti, gli artisti e gli scomparsi illustri, che vi riposano.

UNA BRUTTA SORPRESA!

Quante volte vi è capitato di andare un attimo al bar, uscirne e trovare una multa ad attendervi sul parabrezza della vostra auto? Si tratta per lo più di incidenti dovuti alla fretta e alla distrazione. Ma che dire di quando accade a un impresario funebre, che sta svolgendo il proprio lavoro? È successo ad Andrea Bonizzato, titolare delle omonime onoranze di Borgo Trento (VR), che ha notato il famigerato pezzo di carta sotto il tergicristallo della propria autofunebre. Senonché, come si legge sulla multa, il veicolo sostava in zona vietata per fascia oraria, senza esibire il permesso, perché i suoi dipendenti stavano scendendo dal condominio di fronte, con tanto di salma! La sanzione ammonterebbe a quarantun euro. Chissà se Andrea avrà scelto di fare ricorso…


Progetto3_Layout 1 10/09/14 10:25 Pagina 1


36pubbliOlivettiFrigo2014_26pubbliOlivettiScoiattolo2003 21/07/14 14:13 Pagina 4


47Bronzi Riace corr_Layout 1 26/11/15 09:09 Pagina 47

www.tecnicanews.com 47

Uno skateboard per i Bronzi di Riace Avreste mai immaginato di vedere le due famose statue di epoca ellenica messe ciascuna su una tavola con quattro ruote? È quello che ha fatto Enea – l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile – che ha realizzato per loro nuove basi antisismiche.

Il principio ricorda quello di uno skateboard. Le basi realizzate da Enea per i Bronzi di Riace consistono, infatti, in due blocchi di marmo posti l’uno sopra l’atro. In mezzo, sulle superfici interne di ciascun blocco, sono scavate quattro calotte concave, dove sono poste altrettante sfere – anch’esse di marmo. Nel momento in cui dovesse presentarsi un evento sismico, sarebbe solo la parte sottostante della base a muoversi assieme al terreno, senza trasmettere alla parte superiore le oscillazioni, dacché queste ultime verrebbero assorbite dal movimento delle sfere. Tale soluzione – presentata a San Diego, in California, in occasione della 14th World Conference on Seismic Isolation, Energy Dissipation and Active Vibration Control of Structures (14Wcsi) – potrebbe essere impiegata anche per il David di Michelangelo in quanto presenta

delle caratteristiche simili ai Bronzi, avendo nelle gambe il maggior punto di vulnerabilità. La realizzazione delle basi deriva da una convenzione stipulata tra Enea e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria.

Le tecnologie impiegate sono le stesse che vengono utilizzate per la protezione di strumentazioni delicate, sistemi di comunicazione e gestione dei dati rilevanti ai fini della sicurezza, sale operatorie, gasdotti, apparecchiature in centrali di produzione e/o trasformazione dell’energia elettrica, sistemi di sicurezza di impianti a rischio ecc. Ha curato il progetto in tutte le sue fasi l’ingegner Gerardo De Canio.


48_49Intercar Morelli_Layout 1 26/11/15 09:09 Pagina 48

48

A testa alta: la forma è L’attenzione allo stile e all’eleganza è indicativa di grande professionalità. Ne è convinto Enzo Carmine Morelli – titolare, insieme al nipote Saverio, dell’impresa Grillo Morelli di Cosenza – che ci ha spiegato la sua filosofia aziendale e i suoi progetti per il futuro. «Siamo convinti che il parco auto sia una sorta di biglietto da visita dell’impresario», esordisce Enzo Carmine Morelli. «Perciò, prestiamo alla scelta delle autofunebri grande attenzione, in modo da offrire ai dolenti la soluzione più adeguata. A Cosenza e dintorni, è d’uso che la famiglia dello scomparso accompagni quest’ultimo al camposanto, a bordo dell’autofunebre. Sicché le tre di cui disponiamo sono tutte a quattro porte, così da permettere il perpetrarsi di questa tradizione. E su questo termine vorrei fare un piccolo appunto. Qui al Sud, infatti, la tradizione permea ogni aspetto dell’esistenza dei cittadini calabresi, che si sentono molto legati alle loro radici. Perciò, abbiamo deciso di mantenere il colore nero per tutte le nostre autofunebri, compresa l’ultima acquistata da Intercar: una Lancia TH400 Limousine, a cui io mi sento già particolarmente affezionato, in virtù della sua estetica, dove eleganza e sportività raggiungono una sintesi perfetta.

Sempre in riferimento a quanto dicevo prima, a proposito della tradizione, ci tengo a precisare che la nostra impresa ha una lunga storia alle spalle. Fu, infatti, fondata nel 1983 ad Aprigliano da mio padre Saverio, che, prima di diventare impresario funebre, faceva il vigile – e, insieme a mio fratello Raffaele, è stato per molto tempo una delle colonne portanti della nostra attività. Ora, purtroppo, sono entrambi deceduti, ma io e mio nipote Saverio portiamo avanti il loro “discorso”, che prevede, tra le altre cose, un’attenzione particolare al legame con la comunità. In ognuno dei Comuni in cui operiamo (in ordine cronologico, per quanto riguarda l’apertura di ciascuna sede, Aprigliano, Cosenza, dove abbiamo quella principale, Rogliano, Parenti, Piano Lago e Carolei, nonché Piane Crati, in cui si trova una nostro deposito), cerchiamo sempre di partecipare alle attività promosse dal Comune, anche in qualità di sponsor. Crediamo, infatti, che i rapporti coi cittadini debbano essere tra sparenti sotto ogni aspetto, il che si traduce con chiarezza e disponibilità, le due parole chiave su cui basiamo la nostra filosofia aziendale.

Questo ci ha insegnato mio padre Saverio, che, a conferma del suo impegno sociale, ha avuto modo, nel corso della sua vita, di edificare ad Aprigliano una casa di riposo, ora gestita da mio fratello Alberto». Poi, alla domanda se per caso abbia progetti per il futuro, Enzo Carmine risponde: «Pensiamo di ampliare ulteriormente il parco auto, che, oltre alle tre autofunebri cui accennavo prima, comprende anche tre furgoni, un mezzo per il trasporto dei fiori, un mezzo per i manifesti e un’auto di rappresentanza. Questo – ribadisco – perché crediamo che la flotta dei veicoli su cui fa affidamento un’impresa di ono-

Sulla destra, il parco auto dell’impresa Morelli, in cui è possibile ammirare tutta le raffinatezza e l’eleganza delle soluzioni Intercar.


48_49Intercar Morelli_Layout 1 26/11/15 09:10 Pagina 49

a è la sostanza

ranze funebri sia uno degli elementi principali – oltre l’abbigliamento del personale, nonché l’arredamento degli ambienti – su cui si costruisce l’idea di professionalità offerta dalla stessa. Ovvero», conclude Enzo Carmine, «la forma è la sostanza».

INFORMAZIONI

www.tecnicanews.com 49

Sopra, lo staff al completo dell’impresa Morelli. Sulla sinistra, i titolari Enzo Carmine Morelli e il nipote Saverio.

Intercar Modena - Tel. 059 8570257 - Fax 059 8570246 - www.intercarmodena.it - commerciale@intercarmodena.it Onoranze Funebri Grillo Morelli - Cosenza - Tel. 0984 422534


50_51Diemme_Layout 1 26/11/15 09:11 Pagina 50

50

Abilità artigiana e c

L’impegno che pone Diemme nel produrre soluzioni pregiate e originali è ormai proverbiale. Basti pensare ai fondali della serie FL3, composti da tre ante rivestite in velluto microfibra e da una struttura in legno tinto noce, rovere, ciliegio e mogano; oppure alle camere ardenti in plexiglass satinato, in grado di conferire alla veglia un tocco raffinato ed elegante, in linea con la discrezione richiesta dal momento. Infine, i fondali scenografici del set di camere ardenti Cassiopea, con colonne rivestite in tessuto, ben esprimono l’abilità artigiana e la cura dei dettagli, che contraddistinguono l’azienda piemontese.

Camera ardente in plexiglass satinato Mod. Plexi Satinata 2

Fondale in legno FL3

Camera ardente in plexiglass satinato Mod. Plexi Satinata 1


50_51Diemme_Layout 1 26/11/15 09:11 Pagina 51

www.tecnicanews.com 51

e cura dei dettagli

I NOSTRI RAPPRESENTANTI Camera ardente Cassiopea con fondale

INFORMAZIONI

Guido Collino (Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria) tel. 348 7237336 - coguido@alice.it Luca Mariani (Emilia Romagna) tel. 347 5162798 Cristian Calandrini (Lazio e Abruzzo) tel. 340 5257550 - cristiancalandrini@gmail.com

Diemme - Tel./Fax 011 9690230 - www.facellid.com - info@facellid.com


52Pubs_Layout 1 26/11/15 09:11 Pagina 52


53Rotastyle Gennaio_Layout 1 26/11/15 09:14 Pagina 53

www.tecnicanews.com 53

Nell’Arte del Prezioso Ricordo “Riflessi d’Acqua”

Cofano Riflessi d’Acqua in Rovere Americano

Urna verticale Riflessi d’Acqua con calamita

“La differenza consiste nel vedere ciò che tutti vedono e nel pensare ciò che nessuno ha pensato”

Quadro Riflessi d’Acqua

Croce Gemma

Portafoto Ninfea e urna verticale Riflessi d’Acqua

INFORMAZIONI

Rotastyle - Tel. 035 461214 - Fax 035 461470 - www.rotastyle.it - info@rotastyle.it

Urna Ninfea Indaco


54_55Ellena_Layout 1 26/11/15 09:33 Pagina 54

54

Prestigio e varietà d Il Centro Servizi Prestige di Villanuova sul Clisi (BS) nasce nel 2011 e, fin da subito, propone agli impresari le migliori soluzioni per lo svolgimento della propria attività. Angelo Sbarbari, titolare dell’azienda, ci racconta quali sono tendenze che ha notato all’interno del settore funebre, nel corso della sua breve, ma intensa esperienza lavorativa.

INFORMAZIONI

«Il color avorio di quattro delle nostre autofunebri rappresenta una scelta consapevole, determinata dal fatto che gli impresari prediligono soluzioni moderne e raffinate, in linea con le attuali esigenze dei dolenti. Si tratta, infatti, di una tonalità discreta, che permette lo svolgimento della cerimonia con dignità ed eleganza.

Ellena - Tel. 0175 217576 - Fax 0175 477167 - Cell. 335 6244655 - www.ellenafuneralcar.com - info@ellenafuneralcar.com Centro Servizi Prestige - Villanuova sul Clisi (BS) - Tel. 0365 376203


54_55Ellena_Layout 1 26/11/15 09:33 Pagina 55

à delle soluzioni

www.tecnicanews.com 55

Angelo Sbarbari, titolare del centro servizi Prestige, seduto alla scrivania del proprio ufficio.

Molti esprimono il desiderio di salire sull’autofunebre, in modo da accompagnare il proprio caro scomparso nell’ultimo viaggio. Per questo, l’ultimo modello che abbiamo acquistato da Ellena, come molti altri presenti nel nostro parco-auto, è a quattro porte. Oltre a queste E 512, possediamo furgoni allestiti, vetture ordinarie per le commissioni e altre autofu-

nebri, di cui una d’epoca, la cui immissione nel mercato risale al 1967. Per il resto, offriamo cofani, personale necroforo qualificato, arredamenti e qualunque altro prodotto o servizio possa interessare gli impresari funebri, con una reperibilità di ventiquattr’ore su ventiquattro. Il tutto distribuito su una superficie

di milletrecento metri quadri, il che rende bene l’idea della completezza delle soluzioni che è possibile trovare presso il nostro centro servizi. Una delle cose più importanti per chi opera nel settore funebre, infatti», conclude Angelo, «è soddisfare le diverse esigenze dei dolenti, che sorgono in base alla personalità dello scomparso».


scopri le novitĂ e le aziende espositrici iscritte su


57Olivetti Frigo Sprint_Layout 1 26/11/15 09:34 Pagina 57

www.tecnicanews.com 57

Il giusto grado di solennità Senza vetro, la versione Sprint del mini-frigo F1 di Olivetti permette agli intervenuti alla veglia di avere un contatto visivo diretto con la salma, il che rappresenta un importante vantaggio, da un punto di vista psicologico. L’azienda emiliana è, infatti, consapevole delle esigenze dei famigliari dello scomparso, che l’impresario deve saper soddisfare. Anche per questo motivo, l’estetica del mini-frigo è stata curata, in modo che non inficiasse quella del cofano, ma, al contrario, la esaltasse; sicché, così facendo, vengono conservati tutti quegli elementi che conferiscono alla cerimonia il giusto grado di solennità. INFORMAZIONI

guarda il filmato

http://youtu.be/pMW6gQvttdQ

Olivetti - Tel. 0522 875165 - Fax 0522 875319 - www.funerolivetti.com - info@funerolivetti.com


58_59auto epoca Sambataro 1_Layout 1 26/11/15 09:35 Pagina 58

58

Auto storiche: la parola all’esperto FIAT 2300, Carrozzeria Pilato (in attività), 1963. È sicuramente la prima vettura carrozzata da Pilato in un certo numero di pezzi – e non in esemplare unico. Contraddistinta dalla presenza di un vetrino triangolare, che suddivide la parte dell’abitacolo e quella del vano feretro, quasi una firma dell’azienda, che ritroviamo su altre esecuzioni dell'allora fondatore Luigi Pilato. È, inoltre, possibile notare la presenza dei pennacchi sul tetto, realizzati in una leggera struttura metallica, sulla quale erano fissate delle piume di struzzo nere o bianche, a seconda del mezzo, che avevano una funzione decorativa. Infine, erano installati dei cordoni laterali, rappresentativi di un collegamento ideale tra il defunto ed i parenti più prossimi, che li tenevano tra le mani per tutta la durata del corteo dalla chiesa al cimitero.

FIAT 1400, Carrozzeria Bertona (in attività), 1952. La FIAT 1400 fu una vettura utilizzata come base per moltissime autofunebri italiane del dopoguerra. Aveva la caratteristica di non possedere un vero e proprio telaio in quanto era la prima auto Fiat dotata di carrozzeria a scocca portante. Nonostante ciò, carrozzieri di ogni parte d’Italia la prescelsero, come dicevo, per moltissime delle proprie realizzazioni funebri. Questa, in particolare, è della Bertona di Borgomanero (NO), carrozzeria attiva dal 1949 con applicazioni nei settori funebre, pubblicitario e industriale, l’unico in cui è ancora attiva l’azienda allo stato attuale, soprattutto per quanto riguarda i trasporti refrigerati.

FIAT 1400B, Carrozzeria Riva (non in attività), 1952. Su questa 1400, a differenza di quella bianca del punto 4, è stato realizzato un importante lavoro di innalzamento del parabrezza e dei vetri laterali, rispetto a quelli di serie, particolare che ci fa capire quanto fosse relativamente poco costoso, come mano d'opera, attuare delle modifiche, anche solo per soli fini estetici. Notare, inoltre, la presenza della struttura in alluminio sul tetto – fornita, all’epoca, da aziende specializzate – che, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, veniva frequentemente installata sulle autofunebri.

Furgone FIAT 1100T, Carrozzeria Bertona (in attività), 1960/3. Veicolo da cerimonia probabilmente utilizzato per servizi comunali o in convenzione. Nonostante sia dotato di ogni fregio, dai cordoni ai pennacchi, curiosamente non v'è traccia della croce sul tetto. Notare che il furgone Fiat nasceva con le portiere davanti incernierate dal lato anteriore, cioè opposte a queste. Probabilmente fu una modifica voluta dall'impresa per facilitare l'ingresso in cabina con le corone di fiori, che in questo caso arrivavano a cinque. Anche i cordoni di accompagnamento sono sei, anziché quattro.

Mercedes Benz 180 Ponton, Carrozzeria Riva (non in attività). Le Mercedes-Benz delle famiglie W120 e W121 furono le prime auto MB a scocca portante, ovvero: senza telaio. Inoltre, furono con la Fiat 1400 Diesel ad offrire una versione con motore a gasolio. Questa 180 può essere considerata la "mamma" delle attuali W212 utilizzate nel settore funebre in quanto, era dotata di motore diesel, quattro porte, sedili posteriori. Quest’auto era un veicolo da trasporto pensato per tratte medio lunghe, come è possibile notare dalla mancanza di fregi (limitati alla croce), dalla linea bassa e filante e dai sedili per gli accompagnatori del defunto, oltre al già citato motore, più parco ed econome nei lunghi tragitti. La Carrozzeria Riva di Merate (LC) fu molto operosa nel settore dei veicoli funebri tra gli anni Cinquanta e Settanta, soprattutto in Lombardia, e rimase in attività fino al 1978.


58_59auto epoca Sambataro 1_Layout 1 26/11/15 09:35 Pagina 59

www.tecnicanews.com 59

Nel numero di novembre, abbiamo pubblicato un servizio sulle auto di Bramati, impresario di Gorgonzola (MI). Oggi ne facciamo un approfondimento, grazie a Marco Sambataro, modellista ed esperto di autofunebri d’epoca, che collabora con noi, fornendoci materiale e commenti relativi. Se anche voi siete in possesso di foto di questo genere e volete vederle pubblicate sulle pagine della nostra rivista, non esitate a mandarle all’email:

carridepoca@libero.it

FIAT 1400B, Carrozzeria Bertona (in attività),1952. Versione dedicata, come imponeva il regolamento vigente all'epoca, al triste servizio rivolto ai bambini, caratterizzato dal colore bianco. Particolare che denota quanto fosse, purtroppo, frequente il caso di mortalità infantile. Anche su questa 1400, sono visibili i decori dei pennacchi bianchi e dei cordoni laterali. Si trattava di un mezzo decisamente costoso per l'impresario, che ne faceva un uso comunque più limitato, rispetto a un’autofunebre nera – e, infatti, spesso si preferivano veicoli su base Fiat 600 Multipla, che non richiedevano carrozzerie specifiche o allungamenti dello sbalzo posteriore.

Mercedes Benz 200/220D, 1971. La qualità della foto lascerebbe intuire si tratti di una realizzazione della Carrozzeria Grazia di Bologna (non in attività). Vettura molto diffusa tra gli impresari italiani, anche in virtù del motore diesel. Questa MB – nota anche come serie W122 o, più familiarmente, "Barra 8" – fu la prima Mercedes disponibile con telaio allungato da Binz per i carrozzieri.

Mercedes Benz 200/240D, Carrozzeria Grazia (non in attività), 1978. La Grazia realizzò moltissime autofunebri su basi più disparate e fu molto diffusa a livello nazionale. Ai tempi della sua maggiore attività, aveva la capacità di produrre un centinaio di autofunebri all'anno, oltre ad ambulanze, veicoli pubblicitari e blindati. Anche questa MB, nota anche come serie W123, era disponibile da Binz nella variante con passo lungo, come le attuali W212.

FIAT 130, Carrozzeria GLS (non in attività), 1969/1977. Ammiraglia della Fiat, che utilizzava un motore a sei cilindri a V, spesso abbinato a cambio automatico, sostituiva, di fatto, la Fiat 2300, vettura già presente in molti garage delle imprese italiane. Questa trasformazione, operata dalla padovana GLS di Gasparin, è riconoscibile per gli angoli smussati concavi dei vetri. Fu l’ultima vettura italiana di prestigio usata come autofunenebre, prima che le tedesche MB diventassero così diffuse.

FIAT 132 1800 GLS, Carrozzeria Pilato (in attività), 1972. Vettura che sostituì la Fiat 125, dalla quale ereditava buona parte della meccanica, è qui fotografata di fronte ai capannoni della vecchia sede della Pilato. Notare il portellone, che inglobava i fari posteriori.


60PubApiemme OK_xxPubTG_Tanexpo2004 26/11/15 09:35 Pagina 1


61Olivetti valvola_Layout 1 26/11/15 09:36 Pagina 61

www.tecnicanews.com 61

Una certezza per l’impresario! Esibizione dell’identificativo del costruttore, nonché della pressione di taratura alla quale la valvola si attiva; certificazione rilasciata, in seguito al superamento di severi collaudi; garanzia composta da un documento diviso in due parti, di cui una resta all’azienda, mentre l’altra va all’impresario… «Sono questi gli elementi che fanno del depuratore OG 94 della Olivetti un prodotto unico e inimitabile», ci spiega il Commendator Gianlorenzo Olivetti. «In molti hanno provato a imitarci, ma nessuno è mai riuscito a offrire gli stessi standard di qualità, per cui è famosa la nostra azienda». INFORMAZIONI

guarda il filmato

http://youtu.be/Kwg5NfjUl_w

Olivetti - Tel. 0522 875165 - Fax 0522 875319 - www.funerolivetti.com - info@funerolivetti.com


62News Braccu_Layout 1 30/11/15 10:31 Pagina 75

Serve un passaggio? Una brutta avventura ha coinvolto una ciclista, qualche tempo fa, in Sardegna, vicino a Olbia. Un’auto l’ha, infatti, tamponata, gettandola a terra, ma, per sua fortuna, Giovanni De Rosas, noto nella zona come Mortadella, dipendente dell’impresa di onoranze funebri Braccu, si trovava a passare di lì, in quel momento. «Ho visto tutta la scena», dichiara, quando lo contattiamo per chiedergli delucidazioni sull’accaduto. «Si è trattato di un vero e proprio caso di “pirata della strada”. L’autista, infatti, ha continuato a procedere, incurante – o, forse, spaventato – di quanto era successo. Io naturalmente non ho avuto esitazioni. Mi sono subito fermato e sono andato a soccorrere la donna, che fortunatamente non si era fatta nulla di grave. Anzi», sorride Giovanni, «quando mi sono offerto di accompagnarla a casa, a bordo dell’autofunebre che guidavo in quel momento, inizialmente non ne ha voluto sapere. Probabilmente temeva che portasse male, ma, alla fine, si è lasciata convincere». Tutto è bene quel che finisce bene, dunque. Salutiamo Giovanni De Rosas, augurandogli buon lavoro, certi del fatto che gli abitanti di Olbia e dintorni possono contare sul loro Mortadella, un cittadino disposto ad aiutarli in ogni situazione.

MAI PIÙ

Tornano in patria, a settant’anni dalla fine del conflitto, le spoglie di sessantasei caduti della Seconda Guerra Mondiale, sessantacinque dei quali ignoti, che si trovavano sepolte nei cimiteri di guerra sorti in prossimità dei campi di battaglia, in Slovenia e Albania. Ora, per mezzo di tale traslazione, la loro nuova dimora è il Sacrario di Bari. Alla cerimonia, organizzata dal Comando Scuole dell’Aeronautica Militare 3ª Regione Aerea, hanno partecipato numerose autorità civili, religiose e militari. In particolare, la messa è stata presieduta dall’Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò, e concelebrata da vari cappellani militari di Bari. Si tratta di un evento molto raro – l’ultimo di questo tipo risale al 1972 – che è stato reso possibile dalle ricerche condotte dal Ministero della Difesa-Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti. L’unico soldato di cui si sia riuscita a stabilire l’identità è Giuseppe Bornaghi di Vaprio d’Adda (MI), che combatté nel 78° Reggimento Fanteria “Lupi di Toscana” e trovò la morte il 18 marzo 1941. Ora anche il suo nome, come quello sconosciuto dei suoi compagni, può fungere da monito per le generazioni future, in modo che eventi tragici quali la Seconda Guerra Mondiale non si ripetano mai più.


o t t De

o n n Ha

63Hanno Detto3_Layout 1 26/11/15 09:37 Pagina 63

inua cont to e a t s sè oci enni ttend lo D l e e t m a s o fr a tra e mi e, m r me sion omenti» e s e p f che pro ti m dre, esta elica io pa di qu uesti d i m t r e q r pe i seg ali in ogno solo dament un s n i o d n n e oci e fo zion zion gand lizza spie la discre e a rea l r o è ett àe . esa sto s uida eriet mpr sta i nostra g tti in que care la s e ) u ti «Q la do a (PD imen ntro sere Agn , o a es infatti, i za mai d r sie , n i Ma Ci ha sione, se nebr u f s a e z la p ran te a Ono men tabil ercizio iero, i s v a e M a in nell’es Alex pagn com n tempo c a i as au etto te, m rtan one risp o p i m èi enz izio” iore att serv gg o a c i l m bb una di pu ono icato uppong r a c “in pres tività» to di che t imen sabilità c nte a s a o iof port con respon i r m i l I i Fen d « ale d fiche elicata e n i c o i e z d sp na esta tario di qu egre s , i os ro B sand te Ales clien ostro n l i ndo egue ro, s servizi» e t s all’e dotti e che a an ta di pro m , alia scel ta It alla n tut li, fino i o a iam leg oper iche 24 e rie prat u s a ore delle v U) i ili 24 o (P onib urocratic p s i , Fan d a b n o i a t t m Um «Sia imi aspe ebri r e fun z n dai p a or i, On aruff B o i f Al di rcato e ce r p sem mo bbia a i t a za» chiam eten iamo la comp n e v li àe i qua ibilit i per la dispon r b e fun tà, (AN) rvizi serie iano ei se assima c d r a o m nt tem er la gime Mon svol guerci p inci, o l B l i e r n «N isti neb radd ze fu cont oran n O i, Binc cello Mar proi una mid e sion eter occa olore d d ia è l l i g , e do la v o mo nto, defu in quest nto» l e d ici re, nfro pera li am o co ti e g iano a su bi quest n e r i pa iniz ulla tur che tutti n gare ù intimi, r sì che e r (RE) g iano di ag à tra i pi sabile fa b e b i t t e iB et en da d perm idari disp onia ne di sol venta in azien a m i r m i i e on la c azio a, d ll’om «Se dimostr ta. Allor i tti de a d e d r v e n i l p fo oO dalla renz nato ianlo G e r dato ta men iscre Com nza d e t s i ’ass na cara» e un antir na perso r ) a g iu ter ò (LC rzan di po morte d a o l B l , e u e la ppa pre q com i Cri nebr a sem difficile u d f è e nz ivo nto nora biett ome tro o in un m pa, O s p i o r n C «Il nte Pia fficie ed e

IETÀ

SER E E SION PAS

O VIZI R E S LICO B B PU

4 SU 2 E R 24 O

A

Z TEN E P M

E CO À T BILI

ONI

DISP

GLIA

E LA V E R BA TUR A LA NUL

AS

ENZ SIST

AD

D TA E E R ISC

NTE

CIE EFFI


telefoni utili

64TelUtili_81TelUtili_A4 26/11/15 09:38 Pagina 64

ACCESSORI IN BRONZO

CASSONI RECUPERO SALME

(PER MONUMENTI)

ARREDAMENTI (IMPRESE)

ARREDAMENTI (FIORERIE)

◆ Caggiati (Parma)..................................0521-5208 ◆ Diemme (TO) .................................011-9690230 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Diemme (TO) .................................011-9690230 ATTREZZATURE SANITARIE

◆ Alea (PI)............................................050-3160012 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 AUTOFUNEBRI

◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆

Alea (PI)............................................050-3160012 Biemme Special Cars (PD)...........0429-670633 Chiotti (CN)......................................0175-64129 Ellena (CN)......................................0175-217576 F.lli Grasso & C. (CT) ...................095-2936194 Intercar Modena (MO) .................059-8570257

BIGLIETTINI LUTTO

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Ftc (TO) ...........................................011-6471002 CAMERE ARDENTI (ACCESSORI)

◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆

Diemme (TO) .................................011-9690230 Fhp (Parma)..........................................0521-5208 Olivetti (RE) ....................................0522-875165 Riello (BS) ........................................030-6871315 Rotastyle (BG)...................................035-461214 Zenit (PV) ........................................0382-868222

CAMERE ARDENTI (FONDALI) ◆ ◆ ◆ ◆ ◆

Diemme (TO) .................................011-9690230 Fhp (Parma)..........................................0521-5208 Riello (BS) ........................................030-6871315 Rotastyle (BG)...................................035-461214 Zenit (PV) ........................................0382-868222

CARATTERI PER LAPIDI

CARRELLI ED ELEVATORI

◆ Caggiati (Parma)..................................0521-5208 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 ◆ Riello (BS) ........................................030-6871315

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 CELLE FRIGORIFERE ESPOSITRICI ☎

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 COFANI

◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆

Melloni (BS) .....................................030-2732598 Ferrari (MN)....................................0376-808901 Lavalle (CN) ....................................0172-373013 Lombarda (BS) ..................................030-311402 Lorandi (BS).....................................030-6900600 Menegardo (VR) .............................045-6450279 Rotastyle (BG)...................................035-461214 Scacf (PG)...........................................075-856328

CORNICI

◆ Caggiati (Parma) [in bronzo]............0521-5208 ◆ Rotastyle (BG) [in radica]...............035-461214 DETERGENZA E SANIFICAZIONE

FRIGORIFERI (PER COFANI)

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 FUNERAL-HOME REALIZZAZIONI ☎

◆ Apiemme Engineering (BS).............030-225492 IMBOTTITURE

IMPRESE O.F. / FUNERAL-HOME

LIBRI FIRMA

MANIFESTI LUTTO

MANIGLIE (ACCESSORI PER COFANI)

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Zenit (PV) ........................................0382-868222 ◆ Sansiro (MI) ............................................02-32867 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Ftc (TO) ...........................................011-6471002 ◆ Ftc (TO) ...........................................011-6471002 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Riello (BS) ........................................030-6871315 ◆ Rotastyle (BG)...................................035-461214

PANTOGRAFI

PRODOTTI PULIZIA BRONZI-MARMI

SALDATORI

TARGHE / ETICHETTE / SPILLE

◆ Caggiati (Parma)..................................0521-5208 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 ◆ Caggiati (Parma)..................................0521-5208 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 ◆ Impronta Digitale (TV)..................0423-721666 TAVOLI REFRIGERATI E DA VESTIZIONE

TAVOLINI FIRMA

URNE

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Riello (BS) ........................................030-6871315 ◆ Rotastyle (BG)...................................035-461214

◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆ ◆

Caggiati (Parma) .................................0521-5208 Melloni (BS) .....................................030-2732598 Ferrari (MN)....................................0376-808901 Fhp (Parma)..........................................0521-5208 Impronta Digitale (TV)..................0423-721666 L’Equipe (AL)...................................0131-253566 Lavalle (CN) ....................................0172-373013 Lombarda (BS) ..................................030-311402 Lorandi (BS).....................................030-6900600 Menegardo (VR) .............................045-6450279 Riello (BS) ........................................030-6871315 Rotastyle (BG)...................................035-461214 Scacf (PG)...........................................075-856328

VALVOLE

VELI COPRISALMA

◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Olivetti (RE) ....................................0522-875165 ◆ Fhp (Parma)..........................................0521-5208 ◆ Zenit (PV) ........................................0382-868222

aggiornato al mese di DICEMBRE 2015

MONUMENTI IN BRONZO


Progetto2_Layout 1 09/12/15 09:23 Pagina 1


Progetto2_Layout 1 09/12/15 09:22 Pagina 1


Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.