Page 1

PY CO GIO EE G FR MA O

SETTEMBRE 2017

Anno XXXVII

7

SETTEMBRE

Foto di Gianfranco Capodilupo

2017

PERIODICO DI INFORMAZIONE TURISTICA Editrice SURRENTUM sas Dir. Resp. Antonino Siniscalchi Aut. Trib. Napoli n. 3104 del 15/4/1982 - Stampa La Sorrentina

www.surrentum.it www.surrentum.net www.surrentum.com

1


2

SETTEMBRE 2017

www.ristorantebagnisantanna.com

RISTORANTE – BAR – SOLARIUM

in Marina Gande – Sorrento tel. 081 8074178


SETTEMBRE 2017

Città di Sorrento

A nome della intera Città sono

lieto di porgervi il benvenuto. L’ arrivo di ogni ospite a Sorrento è motivo di gioia per la nostra intera comunità. Ciò perché essa si sente gratificata dell’ interesse mostratole e dalla fiducia accordatale. Siamo costantemente impegnati nel mantenere alte le tradizioni che hanno reso famosa la Terra delle Sirene sul fronte dell’ ospitalità e dell’ accoglienza. In questo senso l’Amministrazione Comunale e tutti gli imprenditori impegnati sul fronte turistico sono costantemente al lavoro nel tentativo di creare le condizioni per far sì che ogni soggiorno ed ogni genere di vacanza a Sorrento si trasformino in una esperienza da ricordare con piacere. Ogni anno continuiamo a riscontrare brillanti risultati tanto in termini di incremento del numero di visitatori che prediligono Sorrento per i loro soggiorni, quanto in termini di apprezzamento espressi dai principali tour operator nazionali ed internazionali. Questo, però, non ci appaga, ma stimola

3

Giuseppe Cuomo, Sindaco / the Mayor

On behalf of the entire Town I ancora di più il nostro desiderio di conservare elevati standard qualitativi tanto in ordine ai servizi offerti a coloro che, come voi, ci accordano la propria fiducia, quanto in merito alla opportunità di allestire un calendario ricco di eventi e di manifestazioni che siano in grado di soddisfare le aspettative di ogni genere di utenza. In questa ottica cerchiamo di migliorare giorno dopo giorno, confidando nella possibilità di incontrare la piena soddisfazione dei turisti che ci fanno visita. Ci auguriamo, infatti, che essi, oltre ad apprezzare le bellezze paesaggistiche, storiche ed architettoniche che offre il nostro territorio possano gradire un carnet di appuntamenti che speriamo risulti essere interessante, vario ed ammiccante. Nel dedicare metaforicamente a tutti la celebre canzone intitolata “Torna a Surriento” – che è il vero inno della nostra terra – ci auguriamo che le sue note possano alimentare il desiderio di venirci a trovare, ancora una volta, anche in futuro.

am pleased to welcome you. The arrival of each guest in Sorrento is a source of joy for our entire community as we feel immense gratitude for their interest and the trust they give us. We are constantly committed to maintaining high the traditions that have made the Land of the Sirens famous in the field of hospitality. In this sense, the City Council and all entrepreneurs engaged in the tourism field are constantly working in an effort to create the conditions to ensure that each stay and every type of holiday in Sorrento is an experience to remember with pleasure. Each year we continue to experience excellent results, both in terms of increasing the number of visitors that choose Sorrento for their stays, and in terms of appreciation expressed by the main national and international tour operators. However, all this does not just satisfy us, but further stimulates our desire to keep our quality standards high, both regarding the services offered to

those who, like you, trust in us, and the opportunity to set up a calendar full of events and activities that will meet the expectations of every guest. To this end, we are trying to improve day by day, trusting in our ability to meet the full satisfaction of all of the tourists that visit us. Indeed, we hope that apart from enjoying the landscape and historical and architectural beauty offered by our region, our visitors will also enjoy an interesting, diversified and appealing set up of attractions that we have planned. In dedicating the famous song “Torna a Surriento” to everyone – which is the true anthem of our area – we hope that its notes can convince you to come back to visit us again in the future.

AZIENDA AUTONOMA DI SOGGIORNO E TURISMO SORRENTO - S.AGNELLO Via Luigi De Maio, 35 - 80067 Sorrento (Napoli) - Tel. 081 8074033 - Fax 081 8773397

www.sorrentotourism.com

Foto CARLO ALFARO

benvenuti welcome

Il meraviglioso scenario naturale fa della penisola sorrentina una delle destinazioni turistiche più famose al mondo, qui l’accoglienza e l’ospitalità sono arti tramandate da una generazione all’altra.

With the breathtaking landscape, the art of hospitality and friendliness handed down from generation to generation it is no wonder Sorrento Coast attract visitors from all over the world.

ORARIO DI APERTURA LUNEDÌ/VENERDI’ 8,30 - 19,30 - SABATO, DOMENICA E FESTIVI 9,00 - 19,30 OPENING HOURS MONDAY/FRIDAY 8.30AM – 7,30PM - SATURDAY, SUNDAY AND BANK HOLIDAYS 9,00AM - 7,30PM


4

SETTEMBRE 2017

IN MOSTRA A VILLA FIORENTINO

MARC CHAGALL I COLORI DELL’ANIMA

D

al 15 luglio è in esposizione la mostra di dipinti di Marc Chagall dal titolo “I Colori dell’Anima”. Le opere dell’artista francobielorusso sono esposte nelle 10 sale di Villa Fiorentino, la splendida dimora del corso Italia sede della Fondazione Sorrento. A Villa Fiorentino sono esposte in tutto 120 opere, tra le quali spiccano 20 capolavori assoluti realizzati mediante varie tecniche, dall’olio su tela alle gouache su carta, passando dai disegni a matita colorata fino agli inchiostri di china su masonite. A compendio di questo importantissimo nucleo di lavori pittorici, sono affiancate tre cicli tra litografie ed acqueforti per un totale di 100 opere grafiche. Per quanto arduo sia stilare una classifica di rilevanza, il cardine della mostra è senza dubbio rappresentato da quattro opere di grandi dimensioni che, in ordine cronologico, sono: “LA CRUCHE AUX FLEURS”, olio su tela datato 1925, opera iconica della ricerca del maestro

sulle tematiche floreali che lo accompagneranno per tutta la vita. “RUSSIAN VILLAGE”, olio su tela del 1929, uno struggente omaggio alla memoria poetica ed allo stesso tempo realistica del paese natale dell’autore. “LE COQ VIOLET” risalente al periodo 1966 – 1972, una tecnica mista (olio, gouache e inchiostro di china su tela) considerata tra le opere maggiormente rappresentative dell’intera produzione di Chagall nella sua piena maturità artistica. “L’HOMME ROUGE À LA CASQUETTE”, opera datata 1976 ed anch’essa una tecnica mista, ovvero olio e gouache su tela, nella quale si affacciano e mescolano temi cari al maestro come i soggetti animali, e sottili tematiche religiose. A compendio di questa selezione di opere originali, è presente un’area multimediale, nella quale vengono mostrate ed animate alcune tra le splendide vetrate multicolori di destinazione ecclesiastica realizzate da Marc Chagall.

Via Nassa 62 6900 LUGANO - SWITZERLAND info@imago-artgallery.com Tel. / Fax: +41 (0) 919 214 354 www.imago-artgallery.com

D/7

VIA SAN CESAREO 36/38 SORRENTO TEL. 081 8781289

WWW.TROLLBEADS.COM


SETTEMBRE 2017

EXHIBITION IN VILLA FIORENTINO

MARC CHAGALL THE COLOURS OF THE SOUL tedly be represented by four large works that will be in chronological order: “CRUCHE AUX FLEURS”, oil on canvas dating from 1925, is an iconic work of the master’s research on the floral themes that will accompany him throughout his life. “RUSSIAN VILLAGE”, oil on canvas of 1929, a stingy tribute to the poetic memory and at the same time realistic of the native country of the author. “COQ VIOLET” dating from 1966 to 1972, a mixed technique (oil, gouache and china on canvas), considered among the most representative works of Chagall’s entire production in his full arti-

Fondazione Sorrento stic maturity. “THE HOMME ROUGE À LA CASQUETTE”, dated 1976, is also a mixed technique, that is, oil and gouache on canvas, in which they overlook and mix dear themes to the master like animal subjects, and subtle religious themes. A compendium of this selection of original works, there will be a multimedia area where some of the wonderful multicolored ecclesiastical glass windows made by Marc Chagall will be shown and animated.

DAL 1 AL 30 SETTEMBRE 10 - 13 e dalle 17 - 21; DAL 1 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 10 - 13 e 16 - 20. Ingresso intero € 5, ridotto per gruppi superiori a 10 persone € 3 Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

FROM SEPTEMBER 1 TO SEPTEMBER 30 10 am to 1 pm 5 pm to 9 pm; FROM OCTOBER 1 TO NOVEMBER 15 10 am to 1 pm and 4 pm to 8 pm. Full fare € 5, reduction for groups over 10 persons € 3 each Last admittance 30 minutes before closing

BOUQUET DE BLEUETS – 1930 – 47 X 37,5 cm olio su tela

GRAND BOUQUET ROUGE – 1975 – 75,3 X 58,7 cm pastello e acquerello su carta

O

n Saturday, July 15, at 19:30, the opening of Marc Chagall’s paintings exhibition entitled “Colors of the Soul” was held. The works of the Franco-Belarusian artist are exhibited in the 10 rooms of Villa Fiorentino, the splendid home of the Sorrentine Foundation, Italy. The event, strongly endorsed by the president of the institution, Gianluigi Aponte and the managing director, Gaetano Milano, is realized with the support of the municipal administration led by Mayor Giuseppe Cuomo and in collaboration with the Imago Art Gallery of Lugano. The visitor will have the opportunity to admire in the heart of Sorrento an extraordinary collection of pictorial and graphic works carefully selected to illustrate the artwork, complexity, vastness and multiplicity of topics addressed By one of the greatest artists of the last century. Villa Fiorentino will be exhibited in 120 works, including 20 masterpieces made of various techniques, from oil to canvas to gouache on paper, from colored pencil drawings to china on masonite inks. As a compendium of this most important piece of pictorial works, three cycles of lithographs and etchings will be joined together for a total of 100 graphic works. No matter how difficult it is to draw up a ranking of relevance, the exhibition’s hub will undoub-

5

la serra N AT U R A L W E L L B E I N G R E J U V E N AT E - B E AU T Y

R E L A X A N D U N W I N D AT T H E M O S T B E A U T I F U L S PA I N S O R R E N TO *Info & Bookings Tel. 081 877 7877 - laserra@exvitt.it - Piazza Tasso 34, Sorrento (at the Excelsior Vittoria)

D/9


summertime A VILLA FIORENTINO 2017 6

SETTEMBRE 2017 1 Settembre 3 Settembre 8 Settembre 10 Settembre 15 Settembre 17 Settembre 22 Settembre 24 Settembre

Canta Napoli Opera, Pulcinella e canzoni napoletane Metti una sera con… Risate da numeri uno Canta Napoli Opera, Pulcinella e canzoni napoletane Mister Volare Omaggio a Domenico Modugno Canta Napoli Opera, Pulcinella e canzoni napoletane Il Bellavista Tarantella nel Castello Putipù Tour Canta Napoli Opera, Pulcinella e canzoni napoletane Soul Six Vocal Group Sacro Profano Live Tour

presentate da Opera di Roma presentate da Opera di Roma presentate da Opera di Roma presentate da Opera di Roma

Studi sul Teatro  Opera In Roma s.r.l.  FADE IN Dir. Artistica Giuseppe Prudente  Centro Napoletano  ASD Sport Cultura e Intrattenimento  Ass. “Insieme in Musica”  Associazione “Ars Scrivendi”

Proposte artistiche a cura di:

3 settembre Metti una sera con ... Risate da numeri uno Una singolare performance che si alterna fra musica ed esilaranti monologhi. Uno spettacolo originale a metà strada fra il teatro, la musica e il cabaret. Caratteristica peculiare l’interazione con il pubblico, che non rimane passivo spettatore, bensì attivo interprete, cosicché lo spettacolo si sviluppa agile e godibile, per un pubblico in vena di divertirsi. Monologhi efficaci, pezzi di teatro, evergreen musicali che fanno “Metti una sera con ... “ un vero e proprio varietà. La particolarità di questo spettacolo? Il protagonista. Un numero uno del panorama teatrale partenopeo. 10 settembre Mister Volare, omaggio a Domenico Modugno A quasi 60 anni dalla pubblicazione della canzone italiana più celebre al mondo - Nel Blu Dipinto di Blu [Volare] - il ‘cantattore’ Marco Francini continua la sua ricerca nell’evoluzione del cantautorato italiano ripercorrendo la storia dell’indimenticabile Domenico Modugno.Dopo l’ottimo successo raccolto da Francini tra il 2010 e il 2015 con il tour italiano di Meraviglioso, lo spettacolo MISTER VOLARE - Omaggio a Domenico Modugno accompagna lo spettatore in un nuovo, appassionante viaggio nei momenti-chiave della vita di un artista che ha caratterizzato il panorama culturale dell’Italia del secondo Novecento.Le canzoni, i testi, la poesia e le collaborazioni con grandi autori si fondono in un ricchissimo racconto di musica e parole, dal quale ‘emergono’ anche testi straordinari di Eduardo De Filippo, Vittorio De Sica, Fabrizio De Andrè e Luigi Pirandello… On stage: Marco Francini, voce|chitarra Mauro Spenillo, pianoforte|fisarmonica|voce Roberto Giangrande, basso Michelangelo Iossa, percussioni|voce Agostino Mennella, batteria

17 settembre Il Bellavista “Tarantella nel castello putipù” tour Eccovi alla corte di Bellavista, La sua musica? Una funambolica commistione tra i generi più disparati che strizza l’occhio al teatro canzone. Il 13 maggio 2016 abbiamo dato il benvenuto al suo primo disco da solista, “Tarantella nel Castello Putipù”, in cui da libero sfogo alla sua versatilità come musicista e si prende beffa di quel circo variopinto che è la società attuale. Chitarre, moog, tammorre, percussioni, fisarmoniche, mellotron e bassi ricreano un sound ricco su cui imbastire una spavalda ironia. On stage: Enzo Fiorentino (BELLAVISTA), voce, chitarra acustica Flavio Gaudino, chitarra elettrica, chitarra classica, cori Valentina D’Amore, basso Pasquale Rummo, batteria Alberto Pesce, piano e Synth

24 settembre Soul Six Vocal Group “Sacro Profano” live tour Voci calde e sincere si intrecciano per comunicare energia e passione, musicisti provenienti da background musicali molto eterogenei, ma uniti da una comune radice Soul. Il Soul Six nasce ufficialmente nel 2006, spinti dalla passione per l’armonizzazione vocale e per il canto corale. Il punto di forza che da allora ha sempre contraddistinto il gruppo è la marcata diversità in carattere e vocalità dei componenti, fonte di incontri, scontri e, come accade normalmente in musica, accordi e dissonanze. Le diverse esperienze musicali hanno sempre trovato una convergenza al Soul, al Pop e al Gospel. Con arrangiamenti originali il gruppo reinterpreta brani di musica internazionale fino a contaminare, in stile “ballad” o addirittura con ritmiche di tammorra. On stage: Gianluca Marrazzo, piano e voce Giusy Visconto, Susanna Giordano, Carmine Granato, Giusy Vigliotti, voci Vins Provvido, batteria

E/5


SETTEMBRE 2017

7

1 ,8, 15, 22 settembre Canta Napoli Opera, Pulcinella e canzoni Napoletane Questo indimenticabile concerto lascerà indelebile il meraviglioso ricordo del vostro viaggio in Italia! Il connubio tra la tradizione napoletana e la grande Opera italiana ha luogo nel cuore di Sorrento, nella splendida Villa Fiorentino, una perla neoclassica che spicca nel Corso centrale. Soprano e Tenore si esibiranno nei capolavori che hanno reso celebre l’Italia in tutto il mondo, in questa occasione unica accompagnati da un esilarante Pulcinella vivente che si muove sulle note della tradizione: mandolino, violino, violoncello e pianoforte! In questo concerto unico, nell’elegante cornice della Villa neoclassica, si cimentano artisti di qualità indiscussa. Vi accompagnerà il mimo Pulcinella alla scoperta delle più famose arie d’Opera da La Traviata, Rigoletto e Tosca, per citarne alcune, e della tradizione Napoletana, con le bellissime O Sole mio, Funiculì Funiculà e Torna a Surriento.

VILLA FIORENTINO - SORRENTO Corso Italia 53 - Tel. +39 081 8782284 info@fondazionesorrento.com www.fondazionesorrento.com

La mostra, curata da Raffaele Celentano, che raccoglie oltre 70 scatti, è allestita nelle sale restaurate di Villa Fiorentino ed è aperta fino al prossimo 30 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Ingresso 5 euro.

LA PERGOLA open at lunch for snacks and in the evening for dinner with live piano

C/7

Piazza della Vittoria, 5 - 80067 SORRENTO - tel. 081 8781024 - 081 8781604


8

SETTEMBRE 2017

PERSONAGGI

RUGGERO CAPPUCCIO

Ha letteralmente trionfato nella recente direzione del Na-

politeatrofestival che, alla decima edizione, ha raccolto consensi di pubblico e critica. Senza fermarsi un attimo si è poi spostato nell’ amato Cilento per “ Segreti d’autore”, la rassegna che dirige da anni. Drammaturgo, scrittore, regista, anche attore-, Ruggero Cappuccio continua a stupire , come in occasione delle ultime interpretazioni in “ Spaccanapoli times”e “ Don Chisciotte”, in scena al Teatro San Ferdinando per il Teatro Stabile. Visto da vicino poi, è quello di sempre, un intellettuale serio e schivo che con curiosità e attenzione, intelligenza e pudore, ha sempre aggiunto al suo percorso riconoscimenti e consensi. Ed è con un respiro antico, quasi un alito di cultura e conoscenza che, “guardando le cose nel profondo”, con verità e autentica discrezione - sua armatura naturale - ricorda quanto ha fatto.

Vorrei partire dalla memoria: che cos’è per lei e quanto conta? Ci vorrebbe tempo per approfondire. Per me la memoria è la scoperta, perché il passato è impenetrabile, così come il futuro. Quando una persona scopre qualcosa di sè e del suo vissuto che non pensava di sapere, la scoperta diventa una forma di preveggenza all’indietro. Sappiamo cosa abbiamo materialmente fatto dieci anni fa ma spesso ignoriamo chi eravamo quando lo stavamo facendo. E scoprendolo è come se avesse previsto il futuro con la soluzione di quanto fatto. Allora, valutando il passato, si può avere un sobbalzo. E’ come trovare chiavi capaci di aprire la memoria personale. Poi c’è la memoria genetica o quella storica. Quando aveva undici- dodici anni ricorda com’era? Ero un bambino che viveva prevalentemente con la nonna materna Rachele, speciale e moderna al punto che le mie cugine si rivolgevano a lei piuttosto che alle loro mamme. Una nonna narratrice, in una casa immensa, animata dalla musica, che era una specie di Luna park, in cui si muoveva il bambino che ero e che, tutto sommato, era già quello che sarebbe diventato: cercando alcune solitudini, amando più le cose che le persone, un ragazzo che amava lo sport, anche uno studente normale ma considerato l’enfant prodige della classe.

Quando, come e perché il giornalismo entrò nella prima fase della sua vita? È stato veramente un accidente accaduto quando Giuseppe Rocca, giornalista e critico teatrale di “Paese sera”, che aveva letto alcuni miei scritti, mi chiede di collaborare. Il giornalismo è un coltello che può essere usato in due modi e quindi porta in sè pericoli ma anche altro. In me dal giornalismo è rimasto il segno della disciplina e altri interessi ma, a ventinove anni, mi sono dimesso quando con “Delirio marginale” ho vinto il Premio Idi, prestigioso perché in precedenza dato a personalità immense come Eduardo, Bacchelli e così via. In seguito a questo mio primo testo teatrale decisi di dedicarmi alla regia. In aggiunta e oltre a quella teatrale quando ha affrontato la regia musicale? La musica ha sempre occupato parte della mia cultura perché in casa della nonna c’era sempre un pianoforte. Ho fatto la mia prima regia lirica a trentaquattro anni al Teatro alla Scala con “Nina pazza per amore” di Paisiello, con la direzione di Riccardo Muti. Come avvenne questa sua prima esperienza prestigiosa? Riccardo Muti aveva sentito alla radio “Desideri mortali”. Nel frattempo era morto il regista Giorgio Strehler, che avrebbe dovuto firmare la regia, e Muti, dopo essersi consultato con Luca Ronconi e anche con


SETTEMBRE 2017

Roberto De Simone, pensò che un giovane alla regia non avrebbe creato alcun imbarazzo per la sostituzione di un nome così grande come Strehler. Per fortuna andò benissimo tant’è che, ancora con il Maestro Muti, ho fatto la regie di “Falsaff “e in seguito de “Il ritorno di Don Calandrino”, un’ opera inedita di Cimarosa, trovata nella Biblioteca dei Girolomini».

Essere selettivo fa pensare al significato che hanno la cultura e la qualità….vuole dirmi cosa sono per lei? La cultura è la sensibilità o addirittura l’affinamento della sensibilità. La qualità è l’assoluto. E se non si pensa a tutto questo. Viene da pensare che tutti gli esseri umani fanno le stesse cose: mangiare, vestirsi, studiare, ma come?

È orgoglioso di quanto ha fatto? Fino ad un certo punto della vita mi ha appartenuto questo tipo di sentimento poi non c’è più stato.

Ha avuto maestri che, più di altri, nel corso della vita hanno inciso sulla sua formazione? A parte la nonna, oltre alla autoeducazione che ciascuno può fare da se, è necessario il bisogno di avere chi incide sul percorso. Una persona fondamentale è stato Aldo De Simone, professore di filosofia ma anche scrittore e intellettuale speciale, amico di Herman Hesse, che viveva appartato, presso il quale noi ragazzi ci riunivano per passare interi pomeriggi a parlare di autori come Thomas

È ambizioso? Sì, nella misura in cui la mia ambizione può servire agli altri, in ogni caso ho un’ambizione sempre per la qualità delle scelte. Sono famoso più per le cose non fatte che per quelle fatte. Questo per un mio senso di responsabilità.

Mann! È indimenticabile ricordare che si è occupato della formazione di ragazzi che, a quindici anni, lo prediligevano alla discoteca! Altri incontri significativi sono stati Roberto De Simone, Raffaele La Capria, Gioacchino Lanza Tomasi e di recente Franco Battiato».

timista ma costruttivo. Non ho illusioni ma sono spinto a guardare le cose nel loro profondo.

Da dove nasce l’invenzione? È un seme che ha una lunga sedimentazione quando poi esce una fogliolina arriva l’ispirazione, che è un momento terminale, mai iniziale di un processo creativo. I lavori teatrali andati in scena sono un momento terminale di una lunga preparazione, anche per l’interesse sempre avuto, per chi ha problemi che mi hanno interessato, non troppo dissimili da quelli degli artisti. Spaccanapoli è un’arteria centrale della nostra città che somma storie antiche: greche, romane, normanne, angioine e che includono il mondo esoterico di Raimondo de Sangro…e poi Don Chisciotte con la sua follia si racconta da solo!

Se dovesse raccontarsi? Ciascuno di noi ha una sua natura: tutto si può cambiare o capovolgere. Personalmente non ho fatto fatica a coltivare la mia indipendenza.

Che cosa non tollera o non sopporta? Non sopporto il culto della velocità che non è amica della profondità. Anche l’aggressività non mi piace.

Si è mai sentito solo nelle scelte o nella vita quotidiana? Solo con grande piacere, come diceva Leonardo Da Vinci! La solitudine è necessaria. Per finire: che cos’è Napoli per lei? La madre con la quale si lotta e si gioca.

Giuliana Gargiulo

C’è un motivo per cui sempre più spesso fa l’ attore? Continuerà a recitare? Fare l’attore è capitato. Quando lo Stabile mi chiese di mettere in scena qualcosa di mio ho pensato potessero essere interessanti le mie proposte. Non penso che continuerò a recitare». Si considera ottimista? Quando ho varcato i confini del pessimismo sono diventato ot-

Christmas Shop Via degli Archi, 18 - SORRENTO - tel. 081 8075815

9

D/8


10

SETTEMBRE 2017

UNA VETRINA D’ARTE

Gaetano Milone

PEZZI UNICI DA ERRE-ESSE

L’

acronimo Erre - Esse che campeggia all’ingresso di un’originale vetrina d’arte di via Tasso a Sorrento, arcano per il «forestiero», ma familiare agli addetti ai lavori, (Ruoppo - Simioli, le iniziali dei titolari), nasconde il cuore pulsante di un’antica bottega d’orafi, creatori di oggetti particolari, in oro ed argento, riparatori e restauratori di «pezzi» unici. Vecchi banchetti, originali ed introvabili attrezzi per una manualità teorico-pratica, acquisita nella frequentazione giovanile dello storico, locale, Istituto d’Arte e perfezianata in anni di intelligente attività lavorativa fanno di quest’azienda tappa obbligata per gli amanti del bello, del prodotto unico, della trasformazione di piccoli sogni in gioielli per tutti. «Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni» scriveva Goethe nel suo Grand Tour ed ecco dalla creatività artistica di Salvatore Simioli «germogliare» piccoli

ma fantastici limoni in argento, di un verde naturale, sapientemente smaltato, originali ciondoli e anelli così come l’”arancia d’oro», realizzata da Giuseppe Ruoppo per gli «Incontri Internazionali del Cinema» prestigiosa manifestazione che portò Sorrento alla ribalta del cinema internazionale. Ed ancora bracciali, anelli collane di pregiato corallo dei nostri fondali, incastonatura di pietre preziose, incisioni. Il tempo sembra essersi fermato nella bottega di via Tasso dove l’innammorato del bello, del prodotto autentico, realizzato dalle mani creative dei due «vecchi» artigiani sopravvissuti tenacemente al made in Cina o a prodotti di una globalizzazione che sta annientando l’artigianato locale, entra in una «macchina del tempo» e ripercorre visivamente vecchie e mai superate tecniche lavorative tramandate da padre in figlio.

The acronym Erre - Esse stands at the entrance of an original window

showcase of Via Tasso in Sorrento, (Ruoppo - Simioli, the initials of the holders ), hides the pulsating heart of an old jewelery shop, creators of special items, gold and silver, repairers and restorers of unique pieces. Old banquets, original and unobtrusive tools for a theoretical-practical handicraft, acquired in the youthful attendance of the historic local Art School and perfectioned in years of work activity makes this company a must-have for lovers of beauty, product unique, transforming small dreams into jewelry for everyone. “You know the land where the lemon blooms,” Goethe wrote in his Grand Tour and here is the artistic creativity of Salvatore Simioli “sprout” small but fantastic silver lemons, natural enamel green, original pendants and rings, “Golden orange” by Giuseppe Ruoppo for the prestigious “International Meetings of Cinema” that brought Sorrento to the forefront of international cinema. And still bracelets, rings of precious coral necklaces of our backs, garnish of precious stones, engravings. Time seems to have stopped in this shop where the charm of the beautiful authentic product, made by the creative hands of the two “old” craftsmen, enters a “time machine” and visually retraces old and never overcome working techniques handed down by father to son.

APERTO TUTTI I GIORNI PER COLAZIONE | PRANZO | CENA OPEN EVERY DAY FOR BREAKFAST | LUNCH | DINNER

sulla spiaggia

RISTORANTE DI PESCE FRESCO

Dj music OGNI FINE SETTIMANA APERITIVO AL TRAMONTO

Via Marina di Puolo 47 Sorrento.

Info

+39 081 350 0722


SETTEMBRE 2017

DA 25 ANNI A SORRENTO E A PIANO

GLI ATELIER DEL BENESSERE VISIVO

A

Sorrento in Corso Italia 209/211 e a Piano di Sorrento in Corso Italia 132/134 ci sono due veri e propri “atelier del benessere visivo”, accoglienti e funzionali, in grado di offrire una consulenza personalizzata e una gamma di soluzioni ottiche tra le più adeguate e innovative grazie all’elevata professionalità di Franco Perna, che venticinque e tre anni fa ne ha aperto i bat-

A/15

tenti. Inaugurato nel 1992 col nome di Ottica Galileo, nel 2008 il centro ottico, col nuovo nome di VisionOttica Sunrise, è entrato a far parte di VisionOttica, l’insegna nazionale che unisce i migliori professionisti dell’ottica con oltre 260 punti vendita in Italia. Alla luce del successo ottenuto nei primi 20 anni di attività, nel 2014 l’imprenditore ha deciso

11

dalla Redazione di fare il bis replicando l’offerta dei suoi servizi e ha inaugurato VisionOttica Perna a Piano di Sorrento. Da VisionOttica Perna e VisionOttica Sunrise - che quest’anno celebra i venticinque anni di attività - si può trovare un ampio assortimento di lenti oftalmiche ad alta tecnologia e di montature da vista e sole per soddisfare tutte le esigenze: da chi necessita di soluzioni ottiche personalizzate, ai fashion victim, agli sportivi, a chi ricerca un ottimo rapporto qualità-prezzo. Tradizione ed innovazione si fondono in un’insegna in cui, accanto al marchio nazionale, si uniscono il nome, l’esperienza e la professionalità dell’imprenditore locale. Fra i molti vantaggi che tale collaborazione comporta, il SOS - Servizio Occhiali Sicuri - che consente al cliente di beneficiare di un programma di assistenza anche dopo l’acquisto del prodotto, con una gamma di servizi e garanzie di grande valore. Il cliente che entra da VisionOttica Sunrise e VisionOttica Perna accede così ad una “corsia preferenziale” tutelato dalle Certificazione di Qualità del Servizio di VisionOttica, prima in Europa

ad aver ottenuto questo importante accreditamento che si affianca alla Certificazione di qualità ISO 9001 secondo la normativa ISO 13485 sui dispositivi medici. Inoltre, da VisionOttica Sunrise e VisionOttica Perna è possibile sottoporsi all’esclusivo Test dello Stress Visivo che ha lo scopo di rilevare segnali di inefficienza della visione che possono manifestarsi nello svolgimento delle normali attività quotidiane. Un semplice ma accurato screening che permetterà di individuare e consigliare la soluzione ottica più adatta alle specifiche esigenze del cliente con l’obiettivo di garantire il benessere visivo. Il test, patrocinato dalla Società Oftalmologica Italiana, non sostituisce la visita del medico oculista, che VisionOttica consiglia di effettuare periodicamente. VISIONOTTICA SUNRISE SORRENTO Corso Italia 209/211 tel. 081 8072210 VISIONOTTICA PERNA PIANO DI SORRENTO Corso Italia 132/134 tel. 081 8787618 www.visionotticasunrise.it


12

SETTEMBRE 2017

8 - 10 SETTEMBRE NEL GOLFO DI SORRENTO

XXIX EDIZIONE DEL TROFEO DE MARTINO

U

na tradizione che consolida la passione per la vela ed il ricordo di un grande pittore metese. Nel secondo weekend di settembre, dall’8 al 10, le acque del golfo di Sorrento ospiteranno la ventinovesima edizione della regata per vele d’epoca “Trofeo Eduardo de Martino” intitolata all’illustre marinista nato a Meta nella seconda metà dell’Ottocento e vanto dell’intera penisola. La manifestazione organizzata

D/12

dall’associazione velico culturale “Asso vela a tarchia”, con il presidente Giancarlo Antonetti, che si batte per il recupero e la salvaguardia delle tradizione marinare della penisola, dal Circolo nautico Marina di Alimuri con il presidente Fulvio Cafiero che garantisce il supporto tecnico della manifestazione con la sezione delle Vele d’epoca e la sezione sorrentina di Italia Nostra che con lo storico Massimo Maresca conferisce prestigio e professionalità all’evento.

DAI NAVIGATORI SARACENI AI PESCATORI SORRENTINI IL SEGRETO DELLA BUONA SORTE Le “maglie” intrecciate delle reti dei pescatori sorrentini, una lettera S su un cilindro di ceralacca che si “insinua” e diventa una sirena. Il tutto, accompagnato con la suggestione di una lettera “datata”, ma sempre attuale. È il braccialetto che ha realizzato Marco Gargiulo, ispirato a storie e leggende delle terra delle sirene. Un braccialetto che riesce a coniugare antichi mestieri sorrentini e la laboriosità dei nostri pescatori, in una forma semplice ma accattivante. Scalpita quella storia……vuole uscire dalla bottiglia, da troppo tempo in attesa. Eh sì, parla di Sorrento, ma anche dei Saraceni, insieme sono sorgente di saggezza, quando ognuno pensava a come poteva essere quella vita senza “S”. Lei è Successo, Salute, Soldi, Sentimento, Sesso, Serenità, Spiritualità, Sicurezza. Oppure Schiavo. Sì, uno Schiavo pescatore che lascia quel segno sulla costiera, lui tornato libero nella sua Terra, sopravvissuto ad un naufragio, lancia in mare quella bottiglia, sperando che qualcuno la raccolga per far si che il segreto venga condiviso. Star bene è importante…tra cultura, religione, divergenze o differenze…chi vince è la “S”. Così dai navigatori Saraceni, quel messaggio, passa ai pescatori della terra delle Sirene, proprio loro scolpiti da Sole e Salsedine… Solchi di Saggezza. Non a caso tutte queste parole di prosperità e benessere, nella lingua italiana iniziano per “S”, proprio come SORRENTO...angolo d’amore e ispirazione. ”Mi trovavo una sera a Marina Grande, ovviamente davanti ad uno dei posti più suggestivi al mondo e ripensavo a ciò che avrei voluto dal mio futuro – spiega Marco Gargiulo -. Siccome il posto mi trasmette energia positiva mi sono trovato ad elencare cose del tipo serenità soldi sesso cose che realmente voglio siano parte della mia vita. Subito notai che tutte le parole elencate anche nella storia del bracciale iniziavano per “S” proprio come il mio paese. Ora volevo portare sempre con me quella sensazione. Tutto il giorno e tutti i giorni e pensai di realizzarmi un bracciale. Ovviamente doveva racchiudere tutte le sensazioni provate quella sera. Rappresentare la “S” sarebbe stato l’ideale. Osservando dei pescatori intrecciare le reti per pescare pensai di usare come base proprio la rete. Prova dopo prova è venuto fuori questo bracciale. Ora come condividere la mia sensazione con gli altri non solo del mio paese, ma anche persone a chilometri di distanza? Decisi di creare come packaging una busta da lettera pronta per essere spedita”. Si parte…


SETTEMBRE 2017

13


14

SETTEMBRE 2017

ARCIDIOCESI DI SORRENTO/C.RE DI STABIA

EPISCOPIO PORTE APERTE

M

L’itinerario previsto propone la possibilità di visitare la sala affrescata con pitture della seconda metà del ‘500, detta sala San Tommaso, la serie dei saloni tra cui quello principale comprendente la cappella Palatina fino al balcone che affaccia sul corso Italia. Non si tratta di un museo ma è certamente il primo passo che prelude all’allestimento del terzo polo del museo diocesano sorrentino stabiese dopo la sede già aperta di Castellammare e quella in via di completamente sotto l’antica cattedrale di Vico Equense. Il palazzo arcivescovile risale alla fine del ‘500 con interventi fino alla metà del ‘900, e si presenta come un palazzo nobiliare in quanto i vescovi del passato non si sentivano da meno dell’aristocrazia locale. L’appartamento ospitava il vescovo nel palazzo episcopale al fianco del Duomo di Sorrento. A curare le attività, don Pasquale Vanacore, delegato ai beni culturali della diocesi di Castellammare-Sorrento. Così, accanto a reperti marmorei romani e a un’epigrafe longobarda già conservati nell’edificio del 1500 che confina con il campanile simbolo della città, sono ospitate anche una serie di opere che rappresenteranno la cultura del luogo. Tra queste una Madonna con Bambino, una Via Crucis e un San Catello realizzati dallo scultore di Pompei Domenico Paduano, allievo a Roma di Marino Mazzacurati e frequentatore nel dopoguerra degli studi di Emilio Greco e Pericle Fazzini. Li ha donati al Vescovo di Sorrento Francesco Alfano e all’Episcopio il figlio dell’artista scomparso, Dino Paduano, che con la sua famiglia s’interessa di tutelare e valorizzare l’opera del padre. Uno scultore, ma anche un disegnatore raffinato, che lavorava materiali diversi come la terracotta, il bronzo ma anche sostanze più ‘moderne’ come il cemento e la granaglia, tipici anche del busto del poeta Alfonso Gatto esposto nel Museo provinciale di Salerno

E/7

English Inn

artedì 1 agosto, al tramonto di una calda e afosa giornata estiva, il nostro Arcivescovo Francesco Alfano, ha aperto le porte della sua antica dimora sorrentina. L’iniziativa di aprire al pubblico parte dell’appartamento storico del vescovo, nasce dalla volontà della Curia di mettere a conoscenza, e rendere fruibile, parte del patrimonio storicoartistico in esso conservato, in previsione di una prossima destinazione a Museo Diocesano. Il palazzo arcivescovile, sin dalla fondazione della Diocesi di Sorrento, avvenuta approssimativamente intorno alla metà del V secolo, sorge nel centro storico della città; unito al complesso del Seminario e alla chiesa Cattedrale, in continuità dal Medioevo a oggi, forma una grande insula ecclesiastica, inserita nello spazio urbano a ridosso della cinta muraria meridionale della fortificazione romana, poi vicereale, il cardine maggiore (via Sersale) e il primo decumano minore sud (via Pietà). L’attuale struttura del palazzo risale alla seconda metà del XVI secolo; è fronteggiato dalla Cattedrale e occupa parte del primo piano di ciò che resta del quadriportico che fungeva da atrio al Duomo medievale, sul lato orientale adiacente al campanile romanico. L’antica dimora arcivescovile andò in gran parte distrutta dal saccheggio portato alla città

dai turchi nel giugno 1558 e fu riedificata nelle forme attuali dall’arcivescovo Giulio Pavesi (1558-1571) con il proprio contributo economico, insediatosi sulla cattedra sorrentina a un mese dal tragico evento. Agli inizi dell’Ottocento, sotto l’episcopato dell’arcivescovo Vincenzo Calà (1805-1817), l’edificio fu restaurato e ampliato: il grande salone nel quale erano affrescati gli stemmi dei vescovi e arcivescovi sorrentini fu diviso in due ambienti, uno dei quali accolse la nuova cappella palatina. L’aspetto odierno è frutto della ristrutturazione agli ambienti avvenuta negli anni cinquanta da parte dell’arcivescovo Carlo Serena (1945-1972) il cui stemma campeggia al centro del pavimento del salone. Si articola in una successione di sale che si aprono su una lunga loggia continua, fulcro del quale è l’elegante salone di rappresentanza, anticamera alla cappella domestica e lo splendido salone degli affreschi o Sala San Tommaso, che occupa l’ala meridionale, aperta sul giardino di agrumi attraverso quattro grandi finestre. È arredato con oggetti e opere d’arte donate e raccolte nei secoli, che costituiscono parte del patrimonio storico artistico della Diocesi. È stato utilizzato e abitato fino al 2000 come residenza del vescovo diocesano.

Sabina Scents Gifts and Niche Perfumes

Sorrento • Corso Italia 55/59 • www.englishinn.it

For my good friends at the English Inn. Watercolor painting by Professor Jeff Johnston of Alfred State College, Alfred NY Coordinator of Architecture Study abroad at Sant’Anna Institute Sorrento.

E/7

Corso Italia, 61 Sorrento


SETTEMBRE 2017

15

dalla Redazione

S

ince the foundation of the diocese of Sorrento which was around the middle of the 5th century the archbishop’s palace, is located in the centre of the city; connected to the seminar and the Cathedral, from medieval times till today, it forms a big Ecclesiastical insulae, collocated in the urban space near the the middle age roman wall, then viceregal, the major hub (via Sersale) and the first decuman (Via Pieta). The building dates back to the second half of the 16th century and it faces the Cathedral it occupies the first floor of what remains of the original entrance hall of the medieval cathedral. On June 1558 the ancient archbishop’s residence was destroyed by the ransack of the Turkish

and reconstructed in the present form by the archbishop Giulio Pavesi (1558-1571) with his own money. At the begining of the 800’s the episcopate was restored and expanded by the archbishop Vincenzo Cala (1805-1817), the big salon where all the paintings of the bishops coat of arms was divided in two environments one of these was converted into the new Chapel palace.

Today’s appearance is the result of restructuring that was done in the 1950’s by the archbishop Carlo Serena (1945-1972) and his coat of arms is still these days in the centre of the salon on the floor. The palace is composed of several salons that all go through a long lodge, which the most important is the salon of representation, anteroom to the domestic chapel and the beautiful

murals salon or San Tommaso salon situated in the southern part which overlooks through four huge windows onto a citrus garden. It is decorated with objects and artworks collected and donated over the centuries, that constitute part of the historical and artistic heritage of the diocese. Until 2000 it was used and inhabited as the residence of the diocesan bishop.

Terrazza Vittoria Siamo al tramonto, a Sorrento è l’ora dell’happy hour o di una cena romantica gustando i deliziosi e raffinati piatti dei nostri Chef. ■ HAPPY HOUR 19.00/20.00

It’s sunset in Sorrento, it’s time for Happy Hour or romantic dinner with a chance to taste exquisite dishes, carefully prepared by our chefs. ■ CENA/DINNER 19.00/23.00

D/6 Piazza della Vittoria, 4 - SORRENTO - tel. 081 8072608 - 081 8781476 www.continentalsorrento.com

info@continentalsorrento.com


16

SETTEMBRE 2017

Riccardo Iaccarino

Itinerario di visita al

Centro Storico di Sorrento Via Parsano - Via degli Aranci Via Sersale - Corso Italia Via Pietà - Via Luigi de Maio Piazza S. Antonino Via S. Francesco Piazza F. Saverio Gargiulo Via Vittorio Veneto - Via Tasso Via S. Nicola Via 2° Traversa Fuoro Via Fuoro - Via S. Cesareo Piazza Tasso - Corso Italia.

(1) Le antiche mura

Delle cinta difensiva greca rimane la murazione esistente sotto il piano stradale della Porta Parsano Nuova, visibile in prossimità della Porta stessa. Un altro rudere di dimensioni molto limitate, della murazione greca, oltre la Porta della Marina Grande, è il piccolo tratto della cortina occidentale, in località via Sopra le Mura. La città romana si sovrappose all’insediamento greco osservandone la pianta urbana e la stessa cinta muraria a grossi blocchi isodomici. Queste mura, rimasero a difesa di Sorrento durante tutta l’epoca medioevale. Il rifacimento di esse iniziò nel 1551, e fu completato soltanto nel 1561 dopo la tragica invasione dei Turchi. Oggi la cinta di mura di Parsano è stata restaurata ed è visitabile tutti i giorni.

ora classici ora bizantini, con basamenti di statue e con ogni sorta di frammenti marmorei. Nelle due arcate fortemente rialzate e nelle colonne disposte sugli spigoli si rileva il suo chiaro accento bizantino. Questa costruzione ha anche interesse per la storia urbanistica della città poichè i brevi spazi ad archi rialzati e la attigua volta su via Pietà, all’ingresso dell’episcopio, servirono per lungo tempo alle pubbliche riunioni prima che esse si svolgessero nell’interno del castello. La parte superiore del campanile fu se non edificato, assai probabilmente ridotta nell’attuale forma, intorno al XVI sec.

(2) Chiesa dei Servi di Maria

In stile barocco, fu completata nel XVIII secolo. Sede della Congregazione dei Servi di Maria, conserva all’interno una statua lignea del Cristo Morto, di autore ignoto, che nel giorno del Venerdì Santo viene portato in processione dai confratelli, incappucciati in nero.

Questo edificio, recentemente restaurato, è opera di eccezionale rarità e pregio poichè rappresenta un documento di quel gusto tardo bizantino ed arabo in una stesura forse unica per organica continuità compositiva. Le grandi finestre ad arco, tre per ogni piano, sono contornate da ampie fasce in tufo giallo e grigio; due più sottili fasce sottolinean, a guisa di marcapiano, i due ordini di finestre, e rotonde formelle, come piccoli rosoni, recanti al centro patere di maioliche, si alterano alle aperture con un contorno in lieve risalto sul fondo di intonaco. L’ornato dell’intarsio tufaceo svolge una successione di losanghe ad eccezione della finestra centrale il cui fregio segue un motivo a zig-zag.

In stile romanico, risale al XV secolo; dello stesso periodo è il portale laterale (1474), in moda rina-scimentale. La chiesa ospita tra l’altro tele di artisti della scuola napoletana del ‘700, un trono arcivescovile in marmi scelti (1573) ed un coro ligneo intarsiato opera di artigiani sorrentini dei primi del ‘900. Opere, sempre realizzate con la tecnica dell’intarsio, si possono ammirare all’interno come i quadri della Via Crucis o i tamburi dell’entrata principale e di quella laterale, opere recenti di giovani maestri intarsiatori.

Di questo campanile è notevole la parte basamentale di età romanica, costruita forse intorno al secolo XI con tronchi di colonne di varie specie con capitelli

(7) Palazzo Correale (secolo XIV) La facciata di questo palazzo mostra pregevoli bifore archiacute in tufo scuro, di varia forma e disegni, con archetti e rosono lobati. Ha un bellissimo finestrone con ogiva a sovrassesto che insiste su corti piedritti polistili sostenuti da mensolette e cimati da capitelli gotici a foglie d’acanto; nella chiave dell’arco è scolpita l’arme gentilizia. Il portale è quello caratteristico napoletano ad arco depresso con sagome durazzesco-catalane, che fu usato dalla fine del trecento a tutto il quattrocento. (7) Palazzo Veniero (secolo XIII)

(3) Cattedrale

(4) Campanile del Duomo (5) Episcopio

metà del quattrocento, appartiene il palazzetto e la loggia in vivo Calantariaro con capitelli che ritroviamo in una scala napoletana in Via S. Arcangelo a Baiano, e quelli della cappella Pontano con la sola variante della foglia disposta in senso inverso.

(8) Casa Correale in Piazza Tasso

(6) Casa quattrocentesca

Come unica e curiosa testimonianza locale derivante dall’influsso dei maestri toscani operanti in Napoli nella seconda

Sulla piazza principale, anticamente chiamata largo del Castello, e precisamente nell’angolo in cui ha inizio via Pietà, si affaccia un altro palazzo Correale; L’iscrizione sul cartiglio marmoreo del portale ha la data del 1768, ma si sa però che già nel XV secolo trovavasi lì una casa della stessa famiglia che venne poi totalmente trasformata dal rifacimento settecentesco.

D/8 D/8


SETTEMBRE 2017 venienti probabilmente, per la loro particolare uniformità, dal portico di una delle molte ville romane presenti nella zona. Nella cripta, rifatta nel settecento, si osservano numerosi quadretti di ex voto, soprattutto di marinai. Interessante è il presepe del settecento, della scuola di Sammartino, e il portale meridionale di forme bizantino-romaniche, risalente al X secolo.

(12) Chiesa della Grazie

(9) Santuario della Madonna del Carmine

Ricostruita alla fine del ‘500 su una precedente e antica chiesa dedicata ai S. Martiri Sorrentini, la Chiesa è ad una sola navata. Sullo sfondo c’è l’antica immagine della Madonna, copia della Vergine Bruna di Napoli. Si possono ammirare quadri di buona fattura di artisti del ‘600 e del ‘700 nonchè due artistici reliquiari in legno intarsiato del 1600.

(10) Sedile di Porta (secolo XVI) Nell’angolo che via S. Cesareo forma con Piazza Tasso, nel posto dove attualmente ha sede il circolo Sorrentino, trovavasi un secondo sedile, detto di Porta, perchè in origine eretto presso la porta maggiore della città nello spazio allora denominato Largo del Castello. Dopo l’abolizione dei sedili fu ridotto prima a carcere poi a corpo di guardia per la milizia urbana e infine a luogo di convegno del circolo Sorrentino. (11) Basilica di S. Antonino

L’origine è riconducibile all’XI secolo, anche se già verso il IX secolo, esisteva in quel luogo un oratorio dedicato a S. Antonino. La chiesa presenta diversi elementi di spoglio, come i fusti delle colonne pro-

(15) Chiesa e Monastero di San Paolo

La chiesa è annessa all’antico monastero delle monache benedettine risalente al nono secolo e ora sede di un Istituto scolastico. È costituita da una navata con volta a botte e lunette ed è ricca di decorazioni, stucchi e tele del settecento. Da notare il pavimento in maiolica su fondo di cotto, il piccolo campanile belvedere e la cupola maiolicata.

La chiesa cinquecentesca con l’annesso monastero di clausura di monache domenicane, fu donata dalla nobile sorrentina Bernardina Donnorso alla fine del ‘500. La chiesa è ad una navata e conserva pregevoli opere di pittori meridionali operanti tra la fine del ‘500 e gli inizi del ‘700 come S. Buono, N. Malinconico, P. Caracciolo e B. Corenzio

(15) Casa del Tasso

A destra del tratto di strada, che da piazza F.S. Gargiulo porta alla piazza della Vittoria, si trova l’ingresso dell’Imperial Tramontano, che incorpora due camere, avanzo della casa in cui nel 1544 nacque Torquato Tasso, autore della Gerusalemme Liberata.

(18) Chiesa SS. Annunziata

L’origine di questa chiesa è antichissima: ma si ignora la data della sua fondazione. Fu probabilmente edificata sui ruderi del tempio dedicato alla dea Cibele. Dal 1391 in tale chiesa (acui era annesso un monastero) officiavano i Padri Agostiniani della Congregazione di S. Giovanni a Carbonara di Napoli. Nel 1811 la chiesa fu concessa a loro richiesta ai compatroni delle Cappelle, purchè si accollassero tutte le spese di mantenimento i quali aloro volta nel 1854 l’assegnarono definitivamente alla Congrega laica di S. Monica.

(19) Sedile Dominova

Unica testimonianza rimasta in Campania degli antichi sedili nobiliari, risale al sec. XVI. In forma quadrilatera, con due arcate ad angolo in piperno, che lasciano scoprire l’intero della cupola e i muri di fondo con affreschi del settecento. I pilastri e le arcate posistili, con i loro capitelli, sono di gusto arcaicizzante. La cupola seicentesca è formata da embrici maiolicati di colore giallo e verde.

(13/14) Chiesa e Chiostro S. Francesco

L’origine del monastero risale alla prima metà dell’VIII sec. L’architettura del chiostro presenta archi incrociati di tufo su due lati del portico espressione stilistica del tardo trecento, sostituiti sugli altri due lati da archi tondi su pilastri ottagonali. Da notare infine, la presenza di vari elementi di spoglio, provenienti da templi pagani, come le tre colonne di angolo riusate funzionalmente. Accanto al convento è situata la chiesa di S. Francesco, che risale al XVI secolo. All’interno si può ammirare, nella prima delle tre cappelle di destra, una statua in legno, raffigurante il santo con il Cristo crocefisso, donata dalla famiglia Vulcano nel XVII secolo.

17

(16) Chiesa del Rosario

già dei SS. Felice e Baccolo Comunemente conosciuta come del SS. Rosario, sorse, probabilmente sotto l’impero di Costantino Magno (310), sui testi di un antico tempio pagano chiamato Pantheon e, fu cattedrale di Sorrento dal XII al XV secolo.

D/12

(17) Casa di Cornelia Tasso

Al numero 11 di via S. Nicola, si trova la casa Fasulo, già Sersale (notevole il portale a bugnato e del balconcino) nella quale abitò Cornelia Tasso, sorella di Torquato e moglie di Marzio Sersale e che continuò a dimorarvi anche da vedova, coi figli Antonino e Alessandro. Nel luglio 1577 Torquato, fuggito dal castello di Ferrara, s’imbarcò a Gaeta e qui si presentò in veste di messaggero del poeta, e poi si rivelò. Partì per Roma. Nell’atrio, volta affrescata con stemmi e trofei militari e iscrizioni del 1615 che ricordano il Poeta.

D/9

D/12

Follow us

carmela_celentano

D/8

C/8


D/9

Vico S. Aniello

REFINED MEDITERRANEAN CUISINE LOUNGE BAR BY THE POOL

Bookings / Prenotazioni Tel.081 877 78 68 - Open for lunch and dinner

L’Orangerie, via Correale 8, Sorrento orangerie@exvitt.it - www.exvitt.it/orangerie

C/8

D/8

RISTORANTE - PIZZERIA

In the historical centre of Sorrento where you can sample the Neapolitan pizza. Home cooking. Moderate prices. Family management

D/7 VIA DEGLI ARCHI, 15 • SORRENTO • TEL. 081 8781927 • www.dagigino.com


81

D/9

D/9

D/9

D/10

E/6

D/9

D/8


24

SETTEMBRE 2017

Riccardo Iaccarino

Itinerary for a visit to

Sorrento’s Historical Centre

D/8

Via Parsano - Via degli Aranci Via Sersale - Corso Italia Via Pietà - Via Luigi de Maio Piazza S. Antonino Via S. Francesco Piazza F. Saverio Gargiulo Via Vittorio Veneto - Via Tasso Via S. Nicola Via 2° Traversa Fuoro Via Fuoro - Via S. Cesareo Piazza Tasso - Corso Italia.

E/7

(1) The old walls

The only part of the Greek defensive wall still remaining is under the road at the Porta Parsano Nuova (new Parsano Gate) and can be viewed close to the same door. Another ruin of the Greek wall other than that of the Marina Grande Gate and very limited in size is the small tract (just over three metres) of the western end located in via Sopra Le Mura. The Roman town was built over the Greek one following the same urban plan with walls of large isodomic blocks. These walls stood to defend Sorrento through the Middle Ages. Rebuilding began in 1551 and was only completed in 1561 after the tragic Turkish invasion. From 2010 the walls of Parsano has been restored and it’s possible to visit everyday.

In Baroque style this church was completed in the XVIII century. The site of the congregation of the servants of Maria, it conserves inside a wooden statue of the dead Christ, by an unknown sculptor which is carried during the Good Friday procession by confratemity members in black robes and hoods.

C/7

F/7

A/15

(3) Cathedral

In Romanic style it dates to the XVth century; the side door is from the same period (1474) and in Renaissance style. Amongst other things the church houses paintings by artists from the Neapolitan school of the 1700s, an archibishops throne in fine marbles (1573) and a wooden marquetry work of Sorrentine craftsmen of the beginning of the 19th century. Works of art always made by using the marquetry technique can be admired in the interior, such as the pictures of the stations of the Cross or the wooden panels of the main and side entrance. These are all works of recent young masters of marquetry art.

(4) Cathedral Belltower (5) Bishop’s Palace

(2) Church of the Servants of Mary

C/7

(6) Fifteenth Century House

The only curious examples of local architecture deriving from the influx of Tuscan experts working in Naples in the second half of the 1400s are the small building with lodge in Vico Galantarario, the capitals which can be found in a Neapolitan staircase in Via S. Arcangelo a Baiano and those of the Pontano Chapel with the only variation of leaf placed inside out.

Noteworthy is the belltower’s base from the Romanic era probably built around the VIth century with various types of trunks of columns, alternating classic and Byzantine capitals with a base of statues and every type of marble fragments. In the two highly raised arches and on the columns placed at the corners its clearly Byzantine accent can be noted. This construction is important to the town’s urban history since the small spaces under the raised arches and adjoining bend onto Via Pietà at the beginning of the Bishop’s Palace were used for years for public gatherings before these were held inside the castle. The upper part of the tower was either rebuilt or at least greatly reduced to its present size around the XVth century.

(7) Correale Palace (XIVth century) The facade of this building exhibits valuable acute-arched mullioned windows in dark tufo in various shapes and designs, with small arches and lobed rosewindows. There is a beautiful large window with an overhanging pointed arch which rests on polystyle piers upheld by corbers and crowned by Gothic capitals of acanthus leaves, in the keystone of the arch the coat-of-arms is incised. The portal is characteristically Neapolitan -a depressed arch with Durazzesque Catalan patterns and was used from the end of the 1300s all through the 1400s. (7) Veniero Palace (XIIIth century)

This building is of exceptional rarity and worth as it represents the late Byzantine and Arab taste uniquelly drafted in compositive organic continuity. The three large arched windows on each floor are surrounded by wide fillet in grey and yellow tufo, two narrower fillet, used ad floor markers underline the two rows of windows and round tiles, like small rosewindows with majolica paterae in the centre alternate at the apertures with a slightly raised contour at the base of theplaster. T h e i n l a i d t u f o d e co ra t i o n d e ve lops a succession of lozenges with the exception of the central window whose frieze follows a zig-zag motif.

(8) The Correale House

in the Tasso Square In the main square, once called largo of the castle, exactly at the corner where Via Pietà begins another Correale Palace is located. The inscription on the portal’s marble scroll ornament bears the date 1768


SETTEMBRE 2017 but it is known that as early as the XVth century a house belonging to this family stood here and was later totally transformed by the 17th century reconstruction.

(9) Sanctuary of Carmine

(St. Mary of Carmelo) Reconstructed at the end of the 15th century, on the remains of a previous ancient Church dedicated to the sacred sorrentine Martyrs, the Church of Carmine has only a single nave. At the far end there is an ancient impression of Mary, the Madonna, which is a copy of the Drk skinned Virgin of the Church dedicated to the same Saint in Naples. Once can admire paintings of good quality of artists of the 16th and 17th centuries, as well as two artistic gilded wooden bone containers of Saints which date back to the 16th century.

(10) Porta Seat (XVIth century) In the corner which Via S. Cesareo forms with the Tasso Square where the Sorrentine club is now located there once stood a second Seat called Porta because it was originally built near the city’s main gate in the area then called Largo del Castello. After the abolition of the seats it was first turned into a prison and then a guard-house for the urban militia and finally a meeting place for the Sorrentine club.

(11) Basilica of St. Antonino

Its origin dates to the XIth century although there was already an oratory dedicated to St. Antonino here in the IXth century. The church presents various elements of

A/15

plunder such as the column shafts which for their particular uniformity probably come from the portico of one of the many Roman villas present in the area. In the crypt, rebuilt in the 1700s, numerous exvoto paintings, mainly of sailors can be observed. Of interest are the XVIIIth century Crib from the Sammartino school and the southern portail in Byzantine-Romanic form dating to the IXth century.

it was probably built under the empire of Constantine the Great (310) over the remains of an old pagan temple called pantheon. It was Sorrento’s cathedral from the XIIth to the XVth century.

(17) House of Cornelia Tasso

(12) The Church of St. Mary of the Miracles (S. Maria delle Grazie) The fifteenth century Church which includes a convent of a closed order of Dominican Nuns, was founded by the nobile sorrentine Lady Berardina Donnorso at the end of the 15th century. The church has a single nave and treasures esteemed works of southern italian painters who painted in the period between the end of the 15th and beginning of the 17th centuries, such as S. Buono, M. Malinconico, P. Caracciolo and B. Corenzio.

13/14) Church and Cloister of St. Francis The monastery’s origin dates to the first half of the VIIIth century. The cloister’s architecture presents crossed arches in tufo on two sides of the portico, expressing the style of the late 1300s and substituted on the other two sides by round arches on octagonal pilasters. Various elements of pillage are present as in the three corner columns reutilized functionally after being taken from pagan temples. Next to the convent is the church of St. Francis which dates to the XVIth century. Inside, in the first of the three chapels on the right a wooden statue depicting the saint with Christ on the cross can be admired. It was donated by the Vulcano family in the XVIIth century.

(15) House of Tasso On the right of the road which from the F. S. Gargiulo Square leads to the Vittoria Square is the entrance to the Imperial Tra-

25

montano which incorporates two rooms left from the house where Torquato Tasso, author of Jerusalem Liberated, was born in 1544.

(15) Church and Monastery of St. Paul

The church is attached to the old monastery of Benedectine nuns of St. Paul dating to IXcentury. It consist of one aisle with circular vault and lunettes and is enriched by paintings and a maiolica floor over brickwork. Also noteworthy is the small belvedere belltower and the cupola in maiolica.

At number 11 Via S. Nicola is the Fasulo House, once the Sersale House (noteworthy the ashlar-work portico and pretty little balcony). Cornelia Tasso, Torquato’s sister and Marzio Sersale’s wife lived here, and continued to after she was widowed with her sons Antonino and Alessandro. In July 1577 Torquato escaped from the castle of Ferrara and embarked at Gaeta to present himself here disguised as the poet’s messenger later revealing his true identity. He stayed with his sister until December, then left for Rome. In the entrance hall is a vault decorated with stems, military trophies and inscriptions from 1615 in memory of the poet...

(18) Church of Annunciation

The origin of this church is antique althiugh the date of its foundation is not known. It was probably built on the remains of the temple dedicated to the godess Cybele. From 1391 in this church (which was adjoined to a monastery) the Agostinian fathers of the congregation of St John in Carbonara from Naples officiated. The church was conceded by their request in 1811 to the co-patrons of the Chapels on condition that they took on all maintenance expenses. They, in turn, granted definitely to the lay congregation of St Monica in 1854.

(19) Dominova Seat

(16) Church of the Rosary,

formetly of Saint Felice and Baccolo Commonly referred to as the St. Rosary

This the only remaining testimony in Campania of the old noble seats and dates to the WXIth century. It has a quadrilateral form with two corner arches in piperno (lava) permitting the view of the interior of the cupola and the end walls with 18th century frescoes. The pilasters and polystyle arches with their capotals are in archaic style. The 17th century cupola is formed by green and yellow majolica roof-tiles.


26

SETTEMBRE 2017

INSIEME A SAL E FRANK

SALPA SULLA SALBOAT

P

escatori da quattro generazioni, la loro imbarcazione è un tipico peschereccio sorrentino di 12 metri e provvisto di tutti i comfort; vivrai una giornata in pieno relax tra Sole e mare, pesci e delfini, storia e avventura, emozioni e tantissime sorprese. Un modo unico per godere del vero mare e della pesca, e per scoprire angoli incantevoli di Capri, della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina. Hai voglia di metterti in gioco e cercare di pescare quanti più pesci possibile? Allora calati nel vivo dell’azione, Sal e Frank ti forniranno canne da pesca

C/5

professionali e ti insegneranno i gesti e le tecniche della pesca tradizionale. Il pescato potrà poi essere cucinato e degustato direttamente a bordo della barca, insieme ad altri piatti tipici della tradizione sorrentina, tutti rigorosamente preparati con prodotti bio coltivati nell’orto di Sal e Frank. Sulla SalBoat non sarai un semplice cliente, bensì entrerai a far parte della famiglia di Sal e Frank! Contattaci per avere più informazioni o per pianificare una giornata in barca personalizzata, saremo felici di accontentarti. …ci vediamo a bordo!

dalla Redazione

SALBOAT Sorrento Coast Tour S

al and his father Franco, two generations of fishermen , have founded the “Salboat Sorrento Coast Tour”. Continuing a long family tradition, Sal and Franco intend offering their guests a unique fishing experience and more. Their activity aims to achieve a sustainable tourism in close contact with nature, between the Sorrento Coast and the Island of Capri . Guests will live an unforgettable adventure on board the Marianna Madre I, a typical local 12 meters fishing boat, together with Sal and Franco, listening to their stories, living their memories which only seasoned seamen like them can narrate . The protected natural reserve, immersed in the beauty of the Sorrento Coast, blessed with a wealth of history, culture and tradition, is particularly suitable to host an open air environmental tourism which offers, besides the natural resources , also the culture of an emotionally rich world such as the local fishing. Sal e Franco give you the opportunity of knowing the traditional fishing tools and techiques, of having a close-up view of fish and other local sea-life, of being in contact with this centuries old activity, which takes place in an uncontaminated environment where natural beauty merges with maritime culture and other local resources .


SETTEMBRE 2017

AL CHIOSTRO DI SAN FRANCESCO

dalla Redazione

PRESENTAZIONE DELLA AGENDA SORRENTINA G

iovedì 17 agosto, alle ore 19.30, presso il chiostro di San Francesco, è stata presentata l’edizione 2018 dell’Agenda della Penisola Sorrentina, a cura di Antonino Cuomo, edita da Nicola Longobardi. All’incontro, condotto dalla giornalista e scrittrice Giulia Gargiulo, hanno preso parte l’assessore alla Cultura del Comune di Sorrento, Maria Teresa De Angelis ed il presidente dell’associazione Marion Crawford, Antonino De Angelis. Giunta al suo undicesimo anno, la pubblicazione ripercorre la storia sorrentina, attraverso personaggi, episodi particolari, località ed eventi che, durante l’anno interessano gli utenti, sorrentini e non, che ricordano la terra di Torquato Tasso. Tema dell’edizione 2018 è il cinema. «Il volume si ispira ad uno studio, analitico e preciso, “Sorrento movies. Il cinema in costiera”, proposto agli appassionati di Sorrento e dell’arte cinematografica, da Antonino De Angelis, studioso ed indagatore delle antiche tradizioni sorrentine ed edito, in elegante veste grafica, dalla libreria-editrice caprese “La Conchiglia” - spiega l’autore - Dal Faito alla Punta della Campanella, lungo le coste dei golfi di Napoli e di Salerno, alla cui punta fanno da guardia gli isolotti dove Eduardo De Filippo trascorreva i suoi ozi “operosi”, in edifici storici o in casolari

27

colonici, sfruttando anche arti e mestieri della popolazione, costituzionalmente nata per il turismo – l’autentica industria sorrentina dell’accoglienza – sono stati ambientati oltre cento film, diretti da registi di fama internazionale e con l’interpretazione di attori della cinematografia mondiale, che hanno magnificato, più che sfruttato, le bellezze e l‘armonia naturale dell’intera penisola». I primi lavori cinematografici sono quelli di Carmine Gallone, vissuto nella sua villa al Capo di Sorrento e sepolto, con la sua famiglia, nel cimitero sorrentino. La curiosità dei lettori e degli appassionati di cinematografia troverà appagamento nelle trame, negli attori e nei registi che, dal 1914, hanno scelto la terra sorrentina come palcoscenico per i particolari soggetti dei loro film. Tre giornate di TENNIS e BENESSERE nella cornice di SORRENTO! 15 - 16 - 17 settembre presso lo Sporting Club Montariello tanto tennis e momenti di relax insieme allo staff del maestro Gianluca Zaccara.

Scopri il programma e tutti i vantaggi dei nostri pacchetti chiamando o inviando un messaggio al 338 95 66 102

D/7

E/7


28

SETTEMBRE 2017

Filippo Merola Manager of the Museum

MUSEO CORREALE DI TERRANOVA

A VISIT TO THE CORREALE MUSEUM

A visit to the Correale di Terrano-

va museum, arouses great interest and attention in those who are passionate about paintings and those who are lovers of decorative and archaeological objects of art: the museum documents the ancient historical roots of the city of Sorrento. This aside, the collection of pieces of furniture and caskets made from rare and exotic wood, give testimony to the typical local craftsmanship, that, especially

ORARIO MUSEI DI SORRENTO SORRENTO MUSEUMS TIMETABLE

in the nineteenth century, reached notable levels of technical virtuosity. The collection of paintings range from the XV to the XIX centuries, the nucleus constituted by the collection of still life from the Neapolitan school of the Seventeenth and Eighteenth centuries and from the outstanding group of landscapes from the Posillipo school - two irreplaceable sources for the deepening of studies on these splendid moments taken

from southern figurative civilization. But the Correale shines even more because it holds the precious jewels that once adorned the various abodes of noble families: cabinets veneered of ebony or turtle, valuable products of Neapolitan ebony from the seventeenth century, eighteenth century chests enriched with settings of gilded bronze and shelves of marble; precious pieces of chinoiserie furniture of English manufacture from the first quarter of the eighteenth century, and French, German and Swiss watches mounted in gilded bronze and inlaid with mother of pearl and hard stones;

C-11 - MUSEO CORREALE DI TERRANOVA

SORRENTO - Tel. 081/8781846 Martedi/Sabato: 9,30/18,30 Domenica e festivi 9,30 - 13,30 - Chiuso Lunedi

E-6 - MUSEOBOTTEGA DELLA TARSIALIGNEA

SORRENTO - Tel. 081/8771942 Lunedi/Domenica: 10/18,30

E-7 - CHIESA DEI SERVI DI MARIA (sec. XVII) - SORRENTO

Apertura per la visita Martedi, Giovedi e Sabato: 17/20 - Domenica: 8/12 www.servidimariasorrento.it

Murano glass, Bohemian crystal, fabrics, majolica and porcelain. The ceramic collection includes a conspicuous sample of rare examples from the best known Italian and foreign factories: from Abruzzesi majolica of Grue to those French from Marseilles, and from the white Chinese porcelains to the blue German ones, amongst which emerge the group manufactured in Meissen, from those French from Saint-Cloud and Sèvres to those English from Bow and Chelsea. But it is the nucleus of the Neapolitan porcelains that put the flower in the buttonhole of this harvest, in how much it enumerates rare examples from the Capodimonte manufacture and precious articles of porcelain, painted and gilded at the Real Factory of Naples, as well as Giustiniani pottery in earthenware from the first decades of the XIX century. Finally, the Museum exhibits of one of the most important specialist libraries of importance.

C/11

VIA SAN NICOLA 28, SORRENTO, TEL. 0818771942


SETTEMBRE 2017

29

THE MUSEOBOTTEGA OF THE TARSIALIGNEA

A NEW MODEL OF MUSEUM FOR THE DECORATIVE ARTS

SHOP ON LINE OVS.IT

The building that houses the Museobottega stands on via S. Nicola, the historical part of the town, and is part of an ancient urban nucleus. Its eighteenth century structure is typical of a provincial townhouse with more consequential pretensions. The Museobottega is a polyfunctional structure designed to requalify those sectors of the decorative arts which have not only a past worthy of being recorded but also a productivity which needs to be sustained and helped to renew its contents. In the structure the cataloguing and display of the historical production serves as the introduction to a more ample programme going beyond the conservation of our heritage. There is a need for training programmes in the specific sectors of craft activity, and an autonomous production based on the techniques and materials which represent the best in the tradition of each craft.

THE HISTORICAL COLLECTION

is introduced by the exhibition of objects and furniture produced in the nineteenth century wich focuses on the technical and decorative characteristics of the various intarsia workshops then active in Italy. This is designed to give to the visitor a better understanding of the specific features of the craft as it was practised in Sorrento. The exhibition of local ware is preceded by an extensive selection of paintings, prints and photographs of the setting for this local craft. Different sections in the Museobottega illustrate the evolution of production techniques, the materials used, the decorative motifs and the details of design which characterise the local production in inlaid wood. After recognising the part played by the local School of Art in training successive generations of craftsmen, the exhibition terminates with the work of local master craftsmen produced during the nineteenth century.

RESEARCH AND PRODUCTION

The principal objective of the Museobottega is to ensure continuity for the tradition of intarsia work in Sorrento by commissioning and marketing products reflecting a cultural renaissance in the craft. It is many years since the artisan represented a composite figure uniting manual skills with design acumen, once the secret of his success. The only way to contrast the impoverishment of the various sectors of the arts and crafts seems to be to accompany the artisan with a person well versed in the culture of the craft, able to offer assistance in the conceptual phase of production. The production of the “Alessandro Fiorentino Collection” is the tangible result of such collaboration. Intarsia work has always been considered a decorative addition to the item to which it was applied, whereas here production has been based on a new equilibrium in which the finished product is a univocal expression of formal structure.

THE MERCHANDISING

In an age in which computerisation has invaded all sectors of production, traditional skills have had to meet a severe challenge: some have disappeared, many have modified their systems of production, and precious few have remained faithful to traditional techniques. The modern production of intarsia work undertaken by the “Alessandro Fiorentino Collection” has swum against the tide by reaffirming the manual skills and traditional techniques of intarsia work. The collection has concentrated on two distinct sectors: the more traditional one of commonplace objects, directed to the merchandising in museum, and that of interior architecture. It made its dêbut at the International Design Center in New York in 1988, during the AIA Convention. The projects of Alessandro Fiorentino have been realised with the collaboration of local craftsmen and the conceptual contribution of his three sons, all qualified architects: Luigi, Paolo and Fabio.

F/10

D/10

OVS Bianca Balti per

Piazza A. Lauro, 39/40 SORRENTO

Abito

14,99€


30

SETTEMBRE 2017

CON IL FAI NELLA BAIA DI IERANTO

IL PROGRAMMA DI SETTEMBRE Tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 9,30 alle 18,00

LA BAIA IN FONDO AL SENTIERO

Visite guidate fra terra e mare Trekking – kayak – snorkeling per scoprire le bellezze della Baia di Ieranto in maniera eco compatibile Si parte con un’immersione nel verde tra i colori dei ginepri, dei carrubi e degli ulivi, col profumo del fieno e dei fiori nella narici, per poi concludere, in fondo al sentiero, con un’immersione nel blu del mare delle sirene tra gli anfratti e i fondali cristallini della baia di Ieranto, col sapore della salsedine sulla pelle.

Fondo Ambiente Italiano 10 -17 23 -24 Settembre ore 9,30 – 18,00

SPECIALI VISITE GUIDATE

Visite guidate tematiche in collaborazione con esperti, associazioni enti: archeologia, arte, storia, flora e fauna selvatica, etnologia, architettura e archeologia industriale, paesaggio, miti e astronomia. Un’occasione per approfondire la conoscenza della Baia di Ieranto e tutto ciò che riguarda la sua storia, le leggende, le sue caratteristiche geomorfologiche e i sapori del territorio che la circonda.

Domenica 10 settembre Sirene e Janare con Giovanni Gugg, antropologo Domenica 17 settembre Torri e torrieri con Riccardo Iaccarino, archeologo Sabato 23 settembre ore 17,00 – 23,00 Mitiche Stelle con Piter Cardone, astrofilo Domenica 24 settembre Il popolo dell’aria con Mark Walters, naturalista 3 -10 -17 e 24 Settembre ore 17,00

YOGA AL TRAMONTO

Classi di Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan, con Nirmal Nam Kaur. Per godere in modo speciale della luce del tramonto della Baia di Ieranto. Contatti: tel. 335 8410253 – faiieranto@fondoambiente.it e www.fondoambiente-it

Book your tour to discover the amazing archeological site of the “baths of Queen Giovanna” Prenota il tuo tour alla scoperta dello stupendo sito archeologico dei “bagni della Regina Giovanna”

C/4

LOADING COMPLETED! 100%


SETTEMBRE 2017

31

AL CHIOSTRO DI SAN FRANCESCO

METAMORFOSI DI UNA MOSTRA

A

l Chiostro di San Francesco di Sorrento, la mostra di tarsie lignee dell’artista Giuseppe Rocco ha riscosso un lusinghiero apprezzamento da parte dei numerosi ospiti italiani e stranieri che durante questo periodo estivo affollano il nostro paese alla ricerca, oltre che di sole e mare anche di eventi culturali. Per questo motivo l’autore si è visto costretto a prolungare la durata dell’esposizione delle proprie opere. Ma dopo qualche giorno, come per incanto, si è verificata una trasformazione: le pregevoli tavole di legno intarsiate sono diventate tele dipinte dello stesso autore. Naturalmente non c’è nessun fenomeno paranormale alla base di questo fatto. Si tratta di un altro modo espressivo che Rocco adopera da anni, addirittura prima che si occupasse di intarsio. Questa sua pratica è stata sempre tenuta un pò nascosta e uti-

lizzata quasi clandestinamente dall’autore. Le opere presentate in questa “seconda mostra” sono imperniate su un tema molto caro all’artista: il “Costone di Sorrento” che ben si presta alla trasfigurazione poetica. Questi dipinti pur essendo in armonia con gli intarsi, mostrano forti legami con la pittura metafisica e cubista.

D/9

Sorrento

SPECIAL EDITION

PRODOTTO ESCLUSIVO IN COLLABORAZIONE CON

STRAP WITH MOSAIKO ELEMENTS

Hand Made in Sorrento CORSO ITALIA 179/181 80067 - Sorrento (NA) Tel. 081 878 5419


32

SETTEMBRE 2017

IN OCCASIONE DELLA FESTA DEL LAURO

LA BASILICA DI META SI VESTE DI NUOVA LUCE

Per i festeggiamenti in onore

di Santa Maria del Lauro, che prenderanno il via il primo settembre per poi culminare nelle celebrazioni del 12, la basilica di Meta si veste di nuova luce. È stato completato, infatti, il restauro della facciata principale della chiesa intitolata alla patrona dei metesi che aveva preso il via a giugno per iniziativa dei vertici della parrocchia e col sostegno di don Pasquale Vanacore, responsabile dell’ufficio Beni Culturali della diocesi di Sorrento-Castellammare. Progettato e diretto dall’architetto Antonella Viggiano, l’intervento è consistito nella ricostruzione delle parti ornamentali danneggiate e nella successiva ritinteggiatura col colore bianco. Il restyling si era reso necessario in seguito al distacco di alcuni elementi decorativi come le rosette e i rilievi in stucco lungo la trabeazione, senza dimenticare i problemi che affliggevano l’altorilievo raffigurante il Salvatore collocato nel frontone. I tecnici vi hanno posto rimedio provvedendo pure a eliminare i muschi, le efflorescenze e le incrostazioni di guano sul timpano triangolare. Nuovo look anche per la porta bronzea che mai aveva rivelato il proprio splendido volto da quando, nel 1902, l’artista Agostino Gargiulo la realizzò a devozione del capitano Giuseppe De Martino: un’opera resa ancora più preziosa dalla suddivisione in riquadri che riprendono, nella

D/10

D/7

parte sovrastante il vero e proprio ingresso della basilica, la scena della Madonna del Lauro che appare a una popolana intenta a pascolare una mucca. Il richiamo alla Vergine è presente anche nei riquadri laterali, adornati con festoni verticali di foglie di alloro cesellate a una a una e successivamente assemblate. I tecnici incaricati hanno rimosso le incrostazioni formate dallo smog e dalla salsedine, riportando così alla luce il bronzo naturale della porta.

S

Annarita Siniscalchi L’intitolazione di una cappella alla Madonna del Lauro risale addirittura al 1206. Di dimensioni troppo modeste per il numero di fedeli che vi accorrevano, il tempio fu demolito e al suo posto, nel 1569, ne fu costruito uno nuovo più volte restaurato nei secoli successivi. Il 29 novembre 1913 la chiesa, per il suo inestimabile valore storico ed artistico, fu dichiarata edificio monumentale; il 25 marzo 1914, invece, fu elevata a basilica minore. Impreziosita da numerose statue e dipinti realizzati tra XVI e XVIII secolo, è ancora oggi meta di fedeli e appassionati d’arte provenienti da ogni angolo del mondo.

ono partiti i primi volontari che trascorreranno due settimane a Casa Mauro a Bikop, in Camerun, con l’obiettivo di portare sostegno alla casa d’accoglienza ospitante 80 bambini e famiglie bisognose. Il progetto missionario nato nel ricordo del giovanissimo sorrentino Mauro Di Maio, grazie al volere dei genitori, ha come obiettivo la ristrutturazione dell’edificio e un’assistenza concreta per la gestione delle attività necessarie in quei luoghi. Tre gruppi di volontari di ogni età saranno lì in queste settimane di agosto. Tutti i volontari hanno in comune un unico obiettivo: aiutare una realtà più bisognosa della nostra, toccando con mano le difficoltà, e vivendo in pochi giorni un’esperienza unica di arricchimento collettivo. “C’è un’alba per ogni viaggio” scrive sulla propria pagina Teresa, madre di Mauro e ideatrice del progetto. “Quest’alba annuncia una partenza, un inizio, un viaggio verso una terra di stridenti contraddizioni, assurdi e paradossali squilibri, intrecci di continue turbolenze, eppure un sentiero segnato ti condurrà proprio lì, dove c’è la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle, sentire gli odori delle cose catturarne l’anima...Perché lì c’è la verità, lì c’è la dolcezza, lì c’è la sensibilità, lì c’è anche l’amore!” Un sentiero segnato è stato lastricato, pietra dopo pietra, anche grazie al prezioso contributo di singoli donatori che hanno creduto nel progetto raccogliendo fondi. Varie le iniziative: le cene e i giochi solidali organizzate da Don Tonino Minieri, parroco della Parrocchia “Nostra Signora di Lourdes” di Sorrento, il torneo di Burraco dell’ASD “Come quando fuori piove”, la campagna di crowdfunding dell’amico di Liceo Tommaso Vitiello, per citarne alcune. I fondi raccolti consentiranno l’acquisto di latte per circa 700 bambini di mamme sieropositive che non possono allattare, il completamento di casa Mauro tramite suppellettili, materassi e altro materiale per accogliere i volontari, in particolare medici e infermieri, che potranno in questo modo offrire il loro servizio sanitario e istruire il personale del posto.


SETTEMBRE 2017

MASSA LUBRENSE SU YOUTUBE

33

Annarita Siniscalchi

MADE IN HEAVEN IL PARADISO È QUI

L

e acque cristalline della baia di Recommone e il promontorio di Punta Campanella con la torre vicereale, il porticciolo di Marina della Lobra e la piazza di Sant’Agata. E poi ancora gli agrumeti, le produzioni di olio e latticini, i ristoranti stellati meta di vip da tutto il mondo. C’è questo e molto di più in «Made in heaven – Il paradiso è qui», il video promozionale realizzato da Orlando Ruocco per la Pro Loco di Massa Lubrense e l’assessorato comunale alla Cultura. Diretto da Mvula Sungani, coreografo e regista di fama internazionale, il filmato ha fatto registrare un autentico boom di visualizzazioni su YouTube e sul sito della Pro Loco. Merito soprattutto delle spettacolari riprese realizzate nei luoghi più suggestivi di Massa Lubrense, da sempre buen retiro di vacanzieri provenienti da ogni angolo del mondo. Un esempio? Il fondo del Gesù, dove padre Vincenzo Maggio avviò la coltivazione intensiva degli agrumi e al quale Gabriele D’Annunzio si ispirò nella stesura del «Notturno». La carrellata di immagini tocca poi largo Vescovado, Punta Lagno, il Monte San Costanzo con la chiesetta, il borgo dell’Annunziata, lo scoglio del Vervece, la baia di Ieranto, il fiordo di Crapolla e le torri vicereali erette secoli fa lungo la costa per proteggere Massa dagli attac-

MVULA SUNGANI E EMANUELA BIANCHINI

Festa della Madonnina subacquea del Vervece chi dei saraceni. Non potevano mancare, ovviamente, le eccellenze gastronomiche che hanno fatto crescere ulteriormente l’appeal della cittadina: i limoni, il provolone del monaco e i ristoranti stellati di Sant’Agata e Marina del Cantone. A impreziosire il tutto sono il fascino e le movenze di Emanuela Bianchini, etoile di fama mondiale e protagonista del video: un tributo a Massa Lubrense cittadina che ha saputo conservare intatto il proprio fascino fatto di bellezze naturali, cultura e buona tavola.

Massa Lubrense - 9 e10 Settembre 2017


34

SETTEMBRE 2017

STUDENT SECRET’S

Cristina Suárez

WHY NOT SORRENTO?

fascinated with your bright blue shoes that your grandma bought you for this trip; they all make you feel at home. For them it is all about showing us that home is not a place nor a destination, but a feeling or a way of living. They teach us to enjoy life and live in the moment, to slow down watch the sunset and go “these are the moments that give meaning to what we do”. Even if you think you might be having a bad day, they always offer not one hand but two and go out of their way to make sure you enjoy Sorrento. We get so busy with deadlines, family events, jobs and other things we might consider important that we forget sometimes to stop and look around us. People in this town have taught me the real meaning of “Dolce far Niente”, that can be translated to the art of doing nothing or living in the moment. Whether you decide to sit down and eat gelato in Piazza Tasso, have a delicious bowl of fried calamari at Marina Grande or watch those sunsets in Piazza della Vittoria that will make your heart content; this town has unexpected beauty that can be seen if we give it a chance. In such manner that if you are reading this and have been wanting to live the dream, whether it is for a weekend, a month or a year. Sorrento is always waiting for you with open arms and infinite amounts of gelato, after all: What is life without gelato? Hope to see you soon on this side of the world!!

A Student’s Secrets of Sorrento is written by students/ alumni that have studied abroad at Sant’Anna Institute. Cristina Suárez, a Fall 2015 student, who graduated from Lake Erie College (2016) in Painesville, Ohio, wrote this article on the unexpected beauty of Sorrento. Cristina is an influencer pursuing her passions, from travel to art around the world and collaborating with people within the creative industry. Since graduation she has worked on several personal projects, which she hopes will inspire people to follow their dreams and take a leap of faith. You can follow more of her adventures on Instagram at @cristys37.

CONTACTS

Sant’Anna Institute

“Piano piano si va lontano” (Little by little you will go far)

W

hen people ask me about Sorrento or why Sorrento, I tend to tell them “Why not?” (since they have everything to gain and nothing to lose). You might be wondering what is it about this town on the Amalfi

E/6

coast that leaves you breathless and even when you’re gone, you find yourself coming back for more. The magic about this place is not its views or its food, but the heart that lies with its people. The lady from the market that smiles at you when you buy that delicious limoncello or the kid that seems

Via Marina Grande 16 80067 Sorrento (NA), Italy Tel. (39) 081-878-4470 Fax. (39) 081-532-4140

www.santannainstitute.com Info and details: info@santannainstitute.com

ProdottiInternship tipici campani Coordinator Emily Hammeren: Typical products from Campania

communication@santannainstitute.com Olio Pasta Tartufi vino limoncello e tanto altro Olive oil Pasta Truffles wine limoncello and much more

Study Abroad in Sorrento, Italy Corso Italia , 1 80067 Sorrento - Tel. 081 8773842 - info@campaniafelixsorrento.com - www.campaniafelixsorrento.com


SETTEMBRE 2017

IL MARMO SEGNATO DI SORRENTO

35

a cura di Vincenzo De Martino

LAPIDE IN MEMORIA DI ANTONINO SERSALE

P

er il visitatore che percorre il decumano massimo di romana memoria ossia via S. Cesareo dopo pochi metri dall’inizio dello stesso al civico 38, partendo dalle vestigia del sedile di Porta, si imbatte in una epigrafe in onore del sorrentino Antonino Sersale che attesta la nascita nel palazzo di via S. Cesareo il 26 giugno 1702 da famiglia patrizia; seguì gli studi presso le scuole del clero napoletano. Ordinato sacerdote fu ascritto tra i missionari della Congregazione S. Maria Regina degli Apostoli proferendo ogni cura nella predicazione e nell’insegnamento del catechismo ai popolani sia nelle diverse chiese del Regno che della città di Napoli. Nel 1742 il Cardinale Spinelli gli conferì uno dei canonicati presbiteriali nella Chiesa Metropolitana napoletana mentre l’anno successivo su proposta del medesimo, il re Carlo lo designava quale Arcivescovo di Brindisi nella cui sede vi fu istituito da Papa Benedetto XIV ricevendo la consacrazione episcopale in Napoli. Nell’aprile dell’anno 1749 Papa Benedetto XIV trasferì il Sersale all’arcivescovado di Taranto e nel Concistoro dell’11 febbraio 1754 a quello di Napoli, nominandolo inoltre, Prete Cardinale del titolo di S. Prudenziana. Si disse che il precedessore Spinelli avesse favorito il trasferi-

mento del Sersale da Taranto a Napoli, ma a parte questa interpretazione, non era facile succedere al Cardinale Spinelli, non tanto per il suo talento non tranquillamente eguagliabile ma per una diversa situazione politica creatosi a Napoli e per una decadenza della diocesi napoletana. Nel nuovo e prestigioso incarico diede inizio ad una azione di consolidamento dell’opera del suo predecessore dando vita alle istituzioni scientifiche e letterarie della Chericia napoletana aumentando il numero delle cattedre nel liceo arcivescovile. Constatato, inoltre, che l’apertura del secondo seminario in Napoli non poteva ospitare i numerosi educandi (ordinandi) nell’anno 1761 acquistò un palazzo poco distante dalla sede dell’Episcopio e nel quale vi aprì un terzo convitto, facendo in modo che gli ordinandi dopo l’ordinazione al presbiterato restassero altro tempo affinchè fossero completamente istruiti dei doveri del sacro ministero. Si interessò al riordinamento dell’Accademia ecclesiastica fondata dal Cardinale Spinelli. Negli anni dal 1759 al 1761 si dedicò alle Visite Pastorali visitando borgate e villaggi dell’Archidiocesi, dando esecuzione a quanto stabilito nelle Visite precedenti, provvedendo alla ristrutturazione di edifici sacri ed istruendo i parroci delle bor-

gate. Volle il Sersale che le Congregazioni dei preti Secolari Missionari facessero ogni tre anni nelle parrocchie del napoletano le Sacre Missioni, predicando, illustrando ed istruendo i fedeli sulla dottrina cristiana, cosa, per altro, che lo stesso Sersale faceva quando era libero dai gravosi impegni della chiesa napoletana. L’istituzione delle cappelle serotine conobbe nel Sersale un prodigioso animatore o se vogliamo un secondo fondatore. Con tale istituzione si dava la possibilità, a quanti erano impegnati di giorno, di frequentare le cappelle al tramonto, dove venivano educati al vivere cristiano ed allo svolgimento dei loro doveri civili, da sacerdoti del clero napoletano. Operò lavori di ristrutturazione nella Cattedrale: ornamento di marmo bianco e grigio scuro delle basi dei piloni di sostegno degli archi della navata centrale; la decorazione del coro e

MARMI - GRANITI - PIETRE

RUSSO MARMI srl Via Cavone, 6/8 PIANO DI SORRENTO Tel. 081 8786903 Cel. 339 4405321 www.russomarmi.net russomarmisrl@tin.it

delle parti laterali, produzione di paramenti sacri e vasellame d’argento. Il Sersale è descritto dai cronisti dell’epoca come “ uomo di bello aspetto e allegro, di spirito dolce” si dimostrò un vero cristiano, in special modo nella carestia del 1764 quando impegnò perfino i suoi beni precisando che i beni della chiesa erano ”sanguinis pretium” e quindi andavano ai poveri. Il momento più difficile del suo arcivescovado fu la difficile scelta che gli si impose della vicenda della soppressione della Compagnia di Gesù a Napoli con la sua firma al decreto medesimo. Il Cardinale Sersale fu molto generoso verso la chiesa dei Servi di Maria e dell’Annunziata con cospicue donazioni che diedero maggiore lustro e decoro alle medesime. Morì a Napoli il 24 giugno 1775. La lapide fu apposta dal Comune di Sorrento su interessamento dello storico sorrentino cav. Manfredi Fasulo.


36

SETTEMBRE 2017 (E/7)

(C/8)

FONDAZIONE SORRENTO

Corso Italia, 53 SORRENTO tel. 081 8782284 www.fondazionesorrento.com info@fondazionesorrento.com

ASSOCIAZIONE CHIAVI D’ORO c/o G. Hotel Excelsior Vittoria

Via L. De Maio, 35 - SORRENTO Tel. 0818773333 Fax 0818785169

www.campaniafelix.org

www.upsa.org

19 78 Q 56 55 71 81 20 41 21 79 70 42 23 ➔ 43 24 58 26 ➔ 61 H

SURRENTUM insieme agli orari che sono comunicati direttamente dalle compagnie di trasporto e aggiornati al 20 agosto 2017 pubblica anche il loro recapito telefonico a cui si prega fare riferimento per assicurarsi che non vi siano state, nel frattempo, variazioni agli orari.

01 Excelsior Vittoria 0818777111 C/9

Aut. Trib. NA n. 3104 del 15.04.’82

Editrice Surrentum Viale Montariello, 8 - Sorrento www.surrentum.com www.surrentum.net mail: redazione@surrentum.net Direttore Responsabile: Antonino Siniscalchi antoninosiniscalchi@gmail.com In Redazione: Luisa Fiorentino Mariano Russo Hanno collaborato: Nino Cuomo, Vincenzo De Martino, Alessandro Fiorentino, Giuliana Gargiulo, Filippo Merola, Gaetano Milone Annarita Siniscalchi Cristina Suárez Fondo Ambiente Italiano Fondazione Sorrento In copertina L’INSALATA CAPRESE Foto di Gianfranco Capodilupo Pubblicità e Informazioni:

Tel. 334 838 5151

mariano@surrentum.net Stampate 13.000 copie Tip. La Sorrentina Tel. 0818785988 gaetano.ercolano@tin.it Distribuzione a cura di Nexive Via Crawford 67/a - 69 - Sant’Agnello tel. 08119202863 - sor15@crcpost.it Le collaborazioni alla rivista sono completamente a titolo gratuito

ALBERGHI HHHHH Cocumella Bellevue Syrene La Pace Parco Principi La Favorita Ambasciatori Royal

0818782933 0818781024 0818074775 0818784644 0818782031 0818782025 0818073434

27 Admiral ➔ Alpha 03 Aminta 04 Antiche Mura 51 Astoria 28 Ascot 66 Atlantic Palace 05 Bel Air 07 Bristol 08 Capodimonte 30 Capri 72 Caravel 09 Carlton Int. 10 Central 11 Cesare Augusto 12 Conca Park 13 Continental ➔ Corallo ➔ Crawford 73 Cristina 14 De La Ville ➔ Eliseo Park’s 15 Europa Palace 16 Flora 74 Gran Paradiso 17 Hilton 18 Tramontano

0818781076 0818782033 0818781821 0818073523 0818074030 0818783032 0818782688 0818071622 0818784522 0818784555 0818781251 0818782955 0818072669 0818073330 0818782700 0818071621 0818072608 0818073355 0818071772 0818074244 0818782144 0818781843 0818073432 0818782520 0818073700 0818784141 0818782588

➔ 06 ➔ 22 34 02 25

ALBERGHI HHHH

CONSORZIO AZIENDE TURISTICHE PENISOLA SORRENTINA Via L. De Maio, 35 - SORRENTO tel. 081 8074452

SORRENTO

ALBERGHI HHHHHL PERIODICO DI INFORMAZIONE TURISTICA

(C/8)

(C/9)

D/6 A/14 D/7 B/12 C/10 C/4 F/3 E/9 D/8 E/5 D/1 C/3 D/4 E/4 D/11 A/16 D/9 C/14 E/9 F/6 D/6

Johanna Park 0818072472 La Residenza 0818774698 B. W. La Solara 0815338000 La Tonnarella 0818781153 La Minervetta 0818774455 Majestic Palace 0818072050 Mediterraneo 0818781352 Michelangelo 0818784844 Minerva 0818781011 Miramare Res. 0818072524 Palazzo Guardati 0818785567 Parco del Sole 0818073633 Plaza 0818782831 President 0818782262 Prestige 0815330470 Regina 0818782162 Riviera 0818072011 Rota Suites 0818782904 Vesuvio 0818782645 Villa Garden 0818781387 B.que Hotel Elios 0818074834 Vue d’Or 0818073153

ALBERGHI HHH

29 31 ➔ Q 52 32 33 75 35 36 37 H 54 38

C/16 C/11 C/10 C/13 D/16 G/7 C/7

Britannia Cavour Club Dania Del Corso Del Mare Eden Florida Gardenia Girasole Il Faro Il Nido La Badia La Meridiana

0818782706 0818073166 0818781127 0818073572 0818071016 0818783310 0818781151 0818783844 0818772365 0818073082 0818781390 0818782766 0818781154 0818073535

G/3 A/15 C/3 D/4 A/16 A/15 D/11 C/3 C/3 D/8 C/17 E/9 F/5 D/6 B/12 C/12 D/1 C/2

D/2 D/2 D/8 D/4 D/9 A/15 C/14 B/15 C/8 D/3 C/11

Napoli Ercolano Pompei Sorrento Numero verde 800211388

Treni Turistici

CAMPANIA EXPRESS Napoli Ercolano Pompei Sorrento

9,06 11,36 - 15,36 18,06 -

9,18 11,48 - 15,48 18,18 -

9,36 12,06 13,37 16,06 18,36 20,04

9,55 12,25 13,55 16,25 19,03 20,25

SORRENTO POMPEI ERCOLANO NAPOLI

10,20 12,56 14,08 17,00 19,20 21,00

10,43 13,18 14,34 17,19 19,46 21,21

E/7

10,58 - 14,55 17,35 - 21,37

11,06 15,09 17,50 21,52

76 La Pergola 39 Leone 40 Metropole 64 Mignon 77 Londra 44 Rivage 45 Settimo Cielo 60 Sorrento City Q Spicy 46 Tirrenia 47 Tourist 48 Villa di Sorrento H Villa Fiorita Q Villa Igea 49 Villa Maria 50 Zi’ Teresa H Le Terrazze Res. 80 Au Relais Rivoli 59 Savoia

ALBERGHI HH

0818782626 0818782829 0818074107 0818073824 0815329554 0818781873 0818781012 0818772210 0818073063 0818781336 0818782086 0818781068 0818780003 0818071069 0818781966 0818784619 0818780906 0813654089 0818782511

A/15 F/8 D/2 E/7 A/15 E/5 C/4 D/9 E/5 D/12 E/9 F/5 C/12 D/8 F/10

➔ Angelina 0818782901 53 Desirée (Garnì) 0818781563 C/3

ALBERGHI H

62 Linda 65 Nice

0818782916 E/11 0818781650 D/10

Santa Fortunata & Campogaio Nube d’Argento Villaggio Verde Esperidi Resort

0818073579 0818781344 0818073258 0818783255

D/1 E/4 G/11 ➔

Seven Hostel Le Sirene Ulisse deluxe hostel Porto Salvo

0818786758 0818072925 0818774753 0818774887

➔ D/11 E/5 ➔

CAMPINGS & VILLAGGI

OSTELLI

9

TURNO FESTIVO FARMACIE CHEMISTS

3/9 - 1/10 FARFALLA (D-8)

Piazza Tasso - Tel. 0818781349

10/9 - 8/10 LIMONE (E-7)

Corso Italia - Tel. 0818781174

17/9 - 15/10 RUSSO (D-11)

Via degli Aranci - Tel. 0818772310

24/9 - 22/10 ALFANI (E-7)

Corso Italia - Tel. 0818781226


37

SETTEMBRE 2017

ORARIO TIMETABLE S.F.S.M.

CARABINIERI Pronto Intervento 112

Sorrento

0818073111

Sorrento

0818075311

Sorrento/Meta

0815331111

Cappiello Mario Isola Angela Celentano M. Coda F. fisioterapista

0818781439 3395001550 3381215468 3398791804

Sorrento S. Agnello

0815335111 0815332111

Sorrento S. Agnello TAXI Sorrento S. Agnello S. Agata

0818074433 0815332205 0818782204 0818781428 0818780509

Call center

848888777

Ufficio Marittimo 0818073071 Soccorso 1530

Trenitalia

147888088

Sorrento S. Agnello

0818781495 0818781870

POLIZIA - POLICE Pronto Intervento 113

POMPIERI 0818711222 EMERGENZA MEDICA 118 GUARDIA MEDICA INFERMIERI

MUNICIPIO - TOWN HALL VIGILI URBANI

AEROPORTO - AIRPORT PORTO - HARBOUR

FERROVIE - RAILWAYS POST OFFICE

Viaggiare Informati 1518

ORARIO S. MESSE HOLY MASS TIMETABLE S. Francesco 8.30 -11.30 Saturday 6.30 p.m. (Vigil Mass) Sunday 10,00 a.m. - 6.30 p.m. S. Antonino 8.00 - 10.00 - 11.30 Cattedrale 8.30 - 11.15 -18,00 - 19.30 Carmine 9.30 - 10.45 - 11.45 - 19,00 SS. Rosario 8.45 Annunziata 9.00 Chiesa dei Servi di Maria 9.30 N.S. di Lourdes 9.00 -11.00 -18.00 S. Lucia 7.00 - 9.00 - 11.00 - 18.00 S. Anna 8.30 - 20,00 S. M. delle Grazie 7.30 CHIESA EVANGELICA Evangelical Church Via Fuoro, 77 DOMENICA/SUN 10.30 MERCOLEDI/WED 19.00

F = Solo feriali - Working days = Direttissimo - Direct • = Ferma a Scrajo dal 1/6 al 30/9 + = Solo festivo - Sundays and Bank days

CIRCUMVESUVIANA INFO 800211388

• • • •

SORRENTO S.AGNELLO VICO

C/MARE

POMPEI

6.01 6.25 + 6.49 7.22 • 7.38 F • 7.55 • 8.26 • 8.52 • 9.07 • 9.37 • 10.37 • 11.07 • 11.37 • 12.07 • 12.37 • 13.07 • 13.25 13.56 • 14.22 14.55 • 15.26 • 16.07 • 16.37 • 17.07 • 17.25 17.56 • 18.22 18.55 • 19.26 • 20.07 • 20.37 21.07 21.37

6.21 6.45 7.05 7.39 7.58 8.15 8.45 9.09 9.27 9.57 10.57 11.27 11.57 12.27 12.57 13.27 13.45 14.15 14.39 15.15 15.45 16.27 16.57 17.27 17.45 18.15 18.39 19.15 19.45 20.27 20.57 21.27 21.56

6.31 6.55 7.14 7.48 8.08 8.25 8.53 9.18 9.37 10.07 11.07 11.37 12.07 12.37 13.07 13.37 13.55 14.23 14.48 15.25 15.53 16.37 17.07 17.37 17.55 18.23 18.48 19.25 19.53 20.37 21.07 21.37 22.05

6.03 6.27 6.51 7.24 7.40 7.57 8.28 8.54 9.09 9.39 10.39 11.09 11.39 12.09 12.39 13.09 13.27 13.58 14.24 14.57 15.28 16.09 16.39 17.09 17.27 17.58 18.24 18.57 19.28 20.09 20.39 21.09 21.39

6.12 6.36 6.59 7.31 7.49 8.06 8.37 9.01 9.18 9.48 10.48 11.18 11.48 12.18 12.48 13.18 13.36 14.07 14.31 15.06 15.37 16.18 16.48 17.18 17.36 18.07 18.31 19.06 19.37 20.18 20.48 21.18 21.48

ERCOLANO NAPOLI

7.07 7.31 7.47 8.26 8.44 9.01 9.16 9.56 10.13 10.43 11.43 12.13 12.43 13.13 13.43 14.13 14.32 14.46 15.27 16.01 16.16 17.13 17.43 18.13 18.32 18.46 19.27 20.01 20.16 21.13 21.43 22.13 22.39

6.49 7.13 7.29 8.07 8.26 8.43 9.06 9.37 9.55 10.25 11.25 11.55 12.25 12.55 13.25 13.55 14.12 14.36 15.09 15.43 16.06 16.55 17.25 17.55 18.12 18.36 19.05 19.43 20.06 20.55 21.25 21.55 22.22

• •

• • • •

NAPOLI ERCOLANO

POMPEI C/MARE VICO S.AGNELLO SORRENTO

6.09 6.40 6.44 F 7.09 • 7.39 F 8.11 • 8.39 • 9.09 • 9.39 • 10.09 • 10.39 • 11.09 • 11.39 12.09 • 12.39 13.09 • 13.41 • 14.09 • 14.39 • 15.11 • 15.39 • 16.09 • 16.39 17.09 • 17.41 • 18.09 • 18.39 • 19.11 • 19.39 20.09 20.39 21.09 21.39

6.47 7.05 7.22 7.47 8.17 8.36 9.17 9.47 10.17 10.47 11.17 11.47 12.17 12.47 13.17 13.47 14.06 14.47 15.17 15.36 16.17 16.47 17.17 17.47 18.06 18.47 19.17 19.36 20.17 20.47 21.17 21.47 22.17

6.28 6.53 7.02 7.28 7.58 8.23 8.58 9.28 9.58 10.28 10.58 11.28 11.58 12.28 12.58 13.28 13.53 14.28 14.58 15.23 15.58 16.28 16.58 17.28 17.53 18.28 18.58 19.23 19.58 20.28 20.58 21.28 21.58

6.57 7.15 7.31 7.57 8.27 8.46 9.27 9.57 10.27 10.57 11.27 11.57 12.27 12.57 13.27 13.57 14.16 14.57 15.27 15.46 16.27 16.57 17.27 17.57 18.16 18.57 19.27 19.46 20.27 20.57 21.27 21.57 22.27

7.06 7.23 7.40 8.06 8.36 8.54 9.36 10.06 10.36 11.06 11.36 12.06 12.36 13.06 13.36 14.06 14.24 15.06 15.36 15.54 16.36 17.06 17.36 18.06 18.24 19.06 19.36 19.54 20.36 21.06 21.36 22.06 22.36

7.15 7.30 7.50 8.15 8.45 9.01 9.45 10.15 10.45 11.15 11.45 12.15 12.45 13.15 13.45 14.15 14.31 15.15 15.45 16.01 16.45 17.15 17.45 18.15 18.31 19.15 19.45 20.01 20.45 21.15 21.45 22.15 22.45

7.17 7.32 7.52 8.17 8.47 9.03 9.47 10.17 10.47 11.17 11.47 12.17 12.47 13.17 13.47 14.17 14.33 15.17 15.47 16.03 16.47 17.17 17.47 18.17 18.33 19.17 19.47 20.03 20.47 21.17 21.47 22.17 22.47

TUTTI I TRENI (TRANNE I DIRETTISSIMI) FERMANO A BOSCOREALE VILLA REGINA 2 MINUTI DOPO POMPEI (DA SORRENTO) E 2 MINUTI PRIMA (DA NAPOLI)

n SITA

SORRENTO AMALFI

• 06.30 F • 08.30 F • 08.30 H • 09.00 G • 09.15 F • 09.30 G • 10.00 G • 10.15 F • 10.30 G • 11.00 G • 11.15 F • 11.30 G • 12.00 G • 12.30 G • 13.00 F • 13.30 G • 13.30 F • 14.00 G • 14.30 F • 15.30 H • 15.30 F • 16.00 F • 16.00 H • 16.30 F • 16.30 H • 17.00 G • 18.00 H • 18.00 G • 19.00 G • 20.00 H • 21.00 F • 22.00 F

Tel: 089 405145 Capolinea Stazione Circumvesuviana ORARI IN VIGORE DAL 1 APRILE

SORRENTO AMALFI SORRENTO MASSA L. • 06.20 G S.AGATA • 07.15 F TORCA • 08.05 G

• 09.00 F • 09.30 G • 10.30 G • 11.00 G • 11.30 G • 12.15 G • 13.00 G • 13.30 F • 14.05 G • 14.30 G • 15.00 F • 15.30 G • 16.00 G • 16.30 F • 17.00 F • 17.00 H • 17.30 G • 18.00 G • 18.30 F • 19.00 G • 20.00 G • 21.20 G • 23.00 F

• Via S. Agnello/Meta • Via Priora/S.Agata

05.50 07.25 08.05 09.00 09.30 10.10 11.00 12.15 13.15 13.15 14.00 15.00 15.25 16.15 16.15 17.10 18.00 18.40 19.15 20.15 21.15 22.20

F

• F F F F

• G F • G • F H G F G

• F H • G G F G G G H

TORCA S.AGATA MASSA L. SORRENTO 05.15 F 06.05 F 07.00 G 07.45 G 08.30 G 09.10 G 10.25 F 11.10 G 12.15 F 13.15 G 14.25 G 15.25 G 16.00 G 17.05 F 17.05 H 18.00 G 19.20 H 20.20 F

• •

• Arrivo/Partenza a/da Torca

F = FERIALE G = GIORNALIERO H = FESTIVO S = SCOLASTICO N = NO SCOLAST.

www.sitasudtrasporti.it

SORRENTO PRIORA S.AGATA TORCA

06.40 07.50 08.00 08.30 + 09,00 + 09.00 09.30 09.30 + 10.00 + 10.15 + 10.30 11.00 + 11.15 + 11.30 + 11.30 + 12.00 + 12.00 + 12,15 12.30 + 12.00 + 13.00 + 14.00 + 14.00 15.00 + 15.15 15.30 + 16,00 + 16.15 16.30 + 17.00 + 18.00 19.00 + 19.15 19,40 20.00 + 20.15 21.00 + 21.15 22.00 +

F H F F G F H G G F F G F G G G G F G G F F G H F F H G H G F G F F H G F F F

TORCA S.AGATA PRIORA SORRENTO 06.00 F

•• •

06.45 07.10 08.10 08.45 09.00 10.00 10.20 + 10.30 10.50 + 10.30 10.55 11.20 11.30 11.50 + 12.10 12.20 + 12.50 + 13.00 13.35 + 14.00 1420 + 14.40 15.25 + 15.35 16.20 + 16.50 + 17.05 17.50 + 18.20 + 18.50 + 19.20 + 19.50 + 20.20 + 20.50 21.20 + 22.40 + 00.20 +

• a/da Torca

F F F G F F F H G H F F G G F G G G G F G F G F F G F F F G G F G F G G F

+ Bivio Nastro Verde

SORRENTO CANTONE CANTONE SORRENTO 07.50 F 07.50 H 09.00 F 09.30 H 10.30 F 11.30 F 13.00 F 14.00 F 14.50 F 15.15 F 16.15 G 18.00 F 21.15 F

• • • • • • • •

06.45 F 09.00 G 10.20 F 11.30 F 14.05 F 15.00 F 16.00 F 16.30 F 19.00 F

• • • • • •

• via S. Agata SERVIZIO AUTOLINEE Every 20 minutes

LINEA A M. LUBRENSE - CAPO SORRENTO - META e vv. LINEA B Circolare SORRENTO (Porto) SORRENTO (Stazione) LINEA C SORRENTO (Porto) S. AGNELLO - PIANO e vv. LINEA D Circolare MARINA GRANDE SORRENTO LINEA E Circolare SORRENTO STAZIONE VIA DEGLI ARANCI - HILTON

F/7

SURRENTUM insieme agli orari che sono comunicati direttamente dalle compagnie di trasporto e aggiornati al 20 agosto 2017 pubblica anche il loro recapito telefonico a cui si prega fare riferimento per assicurarsi che non vi siano state, nel frattempo, variazioni agli orari.

NUMERI UTILI USEFULL NUMBERS


38

SETTEMBRE 2017 ORARI DI AGOSTO

DALLA VILLA COMUNALE

SURRENTUM insieme agli orari che sono comunicati direttamente dalle compagnie di trasporto e aggiornati al 20 agosto 2017 pubblica anche il loro recapito telefonico a cui si prega fare riferimento per assicurarsi che non vi siano state, nel frattempo, variazioni agli orari.

info point

o

ALISCAFO HYDROFOIL

GESCAB - www.gescab.it Tel. 0818071812 - 0815329071

SORRENTO - CAPRI 07,15* 08,05 08,20 08,55 09,15 09,40 11,25 11,45 13,30 14.45 15,45 16,45 CAPRI - SORRENTO 08,00* 08,55 09.00 10,20 11,20 12,10 15,15 15,35 15,55 17,15 17,35 17,45

08,30 09,50 14,05 17,05

08,45 10,45 14,25 17,45

C/8

Ascensore per il Porto e le spiagge Lift to the Beach/Port

SETTEMBRE

E 7,30 - 24,00

Piazza Tasso 10.00-13.00 / 16.00-21.00

OTTOBRE 7,30 - 23,00

Stazione Circum 10.00-13.00 / 15.00-19.00 Porto (Marina Piccola) 09.00 - 17.00

09,15 09.25 13,00 13,55 16,05 16,20 18,30

* Feriale - Not on sunday

SORRENTO - NAPOLI 07.20 08.10 10.00 12.00 14.00 16.25 18,40+ NAPOLI - SORRENTO 09.00 11.00 13.00 15.05 17.15 18.25 1930+

n

SORRENTO/POSITANO 08,35 (escluso lunedi e giovedi) POSITANO/SORRENTO 09,35 (escluso lunedi e giovedi) SORRENTO/POSITANO/AMALFI 10,30 14,55 AMALFI/POSITANO/SORRENTO 11,35 16,35 SORRENTO - ISCHIA 09,10° 09,30** 15,50 ISCHIA - SORRENTO 10,35 17,25°

NAVE VELOCE FAST FERRY

CAREMAR - Tel. 0818073077

SORRENTO - CAPRI 07,45 09,25 14,30 CAPRI - SORRENTO 07,00 08,40 13,35

CONSORZIO UNICO CAMPANIA

CALL CENTER 08119666202

EAV

POMPEI - VESUVIO e vv.

° Via Procida (lun. me. ven) ** (mar. gio. sa. do.) +Solo venerdì, sabato e domenica

%

n

19,25 18,45

POMPEI (Piazza Anfiteatro) VESUVIO (1.000 m.) 08,00 09,40 10,30 11,20 12,10 13,00 13,50 14,40 15,30 VESUVIO (1.000 m.) POMPEI (Piazza Anfiteatro) 09,00 9,50 10,40 11,30 12,20 13,10 14,00 14.50 16,40 17,40

SORRENTO - NAPOLI e vv.

SORRENTO (Circum) - NAPOLI (giorn.ro) 23,00 -00,10 – 00,20 – 01,30 - 04,30 – 04,50 NAPOLI - SORRENTO (Circum) (giorn.ro) 22,40 - 23,00 – 03,15 – 04,15 - 5,00

Circolo dei Forestieri

n

AUTOLINEE

MAROZZI Tel. 0805790111 www.marozzivt.it

ORARI IN ROSSO  da Lunedi a Sabato - Mon to Sat ORARI IN NERO  Giornaliera - Everyday

SORRENTO - ROMA

SORRENTO C. Italia-261 06.00 VICO E. P. Kennedy 06.15 C.DI STABIA V.le Europa 06.30 ROMA Tiburtina 09.45

ROMA - SORRENTO

ROMA Tiburtina 07.00 C.DI STABIA V.le Europa 10.40 VICO E. P. Kennedy 10.55 SORRENTO C. Italia-261 11.45

17.00 17.15 17.30 21.00 15.00 18.15 18.30 19.00

n CURRERI SERVICE

Tel. 0818015420 www.curreriviaggi.it Da Sorrento a Capodichino p.06,30 a.08,00 p.07,30 a.09,00* p.08,30 a.10,00 p.09,00 a.10,30 p.10,30 a.12,00 p.12,00 a.13,30 p.13,00 a.14,30* p.14,00 a.15,30 p.15,00 a.16,30 p.16,30 a.18,00

Da Capodichino a Sorrento p.09,00 a.10,15 p.10,00 a.11,15* p.11,00 a.12,15 p.12,00 a.13,15 p.13,00 a.14,15 p.14,30 a.15,45 p.15,30 a.16,45* p.16,30 a.17,45 p.18,00 a.19,15 p.19,30 a.20,45

Sorrento (Stazione) - S. Agnello (Piazza Municipio) Piano (vicino alla Siesta) - Meta (chiesa del Lauro) Vico Equense (uff. Curreri a. / Stazione r.) Castellammare di Stabia (Villa Stabia) * SOLO SU PRENOTAZIONE FERMATA A Pompei Scavi

via Luigi De Maio, 35 SORRENTO - tel. 0818773263 info@circolodei forestieri.com Entrance on the road going down to the port

C/8


OTTOBRE 2015

E/7

31


32

APRILE OTTOBRE APRILE 2012 2015 2015

1981 2015

Surrentum - Settembre 2017  

Il numero di Settembre

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you