Issuu on Google+

16.17.18 maggio 2014 Parco pensile Auditorium Parco della Musica

WORK

UT

Balconi per Roma 2014


W ORK

UT

BALCONI per ROMA 2014

Modalità di trasporto in percentuale trasporto pubblico piedi

Sul totale di vittime della strada il 50% sono pedoni e ciclisti .......

16% 28%

9%

altro

5% bici Categoria di veicolo più coinvolta in incidente stradale

42% auto

auto 66,3%

Conducenti morti e feriti per categoria di veicolo 8.4% 13,6% motocicli

altro

5.2% 6,5% bici autocarri

....... a Roma muore un ciclista a settimana www.leggo.it

*Informazioni di grafici da http://www.istat.it

auto 99.266 autocarri 6.107 16.900 bici 15.917

42.987

ciclomotori

altro 2.310 motocicli

“Everything about us is movement. Everything around us is change. Believe in movement’s static quality.” Jean Tinguely

“Destruction is also creation.” ― Marcel Duchamp

FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO - BALCONI per ROMA 2014

PROGETTO DI STEFANIA POLITI

“I mean decor that is self-important.” ― Jacques Tati

1/2


Planimetria con descrizione delle essenze arboree Citrus

Viola odorata

Gerbera jamesonii

Petunia

Lantana camara Hydrangea macrophylla Petunia

Thymus capitatus

Narcissus pseudonarcissus

Bellis perennis

Occimomum Basilicum

Bellis perennis

W ORK

UT

BALCONI per ROMA 2014

Rosmarinus officinalis Lantana camara

Origanum vulgare Lavandula angustifolia

Supporti di legno Hydrangea macrophylla

Lavandula angustifolia Narcissus pseudonarcissus

Viola odorata Lantana camara Gerbera jamesonii

Dettagli costruttivi

supporto di legno pedana

Fissaggio alla pedana

foro per camera d’aria

Attacco del cavo alla ruota fermo

....... another reality hidden in the foilage.

Andrei Codrescu, The Posthuman Dada Guide

Sistema di bloccaggio FESTIVAL DEL VERDE E DEL PAESAGGIO - BALCONI per ROMA 2014

PROGETTO DI STEFANIA POLITI

2/2


Balconi per Roma: Wo rk Out Il progetto tarsforma lo spazio del balcone in una palestra domestica utilizzando i vasi come pesi ed una vecchia bicicletta come mezzo di leva. Il titolo WorkOut significa appunto allenarsi. La trasformazione della bici avviene mediante semplice ribaltamento del telaio e sostituendo la forcella con il sellino. Il manubrio, legato ai pedali, consente la spinta con le braccia e quindi la rotazione della ruota posteriore, innescando il sollevamento dei vasi posti in una semplice cassetta di legno. La ruota frontale, fissata su un piedistallo, diventa la cerniera del meccanismo di sollevamento. Su ogni vaso è segnato il peso in Kg. L’attrezzo è progettato al fine di essere economico e di semplice realizzazione, ma offre anche uno spunto di riflessione sulle difficoltà sofferte dalla mobilità ciclopedonale romana. La prima tavola affronta questo tema in chiave ironica, mediante la rappresentazione di un personaggio che inventa l’attrezzo a seguito di un incidente stradale. WorkOut significa anche trovare una soluzione. L’utilizzo della bicicletta viene quindi negato e stravolto; l’oggetto viene esposto provocatoriamente sul balcone. L’oggetto creato è inoltre un richiamo alla produzione artistica “ready made” dello scorso secolo ed in particolare all’opera di Jean Tinguely. Lo strumento è tinto di nero per mettere in risalto i colori delle essenze arboree, selezionate in funzione del luogo e del periodo stagionale. I contrasti cromatici sono ottenuti mediante l’utilizzo di: Gerbera, Narcissus, Viola odorata, Lantana, Bellis Perennis, Hydrangea, Petunia. Gli odori sono ottenuti mediante l’ utilizzo di: Lavandula, Thymus, Ocinum basilicum, Rosmarinus officinalis, Citrus. L’idea progettuale si estende idealmente al ridisegno della facciata di un edificio residenziale privo di interesse architettonico, trasformato in area “work out” con macchinari multiformi prodotti dalla fantasia domestica.



WorkOut_ Balconi per Roma