Issuu on Google+

Editore Editore Sport Sport Press Press S.r.l. S.r.l. -- Corso Corso della della Resistenza, Resistenza, 23 23 -- 20821 20821 Meda Meda (MB) (MB) -- Tel: Tel: 0362.600469 0362.600469 E-mail: E-mail: redazione@pointbreakmag.it redazione@pointbreakmag.it -- Periodico Periodico mensile mensile -- Poste Poste italiane italiane SpA SpA Spedizione Spedizione Abbonamento Abbonamento Postale Postale D.L. D.L. 353/2003 353/2003 (Conv. (Conv. in in Legge Legge 27/02/2004 27/02/2004 N.46) N.46) Art.1 Art.1 Comma Comma 11 D.C.B. D.C.B. Milano Milano Registrazione Registrazione al al Trib. Trib. di di Milano Milano n.540 n.540 del del 19 19 luglio luglio 2004. 2004. -- Direttore Direttore Responsabile: Responsabile: Angelo Angelo Frigerio Frigerio Stampa: Stampa: Ingraph Ingraph -- Seregno Seregno (MB) (MB) -- In In caso caso di di mancato mancato recapito, recapito, inviare inviare all’uff. all’uff. postale postale di di Roserio Roserio per per la la restituzione restituzione al al mittente mittente che che sisi impegna impegna aa pagare pagare la la relativa relativa tariffa. tariffa.

magazine magazine Anno 8 – N. 5 / 2011


magazine

Mensile B2B del settore boardsport & action sport

Anno 8 – N. 5 / 2011

cover story

redazione@pointbreakmag.it

A 45 ANNI RAIMONDO GASPERINI SI CONFERMA ATLETA DI GRANDE LIVELLO, TRA RISULTATI DI PRESTIGIO, IMPORTANTI PREMI, RICERCA DI NUOVI TRICK E UNA FONDAMENTALE OPERA DI INSEGNAMENTO E SCOUTING DEI MIGLIORI TALENTI.

| focus wake |

Linea diretta con il wake

WaKE-liNE, UN aRTiColaTo PRoGETTo Di CoMUNiCazioNE CoN UNo sTaFF Di EsPERTi ChE iNTENDoNo PRoMUoVERE la sCENa WaKEsKaTE E WaKEBoaRD.

Ray, waterman & talent scout

Gli azzurri del wakeboard DaViDE BERETTa PaRla DElla NazioNalE.

alle pagine 22- 23

| brand profile |

| focus on |

Cresce l’onda basca di Pukas

Sale la febbre del light freeride

NaTo a FiNE aNNi ’70 NEl NoRD DElla CosTa sPaGNola, il BRaND È oRa UNa FoRTE REalTÀ a liVEllo EURoPEo. iNTERVisTa CoN aDUR lETaMENDia.

Da MaRzo a oTToBRE la 4 EDizioNE DEl sUPERENDURo, CoN 14 TaPPE PRo E sPRiNT. aD aGosTo PER la PRiMa VolTa l’ENDURo TRoPhY oF NaTioNs.

Cablepark, l’era del 2.0

a

ha DUE soli Pali E PUÒ EssERE MoNTaTo E sMoNTaTo iN UN GioRNo. MolTi i VaNTaGGi DEl sYsTEM 2.0 PaRK, ENTRo FiNE GiUGNo iN 5 loCaliTÀ D’iTalia.

|

pagina 14 |

|

pagina 18 |

|

pagine 24 - 27 |

focus on - RIFLETTORI SUL PROGETTO “VIP ON BOARD” fiere - A BERLINO DAL 7 AL 9 LUGLIO

freeride - I CORSI TENUTI DA MATTEO CAPPÈ

eventi - AL FLOWRIDER DI ALESSANDIRA

Metti i vips sulla tavola…

A scuola di action photography pag. 19

Un tris vincente per Probeat

pag. 15

Bright 2011, don’t miss it…

pag. 16-17

pag. 20


|

editorial

a cura di Benedetto Sironi

Un po’ di “Apple Juice” nella vostra impresa “E’ opinione diffusa in molti che Steve Jobs sia a capo della più straordinaria azienda della storia. Steve fa ogni giorno cose teoricamente impossibili e oltretutto guida una grande azienda come se fosse una startup”. Che siate o non siate amanti di Steve Jobs e di Apple, vi consiglio vivamente la lettura di un libro dedicato proprio al fondatore e attuale amministratore delegato della celebre azienda californiana, dal quale tra l’altro sono tratte queste parole. Si intitola “Steve Jobs – L’uomo che ha inventato il futuro” ed è stato scritto da Jay Elliot, ex vicepresidente esecutivo di Apple che per anni è stato al suo fianco, contribuendo a portare l’azienda da 150 milioni a 3 miliardi di dollari di fatturato (per la cronaca, il turnover 2011 di Apple alla chiusura a settembre dell’anno fiscale dovrebbe toccare i 100 miliardi di dollari e il marchio oggi ha un valore di mercato di oltre 150 miliardi di dollari, il più alto al mondo secondo la ricerca di mercato "BrandZ Top 100 Most Valuable Global Brands 2011"). Parte del volume è dedicata all’affascinante racconto dell’incredibile e per molti versi inaspettata storia di Steve Jobs e della sua “creatura”, con citazioni e aneddoti che da soli valgono il prezzo del libro. Come quello in cui si ricorda che Steve volesse a tutti i costi assumere in Apple l’allora amministratore delegato di Pepsi, John Sculley. Peccato che allora Apple fosse un’azienda minuscola rispetto a Pepsi e la prima risposta fu un secco no. Ma l’incessante opera di seduzione andò a buon fine e Sculley finì per accettare, soprattutto dopo che Steve gli rivolse questa frase: “Vuoi vendere acqua zuccherata per il resto della vita, oppure vuoi avere una possibilità di cambiare il mondo?” Il libro ha il merito di andare anche al di là delle vicende storiche e dei gustosi aneddoti che ri-

guardano l’azienda di Cupertino. Proponendoci una precisa filosofia aziendale, applicabile per molti versi a qualunque realtà, grande o piccola che sia. “Non si tratta solo di cambiare prospettiva, ma di fare in modo che la vostra azienda cambi insieme a voi”, afferma l’autore. Tra i punti cardini di questo approccio: la passione per il prodotto, l’attenzione maniacale per il dettaglio, l’importanza del lavoro di squadra, della gestione del lavoro in team e della motivazione dei dipendenti: “Poche cose hanno più valore, nel mondo aziendale, di un dipendente a cui importa davvero dell’azienda e dei suoi prodotti”. E ancora: la ricerca dei migliori talenti e la celebrazione dei propri successi (anche con adeguate ricompense ai dipendenti), la qualità del luogo di lavoro e la capacità di imparare dagli errori commessi. Ma uno degli aspetti più importanti su cui è imperniato l’approccio aziendale di Steve Jobs è il concetto di “impresa orientata al prodotto”. Ossia quella in cui il prodotto (inteso anche nella più ampia accezione di “sevizi”) è l’elemento più importante in ogni decisione. Se volete avere successo nella vostra attività dovete innanzitutto essere convinti al 100% e anche più del vostro “prodotto”. Essere in grado di riporvi una fiducia incrollabile poiché siete certi che è davvero il migliore che possiate realizzare. Analizzando obiettivamente quello che offrite ai vostri clienti, ne siete davvero convinti? Se la risposta è sì, significa che siete sulla strada giusta. Se la risposta è no, o se nutrite anche solo qualche dubbio a riguardo, le stimolanti lezioni di “Leadership” (come le definisce lo stesso autore) contenute in questo libro non potranno far altro che migliorare il vostro business e magari anche la vostra vita quotidiana. A patto che siate disposti a rimettervi davvero in discussione, riversando nella vostra impresa la giusta dose di “Apple Juice”.

A bit of “Apple Juice” in your business

N. 5 / 2011

“Steve Jobs is generally held to be the leader of one of the most extraordinary companies ever. Every day Steve does things which are theoretically impossible and most importantly he manages a big company as though it were a start-up.” Whether or not you love Steve Jobs and Apple, I heartily recommend that you read a book devoted to the founder and managing director of the famous Californian company, from which the above quotation is taken. The book is called “Steve Jobs – The Man who invented the Future” and was written by Jay Elliott, former executive vice-president of Apple who worked alongside Jobs for years and contributed to taking the company from 150 million to three billion dollars turnover (to be precise, Apple’s turnover at the end of the financial year in September 2011 is expected to reach 100 billion dollars and the brand today has a market value of over 150 billion dollars, the highest value in the world according to the market survey “BrandZ Top 100 Most Valuable Global Brands 2011”). Part of the volume is devoted to the fascinating tale of the incredible and often unexpected story of Steve Jobs and his “creature”, with quotations and anecdotes which alone justify the price of the book. Like the one when Steve Jobs wanted at all costs to hire the then managing director of Pepsi, John Sculley. What a pity that at the time Apple was a minute company and the answer was a firm “no”. But Jobs continued to court him and in the end Sculley accepted, convinced by Steve’s question: “Do you want to sell sugared water for the rest of your life, or would you like to have a chance to change the world?”

magazine

Editore Sport Press Srl Presidente DANIELE DE NEGRI Direttore Responsabile ANGELO FRIGERIO Direttore Editoriale RICCARDO COLLETTI Redazione: Corso della Resistenza, 23 20821 Meda (MB) Tel: 0362.600469 - Fax: 0362.344535 E-mail: redazione@pointbreakmag.it Website: www.pointbreakmag.it Stampa: Ingraph - Seregno (MB)

4

One of the strengths of the book is that it goes beyond the history and amusing anecdotes about the Cupertino company and offers a precise company philosophy, in many ways applicable to any company, big or small. “It’s not merely a question of changing point of view, but it means getting your company to change with you,” the author states. Among the mainstays of this approach: passion for the product, maniacal attention to detail, the importance of teamwork, of managing the teamwork and motivating the employees: “In the world of business few things are more valuable than an employee who really cares about his company and its products.” And again: seeking out the best talents and celebrating successes (even with adequate financial recognition for employees), the quality of the work and the ability to learn from your mistakes. But one of the key factors in Steve Jobs’ approach is the concept of the “product-oriented company”. That is, one where the product (in the widest sense of “services”) is the most important element in every decision. If you want to be successful in your activity, you must be 100% convinced and more of your “product”. Be capable of placing absolute trust in it since you are certain that it really is the best you can produce. Objectively analyzing what you offer your clients, are you truly convinced? If the answer is yes, it means you are on the right road. If the answer is no, or if you have any doubts about it, the stimulating lessons in leadership (as the author himself defines it) in this book cannot fail to improve your business and maybe even your daily life. On condition that you are willing to question everything, pouring the right quantity of “Apple Juice” into your business.

Mensile business to business del settore boardsport

Registrazione al Trib. di Milano n.540 del 19 luglio 2004. Periodico mensile Anno 8 N. 5/2011. Poste Italiane SpA Spedizione abbonamento postale D.L.353/2003 (Conv. in Legge 27/02/2004 N.46) Art.1 Comma 1 D.C.B Milano - Una copia 1.00 euro. L’editore garantisce la massima riservatezza dei dati in suo possesso. Tali dati saranno utilizzati per la gestione degli abbonamenti e per l’invio di informazioni commerciali. In base all’Art. 13 della Legge n° 196/2003, i dati potranno essere rettificati o cancellati in qualsiasi momento scrivendo a: Sport Press S.r.l. Responsabile dati: Riccardo Colletti.

Chiuso in redazione il 10 giugno 2011

summary |

brand profile 14 Cresce l’onda basca di Pukas Nato a fine anni ‘70 nel nord della costa spagnola, su iniziativa di Iñigo Letamendia, il brand è ora una forte realtà nel mercato boardsport a livello europeo, soprattutto nella penisola iberica e in Francia. Grande successo hanno poi le scuole di surf a Zarautz, San Sebastián e Getaria. Intervista con Adur Letamendia, community manager del marchio.

The Basque wave of Pukas is growing Born at the end of the 70s on the north of the Spanish coast, on the initiative of Iñigo Letamendia, the brand is now a strong reality on a European level, especially in the Iberian peninsula and in France. The surf schools in Zarautz, San Sebastiàn and Getaria have been very successful. An interview with Adur Letamendia, community manager for the brand.

focus on 15 Metti i vips sulla tavola… Riflettori puntati sul progetto “Vip On Board” (con sfondo benefico), ideato dalla “Iena” Gip. Protagonisti dei tre viaggi alcuni personaggi dei programmi tv “Le Iene”, “Striscia La Notizia” e “Zelig”, oltre alle voci di “Virgin Radio” e altri special guest. Con loro alcuni turisti, i quali riceveranno lezioni di surf tra Hawaii, Messico e California. Parte del ricavato andrà al “Centro Dino Ferrari”.

16 Bright 2011, don’t miss it… La 13ª edizione, a Berlino dal 7 al 9 luglio, si svolgerà per il 2° anno in concomitanza con B&B. Tra le novità, la nomina ad Ambassador per l’Italia di Franz Holler: “Puntiamo a facilitare la presenza delle aziende. Il progetto All Tomorrows, per esempio, dà la possibilità ai brand di presentare le collezioni senza l’impegno di allestire uno stand”.

20 Un tris vincente per Probeat La nuova edizione della gara di flowrider, organizzata da Slide il 21 maggio, ha visto più di 60 riders sfidarsi sull’onda artificiale di 130 mq nel Villaggio Benessere Bellavita di Alessandria. Quiksilver, Eastpak, Spy Optics, Monster Energy e Indoboard gli sponsor. Cresciuto notevolmente il livello dei tricks.

Putting the VIPs on the board… Spotlight on the “Vip On Board” project, dreamed up by the “Iena” Gip, featuring three voyages with personalities from the TV programmes “Le Iene”, “Striscia La Notizia” and “Zelig”, as well as voices from “Virgin Radio” and some special guests. They will be accompanied by tourists, who will be offered surfing lessons in Hawaii, Mexico and California. A part of the takings will go to the “Dino Ferrari Centre”.

Bright 2011, don’t miss it… The 13th edition, scheduled in Berlin (7th to 9th July), will be held for the 2nd time together with B&B. Novelties to include the nomination of Franz Holler as Ambassador for Italy: “We will facilitate the presence of companies. The All Tomorrows project, i.e., allows the brands to present the collections without needing to set up a stand.”

A winning trio for Probeat The new edition of the flowrider competition, organised by Slide on 21st May saw more than 60 participants competing on the artificial wave of the 130 sm pool of the Villaggio Benessere Bellavita in Alessandria. Quiksilver, Eastpak, Spy Optics, Monster Energy and Indoboard are the sponsors. The level of tricks significantly higher.

freeride 18 Sale la febbre del light freeride Da marzo a ottobre la quarta edizione del Superenduro. Il circuito, supportato anche da Skullcandy, Vibram, Scott e Camelbak, comprende 14 tappe Pro e Sprint. A esse si aggiunge ad agosto la prima italiana del Vibram Enduro Trophy Of Nations, che si svolgerà a Sauze d’Oulx (TO) in occasione del quarto appuntamento Pro.

19 A scuola di action photography L’8 maggio in Città Alta il workshop di fotografia d’azione tenuto da Matteo Cappè, uno dei più famosi fotografi italiani in questo segmento. Caratterizzato dai tagli Light, Expert, Relax ed Experience. L’appuntamento a Bergamo in collaborazione con il Mysticfreeride team, i cui atleti si sono prestati agli scatti dei partecipanti alle lezioni.

Light freeride – the fever rises From March to October the fourth edition of Superenduro. The circuit, supported by Skullcandy, Vibram, Scott and Camelbak, includes 14 Pro and Sprint stages. To this we can add in August the Italian premiere of the Vibram Enduro Trophy of Nations, to be held in Sauze d’Oulx (Turin) on the occasion of the fourth Pro appointment.

At the Action Photography school Upper Bergamo hosted the workshop for action photography on 8th March held by Matteo Cappè, one of the most famous Italian photographers in the segment, characterised by Light, Expert, Relax and Experience levels. The appointment was organised together with the Mysticfreeride team, whose athletes have been snapped by participants.

cover story 22 Ray, waterman & talent scout Ray, waterman and talent scout 23 A 45 anni si conferma atleta di grande livello, tra risultati di At the age of 45 he is a high-level athlete, with prestigious prestigio internazionali e ricerca di nuovi trick. Il suo amore per il windsurf lo ha portato a fare molto di più per la disciplina, con una fondamentale opera di insegnamento e ricerca dei migliori talenti italiani. Parla Raimondo Gasperini, Waterman of the Year ai Surfing Italia Awards.

results in international contests and research into new tricks. His love of windsurfing has led him to do much more for this discipline, with teaching activity and scouting for the finest Italian talents. We talk to Raimondo Gasperini, Waterman of the Year at the Surfing Italian Awards.

focus wake 24 In linea diretta con il wake Wake-Line: un progetto promosso da atleti ed esperti nel mondo delle pr che mira a promuovere wakeskate e wakeboard tramite interviste, il suo sito ufficiale e l’organizzazione di shooting ed eventi. Gestirà anche la comunicazione del Campionato del Mondo di Milano.

25 Gli “azzurri” del wakeboard Nata alla fine degli anni ‘90, la nazionale italiana si compone di una ventina di atleti. Notevole il livello delle giovani leve tra le quali saranno scelti gli 8 rappresentanti del Tricolore per il Mondiale di Milano. Il punto con Davide Beretta, responsabile del settore giovanile.

26 Cablepark, arriva l’era del 2.0 Il System 2.0 Park entro giugno in 5 località d’Italia. Lavora con 2 soli pali e può essere montato e smontato in un solo giorno. Può così essere allestito in occasione di eventi e riposizionato perfino sulla neve. Molti altri i vantaggi di queste strutture. Oltre 40 quelle nel mondo firmate Sesitec, azienda rappresentata in Italia da DPS.

Live on-line with wake The Wake-Line project, with a staff made up of athletes and experts in the pr world. It aims to promote wakeskate and wakeboard through interviews, the web and the organisation of shootings and events. It will manage the communications for the World Championship in Milan.

The wakeboard “Azzurri” Created at the end of the ‘90, the Italian national team (the Azzurri) is made up of some twenty athletes. Eight among the young athletes will be selected to represent the nation at the world championships in Milan. The rundown with Davide Beretta, in charge of the youth sector.

Cablepark, the 2.0 era is coming The System 2.0 Park will be present in 5 localities in Italy by the end of June. It works with two posts and can be set up and taken down in one day. It can thus be used as a temporary fixture for events and even repositioned on the snow. Over 40 structures are now present in the world, produced by Sesitec, represented by DPS in Italy.

MASTER IN “MANAGEMENT DELLO SPORT” Parte il 10 ottobre 2011 a Milano la nuova edizione del Master di specializzazione in “MANAGEMENT DELLO SPORT” e 24 ORE FORMAZIONE | EVENTI offre una borsa di studio a un candidato meritevole interessato al settore. Il Master, fortemente pratico e concreto, si pone l’obiettivo di fornire ai partecipanti strumenti, tecniche e nuovi modelli di management, marketing, comunicazione e aspetti giuridici, legali e finanziari collegati al settore sportivo. Tutti gli argomenti del Master saranno affrontati con una metodologia didattica molto interattiva, affiancando all’analisi dei singoli argomenti case history ed esercitazioni pratiche. Da quest’anno il Master, aggiornato nei contenuti, si focalizza in modo particolare sulla struttura del mercato sportivo. Partendo dall’organizzazione di un’azienda sportiva si affronteranno le tematiche relative agli aspetti giuridici dello sport, i finanziamenti, le sponsorizzazioni, il marketing e la comunicazione e la gestione di un team di lavoro. Tutte le informazioni sul Master e la borsa di studio sono disponibili on line sul sito http://www.formazione.ilsole24ore.com/business-school/YA4775-sport-business-management.php Contatto e-mail: ext.chiara.michelizzi@ilsole24ore.com - Tel: 02/30223663 I lettori di Pointbreak Magazine che allegano questo articolo alla scheda di iscrizione avranno il 20% di sconto, fino al 15/09/2011.


|

Nixon firma 4 orologi insieme ai Beastie Boys

Nixon e i Beastie Boys hanno collaborato per realizzare insieme un set di 4 orologi a edizione limitata, il cui rilascio sul mercato è avvenuto a maggio. Questa nuova collezione, che segue la scia del nuovo album dei Beastie Boys, Hot Sauce Committee Part Two, servirà per appoggiare la WKCR-FM, stazione radio non commerciale condotta da studenti della Columbia University, a New York, su scelta della stessa band. “Public radio is for the people, by the people”, sono le parole di Chad Di Nenna, cofondatore e direttore marketing di Nixon. “Questo è un bel modo per supportare una buona causa. Siamo orgogliosi di lavorare con i Beasties su questo progetto e non vediamo l’ora di coinvolgere i nostri amici e fan”. Gli orologi sono disponibili nei colori rosso, bianco, verde e blu, e saranno venduti in un package dal tema marittimo. Inoltre un’immagine di Mike D con un suo messaggio speciale saranno presenti sul case e sul cinturino.

Ripartono i corsi skateboard a Ravenna Dopo il successo ottenuto nell’edizione 2010 della Skateboard School Ravenna, anche per la stagione 2011 ripartiranno i corsi presso il Ponte Nuovo Skatepark di Ravenna da maggio a settembre. I corsi, con lezioni collettive (min. 4) o private, saranno proposti a tutti, sia ragazzi che adulti, di livello base, medio e avanzato. Le lezioni, pratiche e teoriche, si concluderanno con una mini gara e saranno guidate da maestri di tutto rispetto dell’ambiente skate ravennate: Marco Morigi, Marco Miccoli, Giorgio Zattoni, Marco Magnani, Gianni Zattoni, Igor Baccini ed Emiliano Mazzoni. La Skateboard School Ravenna è organizzata in collaborazione con Blast! Distribution, Darkstar, Speed Demonds, TSG e il patrocinio della regione Emilia Romagna.

skateboardschool@gmail.com

N. 5 / 2011

Mormaii protagonista all’Award Fluir/Waves

6

Il 16 maggio al Costa Brava Club di Rio de Janeiro, in Brasile, si è svolta la cerimonia di premiazione dell’Award Fluir/Waves 2011 con il meglio del surf brasiliano: atleti di ogni generazione, giornalisti, imprenditori del settore e rappresentanti dei principali brand. Mormaii in particolare è stato premiato per il Best Advertisement grazie a una bella foto, scattata da James Thisted e apparsa su Fluir Journal di giugno 2010, nella quale Diogo Guerreiro è impegnato in un tube realizzato in Papua Nuova Guinea durante il World Tour Blue Destination/Mormaii (vedi immagine). Fra i tre finalisti della categoria banner era presente anche un altro advertisement by Mormaii, apparso sul sito Waves. Inoltre diversi atleti del team Mormaii hanno partecipato all’Award Fluir/Waves 2011. Fabio Gouveia ha vinto il Best Barrel, mentre nella categoria Big Rider Everaldo “Pato” Teixeira e Carlos Burle, entrambi del team, si sono dovuti arrendere in finale a Danilo Couto.

The Chosen, la 1a campagna Nike dedicata agli action sport

È partita The Chosen, la nuova campagna globale “Just Do It” che coinvolge il meglio del firmamento degli action sport, a partire dallo spot con protagonisti la leggenda dello skate Paul Rodriguez (P-Rod), le medaglie olimpiche e top rider TTR Peetu Piiroinen e Danny Kass, i prodigi del surf Julian Wilson e Laura Enever. A seguire l’uscita dello spot, Nike organizzerà degli eventi grassroot in cui gli tutti gli appassionati avranno l’opportunità di misurarsi con gli sport raccontati nello spot. Alla campagna The Chosen è legato anche un video-contest per skater, surfer, rider BMX e snowboarder sulla pagina facebook.com/ nike6surfitaly: i vincitori avranno la possibilità di viaggiare con il team Nike. “The Chosen rappre-

senta una voce nuova per Just Do It, un passaggio di testimone alla prossima generazione di eroi dello sport”, racconta Davide Grasso, global brand marketing vice president di Nike. La campagna, lanciata in 23 mercati, fra cui USA, Cina, Brasile, Europa Occidentale e Australia, ha debuttato su Facebook il 2 giugno. Lo spot è andato in onda in tv per la prima volta il 5 giugno durante gara 3 delle Finali NBA negli Stati Uniti. In Italia, la campagna The Chosen si completa di due altri grandi momenti realizzati localmente: Believers, 42 documentari dedicati ad altrettante crew degli action sport in Italia, che andrà in onda a partire dal 6 giugno su Deejay TV, e un grande evento che si terrà il 15, 16 e 17 luglio a Roma.

Il superpark dedicato all’FMX firmato da Alvaro Dal Farra Con un passato da rider FMX professionista alle spalle, Alvaro Dal Farra propone per la prima volta in Europa una struttura aperta a tutti gli atleti professionisti che vogliono allenarsi ed evolvere il loro riding. Si tratta del Da Boot Superpark, realizzato a Lentiai (BL) nel 2005 dallo stesso Alvaro, che necessitava di uno spazio dove allenarsi. Ora il park è stato ingrandito e reso accessibile a chiunque per 365 giorni l’anno. Comprende svariate strutture: 9 rampe, 2 box, 1 quarterpipe, 2 dirt kicker, 4 dirt landing e 1 transfert jump shapeate periodicamente. Oltre agli insegnamenti di specialisti e di Alvaro in persona, i frequentatori del park potranno ricevere preziosi consigli di un meccanico presente in loco per mantenere in ottime condizioni la propria moto. Ma l’apertura del park è solo l’ultimo dei tanti impegni che vedono Alvaro protagonista. Tra tutti spicca la seconda edi-

zione dell’Alvaro Dal Farra FMX School, svolta l’8 maggio al Crossodromo di Finale Emilia (MO) e sponsorizzata tra gli altri da TSG, Skullcandy, Union, Protest, Capita, Red Bull, Iuter e Da Boot. I presenti hanno preso parte a corsi di FMX che sono durati tutto il giorno e che sono stati gestiti da Alvaro Dal Farra con il supporto di Lorenzo Magnoni e della Da Boot Crew.

Vans supporta Crack & Shine, un libro sul mondo dei writers Dopo l’uscita del primo Crack & Shine, l’inedito libro sui graffiti di Londra, Fred Forsyth e Will Robson Scott, publisher e fotografo dello stesso, hanno viaggiato in tutto il mondo alla ricerca dei writer più noti e prolifici, per riunirli e presentarli nel prossimo libro in uscita: Crack & Shine International. Il volume, realizzato da Topsafe London in collaborazione con Vans, vuole mostrare una visione onesta e significativa della sub-cultura dei graffiti a livello globale. Gli artisti presenti nel li-

bro rappresentano l’élite di questa sub-cultura e a ognuno di loro è stato concesso uno spazio per parlare di stile, influenze e storia. Crack & Shine International mira a far esplodere, documentandolo con integrità e fascino, il potenziale di questa

subcultura e dei suoi principali artisti, per far si che quest’arte si diffonda a macchia d’olio coinvolgendo un pubblico sempre più ampio. Proprio per questa ragione Vans supporta Crack & Shine International.

www.crackandshine.com

Music Sport Movement presenta i corsi di Fitsurf e Fitsup Sperimentare in una palestra le sensazioni inebrianti del surf e del SUP prendendo confidenza con le tecniche di base per cavalcare l’onda. É il leitmotiv di Music Sport Movement (MSM), che quest’anno ha presentato due nuovi format di training in anteprima a Rimini Wellness 2011, dal 12 al 15 maggio: Fitsurf e Fitsup. L’obiettivo è di dare la possibilità a tutti di raggiungere la preparazione fisica più adatta per accostarsi ai boardsport acquatici, o semplicemente

per dedicarsi a un’attività ginnica efficace, divertente e priva di monotonia. Così durante i quattro giorni della fiera il popolo del fitness ha potuto sperimentare la balance board di Indoboard o il Surfing Simulator, stimolando equilibrio, destrezza e coordinazione. In più, grazie alla collaborazione con Jaked, MSM ha anche presentato in anteprima internazionale il Fitsup, una progressione didattica che ha portato gli utenti a vivere l’esperienza del SUP in veste fitness.

news

|

La nuova “Bibbia” del freeski italiano È disponibile da marzo nelle librerie italiane un nuovo volume, edito da Hoepli, dedicato interamente al freeski: “Freeski - La nuova scuola del freestyle - Con i migliori snowpark italiani ed europei”. Il libro (pg 224) è stato scritto e curato da alcuni componenti del Nordica Freeski Team, tutti atleti di livello internazionale: Massimo Braconi, Marco Eydallin, Federico De Albertis, Paolo Martinoglio e Dmitrii Sartor. Gran parte delle fotografie presenti nel volume sono state realizzate da Damiano Levati. Dalla storia alle attrezzature, dagli snowpark agli sport propedeutici, il volume propone un viaggio all'interno di questo spettacolare mondo che ha saputo cambiare la storia dello sci grazie alle sue componenti fondamentali: libertà espressiva e stile. Al suo interno sono presenti anche le spiegazioni illustrate delle varie evoluzioni divise per livello.

Nuovo video e nuovo punto vendita per RRD Maggio è stato un mese particolarmente ricco di news per RRD. Innanzitutto l’uscita del suggestivo film “Planet blow – The dark lines”, ad opera dell’artista e team rider francese Sylvain Demercastel. Il progetto, che include inoltre il libro fotografico Planet Blow (il cui ricavato verrà in parte devoluto all’associazione Surfrider), vede fra i protagonisti anche Fabrice Beaux, compagno del team RRD. Il video, della durata complessiva di un’ora, è in lingua inglese (sottotitoli in italiano, francese e spagnolo) e viene distribuito in un cofanetto limited edition con contenuti speciali e un booklet di 8 pagine. Ambientato a Parigi nel 2049, mostra un surfer artista che ripensa com’era la sua vita quarant’anni prima. Così decide di abbandonare tutto per cambiare radicalmente la sua vita, cercando di ricongiungersi a un amico d’infanzia che girovagava per il mondo con la tavola da surf e windsurf. Sabato 21 maggio, inoltre, a Tonfano, Marina di Pietrasanta (LU), si è svolta l’apertura, con party annesso, del terzo punto vendita esclusivo RRD Store in Italia.

6:00am n°55, in edicola e sul web Il numero 55 di 6:00am Skateboard Culture Magazine segna un’importante novità. Da oggi infatti, oltre che nelle migliori edicole e negli skate shop, è possibile sfogliare la rivista anche sul web, grazie alla pubblicazione nella versione digitale. Basta cliccare su www.skateon.it per trovare tutte le nuove digital issue di 6:00am. In copertina su questo numero c'è Larry Frassine, fotografato da Federico Romanello durante il lungo trip Skateon The Road, realizzato dalla redazione in California e Nevada. I contenuti sono caratterizzati da atmosfere estive “on the road” e comprendono un'intervista con Andrea Colzani, il tour del team Antiz, vagabondo per l'Europa in compagnia del fotografo Joe Hammeke, il viaggio di Skateon The Road, scatti e intervista con il celebre rider USA di Emerica Brandon Westgate e tanti altre rubriche e contenuti.


|

news

|

Hoppipolla in Italia con Friendistribution

Il brand norvegese di headwear, Hoppipolla, approda in Italia ed entra a far parte dei marchi distribuiti da Friendistribution, che nel suo portafogli annovera Thirtytwo, Apo, Grenade, Chuckbuddies, Nidecker. Hoppipolla, fondata nel 2010 dalla crew di Factor Films, produttrice di video del calibro di “They Came From…”, è un brand che saprà certamente ritagliarsi il suo spazio nella scena italica, grazie anche al team di cui fanno parte i fratelli Helgasons, in grado conquistare il pubblico con la loro fantasia e una quantità impressionante di videoclip. La collezione 2011/12 è composta da 10 modelli di cappellini in diverse colorazioni, con stili che variano dal monocolore classico alle intramontabili righe, fino a design più accattivanti, tutti disegnati in collaborazione con il team.

Nuovo accordo pluriennale tra Street League e DC Dopo l'edizione d’esordio del 2010, DC ha confermato la sua title sponsorship nella Street League Skateboarding con un nuovo accordo pluriennale. La DC Street League Skateboarding 2011 è partita lo scorso 7 maggio con la prima tappa di Seattle. In programma altri 3 stop negli USA, che saranno visibili in Live Webcasting sulla pagina ufficiale di Facebook www.facebook.com/dcshoes: 11/12 giugno a Kansas City, 16/17 luglio a Glendale e la finalissima il 28 agosto a Newark. Creata dal pro skater DC Rob Dyrdek, la Street League of Skateboarding è esclusivamente dedicata agli street skateboarders e l’edizione 2011, con un montepremi complessivo di 1,6 milioni di dollari ed i 24 nomi più influenti dello street skateboarding, rappresenterà una pietra miliare nella storia dello skateboard. “Il DC Pro Tour è l'unica occasione in cui i migliori 24 skater del mondo gareggiano nello stesso evento” ha dichiarato Anton Nistl, presidente

di DC, “Vogliamo investire in questo tipo di eventi di altissimo livello. Lo skateboard è il passato, presente e futuro di DC e per noi è fantastico poter supportare la visione dello skateboarding agonistico di Rob Dyrdek con un contratto pluriennale di sponsorizzazione per la più grande e migliore skateboard series della storia”.

www.streetleague.com

Reeson fra Marocco, Italia e Portogallo Grandi novità in casa Reeson nell’ultimo periodo. È recente infatti l’annuncio che il brand sarà venduto anche in un nuovo negozio nell’Africa settentrionale, Aloha surf 6 skateshop, allocato più precisamente nella città marocchina di Agadir. Per quanto riguarda l’Italia invece, è da sottolineare l’allargamento della famiglia Reeson, in quanto lo Studio Rappresentanze DM-Project curerà da ora in poi le vendite del marchio per la regione Campania. Da ultimo si segnala l’esposizione artistica “Tomorrow is gone”, in mostra in Portogallo, allestita e curata da Fabio Piccioni, uno dei componenti più frizzanti della Reeson Flag Squad.

DISTRIBUITO DA: Friendistribution 0564.21366 – info@friendistribution.it

Per il secondo anno consecutivo Quiksilver e Roxy hanno deciso di organizzare la Green Campaign, iniziativa che si svolge sul web e negli store dall’1 al 23 giugno allo scopo di aumentare l’attenzione sul tema della salvaguardia delle risorse idriche. La campagna 2011 ha l’obiettivo di diffondere il messaggio: “Don’t Destroy What You Came To Enjoy”. La nuova green line, esposta nelle vetrine e all’interno di tutti gli store del Quiksilver Group, simboleggia proprio l’impegno del brand per la salvaguardia dell’ambiente. Per ogni prodotto eco-friendly acquistato, Quiksilver devolverà 1 euro per lo sviluppo dei progetti realizzati dalle associazioni coinvolte nell’iniziativa: Reef check e Water check con Arvam, il monitoraggio della qualità dell’acqua con Surfrider e il Water Guardians con Coeur De Forêt. La prima edizione della Green Campaign ha avuto un grande successo, arrivando a raccogliere 80.000 euro. Sui siti web www.quiksilver.com e www.roxy.com sarà possibile reperire tutte le informazioni riguardanti i progetti e partecipare allo speciale concorso Green Line, postando video, disegni o foto incentrati sull’argomento “Don’t Destroy What You Came To Enjoy”. Il post che avrà ricevuto più clic verrà premiato con un longboard eco-designed by Notox insieme ad un assegno di 1.000 euro che sarà devoluto a una delle tre associazioni. Anche i rider di Quiksilver e Roxy sono quotidianamente impegnati nel sostenere attivamente la salvaguardia dell’ambiente marino e montano, luoghi che rappresentano il loro terreno di gioco. Fra questi Kelly Slater, Jeremy Flores, Mathieu Crepel, Kjersti Buaas, Lee-Ann Curren, Samantha Davies e Alain Riou.

N. 5 / 2011

La 2ª Green Campaign Quiksilver e Roxy

7


|

Il mkt Analog e Gravis affidato a Nicola Borella

È recente l’annuncio che Nicola Borella (foto sopra), accanto all’impegno con Burton, ricoprirà anche il ruolo di marketing coordinator per l’Italia di Analog e Gravis, brand che fanno comunque parte della famiglia Burton Snowboards. Le iniziative e gli eventi in programma per questi due marchi sono molteplici e Nicola, ex atleta di snowboard ma anche grande appassionato di surf, si dice entusiasta del nuovo ruolo che lo vedrà presto coinvolto su fronti diversi. Il campo d’azione infatti andrà a toccare tutte le tre discipline boardsport in cui Analog e Gravis giocano un ruolo da protagonisti: snow, skate e surf. Durante la stagione estiva si susseguiranno una serie di eventi sia a livello locale che nazionale, come gli Skate Daze e i Coffe & Donuts, momenti in cui i piccoli skatepark cittadini e i vari surf spots saranno al centro della scena, fino ad arrivare al famoso Analog ¾ Surf Challange di Forte dei Marmi.

I primi boardshort in cuoio by Blue Tomato & Quiksilver

Bonomelli e Simi: due italiani nel team SUPERbrand

SUPERbrand ha inserito due dei più forti atleti della scena surf italiana nel proprio team europeo. Si tratta di Angelo Bonomelli (foto sopra, credits Mike Pireddu), attualmente al 9° posto nella classifica generale del circuito ASP Junior, e Simone Simi, campione italiano Junior nel 2008 e 4° assoluto nel campionato italiano Open 2010. Bonomelli ha già ricevuto il suo primo quiver di tavole che ha scelto nel corso della sua visita alla SUPERbrand factory in Portogallo, dove ha avuto modo di testare alcu-

N. 5 / 2011

INFO: 39.392.3532848 www.superbranded.com

Massimo Braconi in FISI come responsabile freeski Grande soddisfazione in casa Nordica per il ruolo affidato a Massimo “Brac” Braconi, team manager del Freeski Team, dal Consiglio di Presidenza della FISI (Federazione Italiana Sport Invernali). Lo scorso 27 aprile, come da proposta del direttore agonistico Cesare Pisoni, Massimo è stato infatti nominato negli organici tecnici delle squadre nazionali freeski e snowboard per la stagione agonistica 2011/12, con un accordo che durerà fino al 2014. Braconi si occuperà della creazione della squadra nazionale di freeski, divenuto quest’anno disciplina olimpica, per partecipare alle prossime Olimpiadi Invernali del 2014. Gestirà inoltre la formazione dei futuri allenatori freeski per conto dell’STF (Scuola Tecnici Federali) con un gruppo di lavoro volto alla costituzione di un testo dedicato alla formazione. Si tratta di un incarico di rilievo per Massimo, già maestro di sci, freeskier pro-

Nel corso del Quiksilver Union Project nove tra i migliori surf shop al mondo, tra i quali l’austriaco Blue Tomato, hanno avuto la possibilità di disegnare il proprio boardshort. Dopo aver sperimentato diversi design, i pantaloni di cuoio proposti da Blue Tomato sono risultati i favoriti. Per dare vita a un boardshort che fosse non solo bello ma anche funzionale per il surf, sono stati utilizzati materiali di qualità eccellente. Grazie alla stampa fotografica di qualità premium su materiale ad alta asciugatura, questo capo ha l’aspetto di un autentico pantalone in cuoio ma non compromette le esigenze tecniche di un moderno surf short. Presenta inoltre un sistema di chiusura con materiale elastico e velcro che funziona senza lacci. Questo evita i punti di pressione e allo stesso tempo conferisce una perfetta vestibilità al boardshort, che è realizzato al 100% in poliestere e si presenta in diverse varianti per uomo (79,95 euro, taglie 28-38), donna (59,95 euro, taglie XS-XL) e bambini (59,95 euro, taglie 140-176).

|

Nuovo atleta per il team Point-7 ITA-911 Gigi Romano, attuale campione italiano slalom under 20, entra a far parte del team Italia della scuderia nera ITA-911. Quest’anno Gigi sarà impegnato negli appuntamenti nazionali più importanti e parteciperà ai campionati internazionali juniores. Grande soddisfazione ha rivelato Andrea Cucchi, responsabile del marchio Point-7: “Ci fa piacere che Gigi abbia scelto i nostri motori neri. É molto importante poter dare il miglior supporto possibile ai ragazzi dell’età di Gigi perchè sono il futuro del nostro sport a livello agonistico. Abbiamo adesso una bella squadra di giovani e presto con Point-7 cercheremo di organizzare delle attività per poter dare loro maggior supporto tecnico negli allenamenti”.

Burn skate team: welcome to Ignacio Morata fessionista, product testing manager e responsabile del Freeski Team di Nordica, che grazie a questa nomina assumerà ora un ruolo di livello nazionale nel mondo del freeski. Al contempo questa sarà un’ottima opportunità per tutto il Gruppo Tecnica, visto l’enorme successo riscosso negli ultimi anni dalla disciplina del freeski, nella quale Nordica sta investendo con sci e scarponi performanti caratterizzati da grafiche di sicuro impatto.

Burn Energy Drink ha annunciato l’ingresso nel proprio Elite Skate Team dello skater spagnolo Ignacio Morata, detto Nachete. Ignacio è considerato uno degli skater europei più influenti, con un talento naturale e uno stile decisamente easy. “Non posso credere che mi abbiano voluto nel team”, ha dichiarato con sorpresa Morata, “Ho sentito che anche Rune (Glifberg) ne fa parte, e ora sono su di giri per il fatto di essere nel suo stesso team. Avere Burn come nuovo sponsor è una cosa incredibile, tutto quello che ci hanno raccontato suona eccitante per me e non vedo l’ora di cominciare a lavorare con loro”.

Angela e Paul Jackson nel team Fanatic SUP

www.blue-tomato.com/lederhosenboardshort

www.bluedistribution.com

8

ni modelli di Nuno Matta, unico shaper europeo inserito nel SUPERbrand Shapers Collective. Disponibili da oggi anche sul territorio italiano, queste tavole rappresentano una novità nel mercato mondiale, grazie soprattutto ai fantastici shape design messi a punto in collaborazione con alcuni dei più innovativi surfers del pianeta, come Clay Marzo, Ry Craike, Dion Agius, Travis Logie e altri. Fondato nel 2008 proprio da Clay Marzo, Ry Craike e Dion Agius, SUPERbrand Surfboards è basato sul concetto di progresso e innovazione, con un’estetica influenzata dallo skateboarding. Il marchio ha proposto nel 2011 oltre 15 shapes.

news

Fanatic ha da poco annunciato che gli atleti SUP australiani Angela e Paul Jackson sono entrati a far parte dell’International SUP and Surf Team del brand. Angela e Paul potranno ora usufruire dei nuovi modelli SUP Fly Wave e Race come delle tavole Fanatic, sia per le gare che per R&D. “Sono entusiasta di accogliere i Jackson nel nostro Fanatic SUP & Surf Team”, ha commentato Craig Gertenbach, brand manager di Fanatic. “Già da tempo li tenevo sotto osservazione grazie al nostro agente austaliano Adam Quinn. Entrambi sono ben conosciuti sulla scena internazionale e saranno certamente dei grandi ambasciatori per il brand, dentro e fuori dall’acqua come per la ricerca e sviluppo”.


|

L’estate calda di Volcom tra contest e concerti L’estate di Volcom si preannuncia calda e carica di eventi, a partire dalle due date italiane del tour europeo dei Valient Thorr, supportato da Volcom. Il gruppo americano promette scintille per il 10 e l’11 giugno al Red Moon Festival di Padova e al Molo Marinai d’Italia di Varazze. Ai primi di luglio invece (1, 2 e 3), presso lo Skatepark Amsterdam, si terrà l’annuale contest di street skateboarding AmsterDamn Am, giunto alla 6ª edizione e organizzato da Volcom in collaborazione con Spotlight. In palio per il contest un montepremi totale di 15.000 euro. Per maggiori informazioni sul Valient Thorr live show basta visitare www.volcoment.com e www.valientthorr.com. Per dettagli sull’AmsterDamn Am www.volcomeurope.com.

Quiksilver inaugura il suo store “pilota” a Parigi

La surf culture torna ad accendere la costa laziale con ISE 2011 Dopo il successo dello scorso anno, che ha visto il numero incredibile di 20.000 visitatori, riparte, con nuovi stimoli e nuove proposte, l’Italia Surf Expo (IS), giunto alla sua 13ª edizione. La location rimane invariata, è ancora una volta la spiaggia sotto il castello di Santa Severa, a pochi km da Roma. La data da segnare è invece da venerdì 29 a domenica 31 luglio. L’evento, totalmente all’insegna della surf culture, offrirà numerose occasioni di divertimento, di giorno e di notte: academy, contest, show, party, sfilate, festival e tanto altro ancora. L’Energy

Village sarà il perno di tutto quanto accadrà in quel weekend, con le prove gratuite di surf, windsurf, grinch, indoboard e SUP. Ospiti speciali saranno i protagonisti del

nuovissimo progetto di beneficenza Vip On Board, capitanato dalla iena Gip, oltre ad una folta schiera di atleti nazionali e internazionali nonché personaggi dello spettacolo. Inoltre, dopo il campione del mondo ASP 2000 Sunny Garcia, presente lo scorso anno, ci si attende un’altra leggenda del surf. L’ISE è stato organizzato con i patrocini della regione Lazio, della provincia di Roma, del comune di Santa Marinella, di Surfing Italia e AICS. Radio 105 ha confermato la media partnership.

www.italiasurfexpo.it

A Lamezia Terme approda il Kitesurf Tour Europe Sono parecchi anni che i circuiti PKRA e KPWT non toccano la nostra penisola. Grazie all’impegno dell’Associazione Sportiva Action Bay, di S-Attitude e con la collaborazione del Comune di Lamezia Terme, quest’estate un circuito agonistico internazionale come il Kitesurf Europe Tour 2011 torna a scegliere l’Italia come destinazione di una propria tappa. Proprio Lamezia Terme ospiterà dal 7 al 10 luglio il secondo appuntamento con questo tour, al quale parteciperà anche l’italiano Alberto Rondina (campione in carica). La discipline in programma saranno il freestyle e il course racing. Entrambe daranno punteggio valido per il ranking IKA (International Kiteboarding Association). La struttura dell’Action Bay si sta preparando per acco-

gliere il circuito con manifestazioni collaterali e un village destinato alle aziende e collaborazioni che renderanno la manifestazione un vero e proprio evento per i rider e per tutto il pubblico. Sono già numerose le adesioni dei rider da tutta Europa, entusiasti di scoprire uno dei più ventosi spot italiani facilmente raggiungibile grazie all’aeroporto internazionale di Lamezia da tutte le principali capitali del Vecchio Continente.

news

|

Freestyle in rosa al Disoriented Camp

Il weekend del 1° maggio Disoriented ha organizzato in Val Senales un camp freestyle di snowbard e freeski dedicato esclusivamente alle ragazze. Le 41 ragazze iscritte, che hanno ricevuto al loro arrivo un welcome kit di Bliss by Level, main supporter del camp, sono state accolte dai pro coach Max Stampfl, Stefano “Benki” Benchimol e Matthias Fabbro, che le avrebbero poi accompagnate nei giorni successivi al Gentlemenriders Nitro Park di Val Senales by F-Tech. In programma 4 ore giornaliere di freestyle per migliorare il proprio riding, dai trick base a quelli più avanzati, più varie altre attività come il workshop per le neo-organizzatrici di eventi tenuto da Viola Burnett, responsabile del contest Sista Sessions a Mayrhofen e PR dello Swatch TTR World Tour, o quello con Federico Bellini, editor in chief di Entry Mag, sulla sicurezza in freeride. In più video clinic, una water battle nella piscina Zirm e il Fluo Party di sabato sera.

L’esordio del Campionato Italiano di Skateboard

www.kitetour.info

N. 5 / 2011

Emily The Strange e il suo creatore a Milano

10

A un anno esatto dalla riapertura del Boardriders di Capbreton, Quiksilver ha deciso di approdare a Parigi inaugurando a Bercy un nuovo concept store di 120 mq, dove si potranno trovare i prodotti Quiksilver, Quiksilver Women, Roxy, DC, Libtech, Gnu e Moskova. All’inaugurazione ha partecipato anche l’ex calciatore della nazionale francese Bixente Lizarazu. Lo store, ex cantina di vini, offre un’atmosfera unica caratterizzata da muri di pietra, tavoli grezzi e pavimento di cemento. Un concept unico e autentico che mixa surf, arte e moda. Lo spazio più grande è dedicato all’attrezzatura tecnica, con un’offerta di 200 tavole, paddle boards, longboards, bodyboards e snowboards disposte in un imponente arco in metallo, il tutto intorno a una sharper’s band. Ai lati si trovano mute e accessori. Sulla parete è presente un enorme schermo dove poter vedere i migliori film sul surf mentre due spazi, aperti sui lati, ospitano le collezioni Quiksilver e Roxy. Nella seconda parte dello store si trova una scala in cristallo che porta al secondo piano o al piano interrato, dove trovare un bar e uno spazio computer con wifi gratuito. Una volta alla settimana, all’interno dello store, avranno luogo degli eventi firmati Quiksilver, con la possibilità per i gruppi musicali di suonare dal vivo davanti ad una giuria specializzata: in palio un anno di sponsorizzazione, la possibilità di registrare, nello Studio Drop In nella sede centrale Quiksilver di St Jean de Luz, un concerto live su Virgin Radio e un’apparizione al Quiksilver Pro France in ottobre.

Dal 28 aprile al 15 maggio in via Vigevano, a Milano, ha aperto le porte il Temporary Store di Emily The Strange. La suggestiva Corte degli Artisti ha così offerto a tutte le fan la collezione P/E 2011 firmata dal personaggio creato dalla mano artistica di Rob Reger. I capi, interamente disegnati in Italia dall’azienda del trevigiano Pier Spa, sono impreziositi dalle grafiche che Reger continua a realizzare per il marchio. Oltre all’apparel, nel Temporary Store sono stati esposti agende, accessori e i libri scritti e illustrati dallo stesso artista californiano. Per la seconda volta in Italia, il poliedrico Rob ha presentato propri a Milano la sua esposizione “Stranger and Stranger”, una collezione di opere d’arte sui pensieri, le idee e le allucinazioni di Emily The Strange. La mostra si è svolta dal 3 al 15

Fabio Montagner

maggio. Il giorno del vernissage Rob, che è sbarcato a Milano dopo una visita al Comicon di Napoli il 30 aprile, si è esibito in una sessione di live painting. Il giorno seguente si è recato alla FNAC in via Torino a Milano per un incontro con i lettori, mentre la sera è stato ospite di RaiTunes, dove ha realizzato una propria playlist illustrando i brani che Alessio Bertallot gli ha sottoposto.

Anche quest’anno lo skatepark “Area Macello” di Monza ha ospitato il 1° maggio la prima tappa del Campionato Italiano di skateboard FIHP-CONI. Mentre nel 2010 la gara è servita a determinare il campione in prova unica (lo skater Mattia Fancellu di Rimini nella cat A, Nicolò Monguzzi di Monza nella B e Matilde Tagliabue di Monza nella categoria Girl), quest’anno l’evento ha rappresentato l’apertura del Campionato 2011, che si concluderà a Osimo (nelle Marche) dopo 5 tappe. Presenti all’appuntamento monzese rider provenienti da Sicilia, Marche, Roma e molti dal Nord-Est. Alla fine nella categoria Senior ha trionfato Fabio Montagner, Matilde Tagliabue di Castelfranco Veneto, che si è lasciato alle spalle Sergio Reinhardt e Alexiss Cattoi. Nella categoria Junior, con rider under 16, Orfeo Ranieri ha battuto in finale Nicolò Bromo e Andrea Carugo. Da segnalare che la giovane local Matilde Tagliabue (8 anni), unica partecipante nella categoria Girl, si è dovuta confrontare nelle qualifiche con i ragazzi della categoria Junior. Ora gli skater dovranno attendere il prossimo appuntamento per il Campionato Italiano Skateboard, previsto a Udine il 23/24 luglio. Seguiranno poi le tappe di Vicenza (4 settembre), Montebelluna (10/11 settembre) e Osimo (8/9 ottobre).


|

focus on

|

TUTTi Gli aPPUNTaMENTi FiERisTiCi DEi PRossiMi MEsi

n

06

07

08

09

10

11

12-15

PITTI UOMO

Firenze, Italia

Fiera trade/Moda maschile

PITTI IMMAGINE

+39.055.36931

uomo@pittimmagine.com

pittimmagine.com

23-25

PITTI BIMBO 73

Firenze, Italia

Fiera trade/Moda bimbo

PITTI IMMAGINE

+39.055.36931

bimbo@pittimmagine.com

pittimmagine.com

23-25

OUTDOOR CHINA

Shangai, Cina

Fiera trade/Outdoor

MESSE FRANKFURT

+86.21.61608555

info@china.messefrankfurt.com

outdoor-china.com

26-28

THE BRANDERY

Barcellona, Spagna

Fiera trade/Urban fashion

FIRA DE BARCELONA

+34.902.2332000

thebrandery@firabcn.es

thebrandery.com

05-07

PITTI FILATI 69

Firenze, Italia

Fiera trade/Moda bimbo

PITTI IMMAGINE

+39.055.36931

filati@pittimmagine.com

pittimmagine.co

06-08

BREAD & BUTTER

Berlino, Germania

Fiera trade/Fashion

BREAD & BUTTER

+49.30400440

visitors@breadandbutter.com

breadandbutter.com

07-09

BRIGHT TRADE SHOW

Berlino, Germania

Fiera trade/Skate, street, sneakers

BRIGHT GMBH & CO. KG

+49 (0)6966962157

hello@brighttradeshow.com

brighttradeshow.com

14-17

OUTDOOR TRADE SHOW

Friedrichshafen, Germania

Abbigliamento sportivo e accessori

MESSE FRIEDRICHSHAFEN

+49.7541.708 0

info@messe-friedrichshafen.de

european-outdoor.com

27-30

ASIA OUTDOOR

Nanjing, Cina

Fiera trade/Abb. e acc. sportivo

MESSE FRIEDRICHSHAFEN

+49.7541 708 0

outdoor@messe-fn.de

messe-fn.de

04-07

OUTDOOR RETAILER

Salt Lake City, Utah (USA)

Fiera trade/Outdoor & winter sports

NIELSEN BUSINESS MEDIA

+1.949.2265760

20-23

SPORTEX

Vejile, Danimarca

Fiera trade/Abbigliamento sportivo

NORD FAIR

+45.4589.1277

info@nord-fair.dk

nord-fair.dk

22-24

PGA FALL EXPO

Las Vegas, USA

Fiera trade/Golf

REED EXHIBITION COMPANIES

+1.2038405662

laustin@reedexpo.com

pgaexpo.com

28-30

GOLF EUROPE

Monaco, Germania

Fiera trade/Golf

MESSE MÜNCHEN

+49 89 949-11408

visitor@golf-europe.com

www.golf-europe.de

31-03

EUROBIKE

Friedrichshafen, Germania

Fiera trade/Bike

MESSE FRIEDRICHSHAFEN

+49.7541.7080

info@messe-fn.de

eurobike-show.de

13-15

MILANO UNICA

Milano, Italia

Fiera trade/Tessile

FIERA MILANO

+39.266101105

info@milanounica.it

milanounica.it

17-25

INTERBOOT

Friedrichshafen, Germania

Fiera consumer/Nautica

MESSE FRIEDRICHSHAFEN

+49.7541.7080

interboot@messe-fn.de

interboot.de

18-21

MIPEL

Milano, Italia

Fiera trade/Pelletteria

FIERA MILANO

+39.2584511

segreteria@mipel.it

mipel.it

18-20

KANUMESSE

Norimberga, Germania

Fiera trade/Kayak canoa

HORST FURSATTEL - ADVERTISING AGENCY +49.9151862204

info@kanumesse.de

kanumesse.de

18-21

MICAM

Milano, Italia

Fiera trade/Calzatura

MICAM

+39.2.438.291

segreteria@micamonline.com

micamonline.com

23-25

YOU

Berlino, Germania

Fiera consumer/Musica, sport, lifestyle

MESSE BERLIN

+49.30.30382345

you@messe-berlin.de

1.messe-berlin.de

30-02

ALTA QUOTA

Bergamo, Italia

Fiera trade/Montagna, turismo e sport

ENTE FIERA PROMOBERG

+39.353230911

info@promoberg.it

promoberg.it

01-09

SALONE NAUTICO

Genova, Italia

Fiera consumer/Nautica

FIERA DI GENOVA - UCINA

+39.010.53911

boatshow@ucina.net

genoaboatshow.com

12-13

FILO

Milano, Italia

Fiera consumer/Filati e fibre

ASSO SERVIZI BIELLA

+39.015.8483271

info@filofair.com

filo.it

19-23

METRO SKI AND SNOWBOARD SHOW

Londra, Gran Bretagna

Show ski e snowboard

DMG WORLD MEDIA

+44.20.85152036

29-01

SKIPASS

Modena, Italia

Fiera trade/Turismo invernale e attr. sportive

STUDIO LOBO

+39.0522.631042

info@studiolobo.it

skipass.it

29-06

HANSEBOOT

Amburgo, Germania

Fiera consumer/Nautica

MESSE HAMBURG

+49.40.35692491

hanseboot@hamburg-messe.de

hamburg-messe.de

30-01

MENDIEXPO

Irun, Spagna

Fiera trade/Outdoor

FUNDACION FICOBA

+34.943.667788

08-13

EICMA

Milano, Italia

Fiera consumer/Ciclo - Motociclo

EICMA

+39.02.6773511

eicma@eicma.it

eicma.it

10-13

SPORT LIFE

Brno, Repubblica Ceca

Fiera consumer/Abbigliamento sportivo

VELETRHY BRNO

+420.541.152624

sport-life@bvv.cz

sport-life.cz

IL 7 E 8 MAGGIO AD AMEGLIA (SP)

outdoorretailer.com

metrosnow.co.uk

mendiexpo.ficoba.org

a cura di Simone Berti

River Sea SUP Race: un’ottima partenza...

N. 5 / 2011

BUON NUMERO DI ISCRITTI, TEST GRATUITI E TANTO PUBBLICO PER LA PRIMA TAPPA DEL CAMPIONATO ITALIANO SUP RACE. IL TROFEO, ALLA SUA PRIMA EDIZIONE, È STATO SEGUITO IN DIRETTA DALLE TELECAMERE RAI. GIORDANO CAPPARELLA E CORINNA BETTI I VINCITORI.

12

I giorni 7 e 8 maggio sono stati conditi da uno splendido sole che ha accompagnato nel migliore dei modi il Trofeo River Sea SUP Water Race, prima tappa del Campionato SUP Race Fisurf svoltasi ad Ameglia (SP), Bocca di Magra e Fiumaretta. I numeri della manifestazione, a partire dai 52 partecipanti alla SUP Race di domenica 8 maggio, testimoniano la bella crescita che sta avendo questo sport e fanno ben sperare per il futuro, oltre a premiare il grande impegno messo in campo dall’AISUP, in collaborazione con Kau Kau Surf Shop di Sarzana e Music Sport Movement, nell’organizzazione di questa due giorni dedicata a test, gare ed eventi di vario genere esclusivamente SUP.

Ovviamente l’augurio è quello di migliorare ancora già nei prossimi appuntamenti, ma intanto rimane la soddisfazione per il successo di questa tappa del Campionato SUP Race. SUP PER TUTTI - La giornata di sabato è stata principalmente dedicata ai test di oltre 60 SUP board e ai Mini Corsi tenuti dall'istruttore ISA/Fisurf Franco Piccioni, rivolti a tutti i principianti che volessero approcciarsi allo stand up paddle. In totale, alla fine della due giorni, sono stati consegnati attestati di frequenza a più di 50 adulti e 30 bambini. Sempre di sabato gli atleti si sono potuti confrontare con la prima gara, la Speed Race di 1,5 km che ha visto, nel finale al foto-

finish, la vittoria di Leonard Nika su Giordano Capparella. Di seguito si è svolta la divertente staffetta mista Pro-Amatori monomarca RRD. Un piccolo dramma è invece avvenuto a ora di cena, quando il cuoco del Ristorante la Goletta, impaurito dal fatto che i surfer invitati fossero aumentati dai 40 prenotati a 75, ha cercato di darsi alla fuga. Dopo una rapida premiazione per le gare di giornata, non restava che attendere la race più importante del giorno dopo. LARGO AI PROFESSIONISTI - Domenica 8 il villaggio allestito del River Sea si è arricchito di nuovi arrivi tra espositori e atleti, tutti in attesa del via della SUP Race di 4 Km, per donne e

gli amatori, e di quella da 8 km per gli uomini. Lungo gli 8 km (2 giri metà in mare e metà nel fiume Magra) del percorso preparato da Roberto Domenichini, organizzatore e partecipante, la battaglia a colpi di pagaia si è fatta avvincente. Il più forte alla fine è stato Giordano Capparella che ha distanziato di soli 10 secondi Leonard Nika, a sua volta seguito dal terzo classificato Fabrizio Gasbarro, Campione Italiano uscente. Anche tra le donne la sfida è stata bella e combattuta, tanto che a giungere prima all’arrivo è stata, a sorpresa, Corinna Betti, sovvertendo il pronostico che dava per vincente la campionessa in carica Silvia Mecucci, classificatasi seconda. Sul gradino più basso del podio è salita invece Nadia Sarvidei. Tra gli amatori ha vinto il surfer local

Bernardo. I vincitori finali del campionato avranno l’onore di indossare la maglia azzurra Fisurf nelle competizioni internazionali. ON AIR - La SUP Race è stata seguita in diretta dalle telecamere della Rai, che per esigenze tecniche ha costretto l’organizzazione a far slittare la partenza di un’ora. Poco male in realtà, c’è solo da essere contenti per l’interesse mostrato dalla televisione per il SUP. L’evento è stato patrocinato dalla regione Liguria e dal comune di Ameglia. Tra gli sponsor annovera Ola, RRD, GoPro (che ha installato ovunque le sue telecamere), Surf to Live, Kau Kau Surf Shop, Gotcha, Italy Tents, Progetti Italiani, UnderWave, Naish, GT line, SUPerior, Ocean Kayak, Jimmy Lewis, Allwave, Shuttle Bike.


| n

brand profile |

iNTERVisTa CoN aDUR lETaMENDia, CoMMUNiTY MaNaGER DEl MaRChio

Cresce l’onda basca di Pukas NaTo a FiNE aNNi ’70 NEl NoRD DElla CosTa sPaGNola, sU iNiziaTiVa Di iÑiGo lETaMENDia, il BRaND È oRa UNa FoRTE REalTÀ NEl MERCaTo BoaRDsPoRT a liVEllo EURoPEo, soPRaTTUTTo NElla PENisola iBERiCa E iN FRaNCia. GRaNDE sUCCEsso haNNo Poi lE sCUolE Di sURF a zaRaUTz, saN sEBasTiÁN E GETaRia.

GABRIEL MEDINA,

CAMPIONE DEL MONDO JUNIOR

ISA.

a CURa Di

MassiMo MoRiCoNi Alla fine degli anni ‘90, durante una vacanza nei Paesi Baschi spagnoli, più precisamente a San Sebastián, conobbi Pukas. In quel periodo mi approcciai per la prima volta al surf. Oggi, molti anni dopo, io sono diventato un appassionato di questo fantastico sport, mentre Pukas si è affermata a livello internazionale, tra i brand leader di mercato in Europa. Abbiamo chiesto ad Adur Letamendia, community manager di Pukas Surf, il segreto del loro successo.

Oggi Pukas è uno dei player chiave dell’industria del surf europeo. Nel corso degli anni si sono sparse diverse storie, curiose e misteriose, sulla nascita del brand. Ci puoi dire quando, come e da chi è stata fondata Pukas? Il fondatore di Pukas, Iñigo Letamendia, nato a San Sebastián, iniziò a creare tavole con un gruppo di amici in una fattoria di Somo, in Cantabria. Era il 1972 e le prime tavole prodotte vennero commercializzate con il marchio Santa Marina, successivamente divenuto Gerónimo e poi ancora Jerónimo. Le storie di quei tempi le conoscono solo quel gruppo di persone: feste, surf, comunità hippie, amicizie... La moglie di Iñigo, Marian Azpiroz, cuciva bikini per le fidanzate dei surfisti e così, col tempo, i due aprirono un negozio a Zarautz. Fu solo con l’apertura di un secondo punto vendita a San Sebastián, nel 1978, e con l’entrata nel business di Miguel Azpiroz, fratello di Marian, che i due negozi cominciarono a operarare sotto l’insegna Pukas. Era appena nato un brand che avrebbe fatto molta strada.

Pukas è sempre stato vicino allo sport. Ci definiamo “core”, fanatici dello sport a tutti i livelli, anche a livello professionistico naturalmente, dove possiamo contare su un team che include campioni di livello mondiale. Gabriel Medina, campione del mondo Junior ISA, è uno dei nostri esponenti di punta: giovane e pronto a far evolvere il panorama del surf mondiale. Noi di Pukas siamo sempre stati in sintonia con l’evoluzione della disciplina, dagli anni ‘70 ad oggi, e la prova di questo è riscontrabile nel design delle nostre tavole.

Com’è essere un marchio spagnolo nello scenario globale del surf, storicamente d’influenza anglosassone? Abbiamo lavorato sodo, in modo autentico, e oggi siamo più forti che mai. Molti brand anglosassoni sono scomparsi nel frattempo, mentre Pukas continua a crescere. La soddisfazione di vedere surfisti di tanti paesi che ci danno fiducia è la cosa più importante per tutte le decine di persone che contribuiscono al successo del marchio.

Quali sono le aree chiave del vostro business e in che paesi siete attivi? Con il marchio Pukas siamo molto presenti nei Paesi Baschi come nel resto della Spagna. Più in generale, i nostri prodotti possono essere trovati in tutta Europa, con i mercati di Portogallo e Francia che ricoprono un ruolo di maggior rilievo. Le tavole da surf, i bikini, l’abbigliamento e i SUP ad alte prestazioni sono le chiavi per la crescita internazionale del brand. A livello locale invece, Pukas offre anche il meglio dello skate e dello snowboard, oltre al divertimento adrenalinico garantito dalle nostre scuole di surf situate nelle migliori spiagge dei Paesi Baschi: Zarautz, San Sebastián e Getaria.

Quali sono i mercati emergenti per voi e come vedete lo stato dell’industria del surf in questo momento?

COMMUNITY MANAGER DI

PUKAS SURF.

Il mercato ha sofferto molto la crisi del 2009, soprattutto nel settore dell’abbigliamento. Tuttavia il surf continua ad avere sempre più appassionati e la vendita di tavole è in aumento, mi riferisco soprattutto ai paesi del nord Europa, ma anche a Portogallo, Francia, Italia e naturalmente Spagna.

Abbiamo sentito parlare del vostro progetto tecnologico Tecnalias Surfsens, ci puoi raccontare qualcosa a riguardo? Pensi che il surf sarà sempre più legato alla tecnologia in futuro? Pukas da sempre punta all’avanguardia nel design delle tavole. Questa mentalità si traduce sia a livello di shaper che di ricerca tecnologica, grazie al continuo lavoro del nostro centro R&D (Research and Development). Nel progetto Tecnalias Surfsens, in particolare, abbiamo sviluppato delle sinergie con aziende di punta nel settore tecnologico per continuare a offrire “qualità e valore” ai nostri surfisti attraverso lo studio dei movimenti della tavola sull’onda.

Grandi rider fanno parte del vostro team, puoi farci qualche nome? Anzitutto Tiago Pires, surfer portoghese da anni nell’elite della ASP. Poi il brasiliano Gabriel Medina, campione del mondo Junior ISA, e Aritz Aranburu, considerato il miglior surfer spagnolo della storia e cresciuto con Pukas. Inoltre fanno parte del team anche il francese Joan Duru, che è stato campione d’Europa, Kepa Acero, Mario Azurza, Tim Boal, Hodei Collazo, Axi Muniain, Ibon Amatriain… la lista è ancora lunga. É giusto che una delle aziende leader in Europa nelle tavole da surf abbia i migliori rider.

Avete collaborazioni con altre realtà nei settori dell’arte, della musica, del lifesyle, ecc.? Sì, da sempre abbiamo messo in atto collaborazioni di questo tipo, come con Vans e Quiksilver, oltre che con diversi artisti e fotografi di livello internazionale.

Sono entrato in contatto con il marchio Pukas nel 1998, durante una vacanza estiva nei Paesi Baschi dove ho iniziato a surfare proprio in una delle vostre scuole. Oggi quante ne avete e dove? Quante persone ogni anno iniziano a surfare con voi? Pukas ha iniziato a dare lezioni di surf nel 1982. Attualmente si rivolgono a noi migliaia di persone ogni anno, giovani e senior, che iniziano a scoprire questo meraviglioso sport presso le nostre strutture a San Sebastián, Zarautz e Getaria.

Perché è importante iniziare a surfare in una scuola di surf? Per capire meglio l’interazione col mare, apprendere fondamentali solidi, minimizzare i rischi di infortuni, saper rispettare gli altri surfisti in acqua e divertirsi di più prendendo più onde.

L’estate è alle porte, hai qualche consiglio per chi volesse iniziare a surfare proprio quest’anno? Direi loro di non avere paura nè di vergognarsi. Potrebbero iniziare con tavole voluminose, larghe e lunghe, che offrono maggiore stabilità, sotto la supervisione di maestri qualificati. Ma la cosa più importante è che siano pronti a divertirsi, perché di questo si tratta.

Come entrate in contatto con i vostri fan sparsi nel mondo? Adesso è più facile grazie a internet, è possibile seguirci su www.pukassurf.com oppure tramite la nostra pagina Facebook www.facebook.com/pukassurf.

N. 5 / 2011

Il surf dei nostri giorni ha una connotazione molto diversa da quella che aveva negli anni ‘70, quando nasceva Pukas. Ci puoi dire quale significato avete attribuito a questo fantastico sport in tutti questi anni?

ADUR LETAMENDIA,

ARITZ ARANBURU, CONSIDERATO IL MIGLIOR SURFER 1983: I FONDATORI DI PUKAS PRESENTANO UNA NUOVA LINEA DI TAVOLE DA SURF A ZARAUTZ.

14

UN'IMMAGINE

DELLO STORE

PUKAS

A

SAN SEBASTIÁN.

SPAGNOLO DELLA STORIA E CRESCIUTO CON

PUKAS.


|

|

iniziative n

RiFlETToRi PUNTaTi sUl PRoGETTo “ViP oN BoaRD” (CoN sFoNDo BENEFiCo), iDEaTo Dalla “iENa” GiP

Metti i vips sulla tavola... PRoTaGoNisTi DEi TRE ViaGGi alCUNi PERsoNaGGi DEi PRoGRaMMi TV “lE iENE”, “sTRisCia la NoTizia” E “zEliG”, olTRE allE VoCi Di “ViRGiN RaDio” E alTRi sPECial GUEsT. CoN loRo alCUNi TURisTi, i QUali RiCEVERaNNo lEzioNi Di sURF TRa haWaii, MEssiCo E CaliFoRNia. PaRTE DEl RiCaVaTo aNDRÀ al “CENTRo DiNo FERRaRi”. a CURa Di

MoNiCa ViGaNÒ È la prima iniziativa mediatica che mette letteralmente sulla tavola (da surf) i vip, coniugando il mondo dello spettacolo, lo sport, i viaggi e il sostegno a favore della ricerca. La presentazione ufficiale del progetto, che prende il nome di “Vip On Board”, si è svolta lo scorso 19 maggio presso il locale Hollywood Living di Milano, al cospetto di numerosi rappresentanti media tra i quali non poteva certo mancare Pointbreak Magazine, che è tra l’altro media partner dell’iniziativa.

RINGO

PARLA DI

VIP ON BOARD.

FORMAT E FINALITÀ Il progetto, promosso da Giampietro Cutrino, noto al grande pubblico come la “Iena” Gip, coinvolge molti personaggi televisivi provenienti da programmi quali “Striscia La Notizia”, “Le Iene”, ”Zelig” e “Colorado” ma anche dalla radio (come Ringo di Virgin Radio). A essi si aggiungerà un limitato gruppo di turisti che avrà la possibilità di vivere insieme ai propri beniamini dello spettacolo avventure uniche in posti meravigliosi, tutto all’insegna del surfing. Per il 2011 Vip On Board prevede l’organizzazione di viaggi e corsi di surf in luoghi esotici come le Hawaii e il Messico. Vip On Board verserà parte del ricavato dalla partecipazione dei turisti al “Centro Dino Ferrari”, impegnato dal 1978 nella ricerca contro le malattie neuromuscolari e neurodegenerative.

A CHI È RIVOLTO Per partecipare al progetto non è necessario essere dei surfisti esperti. I viaggi sono infatti stati studiati per persone che si avvicinano per la prima volta alla disciplina prevedendo quindi la presenza di istruttori. Ai partecipanti saranno inoltre fornite tavole da surf e un welcome-pack fornito dagli sponsor tecnici di Vip On Board.

Loopie (abbigliamento uomo e donna), CDM Mobili (arredamento), Action Cameras (forniture audio-video), Mara Galimberti (grafica & creatività), Donna Frida (Limoncello), Royal Caribbean (crociere), Panda Store (abbigliamento tecnico boardsport), Slevin (grafica e pubblicità) e Glassing (occhiali).

VIAGGI IN PROGRAMMA Dopo la presentazione ufficiale, Vip On Board ha ospitato i rappresentati media a Livorno in occasione dell’Evento Pre-Parti lo scorso 25 maggio. Ospite a bordo di Liberty of the Seas, una delle meraviglie galleggianti di Royal Caribbean International, e del suo surfpark con onde artificiali Flowrider (vedi anche pagina 20), il progetto è stato protagonista della festa d’inaugurazione della sua stagione. Il 5 giugno ha poi preso il via il viaggio “Striscia La Notizia – Hawaii”, con ospiti Edoardo Stoppa, Luca Cassol (Capitan Ventosa) e Luca Abete, oltre a Gip (Le Iene), Sergio Volpini (GF1) e Lisandra Silva (Ciao Darwin). Seguirà poi il 17 giugno il viaggio “Virgin Radio – Baja California” che vedrà Ringo e Nora Amile spostarsi in sella a un Harley Davidson da San Diego a Cabo San Lucas prima di prendere parte al consueto surf camp nell’Oceano Pacifico. Da ultimo il 5 agosto parte il viaggio “Le Iene – Oaxaca/Messico” con ospiti Gip, Matteo Viviani, Mauro Casciari ed Elena Di Cioccio. Parteciperanno a quest’ultimo appuntamento anche i comici di Zelig Stefano Chiodaroli e Alessandro Brunello oltre alle special guest Ludmilla Radchenko e Siria De Fazio.

LA

I

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

VIP ON BOARD

CHE SI È SVOLTA IL

19

MAGGIO A

MILANO.

PROTAGONISTI IN POSA PLASTICA AL TERMINE DELLA CONFERENZA.

AGGIORNAMENTI ONLINE Vip On Board è presente sul web al sito ufficiale dell’iniziativa, dove verranno pubblicati i video dei viaggi. Non mancheranno poi aggiornamenti sui principali social network, che quotidianamente verranno arricchiti con contenuti inediti e immagini delle avventure dei personaggi partecipanti ai surf camp. Per rimanere aggiornati sulle varie evoluzioni rimanete connessi anche con Pointbreak Magazine. Sul prossimo numero per esempio è prevista l’intervista a Gip con tanto di report del primo viaggio alle Hawaii.

www.viponboard.it

NUMEROSI

I GIORNALISTI ACCORSI ALLA PRESENTAZIONE.

ROLL UP CON EDOARDO STOPPA.

In particolare gli sponsor di questo originale progetto sono Bear, che fornirà tavole e attrezzature, insieme a Quiksilver e Roxy, che si occuperanno invece dell’abbigliamento tecnico e lifestyle da spiaggia. Sempre rimanendo nel nostro settore di competenza, prenderanno parte all’iniziativa Indoboard (surf & fitness) e, come già accennato, Pointbreak Magazine. Numerosi anche i supporter extra-settore tra i quali spiccano, oltre a Virgin Radio e Centro Dino Ferrari, Eivissa Milano (shearling & pellicce), Whoopie-

N. 5 / 2011

SUPPORTER

GIP E SERGIO VOLPINI DURANTE L’EVENTO VIP ON BOARD DELLO (A DESTRA GIP ALLE PRESE PROPRIO CON L’ONDA ARTIFICIALE).

SCORSO

25

MAGGIO A

LIVORNO

A BORDO DELLA NAVE

LIBERTY

OF THE

SEAS,

DOTATA DI FLOWRIDER

15


| n

fiere

|

PaRTE il CoUNTDoWN PER la 13ª EDizioNE DElla FiERa, PREVisTa a BERliNo Dal 7 al 9 lUGlio

Bright 2011, don’t miss it... la VERsioNE sUMMER si sVolGERÀ PER il 2° aNNo CoN B&B. TRa lE NoViTÀ, la NoMiNa aD aMBassaDoR PER l’iTalia Di FRaNz hollER: “PUNTiaMo a FaCiliTaRE la PREsENza DEllE aziENDE. il PRoGETTo all ToMoRRoWs, PER EsEMPio, DÀ la PossiBiliTÀ ai BRaND Di PREsENTaRE lE CollEzioNi sENza l’iMPEGNo Di allEsTiRE UNo sTaND”. a CURa Di

DaNiElE DE NEGRi Nato nell’inverno del 2006, il Bright ha vissuto un importante cambiamento con il trasferimento avvenuto nell’estate 2010: dopo 9 edizioni presso la dismessa centrale di polizia di Francoforte, infatti, la scorsa edizione estiva si è svolta presso l’ex sede della polizia segreta della Germania Orientale a Berlino. Con un grande successo: la prima edizione berlinese ha attirato oltre 275 espositori e 13.000 visitatori mentre l’edizione invernale dello scorso gennaio ha contato 300 espositori e 11.400 visitatori. Altra novità della scorsa versione Summer della fiera, lo svolgimento in contemporanea con il Bread & Butter che verrà riproposto anche quest’anno dal 7 al 9 luglio, in occasione della 13ª edizione. Non da ultimo la nomina di Franz Holler, responsabile di Fresco Distribution, ad Ambassador del Bright in Italia.

PROMO

Mathieu, qual è il target dei vostri visitatori?

Il primo passo per promuovere la fiera in Italia è stata la definizione di una campagna pubblicitaria ad hoc con pubblicazioni su svariati media di settore oltre che con pubblicità online. Sono stati poi scelti dei media partner italiani per l’edizione del prossimo luglio. Per quanto riguarda il coinvolgimento di nuovi espositori, Franz ha dichiarato: “Il nostro lavoro è mirato a facilitare la presenza delle aziende. Così quest’anno daremo la possibilità ad alcuni marchi di esporre senza l’impegno di allestire uno stand. È sufficiente infatti portare a Berlino la collezione, la sua esposizione sarà organizzata direttamente dalla fiera”. Questo progetto prende il nome di All Tomorrows e darà la possibilità alle aziende di presentare le proprie proposte senza far fronte a un investimento consistente. Per gli espositori più “rodati”, invece, il tentativo è quello di migliorare le condizioni espositive in termini di posizionamento e comunicazione.

Il Bright si riferisce a operatori del settore, quindi a buyer, negozianti, decision maker e media. Dal momento che vogliamo presentare i marchi nel loro ambiente naturale, partecipano alla fiera anche molti skater sponsorizzati. Quest’estate ci rivolgeremo anche ai consumatori finali in occasione del Bright Festival, un’area esterna che include una sezione mercato e che ospiterà uno skate contest internazionale. In questo modo i brand saranno in grado di interagire direttamente con i loro clienti.

IL TARGET DEL PROGETTO

FRANZ HOELLER.

N. 5 / 2011

ITALIAN AMBASSADOR

16

“Lo scorso dicembre Marco Aslim, uno dei fondatori del Bright, mi ha contattato per offrirmi la possibilità di divenire ambassador del Bright”, ha dichiarato non senza un pizzico d’orgoglio Franz. “Sono veramente felice di essere stato scelto, considerando il fatto che la fiera è diventata la più importante in Europa per quello che riguarda streetwear, sneakers e skateboard”. Il compito di Franz è quello di pubblicizzare al meglio il Bright in Italia e di trovare nuove aziende che potrebbero essere interessate a presentare i propri prodotti in fiera. “Sono in pratica il punto di riferimento per ogni richiesta proveniente dall’Italia e ho anche l’incarico di escogitare nuove idee per rendere la fiera sempre più interessante. In più rappresento il Bright in occasione di vari eventi con l’obiettivo di comunicare la filosofia e l’importanza della fiera”. Oltre a ciò, Franz contribuisce alla definizione del programma eventi della fiera insieme a tutti gli altri Ambassador: “Siamo in stretto contatto con gli organizzatori, che sentiamo periodicamente via mail e con i quali ci troviamo a Berlino due volte l’anno, per trovare un programma che soddisfi sia i visitatori che gli espositori. Gli eventi collaterali sono molto importanti e anche per questa edizione estiva ci saranno varie novità”.

Le iniziative poste in essere da Franz e da tutti gli Ambassador del Bright sono rivolte solo ed esclusivamente a realtà settoriali, come conferma lo stesso Franz: “La fiera deve mantenere la sua qualità e settorialità. Pertanto ci rivolgiamo solo ad aziende streetwear, di sneaker e di skateboard. La scelta dei brand esposti è sicuramente uno dei fattori che contribuisce al successo del Bright anno dopo anno. Comunque non è escluso l’inserimento di un nuovo settore nel prossimo futuro”. Commenti che trovano ragioni anche nelle parole di Mathieu Tourneur, uno degli organizzatori della fiera, che ci ha rilasciato la seguente intervista.

Quali altri servizi avete iniziato a proporre con il trasferimento a Berlino? Abbiamo inaugurato alcuni nuovi spazi come ArtBright, un’area di 500 mq dedicata agli artisti e alle collaborazioni. Quest’estate, oltre al Bright Festival citato poco fa, introdurremo anche la sezione All Tomorrows, dedicata a marchi creativi emergenti. Sarà una zona con forti elementi di design, siamo davvero orgogliosi di questo nuovo progetto. Con questi servizi garantiamo a visitatori ed espositori un ottimo ambiente di business, arricchito con dimostrazioni skate e soprattutto party.

Quali nazioni sono maggiormente rappresentate dalla fiera?

A proposito della nuova sede, qual è il feedback dei visitatori e degli espositori?

Soprattutto i Paesi europei. In occasione dell’ultima edizione invernale del Bright, in particolare, abbiamo contato forti presenze provenienti da Francia (14%), Italia (13%), Svizzera (10%) e Inghilterra (10%). Un forte aumento è stato segnato anche da visitatori provenienti da Usa, Giappone e Cina. L’internazionalità della fiera cresce di stagione in stagione e nell’edizione invernale ha superato il 45% delle presenze. Ci aspettiamo che questa performance venga ripetuta a luglio.

Bright ha sempre avuto luogo in edifici dalla forte componente storica. I visitatori apprezzano molto la nostra capacità di rivisitare in chiave creativa e persino fashion questi luoghi. La location e l’ambiente che si crea intorno a essa sono due dei punti di forza della fiera, insieme alla selezione dei brand e agli eventi collaterali.

Anche quest’anno il Bright si svolgerà in concomitanza con il Bread & Butter. Quali sinergie esistono tra le due fiere? La scorsa estate abbiamo introdotto un servizio navetta che consente agli interessati di raggiungere agevolmente entrambe le manifestazioni. A parte questo servizio, sia il Bright che il Bread & Butter si svolgono durante la Berlin Fashion Week come anche la kermesse di moda Premium. Tutte le fiere hanno il proprio posizionamento ma traggono beneficio dal pubblico che ciascuna riesce ad attirare a Berlino.

Quanti espositori vi aspettate per questa edizione? La versione estiva della fiera è sempre stata la più numerosa e di anno in anno abbiamo registrato sempre più ingressi. Senza sbilanciarmi troppo in pronostici, sono fiducioso che quella alle porte sarà l’edizione più di successo nella storia del Bright.

Quali canali utilizzate per promuovere la fiera? Il nostro principale strumento è il Bright Magazine. Viene pubblicato due volte l’anno e viene spedito a oltre 8.000 contatti tra negozianti, buyer, editori e opinion leader in Europa, Usa e Asia. Collaboriamo anche con oltre 40 testate e siti web che spaziano dal


|

fiere

|

mondo skate a quelli legati a fashion, arte, musica, sneaker e business. Tutti ci offrono un grande supporto e li ripaghiamo incrementando costantemente la nostra presenza sia a livello di pubblicità che di pr. Per questa edizione sfrutteremo anche poster, flyer e passaggi radio per promuovere il Bright Festival ai locali berlinesi.

amici e il nostro rapporto confidenziale e ciò che ci motiva a rimanere in contatto. Quindi direi che non ci sono termini rigidi e prestabiliti. Il flusso di lavoro che si crea è decisamente naturale e “umano”.

www.brighttradeshow.com

In termini di eventi collaterali, ci sarà sempre lo skatepark? Certamente, ma si tratterà più che altro di uno “skate plaza” questa volta più grande che mai. Si estenderà su un totale di 4.000 mq e ospiterà svariati eventi. Tra i più importanti la The Relentless Above the Line Competition, una gara internazionale con un montepremi di 10.000 euro. Abbiamo poi previsto anche dimostrazioni da pro team di diversi marchi.

Quali team hanno già garantito la propria presenza? Sicuramente ci saranno i rider Globe ed Emerica. Il venerdì sera abbiamo in programma anche un evento skate firmato Nike SB.

Sul fronte artistico, cosa organizzerete? ArtBright è l’area dedicata agli artisti e alle gallerie. Siamo in costante ricerca di nuove soluzioni per esporre ciò che più ci piace ma anche progetti che rappresentano la storia e la creatività del nostro settore. Quest’estate, per esempio, esporremo i lavori di Andrew Pommier, Pontus Alv e Sergej Vutuc e ci sarà una mostra proposta da OWN:GALLERY e da Sneaker Freakers.

A questa domanda rispondo con un evasivo “no comment”.

Franz Holler è diventato referente per l’Italia. Come lui, ci sono ambasciatori in altri Paesi? Sì. In Francia contiamo sul supporto di Etienne Pinon mentre in Scandinavia lavoriamo con Totti Nyberg. Poi ci sono io per la Germania. Il nostro ruolo è quello di diffondere la filosofia del Bright e di essere il punto di connessione tra la fiera e i marchi e i media dei nostri Paesi.

N. 5 / 2011

Avete pensato di esportare il format del Bright in altri Paesi?

Come entrate in contatto con l’organizzazione della fiera? Abbiamo un organigramma molto dinamico, senza una vera gerarchia. Siamo prima di tutto

17


| n

trend

|

Da MaRzo a oTToBRE la QUaRTa EDizioNE DEl sUPERENDURo

Sale la febbre del light freeride il CiRCUiTo, sUPPoRTaTo aNChE Da sKUllCaNDY, ViBRaM, sCoTT E CaMElBaK, CoMPRENDE 8 TaPPE sPRiNT E 6 GaRE PRo. a EssE si aGGiUNGE aD aGosTo la PRiMa iTaliaNa DEl ViBRaM ENDURo TRoPhY oF NaTioNs, ChE si sVolGERÀ a saUzE D’oUlX (To) iN oCCasioNE DEl QUaRTo aPPUNTaMENTo DEl CalENDaRio PRo.

Oltre 1.000 iscritti nelle sole prime tre gare, due nuove tappe Pro in calendario (a Limone Piemonte e Piancavallo) e la stretta osservazione della FCI (Federazione Ciclistica Italiana) alle prese con un fenomeno in rapida crescita sono il biglietto da visita del circuito SuperEnduro, giunto al suo quarto anno di vita. I consensi riscossi da questo evento, il cui nome completo è SuperEnduro 2011 Volkswagen 4 bikes 4 motion - Powered By Sram, attesta la costante crescita anche in Italia del mondo gravity.

DEFINIZIONE - Il SuperEnduro è la manifestazione gravity che sta rivoluzionando il mondo della mountain bike in Italia e non solo, attraverso un’interpretazione quanto mai azzeccata dell’attuale movimento “light freeride” e un format di gara unico molto apprezzato anche all’estero. Gli atleti competono in un percorso ad anello in cui lunghe e tecniche discese cronometrate sono precedute da un trasferimento pedalato in salita. L’edizione 2011 del circuito conta 14 tappe tra Pro e Sprint. La prima tipologia prevede gare con un dislivello medio di 1.500 metri mentre le gare Sprint hanno un dislivello medio di 1.000 metri. Non mancano poi le prove speciali cronometrate, i trasferimenti pedalati e il prologo notturno, che rendono i weekend di SuperEnduro più emozionanti. A ogni gara possono partecipare al massimo 400 corridori, divisi in 11 categorie così da soddisfare le esigenze di chiunque.

GLI SPONSOR - Diversi supporter di prestigio hanno rinnovato l’interesse e la partecipazione al circuito. Tra essi spiccano Scott, Vibram, Camelbak, Skullcandy e Syncros. Tra gli sponsor torna anche Volkswagen, che ancora una volta dimostra la sua attenzione allo sport sostenendo attivamente le scene più action e confermando vincente la formula associativa tra attività sportiva e mondo motori. Vale la pena segnalare che la vivacità del gravity anima i dibattiti sul web con discussioni e confronti su settaggi e soluzioni tecniche adottate in gara, a tutto vantaggio di un mercato e di un social marketing aziendale alla ricerca di un target attivo. Per marchi ed enti turistici che ne colgono il valore e le potenzialità, il SuperEnduro rappresenta ad oggi un valido strumento per promuovere articoli e iniziative rivolte al mercato 2 ruote off road.

FINALITÀ DEL CIRCUITO - Il SuperEnduro pro-

N. 5 / 2011

muove un utilizzo della bicicletta completo lontano da logiche di un’estrema specializzazione, in grado di formare in modo corretto un biker all round, consapevole delle proprie capacità discesistiche ma allo stesso tempo anche dota-

18

to di fiato e resistenza fisica per i tratti pedalati. Senza rinunciare al piacere della discesa a tutta velocità lungo sentieri di montagna tra boschi e single track, si ha anche il tempo di guardarsi intorno, godere del panorama percorrendo strade poco trafficate o bianche, a stretto contatto con la natura e con gli amici. Al circuito si deve la corretta interpretazione del movimento internazionale all mountain e l’abile capacità di aver plasmato questa esigenza del pubblico sportivo che ormai si fa sentire anche in Italia.

UPDATE DI INIZIO GIUGNO - A oggi si sono svolte 6 delle 14 tappe a programma. L’ultima in ordine temporale è stata la quinta gara Sprint del 5 giugno svoltasi a Cartosio (AL). Prima della partenza un forte acquazzone ha reso più difficile il percorso di una delle tappe già di per sé più dure del circuito. Grandi gli sforzi dei concorrenti, soprattutto nei trasferimenti in salita e nelle zone più fangose. Dominatore della giornata è stato Davide Sottocornola, che ha vinto tutte e tre le prove speciali rompendo la lunga serie di successi a Cartosio di Marco Rodolico (secondo classificato). Ha chiuso il podio Alex Lupato. Tra le donne la migliore è stata Chiara Pastore. Grande assente Andrea Bruno, dominatore del circuito 2010 e attualmente al primo posto della classifica assoluta Sprint, seguito da Alex Lupato e Davide Sottocornola. Il ranking del circuito Pro, invece, vede in testa Karim Amour che si lascia alle spalle Davide Sottocornola e Andrea Bruno. Il SuperEnduro tornerà il 18 giugno con la nuova gara sprint di Coggiola (BI), alla quale seguirà l’atteso Pro di Limone Piemonte, valido anche come Campionato Italiano di SuperEnduro. La tappa piemontese consegnerà dunque al vincitore assoluto la prima maglia tricolore della storia della disciplina.

SOPRA

E SOTTO ALCUNE FASI DELLA

1

A

GARA

PRO

DI

SESTRI LEVANTE.

Foto: Matteo Cappè

MoNiCa ViGaNÒ

VIBRAM ENDURO TROPHY OF NATIONS - A conferma della credibilità e stima che il SuperEnduro sta riscuotendo anche in Paesi notoriamente più esperti in materia all mountain come Francia, Inghilterra e Germania, con il riconoscimento di autorevoli riviste ed esponenti del mondo della mountain bike, è ufficiale l’accordo per portare in Italia la prestigiosa gara internazionale Enduro Trophy of Nations. Per la prima volta questa gara vestirà il format SuperEnduro e uscirà dal territorio francese sbarcando a Sauze d’Oulx (TO) il 6/7 agosto prossimi in occasione della quarta tappa Pro. Un partner d’eccezione come Vibram ha sposato questo binomio e sarà il Title Sponsor di uno dei principali eventi di mountain bike internazionali in cui atleti provenienti da tutto il mondo si confronteranno sui famosi percorsi del comprensorio di Alpi Bike Resort.

www.superenduromtb.com

CALENDARIO 2011 SPRINT

PRO

6 marzo – San Bartolomeo al Mare (IM) 2/3 aprile – Pogno (NO) 1 maggio – Priero (CN) 15 maggio – Palazzuolo sul Senio (FI) 5 giugno – Cartosio (AL) 18 giugno – Coggiola (BI) 17 luglio – Ala di Stura (TO) 2 ottobre – Albese con Cassano (CO)

16/17 aprile – Sestri Levante (GE) 2/3 luglio – Limone Piemonte (CN) 23/24 luglio – Piancavallo (PN) 6/7 agosto – Sauze D’Oulx (TO) + Enduro of the Nations 17/18 settembre – Punta Ala (GR) 22/23 ottobre – Finale Ligure (SV)

SKULLCANDY PARTNERSHIPS Foto: Matteo Cappè

a CURa Di

SOTTO 2 MOMENTI DELLA 4 GARA SPRINT A PALAZZUOLO SUL SENIO (FI). FOTO: STEFANO BERTUCCIOLI. A

Skullcandy (brand distribuito in Italia da Wood Morning) ha deciso di rinnovare l’impegno anche per il 2011 con il circuito nazionale di mountain bike SuperEnduro, dimostrando un rinnovato interesse per il mondo delle due ruote al quale il brand rivolge sempre più attenzione, grazie anche ai nuovi modelli in arrivo per il 2012 che si vanno ad aggiungere alle già famose Chops e Asym. Skullcandy girerà l’Italia seguendo tutti gli appuntamenti del circuito a bordo di una speciale mountain bike, coinvolgendo un numero sempre maggiore di concorrenti e appassionati e presentando i propri prodotti esclusivi come la Hesh signature series di Troy Lee Design, presentata in anteprima italiana durante la tappa di Sauze d’Oulx dello scorso anno. Ma quella con il SuperEnduro non è l’unica partnership in fatto di due ruote per Skullcandy: altra novità di rilievo che coinvolge direttamente Skullcandy Italia è la collaborazione con il marchio di selle Dirty del gruppo San Marco e il team nazionale di enduro e DH Argentina Bike di Roberto Venassa. Il risultato è la creazione di una sella Zero special edition personalizzata, in vendita in un packaging speciale con cuffie Skullcandy Riot comprese (vedi foto).


|

freeride

|

Libertà di movimento

a CURa Di - GiaNaNDREa lECCo FoTo Di CRisTiaNo BoRGhi (BaCKsTaGE) E MaTTEo CaPPÈ (aCTioN)

L’8 MAGGIO IN CITTÀ ALTA IL WORKSHOP DI FOTOGRAFIA D’AZIONE

A scuola di action photography

DIVERSI SONO I CORSI TENUTI IN TUTTA ITALIA DA MATTEO CAPPÈ, UNO DEI PIÙ FAMOSI FOTOGRAFI ITALIANI, IN QUESTO SEGMENTO, CARATTERIZZATI DAI TAGLI LIGHT, EXPERT, RELAX ED EXPERIENCE. L’APPUNTAMENTO A BERGAMO È STATO ORGANIZZATO IN COLLABORAZIONE CON IL MYSTICFREERIDE TEAM, I CUI ATLETI SI SONO PRESTATI AGLI SCATTI DEI PARTECIPANTI ALLE LEZIONI.

meno immaginate, ma che regalano punti di vista unici e spettacolari. Oggi, tutta l’esperienza di Cappè è messa a disposizione per chiunque voglia farne tesoro, grazie a un ricco calendario di corsi Action Photography da lui tenuti in tutta Italia. In tali corsi infatti, caratterizzati da tagli diversi (Light, Expert, Relax, Experience), Matteo condivide e spiega come mettere in pratica tutte le tecniche per ottenere le migliori immagini action. L’8 maggio si è svolto uno di questi Action Photography Experience a Bergamo, in collaborazione

LEZIONI

TEORICHE DA PARTE DI

MATTEO

con il team MysticFreeride. Ospiti del B&B Villa Luna a Bergamo Alta, dopo la lezione teorica il gruppo di fotografi e atleti si è spostato tra le mura e i vicoli della Città Alta, per mettere in pratica consigli, trucchi e i metodi illustrati nella lezione teorica. I contrasti forti tra la luce del sole e le ombre nette prodotte dalle mura hanno fatto da set a questo workshop, aiutando la comprensione delle enormi difficoltà che si possono incontrare quando si lavora con soggetti in movimento ed evidenziando in particolare perché nell’action photography si parla spesso di “compromesso”. La possibilità di utilizzare la luce flash del Ranger Quadra, il modello preferito da Matteo della gamma Elinchrom, ha inoltre illustrato il potenziale di uno strumento, il flash appunto, indispensabile nell’action photography, in quanto la consapevolezza delle caratteristiche della luce flash permette al fotografo di ottenere immagini ferme e nitide. I soggetti in azione sono stati i ragazzi di Mysticfreeride, a totale disposizione dei partecipanti per mostrare quanto sia importante creare il giusto feeling tra fotografo e atleta, così che ogni dettaglio possa divenire fondamentale nel fermare l’attimo di un soggetto in movimento. Durante il workshop sono stati offerti diversi gadget da Aproma (Crumler), Skullcandy e il mitico zaino Dakine Sequence. Inoltre ogni partecipante è stato omaggiato del numero di maggio della rivista Tutti Fotografi. Il corso è stato intensivo, sicuramente impegnativo per la mole d’informazioni trasferite. Ora il solo compito di ogni partecipante è di prendersi il tempo necessario per assimilare la teoria e metterla in pratica, esattamente nell’attimo in cui uno scatto fotografico si trasforma in emozione.

www.mc-photographer.com mc.actionphotography@gmail.com - 392.7593312

OTTO APPUNTAMENTI DA GIUGNO A SETTEMBRE

Gravity Zone Demo Tour, musica per le due ruote NESSUN CRONOMETRO, NESSUNA COMPETIZIONE, SOLO UN TOUR ORGANIZZATO IN SINERGIA DA EMISSIONI ZERO E MYSTICFREERIDE, ESCLUSIVAMENTE DEDICATO A CHI AMA IL FREERIDE. 24 ORE SU 24 NEI BIKE PARK PIÙ BELLI D’ITALIA.

Emissioni Zero e Mysticfreeride hanno unito le proprie energie per presentare un tour dedicato a chi vive il freeride fine a sé stesso, per le emozioni e la carica di energia che regala mentre si scende con i propri amici, per le chiacchiere che si sprecano sulla seggiovia, per gli sfottò di fine giornata davanti a una birra, per il silenzio che culla la stanchezza mentre si ritorna a casa. Ricco di 8 tappe distribuite nei mesi da giugno a settembre, dall’Abetone a Plan de Corones, da Bardonecchia a Canazei, da Salice d’Ulzio a Pila, senza dimenticare Prato Selva, per concludere nuovamente a Plan de Corones con la festa di chiusura. Il Gravity Zone Demo Tour è principalmente un’occasione per ritrovarci nei migliori bike park d’Italia e provare le novità delle aziende partner direttamente sul campo. Grazie infatti a Scott, Bressan e Bikestyle sarà possibile provare sul campo i nuovi modelli, mentre Oakley, Bern, Protec, Schwalbe e Platzangst offriranno una vasta e completa gamma di accessori per praticare questo sport nel modo più sicuro e divertente possibile. Il tutto non può che essere condito da Red Bull, che scorrerà a fiumi nel village allestito nel cuore di ogni bike park ospitante. Il Gravity Zone Demo Tour sarà poi un’occasione per conoscere nuovi amici, condividere la passione per il freeride, lanciare qualche nuova sfida e condividere i propri Secret Spot.

Crescono di anno in anno le località che offrono servizi sempre migliori studiati sulle esigenze dei rider. Migliorano i tracciati, nascono sempre più varianti per ogni livello ed esigenza, si ampliano le offerte collegate a noleggi e alberghi convenzionati. Gravity Zone Demo Tour vuole essere il punto comun denominatore di questo movimento nato dalla passione di ognuno di noi.

CALENDARIO GRAVITY ZONE DEMO TOUR 2011: 25/26 giugno: Abetone (PT), Abetone Gravity Park 09/10 luglio: Plan de Corones, Brunico (BZ) 15/17 luglio: Canazei (TN), Fassa Bike Park 23/24 luglio: Sauze D’Oulx (TO), Alpi Bike Resort 6/7 agosto: Prato Selva (TE), Prato Selva Bike Park 27/28 agosto: Pila (AO), Bike Park “Green in the Sky” 3/4 settembre: Bardonecchia (TO), Alpi Bike Resort 10/11 settembre: Plan de Corones, Brunico (BZ) (Down Hill Days)

N. 5 / 2011

Un’esperienza eccezionale, acquisita negli anni trascorsi sui terreni più accidentati, ripidi, sconnessi ed esposti di mezzo mondo, a inseguire con il proprio obiettivo i mille volti degli sport d’azione, con particolare amore e passione per la mountain bike. Per questo Matteo Cappè è oggi universalmente considerato come uno dei migliori fotografi d’azione in Italia. Con Mysticfreeride le occasioni per lavorare e divertirci insieme non sono state poche: dal suo coinvolgimento come fotografo ufficiale a tutte le edizioni della Townhill, fino a un viaggio sull’isola Reunion che ha portato a un servizio di otto pagine su Gente Viaggi. Tutto questo grazie anche alla voglia di Matteo di mettersi continuamente in discussione, di osare nuove tecniche per fermare il tempo in inquadrature che spesso non vengono nem-

Per maggiori info: www.gravityzonedemotour.com www.mysticfreeride.com

PRIMA DI AFFRONTARE GLI SCATTI SUL CAMPO.

19


| n

eventi

|

il 21 MaGGio NEl VillaGGio BENEssERE BEllaViTa aD alEssaNDRia il CoNTEsT Di sURF iNDooR

Un tris vincente per Probeat la NUoVa EDizioNE DEll’EVENTo, CoME sEMPRE oRGaNizzaTa Da sliDE, ha VisTo PiÙ Di 60 CoNCoRRENTi sFiDaRsi sUll’oNDa aRTiFiCialE Di 130 MQ. QUiKsilVER, EasTPaK, sPY oPTiCs, MoNsTER ENERGY E iNDoBoaRD Gli sPoNsoR ChE haNNo sUPPoRTaTo l’oRGaNizzazioNE. CREsCiUTo NoTEVolMENTE il liVEllo DEi TRiCKs.

a CURa Di

siMoNE BERTi All’insegna del “non c’è due senza tre”, il 21 maggio si è svolta la terza edizione del Probeat, il flowrider contest che ha registrato un nuovo successo dopo i primi due appuntamenti di aprile e ottobre 2010. La location è ancora il Villaggio Benessere Bellavita di Alessandria. E non potrebbe essere altrimenti, dato che si tratta dell’unica struttura italiana a ospitare il flowrider, l’onda artificiale a getto continuo di 130 mq in grado di far provare l’ebbrezza del surf indoor a chiunque lo desideri e in qualunque condizione atmosferica. Il successo dell’evento, organizzato da Slide insieme al centro Bellavita e a Pointbreak Magazine, sta andando di pari passo con questa nuova disciplina, ora più che mai in grado di richiamare un numero crescente di appassionati da ogni regione. Per tutta la giornata del Probeat è stato inoltre consentito ai partecipanti e agli spettatori di usufruire delle altre strutture presenti al Bellavita:

N. 5 / 2011

UN CENTRO D’ECCELLENZA

Inaugurato tre anni fa, il moderno Villaggio Benessere Bellavita oltre al flowrider offre attività di benessere con pacchetti rivolti a persone di qualsiasi età. Il centro consta in 16mila mq articolati in 5 aree, inclusi un hotel a 4 stelle, un cinema e una sala giochi. L’area Acqua è la più grande e comprende “Tropici”, l’unica piscina tropicale indoor d’Italia, che si estende su 2500 mq con acqua sia salata che dolce. L’area Relax prevede invece un “Thermarium” al cui interno sono presenti grotte, saune, idromassaggi e addirittura una grotta con la neve. L’area Beauty offre trattamenti e tecniche di estetica avanzata, mentre nell’area Fitness sono organizzati corsi di diverso tipo in piscina e palestra. Un centro ideale quindi per ospitare non solo eventi ma anche conferenze, workshop e meeting aziendali.

www.bellavitaalessandria.it

20

area piscina tropicale, area thermarium, ice room e altro ancora.

ON THE WAVE - Dopo una mattinata spesa a riscaldarsi e a prendere confidenza con l’onda artificiale in una sessione di prove libere, gli oltre 60 iscritti al 3° Probeat, ragazzi e ragazze, hanno iniziato a sfidarsi nel pomeriggio suddivisi in tre categorie: principianti, bodyboard e advanced. Un ottimo risultato è stato ottenuto anche dal contest di IndoBoard sponsored by Spy Optic, organizzato in contemporanea al flowrider, per permettere ai partecipanti di provare ad approcciarsi alle tavole training per migliorare l’equilibrio. Diverse centinaia erano invece gli spettatori occorsi a incitare gli atleti, autori di spettacolari evoluzioni soprattutto nella gara advanced: backflip, rodeo e kick flip sono solo alcuni dei tricks eseguiti, confermando la notevole crescita del livello dei riders rispetto alle precedenti edizioni. IN

RICCHI PREMI E COTILLON - Trionfatore finale della gara più importante, quella advanced appunto, è stato Alessio Ponta, al suo secondo successo consecutivo, seguito da Niccolò Piaggio, a cui è andato il premio Best Trick, e da Alessandro Demartini. I vincitori si sono portati a casa i numerosi premi offerti dagli sponsor: Quiksilver ha fornito anche le lycra ufficiali della gara, Eastpak ha offerto gli zaini della nuova collezione, Spy ha messo in palio i suoi nuovi occhiali per la gara di IndoBoard e Monster Energy ha rinfrescato spettatori e partecipanti con le sue bevande. Insomma, nulla è mancato in questa terza edizione del Probeat e non resta che attendere il prossimo appuntamento con il flowrider.

QUESTA EDIZIONE IL LIVELLO DEI TRICKS È CRESCIUTO NOTEVOLMENTE.

SOPRA

A DESTRA IL CONTEST DI INDOBOARD.

SUL FLOWRIDER IN CROCIERA CON CARIBBEAN

www.slideteam.it

Il flowrider del Villaggio Benessere Bellavita di Alessandria è l’unico presente in Italia, mentre sono un centinaio circa le strutture censite in tutto il mondo (più della metà solo negli USA). Il vero premio all’originalità e all’intraprendenza va però alla Royal Caribbean International, compagnia di crociera globale con una flotta di 22 navi in servizio e itinerari in Alaska, Dubai, Europa, Australia, Nuova Zelanda e Sud America. 5 delle 22 navi Caribbean possiedono infatti una struttura flowrider, in grado di offrire agli ospiti il divertimento del surf durante la navigazione. Si tratta delle Allure of the Seas e Oasis of the Seas, facenti parte della classe Oasis, e delle Freedom of the Seas, Independence of the Seas e Liberty of the Seas, classe Freedom. Si tratta di imbarcazioni imponenti, dotate di ogni comodità

e attrazioni possibili: dalla parete artificiale di arrampicata alle piscine idromassaggio sospese sui fianchi della nave, dalla pista da pattinaggio sul ghiaccio al ring per la fit-boxe, e molte altre. Proprio a bordo della nave Independence of the Seas si è tenuto il 21 febbraio, mentre era ormeggiata nel porto di Livorno, il surf contest King Of Slippy, organizzato da Royal Caribbean insieme a Quiksilver. In questa prima gara di surf a bordo di una nave, che ha visto 14 surfer al via, fra cui i due campioni italiani in carica Roberto D’Amico e Valentina Vitale, è stato Alessandro Demartini ad aggiudicarsi il titolo di King of Slippy e a ottenere la meravigliosa crociera sul Mediterraneo messa in palio.

www.royalcaribbean.it


| n

cover story |

PaRla RaiMoNDo GasPERiNi, PREMiaTo CoME WaTERMaN oF ThE YEaR ai RECENTi sURFiNG iTalia aWaRDs

Ray, waterman & talent scout a 45 aNNi si CoNFERMa aTlETa Di GRaNDE liVEllo, TRa RisUlTaTi Di PREsTiGio iN CaMPo iNTERNazioNalE E RiCERCa Di NUoVi TRiCK. Ma il sUo aMoRE PER il WiNDsURF lo ha PoRTaTo a FaRE MolTo Di PiÙ PER QUEsTa DisCiPliNa, CoN UNa FoNDaMENTalE oPERa Di iNsEGNaMENTo E RiCERCa DEi MiGlioRi TalENTi iTaliaNi. a CURa Di

MaRCo PEGGioN (alias VElENo) Alla sua non più giovanissima età per un atleta (45 anni a settembre) Raimondo Gasperini continua a regalarsi e a regalarci prestazioni di grande livello, anche in campo internazionale. Ma i suoi meriti vanno molto al di là dei risultati agonistici, che pure sono notevoli e che non accennano a diminuire, senza contare che alcuni trick nel windsurf freestyle sono stati inventati proprio da lui (vedi Air Duck Jibe e Misty Wave). Ray infatti è anche un istruttore qualificato e talent scout, nonché organizzatore di una delle più belle ed efficaci iniziative volte all’insegnamento del windsurf, vale a dire l’XRay Talent Factory. Un’attività multiforme e completa che giustamente è stata premiata con l’importante riconoscimento “Waterman of the Year”, assegnato nell’ambito dei Surfing Italia Awards lo scorso 23 gennaio.

Ciao Ray, come stai? Direi tutto ok visti anche i recenti riconoscimenti… Alla grande! Questa nuova stagione è partita benissimo con il viaggio in Brasile a Jericoacoara, nel regno del Windjeri Team, per testare i miei nuovi materiali Starboard, Severne e i nuovi alberi Amex. E ancora una volta si è confermato il miglior posto al mondo per allenarsi in wave/freestyle. Al mio ritorno poi ho ricevuto il premio di Waterman of the Year ai primi Surfing Italia Awards, un riconoscimento che mi riempie d’orgoglio dopo i risultati ottenuti nell’attività agonistica 2010 e, soprattutto, l’organizzazione di eventi per la promozione del windsurf, in particolare tra i giovani. Senza contare poi che tre rider sui quattro campioni nazionali freestyle nelle diverse categorie fanno parte del mio Team XRay.

Sono passati circa 2 anni dall’ultima intervista. Cosa ci racconti di nuovo?

N. 5 / 2011

Non penso di esser cambiato. Sono sempre il solito Raimondo in cerca di nuove sfide, voglio migliorarmi in mare e cercare di superare i miei limiti. Ciò che risulta cresciuto è senz’altro il lavoro di organizzazione eventi per promuovere il windsurf acrobatico: dall’XRay Talent Factory all’Italia Surf Expo, che ha attratto su di sé l’attenzione delle migliori testate giornalistiche nazionali. La mia battaglia principale tuttavia è quella di scovare tra i giovani i migliori talenti italiani

RAIMONDO PREMIATO "WATERMAN SURFING ITALIA AWARDS.

22

OF THE

YEAR"

AI

da esportare nel mondo. In campo professionale sono felice di aver raggiunto il podio nella tappa EFPT di Podersdorf 2009, un traguardo che negli ultimi anni nessun italiano aveva raggiunto, e il terzo posto finale nel campionato nazionale Wave 2010. Infine gli allenamenti e la ricerca di nuovi trick come la Misty Ray, un salto con rotazione con la vela bugna avanti. Molto spettacolare e cool.

Riguardo la promozione eventi, puoi raccontarci qualche novità per gli appassionati? Negli ultimi anni abbiamo lavorato molto per cercare di divertirci al massimo anche in assenza delle condizioni idonee. Per esempio, insieme a Pino Bucci, abbiamo ulteriormente migliorato la Redbull Ramp e i risultati sono arrivati immediatamente con il primo doppio forward realizzato in Sardegna da Nicolas Akgazciyan. Poi è esplosa la Grinch mania. In assenza totale di vento è ormai possibile realizzare quasi tutte le freestyle move conosciute, e il Grinch Freestyle Contest vinto nel 2009 da Gabriele Varrucciu a Talamone, nonchè quello vinto da Jacopo Testa all’eVento di San Teodoro, l’hanno confermato.

Come procede il progetto legato all’XRay Talent Factory? Il progetto XRay Talent Factory va alla grande, è il mio cavallo di battaglia. Sono passati

ormai 5 anni da quando, nel 2006, ho lanciato questa accademia per aspiranti freestyler. Devo dire con soddisfazione che molti dei migliori giovani atleti di oggi escono proprio dall’XRay Talent Factory. Come detto prima, quest’anno tre titoli nazionali sono stati vinti da allievi provenienti dalla nostra scuola: Gabriele Varrucciu di Olbia ha vinto il titolo assoluto, Alvin Panzera e Francesco Cappuzzo due titoli juniores. Il percorso formativo è ormai consolidato ed è adatto sia a coloro che intendono prepararsi all’agonismo sia a chi vuole più semplicemente migliorarsi nella disciplina del freestyle. Credo fermamente che anche questo modo di fare windsurf, se debitamente spiegato e accompagnato da esercizi specifici, possa essere imparato da tutti. É la mia mission: cercare di diffondere il windsurf freestyle raggiungendo il numero di praticanti più alto possibile. Per fare questo occorre ovviamente partire dalle nuove leve e per questo motivo all’XRay Talent Factory 2011, che si terrà dal 20 al 26 giugno, il comune di Olbia metterà a disposizione dei più meritevoli alcune borse di studio, con l’obiettivo di promuovere lo sport nel territorio stesso dove sono organizzati gli eventi.

Spiegaci chi è un waterman. Chi sono a livello internazionale, i riferimenti e quali sono le discipline. Waterman è un atleta che ama il mare e

che promuove la disciplina che pratica attraverso la propria immagine, l’organizzazione di eventi e stage, con l’obiettivo di accrescere il numero dei praticanti. Sono una persona entusiasta e vulcanica, amo visceralmente questo sport e credo che sia giusto cercare di condividere le fantastiche emozioni che questa disciplina regala con il maggior numero possibile di persone. Tra i waterman più conosciuti c’è sicuramente Laird Hamilton, uno dei pochi che è riuscito a trasmettere la propria immagine anche al di fuori del mondo dei boardsport.

Parlaci delle ragioni che sono alla base di questo riconoscimento. Le ragioni del riconoscimento sono da ricercare sia nei risultati a livello agonistico sia nell’attività di promozione del windsurf. A livello agonistico il 2010 si è aperto con uno stupendo piazzamento nella tappa del PWA a Podesdorf, dove sono riuscito, alla mia veneranda età (44 anni), a eliminare il 18enne campione tedesco, salvo poi soccombere nella heat con Taty Frans, poi vincitore dell’evento. Il PWA mi ha poi dedicato un articolo sul loro portale ufficiale definendomi “The Living Legend”. Devo ammettere di essermi emozionato vedendolo online, un premio alla carriera. Per quanto riguarda invece le attività di promozione del windsurf abbiamo già detto molto. Vorrei però aggiungere che


RAY

cover story |

DISPENSA PREZIOSI CONSIGLI SUL FREESTYLE NEL CORSO DI UNA LEZIONE.

durante il recente evento Big Blu di Roma, nella piscina allestita dalla Federazione Italiana Vela, ho organizzato per la prima volta nella storia, in collaborazione con Dario Oliviero e l’utilizzo dell’Ido Innovation (la sua invenzione per imparare il windsurf in pochi secondi), lezioni gratuite di windsurf al coperto per un centinaio di ragazzi circa, dai 3 ai 14 anni. Una bellissima esperienza.

Credo che per te non sia un punto di arrivo, ma il trampolino di partenza di altri progetti. Certamente. Per la terza stagione sarò presente con la mia base fissa dell’XRay Windsurf Academy all’interno del Naloo surf School, ormai punto di riferimento dei surfisti romani a Marina di Palo, dove proporrò, per chi desidera migliorare, corsi windsurf avanzati e

A

DESTRA IL GRUPPO DELL'X-RAY TALENT

stage di Freestyle, Wave e Slalom anche itineranti, scegliendo giornalmente lo spot più ventoso. A inizio maggio sono stato invece in Madagascar, in compagnia del WindJeri Team al completo. Un posto nuovo per me che già da tempo sognavo di visitare, sia per il paesaggio che, ovviamente, per le condizioni del mare. Poi dal 20 al 26 giugno ripartiremo con una nuova edizione dell’XRay Talent Factory a Olbia. In aggiunta, nel weekend finale dell’evento, si svolgerà il Trofeo Freestyle XRay città di Olbia, una gara aperta a tutti gli appassionati di Ffreestyle, powered by RedBull. Poi a inizio agosto l’Italia Surf Expo e qualche altra piccola sorpresa più avanti. Senza dimenticare infine l’aspetto agonistico, con la prossima tappa PWA di Poderdorf, dove non mancherò.

FACTORY

IN POSA CON LA RAMPA

RED BULL.

Sei un waterman ma soprattutto un windsurfer. Dove sta andando il nostro sport in questo periodo di crisi? Devo essere sincero, a giudicare dal numero di praticanti in acqua degli spot che frequento mi sembra che la crisi non ci abbia nemmeno sfiorato. A livello amatoriale e di sport inteso come passione non ho visto cali di alcun tipo, anzi. Ci sono persone che vivono per il windsurf durante tutto l’anno, che lasciano l’ufficio per andare a godersi anche un’ora di vento. Una passione irrefrenabile. A livello agonistico la realtà è differente. Per un giovane affacciarsi al mondo professionistico non è facile. Gli sponsor difficilmente riescono a mantenere e puntare su atleti di talento a livello economico. C’è un appoggio in termini di materiali, è vero, ma ripetere la carrie-

ra che ho fatto io e molti miei colleghi in giro per il mondo non è facile. A tal proposito voglio ringraziare tutti gli sponsor che negli anni mi hanno supportato, soprattutto quelli attuali: Starboard, Severne, Red Bull, WindJeri, Amex, PatLove, ProLimit, Chilisurfers, Power Balance, Gloryfy, Fca Veicoli Commerciali. L’importante è credere nelle proprie possibilità, approfittare delle nuove attrezzature e delle innovazioni che vanno sempre in una direzione in grado di facilitare l’apprendimento e l’approccio alla disciplina.

Per maggiori info su Raimondo Gasperini e sull’XRay Talent Factory 2011: www.raimondogasperini.com facebook.com/raimondo.gasperini

N. 5 / 2011

|

23


| n

focus wake |

FoCUs sU WaKE-liNE, il CUi sTaFF È CoMPosTo Da aTlETi ED EsPERTi NEl MoNDo DEllE PUBliC RElaTioN

In linea diretta con il wake il PRoGETTo MiRa a PRoMUoVERE WaKEsKaTE E WaKEBoaRD TRaMiTE la REalizzazioNE Di iNTERVisTE, l’aGGioRNaMENTo DEl siTo UFFiCialE E l’oRGaNizzazioNE Di shooTiNG ED EVENTi. GEsTiRÀ aNChE la CoMUNiCazioNE DEl PRiMo CaMPioNaTo DEl MoNDo, PREVisTo il PRossiMo lUGlio a MilaNo. a CURa Di

I PRIMI FEEDBACK

MoNiCa ViGaNÒ Sono a pieno titolo due boardsport in discreta crescita, con oltre 4 milioni di praticanti in tutto il mondo (dati FISN, Federazione Italia Sci Nautico). E l’aumento di attenzione nei loro riguardi è dimostrato anche dal corposo numero di strutture ad hoc che li promuovono. Si tratta del wakeboard e del wakeskate, due attività spettacolari e coinvolgenti in grado di attirare un numero sempre maggiore di appassionati sportivi anche in un Paese come il nostro, caratterizzato da un clima favorevole e dalla presenza di numerosi bacini lacustri che si prestano alla pratica con barche o alla creazione di impianti a fune. Gli investimenti e i servizi di promozione legati a questi ultimi sono in aumento anche in Italia e vedono come protagonisti brand, resort e manifestazioni del settore. Tuttavia tutte queste iniziative mancano spesso di un trait d’union che garantisca una corretta diffusione delle informazioni e una costante crescita del target. Si inserisce proprio in quest’ottica il progetto Wake-Line, che coinvolge Walter Gianini e Alberto Martinelli oltre a Tristano Bergamini, Riccardo Monti e Gigi Amore. Proprio Walter ha dichiarato: “Sinceramente non saprei dire da chi è nata l’idea di creare Wake-Line. È un progetto che avevo in mente da tempo e del quale avevo parlato con Tristano e con diversi fotografi. Abbiamo iniziato a definire l’idea dopo l’ultimo Skipass di Modena, quando chiacchierando con Alberto Martinelli mi sono reso conto della sua effettiva utilità”.

PROFILO E OBIETTIVI

ALBERTO MARTINELLI

FILMA LE EVOLUZIONI DI

MASSIMILIANO PIFFARETTI

PRESSO IL

CNVS

DI

RIETI. (PHOTO: GIGI AMORE)

PROGRAMMA E INIZIATIVE lità, che si avvale delle moderne soluzioni di blogging e social networking in pieno stile web 2.0. “Al momento – ha concluso Alberto – è l’unica associazione concepita per la promozione e lo sviluppo di wakeboard, wakeskate e wakesurf in Italia”.

LO STAFF A seguire con costanza questo flusso di informazioni vi è lo staff di Wake-Line, composto da giovani atleti di livello internazionale ed esperti del settore comunicazione e web. Si tratta di risorse perfettamente introdotte nell’ambiente action sport e in grado di circondarsi di una sempre più numerosa comunità di appassionati, rider di livello o semplici amatori, raggiungendo così la massima capillarità e diffusione possibile delle informazioni. In particolare fa parte dello staff Walter Gianini, coordinatore e responsabile wakeboard con alle spalle esperienze in qualità di atleta (è rider della Nazionale Italiana dal 2001 e istruttore di wake presso il club KLI di Ravenna e ha partecipato a decine di contest nazionali ed internazionali). Con lui anche Tristano Bergamini, responsabile wakeskate nonché skater e wakeskater di livello nazionale (vanta un’invidiabile esperienza nel settore, consolidata in eventi e manifestazioni presso la struttura Wallygator che gestisce lui stesso). Collaborano con il progetto anche Alberto Martinelli e Laura Fusco di RITM, responsabili web e video (hanno un’esperienza pluriennale nel settore action sport e sono autori di “Wake Up On Board”, il primo video

nazionale di wakeboard prodotto in Italia). Da ultimo fanno parte dello staff Riccardo Pirola (filmer ufficiale ed esperto in comunicazione visiva digitale con oltre 18 anni di skateboard all’attivo e diverse collaborazioni con aziende ed atleti), Riccardo Monti (responsabile fotografia con alle spalle molte collaborazioni con brand, eventi e magazine) e Gigi Amore (fotografo ufficiale centro sud e responsabile web del CNVS).

STRUMENTI E SERVIZI Per sviluppare questo progetto di comunicazione, Wake-Line intende affermare un’importante presenza sul web con il sito internet ufficiale, a cui affiancare i principali social network e una newsletter completa. Intende inoltre programmare una serie di appuntamenti durante la stagione di gare in cui realizzare contenuti speciali come report fotografici o interviste ad atleti di rilievo. Parallelamente a questo, grande rilevanza è data al costante aggiornamento e confronto con tutti i club nautici o centri sportivi interessati a collaborare su svariati fronti. L’idea è anche quella di creare una rubrica “trick tips” per insegnare le manovre o altri contenuti da diffondere poi attraverso la piattaforma e i canali di WakeLine. Inoltre il progetto si rende disponibile nei confronti delle aziende di settore a progettare e realizzare eventi pubblici, photo e video shooting atleti, presentazione prodotti con il fine di promuovere i brand. Questi servizi possono risultare un valido strumento di crescita, nonché un motivo di visibilità all’estero.

N. 5 / 2011

Wake-Line nasce per condividere idee e dare visibilità al wakeboard e al wakeskate, in Italia e all’estero, attraverso collaborazioni e attività che coinvolgano tutti coloro che hanno a cuore la crescita del movimento. “L’associazione ha sede a Como, ma il nucleo operativo è sparso da Como a Roma e composto da rider, webmaster, filmer e fotografi”, ha aggiunto Alberto Martinelli. L’obiettivo è quello di creare una solida base comunicativa nel mondo wake italiano, attraverso la coordinazione di una community online e lo sviluppo di eventi e manifestazioni a cui club nautici, atleti, team, brand e resort possano fare riferimento per informarsi e proporre le proprie iniziative al pubblico. Si tratta di un’azione complessa che vede da un lato lo sviluppo di forme di collaborazione tra figure professionali (fotografi, filmer, webmaster, grafici, atleti), aziende e resort e dall’altro la nascita di strumento informativo online aggiornato con contenuti interessanti e di qua-

Nonostante Wake-Line sia un progetto relativamente nuovo, gli operatori del settore hanno già espresso il proprio consenso, come ha dichiarato anche Alberto: “Abbiamo ricevuto numerosi consensi da parte di attori del mercato, che si dicono felici di avere a disposizione uno strumento concreto e aperto a qualsiasi iniziativa. In Italia ci sono rider di alto livello, gare, scuole e coach molto preparati ma sono in pochi a conoscere questa realtà perché davvero finora mancava un mezzo di comunicazione valido e mirato”. Tra i primi a sostenere l’iniziativa, i club nautici. “Quelli che abbiamo contattato hanno risposto positivamente perché vedono in Wake-Line una possibilità di promozione dello spot e della sua programmazione”, ha aggiunto Alberto. “Siamo anche in contatto con alcune aziende di settore e non che dimostrano interesse nel contribuire ad accrescere lo scenario wake. Ora sta a noi trovare la strada giusta”.

DA

24

SINISTRA VERSO DESTRA:

WALTER GIANINI, TRISTANO BERGAMINI

E

MASSIMILIANO PIFFARETTI

PRESSO LA STRUTTURA

KLI

DI

RAVENNA. (PHOTO: RICKY MONTI)

Per la stagione estiva 2011 Wake-Line ha in programma l’organizzazione di numerose iniziative. Si è partiti lo scorso 14/15 maggio con i demo days, svolti presso la struttura KLI di Ravenna con la collaborazione di Liquid Force, Ronix, Hyperlite, Byerly e Slingshot. Prossimo appuntamento in programma, l’atteso IWSF World Championships, campionato mondiale di wake che si terrà all’Idroscalo di Milano dal 12 al 17 luglio. In accordo con la FISN (Federazione Italiana Sci Nautico) che organizza l’evento, Wake-Line seguirà l’immagine e la comunicazione del campionato per tutte le squadre. I rappresentanti del progetto saranno poi presenti a tutte le tappe del circuito nazionale Wake Zone Cup, che dopo l’esordio a Macerata (4/5 giugno) tra giugno e luglio toccherà Ravenna, Napoli e Palermo. A partire da quest’anno, il format di gara prevederà l’inserimento della categoria pro, l’uso di ottime barche e un montepremi in denaro. Nei migliori resort italiani dedicati al wake saranno poi organizzati photo e video shooting da diffondere attraverso il web per promuovere la realtà italiana e stimolare i più giovani. Inoltre non mancherà un costante aggiornamento del sito e dei social network con report di eventi, interviste, curiosità sui club e sui cable park. Infine, sarà realizzata una rubrica di video e foto didattica wakeboard, wakeskate e wakesurf, utile dal punto di vista tecnico e fondamentale per coinvolgere e appassionare l’utente.

www.wake-line.com


|

focus wake | n

il PUNTo CoN DaViDE BERETTa, REsPoNsaBilE DEl sETToRE GioVaNilE

Gli “azzurri” del wakeboard NaTa a FiNE aNNi ‘90, la NazioNalE iTaliaNa si CoMPoNE Di UNa VENTiNa Di aTlETi. NoTEVolE il liVEllo DEllE GioVaNi lEVE TRa lE QUali saRaNNo sCElTi Gli 8 RaPPREsENTaNTi DEl TRiColoRE PER il MoNDialE ChE si TERRÀ a lUGlio a MilaNo. TRa i FaVoRiTi GioRGia GREGoRio, MassiMiliaNo PiFFaRETTi E NiColÒ CaiMi. a CURa Di

livello” (vedi box), ma non sono ancora stati selezionati in via definitiva, come ammette Davide: “Ci sono alcune gare che serviranno per selezionare gli atleti che formeranno il team per il mondiale. Tutti gli altri alteti, sia di alto livello che di alta specializzazione, potranno prendere parte alla gara come individual”. In palio, il titolo di campione mondiale che fa gola a numerosi paesi. “Al momento sono iscritte ai mondiali 33 nazioni per un totale di oltre 250 rider”, dichiara Davide. “Da sempre le nazioni più forti sono l’America, l’Australia, l’Inghilterra e la nostra Italia. Ma quest’anno dovremo fare attenzione anche agli atleti asiatici, il cui livello sta crescendo velocemente”.

DaNiElE DE NEGRi

IL PROGETTO DEL MONDIALE - L’evento di

LA SQUADRA NAZIONALE CHE HA VINTO L'ORO A SQUADRE NEL 2010 A FAGERSTA (SVEZIA). DA SINISTRA: ANDREA MANTICA, NICOLÒ CAIMI, RICCARDO SANTORI, WALTER GIANINI, MATTHEW LUCINI, MASSIMILIANO PIFFARETTI, PIERLUIGI MAZZIA (CAPITANO), GIORGIA GREGORIO E GRETA PRONESTI.

LA NAZIONALE DI WAKEBOARD - Davide lavora presso la struttura Jolly Racing Club di Lezzeno, sul Lago di Como, che già dal 1975 si occupa di sci nautico. Verso la fine degli anni ’90 è stato il primo a portare sul lago il wakeboard. Oggi allena quotidianamente dei ragazzi tra gli 8 e i 16 anni e, ammette, “giro spesso per l’Italia in occasione dei principali eventi con il team delle giovani promesse d’Italia”. Le promesse di cui parla sono proprio i membri più giovani della squadra nazionale, nata alla fine degli anni ’90 con l’obiettivo di divulgare questo sport su tutto il territorio nazionale e tutelare gli atleti nelle varie competizioni internazionali. “Il team si compone di circa 20 atleti costantemente monitorati da tecnici federali”, dichiara Davide. “In generale la squadra si divide in un team d’alto livello e in uno d’alta specializzazione a seconda della tecnica degli atleti. Sul fronte anagrafico i ragazzi più giovani hanno solo 10 anni ma non mancano atleti più ‘datati’, visto che il più anziano ha 42 anni. Tutti i membri della nazionale vengono scelti in base ai risultati agonistici da Piero Gregorio e dal suo staff tecnico”. A oggi i migliori risultati a squadre sono l’oro europeo in Svezia nel

GIORGIA GREGORIO.

NICOLÒ CAIMI.

2010 e l’argento ai mondiali in Corea nel 2009. La nazionale ha anche conquistato la medaglia di bronzo agli europei in Portogallo nel 2009, in Francia nel 2008 e in Sud Africa nel 2007. “Io mi occupo dello sviluppo del programma tecnico agonistico dei ragazzi più giovani. Gli altri operatori della nazionale italiana sono, oltre a Piero, Enzo Molinari (denominato il guru del wakeboard, uno dei migliori allenatori a livello mondiale) e Pierluigi Mazzia (capitano della Nazionale, atleta di altissimo

livello tecnico e responsabile tecnico degli atleti più grandi)”, aggiunge Davide.

GLI IMPEGNI DEL 2011 - Il calendario gare per quest’anno è ricco di impegni, con una decina di manifestazioni nazionali e promozionali sparse su tutto il territorio italiano, alle quali si aggiungono i mondiali di metà di luglio a Milano. I rappresentanti del nostro Paese in occasione di quest’ultimo appuntamento saranno otto e tutti parte della divisione “alto

LA NAZIONALE DI WAKEBOARD – ALTO LIVELLO

G IORGIA G REGORIO CLASSE 1997 —CATE -

SARA D I LELIO — CLASSE 1995

N ICOLæ C AIMI CLASSE 1996 —CATE -

M ASSIMILIANO PIFFARETTI

M ATTEW LUCINI CLASSE 1991 —CATE-

RICCARDO SANTORI CLASSE 1973 —CATE -

A NDREA M ANTICA CLASSE 1986 —CATE -

W ALTER G IANINI CLASSE 1983 —CATE -

M ATHIEU PROSERPIO CLASSE 1990 —CATE -

FEDERICO BELLINI CLASSE 1983 —CATE -

luglio è organizzato dalla FISN (Federazione Italia Sci Nautico), riconosciuta nel 1952 dall’International Waterski and Wakeboard Federation e dal CONI. Oggi conta oltre 200 club affiliati ed è al suo primo incarico nell’organizzazione in Italia di un evento mondiale, che nelle ultime edizioni ha attirato 50 Paesi, più di 200 atleti e 50mila spettatori. Il programma della manifestazione prevede 5 giornate di gara arricchite da demo freestyle motocross, halfpipe bmx e skate. Verrà inoltre installato un cable system che sarà messo a disposizione di tutti i presenti interessati. Gli organizzatori prevedono la presenza di giornalisti da 190 nazioni per un totale di 13.500 contatti grazie ad update pubblicati sul sito ufficiale, sulle pagine web di 50 federazioni nazionali, sui portali di settore e su quelli dei principali magazine. In termini tecnici, Davide ci ha così descritto lo svolgimento della gara: “Una manche di wakeboard si esegue in un campo gara di circa 400 metri dove gli atleti possono eseguire manovre diverse nei due passaggi di andata e ritorno. Generalmente un atleta riesce a performare una decina di trick usando le onde del motoscafo e due trick sulle strutture fisse (un kicker e un rail). Al termine della performance, i giudici valutano la run basandosi su tre parametri: intensità (altezza del trick in base alla difficoltà tecnica), esecuzione (precisione del trick in aria e atterraggio) e composizione (quadro generale su tutta la run)”.

I FAVORITI DEL TRICOLORE - “Tutti gli atleti del team nazionale si allenano duramente per entrare a far parte della squadra che parteciperà ai mondiali. Girano 2 o 3 volte al giorno con uscite da 30/40 minuti, lavorando specialmente sulla run di gara (una serie di trick in sequenza). Inoltre fanno un grande lavoro sul tappeto elastico per prendere confidenza con le manovre che verranno eseguite poi in acqua”. Non avendo un centro federale adeguato, l’obiettivo è quello di collaborare con i principali club d'Italia per permettere agli atleti convocati al Mondiale di confrontarsi sempre con altra gente. Fanno parte di questi club il CNVS di Varco Sabino Rieti (da sempre un istituzione per questo sport), il WSA a Siliquia Sardegna e il KLI di Ravenna. E anche se Davide non si vuole sbilanciare in pronostici azzardati, non nasconde i nomi degli atleti più forti e promettenti. “Si tratta di Giorgia Gregorio, Massimiliano Piffaretti e Nicolò Caimi che a oggi hanno la quasi certezza di essere convocati per la rappresentativa nazionale. Hanno rispettivamente 13, 15 e 14 anni, ma nonostante la giovane età hanno alle spalle conquiste invidiabili che ci fanno ben sperare per il futuro”. E sicuramente anche per il mondiale!

N. 5 / 2011

Il trend positivo del wakeboard nel nostro Paese è dimostrato anche dalla nascita di una vera e propria squadra nazionale che rappresenta il Tricolore nelle principali manifestazioni. Come nel caso del campionato mondiale che si terrà all’Idroscalo di Milano dal 12 al 17 luglio. La nazionale italiana di wake, supportata dalla FISW (Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard), è gestita da Piero Gregorio che è stato nominato direttore tecnico della nazionale nella primavera del 2006, dopo aver proposto un programma di sviluppo del settore tecnico agonistico e giovanile. Quest’ultimo settore, in particolare, è gestito da Davide Beretta (foto a fianco) che è responsabile tecnico degli atleti più giovani. Proprio Davide, secondo il quale in Italia ci sono una trentina di centri specializzati nel wakeboard e circa 15mila tesserati FISW, ci ha accompagnato attraverso l’analisi della nazionale e dei suoi obiettivi futuri.

25


| n

focus wake |

soTTo la lENTE il sYsTEM 2.0 PaRK, ChE ENTRo FiNE GiUGNo saRÀ PREsENTE iN 5 loCaliTÀ D’iTalia

Cablepark, arriva l’era del 2.0 laVoRa CoN 2 soli Pali E PUÒ EssERE MoNTaTo E sMoNTaTo iN UN solo GioRNo. PUÒ CosÌ EssERE allEsTiTo TEMPoRaNEaMENTE iN oCCasioNE Di EVENTi E RiPosizioNaTo PERFiNo sUlla NEVE. MolTi alTRi i VaNTaGGi Di QUEsTE sTRUTTURE. olTRE 40 QUEllE NEl MoNDo FiRMaTE sEsiTEC, aziENDa RaPPREsENTaTa iN iTalia Da DPs.

ALCUNI MOMENTI DELL’INAUGURAZIONE DELLA A DESTRA DUE PARTICOLARI DELL’IMPIANTO. a CURa Di

BENEDETTo siRoNi Come più volte abbiamo già sottolineato sulle pagine di Pointbreak Magazine, per una buona diffusione del wakeboard non basta la pratica con imbarcazioni, che è molto importante ma risulta costosa e a volte non troppo accessibile ad un pubblico allargato. Fondamentali risultano così essere i cablepark, impianti che consentono di praticare il wake, ma anche il waterski e il kneeboard, semplicemente tramite cavi aerei e rampe con conseguente riduzione dell’inquinamento ambientale (la struttura non necessita di carburante), contenimento dei costi di gestione e innalzamento del livello di performance grazie al cavo aereo che massimizza i salti e le prestazioni sportive. Non trascurabili tuttavia le variabili legate a costi, permessi e manutenzione. Ecco perché una vera e propria svolta potrebbe derivare dai nuovi cablepark System 2.0. Ma andiamo con ordine.

CABLEPARK IN ITALIA - Si tratta di realtà già

rati. L’impianto di Pescara affianca al tradizionale cablepark a 6 piloni un sistema di nuovissima concezione, ovvero il System 2.0 Park. Una soluzione che dallo scorso anno sta riscuotendo sempre più consensi nel nostro Paese.

SYSTEM 2.0 PARK - Queste innovative soluzioni sono state ideate nel 2008 dall’azienda tedesca Sesitec (che a oggi ha installato oltre 30 cablepark e venduto più di 40 System 2.0 Park in tutto il mondo) e utilizzate in eventi internazionali. Sono proposte in Italia da DPS (distributore anche di brand leader nel wake, vedi pagina seguente) che fa capo a Marco Gerosa. È lo stesso Marco a spiegarci i dettagli dei System 2.0 Park: “Si tratta di mini cablepark che, utilizzando impianti ridimensionati e appositamente progettati, danno la possibilità anche a piccoli investitori di proporre un servizio ad alta fruibilità e costi contenuti sia in termini di investimento che di gestione”. L’impianto System 2.0 Park lavora con 2 soli pali al posto dei 5/6 utilizzati nelle strutture più grandi. Può ospitare un solo rider alla volta, consentendo di seguire il cliente su tutto il percorso e ridare il bilancino immediatamente in caso di caduta. L’impianto è quindi perfetto per chi si vuole avvicinare al wake ma anche per i pro, che possono tentare nuove manovre senza il timore, se cadono, di dover nuotare fino alla starting area.

VERSATILITÀ - Il principale vantaggio di questi mini impianti è che sono rimovibili. Questo consente di offrire un temporaneo servizio anche in quei bacini dove non ci sono permessi per creare impianti sportivi fissi. Oltre a ciò, la possibilità di spostare il sistema permette di creare eventi itineranti, come ha spiegato

PASTRENGO (VR),

AVVENUTA LO SCORSO MAGGIO.

Marco: “Se voglio organizzare un evento di pochi giorni, posso allestire la struttura solo per l’occasione e poi smontarla agevolmente in una sola giornata”. System 2.0 Park è anche perfetto per la riqualificazione di aree in disuso come le cave. Infatti intorno ai grandi centri urbani ci sono innumerevoli cave da speculazione edilizia. Il costruttore ha l’obbligo, per legge, di ricondizionare lo scavo che solitamente si affitta ad associazioni di pesca sportiva. Per incrementare la redditività di questa attività, vengono offerti vari servizi collaterali quali ristorazione o angolo bimbi. L’installazione di System 2.0 Park può essere un ulteriore servizio o addirittura una soluzione alternativa di riqualificazione di una cava, che rappresenta tra l’altro un bacino idrico ideale non dipendendo dallo stato ondoso, come avviene nei laghi. Un cablepark in cava può arrivare a lavorare 12/14 ore al giorno, dando la possibilità al cliente di prenotare persino l’ora nella quale vuole girare.

L’IMPIANTO DI PASTRENGO - Un esempio di riqualifica tramite System 2.0 Park è a Pastrengo, in provincia di Verona: “Lo scorso mese abbiamo inaugurato il sistema in questa cava che in precedenza proponeva solo pesca sportiva e servizi vari. Con l’introduzione del mini-park, il lavoro è triplicato”. In questo caso, tra l’altro, si parla di un impianto fisso, che può essere dotato di strutture in acqua (jump, box, slide), zone relax a riva e in acqua, scuola e noleggio, ristorazione e servizi. Ma nulla vieta a fine stagione di smontarlo e riproporlo in altre zone. Persino sulla neve, come ha aggiunto Marco: “L’estrema versatilità di questi impianti consente loro di essere impiegati anche sulla neve con la stessa modalità dell’uso su acqua. È suf-

ficiente sostituire il wake con uno snowboard o con gli sci freestyle”.

OPPORTUNITÀ - Avere un impianto a basso costo che può essere sfruttato 12 mesi all’anno rappresenta un’ottima opportunità d’investimento in ambito boardsport. “Inoltre il basso impatto ambientale, l’uso di energia pulita per il suo funzionamento, la possibilità di ricondizionare aree in stato di degrado fanno dei cableapark e di System 2.0 Park due dei sistemi più ecologici per fare sport e creare turismo, aggregazione e impresa. Per questi motivi sono sempre ben visti da tutte le amministrazioni pubbliche e dalle istituzioni che ne autorizzano l’installazione”.

NUOVE APERTURE - A oggi esistono tre System 2.0 Park in Italia: HotLake di Pescara (inaugurato a luglio 2010), WSA (Wakeboard Sardinia Association) di Cagliari (aperto dall’agosto 2010) e WSP (Wakeland System 2.0) di Pastrengo (inaugurato a maggio 2011). “A fine giugno inaugureremo anche gli impianti di San Martino di Buon Albergo, nel veronese, e di Milano Marittima, in provincia di Ravenna”, ha aggiunto Marco. “Ma stiamo studiando nuove progettazioni e credo che a breve assisteremo a un vero e proprio boom di questi impianti in tutta Italia”. Proprio per promuovere il System 2.0 Park, Marco è impegnato nell’organizzazione di un evento di presentazione dei mondiali di Milano del prossimo luglio. L’appuntamento è per l’8 luglio sui Navigli.

INFO: Dps srl - Marco Gerosa 0342/610365 - marco@dpsdist.com www.dpsdist.com - www.sesitec.de

N. 5 / 2011

molto diffuse in alcuni paesi europei (addirittura un centinaio le strutture in Germania, circa 20 in Francia e altrettante in Olanda) che a seconda dell’attrezzo utilizzato consentono la pratica di diverse discipline: wakeboard, sci nautico, sci freestyle, wakeskate, kneeboard, wakesurf. In Italia l’unico cablepark presente fino allo scorso anno era quello all’Idroscalo di Milano (che ospiterà i mondiali a luglio), nato a dir la verità circa 20 anni fa come impianto dedicato solo al waterski e solo pochi anni fa adattato anche al wake. Nel luglio 2010 questo impianto è stato affiancato dalla struttura HotLake di Pescara, che in mezza stagione ha contato oltre 2.000 tesse-

STRUTTURA DI

IL SYSTEM 2.0 PARK

26

IN OCCASIONE DEL

RED BULL WAKELAB

IN

FLORIDA.

UN

IMPIANTO

SYSTEM 2.0 PARK

IN UNA PISCINA IN

GERMANIA.

IL

MINI-PARK PUÒ ESSERE UTILIZZATO ANCHE SULLA NEVE.

SOPRA,

IN

KOREA.


focus wake | BYERLY Conspiracy

DISTORTION Grinch 7 hP Il Grinch “originale”, dal quale sono poi nate varie alternative. Questo verricello rimane il più usato al mondo per il traino sportivo in tutte le condizioni, anche le più estreme. Dall’acqua alla neve, tutti i rider più famosi hanno effettuato evoluzioni trainati dal Grinch. È disponibile in due versioni colore (nero e verde) e prevede la possibilità di avvolgere fino a 500 metri di cavo. Nel 2011 viene proposta anche la versione Grinch Pro 10HP.

BARChE DA WAKEBOARD Un’imbarcazione dedicata alla pratica del wake ha solitamente motorizzazioni molto potenti che partono da 350 cavalli. Presenta inoltre una chiglia sagomata particolare e, nella parte centrale posteriore, dei contenitori che vengono riempiti con acqua tra 600 e 1000 kg. Questo peso fa sì che la barca si “schiacci” e, grazie ai motori potenti, generi un’onda perfetta per il wake. Considerando però il costo contenuto di queste imbarcazioni, la loro maneggevolezza nonché l’elevato numero di passeggeri omologati, sono sempre più richieste anche da classici turisti da diporto.

MOOMBA

SUPRA

Barca specifica per wake e tutti gli sport d’acqua, utilizzata per i campionati italiani assoluti di wake del 2010. Presenta motore Indmar 325 HP e ha un prezzo veramente competitivo. È un modello estremamente versatile e maneggevole, con un aspetto aggressivo e sportivo che lo rende apprezzabile anche come barca per uso turistico. Tra i suoi pregi, l’omologazione per il trasporto di 11/13 persone.

Top di gamma del marchio Supra, arricchito con rifiniture e accessori di qualità. Completa di tutto ciò che si può chiedere a una barca da wake, è utilizzata per le competizioni più importanti in tutto il mondo (Gravity Games, Brostok, ecc). Monta un motore Indmar 350 HP e, nonostante la sua grandezza, è una delle barche più maneggevoli e facili da gestire. Produce un’onda all’altezza dei rider più esigenti e allo stesso tempo si comporta benissimo anche come barca-scuola. È omologata per il trasporto di 15/16 persone e, come anche il modello firmato Moomba, ha un rapporto qualità/prezzo tale da farne la prima scelta del suo segmento.

Mobius lsV

La nuova serie Conspiracy rappresenta l’evoluzione della tecnologia in fibra di vetro. Il risultato è una tavola doppiamente resistente che può permettersi di essere la più sottile pur mantenendo il pop esplosivo tipico di Byerly. La combinazione del nuovo profilo in aggiunta alle derive modellate, più vicine al bordo della tavola, rendono la Conspiracy veloce, reattiva e con una tenuta di spigolo eccezionale fino al top dell’onda. Il nuovo posizionamento delle derive a circa 1” dalla coda permette un facile rilascio dalla scia per iniziare prima le rotazioni. La Conspiracy rappresenta l’equilibrio perfetto tra shape e innovazione ed è uno dei prodotti migliori sul mercato. È disponibile nelle misure 54" e 56" e tra i dettagli tecnici spiccano il sidewall Glass Rope, l’inlay della tavola Glass Rope, l’anima Biolite 3, le pinne Molded-In ABS, gli inserti Strategic Flex Patterns, l’area tra i piedi rinforzata, lo spessore ridotto su punta e coda, il rocker Blended 3-Stage, la costruzione Finless e la fibra di vetro a strati.

Pro Questo nuovo attacco è stato completamente ridisegnato con una costruzione senza cuciture per una calzata comoda e attillata. Il sistema di chiusura a doppia zona permette di stringere separatamente la zona superiore e quella inferiore. Il nuovo Low Pro Plate riduce lo spazio tra piede e tavola per massima sensibilità e controllo. Le caratteristiche tecniche comprendono plate system Low Pro, zona lacci Dual Quick Cinch, costruzione Seamless Wrap, sottopiede Dual Density Pro, pannelli di drenaggio e anelli di gancio rimovibili. È disponibile nelle misure 7-13 ed è pensato per rider di livello avanzato.

launch V

LIQUID FORCE Watson hybrid-139 Tavola novità della linea Liquid Force, unica nel suo genere. Grazie alla Tecnologia Hybrid, coniuga le prestazioni di una tavola da park con quelle di una da barca. La base Grind in P-Tex fornisce una grande durabilità al prodotto, anche se utilizzata sulle strutture. Le linee d’acqua la rendono aggressiva sui tagli e precisa negli atterraggi. È inoltre morbida nel flex sugli ostacoli grazie all’anima Precision CNC Wood, oltre che potente e precisa sull’onda grazie al PVC core. È indispensabile per i rider che vogliono girare sia in park che con la barca con una sola tavola. È disponibile nelle misure 135, 139 e 143.

Wakeskate ssT 42 Il top nel mondo wakeskate, caratterizzato da un bi-lavel asimmetrico. Presenta inoltre un mix di rocker 3 stage e rocker continuo, che permette al wakeskate di rimanere sempre sotto i piedi.

Watson CT È sicuramente uno degli attacchi di punta di Liquid Force. Fornisce il giusto mix tra flessibilità e rigidità per poter affrontare al meglio i trick più tecnici. I rider potranno contare su un attacco capace di conferire loro il giusto supporto negli atterraggi grazie al plantare Air e alle speciali mescole in Eva. DISTRIBUITI DA: D.P.S. – 0342.610365 – www.dpsdist.com

hYPERLITE Murray Nuovo attacco Murray che offre grande comfort e supporto intermedio con un peso ridotto. È un modello unico grazie alla sua costruzione, simile a una vera calzatura, e offre supporto e reattività grazie alla nuova interfaccia The System. La suola in Eva e gli inserti TPR generano grande capacità di

ammortizzazione. La soletta interna con supporto plantare assicura invece massima stabilità. L’esclusivo liner interno in Ultralon, modellabile con il calore, permette di creare una calzata personalizzata e senza punti di pressione. Il Murray ha un supporto intermedio ed è la scelta adatta per quei rider che cercano più supporto senza dover rinunciare alla flessibilità. È disponibile nelle misure 713 ed è creato per funzionare con l’attacco The System.

Process La nuova Process rappresenta l’equilibrio perfetto per chi vuole una tavola perfetta sia per il cable sia per la barca. Disegnata per il rider Nick Davies, la Process combina caratteristiche specifiche per il cable con uno shape molto reattivo. I nuovi canali multilivello della base garantiscono grande tenuta e velocità nel wake. Le quattro derive angolate P-Wings, rimovibili, permettono cambi di bordo reattivi. Per aumentare le prestazioni sui rail, i bordi

sono stati leggermente arrotondati solamente in alcune zone (tra i piedi, in punta e coda) senza esagerazioni e senza compromettere le performance generali della tavola. La tavola presenta inoltre base Enduro, anima Biolite 3, rocker Abrupt Continuous, pinne angolari a 9 gradi, costruzione Monocoque, fibra di vetro a strati, pinne 4-8”. È pensata per rider di livello avanzato ed è disponibile nelle misure 137 e 141.

RONIX one La One rappresenta l’evoluzione del design variabile dei bordi. Le derive basse e modellate e i bordi, smussati e più spessi nella zona centrale, rendono questa tavola permissiva e perfetta per il freeride. Quando il rider assume una posizione arretrata, grazie ai bordi più affilati in punta e coda, la tavola aggancia la scia per una tenuta forte e prevedibile. La minor frizione con l’acqua facilita il percorso dei rider verso il kicker. La tavola è caratterizzata anche da un profilo contenuto che riduce gli spostamenti di peso, un design del fondo pulito che rende superflui i canali per ridurre l’impatto degli atterraggi, tecnologia Directional R3, Krypto Cable che rende i sidewall la parte più resistente della tavola, anima Mod Pour, Sintered Base, 4 pinne in fibra di vetro 1.0” e 4 pinne slider in fibra di vetro 8”. È stata disegnata dal rider Danny Harf ed è disponibile nelle misure 138, 142 e 146.

one Gp Il modello a media densità di Danny Harf continua a essere uno dei preferiti sul mercato. Abbastanza rigido per ottenere grande reattività dalla tavola, non rinuncia alla mobilità e consente così a Danny di chiudere il suo leggendario 1260. Migliorato di anno in anno, è caratterizzato da sistema baseless in attesa di brevetto: il basso profilo originale garantisce un elevato controllo della tavola ed è super leggero. Altri dettagli tecnici sono New Intuition + Liner, fodera a media densità, J-bars rimovibili, lacci sui piedi per assicurare la caviglia, schiuma R.A.D., copri laccio magnetico, silicon ink nell’area del tallone per una miglior presa, occhielli a bassa frizione ed Eco Innovation (non c’è uso di solventi PVC). È disponibile nelle misure 38/39, 41, 42, 43, 45, 46, 47/48.

N. 5 / 2011

|

DISTRIBUITI DA: Punto Distribution - 0365.520680 - info@puntodistribution.it

27


| prodotti SS 2011 | FANATIC Race 14’0” x 28

BEAR island Boardshort

Tavola Sup da gara con tecnologia Carbon Sandwich (disponibile anche con tecnologia Wood Sandwich). Presenta un nuovo profilo con coda di stabilizzazione squadrata che consente un utilizzo sia su acqua piatta che tra le onde. Altri dettagli tecnici sono long waterline, smooth overall rocker, domed nose con slight reverse bow, flat angled deck shape, sharp water-cutting bow e CAD analyzed surfaces and curve flow. Ha un volume di 320 lt e misura 28” di ampiezza per 14’0” di lunghezza, con tecnologia della pinna Fly 26 G10 e sistema US Box.

Boardshort corto al 100% in nylon. Presenta inserti stampati Hawaiian Flowers e strisce Bear con patch logo Classic.

D I STR I B U I TO D A

White Reef 0547.22756 - info@whitereef.it

RRD scodona Contraddistinta da una coda a rondine, questa tavola, in tinta in resina brillante, è caratterizzata da una grande manovrabilità, anche grazie allo shape inferiore leggermente concavo. È disponibile nelle lunghezze 5’6”, 5’8”, 5’10”, 6’0”, 6’2” e 6’6”. Rientra nel programma Retro Style Fish Hybrid board.

Fat arse Wombat

Tavola da surf la cui versione originale rimane tra le più vendute al mondo. Perfetta per surfisti in cerca di una tavola più piccola di un longboard ma anche per chi vuole un surfboard versatile e utilizzabile in ogni occasione. È disponibile nelle misure da 6’2” a 7’2”. D I STR I B U I TO D A

Bunch - 051.3768039 - info@bearsurfboards.com

UNDERWAVE argo Waist harness

Prolunga d’albero interamente costruita in Ergal e progettata con programma Cad 3 D. È stata rivista e corretta rispetto alla precedente versione. Così il nuovo strozza-scotte è interamente in acciaio inox, inoltre è stata aggiunta all’interno dello stesso una piccola guida che facilita lo scorrimento della cima evitandone la fuoriuscita improvvisa in fase di montaggio. Grazie a queste soluzioni la prolunga, con estensione 0/15 - 0/25 0/35, è più efficace e sicura. D I STR I B UI TO DA

Al360 030.9883805 - info@al360.it

Argo è il nuovo trapezio a fascia di Underwave che si posiziona nel segmento entry level. Lo shape confortevole e molto stabile offre un efficace sostegno alla fascia lombare grazie al sistema di supporto inserito nel core del trapezio. Massima e pratica vestibilità sono garantite all’elastic belt e all’ampio gancio sagomato con protezione integrata e stabilizer. Il modello è dedicato a tutti i rider che sono alla ricerca di un trapezio dalle prestazioni da top di gamma con un prezzo accessibile, fornito di gancio con protezione, coltellino tagliacavi integrato e HP safety.

hOT BUTTERED Bondi

AL 360 Prolunga Ergal

OXBOW sunday

D I STR I B U I TO D A

Sportime 030.9820863 – info@sportime-kites.com

Boardshort realizzato al 100% in microfibra peach. È disponibile in svariate colorazioni, tra cui chevron (a sinistra) e black (a destra), e con un prezzo variabile tra i 54 e i 67 euro.

Oxbow introduce la nuova linea Switch, una collezione esclusiva a cui hanno accesso solamente i migliori core e surf shop. Il boardshort Sunday, oltre a presentare la tecnologia mechanical stretch, fa parte dei prodotti “naturally committed”. È infatti realizzato al 100% in poliestere riciclato e questo dimostra ancora una volta l’attenzione di Oxbow verso l’ecologia e la natura. Il modello è disponibile nelle taglie da 28 a 38.

D I STR I B UI TO DA D I STR I B U I TO D A

Fashion Team 62 06.92918624 info@hotbuttered.it

D I STR I B U I TO D A

Ricci International 0564.452304 info@robertoriccidesigns.com

N. 5 / 2011

C4 WATERMAN sub Vector

Tavola da Sup disponibile in tre varianti di lunghezza: 9’3”, 9’6” e 100”. La variante 9’6” (in foto) presenta le seguenti misure: punta 17 15/16”, centro 28 3/4”, coda 18 5/8”. La tavola pesa 11 kg e ha un volume di 134,2 lt. Prezzo consigliato al pubblico 960 euro. È caratterizzato da Hard Diamond Tail e Progressive Surfing.

WESC stash headphones L’artista newyorkese e icona della scena graffiti Stash, da anni amico di Wesc e convinto We Activist, ha firmato per la SS 2011 un’edizione limitata delle Wesc headphones. Stash completa così le sue già numerose collaborazioni speciali con Wesc, che lo hanno visto protagonista sia nelle collezioni apparel che footwear. Il prezzo delle cuffie è di 70 euro. D I STR I B U I TO D A

Blue Distribution 045.6717111 – info@bluedistribution.com

28

FYDELITY Ripper La gamma 2011 delle stereo bags di Fidelity è arricchita dal Ripper Stereo Bag. Zaino dal look soft-classic dotato di bande porta skateboard o porta snowboard frontali e casse inserite nelle tasche laterali. Ha un volume di 25,5 lt e misura 35x47x18 cm. Pesa 1850 gr ed è realizzato in Pu, Polyester, ABS Plastic, Electronics. È caratterizzato da strap sulle spalle regolabili, tasca interna mini ampli, tasca esterna frontale, tasca per mp3, tasca interna per laptop.

hOBIE SUP Ultimate series Linea di Sup dedicata al surf, ispirata al tre volte campione del mondo di longboard e atleta mondiale Sup Colin McPhilips. Queste tavole sono molto stabili e veloci e sono disponibili nelle misure 7’11”, 8’4”, 8’11”, 9’4”, 9’10”, 1’0’4”. Sono caratterizzate da costruzione Glassy Epoxy, presa per il trasporto integrata, 2Wayv Vent, pinne Future Side, leash Plug e costruzione GFX. Quest’ultima utilizza una leggera tecnologia in EPS core combinata con una tecnica avanzata di epoxy laminato, che consente di avere una tavola leggera e forte per controllare torsioni e flessibilità ad alte performance. Le tavole di questa linea sono proposte nelle colorazioni orange/lt grey, green/lt grey e white/white.

D I STR I B U I TO D A

Waterdreams 0585.858902 – www.waterdreams.it

Oxbow Italia 393.9590984 - lcanali@oxbow.fr

DI STR I B UI TO D A DI STR I B UI TO D A

Sportfun - 06.62202688 - info@sportfun.it

Wood Morning 06.43251922 -- wmorning@gmail.com


| prodotti SS 2011| RUSTY Cool it s/s

O’NEILL sweeper

CMYK Corpo

R.Dot

Occhiale in colore sea glass, leggero e confortevole. È caratterizzato da una forma arrotondata ed è realizzato in propinato di alta qualità. Le lenti grigie sfumate permettono un’altissima protezione solare. Il modello è distribuito a un prezzo consigliato di 95 euro.

Corpo è la scarpa di riferimento CMYK ed è presentata nella nuova versione in vera pelle combinata al tessuto a spina di pesce. Il modello è foderata in velluto antibatterico e dispone di una nuova suola con tecnologia Gum-On. Disponibile in altre due varianti colore oltre al nero (in foto).

DI STR I B UI TO D A

Orange 21 Europe 0332.949833 infooneilleyewear@orange21europe.com

SKULLCANDY Mic and Control adapter

Rusty prosegue il suo cammino verso una collezione ecologicamente sostenibile. Questa estate la maglietta che rappresenta questo impegno è la Cool It. Realizzata in cotone organico e disponibile in 5 colori, Cool It manifesta la necessità di vivere il surf nel profondo rispetto della natura. Appartengono alla stessa collezione anche i boardshort in Eco–stretch, un tessuto elastico ricavato dalle bottiglie in plastica riciclate.

RIP CURL Mirage Fanning Blur

Nel corso degli anni, Rusty è sempre stato a fianco di surfer e appassionati come shaper innovativo. Anche oggi, a distanza di 26 anni dalla fondazione, la R.Dot, oltre a essere il logo ufficiale del brand, è anche la grafica più venduta. Questa t-shirt è disponibile in 5 colori. D I STR I B U I TO DA

Mirage owen Crew

DI STR I B UI TO DA

Wood Morning 06.43251922 – wmorning@gmail.com

Il modello Stratos II fa parte dell’Addict Series di Spy Optic. L'occhiale, realizzato in propinato di alta qualità, ha una forma avvolgente e arrotondata, mentre le aste sono sottili e personalizzate con particolari in metallo. Le lenti sfumate e in diverse colorazioni garantiscono la più alta protezione dai raggi UV. Prezzo al pubblico 85 euro.

Il boardshort più tecnico in commercio, indossato dal due volte campione mondiale di surf Mick Fanning che ha partecipato al suo sviluppo. Il design e la tecnologia di questo pantaloncino soddisfano le esigenze anche del surfer più esigente. La sua forza consiste nell’asciugamento ultrarapido (flash dry) e in una perfetta vestibilità grazie all’uso di tessuti ad alta elasticità che si espandono fino al 180% della loro lunghezza per poi ritornare alla forma originale. L’unione di tessuti leggerissimi e tecnologia stichless (senza cuciture) lo rendono adatto a qualsiasi tipo di onda. Il modello, lungo 53,3 cm, è disponibile nei colori orange e black e nelle taglie dalla 28 alla 38 a un prezzo consigliato di 90 euro.

ETNIES Jameson 2 Eco

Option Distribution 06.97606206 - info@option.it

Skullcandy presenta l’innovativo adattatore per le cuffie che permetterà di usare qualunque modello di headphones, utilizzabili per lo più su iPhone e Blackberry, anche sugli altri smartphone, tra cui Nokia, SonyEricsson, Samsung ed LG.

SPY stratos ii

DI STR I B UI TO D A

Seventy Seven Society 0473.852582 – info@cmykshoes.com

All’interno della prestigiosa linea Mirage troviamo anche il pro-model del giovanissimo Owen Wright. È disponibile in tre diverse colorway che rispecchiano perfettamente lo stile di questo talento delle Hawaii (red, yellow e blue). Il pantaloncino è fornito di ogni tecnicità della linea Mirage, offre una vestibilità perfetta ed è leggermente più corto (48,5 cm). È realizzato per giovani talenti che vogliono essere unici tra le onde ed è venduto a un prezzo consigliato di 90 euro.

D I STR I B UI TO DA

Oberalp 0471.242900 – info@oberalp.it

Questa calzatura rientra in un particolare progetto ecologico: per ogni paio di Jameson 2 Eco prodotto, Etnies pianterà un albero nella foresta pluviale La Reserva Forest in Costa Rica, nel tentativo di porre un limite alla deforestazione. Che negli ultimi 80 anni ha portato alla distruzione di gran parte del polmone verde della Terra, garante di oltre un quarto dell’ossigeno di cui necessitiamo. Queste calzature sono parte della Eco-Friendly Collection e presentano tomaia in canvas e gomma riciclata. Sono realizzate con costruzione cupsole e sono caratterizzate da linguetta e collo imbottito, sottopiede STI Foam Lite 1, suola in gomma 400 NBS con intersuola in Eva. Il modello è disponibile nelle misure 5-14 US. DI STR I B UI TO D A

Blue Distribution 045.6717111 info@bluedistribution.com

OSIRIS Keden

IUTER Uppercut line

LAKAI Mike Mo Navy

Modello in suede proposto in una nuova colorazione. È il nuovo pro model di Mike Mo, conosciuto come il genio di Fully Flared. DI STR I B UI TO D A

Fresco Distribution 0473.222470 – info@frescodist.com

Un paio di anni fa gli skater hanno lanciato la moda di usare una stringa da scarpe al posto della cintura per legarsi i pantaloni in vita. Tra i pantaloni e i pantaloncini che Iuter presenta nella linea Uppercut per la PE 2011 troviamo lo stesso accorgimento, oltre a una particolare cura del dettaglio e a una realizzazione interamente italiana (dai tessuti, alle stampe, al confezionamento). Tutti i capi della collezione, che oltre a pantaloncini e jeans comprende anche giacche eleganti e raffinate, sono di massima qualità.

DI STR I B UI TO D A

Youth 02.31809944 - info@iuter.com

Il modello Keden fa parte della linea girl ed è un classico Osiris Shoes riproposto per il 2011 in una variazione di colori. La tomaia presenta rivestimento in raso, la linguetta e il giro caviglia sono imbottiti per offrire maggior comfort e sostegno. Il sistema di allacciatura garantisce invece grande vestibilità e stile. La suola in gomma è molto resistente all'abrasione per usura e durata, l’intersuola compressa in Eva è in grado di alleggerire il peso della calzatura salvaguardando la resistenza agli urti. Il morbido sottopiede in Eva, con rivestimento in lattice pieno, offre una maggiore durata e una migliore vestibilità.

N. 5 / 2011

DI STR I B UI TO D A

Orange 21 Europe 0332.949833 info@orange21europe.com

DI STR I B UI TO D A

NDI-Nitro Distribution Italia 0464.514098 – nitro@nitro.it

29



Pointbreak Magazine n° 5_2011